Cula bonanema

Stampa questo copione

PALMERINI - TORRISI

PAOLO TORRISI

“CULA BONANEMA!”

di PALMERINI

                  Libero adattamento in vernacolo anconetano

   di  PAOLO TORRISI

Farsa in tre atti

Faustì è un allegro pensionato, che avrebbe voluto vivere i suoi ultimi anni, spensieratamente, nella sua città natale, ma purtroppo, ahimè! dalla morte del genero, è costretto a vivere, nel lutto nero di un continuo lacrimare, in un paesetto di montagna, in compagnia di tre donne: la moglie, la figlia e la serva. Ma l’inatteso arrivo di un nipote, comincia a dare un po’ di colore alla vita…Insieme scavano nel passato del “defunto”  e scoprono il vero motivo che lo ha portato alla morte.

Personaggi;  U  4;   D  5;

n.b. -La commedia è regolarmente registrata presso la S.i.a.e.

       -Il testo è reperibile presso l’Autore: Prof.Torrisi Paolo via Abruzzo,3.

         60025-Loreto   e-mail torrisipaolo@virgilio.it

         L’opera è depositatapresso la S.I.A.E. con n°137919

*** Per facilitare la lettura, in calce al testo, vi è un piccolo glossario.

Paolo Torrisi

“CULA BONANEMA!”

PERSONAGGI:

FAUSTÍ                                           pensionato

ALBINA                                          la moje

LISA                                                       la fija

CARLO                                            el nipote

BAFIGO                                          amico 

MARA                                             su moje

FILIPPA                                          donna de servizio

CAV. RONCAGLIOLO                       commerciante

SANTINA                                       contadina

  

   Faustì è un allegro pensionato, che avrebbe voluto vivere i suoi ultimi anni, spensieratamente, nella sua città natale, ma purtroppo, ahimè! dalla morte del genero, è costretto a vivere, nel lutto nero di un continuo lacrimare, in un paesetto di montagna, in compagnia di tre donne: la moglie, la figlia e la serva. Ma l’inatteso arrivo di un nipote, comincia a dare un po’ di colore alla vita…Insieme scavano nel passato del “defunto”  e scoprono il vero motivo che lo ha portato alla morte.

n.b. -La commedia è regolarmente registrata presso la S.i.a.e.

       -Il testo è reperibile presso l’Autore: Prof.Torrisi Paolo via Abruzzo,3.

         60025-Loreto   e-mail torrisipaolo@virgilio.it

         L’opera è depositatapresso la S.I.A.E. con n°137919

*** Per facilitare la lettura, in calce al testo, vi è un piccolo glossario.

PRIMO ATTO

           L’azione si svolge in un paesetto di montagna del…….

La scena rappresenta un tinello. In fondo vi è la comune, un’ ampia entrata, che lascia vedere monti e alberi o del verde rampicante appoggiato ad una scacchiera in legno. Arredo modesto. Sulle pareti in fondo ed ai lati vi sono i ritratti della “Bonanema” e sotto di essi piccoli vasi con fiori…Tavolo da pranzo e sedie intorno…un divano…una credenza ed altri mobili a piacere…

                     Scena 1^:Filippa e Santina

FILIP- ( è in scena- veste di nero- è indaffarata a preparare i fiori freschi alla bonanema presso il tavolo)

SANT- (entra con un annaffiatoio che posa a terra) Ecco qua! Ve serve altro?

FILIP-  Visto che me lu dumanni, damme ‘na ma’ a gambia’ l’acqua dei vasetti. Stamattina, curi de qua, curi de là: me s’è fattu tardi!

SANT- Perché no?!…(nell’andare a prendere un vasetto rimane colpita dal ritratto grande della bonanema) Oh Filippa?...

FILIP- Dimme?

SANT- Chi è cul ciambottu lì?

FILIP- Quellu? Altro che ciambottu, fija mia!…Quellu era el padrò! La moje j ha volsuto ffa' sto ritratto. L’hanne purtato do’ giorni fa! Eh!…Se c’era ‘ncora lu', saria stato tuttu diverso chì! Mah!…

SANT- Cus’è nun te ce trovi be’ a servizio ‘nte sta casa?

FILIP- Se nun era pe’ la signora, che dopo la disgrazia del marito ha volsuto ‘rturna a sta cu’ i genitori sua: a Filippa chì drento nun l’avristi vista de sciguro! Me la sentivo che nun saria ‘ndata daccordo cul padre de la padrona!… Nun ce riesce la fija, ch'è la fija, figurte io! È sempre nervoso! Manco la bonanema lo suppurtava!

SANT- A vedello nun sembra!

FILIP- Perchè dighi cuscì?

SANT- Forse è nervoso perchè era bituato alla città e qua, in mezzo a ste muntagne nun ce se trova!

FILIP- La signora s'è fatta cumprà dal padre sta villetta pe' sta vicino alla bon'anema. Ha lassatu scritto d'esse' sutterrato chì.

SANT- E’  proprio ve’ che chi c'ha el pa’ nun c'ha i denti!…(si avvia)

FILIP- Cume saria?

SANT- (ritorna) Vojo dì che, oh tutti i gusti vanne rispettati, ...è più de ‘n anno che s’è 'mazzato!…

FILIP- Imbéh?…

SANT- De sciguro altre al posto de la signora, evene già truvato chi je scaldava el letto!

FILIP- Bisogna vede che mariti c’evane!…Un marito cume quellu lì!?….

SANT- (guarda la foto, poi) Sarà…? (riguarda la foto)  Dalla foto però nun è che…

FILIP- Quellu era tutto cervello! C’eva ‘n’istruzio' che metteva paura! C’eva el core grossu cume ‘na crescia: (mimica) cuscì! (dice la frase commuovendosi gradualmente, fino a finire con la voce rotta) Era un Angelo…un Santo!

SANT- Su, nun piagne’! Bisogna rassegnasse! Poj piagnè otto giorni e otto notti filati, ormai lì ènne e lì ‘rmane!

FILIP- Ce lu so, ce lu so!…Ma me sfogo ‘n pughetto…Ogni tanto me ce vole!

SANT- Be’…ho fenito! Adé posso ‘nda’?

FILIP- Scì, scì, vanne pure!…Grazie tante!

SANT- Sta allegra Filippa, e nun piagne che: “La casa del pianto nun fenisce mai de sciuccasse”!…(andando canta…)

                                         LA MOJE DE VINCE’

                                          SOTTA AL LETTO….

FILIP- (richiamandola) Santina…?

SANT- (si ferma) Scì?

FILIP- Cu' ffai canti? Se 'riva la signora e te sente canta'? Nun sta be'!

SANT- Oh, me scusarete!...E chi ce pensava!?...Ciao! (esce e canta)

CE TRUVÒ L'AMICO

                              E NON EL GATTO!...

FILIP- Che gioventù?! Senza crianza e senza rispetto! (con mimica) Le cose da chì j boccane e da chì je scappane!

                Scena 2^: Filippa e Faustì-

FAUS- (da dentro)…Albina!….Filippa!….Lisetta!….Filippa!….

FILIP- Ecco che ‘riva el diavulo!…

FAUS- (entra di corsa…Ha un fazzoletto girato sul  dito indice e nell’altra mano tiene un fazzolettone rigonfio di funghi)…Filippa porta un po’

              d’acido borico…’na cuppetta d’alcule…porta calcò… ‘na benda…’na fascia!…

FILIP- ‘Na fascia?

FAUS- ‘Na fascia!

FILIP- Cu ce duvete ffa’?

FAUS- Me la devo mette’ ‘ntel collo!…E movete, mummia! ‘Spetti che ‘riva l’eco da le muntagne?

FILIP- (con flemma va alla credenza e prende un boccetta di disinfettante)

FAUS- Eh no! Me pudevo rompe’ pure l’osso del collo! Pudesse sprufunda’ sotto terra el Paese e chi l’ha meso chì sopra!

FILIP- (portando e posando sopra il tavolo, vicino a Faustì, disinfettante e cotone) Essà, el Paese!…

FAUS- Questo è un paese morto! Sciapo! ‘Nte qualsiasi parte del mondo saria andato a fenì, (comincia a versare l'acool sul dito, interrompendosi con smorfie di dolore) so’ sciguru che nun avria avuto bisogno de ‘nda’ a funghi pe’ ffa’ passa’ la giurnata, e  scaracullamme ‘nte 'n fosso!

FILIP- (a mezza voce) E, nun ce pudevi ‘rmane?…(finisce di mettere i fiori ai vasetti)

FAUS- Vo’ nun ce credete, ma quanno ‘n omo se riduce a ‘nda’ a ‘raccoje funghi: vole di' che lu pudete rimucchia', fate ‘na pallottula…  ‘na zampata…e (mimica) drento la spazzatura!

FILIP- (c. s.) Lì staristi be’!…

FAUS- (posa l'alcool sul tavolo) A meno che: te cunvinci a deventa’ matto, scemo, ciambottu, cume a tutti quelli che te stanne ‘ntorno: moje, fija, serva cumpresa!…(a Filippa) E, fasciame ‘n po’ sta ma’!

FILIP- Adé i matti saristimi no’! (va a prendere la benda e ritorna al tavolo)

FAUS- Matti da catena!…Scì, perché chi va contro natura: è matto!… E, fasciame sta ma’!… Adé perché uno c'ha avuto la bella idea de ‘mazzasse, tutta la famija se deve isula’ dal mondo civile e veni' a sta de casa chì, ‘ntel mezzo de le muntagne, a piagne in continuazio'! Se tutte le famije, che je more qualchidù, piagnene cume a no’: el mondo deventeria un lago de lagrime!…Pe’ pude’ fa’ do passi, bisogna levasse le scarpe e  ‘rutulasse i calzò!…E, fasciame sta ma’, te sai ‘ndurmita?

FILIP- Nun me so’ ‘ndurmita, ma è che me fate ‘nda’ via de testa cu' tutti 'ssi discorsi!Ecco!…(posa sul tavolo) Qua c’è tutto!

FAUS- (prende la benda) Me lu fascio dapermé?

FILIP- Date qua! (prende la benda e cerca di prendere il dito di Fausto: lazzi) Ve lu devo fascia' o no? (prende il dito) Fate vede? (lo guarda e ritraendosi) Jezu! Po' so' io la scema è ve'? J devo fascia' la ma' pe' 'na spelacchiatura che manco se vede!

FAUS- Perché me se duveva vede l'osso? Te pare 'na cosa da gne'? C'è el sangue e quanno c'è el sangue: ce vole la fascia!

FILIP- Che fascia!?…Basta ciucciallo ‘n pughetto!

FAUS- (porgendo il dito) Ecchetelo!…Ciuccia.

FILIP- Io? El deto è vostro! (si avvia a riporre il tutto) Puahhhh! A me fa schifo.

FAUS- 'Arda te!? Uno pole murì dissanguato!…

FILIP- Magara!...

FAUS- Cusa stai a rumiga’?

FILIP- Dicevo che prima o poi bisogna murì! (aggiusta i vasi con i fiori)

FAUS- Te piaceria, no!…

FILIP- State tranquillo che nun murite!

FAUS- Ma io ‘nvece vojo campa’!

FILIP- L’erba cattiva nun more mai!…

FAUS- …e godemme la vita a la faccia de tutti! (guardando il ritratto) …Specialmente de chi, quann’era vivo, me vuleva vede morto pe’ pude paga’ i debiti sua cu’ i quadrì mia! Te lu digo in fransois: rian! In danimalchese: nisba! In todesco: nicht! E se nun l’hai ancora capito te lu digo all’anconitana: gnente!…Propio cuscì: gnente!…E’ inutile che me guardi, sa’!…

FILIP- Ve devu purta’ ‘n bicchiere d’acqua…ve se fosse sciuccata la lengua?!

FAUS- Altro che acqua! Piuttosto cumencia a prepara’ la tavula ch’è mezzogiorno e c'ho fame!

FILIP- Caro el mia padrò, oggi 'gna’ che 'spettate le signore!…So’ ‘ndate al cimitero...

FAUS- So’ ‘ndate a fasse ‘na passeggiata al corso!…

FILIP- … e nun se sa de preciso a che ora rincasane. Oggi c’ènne i scultori! (commossa) J mettene a posto el busto!

FAUS- Cusa je mettene a posto?

FILIP- El busto!

FAUS- Ah,scì?!…Purtava el busto?…Miga ce lu sapevu che purtava el busto!?… Mejo cuscì! Vole dì che magno da solo. (prende il fazzolettone con i funghi) Tie’! Portali de là e li friggi ‘nte l’olio. Olio vergine, de quello bono. Tu sai capace de mettecce quellu dei lumì!…

FILIP- (pone il fazzoletto sul tavolo e prende l’ultimo vaso con fiori:) Adé, prima feniscio sto lavoro….

FAUS- (levandogli tutto dalle mani) Dà qua!…Cusa voj fenì?…Niente fiori, ma opere de bene!…(dandogli anche il cappello e il bastone) Via in cucina!…Prima l’obbligazio' e po’ la devozio'!…‘March!…In cucina! (l’accompagna fin sulla porta) 'Nte sta casa è ‘rivata la revoluziò?…

             

               Scena3^:Faustì- Lisa- ALlbina- Bafigo- Mara.-

FAUS- Oh!…Vedemo se polene cumencia’ a cunta’ calcò pure i vivi! (guarda e parla al morto) Propio cuscì: se polene cunta’ pure i vivi!…Nooò, nun me rabbiscio! Chi se rabbisce more e siccome io nun vojo murì: (va a prendere la tovaglia) nun me rabbiscio! Io vojo vivere… (canta)          VIVERE SENZA MALINCONIA -

VIVERE SEMPRE CON ALLEGRIA

               (presso il tavolo) Scì! So’ cuntento e canto…me la canto, me la sono e apparecchio!

                                    SUONA LA TROMBA INTREPIDA

IO PUGNERO’ DA FORTE

PER AFFRONTAR LA MORTE

GRIDANDO LIBERTA’

PARAPA’…PARAPA’

PARAPA’-PA-PA-PA-PA’!

ZUM-ZUM!

              E’ inutile che me guardi e nun favelli! E’ cuscì…è cuscì! Me metto a sede, magno e tu no! Hai capito maccarò? (va prendere piatti bicchieri ecc.)  ‘Riva la cumpagnia de la bona morte!…

MARA- (accompagna Lisa sottobraccio, precede gli altri) Fatti coraggio!…Te devi ffa’ coraggio!…Buongiorno, signor Faustì!

FAUS- Bonjour, madama!…Ennà, se parlo guzzo oggi!

BAFI- Buongiorno!

FAUS- Bonjour anca a vù!…

ALBI- (a Mara e al marito) Mettetevi comodi!…

MARA- Grazie!…Vi abbiamo voluto accompagnare…ma è tardi!…

ALBI- Un mumento…Tanto pe’ prende’ un po’ de respiro!…

MARA- Grazie!…(sospiro…segue i sospiro di Lisa, Albina e per ultimo Bafigo)

BAFI- (sospiro)…E’ stata una cerimonia commoventissima, signor Faustì! Un busto somigliantissimo! Povero Giulio!Sembra vivo. Uno aspetta che el busto si muova e sentire ancora la sua voce, ve la ricordate? Bella…chiara…baritonale!…

FAUS- (canta) De cula pera ne vojo mezza!…

BAFI- …Nun sarei voluto veni’ via!… Me passavane pe’ la testa tante cose! (con voce strozzata) Quellu scì ch’era un amico!…Ahhhh!!…

LISA- Aahhh!!!!…

ALBI- (sospiro lungo e forte)

MARA- Beniamino?…Sù! (fa capire con mimica che Lisa soffre del ricordo…)

BAFI-Non ci pensavo…hai ragione!

MARA-  ( a Lisa) Scusa!…

LISA- E perché?…Parlare di lui è un conforto, specie se chi ne parla siete voi che l’avete conosciuto bene e avete potuto apprezza’ tutte le sue qualità!

BAFI- Nessuno meglio di noi ha potuto apprezzarle! I nostri affari li amministrava lui…e, anche tanto be’!…(lo dice quasi rivolto dalla parte di Faustì, che sta andando verso la credenza)

FAUS- Ditelo a me!…

MARA- Santa verità!                                              

FAUS- (che completa di apparecchiare.) Pepe e sale!…Peccato che nun         abbia saputo amministra’ be’ le cose sua, cume quelle dej altri!

BAFI- Pare che qualcuno abbia approfittato della sua fiducia!

LISA- E’ stato sicuramente vittima del suo buon cuore!

BAFI- Non si può spiegare diversamente!…Un uomo cume lui, pieno di giudizio…senza vizi…che col mestiere che aveva guadagnava quello che guadagnava…

ALBI- Se sa cume succede: “pe’ tappa’ 'n bugo se ne opre 'n antro”!

BAFI- E’ così!…E’ proprio così! Aaahhh!!!… (sospiri a catena)

FAUS- (che già da prima aveva cominciato a guardare l’orologio da tasca…mettendo a posto le sedie rumorosamente e poi avvicinandosi a Bafigo…) Chissà che ora emo fatto?…

MARA- (alzandosi) Beniamino?!…

BAFI- Eh?…(si alza e fa un passo a dx verso il tavolo)

MARA- E’ ora che ‘ndamo…. Turnamo ‘ntel pomeriggio!

BAFI- Signor …

FAUS- (senza lasciarlo finire, lo prende per la mano e lo trascina quasi a forza verso l’uscita)

ALBI- (che si era alzata) Bravi! Turnate presto… (mimica verso Lisa)

BAFI- (fermandosi e girandosi) Senza dubbio! Però bisogna che prima scrivo quella lettera e passo alla posta, per fare la raccomandata!

LISA- Pe’ carità nun se lo dimentichi!

BAFI- Si figuri, signora! Ma le pare che lo possa dimenticare?!…Non per niente, ma per potere almeno contraccambiare tutto il bene che ci ha fatto, procurando un piacere alla compagna de la sua vita!

FAUS- In secula e seculorum, amen! (c’è stato tra Bafigo e Faustì un gioco di mani: Faustì è sempre lì lì per prendergli la mano e poterlo salutare, ma Bafigo inavvertitamente gliela sottrae…finché alla fine della frase la metterà nella posizione più favorevole alla presa di Faustì)

LISA- Grazie!

MARA- Arrivederci, cara!

ALBI- Che lettera? Un momento, signor Bafigo!

FAUS- Te lu dirà dopo magnato!

ALBI-Vojo sape’ pure io!

FAUS-Lassa perde’!…A stomigo pino le nutizie se digeriscene mejo!

ALBI-Sta zitto!

FAUS-Ma adé…

ALBI-T’ho ditto de sta zitto! (fa cenno a  Bafigo di sedere) Prego… Diga!

BAFI- (sedendo) Si tratta di vedere se la signora può avere la tomba vicino a quella del suo povero marito, senza dover ricorrere all’esumazione. Anche perchè è la più bella posizione del cimitero: esposta a mezzogiorno…un po’ in collina…con quel bel muretto davanti…

FAUS- Ennà!…Da lì ce ‘na vista!? Una via di transito…Ogni tanto ‘na fumatina!…Signora, ce sta be’ ‘ntel loculo?… Ragioniere, me diga: i vermini j danne noja?

MARA- Beniamino!?…

FAUS- Beniamino?…Le spese pe’ tutto sto movimento chi le fa? Paga lei?

ALBI- Faustì, ma te pare? Se sarà necessario davante a ‘na fortuna simile…

LISA- Lassa perde mamma!…Tanto ce lu sai che cul babbo c’emo modi di vedere tutti differenti!

FAUS- Nun se tratta de modi de vede’, fija cara, ma se tratta de nun esse’ scemi! Perché, fin’adé, bijetti da mille n’ho tirati fora poghi? Prima…(mimando si tocca le orecchie e il collo e poi siede al tavolo)

LISA- Pe’ ritira’ dal Monte de pietà i gioielli che m’ero impegnati? Voj di’ quessu è ve’? Me lu stai sempre a ‘rcurda’! Vedrai che nun te dumanderò più gnente!…In qualche modo farò!

FAUS- Basta che te lu ‘rcordi…Anzi, adé lu mettemo in carta bollata.

ALBI- (andando dal marito) Cus’era el mumento questo?

MARA- (alzandosi chiama il marito e va a baciare Lisa) Beniamino!…Ce vedemo presto Lisa cara!

ALBI- Arrivederci!

BAFI- (saluta le signore…a Faustì) Signor Faustì?…(Porge la mano)

FAUS- (gli dà un pezzo di pane)

BAFI-Volevo salutare….

FAUS- (accenna una mossa di saluto e brusco) Buongiorno e si conservi!

BAFI- Grazie! (si allontana, preso sottobraccio da...)

ALBI- (prende sottobraccio Bafigo, e lo porta verso la comune)

FAUS- … miga pe’ gnente: pe’ la razza!

MARA- (si avvicina e tende la mano) Dimenticavo!…

FAUST (guardando in giro) S’è dimenticata calcò?

MARA- Volevo salutarla!….

FAUS- Mi saluti!…Si conservi pure lei…sotto spirito!

LISA – (cinge le spalle dell’amica e vanno verso la comune…scambiano saluti e poi, in silenzio, scende la scena e dopo essersi fermata davanti al ritratto e fatto un inchino lancia uno sguardo cattivo al padre e dopo va in camera)

ALBI- (a breve intervallo da Lisa, scende la scena, ripete quello che ha fatto la figlia e  si avvia in camera, ma prima di aprire: si ferma, ritorna verso Faustì e…) C’hai avuto la faccia  e el curaggio da dì: “…e le spese de sto movimento chi le paga”? Se duvevi ‘nda’ a divertìtte cu’ j amici tua, allora nun avristi badato a spese: magnate, bevute, risate!… Vergogna! Vergognate! (si allontana, ma dopo due passi ritorna) Faustì, me fai ‘rgumita’!…’Rgumita’ mi fai! (si avvia, ma…)

FAUS- Albina!…(la invita con un cenno della mano ad avvicinarsi e quando lei gli è accanto) Schifo mi fai!…Mi fai schifo!

ALBI- (manda con gesto “a quel paese” il marito e poi esce)

               Scena 4^: Faustì- Santina e poi Carlì.-

FAUS-  Me fai schifo lu stesso…pure se nun me stai davante! (che si era alzato, ritorna sui suoi passi incontrando lo sguardo del ritratto) Cu’ ridi tu?…Te ce diverti, maccarò?!…(gli fa le “corna”: braccio alto)

SANT- (è entrata al segno delle “corna”) Cu’ stacete a ffa’?…

FAUS- Gne’!…J ‘nalzavo ‘na prece!…Cusa voj?

SANT- C’è un signore che cerca de vo’!

FAUS- Mannalo a cul paese…questu è occupato!…Nun ce so’ pe’ nisciù!

SANT- Ma sta de fora!…Adé cu fa’?

FAUS- Va a fasse frigge’!…(prende boccetta dell’olio) Ecchete, qua c’è l’olio cuscì ffa prima!

SANT- Ormai j ho ditto che c’eri!

FAUS- (posa la boccetta) Adé ‘rtorni de là e j dighi che te sai sbajata: “Sa, de là ce sta uno che rssumeja tuttu al padrò, ma nun è lu’!”

SANT- Se j digo cuscì, me pija pe’ scema!

FAUS- E nun s’è sbajato!…J l’hai dumannato, almanco, chi è?

SANT- Scì, ma nun me l’ha volsuto di’. Ha da esse’ uno ‘mpurtante! E’ ‘rivato cu’ ‘na machina che pare ‘na nave pe’ quantu è grossa!

FAUS- Cum’è? Giovane…vecchio…stagiunato…cum’è?

SANT- Giovane e …simapattigo!

CARL-(è entrato)

FAUS- Simpatico?…Allora nun lu cunoscio!…E’ da ‘n po’ de tempo che gente simpattiga nun ne cunoscio!

CARL- (ch’era già entrato) Manco a me, zì! (veste sportivo e da viaggio: giacca a quadroni con martingala- calzoni alla zuava, berretto con falde larghe e visiera, mezzi guanti da autista…)

FAUS- Carlì?…

CARL- Proprio io, zì!…Ecchime qua! (abbracci, lazzi tra i due…)

FAUS- Ma è Carlì, perché nun me l’hai ditto?

SANT- Cume facevo a divvelo  s’è la prima vo’ che lu vedo?

FAUS- Adè va ‘n cucina e dighi a Filippa che a pranzo c’è ‘na persona in più!

CARL - Zi’ (scostandolo) fatti vede’!?…Ma sai che stai  bene?

SANT- (va in cucina)

FAUS- Grazie a Dio, stago be’. (si avvicina al ritratto) Io stago be’! Me dispiace, ma stago proprio be’! (verso Carlì) Pudevi ‘visamme però!

CARL- Te vulevo ffa’ ‘na sorpresa e invece te la sei presa cu’ quella fijola! 

FAUS- Dimme ‘n po’, stai sempre lì a…?

CARL- Sì, a Nizza!…Scritto Nice, ma se legge Nis! In italiano si dice Nizza! Tu lu vulevi di’ in francese!

FAUS- Io el francese lu ciancico mejo de le caramelle!…Me piace un bel po’! “Tuà”… “Nuà”…“Madame”-signora…se è zitella “Madamasoi”!…E, bravo! Quanno sj ‘rivato?                                                  

CARL-  In Ancona l’altro ieri, ma appena ho saputo ch’eri qua, senza pensarci do’ volte, te so’ venuto a truva’…Aria pure...Mi ossigeno!

FAUS- Te fai biondo?

CARL- (ride) Ah,ah,ah…Nun cambi mai, sai sempre lo stesso!… A respirare un po’ d’aria pura. Qui l’aria è salubre… Si campa d’aria!

FAUS- …E di funghi!…Aria e funghi!…Metteti a sede! E’ ‘n pezzetto che nun ce vedemi!…

CARL- Venti anni!

FAUS- E già!…Venti anni!…Quanno sj ‘ndato via, se pole di’ ch’eri ‘ncora ‘n munelletto… Sai partito che c’evi i calzò corti…

CARL- Ma nòooo…!!!

FAUS- Scì,scì, ce l’evi corti!…Vedo che te se so’ slungati …non tutti…vedrai che fra qualche annetto…(mimica) Te fermi tanto in Ancona?

CARL- Di preciso ancora non lo so, ma sicuramente un paio de mesi. Se ritorno a Nizza me pija la febbre da lavoro…

SANT- (entra ed esce per la comune)

FAUS- La febbre?…Succede, ma poi passa! Hai fatto be’ a venì, anzi “tres bien”. Cu’ te gna’ spicca’ fransois!…M’hanne ditto che te sj fatta ‘na bella posizio’, che sai un pittore de fama.

CARL- So’ stato fortunato. Le prime cose che ho esposto sono piaciute…

FAUS- …e po’ basta!?

CARL- No, ne ho fatti di altri. Ho avuto delle commissioni da parte di persone importanti… Pensa, pure il re del Siam!… Era di passaggio…

FAUS- El re!

CARL- Il re.

FAUS- El re passeggiava da cule parti e s’è fattu ffa’ el rassumejio!

CARL- Nun è proprio cuscì. Stava facendo il giro delle sue ambasciate in Europa e trovandosi a Nizza… Capisci? Ho acquistato importanza e…

FAUS- Cu’ l’importanza so’ ‘rivati pure i quadrì!…E, bravo a Carlì ch’è  partito cu’ le calze corte e che adé j se stanne a slonga’!…Cuscì sai importante, te sai fatta ‘na bella posizziò, l’automobile… A proposito, è la tua-tua o…

CARL- E’ mia, mia!…Ce so’ venuto da Nizza.

FAUS- Santina, m’ha ditto che pare ‘na nave de quant’è grossa!?

CARL- Oh, appena ‘na quaranta “HP”! (detto, “Accappì)

FAUS- Quaranta?…

CARL- Quaranta “HP”.

FAUS- Ah!….Boh!?

CARL- Quaranta cavalli!

FAUS- Ah…cavalli! Certo, perché…se uno se deve spusta’… Me sa che nun c’ho capito gnente!…Hai ditto: cavalli?

CARL- Quaranta cavalli di forza!

FAUS- Stanne davante o de dietro?

CARL- Ma davanti!…

FAUS- Essà! Che ciambottu! Polene tirà avante ‘na machina se stanne de dietro?

CARL- Sì, va bene! Dopo la vedrai, te ce farò ffa’ un giro! Zia? Lisetta?…Cume stanno?

FAUS- Stanne be’! Adé le fago chiama’.

CARL- Ho saputo, sai, della disgrazia...

FAUS- ‘Na disgrazia grossa ‘n bel po’!

CARL- Ma cum’è ‘ndata?…Perchè s'è 'mazzato?

FAUS- Debiti! Debiti… Ce l’eva fin’a la ponta dei capelli!

CARL- Per via del gioco?…

FAUS- Mistero!…Figurte, che un giorno, pe’ ffa’ fronte a certi impegni, dicene, che s’è ‘profittato dei quadrì de ‘n cliente!

CARL- Era avvocato e gli avvocati hanno un bel bilancio economico!?…

FAUS- Scì, ma quanno ha visto che el sua nun bilanciava più: sa ‘na botta de tricche-tracche ha chiuso el bilancio!

CARL- Chissà Lisetta?

FAUS- Nun me ne parla’! E’ passato un anno e lu piagne cume se fusse morto ieri!… Almeno se lu fusse meritato sto pianto!?…E’ proprio pe’ questo che me rabbiscio!

CARL- Allora valeva poco…Vojo di’, nun era gnente de speciale?!

FAUS- Ma che speciale! Casandumai era ‘n ciambotto speciale!…A Lisetta l’eva ‘ndurmita! Faceva tutto quellu che vuleva lu’!…Pure a Albina, a zia!…A parte che a lia basta daje do’ ciucculattini e do’ biscotti pe’ ‘ndurmilla!… Aòh, perché ‘na vo’ me so’ rifiutato de pagaje le gambiali: mi moje pe’ sei mesi nun m’ha guardato più ‘nte la faccia e mi fija quanno me ‘ncuntrava faceva fenta de nun vedemme!

CARL- Dave’?!…Sono ‘rivate a sto punto?

FAUS- Quante me n’hanne fatte!… Culù, manco da morto me lassa tranquillo!… Ha lassato tanti de cuj debiti, che se te lu digo te se ‘ndrizzane i peli!… Madre e fija pretendevane che, pe’ la bona memoria del defunto, li pagassi io!…Cuscì, me saria ruvinato pure io. Pe’ chi po’? Pe’ uno che pe’ pudesse ‘prufitta’ dei quadrì mia: vuleva vedemme morto!…Ma c’è ‘ndato prima lu’ a sentì canta la giuvetta!.. Va, va, che Dio è giusto e Misericordioso!

CARL- Poro zio!…

FAUS- Te fago pena, è ve’? Manco te l’immagini cus’è deventata la vita mia da un anno a sta parte!… Sai ero stanco de fadiga’ e me so’ ditto: da campa’ ce l’ho e me vanza, e allora cercamo de passa’ in santa pace j anni che me rimanene!…Ennà se me li so’ fatti be’ i conti!… M’hanne purtato chì a ffa’ l’eremita! Nun ‘ncontri mai a ‘n cristia’! Solo sumari e muli El giurnale ‘riva ogni tre giorni! Ce volene: tre giorni! Manco venisse a piedi… Do’ parole nun le poj sgambia’ cu’ nisciù, nun c’è manco un babusso! Oggi sai capitato te…

CARL- Cume ciambotto?…

FAUS- Ma cu’ dighi?… Sai, c’è pure un campo de bocce. Vencio sempre! Gioco dapermé!…L’unico passatempo è quello de ‘nda’ a cerca’ funghi!…Tuttu perché a un individuo j’è venuta l’idea de esse’ sotterrato ‘ntel paese ‘ndo’ è nato! Cume se in Ancona nun c’emi abbastanza terra pe’ cuprillo!…Chì ‘n casa i discorsi se cuncentrane tutti lì: cimitero, tombe, busti,  e beccamorti!

CARL- Tutte cose tristi!?…

FAUS- Scì!…Quanno se vole ride ‘n pughetto: se parla de un trasporto funebre! Nun ne posso più! Me giro da ‘na parte e c’è mi fija che piagne…da l’altra c’è mi moje che fiotta lamenti…da ‘n’antra c’è Filippa la serva cul rubinetto guasto: piagne a pisciarello, de continuo!

CARL- Pure la serva?

FAUS- Scì, oh!…Po’, sai privo de ffa’ un passo che nun te lu ‘rtrovi davante: cul collu storto! Cu’ cul’espressione che nun sai se ride o se te sta a cujonà! Questa nun è ‘na casa: è ‘na galleria d’arte! Entrata libera! Ritratti dappertutto: de profilo, de faccia, a mezzo busto, de sguincio…’Ndo’ vai-vai: trovi a lu’!…Pure ‘n camera da letto me l’hanne meso! Nun sai l’impressiò che me fa la matina quanno me svejo!?…Me lu vedo davante che me guarda sa cuj occhi de busbana morta… pare che me dice: “Vedi? Nun te lasso  tranquillo manco da morto”!

CARL- Toglilo! Staccalo!

FAUS- C’ho pruvato. El giorno dopo, ce n’ho truvati do’!…Questa è la vita mia, Carlì caro! La prossima volta che vieni me trovi al manicomio!

CARL- Calmati, su!…Vedrai che col tempo tutti si faranno una ragione: Lisetta, zia e…

FAUS- Ma quala ragione?! Io me ne ‘rtorno in Ancona. Vago a sta’ dapermè! Me pijo ‘na bella serva, magari giovane!…Visto che la casa brugia, almanco me diverto.

CARL - Vedrai che qualche distrazione te la procurerò io1 Ti verrò a prendere con la macchina e faremo delle belle gite, in riviera!

FAUS- Figurte se nun ce vieno!…Perché nun ‘rmani un po’ de giorni chì?…

CARL- Perché nò? Possiamo andare a caccia…fare qualche partita a carte… Potrai venire con me sulla costa azzurra!

FAUS- Carlì, ce vieno pure se nun è azzurra!…A costo de durmì ‘nte la machina, vicino ai cavalli!

CARL- Ma che dici?…Ho un appartamento con otto stanze!                                              

FAUS- Troppe! A me basta un sgabuzzì!…Ce vieno e ce stago un mese…anzi do’! Sole, mare, Casinò, donne, balli (al quadro)…e tu gnente!

CARL- Adé calmati un po’!

               Scena 5^: Detti e Filippa poi Albina e Lisetta-

FILIP- (entra con un fiasco di vino e passando fa un cenno di saluto a Carlo)

CARL- (risponde al saluto) Buongiorno, bella donna…

FAUS- Bella donna?…’Ppena turnamo in Ancona te porto dall’oculista! A parte che la “belladonna” è un veleno!…(chiama) Bella donna?…Uh, s’è girata!?…Scherzavo, sa’!…Nun ce crede’! Adé, poj cumencia’ a purta’ a tavula, perché le signore so’ rturnate.

FILIP- So’ rturnate? (si avvia verso la camera) Allora, vago a senti’…

FAUS- ‘Ndo vai?…(le sbarra il passo) Nun è el mumento de mettèsse a discorre!

FILIP- Ma, io vulevo sape’ del busto…

FAUS- Il busto?…Scì, ce l’eva!

FILIP- Vulevo sape’ cum’era ?…

FAUS- Te digo tutto io! El busto è di marmo…di marmo duro…di quello stagionato…

FILIP- Ma…

FAUS- Bellissimo!…Somigliantisimo!…Parlante!

FILIP- Ma, se parla…

FAUS- Parla!…Te lo giuro: parla!…Dice: papà e mammà!…

FILIP- Vulevo sape’ da le signore…

FAUS- Ma cusa voj sape’? So tutto io. Dimme!

FILIP- Da che parte è girato?

FAUS- Mezzogiorno! E girato a Mezzogiorno…mezzogiorno e un quarto, va bene?…Insomma sta girato da tutte le parti: j hanne meso un pernetto e a segonda del vento se gira…(sospingendola verso la cucina) Sai cuntenta?…Adé vai de là…

FILIP- Ma che modi…(via)

FAUS- L’hai visto cume je perdeva el rubinetto?…A proposito, c’hai bisogno de calcò…te voj da’ ‘na rinfrescata?…

CARL- No, grazie! Piuttosto, vorrei dare un’occhiata alla macchina!… Prima saluto zia e Lisetta…

FAUS- Va giò!…Le saluti dopo! Va,va…cuscì dopo ce mettemo a tavola.

CARL- Faccio subito!  (esce)

FAUS- Degià me sento ‘n antro!…(va alla credenza e prende dei biscotti che mette in un porta-dolce, poi dei bicchierini e una bottiglia, riportando il fiasco in credenza, prende un cavatappi e si accinge a stappare la bottiglia…) Albina….Lisetta…Venite subito oltra! Via sto fiasco! Oggi si festeggia!…Albina!... Lisetta! Chissà la faccia che faranne quanno vedene…

ALBI- (entra seguita da Lisa; vede Faustì intento a stappare la bottiglia) Cume mai stappi ‘na buttija?

FAUS- Festa! Bisogna festeggia’ l’arrivo de Carlì da Nizza!

ALBI- Carlì?

FAUS- Scì! Tu nipote. C’ha voluto ffa’ ‘na sorpresa!…E’ ‘ndato giò a cuntrulla’ la macchina…’Rmane a pranzo cu’ no’!

LISA - Mamma, di’ a Filippa de purtamme el pranzo in camera. Nun vojo vede a nessuno!…La gente me dà fastidio.

ALBI- Scì…me sa che pure io magno in camera!

FAUS- Oh, miga è ‘rivato ‘n appestato!?…E’ tu cugino Carlì, miga è “la gente”!…Albina, se pole di’ che l’emo cresciuto no’!…Oh, so’ venti anni che nun lu vedemo!…

CARL– (appare sulla porta e poi corre verso la zia)  Zia!…Zietta?…(bacia la zia e stringe con effusione la mano a Lisa) Pensavate ch’ero morto, è vé?…E invece eccomi qua! (guardando la zia) Sei sempre la stessa, non sei cambiata! Gli anni per te non passano mai!

FAUS- Scì! lu devu purta’ dall’oculista.

CARL- (a Lisa) Invece tu sei cambiata…sei più bella! Giuro che non t’avrei riconosciuta!…

ALBI- Eh, caro Carlì, quante cose so’ successe! …Nun so se l’hai saputo…

FAUS- Ecchece!…Scì,scì, l’ha saputo!…Carlì, nun sai che piacere c’hai fatto! Pure lora so’ tanto cuntente!…Quanno t’hanne visto: te vulevane cure incontro, ma so’ ‘rmaste!…(invita Carlì a sedere; le donne hanno preso posto ai lati del tavolo) Qua, mettete a sede vicino a me… Filippa, porta a tavola che ce semo tutti!… Chissà che appetito c’avrai?…L’aria qua è bona!…O mummia?…Ecchila! (va incontro a Filippa e le toglie il piatto di portata con i funghi e pezzi di pollo) Dà qua!… Pollo nostrano e funghi!…Magari preferivi ‘n bel minestrò?… Me ‘rcordo che te piaceva tanto.

CARL- Sì, ma a cena!…(ferma lo zio) Prima, alle signore!…

FAUS- I complimenti li famo ‘n’antra vo’! Oggi prima: all’ospite!…Te servo io: ‘na coscetta de pollo…e ‘n po’ de funghi…Funghi che ho trovato stamattina…ce so’ un po’ de porcini, de chiodini, de…

LISA- (alla parola “funghi” aveva assunto un aspetto triste e a “chiodini” si alza ed esce piangendo)

FILIP- (guarda Fausti e con la mano fa cenno di “cosa hai fatto” e piangendo segue Lisa)

CARL- Ma cos’è stato?

FAUS- (alla moglie che si era avviata a seguire…) Ma che è successo?

ALBI- (fermandosi) E’ successo che sai ‘ndato via de testa, ecco cus’è successo! I “funghi”! Vai a numina’ proprio i “funghi”, ch’erane la pasciò de la bonanema! (via anche lei)

FAUS- Santissimo Padreterno, tienimi!…Famme pija’ ‘n colpo sennò fago da matto!…Ma hai visto a che punto so’ ‘rivato? Devo magna’ cume vole lu’!…Ah no! Sta soddisfazio’ nun te la dago!…(versando nel suo piatto il contenuto del piatto da portata) Magari duma’ me toccherà pijà mezzo litro de ojo de ricino, ma sti funghi me li magno tutti io…! (mangia a grossi bocconi, mentre Carlì a soggetto…)

CARL- Ma, zio?… Ti faranno male!

SIPARIO

ATTO  SECONDO

            La scena è la stessa del primo atto.

          

            Scena 1^: Faustì e Santina.-

FAUS- (La tavola è sparecchiata.- finendo di bere il caffè, posa la tazzina sul piano della credenza- ) Va bene! Se babeto dice ch’è matura: pudete cumencia’ a vendemmia’ da duma’.

SANT- Veramente…no’ emi pensato de cumencià venerdì, cuscì sabato fenimi e dumenica…

FAUS- …riposo. Me pare giusto!…Scolta: perché nun cercate de organizza’ ‘na festa da ballo…do’ salti, eh?

SANT- C’emie degià pensato, ma po’ Filippa ha ditto che nun staceva be’ pe’ via de…

FAUS- E vo’ state a sentì quellu che dice cula gnogna de Filippa? Adé tutti quelli che c’hanne avuto un morto ‘n casa nun ballane più!

SANT- Cula vecchia ogni giorno deventa più ranciga de ‘na sponga de lardo!Ve posso di' 'na cosa?

FAUS- Dimme cocca!

SANT- …E’ da ‘n po’ de tempo e precisamente da quanno è ‘rivato el signor Carlo, che a  la padrona la vedo più sorridente, più tranquilla…guasi allegra.

FAUS- Hai visto be’!

SANT- Però a calchidu’ nun je sta be'!

FAUS- Pe' di' questo vole di' che hai visto calco' de strano. E' ve'?

SANT-…Oh, nun vuria sbajamme, ma El signor Bafigo e Filippa stanne a studia’ calcò che nun me piace. L’ho visti a ffa’ “pissi-pissi”!

FAUS- Cusa fanne?

SANT- Pissi-pissi!…Parlane: sotta-sotta, senza fasse scuprì!

FAUS- Ah, è cuscì?…. Te giuro che se sti do' nun se la feniscene: a Filippa je metto sotta al braccio tutti i quadri de la bonanema e po’ sa ‘na zampata la fago ‘riva’ ‘ntel bosco a ffa’ cumpagnia a le giuvette! A cul’altro invece…a cul  “dammene una che te ne dago do’ ”:  j stampo un  <sciacquadenti> che j fago cade la lengua!

SANT- Bravo, fateve rispetta’!

FAUS- Tanto pe’ cumencià, Filippa t’ha ditto che nun se pole balla’? Io invece ve ordino de balla finché c’ete le scarpe ai pia! Manda a chiama’ a uno che sona l’organetto…e se c’è, pure a uno che sona la chitarra. Pago io!

SANT- Pe’ la chitarra ce penso io. C’è mi cugino; quellu vié a gratisse!

FAUS- Tu cugino?! (dopo ogni assenso da parte di Santina) Sona la chitarra?!…E viene a gratisse?!…E, un cugino che sona l’organetto nun ce l’hai?

SANT- Eh, no!…

FAUS- Vole di’ che a quellu lu pagamo!…Sabato sera, appena ho fenito da cena’, vieno a ffa’ do’ salti pure io!

SANT- Pure vo’?

FAUS- Cu’ te cred, oh!? El valzer era quellu che me piaceva de più; sonavane polke, marzucche: io ballavo sempre a valzer! El più bello è quellu de “Strauscio”…Lu sanne suna'?

SANT- Imbèh, nun lu so!

FAUS- se nun lu sanne sona': je lu canto io! “Parapa-pappà pàppà-pappà! parapà-pappà pappàpappà!…(la prende sottobraccio e le fa fare due giri di valzer, poi la lascia )

SANT- (ridendo) Sa se  ‘rivava la signora e ce chiappava che ballami?…Fateme ‘nda’ via ch’è mejo!…(via)

FAUS - (al quadro) Ballo!…Scì: ballo! Appena rtorno in Ancona vojo ‘nda’ a ‘mpara’ tutti i balli : la rumba, el bajon...pure  la <cuccarancia>!…

                 Scena2^- Faustì e Carlì

CARL- (entrando) Ciao, zì!

FAUS- Oh, chi nun more se rvede!

CARL- (che si era appressato al tavolo per poggiare i pacchetti regalo) Te l’avevo detto che mi fermavo in Ancona cinque giorni.

FAUS- Scì, ma qua, quanno manchi tu, ogni giorno è un anno!

CARL- Adé so qua e in compenso ti voglio fare ‘na proposta!

FAUS- Basta che nun se tratta de famme el ritratto!

CARL- Tranquillo! Già una volta te l’avevo proposto e m’hai detto di no.

FAUS- Credeme, saria tanto cuntento de fammelo ffa’ da te, ma mettete ‘ntei pagni mia! Tu me dighi de famme un ritratto e fin qui nun c’è gnente da di’…questi di casa, po’,  ce mettene ‘na bella cornice e fin qui nun c’è gnente da di’…un giorno nun ce so’ più, e qui ce saria da di’ calcò…imbé, che succede? Succede che me mettene vicino a culù! Posso sta’ giorno e notte  vicino a cul decotto lì?…

CARL- Zio, la mia proposta era un’altra.

FAUS- 'Spetta, nun me lu di'...lu vojo 'ndovina'!...'Na gita sa l'automobile!

CARL- Precisamente! ‘Na gita più lunga e più bella di quelle ch’emo fatto fin’adé.

FAUS- Approvato all’umanimità più uno: quellu so io!

CARL- Allora daccordo!…Lisetta…la zia, sono in casa?

FAUS- Scì…me pare che so’ ‘n casa!

CARL- (si appressa alla porta delle donne e…) Zia!…Lisetta!…Sono io!…Sono tornato! Venite  un momento di qua! (torna dallo zio) Andremo a S.Marino…In un’oretta…

FAUS- A S. Marino?…

CARL- E’ bello!…Il monte Titano…Tanti turisti…gente allegra!

FAUS- Gente allegra?… A no’ nun ce fanne buccà! (mimica)

CARL- (ride e accenna qualche parola ) Ma zi'...

FAUS- 'Nte un monte già ce stago e tu me voj  purtà ‘nte ‘n altru?…

CARL- Allora vi porto a Bellaria! Due orette e siamo lì!

FAUS- Bell’aria?

CARL- Bellaria!

FAUS- Perché te pare che qui ce n’emo poga?

CARL- (ridendo) Scherzi sempre!…Sai che facciamo allora? Andiamo a Bologna! Duecentocinquanta km e in tre orette siamo lì!

FAUS- Scì me piace! A Bologna nun ce so mai stato!

CARL- Lì c’è molto da vedere, ma a noi basta vedere due o tre cose:La Torre degli asinelli…L’Abbazia di S.Luca…Le sette Chiese …

FAUS- Tutti posti allegri, ho capito!…Prima vedemo i sumari e po’, se ‘rmane tempo, le purtamo ’nte l’Abbazia e ‘nte le chiese!…Sai, Lisetta, tu cugina, cumencia adé a ffa’ qualche surrisetto e nun vuria che se la purtamo ‘nte sti posti rturna a: “velo nero e muso lungo”!…

CARL- Sì, deve essere una gita d’allegria! In macchina pochi discorsi e tanto cantare…

FAUST- Scì, cantamo…(canta) La montanara, uhé!!!!…Nò!… quessa nò! Me so’ sbajato! Cantamo: Ciripiripì-pipì…Faccetta nera…

CARL- (ridendo) Ma su!…Faccetta nera…?

FAUS- No! Faccetta nera: no! Me so’ sbajato!

CARL- Appena arrivati: un bel pranzetto in un Ristorante, con le sue specialità…

FAUS- Bravo! Appena ‘rivamo a Bologna: smettemo de cantà…

CARL- Certo! Mica vorresti cantare in città?..

FAUS- Eh no! Non si sa  mai.  Se cantamo svejamo i bolognesi che dormene!…Però duemi esse’ sempre allegri!

CARL- Un’allegria contenuta…

FAUS- Essà!…Un’allegria seria…

CARL- Interna…

FAUS- Che ‘rmane drento!… de fora se devene vede solo i denti (mimica) E po’:  subito a pranzo ‘nte un ristorante…

CARL- Un ristorante tipico…

FAUS-  Dove non servene funghi…

CARL- E po’ se ce li hanno basta non ordinarli! Sei contento?

FAUS- Scì, so’ tanto cuntento! (abbracciandolo) Grazie p’avemme fatto felice!

CARL- Ma per così poco!

FAUS- Pogo?…Me porti in gita cu’ la machina…cantamo…magnamo al Ristorante…(al quadro) e tu gnente!…E te pare pogo?

CARL- Adesso calmati e cerchiamo di fare l’invito a zia e Lisetta, gliela diamo con  una certa diplomazia.

FAUS- Ho capito!…Je la damo cuscì...Cume se se trattasse de ‘n pacchetto de fulminanti. Ecchele!…

                 Scena 3^- Detti, Albina e Lisetta.-

ALBI- (le donne vestono ancora di nero- Entra seguita dalla figlia) Oh, Carlì…bentornato!

LISA- Ciao, Carlo!

CARL- (che gli era andato incontro: stringendo loro le mani) Buongiorno, zia!….Buongiorno Lisetta!

ALBI- Che novità ci porti da Ancona?

CARL- Niente di nuovo! Il solito meraviglioso cielo azzurro e l’inebriante profumo del mare.

LISA- Sei passato dall’avvocato?

CARL- E me lo chiedi? E' stata la prima cosa che ho fatto.!

LIS-A- Che t’ha detto?

CARL- Dopo...dopo! Prima di tuttobisogna che non mi dimentico mai della mia cara zietta…(va al tavolo a prendere due pacchetti)

FAUS- E’ ‘rivata la Befana!

ALBI- (guarda Faustì) Ma digo…?

FAUS- Nun dicevo a te?

CARL- Ecco!…So’ caramelle alla menta…(porge) So che te piacene tanto!

ALBI- (prendendo) Oooooh!…Grazie!

CARL- (presentandole il secondo)…E, dei cioccolattini al cognac!

ALBI- (con falso dispiacere prende anche il secondo) Ma Carlì…!?

CARL- (andando a prenderne un terzo)…Dopo mi farai il piacere di sentire questi candidi! (porgendo) M’hanno assicurato che sono il <non plus ultra>!

ALBI- Carlì, oggi, me voj proprio murtifica’! (lo prende commossa...)

FAUS- Zia fa a la sversa del cuccudrillo: prima piagne e dopo magna!

CARL- C’è qualcosa pure per te, Lisetta!…(le fa vedere due involti: uno più grosso ed uno più piccolo e incomincia ad aprire questo…)…E’ solo un flaconcino di acqua di colonia…

FAUS- Era mejo ‘n po’ d’acqua benedetta!

CARL- Acqua di Colonia finissima!…

LISA  -  Oh, grazie!

CARL- (aprendo l’altro involto)…Questa l’ho comprata col patto de pudella cambià, caso mai nun è di tuo gusto!…(una vestaglia, che rimane dentro la sua scatola) ... Mi scuserai se mi sono permesso di regalarti ‘na cosa intima, ma l’altro giorno t’ho sentito dire che  volevi comprare  una vestaglia da camera….

LISA  - Che pensiero gentile!…

FAUS- (che intanto ha cercato di assicurasi che vi fossero altri pacchetti, se ve ne fosse pure uno per lui) Carlì…nun è che qualche pacchetto t’è ‘rmaso ‘nte la machina?…

CARL- (li conta) Uno…due...tre…quattro…! No, ce so’ tutti!

FAUS- Ho caoito: “non plus ultra”!

CARL- Ah!…Ho capito!…Zì, so’ veramente mortificato...

FAUS- Ma cu’ stai a di’?…Ma figurte…Sarà pe’ ‘n’antra vo’!

ALBI- E’ proprio fine..bella! Vero Lisetta?

LISA - Scì, mi piace…è proprio bella, ma non so se me la metterò!

ALBI- Come nun te la metti?

FAUS- Nun se la pole mette’ no! Nun lu vedi ch’è corta!?

LISA - Ma no, babbo!…E’ pe’ via del culore!…So’ a lutto…Se era nera o almeno de ‘na tinta scura…

FAUS- Ah, ecco…nera!…Nera o de tinta scura…Eh, ma po’ vedrai che pure quella nera a forza de lavalla se schiarisce e allora…

CARL- Su, Lisetta, ormai so’ passati i sei mesi di lutto! Bastano sei mesi.

FAUS- Hai 'nteso? Sai in ritardo de cinque mesi e mezze. E' un anno che lu porti!

CARL- E poi, il dolore rimane dentro e non ha niente a che vedere con le cose esteriori.

LISA - Si, questo è pure vero!…Quello che conta è il dolore interno.

ALBI- El lutto uno pole aveccelo drento!

FAUS- Ecco, brava! Il nero deve essere drento: cume le seppie e i calamari!

CARLI- Dunque, dicevamo: che so’ stato dall’avvocato…

FAUS- No,no…no, Carlì!

CARLI  - Come no?

FAUSTI- No, digo…se c’emo de ‘nda’…

CARLI- C’emo tempo, zì!…Dunque, riguardo all'avvocato...

FAUS- (canta e ogni volta viene ripreso dai due:battute-soggetto) Evviva la torre di Pisa…

CARL- (dopo aver guardato biecamente Faustì)… ci ho parlato e sai chi è? Un mio vecchio compagno di scuola: Ferrari!

FAUS- Cipiripipì che bel nasin…

LISA - Zitto babbo! Famme scolta’…

ALBI- C'emo d'ascolta' a Beniamino Gigli! E sta zitto! Lu sai che nun sai bono a canta'!

LISA- (richiama) Mamma! (a Carlo) T’ha detto se è riuscito a riscuotere qualcosa?

CARL- Qualcosina!

LISA  - Riguardo alla liquidazione dei “Grandi Magazzini”?

CARL- Pare che ci sia un credito per merce non pagata.

LISA- Quelli so' conti...

FAUS- (dopo aver più volte guardato l’orologio: canta) Sul mare luzzena- l’astro d’argento-…

LISA -  (forte) Quelli…(occhiataccia al padre) Quelliso’ conti che si fa presto a falli: un taglio de vestito pe’ lu’…biancheria pe’ la casa…do’ camicette pe’ me…

FAUS- (canta) Camicetta nera....

CARL- E basta!…Ho capito che non si può parlare in santa pace!…

FAUS- Carlì…qua el tempo…

CARL- El tempo ce l’emo! Due…tre ore e siamo lì!

ALBI- Ma se pole sape’ ‘ndo’ duvete ‘nda’?

CARL- Vuoi dire: dove dobbiamo andare?! Dunque, sono le nove…alle dieci saliamo in machina e all’una saremo a Bologna…

ALBI- Me porti a Bologna? Me ce porti tu? E' da tanto tempo che ce vulevo 'nda', ma lu' ha truvato sempre 'na scusa pe' nun purtammecce!

FAUS- Adé ce 'ndamo, basta che stai zitta!...Appena ‘rivati cumencia la festa: pe’ prima cosa cercamo subito un  bel ristorante pe’…

CARL- (dandogli un’occhiataccia)…per mangiare qualcosina…tanto per…

FAUS- Scì, tanto pe’…quattro tajatelle, propio quattro de numero sa’? ’Na coscetta de gallina per ‘o, ‘na gallinella nana, de quelle…(mimica) e po’ al Teatro…

CARL- Ma che teatro…

FAUS- …Al cinematografo…(vedendo il disappunto sulla faccia del nipote) no! Al cinema: no!…’Ndamo a giuga’ a bocce, semo giusto in quattro!…

ALBI- Ce 'ndarai tu a giuga' a bocce! Nun ce bisogno de 'nda' a Bulogna pe' tiene do palle 'nte le ma'!

CARL- (finta risata) Zio, scherza!…Cercheremo di passare la giornata lì e poi, prima di sera, faremo ritorno a casa! Vi piace l’idea?

FAUS- Essà! Approvato all’unanimità!

ALBI- Io… pe’ conto mia: scì! E, tu Lisetta?

LISA - E’ mejo che ‘ndate vo’…io…

CARL- Ma perché?

LISA - In automobile…Sì, ce so’ venuta altre volte, però se ‘ndava ‘ntej dintorni…

ALBI- Sarà ‘na gita un po’ più longa..

FAUS- Mucchia do’ o tre dintorni…

LISA - Scì, ma  po’… al ristorante…!?

FAUS- Essà! pe’ magna’ ce vole el ristorante, fija mia!…Sennò, ce purtamo la scudella e 'ppena ‘rivamo a Bologna, ‘ndamo a cerca’ la minestra dai frati!…

ALBI-  ’Cusa c'è di male se ndamo a magna' un bocco' al ristorante?

LISA- Ma mamma?...

FAUS- Miga ce mettemo a balla' sopre el tauli’!?…

CARL- Lisetta, possiamo cercare un locale un po’ appartato.

LISA- Ecco! Semmai, un locale appartato…

FAUS- Scì, scì, cume voi tu: appartato, ammobiliato…Basta ch’è un locale che quanno uno è drento: pole magna!

LISA - Cerca de capi’ babbo, un conto è un ristorante e un altro è… ‘Rcodate che so’ a lutto!…

FAUS- Allora quelli che so’ a lutto: devene murì de fame?!… Comunque, visto che io nun so’ a lutto, ‘ntel ristorante ce boccu io! Vo’ ‘rmanete ‘nte la macchina e le lasagne ve le porto io!

LISA - ‘Ntei ristoranti…ce so’ le  luci…

FAUS- La luce ce vole! Dà retta a babeto, la luce ce vole. E' ve' che ce vole Albina?

ALBI- Certo! Sennò  se uno bocca allo scuro: butta giò tutte le sedie e va a fenì in cucina cu’ la testa ‘ntel caldaro del minestrò! La luce ce vole!

FAUS- Essà! Sennò pole capita' che uno ‘nfilza ‘na polpetta e al posto de la bocca se la ‘nfila ‘nte la frogia del naso!…Ce vole la luce, ce vole!… Magari appena buccamo j dimo al padrò: schh!…via la luce! ‘Rmanemo se c’ete: luce nera o candele!

LISA - ...Che poi a pensarci bene, a Bologna, nun ce cunosce nisciù!

FAUS- Eh! Nun ce cunosce nisciù. Po’ se vedemo che…ce giramo de là o j dimo: “Vi sembra, ma non siamo noi! (ha un’idea) Uuuhhh!!!! Vuoi che ce ‘ndamo mascherati?…

CARL- Allora?

LISA - Beh…Se proprio…

CARL- Ma sì!… Zia andate a prepararvi!

ALBI- Scì, ‘ndamo Lisetta! (accenna ad andare ma…) Senti…Nun se pudriane ‘nvita’ pure i signori Bafigo?

FAUS- Co’, pure quelli? Quelli so’ do’ “beccamorti”, no “Beccafigo”!

LISA - Perché babbo, nun te fa piacere che…

FAUS- No-no! Me fa piacere…se non vengono e non mi fa piacere se vengono!…Ce ‘ndamo solo no’ quattro…comodi…liberi de…

ALBI - Perché Carlì, nun ce buccamo tutti? Hai gambiato macchina?

CARL- No, la macchina è sempre la stessa.

ALBI– E, allora?

FAUS- La macchina è sempre la stessa, ma adé ce buccamo solo no' quattro, perché l’ha  ‘rlavata do’ tre volte e s’è stretta ‘n pughetto!

LISA ‘Ndamo! Nun l’hai capito che nun j fa piacere? (la sospinge alla porta)

ALBI - (andando) Scì, ma la prossima volta però…

               

              Scena 4^ : Faustì e Carlì, poi Filippa

FAUS- E cume dice el prete ‘nte l’altaru: “Deum grazia!”…(al quadro) Eh!  Ce lu so che te dispiace, ma cu’ ce voj ffa’? L’emo venta no’! (a Carlì) Oh, è un periodo che culù te fa certe figuracce…nun ne vence una!S’è pure dimagrito dal dispiacere, nun te pare?

CARL- Sta zitto, che stavi a ruvinà tutto col <ristorante>!…Vedi, dopotutto se a Lisetta la sai prendere…Non ti pare che sta guarendo?

FAUS- Scì, ma bisogna ‘luntanalla da cuj do’ Beccafigo! Finché quelli je ronzane intorno…

CARL- Ho già parlato a quei due signori. Gliel’ho cantata chiaramente!

FAUS- Chissà cusa stanne a studia’? Santina m’ha ditto che stanne a ffa’: “Sippi-sippi!”

CARL- Sippi – sippi?…

FAUS- Scì, sippi …no,  “pissi-pissi”!…Vole di’ che parlane senza fasse sentì! A quessi bisogneria sunajela (mimica)  e non cantajela!

CARL- Ho capito! Però con le legnate se pudria ottiene l’effetto opposto. Bisogna pensa’ a qualcosa de diverso e mandarli in galera!

FAUS- “La galera, lassa l’omo cum’era” !    Ce volene le legnate!      

FILIP- (entra, accenna un atto di contrarietà vedendo i due e poi va alla tavola: sparecchia)

FAUS- E’ ‘rivata la “bella donna”!…Uhé, bella donna, quanno ce so’ delle persone gna’ che saluti!

FILIP- ( portando la tovaglietta in credenza: secco) Buongiorno!

FAUS- Un po’ d’educazio’ nun ffa mai male!

FILIP- Scusate, ma io…

CARL- Su, non arrabbiatevi!…

FAUS- Nun t’arrabbiare che pudristi deventa’ bella davero!

FILIP- (mimica con alzata di spalle ritorna verso la tavola)…Cu’ vulete pe’ pranzo oggi?

FAUS- Nisba!

FILIP- E, cusa saria ‘ssa roba?

FAUS- Nisba, in Danimalchese significa: niente! Se voj te lu digo in fracese: rien! In todesco: nicht! In spagnolo: nada! In cinese: cichinciai!

CARLI- Cichinciai? In cinese? Chi te l’ha insegnato?

FAUS- ‘N amico mia ch’è stato pe’ tanti  anni in Friuli! (a Filippa) Gnente!

FILIP- Ma cume gnente?… Non magnate oggi?

FAUS- Si mangia, ma fuori di casa!

FILIP- E ‘ndo’? (Che si è posta di fianco alla tavola e verso i due)

FAUS- Giò…’ntel marciapiede!…(a Carlì) Quella appena sente che ‘ndamo a Bologna: casca a terra cume ‘na pera cotta! Sta a vede…Voj sape’ ‘ndo’ ‘ndamo a magna’? A Bologna!…

FILIP- (che stava davanti alla tavola: con mezzo passo indietro si appoggia ad essa)

FAUS- Nun emo pensato a leva’ la tavula!…A Bologna, a trecentomila km de distanza!

CARL- Ohé!…

FAUS- Andata e ritorno!

CARL- Ma no!…

FAUS- La famo do’ volte! E po’ miga ce ‘ndamo a piedi…in automobile! Cu’ ‘na machina  de quelle… Dijelo tu!

CARL- Con una 40 hp.

FAUS- A ‘ridijelo ‘n’antra vo’ che nun l’ha capito.

CARL- 40 hp!

FAUS- Hai capì?

CARL- Quaranta cavalli!

FAUS-  (poi a Carlì) ‘Ssi 40 cavalli ‘ncora nun è che l’ho capiti be’, sa’!…(a Filippa) Ce ‘ndamo tutti!

FILIP- Come…tutti: tutti?

FAUS- Tutti, tutti!

FILIP- Pure la signora?

FAUS- Ho ditto: tutti! Quindi pure lia.

CARL- Adesso andiamo a prepararci! (sospinge Fausto a uscire)

FAUS- Ce ‘ndamo a prepara’… duemi affrontare trecentomila km, miga è ‘na cosa da gne'! (a Carlo) Te l’immagini se Filippa saria stato un parracarro? (via)

                Scena 5^: Filippa e Santina.-

FILIP- (finisce di sparecchiare: tazza e resto della colazione che Faustì ha fatto poi indispettita) E giò, allegria, divertimenti! (piega tovaglia e salvietta che porta alla credenza e poi andando verso la cucina, con pugno elevato) ‘N colpo che te spacca a te e a cul mammalucco che te dà ‘na ma’!

SANT- (che è comparsa alla Comune con giornale e lettere) Cu' chi ce l’ete?

FILIP- (girandosi) Lu so io!…

SANT- (andando alla credenza) La posta la metto qua.

FILIP- Ma scì, mettela ‘ndo’ te pare!…(nel mentre ripone la zuccheriera in credenza e alla fine richiude: sbatte con poco garbo)

SANT- Ma, Filippa, cusa c'è che nun va?

FILIP- Gnente, gnente!…Piuttosto, in paese cu’ dicene?…Cus'hai ‘nteso?…

SANT- Riguardo a cosa?

FILIP- A la signora…che da ‘n po’ de tempo è gambiata…

SANT- Vulete di’ che s’è fatta un po’ de curaggio?!

FILIP- Scì…e che va in automobile…

SANT- Scì…scì, questu l’hanne visto e ne parlane!

FILIP- Te pareva? Lora pensane che la gente è cega!

SANT- Ma cusa vulete che pensa la gente? La gente dice che nun c’è gnente de male!…Dumenica, quanno la signora e il signor Carlo so' scappate da la Messa, ho sentito a do’ che dicevane: “Che bella coppia!…Quellu scì che ‘ndaria be’ pe’ la signora…miga el morto!”

FILIP- Brutti muso tento!… Ma so’ cugini!…

SANT- Imbéh?…C’è n’è de cugini che se sposane tra de lora!

FILIP- Sta zitta!

SANT- Ma…

FILIP- Basta cuscì! Tu sai più sfacciata de lora!

SANT- Adé so’ sfacciata pure io? Vo’ vulevi sape’ cusa ne pensava la gente e io ve l’ho ditto…e ciao! (gira spalle e via)

                     Scena 6^: Filippa- Bafigo- Lisa-

FILIP- (avviandosi in cucina) Che roba!…Che scandalo!…

BAFI- (appare sulla soglia e..) Filippa, Filippa!…Abbiamo novità!

FILIP- Proprio a vo’ stacevo a pensa’! Nun sapevo cume pudevo ffa’ pe’ vedevve e parlavve!

BAFI- Cosa mi devi dire?

FILIP-  Brutte nove!…Tantu brutte!

BAFI- Ma cosa è successo?

FILIP- Se sente di’ che la signora se vole spusa’ e  che se sposa cu'…., ‘N colpo che j pija a lu’ e a chi j ha venduto la benzina pe’ fallo ‘riva’ chì!… Ete capito de chi parlo?

BAFI- Uuuuhhh! Non dirmelo!?…Ma dici davvero?

FILIP- Oggi vanne a divertisse tutti e quattru a Bologna!

BAFI- Ma è una vergogna!…Qua bisogna impedire che accada una cosa simile!

FILIP- Lu digo pure io! Ma cume?

BAFI- Qui bisogna agire. Bisogna escogitare qualcosa!…

LISA- (da dentro) Filippa?…

FILIP- Jezu, la signora!?

LISA- (c.s.) Filippa?…

FILIP- (andando) Eccheme, Signora?…

LISA- (entra. E’ vestita ancora di nero, ma meno severamente a prima. Il cappello è ancora nero, ma senza veli)

BAFI- Buongiorno, signora!

LISA- Oh, buongiorno!…Come mai è qui?

BAFI- Perché, avevo bisogno di dirle due parole!

LISA- A me? Dica.

FILIP- E’ mejo però che qua…

BAFI- Si…preferirei non dirle qui… Magari di là…

FILIP- Saria mejo ‘nte la serra dei limò!…Intanto lei vaga pure...La signora viene dopo.

BAFI- Si, è meglio! Vado, precedo e attendo! (via)

FILIP-Bravo!… No’ signora, passamo dalla parte della cucina…Venga! (vanno via con frasi a soggetto e a mezza voce)

               

                Scena 7^: Faustì e Carlo-.

FAUS- (entra con berretto bianco e impermeabile al braccio ) Scì, c’hai ragiò, nun c’evu pensato!…La sera questo fa comido!…Cusa me stavi a di’?

CARLI- Dicevo, che la prossima gita che faremo bisogna che stiamo fuori due o tre giorni.

FAUS- Solo no’ quattro però.

CARL- Certo!…Hai fatto bene a non volere gli amici di famiglia.

FAUS- Anche perché la moje del signor Beccamorto, cu’ la machina scoperta, se saria scapecciata tutta!…Nun la vedi cum’è sempre tutta liccata?

CARLI-  E come veste!…Come fa a trovare la roba di marca qui, che ci sono tre negozi in tutto?

FAUS- Miga sta sempre qui! A Novembre ‘rtorna in Ancona.

CARL- (vede le lettere) Zìo, c’è posta!…(prende le lettere e giornali, dando questi a Faustì) Il Corriere di lunedì… Di lunedì? Oggi è mercoledì!

FAUS- Te l’evo ditto: che ce vulevane tre giorni pe’ ‘riva’?! Quessu è un <curriere> che nun cure!

CARL- Il resto è roba mia!

FAUS- (portando il giornale al naso fa una smorfia) Uhmmm! Le nutizie sanne de vecchio! (butta sul tavolo)

CARL- (che intanto aveva aperto alcune lettere e letto una di esse)…Zio mentre leggo: (porge) guardati le cartoline che gli amici m'hanno spedito da Nis!

FAUS-  Da Nis?… (guarda e scarta) Questa no…questa manco…

CARL- Come no?…Guarda bene!

FAUSTI- Te digo de no!…Qua ce sta scritto: Nice! Tie’!

CARLO – (guarda) Ma sono di Nizza…(ridà) Se scrive Nice, ma se legge Nis! E poi ti vanti di sapere il Francese! (Guardando l’ultima lettera) Oh, questa è di Frattini!

FAUSTI- Chi l’avvucato?

CARLO – Sì!

FAUS- De sciguro te dice che c’è ‘n antro buffo da paga’!

CARL– (Mima preoccupazione)

FAUS- Oh!?…Oh!?…Te pareva?…Oh, io nun c’ho più ‘na lira!

CARL– (mette in tasca la lettera) No, sta tranquillo!…Dice che me vole parla’ pe’ via…(guarda  l’ora) Adé però bisogna fa’ premura a le signore!

FAUS- E me pare! (verso la porta delle donne) Uhé donne?!…Dateve ‘na          mossa che se j asinelli spostane Bulogna:  nun la truvamo più!

                   Scena 8^:Detti, Albina e poi Lisetta.-

ALBI- (entra a fine frase. Veste da viaggio, con cappello in testa) Eccheme!

FAUS- E, tu fija?

ALBI- Perché nun è qua?

FAUS- No’ nun l’emo vista!

CARL– (va alla comune e la vede arrivare) Oh, eccola! E’ qui!…

FAUS- Tre bien! Anzi “quattru bien”!…”Andom infan ‘nte la mascine”!…

LISA (è entrata a “Andom infan…) Scusatemi!…Scusatemi tanto, ma nun ce posso venì!

CARL– Come no?

ALBI- Lisetta…perchè?

LISA- Mal de testa!…M’ha preso un forte mal de testa!…

ALBI- Cuscì…Tuttu d’en botto?

LISA- So’ ‘ndata pure in giardino a pijà ‘n po’ d’aria, pe' vede' se me passava…

ALB- E nun t’è passato?

LISA- Macché!…Bisogna che me metto colca!…Vo’, però, nun fate cumplimenti!…Anche senza de me…(comincia ad avviarsi)

CARL- Ma Lisetta…ti pare…sarà per un’altra volta!…

FAUS- Lisetta!…Lisetta: guardame!

ALBI- (insiste) Ma nun te senti proprio…

FAUS- Lisetta: guardame!…

LISA- Nun ce la fago ma’!…Scusatemi…scusatemi!…(via camera)

CARL- Ma figurati!… Zìa, non hai qualche calmante da darle?

ALBI-  C’ho d’ave’ calcò...! (andando da Lisetta) Me pare impossibile!?…(via)

                Scena 9^: Detti più Santina.-

FAUS- (è rimasto di sasso; tra le mani stringe l’impermeabile…)

CARL– Calmati, zì!…

FAUS- So’ calmo!…(comincia a piegare con forti scatti l’impermeabile)

CARL- E’ andata così!…Ci vuole calma!…Ormai è inutile…

FAUS- (che ha finito di pieghettare in lungo l’impermeabile: prende questo e lo butta sulla tavola e con rabbia pure il cappello) Mannaggia!…

CARL- Ma zio?…

FAUS- (si stringe la sciarpa al collo)

CARL- Ma che fai?…Calmate!…Di solito sei tanto paziente!

FAUS- Scì, so’ el paziente “re de la sfiga”!…Tu nun ce lu sai, ma io a culaziò, pranzo e cena magno: “pane e sfiga!”…

CARL – Ma che dici?!…

FAUS- E’ cul ciambotto lì che ce prega!…Guarda cume ride?…Te dago ‘na cappellata!…(va di corsa sulla panca e fa l’atto di colpire il ritratto, ma si ferma)

CARL– Scendi!… Non sta bene!…

FAUS- Je la dago!… (fa l’atto…)

CARL – (lo frena) Calmati e scendi!

FAUS- (ripete la mossa)

CARL– (fermandolo) Non sta bene!… A un morto!… Bisogna averci paura! Porta male.

FAUS-  Dighi?

CAR– Dicono!

FAUS- (scendendo) Dicene!…

CARL– (lo fa mettere a sedere) Metteti seduto…calmati! Ecco!…(va in poltrona e si mette a leggere il giornale)

FAUS-  (tra sé) Nun se pole!…Porta male! (da qui comincia tutta una mimica rivolta al nipote e al ritratto) (disegna il ritratto sul tavolo e poi dopo gli da una cappellata)(non soddisfatto, ripete mimica…intercalando le frasi…)  Porta sfiga!…Bisogna avecce paura!…(alla fine, deciso, si alza e di corsa sale sulla panca e gli dà una cappellata! Alzandosi…) Ma quala paura…

CARL– (gli è corso dietro, ma non è riuscito a fermarlo)

FAUS- (soddisfatto) Carlì?  Je l’ho data!… (scende)

CARL-  L’ho visto!

FAUS- Ahhh!…ahhh!…Adé scì che stago be’!…Me dispiace che nun staceva qua de persona: je avria dato un papagno che je avria fattu deventà el naso grossu cume el Paraguay!

SANT- (si affaccia alla Comune e guardinga e a mezza voce) Signò Faustì?(si avvicina a Faustì…) Ce l’ho ‘chiappati!… Stavane tutt’e tre ‘nte la serra dei limo’!

CARL– Tutt’e tre: chi?

SANT- Filippa, la signora Lisa e el signor Bafigo!

FAUS- (tappandosi il naso…) Uuuuhhhmm!…

CARL– Cu’ c'hai?

FAUI- Sento puzza! Se sta a stappa’ la fogna!

CARL– Quando l’hai visti?

SANT- Poghi minuti fa!

FAUS- Hai ‘nteso cusa dicevane?

SANT- Scì!…Oh, me raccumanno!?… Io nun ce vojo bucca’ drento a sta storia!

CARL- Ma figurati, dobbiamo solo ringraziarti!

FAUS- Essà!… Quanno te sposi te regalo un vestitu tutto de seta…

SANT- Grazie!

FAUS- Quanno te sposi…

SANT- Scì, ho capito: quanno sposarò!

FAUS- Sai già fidanzata?

SANT- Scì!

FAUS- Ah, scì?  Te sai ‘nfurmata? Fija mia prima bisogna pijà informazioni!…

SANT- Ma io…

CARL– Lascia perdere!…Racconta.

SANT- Donca, mentre stacevo a ‘nnacquà l’ansalata, te vedo el signor Bafigo che te s’enfila ‘nte la serra e di lì a pogo te ‘rivane Filippa e la signora, tutt’e do’ pistavane fittu fittu cume do’ cunille gravide, e boccane pure lora ‘nte la serra!…Allora io, a gattu-minchiò, me ce so’ accustata…manco respiravu pe’ nun famme scuprì!…e ho ‘nteso ‘gnicò!

FAUS- (le prende la testa e gliela bacia) Tòh!…P’adé pija quessu!…

SANT- A la signora, je hanne ditto che sapevene de la gita in machina, che lei era tantu cuntenta de ‘ndacce e che quessu nun era giusto!… Insomma je ne hanne ditte cuscì tante che alla fine la signora je ha prumesso che nun saria più ‘ndata alla gita in macchina!

FAUS- Brutti dilinquenti! Vigliacchi!…Hai ‘nteso? Hai capito el mal de testa? A cula beffana de la serva j hai ditto « bella-donna »! Ai signori Beccamortu je l’hai cantate! Je le duvevi suna’ e non canta’! Le zampate ce volene cu’ le bestie!…

CARL– (ch’è rimasto calmo) Su, non te la prendere così!…

FAUS- Cume me la duvria pija’?

CARL- Bisogna ragionare con calma!

FAUST Ma ‘nte le vene cu’ c’hai al posto del sangue: la crema?

SANT- Pe’ me ha ragiò el padrò! Quessa è gente da pijalla e daje fogo!

FAUS- Ha ditto be’ ssa’ munella! E’ gente che prima bisogna brugialla viva e po’ giò: legnate!

CARL– (a Santina) Cus’è te s’è scaldata le testa pure a te?

SANT- Essà! Anco’ miga ho fenito da divve cusa se so’ mesi ‘nte la zocca!…

FAUS- Cusa hanne pensato?

SANTI- De ffa’ ‘nda’ via da chì al signor Carlo! (precisa) A lei.

CARL– (sempre calmo) Come?!…

FAUS- Dighi dave’?

SANT- Me pijasse le fantiole se digo bugia! (incrocia dita alla bocca)

CAR– Vuol dire che aspetterò l’usciere con la lettera dello sfratto!

FAUS- A quessi je s’è squajato el cervello!

SANT- E chi deve fa’ sloggia’ al signor Carlo: è la signora!

FAUS- Perché Lisetta?(a Carlì) Quessa nun l’ho capita!…

SANT- La signora nun era daccordo, ma po’ cu’ tutte le malignità che je hanne ditto e tuttu quelluoche je hanne dato a intende…

FAUS- Sentimo! Cusa se so’ ‘nventati?

SANT- Tutte scantafavule!… Capirai, tutto el paese dice che la signora e il signor Carlì è ‘na bella coppia e che stanne be’ insieme!

FAUS- El paese, el populo…ma lora?

SANT- Oh, cume v’ho ditto… discorsi…scantafavule!…Che… Insomma, tra el signor Carlì e la signora degià…

CARL- (sdegnato) Farabutti! Io e Lisetta? Vigliacchi! Come si permettono? (voleva alzare la mano in segno di protesta…ma gli viene presa e stretta da Fausto)

FAUS- Bravo! (stringendogli la mano) Finalmente cumenci a scaldatte! 'Nte la <crema> c'è 'rivato <l'archemuse>!

CARL- (lascia la mano di Fausto e con passi lunghi va su e giù due o tre volte,in lungo, per la stanza, finché non viene fermato da Fausto)

FAUS- (che l’ha fermato) Hai visto cu’ chi c’ho da ffa’? ’Ndo’ sta el cappello?(lo cerca)

CARL– Dove vuoi andare?

FAUS- (che l’ha trovato e lo mette con mosse comiche) Adé lu vedi! (poi scorge in un angolo un bastone) El basto’!…

CARL– Cosa vuoi fare?

FAUS- La strage degli innocenti! (accenna un passo…)

CARL– (lo trattiene) Calmate! (togliendogli il bastone) Damme el bastò!

FAUS- Tanto è inutile, perché prima o poi…

CARL– Va be’, ma adé calmati!…(comincia a aprire la lettera) Lassa fa’ a me!… Ti prometto che da sta storia ne verremo fuori a testa alta!

FAUS- Scì, cu’ le predighe! No,no,no…

CARL- Ti do la mia parola, che sistemo tutto! (va a sedere)

FAUS- Promesso?

CARL- (che ha cominciato a leggere) Promesso!

SANT- Oh, padrò…no’: nun ce semo mai visti!

FAUS- Sta  tranquilla! No’  nun ce semo mai conosciuti! E quanno te sposi: el vestito de seta e tre paja de calze de najon! (dandole il giornale) P’adé pija questo!

SANT- Ma, io nun so’ legge!

FAUS- Nun fa gne’…Guardate le figure!

SANT- Grazie tante!… Bona! (via)

CARL- (mentre legge, con mimica fa capire le brutte notizie ricevute e appena Santina si avvia…) Zì, vieni…siediti!

FAUS- (siede vicino a Carlo)

CARL- Adesso zio, ci vuole veramente calma! (con fare guardingo e a mezza voce) Ho da parlarti!

FAUS- Guarda che se quello che c’hai da dimme nun me cunvince: m’attacco al Santo de legno!

CARL- Tranquillo!…Mi posso fidare della tua serietà?…Perché quello che sto per dirti è una cosa molto delicata…ci vuole riservatezza! (si mette il dito davanti al naso nel senso di parlare piano)

FAUS-(anche lui, fa lo stesso guardandosi intorno  più volte)

CARL- Bisogna…(molto vicino a Fausto) Bisogna che tra me e te si faccia qualche piccolo sacrificio!

FAUS- Cioè?

CARL- Può darsi, che noi, per non dover fare certe confessioni, dobbiamo far finta di avere riscosso del denaro e invece tireremo fuori dell’altro denaro, dell’ “argent”! (con le dita mima i soldi)

FAUS- (guarda a dx e a sx e poi…ripete la stessa mimica di Carlo)

CARL- Sì!

FAUS-  “Argent”?

CARL- Oui!

FAUS- Hai fatto be’ a dimmelo in francese, perché cuscì te posso di’ che nun ho capito gnente!

CARL- Va bene, di questo ne parleremo dopo!

FAUS- No, nun ne parlamo proprio pe’ gne’!

CARL- No?

FAUS- No!

CARL– Va bene, va bene!…(dà la lettera) Tòh! Leggi un po’!

FAUS- (legge) “Caro Carlo, ho ricevuto poco fa la nota dei prelevamenti, fatti dal defunto marito di tua cugina, nei grandi magazini. Dio mio  un disastro! Il famoso credito è stato assorbito, ad eccezione di poche centinaia di lire. Il peggio sta nel fatto che si tratta esclusivamente di generi da signora!” Sarebbe?… (guarda Carlo)

CARL– Continua!

FAUS- “Dunque, il vago sospetto che avevo è, purtroppo, diventato certezza…”  Cioè?…

CARL– Finisci di leggere.

FAUS- “…in quanto è da escludere nel modo più assoluto che tua cugina possa aver avuto per sé tanta roba di rilevante valore. Coclusione dunque…” Tanti puntini?…

CARL– Hai capito?

FAUS- No!… “Ti prego, dunque, di passare sabato prossimo…

CARL- Non gridare!

FAUS- (fa diverse voci strozzate) “Ti prego, dunque, di passare sabato prossimo  dal mio studio, per metterci daccordo su come regolarmi sui prossimi solleciti da parte di tua cugina, riguardo alla liquidazione del suo, purtroppo, soltanto presunto credito. Saluti…” Ma cusa vole dì?

CARL– Vuol dire che tutta quella roba del valore di un centinaio di biglietti da mille nun l’ha avuta Lisetta, ma qualche altra e siccome non credo che si possano regalare centinaia di biglietti da mille, così…per puro spirito di altruismo, non mi pare azzardato supporre che questa qualcun’altra…

FAUS- (che ora comincia a capire) Uuuhhh!!!!…..Aveva…

CARL- (fa una mossa come dire: esatto!)

FAUS- Oh!…

CARL- (c. s.)

FAUS- Oh!…

CARL- (c. s.)

FAUS- (si alza) C’eva un’amante!….C’eva ‘na donna!…

CARL- (si alza) Zitto, non gridare!

FAUS- S’è ruvinato pe’ le donne, cul ficuseccu là!

CARL- (a mo’ di rimprovero) Zìo!?

FAUS- Bruttu giuda fariseo!…Cul collu storto lì c’eva ‘na moje ch’era ‘n bocciolo de rosa! Duveva bagià ‘ndo’ caminava mi fija! Cul bruttu bicicchiò me vuleva vede morto!…

CARL- Ma che dici?…

FAUS- Scì, oh! All’Angelo de la morte je faceva le nuvene, pe’ famme murì!

CARL- Questa poi!…

FAUS- E tu me dighi de nun grida'? Tutti lu devene sape’…Lu devo svergugna'!…Voj che tiro fora ancora quadrì pe’ nun fa’ sape’ a mi fija che razza de marito c’eva? Mai! Lu vojo vede nudo…a terra!Questa sarà la mia vendetta sor ciuccianespule!…(sale sula panca  e toglie il ritratto dal muro)

CARL- (cerca di fermarlo, ma non vi riesce) Ma cosa vuoi fare?…

FAUS- (col ritratto in mano) Lu butto de fora!…Lu fago vulà dal terazzo!

                Scena ultima: Detti – Filippa- poi Lisa e Albina.-

FILIP- (entra e dà un urlo di indignazione) Ah!…Cusa vulete fa’? …Mettete a posto el quadro!…Sacrilegio!…Scandalo! (vuole andare verso Faustì, ma è già trattenuta da Carlo)

CARL- (trattenendo Filippa) Calma…Calma…!

FAUS- Nun la ferma’: lassala!…Je lu metto pe’ cappello!

ALBI- Ma cus’è?

LISA – Ma che succede?

    (le donne cercano di avvicinarsi a Fausti e questo farà l’atto di incappellare chi gli si avvicina e in questo, parapiglia si chiude il sipario…)

S I P A R I O

              TERZO  ATTO

                         

                                La scena è la stessa degli altri atti, solo che i quadri non stanno più appesi al muro, ma poggiati a terra.

                 Scena 1^: Carlo e Lisa, poi Albina e Fausto.-

CARL– ( seduto al tavolo: scrive)

LISA – (detta) Dodici ottobre: mantello con bavero 250mila…Tutta roba che io non ho mai avuto! Da questo si può capire quanto j custava sta donna!…

ALBI- (entrando) Pronti?… Su, ’ndamo!

CARL- Sì, è meglio che andate, sennò perdete la Messa.

LISA- (si alza e raccogliendo le carte) Perché tu non vieni, Carlì?

CARL– Finisco di scrivere una lettera.

LISA- Ci verrai incontro, almeno?

CARL–  Senz’altro!

FAUS- (entra dalla Comune e va centro scena) Uhé! Tutti pronti pe’ scappa'?

LISA- Babbo, no’ ‘ndamo a Messa! (si avviano)

FAUS- Benissimo!…(accompagnandole) Dite 'n’Avemaria pure pe’ me! (ritornando vede i quadri appoggiati al muro)…E questi ‘nco’ qua stanne? ‘Ndo’ li metti metti: danne fastidio!…Dunque, Carlo, Carlino, Carletto, c’è ‘na nova che nun t’ho detto!…Hai ‘nteso la rima? Oggi so’ poetico!

CARL- Difatti!… Ti vedo un po’ su di giri!…

FAUS- C'ho pe’ le ma’ ‘n affare che se va in porto, me vojo pijà ‘na sborgna che me deve dura' dai dieci ai quindici giorni “esseccì”!

CARL- Esseccì?

FAUS- “Salvo Complicazioni”!…

CARL- (ride) Questa è buona!…

FAUS- Nun tanto pe’ i quadrì che ce guadagno, ma pe’ nun daje, a cul zibibbo lì, la soddisfazio' de passa’ ‘n altr’anno chì!

CARL- Che genere d’affare sarebbe?

FAUS- Forse riescio a vende' la palazzina …!

CARL- Dici davvero?

FAUS- …e pure il terreno!

CARL- Ma si tratta di una persona seria?

FAUS- Sta de sotta. El fattore je sta a ffa’ vede el giardino!

CARL- Zì, prima, parlane cu’ Lisetta.

FAUS- Perché?

CARL- Non sarà contenta...Forse non vorrà vendere.

FAUS- Cume saria?

CARL- A quanto ho capito, non ha intenzione de riturna' in Ancona!

FAUS- E io, devo cuntinua’ a cerca’ funghi?…

CARL- Nun so cosa dirti!

FAUS-  Io ‘nvece scì! Se nun vole ‘rturna' in Ancona, vole di' che ‘ndamo a Torino, a Bolzano, in America, in Africa, ‘ntel Missi-pipì…Nun posso perde’ un’occasio' cume questa!…C’è da guadagnà qualche milioncino…Questo è uno che ce l’ha…(mimica soldi)

CARL- Ah, scì?

FAU- Ha fatto i quadrì cu’ i mobili. E' partito da un negozietto e adé ce n’ha cuscì tanti che nun riesce manco a cuntalli!

CARL- (risponde a soggetto fino all’entrata di Santina)

                Scena 2^- Detti – Santina – poi Roncagliolo.-

SANT- (entra) Padrò, c’è cul signore che vole vede' la palazzina!

FAUS- “Lupus in tavola”! Fallu bucca’.

SANT- (va alla comune) Prego, buccate! (dopo via)

RONC- Permesso?…

FAUS- Avanti!… Avanti!

CARL- Si accomodi!…

RONC- Grazie!…(a Carlo) Il signor Fausto Vaniglia?…

CARL- Veramente…

FAUS- Sono io signor…

RONC- Piacere…mi scusi se ho fatto un po’ di contusione…

FAUS- Contusione? ‘Ndo’ ha sbattuto?…'Ndo' s'è contuso?

CARL- Voleva dire: confusione. Digli di sì!

FAUS- Scì…ma poi passa!

RONC- Io sono il Cavaliere Leonida Roncagliolo “Emporio Mobili”!

FAUS- Piacere!… Mio nipote Carlo Corradi: pittore.

RONC- Pittore? Bene! Io mi vanto di essere un mecènate degli artisti…

FAUS- Cus’è?

CARL- Un mecenàte!

FAUS- Ma io…

CARL- Digli di  sì!

FAUS- Scì,scì…ma poi passa!

RONC- Sì, un mecènate! Molti pittori pongono quadri nel mio Emporio!

FAUS- Scì, scì!…Vuole accomodarsi signor Tortarolo?

RONC- Roncagliolo. Cav. Leonida Roncagliolo!

FAUS- Mi scusi sa, ma  io per i nomi e per i numeri…

RONC- (sedendo) Ho capito a lei manca un po’ il senso della fisionomia e quindi soffre un po’ di amnestia!

CARL- (a Fausto che lo ha guardato interrogativamente) Amnesia!

FAUS- Ha ditto: amnestia!

CARL- Ha sbagliato!…Digli di sì!

FAUS- Scì,scì, ma poi passa!…(a Carlo) El cappello…

CARL- Lascia stare!…

RONC- Dunque, io mi trovo costì  per una visita di preambolo, per l’improbabile acquisto del maniero!

FAUS- Maniero? Ma che maniera…

CARL- Maniero: il posto…la villa!….Vero?

RONC- Appunto! Per la villa…Non siete voi il detentore qui del…

FAUS- Della villa!

RONC- …e di tutto il terreno limitropo?

FAUS- Limitropo?

CARL- Digli di si!

FAUS- Scì,scì!…Ma cume parla? M’ha fatto venì el mal de testa!…E el cappello….

CARL- Lascia perdere!

FAUS- Non so se lei lo ha visto, ma come posto è bello! Si tratta di un piccolo paradiso…Se lei verrà a stare qui, nun se scorderà più di avermi visto caro signor Pescarolo!

RONC- Ah,ah,ah! Roncagliolo. E...ad aria come stiamo?

FAUS- Bene, grazie! Scì, aria ne abbiamo e qualche volta c'abbiamo pure il vento…Un vento, che porta via pure el cappello!

CARL- (lo riprende)

FAUS- (continua) S’informi, l’aria qui non è mai mancata!

RONC- (ridendo) Ah,ah,ah!…Che bullone!…Vedo che il signore è piuttosto ìlare, fàceto, ridicolo!…

FAUS- (guarda Carlì)

CARL- Risivo! Asseconda!…

FAUS- Scì, scì, io so’ un bullone d'aceto!…

RONC- (ride)

FAUS- ...e mi moje è 'na chiave inglese!

RONC- Intendevo dire di trovare aria metifica, ma…

FAUS- Metifica?

CARL- Mefitica?

FAUS- Ma che dice? Metifica qui? …Qui c’è un’aria fine, di prima qualità, …doppio zero…

RONC- (ride)

FAUS-  Si figuri che fino dai paesi vicini vengono a prendersela…

RONC- (ride)…Ah,ah…che simpatico…che ridicolo!…Insomma, aria salùbre!

FAUS- Se non mi crede: provi! Ne prenda ‘na bocconata d’assaggio e ‘na vo’ che l’ha assaggiata, ritornerà sicuramente caro signor Palazzolo!Si figuri che con quest’aria va giù tutto…pure el cappello!

CARL- Lascia perdere!

RONC- Bene! Se mi dedicherò favorevole all’acquisto: è per la mia signora che è di salute alquanto indecisa…I professori le hanno prescritto: aria e il più possibilmente, ossidrica, per il ristoro dell’organico!

CARL- (che ha visto Fausto un po’…) Digli di sì!

FAUS- Scì, scì!…Comunque se se vole levà el cappello, senza complimenti!

RONC- Grazie…non mi dà fastidio!

FAUS- Come crede! Insomma se la sua signora ha l’organico in disordine, stia tranquillo, qui può prendere e buttare tutta l’aria metifica che vuole...Vento più, vento meno...Vedrà che in poco tempo le sembrerà nuova; come uscita  da lu sfasciacarrozze!

RONC- (ridendo) Com’è ìlare…ridicolo!

FAUS- Ah ce ‘rtorna!

CARL- Lascia perdere!

FAUS- Adesso, se crede, j fago visita' la casa…Questa saria la stanza dove si mangia!

RONC- Il così detto: tinello!

FAUS- No-no! ‘Ndo’ si lava è da ‘n’antra parte!

CARL- Zio, tinello è inteso come la camera dove si sta di più…si legge, si cuce, si ascolta la radio, si pranza!

FAU- Ah,scì?…Comunque, questa casa d’estate è un frigorifero! C’è una corrente d’aria fresca, pare che ‘riva da la Svizzera! Non bisogna farlo sapere in giro pe’ via de la Dogana. ‘Nvece d’inverno è tanto calda. Una stufa! Dicene, se tratta di correnti africane! Questo glielo posso giurare perché tutto l’inverno l’emo passato qua!…Poi da sta parte (indica la parte sx) abbiamo tutto el resto de la palazzina, che è esposta a mezzogiorno! (avviandosi)

RONC- Alle dodici!

FAUS- (guarda la cipolla) Manca mezz’ora pe le dodici! Venga, se vole guadagna’ tempo, penso che pe’ le dodici abbiamo fatto. (esce)

RONC- (a Carlo, che sta per seguire lo zio: fermandolo) Se permette…faccio seguito all’anfitrione! (precede nell'uscita)

               Scena 3^-Carlo e Mara-.

MARA-  (appare sul fondo) Permesso?

CARL- (dalla soglia - ritorna al centro scena) Oh!…Si accomodi!

MARA- Le signore?

CARL- Non sono in casa.

MARA- Oh, mi dispiace…

CARL- Penso che fra poco saranno qui!

MARA- (vedendo i quadri a terra: meravigliata) Ma che è successo, qua?…

CARL- Niente!…Abbiamo tirato giù i quadri per una pulizia…generale!

MARA- E, le fotografie?

CARL- Le abbiamo portate in salotto. Qui, scolorivano! (la invita a sedere, lui prende posto dalla parte della quinta e Mara al centro scena) Così, lei è stata un po’ in città!?…

MARA- (sedendo) Sì, ho dovuto sbrigare alcune cose… Non immagina la bile che ho dovuto ingoiare tra la sarta e la modista! Mancano pochi giorni alla fine dell’estate e…

CARL- Già, perché lei ha deciso che dopo ritornerà.

MARA- E sì!…(prende fazzoletto dalla borsa) E’ da giugno che stiamo in campagna e mi pare che basti!

CARL- Anzi! Ammiro la sua resistenza. Tutti gli anni venite a giugno. Così presto?

MARA- No! Questo è il primo anno.

CARL- Mi sembrava!…Sa, una signora come lei in un paesino… Oh, che fazzolettino originale… Permette?…

MARA- (porgendoglielo) Prego…prego!

CARL- Che profumo!… Buonissimo!… Questo è…aspetti: Dama verde!

MARA- Sì, Dama verde!…L’ho usato per tanto tempo, ma adesso…L’ultimo flaconcino l’ho terminato appena due settimane fa!?… Come ha fatto ad indovinare?

                    Scena 4^- Detti e Faustì.-

FAUS- (entra dalla parte opposta a quella della precedente uscita.  Tra Carlo e Fausto si crea un malinteso: Carlo cercherà di mandare via lo zio per indagare meglio, facendogli mimica con la mano di “Vai via!” Fausto, capisce la mimica come: “Falla andare via!” e cercherà il modo per poterla far andare via. Carlo si dispera, contenutamente, del fatto che lo zio gli stia rovinando tutto.)                

CARL- E’ un buon profumo, molto resistente e il fazzolettino… (ridà) ne ha conservato la flagranza!

MARA- Però!…Che naso…che fiuto!

CARL-  (con intenzione) Neanche  immagina cosa riesce a fiutare il mio naso!              

FAUS- (forte) Carlì?...

MARA- Signor Faustì, buongiorno!…

FAUS- Buongiorno!…Chiedo scusa…

CARL- (mimica)

FAUS- (mimica di “ho capito” e poi “adesso ci penso io) Carlì avria bisogno de parlatte…

CARL- (c.s.) Solo un momento e sarò da te!…

FAUS- (c.s.) (a mezza voce) Ce penso io!…

MARA- Oh, ma facciano pure, non si preoccupino per me!   

FAUS- Che ore saranne?

MARA- (alzandosi) Tanto, bisogna che vada…!

CARL- (si alza) Mi dispiace…(c. s.)

FAUS- Dispiace pure a me, ma ho bisogno di parlare a mio nipote…a quattrocchi!

MARA- Ma certo! I complimenti tra di noi sono fuori posto!… Vado incontro a Lisetta e alla signora Albina!… (porge la mano) Signor Faustì…

FAUS- (stringe la mano) Buongiorno!

MARA- Professore…

CARL- (stringendo la mano) Non mi resta che augurarle una buona passeggiata!…

MARA- Grazie!…A presto! (via)

              Scena 5^:-Detti, Roncagliolo e poi Santina.-

FAUS- (appena Mara è uscita) Hai visto, Carlì, con che arte l’ho mandata via?…

CARL- Ma che arte!.. Io avevo bisogno di stare ancora un momento con lei!

FAUS- La chiamo! (corre alla porta)

CARL- Ma no, ormai?!… Possibile che non capivi quando ti facevo segno: (ripetere mimica) “Vattene via, vattene via!”…

FAUS- Me vulevi di': “Vattene via!…” Io evo capito: “Mandemela via, mandemela via!”

CARL- Bhé, si può sapere cosa hai da dirmi?

FAUS- Sai vulevo uffri' al signor….

CARL- Roncagliolo…

FAUS- Orca! Stavo’ che l’avria ditto giusto: me l’hai ditto tu! Te giuro che l’avria…

CARL- Dimmi: dove l’hai lasciato al mecenate?

FAUS- 'Nte terrazzo cu’ Filippa. Se sta a vede el panorama! (indica il lato da cui apparirà Roncagliolo) Oh, ‘ndamo be’, la casa j è  piaciuta!…(andando alla credenza) Chissà s’è ‘rmasa qualche buttija de cul vinello bianco, frizzantino, che hai purtato d'Ancona?… Ecchila! Fortuna che ce n’è 'ncora una…Solo che c'ha l’etichetta!

CARL- Perché nun duvria averla?

FAUS- Sai, je la vulevo ffa’ passa’ cume ‘na buttija de produzio' de la vigna nostra!…

RONC- (appare sulla soglia e poi girandosi verso l’interno ringrazia Filippa) Grazie, sono qui! Grazie tante!…

FAUS- Venga, si accomodi signor Lasagnolo!… Cosa mi dice della casa?

RONC- Bella! Bisogna dire a Cesare quello che è Cesare! (siede) La panoramica è davvero vistosa, spaziosa…

FAUS- E bisogna dirlo?…

RONC- A Cesare.

FAUS- A Cesare! (va alla comune e chiama) Santina?!…Adé je lo mandiamo a dire.

CARL- Ma no, zio!…Guarda che…

SANT- Eccheme!

FAUS- Fa ‘na cosa, de fora ce deve sta un certo Cesare, va da lu’ e j dighi che al signor ….olo la casa j è piaciuta, e, che ha trovato la panoramica molto spaziosa. Curi!

SANTI- Je digo che j’è piaciuta la casa perchè è tanto spaziosa! Curo! (via)

RONC- (che ha riso sommessamente, accompagnato da Carlì, che invece ha riso solo per far piacere a Roncagl)…Uh…uh…Ah…ah!  Che ridicolo!…che scherzevole!…

FAUS- Adesso me deve fare l’onore di bere un dito di vino!

RONC- Grazie ma io…

FAUS- E’ de la nostra vigna!

RONC- Grazie mille, ma sono alquanto astemico!

FAUS- (a Carlì) Cus’è?

CARL- Voleva dire: astemio!

FAUS- Ah scì!…Ma vedrà che bevendo bevendo le passa…(a Carlo) Versa, versa…l’etichetta!…

RONC- Ma io…(ferma con la mano la bottiglia)

FAUS- Questo fa anche da aperitivo, signor Sciacquarolo!

RONC- Bèh, appena una lagrima!

FAUS- L’etichetta…(a Carlì che riempie gli altri due bicchieri)

RONC- (dopo aver bevuto tutto d’un fiato il bicchierino) Stomachevole! Davvero stomachevole questo vino!…Oh, scusate, mi sono dimenticato…di brindisare! (si versa del vino, riempiendo il bicchiere e facendolo cadere nel piattino)

FAUS- Ma nun eva ditto che era astemio?

CARL- Sta zitto!

RONC- Alla salute! (beve tutto d’un fiato con meraviglia dei due)

CARL- Alla sua!

FAUS- Precisamente alla salute del signor Vignarolo!…Allora? Che ne dice?

RONC- Stomachevole, proprio stomachevole!…La palazzina mi piace, sia per la locazione che per la scomposizione dei vani, ma c’è qualcosetta che non va: il prezzo! Il prezzo è esuberante! (si asciuga a lungo le labbra e le mani col tovagliolo)

FAUS- Il prezzo?… J pare troppo?…Manco lu deve di’, signor Tovagliolo. J giuro: ce rimetto!…Mi creda, ci rimetto! Je lo giuro, je lo giuro…je lo giuro... sull’anema de mio genero!

CARL- Il fattore gli avrà detto che il giardino ha un valore? Già la vigna e le piante a frutto…

RONC- Insomma, poche parole e andiamo ai fatti! Se lei non è riluttante a difalcarmi dalla cifra globale (si versa da bere) qualcosa come duecentomilalire: stimoliamo il contratto, anche domani,  così la pratica è esaudita!

FAUS- M’ha fatto venì el mal de testa!…Se ho ben capito, lei signor…olo, vorrebbe levarmi duecentomilalire…No,no,no! Non è possibile! Ci rimetto. Mi creda, ci rimetto! Famo cuscì: 50.000….100.000 e non ne parliamo più!

CARL- 150.000!

FAUS- E no, ci rimetto!…Lo giuro, ci rimetto!…Giuro: pudessi nun vede più a Filippa!…Daje da be’ al signor usignolo…

RONC- Solo una lacrima…

CARL- (riempie il bicchierino e fa cadere del vino nel sottobicchiere)

FAUS- A furia de lagrime  c'è ‘rmaso el tappo!…

RONC- (beve e poi) E va bene per 150.000 lire… Come il parroco: “transita!”.

FAUS- Chi transita?

CARL- “Transeat”! Come dire: acconsento!

FAUS- Allora, Carlì, prepara do' righe…

RONC- Però s’intende a cancelleria chiusa! (ha ancora il bicchierino in mano e con l’altra, accorgendosi che nel sottobicchiere vi è del vino, lo prende e lo beve)

FAUS-Sevole j posso purta’ do’ ova sode e ‘n po’ de crescia!?…Cosa voleva dire: “a cancelleria chiusa”?  

RONC- In lingua povera, vuole dire: si chiudono i cancelli e di quello che c’è dentro non deve più uscire niente! (si alza)

FAUS- Scì, scì…Mobili, stracci, straccetti…tutto!

CARL- Tranne qualche oggetto d’affezione, naturalmente!

RONC- Certo, quello rimane sottointento!…E quei quadri sono pitture del signore?…

CARL- No, no…per carità!

FAUS- Quelli se li vuole, fanne parte della cancelleria!

RONC- Davvero?

CARL- Ma, zio!?…

RONC- Oh, io sono tanto passionista di quadri…Permettono? (va ad esaminare)

FAUST- Altrocché!…Queste so’ delle crostole che abbiamo trovato già qui.

CARL- Zì, ti metti a parlare come a lu'?…Delle <croste>, voleva dire.

RONC- Eppure questa visuale non mi è nuova!..

FAUS- Alé!Sta a vede che scappa fora qualche altro debito!

RONC- Ma sì…Questo è…è…

FAUS- Ma no, è un altro.

RONC- No,no, è…

FAUS- Le dico che è un altro! Le sembra, ma non è! Pensi che questo è nientepopodimeno che…

RONC- Glielo dico io chi è: è quell’avvocato…

FAUS- Ma che avvocato? Questo cu cula faccia lì nun sarà stato manco usciere!…E po’, nun è d’adé, ma de tanto tempo fa!…Si figuri che era parente de Cincinnato.

RONC- Cincinnato?

FAUS- No,no: Belisario!

RONC- Belisario? Il nome l’ho sentito, ma non l’ho conosciuto!

FAUS- Mejo cuscì!

RONC- Peccato, perché se fosse stato l’individuo di mia conoscenza, ci avrei potuto guadagnare delle belle palanche!

FAUS- Guadagna’ soldi?

RONC- Precisamente!

FAUS- In che modo?

RONC- Se è quello di mia conoscenza, io conosco la sorella…

FAUS- No, questo nun aveva sorelle.

CARL- Zio, lascia parlare me!

FAUS- Parla pure, ma surelle nun ce n’eva!

CARL- Lei ha detto: sua sorella?!

FAUS- Nun c’eva surelle! C’eva un cagnolino…Un barboncino…

RONC- Precisamente…e allora avrei offerto i quadri alla sorella; e questa, trattandosi di un fratello, di un sorpassato…

CARL- Trapassato…

RONC- Li avrebbe comprati tassativamente. Non le pare?

CARL- Certo! Sicché questo avvocato aveva una sorella?

FAUS- Ancora ci insistisci? Te digo che nun c’eva surelle!

RONC- Sorella, che è venuta nel mio Emporio, per via che l’estinto aveva provvisto della sua palazzina al Passetto!

CARL- Al Passetto...ed era avvocato?

RONC- E' quell'avvocato che un anno fa si è suicidato personalmente! Adesso il nome mi è fuggevole.

CARL- Adesso comincio a ricordare…

RONC- Aveva l’ufficio in via Cardeto…

CARL - Precisamente.

RONC- L’ha conosciuto anche lei?

CARL- A lui no, ma ho conosciuto la sorella…

FAUS- Arridaje cu’ sta surella! C’eva un barboncino dalmata…

CARL- Dicono che era molto affezzionato a questa sorella…. Io non l’ho conosciuta personalmente, ma mi hanno detto che aveva una villetta bene arredata?

RONC- Si, in un modo lussurioso! L’ho arredata io.

CARL- Al Passetto, vero? E ricorda il numero?…

RONC- Il numero nò, ma ricordo che è una villeta di colore rossiccio, con le finestre a uovo di colore giallo.

FAUS- (che ricorda) Ma quella al Passetto de sto culore è…(lazzi)

RONC- La conosce anche lei?

CARL- Sì! (rimedia) Sa a mio zio gli avevano proposto di comprarla. Comunque, come restiamo intesi per il compromesso?

RONC- Domani, alle cinque, venite nel mio Emporio…in quello di Ancona…sotto gli archi…“Cavalier Leonida Roncagliolo Emporio”.

CARL- Domani saremo puntualissimi: alle cinque spaccate!

FAUS- Domani in Ancona spaccheremo tutto…

RONC- Come?…

CARL- Il minuto! Spaccheremo il minuto.

RONC- (dando la mano) Allora, arrivederci a domani!

CARL- A domani!

FAUST- (stringendogli la mano) A domani signor Barcarolo…

CARL- Di nuovo…

RONC- Nuovamente…(via)

                                Scena 6^:-Detti, poi Albina e Lisetta.-

CARL- Hai capito, zì?

FAUS- Ennà se ho capito!…L’ha mannato a zampe pe’ aria la moje de cul maccarò!…Maccarò lu’? Maccarò io, che nun ho sospettato gnente! Adé se spiega 'gni co'! Cul granturco del marito j purtava el mocculo a la moje e adé j porta i fiori a cul “fregheme-dolce”! Senza sape’ che lu’ faceva parte de la confraternita dei becchi!…Me dispiace solo ‘na cosa…

CARL- Cosa?

FAUS- Che nun lu sa! La prima volta che me capita a tiro je lu digo ‘nte la faccia!

CARL- Ma su, non ne vale la pena!…

FAUS- No,no, je lu digo! Je lu sbatto lì!…

CARL- Ti digo di no!… Non sta bene.

FAUS- Magari je lu digo  “velatamente”! Piuttosto, a Lisetta  je lu duemo di’.

CARL- A lei, sì.

FAUS- Adé preparamo le valigie e cul primo treno: via!…

CARL- Prenderemo il treno delle diciotto!…Tanto ormai cusa ce stamo a ffa’ qui?!

FAUS- Carlì, nun è che c’è qualche treno che parte prima?…

CARL- Credo di no. I treni straordinari ci sono nei giorni di festa!

FAUS- Perché oggi nun è festa?!…A proposito, Lisetta sarà cuntraria a ‘nda’ via de qua?

CARL- Di fronte a questo fatto: penso proprio di no!

FAUS- Uhhhh….che idea!

CARL- Che idea t’è venuta adesso? Sentiamo!…

LISA- (sulla soglia della comune, girandosi verso la madre, che entrerà sul prosieguo della battuta di Lisa) E’ qui!…(a Carlo) Fortuna che dovevi venirci incontro!…

ALBI- De sciguro pe’ colpa de tu padre! Chissà cusa j avrà 'nfrucchiato pe' trattenello cuscì tanto?!

LISA- Lassa sta babbo!…Forse, Carlo non aveva desiderio di…

CARL- No,no…non è così!…Dijelo tu,  zì: sono degno di scuse o no?

FAUS- No!

CARL- Come: no!

FAUS- No, perché non è degno, ma degnissimo! Donne, vo’ manco ve immaginate cus’ha scoperto st’omo chì!

ALBI- Cus'ha scuperto, sentimo!?...

FAUS- Una scoperta de quelle che il signor Cristoforo Colombo, in confronto a lu': pole pijà el cestino e ‘rturna' all’asilo!

LISA- Ce qualcosa di nuovo?

FAUS- S’è scoperto chi era la colombella de tu marito!

LISA- Cosa?

ALBI- ‘Na colomba?

FAUS- A esse' precisi: un “picciò”!

LISA- State zitti e fateme sape’!…Chi era?

CARL- Proprio una tua carissima amica!

LISA- Una mia amica?

FAUS- Scì! Una che chì drento c’eva via libera. Eva pagato el dazio e pudeva bucca' e scappa' cume e quanno vuleva! Nisciù la cuntrullava, anzi era lia che cuntrullava a no’!

LISA- (comincia a capire) Ma allora è…

FAUS- Quella che t’è venuta incontro alla fine de la Messa.

LISA- Mara! (va a sedere)

CARL- Proprio lei! (assume un atteggiamento pensieroso: un braccio conserto al petto e l’altro piegato con mano al mento)

ALBI- (toccandosi la fronte) Dateme ‘na sedia…c’è ‘na sedia?

FAUS- Scì, c'è...Ecchela, ma (gliene porge una) nun la sciupa' ch'è già venduta!

ALBI- (sedendo) Porca miseria!

FAUS- Brava! L’hai ditto: “miseria”! E’ lì che ce stava a purtà: a la miseria! ‘Ncora ‘n po’ e manco le sedie ce ‘rmanevane! Adé però, bisogna sta’ allegri! Su, le teste e guardate il grande scopritore, a Cristoforo…Veramente da la posa me pare Giuseppe Mazzini!

ALBI- Carlì, cume hai fatto?

CARL- Un primo sospetto mi era già venuto ieri, controllando la nota dell’avvocato e da certi oggetti che portava addosso!…Poco fa, mi sono intrattenuto a parlare con lei e ne ho avuto quasi la certezza…Poi, oggi è venuto anche il signor Roncagliolo e da lui abbiamo avuto la prova schiacciante…

LISA- Roncagliolo?

ALBI- Adé chi è chiss’altro?

FAUS- E’ quellu che j ha venduto i mobili (indica Lisa) al suo signor marito, p’arreda’ la casa della tua (a Lisa) carissima amica…

LISA- Ma come? J ha ammobiliato pure la casa a Mara?

ALBI- A Mara-fresca!

CARL- E con mobili di valore!

ALBI- Cu’ c’è venuto a ffa’ quessu? Chi è?

FAUS- E’ quellu che je ho venduto la casa cu’ tutto el terreno!… Se lu' è Cristoforo Colombo, io so’ Amerigu Vespucci! C’ho guadagnato pure qualche centinaio de biglietti da mille!

ALBI- Famme capì…J hai venduto la casa…?

FAUS- …e el terreno! Tanto qui cu ce ‘rmanemo a ffa’?

LISA- D’accordo, ma ‘rturna’ in Ancona…

ALBI- Cu’ quale faccia ‘rturnamo in Ancona?…

FAUS- Cu' quale faccia 'rmanemo qua?

ALBI- C'hai ragiò!

FAUS- Un momento!…Dimme un po’ Raffaello Sazio...

CARL- Ma che Sanzio?..

FAUS- Scusa me so' sbajato: “Tintoretto”...

CARL- Va bene lassamo perde', che volevi di'?

FAUS- Quanno pensi de rturna’ a Nice, Nis?… Nizza: pe’ quelli che nun capiscene el Fransois!

CARL- Perché?

FAUS- A domanda diretta: risposta precisa!

CARL- Prima della fine del mese.

FAUS- Se ‘rcordo be’, m’hai ditto che c'hai ‘n appartamento cu’ otto stanze, è ve’?

CARL- Esatto! Ti pare che dico bugie all’età mia?

ALBI- Cosa? Vuristi 'nda' a sta de casa 'nte ssu posto lì?

LISA- A Nizza?

FAUS- Miga pe' sempre…El tempo de pensa’ cume…Po’ se vedrà!

CARL- Dici davvero, zì?

FAUS- Tu che ne dici?

CARL- Oh, ma per me: figurati!

ALBI- Ma io de Nizza nun cunoscio gnente e nisciù!…

FAUS- Appunto ce ‘ndamo! Nun sai i dolci che fanne…

ALBI- Cume li fanne?

FAUS- A la “san-fason”!…Tu, Lisetta, che ne pensi?…

LISA- (abbracciando il padre) Babbo, babbo, babbo!…Quanto hai sofferto pe’ me? (allontanandosi lo accarezza) Quanto sei caro…

FAUS- Io nun so’ caro…io costo pogo! Culù custava! Adé, però bisogna che nun ce pensamo più! Bisogna sta allegri e cume disse Dante a Beatrice: “Basta, la pace e ‘ntozzo de pa’ pe’ esse’ felice”!

CARL- Io direi: “Pane, Pace, ma anche un po’ d’Amore”!…

LISA- (che sta vicino a Carlo) Se è di quello vero!…(i due si prendono le mani e vanno lateralmente in fondo scena)

ALBI- Hai capito la santarella?!... Vatte a fida' de l'amiche?!... Da no' se faceva vede sempre insieme al marito! A cul becco de prima categoria!

CARL- Zia, pure tu lo chiami così?

ALBI- Cume lu vuristi chiama': pegurò?

FAUS- No, <pegurò> è troppo volgare! E' mejo becco!

ALBI- 'Ppena lu vedo je lu digo 'nte la faccia!

LISA- Mamma!?...

CARL- Non sta bene fare scenate e entrare nei particolari!

ALBI- Ce semo pijati le bastunate e nun ce pudemo manco sfuga'?

FAUS- Scì, ce pudemo sfuga', ma gentilmente. Cume fanne quelli che ragionane.

ALBI- Allora nun j posso dì...

FAUS- Scì, je lu dimo che è becco, ma 'gna' che je lu dimo <velatamente>! Cume quelli che supportane educatamente!

LISA- Secondo me è meglio non frequentarli più!

CARL- Metterli alla porta!

                       Scena ultima: Detti – Bafigo-

BAFI- (appare sulla soglia con ombrello al braccio e una “ventiquattrore” in mano; è contento…) Buongiorno a tutti!…(avanza)

FAUS- Oh, parlami del diavolo e so’ spuntate le corna!

CARL- Zio!?…

FAUS- Velatamente, velatamente!…

BAFI- Signora, come sta?

ALBI- Non tanto bene! (scalda le mani nervosamente)

BAFI- (che ha notato) Ha freddo alle mani?

ALBI- No, anzi! So' belle calde.

LISA- S'è quasi scottata con i manici di una pentola!

ALBI- E, lei come sta?…Sta bene?…Non ha mal di testa?

BAFI- Un po' stanco del viaggio, ma per il resto...

FAUS- Non sente una certa pesantezza?…(accarezza la fronte a Bafigo) E' proprio sicuro?

BAFI- Si!…Come ho detto alla signora: sono un po’ stanco, ma non ho mal di testa! Non lo sento.

FAUS- Ormai non sente più niente signor, Becco-figo!

BAFI- Prego, signor Bafigo e non Beccofigo! Non si sbagli!

FAUS- No,no…Beccofigo, je dò la mia parola d’onore: Becco-figo! Mi creda.

ALBI-  Appena ha un po’ di tempo: vada al Municipio, all’anagrafe e se lo faccia aggiustare…

CARL- Zio, zia?!..

FAUS- Je lu stamo a di’ velatamente!…

ALBI- Me scolti, ce vaga e je dice all'impiegato: guardi, a suo tempo, c’è stato uno sbaglio di trascrizione. Io non sono Bafigo, ma Becco-figo!

BAFI- Non mi piace <Becco...figo>!

FAUS- C'ete ragiò: lassate Becco e levate el “figo”! (tutti ridono velatamente…)

BAFI- Mi creda io continuo…

LISA- Lasci perdere…Piuttosto, cos’ha da dirmi?

BAFI- Abbiamo vinto! Vittoria! Come vede arrivo adesso da Milano…Sono stato a parlare con gli eredi…La tomba vicino a quella del povero Giulio…

TUTTI- (si guardano in faccia…)

FAUS- Una tomba?…

BAFI- Sì. La tomba è a nostra disposizione!

FAUS- Ho nteso be': “nostra”?

BAFI- Beh, sì.

FAUS- Allora ne approfitti! Ce se metta colco!

BAFI- Ma nostra...non per me…Intendevo per la signora!

ALBI- Mi fija je la cede volentieri.… Primo, perché no’ c’emo intenzio’ de campa' ‘n bel po’.

BAFI- Non riesco a capire che affinità c'è tra me e...

FAUS- Cul cacasembula lì?

ALBI- Ma scusi, non era suo amico?

BAFI- Io con Giulio ero...

FAUS- Tuttu 'n culo e 'n par de braghe!

LISA- Babbo, ma che dici?

CARL- (cerca di rimediare) Intendeva dire: amici intimi...indefessi!

ALBI-  Lassa perde! Lu' nun era indefesso, casandomai erimi no' i do'-fessi!

BAFI- Amici inseparabili!

FAUS- E allora la tomba j 'spetta de diritto.

BAFI-  Io e Giulio abbiamo diviso tutto, e digo tutto!…

ALBI- Quindi è giusto che ve spartite pure la tomba!

BAFI- Quello che era mio era suo...

TUTTI- (all'unisono) Ce lu sapemo! Ce lu sapemo...

FAUS- ..signor Becco!

BAFI- (guarda strabiliato, in faccia tutti e poi, andando…) Ho povero Giulio…Oh, povero Giulio! (via)

FAUS- Oh, nun ha capito gnente davé!…

CARL- Però adesso, lasciamo il passato e pensiamo al presente!

LISA- Hai detto bene! C'è da pensare e sistemare tante cose...

ALBI- Essà! Se ce duvemo purta' i mobili...la biancaria...

CARL- Non dovete preoccuparvidi queste cose. La casa è provvista di tutto!

FAUS- Pure del libretto de la pensio'?

CARL- No, riguardo al libretto della pensione: no! Per il resto possiamo andare via anche subito.

LISA-  Alt!...Sto pensando una cosa.

FAUS- No, Lisa, Lisetta nun pensa'!

ALBI- Bèh, adè cus'è 'ssa storia che non pole manco pensa'?

FAUS- Quanno pensa lia me mette paura!Scappa fora calcò de nero!

ALBI- Parla Lisetta e non da' retta a sto sciapo de babeto! Allora?

LISA- E Filippa?...

ALBI- Giusto…e chi ce pensava?

FAUS- Ecchece! Lu dicevo io!? Addio Niche...Nice..

CARL- Nice. (pronunciato:Nis)

FAUS- Nonsi! Questa è sfiga nera, da morto!

ALB- E sta zitto!...Stai sempre a piagne!...

LISA- Carlo, come facciamo?

CARL- Bèh, se proprio non se ne può fare a meno...

ALBI- Co? Io vago in Francia, luntano da tutti, pe' svagamme e nun pensa' a quello ch'è stato e me devo 'rtruva' davante chi me 'rcorda cul...

FAUS- ...Collu storto.

ALBI- (..ripete) Collo storto..

FAUS- (subito) ... bricocculo.

ALBI-...Bricocculo...

FAUS- Cacasembula.

ALBI- ...Cacasembula, che ha trattato a mi fija cume 'na scarpa vecchia? Nun sia mai! E' proprio lia che l'ha cresciuto. Era la serva sua, miga nostra!…

LISA- Come facciamo?

ALBI- Bisogna studia' calcò!

FAUS-(si ricorda) Ce l'ho!“Eccucrepa!”...”Eccufrega!” No...”Eccherecchia!”...

ALBI- Je Madonna! M'è ndato via de testa...Ma cu' voi di'? Ma te senti be'?

FAUS- Nun so' stato mai cuscì be, cume adè! Sta zitta, sennò m'enterrompi el pensiero e me perdo le virgule!...(a Carlo) Carlì, cume se dice? Tu che hai studiato l'<arabo> lu duvristi sape' cume se dice: “E..E..E...

CARL- Voi di' “EUREKA”?

FAUS- Scì, oh! Ce l'evo nte la ponta de la lengua e nun vuleva scappa!

LISA- Potevi dire: “Ho trovato!”

ALBI- A babbo je piace parla' furestego. Pure a me me piaceria tanto a parla' straniera...Carli' pensi che me capiscene?

CARL- Tranquilla zia! Affrontiamo una cosa per volta....(a Fausto) Dicci cosa hai pensato.

FAUS- Il signor Pesciarolo ha ditto che ‘ntel cuntratto bisogna scrivecce a “cancelleria chiusa”, ciué che tutto quello se trova drento casa: mobili, quadri, stracci, straccetti j appartiene, deventa de proprietà sua…? E no’ al signor Pesciarolo je lassamo pure a Filippa!….

TUTTI- (a soggetto si complimentano con Fausto, mentre si chiude il Sipario)

F I N E

Loreto, 03-01-2004.                                                             Paolo   Torrisi

GLOSSARIO

Accada-'N-: Bisogno- Non c'è bisogno che..

Accenno- Segnale...d'intesa.

Adè- Adesso.

Almanco- Almeno.

Amor del conto- Fare la conta...per vedere a chi tocca...iniziare...

Annaulo- Affitto- (casa annaulo – casa in affitto)

 Anco'- Ancora.

Avriane- Avrebbero.

Babano- Fesso- Sciocco...

Bacata- Malata- Marcia- Guasta.

Badavi- Guardare con attenzione, badare...

Bagnoli- Inutili “impacchi” d'acqua.

Balza- “Carico di briscola” (valore più alto di “Briscola” - Asse-)

Bardascio- Ragazzo. Giovanotto.

Becicche- Mucose negli occhi

'Bedisci- Ubbidisci.

Biastimato- Bestemmiato.

Brignoccula- Protuberanza, causata da colpo, battuta, pugno...

Brusciolo- Foruncolo.-

Bruscolini- Semi di zucca.

Bucattò- Schiaffo.

Buccare- Bocca- Buccato- Entrare- Entra- Entrato...                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

Bucculotto- Maccherone. (tipo di pasta)

Bugiò- Bugiardone...grande bugiardo.-

Burbuja'- Borbottare-

Ca’- Cane… Poro ca’- Povero cane…

Caciara- Confusione- Parlare a voce alta fra tutti.

Cagnara- Litigio- Bisticcio.

Cago'- Tipo che si dà delle arie.

Calchidu'- Qualcheduno.

Calco'- Qualcosa-

Calzo'- Calzoni – Pantaloni.

Cambura- Camera.

Canna-foja- Canna de granturco, mais.

Capezzo- Non capire dove è il “principio” o la “fine” = “niente”.-

Capisciò- Saputone.

Capistorno/i- Capogiro/i.

Careggia'- Portare..da un posto ad un altro... Trasportare...

Cegato- Cieco- (in questo caso “chiudere gli occhi: “segno di gioco)

Cenigia- Cenere-

Ceregio- Ciliegio.

Chiuppa'- Battere- ...Chiuppamo- Battiamo.

Ciaccare- Schiaccare-

Ciaccato- Schiacciato – Acciaccato...

Ciaccio- Balbuziente.

Ciambotto- Stupidotto- Sempliciotto-

Ciancico- Mastico- (ridurre in poltiglia, pezzettini...)

Ciauscolo- Salame...morbido. (tipico delle Marche)

Cianchetta- Sgambetto.

Cioccio- Pietra

Cionche- Offese- Malate- rattrappite...

Ciuffulotto- Schiaffo.

Clacchesso- Clacson... (ti suono il Clacson )

Co’- Cosa.

Coccio- Creta.

Colco- Coricato.

Concule- Cozze- Muscoli. Detto marchigiano: “Arridaje a chi vole le concule!”

Crescia- Pizza di pane (senza pomodoro e formaggio: solo farina)

Creso- Creduto- Credere.

Crocchia- Tupé...Capelli arrotolati su, dietro o lateralmente ala testa.

Cruciera- Crociera di croci- (Non “Crociera - nave”) Cruciera”: gruppo di dodici corone da Rosario, lavorate, assemblate, dalle donne lauretane dette “Coronare”.

Cu'- Con.

Cuj- Quei.

Cule- Quelle.

Culia- Quella.

Culù- Quello.

Curatelle- Viscere- Interiora in genere...

Curdo'- Esclamazione volgare... sta per “Curdone”=Coglione.

Dago- Do... (dare)

Daperlu'- Da solo.

Dapervo'- Da soli. (solo voi)

Dapresso- Da solo.

Dimo- Diciamo.

Do'- Due.

Emo- Abbiamo.

Ennà!- Orca!...Guarda un po'?!...

Essà!- E già!...Certo!...

 Esse'- Essere.

Evo- Avevo... (avere)

Fago- Faccio... (fare)

Fantiole- Tremori di corpo. (tremori dovuti ad Epilessia)

Fiotto- Lamento- Brontolio-

Fracco- un Sacco...di bastonate. Tante...

Frinfinellu-Piccolo segno di “briscola” (gioco di carte)

Fuga- Premura -Fretta. (da “Fuggire: Sono andato via di “fuga” = di “corsa”)

Fugaro'- Falò.

Furestego- Forestiero.

Galastro'- Cappone. Gallinaccio.

Galito- Rauco- Con poca voce-

Giaccene-'N: Ghiacciano...diventare fredde.

'Gnà- Bisogna. 

Gnagnera- Lamento- pianto...

'Gne'- Niente. 

'Gnico'-Ogni cosa. Gricilli- Budella- Intestini.

Gnogna- Stupida.

Grasciari- Sporchi...posti sporchi...posti per porci.

'Guali- Uguali.

Gùatti- Gatti. (riferito al pesce “gatto”) Pronunciare gutturalmente “gù...”

Guzzo- Fine- Appuntito-

'Nguezzu- Pratico. ('ngezzu de sti posti = pratico di questi posti)

Imbescigamo- Vescichiamo- (da Vescica, gonfiore, “bolla sulla pelle con liquido..., provocato da “botte” ricevute)

Imbioccare- Addormentare…

 Incaprinita- Interstardita...come una “capra”.

Jezu- Gesù. (esclamazione)

Lappa- Noiosa, pesante... (cosa o, meglio ancora, persona che non si sopporta: noiosa, pesante...)

Lattarina- Bianchetto (larva di pesce)

Lenza- Furbo. (...che tipo furbo = che “lenza”!)                                                                                                             

Lia- Lei e non  nome di persona: “Lia”.

Limo'- Limone-

Line- Lì.

Lora- Loro..

Lu'- Lui.

Lu- Lo.

Luccare- Lucca'- Gridare.

Luccato- Gridato.

Lupi'- Lupini.

Lupo marano- Licantropo (comportamento da lupo)

Luzeno- Fulmine.

Ma'- Mani.

Madò- Mattone.

Mammana- Ostetrica- Levatrice.-

Mammò- Mammone.

Marifresca- Donna di poco affidamento- Si usa come dispregiativo.

Matine- Mattina- (E 'na matine!: esclamazione)

Matre- Madre.

Matrò- Nervoso.

'Mbilla'- Alzare su la cresta. Non ti muovere tanto.

Melancia'- Melanzana- (ti do un “melancia'”: uno schiaffo che ti faccio diventare la faccia viola come una: “Melanzana”)

Melangula- Cetriolo.

Mijanno- Mille anni...che non ti vedo!

Mogia- Malta...fango...poltiglia...

Mojole- Pinze. (caratteristico attrezzo a forma di “pinze” con punte arrotondate, adatto alla lavorazione del fil di ferro usato dalle “coronare”, per le corone da Rosario.)

Mosca-sciò- Via le mosche:  “Nulla da dire sul mio conto”.

'Mappava le zille- Freddo per tutto il corpo... nfredolito...

'Mpastrucchia'- Pasticciare.

'Mpiccia- Occupata da qualcosa... Confusa sul da fare...

'Mpunta'- Balbettare.

'Mpustate- Piazzate...messe...impostate...

Mucchia- Tanto-

Mugelle- Cefali (pesce)

Munelli- Bambini- Ragazzi.

Musciò- Musone: fiume-

Musciuli'- Moscefrino.

'Nciccia'- Piace... Nun m'enciccia= Non mi piace.

Nndrizza'- Raddrizzare. ('ndrizza' la schina=aggiustare in senso negativo: rompere)

'Ngriccia'- Arricciare.

'Nguezzu- Pratico. ('ngezzu de sti posti = pratico di questi posti)

'Necorto /a/ e...- Accorto.

'Nfrucchia'- Inventare.

'Nfuligina'- Arrabbiare.

Ni' o Ninì- Usato come: Oh, bello, te la vuoi capire?... Oh “Ninì”, chi ti credi di essere?

Nisciù- Nessuno.

No'- Noi.

Noja- Solletico.

None- No.

Noneto- Nonno tuo...tuo nonno.

'Ntasata- Tappata- Ostruita.

'Ntrica'- Intricare- imbrogkiare- rendere difficile-

'Nvuricchiata- Intrecciata....Imbrogliata-

'Nzocca- Stordisce.

O'- Avanti....Oltra-

Oltra- Avanti...oltre. (vieni “oltra” . A volte si trova solo una “O” abbreviata da un apostrofo “ 'O”: vieni o'... )

Onne- Onde.

Onnico'- Ognicosa.

Pa’- Pane

Pescolle- Pozzanghere.

Pia – Piedi.

Pina- Piena.

Pipitula- Foruncolo...che viene sulla lingua...che fa stare “zitti”.

Pista…Ari-pista- Ritornare sull’argomento…Continuare a “pestare”…

Pitale- Orinale- Vaso da notte.-

Pole- Polene- Può- Possono.

Per' 'o- Per “uno”... “Un po' per uno”.

Poro-  Povero.

'Porta- Comporta- 'Portare-Comportare.

Prescia- Premura – Fretta.

Purtinnari- Portorecanatesi.

Pustà- Può essere.

Rabbito- Arrabbiato.

'Raccojemme- Raccogliere /...rmi.

Raganella- Rana- Ranocchia.

Ragano- Rospo-

Rancichita- Rancida.

'Rcapezza- Orizzontarsi su una cosa... Non ritrovarsi... Non capire...

'Rinale- Vaso da notte – Orinale.

'Rmaso- Rimasto (rimanere).

Roito- Urlo-

Rumiga'- Ripensare mugugnando... Borbottare...

Quane- Qui.

Quessu /a – Questo / a.

Sa / Sa me / Sa lù-  Con… Con me… Con lui…

Sai- Sei (dal verbo essere) Es. Sai solo-sei solo… (dipende dal significato che acquista nel contesto della frase)

Salva'- Nascondere- Conservare...non in vista...

Saria...Sariane- Sarebbe..Sarebbero.

Sbarillò- A gambe all'aria- (andare oltre il “Sette e mezzo” del gioco a carte)

Sbocca- del “Musciò) Dove sbocca il fiume Musone.

Sbragiulasse...sbragiulare- Arrostirsi (in questo caso:abbronzarsi) ... Arrostire

Scapecciamme- Spettinarmi.

Scappa'- Uscire di casa... (secondo il senso della frase)

Scarpire, scarpisseli- Strappare...strapparseli (si usa perloppiù per i “capelli”)

Scassa'-  Scassare-Cancellare.

Sciagatta'- /...are- Muoversi inutilmente

Sciapata- Sciapo- Stupidata- Stupido- Sciocco...

Scine- Sì-

Sciuccata- Seccata.

Scuffia- Copricapo di lana...può essere usato per la montagna o a letto nelle nottate fredde.

Scunfinfera- da: convincere... Nun me scunfinfera =Non mi convince

Scunucchiamme- Romper-mi-; Ridur-mi a pezzi.- (come una sedia che si rompe sotto un peso)

Sdingula-dandula- Altalena.

Sdogo- Slogo- slogare.

Sdrimbulo'- Convulsioni (ballo di S.Vito)

Sete- Siete. (secondo la frase.  “Sete” es. “Ho sete”o verbo essere: sete bugiardi...)

Sfragno- Spremo- Spremere...

Sgaggiare- Sgaggia'- Gridare.

Sgardaffo'- Uomo brutto, malvestito, malsano...(dispregiativo)

Sgarfagnini- Ladri-

Sgnagnerà- sgnagnerare- Poco piacevole... non gli interessa tanto...di poco gradimento

Sgraffigna-Gratta.

Sj- Sei. (sj stato tu...)

Smateria'- Parlare male...volgare...da matto... (Fuoruscita dal cervello di materiale non consono...)

Sogna-  Grasso animale... (Sogna rancichita = Grasso rancichido)

Spegne- Spegne da: Spegnere.

Spegnemme- Spinger-mi – da:  Spingere  e non “Spegnere”.

Spenta- Spinta- da: Spingere e non Spenta da: Spegnere.

Spi’- Spine. Me tieni su i “spi?”- Mi tieni sulle spine.

Spinarelli- Bollicine che vengono sulla pelle dovute alla “Varicella”.

Squajo- Cioccolata calda.

'Ssa- Questa. (Abbreviazione di: “Quessa” = “Questa” donna)

'Ssu- Questo.

Stago- Sto... (stare)

Storni- Ritorni... Stornare- Ritornare.

Strabaltata- Sottosopra...il cervello- Non capire più niente.

Stracco-Stanco.

Struccava- Spezzava- Struccare può assumere altri significati es. Togliere il trucco.-

Sumenti- Semi (in romano: “Bruscolini”)

Svaga'- Svuotare... .

'Svanza- Avanza...da Avanzare.

Tajuli'- Tagliatellina- (tipo di pasta:Tagliatelle)

Tigna- Testardaggine.

Tizzo'- Tizzone -Pezzo di legno infuocato (da camino...) -

Totulo- Ciò che rimane di un “mais” dopo ch'è stato sgranato.

Trusmarì- Rosmarino.

Vago- Vado... (andare)

Valtri- Voialtri.

Vento- Vinto.

Vo'- Voi.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

Velle- ...in “velle”- Da nessuna parte...In nessun posto...Per niente...

Vuria- Vorrei      

Zanzule- Ciabatte.

Zero garbunella-  ( modo di dire )  Zero completo, tagliato... Nulla nel modo più assoluto-

Zompene- Saltano- Zompare- Saltare.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno