Cumo ce capimo se manco ce parlamo?

Stampa questo copione

CUME CE CAPIMO SE MANCO CE PARLAMO?

farsa in tre atti di

PAOLO TORRISI

                       

Personaggi                                                         

PORFIRIO BELLAVISTA                                   imprenditore

LAILA                                                                 la fija

CHICCO                                                            el fijo

ZENOBIO                                                          el cugnatu

EUFEMIA                                                          la vicinata

DOLORES                                                        la rimpatriata

MEMO                                                              el ganzo de Laila

TITTI                                                                 la ganza de Chicco

ZUZU’                                                               l’amicu de lora

BISOGNETTI                                                   la psicologa

PIO ABBAGLI                                                  el maresciallo                                             

                         §§§§§§§§§§§§§§§

                         La scena è unica per tutti e tre gli atti e vuol essere un tinello-soggiorno.

In fondo a destra vi è la Comune o entrata principale – In fondo a sinistra vi è una porta a vetri che dà nel giardino esterno – Lateralmente a destra una porta che immette nelle camere dei ragazzi e di fronte un’altra che immette in quella dei genitori – In alto e laterale a sinistra vi è un arco che porta in cucina ed altri servizi secondari.

PRIMO ATTO

                 E’ un sabato pomeriggio, e, all’aprirsi del sipario i Bellavista stanno seduti: Porfirio legge il giornale…Zenobio rammenda dei calzini…Chicco e Laila parlottano….

 

SCENA 1^ - Porfirio-Zenobio-Laila-Chicco.

LAILA       - (sottovoce) Chicco, dijelo tu…daje!

CHICCO   - (sottovoce) E cusa so’ mattu?!

PORFIRIO- (infastidito) Ssssccccc!!!!…(continuando a leggere il giornale, che tiene molto vicino al naso per i forti problemi di vista)

ZENOBIO- Ssssccccc!!!!…. (come il cognato, ma più bonariamente)

CHICCO -   E chi ha operto bocca!?…(a Laila) L’hai ‘nteso? A mumenti me la facevo addosso!

LAILA     - E tu dighi che sai ‘n omo?….Je lu vojo raccunta’ a Titti.

CHICCO - No, nun jelu dì, che adé ce parlo sa babbu…Babbo, io e Laila…

PORFIRIO- Scccccc!!!!!….Allora nun ce semo capiti! Devi sta’ zitto, l’hai capito o no?

CHICCO  - Scì, scì….ho capito!…(tra sé) Ennà se ho capito!…(a Laila) Sai cuntenta adé?

ZENOBIO- Oh! Nun lu dovete disturba’ a babeto…Nun lu vedete che sta a legge’ ?…(a Porfirio) Cusa stai a legge’ le quotazziò in borsa?…La lira cume sta?…’Ndo’ sta la lira?

PORFIRIO- Ssssccccc!!!!! Sta zittì….te ce metti pure tu?….e cusa sai un munello? Cj ho bisogno de silenzio…me devo cuncentra’ pe’ ‘rcurdamme be’ quellu che leggo!

ZENOBIO- E te lu ‘rcurderai!?… Te lu stai a magna’ e hai paura de nun ‘rcurdatte?

PORFIRIO- Sssscccc!!!! Basta! Ce semu capiti?

ZENOBIO- Ce semu capiti ? Pe’ gnente!…I bardasci te volene parla’.

PORFIRIO- Imbé? Nun ce poj pensa’ tu?

ZENOBIO- Essà, cj ho da pensacce io!…(rassegnato, verso i ragazzi) Diteme, cu’ vulete?

LAILA     - E’ possibile che duemo parla’ sempre sa te e sa lu nun ce pudemo parla’ mai?

ZENOBIO- E’ l’istessu se lu dite a me.

CHICCO - Nun è l’istesso! So’ cose….

PORFIRIO- (urla) Basta! Ce semu capiti?

ZENOBIO- ( s’è messo paura) Madonna mia !…Me so’ cugito ‘n deto! (succhia la fuoruscita di sangue)

I RAGAZZI- (pure loro si sono messi paura)

PORFIRIO- ( che si è alzato ) Nun se pole legge ‘n santa pace!….Tuttu ‘n borbottio: bara-bà, bara-bà, bara-bà…

CHICCO  - Ba-bà?!…(dare l’idea della marcetta di Strawisky)

PORFIRIO- Uhè! Screanzato: cus’è me fai la musica? Sfotti pure?

LAILA     - No, babbu, è che s’è meso paura e…(guarda Chicco) e feniscetela da trema’!

ZENOBIO- Sa cul grido hai meso paura pure a me!

PORFIRIO- Vago de là!…Famme ‘nda’ !

ZENOBIO- ‘Ndo’ vai ? Sta ‘n po’ a sentì quellu che volene.

PORFIRIO- ( che aveva accennato dei passi: si ferma)

ZENOBIO- Su, parlate!

LAILA        - Babbu, no’ vulemi….

PORFIRIO- No!

CHICCO   - Ce servene i soldi pe’…

PORFIRIO- Fateveli dà da zio!

ZENOBIO- Vedu che allora lu sai ‘ndo’ sta la lira!…

LAILA      - Ba’, c’emo un problema da risolve’ e allora te vulemi chiede….

PORFIRIO- Nun cj ho tempo da perde’ a risolve’ i problemi dei bardasci…Me bastene i mia: quelli de la fabbrica!

ZENOBIO- E jutali!

PORFIRIO- Jutali tu! I problemi familiari l’hai da risolve’ tu. Sei tu che je fai da madre…Vagu a durmì ‘n pughettu e a chi me disturba: je ‘rriva ‘na ciavattata! Ce semu capiti?… (si avvia : inciampa, sbatte contro sedie, sta per cadere, ma alla fine riesce ad entrare in camera e da fuori scena si sente rumore di sedie cadute e…) Chi è che mette le sedie ‘ntel mezzo del corridoio ?

ZENOBIO- E po’ dice che ce vede be’ pure senza lenti!…Menu male che oggi pomeriggioje danne quelle a contatto!…Jezu!…Su, dite tuttu a mamma…ciuè a zio!

LAILA     - Zì, scusacce, ma a no’ ce saria piaciuto, ‘na vo’ ogni tanto, parla’ sa babbu.

CHICCO- Essà, so’ cose da omini!

ZENOBIO- Bruttu mucculò scriteriatu, guarda che io te fago da madre, ma ‘rcordate sempre che prima so’ omo…po’ zio e alla fine madre!

CHICCO - Vulevu dì…

LAILA     - Zì, Chicco nun te vuleva offende, ma pure a lu je saria piaciuto parla’ sa babbu. Dacché è morta mamma, hai presu el posto sua…fadighi cume ‘na serva…e pe’ bada’ mejo a no: hai lassatu che la fabbrica tua la gestisse babbu! Pe’ no’ hai meso da parte ogni co’: amici….divertimenti…e se nun sei spusatu forse è pe’ causa nostra! Lu sapemu che tu fai de tuttu pe’ capicce e cumprende’, ma è da lu che vulemi esse capiti e compresi. E invece…

ZENOBIO- (s’è commosso)

CHICCO  - Zì, cu fai?…Piagni perché t’ho dittu mamma?

ZEBOBIO- Chi piagne?…Io, piagno?…Io so’ forte all’emozioni!…(si asciuga gli occhi) E’ tutta colpa de ste calzette….A tu padre i piedi je puzzane de cipolla…e allora…(tirando fuori il portafoglio) Su…quanto ve serve?

CHICCO  - I soldi pe’ un panino gigante e ‘na bibita…questo pe’ oggi. Pe’ duma’ ‘nvece: quelli pel cinema e pe’ la pizza!

ZENOBIO- Ve bastene dieci palanche per’o’?

LAILA    - Grazie, zietto, so’ anche troppi! (prendendoli)

ZENOBIO- I quadrì nun so’ mai troppi e ve ne ‘curgerete in seguito! Bisogna tenerli da conto e sparagna’…cume disse la formica alla cegala!…Ma cu’ c’evi da dì de tantu ‘mportante a babetu?

CHICCO  - C’emo ‘n amicu sa ‘n problema grossu quantu ‘n palazzo e no’ lu vulemi juta’ e allora…

LAILA     - …E allora, a babbo, je vulemi chiede el permesso de ‘nvitallo a pranzo, pe’ pudeje parla’ mejo…cunsija’…cunsula’…

ZENOBIO- Pe’ me lu ‘nviterei pure a culazziò e cene, ma me sa che babbo…

CHICCO   - Je l’ho dittu pure io che a babbu nun je saria sfagiolatu tanto!

ZENOBIO- Babbo nun è cattivo…è nervoso!…Forse pe’ via dej ‘nteressi…Bisogna cumprendello…A vo’ ve manca la mamma e io fago de tutto pe’ sostituilla, anche se nun basta, ma a lu je manca la moje e ve giuro che io nun fagu proprio gnente pe’ sostituilla…Parlateje ‘n antru giorno, magari sarà mejo!

CHICCO   - ‘Ndamo Laila, che famo tardi!

LAILA      - Scì, ‘ndamo. Ciao, zie’! (bacia e via)

ZENOBIO- (versol’uscita) State ‘ttenti sa chi ‘ndate, me raccumanno!(ritornando verso il centro scena e rimettendo in ordine le sedie, qualora stessero in mezzo alla scena) Digo,io, cusa ce vuleva a sgambia’ do’ parole sa i fiji?…Eh, cara sorella! Eh, cara Dumitilla, perché sai ‘ndata e m’hai lassatu dapermé?…L’hai sentiti? Vulevane parla’ sa tu maritu, ma lu è bisbeticu…scleroticu! “Zitti!…Ssssccc…boni!…Cj ho da fa’!….So’ straccu e devu ripusa’!…Zitti, ce semo capiti?”…E ce saremo capiti! Ma cume famu a capicce se mancu ce parlamo?…Oggi i fijoli cj hanne bisogno de dilalo…de digalo…insomma, de parla’ e lu ‘nvece pensa solo al lavoro, lavoro e lavoro!  CAMPANELLO Chi pole esse’ a st’ora chì? CAMPANELLO (guarda l’orologio) Nun so’ manco le do’…e chi pudria esse’? CAMPANELLO Ennà, che prescia! (avviandosi) Chi è?

SCENA 2^- EUFEMIA-DOLORES

EUFEMIA- (da fuori) So’ io: Eufemia!

ZENOBIO- E’ cula pallosa de ‘Ffemia!…’Ssa sfacciata fa la corte a mi cugnatu sa la scusa che je serve sempre calcò! CAMPANELLO (avviandosi) Eccheme!…Eccheme! (ritornando verso il centro scena seguito da Eufemia e Dolores) Cus’è ce sai ‘rmasa ‘ttaccata sal deto?

EUFEMIA- Ce l’hai fatta a oprì?…E’ mezz’ora che sono!

ZENOBIO- E io è mezz’ora che ballo!…’Ndamo pe’ le corte…Cusa te serve oggi?…Trusmarì…ajo…cipolla…? Cusa te manca?

EUFEMIA- El peperuncì, ma me poj da’ ‘n pezzetto de la lenguaccia tua, ch’è uguale!…Nun me manca gnente. C’è bisogno da mustrasse cuscì acidu davante a ‘na persona straina?

ZENOBIO- (secco a Dolores) Me dispiace! ( a Eufemia) ‘Nsomma cu’ voj?

EUFEMIA- So’ venuta pe’ fa’ conosce a te e a Purfirio, st’amica mia.

ZENOBIO- Sbajo o lei nun è de ste parti?

EUFEMIA- E’ de qua…E la fija de Vittò Serini…

ZENOBIO- Chi, Vittò Peracotta?

EUFEMIA- Scìne!

ZENOBIO- El ferroviere?

EUFEMIA- Ari-scìne!

ZENOBIO- Quellu chè statu trasferitu a Fabria’?

EUFEMIA- Precisamente!…Te presento Dolores…Dolores, questo è Zenobio!

ZENOBIO- Piacere!

DOLORE- Sono, felice, felice, felice di conoscerla, o meglio di rivederla! Avevo 15 anni quando babbo è stato trasferito e ricordo che lasciai…(nome del Paese) con le lacrime agli occhi…Continuai i miei studi a Roma, presso le Orsoline, senza più far ritorno qui…Ma è stato come se non mi fossi mai allontanata, perché Eufemia mi scriveva ogni settimana, aggiornandomi sulla vita del paese…della gente e dei cambiamenti vari…Nelle sue lettere mi parlava spesso di Porfirio, ma non mi ha mai parlato di Lei…! (fa occhi dolci a Zeno)

EUFEMIA- E dì qualcosa!

ZENOBIO-(tra i denti) Ma cu’ volene da me ste megere?

DOLORE- Come ha detto, prego?

ZENOBIO- Digo: sete venuta in visita de piacere?

DOLORE- No! Penso che ormai dovrà vedermi spesso. Ho vinto un concorso per fisioterapista all’Istituto Santo Stefano di Porto Potenza.

EUFEMIA- Pensa, su tremila concorrenti…

ZENOBIO- Ha vento propiu lia!

EUFEMIA- Cuscì è venuta a abita’ sa me.

ZENOBIO- (a denti stretti) Prima era una, adé so’ do’!

DOLORE- Come ha detto, scusi?

ZENOBIO- Dicevo che nun ho capito cusa ha vinto!

DOLORE- Un posto come fisioterapista….Ma perché evita il mio sguardo?…Come mai?

EUFEMIA- Perchè nun je rispondi? Guarda che Dolores….

ZENOBIO- De panza!…(forte) Nun cj ho tempu da guarda’ a fisciù! Cj ho ‘n saccu da ffa’…Me voj dì cusa voj?

EUFEMIA- A Purfirio. Ce lu  poj chiama’?!

ZENOBIO- Scì, cume nò!…Proprio adé è ‘ndato a durmì e nun me vojo pija’ ‘na ciavattata! Turnate più tardi…

EUFEMIA- Su,su, svejalo che el letto invecchia! Svejalo ch’è primavera e un omo ha da esse’ pimpante, nun se pole imbioccare! E’ vero Dolores?!

DOLORE- Certo! Il sole caldo d’Aprile scalda il corpo e lo rende vibrante…Ma perchè non mi guarda, scusi?

ZENOBOIO- Aripista lì, oh!… Adé ve lu chiamu! (andando) M’hanne fattu ‘na testa cuscì(mimica)… (si gira) Metteteve a sede ! (andando) A lia guardo, séh!…(via)

SCENA 3^- Eufemia- Dolores

DOLORES- Che tipo!…Sai che non me lo ricordavo?!…Non capisco perché vuole fare il sostenuto! Pare che lu fa apposta a rendesse antipatico!…

EUFEMIA- Prima nun era cuscì…anzi! Se pole dì ch’era el gallo del paese…E cume ce sapeva fa’! Poi…

DOLORE- Poi?…

EUFEMIA- Poi, la morte de la sorella l’ha gambiatu completamente: la fabbrica sua l’ha mesa ‘nte le ma’ de Purfirio e lu è voluto ‘rmane a casa a bada’ ai nipoti e adé ecchilu lì daperlù: acidu cume a tutti i zitellò!

DOLORE- Però un certo fascino ce l’ha ancora!…E cul modo de fa’, brusco, lu rende più affascinante!…Però!?….Sì,sì!….certo…certo…certo!

EUFEMIA- Se pole sape’ a cusa stai a pensa’?

DOLORE- A come sposarlo!

EUFEMIA-  A quessu ce pensi dopo, adè bisogna sistema’ la facenna mia! T’ho purtata qua pe’ jutamme a fa’ capì a Purfirio che so’ la donna che fa per lù!…Che nun pole cuntinua’ a anda’ avante senza ‘na donna!…Che ‘n omu all’eta sua….

DOLORE- Eccetera, eccetera, eccetera…! Ho capito, ma cj ho da pensa’ pure pe’ me e miga vojo ‘rmane zitella! (ritorna a ragionare da sola) Si,si,si,si!…Con due o tre sedute lo metterà a posto, lu fa ‘rturna’ cume prima e me lu sposo!

EUFEMIA- Uhé, famme capì cum’è che lu metti a sede e po’ te lu sposi? A Fabria’ cu’ cete sedie speciali?

DOLORE- Ma cusa hai capito? Quali sedie? Parlo di sedute e non de sedie! Sedute scientifiche, mediche. In Istituto ho simpatizzato con una psicologa, siamo diventate subito amiche:Onorina Bisognetti!…Lo ipnotizzerà e lo farà parlare, parlare, parlare…je tira fora tutto quello che ha dentro…lo libera e lo fa ritornare com’era prima del trauma!

EUFEMIA- Ma perché nun me l’hai dittu prima che cunuscevi a custia? Capirai! A st’ora era già da ‘n pezzu che a Purfì l’evu meso a sede…anzi l’evu già slungato!…Cume famu pe’ falla venì?

DOLORE- Posso pruva’ a telefuna’!…

EUFEMIA- Là c’è el telefono!…Fa cume se fussi a casa mia, perché ormai sa st’amica tua è cosa fatta!

DOLORE- (facendo il numero) Speriamo di trovarla ‘n casa!…Pronto, c’è la Dottoressa?…Ha, sei tu? Ciao, sono Dolores…Senti mi trovo a casa di un’amica…o meglio di amici e avrei bisogno di un favore….Dovresti venire a visitare uno dei miei amici…No, non è urgente…

EUFEMIA- (s’intromette) Cume nun è urgente? E’ urgentissimo!

DOLORE- Niente, era la mia amica…Mi pregava di dirti di venire subito, sempre se non hai altri impegni!…A (paese)…Precisamente in via….(chiede all’amica con mimica)

EUFEMIA- Via Cinquesvanzuiche, 21.

DOLORE- Via cinquesvanziche, 21. Si, vai pure, ti aspetto!…(a Eufemia) E’ ‘ndata a prende’ carta e penna!….Si: 21…Signor Porfirio ….

EUFEMIA- ….Bellavista!

DOLORE- Bellavista…Te lo posso solo accennare: questo Porfirio Bellavista è vedovo e piace molto alla mia amica, ma lui vuole rimanere fedele alla moglie….Esatto! Mentre a me piace il cognato di questo Porfirio, che invece è rimasto scioccato dalla morte della sorella…Ecco, io desidero che tu incominciassi delle sedute per sbloccarli…per tirargli fuori tutto…

EUFEMIA- Tuttu nò! Dije de lassaje calcò!

DOLORE- Il mio è uno schianto !….Avrai modo di vederlo!…Ciao!…Ti aspetto!  (abbassa la cornetta) Viene subito!

EUFEMIA- E pensi che custia ce riesce a cunvence a cula testa dura de Purfì?

DOLORE- Basta convincere Zenobio!

EUFEMIA- Essà! Basta che sai a posto te!…

DOLORE- Dimmi: chi fa le faccende domestiche in questa casa?

EUFEMIA- Zenobio.

DOLORE- E se per caso Zenobio si sposa chi dovrà farli?

EUFEMIA- Purfì. (che ha capito) Già, è vero! Se Zenobio se sposa, de quenzequenza se duvrà spusa’ pure Purfì!….(le donne ridono, perché contente della trovata)

ZENOBIO- (rientra tenendosi con la mano la fronte e con smorfia di dolore) Ridete, ridete, e io ‘ntanto pe’ colpa vostra me so’ preso ‘na ciavattata ‘nte la fronte!…Adé ‘rriva!…El tempu de dasse ‘n’a sistemata.

DOLORE- (gli si avvicina) Poverino!…Dove l’ha preso?…Fatelo vede’ a Dady…Su, fateglielo vedere!…

ZENOBIO- A chi?

DOLORE- a Dady.

ZENOBIO- E chi è quess’altra?

DOLORE- Ma sono io, Dolores…: Dady! Chiamatemi Dady. E adesso fatemelo vedere…(cerca di togliergli la mano dalla fronte)

ZENOBIO- (rifiutandosi) E cume ve ne va?….Nun fagu vede gnente a fisciù!…Cj ho da fa’…cj ho da fa’! (uscendo verso la cucina) A lia lu facevu vede!…

DOLORE- Uuuhhh! Com’è misterioso!….(con sguardo verso la cucina) Ma presto saprò tutto dite!…( a Eufemia) Mi piace sempre di più!

EUFEMIA- (che sente dei rumori) Me sa che ‘rriva qualcuno..saranne i monelli…

SCENA 4^-Detti-Chicco-Titti-Laila-

LAILA    -(entra seguita da Chicco e Titti)  Bigì!…

CHICCO- Bigì!…

TITTI   - Bigì!

DOLORE- Bigì?….

EUFEMIA- Che saria “buongiorno” abbreviato: “bi” buon e “gì” giorno!…Sti bardasci de oggi parlane pogo pe’ nun stancasse…Se stancane senza fa’ gnente…La gioventù de oggi nasce stanca!

CHICCO- Propiu cuscì: “ Nasce stanca e vive pe’ ripusa’ ”!

DOLORE- Gli ci vorrebbero delle sedute psichiche.

LAILA   - Chi è sta signora cuscì sapiente?

DOLORE- Prego, precisiamo: signorina!

CHICCO- Me l’immaginavo!

TITTI   - Di che sedute parlava?

EUFEMIA- La signorina è ‘n’amica mia d’infanzia: Dolores Forte!

CHICCO – (accennando dei passi di “samba” sul posto e cantando)

AHIAHIAI! CHE DOLOR

CHE DOLOR GIU’ PE’ LA SCHINA

ME LI SIENTO LA MATINA

AHIAIAI CHE DOLOR!

                  E’ spagnola la segnorita?

EUFEMIA- None! E’ de qua, ………., solo che manca da tanti anni…Adé è ‘rturnata pe’ sempre. Lavora al Santo Stefano, cume fisio…fisio…

DOLORE- Fisioterapista. Fisioterapia, psicomotricità, insomma: rieducazione al movimento…Riattivo i muscoli.

CHICCO- Ennà cume parli difficile!…E dì che ricarichi le batterie! (va a sdraiarsi dul divano) Segnorita Addolorata, rimetteteme in moto, che el mutore che me s’è ‘ncrippatu!

TITTI   - Alzate e fa meno lu sciapu che c’emi altre cose da pensa’!

LAILA  - (riferendosi al fratello) Ma cu’ cj hai truvatu ‘nte stu pajacciu?

TITTI  - (con sorriso d’amore) E’ giusto, uhaù! E’ tosto, uhaù!…

LAILA – E’ tonto, uhaù!

CHICCO- (che s’era già alzato) Tonta sarai tu!

EUFEMIA- (con autorità) Adé nun cumenciate a fa’ cagnara! La colpa è de vostro zio che ve le dà tutte vente!…Se c’eru io al posto sua…

LAILA  - Sai le risate che ce facezie!

DOLORE- C’è poco da ridere! Qui, mi sembra, che chi dimostra d’ave’ ‘n po’ de cervello è lui! (indica Chicco)

CHICCO- La segnorita scì che se ne intende! La roba bona la sa cumpra’!

DOLORE- S’era sdraiato perché aveva capito d’avere le batterie scariche, mentre voi non vi siete ancora accorte che dovete ricaricare le batterie al cervello. Fatevi analizzare da una buona psicologa.

TITTI  - Senti,senti la signorina “sei gennaio” che vole che ce famo ffa’ l’analisi e cus’ è d’accordo sa la mutua? (l’ASL di oggi)

EUFEMIA- Basta! Nun pudete manca’ de rispettu a ‘n’amica mia e fisioterapista pe’ giunta!

CHICCO- Cus’è, adé cj hai pure la “giunta” ? Prima era daperlia, adé cj ha pure la “giunta”! (risate dei ragazzi) Semo a posto: nun je manca più gnente!

TITTI  - Sai tutta scienza, passerottu mia!

EUFEMIA- Nun pudete manca’ de rispettu a persone più grandi de vo’!

CHICCO- Dite pure: “matusa!”

LAILA   - “Sapiens!”

TITTI   - “Arterie!”

DOLORE- Matusa?

CHICCO- Ciué: vecchie cume el cucco!

EUFEMIA- Sapiens?

LAILA  - Ciué: ai tempi de le caverne!

DOLORE- Arterie?

TITTI   - Ciué: arteriosclerotiche!

CHICCO- (che ha visto ad ogni traduzione di parola le due donne inorridire dalla rabbia)…Gente, oprite le finestre che tra pogo scoppiane! (verso la cucina) Zì?…

ZENOBIO- (da dentro) Che voj?

CHICCO- Porta do’ camomille pe’ le signorine, che polene svenì!

EUFEMIA- Nun te preoccupa’ che nun svieno e ce avria ancò la forza da datte do’ schiaffi! Me dispiace che…

LAILA- Che nun sei nostra madre, è ve’? L’hai già ditto tante altre volte!

DOLORE- Non la sopportate proprio…che vi ha fatto di male?

CHICCO- Gnente! Ma nun je sta be’ mai gnente de quellu che dimo e de quellu che famo…’Ndamo ch’è mejo! (esce in camera)

LAILA  - (all’amica) ‘Ndamo che qua nun concludemo gnente!…(alle signorine) … Ciao, “Risorgimento!” (via)

TITTI  -  (segue Laila, ma prima di entrare si gira verso le due donne rimaste esterrefatte,che cercano di parlare,senza però riuscirvi per la rabbia) E salutatecce a Garibaldi! (via)

SCENA 5^- Eufemia-Dolores-Zenobio.-

EUFEMIA- Screanzati! (lanciandosi verso la camera dei ragazzi, ma viene fermata da Dolores)…Nun se parla ‘nte stu modo!…

DOLORE- Lascia perde’…Nun vale la pena!

EUFEMIA- Centenaria a me!…M’ha dittu: “arteria”!…(verso la camera) ‘Ppena ‘rriva vostro padre je lu digo!…

DOLORE- E invece nun je dici niente, se nò lo innervosisci!

EUFEMIA- (calmandosi) Cj hai ragiò!…

DOLORE- E’ stata anche un po’ colpa nostra…Ce lo siamo voluto noi! Capisco che non avrei dovuto parlare di psicologa…Avremmo dovuto cercare di capire il loro linguaggio…cercare di dialogare con loro! In fondo sono buoni.

ZENOBIO- (entra con vassoio) Qua ce so’ le capumille!(poggia sul tavolino) Purfì ve sta entene…ve sta attenen…’nsomma, ve ‘spetta ‘ntel giardì! La capumilla, se vulete, ve la bevete ‘ntel giardì!

EUFEMIA- Hai ‘nteso: ce ‘spetta ‘ntel giardì…Cum’è rumanticu!…?Ndamo! (esce non seguita da Dolores, ma rimarrà, di spalle, sulla soglia esterna della porta a vetri)

DOLORE- Lei non viene?

ZENOBIO- No! Io nun vojo deventa’  reumaticu!…Le panche so’ ‘ncora umide de la notte!

EUFEM0IA- (rientra e sulla soglia) Vie’, che me ‘spetta! (esce di nuovo)

DOLORE- E un attimo!…(a Zeno)…Certo, l’umidità fa male! Come avete ragione, come avete ragione, come avete ragione!…

ZENOBIO- Anche perché cj ho ‘n pughettu de sinovite ‘nte la testa e nun vuria complicanze.

DOLORE- Come avete ragione, come avete ragione, come avete ragione! Ma noi staremo in piedi, non ci sederemo!        

ZENOBIO- Cj ho da fenì dei lavori ‘n casa…C’è sempre da fa’…

DOLORE- Come avete ragione, come avete ragione, come avete ragione!

ZENOBIO- Le cose o le fagu io o nun le fa fisciù! (precedendo Dolores) Cume cj ho ragiò, cume cj ho ragiò, cume cj ho ragiò!

DOLORE- E già!..Come avete ragione!

EUFEMIA- (rientrando) Daje!…Nun me ce fa’ ‘nda’ da sola!…(ritorna verso i due) Te prego!…

DOLORE- La prego, la prego, la prego! (le si aggrappa ad un braccio)

ZENOBIO- Ma cusa vole da me?

EUFEMIA- (prendendogli l’altro braccio, cercano di portarlo verso l’uscita) E daje!

ZENOBIO- Ma se pole sape’ cusa vole?

DOLORE- Sono assetata!…

ZENOBIO- E pijateve la capumilla!

DOLORE- E’ tutt’altra sete!…Non lascatemi sola!…

EUFEMIA- Nun la lassa’ sola!…’Ndamo che Purfì ce ‘spetta!

DOLORE- Che dirà vostro cognato se non ci vede?

ZENOBIO- Gnente, c’è bituatu! Però oggi je danne le lenti bone, cuscì ce vedrà.

EUFEMIA- E ‘ndamo no’ sole!

DOLORE- Ma volevo essere accompagnata dal signor Zibì!

ZENOBIO- Oh, l’ete truvatu finalmente chi ve ‘ccumpagna ‘ntel giardì? Io vago in cucina!

DOLORE- Ma siete voi Zibì!…Zenobio: Zibì! Non è più carino?

ZENOBIO- A me me sa de cretino!…Nun me chiamate cuscì, che po’ ‘n paese me sfottene tutti!

PORFIRI- (da dentro) Insomma, vulete venì? Vojo sape’ perché m’ete svejato!…

EUFEMIA- ?Rrivamo!…?Rrivo!…(spingendo Zeno per le spalle) Vieni sa me!…

DOLORE- (imita l’amica) Vieni sa no’!

ZENOBIO- (recalcitrando uscirà, naturalmente dopo vari “no…no…”) Uhè! (si libera dalla presa delle donne) Lassateme!…M’ete sbracatu tuttu!…Ce vieno…ma state bone sa le ma’!…Nun me tuccate che ardu…So’ un vulcanu de quelli che cova sotta!…(esce seguito dalle donne, che ammiccano contente)

SCENA 6^- Chicco-Titti-Laila, poi Zuzù e poi ancora Memo.-

LAILA-     Buccate che so’ ‘ndati via!…Chicco, telefona a casa de Zuzù!

CHICCO- Le fadighe più grosse le fate fa’ sempre a me!

TITTI  - (toccandoglii bicipiti) Sa sti muscoli che te ‘rtrovi, nun me dì che te mette paura a tirà su la curnetta!? E daje, Sansoni mia!

CHICCO- E va be’! (tira su la cornetta e fa il numero)

TITTI   - Pe’ me nun è a casa….Sarà da Memo!

LAILA  - Se era da Memo, ce telefonava!

CHICCO- Pronto? So’ Chicco, c’è Zuzù?…(fa cenno alle due, che non c’è) Je pole dì che lu stami a ‘spetta’ a casa mia?….Va bene!…Scì, ‘ppena ‘rriva je lu digo…Buongiorno e grazie! (riponendo la cornetta) A casa nun c’era e la madre è da do’ ore che lu ‘spetta: l’eva mannatu a cumpra’ la panna pel dolce e ancora nun je l’ha purtata!

TITTI   - Se la sarà magnata pe’ strada!

LAILA  - Sa cula  fame eterna che se ‘rtrova!…Cj avrà el vermine solitario! Però a no’ de Zuzù e de la panna nun ce deve ‘mpurta’ più de tanto. A no’ solo de Memo ce deve ‘nteressa’!…Ha dittu che vole pure smette’ de studia’! Cj ha ‘na crisi esistenziale!

TITTI  - Speramo solo che sia ‘na crisi dell’età!

CHICCO- Che età che famo tutti la stessa classe?

LAILA   - Tu sei do’ anni più vecchio de no’.

CHICCO- Ma fago la stessa classe vostra!

LAILA    - La fai perché t’hanne bocciatu do’ volte.

TITTI    - S’è fattu boccia’ apposta…pe’ pude’ sta ‘n classe sa me! V’e’ Chicchettu mia?

CHICCO- Scì!…Però ‘ssa crisi che hai dittu tu: io nun ce l’ho mai avuta.

LAILA   - Tu sai tuttu ‘na crisi!

TITTI   - nun diteme che vulete fa’ cagnara proprio adé!…Cume pudemo juta’ a Memo se nun c’è la calma manco tra de no’?

LAILA    - Cj hai ragiò, bisogna ‘rmene calmi!

CHICCO- Boh? Memo, però, cj ha dittu che nun vole esse’ mutato.

LAILA   - E ‘nvece no’ lu duemo juta’ lu stesso perché è amico nostro.

CHICCO – Ma guarda te! Propiu oggi che al cinema davene “Rambo!” Tuttu perché lia è ‘nnamurata!

TITTI   - Se cj avessi avutu bisogno tu, credi che Laila nun t’avria jutato?!

CHICCO- Sarà, ma le ma’ ‘ntel fogo nun ce le metteria!

LAILA    - Allora ce stai a ajutacce o no?

CHICCO- Ve juto, ve juto! Solo perché so che vole dì esse’ innamorati! Io pe’ Tittina mia me butteria ‘ntel mare!

TITTI   - Quannu me dighi ‘sse robe me fai tucca’ el celo sa ‘n deto!

CAMPANELLO

LAILA    - Ce vagu io! (passando vicino a Titti) Oh credulona, e tu ce credi che se saria buttatu ‘ntel mare?…Quellu sa nuota’ cume ‘n pesce, pe’ questu ce se butta! (esce)

TITTI  - Cus’è m’hai illusa sa quella frase? Laila cj ha ragiò: tu sai nuotare!

CHICCO – Scì, ma io ‘spettu el mare grossu e po’ me ce buttu senza “ciambella!”

ZUZU’  - (entra finendo di mangiare un pezzo di pizza) Ciao, plebaglia! Missione compiuta!

LAILA   - (che l’ha seguito) E allora, viene Memo?

ZUZU’  - Nun è statu facile a cunvincellu…ma viene!

CHICCO- S’è talmente debilitato, pe’ la fadiga ch’ha fattu, che se sta a prende le vitamine!

TITTI   - Raccontacce cume hai fattu a cunvincellu.

ZUZU’   - Donca: me so’ meso vicino a lu…,me ce so’ ‘ttaccatu e nun l’ho mullatu!

CHICCO- E te ce pudevi pruva’ a mullallo! Sai le sberle che te piJavi!

TITTI    - Nun l’ha mullatu: ‘ntel senso che nun l’ha lassatu e non dell’acqua!

LAILA   - Fatelu parla’!…Allora?

ZUZU’   - Allora, me so’ meso seduto accanto a lu e quannu ha visto che insistevu pe’ fallu venì chì, a mumenti me menava…E ‘nvece…

CHICCO- Je hai menatu tu!

ZUZU’  - Scì, cuscì me faceva cade tutti i denti !

LAILA  - Ma te la voj moccica’ cula linguaccia? Lassalu parla’! Racconta.

ZUZU’   - Allora je ho dittu: “ E su vieni sa no’…Se nun lu voj fa’ pe’ me fallu pe’….

CHICCO- (interruzione veloce e concatenata)…mameta!

TITTI  - E adé cu’ c’entra “mameta?”

CHICCO- Boh?…De solito se dice “fallo pe’ mameta!

LAILA    - Chicco te lu chiedo pe’ favore: lassalo parla’! Allora?

ZUZU’  - E allora io nun parlo più, primo perché m’enterrompe sempre e segondo perché mette davavnte ai getirori e io a ma meta…

LAILA- Ma nun lu sta’ a sentì.., ce lu sai ch’è giurante più de ‘na capra!

TITTI   - (ricordandosi) Giusto! A proposito de “mameta”…Chicco, dije che vuleva su madre!

ZUZU’  - ( un po’ preoccupato) Perché mi madre m’è venuta a cerca’ chì?

LAILA  - Nun è venuta, ma je ha telefonato lu!

CHICCO- M’ha dittu che je devi purta’ subito la panna pe’ la torta!

ZUZU’  - (dandosi una manata in fronte) Eccu cusa dovevo cumpra’ sa i soldi che mamma m’eva dato!…La panna!…

TITTI  - E ‘nvece cusa cj hai cumpratu?

ZUZU’  - Do’ bomboloni e  tre pezzi de pizza!

LAILA  - E adè la torta sa cosa la guarnisce?

CHICCO- Sa la crema “chiappette rosso fragola”, pe’ quante je ne darà!

CAMPANELLO

LAILA   - Sarà Memo! Io nun me la sentu d’oprì…So’ troppo emozionata!

TITTI   - Io ‘rmano qua, vicino a Laila, nun se sa mai dovesse svenì!

CHICCO- Io so’ el fratellu e nun vojo passa’ pe’ ruffia’!

ZUZU’  - Ho bell’e capito! Tocca ‘ndacce a me. Ce vago solo perché a camina’ juta la digestiò! (esce)

LAILA  - Chissà cume sarà nervoso!?

TITTI  - Lu lassu bucca’ e po’ scappo de là!

CHICCO- Zitte!…Ecchilo….

MEMO  - (entra) (è scuro in volto. A Titti) Ecchime! Adè so’ qua. Embè?

TITTI  - Laila, io vago in camera tua a scolta’ un disco! (via di corsa)

MEMO – (a Chicco) Allora?

CHICCO- Scì ce l’ho…(guardando l’orologio) So’ le tre e ma-manca dieci!

ZUZU’  - O stupidottu, e miga t’ha chiestu l’ora!…Vuleva dì…

CHICCO- Vagu a scolta’ el disco sa Titti! (via di corsa)

MEMO  - (a Zuzù) Spiegame un po’ tu che sai tutto!

ZUZU’  - Oh, nun cumenciamo…Io nun so gnente! Giaà che stagu male….sentu un vuoto allu stomigo….Chissà se de là, oltre ai dischi cj hanne qualche merendina?! (esce)

SCENA 7^- Laila-Memo-

MEMO  - (verso Laila, ma senza guardarla) Sai stata tu a famme venì qui, è ve’?

LAILA  - Scì! Te vulevo dì…

Memo  - Alt!…Guarda che ce so’ venuto pe’ fatte capì mejo che nun cj ho bisogno de ajuto e nun cerco cumpassiò!

LAILA  - Ma cusa t’ha preso se pole sape’?…Da ‘n po’ de tempo nun sei più tu!…Eri il più simpatico de la classe…il più bravo…il più…

MEMO  - Lu so: ero “el più!”

LAILA  - Ma la cosa “più” era che me vulevi bene!

MEMO -     (non risponde e si incupisce di più)

LAILA  - E’ gambiatu qualcosa?…Nun me ne voj più?…

MEMO  - Nun è gambiatu gnente…so problemi mia!

LAILA  - Nun m’emporta se nun me voj più bene, basta che nun te vedu triste!…So’ pronta a sopporta’ qualunque umiliazziò, pur de vette felice.

MEMO  - Sta zitta, che me fai suffrì più de quantu soffru già!

LAILA - Famme suffrì sa te…Parla sa me dei problemi tua….Te vojo juta’…So’ giovane cume te e te posso capì…

MEMO  - Pensi che basta a esse’ giovani pe’ capì certi problemi?…Cume poj capimme tu? Tu che hai tutto…soldi…affetto…attenzioni…Nò! Nun me pudrai mai capì!

LAILA  - Ma tu dimme, fammi sape’ e vedemo se potrò jutatte e cunsijatte!…

MEMO  - (si gira e guardandola) Ma cusa voj juta’ e cunsija’? Cusa me cunsiji pe’ purta’ la pace ‘nte la famija mia?

LAILA  - Che voj dì…nun capiscio!

MEMO- Vedi che nun è facile a capì!…Laila, i genitori mia se volene separa’! (pausa) Stai zitta adè? E’ da più de do’ mesi, che babbo e mamma nun se parlane…tranne che pe’ fa’ cagnara! Ho cercato de parla’ sa babbo, ma ‘nte un mumentu de nervi e senza motivo, m’ha dato ‘n schiaffo!

LAILA   - T’ha fatto male?

MEMO  - M’ha fattu male perché nun m’eva mai menato!…Ho cercato de parla’ sa mamma…je ho ditto de suppurta’!…M’ha dittu che rassumejo tutto a babbo, che so’ uguale a lu! A cosa me serve esse’ il più bravo? Per chi, poi?

LAILA  - (dolce) Per me!

MEMO  - (quasi gridando) Laila!…

LAILA  - Me voj bene?

MEMO – Scì e tanto, porca miseriaccia!…Ma ho paura capisci? Ho paura da vulertene! Adé ce vulemi bene e se po’, duma’, gambia pure pe’ no’? Sariane i nostri fiji a suffrì…cume sto a suffrì io adé!…Nò e poi nò! Vojo ‘nda’ via de casa…Nun vojo più ‘nda’ manco a scola!…E pe’ truva’ el coraggio pe’ pudello fa’: me muterò sa la droga.

LAILA – No, Memo, no!

MEMO –  Scì! Me muterà a dimentica’ tutto!…Un amico m’ha fissatu ‘n appuntamento sa uno che la spaccia.

LAILA – La droga te servirà pogo, Memo…Hai dittu be’: te farà dimenticare, ma nun cancella!…Parla ancora sa i genitori tua…Nun te fa’ ‘mmazza’ da la droga!…Nun lu devi fa’ se me voj bene cume hai dittu!

MEMO – ‘Nte sti giorni d’inferno ho pensato a te e a Chicco senza mamma e alla fine me so dittu se nun era mejo che ne fossi statu privo pure io!…

LAILA – Nun lu devi manco pensare. Nun avecce la mamma è la cosa più brutta del mondo!…E’ tantu triste nun pudella più chiama’!…Da piccola la chiamavo apposta tante volte pe’ pudeje manna’ bagi: mamma,mamma,mamma…a ogni mamma le labbra se tuccavane e era un bagio….

MEMO – Basta, basta! Nun te vojo più scolta’! (esce di corsa)

LAILA – (gli corre dietro fermandosi sulla soglia e chiamandolo) Memo…Memo…Memo!…(ritorna piangendo)…Chicco…Titti!…

SCENA 8^- I  Ragazzi

TITTI – (entra seguita dagli altri) Emo sentito tutto..Poru Memo!…

CHICCO- Dai nervi me so’ magnatu tutte l’ogne!

ZUZU’- Cj hai ragiò, ste cose te mettene un bugo ‘nte lu stomico che te costringe a magna’…Cusa posso magna’?…(cerca biscotti o caramelle che si troveranno in una scatola)

LAILA – L’ete ‘nteso che se vole druga’?

ZUZU’ – Bisogna jutallo, prima che se ruvina!

TITTI – Scì! Bisogna studia’ qualcosa!

CHICCO- Io me studio la prima guerra mondiale…cuscì me fagu interruga’ al posto sua!

LAILA – Capisci sempre tuttu tu!

ZUZU’ – E miga devi da studia’ ‘na lezziò de scola!…Cume te possu fa capì?…Eccu! Duvemu fa’, pe’ intendecce, cume a Maigret!

TITTI – Prova a sta zittu pure tu!…Cusa se pole fa’…che pensamo?…

LAILA – Nun perdemo tempo che quellu me se droga!

TITTI – Nun è facile!…Tu però sta più calma che ce metti più agitazziò e nun riuscimu a pensa’ a gnente!….

CHICCO- Je vulemo parla’ no’ sa i genitori sua?

LAILA – Nun l’hai sentito che nun je ‘mporta gnente del fijo?

ZUZU’ – Je lu vulemu dì ai professori e al Preside?

LAILA – Cuscì a scola nun ce lu fanne bucca’ pe’ dave’!

CHICCO- Perché nun je famo lu scherzo de la bustina?

LAILA – Nun te casca mai la lengua?

ZUZU’ – (dà un biscotto o una caramella a Chicco) Tiè…magna pure tu, cuscì te la fenisci da dì scemenze!

TITTI – Chicco spiegame un po’ cum’è sta storia de la bustina?

CHICCO – Gnente: mettemo ‘n po’ de bicarbonato ‘nte ‘na bustina e je dimo a Memo ch’è droga…lu se la pija e quannu s’accorge che nun je succede gnente ce famo quattro risate!

ZUZU’- A me me sa che quannu s’accorge che l’emo preso in giro ce darà quattro bucattò!

TITTI – Che idea che cj ha avuto!…Sa lu scherzo de la bustina je famu capì che drugasse è assurdo…che nun serve a gnente!…Bravu Archimede mia! (lo bacia in fronte)

ZUZU’ – Titti, cusa vuristi dì che ‘nte cula zucca s’è ‘ccesa ‘na lampadina? Ma cume hai fattu?

CHICCO- (dandosi delle arie)Me vienine cuscì…spuntanee!

LAILA- Cume idea nun è male!…Piace pure a me. Però pe’ renderla accettabile bisogna  faje crede’ che ce drugamo pure no’, perché nun lu vulemo lassa’ sa solo! Anzi da adé in poi ce duemo cumpurta’ cume i drogati!

TITTI – Giusto! Cuscì quannu ce vede nun ce scantonerà!

 

SCENA 9^- Detti più Zenobio-

ZENOBIO ENTRA PER PRENDERE LE CAMOMILLE, MA SI FERMA SULLA SOGLIA PER ASCOLTARE CIO’ CHE NON AVREBBE VOLUTO MAI ASCOLTARE!!!!

ZUZU’ – Capito, Chicco? A no’ ce piace drugacce!

CHICCO- Lu dighi a me? Capirai! A me me chiamane siringa! So’ tuttu bughi cume ‘n colabrodo!

TITTI – A me me chiamane l’ EROINA d’Ancona!

ZUZU’ – Perché l’hai liberata tu dai Mori?

LAILA – Sfotti pure?!…Tantu pe’ saperlo, io e Titti, emo consumato nun solo eroina, ma tutti i tipi de droga e cuscì tanta che io e lia insieme pudemo oprì ‘na drogheria e ‘n genere alimentare!

ZENOBIO- (esce a ritroso, inorridito, ma rimane ad ascoltare facendo capolino)

ZUZU’- Siringa, famme snusa’ che cj ho tanta voja!

LAILA – Pure io cj ho voja!…

TITTI – Cuscì va bene, però adé famo la droga!

LAILA – Qui no, perché è pieno de gente e ce polene vede.

CHICCO- ‘Ndamo a casa de Zuzu’!

ZUZU’ – No, a casa mia no! Se mi madre me vede ‘rriva’ senza panna…

LAILA – Te li damo no’ i soldi pe’ cumpralla!

TITTI – Laila, Memo te l’ha dittu ‘ndo c’eva l’appuntamentu sa lu spacciatore?

LAILA – No.

ZUZU’ – ‘Ndo vulete chelu ‘spetta: in piazza, no?

TITTI – Se nun riuscimu a truvallu è inutile che famu la bustina de droga, perché compra quella de lu spacciatore!

ZUZU’- Cuscì nun semu drogati, ma semo belli che fregati!

CHICCO- ‘Ndamo prima che me pija ‘na crisi d’astinenza! (esce seguito da Zuzù e Titti)

LAILA – (seguendoli) A te te pole pija’ solo ‘na crisi de scemenza!…’Ndamo…’Ndamo! (via)

SCENA 10^- Zenobio,poi Dolores- Eufemia e Porfirio.-

ZENOBIO- (entra distrutto) Che disgrazia!…Che disgrazia! I nipoti mia se drogane!…Adé Purfì se la pija sa me!… “Nun ce sai statu attentu!…Che educazziò je hai datu?…Sa chi l’hai mannati: sa ‘na massa de drugati?…” Che vergogna! Cume fagu a ditelo? Madonna jutame tu!

DOLORE-(prima d a fuori, poi da dentro) Zenobioooo!!!  Zibììììì!….Zibììììì!!???

ZENOBIO- (che non ha sentito) Io, dovevo ‘nda’ in fabbrica e ai fiji ce doveva pensa’ lu, che è el padre!…Che sbajo grossu che ho fattu! Dumitilla, perché m’hai lassatu dapressu ‘nte sta valle de lagrime?

DOLORE- (entra)

ZENOBIO-Perché m’hai lassatu solo?

DOLORE- (crede che parli con lei) Sei tu che m’hai lasciata sola!

ZENOBIO- (crede che le abbia risposto la sorella) E cusa vulevi che murivo sa te?

DOLORE- Ma che morire!? Di là stiamo così freschi!

ZENOBIO- No, è mejo sta qui!…

DOLORE- (gli mette una mano sulla spalla)

ZENOBIO- (si spaventa) Ahhaaaaa!!!!

DOLORE- Devo essere proprio brutta per mettervi tanta paura!

ZENOBIO- (riprendendosi) No…,è che pensavo ch’era…Stacevo a parla’ sa ‘na conoscente….(ritorna a lamentarsi) Che disgrazia!…Che disgrazia!…Che vergogna…

DOLORE- Ma siete stravolto!…Che vi è successo?

ZENOBIO- Cume fagu a dijelu? E chi ce l’ha el coraggio da ditelo? Mamma, jutame!…

DOLORE- Ma che vi è successo, ditemi!

ZENOBIO- Lassateme perde!…Nun capiscio più gnente! Me sentu ‘mpazzì!

DOLORE- Ma che ti è successo? Ti posso dare del “te”?

ZENOBIO- Grazie, sete troppo bona, ma sal dispiacere che ho preso: manu l’acqua me va giò!

DOLORE- Dicevo, se potevo chiamarti per nome…darti del “tu”? Forse riusciremo a spiegarci meglio.

ZENOBIO- Scì, damucce del tu, chiamamucce pe’ nome..Tantu fra pogu più fisciù me chiamerà!…

DOLORE- Adesso mettiti a sedere!

ZENOBIO- Grazie, ma nun so’ stanco.

DOLORE- siedi!

ZENOBIO- Nun posso, cj ho i spi’ sotta al …

DOLORE- (decisa e forte) Ho detto: siedi!

ZENOBIO- (ubbidisce)

DOLORE- Raccontami tutto e…con calma!

ZENOBIO- Se tratta, signorina…

DOLORE- Dolores!

ZENOBIO- Altru che dolori!…Quessi so’ dispiaceri granni!

DOLORE- Chiamami per nome: Dolores o Dady, ma non darmi più del lei!

ZENOBIO- Donca io so’ venuto a prende’ le capumille e appena boccu sentu da la bocca de mi nipote Chiccu, che se fa i bughi ‘ntel culettu…che ‘rssumeja a ‘n colabrodu…Cul’altra nipote, Laila, se la fa sa i marucchì e è talmente pina che pole oprì ‘na drogheria!…L’amica sua fa l’eroina…Cul’altru snusa, tira su de nasu cume i ca’ da tartufi!…Nun ce capisciu più gne’!…

DOLORE- Buchi…Fiutare….Vuoi dire che si drogano?

ZENOBIO- Scì,oh! L’hai capitu adé? Che disgrazia!…Che vergogna!…

PORFIRI- (da fuori) Zenobio!?….Dolores!?…

EUFEMIA- Zibì!?….Dady!?….Arriviamo!…

ZENOBIO- Ecchilu! Adé me ‘mmazza! (corre a sdraiarsi sul divano)

DOLORE- Ma che fai?

ZENOBIO- Me mettu colco: vojo murì comido!

DOLORE- (lo fa alzare) Alzati…e non ti preoccupare che ti aiuterò io!

PORFIRIO- (entra seguito da Eufemia) Cum’è che c’ete lassati soli? (guarda dalla parte sbagliata)

EUFEMIA- (lo gira) Stanne de qua!

PORFIRIO- Scusate, ma senza lenti….Allora?… Zenò, perché nun risponni?

DOLORE- Porfirio, parlerò io per Zibì!

PORFIRIO- Cum’è che parli tu al posto sua?

ZENOBIO- (con lamento)Purfìììì!!!!….

PORFIRIO- Zenò, cus’è te sai smattitu che me fai la sirena?

DOLORE- Porfirio, rispondimi sinceramente: è vero che dalla morte di tua moglie ti sei interessato esclusivamente della fabbrica e non dell’educazione dei figli?

PORFIRIO- Certo! Io ho pensatu alla fabbrica e ai fiji cj ha pensatu mi cugnatu. (viene girato dalla parte giusta, perché Zenobio cambia ogni volta posto, perché ha paura d’essere preso dal cognato. Quindi ci deve essere questo gioco) Perché?

DOLORE- Perché hai sbagliato! Ai figli dovevi pensarci tu.

PORFIRIO- Cusa voj dì? Zenò, parla!…E’ successo qualcosa a Chicco e Laila?….Parla!

DOLORE- Ebbene, Porfirio, devi sapere che…

ZENOBIO- No! Fammelu dì a me!…Purfì i nostri fiji, ciué i fiji tua : se drogane! (cambia posto)

PORFIRIO-Nun pole esse’! Nun è vero!…Nun ce possu crede’!….Dimme…

EUFEMIA- Adé sta de qua!

PORFIRIO- (ogni volta che viene messo nella direzione giusta ringrazia) Grazie!…Dimmi che nun è vero! (si lancia verso il cognato)

DOLORE- (si frappone) Stia calmo e mi ascolti!

PORFIRIO- Nun t’empiccià!

DOLORE- E invece sì! Non sopporto, che un buono, come Zibì, venga aggredito in tal maniera!

PORFIRIO- E me lu dighinadé?…Ma io t’ammazzo!…Te sei fattu frega’!

ZENOBIO- (andando alla parte opposta)

EUFEMIA- (lo gira)

PORFIRIO- Grazie!…’Ndo’ credi de ‘nda’? te nascondi? Ma appena cj ho le lenti e ce vedu mejo te sbrano! Eufemia vamme a prende’ le lenti, a st’ora sarà operto.

EUFEMIA- E’ mejo de no: “occhiu nun vede e core nun dole!”

PORFIRO- ‘Mbe’! Cu’ c’entra sto proverbio adé? E’ cume i cavuli a merenda.

EUFEMIA- Te vulevu confurta’!

PORFIRIO- (più calmo) ‘Ndo’ stanne adé ?…Zenò, parla!

ZENOBIO- So’ ‘ndati a drugasse…Me pare che duvevene ‘ncuntra’ uno che la vende!…’Ndavane in piazza!

EUFEMIA- Qua bisogna chiama’ el maresciallo!

POERFIRIO- Cuscì lu mettene in tutti i giurnali, in prima pagina, e io posso chiude’ la fabbrica.

DOLORE- Visto che pensi alla fabbrica e non ai figli?…Però la penso come te: non conviene chiamare il maresciallo….Chiamerei una buona psicologa e col dialogo e la ragione far tornare i ragazzi sulla retta via!

PORFIRIO- Invece a me st’idea nun me garba pe’ genente! Quessi so’ tutti magna pa’ a tradimento e nun concludene mai gnente!

EUFEMIA- E’ mejo el maresciallo!

DOLORE- La psicologa!

EUFEMIA- El maresciallo!

DOLORE- La psicologa!

PORFIRIO- Basta!…I fiji so’ i mia , cumannu io e fagu cume digu io! Lassateme solo sa mi cugnatu!

ZENOBIO- (ricomincia a piangere) Me vole ‘mmazza’ senza testimoni! Purfì, cus’è me voj ‘mmazza’?

PORFIRIO- Ma che ‘mazza’!? Pe’ chi m’hai presu?! La colpa è tua quantu mia, quindi adé duemo cerca’ de rimedia’!…Duemo pensa’ a qualcosa!…Per favore, lassatecce da soli!

EUFEMIA- Scì, Purfì! Anzi, sai cusa fagu? Vagu a ritiratte le lenti!

PORFIRIO- Brava!

DOLORE- Io intanto, cerco di rintracciarli.

ZENOBIO- Vieno sa te!

PORFIRIO- No! Tu ‘rmani qui sa me.

ZENOBIO- Già!… me l’eru  scurdatu che duemo pensa’.

PORFIRIO- Pudete ‘nda’ vo’!

DOLORE- Andamo Eufemia e prima sistemamo sta storia dei fiji e prima ce sistemeremo!…( ai cognati) A fra poco! (esce)

EUFEMIA- (seguendo Dolor) Ce mancava solu la droga…Ciau, Purfì!(via)

PORFIRIO- So’ ‘ndate via?

ZENOBIO- scì!

PORFIRIO- Tu cj hai qualche idea?

ZENOBIO- No!

PORFIRIO- Io: scì! Primo: duvemo fa’ arresta’ a stu spacciatore e po’ vojo tucca’ sa le ma’ se i fiji mia se drogane!Duvemo ‘cchiappalli ‘ntel mentre che la comprane!

ZENOBIO- Scì, che quelli so’ scemi! Ce vedene in piazza e cume fosse gnente se vanne a cumpra’ la droga!

PORFIRI- Nun ce vedranno! Anzi forse crederanno che no’ semo do’ spacciatori!

ZENOBIO- Cume saria?

PORFIRIO- Io me vestirò cume se vestene ste persone: da “pank, da Bit” e tu da donna!

ZENOBIO- Nò! Io da donna nun me ce vesto!

PORFIRIO- Tu te ce vesti!

ZENOBIO- Nò ! Io nun me ce vesto !

PORFIRIO- E io t’ammazzo!

ZENOBIO- E io me ce vesto!

PORFIRIO- E io nun te ‘mmazzu più!

ZENOBIO- (piagnucola e farfuglia a soggetto)

PORFIRIO- (uscendo) ‘Ndamo a vesticce!

ZENOBIO- (lo segue piangendo)

SIPARIO

SECONDO  ATTO

              Stessa scena del primo atto.-

Scena 1^- Porfirio- Zenobio

PORFI- (entra vestito da “bit”, e creca di avere le movenze di questi sbattendo nelle sedie. Può accennare qualche passo di rock mugugnando una canzone…finché non entra Zeno)

ZENOB- (da dentro prima e poi entrando) Purfì?…Purfì…(entra) Purfì, me voj juta’ ?…(è vestito da donna: in una mano ha una scarpa e nell’altra la parrucca)

PORFI- (pensa per sé) Dimme, stagu be’ cuscì? ‘Rassumeju a unu de lora? Me ce pijeranne pe’ spacciatore ?

ZENOB- Te pijeranne pe’ mattu…: prima a te e po’ a me!(finisce di mettere l’altra scarpa e la parruccala mette al contrario tanto da avere tutti i capelli davanti alla faccia) Famme avvicina’ che nun ce vedu!…

ZENOB- (che ha messo la parrucca all’incontrario: si trova i capelli davanti agli occhi) Mancu io ce vedu!

PORFI-  (molto addosso a Zeno)Fatte vede!?… Girate de faccia!

ZENOB- E so’ già de faccia!

PORFI-  Ma te sai messa la parrucca all’incuntrario!…Te sai sbajatu!

ZENOB- (mettendola nel giusto verso) Cj hai ragiò!…Siccome la mettu tutti i giorni nun me duvevu sbaja!…

 PORFI- (poi toccandogli il petto constata che Zeno non se l’è costruito) E tu saristi ‘na donna?

ZENOB- Nun lu vedi che cj ho la gonna?

PORFI- Scì, ma ‘ntel pettu te cj hanne passata la pialla! Chi voj che te s’avvicina pe’ cumpra’ la droga? Già che nun sai bello, figurate senza petto!

ZENOB- (lisciandosi i fianchi) Sta tranquillu che cj ho altri argumenti pe’ falli avvicina’!

PORFI- Lassa perde’ ji argumenti e va de là e mettecce ‘ntel petto…do’ limo’…do’ arance…do’ melancià…do’ melangule…

ZENOB- …do’ zucchine…do’ finocchi…! (andando) …e ‘ntel cappello ce metto l’insegna a neon “Frutta e verdura!”…

PORFI- (finché non rientra Zeno, su consiglio del regista: si muoverà e parlerà a soggetto)

ZENOB- (rientra con due arance o due pompelmi in mano…) Vanne be’ do’ arance?

PORFI- Metteli che li provo a…

ZENOB- Alt! Se li voj tucca’: toccali adé, perché dopo che l’ho messi nun se toccane più…diventa proprietà privata!

Secondo atto

PORFI- Vulevu dì che provu a vede se te stanne be’!

ZENOB- (dando le spalle alla platea li pone al petto e poi girandosi si farà notare da tutte le angolazioni, come stesse provando varie pose per un fotografo) Cume stago?…Vanne be’?…Se vedene de profilo?…E de de qua?…

PORFI- Adé scì che sai bona!…(accompagna con fischio d’approvazione)

ZENOB- Quantu sai volgare! Santa Lucia te la duvria leva’ del tuttu la vista!                            

                                                   CAMPANELLO

               Porca miseria! E adé chi sarà?…’Ndo’ me salvo?

PORFI- Cusa te nascondi a fa’ se fra pogu duvemo scappa’ e te vedranno tutti?

ZENOB- Ma cusa pole dì la gente se me vede vestitu ‘nte stu modo?

PORFI- Propiu gnente, perché nun te ricunosceranne! –CAMPANELLO- Vago a oprì! (via)

ZENOB- (dando le spalle alla comune,borbotta per riempire l’attesa d’entrata di Eufemia) Madonna, che vergogna!…Pure questa duvevu passa’ ‘nte la vita mia!?…

Scena 2^- Detti – Eufemia-

PORFI- (entra seguito da Eufemia) Bocca!…Me l’hai prese le lenti a contatto?…

EUFEM– (entra a testa bassa, cerca le lenti in borsa e poi tirerà fuori una scatolina) Scì, ma m’è tuccatu ‘ndallo a chiama’ lì ‘n casa, perché ancora nun era l’ora dell’aper…(vede una donna e si ingelosisce) Purfì, cus’è so’ forse de troppo? T’ho da ffa’ qualche altra commissione?

PORFI- Che dighi? Nun te capiscio!…

EUFEM-Je serve gnente alla signora? (guardando Zeno di spalle)

PORFI- Ma questa è….

EUFEM- Zitto,sa’! Te voj giustifica’?…Nun ce n’è bisogno!…Adé ho capito  perché ogni volta che te vienu a truva’: smusi…t’annoi…o fai fenta de avecce da fa’!…La verità è che nun t’emporta nente de me! Me lu pudevi dì chiaramente, senza lassa’ che lu scuprissi io!

PORFI- Ma guarda…

EUFEM- E guardu scì!… La sto a vede!…Ardatela lì sa tutte le cosce de fora!…(nota l’altezza) Purfì, pe’ daje ‘n bagiu cu’ fai piji la scala? E io che m’ero illusa…

PORFI- Brava! Te sai illusa.Hai fattu tuttu daperté!…Te comporti cume se stacessimi insieme da tant’anni e t’avessi tradita!…(indica Zeno) La vedi a questa? Questa nun è ‘na donna.

EUFEM- Ce credu, è ‘na donnaccia!

Secondo atto

ZENOB- (senza girarsi) Uhé, bada cume parli, sa’!

EUFEM- La mummia ha parlatu! Io parlu dritta e tu….(a Porfi) Ma me pare che ha parlatu sa la voce de Zeno?…

PORFI- Nun te pare…È la voce de Zeno! Questa è Zeno!

EUFEM- (sposta i capelli di Zeno)…E già! Me so’ sbajata…Scusame!…Sai cume semo fatte no’ donne!…

PORFI- Lassa perde… piuttosto famme capì: tu, sai sempre venuta a truvamme, sa la scusa che ‘n casa te mancava qualcò, perché te piacevo?…E’ ve’?

EUFEM- Cuscì, m’è tuccatu a dichiara’ a me!

PORFI- Lassa sta a chi saria tuccatu pe’ prima…risponni!

EUFEM- (vergognosa) Me sai sempre piaciuto!

PORFI-  E nun pudevi dimmelo prima, cuscì i fiji sariane cresciuti più mejo?

ZENOB- Oh, guarda che io ji ho dato el core e la mia gioventù!

EUFEM- Scì, però t’è mancata la furbizia de no’ donne!

ZENOB- Bene! E vistu che nun so’ ‘na donna: me vagu a spujà!

PORFI- E nò! Ormai ce devi juta’ a scoprì tutto!

ZENOB- Ma possibile che nun l’ete truvati?

EUFEM- Emo girato tutto el paese, ma de lora nun emo visto mancu l’ombra!

ZENOB- E l’amiga tua l’ha visti?

EUFEM- No!…Adé lia è ‘rmasa ‘n piazza…’Spetta che ‘rrivu io a daje el gambio.

PURFI- Damme le lenti e…daje ‘n’aggiustata, sennò mette paura en un je s’avvicina nisciù !

EUFEM- (dà la scatola) Tieni!…E tu vie’ qua, mettete a sede che te sistemo!

ZENOB- Eufe’, prumettemi de nun dillo a fisciù che me so’ vestitu da donna.

EUFEM- E chi parla?! (mentre lo trucca ci saranno delle battute a soggetto fatte dai due, e ogni tanto anche Porfì riguardo alla difficoltà di mettere le lenti) …Ecco qua!….Adé sei più decente!

PORFI- (che ha finito) Famme vede che adé, sa le lenti, me s’è fattu giorno! De quanto ce vedo be’: me pareva che c’erane le luci ‘ccese! (guarda Zeno e ride)

ZENOB- Cum’è che prima nun ridevi?

PORFI- Prima nun c’evo le lenti!

ZENOB- (accenna qualche passo) Me vagu a spuja’!

PORFI- No, fermate!…Nun rido più!

EUFEM- Ce viene da ride perché sapemo chi sai, ma chi voj che te ‘rcunoscerà vestitu cuscì?

PORFI- Eufé, e a me me se ‘rcunosce?

EUFEM- (dopo averlo guardato) Imbé!…Un pughetto..scì!

PORFI- (mette gli occhiali) E se me mettu st’occhiali neri?

EUFEM- Cuscì, va mejo!

Secondo atto

ZENOB- E io  vagu be’?

EUFEM- Cume aspettu scì, però la voce la devi gambia’! Ha da esse’ meno aspra…più gentile…più dolce…Prova a parla’ in farsetto!

PORFI- Provacce!

ZENOB- Cume saria stu farsetto?

PURFI- (ci prova lui a dire qualche parola a soggetto)

ZENOB- (ci prova, ma prende delle “stecche”- Porfì esegue e Zeno cerca di rispondere sempre steccando, alla fine) Oh, io nun ce la fagu!

EUFEM- E allora se proprio nun ce riesci: cerca de esse’ più dolce…meno maschio….Per esempio se sbatti la gamba ‘nte cul spigolo de la sedia: cume diristi?

ZENOB- Porcu cul diavulacciu sgangheratu…ho sbattutu la gamba ‘nte cul spigulu de la sedia!

EUFEM- Ecco! Hai sbajatu tuttu! ‘Na donna avria dittu: “Cielo!…Dio!…” e non “Porcu diavulacciu!”…Prova e fa la voce più gentile!

ZENOB- (addolcendo la voce) Cielo! Oh Dio!…Ho imbattuto la gamba in te culo spigolo line!

EUFEM- Ecco! Pole ‘nda’, ma le mosse nun vanne bene!

ZENOB- Adé pure le mosse ce duemo mette’?

PORFI- Certo! ‘Ndo’ s’è vista mai ‘na donna, che quanno parla, se sbraccia de qua e de là?

ZENOB- Visto che le sai ste cose, nun capiscio perché nun l’hai fatta tu la donna?…A me a ffa’ el maschio me saria riuscitu be’ ‘n bel po’!

PORFI- Io nun cj ho el fisico!

ZENOB- Guarda che nun c’è bisogno d’avecce el fisico: basta avecce le recchie!

PORFI- (si inalbera) Cu’ voj dì?

ZENOB- Vojo dì…

PORFI- Zitto! Nun ce bisogno che lu dighi...Ce semo capiti!

ZENOB- Nun riescio a capì cume famo a capicce se manco ce parlamo?

EUFEM- Vulete continua’ a ffa’ cagnara o ajuta’ ai monelli?

ZENOB- Guarda che se nun saria stau pe’ lora…’Ndamo! Diteme cume cj ho da ffa’ pe’ nun sbraccia’ tantu.

EUFEM- (cerca di aiutarsi nei movimenti anche con delle parole, facendo notare in modo spiccato il movimento delle mani) (prendendo una sedia) Questa qua..prendela qua e mettela là!…Prendela de qua e mettela là!…

ZENOB- E io duvria ffa’ cume quelli…(si tocca le orecchie) No,no,no!…

PORFI- Tu lu fai!

ZENOB- No !

PORFI- Scì !

ZENOB- No!

Secondo atto

PORFI- E io t’ammazzo!

ZENOB- E iu lu fago!

PORFI- E allora nun t’ammazzo!

EUFEM- E daje…prova!

ZENOB- Questa pijala qua e mettela là!…(ci prova più volte)

EUFEM- Bravo!…Vedi cume ‘mpari presto!?

PORFI- Me cumencia piace!

ZENOB- Cosa?

PORFI- No,no…dicevo de Eufemia!….

EUFEM- Adé duemo camina’ mejo!…Camina ‘n po’!

ZENOB- (accenna qualche passo) Capirai, sa sti trampuli…(ritorna al posto)

EUFEM- (disapprova) No,no,no,no….!

PORFI- E questa me la chiami: caminata da donna?

ZENOB- Ma nun pudevi ‘rmane allu scuru ‘n antru pughettu?

EUFEM- Zenò, lassa perde’ a tu cugnatu e scoltame!…Quannu camini cj hai da segna’ le tre meno ‘n quarto…o se te vie’ mejo le nove e un quarto.

ZENOB- Cosa?

EUFEM- Cj hai presente l’orologio? ‘Ndo’ stanne le “tre”?

ZENOB- (fa segno con la mano verso destra e contemporaneamente Eufemia dà un colpo d’anca verso la parte indicata da Zenò)

EUFEM- E le nove?

ZENOB- (verso il lato opposto: con la mano) De de qua!

EUFEM- (altro colpo d’anca: opposto al primo) Ecco! (esegue camminando) Tre meno un quarto, nove e un quarto…tre meno un quarto, nove e un quarto…Prova tu!

ZENOB- (scocciato esegue in malo modo)

PORFI-Quesse so’ le due e mezze, altro che tre meno un quarto!

ZENOB- Ma a te cu’ te frega se vagu ‘ndietru de mezz’ora?

EUFEM- Riprovacce e tu daje el tempo: “tre meno un quarto – nove e un quarto!…” Io ‘ntel mentre te correggo.

PORFI- Va bene!

ZENOB- Scì, ma a sto punto chiamateme “Zanzy”!

PORFI- Sai pronto?…Via! tre meno…

EUFEM- (mentre Zeno cammina al ritmo di Porfì) Ondeggia de più…cuscì va guasi be’….continua…petto in fuori!…

ZENOB- (si ferma- è di spalle a Eufe) Cosa?

EUFEM- Tira fora el petto!

ZENOB- (tira fuori dal petto i pompelmi e li porge a Eufe)

EUFEM- E cusa ne fagu?

ZENOB- Cusa ne so?…Facce ‘na spremuta!

Secondo atto

PORFI- Ma perché te le sai levati?

ZENOB- Prima eri cegu, adé sai sordo! Nun l’hai ‘ntesa che m’ha dittu “tira fora el pettu?”

EUFEM- Ma io intendevo de avecce un atteggiamento più controllato…meno rilassato!…Comunque, Purfì cuscì è a posto! Pole ‘nda’!

ZENOB- (rimette a posto i pompelmi)

PORFI- Eufemia, se sa lu hai fattu: ‘ndamo ch’è tardi! (si avvia)

EUFEM- Eccheme!

ZENOB- (va verso di loro) ‘Spettateme che ‘rrivo!

EUFEM- Tu nun poj scappa’ sa no’….daristi ‘nte l’occhio!

PORFI- Cus’è voj da’ ‘nte l’occhio?

ZENOB- Sta a vede che te lu cavo ‘n occhio!

EUFEM- Ripassate la parte, cuscì ce darai el tempo de ‘rriva’ in piazza. (a Porfi) E’ mejo scappa’ dal giardino, cuscì c’è meno gente che ce vede!

PORFI- Dighi be’!…(a Zeno) Me raccumanno quanno ‘rrivi in piazza, nun te mette’ ttaccatu a me: io stago da la parte de………. E tu da la parte de…..(indicare luoghi) Ciao! (escono)

ZENOB- (recita a soggetto quello che Eufe gli ha insegnato…)

CAMPANELLO

              Saranne lora!?…I ragazzi?….E se nun so’ lora?…CAMPANELLO – Ma tanto cj ho da oprì…(esce e poi ritorna a ritroso) Prego, desidera?

SCENA 3^- Detti- Bisognetti.-

ONORI- Buongiorno!…Abita qui il signor Porfirio Bellavista?

ZENOB- Sì. Lei è…?

ONORI- Sono la dottoressa Onorina Bisognetti!

ZENOB- (tra sé) E qui li vie’ a ffa’ i bisognetti?

ONORI- Come dice, scusi?

ZENOB- Stacevo a parla’ tra me in me….Ma è meglio che non parlo… Chi è lei…che desidera?

ONORI- Io sono una psicologa. Lei è un’amica o una parente?

ZENOB- Tutt’e do’. Adé me spiego meglio, certe vo’ so’ parente e certe vo’ so’ un’amica apparente! (accompagna con risatina finale la spiritosaggine) Ah,ah,ah…come so’ spiritosa!…Ah,ah,ah, come so’ divertente!…Lei non ride?…

ONORI- (espressione disgustata) Bèeeehhh..! (che ha guardato Zeno con una certa circospezione) Ma lei….Lei è una donna?…

Secondo atto

ZENOB- (ha capito e allora si fa più donna lisciandosi il corpo) Che fa non si vede? (e poi ripete quello che ha imparato: sbattendo in una sedia, volutamente)…Cielo! Oh Dio! Ho imbattuto ‘nte culo spigolo de cula sedia birichina!…Adé la prendo de qua e la metto là…anzi la prendo de qua e la metto là! (trova il posto)

ONORI-Come mai ha la voce un po’ gutturale?

ZENOB- A me m’ha ‘rlevato babbo, mamma nun c’eva tempo!

ONORI- (già insospettita) Capisco!…Come ha detto che si chiama?

ZENOB- Zena, ma mi chiami pure “Zanzy”!

ONORI- Signorina Zanzy, sono qui perché mi ha invitato a venire la signorina Dolores, mia cara amica e penso pure sua…Dovrei parlare col signor Porfirio Bellavista ed il cognato: sono in casa?

ZENOB- No! Per il momento, no!

ONORI- Posso permettermi di aspettarli?

ZENOB- (indica una sedia) Prego!

ONORI- (sedendo) Conosce bene la signorina Dolores?

ZENOB- Certo! Stacevo appunto andando da lei! Uh, come sono in ritardo!…Devo andare..Lei aspetti pure! (si avvia)

ONORI- (si alza) Senta..Non vada via!…Ma lo sa che lei è un tipo molto interessante?…La prego, mi permetta di rivolgerle alcune domande.

ZENOB- Ma veramente io…

ONORI- (che nel mentre aveva tirato fuori dalla borsa una catenella con orologio..: glielo fa dondolare lateralmente davanti agli occhi) Venga! Ubbidisca!…Venga…mi ascolti…sì…così…mi ascolti…gli occhi cominciano ad essere pesanti…si sdrai…si sdrai…ecco…adesso chiuda gli occhi e mi ascolti!…

ZENOB- (dacché Onorina gli fa dondolare la catenella, comincia a indietreggiare, quasi sospinto dalla psicologa verso il divano o la sedia, fino a sedersi; dopo risponderà a occhi chiusi)

ONORI- Brava!…Deve essere il cognato del signor Bellavista: quello che interessa a Dolores! E’ un caso un po’ complicato, ma se  il suo subconscio risponderà alle mie sollecitazioni, potrà uscire presto da questo stato di doppia personalità!(nel mentre ha preso dalla borsa penna e notes) (a Zeno) Adesso io le porrò delle domande e lei dovrà rispondermi in tutta verità…ricordi: verità..verità!…Lei è una donna?

ZENOB- Me ce so’ vestita!

ONORI- E’ una donna vera?

ZENOB- No!

ONORI- Le piacciono le donne?

ZENOB- ‘N bel po’!

Secondo atto

ONORI- Sta volentieri con le donne?

ZENOB- Prima, scì…adé un po’ de meno!

ONORI- Prova disgusto?

ZENOB- No, me gusta. Ennà, se me gusta! Ma è che cj ho pogo tempo!

ONORI- Da quand’è che non riesce a trovare più tempo da dedicare alle donne?

ZENOB- Da la morte de mi sorella Dumitilla!

ONORI- Repulsione incoscia! Non è poi tanto grave, pensavo peggio! (a Zeno) Le voleva così bene chenon riesce a dimenticarlaa dimenticare!

ZENOB- Però je vulevo più bene quann’era viva! Nun doveva murì!…Me pare che m’ha fattu ‘n dispetto!…’Ppena ‘rrivo su me sentirà! Me tocca ffa’ quello che faceva lia!

ONORI- Come pensavo: caso di doppia personalità: incosciamente si sostituisce a lei…Dovrebbe sostituirla con un’altra donna!…(a Zeno) Senta: le piace la signorina Dolores?

ZENOB- Nun me dispiace pe’ gnente, anzi…! Me sa che ce cumencio a ffa’ un pensierino!

ONORI- Un’altra donna potrà fargli riacquistare in toto l’identità di uomo e l’unicità del suo vero “io”. Adesso lo sveglio e gli ricorderò, a forti note, che è un uomo!…Ci vuole una terapia d’urto!…(a Zeno) Qual è il suo nome?

ZENOB- Zenobio!

ONORI- Ad “uno, due, tre” : la chiamerò per nome e lei si sveglierà senza ricordare niente di ciò che le ho chiesto e quello che mi ha risposto!… “Uno…due…tre…Zenobio, svegliati!

ZENOB- (si stropiccia gli occhi e poi parlando con voce normale) Cusa m’è successo?…’Ndo’ stago?…(vede Onorina e ricorda e ritorna a parlare con voce artefatta) Che sbadata!…(si alza) Mi sono indormita!…

ONORI- Basta più mentire!…Ormai so tutto. Lei mi ha detto tutto sotto ipnosi.

ZENOB- Stavo sotta a ‘n pino? Ma cusa sta a dì?

ONORI- Ipnosi…per afrle capire: l’ho addormentato e dopo delle domande lei mi ha manifestato palesamente la sua primordiale identità di uomo, mettendo a nudo le sue estrinsecazioni femminili!

ZENOB- Cuscì, se ho capito, lei m’ha ‘ndurmito…m’ha vistu la carta d’identità e che cj ho l’essiccazioni femminili!…

ONORI- Lei deve buttare via la donna che c’è in lei!

ZENOB- Ma porca miseriaccia…

ONORI- Deve dimenticare di essere “Zanzy”!

ZENOB- Me stia a sentì:…

Secondo atto

ONORI- Si ricordi e ripeta a se stesso: “io sono soprattutto un uomo!”

ZENOB- Perché nun ce lu so?…Lei cara signorina…

ONORI- Ripeta con me: “Io sono un uomo!”

ZENOB- Ma ce lu so che so’ un omo! Scì, so’ un uomo!

ONORI- Ripeta: “ A me piacciono le donne!”

ZENOB- Me pudesse pijà ‘n colpo all’istante se nun è vero! Altro se me piacene!

ONORI- Lo deve dire “convinto”.

ZENOB- Ma je l’ho dittu che me piacene.

ONORI- “Non andrò più con gli uomini!”

ZENOB- (pensa che abbia detto questo rivolta a se stessa) E fate bene…Sa tutti i mascalzò che girane al giorno d’oggi!…Ve l’hanne fatta, è ve’?

ONORI- Che mi dovevano fare?

ZENOB- Sete stata sedotta e abbandonata e allora nun ce vulete ‘nda’ più sa ji omini.

ONORI- Ma io lo dicevo a lei di non andare più con gli uomini!

ZENOB- A meeee….!!!????

ONORI- E adesso ripeta: “Riffuggero gli uomini!”

ZENOB- (che già da un po’ nelle risposte aveva dato segno d’intolleranza) Stamme be’ a sentì, signorina…

ONORI- Onorina!

ZENOB- (adesso lui avanza e Onorina indietreggia) A me nun m’enteressa se orina o non orina…

ONORI- Bisognetti!

ZENOB- E che oltra tutto i bisognetti nun se vienene a ffa’ a casa d’altri!

ONORI- Ma scusi…

ZENOB- Io non “cucio e non scucio…” Ma me sai dì chi t’ha dittu che me piacene ji omini?

ONORI- Lei!

ZENOB- Io?

ONORI- Lei, mentre stava sotto ipnosi!

ZENOB- Se stacevo sotta a Pino nun me ne so’ ‘necortu…

ONORI- Sotto ipnosi: mentre dormiva!

ZENOB- E chi m’ha ‘ndurmito?

ONORI- Io!…(mostra la catenella con orologio) Con questo!…(glielo fa dondolare)

ZENOB- (gliela strappa dalle mani) Dà qua!…Adé te ‘ndormo io!…Prima t’endormo e po’ te fagu vede se so’ un omo!…

ONORI- Ma cosa vuole fare? (si rifugia dietro sedie…tavolo…divano…) Io sono illibata!…

Secondo atto

ZENOB- Se te ‘cchiappo te fago vede che nun me so’ scurdato che so’ un omo!…

ONORI- Tutta colpa della terapia d’urto!

ZENOB- Brava! M’hai proprio urtato!…Vie’ qua!…

ONORI- (guadagna l’uscita gridando) Aiuto!…Aiutatemi!…(finendo tra le braccia di Dolores)

SCENA 4^- Detti – Dolores-

DOLOR- Ma che succede?…Onorina?…

ONORI- Dolores…Dolores!…

DOLOR- Cos’è vai già via?

ONORI- Sì, e di corsa!…Fortuna ch’era un uomo inibito…che doveva essere sbloccato!….Questo è un mandrillo!…Un maniaco sessuale!

DOLOR- Ma Zibì, che storia è questa? Cosa le hai fatto?

ZENOB- Gnente! Nun ce so’ ‘rrivatu!…Vie’ qua brutta zitella rachitica! (va verso Onorina, ch’è rimasta sempre nascosta dietro all’amica)

ONORI-Hai detto che ti piace Dolores? (spingendola verso Zenobio che l’accoglie tra le braccia) Eccola! (via)

DOLOR- (seguendo l’amica, ma fermandosi poi sulla soglia) Onorina!…Onorina?….(ritorna verso Zeno)…Allora…hai detto che ti piaccio!?

ZENOB- Sai ‘ntel sonno se dicene tante cose…

DOLOR- (delusa) Ho capito!…L’hai detto così, tanto per dire!…

ZENOB- Ma scì che me piaci!…E nun fa’ cula faccia lì!

DOLOR- (espressione di felicità)

ZENOB- Solo che nun cj ho tempo!

DOLOR- Non hai tempo!…Devi pensare a tuo cognato e ai suoi figli!…Ma non vedi quello che hanno combinato? Per giunta, Porfirio, ha dato la colpa a te di quello ch’è successo! Che pensasse lui a Laila e Chicco!

ZENOB- Cj hai ragiò! Lu fa tuttu facile!…Je pare che è ‘na cosa da gnente educare i fiji! Da duma’ ce penserà lu.

DOLOR- Bravo! Pensa un  po’ a te. Hai mai pensato a sposarti?

ZENOB- No…e bisogna che cumencio a pensacce! (guarda timidamente Dolores) Senti…

DOLOR- Si?..

ZENOB- Tu …

DOLOR- Sì!

ZENOB- (apre la bocca e Dolores…)

DOLOR- Sì!

Secondo atto

ZENOB- E nò!…Famme fenì de parla’!…Me juteristi a mette’ su famija?

DOLOR- (emozionata: abbassa la testa dando le spalle a Zeno, e non risponde)

ZENOB- Digo: me juteristi a mette’ su famija?…Cum’è che prima nun me facevi oprì bocca e adè nun parli? Cus’è cj hai ripensato?

DOLOR- (col dorso della mano asciuga una lacrima)

ZENOB- (se ne accorge) Nu te l’ho saputo dì, è ve’? Sai…ho perso la pratica!

DOLOR- No! L’hai detto in un modo meraviglioso e mi sono commossa!

ZENOB- Che po’ so’ vestitu cuscì, sennò…

DOLOR- Chi ti ha truccato così?

ZENOB- E’ stata Eufè a ‘mpastrucchiamme!

DOLOR- Andiamo di là, che ti do una pettinata, prima di andare in piazza!

ZENOB- Scì, famo presto! (escono)

SCENA 5^- CHICCO-LAILA-TITTI-

LAILA- (entra seguita da Chicco e Titti) Io nun ce la fagu più! (si lascia cadere su una sedia) Cj ho la testa cume ‘n pallò!

CHICC- A me sotta ai pia me ce so’ venute le bescighe!

TITTI- Oh, cus’è ce vulemo arrende’? Bisogna fa de più…quellu ch’emo fattu nun basta?

CHICC- Cume nun basta? M’ete fattu ffa’ su e giò pe’ Lureto cume fussi un pellegrì e nun basta?

LAILA- Adé telefono a casa de Memo e digu tuttu alla madre o al padre!

CHICC- Cuscì te pijane pe’ ‘na ‘mpicciona!

LAILA- Nun m’emporta, ma almeno cj avrò la coscienza pulita.

TITTI- Dighi bene, telefona!

CHICC- Uhé, guarda che me pare delle voci …(si avvicina alla camera e poggia l’orecchio alla porta) E’ zio sa la signorina Addulurata!

TITTI- Hai capito a zietto?

CHICC- Se sta a fa’ ricarica’ le batterie!

LAILA- (ch’è rimasta con la cornetta alzata:  a Chicco, che stava giocando con la bustina passandosela da una mano all’altra in volo) Chicco,  mettete de guardia e se  vedi che ‘rrivane: avvertime!

CHICC- (pauroso) Scì, ma fa presto!

LAILA- Zitti!…Pronto…sono Laila, c’è Memo?…Non importa, perché volevo parlare con lei ad essere sincera….Volevo farle sapere che Memo è disperato…Proprio così…a causa dei vostri litigi! Ha detto che non gli volete più bene e che volete separarvi…Signora…vuole drogarsi! Memo ha bisogno di voi!…No, non lo so dove possa essere adesso!

Secondo atto

               L’abbiamo cercato senza riuscirci…Si, se riusciremo a rintracciarlo le telefonerò. …Buonasera! (riaggancia)

TITTI- (avvicinandosi) Che t’ha ditto?

LAILA- Poghe parole. Era tanto preoccupata quanno ha sentito che se vole druga’.

CHICC- (preoccupato) Ecchili, ho…Ecchili!…(fugge in camera sua perdendo la bustina.- Laila e Titti lo seguono)

SCENA 6^- ZENOBIO-DOLORES

DOLOR- (entrando) Almeno adé sei più ordinato!

ZENOB- (in fronte ha un nastro che gli tiene una penna di struzzo) Stamme vicina, cuscì cj ho meno vergogna!

DOLOR- Così non ti riconoscerà nessuno…e poi Porfirio sarà sulla parte opposta alla tua!

ZENOB- E tu?

DOLOR- Io e Eufemia continueremo a cercare i ragazzi! (vede a terra la bustina e la raccoglie) L’hai persa tu?

ZENOB- No. Cusa sarà?

DOLOR- (riprendendola) Non lo so!…(aprendola) Fammi vedere…C’è una polverina bianca…Oh, non sarà per caso?…

ZENOB- (gliela riprende) Dà qua!…Me sa pure a me!…L’avranne persa i ragazzi?…La droga, me pare che è de ‘ssu culore.

DOLOR- Mettila in borsa e andiamo!

ZENOB- (mette in borsa) Scì, ‘ndamo…’Ndamo! (escono)

SCENA 7^:-I ragazzi poi Eufemia

LAILA- (affacciandosi) Venite…so’ ‘ndati via!

TITTI- Meno male, perché qui el tempo passa e le cose nun se mettene be’ pe’ gnente.

CHICC- Cusa l’emo fatta a ffa’ la droga?

TITTI- E dì che c’evi meso l’idea!

CHIC- L’idea? E le cinque mila lire che ho prestato a Zuzù pe’ la panna e che de sciguru nun me li ridarà più?…E quelli pel bicarbonato? …E quelli de le bibite?

LAILA- Sta tranquillo che te li ridagu io, se tutto va be’!

CHICC- Se tuttu va be’! (ironico)

TITTI- Laila, va a prende’ i bicchieri e preparamo tutto, cuscì quanno Memo ‘rriva è già tuttu pronto!

LAILA- (andando) Dighi be’! (esce)

TITTI- Dammi la bustina!

Secondo atto

CHICC- (comincia a cercare nelle tasche e man mano con più preoccupazione)…

TITTI- (che ha seguito la scena) Guarda che lì cj hai già cercato!

CHICC- Nun è che l’ho datu a te?

TITTI- A me? A me nun m’hai datu propiu gnente!…L’avrai data a tu sorella!

LAILA- (entra con vassoio e 4 bicchieri)

TITTI- Cus’è l’ha data a te la bustina?

LAILA- (posando il vassoio) A me? Perché nun se la ‘rtrova?…(a Chicco) Ce l’evi tu e pogu fa, mentre telefonavo, te la passavi da ‘na mano all’altra.  –CAMPANELLO- Va a oprì!

CHICC- Perché io?

TITTI- Perché sai tu l’omo de casa.

CHICC- (avviandosi) Sempre a me toccane i lavori pesanti!…(esce)

TITTI- Chi dighi che sarà?

EUFEM- (entra sconvolta e cerca una sedia) Presto, fate calcò!…

LAILA- Cus’è successo?

EUFEM- El Maresciallo!…

TITTI- El Maresciallo?

LAILA- (a Chicco che rientra) El maresciallo!

CHICC- ‘Ndo’ sta? Cus’è me lu so’ scurdato ade fora? Lu fagu entrà!…

EUFEM- Vie’ qua che nun c’è nisciù de fora !…Vulevu dì che : el maresciallu de la buon costume Pio Abbagli ha arrestato a vostro padre !

LAILA- A babbu?

 CHICC- A babbu nostru?

EUFEM- Scì!

TITTI-  E pe’ quale motivo l’hanne arrestatu?

EUFEM- Pe’ favoreggiamento alla prostituzziò!

CHICC- A babbu mia? E ‘ndo’ staceva ai Tabacchi?…….(zona del luogo, dove si mettono in mostra le ….)

EUFEM-Ma no, staceva in piazza!

LAILA- In piazza? Ma se ce semo stati fino a pogo fa e nun l’emu visto!?…

EUFEM- Nun pudevate ricunoscellu perché era vestitu da “bitte”!

LAILA- Ma tu nun hai fattu gnente?…

EUFEM- Io ho fattu be’ a fugge sennò arrestava pure a me! El maresciallu se chiama Pio Abbagli e pija abbagli de nome e di fattu!…Ha sgambiato a vostro padre pe’ un pappò!…E questu è gnente!…

CHICC- Perché cj hai ‘n’antra disgrazia da dicce?

EUFEM- Ha arrestau pure a vostro zio, sa l’amica mia!

LAILA- A zì?…E a lu per co’ l’hanne arrestatu?

EUFEM- Pe’ spaccio de stupefacenti: de droga!

TITTI- (raggiungendo a ritroso e piano piano l’uscita)…Beh, ce vedemo…S’è fattu tardi…Se vedu a Memo je digu che la madre lu ‘spetta!…

Secondo atto

LAILA- Scì, è mejo che nun viene qua!…

TITTI- Me dispiace….Ciao! (esce)

CHICC- Ciao…(a Laila) Oh Laila, la droga la pudemi chiede a zì, ‘nvece de ffa’ cula fadigata!

LAILA- Sta zitto!…Ma perché tuttu sto pasticcio?…Babbu e zio so’ brava gente!

EUFEM- Lu so.

CHICC- Ma babbu perchè s’è travestito?

EUFEM- Pe’ vo’!…Pe’ juta’ a vo’!

I RAGAZZI- A no’?…

EUFEM- A vo’, fiji snaturati e senza cuscenza!

LAILA- Perché ce dite questu?

CHICC- Per chi c’ete presu?

EUFEM- Pe’ do’ drugati!…

I RAGAZZI- (guardandosi) Coooosaaaa????….

S I P A R I O

TERZO  ATTO

                             Stessa scena. In scena vi sono Eufemia, Chicco e Laila che aspettano con ansia il ritorno di Porfirio e Zenobio. Oltre ai bicchieri vi saranno bottiglie di coca cola o altre bibite.

SCENA 1^- Eufemia- Chicco e Laila.-

EUFEM- Perché l’ete fattu?…Ve mancava calcò?…Cu’ ve mancava?…

I RAGAZZI- (fanno finta di non sentire, si distraggono appositamente)

EUFEM- (continua) Che gusto c’ete a pijà ‘ssa roba?…(a Chicco) Cume la piji?

CHICC- (fa spallucce e si gira)

EUFEM-(a Laila) E tu, santarella?…

LAILA- ( Laila come Chicco)

EUFEM-(ritorna a parlare tra se) E cum’è che nun ‘rrivane?…Purfì e Zenobio so’ feniti in questura a causa de do’ mummie!…Nun parlate, è ve’? Nun me lu dite, adé, che so’ sclerotica e vecchia? Ce credo, dopo quellu ch’ete fattu!

CHICC- (sbotta) Oh,oh,oh!… Adé cj hai stufatu! Nun emo fattu propiu gnente! Te digu cum’è natu sto casino:…

LAILA- E’ stata tutta colpa de babbo!

EUFEM- De babeto?…Ma se cul puraccio…

CHICC- Ecco! Appena oprimo bocca ce la chiudite! Pe’ parla’ sa babbu bisogna avecce el permesso scrittu in carta bullata e ‘na vo’ che l’hai ottenuto, nun fai ‘n tempu a dì “Ba…” che te senti grida’: “Basta! Nun cj ho tempu! Ce semo capiti? Se c’ete bisogno de calcò dumannatelo a zio!” E cuscì nun emo poduto dì gnente de quellu che vulemi!

LAILA- Chicco, va ‘ntel giardino e vedi se ‘rrivane, cuscì je raccontu la storiella!…

CHICC- Scì, è mejo che pijo ‘n po’ d’aria, che già cj ho i fumi ‘n testa!(via)

LAILA- Chicco, cj ha ragiò! Dacché è morta mamma, nun semo più riusciti a ffa’ un discorso sa babbo! Pogu fa hai dittu: “Cusa ve mancava?” Gnente! Eufemia, nun ce manca gnente! Ce manca cul tantino d’affetto, d’attenzione da parte babbo!…Lu pensa solo al lavoro!

EUFEM- Nun c’ete torto... ete dittu be’…ma nun bisognava ‘rriva’ a pija’ cula rubaccia lì!

LAILA- Ma chi l’ha mai presa?

EUFEM- Nun dì bugie, che v’ha sentitu zio, pogu fa, sa le ‘recchie sue! E ne parlavate cume se l’avristi presa da tant’anni!

Terzo atto

LAILA- Ho capito!…Cj ha ‘nteso mentre facemie le prove pe’ fa crede’ a Memo che pure no’ erimi drugati…I genitori di Memo, st’amicu nostro, se stanne a separa’ e lu nun l’accetta e pe’ nun pensacce se vole juta’ sa la droga. No’, pe’ jutallu, je vulevamo fa’ capì che la droga nun serve a gnente…

EUFEM- Je voj bene, è ve’?

LAILA- Scì, tanto!…Ma p’adé è mejo  dì che c’è ‘na simpatia!

EUFEM- Vo’ facevi la finta e ce mancava pogu che babetu ‘mmazzava a Zenobio!

CHICC- (entra) Ecchili!…Ecchili, che ‘rrivane!…

EUFEM- C’è tu padre?

CHICC- Scì! E c’è pure l’amica tua…a zio però nun l’ho visto!…

EUFEM- E’ mejo che ‘ndate ‘n camera vostra! Su…’ndate!

LAILA- Chicco, ‘ndamo! (entra)

CHICC- (accenna dei passi poi si ferma) Cume mai zio nun era sa lora? CAMPANELLO-….Ecchili ! (via,di corsa)

SCENA 2^: - EUFEMIA- PORFI-ZENO-DOLORES-MARESCIALLO-

EUFEM- (va ad aprire)…Prego!….Si accomodi!…(rientra seguita da Porfì, Dolores, maresciallo e poi Zeno)

PORFI-Venga avanti, maresciallo! Se metta seduto che vago a prende’ i documenti!…(si avvia)

ZENOB- (passa davanti a Eufe e al maresc) Permesso!(va su un lato della scena)

MARES- Prego, signora!…Cioè…

ZENOB- Ah, ‘mbéh!…

EUFEM- Mi dica maresciallo, miga je ‘rimanene le carte macchiate?

MARES- Purtroppo suo marito….

EUFEM- Ancora nun è mi maritu!

ZENOB- Ce ‘cchiappasse  ‘na volta!

MARES- Scusi, ma non mi riferivo a lei, ma alla signora…(indica Zeno)

ZENOB- Ma ancora, maresciallu, nun ha capitu che so’ un omo?

MARES- Ho preso un abbaglio…tutte queste donne!

DOLOR- Il maresciallo Pio Abbagli che prende abbagli….questa è carina?

MARES- (a Porfi)Dov’è sua moglie?

PORFI- (alza gli occhi al cielo) Lassù!

PORFI- La faccia scendere!

PORFI- Non pole scende.

MARES- Perché?

ZENOB- La scala che c’emo è troppo corta!

EUFEM- Maresciallu, è decaduta!

MARES- Cosa?

Terzo atto

DOLOR- Vogliono dire che è deceduta!…Morta.

MARES- Ah, bene!…Di questo se ne occuperà la scientifica, noi andiamo avanti! Debbo appurare se nascondete qualcosa in casa!…(agli uomini) Voi!?…Cosa avete da borbottare? Cosa premeditate?

PORFI- Gnente!…Je stavo a dumanna’ dei fiji!

MARES- (quasi tra sé,senza guardare dalla parte di Porfi) Ahàh! Avete dei figli!… (girandosi di scatto verso Porfi e inquisitorio) Avete dei figli?

PORFI- (pauroso) Scì!

MARES- (veloce) Quanti?

PORFI- Do’!…Emo fatto in tempo a fanne solo do’!

MARES- (a Zeno) E voi?

ZENOB- Gnente!

MARES- Niente?…(guardandolo con aria meravigliata) Possibile?…Niente?

ZENOB- P’adé gnente, ma se me vie’ voja ve lu fagu sape’!

MARES- Ma non li avete voluto avere o non li potete avere?

ZENOB-Eccu, bravu! Nun ce li possu ave’ perché cj ho de le complicanze!

MARES- Eppure…(sempre guardandolo verso la metà corpo) con quei fianchi doveva essere diversamente!

ZENOB- Ariecchilu!…Marescià, io so’ un omo, anzi un omò, sa l’accentu sulla “o”, ve la vulete capi’?

MARES- Già…Si! Si, me lo avevate detto!…Ho preso un abbaglio!

ZENOB- Sta a vede che pe’ colpa de stu ciambottu vagu a fenì davé in galera!

DOLOR- Sta calmo!

MARES- (a Porfi) Dunque, lei ha detto che ha due figli…dove sono?

EUFEM- Stanne ‘nte la camera de lora: studiane!

ZENOB- Purfì, ‘ndamo a pijà i documenti che è mejo!

PORFI- Scì, ‘ndamo…’ndamo! (si avviano)

MARES- Aspettatemi!…Voglio controllare le vostre camere!…(a Eufemia) Al mio ritorno voglio trovare i ragazzi qui! (escono)

SCENA 3^:- Eufe-Dolo-Chicco-Laila

EUFEM- Sentitu cume cumanna ‘ssu capisciò?

DOLOR- Eufemia, raccontami tutto!

EUFEM- Io? Tu me devi raccunta’ cum’è che sete feniti in questura!…Quanno so’ ‘rrivata el marescialloe ra già lì!

DOLOR- Tutta colpa di un vecchio sporcaccione: credendo che Zeno fosse una donna, gli ha dato una pacca sul sedere…Ti dirò, come donna Zeno ha avuto successo!…Conviene chiamare i ragazzi!

Terzo atto

EUFEM- Scì, è mejo!…(si avvia,ma ritorna) Oh, lu sai che le cose sa Purfì se mettene be’? M’ha dittu che nun ne pole più a sta’ da solo…che cj ha bisogno de ‘na donna!…A te cume te va sa Zenobio?

DOLOR- Anche per me si mette bene!…Altro che inibito! La mia collega…la psicologa…è venuta, ma ha trovato in casa solo lui…Ebbene: c’è mancato poco che le faceva la festa!

EUFEM- Pe’ faje ffa’ la donna emo dovuto suda’ sette camicie! Le cagnare che ha fattu sal cugnato, li dovevi senti’!

DOLOR- Ormai non ce la faranno più a stare insieme come prima, specie dopo quello che è successo adesso!…Però, adé va a chiama’ i ragazzi!

EUFEM- Scì, parlamu dopo! (va alla porta e chiama)…Nun me ne va da discorre sal maresciallo!

LAILA – (entra timorosa) So’ ‘ndati via?

CHICCO- Se pole?…Disturbo?…

DOLOR- Ma che disturbi? Guarda che ti trovi a casa tua!

LAILA – Cosa volete?

DOLOR- Il maresciallo vuole conoscervi!

EUFEM- Ve vurrà fa’ l’interrogatorio!

CHICCO- (termando di paura e quasi piagnucolando) Io nun so gnente!   ‘N galera nun ce vojo ‘nda’!…Tutta colpa tua (alla sorella) io nun me ce vulevo ‘mpiccià…Cume fagu se me portane a Montacuto?…Io anco’ so’ un monello…Cume fagu?…

DOLOR- Calmati! Cosa credi che sia un interrogatorio?Si tratta solo di rispondere a delle domande.

CHICCO- Dite be’, ma io me ‘mbroju!…Ecco perché ce manca poghi anni che vago a ffa’ el militare senza che ho fenito le scole, proprio perché quanno el professore m’enterruga me cunfonnu…me lassu pija’ da la paura e stagu mutu cume ‘n pesce e cuscì me bocciane e me tocca ripete’ l’anno!

MARES- (entra e si ferma sulla soglia) Allora?…

DOLOR- Eccoli!

MARES- (passa davanti ai ragazzi su e giù e poi a Chicco) Tu!…Come ti chiami?

CHICCO- (vorrebbe rispondere, ma gli scappa fuori solo un mugugno)

MARES-Cosa hai da mugugnare?

DOLOR- Rispondi! T’ha solo chiesto qual è il tuo nome.

CHICCO- Francesco Bellavista…ma j amici me chiamane “Chicco”!

MARES- (secco) Perché?

CHICCO- Nun lu so! Dumannatelo a lora, enne lora che me ce chiamane, miga io!

DOLOR- “Chicco” è il vezzeggiativo di Francesco: Cesco…Cecco…Chicco…

Terzo atto

CHICCO- Checca!

MARES- (girandosi di scatto cerso di lui) Che hai detto?

LAILA- Niente!..Sa, stavamo studiando…facevamo l’analisi logica…e lui stava declinando: è vero?

CHICCO- Scì! Declinavo: Francesco presente – Cesco complemento oggetto – Cecco genitivo – Chicco attributivo e Checca neutro!

MARES- Capperi!…Devi essere molto bravo a scuola!…Si vede: hai una faccia intelligente! 

CHICCO- (guarda in giro e poi..) Cus’è ha dittu a me?

EUFEM- ‘N antru abbaju!

MARES- (a Laila) E tu?

LAILA – Io mi chiamo Laila e non è derivato da niente! Laila e basta.

MARES- Lo sapete che i vostri genitori, oggi, sono stati portati in questura?

EUFEM- e DOLORES –(suggeriscono ai ragazzi con dei cenni di “no” )

LAILA –No! Non lo sappiamo.

CHICCO- In questura?

MARES- Sì!

CHICCO- E’ lei il Questore?

MSRES- No!

CHICCO- E il Questore ‘ndo’ sta?

MARES- In Questura.

CHICCO- Ah!…E il Questore a quest’ora in Questura: c’è?

MARES- No! Il Questore a quest’ora in Questura non c’è!…Ma perché vuoi saperlo?

DOLOR- E’ un ragazzo molto curioso…Gli piace chiedere…Vuole sapere tutto…Non gli sfugge niente!

MARES- Bravo! Arruolati. Abbiamo bisogno di gente come te!…Adesso debbo andare nelle vostre camere. Chi di voi mi accompagna?

EUFEM- Lei!

DOLOR- (a mezza voce) Ma se non so dove stanno?

EUFEM- Stanne de là…E cus’è ‘na reggia?…(la sospinge) La segua, maresciallo! (Maresciallo e Dolores escono)

LAILA – Cus’è ‘ndatu a cerca’ ‘nte le camere nostre?

EUFEM- Cusa voj che cerca? La droga, nò!

PORFI- (da fuori) Vie’ oltra t’ho ditto…Ce gambiamo dopo!

EUFEM- Ecco che ‘rriva babeto!

LAILA – (rimane dove si trova, e abbassa la testa)

CHICCO- (va a sedere e di fronte a lui si siederà Zeno)

PORFI –(entra e dopo aver guardato i figli) Ecchili qua i tesori mia!…Pensate che pe’ lora: ce mancava pogo che fenivo in galera!

ZENOB- (che si è seduto di fronte a Chicco con le gambe accavallate, con gomito sul ginocchio e mano in faccia, per coprirsi a Chicco)

Terzo atto

LAILA –Babbo ce dispiace!

CHICCO- Pure pe’ zio!

PORFI- Se pole sape’ adè, perché state a testa bassa? Cume mai nun me dite perché me so’ vestito cuscì, che me fagu schifo?

LAILA – Perché lu sapemo!

CHICCO- Che fai schifo!

LAILA –(giustifica la gaffe di Chicco) Vestitu ‘nte stu modo!(occhiataccia)

PORFI- Nun capiscio perché frequentate certa gente pe pipate certa roba!

LAILA – Babbo, guarda che no’…

EUFEM- Sta zitta, che parlo io!

PORFI- Tu cu’ c’entri?

EUFEM- So tutto! 'Ndamo pe’ le corte! I fiji tua nun se drogane e nun se so’ mai drugati! Hanne fattu fenta da essello, pe’ juta’ ‘n amico che se vuleva druga’ dave’ perchè  pensava che ‘nte stu modo prudesse risolve i problemi che lu fanne suffrì. I monelli, addirittura hanne pensato pure de fa’ ‘na bustina de droga falsa…

CHICCO- Che me so’ persa e manco me la ‘rtrovu più!

PORFI- E sarà quella che ha truvato Zenobio…Ecco perché el maresciallo in camera ha strabaltatu ogni cosa! Cercava la droga!…Ma zio ha ‘nteso da le bocche vostre che…

EUFEM- T’ho ditto che facevane fenta!…Facevane le prove, in modo che l’amico ce pudesse crede che lora se drugavane da tempo!

PORFI- Tutta colpa de Zenobio!

CHICCO- (sbotta) Tutta colpa tua e no’ de zietto! (si alza e va dal padre, dando però le spalle a Zeno, che a sua volta si alzerà per accarezzarlo, da dietro) Lu tratti sempre male, e nun pensi a quello che ha fattu pe’ no’! (toglie la mano di Zeno dalla testa) Cj hai avutu pure el coraggio de lassallo daperlù in questura…che po’ a quest’ora il Questore in questura nun c’è!

PORFI- Ma cusa stai a dì?…Ma è mattu?…Cume te permetti?

CHICCO- Me permettu scì! Io a zì je vojo bene, perché ce vole be’… Tu ‘nvece te porti a casa le donnacce…(guarda dalla parte dove stava seduto zeno e non lo vede) ‘Ndo’ sta?…’Ndo è ‘ndata? (intanto Zeno accarezzandolo gli fa sentire il suo seno sulle spalle…Chicco lo avverte e…) Eccu ‘ndo’ sta!…Babbu me svieno!…Me so’ venute le caldarelle!….

PORFI- Voj a zio? Ecchetelo!

CHICCO- (si gira) Zi’?…Zì sai tu?

ZENOB- Sai cuntentu che zio tua sta qua?

CHICCO-‘Mbracciame ancora zì, che me piace tanto! (lo abbraccia)

LAILA- Babbo, me dispiace dave’…me perdoni? (lo abbraccia)

Terzo atto

MARES- (rientra) Ma che bel quadretto! Bene,bene,bene!…Non ho trovato nulla che potesse interessarmi. Quindi l’unica bustina di droga è questa e per giunta falsa.

ZENOB- De chi è ‘ssa bustina?

PORFI- La tua, no?

DOLOR- Non è sua!…e lo lasci stare!

EUFEM- Nun c’è bisogno che lu difenni! El maresciallu je l’ha truvata a lu, sennò me dighi de chi è?

CHICCO- Io nun so gnente!

LAILA – Ci dica qualcosa lei!

TUTTI – Sì, ce lo dica lei!

MARES- Calma e silenzio!…(estrae da una tasca una bustina e dall’altra tasca un’altra bustina simile e le poggia su un tavolo) Ecco…vedete queste sono due bustine, a voi possono sembrare uguali e difatti hanno lo stesso colore…la stessa dimensione e questo lo potete notare anche con i vostri occhi profani!

CHICC- Marescià, io nun ce l’ho profani…io ce l’ho azzurri!

MARES- Certo!

CHICC- Mamma me diceva sempre che ce l’ho a mandorla!

PORFI- scì, a pistacchio!…Sta zittì!

MARES- Silenzio e lasciatemi spiegare!…Se andiamo ad aprire questa: dentro c’è del puro e semplice bicarbonato…

TUTTI- (commento a soggetto)

MARES- Proprio così…del puro e semplice bicarbonato! Difatti se andiamo ad assaggiarlo…

CHICC- Me da un pughettu?

MARES- Zitto e lasciami lavorare!…Mentre quest’altra è la bustina vera!…La polvere che andiamo a trovare qui dentro non è una semplice polvere, ma cocaina…ripeto: co-ca-ina!

CHICC- (alza la mano, e come lui a turno concatenato tutti gli altri alzano la mano e ad ognuno di essi verrà detto di “no”)

MARES- No!…No…no…e no!E’ inutile che alzate la mano!…Non ve la posso dare ne per cento, ne per mille ne per…

CHICC- Ma perché?

MARES- Perché è mia e me la tengo !…Mi serve per vedere la differenza tra quella vera e quella falsa.

DOLOR- Possiamo vedere la differenza?

MARES- (porgendola) Eccola!…ma non toccate la polvere!

TUTTI – (se la passano)

DOLOR-Posso vedere la falsa?

Terzo atto

MARES- Eccola! (anche questa viene a sua volta girata nel gruppo, finchè quella vera rimane nelle mani di Chicco e quella falsa ritorna al Maresciallo)

CHICCO-Marescià, questa falza me la possu tiene?

MARES- Certo! Quella falsa l’affido al futuro poliziotto!…Adesso debbo andare, altre avventure mi aspettano! (a Porfi) Lei si ricordi che non ha l’età per fare il ragazzino e lei (a Zeno) signora, si vesta più decentemente!…E tu ragazzo, quando ti senti pronto, quando sentirai dentro di te quel desiderio irrefrenabile d’avventura: vieni da me e al nostro passare il mondo ladro e sporco tremerà! Buonasera…e ricordate che il maresciallo Pio Abbagli non prende mai abbagli! (via)

              SCENA 4^- Detti

EUFEM- Menu male ch’è ‘ndatu via, me staceva a ffa’ venì el mal de testa!

ZENOB- Me possu ‘nda’ a gambia’ che nun ce la fagu più sa sti pagni addosso?

DOLOR- Ma certo!

PORFI- Pure io me vagu a gambia’!

EUFEM- ‘Ndamo de là!

ZENOB- Sa cosa me struccu ?

DOLOR- Col latte!

PORFI- Sal latte?

ZENOB- Sal vino nun è lu stesso?

EUFEM- No!

PORFI- Verdicchio! Verdicchio bianco de Matelica!

DOLOR- Latte! Latte detergente!

LAILA – Babbo, lu trovi ‘ntel bagno!

EUFEM- Laila ce penso io. (sospinge Porfi ed escono)

DOLOR-Laila, Chicco, andate in camera a mettere a posto i cassetti. Il maresciallo, per cercare la droga ha buttato tutto a terra!Andiamo Zibì! (escono)

SCENA 5^- Laila- Chicco- poi Memo.-

LAILA- Tutto a terra? Sai el macello che ha fatto?…’Ndamo, Chicco!

CHICCO- Lasseme sta un mumentinellu da solo…Famme ripijà che ancora me sentu la testa confusa!

LAILA- Va bene, rimani!…Però la stamie a cumbina’ proprio bella!

CHICCO- Vulemi leva’ Memo da la brace e mettemi a babbo e zio ‘nte la padella!

Terzo atto

LAILA- Proprio cuscì!…(uscendo)Però evi avuto ‘na bella idea!(esce)

CHICCO- Cuscì bella che m’è custata diecimilalire e che stacevo a prende’ un saccu de bastonate e pe’ fenì: a Memo mancu l’emo truvato!…Sai cu’ fagu adé? Preparo tutto…(apre le bottiglie e comincia a versare nei bicchieri)…almeno se dovesse ‘rriva’ Memo è tutto pronto!…Adé ce mettemo pure el bicarbonato…un mughetto per’o’…(distribuisce equamente nei bicchieri)…E cul’altru che vuleva che diventassi questurino!?…Capirai se saria bonu: appena sentu un chioppu me mettu paura!  -C A M P A N E L L O – e chi pole esse’?….(a voce alta) Ce vagu io a oprì!…(va)

              SCENA 6^- Memo, poi Laila –

MEMO – (entra a testa bassa, seguito da Chicco)

CHICCO- Oh, me pari un ca’ che ha preso un saccu de legnate!…Ma lu sai che t’emu cercato pe’ terra e pe’ mare?

MEMO – Chiamame a Laila!

CHICCO- Nun ce se comporta cuscì tra amici!

MEMO – Chiamame a Laila!

CHICCO- Pe’ colpa tua stacevo a pija’ un saccu de bastonate!

MEMO – E adé le voj pija’ da me?

CHICCO- (andando) Lailaaaa!!!…(esce)

LAILA – Memo?….Memo Memo Memo!(lo abbraccia)

MEMO – Scusame. Lailé…perdoname!

LAILA – ‘Ndo’ sai stato? I genitori tua te stanne a cerca’!…Va da lora…nun li fa’ sta’ in pena!…(abbassa la testa) Nun so se ho fattu be’, ma je ho dittu tutto pe’ telefono.

MEMO – Lo so!…Hai fattu be’ a dijelo!

LAILA – E tu duv’eri?

MEMO – In chiesa… Nella casa della Madonna… Sotta la finestra dell’Angelo!

LAILA – Hai pregato?

MEMO – No, se intendi : “Ave Marie e Padre nostri!” (si stacca e le da le spalle)…Riuscivo a dì solo : “Madonna jutame…Jutame!”. Quanno so’ scappatu dalla chiesa ho ‘ncuntratu a mamma che buccava…’Ndava pure lia a raccumannasse!…La Madonna ha avuto pietà di me e tu sai statu l’Angelo che mi ha aiutato!

LAILA – (abbracciandolo alle spalle) Memo mia, cume so’ contenta!…

MEMO – (girandosi) Ma lu voj sape’ perché litigavano sempre? Perché erene ‘rrivati al punto da separasse? Perché nun s’erane mai dette le cose cume stavane!…E’ cumenciatu tutto el giorno che babbo s’è meso a

terzo atto

               ffa’ j straordinari in fabbrica: vuleva ‘mmucchia’ un po’ de soldi pe’ fa’ un regalo a mamma…un bracciale d’oro! Invece mamma, gelosa,

               pensava che lu passasse ste ore in più: sa ‘n’altra donna e allora…

LAILA – Ma perché nun je ha dittu gnente a tu padre?

MEMO – Per orgoglio! E allora ha pensato de fa’ j straordinari pure lia!

LAILA – E stavolta s’è ingelosito lu!

MEMO – Esatto!…Cuscì, la sera ‘rrivavene stanchi tutt’e do’ e nun se parlavane…Usavane solo monosillabi: “ Caffè!”… “Sì”… “Sale”… “Pepe”… “Alza el volume”… “Oggi c’è la partita e la televisiò a colori la guardo io!”… “Cume so’ stracca!”… “Che mal de testa!”…Questi so’ i discorsi che riuscivane a ffa’!

LAILA – Ma se nun se so’ fatti un torto: nell’uno, né l’altro?

MEMO – Tutto pe’ nun parla’…pe’ nun essecce dialogo! E el bello che nun me permettevane de parla’ pure a me, pe’ avecce delle spiegazioni!

LAILA – E pure qui stava a succede un terremoto!

MEMO – Vieni a casa mia che babbu e mamma te volene ringrazia’!…Te volene conosce mejo!…

LAILA –Ma Memo…

MEMO  – Zitta!(detto imperativamente)…Vieni sa me Angelo mio!…Je l’ho dittu che te vojo bene!

LAILA – Dave’?

MEMO – Scì!

LAILA – Allora se me voj bene veramente, nun me dì più “zitta”. Lu vedi cusa stava a succede ‘n casa tua pe’ nun parla’?… e pure ‘n casa mia sa babbu: “Zitti, ce semo capiti?” Ma do’ cume fanne a capisse se nun se parlane?

MEMO – Hai ragiò!…Adé ‘ndamo che ce ‘spettane!

LAILA – Va bene! (chiama) Chicco?…Vie’ un po’ qua?…

CHICCO- Cusa voj?

LAILA – Io vagu a casa de Memo…i genitori sua se so’ riappacificati e me volene conosce…Se babbo cercasse de me je dighi che a mumenti ‘rtorno! Ciao!

MEMO – Ciao! (escono)

               SCENA 7^:- Chicco- Porfi-Eufemia, poi Zeno e Dolores

CHICCO- Ciao, ciao…cuscì chi ‘rmane a fadiga’: so’ sempre io!…Famme fenì da mette’ a posto la roba che ha buttatu a terra Scerloc Holmes! (si avvia)

PORFI- Chicco, chi eva sonato?

CHICCO- Era Memo, è venuto a prende’ Laila pe’ purtalla a casa sua!…Io vagu in camera a mette’ ordine! (esce)

Terzo atto

PORFI- (A Eufe) Hai ‘nteso? E’ ‘ndata a casa de ‘n amico!…De un omo!…Te pare giusto?

EUFEM- Se je vole bene: scì! Ormai l’età pe’ capì certe cose ce l’ha e po’ io a Laila je dago fiducia…E’ ‘na ragazza sa la testa sulle spalle!

PORFI- So’ d’accordo…ma se ce spusamo: je devi parla’ per be’!

EUFEM- Ce parlami e non “ce parli”! Lu sbajo è proprio questo: parla’ sa i fiji a singhiozzo…a rate…prima uno e po’ l’altro!…Dopo spusati cj avrai più tempo da dedica’ a la famija e no’ solo al lavoro!

PORFI- Ma io so’ da solo a dirige’ trenta operai, oh!?

EUFEM- Nun sarai più solo!…Vedrai che Zenobio ripida a fadigà….Pare che se vole spusa’:…sa l’amica mia, Dolores!

PORFI- Dighi dave’?…Quann’è cuscì!…

ZENOB- (entra seguito da Dolor e nel vedere Porf- e Eufe-)…Ecchili!

DOLOR- Su! Diglielo!

ZENOB- E cume fagu?…

DOLOR- Vuoi sposarmi o no?

ZENOB- Scì…ma nun è che ce ripensi?

DOLOR- Fosse per me: pure domani (si avvicina a lui di più e rimangono a parlare sottovoce)

EUFEM- (che nel mentre avevano continuato a parlare sottovoce…) Nun c’è mumentu migliore pe’ dijelu!

PORFI- Nun je lu poj dì tu?

EUFEM- Tu sei l’omo e tocca a te dijelu ! (ritornano a parlottare)

ZENOB-…E se me dice… “ Ah, me lassi dapermé…sa do’ fiji…”

DOLOR- Non te lo dirà, perché pure lui si vuole sposare. Dai!

               (DA QUESTO MOMENTO ZENO E PORFI’ SI GUARDANO E RIGUARDANO FINCHE’ PARLERANNO INSIEME CON STESSE FRASI)

PORF-ZENO- Sai, io me vojo spusa’!

PORF-ZENO- (si rigirano verso la propria donna) Hai ‘nteso? Se vole spusa’!

PORF-ZENO- (di nuovo di fronte stringendosi le mani) Complimenti…complimenti!

EUFEM- Insomma ve la vulete fenì da ffa’ i scemi?

DOLOR- Ditevelo con chiarezza che volete sposarci!

PORFI- E che lu dimo a ffa’?

ZENOB- Ormai l’ete dittu vo’!

PORFI- Allegria!…Famo un bel brindisi!…

EUFEM- Ecco! Qua ce so’ pronte le bibite! (da un bicchiere ad ognuno) Su bevevo…p’adé lu famo sa la coccola, po’ lu famo sa lo champagne!…

TUTTI – (avuto il bicchiere lo uniscono, ognuno all’altro e poi dividendosi)

terzo atto

ZENOB- No’ brindamo alla russa! (difficoltà nell’intrecciare le braccia e poi berrano)

EUFEM-Pure no?

PORFI- Vojo vede se dopo spusato trovo un po’ de pace!…

EUFEM- Te juterò io a truvalla!

              DOPO AVER BEVUTO TUTTI AVRANNO DISGUSTO PER QUELLO CHE HANNO BEVUTO, NON IN MODO ESAGERATO PERO’)

(E’ COMINCIATO L’EFFETTO DELLA DROGA: ognuno reagira’ in modo diverso dall’altro: Zenò penserà piangendo ai nipoti.- Porfì sfoga la sua rabbia contro le istituzioni.- Eufemia canterà e Dolores le fa da accompagnamento musicale.- IL TUTTO VA COORDINATO AD INCASTRO ALTERNATO)

ZENOB- I fiji!…I nipoti mia!…Chicco!…Laila!…Me ce bituerò?…(continua piano)

PORFI-…Me stavene a mette’ in galera! A me? A un lavoratore!…

EUFEM- (canta la canzone di Michele: “SE MI VUOI LASCIARE” IN DIALETTO) …E se me voj lassaaaare…

DOLOR- (accompagna) Badibadabù!

EUFEM- …dimme almano perche’!

DOLOR- Da-dabù dabù dabù!

ZENOB- ...Domitilla mia sai stata ‚na surella senza rispettu, nun duvevi murì!

PORFI- …Io ve ce manno in galera: ladri!…Io so’ un onesto cittadino!

EUFEM- … “ e te la voj capiiire che tu sai pe’ meeee!….

DOLOR- ….Bu bubù dadibadabù!

EUFEM- …. “ adé te ‘ncateno e ‘rmani cu’ me!”

CAMPANELLO

DOLOR- … Bu bubù bubù bubù…

ZENOB- …Chicchettu…? Lailetta…?

                                                 CAMPANELLO

CHICCO- (entra) Sete tutti sordi?…(li guarda meravigliato e si avvicina chiamandoli ora all’uno ora all’altro)   CAMPANELLO – Boh! So’ ‘ndati via de testa?…(va ad aprire)

MARES- (entra: è agitato) Dov’è…Dov’è (cerca sul tavolo, a terra negli angoli sotto ai divani…)Chi l’ha presa? (interroga a soggetto tutti e non ha risposta perché ognuno continua sul proprio discorso sconnesso) Ma perché nun me rispondono?

CHICCO- Pure io ho cercato da parlajie, ma hanne continuato a parla’ tra de lora!…Ma che sete venuto a ffa’?

MARES- Cerco la bustina! Ho lasciato qui la bustina di droga vera!…Questa è quella falsa!…Voglio sapere chi ha preso quella vera.

Terzo atto

CHICCO- (che già aveva capito e aveva dato segnali mimici di preoccupazione) Io!…Me l’ete data vo’…ve ‘rcurdate? M’ete dittu:

“Questa puoi tenerla!” E io l’ho mesa ‘nte le bibite!…(guarda i bicchieri e poi disperato, perché finalmente capisce quello che ha fatto)…Se la so’ bevuta!…

MARES- Se so’ drugati!…Presto chiama l’Ospedale!…

CHICCO- (rimane in silenzio…è inebetito, finchè alle ripetute richieste di chiamare l’ospedale:..si mette a gridare per la scena…) Ospedale! Ospedale…

                               ( I QUATTRO A VOCE NORMALE CONTINUANO IL LORO PERSONALE DISCORSO…MENTRE IL MARESCIALLO PASSA DALL’UNO ALL’ALTRO…CALA LA SCENA)

Sipario

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 19 volte nell' arco di un'anno