Duje marite ‘mbrugliune

Stampa questo copione

DUJE MARITE ‘MBRUGLIUNE

dUJE MARITE ‘MBRUGLIUNE
da Les Dominos roses, di A. H. Hennequin e Delacour

Commedia in tre atti

Personaggi

D. Michele

D. Anastasia

Felice

Errico

Lucia

Rosina

Giulietta

Peppeniello

Marietta

Saverio

Giovanni

Un cameriere

ATTO PRIMO

Camera elegante in casa di Errico; una porta in fondo, 2 laterali ed una finestra, mobilia dorata, a destra un tavolino con l’occorrente per scrivere ed un campanello, a sinistra altro tavolino più grande su cui è appoggiato un album.

SCENA PRIMA

Giulietta, Michele ed Anastasia.

GIULIETTA: Favorite, favorite.

ANASTASIA: Comme comme, Rosina nun nce sta?

GIULIETTA: Gnernò, la signorina è asciuta a primma matina nzieme co la patrona mia, ma io credo che tricarranno poco a venì, pecché nun hanno fatto ancora colazione.

ANASTASIA: Comme, all’una nun hanno fatto ancora colazione? (Piano a Michele.) (Mamma mia e c’arruina!)

MICHELE: (Pecché arruina, a tavola mangiarranno cu cchiù appetito).

GIULIETTA: Chille mò torneno, si vulite aspettà?

ANASTASIA: E se capisce che io aspetto, chi se fide de venì n’ata vota fino a Toledo, io nun capisco comme se pò fà a stà de casa tanto luntano.

GIULIETTA: Comme, a Toledo lontano, ma luntano da dò?

ANASTASIA: Dalla casa mia, io stongo de casa dirimpetto a lo Serraglio.

GIULIETTA: E scusate, allora site vuje che state luntano, nuje stammo a lo centro de Napole. Basta, si avite bisogno de qualche cosa sunate lo campaniello. (Comme so’ curiuse tutt’e duje.) (Via.)

MICHELE (sfogliando l’album difotografie): (Quanto so’ bone sti ballarine).

ANASTASIA: D. Michè che staje guardanno lloco che me pare n’alleccuto.

MICHELE: Niente, niente, steva guardanno sti fotografie.

ANASTASIA: Voglio vedè pur’io. (Prende l’album e guarda.) E che poteva mancà tutte ritratte de femmene, e po’ vestute de chesta manera, chi scollata, chi vestuta da ommo, cheste hanna essere tutte ballarine, che scenuflegio! La verità, belli libre che tene D. Errico lo patrone de casa. (Getta l’album.)

MICHELE: Ma che male nce sta, quelle sono artiste.

ANASTASIA: Già, artiste, artiste, e se vestene de chella manera. D. Michè, nun voglia maje lo Cielo, e io appuro che tu vaje a truvà una de st’artiste, te scippo ll’uocchie.

MICHELE: (Vulesse lo Cielo e nce putesse j).

ANASTASIA: Già, chesta casa a me nun me persuade nu cuorno, cheste so’ gente senza regola, senza capa, vedite ccà, cunzole ndu rate, segge ndurate, io nun capisco che necessità nce po essere a spennere tanta denare, quatto segge de paglia, sarriano abbastate.

MICHELE: Sarriano stato meglio duje scannetielle de legname.

ANASTASIA: Guè, nun me cuffià che te scoppoleo.

MICHELE: (Seh! Scoppolea!).

ANASTASIA: Lo guaio sà quà è?

MICHELE: Qual è, lo guaio?

ANASTASIA: Che Rosina ncuntraje sta D. Lucia, mugliera de D. Errico, quanno venette a Napole a pigliarse li bagne.

MICHELE: Chell’erano cumpagne de scola, e pure Felice s’era cunusciuto cu D. Errico quanno studiavano.

ANASTASIA: E chesto sarrìa niente. A D. Lucia le venette ncapo pe causa de lo carnevale e de li carre, de fà stà dinto a casa soia a Napole a Rosina, mentre che chella se ne steva cujeta ad Avellino, e intanto Felice nepoteme, che ha da fà lo negoziante, vene a perdere lo tiempo a Napole, siente a me D. Michè, chesta è na brutta amicizia, e tu vederraje che Rosina se guasta.

MICHELE: Hai torto, D. Errico e D.a Lucia so’ bona gente.

ANASTASIA: E già, tu l’haje da difendere, se capisce, bona gente nu cuorno! D. Errico è un cattivo soggetto che va currenno appriesso a tutt’e gonnelle.

MICHELE: (Sientale siè).

ANASTASIA: E io me maraviglio che D.a Lucia lo lascia fà, senza ncaricarse de niente.

MICHELE: Ma, me pare, che quanno la mugliera nun se n’incarica è segno...

ANASTASIA: E già, capisco, tu sarrisse juto truvanno na mugliera comme a chella che te lassava sulo, ma pe grazia de lo Cielo io aggio apierto l’uocchie de lo primmo juorno che t’aggio spusato, pecché si no va trova che sarrìa succieso.

MICHELE: Ma io nun aggio fatto maje niente de male.

ANASTASIA: E se capisce, pecché io te so’ stata sempe ncuollo quanno ire figliulo, e pure mò che sì biecchio e spennato, si nun me stesse attiento quante me ne faresti.

MICHELE: Statte zitta.

SCENA SECONDA

Lucia, poi Rosina, indi Peppeniello, dopo Giulietta.

LUCIA (entra dal fondo ridendo): Ah, ah, ah, nun se fide cchiù lo povero figliuolo.

ANASTASIA: Uh! D.a Lucia.

LUCIA: Cammenate, cammenate, D. Peppeniè.

ANASTASIA: Comme Peppeniello sta ccà.

LUCIA (vedendo i due): Oh! Scusate signori miei si nun v’avevo visto, ma io non sapevo che vuje stiveve ccà, caro D. Michele.

MICHELE: D.a Lucia rispettabile.

ROSINA (entrando): Che veco, ziema sta ccà, è tiempo assaje che nce state aspettanno? Nuje simme asciute pe fà cierti spese.

LUCIA: Già, avimmo revutate tutte li magazzine de Napole.

ANASTASIA (a Michele): (Siente siè).

LUCIA: Ecco ccà D. Peppeniello, che carrea tutto chello c’avimmo accattato.

PEPPENIELLO (dal fondo carico di pacchi ed involti): Eccomi qua. (Che veco, ziema!)

ANASTASIA: Neh, bello galantò, comme va che staje ccà a chest’ora, nun sì ghiuto a fà lezione?

PEPPENIELLO: Sissignore zi zi, ma chillo lo maestro teneva nu dulore nfaccia a lo pede, e nun puteva parlà, pecchesto nun aggio potuto fà lezione, me ne steva turnanno a casa, ed ho incontrato queste signore.

LUCIA: Già, nnanze a li magazzine de Miccio.

ROSINA: E l’avimmo pregato de nc’accumpagnà, e si nun tenevene a isso, comme avarrieme fatte pe nce purtà sta rrobba.

MICHELE (Peppeniello ha fatto li recchie rosse rosse, scommettaria che ha ditto nu cuofene de buscie).

ANASTASIA: Va bene, ma me pare che non sia na bella cosa pe nu giovene c’ha da fà lo paglietta a ghì cammenanno pe mmiezo Tuledo cu tanta rrobe mmano.

PEPPENIELLO: Che volete, io stavo con delle signore.

MICHELE: Eh, me pare c’have ragione.

ANASTASIA: Statte zitto tu.

MICHELE: Haje tuorto sà.

ANASTASIA: Basta, sì ghiuto a farme mettere chella preta ncoppa a lo braccialetto?

PEPPENIELLO: Nonsignore zi zi, lo tengo ancora in sacca.

ANASTASIA: E va mò proprio da Franconero, e po’ quanno haje fatto, me viene a piglià a Puortece.

PEPPENIELLO: Gnorsl zi zi... Oh, vuje m’avite ditto ca lo braccialetto è pure troppo largo?

ANASTASIA: Sì, nu poco, me lo faje pure stregnere.

PEPPENIELLO: Mò ve vado subeto a servì. (Seh, staje fresca, mò penzo justo a lo braccialetto.) Permettete. (Saluta e via.)

ANASTASIA: E D. Felice comme sta, sta buono?

ROSINA: Sissignore, è asciuto a primma matina pe cierte affare.

ANASTASIA: Bisogna dì la verità, è nu figliulo che se fatica lo spirito sujo, e pe conseguenza ha d’avè nu zeffunno de bene ncoppa a stu munno.

GIULIETTA: La colezione è pronta.

LUCIA: Può astipà ogne cosa, pecché nun facimmo colazione. (Giulietta va via.)

ANASTASIA: E pecché, forze pe causa nosta?

LUCIA: Oh! Nò. Rosina e io, simme trasute dinto a du Caflisce e nc’avimmo mangiato cierti paste cu nu bicchierino de malvasia ch’era na bellezza.

MICHELE: (Malvasia... chi saa che sapore tenarrà).

ANASTASIA: (Doje figliole sole che vanno mangianno dinta addu capo de viscere, mamma mia).

SCENA TERZA

Errico, poi Felice e detti, poi Giulietta.

ERRICO (salutando): Signore, oh, caro D. Michele, buongiorno Lucia, D.a Rosina. (Le bacia la mano.)

ANASTASIA (a Michele): (Uh! Chella se fa vasà la mano).

MICHELE: (E che male nce sta).

ANASTASIA: (E già, pe te nun nc’è maje niente de male).

LUCIA: Possiamo sapere da dove vieni?

ERRICO: Sono andato a fare una passeggiata in carrozza, poi ho trovato certi amici e abbiamo fatto una partita al bigliardo.

ANASTASIA: (Bigliardo, carrozza, D. Michè tu siente).

MICHELE: (Tu che buò da me?).

LUCIA: A proposito, vì ca stasera a S. Carlo se fa nu ballo nuovo.

ERRICO: E c’aggia fà?

LUCIA: Comme c’haje da fà? Haje da piglià nu palco, pecché vulimmo j tutte quante stasera.

ERRICO: Ah! Già stasera se fa lo ballo nuovo a S. Carlo, e va bene, stasera andremo tutti a vedere il ballo nuovo, D. Michè, venite voi pure?

MICHELE: Io... a S. Carlo... con piacere.

ANASTASIA: Non pò venì, non pò venì, have che fà. (Dandogli un pizzicotto.) è vero che non si può?

MICHELE: Sissignore, aggio che fà, non si può. (Mannaggia l’arma de mammeta!)

LUCIA (ridendo fra sé): (Ah, ah, quanto so’ curiuse tutt’e duje).

FELICE (d.d.): Savè, non te piglià confidenza che no giorno de questo finisce male fra me e te.

ROSINA: Feliciello!

ANASTASIA: E cu chi l’have?

FELICE (d.d.): Io t’aggio ditto tanta vote sta al tuo posto.

ERRICO: Chi è stato?

FELICE (uscendo): Errì, io te prego fa stà a dovere a Saverio il tuo servo, pecché si no nce ncuitammo.

ERRICO: Ma ch’è stato?

FELICE: Quella bestia, sempe che me vede se mette a ridere, io non capisco che nc’è da ridere.

ROSINA: Ma comme le vene ncapo.

ERRICO: Va bene, ogge te do io la soddisfazione.

FELICE: Zizì, scusate che non vi ho salutata. (Bacia la mano.) Rosina mia cara cara... io lo Cielo lo ssape comme sto cu tant’affare pe la capa.

ROSINA: Pecché sì venuto accussì tarde?

FELICE: Lasciame stà, Rosina mia, lasceme stà, nun me lo dicere nemmeno, da stammatina che nun me fido cchiù de cammenà, io nun saccio D. Prospero che s’ha miso ncapo, io vengo a Napole pe stà na quinnicina de giorne riposato senza avè che fà, e chillo me manne lettere ore e mumente, dispacce, mò pe sapè na cosa, mò pe mannà a na parte, mò a n’ata, è n’affare serio, quanno so sciso aggio truvato nu dispaccio che diceva: «Ritirate ferrovia 400 balle cotone erzegovina dirette a D. Pasquale Friariello». Aggio avuto da correre a la ferrovia, aggio avuto aspettà, c’arrivava lo cuttone, e me so’ fatto uno gelo, po’ aggio avuta da j da stu D. Pasquale Friariello, nun nce steva, nc’aggio avuta turnà cchiù tarde, e va, viene, me so’ acciso proprio, i reni, i reni.

MICHELE: Sì, sì, s’è fatta scostumata bastantamente.

FELICE: Chi?

MICHELE: Irene la figlia de lo guardaporta.

FELICE: No, la figlia de lo castagnaro. Io dico me fanno male i reni.

MICHELE: Ah! La spina ntostata.

FELICE: No, la spina ammollata.

ROSINA: Povero Feliciello.

ERRICO: Ma stu negozio te rende assaje?

FELICE; Oh, pecchesto nun me pozzo lagnà, ma nun me dà nu mumento de tiempo, esco la matina e me ritiro la sera, io poi vi dico francamente, quanno era scuitato, nun me mpurtava niente, anze quanno era l’ora che m’aveva ritirà a casa, aveva na mazzata ncapo, ma da 3 anne a chesta parte, che me so’ nzurato, me dispiace, vurria stà cu muglierema, vurria j cammenanno cu essa, vurria stà sempe vicino a sta palummella mia, e non posso...

ANASTASIA: Lo siente, chiste so’ marite, vì quanta parole azzeccose dice la mugliera, tu nun me dice male niente.

MICHELE: Ma nuje mò, pecché avimma fa vummecà la gente.

FELICE: Ma io però me so’ miso ncapo de faticà tanto e tanto, di fare tanta economia, fino a che un giorno non ho bisogno di nessuno, e pozzo stà sempe vicino a sta sciasciona mia, zuccariello mio.

ANASTASIA (a Michele): Lo siente zuccariello, io non so’ zuccariello pe te.

MICHELE: Statte zitta, pinnola de sullimato.

ANASTASIA: E nu dubità figlio mio, che nc’arrivarraje, nc’arrivarraje, beneditto, beneditto.

MICHELE: (Auh! Povero guaglione, mò nun have cchiù bene).

ROSINA: Feli, vuò fà marenna?

FELICE: No, nun ghiammo spennenno cchiù denare, m’aggio pigliato lo cafè prima d’ascì e basta.

ANASTASIA (a Michele): (Lo siente, chisto nun bà pe dinto a li cafè e li trattorie).

MICHELE: (E io manco nce vaco).

FELICE: E ve credite c’aggio finito, aggio finito, mò aggia scrivere, aggia risponnere a li lettere, a li dispacce de lo socio mio, aggia fa le cunte... è n’affare da morire.

ROSINA: A proposito, stasera D. Errico piglia nu palco pe S. Carlo, nce jammo tutte quante.

LUCIA: Già, se fa lo ballo nuovo.

FELICE: Lo ballo nuovo, non so’ che piacere nce putite truvà... io già, non so’ se nce posso venì, aggio tanto che fà.

ROSINA: Oh, nun accumincià, tu haje da venì cu me.

FELICE: Rosì, lasceme stà, francamente, io nun me fido de vedè chelle ballerine tutte scomposte.

ERRICO: Statte a bedè che faje scrupolo.

FELICE: Io nun faccio scrupolo, ognuno penza come la vò.

ROSINA: Da na parte pure dice buono, ma intanto si nuje jammo, tu che te ne faje de la serata.

FELICE: Comme che me ne faccio, me corico, io sto accussì stanco, io... (Volendo dire che gli fanno male i reni) eh, la figlia de lo guardaporta, in conclusione, a me me fa male tutt’a figlia de lo guardaporta. Intanto Errì, vieneme a dà n’uocchio a sti cunte, pò essere che io sbaglio, e si sbaglio, nun sbaglio na cosa de niente, so’ balle de cottone, e si ne metto, mancante, addò vaco a mettere la capa.

MICHELE: Sì, sì, D. Errì, datece n’uocchio, perché nfaccia a la contabilità nun nc’è cautela che basta, pecché si se trattasse de nu sbaglio de una balla, putarria rimedià io, ne tengo una da tanto tiempo che nun la pozzo arrivà a smaltì.

FELICE: Ah! La tenite? E addò sta?

MICHELE: (La vi ccà, zieta, e chella e cchiù de na balla de cuttone).

FELICE: (Zi zì, nun pazziate, chella po’ ve sente e v’appiccecate). Va Errì, jammo.

ERRICO: Dunque stasera a S. Carlo.

FELICE: Errì, nun me ne parlà, si vuò che nce vengo, io vengo, ma doppo lo spartito me ne vaco, Io ballo nun lo voglio vedè, capisce, chelle figliole, tutte cose da fore...

ERRICO: Voi vedere che idea. (Via con Felice a sin.)

ANASTASIA: Neh, nuje nun ce ne jammo.

ROSINA: Che d’è, già ve ne vulite j?

ANASTASIA: Sì, jammo a Puortece a truvà n’amica mia che sta poco bona, e mangiammo llà.

LUCIA: Che nce jate a fà a Puortece, restateve a mangià cu nuje, nun facite cerimonie.

MICHELE: Con piacere.

ANASTASIA: Ma non pò essere.

ROSINA: Zizì, ma lo tiempo sta cattivo, si vene a chiovere, vuje nun tenite mbrello.

MICHELE: Stammece ccà.

ANASTASIA: Nonsignore, jammoncenne, a S. Ferdinando nce pigliammo lo tram.

LUCIA: Quando volete così. (Chiamando:) Giulietta.

GIULIETTA: Comandate.

LUCIA: Piglie duje mbrelle, e dalle a sti signure.

ANASTASIA: Ve ringrazio, po’ ve li manno a restituì.

LUCIA: Va bene, a commodo vuosto.

ANASTASIA: A rivederci, a rivederci (p.a.).

ROSINA: Stateve bene zi zi.

MICHELE: Ci vedremo cara D Lucia. (Le bacia la mano.)

ANASTASIA (vedendo baciare la mano): Ah! Stu viecchio licenzioso vedite quanta confidenza se piglia, bacia pure la mano, guardate llà nce l’ha spurcata tutta de tabacco... perdonatelo D.a Lucia dell’arbitrio che s’ha pigliato (le pulisce la mano) jammo ca parte lo tram, cammina, ca parte lo tram. (Viano.)

LUCIA: Ah, ah, ah! Chille mò so’ biecchie e ancora so’ geluse.

ROSINA: Quanno nu marito e na mugliera se vonno bene, nun se bada la vicchiaja, io per esempio a te t’invidio.

LUCIA: E pecché?

ROSINA: Pecché tiene nu marito che te po’ stà sempe vicino, l’affare nun te lo levano.

LUCIA: E tu te pienze che maritemo pecché nun fa niente se sta dinta a la casa?

ROSINA: Quanno nun have che fà?

LUCIA: Uh! Quanto te sbaglie, figlia mia. L’uommene che non hanno che fà so’ chille che stanno sempe cchiù occupate. Statte a sentì e po’ vide. A la matina escene pe ghirse a fà na passiata a cavallo, e lo juorno teneno quacche appuntamento ccà o llà, la sera hanna j a lo Club a farse a la partita, o a lo teatro, o pure quacche cenolella cu cierti signore...

ROSINA: E tu permiette a mariteto de fa tutto chesto?

LUCIA: Quanto sì scema, comme si chillo pò maritemo dimandasse permesso a me. E doppo, si io dicesse no, chillo lo faciarria senza dirme niente.

ROSINA: Oh, chesto nun pò essere;

LUCIA: Già, pecché tu cride che Feliciello nun faciarria pure lo stesso si le venesse ncapo. Li marite so’ tutte de na manera, cride a me.

ROSINA: Io nun te dico ca li marite so’ tutte na bella cosa, nce ne starranno de chille ca la penzano comme dice tu, ma po’ nce stanno pure chille che so’ buone.

LUCIA: Ah! Comme staje scarze de nutizie, Rosina mia, tu ancora te cride che nce stanno marite buone e marite malamente, a lo secolo passato, forze fra ciente marite, nce ne steva uno che vuleva bene a la mugliera, ma mò chi te li dà, so’ tutte na massa de scustumate, tu mò veramente cride che mariteto Feliciello te vò bene assaje e che nun facesse nisciuna sciocchezza.

ROSINA: Se capisce, maritemo è na perla, non va a na parte, nun fa na cosa, senza dirle primma a me.

LUCIA: Oh! Bravo. (Ride.)

ROSINA: Pare comme tu me cuffiasse, non me cride?

LUCIA: Te pare. (Ride.)

ROSINA: E sieguete a ridere.

LUCIA: E che buò che me metto a chiagnere? Tu che dice che mariteto è na perla? Comme vuò tu, anze pe te fà piacere, te dico che tutte li marite, so’ diamante, so’ brillante addirittura.

ROSINA: Me lo dice de na manera che...

LUCIA: E comme vuò che te lo dico.

ROSINA: Embè tu mò sì tanto deritta, sà che buò fà, ammenta na cosa qualunque ‘pe mettere a la prova Felice.

LUCIA: è inutile, Felice mariteto, è nu marito nummero uno.

ROSINA: Tu me cuffie, scummettimmo.

LUCIA: Vuò scummettere?

ROSINA: Chello che buò tu.

LUCIA: Embè, già ch’è chesto, facimmo na cosa.

ROSINA: Che cosa?

LUCIA: Statte a sentì. Stasera nce sta a lo Fondo, un magnifico veglione in maschera, nce va nu sacco de gente, vulimmo scummettere che si mariteto have na lettera nce va?

ROSINA: Na lettera! Che lettera!

LUCIA: Na lettera de na femmena.

ROSINA: De na femmena! Oh! Ncoppa a chesto pozzo durmì a ciente cuscine... nun nce va.

LUCIA: Nce va, nce va...

ROSINA: Ma comme tu cride che mariteto nce jarria?

LUCIA: Ne so’ certa; anze, m’è venuta na bona idea, mò faccio la prova pure cu isso... accussì pare ca lo dispiacere mio te conzolarrà de lo tujo.

ROSINA: Lo mio?

LUCIA: Staje in dubbio? Lo vì che te miette paura.

ROSINA: Paura, manco pe suonno, so’ pronta a fa tutto chello che vuò tu.

LUCIA: Veramente?

ROSINA: Veramente!

LUCIA: E già ch’è chesto, lassa fà a me. (Guardando sul tavolino.) E ccà mò nce stanno sule li fugliette cu li cifre d’Errico. Giulietta. (Chiamando.)

SCENA QUARTA

Giulietta e dette.

GIULIETTA: Cummannate.

LUCIA: Giuliè, famme nu piacere, va addo cartaro de rimpetto fatte dà dei foglietti e degli envelopp cu quacche bella curona nfaccia, haje capito?

GIULIETTA: Cu quacche corona de nobele.

LUCIA: Per l’appunto.

GIULIETTA: Mò ve servo. (Via poi torna.)

ROSINA: E pecché sta corona?

LUCIA: Capisce, nu fuglietto cu na corona, le farrà credere che sia na Marchesa o na Duchessa che scrive.

ROSINA: A proposito, che scummettimmo?

LUCIA: Chello che vuò tu.

ROSINA: Ma comme putimmo fà pe sapè?

LUCIA: Si sò ghiute a lo veglione? (Pausa.) Che bella pensata, nce jammo nuje pure.

ROSINA: Nuje! A nu veglione de teatro?

LUCIA: E pecché no?

ROSINA: No, io me metto paura.

LUCIA: Paura! Che scema! Lassa fà a me che nisciuna te mangiarrà. Nuje starrammo sempe nzieme, e intanto putimmo scummiglià li mbroglie de sti duje signorine.

ROSINA: E tu te pienze che se io veramente vedesse Felice a lo veglione, me putarria trattenè? Oh, no, io le scipparria tutt’e duje l’uocchie.

LUCIA: Farrisse na bella figura. Lassa fà a me... io me ncarrico de mariteto.

ROSINA: Tu?

LUCIA: E consegno a te lo mio.

ROSINA: Veramente... nun saccio...

LUCIA: E de che te miette paura? Io aggio fiducia in te, e tu credo che nun dubitarraje de me.

ROSINA: Nun è pecchesto, ma si Felice nun nce va, comme ne so’ certa, e mariteto sì, allora che succede? Tu rieste sola, mentre io...

LUCIA: Allora, facimmo accussì: tanno jammo a lo veglione, quanno tu haje avuta la prova certa che Felice nce va... va buono?

ROSINA: Mò va buono. Stasera passarrammo la serata dinta a la casa.

LUCIA: Cride tu!

GIULIETTA (con foglietti): Ecco ccà li fugliette.

LUCIA (osservando): Bravo! Che bella corona!

GIULIETTA: Ma io so’ l’unica a comprà fugliette.

LUCIA: Se credarranno d’avè che fà justo cu na principessa. Sì, ma mò che nce penso a lo carattere nuosto se cunosce si scrivimmo nuje; Giuliè, dimme na cosa tu saje scrivere?

GIULIETTA: Gnorsì, so’ ghiuta tanto tiempo a la scola.

LUCIA: Allora, assiettete ccà, e scrive cu nu bello carattere.

GIULIETTA (eseguendo): So’ lesta.

LUCIA (dettando): «Questa sera a mezzanotte al Veglione del Fondo d’innanzi al...». Addò se pò dà n’appuntamento?,

GIULIETTA: Lassate fa a me, io saccio addò se danno l’appuntamente. (Scrive.)

LUCIA: Tu che haje scritto, d’innanzi al buffè.

GIULIETTA: E che là se danno l’appuntamente.

LUCIA: Ma nun sta pe na Marchesa o pe na Duchessa.

GIULIETTA: Pecché la Duchessa e la Marchesa nun mangiano?

LUCIA: Ma non in questa circostanza. Va, scrive da capo. (Giulietta prende un altro foglietto e scrive:) «Questa sera a mezzanotte al Veglione del Fondo nel corridojo della 1a fila» e miettece pe firma «Un Domino color di rosa».

GIULIETTA: Rosa. (Terminando di scrivere.)

LUCIA: Va bene, scrivimmoce n’ata mò. (Detta a Giulietta che scrive:) «Questa sera a mezzanotte nel veglione del Fondo, sotto l’arco del palcoscenico a mano destra» e per firma «Un Domino color di rosa.»

GIULIETTA: Ecco fatto.

LUCIA: Fance l’indirizzo, a una «Al Sig. D. Felice Sciosciammocca».

GIULIETTA (sorpresa): Che!

LUCIA: Statte zitta.

GIULIETTA: Ma po’ me dicite tutte cose?

LUCIA: Te lo diremo. «Via Roma, già Toledo n. 345 sue proprie mani.» E a chest’ata «Al Sig. Errico del Fiore, Via Roma, già Toledo n. 345 sue proprie mani». (Prendendo le lettere e mettendole nelle buste.) Giuliè, sienteme buono, chesta è na pazzia che nuje vulimmo fà a li marite nuoste, tu mò saje che haje da fà, pigliete sti doje lettere, le darraje una a Errico maritemo, e l’ata a D. Felice lo marito de Rosina, senza farne addunà a nisciuno, comme se trattasse de na cosa segreta, dicenno che l’ha purtato un servitore in gran livrea.

GIULIETTA: Ma nce le pozzo dà a tutt’e duje nzieme?

LUCIA: No, primma a uno e po’ a n’ato.

GIULIETTA: Va bene, aggio capito tutte cose, vulite niente cchiù?

LUCIA: Aspetta, po’ vaje a da sarta a lo magazzino de rimpetto, e te faje dà pe stasera un domino color di rosa comme a chillo che teng’io.

GIULIETTA: Vuje vulite j a lo veglione nzieme cola signurina, mò aggio capito.

LUCIA: Sì.

GIULIETTA: Allora signurì, scusate che ve dico na cosa, lo domino che tenite vuje è viecchio, e vicino a chillo della signora D’ Rosina nce fa na cattiva figura.

LUCIA: E pure dice buono, allora sà che buò fà, invece de uno te ne faje dà duje domino color di rosa.

GIULIETTA: Sta bene, nce penz’io.

LUCIA: E nuje jammece apparicchià li veste.

ROSINA: Vì quanto tiempo te piace de perdere.

LUCIA: Po’ vedimmo.

ROSINA: Oh, pe me ne so’ sicura. ( Viano a destra.)

GIULIETTA: Aggio fatto na bella penzata, stasera quanno tutte quante se ne so’ ghiute, io piglio lo domino viecchio de la signurina, me lo metto e vaco pur’io a lo veglione... ma cu chi vaco, chi m’accompagna, chisto è lo mbruoglio... Uh! Zitto, vene D. Feliciello.

SCENA QUINTA

Felice e detta, poi Errico, indi Michele e Peppeniello.

FELICE: Guè, Giuliè staje lloco?

GIULIETTA: Sissignore.

FELICE: Rosina addò sta?

GIULIETTA. Sta dinto co la signorina, e fortunatamente che poco prima nun ce steva.

FELICE: Pecché?

GIULIETTA: Mo proprio è venuto nu servitore cu na bella livrea, m’ha dato na lettera cu tanta segretezza, dicenneme che l’aveva cunsignà a buje quanno stivene sulo.

FELICE: Addò sta?

GIULIETTA: Eccola ccà. (Gliela dà guardando a destra con precauzione.)

FELICE: (Chi sarrà?). (Apre la lettera.) (All’arma de la curona!) (Legge e lazzi a piacere, poi finge di leggere ad alta voce:) «Egregio Sig. D. Felice, quando partirete fatemelo subito sapere, perché voglio farvi vedere una qualità di cotone...». E sempe cottone, sempe cottone!

GIULIETTA: (All’urdemo haje da vedè comme haje lo cottone).

FELICE: Ecco qua, mò aggia risponnere a quest’altra lettera, a quest’altro signore che mi scrive. Giulietta mia è un affare serio, è una vita infame!

GIULIETTA: Avite ragione, avite ragione. (Vì che faccia tosta.)

FELICE: (E chi sarà questo Domino color di rosa, fosse chella signora che ncuntraje l’autriere, o pure chella signora che io guardaje dinto a nu palco. Intanto comme faccio, io aggio ditto a muglierema che stasera mi coricava.., e si nun me cocco, aggio j a S. Carlo.., no, io st’occasione nun la perdo... statte, aggio fatto na magnifica pensata, mò vaco a fà subeto nu telegramma a D. Prospero e le dico: «Mandatemi a chiamare subito telegraficamente, inventate na scusa qualunque». Bravo, sangue di Bacco!). Giuliè, io mò torno.

ERRICO: Felì, addò vaje? (Uscendo.)

FELICE: Errì, mò vengo, vado a mpustà certe lettere.

ERRICO: E mannece lo servitore.

FELICE: E nun pò essere... pecché io l’aggio d’assicurà, so’ lettere cu denare... torno subito.

ERRICO: Ma siente...

FELICE: Io mò torno, io mò torno. (Via correndo.)

ERRICO: E come corre.

GIULIETTA: Signorì...

ERRICO: Che c’è?

GIULIETTA: V’aggia dà na lettera.

ERRICO: Na lettera?

GIULIETTA: Sissignore, poco prima è venuto nu servitore cu na bella livrea, e m’ha ditto: Date questa lettera al Sig. D. Errico del Fiore, ma però quanno sta sulo. Signorì me raccomanno avisseva dì quacche cosa a la signorina.

ERRICO: Va bene, addò sta la lettera.

GIULIETTA: La vedite ccà.

ERRICO (prendendola): E brava, nò, tu progredisce a fà sta professione, sì proprio adattata.

GIULIETTA: Io lo faccio sulo cu vuje, pecché ve voglio bene.

ERRICO: Vedimmo che dice. (Legge:) «Questa sera a mezzanotte nel veglione del Fondo sotto l’arco del palcoscenico a mano destra. Un Domino color di rosa». N’appuntamento anonimo... Uhm... mò vedimmo, si S. Carlo finisce priesto nce vaco un poco. (Conserva la lettera.)

GIULIETTA: (Chisto me piace ch’è franco franco. Ebbiva la sciampagneria). (Guardando in fondo.) Signorì sta venenno D. Peppeniello nzieme cu D. Michele. (Che bella penzata, si m’accompagnasse D. Peppeniello...)

MICHELE: Neh, nuje venimmo a restituirve li mbrelle...

PEPPENIELLO: Tiene bella figliò. (Le dà gli ombrelli.)

GIULIETTA: (Mò scrivo n’ata lettera e nce metto pe firma: «Un domino color di rosa», e nce la dongo a D. Peppeniello). (Via.)

ERRICO: E nun site juto a Puortece?

MICHELE: No, nce avimmo pensate meglio, siccome muglierema aveva da j a truvà n’amica soja a Puortece che sta malata, e io me seccava bastantamente d’andarce, pure pe nun piglià tutto chillo viento, l’aggio accompagnata fino a lo tram e l’aggio fatta j a essa sola.

ERRICO: Uh! E comme và che v’ha lassato?

MICHELE: Eh... pecché l’aggio promesso che me ne turnava a la casa e l’aspettava nfino a ogge senza mangià!

ERRICO: Ah, ah, ah, questa è proprio curiosa.

PEPPENIELLO: E per mia disgrazia l’aggio ncuntrata a lo puntone de lo vico, e chella m’addimmannato n’ata vota de lo braccialetto.

MICHELE: Ma c’haje fatto, nce l’haje purtato accuncià o no, dì la verità te l’avisse mpignato.

PEPPENIELLO: Che mpignato, lo vedite ccà lo tengo dinta a la sacca. (Lo mostra.)

MICHELE: E fancillo accuncià.

PEPPENIELLO: Nun aggio avuto tiempo, quanno è ogge nce vaco.

ERRICO: Intanto stammatina mangiate cu nuje.

MICHELE: E che saccio, si chella l’appura.

ERRICO: E che fa, D. Michele mio, voi non sembrate mai un uomo, v’avite fatto mettere proprio li granfe ncuollo; e fate l’uomo.

PEPPENIELLO: Zi zio mio, vuje me parite nu turzo de carcioffola.

ERRICO: (No, bello rispetto che ha lo nepote de lo zio).

MICHELE: Sì, dice buono, ma da oggi in poi voglio fare l’uomo, perché l’uomo è superiore, l’uomo ha da stà sopra, e la donna sotto.

SCENA SESTA

Lucia, Rosina e detti, poi Giulietta, indi Felice poi Saverio.

LUCIA: Che d’è D. Michè, vuje state ccà?

MICHELE: Sissignore, siamo venuti a restituirvi gli ombrelli.

LUCIA: Oh, ve putiveve sparagnà sta venuta, se ne parlava dimane.

ROSINA: E zì Anastasia?

MICHELE: E ghiuta a Puortece.

ERRICO: Intanto D. Michele nzieme cu Peppeniello, nce danno l’onore de mangià cu nuje stammatina.

LUCIA: Oh! Bravissimo. (Chiamando:) Giulietta?

GIULIETTA: Comandate.

LUCIA: Miette a tavola n’ati duje poste.

GIULIETTA: Va bene.

LUCIA: (Neh, le lettere?).

GIULIETTA (L’aggio cunsignate).

ROSINA: (Pure a Feliciello?).

GIULIETTA: (Gnorsì, e D. Feliciello se n’è ghiuto de pressa de pressa).

ROSINA: (E pecché?).

GIULIETTA: (E chi lo ssape). (Piano a Peppeniello.) (D. Peppeniè, sta lettera vene a buje, l’ha purtata nu servitore cu na bella livrea, m’ha ditto che l’aveva cunsignà a buje quanno stiveve sulo. Stateve attiento.)

PEPPENIELLO: (Grazie tanto). (Prende la lettera e la va a leggere infondo, dopo letto fa segni di contentezza.)

GIULIETTA: (Nce vene, nce vene, oh, che piacere). (Via del fondo.)

PEPPENIELLO: (A mezzanotte vicino al buffè, e chi sarrà?).

ERRICO: D. Michè, se voglio fà pruvà nu bicchiere de Corassò doppo mangiato proprio scicco.

MICHELE: Corassò, va trova che sarrà.

ERRICO: Comme nun lo sapite?

MICHELE: Addò, chi l’ha provato ancora.

FELICE: Signori miei eccomi qua.

ROSINA: Addò sì ghiuto neh Feliciè?

FELICE: So’ ghiuto a mpustà cierti lettere. (Aggio combinato tutte cose.)

ROSINA: Mò nun haje cchiù che fà?

FELICE: Eh, mò tengo na mezz’ora de tiempo, almeno quando mangio.

ROSINA: Ed haje deciso stasera de coricarte?

FELICE: Rosina mia, se assolutamente vuoi che vengo a S. Carlo, io vengo, saje che per farte piacere, io faccio tutto.

ROSINA: Ed io ti ringrazio.

FELICE: Neh, ma quanno mangiammo, io tengo appetito.

ERRICO: Sai, D. Michele mangia con noi.

FELICE: Oh! Che piacere, e zi zia?

MICHELE: E ghiuta a Puortece.

FELICE: Bravo, accussì putite stà nu poco cujeto.

MICHELE: D. Errì, ve vurrja dicere na cosa. (A parte.)

ERRICO: Che cosa?

MICHELE: Stasera vularria venì pur’io a S. Carlo, nun l’aggio visto ancora, ne vorrei avere un’idea.

ERRICO: Non sapeva che era, va bene, venite cu nuje, anze quanno è doppo, se volete ve faccio fà la conoscenza de na ballarina scicca, na guagliona che mette il sangue in agitazione.

MICHELE: D. Errì, vulesse lo Cielo, già me sento fà li carne picone picone. Oh! E cu muglierema comme faccio?

ERRICO: Ammentate na scusa qualunque, dicite che site stato cu n’amico.

MICHELE: Va bene, nce penz’io. (Oh! e io mò nun tengo denare, si me succede qualche cosa.)

PEPPENIELLO: (Chello che sto pensanno è che tengo na lira dinto a la sacca, comme facio pe gghì a lo veglione?).

MICHELE: (Mò me faccio prestà na cinquantina de lire da Peppeniello nepoteme).

PEPPENIELLO: (Mò me faccio prestà na quarantina de lire da zì Michele).

MICHELE: Peppeniè?

PEPPENIELLO: Zì Michè?

MICHELE: Me putisse prestà na cinquantina de lire?

PEPPENIELLO: Io! Vedete la combinazione, io pure questo ve vuleva dicere si na quarantina de lire me le mprestaveve.

MICHELE: Aggio capito tutte cose, l’incurabele era juto soggetto a la Nunziata. Aggia fà la faccia tosta cu D. Errico.

SAVERIO: Un dispaccio per D. Felice Sciosciammocca.

FELICE: (Nce simmo, comm’è ghiuto a puntino). Un dispaccio per me.

ERRICO (lo prende e legge): Sì, vene a te. (Saverio via.)

ROSINA: Aspettave quacche cosa?

FELICE: Io no, niente. (Prende il dispaccio.) Neh, nu dispaccio.

ERRICO: Va buono liegge.

FELICE (aprendolo): Neh, nu dispaccio.

ERRICO: L’avimmo capito, e mò legge sì.

FELICE (guardando): Vene da Sarno, da la Filanda. Neh, nu dispaccio.

ROSINA: E bide ch’è?

FELICE (dopo letto): Ah! Che seccatura. (Battendo il piede a terra.) Solamente a me succedene sti cose, nce jarria mpazzia!

ROSINA: Ma se pò sapè ch’è stato?

FELICE: è D. Prospero, lo socio mio, liegge tu stessa. (Le dà il telegramma.)

ROSINA (legge): «Debbo partire subito Avellino, aspetto voi onde partire, vostra presenza urge. Prospero».

LUCIA: (Vene overo da Sarno).

ROSINA: Vale a dicere che haje da partì?

FELICE: E te pare, non posso perdere un momento, va trova che sarrà justo stasera che io aveva ditto a chella che ghieva a S. Carlo, è una vita che non posso proprio sopportà... Mannaggia all’arma... (S’arrabbia.)

ERRICO: E nun t’arraggià.

GIULIETTA: Lo pranzo è pronto.

ERRICO: Meh, mangete prima qualche cosa e po’ vaje.

ROSINA: E se capisce.

FELICE: Mò lesto lesto me mangio qualche cosa.

ERRICO: Va, jammo a tavola.

FELICE: Mentre vuje jate, io me vaco a fa lo sacco de notte, me piglio na cammisa, nu barrettino.

ROSINA: Mò vengo io.

FELICE: Non c’è bisogno, va a tavola, io saccio addò sta la rrobba... ma comme stasera che io aveva ditto a Rosina... mannaggia l’arma... (Via arrabbiandosi.)

ERRICO: Jammo D. Michè, D. Peppeniè. (Via con Peppeniello.)

MICHELE: Stu guaglione s’è mbrugliato dinto a lo cottone ca è n’affare serio. (Via.)

LUCIA (a Giulietta piano): (Giuliè, va vide D. Felice che mette dinto a lo sacco de notte). (Giulietta via dove è entrato Felice.)

ROSINA: Che ne dice neh Lucì, te sì fatto capace che Feliciello nun è nu marito malamente?

LUCIA: Ma la lettera se l’ha pigliata.

ROSINA: Se l’ha pigliata, ma che vò dicere, quanno nun nce va... a me nun me l’ha ditto pe nun me fa dispiacere... agge pacienza tu nun haje da fà ogne erba nu fascio, nce stanno li buone e li malamente. (Ride.) Ah, ah, ah!.. se n’era venuta la curona de Contessa, lo servitore co la livrea, ah, ah, ah... ogni regola vuole la sua eccezione. (Via.)

LUCIA: Me fosse ngannata cu D. Feliciello... allora sarrìa sulo maritemo lo birbante!

GIULIETTA (correndo): Signurì nce va, nce va, aggio visto da dinto a lo pertuso de la mascatura che D. Feliciello metteva dinto lo sacco de notte lo frak, lo gilè, lo cazone niro, e nu paro de guante.

LUCIA: Tu che dice?

GIULIETTA: Uh! zitto, zitto, sta venenno da chesta parte.

LUCIA: Vattenne. (Giulietta via pel fondo. Lucia si nasconde a 2a a d.)

FELICE (con sacco da notte, vedendo che non c’è nessuno, dice): M’aggio purtato tutte cose pe ghi a lo veglione, stanotte me voglio sfrenà, voglio fà cose de pazzo. (Via correndo pel fondo.)

LUCIA (viene avanti): Ah! Nun m’era ngannata, lo dicevo io. (Al pubblico.) Site tutte, tutte de na manera!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Sala d’un Restaurant, porta in fondo e 4 laterali, quelle a sinistra sono segnate coi numeri 1 e 2, quelle a destra coi numeri 3 e 4. In mezzo una gran tavola con ogni specie di vivande e con 2 candelabri accesi, bottiglie di sciampagna, fiori ecc. Un lampadaro acceso al centro.

SCENA PRIMA

Giovanni, Cameriere, poi Michele e Marietta ed altri Camerieri. (All’alzarsi il sipario l’orchestra suonerà un valzer, indi d.d. si sentiranno delle voci: «Cameriere, Cameriere», e delle bussate di campanello.)

GIOVANNI: Che bella nottata, che signure cu li ciappe che nce stanno a stu veglione, si nun m’abbusco 100 lire sane sane stanotte, quanno m’abbusco. (Guardando in fondo.) Venene cchiù gente. Nu viecchio nzieme cu nu fulletto.

MICHELE: Cameriere. (Dal fondo con Marietta da mascherino sotto al braccio.)

GIOVANNI: Comandate eccellenza.

MICHELE: Tiene na stanzetta appartata.

GIOVANNI: Sissignore lo nummero 1, nun nce sta nisciuno.

MICHELE: Benissimo, prepara per due.

GIOVANNI: Subito. (Al Cameriere che esce dal n. 4.) Apparrecchio per due al n. 1.

CAMERIERE: Subito. (Via nel n. 1.)

MICHELE: Dimme na cosa cameriere, che ci possiamo cenare?

GIOVANNI: Ecco ccà la nota.

MICHELE: La nota a uso de lavannara. (Guardando la nota.) Mamma mia e quanta roba, e chi se fide de leggere tutto chesto. Me mbroglio, ccà stanno tanta nome e cognome.

GIOVANNI: Nome e cognome! Quelle sono le pietanze.

MARIETTA: Dateme ccà, mò vedo io.

MICHELE: Sì, sì, me faje piacere, scegli tu, fatella mia.

MARIETTA: Ma vuje vedite la combinazione, justo stasera che nun tengo appetito affatto affatto.

MICHELE: No, tu t’haje da mangià na cusarella, pecché si nun veco mmuccà a te, comme pozzo mmuccà io.

MARIETTA: Allora na cusarella leggiera leggiera... Cameriè scrive.

GIOVANNI: Subito. (Prende lapis e carta.)

MARIETTA: Due polli al forno.

MICHELE: Te piace lo pullastiello?

MARIETTA: è cibo leggiero. Due fette di genovesa rifredda... nce vulite lo cuntorno de funghe?

MICHELE: No, nce pericolo de la vita.

MARIETTA: Allora nce vulite li pesielle?

MICHELE: Lascia sta, li pesielle so’ discenzuse.

MARIETTA: Cameriè lo cuntorno de funghe, e dinto nce miette na muneta d’argento, bada che la moneta la voglio vedè a tavola.

MICHELE: (Accussì se la magna pure).

MARIETTA: Na palaja fritta... nce vulite li treglie?

MICHELE: Nò, li treglie mangiatelle tu, pecché le mie le tengo a la casa (quanno muglierema appura che so venuto ccà).

MARIETTA: Na scaloppina al marsala.

MICHELE: Che d’è mò la scaloppina?

MARIETTA: Ah! è na piatanza scicca.

MICHELE: Pecché scaloppina, nuje vulimmo intendere quanno uno scappa.

MARIETTA: Ah, ah, ah. (Ride.) Quattro dozzine d’ostriche.

MICHELE: E nuje crepammo.

MARIETTA: Vuje ve l’avita mangià co lo limone.

MICHELE: Se sape co lo limone me lo mangio.

MARIETTA: Na nzalatella de rinforzo.., eh, la nzalatella nce vo.

MICHELE: Sicuro, all’urdemo nce vò lo cetrollino dinto a l’acito.

MARIETTA: Na fetta de pizza dolce. Vuje vulisseve la rustica, eh, de la faccia me ne songo addunata che ve piace la rustica.

MICHELE: No, lascia stà.

MARIETTA: Sà che buò fà, puorte l’una e l’ata.

MICHELE: Eh! Accussì nun te mbruoglie.

MARIETTA: E po’ nce vulimmo cunzulà lo stommaco, nce puorte nu poco de cister.

MICHELE: All’urdemo accussì succede, nce menene ncuollo nu poco de cisto e nce appiccene a tutt’e duje.

MARIETTA: Ah, ah... vuje c’avite capito? Cister, è formaggio inglese, serve pe diggerì.

MICHELE: Allora porta miezo litro de cisto.

GIOVANNI: (E sì, ha d’appiccià la garsella).

MARIETTA: Due porzioni. E pe frutte... pere e uva.

GIOVANNI (meravigliato): Pere e uva.., ma l’uva...

MARIETTA: Che d’è nun ce ne sta?

GIOVANNI: Comme nun nce sta, a stu veglione me faceva mancà l’uva, voleva dire che va cara, e lo signore duje 3 rappolille me dà 5, 6 lire.

MICHELE: Porta sule pere... radici...

MARIETTA: E pecché... che li denare nce l’avimma purtà appriesso... li frutte de contratiempo se mangiano.., portate doje pigne d’uva.

GIOVANNI: Va bene.

MICHELE: (E ha ditto che nun senteva appetito).

GIOVANNI: E per vino?

MARIETTA: No, no, vino nun ne parlà, lo vino me stona, me fa votà la capa.

GIOVANNI: Ma comme mangiate senza vino?

MARIETTA: Nun ne parlà de vino, se no me ne vaco (p.a.).

MICHELE: Chella nun ne vò, mò ne la faje j.

GIOVANNI: Ma scusate, vuje ncoppa a carne vevite acqua, ncoppa a l’ostreche l’acqua, ncoppa a lo fritto acqua, e vuje facite la panza accussì, lo dico per bene della vostra salute... 3 o 4 bottiglie de vino nce vonno.

MICHELE: (Quanno è antipatico stu cammariere).

MARIETTA: Sentite, chillo pure dice buono, nu poco de vino nce vò.

MICHELE: Allora porta mezza butteglia de vino,

MARIETTA: Sà che buò fà, scrive. Cu li piatte de carne nu poco de Madera.

MICHELE: Porta a Madalena.

MARIETTA: Che Madalena. Madera, vino forestiere: Cu li pullastre na butteglia de Malaga, co lo fritto lo Bordò, cu li dolce lo Lunell, coll’ostriche do Frantignano, e cu li frutte...

MICHELE: (Na spata ncuorpo!).

MARIETTA: Doje butteglie de sciampagna. Vulimmo fà nu brindisi.

MICHELE: Già nuje simme l’idea de la sciampagnaria.

GIOVANNI: E pe farve vedè ve voglio purtà pure la vedova.

MICHELE: Dopo pranzo.

GIOVANNI: Quanno s’è ditto lo sciampagna della vedova, basta, perché è la migliore qualità, e po’ io lo signore nun nce lo faccio pagà caro, doje bottiglie quanno m’ha dato 50 lire songo bene pagate.

MICHELE: (Stu cammariere è proprio antipatico).

GIOVANNI (dà la carta che ha scritto al Cameriere che esce dal n. 1): Questa nota e subito. (Il Cameriere prende la carta e via pelfondo.) Trasite, jateve assettà.

MICHELE: Trase, trase bella mia.

MARIETTA: Cameriere, ti raccomando, tutta roba buona, pensa che lo signore è splendido, a niente a niente stasera te le regala 2, 3 Napuleone. (Via nel n. 1.)

MICHELE: (De gesso).

GIOVANNI: Nun dubitate.

MICHELE: Cameriere?

GIOVANNI: Comandate.

MICHELE: L’uva portatela finta, la comprate dinto a li Guantare, chella che mettene vicino a li cappielle, chella la signurina la vede e s’appaga la fantasia.

GIOVANNI: Vuje che dicite, e si la signurina se la vò mangià che mazzeca pezze... vammacia.

MICHELE: Già, haje ragione, pecché sai, me pare troppo esagerato lo prezzo, io lo mese passato cu meza lira n’avette na mappata.

GIOVANNI: Ma addò la comprasteve?

MICHELE: Passaje lo ciuccio pe sott’a casa mia e la compraie.

GIOVANNI: Vedite buono che nun fuje lo mese passato, mò è contratiempo e va cara, io pe n’avè nu chilo aggio cammenato 3° 4 paise, e aggio spiso sulamente de carruzzelle na ventina de lire.

MICHELE: Ma ch’è oro, argiento...

GIULIETTA: Basta, jatevenne, mò ve porto tutt’o chillo e resta a vostra disposizione.

VOCE (d.d.): Cameriere?

GIOVANNI: Pronto. (Via fondo a destra.)

MICHELE: Mamma mia, che bella cosa, e chi c’era stato ancora a sti parte, c’ammuina, che chiasso, e che belli denare se spennene. A proposito de denare, chillo D. Errico m’ha prestato 50 lire, va trova si nce la faccio, comm’ha parlato chillo cammariere, ccà senza la cammisa me mannano a casa. Mò l’avarria sapè muglierema, chella lo cchiù poco m’accedarria, a vedereme cu na figliola pe chisti luoghe, pensannoce sulamente, me sento venì lo friddo; ma è na bella guagliona però, D. Errico m’aveva ditto ch’era scicca e veramente accussì è. Ah! si tenesse 20 anne de meno! Intanto muglierema me sta aspettanno a casa. Basta, mò nun è mumento de penzà a chesto, trasimmo dinto. (S’accomoda il cappello sul capo.) Eccomi a te bisciù mio. (Via nel n. 1.)

SCENA SECONDA

Peppeniello poi Giovanni.

PEPPENIELLO: Neh, cameriere. (Dal n. 4 con salvietta alla gola.)

GIOVANNI (dal fondo): Comandate.

PEPPENIELLO: Una bottiglia di sciampagna.

GIOVANNI: Potevate suonare il campanello.

PEPPENIELLO: Io volevo suonarlo, ma m’è rimasto lo curdone mmano. (Lo mostra.)

GIOVANNI: Nun fa niente.., lo sciampagna quale volete?

PEPPENIELLO: Quello che se spende più poco, non per niente, ma per beverne più d’una bottiglia.

GIOVANNI: Ho capito, adesso vi servo. (Via pel fondo.)

PEPPENIELLO: Io pe venì cca, m’aggio vennuto l’orologio co la catena d’oro, n’aggio avuto 100 lire, e chelle tengo... Intanto me veco mbrugliato comme a nu pullicino dinto a la stoppa, chella signorina nun s’ha voluto levà la maschera da la faccia, ha da essere na gran signora, na Marchesa, na Principessa, è tanto miticolosa, nun se vò fà manco tuccà... Mò m’avarria vedè zia Anastasia e zì Michele, chille se credeme che io sto studianno, e io invece sto a lo veglione.

SCENA TERZA

Giovanni e detto, poi Felice e Lucia.

GIOVANNI (dal fondo con bottiglia): Ecco ccà lo sciampagna.

PEPPENIELLO (prendendola): Costa assai?

GIOVANNI: Nonsignore, 8 franchi.

PEPPENIELLO (sospirando): 8 franche. (Via nel n. 4.)

GIOVANNI: Chisto mò accomencia, e vò stà frisco.

FELICE (entra dando il braccio a Lucia ch‘è in domino rosa e mascherino): Non nc’è nessuno, possiamo entrare, non avete paura. Cameriere, avete una stanza disponibile.

GIOVANNI: Sicuro. (Apre il n. 2.) Vedete se questa vi piace.

FELICE (a Lucia): Madama, permettete un momento. (Entra nel n. 2 poi torna.)

LUCIA (togliendosi la maschera): Cameriere.

GIOVANNI: Comandate.

LUCIA: Avete una stanza disponibile in questo stesso luogo?

GIOVANNI: Sissignore, questa, il n. 3.

LUCIA: Va bene, non la date a nessuno, perché a momenti verrà una signora con un domino come il mio accompagnata da un giovine e se la prenderà.

GIOVANNI: Va bene, non dubitate.

LUCIA: Aspettate, un’altra cosa, si sentite sunà lo campanielllo 3 vote, bussate alla porta, e dite che nce sta na persona che va truvanno a D. Felice.

GIOVANNI: D. Felice, va bene, sarete servita.

LUCIA: (Chillo è tanto viziuso m’aggia stà in guardia). (Si ripone la maschera.)

FELICE (sotto la porta del n. 2): Madama potete favorire.

LUCIA (piano a Giovanni): (Tre vote... D. Felice).

GIOVANNI: (Ho capito, lasciate fa a me). (Lucia via con Felice nel n. 2, Felice fa il lazzo del cappello.) Chesta è da essere na gran signora, se vede subito.

SCENA QUARTA

Errico, Rosina e detto.

ERRICO (dando il braccio a Rosina ch‘è in domino rosa e maschera): Io non capisco perché tremate di questa maniera.

GIOVANNI: (Chesta ha da essere chell’ata signora).

ERRICO: Non avete paura, qui nessuno vi fa niente.

GIOVANNI: (Ah! Sta nzieme cu D. Errico).

ERRICO: Giovanni una camera.

GIOVANNI: Prontissima, io sapevo che sarrisseve venuto e v’ho apparecchiato il n. 3.

ERRICO: Vediamo. (Apre il n. 3.) Signorina, permettete un momento. (Via nel n. 3 poi torna)

ROSINA (si toglie la maschera): Mamma mia che folla, c’ammuina, io nun saccio pecché me metto tanta paura.

GIOVANNI (a Rosina): Na signora m’ha ditto c’avesse astipata pe buje sta cammera, essa sta a lo n. 2.

ROSINA: Ah! Tante grazie.

GIOVANNI: Vulite niente...

ROSINA: No... sì, aspettate, mò me scurdava, si sentite sunà lo campaniello 3 vote, tuzzuliate la porta e dicite che nce sta na persona che va truvanno a D. Errico. (Si pone la maschera.)

GIOVANNI: (Pure chesta cu li 3 tuzzuliate de campaniello). Va bene, non dubitate.

ERRICO (dal 3): Signorina, la stanza è bellissima, volete entrare? (Vuol prenderla per mano.)

ROSINA (rifiutandosi): Grazie, grazie. (Via nel n. 3.)

ERRICO: Oh! Per Bacco, è scrupolosa. (Via nel 3.)

GIOVANNI: Che pazzo ch’è chisto, quanno vene ccà spenne nu sacco de denare. Lasseme j. (p.a.)

SCENA QUINTA

Marietta e detto, poi Michele indi Giovanni.

MARIETTA: Giovà, seguita a servì a chillo viecchio io vaco abballà nu poco, si me va truvanno dincello ca io mò vengo. (Via pel fondo.)

GIOVANNI: Meglio, mò lo lassa sulo, ah, ah, ah!

MICHELE (uscendo con salvietta alla gola): Neh, cammariè?

GIOVANNI: Comandate.

MICHELE: Avite visto ascì chella signorina che stava cu me?

GIOVANNI: Mò viene, mò viene.

MICHELE: Ma dove è andata?

GIOVANNI: Nun lo saccio, mò vene.

MICHELE: Io nun me fido de stà sulo.., ma viene subito?

GIOVANNI: Mò viene, mò viene.., all’arma de mammeta! (Via nel n. 4.)

MICHELE: Vì che bella maniera che tene chisto... aggio scritto nu biglietto a muglierema, dicennole che so’ ghiuto a truvà a D. Nicodemo Palillo l’amico mio, che l’aggio truvato tanto malato, e che me resto là stanotte, accussì sto de pensiero cujeto e me pozzo spassà. (In fondo chiamando:) Cameriere... locandiere... sguattero... tavernaro. (Gridando.)

GIOVANNI (uscendo dal 4): Neh, mio signò, e che maniera è chesta! E che ve credite che state a na taverna abbascio Puorto.

MICHELE: (Mò have ragione isso mò). Scusate, abbiate pazienza.

GIOVANNI: Che vulite, dicite?

MICHELE: Mi potreste fare il favore de farme purtà sta lettera al suo indirizzo?

GIOVANNI: Sicuro, tenimmo na persona apposta.

MICHELE: Bravo. (Gli dà la lettera.) e tenite datele pure na meza liretta...

GIOVANNI: Meza liretta! Ccà se paghe 5 lire a notte.

MICHELE: 5 lire?!... Allora mettile a nota... E la signorina?

GIOVANNI: Mò viene mò viene!

MICHELE: Ma addò è ghiuta?

GIOVANNI: Mò vene, mò vene! (Gridando.)

MICHELE: (Quanto è antipatico!). (Via nel n. 1.)

GIOVANNI: Ma chisto è proprio nu turzo de carcioffola! Vedimmo a chi va sta lettera. (Legge:) «Alla Signora D.a Anastasia Sparice. Strada Foria n. 7 dirimpetto al Serraglio». Nientemeno da coppa a lo Muolo de lo Serraglio, è na bella passiata. (p.a.)

SCENA SESTA

Peppeniello e detto poi Felice ed Errico.

PEPPENIELLO (dal 4 con lettera): Cameriere.

GIOVANNI: Comandate.

PEPPENIELLO: Potreste farme lo favore de farme purtà sta lettera al suo indirizzo?

GIOVANNI: Sicuro, tenimmo na persona apposta.

PEPPENIELLO: Ma dovrebbe andà mò proprio.

GIOVANNI: In questo momento.

PEPPENIELLO: Bravo, tiene. (Gli dà la lettera.) Quanto le dobbiamo dare a sta persona?

GIOVANNI: E che nun lo sapite? La tariffa è 5 lire.

PEPPENIELLO: 5 lire! Misericordia! Io me credeva ch’era na spesa de meza lira, 15 solde. Ma ccà ncoppa è n’affare serio, va tutto caro. (Gli dà le 5 lire.)

GIOVANNI: Si pò vulite rialà a lo guaglione a piacere vuosto.

PEPPENIELLO: E pigliate tutt’o portafoglio e nun ne parlammo cchiù. Ma adesso deve andare.

GIOVANNI: Per questo non dubitate.

PEPPENIELLO: Aggio scritto a zia Anastasia che passo la nottata in casa di D. Nicodemo Palillo, il quale tiene na gran festa da ballo, e m’ha vuluto fà stà pe forza, così sto a pensiero cujeto, e me pozzo divertì a piacere mio. Cameriere tu staje ancora lloco, e la lettera quanno va?

GIOVANNI: Non dubitate, sto aspettanno la persona che la deve portare.

PEPPENIELLO: Ti raccomando, vide che t’haje pigliato 5 lire.

GIOVANNI: Subito vi servo. (Peppeniello via nel n. 4.) E chesta è n’ata lettera. (Legge:) «Alla Signora D.a Anastasia Sparice, strada Foria n. 7 dirimpetto al Serraglio». Oh, vedete la combinazione, tutt’è doje lettere alla stessa persona, meglio accussì. Carmeniello se fa una sola cammenata, e io dongo 2 lire a isso, e 8 lire me le metto dinto a la sacca. (Dal n. 2 si sente suonare il campanello 3 volte.) Ah! chesto so’ li 3 tuzzuliate. (Dal n. 3 si suona c.s.) Meglio, è da tutt’è doje parte. (Va al n. 2 e chiama.) Na persona va trovando D. Felice. (Corre al n. 3 e chiama.) Na persona va trovando a D. Errico. Mò se la vedono lloro mò. (Via correndo dal fondo.)

FELICE (dal n. 2): Chi mi vuole?

ERRICO (dal n. 3): Chi me va truvanno? Che beco! Felice!

FELICE: Errico!

ERRICO: Nun sì ghiuto a Sarno?

FELICE: Aggio sbagliato lo cunvoglio.

ERRICO: Uh! Ha sbagliato lo cunvoglio! Tu sì nu mbruglione, haje mbrugliato a mugliereta e sì venuto ccà, dì la verità.

FELICE: Errico mio, per carità, nun dì niente, fallo pe l’amicizia che tiene per me.

ERRICO: Ma te pare. Ma dunche lo telegramma era falso?

FELICE: Me lo facette mannà io stesso da D. Prospero.

ERRICO: Di bene in meglio, mannaggia l’arma toja, vì che ba pensanno. E ccà cu chi staje?

FELICE: Stongo cu na signora proprio scicca, io nun la conosco, ma ha da essere na signorona, che saccio, s’è nnammorata de me de na manera tale che nun se pò credere, e essa m’ha mannato l’appuntamento, però nun l’aggio potuto persuadè a levarse la maschera.

ERRICO: Tale e quale come la mia, manco se la vò levà.

FELICE: Comme, tu pure staje cu na signora?

ERRICO: E che signora, rroba fina assaje, ma la faccia nun l’aggio potuto vedé.

FELICE: Mò l’avarriene appurà li mugliere noste.

ERRICO: Non boglia maje lo Cielo. A proposito, mò me scurdava, ccà nce ha da stà na persona che me va truvanno.

FELICE: E a me pure.

ERRICO: Mò nce vedimmo... lasseme vedé chi me vò. ( Via fondo a destra.)

FELICE: Lasseme vedé a me pure chi me vò. Neh, chi mi vuole. (Via fondo a sinistra.)

SCENA SETTIMA

Michele, poi Giovanni, indi Rosina.

MICHELE (alquanto brillo esce dall’1, vedendo entrare Giovanni): Cameriere, chella signorina addò sta?

GIOVANNI: (Mbomma! E vide comme s’è combinato chillo!).

MICHELE: Io me secco a sta sulo là dinto, ma dov’è andata?

GIOVANNI: Signò, la verità, chella sta abballanno nu poco, mò vene.

MICHELE: Sta abballanno? E poteva aspettà n’atu poco, abballava cu me.

GIOVANNI: (E comme staje mò, sà comm’abballave bello). Chisto è lo fritto, l’ostriche, e la sciampagna, jammo venite.

MICHELE: E io addò me la metto tutta sta rroba, sto mangianno e bevenno comme a nu voje, nun me ne fido cchiù.

GIULIETTA: Trasite, chella mò vene.

MICHELE: Ma comme, vuje fate lo cammariere e state mbriaco de chesta manera.

GIOVANNI: (Puozze, passà nu guaio, chillo se n’ha.vippeto nu varrile, e dice che sto io mbriaco). (Dopo lazzi via nel n. 1.)

ROSINA (dal 3): Nun torna ancora, si io profittasse de stu mumento pe me ne j, me metto na paura che nun me rejo ncoppa a li gamme. Sì, sì, è meglio che me ne vaco primma che torna D. Errico, mò me faccio venì na carrozza. (Via pel fondo.)

SCENA OTTAVA

Lucia, poi Giovanni, poi Giulietta, indi Errico.

LUCIA (dal 2): D. Feliciello nun è tornato cchiù, e addò sarrà ghiuto?

GIOVANNI (d.d.): Va bene, va bene, mò ve servo.

LUCIA: Viene gente. (Rientra.)

GIOVANNI (esce dal’1): Vulite lo Pungolo va bene, mò ve lo porto. Mamma mia, chillo mò more llà dinto. (Via pel fondo.)

GIULIETTA (esce dal 4 e si toglie la maschera): Povero D. Peppeniello, l’è ghiuto ncapo la sciampagna e s’è addurmuto. (Ridendo.) Ah, ah!... Chillo D. Peppeniello m’ha pigliata pe na signora nobele, m’ha regalato pure stu braccialetto, io me l’aggio pigliato e zitto, me va nu poco largo, nun mporta... mò è lo mumento, mentre isso dorme, io me ne scappo. (Fa p.a. e vedevenire Errico.) Misericordia! Lo patrone. (Si ripone la maschera.)

ERRICO: Nun è stato possibile d’appurà chi me jeva truvanno. (Vedendo Giulietta.) Oh, oh, il mio dominio rosa. Signorina, scusate se vi ho fatto attendere, ma c’è una confusione nel Restaurant che non si può credere, vi siete presa collera? (Giulietta fa cenno di no.) Dunque andiamo a cenare, non abbiamo finito ancora. (La prende per il braccio e viano nel 3.)

SCENA NONA

Rosina, poi Peppeniello, indi Errico e Giulietta.

ROSINA (dal fondo senza maschera): Mamma mia quanta gente, io mò moro, nun aggio potuto dì a lo cammariere che me fosse juto a piglià na carrozza, comme faccio?

PEPPENIELLO (dal 4): Guè, io m’era addurmuto.

ROSINA: Peppeniello! (Si pone la maschera.)

PEPPENIELLO: Chello vino m’ha stunato nu poco, ma la signora addò è ghiuta? (Vedendo Rosina.) Ah! Eccola qua. Bellezza mia.

ROSINA: (Pe chi m’ha pigliata?).

PEPPENIELLO: Scusate si m’era addurmuto. Viene, jammo, bevimmece n’ata butteglia de sciampagna.

ROSINA (alterando la voce): No, me ne voglio andare, andate a prendermi una carrozza.

PEPPENIELLO: Già te ne vuò andare... e perché?

ROSINA: Sì, sì, fatemi questo favore.

PEPPENIELLO: Allora, mò vaco a piglià na carrozza... ma primma voglio nu vaso.

ROSINA: Oh, no, no.

PEPPENIELLO: Sì, bellezza mia, fammi contento.

ROSINA (levandosi la maschera): Peppeniè, songh’io!...

PEPPENIELLO (sorpreso): Che! Rosina! Uh! aggio cenato cu Rosina. Ma comme va, comme te truove ccà?

ROSINA: Pò te conto tutte cose... va me piglie na carrozza pe carità.

PEPPENIELLO: Vaco vaco.

ROSINA: Io aspetto ccà dinto, fa subito. (Via nel 4.)

PEPPENIELLO: Ah, ah, ah... sangue de Bacco, mò capisco, lo marito è ghiuto a Sarno, e essa è venuta a lo veglione. Ah! femmene, femmene, e quanto ne facite, quanto ne facite, e intanto io aggio spiso tanta denare pe chi neh, pe Rosina, ne puteva fà a meno. (Vedendo venire Giovanni.) Neh, cameriere?

GIOVANNI: Comandate?

PEPPENIELLO: è possibile avere una carrozza?

GIOVANNI: Sicuro, la volete adesso?

PEPPENIELLO: Sì, me fate piacere.

GIOVANNI: Mò ve servo.

PEPPENIELLO: Io sto nella mia stanza, porta pure il conticino. (Via nel 4.)

GIOVANNI: Va bene. Ha ditto lo conticino, mò faje marenna.

ERRICO (esce con Giulietta dal 3): Ma vi prego, non mi lasciate così barbaramente, lasciatemi prima vedere la vostra bella faccia. (Giulietta fa segno di no.) Di questa maniera mi fate credere che vi siete preso collera, pecché v’aggio menato na tazza de cafè sopra al domino, l’ho fatto senza volerlo, e poi questa è macchia che si leva.

GIOVANNI (vede il braccialetto che è caduto a Giulietta): Signora, vi è caduto il braccialetto. (Lo prende e lo dà a Errico poi via.)

ERRICO: Oh, grazie. (Mettendolo al braccio di Giulietta.) Vi va un po’ largo, accorta che non lo perdete. Che bel braccio. (Glielo bacia.) Via signorina, levate quella maschera... fatemi felice.

GIULIETTA (con voce alterata): Voglio uscire.

ERRICO: Assolutamente? Ebbene, aspettatemi un istante, vado a prendere una carrozza, ma però devo accompagnarvi.

GIULIETTA: Come volete.

ERRICO: Vado subito. (Dinta a la carrozza parlammo.) (Via pel fondo.)

GIULIETTA: Oh! mamma mia, mò moro, meno male che nun m’ha conosciuta... putesse scappà (p.a.). Mamma mia, D. Felice!

FELICE (dal fondo a sin.): Nun aggio potuto appurà chi me vuleva. Oh! Il mio domino. Madama, scusate, se vi ho fatto attendere, è stata una combinazione. (Le bacia la mano.)

GIULIETTA (con voce alterata): Signore... vi prego...

FELICE: Ma che dite, voi siete un angelo, siete una sciasciona, comme se po’ stà vicino a voi senza abbracciarvi, senza baciarvi. (Le bacia la mano.) All’arma de lo braccialetto, mò me scummava de sangue.

GIULIETTA: Signore, lasciatemi. (p.a.)

FELICE: Nò, io non ti lascio, è impossibile, voi siete troppo bona... voglio vedè chella faccella.

GIULIETTA: Lasciatemi. (Felice per tirarla le lacera il domino.) Ah!

FELICE: Uh! scusate, v’ho lacerato un poco il domino, non fa niente, è cosa de poco momento, mettimmece na spingola. (Prende una spilla dal petto della sua giacca e accomoda la stoffa lacerata.) Ecco tutto accomodato, vogliamo ritornare nella nostra camera?

GIULIETTA: No, è troppo tardi, mi voglio ritirare.

FELICE: Come, così presto?

GIULIETTA: Ve ne prego.

FELICE: Ma però mi dovete dare il permesso d’accompagnarvi.

GIULIETTA: Come volete.

FELICE: Benissimo, aspettatemi un momento, vado a prendere una carrozza, non vi movete da qua. (Oh, arma de li piede de puorco.) (Via pel fondo.)

GIULIETTA: Se n’è ghiuto! Uh! Che nottata! Che nottata! Stu domino è addeventato na vera porcaria; D. Peppeniello me l’ha bruciato co la sigaretta, lo patrone me l’ha macchiato de cafè, e D. Felice me l’ha stracciato. Basta, mò è lo mumento de scappà. (Via fuggendo pel fondo a destra.)

SCENA DECIMA

Rosina e Peppeniello, poi Giovanni indi Lucia.

ROSINA (dal 4 senza maschera): No, no, Peppeniè nun pozzo aspettà cchiù, jammo, la carrozza la truvammo fore.

PEPPENIELLO: Ma cara Rosina, si nun aggio pagato lo cunto comme me ne vaco.

GIOVANNI: Ecco il conto, la carrozza sta fuori. (Entra nel 4.)

PEPPENIELLO: Haje visto, famme vedé quant’è, pago e nce ne jammo, aspetta n’ati 2 minute. (Via nel 4.)

ROSINA: No, è impossibile, ccà nun nce pozzo restà, la carrozza sta fore, mò me ne vaco io sola. (p.a.)

LUCIA (dal 2 senza maschera): Guè, Rosì.

ROSINA: Lucì, sì tu.

LUCIA: Feliciello ha cenato cu me.

ROSINA: Nfame! Nfame! Birbante!

LUCIA: Mò che vulimmo fà?

ROSINA: Jammoncenne, fore sta la carrozza.

LUCIA: Sì, dice buono, jammoncenne. (p.a.) Che! Sta venenno maritemo nzieme cu Feliciello, annascunnimmece. (Si pongono le maschere e viano Rosina nell’1 e Lucia nel 4.)

SCENA UNDICESIMA

Felice e Errico, poi Rosina, Lucia, Michele, Peppeniello indi Giovanni.

ERRICO: Aggio truvata la carrozza.

FELICE: La carrozza sta fore.

ERRICO: Ma la signora addò sta?

FELICE: E la signora mia?

ERRICO: Se ne sarrà trasuta dinta a la cammera. (Via nel 3.)

FELICE: Starrà aspettanno dinto. (Via neI 2.)

ROSINA (dall’1 con la mascherina): Nun nce sta cchiù nisciuno. (Trascina Michele ubriaco.) Accompagnateme fino a la porta.

MICHELE: Non posso, nun me fido.

LUCIA (dal 4 con maschera trascinando Peppeniello): Peppeniè, accumpagneme... io songo Lucia.

PEPPENIELLO: Pure Lucia! Che beco! ziemo!

ROSINA: Jammo, venite.

MICHELE: Non posso.

LUCIA: D. Michele! Lassalo, jammoncenne. (Rosina lascia Michele il quale cade a terra, Rosina e Lucia viano con Peppenielio. Errico e Felice escono dal 2 e dal 3.)

FELICE: E addò è ghiuta. (Nel correre cade su Michele.) Uh! D. Michele!

ERRICO: Nun nce sta. (Nel correre cade su Michele.) D. Michele! (S’alza e via pel fondo.)

FELICE: Zi zio! (Via pel fondo.)

MICHELE: Cameriere? (Gridando.)

GIOVANNI: Chisto è lo cunto vuosto.

MICHELE: Quant’è?

GIOVANNI: 79 lire!

MICHELE: 79 lire! So’ muorto!

GIOVANNI: Eh! è muorto!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La stessa scena del primo atto.

SCENA PRIMA

Errico, indi Michele.

ERRICO: Io nun me pozzo arrivà a fa capace chelli doje stanotte pecché se no so’ scappate, e nun l’avimmo truvato cchiù, e nfra l’ati cose miezo a la folla aggio sperzo pure a Feliciello. (Ridendo:) Ah, ah, và trova lo riesto de la nuttata addò l’ha passata, io tutto me puteva credere fora de truvarlo a lo veglione, e po’ cu na signora, e la mugliera dice che chillo è lo specchio de li marite, l’avarria sapé. (Michele comparisce dal fondo.) Uh! D. Michele (ridendo), favorite Michè.

MICHELE (sotto la porta): D. Errì, io po’ ve ringrazio m’avite cumbinato chillo piattino stanotte.

ERRICO: Perché?

MICHELE: Comme perché, me cunsignasteve a chella figliola, la quale, doppo ordinato lo mangià, me lassaje e se ne jette, io povero infelice rimanette sulo, mangiaje e bevette comme a n’animale, e sacc’io c’aggio passato. (Errico ride:) Eh! vuje redite, e cheste so’ cose de chiagnere, nun sapite lo fatto, voi gentilmente me prestateve 50 franche, all’ultimo la nota è venuta 79 lire, pe conseguenza nce mancavano 29 lire, all’infuori del regalo al camerere.

ERRICO (ridendo): E comme avite fatto?

MICHELE: E comme aveva fà, quell’imbecille del cameriere nun me vuleva fà ascì, ma io domani verrò a saldarvi il conto, — nonzignore, scusate, io non vi conosco —, come, io sono un galantuomo — voi direte bene, ma se non mi pagate, non uscite... insomma per abbreviarvi il discorso, tanno m’ha fatto ascì, quanno l’aggio dato la catena coll’orologio mmano. Intanto mò comme faccio cu muglierema, chella si nun me vede l’orologio e la catena, m’accide.

ERRICO: Ma vuje a casa nun nce site stato ancora?

MICHELE: Nonsignore, pecché io stanotte l’aggio scritto che passava la nuttata a casa de n’amico mio, chiamato D. Nicodemo Palillo, il quale stava quasi per morire, anze D. Errì, vuje m’avita fà la carità quanno vene stammatina, l’avita dicere che vuje stesso m’avite accompagnato in casa di D. Nicodemo a la strada Forcella.

ERRICO: Va bene, non dubitate, nce penz’io.

MICHELE: Ve ne sono tanto oblligato.

ERRICO: Va bene, ma vuje nun avite pensato a na cosa, si D’ Anastasia ncuntrasse a stu D. Nicodemo, se scummoglie tutte cose, vuje avarrisseva scrivere subito a st’amico vuosto, e avvisarle tutto.

MICHELE: Sangue de Bacco, dite bene, io nun nc’aveva pensato, mò lo scrivo lesto lesto... tenite nu fuglietto e n’envelopp?

ERRICO: Ncoppa a chillo tavulino nce sta tutte cose.

MICHELE: Grazie tanto. (Siede al tavolino prende un foglietto e lo guarda.) Neh, D. Errì, nun tenite nu fuglietto semplice?

ERRICO: Pecché?

MICHELE: Ccà nce sta nu fuglietto cu na curona sopra.

ERRICO: Quà curona? (Prende il foglietto e lo guarda.) Che beco! E sta corona? (Prende dalla tasca una lettera e l’apre.) Ma si, tale e quale, e comme se trovava llà ncoppa.

MICHELE: D. Errì me lo date nu fuglietto semplice.

ERRICO: Statte, caspita, aggio capito tutte cose, chesta ha avuta essere muglierema che me mannaje sta lettera, e chi sa si pure a mugliera de Feliciello... si, ma si, accussì è, loro sogno state che nce l’hanno mannate.

MICHELE: D. Errì me lo vulite dà fu fuglietto semplice.

ERRICO: Statte, un’altra idea. Stanotte lloro erano cu li domino rosa, mò capisco pecché nun se vulette levà la maschera, peccheste se ne so’ scappate e nun l’avimmo truvate cchiù, vale a dicere che io stanotte aggio cenato cu muglierema... sangue de Bacco, e mò comme arreparo...

MICHELE: D. Errì, lo tenite nu fuglietto semplice.

ERRICO: Aspetta, mò faccio vedé che io l’aveva capito ca la lettera me l’aveva mandata essa, e perciò nce so’ ghiuto.

MICHELE: Me lo date nu fuglietto semplice.

ERRICO: Ma pure Feliciello avarria dicere lo stesso, chillo nun ne sape niente, lo putesse ncuccià a quacche parte. (Prende il cappello e via di fretta pel fondo.)

MICHELE: D. Errì, me lo daje nu fuglietto dell’arma de soreta! è asciuto pazzo pure chist’ato! E io la lettera addò la scrivo, tengo na paura ncuorpo, me pare sempe che muglierema ha appurato tutte cose.

SCENA SECONDA

Peppeniello e detto.

PEPPENIELLO (compare sotto la porta di fondo): (Ziemo sta ccà). Zi zi, buongiorno.

MICHELE: Oh! Caro Peppeniello. (Chisto me pò fa sapé quacche cosa de muglierema.)

PEPPENIELLO: (Meno male, stanotte nun m’ha visto).

MICHELE: Peppeniè, Anastasia sta a casa?

PEPPENIELLO: Embè, vuje nun lo sapite?

MICHELE: (Già io l’avarria sapé). No, era per domandare.

PEPPENIELLO: Zi Michè, zi zio mio bello bello, mò ve dico na cosa, ma nun me strillate.

MICHELE: Che cosa?

PEPPENIELLO: Vuje site tanto buono, nun site comme a zì Anastasia che subeto se nfoca... vuje avita perdunà...

MICHELE: Ma ch’è stato, mò me faje figlià.

PEPPENIELLO: Io stanotte so’ stato a lo veglione a lo Fondo.

MICHELE: Che! (pur’isso). Comme, tu invece de studiare, te ne vaje a lo veglione, invece di perdere le nottate vicino ai libri, vai facenno lo vagabondo.., vergogna!

PEPPENIELLO: (Vì che faccia tosta, steva pure isso là). Perdonateme zizì, ve giuro che non nce vado più.

MICHELE: Va bene, per questa volta te perdono.

PEPPENIELLO: Sì, ma chesto non basta però, m’avita fa n’atu gruosso piacere... Io stanotte aggio mannata na lettera a zì Anastasia, dicennole che passava la nottata in casa dell’amico vuosto D. Nicodemo Palillo, lo quale teneva na gran festa da ballo.

MICHELE (con sorpresa): Che! tu c’arma de mammeta haje fatto! (io aggio ditto che Nicodemo stava pe murì.)

PEPPENIELLO: Zizì ch’è stato?

MICHELE: Comme ch’è stato, tu mi hai rovinato, tu mi hai precipitato!

PEPPENIELLO: Ma perché?

MICHELE: Perché.., già, tu sei stato sempre nu bugiardo, non hai detto mai na verità! D. Nicodemo Palillo sta per morire.

PEPPENIELLO: Possibile! E buje comme lo sapite?

MICHELE: Lo sò, pecché so’ stato llà stanotte.

PEPPENIELLO: Site stato llà stanotte? Ah, ah, ah! (Ride fortemente.)

MICHELE: E che c’entra sta risa, io nc’aggio dato la medicina ogne mezz’ora.

PEPPENIELLO: Zizì, vuje stanotte site stato a lo veglione, v’aggio visto io.

MICHELE: Comme tu m’haje visto?

PEPPENIELLO: Gnorsì, e stiveve mbriaco comme a nu puorco.

MICHELE: Zitto pe carità.

PEPPENIELLO: Jammo a franco, si no ve sbrevogno.

MICHELE: Jammo a franco, jammo a franco. Ma comme facimmo mò, io l’aggio scritto che D. Nicodemo steva pe murì.

PEPPENIELLO: E io l’aggio ditto che teneva la festa de ballo, comme jevene d’accordo zio e nepote.

MICHELE: Truove na mbroglia, tu sì nu mbruglione.

PEPPENIELLO: E io ve ringrazio. Aspettate, c’aggio fatto na penzata, nuje dicimmo a zi zia che isso D. Nicodemo v’aveva ditto che stava malato, pe ve fa j a la festa de ballo, pecché sapeva che zia Anastasia nun ve nce mannava, e accussì cu chesta scusa vuje nce avarrisseve juto.

MICHELE: Bravo. E bà jammo, vide che ora è?

PEPPENIELLO: Ah! Che ora è? (Cerca per prendere l’orologio.)

MICHELE: E che faje, suone lo mandolino.

PEPPENIELLO: Zi zì, vedite vuje, io nun baco buono co la cannunata. Vedite vuje.

MICHELE: E manco io l’aggio registrato co la cannunata.

PEPPENIELLO: (Mò nce lo dico e bonanotte). Zi zì, vulite sapé la verità, io pe ghì a lo veglione, m’aggio vennuto l’orologio co la catena.

MICHELE: E lo mio, lo tene mpigno lo cammariere de lo restorant.

PEPPENIELLO: Meglio!

MICHELE: Va, jammo, jammo. (Viano.)

SCENA TERZA

Lucia e Rosina, poi Errico.

ROSINA: Ah! Che nottata, che nottata! Nun aggio potuto chiudere n’uocchio.

LUCIA: Io invece aggio dormito saporitamente. (Entrambe dalla sin.)

ROSINA: Tu la pienze de na manera che io nun capisco, comme, mariteto va a lo veglione, e tu te ne staje sciolta sciolta.

LUCIA: Ma che buò che faccio, poteva essere peggio, certamente che maritemo è stato cu te, Feliciello è stato cu me, dunque?

ROSINA: Già, pecché ereme nuje, pecché simme state nuje che l’avimmo mannato le lettere, loro però, nun ne sanno niente, loro nce so’ ghiute cu piacere, nce so’ ghiute pe truvà ati femmene, capisce, ati femmene.

LUCIA: E che fa, si erano ati femmene, se li magnavano, avarriano cenato lloro, invece avimmo cenato nuje, forse avarriano ballate, se sarriano fatto quattro cerimonie, ma pò pure la nuttata passava, e li marite ccà turnavano.

ROSINA: E si, tante grazie... no, agge pacienza. Lucia mia, stu penzà tujo nun me piace, parlanno accussì, me faje capì che a mariteto nun lo vuò bene.

LUCIA: No, anzi io lo voglio troppo bene, ma nun faccio che faje tu, pecché so’ convinta che tutti li marite, chi cchiù, chi meno, hanna fà chesto, e nuje nun nce avimma piglià collera.

ERRICO (dal fondo): (Nun l’aggio potuto truvà). Ah! Voi state qua.

LUCIA: Stiamo qua.

ERRICO: Vi siete svegliate un poco tarde stammatina?

LUCIA: Sì, abbiamo dormito più degli altri giorni.

ERRICO: Bravissimo.

LUCIA: Tutt’o cuntrario de vuje, vuje avite dormito poco.

ERRICO: No, t’inganni, aggio durmuto quant’avite dormite vuje.

ROSINA: Oh! Chesto nun po’ essere, vuje ve site ritirate a li 5 e meze.

ERRICO: Uh! Scusate, e vuje comme lo sapite? Si stiveve durmenno?

ROSINA: Me so’ scetata pecché aggio ntiso la tuzzoliata vosta.

ERRICO: Perdonate, pecché chesto manco pò essere, pecché io tengo lo chiavino de lo palazzo, e lo chiavino de la porta, forse sarrà stata quacch’ata tuzzuliata.

SCENA QUARTA

Anastasia e detti, poi Felice.

ANASTASIA: Peccerè, buongiorno.

LUCIA: Oh! D’ Anastasia.

ROSINA: Zia mia!

ANASTASIA: D. Errì, scusate si ve vengo ad incomodà.

ERRICO: Ma che incomodo, ci fate sempre piacere.

ROSINA (dandole una sedia): Assettateve zi zì, da dò venite?

ANASTASIA: Vengo da’ Puortece, da chell’amica mia che steva malata, da quale aissera le venette na convulsione, chella steva sola cu na sora cecata pe conseguenza, m’è convenuto da stà là stanotte, e lo Cielo lo ssape che nuttata aggio passata.

ERRICO: (Meno male, D. Michele è salvo).

LUCIA: (D. Michele s’è sparagnata na mazziata).

ROSINA: (Pe 29 e 30 zì Michele nun ha abbuscato).

ERRICO: E diciteme n’ata cosa, D. Anastasì, cu D. Michele comme avito fatto, sarrà stato mpensiero?

ANASTASIA: Eh, comme nun pensavo a Micheluccio mio.

ERRICO: (Uh! Micheluccio!).

ANASTASIA: Aissera le facette nu telegramma e nce l’avvisaje.

ERRICO: Ah! Le facisteve lo telegramma? E a che ora?

ANASTASIA: Putevene essere l’11, isso l’avarrà ricevuto all’11 e meza, mezanotte...

ERRICO: Già, all’11 e meza, mezanotte... (dinto a lo veglione).

ANASTASIA: Uh! Nun ve putite credere comme m’è parso brutto a stà senza isso stanotte, io faccio bù bà, ma pò lo voglio bene, e pò bisogna compatirce simme freschi sposi.

ERRICO: (Vì che frischezza).

ANASTASIA: Intanto D.a Lucì, vuje m’avita fà nu piacere, scusate si songo tanto impertinente.

LUCIA: Che vulite?

ANASTASIA: Me vularria lavà nu poco la faccia, me voglio accuncià la capa, pò me piglio na carruzzella, e me ne vaco a casa, aggiate pacienza.

LUCIA: Ma si, ma si, vuje site la padrona, facite chello che vulite, venite cu me.

ANASTASIA: Grazie tanto. (Via con Lucia a sin.)

ERRICO (vedendo che a Rosina viene sonno): D.a Rosina tenite suonno?

ROSINA: No.

ERRICO: V’aggio visto cu l’uocchie chiuse.

ROSINA: No, è difetto che tengo, ogne tanto chiudo l’uocchie.

FELICE (d.d.): Va bene, va bene, mò nun te pozzo dà udienza, ogge se ne parla.

ROSINA: Mariteme!

ERRICO: Feliciello! (si lo putesse avvisà).

FELICE (vestito come la prima scena, con sacco da notte, ed un involto di carta con salami): Eccomi qua moglie mia cara cara. Caro Errico. (Gli dà la mano.)

ERRICO: Caro Felice. (Statte zitto!)

ROSINA: Feliciè, comme va, si turnato senza avvisarme cu quacche telegramma.

FELICE: Rosina mia, nun t’aggio creduto necessario, na vota c’aveva turnà stammatina.

ROSINA: Vale a dicere che D. Prospero è turnato priesto?

FELICE: Sì, pecché jette fino a Nola nu mumento.

ERRICO (fa segno a Felice di tacere).

ROSINA: E comme, pe ghì fino a Nola te manna a chiamà a te a Napole?

FELICE: E già, io questo l’ho detto, ma che buò, chillo è tanto pauroso, siccome tene li denare dinto a la scrivania, se mette paura che quaccheduno nun nce l’arrobba, e io le dico sempe accattammece na cassa de fierro, a la fine na cassa de fierro che po’ custà. (Vedendo che Errico gli fa segno.) Nun nce accattamme la cassa de fierro. (Chillo che bò) accattamme nu bauglio. (Vedendo c.s.) Nun nce accattammo lo bauglio (e che s’ha d’accattà, chillo chiù me mbroglia.) (A soggetto.)

ROSINA: Ma io non capisco tu che dice. Me vuò dà stu sacco de notte?

FELICE: Nonsignore, e pecché? Che sì la serva tu, mò vaco dinto e lo poso io stesso. (Llà sta la sciassa da dinto.)

ROSINA: E ccà che puorte?

FELICE: Ah! Cca, mò te dico io, siccome non mi dimentico mai dite, quanno so’ passato pe Nola (vedendo Errico c.s.) quanno nun songo passato pe Nola... ma pe benì da Sarno afforza pe Nola s’ha da passà, si no pe dò passe? (che puozze passà nu guaio, chillo me sta facenno mbruglià). Dunche, quanno so’ passato pe Nola, aggio visto n’ommo che teneva doje suprussate mmano che venneva, siccome saccio che a te piacene tanto, l’aggio accattate, tiene, stammatina nce facimmo na bella fellata (e mannaggia l’arma de chi t’allattato!).

ROSINA (prende l’involto guardando la carta): Bravo! Sti supressate l’haje accattate a Nola?

FELICE: Sì.

ROSINA: E ccà sta scritto Ravell.

FELICE (sorpreso): Ravell.

ROSINA: Ravell, Ravell.

FELICE: E forse quell’uomo doveva essere Ravell.

ROSINA: Siente, io sto tenneno na pacienza, che nisciuno la tenarria, io te vularria trasfucà, ma nun pozzo, pecché Lucia nun bò... ma nun te n’incarricà che po’ parlammo. (Altre parole a soggetto poi via infuriata a sin. Felice resta stordito col sacco di notte in mano tenendolo a guisa di chi suona l’organetto — Pausa.)

ERRICO: Eh, sona l’organetto so’. Comme io te sto facenno segno da 3 ore.

FELICE: Se po’ sapé c’arma de mammeta vuò! Io pecché nun aveva parlà, pecché m’aveva stà zitto?

ERRICO: T’aggio ditto statte zitto, pecché nce sta na cosa che tu non te lo puoje manco pe suonno immaginà. Indovina stanotte chi erano chelli doje signore che hanno cenato cu nuje?

FELICE: Chi erano?

ERRICO: Chella che ha cenato cu ttico era Rosina mugliereta.

FELICE: Che!

ERRICO: E chella che ha cenato cu mmico, era muglierema Lucia.

FELICE: Possibile!

ERRICO: Ecco la ragione pecché non s’hanno vuluto levà le maschere, e pecché nun l’avimmo truvate cchiù.

FELICE: Uh! Mamma mia! Tu che dice? Ma comme l’haje appurato?

ERRICO: Per una combinazione, guarda stu fuglietto che steva ncoppa a chillo tavulino, sta curona è tale e quale a chella che steva ncoppa a la lettera c’aggio avuta io.

FELICE (guardandola): Sangue de Bacco, overo, e pure la curona mia era accussì.

ERRICO: Haje visto? Dunque, so’ state lloro che nce l’hanno mannate, e la prova più evidente te l’ha data mugliereta mò che t’ha ditto: «Vì quanta pacienzia che sto tenenno... io te vurria strafucà, ma Lucia non bò». Capisce?

FELICE: Aggio capito. Caspita haje ragione. Compagno e come facciamo.

ERRICO: Lo vì lloco, compagno e come facciamo.

FELICE: Io mò certo abbusco.

ERRICO: Nonsignore... io pecchesto te faceva segno... Tu haje da dicere a mugliereta ca lo telegramma è stata na finzione, ca la partenza nun è stata vera.

FELICE: E che accussì è stato.

ERRICO: Sì, ma che l’avite fatto pe ghì a lo veglione.

ERRICO: E io pecchesto l’aggio fatto.

ERRICO: Sì, ma pe nce truvà a mugliereta.

FELICE: No.

ERRICO: Tu sì nu ciuccio, nun capisce niente, nuje avimma dicere accussì pecché avenno capito la mbroglia, pe fà cammenà la pazzia avimma dicere che simme juto lo veglione.

FELICE: Aggiò capito, mò va buono.

ERRICO: Io mò vaco dinto e te faccio venì a mugliereta ccà... te raccomanno. (Via.)

FELICE: Nun dubità... Aspetta e le sopressate... Voi vedete la combinazione, chella che ha cenato cu mmico era muglierema, perciò nun vuleva maje parlà, perciò nun s’ha vuluto levà la maschera, aggio fatto st’affare aggio fatto, e io me l’abbracciava e me la vasave ccà, pecché so’ ghiuto sì a llà... La vi ccà sta venenno, mò vide che mazziata c’aggio.

SCENA QUINTA

Rosina e detto, poi Lucia.

ROSINA: Eccome ccà, Feliciello mio, m’haje mannato a chiamà, che buò?

FELICE: No ti dovevo domandare na cosa.

ROSINA: Na cosa? E che cosa? (Lucia m’ha ditto c’aggia fà vedé che nun lo curo.)

FELICE (Poco prima steva arraggiata de chella manera, e mò comme va?) Vogliamo sedere un poco?

ROSINA: Se fa piacere a te, fa piacere pure a me. (Prende con furia l’involto delle sopressate sulla sedia per metterlo sopra al tavolino, onde prendersi la sedia. Felice retrocede.)

FELICE: (Mò me credevo che me chiavave li supressate nfaccia).

ROSINA (siede): Assettate marito mio.

FELICE: (Fa vedé la cerimoniosa, ma non è overo, quella è una sforzatura). (Siede.) Come stai?

ROSINA: Eh, non c’è male, e tu?

FELICE: Eh... così, così... però, che saccio, te veco nu poco cu l’uocchie mpacchiate li suonno.

ROSINA: Io? No.

FELICE: Eh, nò, già, se capisce, una che non è avvezza, e poi chillo frastuono, chell’ammuina...

ROSINA: Quà ammuina?

FELICE: Il veglione di stanotte.

ROSINA: Che! (Chisto che dice, ha appurato tutte cose, e io comme faccio?)

FELICE: Bravo! Sta cosa m’ha fatto veramente piacere. Ve ne andate al veglione... andate a cenare senza che io ne sapessi niente.

ROSINA: Ma io...

FELICE: No, no, no! non ti spaventare, non vedi che io scherzo. E poi, io ed Errico, non nce potevamo piglià collera, pecché si a vuje v’era venuto ncapo de j a lo veglione, lo primmo pensiero vuosto è stato d’invitare a noi. A mezzanotte al veglione del Fondo sotto l’arco del palcoscenico.

ROSINA: Ma dunche le lettere?

FELICE: Oh! Nce so’ state portate puntualmente. Giulietta ha ditto che l’aveva portate nu servitore cu na bella livrea.

ROSINA: Ma comme avite appurato?

FELICE: Quello che non si fa, non si appura... quanno avimmo appurato che li lettere l’avivene scritte vuje, io ed Errico avimmo ditto: bravo, le mugliere noste se vonno spassà con noi, noi nce spassammo cu lloro... Aggio ammentato lo telegramma, me l’aggio fatto mannà apposta da D. Prospero, m’aggio miso lo vestito niro dinto a lo sacco de notte, e me so’ ghiuto a vestì ncoppa a na lucanna, addò so’ state fino a mò, mò so’ turnato, aggio fatto a vedé che turnavo da Sarno, c’avevo accattato le supressate a Nola., che po’ nun l’aggio saputo fà, pecché l’aggio arravugliate dinto a la carta de Ravell.

ROSINA: Uh! Feliciello mio caro, marito mio bello bello, tu nun può credere che piacere me faje cu sti parole, si sapisse da jere a mò che aggio passato. Lucia vuleva dicere a forza che tu jre nu marito comme a tutte quante l’ate, che ghive facenno mbroglie.

FELICE: Io?

ROSINA: Feliciello mio perdoneme.

FELICE: Andare ad un veglione.

ROSINA: Perdoneme.

FELICE: Dove si possono passare tanti pericoli, dove da un momento all’altro...

ROSINA: Perdoneme. (S’inginocchia ed appoggia la testa sulla gamba di Felice.)

FELICE: (Tu vì che mazziata m’aggio sparagnata!). Ebbene, per quest’unica volta, vi perdono, alzatevi. (Rosina s’alza.) Ma non ne parliamo più.

ROSINA: Io l’aggio fatto pe vedé si tu jve a io veglione, tu però nun nce sarrisse juto si nun sapive ch’era stato io che t’aveva mannata la lettera?

FELICE: Ma se capisce, io jeva a lo veglione, e po’, dimme na cosa, si nun sapeva che ire tu che stive cu me, puteva fà chello c’aggio fatto?

ROSINA: (Se crede che ha cenato cu me). E che haje fatto Feliciè, io nun me ricordo.

FELICE: Comme nun te ricuorde, quanno dinta a la cammera t’aggio abbracciata.

ROSINA: Ah! m’haje abbracciata?

FELICE: Già, e quanno è stato fore a lo buffè, t’aggio stracciato lo domino.

ROSINA: A me?

FELICE: Già, po’ t’aggio dato nu vaso.

ROSINA: Nu vaso! (Alzandosi.) Ah! Nfame, briccone, assassino!

FELICE: Ch’è stato? E che d’è nun la puteva vasà?

ROSINA: Me ne voglio j, me ne voglio j mò proprio da dinto a sta casa, nun nce voglio mettere chiù lo pede.

FELICE: Ma ch’è succieso?

ROSINA: Tu stanotte non haje cenato cu me, capisce, haje cenato cu Lucia, cu chella faccia tosta, cu chell’amica traditora.

FELICE: Ma siente.

ROSINA: Niente, niente, mò proprio me ne voglio j. Nfame, assassino! (Via a destra.)

FELICE: Puozze passà nu guaio! E chillo che m’ha ditto che io aveva cenato cu Rosina, dunche io aggio cenato cu D. Lucia, e a essa aggio abbracciata e aggio vasata, e ccà si l’appura Errico, io me ne pozzo fuì.

LUCIA: D. Felì, Rosina, addò sta?

FELICE: E ghiuta da chella parte.

LUCIA: D. Felì, site turnato da Sarno? (Ridendo:) Che se n’è fatto de lo sacco de notte. (Ridendo sempre.)

FELICE: D. Lucia mia, vuje m’avita da scusà, mi dovete perdonare, io me credeva che quel domino che stava cu me era Rosina, perché si no, non avrei mai azzardato.

LUCIA: Ma azzardato di che? E stata na cosa tanto naturale che io non ci ho trovato niente di male.

FELICE: Ah, neh? E quando credete così poi non se ne parla più.

LUCIA: Ma che sò, voi lo dite de na maniera, io non capisco comme parlate.., ma che nce stato quacche cosa? Ci siamo divertiti e non nc’è stato niente di male.

FELICE (pausa): D. Lucì, io v’aggio abbracciata e v’aggio baciata.

LUCIA: A me? Vi siete ingannato, caro D. Felice.., state in grande errore, vuje nun avite fatto niente de tutto chesto. Va trova dinto a lo scuro a chi avite abbracciata e vasata, e mò ve ne venite che l’avite fatto cu me. Ci siamo divertiti, sissignore, ma non nc’è stato niente di tutto questo.

FELICE: No, vedete, io ammiro il vostro modo d’agire, accussì nce truvammo de una parola...

LUCIA: Ma quà parola, ma voi che dite, che state dicenno? Io vi ripeto che questi abbracci e questi baci non ci sono stati, e vi prego di finirla. Non sò come possiate dirlo, come possiate solamente immaginarlo, sapendo io comme la penzo e che carattere tengo.

FELICE (pausa): Ma D. Lucì, voi veramente dite che io non vi ho abbracciata e baciata?

LUCIA: Veramente, si, veramente.

FELICE: D. Luci, io v’aggio pure pezzecato!

LUCIA: Oh!!!... D. Felì, vuje sarrate pazzo!... Capisco lo scherzo ma arrivare fino a questo punto poi no! Pe chi m’avite pigliata a me! Io me faceva pezzecà da isso. E po’, me pezzecaveve e io nun me lo senteva? Va trova a chi avite pezzecato...

FELICE: Seh, pezzecava a na gatta! A me me fa piacere, ammiro ripeto il vostro contegno, ma non vorrei che Errico sapesse...

LUCIA: Ma Errico nun sape niente che nuje simme jute a lo veglione.

FELICE: Voi che dite... Errico sape tutto.

LUCIA: Sape tutto? E comme l’ha appurato?

FELICE: Ha trovato i foglietti co la curona...

LUCIA: Ah! Già, lo fuglietto co la curona, che bestia, le rimanette llà ncoppa.

FELICE: Una cosa però, isso se crede che ha cenato cu vuje, nun sape che invece vuje avite cenato cu me. Perciò vi dicevo de non dir niente, lo fatto de li pizzeche...

LUCIA: E n’ata vota mò? D. Felì, mò accumminciate n’ata vota? Smettetela adesso, ve ne prego. Io stimo voi, stimo vostra moglie, state in casa mia, siete i miei buoni padroni, ma dire una cosa che non è esistita vi assicuro che mi dispiace, mi dispiace seriamente. (Pausa.) D. Felì, quando vi dico che non m’avete pezzecato... non m’avete pezzecato!...

FELICE (pausa): D. Lucì, io v’ho pezzecato!

LUCIA: Eh! Va buono, m’avite pezzecato!

FELICE: E me tuccate i nervi....

SCENA SESTA

Errico e detti, poi Felice e Rosina.

ERRICO: (Che haje fatto cu mugliereta?).

FELICE: E c’aggia fà, io pe poco nun aggio abbuscato, che m’haje combinato, quanno non sapite fà niente, nun ve mettite mmiezo.,. mannaggia l’arma de... (Via a destra.)

ERRICO: Siente, viene cca... e mò parla turco...

LUCIA: Dunque stanotte tu haje cenato cu me...

ERRICO (ridendo): Invece de cenà ccà, avimmo cenato a lo veglione.

LUCIA: E tu m’haje conosciuta?

ERRICO: Ma te pare...

LUCIA: E pure io aggio cagnato voce tanto bella.

ERRICO: Credive tu, ma comme pò te potive immaginà che io non te conosceva, mi perdonerai però, si senza volerlo t’aggio fatto chella macchia vicino a lo domino.

LUCIA: La macchia?... Quale macchia?

ERRICO: Comme, quanno io steva co la tazza de cafè mmano, so’ ghiuto pe t’abbraccià è caduto lo cafè ncoppa a lo domino.

LUCIA: Ah, sì, mò me ricordo, quanno m’haje abbracciato (e brava Rosina, s’è fatta pure abbraccià). (Esce Rosina e Felice.)

ROSINA: No, no, e no, nun voglio sentì ragione.

FELICE: Ma io sulo a te voglio bene.

ROSINA: Niente, me ne voglio j, ccà nun nce voglio restà chiù.

LUCIA: Rosì ch’è stato?

ROSINA: Uh! Rosì ch’è stato? Mò me faje pure l’ingenua, io saccio tutto.

LUCIA: Tutto de che?

ROSINA: E me l’addimmanne pure, io voglio fa nu straverio.

LUCIA: Lo straverio lo voglio fà io.

FELICE: (Rosì, statte zitta, che sta lo marito llà).

ROSINA: Nun me voglio sta zitta, no.

ERRICO: Ma se po’ sapè ch’è succiesso?

LUCIA: è succiesso che io stanotte aggio cenato cu D. Felice, e tu haje cenato cu Rosina.

FELICE: Che!!

ERRICO: Comme!

ROSINA: Sì, ma tu te sì fatta abbraccià e vasà da maritemo.

LUCIA: No, tu te sì fatta abbraccià stretta stretta da maritemo.

I DUE: Che!!

ROSINA: Io? Quanno maje!

LUCIA: Quanno maje? E la macchia de cafè che tiene vicino a lo domino?

ROSINA (a Felice): Uh! Io tengo la macchia?

FELICE: E io saccio chesto.

ROSINA: Tu tiene lo domino tutto stracciato.

LUCIA: Io? Lo domino mio è intatto... mò te lo faccio vedé.

ROSINA: E io pure mò te lo faccio vedé lo mio senza nisciuna macchia. (Viano per parte opposta.)

FELICE: Capirete, che se mia moglie tiene la macchia, voi me ne darete conto.

ERRICO: Comprenderete benissimo, che se avete fatto una rottura al domino di mia moglie, voi me ne darete soddisfazione.

FELICE: Amico porco!

ERRICO No, tu sei un porco!

SCENA SETTIMA

Lucia e Rosina, poi Saverio, indi Giovanni.

ROSINA (con domino): Si site capace, trovateme la macchia.

LUCIA (con domino): Vedite, si site buono a truvarme na stracciatura. (Felice e Errico guardano i domini.)

ERRICO: Io non vedo niente.

FELICE Qua non nc’è nessuna rottura.

ERRICO: Eppure io aggio menata na tazza de cafè a nu domino comme a chisto.

FELICE: E io veramente aggio stracciato nu domino comme a chisto.

SAVERIO: Signò, fore nce sta n’ommo che bò parlà cu buje.

ERRICO: E chi è?

SAVERIO: Ha ditto che si chiama Giovanni.

ERRICO: Giovanni? Ah, forse lo cammariere de lo restorant.

SAVERIO: Gnorsì, signò.

ERRICO: Fallo trasì. (Saverio via.) E Giovanni che bene a fa ccà?

GIOVANNI: Signori buongiorno.

ERRICO: Caro Giovanni, che c’è?

GIOVANNI: D. Errì, io aggio trovato stu braccialetto miezo a li grade de lo Restorant, e siccome è chillo stesso che io aizai da terra, quanno le cadette a chella signora che steva cu buje, accussì ve lo so’ venuto a purtà. (Lo dà avvolto in carta.)

ERRICO: Sì, sì, me ricordo. Grazie tanto Giovà. (Gli dà una moneta.)

FELICE: Bravo, cameriere onesto, bisogna un regalo. (Si mette le mani in tasca.) T’ha regalato isso?

GIOVANNI: Sissignore.

FELICE: E va bene. (Giovanni via.)

ERRICO (toglie il braccialetto dalla tasca): Sissignore, eccolo qua, questo stava al braccio di D. Rosina.

ROSINA: Nonsignore, questo non è roba mia.

ERRICO: Oh! non mi negate questo!

FELICE (prendendolo): Scusa, abbi pazienza, fammelo vedé. (Lo guarda, poi a Lucia.) Me piace la faccia ingenua de chella. Questo stava al braccio di D.a Lucia.

LUCIA: Addò, io mò lo veco la primma vota.

FELICE: Me stracciaria tutti li panne ncuollo p’arraggia, lo bò pure negà, io quanno l’aggia vasata la mano me scummava de sangue n’atu poco.

LUCIA: Sarrate pazzo.

FELICE: Questo lo portava la donna che ha cenato con me.

ERRICO: Nonsignore, quella che ha cenato con me.

FELICE: Aspetta, nce fosse stato quacche terzo domino color di rosa?

ERRICO: Già, na terza femmena, la quale quanno Lucia e Rosina se ne so’ ghiute ha cenato cu nuje.

FELICE: Ha cenato prima cu te e po’ cu me.

ERRICO: Già.

FELICE: All’arma de lo stommaco! Vale a dire che la padrona de stu braccialetto io aggio abbracciata e aggio baciata?

ERRICO: E io pure. Nun te n’incarricà, stu braccialetto ci farà conoscere la vera persona.

SCENA OTTAVA

Anastasia, e detti, poi Michele, indi Peppeniello.

ANASTASIA: Neh, io me ne vaco. (Vedendo il braccialetto.) Uh! Lo braccialetto mio.

TUTTI: Che! (Ridendo.)

ANASTASIA: Neh, pecché redite de chesta manera.

FELICE (ad Errico): Sà, io te faccio i miei complimenti, haje aizato chillo viaggio. (Ride.)

ERRICO (a Felice): Me ne congratulo tanto tanto, te sì mbarcato pe Civitavecchia. (Ride.)

ANASTASIA: Io non capisco pecché redite de chesta manera. (Comparisce Michele.)

LUCIA: Site juta a lo veglione!

ANASTASIA: Io so’ ghiuta a lo veglione!

MICHELE: Come, come, mia moglie ai veglione! Per ciò, m’haje mannato lo telegramma, haje truvata la scusa de Puortece, donna impudica!

ANASTASIA: Vuje che cancaro dicite! Chi veglione, quà veglione, io nun ne saccio niente.

FELICE: Il braccialetto vi condanna.

ERRICO: è stato trovato mmiezo a li grade de lo restorant.

ANASTASIA: Uh! E comme s’è truvato llà?

PEPPENIELLO: Signori miei.

ANASTASIA: Neh, birbante che sì, viene ccà. Dimme na cosa, comme va che stu braccialetto s’è truvato mmiezo a li grade de lo restorant?

PEPPENIELLO: (Uh! Lo braccialetto!), Ah!... zi zi, ecco ccà...

ANASTASIA: Parla, parla, che vi ci va dell’onor mio.

PEPPENIELLO: Aissera jette a truvà n’amico dinto a lo restorant, forse m’avetta scappà da djnta a la sacca, senza che me n’addonaje.

ANASTASIA: Avite ntiso?

PEPPENIELLO (a Rosina): (Nun è overo, io lo regaiaje a te).

ROSINA: (A me! Sì pazzo).

PEPPENIELLO (a Lucia): (Allora lo dette a buje?).

LUCIA: (A me! Starraje mbriaco).

PEPPENIELLO: (E a chi lo dette?).

MICHELE: Dunque non mi hai tradito?

ANASTASIA: E lo potevi solamente pensare.

MICHELE: Patanona mia, zuccariello mio.

FELICE: Signori miei, scusate, mò facite venì lo delluvio.

ANASTASIA: Già, m’avite fatto mettere stu poco de paura, giusto adesso che tengo lo suspetto.

FELICE: Uh! Lo suspetto... acciditeme a zi zia.

ERRICO: Insomma, nun s’è pututo appurà io stanotte con chi aggio cenato.

FELICE: E io a chi aggio abbracciato?

PEPPENIELLO: (E io a chi aggio dato lo braccialetto).

SCENA ULTIMA

Saverio e detti.

SAVERIO: Signò, Giulietta se n’è ghiuta, e ha mannato stu domino. (Errico e Felice prendono il domino e lo guardano con premura.)

ERRICO: Uh! La vi ccà la macchia!

FELICE: Ecco ccà la spingola!

PEPPENIELLO: E ccà sta la bruciatura de lo sicarro.

LUCIA (ridendo): Ah, ah, ah! Avite fatta na bella conquista.

ROSINA: Veramente ve l’avite scegliuta nobile. (Ride.)

FELICE: (Aggio spiso tanta denare pe na femmena de servizio).

ANASTASIA: Neh, ma ch’è stato?

ROSINA: No, niente, niente. (A Felice:) Siente, io faccio vedè che rido pe nun me fà cuffià de la gente, ma t’assicuro che me la pagarraje, te voglio fa sentere lo sapore de li schiaffe.

FELICE: Lo sapore de li schiaffe?... E io pure so’ contento, però il sapore da lei ma il rumore da voi!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 90 volte nell' arco di un'anno