Dizìl cò i fiùr

Stampa questo copione

DIZÌL

DIZÌL 

CÓ  I  FIÙR

Commedia   brillante in   due   atti  in dialetto bresciano

di

 Velise  Bonfante

Scena:  Una cucina, tinello o soggiorno con una porta d’entrata ed una

            per un’altra stanza.

PERSONAGGI :    1)   Matilde                  -  La moglie

                              2)   Giovanni                -  Il marito

                              3)   Santina        -  La suocera

                              4)   Fernanda      -  Un’amica di Matilde

                              5)   Martino       -  Il figlio

                              6)   Luisa                 -  La figlia

                              7)   Il professore di scuola di Martino

                            8)   Amelia               - Vicina di casa

                            9)   Teresina            - Figlia di Amelia

                            10) Fattorino

                            11) La postina

ATTO  I

Scena 1- Matilde e Amelia, la vicina di casa

(Matilde è seduta a cucire, tenta alcune volte di infilare l’ago senza riuscirci)

Amelia) (Entrando) È permesso?

Matilde) Ahh, sét te?! (Senza guardarla continua ad infilare l’ago) Ciao Amelia, vé dènter.

Amelia) (Avvicinandosi) Scüza Matilde se te distürbe, ma vó vià sübit che g’ho frèsa (guardandola bene) ma perchè te comprèt mia en bèl pér de öciài?

Matilde) Comódet, te öcor  vergót?

Amelia) (Rifiutando la sedia) Veramente mé garés  pròpe bisògn de ‘n piazér Matilde, se te me ‘mprestèt trè cüciar de söcher, la prima ólta che vó ‘n piaza el cómpre e tèl rende.

Matilde) Ma certo, te ‘nprèste mèz chilo.

Amelia) Ma no, tre cuciàr j è asè. G’ho de faga l’öf sbatìt a la me Teresina.

Matilde) (Si alza per prendere lo zucchero, ironica) Gala bisògn de tignìs sö?! El l’amur che la cönsöma?

Amelia) El dis el proèrbe che quan che l’amur el gh’è, la gamba la tira el pè. Ma che bèl bigaröl che te ghét Matilde, el nöf?

Matilde) Ma va là, l’è vècc come ‘l cùco.

Amelia) (Prende lo zucchero squadrandola da cima a fondo) Me te l’ho mai vist endòs... grasie del söchér (fa per uscire, si ferma ad osservare un oggetto) ma che bèla che la bomboniera ché, gh’è ‘n vergü che se spùsa?

Matilde) L’è na vita che l’è le chèla bomboniera lé, che te ve ‘n mènt Amelia!?

Amelia) Mé l’ho mai vista. Mé quan che vó ‘nde le case de j alter vède mai gnènt, ghe fó bado a gnènt... ma che bèl chèl centro ché, chi èl che l’ha fat?

Matilde) I me l’ha regalàt.

Amelia) Ma chi èl che t’ha regalàt en laùr isé bèl.

Matilde) (Spingendola fuori) Me ricorde pö, arijdìs Amelia, arijdìs

Amelia (Uscendo) Arijdìs arijdìs Matilde.

Matilde) (Rientrando si siede a cucire tentando sempre, inutilmente, di infilare l’ago) Che curiusùna chèla fómna lé, la völ saì töt de töcc.

Scena 2 -  il fattorino

(Suona il campanello d’ingresso)

Matilde) (Va ad aprire) Avanti.

Fattorino) (Entra in scena con un mazzo di rose) Fiùr per le!

Matilde) Dei fiùr, per me!? Ma set sicür che j-è per me? Ma che pensér gentile, per me? (Incredula) Ma set pròpe sicür che j-è per me?

Fattorino)   Certo siura, gh’è ché l’indiris e i m’ha apó racomandàt de consegnale en frèsa.

Matilde) De bu? E chi èl che me jà manda!

Fattorino) El só mia siura, la vardé ché gh’è ‘l biglièt.

(Matilde allontana ed avvicina il biglietto per leggerlo.)

Fattorino) (Guardano alternativamente Matilde e il biglietto) Ma perchè se comprela mia en bèl pér de öciài siura?

Matilde) (Lo guarda male, legge ed ha un’esclamazione) No, no! Mé i vöi mia, portèghei en dré.

Fattorino) Me só mìa che diga siura, la varde che i m’ha dit de portài ché.

Matilde) Ma chi èl che te j-ha urdinàcc?

Fattorino) El só mia siura, j g‘ha telefonàt con l’ Inteflora, me no g’ho vìst nüsü.

Matilde) Ma come g’hài fat a pagà?

Fattorino) I sólcc j-è riàcc semper con l’Interflora.

Matilde) E me, me tóca pròpe ciapài?

Fattorino) (Consegnandole i fiori) Se siura, se nò, se  i pórte ‘n dré le ciàpe me.

Matilde) E va bé, volarà dì che i tègne, e te... ah, la mancia (dandogli dei soldini) tò... ciao nè.

Fattorino) (Uscendo) Grasie, arivederci.

Matilde) (Rigirando le rose fra le mani) Ciao, ciao...j-è prope bèle, ma se tróe chèl sémo che ‘l me j-ha mandade, ‘l sta frèsch, lezómel amó na olta stó biglièt (rileggendo ad alta voce)  “Saluti al vento - baci a trecento - Sogni profondi - Se indovini rispondi ” Fìrmet almen, arda, gna na firma, gnènt, me tocarà begà col me òm per chèla stória che...lü ‘l dis che l’è mia gelùs, ma...come fój a sbatile vià, j-è talmente bèle, Me ‘nventaró na bàla, giöna pö, giöna meno, “na bòzia e na verità la te ‘n pè la ca” (sistema le rose in un vaso parlando fra se) garés mai pensàt de pudì piàser amò a la me età, (si accomoda il vestito) se èt che g’ho amò ‘l me fascino...  bisognerà che me tègne en po’ pö sö de caresada, (riprende a cucire) dumà ‘ndaró da la barbera a fam sistemà i caèi.

 Scena 3 - Matilde e Teresina col sasso

Teresina) El permesso (entra con un bel sasso in mano)

Matilde) (Tentando sempre di infilare l’ago) Ciao Teresina, dènter.

Teresina) Buongiorno siura Matilde, ma perchè se comprela mia en bèl pér de öciài ?

Matilde) Perchè me ghe vède bé e g’ho mia bisògn de öciài, Cosa vöt Teresina?

Teresina) (Timida) Vulie mia ufindìla, sercàe el Martino, (guardando verso la camera)  el en casa el Martino siura Matilde?

Matilde) No, l’è gnamó turnàt, te ocór  vergót dal Martino?

Teresina) No, vulie sul faga veder chèl sas ché.

Matilde) Pòstel lé ‘n tera  quan che ‘l rìa ghé ‘l dó mé.

Teresina) Nò, l’è ‘n sas emportante, se mai vègne dopo a portàghel.

Matilde) Come che te vöt Teresina.

Teresina) Arijdìs siura Matilde (esce).

Matilde) Ciao ciao.

Scena 4 - Giovanni e Matilde

Giovanni) (Entra con le scarpe infangate dall’orto) Ada, diga argót te a la tò mama perchè me ghe disé pö gnènt.

Matilde) Porta pasiènsa Gioàn, te set che l’è malada.

Giovanni) Sé... malada, l’è malada en del có.

Matilde) Mia dì isé, poarèta, da stamatina la g’ha ‘n zénöcc che la te pö sö.

Giovanni) En cö ‘l zénöcc, gér la spala, l’alter de la caécia e prima amó ‘l gombèt, j-è töte fisasiù che la se fa lé per mia laurà; e fa laurà j-altèr.

Matilde) Dai Gioan sta mia dì isé...

Giovanni) ... e comandaì a bacheta, (imitandola) “portèm chèsto, portèm chèl” e pó quan che te ghé le portàt l’è gnamò contenta, perchè la völ n’alter laùr amò. Té l’ho dit, mé ‘n pòde pö. El g’ha rezù chèl là che ‘l dis che le “madóne” le sta bé sö i mür!

Matilde) Ma che tàla fat staólta la me mama poarina?

Giovanni) Oh (con gesto eloquente) G’ho dit: el mia mèi piantà i cöcömer envece che la catalogna? E lé (facendone il verso) “Nò, perchè la catalògna còta la me fa na de còrp e me, per el me stómech delicàt g’ho bisògn de mangià la catalogna” a me ‘nvece me piàs  i cöcömer!

Matilde) Fì  na còla per ü, ghe n’è talmente tant de òrt che si gna bu de staga dre a töt.

Giovanni) Gh’è mia pö posto, (vedendo che fa fatica a infilare l’ago) ma sét mia buna de compràt en pér de öciài? Le la völ piantà i radìcc de fa cöser, la salata, i pondór, i tailì, le carote, ‘l selino, el pedérsen e adès aga la catalògna e me i cöcömer sö pö ‘n dó mitìj.

Matilde) Ma nóm, porta pasienza. Te ‘l sé che lé la se dièrt a laurà ‘n de l’órt poarìna, isé ghe pasa el temp, te garesèt de èser en po’ pö comprensivo con de lé.

Giovanni) Comprensivo! Perchè lé èla comprensiva con de me? Lé, l’è buna apena de comandà, fa chèsto, fa chèl, pórtem el badìl... pórtem la sàpa.

Matilde) Varda che scarpe ‘nfangade che te ghét, va a cambiatele che te me spurchèt da per töt.

Giovanni) Vó a cambiàm sé, ma mia apena le scarpe, apó ‘l vistìt e pó  vó al bar, sta pö parlam de ort... che la se range me madóna, me vöi pö saì gnènt, che la fàghe chèl che la na òja che la scamparà sènt agn de pö.

 Matilde) Mia dì isé Gioàn, votèr du me sömeì du gnàri, sèmper dré a tacà béga, e pó quant che j-è mìa ensema i se sérca come i làder de Pisa.

Giovanni) Dìghel a la tò mama come la mé serca... lé la pöl mia idìm! (nell’andare verso la         camera vede le rose) Da ‘ndó ègnei föra chèj fiur che? Matilde, te saré mia nada a cómprai nè, con chèl che cósta i fiùr.

Matilde) Ma nò, ma nò, (titubante) la me j-ha regalàcc ... la Fernanda.

Giovanni) La Fernanda? Ma che bèi fiur che la g’ha!

Matilde) Lé  sé che la g’ha ‘n gran bèl giardì, mia come noàltèr.

Giovanni) Domandega che lödam la dópra, me só mai riàt a vìga chèle röse lé (va verso la camera e si ferma, torna indietro e guarda le rose) ma come mai la t’ha regalàt i fiur?

Matilde) ... la ghe n’ha tanti e pó noaltré dò som amiche.

Giovanni) Ah, certo che la g’ha de piantàga de chèle concimade! (finalmente va in camera)

Matilde) (Sospira, controlla che sia uscito, riprende a lavorare e parla fra se) L’ho dit mé che ris-ciàe de na a tacà bega col me òm. Se tróe chi l’è che ma fat stó schèrs ché ghé fó ègner dü öcc isé, e (pensando) se per caso l’è ‘n bèl òm el deenterà amò pö ‘nteresante.

Scena 5 - la postina

(Suona il campanello, Matilde va ad aprire ed entra la Postina.)

Postina) Buongiorno... apó se ‘l me par mia tant en bèl giorno, l’è töta matina che consègne le cartele de le tasse... oltre töt gh’è na “tassata” e gh’è de paga ‘l ból che ghe manca.

Matilde) Ma che fürbi, i te scrìf de pagà le tasse e pó i ghe mèt gnach sö ‘l ból... poera Italia, come sóm ridoti mal (allontana ed avvicina la busta per leggere).

 Postina) La g’ha rizù, mé l’è töta matina che le sènte sö. Ma siura, perchè se comprela mia en bèl pér de öciài?

Matilde) ( Ignora la postina e chiama il marito) Gioàn, ghèt monéda? Gh’è riàt le tase de pagà.

Giovanni) (Entrando) Òstrega, le s’è ‘ndrisade bé le ròbe se pagòm le tasse có la munéda.

Postina) Ma no, l’è na “tassata” se paga el ból che i g’ha desmentegàt de metèr sö la busta.

Giovanni ) Ah (dà un po' di moneta alla Postina).

Postina) G’ho mia el rest.

Giovanni) Fa nient, j è stüpidàde (aprendo la cartella delle tasse) dizìe mé, la me paria tròp bèla la stória... oddio signur me mama... töcc chei sólcc ché? (è colto da un leggero malessere)

Postina) El staghe mia mal nè, gh’è za stat mal chel che sta ‘n fónt a la via e anche ‘l siòr che sta al tèrs pià del secondo condominio.

Matilde) Sö Gioàn sö, sta mia fa isé.

Giovanni) Che colpo: al dée de ‘ncö se paga töt.

Postina) Apó l’aria che se respira.

Matilde) Töt costa car.

Giovanni) Töt se paga, la pènse, me vègne adès da l’ort, se la ghès de saì chèl che costa apó a comprà ‘l lödam.

Postina) (Al pubblico) Ma, el lödam se paghèl?

Giovanni) E certo, e apó car.

Postina) Me ghe l’ho mia l’ort, g’ho mia temp de staga dré.

Giovanni) Beata lé (esce sospirando con la cartella delle tasse in mano).

Postina) Ve salùde siòri. Stim bè (esce accompagnata da Matilde).

Matilde) Arijdis, arijdis (si risiede a lavorare) mai gna na cartulina; léle l’è bùna apena de portà ròba de pagà.

Scena 6 - Matilde e Santina

Santina) (Entra con in mano un cestello o una borsa di verdura) Ohi Ohi el me zenöcc el me té pö sö...   (a Matilde) Ma perchè te cómpret mia en pér de öciài (massaggiandosi il ginocchio) Endó el nàt el tò òm, el za scapàt?

Matilde) L’è ‘ndàt de là a cambiàs le scarpe (Matilde con la scopa raccoglie la terra caduta dalle scarpe del marito).

Santina)  El völ laurà ‘n de l’ort, el dis che l’è bü, che ghe piàs, ma apena ‘l pöl el scapa come ‘na légor (sedendosi) ah se só straca, me fa mal apó la schena a sta isé ‘n gubù, a lü la ghe farà mia mal de sicür la schena. Ohi ohi ‘l me zenöcc e menomàl che m’è pasàt el mal de spàla. Certo che ‘l tò òm l’è ’n fenomeno: g‘ho dit: pórtem la sàpa e lü  el m’è ignit col badil.

Matilde) Ma t’él set che ‘l se n’éntendi mia, en pó ala  ólta l’emparerà.

Santina) (Mentre parla si riasssetta, si mette un grembiule o le ciabatte ecc. ) Cosa öt che l’empàre chèl pelabròch lé, col có de lègn che ‘l g’ha, el sculta gna chèl che se ghe dis!

Matilde) Sta mia dì isé mama.

Santina) G’ho dit: taja ‘l pedersèm se no ‘l va ‘n sö e lü, el m’ha simàt töte le fòje de le carote, gh’è la còla pelada peladènta, löstra come ‘n póm, a idìla me ignìt de piànser, g’ho mia pudìt fa sito e alura ghe no dit en sach e ‘na sporta.

Matilde) Mama, varda che le fòje de le carote e del pedersèm le se sömèa, te ghéret de capìl e de portà pasiensa, envece te garèt tacàt a usà come ‘na mata,  za che ghé piàs póch a na dré a l’ort, se pò te seghìtet a sinsigàl...

Scena 7 -  Amelia per il limone

Amelia) (Entrando) El permesso?

Matilde) (Fra se) Oh, l’è che amò a rómper!

Santina) Dènter dènter siura Amelia, la se comode.

Amelia) Buon giorno siura Santina, scüza Matilde se te distürbe, ma vó vià sübit che g’ho frèsa, ghe larèset mia mèz limù de ‘mprestàm, g’ho de faga la camamila a la me Teresina.

(Matilde si alza per prendere il limone)

Santina) Come mai, stala mia bé la Teresina?

Matilde) (Porgendoglielo ironica) Gh’è restat l’öf sbatìt en sö ‘l stòmech.

Amelia) No, pöarina, g’ho idea che la gabe ciapàt frèt, me ghe n’ho asé apó de mès limù, apena vó ‘n piaza el cómpre e te ‘l rènde

Giovanni)  (Dalla camera) Matilde, endó èle le me braghe?

Matilde) Endó vöt che le sape Gioàn, en de l’armàre en fónt a destra.

Giovanni) Chèle ciàre?

Matilde) Ma sé, chèle che te mètet de sòlit.

Santina) A dit la verità me g’ho gnamò capìt se ‘l fa aposta a mia capì o se ‘l la fa per fa dispèt.

Amelia) Come dizèla siura Santina?

Matilde) (Spingendola fuori) Arijdis siura Amelia, arijdis.

Amelia) (Guarda i fiori) Che bèle röse che te ghèt Matilde, da ‘ndó vegnèle, te j-hai regalade?

Matilde) No, me se j-ho compràde.

Amelia) Chisà chèl che le costa ... (finalmente esce).

Scena 8 - Matilde e Santina - Giovanni dalla camera

Giovanni) (Sempre dalla camera) E la camisa bianca endó èla?

Matilde) En del prim casèt del comò.

Santina) Endó l’ è semper stàda. Se ‘l ghés de èser el me òm l’arés za copàt a capelàde, rie mia a soportàl, ciàpa ‘n de l’ort per esempe, lü el völ fa i laurà che l’è mia bu e gna a dìghel e a ‘nsegnàga el te sculta mià.

Matilde) Mama, te l’ho za dit, gh’è modo e modo de diga le ròbe.

Santina) Se só d’acordi, varda che me sérche semper de éser gentile con de lü, aga adès per esempe, lü el vulìa piantà i cöcömer che j-a mangia nüsü, piantóm la catalògna ‘nvece, nò, che la fa bé.

Matilde) Ma se a lü ghe piàs i cöcömer.

Santina) L’an pasàt el j-a facc töcc smàrser en sö la pianta, e pó, fóm sito alà che l’è mèi.

Giovanni) (Sempre dalla Camera) Matilde en do èi i me calsècc?

Matilde) En del second casèt, come al sòlit.

Santina) (Si alza e va ad ammirare le rose) Posìbol che lü ‘l tróe mai gnènt? Te l’ho dit, se ‘l ghés de èser el me òm larés za copàt a capelàde, come te fet a soportàl  el só pròpe mia ....ma a proposìt, e cheste bèle röse, (davanti alle rose) te ghe l’ét mia dit a l’Amelia, ma  da ‘n dó rièle?

Matilde) L’Amelia l’è sul na curiusùna, e pó, la me ja regalade la Fernanda.

Santina) Matilde, varda,  che le bàle che: cönteghele a chèl tananài del tò òm, ma a me cöntemela giösta, só mia nasida giér mé de béer zó töt (sedendosi) Ohi Ohi el me zenöcc, Signur che mal, se èt che cambia ‘l temp.

Matilde) Perché pòdela mia ìmele regalade la Fernanda?

Santina) Perchè de nò, la Fernanda la g’ha du fiùr striminsicc en del sò giardì,  la g’ha mia che le röse lé, con chèl manèch lónch isé.

Scena 9 - Martino e il Professore

(Entra Martino con il suo professore,che è  un po’ anzianotto, baffetti e sorriso da Don Giovanni, usa l’ intercalare: “Certo certo, vorrei dire, naturalmente” accompagnato da un lieve tic.)

Martino) Venga, el venga avanti siòr Professore, el venga avanti.

Professore) (Timidamente) È permesso.

Martino) Prego, si accomodi, guardi, c’è qui anche la mia mamma e la mia nonna, venga Signor Professore che gliele presento (alla madre)  mama, questo è il mio nuovo professore di italiano, e prende il posto della professoressa che avevo e che è andata in pensione. Èl sèt mama che ‘l profesùr el scrif  aga le poesie, te ghesèt de sènter che bèle, (al professore) lei capisce il nostro dialetto Professore?

(Matilde porge normalmente la mano ma il professore la stringe con fare sognante.)

Professore) (A Martino) Certo certo, vorrei dire, naturalmente, (a Matilde) Incantato gentile signora, incantato, è sempre un  piacere conoscere una bella signora.  

Matilde) (Stupita) Piacere mio, professore.

Martino) E questa è la mia nonna.

Professore) Piacere Signora, molto piacere, ma che nonna giovane che hai Martino, certo certo, vorrei dire, naturalmente, e che bella signora anche lei.

Santina) Piacere, piacere mio,  siòr professore (guarda il pubblico sbattendo le ciglia).

Matilde) Si accomodi siòr professore, el se sènta giù, quà con noi.

Martino) No  mama, g’ho de faga véder la me racolta de minerali. (Avviandosi) El profesùr el vé de là con me, apó a lü l’è ‘n colezionista de minerali.

Professore) (Seguendo Martino vede le rose, le indica, si ferma) Rose fra le rose, (annusando le rose) fiori fra i fiori, anch’io mando sempre delle rose alle signore, sono un tipo molto, molto  romantico. Certo certo, vorrei dire, naturalmente, mi dispiace lasciare la loro compagnia gentili signore, ma ho promesso a Martino  che avremmo guardato la collezione di minerali.

Matilde) Prego, prego, però son contenta che anche a lei ci piacciano le rose!

(Martino esce.)

Professore) Oh si, certo certo, vorrei dire, naturalmente, (prendendo la mano di Matilde) tutti i fiori ma le rose rosse in special modo per il loro significato (sottovoce) a me piacciono molto i fiori e le belle donne. Sopratutto per le belle donne farei pazzie (baciamano a Matilde) compermesso, a più tardi gentili signore.  (Nell’uscire canticchia: “Rose rosse per te ...” )

Scena 10 - Matilde e Santina - il sospetto

Matilde) (Ha un sospetto, ci pensa sopra) Te, mama, el sarà mia stat lüle nè, per caso.

Santina) A fa che ròba?

Matilde) Come a fa che ròba, mama, chèl de le röse nò!

Santina) Lüle, che ghe cèntrel? Ah, adès g’ho capìt, t’è riàt le röse e te se mia chi te j-ha mandade. Ma ghèrer mia ‘n biglièt?

Matilde) Sé che ‘l gh’éra, vàrdel ché, (se lo toglie dalla tasca consegnandolo alla madre) ma fat mia véder dal me Gioàn, se nò guai, te ‘l set come che l’è gelùs el me Gioàn.

Santina) El só, el só che el tò Gioàn el g’ha töcc i pö bröcc difècc (legge e commenta) “Saluti al vento - baci a trecento - Sogni profondi - se indovini rispondi”

Matilde) El me Martino ‘l g’ha dit che ‘l scrìf poesie.

Santina) Per  viga la fàcia de pelabròch chel profesùr lé el ghé là, a pensaga bé, lüle con chèi du bafèti da sparviero el sarés prope bu de fa apó chèle tirade lé. Se vèt che te ghe piàset, ma te l’ét sinsigàt?

Matilde) Mè l’ho vist encö per la prima ólta.

Santina) E alura l’è mia  lü , come fàel a saì ‘l tò indiris?

Matilde) (Spazientita) Cosa vöt che sàpe me, (compiaciuta) però ghét vist che aria de galèt?!

Santina) Rose fra le rose (imitandolo) a me piacciono molto i fiori e le belle donne- mia stüpid lüle - sono un tipo molto, molto romantico... mah, só gna me che dit.

Matilde)  E pó ghét sintìt chèl che ‘l g’ha dit ‘l Martino: l’è ‘n poeta... el scrif le poesie.

Giovanni) (Sempre dalla camera) Matilde, tróe pròpe mia i me calsècc, endó j-ét mès, j-ét ‘scundìcc?

Matilde) Vègne mé nóm, vègne mé (esce).

Santina) (Rimasta sola, va verso le rose parlando fra se) L’è prope bu de fa gnènt el Gioàn, töcc i dé ‘l se mèt i calsècc e töcc i dé ‘l ghé domanda endó che j-è, ma fal finta de fa ‘l sémo o el semo per di bu, me l’ho gnamó capit! (guardando le rose) però j-è ‘n gran bèle che le röse ché, ma (pensando) se ‘nvece de ìghele mandade a la me Matilde el ghes de ìmele mandadé a me? Pódares apó vèser nò, perchè nò, só gnamó ‘na vècia carampana (si accomoda i capelli ed il vestito).

Scena 11 - Teresina e Santina

Teresina) (Entrando con il sasso in mano) Permèsso.

Santina) (Ripiega velocemente il biglietto, lo mette in in cassetto o in tasca e va a sedersi). Oh, ma varda la Teresina, dènter Teresina, t’èl pasàt el mal de pansa?

Teresina) (Un po’ seccata) Mé g’ho mai vit el mal de pansa siura Santina, ghèl el  Martino?

Santina) Se la tò mama l’è ignida a tö el limù per la camamila!

Teresina) Me n’ho mia dopràt de limù (guardandosi in giro) Me paria  de viga vist vègner a casa ‘l Martino, endó el?

Santina) El Martino l’è de là, l’è ‘mpegnàt có ‘l sò profesur, l’è dré a faga véder i sass, ghét apó te ‘n sas de daga?

Teresina) Veramente...

Santina) Pòstel lé ‘n tera che dopo ghe ‘l dó mé.

Teresina) (Sdolcinata, dondolandosi) Se per lé l’è istès, siura Santina, preferirès dàghel mé personalmente al Martino e spiegàga, chèsto (guardandolo e alzandolo) l’è un sas special, de colesiù.

Santina) (Si alza e va a controllare il sasso) A me i sass i me par töcc precìss. 

Teresina) Chèsto l’è special e l’è per chèl che vöi dàghel mé de persuna. Ma el Martino ghe n’aràl per tant?

Santina) (Disinteressata si risiede) Só pròpe mia Teresina.

Teresina) Alura, se mai vègne dopo.

Santina) Va bé , va bé ciao  Teresina.

Teresina) Ariidìs siura Santina (esce).

Scena 12 - Giovanni Matilde e Santina

(Rientra Giovanni tutto elegante. Dietro a lui viene Matilde che riprende a lavorare. Santina guarda incuriosita Giovanni.)

Santina) (A Matilde spazientita) Ma sét mia buna de compràt en pér de öciài? (A Giovanni) Endó sét dré a na isé tiràt a malta fina? A spuze?

Giovanni) Só dré a na al bar  a fa ‘na partidìna, perché, gh’è vergót al contrare? Gàla vergót de dì se vó al bar?

Santina) Me nò. Cridie che te sìet scorajàt en de l’ort e che ulièt polsà ‘n pó, però fa chèl che te ghé n’ét òja, te sét grant asé sènsa bisògn de la balia.

Giovanni) Ghé mancarès a chèla, a proposit gàla vist che röse che la g’ha la Fernanda, come farala a fale ègner isé bèle, le nòse j-è lé töte stizìde, le g’ha gnamó fiurìt.

Santina) E le fiurirà gna mai, vardae pròpe stamatina che quant té j-é potàde, te ghét lasàt i ram vècc e te ghét tajàt chèi nöf.

Giovanni) Ma la varde che sé fa isé a tajà le röse nè. Per me l’è na questiù de lödam. 

Santina) Alà, fóm sìto alà, sta mia fam parlà caro zèner, en de l’ort, endó te pàset  te, l’é  pès de Attila:  vé pö sö gna l’èrba!

Giovanni) (Alla moglie) Matilde, ma sét mia buna de diga gnènt a la tò mama, che la la móche lé ‘na bùna ólta, me j-ho tajade giöste, per me l’è amó ‘na questiù de lödàm.

Scena 13 - Martino chiede il caffè

Martino) (Entrando) Te mama, per piazér, farèset mia ‘l cafè?

Matilde) Se caro, (si alza premurosa per prepararlo) tè ‘l fó sübit.

Martino) E gne ‘l pórtet de là dopo, isé noaltèr nóm avanti col nòs laurà.

Matilde) Va va, ghe pènse me, èl béet apó te Gioàn? (Prepara il vassoio con un centrino, lucida la zuccheriera.)

Giovanni) Ma sé alà, con en dit de grapa, isé me scàlde, g’ho ciapàt na zélada a sta là föra en de l’ort. Ma che servisio che gh’è ancö? El perchè só istit de la fèsta?

Santina) Ma chi te credèt de èser? L’è mia per te, l’è per el profesur de Martino, j-è de là ‘nsèma che i  varda i sass. T’èl sèt che ‘l nòs Martino el coleziùna i mineràli.

Scena 14 - Fernanda

Fernanda) È permesso, si può? (Entra cinguettante con un vestito vistoso.)

Santina) Quan che i vé ‘n che la casa ché, ghe n’è ‘n gran pòch che dòpra el campanèl! Chisà come mai! Ciao Fernanda.

Fernanda) Buongiorno a tutti, siòri, stif bé? O siura Santina come la tróe bé, ghèl pasàt el mal de spala?

Matilde) (Allarmata, fra se, verso il pubblico) Adès ghe mancàa apéna la Fernanda. (A Fernanda) Ciao Fernanda, só dré a fa ‘l cafè, en béet en gós apó te?

(Fernanda fa per sedersi vicino a Giovanni e Matilde cerca di allontanarla facendola accomodare il più lontano possibile da lui)

Matilde) Tò alà, sèntet zó ché  ‘n banda a la me mama che te sté  pö còmoda.

Fernanda) (Sedendosi) En gós de cafè ‘l bée pròpe volentéra.

Giovanni) A parlà del diàol compàr la cùa, el sét Fernanda che siègn dré pròpe a parlà de te?

Fernanda) En bé o ‘n mal?

Giovanni) Ma nò, nè bé nè mal, sìegn dré töcc a domandàs che lödàm te dòpret pèr i tò fiùr?

Fernanda) Lödàm? Ma! Sarés mia, i concime ‘n pö, perchè?

Giovanni) Te ghét de chèle röse stupende en del tò giardì.

Fernanda) Grasie, grasie, bèle nè, caspita, l’è perchè mé g’ho ‘na gran pasiù a ‘na dré ai fiur.

Santina) Che ghét piantàt st’àn de bèl en del tò giardì?

Feranda) En pó de töt... caroline... gerani...

Matilde) (Serve il caffè) Ecó ’l cafè, finalmente!

Giovanni) Perchè sich chìchere?

Matilde) Te l’ho apena dit, ghèl pórte a chèj du de là.

Giovanni) Chi gh’è de là?

Santina) Ma sét dré a deentà scleròtico!

Matilde)  Gh’è de là ‘l profesùr del  Martino, chèl nöf.

Fernanda) (Agitandosi si sistema il vestito e si aggiusta i capelli) Chél nöf, chèl che gh’è ignìt st’an? Ma ghif vist che bèl òm che l’è con chèi du bafèti, e chèi du öcc scür: el par en spagnolo.

Giovanni) (Al pubblico sarcastico) Vöt véder che adès gh’è riàt Zorro che ‘n paés.

Santina) En spagnolo en pó stagiunàt, l’è tròp vècc per te, al pö al pö el podarés na bé a me, vulìe dì, a giöna de la mé età...

Giovanni) Alura l’è mia en Zorro, al pö al pö el sarà “Sancio Pancia”  ghé l’hal  la pansa?

Matilde) Te Gioàn te l’é gna vist e te pòdet mia parlà. Ma te (a Santina) che dìset sö mama, l’ét vardàt bé, el par en zuinòt!

Fernanda) Ah, per me l’è prope en bèl òm. E che finèssa, che galanteria, che gentilèssa, che eleganza, (pettegola) el sif che l’è mia spusàt e che ‘l völ spusàs per sistemàs? La me la dizìa la fornéra en piaza. El sif che me l’ho za ‘ncontràt, gér sie nada da la barbera e pròpe sö l’ös…

Giovanni) (Interrompendola) Alura l’è prope ön òm special  se ‘l va da la barbera e mia dal barbér, g’hal i caèi lónch, magari el g’ ha ‘l cuì come i vüsa al dé de ‘ncö.

Fernanda) Ma nò Gioàn, la barbera la g’ha fitàt l’apartamènt.

Santina) Chèl che la g’ha ‘n piasa?

Fernanda) Pènse, de precis el só mia. Me sie dré a na dènter e la gna presentàt e isé g’ho  parlàt ensema, l’è un piazér parlàga ensèma,  v’él züre, el sif che ‘l scrif le poesie?  Che òm romantico. Ah che bèl òm! A me che só sula el me narés pròpe bé, chisà se ‘l s’è ‘ncurzìt che a me ‘l me piàs? Saró mia pròpe ècja nò? Pòde amò pensaga a sèrte ròbe.

Santina) A dit la verità a ólte ghé pense apó a mé.

Giovanni) (A Santina) Ma gala mia vergògna a la só età.

Santina) Ada bèlo che mé só gnamó na vècia.

Fernanda) Pensì che l’è semper stat el me sògn spusam. (Alzandosi) Matilde ciàmel de ché con noàlter nò?

Matilde) A fa?!

Fernanda) A béer el cafè ensèma nò? Isé g’ho l’ocasiù de cunusìl mèi (insistente) dai, dai, ciamèl... ciamèl... dai...

Matilde) (A Fernanda facendola risedere) No, no, n’altra ólta, làsel de là per adès (alla madre sottovoce) òcio nè! (alzando la voce) vó e turne (esce a portare il caffè).

Giovanni)  (A Fernanda) Fernanda, scüsa, ma ‘n dó ét a töl?

Fernanda) Che ròba?

Giovanni) El lödàm!

Fernanda) El lödàm?! De fa?

Giovanni) Ma per le röse nò? Arda che bèle che j-è?

Fernanda) Certo che j-è ‘n gran bèle e che culùr che le gha, endó j-ét...

Santina) (Interrompendola energicamente, tirandola per la manica) Fernanda, te séret dré a dì del profesùr, ma de ‘ndó vègnel, el me par mia de ché?

Giovanni)  (Al pubblico) E la dis che l’è mia na fómna curiùsa.

Fernanda) De precìs el só mia, ma crède che ‘l vègne da Brèsa cità, gh’ét mìa vist come che l’è vistit decitadì. Che eleganza! L’è mia ön òm rozzo come chèi del nòs paés.

Giovanni) Adès gh’è riàt el profesùr a civilizàgn che ‘n paés.

Fernanda) Caro ‘l me Gioàn, gh’è semper de ‘mparà da giü de cità.

Giovanni) Varda che noàlter som mia dei trogloditi, som za civilizàcc asé, góm mia bisògn che ‘l tò profesùr el vègne apòsta da Brèsa, e pó, a Brèsa...

Santina) Sti mia ambià a discüter compàgn del solìt, te Fernanda, (alzandosi, fa alzare anche Fernanda e la prende sottobraccio) entant che te me cöntèt del profesùr vé a véder el me ort come l’è bé tignit, adès só dré a surnà la catalògna.

Giovanni) I cöcömer.

Santina) La catalògna.

Giovanni) I cöcomèr g’ho dit.

Santina) Ma che có che ‘l g’ha che l’òm ché, ustinàt compàgn de ‘n mül. T’ho dit, che l’è mèi surnà la catalògna, perchè la catalògna còta la fa bé, ‘nvece te i cöcömèr té i lasèt smàrser sö la pianta. Sücù  (sulla porta) te ghèt un có!

(Fernanda e Santina escono)

Giovanni) (Alzandosi si dirige all’uscita) Me g’ho ‘n có, perchè lé che gàla, na ràa al pòst del có, sènsa ofesa per le ràe. L’è mèi che naghe a mé, (controllando le tasche)  oddio, desmentegàe ‘l fasöl (ritorna in camera a prenderlo).

Scena 15 - Matilde e il Professore

(Rientra Matilde e dietro a lei il professore, Giovanni rientra a sua volta, si ferma incuriosito in disparte, gli si vede la testa. Mentre Matilde parla col professore Giovanni esprime i suoi pensieri con la mimica del viso.)

Professore) Mi scusi signora, ma dovrei chiederle una cosa, mi sento un po’ in imbarazzo, certo certo, vorrei dire, naturalmente, perchè è una domanda indiscreta.

Matilde) (Civettuola) Dica, dica pure sior professore.

Professore) Veramente ho un po’ di pudore.

Matilde) Ma el mi dica, el mi  dica pure, non si faccia mica riguardo.

Professore) Certo certo, vorrei dire, naturalmente, non so se posso permettermi.

Matilde) (Abbassa la testa timida) Ma davvero?! (Alza gli occhi al professore) È una domanda imbarazzante allora?! Ma si permetta, ma si permètta.

Professore) Sa, non so se posso. Certo certo, vorrei dire, naturalmente.

Matilde) (Avvicinandosi al professore) Siamo soli, io e lei, dica pure.

Professore) Vorrei chiederle... se ha una pinzetta per le sopracciglia, sa, certo certo, vorrei dire, naturalmente, quelle che usano le donne per i peli.

Matilde) (Indietreggia delusa.)

Professore) A noi  serve perchè dovremmo spostare dei frammenti di minerale senza toccarli, per non sciuparli, capisce,certo certo, vorrei dire, naturalmente, non possiamo toccarli con le mani.

Matilde) (Perplessa) La pinzetta per le sopracciglie, tutto qui! (Si gira e la prende da un cassetto) Naturalmente, eccola signor professore.

Professore)  Grasie, mille grasie gentile e bella Signora, sarò eternamente suo debitore (esce).

Scena 16 - Matilde e Giovanni

Giovanni) (Entrando) Te, ma èl lüle chèl tal profesùr che dizìa la Fernanda?

Matilde) Se, l’è lü, en grand bèl òm nè, e che finèssa, che gentilèssa, che delicatèssa.

Giovanni) E töta sta gran belèssa che ulìel da te?

Matilde) Ma gnènt de particolare, (dispiaciuta)  el vulia apena la pinsèta de le ciglia per spostà i sass sensa tocài.

Giovanni) En momò isé apena per chèl?  (imitandolo) cicìcicìcicì, non sò se posso, la mi scusi... el sömeàa finamai dré a fat la corte.

Matilde) A me? (Stupita, quasi offesa) Che dìzet sö pò, ma se l’è la prima ólta che ‘l vède.

Giovanni) Che gói de dit, el g’ha ‘n modo de fa che me paga mia l’öcc.

Matilde) Perchè, che g’hal fat de strano?

Giovanni) Gnènte de strano, ma g’hal töte le rödele a pòsto lüle?

Matilde) Ma perchè?

Giovanni) Isé, el g’ha ‘n vergót che me quadra mia tant. Da quando en qua ocór ‘na pinzetta per spostà i sass?!

Scena 17 - Teresina

Teresina) (Entrando)Permesso?

Matilde) Ma sét amó ché con stó sas, Teresina?

Giovanni) T’è vignìt la manìa dei sassapó a te

Teresina) Ma nò, só vignìa a portàhe al Martino. Gh’l el Martino?

Matilde) L’è de là col sò profesùr, só mia se pòde disturbàj.

Giovanni) Distùbe, distùbe, tanto per chèl che j- dré a fa.

Teresina) Cosa èi dré a fa de bèl?

Giovanni) A spostà i sass co’ la pinsètta de le ciglia.

Matilde) Sta mia scultàl Teresina, va va ... (l’accompagna alla porta) che quan che ‘l g’ha finìt te ciame me.

Teresina) (Delusa) Va bé, siura Matilde, mé staró en casa a spetà che lè la me ciame. (Esce)

Scena 18 - rientrano Santina e Fernanda

(Santina e Fernanda entrano chiaccherando, Santina si sorprende di trovare ancora Giovanni in casa. Fernanda piano piano va verso le rose.)

Santina) Amó ché te sét Gioàn, ma ghéret mia de na al bar?

Giovanni) Perchè, ghé fói fastide se stó ché? Ölela casam vià a pó de casa me adès, al bar ghe vó quand che n’ho òja me va bé.

Matilde) Sti mia taca bega adès.

Fernanda) (Guardando le rose, a Santina ) Te dìzet che te ghé i fiùr mia tat bèi, ma se te ghèt catàt zó chèle röse lé ... (indica il vaso)

Santina) Ma no, Fernanda.

Giovanni) Come, come?? Fam capì?!

Fernanda) (A Giovanni) Ah, te set nat a compraghele a la Matilde?! (A Matilde) Oh che marito che te ghét Matilde, dopo tancc agn de matrimòne, el g’ha amó chèi penser ché, e che bèle che j-è, (a Giovanni) e te set nat  a compraga pròpe chèle col mànech lónch, chèle che cósta de pö, i mariti de sòlit i compra mia chèle röse lé, de sòlit j-è j-amanti che...

Matilde) (Scandalizzata) Fernanda, móchela lé!

Santina) Ma che dìzet sö po'!?

Giovanni) Lasìla, lasìla dì che l’è ‘nteresante...che sìet dré a dì Fernanda?

(Matilde e Santina si guardano disperate e cercano di cambiare discorso, inutilmente.)

Santina) El nöf chèl vistìt ché?

Fernanda) (A Santina) Sé, l’ho compràt el més pasàt e l’è la prima ólta che ‘l mète (A Giovanni) G’ho dit che te sét en brao marito, el mia éra forse? Basta ardà le röse!

Giovanni) Ma ghé j-ét mia regalàde te che le röse lé?

Fernanda) E nò caro mio, se ghìe de le röse isé bèle me le tignìe (comprendendo la gaffe) ohhh... (al pubblico) forse ghie de fa sìto... forse g’ho dit argót de tròp. Ma, (a Giovanni) Gioàn... se te ghe j é mia comprade té.

Giovanni) Ah, l’è isé la storia, me  ghé j-ho mia gnà comprade e gna regalade, e adès che sóm che töcc l’è mèj s-ciarì bé le ròbe. (Va minaccioso verso la moglie) Matilde, da ‘ndó ègnele chèle röse lè?

Santina) Ghé j-ho regalade mé, per faga na sorpresa.

Giovanni) Lé, la se ‘ntromète mia en dei nòs afari.

Santina) Varda che chèsti j-è apó afari me.

Giovanni) Regalà le röse? Ghé crède gna se ‘l fós  vera, tiràca come che l’è en del spènder.

Santina) Varda che me só mia tiràca nè bèlo! Me spènde apena quand che l’è giöst spènder, ohi ohi che mal de zénöcc. L’è töt el dé che ‘l me fa mal (massaggiandosi) se èt che cambia el temp.

Giovanni) Se cambierà ‘l temp, ma cambióm mia discorso (alzando la voce) mé vöj saì da ‘n dóe le vé chèle röse lé, per piazér, va bé!!!!

Matilde) Sta mia ‘nrabiàt Gioàn che te se alsa la prisiù, vöt pròpe saì la verità? Èco, el só gna mé.

Santina) Se t’ho dit che ghé j-ho regalade me, ensóma, crèdem nò!

Giovanni) Chée gh’è vergü che völ fam pasà de sémo, ma mé per vòsa nòrma e rególa, só mia nasìt giér. Bu sé, fin tròp bu, ma stüpid nò. Alura, só ché che spète, dai, ghé sarà bé stat en biglièt nò?

Santina) Ma te Gioàn, ghièt mia de na al bar?

Giovanni) G’ho cambiàt idea, perchè pòde gna cambià idea adès? O lé völela ‘nsegnam anche quand che g’ho de na al bar adès? M’è pasàt la òja va bé! Al bar ghe vö pö e sto ché. E de ché me möe mia (si siede deciso)  fin a quand nó mé dizì da ‘n dóe le ria chèle röse lè!

Matilde) (Indecisa e timorosa) J-è riade...

Giovanni) Sta mia dim che j-è riade zó dal ciél perchè ghé crede mia.

Fernanda) Le sarà ignìde sö da le scale.

Giovanni) Chesto l’è pö probàbil, ma da chi? L’è chèsto che me vöi saì: Dai fam véder stó biglièt, ghé sarà bé stat en biglièt o té j-hal portade de persuna?!

Santina) (Si alza e si porta alle spalle di Matilde, quasi a proteggerla) Ma che biglièt e biglièt, dübità isé de la mé pütina, se t’ho dit che ghé j-ho mandade mé, ghé j-ho mandade mé e mé el biglièt ghé l’ho mia mès, (decisa) le röse j-è riade senza biglièt.

Scena 19 - rientra Martino con il Professore

(Martino ha in mano un vassoio con dei sassi, entra col professore sorridente. Giovanni crede di capire, guarda il professore che gli fa un sorriso, poi guarda Matilde e si inalbera.)

Giovanni) Lü ( indicando il professore) l’è stat lü!

Matilde) Ma Gioàn che disèt sö po’.

Giovanni) Per fórsa l’è stat  lü,, con chèla facia de sémo lé, adès g’hò capit töt. Come te sét pirmitìt (lo prende per il bavero) atèr fat che Zorro, té ‘l dó me Zorro a te e varda che chèla de la pinsèta per le ciglie me l’ho mia bijda, ma mé te spache ‘l müs, ghét capit bèl tòmo, chèsta l’è casa me, ché comande me, e te...

Professore) Non capisco,certo certo, vorrei dire, naturalmente, non capisco.

Matilde) (Cercando di trattenerlo) Càlmet Gioàn, càlmet che te se àlsa la prisiù.

Santina) Sta mia ‘ncasàt isé, lü ‘l ghé centra mia.

Fernanda) Lü! Alura, töcc i me sògn i va per aria.

Martino) (Tentanto anche lui di fermarlo) Ma Bubà che sét dre a fa, sét dre a straparlà? Lasèl sta ‘l me profesùr.

Santina) Ma sé t’ho dit che le röse ghé j-ho mandade mé. Gioàn sta calmo, oddio el mé zenöcc...

(Il professore riesce a scappare, indietreggia spaventato e si ripara dietro a Fernanda, tutti vogliono dire la loro e parlano tutti insieme)

Matilde) Càlmet Gioàn, càlmet che te va sö la prisiù. Sìrca de sta calmo.

Professore) Esigo una spiegazione, nessuno si è mai permesso di trattarmi così, certo certo, vorrei dire, naturalmente, me la pagherete...

Santina) Férmet che me fa mal el zenöcc.

Martino) Làsel sta bubà, el t’ha fat gnènt, lasèl sta.

Giovanni) El só me chèl che ‘l m’ha fat, el só me chèl che sö dré a fa (a chi cerca di fermarlo) mulìm, mulìm, lasìm na, che se ‘l ciàpe ‘l cópe, a me fan na ròba del gèner e te (A Matilde) e te (segnando la moglie) mé te cridìe na fómna onesta!

Matilde) (Piagnucolando) Ma Gioàn te ‘l sét che me só na fómna onesta.Perchè me dìzet sö pò che te me fe ègner de pianzer (si asciuga le lacrime nel grembiule).

Giovanni) ( A Santina) E lé, tigniga la part, gàla mia vergogna, adès capise perchè la ulìa semper tignìm en de l’ort a laurà.

Santina) Gioàn, el me zenöcc, che mal ‘l me zenöcc. Fó fadiga a sta ‘n pé.

Fernanda) Càlmet, ragiuna.

Matilde) Ma che sét drée a pensà Gioàn, mìa dì stüpidàde, nom a té.

Giovanni) Ghét capit che fürbe chèle dò ché? En de l’ort le me tignia. E  me stüpid stàe là a tajà ‘l pedersèm, a sapà, a vangà, se... ciao.

Santina) Ma sérca de ragiunà nóm Gioàn.

Matilde) Ada che figüre che fóm col profesùr.

Fernanda) I strass spurch i se làa en famèa.

Martino) Ma de che strass spurch parlela?

Santina) Ma ragiùna ensóma.

Giovanni) Me ragiùne anche tròp, ma certe ròbe se g’ha mia de fale, sèrte ròbe mé vòj mia idìle, mé só semper nat en paés col có alt, có la frónt nèta, só mia se me spiéghe, töcc finùra i me rispetàa, e adès per culpa vósa...

Martino) Me no capìse gnènt.

Professore) Esigo una spiegazione

(Giovanni si sente provocato e si gira di scatto)

Matilde) (Piangendo) Ma mé g’ho fat gnènt de mal.

Martino) (Avvicinandosi alla madre) Mama, sta mia fa isé te ‘l sé che quand te vède piànzer me vé de piànzèr apó a me ( inizia anche lui a singhiozzare).

Professore) Ma questa è una casa di matti!

Giovanni) Mat a me?! T’èl fó véder mé a té, te fó pasà me la òja de fa ‘l Zorro.

Martino) Che cèntra Zorro adès?

Matilde) (Sempre piagnucolando) Lü ‘l vulia dì Sancio Panza.

Martino) Sancio Pansa?!

Santina) El tò Gioàn el g’ha töcc i pö bröcc difècc, ma che ‘n fét de ‘n òm isé Matilde, ma che ‘n fét! Oddio che mal de zénöcc.

Professore) L’ho detto io, certo certo, vorrei dire, naturalmente, qui son tutti matti! (infila la porta).

(Nuovo scatto di Giovanni che  viene fermato da Matilde e da Santina.)

Martino) Profesùr, profesùr (esce rincorrendo il professore).

Fernanda) Forse me ché só de tròp, l’è mèi che naghe (esce chiamando) Professore, professore.

Santina) Matilde, ma come fét a soportà ‘n òm isé che capès gnènt. Daga ‘na pesadìna e càsel vià de casa.

Giovanni) Isé só mé chèl de tròp en chèsta casa?! La g’ha rezù la siura Santina, l’è mèi che naghe al bar. Però ghe vó me, de me inziativa, sensa che lé, siura Santina la me oblighe, (con molta dignità) Se, vó al bar a negà i dispiazéer, anche se ‘l bucù l’è dür de mandà zó, anzi sif chèl che vé dise: só mia se tùrne! Anzi l’è facil che tùrne pö dèl töt! (Esce)

Santina) Va, va, che l’è mei alà.

ATTO  II 

Scena 1 - Matilde e Santina

(Matilde prepara il tavolo e ogni tanto si asciuga una lacrima.)

Santina) (Entrando) El gnamò turnàt chèl macarù del tò òm?

Matilde) Macchè, e l’è quasi l’öna e l’è stat föra töta nòt, magare ‘n beànda, töta nòt en giro l’è stat, el ghìa mai fat ‘na ròba del gèner!

Santina) Cosa èl nàt a pensà pò.

Matilde) Per na stüpidada isé, ruinà ‘n matrimonio.

Santina) Te ghièt de dìghel sübit come le stàa le ròbe, le bàle le g’ha le gambe cürte, con töte chèle che te ghé cöntet ormai te garéset de vil emparàt.

Matilde) Caspita, che gh’ére de fa, se chèla “pampalüga” de la Fernanda la fàa sìto e la stàa a casa sò, sücidia gnènt.

Scena 2 - Amelia con le bollette

Amelia) (Entrando) El permesso?

Santina) (Sospirando) Avanti!!

Amelia) Scùza né, ma en de la me casèta de le letere g’ho troàt chèste e l’è mia roba mia (consegna le bollette a Matilde).

Matilde) Amó ròba de pagà?! (le avvicina e le allontana per tentare di leggerle)

Amelia) Perchè te comprèt mia en bèl per de öciài Matilde? La me par la luce (guardandole) giöna l’è la lùce e giöna l’è ‘l telefono.

Santina) E come mai j-era en de la tò casèta de la posta?

Amelia) Mah.

Matilde) (Prendendo le buste) La pustina la se sarà spaentada gér quan che la g’ha vist el Gioàn a sta mal.

Amelia) Certo che l’è na bèla cifra.

Santina) J-het dervide!? Ghét lizìt la me posta?

Amelia) Nò, (titubante) j-era za derverte. Oh, sarà mia en segreto, sö per zó l’è chèl che paghe a mé, sia de luce che de telefono.

Matilde) (Sarcastica) Grasie, ma za che te sét isé ‘nteresàda , vöt ‘ndà apó ‘n posta a pagale, za che j-ha mèse en de la tò casèta!?

Amelia) (Secca) Ghe n’ho asé de le mie de bolète, ve salude nè (esce).

Santina) Arijdis.

Matilde) Arijdis. De ché e sich minücc l’è ché amó.

Santina) E sensa mai sunà ‘l campanèl! Bisògna slatàla lèle. L’è na söpa.

Scena 3 - Martino con i brutti voti - entra Teresina

(Martino entra quasi piangente e con dei libri in mano, Matilde lo consola)

Martino) Quàter, quàter el m’ha dat. El meritàe mia però, e pó ‘l m’ha ‘nterogàt töta matina, el m’ha dat na tartasada de chèle, con de chèle domande che lé stàa gna ‘n ciél e gna ‘n tera, el fàa aposta, e pó, quan che mé rispundìe mia, alé, ‘n altèr quàter söl registro. L’èra catif come la pèste.

Santina) Sét dré a dì del profesùr de gér?

Martino) Se, del  profesur de italiano, pensà che mé ‘l fae na gran bràa persuna.

Teresina) El permesso

Santina) Oh, l’è ché amó a romper. (Al pubblico) Tale màder, tale fiöla.

Teresina) Permesso (Entrando con il sasso in mano) Ciao Martino, t’ho vist a rià a casa preocupàt e me só spaentada, isé só ignida a véder, cosa gh’è sücès?

Martino) (A Teresina) Gnènt, gnènt (esce, non vuol farsi vedere a piangere, va a deporre i libri).

Teresina) (Rincorrendolo) Come niènt? Varda che fàcia che te ghét, se pól saì cosa t’è sücès? Pòde aidàt?

Matilde) (La ferma) Varda Teresina, l’ünich aiuto che te pòdet dàga l’è chèl de sta a casa tò e de pensà ai afari tò.

Teresina) Ma che vilana che l’è ‘n cö, siura Matilde, me vulie apena éser gentile co ‘n del Martino.

Santina) Scüza Teresina, ma l’è mei che te nàghet, varda, se garóm bisògn de vargót te ciamòm.

Teresina) El sif che me e la me mama sóm semper pronte ad aidàf. Ma se pöl sai cosa gh’è sücès?

Santina) Gnènt, gnènt. Te ‘l contaróm n’altra olta... va ... va.

(Matilde l’accompagna alla porta e Teresina esce ancora con il sasso in mano.)

Scena 4 - Matilde Santina e Martino

Martino) (Rientra sconsolato) Pensà che mé ‘l fàe na gran bràa persuna.

Santina) Le aparenze a ólte le ingana.

Matilde) Dai Martino, ciàpetela mia. Naróm a domandàga scüsa e risolvóm la situasiù

Martino) Se, ma ‘ntant el m’ha mès en möcc de quàter söl registro e chèi a tirài vià la sarà düra. Ma ‘l bubà  ‘ndó èl?

Matilde) L’è gnamò turnàt da gér.

Martino) L’è gnamò turnàt da gér!? Alura ‘l s’è pròpe ‘ncasàt come na bestia. Ma ‘nsóma perchè ulìf mia dim chèl che gh’è sücès?

Santina) No gh’è sücès gnènt, l’è tò pàder che ‘l g’ha ‘n có de raàrì.

Matilde) Me só disperàda, na tiràda del genèr de lü me la spetàe mia.

Santina) Mé, a dit la verità (a Matilde) e te pòdet mia dì de nò,  te l’ho semper dit: Sta mia spuzal che l’è mia tant a posto, l’è mia en òm per te, e te gnènt, düra: mai scultà chèl che te dis la tò mama.

Martino) Bisognerà scrìighel a me sorèla, el sò òm che ‘l laura en dèle stüde de ‘n aocàt, el sistamarà le ròbe.

Santina) Bèl tananài che l’è nada a tö  apó tò sorèla, el sarà mia n’aocàt lüle nè? Aocàt de chì? De le cause pèrse? L’è gna bu de fa “ O ”  col bicér

Matilde) Tò sorèla e ‘l sò òm lasèi là ‘ndó j-è, fam na carità, lur i g’ha za i sò problemi col püti picinì e ‘l mutuo de la casa de pagà, sènsa sta lé a cöntaga i nòs de problemi.

Martino) (Andando vicino ai fornelli)  Per me... fì chèl che ulì (alzando un coperchio) encö se mangia mia? Gh’è gnamó prónto?

Matilde) Mé g ‘ho gna ‘n pó de fam (ogni tanto si asciuga gli occhi e tira sù col naso).

Martino) Ma ché piànzet mama, te ‘l sé che sé te vède a piànzer me vé de piànzer apó a me (e inizia anche lui a singhiozzare, prima piano, poi sempre più forte).

Santina) Sö, nóm, fa mia ‘l macù, gh’è nè za asé de giü ‘n casa. Va béè, che te se fiöl de tò pàder e se pöl mia pretèndèr: da ‘n fìch ve mia föra en póm.

Martino) Ma nóna anche te contra de me, a me i me cönta mai gnènt nisü, i pènsa töcc che me sàpe stüpid, che capise gnènt, però ‘ntant per i vòs cazì me g’ho ciapàt en möcc de quàter en söl registro.

Santina) Sö sö, móchela lé dai, nóm, fa mia isé, va a resentàt che la facia lé...ada lé che öcc.

(Martino esce)

Scena 5 - Fernanda

Fernanda) (Fuori scena) È permesso, si può?

Matilde) (Al pubblico) Cosa ègnela ché amò a rómper, ghé n’hala mià vit asé de gér?

Santina)  (Al pubblico) Se lé la stàa a casa sò, nó sücidia gnènt.

Matilde) El mé Gioàn el sarés amó ché.

Fernanda) (Entrando) Te Matilde só ignìda a dit che g’ho vist en piaza el tò Gioàn embriàch mars, varda, ciòc desfàt, però gh’è de dì che l’èra contènt come na pasqua, el cantàa come ‘n fringuèl. Ghìef de sènter che ròba.

Matilde) Te ghet vist el mé Gioàn en piaza ciòch, che ‘l cantàa?

Fernanda) Ma se, se te ‘l dize, el cantàa stunàt come ‘na campana e te disaró de pö, quand che ghé nàa zó la us, el tacàa a predicà, te ghéret de idìl, i se fermàa töcc a scultàl, el parlaa de Zorro, de Sancio Pansa, dei spagnoj che völ vègner a civilizagn noalter de Riultèla.

Santina) L’è prope de lü a na a fa ‘l pajàso isé en mès a la piaza, dumà i ne parlarà töcc a Riultèla, te l’ére dit mé Matilde che l’èra mia ‘n òm per te! Ma te nò, te sculta mai la tò mama quan che la te dis le ròbe.

Matilde) Mama, el mé òm poarì.

Santina) Póeér el tò òm! Póera la me fiöla, che bröta fi che te ghét fat, te l’ere dit mé, mia spuzàl.

Fernanda) La g’ha rezü siura Santina, meno mal che me, me só mai spuzàda, un òm isé!

Matilde) Ma va là Fernanda, che te garéset fat i salti mortali per viga ‘n òm come el me: el me Gioàn.

Fernanda) Che dìzet sö pò, gna se i me la regala el volarés.

Matilde) Perchè, che g’hal el me Gioàn , se ‘l s’è ridüsìt isé l’è stat per culpa tò

Fernanda) Culpa me, ma sét dré a dà i nömer?

Matilde) Nò, la culpa l’è de me nòno en cariöla, can de l’ùa a té.

(Dall’esterno si sente Giovanni che arriva cantando, stonato ed ubriaco: “e ché l’è la me cacche... òi sai chì va e che vécche - òi saì chi va e che vécche...” )

Fernanda)  Me l’è mèi che scàpe, el me fa ‘n pó póra, per la verità l’ho mai vist en chèle cundisiù           ché. En piaza el ghèra du öcc de mat (aspetta in un angolo che Giovanni entri e poi se la           svigna)

Giovanni) (Entrando) Eilà, bèle giòje, arda che bèle che j-è le me giòje (nell’avvicinarsi a Santina, prima la fissa e poi fa un salto indietro) Nò, te te sét mia na bèla giòja (vede il tavolo preparato) Oh, alura se mangia (si spaparazza e tutti lo guardano) Che ghif de ardàm, sói bèl? Scomète che ghi mai vìst un ‘òm pö bèl de me... e ... grasie mama che te me fat isé bèl? Te mama (alza gli occhi al cielo) te mama te me fat bèl e la e Matilde la ma fat cornuto. Vidìf la me fronte alta, spaziosa, da persuna intellignete (pensa) Che sére dré a dì? Beh gnènt, beómen en gòto (tenta di versarsi da bere).

Matilde) (Portandoglielo via) Ghét mia biìt asé Gioàn per encö? Té ‘l dó mé ‘l gòto a te.

Scena 6 - Giovanni si addormenta

Santina) Ma dàghela söl có la bòsa.

Matilde) Èla chèsta l’ura de turnà a casa? En chèle cundisiù ché?

Giovanni) Zitta donna! Dammi il bicchiere che oramai l’è l’unica soddisfasiù che ghe resta a stó póer òm (si alza per prenderlo dalle mani di Matilde, senza riuscirci, traballa e si risiede) Ubbidisci donna (batte la mano sul tavolo) portami da bere donna!

Matilde) Ma ‘l sét che te sé ciòch màrs!

Santina) Senti che spösa de vi, te me fé ègner de gumità.

(Martino rientra)

Giovanni) Zitta donna, devo negare i miei dispiaceri. Dammi da bere donna e poi vai. Vai a sornare la catalogna (china la testa sul tavolo e si addormenta, ogni tanto russa anche  mentre gli altri proseguono a dialogare).

Scena 7 - spiegazioni

Martino) (Fissando il padre) Me pàder en chèste cundiziù?! Me l’ho mai vist! Ma che gh’è sucès perdio, vulì spiegàm?

Matilde) Arda Martino, adès te la spièghe me la stòria, te te ricòrdet chèle röse de gèr?

Martino) Certo chèl bèl mas che gh’èra ensìma la taóla.

Matilde)  Sé, pròpe chèl.

Martino) E alura?

Matilde) Alura gh’è che le m’è riàde e me só mia chi me j-ha mandàde.

Martino) (Pensa un momento) Zorro?

Matilde) (Risentita) Ada che chèsto l’è mia ‘l momènt de fa ‘l sémo.

Santina) (A Martino) Lasa sta Zorro  che ‘l ghé centra mia (a Matilde) Se l’è per chèl i garés pudìt mandàmele apó a me, g’ho de rindìga cönt a nüsü e per fürtuna mé, só aca vedova.

Matilde) Ma che disèt sö pò mama, la sarà mia na fürtuna èser vedova?

Martino) Sti mia cambià discorso, alura?

Matilde)Ah, sie dré a dì de le röse, el tò bubà chisà cosa ‘l g’ha cridìt, el g’ha ricamàt ensima, el cridìa che ‘l fós stat el tò profesùr.

Martino) A fa?

Santina) Come a fa! Te sét pròpe dür de comprendonio.

Matilde) A mandà le röse nò.

Martino) L’è per chèl che ‘l bubà ‘l g’ha fat chèla tirada lé alura?

Matilde) Certo, che cridiét, che ‘l fós deentàt mat töt de colpo?

Santina) (Al pubblico) A parte el fato che ‘l pudia mia deentà mat, l’è mai stat a posto gna prima.

Matilde) Però mama , te ghe dé sèmper contra al me Gioàn poarì.

Martino) (Alterato) Sti mia cambià discorso, me g’ho gnamò capìt. E Zorro?

Santina) Lasa sta ‘l Zorro t’ho dit. Che ròba ghèt gnamó capìt? L’è tat semplice.

Martino) Chi g’ha mandàt le röse!

Santina) Ah, chèl l’è amó ‘n mistero apó per noàltre.

Matilde) Enfati, per nó tacà béga g’ho dit che l’era stada la Fernanda a regalàmele.

Santina) Bèla fürba, isé la Fernanda l’è ignida pròpe en chel momènt.

Matilde)  La g’ha tacàt a decantà ‘l tò profesùr.

Santina)  Che l’è ‘n bèl òm.

Matilde) Che l’è fi.

Santina) La g’ha dit che l’è ‘n galèt.

Matilde) E tò pàder el s’è ‘ngelusìt, el g’ha fat due più due

Santina) E sicome l’è gna bü de cönta.

Matilde) Gh’è sücès el patatràch.

Santina) Me g’ho sircat de portà la Fernanda en de l’ort per mia fala  ‘ncontrà con tò pàder, ma só mia riàda en temp.

Matilde) Fatalità! Ghéra ché apó ‘l tò profesùr e l’è stada fàda, ghét capìt adès?

Martino) (Perplesso) Ma te perchè j-èt mia scundide o sbatìde vià chèle röse lé?

Matilde) J-era talmente bèle, profumade che m’è rincrisìt, che vöt che sape me che a la sò età e dòpo tacc agn de matrimonio lü l’è amò gelùs, mé a chèle ròbe lé g’ho mai pensàt.

Santina) Adel lé, come che ‘l dorma.

Matilde) El par gna lü chèl del fato, el par ön àngel.

Santina) Ma che àngel, en diàol: coi córegn lónch isé.

Matilde) (Risentita) Mama che dìzet pò: coi córegn!

Santina) Scüza Matilde, ùlie mia, ma vàrdel bé.

Matilde) Tratàm isé, pròpe me, el meritàe mia.

Santina) Per me te ghièt de piantaga na bèla pesadìna en del de dré amò sübit a chèl tananai lé. (Spezzante) Varda che òm, mai na ólta che ‘l se sape ricordat quand te compéset j-agn, mai che ‘l t’abe fat en bèl regal: a chèle ròbe lé lü ‘l ghe pènsa mia, el ghé ria mia, l’è tròp en dré!

Martino) Ma nóna, te té sét dré a parlà mal de me pàder.

Santina) (Butta il lavoro) Me ghe parle mia mal de dré ale spale, ghèl dise a pó sö ‘l müs me! (A Giovanni che dorme) Te pampalugo, te me se mai piazìt va bé e la me Matilde la meritàa ön àlter òm, mèi de te!

Martino) Nóna, l’è perchè ‘l bubà ‘l te sènti mia, se ‘l ghés de sintìt guai.

Santina) Ma àrdel lé tò pàder, vàrdel, bèl genèr de pàder che te ghét!

Martino) Forse ‘l g’ha mia töcc i tó gna lü, se l’è amò gelùs de la mama l’è perché ‘l ghé völ be, e vulìga bé a la stèsa fómna dopo tancc agn de matrimonio a me la me par na bèla ròba, te garéset de diga brào al mé bubà.

Santina) Secondo te, el  ghé völ bé e chèsto èl el modo de dimostraghèl? Na a fa ‘l pajàso en mès a la piasa?! Dumà ridarà töt el paes.

Matilde) Poarì ‘l me Gioàn en che cundisiù che l’è lé.

(Martino esce. Matilde mette la borsa  del ghiaccio sulla testa a Giovanni che  si riscuote ma continua a dormire ed ogni  tanto a russare.)

Scena 8 - Teresina

Teresina) (Entrando col sasso in mano) È permesso?

Matilde) Oh ... no

Santina) Ma chèsta l’è na persecusiù, se pöl mai sta tranquilli en chèsta casa.

Teresina) Gh’èl el Martino?

Matilde) ( La spinge fuori dalla porta) Fam en piazèr Teresina: turna de che en pó che adès l’è   mia ‘l momènt.

Teresina) (Uscendo) Ma ‘l Martino.

Matilde) Va... va...

Scena 9 - piangono

Santina) Ma perchè Matilde te dìzet che i pudìa mia èser per me chèi fiùr lé? Se te ghé pensàet sübit de dil, te evitàet töte chèle rògne lé.

Matilde) G’ho mia pensàt a dì che j éra per te.

Santina) El sét mia che le bàle quan che se le dis bisogna dile giöste? E me tàres tignit la part come sèmper Matilde. Pröa pensa, me só gnamò vècia del töt, la pudia éser na bugia veritiera, va bé g’ho ‘n pó de mal de schena e de zenöcc...

Matilde) … e la caécia, el có, la spala, el bras, el stòmech delicàt, la stitichèsa....

Santina) La stitichèsa la se vèt mia e pò, me só mia come te, g’ho la fürtuna de èser  vedova.

Matilde) A parte ‘l fato che a me la mè par mia ‘na gran fürtuna éser vedova.

Santina) Te te pòdet mia sail perchè te ghe gnamò pröàt.

Matilde) Ma nò mama, sta mia parlà isé nóm!

Martino) (Rientra e sente le ultime parole) Se ghèra amó ché ‘l nóno, el sistemàa lü le ròbe.

Santina) Lasèl là ‘n dó l’è ‘l me poèr Bigio, pace a l’anima (si fa il segno della croce) Oh, per chèl l’era ‘n bu òm, ma  a parlàn de vif  e a dil ché tra noaltèr el ghia en difèt, come dèl rèst töcc j òm, con rispeto parlando: el capìa póch e a ólte el capìa gnènt del töt (si risegna).

Matilde) Mama, mama, mé só disperàda, só pö che fa (inizia a piangere).

Martino)  Mama, àmbia mia amó a fa isé, te ‘l sét che (inizia a piangere) se te piànzet te, piànze apó me.

Santina) Per la miseria, muchìla lé voàlter du che me sömeì la fontana de Piaza Garibaldi

Matilde) (Sempre singhizzando) Ma mé g’ho ‘n dispiazér.

Martino) (Sempre singhiozzando) Aca mé g’ho ‘n dispiazér.

Santina) Óh... dize, dómeghen en tàj nè!?

(Santina passeggia zoppicando avanti ed indietro per la stanza mentre Giovanni continua a dormire.  Matilde e Martino piangono, Santina ogni tanto lascia cadere le braccia e sospira.)

Scena 10 - Giovanni si riprende

Santina) (Va verso Matilde) Sö, muchìla lé e sercóm de fal ragiunà, apó sé ‘l  sarà mia tat facil.

Giovanni) (Riprendendosi) Oh Dio che mal de có che g’ho (non si rende conto subito dove si trova, vede la moglie e il figlio piangere, si sorprende) che gh’è sücès? Gh’è mort vergü?

Santina) Se te fóset stat el me òm t’arés za copàt e alura ghé sarés stat de bu en mort endé chèla casa ché!

Giovanni) Perchè? Lé l’è mai contenta, e che gói fat amò? Gala mia piantàt la sò catalògna siura Santina? E alura che völela amò de me? (poi ricorda) Ah, adès che m’è vignìt en mènt, alùra. Bene, adès za che sóm töcc ché ‘nsèma vöi faf en bèl discorsèto.

Santina) Per chèl che t’è posibil. Se te se bu amò de ragiunà.

Giovanni) Sito lé, che me g’ho ciapàt ‘na decisiù importante, màmmamia  che mal de có.

Santina) (Fa per parlare) Ma qual...

Giovanni) (La zittisce con la mano) Dunque (Ha sempre la borsa del ghiaccio sulla testa) Na ólta per töte s-cjaróm le ròbe. Te Matilde da adès se te öt sta ‘nsema a me te ghé de restà semper en casa, senza mai na föra de l’ös, se te öt che me te perdune, te ghé de fa isé.

Matilde) Ma mé g’ho pròpe gnènt de fam perdunà.

Giovanni) Sito, se te vöt l’è isé, se nò aria (fa il cenno con le mani) E la siura Santina qui presente, nonchè la mia adorata suocera, che la g’ha semper tignìt la part a sò fiöla, la cata sö i sò quàter stràss e via. Sói stat ciar? (Rivolto al figlio) En quanto a te Martino...

Martino) Me, me ghé cèntre mia.

Giovanni) Te ghé cèntret, te ghé cèntret Martino, te e apó ‘l tò profesùr. Te te càmbiet scöla perchè me con serta zènt vöi vìga gnènt a che fa, ghét capìt. Ghif capìt bé  töcc? (A Matilde) E te cara la me fómna se la te va bé isé, bene, o senò te prepàret el tò fagutì aca te e te vé co’la tò ècia.

Matilde) (Inizia a piangere)

Martino) No, mama, sta mia piànzer, sta mia fa isé, t’èl set (inizia a piangere anche lui) che se te piànzet te, piànze apó me...

Scena 11 - litigio

Santina) (Reagendo decisa) E nò caro ‘l mé Gioàn, me fö mia sito! Poèr màrtor! Prima de töt perchè chèsta l’è casa me e te set stat te a vègner ché quand che te set spuzàt. Ghét vulìt ègner ché a tacà ‘l capèl?! Bene. Però te sét desmentegàt che chèsta l’è casa mia, l’ho pagada mé, mé e chèl poarì del me òm, pace a l’anima (fa il segno della croce) Secondo: Me fiöla la rèsta che con de mé! E ché se gh’è vergü che g’ha de preparà ‘l fagòt söm mia noàltre dò póere fómne, ma te.

Matilde) (Timidamente) E te Gioàn, te me casaréset vià de casa, isé, per ‘na stüpidada del gener (Riprende a piangere).

Martino) No mama, no (piange anche lui).

Giovanni) Ciàmela stüpidàda te, du córegn bèi lónch sö ‘na frónt isé ‘nteligènte.

Santina) Sta mia preocupàt Matilde che ghé só mé a difindìt e se ‘l tò caro Gioàn el la móca mia lé ala svelta, en de chèla frónt granda e spasiùsa de persuna che se crèt enteligente, sicome i córegn el ghé j-ha mia el g’ha posto per dò bèle söpelade.

Giovanni)  La olarès minaciàm? (Alzandosi minaccioso) Viga rizù dopo chèl che la Matilde la ma fat, lé la garés gna de parlà!? Mé g’ho mia póra sala, me g’ho semper fat sito per na d’acordo, ma adès basta! Mé ‘n pòde pö, me sö stöfàt! L’è ura de finila, me sö pròpe stöfàt de ‘na suocera che la öl semper mitiga ‘l bèch en dele me ròbe.

Santina) Sé. E se te la móchet mia lé (facendo ruotare le mani) oltre al bèch ghé mète apó le mà e le fó na a ventola come ‘n ventiladùr, ghèt capìt!

Giovanni) Se l’è per chèl só bu apó me de fale na, g’ho mia póra.

Matilde) (Intervenendo) Sti fermi, sti fermi per carità, saróm mia riàcc a chèl punto ché. Sèntet zó mama che te fa mal el zenöcc a sta ‘n pé.

Martino) (Intromettendosi anche lui) Calmìf, sircóm de ragiunà.

Scena 12 - Teresina col sasso

Teresina) (Entrando) El permesso? Martino, finalmente te tróe. T’ho portàt el sas!

Santina) (Le va vicino zoppicando e arrabbiatissima) Se, bràa, vé ché con chèl sas, l’è chèl giöst            che ghe ocór per tiràga sö ‘l có al Gioàn.

Teresina) (Indietreggiando) Ma, Martino...

Martino) Ma, nóna...

Matilde) Ma mama...

(Suona il campanello.)

Santina) Oh, ma chi gh’è che ria amò.

Matilde) Basta fiur per carità.

Teresina) (Spaventata) Me vó, se mai turne dopo (esce).

Martino) Chiunque el siès el capita a propòsit.

Giovanni) Me ‘l só chi l’è. El sarà ‘n qualche bèlo de la me spusa. Me de solìt a che l’ura che só a laurà.

Matilde) Sta mia di stüpidade dai.

Martino) ... vó me a véder (prima di uscire si gira) ardì la me famèa ‘n che cundisiù che l’è (si asciuga gli occhi).

(Matilde piange e Santina la consola.)

Martino) (Entrando sorridente) Endüinì chi gh’è riàt

Giovanni) L’è mia ‘l momènt dei enduinèi chèsto.

Martino) Ma nò bubà, enduìna?

Scena 13 - la figlia Luisa

(Entra Luisa con un bambino in una cesta, prima tutti si stupiscono poi le si fanno attorno.)

Santina) Oh Luisa, cara, che bèla sorpresa, come stét, el püti stal bé? Fàmel véder (Fa per prenderlo in braccio).

Luisa) Ssstt che ‘l dòrmi, stì mia dessedàl. Spitì ‘n momènt che ‘l mète de là ‘n camera (va a deporre la cesta e rientra).

Santina) Isé de là ‘l dòrmi tranquilo.

Luisa) Voàlter come stif? Ma che bröta céra che te ghét mama, e té bubà che fét có la bursa del giàs söl có? Te fal mal? E che calamàr che te ghét, te me sömèet giü che g’ha pasàt la nòt en bagordi. Apó a te Martino, che öcc rós che te ghé, te garé mia la congiuntivite! Te sèt fat veder da ‘n’oculista? La céra pö bèla la ghe l’ha la nóna, la par el fiùr de la salute.

Santina) L’è perchè ‘l mal de zenöcc se ‘l vèdi mia.

Luisa) Ma ché v’è sucès, sif töcc möcc? Sif mia contèncc de vidìm? V’ho mia fat ‘na bèla sorpresa!?

Martino) El fato l’è che de sorprese ghe nóm za vit asé.

Matilde) L’è che te rìet en de ‘n bröt momènt.

Santina) Pès de isé podarés mia éser.

Luisa) Perdio, che v’è sücès de isé bröt. Perchè ghif töcc chèla facia de füneràl lé?

(Nessuno parla, Matilde e Martino si asciugano gli occhi.)

Luisa) (A Matilde) Mama che ghét, gh’è mort vergü?

Matilde) (Scuote la testa ed indica il padre)

Luisa) El mé bubà! Sét malàt bubà?

Giovanni) (Facendo le corna) Me nò, mancarés apó chèla, j-è lure che j-è malade en del có!

Santina) Te sét te col có mia a posto, se nò te naréset mia in giro có la bursa del giàs emsìma.

Giovanni) Sèntela lé sübit, semper pronta a dìm sö, arda come la me òdia, ma adès l’è finida la cucagna, adès la g’ha finit de dim le sò paruline dulse.

Luisa)  Ma che gh’è sücès ensónma, dizìm. Dìmel te Martino...

Martino) (Scandendo le parole) A dit la verità no gh’è sücès gnènt.

Luisa) E alùra?

Martino) L’è ‘l bubà e la mama che j g’ha tacàt béga.

Giovanni) E la suocerà la g’ha mès el bèch

Santina) E la vülia mitiga apó le mà, se l’è per chèl.

Luisa) E apena per chèsto ghif chèle face le?

Martino)  E te par póch? El bubà e la mama che taca béga? L’è mai sücès prima de ‘ncö.

Luisa) Ma sé, l’è gnènt de grave, apó se j taca béga na ólta, me tache  bèga töcc i dé, e alura, dopo l’è pö bèl fa la pace.

Martino) Ma lur i völ mia fa la pace, l’è na béga gròsa.

Luisa)  Ma nò, l’è mia pusìbil che il me bubà e la me mama i völes pö fa la pace e pensà che me cridìe de troàf che töcc contèncc come na pasqua, envece ardì che funeral. G’ho pensàt: chisà come i garà festegiàt bé l’anivesario de matrimonio! Envece vardì ché! Sö nóm, sti alégher e fì la pace

Giovanni) Aniversario? (conta con le dita) L’è stat gér!

Matilde) (Risentita) Certo.

Santina) Quanti agn pàsacc per gnènt, varda en che cóndisiù som ché?

Matilde)  E dopo tanti agn, begà pròpe el dé del nòs aniversario, vintisich agn : bèle nòze d’argento, el völ casàm vià de casa

Luisa) El völ casàt vià de casa? De bu o per schèrz?

Matilde) De bu, de bu (inizia a piangere).

Martino) (Va vicino alla madre) Nò mama, sta mia fa isé (e inizia anche lui a piangere).

Luisa) Ma nóm muchìla lé de caragnà, (guardandosi attorno) ma ‘n dö èle le me röse? I me fiur?

(Tutti si guardano meravigliati e poi parlano tutti insieme “Le tò röse? I tò fiùr? ”)

Luisa) Ma certo, perchè?

Matilde) (Mormora sorpresa) Le tò röse, i tò fiùr! Ohhh!!

Santina) (Sempre a bassa voce) Addio al me sogn!

Luisa) Cèrto. Te j-ho mandade me apòsta perchè l’era ‘l tò aniversario: Me só dida: Chisà come la sarà contenta la me mama che me só ricordada del sò aniversario, mé ‘l sìe che per te l’èra na data importante. (a Giovanni)  E te bubà che ghét fat  de regal? Dim mia che te sét desmentegàt de ‘n dé isé!?

Santina) Ma se no ‘l se ricorda gna dal nas a la bóca che pretèndet che ‘l sé ricòrde dei aniversari? Figüret se gh’è de spetàs vergót da lüle!

Matilde) Te, te j-é mandàcc, ma pudìet mia mitiga ‘n biglièt pö ciàr e firmàt ?

Luisa) Ma mé ghé l’ho mès el biglièt e g’ho scrit “Cento di questi giorni ai genitori più meravigliosi del mondo” e me só apó firmada se l’è per chèl.

Matilde) (Con espressione) Ma me chèl biglièt lé l’ho mia ciapàt. I fiùr se, ma ‘l biglièt no.

Giovanni) Cara la me Luisa, te ghét vit en penser gentile, ma mé, mé te coparés a capelàde.

Matilde) Ma come góm fat töcc a desmentegà na data isé ‘mportante!

Scena 14 - suonano alla porta

(Suona il campanello d’ingresso)

Martino) Vó mé, vó mé. Chissà che nó ghe sape n’altra bèla notisia.

Matilde) Basta che nó rie amò dei fiùr.

Santina) Ma benedèta fiöla, sta mia pö fa chèle ròbe ché!

Matilde)  Gh’è de mörer dal spaènt.

Luisa) Perchè t’ho mandàt le röse  mama?

Santina) I tò genitùr i tacàa bega prope per chèle rose lé; e i m’ha mès dènter apó mé che ghe centrae mia.

Giovanni) A dì la verità, come semper, la s’è mèsa dènter de sula.

Luisa) Ma perchè? Me capise mia.

Santina) Perchè ‘l tò bubà, isé fürbo come l’è el g’ha pensàt a ‘ne spasimante che ghe fàa la corte a la tò mama.

Luisa) Ma ‘l  biglièt?

Matilde) El ghéra mia il tò biglièt, senò ‘l sarés stat tròp bèl?

Luisa) (Al padre) Ma bubà, te me disaré mia che te se amò gelus de la mama a la tò età?

Giovanni) Varda che me só gnamó vècio ‘nsiminìt come i serca de fam créder e la tò mama l’è amó na bèla fómna e...

Martino) (Rientrando ed interrompendo il padre) El sif chi l’era? Enduinaresèf mai! (girandosi indietro) Dai nóm ve dènter, sta mia iga póra, i té mangia mia

Giovanni) (Seccato) Ghé sarà riàt la befana. Lüle el g’ha semper j-enduinèi.

Scena15 - il fattorino

Fattorino) (Entrando con fare contrito) Scüsim tant ma me só sbagliàt siòri.

Matilde) Alùra, se pöl sai chèl che gh’è sücès?

Fattorino) Mé  s’è scambiàt i bigliècc...

Martino) Te sét sbagliàt a consegnà i fiùr?

Fattorino) No, apena i bigliècc, g’ho mès i bigljècc sbagliàcc en de la busta sbagliàda.

Matilde) (Cercando il biglietto) E diga gnènt.

Fattorino)  Ghiè du mas de röze, du mas de fiùr preciss, töcc dü i mas j-è stacc urdinàcc per telefono, e me s’è scambiàt i bigliècc quan che j-ho mès en de la bösta.

Giovanni) Ah, ma alura el gh’era en bigljèt.

Matilde) (Togliendolo dal cassetto cerca di vedere se è il biglietto giusto) El chèsto?

Giovanni) El gnamò ura che te te comprèt en pér de öciài Matilde? Fam véder a me (legge) “Saluti al vento - baci a trecento - sogni profondi - se indovini rispondi?” Ostrega, che parole?! Meno mal che l’ho mia vìst gér se nò me ignia en colpo.

Martino) (Al fattorino) Daga èl bigliet giöst al mé bubà.

Santina) Che no ‘l faghe amó du pö du e che ghe ègne föra sich.

Giovanni) (Prende il biglietto) Àrdel ché ‘l biglièt giöst, gh’è scrìt pròpe (lo legge) “Cento di questi giorni ai genitori più meravigliosi del mondo” (lo fa vedere in giro) Lizì, lizì, chèsta se che l’è poesia per le me rice, e gh’è apó la firma de la me Luisa.

Fattorino) A me me ocorarés l’alter bigljèt de mitiga denter en de l’altra bösta.

Giovanni) Tò, per carità, che me só prope mia cosa fan de chèsto.

Santina) (Al fattorino) Ma te, come gh’èt fat a ‘ncursitèn de l’erùr?

Fattorino) Gh’è ignit la siura Fernanda en del negòse, e isé n’ho sintìt sö en sach e ‘na spórta dal me padrù. Le l’è mia spuzàda e alura i cento giorni... a lé i ghé se fàa mia

Matilde) (Sorpresa) L’alter mas de röse l’èra per la Fernanda?

Giovanni) En mas come chèl là?! Precìs a chèl là?!

Fattorino) (Annuisce con la testa)

Santina) (Lo tira per un braccio) Te, se pöl sai chi ghe j-ha mandàde?

Fattorino) L’ho sàit aca mé ‘ncö, quand l’è ignìt en del negòse,  l’è stat chèl tal profesùr nöf.

Giovanni) Ah, Zorro ha colpito ancora.

Fattorino) Beh, compermèso nè, mè g’ho de na a sistemà le ròbe.

Martino) El compagne me (esce anche lui).

Fattorino) Arivederci siòri (esce).

(Tutti lo salutano e c’è qualche attimo di silenzio.)

Scena 16 - spiegazione

Matilde) (Portandosi in avanti, al pubblico) E töt chèl casì ché per gnènt.

Santina) Ghét vist, Otèllo de dò palanche? Tat bordèl e le ròbe le resta come prima.

Matilde) Mèi isé va là mama.

Santina) Envéce pensa che sarés stada l’ocasiù giösta per casàl föra da le balòte.

Matilde) Sta mia dì isé mama.

Martino) (Rientrando) L’ere dit me che ‘l me profesùr l’èra apó en poeta, ma ghif lizìt chèl che ‘l g’ha scrit a la Fernanda? Che bèle parole.

Santina) A na fómna fa semper piazér sènter serte parole...

Martino) Ma ve par mia che ‘l mé profesùr el sömèes a ‘n spagnöl?

Giovanni) Isé la Fernanda la g’ha troàt apó le ‘l sò cùco.

Matilde) E che bèl cùco... vulìe di, che bel òm  che la g’ha troàt.

Santina) Mèi del tò sicür.

Giovanni) (Sospirando) Certo che g’ho na bèla condana né. (A Santina, esasperato) Lé, l’è ura  che la la móche lé de...

Luisa) (Interrompendolo gentilmente) Basta bubà, adès le ròbe j-è risolte.

Santina) (A malincuore) Pararés de sé, pörtròp.

Luisa) (A Santina) Te nóna?  Sculta, me sie vignida ché per domandàt se te sìet disposta a vègner en po’ de temp a sta con de me, per aidàm a tègner el püti. Me g’ho de na a laurà e  volarés mia lasàl a persùne estranee, t’él se

Santina) (Entusiasta) Certo, fó sübit le valìss.

(Santina fa per uscire poi si ferma perchè sente il bel sospiro di Giovanni)

Santina) (Al genero) Te Gioàn, varda che me vó vià de me volontà, vöi mia che te pènset che te se riàt a casàm vià, ghèt capit!

Giovanni) La varde, dopo che l’esperiensa che , se magare la me sta de luntà per en pó de temp, magare, magare, me ricordaró apó del sò compleanno o del sò onomastico e chisà che nó ghé rie en bèl mas de crisantemi... vulie dì de röse.

Matilde) (A Santina) Ma la Luisa la sta al tèrz pià, come farét col tò zenöc?

Santina) L’è töt el dé che ‘l masage, me par che ‘l naghe mèj, a na a dumà de sicür m’è pasàt töt.

Giovanni) (Al pubblico) Quand che la g’ha de na via ghé pasa töcc i maj.

Luisa) Isé me pias, bràa nóna, vée a sta con de me per en pó che te saré contenta.

(Santina e Luisa escono.)

Scena 17 - Martino cerca Teresina

Matilde) Martino va a véder chèl che la vulìa la Teresina, me par che la gabes en sas de dat.

Martino) En sas? Per la me colesiù? Ma certo, me g’ho mia badàt fis, ma prima me par che la ghìes en ma ‘n sas

Matilde) Poarèta, l’è da gér che la te serca per dàtel.

Martino) Apó a la Teresina ghe piàs i minerali? El sie mia, alura ghe faró véder la me colesiù... adès vó a domandàga se  ghe ‘nterèsa (esce).

Scena 18 - Matilde e Giovanni

(Matilde e Giovanni restano soli.)

Giovanni) Me me domande come gói fat a desmentegàm ‘na data isé ‘mportante.

Matilde) E me alura? Che gares de dì!?

Giovanni) Gna per l’anticamera del servèl la m’è pasada.

Matilde) E mé? Che séma che só stada!

Giovanni) A me, me par che sóm stacc en po’ sémi töi du.

(Si guardano con timidi sorrisi,si avvicinano piano piano,si prendono le mani, poi vanno l’uno nelle braccia dell’altra.)

Giovanni) Matilde scüsém.

Matilde) Scüséèm te Gioàn.

Giovanni) Che azèn che só stat, sbatarés el có contra ‘l mür.

Matilde) (Scherzando) Sta atento che te ghet mia i córegn che te ripara la bòta.

Giovanni) Come gói fat a pensà mal de te che te sét ‘na perla de moér.

Matilde) Caro ‘l mé Gioàn, che bröcc momèncc che g’hom pasàt.

Giovanni) E menomàl che j-è pasàcc, poarìna la me Matilde. Tesoro, el istès se l’augurio de l’aniversario t’èl fó con en dé de ritardo?

Matilde) (Sorridendo) Certo che l’è istès.

Giovanni) Te promète che desmentegaró pö na data del gener.

Matilde) Oh Gioàn, mè te vöi en gran bè.

Giovanni) Apó me Matilde, e per dimostratèl: andaró a töt en màs de röse de chèle pö care, rósse, có le gambe lónghe lónghe, e ghe metarò en bèl biglièt apó mé

Matilde) E cosa ghé scrìet en söl biglièt.

Giovanni)  (Ci pensa un po’) Ghe s-criaró...(le sussurra parole dolci  nell’orecchio poi si gira verso il pubblico e fa un gesto interrogativo con la mano) A pó vóter vulìf saìl? Ma sif pö curiùs de me suocera alùra...

   cala il sipario  

Fine

DITELO COI FIORI

Commedia brillante in due atti, in dialetto bresciano, di Velise Bonfante

TRADUZIONE LETTERALE

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale). I proverbi e le parole intraducibili sono scritti in maiuscoletto.

ATTO I

Scena 1- Matilde e Amelia, la vicina di casa

(Matilde è seduta a cucire, tenta alcune volte di infilare l’ago senza riuscirci)

Amelia) (Entrando) È permesso?

Matilde) Ah, Sei tu?! (Senza guardarla continua ad infilare l’ago) Ciao Amelia, entra, entra.

Amelia) (Avvicinandosi) Scusa Matilde se ti disturbo, ma vado via subito, ho fretta  (guardandola bene) ma perché non ti compri un bel paio di occhiali?

Matilde) Accomodati, ti serve qualcosa?

Amelia) (Rifiutando la sedia) Veramente avrei proprio bisogno di un piacere Matilde, se puoi prestarmi tre cucchiai di zucchero, la prima volta che vado in piazza lo compero e te lo rendo.

Matilde) Ma certo, te ne impresto mezzo chilo.

Amelia) Ma no, tre cucchiai mi bastano. Devo fare l’uovo sbattuto alla mia Teresina.

Matilde) (Si alza per prendere lo zucchero, ironica) Ha bisogno di tenersi su? È l’amore che la consuma?

Amelia) Dice il proverbio che “quando l’amore c’è, la gamba tira il piede”. Ma che bel grembiule che hai Matilde, è nuovo?

Matilde) Ma va là, è vecchio come il cucco.

Amelia) (Prende lo zucchero squadrandola da cima a fondo) Non te l’ho mai visto addosso… grazie dello zucchero (fa per uscire, si ferma ad osservare un oggetto) ma che bella che è questa bomboniera, c’è un qualcuno che si sposa?

Matilde) È una vita che si trova in quel posto quella bomboniera, che ti viene in mente Amelia?!

Amelia) Io non l’ho mai vista, io quando entro nelle case degli altri non guardo mai niente, non vedo nulla, non faccio bada a niente. Ma che bello questo centro, chi è che l’ha fatto?

Matilde) Me lo hanno regalato.

Amelia) Ma chi è che ti ha regalato una cosa così bella?

Matilde) (Spingendola fuori) Non mi ricordo, arrivederci Amelia, arrivederci.

Amelia (Uscendo) Arrivederci, arrivederci Matilde.

Matilde) (Rientrando si siede a cucire tentando sempre, inutilmente, di infilare l’ago) Che curiosona è quella donna, vuol sempre sapere tutto di tutti.

Scena 2 - il fattorino

(Suona il campanello d’ingresso)

Matilde) (Va ad aprire) Avanti.

Fattorino) (Entra in scena con un mazzo di rose) Dei fiori per lei!

Matilde) Dei fiori, per me?! Ma sei sicuro che sono per me? Ma che pensiero gentile, per me? (Incredula) Ma sei proprio sicuro che sono per me?

Fattorino) Certo signora, c’è qui l’indirizzo e mi hanno raccomandato di consegnarli alla svelta.

Matilde) Davvero? E chi è che me li manda!

Fattorino) Non lo so signora, guardi che qui c’è il biglietto.

(Matilde allontana ed avvicina il biglietto per leggerlo.)

Fattorino) (Guardano alternativamente Matilde e il biglietto) Ma perché non si compera un bel paio di occhiali, signora?

Matilde) (Lo guarda male, legge ed ha un’esclamazione) No, no! Non li voglio, riportali indietro.

Fattorino) Non so che dirle signora, guardi che mi hanno detto di portarli proprio qui.

Matilde) Ma chi è stato ad ordinarli?

Fattorino) Non lo so, signora. Hanno telefonato con l’Inteflora, ed io non ho visto nessuno.

Matilde) Ma come hanno fatto a pagare?

Fattorino) I soldi sono arrivati sempre tramite l’Interflora.

Matilde) Ed io devo per forza prenderli?

Fattorino) (Consegnandole i fiori) Sì signora, altrimenti, se li riporto indietro le prendo io.

Matilde) E va bene, vorrà dire che li tengo, e tu… ah... la mancia (dandogli dei soldini) prendi, ciao ciao.

Fattorino) (Uscendo) Grazie, arrivederci.

Matilde) (Rigirando le rose fra le mani) Ciao, ciao... sono proprio belle, ma se trovo quello scemo che me le ha mandate, sta fresco. Leggiamolo ancora una volta questo biglietto: (rileggendo ad alta voce) “Saluti al vento - baci a trecento - Sogni profondi - Se indovini rispondi ” ... firmati almeno, guarda, nemmeno una firma, nulla, dovrò litigare con mio marito per questa storia. Lui dice che non è geloso, ma… come faccio a gettarle via, sono talmente belle. M’inventerò una bugia, una più, una meno “una bugia e una verità tengono in piedi una casa” (sistema le rose in un vaso parlando fra se) Non avrei mai pensato di poter piacere ancora alla mia età, (si accomoda il vestito) si vede che ho ancora il mio fascino... dovrò tenermi un po’ più in etichetta, (riprende a cucire) domani andrò dalla parrucchiera a farmi sistemare i capelli.

Scena 3 - Matilde e Teresina col sasso

Teresina) È permesso (entra con un bel sasso in mano)?

Matilde) (Tentando sempre di infilare l’ago) Ciao Teresina, entra, entra.

Teresina) Buongiorno signora Matilde, ma perché non si compera un bel paio di occhiali?

Matilde) Perché io ci vedo bene e non ho bisogno di occhiali. Che vuoi Teresina?

Teresina) (Timida) Non volevo offenderla, cercavo Martino, (guardando verso la camera) è in casa Martino signora Matilde?

Matilde) No, non è ancora tornato, ti serve qualcosa da Martino?

Teresina) No, volevo solo fargli vedere questo sasso,

Matilde) Appoggialo lì, in terra, quando arriva glielo do io.

Teresina) No, è un sasso importante, se mai vengo dopo a portarglielo.

Matilde) Come preferisci Teresina.

Teresina) Arrivederci signora Matilde (esce).

Matilde) Ciao ciao.

Scena 4 - Giovanni e Matilde

Giovanni) (Entra con le scarpe infangate dall’orto) Guarda, dì qualcosa a tua madre perché io non gli dico più niente.

Matilde) Porta pazienza Giovanni, sai che è ammalata.

Giovanni) Si... ammalata, è ammalata nella testa.

Matilde) Non dire così, poverina, da stamattina ha un ginocchio che non la tiene più su.

Giovanni) Oggi il ginocchio, ieri la spalla, l’altro ieri la caviglia e prima ancora il gomito… sono tutte fissazioni che si fa lei per non lavorare … e far lavorare gli altri.

Matilde) Dai Giovanni, non dire così...

Giovanni) ... e comandarli a bacchetta, (imitandola) “portami questo, portami quello” inoltre, quando gli e lo hai portato non è ancora contenta, perché vuole un’altra cosa ancora. Te l’ho detto, non ne posso più. Ha ragione quel tale che diceva che le “Madóne” stanno bene attaccate ai muri. (Madone = doppio senso: icone della Madonna e suocere. Cfr. Canossi)

Matilde) Ma che ti ha fatto questa volta la mia mamma, poverina?

Giovanni) Oh (con un gesto eloquente) Io le ho detto: non è meglio piantare i cetrioli invece della catalogna? E lei (facendone il verso) “No, perché la catalogna cotta è contro la stitichezza ed io, per il mio stomaco delicato ho bisogno di mangiare la catalogna” a me, invece, piacciono i cetrioli!

Matilde) Fate un pezzo a testa, ce n’è talmente tanto di orto che non riuscite neppure a coltivarlo tutto.

Giovanni) Non c’è più posto, (vedendo che fa fatica a infilare l’ago) ma non sei capace di comprarti un bel paio di occhiali? Lei vuole piantare i radicchi da far cuocere, l’insalata, i pomodori, i cornetti, le carote, il sedano, il prezzemolo ed ora anche la catalogna ed io i cetrioli non so più dove metterli.

Matilde) Su andiamo, porta pazienza. Lo sai che lei si diverte a lavorare nell’orto, poverina, così le passa il tempo, tu dovresti essere un po’ più comprensivo con lei.

Giovanni) Comprensivo! Perché lei è comprensiva con me? Lei è solamente capace di comandare, fa questo, fa quello portami il badile… portami la zappa…

Matilde) Guarda che scarpe infangate che hai, vai subito a cambiarle che mi sporchi dappertutto.

Giovanni) Vado a cambiarmi si, ma non solo le scarpe, anche il vestito e poi vado al bar, non parlarmi più di orto… che si arrangi mia suocera, io non ne voglio più sapere nulla, che faccia pure quello che vuole che camperà cent’anni in più.

Matilde) Non dire così Giovanni, voi due mi sembrate due ragazzi a volte, sempre a litigare, e poi quando non sono insieme si cercano come fanno i ladri di Pisa.

Giovanni) Dillo a tua madre come mi cerca… lei non può vedermi! (nell’andare verso la camera vede le rose) Da dove vengono questi fiori? Matilde, non sarai andata a comperarli, con quello che costano i fiori!

Matilde) Ma no, ma no, (titubante) me li ha regalati... la Fernanda.

Giovanni) La Fernanda? Ma che bei fiori che ha!

Matilde) Lei sì che ha un gran bel giardino, non come il nostro.

Giovanni) Chiedile che letame usa, io non sono mai riuscito ad avere rose così belle (va verso la camera e si ferma, torna indietro e guarda le rose) ma come mai ti ha regalato i fiori?

Matilde) Lei ne ha tanti e inoltre noi due siamo amiche.

Giovanni) Ah, certo che deve piantarci certe concimate! (finalmente va in camera).

Matilde) (Sospira, controlla che sia uscito, riprende a lavorare e parla fra se) L’ho detto che rischiavo di litigare con mio marito. Se trovo chi è che mi ha fatto uno scherzo simile gli faccio venire due occhi e (pensando) se per caso è un bell’uomo diventerà ancora più interessante.

Scena 5 - la postina

(Suona il campanello, Matilde va ad aprire ed entra la Postina.)

Postina) Buongiorno... anche se non mi sembra tanto un buon giorno, è tutta mattina che consegno le cartelle delle tasse. Oltre tutto c’è una “tassata” e c’è da pagare il francobollo che le manca.

Matilde) Ma che furbi, ti scrivono di pagare le tasse e non ci mettono neppure il francobollo… povera Italia, come siamo mal ridotti (allontana ed avvicina la busta per leggere).

 Postina) Ha ragione, è tutta mattina che io le sento su… ma signora, perché non si compera un bel paio di occhiali?

Matilde) ( Ignora la postina e chiama il marito) Giovanni, hai moneta? Sono arrivate le tasse da pagare.

Giovanni) (Entrando) Òstrega, si sono raddrizzate bene le cose se paghiamo le tasse con la moneta.

Postina) Ma no, è una “tassata” si paga il francobollo che si sono dimenticati di mettere sulla busta.

Giovanni ) Ah... (dà un po' di moneta alla Postina)

Postina) Non ho il resto.

Giovanni) Non fa nulla, sono sciocchezze (aprendo la cartella delle tasse) dicevo io, mi sembrava troppo bella la storia per essere vera... oddio signur me mama... tutti questi soldi!? (È colto da un leggero malessere.)

Postina) Cerchi di non star male, è già stato male quello che sta in fondo alla via e anche il signore che sta al terzo piano del secondo condominio.

Matilde) Su Giovanni, su… non fare così.

Giovanni) Che colpo, al giorno d’oggi si paga tutto.

Postina) Anche l’aria che se respira.

Matilde) Tutto costa caro.

Giovanni) Tutto si paga, pensi, vengo or ora dall’orto, se lei sapesse quanto costa comperare anche il letame.

Postina) (Al pubblico) Ma... il letame si paga?

Giovanni) E certo, e anche caro.

Postina) Io non ho l’orto, non ho il tempo di seguirlo.

Giovanni) Beata lei... (esce sospirando con la cartella delle tasse in mano)

Postina) Vi saluti signori, statemi bene (esce accompagnata da Matilde).

Matilde) Arrivederci, arrivederci (si risiede a lavorare) mai neppure una cartolina. Quella lì è capace solo di portare roba da pagare.

Scena 6 - Matilde e Santina

Santina) (Entra con in mano un cestello o una borsa di verdura) Ohi ohi, il mio ginocchio non mi tiene più su. (a Matilde) Ma perché non ti comperi un bel paio di occhiali? (si massaggia il ginocchio) Dov’è andato? È già scappato tuo marito?

Matilde) È andato a cambiarsi le scarpe (Matilde con la scopa raccoglie la terra caduta dalle scarpe del marito).

Santina) Vuole lavorare nell’orto, dice che è capace, che gli piace, ma appena può scappa come una lepre (sedendosi) ah come sono stanca, mi fa male anche la schiena a stare così chinata, a lui non farà male di certo la schiena. Ohi ohi il mio ginocchio e menomale che mi è passato il mal di spalla. Certo che tuo marito è un fenomeno... gli ho detto: portami la zappa e lui è venuto col badile.

Matilde) Ma lo sai che non se ne intende, un po’ alla volta imparerà.

Santina) (Mentre parla si riassetta, si mette un grembiule o le ciabatte ecc. ) Cosa vuoi che impari quel “pelabrocco”, con la testa di legno che ha, non ascolta quello che gli si dice!

Matilde) Non dire così mamma.

Santina) Gli ho detto: taglia il prezzemolo che altrimenti fa le sementi e lui, mi ha tagliato, raso raso, tutte le foglie delle carote, ho quel pezzo di orto pelato pelato, lucido come una mela, a guardarlo mi vien da piangere; non ho potuto stare zitta e allora gli e ne ho dette un sacco e una sporta.

Matilde) Mamma, guarda che le foglie delle carote e quelle del prezzemolo si rassomigliano, devi cercare di capirlo e di portare pazienza, invece avrai iniziato a gridare come una matta, già che gli piace poco lavorare nell’orto, se poi continui a stuzzicarlo.

Scena 7 - Amelia per il limone

Amelia) (Entrando) È permesso?

Matilde) (Fra se) Oh, è ancora qui a rompere!

Santina) Dentro dentro signora Amelia, si accomodi.

Amelia) Buon giorno signora Santina, scusa Matilde se ti disturbo, ma vado via subito che ho fretta, avresti mezzo limone da imprestarmi? Devo fare la camomilla alla mia Teresina.

(Matilde si alza per prendere il limone)

Santina) Come mai, non sta bene la Teresina?

Matilde) (Porgendoglielo ironica) Le è rimasto l’uovo sbattuto sullo stomaco?

Amelia) No, poverina, ho idea che abbia preso freddo, me ne basta mezzo di limone, appena vado in piazza lo compero e te lo rendo.

Giovanni) (Dalla camera) Matilde, dove sono le mie braghe?

Matilde) Dove vuoi che siano Giovanni ! Nell’armadio in fondo a destra.

Giovanni) Quelle chiare?

Matilde) Ma si, quelle che metti di solito.

Santina) A dire la verità io non ho ancora capito se fa apposta a non capire o se lo fa per dispetto.

Amelia) Come dice signora Santina?

Matilde) (Spingendola fuori) Arrivederci signora Amelia, arrivederci.

Amelia) (Guardando i fiori) Ma che belle rose che hai Matilde, da dove vengono, te le hanno regalate?

Matilde) No, me le sono comperate.

Amelia) Chissà quello che costano ... (finalmente esce)

Scena 8 - Matilde e Santina - Giovanni dalla camera

Giovanni) (Sempre dalla camera) E la camicia bianca dov’è?

Matilde) Nel primo cassetto del comò.

Santina) Dove è sempre stata. Se fosse mio marito lo avrei già ammazzato a cappellate, non riesco a sopportarlo, prendi nell’orto per esempio, lui vuol fare i lavori che non sa fare e neppure a dirglielo e ad insegnarli ascolta.

Matilde) Mamma, te l’ho già detto, c’è modo e modo di dire le cose.

Santina) Si, sono d’accordo, guarda che io cerco sempre di essere gentile con lui, anche ora per esempio, voleva piantare i cetrioli che non li mangia nessuno, piantiamo invece la catalogna invece, che fa bene.

Matilde) Ma se a lui piacciono i cetrioli.

Santina) L’anno passato li ha fatti marcire tutti sulla pianta, e poi, facciamo silenzio, va là, che è meglio.

Giovanni) (Sempre dalla Camera) Matilde dove sono le mie calze?

Matilde) Nel secondo cassetto, come al solito.

Santina) (Si alza e va ad ammirare le rose) Possibile che lui non trovi mai nulla? Te l’ho già detto, se fosse mio marito lo avrei già ammazzato a cappellate, come fai a sopportarlo non lo so.. ma a proposito, e queste belle rose? (davanti alle rose) Non lo hai detto all’Amelia, ma da dove arrivano?

Matilde) L’Amelia è solamente una curiosona, inoltre, me le ha regalate la Fernanda.

Santina) Matilde, guarda, queste balle... raccontale a quel sempliciotto di tuo marito, ma a me raccontamela giusta, non sono nata ieri io, da bere giù tutto (sedendosi) Ohi Ohi il mio ginocchio, Signore che male, si vede che cambia il tempo.

Matilde) Perché non può avermele regalate la Fernanda?

Santina) Perché di no, la Fernanda ha due fiori striminziti nel suo giardino, non ha rose come quelle, col gambo lungo così.

Scena 9 - Martino e il Professore

(Entra Martino con il suo professore, che è  un po’ anzianotto, baffetti e sorriso da Don Giovanni, usa l’intercalare: “Certo, certo, vorrei dire, naturalmente” accompagnato da un lieve tic.)

Martino) Venga, venga avanti signor Professore, venga avanti.

Professore) (Timidamente) È permesso...

Martino) Prego, si accomodi, guardi, c’è qui anche la mia mamma e la mia nonna, venga Signor Professore che gliele presento (alla madre) mamma questo è il mio nuovo professore di italiano, e prende il posto della professoressa che avevo e che è andata in pensione. Lo sai mamma che il professore scrive anche le poesie, sentissi che belle, (al professore) lei capisce il nostro dialetto Professore?

(Matilde porge normalmente la mano ma il professore la stringe con fare sognante.)

Professore) (A Martino) Certo, certo, vorrei dire, naturalmente, (a Matilde) Incantato gentile signora, incantato, è sempre un  piacere conoscere una bella signora.  

Matilde) (Stupita) Piacere mio, professore.

Martino) E questa è la mia nonna.

Professore) Piacere Signora, molto piacere, ma che nonna giovane che hai Martino, certo, certo, vorrei dire, naturalmente, e che bella signora anche lei.

Santina) Piacere, piacere mio, signor professore (guarda il pubblico sbattendo le ciglia).

Matilde) Si accomodi signor professore, si sieda qui con noi.

Martino) No  mamma, devo fargli vedere la mia raccolta di minerali. (Avviandosi) Il professore viene di là con me, anche lui è un collezionista di minerali.

Professore) (Seguendo Martino vede le rose, le indica, si ferma) Rose fra le rose, (annusando le rose) fiori fra i fiori, anch’io mando sempre delle rose alle signore, sono un tipo molto, molto  romantico... certo, certo, vorrei dire, naturalmente, mi dispiace lasciare la loro compagnia gentili signore, ma ho promesso a Martino  che avremmo guardato la collezione di minerali.

Matilde) Prego, prego, però sono contenta che anche a lei ci piacciano le rose!

(Martino esce)

Professore) Oh si, certo, certo, vorrei dire, naturalmente, (prendendo la mano di Matilde) tutti i fiori ma le rose rosse in special modo per il loro significato (sottovoce) a me piacciono molto i fiori e le belle donne. Sopratutto per le belle donne farei pazzie (baciamano a Matilde) compermesso, a più tardi gentili signore.  (Nell’uscire canticchia: “Rose rosse per te”)

Scena 10 - Matilde e Santina - il sospetto

Matilde) (Ha un sospetto, ci pensa sopra) Te, mamma, non sarà stato lui, per caso.

Santina) A fare che cosa?

Matilde) Come a fare che cosa, mamma, quello delle rose, no!

Santina) Che c’entra lui? Ah, ora ho capito, ti sono arrivate delle rose e non sai chi te le ha mandate. Ma non c’era un biglietto?

Matilde) Sì che c’era, guardalo qui (se lo toglie dalla tasca consegnandolo alla madre) ma non farti vedere dal mio Giovanni, se no guai, lo sai com’è geloso il mio Giovanni.

Santina) Lo so, lo so che il tuo Giovanni ha tutti i più brutti difetti (legge e commenta) “Saluti al vento - baci a trecento - Sogni profondi - se indovini rispondi”

Matilde) Il mio Martino ha detto che scrive poesie...

Santina) Per avere la faccia da “pelabrocco” quel professore ce l’ha, a rifletterci sopra, quello lì, con quei due baffetti da sparviero sarebbe proprio capace di fare anche certe tirate. Si vede che gli piaci, ma tu lo hai stuzzicato?

Matilde) Ma se l’ho visto oggi per la prima volta!

Santina) Allora non è lui, come fa a sapere il tuo indirizzo?

Matilde) (Spazientita) Cosa vuoi che sappia io, (compiaciuta) però hai visto che aria da galletto?

Santina) Rose fra le rose (imitandolo) a me piacciono molto i fiori e le belle donne, non è mica stupido quello lì - sono un tipo molto, molto romantico... mah, non saprei che dirti.

Matilde) Inoltre, hai sentito quello che ha detto Martino: è un poeta, scrive le poesie.

Giovanni) (Sempre dalla camera) Matilde, non trovo proprio le mie calze, dove le hai messe, le hai nascoste?

Matilde) Vengo io, vengo io (esce).

Santina) (Rimasta sola, va verso le rose parlando fra se) Non è proprio capace di fare niente il Giovanni, tutti i giorni si mette le calze e tutti i giorni le domanda dove sono, ma fa finta di essere scemo o è scemo per davvero, non l’ho ancora capito! (guardando le rose) però sono un gran belle queste rose, ma (pensando) se invece di averle mandate alla mia Matilde le avessero mandate a me? Potrebbe anche essere, perché no, non sono ancora una vecchia carampana (si accomoda i capelli ed il vestito).

Scena 11 - Teresina e Santina

Teresina) (Entrando con il sasso in mano) Permesso.

Santina) (Ripiega velocemente il biglietto, lo mette in cassetto e va a sedersi) Oh, ma guarda la Teresina, dentro Teresina, ti è passato il mal di pancia?

Teresina) (Un po’ seccata) Io non ho mai avuto mal di pancia Signora Santina, c’è Martino?

Santina) Ma se la tua mamma è venuta a prendere il limone per la camomilla!

Teresina) Io non ne ho usati di limoni (guardandosi in giro) Mi sembrava di aver visto ritornare Martino, dov’è ora?

Santina) Martino è di là, è impegnato col suo professore, sta facendogli vedere i sassi, hai anche tu un sasso da dargli?

Teresina) Veramente...

Santina) Appoggialo pure lì in terra che poi gli e lo do io.

Teresina) (Sdolcinata, dondolandosi) Se per lei è lo stesso, signora Santina, preferirei darglielo io personalmente al Martino e spiegargli, questo (guardandolo e alzandolo) è un sasso speciale, di collezione.

Santina) (Si alza e va a controllare il sasso) A me i sassi mi sembrano tutti precisi.

Teresina) Questo è speciale, è per quello che voglio darglielo io di persona. Ma, Martino ne avrà per tanto tempo?

Santina) (Disinteressata si risiede) Non saprei Teresina.

Teresina) Allora, se mai torno dopo.

Santina) Va bene, va bene, ciao Teresina.

Teresina) Arrivederci signora Santina (esce).

Scena 12 - Giovanni Matilde e Santina

(Rientra Giovanni tutto elegante. Dietro a lui viene Matilde che riprende a lavorare. Santina guarda incuriosita Giovanni.)

Santina) (A Matilde spazientita) Ma non sei capace di comperarti un bel paio di occhiali? (A Giovanni) Dove stai andando così tirato a malta fine (così elegante) a nozze?

Giovanni) Sto andando al bar a fare una partitina a carte, perché? Ha qualcosa in contrario? Ha qualcosa da ridire se vado al bar?

Santina) Io no. Credevo che ti fossi stancato moltissimo a lavorare nell’orto e che volessi riposare un pochettino, però fa quello che vuoi, sei grande abbastanza senza che tu abbia bisogno di una balia.

Giovanni) Mancherebbe anche quella, a proposito, ha visto che belle rose ha la Fernanda, come farà a farle crescere così belle, le nostre sono tutte stizzite, non hanno ancora fiorito.

Santina) E non fioriranno neppure mai, guardavo proprio stamattina che quando tu le hai potate, hai lasciato i rami vecchi ed hai tagliato quelli nuovi.

Giovanni) Ma guardi che si fa così a potare le rose. Per me è una questione di letame.

Santina) Va là, facciamo silenzio, non stare a farmi parlare caro genero, nell’orto, dove passi tu sei peggio di Attila: non viene più su nemmeno l’erba.

Giovanni) (Alla moglie) Matilde, ma non sei capace di dire niente a tua madre, che la smetta una buona volta, io le ho tagliate giuste, per me è ancora una questione di letame.

Scena 13 - Martino chiede il caffè

Martino) (Entrando) Te, mamma, per favore, ci faresti il caffè?

Matilde) Sì caro, (si alza premurosa per prepararlo) te lo faccio subito.

Martino) E ce lo porti di là dopo, così noi andiamo avanti col nostro lavoro.

Matilde) Vai vai che ci penso io, lo bevi anche tu Giovanni? (Prepara il vassoio con un centrino, lucida la zuccheriera)

Giovanni) Ma si va bene, con un dito di grappa, così mi scaldo, ho preso una gelata a star fuori nell’orto. Ma che servizio oggi! È perché sono vestito dalla festa?

Santina) Ma chi ti credi di essere? Non è per te, è per il professore di Martino, sono di là, insieme che guardano i sassi…Lo sai che il nostro Martino colleziona i minerali.

Scena 14 - Fernanda

Fernanda) È permesso... si può... (entra cinguettante con un vestito vistoso)

Santina) Quando entrano in questa casa ce ne sono pochissimi che usano il campanello. Chissà come mai! Ciao Fernanda.

Fernanda) Buongiorno a tutti signori, state bene?! O signora Santina come la trovo bene, le è passato il mal di spalla?

Matilde) (Allarmata, fra se, verso il pubblico) Ora mancava solo la Fernanda (A Fernanda) Ciao Fernanda, sto preparando il caffè, ne bevi un goccio anche tu?

(Fernanda fa per sedersi vicino a Giovanni e Matilde cerca di allontanarla facendola accomodare il più lontano possibile da lui)

Matilde) Prendi questa, siediti qui, vicino alla mia mamma che stai più comoda.

Fernanda) (Sedendosi) Un goccio di caffè lo bevo proprio volentieri.

Giovanni) A parlare del diavolo compare la coda, lo sai Fernanda che stavamo proprio parlando di te?

Fernanda) In bene o in male?

Giovanni) Ma no, né in bene e né in male, stavamo tutti chiedendoci che letame usi per i tuoi fiori?

Fernanda) Letame? Non saprei, li concimo un po’, perché?

Giovanni) Perché hai di quelle rose stupende nel tuo giardino.

Fernanda) Grazie, grazie, belle vero, caspita, l’è perché io ho una grande passione a coltivare i fiori

Santina) Che cosa hai piantato di bello quest’anno nel tuo giardino?

Fernanda) Un po’ di tutto: caroline... gerani...

Matilde) (Serve il caffè) Ecco il caffè, finalmente!

Giovanni) Perché cinque tazzine?

Matilde) Te lo ho appena detto, lo porto a quei due di là.

Giovanni) Chi c’è di là?

Santina) Ma stai diventando arteriosclerotico?!

Matilde) Di là c’è il professore di Martino, quello nuovo.

Fernanda) (Agitandosi si sistema il vestito e si aggiusta i capelli) Quello nuovo, quello che è venuto quest’anno? Ma avete visto che bell’uomo è con quei due baffetti e quei due occhi scuri. Sembra uno spagnolo.

Giovanni) (Al pubblico sarcastico) Vuoi vedere che adesso è arrivato Zorro in paese.

Santina) Uno spagnolo un po’ stagionato, è troppo vecchio per te, al più al più potrebbe andare bene per me, volevo dire, ad una della mia età.

Giovanni) Allora non è uno Zorro, al più al più sarà “Sancio Pancia” ce l’ha la pancia?

Matilde) Tu Giovanni non lo hai ancora visto e non puoi parlare. Ma tu (a Santina) che dici mamma, lo hai guardato bene? Pare un giovanotto!

Fernanda) Ah, per me è proprio un bell’uomo… e che finezza, che galanteria, che gentilezza, che eleganza, (pettegola) lo sapete che non è ancora sposato e che vuole sposarsi per sistemarsi? A me lo diceva la fornaia in piazza. Lo sapete che io lo ho gia incontrato. Ieri ero andata dalla parrucchiera e proprio sull’uscio…

Giovanni) Allora è proprio un uomo speciale se va dalla parrucchiera e non dal parrucchiere, ha i capelli lunghi? Magari ha il codino come usano al giorno d’oggi.

Fernanda) Ma no Giovanni, la parrucchiera gli ha affittato l’appartamento.

Santina) Quello che ha in piazza?

Fernanda) Penso, non lo so di preciso. Io stavo andando dentro e lei ci ha presentato e così gli ho parlato insieme, è un piacere parlargli insieme, ve lo giuro, lo sapete che scrive poesie? Che uomo romantico, ah, che bell’uomo! A me che sono sola, andrebbe proprio bene, chissà se si è accorto che mi piace? Non sarò proprio vecchia vecchia?! Posso ancora pensare a certe cose.

Santina) A dire la verità a volte ci penso ancora anch’io.

Giovanni) (A Santina) Ma non ha vergogna alla sua età!

Santina) Guarda bello che non sono ancora una vecchia.

Fernanda) (Interrompendola) Pensate che è sempre stato il mio sogno sposarmi (Alzandosi) Matilde chiamalo qua con noi.

Matilde) A fare?

Fernanda) A bere il caffè insieme. Così avrò l’occasione di conoscerlo meglio (insistente) dai, dai, chiamalo... chiamalo... dai...

Matilde) (A Fernanda facendola risedere) No, no, n’altra volta, lascialo di là per ora (alla madre sottovoce) occhio nè! (alzando la voce) vado e torno... (esce a portare il caffè)

Giovanni) (A Fernanda) Fernanda, scusa, ma dove vai a prenderlo?

Fernanda) Che roba?

Giovanni) Il letame!

Fernanda) Il letame? Per fare?

Giovanni) Ma per le rose no? Guarda che belle che sono?

Fernanda) Certo che sono un gran belle e che colore che hanno, dove le hai…

Santina) (Interrompendola energicamente, tirandola per la manica) Fernanda, stavi dicendo del professore, ma da dove viene, non mi pare che sia delle nostre parti?

Giovanni) (Al pubblico) E dice di non essere una donna curiosa.

Fernanda) Di preciso non lo so, ma credo che venga da Brescia città, non avete visto com’è vestito da cittadino! Che eleganza! Non è un uomo rozzo come quelli del nostro paese.

Giovanni) Ora è arrivato il professore a civilizzarci qui in paese.

Fernanda) Caro il mio Giovanni, c’è sempre da imparare da uno di città.

Giovanni) Guarda che noi non siamo trogloditi, siamo già civilizzati abbastanza, non abbiamo bisogno che il tuo professore venga apposta da Brescia, inoltre a Brescia…

Santina) Non iniziate a discutere come al solito, te Fernanda, (alzandosi, fa alzare anche Fernanda e la prende sottobraccio) intanto che mi racconti del professore vieni a vedere il mio orto come è tenuto bene, adesso sto seminando la catalogna.

Giovanni) I cetrioli.

Santina) La catalogna.

Giovanni) I cetrioli ho detto.

Santina) Ma che testa che ha quell’uomo lì, ostinato come un mulo. Ti ho detto che è meglio piantare la catalogna, perché la catalogna cotta fa bene, invece i cetrioli tu li lasci a marcire sulla pianta… zuccone (sulla porta) hai una testa!

(Fernanda e Santina escono)

Giovanni) (Alzandosi si dirige all’uscita) Io avrò una testa, perché lei che cos’ha? Una rapa al posto della testa, senza offesa per le rape. È meglio che vada (controllando le tasche) oddio, dimenticavo il fazzoletto (ritorna in camera a prenderlo).

Scena 15 - Matilde e il Professore

(Rientra Matilde e dietro a lei il professore, Giovanni rientra a sua volta, si ferma incuriosito in disparte, gli si vede la testa. Mentre Matilde parla col professore, Giovanni esprime i suoi pensieri con la mimica del viso.)

Professore) Mi scusi signora, ma dovrei chiederle una cosa, mi sento un po’ in imbarazzo, certo, certo, vorrei dire, naturalmente... perché è una domanda indiscreta.

Matilde) (Civettuola) Dica, dica pure sior professore.

Professore) Veramente ho un po’ di pudore.

Matilde) Ma mi dica, mi dica pure, non si faccia mica riguardo.

Professore) Certo, certo, vorrei dire, naturalmente, non so se posso permettermi.

Matilde) (Abbassa la testa timida) Ma davvero?! (Alza gli occhi al professore) È una domanda imbarazzante allora?! Ma si permetta, ma si permetta.

Professore) Sa, non so se posso...certo, certo, vorrei dire, naturalmente...

Matilde) (Avvicinandosi al professore) Siamo soli, io e lei, dica pure.

Professore) Vorrei chiederle, se ha una pinzetta per le sopracciglia, sa, certo, certo, vorrei dire, naturalmente, quelle che usano le donne per i peli.

Matilde) (Indietreggia delusa.)

Professore) A noi serve perché dovremmo spostare dei frammenti di minerale senza toccarli, per non sciuparli, capisce,certo, certo, vorrei dire, naturalmente, non possiamo toccarli con le mani.

Matilde) (Perplessa) La pinzetta per le sopracciglie, tutto qui?! (Si gira e la prende da un cassetto) Naturalmente, eccola signor professore.

Professore)  Grazie, mille grazie gentile e bella Signora, sarò eternamente suo debitore (esce).

Scena 16 - Matilde e Giovanni

Giovanni) (Entrando) Te, ma è quello quel tal professore che diceva la Fernanda?

Matilde) Si, è lui, un gran bell’uomo, e che finezza, che gentilezza, che delicatezza.

Giovanni) E tutta sta gran bellezza che voleva da te?

Matilde) Ma nulla di particolare, (dispiaciuta) voleva solo la pinzetta delle ciglia per spostare i sassi senza toccarli.

Giovanni) Un can-can simile solo per quello? (imitandolo) cicìcicìcicì, non so se posso, la mi scusi. Sembrava perfino che ti facesse la corte.

Matilde) A me? (Stupita, quasi offesa) Che stai dicendo, ma se è la prima volta che lo vedo.

Giovanni) Che posso dirti, ha un modo di fare che non mi paga l’occhio.

Matilde) Perché, che ha fatto di strano?

Giovanni) Niente di strano, ma ha tutte le rotelle a posto quello lì?

Matilde) Ma perché?

Giovanni) Così, ha qualcosa che non mi quadra… da quando in qua occorre una pinzetta per spostare i sassi?!

Scena 17 - Teresina

Teresina) (Entrando) Permesso?

Matilde) Ma sei ancora qui con questo sasso, Teresina?

Giovanni) È venuta la mania dei sassi anche a te?

Teresina) Ma no, sono venuta a portarglielo al Martino... c’è Martino?

Matilde) È di là con il suo professore, non so se posso disturbarli.

Giovanni) Disturbali, disturbali, tanto per quello che stan facendo.

Teresina) Cosa stanno facendo di bello?

Giovanni) Spostano i sassi con la pinzetta delle ciglia.

Matilde) Non ascoltarlo Teresina, vai ... vai ... (l’accompagna alla porta) che quando avranno finito ti chiamo io.

Teresina) (Delusa) Va bene signora Matilde, starò in casa ad aspettare che lei mi chiami. (Esce)

Scena 18 - rientrano Santina e Fernanda

(Santina e Fernanda entrano chiacchierando, Santina si sorprende di trovare ancora Giovanni in casa. Fernanda piano piano va verso le rose.)

Santina) Ancora qui sei Giovanni, ma non dovevi andare al bar?

Giovanni) Perché, le do fastidio se resto qui? Vuole forse cacciarmi via anche da casa mia adesso, al bar ci vado quando ne avrò voglia, va bene.

Matilde) Non litigate adesso.

Fernanda) (Guardando le rose, a Santina ) Dicevi di avere i fiori non tanto belli, ma se hai raccolto queste rose… (indica il vaso)

Santina) Ma no, Fernanda...

Giovanni) Come, come? Fatemi capire?!

Fernanda) (A Giovanni) Ah, sei stato tu a comprarle alla Matilde?! (A Matilde) Oh che marito che hai Matilde, dopo tanti anni di matrimonio, ha ancora questi pensieri gentili e che belle che sono, (a Giovanni) e le sei andato a comperare proprio quelle col gambo lungo, quelle che costano di più, di solito i mariti non comperano queste rose, di solito sono gli amanti che...

Matilde) (Scandalizzata) Fernanda, smettila!

Santina) Ma che stai dicendo!?

Giovanni) Lasciatela dire, lasciatela dire che è interessante. Che stavi dicendo Fernanda?

(Matilde e Santina si guardano disperate e cercano di cambiare discorso, inutilmente.)

Santina) È nuovo questo vestito?

Fernanda) (A Santina) Si, l’ho comperato il mese scorso ed è la prima volta che lo indosso (a Giovanni) ho detto che sei un bravo marito, non è vero forse? basta guardare le rose!

Giovanni) Ma non gli e le hai regalate tu queste rose?

Fernanda) E no caro mio, se avessi delle rose così belle me le sarei tenute (comprendendo la gaffe) oh! (al pubblico) forse dovevo stare zitta. Forse ho detto qualcosa di troppo... ma... (a Giovanni) Giovanni... se non le hai comperate tu?

Giovanni) Ah, è così la storia, io non le ho comperate né regalate, ed ora che siamo qui tutti è meglio chiarire ogni cosa. (Va minaccioso verso la moglie) Matilde, da dove vengono queste rose?

Santina) Gliele ho regalate io, per farle una sorpresa.

Giovanni) Lei non si intrometta nei nostri affari.

Santina) Guarda che questi sono anche affari miei.

Giovanni) Regalare le rose? Non ci credo neppure se fosse vero, tirchia come è nello spendere.

Santina) Guarda bello, che io non sono tirchia! Io spendo solamente quando è giusto spendere, ohi ohi che mal di ginocchio, è tutto il giorno che mi fa male, (massaggiandosi) si vede che cambia il tempo.

Giovanni) Si cambierà il tempo, ma non cambiamo discorso (alzando la voce) io voglio sapere da dove vengono queste rose, per piacere, va bene!

Matilde) Non arrabbiarti Giovanni che ti si alza la pressione, vuoi proprio sapere la verità? Ecco, non lo so nemmeno io.

Santina) Se ti ho detto che gliele ho regalate io, insomma, credimi no!

Giovanni) Qui c’è qualcuno che vuole farmi passare per scemo, ma io per vostra norma e regola, non sono nato ieri… buono si, fin troppo buono, ma stupido no, allora, sto aspettando… dai… ci sarà ben stato un biglietto o no?

Santina) Ma te, Giovanni, non dovevi andare al bar?

Giovanni) Ho cambiato idea, perché non posso neppure cambiare idea ora? O lei vuole insegnarmi anche quando devo andare al bar ora? Mi è passata la voglia, va bene! Al bar non ci vado più e resto qui… e di qui non mi muovo (si siede deciso) fino a quando non mi direte da dove arrivano queste rose!

Matilde) (Indecisa e timorosa) Sono arrivate...

Giovanni) Non dirmi che sono arrivate giù dal cielo perché non ci credo.

Fernanda) Saranno arrivate su dalle scale.

Giovanni) Questo è più probabile, ma da chi? È questo che io voglio sapere: dai, fammi vedere questo biglietto, ci sarà ben stato un biglietto o te le hanno portate di persona!

Santina) (Si alza e si porta alle spalle di Matilde, quasi a proteggerla) Macché biglietto e biglietto, dubitare così della mia bambina, se ti ho detto che gliele ho mandate io, gliele ho mandate io e il biglietto non l’ho messo, (decisa) le rose sono arrivate senza biglietto.

Scena 19 - rientra Martino con il Professore

(Martino ha in mano un vassoio con dei sassi, entra col professore sorridente. Giovanni crede di capire, guarda il professore che gli fa un sorriso... poi guarda Matilde e si inalbera.)

Giovanni) Lei ( indicando il professore) è stato lei!

Matilde) Ma Giovanni che stai dicendo?!

Giovanni) Per forza è stato lei, con quella faccia da scemo che ha, adesso ho capito tutto, come ti sei permesso (lo prende per il bavero) altro che Zorro, te lo do io a te Zorro, e guarda che quella della pinzetta delle ciglia io non l’ho bevuta, ma io ti spacco il muso, hai capito bel tomo, questa è casa mia, qui comando io, e tu…

Professore) Non capisco...certo, certo, vorrei dire, naturalmente, non capisco.

Matilde) (Cercando di trattenerlo) Calmati Giovanni, calmati che ti si alza la pressione.

Santina) Non arrabbiarti così, lui non c’entra.

Fernanda) Lui! Allora, tutti i miei sogni vanno per aria.

Martino) (Tentando anche lui di fermarlo) Ma papà, che stai facendo, stai straparlando? Lascia stare il mio professore…

Santina) Ma se ti ho detto che le rose le ho mandate io… Giovanni sta calmo, oddio il mio ginocchio.

 (Il professore riesce a scappare, indietreggia spaventato e si ripara dietro a Fernanda, tutti vogliono dire la loro e parlano tutti insieme)

Matilde) Calmati Giovanni, calmati che ti si alza la pressione. Cerca di stare calmo.

Professore) Esigo una spiegazione, nessuno si è mai permesso di trattarmi così.. certo, certo vorrei dire, naturalmente, me la pagherete...

Santina) Fermati che mi fa male il ginocchio.

Martino) Lascialo stare papà, non ti ha fatto nulla, lascialo stare.

Giovanni) Lo so io quello che mi ha fatto, lo so io quello che sto facendo (a chi cerca di fermarlo) lasciatemi, lasciatemi andare, che se lo prendo lo ammazzo, a me fare una cosa simile e tu (A Matilde) e tu (segnando la moglie) io ti credevo una donna onesta.

Matilde) (Piagnucolando) Ma Giovanni, lo sai che io sono una donna onesta, non dirmi questo che mi fai venire da piangere (si asciuga le lacrime nel grembiule).

Giovanni) ( A Santina) E lei a tenerle la parte, non ha vergogna! Ora capisco perché voleva sempre tenermi nell’orto a lavorare.

Santina) Giovanni, il mio ginocchio, che male al ginocchio… faccio fatica a stare in piedi.

Fernanda) Calmati, ragiona...

Matilde) Ma che vai a pensare Giovanni, non dire stupidate, dai anche tu.

Giovanni) Avete capito che furbe quelle due qui?! Nell’orto mi tenevano. Ed io stupido stavo là a tagliare il prezzemolo, a zappare, a vangare, se ciao.

Santina) Ma cerca di ragionare, dai Giovanni.

Matilde) Guarda che figure facciamo col professore.

Fernanda) I panni sporchi si lavano in famiglia.

Martino) Ma di che stracci sporchi sta parlando.

Santina) Ma ragiona, insomma...

Giovanni) Io ragiono anche troppo, ma certe cose non se devono fare, certe cose io non voglio vederle, io sono sempre andato in paese con la testa alta, con la fronte pulita, non so se mi spiego, tutti finora mi hanno rispettato, e adesso per colpa vostra…

Martino) Io non ci capisco niente.

Professore) Esigo una spiegazione.

(Giovanni si sente provocato e si gira di scatto)

Matilde) (Piangendo) Ma io non ho fatto niente di male.

Martino) (Avvicinandosi alla madre) Mamma, non fare così che lo sai che quando ti vedo piangere, poi viene da piangere anche a me, (inizia anche lui a singhiozzare).

 Professore) Ma questa è una casa di matti!

Giovanni) Matto a me?! Te la faccio vedere io a te, ti faccio passare la voglia di fare Zorro.

Martino) Che centra Zorro ora?

Matilde) (Sempre piagnucolando) Lui voleva dire Sancio Panza.

Martino) Sancio Panza?!

Santina) Il tuo Giovanni ha tutti i più brutti difetti, ma che ne fai di un uomo simile Matilde, ma che te ne fai! Oddio che male al ginocchio.

Professore) L’ho detto io, certo vorrei dire naturalmente, qui son tutti matti! (infila la porta)

(Nuovo scatto di Giovanni che viene fermato da Matilde e da Santina.)

Martino) Professore... professore (esce rincorrendo il professore).

Fernanda) Forse io qui sono di troppo, è meglio che me ne vada (esce chiamando) Professore... professore.

Santina) Matilde, ma come fai a sopportare un uomo così, che non capisce nulla, dagli una pedatina e caccialo via di casa.

Giovanni) Così sarei io di troppo in questa casa?! Ha ragione signora Santina, è meglio che vada al bar. Però ci vado io, di mia iniziativa, senza che lei, Santina mi obblighi (con molta dignità) Si, vado al bar ad annegare i dispiaceri, anche se il boccone e duro da inghiottire anzi, sapete quello che vi dico: non so se torno! Anzi, è probabile che non torni più del tutto! (Esce)

Santina) Va, va, che è meglio… va.. va...

ATTO  II

Scena 1 - Matilde e Santina

(Matilde prepara il tavolo e ogni tanto si asciuga una lacrima.)

Santina) (Entrando) Non è ancora tornato quel “maccarone” di tuo marito?

Matilde) Macché, e sono quasi le una ed è stato fuori tutta notte, magari a bere, tutta notte in giro è stato, non aveva mai fatto una cosa del genere.

Santina) Chissà cosa è andato a pensare.

Matilde) Per una sciocchezza simile, rovinare un matrimonio.

Santina) Dovevi dirglielo subito come che stavano le cose, le balle hanno le gambe corte, con tutte quelle che gli racconti ormai dovresti averlo imparato.

Matilde) Caspita, che dovevo fare, se quella pampaluga della Fernanda avesse fatto silenzio e fosse rimasta a casa sua, non sarebbe successo niente.

Scena 2 - Amelia con le bollette

Amelia) (Entrando) È permesso?

Santina) (Sospirando) Avanti!

Amelia) Scusa, ma nella mia cassetta della posta ho trovato queste e non roba mia (consegna le bollette a Matilde).

Matilde) Ancora roba da pagare?! (le avvicina e le allontana per tentare di leggerle)

Amelia) Perché non ti compri un bel paio di occhiali Matilde? Mi pare la luce (guardandole) una è la luce e l’altra il telefono

Santina) E come mai erano nella tua cassetta della posta?

Amelia) Mah

Matilde) (Prendendo le buste) La postina si sarà spaventata ieri quando ha visto il Giovanni che stava male.

Amelia) Certo che è una bella cifra.

Santina) Le hai aperte?! hai letto la mia posta?

Amelia) No, (titubante) erano già aperte... oh, ma non sarà un segreto, suppergiù è quello che pago io, sia di luce che di telefono.

Matilde) (Sarcastica) Grazie, ma già che sei così interessata, vuoi andare anche in posta a pagarle, già che le hanno messe nella tua cassetta?!

Amelia) (Secca) Ne ho abbastanza delle mie di bollette, vi saluto (esce).

Santina) Arrivederci

Matilde) Arrivederci... che fra cinque minuti è qui ancora.

Santina) E senza mai suonare il campanello. Bisogna fare perdere l’abitudine a quella lì. È una zuppa.

Scena 3 - Martino con i brutti voti - entra Teresina

(Martino entra quasi piangente e con dei libri in mano, Matilde lo consola)

Martino) Quattro, quattro mi ha dato… però non lo meritavo, e inoltre mi ha interrogato tutta mattina, mi ha dato una tartassata di quelle, con certe domande che non stavano né in cielo né in terra. Faceva apposta, e inoltre, quando non rispondevo, alé, un altro quattro sul registro. Era cattivo come la peste.

Santina) Stai parlando del professore di ieri?

Martino) Si, del professore di italiano, pensare che io lo facevo una gran brava persona.

Teresina) È permesso?

Santina) Oh... è ancora qui a rompere. (Al pubblico) Tale madre, tale figlia.

Teresina) Permesso (Entrando con il sasso in mano) Ciao Martino, ti ho visto arrivare a casa preoccupato e mi sono spaventata, così sono venuta a vedere, cos’è successo?

Martino) (A Teresina) Niente, niente (esce, non vuol farsi vedere a piangere, va a deporre i libri).

Teresina) (Rincorrendolo) Come niente? Guarda che faccia hai, si può sapere che cosa ti è successo? Posso aiutarti?

Matilde) (La ferma) Guarda Teresina, l’unico aiuto che gli puoi dare è quello di stare a casa tua e di pensare agli affari tuoi.

Teresina) Ma che villana è oggi, signora Matilde, io volevo solo essere gentile col Martino.

Santina) Scusa Teresina, ma è meglio che te ne vai, se avremo bisogno di qualcosa ti chiameremo.

Teresina) Lo sapete che io e la mia mamma siamo sempre pronte ad aiutarvi.Ma si può sapere che cosa è successo?

Santina) Niente... niente. Te lo racconteremo un’altra volta. Va ... va.

(Matilde l’accompagna alla porta e Teresina esce ancora con il sasso in mano.)

Scena 4 - Matilde Santina e Martino

Martino) (Rientra sconsolato) Pensare che io lo ritenevo una brava persona.

Santina) Le apparenze a volte ingannano.

Matilde) Dai Martino, non prendertela, andremo a chiedergli scusa e risolveremo la situazione.

Martino) Si, ma intanto mi ha messo un mucchio di quattro sul registro e quelli a tirarli via sarà dura… ma il papà dov’è?

Matilde) Non è ancora tornato da ieri.

Martino) Non è ancora tornato da ieri?! Allora si è proprio arrabbiato come una bestia. Ma insomma, perché non volete dirmi quello che è successo?

Santina) Non è successo niente, è che tuo padre ha la testa di un cardellino.

Matilde) Io sono disperata, un tiro mancino del genere da lui, non me lo sarei mai aspettata.

Santina) Io, a dirti la verità (a Matilde) e tu non puoi dire di no, te l’ho sempre detto: non sposarlo che non è tanto a posto, non è un uomo per te, ma tu, niente, dura… mai ascoltare quello che ti dice la tua mamma.

Martino) Bisognerà scriverlo a mia sorella, suo marito lavora in uno studio di avvocato, sistemerà le cose.

Santina) Bel tananai che è andata a sposare anche tua sorella, non sarà un avvocato quello lì? Avvocato di chi? delle cause perse, non è neppure capace di fare “ O ”  col bicchiere.

Matilde) Tua sorella e suo marito lasciali dove sono, fammi una carità, loro hanno già i loro problemi col bambino piccolo e il mutuo della casa da pagare, senza bisogno di andare a raccontargli i nostri di problemi.

Martino) (Andando vicino ai fornelli)  Per me... fate quello che  volete (alzando un coperchio) oggi non si mangia? Non c’è ancora pronto?

Matilde) Io non ho neanche un po’ di fame (ogni tanto si asciuga gli occhi e tira su col naso).

Martino) Ma che piangi mamma, lo sai che se ti vedo piangere viene da piangere anche a me (e inizia anche lui a singhiozzare, prima piano, poi sempre più forte)

Santina) Su, dai, non fare lo sciocco, ce n’è già uno in casa. Va bene, che sei figlio di tuo padre e non si può pretende: da un fico non esce una mela.

Martino) Ma nonna, anche tu contro di me, a me non mi dice mani nulla nessuno, pensano tutti che io sia stupido, che non capisca niente, però, intanto, per i vostri casini io ho preso un mucchio di quattro sul registro.

Santina) Su su, smettila dai... andiamo, non fare così. Vai a risciacquarti quella faccia, guarda che occhi che hai.

(Martino esce)

Scena 5 - Fernanda

Fernanda) (Fuori scena) E’ permesso, si può?

Matilde) (Al pubblico) Cosa viene qui ancora a rompere? Non ne ha avuto abbastanza di ieri?

Santina) (Al pubblico) Se restava a casa sua non sarebbe successo niente.

Matilde) Il mio Giovanni sarebbe ancora qui.

Fernanda) (Entrando) Te Matilde sono venuta a dirti che ho visto in piazza il tuo Giovanni ubriaco marcio, guarda, ubriaco disfatto, però c’è da dire che era contento come una pasqua, cantava come un fringuello. Avreste dovuto sentire che roba.

Matilde) Tu hai visto il mio Giovanni in piazza, ubriaco, che cantava?

Fernanda) Ma si, se te lo dico, cantava stonato come una campana e ti dirò di più, quando gli si abbassava la voce, iniziava a predicare, avresti dovuto sentirlo, avresti dovuto vederlo, si fermavano tutti ad ascoltarlo, parlava di Zorro, di Sancio Pancia, degli spagnoli che vogliono venire qui a civilizzare noi di Rivoltella.

Santina) È proprio da lui andare a fare il pagliaccio in mezzo alla piazza, domani ne parleranno tutti a Rivoltella. Te l’avevo detto Matilde che non era un uomo per te! Ma tu, no, tu non ascolto mai la tua mamma quando ti dice le cose.

Matilde) Mamma... mio marito... poverino...

Santina) Poverino tuo marito?! Poverina tu figlia mia, che brutta fine che hai fatto, te lo avevo detto io di non sposarlo.

Fernanda) Ha ragione signora Santina, meno male che io non mi sono mai sposata un marito simile!

Matilde) Ma và la Fernanda, che avresti fatto i salti mortali tu per avere un marito come il mio, il mio Giovanni...

Fernanda) Che stai dicendo, neppure se me lo regalano un marito così lo vorrei.

Matilde) Perché, che cos’ha il mio Giovanni, se si è ridotto così è stato per colpa tua.

Fernanda) Colpa mia, ma stai dando i numeri?

Matilde) No, la colpa è di mio nonno in cariola, cane dell’uva passa anche tu…

(Dall’esterno si sente Giovanni che arriva cantando, stonato ed ubriaco: “e ché l’è la me cacche... òi sai chì va e che vécche - òi saì chi và e che vécche...” )

Fernanda) Io è meglio che scappi, mi fa una paura! per la verità non lo ho mai visto in quelle condizioni. In piazza aveva due occhi di matto (aspetta in un angolo che Giovanni entri e poi se la svigna).

Giovanni) (Entrando) Ehilà, belle gioie, guarda che belle che sono le mie gioie (nell’avvicinarsi a Santina, prima la fissa e poi fa un salto indietro) No, tu non sei una bella gioia... (vede il tavolo preparato) Oh, allora si mangia... (si spaparanza e tutti lo guardano) Che cosa avete di guardarmi così? sono bello? Scommetto che non avete mai visto un uomo più bello di me… e grazie mamma che tu mi hai fatto così bello… tu mamma (alza gli occhi al cielo) tu mamma mi hai fatto bello e la mia Matilde mi ha fatto cornuto... vedete la mia fronte alta, spaziosa, da persona intelligente (pensa) Che stavo dicendo? Bèh niente, beviamone un bicchiere (tenta di versarsi da bere).

Matilde) (Portandoglielo via di mano) Non hai bevuto abbastanza Giovanni per oggi? Te lo do io il bicchiere a te.

Scena 6 - Giovanni si addormenta

Santina) Ma dagliela sulla testa la bottiglia.

Matilde) È questa l’ora di tornare a casa? In queste condizioni?

Giovanni) Zitta donna... dammi il bicchiere che oramai l’è l’unica soddisfazione che ci resta a questo povero uomo (si alza per prenderlo dalle mani di Matilde, senza riuscirci, traballa e si risiede) Ubbidisci donna... (batte la mano sul tavolo) portami da bere donna...

Matilde) Ma lo sai che sei ubriaco marcio...

Santina) Senti che puzza di vino, mi fai venire da vomitare.

(Martino rientra)

Giovanni) Zitta donna... devo negare i miei dispiaceri... dammi da bere donna e poi vai ... vai a sornare la catalogna ...(china la testa sul tavolo e si addormenta, ogni tanto russa anche mentre gli altri proseguono a dialogare)

Scena 7 - spiegazioni

Martino) (Fissando il padre) Mio padre in queste condizioni?! Io non l’ho mai visto! Ma che cosa è successo per dio, volete spiegarmi?

Matilde) Guarda Martino, ora te la spiego io la storia, ti ricordi quelle rose di ieri?

Martino) Certo, quel bel mazzo che c’era sopra il tavolo.

Matilde) Si, proprio quello.

Martino) E allora?

Matilde) Allora c’è che mi sono arrivate e non so chi me le ha mandate.

Martino) (Pensa un momento) Zorro?

Matilde) (Risentita) Guarda che questo non è il momento di fare lo scemo.

Santina) (A Martino) Lascia stare Zorro che non c’entra (a Matilde) Se è per quello, avrebbero potuto mandarle anche a me le rose, io non devo rendere conto a nessuno e per fortuna io sono anche vedova.

Matilde) Ma che stai dicendo mamma, non sarà una fortuna essere vedova?

Martino) Non cambiate discorso, allora?

Matilde) Ah, stavo dicendo delle rose, tuo padre chissà cosa ha creduto, ci ha ricamato sopra, credeva che fosse stato il tuo professore.

Martino) A fare?

Santina) Come a fare! Sei proprio duro di comprendonio.

Matilde) A mandarmi le rose no.

Martino) È per quello che il papà a fatto questa tirata allora?

Matilde) Certo, che cosa credevi, che fosse diventato matto tutto in un momento?

Santina) (Al pubblico) A parte il fatto che non poteva diventare matto, perché non era tanto a posto neppure prima.

Matilde) Però mamma, tu dai sempre contro al mio Giovanni, poverino.

Martino) (Alterato) Non state a cambiare discorso, io non ho ancora capito. E Zorro?

Santina) Lascia stare Zorro ti ho detto. Che cosa non hai ancora capito? È tanto semplice.

Martino) Chi ha mandato le rose!

Santina) Ah, quello è ancora un mistero anche per noi.

Matilde) Infatti, per non litigare con tuo padre ho detto che era stata la Fernanda a regalamele.

Santina) Bella furba, così la Fernanda è venuta proprio in quel momento.

Matilde) Ed ha iniziato a decantare il tuo professore.

Santina) Che è un bell’uomo.

Matilde) Che è distinto.

Santina) Ha detto che è un galletto.

Matilde) E tuo padre si è ingelosito, ha fatto due più due.

Santina) E siccome non è neppure capace di contare.

Matilde) È successo il patatrach.

Santina) Io ho cercato di portare la Fernanda nell’orto per non farla incontrare con tuo padre, ma non sono arrivata in tempo.

Matilde) Fatalità! C’era anche il tuo professore, ed è stata fatta, hai capito ora?

Martino) (Perplesso) Ma tu perché non le hai nascoste o gettate via quelle rose?

Matilde) Erano talmente belle, profumate che mi dispiaceva, che vuoi che sappia io che alla sua età e dopo tanti anni di matrimonio lui è ancora geloso, io a quelle cose non ci ho mai pensato.

Santina) Guardalo lì, come dorme!

Matilde) Non sembra nemmeno lui quello del fatto, pare un angelo.

Santina) Ma che angelo, un diavolo… con le corna lunghe così!

Matilde) (Risentita) Mamma, che stai dicendo… con le corna!

Santina) Scusa Matilde, non volevo, ma guardalo bene.

Matilde) Trattarmi così, proprio io, non lo meritavo.

Santina) Per me dovevi piantargli una bella pedatina nel di dietro ancora da subito a quel tananai (stupidotto). (Spezzante) Guarda che marito, mai una volta che si fosse ricordato di quando compi gli anni, mai che ti abbia fatto un regalo: a quelle cose lui non ci pensa, non ci arriva… è troppo indietro!

Martino) Ma nonna, tu stai parlando di mio padre.

Santina) (Butta il lavoro) Io non gli parlo male dietro le spalle, gli e lo dico sul muso io! (A Giovanni che dorme) Te pampalugo, non mi sei mai piaciuto, va bene e la mia Matilde meritava un altro marito, meglio di te!

Martino) Nonna, è perché il papà non ti sente, se ti sentisse guai.

Santina) Ma guardalo lì tuo padre, guarda, bel genere di padre che hai!

Martino) Forse non ha tutti i torni nemmeno lui, se è ancora geloso della mamma è perché le vuole bene, e volere bene alla stessa donna dopo tanti anni di matrimonio a me sembra una bella cosa, tu dovresti dirgli bravo al mio papà.

Santina) Secondo te le vuole bene, è questo il modo di dimostrarglielo? Andare a fare il pagliaccio in piazza?! Domani riderà tutto il paese.

Matilde) Poverino il mio Giovanni in che condizioni è…

(Martino esce. Matilde mette la borsa del ghiaccio sulla testa a Giovanni che si riscuote ma continua a dormire ed ogni tanto a russare.)

Scena 8 - Teresina

Teresina) (Entrando col sasso in mano) È permesso?

Matilde) Oh no.

Santina) Ma questa è una persecuzione, non si può stare tranquilli in questa casa.

Teresina) C’è Martino?

Matilde) (La spinge fuori dalla porta) Fammi un piacere Teresina.., torna fra un po’ che ora non è il momento.

Teresina) (Uscendo) Ma il Martino…

Matilde) Va... va...

Scena 9 - piangono

Santina) Ma perché Matilde dici che non potevano essere per me quei fiori? Se tu avessi pensato subito di dirlo, avresti evitato tutte quelle rogne.

Matilde) Non ho pensato di dire che erano per te.

Santina) Non lo sai che le bugie quando si dicono bisogna dirle giuste? Ed io ti avrei tenuto la parte come sempre Matilde. Prova a pensare, io non sono ancora vecchia del tutto, avrebbe potuto esser una bugia veritiera, va bene che ho un po’ di mal di schiena e di ginocchia…

Matilde) E la caviglia, e la testa, e la spalla, il braccio, lo stomaco delicato… la stitichezza…

Santina) La stitichezza non si vede e inoltre, io non sono come te, io ho la fortuna di essere vedova.

Matilde) A parte il fatto che a me non sembra una gran fortuna essere vedova.

Santina) Tu non puoi saperlo perché non lo hai ancora provato.

Matilde) Ma no mamma, non parlare così, dai.

Martino) (Rientra e sente le ultime parole) Se ci fosse stato qui il nonno, avrebbe sistemato lui le cose.

Santina) Lascialo là dov’è il mio povero Bigio, pace a l’anima (si fa il segno della croce) Oh, per quello era un brav’uomo, ma a parlarne da vivo e a dirlo qui fra noi aveva un difetto, come del resto tutti gli uomini, con rispetto parlando: capiva poco e a volte non capiva niente del tutto (e si risegna).

Matilde) Mamma, mamma, io sono disperata, guarda, non so più che fare (inizia a piangere).

Martino) Mamma, non ricominciare a fare così, lo sai che (inizia a piangere) se piangi tu, poi piango anch’io.

Santina) Per la miseria, smettetela voi due che mi sembrate la fontana di Piazza Garibaldi

Matilde) (Sempre singhiozzando) Ma io ho un dispiacere.

Martino) (Sempre singhiozzando) Anch’io ho un dispiacere.

Santina) Oh ... dico, diamoci un taglio?!

(Santina passeggia zoppicando avanti ed indietro per la stanza mentre Giovanni continua a dormire.  Matilde e Martino piangono, Santina ogni tanto lascia cadere le braccia e sospira.)

Scena 10 - Giovanni si riprende

Santina) (Va verso Matilde) Su, su, smettetela e cerchiamo di farlo ragionare, anche se non sarà molto facile.

Giovanni) (Riprendendosi) Oddio, che mal di testa che ho (non si rende conto subito dove si trova, vede la moglie e il figlio piangere, si sorprende) che è successo? È morto qualcuno?

Santina) Se tu fossi stato mio marito ti avrei già ammazzato e allora si che ci sarebbe stato davvero un morto in questa casa.

Giovanni) Perché? Lei non è mai contenta e che cosa ho fatto ancora? Non ha piantato la sua catalogna signora Santina? E allora, che vuole ancora da me? (poi ricorda) Ah, ora che mi sono ricordato... allora: bene, visto che ora siamo tutti qui insieme voglio farvi un bel discorsetto.

Santina) Per quello che ti è possibile, se sei ancora capace di ragionare.

Giovanni) Silenzio lei, che io ho preso una decisione importante, mammamia che mal di testa.

Santina) (Fa per parlare) Ma qual...

Giovanni) (La zittisce con la mano) Dunque (Ha sempre la borsa del ghiaccio sulla testa) Una volta per tutte chiariamo le cose… Tu Matilde da ora in poi se vuoi rimanere con me devi restare sempre in casa… senza mai uscire dall’uscio, se vuoi che ti perdoni devi fare così.

Matilde) Ma io non ho proprio niente da farmi perdonare.

Giovanni) Silenzio, se vuoi è così, altrimenti aria (fa il cenno con le mani) E la signora Santina qui presente, nonché la mia adorata suocera, che ha sempre tenuto la parte a sua figlia, raccoglie i suoi quattro stracci e via. Sono stato chiaro? (Rivolto al figlio) In quanto a te Martino...

Martino) Io? ma io non c’entro.

Giovanni) C’entri, c’entri Martino, tu e anche il tuo professore. Tu cambi scuola perché con certa gente io non voglio avere nulla a che fare, hai capito? Avete capito bene tutti? (A Matilde) E tu cara la mia donna, se ti va bene così bene, altrimenti prepari anche tu il tuo fagottino e vai con la tua vecchia.

Matilde) (Inizia a piangere)

Martino) No, mamma, non piangere, non fare così, lo sai (inizia a piangere anche lui) che se tu piangi poi piango anch’io...

Scena 11 - litigio

Santina) (Reagendo decisa) E no caro il mio Giovanni, io non sto zitta! Povero marturello! Prima di tutto perché questa casa è casa mia e sei stato tu a venire quando ti sei sposato. Hai voluto venire qui ad attaccare il cappello?! Bene. Però ti sei dimenticato che questa casa è mia, l’ho pagata io e quel poverino di mio marito, pace all’anima (fa il segno della croce). Secondo: mia figlia resta qui con me! E se c’è qualcuno che deve preparare il fagotto per andarsene non siamo noi due povere donne, ma tu.

Matilde) (Timidamente) E tu Giovanni, mi cacceresti via da casa, così, per una stupidata del genere? (Riprende a piangere).

Martino) No mamma no (piange anche lui).

Giovanni) Chiamala stupidata tu, due corni bei lunghi sopra una fronte così intelligente.

Santina) Non preoccuparti Matilde, ci sono qui io a difenderti e se il tuo caro Giovanni non la smette alla svelta, in quella fronte grande e spaziosa da persona che si crede intelligente, siccome le corna non ci sono ha il posto per due belle zoccolate.

Giovanni) Vorrebbe forse minacciarmi? (Alzandosi minaccioso) Avere ragione dopo quello che la Matilde mi ha fatto, lei non dovrebbe neppure parlare?! Io non ho paura sa, io sono sempre stato zitto per andare d’accordo, ma ora basta! Non ne posso più, mi sono stufato! È ora di finirla, mi sono proprio stufato di una suocera che vuol sempre mettere il becco nelle mie cose.

Santina) Si.. e se non la smetti (facendo ruotare le mani) oltre al becco ci metto anche le mani e le faccio girare a ventola come un ventilatore, hai capito!?

Giovanni) Se è per quello, sono capace anch’io di farle andare, non ho paura.

Matilde) (Intervenendo) State fermi, state fermi per carità, non saremo arrivati a questo punto. Siediti mamma che ti fa male il ginocchio a stare in piedi.

Martino) (Intromettendosi anche lui) Calmatevi, cerchiamo di ragionare.

Scena 12 - Teresina col sasso

Teresina) (Entrando) È permesso? Martino. Finalmente ti ho trovato. T’ho portato un sasso!

Santina) (Le va vicino zoppicando e arrabbiatissima) Si, brava, vieni qui con quel sasso, è quello giusto che serve per tirare sulla testa al Giovanni.

Teresina) (Indietreggiando) Ma... Martino...

Martino) Ma nonna...

Matilde) Ma mamma...

(Suona il campanello.)

Santina) Oh ma chi è che arriva ancora.

Matilde) Basta fiori per carità.

Teresina) (Spaventata) Io vado, se mai torno dopo.. (esce).

Martino) Chiunque sia capita a proposito.

Giovanni) Io lo so chi è. Sarà un qualche bello di mia moglie. Io di solito a quest’ora sono a lavorare.

Matilde) Non dire stupidate dai.

Martino) Vado io a vedere (prima di uscire si gira) guardate la mia famiglia in che condizioni si trova (si asciuga gli occhi).

(Matilde piange e Santina la consola.)

Martino) (Entrando sorridente) Indovinate chi è arrivato.

Giovanni) Non è il momento degli indovinelli questo.

Martino) Ma no papà, indovina?

Scena 13 - la figlia Luisa

(Entra Luisa con un bambino in una cesta, prima tutti si stupiscono poi le si fanno attorno.)

Santina) Oh Luisa cara che bella sorpresa, come stai, il bambino sta bene? Fammelo vedere (Fa per prenderlo in braccio).

Luisa) Ssstt che dorme, non svegliatelo. Aspettate un momento che lo metto di là in camera (va a deporre la cesta e rientra).

Santina) Così di là dorme tranquillo.

Luisa) Voi come state? Ma che brutta cera che hai mamma, e tu papà che fai con la borsa del ghiaccio sulla testa… ti fa male? E che occhiaie che hai, mi sembri uno che ha passato la notte in bagordi. Anche tu Martino, che occhi rossi che hai, non avrai la congiuntivite! Ti sei fatto vedere da un oculista? La cera più bella ce l’ha la mia nonna, pare il fiore della salute.

Santina) È perché il mal di ginocchio non si vede.

Luisa) Ma che vi è capitato, siete diventati tutti muti? Non siete contenti di vedermi? Non vi ho fatto una bella sorpresa!

Martino) Il fatto è che di sorprese ne abbiamo già avuto abbastanza.

Matilde) È che arrivi in un brutto momento.

Santina) Peggio di così non potrebbe essere.

Luisa) Perdio, che vi è successo di così brutto. Perché avete tutti quella faccia da funerale?

(Nessuno parla, Matilde e Martino si asciugano gli occhi.)

Luisa) (A Matilde) Mamma che c’è, è morto qualcuno?

Matilde) (Scuote la testa ed indica il padre)

Luisa) Il mio papà! Sei ammalato papà?

Giovanni) (Facendo le corna) Io no, ci mancherebbe anche questa, sono loro che sono malate nella testa!

Santina) Sei tu con la testa non ha posto, altrimenti non andresti in giro con la borsa del ghiaccio sopra.

Giovanni) Sentila lei, subito, sempre pronta a criticare, guarda come mi odia, ma ora è finita la cuccagna, ora ha finito di dirmi le sue paroline dolci.

Luisa) Ma che cosa è successo, insomma… dimmelo tu Martino.

Martino) (Scandendo le parole) A dire la verità non è successo niente.

Luisa) E allora?

Martino) È il papà e la mamma che hanno litigato.

Giovanni) E la suocera vi ha messo il becco.

Santina) E voleva metterci anche le mani se è per quello.

Luisa) E solo per questo avete quelle facce?

Martino) E ti pare poco? Il papà e la mamma che litigano? Non è mai capitato prima di oggi.

Luisa) Ma si, non è nulla di grave, anche se litigano una volta, io litigo tutti i giorni, e allora? Dopo è più bello fare la pace.

Martino) Ma loro non vogliono fare la pace, è un litigio grosso.

Luisa) Ma no, non è possibile che il mio papà e la mia mamma non vogliano più fare la pace e pensare che io credevo di trovarvi qui tutti contenti come una pasqua, invece guardate che funerale. Ho pensato: chissà come avranno festeggiato bene l’anniversario di matrimonio! Invece guardate qui! Su, state allegri e fate la pace.

Giovanni) Anniversario? (conta con le dita) È stato ieri!

Matilde) (Risentita) Certo.

Santina) Quanti anni passati per nulla, guardate in che condizioni siamo qui!

Matilde) E dopo tanti anni, litigare proprio il giorno del nostro anniversario, venticinque anni: belle nozze d’argento, vuole cacciarmi via di casa.

Luisa) Vuole cacciarti di casa? Per davvero o per scherzo?

Matilde) Davvero, davvero (inizia a piangere).

Martino) (Va vicino alla madre) No mamma, non fare così (e inizia anche lui a piangere).

Luisa) Su, smettetela di piangere, (guardandosi attorno) ma dove sono le mie rose? I miei fiori?

(Tutti si guardano meravigliati e poi parlano tutti insieme “Le tue rose? I tuoi fiori? ”)

Luisa) Ma certo, perché?

Matilde) (Mormora sorpresa) Le tue rose, i tuoi fiori! Oh!

Santina) (Sempre a bassa voce) Addio al mio sogno!

Luisa) Certo. Te le ho mandate io apposta perché era il vostro anniversario. Mi sono detta: chissà come sarà contenta la mia mamma che mi sono ricordata del suo anniversario, io lo sapevo che per te era una data importante, (a Giovanni) E tu papà gli e lo hai fatto il regalo? Non dirmi che ti sei dimenticato di un giorno così importante?!

Santina) Ma se non si ricorda neppure dal naso alla bocca, cosa pretendi che si ricordi degli anniversari? Figurarsi se c’è da aspettarsi qualcosa da lui.

Matilde) Tu, tu li hai mandati, ma non potevi metterci un biglietto più chiaro e firmato ?

Luisa) Ma io ce l’ho messo il biglietto e ho scritto “Cento di questi giorni ai genitori più meravigliosi del mondo” e mi sono anche firmata se è per quello.

Matilde) (Con espressione) Ma io quel biglietto non lo ho mai preso. I fiori si, ma il biglietto no.

Giovanni) Cara la mia Luisa, tu hai avuto un pensiero gentile, ma io, io ti ammazzerei a cappellate.

Matilde) Ma come abbiamo fatto tutti a dimenticare una data così importante?!

Scena 14 - suonano alla porta

(Suona il campanello d’ingresso)

Martino) Vado io, vado io. Chissà che non sia ancora un’altra bella notizia.

Matilde) Basta che non arrivino ancora dei fiori.

Santina) Ma benedetta ragazza, non sta più farle certe cose.

Matilde) C’è da morire dallo spavento.

Luisa) Perché ti ho mandato le rose mamma?

Santina) I tuoi genitori litigavano proprio per quelle rose, e hanno messo dentro anche me che non c’entravo.

Giovanni) A dire la verità, come sempre, si è messa dentro da sola.

Luisa) Ma perché? Io non capisco...

Santina) Perché il tuo papà, così furbo com’è, ha pensato ad uno spasimante che faceva la corte alla tua mamma.

Luisa) Ma e il biglietto?

Matilde) Non c’era il tuo biglietto, altrimenti sarebbe stato troppo bello.

Luisa) (Al padre) Ma papà, non mi dirai che sei ancora geloso della mamma alla tua età?

Giovanni) Guarda che io non sono ancora un vecchio rimbambito come cercano di farmi credere, e la tua mamma è ancora una bella donna, e…

Martino) (Rientrando ed interrompendo il padre) Lo sapete chi era? Non indovinereste mai? (girandosi indietro) Dai, entra, non aver paura, non ti mangiano.

Giovanni) (Seccato) Sarà arrivata la befana. Lui, è sempre quello degli indovinelli.

Scena15 - il fattorino

Fattorino) (Entrando con fare contrito) Scusatemi tanto, ma, mi sono sbagliato signori.

Matilde) Allora, si può sapere quello che è successo?

Fattorino) Mi si sono scambiati i biglietti...

Martino) Ti sei sbagliato a consegnare i fiori?

Fattorino) No, solo i biglietti, ho messo i biglietti sbagliati nella busta sbagliata.

Matilde) (Cercando il biglietto) E dì niente!

Fattorino) Avevo due mazzi di rose, due mazzi di fiori identici, tutti e due i mazzi mi sono stati ordinati per telefono, mi si sono scambiati i biglietti quando li ho messi nella busta.

Giovanni) Ah, ma allora c’era un biglietto.

Matilde) (Togliendolo dal cassetto cerca di vedere se è il biglietto giusto) È questo?

Giovanni) Non è ancora ora che ti compri un paio di occhiali Matilde? Fa vedere a me (legge) “Saluti al vento - baci a trecento - sogni profondi - se indovini rispondi?” Ostrega, che parole! Menomale che non l’ho visto ieri altrimenti mi veniva un colpo.

Martino) (Al fattorino) Dagli il biglietto giusto al mio papà.

Santina) Che non faccia ancora due più due ed esca cinque.

Giovanni) (Prende il biglietto) Guardalo qui il biglietto giusto, c’è scritto proprio: (lo legge) “Cento di questi giorni ai genitori più meravigliosi del mondo” (lo fa vedere in giro) Leggete, leggete, questa sì che è poesia per le mie orecchie e c’è anche la firma della mia Luisa.

Fattorino) A me servirebbe l’altro biglietto da mettere dentro l’altra busta.

Giovanni) Tieni, per carità, che io non so proprio che farne di questo.

Santina) (Al fattorino) Ma tu, come hai fatto ad accorgerti dell’errore?

Fattorino) È venuta la signorina Fernanda nel negozio, e così ne ho anche sentite anche un sacco e una sporta dal mio padrone. Lei non è sposata e allora i cento giorni, a lei non si adattano.

Matilde) (Sorpresa) L’altro mazzo di rose era per la Fernanda?

Giovanni) Un mazzo come quelle là?! Preciso a quello là?!

Fattorino) (Annuisce con la testa)

Santina) (Lo tira per un braccio) Tu, e si può sapere chi gli e le ha mandate?

Fattorino) L’ho saputo anch’io oggi, quando è venuto nel negozio, è stato quel tal professore nuovo.

Giovanni) Ah, Zorro ha colpito ancora...

Fattorino) Beh, compermesso, io devo andare a sistemare le cose.

Martino) L’accompagno io (esce anche lui)

Fattorino) Arrivederci signori (esce).

(Tutti lo salutano e c’è qualche attimo di silenzio.)

Scena 16 - spiegazione

Matilde) (Portandosi in avanti, al pubblico) E tutto questo casino per nulla.

Santina) Hai visto, Otello di due palanche? Tanto rumore e le cose restano come prima.

Matilde) Meglio così mamma.

Santina) Invece pensa che sarebbe stata l’occasione giusta per cacciarlo fuori dalle palline.

Matilde) Non dire così mamma.

Martino) (Rientrando) L’avevo detto io che il mio professore era anche un poeta, ma avete letto che cosa ha scritto alla Fernanda? Che belle parole!

Santina) Ad una donna fa sempre piacere sentire certe parole.

Martino) Ma non vi sembra che il mio professore assomigli ad uno spagnolo?

Giovanni) Così anche la Fernanda ha trovato anche lei il suo “cucco”.

Matilde) E che bel cucco... volevo dire, che bell’uomo che ha trovato.

Santina) Meglio del tuo di sicuro.

Giovanni) (Sospirando) Certo che ho una bella condanna nè... (A Santina, esasperato) Lei, è ora che la smetta di...

Luisa) (Interrompendolo gentilmente) Basta papà, ora le cose si sono risolte.

Santina) (A malincuore) Sembrerebbe di si, purtroppo.

Luisa) (A Santina) Te nonna, ascolta, io ero venuta per chiederti se eri disposta a venire un po’ di tempo a stare con me, per aiutarmi a tenere il bambino. Io devo andare a lavorare, non vorrei lasciarlo a persone estranee.. lo sai…

Santina) (Entusiasta) Certo, faccio subito la valigia.

(Santina fa per uscire poi si ferma perché sente il bel sospiro di Giovanni)

Santina) (Al genero) Te Giovanni, guarda che vado via io di mia volontà, non voglio che pensi che sei riuscito a cacciarmi di casa. Hai capito?

Giovanni) Guardi, dopo questa esperienza, se magari lei mi sta lontano per un po’ di tempo, magari… magari… mi ricorderò anche del suo compleanno o del suo onomastico e chissà che non le arrivi un bel mazzo di crisantemi… volevo dire di rose.

Matilde) (A Santina) Ma la Luisa sta al terzo piano, come farai col tuo ginocchio?

Santina) È tutto il giorno che lo massaggio e mi sembra che vada meglio, ad andare a domani di sicuro mi sarà passato tutto.

Giovanni) (Al pubblico) Quando deve andare via le passano tutti i mali.

Luisa) Così mi piace, brava nonna, vieni a stare con me per un po’ che sarai contenta.

(Santina e Luisa escono.)

Scena 17 - Martino cerca Teresina

Matilde) Martino va a vedere quello che voleva la Teresina, mi pareva che avesse un sasso da darti.

Martino) Un sasso... per la mia collezione? Ma certo, non le ho badato molto, ma effettivamente prima mi sembrava che avesse in mano un sasso.

Matilde) Poverina, è da ieri che ti cerca per dartelo.

Martino) Anche alla Teresina piacciono i minerali? Non lo sapevo, allora le farò vedere la mia collezione. Ora vado a chiederle se le interessa (esce)

Scena 18 - Matilde e Giovanni

(Matilde e Giovanni restano soli.)

Giovanni) Io mi domando come ho fatto a dimenticarmi di una data così importante?

Matilde) Ed io allora? Che dovrei dire?!

Giovanni) Neanche per l’anticamera del cervello mi è passato.

Matilde) Ed io? Che scema che sono stata!

Giovanni) A me, mi pare che siamo stati un po’ scemi tutti e due...

(Si guardano con timidi sorrisi, si avvicinano piano piano, si prendono le mani, poi vanno l’uno nelle braccia dell’altra.)

Giovanni) Matilde scusami.

Matilde) Scusami tu Giovanni.

Giovanni) Che asino che sono stato, sbatterei la testa contro il muro.

Matilde) (Scherzando) Sta attento che te non hai le corna che ti riparano la botta.

Giovanni) Come ho fatto a pensare male di te che sei una perla di moglie.

Matilde) Caro il mio Giovanni, che brutti momenti che abbiamo passato.

Giovanni) E menomale che sono passati, poverina la mia Matilde. Tesoro, è lo stesso se l’augurio de l’anniversario te lo faccio con un giorno di ritardo?

Matilde) (Sorridendo) Certo che è lo stesso.

Giovanni) Ti prometto che non dimenticherò più una data del genere.

Matilde) Oh Giovanni, io ti voglio un gran bene.

Giovanni) Anch’io Matilde, e per dimostrartelo... andrò a prendere un mazzo di rose di quelle più care, rosse, con il gambo lungo lungo, e gli metterò un bel biglietto anch’io.

Matilde) E cosa ci scrivi sul biglietto?

Giovanni)  (Ci pensa un po’) Gli scriverò...(le sussurra parole dolci  nell’orecchio poi si gira verso il pubblico e fa un gesto interrogativo con la mano) Anche voi volete saperlo? Ma allora siete più curiosi di mia suocera…

   cala il sipario  

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno