Donna Leonora nobile e giacobina

Stampa questo copione

LENOR

DONNA LEONORA

NOBILE E GIACOBINA

Commedia in due parti di Mariano Burgada

Siae 120850

Personaggi

Eleonora Pimentel de Fonseca

Vincenzo Cuoco

Gennaro Serra

Vincenzo Russo

Nicola Fasulo

Gennaro Giordano

Domenico Cirillo

Mariangela Carafa

Maddalena Serra

Chiara Pignatelli

1°, 2°, 3° lazzaro

Aniello

Scellone

Prete

Cafone

Cafona

Giulia

Banditore

Guidobaldo

Scrivano

Suora

Fravulella

4 detenute

1°, 2° passante

Soldato francese

1°soldato borbonico

2°soldato borbonico

1°, 2°, 3°, 4°, 5° strillone

Popolo, lazzari e camorristi.

ST - 2 atti  - 18m – 10f

A Napoli a partire dal settembre del 1798  fino alle ore 18,00 del 20 agosto 1799.

                                            ATTO  PRIMO

SCENA 1/1

(Cafone, cafona, 1°lazzaro, lazzari)

In una piazzetta di Napoli, durante la piedigrotta del 1798, un gruppo di lazzari si nasconde per sorprendere qualche passante con scherzi tipici di quella festa. In lontananza si odono canti, suoni e risate. Entra in scena una coppia di cafoni e sulla testa dell'uomo cala un grosso pitale di carta velina legato ad una lunga canna.

Cafone        - (Gridando) Aiuto, ch' e' succieso?

Cafona       - Toto', che t' he mise 'ncapo?

Cafone        - Una cosa misteriosa.

Cafona       - No, è nu  candaro.

Lazzari       - (Escono dai loro nascondigli ridendo).

Cafona        - Aiuto, 'e brigante 'nce vonno cogliere.

1°lazzaro    - Ma c'hamma cogliere, 'e cucuzielle?

                   (Tutti ridono ed iniziano a danzare in cerchio

                   intorno ai due alludendo alla ragazza)

                   Cucuzie', cucuzie' tiene chistu bellu                                                  sciorillo?

                  

CANTO DI PIEDIGROTTA

Chest'e' 'a festa 'e Piererotta

e la gente se ne fotte

de li guaje e li gabelle:

vo' penza' c"a vita è bella,

vo' fa' finta ch'è felice

ca so' muorte li nemice

ca se po' sempe magna'

e se trova 'o fatica'.

Chisto è 'o suonno 'e Piererotta,

dura solo chesta notte,

po' fernesce  l'allegrezza

e se torna int'a munnezza.

Cafone        - Lassate sta' 'a muglierema.

1° Lazzaro - 'Sta bella figliola t"è mugliera? Chella

                   pare 'na figlia d''a toja.

Cafone        - Scrianzato, brigante.

Cafona       - Malandrini.

Cafone        - Statte zitta tu, e acala l'uocchie 'nterra.

                   (I lazzari riprendono a cantare come prima)

CANTO DEI LAZZARI

Nuje nun simme li brigante

ca te fanno 'o mazzo tanto;

Nuje nun simme malandrine

ca te fanno 'na mappina;

Nuje nun simme 'a pulizia

ca te fa 'na fetenzia;

Nuje nun simme 'a nubiltà

ca te vo' sule sfrutta'.

Simme sulo juvinotte

e de tutto 'nce ne fotte,

nuje campamme alla jurnata:

maje nisciuno 'nc'ha strunziato.

Ne' padrone, ne' fatica,

a nuje piace cchiu' 'na fica

cu nu poco 'e pane tuosto

e dicimme:'O munno è 'o nuosto.

(Mentre ballano e cantano, i lazzari scherzano con il cafone. La cafona si lascia corteggiare lusingata. Entrano in scena alcune persone, alla vista delle quali i lazzari interrompono il loro gioco).

SCENA 2/1

(Russo, Lenor, Serra, Fasulo e detti)

Cafone        - Aiuto, ca 'nce stanno accidendo.

Lazzari       - (In coro) Bumm!

1° lazzaro   - Signo', nuje stamme schizzando.

Cafone        - E schizza 'nfacci'a soreta.

1°lazzaro    - Embe'? E dice sti parole 'nnanze 'a sti                                          signure, nun te miette scuorno, scurnacchiato?

Russo         - Basta cosi?

1°lazzaro    - (Sorpreso) Chi site, 'nu feroce?

Russo                  - (Non capendo) Feroce?

                   (I due cafoni approfittano per allontanarsi).

Fasulo        - (Da dietro sottovoce a Russo) Feroce significa                              sbirro, poliziotto.

Russo         - Veramente... 'o vuo' sape'?

1°lazzaro    - Va parlanno.

Lenor          - (A Fasulo) Andiamo via, questi ci sbranano.

Serra                    - Stai calma, Lenor, non fare mosse brusche e fai                                    finta di non aver paura.

Fasulo        - Ma che so' cane 'e presa?

1°lazzaro    - E allora? Site feroce o no?

Russo                  - Non siamo feroci, ma... possiamo diventarlo, se

                   fate i birbanti.

1°lazzaro    - Ma qua birbante, signo'. Nuje simme povera

                   gente, ca 'na vota all'anno se fanno 'na resata

                  pe se scurda' la miseria, ch'è brutta assaje.        

Ma che ne putite sape', ca sicuramente magnate,

                   nun solo tutt'e juorne, ma sicuramente cchiu'

                   'e 'na vota 'o juorno, se sente ancora addore.

Lazzari       - (Tutti in coro lagnosi) Datece quacche cosa.

                   Facite magna' pure a nuje povere disgraziate.

                   Almeno nu carlino. Ne', bella signo', facite

                   'na crianza, dataville 'nu pizzeco 'ncopp'a

                   panza.

                   (Lenor fa per prendere i soldi dalla borsetta).

Fasulo        - No, se cacci i soldi non ce li leviamo più da torno.

1°lazzaro    - E rinfriscate l'anime de meglie muorte  vuoste.

Russo         - Amici, sentite...

1°lazzaro    - Dicite, cavalie'.

Russo                 - Vorrei fare alcune domande a tutti voi.

1°lazzaro    - Parlate cu' me: risponn'io pe' tutte quante.

Russo         - Perché  parlate  per tutti?

1°lazzaro    - Pecché saccio comm''a pensano 'e cumpagne mieje.

Fasulo        -Sta bene, la domanda l'he fatta, 'a risposta                                            'nce stata: ce ne possiamo andare.

Russo         - Amico, noi siamo fratelli e per questo lottiamo

                   per darvi la libertà.

1°lazzaro    - La libbertà?  Guagliu', 'o cavaliere 'nce vo'

                   da' 'a libbertà... a nuje.

Lazzari       - (grossa risata).

1°lazzaro    - Cavalie',  dateme licenza di farvi io umilmente una                      dimanda: Ma vuje site un uomo libbero?

                   (I lazzari circondano il gruppo).

Fasulo        - Capito l'antifona, cercamme 'e 'ncia' squaglia'.

Russo                  - Amico, io parlo della libertà dall'oppressore,

                   del malgoverno di un re che ti mantiene

                   volutamente in queste condizioni...

Lazzari       - (Si guardano schifati) In quali condizioni?

Fasulo        - (Cercando di minimizzare) Quali condizioni?

Russo         - (Esaltato) E chesta è vita. Chesta è na

                   schifezza 'e vita.

                   (Tutti in silenzio)

1°lazzaro    - Questa vita nun è 'na schifezza, è 'na  chiavica.

Russo         - E perché?

1°lazzaro    - Nun 'o ssaccio, siete voi l'intenditore.

Russo         - Perché non lavorate.

1°lazzaro    - E' una dimanda o una risposta.

Fasulo        - Una risposta.

1°lazzaro    - E allora la risposta è sbagliata.

Russo         - No, è una domanda.

1°lazzaro    - Allora t"o ddic'io pecché nun faticamme?

                   Pecché 'a fatica 'a facimme fa all'ate.

                   E nuje magnamme e bevimmo senza suda'.

                   Mo m''e dicere pecché avessa vule' male a Tata

                   nuosto, ca 'nce permette 'e vivere meglio de

                   isso, ca sarrà pure nu rre, ma certo tene

                   quacche penziero cchiu' 'e nuje: adda mantene'

                   a tanta magnafranche attuorno a isso.

                   E mo' che la risposta vi ho favorito,

                   favoriteci vuje quacche cosa 'e solde.

                   (Grande tensione e aria minacciosa dei lazzari).

(Improvvisamente compaiono in scena, alle spalle di Russo ed altri, alcuni camorristi. I lazzari cominciano a fare inchini ossequiosi e scappano via, mentre Russo e gli altri non capiscono il perché di questa  fuga).

SCENA 3/1

(Aniello, Scellone, camorristi e detti)

Russo         - Perche' sono scappati?

Fasulo        - Se so' mise paura 'e me?

Aniello       - (Da dietro facendo di no con la testa e con la

                   bocca).

Fasulo        - Chi è?

                   (tutti si girano sorpresi)

Aniello       - Nisciuna paura, 'e gualiune hanno esecuito un

                   mio ordine.

Russo                  - Salute e bene donn'Anie', nuje stamme cca' pe' vuje.

Lenor          - Chi e' il nostro salvatore.

Serra          - Il camorrista più grosso di Napoli, tutto il

                   contrabbando passa per le sue mani.

Lenor          - Pure il nostro materiale?

Serra          - (fa cenno di si).

Anielo        - E siete venuti tutti in cumitiva, compreso la signora?

Russo         - Veramente ho portato qualche amico fidato e la

                   gentile signora, per poter nascondere più

                   facilmente indosso il materiale che mi dovete dare.

 In questi ultimi tempi la polizia è

                   diventata molto sospettosa e se vede borse o

                   pacchi li perquisisce di sicuro, invece        addosso...

Aniello       - ...addosso, la stampa rivoluzionaria c'arriva

                   dalla Francia de' giacubbine, quella ca parla

                   contro 'o rre e va truvanno 'a ripubbrica,

                   non si vede, ma... si sente, perché puzza.

                   Puzza di tradimento e a me, 'a gente ca sputa

                   dint"o piatto addo' magna, nun me piace.

                   Io faccio il contrabbando ma nun faccio

                   o traditore do' tata nuosto.

Russo                  - Donn'Anie' ma voi sapevate che...

Aniello       - M' aviveve ditto ca era robba ca veneva dalla                              Francia, ma io me pensavo ca era robba onesta,

                   rumanze d'ammore, insomma robba 'e femmene ...                        senza offesa alla signora. Ma no chesta robba.

                   Pirciò dateme 'e solde, pigliateve 'a rrobba

                   e nun ve facite vede' cchiu'.

Russo         - Ecco qua' 'e solde, comme stabilito.

Aniello       - So' poche. Si ce pigliano cu 'sta rrobba                                        'ncuollo ce tagliano 'a capa e 'na capa comm"a                                       mia quanno vale?  Mi dovete n'atu tanto.

Russo                  - Come, il doppio?  Questo nun è onesto?

Aniello       - Cavalie', mmesurateve 'e parole. Ma pecché,

                  chello ca state facenno vuje è onesto?

Fasulo        - Donn'Anie' scusate, cca' nisciuno vi vuole                                  offendere.  Tenite, questo è il resto dei                                          soldi.  Vi prego,  facciamo presto,  datece  'a 

                   robba,  che stiamo tutti in pericolo.

Aniello       - (Fa cenno ai suoi che corrono a prendere dei

                   plichi di carta e dei libri che vengono presi

                   e nascosti dai giacobini sotto gli abiti)

                   'O cavaliere e' persona a modo.  Sape

                   comme se vive. (Guarda attentamente le facce

                   di tutti creando in loro un certo imbarazzo).

Fasulo        - Andiamo, non perdiamo altro tempo. Ognuno per

                   una strada, ci vediamo al solito posto.

                   Donn'Anie' stateve bbuono.

Aniello       - Salute 'o ssignuria. Scello', siente na cosa,

                   ma tu si' ancora amico 'e chillu "feroce" ca va

                   truvanne sempe' 'e sape' tutt"e fatte nuoste.

Scellone      - 'E comme no. Io 'nce dongo quacche nutiziella e                                    isso chiude 'n' uocchio  quanno  serve.

Aniello       - E allora vide 'e cumbina' 'nu  faccia a

                   faccia, ca 'sta vota ci sara' moldo                                                    arricunuscente. Po' essere pure ca 'o rre 'nce

                   manna 'na borza 'e ducate.

Scellone      - E' sicuro, Ferdinando è de core, nun s"a tene  'na                                  bona azione.

Aniello       - E mo' jamme tutte quante a bevere addu' Papele

                   'o tavernaro: pavano chilli strunze de'                                                      giacubbine.  Scello' famme sentere 'a puisia ca                                dice sempe 'o rre  Ferdinando quanno fanno 'e                                   feste?

Scellone      - No, chille 'a dice pe' fa schiatta' ncuorpo

                   a chella pereta 'e Carulina, la tetesca ca vo'

                   fa 'a riggina ca puzza sott"o naso. Isso                                           invece è cchiu' normale, insomma è n'ommo                              comm'a nuje.

Aniello       - 'O dice a me? Te si scurdato ca è venuto a

                   pisca' 'ncopp"a varca mia e simme state 'na

                   jurnata 'nzieme? 'O facette credere c'aveva

                   piscate cchiu' assaje 'e tutte ll'ate e isso

                   fuje assaje cuntento e me rialaje buono.

                   E allora, m'ha faje senti' sta puisia.

Scellone      - Puisia di Ferdinando

                   che a magnare magna tanto

                   e pirciò friquenta spesso

                   quella stanza con il cesso.

                   Allora ... puisia.

                   Quanno è bello lu cacare

                   meglio assaje de lu magnare.

                   A magna' se fa fracasso

                   cu li serve e li vajasse,

                   a cacare a sulo a sulo

                   te la godi tu e lu culo.

Lazzari       - (Grosse risate e vanno via cantando)

CANTO PER FERDINANDO

Lu re nuosto Ferdinando

di cose belle

n'ave fatte tante,

ma chello ca cchiu' conta

'e chistu re Burbone,

ca è proprio comm"a nuje,

nu vero lazzarone.

Ca è proprio comm"a nuje,

nu piezz"e maccarone,

Ca è proprio comm"a nuje,

nu piezz"e chiavicone.

(Escono tutti)

SCENA  4/1

(Prete, popolani)

Prete           - Carissimi figlioli in Gesù Cristo, un pericolo                                molto grave minaccia il nostro amato Regno,

                   minaccia le nostre terre, minaccia le nostre case, le                         nostre mogli e le nostre figlie: li  francesi, i giacubbine, i                        senza Dio.

                   Questi uomini immondi stanno sovvertendo                                            l'equilibrio naturale della societa': vulessero

                   mettere 'o munno sott"e 'ncoppa, ma chello ca  è  peggio                        scatenano rivoluzioni  contro l'ordine costituito,                                   fomentano violenze, tagliano cape a gente innocente,                            appicciano chiese, sequestrano conventi e                                               seviziano femmine e bambini fino a  dint"e  case         della                    povera gente.

                   Noi non vogliamo che questa feccia umana arrivi                                    nelle nostre case, a spezzare questa nostra vita, le nostre                        cose semplici, la serenità, la  pace e la tranquillità del nostro                  Regno.

                   I figli del  demonio stanno oramai occupando                                molte grandi città civili a nord dell'Italia e  come una peste,             stanno diffondendo questo male,  che è  la  ribellione senza                  motivo, contro il  potere legittimo.

                   Pregate fratelli, perché il Signore, nella  sua infinita bontà,            non ci esponga a questo  flagello e non ci induca nella                            tentazione di desiderare una falsa libertà.

                   Ci conservi  intatto, nella sua attuale serenità il nostro

                   beneamato Regno e colui che, come un padre

                   premuroso, lo sostiene e ci governa: 'o rre  Ferdinando.

                   (Applauso del popolo)

                   Da questo momento vigilate, tenite ll'uocchie  apierte:                             chiunque potrebbe essere il messaggero

                   di Satana e covare idee giacubbine.

                   Sono questi  traditori che spalancano le porte della

                    nostra  città a questo male moderno che, come tutti

                   i  mali, farà le sue vittime e così appagato,  svanirà.

                   Denunciate i sospetti perché questo                                                         potrebbe essere la vostra salvezza.

(Terminata l'omelia, il secerdote imbraccia il Crocifisso e alla testa del popolo s'incammina cantando "T'adoriamo Ostia divina").

SCENA  5/1

(Mariangela Carafa, Maddalena Serra, Chiara Pignatelli)

Maddal.      - Questi sorbetti siciliani, cara Maddalena, sono veramente squisiti. I siciliani hanno una tradizione antichissima che risale addirittura alla dominazione araba.

M.Angel.    - Mi viene difficile pensare che gli arabi

                  sapessere fare delle cose così raffinate.

Maddal.      - Oggi se una cosa non viene da Parigi...

                   Con tutto il rispetto per la "patrie de la                                          revolution", anche noi abbiamo alle spalle una                                grande cultura, quella classica, quella della

                   Magna Grecia che proprio loro, i francesi, gli

                   illuministi, ci invidiano.

Chiara        - Hai detto bene "alle nostre spalle", perché

                   oggi, oramai, abbiamo quello che abbiamo o

                   forse quello che ci meritiamo: questa bella

                   corte, così "raffinata e colta". Voi sapete

                   le poesie che il re va dicendo davanti ai

                   suoi dignitari per fare lo spiritoso.

Maddal.      - Sappiamo, sappiamo. Risparmiacela.

Chiara        - Con grande disappunto della moglie Maria Carolina, che non perde occasione per          lanciargli delle occhiate di fuoco davanti a tutti. Ho visto proprio io questa scena.

M.Angel.    - Figuriamoci come si arrabbia. Quella è  sempre così                             compunta, altezzosa.

Maddalena - Si, compunta e altezzosa davanti, ma indietro è peggio d'isso. Qualche vizietto lo tiene pure lei, e non sono certo vizietti leggeri.

Chiara        - Io, che frequento la corte, vi posso dire con  certezza che             loro vivono oramai come due  estranei legati solo da                      interessi comuni. D'altra parte a Ferdinando essa nun' è                    mai  piaciuta. A lui piacciono le belle donne,  giovani e                             formose.

M.Angel.    - Lei, quando arrivò da Vienna, pareva 'na  mazze 'e scopa. Mi disse il duca Marullo,   gentiluomo di camera, che 'o rre, 'a  primma vota c"a vedette, 'nce steve venenne 'na  mossa.

                   Disse: "Maru', ma chesta, 'mpietto, che tene, 'na tavuletta?"

Maddal.      - Che pensiero profondo.

M.Angel.    - Io, quell'unica volta che andai in udienza, quando feci l'inchino,  mi guardò dentro alla scollatura con uno sguardo... non lo so, azzeccoso.  A me me diede fastidio.

Maddal.      - E si, al poveretto 'nce mancavano 'e femmene.

Chillo se tene chelli pullanchelle: a S.Leucio, tutt'e  figli delle operaie della seteria, songo figli suoi. E' overo, Chiare'?

Chiara        - E' overo, è vero. Ma tu 'o saje ca si 'e guarde buone, tutt'e piccirille d'o paese teneno 'o naso 'e pippa comm'a isso.

                   (Ridono)  Intanto isso sbarea lla' e essa, donna Carolina, se                    ne vede bene cca'. L'ultima fiamma è il bel Caracciolo,                      l'ammiraglio.  Lui va sul ruspante, lei sulle alte cariche.                         Dall'ammiraglio Acton all'ammiraglio Caracciolo: ha fatto 'o                cambio di guardia.

                   (Ridono)

Pero', stavolta, con Caracciolo ha fatto fetecchia, regina e bona. Caracciolo non è caduto nella rete della Sirena.

Mariangela e Maddalena  - Veramente? E comme maje?

Chiara        - Secondo me, nu poco per non mettersi contro Acton, il suo amante, ma anche perche' credo  che          Caracciolo tiene una relazione con la moglie dell'ammiraglio Nelson,  la bella lady Hamilton.

M.Angel.    - Nelson tiene le corna?

Maddal.      - Ave ragione, chella è una donna bellissima.

M.Angel.    - E Nelson è brutto, è viecchio, senza 'nu braccio, senza n'uocchio e chi sa' che cosa gli manca ancora e chella so' va

                   a spusa'?

                   (Ridono)

Maddal.      - Angeli', secondo te pecché se l' è sposato?

M.Angel.    - Non voglio credere per i soldi.

Chiara        - E allora perché?

M.Angel.    - Per i soldi.

Maddal.      - E essa, Carulina, comme l'ha presa il rifiuto?

Chiara        - E come lo doveva prendere. Male, no.

E' diventata cchiù acida del solito. Mo' si  sta sfogando con gli impegni di governo e        soprattutto intensificando la persecuzione  contro i fratelli giacobini.  Ha creato un clima di sospetto in tutta la città. Basta ca uno dice ca t'ha visto 'e parla' cu  nu giacubbino e finisci subbito 'a Vicaria.

Maddal.      -In verita', questo lo sta facendo già da quando le hanno decapitato la sorella Maria Antonietta a Parigi. Uno  spirito di vendetta, oltre la paura di fare  la stessa fine.

Chiara        - Si, questo è comprensibile, ma lei non è una persona comune, è sempre una regina. Dovrebbe capire che oramai i tempi cambiano, che oggi  gli eventi politici si propagano con  rapidità  di nazione in nazione.

Bonaparte sta facendo piazza pulita di tante monarchie in mezzo mondo e al loro posto stanno nascendo le repubbliche, democrazie,  il governo del popolo.

Se fosse stata intelligente, invece della stupida vendetta, avrebbe  dovuto impegnare  le sue energie in un governo più morbido, più accattivante, magari con qualche concessione  al popolo.

Maddal.      - E secondo te l'Inghilterra le permetteva di fare una politica cosi'. Quello, Nelson, sta qua proprio per questo, per tenerci sempre sotto controllo e per non farci fare accordi con la Francia, che gli inglesi odiano a morte.

Chiara        - Secondo me, Carolina, non capisce  niente di strategie politiche. Non si governa col sentimento: mo' odia i francesi e allora si da anima e corpo agli inglesi.

M.Angel.    - Più che agli inglesi, si da a ser John Acton.

Chiara        - Addirittura se sta imparando a parla' inglese  e non vuole           più sentire parlare in giro  francese. "Chi parla francese è un                 giacobino".

M.Angel.    - E si. E chi parla turco è  mussulmano. Ma 'a colpa è sempre del marito, che invece 'e fa il bambinone e correre appriesso 'e femmene, dovrebbe fare nu poco 'o rre, che non

                   ha fatto mai.

Madal.        - Brava, mo 'e detto giusto. Ma quello nun ha maje cumannato niente.  E' salito al trono a nove anni e       Tanucci, come reggente, ha sempe governato isso.  Quando si è fatto maggiorenne  s'è sposato a Carolina ...

M.Angel     - ...e fatto cumanna' 'a mugliera: ma che razza d'ommo è chisto? Io nun mo pigliasse manco morta.

Chiara e Maddalena   - E vede' se isso se pigliasse a te.

                   (Ridono)

SCENA  6/1

(Giordano, Lenor, Fasulo, quindi Cuoco)

Giordano    -"Pour un vie civilisee."   Ma che significa?

Lenor          - Per una vita civile. Il motto rivoluzionario. Ma che c'è, non capisci il francese?

Giordano    - Lo capisco benissimo, ma mo' non si puo' parlare più francese, perche' se no dicono che  sei un  repubblicano e te tagliano 'a capa. Ma a me sta bene così, basta con la lingua scic, la lingua dei nobili. Ma parlamme  almeno 'a lingua nostra, e invece no. Sempre quella di altri, per esempio gli inglesi.  Insomma il popolo nun adda maj capi'.  Ecco il  segreto.

Lenor          - Purtroppo questa povera gente è tenuta volutamente in una profonda ignoranza, proprio perché non si renda conto della sua condizione. Per loro è naturale che il popolo deve vivere in queste condizioni e solo chi governa deve avere ricchezze e privilegi anche senza meriti. Il mondo  è andato sempre così,  volessimo  cambia' il mondo?

Giordano    - Ma tu lo sai cha a Napoli ci sta gente anziana  che non ha mai visto il mare, pecché nun e'  mai asciuta do' quartiere suojo?

Lenor          - Io credo che la vera rivoluzione sarebbe quella  di insegnare loro a leggere e scrivere, a portare le scarpe, a lavarsi anche d'inverno,  non solo d'estate quando si fanno il bagno a mare, quelli che sanno che c'è il mare.

Fasulo        - Secondo me la cosa più importante sarebbe quella di dare  dignita'  attraverso il lavoro. Questa è gente  intelligentissima, che riesce a vivere senza niente, figuriamoci se tenessero le fabbriche  che tiene l' Inghilterra.

Lenor          - Le fabbriche si fanno quando c'è una politica intelligente. Ma qua chi la fa la politica  intelligente, Ferdinando che è un immaturo? Carolina che e' una ignorante convinta di saper governare?  L'unico che stava facendo qualche riforma era Bernardo Tanucci, ma questa presenza troppo forte dava fastidio alla  signora regina e l'ha fatto caccia' dal  marito.

Fasulo        - Forse pecché era troppo viecchio pe' essa.

Giordano    - Ferdinando fa le fabbriche per assumere solo le belle figliole.

Fasulo        - Non è vero. Qualcosa l'ha fatto. Ma sono fatti episodici.

                   Non sono il frutto di una politica programmata, che abbia la come finalità  l'aumento dei posti di lavoro per tanta gente che sta''mmiezo 'a via.

Lenor          - Però questa gente dovrebbe imparare anche a protestare, a pretendere condizioni di vita più civili, addirittura un lavoro e non accontentarsi della manciata di monete che ogni tanto il re lancia dal balcone.

Fasulo        - La gente a volte protesta anche. Parecchie volte si e' arrivati a momenti di grande tensione sociale.

Giordano    - Si, quando 'nce sta 'na carestia, quanno o le tasse esagerate, allora aizano 'nu poco 'a capa. Allora 'o rre 'e fa sfuga' 'nu poco. E suldate  'e fanne sacchiggia' qualche negozio di generi alimentari e tutto si sgonfia. Che è tutta 'a rivoluzione de' napulitane.

Lenor          - "L'arricchimento di Napoli", così lo chiama il popolo.

                   E' una specie di valvola di sfogo che  il potere usa per sedare                 tentativi di rivolta.  Una volta sfogata la rabbia, tutti a casa                   felici e contenti.

Fasulo        - E' per questo che il napoletano ha imparato a vivere fottendosene degli altri. Nei saccheggi ognuno arraffa quello che può e questo non sviluppa certo il senso della comunità, della unione, che darebbe loro più forza per ottenere delle conquiste.  Il potere  lo sa e alimenta questa condizione con l'ignoranza.

Giordano    - Guarda i francesi: quanno hanno deciso di  fare una rivoluzione, l'hanno fatta come Dio comanda. Taglio della testa a tutti: re, corte, nobiltà, clero.

Lenor          - Genna', calmati. Vedi che anch'io ho i quarti nobili e non vorrei che la mia testa...

Giordano    - Che c'entra?  Lo sai che non parlo di te.

                   Tu, oramai, sei uno dei nostri.

Lenor          - E grazie.

Fasulo        - Il fatto e' che se pure si cominciasse oggi, per istruire ed educare questa gente ci vorrebbero minimo duecento anni.

Lenor          - Questo pero' non ci impedisce di lottare  perché le cose                        inizino a cambiare, magari per i ragazzi di oggi che saranno               gli adulti di domani.

Giordano    - Ma stu' Bonaparte che fa. Si isso vulesse,  potrebbe piglia'                   questo Regno 'e merda in  quattro e quattr'otto e invece,                           nicchia. Scusate, il mio linguaggio poco raffinato, ma voi             sapete che io sono figlio di  fruttajuolo, e a casa mia non si                   parlava certo il francese.

Lenor          - Meglio così, mo' il francese è diventato pericoloso.

Giordano    - Ma ancora per poco. Sono sicuro che Bonaparte      non lascerà a lungo un Regno, grande mezza Italia, con una monarchia.

Cuoco         - (Entrando) Voi siete degli illusi.  Pensate veramente che              la Francia voglia risolvere i vostri problemi. Ricordatevi che                 la Francia  in questo momento è come  l'antica Roma.

                   Roma non sapeva produrre niente e doveva fare le guerre             per conquistare tutto quello di cui  aveva bisogno. La                          Francia è così: non ha mai saputo sviluppare una buona                      industria, un  forte commercio, come invece ha fatto la                             potente e furba Inghilterra.

Giordano    - Caro professore Cuoco, vi ringraziamo per averci tolto                        anche l'ultima speranza.

Cuoco         - Non è colpa mia se questa è la verità, caro Gennarino.                         Anche Bonaparte, la speranza degli  oppressi, ha fatto il                          salto di qualità: ha  sposanto la viscontessa Giuseppina

                   de Beauharnais ed è diventato anche lui un

                   aristocratico.

Giordano    - E abbiamo sistemato pure a Napulione.

Cuoco         - Come vedi, al potere un'aristocrazia si sostituisce ad un'altra. E le campagne che fa chi le finanzia? Ma le  finanziano i banchieri che le ritengono utili per aumentare i loro profitti.

Giordano    - E chiste songo 'e banchieri.

Cuoco         - La storia si ripete sempre, monotonamente. E io mi chiedo: che cosa sia rimasto di rivoluzionario in tutto questo, cari amici?  Io non so.

Lenor          - Vincenzo, se è come tu dici, allora i francesi hanno                      interesse a liberare anche noi.  Come diceva Gennaro, non           possono permettersi di  lasciare un regno così grosso, come                   il nostro, nelle mani degli inglesi.

Cuoco         - Saggia osservazione, mia dolce Lenor.

                   I francesi sono sicuro che prenderanno Napoli, ma solo per                    ricavarne un profitto economico o  per farne oggetto di                       scambio al momento dei          negoziati di pace. E' la logica                    seguita da  tutte le campagne espansionistiche di                                   Bonaparte.

Giordano-   Secondo te allora Bonaparte venesse 'cca pe' fa solde                             'ncuollo a nuje? E viene, vie', ca faje marenna a sarachielle.

SCENA  7/1

(Chiara Pignatelli, Vincenzo Russo, poi Vincenzo Cuoco)

Chiara        - Mi ha scritto Carlo Lauberg da Parigi. Sta  bene, saluta                        tutti  e dice che la situazione è un po' triste: con i prezzi                          calmierati, non si trova quasi niente in giro, soprattutto

                   da mangiare. Dice che quando parla di Napoli e della lotta            contro il regime i francesi si  fanno una risata.

                   Dicono: "Napolitain rivolutioner avec le ventre plein. ...

                   Napoletani rivoluzionari con la pancia piena.

Russo         - E ch'amma fa'? Che e' 'na colpa se qui la natura ci ha dato un clima che ci permette di avere qualche cosa da mangiare.

                   Molta gente sopravvive mangiando solo frutta  che trova                       sulle piante, mica mangia pate' de  fois o briosches.

Chiara        - Dice che circola la battuta: Chi comanda a  Napoli? Tra i            due litiganti il terzo comanda.

                   Il re, la regina e l'amante, Acton.

Russo -       Hanno ragione, chisto è 'o paese d"o tiramme a campa'.

Perciò Cuoco dice che le rivoluzioni non si possono esportare, perché ogni popolo reagisce ad un regime in modo diverso.  "A Napoli la  rivoluzione  pochi la capiscono, pochissimi  l' approvano,  quasi nessuno la desidera".

Chiara        - Si, pero' non facciamo sempre i pessimisti. Io credo che le persone che desiderano  una società migliore ci sono ovunque.  I giacobino napoletani sono un bel gruppo,

poi ci sono i simpatizzanti. Insomma c'è anche qui della gente impegnata e che rischia anche molto. Addirittura la vita.  Non ci dimentichiamo i nostri fratelli  fatti impiccare da Ferdinando nel '94  a piazza Mercato: de Deo, Vitaliani, Galiani. Molti di noi lottano solo per degli ideali,

                   perche' non hanno interessi: provengono da      famiglie agiate,              commercianti, professori  universitari, nobili, come                       Eleonora, i fratelli          Serra di Cassano, i Carafa, la mia                      famiglia.  Tutti hanno lasciato favori e privilegi per un                       ideale scomodo e rischioso.  Perciò 'sti francesi si                                    sciacquassero la bocca quando parlano dei giacobini                     napoletani.

Russo                  - E mo' che fai t' incazzi con me. Io dico che abbiamo questo                  atteggiamento fatalista che ci arriva dalla nostra cultura                         greca: questo prendere  tutto con filosofia, tutto a pazzia’,               tanto  tutto passa: Pantarei.  C’ hamma fa’, accussi’ adda j’.

Chiara        - Pantarei e pantacavolo, chiste però stanno  sempre cca'. 

                   E siamo pure accussì fessi ca chiamiamo "tata" il nostro                        oppressore: il buon papà.     

Russo                  - Si, ma mo' le cose sono cambiate. 

Oggi la possibilità di una rivolta non è  cosi' remota come una volta. I grandi eventi in Europa non possono non toccare anche Napoli.

Chiara        - Questo è vero. Infatti a corte c'è molta più tensione.

Fatti  'na risata. Giorni fa il marchese Fuscaldi stava a Palazzo e parlava con la          duchessa di Ceprano, che si lamentava per certi  suoi dolori. Il marchese allora ha detto: “Cara donna Amelia, di che vi lamentate, voi  avete una costituzione di ferro”. In quel momento è passato 'a regina che si è incazzata come un pazza: “Chi parla di costituzionen in mia casa? Qui non si deve  mai dire cuesta parola, ja”.

                    (Ridono mentre entra Cuoco)

Cuoco         - Bravi, vedo che ridete. Questo mi fa piacere.

                   Sfata la leggenda del rivoluzionario sempre       cupo e triste.

Russo                  - Se venivi un attimo prima vedevi Chiara comme  'na pazza.

Cuoco         - Chiara, e pecche'?

Chiara        - Perche' parlavamo delle  cose serie, quelle che  fanno stare                   il rivoluzionario cupo e triste.  I francesi ci pigliano in giro...

Russo                  - ... e io dicevo che noi non andiamo mai fino in  fondo,                         come hanno fatto loro, come hanno fatto  le colonie in                            America. Lottare senza mezzi termini sino alla vittoria.

Chiara        - Si, ma a monte ci sta anche la preparazione di grandi pensatori: Voltaire, Locke, Rousseau, la dichiarazione americana sui diritti dell'uomo.

Cuoco         - Ecco, bravo. Quella è buona per gli americani. Gente senza passato, che non ha alle spalle secoli di storia e di tradizioni come l'abbiamo noi.

Russo         - Vince', e basta cu' sta' storia. E' diventata        una palla al piede. Guardiamo avanti, non camminiamo sempre con la testa girata    all'indietro, perché si no jamme a ferni'

                   c"a capa 'nfacci"o muro.

Cuoco         - E se scassa 'o muro, c"a capa tosta ca tieni. Vincenzo, la            storia non si cancella, perché è radicata dentro di noi.                     Perciò il nostro  comportamento è sempre condizionato da                   essa. La nostra cultura vuole  una rivoluzione lenta,                      senza violenze, educata.  Che non crei cambiamenti radicali                    troppo  veloci, perche' spaventano la gente semplice,                        legata alle tradizioni, elemento di stabilità  e di sicurezza                     dell'uomo: Ai miei tempi qua...  ai miei tempi là...

                   Insomma, cambiare, ma cuonce cuonce, doce doce.                        Una rivoluzione morbida.  Mentre Carulina con noi non è           certo morbida.  La polizia sta per scatenare una serie di                             arresti di persone, sospette di attivita'      sovversiva e tra queste                    ci siamo anche noi,  Lenor , i fratelli Serra, Manthonè e                          molti altri. Si vede che si sente insicura la cara regina.

Russo         - Lo vedi che bisogna contrapporre violenza a  violenza.

                   La rivoluzione 'e francise, comme  l'hanno fatto, doce doce?                   Hanno pigliato 'sta gente con la forza e l'hanno tagliato

                   'a capa, proprio comme fanno loro cu' nnuje.

Cuoco         - Vince', te staje scurdanne il tentativo fatto  nel '94 e mi dici                  come e' andato a finire? Mi dici dove stanno quei poveri                            giovani, pieni  di entusiasmo e di ideali? Al camposanto.

                   'A capa l'hanno tagliata a loro.  Erano convinti che la gente                    per la quale          lottavano, sarebbe scesa in piazza, li avrebbe              appoggiati, si sarebbe svegliata e invece... è  scesa in piazza,                ma per godersi lo spettacolo  della loro esecuzione.

Chiara        - Ma oramai son passati cinque anni, siamo alla  fine del                        secolo, gli eventi si sono evoluti. Son cadute tante monarchie               grazie a Bonaparte. Secondo te, rispetto al tentativo del  '94,            noi che  speranze teniamo?

Cuoco         - Nessuna!

                   (Un colpo di tamburo)

SCENA  8/1

(Banditore, soldati, popolo)

Banditore   - Popolo di Napoli, state a sentere la parola del nostro                           beneamato re Ferdinando, che il  Signore ce lo guardi,                            rivolta a tutti voi,          sudditi leali di questo Regno.

                   " I francesi che uccisero il loro Re,  trucidarono i sacerdoti e                   sovvertirono tutte le leggi e la giustizia, ora vogliono portare                  lo stesso flagello nelle nazioni vinte e in quelle nazioni                           credule, che li accolgono come  amici.

                   Noi confidiamo negli aiuti Divini, in  S.Gennaro, nostro                         protettore, nelle proprie armi e nel devoto popolo                                 napoletano. Si facciano preci in tutte le chiese per

                   invocare da Dio la quiete del Regno.

                   Udite la voce dei sacerdoti e seguitene iconsigli.

                   Ai giovani adatti alle armi, diciamo correte a scrivere il                           vostro nome nelle liste militari per difendere la Patria, il                           Trono, la Libertà, la nostra sacrosanta Religione Cristiana,

                   le nostre donne, i nostri figli, i patrii costumi.

                   Viva il Re Ferdinando IV.  Viva il Regno.

                   (Il popolo applaude e schiamazza).

SCENA  9/1

(Lenor, Suora, 2 soldati, Guidobaldo)

Lenor                   - (Entra in scena in stato di agitazione)

Suora         - (Reca in mano un camicione grigio che consegna  a Lenor                    con gesto brusco)

                   Lievete 'stu vestito e miettete chisto.

Lenor          -Perche'?

Suora         -Perche' qua siamo alla Vicaria, un carcere non è un salotto.                   Qui non si sfoggiano ricchezze pecché si diventa tutti                            uguali.

Lenor          - Vi assicuro che  di ricchezze proprio non ne ho.

Suora         - Meglio. Nostro Signore Gesù Cristo è morto senza

                   ricchezze.

Lenor          - Certo. Che mi faranno?

Suora         - Dipende.  Se non sei senza cervello e se vuoi  tornare                           presto alla tua famiglia, dici tutto quello che sai e vedrai che                 loro saranno clementi.

Lenor          -Ma che devo dire? Io non ho fatto niente.

Suora         - Piccere', dicite tutte accussi'.

                   Si staje cca' vuo' ddi' ca quaccosa 'e fatto.

                   E allora tu confessa tutto chello ch"e fatto

                   o che vulive fa' o che saje di altri che        volevano fare

                   e sono sicura che uscirai  prestissimo. Nun tieni 'a faccia                        malamente.         Ti interroghera' sua eccellenza Guidobaldi,                           della Corte di Giustizia. Nun è cattivo,  se tu ti mostri                            educata e disponibile.  Tieni figli?

Lenor                   - No.

Suora         - Non ne puoi avere?

Lenor          - Ne ebbi uno ma morì a otto mesi.

Suora         - Me dispiace, povero angiulillo. Ma tu si ancora

                   giovane e vedrai ca appena jesci a cca', tuo marito ti regala           natu bellu piccirillo.

Lenor          - Non ho marito.

Suora         - Oh, Vergina Santa. 'E fatto nu figlio senza 'o pate?

Lenor          - Se ho fatto un figlio, un padre ci deve pur essere stato.

Suora         - Voglio dire senza matrimonio.

Lenor          - No, ho avuto il figlio con un uomo regolarmente sposato...                  in chiesa.

Suora         - Ah, bene.

Lenor          - Ma sono separata.

Suora         - Oh, Cuore di Gesu', mo capisco.  E  comme  campi?

Lenor          - Campo scrivendo.

Suora         - Fai la scrivana per la gente ca nun sape scrivere?     

Lenor          - No, scrivo libri, poesie, articoli per giornali...

Suora         - Una femmina ca scrive poesie, libri. Gesù,

                   Giuseppe, S.Anna e Maria, e addo' vulimme  arriva'.

                   Oramaje s"e perso ogni pudore...

                   (Si ode entrare Guidobaldo, accompagnato da uno                         scrivano e due soldati. La suora saluta con

                   un inchino e Guidobaldo le fa cenno d'andare).

Guidobaldo          - (A Lenor)  Declinate il vostro nome, prego.

Lenor          - Eleonora Fonseca.

Guidobaldo          - (Leggendo da un foglio) Marchesa Eleonora

                   de Fonseca Pimentel Chaves, genitore di nobilissimo casato

                   spagnolo, madre portoghese  di pari lignaggio: Caterina                         Lopez de Leon.  Nata a Roma, dove il padre era al servizio                 dell'ambasciatore si è trasferita nella nostra citta' all'età di               quattordici anni.

                   Come è strana la vita.  Una persona così  degnamente                            titolata che viene coinvolta in movimenti plebei. Movimenti                   che sono ispirati  semplicemente da risentimenti miserabili e              che  si propongono, tra i loro fini, la distruzione  dei pilastri                 sociali, cioè la nobiltà, alla quale voi stessa appartenete.

Lenor                   - Sono stata arrestata nella mia casa con un atto di violenza                   ingiustificato e trascinata in questo carcere senza neppure             sapere di cosa mi si accusa.

Guidobaldo          - Violenza ingiustificata, trascinata in  catene. Che parole              grosse.  Voi frequentate persone poco raccomandabili,

                   cospiratori, attentatori alla sicurezza del  Regno...

Lenor          - Io frequento chi mi pare. Se avete delle accuse

                   precise, delle prove...

Guidobaldo          - Basta! Non vi è permesso ribadire. Da questo momento             risponderete solo  con un si od un no.

                   Conoscete l'avvocato Vincenzo Cuoco? L'avvocato

                   Mario Pagano? Il medico Domenico Cirillo?

                   Frequentate il salotto di casa del duca di Cassano e i suoi              figli Gennaro e Giuseppe Serra?

                   (Lenor non risponde e Guidobaldo allo scrivano)

                   Scrivi:" Ammette rapporti con i sopraddetti      soggetti."

                   In casa vostra sono stati trovati libri e  pubblicazioni                    proibite: Genovesi, Filangieri, Cesare Beccaria.

Volete anche qua la repubblica, come è  successo in Francia?

Lenor          - (Fa cenno di no con la testa).

Guidobaldo          - E allora perché tenete in casa  stampa proibita dei                       giacobini francesi Mably,  Babeuf e l'Encyclopedie di                          Diderot e de Lamber .(Allo scrivano)  Scrivi: "Riconosce di                 avere tenuto in casa libri e stampa proibita."

                   Signora Marchesa. Siete una persona colta, avete                                    frequentato il Palazzo, la corte reale. Avreste potuto ambire                   ad incarichi di prestigio. Il nostro sovrano vi avrebbe                          concesso un comodo e generoso vitalizio e invece... in nome                    di che cosa avete deciso di buttare via tutto questo?  Per                        abbracciare quali idee fallaci, quali congiure irrealizzabili.

                   La venuta dei francesi non risolverà i problemi del nostro             popolo. Ma c'è rimedio a tutto, tranne alla morte.

Se avete a cuore le sorti e la quiete di questa nostra patria, che ormai è anche la vostra, avete il dovere di collaborare, di denunciare i complotti in atto, i cospiratori che minacciano la sicurezza del nostro Regno. Ditemi i loro nomi e uscirete subito, vi do la mia parola d'onore. (Lenor è ammutolita)

                   Scrivi: "Rifiuta di rivelare i nomi dei complici".

                   E così, avete deciso di rimanere qua.

                   E allora, stateve bbuono.

        

(Facendo un cenno allo scrivano esce con  passo spedito mentre la luce scende lentamente).

                                      

FINE PRIMO ATTO


                    

A T T O  S E C O N D O


SCENA  10/2

(Popolo, Fravulella, Lenor, Detenute)

1^voce        -Guagliu',  Napule e' 'a nosta.

2^voce        -Evviva "l'arricchimento 'e Napule".

3^voce        -Jamme abbasce 'e granile a piglia' 'a farina p"o ppane.

Tutti           - Siii.

                   (Popolo entra in scena scalmanato e sparando in aria)

1°lazzaro    -Fravulella è libbera.

2°lazzaro    -Guagliu', hammo libberato a Fravulella cu tutt"e                                    cumpagne soje.

3°lazzaro    - Stasera 'nce ne vedimme bene.

                            CANTO DI "FRAVULELLA"

Coro-                            E' turnata Fravulella

                            libberata d"e cancelle

                            Mo s'acchiappa li guagliune

                            e se spolpa a uno a uno.

Fravulella-                     E' fernuto 'a Vicaria

                                      so' turnata 'mmiezo a' via.

                                      State allere giuvinotte

                                      mo succede 'o votta votta.

Coro-                            E' turnata Fravulella

                            e guardate quant'è bella,

                            tene piso e qualità

                            è cchiu' bona e nu babà.

(Tutti ridono e scherzano abbracciando le altre  prostitute liberate dal carcere della Vicaria)

1°Lazzaro   -Evviva Fravulella e tutte 'e femmene belle.

Fravulella   - (Notando Lenor) E tu chi si'? Nun t'aggio maje visto.

Lenor          - (Intimidita) Mi chiamo Eleonora.

Fravulella   - Lionora, ma che bellu nomme chic.  Si  franciosa.

Lenor                   - (Cercando di parlare in dialetto) No, so' nata  a Roma ma                    stonghe cca' 'a quanno tenevo  quattordici anni.

Fravulella   - Liono', tu nun me pare malamente. Pecché stive dinto?

Lenor          - (Esita) Io... facevo 'o contrabbando.  Sono vedova, dovevo                  mantene' nu figlio      piccirillo... e allora...

Fravulella   - E nun te mettere scuorno. Cca' tutte quante faticamme pe'                    mantene' 'na famiglia, o pienze ca a nuje 'nce fa piacere 'e                   sta' mmieza a 'na via a fa' sta bella vita.

1°lazzaro    -Fravule', e comme parli bello. E tenuto sempe 'a lengua                         bella.

                   (Tutti ridono e Fravulella cacciando la lingua ritorna alla             sua maschera di allegria).

Fravulella   -Teng"a lengua 'e soreta. E mo ca 'o rre se ne ghiuto a                             Palermo e 'nc’ha cunsignato la città nelle nostre mane,

                   c'hamma arricchi' comm'a Dio cumanna. Jamme ca chisto è                    'o mumento nuosto.  Nobbili e commerciante ve facimme 'o              mazzo tanto. Francise e giacubbine ve facimme 'na mappina.

                   (Tutti ridono e si incamminano verso l'interno

                   portando quasi Fravulella in trionfo cantando)

Lazzari-      Fravule' pe' festiggia'

                   'nce fa fa' senza pava'.

(Ripetendo il canto tra risate e battute escono tutti mentre Lenor resta sola, fa per andare ma improvvisamente gli si para davanti una figura maschile. Lenor e' spaventata poi  riconosce Gennaro Serra e si abbracciano)

Gennaro     - Lenor, finalmente. Son venuto alla Vicaria con la speranza                   di farti uscire ma ho trovato tutto aperto: non c'era più                             nessuno.

Lenor          - Gennaro...  (piange).

Gennaro     - Coraggio. Adesso è tutto finito: I francesi sono alle porte e                   tutta la corte se n'e' scappata a Palermo.

                    La facciamo questa  benedetta repubblica?

                  (I due sorridono ed escono).

SCENA  11/2

(Maddalena, M.Angiola, Giulia, quindi Chiara)

Maddal.      - Avete controllato che sono chiuse tutte le porte e le                     finestre?  Sprangatele bene da dietro.

Giulia         - Si, abbiamo anche mettuto dei mobbili pesanti  andietro al                   portone, per indi poi se pure  vottono forte non si arape.

Maddal.      - Speriamo. Chiste stanno comm"e pazze. Quando                        fanno  'sta cosa selvaggia dell'Arricchimento di Napoli, la                    massa si eccita e nun capisce  cchiù chi è con loro e chi                          contro. Assaltano e scassasano tutto e se ti opponi rischi pure

                   'e te piglia' una scoppettata in fronte. C'hamma fa',                       dobbiamo solo resistere e  aspettare che passi la sfuriata.

M.Ang.       - Io non so come ringraziarti per l'ospitalità.

Maddal.      - Ma che scherzi? In questi momenti, se non ci diamo una             mano, questi ci fanno pulpette.

M.Ang.       - Per questo ci siamo rifugiati qui da te. Il  nostro palazzo             non e' difendibile come il tuo e poi, noi siamo rimasti quattro                gatti.

Maddal.      - Angeli', nun te preoccupa', anze a nuje fa piacere, più                           siamo e meglio ci difendiamo.

                   (A Giulia) A proposito hai detto a Pasqualotto e a zi' Tore e                   se mettere da sopra il tetto con due schioppi in modo da                      controllare il vico.

                   (a M.Ang.) Non si sa mai la cosa che piega         prende.

Giulia         - Si, signora.

M.Ang.       - Certo che se ci vogliono prendere, ci prendono.

Maddal.      - Angeli', però nun fa' 'a cicciuvettela. Staje calma, ca io ne           ho vissuti altri due di  "arricchimenti", e non e' successo mai              niente,  tranne i saccheggi ovviamente. Perché loro si                          limitano ad assaltare i negozi e le case  abbandonate, non             quelle con la gente dentro.

M.Ang.       - Uh! Madonna. Allora devo correre a casa: quelli capiscono                  che non c'e' nessuno e me la  assaltano.

Maddal.      - Angela, oramai e' troppo tardi. Tu se scendi per strada,                       cosi'          vestita, non puoi sapere la reazione del popolo.

Giulia         - Chille v' appicciano.

M.Ang.       - Come?

Giulia         - Vi fanno fare un falò.

M.Ang.       - E che sono una strega?

Maddal.      - Stai zitta tu e stai al posto tuo. 'O falò.

                   (a M.Ang.) Questi scalmanati a volte, quando non trovano            molta roba da rubare, allora per  rabbia incediano quella                            casa o quella bottega,  ma non le persone.

M.Ang.       - Uh! Madonna. E io me so' portato tutto, oro, gioielli,                           l'argenteria, i quadri buoni. Abbiamo caricato sulla carrozza                   pure i tre tappeti   persiani e l'orologio svizzero che                        stava sul camino, te lo ricordi?

Giulia         - Ha fatto nu sfratto 'e casa.

Maddal.      - Calmati.  Non è che incendiano per forza. E poi, non                            assaltano tutti i palazzi di Napoli. E' una parola, ci                     vorrebbero settimane.  Invece, vedrai che, tra stasera e                     domani i francesi entreranno a Napoli e tutto tornera'                             in ordine.

M.Ang.       - Ma stanno ancora lontano?

Maddal.      - No, quelli stanno da giorni a Sparanise, vicino Caserta, ma                  mo' che la città è abbandonate senza difesa, penso che                          verranno subito.

Giulia         - Chille nun 'e fanno trasi'.

Maddal.      - Chille chi?

Giulia         - La pupulazione. Diceno ca si veneno 'e francise

                   se pigliano a tutt"e femmene e se portano.

M.Ang.       - Veramente?

Giulia         - E po' appicciano tutt"e Chiesie e tutt"e prievete.

Maddal.      - Ma chi ti dice queste stupidaggini. La Francia, la Mer de la                   Rivolution, se piglia 'e femmene comme facevano 'e turche.

Giulia         - L'ha ditto pure 'o munsignore dall'aldare.

Maddal.      - E certo. Quello deve tirare l'acqua al suo mulino. I francesi                   hanno preso Roma e hanno fatto la Repubblica Romana.                        Perciò sono i  grandi nemici della Chiesa, a questo aggiungi

                   la propaganda degli agenti segreti borbonici  che non sono            certo scappati e continuano a  diffondere false notizie e                        provocazioni.

                   L'arricchimento non è controllato pure da loro?

M.Ang.       - Tu dici che il fatto che rapiscono le  donne è una                                  sciocchezza?

Maddal.      - E' una sciocchezza, Angeli'. Nun 'nce mettere  'o pensiero.

Chiara        - (Entrando) Maddalena,  Mariangela, ci siamo.

                   Il generale Championnet alla testa delle sue truppe è                     arrivato a Piazza Mercato. I lazzari si sono rintanati nei                         vicoli,  ma non credo che resisteranno molto.

                   I giacobini napoletani si sono già presentati a lui e li ha                          riconosciuti  “libres citoyens de cette ville”.

                   Liberi cittadini di questa città.

Tutti           - (Esclamazioni di gioia. Tutti escono)

                                      SCENA  12/2

                  (Popolo esultante con bandiere francesi)

                            CANTO PER I FRANCESI

                            So' arrivate li frangesi

                            e' arrivata 'a libberta',

                            ma si po' vonne 'e turnese

                            se ne jessero a caca'.

                                 

                                 Nun vulimme chella gente

                                 ca 'nce dice liberté

                                 e po' penza sulamente

                                 tutto a me e niente a te.

                            Si la storia è sempe 'a stessa

                            addo' sta 'a fraternité?

                            'Nce facite sempre fessi

                            comme fanno tutt"e rre.

                             

                                 Ma lu popolo s'e' rutto,

                                 vo' la vera egalité

                                 e pircio' nuje ve dicemme:

                                 si arruobbe a me io arrobbo a te.

SCENA  13/2

(Fasulo, Russo, Cuoco, Cirillo, Giordano,  poi Gennaro e Lenor)

Fasulo        - (Entrando) Dieci milioni di ducati, capite? Dieci milioni di                    ducati per non mettere la città sotto saccheggio. Questa e' la                 richiesta del Direttorio per il loro intervento, se no

                   non ci fanno fare la repubblica.

Russo         - Ma questo è un comportamento da volgari invasori non             certo da truppe di liberazione dei  popoli oppressi. E  brav"e              francise, se so' 'mparate ambressa.

Fasulo        - Intanto se non fossero intervenuti loro, la  citta' stava                          ancora in mano ai lazzari e sai che te cumbinavano, si                         passava quacch'auto  jurno.

Giordano    - Sapite che stanno facenno, parecchi lazzari,  quanno                            vedeno ca nun possono più combattere  con i francesi?                        Buttano le armi, se lavano 'e mane e 'a vocca con il limone,                   pe' nun fa' senti' 'a puzza della polvere da sparo, ca

                   se no i francesi li fucilano e se metteno a balla' e canta':                          Evviva li Francise,  Libberte', Egalite'. E po' offrono frutta

                   e ciardino e vino frisco, p'ave' quacche cosa 'e solde.

                   'E prostitute se so' mise 'e cuccarda tricolore                                  int'e capille e già stanne al lavoro. E comme parlano                    francese: Moussieu, vulevu' poumpe'? E fanno il classico             gesto...

Fasulo        - Io invece ho visto dei soldati francesi che chiedevano a dei                   lazzari delle femmine. Dicevano: Je veux une famme.

                   E quelli capivano: I tengo famma.  E rispunnevano: Cca                         stamme sempe chin"e famma.

Cuoco         - Il popolo è un grande stratega: quando capisce che non                        può vincere, cambia tattica. Fra poco gli invasori saranno                    vinti dalle zoccole di  Napoli.

Gennaro     - (Entrando) Cittadini, due belle notizie:  finalmente ho                           trovato Lenor Fonseca.

                   (Tutti salutano Lenor con gioia)

                   Oramai si è guadagnata l'appellativo di  eroina della                      Repubblica Napoletana.

Fasulo        - E l'altra notizia?

Gennaro     - L'ammiraglio Caracciolo ha lasciato 'o rre a Palermo e se            ne' venuto a Napoli. Potrebbe organizzare una flotta                       repubblicana.

Cirillo         - Te si' scurdato ca 'o rre primma 'e parti' ha     fatto affondare              la nostra bellissima flotta  per paura che tradisse e passasse               con noi.

Fasulo        - Questa è stata un'idea di quel furbone di Nelson.

                   Ha eliminato ad Abukir la flotta francese, ha fatto affonda'           quella napoletana, mo' l'unica  flotta importante nel                       Mediterraneo è la sua.

Cuoco         - Questo è stato un affronto a Caracciolo, che era il                       comandante della flotta. Ecco perché  ha lasciato tutti e se             ne è venuto qua.

Cirillo         - Personaggi così famosi che passano con noi, ci fa piacere,                    servono a dare maggior credito     alla nostra causa.

Cuoco         - Adesso però, dobbiamo pensare alla formazione

                   di un governo e di una costituzione.

Giordano    - E soprattutto a leva' quacche gabella.

Cirillo         - Le gabelle in questo momento difficile, con

                   le casse dello Stato svuotate da Ferdinando,     

                   che s"è purtato venti milioni di ducati

                   a Palermo, nun 'e putimme tucca'.

                   Dobbiamo fare sacrifici, risanare i guai

                   fatti dalla monarchia e poi parlammo.

Giordano    - 'E guaie fatte da' munarchia 'e pava sempe 'o popolo.

Cirillo         - 'O popolo 'o vuleva a Tata, e mo vede quanto

                   'nce  custato 'o Tata.

Giordano    - 'O popolo non è in grado di capire, è dovere

                   degli intellettuali aiutare il popolo ad uscire

                   dall'oppressione.

Cirillo         - E pecché, che stamme facenno?

Giordano    - Mo, quanno oramaje nun tenimme manco cchiù

                   'na lira.

Cuoco         - Signori, calmatevi. In questo momento bisogna

                   guardare avanti e tutti insieme.

                   Ci sono notizie di Pagano?

Fasulo        - Pagano è in viaggio da Milano. Ha fatto                                                sapere che lui è disponibile a tutto.

Cuoco         - Nessuno ci puo' essere più utile di Mario

                   Pagano per stilare una Costituzione come

                   si deve. E poi, stando a Milano dal '96,                                          quando fu arrestato ed espulso da Napoli,

                   avrà acquisito una mentalità più nordica,

                   più fredda, meno litigiosa.

                   (A Lenor) E alla gentil donzella, che ha

                   perz"a lengua, che compito le vulemme da'

                   in questa nascente repubblica?

Lenor          - La gentile donzella, dopo tre mesi di silenzio alla Vicaria, mo si sente comm'a l'asino in  mezzo ai suoni.

Cuoco         - Al nostro asinello, allora  io darei il compito di portare

                   il carretto della cultura, che non pesa molto a Napoli, perche'                 e' vuoto. Lenor ci fara' un bel giornale repubblicano.

Cirillo         - Bella idea. Un giornale come "Le Moniteur"

                   francese o come "Il Monitore della Repubblica Romana".

Cuoco         - No, deve essere un giornale nuovo, sincero.

Deve essere letto e capito da tutti i  napoletani e deve soprattutto contenere tutta  la sensibilità femminile di una donna.

Cirillo         - Bravo! E' giusto. Le donne sanno mettere più

                   passione nelle cose che fanno, più                                                  sentimento... rivoluzionario naturalmente.

Lenor                   - Un giornale diretto da me?

Cuoco         -  Fatto da te.  Con i mezzi che teniamo devi

                   fare tutto da sola.

Lenor          - Da sola? Io non so se sarò in grado di...

Cuoco          - Devi farlo, Lenor.  Oramai i pochi che sanno

                   scrivere, in questo Regno di analfabeti                                           dovranno impegnarsi per la Costituzione e                                           speriamo ca nun fanno 'a brutta copia 'e chella do' '91.

 

SCENA  14/2

(Strilloni, 1°passante, 2°passante, passanti)

Strillone     - (Con berretto frigio distribuisce volantini)

                   Proclama del Comitato Rivoluzionario.

                   Proclama! Proclama!

                   (Altri strilloni ripetono).

1°passante - (Leggendo) "Napoletani, il vostro Claudio è

                   fuggito, Massalina trema".

                   Ma che vo' dicere?

2°passante - Me pare robba 'e scola.

1°passante - (Leggendo) I destini d'Italia devono                                                       adiempirsi: scilicet id populo cordi est

                   et cura quietos sollicitat animos.

                   Che vo' dicere?

2°passante - Ma chiste parlano spagnuolo.

1°passante - Nun c'abbastavano 'e francise e l'inglesi, mo' arrivano

                   pure 'e spagnuolo. Ma quanta gente adda magna'

                   ncopp"a sta citta'?

2°passante - A Napule tutte magnano a fore do' popolo.

Strilloni      - 'O proclama del Comitato Rivoluzionario.

                     'O Proclama. 'O Proclama!

                     (Escono tutti)

SCENA  15/2

(Lenor e Gennaro Serra)

Lenor          - (Tenta di scrivere un articolo ma non gli  riesce.

                   Butta via il foglio e passeggia nervosa)

                   Ma che cavolo scrivo. Non so piu' cosa                                          inventare. Un giornale da sola. E' una parola.

                   Il primo, il secondo, il terzo numero, ma

                   sono già quindici numeri e non so proprio che                               inventare.

                   Speriamo che questi benedetti amici mi aiutino un po'.

                   Ci vorrebbero due notizie di cronaca,       così posso riempire queste  diciotto colonne. Accidenti ancora diciotto.

                   Non ce la farò mai. Questo numero resterà

                   incompiuto.

Gennaro     - (Gridando) Notizie, notizie fresche. Cronaca.

Lenor          - Oh, Gennaro. Meno male, cominciavo a disperare.

Gennaro     - Dunque: a S.Potito, moglie accoltella il marito 

                   che si era giocato tutti i suoi guadagni su

                   un terno secco, ricevuto in sogno dalla suocera

                   morta, senza vincere.

Lenor                   - Mai fidarsi delle suocere.

Gennaro     - Alla salita Magnacavallo carro carico di botti

                   di vino rompe i freni e dopo un corsa pazza si                               schianta contro un muro. Nessun morto ma sono

                   uscite dalle fogne migliaia di zoccole         ubriache.

Lenor          - Ma va', mi prendi in giro.

Gennaro     - No, sul serio. Sono notizie vere. Senti questa:

                   Rivolta delle zoccole.

Lenor                  - Ancora. Quelle ubriache?

Gennaro     - No, quelle vere. Le prostitute della zona dei

                   quartieri hanno deciso di protestare con le  autorità

                   per la presenza eccessiva in zona di  femmenielli

                   francesi che rubano loro gran parte dei clienti.

Lenor          - Vuol dire che lavorano meglio di loro.

Gennaro     - Lenor, non dire queste cose ad un giovanotto

                   di buona famiglia come me.

Lenor                   - Giusto, pardonne moi, bel ragazzino.

Gennaro     - Lenor (fa per baciarla).

Lenor          - Gennaro, ti prego.

Gennaro     - Lenor, perché non vuoi. Lo sai che ti amo da

                   sempre, da quando ti vidi per la prima volta in                              casa mia. Quel giorno eri in competizione con                                     tutti gli uomini del salotto. Uomini colti,                                                preparati, eppure tenevi testa a tutti, con                                       preparazione ma anche con carattere.

                   Eri diversa dalle altre donne che                                                     frequentavano casa. Donne vuote, ignoranti,

                   pettegole: una nobiltà pidocchiosa che mi                                                faceva vergognare di essere della loro razza.

Lenor          - Eri appena arrivato dal collegio di Parigi.

                   Avevi letto Voltaire, Condorcet, l'Enciclopedy,

                   e certamente gia avevi preso i germi dell' illuminismo.

Gennaro     - Ti ricordi, per attaccare, ti chiesi di  istruirmi sulla condizione politica del nostro Regno e tu mi consigliasti di leggere Genovesi, Pagano, Giannone.

Lenor          - Per questo mi sento in colpa. Fu una mossa

                   poco leale.  Indottrinare un ragazzino imberbe,

                   un pivellino ingenuo.

Gennaro     - (Scherzando l'abbraccia) Si, mi hai plagiato,

                   hai approfittato della mia ingenuità e

                   adesso, per vendetta ne approfitto io...

Lenor          - (In tono ironico) Cittadino Gennaro Serra, vi                               richiamo all'ordine. In questo momento noi                                         apparteniamo alla Patria, per questo dobbiamo                                       scrivere pagine memorabili...

Gennaro     - ...di storia ...

Lenor          - No, di giornale, che fra poco devo portare in

                   tipografia ed è ancora in bianco.

Gennaro     - Come me. (Ridono)

SCENA  16/2

(Lazzari, Soldato francese)

Lazzari       - (Schiamazzano, cantano e vanno in cerca di

                   francesi da raggirare per fare soldi)

                   Liberté, egalité, tu arruobbe a me, io         arrobbo a te.

Francese     - (Ubriaco) Allons garçons, je veux manger les macaronis.

                   Ou’ sont les macaronis?

1°lazzaro    - Monzu', Viene cu' mme ca te faccio 'na cosa

                   tanta 'e maccarune.

Francese     - Oui', macarunis, sont trés bons.

                   Nous avons les crepes, mais elles ne sont pas bonnes

                   comme les macaronis a la napolitaine.

2°lazzaro    - Gue', Maccaro', guarda nu' poco cca'...

                   (Mentre il francese guarda in alto i lazzari

                   gli sfilano la pistola e la borsa con i soldi

                   e scappano via. Il francese resta solo ma

                   sopraggiunge un altro gruppo di lazzari)

Francese     - Macaronis,  sont prets les macaronis?

3°lazzaro    - Si, viene ccu' nuje ca te facimme dduje                                         maccarune lardiate.

4°lazzaro    - T'hamma lardia' comme dicemme nuje.

(Mentre portano tra le quinte il francese cominciano a derubarlo del cappello, della giacca e altro).

                   (Escono tutti)

                            

SCENA  17/2

(Gennaro, Lenor, Cuoco)

Gennaro     - (Entrando di corsa seguito da Cuoco).

                   Lenor, Lenor, guarda oggi quante notizie ho

                   raccolto. Potrai fare un foglio doppio.

Lenor          - Grazie. Così anche oggi è fatta.

                   (Leggendo) "Allo Scudillo un mercante di

                   carbone, in omaggio alla Repubblica, ha

                   abbassato i prezzi, con grande giubilo dei

                   suoi clienti, tutta gente non certo  benestante".

                   Questa è una bella notizia.

                   (Prosegue a leggere) "Seguendo l'esempio del

                   venditore di carbone un salumiere al Largo                                              della Pigna ha anch'egli abbassato il prezzo      

                   del formaggio bianco, quello più usato

                   dal popolo, arrivando quasi a dimezzarlo".

                   Bisognerebbe far avere a questi commercianti

                   un elogio ufficiale del Governo.

                   (Leggendo) "Il re Ferdinando, dalla sua sede di

                   Palermo, ha nominato il Cardinale Principe

                   Fabrizio Ruffo di Calabria, vicario generale

                   del Regno delle Due Sicilie, con l'incarico

                   di organizzare un esercito in grado di liberare

                   Napoli dagli invasori senza Fede e dai  traditori giacobini".

                   Chi te l'ha data?

Gennaro     - Il Ministro della Guerra, Manthone'. Al palazzo  del Governo erano tutti in subbuglio. Ruffo,  che ha molti soldi e molti sudditi fedeli in  Calabria,  ha già organizzato un esercito e punta su Napoli, mentre noi non abbiamo ancora una guardia nazionale.

                   Comunque Manthoné mi ha detto che devi                                              decidere tu se pubblicarla o no. Eventualmente

                   senza suscitare allarmismi nella popolazione.

Lenor          - Senza allarmismi. Che significa senza allarmismi?

                   Falsarla? Attenuarla?

Cuoco         - (Entrando) Non pubblicarla?

Lenor          - Ecco, bravo Vincenzo. Il modo per non creare

                   allarmismi è non pubblicarle. Come stai?

Cuoco         - Io bene, e vedo pure tu, sempre a combattere.

                   Caro Gennaro, stai imparando a fare il

                   giornalista?

Gennaro     - Vicino a Lenor posso solo fare il giornalaio.

Lenor                   - Non gli dar retta, è bravissimo a scovare

                   notizie, ha un fiuto...

Cuoco         - Ma quest'ultima volevi prorio che non la  portasse, vero.

Lenor          - Non credo sia una notizia da sottovalutare,

                   conoscendo le capacità di Ruffo e le nostre        condizioni.

Gennaro     - E i Francesi che fanno, non ci assicurano la                                 copertura militare in caso di eventuale  attacco?

Cuoco         - 'E Francesi hanno chiesto soldi che noi non

                   possiamo dare. Per fortuna Championnet è

                   ancora un idealista e nun tene 'o curaggio

                   di mettere Napoli a ferro e fuoco, ma sta' sicuro che,

 contro Ruffo, il Direttorio gli dirà di mollarci al nostro destino.  Oramai sanno che da noi non possono ricavare neanche un ducato.

Gennaro     - E' incredibile, una città che ha la fortuna di                                  liberarsi dall'oppressione e dal malgoverno e                                      poi, non trova la forza di formare un misero

                   esercito per difendere queste conquiste.

                   Quelli che lottano ogni giorno sono sempre

                   gli stessi, ma la massa, proprio quella che

                   e' maggiormente interessata a tutto questo,

                   rimane indifferente, direi quasi ostile.

Cuoco         - La massa, il popolo non può capire una

                   rivoluzione fatta da nobili ed intellettuali,

                   senza la loro partecipazione.

                   Lenor, quante copie vendi al giorno del tuo                                             giornale rivoluzionario e popolare?

Lenor                   - Non arrivano a cento.

Cuoco         - Cento, capite, cento. L'organo ufficiale della

                   Repubblica Napoletana non viene comprato

                   neppure dai giacobini di Napoli, che sono,

                   per quanto mi risulta, molto piu' di cento.

                   E allora?

Lenor          - E allora? Non piace. E' fatto male?

Cuoco         - No, anzi è anche troppo perfetto.

Lenor          - Troppo perfetto?

Cuoco          -Troppo sincero. Diciamo troppo critico con                                l'operato del Governo.

Lenor          - E questo non piace.

Cuoco          - Questo viene considerato un atteggiamento

                   che non avvicina certamente il popolo al

                   governo.

Lenor          - Ah! Dunque è colpa mia se il popolo non è con                                    noi. Dovevo fare un giornale di partito, un

                   giornale di regime,  che non dicesse la

                   verità ma facesse propaganda.

                   Ho sempre pensato di servire il popolo con

                   lealtà, facendo una informazione corretta,

                   senza usare il giornale come strumento di parte.

                   Questo è il mio dovere e non la cambierò

                   certo per far contenti i cari cittadini governanti.

                   (Esce risentita seguita dai due)

SCENA  18/2

( 5 Strilloni)

1°strillone  - 'O Monitore. 'O Monitore 'e Napule.

                   Accattateve 'o Monitore. Porta 'a nutizia

                   che il Guverno della Ripubbrica ha luvate

                   'e gabbelle d'o pesce e d'a frutta.

                   Accattateve 'o Monitore.

2°strillone - Notizia eccezzionale. 'O generale                                                  Championnet rinuncia ai 10 milioni di ducati.

                   Il donativo di guerra nun s'hadda pava' cchiu'. 

                   Ma chi vuleva pava? 'O Monitore, 'o Monitore…

3°strillone - Ultimissime. Scoperto soldati francesi che

                   assalivano diligenze come briganti.                                                 Ultimissime. Mariuoliggio francese.

4°strillone  - Il generale Championnet, richiamato in

                   Francia dal Direttorio ca va truvanne 'e

                   dieci milioni 'e ducate. E mo chi pava?

                   Francesi in partenza da Napoli?

5°strillone  - Ultime notizie. Il cardinale Ruffo, è

                   arrivato con i suoi uomini a Nola.

                   Arruolatevi nella Guardia Nazionale,

                   servono uomini per difendere la Repubblica.

                   Ultime notizie. Ruffo a Nola prepara l'attacco.

                   Il Monitore. Ultime notizie.

SCENA  19/2

(1°strillone, 2°strillone, Lenor)

1°strillone - (Gli strilloni, man mano che si ritirano  dal giro

                   depositano i giornali invenduti ai  piedi di Lenor).

                   Signo', ogge nun s"e' vennuto niente.

                   'O tipografo ha ditto ca si nun pavate 'e                                         diebbete ca tenite cu isso, dimane nun po' stampa'

                   manco nu' foglio, pecché pur'isso sta' senza solde.

2°strillone - Signo', sentite nu cunsiglio. Nun stampate

                   niente cchiu, tanto 'a nu mumento 'a nate

                   ve n'ata j, pecché arrivano 'e surdate nuoste.

Lenor          - E quale so' questi soldati vostri?

2°strillone - 'E suldate napulitane.

1°strillone - 'E suldate 'e tata.

Lenor          - Ah, già, tata. Vuje 'o vulite bene a tata?

1°strillone - E come, nun 'o vulimme bene. Chille e' nu rre,

                   ma sta sempe' co' popolo.

Lenor          - Come col popolo?

1°strillone - Sta sempe' 'mmiez"a nuje. Scenne abbascio

                   alla marina,  va a pisca' cu 'e piscature.

                   E po' 'e riale pure: munete d'oro.

2°strillone - 'E vote, pe' quacche festa, 'e votte pure  'a copp'o

                   balcone 'e palazzo, 'e munete d'oro.

1°strillone - E moldo generoso con nuje lazzari.

Lenor          - Certo, certo. Adesso andate, andate.

1°strillone  (Fanno per andare poi) Signo', ve pozzo

                   dicere 'ne cosa?

Lenor          - Certo.

1°strillone - Se potete, fujtevenne.

2°strillone  Si veneno 'e surdate nuoste, fanno piazza

                   pulita 'e tutt'e furastiere.

1°strillone  - Stateve buono.

Lenor           Fujtevenne! Finalmente è finita. Ora                                                       arriveranno i soldati di tata e tutto                                                 ritornerà come prima. Qualche moneta d'oro

                   lanciata dal balcone, qualche festa con

                   l'albero della cuccagna, una pacca sulla

                   spalla di un pescatore e tutti ad acclamare

                   questo padre buono, generoso, umano, lazzarone.

                   Tata te fa scurda' la miseria, la fame,

                   le malattie, l'ignoranza, come fosse un santo.

                   Bisogna riconoscere che ci sa fare.

                   Chissà cosa ne pensano della divina consorte?

                   Avrei dovuto chiederlo.

                   Fujtevenne e invece non hanno capito che

                   quella che se ne fuje è la speranza di

                   cambiare qualcosa nella loro vita.

                   E il giornale non è stato capace di parlare

                   a loro, ha fallito il suo compito ed è

                   giusto che scompare. Trentacinque numeri,

                   tutti tirati con il sudore della fronte,

                   zeppi di speranza, di impegno, di debiti.

Gennaro     - (Entrando)  Lenor, sono stato al Palazzo del                                Governo: e' vuoto, non c'è più nessuno.

                   Sono tutti a combattere contro le soldataglie

                   di Ruffo, che ha arruolato  persino  i briganti con loro,

                  con la promessa che 'o re darà a tutti l'amnistia.                                      Manthoné ha fatto le barricate al Ponte della                                Maddalena e tutta la famiglia Pignatelli si è chiusa nel                             Castel dell'Ovo, Vitaliani a Castelnuovo e Marra a S.Elmo.

                   E chi li smuove cchiù, chille possono resistere per anni.

Lenor          - Oramai a che serve questo sacrificio.

                   Abbiamo perso, Genna', abbiamo perso. Ma non

                   perché è arrivato Ruffo, ma perché il popolo

                   non è mai stato con noi. Ha ragione Cuoco,                                             abbiamo fatto una rivoluzione d'elite, di                                              intellettuali sognatori. Abbiamo importato un                                    seme o non abbiamo saputo preparare il terreno.

                   Ma a 'sta gente che abbiamo dato?  Per loro che cosa

è cambiato. Niente. Fra un mese  nessuno ricorderà più i giacubbini, 'a  repubblica e tutte le stronzate che abbiamo fatto.  Questa gente continuerà a vivere come bestie e

il padrone continuerà ad ingrassare  insieme

alla sua corte pidocchiosa.

Gennaro     - Andiamo via, Lenor. La città è circondata

                   ma il mare è ancora libero. Possiamo

                   prendere una barca e tentare di raggiungere

                   Pozzuoli. Di la poi, è facile raggiungere

                   Roma e semmai imbarcarci per la Francia.

Lenor          - Non posso scappare. Sono la cittadina

                   Eleonora Fonseca, ho diretto il giornale

                   della Repubblica, non posso scappare come

                   una vigliacca davanti alle mie responsabilità.

Gennaro     - Allora resto con te.

Lenor          - No, tu non devi restare. Lo sai che restare

                   significa finire... in piazza Mercato.

Gennaro     - Non è detto. Il generale Bonaparte è ancora vivo.

                   Appena rientrerà in Europa sono certo che riprenderà

                   a liberare i popoli oppressi dalle monarchie e noi...

                   (Lenor si siede in terra tirando giù  anche Gennaro.

                    Ora sono l'uno di fronte all' altro.)

Lenor          - Mi piacerebbe andare via con te, lontano,

                   in un angolo sperduto del mondo.

                   Dimenticare tutto e vivere il resto dei

                   nostri giorni come una persona semplice.

                  Una vita normale, coltivando un po' di terra...                               oppure andare in un posto di mare...

                  (Si odono in lontananza rumori di combattimenti e grida.)

                   ...ma ormai... è tutto finito.

Gennaro     - (Abbracciandola) Lenor

                   (La luce si abbassa, i rumori sembrano svaniti,                               improvvisamente irrompono in scena un gruppo di                        uomini armati. Alla luce delle loro lanterne

                   essi scorgono i due e presili per i capelli

                   cercano di vederne il volto.)

SCENA  29/2

(Lenor, Gennaro, 1°lazzaro, 2°lazzaro, 3°lazzaro, 1°soldato, 2°soldato, altri popolani armati)

1°lazzaro    - Chi site? Nobbile o giacubbine?

2°lazzaro    - (Guardando i giornali) Chiste so' giurnale giacubbine.

3°lazzaro    - E chesta è 'a femmena ca screveva 'ncopp'o giurnale.                           M'arricordo. Aggiu venduto 'e  giurnale pe' essa.

1°lazzaro    - Azzo'! E mo pure e femmene sanno scrivere.

                   E che vulisse mettere a coppa all'ommo?

                   E brava 'a svergognata.

                   (Gennaro fa per reagire)

                   E tu chi si', 'o ricuttaro suojo.

                   Embe', te faje mettere 'o fierro 'ncapo  'a 'na femmena?

Gennaro     - (Riuscendo a parlare) Sono Gennaro Serra duca  di Cassano e la signora è la marchesa  Eleonora Pimentel Fonseca...

1°lazzaro    - Comm'è possibbile, si nobbile e tradisce

                   'a razza toja. E che razza d'ommo si'?

2°lazzaro    - Tagliammele 'a capa  a 'sti zuzzuse.

Lazzari       - Tagliammele 'a capa. A morte 'e traditure  d'o rre.

1°lazzaro    - (Facendo cenno di zittire) Silenzio, ca cca'

                   decido io: A morte!

                   (Tutti ridono e fanno per trascinare i due

                   ma entrano due soldati borbonici in divisa)

1°soldato    - Fermi, che state facenno?

1°lazzaro    -Cumanna', avimme pigliato dduje traditore giacubbine.

2°lazzaro    - Hanna muri'.

1° soldato   - Questo lo decide il Cardinale Ruffo.

                   (Ai due) Forza, avanti voi due, venite con noi.

                   (Ai lazzari) Voi potete procedere con il saccheggio.

1°lazzaro    - E c'hamma sacchiggia'. Cca' 'nce sta'  sulo carta.

2°lazzaro    - Almeno avessemo magnato buono, 'sta carta

                   'nce puteva servi'.

1°lazzaro    - Pe' che cosa?

2°lazzaro    - Pe' t'annetta, zuzzuso.

1°lazzaro    - Ah! Chesta è 'na bell'idea. Allora vedimme              

                   'e magna' e po' turnamme  cca.

2°lazzaro    - Si, si. Vedimme 'e truva' quaccosa.

Lazzari       - (Cantano euforici)

                   Alla faccia d'e giacubbine

                   nce' facimme na giarra 'e vino.

                   Pe' rispetto di Ferdinando

                   ce magnammo nu pesce tanto.

                   Per volere della riggina

                   la briosce di Carolina.

                   E chi vo' magnare sulo

                   s'arrangiasse co' cetrulo.

SCENA  21/2

(Guidobaldo, Lenor, 2 soldati borbonici)

Lenor          - (E' vestita con il camicione della Vicaria. Ha le catene alle caviglie che vengono  trascinate con un tintinnio cupo.

                   I capelli sono cortissimi e tagliati male. La luce e' cupa. Entrano due soldati con lanterne e il funzionario borbonico Guidobaldo).

Guidobaldo          - Declinate il vostro nome.

Lenor          -  Eleonora Pimentel Fonseca.

Guidobaldo          - (riconoscendola) Ah, eccola qua, la grande

                   femmina, da vota marchesa a giacubbina.

                   Una bella carriera.

                   (Lègge) "Arrestata in flagrante con Gennaro                                            Serra di Cassano",  suo degno compare.

                   Traditore. E' già stato cundannato a morte.

                   (Lenor ha un sussulto e ne bisbiglia il nome)

                   Dunque, nun perdimmo tiempo.

                   Siete accusata di aver scritto giornali e altro

                   a favore 'e chella schifezza della cosiddetta

                   Repubblica Napoletana.

                   Avete trasformato Napoli in un bordello

                   e chillu giurnale vuoste faceva sulo schifo.

Lenor          - Potete fare le vostre accuse ma vi proibisco

                   di usare questo linguaggio con me.

Guidobaldo          - Vattenne, va'. 'Sta presuntuosa,  fetente,  tene ancora

a' forza 'e parla'.  Leonora Fonseca, siete condannata alla pena  di morte.  (colpo di tamburo).

(Esce seguito dai due soldati. La scena si rabbuia. Lentamente si illumina la parte retrostante le quinte ed in trasparenza attraverso di esse appare in siluette  l' ombra del patibolo e la folla che aspetta.

Lenor sale lentamente sul palco mentre rintocca sei volte la campana del Carmine. Il boia mette la corda al collo di Lenor, i tamburi rullano, poi si fermano di colpo e si spengono tutte le luci.

Sul telo della scena compare in proiezione una scritta):

" Tra l'agosto e il novembre 1799

furono mandati a morte 120 persone

con  processi sommari.

Tra questi

Eleonora Pimentel Fonseca

Gennaro Serra di Cassano

Domenico Cirillo

Vincenzo Russo

Nicola Fasulo

Gabriele Manthone'

Mario Pagano

Mario Pignatelli

Ferdinando Pignatelli

Luisa Sanfelice

FINE 

(C) 1996 Mariano Burgada Siae Dor

Si possono richiede gli spartiti delle musiche originali a

marianoburgada@libero.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 23 volte nell' arco di un'anno