Due tonache e un puparu

Stampa questo copione

IL ROSARIO DI ……

                                          DUE  TONACHE  E  UN  PUPARU

                                          Commedia scacciapensieri in due atti

                                                                  di

                                                     Antonio   Sapienza

Novembre 2007

Personaggi:

Zu Vitu Spiciali………………….puparu;

Peppino Mangiameli ……………suo aiutante;

Massaru Giesu…………………..mezzadro;

Nunzia…………………………..sua moglie;

Mela…………………………….serva di Nunzia;

Sarina……………………………nipote di Mela, studentessa e un poco “vivace”;

Cicciu Scalora…………………..trattore;

Mario……………………………guardia;

Un prete.

                                                        Atto primo

Sulla scena è stato ricostruita una strada cittadina: una facciata di un palazzotto, un albero a destra, al centro un cartello con scritto “ Fermata AMT”, a destra un lampione. A destra del lampione ci sarà l’ingresso di una viuzza secondaria.

All’apertura del sipario, con una musica adatta che durerà circa un minuto, si vedrà spuntare dalla viuzza laterale, una testa d’uomo che scruta prima a destra, poi a sinistra; subito dopo un’altra testa si affaccerà, sopra quell’altra, e farà gli stessi movimenti. Poco dopo, uscirà dalla via il resto del corpo della prima testa, l’uomo sarà guardingo, poi inviterà l’altro ad uscire. Il primo uomo è un omaccione con una pancia prominente, indossa un abito pieno di lustrini, da scena, e in viso ha dei baffoni alla Stalin; il secondo è mingherlino e indossa un vecchio e striminzito frak. Sono u zu Vitu Spiciali, vecchio cantastorie, e Pippinu Mangiameli suo assistente.

Vitu – (guardandosi attorno) Vieni avanti cretino!-

Pipp – (impettendosi) Ccà sugnu! E t’arricordu ca nun semu cchiù in scena. Quindi modera il linguaggio, perbacco, perdinci e per la miseria!-

Vitu – Per la miseria pi sicuru! Cchiù miseria di chista. ( si rivolta le tasche) N’avemu ‘n sordu pi fari cantari a ‘n’orbu!-

Pipp- Ti sta beni! Accussì impari!-

Vitu – Chi cosa haiu amparari, scimunitu tuttu? C’appoi se semu accussì a curpa è da to!-

Pipp – Mia? Mia? Mia?-

Vitu – Tua, tua, tua!-

Pipp – Ma varda a chistu! Chista si ca è bella! Cosi da pazzi! Cosi da pazzi, cosi da pazzi…-

Vitu – …C’appoi quanuu ci la finisci di ripetiri li palori tri voti, ti vogghiu indottrinare…-

Pipp - … a mia? Ma varda cchi cosi! Ju havi tant’anni che calco le scene, e ora veni nu tintu puparu pi “indottrinari” a mia. Signuri mei  chisti si ca su cosi veramenti di pazzi…-

Vitu – Ecco la vera differenza di classe tra di noi: Ti dissi ca un veru puparu dice: “Roba che impazzir quasi si puote”, e nun un volgarissimo e banalissimo: “robba da pazzi”! U capisti o nun u capisti?-

Pipp- Ju capii che da quannu mi misi  a fari coppia cu tia, a fari l’aiutanti puparu, recitu nei tiattrini di quarta categoria, mangiu a quannu veni veni, e dormu nte sali d’aspetto da stazioni. E chistu già abbasta e assuperchia, senza ca ora ci si mitteva sta storia da mangiata a sbafu nta trattoria di don Cicciu Scalora…-

Vitu-  Senti beddu, mangiati a sbafu nte tratturie ne abbiamo fatto a josa in tutta a Sicilia e dintorni… appoi cu si l’aspittava ca ddu fitenti, ex sguatteru di taverna, chiamassi i sbirri?-

Pipp – O prima o dopo doveva succediri- Tantu va a gatta…-

Vitu – Mutu! Jettaturi! Quannu mai! Quannu s’a detto ca “doveva succediti”?(ironizzando) Gli altri si sono sempre comportati da signori: certu, ci carricavano di mali paroli e basta…-

Pipp- …a tia! Ma a mia spesso e volentieri m’hanna carricatu di vastunati nta carina!-

Vitu – Sciocchezze, corbenzoli, cosi di nenti, senza consiguenzi…

Pipp.- …ca certu, tantu a schina era mia…-

Vitu – Mutu ora, e intanto che ci siamo, ascuta a prima lezioni di recitazioni ca t’impartiscu gratuitamente, pezzu di sceccu di Pantelleria. (Pippinu cerca di protestare, ma Vitu lo blocca con la mano alzata) Sentimi senza pipiari, tintu allievu di quinta categoria, aspiranti attori, e po mimentu precariu a vita...

Pipp.-…e po prisenti mortu di fami di carriera.-

Vitu – Sporco materialista. Ascuta dunque: sappi che per ben recitari, a battuta a memoria s’a d’a sapiri; doppu, si stai un minutu mutu e taci, la mimica dei gesti tu l’ha seguiri; quindi la gestualità la devi ‘mparari, e i movimenti sulla scena, si nun ti dispiaci, beni o mali tu l’ha da capiri.

E semmai t’accapitassi, macari bi sbagghiu, e di straforu o di sgallegiu, di recitari nta veru tiatru, varda ca o collega mai devi ‘mpallari! E se ti scordi a battuta prisunta, ‘mpruvvisala tu, a comu va si cunta.-      

Pipp – (sollevato dalla fine della tirata, durante la quele, apprensivo aveva continuato a guardarsi attorno) Ricevuto, passo e chiudo! E ora, mbari, ora chi facemu?-

Vitu – Intanto a ma siminatu i sbirri, e ora aspittamu u primu autobus ca passa, lo prendiamo al volo, e na squagghiamu di stu paisi ingrato e senza cultura! Signori mei, signori mei, vuol dire: dui sirati, dui sirati, cu solu quindici spittaturi paganti. E l’incassu su futtiu pure u ‘mprisariu. Ma me lu vuliti diri comu hanno a campari gli artisti? Forsi di ventu?-

Pipp - ‘Mbari, u sapiti? forsi a ma cangiari repertoriu: sta storia dei paladini di Francia nun attacca cchiù. Specialmente coi giovani.-

Vitu – Ca certu i giovani… ca ora si fa tuttu pi iddi, tutto a loro misura, secondo i loro gusti. Talia: mettici tri scimpanzè, du’ o tri chitarri, ca fanu vuci come se i scannassuru, e iddi vanno in visibilio! Basta, la cultura non cunta cchiù nenti, da tradizioni si ni futtunu, e di l’arti nun sanu mancu unni sta di casa. Sono scoraggiato caro amicu, assai assai.-

Pipp- ‘Mbari, senti a mia, inventiamoci n’autra cosa: pi esempiu, si facissimu u cabaret? ( Vitu scuote la testa) ‘Mbari, vidi ca avi un futuru…, ora ca c’è a tivilisioni… varda è un genere che tira…-

Vitu … si, pumarora e bastardi nta testa…-

Pipp- … Avaia staiu parranno supra o seriu. Tantu, pruvari cchi ni custa?-

Vitu – Ma cchi bestialità vai dicennu! Comu si può trasfurmari ‘n puparu in cabarettista? Ma si in sensi? (accalorandosi)-

Pipp – Mizzica cchi si cauru! Picchì, secunnu tia i cabarettisti di oggi chi cosa hanno di diversu da nuautri? Fanu i buffoni forsi? No? Si? Fanu satira! E ca satira tutti arrirunu e pavunu u bigliettu.-

Vitu- Ma vo cucchiai! Cabarettista..ssst…Ju nasciu puparu e puparu moru.-

Pipp – Ju nascii miserabili e mortu di fami moru…(guardando bene a sinistra) Ammucciamuni, sentu dei passi, forsi sunu i sbirri.-

I due si nascondono nella viuzza. Poco dopo entra in scena un prete. Porta una grossa valigia e si ferma vicino alla fermata dell’Amt. Aspetta l’autobus.

Vitu – (affacciandosi) Falso allarme. E’ ‘n parrinu!-

Pipp- (sbirciando) E si fussu nu sbirru travistutu?-

Vitu – E si fussi to soru a monaca? Chiuttostu, a vidi ssa valigia? Chi dici ci po interessari?-

Pipp- E chi addivintammu lattri? Ahu, tuttu po essiri, ma lattri mai!-

Vitu- Mutu bestia! Nun ti fari sentiri… ju avissi na menza idea: Se nta dda valicia ci sunu vistiti di parrinu, nuattri semu a postu: ci trasformiamo in preti e…-

Pipp- … e n’attaccanu a tappu! E chi penzi ca i parrini su minchiuni? Chiddu da l’allarmi, arrivano i sbirri e a nostra residenza futura sarà Piazza Lanza!-

Vitu – Ma quannu mai. Inveci facemu un pianu, e se è veru ca ci sunu vistiti di parrinu nta sa valicia futtemu i sbirri e semu salvi! Avanti, senti cchi facemu: ju ci dugnu chiacchira e tu ci freghi a valigia. (accennu di protesta da parte di Pippo, subito tacitata a segni da Vitu) Teniti prontu, e vidi chi ti cumminu!-

Pipp – In galera…in galera mi fa finiri… in galera.

Vitu – (avvicinandosi al prete che intanto, impaziente, controlla l’orologio) Mi scusi monsignore, ci posso fare una preghiera?-

Prete- (prima sorpreso, poi guardandolo con sospetto) Mi dica buon uomo.-

Vitu – Eccellenza, mi hanno diagnosticato una brutta malattia, mi hanno detto che ho due giorni di vita, e voglio confessarmi, vorrei salvare l’anima, morire senza peccati, come un buon cristiano.-

Prete- (sorpreso) Confessarsi? Qui? Per strada? Non è possibile! Mi dispiace per voi, buon uomo, ma non è affatto possibile.-

Vitu – (rammaricandosi) E già eminenza…non è possibile… morire da buoni cristiani non è possibile, oggi non si può morire in grazia di Dio… che cattiveria…com’è cattivo il mondo…anche se lo sto per lasciare…mi fa pena…-

Prete- Suvvia, non vi disperate, può darsi che la vostra malattia non sia così grave… oggigiorno nessuno può morire per malattie… poi, per confessarsi può andare dal parroco, in chiesa, coi paramenti sacri. Insomma le cose fanno fatte per bene.-

Vitu – Eminenza, vorrei, ma non posso. Se il parroco mi vede scappa via come un saittuni: ho una pessima fama, sa’-

Prete- (rabbuiandosi) Pessima?

Vitu – Accussì dicono chi mi conosce…-

Prete -… nel senso?-

Vitu – Nel senso ca sugnu nu pocu testa calda, haiu u cuteddu facili, e nun mi fazzu passari na musca nto nasu, appoi…-

Prete- Basta così…buon uomo. D’accordo, la confesso.-

Vitu – (sollevato) Grazie, grazie assai… però vossia non mi deve guardare, io sono timido, mi vergogno, m’affruntu.-

Prete (coprendosi gli occhi) Va bene, come desidera. Allora parli pure.-

Vitu- (facendo segno a Pippino di prendere la valigia) Padre ho peccato: ho rubato, ho scopato con le donne d’altri, ho raggirato il mio prossimo, ho fatto falsa testimonianza, ho beffeggiato la chiesa e i suoi pastori, e ci mancava poco ca addivintassi puru n’assassinu. Mi pirdunati?

Prete- (sospirando vistosamente, intanto Peppino agguanta la valigia e scappa nella via laterale) Eh, ne avete di peccati, povero fretello…però se vi pentite sinceramente, la grazia di Dio vi perdonerà… e io, dunque, vi assolvo in nome…-

Vitu – (interrompendolo ) Grazie , grazie assai, eminenza, Dio ve ne renderà merito. (tenta di baciargli la mano)-

Prete- (Schermendosi) Ma che fate, lasciate perdere! Ora andate …in pace…(accorgendosi che manca la valigia) La mia valigia, la mia valigia, è scomparsa…me l’hanno rubata! Aiuto!-

Vitu – Zitto, zitto, cosa gridate a fari? Dda è a vostra valigia, ca scappa supra a un paru di gambe, dietro a dda vanedda!-

Prete- Dove? Dove?-

Vitu- Ddà, nun ci vedete, dietro quella stradina? Eccu, svolta a  cantunera. Se curriti u pigghiati a ssu mariuolu senza Diu, ca sa pigghia macari che parrini! (gridandolo) Lattru! Mariuolu! Scunsacratu!-

Prete- Madonna Santa, e ora come faccio? Nella valigia avevo pure la tonaca del vescovo…sono rovinato, sono scomunicato, sono perso!-

Vitu – E vui curriti ca u pigghiati!-

Prete (correndo) Fermo, al ladro!-

Vitu (beffardo) Mittitici u sali nta cura monsignori. (intanto corre verso il vicolo e sparisce)-

Da destra entrano in scena un uomo e una donna giovane. L’uomo è di mezza età e, dall’aspetto, sembra un “massaru”, e si chiama Giesu, mentre la ragazza, da come è vestita sembra una “passeggiatrice”, e si chiama Sarina. I due parlano concitatamente.

Giesu – Sarina statti nu pucu ferma e lassami parrari.-

Sarina – Massaru Giesu, n’ avemu nenti chi dirini. Eppoi si sta facennu tardi e aiu a turnari a casa…-

Giesu – E se mi lassi parrai, a casa ti ci accumpagnu ju.-

Sarina – (ironica) Grazie assai, nun vi distrubbati…-

Giesu. – E parra cu un pocu di serietà, na vota tantu.-

Sarina – (finta sorpresa) Vih, salaratu e chi vi paru riddicula?-

Giesu – Parri nta na manera ca mi fai sbrugghiari i nervi.-

Sarina – (sfottente) Ah, si?-

Giesu – E se o voi sapiri, quannu sugnu vicino a tia… sbrugghiu comu nu sceccu, eccu!-

Sarina – Mizzica, e lu sapevu ca finiva accussì. Siti un porcu vistuto pulitu…(poi guardandolo meglio) anzi sulu porcu e basta!-  

Giesu- Ma ‘nzumma Sarina, nun fari a santerallina, tantu u sacciu ca ta fai cu tutti. Ora dicu: cu tutti ci vai e cu mia nenti?-

Sardina- Chissà suni affariceddi mei, poi cu vui m’affruntu, mi vergogno!-

Giesu – Minchiuni, ma ce ne vuole faccia di ntagghiu, ossia di marmu, pi diri certi cosi: Vol diri:  vai cu tutti, e macari forsi cusà, anche a pagamentu e cu mia nun vi vuoi propriu veniri? Ma picchì? Picchì!-

Sarina – Picchì a vui vi canusciu di carusidda, me pattri e me mattri travagghianu nta vostra masseria, e me nonna fa a cammarere pi vostra muggheri. Insomma cu vui mi vergogno!-

Giesu- Ma quali virgogna d’egittu: tu fai a buttana! Ju ti pavu e tu a veniri cu mia in albergu.-

Sarina – Ahu parrati pulitu! Io vado con chi mi pare e, soprattutto, piace. E se accetto qualche regalino sono affari miei! E cu vui nun ci vegnu!-

Giesu – Varda ca vai contro l’etica professionale! Tu nun puoi rifiutarti, è la regola do misteri.-

Sarina- Ma quali misteri! E, vi dissi, ca mancu morta vegnu cu vui, e ora basta!-

Giesu – (conciliante) Senti Sarina, tu a sapiri ca pi tia, macari quannu eri nta masseria, ju avevu nu deboli, ma nu deboli, ca quannu ti videvu m’acchianava na calurata nta testa. ‘Nzumma mi facevi sangu! Ju pi cuccarimi cu tia avissi a pavatu  sordi… macari non tanti, ma sempri sordi avissi a pavatu. Diciamo… diecimila? Cchi dici, erunu boni? Uora, se voi, ti nni dugnu macari… macari quindici mila. Nun ti parunu bboni? Ah?-

Sarina- Vi dissi ca cu vui non vegnu.-

Giesu – Sarina! Varda ca fazzu na pazzia! Ti dugnu ventimila liri e nun si nni parra cchiù!-

Sarina – E cchi stai accattannu ‘na jumenta? Vo itavinni, va!-

Giesu – Ma allura fai finta di nun capiri? O mi voi provocari? Bada ca sugnu bonu e caru, ma se perdu a pascienza…-

Vitu (uscendo dal vicolo, dove aveva indossato la tonaca, e da dove aveva ascoltato tutto affacciandosi di tanto in  tanto) Ah la pazienza… la pazienza e la virtù dei forti… Oh, buon uomo, mi sapreste dire se è passato il 129?-

Giesu –(sorpreso e poi contrariato) Reverendu, e cchi ni sacciu! Ju sugnu forasteru, vegnu da campagna…-

Vitu – Sapete forse a che ora passa?-

Giesu – Vi dissi ca sugnu campagnolu. E ora se ci primmittiti avissi a parrare ca signorina…-

Sarina – Massaru Giesu, chistu è un monsignori, viditi i buttuni russi? Purtati rispetto almeno ai parrini si nun ni putiti puttari a mia. (A Vitu) Monsignore, u 129 si pigghia nta strata all’atu. Di cca passa u 136. –

Giesu- Eccu servitu monsignori… e arrivederci…-

Vitu – Ve ne andate già? Arrivederci buon uomo. E voi signorinella adesso potete andare a…lavorare in pace. Paci e beni. (vedento che Giesu non se ne va) Signorina, ci vorreste accompagnare, per favole.-

Sarina- Volentieri, monsignore (intanto guarda Peppino che sta per uscire)-

Giesu – (nero in viso) Va bene, ho capito, ho capito. Me ne vado… (poi piano a Sarina) Pezzu di buttanazza, ta fai macari cche parrini vero? (poi forte)  Ma nun finisci ccà!-

Pipp- (uscendo vestito da prete) Paci e beni. E inveci finisci tuttu ccà. E ‘ntantu fujtavinni currennu currennu…sapiti monsignori perdi facilmente la pascienza. (guarda Sarina, come per farsi dire: bravo!)-

Giesu – Me ne vado, minni vaju. Ti salutu tappinara, ma n’arriviremu prestu.-

Sarina- Salutatimi a vostra muggheri.-

Giesu – Lavati a vucca quannu a nomini, bedda dardascia!-

Sarina – Matri cchi siti cauru a stamattina. Mancu si può essiri gentili cu na vera signora, c’appoi (rivolta a Vitu) è na gran fimminuna tutta casa e chiesa.-

Giesu- E tu cchi nni sai? Comunque (ironico eppoi minaccioso) sarai servita, cagnola, sarai servita come si deve. (minaccioso, poi esce da destra baldanzoso).-

Sarina – Grazie per il vostro intervento monsignore, grazie assai (ma guarda Peppino) e anche a voi, reverendo siete stato un vero eroe, l’avete affrontato virilmente e qual cafone ha avuto quello che si meritava. Sapete? E’ un po’ insistente, ma in fondo, in fondo, ma proprio in fondo, è un bravuomo.-

Pipp – Luvannici u battisimu (tra se).-

Vitu- E’ stato un piacere proteggerti picciridda bedda, ora potete andare a casa tranquilla, almeno spero. Paci e beni.-

Sarina ( uscendo da sinistra)Lo spero anch’io Buona giornata a tutti e due.( maliziosamente, guardando Peppino).-

Pipp.- Arrivederci. (illanguidito)-

Vitu – (dandogli una gomitata) Dagli la paterna benedizione e…caccia! Parrinu!-   

Entrano in scena una guardia e Cicciu, Scalora. Sono trafelati, si guardono attorno.

Guardia – Scusate monsignore, avete visto da queste parti due uomini vestiti di tiatru?-

Vitu – (nascondendo il viso sotto le falde del cappello da monsignore) Mi dispiace ma non ho visto nessuno.-

Cicciu -Si sono diretti da questa parte…( a Peppino) E voi reverendo? Avete vusto nulla?-

Pipp.- (impappinandosi) Io? No, si! Forse…ma quannu?-

Cicciu- Diciamo da mezzora a pochi minutu fa?-

Pipp.- No… nenti… e cchi a vo vidimr pu forza?-

Vitu – (intervenendo in suo aiuto) Vedete agente, il mio segretario è arrivato qui appena appena, ora ora, in questo momento, osia in questo istante qui!-

Cicciu – E voi, monsignore, siete sicuro di non aver visto nulla?-

Vitu – Chi io? Ma per carità egregio signore, io non guardo, ma medito, studio e leggo.-

Cicciu – In menzu a strata?-

Vitu – Dappertutto, caro fratello, dappertutto.-

Pipp.- (sottovoce ai due) Monsignore è menzu santu, pi iddu u munnu nun esiste, esiste sulu u celu.-

Guardia – Sentite Scalora, ormai quelli s’a squaghianu, ju sugnu tuttu sudato e mi scanto che mi pigghiu ma privuliti. Chi facemu, lassamu perdiri?-

Cicciu – Ma mangianu a sbafu!-

Guardia- E che vulete ca è pi vui nu pranzo scruccatu …

Cicciu-  Nu pranzu! Nu pranzu! Chiddi si mangianu na cona di robba. Tanto p’accuminciari si futtenu na guantera sana sana d’antipasti misti, po quattro porzioni di lasagni e due di maccarruni alla Norma, porca da miseria lattra e assassina. Ora dicu: lassamu stari chiddu grossu ca era un maiali, ma chiddu siccu, unni u mitteva tuttu stu ben di Diu? (breve pausa per riprendere fiato)Appoi si sbafanu un pollu alla diavola, un cunigghiu all’agrodolce – robba bona, sapiti, a pigghiu nta na masseria unni addevunu ancora tutti l’armali nto curtigghiu – appoi si sbafanu quattro cutuletti a palermitana. E lassamu perdiri o grossu, ma u siccu unni u mitteva tutta sta grazia di Diu? Appoi contorni vari, e pi dolci si ficiru purtari quattro babà, quattro cassatelli e quattro cannoli di ricotta. E lassamu perdiri…-

Tutti - … o grossu, ma u siccu unni a mitteva tutta sta grazia di Diu?-

Cicciu – (sorpreso) A ci sghizzati supra? E se nun arrivavu ju, macari u cafè si pigghiavanu a sbafu!-

Guardia– A si? Varda cchi cosi! (ironico) E comu mai, ah?-

Cicciu – Comu mai? Stamattina nto locali c’era me muggheri ca è na pasta di fimmina, cucina ca è na cosa assai fina, (sottolineando) ma è lesa comu ma crapa! Nun avi nasu, niente malizia, nun sapi sciarari quannu c’è in vista a truffa o no. I fici assittari ddi criminali, i sirviu prissunalmenti, e ci fici i salamelecchi. Ma quannu si tratta di fari u cafè pi clienti di riguardu, come a dda scunchiuruta ci passunu chiddi ddà, idda non si ci metti nta machina- macari picchì si scanta ca ci scoppia nta facci, comu ci successi a za Sirafina, ca arristu orba di ‘n occhiu -  e allura aspetta a mia ca, modestamente, sacciu unni mettiri i manu pi fari nu riccu cafè. Accussì ci dissi: “Po cafè aspettati a me marito ca vi servirà comu di doveri. Ah, chi fimmina profetica: ci avissa data na passata di vastunati co mastru de mastri ca ci aiu d’arreri a vancuni e appoi ci avissi abballato nta panza la danza della pioggia, fatta e ripetuta – spicialmenti a ddu porcu cu tantu di panaru (controscena di Vitu) Quindi appoi, vidennumi arrivari , affacciannusi a finistra, “Ah, eccu lu vidu ca sta arrivannu e vi servirà a doveri” E ci ‘anzittava comu ‘n ternu al lottu siccu datu da bonamma di cu sacciu ju! Allura, e cchi fu nu uraganu, nu cicloni, nu tifoni, nu tornado, chiddi, appena ‘ntisuru ssa notizia, si susenu a tappu, pigghiarunu a porta e fujrunu comu a dui saittuni. Quannu arrivai ju, eranu già lontani e si videva sulu ddu gran panaru do cchiù grossu ca abballariava come na montagna di saimi. Dda menza scema ci stesi menzura pi cuntarimi u fatto. E sulu allura vi haiu chiamatu pi catturari, affirrari, ncarzarari, cundannari, affucari, ssi dui marioli approfittatori di fimmini scimuniti! E vi cuntai a passata!-

Guardia –… ammentri mi facevu a pennichella.-

Cicciu – E allura pi nun distrubbariti, i marioli a fannu franca?-

Guardia- No, di certo. A liggi è liggi!-

Vitu – Bravo!-

Guardia – Grazie.-

Vitu – prego.-

Guardia ( a Cicciu) E dimmi,  a quantu ammonta a truffa?-

Cicciu – E cchi sacciu, videmu…pressappoco…antipasti, primi, secunni, contorni, vinu, dolci…possunu essiri…mittennici i coperti…macari quaranta- cinquanta mila…-

Guardia – Fiiiu! Cchi botta…-

Cicciu -… di vilenu amaru!

Durante le tirate di Cicciu, i tre fanno le relative controscene.

Vitu – Ora mi viene in mente, d’aver visto due uomini che correvano verso quella stradicciola, uno era magro, l’altro più robusto. Si, si, potrebbero essere i vostri uomini. Se correte potreste raggiungerli: il grassone aveva un fiatone…-

Cicciu- (guardandolo diffidente) Ah, vi vinni a memoria? Monsignori, ora ca ci pensu sti mariuoli fisicamente erano comu a vuatri due…-

Guardia - Avaia Cicciu Scalora, nun va pigghiati macari che santi. Scusatelo monsignore. Avanti corriamo vediamo se li raggiungiamo.-

Cicciu – Curremu, curremu…( ma intanto guarda i due preti, quindi escono di scena).

Pipp- Vitu, Vitu, m’a fici ‘ncoddu.-

Vitu – Chi figghiu di bona matri, n’aveva canusciutu.-  

Pipp.- (asciugandosi il sudore) Mattri santissima cchi scantu! Cchi spaventu!-

Vitu – Pirò, pezzu di babbasunazzu, a momenti di tradivi! E tu fussi chiddu ca sapi recitari?-

Pipp.- E se mi scantu, chi ci pozzu fari? E ora cchi facemu? Ju mi senti riddiculu cu sta tonaca.-

Vitu- Tu sei stato sempri riddiculu, senti a mia! Cchi facemu? E lassami pinzari: intanto, in primis, u sbirru nun ci cridiu, in secundisi nta sacchetta da tonaca attruvaiu du mila liri e ni putemu pigghiari u cafè, ca ddu cosa tintu di Cicciu Scalora nun ni fici pigghiari, poi, pozzu pozzu…-

Pipp.- …Cchi nicchi nacchi, abballari cu vui?-

Vitu – Senti varda ca t’allisciu u cozzu cu na santa tumbulata ca ti fazzu passari u sbaddo di babbiari. Dicevu: pozzu pozzu, pi prudenza, pigghiamu i trazzeri di campagna e livamuni di ccà!-

Pipp- Finalmente paroli sensati. Eppoi? Cchi facemu?-

Vitu – Appoi penza Diu.-

Pipp.- E se pi casu ci penza ammentri è ‘ncazzatu con noi, ca ci arubbammu i tonichi ai parrini?-

Vito – A parti u fattu ca l’avemu pigghiati in prestitu picchì necessità obbliga liggi, e li restituiremo a tempu debbitu, appoi u pattri eternu dì sti parrini sinni futti, senti a  mia!-

Pipp.- E se nun sinni futti?-

Vitu – Voli diri ca ni manna o ‘nfernu, si cuntentu?-  

Pipp.- Senti e se andiamo, pi esempio, appressu  a dda carusa? Diceva ca stava in campagna, o mi sbagghiu?-

Vitu – Beh, in effetti dissi ca i suoi genitori travagghiavanu nta masseria di ddu cosu fitusu, ergo in campagna…-

Pipp.- … quindi se sta in campagna. onde per cui, dui cchiù dui, è nta nostra strada, si nun sbagghiu questioni.-

Vitu – Senti beddu, parramu chiaru: Tu a questioni ‘n a sbagghi. Chiddu ca stai sbagghiannu è ca ci facisti ‘n pinzeru su ssa carusa. Statti accortu Pippinu, nuattri, po mumentu, semu parrini. E si tu scordi finemu in galera a tappu.-

Pipp.- Sarò prudenti e scaltro. Sarò una volpe…-

Vitu.- …Nto puddaru!-

Pipp.- Sta tranquillu. Andiamo’-

Vitu – Di unni pigghiau a carusa?-

Pipp.- Di dda vanedda.-

Vitu – E unni porta?-

Pipp.- Ssa strada a canusciu, porta nta na trazzera di campagna, verso il nostro obiettivo.-

Vitu – Senti stratega, ti stai sintennu troppu sicuru. Cusà, forsi è u “pilu” ca ti chiama e di guida?-

Pepp.- Avaia nun ci abbabbiari… è che ho il senso dell’orientamento.-

Vitu – Ascuta, bussola viventi, vistu ca si accussì decisu, almenu ci l’hai l’idea di qual’è a masseria? (segno negativo con la testa di Peppino) No, evvero? E allura lassa fari a mia ca sugnu cchiù granni e sacciu u munnu com’è.-

Pipp.- E allura omu sa sapi i cosi d’o munnu, comu fai a sapiri unn’è a masseria? sintemu? Ci fai i carti? (fortemente ironico)-

Vitu – (schifatu) M’anformu, bestia di un omu, livannici u battisimu! -

Pepp.- E attorna! E cu cui t’informi? Sai quanta genti c’è campagni campagni! E appoi sai a cu a circari?-

Vitu – (pomposo) Tu metti a me ‘ntelligenza a paragoni da to. Cretinu, ju sugnu u mastru e tu u garzoni. Prissuariti na bona vota, minchiuni. E ora t’illumino, anima morta: a carusa nun chiamò a ssu zaurdu, massaru Giesu? Chiaru ed elementare: addumannu unni si trova a masseria di massaru Giesu.-

Pipp.- Bravu Totò.E se, quannu a truvamu, ce iddu cu nu vastuni in manu, prontu a lisciarini a carina? Oppure se mancu ni fa trasiri… o peggio, si magia la foglia e chiama i sbirri?-

Vitu – ( sconsolato) Si bestia senza rimediu, o frati! Ma se c’è propriu iddu noi siamo a cavallo. Avi a cuda di pagghia, lo abbiamo sorpreso quasi che pantoni abbassati, e, davanti a sso mugghieri, deve abbozzare, volente o nolente… sai…lo scandalo…insidiava la ragazza…per le vie della città.  -

Pipp.- Lu ricattiamo?-

Vitu- Bih chi paruluna! Insomma, non propriu, ma a minazza è un modu di tinillu in pugnu almeno pi na notti di ospitalità, che è quella che ci serve.

Pipp.- E, scusa na cosa: e a carusa?-

Vitu – Senti, parramini chiaru: prima veni a nostra libertà, poi, se c’è tempo e le circostanze lo permettono veni i “pilu”. E’ chiaru l’intendimento?-

Pipp.- Chiaru…chiaru…ma se trovu a scaciuni…-

Vitu – Chissi sunu affariceddi to.-

Pipp.- Ma doppu cchi facemu?-

Vitu - Doppu penza Diu.-

Pipp.- E se Diu avi chiffari?-

Vitu – Ahu, ma propriu si na mala vigilia annucciata! E penza a campari! E camina và! E pigghia a valicia! (si avvia per la stradina, seguito da Peppino che ragge la valigia. Musica adatta per il finale dell’atto. Ove fosse possibile, Vito dovrebbe procedere con un’andatura solenne, ma resa ridicola dall’abito che non sa indossare e dal volume del suo deredano. Peppino, invece, deve avere un conportamento confusionario, non riesce a mantenere il passo dell’amico, impedito in ciò dall’abito troppo lungo e dalla grossa valigia.)-

Tela 

                                                         Atto Secondo

Sulla scena è stato ricostruito l’interno di un soggiorno cucina di una masseria. Mobili adatti. Attrezzi alle pareti, camino al centro. Uscio a sinistra, porta interna a destra

Quando si alza il sipario in scena c’è Mela la serva, nonna di Sarina, che spazza per terra e mormora (o canticchia motivi religiosi) preghiere. Poco dopo entra in scena Nunzia, la moglie di massaru Giesu. Ella è una donna sulla quarantina, ancora integra, abbastanza formosa.

Nunzia- Mela, lassa perdiri di scupari, mittemini a priparari a cena, massaru Giesu sta per tornare da città. E u sapemu che appena arriva nun si lava mancu i manu ca s’assetta a tavula e voli pistiari!-

Mela – U sacciu! U sacciu! (affermativo anche con gesto) E si fussi pi mia u lassassi mortu di fami… ma siccome a pattruna si tu…-

Nunzia – Ancora ca stissa storia? Ma quannu t’arrizzetti, quando ti rassegni, mai?-

Mela- Nonzi, nun m’arrizzettu! Comu pozzu vidiri na picciuttedda bedda, ricca e fina, maritarisi cu ssu bestia luvannici u battisimu! E cchi nun ci n’erunu giovanotti assistitati? E cchi era difficili pi tia? Avaia nun mi fari sdilliriari.-

Nunzia- Mela, ti dissi ca fu pi nicissità, a causa della morte improvvisa di mio padre, e del bisogno di portare avanti la masseria. M’appoi m’affiziunai a iddu, ca tantu tintu comu dici tu, nun è!-

Mela – A nicissità…a nicissità…varda ca uomini cu tantu di baddi ci n’erunu tanti, ma tanti…e unu  era vicinu a tia e t’adorava.-

Nunzia- To figghiu Luici?-

Mela- Annunca!-

Nunzia- Ju a Luici ci vogghiu beni comu a ‘n frati. E nun turnarici cchiù su st’argumentu, Mela, pi piaceri. Avanti cchi priparasti?-

Mela – Pasta o funnu, tuma e alivi niuri.-

Nunzia – Va beni, pirò fai macari quattro uova duri e metti a tavula u salami novu. U vinu u pigghiasti?-

Mela – U pigghiai, u pigghiai. (guardando dalla finestra) Parraumu d’o sceccu e spuntau a cuda. Ddocu c’è u beddu spicchiu di mennula amara di to maritu.-

Nunzia – Finalmente…(guardando l’ora).-

Entra Massaru Giesu.

Giesu – Buonasera a tutti.-

Mela – (a bassa voce) Salutami e caccianu!-

Nunzia – T’arritirasti? Eranu accussì assai l’affari in città? Varda sunu l’ottu passati.-

Giesu- E cchi t’aia diri? U tempu vola…specialmente in città. Avanti cchi c’è di manciari?-

Nunzia- Pasta al forno e, appoi, cena fredda.-

Giesu – Megghiu di nenti. (fa per sedersi e Mela lo blocca)-

Mela -  O lavati i manu, vastasi vistutu pulitu.-

Giesu- (rabbuiandosi) Nunzia, e quann’è ca ti decidi di mannaranilla a sta vecchia ntricalora? C’appoi, ormai nun servi a nenti… varda comu ha scupatu interra…pari ‘n porcili…Senti nun fussi megghiu se ni pigghiassinu pi criata a sso niputi Sarina?-

Nunzia- (asciutta) Quella fa la studentessa in città.-

Mela - E s’a pigghiari a laura!-

Giesu- (a Nunzia) A sentisti? In chi cosa? Forsi in grammatica pilusa?-

Mela – A zittiti vastasi e malerucatu… diri sti cosi davanti a sso nanna…e, appoi si dicunu sti mali paroli davanti a dda santa di to muggheri.-

Giesu- Scusate madame, miledi e barunessine varie…chiedu pirdonu assai, assaiuni…(ironico).

Nunzia - (rassegnata) Mela lassa stari, penza a ìmpiattari a cena…-

Giesu esce per lavarsi le mani.

Mela- Tu si a pattruna e ju a criata. Pirò, pirò certi cosi, certi comportamenti, mi fannu fari u sangu acqua.(con aria sognante) Com’era beddu quannu c’era in vita to pattri bonamma: mai na parulazza, fiuramici na bestemmia, ca s’aviss’a sintutu nta sta casa. Stu porcu, inveci, bestemmia comu ìn turcu e nun va mai a missa e nu si confessa mai e mancu pigghia l’ostia santa… è n’ebbreu!-

Nunzia- Nun si dici ebbreu, chistu è razzismu.-

Mela – Ju nun sacciu cchi significa stu schifiu di parola, ma sacciu ca me nannu e me pattri, ana rittu sempre ebbreu a cu nun cridi o signuruzzu e a cu nun va a chiesa. U dissiru iddi e nun successi nenti, nuddu pipitiò, nuddu s’affinniu, nuddu diceva ssi paroli ca dicisti tu. E, allura, u dicu macari ju e muti tutti e macari pipa! ( Mela fa la burbera, ma la sua è una finzione, perché poi si illanguidisce nei ricordi). C’appoi, t’arricordi quannu a sira ni mitteumu assettati vicinu o fucularu? e to pattri faceva veniri a pattriapparucu pi diri u santu rusariu? E quannu finivanu si mittevanu a giucari a scupa, facennu vuci come porcelli scannati…E vivevano u rosolio ca facevu che me manu, e non sti schifezzi ca viviti ora…Com’eranu beddi ddi tempi…tempi tranquilli…calmi…beati… Ora semu tutti ca primura, tutti affacinnati, tutta cità (allude a Giesu) E li belli abitudini sinni vularu via! E nta sta casa sunu anni can un trasi cchiu un parrinu bi abbiniricilla almenu p’a Santa Pasqua.-

Si sente bussare alla porta.

Nunzia- Mela vidi cu è.-

Mela (aprendo la porta e restando di stucco) Bedda mattri sant’Alfiu! Ju spiriva d’aviri un parrinu e u signuruzzu minni mannò dui! Trasiti, accomodatevi… huuu c’è macari un monsignori, sabbenedica…trasiti.-

Entrano Vitu e Pippinu.

Vitu – (quasi benedicendo) Buona sera buona donna, siete la padrona di casa? (sottraendosi al baciamano di Mela)-

Nunzia- Sono io la padrona, monsignore. Accomodatevi… posso esservi utile?-

Vitu – Molto onorato, signora, questo è don Peppino, il mio segretario. (Pippino fa un inchino goffo). Signora, il buio ci ha sorpreso in viaggio pastorale tra le campagna. Vorremmo chiederle se può ospitarci per una notte…-

Pipp- …e macari manciari qualche cosa.-

Vitu – Eh, la gioventù pensa sola alla  panza.-

Mela – Ca quali gioventù, macari vossignoria avi bisognu di manciari. Nunzia i pozzu fari assittari?-

Nunzia- (indecisa e imbarazzata) Certo…falli sedere…macari pi manciari, ma aspettiamo massaru Giesu, vediamo cosa dice.-

Mela – Dici: Mela priparaci a cena e sistema a stanza di l’ospiti. E si nun u dici iddu, vuol diri ca mi portu a me casa! (esce )-

Giesu (entrando asciugandosi le mani) A cu ti porti a to casa? Tu a purtari a tia a to casa e nun t’a fari cchiù vidiri, senti a mia (poi si accorge dei preti) Bih, bih, bih, varda cchi cosi…u monsignore e u so sigritariu… quali onori averivi a me casa…cu vi ci purtau u malutempu? Nunzia, pigghimi a pipa. (Nunzia esegue).-

Nunzia – Vi conoscete già? Comunque Giesu, il monsignore si trovava in visita pastorale, sopreso dalla notte ci ha chiesto ospitalità per una sera. Io non ho nulla in contrario…-

Giesu – Sta beni, intanto pigghimi a pipa. (Nunzia esce)-

Giesu- Allura, quali malutampu? Picchi sarà statu u malu tempu a purtarivi ccà, evveru?-

Vitu – No, vi sbagliati caru massaru, fu u Signuruzzu a mandarini ccà. Pi abbissari na pocu di cosi.-

Giesu – E di grazia, cchi cosi?-

Vitu – (aggirandosi per la casa seguito passo passo da Pippinu ) Certi cosi… come per esempiu certi incontri vicinu alla fermata dell’autobus…adescannu carusidde.-

Giesu – (avvcinandosi minaccioso) Si diciti mezza parola, parrinu o no, v’acciuncu!-

Vitu – E provaci, Orlando furiusu! (contrstandolo)-

Pepp- Fremmu Vitu!-

Giesu- (minaccioso, sottovoce)Vitu? Ah, benissimo…Vui nun siti parrinu, mi ci jocu i baddi!-

Vitu – Chissi tenatilli forti, picchì, varda cchi fazzu: ti scippu e ti mettu nta ssa vucca fitusa. E ora mutu, vulemu  sulu manciari e durmiri  pi sta notti, dumani luvamu i distrubbu.-

Giesu – E vi fati l’affarazzi vostri?-

Vitu – Nei limiti del possibile!-

Giesu – (riflettendo) E sta beni… ma dumani: sciò!-

Vitu – (giungendo la mani e guardando in cielo, vedendo che è entrata Nunzia) Domani è un altro giorno, buon uomo. (A Nunzia) Signora, vostro marito ha accondisceso con entusiasmo affinché il sottoscritto, umile servo, e il suo segretario restassero qui per questa notte. Onde per cui, cchi si mangia?-

Mela (entrando) La cammara è pronta.-

Nunzia- Servi a tavola Mela.-

Mela – Monsignore, ci vulissi fari una preghiera. Tu Nunzia ci primmetti?-

Nunzia- Cosa debbo permettere?-

Vitu – Ditemi buona donna.-

Mela – Nunzia, visto ca fu u Signuruzzu a mandarini sti parrini, doppu ca ti parrai do santu rusariu di to papà, ti vulissi addummannari se ci primmetti ca u dicemu, prima di manciari, macari non tutto…ma picca picca… e pi mia fussi na filicità.-

Nunzia (guardando Giesu, mentre Giesu guarda Vitu e Vitu fa cenno di dire no)

Giesu- (cinicamente) Ca certu! E comu no? E ccu l’avi u curaggiu d’arrifiutari na cosa accusì nnica alla nostra cara Mela? Avanti monsignore, dicemu stu rusariu.-

Vitu – (visibilmente in imbarazzo) Ma così, all’improvviso, senza adeguata preparazione spirituale non è possibile.-

Mela – Monsignore, eccellenza, vi priu comu a ‘n santu, fatilu pe murticeddi do priatoriu.. pi carità cristiana…nun sapiti quann’u disidiru. Fati n’eccezzioni eminenza…-

Giesu ( sfottente) E fatela st’eccezioni…eminenza.-

Vitu – (arrendendosi) E va beni…però facciamo na cosa brevi, tantu per fare contenta questa fantesca. Forza, assettativi in circolo, attacca Peppino.-

Pipp- (preso alla sprovvista, intanto che serafico assisteva alla scena) Cui ju?-

Vitu- E chi sennò… avanti mettiamoci in circolo. Attacca Pippinu.-

Pipp- ( Peppino che non sa cosa fare, stralunando gli occhi si finge un collasso e si lascia andare tra le braccia di Nunzia) Ahhh.-

Nunzia- Bih, mischinu ci vinni ‘n colpu!-

Mela – (avvicinando una sedia e sedendo Pippinu) Puvurazzu pari ‘n cadaviru…-

Giesu – ( a Nunzia )Ahu, nun t’accucciari assai a ssu…parrineddu.-

Nunzia – Ma si senza cuscenza…(con tenerezza) vardalu com’è ‘nnuccenti…Mela prendi un bicchiere d’acqua.-

Pepp.- (mormorando con un soffio di voce) Megghiu nu cognac.-

Mela – Cognac? Subbitu (esegue)-

Vitu – E si, è ‘nnuccenti comu nu bambinello appena svizzatu, n’addeu! Avanti, assittatulu ca ora si sentirà meglio picchì (marcandolo) u rosario lu dico io. (nell’orecchio di Peppinu) Ahu u sentisti? E allura rinveni e fammi l’assistenza dovuta. (Pippinu apre gli occhi, accenna di si e, facendosi ancora coccolare, rinviene)

Mela- (col bicchiere di cognac in mano) Chistu è ‘n santu! Nunzia stu monsignore ci dissi na parola nt’aricchia e stu sventurato stesi bonu di bottu! Miraculu! Miraculu! (intanto si beve il cognac)-

Giesu – Miraculu a to soru, ‘nbriacuna! E ora statti sora, nun t’agitari cchiù e ascutamu stu rusariu. ( tra se) mizzica minni a e fari di risatuni…-

Vitu - Spettabile pubbricu, (Pippinu gli fa disperatamente cennu di no, non siamo in scena. Poi per tutta la durata del rosario egli farà la controscena) Volevo dire: cari fedeli, prima d’iniziare abbisogna ca mi quadiu nu pocu, per cui zitti, muti, pipa e tabaccu! Dunchi: Prologorum a com’ammisca ammisca.

Nel mezzo do camminu di la me vita

M’arritruvai nta na trazzera scura,

Ca, malirittu a mia, a strata bona era finita,

E quannu ci penzu m’acchiana na calura!

Giesu- Ma...ma… chissa nun’è…chissa è a…-

Peppinu – Muti, per cortesia, nun distrubbati o maestro.-

Vitu .- (come ispirato) E cantu di l’armi do pietusu capitanu

Che il granni sipolcru di Cristu liberò,

e molto travagghiò cu gnegnu e cu la manu,

Finu a quannu, mutu mutu, nun si la svignò.

Mela- E quannu attacca ca litania?-

Peppinu- Aspettati, sintiti a mia. Ah, e, m’arraccumannu a tutti d’arrispunniri in coru: ora e poi.-

Mela – E picchì accussì, sintemu?-

Pepp.- Mi grazia ricevuta e ora stativi muta! -

Vitu – (salmodiando, rivolto a Peppinu) A facemus comus a chidda ca sai tu.-

Peppinu – ( sempre salmodiando) U capimum. Ora e sempri - si ‘n m’a scordai.-

Vitu - Litania secunnum il vetero concordatus anteriori sed posteriorum a doppo l’avventu do conciliu avvenire vaticanorum terzero.-

Pipp.- Ora e sempri….-

Vitu –… U dicisti già…-

Pipp- …repetita aggiuvat…

Vitu -… tu ti stai prinutannum na passata di vastunatis…

Pipp- …A meco? (come se dicesse amen)

Vitu- …Sissignori, a teco e ai biati paoli. (come se dicesse: e sia signore) Allura attaccuuu...-

Pipp- …e a qu’aspetti.-

Vitu- (concentrandosi) Santa Maria da saletta; (i presenti risponderanno: ora e poi)

Santa Maria di Licoddia;

San Giuseppi La Rena;

San Paulu Solarinu;

San Piettru Clarenza;

San Giuvanni Li Cuti;

San Giuvanni La Punta;

San Giuvanni Galermu;

San Giuvanni decollatu;

Mela – Macari chissu? E cchi c’entra?-

Pipp.- Muta non distrubbati. Novi regoli, a cchi criditi.-

Vitu – Santu Stefanu di Camastra;

San Micheli di Ganzaria (fa cenno a Pippinu);

Pipp- (annuendo attacca a sua volta) San Gregoriu;

Santa Tecla;

Santa Venerina;

Santa Ninfa;

San Conu;

San Vito Lo Capo;

Santa Maria La Scala

Santa Teresa Riva ( accenna a Vitu);

San Giuvanni Rotondo;

San Vitu de normanni;

Vitu – Sant’agata Li Battiati;

Sant’Agata di Militello;

Sant’Alfiu etneo;

Sant’Alessiu siculu;

San Gregoriu;

San Berillo;

Santu Nullu;

San Cristofuru e così sia!-

Mela- Salaratu Diu, avevuru raggiuni, mai ava antisu nu rusariu accussì beddu!-

Nunzia- Certu…magari forse un po’, cone dire: troppo originale…-

Giesu- Ca comu! Originalissimu, quasi ‘nvintato a tappu!-

Vitu – E ora figlioli, se si mangia…-

Mela- Ccà, vossia  mi s’assitta ccà!-

Giesu- Si nun  ti dispiaci, cara criata, chissu aviss’a essiri lu me postu.-

Nunzia – E che per cortesia e buona ospitalità, cederai a monsignore. ( a Pippinu) Voi reverendo sedete accanto a me (civettuola).-

Giesu – (rabbuiandosi ) Stasera succedunu cosi turchi.-

Mela – (incominciando a servire) Certu che ca santa chiesa cinni sunu sempri novità. Pigghia, a esempiu, a missa che chitarri, l’ostia ca dununu macari i zaurdi, comu u zu Carmelu Spotu, poi ci abbattunu i manu ai morti – saluti c’è ccà – ora stu rusariu…-

Nunzia – Ma sempre novità …gradevoli. (guarda teneramente Peppino, il quale, in seguito, farà la controscena sulle battute di Vito: in particolare assumerà l’espressione serafica, raccolta, ispirata – col collo leggermente storto – ecc.).-

Vitu – E carissima, la chiesa s’aggiorna. (poi vedendo che Pippino gli fa cennu ca forse Nunzia ci sta, continua con un sospiro)  Se sapeste quale altra novità c’è nell’aria…-

Mela- Quali.-

Nunzia – Quali.-

Giesu – Ju volussi manciari, se non vi dispiaci. Sti chiacchiri i faciti dopo. Uffa!-

Nunzia – Ohu, ohu, ohu, e porta rispetto pi l’ospiti. A me casa, cu me pattri vivu, parrini o no, gli ospiti eranu sacri.-

Giesu – Quannu c’era to pattri…-

Nunzia – E macari ora! Allura, statti zittu e fai a prissuna arucata. E apponi monsignore non ha ancora detto la preghiera di ringraziamento.-

Giesu – (punto sul vivo) Senti, ju me ne futtu di tia e de to …ospiti e da preghiera! Ssst. Varda cchi cosi.-

Nunzia.- Senti beddu, tu u cafuni nun u fai a me casa, e a mia nun mi fai fari mali cumparsi. U capisti?-

Giesu – ( alzandosi inviperito) E sta bene. Sta beni. Voli diri ca minni vaiu a manciari nta putia. Salute a tutta la compagnia (poi piano a Vito) Dumani smammati, beddi valenti.-

Vitu ( come se lo benedicesse) Stai tranquillu, dumani . Pi ora vaffanculu!-

Giesu – Nun finisci ccà sta storia.-

Vitu – Certu, finisci o…spitali unni tinni mannu.-

Giesu esce furiosamente.

Mela- Ben fattu Nunzia!-

Nunzia – Statti zitta Mela! Allora, monsignore, queste novità?-

Vitu – Eh, cose grosse…grosse assai. (pausa teatrale)Vedete le autorità superiori stanno prendendo in considerazione la possibilità che i preti prendano moglie.-

Mela – E no! Chistu è troppu! I parrini su parrini e basta. Ju sta nuvità non a voggiu sentiri. Minni vaia dda banna a lavari i pignati. (esce)-

Nunzia.- Sposarsi? Ma davvero dite?( interessatisima)-

Vitu – Certo per ora è tutto tenuto riservato, sotto silenzio, perché si debbono fare ancora gli esperimenti, le prove, i riscontri.-

Pippinu – Naturalmente è questione di poco, evvero monsignore? (tra se) A bedda pasta s’arrifridda.-

Vitu - E come no? Vedete gli esperimenti servono per accertare se un prete è capare di fare il padre di famiglia. Cioè se è buono a fare la spesa, riordinare la casa, usare la lavatrice…-

Nunzia- …lavare i piatti, riparare una sedia…-

Vitu – Certamente, certamente, ma anche…anche…beh, insomma…anche.-

Nunzia – Fare all’amore?-

Pippinu – Paroli santi! Proprio accussì!-

Vitu – In un certo senso…-

Nunzia – E allora, se è per questo, basterebbe reclutare delle prostitute, no? (guardando Pippino)-

Pepp.- Quando mai! A noi piacciano…volevo dire: servono donne mature, con esperienza…(Peppino fa il piedino, ma sbaglia e lo fa a Vitu)-

Vitu – (piano) Pippinu varda ca sbagghiasti. (poi a Nunzia) Certo don Peppino ha perfettamente ragione. No, no e poi no, quali prostitute! Ella dev’essere una donna sposata, costumata, riservata, d’esperienza nel settore, la quale può far provare il vero senso della vita famigliare, in tutto e per tutto (alludendo). Comu, per esempio: fare la spesa, usare gli elettrodomestici, fare piccole riparazioni…-

Nunzia- …lavare i piatti…-

Vitu – …e attorna!-

Nunzia – E allora?-

Vitu – Allora, esatto, esatto, anche quello, se è necessario che sappia fare. Certo l’ideale dei superiori sarebbe – come già vi dissi - di sperimenare con una donna sposata, così si avrebbe la possibilità di fare una vita famigliare completa: diritti e doveri. Ad esempio doveri…doveri…-

Nunzia - …coniugali…(si accorge del piedino e ricambia)-

Peppino – Esatto, esattamente!(trionfante)-

Vito – Naturalmente. ( tentanto di vedere sotto il tavolo) Poi si prenderebbero le decisioni in base ai test che faranno alcuni giovani preti. Per esempio, il nostro reverendo don Peppino è uno dei candidati. Egli dovrà fare l’esperienza matrimoniale e poi fare un rapporto, che unito a quelli degli altri, consentirebbe alle superiori autorità di prendere la decisioni. Ecco, gentile signora, di fronte a lei, non ha un prete, ma ha una cavia!-

Peppino – Pronta all’occorrenza, e senza ripensamenti, a tappu!-

Nunzia . (pensierosa) Si, certamente, ma…e i mariti di codeste donne?-

Vito – Eh, i mariti di queste fortunatissime donne, chiamate al sacrificio, ebbene, quelli sarebbero le vittime della causa. Saranno degli eroi sconosciuti…-

Peppino - … picchì nun sapranno nenti di nenti…-

Vito – Eh, uomini così si sprecano nel mondo…-

Peppino – La lo sapi quanti cunnuti ci sunu nta terra?-

Vito – E senza giusta causa. Invece costoro…-

Nunzia – Si guadagnano forse il paradiso?-

Vito – Beh, il paradiso proprio proprio no, ma qualche anno d’indulgenza, sicuro, sicurissimo.-

Nunzia- (abbassando gli occhi) E allora, monsignore, dite, secondo voi,  massaru Giesu potrebbe  essere il tipo che possa sacrificarsi per la causa?-

Vito – L’avete intuito, o donna prescelta, è proprio così!-

Pippino – Vedete, e’ il destino che lo ha voluto cornutu…cioè eroe. Lo stesso destino che ci ha condotto costì, alla vostra presenza, cara signora Nunzia…-

Nunzia – Chiamatemi Nunzy…beh, adesso, se non vi dispiace finite di pranzare da soli, vado di là a riordinare certe cose…con permesso monsignore…reverendo…(guardandolo maliziosamente).-

Peppino- Aspettate Nunzy, io ho già terminato. E, forse vi posso dare una mano e…macari fare anche qualche nuova esperienza… di uomo sposato…nelle faccende domestiche…e no, insomma, vengo di là con voi.-

Nunzia – (alzandosi facendo la rassegnata) Volete fare delle prove prematrimoniali?

Pipp.- ( quasi sbavando) Sissignora.-

Nunzia -Ma solamente innocenti prove, me lo promettete?-

Pepp.- Lo giuro financo, donzella pura.-

Nunzia – Beh, allora per la santa chiesa, vi istruirò un poco, venite con me.-

Vito – Ite, coitus est!-

I due escono.

Vito – (rimasto da solo, avvicinandosi le vivande, egli dovrà mimare la soddisfazione del pasto davanti a lui e, anche fare “l’amore” col fiasco di vino. Musica adatta) Ah, e ora finalmente si mangia!-

Si ode bussare alla porta.

Vitu – E chi camurria, stasera nun si arrinesci a pistiari n santa paci. Mela, viditi cu è!-

Mela . (sopraggiungendo ciabattando aprendo e rimanendo sbalordita) Chi fu? Tuppulianu?-

Vitu – Mi parsi d’accussì.-

Mela – Allura apru?-

Vitu – A rapiti.-

Mela – (guardandosi attorno) E a signora Nunzia unn’è? E u vostru parrinu?-

Vitu – Stanu travagghiannu  pa santa chiesa, statti quieta Mela (si risente busare)  e apriri a porta.-

Mela – (aprendo) Bih, me niputi, a me nuputedda, veni trasi, abbrazzami, dammi nu vasuni. E

comu mai si ccà, successi qualche cosa?-

Sarina – (restando sorprese nel vedere Vito) Veramenti…non volevo distrubbari…oh, eminenza…-

Vitu – Paci e beni. (continua a sbafare)-

Mela – Allura. Cchi successi?-

Sarina- Nenti, nenti…turnai a casa…avevo piaceri di vidirivi… ecco tutto.-

Mela – E comu a st’ura di notti?-

Sarina – No arrivai prima…poi…poi ‘ncuntrai massaro Giesu… e si fici tardi.-

Mela – Massaru Giesu? Ssu pezzu di vastasi? E cchi ti mancau di rispettu?-

Sarina –( non sapendo cosa fare, davanti al “monsignore” attacca a piangere disperatamente) Gnursi, gnursì.-

Vitu – Cchi pezzu di vastasi…-

Mela – Ora parru cu to pattri e u fazzu sistimari per festi e pe simani.-

Sarina – (gridando come un’ossessa) No! No! No!-

Mela- Si, si, si! (agitandosi come un’ossessa)-

Vitu – Fremmi, fremmi, fremmi!-

Entrano in scena, un poco discinti, Pippino e Nunzia.

Nunzia – Chi successi? A cu scannaru?-

Pepp.- Vitu cchi fu?-

Mela – A ddu vastasi di to marito scannamu! Ci fici a festa a Sarina. (sta per prendere lo scialle e uscire)

Nunzia – (vedendo Sarina che piange) Sarina…ti ha violentato?-

Sarina- Si! Si! Si! No…si! Forsi.-

Pepp.- Sangu di Giuda lattro e assassinu, ci arrinisciu!(Nunzia lo guarda interrogativamente e Peppino si confonde) No, nenti…tantu per dire…va ci fici a festa.-

Vitu – (a Mela che stava per mettersi lo scialle per uscire) Voi state dove siete. Questa faccenda la risolviamo noi.-

Mela – Voi? E comu? Ca scomunica?-

Pippino – Mela, lassate fare a noi, c’appoi monsignore sa quello che c’è da fare.-

Sarina – (Si rannicchia in un angolo della stanza e piange su tutti i toni) Ahi. Ahi…-

Nunzia- Allora, monsignore, cosa volete fare? –

Vitu – Vedete signora Nunzia, la storia è lunghetta… quella carusa non è che sia proprio uno stico di santo… ha avuto le sue esperienza… forsi vostru maritu ci ha fattu qualchi pinzeri. Capiti? E, magari, lei non ne vole sapiri…Certu da questo a prenderla con la forza ce ne corre…-

Nunzia – Madonna santa.-

Mela – Ma chi stati dicennu, monsignore? Me niputi e allibrata!-

Vitu – Illibata? E chi ha detto nulla in contrario. (a Sarina, avvicinandosi) Sarina, dimmi chi cosa è successu dda fora?-

Sarina – Ho visto il diavolo!-

Mela – Mattri santa, me niputi è …è stata assatanata!-

Vitu – Pi chissu sempri!-

Nunzia- E com’era questo diavolo?-

Sarina – Cu dui corna accussì (accenna a due corna di un metro)…

Vitu – (annuendo vistosamente guardando Nunzia e Peppino) …allura nun c’è dubbiu era Giesu…-

Sarina .- …Ca si muveva strati strati, cu l’occhi russi e ca cuda all’aria. Matri cchi scantu!-

Nunzia – Monsignore, cosa facciamo adesso?-

Vito – (scrollando le spalle ) Possiamo prima pregare e poi si potrebbe andare a cercare…il diavolo.-

Nunzia – Un momento. Stu diavolo era Giesu, oppore no?-

Vitu – S’era pe corna, si!-

Nunzia- Dilinquenti, sbruvogna famigghi.-

Sarina – Era il diavolo… forse travestito.-

Mela – Si sicura? Vidi ca si ti sbagghi fai ammazzari a n’innoccenti.-

Nunzia – Sarina a verità, cu era?-

Sarina- Era u diavulu! Diavulu! Ah. Ah, eccolo! U diavulu! (guarda come allucinata)-

Nunzia – Chista è invasata!-

Pippinu- Pari indiavolata.-

Mela – O posseduta d’o dimoniu?-

Vitu – Mah, chissacciu!-

Mela – Monsignore, esercitatela!-

Nunzia- Vorrebbe dire: esorcizzatela.-

Vito- Ma non è il saco…-

Mela – Monsignore, insisto!-

Vitu – Ma…forse…-

Mela – Volete piccioli? Ve li do!-

Vitu – Beh, allora…vediamo…certo si po’ fari: don Peppino, procedete.-

Peppino – Cui ju?-

Vitu – E cui me soru?-

Pippino – Ma voi siete l’esorcista, monsignore, ve ne siete scordato, per caso? (allusivo)-

Vito – (comprendendo) Ah, certamente, certamente…-

Mela – Fatelo per i morticeddi do priatoriu, e vi ricompenserò laudatariamenti.-

Vito – Ma non è per i soldi, badate…-

Nunzia – E allora fatela contenta.-

Vito- Sta bene, lo faccio. Voi statemi lontani, e tu Sarina, vieni, mettiti al centro della stanza. Don Peppino, assistetemi, come al solito.-

Sarina – Non voglio!-

Peppino- (Vito gli fa cenno e lui si avvicina a Sarina e le parla sottovoce) Sarina, senti a me, stai al gioco…ssst, muta… si è un gioco…una specie di triatru…collabora e nun succederà nenti a nuddu.-

Sarina – A nuddu? E a Giesu nenti? Ju vinni pi diraccillo a signora Nunzia e farici na frusta, na scenata.-

Pippinu – (come se la preparessa all’esorcizzazione) Ma quali frusta e frusta. Chiddu ha avuto già a sua particedda. (accenna alle corna) Iddu è già a postu! U dicisti tu stissa: aveva du corna lunghi un metro, o no? (solennemente) Sarina, sei già stata vendicata! Avanti và, ca ora tinni nesci pulita pulita. Intanto po mimentu tu a fari finta di contorcerti e di parrai, picchì parru ju o to postu. Tranquilla, dai.-

Sarina – Lo faccio per voi, reverendo, picchì mi faciti simpatia…-

Pepp.- Brava a carusidda. (accenna una carezza) E’ pronta, monsignore.-

Sarina incomincia a contorcersi, Vito fa fare buio nella stanza, ci sarà solo un cono di luce su di lui e  Sarina. Peppino, approfittando del buio si mette dietro Sarina.

Vito – In nomini di chiddu ca tutto movi nell’universu,

           spirto immondo e malignu d’azioni,

           ju, parrinu da tri ginirazioni.

           ti dicu vattinni e datti versu.

Pepp.- Pi Apollu e pe mortaci tui,

           tu cchi cosa cridi ca ju minni fui?-

Vito – Quel ciel che pigghia luci

           Ti mannau quaggiusu a picuruna!

           Ma ora, ordunque, duci duci,

           tu ti levi da li cugghiuna!-

Pepp.- Ju di ccà ‘n m inni vaiu

            Tu po fari i mavarii,

            ma pi mia passi u vaiu!-

Vitu – Spirto immondo:

           fuggi via!

           Prima ca sona

           L’AveMaria!-

Pepp- Di chissa nun mi scantu

          E p’accamora

          mi mettu nto cantu,
          alla bonora!-

Vitu – E u t’ammiscu u crucifissu

           ‘n facci. Ondi pi cui

           Pezzu di stuccafissu,

           lassa sta carusa e fui!-

Pipp- Ahi, ahi, cruci infami

         Sugnu abbruciatu di tali manera

         Ca è megghiu mortu di fami

         Ca stari ancora nta sta cantunera!-

Vitu – Fuggi allora marranu!

           E intanto ca ci si, dammi na manu!

           A fari susiri sta cristiana

           Macari se è… menza buttana!-

Sarina – Mi susu che me jammi… staiu bona oramai…ma chi mi successi? (ritorna la luce)-

Pepp.-  Nenti, abbiamo fatto un’esperimentu.-

Mela _ Ah, chissa cchi è, n’autra novità della chiesa? Bona pirò la sorcizzau!-

Vitu – Chissi e tant’autri (allusivo, guardando Nunzia e Peppino).

Si apre l’uscio ed entrano Giesu, Cicciu Scalora e la guardia, che non chiude la porta.

Giesu – Eccu i to marioli Mariu Panza ( fa cenno alla guardia).

Cicciu – Si, sunu iddi. I mangia pani a tradimentu! Attaccali Mariu!-

Giesu – Cchi vi dissi? Senza ombra di sbagghiu li sciaurai! Annunca: Sunu iddi!-

Vitu – Ahu, ahu, ahu, ma quali marioli, ma quali mangia pani a tradimento? (intanto lui e Peppino si tolgono l’abito) Noi siamo degli artisti, dei veri artisti. Ma purtroppo, momentaneamente, senza lavoro.-

Pepp.- E cchi vi pari a vui, semu i megghiu pupari d’o circondariu e macari macari.-

Giesu – E nuautri chi ce ne futti?-

Mela –(capendo finalmente) Mattri santissima, nun ssu parrini!-

Sarina – Su megghiu de parrini, nanna, senti a mia.-

Giesu -  (prendendo la valigia) Ah, ci si macari tu? Benissimo, accussì tutta a cumacca è al completo. Intanto, vuattri, messeri pupari, pigghiativi la valicia e filati!-

Dall’uscio aperto entra il prete.

Prete.- Scusate, era aperto, avete visto, per caso…(vede la valigia e le tonache) Ah, ecco dove sono le tonache. E quella è la mia valigia.  E chi è il ladro? Voi! (indicando Giesu che reggeva la valigia)-

Giesu – Cui ju? Ma…ma…-

Prete-  Arrestatelo!-

Giesu – Nu mumento, ccà c’è sbagghiu, grammi quannu na montagna…-

Prete- Intanto datemi la valigia, ladro.-

Guardia- E ora cchi fazzu?-

Cicciu- Eh cchi fai, attaccali a tutti!-

Giesu – Sugnu innuccenti!-

Sarina – Di cchi cosa? (beffarda)-

Vito – Un momento, calma tutti, signori, messeri, cavalieri e dame. Ccà l’unicu colpevoli sugnu ju. Sissignori, certo.Ju fici trasiri a stu mischineddu (indica Peppino) nta dda tratturia, mi farini dari ‘n tozzu di pani avanzato…ma, appoi, vidennu dda grazia di Diu ca ni passava davanti all’occhi, bella profumata, appetitosa, e all’invito ad accomodarci che ci fece  l’ostessa, non abbiamo saputo resistere, e ci siamo seduti: Ve lo giuro, volevamo ordinare solamente un piatto di pastasciutta e poi costituirci. Ma la fame presi il soppravventu e la bocca sollevò dal fiero pasto…( con tono drammatico)-

Cicciu- …e vi magiastutu na cona di robba. Quattro porzioni di lasagni, quattro di maccarruni…-

Guardia – Ohu nun incominciare con la litania.-

Vitu- Esattamente, perché, come si sapi, cosa chiama cosa. Appoi fuggimmo e, pi nun farini attaccari, abbiamo preso in prestito questa valigia, ma solo per travestirci e squagliarcela. Ecco reverendo i suoi abiti, e ci scusi tanto. Scusateci anche voi signora Nunzia se abbiamo approfittato della vostra ospitalità…e scusateci anche voi Mela.Avanti attaccatimi ( mostra i polsi alla guardia)-

Nunzia – Per me è stato un vero piacere…(con un sorriso malizioso) avervi avuto come ospiti graditi.-

Mela- Cchi sollievu, allura nenti novità strani nta chiesa?-

Vitu – Nenti, nenti attunnu.-

Prete- Beh, a me va bene così. Ho i miei indumenti e non voglio altro. Io sono un uomo di chiesa ed è mio dovere concedere il perdono. In una parola; Per me tutto finisce qui.-

Guardia – E pi tia Cicciu?-

Cicciu – Pi mia? Pi mia? Se l’attacchi i mei soldi li ripigghiu?-

Guardia – Chiddi ti po scurdari. (accenno di vigorosa conferma da parte di Vitu)-

Cicciu – E allora, se li cosi sunu accussì, va beni macari pi mia.-

Sarina – E macari pi mia, (guardando Peppino) se mi dati un passaggiu per la città.-

Pippinu – A pedi?-

Sarina – A pedi.-

Pepp.- ( reggendo ancora il personaggio del prete) Così sia.-

Vitu – Ahu, vidi ca nun si cchiù parrinu, ma aiutanti puparu.-

Mela – Fremmi tutti! Aspettati nu mumentu. (a Vitu) Aviti dittu ca siti puparu?-

Vitu – Sissignori, per servirvi.-

Mela – E stavolta è a verità?-

Vitu – Bedda mattri sant’Alfiu. (giurando)-

Mela – E allura fatimi vidimi cchi cosa sapiti fari. Su cinquant’anni ca nun vidu ‘n’opira de pupi.-

Tutti – Forza, avanti, miritativi il perdono, nenti carzaru, ecc.

Vitu -   (come se accondiscendesse magnanimamente) A disposizioni di lor signori.-

Mela – Fatimi u cummattimenti di Rinaldo e Ferraù per la bella Angelica.-

Giesu- E mittitici macari Orlando…-

Vitu -…furiosu?-

Giesu.- No, pazzu, mattu, foddi!-

Vitu – C’appoi ci passa a pazzia? Si metti a testa a postu?-

Nunzia- S’a metti, s’a metti.-

Giesu – M’a mettu, la mettu, supra o seriu.-

Vitu – (concentrandosi, intanto Peppino fa allargare tutti i presenti) Aiutante di un garzone apprendista, sì prontu?-

Pepp.- Prontissimu.-

Vitu- Allura attacca! ( luci che si abbassano, resta solo l’occhio di bue)-

Pipp.- ( con una pentola tolta dalle mani di Mela, fa come un rullo di tamburi) Rispittabili prubbrico! Semu qui venuti per cuntari la storia dei Paladini di Francia. In modo speciali la disfida di Orlando e Rinaldo contro il perfido Ferraù.

Il narratori è u zu Vitu Spiciali, cuntaturi di cunti a villa Bellini e, s’occorre, anche a villa Varagghi.

Iddu è u primu, e l’unicu grandi narratori d’o passato, prisenti e futuru.

Ecco a voi u zu Vitu Spiciali. Un applauso plise.-

Si fa avanti Vitu. (occhiu di bue su di lui) Si concentra, e quindi, con voce tonante attacca:

Vitu – Le dame e i cavalieri e l’armi vi cuntu,

di quannu Agramante, Re dei saracini,

vinni in terra di Francia e la svaliggiau attunnu.

Senza farisi bonu u cuntu cche paladini.

Ora, in quello momentu, u Re nun c’era,

Picchì ci sgravava la so mugghera.

Allora Carlu disse a so paladini:

curriti tutti contro i saracini.

U primu fu Rinaldu, prode e invittu,

Paladin e omu senza cunottu,

ca s’apprisintò in campu saracinu

e cinni dissi na sporta e nu cufinu!

Agramanti dissi: “ohibò,

chistu mi pigghia po popò,

“Ora t’abbess’ju, pezzu di minchiuni”

ammentri ca si stirava i mustazzuni.

“Chiamatimi Ferrraù,” tunò putenti,

“ca si l’alfila a chissu comu nenti,

a ssu bardasciu menzu malandrinu,

e accussì arriremu …fino a dumanimatinu.”

Ecco Ferraù che s’apprisenta, baldu,

pronto alla pugna in singolar tenzone,

ma comu visti in faccia lu boiardu         

sinni fuju comu nu saittone.

Agramante ordinò ordunque ai saracini

“Pigghiati u paladinu e facitini grissini”.

Ma quannu chiddu fu circondatu

Si ‘ntisi sunari nu cornu ‘n pocu stunatu.

Ed ecco ca spunta, tra la calca insana,

Orlando con in man la durlindana!

E appena lu vitturu li saracini

S’abbiano ‘ncoddu comu assassini.

A questo punto intenso della pugna,

Vidennu di luntanu tutta dda tigna,

Orlando sguaina la durlindana,

E sferrato un colpo pigghiatu alla luntana,

Con un sol fendente uccisi mille saracini.-

Tutti – Cala zu Vitu!-

Vito ( rabbuiandosi in viso) C’aviti u sbaddu? Oh…(pausa teatrale, poi, convinto)

E allora Orlando con un sol fendente

Uccise centu saracini…-

Tutti – Cala zu Vitu!-

Vito – (contrariato) E allora Orlando, eehhè eehhè, uccise dieci saracini…va beni accussì?-

Tutti – Cala, cala.-

Vito (indignato e furibondo) Ahu e cchi minchia di Orlando è, se c’un sulu colpu di durlindana, ‘n ammazza almenu dieci saracini? A vo cuccativi, vah!-

 L’occhio di bue lentamente si spegne.

Sipario.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno