Don Giovanni tenorio

Stampa questo copione

abracalam

DON GIOVANNI TENORIO          di         Carlo Goldoni

atto primo – scena prima – appartamenti didon Alfonso,Don Alfonso e Donn’Anna

D.Alfonso.   Figlia, che con tal nome io vo’ chiamarvi,

                        Per quel tenero amor che a voi mi lega,

                        Carico più che mai di merti e fregi,

                        Il vostro genitor torna in Castiglia,

                        E voi sposa sarete in sì bel giorno.

                        Il nostro Re, di cui ministro io sono,

                        Ama ed apprezza il padre vostro, e a voi

                        Serba eguale la stima, egual l’affetto.

                        A parte io son de’ suoi disegni, ei brama

                        La figlia e il genitor mirar felici.

                        Parmi vedere il vostro cuor diviso

                        Fra due teneri oggetti, e quinci al padre,

                        Quindi allo scopo compatir gli affetti.

Donn’Anna.     Signor, pel padre mio tenero affetto

                        Tutto ingombra il mio cuore, e non appresi

                        Ad amare finora altri che lui.

D.Alfonso.       tempo e però, che vi sia noto quale

                        Sia l’amore di figlia, e qual di sposa.

                        Sono fiamme distinte, e ponno entrambe

                        Occupare un sol petto. Ad una serve

                        D’alimento il dovere, e serve all’altra

                        Di fomento il desio. Son ambe oneste,

                        Ambe son degne d’un illustre cuore.

Donn’Anna.     Di questo amor parlare intesi, e parmi,

                        S’io non mi accorgo al ver, che genio sia

                        Quel che lega due cuori in dolce affetto.

                        Ad un volto che piaccia, ad un gentile

Tratto di cavalier, narrar intesi,

Che può sentir giovane donna amore;

Non appresi però che sconosciuto,

Forse odioso oggetto, avesse forza

Di destar in un sen fiamme amorose.

D.Alfonso.       Aman così l’alme vulgari. In esse

                        Non favella ragion; ma l’alme grandi

                        Amano quel che lor destina il ciel,

                        E bello sempre a lor rassembra il nodo

                        Che può far lor fortuna.

Donn’Anna.                                                    Il nodo a cui,

                        Signor, son destinata, è dunque tale

                        Che può far la mia fortuna?

D.Alfonso                                                       e può innalzarvi

Al grado di sovrana.

Donn’Anna.                                                    (Oh me felice

                        Se invaghito di me fosse il Re nostro!)

                        Fate che questa all’altre grazie aggiunga:

                        Ditemi il mio destin, lo sposo mio

                        Non mi celate.

D.Alfonso.                              Al padre vostro io deggio

                        Parlarne pria; s’eo v’acconsente, allora

                        Lo svelerò. Per or saper vi basti

                        Ch’è di sangue reale.

Donn’Anna                                         Un Re clemente

                        Può innalzar mia bassezza in quella guisa

                        Che solleva dal suolo umil vapore

                        Pròvvido il sole, e gli dà forza e luce.

                        Povera son di fregi e di fortune,

                        Ma due pregi riserbo: onore e fede.

D.Alfonso.       Degna vi scorgo di sublime stato,

                        E felice sarà quel che in isposa

                        Meritarvi potrà.

Donn’Anna.                            (Non ingannarmi,

                        Lusinga di regnar).

SCENA II – Un Paggio di don Alfonso e detti.

Paggio                                    Signore, è giunto

                        Il genitore di Donn’Anna, e prima

                        D’ire a’ piè del Monarca, a voi sen viene.

D.Alfonso.       Passi il Commendatore, e voi, donn’Anna,   (parte il paggio

                        Trattenetevi meco: esser a parte

                        Vo’ anch’io del piacer vostro.

Donn’Anna.                                                    Al padre mio

                        Svelerete lo sposo?

D.Alfonso.                                                      Sì, saprallo

                        Pria che da me si parta; e come mai

                        Sollecita vi rese in un istante

                        Quell’amor che poc’anzi eravi ignoto?

Donn’Anna.     (Tale ambizione, e non amor mi ha resa).

                        È il desio di saper, passion comune…

SCENA III – il Commendatore e detti

D. Alfonso       Venite, amico, a consolar chi v’ama.

Commenda    Dolce la patria riveder, dolcissimo

                        Veder gli amici suoi!                          (abbracciandosi con Don Alfonso)

Donn’Anna                             Signor, la mano

                        Concedete, che umil baciarvi io possa.        (al Commendatore)

Commenda    Figlia, al sen vi stringo. Oh come lieto

Qui vi rimiro! Io per natura sono

Il padre vostro, è ver; ma per affetto

Quest’amico fedel padre vi è pure.

Signor, de’ Siciliani il fiero orgoglio…                       (a Don Alfonso)

D.Alfonso        Lo so, fiaccaste, e ad impetrar perdono

In Castiglia verranno i promotori

Dell’audace congiura. Or di riposo

Uopo averete. Il nostro Re desia

Che pensiate soltanto a custodirvi

Per sicurezza della sua corona.

Commenda    Questa è troppa bontà. Merta assai meno

                        Chi servendo al suo Re, fa ciò che deve.

D. Alfonso       Ei v’amò sempre, ed or s’accresce in lui

L’amor, siccome in voi s’accresce il merto

Per eternare il nome vostro. Equestre

Statua eriger vi fece, e rese immune

L’atrio onorato dell’illustre marmo.

L’oro voi ricusaste, ed ei di questo

Liberal non vi fu. Reso vi siete

Il più glorioso cavalier, ma insieme

De’ beni di fortuna il men felice.

Commenda    A che servono questi? L’uomo saggio

                        Di poco si contenta. Le ricchezze

Son de’ mortali il più fatal periglio.

D.Alfonso        Finché voi foste solo, avrebbe lode

Questa vostra virtù; ma poiché il cielo

Una figlia vi diede, a lei dovete

Pensar più che a voi stesso. Egli è ormai tempo

Di darle stato, e convenevole dote

Le si dee, che risponda al grado vostro.

Commenda    Dote che basta è la virtude in lei;

                        e se questa non giova a meritarle

                        convenevole sposo, ella si vaga

                        non è di cangiar stato, onde invidiare

                        possa l’altrui fortuna.

Donn’Anna                             (Ah il genitore

                        Troppa figura nel mio sen virtude).

D.Alfonso        Commendatore, il Re alla figlia vostra

                        Pensa con più ragion; sposo le scelse

                        Degno di voi, dgno di lei. La dote

                        Faralle ei stesso, e sol per me vi chiede

Il paterno volere.

Commenda                            è il mio sovrano

                        Arbitro del mio cuor. Disporre ei puote

                        Come del sangue mio, del mio volere.

                        Non ricuso il bel dono; anzi mi è caro,

perché a pro della figlia; amico io l’amo

                        quanto la vita mia. Dann’Anna, udiste?

                        Della regia bontà del signor nostro

                        Che vi par? Rispondete.

Donn’Anna                             Io non saprei

                        Al voler del mio Re mia voglia opporre.

                        Lieta son di mia sorte, e lieta incontro

                        Il regal favor.

D.Alfonso                               Restate adunque.

                        Fra poch’istanti giungerà lo sposo.

Donn’Anna      Come?

Commenda                Ma chi fia questi?

D.Alfonso                                           Il duca Ottavio.

Donn’Anna      Ma uno sposo real?...

D.Alfonso                               Del Re il nipote

                        Vostro sposo sarà. Non vi sorprenda

                        La sua grandezza. Il merto vostro assai

                        Compensa i suoi natali.

Donn’Anna                             (Oh me infelice!

                        M’ingannai, son delusa, odioso il Duca

                        Fu sempre agli occhi miei).

D.Alfonso                               Del Re alle stanze

                        Tornar degg’io. Voi disponete il cuore                       (a Donn’Anna)

                        Ad amare il consorte.

Donn’Anna                             (Ah che smarrite

                        Sono le mie speranze!)

D.Alfoso                                 Impallidite?

                        Fissate a terra i lumi? A voi discaro

                        Fors’è il nome del Duca?

Commenda                                        In quel palore,

                        in quel timidi ciglio, ecco l’usata

verecondia del sesso: il suo piacere

                        simula per modestia, e il lieto annunzio

                        ch’altrui fora cagion di vano orgoglio,

                        rende il suo cuor per riverenza umile.

D.Alfonso        Con voi sen resti; il suo desire al padre

                        Potrà spiegare senza rossore. Io spero

                        Ch’ella comprenderà la sua fortuna.                         (al Commendatore e parte)

SCENA IV- il COMMENDATORE e DONN’ANNA

Commenda    Figlia, al cielo la mente, il cuore alzate:

il ben vien di lassù. Propizia stella

destò nel cuor del nostro Re il desire

di compensar, col sollevar la figlia,

le fatiche del padre. Ei vi destina

uno sposo, che può di questo regno

esser l’erede, e lo sarà, se il zio

seguita ad abborrir di nozze il nome.

Donn’Anna      Comprendo il mio destin; ma qual pensate

                        Lieta già non l’incontro.

Commenda                            E che si oppone

                        Alla vostra letizia?

Donn’Anna                             Ah non so dirlo.

Commenda    Aprite il vostro cuore.

Donn’Anna                             Io per lung’uso

                        Avvezza sono a dimorar con voi,

                        né staccarmi saprei dal fianco vostro

                        senza un aspro dolore.

Commenda                            Amata figlia,

                        piacemi il vostro amor. Risento anch’io

                        nel privarmi di voi staccar dal seno

                        parte di questo cuor. Pure m’è forza

                        superar il cordoglio, e umil la fronte

                        al destino inchinar.

Donn’Anna                             Facciam noi stessi,

                        Padre, il nostro destin. Non è tiranno

                        Il ciel con noi, e violentar non usa

                        L’arbitrio dei mortali.

Commenda                            Egli dispone

                        In tal guisa però, che noi dobbiamo

                        Ciecamente ubbidire a’ cenni suoi.

Donn’Anna      Ed il ciel soffrirà che la mia pace

                        Abbia a sacrificar per uno sposo,

                        che il mio cuore abborrisce?

Commenda                            E pur poc’anzi

                        Di gradirlo mostraste. A Don Alfonso

                        Non ne deste l’assenso?

Donn’Anna                             Finsi allora

                        Per riverenza; al genitore or parlo

In più liberi sensi: al duca Ottavio

Stender la destra mia non acconsente

Repugnanza del cuor, ch’io non intendo,

e se il destin…

Commenda                            Non più; del duca Ottavio

                        Sposa sarete; il prometteste. Io stesso

                        Lo promisi per voi. Se il vostro cuore

                        Non acconsente al nodo, il padre vostro

                        Faravvi acconsentir, se in fiero sdegno

                        Non vi piaccia veder l’amor cangiato.

SCENA V – DONN’ANNA sola

Stolta, incauta ch’io fui! Come sì tosto

A una vana lusinga prestai fede?

Ah mi credea che, co’ suoi detti, Alfonso

Un talamo real mi proponesse.

Il Duca può regnar? Chi ci assicura,

che il Re sempre abborrir voglia le nozze,

e che figli non abbia? Ma sia fatto

che regni il Duca: io l’odio, e l’odierei,

benché sul crine la corona avesse.

Piacermi non potrà. Nascon gli affetti

Dell’amore e dell’odio dalle occulte

Fonti del nostro cuor. Faccia mio padre

Tutto quello che può. Faccia il Re istesso

Tutto quello che sa, non fia mai vero

Che all’odiato imeneo stenda la mano.                     (parte) 

Fine atto primo

ATTO II - SCENA I - Campagna nelle vicinanze di Castiglia – CARINO e ELISA

Carino             Elisa, addio.                            (in atto di partire)

Elisa                            Ferma, Carino ingrato,

                        così tosto lasciarmi?

Carino             Il sol rimira,

                        come a grandi passi ver l’occaso inclina,

                        se più qui tardo, giungerà la notte,

                        e dalle tane i fieri lupi uscendo,

                        delle pecore mie scempio faranno.

Elisa                Più pensi al gregge che ad Elisa, ed io

                        Tutto darei per te. Fin la mia cerva

                        Dimestica, vezzosa, e delle Ninfe

                        Piacevole diporto, ancor darei

                        Per lo dolce pacer di starmi teco.

Carino             Ci rivedrem fra poco. Assicurato

                        Che avrò l’ovile, e dalle poppe il latte

                        Premuto avrò dalle giumente, Elisa,

                        ritornerò.

Elisa                                       Deh fa che brieve, o caro,

                        sia la tua lontananza; io non ho pace

                        lungi da te. Nella capanna mia

                        passerem della notte una gtran parte

                        fole narrando. Sai l’antica madre

                        quanto goda vedermi a te vicina.

Carino             Chi di me più felice? Io non invidio

                        De’ più ricchi pastor fortuna amica.

                        Ma dimmi, Elisa mia, codesto affetto

                        Sempre a me serberai? Mi sarai fida?

Elisa                Mi offende il dubbio tuo. Vedrassi prima

                        Starsi col lupo l’agnellino in pace;

                        dalle spine fruttar pomi soavi;

                        volger al monte il loro corso i fiumi,

ch’io ti manchi di fè. Tu sei, Carino,

l’unica del cuor mio pace e conforto.

Per te vivo e respiro, e voglio teco

O viver lieta o terminar miei giorni.

Carino             Oh soavi parole! Oh cari accenti,

                        che il cuor m’empiono di gioia! Idolo mio,

                        vo’ che finiam di sospirar; vedrai,

                        se l’amor di Carino è amor sincero.

Scena II – Elisa sola           

È tempo ormai che una costante fiamma

Nel mio seno s’accenda. Amai finora           Quasi per giuoco, or vo’ cambiar costume,

Di Titito e Montan, d’Ergasto e Silvio,           Di Licisca e Megacle e di Fileno,

E di tant’altri che mi furo amanti,                  Finì gradir per vanità l’affetto;

Carino ha un non so che fuor dell’usato,       Che mi penetra il cuor. Quel suo modesto

Soave favellar, quel ciglio umile,                  L’onestà de’ costumi, il cuor sincero,

Lo distingue dagli altri, e nel mio seno           Serbogli ‘l primo luogo. Io l’amo, e voglio

Questa gloria donare a’ merti suoi,               D’aver reso il cuor mio costante e fido.

Ma quai grida son queste?                                                    (verso la scena)

Scena III – DON GIOVANNIe detta

D.Giovanni (di dentro)                         Ah scellerati!

Elisa                Cieli, che mai sarà?

D.Giovanni                                                    La vita almeno

                        Non mi togliete.                      (di dentro)

Elisa                                                               Un uom corre e si lagna.

                        Che mai gli avvenne?

D.Giovanni     (fuori)                                       Ohimè infelice! Solo,

                        Delle vesti spogliato e degli arredi,

                        Dove m’aggirerò?

Elisa                                                               Quale sventura,

                        Signor, v’accade? Poss’io darvi aita?

D.Giovanni     Empio drappel di masnadieri indegni

                        Mi spogliò qual vedete. I servi miei

                        S’involaro al periglio; il mio destriero

                        Hammi rapito, e quanto di prezioso

                        Meco aveva, perdei.

Elisa                                                   (Misero! Quale

                        Pietà in seno mi desta!) Io tal sono,

                        Sicché possa recare all’uopo vostro

                        Convenevol sollievo. Una capanna

                        Un rozzo saio, affumicato pane,

Acqua pura del fonte e poche erbette

Offerirvi poss’io. Se ciò vi basta,

L’arbitro voi ne siete.

D.Giovanni                                         Ah sì, mia bella,

                        Voi ben potete alleggerir miei mali,

                        Non ricuso l’offerta, e sarò grato

                        Più di quel che pensate.

Elisa                                                   A voi non offro

                        Per desio di mercè lo scarso aiuto,

                        Pietà in me desta il naturale istinto

                        Di giovare agli oppressi, e il tratto vostro,

                        Che fra i disastri il nobil cuor non cela,

                        Tutto m’impegna ad offerirvi quanto

                        Dalla mia povertà mi fia concesso.

D.Giovanni     (Atta mi sembra a compensar costei

Ogni perdita mia. La sua bellezza

Val più di quanto i masnadier m’han tolto).

Elisa                Che parlate fra voi? Sdegnate forse

                        I miei poveri doni?

D.Giovanni                                         Ah no, gli apprezzo

                        Quanto la stessa vita. Un maggior bene

                        Anzi spero da voi.

Elisa                                                   S’è in mio potere,

                        Negar non lo saprò.

D.Giovanni                                         Del vostro cuore

                        Il prezioso dono.

Elisa                                                   E che farete?

                        Del mio povero cuor?

D.Giovanni                                         Vorrei riporlo,

                        Cara, nel seno mio.

Elisa                                                   Mal si conviene

                        Ad un nobile sen rustico cuore.

D.Giovanni     L’oltraggio della sorte assai compensa

                        Il vostro di beltà ricco tesoro.

                        Al primo balenar de’ vostri sguardi

                        Io ferito rimasi, e tanto strazio

                        Non fecero di me que’ masnadieri

                        Quanto voi ne faceste del cuor mio.

Elisa                (Se creder gli potessi!) In cotal guisa

                        Sogliono favellar tutti coloro

                        C’han desio d’ingannar semplice donna,

                        Nerina di Nicandro, Elia d’Ergasto,

                        Ambe restar da cittadini amanti,

                        Meschinelle, ingannate; al loro esempio

                        Cauta mi resi.

D.Giovanni                                         (E pur dovria cadere).

                        Tutti non han lo stesso cuor nel petto,

                        E il periglio fatal testè incontrato

                        Non può farmi mentir; la pietà vostra,

                        non men che la beltà, mi rese amante.

Elisa                (Sorte non mi tradir). Signor, se aveste

                        Amor per me… (Che fo del mio Carino?

                        Scorderommi sì tosto?)

D.Giovanni                                                    A voi prometto

                        Un’eterna costanza.

Elisa                                                               Impunemente

                        Manchereste di fede a un’infelice?

D.Giovanni     Non sa tradir chi ha nobil sangue in seno.

Elisa                Siete voi cavaliero?

D.Giovanni                                                    Io nacqui tale,

                        E tal morrò.

Elisa                                                               Dove la culla aveste?

D.Giovanni     Di Partenope in seno.

Elisa                                                               I vostri passi

                        Dove or sono indirizzati?

D.Giovanni                                                    In ver Castiglia.

Elisa                Per qual cagion?

D.Giovanni                                                     Per inchinarmi al trono

                        Del vostro Re, che alla Castiglia impera.

Elisa                Il nome vostro?

D.Giovanni                                                    Il nome mio non celo:

                        Don Giovanni Tenorio.

Elisa                                                               Ah don Giovanni!

D.Giovanni     Sospirate? Perché?

Elisa                                                               Sa il ciel, se avete

                        Con voi tutto portato il vostro cuore.

 D.Giovanni    Tutto meco sinora ebbi il cuor mio,

                        Ora non più, che fu da voi rapito.

Elisa                (Vorrei far mia fortuna. Il mio Carino

                        Mi sta nel cuor).

D.Giovanni                                                    Siate pietosa, o bella;

                        Io trarrovvi dal bosco. In nobil tetto

                        Posso guidarvi a comandare altrui:

                        Le rozze lane cangerete in oro,

                        E di gemme fornita, ogni piacere

                        Sarà in vostra balìa.

Elisa                                                               Se non temessi

                        Rimanere delusa…

D.Giovanni                                                    Io non saprei

                        Come meglio accertarvi: ecco la mano.

Elisa                Fra noi s’usa giurare, e sono i Dei

                        Mallevadori della fé.

D.Giovanni                                                    (Si giuri

                        Per posseder questa beltà novella).

                        Giuro al nume che al cielo e al mondo impera,

                        Voi sarete mia sposa.

Elisa                                                               E se mancate?

D.Giovanni     Cada un fulmin dal cielo, e l’alma infida

                        Precipiti agli abissi.

Elisa                                                               (Il caso mio

                        Compatisci, Carino). Ah sì, vi credo:

                        Ecco la destra mia.

D.Giovanni                                                    Destra gentile,

                        Che mi penetra il cuore. (Amor pietoso,

                        Quanto ti deggio mai, se fra le selve

                        Una preda sì bella a me concedi!)

Elisa                Che pensate fra voi?

D.Giovanni                                                    Vo meditando

                        Le mie felicità.

Elisa                                                               Se un cuor fedele

                        Potrà farvi felice, in me l’avrete.

D.Giovanni     Bastami la tua fé; questa sol bramo

                        Mi serbi idolo mio.

Elisa                                                               Quanto m’è caro

                        Del mio sposo adorato il primo cenno!

D.Giovanni     Deh non tardiamo più: lieta vivrai.                            (parte)

Elisa                Consolati, Carin, s’io ti tradisco,

                        Che tu il primo non sei. Ama la donna

                        Più dell’amante suo, la sua fortuna.                          (parte)

SCENA IV–DONNA ISABELLA in abito da uomo, difendendosi da vari masnadieri; poi il duca OTTAVIO

D.Isabella        Aita, o ciel!

Ottavio                                               Contro d’un solo, indegni?

                        Qual furor, qual viltade?                    (li masnadieri entrano, incalzati dal duca Ottavio)

D. Isabella                              Amico, io deggio

                        Tutto al vostro valor.

Ottavio                        Gli empi chi sono,

                        che della vita vi han tenuto in forse?

D. Isabella       Masnadieri son quelli. A chi gli arredi

                        Tolgono, a chi la vita. Il mio destriero

                        Già mi levaro; ah! Perché mai distrutta

                        L’empia turba non vien dall’armi regie?

                        Così presso Castiglia il Re la soffre?

Ottavio                        Loco spesso cangiar sogliono i vili,

                        ma li raggiugnerà.

D. Isabella                              Deh fate almeno

                        Che sappia a chi della mia vita io deggio

                        L’opportuno riparo.

Ottavio                                               Al duca Ottavio

                        Son io, del Re nipote. E voi chi siete?

D. Isabella       Al mio liberator svelar m’è forza

Tutti gli arcani miei. Mentito sesso

Coprono queste spoglie. D’Altomonte

Isabella son io; trassi il natale

di Partenope in seno, in nobil culla.

Ottavio                        Perché il sesso mentir? Quale avventura

                        Alla patria vi toglie? E perché sola,

                        in sì tenera etade, errando andate?

D. Isabella       Oh numi, qual crudele domanda! Pure

                        Tutto  a voi narrerò, tutto sperando

                        Impegnarvi a mio prò.

Ottavio                                                           Mia fè, mia possa,

                        miei consigli e me stesso offro in aiuto

                        d’ogni vostro disegno.

D. Isabella                                          Io son tradita,

                        e il traditor che nell’onor m’offese,

                        ver Castiglia addrizzò l’orme fagaci.

                        Rinvenirlo desio.

Ottavio                                                           Ma chi è l’ingrato?

D. Isabella       Don Giovanni Tenorio, unico germe

D’una illustre famiglia, anch’egli nato

Sotto il barbaro ciel che mi diè vita.

Destinato mi fu l’empio in consorte,

E alla bella stagion che i prati infiora,

Unir dovea le nostre destre amore.

Troppo io l’amava, e mi parea che meno

Corrisposta non fossi: ogni momento

Era eterno al mio cuor. Fremea l’amante

Della tardanza, e quante volte, ingrato,

L’innocente amor mio schernì giurando

Ardere per me sola! Oh quante volte,

Nel dirmi addio, ei si partì piangendo!

Felice io mi credea; ma il traditore

Senza mia colpa, ed in novelli affetti,

Che tardi io seppi, a danno mio perduto,

Furtivo mi lasciò, seco portando

Le sue, le mie promesse, il mio dolore,

La mia speme, il mio cor, la mia vendetta.

Deh, voi, signor, d’una tradita amante

Se sentite pietà, la giusta causa

Proteggete, vi prego. Al Re clemente

Sia palese il mio caso, e il traditore,

Se giunge in suo poter, paghi il suo fallo.

Ottavio.           Doona Isabella, il caso vostro amaro

                        Compatisco e compiango. O don Giovanni

                        Fia vostro sposo; o colla morte, il giuro,

                        Risarcire dovrà gli oltraggi vostri.

D.Isabella.       Voi delle mie sventure una gran parte

                        Mi togliete dal seno.

Ottavio.                                              (Un sì bel volto

                        Non meritava un infedele amante).

                        Sopra del mio destrier salir potrete.

                        Altro per me ne serba il mio scudiero

                        Pochi passi lontano. Andiam, vicina

                        È la regal città.

D.Isabella.                                          sia grato il cielo

                        A voi per me. Soccorrer gl’infelici

                        È tal virtù, che l’uom pareggia ai numi.         (partono)

SCENA V – CARINO solo

                        Grazie al ciel, son partiti. Io non vorrei

                        Incontrarmi giammai con simil gente.

                        Cittadini? Alla larga. Hanno cotanta

                        Orgogliosa superbia, che lor sembra

                        Il misero villan selvaggia fera.

                        Noi lor prestiam col sudor nostro il pane;

                        Delle nostre fatiche han quanto forma

                        Le lor ricchezze, e poi ci trattan peggio

                        De’ cavalli e de’ cani. Han per proverbio,

                        Che il villan è indiscreto. Oh sì, che dessi

                        Distretissimi sono! Il villan ruba,

                        Sogliono dire; e il cittadin non ruba

                        Molto peggio di noi?... Ma qui non veggo

                        Presso l’usato fonte il mio bel sole.

                        Elisa, dove sei? Dove ti celi?

                        Nascosta si sarà per isfuggire

                        De’ cittadini l’odioso aspetto.

                        Vieni, non tormentarmi. Ah, ah, furbetta!

                        Tu se’ dietro quel faggio. Io l’ho scoperto…

                        Elisa mi pareva. Al colle forse

                        Andò per coglier de’ selvaggi frutti.

                        Al colle andrò… Ma già sen viene, Elisa,

                        Corri… Che miro? Un pastorello ha seco?

                        No, che non è un pastore. Ai rozzi panni

                        Rassembra tal; ma i finti crini ornati,

                        Il bianco volto e il camminare altero

                        Sono di cittadin sicuri segni.

                        Stelle, che mai sarà? Tradisce Elisa

                        Così tosto la fè? Qui mi ritiro.                        (Si ritira)

                        Non veduto, vedrò.

SCENA VI – Don Giovanni in abito rustico, Elisa , e Carino in disparte.

D.Giovanni.                                                   Ninfa cortese,

                        Son grato al vostro amor.

Elisa.                                                              Perché non darmi

                        Il bel nome di sposa?

Carino                                                            (Ahimè, che sento?)

D.Giovanni.    Tale ancor non mi siete.

Elisa.                                                              E che vi resta

                        Il nodo a stabilir?

D.Giovanni.                                                   Ciò che conviene

                        Al grado mio. Le cerimonie usate,

                        Il rito, e tutte le nuziali pompe.

Elisa.               Andiam dunque a compir cotesti riti!

Carino             (Oh scellerata!)

D.Giovanni                             Sì, ma non conviene

                        Ch’ora meco venghiate. Io deggio prima

                        Tutto dispor. Fra pochi giorni, o cara,

                        vi attendo alla città.

Elisa                                       Come? Ingannarmi

                        Pretendete voi forse?

D.Giovanni                             Il van timore

                        Discacciate dal seno. Oi non potrei

                        Esservi disleal, quando il volessi:

                        giurai, tanto vi basti.

Elisa                                       E i numi stessi

                        Vi puniran, se me tradir pensate.

Carino             (Te puniran, che traditrice or sei).

D.Giovanni     (Allettarla convien per non soffrire

Il noioso clamor di sue querele).

Cara, ti lascio il cuor. Col pianto agli occhi

Mi divido da te: ma porto meco

Dell’amor tuo, della mia fede il pegno.

Elisa, addio.

Elisa                Posso sperarvi, o caro

                        Nell’amarmi costante?

D.Giovanni                             Un’altra volta

                        Giurerò, se bramate.

Elisa                                       Ite felice,

                        anch’io vi seguirò.

D.Giovanni                             Ma non sì tosto,

                        sicché altrui se n’avvegga. (Invano speri

                        rivedermi mai più). Mia cara, addio.                                     (parte)

SCENA VII – Elisa e Carino

Carino             (Occhi miei, che vedeste! Ah, che far deggio!)

Elisa                (E se poi m’ingannasse? Al suo Carino

                        Tornerà questo cuore. Ad ogni evento,

                        vo’ d’un amante assicurarmi almeno).

Carino             (Oh nera infedeltà! Voglio l’infida

                        Rimproverar: vo’ abbandonar l’indegna).

Elisa.               (È cavalier; non mentirà).

Carino                                                            Sì tarda

                        Ritornare ti veggio?

Elisa.                                                              Odi, Carino,

                        La candida cervetta a me sì cara

                        Belar intesi: a lei corsi tremante…

                        Qualche mal dubitai non le avvenisse.

Carino.            Dimmi: stato sarebbe un daino forse,

                        Che ti avesse belando a sé invitato?

Elisa                Damma quivi non giunse.

Carino                                                            Eppur mi parve

                        Teco veder un animal, che cerva

                        Certamente non era.

Elisa.                                                              Eh, t’ingannasti.

Carino.            No, no, non m’ingannai, era animale

                        Come siam noi.

Elisa                                                               Un uom vorrai tu dire?

Carino.            Appunto.

Elisa.                                      Or mi sovviene. Era il famiglio

                        Di Coridon, che di Nerina è il damo:

                        Quel zotico pastor, che dà sovente

                        Altrui piacer coi sciocchi detti.

Carino.                                                           Intendo;

                        E tu piacere più d’ogni altra avesti.

Elisa.               Rider certo mi fe’.

Carino.                                                           Chi sa, che piangere

                        Forse un dì non ti faccia?

Elisa.                                                              E perché mai?

Carino.            Basta… Come si chiama?

Elisa.                                                              Oh, che mi chiedi?

                        Non conosci Pagoro?

Carino.                                                           Io non lo vidi

                        Mai vezzoso così, mai così altero!

Elisa.               (Ahi, comincio a temer d’esser scoperta).

Carino.            Ma che mai ti promise, e che giurotti

Di far per te?

Elisa.                                                              Promise alla mia cerva

                        Ritrovar un compagno.

Carino.                                                           (Affè, la cerva

                        Il compagno trovò). Ma pur di sposa

                        Parvemi udire il nome.

Elisa.                                                              Ebben la sposa

                        Sarà allor la mia cerva.

Carino.                                                           A dir l’intesi,

                        Che tu sposa sarai.

Elisa.                                                              Questo ancor disse.

                        Soglion tutte le ninfe all’uomo stolto

                        Esibirsi in ispose, ed ei sel crede.

Carino             Passato è alla città?

Elisa.                                                              Sì; di Nerina

                        Andò a vendere i fiori.

Carino.                                                           E seco il cuore

                        D’Elisa si portò.

Elisa.                                                  Come?

Carino.                                                           T’accheta,

                        Tutto so, tutto intesi. Empia, mendace,

                        A me invano ti celi.

Elisa.                                                  Aimè! Carino

                        Meco parla così?

Carino                                                Parla in tal guisa

                        Il tradito Carino alla spergiura.

                        Dimmi, crudel, non ti sovvenne allora

                        Di quella fé, che a me giurasti? Ingrata!

                        Non sapesti un sol giorno esser costante?

Elisa.               Odimi… Non pensar…

Carino                                                            Taci, non voglio

                        Udir le voci tue. So che vorresti

                        Con lusinghe mendaci un nuovo inganno

                        Tessere alla mia fede. Ah, s’io porgessi

                        Nuovamente l’orecchio a tai menzogne,

                        D’esser allor meriterei tradito.

Elisa.               (Più nasconder non posso il fallo mio).

                        Ah, Carino, mia vita! È ver, pur troppo;        Lusingarmi volea quel che vedesti

                        Ardito cavalier. Pietà mi mosse                    Verso di lui, che dai ladron spogliato

                        Chiedea soccorso; indi la destra in premio   Di mia pietade il cavalier m’offerse;

                        e con vezzi, e lusinghe, e con mill’arti

                        D’accorto cittadin, quasi m’indusse   A seco vaneggiar; ma mi sovvenne

                        Di te, Carino mio; costante e fido      Questo cuor ti serbai.

Carino.                                                           Oh me felice,

                        Se tue parole non avessi udito.

                        Ti lascio, t’abbandono, e maledico

                        Il dì che ti conobbi.

Elisa.                                                              Ah no, t’arresta.

                        Misera me! Non mi lasciar, mio caro;

                        Non ti sovvien di que’ soavi giorni

                        Che a vicenda fra noi?...

Carino.                                                           Sì, men sovviene

                        Per mia pena maggior. Quanto ti amai,

                        Giuro ti abborrirò.

Elisa.                                                              Mira prostrata

                        La tua povera Elisa a’ piedi tuoi.

                        Chiedo perdono all’innocente errore.

                        Caro, pietà.

Carino.                                                           Non la sperar giammai.

Elisa.               Se tu sei la mia vita, ah non poss’io

                        Viver senza di te.

Carino                                                            nulla mi cale

                        Del viver tuo.

Elisa.                                                              Saprò morirti ai piedi.

Carino.            Mirerò con piacer la morte tua.

Elisa.               (Provisi l’odio duo). Con questo dardo,

                        Mira, mi passo il sen.

Carino             (senza mirarla)                                   Su via, ferisci;

                        Passa l’indegno cuor? Lava la macchia

Che facesti a mia fede, o all’amor mio.

Elisa.               Non pavento la morte. Il sol tuo sdegno

                        Mi fa tremar; deh non voler ch’io muoia

                        Senz’almeno mirarmi. Il guardo volgi

                        Una volta pietoso, e poi m’uccido.

Carino             Ciò da me non sperare.

Elisa.                                                              Ah, disumano!

                        Un sì lieve conforto ancor mi nieghi?            Non ti muove a pietade il pianto mio?

                        È pur picciolo il don che ti domando;            Guardami una sol volta, e poi mi sveno.

Carino.            (M’intenerisce). Mirerotti, ingrata;

                        Che pretendi perciò? (Vista fatale).

                        Non mi muovi a pietade (Ah non resisto!)

Elisa.               (A cedere comincia). Oh Dei, non posso

                        Reggermi più; l’atroce aspro dolore

                        Toglie al ferro l’uffizio; io cado, io moro. (finge svenire)

Carino.            Elisa, o numi! Che sarà? Sei morta?

                        No, che morta non è. Dal vicin fonte

                        Corro l’acque a raccorre; agli svenuti

                        Soglion l’acque giovar, spruzzate in volto. (parte)

SCENA VIII – Elisa, poi Carino che torna portando un vaso con acqua.

Elisa.   Il credulo è caduto. Oh quanto giova            Saper fingere a tempo. È l’arme questa

            Più felice del sesso. Ecco ritorna:     Seguasi a simular.    (ritorna nella positura di prima)

Carino.                                                                       Numi del cielo,

                        Soccorretela voi. S’ella perisce,

                        Misero, che farò? Mosse ha le labbra,

                        Parmi ch’ella rinvenga. Idolo mio,

                        Mira che il tuo pastor t’ama e soccorre.

Elisa.               Barbaro, mi vuoi morta, e poi t’opponi          Quand’io voglio morir?

Carino.                                                                       No, mio tesoro:

                        Morta non ti vogl’io

Elisa.                                                                          Ma se mi credi

                        Incostante, infedel, la vita ho a sdegno.

Carino.            E costante, e fedel, cuor mio, ti credo.

Elisa.               Mi deridi, crudele?

Carino.                                                                       Ah no, mi pento

                        Della mia crudeltà.

Elisa.                                                                          De’ tuoi sospetti

                        Mi parlerai mai più?

Carino.                                                                       No, mio tesoro.

Elisa.               Mi sarai tu fedel?

Carino.                                                                       Sino alla morte.

                        Ma non perdiamo inutilmente, o cara,

                        I preziosi momenti. Andiam, le destre

                        Unisca amor; la genitrice accorda…

Elisa.               Andiamo sì, che te seguir sol bramo.

Carino.            Grazie, numi del cielo, ho riacquistato

                        La smarrita mia pace, il più felice

                        Degli amanti son io.                                                                          (parte)

Elisa.                                                                          Miser Carino!

                        Li vorrebber così le scaltre donne.                                                    (parte)

ATTO TERZO

SCENA I- Cortile negli appartamenti di don Alfonso – DON ALFONSO e DONN’ANNA

D.Alfonso        Siate lieta, donn’Anna: il vostro sposo

                        Giunto è in Castiglia, e qui l’attendo in breve.

Donn’Anna      Signor, talvolta il nostro cuor presago

È con palpiti suoi di sue sventure.

Del Duca il nome nel mio sen non puote

Destar letizia, anzi in udirlo io provo

Un’incognita pena.

D.Alfonso                               Eh, nel mirarlo

                        Cangierete pensier. Non ben s’intende

                        Il linguaggio del cuor; sembra talora

                        Ch’ei predica sventure, ed ai temuti

                        Palpiti non intesi il ben succede.

Donn’Anna      Lasciate pria che come Duca il vegga,

                        anzi che accordo come sposo.

D.Alfonso                               Ei viene;

                        Non gli siate scortese. Abbian cotesta

                        Prova da voi d’ubbidienza almeno

                        L’amico, il padre, il Re.

SCENA II – il DUCA OTTAVIO, DONNA ISABELLA da uomo, e detti.

D.Ottavio                                Signore, un cenno

                        Del monarca clemente a voi mi guida.

D.Alfonso        Ecco il regio voler. Questa è donn’Anna,

                        che in isposa vi elesse.

D.Ottavio                                (Ahimè! Che sento?

                        Donna sposar per cui d’amore in vece

                        Avversione ha il cuor?)

Doon’Anna                             (Lieto non parmi).

D.Alfonso        Appressatevi, Duca, e il labbro vostro

                        Del vostro amor la vaga sposa accerti.

D.Ottavio        Donn’Anna, il mio signor di me dispose:

                        venero il cenno, e la mia destra io v’offro.

Donn’Anna      Signor, non deggio ricusar quel nodo,

                        cui la reale autorità prescrive.

D.Alfonso        Signor, più caldi gli amorosi accenti

                        Sperai udir d’una donzella in faccia.                                     (al Duca)

D.Ottavio        In più teneri sensi io non saprei

                        Scioglier la lingua al dolce amor non usa.

Donn’Anna      Vi dispenso, signor, da quello sforzo

                        Che costarvi potria  soverchia pena.

D.Alfonso        Duca, chi è il cavalier che con voi miro?

D.Ottavio        Questi, o signor… Ma tal arcano io deggio

                        Svelarvi in lui, che a segretezza impegna;

                        con voi sol, me presente, ei parlar brama.

Donn’Anna      Signor, vuole il dover ch’io m’allontani;

                        lo farò, se v’aggrada.                                                (a don Alfonso)

D.Alfonso                                           Ite, me avrete

                        A momenti con voi.

D.Anna                                   (Donna a me sembra,

                        giusta curiosità sentir mi sprona). (si ritira soltanto per non essere, ascoltando, osservata)

D.Ottavio        Sotto spoglie virili a voi presento

Donna, signore, per natali illustre,

da un cavaliero nell’onore offesa.

In Castiglia lo cerca, e s’ei v’è colto,

contro il vile offensor giustizia chiede.

D.Isabella        Signor, donna Isabella, unico germe

                        De’ duchi d’Altomonte, a voi s’inchina,

                        e il favor vostro in suo soccorso implora.

D.Alfonso        Tutto farò per voi; ma chi è l’audace

                        Cavalier, che vi offese e vi abbandona?

D.Isabella        Don Giovanni Tenorio.

D.Alfonso                               è a me ben noto;

                        molto degli avi suoi parlò la fama.

D.Isabella        Di lui non narrerà che il tristo inganno,

                        la fuga vile e ‘l mio tradito amore.

D.Ottavio        Della dama il dolor merta pietade.

D.Alfonso        Se quivi giugne il cavalier, giustizia

                        Dal Re v’impetrerò.

Donn’Anna                             No, don Alfonso,

fede non date alle menzogne altrui;

quella donna sarà del duca Ottavio

un’amante celata. Averla seco,

senza il Re provocar, meglio non puote

che con sì vago ed opportuno inganno.

Prevenuto il suo cuor conobbi allora

Che appena mi guardò; che tardo, e a forza,

disse offrirmi la destra. A tempo il cielo

scopre gl’inganni suoi. Non voglio il Duca

a un nodo violentar, ch’egli abborrisce;

ami pure a sua voglia; io gliel concedo.

D.Alfonso        Troppo presto, donn’Anna, al van sospetto

                        Vi abbandonate. Era miglior consiglio

                        Rispettar il mio cenno.

D.Ottavio                                (L’ire sue

                        Non son figlie d’amor).

D.Isabella                               A torto, amica,

                        voi di me sospettate. Il Duca vostro

                        oggi solo vid’io. Pietà lo mosse

                        a prestarmi soccorso, e non amore;

                        lo giuro al ciel.

Donn’Anna                             Sì, crederollo a voi,

che degli inganni suoi complice siete.

Non si scolpa l’amante, e non si cura

Il sospetto sgombrar dal seno mio.

E qual prova maggiore aspettar deggio

Della sua indifferenza, anzi dell’odio,

onde il mio cuor, onde il mio volto abborre?

Grazie, o numi del ciel; scopersi il vero.

Parto per non mirarlo. (A tempo io colsi

L’opportuno pretesto all’odio mio).                                        (parte)

SCENA III – DON ALFONSO, IL DUCA OTTAVIO e DONNA ISABELLA

D.Alfonso        Duca, irata è donn’Anna. A voi s’aspetta

                        Disingannarla, e renderla placata.

D.Ottavio        Come ciò far potria? Non vidi mai

                        Femmina più leggera e men prudente.

D.Alfonso        Di un forte amor la gelosia è compagna.

D.Ottavio        Di sì tenero amor poco son pago.

                        Priegovi, se di me punto vi cale,

                        non mi astringhiate ad un tal nodo.

D.Alfonso                                           Un nodo

                        Stabilito dal Re, scior non si deve.

                        Donn’Anna è vostra sposa, al padre suo

                        Ha impegnata per voi la vostra fede.

D.Ottavio        Ma se il cuor non consente…

D.Alfonso                                           Il cuor rammenti

                        Non il vano desio, ma il suo dovere.                                     (parte)

SCENA IV – Duca Ottavio e Donna Isabella

D.Isabella.       Duca, oh quanto mi duol del dolor vostro!

                        Io son cagion che voi penate; io sono

                        L’innocente cagion de’ vostri sdegni.

D.Ottavio.       Donna Isabella, io più de’ vostri casi

                        Che de’ miei prendo cura. Altro non bramo

                        Che rinvenir chi v’oltraggiò. Col brando

                        Saprò sfidarlo, e s’egli cade estinto,

                        A voi non mancherà forse lo sposo.                                     (parte)

SCENA V – Doona Isabella, poi Don Giovanni

D.Isabella.       Volesse il ciel, che senza scorno o macchia

                        Dell’onor mio cangiar potessi affetto!

                        Forse il Duca saria la degna fiamma

                        Del mio tenero cuor. Stelle, che miro!

                        Ecco il mio traditor. Sì, lo ravviso,

                        Lo presentano i numi agli occhi miei.

                        Mi trema il cuor. Che far non so. Consiglio

                        Prenderò dall’amore e dallo sdegno                                     (si ritira)

D. Giovanni    Ovunque giri curioso il guardo,

Splender vegg’io la maestade Ibera.

Ma ancor non s’appresenta agli occhi miei

Rara beltade a incatenarmi il cuore.

Le catene d’amore io prendo a giuoco,

Poiché costanza nell’amar non serbo.

Amo sol quanto il giovanil desio

Secondar mi compiaccio, e solo apprezzo

Quella beltà che possedere io spero.

Piacquemi un dì donna Isabella, e quasi

Mi sedusse ad amarla, oltre il costume;

Ma credendo l’incauta a’ miei sospiri,

Sol di mia libertà mi resi amante.

Così la pastorella, ed altre cento

Lusingate da me… Ma quale oggetto

Si presenta a’ miei lumi? O ch’io traveggo,

O che donna Isabella in viril spoglia

Importuna mi segue. Ah sì, ch’è dessa;

Quest’incontro si sfugga.

D. Isabella                              Cavaliero,

                        non isdegnate trattenere il passo:

                        Favellarvi degg’io.

D. Giovanni                            Qualunque siate,

                        Incognito a’ miei lumi, ad altro tempo

                        Serbatemi l’onor dei vostri cenni:

Trattenermi non posso.

D. Isabella                              Ah don Giovanni,

                        Così l’effige mia come dal cuore,

Dalla memoria cancellata avete?

Non ravvisate in me quell’infelice

Che ingannata da voi, da voi tradita,

Spoglie cambiò per inseguirvi? Ingrato!

Non conoscermi fingi?

D. Giovanni                            In viril spoglia

                        Dunque femmina siete? Ed io fui quegli

                        Che v’ingannò, che vi tradì, che fede

                        Vi promise, e mancò? Non mi sovviene.

D. Isabella       Non vi sovvien donna Isabella? Il crudo

                        Fiero dolor, le lacrime, i sospiri,

                        Le vigilie, i disagi, il gran viaggio

Aver potriano il volto mio cangiato;

Ma un nome tal dovria destarvi in seno

Il rimorso, il rossor; dovreste ingrato,

scuotervi dal letargo, e i giuramenti

rammentar, che faceste al cielo, ai numi.

D. Giovanni    E pur di ciò non mi sovviene ancora.

D. Isabella       Perfido, voi la fè non mi giuraste,

                        non mi giuraste amor?

D. giovanni                             So che il mio cuore

Mai si impegnò di serbar fede a donna.

D. Isabella       Ah t’intendo. Dir vuoi, mendace, infido,

che se tua sposa m’appellasti un giorno,

lo dicesti col labbro, e non col cuore;

che fingesti d’amarmi, e che rapita

dall’incauto amor mio soverchia fede,

or me deridi, e il mio dolor schernisci;

sogno non è la fede mia tradita,

sogno non è mio vilipeso amore.

Invano, traditor, finger procuri;

il mio volto, il mio nome, i nostri ardori

non rammentar. Empio t’ascondi invano;

ti conosco pur troppo; e se ricusi

render giustizia al mio tradito amore,

farò col sangue tuo vendetta almeno.

Su via, quel ferro impugna. O vo’ la vita

Perder teco, o risarcir miei danni.

D. Giovanni    Non soglio, amico, a mentecatti, a insani

Prestar orecchio. L’impugnar la spada

Contro di voi saria viltà.

D. Isabella                              Se insana,

se mentecatta io sia, noi lo vedremo

al  paragon dell’armi. O quel tuo ferro

impugna tosto, o ti trafiggo inerme.

D. Giovanni    (Che risolvo, che fo?)

D. Isabella                              Se cuor avesti

D’abbandonarmi, saria meno ardito

Nel darmi morte? Ma che darmi morte?

Tu morirai, fellone.

D. Giovanni                            (Eh pera ormai

Questa importuna turbatrice odiosa

Della mia pace). Ecco, la spada impugno:

voi del vostro morir l’ora affrettate.

D. Isabella       Darà forza al mio braccio il giusto cielo. (si battono)

SCENA VI - IL COMMENDATORE e detti

Commenda    Cavalieri, fermate… Oh ciel, che miro?

Qui don Giovanni? Amico, e quando, e come

In Castiglia giungeste? E perché mai

Cimentarvi col ferro?

D. Giovanni                            Oh saggio, oh degno

Commendator, di questo regno onore,

permettete che imprima un umile bacio

su questa destra generosa invitta.

Commenda    Non consentirò mai.

D. Isabella                              (Quale importuna

Remora ai sdegni miei?)

Commenda                            Ma voi sì poco

Fate conto di me? Giunto in Castiglia,

A caso ho da saperlo? E non degnate

Ospite divenir d’umile albergo.

D. Giovanni    Pochi momenti son ch’io posi il piede

                        Nella regia città.

Commenda                            Qui giunto appena,

                        v’esponete a’ cimenti?

D. Isabella                              Ormai soverchio

Rispettai, cavaliero, il vostro aspetto. (al Commendatore)

Non impedite il proseguir la pugna.

Commenda    Sospendete per poco il vostro sdegno.

                        Piacciavi almen che la cagion io sappia

                        Dell’ire vostre.

D. Isabella                              A voi saper non giova

Ciò che al mio labbro pubblicar non lice.

Don Giovanni mi offese; ed io col ferro

Chiedo ragion del ricevuto oltraggio.

D. Giovanni    Strano caso udirete. Agli occhi miei

Sconosciuto è quel volto. Ei vuol vendetta,

né so io di che. Uomo talor si dice,

e di donna talora ostenta il sesso.

Nulla promisi, e mancator m’appella.

D. Isabella       Sì, che sei mancatore…

D. Giovanni                                        Ah più non soffro…

Commenda    Un momento vi chiedo. Se fia vero (a donna Isabella)

Che v’abbia offeso don Giovanni, io stesso

Giustizia a voi farò. Traditor non soglio

La ragione, il dover per l’amistade.

Svelate in che mancò.

D. Isabella                              L’offesa è tale,

                        che celarla conviene al mio decoro.

Commenda    Pubblica non sarà, quant’io lo sappia.

D. Isabella       Ma che voi lo sappiate io non consento.

Commenda    Diffidate di me?

D. Giovanni                            Non sa produrre

                        Dello sdegno ragion. Privo di senno

                        Lo trasporta il furor.

Commenda                            Deh non vogliate

                        Cimentarvi con tal che non conosce

                        Né ragion, né dovere. A un mentecatto

                        Volete voi prestar orecchio? E quale

                        Fama sperate conseguirne al fine?

                        Se vinto rimarrete, avrete il danno;

                        Se vincitor, dir v’udirete in faccia,

                        Che lieve cosa è vincere uno stolto.

D.Isabella.       Stolto non sono; e vendicarmi intendo.

Commend.     Io del Re mio signor v’impongo in nome,

                        Desister dalla pugna. Il regio sdegno

                        Intimo a voi, se d’ubbidir sdegnate.

D.Isabella.       Venero il regio nome: ad un tal cenno

                        Depongo il ferro, e l’ira mia sospendo.

                        Tempo verrà che il traditore indegno

                        Pagherà col suo sangue i torti miei.              (parte)

SCENA VII – Commendatore, Don Giovanni, poi Don Alfonso, Duca Ottavio e guardie. 

Commend.     Sì, sì, tempo verrà. Ma, don Giovanni,

                        Non vo’ tardar di presentarvi ai piedi

                        Del mio signor: venite meco; io spero

                        Grato rendermi a lui per sì bel dono.

D.Giovanni.    Della vostra bontà sperar non posso

                        Che benefici effetti.

Commend.                                         Io mi rammento         

                        Di quanto il vostro genitore illustre

                        Fece un tempo per me. Quanto ha perduto

                        L’Italia in lui! Della sua spada ancora

                        Si rammentano i Mori… A noi sen viene

                        Don Alfonso, del Re ministro e amico.

D.Giovanni.    Lo conosco per fama: un cavaliero

                        Egli è, che amare e che temer si è fatto.

D.Alfonso.       Commendator, per oggi vi dispensa

                        Il Re dai primi rispettosi uffizi.

Commend.     Un nuovo effetto della sua clemenza.

                        Amico, a voi un cavalier presento

                        Degno del vostro e del reale amore:

                        Don Giovanni Tenorio egli s’appella;

                        In Partenope nacque…

D.Alfonso.                                          Il nome illustre

                        Rammento ancor del genitor suo prode.

                        (Quel che tradì donna Isabella è questi).       (piano al Duca Ottavio)

D.Ottavio.       (Sarà desso senz’altro).                                 (risponde piano)

D.Giovanni.                                        A voi s’inchina

                        Tal che vi stima, ed ubbidirvi anela.

D.Alfonso        Disponete di me, né vi pensate

                        Questa città abbandonar sì tosto.

                        (Chiarirmene saprò). Commendatore,

                        Conducete donn’Anna al vostro albergo.

                        Ella andarvi desia. L’amico vostro

                        Meco resti per or. Fra poco anch’egli

                        Vi seguirà.

D.Giovanni.                            Sarò da voi fra poco              (al Commendatore)

Commend.     Deh non fate, signor, ch’io sia deluso.          (a don Giovanni)

                        Parca mensa vi attende ed un gran cuore.   (parte)               

D.Alfonso.       (Ritiratevi, Duca).                                          (piano al Duca Ottavio)

D.Ottavio.                                          (Sì, frattanto

                        Donna Isabella a rintracciar io volo).             (parte)

SCENA VIII -  Don Alfonso, Don Giovanni e guardie in lontano.

D.Alfonso        Don Giovanni, voi siete illustre germe

                        Di segnalati, gloriosi eroi.

                        Degenerar dalle virtù degli avi

                        Non potreste volendo, onde non puossi

                        Da voi sperar ch’opre famose e degne.

                        Pur violenza d’amor, che vincer suole

                        Gli eroi senza riserva e i saggi opprime,

                        Potria spargere in voi quel rio veleno

                        Che alle menti più chiare usurpa il senno,

                        Né appellar io saprei sfregio e delitto

                        Una tale sventura. Il molle istinto

                        Dell’inferma natura, il più bel fiore

                        Di giovanile età, vezzi e lusinghe

                        Di femminil sembiante han forza tale,

                        Che se non fugge un cuor, resiste appena.

                        No, don Giovanni, non chiamate al volto

                        L’importuno rossor: io compatisco

                        Le amorose follie. Da voi sol chiedo

                        Di vostra lealtà sincere prove.

                        Ditemi, è ver che lusinghiero amante

                        Di fé mancaste a verginella illustre?

D.Giovanni.    Pur troppo anch’io della comun sventura

                        A parte fui nel seguitar Cupido.

                        Amai, ed amo ancor; ma l’amor mio

Colpevol non mi rende, anzi l’onesta

                        Fiamma m’accende di pudico amore.

                        Amo la sposa mia, quella che il cielo

                        Mi destinò, quella il cui nodo piacque

                        Alla patria, ai congiunti ed al mio cuore.

D.Alfonso.       Posso il nome saper?

D.Giovanni.                                        Donna Isabella

                        De’ Duchi d’Altomonte.

D.Alfonso.                                                      E fur le nozze

                        Stabilite fra voi?

D.Giovanni.                                                   Volesse il cielo!

                        Che or non sarei dall’idol mio lontano.

D.Alfonso.       Ma perché abbandonarla?

D.Giovanni.                                                   Empio destino

                        Mi divide da lei. Mi offese ardito

                        Un ministro del Re. Dall’ira acceso,

                        L’invitai colla spada; ei venne, e il fato

                        Lo fe’ cader sotto il mio braccio al suolo.

                        Spiacque al Re la sua morte: io per sottrarmi

                        Da’ primi sdegni suoi, lasciai la patria;

                        Mi staccai dal mio bene. (Una menzogna

                        Sostener non si può senz’altre cento).

D.Alfonso.       Donna Isabella v’inseguisce e piange,

                        e al tradito amor suo vendetta chiede.

D.Giovanni.    O che donna Isabella è fuor di senno,

                        O codesta è una larva.

D.Alfonso.                                          Io stesso ho seco

                        Favellato poc’anzi.

D.Giovanni.                                        E qual certezza

                        Avrà colei che finge il nome e il grado,

                        Perché voi le crediate?

D.Alfonso.                                          Assai distinti

                        Sa narrar i suoi casi.

D.Giovanni.                                        Un testimonio

                        Fallace troppo è della donna il labbro.

SCENA IX – Il Duca Ottavioe detti, poi Donna Isabella

D.Ottavio.       Signor, donna Isabella è qui dappresso,

                        Che parlarvi desia.

D.Alfonso.                                          Giunge opportuna.

D.Ottavio.       (Don Giovanni è confuso).

D.Giovanni.                                        (Or sì v’è d’uopo

                        Di sciolto labbro e coraggioso ardire).

D.Isabella.       (Ecco il mio traditor).

D.Giovanni                                         Dov’è colei

                        Che di donna Isabella usurpa il nome?

D.Alfonso.       Eccola innanzi a voi.

D.Isabella.                                          Sì, quella io sono…

D.Giovanni.    Perdonate: signor, questi ch’io miro,

                        Uomo o donna non so, mentisce il nome.

                        Favole sogna, e può mentire il sesso.

                        Altro volto leggiadro, altre pupille

                        Altra maestà di portamento altero

                        Serba donna Isabella, altri costumi

                        Ornano il di lei cuor. Le altrui lusinghe

                        Vincere non potriano il suo rigore.

                        Come? Donna Isabella in viril spoglia,

                        Sola fuor della patria, andare in traccia

                        D’un fuggitivo? Una donzella illustre

                        Di fresca età, d’onesto amore accesa,

                        Non ardisce cotanto. Ah, se non fosse

                        Dal vostro aspetto il mentitor difeso,

                        Lo vorrei di mia man stendere al suolo.

D.Isabella.       Ah perfido! Ah crudel! Signor, que’ detti

                        Son d’un barbaro cuor studiati inganni.

                        Colpe a colpe raddoppia il traditore,

Moltiplica gl’insulti, e al primo scherno

                        Ora aggiunge il secondo. Ah non mentisco!

                        Io son donna Isabella. Egli è lo sposo

                        Che mi fu destinato, e che spergiuro

                        Mi abbandonò.

D.Giovanni.                                        Facile è il dirlo, audace,

                        Ma provarlo convien; qual testimonio

                        Addur potrai, che ogni tuo detto approvi?

D.Isabella.       Tutti i numi del ciel.

D.Giovanni.                                        Gli scellerati

                        Orror non hanno a profanare i Dei.

D.Isabella.       Scellerato tu fosti, e i Dei scherniti

                        Per lor, per me, vendicheran le offese.

                        Giustizia chiede l’amor mio tradito.               (a Don Alfonso)

D.Alfonso.       Per giustizia ottener, porger non basta

                        Mal fondate querele. Ove si tratta

                        Di giudicar, le prove si richiedono

                        Chiare, qual chiaro è nel meriggio il sole.

D.Giovanni.    Di giustissimo cuor giusta sentenza!

D.Isabella.       Ah lo veggo pur troppo! I’ son da tutti,

                        Misera, abbandonata. I numi stessi

                        Divenuti mi son nemici ancora.

                        Deh, signor, per pietà…

D.Alfonso.                                                      Ma che vorreste

                        Ch’io facessi per voi? Fra due che al pari

                        Negano che in faccia mia che i testimoni

                        Seco non hanno, achi degg’io frattanto

                        Prestar fede maggior? Qualunque siate,

                        Itene al vostro Re. Se dritto avete

                        Sovra il cuor dello sposo, ei lo costringe

                        A serbarvi la fé.

D.Isabella.                                          Stelle! Degg’io

                        L’oltraggio tolerar senza vendetta?

                        Duca, gli uffizi vostri…

D.Ottavio.                                          A tal sventura

                        Riparar non saprei.

D.Isabella.                                          Se la mia vita

                        Altro non valmi che a serbar l’indegna

Cagion del mio dolore, ah questa ancora

Offrasi in sacrifizio al mio tiranno.

Sì, perfido, morrò. Se non v’è in terra

Che ti sappia punir, faranlo i numi,

                        lo farà il tuo delitto e il tuo rossore.                (parte)

SCENA X - DON ALFONSO, DON GIOVANNI e il DUCA OTTAVIO

D. Giovanni    Dubiterete che colui sia stolto?  (a don Alfonso)

D. Alfonso       Che dubitar non so. Seguite, o Duca,

                        Quell’infelice, e sia guardata in guisa

                        Che non perisca.

D. Ottavio                               Lo farò.                                              (parte)

D. Giovanni                            La morte

Il minore saria de’ suoi disastri.

Viver senza saperlo è della morte

Male ancor peggior.

D. Alfonso                              Sì, ma dobbiamo

                        Preservare la vita anche agli insani.

Don Giovanni, desio per vostro bene,

che stolto sia chi traditor vi appella.              (parte)

SCENA XI - DON GIOVANNI, poi ELISA

D. Giovanni    Stolta il duol la farà, siccome stolta

La rese un tempo il faretrato arciero.

Misero me! Se men coraggio avessi

Nel sostener, che nell’ordir gli inganni.

Non mi fido però di vincer sempre,

e un altro incontro paventar mi è forza;

altrove andrò non seguirà per tutto

l’audace i passi miei.

Elisa                            Mio ben, mio sposo,

                        pur alfin vi trovai.

D. Giovanni                            Diletta Elisa!

                        (Ecco un nuovo cimento: arte m’assista).

Elisa                Da che da me vi separaste, oh quante 

Lacrime ho sparso dolorose! Il cielo

Secondò i voti miei. Qui giunta appena,

ecco vi trovo, e ritrovar io spero

lo stesso amor, la stessa fede in voi.

D. Giovanni    Ah sì, mio ben, non v’ingannaste: io sono

Fedele al vostro amor. (Stolta se il credi).

Elisa                Deh se mi amate, che si tarda, o caro

                        Le nozze stabilir?

D. Giovanni                            Riguardi onesti

                        Me le fan differir.

Elisa                                                   Tutti i riguardi

                        Supera un vero amor. Togliete ormai

dall’amante mio cuore i miei sospetti.

Vi piace il volto mio? Queste mie luci

Spargon fiamme per voi? V’offro il mio cuore

Se accettarlo tardate, il ciel potrebbe

Di me forse dispor.

D. Giovanni                            Morrei di pena;

                        ma se sorte migliore per voi si offrisse,

                        arbitra siete ancor del vostro cuore.

Elisa                (Ahimè! Scaltro risponde). Ingrato! Io sono

Arbitra di me stessa? E qual mi resta

Libertà di volor da che son vostra?

Amore uniti ha i nostri cuori: or resta,

che unisca amor le nostre destre ancora.

SCENA XII - CARINO e  detti

Carino             (Oh ciel, che miro! L’infedele Elisa

Col nuovo amante! Oh traditrice indegna!)

D. Giovanni    Ma per ora non lice…

Elisa                                       Eh tutto lice     A chi serba nel cuor onesta fiamma.

Se mi amaste, crudel, com’io v’adoro,         cerchereste d’avermi a voi vicina.

Carino             Cavalier…                                                     (a don Giovanni)

Elisa                                       (Me infelice!)

D. Giovanni                                        A me che chiedi?

Carino             Ai finti detti, alle mentite voci

Di femmina sleal, non date fede.

Elisa vi tradisce. Ella ha per uso

D’ingannare gli amanti.

D. Giovanni                                        E d’onde il sai?

Elisa                Eh fatelo tacer.

D. Giovanni                                        No, parla.

Carino                                                Io stesso

Della sua infedeltà prove ho sicure:

m’ha giurata la fede, or m’abbandona.

D. Giovanni    Senti, Elisa, il pastor.                         (a Elisa)

Elisa                                       Nol nego il feci

Per compiacer la madre mia. Voi solo   Amo però di vero amor.

D. Giovanni                            Non lice

                        Sciogliere i nodi altrui. Pastor, ti rendo

La sposa tua: s’ella è infedel, perdona

L’uso del sesso in lei. Credi che meno

Incostanti non sono le donne nostre.

Elisa                Ah barbaro, così…

D. Giovanni                            Ma che? Vorreste

Per novello disio cangiar lo sposo?

Bello invero sarebbe un tal costume!

Oh quante, oh quante imitatrici avreste,

se ciò far si potesse! Eh siate paga

di lui, che vi accordò la madre e il cielo.

Elisa                Mi schernite, crudel?

Carino                                    No, no, vi cedo                       (a don Giovanni)

                        Tutte le mie ragion. Sciolgasi un nodo,

che aborrisco assai più che morte istessa.

Vostra sia, non m’oppongo, e della fede

Che l’ingrata giurommi, a voi non caglia.

D. Giovanni    Cavalier non sarei, se i propri affetti

Superar non sapessi. A te la rendo;

prendila se t’aggrada; e ti rammenta

cauto celar ciò che svelar non giova.

SCENA XIII - CARINO ed ELISA

Elisa                (Ahimè! Parte l’infido, e m’abbandona). Carino, oh Dio!

Carino                                    Sì, sì, Carino invoca.

Se ti veggo morir, più non ti credo.

Elisa                E tu pur m’abbandoni?

Carino                                    Almen son lieto,

che vendetta farò de’ torti miei.

Elisa                Gli infelici oltraggiar è un’empietade.

Carino             E il mancar di fè sarà virtude?

Elisa                Morirò disperata.

Carino                                    Ancor fingesti

                        Di volerti ferir; fallo davvero.

Elisa                E avrai cuor di mirarlo?

Carino                                    E il braccio mio

                        Ti presterò, se il tuo bastar non puote.

Elisa                Ah sì tosto cangiata hai la pietade

                        In barbaro rigor?

Carino                                    Sì, qual tu stessa

                        Per amante novel cangiasti il cuore.

Elisa                Stelle! Che far degg’io?

Carino                                    Fa ciò che brami.

                        Fa tutto ciò che un disperato cuore

Può suggerire a uno schernitor schernito.

Resta col tuo dolore, col tuo rimorso.

Se più torno ad amarti, il giusto cielo

Strugga ne’ campi miei la bionda messe,

vada disperso il gregge mio, né trovi

erba che lo satolli, o pur la trovi

sparsa di rio veleno; ingrata, infida,

della tua vanità son questi i frutti.

Ch’io ti miri mai più? Se più ti miro,

chiuder possa le luci al sonno eterno.

Ch’io ti parli mai più? Se più ti parlo,

arda la lingua mia d’eterna sete.

E se più t’amo, e se d’amor mi senti

Delirare per te, Giove supremo

Con un fulmine suo mi incenerisca.                         (parte)

SCENA XIV - ELISA sola

D’irato amante i giuramenti audaci

Giove non ode, e van dispersi al vento.

Ne’ miei vezzi confido. Armi son queste

Rade volte infelici. Ha la natura

Di lor difesa provveduti i parti

Della terra e del mar. diede alla tigre

L’ugna rapace, al fier leon la forza,

le corna al toro, al corridore i piedi,

i denti al cane, e squamme e gola ai pesci,

e penne e rostro ai volatori augelli;

all’uom diede il consiglio, ed alla donna

i molli vezzi, i dolci sguardi, il pianto.

                                                           Fine atto III

ATTO QUARTO – scena I – camera in casa del Commendatore con mensa preparata

Il Commendatore, Donn’Anna, Don Giovanni e servi, poi un Paggio del Commendatore. Nell’aprirsi la Scena miransi i tre sedenti alla mensa; li servi, apparecchiata la tavola, lasciano gli adornamenti e partono.

D.Giovanni.    Commendator, di mie catene il peso

                        La cortesia del vostro cuore accresce.

Commend.     Altro convito il merto vostro esige,

                        Ma più darvi non può chi sempre mai

                        Nemico fu di accumular tesori.

D.Giovanni.    (Che bel volto!)                                                              (guardando donn’Anna)

Donn’Anna.                            (Quegli occhi; che da’ miei

                        Non si partono mai, che dir vorranno?)

Paggio            Signor, d’ordine regio a voi sen viene

                        Don Alfonso. Desia da solo a solo

esser con voi.

Commenda                            Scendan le scale i servi.                     (il paggio parte)                                             Anderò ad incontrarlo. Don Giovanni,

                        perdonate s’io deggio…

D. Giovanni                            Itene pure;

                        Non vi caglia di me.

Commenda                            Figlia restate              

Seco fino ch’io torni               (si pone la spada al fianco che era sul tavolino e parte)

SCENA II - DON GIOVANNI E DONNA ANNA

D. Giovanni                            (Ah non tornasse

                        Più per quest’oggi!)

D. Anna                                  (Il cuor mi balza in petto).

D. Giovanni    Bellissima donn’Anna, alfin la sorte

                        Libero favellarvi a me concede.

D. Anna          V’impedia forse il genitor discreto

                        Favellar lui presente?

D. Giovanni                            Il padre antico

                        Men della figlia mi sarà cortese.

                        Ah donn’Anna! (sospira)

D. Anna                                  Signor, voi sospirate?

                        (Tornasse il genitore!)

D. Giovanni                            Ah non crediate,

che il van desio di vagheggiar Castiglia

m’abbia quivi condotto. Il cuor mi accese

della vostra beltà fama o destino.

Queste fur le mie guide, e de’ miei passi

Voi mi propose amor, regola e meta.

Giunsi a mirarvi, e ne’ begli occhi vostri

Vagheggiai lo splendor, cui non potrebbe

Abbastanza spigar loquace labbro,

né il desio figurar. Fu un punto solo,

bella, il vedervi e il sospirsr d’amore.

D’insoffribile fiamma arder mi sento;

a voi chiedo pietà.

D. Anna                                  Gli accenti vostri

Inaspettati, e forse mal sinceri,

m’han sorpreso, il confesso. Io non conosco

pregio in me che di fama impegni il grido,

né ambiziosa sarei di possederlo.

Beltà passa cogli anni, e molto estimo

Più di frale bellezza un cuor sincero.

D. Giovanni    Bella sincerità, quanto sei rara!

Ah l’amo tanto, e tante volte invano

Rinvenirla tentai! Me fortunato,

se l’amante cuor mio sperar potesse

in voi trovar la sospirata e bella

fedeltà sconosciuta.

D. Anna                                  Un cuor fedele

                        Altrui talor la fedeltà insegna.

D. Giovanni    Sperar può l’amor mio da voi mercede?

D. Anna          Se una giusta mercé chieder saprete

                        Ingrata forse io non sarò.

D. Giovanni                            V’intendo.

                        Voi di un casto imeneo parlar volete,

                        e questi è il fin del mio pudico amore;

                        Questa mano sospiro… (vuol prendere la mano a donna Anna, essa la ritira)

D. Anna                                  Ad altro tempo

                        Si riserbi parlarne.

D. Giovanni                            Or che l’abbiamo,

                        a che tempo aspettar?

D. Anna                                  (Né giunge il padre,

                        né si vedono i servi).

D. Giovanni                            Ah! Che in mirarvi

                        Strugger mi sento in dolce foco il cuore.

                        Pronunciate quel sì, che mi dia vita;

                        ricevete da me la destra in pegno.

D. Anna          Sappialo il genitor. Da lui dipende

il mio voler. Del duca Ottavio io sono

destinata consorte, e sciorre il nodo

da me sola npon posso.

D. Giovanni                            Eh che l’amore

                        Tutto può in noi; e se m’amaste, o cara…

D. Anna          Che vorreste da me?

D. Giovanni                            La destra in dono;

                        e poi sappialo il padre. Eh tutto lice

                        per formarsi un contento; ed io mi rido

                        d’un vano inutile rispetto.

D. Anna                                  E ardite

                        Di parlarmi così? Ma questa è un’onta,

                        che mi provoca a sdegno.

D. Giovanni                            Io vi consiglio

                        Porgermi in don ciò che rapir potea

                        Un cuor più risoluto.

D. Anna                                  E a questo segno

                        Temerario s’avanza il vostro ardire?

D. Giovanni    Sì, resistete invano: io vo’ da voi

                        La vostra mano in dono; o questo ferro

                        Vi darà morte.                                                (impugna lo stile)

D. Anna                                  Ah traditore, indegno!...

                        Servi, padre, chi ascolta…?

D. Giovanni                            E padre e servi

                        Chiamate invano, invano i numi istessi

                        Chiamate, se alla fine a’ cenni miei

                        Non v’arrendete; o questo ferro immergo… (don Giovanni s’alza)

D. Anna          Santi numi del cielo…                                               (alzandosi in atto di partire)

D. Giovanni    (trattenendola per le vesti) Olà fermate…

D. Anna          Ah scellerato!

D. Giovanni                            Io vi ferisco…

D. Anna                                              Indegno!

                        Che violenze son queste?...

D. Giovanni    (vedendo di lontano venire il Commendatore lascia donn’Anna)

                        Ah son scoperto!

                        Farmi strada convien con il mio ferro. (prende la spada e il cappello)

SCENA III - COMMENDATORE, DONN’ANNA ritirata in fondo della sala, e DON GIOVANNI

Commenda    Don Giovanni, che fu?

D. Giovanni                                        Nulla, vi chiedo

                        Licenza di partire.

Donn’Anna                                         Ah padre! È questi

                        Un empio, un traditore. Ei la mia mano,

                        questa mia mano destinata altrui,

temerario voleva. Egli col ferro

giunsemi a minacciare.

Commenda                                      Empio! Le leggi

                        Dell’ospitalità tradire ardiste?

                        Malnato cavalier, chi a voi si affida

                        Oltraggiate, insultate? Uscite, indegno,

                        fuori di queste soglie. Onta simile

                        vuol vendetta, vuol sangue.

Donn’Anna                             (Oh stelle! I servi).                                                     (parte)

D.Giovanni     Commendator, vostra cadente etade,

atto poco vi rende a tal cimento.

Trovate chi per voi la pugna accetti;

son cavalier, risponderò col ferro.

Giuro sull’onor mio.

Commenda                                        Su qual onor,

                        perfido, mentitor?

D.Giovanni                                         Non provocate

                        Lo sdegno mio.

Commenda                                        Lo sdegno d’un fellone

                        Facil è provocar.

D.Giovanni                                         Facile ancora

                        Mi sarà la vendetta.

Commenda                                        Ah più non freno

                        L’ira nel petto mio. Del proprio albergo

                        Non m’arresta il rispetto. Anima indegna,

                        quella spada impugnate.

D.Giovanni                                         Incauto vecchio,

                        ti pentirai del forsennato ardire.

Commenda    Vieni pure.

D.Giovanni                 Son teco.                                                                   (si battono)

Commenda                                        Ahi, son ferito!

                        Torna, barbaro, torna… Ahi non mi reggo.

D.Giovanni     Quel sangue nel mio sen pietà non desta.

                        Chi è cagion del suo mal, pinga se stesso.                           (parte)

SCENA IV - IL COMMENDATORE ferito, poi DONN’ANNA e servi

Commenda    Ah, fugge il vile, il traditore, né posso

Seguirlo, oh Dio! Col vacillante piede.

Ah ch’io manco, ah ch’io cado! Ah figlia, figlia,

non m’ascolti? Ove sei? Misera figlia,

chi avrà cura di te? Numi! Le forze…

m’abbandonano; il cuor manca nel seno.

Tremante il piè… più non sostiene il peso

D’una vita che langue… oggetti foschi

Mirano le pupille… io manco… io moro. (cade morto)

Donn’Anna      Eccomi, o genitor… Cieli! Che miro!

Non respira… è già morto. Ah, dov’è l’empio,

barbaro feritor? Crudo, spietato

che ti fe’ l’infelice? Ah padre amato,

questo tenero pianto, il primo ufficio

sia della mia pietà. Ma da me attendi

la più giusta vendetta. Il re negarmi

giustizia non potrà. Servi, l’estinto

signor vostro dal suol togliete almeno.            (i servi portano altrove l’estinto)

SCENA V - DONN’ANNA sola

Chi mai temuto o sospettato avrebbe

Del perfido nel sen cuor sì feroce?

La dolcezza dei sguardi, il volto umile

Coprian l’anima indegna. Empio, inumano,

potea tentar di più? S’er’ io men forte,

che sarebbe di me? Santa onestade,

quanti hai nemici! In quante guise e quante

tese insidie ti sono! Oh caro padre,

tu mi volesti al traditor vicina;

tu porgesti… Ma no, l’incauta io fui.

Ai primi accenti scellerati, ai primi

Lusinghevoli sguardi, io mi dovea

Colla fuga sottrar.

SCENA VI - DON ALFONSO, IL DUCA OTTAVIO, servi e detti.

D. Alfonso                                          Chi mai, donn’Anna,

                        Voi di un padre privò, me d’un amico?

Donn’Anna      Un barbaro l’uccise. Il suolo asperso

                        Mirate ancor del sangue suo; vendetta

                        Voi chiedete per me.

D.Alfonso                                           Dell’infelice

                        Chi fu l’empio uccisore?

Donn’Anna                                         Ah, don Giovanni.

Ottavio                        Non vel dissi, signor, ch’era un indegno?

Donn’Anna      Ospite in casa nostra…

D.Alfonso                                           A voi commetto,

                        Duca, l’arresto del fellone. Ei cada

                        Nelle forze reali, o vivo o estinto.

Ottavio                        Eseguiti saranno i cenni vostri.                                             (parte)

SCENA VII – DON ALFONSO, DONN’ANNA e servi.

D.Alfonso        Abbastanza non posso il mio cordoglio

palesarvi, donn’Anna. Al vostro affanno

la ragion ponga freno. Alfin la morte

è destin comun. Felice lui

che glorioso morì, che giusto visse;

voi se un padre perdeste, in me l’avrete.

Prove tai vi darò dell’amor mio,

che sarete contenta.

Donn’Anna                             Il primo dono

della vostra pietà, signor, sia questo:

scioliete un imeneo che mi dà pena;

spose non mancheranno al duca Ottavio.

D.Alfonso        Sì, lo farò; ma voi vorrete ognora

                        Viver senza compagno?

Donn’Anna                             Or non discerno

                        La brama del mio cuor.

D.Alfonso                               Vi compatisco.

                        Cesserete dal pianto, e a miglior stato

                        Penserete più cauta.

SCENA VIII – il DUCA OTTAVIO e detti.

Ottavio                                               Invan, signore,

                        di don Giovanni sperasi l’arresto.

Donn’Anna      L’empio fuggì?

Ottavio                                               No, ma ricovro prese

                        Nell’atrio immune, ove del Re la legge

                        Non permette violar le sacre mura.

D.Alfonso        Si raddoppin le guardie all’atrio intorno,

                        sicché fuggire il traditor non possa.

                        Sappia il Re il suo delitto, e voi, Donn’Anna,

                        cessate ormai di lacrimar. Pensate

                        del padre vostro all’onorate imprese,

                        e vi sia la virtù conforto e guida.                   (parte col duca Ottavio)

SCENA XI – DONN’ANNA sola

Facil riesce a chi dolor non sente

Suggerire agli afflitti il darsi pace.

Niuno meglio di me comprender puote

Quant’io perdei nel genitore estinto:

qual altro amor a quel del padre uguale

sperar si può? Misere noi, se in seno

lo speriamo trovar d’infidi amanti!

Aman essi con noi, ma il lor contento,

e scemando il piacer, scema l’amor.

Pietosi dei, per la grand’alma e bella

Dezl mio buon genitor, voi difendete

Questo mio buon genitor, voi difendete

Questo mio cuor dalla comun sventura.

Fine atto IV

ATTO QUINTO –

SCENA I Atrio con vari mausolei, tra i quali la statua del Commendartore DON GIOVANNI, poi ELISA

D. Giovanni    Ah destino crudel, a quale periglio

Tu mi guidasti? A quale lugubre fine

M’hai riserbato? Oh donne, all’uom funeste

Per la vostra beltà! Qual astro fiero,

schiavo mi vuol di contumaci affetti?

Donna mirar non so, che non mi accenda;

fiamma accender non so, che non si spegna.

Ah donn’Anna crudele! O non dovevi

Tollerare i miei sguardi, o men severa

Le ripulse adoprar. Voi pretendete,

donne superbe, incatenar gli amanti,

e ridere al lor pianto, e impunemente

negar pietade a chi piagaste il cuore.

Barbara vanità! Costume ingrato!

Ma di me che sarà? La colpa mia

Rende più grave dell’ucciso il grado.

La figlia sua vorrà vendetta. Ognuno

la mia morte vorrà. Vagliami intanto

questo luogo d’asilo; indi allo scampo

qualche via m’aprirà l’oro, o l’inganno.

Elisa                Eccomi, don Giovanni, ad onta ancora

Della vostra empietà, fida e costante.

Il mio, ch’è vero amor, nelle sventure,

non vi abbandona.

D. Giovanni                                        Eh nel mio mal presente

                        Altro ci vuol che femminili ardori.

Elisa                Posso farvi fuggir.

D. Giovanni                                        Ma come? (Oh sorte!)

Elisa                Due custodi dell’atrio a me congiunti

                        Sono di sangue… Il lor favor potravvi

                        Lo scampo agevolar.

D. Giovanni                                        Lo voglia il cielo!

(Lusingarla convien). Diletta sposa,

di fedeltà, d’amor sincero esempio,

vostro son io, vostro mi vuole il fato;

il fato sì, che voi due voilte elesse

pietosa mia liberatrice e scorta:

mi pento ormai di esservi stato ingrato.

Dica il folle pastor ciò che dir vuole;

così il cielo destina: Elisa deve

esser di don Giovanni.

SCENA II - DONNA ISABELLA in disparte, e detti

Elisa                                                   Or via, la destra

                        Porgetemi di sposo.

D. Giovanni                                        Ah non perdiamo

                        Il tempo, idolo mio; sollecitate

Lo scampo nostro. Sarò vostro, il giuro,

tosto che in libertà con voi mi trovi.

D. Isabella       (Ah traditor!)

Elisa                                                   Sì, voglio a’ detti vostri

Fede ancor prestar, benché tradita;

venite meco; i due german miei fidi

ci additeran la sotterranea via,

che dall’atrio conduce oltre le mura.

D. Giovanni    (Se ti posso fuggir, mai più mi vedi).

D. Isabella       (Non riuscirà del perfido il disegno).

Don Giovanni Tenorio, il ciel vi dia

Pace nel vostro amore.

Elisa                E chi è costui, che importuno ci arresta?                             (a don Giovanni)

D. Giovanni                            (Oh me infelice!)

                        (è un uom che sventurato ha perso il senno.

                        Mille favole sogna, ed a chi l’ode,

                        or di riso è cagion, ed or di sdegno).                         (piano ad Elisa)

D. Isabella       Donna, se vuoi saper lo stato mio,

                        chiedilo a me. Femmina io son tradita,

                        ed hai presente il traditor fellone.

D. Giovanni    (Non vel dissi che è stolto?)                                      (ad Elisa)

D. Isabella                              Amore e fede

                        Mi giurò quell’ingrato; indi spergiuro

                        Mi abbandonò.

D. Giovanni                            (Strana follia!)                                                (ad Elisa)

D. Isabella                              Crudele!

                        Vantati pur di aver schernita e offesa

                        Una semplice donna. Il ciel, ch’è giusto,

                        farà le mie vendette.

Elisa                                       (Ei parla in guisa

                        Che non sembrami stolto).                                                   (a don Giovanni)

D. Giovanni                            (è tale, il giuro;

                        Ma favelli a sua voglia; andianne, o cara,

                        gli amici a rinvenire, e al nostro scampo

                        apran tosto la via).                                                     (ad Elisa in atto di partire)

D. Isabella                              Fermati, indegno.

                        Se tu credi fuggir, affè t’inganni. (da sé)

Elisa                (il sospetto si accresce)

D. Giovanni                            (Ah, qual fatale

                        Non atteso periglio!) (da sé) Andianne, Elisa…

(in atto di partire, e donna Isabella lo trattiene)

                        O ti scosta o ti sveno.                                    (a donna Isabella, ed impugna la spada)

D. Isabella                              Io morir prima

                        Vo’ che partir; non mi spaventi, indegno.                             (si pone in difesa)

SCENA III - DON ALFONSO con guardie e detti

D. Alfonso       Olà, fermate. Fra le regie guardie

                        Tanto s’avanza l’ardir vostro? Audace!

                        Toglietegli quel brando.                                                         (alle guardie)

D. Giovanni                                        (Ah, son perduto)

D. Isabella       (Quando ti cangerai, sorte spietata!)

                        Deh ascoltate, signore…                                                      (a don Alfonso)

D. Alfonso                                          In altro tempo

                        V’ascolterò.

D. Isabella                  (L’empio per or non sfugge).                                    (parte)

SCENA IV - DON ALFONSO, DON GIOVANNI e guardie

D. Giovanni    (Or sì che l’arte por in uso è d’uopo).

D.Alfonso        Voi siete quel signor, che mal vantate

di cavaliero l’onorato fregio.

Il Re morto vi vuole ad ogni costo;

Fame vi ucciderà, se non il ferro.

Non vi sarà chi alimentarvi ardisca,

e chi ardisse di farlo, è reo di morte.

D.Giovanni     Ah sì, giusto è il decreto, io lo confesso.

Due delitti ho commesso. Ambi vendetta

Chiedon contro di me; ma se pietoso

Degnerete ascoltarmi, in lor vedrete

Delle mie colpe alleggerirsi il peso.

D.Alfonso        Difendetevi pur, se vi rimane

                        Ragion di farlo. Che dir mai saprete,

                        dopo la vostra confession del fatto?

D.Giovanni     Dirò, signor, che di Donn’Anna il volto

m’acciecò, mi sedusse; arsi a quei lumi,

ed al fuoco d’amor l’altro si aggiunse

de’ copiosi liquori a lauta mensa

follemente libati. Oh intemperanza

d’alma nobile indegna! Oh trista coppia

di due perfidi numi, Amore e Bacco!

Arrossisco nel dirlo; e pur degg’io

Non asconder il ver. nel fatal punto,

talmente il senso la ragion oppresse,

che più me stesso ravvisar non valsi.

Ah qual astro crudel partire indusse

L’ospite dalla mensa, e me furente

Solo lasciar di tal bellezza accanto!

L’acceso cuore interpretò l’evento

In favor di sue brame: alla mia pena

Chiesi ardito mercé. La bella irata

Con disprezzi e con onte a me rispose,

ond’il furor la terza fiamma accrebbe.

Più ragion non mi resse, alle minacce

L’ira mi trasportò. Venne in mal punto

Il padre armato, e senza udir discolpe,

al cimento m’indusse. Io provocato

colpi vibrai dal mio voler non retti,

ma dal fiero destin, che la mia spada

nel sen di lui miseramente impresse,

onde cadde trafitto. Ecco, signore,

le colpe mie, le confessai, son queste.

Rammentate però, che errai guidato

Da due perfidi ciechi. Ah se gli accenti

Scioglier potesse da quel marmo illustre

L’eroe trafitto, ei chiederia pietade,

signor, per me. Di non aver frenata

la soverchia ira sua forse or si pente,

e in me l’eccesso giovanil condona.

Che giova a lui la morte mia? Che giova

Il mio sangue alla figlia egra e dolente?

Altro, per risarcire i danni suoi,

a me chieder dovrebbe, ed io giustizia

non le saprei negar, la man porgendo

di sposo a lei, che per mia colpa è in pianto.

Don Giovanni perisca: avrà donn’Anna

Risarcito l’onor? Lascerà il mondo

Di dubitar, che abbia difeso invano

La sua onestà da un risoluto amante?

Infelice donn’Anna! Il duol l’opprime,

e non vede il maggior de’ suoi perigli.

So che a troppo m’avanzo. Il delinquente

Fissar non dee del suo fallir la pena.

Però chieder pietade a tutti lice,

e offrirsi a ciò che risarcir può il danno

senza spargere il sangue. Ah, don Alfonso,

voi parlate per me. Voi m’impetrate

la clemenza reale. Abbia donn’Anna

nella mia destra il suo conforto, e voi

se perdeste un amico, un ne acquistate,

men valoroso sì, ma non men fido.

Siatemi protettore. Amor di vita

Non mi sprona a bramar la pietà vostra,

ma del mio sangue, e di mia fama il zelo.

Del gran Re di Castiglia è nota al mondo

La pietà, la giustizia. Or se un esempio

Dar con frutto egli brama, e di lui degno,

non la pena d’un reo, ma la clemenza

d’un pietoso Monarca il mondo ammiri,

che di miseri rei piena è la terra,

ma di regi pietosi è scarso il mondo.

D.Alfonso        Alla pietà non si ricorre invano.

                        Di pregare il mio Re per voi non sdegno;

                        Sì, lo farò, se di donn’Anna il cuore

Placato sia; ma di placarlo il modo

Facil non è; vi lusingate invano,

ch’ella accetti una destra ancor fumante

di sangue a lei sì caro. E voi potreste

una destra esibir, che ad altra sposa

promessa avete?

D.Giovanni                             Una promessa ancora

                        Scioglie si può per riparar l’onore

                        D’una onesta donzella.

D.Alfonso                               Ah, don Giovanni,

                        colui che il nome di Isabella ostenta,

                        mi fa temer di qualche vostro inganno.

D.Giovanni     Signor, la fé di cavaliero impegno

                        Che il mio labbro non mente.

D.Alfonso                               Creder vogl’io,

                        che non osiate profanar il sacro

                        nome di cavalier. Prestar vo’ fede

                        ai detti vostri; ma se sian mendaci,

                        scusa non vi sarà che vi sottragga

                        dal più fiero gastigo.

D.Giovanni                             (Eh mi lusingo

                        Colla fuga sottrarmi al rio destino).

SCENA V – DONN’ANNA vestita a lutto, e detti

Donn’Anna      Deh signore, poiché dagli occhi a forza

m’hanno levato il genitore esangue

per recarlo alla tomba, ah non si vieti

che le lacrime mie versar io possa

su questo illustre venerato avello.

Ombra del padre mio… Stelle! Che miro?

Qui don Giovanni? Ah don Alfonso, udite:

del tradito genitore in nome.

Chiedovi per pietà che l’inumano

In faccia nostra ad ostentar non venga

L’impunita sua colpa, o d’ira accesa

Trarrò di mano a questi servi un’asta

Per trafigger quell’empio.

D.Giovanni                                         (Invan poss’io

                        Sperar pietà dal di lei cuor).

D.Alfonso                                           Donn’Anna,

moderate lo sdegno. Al Re si aspetta

i rei punir, ma i rei punir non suole

senza prima ascoltarli. Ha don Giovanni

chiesto pietà; da voi dipende; udirlo

se vi aggrada potete, e se discaro

non evvi ciò ch’ei di propor destina,

la clemenza del Re mancar non puote.

Donn’Anna      Che mai dirà quel traditor indegno?

                        Che propor mi potrà, che non sia parto

                        Del suo perfido cuor?

D.Giovanni                             Pietà, donn’Anna,

eccomi a’ vostri pié; da voi dipende

la mia vita non men che l’onor mio.

Morto voi mi volete? Ecco il mio seno,

trafiggetelo voi di vostra mano.

Meglio l’ira saziar così potrete,

ed io morrò, senza lo sfregio almeno

d’una pubblica pena. Ah, rammentate,

che amor cieco mi rese, e che la fiamma

in que’ vostri begli occhi amor accese,

onde il cuor m’arse; e che il mirarvi, o bella,

e starvi presso inosservato e solo,

e non languire e non bramar mercede,

impossibil si rende. A un disperato

per le vostre ripulse e chi poteva

porger freno o consiglio? A provocarmi

venne in mal punto il genitor… Ma invano

scuse vo proponendo al mio delitto.

Sono reo, lo confesso, io morir deggio;

né per serbar quest’odiosa vita

mi vedete prostrato. Ah, sol vi chiedo

per pietà, se pietade in cuor avete,

che vi caglia serbar, se non la vita,

l’onore almen d’un sventurato amante.

Donn’Anna      Perfido! L’onor vostro a me chiedete;

                        e il mio, contro di cui tentaste insulti,

                        chi difender potrà dall’ombra indegna?

D.Giovanni     Risarcir lo potrebbe… Ah, folle io sono!

                        L’impossibil mi fingo, e al vostro sdegno

                        Nuovi stimoli aggiungo.

Donn’Anna                                         Via, seguite:

                        quale sarebbe il disegno?

D.Giovanni                                         A voi la destra

                        Porger di sposo.

Donn’Anna                                         Scellerato! A tanto

                        Vi avanzate voi meco? Ed io vi soffro?

                        E voi, signor, d’un mentitore gli accenti

                        Mi obbligate ascoltare?

D.Alfonso                                           Il fine intendo

                        Delle vostre contese.

D.Giovanni                                         Oh generosa,

oh pietosa donn’Anna! Al padre vostro

l’ira sacrificar piacciavi, o bella,

non il sangue d’un reo che pietà chiede.

Queste lacrime mie dal duol spremute

Di vedervi per me dolente e mesta,

del pentimento mio vi faccian fede.

Deh non siate crudele…                                                       (s’inginocchia)

Donn’Anna                                         Al Re dovete,

                        non di femmina umil gettarvi al piede.

D.Giovanni     Ah no! Dal suol non sorgerò, se pria

                        Da’ labbri vostri il mio destin non esca.

                        Pronunziate, crudel, la mia sentenza:

                        condannatemi voi, ch’io son contento.

Donn’Anna      Sorgete, dico. (Ahimé! Qual fiero incanto

                        Formano sul mio cuore le sue parole!).

D.Giovanni     (comincia a impietosir). Su via, togliete

dal dubbio cuor dell’avvenir la pena.                                    (sorge)

Eccovi don Alfonso: a lui spiegate

La vostra crudeltà. Morir son pronto,

e comunque a voi piaccia. Almen placate

col sangue mio del vostro cuor lo sdegno.

Un sol dono vi chiedo, e poi contento

Vado a morir. Volgete a me lo sguardo,

un momento soffrite i mesti lumi

d’un che muore per voi. Può chieder meno

dalla vostra pietade un infelice?

Donn’Anna      Mi chiedete uno sguardo? Ed a qual fine?

                        Forse sperando di sedurmi a forza

                        Di mentiti sospiri? (Ah che in mirarlo

                        In atto umil, con sì bel pianto agli occhi,

                        avvilisce il mio sdegno!)

D.Alfonso                                           E donde nasce,

                        donn’Anna, il nuovo cangiamento e strano

                        che nel vostro sembiante or io discerno?

                        È pietade, è rossore? È sdegno o affetto?

                        Palesatemi il ver.

Donn’Anna                             Signor… l’orrore…

                        Se potessi… Ma no…

D.Alfonso                               Basta, v’intendo.

                        Ricomponete i combattuti affetti.

                        Don Giovanni, per ora il destin vostro

                        Sospeso è ancor. Né accelerar vi caglia

                        Ciò che potrebbe migliorare il tempo.

D.Giovanni     Grazie a vostra bontà. (Verrà la notte,

                        tornerà Elisa, e fuggirò il periglio).

Donn’Anna      (Ombra del padre mio che qui ti aggiri,

                        la debolezza del cuor mio perdona.

                        Son donna alfin…)

SCENA VI – un PAGGIO e detti

Paggio                                    Con questo foglio a voi,

                        signor, diretto, un messaggiero è giunto.

D.Alfonso        Leggasi il foglio, e tu trattieni il messo.                                 (il paggio parte)

D.Giovanni     Prove tai vi darò della mia fede,                                           (a donn’Anna)

                        Che potranno cancellar l’antico errore.

D.Alfonso        (Che lessi? Oh infedeltà!)

D.Giovanni                                         (Turbato è Alfonso).

D.Alfonso        (Quanti perfidi inganni!)

D.Giovanni                                         (Ahimé che fia?)

D.Alfonso        Don Giovanni, ascoltate. È questi un foglio

                        Del vostro Re dal Segretario istesso

                        D’ordine regio a me diretto.

D.Giovanni                                         (Oh stelle!)

D.Alfonso        (legge) “Don Giovanni Tenorio, il cui sfrenato

perfido cuor di mille colpe è reo,

s’involò dalla patria, e seco il cuore

l’empio portò di una donzella illustre;

Donna Isabella, unica figlia e cara

 Del duca invitto d’Altomonte, è quella,

Che tradita rimase. Or l’infelice

Sotto spoglia viril segue l’indegno,

che il cammin di Castiglia ha preso, in quello

sperando ritrovar scampo ed asilo.

S’ambi in poter del vostro Re sien giunti,

cura prendete della donna offesa,

indi fra’ lacci il traditor vi piaccia

spedir a noi, perché punito ei resti”.

Donn’Anna      Cieli, che intesi mai!

D.Giovanni                             (Questo mi perde).

D.Alfonso        Don Giovanni che dite?

D.Giovanni                             Un foglio è quello

                        Che mentito sarà…

D.Alfonso                               Non mente il foglio.

Voi mentitor, voi cavaliere indegno,

moltiplicate i scellerati inganni.

Vi perseguita un stolto, e fole inventa,

e non è qual si dice, e l’onor vostro

impegnate a provarlo? Ah quale onore,

misero cavalier, sognando andate?

Tutto è scoperto alfin. Donna Isabella

È colei ch’ingannaste, ed or vi segue.

Furor vi spinse e sregolato amore

Donn’Anna ad oltraggiar. Sdegno inumano

Contro il Commendator vi armò la destra

Non andrete alla patria in lacci avvinto.

Qui dovete morire. All’atrio intorno

Sieno i custodi raddoppiati. All’empio

Niuno porga soccorso. Andrò io stesso

Del mio Monarca ad affrettar lo sdegno.                                         (parte)

SCENA VII – DON GIOVANNI, DONN’ANNA e guardie

D.Giovanni     Ah donn’Anna, pietà!

Donn’Anna                                         Pietà mi chiede

                        Chi pietà non conosce? Empio! Abbastanza

lusingar mi lasciai da’ vostri inganni.

Misera me s’io secondato avessi

Il desegno crudel del vostro cuore!

A qual barbaro strazio, a qual destino

Riserbata mi avreste? Il ciel pietoso

Mi soccorse per tempo. Alzate i lumi,

barbaro, a quella gloriosa imago:

voi gli apriste nel sen la crudel piaga,

e con essa chiedendo al ciel vendetta,

l’alto potere invocherà de’ Numi.

SCENA VIII – DON GIOVANNI, poi CARINO e guardie

D.Giovanni     Dunque morir degg’io, perfide stelle?

Finito ho di sperar? Ah un ferro almeno

Mi togliesse la vita, e mi stroncasse

La vergogna e il dolor. Vieni, Carino,

vieni, amico pastor. Tu mi soccorri,

tu mi presta conforto in questo estremo

giorno per me fatal.

Carino                                                Darovvi aita,

                        per avermi infedel reso la sposa?

D.Giovanni     Vendica i torti tuoi. Non ti chied’io

Vita, né libertà; morte ti chiedo.

Svenami per pietade. Io sono stanco

D’attender più della mia vita il fine.

Carino             Siete voi disperato?

D.Giovanni                                         Sì, lo sono;

                        per me non vi è più scampo. È la pietade

                        terminata per me. Sono crudeli

                        meco gli Dei, se Dei vi sono in cielo.

Carino             Non parlate così. Vi sono i Dei;

                        e crudeli non sono. A lor volgete

                        con umil cuor le calde preci, e i voti

                        e il soccorso verrà.

D.Giovanni                                         Che dei, che voti?

                        Che sperare poss’io dal sordo cielo?

                        Già per lunga stagion perduto ho l’uso

                        Di favellar coi Numi.

Carino                                                (Il cuor mi trema).

                        Ma lo stato in cui siete, almen vi faccia

in voi stesso tornar. Da chi potreste,

se la negan gli Dei, sperare aita?

Pentitevi di cuor. Via Don Giovanni;

se siete cavalier, non disprezzate

d’un pastore il consiglio. È forse questa

l’ultima volta che per me vi parla

la celeste pietà. Mirate il cielo…

D.Giovanni     Ah, che piuttosto invocherò d’Averno

le terribili furie. Esse verranno

a lacerarmi il seno. A un disperato

pietà non giova, inutile è il consiglio;

deggio morir, ma venga seco a trarmi

una volta la morte. Iniquo fato!

Empia sorte! Crudel, barbara madre,

che mi desti alla luce! Empia nutrice,

che nella culla non troncasti il filo

di sì perfida vita! Oh maledetto

giorno in cui nacqui! Oh scellarati affetti,

che nutriste il mio cuor! Donn’Anna, Elisa,

Donna Isabella! Ah chi di voi mi svena?

Svenami tu pastore.

Carino                                                (Inorridisco!)

                        Deh calmate il furor che sì v’accieca;

                        ritornate in voi stesso.

D.Giovanni                                         Eccomi alfine

disarmato, rinchiuso, e da ria fame

tormentato, e da sdegno aspro e feroce.

Commendator, che fai? Perché non vieni

A vendicar il sangue tuo? Quel marmo

Perché non scende a precipizio, e seco

Me non porta sotterra? Ah potess’io,

pria di morire, un’altra volta almeno

lacerare il tuo sen! Numi spietati,

deità menzognere, il vostro braccio

sfido  a vendetta. Se fia ver che in cielo

sovra l’uom mortal vi sia potere,

se giustizia è lassù, fulmine scenda,

mi colpisca, mi uccida e mi profondi

nell’inferno per sempre.

(Viene un fulmine che colpisce don Giovanni; la terra si apre, e lo sprofonda. Carino spaventato fugge, poi torna)

Carino                                                            Aimè! Soccorso.

SCENA ULTIMA – DON ALFONSO, DONN’ANNA, DONNA ISABELLA, il DUCA OTTAVIO, ELISA e CARINO.

D.Isabella        Udite il ciel, che a fulminar c’invita

                        Quell’indegno impostore.                                          (a don Alfonso)

Donn’Anna                             Ha forse il cielo

                        Destinata la vittima al suo braccio?

D.Alfonso        Don Giovanni dov’è?                                                (a Carino)

Carino                                    Lontano assai.

D.Alfonso        Come? Fuggì?

Carino                                    Se lo portò il demonio.

D.Alfonso        Che dici?

Carino                                    Oimè! Per lo spavento appena

                        Favellar poss’io. Cotante ingiurie

                        Contro i Dei pronunziò, che un fulmin venne;

                        lo colpì, s’aprì il suolo, e più nol vidi.

D.Alfonso        La giustizia del cielo ha prevenuto

                        Il tardo colpo di giustizia umana.

                        Donna Isabella, ritornar potete

                        A vostr’agio alla patria. I vostri voti

                        Fur da’ Numi esauditi, e i vostri torti

                        Risarciti miraste.

D.Isabella                                           Ah, che non basta

                        Questo lieve conforto a mie sventure.

Ottavio                        Donna Isabella, non poss’io spiegarvi

                        Quel che pensa il mio cuor. Basta… col tempo

                        Potrò dar qualche sfogo al mio cordoglio.

D.Isabella        Questa vostra pietà scema il mio duolo.

                        Consolar mi potete.

Elisa                                                   Al scellerato

                        Nuova pena s’accresca. Ei m’ha tradita;

                        a voi chiedo vendetta.

Carino                                                Invan la chiedi.

                        La fe’ il cielo per tutti.

Elisa                                                   E tu, Carino,

                        sarai meco crudel?

Carino                                                Va da me lungi

                        Quanto corre in un dì cacciata fera.

                        M’ingannasti due volte. Affè, la terza

                        Non t’ha da riuscir.

Elisa                                                   Giuro…

Carino                                                            T’accheta

                        La tua fede conosco, e ciò ti basti.

D.Alfonso        Non ti lagnar di lui, ma di te stessa,

                        se di fede il tuo cuor ti rese indegna.

Elisa                Non per questo morir vogl’io di duolo;

                        a chi manca beltà, mancan gli amanti.

D.Alfonso        Torna alle selve, e non venir fastosa

                        A seminar fra i cittadini gli ardori.

Elisa                Oh sì, che sono i cittadini vostri

innocenti e discreti. Alle mie selve

tornerò per fuggir la gente trista;

che mai sedotta m’averia un pastore,

 qual meco fece un cittadin malvagio.

Io de’ nostri pastor conosco il cuore,

e li volgo a mia voglia, e son nell’arte

d’imprigionare i loro cuor maestra.

Ma i cittadini, ohimè! Son tutti inganni;

e la donna più scaltra ai scaltri amanti

ceder convien delle menzogne il vanto.

D.Alfonso        Chi crederebbe che sì rio costume

                        Serpendo andasse fra le selve ancora?

                        Andianne, amici, e dell’indegno estinto

                        Il terribile esempio ormai c’insegni,

                        che l’uom muore qual visse, e il giusto cielo

                        gli empi punisce, e i dissoluti abborre.

Fine della Commedia

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno