Di mia gatt sa l’è no ‘n dul sacch

Stampa questo copione

A SCATOLA CHIUSA

DÌ MÌA GATT SA L’È NO ‘N DUL SACCH

di  George Feydeau

libera traduzione e adattamento di

Giuliano Mangano

CARLO COLOMBO, industrial milanes de zucur par diabetici

MARTA, la so segunda mièe e madregna de Giulia

 ANNIBALE BERETTA, dutur e amis dul Colombo

AMANDA, mièe dul dutur

GIULIA, tusa dul Colombo

ROBERTO DEL FOSSO, murus de la Giulia

GIOVANNI CARUGATI, fiö d’un amis dul Colombo

LUCHO, dumestigh perüviàn

ATTO I

Scena Prima

AMANDA, MARTA, GIULIA, COLOMBO, BERETTA

COLOMBO – Che güst, che squisitezza, che delizia st’anatra salvadiga !

MARTA – La ricetta l’è dul dutur Beretta.

BERETTA – Eh! Parbleu, l’ho truvada in dul libar dull’Artusi

COLOMBO – Artu…No?!

BERETTA – Artu..si!

COLOMBO – No?!

BERETTA – Sì, sì… Artusi!

MARTA – Fa’ no ul solit ciapatùn, Carlettu… quel che l’ha scrivü ul libar al sa ciama Artusi… se te süguitet a dì Artu…no?

COLOMBO – Te set tì che te fet cunfüsiun, cara… ul mè no a l’eva una esclamaziùn

BERETTA – (tagliando corto) Sì, sì… va ben! Tüt ul segrét al cunsist ‘n du la manera de mazàla .. l’è  semplice….. a bögn schiscià par ben cui did in sül coll du la bestia… inscì… (preme sul collo di Amanda)

AMANDA (si dimena) Ah!!

BERETTA – Sa ghè?

AMANDA – Sufeghi!

BERETTA - Pardon! L’aria la cessa de andà dentar in dul stomigh e l’ematosi la sa ferma al primm livèll … inscì sa furman di travasi sanguigni in di cell che separan i muscoli sopra-ioidei e sotto-ioidei, da cunseguènza….

COLOMBO – Sì, insomma, a bögn savé tiragh ul coll…..’sti dutur, hinn mia bun de parlà cume la gent nurmal…. Bisogna dì però che l‘anatra  l’eva eccellente.

BERETTA – In sta manera  la carna la diventa muresina…. Bona da mastegà anca senza dent

COLOMBO – Ah! l’è stada la mè miè che l’ha catada föra... ammò viva, pora bestia

BERETTA – Sa ved che l’è pratiga de besti

COLOMBO – E pö hinn mia robb che sa po fa fà a la servitù! No?!

MARTA – Sì….

COLONBO – Cum’è sì?

MARTA – Sì… nel senso de no… Uff! Figürevas che avevi desmentegà a cà ul purtaföi

… e sevi già sura ul tram… par furtüna gh’eva lì un giovinott… molto galante,eh!? Che’l m’ha prestà un quai ghel

AMANDA – Sa tröva sempar di oman al mument giüst.

COLOMBO – Peccà che ga sian mia mument giüst par tütt i oman.

GIULIA – Anche lo spumante era eccellente

COLOMBO – Sì! Un brut italiano

GIULIA – Oh! Pensavo fosse uno champagne francése

AMANDA – Ah! Mì l’adori ul champagne….ma ul mè marì, ul dutur, me le pruibis…. Al dis che al ma eccita trop! Me le lassa dumà par impienì la vasca dul bagn.

BERETTA – Se capiss, vera? Sa tratta d’una questiun d’amur

MARTA – Disem pür che sa tratta d’una questiun d’età

AMANDA -  Cus’è?

MARTA – Nient, mia cara… riflettevi…

COLOMBO – Via, via via!  Signori….. Signore…. Dumandi la parola.

AMANDA -  Lassè parlà ul sciur Colombo.

MARTA – Parla! ….. Ul mè marì, fo no par dì, a l’è un tribuno nato

COLOMBO – Signori….. Signore…. L’è sempar un piasè sta chi in mezz a vialtar…

MARTA – A pruposit de mezz, cara Amanda, ho ritruvà ul tò cavàgn dul lavurà in mezz ai mè ropp.

AMANDA – Ul mè cavàgn?!, ah! L’ho cercà inscì tanto!

COLOMBO – Signori, Signore…..

TUTTI – Sì.

COLOMBO – Podi parlà sì o no?

MARTA – Parla, caro. (A Amanda) Regòrdum de dàtal indrè sübit.

COLOMBO – Signori e Signore….. ho prepà una surpresina

TUTTI – Surpresina!….  surpresina … (in modo infantile)

COLOMBO – Te la chì la mè surpresa…. (accenna a Giulia) Vöri no dilungàm….Giulia….. tì t’è pudü distingues in du la nostra famiglia parchè t’è scrivü un’opera…. Te rifai ul Faust dopo Gounod ….. Gounod, l’è nassü prima de tì, perciò l’ha scrivü par primm. Mì ho decidü de fa cantà ul to Faust a la Scara de Milan… Vedìi… Mì sunt diventà sciur grazie alla fabricaziun dul zucur per diabetici…. Al nostar nom manca dumà un po’ da lüstar…..

MARTA – Sa gh’entra ul lüstar adès?

COLOMBO – Ul lüstar che mi a cerchi l’è no quel di scarp… ghe mancarìa anca quell!

AMANDA – Ah! Eccu! Al disevi mì che gh’eva nient de fa cul bagalùn dul lüstar

BERETTA – Citu! Lasemal parlà

COLOMBO – Grazie! Dunca… ul lüstar che mi cerchi l’è la celebrità fra i oman de cultüra… e quel lüstar tel me daret tì, Giulia… Tì te set ul mè cap-d’opera, e ul Faust l’è ul tò cap-d’opera… giusta? Dunca, i cap-d’opera di nostar cap-d’opera a hinn i nostar capp-d’opera… ergo ul Faust a l’è ul mè capp-d’opera!

TUTTI – Bravo! Bravo!

MARTA – Ul ragionament al fa no una grinza

BERETTA – Ma cun tütt sto ragiunament a te nammò dit cume te faret a fà mett in scena a la Scara ul Faust du la tò tusa

COLOMBO – Spècia! Fa’ no la gata pressùsa…. Propi ier sera, ho savü che la Scara la gaveva intenziun de ingaggià un tenur ecceziunal….una vus, tel set de quei che al dì d’incö ghe n’è in gir pocch….. cume ho sentì che ghe n’eva vün libar e dispòst… sto tenur al canta al Sociale de Lüìn… al sa ciama Fasolòn e par che’l gabbia un avvenire immenso…. Cusa ho fai?…ho telegrafà

BERETTA – A Fasolòn?

COLOMBO – No! al mè vecc amis Carugati! Emm fai ul militar insema… pö lü l’è andà a stà de cà a Lüìn

MARTA – Al semm.. e alura?

COLOMBO – Alura gò mandà a dì:  “Ingaggiami, non importa a quale prezzo, stop, tenore Fasolòn! Stop. Attualmente a Luino, stop, e spedisci direttamente, stop. A Milano, stop” Avì capì?

BERETTA – stop

COLOMBO –  ul telegrama l’è finì

BERETTA – Pardon!

COLOMBO - Una volta che mì sunt in pussès dul tenur…. al lighi man e pè a mì…  La Scara la sa bütta ai mè ginöcc….E chì mì ghe cedi ul mè tenur, ghe imponi la mè opera ed eccu i Colombo che passan alla posterità…..

TUTTI – Bravo, bravo…

GIULIA – Ah! Papà come sono contenta! (lo abbraccia)

COLOMBO – Fa’ attenziun ! Ringrazia anca la tò madregna. (Giulia abbraccia Marta)

MARTA – Par piasè dì mia sempar la tò madregna, te me fet sentì un’arpia brüta e malmustusa, una specie de cunserva. (campanello)

AMANDA – Hè! Hè! I cunsèrvi di volt a hinn püssè bun di primizi!

COLOMBO – (a parte) Sent cume la difend la sò categuria, la sciura Beretta.

Scena Seconda

GLI STESSI,  CARUGATI

LUCHO – (rientrando) Ay un segnor che riva da Luino. Ha dicho che vien de parte del segnor Carugati, amigo de vosotros

COLOMBO – Da part dul sciur Carügà?! L’è lü! L’è  Fasolon…. Fal vegnì a ultra

LUCHO – Bien, segnor, come vos quiere

COLOMBO  - Ah, amici miei…. va preghi….. cerchèmm de fagh una bella accoglienza…. Savìi, a l’è un tenur, l’è bitüà ai uvaziun….. Marta, al piano. Sciura Beretta e ti Giulia, vi altar battì ul temp cui man. Tì, Annìbal, chichinscì… no chichinscì (Eseguono un paio di volte scambiandosi il posto)

CARUGATI – (entrando)  Una cà de matt!….. Ma sunt sbaglià (fa per uscire)

COLOMBO – (scendendo dalla sedia) Due ‘l va?

CARUGATI – Comodi, comodi (a parte) Bisogna no cuntradìi (alto) Andè pür avanti a fa… (gesticola)

COLOMBO – (a parte) Ah! Ah! A ga piàsan i uvaziùn. (ad alta voce) Forza, ricumìncium (ricomincia la sceneggiata)  (Carugati cerca di scappare)  Ma ca’l scàpa no, caro sciur…. Uhela! che strano tipu ca l’è!

CARUGATI – Ma no, sunt mia drè a scappà (a parte) incuminci a vess preoccupà, hin in tanti püssè de mì

COLOMBO – E adès parlèmm…..ma prima che ‘l ma permetta de presentagh i mè amis. Ul sciur e la sciura Beretta, vivan chì insema de nüm, la mè miè, la mè tusa….

MARTA – Ah! Ul giuvinott dul tram che’l m’ha prestà i danè!

CARUGATI – La sciura ca l’aveva desmentegà ul purtaföi… ma cuma l’è pussibil? In d’una cà de matt! Oh, pora dona!

COLOMBO – Bene, bene bene! I presentaziùn hinn stai fà….. Ah! Cume sunt cuntent de vedell! E … ul mè amis Carugati al sta ben?

CARUGATI – Papà?

COLOMBO – Papà! L’ha ditt papà! Parchè l’ha ditt papà? No mì verament ghe dumandavi se ul sciur Carugati

CARUGATI – CarugatiI?….Ah!…..Ma alura….

COLOMBO – Alura?

CARUGATI – Lü al sarìa ul sciur Colombo?

COLOMBO – Ma cert, che diamine (a parte)  Al ma par un pu scemu!

CARUGATI – e mì che credevi de vess finì in d’un manicomi.…

COLOMBO – Cosa?

CARUGATI – A v’ho truvà lì tücc insema, una massa de giupitt che bala e che canta in d’una manera … disèmm… mia tant nurmal

BERETTA – A vurevum fagh una bella acoglienza.

CARUGATI – Ah! L’è stai per …. .che strana manera de ricev la gent!

AMANDA – (a parte) Quel giuvinott chì al m’ha vardà.

CARUGATI –   Inscì lü a l’è ul sciur Colombo …. molto piacere! Ah! A pruposit, go una letra par lü, pürtrop a l’è in fund a la mè valisa.

COLOMBO – Dul sciur Carugà ….Ah! Quel car amis…. Cume al sta?

CARUGATI – Benissim! Al sta benissim, papà….

COLOMBO – Perché al ma ciama papà? Al sarà stà tirà sü da piccul in d’un quai orfanatrofi. Alura, se ‘n disìi dul mè tenur?

AMANDA – Maestus.

BERETTA – Vedèmm un pu (prende una sedia e di colpo fa sedere Carugati in mezzo alla sala, lo ausculta, batte col martelletto sulle sua ginocchia e altre cose simili)

COLOMBO – Alura?

BERETTA – al gà l’aria un pu giò, la faccia che la par un pagn de bügada… ul stomigh mia tant a post… i riflessi lenti… ma ghe starò drè mì… savarò mì tiràl sü de corda. (gli altri si scambiano le loro impressioni)

CARUGATI – Che gent alegra! Papà ier, a Lüìn al m’aveva ditt: car ul mè bagai…. Te vörat andà a studià giurisprudenza a Milan…..ma podi no lassat in da par tì in quela gran città pièna de distraziùn, vizzi e coruttèla, te mandi dal mè amis Colombo …..al pregarò de stà attent a tì, fa ul bravo cun lü…. Fal mia inrabì ….. te vedaret che l’è un omm simpatich…  sü la simpatia ul mè pà al gaveva rasun, pensi de andà d’acordi facilment cil sciur Colombo

COLOMBO -  Lü al sa no come sunt cuntent che l’è rivà…. L’ha già mangià?

CARUGATI – Ul fatto l’è che sta matina…

COLOMBO – Oh! Ho induvinà… cusa l’è che podi uffrìgh: un öv in cereghin, di finocc lessà?

CARUGATI – No, grazie…..preferissi un àltar mangià (a parte) ma che razza de cüsina fann a Milan?

MARTA – Epür, di volt, par la vus l’è mei tö sü un quaicoss de ligèr.

CARUGATI – Ah! Se l’è dumà par quest. Al sa, a ga fo mia tant cas a la mè vus.

AMANDA – Mia tütt hinn cume lü!

CARUGATI – Ghe credi sciura…(a parte) chesta chì la dev vess una cantante.

AMANDA – Che baüsciùn d’un cagazibett!

MARTA –  Bene, ghe darèmm quel che ghè in cüsina. Ghe pensi mì!

CARUGATI – Ah, sciura, la ma manda in cunfüsiùn!

MARTA – che’l sa preocupa no….

CARUGATI – L’è diventada rossa! La m’ha recugnussü! Che gran dona ca l’è! Che fascino! Ma chi l’è ul so marì? L’è la miè dul Colombo o de quell’altar? Orcu sciampìn… al m’ ha presentà tüta la famiglia in blocch….

MARTA – Eccu, ho cumandà, adès ghe servissum un quaicoss (a Amanda), me sunt regurdada del tò cavàgn

COLOMBO – Natüralment lü alluggiarà chì da nüm….. ghè una bela stanzetta al prim pian, propri de fianch a la mè stanza…. vista sül giardìn…. Ghè anca un pianoforte.

CARUGATI – Oh! Che bel!

COLOMBO – A l’è un piano “a coda”.

CARUGATI – Poc mà, al òcupa un pu de spazi, ma al po vess bun par mett sü la biancheria.

GIULIA – Un po’ di caffè, signor Carugati?

CARUGATI – Vulentèra

COLOMBO – No, ul caffè l’è un eccitante…. Dagh un pu de lacc de galina.

CARUGATI – Ma a mì al ma pias no…..

BERETTA – Fa nagott…. Al s’ciarìss la vus….

CARUGATI – Ma mì devi s’ciarì un bel nient….

AMANDA – Al dev übidì.

CARUGATI – Cricu de gess, chichinscì me fan fa la dieta….

GIULIA – Vado subito a prenderlo

COLOMBO – Brava, abbi cüra del tò tenur!La ved? Chesta chi l’è la tusa che l’ha fai u l’opera.

CARUGATI – Ah! congratulasioni….

COLOMBO – (basso a Giulia) T’è sentì? L’ha ditt: “congratulazioni”

GIULIA – Sì, questo giovanotto è proprio gentile! Molto di più del mio fidanzato. Gli riempirò la stanza di fiori. (Via)

MARTA – Un gott de grapa?

CARUGATI – Oh! sciura, la gà una man inscì bianca e delicada…(basso)  a l’è una dona deliziusa (alto) Che marca l’è? (legge l’etichetta)  “Olio di fegato di merluzzo”  ca la se incomuda mia, grazie.

MARTA – Ghè no de preucüpass, l’è dumà na vegia butelia.

CARUGATI – Menu mà!

COLOMBO – E adès, cari i me gent, l’è no par mandav via, ma go bisogn de parlà a quattröcc cun che’l sciur chi.

BERETTA – Sta mia  fa cumpliment.  Capìsum la situaziun! (escono)

Scena terza

COLOMBO, CARUGATI

COLOMBO – E dèss, a pàrlum seriamènt. Eccu quell che podi uffrì senza tanti ball! 3000 franch al més, sagulàa, lugàa, lavàa, stiràa…

CARUGATI – Sa l’è ‘sta burlanda?! A l’è adré a töm in gir parchè vegni da Lüìn?

Da COLOMBO – No! me permetarìa mai, caro lü….  propi no, (a parte) Cricu de gess! Hinn diventà leccard i tenur! (alto) Insomma sa ga davan cus’è a Lüìn?

CARUGATI – papà….

COLOMBO – Papà… Al süguita a ciamàm papà. Gò dumandà sa’l ciapava cus’è a Lüìn.

CARUGATI – Cent franch!

COLOMBO – E alura? A fann no 3000 franch?

CARUGATI – Sa’l vör dì cus’è 3000 franch?

COLOMBO – Vedi che l’è mia tant fort in matematica: in un mes a ghinn trenta dì, trenta volt cent a  fann 3000….

CARUGATI – Mi me paremettarìa da dì…..

COLOMBO – Va ben, ho ditt che tirarò no sül prezzi. Disem 3500. Hin assè 3500 franch al mes? I e cètta?

CARUGATI – Se cetti?! Al par mia vera! (a parte) Papà al m’aveva dì che l’era un omm gentil, ma credevi no che ‘l füdes inscì tanto liberal.

COLOMBO – Alura… cettìi?

CARUGATI – Cetti, cetti… e come se cetti!

COLOMBO – Ben, alura se semm d’accordi, a fissum una penal …40.000 franch se lü al ma lassa

CARUGATI – Ca’l gabbia mia paüra, che mì le lassarò mai!… E sa dovarìa fà in scambi de tüta sta grazia de Diu?

COLOMBO – Cantà quand e dua ve’l disarò mì!

CARUGATI – Cantà! Questa sì che l’è un’idea divertenta!

COLOMBO – Lü a l’è pagà par quest!

CARUGATI – Lü al vör fa un scherz a quaividün?

COLOMBO – Sì, al teatar du la Scara!…

CARUGATI – E mì duvarìa cantà a la Scara?

COLOMBO – No! Mì al  farò… (a parte) L’è inütil che ghe disa la rava e la fava, al pudarìa cambià idea (alto)  insomma quel che go in ment l’è no impurtant…. Al cetta?

CARUGATI – A sto prezzi, se po no tirass indrè…..una roba dul genar me la sarìa mia speciada! Quand pensi  che a Lüìn, quand canti, ma disan tücc che fo piang i gatt!

COLOMBO – Ben, alura ca’l firma scià… Ecco: “Davanti a noi X e Y”, metarem i nom di testimoni in un segund temp, “sono comparsi il signor Colombo Carlo, fabbricante di zucchero per diabetici e il signor Fasolon”.

CARUGATI – Chi l’è sto Fasolon?

COLOMBO – Ma l’è lü, diamine! L’è mia ul so nom?

CARUGATI – Fasolon! ….ma quest chì a l’è un nom da teatar! Un nomm de plüm, cume sa dis…

COLOMBO – Ah! A l’è ul so pseudonimo…. ma alura lü cume al sa ciama, sa po savè?

CARUGATI – Cume ul mè pà….

COLOMBO – Vurarìa ben vidè! E quindi….

CARUGATI – Carugati, me ciami Carugati!

COLOMBO – Carugati !ghè mia bisogn de andà avanti, oh, por crist!.. .Ho capìi: ul sciur Carugati l’è ul to papà!

CARUGATI – Ebbene sì …..vist che la dis lü!(a parte) al ma par un pu bamba

COLOMBO – (al pubblico) Carugati l’è ul so pà, ul mè amis Carugati al gà un fiö… ! Lü, un omm spusà, un padar de famiglia, tütt casa e gesa, probi viro dell’Aci! Oh! Che disunur!…. L’avarìa mai pensà… e te’la chì la pröva dul so peccà!… oh Signur se gò mai da vidè?!

CARUGATI – l’è ul mè papà che’l ma ditt: va’ a Milan a truvà ul mè amis Colombo ….

COLOMBO – “Ul mè papà”… al ta permett de ciamàl papà….

CARUGATI – l’è natüral.

COLOMBO – E tì te set cert che l’è verament ul tò papà?

CARUGATI – Ghe mancarìa anca quela!

COLOMBO – Ma sa la dis la so mièe?

CARUGATI – Ma sa ‘l vör ca la disa?

COLOMBO – Lee la sa che te set ul so fiö?

CARUGATI – La mamma?….(a parte) Ma l’è davera un bamba!

COLOMBO – La mamma!… la ta permett de ciamala mamma? (a parte) Pora dona! L’ha recognüssüü … legittimàa! …. Quest sì che l’è eroismo! Eroina pura!

CARUGATI – Ghè no dübbi, in ‘sta famiglia chì a hinn tütt matt da ligà!

COLOMBO – Ma ul fiö ….sa ‘l dis ul fiö?…. vist che tì te ciapàa in famiglia un post che l’eva dumà sò e da nissün altar?

CARUGATI – Ul fiö!…. Quale fiö?

COLOMBO – Ma ul fiö dul tò papà….

CARUGATI – D’ul mè papà? …Papà al gà un fiö?

COLOMBO – Ma cert, l’ho cognüssüü 13 ann fà. Al gaveva 12 ann ….. l’è püssè piscinìn de tì

CARUGATI – Un fiö!…..ma da chi?

COLOMBO – Eh! Sacc furmentu, da la so mièe, no?! Tì l’è mai vist?…

CARUGATI – Mai!

COLOMBO – Che’l sia mort?

CARUGATI – Ah! L’ è trop! Scrivi sübit al papà.

COLOMBO – (fermandolo) Fall no, fall no! Ghe mancaria anca questa, la rivolta dell’adulterino cuntra ul legittim!… Andèmm avanti a scrivv ul cuntrat… dunca… davanti a me..na,na,na… in qualità di membro…

CARUGATI – (picchiando il pugno sul tavolo) A duvarìa pür dà sfogo al la mia rabbia in una quai manera….

COLOMBO – Oh, porcu sciampìn! Al m’ha fai spurcà ul membro… l’è mia ul cas de fa cagnara ….sta calmo!….Quel che l’è fai l’è fai…. Per quel che me reguarda mi so nagott de sta burlanda …. tegn ul föi e firma, parlemen pü… firma… ma… te vörat propi firmà Carugati? Poer Carugati! Par piasè, scriv sü da part “detto Fasolon”… de manera che podum no sbagliass

CARUGATI – Va ben inscì?

COLOMBO – Perfetto! Eccu la tò copia, ed eccu la mea: ed adèss tì te set ul mè tenur privàa!

CARUGATI – speri che ‘l sarà suddisfai….

COLOMBO – Vegnum adrè… te vöri fà vidè la so stanza…. A pruposit, una piccola preghiera: sona no ul piano tropp prest a la matina.

CARUGATI – ca’l gabbia no paüra! … mì gò dul rispett…

COLOMBO – Per la gent!

CARUGATI – Per ul piano sura tütt!

COLOMBO – Te’l set, ai donn ghe pias durmì.

CARUGATI – (a parte) I donn!… Lee l’è vüna di sti donn!….sciura…..Come la sa ciama?…. l’è da quand l’ho vista che ho perdü ul cò par lee.

COLOMBO – Andemm? (esce di scena)

CARUGATI – Ecco ul sò cavàgn dul lavurà...Ah! ghe scrivarò dò parol! “Da quando vi ho sfiorato, vi  amo” Là, dentar dul cavàgn….

COLOMBO – (rientrando in scena) Ah! Anca questa, adèss! Sa po savè se te set adrè a fa cul cavàgn du la sciura Beretta?

CARUGATI – Mi, nagott (a parte)… La sciura Beretta! L’è la mièe dell’altar pan poss, alura niente scrupoli!

COLOMBO – Te sevat adrè a vardà ul cestin cun di öcc de pess less!

CARUGATI – Sciur Colombo, l’è bun de tegn un segreto?

COLOMBO – Se podi no fa diversament.

CARUGATI – mi trövi che la sciura Beretta la sia incantevole!

COLOMBO – Te trövat….! Ma andèmm!…. l’è mia pussibil, te l’è vista ben?!… la gà una bùmbula dul stòmigh che la finiss pü… a sto mund  tütt al finiss menu ul stòmigh du la sciura Beretta! Püssè che un stomigh l’è un davanzal…

CARUGATI – Sa’l vör, al m’ha culpìi….

COLOMBO – (a parte) sa ved ca l’è un amante dell’architettüra … (alto) Va ben, sarà per la rarità dul spettacul!…..(a parte) A mì ma fa no nissùn effett, sarà parché ma sun assüefà…..povar Beretta, povar amis!

Scena quarta

ROBERTO, poi GIULIA

LUCHO -  Con chièn tiene ablar segnor Roberto ?… el segnor Colombo  tiene impegno con un ospite…  quiere ablar con la segnorita Giulia?

ROBERTO –  Grazie, Lucho…. Posso sapere chi è  questo nuovo ospite?

LUCHO – el segnor Colombo no quiere che se sappia in giro… ma

ROBERTO - Ma…

LUCHO – Ma par che si tratta d’un artista

ROBERTO – Ah! Un ritrattista! Un pittore, dunque, come mio padre

LUCHO – Perché suo padre è ritrattista?

ROBERTO – Sì… soprattutto di animali… E’ lui che ha fatto il ritratto al signor Colombo… Una somiglianza!

LUCHO – Ah! Una somiglianza perfetta… si capisce che è un esperto di animali… (esce)

ROBERTO – (solo)  Mamma mi ha detto: vai a portare un mazzo di fiori alla tua fidanzata…. Si usa così quando si fa la corte ad una ragazza…. Io l’avevo acquistato quel benedetto mazzo di fiori…. ma, venendo, ho fatto una puntatina da Camélia…. e lei l’ha voluto. E’ carina Camélia! È alla buona…. con lei non ho bisogno di girare la lingua in bocca sette volte…. non è come qui…. dove la mamma m’ha raccomandato di farlo tutte le volte che devo parlare…. È stata proprio una bella idea quella di volermi sposare… no è stata una stupidaggine… anche Camélia la trova una stupidaggine … mi ha detto: guarda, io mi sto forse maritando? E poi ha aggiunto: “Se io acconsentissi a maritarmi non sarebbe che con te!” e ha chiamato la sua cameriera…. per farmi fare le carte… sapete cosa hanno detto le carte?: “ Se Roberto del Fosso si sposa…. sarà infelice; se resta con la sua Camélia, sarà sempre felice!” E sto consulto mi è costato  20 franchi per la cameriera! Capite bene che non voglio andar contro il destino

GIULIA – (entrando) Mamma mi ha detto: va ‘ a ricevere il tuo fidanzato…. Mi annoia il mio fidanzato… tartaglia… e, ha aggiunto …. Sta’ attenta, sta’ su dritta e conta due volte fino a quattro prima de parlare.

ROBERTO – La piccola Colombo!…. Giriamo sette volte la lingua. (esegue) Buongiorno Giulia, come va?

GIULIA – Uno, due, tre, quattro…uno, due, tre, quattro. Molto bene, grazie, e tu?

ROBERTO – (a parte) Ma cos’ha? (gira sette volte la lingua) ti  avevo portato un mazzo di fiori (gira la lingua) ma mi sono accorto che erano appassiti  (stesso gioco) allora li ho buttati!…

GIULIA – (a parte) Dio! Com’è irritante quel suo tic! (alto) Uno, due tre, quattro…uno, due, tre, quattro.. sei troppo gentile!

ROBERTO -  (a parte) Deve essere una musicista… batte il tempo tutte le volte…

GIULIA – Uno, due, tre, quattro…. uno, due, tre, quattro… e tua madre sta bene?

ROBERTO –  (a parte) Com’è esasperante! (alto, girando la lingua) Molto bene, ma la sua povera sorella è molto malata. Così ha perso la sua migliore amica! E’ così dispiaciuta,non sa più cosa fare!

GIULIA – Uno, due, tre, quattro…uno, due, tre, quattro. Andiamo tutti di bene in meglio! (a parte) Deve avere una paralisi della lingua!

ROBERTO – (a parte) Dico, ma mi vedete incastrato per tutta la vita con questa ochetta? Dopo che ho passato cinque minuti con lei non trovo più niente da dirle…

GIULIA – (a parte ironica) Sarebbe proprio un bel marito (alto) Uno, due, tre, quattro….uno, due, tre, quattro … sembri soprappensiero.

ROBERTO – (gira la lingua) E’ nella mia natura! Sono uno spirito riflessivo….cerco sempre il perché delle cose…e proprio in questo momento sto facendo degli studi…. Per trovare la spiegazione di un fenomeno che anche tu avrài notato…

GIULIA – Uno, due, tre, quattro…uno, due, tre, quattro…Sarebbe?

ROBERTO – (gira la lingua) Perché la mollica di pane, che è bianca, quando la si rigira tra le dita diventa nera?

GIULIA – (a parte) Ma che imbecille è il mio fidanzato! (alto)  Uno, due, tre, quattro…uno, due, tre, quattro….Non ho mai fatto degli studi speciali a proposito!…(a parte) E si vuole che io lo sposi….Mai!

ROBERTO – (a parte) Piuttosto che prenderla in moglie mi faccio frate! (insieme)

GIULIA – Roberto

ROBERTO – Giulia?

ROBERTO – Cosa hai detto?

GIULIA – Parla!…

ROBERTO – Dopo di te!

GIULIA – Silenzio! La Signora Beretta. A dopo!

Scena quinta

Gli stessi, AMANDA

ROBERTO – Buongiorno signora!

AMANDA – Comodi, comodi!… Fate come se mì fudessi mia chì!…(a parte) Ul sciur Colombo al m’ha pregà per buona creanza, de dagh un öcc, ma senza disturbarli, con l’aria di non aver l’aria; Marta la vegnarà dopu.

ROBERTO – (gira la lingua) tu non mi crederài, Giulia, a causa di questo caldo, bagno anche quattro gilets di flanella al giorno!

AMANDA – (rovistando nel cestino) Ah! Signur di poaritt!

GIULIA – Cosa c’è?

AMANDA – Nagott (leggendo il biglietto) “Da quando vi ho sfiorato, vi amo” L’è lü,…. L’è ul mè tenur….Ah! Signur!… L’imprudente, al ma scriiv… alura l’è vera che’l ma vardava intensament. “Dopo che vi ho sfiorato”… Ma quand al m’ha sfiuràa?…Dio! Forsi l’è quel sconosciuto che ho incuntràa un dì de tempural sül Domm… propi sota la Madunina… a l’eva talmente scür, che ho mia pudüü vidèl… ma ho sentìi la so vus, che’l sa lamentava: “Accidenti! Hanno chiuso la scala!” Ah! Sì, lü al m’ha sfiuràa, verament al m’è quasi bürlàaa  adoss! Povero giovanotto, sarò impietusa, bisognarà vidèe!

ROBERTO – Signora!

AMANDA – comodi, comodi…

Scena sesta

GIULIA, ROBERTO, poi MARTA

GIULIA + ROBERTO - Ebbene! Cosa volevi dirmi?

GIULIA –  Io non oso! Parla prima tu.

ROBERTO – Anch’io non oso.

GIULIA – Preferisco scrivervelo.

ROBERTO – Anch’io.

GIULIA – Ecco un foglio di carta.

GIULIA + ROBERTO – Ecco fatto!

GIULIA + ROBERTO – (leggono) “Non forziamo i nostri sentimenti” Cosa!

GIULIA –  Forse ci siamo dati il pezzo di carta sbagliato?

GIULIA + ROBERTO – “Non forziamo i nostri sentimenti! Non siamo fatti l’uno per l’altra!”

GIULIA – (scoppiando a ridere) Ah! Questo è proprio divertente!

ROBERTO – E’ veramente buona.

GIULIA – Allora è vero! tu non mi ami?

ROBERTO – Neanche tu?

GIULIA – Ah! Sapessi come sono felice!

ROBERTO –  E io allora!

GIULIA – Veramente io dovrei offendermi…il fatto che io non ti ami è comprensibile…ma tu… questo mi umilia…

ROBERTO – Io potrei dire esattamente la stessa cosa.

GIULIA – Ma non aver paura, io non te ne voglio… Dimmi, dunque… dov’è finito il tuo tic?

ROBERTO – Il mio tic?

GIULIA – Sì, questo qui… (imita il tic)

ROBERTO – Ma non è un tic…è una precauzione…è la mamma che me l’aveva ordinato…

GIULIA – Ah! Bene. E’ come per me, il mio”Uno, due, tre, quattro” E’ una raccomandazione di papà. Sono proprio contenta, perché mi dicevo:Oh! Questo povero giovanotto, è proprio disgraziato!

ROBERTO – E io pensavo: non è possibile, forse ha ingoiato un metronomo!

GIULIA – Ma tu guarda come ci intendiamo bene adesso che non ci sposiamo più.

ROBERTO – Lo credo bene…(tendendo la mano) Amici?

GIULIA – Amici. Ma adesso dobbiamo essere diplomatici…fino a nuovo ordine, per tutti gli altri noi restiamo quello che siamo…E’ il solo mezzo per conservare la nostra libertà, e poi avremo tutto il tempo di prendere una decisione.

ROBERTO – Intesi…dunque, come se niente fosse…

GIULIA – Attenzione! Ecco la mia matrigna.

ROBERTO – Signora…

MARTA – Comodi, comodi…. Dimmi, t’è vist ul mè tenur, cara?

GIULIA – No

MARTA – Al cercarò… devi propi ridagh indrè i so danèe… Vidèmm, un tocch de carta par fai sü… l’è püssè edücà par consegnà i danèe.

ROBERTO – Allora è convenuto…noi restiamo fidanzati agli occhi del mondo…Ed ora…uno, due, tre, quattro…uno, due, tre, quattro. ti domando il permesso di lasciarti.

GIULIA – (gira la lingua sette volte)  Prego, fa’ pure, caro Roberto!

ROBERTO – E’ proprio carina.

GIULIA – E’ molto meglio come amico (esce)

MARTA – Al va già via sciur Roberto?

ROBERTO – Controvoglia, signora…perché…mamma…mi aspetta!(esce)

Scena settima

MARTA, poi CARUGATI

MARTA – (cerca tra le carte) Una vegia lettra de l’Amanda… quand l’eva in Italia cul so marì.(leggendo) “Se tu sapessi quanti soprammobili ho acquistato…delle casse piene…sto facendo delle follie e penso che ne farò ancora; non dire niente a mio marito…neanch’io dirò niente…prenditi cura del mio uccellino, e se vuoi proprio essere adorabile, acquistami un paio di giarrettiere blu… ti abbraccio – Amanda Beretta ” Sì, sta lettra l’ha gà pü nissüna impurtanza (ne strappa un pezzo avvolge i soldi) – Bene, inscì impacchettàa… hinn püssè eleganti.

CARUGATI – (con una sciarpa attorno al collo) Uffa, che cald! Ciapà ul raffreddur l’è praticament impussibil.

MARTA – Ul tenur!…varda, varda! Al gà frecc?

CARUGATI – (a parte) La sciura Beretta! (alto) Mì? Per nient, a  l’è ul sciur Colombo che l’ha vurüü espressament, in modo che mì ciapa no frecc (a parte) l’ha tuccàa ul cavàgn, forsi l’ha truvàa ul bigliett

MARTA – (a parte) A bögn che ghe daga indré i danèe. (alto) Sciur Carugati!

CARUGATI – Sciura…

MARTA – Al cercavi per via de quell che ho ricevüü da lü.

CARUGATI – (a parte) Ul mè bigliett. (alto) Oh! sciura, la sa sarà mia uffendüda?

MARTA – L’è mia ul cas d’ufendass par una galanteria.

CARUGATI – Beh! Quel che ho fai disemm a l’è un pu audace…

MARTA – Par nient…

CARUGATI – Ah! Lee la tröva no audace…(a parte) Diavul! L’è prunta a tütt! (alto) Se l’avessi savü prima… ma siccome cugnossi mia la gent de Milan ho mia vurü fa de pü.

MARTA – Oh! Ghe n’eva mia bisogn…la tariffa e nient de pü.

CARUGATI – La tariffa! …Ah! Ghè una tariffa?

MARTA – Come? A Lüin l’è mia inscì?

CARUGATI – O signur no! No…(a parte) Riessi no a capì una parola de quell che la dis! Duvarò bitüamm ai manèr de Milan.

MARTA – a g’hinn no i tariff!…al dev vess scomud… senza tarifa l’è no pussibil intendas…

CARUGATI – Ah! Sì… l’è una questiun de simpatia!….

MARTA – Cunt ul choffeur?…

CARUGATI – Le ciama choffeur?…. l’è propi strana… Fa nagott, mi sunt cuntent che lee la s’è no ufendüda

MARTA – Mì! Ma parché avria duvüü ufendum?… Dopu tütt lü al ma mia ubligà.

CARUGATI – Certament, mì…(a parte) la gà una manera de dìi i robb…

MARTA – Fa nient! Vurevi no vess in debat cun lü, e a mia volta, eccu! (porge i soldi).

CARUGATI – Un bigliett!… la m’ha respundü…Ah! Sa perd propi mia temp a Milan… sa brüsa … sa büsa… a l’è la nevrosi, la famosa nevrosi della metropoli… Ma parché la gà mettü dentar di sass?

MARTA – E adès, le lassi.

CARUGATI – Ah! Al cunservarò par tütta la vita…

MARTA – Ca’l faga cume ‘l vör…la parsimonia l’è na gran bella qualità… arrivederci e grazie!..

Scena ottava

CARUGATI, poi AMANDA

CARUGATI – (solo) Cosa la ma po’ dì? Varda! Hinn mìa di sass… è denaro! Ah! I des franch… l’avarìa podü tegnìssei. (legge) “ sto facendo delle follie e penso che ne farò ancora”.(parlato) Ma l’è pussibil?! Ah! Dolce angelo! (legge) “non dite niente a mio marito” (parlato) Füdessi scemo! (legge) “neanch’io dirò niente” (parlato) al speri ben…(legge) “prendetevi cura del mio uccellino” (parlato) Il suo uccellino? Quest chi al dev vess ul so marì… l’ha gà una manera de ciamà i robb…Certament al curarò ul tò uccellino…al curarò par bèn…(legge) “e se volete proprio essere adorabile”(parlato) Vedémm? (legge) “acquistatemi un paio di giarrettiere blu!” (parlato) Cosa? Un paio di…ma cert! A l’è intrigante…un paio di…sti robb succedan dumà a Milan…Vo de cursa a töghen un vagun strapièn…(legge) “Vi abbraccio firmato Amanda Beretta “ Ah! (entra AMANDA)

AMANDA – Ul tenur…sun emoziunada…

CARUGATI – Ah! Amanda, cara Amanda!…

AMANDA – Al pensa a mì…

CARUGATI – Sì, ta regalarò i giarrettiér…

AMANDA – Al ma vör regalà di giarettiér?…

CARUGATI – Na farò rivà una partiva intéra. Ah! Ma tì te m’amaret, dìmal, Amanda, mi amerai?

AMANDA – Ma sciur!….mì ami ul mè marì!

CARUGATI – Cosa! Lee?!…ma ghè mìa bisogn de dübità, sciura…(a parte) Ma chi gà dumandà un quaicoss? Tè chi un’altra scema!…

AMANDA – (a parte) L’ho fai stremì, poer fiö…(alto) vurevi dì che mì ghè vöri ben al mè marì, ma lassi mìa perd i altar amicizi…

CARUGATI – Ah! Davera? (a parte) e mi cosa me importa?.

AMANDA – ca’l diventa mìa ross, giuvinott…

CARUGATI – Ma mì sun no adrè a diventà ross, sciura!…

AMANDA – Inscì quand vo sül Domm… ca’l diventa mìa bianc ,giuvinott!

CARUGATI – Ma mì sun mia adré a diventà bianc, sciura!

AMANDA – Magàri sa sbatt ul co…una volta o l’altra…lü al vegnìva da bass, mì andavi da sura…mì ma sun fada da part…

CARUGATI – Andèmm dunca! Sa l’è sücess?

AMANDA – ca’l diventa mìa giald, giuvinott!

CARUGATI – Ma mì diventi no giald, sciura!…Questa qui la ma fa passàa tütt i culuur de l’arch-in-ciéel

AMANDA -  E da quél tucà legér ghè vegnì fö cumè una firapula…mì lü l’ho mìa vedüü ..Ma ho sentìi la so vuus (imperativa) Giuvinott!…

CARUGATI – Bene! Che culurr la vör adèss?

AMANDA – Giuvinott! Fèmm una pröva, ca’l disa un bot:”Tè! Hann saràa sü la scara!”

CARUGATI – “Tè! Hann saràa sü la scara!”

AMANDA – la ga suméia no a quela vuus… ga manca senz’altar la situaziùn… ul Domm e tütt ul rest… Ma al po no vess che lü… ghe n’è mìa in gir tanti che m’hann tucada!…

CARUGATI – Ma parché la ma dis sti robb chì?

AMANDA – Ve disi no che quèla tucada là in sü la scara l’ha m’ha infularmada, schisciada CARUGATI – Ghe no da meravigliàss, l’è inscì strecc dentar lì!…

AMANDA – Quel record al ma lassa mìa durmì… senti ul sangh che’l ma büiss in di ven…e di palpitaziùn qua e là…. A senti: “brououou” dapartütt.

CARUGATI – (a parte) Poverina! (alto) Ho cugnussüü ‘na sciura che l’ha pruvàa i medesim sintomi… gan dàa una pürga bela forta…e dopu un para da mes ghè nassüü un bel fiö.

AMANDA – Che ul ciéel ma na libera! (a parte) a pensi d’avée precipitàa un pu trop i robb

Scena nona

Gli stessi, COLOMBO, BERETTA, MARTA, GIULIA

COLOMBO – Ah! Cari amici, sunt al settim ciéel… al gà una vuus, ma una vuus!

BERETTA – Te le fai cantà?

COLOMBO – No, ma l’ho sentìi tussì! Inscì ho scrivüü direttament ai pufessur du la Scara par utegnì un’audiziùn

MARTA – Se te’l pregassat de cantà un quaicoss…

COLOMBO – Vulentéra…mio caro Carugati …

TUTTI – Carugati?

COLOMBO – Sì, citu!…ve l’avevi mia ditt… l’è ul fiö illegittim dul Carugati …ma diseghel mia a lü.. al sa vergogna

BERETTA -  Oh! Povero fiö!(stringe la mano a Carugati) Ca’l ma creda, ma dispiass immensament

CARUGATI – L’è trop bun da parte sua!(a parte) Ma sa’l gà ul dutur?(alto) ma parchè?

BERETTA – Nient, dumandi scüsa!…a vöri no dervì ‘na quai feriva

CARUGATI – Al ga credi ben… a l’è un lavurà da chirurghi quel lì…. Ma varda tì che famiglia strana

COLOMBO – Sent… te piasaria cantà un quaicoss?

CARUGATI – Mì? Ma nanca par idea!…

COLOMBO – Vedèmm, l’è mia pö un dramma.

CARUGATI – Riessi no a capì quela mania de famm cantà!

MARTA – Oh! Sciur, al po no refüdam sto piasé! A mì!

CARUGATI – (a parte) Lee! (alto) Ma mì gò no una vuus…

AMANDA – Andèm, via! Semper ‘sta scusa malarbetta!

CARUGATI – Pegg par vialtar, mì ghe c’entri mia!

TUTTI –  Ah!

CARUGATI – (a Marta, basso) Ah! Sciura, l’ha m’ha dai una bela pröva d’amuur!

MARTA – Mì?!…

CARUGATI – Sì, ma sa sentirèmm dopu che gavrò töi i giarettier

MARTA – A mì! Ma sto fiö l’è matt!

GIULIA – Che cosa ci volete cantare?

CARUGATI – Par mì l’è istess… mì so ‘na quai nota de “Era casta e pura come un fior”

GIULIA – Ah! La conosco, l’ho già suonata altre volte.

AMANDA – (a Marta) Se’l va ditt?

MARTA – Capissi mìa .. al vör damm di giarettier!

AMANDA – Ma pensa tì… anca a mì! Al dev vess una mania di tenuur.

GIULIA – E’ pronto?

CARUGATI – Eccomi (basso a Marta passando) Vi amo!…

MARTA – Ah! Signur! A sun amada da un tenuur.

BERETTA – Al fa  la curt a Marta!… ghe starò atent.

CARUGATI – (tossisce per schiarire la voce) Hum! Hum!

COLOMBO – Che bell! Cume sa capiss ca l’è un gran tenuur.

AMANDA e MARTA – Ah!

AMANDA – L’è maestuus

BERETTA – Citu!

CARUGATI – (cantando) “Era casta e pura come un fior!” (fa una stecca)

BERETTA – Ahia…al par un gatt ca’l mogna !

COLOMBO – Dove!…dove!…cascèmal via immediatament!

AMANDA e MARTA – Citu!

CARUGATI – “Era casta e pura  come un fior!” (stecca)

GIULIA – No, permette… lei scende… mentre qui sale.

CARUGATI – Per quel che ma riguarda, mì vo sempar gió, mai sü

COLOMBO – Sì, l’è  sempar inscì par i grand artista…sa cambia, sa cambia! Bravo! Bravo!

TUTTI – Bravo! Bravo!

CARUGATI – (saluta e ringrazia). (Si sente un organino in strada)

TUTTI – Oh!

COLOMBO – Che… che diavul l’è?!

MARTA – A ghè un barbùn sota la finestra.

AMANDA – A bögn butagh giò un quai ghel inscì al va via.

BERETTA – No! Tiremal sü, al fèmm cantà…

MARTA – Ma nüm ul nostar tenur ga l’emm già

COLOMBO – Prego, se te vörat tacà de növ… (ricomincia l’organino)

CARUGATI – Sa po no cantà in sta manera chi! Lü al sonna un’aria, mì na canti un’altra, ghè una curent d’aria insuppurtabil

COLOMBO – Una curent d’aria! Ah! Mio Dio! Al gà resùn! Al podarìa ciapà frecc! Svelti! Sarè sü i port! (a CARUGATI) ca’l sa quata sü par ben! (agli altri) Quatèmal sü!

BERETTA – (nel mezzo della confusione generale) Mì sarò mìa un espert, ma me par che quel giuvinott al sia stunàa ‘mè ‘n bòia!

                                                                      

ATTO II

Scena I

AMANDA, ROBERTO

AMANDA – Mettèm a post ‘sto lavurà… O Signùr! Ancamò un bigliétt dul tenùr! L’imprudente! El bel l’è che l’ha mettüü in dul mè cavàgn. Vurarìa no che un quavidün le vidéss! Eccu… inscì… cià ca’l leggi

ROBERTO – Non c’è dunque nessuno in questa casa…

AMANDA – (leggendo senza vederlo) “Bisogna assolutamente che le parli”

ROBERTO – Signora ….

AMANDA – (leggendo) “Lei mi ha voluto incoraggiare… ebbene io rischio”

ROBERTO – Mi sembra che abbia l’aria di non sentirmi… signora!

AMANDA – Lü al ris’cia… e mì?! Al capissi no ‘sto bagài! A l’è inscì loquace quand al scriiv e inscì stitich quand al parla

ROBERTO – Lei è dunque sorda come una zappa… (gridando) Signora

AMANDA – Eh!? Cosa!? Parchè al vusa mè un strascé?

ROBERTO – Le chiedo scusa, ma ho sussurrato per ben due volte… allora ho un pochino alzato i miei sussurri… ma lei sta bene signora?

AMANDA - Sì, cert, come no… (leggendo)” Io rischio”

ROBERTO – per quanto mi riguarda ho sofferto tutta la notte

AMANDA – Andèm, andèm… méi inscì, méi inscì

ROBERTO – La ringrazio (a parte) Non ha più l’aria d’occuparsi di me

AMANDA – “Di giorno non è sicuro… mi accordi per questa notte un incontro nella serra…” Eh!? Cus’è? In du la serra?

ROBERTO – Non potrebbe dirmi, almeno, dove potrei trovare la mia fidanzata?

AMANDA – In du la serra

ROBERTO – Nella serra… grazie… La raggiungerò nella serra

AMANDA – Nella serra!… alùra al sa nagott (leggendo) “Le giuro che tutto si svolgerà con rispetto…” l’è una scemada… “Rifletta… sono un galantuomo” Sì, molto galante, molto galante… “Se lei acconsentisse, dica a suo marito d’agitare il suo fazzoletto quando mi vedrà, cantando a suo gradimento o “lumaga lumaghìn tira fö ul tò curnìn” oppure “Cucu! Cucu, che bel ul mè cucu!” (due volte) e lei indicherà l’ora attraverso dei segni che traccerà sulla sua schiena… Mi farebbe molto felice…” l’è propri precìs quand al scrììv… “A proposito ho trovato delle giarrettiere… ma mi si chiede la misura…” Ciumbia… al gà tégn ai so giarettiér!

Scena II

AMANDA, BERETTA

BERETTA – Sa te set adrè a legg cus’è, micetta?

AMANDA – Mì? Nagott  

BERETTA – Come nagott? T’ho  vista ben… Sa l’è quela letra che te me scundet drè alla schèna?

AMANDA – Nient… ta disi… un documento senza importanza

BERETTA – Alura parchè te l’ett scundüü inscì de pressa quand sun rivàa??

AMANDA – L’è che…

BERETTA – Fàmala vidé

AMANDA – Podi mìa

BERETTA – Ah! Cara mia,tu te me fet pensà mal! Sta’ tenta! A vöri sto bigliett!

AMANDA – te ghe l’avaret mai

BERETTA – mì l’avrò mai? Amanda … tì te me buzònat… sta letra chì  l’è na letra d’amùr. Ah! E mì che suspetàvi nagott… Dàmala!

AMANDA – (a parte) Sun perdüda…(alto) No!

BERETTA – Eh! Dàmala … ta disi

AMANDA – Ah! Tè… Otello!

BERETTA – La scrittüra dul tenùr… Anca lee!

AMANDA –Légg no!(a parte)Ah! Signùr! Pegg d’inscì(alta) ‘sta letra chì l’è no par mì!

BERETTA – L’è mìa par tì? E par chi l’è?

AMANDA – L’è par… (a parte) Ah! Che idea! (alta) Te set bun de tegnì un segreto fina a la mort?

BERETTA – E anca dopu!

AMANDA – Ebèn ‘sta letra chì a l’è par la sciura Colombo

BERETTA – Eh! Par…? L’è vera quel che te ma disat? Prima de tütt, l’è no de meravigliàss…  Lü al gà ditt in d’una uregia, davanti a mì: vi amo … ho sentüü ben… Dunca, l’è possibilìssim… Agiüstarò mì i robb

AMANDA – In che manéra?

BERETTA – a purtarò ul bigliett a la sciura Colombo

AMANDA – Eh!? Fa mia una bambanada simil

BERETTA – mì la farò…

AMANDA – te podet no

BERETTA – E parché? ‘sto bigliett chì l’è indirizzàa a lee… e mì ga’l purtarò… l’è inscì facil…

Scena III

Gli stessi, MARTA

AMANDA – Lee?! Ah! (via)

MARTA – Buongiorno sciur dutur

BERETTA – Sciura bundì

MARTA – Ebèn? Ho fai scappà la so mièe

BERETTA – Sì!… Eh!… No! E ul so marì come al stà?

MARTA – A l’è nammò  turnà a cà… l’è ‘ndai a la Scara… ul sciur Carugati l’è dré a fa la so audiziun, e ul mè marì l’ha vursüü vess presènt al sò triunf

BERETTA – E lü ga l’avrà… al gà  una vuus inscì meraviglusa… Segund quel che sa dis a Luìn… parché mì… insomma…. Segund i mè urecc, la pensi diversament…

MARTA – E’ il metodo italiano

BERETTA – Forzi… lassèm a bui, l’è un fiö galant

MARTA – Ul mè marì l’adora

BERETTA – (a parte) ghè no de dübità… l’è sempar inscì! (alto) A pruposit dul tenùr… ecu un fuiét  che’l m’ha ditt de dagh…

MARTA – Vedèm… “Bisogna assolutamente che le parli…” oh! Sa l’è sfacciàa… Sì, sì… al so  de che sa tratta… a l’è una roba che gavevi dumandàa

BERETTA – Ah! L’è una roba…

MARTA – Sì… al ringrazi tanto (Beretta via)

Scena IV

MARTA, ROBERTO, AMANDA

MARTA – (sola) Sa po no mett in dì man una letra inscì cumprumetenta ad una terza persona.. Menu mal che ul dutùr Beretta l’è mìa diffident.

ROBERTO – Ebbene! Lo sa che Giulia non era nella serra. Toh! è la signora Colombo.

MARTA – Ma che faccia tosta che’l gà sto tenùr

ROBERTO – Signora

MARTA – Ma cus’è che’l ma po scrìiv?

ROBERTO – Signora (a parte) Ecco… anche lei è sorda come l’altra

MARTA – “Bisogna a tutti i costi che le parli.” Eh!?

ROBERTO – Ed anche lei legge… sono finito in una biblioteca?

MARTA – “Bisogna assolutamente che le parli.. lei ha ben voluto… Ben voluto… “

ROBERTO – Ben voluto incoraggiarmi… io rischio…

MARTA – Eh!? Lei! Ma come sa…

ROBERTO – Oh! Così… faccio delle supposizioni (a parte) deve essere una circolare

MARTA – Ma alura l’ha legiüda?

ROBERTO – No! Non conosco che questa frase… ecco tutto… qualche lettera di qualche postulante, vero? Non ha importanza

MARTA – Sì, giust… (a parte) al m’ha fai ciapàa un stremìzzi!

ROBERTO – E lei sta bene, oggi, cara futura suocera?

MARTA – Ma come? A l’è ancamò chi? (alto) Sì, sì. Molto bene… la ringrazi

ROBERTO – Io ho sofferto tutta la notte

MARTA – Via! Tant mèi

ROBERTO – si figuri… sto cercando la mia fidanzata per porgerle questo bouquet… La signora Beretta mi ha detto che era nella serra… ma non c’era nella serra

MARTA – No, no, in effetti… ma sa po mìa veggh un pu de pas durante ul dì

ROBERTO – lei non sa dove la posso trovare?

MARTA – Signùr ‘mè l’è nuiùs! (alta) Chi?

ROBERTO – La mia fidanzata!

MARTA – (a parte) Oh! (alta) In soffitta

ROBERTO – In soffitta? Che strana idea… Corro! Signora……

MARTA – Che’l vaga…. Vedèm un pu sa’l scrìiv…. “Mi accordi per questa notte un incontro nella serra…” Sa l’è matt?! Par chi al ma ciàpa? “Le giuro che tutto si svolgerà con rispetto…” Vurarìa ben dì! Tutto con rispetto… Disarìa anca mì inscì… “Rifletta… io sono un galantuomo…” No, no…. Podi no… cusa pensarla de mì? De nocc, pö, a l’è trop periculùùs… altar che tutto rispetto… Sì, però da un’altra part, se g’andassi no… ghè farìa un sgarbo, vist che’l m’ha ditt: io sono un galantuomo… al pudaria pensaà che gò mia fiducia de lü, inveci se vo….. a l’oblighi a vess gentil cun mì… E pö… e pö… al sarà mìa de cert un garbüj… “Se lei acconsentisse, dica a suo marito d’agitare il suo fazzoletto quando mi vedrà, cantando a suo gradimento o “lumaga lumaghìn tira fö ul tò curnìn” oppure “Cucu! Cucu, che bel ul mè cucu!” (due volte) e lei indicherà l’ora attraverso dei segni che traccerà sulla sua schiena… Mi farebbe molto felice…” … Ah! A duvarò … l’è lü che’l dà ul via…”Lei indicherà l’ora attraverso dei segni che traccerà sulla sua schiena…” Oh! No, quest no, sarà mai bona de fa na roba cumpagna… segnà ul mè marì… come una lavagna… “A proposito ho trovato delle giarrettiere… ma mi si chiede la misura.” Decisament, al dev vess un azionista de qualche atelier!

AMANDA – Marta!… Bisogna nascundigh tüscoss!… devi videgh ciàr

MARTA – Amanda!

AMANDA – (Si siede accanto) Come l’è invadenta!

MARTA – Mì?

AMANDA – Ah! Là! Ecco fatto !… Oh !…(Silenzio imbarazzante) l’ha vedüü par cas ul mè marì?

MARTA – Ma cert…

AMANDA – al gà cunsegnàa una letra…

MARTA – Eh!? Come la sa?

AMANDA – Al so, al so, parché ga l’ho avüda in di mè man

MARTA – Ah! Lee la gà avü… (a parte) Ma l’è propri matt ‘sto tenùr… l’è mia ul cas de fa na cadena de sant’Antoni de chì robb chi

AMANDA – Oh! … ma, la sa, quel bigliett… mì l’ho nanca legiüü

MARTA – Ah!… lee…. A fiàdi!

AMANDA – e lee?

MARTA – Mì! Ma par chi la ma ciàpa?… Mì a legi no sti missìv

AMANDA – Mì nemèn… a gò di princìpi… mì

MARTA – (a parte) la dübita de nagott… sunt a post

AMANDA – (a parte) l’ha legiüü nagott… mèi par mì… (alta) Ma ‘sto bigliet?

MARTA – L’ho bütàa via… sa la vurèva che ne fasessi?

AMANDA – Ah! L’avarìa pudüü dàmal indré

MARTA – (a parte) Varda, varda, varda…. (alta) Ho truvàa püssé giüst bütàl via

AMANDA – (a parte) Dop tütt… me ne freghi… ( si alza)l’ho legiüü! (alta) che la ma disa dunca… a l’eva senza dübi una quài dichiaraziùn d’un quài innamuràa?

MARTA – Quel bigliet? Oh, no!

AMANDA – Vün l’è no respunsàbil di sentiment che l’ispira… (si alza)

MARTA – ca la sa illüda no…al sarìa necessari che ‘sto innamuràa al füdess de boca bona … la roba la var no la pena…

AMANDA – (a parte) Saria mì la roba…che bucàscia…(alto) sa la vurèss dì cun: “la var no la pena”?

MARTA – A l’è mìa ul cas de ciapàsela inscì tanto… Ma ghè no de fass di illüsiùn… (siede) La ved… vüna la dev fa sü una crùs…. ad una certa età… una dona l’è no bona de fa sgurgà la passiùn

AMANDA – (a parte) Che betòniga! (alta) che la sappia che mì gò anmò l’età par fa sgurgà di passiùn… (siede al tavolo) a gò un’età

MARTA – (si alza) Geologica

AMANDA – Tra mì e lee ghe sarà la diferenza de una para d’ann

MARTA – la disa pür de una para de quinquenni

AMANDA – (si alza) Ah! Se ul Domm de Milan al pudèss parlà

MARTA – Ul Domm de Milan al gà nient a che vedè cun ‘sta roba chi (siede)

AMANDA – Mì so quel ca disi e gò anca i pröv (si avvicina)

MARTA – Capissi mia

AMANDA – Ah lee la capiss no!? Ebèn (allontanandosi un po’) L’amùr, cara lee… l’amùr… Certo che par lee…..

MARTA – Par lee … cosa? (si avvicina)

AMANDA – Lee la sa no duè che’l stà de cà l’amùrr …lee

MARTA – Adèss pö ! (siede al divano)

AMANDA – (incalzandola da dietro il divano) La ma vurarà mìa dì che lee l’ha spusàa ul sciur Colombo per amore!?

MARTA – (si alza avanzando verso il pubblico) se ne sa lee?

AMANDA – (la segue) al so, al so… sa ved… piscinìn, gras, peràa ‘mè na mundela, vecc… al par ul sò pà…

MARTA –(a parte) Che malmustusa!

AMANDA – L’è propi vera ul pruverbi ca’l dis: l’amore  è cieco

MARTA – (a parte) L a s’è mai vardàva in dul specc, lee! (alto) sa l’è dumà par quest anca ul dutùr Beretta, ul so marì, al gà no ‘na vista tant bona

AMANDA – (a parte) Che ganàssa! (alto) Mì sun certa che sa po capì benissim un òmm mìa tropp vecc… anzi pütost giùvin… che’l gà no l’imbarazzo du la scelta.

MARTA – L’è dré a parlà dul tenùr par cas?

AMANDA – (a parte) L’eva ura che te’l capissat (alto) ul tenùr, ul sciur Carugati, la dis? Al m’ha interessa propi mìa (al divano)

MARTA – (a parte) Che büsarda! (alto) Ah! Vurèvi ben dì, mì! (le si avvicina) Parché lü a l’è giuvin.. lü!

AMANDA – (a parte) E dai cul giuvin (alto) Infine… hinn robb ca sucèd dumà sül tecc dul Domm (siede)

MARTA – Ah! Sicür! Dumà sül tecc dul Domm… in ‘sta cà no de cert! (al divano in piedi)

Scena V

Gli stessi, BERETTA, GIULIA, COLOMBO

LUCHO – Està gliegando el segnor Colombo! Ha un’aria mas abbattuta!

MARTA – Ah! Signùr… sa l’è sücès cus’è?

AMANDA– Parché ‘sta facia?

GIULIA – Che c’è? (entrando da sinistra)

BERETTA – Sa ghè? (entrando da destra)

COLOMBO – Ah! Amici miei! Dèmm scià un quaicos da fort… soccorretemi! Ghe la fo pü… Ah! Che culp! Ah!….. (Si siede su una sedia che gli passa dopo un po’ di mosse Beretta. Lucho va a prendere un bicchier d’acqua che passa a Beretta.. Beretta lo beve… stessa scena un paio di volte) Ecu, lü l’ha pasada la sua audiziùn… bella roba! Cari amici, un disastar!

TUTTI – Ah!

COLOMBO – Ah! se già ma füdessi ferà ier…. Quand l’hemm fai cantà, mi me disevi…. Sarà… ed anca tì Beretta, te mel diseati… è buffo…n’è vera?… ma mi pensavi: il fatto l’è che nüm semm no musicisti… se lü l’è famùs, al gavarà senz’altar na bela vus… Ah! Te sicü che lü l’è ben sopravalütàa… a l’è inscì che sa procüran di meriti certa gent… duvevi diffidà…. Oh! Che casciaball de l’ostrega!

TUTTI – Alüra?

COLOMBO – dunca, semm rivà a la Scara: i dirigenti ma ricevan e sa passa immediatament nella sala audizioni. A serum lì dumà nüm dü e la giuria. Questa giuria a l’era composta dal direttur, dal capo orchestra e da un pompiere che’l caminava avanti e ‘ndrèe. Il capo orchestra al dumanda al Carugati quali even i arij che’l desiderava pruvà… Al respund che’l cugnoss abbastanza bene “La vispa Teresa avea tra le erbette”.

GIULIA – Ma non appartiene al repertorio classico…

COLOMBO – Giust…e al sa mett adrèe a cantà ul suo pezzo forte:

BERETTA - Era casta e pura come un fior.

COLOMBO - Prori quela lì. A mì m’è ciapà adoss una squagia, perché l’aveva mia cantada tan ben ier, chicginscì. A la fin, ma diso: sperèmm in Dio… e al s’è mettüü drè a cantà… se sa po ciamà cantà quela nenia lì… l’eva stunàa… e föra tèmp… E al pretendeva che l’era il piano che l’era stunàa e ul pianista che l’andava tropp de pressa… ma ghè stà nient de fa… la giuria a l’eva strcüntada

GIULIA – E il pompiere…..

COLOMBO – Il pompiere? Quale pomp…ah! Lü, al diseva nagott… Ma sa videva che l’era mìa cuntent… E mì me sentivi tütt i öcc adòss. Ma pareva da vess un paiasc, o un ladar catà in sul flagrante…e quand sunt vegnüü via tücc a vusamm adrè che ul teatar l’è no un circul dua sa füma mariuana o un centro di recupero per drugàa… Ah!… Disgraziàa

GIULIA – Calmati, papà

COLOMBO – Calmati… calmati! L’è facil da dì… se’n fo adess de sto delinquent? Perché mì gò un contratto cun lü… un contratto che’l ma liga man e pèe cume ‘n asan… 3500 franch al mes… ho cumprà a scatola chiusa… l’è prpi vera ul pruverbi che’l dis : dì mia gatt se te ghe l’è no in dul sacc

MARTA – Vedèmm… te sett sempar esageràa in di ropp… Forse ul Carugati l’è un pu stracc… ul cambiament dul clima… se sa mai… ul viagg… l’è rivà dumà ier. Te ghe mia lassà ul temp d’ambientass… te capisaret chese l’è una celebrità a Luin, al vör dì che’l gà dul talento, no?

COLOMBO –  No!Ah!… Uh!… l’è una nullità! Disgraziàa!!

Scena VI

COLOMBO, CARUGATI

CARUGATI – Sunt chì

TUTTI – Lui!

COLOMBO – Tì! Disgraziàa (lo insegue)(inseguimento generale, poi tutti escono tranne i due)

CARUGATI – Möri da la famm

COLOMBO – Ah! Tì te mörat da famm… l’è giüst… E sunt mì quel che duvarìa impienì i bocc inütil… parassita, mangia pan a tradiment?

CARUGATI – Parassita? Che’l sa spiega

COLOMBO – Speri che te se vantarett mìa de vess stà brillante a la Scara

CARUGATI – Mio Dio!

COLOMBO – Ah!… Te sett no se dì? Te sett da boca bona… te mìa vista la facia che’l faseva ul pumpier… l’è na vergogna caro ul mè giuvinott!

CARUGATI – ul sbali lè stai ul sò… al duveva mìa famm cantà

COLOMBO – Ma par che i tenur  a sian mìa fa par lustrà i scarp

CARUGATI – Giusto… ufelè fò ul tò mestèe…. L’eva facile verificà che mì s’evi mìa in di cundiziun….

COLOMBO – al ma pudeva vertì… ghèmm vü ul temp

CARUGATI – pensavi che’l füdèss mia seri… a Luin a dìsum: casciaball mè un milanes, alùra me sun dì: ul sciur Colombo al vurarà fò un quai scherzett a la Scara. Devi no cuntradìll

COLOMBO – gran bela pensada… Ma adès cusa te fò fà,eh?! Mì podi mìa tegnat chì par i tò bèi öcc… Quanto a la Scara… beh lassèm a büi. Se te sett bun de fa, vedèmm un pu? Te sett bun da scrìiv, da fa sü i cünt?

CARUGATI – Euh… euh…

COLOMBO – vedèmm... 35 più 9, quant al fa?

CARUGATI – 35… e 9… 35,36,37…

COLOMBO – Ma te ghet bisögn de cüntà süi did?

CARUGATI – No… solamente che süi did… a l’è püssè comud

COLOMBO – Oh! Püssè comud! … l’assèe che vün al sia sena un did …alura… sa po mìa fa un uperaziùn giüsta… No!… (a parte) Cusa podi fann d’un bamba cumpagn? (alto) so no… ta farò fa un quaicoss… una cumissiùn ad esempi… e pö la matina te darèt na man a fa sü i lecc… te farèt giò la pulvura…

CARUGATI – Io?

COLOMBO – Sì, tì! Bisogna pür che ta sìat ütil in quaicoss… pagà di tenur 3500 franc mè dumestigh l’è grossa, eh!

CARUGATI – mì? Carugati … a netà i cess? Vò sübit a scriv al papà

COLOMBO – Ma scriv anca al president della repubblica! O al papa, tant e tant l’è istess… chi ga smèna sunt mì

 

Scena VII

CARUGATI, GIULIA

CARUGATI – l’è tropp! Ümiliàm fina a chel punto chi… sta matina, al ma purtava sura na man sola, al ma metteva adòss di foulards e adèss al ma trata mè un can in gesa… oh!

GIULIA – Siete arrabbiato, signor Carugati?

CARUGATI – a l’è ul sò pà. Signorina… al vör che neta i stanz, i cess, che lüstra i parquet, ul so paparino….

GIULIA – Oh!

CARUGATI – ancamò un pu e sunt ul so tirapèe

GIULIA – Povero ragazzo! Papà non pensa quello che dice… (a parte) Come si può umiliare un così bel ragazzo?

CARUGATI – Oh! Signorina! Al m’ha ferì in dul prufund… e se mì ma fudessi mìa trategnü dal fascino d’una persona….

GIULIA – (a parte) E’ possibile? (alto) Una giovane persona?

CARUGATI – Una giovane persona… ma la podi mìa numinà

GIULIA – No… non nominatela… mi fareste arrossire

CARUGATI – vedi no ul parchè… (a parte) Amanda adès l’avrà già ricevüü ul mè bigliètt, chissà sa la pensarà?

GIULIA – Sono ben contenta della confessione che voi mi avete appena fatto… Ah! Ben felice… E vi sono grata per la vostra discrezione

CARUGATI – La discrezione l’è la prima qualità d’un omm (a parte) e lee la vurarìa savè chi l’è, la piscinina…(via)

Scena VIII

GIULIA, AMANDA, MARTA

AMANDA – Chi l’è drè a ‘ndà via da quela part?

GIULIA – Il signor Carugati … ha avuto un battibecco con papà.. è profondamente ferito… è andato a mangiare

MARTA – a l’è la pröva che al gà dul cör

AMANDA – e dell’appetit

MARTA – Ul tò pà l’è da là?

GIULIA – No. Lo stai cercando?

MARTA – Sì… gavarìa bisögn de lü… (a parte) per segnal

AMANDA – Anca mì devi truvà ul mè marì… (a parte) Ho fregà un gesètt in du la sala del biliard

Scena IX

Gli stessi, COLOMBO CARUGATI

COLOMBO – Va ben… tì te mangiarèt dopu… ades va’ a disinfestà i rös dai gübèl, anca lür besti inütil, mangia pan a tradiment… ma almen chì lì a sa destrügan.

MARTA – Oh! Te sett un bel vilàn quadar

GIULIA – Povero ragazzo!

AMANDA – A l’è un’umiliaziùn trop granda!

CARUGATI – Che umiliaziùn! Se gavèssi mìa una rasùn par restà chì! (a Marta) Alùra… la vör che ghe faga adrè al so üsèl?

MARTA – Eh!?

AMANDA – Che’l faga atenziùn, ul mè marì al suspeta un quaicoss, al s’è curgiüü dul so amùr culpevul🡩

CARUGATI – Benissim… ghe l’ho dit mì!

AMANDA – Lü? Oh signor di povarit! E come l’ha ciapàda?

CARUGATI - Lü!? Ma sa la vör che ghe ne frega? Lìha dì dumà… Ah!… sarà per la rarità dul spetàcul…

AMANDA - Come l’ha dì dumà… che vigliacc… Evaben! Ma farò mìa da scrüpul… Signore… speci i sò giaretier.. porti ul 58 da gamb..

CARUGATI – Ah! mì… lee… 58… lee la porta ul 58… ma fa piasèe… (a parte)  a g’han e la mania di giaretier in sta cà chì? Ghe l’avràn in dul sang

COLOMBO – perd mia temp… va’ a disinfestàm i rös… svelt… (via Carugati)

Scena X

Gli stessi, meno CARUGATI

MARTA – Cum’è? Te’l mandat via?

GIULIA – Oh povero ragazzo!

COLOMBO – Ma dua sta il povero ragazzo? Te set se’l guadagna par qel zicch ca’l fa, il povero ragazzo? 3500 franc al mes, e tì te’l cumpatissat…

AMANDA – l’è no una rasùn sufficiente per tratàl inscì

GIULIA – Tu lo hai ferito profondamente!

MARTA – tì te set dumà un egoista e basta

AMANDA .- E anca un vilàn quadar!

COLOMBO – Vilàn, mì?

LE TRE DONNE – Sì… vilàn…vilàn…vilàn!

COLOMBO – Là… là… là…calmèvas un pu

MARTA – Omm senza sentiment! Te mai capì nagott

LE TRE DONNE – Nagott, nagott, nagott

COLOMBO – E l’è par chest che ho töi mièee: dü volt

GIULIA – Povero ragazzo… vado a cercarlo in giardino… per portargli una parola di consolazione

AMANDA – mì vo a cercà ul mè marì… devi segnàl par ben…. Ah! Gò da ricambià: per la rarità dul spetàcul

Scena XI

COLOMBO, MARTA, LUCHO, ROBERTO

COLOMBO – riessi no a capì cume se fa a cumpatì un mangia pan a tradiment…sunt mì che gò da vess cumpatì, altar che!… me dumandi se ghe sarà un quai teatar o circo equestre  che’l vöraràn

MARTA – Chissà? Pröva a cercà… (entra Martine)

COLOMBO – Ma chi è che’l ciaparà un tenur senza vuus

LUCHO - Chiedo scusa ai signori… In ogni commercio c’è sempre un mezzo di rimettere in circolazione i fondi di magazzino… Mio padre, che era venditore di cavalli, quando aveva un ronzino da vendere… gli metteva un peperoncino sotto la coda e l’affare era concluso… Suggerisco questo rimedio al signore

COLOMBO – Sa po’ no

MARTA – Ma parché?

COLOMBO – I tenuur gàn mia la cùa

LUCHO – Oh! Stavo olvidando… ero venuto per annunciare la visita del signor Roberto

COLOMBO – Fall vegnì avanti

LUCHO – Bene, (esegue e poi si ritira)

ROBERTO – Futuro suocero… futura suocera

MARTA – l’è vegnüü chi per la so murùsa?

ROBERTO – Sì, figuratevi, non ho fortuna. L’ho aspettata in solaio, ma non era là

MARTA – A l’è in giardin

ROBERTO - (a parte) Attenzione a non dire cretinate .. Il consiglio di mammà (forte) Vorrei portarle questo bouquet…. Alla mia fidanzata…. Sarei così felice di vederla

MARTA – (a parte) Ma se’l gà cus’è? (alto) Al ghe capita de spèss? (a parte) Giulia ma l’veva dì, ma mì ma s’evi mai curgiüda (alto) Se’l vör vidèe la mè tusa …a l’è in fund al giardin… l’è drè a vardà i göbèl

ROBERTO – I cosa?

MARTA – Gübèl, cioè… i maggiolini

ROBERTO – Ne avete tanti di maggiolini?

MARTA – Ah! ma… podi no suppurtà quèl tic (alto) Ma ghè mìa rimèdi par quest?

ROBERTO – Sì… si prende dell’acqua bollente e si scotta… ciò uccide radicalmente

MARTA – Eh! Che trattament barbaro!… No, mì, cugnòssi un altar mezz. Ho sentü dì d’uno specialista… al sa ciamàva Demostene… al meteva di sasitt… al po’ pruvà anca lü

ROBERTO – Per i maggiolini?

MARTA – Ma no! Par ul sò difett… lì

ROBERTO – Oh! Per il mio… Oh! Ciò… ciò non è nulla… non preoccupatevi… vado a ritrovare la signorina Giulia

Scena XII

COLOMBO, MARTA

COLOMBO – (a parte)Ah! Se lü al pudèss almen truvà dumà par 12 ur la so vuus…

MARTA – l’è ura che ga parli al mè marì par ul segn…. Duvarìa fagh dì… oh! Ma come?… Come? Ah! Che idea!… sì… (alto) Dimm un pu… te vörat davera che ‘l Carugati al tröva la so vuus? Ebbene! Mì gò ul mezo… ta garantissi nagott… però… te’l disi par quel che l’è… no… gò vergogna… te sa metarèt adrèe a rid…

COLOMBO – No… no… dimm

MARTA – sa trata de una formula empirica… me l’ha rivelà una cartomante… a l’è infallibile… quand un cantante al perd la so vuus, ghè dumà un mezo molto semplice per fagala riturnà

COLOMBO – alura?

MARTA – alura… ecco… Quand ul Carugati al rivarà scià, tì te sventualet ul tò panèt inscì… e te disaret trì volt “Cucu! Cucu, che bel ul mè cucu!” 

COLOMBO – inscì? E pö?

MARTA – l’è tütt

COLOMBO – dumà quest? A l’è un rimèdi stüpid

MARTA – al costa nient pruvà

COLOMBO – Ma… pruvarò, sa roba chi la pudarà mìa pegiurà la so vuus

MARTA – (a parte) Ah! E l’ura da segnà? …i dò… l’è un’ura bona (alta) Ah!

COLOMBO – Sa ghè anmò?

MARTA – Giras

COLOMBO – Ma parché?

MARTA – Vün, dü … ecco! Ai dò!

COLOMBO – Ah! Te me fet o ghilitti… se te set drèe a fà?

MARTA – Nient… m’è parüü da vidè una bestiulina sü la tò giacheta

COLOMBO – E alura?

MARTA – E alura… nagott… Ho sbalià a vidè (a parte) E ades ul Carugati al sa quand al dev vegnì par ul puntèll (escono)

Scena XIII

BERETTA, AMANDA

AMANDA – inscì… .te capì ben?

BERETTA – Sì… sì… Micetta… (a parte) Ah! se par cas sto esperiment chì al va in port, mì rinunciarò a l’arte medica. E’ idiota! O signur, cume hinn credulòn i donn

AMANDA –Ho fissà ul puntèll pa i trè:Trì segn! L’è l’ura che ul mè marì al runfa mè un sass(alto) Ta lassi

Scena XIV

COLOMBO, BERETTA, CARUGATI

COLOMBO – sa te fet cult ò panètt in man?

BERETTA – E tì cul tò?

COLOMBO – mì…? Nient… speci da starnüdì

BERETTA – mì, inveci… eccu, te ghet mìa idea du la scemada che gò de fà … l’è ul Carugati che speci

COLOMBO – Par starnüdì?

BERETTA – Ma no!

COLOMBO – eccu ta vöri dì la verità… anca mì a speci ul Carugati

BERETTA – Ma no! M’han dì che se agiti ul punett, la so vuus la resüscita mè un miracul

COLOMBO – Sì… bisogna dì tri volt Cucu! Cucu, che bel ul mè cucu!” 

BERETTA – Ah! No

COLOMBO – Sì

BERETTA – No… Micetta la ma dì che bögn cantà “lumaga lumaghìn tira fö ul tò curnìn” e giragh aturna come la danza dul ventar…

COLOMBO – Du la pioggia, forzi

BERETTA – Ah! Sì! Atenziun!… te’l là!

CARUGATI – E voilà! Speri che’l sarà cuntent! I ho mazà tücc i so gübèl…. Ma… se gavì tücc e dü?

COLOMBO e BERETTA (insieme) – Cucu… Lumaga…

CARUGATI – Ah! Ul segnal ! Ul segnal ! Oh! Che gioia! Lee la cètta!

COLOMBO – Ta vedat cume al sa agita?

BERETTA – A l’è l’inizi dul cambiament

CARUGATI – Pora dona… la cred che ul so marì l’è mìa assè… l’ha cercà un rinforz

COLOMBO – come ‘l sa sent? Al pröva un quaicòss?

CARUGATI – Ah! Sì, sì… ma par da vèss al settimo cielo

COLOMBO – a lè ul rimedi

BERETTA – sunt ancamò un pu scettich, ma pruvarò sti metodi cunt i mè maràa

COLOMBO e BERETTA – Cucu… Lumaga…

CARUGATI – Oh! Ma basta… l’è assè

COLOMBO – Cittu, parla no!… püssè ga n’è mej a l’è

BERETTA – Ma sì, a l’è par ul tò ben

CARUGATI – Ah, sì? Par ul mè… so no se dì…

COLOMBO – Cucu…

CARUGATI - Vün, dü… ul puntèll a l’è par i dò

BERETTA – Lumaga…

CARUGATI – Vün, dü, trì….o signur! Chì ghè trì segn… Oh! Sarà ai dò… o ai trì? Eh no! La sciura l’ha dividüü  ... a bögn fa la somma. Dü piü trì

COLOMBO – Cinqu… dü piü trì…. Cinqu

CARUGATI – Era casta e pura come un fior

BERETTA – L’ha ritruvà la so vuus

COLOMBO –E mì ho ritruvà ul mè tenuur …!

Scena XV

Gli stessi, ROBERTO

ROBERTO – Ma che succede?

COLOMBO – Ah!  L’ha ritruvàa la so vuus

ROBERTO – Chi?

COLOMBO – Ul mè tenuur

ROBERTO – Ah! Davvero?

COLOMBO – Fermas un bott! Ritaca a cantà, inscì al po’ scultà anca lü. Beretta, ul tò panett… anca tì, Roberto, agita ul tò panett, rinforza ul rimèdi

ROBERTO – Ma cosa canta?

COLOMBO – sa’l canta? … era casta…. Adess scùltal… Forza Carugati

CARUGATI – Ah! Al vör che mì.... Bene! Era casta…

COLOMBO – Alùra?  L’è un miracul

ROBERTO – Sì, sì… era casta

COLOMBO e BERETTA – Anca lü!

CARUGATI e ROBERTO – era casta…..

                                                                        

ATTO III

Scena prima

LUCHO, BERETTA, COLOMBO

LUCHO – Caramba! Come hè dormido male! Per tutta la noche mi è sembrato di sentire camminare arriba y abaco per la casa… Hè tenido incubos! Hè sognado che me stavo casando con la segnora Bereta! Era ancora mas grandote e grossote che in realtà…. Ma ecco tutto ad un tratto gliega davanti la suegra… che abìa la cara de la segnora Marta.. ed era contraria al esposalizio… e el cura abia la cara del segnor Bereta… che al posto della benedizione mi allunga un gran pugnasso… Allora jo me defendo come puedo e gli restituisco il pugnasso… lo sento ancora… devo aver pugnassato il muro… Ma… cosa significa quando si sogna el cura? Vediamo un po’ sulla Chiave dei sogni (estrae il libricino) E’ infallibile! Hè conosido una balia che gli era stato predetto che su hijo avrebbe maneggiato milioni su milioni… E’ diventato bancario… Vediamo… cura, cura vedi anche prete… prete, prete vedi anche scaldaletto…. Bene: scaldaletto, vedi prete…. Eh no! Asì non la finiamo più…

BERETTA – Ah! Lucho,

LUCHO - me diga,

BERETTA -  Ul mè amis Colombo e il tenur hinn anmò in di so stanz?

LUCHO – No, e non riesco bene a capire… Ay pasado quasi le undici… e ninguno si è ancora fatto vedere… come se avessero vegliato toda la noche… Credo, tra noi, che se hoy dia si dorme così a lungo è porché, ieri, la cuoca avrà messo qualche calmante nella minestra..

BERETTA - Ma disèm mìa di bambanàd, Lucho … püttòst a l’è la to papa a la guancaina piena de scigol che la va sü e giò de nocc

LUCHO – Segnore no.. la me offende… el mangiare peruviano no fa del male

BERETTA – Lassèm a büi… püttost, vedi che te set a dré a fa giò la pulvur… l’è mei che staga un pu luntàn…. A vöri no ciapàm adòss tütt i microbi infett…

LUCHO – Oh! el segnore può restare… Quando io spolvero… faccio ben attenzione a non sollevare la polvere… e poi adesso hè degià terminado

BERETTA - Ah!

LUCHO – Sì, è la cosa bella de este trabajo... quando uno vuole, hè terminado

BERETTA - Oh! Ma ecco ul mè amis Colombo… va de là e lassum chi in de par nün

LUCHO – Bene, segnore

BERETTA – Eh! Te rivat finalment

COLOMBO – Eccomi… te vist ul Carugati?

BERETTA – no

COLOMBO – te set no se par cas al gabbia anmò la so vuus?

BERETTA – Ah! Crico de ges, l’ho pü vist da ier sira

COLOMBO – Dopu tütt, a sun tranquill, a ghemm ul mezo par… Cucu etc.…Ah! signor benedetto, però inscì a podum mìa andà a la Scara!

BERETTA – In fede mia, credi che inveci a podum andà…. Gò un dubi che ma passeggia in dul cervell …. Credi che quel Carugati lì al t’abbia vurüü ciapà pa’l cü.

COLOMBO – te disat che l’è mìa un tenur?

BERETTA – Al cuntrari…. Dumà che al dev avè una quai resùn per tegnil scundüü

COLOMBO – Ta credat?

BERETTA –  Ciumbia! Te capisaret, l’è no pussibil che’l gabbia avüü na scì gran fama de gran artista: l’è cumpletament afono… par mì l’ha üsmàa l’ingann… l’ha savüü che la Scara la vureva ingaggià, alura, pentì d’avèe già firmà cun tì, a l’ha vurüü fat cred che al gaveva pü de vuus.

COLOMBO – Oh! L’è no un’idea malvagia… Carugati l’ha savüü… menu mà che tì te l’he capì subit…. Nüm semm mia imbecilli cume al cred lü…

BERETTA – Cricu de gess… l’è ciar cume ul su…. Una vuus la sa perd mìa in dü dì… Mon Dio! Che lü in fin de la fera la poda perd, forzi al po vess… anca parchè ghè un quaicoss in quel fiö lì… te’l set… è molto libertino, e par la vuus…

COLOMBO – Ah! Te credat che…

BERETTA – Lü!… ma basta che ‘l üsma una quai festa da ball… ma come? Te nutà nient? Tì?… Ebbene… a ghè una dona da mezz!

COLOMBO – Ho vist, ho vist… (a parte) l’è la so mièe, ciumbia

BERETTA – Oh! Mì farìa mai ul so nomm

COLOMBO – No! E mì nemmèn…

BERETTA – (a parte) mì al farìa no parchè l’è la so dona

COLOMBO – (a parte) cume fò a digal? L’è la so dona…

Scena II

Gli stessi, CARUGATI

CARUGATI – Sunt chì!

COLOMBO – Ah! caro ul mè fiö, t’ho sentü fa di gorgheggi poc fa…

CARUGATI – Mì? Mai in vita mia

COLOMBO – Cum’è, mai in vita mia!

BERETTA – No… al dis la verità… l’era ul scarich dul cess!

COLOMBO – Ah! L’era ul scarich dul… al scarèga ben… cum’è lü del rest… parchè tì te ghet una bela vuus. Ah! Balabiot! Ah! Te set un bel balabiot

CARUGATI – Mì? Mìa püssè de vialtar…

COLOMBO – Via! Vedèm un pu… ghè mìa bisogn de tanti segreti… e làssala vegnì föra

CARUGATI – Chi?

COLOMBO – Ma la tò vuus, diamine! Ul do di petto

BERETTA – Andèmm… N’è vera? Al semm tü che tì te set un gran tenuur

CARUGATI – Mì? Ma ma scappa da rid

COLOMBO – Fa’ un pù… (canta la scala) a.a.a…

CARUGATI – (canta) a.a.a.a……

COLOMBO – Püssè fort

CARUGATI – (gridando) a.a.a.a…..

COLOMBO – Eh! L’è ancamò un pu stunà, però…

BERETTA – Scherza, scherza… al ma tö in gir

CARUGATI –Mì?

COLOMBO – Ma sì… pensigh sü ben…a l’è la fama dul sücès che te fai a Luin che m’ha convinciü a uffrit un scì brillante ingagg..

BERETTA – te ghet una vuus da dio! L’è inütil che te’l scundat

CARUGATI – Oh! Ve sicüri che fina mò ma scuragiavan sempar quand tacavi a cantà… ma disevan: fermas un bott che te fet piang i gatt.

BERETTA – ghinn sempar di invidiuus che cuntrastan i vucaziun

CARUGATI – Do, re, mi…. Era casta e pura….

COLOMBO – cricu de gess! Sempar la stesa canzun…. Te podariat cambiala una quai volta

CARUGATI – al gabia mia pagüra! Na impararò di altar

BERETTA – cun quela vuus divina che te ghet…

CARUGATI – al credi ben…. Chichinscì a Milan la sa tröva no… bisogn anda a Roma… Se vialtar fudes stai cume mì a la Cappella Sistina

BERETTA – Eh! tì… a la… tì…

COLOMBO – Alla ca… ca… ca

CARUGATI – Parché a ma parlan in arabo?

COLOMBO – No, parli no arabo… sevi drè  dì … alla ca.. ca… sa t’è dì cus’è?

CARUGATI – Ho dìt: Se vialtar fudes stai cume mì a la Cappella Sistina …a savì benissim che i cantori hinn…

BERETTA – (in falsetto) Voci bianche…

COLOMBO – Sì, sì, al semm…

CARUGATI – pudè mia imaginà l’intesità du l’armonia che la scatürìs da chì vuus inscì pure, inscì all’unisono, che cantan la sò part cunt un’anima…

BERETTA – Ma un giuvinott mè tì parchè l’è andà là dentar?

CARUGATI – Duè? Alla Cappella Sistina? Ecco… sevi a Roma… gavei un pu de malinconia… e vegni a savè che la mè murusa la stava insema a un odontotecnico napoletan

COLOMBO – Odontotecnico

CARUGATI – Sì

BERETTA – Napoletan

CARUGATI – Sì!

COLOMBO + BERETTA – Eh! Un dispiasèe d’amuur !

CARUGATI – Mettevas in di mè pagn

COLOMBO + BERETTA – Grazie no, no

CARUGATI – par dismentegà sunt abdai avanti e indrè par i stràa de Roma, in da par mì, scoraggià, disgustà da la vita e dai donn…

BERETTA – Sì,Sì

CARUGATI –  tütt a un bott sa vedi denanz a mì? La Cappella Sistina! Par un omm che l’è in da par lü a Roma cunt una malinconia adòs in pü e una murusa in mèn l’è stai una liberaziun… Ho dì: Diamine! L’è ul ciel che ma la invia! ‘ndèmm dentar la Cappella Sistina

BERETTA – vardè come la nass di volt una vucaziun

CARUGATI – podi dì d’avèe truvà vüna de chì scoss pussèe grand du la mè vita

BERETTA – ta credi ben

CARUGATI – A sevi nammò dentar del tütt, che sentivi la mè anima ciapàda da quel canto celestiale… sevi avvinto, stregàa… sevi pü un omm… sevi Ah! So pü sa sevi…

COLOMBO – Lassa stà povar fiö, stà mia lì a pensagh a sura

CARUGATI – Infin, me credì se ve cunfessi che ho piangiüü? Sì, ho piangiüü mè un pulastar

COLOMBO – Ma varda! Mì avria mai pensà che i pulaster in quel mument…

BERETTA – L’è senza dübi la pruspetiva dul capùn lessàa

CARUGATI – L’eva tanta l’estasi, che ho neanca fa atenziùn a quel che ma capitava

COLOMBO – Che stoico

CARUGATI – Al desmentegarò mai (cantando) A…a….alleluja

COLOMBO BERETTA – In excelsis Deo!!

COLOMBO –(prendendolo a parte)Dimm un pu, e mì che credevi che te fasevat la curt a la sciura Beretta.

CARUGATI – Capissi mìa ul rapport

BERETTA - (prendendolo a parte) Dimm un pu,  mì s’evi persuàas che te cultivavat la sciura Colombo.

CARUGATI – A s’hinn passà la parola chì dü chì

BERETTA + COLOMBO – (dandogli la mano) Oh! Povar fiö

COLOMBO – E adèss scriverò a la Scara… tì te se sfurzarèt de vess brillante…adèss che so ul tò segreto a ma importa pü nagott… a prövum?

BERETTA – Pruvèmm (agitano il fazzoletto)

COLOMBO + BERETTA – Cucu…..

CARUGATI – Oh ! no, grazie… gà n’ho assèe

COLOMBO – te ghet rasùn… l’è mei specià i grand ucasiùn (a parte) Povar fiö (alto) Beretta andèmm a scrivv la nostra letra

BERETTA – Andèmm Colombo

Scena III

CARUGATI – MARTA

CARUGATI – Oh! Sì, gò n’ho assèe! M’han già töi in gir assè iér, ma adèss ghe riüsiràn pü! (cantando) Era casta….. Però l’è vera, eh, a gò na bella vuus… ma pensa tì che gò mettüü 24 ann a corgium! (canta) sta mattina, ai cinq ur, come avevi stabilì, dopu una nott in bianc o presapoc… parché gò vüü sempar di incubi… ho sugnà ippopotami… ai cinq ur, salti giò dal lecc e, un südur ünich, vò de bass in la serra… Pensi: lee l’è drèe a rivà, la speciarò…. Ciao peppa, ho specià fina ai vott… ma dumandi…. Se la gaveva mia intenziùn de vegnì la gaveva mia bisogn de stressà ul marì e l’altar so amis par fagh agità i panett…

MARTA – Ah! L’è rivà!

CARUGATI – Ah! Lee… s’evi adrèe a dumandam la stesa roba

MARTA – Al cred che ‘l sia gentil fa specià una sciura par nagott?

CARUGATI – chesta chì la ma pias!

MARTA – Un’ura, caro el mè giuvinott! Un’ura l’ho specià! E avrìa pudü specià anca püssè se la füdes mia rivada scià all’impruvvisa la mè amisa

CARUGATI – L’amisa?… Ah! quela grossa!

MARTA – La mè amisa si, ai tre ur, cun la scüsa che la gaveva un mà de dent che la lasava no durmì l’è vegnüda in la serra… Alura, mì gò dì che gavevi una nevralgia, par salvà i apparenz… emm spaseggià tütt e dò… in lung e in larg… Infin, siccome lee la gaveva mia lìaria d’andà via, anzi la ma consigliava a mì d’andà a durmì, a sunt vegnüda via par mia insuspetìla

CARUGATI – No, no, sciura… trii ur, mì, tri ur mì l’ho spetada… a s atrata mia d’un’ura

MARTA – Lü al m’ha specià? Lü??

CARUGATI – Propi mì

MARTA – In du la serra?

CARUGATI – Sì, in du la serra… ghe n’è dumà vüna pensi

MARTA – Büsard mè giüda!

CARUGATI – Ghe giüri… Ma le la vör famm passà da la part dul tort

MARTA – Ca’l faga mia tropp quell’aria innucenta

Scena IV

GLI STESSI, COLOMBO

COLOMBO – E ben! Se ghè adèss da resià?

MARTA – Nient … sa parlava del pü e del menu…

CARUGATI – L’è la sciura che la ma acüsa ingiüstament…..

MARTA - Ah! Ben!… a ciàpum ul sciur  Colombo come giüdas… Parlando in general… sa capiss… una sciura la gà dà un puntel galante ad un omm… n’è vera… E ben, sto sciur al gà no vergogna, dopu d’avèè sulecità ul puntel, da fass mìa vidè

COLOMBO – quel sciur lì l’è un viàn quadar

MARTA – Ecco!

CARUGATI – Al permett? Ma quand l’è la sciura che…

COLOMBO – Fa nagott… l’è sempar l’ommm che al gà tort… Per esempi, se la mè mièe… ta podi mett da mezz parchè so che par tì l’è senza importanza… se la mè mièe la ta dà un puntel… tì te ghe vet no… tì te set un vilan… ultra che sistinian… Mì, come marì, te ne sarìa ricunuscent… n’è vera… ma tì te set un vilàn istess. Vilan e bamba…. Oh! Ma a pruposit de chi te serat adrèe a resià?

MARTA – Ma… a pruposit d’una sciura che ul Carugati al cugnòss tant ben e al gavü l’ardire de…

COLOMBO – Ah! una sciura… una dona spusada…

MARTA – Sì

COLOMBO – Ah! L’è strana sta vicenda… e ul nom del cornuto?

MARTA – No, no… sa po’ mia dì

COLOMBO – Andarò mia in gir a dill

MARTA – (a parte) Al credi ben…

COLOMBO – (a parte) Dopu tütt al so… a l’è ul’ Beretta … Ah! sti marì, che tipi… tütt orbi! (alto) L’va ul tò ‘l puntel, eh!? Bel culp par Amanda. D’altra part a capissi che tì te rinuncià a fa ul so nom… (a parte) In chi cundiziùn lì!

MARTA – via! Ul giüdas al ta cundanà!

Scena V

CARUGATI – AMANDA

CARUGATI – No, no… l’è tropp! Sunt mì ad avegh resùn e inveci passi da la part dul tort… Ma sa ciapa par busard… e ma fann anca di scenà.

AMANDA – Ah! L’è rivà ul signorino!

CARUGATI – Ben, la s’è presentadad anca l’altra mata

AMANDA – A l’è un bel pelabròcch lü!

CARUGATI – Cus’è? Se la vör dì? (a parte) sa sa mai se la vö quel amata lì

AMANDA – Se la vör dì? (picchiandolo sulla testa) Ma cus’è gavìì in dul cervell, un fuco femmina?

CARUGATI - (a parte) Pudarìa fagh mì la stessa dumanda

AMANDA – Me piasarìa pensà che ul sò cucù al sia sfsà del tütt

CARUGATI – La püssèe sfasada l’è lee

AMANDA – Come al fa un cucù che’l batt i tri ur

CARUGATI – Fa cucù… (a parte) bisogna sarala sü in d’un manicomi e butà via la ciav (alto) se la vör tegnì un curs de orologeria… (fa per andarsene)

AMANDA – (fermandolo) se’l faseva cus’è, giuvinott, ai tri de stanott?

CARUGATI – Ai tri? Se fasevi cus’è ai trii ur? Durmivi

AMANDA – Lü al durmiva… ai tri ur … lü l’eva bun de durmì

CARUGATI – Sciura, a l’è un ura in cui se dorma… e sa sogna

AMANDA – Basta! Adèss l’è bun de famm cred che lü al sugnava de mì

CARUGATI – No! Sugnavi di ippopotami… ghè una leggera sfumadüra

AMANDA – Ah! Così! Lü al sugnava mia de mì! E ben, intant che lü al preferiva ippopotami, mì s’evi desedada, mì!

CARUGATI – Sì, me l’han apena dì… un mà de dent

AMANDA – Ma no! L’eva un pretest! Mì s’evi desedada, al sa?… Al ma respund no?

CARUGATI – Orcu sciampìn! L’è mìa culpa mea! (a parte) Cum’è l’è acida quand l’ha mìa durmì

AMANDA – Sì, giuvinott, l’è culpa sua… e mì caminavi in lung e in larg mè un’oca

CARUGATI – Esagerada

AMANDA – Sì, giuvinott, mè un’oca! Ca’l ma cuntradissa no!  Contegno par piasèe

CARUGATI – Se lee la ga tegn a vess oca…

AMANDA – a pùssum agli insulti, adèss! Prima ul dann e pö la beffa

CARUGATI – La ma nösa!

AMANDA – Carugati! Lü a l’ha abüsà de la mia bona fed! Al m’ha ruvinà

CARUGATI – A sarn stà i ann e i intemperi a ruvinala

AMANDA – Al m’ha ingannà, inbruiàda… sedotta e abbandonata

CARUGATI – Ma no, ma no! (a parte) Ghe vör dul coragg par quel! (alto) Vedèm un pu, lee la aferma d’avèe mìa durmì… al so… l’è deprimente

AMANDA – Pürtropp

CARUGATI – Oh ma al fa nient… anca a mì m’è già capità, altri volt

AMANDA – Davera! Carugati , anca tì t’è pruvà… anca lü l’ha pruvà? (a parte) Dunca al ma vör ben ancamò

CARUGATI – Ma sì… n’è vera… sa resta agità… a sa gira de chì e de là

AMANDA – Sì, sì

CARUGATI – Sa gà trop cald, la pel la brüsa…. Sa rigira ul cusìn… se sa no cume pugiàss … e a la fin se liva sü

AMANDA – L’è propi inscì

CARUGATI – So anca la resùn… a l’è ul caffè… lee la dev mìa bev ul cafè a la sira

AMANDA – Ul caffè! Oh che mascalzùn

CARUGATI – A la mè purtinara de Luìn al faseva ul medèsim effet

AMANDA – Ta òdii

CARUGATI – Ah! lee… ( parte) Ma cusa l’ha gà? L’è no cattiva… l’è dumà cumpletament föra de cò

Scena VI

CARUGATI – MARTA

MARTA – L’è anmò chì giuvinott?

CARUGATI – Ah sciura, vurarìa spiegàmm

MARTA – L’è inütil… il sciur Colombo che l’è mìa interessà a la questiun l’ha già pronuncià la sentenza: culpevul

CARUGATI – Ma ghe sicüri che gò nagott da rimpruveràm … sun rivà in la serra ai cinq ur precis… e lee la ghera già pü

MARTA – No, no e no! Tri ur da ritard, altar che! Se lü la ciama ura esatta… Cum’è? Lü al riva scià ai cinq ur quand ul puntel l’eva fissà ai dò

CARUGATI – Che la ma scüsa… ai cinq.

MARTA – Ai dò

CARUGATI – Ma no! Ai cinq! Ho cüntà i segn

MARTA – Alura lü al sa no cüntà

CARUGATI – Forse l’è lee cha l’ha fa tropi segn

MARTA – Mì ho fa dumà dü segn

CARUGATI – Dü sura vün, trii sura l’altar

MARTA – Quale àltar?

CARUGATI – Cricu de gess! Tri sül sciur Beretta, e dü sül sciur Colombo

MARTA – Ehi! Disi! Mì ho mìa segnà ul sciur Beretta

CARUGATI – Al po mia vess che’l se sia segnà in da par lü

MARTA – Al se sarà spurcà de bianc sür un quai mür

CARUGATI – Un mür che’l scriv particularment ben

MARTA – Se’l vö che ghe disa? Mì ho metüü dumà dü segn

CARUGATI – Davera?

MARTA – Al giüri

CARUGATI – Alura, dumandi venia… che la cetta i mè scüs

MARTA – Le cetti

CARUGATI – E mì che s’evi drè a mandav tütt i malediziùn de sto mund

MARTA – E mì che credevi…

CARUGATI – Oh! Amanda… mia Amanda

MARTA – Amanda …al ma ciama Amanda

CARUGATI – Sì, Amanda … mia Amanda

MARTA – Ancamò… ma al sa corg no che l’è adrè a cuntradis?

CARUGATI – Me sunt cuntradì… mì… a capissi no…. Dua?

MARTA – Sì, parché al ma ciama Amanda

CARUGATI – Parché che’l nom chì a l’è dulz mè ul mel… parché mì ghe vöri ben a la mè Amanda

MARTA – Purscell! … e me la dis a mì?

CARUGATI – E a chi duvarìa dill alura?

MARTA – Che’l vaga via de chì… infame… via, via dai mè öcc

CARUGATI – Andà via… mì? Ma mì vurarìa passà i mè dì in genöcc da tì…. Ai tò pèe

Scena VII

GLI STESSI, COLOMBO - BERETTA - AMANDA –

COLOMBO – Buongiorno!

MARTA – (a parte) Cielo, ul mè marì! (alto) Ma leva sü, balabiott!

CARUGATI – Non importa… la sa… la sa

MARTA – Cosa?

BERETTA – (al pubblico) Oh! Che purcun! In ginöcc davanti a la sciura Colombo… Ma al ved no che ghe chì ul so marì? (avvicinandosi) Pazzo, leva sü!

CARUGATI – (cade) Ul marì! Colto in flagrante

BERETTA – Ma sì, ul marì… lü l’è matt… l’ha miì vist ul sciur Colombo che l’ha vist?

CARUGATI – Ah l’è parché ul sciur Colombo al m’ha vist che…

BERETTA – (a Colombo) cred no a quel che t’è vidüü, te’l set (a parte) Che imprüdent!

COLOMBO – Ma lassa büj! Me divertissi un mund… ul sistiniano (a Carugati) Millantatore! Vai, vai!

BERETTA – L’ha ciapada ben

MARTA – (a Colombo) Carissim, pensa mìa mà

COLOMBO – Ta vedat no che sunt drè a rid

MARTA – (a Colombo) La tò calma la ma ferìs püssè che la tò rabbia

COLOMBO – Sunt calmo parchè l’è mìa periculuus

CARUGATI – (a Beretta) Ca’l creda no quel che l’ha vist… mì vöri mìa ben a la so dona

BERETTA – O cert, parbleu!

CARUGATI – Cunfessi che i apparenz a hinn cuntra da mì…ma l’è par vegnì föra da una situazùn imbarazzanta… mì ghe vöri ben a la so dona

BERETTA – Ghè no bisogn de dimal… sa ved benissim

CARUGATI – E se ‘l m’ha vedü ai pèe du la sciura a l’eva par svià la gelusia dul sciur Colombo

BERETTA – Bella truvada!

AMANDA – Ah! No…no.. ul caffè … ghe credi mìa

CARUGATI – Lee!.. a l’è ul cièl che la manda (a Colombo) Ve’l disi prima, du la so sciura ma na frega nagott

COLOMBO – Prego?

CARUGATI – Dumà, ghè dumandi venia par quell che sunt drè a fà… a l’è par salvà la situaziùn davanti al marì … (ad Amanda) Ah! Marta, Marta, te vöri un ben du l’anima…

AMANDA – O Signur!

BERETTA – Cus’è? La mè dona!

AMANDA – Ma lü l’è matt!, davanti al mè marì

CARUGATI – Che la sa poreocupa no, l’ho già visà

BERETTA – Giuvinott, lü l’è adrèe a perd ul cò

CARUGATI – Ma ghe sicüri che lìho già visà (a Amanda) Ah Marta! Mè te set fascinante!

AMANDA - Marta! Al ma cuama Marta! Mì ma ciami Amanda, giuvinott!

CARUGATI – Eh? Amanda?

MARTA – Sunt mì Marta, giuvinott… Marta Colombo

CARUGATI – Cus’è? Marta …Co... Marta … Colombo. L’è lee? E Amanda l’è… inveci mì… Ah! Che pastiss

MARTA + AMANDA – (Escono e si mostrano la lingua)

BERETTA - + COLOMBO – (ridono)

CARUGATI – Ah! sciuri…. Ve sicüri… credetemi…

COLOMBO – al vaga pür avanti car amis, …sistiniano… da lü ma podi fidà

BERETTA – Via, via… nüm semm no geluus… (Via cantando in falsetto)

Scena VIII

CARUGATI, poi ROBERTO

CARUGATI – Ma tövan in gir… ma mì capissi pü nagott… in sti dü dì chì ghè stai un mücc de cambiament….Ma come, ma sa presenta una grossa Marta e un’affascinante Amanda ed eccu che la grossa Marta la diventa una grossa Amanda e l’affascinante Amanda la diventa un’affascinante Marta …La mièè dul Colombo la passa come mièè dul Beretta e viceversa…. Capissi propi pü nagott … ma… a saràn mìa adrèe a giügà a passum-la-tua che mì te passi-la-mea mè in di cart…ma alura mì a so pü a chi devi fa la curt? Chi è ca l’è ul cornuto? Qual è l’üselìn che devi cürà?…a la fin du la fera, cume han fai a spuàss tüta quela gent lì?…Ah! al po vess che metan in cumün i donn…il libero scambio nel matrimonio! Cunt  ul prugne a l’è pussibil!

ROBERTO – Buongiorno, Signor Carugati.

CARUGATI – Oh! Buongiorno…

ROBERTO – Avete visto il signor Colombo?

CARUGATI – L’è andàa apena via mò. (cantando) Ah! Ah! Ah! Ah!

ROBERTO – Voi state soffrendo, volete una pastiglia alla menta?

CARUGATI – No, grazie. Cerchi de tirà sü la vuus.

Scena IX

ROBERTO, CARUGATI, COLOMBO, GIULIA

COLOMBO – M’han dit che l’eva rivà, caro Roberto… e e sunt vegnü scià sübit par strengich i man e cunsegnagh la so murusa…

GIULIA – Buongiorno, signor Roberto.

ROBERTO – Buongiorno, signorina.

GIULIA – (gira la lingua) State bene?

ROBERTO – Ma…uno, due, tre, quattro…uno, due, tre, quattro, molto bene.

COLOMBO – Alura bagai, mì vo de là (a Carugati) caro Sistiniano, rendas ütil… vist la tò situaziùn podi dumantatal…hin fidanzà fresc e nuvel… a bögn lassài ai so smancerii… ma, in dul stess temp, l’è bona norma lassài mia tropp de per lur,  è l’etichetta…tì te i survegliarèt…par la furma… però metas mìa da mezz … cammina in lung e in larg senza intervegnì …par mìa ruvinà ul sò tete-a-tete….

CARUGATI – E inscì sunt stà trasfurmà in beibi sitter par adulti.

Scena X

Gli stessi, meno COLOMBO

GIULIA – Allora, niente di nuovo?

ROBERTO – Niente….aspetto un’occasione…fino a nuovo ordine, continuiamo a dissimulare.

GIULIA – Io non oso parlarne a papà…preferisco che la cosa parta da voi.

ROBERTO – Per me è la stessa cosa, per quanto riguarda mia madre, preferirei che la cosa partisse da voi.

CARUGATI – Devi vegh l’aria d’una pantegana….

GIULIA – E’ evidente che voi non siete assolutamente il mio tipo

ROBERTO – Lo stesso dicasi per voi: siete molto gentile e niente di più.

GIULIA – Per esempio avete il naso troppo lungo.

ROBERTO – A me, invece, piacciono solo le more.

CARUGATI – Ma che tenerezza!….

GIULIA – E poi non mi piacciono i pittori…Non si può toccarli senza sporcarsi.

ROBERTO – Ebbene, io, come pittore, amo soltanto le cocotte, perché là si è sicuri di sporcarsi.

GIULIA – Oh! Oh! Voi avete detto “cocotte”.

ROBERTO – Perdonatemi , mi sono dimenticato di girare la lingua.

GIULIA – Non importa…è la stessa cosa! Tanto non ho la minima idea di cosa siano.

CARUGATI – (vocalizzando) Ah! Ah! Ah! Ah! Ah!

ROBERTO – Ditemi, perché il signore è così agitato? Non vi tocca il cuore questa sua pena?

GIULIA – Oh! Povero ragazzo….è così geloso…crede che io vi stia per sposare….e lui mi ama….si capisce perfettamente.

ROBERTO – Benissimo….e voi?

GIULIA – Mio Dio….Non mi spiacerebbe!

ROBERTO – Allora fateglielo capire!….Cosa aspettate?

GIULIA – Come….davanti a voi?

ROBERTO – Oh! La cosa non mi tocca minimamente…farò finta di non ascoltare!

GIULIA – Dopotutto, voglio solo rassicurarlo….non si ha il diritto di lasciar soffrire il prossimo quando abbiamo la possibilità di calmare la sua sofferenza. (a Carugati) Pssst!!

CARUGATI – La dis a mì?

ROBERTO – Andate! Andate! (Carugati si mette al posto di Roberto, vicino a Giulia. Roberto comincia a camminare in lungo e in largo al posto di Carugati).

CARUGATI – l’è drèe a ciamàm, signorina?

GIULIA – Sì, ci tenevo a rassicurarvi….siete sui carboni ardenti. Bene, calmatevi. Il signor Roberto, che credevate fosse il mio fidanzato, non sarà mai mio marito.

CARUGATI – Come?

ROBERTO – No, mai! Mai!

CARUGATI – Ma parchè la ma dis sti ropp chì?

GIULIA – Ma perché….perché, dopo la vostra confessione, io non ho il diritto di continuare con questo gioco crudele che vi fa soffrire.

CARUGATI – Cosa?

GIULIA – Io non sono per niente una cocotte, io…..e trovo malvagio oltre ogni dire che qualcuno che….che ha della simpatia per voi….si prenda il piacere di darvi un dolore sottoponendovi ad una prova inutile che ha la sola ragione di stimolare i vostri sentimenti.

CARUGATI – Varda! Varda! Varda!

GIULIA – Adesso ho visto….quanto siete rattristato e indignato….voi scalpitate!….Può essere che io stia facendo un errore a parlarvi in questo modo….la signora Beretta mi ha sempre detto: “in amore bisogna saper aspettare….” Ma, insomma, il primo passo lo avete già fatto voi…adesso tocca a me.

CARUGATI – (a parte) Però a l’è affascinante…e mì che m’eri mìa curgiü(alto) la vaga avanti a parlàm in la stessa manera

ROBERTO – Ah! C’è del tenero!

CARUGATI – Devi dì, signorina, che bögn vess cumpletament orbi par vegnì chì in sta cà senza vess atirà dal so fascino.

GIULIA – Sì, ma questo non è il vostro caso. (a Roberto) E’ piuttosto per voi che si può dire questo! Prendi!

ROBERTO – Per cortesia vediamo di non buttarla nel personale!

GIULIA – (a Carugati) Oh! No, questo non è proprio il vostro caso….perché voi mi avete notata immediatamente….ma anch’io, sapete….Così quando mi avete confessato i vostri sentimenti….

CARUGATI – Mì? Ghe l’ho cunfessà….ma quand?

GIULIA – Ah! Non se ne ricorda….ma qui! Quando eravate in collera con papà…allora, vi è scappato….voi mi avete detto: ”Ah! Sono io che me ne andrei, se non fossi trattenuto dal fascino di una giovane…” allora, ho capito. L’avete detto, sì o no?

CARUGATI – Sì, sì….ma cert che l’ho dì e al ritiri mìa….le ripeti …mì ghe vöri benamo….

GIULIA – Ebbene, anch’io vi amo, con tutto il cuore….

CARUGATI – L’è deliziusa (cadendo ai suoi piedi) Ah! Giulia!

Scena XI

Gli stessi e COLOMBO

COLOMBO – Ma ben! De nüv par tera. Se te vet avanti inscì te me lüstrat ul paviment cunt i tò ginöcc!

CARUGATI – Ah, l’amore….

COLOMBO – Te preghi de mia restà lì ai mè ginöcc.

CARUGATI – Verament disevi che: l’amur a l’è un sentiment impruvvis…..un istante l’è stai assè par fam invaghì follemente du la signorina Giulia.

COLOMBO – Cosa! Cosa l’è adrè a cüntà sü?….Ma come l’è pussibil che…(a Roberto che continua a camminare in lungo e in largo e passa di fianco a Colombo) Ma tì se te set adrè a fa cus’è?

ROBERTO – Gli ho dato il cambio.(ricomincia a camminare)

COLOMBO – Ah! Bravo, te ghet propi una bela manera de fa la curt a la mè tusa.

CARUGATI – Sciur Colombo ! lü l’è un grand amis dul mè pà …al m’ha po’ mìa dì de no!… Gò ul piasèe e l’unur de dumandagh la man du la so tusa, Giulia.

COLOMBO – Come…come…Ma ‘ndèmm! Cüntà mìa sü di fesserii!

CARUGATI – Ma parchè?

GIULIA – Oh! Papà, sii gentile. Dopotutto tu mi vuoi maritare…..io lo capisco! E’ il tuo problema….ma con il matrimonio tu mi dai un marito….e questo è un mio problema….almeno dammi la possibilità di scegliere.

COLOMBO – No…. No , Giulia ….te’l podi mìa dì, ma….Ah! Chesta chì l’è propi bela! (rivolto a Carugati) Sistiniano, vai!

CARUGATI – Ma se’l gà cus’è de rid in chela manera lì?…

Scena XII

Gli stessi, BERETTA

BERETTA – Colombo! Ah! Eccu…. tegn, legg un pu scià!

COLOMBO – Un giornal….Ah! Va ben, püssè tardi….Figures tì….Ah! te l’è induvinarèt mai…. Ul Carugati al m’ha dumandà la man du la mè tusa Giulia!

BERETTA – Davera! Lü! Questa l’è bela. (a Roberto che continua a camminare) Ah! L’è propi bona questa!

CARUGATI – Adès me incazzi sül seri!, riessi no a capì parchè a ridan mè matt ai mè spall… che divertiment ca l’è?.

BERETTA – (tornando serio) E adess basta, basta rid, legg sta roba chì.

COLOMBO – (continuando a ridere) Sa l’è cus’è? Cosa? “E’ stato annunciato l’ingaggio….”Oh! ma quest l’è tropp! (a Carugati) Legg un pu scià.

CARUGATI – “E’ stato annunciato l’ingaggio da parte del teatro dell’Opéra del famoso tenore Fasolon che percepirà uno stipendio di 6000 franchi al mese…” Eben! A mì ma na frega nagott

COLOMBO – Ah! Ta na frega nagott!…. te fet mà… te ma devat 40000 franch.

CARUGATI – Mì?

COLOMBO – la penal!

CARUGATI – La penale?…quale penal! ….mì vò mia via da chì!

COLOMBO – Tì ta podat mìa stà cunt mì e cun la Scara in dul stess temp.

CARUGATI – Ma mì vò no a la Scara! Mì a sunt mia  Fasolon, mì….

BERETTA – Cosa?

COLOMBO –  Che pastrügnada mai l’è questa?….alura se te fet cus’è chichinscì…. mangiapan a tradiment

CARUGATI – Ah! Questa pö!

COLOMBO – Parché te me dit che te se ciamavat Carugati?

CARUGATI – Carugati l’è mia Fasolon.

COLOMBO – Fasolon a l’è un pseudonimo. Ma tì te me ditt da ves ul fiö natüral dul Carugati.

CARUGATI – Mì, ul fiö natural?….Beh, che’l ma disa due l’ha truvà sta idea chì.

COLOMBO – Ma, te set stà tì….e pö ul Carugati al gà dumà un fiö….

CARUGATI – Eh alura?….mì a gò mai dì d’avegh un fredèl….quel fiö sun mì…

COLOMBO – Come, te set tì quel fiurìn che, a tredas ann, l’eva valt inscì…. ma alura, dimm… tì te set mìa nanca un tenuur?….

CARUGATI – Mì? … ma mì so mìa cantà… sunt stunà mè na campana!

COLOMBO – Ma parché te set fai passà par tenuur?….Ah, l’è tropp…. Mì dumandi al mè amis Carugati de mandàm scià un tenuur e lü al ma manda ul so fiö!….

CARUGATI – Ul mè pà al m’ha mandà scià chì par stüdià diritto….ma al m’ha mia parlà da tenuur…. Al m’ha dumà racumandà a lü, sciur Colombo…. Gò anmò la letra de racumandaziùn in fund al baül… lüal m’ha ufert sübit un stipendi straurdinari e mì l’ho cettà anca parchè ma pias mìa fa tanti cerimoni….

COLOMBO – E ul mè telegramma?

CARUGATI – Ul mè pà l’ha ricevü nagott.

COLOMBO – Lucho !

Scena XIII

Gli stessi, LUCHO,

LUCHO – Eccomi, signor Colombo!

COLOMBO – Cosa ma disat dul telegramma che t’ho dà l’altar dì?

LUCHO – Oh! Il telegramma… (a parte) Me ne sono completamente olvidado! (alto) Il telegramma… Sì l’altro giorno mi avete dato un telegramma…

COLOMBO – Al so che t’ho dai un telegramma… ta dumandi par curtesia se te ne fai?

LUCHO – Cosa ne ho fatto…

COLOMBO – Avanti!

LUCHO - (si guarda attorno incerto)

COLOMBO - Avanti!

LUCHO - Oh! Ma se avete ospiti, ne riparliamo dopo

COLOMBO - Avanti! Te’l disi a tì! Spiegas un bott…

LUCHO - E’ di là… (esce a prendere il telegramma)

COLOMBO – Ho capì! Il telegramma l’è mai partì! Che bestia sun stai a fidamm de Lucho!

ROBERTO – Su! Non dite così

COLOMBO – Sì bestia, bestia, bestia!

ROBERTO - Se proprio ci tenete…

ROBERTO e CARUGATI – Bestia!

COLOMBO – Eh!?

LUCHO - Eccovi il telegramma de usted

COLOMBO – Al diavul! Te’l podat brüsà!

CARUGATI – Ghè mìa da meravigliàss se ul mè pà l’ha ricevü nagott… e adèss a ghe dumandi de növ la man de la so tusa

COLOMBO – Quest assolütament no.

CARUGATI – Sa ma manca par vess degn de la so tusa?

COLOMBO – Ma come, te ma dumandat cusa ta manca, dopu che t’è cantà alla cappella Sistina!

CARUGATI – Chi! Mì?

BERETTA – Te set tì che te le dì.

CARUGATI – Ho dì che s’vi stà a la cappella sistina … mìa che avevi cantà….

Scena XIV

Gli stessi, AMANDA (da destra), MARTA (da sinistra)

MARTA – Sa sücced anmò…. Parchè tütt sti paroll?

CARUGATI – Ah! Sciura, che la interceda par mì cul so marì parché al ma daga la man du la so tusa Giulia.

AMANDA – Cosa?

MARTA – Ah! No! Mì me upòni!

CARUGATI – (basso a Marta) Oh! Sciura, la sarà mìa gelusa? A l’è anmò inamurda de mì?

MARTA – (basso a Carugati) Gelusa, mì! Tì te set un gran rüfiàn! (a Colombo) Tì te set ul pà… stà a tì decìd

COLOMBO – Ma l’è stada prumessa al sciur Roberto!

ROBERTO – Mio Dio….Signor Colombo ….io ne sono molto onorato….ma, la signorina ama il signore, non bisogna opporsi alle inclinazioni….io domando la mano della vostra seconda figlia.

COLOMBO – Ma Giulia l’è figlia unica!

ROBERTO – Non ho fretta.

COLOMBO – Se i ropp a stann inscì… disi mìa de no.

AMANDA – (a parte) E mì gò mìa vuus  in capitolo….. Vigliacc!

COLOMBO – (basso a Carugati) Tì te me devat una spiegaziùn… t’ho beccà ai pè du la mè dona

CARUGATI – (basso a Colombo) Sst! Sì lè vera! L’ho fai par cunfund ul sciur Beretaa…. Ma incapriccià du la sò dona.

BERETTA – (basso a Carugati) Dimm un pu, ….parché prima te sevat adrèa brascià sü la mè dona?….mì ho dì nagott parchè pensavi….

CARUGATI – Cittu….. a l’è stai par svià i suspett dul sciur Colombo.

BERETTA – Davera? Alura va ben inscì.

COLOMBO – Ghè finì tüscòss in d’una bola de savùn….fa nient se ho mia avüü la furtüna d’avegh ul mè tenuur…anzi, quest al ma servisarà da leziùn par la prossima volta…. Fè ben atenziùn, cari i mè amìs….sia che se trata de cumprà di ravanèi opür un tenuur… a bögn vardà la merce prima de töla…. Sa sa mai quel che ghe po ves dentar… cume dis ul pruverbi….

TUTTI –  Dì mìa gatt sa l’è no in dul sacc.

CALA LA TELA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 25 volte nell' arco di un'anno