Due matrimoni e un funerale

Stampa questo copione

In una pizzeria con una porta che da all’abitazione non visibile

DUE MATRIMONI E UN FUNERALE

Commedia comica in due tempi di Oreste De Santis

OPERA TUTELATA DALLA SIAE

***

In una pizzeria con una porta d’ingresso (porta 1 –angolo  destro del pubblico ) un arco  che dà all’abitazione ( Porta2 –  angolo  sinistro del pubblico )  dove  s’intravedono delle scale che  salgono,    una quinta che dà alla cucina e un’altra al bagno. Maria e Antonio stanno amoreggiando nel locale con almeno tre tavoli con due sedie ciascuno e una finestra ampia che da’ sulla strada ( a destra del pubblico), nel secondo tempo bisognerà aggiungere un quarto tavolo con due sedie) 

( Questa commedia è dedicata a mia sorella Rosa ) 

LA TRAMA IN BREVE

Antonio e Maria sono due giovani napoletani che si devono sposare, ma il figlio del Boss detto “Ciccillo”, Alfredo   innamorato pazzo di Maria, saputo del matrimonio di quest'ultima , vuole suicidarsi, il padre di Alfredo, il  Boss detto Ciccillo, manda due suoi gregari dal prete affinchè questo matrimoniio non si faccia, pena la morte del prete e anche di Antonio. In realtà, la minaccia del boss non esiste  e nemmeno il rischio di suicidio del  figlio,   è tutto un piano architettato dal nuovo parroco ( falso prete) che venuto a conoscenza  del matrimonio di Maria e Antonio, ha architettato tutto per truffare i genitori di Maria e strappargli una somma di denaro per poi scomparire.

Personaggi 10 ( 5u+5d oppure 6u+4d)  ( ) oppure 6d +4u11111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111111

Antonio e Maria  soli nella pizzeria amoreggiano.

ANTONIO/  MARI’  DAMME NU BACE (dammi  un bacio)  APPASSIONATO COME ME L’HAI DATO L’ALTRA VOLTA

MARIA/ ANNAZE A TUTTE QUANTE? ANTO’  MA SI SCEME’  ( Antonio davanti a tutti quanti? Ma sei scemo?)

ANTONIO/ MARI, MA QUA’ NUN CE STA NISCIUNE ( Maria ma qui non c'è nessuno)

MARIA/ SI , MA QUESTA E’ UNA PIZZERIA  QUA' LA GENTE PUO’ ENTRARE DA UN  MOMENTO ALL’ALTRO ( la porta d’ingresso ben visibile aperta)

ANTONIO/ E VA BENE’ MA SE PURE VIENE  GENTE A NOI CHE CI IMPORTA?   NOI CI DOBBIAMO SPOSARE

MARIA/  ANTO’  CI VUOLE ANCORA UN MESE, NUN VECHE  L’ORA ( non vedo l'ora)

ANTONIO/  A CHI LO DICE , MARI’ CI PENSI? FINALMENTE SAREMO MARITO E MOGLIE... E DAI DAMME NU BACE

MARIA/ E VA BUO’ ( e va bene -  non fa in tempo)

MANUELA/  ( entrando con tovaglioli e posate che sistemerà sui tavoli del locale, con voce autoritaria) BUONGIORNO, GIOVANOTTO TU GIA’ STA QUA? E NOI TENIAMO DA FARE

ANTONIO/ LO SO , LO SO, MA IO DEVO PARTIRE  E SON VENUTO A SALUTARE MIA MOGLIE

ROSA/ MIA MOGLIE, MIA MOGLIE,  ANTO’ NON E’ ANCORA TUA MOGLIE, PER QUESTO CE VUOLE’ ANCORA UN MESE

ANTONIO/ QUESTO ME L’HA DETTO PURE VOSTRA NIPOTE, MA COME E’ POSSIBILE CHE UNA DONNA CHE TRA UN MESE SI DEVE SPOSARE,   NON TI VUOLE DARE UN BACIO?

MANUELA/ E TU PERCIO’ TE LA SPOSI, UNA DONNA PIU’ SI FA DESIDERARE E MEGLIO E’, PERCHE’ NON LO SAI?  E’ QUELLO CHE GLI DICO SEMPRE A MIA NIPOTE,  SE LO VUOI SAPERE  IO A MIO MARITO PRIMA DEL MATRIMONIO,  GLI HO DATO SOLO UN BACIO

ANTONIO/ POVER’OMME,  L’AVITE FATTE SUFFRI ASSAI ( poverino, l'avete fatto soffrire molto)

MARIA/ NONNO LO DICE SEMPE,  “MARI A TUA NONNA NON LA POTEVO TOCCARE NEMMENO CON UN DITO”

MANUELA/ E  IO COSI’ LA PENSAVO E COSI’ LA PENSO ANCORA OGGI

ANTONIO/  MA, QUESTO  FORSE SUCCEDEVA ALL’EPOCA’  VOSTA,  50 ANNI FA....MA ORA I TEMPI SONO CAMBIATI,  

MANUELA/ LO SO, LO SO, OGGI SE FA TUTTE COSE PRIMME,  CHILLE E’ O GUAIO  ( lo so oggi si fa tutto prima, quello è il problema)

ANTONIO/ OGGI UNO SI SPOSA PERCHE’ SI VUOLE   FARE  UNA FAMIGLIA,

MARIA/   AVERE DEI FIGLI,

ANTONIO/ PER DIVENTARE VECCHI INSIEME

MANUELA/ ANTO’, QUANNE UNO SE FA VIECCHIE NUN SUPPORTE CHIU’ A NISCIUNE ( antonio quando uno si fa vecchio, non sopporta piu' nessuno)

ANTONIO/ MI STATE DICENDO CHE VOSTRO MARITO NON VI SOPPORTA PIU’?

MANUELA/ NO, NO,  HAI CAPITO MALE,  SO  IO CA NUN O’ SUPPORTE CHIU’

 (sono io che non lo sopporto più)

ANTONIO/ IO INVECE SONO SICURO CHE MARIA MI SOPPORTA PURE QUANDO MI FACCIO VECCHIO,  PERCHE’ MARIA MI VUOLE BENE  

MANUELA/ AH MA  SU QUESTO PUOI STARE SICURO, PERCHE MIA NIPOTE TI VUOLE BENE  ASSAI, NON SIA MAI CHE PARLI MALE DI TE, CHE SI FA PIGLIARE PER PAZZA

ANTONIO/ MA PERCHE’ VOI PARLATE MALE DI ME, DEL VOSTRO FUTURO NIPOTE?

ROSA/ MA NO ,  SONO SOLO LE PREOCCUPAZIONE DI UNA NONNA PER L’UNICA NIPOTE CHE  TIENE,

MARIA/ ANTO’ ANDIAMO SENNO FAI TARDI , TI SALUTO FUORI,  NONNA , IO  PASSO PURE PER IL NEGOZIO ,  VOGLIO VEDERE SE LE BOMBONIERE SONO PRONTE  

ANTONIO/  SI  ANDIAMO,  VOGLIO PASSARE A SALUTARE PADRE EUGENIO E POI CE PIGLIAMME PURE NA COSA FRESCA  CHE ( ci prendiamo anche una bibita fresca)  OGGI  FA TROPPO CALDO,  SIGNORA MANUELA CON PERMESSO

MANUELA/  ANTONIO MI RACCOMANDO , A ROMA STAI ATTENTO

ANTONIO/MA PERCHE’ CHE CI STA A ROMA?

ROSA/ ( ironica) CI STA IL COLOSSEO,  ANTO’ A VOTE COMME SI PESANTE, SI FA PER DIRE NO, VAI, VAI ….

ANTONIO/ ARRIVEDERCI

MANUELA/ ARRIVEDERCI

(ANTONIO E MARIA ESCONO PORTA 1 )

MANUELA/ ( tra se’)  E’ TANTO UN BRAVO RAGAZZO, LAVORATORE E DI BUONA FAMIGLIA, MA A VOLTE E’ TROPPO PESANTE,

ROSA/  ( agitata in scena dalla porta 2)  AH TU QUA STAI, E IO TI STO CERCANDO PER TUTTA LA CASA

MANUELA/  STO SISTEMANDO I TAVOLI, PERCHE’  TI DISPIACE?

ROSA/ NO, NO  SOLO CHE NOI  TENIAMO IL PROBLEMA DI PAPA’  E ME FACESSE CHIU PIACERE CHE TO PIGLIASSE TU STU GUAIO ( e mi farebbe piacere se te lo prendessi tu questo problema)

MANUELA/ PERCHE’ CHE C’E’,  CHE E’ SUCCIESO?

ROSA/ NIENTE DI PARTICOLARE , LA SOLITA TARANTELLA

MANUELA/ E SAREBBE?

ROSA/ SAREBBE CHE MO’ SI E’ FISSATO ,  VUOLE FARE L’ALBERO DI NATALE, MI HA DETTO CHE GLI DEVI COMPRARE L’ALBERO

MANUELA/  MA TU GLIEL’HAI DETTO CHE STIAMO A GIUGNO?

ROSA/ E COME NO, , SIENTE MAMMA’ SBRIGATELLE TU STU PROBLEME,

( Mamma prenditelo tu questo problema) CHE QUELLO E’ TUO MARITO

MANUELA/ E PURE TUO PADRE

ROSA/ LO SO, PERO’ STAMMATINA NON CE LA FACCIO, E’ MEGLIO CHE VAI TU DA PAPA’ E IO METTE A POSTO I TAVOLI CHE QUESTI NON PARLANO E SOPRATTUTTO,  NUN DICENE STRUNZATE. ( non dicono fesserie)

VINCENZO/ ( gridato fuori scena) MANUELA  VOGLIO L’ALBERO DI NATALE

 

ROSA/ O’ SIENTI COMME ALLUCCA, ( lo senti come grida?)VAI, VAI CHE E’ MEGLIO

VICNENZO/ ( fuori scena) MANUE’ LE PALLE DI NATALE ADDO’ L’HAI MISE? ( dove stanno?)

MANUELA/  MA QUAL’E PALLE E CHI TE VIVE VAI TROVANDO , ( ma quali palle del cavolo vai trovando) STIAMO A GIUGNO NO A DICEMBRE ( mentre esce porta 2)

ROSA/ E CHE CI VUOI FARE,  NON BASTAVA CHE FOSSE MEZZO CIECO, MO’ S’E’ MISE PURE  L’ARTEROSCLEROSI , LA VECCHIAIA E’ NA BRUTTA COSA, CI VUOLE PAZIENZA , PROPRIO COSI’, PAZIENZA E COMPRENSIONE

( entra il parroco sudato e agitato entra di soppiatto , guardandosi le spalle, impaurito )

PARROCO/ (toccandola) SIGNORA ROSA

ROSA/ MADONNA CHI E’

PARROCO/ STATE CALMO SONO IO ( sempre guardandosi in giro)

ROSA/ PADRE AVETE DECISO DI FARMI MORIRE?

PARROCO/ NO, NO PER CARITA’ VOI DOVETE RIMANERE VIVA  A TUTTI I COSTI 

ROSA/ GRAZIE, PERO’ SE MI FATE PRENDERE QUESTI SPAVENTI, NON VE LO GARANTISCO

PARROCO/ ( sempre misterioso) MI DOVETE SCUSARE MA  O’ FATTO E’ GRUOSSE (la cosa è grave)

ROSA/ QUALE FATTO?

PARROCO/  ( sottovoce) DOBBIAMO PARLARE DA SOLI

 

ROSA/ (ironica) TENETE RAGIONE , QUA CI STA TANTA GENTE, PARE BRUTTE 

( sembra brutto)

PARROCO/  ( sempre guardandosi intorno) NON SCHERZATE, PERCHE’   SE POI ENTRA  QUALCUNO E SI FA UNA PIZZA NOI CHE FACCIAMO?

ROSA/ UH GESU’ E QUELLO VIENE PER MANGIARSI LA PIZZA, MICA PER SENTIRE I FATTI NOSTRI

PARROCO/ E QUELLO E’ IL PROBLEMA ,  ADESSO AVETE DETTO BENE, I FATTI NOSTRI

ROSA/ MA CHE E’ SUCCIESO?

PARROCO/ VOSTRO MARITO CI STA?

ROSA/ SI,  STA DORMENDO

PARROCO/ FATEMI IL FAVORE SVEGLIATELO , POI PORTATEMI UN BICCHIERE DI ORZATA SE NON CE L’AVETE VA BENE PURE UNA MENTA , E  POI CHIUDITE LA PORTA

ROSA/ NIENTE PIU’ ?

PARROCO/ FACITE AMBRESSE , ( fate presto)   GRAZIE

ROSA/ PREGO ( infastidita -  rosa esce porta 2)

PARROCO/ MA GUARDATE UN POCO CHE SFORTUNA, L’ALTRA VOLTA MI CAPITO’ UN  PAESE COSI’ TRANQUILLO,   MIEZE E MUNTAGNE, NA PARROCCHIA PICCERELLE, NA MESSA  O IUORNO, 3 O 4 FUNERALE  AL MESE , DUE O TRE BATTISIMI L’ANNO , NU  MATRIMONIO OGNI  MORTE E PAPA,  UH ( tra le montagne , piccolo, una messa al giorno, 3 o 4  funerali al mese, 2 o 3 battesimi l’anno, un matrimonio ogni morto di papa ( raramente) ( si copre la bocca)  MANNAGGIA  M’E SCAPPATA NATAVOTO, ( ancora) ADESSO  STO QUA DA UN MESE E GIA’ NON CE LA FACCIO PIU’, NU  PAESE  RUMOROSO ,  TRAFFICO, MUNNEZZE PE TUTTE PARTE, NU BURDELLO E GENTE,  CHI A VO’ COTTE CHI A VO’ CRURE,  NU PAESE ….CHINE E  , ( gridato)  CAMURRISTE ( un paese rumoroso, traffico, immondizia da tutte le parti, un sacco di gente, chi vuole una cosa, chi un’altra, non sono mai contenti di quello che tengono, un paese pieno di  camorristi)

DOMENICO/ ( entrando e gridato come un camorrista)  STO QUA

PARROCO/ ( impaurito si nasconde sotto al tavolo con le mani alzate) MADONNA  NON SPARATE , NUN AGGIO FATTE NIENTE , ( non ho fatto niente)

DOMENICO/ PADRE MA CHE STATE FACENDO?

PARROCO/ DON MIMI’ SIETE VOI,

DOMENICO/ MA CERTO, SONO MIMI’, NON CREDO CA  DUE ORE E SUONNE  ‘M’HANNE CAGNATO, ( che due ore di sonno mi hanno cambiato) 

PARROCO/ ( asciugandosi il sudore)  TENETE VOGLIA DI SCHERZARE?, E BRAVO, SCHERZATE, SCHERZATE,  E SI VEDE CHE E’ UN VIZIO DI FAMIGLIA, MA POI E’ NATURALE ,  VOI  FATE COSI’  PERCHE NON  SAPETE  , VOI NON POTETE SAPERE

DOMENICO/ CHE COSA DEVO SAPERE?

ROSA/ ( entrando con l’orzata) C’HO FATTE E GRUOSSE ( che il fatto è grave)

DOMENICO/ MA QUALE FATTO?

ROSA/  E QUESTOLO SA SOLO  PADRE EUGENIO, 

PARROCO/  DONNA  ROSA ADESSO VE LO DICO PURE A VOI, PERO’ PRIMME….

ROSA/ L’ORZATA ( gliela dà)

PARROCO/ GIUSTO , MA  COSA ANCORA  PIU’ IMPORTANTE…. (indicando)

ROSA/  A PORTA  ( va a chiudere)

PARROCO/ ESATTO, 

DOMENICO/ PADRE MA ALLORA STA COSA E’ VERAMENTE SERIA?

PARROCO/  ( va a sedersi al tavolo centrale ) E SI CAPISCE, PERCIO’ SONO VENUTO DI PERSONA …  MA NON TEMETE CON L’AIUTO DI DIO  UNA SOLUZIONE LA TROVEREMOSICURAMENTE ( torna rosa ) BENISSIMOADESSO POSSO PARLARE…DUNQUE IL FATTO E’ CHE VOSTRA FIGLIA SI DEVE SPOSARE

ROSA/ E QUESTO LO SAPPIAMO

PARROCO/ APPUNTO, IL PROBLEMA E’ CHE VOSTRA FIGLIA, MI DISPIACE MA   IO NON LA POSSO SPOSARE  PIU’ ( si beve l’orzata)

DOMENICO/ OVERO,  E’ PERCHE’? ( veloce)

ROSA/  ( allarmata) MIMI’ MARIA HA FATTO IL GUAIO

DOMENICO/ IL GUAIO? MA QUALE GUAIO?

ROSA/ O GUAIO MIMI’ (indicando che è incinta)

DOMENICO/  ROSE’,  ALLORA SI DEVE SPOSARE ANCORA DI PIU’

PARROCO/ UN MOMENTO , IL GUAIO C’E ,  MA NON  SI…. 

ROSA/  MA NON  SI VEDE ANCORA, MA PRIMA O POI SI VEDRA’ PADRE ,  CHE SCUORNE, ( vergogna)

PARROCO/ UN MOMENTO, UN MOMENTO  

ROSA/  IO L’AVEVO VISTA NU POCHE STRANA  ,  A UNA MAMMA CERTE COSE NON SFUGGONO

DOMENICO/ E INVECE QUESTA VOLTA TI E’  PROPRIO SCAPPATA ( al parroco) PADRE MA VE L’HA DETTO IN CONFESSIONE?

PARROCO/ MA  QUALE CONFESSIONE, CHE STATE DICENDO MI VOLETE FAR PARLARE ?  IO NO HO DETTO ANCORA NIENTE…VOSTRA FIGLIA NON E’ INCITA,

IN EFFETTI COME DICEVO PRIMA,  IL GUAIO C’E MA NON SI TRATTA DELLA  GRAVIDANZA

ROSA/ E ALLORA QUAL’E’?

PARROCO/ E VE LO SPIEGO SUBITODON  DOMENICO  VOI  LO CONOSCETE A CICCILLO?

DOMENICO/   ( pensando) CICCILLO, CICCILLO, PADRE MAI SENTITO NOMINARE

ROSA/ NEMMENO IO,

PARROCO/ VABBE’ CICCILLO E’ IL CONTRONOME, MA COMUNQUE E’ STRANO PERCHE’ LO DOVRESTE CONOSCERE, VOI STATE IN COMMERCIO DA TANTI ANNI, SICURAMENTE  GLI PAGATE  LA TANGENTE

DOMENICO/ MA QUALE TANGENTE?

PARROCO/ L’ASSICURAZIONE PER INTENDERCI, AVETE CAPITO NO?

DOMENICO/ NE’ ASSICURAZIONE NE’ TANGENTE,  E GIA’ IO POI I SOLDI MIEI GLIE LI DO’ A CICCILLO , AL MASSIMO GLI POSSO OFFRIRE UNA PIZZA MARGHERITA , NA 4 STAGIONE VA…, GIUSTO PER  CORTESIA UMANA , MA SOLDI NON SE NE PARLA PROPRIO ….MA POI SCUSATE CHE CENTRA QUESTO CICCILLO CON  MIA FIGLIA?

PARROCCO/ INSOMMA , QUESTO CICCILLO E’ UN BOSS DELLA CAMORRA,  IERI IN PARROCCHIA SI E’ PRESENTATO UN UOMO  DI CICCILLO, E MI HA PRATICAMENTE DETTO , CHE VOSTRA FIGLIA IO NON LA DEVO SPOSARE, O MEGLIO   SI DEVE SPOSARE ,  MA NON CON ANTONIO, MA CON ALFREDO

ROSA/ UH GESU’ E  CHI E’ E’ QUESTO ALFREDO?

PARROCO/ COME CHI E’ ?  ALFREDO E’ IL FIGLIO DI CICCILLO

DOMENICO/ NATAVOTO  CU STU CICCILLO... PADRE, NOI NON CONOSCIAMO NESSUN CICCILLO E NEMMENO ALFREDO ,  MA CHE VI SIETE SOGNATO STANOTTE?

PARROCO/ MA QUALE SOGNO..., PURTROPPO E’ SOLO REALTA’,  QUELLO E’ VENUTO IN SACRESTIA DOPO LA MESSA  E  MI HA MINACCIATO CON LA PISTOLA, MI HA DETTO CHE SE LI SPOSO,  ( gridato e impaurito) MI SPARA

ROSA/ ( gridato) E FA BUONO ( e fa bene)

PARROCO/ COME SAREBBE?

ROSA/ SAREBBE CHE SE NON VI SPARA  LUI,  MI SPARO IO, MA VOI  VI RENDETE CONTO? NOI TENIAMO TUTTO PREPARATO, NON SO QUANTE SPESE, PRENOTAZIONI,  SOLDI SU SOLDI, E POI IO A MIA FIGLIA  CHE GLI DICO? SIENTE MARI’, E’ VENUTO CICCILLO E MI HA DETTO CHE TU NON TI DEVI SPOSARE CON ANTONIO , MA CON ALFREDO, O CANUSCE O NUN O CANUSCE NON E’ IMPORTANTE, FACCIAMO UN PASSO INDIETRO

PARROCO/ ECCO BRAVA , ADESSO AVETE DETTO  LA PAROLA GIUSTA,  FACCIAMO UN PASSO INDIETRO

DOMENICO/ E A D’O’ IAMMO? ( e dove andiamo?)

PARROCO/  ( a voce alta)  O' GABINETTO ( in bagno - si alza)

SCUSATE IL BAGNO DOVE STA? NON MI DITE NIENTE MA E’ URGENTE  UN MINUTO E POI CONTINUIAMO,  SECONDO ME L’ORZATA ERA TROPPO FREDDA

DOMENICO/ PADRE  IL BAGNO E’ QUELLA USCITA IN FONDO  ( indica la quinta del bagno)

PARROCO/ GRAZIE , IL GUAIO E’ CHE FA TROPPO CALDO E  BEVO TROPPO E SEMPE ROBBA FREDDA..UH MAMMA MIA  ( esce, un accenno di corsa tre passi prima di uscire )

DOMENICO/  MA VIDITE NU POCO CHE TARANTELLA CI DOVEVA CAPITARE, CI MANCAVA SOLO O’ BOSS

ROSA/  MIMI’ MA MO’  COMME SI SBROGLIA STA MATASSA? ( e adesso come si risolve questo problema?)

VINCENZO/  ( col bastone e occhiali scuri arrivando da porta 2) DONNA  INGRATA , ME STESSE A SENTI NA VOTA QUANNE PARLO (  non mi ascolta mai quando parlo)

ROSA/ PAPA’  MA CHE E’ SUCCIESO?

VINCENZO/ E CHE E’ SUCCIESO…, TUA MADRE  A VOLTE NUN A SUPPORTE , ME FA PARLA SEMPE A VACANTE  ( tua madre delle volte non la sopporto, mi fa sempre parlare inutilmente)

DOMENICO/ PERCHE’ C’HA FATTE? ( perché che ha fatto?)

VINCENZO/  HA DETTO CHE  L’ALBERO DI NATALE NON LO VUOLE COMPRARE,  

DOMENICO/  E  VE L’HA DETTO IL PERCHE’ ?

VINCENZO/  MI HA DETTO CHE SE  PROPRIO DEVO FARE  QUALCOSA , NON DEVO FARE L’ALBERO, MA IL PRESEPE

DOMENICO/ ROSE’ MA PURE MAMMETE STA PERDENNE A CAPA? ( Rosa ma anche tua madre sta perdendo la testa?)

VINCENZO/ AH MA IO SO TUOSTO…( ah ma io sono più cocciuto di lei) TU NON ME LO VUOI COMPRARE ? E ALLORA   VORRA’ DIRE CHE L’ALBERO  LO VADO A COMPRARE IO  ( si avvia verso l'uscita)

ROSA/ PAPA’  TU DA SOLO NON PUOI USCIRE , NON CI VEDI BENI

VINCENZO/ E INVECE ESCO …( agita il bastone, si avvia lentamente) E PO’ COCCOSO VEDO ANCORA 

ROSA/ MIMI’  FA COCCOSO MUOVETE,  (  Domenico fai qualcosa sbrigati, lo invita a bloccarlo)

DOMENICO/  ( si mette in mezzo mentre il nonno col bastone  quasi lo colpisce e lui si scansa) PAPA’  MA VOI NON VI DOVETE ARRABBIARE ,  LO’ SAPETE NO’, C'E' A CHI   PIACE  L’ALBERO E A CHI IL PRESEPE, VOI  FATE TUTTE E DUE LE COSE,  E RISOLVIAMO IL PROBLEMA

VINCENZO/   ( si ferma) BRAVO,   HAI DETTO  BENE, ALLORA CE DICO CA FACCIO O’ PRESEPE,   MA SULE SE FACIMME( ma solo se facciamo)  PURE L’ALBERO , BRAVO ( si avvia 2  porta) MO’ CE O VACHE A DICERE( glielo vado a dire)…… MANUE’ O PRESEPE O FACIMME, MA PRIMME L’ALBERO, SI,  SI….BRAVO , HAI DETTO PROPRIO BENE ( esce)

DOMENICO/ IATE CHIANU CHIANU, ( andate piano, piano)

PARROCO/  ECCOMI QUA,  SCUSATEMI MA ERA NECESSARIO, DUNQUE DOVE ERAVAMO RIMASTI ?

ROSA/ AL MATRIMONIO DI MIA FIGLIA

PARROCO/  SIGNORA ROSA IO NON SO COME E’ POTUTO SUCCEDERE , MA  IL FATTO E’  CHE ALFREDO, IL FIGLIO DI CICCILLO  E’ INNAMORATO PAZZO DI VOSTRA FIGLIA E QUANDO HA SAPUTO DEL MATRIMONIO, HA MINACCIATO DI UCCIDERSI,

DOMENICO/ PADRE CONTINUATE  QUESTO FILM MI INTRIGA  

PARROCO/ ( concitato)  MA QUALE FILM DON MIMI’’, E PER FAVORE  NON  SCHERZIAMO , FORSE VOI NON VI RENDETE CONTO DELLA GRAVITA’ DELLA SITUAZIONE ,   QUESTI MI AMMAZZANO, E NON AMMAZZANO SOLO ME , MA PURE ANTONIO , IL FUTURO  SPOSO , E PURE SE E’ ANDATO A ROMA, LO UCCIDONO LO STESSO

ROSA/ UN MOMENTO E VOI CHE NE SAPETE CHE ANTONIO E’ ANDATO A ROMA?

PARROCO/ AVETE VISTO?,  IO LO SO PERCHE’ ME  L’HA DETTO CICCILLO, ALLORA NON L’AVETE CAPITO. QUELLI QUANDO VOGLIONO , SANNO VITA MORTE E MIRACOLI

DOMENICO/ROSA AMEN

PARROCO/ E QUINDI  NON SOLO IO RISCHIO DI MORIRE  MA ANCHE ANTONIO, CHE A QUESTO PUNTO ALTRO NON E’  ( sofferto) CHE  IL  DEFUNTO MARITO DI VOSTRA FIGLIA,  PACE ALL’ANIMA SUA , ( si fa la croce)  DONNA ROSA VOLETE TENERE UNA FIGLA VEDOVA?

ROSA/  MA QUALE VEDOVA, PADRE , QUA IL FILM LO STATE FACENDO VOI, CON DUE MORTI E UN FUNERALE ,  MIA FIGLIA NON SI DEVE ANCORA SPOSARE, CHE  GIA’ L’AVETE FATTA VEDOVA ( si fa il segno della croce) MA VEDITE NU POCO  PADRE FIGLIO E SPIRITO SANTO

DOMENICO/ PARROCO AMEN

PARROCO/ DON MIMI ASCOLTATEMI, FRA TRE GIORNI  QUESTI VENGONO  DI NUOVO IN PARROCCHIA E VOGLIONO SAPERE  VOI CHE AVETE DECISO, E IO CHE GLI DICO?

ROSA/ E VE LO DICO IO,  NOI  DOMANI  NELLA SACRESTIA  CI FACCIAMO TROVARE LA POLIZIA

DOMENICO/ GIUSTO LA POLIZIA

PARROCO/ E QUELLI MI AMMAZZANO LO STESSO,  LA BANDA E’ NUMEROSA E SPIETATA

ROSA/ E NOI VI FACCIAMO METTERE LA SCORTA

DOMENICO/  GIUSTO LA SCORTA

PARROCO/ COME SAREBBE LA SCORTA?

DOMENICO/ MA SI ,  DUE  CARABINIERI CHE VI GUARDANO LE SPALLE , COSI’ SEMBRERETE PURE PIU’ IMPORTANTE

PARROCO/ MA NON DICIAMO SCIOCCHEZZE,  MA MI VEDETE A ME NCOPPA ( su)ALL’ALTARE  CHE DICO MESSA CON DUE CARABINIERI DI FIANCO?  

DOMENICO/ E CHE C’E DI MALE?  VOI LI FATE VESTIRE DA CHIERICHETTI, E NESSUNO SE NE ACCORGE COSI’ VI SERVONO ANCHE MESSA.  MA  IN CASO DI NECESSITA’ ,  CACCIANO ( prendono)  LE PISTOLE E SPARANO ( mimando)

PARROCO/ MA CHE SPARANO, CHE SPARANO, DON MIMI’’ VI PREGO , NON DICIAMO SCIOCCHEZZE, IO LA MESSA CON LA SCORTA NON LA DICO,  E POI  IO IN QUESTE SITUAZIONI   NON CI VOGLIO ENTRARE,  IO VE  LO DICO CHIARO, CHIARO, IO NON SONO UN EROE,  IO SONO  SOLO UN POVERO PRETE CHE …

DOMENICO/ CHE SE CACHE SOTTO ( che se la fa addosso)

PARROCO/ PRECISAMENTE

ROSE’/ ( a mò di rimprovero) MIMI’...

DOMENICO/ E CHE C’E DI MALE , IO LO DICO PERCHE’ PURE IO SONO UN CACASOTTO, MICA UNO SI DEVE VERGOGNARE PERCHE’ NON E’ CORAGGIOSO...

PARROCO/ INFATTI AVETE DETTO BENE, IO SONO UN CACASOTTO,   NON VI PREOCCUPATE, IO NON MI OFFENDO, E NEMMENO VOGLIO DARE UNA IMMAGINE DIVERSA  DI QUELLO CHE SONO, CONCLUSIONE , IO TENGO PAURA E  QUINDI DOBBIAMO TROVARE UNA SOLUZIONE  , PENSATECI UN PO’ VOI, CHE CI PENSO ANCH’IO ,

ROSA/ PADREMA CHE CI POSSIAMO INVENTARE?

PARROCO/ QUESTO NON LO SO ANCORA ,    MA SONO SICURO CHE DIO   CI ILLUMINERA' E PRENDEREMO LA SOLUZIONE MIGLIORE, ',  SIGNORA ROSA  MI RACCOMANDO, VOI IN CHIESA NON VENITE ,

ROSA/ E PERCHE’? IO MI DEVO SENTIRE LA MESSA

PARROCO/  LO SO, MA E’ MEGLIO DI NO , COSI’ LA GENTE CONOSCENDO QUANDO SIETE DEVOTA, NON VEDENDOVI , INCOMINCERA’  A PENSARE CHE C’E QUALCHE PROBLEMA, E  QUESTO CI AIUTA,  PER QUELLO CHE CI DOBBIAMO INVENTARE DOPO,

DOMENICO/ PADRE  E  VOI QUANDO VENITE?

PARROCO/ VENGO STASERA , COSI MI FACCIO  PURE NA  BELLA PIZZA, PACE E BENE (esce)

DOMENICO/ ARRIVEDERCI..ROSE’ SARA’ PURE UN PARROCO CACASOTTO PERO’ E’ SIMPATICO …

ROSA/ ( si sfoga) O’ POZZENE ACCIDERE, MA  CHE SIMPATICO? , GUARDATE NU POCO  CHE PRETE CI HANNO MANDATO, QUESTO CHE CI DOVREBBE AIUTARE E CHE DOVREBBE  AVERE TIMORE SOLO DI DIO , INVECE SI CACA SOTTO D’A PAURA,

DOMENICO/ ROSE’ CON I CAMORRISTI NON SI PUO’ RAGIONARE , FIGURIAMOCI CON UN BOSS MA TI PARE CHE QUELLI HANNO PAURA DI UN PRETE ?

ROSA/ MIMI’ AL PRETE ,  I BOSS, I CAMORRISTI , GLI DOVREBBERO FARE UN BAFFO  HAI CAPITO?  MA COS’E’ LA VOLONTA E N’OMMO AL COSPETTO DEL VOLERE DI DIO,  E INVECE DI FARGLI CAMBIARE IDEA , QUELLO CHE FA?  CERCA LA SOLUZIONE A CASA NOSTRA

DOMENICO/ ROSE’ QUELLO  NON  E’ DIO  E’  SOLO UN PRETE, MA E’ SOPRATTUTTO  N’OMME… 

ROSA/ N’OMME E MERDE ECCO COS’E, ( coprendosi la bocca e facendosi la croce) GESU’ PERDONAMI   MA TI SERVO MEGLIO’ IO CHE  QUESTO PRETE , LUI TIENE LA FEDE, LA PREGHIERA,  SI DICE “AIUTATE CA DIO T’AIUTA”,  E INVECE QUESTO CHE CI VIENE A DIRE?  CHE MIA FIGLIA NON SI DEVE SPOSARE,   CHE  NON DOBBIAMO ANDARE A MESSA,  MA CHE RAZZA DI PRETE E’ QUESTO?  

DOMENICO/ E SI VEDE CHE NON E’ STATO ISPIRATO,  PER LUI FARE IL PRETE  E’ UN MESTIERE COME UN ALTRO

ROSA/ AH SI , E ALLORA PERCHE NUN FACEVA NATA COSA, SE GLI PIACCIONO LE DIVISE PUTEVE FA  O' VIGILE, O' CARABINIERE 

DOMENICO/ E HA  SBAGLIATO DIVISA, O VULIMMO ACCIDERE?  ( lo vogliamo uccidere?)

ROSA/ AH MA NON FINISCE QUA, IO VADO DAL VESCOVO E GLI RACCONTO TUTTO, E SE NON ME LA VUOLE SPOSARE LUI, ME LA SPOSA IL VESCOVO IN PERSONA, SENNO’ VADO DAL PAPA

DOMENICO/ BRAVA, VAI DAL VESCOVO, DALL’ARCIVESCO E DAL CARDINALE  E SE NON BASTA VAI PURE DAL PAPA, PERO’ SAPPI  CHE DOPO  IL MATRIMONIO,  CI DOBBIAMO FARE DUE  FUNERALI, MA ALLORA NON HAI CAPITO? ( fa il gesto)  CICCILLO  SPARA 

ROSA/ A STU CICCILLO, NON LO NOMINARE PROPRIO, CA ME SAGLIE TUTTO O SANGUE  NCAPA  ( che mi sale la pressione) ( si siede) AH MAMMA MIA,  MIMI' MA CHE PUTMME FA..( ma che possiamo fare..).(piange)

DOMENICO/  SENTI IO HO PENSATO UNA COSA, SECONDO ME   E’ MEGLIO SE A MARIA LE DICIAMO  LA VERITA’

ROSA/ ( piange) AH….MA CHE DICE? SI PAZZE?

MARIA/  ( entrando dall’ingresso principale) ECCOMI QUA, MAMMA SO PASSATO PER IL NEGOZIO DI BOMBONIERE E …. MA CHE E’ SUCCIESO?

DOMENICO/ NIENTE A PAPA’,

MARIA/ MA COMME NIENTE , MAMMA STA PIANGENDO

DOMENICO/ NUN CE FA CASO STAVAMO PARLANDO DEL TUO MATRIMONIO E AL SOLO PENSIERO CHE TRA POCO NON STARAI PIU’ INSIEME A NOI ,   MAMMA’ SI E’ COMMOSSA, 

MARIA/ MAMMA’ MA CE VO ANCORA NU MESE  PE’ O’  MATRIMONIO

ROSA/ ( piange di piu’)

DOMENICO/ VA BUO’  ROSE’ , MO NUN ESAGERA’….FIGLIA MIA MA  SEI UNO SPLENDORE

MARIA/ GRAZIE PAPA’

DOMENICO/ FIGURIAMOCI ORA CHE TI SPOSI,   TUTTA BELLA COL VESTITO BIANCO , AH IO GIA’ MI VEDO LA SCENA, LA CHIESA CHINE E CIURE,( piena di fiori) NU SACCHE E GENTE  (tanta gente) rosa piange sempre più) LA MUSICA CHE PARTE E IO… ( fa la scena insieme a Lei a braccetto)  E IO CHE FORSE… TI ACCOMPAGNO ALL’ALTARE

MARIA/ COME SAREBBE FORSE?

DOMENICO/ SENTI  MARI’, IO TI DEVO DIRE UNA COSA

ROSA/ AH, MAMMA MIA  ( piange forte per evitare che il marito dica cosa è successo)  

MARIA/  MAMMA’ MA TE FA MALE COCCOSO?

ROSA/ SI, MA MO ME PASSE NUN TE PREOCCUPA’

DOMENICO/   MARI,  IO T’AGGIA DICERE NA COSA IMPORTANTE 

ROSA/ ( indicando Domenico) AH, POZZE PASSA’ NU GUAIO NIRO  ( che ti venga un guaio )

DOMENICO/ MA PERCHE’ CHE HO FATTO?

ROSA/ O’ SACCIO IO ( lo so io)

MARIA/  MAMMA MA CHE SAI?

ROSA/ O SACCIO I CHE STO PASSANNE CU STU DULORE ( lo so io che sto passando con questo dolore) AH…CHE DULORE ( ai denti)

MARIA/  ADESSO  TI CHIAMO IL DOTTORE

ROSA/  NO, NO , MARI’ ACCUMPAGNAME NCOPPA,  CA STU DULORE O’ MOLARE,  ME STA FACENNE ASCI PAZZE  ( no, no, accompagnami di sopra che questo dolore di denti mi sta facendo impazzire)

MARIA/ SI, SI, IAMME NCOPPA ( si , andiamo di sopra)  , E NUN TE PREOCCUPA’, DOPO  VADO DAL DENTISTA E TI FACCIO PRESCRIVERE UN ANTIBIOTICO ( escono seconda porta)

DOMENICO/ MA IO NON HO CAPITO CHE L’E’ PRESO , MO’ STEVE BONA ( prima stava bene)

ELENA / SCUSI , E’ APERTO?

DOMENICO/ MA CERTO E’ APERTISSIMO

ELENA/ FATE PIZZE ANCHE A MEZZOGGIORNO?(cliente ex fidanzata di Alfredo con occhiali scuri e foulard a mo’ di cappello si guarda sempre in giro sospettosa , si siede)

DOMENICO/ MA CERTAMENTE, PIZZE A TUTTE  LE ORE, ANCHE DI MATTINA  PREGO, ACCOMODATEVI  , DUE MINUTI E SONO DA VOI  ( uscita veloce cucina ,oppure in scena,   rientra col menù)

DOMENICO/  BUONGIORNO,  SONO TUTTO VOSTRO  DITEMI PURE , CHE VI POSSO PORTARE?

ELENA/    SENTITE  IN REALTA’ IO NON  SONO VENUTA PER LA PIZZA  MA…….UH MAMMA MIA  ( guarda dalla finestra poi si alza di scatto,  scappa nascondendosi dietro Domenico)

DOMENICO/ MA CHE E’ SUCCESSO?

ELENA/ VI PREGO NON DITE NIENTE, C’E UNA PERSONA FUORI AL LOCALE CHE SE MI VEDE QUI,  E’ CAPACE DI UCCIDERMI

DOMENICO/ E IO CHE POSSO FARE?

ELENA/ NIENTE, NIENTE, FATE LA PARTE DI UNO CHE NON  SA

DOMENICO/  E COMME SE FA STA PARTE …?

ELENA /LA PARTE INDIFFERENTE, FATE FINTA DI SCRIVERE

DOMENICO/ MA PERCHE’ VI VOGLIONO UCCIDERE SI PUO’ SAPERE?

ELENA/ UH MAMMA MIA STA VENENDO PROPRIO QUA

DOMENICO/ SIGNORINA, MA  SE VIENE QUA,  VOI GLIELO DITE  CHE IO NON C’ENTRO NIENTE? 

ELENA/ NON VI GIRATE PER CARITA’, QUELLO  NON FA SCONTI E  SE SCOPRE CHE STO QUA, CI AMMAZZA A TUTTE E DUE , PRESTO ADESSO  ABBRACCIATEMI

DOMENICO/ ACCUSSI BELLE BUONO?

ELENA/  VOLETE FARE LA DOMANDA AL MINISTERO?  ( lo stringe a se, sono messi in modo  che solo lei vede arrivare  Manuela e Vincenzo che entrano dalla porta 2)

VINCENZO/ MANUELA IAMME CHIANE CHIANE  ( andiamo piano, piano)

MANUELA/ UH MAMMA MIA GUARDA LA’, GUARDA LA’  (si fermano, indicando i due)

VINCENZO/ ADDO’ AGGIO GUARDA’ MANUE’, IO NUN VECHE BUONE ( ma dove devo guardare io non vedo bene)

MANUELA/ FARE L’AMORE A PRIMMA MATINA, CHE SCHIFEZZA...

VINCENZO/ MA TU CHE NE SAI? , NUI  NU L’AVIMME MAI FATTE

MANUELA/ MA CHE COSA?

VINCENZO/ L’AMMORE A PRIMMA MATINA ( fanno due passi avanti mentre elena e domenico parlano)

DOMENICO/  SIGNORI' MA NON E’ CHE  ABBRACCIATI  FACIMME ( facciamo) PEGGIO ?

ELENA/ NON VI PREOCCUPATE , FACCIO TUTTO IO

DOMENICO/  ( eccitato) AH SI ?

ELENA/ SI , SI FACCIO TUTTO IO  NON VI PREOCCUPATE

DOMENICO/ E CHI SI PREOCCUPE…

MANUELA/ VICIE’( vincenzo)  CI STA  DOMENICO  ABBRACCIATO CON UNA DONNA

VINCENZO/   ( eccitato) OVERE?  ( davvero?) BEATO A ISSE

MANUELA/ UNA DONNA BIONDA  E ABBONDANTE

VINCENZO/ ( compiaciuto) UH…PROPRIO COMME ME PIACENE A ME , ( proprio come piacciono a me)

DOMENICO/ SIGNORI’,( signorina)  MA SIETE PROPRIO SICURA CHE FATE TUTTO VOI?

ELENA/  MA CERTO, FACCIO TUTTO IO  , PERO’… SCUSI  SE GLIELO DICO , MA  SI VEDE,  CHE   LEI NON E’  ABITUATO

DOMENICO/ E’ PER FORZA ,  MIA MOGLIE MI FA  FA SEMPE  TUTTE COSE A ME

ELENA/ NON SIETE ABITUATO AL PERICOLO, MA CHE AVETE CAPITO?

MANUELA / ( ai due gridato) UE’

DOMENICO /ELENA( salto dei due insieme) MADONNA CHI E’? ( uno scappa di la’ e un altro dall’altro lato)

MANUELA/ E INUTILE CHE VI NASCONDETE , TANTO VI HO VISTO

VINCENZO/ ( sempre eccitato)  IO NON VECO NIENTE, MA M’IMMAGGINO TUTTE COSE ( io non vedo niente ma mi immagino tutto)

MANUELA/ SPORCACCIONI FETENTONI USCITE FUORI

DOMENICO/ MAMMA’ MA SI TU, MO ME VENE N’INFARTO,

MANUELA/ MA COMME VI METTETE  A FA’ STI SCHIFEZZE IN UNA PIZZERIA , UN LUOGO PUBBLICO ?

ELENA/ MA CHE DITE , MA QUALI SCHIFEZZE?

VINCENZO/ MANUE’ MA C’ HANNO FATTO, RACCUNTE, RACCUNTE

DOMENICO/  MAMMA’ E TUTTO NU FRAINTESO NON E’ COME PENSI

VINCENZO/ MIMI’ DOPPO MO SPIEGO STU FRAINTESO COMM’E’?

ELENA/  HA RAGIONE IL SIGNOR DOMENICO  , IO MI STAVO SOLO NASCONDENDO

MANUELA/ E GIA’ …MO’, UNA SI NASCONDE ABBRACCIANDOSI

VINCENZO/  E PO’ C’HANNE FATTE CHIU’ MANUE’( e poi che hanno fatto più )

MANUELA/  ( a vincenzo) TU STATTE ZITTE HAI CAPITO? SENNO’ L’ALBERO NO TE LO COMPRO

DOMENICO/ MAMMA’ LA SIGNORINA E’ SOLO UNA CLIENTE NON SO NEMMENO COME SI CHIAMA

ELENA/ MI CHIAMO ELENA

VINCENZO/ ( sempre eccitato)  ELENA DI TROIA….

DOMENICO/  MAMMA  E' VERO, LA SIGNORINA  E’ SOLO UNA CLIENTE

MANUELA/ LEI ?  MA NUN E’ CHE SI TU O’ CLIENTE? ( ma non e? che sei tu il cliente?)

VINCENZO/ MA ALLORA E’ NA PROSTITUTA?

ELENA/  UE’ E COME SI PERMETTE? STU VIECCHIE NZALLANUTO (vecchio rimbambito)

DOMENICO/ INSOMMA BASTA,  SMETTIAMOLA, MAMMA’ MA CHE SEI VENUTA  A FARE?

MANUELA/ DEVO ANDARE A COMPRARE L'ALBERO DI NATALE

VINCENZO/ E PURE  E PALLE

ELENA/ MA SIAMO A GIUGNO NON E’ UN PO’ PRESTO ?

MANUELA/ E NUI CE AVVIAMMO NU POCO PRIMME, ( e noi ci avviamo prima)  VA BENE? CON PERMESSO  E COMUNQUE ( a Domenico) NON FINISCE QUA  ( escono) ARRIVEDERCI

ELENA/ ARRIVEDERCI

VINCENZO/ MANUE’ MA LA BIONDA RIMANE?

MANUELA/ E CAMMINE, PIENZE SEMPRE A NA COSA

VINCENZO/ A COLPA E’ A TOIA  ( la colpa è tua)

MANUELA/ SE VA BUO’, A COLPA E’ SEMPE A MIA ( escono)

ELENA/  ( guardando dalla finestra) MENO MALE , SE N’E’ ANDATO

DOMENICO/ UNO SPASIMANTE?

ELENA/ PEGGIO, UN FIDANZATO

DOMENICO/ CHE AVETE LASCIATO E CHE NON SI RASSEGNA ,  HO CAPITO TUTTO

ELENA/ NO, NO,  E’ LUI CHE MI HA LASCIATA, MI HA DETTO CHE SI E' INNAMORATA DI SUA  FIGLIA MARIA.... MARIA COME LA MADONNA MA COME MAI LE AVETE MESSO QUESTO NOME 

DOMENICO/ IL PARTO SI PRESENTAVA DIFFICILE E HO FATTO VOTO  ALLA MADONNA DI POMPEI CHE SE ANDAVA BENE GLI AVREI MESSO IL  SUO NOME  E COSI' HO FATTO, 

ELENA/  ( piangendo) ALFREDO  DI ME NON VUOLE SAPER PIU’ NIENTE  E MI HA ANCHE MINACCIATO   DI NON METTERMI IN MEZZO SENNO’ MI FA AMMAZZARE, PRIMA E’ PASSATO DI QUA,  PERCIO’ MI SONO NASCOSTA

DOMENICO/ SIGNORI’ IO A QUESTO ALFREDO NON LO CONOSCO PROPRIO,

ELENA/ ALFREDO E’ IL FIGLIO DI CICCILLO

DOMENICO/ E NON CONOSCO NEMMENO A CICCILLO , MA COMUNQUE  NON VI PREOCCUPATE , ALFREDO MIA FIGLIA NON SE LA SPOSA

ELENA/ LO SO,   SI SPOSA ANTONIO

DOMENICO/ MA C’HANNE MISE E MANIFESTE PE A' CITTA’ ?

ELENA/ NON SCHERZATE, HO LETTO LE PUBBLICAZIONI , SONO VENUTA PER AVVISARVI DI STARE ATTENTO, ALFREDO, MA SOPRATUTTO SUO PADRE SONO TIPI PERICOLOSI ,  QUANDO VOGLIONO UNA COSA, SE LA PRENDONO

DOMENICO/  SARANNO PURE PERICOLOSI, MA LA FELICITA' DI MIA FIGLIA, PER  ME VALE PIU' DI OGNI ALTRA COSA, PERCIO' STATE TRAQUILLA,   MIA FIGLIA SI SPOSERA' ANTONIO

ELENA/ GRAZIE ,   PROPRIO QUESTO VOLEVO SENTIRVI DIRE, ADESSO SCUSATEMI MA E’ MEGLIO SE ME NE VADO, NON VORREI RITORNASSE

…ARRIVEDERCI ( esce)

DOMENICO/  ARRIVEDERCI, …CE POZZE VENI NU TOCCHE NIRO ( che gli possa venire un guaio ) A CICCILLO, ALFREDO E A TUTTA A CUMPAGNIA MA VIDITE NU POCO  CHE GUAIO ….

MARIA/ ( dalla 2 porta)  PAPA’

DOMENICO/ UE’ MARIA,  BELLA E PAPA’ CHE C’E  ( gli va incontro )

MARIA/ PAPA’ IO VADO  IN FARMACIA A PRENDERE  UN ANTIBIOTICO PER MAMMA

DOMENICO/  ADESSO COME STA’?

MARIA/ LEI DICE CHE NUN CE STA BISOGNO,  CHE STA BENE, MA SECONDO ME LO FA PER NON FARMI PREOCCUPARE, MA E’ MEGLIO SE GLIELO PRENDO  PERCHE’,  SE IL DOLORE GLI VIENE DI NOTTE,  FACCIAMO DI SICURO LA NOTTATA

DOMENICO/ PAROLE SANTE , MO’ HAI DETTO PROPRIO BUONO ,  ADDA’ PASSA A NUTTATA, VAI A PAPA’

MARIA/  ( uscendo) PAPA’ SE VIENE ANTONIO  FALLO ASPETTARE

DOMENICO/ E NON TI PREOCCUPARE,  E QUELLO QUANDO  SE NE VA SE NON TI VEDE ?     ( cantato molto plateale) L’AMMORE E’ CHIU’ FORTE D’E CATENE  ,  E NISCIUNE E PO’ SPEZZA’

ROSA/  ( gli da’ uno schiaffo e lo strattona di spalle) DISGRAZIATO, FETENTE,  CHE NON SEI ALTRO ( gridato)

DOMENICO/ MA  CHI E’ …

ROSA/ MA COMME CHI E’, SONGHE IO,

DOMENICO/ ROSE’ MA CHE TE STISSE SCIUMENENNE, MO MI PICCHI PURE, 

ROSA/ AH SI , IO ME STO SCIUMENENNO,  TI PICCHIO? , IO T’AVESSE  SPACCA A CAPA? MA COMME  SE NON M’INVENTO IL DOLORE DI DENTI, TU  MO’ A TUA FIGLIA LE AVRESTI DETTO TUTTO

DOMENICO/ E CERTAMENTE, PERCHE’ PER ME E’ GIUSTO CA MARIA SAPE TUTTA A’ VERITA’

ROSA/  SE E’ PER QUESTO  PUR’IO CE  VULESSE DICERE A VERITA’

DOMENICO/ AH SI,  E ALLORA PERCHE’ MI FAI TUTTA QUESTA SCENEGGIATA? 

ROSA/ PERCHE’ IO A DIFFERENZA TUA, VADO UN PO’ PIU’ AVANTI FACCIO NU PENSIERO E CHIU’, SECONDO TE UNA VOLTA CHE MARIA SA’ LA VERITA’ CHE COSA FA’?

DOMENICO/  SE METTE A CHIAGNERE

ROSA/ BRAVO,  E LO SAI POI CHE FA?

DOMENICO/  NO,  TU LO SAI ?

ROSA/ E CERTO CHE LO SO ,  TUA FIGLIA IO LA CONOSCO BENE , DOPO CHE HA SAPUTO LA VERITA’, E DOPPE CHE SI E’ FATTO UN BEL PIANTO COME DICI TU , GLI DICE TUTTO   AD ANTONIO,

DOMENICO/ E MI SEMBRA GIUSTO ANCHE LUI HA DIRITTO DI SAPERE

ROSA/ MA CHE DEVE SAPERE? , QUELLO E’ CARABINIERE, UNA VOLTA SAPUTA LA VERITA’ NON PUO’ STARSENE MICA CON LE MANI IN MANO,  SI TRATTA DEL SUO MATRIMONIO, QUELLO E’ CAPACE DI AFFRONTARE CICCILLO, ALFREDO E CHIUNQUE SI METTE IN MEZZO,  E VA FINIRE CHE CI  SCAPPA PURE IL MORTO

DOMENICO/  ROSE’ NA COSA E’ CERTA , QUA IL MUORTE CE SCAPPE SICURAMENTE, ALMENO QUESTA L’HO CAPITO

ROSA/ BRAVO, PERCIO’ A TUA FIGLIA FAMMI IL FAVORE, PER IL MOMENTO NON LE DIRE NIENTE, VEDIAMO SE TROVIAMO UN’ ALTRA SOLUZIONE ,  E’ CHIARO?

DOMENICO/ CHIARISSIMO

PARROCO/ ( entrando) E IO LO SAPEVO, AVEVO RAGIONE,  A QUESTA ORA NON C’E MAI NESSUNO COSI MI SONO DETTO MO’, VADO UN PO’ PRIMA,  NON TROVO NESSUN CLIENTE  , E MI MANGIO LA PIZZA IN SANTA PACE

DOMENICO/ PADRE  STAVAMO APPUNTO PARLANDO DEGLI SPOSI , 

PARROCO/ ( lo interrompe) SI , SI ADESSO NE  PARLIAMO,  PERO’ PRIMME

DOMENICO/  A PIZZA

PARROCO/ GIUSTO MA COSA CHIU’ IMPORTANTE ( indicando)

ROSA/ A PORTA  ( va a chiudere la porta 1)

PARROCO/  ESATTO, DON MIMI’ ALLORA   MI FATE UNA BELLA 4 STAGIONI, PERO’ NIENTE COZZE, SE AVETE LE VONGOLE SO’ CHIU’ CUNTENTO

ROSA/ SI,  LE VONGOLE CI STANNO

PARROCO/ AH ME FA PROPRIO PIACERE,   ( si siede)

DOMENICO/  PADRE IN MERITO AL MATRIMONIO DI MIA FIGLIA ….

PARROCO/  ( mentre si mette il tovagliolo) NON VI PREOCCUPATE ,  MO’NE PARLIAMO MI E' VENUTA UN'IDEA CHE POTREBBE FUNZIONARE, ADESSO PERO’  DON MIMI’ FATEMI  FARE LA PIZZA SENNO’  PASSA L’ORARIO E  SE NE VA L’APPETITO

DOMENICO/ SI , SI, MO SUBITO VE LA FACCIO FARE   ( ordinando dalla porta aperta poi ritorna)  BERSAGLIE’ , UNA 4 STAGIONE CON LE VONGOLE, VELOCE

ROSA/ PADRE  IO NON SO COSA AVETE IN MENTE MA NA COSA E’ CERTA ,   CICCILLO O  NON CICCILLO,  MIA FIGLIA SI DEVE  SPOSARE

PARROCO/ DONNA ROSA   CREDETEMI , IO SONO IL PRIMO CHE LI VUOLE SPOSARE , IO VI CAPISCO  ,  VOI TENETE RAGIONE, MA METTEVI NEI MIEI PANNI,  D’ALTRONDE IO CHE VI CHIEDO? DOBBIAMO PRENDERE SOLO UN PO’ DI TEMPO PER DECIDERE LA SOLUZIONE MIGLIORE, MAGARI NE PARLO CON IL VESCOVO,  , MA CERCHIAMO DI NON FA PIGLIA’ COLLERA A NISCIUNO, SOLO QUESTO VI CHIEDO

DOMENICO/ E , COME FACCIAMO?

PARROCO/  DOBBIAMO RIMANDARE IL MATRIMONIO

ROSA/ E CHI GLIELO DICE A MIA FIGLIA E ANTONIO?

VOCE FUORI SCENA/ 4 STAGIONE COTTA E IN PARTENZA

 PARROCO/ NON VI PREOCCUPATE GLIELO DICO IO ,  DON MIMI’ ANDATE ANDATE ( intendendo andate a prendere la pizza)

DOMENICO/ SI, VADO VADO ( non si muove)

PARROCO/  VEDETE , NOI IN EFFETTI,  SE RIMANDANDO IL MATRIMONIO,  IL PROBLEMA L’ABBIAMO QUASI RISOLTO …DON MIMI’ ANDATE, ANDATE

( mette si sistema  il tovagliolo per non sporcarsi)

DOMENICO/ SI VADO, VADO

ROSA/ MIMI’ E VO  I? ( e vuoi andare)

DOMENICO/ M’ADDO AGGIA I?

PARROCO/ A PRENDERE LA PIZZA, ANDATE   CHE SI FA FREDDA  ( con forchetta e coltello in mano)

DOMENICO/  AH SI A PIZZA,  SUBITO  ( esce e rientra con la pizza)

PARROCO/ DONNA ROSA  NON VI PREOCCUPATE AGLI SPOSI GLIELO DICO IO,  VOSTRA FIGLIA E’ MOLTO DEVOTA E PURE ANTONIO, A ME MI STANNO A SENTIRE,

ROSA/ SE LO DITE VOI

ROSA/  POI, UNA VOLTA RISOLTA LA SITUAZIONE, FAREMO UN MATRIMONIO CHE IN PAESE SE LO RICORDERANNO TUTTI 

DOMENICO/ ECCO LA PIZZA

PARROCO/ AH GRANDEZZA DI DIO

DOMENICO/  DEL PIZZAIOLO PADRE

PARROCO/ SIGNORA ROSA  NOI DOBBIAMO SOLO TROVARE UNA MOTIVAZIONE CREDIBILE

DOMENICO/ E ALLORA CE VO’   NA SCUSA IMPORTANTE, NA COSA,  COME DITE VOI , GROSSA 

PARROCO/ GIUSTO NA COSA GROSSA, L’AVETE CAPITO FINALMENTE,  E DA STAMATTINA CHE LO DICO E CREDO CHE QUELLO CHE HO PENSATO IOE’ SICURAMENTE LA SOLUZIONE MIGLIORE …

DOMENICO/ROSA E SAREBBE?

PARROCO/ UNA MALATTIA , UNA BELLA MALATTIA GRAVE , TALMENTE GRAVE DA FARCI RIMANDARE IL MATRIMONIO

DOMENICO/ E CHI LA DEVE TENERE QUESTA MALATTIA?

PARROCO/ UNO DI VOI DUE

ROSA/SALVATORE ( insieme indicandosi col dito veloci) A ISSE/ A ESSE ( a lui, a lei )

ROSA/ MEGLIO AL PADRE CHE LA MADRE

DOMENICO/ PERCHE’ O PATE NUN CONTA NIENTE?

ROSA/ CHE C’ENTRA ,  MIA FIGLIA CON ME MALATA SOFFRIREBBE DI PIU’

DOMENICO/ CON ME INVECE SE NE VA ALL’EDENLANDIA ,  ( A LUNA PARK)

PARROCO/ DON MIMI’ ASCOLTATEMI,  HA RAGIONE VOSTRA MOGLIE LA MALATTIA E’ MEGLIO CHE  LA PRENDETE VOI, SI SA CHE LE FIGLIE FEMMINE CON LE MAMME SI TROVANO DI PIU’,  DONNA ROSA VOI  DIRETE AI FUTURI SPOSI CHE VOSTRO MARITO SI E’ FATTO LE ANALISI, ED E’ USCITA UNA BRUTTA MALATTIA ( Domenico fa le corna)

ROSA/ COSI’  QUELLI COME SENTONO STA COSA MI DICONO, MAMMA’  VISTO CHE PAPA’ DEVE MORIRE, SPUSAMMECE AMBRESSE AMBRESSE,ACCUSSI ALMENO PRIMA DI MORIRE   VEDE SUA  FIGLIA SPUSATA E SISTEMATA,

DOMENICO/ AH SI?,  ALLORA SI VERAMENTE IO TENESSE NA BRUTTA MALATIA  CHESTI FUSSE O’ QUADRO?  ( questo sarebbe il quadro? - sempre  facendo corna)

ROSA/ SECONDO ME,  SI

DOMENICO/ E TU CHE CE RISPUNISSE SENTIAMO? ( e tu che gli risponderesti?)

ROSA/ ( piangendo) E IO CE RISPUNNESSE,  FIGLIA MIA  SO D’ACCCORDO CU TE, E’ MEGLIO CA PRIME E MURI’ CHILLU POVER’OMMO E PATETE , ( che prima di morire quel povero uomo di tuo padre; almeno ti vede sposata) ALMENO  TE VEDE SPUSATE , COSI’ MUORE FELICE E CONTENTO

DOMENICO/ PADRE MA VOI LA SENTITE   MIA MOGLIE COME PARLA

PARROCO/ DON MIMI’  NON VE LA PRENDETE, TANTO LO SAPPIAMO, LE COSE POI QUANDO SUCCEDONO VERAMENTE NON SONO MAI  COME LE AVEVAMO  PENSATE, MA COMUNQUE  NON VI DOVETE PREOCCUPARE  PERCHE’  LA MALATTIA SARA’ GRAVE  MA SENZA IL FINALE COL MORTO ,

DOMENICO/ SPERIAMO ( si gratta visibilmente)

PARROCO/ DICIAMO CHE LA MALATTIA E’ SANABILE, MA SOLO DOPO UN PERIODO DI CURA E CHE PER FAR CONTENTI IL PADRE I NOVELLI SPOSI ASPETTERANNO LA COMPLETA GUARIGIONE , CHE AVVERRA’ CHIARAMENTE, QUANDO SI SARA’ RISOLTO IL CASO

DOMENICO/ GIUSTO, E QUINDI ADESSO NON CI RESTA CHE TROVARCI UNA BELLA MALATTIA HO DETTO BENE?

PARROCO/ BENISSIMO.. ALLA SALUTE ( col bicchiere alzato)

ROSA/ A SALUTE E SORETE…..

PARROCO/  DITE A ME? 

ROSA/  A VOI?  MA NO ….A MIO MARITO….MIMI’ A’ SALUTE E SORETE STA PEGGIORANDO

PARROCO/ DON MIMI’ TENETE UNA SORELLA CHE NON STA BENE?

DOMENICO/  SI…SI…MA MIA SORELLA E’ FORTE, CE LA FA CE LA FA, 

PARROCO/  A QUESTO PUNTO QUINDI NON VI RESTA  CHE SCEGLIERE UNA MALATTIA 

DOMENICO/ E’ GIUSTO …. ROSE’ TU CHE SCEGLI?

ROSA/ NO, IO NON SCELGO PROPRIO NIENTE,  A MALATIA  TE LA DEVI SCEGLIERE TU, NON VOGLIO CA PO’ MI DICE C’AGGIO SBAGLIATO, 

PARROCO/ DON SALVATO  NEL MONDO CI SONO TANTE MALATTIE, AVETE UN VASTO CAMPIONARIO DI SCELTA

DOMENICO/ GIA’,  QUESTO E’ VERO, E ALLORA ASCOLTATEMI CHE DITE N’ICTUS VA BUONO?

PARROCO/ PERFETTO,  L’AVUTO PURE MIO PADRE, E ME LO RICORDO BENE   E POI E’ SEMPLICE, VOI  DOVETE STARE SOLO ATTENTO  A CAMMINARE UN PO’ STORTO ,  LA  MANO E IL PIEDE STORTO,  E QUANDO PARLATE ,  COSA PIU’ IMPORTANTE, PARLATE CON LA BOCCA STORTA 

DOMENICO/ MA SI, CREDO CA NU POCHE STUORTE POZZE CAMMMENA , ( un po’ storto posso camminare)

PARROCO/ PERO’ PRIMA DI CAMMINARE , DOVETE STARE ALMENO UN MESE DINTO O LIETTO ( nel letto)   MA NON E’ UN PROBLEMA IO VI REGALO PURE UNA BELLA CAMPANELLA , TIPO OFFERTORIO, CHE VOI QUANDO VI SERVE QUALCOSA LA SUONATE, E VOSTRA MOGLIE SUBITO CORRE

ROSA/  MIMI’ SECONDO ME L’ICTUS NUN VA BUONE ( non va bene)

PARROCO/SALVATORE E PERCHE’?

ROSA/ INNANZITUTTO, IO O’ SUONE DELLE CAMPANE NUN O’ SUPPORTO, ( non lo sopporto) LE CAMPANE MI METTENO L’ANSIA, 

DOMENICO/  E  VA BUO’  SONE COCCATACOSE  ,  A TRUMBETTA TE PIACE?  

ROSA/  PUNTO SECONDO, IO NON CORRO DA QUANDO ERO RAGAZZINA, E VA A FINIRE CHE NON ARRIVO IN TEMPO A SERVIRE IL  MARCHESE QUA ( indicando Domenico), INFINE E COSA PIU’ IMPORTANTE DI TUTTE ,  MIO MARITO  NU MESE DINTO O LIETTO A CUMMAMA’ ( a dare ordini dal letto)  NUN PO’ STA’ 

DOMENICO/ MA IO TENGO L’ICTUS

ROSA/  MIMI’ MA CHI TE SUPPORTE A TE NU MESE DINTO O LIETTO? ( ma chi ti sopporta un mese nel letto)  NON ESISTE PROPRIO SCIGLIETE NA  MALATIA  CA PO’ CAMMENA,   ( scegli una malattia che puoi camminare) PERCHE’ TU  OGNI TANTO

ANNANZE ALL’UOCCHIE ( davanti agli occhi) TI DEVI TOGLIERE HAI CAPITO?

PARROCO/ SIETE UNA COPPIA PERFETTA, SPRUZZATE AMORE DA TUTTI I PORI

E VA BENE ASCOLTATEMI BENE, QUI BISOGNA DECIDERE  PERCHE’ IL TEMPO STRINGE,   TROVIAMO UN COMPROMESSO, SIGNORA ROSA FATE UNO SFORZO, VORRA’ DIRE CHE INVECE DI UN MESE, DON MIMI’ VOI A LETTO CI STARETE SOLO UNA SETTIMANA,  SIAMO D’ACCORDO?

DOMENICO/ PER ME VA BENE , MADAM VOI CHE DITE?

ROSA/ SE E’ PER UNA SETTIMANA MI STA BENE , MA SENZA CAMPANELLA

PARROCO/ DIO TI RINGRAZIO, ALLORA DON MIMI’ MI RACCOMANDO, VI DOVETE PREPARARE BENE , LA COSA DEVE ESSERE CREDIBILE AL CENTO PER CENTO , VI E’ TUTTO CHIARO?

DOMENICO/ MA SI, IN FONDO E’ FACILE,  BASTA CHE FACCIO O’ STUORTE ( lo storto)

PARROCO/  ESATTO, PERO’ PER ESSERE PIU’ SICURI , ADESSO VI FACCIO VEDERE COME DOVETE FARE , VE L’HO DETTO L’HA TENUTO PURE MIO PADRE E ME LO RICORDO BENE     DUNQUE  PER PRIMA COSA  VI DOVETE SCEGLIERE IL LATO, QUALE PREFERITE   IL LATO  DESTRO O SINISTRO ?

DOMENICO/ IO SO’ MANCINO MEGLIO IL DESTRO

PARROCO/  BENISSIMO ALLORA IL DESTRO,  E MI RACCOMANDO  QUANDO PARLATE , TENETE LA BOCCA STORTA PIU’ O MENO COSI’   ( imita parlando) SENTI MARIA A PAPA’  IO TI DEVO DIRE UNA COSA ….   PROVATE RIPETETE

DOMENICO/  SIENTE MARIA A PAPA’ IO TI DEVO DIRE UNA COSA

ROSA/ UH MAMMA MIA CHE IMPRESSIONE

PARROCO/  BRAVISSIMO.. E POI CONTINUATE ..( voce normale) MARI SI TRATTA DI UNA COSA IMPORTANTE

ROSA/  ( con la voce di maria da bambina)  CHE C’E A PAPA’ CHE MI DEVI DIRE

PARROCO/ BRAVISSIMA, COSI’ ENTRIAMO TUTTI NELLA PARTE …CONTINUATE

DOMENICO/  SIENTE A PAPA’ …..IO TI DEVO DIRE UNA COSA

ROSA/ QUESTO L’HO CAPITO PAPA’

PARROCO/  ( voce normale) MARIA A PAPA’  SI TRATTA DI UNA COSA MOLTO  IMPORTANTE

DOMENICO/ ( con la bocca storta) MARI A PAPA’, SI TRATTA DI UNA COSA MOLTO IMPORTANTE

 

ROSA/ ( voce da bambina ironica)  PE STASERA MO’ DICI PAPA’? ( per stasera me lo dici papa?)

PARROCO/  DON MIMI’ SIETE UN ATTORE NATO , SEMBRA CHE L’ICTUS L’AVETE SEMPRE AVUTO

ROSA/ ( con la voce di maria)  A VOTE L’AGGIO PENSATO PUR’IO

PARROCO/ E POI ALLA FINE  GLI DITE LA VERITA’ ( veloce)

DOMENICO/  GIUSTO  LA VERITA’ ( con la bocca storta gridato , veloce) MARI,   ANTONIO TE FA E CORNE ( maria,  antonio ti fa le corna)

ROSA/  ( voce da bambina) MA QUALI E CORNE , MA CHE DICI PAPA’ ?

DOMENICO/  ( come prima) MARI, CICCILLO CE VO SPARA’ ( ci vuole sparare)

PARROCO/  DON MIMI’ LA VERITA’

DOMENICO/ MARI’ ALFREDO TE VO SPUSA’  ( maria Alfredo ti vuole sposare)

ROSA/  ( voce normale) MA ALLORA SI SCEME, PAPA’?

PARROCO/ DON MIMI’ DOVETE DIRE LA VERITA’

DOMENICO/ E IO CHE HO DETTO?

ROSA/ SULE STRUNZATE ( solo scemenze)

PARROCO/ GLI DOVETE DIRE CHE AVETE AVUTO L’ICTUS

DOMENICO/ AH GIA’ E ‘ VERO, M’ERO SCURDATE

PARROCO/   ( fa la scena camminando tutto storto)  E POI CAMMINANDO, CAMMINANDO  CONTINUATE  E DITE ,  ( con la bocca storta) E QUINDI CARA  MARIA   SE VUOI BENE A PAPA’   ( entra Antonio dalla seconda porta) LA DATA DEL   MATRIMONIO… CHE SAPPIAMO TUTTI E’ FISSATA PER   ( il padre è di spalle  enon lo vede)  

ANTONIO ( entrando  ) PER GIOVEDI  QUATTRO  GIUGNO ,  

PARROCO/ ( ancora di spalle) GIUSTO, PER GIOVEDI QUATTRO GIUGNO E VEDIAMO SE VE LO RICORDATE,  ALLE ORE ? ( girandosi)

DOMENICO/ ROSA/ UNDICI

ANTONIO/  BRAVISSIMI , ALLE 11 GIUSTO

PARROCO/ ( con la bocca storta dopo che ha visto maria) FORSE  E’ MEGLIO MEZZ’ORA PIU’ TARDI , 

ANTONIO/  BUONGIORNO A TUTTI

PARROCO/ ( tutto storto) BUONGIORNO

ANTONIO /  PADRE MA CHE VI E’ SUCCESSO? NON STATE BENE?

PARROCO/  NON MI CI FAR PENSARE…

ANTONIO/ SIGNORA ROSA MA CHE E’ SUCCESSO ?

DOMENICO/ROSA   HA AVUTO UN ICTUS

PARROCO/ ( con la bocca storta) LEGGERO, LEGGERO  PERO’

ANTONIO/ UH COMME ME DISPIACE , PADRE MA COME E’ STATO?

PARROCO/ E COMME E’ STATO? NON LO SO NEMMENO IO COMME E’ STATO , SECONDO ME  E’ STATO …

ROSA/SALVATORE   E’ STATO IL VOLERE DI DIO ( si fanno la croce)

PARROCO/ GIA’ IL VOLERE DI DIO, COMME SI DICE, QUELLO CHE CI MANDA, QUELLO CI PRENDIAMO ,

ANTONIO/ MA GUARDATE NU POCO…E I DOTTORI CHE HANNO DETTO?

PARROCO/  I DOTTORI?, CHE HANNO DETTO I DOTTORI? ( a domenico e rosa)

ROSA/ I DOTTORI HANNO DETTO CHE TEMPO UN MESE , E IL PARROCO SI RIMETTE A POSTO

DOMENICO/ ESATTO PROPRIO COSI’, DEVE SOLO FARE UN PO’ DI FISIOTERAPIA

ANTONIO/ SECONDO ME E’ MEGLIO SE FATE PURE  NU POCHE E PISCINA PADRE , QUELLA PURE FA BENE, VOI  VI FATE DUE BAGNI  E VEDRETE CHE SUBITO VI RIPRENDETE

PARROCCO/ SI,   A FISIOTERAPIA, A PISCINA , FACCIO TUTTE COSE   ADESSO PERO’ , SCUSATEMI, MA DEVO TORNARE IN PARROCCHIA

ANTONIO/ PADRE VOLETE CHE VI ACCOMPAGNO?

PARROCCO/ NO, NO CE LA FACCIO , PIANO PIANO, MA CE LA FACCIO ,

ARRIVEDERCI ( esce tutto storto)

TUTTI/ ARRIVEDERCI                      ( fine primo tempo)

II TEMPO

( all’apertura del sipario si sente forte il rumore di una campanella, Rosa è intenta a preparare i tavoli )

ROSA/ UM MOMENTO, NU POCO E  PAZIENZA STO ARRIVANDO,

 ( breve pausa  e poi si sente il rumore di una campanella)

ROSA/ UFFA’  E VIDE COMME SONA , E SONA, SONA, TANTO SEMPRE A ME DEVI ASPETTARE….CARO MARCHESE….

( breve pausa  e poi si sente il rumore di una campanella)

ROSA/  E COMME CE PIACE…. COCCHE IUORNO CA STO NERVOSA PIGLIA STA CAMPANELLA E CE A SCASSA NCAPA  ( e come gli piace , qualche giorno che sto nervosa prendo la campanella e gliela spacco in testa)

(Antonio e Maria  dalla porta 1)

ANTONIO/ BUONGIORNO

MARIA/ MAMMA’ BUONGIORNO

ROSA/ AH SIETE ARRIVATI  MA DOVE SIETE STATI TUTTO QUESTO TEMPO?

ANTONIO/ EH TUTTO QUESTO TEMPO…SI E’ NO SI E’ TRATTATO DI MEZZ’ORA

ROSA/ QUANDO UNO STA IN PENZIERO  O’ TIEMPO NUN PASSA MAI

ANTONIO/ MA QUALE PENSIERO , MARIA  STAVA CON ME,  ( impettito) IL SUO QUASI MARITO,  PER DI PIU’ CARABINIERE, NON SO SE MI SPIEGO

MARIA/ MAMMA’ SIAMO ANDATI A PRENDERCI UN GELATO E POI SIAMO PASSATI IN PARROCCHIA PER VEDERE PADRE EUGENIO COME STAVA

ROSA/ AH SI, E COME STA?

ANTONIO/  STA BENISSIMO,

ROSA/ UNA SETTIMANA FA CAMMINAVA ANCORA TUTTO ST ORTO

ANTONIO/ INVECE MO’ STA DRITTO COME A UN PALO DELLA LUCE,

SIGNORA ROSA  LO DOVRESTE VEDERE,  SEMBRA CHE L’ICTUS

NON GLI SIA MAI VENUTO….

MARIA/  MAMMA’ E’ QUASI UN MIRACOLO , SO PASSATI SOLO SETTE GIORNI , LUI DICE CHE  SONO STATE LE PREGHIERE DEI FEDELI

ANTONIO/  E GIA’ …E SE BASTASSERO SOLO LE PREGHIERE DEI FEDELI PER GUARIRE…CERTO CHE PERO’ E’ STRANO

MARIA/ ANTO’  CI VUOLE LA  FEDE  , UNO CI DEVE CREDERE VERAMENTE

ROSA/(ironica)  E CHILLE  PADRE EUGENIO STA CHINE E FEDE….O POZZENE ACCIDERE ( e quello Padre Eugenio sta pieno di fede....lo possano ammazzare...)

( si sente la campana)

ANTONIO/ A CHI ? A PADRE EUGENIO?

ROSA/ NO, NO A MIO MARITO ISSE E STA CAMPANA SONE SEMPE  (lui e questa campana, suona sempre)

ANTONIO/ VERAMENTE IO VOLEVO DIRE CHE E’ STRANO  CHE   COME SI E’ RIPRESO   PADRE EUGENIO ,  C’E VENUTO L’ICTUS A DON DOMENICO

ROSA/ E PER FORZA….

ANTONIO/ COME SAREBBE PER FORZA?

ROSA/ NO DICO E PER FORZA…. , PERCHE’  NON LO SAI ? ANTO’  I GUAI NON VENGONO MAI SOLI 

ANTONIO/  E  ALLORA SPERIAMO  SOLO CHE DOPO DON DOMENICO NON TOCCA A QUALCUN ALTRO 

MARIA/ ANTO’ MA CHE DICE….

ROSA/   E DICE BENE , D’ALTRONDE CHI LO PUO’ SAPERE? STAMME TUTTI SOTTO  O’ CIELO  …COMME SE DICE , ( stiamo tutti sotto al cielo ...come si dice...) MA ’SE MI SUCCEDE QUALCOSA PURE A ME , VUOLE DIRE    CHE  IL SIGNORE  HA DECISO CHE QUESTO MATRIMONIO NON LO VUOLE BENEDIRE ,  E CHE CI POSSIAMO METTERE CONTRO LA VOLONTA’ DI  DIO?

MARIA/ MAMMA’ E PE FAVORE  

ANTONIO/ DONNA ROSA, NON SCHERZIAMO,  VOI DOVETE STARE  BENE,  TOSTA  COMME A NA VRECCIA, ( dura come una pietra) PERCHE’ NOI GIA’ ABBIAMO ASPETTATO TANTO PER  QUESTO  MATRIMONIO, PRIMA IL PARROCO , MO’ DON DOMENICO  CE MANCHE SULE CHE MORE O NONNO  ( ci manca solo che muore il nonno) E BUONANOTTE

MARIA/ ANTO’ MA ADESSO CHE C’ENTRA IL NONNO?

ANTONIO/ MARI’  QUESTA E’ UNA CASA  SFORTUNATA, DICIAMO LA VERITA’

ROSA/  (risentita) MA QUALE CASA SFORTUNATA? MA  CHE VIA DICENDO

ANTONIO/ DONNA ROSA IO NON CI CREDO , MA VI GIURO CHE  SEMBRA CHE QUALCUNO ABBIA FATTO UNA FATTURA PER  NON FARCI SPOSARE , GUAI  APPRIESSE APPRIESSE , E CHE MISERIA….( uno dietro l'altro e mamma mia...)

MARA/ ANTO’ NON TI PREOCCUPARE SI TRATTA DI ASPETTARE SOLO CHE MIO PADRE SI RIPRENDE

ANTONIO/ COMUNQUE SE BUTTIAMO UN PO’ DI SALE SECONDO ME E’ MEGLIO

ROSA/ E …O’ SALE….MA CHE SO’ STI STRUNZATE ( queste scemenze)

MARIA/ LA VERITA’ E’ CHE CI VORREBBE UN MIRACOLO PURE PER PAPA’

ANTONIO/ E ALLORA PREGHIAMO TUTTI QUANTI , NON SI SA MAI… MARIA IO ADESSO ME NE SCAPPO SENNO’ FACCIO TARDI… DONNA ROSA ARRIVEDERCI

ROSA/  ARRIVEDERCI

MARIA/ ANTO’  ASPETTA TI ACCOMPAGNO, COSI COMPRO PURE IL GIORNALE A PAPA’, CHE PRIMA ME LO SONO SCORDATO ( escono)

ROSA/  CASA SFURTUNATA …, O SALE….  IO DI SALE NE  HO BUTTATO UN QUINTALE , CHELLE A COLPA E TUTTA E CHILLO O STRUNZE E CICCILLE E I CHISTU PREVETE CHE NO VALE DUE LIRE , ( la colpa è tutta di questo ciccillo e di questo prete che non vale niente) ( sfottendo) ( SIGNORA ROSA   E’ UNA SETTIMANA CHE FACCIO LO STORTO IO MI SONO SCOCCIATO PERCIO’ DITE A DON DOMENICO  CHE ADESSO TOCCA A LUI,  IO DIRO’ CHE SONO GUARITO PER VIA DI UN MIRACOLO  

DOMENICO/ (  entra  suonando la campanella) 

ROSA/  ( di spalle non lo vede) AH, MA ALLORA NON LO VUOI CAPIRE? TU PIU’ SUONI E IO PIU’ NON VENGO

DOMENICO/ LO SO

ROSA/ ( sempre di spalle) AH LO SAI,  E ALLORA CHE SUONA A FA?

DOMENICO/  ( tutto storto) E PERCHE’  IO DOVEVO FARE IL MUSICISTA,  TE LO SEI SCORDATO?

ROSA/  ( girandosi) UH MIMI’ MA TU STAI QUA

DOMENICO/ ( tutto storto) E  IL PAPA STA A ROMA, E CERTO CHE  STO QUA …E  SI FUSSE PE TE AI VOGLIA E  MURI’, ( e se fosse per te ai voglia di morire)

ROSA/  TI SEI ALZATO FINALMENTE

DOMENICO/ ( tutto storto) E PER FORZA , SUONA, SUONA,  NON ARRIVA MAI NESSUNO, E CHE SONA A FA’?…. ( guardandosi in giro) ROSE’  NUN CE STA NISCIUNE? ( rosa non c'é nessuno?)

ROSA/ NO, PUOI FARE IL SANO …COMUNQUE   NOI ERAVAMO D’ACCORDO PER UNA SETTIMANA NEL LETTO E SENZA CAMPANELLA, QUESTI ERANO I PATTI

DOMENICO/ LO SO, LO SO, MA LA CAMPANELLA E’ LA SOLUZIONE MIGLIORE,  QUANTE VOLTE TE LO DEVO DIRE? SENNO’ OGNI VOLTA  DEVO GRIDARE,

( gridato) ROSA, ROSA, INVECE CON LA CAMPANELLA E’ PIU’ ELEGANTE,  NUN FACCIO BURDELLO, ( non faccio casino) ROSA LA CAMPANELLA, DICIAMO LA VERITA’ .,  DA’ MENO FASTIDIO

ROSA/ AH SI  DA’ MENO FASTIDIO, CARO MARCHESE MI DISPIACE, MA A ME IL SUONO DELLE CAMPANE , INVECE, MI DA’ FASTIDIO ASSAI

DOMENICO/ VA BENE,  TANTO  O GRIDO  O SUONO  LA CAMPANELLA IL RISULTATO E’ SEMPRE LO STESSO , QUELLO NON CAMBIA MAI

ROSA/ E SAREBBE?

DOMENICO/  ( tutto d’un fiato) MUORE E IETTE O SANGUE DINTO A NU LIETTO , TANTE NUN VENE MAI NISCIUNE ( muori da solo dentro a un letto, tanto, non viene mai nessuno)

ROSA/ UE’ MA TU TI STISSE SCIUMENENNE ( ma che sei scemo?), TU NON SEI MALATO , TU FAI SOLO FINTA TE LO SEI SCORDATO?

DOMENICO/ E MENO MALE PERCHE’  SE VERAMENTE MI  CAPITASSE QUALCHE GUAIO, SECONDO ME , IL RISULTATO SAREBBE LO STESSO

ROSA/ MUORE E IETTE O SANGUE DINTE  O’ LIETTE?( muori da solo dentro a un letto?)

DOMENICO/ PRECISAMENTE

ROSA/ MANON DIRE SCEMENZE  LO SAI CHE TI VOGLIO BENE

DOMENICO/ IO PIU’ DI SAPERLO OGNI TANTO, QUESTO BENE, LO VORREI VEDERE

MANUELA / ( mentre entrano, camminando lentamente dalla 2° porta)   VINCENZO TU NON DEVI DIRE NIENTE,  DEVO PARLARE IO HAI CAPITO?

DOMENICO/ (con la bocca storta)TUO PADRE E TUA MADRE IN ARRIVO  SUL PRIMO BINARIO

VINCENZO/  MANUE’ MA ALMENO BUONGIORNO LO POSSO DIRE’?

MANUELA/ QUELLO SI

VINCENZO/ ( gridato) BUONGIORNO, BUONGIORNO A TUTTE QUANTE, BUONGIORNO E PRETE, ( alle pietre)   BUONGIORNO E TAVOLINI, BUONGIORNO A TUTTA A GENTE CA NUN CE STA ( buongiorno a tutta la gente che non ci sta) BUONGIORNO A....

MANUELA/ VICIE’ BASTA

ROSA/ MAMMA , PAPA’,  BUONGIORNO, COME MAI SIETE SCESI , CHE C’E'?

VINCENZO/ ( con cappotto e sciarpa)  E CHE C’E , CHE C’E, CHE C’E’… MANUE CHE C’E' ME SO SCURDATO? ( me lo sono scordato)

MANUELA/ NIENTE VINCENZO  NON C’E NIENTE, ( a Rosa) PERCHE’ PER SCENDERE DA CASA DEVE SUCCEDERE PER FORZA QUALCOSA ?

ROSA/ ( ironica) SE NON MI SBAGLIO DOVETE USCIRE ,  PAPA’ SI  E' MESSO IL CAPPOTTO E PURE LA SCIARPA

DOMENICO/ ( con la bocca storta) EH CU STU CAVERE  CHE FA’, AI VOGLIA E SCHIATTA’( e con questo caldo che fa, ai voglia di sudar)

VINCENZO/ IO GLIEL’HO DETTO A TUA MADRE, METTI IL CAPPOTTO ANCHE   TU , CHE STIAMO A DICEMBRE, UN COLPO DI FRIDDO E  RIMANE FREGATA,  E LO SAI CHE SUCCEDE?

ROSA/ E CHE SUCCEDE  PAPA’?

VINCENZO/CHE  TUA MADRE SI FA NATALE DENTRO AL LETTO

DOMENICO/ (ridendo con la bocca storta) TENE RAGIONE O’ NONNO...

VINCENZO/  (a Manuela come un monito gridato) TU NATALE TE LO FAI NEL LETTO 

MANUELA/ E NON FA NIENTE

VINCENZO/ ( come un comando)  MIETTETE O CAPPOTTO ( mettiti il cappotto)

 

MANUELA/ AGGIO DITTO CA NO,   A NATALE VOGLIO STA DINTO O’ LIETTO VA BENE ? ( ho detto di no , va bene ; Natale me lo voglio fare nel letto)

ROSA/  AVETE FINITO?

VINCENZO/MANUELA  SI

ROSA/ E ALLORA FATEVI UNA BUONA PASSEGGIATA, ANDATE, ANDATE

DOMENICO/ ( con la bocca storta , ride) E NON PRENDETE  TROPPO  VENTO  MI RACCOMANDO

MANUELA/  ( a Domenico) GRAZIE, PERO’ IO  PRIMA DI USCIRE DEVO DIRE UNA COSA IMPORTANTE A MIA FIGLIA

ROSA/ IMPORTANTE?

VINCENZO/ IMPORTANTE ASSAI  

ROSA/  MAMMA’  E DI CHE SI TRATTA?

MANUELA/ ROSE E’ NA COSA CHE E’ SUCCESSO UNA SETTIMANA  FA IN QUESTO LOCALE   , RIGUARDA TUO MARITO

DOMENICO/ ( con la bocca storta)  E CHE ESAGERAZIONE ….  MA QUA COSA IMPORTANTE CHELLA E’ NA COSA E NIENTE ,

ROSA/ PERCHE TU GIA’ LA SAI?

DOMENICO/ ( con la bocca storta) CHE COSA ?

ROSA/ QUESTA COSA IMPORTANTE LA SAI O NON LO SAI?

VINCENZO/ LA SA, LA SA...

ROSA/  PERCHE’ PAPA’ , LA SAPETE PURE VOI?

VINCENZO/ IO C’ERO,  MA NON HO VISTO NIENTE

MANUELA/ L’HO VISTO IO ,   E GLIEL’HO DETTO

ROSA/ MA ALLORA A SAPITE TUTTE QUANTE , ? ( la sapete tutti?)

( SILENZIO ASSENSO)

ROSA/  COMME SAREBBE , ALLORA SULE IO NUN SACCIO NIENTE? ( allora solo io non la so)

MANUELA/ SI,  MA E’ SOLO QUESTIONE DI MINUTI , SE ME FAI PARLA’ LA SAPRAI PURE TU

ROSA/ MIMI’ MA CHE E’ SUCCIESO SE PO SAPE? ( ma che è successo si può sapere?)

DOMENICO/ ( con la bocca storta) MA NIENTE CHE DEVE SUCCEDERE...  ORA TE LO SPIEGO… IO STAVO FACENDO…

( domande e risposte veloci)

VINCENZO/ AMMORE A PRIMA MATINA ( L'amore di prima mattina)

ROSA/ L'AMORE? E CON CHI?  

VINCENZO/ CON UNA DONNA BIONDA E ABBONDANTE

ROSA/  ABBONDANTE ….E ADDO’? ( e dove?)

VICIENZO / DINTE A PIZZERIA ( nella pizzeria)

MANUELA/ VICIE’ STATTE ZITTE ( vincenzo stai zitto)

ROSA/ ( incredula)  DOMENICO…DINTE A PIZZERIA , MAMMA MA E’ VERO?

DOMENICO/ ( con la bocca storta)  ROSA… PUO’ SEMBRARE ….MA NON E’ COME….

ROSA/ TU STATTE ZITTE …FA PARLA’ A MAMMA’ ( stai zitto fai parlare mia madre)

MANUELA/ POZZE PARLA’? ( posso parlare?)

DOMENICO/ ( con la bocca storta ) SI, SI PARLATE  PERO’ DITE COME SONO ANDATI VERAMENTE I FATTI, DITE LA VERITA’, NIENT’ALTRO CHE LA VERITA’ DITE...

MANUELA/  LO GIURO

VINCENZO/  BRAVA, MO’ PO’ PARLA’

MANUELA/ ROSA, DOMENICO  IN PIZZERIA CON QUESTA DONNA  STAVA SOLO  ABBRACCIATO

DOMENICO/ GIUSTO

ROSA/  E CHI SAREBBE QUESTA DONNA?

VINCENZO/  (con eccitazione) LA  BIONDA  ABBONDANTE

DOMENICO/ ( con la bocca storta)  ROSE’ S’ERA NASCOTA PERCHE’ FUORI ALLA PIZZERIA STAVA PASSANDO ALFREDO

MANUELA/  ( veloce)  ROSA  M’HA DITTE A STESSA STRUNZATA PURE A ME ( mi ha detto la stessa sciocchezza pure a me)

VINCENZO/ CONFERMO

MANUELA/  MIMI…MA ALLORA….E’ VERO?

DOMENICO/  ( con la bocca storta)  ROSE’ QUESTA DONNA E’ L’EX FIDANZATA DI ALFREDO, IL FIGLIO DI CICCILLO, ERA VENUTA A CHIEDERMI DI NON  METTERMI PAURA E DI NON FARE NIENTE

MANUELA/ TANTE FACEVE TUTTE COSE IESSE ( tanto faceva tutto lei)

DOMENICO/ ( con la bocca storta) NIENTE CIOE',  CHE POTESSE FAR SPOSARE ALFREDO CON MARIA 

VINCENZO/ ( a Manuela) MA NUN SE CHIAMMAVE ( ma non si chiamava)ANTONIO O FIDANZATO?

ROSA/ MA CERTO CHE SE CHIAMA ANTONIO , PAPA’ MA VOI DOVETE USCIRE SI O NO?

VINCENZO/ E CERTAMENTE

ROSA/ E ALLORA ANDATE , ANDATE  A CHI STATE ASPETTANDO ? VOGLIO PARLARE DA SOLA CON MIO MARITO TENGO O' DIRITTO?

MANUELA/ E SI CAPISCE , PARLATE , PARLATE

VICENZO/ ROSA NUN O’ FA MALE...

MANUELA/ VINCENZO ANDIAMO

VINCENZO/ ( mentre si avviano) ASPETTA  CHE M’AGGIA METTERE ( mi devo mettere il cappello) O CAPPIELLO E LANA, CHE SI GELANO LE ORECCHIE ( lo prende dalla tasca)

MANUELA/ PURE O' CAPPIELLO…MA CAMMINA..(escono)

DOMENICO/ ROSE’ , E’ SUCCESSO TUTTO QUELLO CHE HAI SENTITO, QUELLA MI HA DETTO CHE ALFREDO L’HA MINACCIATO DI MORTE  SE SI  METTEVA IN MEZZO E MENTRE MI DICEVA TUTTE QUESTE COSE, HA VISTO ALFREDO FUORI ALLA PIZZERIA E  PER NON FARSI RICONOSCERE , MI HA ABBRACCIATO, MA COME SE NE E’ ANDATO ALFREDO , GIURO CHE  IO L’HO SUBITO LASCIATA , ROSE’ MI DEVI CREDERE E’ ANDATO PROPRIO COSI’

ROSA/  VA BENE ,VA BENE’ TI CREDO

DOMENICO/  AH MENO MALE  PENSAVO CHE….

ROSA/   MA CHE DEVI PENSARE, MO TI PARE CHE UNO CHE TIENE L’ARTEROSCLEROSI E UN ALTRO L’ICTUS, ME VULESSENE FA FESSE A ME?  ( prendono in giro me?) E POI  SE ERA UNA COSA GRAVE, MIA MADRE ME L’AVREBBE DETTA SUBITO,

DOMENICO/ GIUSTO, CAPERE ( spiona)  COME E’ , FIGURIAMOCI SE AVREBBE ASPETTATO UNA SETTIMANA....

ROSA/ E POI TI SEI SCORDATA LA COSA PIU'’ IMPORTANTE

DOMENICO/ E QUAL’E’?

 ROSA/  MA  CHI TI PRENDE  A TE, MA  TI SEI GUARDATO ALLO SPECCHIO ?

MARIA/ ( entrando) ECCOMI QUA  SONO TORNATA

ROSA/ CIAO MARIA

MARIA/ PAPA’ TI HO COMPRATO IL GIORNALE

DOMENICO/  (tutto storto)  GRAZIE , E IO LO DICO SEMPRE CHE TENGO UNA FIGLIA D’ORO , D’ORO MA SOPRATTUTTO BELLA ,  

MARIA/ GRAZIE PAPA’

DOMENICO/ ( con la bocca storta) ROSE’ AGGIO FATTE NU CAPOLAVORO, SUL’IO A PUTEVA FA ACCUSSI BELLE ( ho fatto un capolavoro, solo io la potevo fare cosi)

ROSA/( ironica)  MICHELANGELO...

DOMENICO/  LO PUOI DIRE FORTE

MARIA/ PAPA’  ME LO DICI DA QUANDO ERO BAMBINA CHE SONO BELLA

DOMENICO/ E PER FORZA, TU SEI UN’OPERA D’ARTE  FIGLIA MIA, ALTRO CHE GIOCONDA , E  IL  BELLO E’ CHE QUEST’OPERA D’ARTE,  L’HO FATTA IO

ROSA/ E IO C’AGGIO FATTE O’ POZZE SAPE’?( e io che ho fatto , lo posso sapere?)

DOMENICO/ ( con la bocca storta) TU? TU  HAI CONTRIBUITO, MA RICORDATI  L’ARTISTA SONO IO ,  

ROSA/  CARO PICASSO, NON SO SE AVETE NOTATO MA MIA FIGLIA  E’ TALE QUALE A ME

MARIA/  TIENE RAGIONE MAMMA’,    PAPA’,  I COLORI SONO DI MAMMA

DOMENICO/ ( con la bocca storta poetico)  AH SI, E   COLORE, E CHE    CE NE FACCIAMO DEI COLORI  , SE NON C’E’ UNA MANA ESPERTA CHE DIPINGE? IL GIALLO CHE DIVENTA SOLE, IL BLU CHE DIVENTA MARE, E IL  ROSSO CHE DIVENTA AMORE,  RIMARREBBERO SOLO COLORI,  SE NON CI FOSSE UN PENNELLO CHE CREA, ROSA  MI DISPIACE,  MA  O’ PINNIELLO E’ O’ MIO  ( il pennello è il mio)

ROSA/ CARO PICASSO MI DISPIACE, MA VI RICORDO CHE   CON I FIGLI , UNA COSA E’ SICURA, LA MAMMA

MARIA/ VA BE’ , SE SONO BELLA E’ MERITO DI TUTTE E DUE, PERO’ ADESSO PER FAVORE NON LITIGATE ,

 

DOMENICO/ ( parla bene)  LA COLPA E’ TUTTA  DI TUA MADRE 

MARIA/  PAPA’ HAI PARLATO BENE, HAI PARLATE BENE, MAMMA’ HAI SENTITO ?

ROSA/ E COME NO…. ( al pubblico) O’ NZALLANUTO S’E’ SCURDATO ( il cretino se l'é scordato)

MARIA/ PAPA’ PARLA ANCORA

DOMENICO/ E C’AGGIO DICERE? ( e che devo dire?)

ROSA/  NUN DICERE NIENTE CHE E’ MEGLIO, ( non dire niente che è meglio)

 

MARIA/ MA ALLORA E’ VERO,  TENEA RAGIONE PADRE EUGENIO…E IO CHE NON CI VOLEVO CREDERE ?

ROSA/ PERCHE’ CHE HA DETTO PADRE EUGENIO?

MARIA/ L’HO INCONTRATO  DAL GIORNALAIO  , E MI HA GARANTITO CHE    SARESTI GUARITO DEL TUTTO

DOMENICO/  /( con la bocca storta)   VULESSE O’ CIELO , NUN CE FACCIO CHIU’ ( volesse il cielo non ce la faccio piu')

ROSA/ E A LUI CHI GLIEL’ HA DETTO?

MARIA/ MI HA CONFESSATO DI AVER FATTO UN SOGNO

 

DOMENICO/ ROSA UN SOGNO?

 

MARIA/ SI , MI HA DETTO CHE LUI HA PREGATO TUTTI I GIORNI   PER PAPA’ E CHE DIO GLI HA MANDATO UN SEGNO , E GLI HA FATTO CAPIRE CHE TEMPO UN PAIO DI GIORNI  NON CI SARA’ PIU’ TRACCIA DI QUESTO ICTUS, CHE FA GUARIRE PURE PAPA’

DOMENICO/ROSA  UH CHE COMBINAZIONE...

MARIA/  PERO’  DIO IN CAMBIO DI QUESTA GUARIGIONE GLI HA CHIESTO UNA PENITENZA PER VOI

DOMENICO//( con la bocca storta)    E  Ti PAREVA, MAI  UNA COSA GRATIS..  

MARIA/ PAPA’ FORSE VUOLE CHE ANDATE A LOURDES O DA FATIMA , NON LO SO DI PRECISO , MA  CREDO CHE SIA UNA COSA DEL GENERE

ROSA/ E’ SE E’ COME DICI, A FATIMA  CI ANDIAMO DI CORSA  

DOMENICO/( con la bocca storta)   SIENTE SE PROPRIO DOBBIAMO ANDARE DA UNA MADONNA A RINGRAZIARE ANDIAMO ALLA MADONNA  DI  POMPEI ,  

ROSA/  MIMI’  A POMPEI CI SIAMO ANDATI UN SACCO DI VOLTE , VEDIAMO UN ALTRA  MADONNA

DOMENICO/ /( con la bocca storta)    ROSE’ O’ ANDIAMO A POMPEI O NON VADO DA NESSUNA PARTE E’ CHIARO? LO SAI CHE CI SONO DEVOTO

 

MARIA/ E PER FAVORE   MO’ VI BISTICCIATE PURE  PER  DECIDERE DOVE ANDARE A PREGARE? MAMMA’  LA COSA IMPORTANTE E’ CHE SE PAPA’ GUARISCE COMPLETAMENTE,  IO MI POSSO FINALMENTE SPOSARE TE L’AVEVO DETTO, BISOGNA AVERE FEDE , VADO A DARE LA BELLA NOTIZIA AD  ANTONIO     ( esce 1 porta di corsa)

ROSA/  E VAI, VAI,  ( a mimmo) MA CHE HAI COMBINATO?

DOMENICO/  ROSE’ MI E’ SCAPPATO , MA COMUNQUE SE IL PARROCO HA DECISO CHE DEVO GUARIRE,  VUOL DIRE CHE CI SONO NOVITA’

ROSA/ HAI RAGIONE, SAI CHE FACCIO? MO’ VADO IN CHIESA E GLI PARLO

DOMENICO/ ( vede il prete entrare) NON CE N'E' BISOGNO, PADRE EUGENIO GIA' STA QUA

 

PARROCO/ BUONGIORNO

DOMENICO/ROSA  BUONGIORNO

PARROCO/ DON DOMENICO , DONNA ROSA, GRANDI NOTIZIE, GRANDI NOTIZIE

E’SUCCESSA UNA COSA BELLISSIMA…DA NON CREDERCI

ROSA/ E SE CE LA DITE PURE A NOI STA COSA ,  SECONDO ME E’ MEGLIO

PARROCO/ MA CERTAMENTE CHE VE LA DICO, MA PRIMA…..( col dito profetico)

DOMENICO/ L’ORZATA

PARROCO/ SE C’E LA MENTA E’ MEGLIO….

ROSA/ SUBITO ( uscita veloce cucina)

PARROCO/ MA COSA PIU'’ IMPORTANTE  ( indicando)

DOMENICO/ (va a chiudere)  LA PORTA

PARROCO/  ESATTO…..MAMMA MIA STO TUTTO SUDATO,   DON MIMI’  NON POTETE IMMAGINARE CON QUESTO ABITO ADDOSSO,  CHE CALORE CHE FA, 

DOMENICO/ E ME L’IMMAGINO INVECE...

PARROCO/ LA COLPA E’ DI    QUESTO TEMPO CHE ORMAI NON SI CAPISCE PIU', ….HO SBAGLIATO DIVISA

DOMENICO/ QUESTO SICURAMENTE

PARROCO/ INVECE DI QUELLA ESTIVA , MI SONO MESSA QUELLA DI MEZZO TEMPO ( primaverile)  STO  TUTTO SUDATO

DOMENICO/ VI VOLETE FARE UNA DOCCIA?

ROSA/  PADRE ECCOVI LA MENTA

PARROCO/ GRAZIE,  ( beve) AH ...CHE SOLLIEVO, DUNQUE ASCOLTATEMI BENE,  IERI SERA SONO ANDATO DA CICCILLO, VOLEVO VEDERE SE RIUSCIVO A CONVINCERLO A TROVARE UN’ALTRA SOLUZIONE PER IL MATRIMONIO,  VOI NON CI CREDERETE , MA SI E’ VOLUTO CONFESSARE

DOMENICO/  PERCHE VUOLE ANDARE IN PARADISO ?

PARROCO/ BRAVO , ADESSO AVETE DETTO LA PAROLA GIUSTA …IL  PARADISO, C’E UNA GUERRA DI CAMORRA IN GIRO, E LUI HA PAURA DI MORIRE ,  INSOMMA  IL BOSS  SI VUOLE PENTIRE,  COSI’  GLI HO DETTO CHE DIO NON  AVREBBE MAI PERMESSO CHE UN UOMO CON I SUOI PECCATI  ENTRASSE IN PARADISO… SE  CHIARAMENTE PRIMA NON PAGAVA …    

DOMENICO/ ROSA IL  BIGLIETTO

PARROCO/  MA QUALE BIGLIETTO?  …SE PRIMA NON PAGAVA IL  SUO  CONTO CON  LA GIUSTIZIA

DOMENICO/ MI STATE DICENDO CHE SI FA ARRESTARE?

PARROCO/ MA NO,  DON MIMI’LA GIUSTIZIA DIVINA ,COSI’  GLI HO DETTO CHE SE SI RISOLVEVA  LA  QUESTIONE DEL MATRIMONIO  ,  DIO NE AVREBBE SICURAMENTE TENUTO CONTO E A QUEL PUNTO GLI HO FATTO UNA BELLA PROPOSTA

DOMENICO/ROSA E SAREBBE?

PARROCO/ GLI HO DETTO CHE ANZICHE’ SPARARCI, ERA MEGLIO SE MANDAVA SUO FIGLIO E LA FIDANZATA A FARSI UN BEL VIAGGIO DI PIACERE,  CHE SO’…UN MESE IN BRASILE ,  COSI’ PUO’ DARSI CHE AL RAGAZZO GLI PASSA LA COTTA, EH CHE DITE? HO FATTO BENE?  

DOMENICO/  BENISSIMO, E  CICCILLO CHE HA RISPOSTO?

PADRE/ CICCILLO HA RISPOSTO… ( gridato con voce da boss) NO, … O’ BRASILE NUN ME PIACE …E ALLORA INVECE DEL BRASILE GLI HO PROPOSTO  LA CALIFORNIA ,  …UN MESE A MIAMI SULLA SPIAGGIA  A PRENDERE IL SOLE

ROSA/SALVATORE E CHE HA DETTO CHE HA DETTO ( veloce)

PARROCO/ LUI CI HA PENSATO E HA DETTO ( gridato)  ….NO ,E MERICANI E TENGHE NCOPPO O STOMMECHE ( no, gli americani mi stanno sullo stomaco)

DOMENICO/ CHISTE SARA’ PURE NU BOSS , MA E’ TUTTO SCEMO,   DICE SEMPE CA NO  ( questo, sarà anche un boss, ma é tutto scemo, dice sempre di no)

PARROCO/ MA  ALLA FINE HO CAPITO IL PERCHE’, ALFREDO HA PAURA DI PRENDERE  L’AREO,  COSI CI SIAMO MESSI D’ACCORDO  PER UNA CROCIERA DI 20 GIORNI AI CARAIBI , COSTO TOTALE  20.000 EURO , CHE CHIARAMENTE… DOVETE PAGARE VOI 

ROSA/ O POZZENE ACCIDERE ( lo possano ammazzare) 20 .000 EURO?  

PARROCO/ MA CERTO , MA SOLO PERCHE’ HA SCELTO LA SUITE PRESIDENZIALE CON VISTA MARE, ARIA CONDIZIONATA E CHAMPAGNE  IN CAMERA

ROSA/ E O' NIRO C’O’ SCIOSCIA S’ASCURDATE? ( e il nero che lo soffia col ventagio se l'é scordato?)

DOMENICO/ ROSA NON TE LA PRENDERE, D’ALTRONDE  MI PARE GIUSTO,

ROSA/ O FIGLIO D’O BOSS.... 

DOMENICO/ CHE VA IN TERZA CLASSE?

ROSA/ O' POZZENE ACCIDERE A ISSE ( a lui) E PURE LA FIDANZATA

DOMENICO/ MA  CHE C’ENTRA LA FIDANZATA?

ROSA/ PERCHE’ TI DISPIACE?

DOMENICO/  MA QUELLA NON TIENE COLPE E’ SOLO UNA DONNA INNAMORATA

ROSA/  PADRE COMUNQUE STA CROCIERA COSTA ASSAI

PARROCO/  ( mostra il depliant)  LO, SO,  QUELLA E’ UNA CROCIERA COSTA, E’ NORMALE CHE COSTA, PERO’ C’E ANCHE UN ALTRO MOTIVO… SIGNORA ROSA MA GUARDATE COMME E’ BELLA QUESTA NAVE,  ( mostra un dépliant)

ROSA/  PADRE MA CHE DEVO GUARDARE?   QUESTA NAVE DEVE FARE LA FINE DEL TITANIC , S’ADDA AFUNNA’ ( si deve affondare)

PARROCO/  MI DISPIACE MA QUESTO E’ L’UNICO MODO PER FARE IL MATRIMONIO SENZA CADAVERI, ALLORA   CHE  CI DICIAMO A CICCILLO, PAGATE?

ROSA/ PAGHIAMO? ( a Domenico)

DOMENICO/ E SE  NON CI SONO ALTRE SOLUZIONE…

PARROCO/  ( veloce e categorico) NON CE NE SONO

ROSA/DOMENICO E ALLORA PAGHIAMO

PARROCO/ BENISSIMO , ALLORA DON MIMI’  FACCIAMO COSI’, VOI DA DOMANI POTETE  GIA SENTIRVI MEGLIO 

DOMENICO/ GRAZIE

PARROCO/ A VOSTRA FIGLIA GIA’ GLIEL’HO DETTO …

ROSA/ LO SAPPIAMO, AVETE PREGATO TUTTI I GIORNI  ED E’ SUCCESSO IL MIRACOLO , IAMME ANNANZE     ( andiamo avanti)

PARROCO/ GIUSTO, ADESSO,  IO VADO A DIRE A CICCILLO CHE AVETE ACCETTATO , VOI PREPARATE I SOLDI , METTETELI IN UNA BUSTA  , FACCIO TUTTO IO NON VI PREOCCUPATE , DOPO VENGO MI PRENDO I SOLDI E DATO CHE MI TROVO ,  MI FACCIO ANCHE....

DOMENICO/ ROSA NA PIZZA?

PARROCO/ SI , UNA BELLA 4 STAGIONI … MA  MI RACCOMANDO

DOMENICO/ROSA SENZA COZZE

PARROCO/ BRAVI

ROSA/SALVATORE SOLO VONGOLE

PARROCO/ MA MI STATE SFOTTENDO?( prendendo in giro?)

DOMENICO/ ROSA  PER CARITA’

PARROCO/  A PIU’ TARDI ( esce) 

DOMENICO/ROSA ARRIVEDERCI

DOMENICO/ ROSA , SECONDO ME ABBIAMO FATTO BENE

ROSA/ NON LO SO, A ME STU FATTE DA CROCIERA  MI HA FATTO VENI’ O DOLURO E STOMMACO ( a me questa storia della crociera mi ha fatto venire il dolore di stomaco)

DOMENICO/  E SARA’ IL MAL DI MARE ,  A TE IL MARE NUN T’E' MAI PIACIUTO, SENTI MA  CHE DICI,   CE LO DICIAMO A MARIA?

 

ROSA/  SIENTE MO’  PREPARIAMOI SOLDI,  LEVAMMECE A STU CICCILLO  A NANZE, ( risolviamo questo problema con ciccillo) PER MARIA POI DECIDIAMO , IO MI VADO A PRENDERE UN PO' DI  BICARBONATO  ( esce porta2)

DOMENICO/ NON TI PREOCCUPARE VAI,  VAI,….  CHE QUA FACCIO TUTTO IO , TANTO ORMAI   STO BUONO, SONO UN MIRACOLATO , STO IN FORMA ( imita gesti da culturista) IN FORMISSIMA… GUARDATE QUA....

CATERINA/  SCUSI , E’ APERTO?

DOMENICO/  CHI E’? ( girandosi) APERTO?  MA CERTAMENTE, PREGO, ACCOMODATEVI  , VENGO SUBITO  ( Esce cucina)

( due clienti donne, madre e figlia,( oppure padre e figlia)

APOLLONIA/ MAMMA’ MA TU VERAMENTI PENSI DI TROVARE  IL MIO SPOSO IN QUESTA CITTA’ ,

CATERINA/  APOLLONIA, NON ME LO SONO MICA SOGNATO DI VENIRE QUA, SONO  LE ULTIME NOTIZIE CHE CI HA DATO IL DETECTIVE, CHE HO PAGATO  A CARO PREZZO,  CHE CI HANNO PORTATO IN QUESTA CITTA’

APOLLONIA/ MAMMA'’  SE GUGLIELMO E’ SCAPPATO E’ PERCHE NON MI VUOLE SPOSARE  PIU’, E’ INUTILE CHE LO CERCHIAMO ( piange)

CATERINA/  APOLLONIA ADESSO  STAI ZITTA E NON DIRE SEMPRE LE STESSE COSE , CI POSSONO ESSERE UN SACCO DI MOTIVI PERCHE’ SE N’E’ ANDATO,  ORA NON PIANGERE E RICOMPONITI CHE STA ARRIVANDO  IL CAMERIERE 

DOMENICO/ ( con grembiule da cameriere)  BUONGIORNO,  SONO TUTTO VOSTRO  DITEMI PURE , CHE VI POSSO PORTARE?

CATERINA/ /   DUNQUE, A ME MI PORTATE UNA BELLA CAPRICCIOSA

APOLLONIA/  A ME UN MATRIMONIO  CON   LE NOZZE (piangendo con la testa sul tavolo)  AH…

CATERINA/ /  VUOLE UNA MARGHERITA CON LE COZZE

DOMENICO/  BENISSIMO, ALLORA UNA CAPRICCIOSA E UNA MARGHERITA CON LE COZZE ,  E DA BERE ?

APOLLONIA/ CHAMPAGNE ( singhiozza)

DOMENICO/ SULLA PIZZA NON VE LO CONSIGLIO

CATERINA/  PORTATECI DELL’ACQUA MINERALE, GRAZIE

DOMENICO/  BENISSIMO VI  SERVO SUBITO …. ( alla cucina a voce alta) BERSAGLIE’ UNA CAPRICCIOSA E UNA MARGHERITA CON LE COZZE

ELENA/ ( entra  in modo furtivo con un foulard che raccoglie i capelli e occhiali scuri…poi chiama a bassa voce ; DOMENICO non la vede sta scrivendo)  DOMENICO, DOMENICO

DOMENICO/  ( al pizzaiolo, DOMENICO è di spalle sta scrivendo) E MI RACCOMANDO UNA COSA VELOCE

ELENA/ DOMENICO, DOMENICO ( lo tocca) 

DOMENICO/ MA CHI E’ ?

ELENA/ DOMENICO SONO IO  ELENA

DOMENICO/ MADONNA E POMPEI, SIGNORA ELENA MA VOI COSI’ MI FATE SPAVENTARE

ELENA/ SCUSATEMI , MA LO SAPETE PERCHE’ MI COMPORTO COSI’.... SONO VENUTA PER SAPERE SE CI SONO DELLE NOVITA’, CON ALFREDO NON POSSO PARLARE E ALLORA….

DOMENICO/ SIGNORI’   SENTITE A ME , SECONDO ME A QUESTO  ALFREDO  E’ MEGLIO SE LO LASCIATE

ELENA/ MA CHE DITE ? LUI NON E’ COME IL PADRE ,

DOMENICO/ AH NO ?

ELENA/ MA CERTO ,  LE PERSONE PRIMA DI SPARARLE, LUI LE AVVISA, VI E' ARRIVATO QUALCHE AVVISO?

DOMENICO/ NO, NON MI E' ARRIVATO NESSUN TELEGRAMMA, SIGNORI  ASCOLTATEMI , UNA PERSONA COME QUELLA , VOI NON VE LA MERITATE …LASCIATELO PERDERE  SENTITE A ME,  CON QUESTA GENTE  SONO SOLO GUAI

ELENA/  MA  IO L’AMO 

DOMENICO/ E HO CAPITO,, MA POI L’AMORE SE NE VA E RIMANGONO SOLO GUAI ….IL MIO E’ SOLO UN CONSIGLIO,   COMUNQUE VI DO’ UNA BELLA NOTIZIA,  LA SITUAZIONE SI E’ RISOLTA

ELENA/ IN CHE SENSO?

DOMENICO/  ALFREDO SI E’ CONVINTO,  NON SPOSERA’ MIA FIGLIA ,  E VOI,     , VI FARETE UNA BELLA CROCIERA AI CARAIBI INSIEME AL VOSTRO AMORE  ,  NON VI POSSO SPIEGARE IL MOTIVO, MA FIDATEVI DI ME,  ANDRA’ PROPRIO COSI’

ELENA/ ( lo abbraccia  e lo bacia  )  DON MIMI’ MA VOI  SIETE UN ANGELO

DOMENICO/ E INFATTI MAMMA’ MI  VOLEVA CHIAMARE GABRIELE  , MA GIUSTO PER CORRETTEZZA VI DEVO DIRE CHE   IL MERITO E’  ANCHE DI PADRE EUGENIO 

ELENA/    AH SI, E ALLORA COME  LO VEDO ABBRACCIO E BACIO ANCHE LUI, GRAZIE, GRAZIE ( lo abbraccia)

 

( dalla porta principale Vincenzo e Manuela con l’albero di Natale )

MANUELA/ MA CHE SCHIFEZZA, QUESTA BIONDA ABBONDANTE  STA SEMPE NFUCATE , ( eccitata)  MA CHE MODI SONO QUESTI...

VINCENZO/ PERCHE’  STA NATAVOTE ( di nuovo) QUA?

MANUELA/ SI,  E SEMBRA UN  MUCCA IN CALORE

VINCENZO/ E O’ TORO CHI E’?

MANUELA/ SEMPE O STESSO ( sempre lo stesso)

VINCENZO/ DOMENICO…MUUUUU

MANUELA/ ( autoritaria) UE’ SPORCACCIONI ,  MA ALLORA LO FATE  DI PROPOSITO?

DOMENICO/ELENA ( salto di paura) MADONNA CHI E’

MANUELA/VINCENZO SIAMO NOI

DOMENICO/  E TE PAREVA …..MAMMA’  CHE C’E ?

VINCENZO/ ( veloce)  CHE C’E, CHE C’E , CHE C’E …. MUUUUUU

ELENA/  SIGNORA  VI GARANTISCO CHE NON E’ COME IMMAGINATE

MANUELA/ E CHE CI STA DA IMMAGINARE, IO DICO QUELLO CHE VEDO

ELENA/ E CHE AVETE VISTO?

VINCENZO/ A MUCCA CU TORO …MUUUU ( la mucca col toro)

ELENA/ MA COME SI PERMETTE….

DOMENICO/    SIGNORI’  NON CI FATE CASO…..MIO SUOCERO NON STA BENE  CON LA TESTA

ROSA/  E SUA SUOCERA?

DOMENICO/ UN POCO MEGLIO…. ADESSO ACCOMODATEVI CHE PER SCUSARMI  VI  FACCIO FARE UNA BELLA  PIZZA, GRADITE?

ELENA/  DON MIMI’ POSSO MAI DIRVI DI NO?  ( va a  sedersi)

VINCENZO/ HA DITTE CA SI? ( ha detto di si?)

MANUELA/ MIMI’ MA SEI GUARITO? 

DOMENICO/  SI  MAMMA’ SONO GUARITO

MANUELA/ E COME E’ SUCCESSO?

DOMENICO/  COME E' SUCCESSO? TUTTO MERITO DI  UNA TERAPIA GIAPPONESE,   YA OH …TA OH ( parole giapponesi accompagnate da gesti di karate )  MAMMA’ UNA SPECIE DI MIRACOLO…PERO’ ADESSO PORTA  PAPA’ DI SOPRA LUI E L’ALBERO , L'AVETE TROVATO FINALMENTE....

VINCENZO/ SI, QUESTO E' QUELLO GIUSTO

DOMENICO/ ADESSO PERO' ANDATE DI SOPRA CHE TENGO CLIENTI DA SERVIRE

VINCENZO/ NO, NO IO DEVO RIMANERE  QUA,  OGGI E’ MARTEDI  MI DEVO FARE LA PIZZA  ( si avvia per sedersi)

MANUELA/ E QUELLO E’ PRECISO , SARA’ PURE NZALLANUTO MA CERTE COSE NUN S’E’ SCORDE….( sarà pure rincoglionito; ma certe cose non se le scorda) ( lo raggiunge)

 (Al tavolo a a sinistra del pubblico si siedono  Vincenzo e Manuela  - tavolo a  destra del pubblico Caterina e Apollonia, quasi al centro ma piu’ indietro rispetto agli altri due, un altro tavolo con Elena)

VOCE FUORI SCENA/ CAPRICCIOSA E MARGHERITA CON LE COZZE , COTTE E IN PARTENZA

DOMENICO/ VENGO SUBITO, E VA BENE DAMMI QUEST'ALBERO ( esce cucina  con l’albero)

VINCENZO/ MANUE’ LA BIONDA ABBONDANTE  SE N’E’ ANDATA?

MANUELA/ NO, STA ANCORA QUA ,  MA A TE  CHE TE NE  MPORTA?

VINCENZO/ AH MA ALLORA NON L’HAI CAPITO QUELLI SONO AMANTI ,  SECONDO TE  QUESTO  YA OH  TA OH  CHE VUOLE DIRE?

MANUELA/ HAI RAGIONE ,  VEDIAMO LA BIONDA CHE FA

VICENZO/ E MO CHE STA FACENNE? ( adesso che sta facendo?)

MANUELA/ NIENTE STA ASSETTATE, ( niente sta seduta)

DOMENICO/ ( con le pizze da Apollonia) ECCOVI LE PIZZE

APOLLONIA/  GRAZIE / ( piange)

DOMENICO/ HO DETTO  QUALCOSA CHE NON VA? 

CATERINA/ / NO, NO NON E' COLPA VOSTRA,  MIA FIGLIA STA PIANGENDO DA QUANDO SIAMO PARTITI MA NIENTE DI PARTICOLARE,   E’ SUCCESSO CHE A SEGUITO DI UNA MALATTIA NON PARLAVA PIU’, PERO’ ADESSO CHE  E’ GUARITA, OGNI VOLTA CHE SENTE  LA SUA VOCE  E’ TALMENTE CONTENTA CHE GLI VIENE DA PIANGERE, IL CHIRURGO HA DETTO CHE E’ NORMALE

APOLLONIA/ SI, SI  NON CI POSSO FARE NIENTE ,  QUANDO CI PENSO MI VIENE DA PIANGERE

DOMENICO/ E VOI NON CI PENSATE

APOLLONIA/ MA IO ME LO VEDO SEMPRE DAVANTI AGLI OCCHI

DOMENICO/ A CHI?  IL CHIRURGO?

APOLLONIA/ MA QUALE CHIRURGO A GUGLIELMO ( piange),

CATERINA/  IL PRIMARIO , UN CARO AMICO NOSTRO

DOMENICO/  CAPISCO, MA DA DOVE VENITE?  PERCHE’ NON SIETE DEL POSTO GIUSTO?

CATERINA/ SIAMO APPENA ARRIVATI  DA AZZAGO ,   UN PICCOLO PAESE IN PROVINCIA DI  VERONA , LO CONOSCETE?

DOMENICO/ NO NON LO CONOSCO

APOLLONIA/ MA COME ?, ( con enfasi)  IL  BALCONE DELLA VALPANTENA?

DOMENICO/   NON VI OFFENDETE , MA  IO CONOSCO  A’ FENESTELLA E MARECHIARO, MA DI BALCONI  NEMMENO UNO, ….BUON APPETTITO ( va da elena)

CATERINA/   ( la madre) APOLLONIA LA DEVI SMETTERE HAI CAPITO,

APOLLONIA/ PAPA’’, IO NON CE LA FACCIO, NON CE LA FACCIO, NON RIESCO A TRATTENERMI, OGNI VOLTA CHE CI PENSO MI VIENE DA PIANGERE

CATERINA/  E TI DEVI SFORZARE, TU STAI PIANGENDO DA QUANDO SIAMO PARTITI,  MI SEMBRI LA MADONNA  ADDOLORATA  

DOMENICO/ SIGNORINA ELENA ALLORA CHE  VI PORTO?

ELENA/ ( sensuale) QUELLO CHE VUOLE  LEI , ORMAI DI VOI MI FIDO CIECAMENTE

DOMENICO/ E ALLORA UNA QUATTRO STAGIONE,  E’ LA NOSTRA SPECIALITA’ 

ELENA/ GRAZIE

DOMENICO/ BERSAGLIE’ UNA 4 STAGIONI  ( sensuale)  BEAUTIFUL ( esce in cucina)

 

VICENZO/   ( misteriosi a bassa voce) MANUE’   A BIONDA ADDO’ STA?

MANUELA/ VICIE’ STA SEDUTA AL TAVOLO

VINCENZO/ E CHE STA FACENDO?

 MANUELA/ SE STA METTENE O RUSSETTO ( si sta mettendo il rossetto)

VINCENZO/   E DOMENICO DOVE STA?

MANUELA/  DOMENICO? ( DOMENICO esce dalla cucina)  DOMENICO CI STA PORTANDO LE PIZZE

DOMENICO/ ECCO LE PIZZE,  MANGIATE E FATE PRESTO  CHE MI SERVE IL TAVOLO ( esce in cucina)

APOLLONIA/ MAMMA'’,  MA SE PURE GUGLIELMO STA QUA, DOVE LO TROVIAMO? QUESTO E’ UN PAESE GRANDE

CATERINA/  STAI TRANQUILLA , LO TROVIAMO , LO TROVIAMO,  TU DEVI AVERE  SOLO PAZIENZA,  ( chiamando) CAMERIERE

APOLLONIA/ PAZIENZA,  IO SONO’ INCINTA, PIU’ TEMPO PASSA E PIU’ LA PANCIA CRESCE

CATERINA/  UFFA E DICIAMO SEMPRE LA STESSA COSA, TI HO DETTO CHE A QUEL MISERABILE  LO TROVIAMO,  PERO’ SE TU,  TENEVI LA PORTA  CHIUSA A CHIAVE ,  TUTTO QUESTO NON SAREBBE SUCCESSO,  ( chiama) CAMERIERE

VINCENZO/ CAMERIERE

APOLLONIA/ MA NOI CI DOVEVAMO SPOSARE, DICEVA CHE MI VOLEVA BENE,

CATERINA/  E INVECE HAI VISTO CHE E’ SUCCESSO?  QUELLO HA FATTO I CAVOLI SUOI E SE N’E SCAPPATO, DEGLI UOMINI NON BISOGNA MAI FIDARSI,  PERCHE' LE PIU’ BON TEN LE CORN, ( il migliore è un fetentone)….CAMERIERE  

VINCENZO/ CAMERIERE

DOMENICO/  ECCOMI , ECCOMI ( da Apollonia) PREGO DITEMI

CARMELO/ CI PORTIUNA COCA COLA, PER FAVORE

DOMENICO/ SUBITO

VOCE FUORI SCENA/ QUATTRO STAGIONI  COTTA E IN PARTENZA

DOMENICO/ ARRIVO

VINCENZO/ ( lo chiama nel mentre va in cucina)  CAMERIERE,

DOMENICO/ ( gridato) UN  MOMENTO

MANUELA/  ( misteriosa) VICIE’ , VICIE’ A BIONDA S’E’ SUSETE ( enzo la bionda si è alzata)

VINCENZO/ OVERO E ADDO VA’( davvero e dove va?)

MANUELA/ SECONDO ME, VA IN CUCINA DA DOMENICO

VINCENZO/ A FARE CHE?

MANUELA/ A FARE  L’ELENA DI TROIA  …(gridato) UILLOCO ( ECCO, ECCO)   ( elena inizia ad andare verso la cucina poi  prende la direzione del bagno)

VINCENZO/ MADONNA CHE E’ STATO?

MANUELA/ STA ANDANDO

VINCENZO/ STA IENNE DA DOMENICO  IN CUCINA? ( da domenico in cucina?)

MANUELA/  ( delusa) NO  VICIE' STA IENNE  DINTO O’ CESSO ( no, sta andando nel bagno)   ( Elena va in bagno)

DOMENICO/ ( porta la pizza ad elena e poi la coca)  ECCOVI LA COCA , ALLORA COME VA?  TUTTO BENE?

CATERINA/  BENISSIMO, QUESTE PIZZE SONO UNO SPETTACOLO

DOMENICO/  GRAZIE …VOLETE CHE VI PORTO QUALCHE ALTRA COSA?

APOLLONIA/ SI LA TORTA NUZIALE ( e piange)

VINCENZO/ CAMERIERE

DOMENICO/ LA TORTA NON C’E, MA CI SAREBBE …

VINCENZO/  ( gridato) CAMERIERE, CAMERIERE

DOMENICO/ SCUSATEMI…. PAPA’ MA CHE ALLUCCA  A FA  ( ma che gridi a fare?)

MANUELA/ CE L’AGGIO DITTO PURE IO  ( gliel'ho detto pure io )

DOMENICO/ CI SONO I CLIENTI  NON L’HAI VISTI?

VINCENZO/ NO, PENSAVO CHE STEVE SULA A BIONDA DINTO O’ CESSO   ( che stava solo la bionda dentro al cesso)

DOMENICO/  CHE C’E’ CHE VUOI ?

VINCENZO/   MO' ME SO’ SCURDATE..  MIMI’ PASSE CHIU’ TARDE ( ora me la sono scordata; passa più tardi)

DOMENICO/  ( arrabbiato) MO’ CHE PASSE NATAVOTO  ( quando ritorno) IO QUESTO TAVOLO LO VOGLIO VEDERE VUOTO E’ CHIARO?  ( ritorna da Apollonia – RIENTRA ELENA)

DOMENICO/  LA TORTA  NON LA TENIAMO, PERO’ CI SAREBBE UN TIRAMISU’ FATTO DA MIA MOGLIE , VI GARANTISCO,  BUONISSIMO

CATERINA/   NIENTE PIU’ GRAZIE,    MI SCUSI SE GLIELO CHIEDO , SA’ DELLE VOLTE NON SI PUO’ MAI SAPERE,  LEI CONOSCE  UN CERTO GUGLIELMO ASTI?

DOMENICO/  GUGLIELMO ASTI?, NO MAI SENTITO NOMINARE

APOLLONIA/ HAI VISTO? TE L'HO DETTO ,  E’ COME CERCARE UN AGO NEL PAGLIAIO

CATERINA/  MA NON E’’ VERO NOI LO SAPPIAMO CHE STA IN QUESTO PAESE , ASPETTATE ABBIAMO UNA FOTO , DELLE VOLTE CHISSA’ MAGARI E’ VENUTO A FARSI UNA PIZZA PROPRIO DA VOI,  ECCO QUA  GUARDATE  QUESTO E’ GUGLIELMO

DOMENICO/  ( mentre guarda la foto) NO, MA CHE DITE?

APOLLONIA/ COME NO, E’ GUGLIELMO IL MIO FIDANZATO

DOMENICO/ MA QUALE GUGLIELMO, QUESTO E’ PADRE EUGENIO …IL NUOVO PARROCO

APOLLONIA/ MAMMA' ’ SI E’ FATTO PRETE ...( piange)

CATERINA/  MA CHE PRETE….SARA’ SICURAMENTE UN NUOVO TRAVESTIMENTO 

DOMENICO/ COME SAREBBE UN TRAVESTIMENTO?

CATERINA/  QUELLO CHE HO DETTO,  QUEST’UOMO E’ UN TRUFFATORE, AL PAESE NOSTRO DICEVA DI ESSERE UN  VETERINAIO ,

APOLLONIA/ E A POMPEI UN AVVOCATO

DOMENICO/ UN MOMENTO…FORSE TIENE UN FRATELLO GEMELLO CHE FA’ IL VETERINAIO?

CATERINA/  E UN ALTRO CHE FA L’AVVOCATO A POMPEI,  TRE GEMELLI MI SEMBRANO UN PO’ TROPPI VI PARE?

DOMENICO/ EFFETTIVAMENTE….

CATERINA/  LO STIAMO CERCANDO DA SEI MESI, QUEST’UOMO  HA SEDOTTO MIA FIGLIA L’HA MESSA INCINTA E POI L’ABBANDONATA  ,

DOMENICO/ HAI CAPITO A STU FIGLIO E NDROCCHIA ( a questo figlio di buona donna...)

CATERINA/  SENTITE  DOVE LO POSSIAMO TROVARE A QUESTO NUOVO PARROCO… DICIAMO?

DOMENICO/ E QUELLO DEVE VENIRE QUA ,

CATERINA / BENISSIMO , E ALLORA  LO ASPETTIAMO … …

DOMENICO/ LA FOTO LA POSSO TENERE ?

APOLLONIA/  MA CERTO….A CASA TENGO IL POSTER

DOMENICO/  ( mentre guarda la foto) AVVOCATO, VETERINAIO INCREDIBILE … PERO’ QUESTO E' PROPRIO LUI

(arrivano Maria e Antonio alla sue spalle)

MARIA/ ANTONIO PAPA’

DOMENICO/  MADONNA CHI E’  ( nasconde la foto)

ANTONIO/ DON MIMI’ SIAMO NOI,  STATE CALMO

DOMENICO/ NO E’ CHE STAVO DISTRATTO

MARIA/ HAI VISTO TE L’AVEVO DETTO CHE STAVA MEGLIO

ANTONIO/ PAPA’ NON CI POSSO CREDERE

DOMENICO/ A CHI LO DICI...

MARIA/ AVEVA RAGIONE IL PARROCO

DOMENICO/ CHILLU SCURNACHIATE ( quel disgraziato)

ANTONIO/ PADRE EUGENIO?

DOMENICO/ NO, L’AVVOCATO E POMPEI, PER  UNA CAUSA SI PRENDE UN SACCO DI SOLDI...

ROSA/ MIMI’ IO HO PREPARATO TUTTO (  in scena dalla porta 2 con la busta con i soldi)

ANTONIO/ MAMMA’ BUONGIORNO

ROSA/ BUONGIORNO, BUONGIORNO

ANTONIO/ MAMMA’  VISTO CA PAPA’ SI E’ RIPRESO, DOBBIAMO SOLO DECIDERE IL GIORNO DELLE NOZZE

ROSA/ E’ NATURALE,  MO VIENE IL PRETE GLI DIAMO LA BUSTA E… ( fa vedere)

MARIA/ QUALE BUSTA?

ROSA/ MARIA.... UN REGALO AL PRETE GLIELO DOBBIAMO FARE, NO?

MARIA/ MA CERTO, DOPO TUTTO QUELLO CHE HA FATTO PER NOI , SE LO MERITA

DOMENICO/( minaccioso)  E COME NO, SE LO MERITA PROPRIO UN BEL REGALO, MO’ CHE VIENE…GLIELO VOGLIO PROPRIO DARE....

ANTONIO/ PERCHE’ DEVE VENIRE QUA?

ROSA/ SI, SI TENIAMO APPUNTAMENTO

MARIA/ BENISSIMO COSI' DECIDIAMO PURE IL GIORNO DEL  MATRIMONIO,

DOMENICO/( a maria e antonio)  SENTITE MENTRE ASPETTIAMO IL PRETE FACCIAMO COSI', SEDETEVI, CHE VI FACCIO FARE UNA PIZZA

ANTONIO/ MA SI, MARI’ MANGIAAMOCE UNA BELLA PIZZA 

MARIA/  ANTO’ COME SONO CONTENTA,  FINALMENTE CI SPOSIAMO  (  mentre vanno a sedersi)

DOMENICO/ ROSA, STAMMIA ASENTIRE,  E’ SUCCIESO UN GUAIO

ROSA/  ANCORA? MIMI’ IO NUN CE LA FACCIO PIU'

DOMENICO/ GUARDA  QUA, ( le mostra la foto) SECONDO TE QUESTO CHI E’?

ROSA/ QUESTO E’ PADRE EUGENIO IN BORGHESE

DOMENICO/  E IO LO SAPEVO….VIENI CON ME  ( vanno da Apollonia)

ROSA/  MIMI’ MA DOVE MI PORTI....

DOMENICO/ SIGNORI’ SCUSATE , POTETE DIRE  A MIA MOGLIE CORTESAMENTE   QUEST’UOMO CHI E’?

APOLLONIA/  VE L’HO DETTO E’ IL MIO FIDANZATO

ROSA/ COME SAREBBE?

DOMENICO/  SIGNORI E CHE LAVORO FA?

APOLLONIA/ AD AZZAGO  FACEVA IL VETERINAIO

CATERINA/    E A POMPEI  L’AVVOCATO

DOMENICO/ E DA NOI IL PRETE

APOLLONIA/ MA COMUNQUE SE ANCHE FOSSE UN PRETE, SI SPOGLIA E MI SPOSA PERCHE’ IL BAMBINO E’ SUO

ROSA/UH MA CHE DITE?,  PADRE EUGENIO VI HA MESSO INCINTA?

DOMENICO/ ROSA QUELLO E'  PADRE, MA NON E' UN PRETE ALLORA NON L’HAI CAPITO

ROSA/ MA SE NON E' UN PRETE CHE COS’E’?

CATERINA/ /DOMENICO/APOLLONIA UN TRUFFATORE

APOLLONIA/ MAMMA'’ IO NON MI SENTO BENE ,  DEVO ANDARE IN BAGNO

CATERINA/   SI, SUBITO, TI ACCOMPAGNO…SCUSATE…IL BAGNO….

DOMENICO/ROSA IN FONDO  (indica il  bagno Apollonia si appoggia a CATERINA)

ROSA/ MIMI’ MA CHE SIGNIFICA?

DOMENICO/  SIGNIFICA, CHE O’ SCURNACHIATE E’ NU MARIUOLO, ( il disgraziato è un ladro) SI FINGE PRETE, AVVOCATO VETERINAIO,  PER ESTORCERE DENARO, SI PRENDE I  SOLDI E POI SPARISCE

ROSA/  O’ POZZENE ACCIDERE, MA GUARDATE NU POCO CHILLE CHE E’ STATE CAPACE E S’INVENTA’ ,  ( lo possano ammazzare; guardate un po' cosa é stato capace di inventasi)

PARROCO/ ( entrando porta 1) PACE E BENE A TUTTI

ELENA/ ( si lancia su padre Eugenio lo abbraccia e lo bacia) PADRE EUGENIO, GRAZIE, GRAZIE PER QUELLO CHE AVETE FATTO

MANUELA/  VINCENZO  ELENA DI TROIA  SI STA BACIANDO IL PRETE

VINCENZO/ STA FEMMENA ( questa donna) E’  UN VULCANO IN EBOLLIZIONE

MARIA/ PADRE EUGENIO GRAZIE, GRAZIE, PER IL MIRACOLO DI PAPA’ (baci e abbracci anche da lei)

ANTONIO/  ( lo abbraccia anche lui) PADRE , GRAZIE ADESSO FINALMENTE CI POSSIAMO SPOSARE

PARROCO/ MA CERTAMENTE   DATEMI SOLO DUE MINUTI CHE PARLO  CON DON DOMENICO E DONNA ROSA  E DECIDIAMO LA DATA ….

ANTONIO/ MA E’ NATURALE, ANDATE PURE ( Maria e Antonio si risiedono)

PARROCO/ DONNA ROSA , IO SONO PRONTO, AVETE PREPARATO TUTTO

ROSA/ CERTAMENTE , ( fa vedere la busta)

ANTONIO/  ( prende la busta) PADRE QUA CI SONO TUTTI I SOLDI COME ABBIAMO CONCORDATO  … MA PRIMA…

ROSA / VI SPUTO NFACCIA  ( lo sputa poi si riprende la busta ) MA COSA PIU' IMPORTANTE

DOMENICO/  TE   FACCIO NU MAZZIATONE  CA TE MANNE O SPIDALE ( ti spacco la faccia  e ti mando all'ospedale)   ( lo aggredisce)  DELINQUENTE

PARROCO/ LASCIATEMI, LASCIATEMI, MA CHE FATE , AIUTO, AIUTO

MARIA/ PAPA’,   ANTO’ MA CHE STA SUCCEDENDO ( si alza )

ANTONIO/ FERMI TUTTI  ( con la pistola bene in vista , tutti si fermano)

APOLLONIA/ ( uscendo dal bagno, di corsa, lo abbraccia e lo bacia) GUGLIELMO, GULIELMO MIO , FINALMENTE TI HO TROVATO

PARROCO/ APOLLONIA…MA …  MA COSA CI FAI QUA?

APOLLONIA/ GUGLIEMO , SONO INCINTA

PARROCO/ AH DAVVERO ? AUGURI E FIGLI MASCHI 

APOLLONIA/ GUGLIELMO  IL FIGLIO E’ TUO( unica voce di clamore dei presenti..”oh “di sorpresa alto)

CATERINA/   SONO SEI MESI CHE TI CERCHIAMO, APPROFITTATORE DI DONNE TIMIDE E SOLE, 

DOMENICO/ ANTONIO,  ARRESTALO, QUEST’UOMO E’ UN FALSO PRETE ( unica voce di clamore dei presenti..oh di sorpresa basso)

ELENA/ UH MAMMA MIA, IO MI SONO PURE CONFESSATA...

ANTONIO/ SILENZIO, QUA  QUALCUNO CI DEVE DELLE SPIEGAZIONI  ( con la pistola dal parroco) O SBAGLIO?

ROSA/ PADRE EUGENIO MA COME AVETE FATTO?

PARROCO/ IO..IO.. HO SOLO  RUBATO LA LETTERA  DI TRASFERIMENTO DEL VERO PADRE EUGENIO, CHE POVERINO STA ANCORA ASPETTANDO, HO PRESO IL SUO POSTO, D’ALTRONDE IL PRETE GIA’ L’AVEVO FATTO IN UN ALTRO PICCOLO PAESE ED ERA ANDATO TUTTO BENE

DOMENICO / E QUI INVECE VI E’ ANDATA MALE, E LA STORIA DI CICCILLO ALLORA?

PARROCO/ MA SI CICCILLO E’ VERAMENTE UN BOSS... AVEVO SAPUTO  IN CONFESSIONE DA ELENA  , CHE IL FIGLIO L'AVEVA LASCIATA  PERCHE’ SI ERA PRESO UNA COTTA  PER VOSTRA FIGLIA E MI SONO INVENTATO LA STORIA , 

ROSA/ E VOI DOVEVATE FARE LO SCRITTORE, NO O’ MARIUOLO ( no, il ladro)

PARROCO/ PERO’  CREDETEMI, NON E’ COME PENSATE , AVEVO DECISO CHE QUESTO SAREBBE STATO IL MIO ULTIMO COLPO,  E SE TUTTO SAREBBE ANDATO BENE,    SAREI RITORNATO AD AZZANO DA APOLLONIA 

APOLLONIA/  GUGLIELMO MA ALLORA  MI VUOI BENE?

PARROCO/ MA CERTO CHE TI VOGLIO BENE,  E SE TU MI PERDONI , GIURO CHE  TI SPOSO

APOLLONIA/ MAMMA'’ HAI SENTITO, HA DETTO CHE MI SPOSA

CATERINA/  HAI VISTO CHE AVEVO RAGIONE?

MANUELA/ VICIE’ O PREVETE   NUN E’ PREVETE, NUN SI CHIAMMA EUGENIO MA GUGLIELMO,  , E MO’ SI  SPOSA  CA A CLIENTE  C’HA MISE INCINTE ( vincenzo il prete non é prete e non si chiama eugenio ma guglielmo; e ora si sposa con la cliente che ha messo incinta)

VINCENZO/  MANUE’ MA COME SE CHIAA QUESTO  FILM  ?

ANTONIO/ PADRE EUGENIO ADESSO SEGUITEMI, CHE VI PORTO AL COMMISSARIATO

APOLLONIA/ MAMMA' , MA COME ? ADESSO CHE LO ABBIAMO TROVATO LO FACCIAMO ARRESTARE?

ELENA/ E NON VI PREOCCUPATE,  AL MASSIMO SI FA’ DUE ANNI, E SE TIENE LA BUONA CONDOTTA, DOPO SEI MESI STA FUORI  

DOMENICO/ SIGNORI’ FIDATEVI, LA SIGNORINA ELENA  E’ UN’ ESPERTA IN QUESTE COSE

CATERINA/  UN MOMENTO ,  LUI IN CARCERE CI VA, PERO’ PRIMA SI  DEVE SPOSARE CON MIA FIGLIA ,   ( ad Antonio) VI PREGO FATEMI QUESTO FAVORE

ANTONIO/ E  VA BENE,  MA SOLO PERCHE’ MI DEVO SPOSARE ANCH’IO , E COMUNQUE  PER IL MOMENTO SI  SPOSA AL COMUNE

MARIA/ ANTO’ MA ADESSO  A NOI CHI CI SPOSA?

ROSA/ E NON TI PREOCCUPARE A MAMMA’’, CHE UN PRETE VERO LO TROVIAMO PE FARE QUESTO MATRIMONIO , IO E PAPA’ VI REGALIAMO   ANCHE IL VIAGGIO, UNA BELLA CROCIERA AI CARAIBI,  SUITE PRESIDENZIALE  VISTA MARE,  CON ARIA CONDIZIONATA E CHAMPAGNE

MARIA/  AH CHE BELLEZZA , GRAZIE MAMMA’  ( abbraccia la madre)

DOMENICO/ SIGNORINA ELENA,  ADESSO VI DOVETE SPOSARE SOLO VOI

E VI PROMETTO  CHE SE LO SPOSO  NON SARA’ ALFREDO, VI FACCIO DA TESTIMONE

ELENA/ DON MIMI’  AVEVATE RAGIONE,  DOPO QUELLO CHE E’ SUCCESSO MI SONO CONVINTA,   UNO COME ALFREDO E’ MEGLIO CHE RIMANE SCAPOLO

DOMENICO/ BRAVA , L’AVETE CAPITO FINALMENTE  ( dopo la battuta di DOMENICO tutti si bloccano come in una foto,  in un quadro plastico) ( Elena e Domenico , Antonio con la pistola con Caterina che  sorveglia padre Eugenio, Apollonia e il parroco abbracciati, Rosa con Maria)

MANUELA/  ( sono stati seduti tutto il tempo , ora si alzano) VICIE’ CHE DICE  CE NE VULESSEME RITIRA’, PARE CA O FILM E’ FERNUTO ( vincenzo che dici ci vogliamo ritirare? Sembra che il film è finito)

VINCENZO/ MA  SI MANUE’ TIENE RAGIONE, IAMMUNCEMME CA TENIMME A CHE FA’( si, si, hai ragione,  andiamo che teniamo da fare)

MANUELA/ VICIE E CHE TEMNIMME A FA? ( Vincenzo ma  che teniamo da fare?)

VINCENZO/  MA COMME TE SI SCURDATE?   AVIMME FA L’ALBERO E NATALE ( ma come te lo sei scordato? Dobbiamo fare l'albero di Natale)  

MANUELA/ VINCENZO  IO VOGLIO IL PRESEPE , ( mentre si avviano alla porta 2,  tra gli altri fermi)

VINCENZO/  SI, SI FACCIO  PURE O' PRESEPE NUN TE PREOCCUPA’  , MA MO’  IAMMUNCEMME, ( ma adesso andiamo)   ( si avviano  come due innamorati tra i presenti fermi come statue, mentre una voce radiofonica annuncia) 

RADIO/  ( nel mentre si chiude il sipario) CONTINUA LA GUERRA DI  CAMORRA A NAPOLI , OGGI IN UN CONFLITTO A FUOCO CON LA POLIZIA SONO STATI UCCISI  IL BOSS CATUORZO DETTO  CICCILLO E  SUO FIGLIO ALFREDO. PER VOLERE DELLA VEDOVA,  PER IL BOSS  E SUO FIGLIO , PER VOLERE DELLA VEDOVA,  VERRA’ CELEBRATO UN UNICO FUNERALE.

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno