Desdemona, il musical

Stampa questo copione

DESDEMONA “Il Musical”

COMMEDIA MUSICALE IN DUE ATTI

Di Franco Maione e Paola De Santis

(Libero adattamento dall' Otello di W. Shackespeare)

MIK ATTORI:

MIK 1 - OTELLO

MIK 2 - DESDEMONA

MIK 3 - IAGO

MIK 4 - RODERIGO

MIK 5 - CASSIO

MIK 6 - EMILIA

MIK 7 - BIANCA

MIK 8 - MONTANO

ATTO I

(OUVERTURE)

Sulle prime note si apre in contemporanea il sipario, le luci saranno molto basse – ambiente notturno esterno – sono in

scena i ballerini, sul fondo sono proiettate le immagini di una Venezia di notte)

MIK OFF

Desdemona e Otello si incontrano, si abbracciano si scambiano un bacio e poi via dalla 2^ a destra (vista attore) .

SCENA I^ (subito dopo l'uscita di Desdemona e Otello – Iago e Roderigo entrano dalla 2^ a sinistra v.a. MIK 3 e 4 ON

Iago      (prendendo Roderigo per un braccio e costringendolo ad andare a curiosare dove si sono diretti Otello e

Desdemona) Guardate signore, guardate bene cosa fanno Otello e Desdemona...

Roder. (allontanandosi nervosamente da ciò che ha visto ed in preda alla rabbia)Basta! Basta! Proprio tu Iago, che tisei servito di me, eri al corrente di tutto e non mi hai detto nulla. E mi avevi anche detto che odiavi il moro.

Iago Odiatemi, se non è così. Figuratevi che tre degli uomini più potenti della città sono andati a inchinarsi davanti alui chiedendogli di nominarmi suo luogotenente. Ma lui, testardo com’è, li ha congedati con un rifiuto. “Peccato” disse “ma ho già scelto il mio luogotenente”. E volete sapere chi è costui? Un certo Michele Cassio, fiorentino; uno che non ha mai messo in campo uno squadrone. Mentre io… io, che sono stato al suo fianco in tutte le sue battaglie…. Io dovrò

essere l'alfiere di sua maestà...il Moro!

Roder. Che bastardo !

Iago      Ora, giudicate voi stesso, e ditemi se ho delle buone ragioni per amare il Moro.

Roder. Ma io, allora, non resterei più al suo servizio.

Iago Piano, signore! Se resto, lo faccio unicamente per servire me stesso. Non tutti possiamo essere padroni, né tuttii padroni però, possono essere serviti fedelmente. Perché signore, com’è vero che voi siete Roderigo, s’io fossi il Moro, vi confesso che non vorrei avere Iago tra i piedi.

pRoder.Se anche questa gli va bene allora ha una fortuna sfacciata!

Iago Ora ascoltatemi bene Roderigo… Fate sapere al padre di Desdemona quanto sia malvagio il Moro;svergognatelo in pubblico, infestategli di mosche l’aria che respira!

Roder. Gli devo dire questo?

Iago Sì, ma diteglielo con disperazione, come quando, di notte, d’improvviso scoppia un incendio in una grandecittà.

Roder. Si ! Iago… hai ragione, lo farò !


1


Iago   Bene ! Ma ora devo lasciarvi, non è prudente farmi vedere in vostra compagnia. Ma, mi raccomando Roderigo, fate quello che vi ho suggerito.. fatelo ! (esce dalla 2^ a six )

MIK 3 OFF

Rod. (rimasto solo)Si lo farò, così Desdemona sarà mia !

1° BASE MUSICALE - brano - (LE PENE)

Roderigo + COREOGRAFIA 2^

SONO STANCO DI ASPETTARE

E NON SO PIU' RAGIONARE

QUESTO AMORE SEMBRA UN SOGNO

QUESTA VITA E' SOTTO PEGNO

NON GOVERNO PIU' LA ROTTA

E' DISFATTA LA MIA FLOTTA

SONO SOLO IN ALTO MARE

MA NON VOGLIO NAUFRAGARE

MA SE IL CUORE MI SI SPEZZA

E LA MORTE MI ACCAREZZA

NON POTRO' PIU' CONFESSARE

IL BISOGNO MIO D'AMARE

VOGLIO TE, MIA DOLCE VITA

E SENTIRTI FRA LE DITA

NON VEDERTI ANDAR MAI VIA

PER POTER GRIDARE E' MIA !

PER POTER GRIDARE......E' MIA....

(subito dopo il brano musicale Roderigo si porta sotto un balcone immaginario in prossimità della 1^ six)

Roder.

(comincia a chiamare in quella direzione) Brabanzio ! Signor Brabanzio !….. Senatore !

(si inchina lasciando immaginare che Brabanzio si sia affacciato)

Scusate l'ora tarda Senatore…. Vorrei parlarvi di alcune cose che riguardano Otello e vostra figlia Desdemona,

cose molto delicate !

Certo Senatore, …… allora vengo su ? ….. Arrivo ! (esce dalla 1^ six)

MIK 4 OFF

-

B U I O

SCENA II^ (Stessa scena, stessa notte, Otello e Iago

entrano dalla 2^ a sinistra v.a.

MIK 1 e 3 ON

Iago

Ma, mio signore, mi state dicendo che l’avete davvero sposata?

Otello

Si, Iago, l'ho sposata! Ma in segreto....nessuno lo sa' !

Iago

Badate che il Senatore Brabanzio, suo padre, è molto rispettato da tutti e la sua voce è perfino più ascoltata di

quella del Doge. Vedrete, vi costringerà a divorziare.

Otello

Che urli pure la sua ira Iago, i servigi che ho reso alla Serenissima avranno una voce più alta delle sue

proteste. Iago, guarda laggiù, arriva qualcuno.

Iago

Sarà il padre infuriato che viene qui pieno d’ira. Vi consiglio di allontanarvi mio signore.

Otello

Ma no ! E’ il mio luogotenente. (entra Cassio) Felice notte amico Cassio! C’è qualche novità?


2


MIK 5 ON

Cassio   Notizie da Cipro mio signore, i Turchi, con una potente flotta, puntano sull’isola e lo Stato ha fiducia nella vostra opera. Il Doge ha incaricato le sue guardie di rintracciarvi.

Otello    Sono contento che mi abbia trovato tu ! Ma perché tanta fretta ?

Cassio Per dirvi che dovete partire e lasciare a Venezia uno dei vostri ufficiali che vi raggiunga in seguito. Otello Partire ? Aspettatemi un attimo, torno subito. (esce dalla 1^ dx)

MIK 1 OFF

Cassio   Alfiere, come mai Otello è così agitato ?

Iago      A quanto pare, questa notte il Moro è andato all’arrembaggio di una caravella terrestre.

Cassio   Non capisco.

Iago      Pare si sia sposato.

Cassio   E con chi?

Iago      Come non sapete ? Con… (rientra Otello insieme a Desdemona) Allora generale?

MIK 1 e 2 ON

Otello    Si va a Cipro!

Desd.     Mio signore... Vi prego! Lasciatemi partire con voi. Io vi amo...

Otello    Il cielo mi è testimone che vorrei non partire.

Cassio   Generale, la situazione ci impone la massima urgenza; Io vi aspetto al porto. (esce dalla 2^ six)

MIK 5 OFF

Otello    (senza mai distogliere lo sguardo da Desdemona) Nobile Iago, ti affido la mia Desdemona e alla primaoccasione favorevole, conducila a Cipro.

Iago      Sarà fatto, mio generale !

Otello    A presto amore mio! (fa per andare ma Desdemona lo trattiene) Bisogna ubbidire al tempo. Vieni Iago !

(escono Otello e Iago dalla 2^ six) (Desdemona rimane da sola mentre lo guarda andare via)

MIK 3 e 1 OFF

2^ Base Musicale – Brano: QUANDO NON CI SEI

Le luci restano notturne le proiezioni cambieranno saranno differenziate: su Desdemona restano quelle della scena precedente, mentre su Otello riprodurranno un mare aperto.

(Desdemona e poi Otello) +COREOGRAFIA 3^

MIK 1 ON

Desdemona:

SILENZI, LUNGHI COME UNA VITA

CH SOLCANO L'ANIMA MIA

COMETE SI STACCANO DAL CIELO

PER DIVENTAR FRAMMENTI DEL PENSIERO

GEMMANO, TUTTE LE VOGLIE QUANDO SEI CON ME


3


RAVVIVANO TUTTI I COLORI DELLA VERITA' SON RAGGI CHE SI ACCENDONO DI NOI QUANDO MI STRINGI E GUARDI GLI OCCHI MIEI

VUOTI I MOMENTI QUANDO NON CI SEI

SOLA NEL BUIO RESTO SENZA TE

NON C'E' MAI L'ALBA, NON C'E' MAI IL TRAMONTO

E NON SORRIDO QUANDO NON CI SEI

Otello:

ATTIMI, VUOTI D'OGNI PAURA INSIEME A TE VINCONO TUTTI I NEMICI DELLA VERITA' PARLANO, SENZA PAROLE DENTRO GLI OCCHI MIEI E SPIEGANO, LE VELE AL VENTO DENTRO ME

Desdemona:

E NON CI SON PREGHIERE E NON CI SON TORMENTI

UN VORTICE DI NULLA, MISTERI E MILLE DUBBI

SE PUOI VOLARE FALLO, NON TI VOLTAR MAI DIETRO

IO LO FARO' SICURA SE SENTO LA TUA MANO

Desdemona e Otello:

VUOTI I MOMENTI QUANDO NON CI SEI

SOLA NEL BUIO RESTO SENZA TE

NON C'E' MAI L'ALBA, NON C'E' MAI IL TRAMONTO E NON SORRIDO QUANDO NON CI SEI

MIK 1 e 2 OFF - B U I O

SCENA III^ Scena come la 1^ sempre luci notturne Iago è in scena Roder. Entra dalla 2^ six v.a. MIK 3 e 4 ON

Rod.      Iago!...Iago!

Iago      Cosa vuoi Roderigo ?

Rod.      Ho deciso, andrò a gettarmi nella laguna.

Iago      Via, non fare lo stupido! Annegarsi per amore di una gallinella ?

Rod.      Ma che cosa ci posso fare? Lo confesso, mi vergogno di essere così innamorato, ma non ho la forza di reagire.

Iago      Forza un corno! L’amore è soltanto un infocamento del sangue, una sospensione della volontà. Sii uomo. Annegarti! Ascolta Roderigo….. Io ti sono amico…

Rod.      ...Non ne sono molto convinto !

Iago      … e mai, come in questo momento posso esserti utile. Metti del danaro nella borsa e vieni alla guerra con me. Travestiti e metti una barba finta. Desdemona è giovane, cambierà. Come ha ingannato suo padre, ingannerà anche il Moro. Raccogli tutto il danaro che puoi e quella donna sarà tua; altro che annegarti !

Rod.      (…) ma....

Iago      Fidati di me e uniamoci nella vendetta. Se riesci a mettergli le corna, tu vincerai ed io ne proverò un gusto matto. Forza! Muoviti ! Domani ne riparleremo.

Rod.      Dove ci troveremo domani mattina?


4


Iago      A casa mia. E ora va’! Intesi allora? Basta con gli annegamenti, eh?

Rod.      Ah, ma non sono più lo stesso. Venderò tutte le mie terre e porterò tanto danaro. (esce dalla 1^ sx)

MIK 4 OFF

Iago      Ecco come quest’imbecille diventa la mia borsa. Odio il Moro perché sembra che sia stato fra le mie lenzuola a fare le mie veci. Non so se ciò sia vero; ma, in questi casi, basta un sospetto per darmi il diritto di agire come se ne avessi la certezza. Egli ha molta stima di me, e Cassio è un uomo molto vicino e fedele a Desdemona….

Oltre ad essere un uomo ancora affascinante e piacevole…. Ma io devo portargli via il posto con un doppio tiro

mancino. Ma come? Come? Vediamo un po’. Ho trovato! L’idea c’è. E’ concepita. L’inferno e la notte porteranno poi alla luce questo mio parto mostruoso.

3^ Base musicale – Brano: VENDETTA

(Iago)

IO TI DISTRUGGERO'

ODIOSO MIO RIVALE

IO TI DEMOLIRO'

SOLO PER FARTI MALE

S'APRE DAVANTI A ME

UN RIPIDO SENTIERO

ALTRA STRADA NON C'E'

SOLTANTO IL MIO PENSIERO

CHI MAI POTRA' SAZIARE

QUEST'ODIO CHE IO SENTO

CHI MAI POTRA' SENTIRE

LE MIE PAROLE AL VENTO

IO TI DISTRUGGERO'

ODIOSO MIO RIVALE

IO TI DEMOLIRO'

SOLO PER FARTI MALE

IO TI CANCELLERO'

COME LA SABBIA AL MARE

E POI IO CANTERO'

LA MIA GIOIA...INFERNALE !

IO TI DISTRUGGERO'

(Iago esce dalla 2^ sx)- B U I O

MIK 3 OFF

SCENA IV^ CIPRO – Sul fondo proiezioni di esterno – tardo pomeriggio.

In scena Montano passeggia guardando di tanto in tanto verso il porto, entra Cassio dalla 2^ six v.a.

MIK 8 e 5  ON


5


Mont     Ben arrivato a Cipro valoroso Cassio! Spero siate portatore di buone novità...

Cassio   Si , mio signore. La tempesta si è abbattuta pesantemente sui Turchi e ha fatto fallire i loro piani.

Mont     Siete certo di quanto dite ?

Cassio   Ho assistito al naufragio e alla distruzione di gran parte della flotta. Otello però, è ancora sul mare.

Mont     Perché lo dite con quest’aria così angosciata?

Cassio   Mio Signore, sono in ansia per lui; i nostri vascelli furono separati dalla tremenda bufera.

Mont     Tranquilllo valoroso Cassio, Otello conosce l’arte del comando come pochi. Ma piuttosto, ditemi, è vero che il

nostro generale si è sposato ?

Cassio   Si, mio Signore, e con la più bella dama di Venezia.

Mont     E chi è costei ?

Cassio   La figlia del Senatore Brabanzio, la bella Desdemona..., ma eccola che arriva.... (le va incontro) (Desdemona

entra accompagnata da Emilia e Jago dalla dx)

MIK 2 – 6 e 3 ON

Cassio   Il cielo benedica il vostro cammino, mia signora. Benvenuta a Cipro, vi presento il valorso Montano,

Comandante del Corpo di Guardia fi quest'isola

Desd      Grazie, mio nobile Cassio e lieta di conoscervi Comandante.

Mont     Grazie, mia signora

Cassio   Siate il benvenuto, alfiere! E' un piacere vedervi, unitamente alla vostra gentile signora.

Iago      Gentile dite ? Signore, se ella avesse con voi tanta generosità con le sue labbra quanto ne ha con me con la sua

lingua, ne avreste a sazietà.

Desd      Ma se non parla mai!

Iago      Anche troppo, credetemi, e soprattutto quando io ho voglia di dormire.

Emil      E vi lamentate per così poco?

Iago      Zitta! Sta’ zitta! Voi donne quando siete per la strada sembrate dei dipinti, ma siete campane nei salotti; cicale

inutili e distratte nei lavori di casa, operosissime formiche soltanto quando siete a letto.

Desd      Che razza di lingua! Sembra quasi che non stiate parlando di vostra moglie!

Iago      Ma è la verità! Le donne si svegliano per oziare e vanno a letto per lavorare.

Emil      Hai proprio una grande considerazione di me.....Spero non sia tu a scrivere il mio epitaffio!

Desd        (colpo di cannone) Cosa è stato ?

Mont     Non temete ! Sparano a salve per salutare la cittadella, me per tranquillizzarvi vado a controllare, i miei

omaggi. (esce da six)

MIK 8 OFF

Iago      Permettete signori, vorrei offrirei un piccolo ristoro, in attesa del nostro generale. Andiamo....

(escono tutti) MIK 2 – 3 – 5 e 6 OFF

Le luci si abbassano l'ambiente è quello notturno, le immagini proiettate saranno quelle di un porto


6


4^ Base Musicale – Brano: LA NOTTE (Otello in ingresso dalla 2^ six v.a.)

MIK 1 ON

(Otello)

RITROVO NELLA NOTTE

I MIEI MIGLIORI GIORNI

E L'ISOLA SORRIDE

MI APRE LE SUE STRADE

NON VEDO NEL MIO MARE

IL SOGNO DI UN BAMBINO

MA SENTO LA SUA VOCE

LA MIA FELICITA'

LUCE CHE LUCE DAI

RISCHIARAMI LA MENTE

MA NON GRIDARE AL CIELO

L'AMORE MIO PER LEI

POTESSE IL MARE INSORGERE

ED INGHIOTTIRE IL SOLE

SPAZZARE VIA LE MENTI

LAVARE OGNI COSCIENZA

NON SERVONO LE GUERRE

NON SERVE LA VIOLENZA

NON PUOI COMPRARE NIENTE

CHE L'ANIMA NON HA

NOTTE CHE TUTTO OSCURI

LASCIA PER ME UN BARLUME

MA NON GRIDARE AL CIELO

L'AMORE MIO PER LEI

(lieve ripresa delle luci, rientra Desdemona, seguita da tutti)

MIK 2 – 3 – 5 e 6 ON

Desd      (correndo verso Otello per abbracciarlo) Otello ! Finalmente ! Voglia il cielo che il nostro amore cresca ognigiorno di più.

Otello     Così sarà, amore mio !

Amici: la guerra è finita e i Turchi sono in fondo al mare. Desdemona, tutti ti ameranno, a Cipro; La gente di quest’isola, ha sempre avuto un grande affetto per me.

Iago, va’ al porto e fai sbarcare i miei bagagli. Vieni amore! Andiamo amici! (escono tutti tranne Iago)

Rod       Iago! Iago !

Iago      (impugnando la spada) Chi va là ?!

Rod       Sono io... Roderigo! Mi sono camuffato con una barba finta!

Iago      Roderigo!    (si abbracciano) Ascoltami!.... devo dirti una cosa: Desdemona è innamorata di Cassio

Rod       Di lui? Non è possibile. Desdemona è piena di sante qualità.


7


MIK 3 OFF

(esce dalla 1^ dx)

MIC 5 OFF

E va bene, va bene. Ma non lo faccio volentieri. (esce dalla 1^ dx)

Ma che razza di uomo siete! E ‘ una notte di baldoria e si beve con gli amici.. vi prego entrate.

Stasera proprio no, Iago; purtroppo io non reggo bene il vino. Mi fa subito girare la testa.

Se riesco a fargli bere qualche bicchiere in più, sono certo: diventerà ringhioso e aggressivo come un bestia....

Più che sensuale, direi gradevole.....

E la sua voce; molto sensuale, non trovate?

Direi... attraenti, ma tuttavia pieni d’innocenza.

E che occhi! Sembrano fatti apposta per provocare.

Una creatura fresca e delicata.

Piena di seduzione, ve lo garantisco.

Uno svago… E’ una donna raffinata.

Salute a te Iago; è ora di andare al posto di guardia.

No, luogotenente: non sono ancora le dieci. Il nostro generale ci ha congedati molto presto per amore della sua Desdemona; uno svago degno di Giove.

MIK 4 OFF

Devo dimostrare ad Otello che Cassio è innamorato di Desdemona, e che ella lo ami. Il moro è un uomo fedele, ed è un buon marito per Desdemona.

Ma anch’io voglio Desdemona. In quanto a Michele Cassio lo farò apparire agli occhi del Moro come un seduttore.

(resta pensieroso mentre entra Cassio dalla 1^ sx)

MIK 5 ON

Iago      Sante un corno! Se era tanto santa non si sarebbe innamorata del Moro. Non hai visto come toccava il palmo della mano di Cassio? Non l’hai notato perchè tu non c’eri. Io c’ero. L’ho visto. Glielo toccava.

Rod       Forse lo faceva per cortesia.

Iago      Era libidine. Avevano le labbra così vicine che i loro respiri si confondevano.

Rod       Che schifo!

Iago      Stanotte vieni al corpo di guardia; Cassio non ti conosce. Trova il modo di provocarlo, con qualsiasi pretesto. Il resto è compito mio.

Rod.      Ma tu mi starai accanto ?

Iago      Ma certo anima mia ! Ma ora va’!

Rod.      Addio Iago. (esce dalla 1^ six)

Iago

SCENA VI^      (la stessa sera)

Cassio

Iago

Cassio

Iago

Cassio

Iago

Cassio

Iago

Cassio

Iago      Certo! Beate le loro lenzuola!....(Cassio ha un moto di reazione che Iago intuisce e lo anticipa) Venite,

luogotenente: qui dentro c’è qualche amico che vuole brindare alla salute di Otello.

Cassio

Iago

Cassio

Iago


8


B U I O

SCENA VII^       (interno casa di Otello , sul fondo immagini di interni e/o finestre , porte. Luci chiare ma calde) (Otello e Desdemona sono in scena: Lei seduta nei pressi di un piccolo tavolino da lavoro, Lui in piedi)

Otello Ho invitato i miei amici per festeggiare la nostra vittoria Desd (nota il fazzoletto)Cosa avete tra le mani ?

Otello    Uun fazzoletto, un ricordo della mia cara madre. Ecco, tienilo; è il mio primo regalo per te, Vedi ? Un fazzoletto con delle rose non può che essere degno di te.

MIK 7  ON

Bianca d.d. Generale !... generale !

Otello    Chi è che mi chiama?

Bianca d.d. Bianca, mio signore !

Otello    Entra ! (entra Bianca )

Bianca Chiedo perdono mio signore, ma ho tristi notizie per voi..

Otello    Parla dunque....

Bianca Il valoroso Montano chiede di parlare con voi..

Otello    Montano ?

Bianca  Si ... pare ci sia stata una rissa tra i vostri uomini e alcuni cittadini ed accusano il nobile Cassio di gravi fatti ma io sono certa della sua innocenza ….

Otello    Cosa ?! Che entri Montano, presto ! (Bianca va e introduce Montano e Jago)

MIK 3 – 8 ON

Mont     Mio generale..... una vera disgrazia ! Il vostro luogotenente, dopo essersi ubriacato, ha procurato una rissa nel

corpo di guardia e mi ha anche ferito nel tentativo di uccidermi.

Otello    Cassio ?!

Mont     E' la verità, mio generale.

Bianca Sono certa che lo hanno provocato, Cassio non è mai stato un violento

Iago      Zitta tu ! Cosa blateri ? Tutti sanno chi sei e perché difendi Cassio !

Desd      Nobile Iago, perché trattate così questa donna ?

Iago      Perché è una poco di buono e difende Cassio solo perché ci va a letto, mia signora !

Desd      E allora ? Anche io vado a letto con il vostro generale....cosa pensate di me ? Sono anch'io una poco di buono ?

Otello    Desdemona !

Desd      Scusate, mio signore, ma credo che una donna che ama non debba essere definita.... una poco di buono.

Otello    Questo è vero ! Ma ora devo occuparmi di questa rissa, voglio sapere chi ha cominciato..

Mont     Valoroso Otello, io so di non avere fatto o detto nulla di male perché avvenisse.

Otello    Ora, comincio a perdere le staffe Voglio conoscere l’origine di questa rissa.


9


Chi l’ ha provocata. Il colpevole! Anche se fosse mio fratello gemello, è perduto.

Fare scoppiare una rissa per motivi personali e proprio nel corpo di guardia! È inconcepibile!

Iago, ti ordino di parlare !

Iago

Non pressatemi così. Preferirei farmi tagliare la lingua, prima di offendere Michele Cassio;

però sono convinto che dicendo la verità non gli farò alcun torto.

Io stavo parlando con alcune guardie, è arrivato Cassio, completamente ubriaco e.....

Otello

(interrompendolo) Basta così, Iago. Montano, comunica a Cassio, che d’ora in poi non sarà più il mio

luogotenente.

Bianca

No !!

Otello

Montano, va' e fa ciò che di ho ordinato.

Mont

Subito mio signore. (esce)

MIK 8 OFF

Bianca

Vi prego mio signore, ascoltate anche la versione del nobile Cassio. (Otello le gira le spalle e va verso

Desdemona) So che a qualcuno sembrerà strano che un tipo come me possa innamorarsi..... ma io... non sono

sempre stata così..... (ripete la frase mentre parte la base musicale)

5^ Base Musicale – Brano : NUDA (Bianca)

IL TEMPO, MI TIENE PER MANO

MI STRINGE I POLSI MI PORTA LONTANO

LA NOIA MI PRENDE CON UN FARE STRANO

NON SOFFIA PIU IL VENTO MA UN ALITO UMANO

LA MENTE MI PORTA IN UN ANGOLO SPENTO IL SESSO DIVENTA UN ANNTICO TORMENTO NON TROVA PIU SPAZIO NEMMENO L'AMORE NON C'E PIU PIACERE CHE NASCA DAL CUORE

MA SE IL TUO PARLARE MI PRENDE LA MENTE RINASCE IL MIO CUORE SI ESPANDE E SI PERDE NON FAR DI ME UN CORPO DIVENTA IMPORTANTE E QUESTA MIA VOGLIA TRASFORMA OGNI ISTANTE

TRASFORMA OGNI ISTANTE....OGNI ISTANTE

GIUDIZI CHE SPEZZANO E TOLGONO IL FIATO

INFLIGGONO PENE DI UNO SPORCO REATO

SE SON QUEL CHE SONO LO DEVO AL TUO FARE

LO DEVO AL TUO LERCIO PIACERE DEL DARE

RACCOGLI IL MIO SGUARDO, RIMANI UN ISTANTE CHISSA' FORSE AVVERTI CHE NON SEI UN PASSANTE E GRANI DI STELLE E FRAMMENTI DI LUCE DARANNO AI MIEI OCCHI UN FLEBILE VOCE

COSI NON SON NATA, COSI MAN VOLUTA

CON TE SON ME STESSA, NON SONO MAI NUDA

POTESSI TORNARE A RINASCERE ANCORA

POTREI DIRTI T'AMO MA QUESTO NON ORA


10


MA QUESTO NON ORA..... NON ORA.... NON ORA.

MIK 7 OFF

Otello

Adesso vai ! (Bianca esce) Il mio luogotenente un ubriacone......è vergognoso !

Desd

Otello, perché non lo convocate, ascoltate anche la sua versione dei fatti.

Otello

Non ho bisogno della sua versione, il mio onesto alfiere Iago, mi ha fornito la verità, ed io ho piena fiducia in

lui ! Ora ho bisogno di riflettere, accompagnami. (escono dalla 2^ dx)

MIK 1 e 2 OFF

(Entra Bianca)

MIK  7 ON

Bianca

Iago….

Iago

Ancora qui ? Cosa vuoi ?

Bianca

Nobile Iago, il valoroso Cassio chiede di parlare con voi.

Iago

Cassio ? Fallo passare. (Bianca va ed introduce Cassio)

(Cassio entra molto provato)

MIK 5 ON

Iago

Siete ferito, luogotenente?

Cassio

Sì, e non c’è medico che possa guarirmi.

Bianca

Mio signore, pregate il vostro generale affinché perdoni Cassio.

Iago

Non posso promettervi nulla.

Cassio

Bianca mi ha riferito della decisione del mio generale…..Il mio onore Iago ! Ho perduto il mio onore!

Iago

Andiamo! L’onore è una convenzione falsa e priva di consistenza, che spesso si ottiene senza merito e si perde

senza colpa. Ma ora, vedo che state abbastanza bene.

Cassio

Sì, il diavolo dell’ubriachezza è stato così gentile da cedere il posto a quello della collera.

Via un vizio, eccone un altro, e t’accorgi di essere un uomo spregevole.

Bianca

Onesto Cassio, avrei preferito per voi che tutto ciò non fosse mai accaduto, ma ormai quello che è fatto è fatto.

Cercate dunque di trovare un rimedio.

Cassio

Sicuro: io chiedo al mio Generale di ridarmi il posto e lui mi risponderà che sono un ubriacone!

CANZONE CASSIO (LA FERITA)

Bianca

Tutti quelli che vi conoscono sanno che non lo siete mai stato.

Iago

Vi dirò io che cosa dovete fare. La moglie del nostro generale è adesso lei, il generale.

Cassio

Non capisco....

Iago

Voglio dire che Otello è completamente votato a lei. Pregatela con insistenza, è una donna aperta, generosa,

confidatevi con lei, e certamente vi aiuterà a riottenere il vostro posto.

Bianca

Si, Cassio, fate come dice lui.

Cassio

Questo è un buon consiglio. Domattina andrò a supplicare Desdemona di intervenire in mio favore.


11


Iago      Bravo, ma ora vi devo lasciare...luogotenente. Sono di sevizio.

Cassio   Buonanotte, onesto Iago. (esce insieme a Bianca dalla 2^ six)

MIK 5 e 7 OFF

Iago

Buonanotte !  Il prezioso gioiello sta prendendo forma, bisognerà ora collocare la pietra preziosa al punto

giusto, così da mostrare tutta la sue lucentezza....

SCENA VIII^ entra Roderigo)

MIK 4 ON

Rod

Iago....

Iago

Roderigo? Cosa ci fai qui ?

Rod

Cosa ci faccio ? Ascolta Iago, ho speso quasi tutto il mio danaro. Stanotte sono stato picchiato di santa ragione;

la conclusione, dopo tante fatiche, sarà che avrò fatto soltanto un’esperienza senza averci guadagnato nulla.

E tornerò a Venezia con un po’ più di giudizio e senza un soldo.

Iago

Roderigo....Una ferita ha bisogno di tempo per guarire.

Rod. Si!...E allora?

Sì, Cassio ti ha picchiato; ma tu in cambio di qualche graffio

gli hai fatto perdere il posto.

Rod. Giusto!

Molte altre belle cose stanno per crescere sotto il sole; per ora accontentati.

Va’ a casa! Presto ne saprai di più; ma ora vattene.

Rod.

Addio! (Roderigo esce dalla 2^ six

MIK 4 OFF

Iago

E chi può dire ch’io mi comporti da farabutto? I consigli che do sono sinceri, onesti, logici;

Così, mentre quello stupido di Cassio convincerà Desdemona a intervenire per aiutarlo a riavere il suo posto, io

farò in modo che Otello possa vederlo mentre supplica sua moglie. Poi vestirò le virtù di Desdemona di neri

peccati, e tesserò la rete che li avvolgerà tutti.

5^ Base Musicale – Brano: L'OBLIO - COREOGRAFIA

(Iago)

VENITE PURE A ME, ANIME SANTE

PERCHE' IO POSSA TRASFORMAR LA LUCE

LE VESTI DEL PUDORE INDOSSERO'

VENTI DI SABBIA IO DISPERDERO'

CASE D'ARGILLA IO VI DONERO'

PASTA DI SALE IO VI SERVIRO'

RACCONTERO' DEI SUOI FALSI PECCATI

E DEL SUO PIANTO IO MI NUTRIRO'

PREPARA IL TUO DOLORE AMICO MIO

VERSO L'OBLIO IO TI PORTERO'

PREPARA IL TUO DOLORE AMICO MIO

VERSO L'OBLIO IO TI PORTERO'

(risata satirica) AH AH AH AH AH

B U I O - MIK 3 OFF


12


SCENA IX^ (la mattina dopo)  (sono in scena Desdemona, Cassio ed Emilia)

MIK 2 – 5 e 6 ON

Desd      Non temere Cassio; riavrai la tua carica. Non darò pace al mio signore fino a quando non ti avrà riabilitato.

Emilia  Arriva Otello, mia signora

Cassio   Io vado via.

Desd      Perché? Rimani a sentire ciò che gli dico.

Cassio   No, provo un forte disagio.

Desd      Come vuoi.     (Cassio esce dalla 2ì six)

MIK 5 OFF

(entrano Otello e Iago dalla 1^ dx)

Desd

Mio signore, stavo appunto parlando con un uomo che dispera di non avere più la vostra benevolenza.

Otello

E chi è costui ?

Desd

Cassio. Vi prego, riconciliatevi con lui. Se egli non vi ama fedelmente, allora vuol dire che non so più

riconoscere un uomo onesto. Fatelo chiamare, vi prego.

Otello

Lo farò, ma in un altro momento.

Desd

Fra poco?

Otello

Mia dolcezza, lo farò al più presto se è per farti piacere.

Desd

Questa sera a cena?

Otello

No, questa sera no.

Desd

Allora domani sera; o mercoledì mattina. Cassio è proprio pentito. Ma come? Proprio per Michele Cassio, che

tante volte ha preso le tue difese, devo insistere tanto perché tu lo riceva? Ascoltami…

Otello

Basta, ti prego; venga pure quando vuole. A te non posso negare nulla.

Desd

Non è una grazia quella che vi ho chiesto. Quando vorrò ottenere da voi un favore con cui mettere alla prova

l’amore che nutrite per me, sarà cosa davvero importante, grave e pericolosa.

Otello

Non voglio negarti nulla, ma ti supplico, lasciami solo un momento con il mio amico.

Desd

Come posso dirvi di no? Allora, a dopo, mio signore!

Otello

A dopo.

Desd

Mercoledì mattina! Vieni, Emilia.  (escono Desdemona e Emilia dalla 2^ dx)

MIK 2 e 6 OFF

Otello

(Quasi divertito esprime un suo pensiero ad alta voce)

Che splendida creatura.... non potrei immaginare la mia vita senza di lei... (parte la base musicale)

Otello

6^ Base Musicale – Brano: PENSIERI

VOGLIO DIMENTICARE

TUTTI I MOMENTI TRISTI


13


VOLARE SU QUEI CAMPI

RIDENTI DI COLORI

E TU FARFALLA VOLI

SENZA POSARTI MAI

COME UNA PIUMA AL VENTO

VOLTEGGI INTORNO A ME

INTORNO A ME

NON ACCADRA' MAI PIU'

CHE IL MIO SGUARDO SI FERMI

TI SEGUIRO' DOVUNQUE

DOVE IL SOLE TI GUARDI

L'ANIMA MIA SI PERDE

ED IL PENSIERO SPEGNE

SEI TU L'UNICA VIA

CHE MAI IO LASCERO'

CHE MAI IO LASCERO'

VOGLIO IMPARARE A PIANGERE

AMARE, ANCHE SOFFIRE

VOGLIO PROVARE I DUBBI

CHE VIVO FAN SENTIRE

SEI LA MIA SOLA ROTTA

LAMIA SOLA BANDIERA

E LI IO VOGLIO VIVERE

ALL'OMBRA DEL TUO SENO

ALL'OMBRA DEL TUO SENO

SCENA X^ (Otello e Iago)

Iago      Mio nobile signore…

Otello    Cosa vuoi, Iago?

Iago      Quando facevate la corte alla signora, Michele Cassio sapeva dei vostri incontri?

Otello    Certo; ha sempre saputo tutto fin dal primo giorno; perché me lo domandi?

Iago      Solo per chiarire un mio pensiero.

Otello    Quale pensiero?

Iago      Non credevo che l’avesse conosciuta prima.

Otello    Sicuro; e spesso faceva la spola tra noi due.

Iago      Davvero?

Otello    Davvero, sì, davvero! Che c’è di male? Non lo credi un uomo leale?

Iago      Leale, mio signore?

Otello    Leale, sì, leale.

Iago      Per quello che ne so, mio signore…


14


Otello

Che cosa pensi?

Iago

Che cosa penso?

Otello

“Che cosa penso?” Perdio, mi fai l’eco? Tu mi nascondi qualcosa. Poco fa, quando ti ho detto che Cassio ha

sempre saputo tutto del mio amore, fin dal primo giorno, tu hai esclamato Davvero? e hai corrugato la fronte

come se avessi chiuso nella mente un pensiero tremendo. Se mi vuoi bene, dimmi che cosa pensi.

Iago

Mio signore, voi sapete quanto vi voglio bene…In quanto a Michele Cassio, potrei giurare che è onesto e

leale....

Otello

Però c’è qualche altra cosa che non dici. Ti prego, parlami come parli con te stesso durante le tue riflessioni.

Rivelami anche i tuoi peggiori pensieri con le tue peggiori parole.

Iago

Rivelare i miei pensieri? E se fossero pensieri vili e malvagi? Vedere dovunque il male è il vero tormento della

mia natura e, spesso, immagino colpe inesistenti. Vi prego, per la vostra serenità, è meglio che non vi riveli il

mio pensiero

Otello

Ma che cosa stai dicendo? Dimmi soltanto che cosa pensi !

Iago

Guardatevi dalla gelosia, signore. Che vita dannata quella di chi ama e cova il dubbio, di chi sospetta e spasima

d’amore!

Otello

Ma perché, perché dici questo? Credi tu che potrei ridurmi a vivere tormentato dalla gelosia, sempre con nuovi

sospetti? No: sospettare vuol dire essere già convinti. Certo non divento geloso se mi vengono a dire che mia

moglie è bella, che ama la compagnia, che è affabile nel parlare. In una donna, queste doti non sono che delle

virtù. No, non per questo io potrò sospettare o temere della sua fedeltà.

Iago

Così va bene, perché ora potrò dimostrarvi liberamente il mio affetto e la mia fedeltà.

Dunque, prendetelo come

un semplice avvertimento. State attento a vostra moglie, osservatela quando si trova

con Cassio. Senza lasciarvi influenzare né dalla gelosia, né dalla troppa fiducia.

A Venezia le donne fanno vedere soltanto al cielo i peccati che nascondono ai loro mariti.

Commettere il peccato e non dirlo: ecco la loro onestà.

Otello

Come fai ad esserne tanto convinto?

Iago

Beh.... Riuscì a sposarvi ingannando suo padre......

Otello

E’ vero.

Iago

Vi prego, non attribuite alle mie parole un significato più grave di quello che non hanno.

Otello

No, te lo assicuro.

Iago

Invece mi sembrate turbato, signore.

Otello

No. Non sono turbato; sono certo della fedeltà di Desdemona...Sebbene, una natura che ha deviato una volta…

Iago

Ecco il punto!

Otello

Va bene ! Se scopri qualche cosa, fammelo sapere. E incarica tua moglie di tenerla d’occhio. Ora lasciami,

Iago.

Iago

I miei omaggi, signore.

(fa per uscire per poi tornare sui suoi passi)

Volevo anche dirvi, di stare bene attento se vostra moglie vi supplica con insistenza, decisa a ottenere quello

che Cassio desidera. Da ciò potrete dedurre molte cose. Ma per il momento giudicate le mie paure veramente

esagerate, come ho ragione di pensare.

Otello

Non temere.

Iago

Ancora una volta i miei omaggi.   (esce dalla 2^ six)

MIK 3 OFF


15


Otello    Perché mi sono sposato? Iago è di una onestà esemplare e conosce profondamente l’animo umano.

Ma se dovessi avere le prove che lei è un falco selvaggio.... Forse perché sono un soldato, perché non so

parlare come un damerino -ma anche questo non conta molto- se così fosse..... io l’ho perduta ! Mi ha tradito;

maledetto il matrimonio che ci fa chiamare nostre queste tenere creature, ma non le loro voglie!

Meglio essere un rospo e vivere nell’umidità di un sotterraneo, piuttosto che dividere con altri la donna amata.

Destino inevitabile come la morte: la piaga delle corna ci è data in sorte fin dalla nascita.

SCENA XI ^ (entrano Desdemona ed Emilia dalla 2^ dx)

MIK 1 e 6 ON

Desd

Allora, mio caro Otello? I nobili isolani da voi invitati vi attendono.

Otello

Hai ragione.. Sono davvero imperdonabile.

Desd

Perché parlate con voce così stanca? Non state bene?

Otello

Mi duole la testa, qui sulla fronte.

Desd

Perché avete dormito poco. Vi passerà. Lasciate che vi fasci stretta la testa e fra un’ora starete bene.

(Desdemona estrae un fazzoletto)

Otello

Il tuo fazzoletto è troppo piccolo! Andiamo.

(la respinge e Desdemona lascia cadere a terra il fazzoletto) (esce dalla 2^ dx)

MIK 1 OFF

Desd

(rimasta sola e pensierosa, appare vistosamente turbata)

6^ Base musicale – Brano: VIVERE

(Desdemona)

VIVERE, PER CREDERE NEL BENE

PER poter SORRIDERE ANCORA

SENZA AVERE IL TEMPO DI SOFFRIRE

PER SENTIRSI DEDICAR PAROLE

VIVERE, PER SENTIRE UNA CAREZZA

SENZA IL CALORE DI UNA LACRIMA

SENZA QUELL'AMARA GELOSIA

CHE STRAPPA FIORI DALL'ANIMA MIA

SE TROVI IN UN CASSETTO LA SPERANZA STRINGILA FRA LE MANI, ABBINE CURA DALLE LA LUCE, PUR SE IL MALE AVANZA DALLE UNA STRADA, QUELLA PIU' SICURA

VIVERE, SENZA INCONTRARE IL MALE

DONARE IL PIANTO ALLA FELICITA'

VEDER LE STELLE ANCHE SE C'E' IL SOLE

E DISSETARSI CON LA VERITA'

B U I O

(Emilia entra dalla 1^ dx e, notando il fazzoletto sul pavimento, lo raccoglie. Poi entra Iago dalla 2^ six) MIK 6 e 3 ON

Iago      Che diavolo ci fai qui, da sola?


16


Emilia  Non brontolare sempre: ho una cosa per te.

Iago      Qualcosa per me? Ce l’ ho già, qualcosa.

Emilia  Che cosa?

Iago      Una moglie stupida.

Emila    Che caro che sei.... Che casa mi daresti per quel famoso fazzoletto?

Iago      Che fazzoletto?

Emilia Che fazzoletto? Ma quello che il Moro regalò a Desdemona e che m’ hai chiesto di rubare. Iago L’ hai rubato?

Emilia  No. Desdemona lo ha lasciato cadere distrattamente; io ero lì in quel momento e l’ ho raccolto. Eccolo.

Iago      Sei proprio una brava moglie. Dammelo.

Emilia  Perché ci tieni tanto? Cosa vuoi farne?

Iago      E che t’importa di saperlo? (afferrandola per i capelli, glielo strappa di mano)

Emilia  Se il motivo non è importante, ridammelo. Povera signora! Sarà disperata quando s’accorgerà d’averlo perduto.

Iago      E tu allora sta’ zitta, e fingi di non sapere nulla. So io che cosa farne. E ora va’, lasciami in pace.

(Emilia esce dalla 1^ dx) – MIK 6 OFF

Lascerò cadere questo fazzoletto in casa di Cassio, e lui lo troverà. Inezie leggere come l’aria diventano per gli uomini gelosi prove indiscutibili come testimonianze delle Sacre Scritture.

B U I O – MIK 1 e 3 ON

SCENA XII^ (In una zona del castello)

Otello    Vattene! Mi hai messo alla tortura! Ti giuro che è meglio essere davvero ingannati, che avere soltanto un dubbio!

Iago      Ma che dite…

Otello    Farabutto! Provami che il mio amore è una puttana; fammi vedere con i miei occhi o dammi una prova certa del suo tradimento o guai a te, Iago!

Iago      O mondo infame! Prendi nota, prendi nota! D’ora in poi io non voglio più avere amici se dall’amicizia nascono simili pericoli! (fa per uscire)

Otello    No! Rimani. Tu devi essere onesto.

Iago      E dovrei invece essere disonesto: l’onestà è una pazzia, e chi vive onestamente cade in rovina.

Otello    Mondo bastardo! Credo che mia moglie sia onesta e che non lo sia.

Credo che tu sia onesto e che non lo sia. Voglio delle prove. Devo averne la certezza!

Iago Vorreste averne la certezza? Ma quale certezza signore? Vorreste forse vedere, quando la possiede? Otello Taci !!

Iago      Sarebbe molto penoso e difficile riuscire a farveli vedere in una situazione simile!

Otello    Io voglio una prova concreta della sua infedeltà!


17


Iago      E sia ! Qualche sera fa, ho dormito con Cassio, alcuni uomini nel sonno parlano. Cassio è uno di questi.

Nel sonno lo sentivo dire: “Dolce Desdemona, bisogna essere prudenti, nascondere il nostro amore”. Poi

gridava: “Soave creatura!”. e ancora: “Maledetto il destino che ti ha dato al Moro!”

Otello    Ma è orribile!

Iago      Non era che un sogno.

Otello    Ma che ricordava un fatto già avvenuto. Lo faccio a pezzi!

Iago      Calma signore: non sappiamo ancora nulla di certo, e può darsi che sia innocente.

Ma ditemi una cosa: avete mai visto in mano a vostra moglie un fazzoletto con delle rose ricamate?

Otello    Gliene ho dato io uno così: fu il mio primo regalo.

Iago Non lo sapevo. Ma oggi ho visto Cassio che si asciugava la fronte con un fazzoletto simile. Otello Se fosse quello…

Iago      Quello o un altro, purché di vostra moglie, sarebbe un’altra prova contro di lei.

Otello    Ah, vorrei che quella cagna avesse mille vite! Una è troppo poca, troppo breve per la mia vendetta. Ora io vedo, Iago. Io so! Ecco: in un soffio, io disperdo nell’aria tutto il mio amore. Così…è svanito!...svanito…

Iago      Calmatevi.

Otello    Sangue, voglio il suo sangue!

Iago      Un po’ di prudenza, dico. Potreste cambiare idea.

Otello    Mai, Iago! i miei pensieri assetati di sangue non torneranno mai indietro, Soltanto una giusta, piena vendetta li potrà inghiottire. Fa’ che entro tre giorni tu mi possa dire: “Cassio è morto”.

Iago      Come volete: consideratelo già morto.

Otello    Iago ! Ora sei tu il mio luogotenente.

Iago      Io sono vostro per sempre. (si inginocchia a lui mentre chiude il sipario)

MIK 1 e 3 OFF

FINE PRIMO ATTO


18


Emilia

Desd.

Emilia

Desd.

Otello

Desd.

Otello

Desd.

Otello

Desd.

Otello

Desd.

Otello

Desd.

Otello

Desd.

Otello

Desd.

Otello

Desd.

Otello

Desd

Emilia

Desd

SECONDO ATTO

Sc. I Camera da letto di Desdemona ( in scena c'è solo Emilia intenta a mettere a posto oggetti) MIK 2 e 6 ON

(entrando dalla 1^ dx, lievemente agitata) Emilia! Emilia! Ma dove avrò perduto il mio fazzoletto?Non lo so, signora.

Credimi, avrei preferito perdere una borsa piena di soldi ma non quel fazzoletto, e se il mio nobile Moro non fosse puro di cuore, basterebbe questo a fargli nascere dei sospetti.

Non è geloso?

Chi, Otello?

Eccolo.              (entra Otello dalla 2^ dx)

Come state, mio signore?

(dopo alcuni attimi di silenzio, le si avvicina) Dammi la tua mano. È una mano buona, leale.

Potete giurarlo. Ma ora volete ricordarvi la vostra promessa.

Quale promessa, pulcino?

Cassio ! Ho fatto avvertire Cassio di venire qui a parlarvi.

(Otello a sentire quel nome lascia di colpo la mano di Desdemona, scostandosi da lei) Ho un forte raffreddore: porgimi il tuo fazzoletto.

Eccolo.

Non questo, quello che ti ho regalato io.

Non ce l’ho qui.

No?

No, mio signore.

Molto male. Vedi, mia madre ebbe quel fazzoletto da una zingara egiziana, una maga. Nel darglielo, la maga le disse che se lo avesse perduto o regalato sarebbe divenuta odiosa agli occhi di mio padre, e il suo cuore sarebbe andato a caccia di altri amori.

Mia madre, lo diede a me e mi fece promettere che, se mi fossi sposato, l’avrei dato a mia moglie. Così ho fatto. Abbine cura e tienilo caro come i tuoi occhi. Perderlo o regalarlo sarebbe causa di grandi sventure.

Possibile?

Così è. Vedi...nella sua trama vi è intessuta una magia.

Davvero?

Verissimo. Tienilo, dunque, con molta cura.

Meglio se non l’avessi mai ricevuto, allora!

Perché? Non lo hai più? E’ scomparso? Lo hai perduto?


19


Desd.

Perché mi parlate in modo così violento? Non è perduto; ma se anche fosse?

Otello

Come?

Desd.

Non l’ho perduto.

Otello

Allora va’ a prenderlo.

Desd.

Potrei farlo benissimo; ma non ora. Questa è solo una scusa per sviare la mia domanda.

Vi prego, ridate a Cassio il suo grado.

Otello

Vai a prendere il fazzoletto.

Desd.

Non troverete mai un uomo più capace di lui.

Otello

Il fazzoletto!

Desd.

Dopo, ma ora parliamo di Cassio.

Otello

Il fazzoletto!

Desd.

Un uomo che vi ha dedicato tutto il suo affetto…

Otello

Cristo!  (da una spinta a Desdemona che cade e poi esce)

MIK 1 OFF

Emilia

(mentre aiuta Desdemona a sollevarsi) E quest’uomo non sarebbe geloso!

Desd.

Io, non lo ho mai visto in questo stato. Quasi non lo conosco più….

Emilia

Un anno, due, tre anni, non bastano per conoscere un uomo. Gli uomini sono soltanto stomaco e noi donne, per

loro, siamo soltanto cibo. Ci masticano, ci mangiano e poi, quando sono sazi, ci vomitano .

1° Brano – NON VOGLIO PIU' (Desdemona)

SON QUI',

COL BUIO NELLA MENTE

SON QUI

E IL TEMPO MI SORPRENDE

LEGATA A UN SOGNO MAI VISSUTO

CHE MI RIDA' SPERANZA,

CHE MI SCALDA

MA CHE NON TROVO PIU' DENTRO DI TE

VIVO COSI',

TRA SOGNO E VITA

FRAMMENTI E SABBIA TRA LE DITA

NON VOGLIO PIU' FREDDE PAROLE

NE PIU' PENSIERI TRISTI

NE TORMENTI, NE ILLUSIONI

CHE MI PORTAN VIA DA TE

IO NON VOGLIO PIU' FALSE CAREZZE

NO NON VOGLIO PIU' SOGNARE AMORE

MA VOGLIO CREDERE PER VIVERE

E SORRIDERE E NON DOVER MAI CHIEDERE L'AMOR


20


RESTO COSI SENZA L'ORGOGLIO

PER QUESTO AMORE CHE NON VOGLIO

DI QUESTA VITA CHE MI SFUGGE

SENZA PIU' AVER RITORNO

SENZA MAI DONARMI UN SOGNO

CHE NON HO PIU' DENTRO ME

IO NON VOGLIO PIU' FALSE CAREZZE

NO NON VOGLIO PIU' SOGNARE AMORE

MA VOGLIO CREDERE PER VIVERE

E SORRIDERE E NON DOVER MAI CHIEDERE L'AMOR

MA VOGLIO CREDERE PER VIVERE

E SORRIDERE E NON DOVER MAI CHIEDERE L'AMOR

E NON DOVER MAI CHIEDERE L'AMOR

(entra Cassio)

MIK 5 ON

Cassio   Perdonate la mia invadenza mia signora. Avete notizie per me ?

Desd      Purtroppo no, Cassio, sostenere la vostra difesa ha suscitato la collera di Otello.

Iago      Il mio signore è in collera?

Emilia  E’ andato via da poco, ed era molto agitato.

Iago      Lui in collera? Ma com’è possibile? Dev’ essere successo qualcosa di grave allora.

Emila    Pregate il cielo che non si tratti di gelosia nei vostri confronti.

Desd.     Gelosia ? Ma non gli ho mai dato un motivo per esserlo.

Emilia  Ma gli uomini gelosi, non sono mai gelosi per un motivo: sono gelosi perché..... sono gelosi. La gelosia è un

mostro che si concepisce e nasce da se stesso.

Desd      Perdonami Cassio, ora devo andare ma ti prometto di parlargli ancora, sempre che sia di umore favorevole.

A presto.

Cassio   Vi ringrazio.

Emilia   A presto nobile Cassio. (escono Desdemona ed Emila) poi (entra Bianca)

MIK 2 e 6 OFF

MIK 7 ON

Bianca Salute, amico mio!

Cassio   Che ci fai qui?

Bianca E’ una settimana che non vi fate vedere! Sette giorni e sette notti!

Cassio   Perdonatemi. In questo periodo sono stato angosciato da gravi pensieri; ma cancellerò il mio debito d’assenze venendo da voi più assiduamente. Mia cara Bianca, (le dà il fazzoletto di Desdemona) copiatemi questo ricamo.


21


Bianca

Da dove viene questo fazzoletto? E’ il ricordo di una nuova amica? Ecco il perché della tua assenza!

Siamo già a questo punto? E io che soffrivo!

Cassio

Ma che stai dicendo! No, Bianca, non è così, sulla mia parola.

Bianca

E di chi è allora?

Cassio

Non lo so: l’ ho trovato nella mia camera. Mi piace molto il disegno del ricamo e, prima che me lo vengano a

richiedere, vorrei farlo copiare. Prendetelo, su, e copiatelo voi. E ora lasciatemi solo.

Bianca

Perché?

Cassio

Se dovesse passare il generale non voglio che mi veda in compagnia di una donna.

Bianca

Perché? Perché non mi amate?

Cassio

No, non certo per questo.

Bianca

Accompagnatemi a casa.

Cassio

Non ora.

Bianca

Ti prego !

Cassio

Ma solo per qualche passo.

Bianca

E va bene. (escono)

MIK 5 e 7 OFF

Sc. II  (entrano Otello e Iago, soli)

MIK 1 e 3 ON

Otello

Allora ? Ha parlato?

Iago

Sì, mio signore.

Otello

Che ha detto?

Iago

Che è stato…A letto.

Otello

Con lei?

Iago

Si

Otello

Che schifo! Il fazzoletto – ecco la vera confessione – il fazzoletto!

Bisogna farlo confessare e poi impiccarlo. Meglio impiccarlo prima e poi confessare.

Il fazzoletto! Che schifo! Nasi, orecchie, labbra…! Possibile? Che schifo ! Che demonio! ( cade per terra,

svenuto)

Iago

Ehi, signore! Mio signore! Otello! Finalmente ai miei piedi, stupido Moro !!

(entra Cassio dalla 2^ sx)  -

MIK 5 ON

Cassio

Che succede?

Iago

Otello ha avuto un attacco epilettico.

Cassio

Bisognerebbe strofinargli le tempie.


22


Iago

No, è meglio di no. Lasciamo che la crisi segua il suo corso regolare. Ecco, si muove. Allontanatevi un

momento: quando sarà andato via, vorrei parlarvi di una cosa molto importante.

(Cassio esce dalla 2^ sx)

Iago

Come vi sentite, generale ?

MIK 5 OFF

Otello

Allora, ha confessato?

Iago

No, no. Ma ora nascondetevi, perché mentre eravate svenuto, era qui Cassio.

Io l’ ho mandato subito via. Gli ho detto però di tornare qui fra poco a parlare con me.

Osservatelo bene, mentre gli farò ripetere ciò che ci interessa. Ma controllatevi, mi raccomando!

O dovrò ammettere che siete un somaro, senza un briciolo di intelligenza.

Otello

Ascoltami bene, Iago. Sarò l’uomo più cauto e paziente che ci sia, ma anche – ascoltami bene – il più

sanguinario.

Iago

Giusto! Ma volete nascondervi, ora?

(Otello si nasconde dietro la 1^ dx)

Ora farò parlare Cassio di Bianca, una buona donna, che si vende per comprarsi da mangiare e da vestire.

Va pazza per lui. Cassio quando sente parlare di Bianca, non può fare a meno di fare il cretino. Eccolo.

Luogotenente! Come state luogotenente?

(entra Cassio dalla 2^ sx )

MIK 5 ON

Cassio

Molto male se mi date il titolo che non ho più, e senza il quale mi manca la vita.

Iago

Insistete con Desdemona e state tranquillo lo riavrete. Certo se tutto fosse nelle mani di Bianca, sarebbe presto

fatto.

Cassio

Magari, credo che quella donna mi ami veramente.

Iago

Ascoltatemi, Cassio. Va dicendo che volete sposarla. E’ vero?

Cassio

Ah! ah! Ah! Io, sposarla? Una poco di buono ? Vi prego, abbiate più di stima della mia intelligenza!

Iago

Comunque, si mormora qua e là che la sposerete.

Cassio

E’ un’idea che si è messa in testa quella scimmia. S’è convinta che la sposerò. Mi da la caccia in ogni luogo.

Bisognerà che mi decida a liberarmene.

(entra Bianca dalla 2^ sx)

MIK 7 ON

Cassio

Ma mi stai dando la caccia? E’ una vera e propria persecuzione!

Bianca

Il diavolo e sua madre dovrebbero perseguitarti! Tieni! Questo è il fazzoletto che mi hai dato poco fa!

Dovrei credere che lo hai trovato nella tua camera senza sapere chi ce lo ha lasciato?

Ce lo ha lasciato qualche schifosa, ecco chi ce lo ha lasciato!

Fattelo copiare da lei il disegno, dalla tua nuova cavallina a dondolo!

Cassio

Ma che ti prende, Bianca! Amore, avanti, su…

Bianca

Se ti va di cenare con me, stasera, ti aspetto. Altrimenti fai un po’ come vuoi…

(esce dalla 2^ sx)

MIK 7 OFF

Iago

Seguitela!

Cassio

Per forza, altrimenti farà una scenata per strada.

Iago

Presto andate. (Cassio esce dalla 2^ sx)

MIK 5 OFF

(rientra Otello)


23


Iago      Avete visto il fazzoletto?

Otello    Era il mio?

Iago      Certo. Quelle sciocca di vostra moglie gli regala il suo fazzoletto, e lui lo dà alla sua sgualdrina.

Otello    Che ne sapevo io delle sue ore furtive di piacere. Non sapevo niente, la notte dormivo tranquillo, non trovavo i baci di Cassio sulle sue labbra.

Iago      Capisco...

Otello    Che peccato Iago. Tradirmi! E con un mio ufficiale.

Iago      Davvero odioso.

Otello    Allora che muoia e marcisca! E sia dannata stanotte! La farò a pezzi!

Iago      No, …Strangolatela nel suo letto, nello stesso letto che ha profanato.

Otello    Giusto.

Brano DELUSIONE

Otello e Iago

Otello

SOTTO LA CENERE VIVE UN FUOCO MUTO

NASCOSTO AGLI OCCHI, MA SENTO IL SUO CALORE

SPERO CHE ORMAI NON SIA TUTTO PERDUTO

NON PUO' FINIR COSSI' QUESTO MIO AMORE

Iago

QUEL FUOCO E' VIVO MA NON PER IL TUO CUORE

SOTTO LA CENERE CRESCE SEMPRE PIU'

NON TRASFORMARE IN FUMO ANCHE IL TUO ONORE

TIENILO A GALLA NON FARLO ANDARE GIU'

Otello

DOV'E' IL SUO FIATO CHE RESPIRAVA IL MIO

NON SENTO L'ARIA, NON SENTO PIOU' LA VITA

COME UN CASTIGO MANDATOMI DA DIO

ANCHE L'ULTIMA META E' ORMAI SVANITA

Iago

CHI NON AMA CHI AMA, NON GUARISCE

E CON L'INGANNO ANCORA COLPIRA'

COME UN LEONE CHE PIU' NON RUGGISCE

CERCHI UN RIFUGIO E NON LA VERITA'

Otello

QUESTO MIO AMORE ORA SI TRASFORMA

IN UNA RABBIA CHE MI TOGLIE IL FIATO

E' COME UNA PROMESSA CHE NON TORNA

ODIO IL MIO CUORE E QUEL CHE GLI HO DONATO

Otello

Iago

CHE DELUSIONE QUESTA VITA MIA

CHE TRISTE AFFETTO E' L'INFEDELTA'

TORNARE A VIVERE MA SOLO INSIEME A LEI

CHE TO TRASFOMA IN QUELLO CHE NON SEI

E LA SUA VOCE CHE COME MELODIA

CHE AFFOGA I SOGNI ALLA FELICITA'

SON SENZA AMORE QUANDO NON CI SEI

E RIDE AGLI ALTRI QUANDO NON CI SEI

SON SENZA AMORE QUANDO NON CI SEI

E RIDE AGLI ALTRI QUANDO NON CI SEI


24


BUIO

MIK 1 e 3 OFF

Sc. III

(poco dopo)

MIK 1 e 6 ON

Otello

(notando l'ingresso di Emilia) Emilia, capiti a proposito. Ti avrei chiamata.

Emilia

Serva vostra, mio signore. Come posso aiutarvi ?

Otello

Dicendomi la verità su quello che sai..o che hai visto....

Emilia

Riguardo a cosa, mio signore ?

Otello

All'incontro avvenuto tra Cassio e Desdemona, poco prima che io arrivassi..

Emilia

Non ho nulla da riferirvi signore, se non quello che la vostra signora vi ha detto !

Otello

Dunque, non hai visto niente?

Emilia

No

Otello

Però l’ hai vista insieme con Cassio?

Emilia

Otello

E dimmi, parlavano a bassa voce?

Emilia

No

Otello

Non ti hanno mai fatto allontanare?

Emilia

Mai.

Otello

Nemmeno con una scusa qualsiasi?

Emilia

No, mai.

Otello

Strano.

Emilia

Sarei pronta a giocarmi l’anima, a scommettere che vostra moglie è innocente.

Se voi la pensate diversamente, allontanate questo pensiero perché inganna il vostro cuore.

Se qualche farabutto vi ha messo in testa dei sospetti, che Dio lo ricompensi con la maledizione del serpente!

La più pura delle mogli, al suo confronto, è sporca come la calunnia.

Otello

Vai a chiamarla.  (Emilia esce dalla 2^ a dx)

Quella donna parla troppo; ma sarebbe una cattiva ruffiana se non conoscesse il suo mestiere.

E’ una furbissima puttana, una latrina chiusa a chiave, piena di schifosi segreti. Ed io non le credo,

(entrano Emilia e Desdemona dalla 2^ dx)

MIK 2 ON

Desd.

Che cosa volete, mio signore?

Otello

Vieni qui, pulcino. Voglio guardarti negli occhi: guardami bene in faccia.

Desd.

Ma che strano capriccio è questo?

Otello

(a Emilia) Su, fai il tuo mestiere. Lascia soli questi due peccatori e chiudi bene la porta.

Se viene qualcuno, tossisci o fa’ qualche altro genere di rumore. E’ il tuo mestiere, no? Forza, sbrigati!

(Emilia esce dalla 2^ dx)

MIK 6 OFF

Desd.

Che significano le vostre parole? Io non vi capisco.


25


Otello

Che cosa sei tu?

Desd.

Vostra moglie!

Otello

Sì?

Desd.

Si ! Una moglie onesta e leale!

Otello

Giuralo! Giura che sei onesta!

Desd.

Il cielo, senza dubbio, lo sa.

Otello

Il cielo sa che sei falsa come l’inferno.

Desd.

Falsa! Mio signore! E verso chi? Come?

Otello

Ah, Desdemona! Basta, basta!

Fosse piaciuto al cielo di mettermi alla prova, facendomi piovere sulla testa tutto il male e la vergogna di

questo mondo, io avrei trovato in qualche angolo del mio cuore, una goccia di pazienza... ma essere strappato

da lì, dove ho riposto il mio amore, dove posso soltanto vivere o morire e dove adesso luridi rospi si

accoppiano e procreano…

Desd.

Quale peccato ho commesso senza saperlo?

Otello

Quale peccato hai commesso? E me lo domandi? Che peccato hai commesso spudorata puttana!

Desd.

Come siete ingiusto con me!

Otello

Non sei una puttana?

Desd.

No.

(Entra Emilia dalla 2^ dx)

Otello

Incredibile!

Desd.

Non potete umiliarmi così, davanti a Dio e senza colpa !

Otello

Senza colpa ? Allora ti chiedo perdono!  Ti avevo scambiato per quella scaltra puttana di Venezia che ha

sposato Otello. (a Emilia) E ora a te, signora Dico a te, sì proprio a te! Abbiamo finito: eccoti la ricompensa

per le tue fatiche: ora chiudi a chiave la porta e silenzio.

(esce dalla 1^ dx)

MIK 1 OFF  -  MIK 6 ON

Emilia  Ma che cosa ha in testa quell’uomo? Che cosa è successo a vostro marito?

Desd.     Io non ho più alcun marito. Non chiedermi nulla, Emilia. Anzi, avverti tuo marito di venire qui.

Emilia  E' proprio qui fuori che mi aspetta. Lo faccio entrare. (uscendo dalla 1^ dx) Mio Dio, che cambiamento.

Desd      Quale vento ? Quale vento può attraversare l'animo umano per scuoterlo così tanto da trasformarlo in un

indegno parlare verso la propria donna.

Gli uomini credono di avere nelle loro mani il potere della giustizia e lo usano per decidere chi debba vivere o

morire, ma chi glielo ha concesso ?

Il suo egoismo, la sua brama di potere ? O forse la sua stupidità? ….( rientra con Iago dalla 1^ dx)

MIK 3 ON

Iago      Che cosa comandate, signora? Come state? Ma che cosa è successo?

Emilia  Ah, Iago, il marito l’ ha coperta d’insulti chiamandola puttana, e con un tale disprezzo che nessuna creatura onesta avrebbe potuto sopportarlo.

Desd.     Io merito quel nome, Iago?


26


Iago      Ma perché appellarla cosi' ?

Desd.     Non lo so, ma sono certa di non essere una di quelle.

Iago      Non piangete, vi prego. Non piangete!

Emilia  Come “Non piangete”! Ha forse rinunciato al padre, alla casa, agli amici, per sentirsi chiamare puttana?

Iago      Ma come gli è venuta questa strana idea?

Emilia  Ch’io possa essere impiccata se questa storia non gli è stata messa in testa da un’anima dannata, da un imbroglione, un bugiardo, da un farabutto, allo scopo di ottenere chissà quale vantaggio.

Che m’impicchino se non è così.

Iago      Ma non è possibile.

Desd.     Se esistono uomini simili, che Dio li perdoni.

Emilia  Li perdoni la forca, e l’inferno consumi le loro ossa! Perché chiamarla puttana? E chi sarebbero i suoi amanti? No, il moro è stato senza dubbio ingannato da qualche mascalzone. Canaglia!

O Dio mio, fa’ che simili delinquenti siano scoperti: metti una frusta nelle mani della gente onesta perché siano sferzati nudi, dovunque, e inseguiti da oriente a occidente per tutto il mondo.

Iago      Parla piano.

Emilia  Che siano stramaledetti. Uomini senza vergogna, senza pudore!

Iago      Sta’ zitta, cretina!

Desd.     Mio caro Iago, che cosa devo fare per riconquistare il mio signore?

Io non so proprio come abbia potuto perderlo.

Iago      Calmatevi, vi prego.

Desd.     Io non posso neppure dire “puttana”: provo orrore solo a pronunciare questa parola.

E nemmeno per tutte le ricchezze del mondo agirei in modo da meritare questo nome.

Iago      Lo preoccupano gli affari di stato e se l’è presa con voi. E’… uno scatto d’umore, ecco.

Desd.     Fosse solo questo…

Iago      Ma non c’è altro, ve lo giuro.

Brano MENZOGNA

(Emilia – Iago – Desdemona)

Emilia:               COME UNA SERPE COLPISCE LA MENZOGNA

E IL SUO VELENO PRODUCE LA VERGOGNA POSSA MARCIRE IL CUORE DI CHI MENTE E CHI DI FANGO SPORCA L'ALTRA GENTE

Iago :                  TU LA MENZOGNA NON DOVRAI TEMERE

LA VERITA' GUARISCE LE TUE PENE TRATTIENI L'ODIO, NON IMPLORAR VENDETTA ED AL TUO ONORE TIENITI PIU' STRETTA

Desdemona:    QUESTO MIO AMORE E' UN SENTIMENTO VERO

PERCHE' COPRIRLO CON UN VELO NERO

NON HO VERGOGNA, NE' FANGO NEL MIO CUORE

NE SARA' L'ODIO PADRONE DEL MIO AMORE


27


Emilia:               PARLI E NASCONDI IL TUO SCURO PENSIERO

Iago:                    TACI, BUGIARDA, IO PARLO UN VERBO VERO

Desdemona:    NON DATE SPAZIO ALL'ODIO E ALLA VIOLENZA

LIBERATEVI IL CUOR DALLA LORO PRESENZA

Tre Voci:           DI RABBIA E SANGUE E' PIENA QUESTA VITA

NON C'E' PIU' AMORE, E NON C'E' ARIA PULITA, E QUELLA RABBIA CHE PRODUCE MORTE E' SEMPRE LI, ED E' SEMPRE PIU' FORTE. MENZOGNA

BUIO

MIK 2 e 6 OFF - MIK 4 ON

Rod.      (entra dalla 2^ sx) Iago !

Iago      Roderigo!

Rod.      Ogni giorno che passa, cerchi di tenerti lontano da me, con qualche nuovo pretesto, Iago. Io non intendo

sopportare più a lungo quanto finora ho già sopportato.

Iago      Mi accusi ingiustamente.

Rod.      Dico la verità. Ho consumato tutti i miei soldi. Con la metà dei gioielli che ti ho dato perché tu li regalassi a

Desdemona da parte mia, si sarebbe potuto corrompere una monaca. Mi hai anche detto che li ha accettati, facendomi sperare nei suoi favori. Io però non vedo niente.

Iago      Ma bene, bene! Continua pure!

Rod.      Io non posso più continuare. Questo tuo modo di agire, non mi piace e penso di essere stato preso per i

fondelli.

Iago      Benissimo!

Rod.      Benissimo un corno! Cercherò di parlare a Desdemona. Se mi restituirà i gioielli, smetterò di farle la corte e mi

scuserò di averla importunata, altrimenti chiederò soddisfazioni a te !

Iago      Roderigo! Hai parlato già abbastanza.

Rod.      No, perché non ho detto niente di più di quello che sono fermamente intenzionato a fare.

Iago      Alla buon’ ora! Adesso, vedo che hai coraggio! Da questo momento allora avrò di te un’opinione migliore!

Qua la mano, Roderigo; tu hai ragione di lamentarti con me, ma ti assicuro di aver curato i tuoi interessi nel modo migliore.

Rod.      A me non sembra.

Iago      Ne convengo, non sembra; però se tu, Roderigo, hai coraggio e valore, dammene prova questa notte.

Ed io ti prometto che avrai Desdemona.

Rod.      E, che cosa devo fare?

Iago      Sono giunte speciali disposizioni da Venezia perché venga affidata a Cassio la carica di Otello.

Rod.      Allora Otello e Desdemona tornano a Venezia!

Iago      No. Otello va in Mauritania, insieme con Desdemona.

A meno che non venga trattenuto da qualche avvenimento imprevisto.


28


Rod.      Non capisco.

Iago      Sarebbe decisivo, per prolungare il suo soggiorno qui a Cipro, che Cassio sia tolto di mezzo.

Rod.      Che cosa intendi dire con quel “tolto di mezzo” ?

Iago      Impedirgli, materialmente, di occupare il posto del Moro.

Rod.      E come?

Iago      Roderigo! Facendogli schizzar via il cervello, fracassandogli il cranio, staccandogli la testa... ecco come.

Rod.      E io dovrei fare tutte queste cose?

Iago      Ti porterà grandi vantaggi. Cassio stasera cenerà con una poco di buono, e ci sarò anch’io.

Tu lo aspetterete quando uscirà: Lo colpirai come e dove più ti piacerà. Io ti aiuterò.

Ma non avere quell’aria imbambolata!

3° Brano – L'INTESA (Iago e Roderigo)

COME UN VELIERO GONFIO LE MIE VELE

DI ONORI E ORRORI RIEMPIRO' L A STIVA

PRESO DAL VENTO IO MI LASCIO ANDARE

COME UNA FOGLIA SENZA MAI CADERE

COL VENTO PORTI VIA LE MIE SPERANZE

SENZA RISPETTO NEGHI LE PROMESSE

IO SPEZZERO' LE VELE E LE CATENE

E LA MIA VITA UN GORGO NON SARA'

SE MI REGALI LEI HO QUELLO CHE MI BASTA CANCELLERO' IL SUO TRISTE PASSATO RISCRIVERO' LA STORIA E IL SUO FINALE E LA MIA TERRA IO COLTIVERO'.

IO TI REGALERO' LAME DI GHIACCIO

PER SEPARARE IL CORPO DALLA MENTE

AVRAI SOLTANTO LEI NON IL SUO RE

E SPEGNARAI LA NOTTE DENTRO TE

SE MI REGALI LEI HO QUELLO CHE MI BASTA CANCELLERO' IL SUO TRISTE PASSATO RISCRIVERO' LA STORIA E IL SUO FINALE E LA MIA TERRA IO COLTIVERO'.

(due voci) RISCRIVERO' LA STORIA E IL SUO FINALE Roderigo E LA MIA TERRA IO COLTIVERO'.

(due voci) RISCRIVERO' LA STORIA E IL SUO FINALE Roderigo E LA MIA TERRA IO COLTIVERO'.

(escono) MIK 3 e 4 OFF


29


B U I O

Sc. IV  In scena Desdemona ed Emilia intenta a pettinarla.

MIK 2 e 6 ON

Emilia  Come va ora? Mi pare sia più sereno.

Desd.     Ha detto che tornerà presto; mi ha dato “l’ordine” di andare a letto e di lasciarti libera.

Emilia  E perché?

Desd.     Non lo so. Emilia.

Emilia  Vorrei che non lo aveste mai conosciuto.

Desd.     Ma io no. Di lui amo tutto, anche l’asprezza, il malumore.

Emilia  Ho messo nel letto le lenzuola che desideravate.

Desd.     Già! Se dovessi morire prima di te, ti scongiuro, avvolgimi in uno di quei lenzuoli.

Emilia  Su, su! Ma che discorsi!

Desd.     Oh, questi uomini. Emilia, in coscienza, credi che esistano delle donne capaci di ingannare i loro mariti?

Emilia  Altro che! Ce ne sono, ce ne sono.

Desd.     E tu, lo faresti?

Emilia  Voi, non lo fareste?

Desd.     Io no, lo giuro alla luce del sole.

Emilia  Alla luce del sole neanche io; se mai al buio.

Desd.     Per tutti i beni del mondo, faresti una cosa simile?

Emilia  Tutti i beni del mondo…è una posta grossa! Un prezzo troppo grande per un piccolo peccato.

Desd.     Io credo che tu non lo faresti.

Emilia  E io credo che lo farei. Certo non lo farei per un anellino da poco prezzo, per qualche misero vestitino.

Ma per tutti i beni del mondo! Eh… Chi non farebbe cornuto il proprio marito per farlo poi diventare un re?

Desd.     Ch’io sia maledetta se commettessi un simile peccato, anche per il mondo intero.

Emilia  Su via, il peccato degli uomini è peccato del mondo;

Quindi, se per il vostro peccato avete in compenso tutto il mondo, la colpa sarebbe dentro qualcosa che ormai vi appartiene e di conseguenza, da voi stessa facilmente perdonabile.

Desd.     No Emilia, non è così.

Emilia Ce ne sono a dozzine di donne che lo farebbero! Ma io credo che se le mogli tradiscono, la colpa è dei mariti. Desd. Dici ?

Emilia  Sono loro che spengono gli slanci delle mogli e vanno a  versare i tesori che ci spettano, in altri letti; o smaniano per la gelosia e ci mettono il freno, ci tengono prigioniere, o addirittura ci picchiano.... e a volte ci

uccidono.

Ma anche a noi donne bolle il sangue e possiamo vendicarci. Sappiano questi uomini che le loro donne hanno, esattamente come loro, tutti i sensi: vedono, sentono, hanno il palato per distinguere il dolce dall’amaro, proprio come loro.


30


Perché vanno con le altre donne? Per passatempo? Credo di sì. Spinti dalla passione? Credo anche questo. Li fa peccare la debolezza umana? Anche questo può essere vero. E non abbiamo anche noi, come gli uomini, passioni, desideri, debolezze? Dunque, cerchino di trattarci bene.

Altrimenti sappiano, che sono i loro peccati, che ci insegnano a commettere, gli stessi loro peccati.

BUIO

MIK 2 e 6 OFF – MIK 1 ON

Sc. VI Camera da letto , entra Otello con una lampada dalla 2^ sx)

Otello    C’è una ragione, c’è una ragione, anima mia! Ma a voi non la dirò, purissime stelle. Una ragione! Eppure, non voglio spargere il suo sangue, voglio lasciare intatta la sua pelle più fresca della neve, Ma deve morire, altrimenti continuerà a peccare con altri uomini.

Prima spegnerò questa luce, (a Desdemona) e poi quest’altra. Quando avrò spento te (alla lanterna), portatrice di fuoco, se mi pentissi, potrei sempre riaccenderti;

(a Desdemona) ma una volta spenta la tua luce, magnifico fiore della natura, non so dove potrei trovare ilfuoco capace di riaccenderti.

Voglio sentire ancora il tuo odore, mia rosa, prima che tu appassisca. (la bacia) O alito profumato, convinceresti quasi la Giustizia a spezzare la sua spada!

Ancora un bacio! Resta così nella morte! Ti ucciderò, e ti amerò ancora! Un altro bacio! L’ultimo! (Desdemona si sveglia)

MIK 2 ON

Desd.     Sei tu, Otello?

Otello    Sì, sono io. Hai già detto le tue preghiere ?

Desd.     Sì, mio signore.

Otello    Se ricordi qualche peccato per il quale il cielo non ti ha ancora assolta, prega subito che ti sia perdonato.

Non voglio ucciderti senza che la tua anima sia preparata.

Desd.     Parli di uccidere?

Otello    Sì.

Desd.     Ho paura del tuo sguardo! E non dovrei, perché non ho fatto niente di male.

Otello    Pensa ai tuoi peccati.

Desd.     I miei peccati sono l’amore che vi porto.

Otello    E per l’amore, appunto, morirai.

Desd. La morte data per amore va contro ogni legge della natura. Io non ti riconosco più… Otello Sta’ zitta !

Desd.     Come vuoi; ma dimmi almeno perché ?

Otello    Tu hai dato a Cassio quel fazzoletto che ti avevo regalato.

Desd.     Non è vero, lo giuro sulla mia vita.

Otello    Non giurare il falso, perché sei sul tuo letto di morte.

Desd.     Io non ti ho mai tradito. Non ho mai amato Cassio. Non gli ho mai fatto un regalo.

Otello    Perdio! Io stesso ho visto quel fazzoletto nelle sue mani. Bugiarda! Lui aveva quel fazzoletto!

Desd.     Forse l’avrà trovato. Io non glielo ho dato. Mandalo a chiamare, digli che ti confessi la verità.

Otello    Ha confessato.


31


Desd.     Cosa?

Otello    Che sei stata sua.

Desd.     Ma non può dire una cosa simile.

Otello Non può perché la sua bocca è ormai chiusa. A quest’ora avrà già provveduto il mio fedele Iago. Desd. È morto?

Otello    Avesse anche avuto una vita per ogni suo capello, la mia fame di vendetta mi avrebbe dato la forza per divorarle tutte.

Desd.   (alzandosi dal letto) Ho capito ! Cassio è stato tradito, ed io sono perduta! Brano – NON C'E' PECCATO (Desdemona)

SE UMILIARMI TI DA'

IL GUSTO DELL'OFFESA

FALLO PURE SE VUOI

PER ME NON C'E' DIFESA

CALPESTA PURE I FIORI

EINFANGA L'ACQUA CHIARA SE CREDI CHE SIA GIUSTA QUEST'ORA SIA PIU' AMARA

NON CHIEDERO' PERDONO

PERCHE' NON HO PECCATO

SE CREDERMI NON VUOI

CANCELLA IL MIO PASSATO

NON C'E' PECCATO

SE UMILIARMI TI DA'

IL GUSTO DELL'OFFESA

FALLO PURE SE VUOI

PER ME NON C'E' DIFESA

DISTRUGGI QUEL RICORDO

CHE SAI NON C'E' MAI STATO

O CHIUDI QUESTA PORTA

CHE TUTTO E' ORMAI FINITO

NON CHIEDERO' PERDONO

PERCHE' NON HO PECCATO

SE CREDERMI NON VUOI

CANCELLA IL MIO PASSATO

NON C'E' PECCATO

NON C'E' PECCATO

NON C'E' PECCATO

Otello    E' troppo tardi, tu devi morire !


32


Desd.     E allora uccidimi ! Appaga la tua sete di violenza !

Otello    Taci !

Desd.     Perché tacere ! Per lasciarti nella convinzione del giusto ? Lascia che il tempo parli al tuo cuore !

Otello    È troppo tardi. (la soffoca, ma ha un attimo di lucidità) Mio Dio ! Mio Dio che ho fatto ?

Mio Dio, io ti imploro mentre mi sostituisco a te, mentre mi investo di un potere che non può appartene all'essere umano.

MIK 2 OFF

Brano CHI SONO IO

(Otello)

(Otello)

CHE PENA CHE MI FACCIO, ANIMA MIA

QUANTA TRISTEZZA IN QUESTA CRUDELTA'

IL MALE CRESCE DENTRO AL SANGUE MIO

SPEZZA IL CAMMINO DELL'ETERNITA'

CHI SONO IO, PER SOSTITUIRMI A TE

UN ANIMALE, UN UOMO SENZA DIO

UN DEMONE DI RABBIA E DI FOLLIA

IL FRUTTO DI UNA IGNOBILE PAZZIA

CHI SONO, IO VORREI SAPERLO ANCH'IO

E' SPENTO TUTTO IL MONDO DENTRO ME

TUTTO E' PERDUTO, ANCHE IL CUORE MIO

E NON HA SENZO VIVER SENZA TE !

DI QUESTO ABBISSO ORMAI SONO NEL FONDO

NON C'E' PIU' LUCE, NON C'E' PIU' PIETA'

NON C'E' PIU' VITA NEL TUO DOLCE SGUARDO

ED E' SVANITA LA FELICITA'

CHI SONO IO, PER SOSTITUIRMI A TE

UN ANIMALE, UN UOMO SENZA DIO

UN DEMONE DI RABBIA E DI FOLLIA

IL FRUTTO DI UNA IGNOBILE PAZZIA

CHI SONO,

TUTTO E' PERDUTO, ANCHE IL CUORE MIO

E NON HA SENZO VIVER SENZA TE !

SENZA TE !

SENZA TE !

MIK 6 ON

Emilia  (entra ci corsa, dalla 2^ sx, e affannando) Signore, signore! Sono stati commessi orrendi delitti.

Otello    E’ colpa della luna; si avvicina troppo alla terra, e fa impazzire gli uomini.

Emilia  Cassio ha ucciso un certo Roderigo di Venezia.


33


Otello

Sangue, ancora sangue.... non finirà mai !

Emilia

Signore, perché siete in ginocchio ?

Otello

Pregavo Emilia, pregavo per chiedere il perdono a Dio !

Emilia

Perdono ? Per cosa ?

Otello

Per avere ucciso l'unica ragione della mia vita: Desdemona.

Emilia

Desdemona ? (corre verso il suo giaciglio) Come hai potuto ! L’angelo più candido, come voi siete il demonio

più nero.

Otello

Era infedele. Mi ha tradito, domandalo a tuo marito.

Emilia

Mio marito? Lui sapeva che Desdemona ti tradiva?

Otello

Sì, con Cassio. E' stato lui a dirmelo.

Emilia

Mio marito ha osato dire che Desdemona ti aveva tradito?

Otello

Proprio lui. Tuo marito !

Emilia

Se ha detto questo, possa il suo cuore marcire lentamente, poco a poco ogni giorno. Ti ha mentito

dal profondo della sua anima.

Otello

Ehi! Ehi! Sta’ zitta, è meglio per te.

Emilia

La tua capacità di farmi del male, non è nemmeno la metà di quella che ho io per sopportarlo.

Tu hai commesso un delitto…Farò sapere a tutti chi sei, anche se dovessi perdere venti volte la mia vita.

Aiuto! Aiuto! Il Moro ha ucciso Desdemona! All’assassino! All’assassino!

(entra Montano e Iago dalla

2^ sx)

MIK 3 e 8 ON

Mont

Generale, cosa succede ?

Emilia

Desdemona, la mia Desdemona è stata assassinata da Otello !

Mont

(corre al capezzale di Desdemona) Come avete potuto commettere un tale delitto ?

Emilia

Sei stato veramente bravo Iago se la gente può scaricarti addosso il peso dei propri delitti.

Iago

Ma che diavolo stai dicendo?

Emilia

Se sei un uomo smentisci questo farabutto. Ha detto che sei stato tu a dirgli che sua moglie lo tradiva.

Non può essere vero! Non puoi essere un uomo così infame. Su, parla!

Iago

Io gli ho detto quello che pensavo.

Emilia

Gli hai detto che lei lo tradiva?

Iago

Niente di più, di quanto lui stesso, ha riconosciuto come vero.

Emilia

Hai detto una menzogna. Hai detto che lo tradiva con Cassio.

Iago

Tieni a freno la lingua.

Emilia

No, non la terrò a freno per niente. Devo parlare: la mia padrona è stata uccisa nel suo letto.

Le tue menzogne hanno istigato l’assassino. Che infamia! Ora capisco! Che infamia! Che infamia!

Iago

Taci e vattene a casa.


34


Emilia  Io ti devo obbedienza, ma non in questo momento. Forse Iago, a casa non ci tornerò mai più. (Otello si inchina davanti al letto) Bravo! Inginocchiati ! Hai ucciso la più dolce creatura che abbia mai alzato gli occhial cielo.

Otello    Iago mi aveva detto che era una puttana! E che aveva regalato a Cassio il mio primo pegno d’amore, un fazzoletto. (intanto entrano, Cassio ferito e Bianca dalla 2^ sx)

MIK 5 – 7  ON

Emilia  Ignorante! Il fazzoletto di cui parli, l’ ho trovato io per caso e l’ ho dato a mio marito .

Iago      Taci.

Emilia  L’aveva regalato a Cassio? No, io l’ ho regalato a mio marito.

Iago      Bugiarda!

Emila    E’ la verità, te lo giuro Moro. (Iago la pugnala, Emilia cade) (Iago scappa dalla 2^ sx)

Mont     Presto Cassio inseguiamolo (escono)

(Bianca soccorre Emilia)

MIK 3 – 5 e 8 OFF

5° Brano – PUNITA

(Emilia)

TIENILO PER LA MANO

UN GIORNO DOPO L'ALTRO

MA NON PROVARE MAI

AD INSEGNARGLI IL MONDO

SE LO TRAFIGGI, TEMILO

SE OFFESO NELL'ORGOGLIO

NON PENSA MA COLPISCE

PERCHE' LUI E' COSI'

VOLEVO UNA PASSIONE

UN SENTIMENTO FORTE

CHE DELLA VITA VERA

MI APRISSE QUELLE PORTE

CHE NON ACCADA PIU'

CHE UN CORPO SENZA VITA

SIA QUELLO DI UNA DONNA

SENZA COLPE....PUNITA !

PUNITA !

CERCAVO UN'EMOZIONE

UN ATTIMMO D'AMORE

LO SGUARDO DI UN BAMBINO

CHE MI SCALDASSE IL CUORE

CHE NON ACCADA PIU'

CHE UN CORPO SENZA VITA

SIA QUELLO DI UNA DONNA


35


SENZA COLPE....PUNITA !

PUNITA !

PUNITA !

(entrano Montano, Cassio e Iago, fatto prigioniero)

MIK 3 – 5 e 8 ON

Mont Genarale ! Questo miserabile ha confessato tutto. Voi e Iago vi eravate messi d’accordo per uccidere Cassio ? Otello Sì.

Cassio   Generale, mi pare di non aver mai fatto niente per meritarlo.

Otello    Lo so, e per questo ti chiedo perdono.

(verso Iago) E tu demonio, puoi dirmi perché hai così intrappolato la mia anima e il mio corpo? Iago Non chiedetemi nulla. Quello che sapete, sapete! Da questo momento non dirò più una parola.

Otello    Certo ! Non dirai più alcuna parola e sarò proprio io ad impedire che le tue sporche parole producano ancora del male . Demonio ! Torna nel tuo regno (lo pugnala)

Quando racconterete di questi tristi fatti, parlerete di un uomo che nell’amore fu molto poco saggio.

Di uno non facile alla gelosia, ma portato ad estremi disperati se istigato. E di un uomo la cui mano come un barbaro indiano, gettò via la perla più preziosa della sua tribù. Dite questo affinché l'essere umano, uomo o donna che sia possa tornare ad essere tale e valuti la vita degli altri come la propria.

Ed ora eccomi a te mia dolce Desdemona. (Si pugnala e cade)

BIANCA (portandosi verso il proscenio)

Bianca RESPIRA PIANO, O NOTTE

MUOVI LENTA TRA QUESTE MACERIE

SPEGNI PURE LE TUE STELLE

A FAI VOLTAR LA LUNA ALTROVE

CHE POSSA RISCHIARAR LA VITA

E NON LA MORTE

UOMINI, GUERRIERI VALOROSI,

FIERI VESSILLI DEL POTERE,

PREDONI DI OSTINATE VOLONTA'

E DI INUTILI RICCHEZZE

FALCHI, DI PREDE DEBOLI E INDIFESE

CHE NELL'AMORE....NON DONANO ATTESE.

ECCOLI, SONO LI

E SONO ORMAI LONTANI

COL NULLA NELLE LORO MANI

NON HA IMPORTANZA ORMAI NEPPUR L'AMORE

E' LI, SU QUEL LETTO OFFESO NEL PUDORE

MEGLIO LASCIARE VIVERE IL DOLORE

GUARDAR NEGLI OCCHI CHI TI HA FERMATO IL CUORE

PERCORRERE LE STRADE PIU' CONTORTE,

MA NON LASCIAR PASSARE PIU' ….. LA MORTE !

Brano MENZOGNA (Strofa finale)

F I N E


36

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno