Dante, chi è costui?

Stampa questo copione

DANTE, CHI È COSTUI?

di Giulia Tavani, Emilia Iervolino e gli alunni

Fantasia comica dell’Inferno dantesco

Personaggi:

GLI STUDENTI:

LEO

CATIA

MAURO

ALESSIA

ANDREA

FABIO

ANNA

YLENIA

DANTE

LONZA

LEONE

VIRGILIO

4 IGNAVI

CARONTE

MINOSSE

CLEOPATRA

ELENA

FRANCESCA

PAOLO

FARINATA DEGLI UBERTI

ULISSE

DIOMEDE

MANFREDI

ATTO PRIMO

SCENA I

Gli otto ragazzi entrano in scena gridando di gioia per la fine della lunghissima mattinata scolastica.

LEO - Ole’!! Ce l’avemo fatta.

CATIA - Finarmente è finita pure oggi.

MAURO - Me pareva de nun faccela.

ALESSIA - A chi lo dici.

YLENIA - A regà, avete visto Roberto che faceva a botte co’ Renato?

ANDREA - Sì, e pe’ un pelo nun so’ scesi giù dar preside.

FABIO - Ma che è successo? M’o dite pure a me?

ANNA - Pe’ falla breve, Roberto e Renato se so’ menati.

FABIO - E poi ch’è successo, ch’è successo?

LEO - Quello de tecnica, come sempre, ha messo le note sur registro e sur diario.

CATIA - Intanto i due urlavano indemoniati; a quer punto er prof s’è incavolato e…

MAURO - …e l’ha minacciati de spedilli dar preside.

ALESSIA - Noi però semo riusciti a faje cambia’ idea.

FABIO - Ammazza che geni!!! Beh, mo che volemo fa’?

YLENIA - Se n’annamo a casa. Certo che tre ore de italiano ammazzerebbero pure un cavallo.

ANDREA - Io me sento già cadavere e pure nun so’ mica un cavallo!

ANNA - Tu sei solo un asino, ce lo sanno tutti!

LEO - Certo che ‘sti professori so’ proprio de ‘na brutta razza.

CATIA - Tra loro e noi c’è ‘na specie de… muro! (canzone - “The Wall” dei Pink Floyd)

SCENA II

LEO - Catiù, annamosene a casa insieme.

CATIA - Va beh!

MAURO - Ce vedemo oggi?

ALESSIA - Pe’ fa’ che?

FABIO - Se ne annamo? Io ci ho fame.

YLENIA -  Te pareva che nun ci avevi fame!

ANDREA - Hai mangiato tutta la mattina!

ANNA - Nun t’è bastato?

LEO - A lui la scuola je fa bene; je fa venì fame.

MAURO - Allora ce vedemo oggi?

ALESSIA - Ecco, parlamo de cose serie. Scennemo tutti giù e annamo a gioca’ a pallone.

FABIO - Vengo anch’io, dai annamo. Vengo anch’io! (canzone - “Vengo anch’io” di Enzo Jannacci)

YLENIA - Oggi? Ma sete matti?

ALESSIA - Perché che succede oggi?

YLENIA - Co’ tutti quei compiti che ci ha dato quella d’italiano, nun se po’ usci’.

ANDREA - Nun avete sentito ch’ ha detto la vecchia? “Chi non studia sarà punito”!

YLENIA - ‘Na vera iena.

ANNA - Uh, è vero. Me n’ero scordata.

LEO - Nun me di’!! Tu che t’aricordi sempre tutto. Nun t’aricordi der dispetto che ci ha fatto oggi?

FABIO - Me lo dite pure a me? Che è successo?

YLENIA - E mo te lo dimo, basta che te stai zitto.

ANDREA - Te ricordi che Natascia doveva festeggia’ er compleanno?

FABIO - Sì. E perché nun ha fatto più gniente?

ANNA - Noi avemo chiesto alla prof de dacce due ore, due piccole orine pe la festa…

LEO - E sai che ci ha risposto? Ci ha detto: “noooooo”! Sta taccagna.

CATIA - E pe’ punizione s’è messa a parla’ de un certo Alighieri, se nun me sbajo.

MAURO - Ma che stai a di’. Ha parlato de un certo Dante, no de Alighieri.

ALESSIA - Aho, va be’, come se chiamava, se chiamava. Noi ce semo dovuti subi’ tre ore, dico tre, sottolineo tre…

YLENIA - …de quella commedia, che sarà pure divina, ma più che commedia è ‘na tragedia.

FABIO - Dante, chi è costui?

ANDREA - A rega’, ma che ce frega! Annamose a diverti’, a mangia’ e beve. (canzone - “La societa’ dei magnaccioni”)

SCENA III

ALESSIA - Se c’enteroga, che je dimo all’arpìa? Je lo fischiamo, Dante?

ANNA - Allora a ‘na cert’ora venite tutti da me a studia’.

FABIO - A studia’? Che è, robba che se magna?

LEO - Aridaje! Sentite un po’, m’è venuta un’idea. Stasera annamo a “Palla al centro”, così famo contento Fabio.

FABIO - Sì, che bello, famo ‘na partita notturna ar campetto.

CATIA - Sei proprio stupido, nun ce lo sai che “Palla al centro” è ‘na pizzeria?

FABIO - Bona!! La pizza a forma de palla, er sogno mio!

ANDREA - Aho, io però so preoccupato pe’ domani. De Dante nun ci ho capito gniente, manco un punto e virgola.

FABIO - Dante? De che squadra è?

ANNA - Della Fiorentina. Allora, volete veni’ a studia’ da me?

ANDREA - Certo che la prof ce poteva pure da’ un paio d’ore pe’ fa’ la festa. Ce n’ha dumila de ore d’itagliano. Che spilorcia!

LEO - Ma che te potevi aspetta’? ‘Sti professori so’ tutti uguali.

CATIA - Il lupo perde il pelo ma…

FABIO - … se casca dar quinto piano se fa male. (tutti ridono)

CATIA - Ansenti! Ma che stai a di’!?

MAURO - I professori ce dicono sempre “stai zitto”, “stai fermo”, “stai attento”, “stai seduto”, secondo loro dovemo esse’ come valigie ventiquattrore.

CATIA - Ma la scola serve pe’ socializza’, no?

ANDREA -  Sì, però dovemo socializza’ solo co’ l’occhi, perché bisogna sta’ sempre zitti. Vorrei vede’ loro se so’ boni.

FABIO - Ci hai ragione! Se provi a di’ mezza parola te sbattono dar preside.

ANDREA - Lui ne sa quarcosa; ce va de mezzo sempre lui.

ANNA - Se è stupido nun è corpa nostra.

LEO - Stamattina, tutti quanti ce semo fatti i fatti nostri, lui invece s’è girato a chiede l’ora e quella d’italiano l’ha mannato dar preside.

CATIA - Poraccio! Però è simpatico.

ANNA - E poi l’ha pure interrogato.

MAURO - Avete visto che è sbiancato come un laziale?

ALESSIA - Aho!?!?

YLENIA -  Che ci hai da di’ dei laziali??

ANDREA - Eh, avanti, che ci hai da di’??

FABIO - Io so’ romanista. Alèè ohoh, alè ohoh! I romanisti nun sbiancano.

ALESSIA - Però tu sei sbiancato come… come… come… un fiorentino.

ANDREA - Hai detto fiorentino?

FABIO - Come quer… Dante?

LEO - Arieccoce co’ Dante!

ANNA - Insomma, ce volemo decide? Domani ce interroga a tutti.

LEO - Sì, però, in via amichevole… ha detto.

CATIA - Il che significa che ce tortura in “via amichevole”.

FABIO - Ma ‘ndò sta “via Amichevole”? Sta da ‘ste parti?

MAURO - Nun te preoccupa’, tu vie’ sempre appresso a noi, che te troverai bene. (canzone - “Non ci spezziamo” degli 883)

ALESSIA - Il problema nun se risorve così. Arzi la mano chi ci ha capito qualcosa de ‘sto Dante. (I ragazzi si guardano in silenzio. Pausa)

TUTTI - Boh!!!!

YLENIA - Io nun me aricordo gniente de quer poco che ho sentito.

ANNA -  Aspe’, siccome so’ stata l’unica a sta’ attenta mo ve la racconto io la storia: c’era uno che se sveja e se trova in un bosco, tutto solo, e incontra tre bestie e poi finarmente trova ‘n’amico. E poi…

MAURO - E falla finita.

LEO - Nun ce poi ammoscia’ così.

ANDREA - Io so che ner ber mezzo della vita s’è messo a cammina’…

ANNA - E poi a forza de cammina’, ‘ndò è arivato?

ANDREA - …Cammina, cammina, cammina è finito dentro a un bosco.

ANNA - Embè, c’ho detto io?

FABIO -  E poi come va a fini’?

LEO - S’è ritrovato all’Inferno.

FABIO - C’è annato da solo o ce l’hanno mannato?

CATIA - Sarà cascato dentro a ‘n buco nero.

MAURO - Er buco nero è ‘n’antra cosa.

SCENA IV

Alle spalle dei ragazzi entra Dante con una corona d’alloro sulla testa, un librone in una mano e una penna d’oca nell’altra. Si ferma e ascolta.

ALESSIA - Ma che state a parla’ de Fabio?

FABIO - Va beh che so’ un po’ distratto, ma so’ mica ‘mbranato!

TUTTI - (in coro) Noooo!

ANNA - Me consolo, manco voi ci avete capito gniente.

CATIA - Io ‘na cosa l’ho capita: nun solo s’è perso ner bosco ma poi s’è messo a litiga’ co’ quelle tre bestie feroci.

ALESSIA - Ecco perché è finito all’Inferno.

FABIO - Je poteva spara’ alle bestie.

LEO - Te pareva che nun diceva la sua? Ai tempi de Dante nun c’erano né fucili né pistole.

FABIO - Davero? Nun ce lo sapevo.

ANDREA - Noi nun sapemo gniente de gniente, invece quei secchioni che stanno al primo banco sanno sempre tutto.

CATIA - Stanno appiccicati a quei libri e incollati alle sedie.

MAURO - Attenti alle lezioni; nun se perdono manco ‘na parola. Ammazza che gente! (Alessia, avendo notato Dante, sottovoce dice qualcosa che nessuno capisce)

TUTTI - Che stai a di’? (Alessia fa la stessa cosa)

LEO - Che hai detto?

CATIA - E strilla, no?

ALESSIA -  (Alzando la voce) Guardate un po’ da quella parte.

FABIO - Anvedi e chi è? Aho, ci ha le foje in testa, invece delle pigne. Come è vestito strano!

YLENIA - Quello se crede che è carnevale.

ANDREA - …invece è quasi ferragosto.

ANNA -  Invece de sta qua, perché nun je parlamo?

LEO - Se fosse pazzo? Un pazzo scappato dar manicomio.

CATIA - A me nun me pare un pazzo. (Dante passeggia avanti e indietro, pensa e scrive)

ALESSIA - Ma che sta a fa’?

YLENIA - Pare che sta a pensa’. (Dante guarda con curiosità i ragazzi)

ANDREA - Ce guarda.

FABIO - Io ci ho paura.

CATIA - Annamo a parlaje.

MAURO - E va va. Perché nun je vai incontro. (Dante si avvicina un po’ ai ragazzi)

ALESSIA - Aho, s’è avvicinato.

YLENIA - Me pare tanto un buon uomo.

CATIA - Mo ce vado io e ce parlo.

ANDREA - (A Catia) Su fatte avanti, facce vede’ quello che sai fa’.

SCENA V

TUTTI - (spingono la ragazza, che si divincola e fa resistenza) Su… su… cammina.

CATIA - (liberandosi) Lasciateme, so camminà da sola. (si avvicina a Dante con qualche timore. Si gira ogni tanto verso i compagni, che la incitano, facendo gesti che indicano attesa. Si rivolge a Dante) A coso, parli la nostra lingua? (ai compagni) Forse no? (a Dante) Come te chiami?

ANDREA - Nun t’ha risposto, forse nun ce sente.

DANTE - Vien tu sola, e quei sen vada.

CATIA - No, loro nun se ne vanno, so amici mia. Vie’ tu e dicce chi sei.

DANTE - S’i’ vegno, non rimango. Ma tu chi se’?

ALESSIA - Ma questo come parla? Me sembra che vie’ da ‘n’antro mondo.

YLENIA - (a Dante) Noi semo dei ragazzi de qua e volemo sape’ che ce fai vestito così.

DANTE - Perché cosa c’è di strano nel mio abbigliamento, è alla moda.

CATIA - Beh, sei un po’ strano. È un look particolare.

DANTE - Luc, luc, luc? Non mi pare di conoscere questa parola. A meno che non stia per Lucca, famosa città toscana.

MAURO - No, stai fori strada. Significa vestito! ‘Ndò vai e da ‘ndò vieni?

DANTE - Vengo da voi, ragazzi, per spiegarvi alcune cosette.

ALESSIA - Nun ci hai paura che t’arrestano, combinato così?

DANTE - Spero di non avere più a che fare con le autorità, ho già pagato il fio.

YLENIA - Ce so’!! Quer tizio è Dante. È uguale alla fotografia che sta sull’antologia.

FABIO - Er fiorentino!!

ANDREA - Daantee!! Mo je chiedo ‘n autografo!!

ANNA - E falla finita, te devi fa sempre riconosce da tutti, eh?

MAURO -  L’incubo s’è materializzato.

ANDREA - Un fantasma!! Oh mio Dio!

LEO - Ma piantatela de di’ fesserie. Approfittamo e chiedemoje tutto quello che ce serve sape’.

YLENIA - È vero, ci hai ragione.

SCENA VI

MAURO - Che stavi a di’? Hai pagato er fijo? Er fijo de chi?

DANTE - (avvicinandosi) Vedo, ragazzi miei, che l’ignoranza è vostra maestra.

FABIO - Noi ci avemo ‘na professoressa che nun se chiama mica Ignoranza, ma Costanza.

ALESSIA - (fa gesti di insofferenza verso Fabio per la sciocchezza detta) La professoressa è un po’ ignorante nel senso che ignora che noi volemo gioca’, parla’, balla’, diverticce.

YLENIA - Nun c’è verso de educarla, ce fa sempre e solo studia’.

DANTE - Siete un disastro! Allora, rispondo a te che mi hai chiesto del “fio”. Fio significa castigo, punizione. Pagare il fio, vuol dire, scontare la pena.

ANDREA - Adesso capisco! Mi’ padre me dice sempre “fijo mio”, vo’ di’ “castigo mio”, no?

DANTE - Cosa dici, ragazzo? Non è questo il senso. Ma voi che lingua parlate?

CATIA - Noi parlamo er romanesco. Perché?

MAURO - Tu che lingua parli?

DANTE - (con orgoglio) Io parlo il volgare illustre.

ALESSIA - Ecco me pareva che tu non eri Dante.

FABIO - Me pareva pure a me. Nun me sembra un gran giocatore.

YLENIA - Dante nun parla mica in vorgare. Lui era ‘n’omo de cultura.

DANTE - Certo che avete un modo rozzo di parlare.

YLENIA - Ce devi scusa’. Tu, oltre al volgare illustre riesci a parla’ anche er volgare nostrano?

ALESSIA - Sai, noi nun te capimo tanto bene, tu parli in un modo tanto diverso.

DANTE - Proverò ad accontentarvi. Io sono abituato a parlare l’antica lingua di Firenze. E come sommo poeta autore della Divina Commedia…

CATIA - Capiti a fagiolo.

DANTE - Scusa, che vuol dire “capiti a fagiolo”?

ANNA -  Catia, ‘sta amica mia, voleva di’ che capiti al momento giusto.

DANTE - Perché che cosa c’è che non va?

LEO - Ce serve un favore: oggi semo stati torturati dalla professoressa con la Divina Commedia e nun ci avemo capito gniente, ce aiuti a capi’?

DANTE - Certo che vi aiuto. La cosa è facile.

CATIA - Senti, prima de raccontacce la Divina Commedia, parlace de te.

SCENA VII

Tutti si siedono intorno a Dante.

DANTE - Bene. Dovete sapere che ai miei tempi ero molto famoso perché mi interessai della lingua italiana.

MAURO - Ma se hai detto che tu hai usato er volgare pe’ scrive’ le tue opere, allora come po’ esse’…

ALESSIA - Vor di’ che nun era un granché.

DANTE - La parola volgare viene da “volgo”, cioè popolo.

YLENIA - Ah, allora volgare significa der popolo.

ANDREA - Ecco perché nun capivamo.

FABIO - Adesso volgare significa… burino, cafone.

LEO - E che vor di’ allora volgare illustre?

ANNA - Der popolo famoso.

DANTE - Il volgare illustre è la lingua degli intellettuali.

CATIA - Allora era solo pe’ pochi eletti!

DANTE - Era la lingua creata per la poesia.

MAURO - Nun è roba pe’ noi.

ALESSIA - Io me credevo che era ‘na lingua pe’ il popolo e invece…

DANTE - Era la lingua del popolo innalzata a lingua poetica, da usare in tutte le opere d’arte letterarie. Io ne sono stato l’inventore.

YLENIA - Ma che stai a di’!

DANTE - Si, sono molto orgoglioso di questo. Mi hanno chiamato “padre della lingua italiana”.

ANDREA - Nun è possibile. Nun ce credo che tu sei er padre… (canzone - “Parole, parole, parole”)

ANNA - È vero che nun è vero che…

LEO - È vero o nun è vero?

ANNA - Se me fai parla’!

LEO - Parla, parla.

ANNA - Graaziee! Stavo a di’ che nun po’ esse perché se dice, qua da noi, che er padre della lingua italiana nazionale è ‘n’antro.

MAURO - Sentimo che spara adesso.

ANNA - Beh, lo sanno tutti che chi ha inventato la lingua italiana è Pippo Baudo.

DANTE - Pippo chi?

FABIO - Baudo. Si, si, po’ esse.

CATIA - Come avrebbe fatto?

MAURO - Già, po’ esse’. So millanta anni che entra tutte le sere a casa de tutti.

ALESSIA - Ci hai ragione! A forza de sentillo parla’, tutti hanno imparato la lingua nazionale.

YLENIA - A me, me sa che è stato lui a unifica’ l’Italia.

ANDREA - Artro che Garibaldi, i Mille e tutte quelle storie.

DANTE - Questo Pippo che lavoro svolge? Il letterato?

FABIO - Noo. De più, de più.

DANTE - Fa il poeta?

ANNA - No, no, de più, de più.

DANTE - Ditemi allora qual è la sua arte.

LEO - Dopo non è che sei invidioso? (Dante fa cenno di no con la testa)

CATIA - Fa il presentatore Ti Vi.

DANTE - Che l’è la Ti Vi?

FABIO - Ansenti, nun sa manco che è la televisione. Aho, ma quanno sei vissuto?

DANTE - Sono vissuto tra il 1265 e il 1321.

ANNA - La televisione è… è… ‘na scatola, uno se siede davanti e guarda tutto quello che je fanno vede’.

DANTE - Ho capito. Ma io so che cosa è la TV. D’altra parte dal mio posto di guardia posso vedere e sentire tutto ciò che accade nel mondo degli uomini.

CATIA - Allora, siccome invece noi nun potemo sape’ quello che è successo ai tempi tua, ce lo voi racconta’ tu?

DANTE - Molto volentieri. Ai miei tempi c’erano due fazioni, cioè due… partiti politici.

MAURO - Solo due? Ammazza che fortuna!

DANTE - C’erano i ghibellini che parteggiavano per l’imperatore e i guelfi che erano dalla parte del papa.

ALESSIA - E tutt’e due volevano il potere. È così?

DANTE - Sì, entrambi volevano governare, però a Firenze c’erano solo i guelfi.

YLENIA - Che fortuna! Allora eravate tutti uniti.

DANTE - Non proprio. C’erano due gruppi, i Cerchi e i Donati, che si combattevano. C’erano insomma delle lotte intestine.

FABIO - Le lotte intestine! Ci avevano tutti er mal de pancia? (Tutti ridono)

ANNA - Ma noooo! Le lotte intestine e non intestinali.

DANTE - Si odiavano perché tutte e due le famiglie volevano conquistare il governo della città.

CATIA - La solita questione de potere.

MAURO - De che tendenze erano?

DANTE - I Cerchi, erano detti guelfi bianchi e volevano che la città fosse governata autonomamente; mentre i Donati erano chiamati guelfi neri e volevano governare la città mantenendo legami con il Papato.

ALESSIA - Tu de che colore eri?

DANTE - Ero un guelfo bianco.

FABIO - Pure lui come un laziale. (Proteste dei laziali)

ANNA - Ma statte zitto, nun parla’ che come parli sbaji.

DANTE - Io, pur essendo un convinto cattolico, ero contro il papa che sosteneva i guelfi neri.

LEO - Beh, tanto er papa stava a Roma.

DANTE - La faccenda non era così semplice perché il papa era Bonifacio VIII e faceva di tutto per ingrandire lo Stato pontificio.

CATIA - Voleva cioè mette le mani su tutto. (Dante annuisce)

MAURO - Se voleva impadroni’ pure de Firenze?

DANTE - Era proprio così. Un giorno i neri presero, con un colpo di mano, il governo della città di Firenze e io fui mandato in esilio.

FABIO - Ammazza che mano lunga ce dovevano ave’ questi!

ALESSIA - (a Dante) Nun ce fa caso, Fabio nun capisce gniente e quindi dice sempre stupidaggini. (a Fabio) Vo’ di’ che fecero un colpo de stato, hai capito?

FABIO - Ah!!!

YLENIA - Tu ci hai mai avuto delle cariche politiche?

DANTE - Sono stato “priore”.

ANDREA - Va beh che eri un bon cattolico, ma nun me credevo che eri pure ‘na specie de prete.

DANTE - Infatti non lo ero.

ANNA - Non hai detto adesso adesso che sei stato “priore”?

DANTE - Il priore a Firenze nel 1200-1300 era la massima carica politica del tempo.

FABIO - Ho capito pure io!

LEO - Quanno t’hanno esiliato, in dove sei annato?

DANTE - Sono andato in giro per l’Italia, da una corte all’altra. (canzone - “Lo straniero” di Mustaki)

SCENA VIII

MAURO - (a Dante) Senti ‘n po’, da omo a omo. ‘Na ragazza ce l’hai avuta?

DANTE - Beh, a dire la verità…

CATIA - Dai su, raccontace la tua love-story.

ALESSIA - Che tradotto vor di’ “la tua storia d’amore”, magari co’ tu’ mojie.

DANTE - Ho avuto una moglie e tre figli, ma il vero amore, quello puro, è stato per un’altra.

YLENIA - (incuriosita) Chi è, chi è?

DANTE - Si chiamava Beatrice “colei che dà beatitudine”.

ANDREA - (entusiasta) Beatrice? Pure a me me piace Beatrice.

FABIO - Che è la stessa?

ANDREA - Ma che la stessa.

DANTE - L’ho vista per la prima volta a nove anni e, a 18 anni, me ne sono innamorato, ma non ho avuto mai il coraggio di dirglielo.

LEO - E poi, che è successo?

DANTE - Più tardi, ma sempre giovane, lei è morta.

CATIA - Che iella!!

DANTE - Però l’ho rivista in Paradiso.

MAURO - E come è potuto succede’? Tu nun sei mica morto subito!

DANTE - Ho fatto un viaggio nell’al di là… con la Divina commedia:

MAURO - Già ce semo dimenticati della Divina Commedia!

ALESSIA - Come famo domani?

YLENIA - A Dante, ce racconti tu come è annata?

DANTE - Si, molto volentieri.

ALESSIA - Però a un patto: devi parla’ in romanesco se no nun capimo.

DANTE - Va bene. (stacco musicale)

SIPARIO

ATTO SECONDO

SCENA I

Il viaggio. Dante, Lonza. Foresta

DANTE - (al pubblico) Dovete sape’ che

Ner mezzo della vita mia

Ho perso la bona e dritta via.

Me so ritrovato in ‘na selva scura

che era tanto brutta da fa’ paura

a ripensacce me se strigne er core.

Meno male che ho rivisto er sole.

Allora subito me so’ imposto

d’arriva’ presto su in quel posto. (indica da lontano un colle)

LONZA - (entrando) A bell’omo, ‘ndo te credi d’anna’?

DANTE - (spaventato) E tu chi sei?

LONZA - Beh, a di’ la verità’, nun se sa bene. Me chiameno Lonza e po’ esse che… come posso di’… so’ un incrocio fra un leopardo e ‘na pantera o…

DANTE -  (Interrompendo) Manco tu sai che bestia sei?

LONZA -  Te l’ho detto che nun lo so.

DANTE - Nun t’hanno informato? De chi sei fija?

LONZA -  Fossi un po’ tonto. Te lo sto a di’. Famme parla’, noo?

DANTE - (con un inchino) Madonna, a te la parola.

LONZA - Te stavo a di’ che forse o so’ un incrocio tra un leopardo e ‘na leonessa o…

DANTE - (Interrompendo) Nun avevi detto “un leopardo e ‘na pantera”?

LONZA - (seccata) Hm! Ho detto “o - o”, capito!?

DANTE - Ah!

LONZA - Però nun se sa. L’omini me considerano lussuriosa.

DANTE - Hai caapiitoo!!

LONZA - (guardandolo male per l’interruzione) Io so solo che

so’ tanto crudele e fiera assai

e sta certo che de qua nun passerai!

SCENA II

Entra il leone.

DANTE - O Dio bono! Eccone ‘n’antro. E tu chi sei?

LEONE - So er leone, che nun se vede?

DANTE - Eccòme se se vede.

LEONE - Me dicono tutti che io so er più superbo e infatti…

DANTE - Questo nun se vede, ma se sente dalla parlata.

LEONE - …Infatti, dicevo, so’ er più superbo. So’ io che commanno, perché so’ er più forte; perciò

se voi passa’

finchè ce sto io

te tocca aspetta’.

SCENA III

Entra la lupa.

LUPA - Ben detto e poi ce sto pure io.

DANTE -  (spaventatissimo) Mamma mia!! E chi è sta morta de fame? Quanto sei brutta!

LUPA - (arrabbiata) Sei bello tu, sei bello. (Con orgoglio) E poi io piaciucchio, modestamente. Co’ chi te credi de parla’?

DANTE - Nun lo so, dimmelo tu.

LUPA - Io so la lupa e te dico subito che tu nun te ne andrai da questo luogo malvagio.

DANTE - E fa la brava, famme passa’.

LUPA - No! So’ così cattiva che nun lascio passa’ nessuno.

DANTE - Te posso da’ qualcosa da mangia’.

LUPA - Quarsiasi cosa me dai, nun me basta mai. Infatti io nun riesco mai a soddisfa’ la vojia de mangia’.

DANTE - Ecco perché sei così… secca!!

LUPA - Più mangio e più ci ho fame.

DANTE - Forse ci hai er verme solitario!

LUPA - Tu nun te crede de sarvatte, perché io so avida e avara e rendo la vita amara.

DANTE - Adesso posso esse’ contento: ho conosciuto in una botta sola i vizi peggiori che possono ave’ l’omini: lussuria, superbia, avarizia. (stacco musicale)

SCENA IV

Entra Virgilio. Alla sua apparizione le belve si spostano in fondo alla scena.

DANTE - (vedendo Virgilio si spaventa) Miserere di me. (Pausa. Dante si tranquillizza) Senti, me poi di’ ‘ndò me trovo? (Avvicinandosi) Ma tu sei omo o fantasma?

VIRGILIO -  Io nun so omo…

DANTE - (imbarazzato) …nooo?

VIRGILIO - …ma omo già fui. Li parenti miei furon lombardi, mantovani per patria ambedue, nacqui sub Julio.

DANTE - Addirittura?!?!

VIRGILIO - A quel tempo c’erano Dei bugiardi e falsi.

DANTE - Beh, era parecchio tempo fa.

VIRGILIO - Poeta fui e cantai le imprese di Enea, figliol d’Anchise…

DANTE - (con felicità) Virgilio!!! Sei proprio tu! Che piacere de trovatte.

VIRGILIO - Si, son io. E tu chi sei?

DANTE - So’ Dante, nun hai sentito parla’ de me? So’ quello che ha ‘nventato la lingua italiana.

VIRGILIO - Ah, quello de Firenze.

DANTE - Tu sei er maestro mio, l’autore mio preferito.

VIRGILIO - So’ contento de questo.

DANTE - Quarche cosa l’ho copiata da te. Però poco, poco.

VIRGILIO - Bravo, bravo. So’ felice che hai studiato. Quarche dannato m’ha parlato de te.

DANTE - Ma dimme, come te la passi qui?

VIRGILIO - Beh, sai nel Limbo nun se sta così bene, ma accontentamoce. Me stavi pe’ chiede’ quarche cosa?

DANTE - (Piagnucolando) Si, ce stanno quelle brutte bestiacce laggiù che me perseguitano. Le poi mannà via?

VIRGILIO - Si, basta che nun te metti a piagne.

DANTE - Prometto, parola mia.

VIRGILIO - Cuccioli, su, su a cuccia e nun disturbate.

DANTE - Cuccioli? Quelli so’ capaci de fa’ un boccone solo de te e de me insieme.

VIRGILIO - (Le belve si accucciano) Visto? E poi basta passa’ da ‘n’antra parte, no? Vie’ con me, io sarò la tua guida.

DANTE - Oh, grazie.

VIRGILIO - Aspetta prima de ringraziamme.

DANTE - Perché?

VIRGILIO - Mo vedi ‘ndò te porto.

DANTE - (incuriosito) Dove, dove?

VIRGILIO - Tu ce tieni alla vita tua?

DANTE - …’mbè vedi un po’.

VIRGILIO - Allora stamme vicino e nun te preoccupa’ se senti urli disumani.

DANTE - (Al pubblico) Ma ‘ndò me deve porta’? (A Virgilio) Scusa maestro, nun c’è ‘n’antro posto da visita’?

VIRGILIO - Te vojio fa conosce’ l’Inferno, dove i dannati soffrono per le pene commesse. Vedrai, sarà ‘n’esperienza indimenticabile.

DANTE - Ne so’ sicuro, nun me ne scorderò mai. (Al pubblico) Proprio a me me doveva capita’ ‘sto guaio?

VIRGILIO - Voi rimane’ qua?

DANTE - No, no.

VIRGILIO - Uscendo dall’inferno, saliremo sulla montagna der Purgatorio dove le anime so’ contente perché sperano de arriva’ in Paradiso.

DANTE - E là, in Paradiso, se po’ fa ‘na scappatella?

VIRGILIO - Tu ce potrai arriva’, ma nun con me.

DANTE - Com’è?

VIRGILIO - C’è un’anima più degna.

DANTE - E nun se po’ sape’ chi è?

VIRGILIO - Beatrice, naturalmente.

DANTE - Naturalmente! Come ho fatto a nun capillo prima! (canzone - “Mi ritorni in mente” di Lucio Battisti)

VIRGILIO - Bene, andiamo giovanotto. Gambe in spalla. (Escono)

SCENA V

Gli ignavi - Virgilio, Dante e alcuni dannati.

VIRGILIO - Ecco, semo arrivati. Quella è la porta dell’Inferno. Leggi la scritta.

DANTE - (legge ad alta voce e si spaventa)

Per me si va ne la citta’ dolente

Per me si va ne l’eterno dolore,

Per me si va tra la perduta gente

Lasciate ogni speranza, voi ch’entrate.

A Virgi’, a sto punto me ne ritorno nella selva, armeno ci ho qualche speranza.

VIRGILIO - Nun corri alcun pericolo, e… poi damme la mano e annamo.

DANTE - Va beh, annamo.

VIRGILIO - Però, nun te spaventa’. Adesso sentirai sospiri e pianti.

DANTE - (Si sentono sospiri e pianti) Li sento, ma chi so’ questi che strillano e se lamentano? (entrano i dannati gridando di dolore)

VIRGILIO - So’ i dannati. So’ quelli che visser senza infamia e senza lode.

DANTE - Quelli che so chiamati ignavi?

VIRGILIO - Si, so’ loro.

1° IGNAVO -  (a quello che lo segue) Oh, a ‘mbecille, ma che te spigni, che ci hai fretta?

2° IGNAVO -  È de dietro che spingono.

3° IGNAVO -  Ve volete move? Dateve ‘na mossa?

4° IGNAVO -  Daje, corremo. Nun vedete che la bandiera se ne va?

1° IGNAVO -  Nun se ne va, nun se ne va. Ce fa core appresso a lei, ma nun ce lascia mai.

2° IGNAVO -  D’artra parte ce lo semo meritato.

3° IGNAVO -  Beh, però nun ve fermate a chiacchiera’.

4° IGNAVO -  Ecco, nun ve fermate, sennò ce vengono tutti addosso e ci ammucchiamo.

DANTE - So’ tutti ignudi!

VIRGILIO - Non ti curar di lor ma guarda e passa.

DANTE - Me dici qual è la pena che li fa soffri’ così tanto?

VIRGILIO - Dirottelo. Questi dannati, che nun hanno fatto scelte nella vita loro, so’ condannati a corre’ dietro a quella bandiera. Vedi c’è pure Celestino V, er papa che s’è dimesso da papa.

DANTE - Pure Celestino? ‘Na così brava persona! Celestinooo! (chiama e saluta con la mano)

VIRGILIO - Beh, se lo doveva aspetta’, visto che in vita nun ha saputo prende ‘na posizione.

DANTE - Che ci hanno addosso ‘sti dannati?

VIRGILIO - So’ mosconi e vespe che li pungono.

DANTE - Me sento tutto un prurito. Che dolore! E ai piedi che ci hanno?

VIRGILIO - Quelli so’ vermi che raccolgono er sangue e le lacrime.

DANTE - (seguendo con lo sguardo gli ignavi che escono) Maestro, te posso chiede ‘na cosa?

VIRGILIO - Tutto quello che vòi.

DANTE - Chi so’ quelli che stanno laggiù ar fiume e vojono passa’?

VIRGILIO - Te racconterò tutto quanno saremo arrivati all’Acheronte, er fiume infernale. (Escono. Stacco musicale)

SCENA VI

Dante, Virgilio e Caronte, fiume Acheronte, alcuni dannati.

DANTE - A mae’, chi è quer vecchio bianco de pelo, che sta a veni’ verso de noi?

VIRGILIO - È Caronte, er traghettatore delle anime. Le prende de qua e le porta de là.

CARONTE - (ai dannati) Guai a voi anime dannate. Nun sperate de rivede’ er cielo. Io sto qua pe’ portavve all’altra riva, ner caldo e ner gelo.

DANTE - È proprio un demonio!!

CARONTE - (a Dante) E tu? Che stai a fa’ qua?

DANTE - (spaventato) Dice a me! Ce l’ha con me!!

CARONTE - Levete da questi che so morti!

DANTE - Si, ce l’ha proprio co’ me.

CARONTE - Pe’ ‘n’antra strada, quella der Purgatorio, passerai nell’al di là.

DANTE - Meno Male.

CARONTE - Te trasporterà ‘na barca più leggera e nun questa.

VIRGILIO -  Caronte, nun te arrabbia’.

Vuolsi cosi’, cola’ (indica il cielo) dove si puote

cio’ che si vuole e piu’ non dimandare. Hai capito?

DANTE - Aho, j’hai detto la formula magica.

VIRGILIO - Hai visto.

DANTE - Caronte co’ l’occhi de foco mo sta zitto. Nun parla più.

VIRGILIO - Pure la barba s’è zittita. Sali sulla barca, ce famo porta’ dall’altra parte. (Caronte fa cenno alle anime di salire, le tocca una ad una ed esse si siedono, poi salpano e navigano fino all’altra riva. Canzone - “Come fanno i marinai” di Lucio Dalla)

VIRGILIO - Semo arrivati. Dante scenni.

DANTE - (Scendendo dalla barca) A Virgi’, me gira un po’ la testa, che sarà?

VIRGILIO - È stato er viaggio, nun te preoccupa’.

DANTE - Me gira tutto, ma che è? Qua ce sta ‘na specie de terremoto. O Dio, o Dio, casco, casco come “L’uom cui sonno piglia”. (cade svenuto. Escono)

SCENA VII

Virgilio, Dante, Minosse, Cleopatra, Elena, Paolo e Francesca e altre anime che si muovono in circolo.

VIRGILIO - Eccoce arrivati nel secondo cerchio.

DANTE - Chi ce sta qua?

VIRGILIO - C’è Minosse che sta de guardia.

DANTE - Chi, quello orribile, che ringhia?

VIRGILIO - Si, è lui. Stabilisce le pene dei peccatori a seconda de quante vorte se attorciglia la lunga coda.

MINOSSE - (a Dante) Aho, tu che sei venuto a fa qua dentro? Vattene, che è mejo.

VIRGILIO - (a Minosse) Ma co’ chi credi de parla’? Er Dio nostro vole così. Lui deve entra’, punto e basta! E nun te dispera’.

DANTE - Ehi, chi so’ quelli la?

VIRGILIO - Quelli là so i lussuriosi, che in vita nun s’accontentarono dell’amore del coniuge. Guarda un po’ là.

DANTE - Chi c’è? (Vento) Avanzano alcuni dannati

CLEOPATRA - So io, Cleopatra, regina d’Egitto. Hai sentito parla’ de me?

DANTE - E come no.

CLEOPATRA - Allora saprai la storia mia.

DANTE - Ce poi giura’.

CLEOPATRA - Quanno Sicheo, er mio poro marito, m’è morto, ho giurato fedeltà alla memoria sua…

DANTE - Ma poi… Eh, eh!

CLEOPATRA - Poi però s’è presentato Cesare, bello, affascinante. Come potevo dije de no…

DANTE - E come potevi dije de no?…

CLEOPATRA - Che voi, io so’ stata regina, e nun ero manco tanto male.

DANTE - Così dicono tutti.

CLEOPATRA - Antonio però era mejo; era forte, grande… un pezzo de Marcantonio così… Nun ho potuto resiste. E mo sconto la pena de tutta la lussuria, trasportata da sto vento… infernale che me fa gira senza posa, come pure lei. (indica Elena)

ELENA -  So’ Elena, moje de Menelao.

CLEOPATRA - Sì, sì, è proprio lei.

ELENA -  Quanno Paride m’ha rapito, nun potevo immagina’ tutto quello che sarebbe successo.

CLEOPATRA - Certo che ce potevi pensa’ che tu marito se sarebbe un po’ scocciato.

ELENA -  Sì, ma ar punto de scatena’ la guerra de Troia nun l’avrei mai creduto.

CLEOPATRA - Beh, so l’omini che creano sempre grande confusione. E poi quanno ci hanno le armi in mano nun ce se ragiona.

ELENA -  Tu ne sai quarcosa, eh?

CLEOPATRA - Lo poi di’ forte. Tutta colpa de quer disgraziato de Ottaviano. E di’ che eravamo così felici co’ Antonio mio.

ELENA -  Ma tu eri un pericolo pe’ l’impero e… pe su’ sorella.

CLEOPATRA - Purtroppo quanno all’omini je tocchi la sorella, so guai.

ELENA -  Pure tu te la sei cercata.

CLEOPATRA - Veramente, a Antonio, Ottavia nun je piaceva più.

ELENA -  Però era su’ moje.

CLEOPATRA - E io ero l’amata.

ELENA - Finita male.

CLEOPATRA - Pe’ libera scelta me so ammazzata co’ la vipera, pe’ nun cade’ in mano ar nemico.

ELENA -  Così è la vita, che ce voi fa’. Annamosene va, ritornamo nella bufera.

CLEOPATRA - Si, annamo. Ve salutamo… Buon proseguimento. (Se ne vanno)

DANTE - Virgilio, Guarda laggiù, ce so’ due anime che se movono insieme, appajate. Se possono ferma’? Ce vojo parla’.

VIRGILIO - Aspe’, mo je lo chiedemo. (Alle anime) Potemo parla’ con voi?

FRANCESCA -  Certo che se po’.

DANTE -  Chi siete?

FRANCESCA -  Io so’ Francesca da Rimini e lui è l’amore mio, Paolo.

DANTE - Com’è che state all’inferno?

FRANCESCA -  Sai io me so’ innamorata de Paolo, mi’ cognato, però ero sposata co’ su fratello, che nun solo ci aveva tutti i difetti der mondo, ma era pure brutto.

DANTE - Perché l’hai sposato?

FRANCESCA -  Nun l’avevo mai visto prima der matrimonio.

DANTE - Te potevi rifiuta’ quanno l’hai visto?

FRANCESCA -  Il fatto è che l’ho visto solo la notte delle nozze e non prima.

DANTE - Come è annata poi?

FRANCESCA -  ‘Na sera io e Paolo c’eravamo messi a legge’ un libro che parlava dell’amore de Lancillotto e de Ginevra, la mojie de re Artù, ma nun finimmo de leggerlo perché cademmo in tentazione quanno loro se baciarono.

DANTE - Galeotto fu il libro e chi lo scrisse. Ve potevate fa ‘na partita a scacchi?

FRANCESCA -  Amor che nullo amato amar perdona

mi prese di costui piacer si’ forte

che, come vedi, ancor non m’abbandona.

DANTE - E tu’ marito?

FRANCESCA -  Mi’ marito, quanno ci ha scoperto, nun l’ha presa tanto bene. Ci ha ammazzato.

DANTE - Delitto d’onore… Che storia triste, me vie’ da piagne’. Tu marito mò ‘ndò sta?

FRANCESCA -  Ora aspetto che more, così quer viscido andrà nella Caina, ‘ndò stanno quelli come lui.

DANTE - Virgilio, me sento male.

VIRGILIO - Nun sveni’, capito?

DANTE - Me sento proprio male (sviene. Canzone - “Non è Francesca” di Lucio Battisti. Escono)

SCENA VIII

Dante Virgilio e Farinata degli Uberti.

VIRGILIO - Eccoce arrivati al sesto cerchio.

DANTE - Già ar sesto? Er tempo m’è volato, manco me ne so accorto.

VIRGILIO - E invece stamo a metà percorso.

DANTE - Ma qua ce stanno li dannati? Nun vedo nessuno!

VIRGILIO - Ce stanno, ce stanno!

DANTE - E ‘ndò stanno?

VIRGILIO - So’ condannati a sta’sdraiaiti in tombe infocate pe’ questo nun li vedi.

DANTE - Poracci! Chissà che caldo ci hanno.

FARINATA - A Tosca’, ma che sei vivo?

DANTE - Aho, chi è? Virgi’, ci ho paura.

VIRGILIO - Sta’ calmo, girate e guarda là, c’è Farinata degli Uberti che te vo’ di’ quarcosa.

DANTE - Farinata degli Uberti?

VIRGILIO - Sì, guarda s’è arzato; dalla cintola in su tutto lo vedrai. (lo spinge)

DANTE - Si però nun me spigne, so’ cammina da solo.

FARINATA - A Tosca’, ‘ndo’ vai pe’ l’inferno parlando la lingua di quella città alla quale ho fatto tanto male.

DANTE - Virgì, posso risponde?

VIRGILIO - Certo, ma cerca de esse’ all’altezza.

FARINATA - Chi furono l’antenati tua?

DANTE - L’avi mia so’ stati guelfi, perché?

FARINATA - (alza gli occhi in su e sospira) Allora so stati avversari mia e de l’antenati mia e der mio partito, tanto che li cacciammo pe’ du’ vorte.

DANTE - Però semo ritornati tutt’e due le vorte, voi invece…

FARINATA - Se questo è vero, me fa rosica’ davvero, soffro ancora de più che sta dentro ‘sta tomba. Però aricordate che nun passerà molto tempo che anche tu…

DANTE - Che voi dì?

FARINATA - … anche tu conoscerai er dolore della lontananza dar paese tuo.

DANTE - Mica te capisco, sa?

FARINATA - Vedrai, vedrai. Me poi spiega’ perché er popolo de Firenze ce l’ha con i miei tanto che fanno tutte le leggi contro de loro?

DANTE - Dopo che ce avete ammazzato tutti l’amici nostri, che dovevano fa?

FARINATA - (Sospira e scuote la testa) Nun so stato io solo a fa quello che è stato fatto e, poi, senza ‘na ragione nun me sarei mai mosso.

DANTE - Ah, no?

FARINATA - Però poi so’ stato l’unico a difende’ Firenze quanno je volevano da foco. Io solo me so’ opposto.

VIRGILIO - Annamose, Dante, se no er giro nun lo finimo manco per giovedì dopo Pasqua, ma de’ ‘st’artr’anno.

DANTE - Va beh, annamo.

FARINATA -  Ciao, bon proseguimento. (Stacco musicale. Escono)

SCENA IX

Dante, Virgilio, Ulisse.

VIRGILIO - Dante, Dante, svejete. (più volte) Sveglia!!!!

DANTE -  Sì, sì, ecco son desto.

VIRGILIO - Alzati e cammina, c’è tanta strada da fa’.

DANTE - ‘Ndò me porti adesso?

VIRGILIO - Nell’ottavo cerchio, dove ce stanno i fraudolenti, cioè quelli che co’ l’inganno hanno danneggiato qualcuno.

DANTE - Annamo allora, che stamo a aspetta’? (breve stacco musicale)

VIRGILIO - Avemo fatto ‘na bella camminata, eh?

DANTE -  E questi sarebbero quelli che hanno fregato er prossimo abusando della propria intelligenza?

VIRGILIO - Eccoli, so’ loro.

DANTE - Però io vedo solo… lucciole.

VIRGILIO - Guarda bene.

DANTE - No, me so sbajato, so fiamme. E i dannati ‘ndò stanno?

VIRGILIO - Dentro i fuochi, so’ spiriti.

DANTE - Chi ce sta dentro a quer foco a du’ piazze?

VIRGILIO - Là dentro so’ castigati Ulisse e Diomede.

DANTE - Perché stanno insieme e una fiamma è più alta dell’altra?

VIRGILIO - Perché hanno commesso molti misfatti insieme: e anche se Diomede è stato più violento, Ulisse è stato quello che architettava gli inganni.

DANTE - Il braccio e la mente!! Me posso avvicina’ per parlaje?

VIRGILIO - Avvicinamose, però parlo io. (Alle anime) Voi che state in due, sentite un po’. (Le fiamme si avvicinano) Uno dei due ce po’ racconta’ come è morto?

DANTE - Guarda, er corno più alto se move tutto, che c’è corrente d’aria?

VIRGILIO - Vò parla’.

ULISSE - Qanno so’ partito da quella stregaccia de Circe, che m’ha tenuto prigioniero pe’ più de n’anno…

DANTE -  (A Virgilio) Prigioniero? Ma famme er piacere… ‘na donna come Circe…

ULISSE - M’ha tenuto prigioniero pe’ più de ‘n’anno a Gaeta, prima che Enea je desse ‘sto nome…

DANTE - (A Virgilio) è stato Enea? (Virgilio annuisce)

ULISSE - Né la dorceza de parla’ co’ mi’ fijo, né la pietà pe’ quer poro vecchio de mi’ padre, né l’amore pe’ mi mojie Penelope…

DANTE - Manco la moje c’è riuscita.

ULISSE - …fermò la curiosità e il desiderio de conosce bene er monno e li vizi dell’omo.

DANTE - Visto er tipo, me pare più li vizi.

ULISSE - …me so imbarcato co’ un gruppo de amici e ‘na sola nave.

DANTE - Nun t’erano bastati dieci anni de mare pe’ torna’ a casa?

ULISSE - Così ho visto la Spagna, er Marocco, la Sardegna e tutti l’artri paesi che bagna er Mediterraneo.

DANTE - Te sei fatto ‘na crociera!!

ULISSE - I compagni mia ed io eravamo vecchi e, quanno semo arrivati a quello stretto dove Ercole ha messo i confini…

DANTE - Nun sete potuti passa’?

ULISSE - …avemo visto a destra Siviglia e a sinistra Ceuta in Africa.

DANTE - E allora?

ULISSE - Allora feci ‘na riunione co’ li compagni e, dopo ave’ discusso, se semo decisi de continua’, visto che tutto sommato ce rimaneva poco da vive.

DANTE - Ve siete levati ‘no sfizio!

ULISSE - Ho detto, nun semo mica nati pe’ essere bestie, ma pe’ conosce tutto quello che è possibile.

VIRGILIO - L’omo è un animale intelligente e curioso di fare nove scoperte.

ULISSE - L’amici so’ diventati più curiosi tanto che hanno incominciato a rema’ tanto veloce che sembrava de vola’.

DANTE - Chissà che j’hai fatto crede.

ULISSE - Dopo cinque mesi de mare avemo visto terra o, mejo, ‘na montagna alta alta che nun pareva vera.

DANTE - È uscita all’improvviso dar mare?

ULISSE - Noi eravamo tutti contenti de sbarca’ finarmente.

VIRGILIO - Purtroppo però avete fatto ‘na brutta fine.

ULISSE - A ‘n certo punto un ciclone, un tornado è venuto da ‘sta montagna e ci ha arzato per aria…

DANTE - Ih…!!!

ULISSE - …per aria co’ tutta la nave, ce fece gira’ co’ tutta l’acqua der mare, ce arzò, ce fece ricasca’ e alla fine la prua andò giù e la poppa in su.

VIRGILIO - Triste destino.

ULISSE - E poi er mare s’è richiuso su de noi.

DANTE - (pausa e poi) Turismo fai da te? No Alpitour? Ahi, ahi, ahi!!! (canzone - “Con le pinne, fucile ed occhiali” di Edoardo Vianello. Escono)

SCENA X

Dante e Virgilio - Passaggio dall’inferno al purgatorio.

VIRGILIO - Mò, ragazzo mio, dovemo attraversa’ l’ultimo tratto dell’inferno, quello più profondo e più vicino al centro della terra.

DANTE - È pericoloso?

VIRGILIO - È il più difficile perché dovemo passa er pozzo dei giganti, dove bisogna chiede’ aiuto a uno de loro.

DANTE - Ma quanti cerchi ce stanno, qua, all’inferno?

VIRGILIO - So’ nove in tutto.

DANTE - Me parevano de più.

VIRGILIO - Certo che te so’ sembrati de più, perché er settimo cerchio è formato da tre gironi.

DANTE - ’Ndove i violenti so’ divisi secondo er peccato fatto.

VIRGILIO - Bravo! Poi l’ottavo è diviso in dieci bolge …

DANTE - …’ndove i fraudolenti so sistemati ognuno secondo la fregatura che hanno dato all’artri.

VIRGILIO - (Meravigliato) Sei stato attento!! Poi ce sta er pozzo e poi er nono cerchio.

DANTE - Che è diviso pure questo?

VIRGILIO - Certamente. È diviso in quattro zone chiamate Caina, Antenora, Tolomea e Giudecca.

DANTE - Ce stanno i dannati anche qua?

VIRGILIO - Sì, ce stanno e so’ i traditori, quelli che hanno tradito la fiducia degli altri.

DANTE - Perché so’ divisi in quattro zone?

VIRGILIO - So’ divisi anche loro secondo l’azione fatta e verso chi l’hanno fatta.

DANTE - Senti, me dici che pena ci hanno?

VIRGILIO - Curiosone!!! Stanno conficcati nel ghiaccio.

DANTE - E noi ce dovemo proprio passa’?

VIRGILIO - Hai quarch’ artra soluzione?

DANTE - No, chiedevo, tanto pe’ chiede.

VIRGILIO - Allora avviamoce, ci avemo parecchia strada ancora da fa’. (Escono. Stacco musicale)

SCENA XI

Dante, Virgilio, Manfredi nel purgatorio.

DANTE - Finarmente ce l’avemo fatta. E tornammo a riveder le stelle e er sole. (Proteggendosi gli occhi con la mano) Virgilio c’è er sole, me sta a dà fastidio. Anvedi c’è l’ombra mia. Che bello dopo tanto tempo ar bujo. A Virgi’, ‘ndò stai? Virgilio! Virgiliooo, nun me lascia’!!!!

VIRGILIO - Sto qua, che te strilli.

DANTE - Me so spaventato.

VIRGILIO - Te pare che te lascio qua e da solo?

DANTE - Ho visto l’ombra mia per terra, ma nun la tua e ho pensato che te n’eri annato.

VIRGILIO - O Grullo!! Secondo te perché? (Gli dà una forte pacca sulla spalla)

DANTE - (Al pubblico) Sarà pure solo ‘no spirito, ma fa male lo stesso. (Pensa e poi imbarazzato) È vero, tu nun ci hai corpo, non omo, omo gia’ fosti!

VIRGILIO - Meno male che t’aricordi.

DANTE - Sta montagna che è?

VIRGILIO - È la montagna der purgatorio che sta dalla parte opposta all’inferno, nell’emisfero australe.

DANTE - E quelle anime chi so’?

VIRGILIO - So’ le anime che se so’ pentite nell’ultimo momento della loro vita. Ora so’ in attesa del perdono dei loro peccati, così possono salì più su fino a raggiunge’ er paradiso terrestre che sta in cima alla montagna.

MANFREDI - Dante! Daanteee!

DANTE - Eh! Chi è?

MANFREDI - Nun te ricordi chi so io?

DANTE - A ditte la verità, no.

MANFREDI - Guardame bene, nun te ricordi?

VIRGILIO - Se te dice de no, è no.

MANFREDI - So Manfredi, er fijo de Federico II de Svevia, nipote de Costanza l’imperatrice.

VIRGILIO - A noi chi ce la dà ‘sta certezza?

MANFREDI - Nun ce credi? Allora guarda ‘sta ferita. (Apre la tunica e mostra una gran ferita)

DANTE - A pensacce bene, me ricordo.

MANFREDI - Senti, me dovresti fa’ un favore.

DANTE - Se posso te lo faccio.

MANFREDI - Quanno che aritorni nel monno dei vivi, dovresti di’ a mi’ fija, Costanza, la verità su de me, se je dicono le buscie.

VIRGILIO - Ma sei nipote o padre de Costanza?

MANFREDI - So’ due Costanze diverse.

DANTE - Quale sarebbe ‘sta verità?

MANFREDI - La verità è che quanno Carlo d’Angiò m’ha dato er colpo de grazia ho chiesto misericordia a Dio.

DANTE - Come è annata a finì?

MANFREDI - (Indica in alto, nel cielo) Datosi che ci ha un core grosso così, m’ha accolto qui pure a me, grande peccatore.

VIRGILIO - Di’ a Dante ‘ndove saresti annato se no.

MANFREDI - All’inferno, no.

DANTE - Tutto qua? Je devo di’ solo questo?

VIRGILIO - Sta a senti’ che mò continua.

MANFREDI - No. Er cardinale de Cosenza è stato mandato da Clemente IV a cercà ‘ndove ero stato sepolto.

DANTE - Pe’ fa’ che?

VIRGILIO - Che je ne importava?

MANFREDI - Voleva che nun fossi sepolto ner regno de Napoli.

DANTE - E allora che ha fatto?

MANFREDI - M’ha fatto levà da ‘ndò stavo, cioè al ponte vicino a Benevento.

DANTE - ’Ndòve t’ha portato?

MANFREDI - Quasi vicino ar fiume Garigliano, fori dar regno.

DANTE - Nun lo doveva fa’, nun è stato misericordioso.

MANFREDI - Ma l’ha fatto e anche senza lume.

DANTE - Perché sei stato scomunicato?

MANFREDI - Sì, per questo. Però l’amore de Dio nun se perde fino a ‘sto punto e quindi c’è sempre speranza.

VIRGILIO - Ecco perché stai qua sotto e nun sopra ar monte. Certo che ce n’hai de strada da fa’.

MANFREDI - Nun me spaventa. Basta che dici a mi’ fija de prega’ pe’ me.

VIRGILIO - Penso che già lo fa, santa Costanza!!!

MANFREDI - Però più prega e più corto è er tempo che devo aspetta’ qua.

DANTE -  Aho, anche da ‘ste parti ce vojono le raccomandazioni pe’ passa’ de grado.

MANFREDI - Me lo fai ‘sto piacere? Costanza è bona… d’animo e se je lo dici, lo fa pe’ papà suo.

DANTE - Va beh!

MANFREDI - Aricordate, me raccomanno che qui per quei di la’ molto s’avanza. (Stacco musicale. Escono)

EPILOGO

Dante e i ragazzi.

DANTE - E questo è tutto ragazzi miei.

LEO - È stato un racconto… emozionante, me sembrava de viverlo.

CATIA - Certo, e che te credevi? Lui sì che sa racconta’ le cose, nun è mica come la professoressa.

MAURO - Oh, a Dante, che hai già finito de racconta’?

ALESSIA - Certo che ha finito, tu dormi sulle nuvole!

YLENIA - E… comunque è un peccato che hai già finito, me piaceva.

ANDREA - Come? Te sei presa ‘na cotta pe’ Dante?

ANNA -  Aho, ma ce fai o ce sei? Stava a parla’ del racconto.

FABIO - E nun bisticciate come du ragazzini, fate come me, che so er più bravo de tutti voi.

LEO - Pe’ ‘na volta Fabio ha detto ‘na cosa giusta, cioè de nun litiga’, ma per il resto c’è da discute.

DANTE - A quanto pare la Divina commedia v’è piaciuta e credo che nun ve la scorderete più.

CATIA - Ci hai ragione, mò je la faremo vede’ alla professoressa…

MAURO -  …però la cosa che me piace de più è che faremo rosica’ i secchioni dei primi banchi!!

ALESSIA - Esatto, così je daremo ‘na lezione.

YLENIA - Loro se credono che nun sapemo gniente, perché stamo sempre a gioca’, a fa’ i cruciverba, a raccontacce i fatti nostri, invece…

ANDREA - …invece grazie a te, Dante, noi sapremo molte più cose sulla Divina Commedia.

FABIO - La professoressa su de noi se dovrà ricrede.

ANNA - Così una bel giudizio nun ce lo leva nessuno.

LEO - Sapete, già me vedo li secchioni che rosicano pe’ l’invidia.

DANTE - Ma perché ce l’avete coi vostri compagni di classe? So’ boni come voi!

CATIA - Pe’ te! Ma pe’ noi…

MAURO - …pe’ noi so come i demoni dell’inferno…

ALESSIA - …che tormentano i dannati.

YLENIA - È vero, ce fanno sempre li dispetti, so’ sempre li cocchini dei professori e, dico, mai poi conta’ su de loro.

ANNA - Pe’ noi la professoressa d’italiano è come Caronte e Minosse messi insieme.

DANTE - Ho capito de che pasta è fatta. Allora dateje ‘na lezione pure da parte mia.

FABIO - Se è de pasta allora me la posso mangia’!

MAURO - Ma mettete a dieta ci hai sempre fame e… comunque se te la mangeresti, t’avvelenassi.

DANTE - La professoressa sarà pure come dite voi, ma certo che i verbi non li conoscete affatto. Bene, adesso devo proprio anna’, s’è fatto tardi, devo torna’ nel regno de li cieli.

CATIA - Oh, perché nun vieni da me? Te faccio conosce i genitori mia.

DANTE - No, grazie, devo proprio anna’. (Saluta) Arrivederci.

LEO - Ciao, Dante! (Tutti salutano a turno)

MAURO - (A Catia) Se voi a casa tua ce vengo io, se nun disturbo.

ALESSIA - Sì che disturbi, lei voleva invita’ Dante e no te.

FABIO - (Chiama ad alta voce) Dante, ehi Dante, l’autografo, famme l’autografo. Uffa, se n’è annato. Volevo aggiunge’ l’autografo de Dante a tutti quelli dei calciatori. Peccato!

YLENIA - Ma che te frega dell’autografo, ora sapemo la Divina Commedia.

ANDREA - Beh, so’ proprio felice!

TUTTI - Perché sei felice?

ANNA -  Perché siccome nun ci avemo più da studia’ potemo anna’ a gioca’ a pallone!

LEO - Ma quale pallone, oggi bisogna festeggia’ Dante, che ci ha fatto ‘sto bel servizio e quindi annamo tutti a mangià ‘na pizza gigante a “Palla al centro”. (canzone - “Sei un mito” degli 883)

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 50 volte nell' arco di un'anno