Don Eusebio xe proprio un santo

Stampa questo copione

DON EUSEBIO XE PROPRIO UN SANTO

Don Eusebio xe proprio un santo

di Mario Cudignotto

personaggi

interpeti

don eusebio

ruggero marsaro

la perpetua

regina poja

napoleone fidanzato di rosina

eclio paolo rossi

pierino, figlio di tita

luca ferretto

tranquilla, moglie di tita

maria parise

stanislao, fratello di sandrona

gianni pattanaro

tita, marito di tranquilla

adelio paolin

siora betta

betta graziani

rosina, ostessa del galo d'oro

elsa marsilio

to gna, sorella di beppa

pina contro

beppa, sorella di togna

giovanna canalia

sandrona, sorella di stanislao

cesira fontanella

filomena

bruna miolato

musiche: poesia

musica passaggio scena.

musica da un vecchio fonografo a tromba

miagolio del gatto

canto campagnolo

musica finale per applausi

prova generale il 9 giugno 1990 9-12 e dalle 14,30 in poi

prova generale il 10 giugno 1990 9-12 e dalle 14,30 alle 17,30

  

 

 

 

 


1

DON EUSEBIO L'E'  PROPRIO UN SANTO

               

primo tempo

 

scena prima

canonica. studio di don eusebio, parroco.

don eusebio sta camminando su e giu' per la stanza recitando il breviario a voce bassa.

don eusebio

Geltrude! Vienlo o non vienlo sto cafè. Xe mesa ora ca lo sto spetando.

geltrude

El xe drio vegner su… (entrando) Un poca de pazienza. Dove la galo la sacarina?

(da fuori)

don eusebio

Nel solito posto. Nel casseto de la scrivania.

geltrude

Cossa vor­lo che sapia. Un giorno la mete qua un giorno là. Gnanca se el gavesse paura che qualchedun ghe ne aprofitasse. (esce).

(rovistando

el cassetto)

don eusebio

No xe par quelo, xe parchè lasta più suta.

geltrude

Parchè qua in cusina ghe xe el caligo! ... Ghe meto un giosso de graspa?

(da fuori)

don eusebio

No te ghe la meti sempre? No ca­pisso parchè sta matina te me domandi.

geltrude

(andando a mettergli la tazzina di caffesopra la scrivania con la bottiglia di grappa) Eco qua.

El vada pian ch'el scota. (fa per uscire) .

don eusebio

Parcossa me ghetu portà anca la bottiglia de graspa?

geltrude

No la beve ogni matina.

don eusebio

Ma te me la porti drento al cafè.

geltrude

Drento o fora co el ga la graspa!

(fa per uscire).

don eusebio

Senti, Geltrude, me par che sta matina la te gira un fià storta.

geltrude

Afato! Son più calma de tuti i altri giorni. El beva el cafè, se no el vien fredo e no l'è più bon. (esce).

don eusebio

Malegnasa! La ga 'na lengua! (si ravvede e volge gli occhi verso il cielo).

Santa Bortoleta perdoneme! Me scapa ancaa mi qualche volta qualche improperio. Però, vegnemo al merito, Santa Bortoleta, par tegner or­dine in canonica la xe un demonio. Gesummaria a go nominà el diavolo!

 Scuseme Santa Bortoleta, la me xe sbrissà. Ancò la xe 'na jornada roversa. La go scu­missia sta matina, ingambarandome sul solaro.

geltrude

Don Eusebio vorlo cal cossa altro?

(da fuori)

don eusebio

Mi, no.

geltrude

Sento ch'el brontola tanto.

(da fuori)

don eusebio

Son drio finire el breviario.

(continua a leggere ancora per un po’. finito, lo depone sopra la scrivania. comincia a rovi stare le carte cercando qualche cosa).

don eusebio

Dove me gala imbusà la tabachiera … La gera sora sti libri! ... Quando la ghe mete le man su la scrivania la scombussola tuto.

(geltrude entra con la tabac­chie­ra).

geltrude

Eccola qua la tabachiera!

don eusebio

Come ghetu immaginà, che mi sercavo la tabachiera?

geltrude

Xe sta Santa Bortoleta. "Va là,la me ga dito, porteghe la tabachiera, prima che  el fassa el desio.

don eusebio

Disi piuttosto che te si sem­pre drio le porte ascoltare.

geltrude

Scoltare! El brontolava cussìforte, che Menego Tonassa, passando soto le finestre e el me ga ciamà par domandarme se el se setiva male, parchè ghe parea che el se lamentasse. Se lo ga sentio lu, ch'el xe sordo come 'na campana!

don eusebio

Su su, va de là a finire i to mestieri.

(geltrude s'avvia, ma si blocca quasi subito, sullo stipite della porta).

geltrude

El me diga, cossa ghe preparo par compa­nadego. Luganeghe no, parchè le go finie e dopo le ghe xe anca pesanti. El ga visto l' altra sera che imbudada ch'el ga ciapà.

don eusebio

Moleghe Geltrude!

geltrude

Se nol fasea aria no so miga co­me la an­dava a finire.

don eusebio

Te digo de molarghe.

geltrude

No se pol tegnerle sofegà drento, Don Eusebio! No ghe xe gnente de vergognarse. Semo tuti precisi. Se l'intestin el funsiona ben, sta ben tuto el corpo. No i dise: mense sane in corpore sane?

don eusebio

Basta, per amor del cielo! No te me farè miga una conferenza scientifica.

geltrude

No la xe sientifica, don Eusebio. La xe sull' aria.

 geltrude

Quasi quasi con chela indigestion el an­dava a trovar santa Bortoleta, cussi do­po gavevimo do santi da portar in procession.

don eusebio

No schersemo co' i santi ...

geltrude

E alora?

don eusebio

Fame 'na brasoleta coi fasoi, Geltrude

geltrude

Benon, cussì ghe semo de novo!

(geltrude esce. don eusebio le grida dietro).

don eusebio

Mandeme subito el sacrestan.

geltrude

Apena ch'el ga finio de netare el punaro!

(da fuori)

don eusebio

Ah, xe doman el raduno de le spose cristiane.

(tabacca, inforca gli occhiali, prende un li­bro e legge a mezza voce la poesia

don eusebio

Xo par i teraji de l'astego

doe ch'el trodo schinca imbriago

e, ingobandose tra i sassi,

te on stramaro el se perde

de ortighe e scavassi,

on vecio salgaro,

che st'istà gera verde,

el fa da confin.

On gnaro fruà par corona,

du gropi come du oci,

on crepo de boca sdentà,

du rami spalancà

che someja du brassi

Immuscià verso note,

sventrà verso el dì,

anca lu on poro Cristo

spuntà proprio lì.

Bisogna proprio dire, che in fondo in fondo Tita, anca se el ga 'na bala drio l'altra, el so cor l'è tenero. Nol ghe faria mal a 'na mo­sca.

via alla dissol­ven­­­za della musica in apertu­ra, che rimarra' in sottofondo per tutta  la poesia.

scena seconda

sacrestano

Me gaIo fato-ciamare?

don eusebio

Si. Senteve li. E caveve el capelo quando entrè in una casa de forestieri.

sacrestano

Forestieri, sior parroco! Se conossemo or­mai da tanti ani! Qua in paese i me conosse tuti. Parfin le campane, che quando le me vede le scumissia a sonar da sole.

don eusebio

No femo el spiritoso.

sacrestano

Me par ch'el sia lu, sior par­roco, che el me tol par el culo.

don eusebio

Quante volte te goi da dire che certe parole no le voio sentire.

sacrestano

Xe un modo de dire nostro.

don eusebio

Vostro, ma che al parroco ghe fa spissa le recie.

sacrestano

E va ben. Starò atento come fo a parlar.

(don eusebio annota qualche cosa su di un re~ gistro, lo chiude e lo mette da una parte).

don eusebio

Sentì, Moro, go savudo che da un po' de tempo a sta parte ghe ste drio a la Rosina. Che intension gavio?

sacrestano

Che intension che go? Bone.

don eusebio

Volaria ben credere! Ma digo, ghe steu drio parchè la ga bessi o parchè ve si veramente innamorà… Savl ben che la xe 'na dona seria. E parchè la xe vedova no bisogna approfittare.

(meravigliato)

sacrestano

Me maraveio sior parroco, ch'el me parli in sto modo! El dovaria conosserme a fondo, ormai.

don eusebio

Appunto parchè te conosso a fondo te parlo cussì.

geltrude

Galo ciamà sior parroco?

(entrando)

don eusebio

No, go, ciama nessun.

 

(non potendo trattenere la stizza, da’ una ma nata sulla scrivania, ma subito si control­la e si pacifica con una annusata di tabac­co) .

don eusebio

Dunque, stavo disendote...

sacrestano

Che el me conosse a fondo.

don eusebio

Ecco bravo... No voria, che a la to età te la …

sacrestano

Vedelo che la parola de prima adesso la ghe staria ben.

don eusebio

Voleva dir che la tolessi in giro. La xe ‘na pora dona, vedo­va e de sentimenti alta­mente cristiani... No vedaria proprio el caso che la andassi tor­mentare e lusingare.

(seccato)

sacrestano

Sior paroco, alora lu el ga sempre pensà male de mi?

don eusebio

Mi no go pensà gnente. Sono Parroco, pertanto pastore, e go in consegna un greg­ge.

sacrestano

Ma lu adesso el me  ga passà par un beco ribele.

gertrude

Galo bisogno de calcossa, sior parroco.

don eusebio

Sentì Gertrude, ‘navolta per sempre, no vegnì a metare el naso quando che ghe xe qualche persona qua nel studio colla scusa se go ciamà.

sacrestano

Xe proprio vero. La ga ch' el bruto vissio.

don eusebio

Vù, tasè. Portè xo el campanelo che xe so­ra l'armaro in camara e lo posè qua sora la scrivania. Lo sonarò per ciamarve, cussì ve tolarò la preoccupassion de correr ogni tan­to qua per domandarme se te go ciamà o se go bisogno de calcossa. Capio?

gertrude

Va ben. Go capio. Vorrà dir che quando i sona el campanelo vo verser la porta.

 (esce).

don eusebio

Te vien da mi qua in studio! Malegnasa! (ravvedendosi) Santa Bortoleta perdoneme, me xe scapà la paziensa. (innervosito) Insomma vu, me raccomando, filè drito e gabiè bone intension. E adesso deghe un ocio a le pidele in cesa se ghe xe l'acqua santa.

(esasperato)

sacrestano

Se xe el caso sior parroco, el ghe meta anca lu 'na bona paroleta.

(andandosene)

don eusebio

Spetè. Vegno subito. (esce)

scena

terza

.

(entra pierino di corsa e tutto ansante)

pierino

(al sacrestano) Gh'elo miga el paroco!

sacrestano

L'è andà un momento fora. El torna subito.

sacrestano

Come mal non ti si andà a sco­la?

pierino

Cossa vi interessa a vu?

(rientra don eusebio con un santino in mano)

don eusebio

Eco quà. Un santin de santa Bortoleta, che la ve tegna 'na man su la testa.

(al sacrestano)

pierino

Ghe ne saria de bisogno.

don eusebio

Ti tasi, moscardin e dime par cossa ancò no te si andà a scola.

sacrestano

Grassie sior parroco. (esce)

don eusebio

Alora vuto spiegarme, parchè?

pierino

Ghe xe me nona che no la sta tanto ben e la me ga mandà a dirghe anca ch'el ghe daga 'na benedission ai sorse, parchè li ga parfin che i camina soto el solaro.

don eusebio

Bisogna alora che vegna da  ela…

pierino

No ghe xe bisogno. Basta ch'el ghe daga 'na sbiansada forte de acqua santa, che la vada lontan e i sorse scapa via.

scena quarta

tranquilla

Brutto schifoso! Se lo ciapo ghe scavesso le rece!

don eusebio

No la xe to mama, questa.

pierino

Si

(spaventato)

geltrude

Cassa xe sucesso?

(da fuori)

tranquilla

Anca ancò el me ga marinelà la scola.

(da fuori)

don eusebio

Ah pulito! Anca le busie, a­desso te me conti.

tranquilla

Dove xelo?

(da fuori)

geltrude

El me xe passà davanti come un fuin e l'è andà drito in studio dal parroco.

don eusebio

Me piase. De le bele cose te fè.

(tranquilla irrompe nello studio e va dirit­ta a pigliare per i capelli, pierino).

tranquilla

El me scusa, sior parroco, ma no ghe ne posso più. Anca ancò el ga marine­là la scola

don eusebio

Senteve, Tranquilla.

tranquilla

Graziee. El maestro  nol sa più che angeli ciamare. Nol sta mai fermo nel banco. El disturba tuti... l'altro giorno, el direttore el me ga mandà a ciamare par dirme che el ghe ga tirà 'na fiondà a un so compagno.

(sedendosi)

pierino

‘Na merda!

(la madre gli da' subito un ceffone, contempo- raneamente don eusebio lo richiama).

don eusebio

Pierin!

pierino

Gera drio a tirarghe a un gnaro de petarei e elo el me xe passà davanti.

(piagnucolando)

don eusebio

Ma Pierino, mio caro, anche i petarelli sono creature de Dio.

tranquilla

Vedelo che slandron de toso!

pierino

Osei i xe. Fati par magnare... Lu sior parroco, se sentelo un oselo?

tranquilla

Moleghe, vilanasso! e rispeta el sior par­roco. A so pare no posso dirghee gnente. El stravede par sto toso. Va ben, ch'el xe l'ultimo, ma el me ga fato tanto tribolare anca a metarlo al mondo! ... El me scusa tanto sior parroco, (si alza. a pierino) E a desso a casa faremo i conti, e dopo magnà te portarò mi dal maestro. El ghe daga 'na benedission. Chissà ch'el se quieta.

buio totale. musica

scena quinta

luce  totale.

(porgendo le sedie ai tre uomini)

Senteve qua, che el parroco el vien subito.

(tita va a sedersi su di una poltrona).

No, no. Senteve qua, co' chele bragasse slandronà

tita

No go miga i schei che gavì vu.

stanislao

Tasi. Sta quieto.

tita

Mi sto quieto, ma che anca ela la staga quieta e che no la me rompa…

geltrude

Su co' le recie, Tita, no voio sentir paro­las­se. (esce).

tita

Povareta! La verginela, verginela duratura.

sacrestano

Tasì Tita. Se capita par caso el parroco e la sente sbraitar nasse el finimondo.

stanislao

Mi voria saver parchè el ne ga fato ciamar.

tita

Mi san tranquillo! Me sento puro!

stanislao

Tranquillo no so quanto. Volio dire che con quele balote ca tirè su no fe qualche strambesso.

tita

Ohe, compare! No scumissiemo a intre- pretare male i godimenti de goduria! Vu no savi i dispiasseri de casa mia…

stanislao

E gnanca no voio saverli.

tita

Ecco brao. Cussì me piase. Che ogni uno tegna el culo drento le so braghe.

stanislao

Gavio de darme una sigareta?

(al sacrestano)

sacrestano

El parroco nol vol che se fu­ma qua drento.

tita

Ghe vien la sbolsega, poareto.

stanislao

Volio molarghe, Tita?

sacrestano

A son qua che me rumego in testa par capir parcossa el ne ga fato ciamare.

tita

Vuto vedare che xe parchè l'altra sera...

stanislao

Sssss! Che no la sia drio la porta.

(prontamente, girandosi a guar dare la porta)

sacrestano

La xe drio la porta. La xe ‘na curiosa che Dio solo sa.

tita

Ch'el sia vegnù a savere tuto?

(parlano a sottovoce)

stanislao

Sarissimo ben fregai.

sacrestano

Dilo a mi, che giorni fa el me ga fato ‘na predica!

tita

Ti, te se sta esagerato!

sacrestano

Parchè ti?

stanislao

No sterno scumissiare col mi e ti. Semo sta tuti insieme.

tita

Però la gavemo fata grossa.

stanislao

Se no se ghe ciapa drento all’occasion. No te vorè miga ca mora sensa aver prova el sciantiso.

sacrestano

Sssss! Me par che la sia drio a la porta.

tita

Go combinà un affareto, ch'el me ga pro­cu­rà dei bei bessi. Tranquilla gera fora de ela.

(forte)

stanislao

Go caro Tita. Li meritè. Si massa bon.

geltrude

Vo tore la scoa ...

(passando)

sacrestano

Ve lo gavevo dito? ‘Na scusa la xe.

tita

Na volpona la xe. Credio ca no la cognos­sa.

(la perpetua ripassa).

tita

Se la gavesse un ometo par le man… Quela li te lo magnaria par companadego.

stanislao

Sta volta go paura che el parroco el ne de­pe­na dai capati.

tita

Ben ben va là! Ch'el vada a ramengo. Mi me son ...

sacrestano

Ssss!

tita

Maria Vergine quà drento no se pol più gnanca arfiar!

stanislao

Seto che quaranta-oto se la vien sentire. La xe come 'na bolpe, sta marantega.

tita

La se gavarà anche…

sacrestano

Sssss! Parla pian.

tita

Ciò, serto! Prima con un moroso capon, e po' dopo anca sensa quelo, par forsa la ga possudo iscriverse a la confraternita de i amori smorsai.

stanislao

Mi spero ch' el ne gapia ciamà per calcossa altro ... E dopo i dixe tanto! e el paroco la porta a esempio aIe tose che a la sera drio a le siese o nei giavascari le perde  an­che ...

sacrestano

Sssss! La xe drio a la porta.

geltrude

Xe rivà el paroco.

(entrando)

(va a mettere un po' a posto le carte sopra la scrivania) .

don eusebio

Oh, sio qua.

tutti e tre

Sia lodato Gesù Cristo, sior paroco.

don eusebio

Sempre sia lodato. Senteve.

geltrude

Goio de andar via o gaIo bisogno de mi?

don eusebio

Ti va nell'orto a tor su i ra­dici, e cava l’er­bas­sa. Oramai la xe drio a sofegar tuti i fasolari.

tita

SeI vol, sior paroco, vado darghe 'na man mi.

don eusebio

Ste pur comodo ca gavemo da parlarse cia­ri.

tita

El varda che mi no ghe c'entro par gnente.

stanislao

Quanto carogna sito?

sacrestano

Carogna, vigliacco anca!

tita

Mi gera a casa, sior paroco, co' la me Tran­quilla. I xe vegnù a ciamarme, ma mi nonme son mosso.

stanislao

Ma se te si sta ti a organizare el bagolo.

tita

A te credea un amico, ma da adesso basta. Eco cosa se ciapa a essere onesti.

don eusebio

Onesti de cossa?

(confuso)

tita

Lu el staga quieto, sior paroco, ca li fasso cantar mi.

stanislao

Cossa vuto far cantare, ca te si sta ti a can­tar de galo. E che lo gavesse sen­tio, sior paroco, che bota!

don eusebio

Ma che galo ga canta.

sacrestano

Gnente gnente, sor paroco, xe un modo de dire. (a tita) Però ti par noialtri te sarè sempre un vigliacco.

stanislao

Te ghe rason. E resto lu, sior paroco che no lo gapia depena dai capati.

tita

Vedelo, sior paroco, che amissi, e tutto parchè ghe go promesso un litro de vin e no ghe lo go più pagà. Par un litro de vin, sior paroco, tute ste properie!

stanislao

No xe gnente vero. El ghe gera an ca lu, sì o no, sacrestan.

sacrestano

El xe sta el primo a scumissiar.

stanislao

El se ga anca ingambarà su par la scala.

don eusebio

Ma insomma, cossa xelo sto: “priimo”, leandà su par le scale, el galo che canta!… Mi digo ca si na gabia de mati… Mi, ca ghetegno che i me parochiani siano l'esem­pio dei paesi circostanti e vuialtri, vegni qua in canonica a farme sta confusion... Benedeti omeni, un fià de contegno, anche parchè gavi un grado, su le spale ... Ti Tita, te porti el gonfalon de san­ta Bortoleta! Ti Stanislao ti si presidente de i omeni catolici e ti sacrestan, te si el me tuto fare ... Mi, go la massima fiducia de voial­tri, anche se ti Tita, qualche volta te alsi un po' troppo el gumio.

(spazientito per quella confu­sione).

tita

El ga rason, sior paroco. Me daria de i pu­gni su la testa!

don eusebio

Risparmevela che no la deventa marsa pri­ma del tempo ... Ben, adesso vegnemo a la conclusion del perchè ve go ciamà.

tita

Ghe giuro sor parroco ...

don eusebio

Basta adesso Tita ... Ascolteme., Ghe saria de darghe una man a sistemare la ca­sa a la nova maestrina che xe rivà.

sacrestano

Vado mi, sior paroco.

don eusebio

Ti no

geltrude

El garason don Eusebio. Ch'el tenda par la Rosina, poareta!

(affaciandosi alla porta)

don eusebio

Sta in cusina e tendi el magnare che l'altra sera te ghe fato la polenta dissavia.

(la perpetua si ritira).

don eusebio

Te andarè ti Stanislao. Ti invesse (al sa­cre­sta­no) devo raccomandarte de darghe qual­che volta un po' de cera su le corde de le campane. So sta ne la cella del campanile e le go viste tute spelà. Un fiatin de più cura, benedeto figliolo! Xe come che forsa de parar su e xo le tirache le se frusta. Va finir che casca le braghe …

tita

E salta fora i …

don eusebio

E salta fora, proprio un bel gnente! Che le campane non sona più.

tita

Mi, sior paroco, andava drio al discorso de le braghe.

don eusebio

E a vu Tita go da dirve de star ghe un po­che­tin più drio a Pierin. La pora Tranquilla no la pol miga a starghe tacà a le bra~ghe! A gavì concorso anca vu a meterlo al mon­do.

tita

Le sta un concorso sbaglia, parchè non lo voleva. Me ricordo che quando la ga sa­vudo che la gera in stato, la se ga sgia­ven­tà  par terra, ramenandose come un bisato

don eusebio

Ben adesso tuto xe passà. El toso xe qua e bisogna tendarghe.

stanislao

Parole sante, sior paroco! Biso­gnaria che tuti lo ascoltasse e invesse qualchedun!

tita

Intendito parlare de mi?

stanislao

De ti? Cossa ghe centrito ti?

tita

Adigo ben!

don eusebio

Gavì capio tuta, alora. Me rac­comando. E par ti (sacrestano) ca no senta ciacole. Gel­trudeee, porta su da la cantina 'na bossa de vin fresco. E ch'el ve compagna come una

benedission.   

tuti e tre

Grazie, si or paroco.

scena

sesta

buio totale

musica di passaggio.

geltrude

Oh, siora contessa che sorpresa! La se comoda, siora contessa, la se comoda qua su la poltrona.

contessa

Ghe xelo don Eusebio.

geltrude

L'è in ciesa, siora contessa. Va do subito ciamarghelo.

contessa

No, lasse star. Lo speto.

geltrude

Go sora la fornela la ciocolata. Ghe ne vorla 'na cicara?

contessa

Go xa fato colassion a casa.

geltrude

Bela jornada, ancò, contessa.

contessa

Bela jornada sì. E i brochi i gaveva el morbin. De bona ch'el cocio el ga le man ferme. Li ga podui fermar se no andavimo xo pal fosso.

geltrude

Maria Vergine! Come xe sucesso?

contessa

Gnente Geltrude. Xesaltà fora al­l'im­pro­viso da la curva dei Torsoli una machina, i cavai i se ga spaventà ese el cocio no el gera pronto a tirare le redene finivimo in tel fosso e par zonta sta matina ghe gera an­ca l'acqua.

geltrude

E i xe tempi diffisili, siora contessa. Dif­fisili! Po' la senta cossa che me ze sucesso l'altro dì andando fora con don Euse­bio par benedire le case. Gera fora da la porta del so castaldo, spetando che don Eusebio el gavesse finio de benedire la casa, che me sento un muso da drio che me snasa. Credendo che fosse el can, digo, cucia, me volto e ge­ra la roia che me snasava. Go ciapà un spavento eun spavento ca credea de voltarme via. Mi medomando parchè i la lassa smolà.

contessa

Eh, progresso Geltrude, progresso!

geltrude

Qua no se capisse più gnente! Cavai che i ga el morbin, otomobili che i vien fora de sbraiton dai cantoni con un polveron del demonio, roie che le te snasa el da drio Sensa alcun rispeto, i tusi par le strade i te tol in gi­ro parchè te si vecia! No so proprio dove an­daremo a finir, digo mi.

geltrude

La me scusa, siora contessa, i ga sonà. (esce. da fuori) Rosina! Come mai?

(suona                      il campanello).

rosina

Go da parlarghe al paroco.

geltrude

El dovaria esser za quà.Ghe ze anca la contessa che lo speta. La se comodain tinelo.

rosina

Torno piò tardi, alora. Approffitto de andar a fare la spesa.

geltrude

Qua el xe tuto un via vai. Par ogni monada i sona el campanelo.

(rientrando)

contessa

La vada pur a far i so mestieri. Mi speto.

geltrude

A ghe do solo un'ociada al brodo. Xe 'na setimana che vado drio a fare minestrine par don Eusebio. Nol xe bon abituarse co la dentiera. No se gala miga incorto, che quando el predica el sossola un tantin? Quando che el ga predicà in Cesa che el saria sta via par.i Esercizi Spirituali, el se ga sarà susa in camara, parchè el se vergognava poro omo! Bisognava verlo visto, siora contessa! El me fa­sea parsin im­pres­sion! El parea una de quele suche che i tosi i mete sora i mureti de note par farne ciapar paura.

(fuori, si sente il rumore d'una porta che vie ne chiusa).

geltrude

Me par ch'el sia qua. (corre fuori)

Don Eusebio, in studio ghe xe­la contessa che lo speta.

don eusebio

Oh, sa! Xe tanto che la speta.

(entrando agitato)

contessa

Xe un tochetin.

don eusebio

Gera in Cesa per prepararme la predica par domenega. Se sto qua in studio ghe xe sempre qualche doneta che la vien petego­la­re, e ghe digo la verità, contessa, che mi non son bon a star sentir le so monade.

contessa

Adesso don Eusebio, che el se ga sfogà, me lasselo che ghe petegola anca miqualche monada?

don eusebio

Cassa disela mai, contessa!

(tira fuori la tabacchiera.

annusa per vincere l'impaccio).

don eusebio

Ela la xe diversa da le altre.

contessa

Cossa sogio? Un fenomeno?

don eusebio

Contessa, no la me fraintenda. Volevo dir che ela la xe 'na dona colta, gentile, istruita e caritatevole.

contessa

Eco, ca-ri-ta-te-vo-le, Credo che a lu don Eusebio, ghe interessa questa ultima, le altre se pol anche trascurarle, anche per­chè no le ghe porta nessun beneficio a la paro- chia.

don eusebio

Contessa!

No stemo tanto maraveiarse, don Eusebio! Lo sa ben che mi son 'na dona che parla cia­ro. Disemo, che anca vuialtri, predichè tanto, ma calcosseta salté via. Vardemo al funerale de sior Bortoloto. Che concele­brava la Messa assieme a elo ghe gera sie preti. Capisso che e1 gera el paron de mezo paese, ma al funerale del poro scarpareto ghe gera un pretevecio.

(don eusebio confuso finge di cercare delle carte sulla scrivania).

don eusebio

Gala preso el cafè, contessa. 

contessa

Tuto a posto, grazie. Son vegnua don Euse­bio, par via de la pidela de l'acqua santa, chela dovea ofrirla so sorela de l'America, purtroppo invesse ...

don eusebio

Proprio, contessa ...

contessa

Ben ben non perdemose in ciacole. La fassa fare e la offro mi. El fassa anche me-tare a posto el toco de coverto de la cano­nica che piove drento.

don eusebio

Contessa!

contessa

Non se agita, don Eu­sebio. Anca lu el ga i so aneti. El vegna tro­varme. (esce).

(alzandosi)

don eusebio

Santa Bortoletta, ma quanti miracoli fe tu?

(volgendo le braccia verso il cielo)

geltrude

Don Eusebio, ghe xe la Rosina che vol par­1arghe.

(da fuori)

don eusebio

Diseme un po' che predica posso preparare mi par domenega!

rosina

Riverisco, don Eusebio.

(entrando)

don eusebio

Senteve, Rosina, E diseme.

rosina

Gnente, Don Eusebio! Credo che el savarà za che Checo el campanaro el me sta drio. El me vol sposare. A la me età mi non ghe pen­saria tanto, ma lu el sa ben, don Eusebio, che mandar avanti un'hosteria, no xe tanto fasile, e un omo el faria sempre comodo.

don eusebio

Ve volio ben

rosina

Par quelo mi me pararia de sì. Anca l'altra sera el me ga portà i ciucioti. Ma vo­ria saver calcossa de più. Se l’è de boni senti-menti, onesto, se el pratica le pietà cristia­ne.

don eusebio

El fa el campanaro! Tranquiliseve. El l'è un bon omo. Par la pas­sà el ga robà qualche galina, ma xe sta par e­sigense de fameia. Savì ben in che condission che i gera.

(scherzoso)

rosina

A dirghe laverità, mi el me piase. L'è un bell'omo. E spero che el ...

don eusebio

Se mantegna  sempre cussì. Go capio.

rosina

Fioi no volaria averghene, don Eusebio.  Dio, se la Providenza me li manda li ciapo.

don eusebio

Me raccomando però de no schersar tanto con la Provvidenza, se no la podaria rabiarse e mandarveli par davero. Vardè Tita schersando co’ la Provvidenza che ciapo de fi­oi ch'el ga fato suso.

rosina

Ma Tita savemo cossa che l'è.

don eusebio

Ma anca vu non savè ancora co­sa xe Che­co. Ben, me raccomando. Gavì un'età e savì quel che fasè.

rosina

Par quelo sor paroco, el staga tranquillo. El ne ga dà sempre boni esempi... Se no el se offende; ghe go portà un pochi de ovi.

don eusebio

Non dovevi disturbarve, Rosina! Degheli alla perpetua, e che el Signor ve man­tegna sani e boni. Bondì.

rosina

Sia lodato Gesù Cristo.

(uscendo)

don eusebio

Sempre ... Geltrude, sito conten­ta dei ovi? Sta sera, 'na bona fritata con tanta seola

geltrude

Fasso anca 'na polentina.

(da fuori)

secondo tempo

interno dell'osteria di rosina. rosina, sta pre-parando la tavola aiutata dalle amichet togna e beppa, per festeggiare il novissaio.

 rosina

(A BEPPA) Disio che fassa bela figu­ra, Beppa?

beppa

Scherseu Rosina? Co' quela paca de fritole ca gavì parecià

rosina

Sarissimo avanti co la staion.

beppa

Vorrà dire che i se rinfrescherà el gargato col bon vinelo fresco.

togna

Sì sì, vinelo fresco, vinelo fresco. A mi anca vinelo fresco.

rosina

Si anca a vu.

beppa

Dopo che la ga vudo quuelefebbre con el colasso, no la sa più quelo che la dise. La ga una confusion t'al sarvelo!

rosina

Eh pora cagna!

beppa

Me toca starghe drio a tuto. Nonl la se ricorda dal naso a la boca. L'altro dì la go mandà   in tel punaro a tore i ovi, no me vienla drento co’ ‘na galina che la ghe gaveva tirà el colo. La gavaria masenà.

rosina

Cossa volio farghe, Bepa!

beppa

Vu gavì rason, Rosina, ma se la va avanti cussì, no so miga se ghe la fasso

togna

Sì, mi ghe go tirà el colo a la galina parchè la me ga becà.

(ridendo)

beppa

Alora se tute le galine che te beca te ghe tiri el colo va a finire ca desfemo el puna-ro.

togna

Parchè te vol desfare el punaro? Te se che le galine le xe la me pas­sion.

(piagnucolando)

beppa

Vedela, Rosina.

rosina

No la vol desfare el punaro, Togna, ma vu no steghe tirar el colo a le galine.

togna

Ma mi ghe tiro el colo parchè, alora, no le me beca più.

beppa

E i ovi te li farè ti. Ma vardè cossa ga da esserghe sucesso a sta dona! Epensare.che fuin che la iera. Ca metemo subito el vin su la tola, Rosina?

rosina

Mi digo de spetare. EI se mantien più fresco in cantina.

togna

La bela violetta la va, la va, la va, la va ...

(si mette a cantare)

beppa

Moleghe, No scumissiar adesso.

togna

La va sui campi e la se innamora ...

beppa

Te go dito de molarghe, no te vedi ca semo qua indaffarà.

togna

Mi canto parchè son contenta che la Ro­sina sia maridà.

rosina

Me fasso novissa, Togna, fra un mese me marido.

togna

Ma sarì andà in leto con el moroso?

beppa

Varda che bestia! Cossa tirala fora? E si che in casa no parlemo mai de ste robe. Bisogna ca vada al cesso parchè la me ga mosso fora tuto. (esce);

rosina

No ste farghe caso, Bepa!

(forte)

togna

Sempre cussì. La se rabia par gnente.

rosina

Proprio par gnente! Deghe un'ocià al gato che nol sia sora la tola.

(togna esce).

beppa

Vedio, Rosina, e sempre cussì. A volte la me fa far de le figure! Capisso el mal che la ga avudo, ma chi che no lo sa i dise ca semo do corli.

(rientrando)

scena seconda

sacrestano

Ciao, Rosina.

(entrando)

beppa

Mi vado de là a finire. (esce)

sacrestano

Sito contenta?

(avvicinandosi)

rosina

Sì, Napoleon, ma no vignerme tanto vissin. Ghe xe de la le do gemele.

(impacciata)

sacrestano

Ma un baseto posso dartelo!

rosina

Dopo. Co’ i ze andai via tuti ... Go parecià le fritole. Te piasele?

(scansandosi)

sacrestano

Ostre­ga, se le me piase! A le magnaria tuti i dì.

(con esplosione di gioia)

rosina

Gossonmio belo!

(facendogli  i salamelecchi)

sacrestano

Rosina, lassa che te daga un strucon! Or­mai semo novissi.

rosina

Smorsa le caldanele, Napoleon, se no non demo dacordo.

beppa

Ca ghe buta su el suche­ro vanigliato?

(rientrando)

rosina

E dividele su le supiere. Le xe ne la cre­den­za, vissin a le tece.

rosina

Ghetu visto? Le pol capitar drento da un momento all'altro. Senti, invesse de star li a ciaciolar, va a fare un gireto e torna qua coi amissi co xe ora.

(BEPPA RIENTRA).

sacrestano

D'accordo. Me vuto ben, Rosina?

(esce e rientra subi­to)

rosina

Sì, tesoro mio.

sacrestano

Tanto tanto co’ fa mai più?

rosina

Tanto tanto co' no fa mai piò.

sacrestano

Ciao, colomba!

rosina

Ciao, toreto mio!

(il sacrestano esce. rientra togna

togna

Galo comprà un toro?

rosina

Sì. L 'altro dì.

(seccata)

togna

Par farghene cossa?

rosina

Par darghe una man a tirare le corde de le campane e adesso ve de là ca vegno anca mi. Speta ca taca un poca de musicheta par taiar l' aria.

scena

terza

(pierino entra dal fondo della sala e si dirige verso il palcoscenico. dalla tasca dei pantalo­ni ne esce fuori un pezzo di fionda)

pierino

A go cucà un petarelo. El gera introfulà drento 'na  siesa de spinaroi. Me son incorto parchè un gato el gera fermo al de quà del fosso col muso piantà verso la siesa. Go tirà fora la fionda, go speta ch'el se scateiasse fora un pocheto e "paf" lo go fato seco... Altro che creature come noialtri, come el dise el paroco. Petarei i xe, osei. Me raccomando voialtri! (al pubblico) No steghelo andar a contar al paroco, se no domenega a dotrina el me fa u­na predica che nol finisse più.

(felice)

(entra dal fondo sandrona vestita a festa).

sandrona

Ecolo là dove ch'el xe. Pierin no te go dito de torme lacipria al botegon?

pierin

Maria Vergine a me son desmentegà.

sandrona

Podea spetarte, mi. Varda che te gavaria dà la mancia.

pierino

Sì, la mancia! tirà come ca si.

sandrona

Bruto rospo! Parchè no te goi mai dà calcossa.

pierino

Fei finta e quando sercavi el taquin soto la traversa disevi sempre che lo gavevi im-busà in camara e po’ dopo me gavarissi dà la pa­lanca.

sandrona

Bruto schifoso de busiarasso!

(pierino scappa in cucina). (rientra rosina).

rosina

Sio qua, Sandrona

sandrona

Go vossudo vigner un fiatin più bonora par darve 'na man.

rosina

Che xe de là anca le do gemele.

sandrona

Par l'amor del sielo. No le podea star casa a tendere a le galine e vigner co ge­ra ora.

rosina

Le xe vignù a darme 'na man anca lore, poarete.

sandrona

Chissà che casoto la ve combinerà la sema.

beppa

A go sentio cossa che te ghe dito. Ri­cordete ben che del mal ghe ne par tuti.

(rientrando)

sandrona

Bruta schifosona, varda che mi no ghego augurà del mal a gnissun. Stava disendo­ghea la Rosina, cheanca to sorela, poareta, co quel chela ga indosso la vien darghe 'na man.

beppa

Fameun piasser! No vigner qua a girar ­la farsora, adesso.

rosina

Moleghe, feme un piasser! Semo qua a festeiar el menovissaio, no vorè miga a rovina re tuto?

pierino

Tachele rognar?

(attraversando la stanza)

rosina

Ve de là, Bepa, ca' vegno subito an­ca mi. E vu, Sandrona, se volì sentir un po' de musica, cambieghe la puntina. (Esce)

(a sandrona)

sandrona

Xe meio, ca mevada almanco xo el foton. (ricarica il fonografo). Ma varda se xe possibile andar dacordo co chele do ma-rante­ghe. Le capisse tuto al roverso. Par forsa, na­sce le baruffe ....

scena quarta

filomena

Sandrona! ... Soio in tempo?

(dal fondo della sala)

sandrona

Ve pian, ve pian, no xe rivà quasi gnissun.

filomena

A credea de essere ciapà in ritar­do.

sandrona

Gavevi paura de restar senza fritole?

filomena

Eh, cossa volio ca sia vegnù par le fritole.

miagolio

sandrona

So che leve piase tanto e che vu no si bona a impastarle, disè!

filomena

Rosina, son rivà

rosina

Brava. Senteve intanto.

(da fuori)

filomena

A go fato 'na corsa, che me xe ve­gnù la sbol­sega.

rosina

Ma no gavì varda l'ora prima de par­tir?

filomena

A go la sveia ferma. Ga da verse in­cantà la susta. A gavì sentio a proposito de soalfa de Milan? Dogemei la ga comprà. Uno bianco e uno moro.

sandrona

Come uno bianco e uno moro? Cassa diseo su, Filomena? Deo i numeri anca vu, ancò?

filomena

Cussì i me ga dito.

sandrona

Ma chi?

filomena

La Neni ciuciarola che la xe andà in xo a Milan a darghe 'na man.

sandrona

Rosina!

rosina

Cossa ghe xe?

(da fuori)

sandrona

Vien de qua se te val sentirghene una de bona. (rientra rosina) La smorfiosa de Milan la ga comprà du gemei, uno bianco e uno moro.

togna

Moro? Moro?

(rientrando seguita da beppa)

filomena

Bianco e moro, proprio, Togna! Mi lo go sempre dito che quela tosa la ga massa el morbin! Un omo nol  ghe bastaaaa! No ve ricordeo che anca qua in paese ora la gera co' uno ora co' un altro finchè la ga trovà el meco de Milan e lo ga sposà par i schei.

beppa

Par i schei siì, parchè el xe un tantin più vecio de ela.

rosina

Bianco e moro, dixè Fi­lomena?

(sbalordita)

filomena

Proprio, Rosina, Bianco e moro!

rosina

Ma come gala fato?

sandrona

Xe quel che me domando anca mi. Che sappia mi a Milan no dovaria esserghe mori.

beppa

Vardè, savio, come che se rabalta i me-stieri, al giorno de ancò! Xe da ver paura de ciaparse incinta.

sandrona

Ma vedarì ben con chi ca vè?

beppa

Mi no so gnente. I tempi i xe cambiai. Ogni giorno se ghe ne sente una de nova. Vardè, parsin i rioplani gavemo che vola sora le teste. Chissà dove andaremo a finir a sto passo.

rosina

Iesumaria! (rientra).

(rientrando)

beppa

Cossa gala?

(rientrando seguita da togna)

scena quinta

(entra dal fondo della sala del teatro, carola, di corsa e tutta affannata).

sandrona

Oh, xe quà anca la Carola. (a filomena) Questa po', la xe bona de lengua.

filomena

Tasi, ca no la senta.

carola

Che corsa femene! Go le gambe che no le sento più. Me despiaseva rivare in ritardo. La Rosina?

(e' gia' sul palcoscenico).

sandrona

La xe de là in cusina.

carola

Spetè che vado darghe un saluto. (E­sce).

sandrona

La ghe fa la cascamorta al paroco. Du volte a la setimana la va a confessarse. Cossa ghe contela?... Spetè un momento me se ga molà l'astico de le mudande.

(va dietro una quinta).

rosina

Pierin, va finire che te me spachi qualche vero co' quela bala! Moleghe!

(fuori scena)

sandrona

I fa dei astici, al gior­no de ancò, che i se smola quasi subito.

(rientrando)

carola

Le menevodete le ga le mudande sem­pre so dal cavaloto.

filomena

(rientrando) Eccome quà. Go bevudo un goto de acqua cussi de gusto che mai pì.

togna

Se voli l'acqua vegni drento, go molà el rubineto parchè la ve­gna più fresca.

(entrando ,a filomena)

filomena

Ma se la gò pena bevù. Me la gavi da vu.

togna

Mi no so gnente! Se la voli vegni drento torvela. (esce).

filomena

Ma vardè che Sant'Antonio de dona! La xe sta proprio ela darmela! La xe cambià da un schersoEh, 'na bela bruscada la ga cia-pà!

sandrona

E che adesso la se ga riciapà. Do­vevi veder in prinsipio. La fea 'na confusion de la malora. Pensè che a la matina la portava fora el sorgo e la ciamava le galine davanti la porta de la casa, quando el punaro el xe da drio. So sorela la ghe sigava che el punaro xe da drio, gnente da fare! No la andava drento se prima no lo gaveva semenà tuto.

filomena

Cossa volio! Disgrassie le xe. Pe­rò vedo che a le volte la vien in sé.

sandrona

Quando che el tempo el cambia.

carola

Mi no digo gnente, parchè ghe stò lontan.

filomena

Che ora xe?

sandrona

Subito le sinque.

carola

A ghe semo ormai. Chissà che i omeni no i se fassa spetare. Sta note, femene, go ciapà un spavento che no ve posso dire! No diseghelo a gnissun se no non i stà più in pase.

sandrona

Parle marie! Cossa xe sucesso?

filomena

Sì, digo ben!

carola

Gera poco più de mezzanote, gaveva pena finio de taconar i calzeti de me fradelo. Stavo per andar in camera, quando a un serto momento sento el cavalo bianco vegner de trotto verso la me casa e andar verso i campi de Menego. Ga da verlo sentio anca me fradelo, ma nol me ga dito gnente perchè no ciapa paura.

filomena

Sio mata!

carola

Altrochè!

filomena

Sta sera me sero suso in casa col dopio caenasso.

sandrona

Eh, ghe xe calcossa de bruto, par aria! Tasì che se quà i omeni.

(dal fondo della sala entrano tita, il sacresta- no, stanislao).

scena

sesta

tita

Eccole là le colombe! Ve lo diseva mi! Co se trata de magnar a sbaffo le xe tute pron- te!

sandrona

No me ciamo miga Tita, mi!

stanislao

No te vedi ch'el scherza!

tita

E la se ga messo in potacio, anca, par ve­gner magnare le fritole.

sandrona

Son vestia come tuti i giorni. Vu, piuttosto, ve sio cambià? Serti giorni, a spus­sè de vin che se uno el ve sta vissin el va via im­bria­go anca lu.

(tutti' sono giunti sul palcoscenico).

tita

Cara la me colomba!

sandrona

Ste xo co le man che pol arrivare vostra femena da un momento all’altro.

stanislao

Vu, Tita si sempre el solito!

sacrestano

La Rosina bisognaria che la ve vedesse.

tita

Dai dai, no femo tante question. Ancò bisogna goderse! Na bona fritolada a le spa­le dei novissi!

scena settima

(entra dal fondo de la sala, tranquilla)

tranquilla

Selo qua el toso, Tita.

tita

Mi no lo go ancora visto.

tranquilla

Bruta bestia! El me fa morir.

sandrona

El xe qua, el xe qua. Go sentio che ghe parlava Rosina

tranquilla

A ghe go dito, vien a casa a cam­biarte le braghe. No lo go più visto. Son sicu­ra che l’è andà a petarei.

tita

Cara moier, no sta farte el sangue grosso! El toso el sa quel che elfa.

tranquilla

Se el ghe someia a so pare xe da mettarse le man nei cavei.

tita

Parchè? Non sei felice con me, Colomba?

sandrona

Ve lagneu, Tranquilla? El ve dà de colom­ba!

sacrestano

El xe un ometo da tegnerghe de conto.

stanislao

Capo gonfaloniere de Santa Bortoleta!

tranquilla

In bone man la saria Santa Borto­leta.

rosina

Sio qua tuti.

(entrando)

tranquilla

Ghe xe anca el me toso?

rosina

E le de là in corte ch’el zuga la ba­Ia.

tranquilla

Eco, mi lo schissaria!

tita

E lasselo star, poro toso! El ga tempo a fre­narse!

tranquilla

Par ti el vegnaria fora un slan­dron.

stanislao

Beh, adesso molemoghe, semo qua a fare un po’ de tibi-doi par i novissi.

rosina

Digo ben.

sandrona

Ciò, Tranquilla, la ghetu imparà a memoria la canson.

tranquilla

Ghe mancaria altro!

sacrestano

La sentirè, la xe come un violin.

carola

Spetemo el paroco prima de scumissiar?

rosina

Mi diria de sì.

beppa

Bondì a tuti.

(entrando)

togna

Ghe se anca Tita!

(con un sigo)

tita

Seu mata? Me gavi fato ciapar un spaven-to!

stanislao

El core ghe xe cascà, poareto!

sacrestano

Rosina, sto paroco rivelo o no rivelo.

rosina

Digo ben, el dovaria esser sa qua.

scena

ottava

(dal fondo della sala arriva don eusebio) .

parroco

Sia lodato Gesù Cristo!

rosina

Oh, eco el sior parroco.

(battono tutti le mani)

parroco

Scuseme del ritardo ma go avudo un im-pegno. Napoleon, te lo se el passo che te ste par fare.

parroco

E ti Rosina sito contenta.

rosina

Contenta sior paroco.

togna

Xe tuto ancò che ghe vien su le fiumane

rosina

Alora podemo scumissiar.

scena

nona

(dal fondo de la sala arriva di corsa la perpe­tua) .

geltrude

Spetè. E lu, don Eusebio, el podea dirme ch'el partiva. (e sul palco) Bongiorno a tuti.

tutti

Bon giorno.

rosina

Alora andemo.

tranquilla

Un momento, la poesia.

stanislao

A giusto, la poesia.

tranquilla

Pierin, Pierin.

(esce chiamando)

rosina

Son proprio contenta de averve qua.

tita

A si la nostra bensinara! Se qualche volta no ne de un fiatin de carburante, se smor­sa el motore.

tranquilla

Eccone qua. Pierin, su dighe la poesia ai novissi.

(entrando con pierino)

pierino

A me vergogno!

stanislao

Dai Pierin.

tita

Pierin, varda to pare!

(pierinosta per incominciare)

beppa

Monta su la carega che te vedemo tuti

(pierino sale sulla sedia)

E' Festa, E’festa!

Chemaraveia.

Attorno a Rosina

Ghe c'è una paveia.

Cherende più bella

come una stella.

Accanto a Rosina

c'è il sacrestan

che sta per domandarghe

par sempre la man.

El paroco giulivo

el alsa la man

Evviva le fritole

par un co’ e doman ...

tutti

Bravo! Bravo!

(tutti battono

 le mani)

rosina

Andemo, andemo drento.

(tutti entrano).

tranqulla

Tita,

tita

Cossa ghe xe adesso.

tranqulla

Vien qua.

tita

Dime.

(avvicinandosi)

tranqulla

Me raccomandode no farme fare cative figure. Parchè ti co' te sivissin el goto no te capissi più gnente.

tita

Colomba mia, quando mai me veditu im­briago?

tranqulla

Soltanto el dì de le ceneri par­chè xe visilia. Ma fasso una fadigan cagna a farte tegner duro.

tita

Adesso no' stemo esagerare.Quando ca  voioa tegno duro.

tranqulla

El male xe che no te voi mai. Anca parchè xe ora che te ghe daghi bon esempio a el toso. Ormai l'è grande, el capisse tuto. Cre­­dito che nol se gapia miga. vergognà l'altra se­ra a vignerte tore in osteria.

tita

E chi xe sta de dirghe de vegnerme to­re? La strada la saveva anca mi.

tranqulla

A te geri pien come un ovo.

tita

Ovo no me son mai sentio.

tranqulla

Volta, volta le carte ti!

rosina

Tita,.Tranquilla, cossa feu la fora. Vegni drento

(da fuori)

pierino

Dai mama, se no qua i ne fa fora tutte fritole. (uscendo) A ghe xe el paroco che, par far penitenza, come el dixe sempre lu, el ghe ne gà fato fora xa 'na pianeta.

tranqulla

Mòleghe Pierin. No se ga de dire ste cose.

pierino

Ma ch'el vada a petarei anca lu!

(rientrando)

filomena

Ma disime un po’ cossa feu chi fora. Drento i ga scumissià.

(entrando)

tranqulla

A son qua che raccomando al me omo de no far el paiasso.

filomena

Ma andemo Tranquilla! El savarà anca lu come comportarse, no le minga un putelo!

tranqulla

Pedo, Filomena, pedo!

tita

Cossa vorissito dir con pedo? E po' xe meio ca vada drento. (entra).

tranqulla

A discorìFilomena! A ver da fare co' serti omeni xe meio crepare.

filomena

E par le marie! Cossa ve salta par la testa ancò?!

rosina

Tranquilla! No vegni a magnare quat­tro fritole! Sa spetè ancora un poco i fa fora tuto!

tranqulla

A go paura ch'el me omo el fassa qualche bruto tiro.

rosina

Ma andemo! Vegni a festeiarme anca vu!

filomena

Digo ben! No vori miga farghe un torto a la Rosina.

(dentro incominciano a cantare)

rosina

Dai Tranquilla ca se godemo un fià.

·entrano. da fuori  si sentono i canti. pierino esce ecomincia a giocare il pallone).

pierino

Tuti imbriaghi i xe. Anca el paroco. E dopo el dixe ch'el xe astenio! Namerda el xe astemio.

(giocando)

tranquilla

Pierin, dove sito?

(da dentro)

pierino

No gherispondognanca se la me dà el sucaro filato.

tranquilla

 Pierin, vien drento!

(da dentro)

pierino

'na merda ca vegno drento in mezo a quei quatro veci.

(via luce fino al buio totale, musica descrittiva e poi subito luce· totale.

tranquilla

Bestia de toso, dove elo andà?

(attraversando la scena)

tita

Torna de ritorno, Tranquilla! El ragazzo tor­nerà. Vieni qui, colomba, ca' desso taca el  tibi doi!

(apparendo sulla porta dell'esteria, ubriaco)

don eusebio

Tita; seu mato? Cossa ve salta par la testa? Xe tuto andà pulito fin adesso e vu vegnì mettere cose che no me piase. La casa de la Rosina xe rispetabile anca se la xe un' osteria.

(precipitandosi" fuori)

tita

El me scusa, sior paroco, go falà. No ocore ch'el ciapa fogo in pressa. Go dito cussì ..

tanto par dire calcossa e ciapare un bigolo de aria.

il parroco rientra

sacrestano

Gavio ciapà la manfrina

uscendo assieme a stanislao

stanislao

Metive in mente Tita, che quando bevi massa ve ciapa no solo el servelo ma anca le gambe.

sacrestano

Ve lo dixemo parchè semo amissi.

Se la Rosina la domanda de mi, di­sighe ca son andà a tore le sigarete con Stani­slao. (escono).

(tita rientra). (fuori si sente il chiaccherio de- gli invitati)

don eusebio

Adesso che xe gavemo divertio, col per­messo de la Rosina, aprofitaria de darghe 'na ripassadina ai canti par la festa de domenega de SantaBortoleta. Se metemo tutti in corte.

(da dentro).

rosina

Bela idea, sior paroco.

geltrude

Avanti fora tuti! E porteve le careghe.

(tutti escono)

don eusebio

Metive ragrupà tute qua.

filomena

In tondo! In tondo!

carola

Tasì vu, scumissieu a fare la capa.

filomena

Mi no fasso proprio gnente.

carola

Saltè sempre fora e ghe metì el naso da per tutto!

filomena

Bruta cavra.!

don eusebio

Cossa dixeu su. Filomena!

filomena

El ga rason. sior paroco, ma quela la me fa 'ndare xo dal brenton.

rosina

Adesso moleghe ca' ripassemo le canson. 

(rientrano stanislao e il sacrestano)

stanislao

Cossa sucede?

rosina

Tolive le careghe e vigni qua anca voialtri. Ripassemo le canson par domenega.

sacrestano

Noialtri stemo in piè.

don eusebio

Pronti alora, sio a posto.

(incominciano il canto).

don eusebio

No, no, cussì, Sandrona,un poca de grazia. te me pari un contrabasso. (tutti ridono)

Su su. basta adesso. No perdemo tempo. (riattacca).

tranquilla

A go in mente quel bestia de toso.

don eusebio

No, no! No dovevi saltar fora. Tranquilla, gerimo drio andar tanto ben!

(spazientito)

tita

Se no la saltava fora la sciopava, sior paro­co.

don eusebio

Vu, tasì. Avanti, tachemo de novo! (riattaccano)

don eusebio

Eco, molto bene. Adesso provemo l'assolo de Tranquilla e attension all'attacco del coro. Sua' Eccellenza ghe piase la bela musica e ancaa santa Bortoleta.

(attacca l'assolo tranquilla, poi il coro. ad un certo momento rientra pierino e tutti troncano di cantare e si rivolgono a pierino.

tutti

Dove sito sta fin adesso?

pierino

A risarde

CALA LA TELA

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno