De profundis

Stampa questo copione

" De Profundis "

  

         “ De Profundis "

 

Tragicommedia onirica

in due atti e quadro finale

           CONCORSO FABRIZIO ROMANO

     Napoli                                            

                                                                9.09.2001

 

                                

" De Profundis "

 I Vivi                                  

Giocondo

Custode del Cimitero

Donna Bertina

Una vecchietta

Gabriele Formica

Un giovane

Aurora

Una giovanetta

Verza Vittorio

Un amante inconsolabile

Riso Antonio

Un  vedovo

Il Barone

Un nobile assai decaduto

Perrella

L'autista dei " pervenù "

Adele

Una madre inconsolabile

Alina

La ragazza incinta

Sante Cortese

Un figlio di I° letto

Leone Cortese

Suoi due fratellastri

Daniele Cortese

        figli di II° letto

Vicienzo, 'a Talpa

Interratore

Tarallo Pasquale

Impresario di Pompe Funebri

Pepe Antonio

Impresario di Pompe Funebri

I Morti                                

Stellina

Una bimba

Il Maresciallo

Un nonno

Adelaide

Una donna fatale

Ugo Cantalamessa

Un ricco commerciante

Fortunato

Il marito di Bertina

Salvatore Cortese

Il dottore

" De Profundis "

I° Atto

LA SCENA RAPPRESENTA UN ANGOLO DEL CIMITERO MONUMENTALE DEL PIANTO. AL CENTRO SCENA, SUL FONDO, UNA VECCHIA CAPPELLA FUNERARIA GENTILIZIA; ACCANTO SULLA SINISTRA DELLA STESSA, UNA ELEGANTE TUMULAZIONE BASSA CON CROCE IN MARMO. A DESTRA UN SARCOFAGO IN PIPERNO CON ACCANTO UN PAIO DI MODESTI INTERRI .ANCORA A SINISTRA UN'AIUOLA CON CIPRESSO CENTRALE E PANCHINA IN FERRO BATTUTO.

ALL’APERTURA DEL SIPARIO VI SONO IN SCENA TRE PERSONAGGI : GIOCONDO,UN SEGALIGNO E POLVEROSO VECCHIETTO,CUSTODE E TUTTOFARE DEL CIMITERO IL QUALE  E' STANCAMENTE INTENTO A RAMAZZARE;A SINISTRA SI  DA DA FARE LA VECCHIA BERTINA CHE CURA AMOREVOLMENTE LA SEPOLTURA DEL MARITO DEFUNTO DA TEMPO; AL LATO OPPOSTO UN GIOVANE SMILZO, GABRIELE CHE FUMA E COGITA CON FARE SPIRITUALE.     

Giocondo:             [E',come detto, un vecchietto striminzito in camice nero e coppola; il servizio di oltre trent'anni nel Cimitero lo ha reso cinico ed a volte lugubremente sagace]... Ma comme se fa.... dico io.. comme se fa a fa' tante purcarie…? Guardate cca.. guardate .: pacchetti 'e sicarette,giurnale ammappuciate , carte 'e ciure, ..... pure ‘na buste 'e pop corn vacante e ‘na butteglia 'e coca cola.... E' muorte stanne 'nchiuse e nun certamente ponno spurca'..... ma 'e vive ...... a chi marina venene a festeggia' cca dinto...???...[a donna Bertina] Donna Berti',..... pensate‘nu poco che aiere aggio truvato, la ‘o vì, proprio llà ‘nterra… ‘na burzetta 'e femmena.....!

Bertina     :          Gesù..Gesù…Gesù…Overamente dicite.....? 'na burzetta ‘e

                              femmena.... ! e ..pe’ sapè…..‘a dinto che ce steva.....?

Giocondo:             Nu' miezo chilo 'e  alice salate, ‘nu duiciento gramme ‘e chiapparielle e 'o sulitario d' 'a Reggina Giuvanna.....

Bertina:                 Overo facite....? 'O sulitario d''a Riggina vicine 'e chiappare...?!

Gioconda:             ‘Onna Bertì,ma che site scema overo ? 'A burzetta era vacante! ….buttata llà 'nterra 'a quacche fetente 'e scippatore....

Bertina:                 Nientemeno….?! Nun ce sta chiù scuorno.... Puro dint' 'a ‘sta Terra Cunsacrata veneno a fa 'o malamente....? Piuttosto ‘sta burzetta comm'era ..'e pelle.??.. 'e coccodrillo ?.... 'E pitone.....?

Giocondo:             ….nera….’e pella….Ma pecche'.... vi interessa....? Si è accussì, domani v’a scengo.... e ce metto vicino pure 'nu bellu pare ‘e scarpe nove nove.....

Bertina:                 Overo ? Pure 'e scarpe so' state scippate ?

Giocondo:             Si.... ‘a sotto 'e piede ‘e 'na vecchia zandraglia! ‘Onna Bertina, ma vuje v'ammuccaute tutte cose.... 'E scarpe steveno dint' ‘o bidone d'a munnezza.... cos’e ‘e pazze..mo’ sceppavene pure ‘e scarpe…‘Sta babbà…!!

Bertina    :   e state  al posto vostro…chillo è tutto ‘nzallanuto e guarda a   

                       me…!

LA VECCHIA SCHERZOSAMENTE DI RIMANDO E PUNIZIONE GLI TIRA COLPENDOLO,UN GAROFANO MARCIO

Giocondo:             [Scansandosi] Gue'....!?!..( ridendo)..M’ha cugliuto..!

Gabriele:               ( che da tempo osservava la scena)…Avete finito di fare il teatro qua dentro ….?

Giocondo:             Non ho capito…

Gabriele:               No, dico, ..... è mezz'ora che tutti e due state facendo ‘sta putecarella ! Forse non vi siete resi conto  di stare in un Cimitero,....un luogo sacro, mistico…inviolabile.... onirico...... metafisico.... dove la vita sposa la morte e la morte si giace con la disperazione......

Giocondo:             Lè, Le'.... hi che allegria....!! Guaglio', io per tua norma qua dentro ci lavoro da oltre trentanni e si vulesse chiagnere tutt''e mumente ….m’esse fatta ‘a croce…!!..(e fa un gesto come per dire : starei fresco..! )....

Bertina:                 Ed io... dal 22 maggio del '79, vengo qua tutti i giorni  a trovare il mio povero Fortunato... Ormai dopo tanti anni ci vengo come alla Villa Comunale....Insomma è   'na passeggiata.....me  piglio 'nu poco d'aria buona....e faccio due chiacchiere con mio marito buonanima.........

Gabriele:               Si, ma non avete rispetto del luogo..........

Bertina:                 Guarda piccerì che chistu vialetto oramai è 'a casa mia...... e     n' atu ppoco..... roba 'e pochi anni, salute a vuije, io cca m’aggia trasferì, vicino a Furtunato mio. Figurati si nun porto rispetto per la mia prossima dimora

Giocondo:             Piuttosto tu.... so' parecchi giorni che ti ho notato.... stai sempre seduto sopra a quella panca…Certe volte entri dall'apertura e te ne vaie all'orario di chiusura.... ma che fai. cca..... ??…a chi tieni qua dentro ?

Gabriele:               A chi tengo qua ? A nessuno..Io studio all’Università a Napoli ma sono di Avellino..Niente,…. vengo per gusto mio..... Mi piace stare qua.... guardare le tombe..... leggere le lapidi antiche ..... osservare  qualche bella esumazione....

Bertina:                 Allegria e cuntentezza  !!!!.... Piccerì, ma tu tieni vint'anne..... comme te piacene ‘sti cose ? te ne viene cca dinto......invece ‘e ì currettianno appriesso a quacche bella figliola...

Gabriele:               ..a parte il fatto che  prima avete detto che qua ci venite come alla Villa Comunale…. perchè ,secondo voi, qua dentro non ce ne sono di...."belle figliole" ? Io ho visto le donne più leggiadre di Napoli qua dentro....E poi, credetemi.. la donna..... la femmina, in gramaglie, vestita di nero... sopra e sotto.... contrita.... disperata.... emana una luce che la fa bella come una Madonna e sensuale come una Satanassa....

Bertina:                 [A Giocondo sottovoce] ....Nooo, chisto nun è normale....(Al giovane ) ...neh, ma overo dicite  ca cca 'e femmene emanano .....'a luce.....????......

Gabriele:               Emanano, emanano....Sapete quante ragazze ho conosciuto qua dentro.... Appena ne vedo una che mi piace vicino ad un interro.... mi accosto compunto,... piango un poco con lei.... la conforto.... la blandisco.... e...chianu chiano,doce doce.... me piglio 'o numero 'e telefono..... tengo 'n’agenda chiena... guardate qua... [Mostra un libricino nero] ....Eh,... le difese della donna in lutto sono irrisorie.... E' quello il momento di insinuarsi con dolcezza nel suo cuore e farsi amare !

Giocondo:             Cose 'e pazze.... è arrivato Giacomo Casanova dint' 'o Campusanto..!. Mah..... 'e manicomie se so' sbacantate .... E dite.... mo' avete puntato a qualche bella orfanella... che so' 'na vedova inconsolabile ?

Gabriele:               Si capisce.... Sono quattro giorni che ho notato una fanciulla bionda….Avrà si e no sedici anni….Bella..... Bianca.... Misteriosa.... sempre con gli occhi bassi.... porta in testa un velo nero.....tiene una coroncina di perle in mano come Rosario e calza delle scarpine blù.... piccole .........piccole …piccole.....

Bertina:                 [Sottovoce].....Cenerentola......!

Gabriele:               E' stupenda.... La c'è sepolto un vecchietto [indica un interro], suo nonno credo. Ogni giorno viene... gli porta dei fiori....li sistema con amore… recita delle preghiere..con una grazia..con una tenerezza ,che io mi incanto a guardarla...Poi, dopo, si fa la croce,  piange  ancora un poco. e  se ne va..….Sublime !!!! !

Bertina  :              Che cosa romantica......Me pare 'nu fotoromanzo....!!

Gabriele:               E io qua l'aspetto.... Anzi buon uomo.... se la vedete.... fatemi la gentilezza...... qua stanno 5000 lire per voi..... dico,se la vedete..... mi vorrei far notare...... Voi,con una scusa l'accostate e le dite, che so  ..... che io sono un poeta decadente..... uno spirito eletto...... e poi che sono orfano..... solo..... disperato....

Giocondo:             [Intascando la somma] P'ammore 'e Dio, signurì..... e io ve faccio ‘na mappina..... tanto ce ne dico che adda chiagnere pure pe’ vuje.... state servito !

Gabriele:               Grazie....!( si danno al mano)

Giocondo:             Prego…!!..Donna  Bertì.... adesso io vado a ramazzare il viale appresso.... Se volete il solito passaggio.... qua sta il braccio..... [Galantemente si offre come sostegno].... ‘e scale so' scivolose  cca addereto.....

Bertina:                            Siete sempre un galante cavaliere,don Giocondo...Mi approfitto ..se no vado lunga lunga per terra comme a Pasqua scorsa ca me rumpette pure ‘o femore......(Rivolto all'interro ) Furtunà, mio caro, ti saluto.....ci vediamo domani mattina….Ah, a proposito.... domani faccio la pasta e cavoli bella azzeccata con le scorze di parmigiano..eh,quella  che ti piaceva tanto....te ne porto ‘nu poco..sì..?...Ah,..e porto pure una bella bottiglia di Gragnano..... Così ci facciamo un poco di buon sangue......Beh, ciao,...... statti bene.....Don Gioco', andiamo ?..... e a voi..... giuvino'..... auguri per le vostre conquiste.....

I DUE ESCONO SOTTO BRACCIO. GABRIELE SI SIEDE ALLA PANCHINA E PIANO PIANO SI ASSOPISCE..... DALLA SINISTRA ENTRA UNA FANCIULLA IN GRAMAGLIE, ROSARIO DI PERLE, SCARPE BLU PICCOLE PICCOLE. SI AVVICINA AD UNA SEPOLTURA E COMINCIA A RIPULIRLA, CAMBIARE L'ACQUA DEI FIORI, POI SI INGINOCCHIA E MORMORA DELLE PREGHIERE.

Aurora:                 [concludendo una prece]....... per Saecula saeculorum… Amen..... E con questa ho completato la razione quotidiana di preghiere che ti avevo promesso.... Io,come vedi, il mio dovere lo  faccio...... tu invece, ti sei scordato il tuo..... Ogni notte ti aspetto in sogno e tu niente...... Eppure negli ultimi giorni me lo avevi promesso..... Ecco.... io mi ricordo ancora tutte le tue parole, " Nenne', dicesti.... io ti amo sopra ogni altra cosa al mondo e nulla, neanche la morte ci potrà separare..... Non piangere.... quando sarò dall'altra parte, verro' a trovarti in sogno ogni notte per farti compagnia....".... Ma quando mai....!? Sei morto da due mesi.... ed i miei sogni sono fatti solo di nebbia....  "Nenne', dicevi.... tu sei il cuore mio..... e io come nonno, ti so' padre due volte....e ti proteggerò sempre.,..anche dall'Aldilà... Ti sarò sempre vicino !."... Bugiardo..!!! Pure tu…mi hai lasciata sola pure tu.... Sola..... Abbandonata..... Come hanno fatto quegli altri due.... anche tu lo stesso ! Anche tu come loro (Singhiozzza)...........

GABRIELE S'E' DESTATO ED HA VISTO LA GIOVINETTA CHE GIA' DA ALCUNI GIORNI AVEVA NOTATO. RESTA ALCUNI ATTIMI IN CONTEMPLAZIONE DELLA FIGURETTA, INDECISO SE ACCOSTARLA O MENO..... POI LE SI AVVICINA DI QUALCHE PASSO, LIEVEMENTE.

Aurora:                 …ed in quella grande casa.... senza di te..... c'è il gelo della solitudine..... Io senza te ho freddo.... ho tanto freddo..... [Piange]..... Ho freddo......

GABRIELE SI E' TOLTO IL CAPPOTTO E, DOLCEMENTE, LO PONE SULLE SPALLE DELLA GIOVANE.

Aurora:                 …( perplessa)…ma che fate ?

Gabriele:               Vi copro col mio cappotto.... Avete detto di avere tanto freddo....

Aurora:                 Ma come vi permettete ? Chi siete.... ? Lasciatemi in pace.... e poi.... il freddo che sento sta dentro... nel cuore.... non fuori.... non basta il vostro cappotto.... ci vuol altro....

Gabriele:               Lo so..... ma per il momento anche questo vecchio cappotto vi riscalderà...... Bisogna cominciare pure da qualche parte a dare calore....

Aurora:                 Ma chi v'ha pregato ? ….Lasciatemi sola !.....

Gabriele:               E non lo siete già abbastanza ?... Da quello che ho sentito qui è sepolto vostro nonno.... e se ho capito bene, anche i vostri genitori vi hanno lasciata.....[Fa il gesto di chi  è defunto].....

Aurora:                 Morti ?.....! No .... i miei cari genitori sono vivi, vivissimi......, però separati..... da quando io avevo otto anni...... Litigavano sempre... urla, minacce, mazzate.... Poi mio padre si trovò un'altra donna e sparì..... mia madre trovò le carte..... il Circolo..... le amiche..... e così sono praticamente spariti tutti e due dalla mia vita..... a casa con me tenevo solo il nonno..... un uomo buono, disponibile, dolce.... ed eccolo qua..... Ma non so perchè vi sto raccontando i fatti miei.... Neanche vi conosco…..

Gabriele:               ..se è per questo…Permettete ? Gabriele.... Formica Gabriele..... studente fuori corso di Vita e Filosofia.

Aurora:                 ….Storia e Filosofia... volete dire.....

Gabriele:               E’ lo stesso..... La Storia e la Vitacoincidono.... Il generale della Storia è fatto dai mille particolari delle Vite di ciascuno perciò... io studio la gente e capisco la storia... E' un puzzle !.

Aurora:                 Che ragionamenti.... la storia un Puzzle...!!?? Però, certo siete un originale.... [Sorride]

Gabriele:               Visto... il cappotto sta facendo effetto... avete sorriso....

Aurora:                 Quando mai ? Avevo le mascelle stanche....le ho rilassate…

Gabriele:               E avete fatto bene..... vi donano quelle due fossette.... Ora se permettete.... vi potrei accompagnare.... Tengo la vespa qua fuori..... è vecchia.... ma fidata.... E poi mi fa ridere il pensiero di una Formica e una farfalla sopra una Vespa !

Aurora:                 Stupido ! [Ride]

Gabriele:               Stai ridendo... il cappotto ha funzionato....! Vieni, andiamo. Dal nonno ci torniamo domani....

Aurora  :            ma perché tu  domani  torneresti qui con me….?…per me..?

Gabriele   :  si capisce…se qua sta la tua famiglia,vengo a parlare in casa…!

Aurora:                 …stupido….! E va bene…mi hai convinta…andiamo…Un momento però…quando saluto..( facendosi al croce)..”Ciao nonno...se non ci vediamo stanotte, a domani..... Ah, dimenticavo.... ti presento Gabriele..... un amico.....!”

Gabriele  :         (scherzoso ma non troppo).. ..fortunatissimo…!

I DUE GIOVANI ESCONO A BRACCETTO. CONTEMPORANEAMENTE DAL LATO OPPOSTO ENTRANO IN SCENA DA SINISTRA DUE UOMINI, VITTORIO VERZA E ANTONIO RISO.

L'UNO ALTISSIMO E MAGRO MAGRO, SEGALIGNO, L'ALTRO BASSO E ROTONDETTO, CON OCCHIALI DA MIOPE.

SONO ENTRAMBI BARDATI A LUTTO ED IN ATTEGGIAMENTO CONTRITO.

SI DIRIGONO AD UNA ELEGANTE TOMBA GIA' RICCA DI FIORI, PER SISTEMARVI QUELLI CHE CIASCUNO HA IN BRACCIO.

Verza:                   Adele, buongiorno..........

Riso:                      Guè.... al tempo..... Tocca prima a me salutare, che sono il marito.....

Verza:                   Che significa..... Il saluto è atto di cortesia.... non c'è precedenza legale..... E po', io sono stato  il legittimo amante.....!

Riso:                      Legittimo.....?! Quale legittimo, Vittò..? Tu, per norma e regola si sulo 'nu mariuolo 'e mugliere.... Ladro !

Verza:                   Ladro a me ?! Bada come parli Anto' che ti chiavo questi fiori in faccia....... Io per tua conoscenza non ho rubato proprio niente a nessuno....... Il vostro rapporto coniugale  era già in crisi........ [insinuante].... per colpa tua....ed io a lei…l'ho solo  un poco consolata !! (Passandogli un vaso di fiori ) Butta quest’ acqua.......

Riso:                      Overo ?! L’hai consolata..?..Tu si 'na serpe velenosa....... Tu...... approfittando della vecchia amicizia, te si intrufolato dint' 'a casa mia e ti sei messo  tra me e Adelaide..... Passami la scopa...... [pulendo]..e tu hai....

Verza:                   Io ho solo riempito uno spazio che tu avevi lasciato vacante....... La povera Adelaide lo diceva sempre.... [Imitando la defunta] "Quello mio marito è un egoista....... un mostro.....pensa. solo al lavoro ed agli amici..... per me non c'è mai....... ne di giorno......[Insinuante e maligno] ne, soprattutto, di notte !...... Metti i fiori freschi qua dentro......

Riso:                      Questi so’ troppo lunghi. Tagliali un poco in punta........ dunque..come sarebbe ? Io lasciavo il vuoto di notte ? E pure se fosse ?.. Accendi sto’ cerogeno, e,…dicevo, pure se fosse ? Il letto era il mio…?… il vuoto era il mio ..e tu non ti ci dovevi impizzare dentro! E’ chiaro ?!!

Verza:                   No..non è così semplice..se io lasciavo il vuoto Adelaide, poverella come faceva ? tu te lo ricordi la buonanima quant'era focosa..... Non le bastava mai...... Insomma, Antò…Io mi so’ prestato,......per il suo bene......terapeuticamente......

Riso:                      Eh sì, come una cura intramuscolare ! Io uscivo..... e l'amico Vittorio attaccava 'a flebo !! A verità,..... butta chisti lumini consumati,...’a verità è che tu si 'nu chiavico..... altro che amico del cuore........

Verza:                   Ah, no.Antò...... e mo’ stai sbaglianno..... Come non sono stato amico....? E chi è che ti ha consolato quando la povera Adelaide se n'è andata ? Su quale spalla piangevi le tue lacrime di vedovo inconsolabile....? E addo’ ive a chiagnere e a mangia’ tutte 'e sere ?...Te facevo cierti frittate tante !Arò ive..?

Riso:                      A casa tua, Vitto'..... Per questo, come fai tu la frittata.... neanche la Buonanima..... Anzi,... passame lo strofinaccio,.... anzi ,per dirla tutta… vicino alla cucina Adelaide era negata. Io perciò me ne andavo sempre a mangiare fuori : era legittima difesa !!.

Verza:                   E' vero.... per questo facevi bene...... In cucina la Buonanima era una sciagura...... Pensa che quando arrivavo mi faceva un caffè che era una vera ciofeca ! E se io non me lo bevevo si offendeva da pazzi......

Riso:                      Si, ‘o fatto ‘e questo era troppo permalosa..... subito si alterava e strepitava. Io pure per questo, per non sentirla, me ne andavo fuori con gli amici..... per quieto vivere.....

Verza:                   E facevi bene per questo...... Intanto, lei senza te stava infuriata ….io arrivavo e la dovevo calmare.....Antò... una pazienza..... una fatica..una sopportazione.. !

Riso:                      Di questo ti do atto...... Sei stato eroico..... quella nei nervi era una belva.....

Verza:                   Ma io la calmavo e tu la notte quando tornavi, la trovavi placida e rilassata.... una pasqua....una colomba….

Riso:                      Sei un amico ! Certo che Adelaide quando dormiva era proprio un Angelo....... Dolce come una bambina, ti ricordi ?

Verza:                   E come....... Guardala lla,era....era.. una Madonna del Trecento, una Vergine di Giotto..... Anto', quanto era bella....e quanto mi manca......

Riso:                      A chi lo dici.... Io la tengo sempre davanti agli occhi..... Amore mio...... quanto l'ho amata.....

Verza:                   Ed io ?! Mi sarei buttato nel fuoco per lei.... e lei per me....

Riso:                      E per me no ?

Verza:                   Si capisce, pure per te...... Che donna ! Che cuore….!

Riso:                      Una Santa !! Beh..s’è fatto tardi........ Iammuncenne Vitto'..... anche oggi siamo stati a trovare l'Amore nostro...... Mi pare che dalla fotografia fosse molto contenta...... Tu che dici ?

Verza:                   Si,sorride soddisfatta...... Ma poi,Antò, si capisce...... i suoi unici Amori....... prostrati sulla sua tomba.....Guarda, e' felice....... E' felice...... Ella poi non amò che noi due......povera Santa !!

Riso:                      E vero.... Beh. Statti bene, tesoro mio..... a domani.....

Verza:                   Addio..... Amore, a domani......

ESCONO A SOGGETTO TRISTEMENTE APPAIATI. NEL CONTEMPO RIENTRA GIOCONDO. FURTIVO PRELEVA UN LUMICINO ACCESO DA UNA SEPOLTURA E LO DEPONE SULLA TOMBA DI ADELAIDE.

Giocondo:             Eccomi qua, amore mio ! Scusa il ritardo, ma ho tenuto da fare..... Qua sta il tuo lumicino quotidiano..... Ti piace ? M'o so’ arrubbato  'a lla 'ncoppa..... tanto ce ne stavano tanti...... Ogni promessa è debito..... Te lo promisi che la tua tomba l'avrei curata come un altare.... e poi te lo dovevo.... Si capisce..... Tu mi hai dato tanta gioia, tanta passione ogni giorno, qua......dietro al capanno degli attrezzi......Certo eravamo più giovani.. Mamma mia..... e che giornate ! Che battaglie....! Una furia....!!…eri una cavallina focosa...... non ti bastava mai....... E già......ma come dicevi tu,  quei due, tuo marito e quell’altro….quel don Vittorio...... pare che a poco servivano...... Insomma quando venivi la domenica a trovare i tuoi cari…ci dovevo pensare io ! ..Bravi amanti, no…Però i fiori te li portano di prima scelta........ Guarda che orchidee...... e che rose.....! ‘O fatte 'e chesto Verza e Riso sono dei Signori !! Beh.... statti bene, palummella mia..... ci vediamo domani...... io qua sto....!..... Adelaide….Ah che donna......!!

INIZIA A SCOPARE I VIALETTI, NON PRIMA PERO’ DI AVER RIMOSSO DALLA TOMBA DI ADELAIDE I MAZZI DI ORCHIDEE E DI ROSE CHE NASCONDE DIETRO UN MONUMENTINO. ENTRA DA DESTRA VICIENZO, L'INTERRATORE DETTO VICIENZO 'A TALPA. E' UN BIECO ED IGNORANTE INDIVIDUO CAPACE DI OGNI SORDIDA AZIONE.

Vicienzo:               [Ha una pala in spalla e mordicchia un anello per saggiarne il valore]...... Si..... è oro..... e chisto russo cca 'ncoppa è 'nu rubino...... piccolo ma sincero ! Varrà almeno mezzo milio..... [Vede Giocondo e si blocca cercando furtivo di nascondere l’anellino]..... Guè, Gioco'......

Giocondo:             Che tiene lloco ?? Famme vede'..... Che t'è arrubbato ?

Vicienzo:               P'ammore 'e Dio..... Arrubbato ? Che dice..?..... No...... è che steve facenne n’esumazione...... e ‘a sotto all'ossa della buonanema è caduto st' anelluccio ‘e niente dint' 'a fossa...... Che facevo.....??... 'o lasciavo 'e surece......????

Giocondo:             Famme vede....... Ah....anelluccio ‘e niente..quando maie...... (lo soppesa, lo mordicchia anch’egli)..e chisto  vale.... Comunque, il gesto che hai fatto è stato brutto…nu' s'arrobba a 'e muorte...E’peccato !!

Vicienzo:               Ancora ? Ti ho detto che non l'ho rubato....... l'ho trovato.......

Giocondo:             Allora se l’hai trovato...l'abbiamo trovato......!! Dammi qua, stasera lo porto dentro agli Orefici...... e domani hai la metà......

Vicienzo:               (Posando a malincuore il gioiello)......Aggiu fatto n’atu affare. stammatina..me so’ miso ‘o socio.......

Giocondo:             …e  sia chiaro,Veciè,...... chello ca. tu diciamo così...“ truove ” .. dinte 'e fosse è fifty-fifty.....

Vicienzo:               E allora pure fiori, lampade 'e mazzette ca tu truove è fifty fifty..!! D'accordo ? Facimme società ‘e tutte cose...... Comme se dice....

Giocondo:             facimmo….'a multinazionale d’a 'nfamità !! Guè zitto, Vecie', zitto….sta arrivanno 'o Barone…….

ENTRA DA DESTRA IL BARONE NARCISO DI VARALLO MONTICHIARI TORTI. E' UN NOBILE DECADUTO CHE SI ARRANGIA IN MILLE ATTIVITA' SEMI LECITE. VESTE ANCORA CON UNA CERTA QUAL ELEGANZA, ANCHE SE GLI ABITI SONO  ORAMAI LISI, ED IL MONOCOLO E' INCRINATO. RECA IN MANO UN GAROFANO BIANCO, UNO SOLO, E PURE STRIMINZITO.

Vicienzo:               'O 'Cellenza..!

Giocondo:             Signor Barone Narciso !

Barone:                 Come Narciso...?..Narciso e basta ?!?... Giovanotti, vi ho pregato tante volte …. Quando mi vedete dovete essere precisi e completi..... Allora rifacciamo: come mi dovete salutare ?

Vicienzo:               Buongiorno, Signor Barone Narciso..... Narciso Maria......

Giocondo:             Di Varallo e Montichiari..... Storti !

Barone:                 Torti ! Torti, cretino...... gli Storti sono Marchesi fiorentini..... Io invece sono Sabaudo di origine e schiatta..!! E comunque, voi quando salutate non vi dovete sbagliare, chiaro.....? Qua, a me il solo nome mi è rimasto...... voi ignorantemente me lo sturciate pure ...... e io che faccio..... io col nome ci lavoro….!

Giocondo:             Avete ragione....... Quello Vicienzo è proprio un ignorante...... Abbiate pazienza., signor Barone......

Barone:                 Aspettate un momento la che dopo parliamo....... [Si accosta ad un decrepito mausoleo cadente e assume per un attimo un atteggiamento compunto]..... Eccomi a te Fabrizia cara...... mia povera cara........Guarda,ti ho portato un fiore......Ecco qua.! Un bel garofano tutto per te !..Uno,.Si,è vero, uno solo..... si capisce...... e che dobbiamo fare le pacchianate con i mazzi o le ceste di fiori, magari pure con le corone ed i cuscini. Noooo, per carità…Noi nobili siamo,diciamo così, eleganti, sobri, misurati,..... un garofano e più chic di una corbeille! N'est pas, ma’ chery? D'altra parte, mi trovo, casualmente ad attraversare un momentaneo attimino di difficoltà economica....... Ieri ,a palazzo, ci hanno tagliato il gas....... No,mon tresor,...... no problem, mon amour....... a che serviva il gas ..?Mangiare in casa è così volgare.... D'altra parte...... come sai.,è vero,...... io praticamente oramai  mi nutro del ricordo  palpabile, direi quasi, commestibile di te...Fabrizia... sogno della mia vita..... Ma che cos'è tutta questa luce....... tutti ‘sti lumini. accesi..... abbiamo fatto la festa di Piedigrotta sopra 'o Cimintero! Via via spegnere [Soffia su un lumino] Un cerogeno basta e,diciamo così, avanza...... Noi nobili siamo.......

Vicienzo:               Sobri e misurati......!

Barone:                 Contenuti..... avimmo fatto 'e Crociate ...Abbiamo costruito ,è vero, la storia pietra su pietra, Beh..... è stata una gioia vedesti, mia cara un privilegio, direi...... Stammi bene Fabrizia. A toute l'heurs , mon amour......[Si fa la croce]..con permesso….

Vicienzo:               Allora, Baro'.......

Barone:                 E dalle..... ma ti vuoi fare capace chi con me devi essere preciso.......

Giocondo:             Signor barone Narciso Maria Varallo Montichiari Torti...... va buo'..... allora..... st' affare.... di cui mi avete accennato....... si può sapere........

Barone:                 Ecco qua.... Gioco', secondo te...... pensaci prima di rispondere....... secondo te, dentro a questo cimitero quanti fiori freschi entrano ogni giorno..??...

Vicienzo:               Assaie....."Nu tummulo"?

Barone:                 Bravo !"Nu tummulo..... che tradotto in termini precisi e, direi, è vero, matematici, fanno ventimila - trentamila pezzi al giorno....... Un'enormità !! Orbene..... l'affare sta qua....... Io tengo un …diciamo così… “cliente” ,è vero, che carica i fiori, li mette nelle celle frigorifere e li porta al mercato di Bari e voi se volete entrare nell’affare….dovete provvedere., è vero....

Giocondo:             ....al prelievo ed allo stoccaggio della merce !!

Barone:                 Bravo!..... So' più di un milione al giorno...... diviso per due...fanno,è vero.....cinquecentomila a me..il resto,diciamo così, a voi.......me pare onesto !!

Vicienzo:               'E capito 'o Barone che cervella..diabolica..... Affare fatto, eccelle'...... Da lunedì Vicienzo ‘a Talpa e tutti i suoi schiattamuorti sono al vostro servizio........ doppo mieziuorno si vedite cca dinto ‘nu mazzo 'e ciure..... ma che dico ‘nu mazzo…? 'na mimosa, è ...‘e plastica !!

Barone:                 Bene..... allora siamo d'accordo..... Il cinque di ogni mese vi porterò la vostra parte..... E mi raccomando...... Zitti........ Muti.. dell’affare.....non parlate con anima viva.!!!!

Giocondo:             Saremo delle tombe ..!!

Barone:                 Bene..... Adesso che ci siamo intesi su tutto, io vado a fare un giro dell' "Azienda" per calcolarne le vere capacità...... Insomma come fanno Agnelli, Montezemolo, Montalcino..... miei pari,…mi devo rendere conto della capacità della "Tenuta"

Vicienzo:               'A Tenuta "del Pianto"!

Barone:                 Come hai detto,vassallo..?...

Giocondo:             No, quello il ragazzo scherza......

Barone:                 ...e non scherziamo, che il fatto è serio. Ah, Gioco'.... visto che siamo... soci..... una pulita alla Baronessa........ diciamo una volta ogni due giorni, ce la vogliamo dare ? Per i fiori.... ne prendi qualcuno dal capitale sociale, n'est pas.?  ... Be’ ragassuoli.... a tuote l'heurs....

 SI AGGIUSTA IL MONOCOLO ED ESCE FISCHIETTANDO.

Vicienzo:               No...... chisto è pazzo ! Cca pure jammo a fernì 'ngalera...... Ma po' chello ca dico io..... a rubba 'e fiori nun è reato?

Giocondo:             Ma qua’ reato…? Noi li togliamo dalle urne per portarli al macero....

Vicienzo:               …a  Bari ?!

Giocondo:               …a  Bari !!!

BARONE E’ USCITO DA DESTRA. DA SINISTRA ENTRA IL DOTTOR SANTO CORTESE. E' QUESTI UN MEDICO,QUARANTENNE, BENESTANTE, VESTITO CON SOBRIA ELEGANZA, DISTINTO, OCCHIALI, BARBETTA. SI VEDE CHE E' CONTRITO A CAUSA DI UN RECENTE DOLORE. SI ACCOSTA AI DUE PER INFORMAZIONI:

Sante       :             Scusate, signori..... vogliate scusare l'intrusione....

Giocondo :            Dite....

Santo:                   Ho bisogno di una informazione..... Sapete, non sono pratico.... Stammane hanno interrato, qui in questo cimitero, mio padre..... Mi  volete dire dove può stare?

Vicienzo:               e 'o vulite sape' 'a nuje.....

Santo:                   No.... dicevo, dove l'hanno sepolto ?

Giocondo:             Qua seppelliscono tanta gente.....Ogni giorno arrivano un fiume di morti...... bisognerebbe fare ricerche...... lunghe..... faticose......

Santo:                   Ho capito...... Però [ mettendo mano al portafoglio e dando ad ognuno una lauta mancia] Però..... se voi volete........

Vicienzo:               Vogliamo ! E che ce vo' !? Bene..... e come se chiammava 'o papà vuosto....?

Santo:                   Dottore Salvatore Cortese...... è morto l'altro ieri sera....... di infarto.... o forse ictus..... o altro, non so......

Giocondo:             Come non lo sapete ? E vuje site dottore......

Sante:                    No, la verità è che....... insomma....... è una storia lunga...... delicata........ cose intime di famiglia......

Vicienzo:               [Volgarmente curioso]........ e 'a front 'a muorte nun ce stanno delicatezze ..... Spiegateve.,nun ve mettite scuorno.... si no comme v'aiutammo ?!!

Sante:                    ......E va bene..... Però, mi raccomando...... confido sulla vostra serietà e discrezione.

I DUE FANNO SEGNO COME PER DIRE: 'O FATT' 'E CHESTO, STA TRANQUILLO.

Sante:                    Insomma...... Io sono,come dire...... sono figlio di primo letto...... Papà mio, buonanima, quando io ero ragazzo abbandonò me e mamma, con altri tre figli più piccoli per fuggire con un altra donna....

Vicienzo:               All'anema d' 'o Chia...... dell'anima Santa !

Giocondo:             Requia e pace........ e allora ?

Sante:                    Allora lui,papà.... avuto il divorzio sposò lei,la donnaccia,insomma,la nuova compagna... in seconde nozze e da questa donna ha ricevuto due figli che ormai sono grandi....... In tutti questi anni io e la mia famiglia non abbiamo avuto alcun rapporto con papà..... lui ci ha ignorati sempre a favore della nuova famiglia..... non vi dico quello che abbiamo patito......

Giocondo:             Poveri figli.........

Sante:                    L'altro ieri, però,  abbiamo saputo che papà era finito...... Che facevo.....l’ignoravo pure io a lui ?...... Facevo finta di niente....?? Avrei potuto..... certo..... forse se lo sarebbe anche meritato...... ma non ne ho avuto il cuore.... Ed allora, contro il parere dei miei fratelli, sono venuto, di nascosto, da solo comme 'a ‘nu mariuolo...... pe' da l'ultimo saluto ad un uomo che pure si nun l'ha saputo fa', era pur sempre mio padre.....

Giocondo:             Povero figlio.....! Comunque, dotto'...... i nuovi interri li fanno tutti su questo viale.......  là in fondo a cento passi..... sul giardinetto Sant'Anna..... non vi potete sbagliare..... Lo riconoscete pecchè 'a terra è mossa  di fresco...... e di solito..... ce sta sempre qualcheduno ca chiagne..... ca chiagne overamente...... lla abbascio..... [Indica col braccio]...... Jate sicuro......Papà là sta.

Sante:                    Grazie...... Grazie...... Permettete…… ESCE A DESTRA

Vicienzo:               Guarda quanta sarcicce 'e fatte ca ce stanno….Cose 'e pazze...

Giocondo:             [Accendendosi con calma una pipetta] E che buò fa' ? Comme se dice, ogni cosa, 'nu guaio..... certo nuje cca dinte ne vedimme tante e tante..... Si putesse parla' sta scopa..... quanta munnezza ha scupato e quant'ancora n'adda scupa'.......

DA SINISTRA ENTRA E SI AVANZA TITUBANTE UNA GIOVANE DI COLORE. IL CAPPOTTINO SDRUCITO NON RIESCE A NASCONDERE UNA GRAVIDANZA ALL'ULTIMO STADIO. LA GIOVANE E’ PREDA DI UN VISIBILE MALESSERE CHE CERCA DI REPRIMERE: BARCOLLA, ANSIMA, SI APPOGGIA AD UN MONUMENTINO, MENTRE SI GUARDA SMARRITA. D’ATTORNO.GIOCONDO E VICIENZO LA OSSERVANO STUPITI E PERPLESSI, INTERDETTI SE INTERVENIRE O MENO.

ALLA FINE VINCENZO,INCURIOSITO,DOMANDA :

Vicienzo:               Piccere', ch'è stato...? Nun te siente bona....?

Alina:                    No..... io bene....niente male.... no dolore, no dolore..... io sta bene......io giuro......

Giocondo:             Ma a chi vaje truvanno ?.... Vuò aiuto......?

Alina:                    No.... grazie..... io cerca mia amica....la. mia sorella...... io so.... io so..... dove lei è..... lei sta qua….

Vicienzo   :      e già…chille mo s’abbiano a atterrà cca pure gli……comme se dice ..extra comunali…

Giocondo :      extra comunitari…! (alla donna)…Piccerè…vai truvanna a tua sorella sotterrata qua....?..morta qua dentro…?

Alina         :      no..lei abita qua….…lei scritto me…..adesso io bisogno di vedere lei ….( ansima) ..lei…

Vecienzo    :       abita qua..dint’ ‘o Campusanto…?..Ma che si scema…?

Alina          :         forse io sbaglia..ma lei detto..dove c’è tanti morti…vicino grande Angelo che piange…comunque io trova lei…grazie, grazie..... io va.....

                               ALINA ESCE MALFERMA SULLE GAMBE

Vecienzo :              Tiene mente a chest 'ata..... Cumbinata 'e chella manera e va cammenanno po' 'o Campusanto........ Chi sa quale chiaro 'e luna sta passanno pur'essa....

Giocondo  :        Mah....cca dinto ce sta 'o concentrato d' 'a spremmuta 'e tutte 'e guaje d' 'o munno.....Il grande Angelo che piange….eppure….è strano…Veciè..dopo  dobbiamo arrivare  al giardinetto Santa Rita…dove stanno gli Artisti….aggia cuntrullà ‘na cosa…

DALLE QUINTE SI ODE L’ALTERCARE DI DUE VOCI CHE LITIGANO.SONO TIMBRI FORTI E VOLGARI DI INDIVIDUI ASSUEFATTI AD UN COMPORTAMENTO VIOLENTO QUELLI DEI DUE TITOLARI DI AGENZIE DI POMPE FUNEBRI,PEPE E TARALLO IN CONTRASTO PER UN AFFARE.ANCORA DIETRO LE QUINTE,LA VOCE DI TARALLO-” Tu sì n’ommo ‘e niente !!--- PEPE :“Ritira...ritira ca te faccio agnottere ‘a dentiera  !!”---TARALLO : “Manco si m’accide !!” I DUE ENTRANO IN SCENA.SONO DEI CORPULENTI ESSERI,VESTITI DI SCURO,CRAVATTA NERA,MODI SPICCI.

Giocondo :  (sottovoce)..A proposito ‘e guaie.......ebbì ccanno duie ‘e loro.....

Vicienzo :           ..eh...ma cu chisti guaie nuie ‘nce campammo.....(AI DUE

                   CHE  SONO  ENTRATI CON ESAGERATO RISPETTO )…. ‘e

                              ‘cellenze  voste ..!!!

giocondo  :    Donn’ Antonio.....don Pasqualino bello.....i miei umili

                              rispetti....comandateci !!!…niente…non ci hanno

                              veduti….Signori…!

                             (I due non li degnano di uno sguardo )...ma

                             che simme duie scarrafune...........Veciè,è mal’acqua...va

                            scupà achella parte e nun dà fastidio..I DUE SI DEFILANO

Tarallo :              (Minaccioso) Pe’ chello ch’è fatto,pateme già t’avesse

                             sparato !!!

Pepe :                   E che aggio fatto ’e accussì grave ?! ....Spiecati....!!!!!

Tarallo :               M’aggia spiecà meglio ..?..e mo mi spiego musso a musso 

                             :Antò, tu  t’è   arrubbato ‘o muorto mio !!!!

Pepe :                  Ah...ah...ah (diniegando).....e sì ‘nfame, mò !…‘Nfame e buciardo !!..Io nunn’aggio arrubbato niente......’o muorto era ‘o mio.... attuccava a me !!

  Tarallo :         ..... Mannaggia ‘o sanghe ‘e..( si tappa la bocca )..Tu negasse ‘o Vangelo annanze ‘a Maronna ! Ma io t’ò faccio pavà e po' vide...s’adda perdere ‘o nomme ‘e Pasquale Tarallo,Onoranze Funebri si nun te faccio chiagnere...embè, t’ò giuro.........

   Pepe   :             Pascà,nun giurà....nun giurà, si no doppo t’aggia pognere pe’ forza.......è ‘a leggia  nosta !!!! 

   Tarallo    :             ........ e si sapive ‘a leggia ‘o muorto mio  ‘o lassave stà !!!

     Pepe   :    .........Ah,no,allora mo’ è^a raggiunà....Tarà,guardame a me e arraggiona...Rispunne : addò è muorto ‘o muorto

Tarallo   :     .....e nunn’’o saije ? ..Vico Nocelle 23,scala B .

                      .....Quartiere Avvocata, ossia zona mia...pe’ diritto ‘e pe’

                         spartenza............

 Pepe    :             Troppo giusto...troppo giusto se..........

 Tarallo :          ......se .....??!

 Pepe     :         ..se ‘ muorto fosse ‘e llà. Ma ‘o pacco era ‘d’’o Pendino....via Miroballo,35 ossia...zona mia e trasferito d’’o Spitale ‘o vico ‘e Nucelle in articulo morto,.....addò po’ è fernuto !!!

 Tarallo :             Ovvì !!??

  Pepe      :              No.....perchè, quello..il figlio, mio vecchio amico e cliente, quanno’o pate steve grave venette addù me e prenotaie ‘o Servizio...senza sapè però ca ‘o viecchio jeva  a murì ‘a casa ‘e ‘na sora....Ecco qua sta pure ‘a fattura: “Premiata Ditta Pepe Antonio e figli,Trasporti Funebri...”. Liegge.!....Aqquietanza di acconto...£.200.000...pacata a preventiva di lire 4.500.000,tutto compreso.........

   Tarallo :             Comme ?? 4.500.000  tutte cose.?? Ma allora sì scemo..!!’Nu muorto tutto compreso 4.500.000 ?!...e che avimme mise ‘e salde ? ’A tariffa è  de 6.000.000 ‘o minimo...tu accussì ce tire ‘e piere a tutt’’a categoria......!!!!

   Pepe  :          Va buò...ma te l’ho già ditto primma ...’O muorto era ‘o pate ‘e n’amico...c’aggio fatto n’attenzione...

  Tarallo :         ...e sì nustrunz’ …! Dint’’a ‘stu mestiere nun ce stanno amicizia  e attenzione...Maie.!!!..Tu ‘nce ricive otto meliune e po’ pe’ l’amicizia t’o scennive a seie…insomma…Si vonno murì, amice o nemice, hanna jettà ‘o beleno a pavà....assaie....assaie.....e chello ca dicimmo nuije..!!!

    Pepe :                E va buò ...ncopp’’a chesto tiene  ragione..comm’o solito...’O masto ‘e l’arta nosta sì sempe tu,Pasqualino Tarallo.......

   Tarallo :             a mo’ ‘o ricunusce …!!??

    Pepe :              Mancherebbe ??!! Chello che saccio d’’o mestiere me l’è ‘mparato tu.....e ancora tengo a  me  ‘mparà.......

   Tarallo :           E’ overo  t’e ‘mparà ‘o ssenziale...........4 meliune e miezo ‘o servizio completo....!!…cos’e pazze....!!!

   Pepe :              Hai ragione...so’ stato ‘nu fesso...Va buò,Tarà….facimme accussì : ..datosi il malinteso, levammo ‘a frasca ‘a miezo....Guarda.......io ‘ncopp’a ‘stu muorto aggi’abbuscato...levanno‘e spese.........ecco ......: so’ quase tre meliune..!...Tè,......uno e miezo pe d’uno....!!!.

   Tarallo :             Che c’entra...(intascando il danaro ) nunn’è pe’ sorde…...era il principio...Vuol dire ca ‘sti sorde cca  ce ghiamm’a magnà cu gli amicie  “ ‘A Casina Rossa.....”

    Pepe :                 Si sempe ‘nu Signore....  io lo dico sempre...Siente,Tarà....ma pecchè nun facimme na’ sucietà... Io e te,aunite....’e spezzamme ‘ e denocchie a tutte quante........

      Tarallo :           Si,....facimmo la Premiata Ditta di Onoranze “Tarallo e Pepe” ...po' mettimm’a bancarella ‘e semmente ‘a Villa Comunale !!  No, Antò...va buono accussì..ognuno ‘a casa soia e Ddio cu tutte.....

     Pepe :       Vuò accussì...Io però si tengo quacche bona cumbinazione,…t’a passo...

     Tarallo :          e pur’io......mancherebba…... tra amice........!!!!

                SI STRINGONO VIGOROSAMENTE LE MANI,SI BACIANO LE GUANCE E POI ESCONO SOTTO BRACCIO RIAPPACIFICATI.GIOCONDO E VECIENZO RISOLLEVATI TORNANO VICINI IN PROSCENIO .

Vecienzo :         (GRIDANDO RISPETTOSO DIETRO AI DUE TIPACCI APPENA USCITI).........‘E Ccellenze ..!!!!! Comandateci..!

Giocondo :        Churcillo e Stallino hanno  firmato l’armistizio !..Assa fa a Dio......Veciè…Chella è mala gente overo….cca pe’ poco putevano vulà ‘e curtellate….

                               Dunque….come ti stavo dicendo ..nuije campammo mmiezo ‘a munnezza,....miezo’e sperpetue,....miezo a dispiacere gruosse e piccerille....(TENTA DI RIACCENDERE LA PIPETTA).....uno è pure chesta pernacchia ‘e pippa ca nun tira..... ovvi'....... Che vuo' fa'..... Vicie', nuje si vulummo sopravvivere cca dinto tra muorte e carogne… avimma,guarda' tutte cose ma nun avimma vede' quase niente..... 'O dulore 'e ll'ate c'adda sciulia' 'n'cuollo, comme l'acqua pe' coppa a 'stu marmo..... E si no ascimmo pazze...... Nooo..... p'ammore 'e DDio.... nuje nu' avimmo vede' niente,’e capito,Veciè..?... niente.....!! E mo’ arrecetta.... Vecie',.....ijammuncenno....!!

                                                                                                         ESCONO

CALA LA TELA

" De Profundis "

II° Atto

LA SCENA E' LA MEDESIMA DEL I° ATTO. E' LA MATTINA SUCCESSIVA AGLI EVENTI DELL'ATTO PRECEDENTE. NULLA E' MUTATO, MENO FORSE I FIORI CHE SONO APPASSITI UN PO' DI PIU', E LE MACCHIE DI UMIDITA' CHE SI SONO ESTESE, MA DI POCO, IL MARMO DELLE LAPIDI CHE SI E' SGRETOLATO, MA IMPERCETTIBILMENTE. INSOMMA TUTTO SEMBRA IMMOTO, EGUALE, ...... SEMBRA.....  IN SCENA, AL SIPARIO, LA VECCHIA DONNA BERTINA CHE AL SOLITO SFACCENDA PRESSO LA TOMBA DEL MARITO MORTO.

Bertina:                 [Rivolto al defunto]....... E così a donna Concetta ce l'ho detto chiaro chiaro…a musso ‘nzerrato.....“Signò, ‘e panne ‘e culore ‘e ghiate a spannere ‘a parte d’o cesso vuosto…io ca aggia spannere ‘e lenzola d’’o curredo mio ..!” E si capisce....... Fortunà…io me lo tenevo in corpo da mesi.Chella scorteca già m’aveva ‘nguaiato ‘na vota  tre federe e  doppo ‘na cammisa ‘e notte….!Chella Vaiassa… Ma perchè Fortuna’...... tu non ce l'avresti detto?! E si capisce...... tu sei sempre stato un altro carattere...... Troppo buono....... quasi fesso..... senza sangue nelle vene..... Te lo dico senza offesa,con affetto...... ma quante volte hai inghiottito amaro, per quieto vivere...... e pur'io appresso a te....... bocconi amari....... Mo, però, basta...... Tu staje lloco Furtunà....... e cu’ chella scustumata mo vech'io...... E si capisce.... parlo pure a nomme tuojo......

DALLA DESTRA ENTRA IN SCENA UN GIOVANE. E' VESTITO DA CHAFFEUR, CON BERRETTO,STIVALI E GUANTI. RECA TRA LE MANI UN CESTO PIENO DI FIORI DI PREGIO. SI DIRIGE DECISO VERSO UN ALTO E RICCO MONUMENTO FUNERARIO ED INIZIA AD ADDOBBARLO CON I SUOI FIORI. DONNA BERTINA LO HA OSSERVATO CON CURIOSITA' INDECISA SE PARLARE O MENO; POI LA CURIOSITA' PREVALE.......

Bertina:                 Qualche parente.....? Papà vostro ?....

Perrella:                No.....

Bertina:                 Allora un amico...... forse un vicino......

Perrella:                No.....

Bertina:                 Gue’..... insomma..... qualcuno vi deve essere per portarci tutti quei fiori....

Perrella:                Ma a voi che ve ne importa..... Sono fatti miei.....

Bertina:                 E si capisce...... Ci mancherebbe.... No..... io parlavo così, per gentilezza .......magari per una parola di conforto....

Perrella:                Non mi serve, grazie....

Bertina:                 [Rosa dalla curiosità]....... vi serve  un poco la scopella....... io la tengo sempre pronta .Tutti me la chiedono......

Perrella:                E io no...... non v'ho chiesto nulla...... non mi serve niente..... chiaro?

Bertina:                 Non dite mai cosi, figlio mio...... tutti quanti avimmo nella vita bisogno degli altri...... pure vuje cu ‘sta bella divisa d'ufficiale......

Perrelle:                 Ma quale ufficiale.... io sarò solo uno chaffeur..... un autista privato.....di una famiglia importante........

Bertina:                 [Dopo averlo guardato attentamente e dopo aver considerato ben bene la lapide  a cui il giovane si adopra]....” Al Signor Commendatore Cavalier Ugo Rosario Cantalamessa..Cara forte  luce.... e vivissimo faro della nostra casa.... Dolce Angelo del focolare..Maestro di Vita e di Commercio... Padre amoroso e premurosissimo..... Sposo fedele  ed impagabile. La moglie Carmencita e  le figlie Bruna e Marcella posero disperate  ed inconsolabili....."  Che belle parole....Chi sa che grande uomo che doveva essere  la Buonanima...!!![VEDENDO CHE IL GIOVANE SI ADOPERA SENZA PERIZIA A PULIRE CON UNA SPUGNETTA LE LASTRE DEL MAESTOSO SARCOFAGO]........e lo vedete che non siete pratico.... date a me...... date qua....qua.... mo ve lo faccio io bello pulito pulito.......

Perrella:                [VINTO DALL'INVADENTE CORTESIA DI BERTINA] ..... e va bene....Grazie.. ma fate un bel servizio..... che dopo vi regalo.........

Bertina:                 E quando mai...è un piacere.. Certo, per venire qua ogni settimana...... io, sapete vi vedo sempre... e poi con tutti questi fiori.... dovevate volere bene davvero al vostro padrone..... una venerazione....

Perrella:                A chi ? Io a quel porco l'ho sempre schifato!Si l’avesse pututo accidere....ma purtroppo è muorto ‘e subbeto.....

Bertina:                 Ma allora.... com'è tanta premura....? I fiori ? La pulizia....?

Perrella:                Per conservare il posto.... Quella, la moglie del morto, la mia padrona l'ha messa tra le mie mansioni questa sceneggiata.... due volte alla settimana..... sole o pioggia che siamo.... Perrella Luigi alias il sottoscritto,di mestiere schiavo ed autista,viene qua e addobba il sarcofago del carognone..........

Bertina:                 Per contratto ?!

Perrella:                Si, e per giunta di ruotolo.... devo dire pure due Ave Maria, tre Gloria e sette Eterno Riposo..... A chi po'..... A ‘nu fetente e quatte solde che non si merita nemmeno una croce con la mano sinistra.....

Bertina:                 Ma pecchè .??......era accussì cattivo ?

Perrella:                Una bestia !! A me poi ..mi odiava. Non si privava mai di avvilirmi  e neanche di mortificarmi davanti a tutti. (MALINCONICAMENTE)..Non mi ha fatto nemmeno sposare....Mi disse così... disse “Perrè,….o il posto o il matrimonio..Tu devi servire a me..... Chaffeur, notte giorno..... io ti pago e tu ubbidisci “. Io tenevo davvero bisogno e per il posto,ho perso a Rachele mia....nun ce simme spusate cchiù......

Bertina:                 Poveru giovane...Mo ho capito..... Ma la moglie...... i figli....? Non ci possono pensare loro ?

Perrella:                Quando mai.....? Quella,...Carmencita... la moglie, una baldracca arrepecchiata, sta a Saint-Tropez col suo ganzo, 'nu guaglione biondo ‘e ventidue anni.....!

Bertina:  [FACENDOSI LA CROCE]. Madonna di Portosalvo, che schifo !!

Perrella:                Le figlie, con la scusa delle fabbriche,stanno sempre per fuori...... Così ci devo pensare io..... per contratto..... Ah.... ma io mi vendico, Donna Cosa..... io come ogni servo che si rispetti...... al Padrone ce la faccio pagare..... e si..... Guardate. [Trae dalla borsa uno scalpello ed un martello]..... Ecco qua [Con un paio di colpi rompe un pezzetto del monumento]...... Ogni volta che vengo ci rompo 'nu poco della sua superba dimora..... una preta 'a vota, l'aggia distruggere......

Bertina:                 Ma è sacrilegio !

Perrella:                No....  è vendetta !! 'O sacrilegio so' è cattiverie che sti fetiente ‘e padrune hanno fatto 'ncuollo a me ! Comunque, signora..... come vi chiamate ?

Bertina:                 Bertina Esposito fu Vincenzo.... a servirvi....

Perrella:                Signora Bertina..... ho capito che siete una persona per bene e seria..... Insomma....... se ci state....... vi propongo un affare......

Bertina:                 A me ?

Perrella:                Proprio.... Sentite..... Due volte alla settimana io vi do ‘e fiori più diecimila lire....e. Voi farete l'ossequio al posto mio.... ci state ?

Bertina:                 Se è per farvi un piacere..... non per soldi.... anche se devo dire, con ventimila alla settimana aggiusto qualche fatto mio......

Perrella:                Bene allora.... affare fatto.... qua sta la prima banconota ...... ci vediamo martedi alle otto e trenta fuori al cancello..... io passo.... vi do fiori e mazzetta.... e vado da Rachele..siamo d'accordo ?!.... Allora, addio.,Donna Bertì.....

Bertina:                 Statevi bene..... ci vediamo martedi..... Santa giornata !....

SI SALUTANO.PERRELLA ESCE. POI RIENTRA PRECIPITOSAMENTE.

 

Perrella:                Signora Bertina..... mo’ mi dimenticavo...... Qua stanno altre duemila lire....e pure  martello e scalpello..... Nel servizio é compreso pure 'o fatto de' prete !.... Addio...!!!                             [ESCE]

Bertina:                 Sia fatta la volontà del Padreterno.......

BERTINA CON CURA CONTINUA A SFACCENDARE INTORNO AL DETTO MAUSOLEO. DALLA SINISTRA ENTRA UNA GIOVANE MAMMA COMPLETAMENTE VESTITA DI NERO CON FAZZOLETTO DI VELO SULLA TESTA. RECA UN BORSONE CON SE ED UNA SEDIOLINA. SI ACCOSTA AD UNA PICCOLA TOMBA BIANCA ED INIZIA A PULIRLA E RASSETTARLA. MENTRE LAVORA PARLA: BERTINA L'OSSERVA DI TANTO IN TANTO COMPASSIONEVOLE.

Adele:                    [Rivolta alla creatura sepolta] Eccomi, amore mio.... Sono arrivata il prima possibile.... Ho accompagnato tuo fratello a scuola e so' corsa. Ah..... suor Lucia m'ha chiesto di te..... ha detto che anche a loro manchi tanto.... Ci ha lasciato due fiori.... così lei li mette sul tuo banchetto vuoto..... Luisella.... si..... Luisella, la tua compagna.... m'ha tirato la veste e m'ha voluto baciare...... stava caruccia..... con i codini..... Tu però, amore di mamma, eri più bella..... e dove li vedono più degli occhioni azzurri grandi grandi come i tuoi..... se li sognano..... bella e' mamma........ ed i capelli a boccoli biondi ? E chi li tiene di loro....? Nessuno..... si, so' tutte bellille..... ma tu sei un'altra cosa, no perchè sei figlia a me..... pure suor Lucia lo dice sempre........

BERTINA STA ANDANDO VIA: PASSA VICINO ALLA SEPOLTURA DELLA PICCOLA E SI FA UN RAPIDO SEGNO DI CROCE E RECITA UNA BREVE PREGHIERA.

Bertina:                 Sia fatta la volontà di Nostro Signore..... E che vulimmo fa'..... Tutto è un mistero meno ca 'a Isso.... Coraggio...!!’A criatura  ve sta guardanno a miezo ‘o Coro ‘e l’Angiulille. Comme a essa..Gesù..Gesù…Gesù…che strazio…Beh…....Furtunà,io vado...M’ raccumanno a te... ce vedimme dimane...(guardando la povera madre)...Core ‘e mamma soia….....

BERTINA ESCE A SINISTRA MORMORANDO QUALCHE PREGHIERA.

Adele:                    Ma che vo' chella vecchia,a mammà ?Che significa vicino a me “coraggio” ..? Sarrà pazza.... Chi sa, qualche dispiacere..... e si sarrà svanita 'nu poco.... Guè, Stellì, qua stanno i confetti.... quelli che piacciono tanto...... [Trae dal borsone un pacco e lo pone sulla tomba]..... Due ce li ho dovuti dare a Luisella..... quella aveva sentito l'odore nella borsa..... e li desiderava... Ma sti mamme 'ai figlie certe cose le fanno desiderare..... io non capisco...... No.... e non piangere..... erano solo due..... qua sta quasi mezzo chilo.... Ah...... guarda mamma che altro ti ha portato...... [Trae dalla borsa dei giocattoli con i quali va addobbando la tomba]... "La Barbie che si sposa".... "Pallino, il cagnolone di peluche"..... il tuo preferito..... e qua sta la catenina d'oro che ti regalò la Commara Sellitto [Allaccia la caterina alla piccola croce].... come ti sta bene...... Certo 'a Commara t'ha fatto onore senza risparmio...... chella te vo 'nu bene ‘e pazzo..... Parla sempre di te.... Stellina di qua.... Stellina di la..... io so' quase gelosa 'e  tutto ‘stu bene.Tu si 'a figlia mia..!.

ENTRA DALLA DESTRA ALINA. VAGA COME IL GIORNO PRIMA ALLA RICERCA DI QUALCOSA O QUALCUNO: BARCOLLA SOTTO IL PESO DEL PANCIONE E DELL'EVIDENTE MALESSERE DOVUTO A PATENZE DELLA GRAVIDANZA..SI APPOGGIA AD UNA PANCHINA

Adele:                    Guè..... e voi.... state cca cumbinata ‘e sta manera ?..... eh ? Ma non vi preoccupate per due dolori di pancia..... poi so' tutte gioie....! Guardate qua..... vedete a Stellina mia quant'è bella..... Domani fa cinque anni..... oggi ci devo preparare la torta al cioccolato...... ne ve pazza..... da quando era piccola piccola..... il cioccolato se lo infilava pure dentro le orecchie..... Uno spasso !! Guardate...... guardate..... Tengo la foto ! Non è un amore.....??

Alina:                    Si....è belissima.....una bambina belissima.....veramente........

Adele:                    Ma, pero’, ne dovrà mangiare poco...... Tiene un po' di imbarazzo viscerale..... cose 'e criature..... sciocchezze..... ci do  la purghetta [TIRA FUORI UN PICCOLO VASINO DA NOTTE].... e dopo la metto sul vasino.... però bisogna starsi attenti..... una volta rovesciò il vasetto addosso alla Commara Sellitto..... le risate…le risate….. [RIDE FOLLEMENTE] Ah.... Ah.....Ahhhhhh.........

ALINA HA COMPRESO ED E' PARTECIPE DELLA FARSA DELL'ALTRA E PUR NELLA SUA SOFFERENZA NE HA UNA GRANDE PENA.......

Alina:                    Deve essere proprio una brava bambina......buona picolina....

Adele:                    Così...... bella, ma 'nu poco monella.... Ah.... ma io so' severa...... quello è il padre che gliele da tutte vinte..... Non ha polso !! E' 'nu fesso ‘mmano e sta piccerella.......’nu cchiò cchiò...!!!.

Alina:                    Come tutti i papà..... con le figlie.... femine...... Ora scusate devo...... andare..... cerco  mia amica...... la mia sorella..... BARCOLLANDO ESCE A SINISTRA

Adele:                    Bella, a mamma non ti muovere da qua.... vado a prendere l'acqua fresca per i tuoi fiori..... [A GABRIELE ED AURORA CHE ENTRANO DA DESTRA ABBRACCIATI].... Guagliù, per gentilezza, mi date un occhio alla bambina, quando arrivo alla fontanella....

I DUE GIOVANI LA GUARDANO PERPLESSI, MA ASSENTISCONO

Gabriele :  Ma a chi dobbiamo dare un occhio..... Addo' sta 'a bambina....?

Aurora:                 Sepolta..... non lo hai capito ? Quella povera donna ha perso la figlia l'anno scorso e da allora è uscita pazza.... viene qua tutti i giorni e si cura la figlia come se fosse viva... E’ impazzita dal dolore !!

Gabriele:               Ma il marito..... i parenti....?

Aurora:                 La lasciano fare..... Tanto che male fa ? L'alternativa è andarla a rinchiudere in un manicomio e non è meglio qua ?!

Gabriele:               So' cose turche !..... Lo dico sempre che stu’ Cimitero è un teatro..... e tu pure.... mi vuoi fare recitare l'opera dei pupi qua dentro...

Aurora:                 Prego.... nessuna sceneggiata.... Il fatto nostro è serio.... perciò stiamo qua....

Gabriele:               Auro'.... ma qua ci pigliano per scemi...... Noi siamo nel 2000.... E' l'Era dei computers..... delle navicelle spaziali.... delle guerre batteriologiche e noi stiamo ancora ai giuramenti nei cimiteri....

Aurora:                 Se ti conviene, così è... io ci tengo a certe cose..... [Addolcendo il tono].... Gabriele, amore mio.... io ti ho conosciuto solo ieri ma ti amo con tutto il mio essere.... con tutta la mia anima..... con tutte le mie forze.... Sei l'uomo che aspettavo e desideravo sin da piccola.... lo capisci che ti amo più della mia vita....?

Gabriele:               E pure io.... Io ti adoro...... e lo farò sempre..... ma ci sta bisogno di fare queste pagliacciate?

Aurora:                 [GLI DA UNO SCHIAFFO] Quali pagliacciate ?!? Ti ho fatto male ? Perdonami, perdonami amore mio... non volevo farti male.... però tu non mi devi prendre in giro [Gli massaggia e bacia più volte la guancia colpita].... Ti prego.... accontentami.... che ti costa.....? Io dopo, lo sai, sarò solo tua.... e ti amerò per sempre....

Gabriele:               E va bene.... però, fai tutto tu che io mi vergogno.....

Aurora:                 L'uomo di casa, si vergogna !! E va bene.... Faccio io..... [Si avvicina trascinando per mano Gabriele alla tomba del nonno].... Nonno ! Nonnino....! Ecco qua.... ti ho portato a conoscere il mio fidanzato..... vieni avanti, Gabriele...... questo è mio nonno, o meglio la tomba di mio nonno.... Il maresciallo Casimiro Maglione..... Croce di guerra e benemerito dell'Arma dei Carabinieri....

Gabriele:               [Meccanicamente] Piacere....Gabriele Formica....[Poi alla ragazza] Ma che mi fai fare....? Mi so' presentato ad una tomba.....

Aurora:                 E che c'è di male ? Mio nonno in ossa e spirito sta qua..... Il corpo sarà quel poco che c'è rimasto, ma la sua grande e buona anima aleggia su di noi e legge nei nostri cuori.... perciò.... Parla..!.. Dì quello che devi dire..... su... non fare il timido.....

Gabriele:               [Intimidito]..... Maresciallo..... scusate..... il disturbo..... Se era per me..... quella la conoscete Aurora...... è capa tosta..... mi ha chiesto.... di.... insomma, io dovrei.... Auro' ?!.....

Aurora:                 Vai avanti... il nonno ti sente.....

Gabriele:               Insomma.... ecco qua.... non avendo Aurora i genitori disponibili e sottomano per i motivi che sapete.... mi ha portato da voi per la.... per la promessa di matrimonio.....!! Insomma.... col vostro permesso.... [Tituba]..

Aurora:                 Forza!

Gabriele:               Col vostro permesso.... Maresciallo..hem..hem…vi chiedo la mano di Aurora..... Va bene..!?

Aurora:                 Si amore mio....[Osserva la lapide] Guarda…la fotografia sta sorridendo:....ha detto si !! E adesso vai avanti...., dicci tutto…su come d'accordo....

Gabriele:               Ma ci pigliano per pazzi !

Aurora:                 Gabrie' !! Forza.... il giuramento !!

Gabriele:               E va bene.... E giuro..... Marescià…giuro sulla vostra tomba.... che l'amerò per sempre.....

Aurora:                 E che..... su.... e che....

Gabriele:               Le sarò sempre fedele !! Uffa..... l'ho detto.Va bene così ?

Aurora:                 Si Amore..... ed ormai così sarà per sempre..... Pensa, Tesoro mio, nell'epoca delle libertà sessuale, delle coppie aperte,, dello scambio di mogli, mariti e corna, io e te.... due ragazzi del 2000... ci scambiamo una promessa di matrimonio e di fedeltà nel cimitero...E' sublime ! E' fantastico ! Ti amo da impazzire !!

Gabriele:               Pure io.... però adesso andiamocene a festeggiare. Saluta il nonno.... Tengo una voglia di gelato.... Io mi prendo una coppetta a quattro gusti.... fragola, limone, ananas e fichi !

Aurora:                 Io a cinque...voglio anche la panna!! Ciao, nonnino.... a presto....!

I DUE GIOVANI ESCONO TENERAMENTE ABBRACCIATI. RIENTRA DA DESTRA ADELE CON UN BOTTIGLIONE D'ACQUA CHE CON GESTI LENTI E MISURATI DISTRIBUISCE NEI VASI DEI FIORI.

Adele:                    E' così che ti stavano guardando quei due, a mammà ?! Questa gioventù d'oggi è poco seria..... solo le schifezze e la droga capiscono..... come ci baderanno ad un figlio ? Mah..... Comunque non aver paura.... io sto qua e non ti lascio più.....DALLA DESTRA ENTRANO GIOCONDO E SANTE

Giocondo:             Allora, Dotto'.... Avete trovato a papà vostro..?  Stava la dove vi dicevo io..?

Sante:                    Si.... grazie..... Era proprio la, nel giardinetto Sant'Anna..... con la terra intorno sistemata di fresco.....

Giocondo:             A quello avevo provveduto io con tanta cura.... con amore...come ad un parente mio............

Sante:                    Grazie [Gli allunga una diecimila] Anzi se in futuro vorreste qualche volta provvedere....

Giocondo:             Ma si capisce....... sicuro. Dotto' fate conto che papà vostro con me sta 'a  pensione..... Acqua e pulizia ogni giorno..... i fiori poi....

Sante:                    No..... i fiori li voglio portare io...... Devo portare le Zagare..... i fiori di Sicilia che mio padre amava tanto.... ci devo pensare io...... Voi piuttosto...... procuratemi dei vasi vuoti....... Ieri, sapete  c'erano tanti fiori..... ma tanti..... tutti i vasi pieni...... che strano....

Giocondo:             Che cosa ?

Sante:                    No, niente...... mi ha meravigliato...... vedere tanti fiori.... una lapide pulitissima....... una bella frase scolpita...... "Al nostro amatissimo Salvatore, anima della casa e medico pietosissimo, la moglie e i figli inconsolabili"...... si vedeva, si toccava il dolore di questa gente..... insomma, mi ha stupito che un padre così lontano, freddo, inutile per noi sia stato tanto caro ad altri......

Giocondo:             Così è la vita..... Anzi vi dirò di più...... su quella tomba.... ieri..... ci stavano due giovanotti..... bruni, alti.........

Sante:                    I miei fratellastri ?

Giocondo:             [Annuendo]..... che piangevano disperatamente..... distrutti dal dolore..... io non ve lo dissi per non farvi dispiacere....

Sante:                    Non lo so.... non lo so..... Forse un po' sarei stato geloso però..... a pensarci bene...... poveri ragazzi pure loro...... che hanno perso il padre....... un vero padre...... [Trasalendo ed impallidendo] Ah..... e quei due che vengono da questa parte so' proprio loro..... mi devo nascondere..... non voglio vederli......

Giocondo:             E perchè ?! Oramai..... e poi siete uniti dal dolore......

Sante:                    Forse hai ragione..... tu però, resta qua.... fammi compagnia...... non so quali saranno le mie reazioni.....

Giocondo:             E'  va bene....

ENTRANO DA SINISTRA LEONE E DANIELE, ALTRI DUE FIGLI DEL DOTTOR SALVATORE CORTESE. SONO COSTORO DUE GIOVANI ALTI E BRUNI, VAGAMENTE SIMILI NELL'ASPETTO AL FRATELLASTRO. SONO VISIBILMENTE ADDOLORATI E CAMMINANO A CAPO CHINO. SOLO QUASI A CENTRO PALCOSCENICO SI ACCORGONO DEL CONGIUNTO.

Leone:                   Tu.... !?

Sante:                    Io.... !!

Daniele:                 Che vuole questo qui ? Che ci fa qua dentro ? Il morto è nostro padre !

Sante:                    Se è per questo.... era anche padre a me !

Daniele:                 Geneticamente, forse..... Per il resto non ti ha mai voluto riconoscere ne vedere..... [Isterico] La sua famiglia eravamo noi, tu non sei nessuno....... va via.... va via.....!

SANTE MORTIFICATO, A TESTA BASSA...

Leone:                   Basta Daniele.... Smettila ! Tu sei... Sante, è vero ?.... Devi scusare mio fratello Daniele.... è sconvolto dal dolore.... Per lui nostro padre era tutto.... un fratello, un maestro, un amico....

Sante:                    Beato lui..... per me era solo un nome sui certificati..... di famiglia......

Daniele:                 E' che volevate essere ? Lui vi aveva rinnegato.... Non vi voleva bene non vi amava..... solo a noi.... solo a noi pensava.

Leone:                   Daniele, ho detto basta ! Sei ingiusto..... lo sai che papà si è portato in cuore per tutti questi anni il dolore di aver abbandonato i suoi quattro bambini....

Sante                    Veramente ? Veramente si rammaricava di averci lasciato ?

Leone:                   Si... spesso.... negli ultimi anni specialmente.... Era sempre angosciato.... come se un cupo dolore gli pesasse sull'anima.... Durante le feste, specialmente a Natale..... era chiuso, muto, intrattabile..... Se ne stava per ore a fissare fuori della finestra..... o a guardare le sedie vuote del salone...... una volta l'ho visto piangere su una vecchia foto ingiallita....

Daniele:                 Non è vero ! Che cosa avrebbe dovuto rimpiangere se da noi e da mamma aveva tutto l'amore necessario ? Io poi, gli avevo strappato tutte le fotografie della vecchia famiglia.... le teneva in uno scatolo di scarpe e quando le trovai le distrussi tutte !

Leone:                   Sei stato perfido ! Cattivo.....!

Sante:                    No..... si è solo difeso..... Vedi Leone.... io vi ho sempre invidiato perchè avevate usurpato il bene che nostro padre doveva a noi, ma voi.... lui soprattutto, non avreste mai potuto strappargli dal cuore il ricordo di noi..... un ricordo fastidioso forse, ma comunque doloroso...... è di questo che Daniele era geloso......

Daniele:                 Si è vero..... io non sopportavo di dover dividere l'affetto di papà con altri fratellastri.... papà era mio.... solo mio..... e di Leone....

Leone:                   Papà non era di nessuno.... ne nostro, ne di quegl'altri.... Era un povero uomo  solo.... pieno di rimorsi e di dispiaceri.... di sogni irrealizzati e di piccole amarezze.... Non si è mai perdonato di aver abbandonato una giovane moglie forse petulante, ma innocente e quattro bambini indifesi..... Per questo non è stato mai veramente tutto nostro.... era un padre a metà....

Daniele:                 Per noi a metà.... ma per gli altri, proprio niente.....

Sante:                    Se fosse come dici tu, Daniele, non dovrei provare dolore.... e invece..... è strano.... ho il cuore spezzato.... per la morte di un uomo che dovrei solo odiare per il male che  ha fatto a noi e nostra madre.... Leone...... Perchè..... perchè sto piangendo..... Perchè ?

LEONE E' COMMOSSO DA QUANTO VEDE E D'ISTINTO, SENZA RAGIONARE PIU' SI LANCIA AD ABBRACCIARE  IL FRATELLASTRO. I DUE RIMANGONO PER DIVERSI ISTANTI LEGATI L'UNO ALL'ALTRO. DANIELE E GIOCONDO OSSERVANO PERPLESSI LA SCENA. POI E' GIOCONDO CHE FORZA L'AZIONE, SPINGENDO DI PESO DANIELE TRA LE BRACCIA DEI PRIMI DUE AVVINGHIATI.

Giocondo:             E voi che aspettate.... 'O vedite che 'e lacreme d' 'e frate vuoste se’ so' ammiscate..... Jate...... jate pure vuje....

DANIELE, IL PIU' GIOVANE PIANGE ANCHE LUI DIROTTAMENTE PER LA TEMPESTA DI EMOZIONI CHE LO SCONVOLGE. POI SI SCIOGLIE PERCHE' FORSE HA COMPRESO DI AVER,COMUNQUE, RITROVATO UN FRATELLO

Leone:                   [Guardando Sante con affetto].... lo sai che lei lo stesso nasone di papà ?

Sante:                    .... E questo signorino [Indicando Daniele] è tale e quale e lui quando era ufficiale durante la seconda guerra mondiale. Tengo una montagna di fotografie.....

Daniele:            Davvero ? Ce le farei vedere..? Io ci somiglio così tanto ?

Sante:                    Due gocce d'acqua.... Sai da giovane papà era magro come te, un figurino.....! Poi vi racconto.... mamma me ne ha detto di cose.....

Leone:                   Avremo tempo.... Adesso, però, vieni, ti accompagnamo sulla tomba di " nostro " padre. E' giusto che una preghiera la diciamo insieme!

I TRE ESCONO INSIEME ORMAI RICONCILIATI E PROIETTATI FORSE VERSO UN FUTURO SENZA PIU' RANCORI E CATTIVERIE RECIPROCHE.

Giocondo:             [Si asciuga una lacrima]..... ci sta tanta di quella polvere qua dentro.... devo fare un cazziatone a quel fetente di Vicienzo 'a Talpa [Rivolto ad Adele].... Signo', perchè non vi ritirate,..... comincia a fa fresco.... tra poco chiudiamo..... Jatevenne a casa......

Adele:                    E sì.... proprio mo che fa scuro..... quella e ‘a figlia mia se mette paura. Nooo...... io sto qua..... vicino a lei.... [Trae dal borsone un lumetto a pila che accende sulla lapide e resta lì in contemplazione]

Giocondo:             E che vuo' fa' ?!..... [ALLARGA LE BRACCIA ED ESCE A SINISTRA]

DALLA DESTRA SI AVANZANO VERZA E RISO.

Riso:                      Ma insomma.... mi vuoi spiegare perchè diavolo mi hai costretto a venire qui a quest'ora. Per telefono hai detto che è questione di vitale importanza..... di vita e di morte.... Ma che cacchio è successo !? Se è uno scherzo...bada,se è uno scherzo......

Verza:                   Anto', io non scherzo affatto.... E' successa una cosa grave, gravissima, definitiva.....

Riso:                      Spiegati.... io ho lasciato l'ufficio solo.....

Verza:                   Adelaide !!!

Riso:                      Adelaide..... e allora ?.....

Verza:                   Anto', Adelaide, la mia Adelaide, la tua Adelaide, la nostra Adelaide..... adesso veramente è morta !

Riso:                      No ?!.... Vitto', ma sei scemo ? Adelaide è morta tre anni fa e mo te ne accorgi ? Ma che sei impazzito ?

Verza:                   No..... scusami...... Quello che intendo dire è che Adelaide.... la mia amante, tua moglie..... insomma la donna sulla quale abbiamo giocato le nostre vite..... è finita.... kaput.... almeno per me……

Riso:                             No, Vittò….mo ti devi chiarire....

Verza:                   Guarda pure [Trae di tasca un pacco di lettere e foto ]... Guarda.... La nostra donna, il nostro "Angelo"..... ci tradiva !!! A tutti e due.... Queste lettere le ho trovate stasera nella nostra vecchia gazonniere….dentro ad un secretere….. Sono scritte ad un certo Ludovico..... un pittore..... E' le foto sono inequivocabili.... Lui e lei nudi in pose oscene...Insomma, Anto', stiamo pieni di corna !!

Riso:                      Uh.... sta’ disgraziata....! Ed io che ho passato una vita ad adorarla, e desiderarla, a dividerla  a te.... col mio migliore amico ! E quando.... quando faceva queste schifezze....????

Verza:                   Quando ? E' semplice. Ti ricordi quando le venne la crisi mistica ?

Riso:                      Il ritiro spirituale !! Andava a fare gli esercizi alla Parrocchia…il venerdì…..dopo cena…

Verza:                   Si.... altro che esercizi spirituali.... Ato ca Parrocchia…Quella correva dal pittore per fare le schifezze.... e noi fessi a casa a odiarci l'un l'altro e Ludovico se ne vedeva bene.... Carogna !!

Riso:                      Si carogna e puttana......!!!… Ma mo' basta....! Basta.... Hai ragione anche per me è finito tutto..... per me non esiste più.....voglio strappare da me anche il suo ricordo !

Verza:                   Ed io per ciò t'ho chiamato.... Anto', ora, proprio ora ci dobbiamo liberare per sempre di questo indegno ricordo.... Io ho portato le ciocche di capelli suoi che conserviamo come reliquie..... Tu come sempre hai in tasca, lo so, le sue fotografie in bikini..... cacciale fuori e bruciamo tutto.... insieme a queste altre schifezze !!

Riso:                      Hai ragione... Basta.... Bruciamo tutto e così sia..... ognuno per la sua strada. Basta con questa inimicizia, questo rancore, questo odio che non ci meritiamo ne io, ne tu....

Verza:                   So' d'accordo... Procediamo....

ESEGUONO CON GESTI SACRIFICALI, MISTICI LA FUNZIONE CON LE QUALI DISTRUGGONO LE MEMORIE DELLA DONNA. POI SI RIALZANO,  SI RICOMPONGONO E' FANNO PER SALUTARSI.

Riso:                      Beh.... io me ne vado.... m'ha fatto piacere rivederti un’ultima volta.... Che ti posso dire.... Ormai.....Addio, Vittò....Adelaide in qualche modo ci legava…adesso….saremo tutti e due un pochettino più soli…..

Verza:                   Anto'.... senti….io stasera faccio due spaghetti con i lupini.... sto solo ..... so che tu pure.... se vuoi venire.....

Riso:                     Ci penserò....

I DUE ESCONO, L'UNO A DESTRA L'ALTRO A SINISTRA. DALLA SINISTRA ENTRA ALINA SOSPINTA IN MALO MODO DA VINCENZO ‘A TALPA CHE BORBOTTA….

Vecienzo      :        ….e cammina..nun fa scene….!!

Alina            :       …io male…ti prego…bambino viene…..

Adele           :         Ma.... che è stato..?.Neh..ma ch’ha fatto ..?

Vecienzo   :        che ha fatto..? essa niente,..ma ‘e cumpagne suoie..’a sora..’o cugnato..’e nepute..insomma tutta ‘a razza nera  ‘e chi l’è stravive s’erano attrezzate ‘na casarella  sotto a n’Ipogeo sgarrupato e abbandunato ….. e là sotto campavano comme ‘e surece…Cose ‘e pazze…!!

Alina    :              loro non fare male a nessuno …loro niente casa ...tutti

                             Mandare via…qua..solo qua potere vivere….

                             Ahhhh..Ahhhh…Aiuto….E'…il bambino….!!!……

                             COLTA DI NUOVO DALLE DOGLIE.SI LAMENTA ED

                             ANSIMA.POI CADE SCHIANTO DIETRO UN LAPIDE

                             CON UN ULTIMO URLO.

  Adele              : ……..Madonna, questa sta male sul serio..Oh.  Dio mio.... ma sta partorendo..... Aiuto..... Aiuto..... Gente correte qua c'è una donna che partorisce.... sta male.... Aiuto !!

DALLA SINISTRA ACCORRONO SANTE, LEONE, DANIELE, DA DESTRA GIOCONDO.

Sante:                    Lasciatemi passare, sono un medico !!

Leone:                   Anch'io.... e voi.... giusto.... acqua calda e delle pezze..... Danie', corri in macchina e portami la borsa....

Sante:                    Non c'è tempo.... Dammi una mano, è già pronta... Dai tu spingi.... spingi..... Respira forte..... Respira....

Daniele:                 [Dandole da mordere qualcosa] su mordi questo.... coraggio !!

Adele:                    Sta uscendo.... Ecco.... 'A capuzzella.... 'E spalle.... 'O i' ccanno,ìo vì… ! E' un maschio !!

ALINA EMETTE UN GRANDE URLO DI DOLORE CONCLUSIVO DEL PARTO.

Leone:                   Si, un maschio.... e direi pure in buona salute !

Sante:                    Già... proprio così... Giocondo, correte a chiamare l'ambulanza..... presto.... Questa donna ha bisogno di ricovero e trasfusioni.... Fate presto.... A voi [Adele]... datemi quello scialle [Avvolge il bimbo]. Leone, Tampona.... dobbiamo resistere fino all'arrivo dell'ambulanza...Adesso,presto recidi il cordone ombelicale......

Vicienzo:                Ce penz’io co’ curtelluccio d’’e ciure....

Daniele:                  Pazzo incosciente...!! Così si becca una setticemia !!.... Faccio io ! ( con i denti recide il cordone )........ Ecco quà....

Sante :         Però,in gamba il fratellino !!(Guardandolo compiaciuto ).Adesso correte ...cercate un’ambulanza..!!!!!

GIOCONDO E DANIELE CORRONO FUORI  PER AIUTO.

Adele:                    Però.... quant'è bellillo.... Me pare 'nu bambolotto..... Gue'.... si 'a mamma nu' ce l'avesse fa.... mo pigl'io.... mo pigl'io....rassumiglia ‘nu poco a Stellina mia...

Leone:                   Ce la farà.... vero Sante ?!, Ce la faremo.... A voi, portate delle coperte.... teniamola calda.... certo ch'è strano. In mezzo a tutti questi morti, nasce una vita.Che vorra' dire?

Sante:                    Il ciclo dell'esistenza.... nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si muta, si trasforma..... Una lapide è diventata la nostra sala parto..... lo scialle nero, fa da fasciatoio..... ‘e becchini fanno 'e levatrici ! Insomma, in mezzo alle nostre miserabili piccolezze, in mezzo ai piccoli odi, alle battaglie quotidiane, ai dissapori che ci amareggiano l’esistenza, la vita riafferma se stessa...!! Leo’ ‘a morte non esiste...... l'abbiamo inventata noi...... la morte non esiste !! Non esiste !!

SANTE,LEONE,ADELE COL NEONATO TRA LE BRACCIA E VICIENZO SI ADOPERANO FRENETICAMENTE ATTORNO ALLA GIOVANE PUERPERA CON FORZA E DISPERATA SOLIDARIETA’ AFFINCHE’ LA MORTE,NEL SUO SANTUARIO,VENGA ALMENO QUESTA VOLTA SCONFITTA…

CALA LA TELA***********

                                                       

                                           QUADRO FINALE

LA SCENA DEL FINALE E' DEL TUTTO ONORICA: LA NOTTE E' CALATA SUL CIMITERO, IL LUOGO SI E' SVUOTATO DI OGNI PRESENZA VIVENTE, IL BUIO SI E' IMPOSSESSATO DI OGNI ANGOLO. SOLO I LUMINI PUNTEGGIANO DI LUCE TREMOLANTE LA SCENA. C'E' UNA DOLCE MUSICA IN SOTTOFONDO CHE SEMBRA VENIRE DA LONTANO, DA MOLTO LONTANO, DA TROPPO LONTANO.... POI IN UN RAGGIO DI LUCE BIANCA ILLUMINA D'IMPROVVISO LA LAPIDE DELLA PICCOLA STELLA CHE SI MUOVE.... E LA CREATURA VIENE FUORI..... RACCOGLIE DALLA SUA LASTRA LA SUA BAMBOLA PREFERITA E INIZIA A GIOCARCI.

Stella:                    [Osserva compiaciuta tutti i giocattoli disposti sulla tomba,li carezza,li ordina come in un gioco.Poi attraversa lentamente la scena cantilenando una muta filastrocca come per addormentare la sua bambola]

Adelaide:               [Viene fuori pure lei dal sarcofago. Ha tra le mani uno specchio ed un pettine; si contempla vanitosa, poi si aggiusta qualche ricciolo, infine si tira su le vesti per rassettare le calze che fasciano un paio di lunghe gambe bellissime e tornite]

Fabrizia:               [La nobile e' vestita con un antico abito principesco. Dapprima tira fuori dal ricovero una poltroncina, vi si siede, si sistema lo scialle, tira fuori un telaietto da ricamo ed inforcato un occhialino, principia a ricamare]

Cantalamessa:      [Il ricco commerciante viene fuori, si aggiusta la lobbia ed il bavero del cappotto, poi trae dalla tasca un quadernetto, un lapis ed un fascio di banconote ed inizia a far il conto di ipotetici guadagni. Cio' senza degnare di uno sguardo le due donne che pur lo avevano salutato]

Fortunato:            [Il marito di Bertina esce dalla tomba, si sgranchisce, fa un inchino alla Gentildonna, una carezza alla piccola Stella, e poi trae dall'interro un piccolo tavolino e due minuscole sedie. Infine, si accosta alla sepoltura del nonno e bussa dolcemente]

Nonno:                  [Il nonno sposta la lapide..... Esce con grande cautela con il suo bastoncino, si aggiusta cappello, sciarpa e mezzi i guanti, indossa i suoi occhiali, saluta affettuosamente tutti. Poi, si siede al piccolo tavolo di Fortunato e tirato fuori un mazzo di carte napoletane, inizia con questi a giocare]

Dottore Cortese:   [Il dottore entra da sinistra: si muove a fatica, con movimenti robotici, come di chi impara a camminare. Indossa il suo abito di sepoltura ma reca in mano la borsa dei ferri, ed indossa lo stetoscopio alle orecchie. E' spaesato come un ospite invitato ad una festa ove non conosce nessuno. Si ferma timido ed indeciso ad inizio scena]

Stella:                    [Si accosta al dottore, lo prende per mano e piano piano lo accompagna a conoscere tutti gli ospiti. Prima dalla bella Adelaide: baciamano galante, sorrisi, poi dalla nobile Fabrizia: inchino, contemplazione complimentosa del lavoro di ricamo, da Cantalamessa che si tocca il cappello, infine dai due vecchietti che giocano: osservazione interessata, poi invito ad unirsi a loro nel gioco: il dottore, ringrazia ma resta in piedi ad osservare]

DALLA DESTRA ENTRA GIOCONDO. INDOSSA IL SUO VECCHIO CAPPOTTO, BERRETTO E PASSEGGIA TRANQUILLO. I DEFUNTI AL SUO INGRESSO SI SONO IMMOBILIZZATI COME STATUE NELLE POSIZIONI CHE AVEVANO. GIOCONDO ARRIVA A CENTRO SCENA. RESPIRA A PIENI POLMONI.

Giocondo:             Madonna e che aria fina, profumata.... Altro che aperta campagna.... questo è un giardino.... giardino fiorito in mezzo alla città... Dice: " Ma come fate a stare notte e giorno in un cimitero ?  E io rispondo: "Ma come fate a stare notte e giorno al Vomero, giù all'Arenaccia, dietro al Rettifilo.... in mezzo alle macchine, ai rumori; al fumo nero..... Almeno qua si respira..... [Trae di tasca la sua vecchia pipetta, con cura la carica di tabacco, lo pigia e lo accende con religiosa perizia,] Ah..... che meraviglia ..che pace…!!..Ed eccoci qua …..: una       mezza presa di trinciato fino toscano, fumata tranquillamente senza rotture  di scatole..... In piena solitudine..... anzi no..... qualcuno c’è ..qua c’è qualcuno…[I defunti si guardano perplessi, come fossero scoperti] Qualcuno c'è.... sissignore :.ci sono tante cicale..... i grilli….senti senti che concertino....... zzri-zri-zri..... poi ci solo le lucciole..... qualche scarrafone, duie o treciento suricille..... insomma..... c’è la natura...... [I Defunti fanno un sospiro di sollievo]..... Ecco qua:.... Silenzio, pace e natura: Il vero Paradiso Terrestre..... E poi qua dentro non c’è niente da temere…: gli ospiti [I defunti si guardano di nuovo perplessi].... E muorte so' tutte brava gente ! Tutti onesti, padri esemplari, mogli meravigliose......manco 'nu fetente, neanche un assassino..... un egoista piccolo così...... Tutti bravi.... Almeno così dicono le dediche, sulle lapidi..... Non si è mai letto sulla lastra: " Qua giace 'nu comunista fetente e carognone assassino ‘e criature..! " Che so: " Qua riposa quella Zoccolona di mia moglie che mi fece buttare il veleno ogni giorno della nostra vita insieme! " Mai..... Insomma: tutti bravi, santi e perfettissimi: ‘e chiaveche stanno tutti ancora fore 'e cca ! Che pace ! Che silenzio ! E penza’ che stammatina...proprio a ‘stu posto cca è succiesa chell’opera ’e pupe!Una famiglia di senegalesi abusivi ca campava cca dinto …e po’ una nascita dentro al Camposanto !!! Mo’sì..mo sì ch’aggio visto tutto dint’’a ‘sta fetenzia ‘e vita....’na criatura ca nasce e ‘a mamma ca ....chi sa ?...chi sa si chella puverella s’è salvata....???

                  

DALLA COMUNE ALL’IMPROVVISO ENTRA SILENZIOSA COME UN’OMBRA, ALINA, AVVOLTA IN UN BIANCO SUDARIO.LIEVE LIEVE AVANZA DI QUALCHE PASSO.ADELAIDE E FABRIZIA LE VANNO INCONTRO E DOLCEMENTE LA CONVINCONO A SEDERE SULLA POLTRONCINA.

Giocondo:          (dopo aver aspirato qualche buona boccata)... sissignore…..a chella povera figliarella ‘a tengo ancora annanze        a ll’uocchie….!!!  (Tutti i Defunti si voltano preoccupati come se Giocondo avesse potuto vedere Alina) Sarrà viva..?? Mah, fort’è.! Ha perso troppo sangue....Comunque,…’o piccerillo..(Alina balza in piedi e si accosta trepidante per sentire)..no,’o piccerillo sta troppo buono !! (sospiro di sollievo di Alina e degli altri Trapassati)…..E quanto è bellillo.. ..pare ’nu bambulotto ‘e ciucculata !! ( Sentiti complimenti di tutti i Defunti alla neo mammina)...Cert’è ca ’sta vita nosta è proprio ‘na giostra ..’na giostra ca gira…..gira..e mentre ca gira ...uno saglie ...n’ata scenne...senza requie....Pe’ l’eternità Mah….…E chest’è …!!!!…E c’amma fa..?…E che vuò fa.......?!!!.....Beh...(dopo aver aspirato un’ultima saporosa boccata di fumo ed osservata la vecchia cipolla)…Caspita, s’è fatto proprio tardi…è ora ca  m’arritiro a casarella mia....A tutti (I Defunti si guardano perplessi )...santa notte…!

GIOCONDO ESCE FUMACCHIANDO SODDISFATTO, MENTRE I DEFUNTI RILASSATI LO SALUTANO CON LA MANO. AL FERMO IMMAGINE, NELLE LUCI ONIRICHE AZZURRE DEL LIMBO E ROSSE DEI LUMI VOTIVI, MENTRE I MORTI SI AGGLOMERANO SOLIDALI COME IN UN GRUPPO LACOONTICO,....LENTAMENTE, MA PROPRIO......... LENTAMENTE.......

                                               CALA LA TELA

Napoli                                                                             9 novembre 2001

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno