Du’ pazzi… in vacanza!

Stampa questo copione

DU' PAZZI… IN VACANZA

DU' PAZZI… IN VACANZA!

Commedia brillante in due atti di

Calogero Maurici

        (elaborata da Pietro Maurici e Rosanna Maurici)




P e r s o n a g g i

F o r t u n a t o (il pazzo)

R i t a (la pazza)

C e t t i n a (la sorella di Fortunato) 

G i r o l a m o (il marito di Cettina)

Giovanna (la figlia di Cettina)

Rosetta (vicina di casa)

E m a n u e l e (il figlio di Rosetta)


Essere stato l'autore più rappresentato in quest'anno (2002) molto drammatico della mia vita, mi ha spinto proprio quando pensavo che la mia creatività stesse per finire, a scrivere questo lavoro, avendone già un altro nella mente. 
Sarei felice che qualche compagnia si mettesse in contatto per scrivere qualche dramma, perché sono quelli che prediligo, quelli che mi provocano più forti emozioni, ma sò che è cosa ben difficile o forse impossibile, perché ormai tutti, dalle compagnie, registi, attori, vogliono ridere.
Non dimenticando l'attore più importante che merita sempre più rispetto sotto tutti gli aspetti: il pubblico, senza il quale il teatro non avrebbe motivo di esistere e che da alcuni anni vuole spensieratezza, passare due ore lontano dai problemi che ci attanagliano quotidianamente. 
Ormai, rientra nel mio stile scrivere commedie brillanti ma attuali con un messaggio finale ben preciso da trasmettere a ciascuno.
Non tralasciando la comicità, stavolta ho voluto scrivere una commedia diversa, quasi impossibile che possa capitare, anche se tutti concordano che sovente la realtà supera la fantasia.
Probabilmente qualcosa di vero sarà capitato, io mi auguro di nò, perche la storia è talmente incredibile che viene difficile credere che possano capitare situazioni del genere. 
In ogni caso era cosi forte la voglia di scrivere qualcosa di diverso, di una storia impossibile, che il pomeriggio del 16/09 02, trovandomi a letto, pensando in un attimo alla trama, mi trovai sopra nel mio studio, e sedutomi davanti al compiuter cominciai a scrivere questo lavoro.
In un primo momento avevo dato il titolo: cu cci cummatti cu i pazzi…ma subito dopo, con l'aiuto di mia moglie, nasceva: DU' PAZZI… IN VACANZA.
In tre ore ho scritto un atto, ripresi l'indomani ed in due ore e mezzo il secondo.

Ovviamente, il tutto serve sempre per sdrammatizzare, per divertirci facendo divertire; anche se in qualche passaggio della commedia si può trovare qualche situazione veramente accaduta, assicuro che è puramente casuale.

La signora Cettina, e Girolamo sposati da anni, abitano in un paese della Sicilia.
Un giorno riceve una telefonata dal direttore del manicomio di Roma dove è rinchiuso
Fortunato (il fratello) il quale le comunica che, avendo migliorato il suo stato psichico, viene inserito in un nuovo programma di terapia; quindi viene mandato in vacanza proprio a casa della sorella. 
Fortunato, (il Pazzo) porta con sé una bella sorpresa: Rita, la compagna della sua vita, anche lei psichicamente fragile.
Cettina si trova a sopportare, ad assecondare assieme alla figlia ed al marito Girolamo (vera vittima) tutte le stranezze dei due vacanzieri.
Un infermiere molto strano siciliano ma che lavora a Roma proprio dove si trova Fortunato, incontrandosi in sicilia….
Una vicina di casa con il fratello che studia psichiatria s' inseriscono perfettamente nella storia rendendo ancor più coinvolgente ed esilarante la storia. Alla fine Girolamo non sopportando fisicamente e psicologicamente questa situazione…. Prende?……… 
(commedia dedicata)
Al bravissimo Gerlando Tarallo ed a tutti i componenti della del laboratorio teatrale di Agrigento. 
A Giuseppe Castelli ed a tutti i componenti della compagnia di Ribera (Ag)
All'amico amante del teatro e dei miei lavori - Dino Grasso.
All'amico regista Gennaro Gerbino ed a tutti i componenti della compagnia…Koinè di Venetico (Me)
Alla regista Giusi Lentini ed a tutti i componenti della compagnia…
Alla compagnia di professionisti dei Portici di Agrigento… 
All'amico amante del teatro e dei miei lavori-Tonino Famulari-
A Rosa e Provvidenza Munafo, a Gaziella Velardi e a tutti i componenti della compagnia.
A Fortunato Manti ed a tutti i componenti della compagnia.
Alla regista Cettina Arcodia ed a tutti i componenti della compagnia
A tutta la mia famiglia che mi è stata vicino in un momento drammatico della mia vita.
S C E N A I°
(Girolamo, Cettina, Giovanna)

(Cettina, sta parlando al telefono col direttore del manicomio di Roma dove è rinchiuso il
fratello, mentre parla entra il marito si versa da bere e comincia ad ascoltare)

Cet. Grazie direttore, ho capito tutto, cercheremo di fare il possibile e di aiutarli,
specialmente che mio fratello è migliorato…ho capito, deve essere come una
vera vacanza. Grazie arrivederci (chiude) 

Gir. Chi cci sunnu notizie boni.(stava bevendo qualcosa)

Cet. Veni me frati. 

Gir. ( Rimane stupito e butta pure quello che stava bevendo, poi arrabbiato) Già ccà
dintra non si regge ora cci vulia puru il pazzo di to frati.

Cet. Stannu ristrutturannu a clinica e i prufissura ci dissiru di alloggiare
presso i parenti, stanno mannanno a chiddi c'hanno migghiorato.

Gir. Ma non su putianu purtari dintra i prufissura.

Cet. Dici c'ava essiri comu 'nna vera vacanza.

Gir. Io 'nna vacanza in vintanni non mi l'haiu mai fatta e sugnu bonu di testa.
Iddu in cosi poco tempo e mancu bona di testa è… ccà dintra si fa a vacanza cu 
presenza e panza …

Cet. Pi 'nna simana non è a fini du munnu.

Gir. Ma si quannu vinni l'ultima vota pi un'ura mi stava facennu nesciri u 
sensu e poi 'nna simana cu unu ca non è tantu bonu di testa mi pari
un annu.

Cet. Ma picchi tu chi si megghiu di testa!…

Gir. Megghiu di tia sicuru, puru tu l'hai un filu di pazzia…(pausa) ma almenu 
migghiorau? 

Cet. Ti ricordi ca prima chiangia sempre, a ogni parola ca dicia…

Gir. Mu ricordu ca ammia mi rumpia…

Cet. Ora non chiangi cchiù…(Gir. Si rallegra) Ora inveci ridi sempre.

Gir. E chi ci fa l'effettu contrariu?!

Cet. Però è sempre megghiu ca chiangiri.

Gir. (addolorato e comico ) Si però iu mi la chiangiri!…

Cet. I duttura dicinu ca è un piano di terapia nuovo, i seguinu finu a stazione senza
farsi accorgere u medicu e du' infermeri… poi cci sunnu tri novità…

Gir. A forza di novità idda mi manna all'aldilà …

Cet. A prima è, ca finalmente c'iarrivau a famosa pinsioni.

Gir. Almenu 'nni facemu a spisa.

Cet. A secunna è ca si fici zita…e si voli maritari.

Gir. M' ummagginu quannu è vicinu all'altari… scancia u parrinu pu' sacristanu.
E cu è sta santa donna!…

Cet. E' comu a iddu!

Gir. Pazza?! 

Cet. E' un pocu cchiù equilibrata, ogni tantu nesci fora ddu seminato.

Gir. Un pocu cchiu equilibrata, dipenni quannu si fa a convergenza!…

Cet. Veni assieme a idda… ( Girolamo, se è seduto si alza di scatto)

Gir. Non ti risicari, non putemu cummattiri cu unu, figuramuni cu dui.

Cet. Ormai sunnu in viaggiu, pomeriggiu arrivanu, pensa chiuttostu ca ci
dettiru un saccu di arretrati.

Gir. Un saccu di arretrati e nautri ristamu cunsumati, attaccati e rovinati.
(entra Giovanna, la figlia un tipino stravagante con uno specchietto si guarda o
un cellulare in mano)

Gio. Ciao papi, mamma m'accattari qualchi magghietta e un geans.

Gir. Per ora c'è crisi…
Gio. Sapiti mi sunnavu o ziu ca mi ridia ma ridiri!… iddu ca chiangi stavota ridia
sempre, e mi dicia avi assai ca non 'nni videmu, sarà bon segno.

Gir. (al pubblico) Lassau u stampu puru no sonnu!

Cet. Cchiù tardu arriva a mamma.

Gio. No, pi favuri… io sempre nesciu…

Gir. (Al pubblico) Siccomu dintra cci sta assai! 

Gio. Papà, a mamma ormai è abituata di quantu cci cummattiu, ma tu diventi
strammatu.

Cet. Avi ca è strammatu iddu!

Gir. Non restu sulu strammatu…frigatu, abbannunatu, arramazzatu…

Gio. Ma mamma quantu resta.

Cet. 'Nna simana sicuru…

Gir. Picchi c'è pericolo ca restano chiassai? (con grande mimica)

Cet. Jornu cchiù jornu menu.

Gir. Megghiu jornu in menu…Un jornu è 'nna vita…(disperato) 'nna vita.

Cet. A proposito, si chiama Rita la zita.

Gio. A zita!?…(ride) si fici zitu? Certu c' ava daviri 'nna panza.

Gir. Ma quali panza, comu a idda è, e vennu assieme.

Gio. Ah! no mamma, cu unu ristava chiassai fora ca dintra, cu dui mi resto
fora completamente.

Gir. Non pigghiari a palla in balzo tu, devi collaborare picchi al più
presto a simana deve volare . 

Gio. (sensuale) Pazienza, voli diri ca ci scippu un pocu di soldi accussi m'accattu a
magghietta curta ca si vidi l'ombelicu, 'nna minigonna, i calze a reti…

Gir. Accussi ti pigghianu pi zoccola! Camina già sugnu esauritu e a
cummattiri puru cuttia.

Gio. Megghiu cummia ca cu la pazzia… 

Cet. Circati di finilla ca iu ma concentrari, prima era uno ora sunnu dui.

Gir. Concentrati, io già sugnu concentrato di pomodoro, spremuto e misu dintra a
buttigghia.

Cet. Girolamo, 'nna vota era difficicile cummattiri cu chissi, ora semu no dumila…

Gio. Papà u 2000 veni ogni mille anni…

Gir. Tutti spiritusi siti…

Gio. Quantu vaiu 'nni Giacomo ca mi telefonau (esce)


S C E N A II°
( Girolamo, Cettina, Rosetta, vicina di casa)

Gir. Non mi diri ca u facemu curcari no nostru lettu, io non permetto.
Ogni vota voli spaziu, iddu si curca no lettu matrimoniale e nautri no
lettinu, e poi m'assuppurtari poi i to pidati, l'autra vota mi ghittasti 'nterra.

Cet. E chi voi su lettinu è strittu.

Gir. U lettinu è strittu, ma sempre io resto frittu.

Cet. Stavota peggiu è picchi sunnu dui…autri letti granni non n'avemu.

Gir. (disperato) Matri mia… matri mia chi prima d'arrivari ci pigghiassi
'nna pazzia.

Cet. Si fusu, ma si già sunnu pazzi.

Gir. Ah! Veru è, sugnu fusu…chiusu…

Cet. E fori usu!.. (bussano, entra la sig.ra Rosetta, vedova di un noto pneumologo)

Ros. Bongiorno! Scusate, volevo chiedervi un favore…

Cet. Si putemu cu tuttu il cuore …
Gir. Cu figatu e cu polmone…

Ros. Grazie…grazie di cuore…Sapete che mio figlio Emanuele studia
psichiatria e sapete come si dice…

Gir. Oggi attia dumani ammia …

Ros. Sig. Cettina le volevo chiedere, dato che sta venendo suofratello Fortunato, se
mio figlio ogni tanto potesse fare un poco di pratica, se ogni tanto potesse
osservarli, scrutarli, dato che sono due…ma magari anche con uno dei due.

Gir. Si, due al prezzo di uno! Ora divintamu oggetto di studio. 

Cet. Non si preoccupi signora Cettina, appena arrivanu dica a so figghiu ca
po veniri quannu voli però non faciticci capiri ca è dutturi di di testa.

Ros. Lo studio non è come la pratica.

Gir. Ahi! Ahi!…mi fa male la natica.

Cet. Ma comu l'ha saputo…

Ros. Sua figlia parlava con tutti e poi l'ha detto anche a mio figlio.

Gir. Signora Rosetta ca comu mai parla sempre in italiano.

Ros. Da quando mio figlio si sta laurendo, si deve essire più fine…mio marito ci
teneva tanto che prendesse la laurea, meglio psichiatria, perché in questa
disciplina c'è solo da capire la testa e non da vedere e toccare, lo sapete che gli
manca un poco di vista.

Cet. Ogni tantu ci fazzu controllari a me maritu picchi è sulla bona strada.

Ros. Mio figlio lo dice sempre, per impazzire non ci voli nenti.

Gir. Chi bello conforto!

Cet. Va bene signora non si preoccupi.

Ros. Grazie…grazie di cuore…ci vediamo. ( toccandosi il cuore a destra)

Cet. Ma il cuore è a sinistra…

Ros. Ma il mio è talmente grande che si espande fino a destra….(poi esce) 
S C E N A III°
(Girolamo, Cettina, Emanuele, Fortunato, Rita, Giovanna)

Cet. Chissa non sapi ca u cori è a sinistra.

Gir. Ma stu so figghiu ca è quasi cecu comu si sta laurando…

Cet. Ca testa si studia no cu l'occhi.

Gir. Quantu mi vaiu a fazzu 'nna partita o bigghiardu prima c'arrivanu.
(mentre esce entra Emanuele)

Ema. (un paio di occhiali col vetro spesso, alcuni nei sparsi in viso, sulla fronte e nel
mento, capelli con la riga al centro ed elegantino, gilè e papillon, insomma tutto
di un pezzo) Signora Cettina grazie…grazie di cuore, signora Cettina si è
tagliata i capelli.

Gir. A signora Cettina è là, io sono Girolamo…

Ema. (si avvicina a Cettina) Grazie ..grazie di cuore, di cuo…re quando mi laurerò, la
visita a suo marito gli e la faccio sempre gratis…( ogni tanto si mette il mignolo
dentro l'orecchio grattandosi, e qualche volta esce la lingua)

Gir. (gli si avvicina) Ma picchi proprio ammia!

Ema. (Girol. si era spostato ed Emanuele credendo di trovarlo nelle stesso posto si
avvicina dove lo aveva lasciato, prima di vederlo fa scena) Gli e lo dico
subito…

Gir. Ccà sugnu, no di latu, girati.(lo mette bene Girolamo)

Ema. Sa come si dice: Chi pratica un anormale prima o poi finisce male…

Gir. (al pubblico) Chissu vinni pi esaminari ammia!…quantu nesciu asinò
mancu a partita o bigghiardu mi pozzu fari…(prima di uscire)

Ema. Sig. Girolamo, grazie…grazie di cuore di cuo…re 

Gir. A proposìto, Emanuele quannu ti laurendi…

Ema. Presto…troppo presto (ride) Grazie…grazie di cuo… re…(Gir.esce)

Cet. Non ti preoccupari, quannu un favore si po fare…
Ema. Ora vado perché devo andare a studiare fra un mese devo fare la tesi, 
sa mi viene il mal di pancia con la tesi.

Cet. Puru ammia a frittura mi ghetta pisanti…

Ema. Ci vediamo… (sbatte in qualche posto)

Cet. IO ci vedo…tu forse…

Ema. No dico ci vediamo dopo. (Cet. Annuisce, prima di uscire Ema… Grazie…)

Cet. (si siede sfinita) Ma è proprio orbu…comunque quantu vaiu accattu un
pocu di filettu asinò me soru non mangia. (mentre esce,entra Giovanna.)

Gio. Mamma mi scanciau pittia Emanuele, mi dissi signora Cettina era a casa e si
trova fora prima di mia e diri che io sono uscito prima di lei.

Cet. Statti dintra ca io ora vegnu.(esce, poi Giov. và nella sua stanza, un attimo prima
che i due pazzi si affacciano in scena una musica inquietante "tipo twin peaks"
subito dopo si affacciano i due pazzi: Fortunato ha un pantalone sotto il
ginocchio, calzettoni di diverso colore, anche Rita è vestita strana, tiene davanti
nell'apposito porta bambini una bambola come se fossa la figlia, entrambi 
tengono un borsone, capelli in aria, si fermano vicino la porta fissi verso il
pubblico poi si girano lentamente ognuno verso l'altro, poi entrano lentamente, si
fermano sempre fissi al pubblico posano il borsone, fanno dei gesti strani)

Rit. Fortunato, ma è chissa sicuro a casa. 

For. Mi pari ca canusciu u divanu, sempre chiddu è…

Rit. Comu mai non n'aspetta nuddu.

For. Pi sicurezza amuninni e controllamu a casa di prima. ( prendono il borsone, si
girano lentamente invertendosi di posizione, arrivano di profilo e si feramno)

Rit. Ma io era misa di stu latu prima…

For. Puru io eru misu o postu toi. (guardano il borsone ed intuiscono…)

Rit. U borsone non l'abbimo girato….(lo girano, poi in maniera confusa fanno un
paio di giri ma tornano sempre nella posizione sbagliata)

For. (rigirano il borsone, loro confusamente ritornano nella posizione giusta di quando
sono entrati)
Rit. Ora nautri semu giusti, pero u borsone non è cu so versu…

For. U sai chi ti dicu, pi non sbagghiare amuninni all' indietro. (prendono il borsone
e lentamente se ne vanno all'indietro accompagnati sempre dalla solita musica) 

Gio. Mi paria d'aviri sintutu parlari…mah!…(accende la radio e comincia a ballare un
ritmo movimentato, dopo un poco entrano Fortunato e Rita: Fortunato si mette a
ballare, anche Rita accenna al ballo, poi fa ballare la bambola)

Gio. (se ne accorge dopo alcuni secondi e spegne la radio) Zio…

Rit. (arrabbiata) Non capisci ca a piccilidda si po' svegghiari?!

For. Appoggiamula subito…(Rita la mette sul divano con la testa un po' all'ingiù )
No accussi, ca ci và u sangu in testa…(la capovolge)

Rit. Ma accussi non ci và ne pedi u sangu!?

For. Megghiu né pedi ca 'ntesta. 

Rit. Non pigghia friscu veru…(poi a Giovanna) E' Bedda vero?

Gio. (accondiscende) Che bedda!…ziu comu si chiama…

For. Iu ci vulia mettiri SFASATA…a zia 'nveci dissi, megghiu PAZIOTICA…
(si ferma un attimo) Picchi non dici ca ti piaci stu nomi, dillu dillu ca ti piaci.
(batte le mani sulle coscie e qualche altro movimento a soggetto) 

Gio. (spaventata) Si…si mi piaci, bellu è?

Rit. Fortunato u dissi 'nna vota sula bellu è. (Fortunato s'innervosisce di più)

For. Dillu tri voti…tri voti a vuci forti…(Giovanna lo fà) Pigghia qualcosa ca cià
mittemu di supra né troppu pisanti né troppu leggera.(mentre Giovanna và, 
fanno le coccole a Paziotica, subito dopo entra Giovanna con la copertina, e gli e
la mettono)

Rit. Cchiù tardu a facemu mangiari…ci voli u latti.

For. Ciù facemu accattari, a piccilidda ava crisciri…Ma ti chiami sempre Giovanna?!
(Ricordarsi di battere spesso le mani nelle coscie soprattutto quando
s'innervosisce, poi a soggetto qualche altro gesto anormale)

Gio. Certo.

For. Questa è Rita… è tutta a me vita…(ride prolungatamente in modo buffo )

Gio. Piacere…

Rit. Grazie non c'è di che… ca- che- chi- co- cu-( spesso anche lei due gesti anormali) 

For. Chista è Rituzza…è tutta a me vituzza…(ride allo stesso modo) Prima ca
indovinavu a casa passau mezzura, tuppiamu in quattru casi prima.
(ride) poi sintemu musìca e io scaltru capivu ca chissa era a casa.Tu a Rita la
chiamari zia u capisti..u capisti…

Rit. Avi tri misi ca semu maritati, poi ni vulemu fari ziti!… 

Gio. Bello sugnu cuntenta…

For. (serio) Picchi chi vuliatu essiri scuntenta? (arrabbiato) Ccà dintra si non siti tutti
cuntenti rumpu tutti cosi…

Gio. Si zio, calmati, tutti cuntenti semu…

For. Tutti..tutti..tutti….( mentre ride entra Cettina)

Cet. Fortunato…

For. ( era di spalle) Cu mi chiama, (si gira) 

Cet. U frati, iu sugnu… (risponde senza girarsi)

For. U vitti ca si tu…(nervoso le mani nelle cosce) però mentre ridu non vogghiu
esseri disturbatu, chiamatu e interrumpatu asinò mi sentu mali, non pozzu sfugari
e pozzu fari dannu.

Cet. Va beni…va beni… ( Fortunato si gira)

For. Ti presentu Rita… è tutta a me vita…(ride sempre prolungatamente)
Rituzza è tutta a me vituzza…(ride) 

Cet. Buon giorno…

Rit. Bongiorno, bonasera e bonanotte!…

Gio. Mamma io vado a sistemarmi la stanzetta. (và)
Rit. Ma sta casa quantu stanzi avi…

Cet. Quattru.

Rit. E' cchiù nicaredda di unni abitamu nautri, nautri avemu qualchi cinquanta
stanzi e deci bagni.

For. Ma li siamu all'Hotel a cinque cuori…Ma ti chiami sempre Cettina…

Cet. Certo.

For. Filettu cinnè…

Cet. Certu. Ma dimmi comu vi canuscistivu cu Rita.

For. Era un pocu fora di testa, io ca sugnu dintra di testa, gli sono stato vicino.

Cet. Ah! Capivu…vi vuliti beni veru…

For. Assai assai…si cuntenta ca ti purtavu a cumpagnia, accussi c'è a casa china… 
Ora v'accatti u figatu, a Rita ci piaci u figatu…

Cet. Fra un pocu ci vaiu. (Rita ogni tanto controlla Paziotica)

For. Ora…subitu…non mi fari arrabbiari asinò poi mi sfogu…(entra Gir.)

Gir. ( verso il pubblico) Matri mia…

For. Chissu è sempre to maritu…

Cet. Certu.

Fort. Mi paria ca l'aviatu canciatu.

Gir. Signora bongiorno. (Rita si alza dal divano)

Rit. Bongiorno, bonasera e bonanotte!..

For. Picchi salutasti a idda prima. Non lu fari cchiù picchi si m'arrabbiu poi
sfogu e rumpu chiddu chi mi veni prima o pigghiu a pidati a cu me veni prima
che preferisci!?..

Gir. Tutti dui cosi boni sunnu.

For. (A Rita) Ti presentu… (Rita si alza di scatto e gli dà la mano)

Rit. Puru l'autra mano…(gli e li stringe entrambi prolungatamente)

Gir. (al pubblico) E quannu mi lassa chissa!

Gir. Piacere, sugnu u cugnatu.

For. Quali cugnatu…u maritu di me soru!

Cet. Signora Rita si accomodassi.

For. Ti chiami sempre Giròlamo.

Cet. Girolamo, Fortunata no Giròlamo.

For. Giròlamo Fortunata…du nomi hai…mah! peggiu de pazzi!

Rit. Ma iddu cu è u diritturi.

For. U diritturi…(ride)

Cet. Iddu è u patruni di sta casa.

For. (serio con gesti anormali) Quannu ci sugnu io non ci sunnu patruna, ci sunnu
garzuna (ride) A proposito u lettu è sempre chiddu, canciatalu picchi ora ogni
misi vegnu sempre in vacanza. 

Gir. (al Pubblico) Chi semu prigati…ma sempre in Sicilia poi vi stufati.

For. Iu sugnu sicilianu, idda è siciliana, a casa l'avemu, i cammareri l'avemu.
(Ride poi non vede ridere il cognato e gli si avvicina con occhi spalancati) Hai
qualcosa incontrario.

Gir. No…no..

For. E allura ridi..ridi…riditi tutti…(ridono tutti e Gir. Fa scena)
Rita accomodati, (poi al cognato) si voi anche tu, fai comu si fussi
dintra a to casa…(Rit. Si accomoda sul divano stando attenta alla bambola e si
toglie pure le scarpe, Fortunato si avvivina a lei odora i piedi dell'amica e respira
serenamente, poi dice:) Javurati i pedi da me scimietta e comu si respirati aria
pura di montagna. All'Hotel fanno a gara pi javurari i so pedi (Gir.e Cet. Si
guardano sbalorditi) Ancora non vi moviti (s'innervosisce con movimenti da
pazzo) Scimietta priparati… (preparare un piccolo sgabello o qualche sedia)
Rit. (romantica) Che bello quannu mi chiami scimietta!

Cet. Si, si a soru u stamu facennu…(va prima lei, dopo averlo fatto)

For. E' aria di montagna…vero?!.. (lo assecondano e rispondono) megghiu…

Gir. Iu cchiù tardu vegnu haiu un appuntamentu e sugnu in ritardu.

Rit. (si alza di scatto) Scimbanzè…

For. (romantico) Che bello quannu mi chiami Scimbanzè…

Gir. Scimietta…Scimbanzè…menumali ca non purtaru a Tarzan!

Rit. Non voli javurari i me pedi (s'innervosisce co i soliti gesti)

For. (s'innervosisce di più di prima) AH!…quannu s'arrabbia a me scimietta diventu
peggiu di un pazzu.( entra Cettina e cerca di calmarlo, Fort. cerca di calmare Rita)

Gir. ( li guarda disperato, poi al pubblico) Mi pari ammia ca iddi restanu ccà e io mi
'nni vaiu o manicomio.

Cet. Stava scherzannu Girolamo, ci sta javurannu…(Cet. Si avvicina al marito) leva
l'occasione. (Gir. Si avvicina pianissimo verso Rita, quando arriva Fort. lo blocca)

For. Alt!..non mi piaci comu vinisti…troppu musciu, troppu lentu , troppu pianu.
Vattinni di novu a unni eri misu e veni cchiù veloci…(Gir. Si tira i capelli)

Rit. E vacci cchiù veloci.(Gir. Si avvia più veloce, ma triste)

For. (loblocca di nuovo) Alt, troppu tristi, fallu di novu…
(Gir. si rimette a posto e riparte veloce e più contento, odora, resiste al cattivo
odore )

For. E' veru ca è megghu di l'aria pura…

Gir. (resistendo) Si…si cu st'aria pura qualsiasi malatia si cura (scappa per l'altra
stanza accennando al vomito mentre Fort. ride prolungatamente )

Cet. Forse ora è megghiu ca vi iti a ripusari…

For. Chi dici tu Rituzza . (rientra Girolamo scombussolato)

Rit. Si accussi 'nni lavamu, 'nni sciacqamu, 'nni facemu a doccia e poi u bagnu.(poi
dice qualcosa oll'orecchio di Fort. Rita si mette a cantare Donna Rosa, stonata )

For. (accompagnandola con gesti a ritmo di musica) Chi vuci…chi vuci!…

Rit. Fortunato non mi batteru i mani…(Fort. va su tutte le furie)

For. Battiti i mani a zia…(lo fanno) Puru i pedi..i pedi (battono i piedi saltellando)
Cettina circati di lavari bonu u bagnu , picchi dopu tuttu chiddu chi ghittau
Giròlamo, Rituzza, la mia scimietta…

Rit. (romantica) Che bello quannu mi chiami scimietta…

For. Cettina, ti stava dicennu ca Rituzza non sopporta i cattivi odori, è lenta di
stomacu…

Cet. Non ti preoccupari, acchianati dai, si non ci semu quannu scinniti, voli diri ca
semu accattari u figatu…(Rita nel frattempo prende la bambola e la tiene con cura
sussurandole: Bella…bella di mammmma…mammmma, Gir. Si mette la mani nei
capelli)

For. Mammmma cu quattru M… O ci siti o non ci siti chi 'ninteressa a nautri (mentre
vanno ridono, preferibilmente accompagnati da una musica ritmata ) 

(S C E N A IV°)
(Cettina, Girolamo, Giovanna, Fortunato, Rita, Sig. Rosetta, Emanuele)

Cet. (si siede sfinita) Dio ci scanzi e liberi da pazzia…Santissima Maria (entra Gir.)

Gir. So cuscina, so soru e so zia . (entra Giov. scena recitata a rosario fin dall'inizio)

Cet. Ora pari ca semu chiusi dintra 'nna tana.

Gir. Non vidu l'ura ca passa sta simana 

Gio. Papa', pazienza e coraggio .

Gir. Dopo aprile veni maggio .

Gio. Quannu vannu in bagnu ci vannu abbracciati.

Gir. Basta ca non chiamanu ammia pi essiri stuaiti. ( fine rosario)

Gio. Ma ammia non mi pari ca migghiorau, ci javurastivu i pedi!..(stupita)
Gir. A vidiri prima ca si 'nni vannu , chiddu chi vonnu fattu.

Cet. A situazioni è pisanti picchi c'è st' amica…

Gir. Ma quali amica, per ora sunnu amici, poi diventano soru…poi siti tri soru! 

Gio. Io a mumentu mi 'nni vaiu 'ni Giacomo a sentimi un pocu di musica.

Gir. Tu vai 'nni Giacomo, ammia i gammi mi fannu Giacomu Giacomu. 

Cet. Ora niscemu, emu a fari un pocu di spisa e nel frattempo i lassamu suli, u dutturi
mi dissi ca ogni tantu è megghiu ca stannu suli.

Gir. A nautri quattru jorna chissi 'nni ghettanu fora, a casa affittata ni 'nni putemu iri.

Gio. Ora cumenciu a circaricci i primi soldi.

Gir. Non ti risicari d'accattariti a magghietta cu l'obeliscu di fora.

Gio. Cchiù tardu 'nni vedemu…(esce) 

Cet. Avanti niscemu e mentre passamu avvisamu A Emanuele…

Gir. U pischiatricu, a vidiri appena s'incontranu…avanti niscemu, lassamuli suli, 
quannu il gatto non c'è, i topi abbaiano! (stanno per uscire ed entra Fortunata)

For. Cettina comu mai si ancora ccà…(i due risaltano e poi si girano lentamente)

Cet. Stamu niscennu…

For. Dimmi supposte di tachipirina in sciroppu n'aviti! A Rituzza a vituzza ci fa
mali aricchi, a tromba di pistacchio.

Cet. Non cinnè.

For. Accattali non tu scurdari…(escono) Non vidu l'ura ca mi fazzu zitu, certu ca unni
staiu iu e sta casa cinnè differenza, chiddu è un hotel di prima categoria, però
preferisciu ccà… ddà, ci sunnu troppu cristiani strani. (entra Rita cambiata di
abito sempre strano e si ferma vicino la porta chiamando:) 

Rit. Scimbanzè!.. 

For. (romantico) Che bello quannu mi chiami scimbanzè… (poi chiama lei) Scimietta!

Rit. (romantica) Che bello quannu mi chiami Scimietta. (mentre va a prenderla,
bussano.)

For. Non mi ricordu a cu tocca prima abbracciarimi ammia o attia…

Rit. Mancu iu mu ricordu…fallu tu prima.

For. No tu…(continuano per tre quattro volte finendo Rita) Allura facemu u toccu.
Chiassai di deci vinciu io cchiù picca di deci vinci tu (buttano entrambi dieci e
dieci, poi però non sanno quanti sono) Sunnu sidici…

Rit. No, sunnu novi…(continuano rimanendo con le mani aperte, bussano ) 

For. Cu è chi rumpi l'ova nel panino. (va ad aprire, entrano la sig. Rosetta col figlio)
Prima di parlare mi devi dire quantu sunnu chissi (prende anche le mani di Rita)
(stava guardando Emanuele, ma la madre lo fa di parte)

Ros. Venti…

For. (ride) Allura vincivu io… nisciti per ora…nisciti picchi semu impegnati, aspittati
fora poi vi chiamo io (li caccia, mentre esce Emanuele sbatte la faccia nella
porta, Fort. e Rita si siedono nel divano) Non mi ricordu cu quali accuminciari cu
bracciu sinistro o chiddu destru…

Rit. Cumencia cu chiddu do centru…(mentre fanno scena) 

For. Chiudi l'aricchi e l'occhi.

Rit. Si chiudu l'occhi non ti sentu, si chiudu l'aricchi non ti vidu…(in quel momento
entra Giovanna) 

Gio. Zio…oh! scusa…

Rit. Ho fatto la figurina dello scema.

For. (comincia ad agitarsi con i soliti gesti, poi da pugni sopra il tavolo) Non ma
disturbari picchi poi non sfogu e rumpu tuttu (occhi spalancati)

Rit. (si alza di scatto, anch'essa occhi spalancati e gesti anormali) Dintra a nostra casa 
si tuppia prima, nautri semu in vacanza, Fortunato ccà dintra sunnu pazzi.

For. Facisti chiangiri a Rita…a me vita… Rituzza..a me vituzza ( rompe
qualcosa, Giovanna spaventata si mette in un angolo)

Gio. Scusa zio non vulia disturbari, a prossima vota tuppiu…

For. Tuppii…(mentre la soffoca, poi si calma, mentre Giovanna spaventatissima dice)

Gio. Non non capita cchiù…ziu non respiru. Non capita cchiù… 

For. Non respiri…voi respirare bona…(Giovanna annuisce)
vai 'nna zia e javuracci i pedi picchi tu non lu facisti, vai ca ti senti bona poi.

Gio. Non c'eru io…(Giov. và ad odorare)

For. Respiri megghiu ora…(Giovanna annuisce mentre si trattiene il vomito) 

Gio. Zia devo andare in bagno.

Rit. A fare a pisciatella (mentre Giov. và, bussano, entrano Rosetta ed il figlio)

Ros. Bongiorno…

Rit. Bongiorno, bonasera e bonanotte…

For. Siti chiddi d'antura, trasiti (entrano) Ora nisciti, picchi vi dissi ca v'avia chiamari
Io…(escono, mentre esce Emanuele sbatte nella porta) Rita quannu dici tu i
chiamamu…(senza dimenticare spesso i soliti gesti, dopo un poco apre la porta e
li chiama)

Ros. Bongiorno… (salutano, si presentano, Emanuele prima che dà la mano passa un
poco di tempo, poi sbatte con la testa in qualche posto)

For. Che cecu o orbu!… (chiede per il figlio)

Ros. Ci manca qualche grado. Mio figlio è un dottore e vi vuole conoscere…

For. Io ci presento a Rita… è tutta a me vita… Rituzza, è tutta a me vituzza (ride, poi
si accorge che non ridono ed arrabbiato) Picchi non riditi, riditi asinò non sfogo
e fazzu dannu. (impauriti mamma e figlio cominciano a ridere)

Ros. Cumincia a studialli a mamma…

Ema. Mi scusi sig. il posto dove siete ricove…(la madre gli fa segnale) volevo dire
dove siete alloggiati si trova a Roma vero. ( mignolo dentro l'orecchio)

Rit. Lei comu comu u sapi era in vacanza ddà…

For. A lei chi c'interessa unnè u nostru alloggiu…(occhi spalancati)

Ema. Dovrei andarci, so che è in via Garibaldi, volevo sapere a che altezza si trova.

For. Al quarto piano…picchi o primu c'era un amico ca muriu con un male alla
prostituta, o secunnu pian un altru amicu con un itterus cerebrale…

Rit. O terzu 'nna mica mea ci vinni 'nna crisi ostretrica e 'nni trasferemu o 4° piano.

Ros. Che siete simpatici, ma al quarto piano abitate assieme…

For. Per ora no…picchi semu (romanticone) maritati, ma appena semu ziti si.

Rit. Dotturi, ogni tanto io haiu qualchi girone di testa, ma chi po' essiri.

Ema. Ma c'è qualche ipertensione familiare…(ricordarsi del mignolo e della lingua)

Rit. Ultimamente no…

Ema. (si alza, va vicino la madre) La prossima volta vi prendo la pressione.

Ros. Io to matri sugnu…iddi sunnu ddà…(entrano Girolamo e Cettina.)

Cet. Ah! che bello siti puru ccà.

Ros. Abbiamo fatto conoscenza…sono due simpaticoni...grazie, grazie di cuore.
di cuo…re. (toccandosi a destra)

Gir. Ma il cuore è a sinistra…

Ros. Il mio è talmente grande che si espande anche fino al fegato. 

Ema. Grazie…grazie di cuore, di cuo…re (lo ripete anche Girolamo)

Cet. (nel frattempo prende le sedie per la signora Rosetta e il figlio) Prego...
signora…accomodativi. Aspittamu un quartudura a cassa pi pagari.

For. E quantu tempu c'impiegastivu... (Rosetta si siede, mentre Emanuele vicino la
sedia fa un po' di scena per trovare la sedia e riuscire a sedersi…)

Rit. Il dottore non è comu chiddi chi ci sunnu nel nostro Hotel, chiddi mi parunu
troppu strani, e certi voti non vidunu nenti. ( Emanuele sta per sedersi e cade per
terra)

Gir. Iddu inveci vidi!… (cercano di prendere Emanuele)

Ema. No, faccio da solo…faccio da solo…( poi si siede sopra la madre, dopo un po'
finalmente lo fanno sedere nella propria sedia) 
Ros. Mio figlio è a vostra disposizione per qualsiasi cosa…

For. Bonu, picchi ma va spiegari tanti cosi…(si avvicina) sapi poi vulemu allargari a
famigghia, sapi dutturi chi non rischia non raschia…in tutte le cose è cosi, anche 
quannu si gioca al grattatutto.

Gir. (si gratta) Ammia puru mi veni di grattare dappertutto.

Rit. Scimbanzè…

For. Che bello quannu mi chiami scimbanzè.

Ros. Osserva Emanuele, osserva…(in disparte)

For. Scimietta…dimmi…

Rit. Che bello quannu mi chiami scimietta…amuninni picchi sugnu stanca.

For. Cettina è tutto pronto, a stanza di lettu. Ora mentre semu na stanza di lettu,
vogghiu massimu silenzio (occhi spalancati verso il pubblico) Luci astutati,
picchi a luci mi fa acchianari i nervi, a matina non faciti troppu trafficu.

Rit. Quannu iti o bagnu non faciti rumuri, caminati a pedi scalzi e non tirate l'acqua da
cassetta, l'indumani quannu nautri finemu di iri o bagnu, trasiti e a tirati…a carta
igenica ava essiri liscia e non raspusa, asinò mi veni u manciasciumi no culetto, di
culuri gialla e disignata cu tanti fiorellini, a tuvagghia pu' bidè ava essiri canciata
ogni ura e tri minuti, ava essiri colorata e mai scura, picchi i cosi scuri mi fannu
divintari tristi e pazza.

For. Pi colazione, io vogghiu un piatto di latte con un pocu di caffè, tri gocci di thè cu
du cucchiai di miele amaro…

Rit. Ammia 'nna tazza di marmellata, cu du gocce di cafè, un ovu alla coccolona e
deci tipi di biscotti tutti diversi pi fila indiana 'ncapu u tavulinu…(tutti stupiti) 
i tovagghioli tutti gnutticati e di tri culuri diversi: russu russu e russu…
nautri 'nna ma rilassari picchi…(entrambi) Semu in vacanza." (se ne vanno
abbracciati ridendo prolungatamente… accompagnati sempre dallo stesso 
ritmo musicale…Cettina e Girol. rimangono a bocca aperta, poi Cettina li segue )

Ros. Emanuele osserva, studiali… osserva…sunnu du pazzi veri…veri…
Gir. Osserva ca me mugghieri fa a serva…sunnu du pazzi veri… veri…io staiu
facennu u cammareri .

Ema. Però!… c'e da vedere tanto in questi due.

Gir. (al pubblico) Da vedere…Quannu ci veni a vista.

Ros. Ora togliamo il disturbo…e grazie…grazie di cuore, di cuo…re

Ema. Grazie …grazie di cuore… ( si dirigge dal lato opposto e sbatte)

Gir. Io pensu ca 'nna simana non ci duru (entra Giovanna)

Ros. Arrivederci e Gra… (stava salutando)

Gir. Non ringraziate cca non cinnè bisogno. (Rosetta esce, prima di uscire Emanuele)

Ema. Sig. Girolamo…Grazie..grazie di cuore…(Gir. S'innervosisce)

Gio. Papà semu cunsumati, pensi c'acciarrivamu a 'nna simana.

Gir. (fare qualche tic di uno dei due pazzi) Io penso di no, picchi u sai forse
minnivaiu iu vacanza. (Fine I° Atto)


I I° A T T O

S C E N A V°
(Girolamo, Cettina, Giovanna, Fortunato, Rita)

Cet. Stavota staiu suffrennu veramente.

Gir. Picchi l'autri voti non hai soffrito. Io haiu sempre soffrito, quannu u vidu.

Cet. I duttura dicinu ca la ma teniri sutt'occhiu, ca poi cià ma diri comu si
comportanu, i cosi giusti chi fannu, in che modu li fannu, vogliono le nostre
sensazioni…

Gir. Chi vonnu fattu un tema!

Cet. A prossima vota ci dicemu ca stamu partennu.

Gir. Chi si 'nni futtunu, chiddi vennu, si trovanu chiusa a porta a scassano e trasunu,
non capisti ca dici ca a casa è soa. Cara mia, l'ospite è come il pesce, dopo tri
jorna nuota. (entra Giovanna)

Gio. Chi trafficu finu a stanotte tardu, idda ci dicia ca a piccilidda sonnu non
n'avia, iddu ci dicia ca forse avia mal di stomaco e ci vulianu fari l'acqua cu
l'alloro…

Gir. L'acqua cu l'alloro…chi ci vinissi…a idda, a iddu e a so soru…(Cet. lo guarda)

Gio. Io non cià fazzu cchiù a sentili, a vidili…e semu a prima jurnata!..

Cet. Ma si tu non ci si mai dintra…

Gir. Non sulu iddi dui, ci vulia puru a bambola…ma sunnu proprio fusi, autru ca
migghioraru. (disperato)

Cet. Non capisti ca è una te ra pi a… i duttura vonnu capiri comu si comportano.

Gir. E' una terapia… iu funnu e iddu s'arrichia…(in quel momento entra Fortunato)

For. (stanco) Bongiorno…(tutti rispondono cambiando atteggiamento ma rimanendo
seduti)

For. Quannu salutu si rispunni alzannusi…(si alzano tutti dicendo: BONGIORNO)

Cet. Durmisti bonu u frati. 

For. Ma quali dormiri, a piccilidda 'nni fici fari nuttata…ah! i pinseri di un patri
quannu i figghi sunnu nicareddi sunnu (alza la voce ) grossi…grossi…(poi si
siede…(abbassa la voce) speriamo ca stanotte durmemu tutti.

Cet. (al marito) Guarda 'nni stu mumentu com' è sereno…

For. (poi si alza di scatto, arrabbiato, occhi spalancati, soliti gesti alzando la voce) Però
prima ca a piccilidda si sintia mali, c'era troppu rumuri, vulissi sapiri cu facia stu
rumuri non sulu ca u primu jornu di vacanza nu rovinau a piccilidda, di autri non
vogghiu capiri nenti, vulissi capiri cu fu…cu fu… 

Cet. Fortunato, sunnu i vicini di casa, hannu du neonati e a notti fannu trafficu,
chiangiunu.

For. E non fannu dormiri a me piccilidda, (mentre cammina agitato) quandu ci
vaiu…ci vaiu…

Cet. Girolamo bloccalo…(Giovanna si fa di parte)

Gir. E cu si risica!… (Cet. poi si fa coraggio)

Cet. Fortunato, aspetta ora ci vaiu io, a mumenti scinni Rita, megghiu ca stai tu…

For. (si calma) Scinni Rita…a me vita…Rituzza …a me vituzza…

Cet. Girolamo è veru ca ora cci emu nautri i ci 'nni dicemu quattru…

Gir. Anche ottu!…

For. (serio) Facemu dudici…

Gir. Si, anche sidici…quattru c cchiù quattru menu…(entra Rita con Paziotica fra le
braccia tenuta con amore, con il ciuccio che le toglie e le mette)

Rit. (canta) Dormi bambina bella…e poi la mamma ti fa vedere la stella…

For. Dormi bambina…(invita a cantare, prima cantano Giov. e Cet. poi anche Gir.) 

Gir. (prima di cantare fa scena, la moglie fa capire di togliere l'occasione, e canta) 
DORMI BAMBINA BELLA…E POI LA MAMMA TI FA VEDERE UNA STELLA
(poi al pubblico) I cosi rinesci a farimi fari iddu, mancu deci pazzi ci rinescinu.

Rit. Fortunato, a piccilidda avi bisognu du latte…

Cet. Quali latti…

Rit. Chiddu tuttu di un pezzu…chiddu sanu…

Cet. Ah! si, chiddu sanu, u capisti Girolamo u latti chiddu sanu…

Gir. Veramente non l'haiu caputu. (gli si avvicina Fortunato)

For. Tu la testa ti la apriri, si chiusu e forse puru fusu…(ride prolungatamente)

Gio. U capivu io qual è u latti tuttu di un pezzu, chiddu sanu…u latti intero… 
Ziu, io staiu niscennu, l'accattu io…

Rit. Veramente a chi a piccilidda è calma, io e Fortunato avemu a nesciri, tu
n'accumpagni…(tutti dicono va bene…)

Gir. Puru nesciu, haiu a riunione di condominiu. (sta per uscire, Fortunata lo chiama)
For. Unni vai tu…(Gir. si ferma vicino la porta) Io non ti nni detti delega, quannu non
ci sugnu io, u patruni di casa, a riunioni non si ci và, nautra vota c'iemu…Tu teni
a piccilidda, falla dormiri, taliala sempre, appena si svegghia dacci u ciucciu…

Rit. No…u ciucciu non cià va livari…

For. No…U ciucciu non ciù livari…(prende Paziotica alla moglie e la da a
Girolamo,questi mentre la prende fa scena, mimica, grande espressività)

Cet. Si, si a soru, ci sugnu puru io…vatri itivinni tranquilli, Giovanna accumpagnali.
( mentre escono Giovanna , il padre e la madre si lanciano delle occhiate, escono)

S C E N A VI°
(Cettina, Girolamo, Fortunato)

Cet. Dai Girolamo, fra sei jorna si 'nni vannu…

Gir. Fra sei jorna si 'nni vannu ma prima ammia mi ricoverannu…

Cet. A prossima vota non capita cchiù…(si sente parlare Fortunato sta per rientrare)
matri sta vinennu, comu mai. 

Gir. Non cià fazzu cchiù (disperato senza accorgersi si mette il cicciu in bocca)

Cet. (si appresta a prendere la bambola per terra, cerca il ciuccio che non trova)
A unnè u ciucciu…Girolamo unnè…(si gira e lo vede in bocca al marito)
Teni… teni ca sta vinennu…(entra Fortunato)

For. (con la mano tesa) Cettina dammi i soldi pu' latti…

Gir. (al Pubblico) Puru!…(Cettina gli e li dà)

For. (vede Gir. coccolare Paziotica) Bravo Giròlamo…bravo, bona a teni. (esce)

Gir. (va su tutte le furie) Puru i soldi cià ma dari…(lo ripete)

Cet. Non t' agitare chiassai ca poi vennu l'affanni … 

Gir. Certu chissu 'nni lassa senza mutanni … quandu nesciu, picchi asinò esaurisciu,
a mumenti mi veni un icx…(esce) 


S C E N A VII°
(Cettina, Emanuele, Rosetta, Girolamo)

Cet. Devo diri c'avi ragiuni, ammia mi pari ca ma frati peggiorau, e duttura ci dicu ca
u vitti cchiù strammatu, accussi non veni cchiù, mi doli u cori, ma non pozzu fari
altrimenti, prima però ma fari assignari a delega da pinsioni, e a capiri sti arretrati
chi fini ficiru. ( posa la bambola, bussano, entrano Emanuele Rosetta)

Ros. Buon giorno…signora non disturbiamo vero!

Cet. Ma quali disturbo, è un piacere. (Emanuele fa scena, sbatte in qualche posto)

Ema. (verso la madre) Signora Cettina, (Emanuele ha un papillon più grande) 

Ros. A signura vidi ca è di stu latu…(lo aggiusta)

Ema. Grazie..grazie di cuore di cuo…re (stava ringraziando anche la madre, ma 
Cettina la blocca)

Cet. Non c'è bisogno, già ringraziau so figghiu.

Ros. Noi dopo domani, partiamo, andiamo a Roma, perché Emanuele deve controllare
la vista, sa, le parlo come una sorella, forse gli è migliorata.

Cet. (al pubblico) Comu migghiorau me frati!

Ros. Poi facciamo un giro nella clinica proprio dove è ricoverato suo fratello.

Ema. Infatti, vorrei prima di partire…diciamo cosi…i… almeno esaminarlo un paio di
volte ancora, perché prima di visitare la clinica, vorrei…diciamo cosi…i…
senza andare in fondo…diciamo cosi…i…perché se uno va in fondo a certe
imprevedibili circostanze…diciamo cosi…i…dove finiamo?

Cet. (al pubblico) Oh! gioia, avissi a cu esaminare attia. Finiamo in fondo…diciamo
cosi…(entra Girolamo)

Ros. Quando parla cosi bene, rimango incantata!.. 

Gir. Non c'è verso, mancu ca machina pozzu caminari, fici marcia indietro e mi misi
sutta un cani, fici marcia avanti e mi misi sutta un gattu…staiu funnennu.

Ros. Sig. Girolamo, ci vuole pazienza, calma, tranquillità, serenità, sangue freddo…

Gir. U vocabolario mi sta dicennu.

Ros. Essere ottimisti…Emanuele secondo te che significa perché è cosi irrequieto.

Gir. Sintemu o psichiatrico.

Ema. Ma vede, questa situazione, diciamo cosi…i… che sta attraversando, diciamo
cosi…i… è normale che in un rapporto di convivenza, diciamo cosi…in questa
situazione cosi trascendendale…diciamo cosi…i…che si crea diciamo cosi…i
(mentre Girolamo lo guarda a bocca aperta stupito) una situazione nella quale
se il rapporto…diciamo cosi…viene a mancare…si crea confusione…e diciamo
cosi…i il cervello entra in una situazione particolare…diciamo cosi…ma passerà.

Gir. (al pubblico) Sulu diciamo cosi capivu!

Ros. Quando lo sento parlare cosi con questi termini tecnici, se non fossi sua madre
m'innamorerei.

Gir. (al pubblico) Pi mmia su po' pigghiari anche quannu non parla! 

Cet. Girolamo, Emanuele vinni…(lo blocca Rosetta)

Ros. Signora, la prego…la prego…il dottor. Emanuele, serve anche per dare carica a 
mio figlio…

Cet. Mi scusi, Girolamo Emanuele, il dottore… (Girolamo la interrompe)

Gir. ( imitando Rosetta) Cettina, prima devi dire il dottore, no Emanuele, se no si
scarica…

Cet. Il dottore Emanuele, prima di partire, vuole vedere un paio di volte i du…

Gir. Villeggianti…

Ema. Sa, signora io ho capito da quel poco che ho visto suo fratello che non è proprio
pazzo-pazzo-pazzo-pazzo cioè quattro volte pazzo.

Cet. Ah! si, e com'è!

Gir. Pazzo deci voti!

Ema. PAZZO! Una sola volta…Lo stesso fatto che hanno dato per nome diciamo cosi
alla Bambola Paziotica, significa che sono pieni di creatività, si divertono,
giocando, sapendo o non sapendo che giocando si divertono, cosi la loro pazzia,
incosapevolmente diciamo cosi…i… diventa più serena.(allungare sempre la i)

Gir. (alla moglie) Ma chi cacchio dici chissu! 

Ros. Se mio figlio è arrivato a questa conclusione, vuole dire che è questa. Ma non è
un amore quando apre la bocca!…

Gir. Chissu appena va visita qualchi manicomio u fannu ristari ddà. 

Ros. Ma per ora i due dove si trovano.

Cet. Sono andati a fare un po' di spesa cosi si svagano un pocu.

Gir. A vidiri chiddu chi cumminanu!

Ros. Comunque, piu tardi ritorniamo, anche noi dobbiamo fare un poco di spesa,
spero di non disturbare…e grazie…grazie di cuore…di cuo re. (si tocca a dx.) 
Sa il mio cuore è talmente grande che si espende fino alla colecisti.

Cet. Ci credo ci credo…..Arrivederci…(Gir. fa scena)

Ema. Arrivederci…e grazie…grazie di cuore…di cuo re (un po' di scena ed escono)
(ricordarsi di uscire ogni tanto la lingua e di grattarsi l'orecchio col mignolo)

S C E N A VIII°
(Girolamo, Cettina, Giovanna, Fortunato, Rita)

Gir. A chissa stu cori ci si espande fino o culu… Non basta to frati e a so zita, puru
chissi ci vonnu.

Cet. Tantu si sta laurannu…

Gir. Chissu mancu fra vintanni si lauranna.(entra Giovanna disperata)

Gio. Pi favuri non mi diciti chhiù di accumpagnalli, picchi io non mi sentu.

Cet. Chi succidiu.

Gio. Sunnu o cimiteru.

Gir. (contento) Mureru…e comu fu cunta…cu fu stu scaltru…cunta…

Gio. Ma chi mureru! Prima vulianu accattari u lattti o panificio, non li potti convinciri,
trasemu o panificio, u ziu o panitteri ci dumannau pu' latti, e Rita ci dissi :
CROCCANTE ! menumali ca u panettiere di quantu signali ci fici io, u capiu, poi
niscemu, emu o supermecatu, finalmente accattamu u latti, a nisciuta do 
supermercatu c'era u funerali da signura Rizza a vedova Ciccazzo, c'eru appressu
e si misiru in prima fila, tutti chiangianu e iddi ridianu, risati…Papà va pigghiali,
asinò cusapi quannu s'arricogghinu.

Gir. Ma cui, poi non po' sfugari e mi mazzia. Speriamo 'nveci ca ci dunanu qualchi
botta 'ntesta a tutti dui, crepano e poi si ca i vaiu a pigghiu, ma pi mettili dintra a
bara…(in quel momento entrano, For. tiene una borsa nella quale ci sono buste di
latte, Rita corre da Paziotica)

For. A piccilidda tutto a postu…

Cet. Si, tutto a postu, Girolamo a fici mangiari puru…

Gir. Si, si saziu puru, poi fici puru u ruttinu…

Rit. Fortunato , io vaiu supra e a curcu 'na nostra stanza…(và)

Cet. Quantu custau stu latti Fortunato.

For. Chissacciu, a chidda ca battia (fa segno con le mani) ci dissi ca poi ci dava, 
c'eranu tanti cristiani, nautri passamu.

Rit. Però ci dissimu permesso a tutti…

Gir. Va pagacci sti cosi asinò 'ncapu a bucca di tutti semu.

Cet. (a Fort.) Dammi i soldi chi ti detti ca cci vaiu…

For. (arrabbiato occhi spalancati e gesti) Picchi ti la dari, mi li dasti andura, io ti li
dugnu sulu quannu tu mi li cerchi prima ca ti la dumannu. Chiuttostu pripara
l'autri. (Giovanna fa segnale al padre che se ne và nella sua stanza)

Gir. U dissi ca chissu 'nni leva puru i mutanni.

Cet. Va beni ora vegnu.

Gir. Veni subitu ca staiu niscennu. (Cettina esce)

For. Unni vai tu, si si svegghia a piccilidda cià canciari u pannolinu.

S C E N A IX°
(Fortunato, Girolamo, Giovanna, Rita)

For. Giròlamo, quannu tu mori…(Girolamo si tocca) sti funerali accussi tristi non li
vogghiu vidiri, tu vogghiu fari allegro…allegro…(ride prolungatamente)

Gir. (al pubblico) Mi prenota a bara a colori!

For. Sai la tua lontananza mi mancava!

Gir. (facendo scena) Puru ammia!

For. Dimmi fra tia e me soru ci sunnu arttriti?

Gir. Arttriti no, un pocu di dulura aromatici!

For. U sai ogni tantu giocu al grattatutto, si vinciu, i spicci i dugnu attia cu l'autri
fazzu 'nna pazzia. (ride allo stesso modo) Comunque ora semu ccà, vicini
vicini,(si avvicina e Gir. si sposta) Fammi capiri quantu mi voi beni…

Gir. Minchiuni! Assai..assai…

For. Dammi un bacetto… 

Gir. (al pubblico) E dopu u bacettu chi voli chissu! (un po' di scena poi gli da il bacio) 

For. Vol dire che doveve succedere che succedesse. Ora vaiu 'nni Rita…(và)

Gir. Haiu l'impressioni ca a iddu si cià giusta a testa, e ammia mi si sfascia, accussi
poi Vegnu iu in vacanza…(ride prolungatamente come Fortunato poi entra Giov.)

Gio. Papà ma chi ridi comu o ziu?!…

Gir. (si spaventa) Eh! Ma si sicura? Non è chi sunnu i primi sintomi! E quannu vinissi
in vacanza, mi purtassi a bambola…a sbrodolina…(ride)

Gio. Papà, ma non putemu fari nenti, ancora mancu du' jorna passaru.

Gir. Chi putemu fari, ormai 'nni la ma chiangiri…chissu è il nuovo programma di
terapia pi rumpiri a testa ammia!.. 

Gio. Chissi chi l'accumpagnaru, per ora sa stannu spassannu.

Gir. E nautri 'nni stamu scassannu!..

Gio. Papà, io vulissi nesciri…

Gir. E chi mi lassi sulu cu iddi! Aspetta c'arriva to matri.(si sente cantare, è Rita che
canta Donna Rosa in modo stonato)

Gio. E' convinta ca è una cantante coi fiocchi. (nel frattempo entra Fortunato)

For. A sintiti, non avi 'nna vuci di un angelo! (non rispondono subito, Fort. si adira)
A vautri dicu, (comincia a dare pugnui e calci ovunque) è veru c'avi 'nna vuci di
un angelo!?

Gio. Si, ziu, si…veru papà c' avi una voce magnifica.

For. Picchi non rispunnistivu subitu.

Gio. Picchi è talmente bella ca mi stava impalsamando...

Gir. Ammia mi stava addormendando…

For. (convinto, con un tono diverso) Staiu facennu di tutto pi falla partecipare a
Sanremo, un jornu all'Hotel vinni Nilla Pizza, appena a sintiu cantari sviniu.

Gir. Cu è sta Nilla Pizza…

Gio. A cantanti papà…Nilla Pizza!..

Gir. Ah! si…si Nilla Pizza chidda quannnu senti cantari u pilu c'harrizza. 
(entra Rita, Fortunato batte le mani e d invita gli altri a farlo gridando Brava)
Rita si siede sul divano, Fortunato le va incontro)

For. Giròlamo, appena nesci, accattami i supposti, non a sciroppo, chiddi chi si
mettunu normali, però a sira prima di dormiri ma metti tu, picchi a Rita quannu
vidi u bucu… ci fa sensu e prima ca ma metti a fa squagghiari tutta…(ride)

Gio. Papà niscemu, lassamuli un pocu suli…Accussi accattamu puru i supposti.

Gir. Chi suli e suli, tutti cosi rumpunu…

Gio. (sempre sottovoce) Nenti rumpunu.

Gir. Senti Fortunata io e Giovanna, a ma iri non dentista, io ma scippari 'nna mola,
Giovanna, un denti…e poi accattamu i supposti.
For. All'Hotel, avemu du' dentisti unu si chiama, dr. Dentini…chiddu di Rita dr.
Molare… (ridono tutti)

Gio. Fra un pocu vinemu…

For. Giròlamo, mentri passi chiama a ddu dutturi, ci vulissi parlari…(escono)

S C E N A X°
(Fortunato, Rita, Girolamo, Cettina, Rosetta, Emanuele)

(Entrambi seduti sul divano frontalmente verso il pubblico )

For. Scimietta…

Rit. Scimbanzè…n'abbrazzamu…

For. Comu 'nni mittemu di latu, o di profilu…

Rit. Forse è megghiu ca ristamu accussi, senza chi 'nni taliamo e cchiù bellu.

For. E si poi sbagghiu e abbrazzu a nautra, tu chiffà ti gelosii…(romanticone)

Rit. Io già taliavo e vicino ammia non c'è nuddu…

For. U sacciu ca si troppu scaltra.

Rit. Abbrazzamuni prima ca piccilidda si svegghia.

For. Comu t'abbrazzu cu bracciu sinistro o chiddu destru.

Rit. Cu tutti e due. (Fort. fa il gesto, ma essendo frontale non puo' quindi fà scena)
Forse è megghiu ca 'nni giramu…(si girano, stanno per abbracciarsi e bussano)

For. Non ci semu…

Rit. Dicci ca semu nisciti…

For. Semu nisciti…(continuano ad abbracciarsi, mentre entrano Rosetta e Emanuele)

Ros. (Appena li vede)…Osserva a mamma, osserva, sunnu abbracciati. (Eman. Guarda
da un'altra parte, poi la mamma lo sistema) Bongiorno…(i due risaltano)

For. Comu trasistivu, si nautri non c' eramo…taliastivu du bucu da porta! 
Ema. Noi domani partiamo, e volevo salutarvi…

Rit. Che pensieroso gentile!

For. Sapi dotturi, io ci vulia diri ca u maritu di me soru, mi preoccupa. Non mi pari
tantu bonu di testa, avi un ticket nervoso, u vidu stranu, non respira bonu, e Rita
ca è tutta a me vita, ci fa l'aeriusole cu i so pedi…a proposito vautri comu
respirate. (Rosetta subito)

Ros. Benissimo…benissimo…sa mio marito, Professore dei Polmoni…

Rit. Professore dei Polmoni…Fortunato u canuscemu ti ricordi?

For. Professore era u nomi e dei Polmoni u cognomi? 

Ros. (assecondandoli) Eh! Si…si Emanuele osserva, senti…

For. Dottore ma lei chi dici ca Giròlamo, e un pocu sfasato…

Ema. Ma vede, io penso che diciamo cosi…lui sta attraversando un momento brutto
alle volte diciamo cosi ci possono essere dei problemi che diciamo cosi…si
possono tuttavia manifestare in un momento brutto diciamo cosi…senza che lui
tuttavia vorrebbe.

For. Proprio quello che pensavo io…

Ema. Lui non dovrebbe… tuttavia ...( Fort. lo interrompe) 

For. Ecco tutta la via non l'avissi a fari, iddu a via a fa sempre tutta e si stanca
specialmente, Via dei Matti…(ride Prolungatamente)

Ros. Osserva…osserva Emanuele. (in quel momento entra Cettina)

Cet. Eccocci qua…matri chi fila chi c'era a cassa.

For. Cettina vidi ca manca u filettu e u figatu…appena veni Giròlamu u va pigghia.

Ros. Signora domani partiamo…(in quel momento Rita grida: ZITTI…)

For. ( a tutti) Parlate in silenzio…

Rit. A piccilidda si svegghiau…(va nell'altra stanza, For. La segue) 

Cet. Era a figghia da signora accanto…Mah! Signora Rosetta non 'nni pozzu
cchiù, (entra Girolamo) me maritu sta esaurennu iu staiu funnennu…

Gir. E iddi si 'nni stannu futtennu.

Ema. Sig. Girolamo, vedo che è un poco stanco.

Gir. Se mi vedi tu… ci credo…

Ros. Grazie a voi mio figlio puo' fare una tesi più precisa, analizzando e osservando
questi due tipi, ha capito ancor meglio questo mondo, un mondo strano, difficile.

Ema. Sig. Girolamo, le auguru un futuro, sereno, tranquillo, tuttavia se dovesse avere
dei problemi simili a suo cognato la curerò sempre gratis.

Gir. Chi bellu futuru chi mi augura. 

Ros. Adesso togliamo il disturbo…

Cet. Ma quali disturbo…Senti Emanuele…

Ros. AH! Signora Rosetta… Emanuele!…

Gir. Dr. Emanuele, tu scordi sempre…

Cet. Dr. Emanuele, lei pensa che mio fratello può peggiorare o può migliorare.

Ema. Certo che il tempo a mia disposizione è stato poco per capire, tuttavia io ho
potuto capire… diciamo cosi…la situazione non mi sembra cosi, nella sua
fattispecie, nell' apparenza, diciamo cosi… evanescente, ma è trasportata dal loro
mondo diciamo cosi…fantastico, creativo…diciamo cosi…difficile da capire.

Gir. (stupito al pubblico) E' proprio difficile da capire. 

Ros. (stupita) Un angelo…un angelo…rimango stupefatta a sentirlo parlare cosi…

Cet. Ma dr. Emanuele ma lei pensa che…(Girolamo la blocca)

Gir. Pi favuri non ci fari cchiù dumanni, io ho capito che….diciamo cosi!…
(entra Fort. e Rita col biberon che da il latte a Paziotica.)

Ros. Emanuele osserva questa…(Emanuele fa scena si gira e si rigira)

Ema. Sig. Fortunato, appena arrivo a Roma, e visito il suo Hotel, vuole salutato
qualcuno.
For. Si, tanti saluti al mio amico di stanza strammatu di testa…

Rit. E a me amica pazzarina….

Ros. Va bene, adesso andiamo…e grazie…grazie di cuore…di cuo… re

Ema. Grazi…grazie di cuore..di cuo….re…(si salutano ed escono)

S C E N A XI°
(Girolamo, Cettina, Rita, Fortunato, Giovanna)

Gir. (con ironia) Chissu sarà un dutturi coi fiocchi. (Fortun. s'incavola)

For. Coi fiocchi c'è sula Rita ca è tutta a me vita…non lu diri cchiù coi fiocchi.
Sulu Rita quannu canta è una cantante coi fiocchi, vuliti sentiri di novu a so
vuci.(Cet. Gir. l'assecondano Gir. comincia a fare qualche tic. )

Cet. A sapemu c'avi 'nna bella vuci…(Fortunato si avvicina al cognato).

For. Vidi ca u duturi mi dissi ca si stranu, Cettina facci passari 'nna visita dalla testa
al cervello, megghiu prevenire ca 'mpazziri. (mentre Rita da il biberon a Paziotic) 
(ride prolungatamente, mentre Girolamo aumenta i tic e si dispera) Ora Giròlamo
va ccatta u figatu, u filettu, poi quannu Paziotica finisci di mangiari, ci fa fari u
ruttinu, cosi poi ti fazzu dinchiri i polmoni belli di aria…(Gir. fa ancora scena)

Gir. Quantu vaiu in bagnu…

Rit. Prima cià iri io…

For. Prima Rita ca è a me Vita…avi assai ca teni. (Gir. si dispera di più)

Rit. Fortunato teni a piccilidda…

For. A facemu teniri a Giròlamo, io vegnu cuttia ca t'aiutu…(vanno)

Gir. (con molta mimica, si dispera, fa dei tic…poi coccola Paziotica come fa Rita e
Fortunato, in quel momento entra Giovanna, guarda assieme alla madre il padre,
stupiti… poi si guardano loro meravigliate, Giovanna chiama il padre, Cettina
chiama il marito, questi non risponde…tutto ad un tratto comincia a gridare:)
Non disturbate asinò a piccilidda non fa u ruttinu…

Gio. Papà ma chi ti sta pigghiannu!

Cet. Girolamu, ma chi ti senti mali…(in quel momento entra Fortunato)

For. Giròlamo, stasira mi fazzu u bagnu, siccomu non c'iarrivu ca manu, ti vulia
diri ca vogghiu lavati i spaddi…(se ne rientra, il quel momento squilla il
Telefono, Cettina lo prende)

Cet. Pronto…ah! Professore dica… va bene…va bene…pazienza!
Era u prufissuri, dici ca i lavori pa' ristrutturazione da clinica duranu nautra
Simana e il nuovo programma di terapia s'allonga.

Gir. (tic) I spaddi…u biberon…u latti Croccante…Paziotica…l'aria pura…Cettina,
teni a paziotica facci mangiari tuttu u latti…(Cettina la prende, e Girolamo
inizia a fare più scena con gesti che fa il cognato e Rita) Staiu vinennu…

Gio. Papà unni vai…

Gir. A mumenti vegnu…(entra nell'altra stanza)

Gio. Mamma semu cunsumati…ma chi cci pigghiau o papà…

Cet. E' disperato, comu ammia e comu attia…

Gio. Ma babbiava o facia veru cu tutti di tic…

Cet. E chissacciu…non staiu capennu nenti cchiù…

Gio. Ma io dico ca babbiava…ci vulissi puru chissa…

Cet. (A paziotica) E mangia tu…ancora ccà l'avi stu latti!

Gio. Mamma, ma chi parli ca bambola…

Cet. Cu io?! Ma chi dici…

Gio. Mamma stavi parlannu cu Paziotica…

Cet. Ma s'avi mezzura e su teni 'nna gola stu latti…si trasi me frati poi s'incazza
picchi non mangia…

Gio. O santo cielo non ci staiu cridennu…Mamma ritorna in te…

Cet. Matri ma chi mi sta pigghiannu…appi cinqu minuti di appannamento.
(entra Girolamo con una valigia, vestito esattamente com'era Fortunato quando è
arrivato in casa: pantaloni sotto il ginocchio, calzettoni di diverso colore. Cettina
e Giovanna rimangono fissi a guardarlo)

Gio. Papà unni sta ennu…

Cet. Girolamo unni sta ennu…(Gir. posa la valigia, batte le mani sulle coscie)

Gir. Staiu ennu a Roma all'Hotel a cinque cuori, videmu appena vegnu in vacanza
ii trovu a tutti sti cammareri. (prende la valigia sta per uscire, si ferma vicino alla
porta, e ritorna indietro…) A lei, e puru a lei (al pubblico) appena ritornu vogghiu
lavati i spaddi, portu a me figghiu ciccio bello e cià va dari a mangiari… e puru a
lei c'avi di quannu vinni me cugnatu ca ridi 'ncapu i me spaddi…ci sapissi
cummattiri cu…. DU' PAZZI IN VACANZA !?… 

(elaborata da Pietro Maurici e Rosanna Maurici e dallo stesso autore)
( Per ogni rappresentazione è necessaria l'autorizzazione dell'autore e dell'elaboratore)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 10 volte nell' ultimo mese
  • 54 volte nell' arco di un'anno