E a ghenti è cuntenti

Stampa questo copione

....E A GHENTI E’ CUNTENTI!

COMMEDIA IN 3 ATTI DI

GIOVANNI GULINO

PERSONAGGI

Meno Belfiore

Pasticciere

Gina

Moglie di Meno

Teresa

Figlia di Meno e Gina

Biagio

Figlio di Meno e Gina

Paolo

Figlio di Meno e Gina

Don Ciuvannuzzu

Padre di Gina

Alfonso Rampulla

Amico di Biagio

Giorgio

Fidanzato di Teresa

Natalina Bentivoglio

Ricca proprietaria terriera

Matilde Bentivoglio

Sorella di Natalina

Ninetta

Figlia di Matilde

Don Luciano

Dipendente delle Bentivoglio

NUM. POSIZIONE S.I.A.E.  82627

PERSONAGGI N. 12:  7 MASCHI E 5 FEMMINE

TEL.  331 5603090

DESCRIZIONE PERSONAGGI

MENO: Età 55 anni. Persona semplice e di aspetto simpatico.

GINA:   Età 50 anni. Stessi requisiti del marito.

TERESA: Età 20 anni. Bella ragazza spigliata e intelligente.

BIAGIO: Età 23 anni. Classico bravo ragazzo.

PAOLO: Età 13 anni. Ragazzo sveglio ma un po’ svogliato.

DON CIUVANNUZZU: Età 80 anni. Vecchio arzillo e di facile battuta.

ALFONSO: Coetaneo di Biagio. Ostenta sicurezza per mascherare la

                      sua timidezza.

GIORGIO: Età 25 anni. L’aspetto da bravo ragazzo nasconde un animo

                     superficiale fino alla meschinità.

NATALINA: Età 55 anni. Donna bigotta e di ristretta mentalità.

MATILDE : Età 50 anni. Stesse caratteristiche della sorella con in più una

                      altezzosità che rasenta l’insolenza.

NINETTA: Età 18 anni. Ragazza graziosa ma dall’aspetto dimesso e

                     sciatto. L’ambiente retrivo in cui è cresciuta ne ha fatto una

                     ragazza ingenua, credulona e con una mentalità fuori da ogni

                     logica.

DON LUCIANO: Età 60 anni. Modi semplici da uomo di campagna.

BREVE TRAMA

In casa Belfiore la vita procede tranquilla tra una visita delle bigotte sorelle Bentivoglio accompagnate da Ninetta (completamente scimunita dall’educazione ricevuta dalla madre e dalla zia) e una visita a Biagio dell’amico Alfonso il quale millanta le sue numerose conquiste femminili, fino a quando le sorelle Bentivoglio non si presentano in detta casa annunciando che Ninetta è incinta e l’artefice di ciò è da ricercare tra i maschi di casa Belfiore.

Tra costernazione e reciproci sospetti, si cerca di venire a capo del mistero fino a scoprire che l’artefice del misfatto è Giorgio, il fidanzato di Teresa, che da quest’ultima, dopo una tempestosa lite, viene cacciato di casa.

Ninetta, nonostante le minacce della madre, accetta la sua condizione di ragazza madre; don Luciano, malgrado i maltrattamenti subiti dalle sorelle Bentivoglio, corona il suo sogno d’amore con Natalina, Alfonso finalmente svela la verità sulle sue false conquiste e dichiara all’amico che il suo unico e vero amore è Teresa la quale, ormai essendo libera da impegni sentimentali, lo fa sperare in meglio e Biagio si rassegna a svolgere i compiti scolastici del fratellino Paolo per una serie di precedenti furfanterie perpetrate nei riguardi di quest’ultimo.


1° A T T O

Soggiorno di casa Belfiore. Due porte conducono in stanze adiacenti e una verso l’uscita. E’ un soggiorno che fa intravedere un tenore di vita dignitoso. In scena entra Paolo che introduce dei soldi in un salvadanaio di creta posto ben in vista sulla credenza.

Paolo

(soddisfatto) Abbiamu!!...E su n’autri rumila lire! Se va bene, prima ra state m’accattu u rogghiu subbacqueo. (soppesa il salvadanaio) Buonu è fatto! (entra Biagio)

Biagio

(carezzevole) Ohh Paolo, cà si? Come stai, caro fratellino minore?...Fatti taliare…U sai ca stai alluncannu?

Paolo

L’ultima vota mi viristi ieri sira: stanotte ci fuorru tutti sti cambiamenti?

Biagio

No…Ehm!...Nun ta taliatu attentamente, ora invece staiu notannu ca…

Paolo

Biagio lassa perdire st’allisciata. Chi ti serve?

Biagio

Nenti Paolo. Parramu ri iautri cosi…Come vai a scola?

Paolo

Accussì accussì.

Biagio

Eh, a sturiare! U studio fortifica a mente e spiana a strata ri l’avvenire.

Paolo

Nun ti mettire a fare prierrichi, ma sa no mi ni vaiu.

Biagio

Nun si d’accordo?

Paolo

Nun o sacciu, però se nun ci fussi a scola putissi iucare o palluni. Tu ri quannu vai all’università, si sempre intra assittatu nta segghia. Talietti: si ghiarnu, cu l’uocci nfussati e co rarrieri ciattu. Se continui accussì picca n’hai.

Biagio

Chi vuoi, sacrifrici ci vuonu! E puoi…viri…niautri studenti siemu costretti a stare intra picchì, macari ca sciemu, senza sordi chi faciemu? Per esempio: sabato, c’amici m’avissi a manciare a pizza. Comu fazzu? Sugnu senza na lira…A proposito Paolo,  mi presti recimila liri?

Paolo

Ecco chi era a llisciata r’antura!

Biagio

No Paolo, ti sbagghi…

Paolo

Sordi nenti, ancora ma dari settimila lire.

Biagio

Ti rugnu, stai tranquillo. A prossima sumana u papà mi runa i sordi e ti rugnu i settimila lire…e i recimila lire.

Paolo

No, i recimila lire scordatilli.

Biagio

Avanti Paolo, a to frati nun o puoi trattare accussì.

Paolo

No, senza nenti ncanciu sordi nun ti ni priestu.

Biagio

E chi ti puozzu rari iu? Paolo, assittamini e ragghiunamila con calma…(si siedono) Allura Paolo, rimmi.

Paolo

Faciemu na cosa: (prende un quaderno dalla cartella) tu mi fai stu problema e iu ti priestu i sordi.

Biagio

(con afflizione) Perciò tu approfitti della disperata situazione economica di tuo fratello e lo ricatti…

Paolo

Sienti Biagio, nun abbiare nte lacrime picchì nun ci nesci nenti: o fai u problema o sabato nenti pizzeria. (gli mostra il quaderno) U pane si guadagna, chi nun o sai? U pane è a mienzu e spine e a pizza è a mienzu e nummira.

Biagio

Stu proverbio u inventasti tu…Viriemu, fammi virri stu problema…(lo sbircia) Chistu difficile è!

Paolo

Se fussi facile u facissi fare a tia?! Iavi ru uri ca ciercu i risolvillu…arance!...barattoli!...Nun ci capì nenti.

Biagio

E’ difficile. Se ta fare ma pristare quinnicimila lire.

Paolo

Scordatillu.

Biagio

Ci sunu almeno cincu operazioni: recimila lire su picca.

Paolo

Interrompiamo la trattativa. Vuol dire ca sabato manci intra e ti viri Pippo Baudo a televisione. (fa per andare)

Biagio

Aspetta!...Va bene, recimila lire. Rammi su quaderno.

Paolo

Tiè, buon lavoro. Iu vaiu da rintra c’aiutare o papà picchì intra stasira a ma consegnare cincu torte e uottu guantiere ri cannola. (esce)

Biagio

Approfittatore! Speculatore sulle miserie altrui!...Faciemu stu problema…Viri chi tocca fare pi manciarisi na pizza! ...In un caseificio con 1250 Kg. di arance si preparano barattoli di marmellata da 2 hg. Ogni barattolo viene venduto a £ 1.450 l’uno. Quanto si ricava? Se si spendono £ 7.350.000 per le arance all’ingrosso e la manodopera, quanto si guadagna?...Dunque…cà ci su ettogrammi… chilogrammi…perciò prima a virri quantu aranci…no…a moltiplicare 1.450 per 1.250…no, chi c’entra?...Iavi ca nun fazzu sti problemi!...Se fazzu 7.350.000 diviso 1.250 …fazzu nenti…(nervoso) Schifìu r’aranci! I scraunciassi tutti, accussì cià finissunu ri fare marmellata…Puozzu fare 1.450 per due…(bussano. Biagio apre ed entra Alfonso) Alfonso trasi. Come stai?

Alfonso

Buonu. Chi stai faciennu?

Biagio

Stapia risolviennu nproblema a Paolo. Scola ni vole picca e ogni tanto mi tocca iutallu.

Alfonso

U frati ranni c’aiuta chidu nicu.

Biagio

Chi ci vuoi fare?...(prende il quaderno) Alfonso stu problema comu u risolvissitu?…Mi pare facile facile!

Alfonso

Viriemu…In un caseificio…(biascica le parole) barattoli di marmellata…Quanto si ricava? Se si spendono… Quanto si guadagna?...Ohh!...allura basta fare prima… prima 7.350.000 diviso…

Biagio

No, ci pruvai e nun funziona…Viri, iu invece pinzava…

Alfonso

Ah ecco…Prima sa fare l’equivalenza: sa na purtare i lire a chilogrammi.

Biagio

Comu ci puorti i lire a chilogrammi, Alfonso?!

Alfonso

Nun si ci puonu purtare? Allura purtamili a ettogrammi e puoi moltiplicamu 1.450…

Biagio

Ca moltiplicare?! Alfonso, si fora strata.

Alfonso

Chi ta dire? Tu facisti a ragionaria, ri matematica ni sai ciù sai ri mia.

Biagio

Se, a ragioneria vinìa u prufissuri che casci r’aranci e ni facìa fare a marmellata…Vah, finiemila!...Ca fattu nta sti iorna?

Alfonso

I solite cose: oltre a sturiare, a sciutu…quarchi passiata… Però nun cummeni nescire, ci sunu truoppu distrazioni.

Biagio

Chi distrazioni ci sunu nto nuostru paisi? Si fanu sempre i stesse cose.

Alfonso

Si vabbè…però…Ogni vota ca niesciu ancuontru fimmini ri cà, fimmini ri dà; tutti s’ampiccicunu ncuodu.

Biagio

Miatidu!! Sparti ti lamienti, l’avissi iu sta fortuna! A quantu pare, si l’unicu assicutatu re fimmini.

Alfonso

E comu se nun abbastassinu chidi ri cà, si ci mettunu pure chidi ri fora…Talè…talè! (estrae dalla delle cartoline) Chista ma mannau Giusy ri Piazza Armerina… U sai, da picciotta ca canuscì st’estate a mare.

Biagio

Se, ma ricuordu: simpatica era.

Alfonso

Tiè, liegghi. (Biagio prende la cartolina)

Biagio

“Caro Alfonso, quando ti rivedrò? Senza te non resisto. Tua Giusy”….A facci!! Chista è cotta ri tia!

Alfonso

Chista invece, ri Milazzo, ma spediu Carolina.

Biagio

Chida ca canusciemmu a discoteca? Viriemu, fammi legghire…”Fofò”…Ah se, ti ciamava Fofò…”Fofò, non ti ho mai dimenticato, non vedo l’ora di rivederti. Un bacio dalla tua Carolina.”…Chista carìu macari! Iu nun mi spiego chi hai tu supierciu i l’autri.

Alfonso

(pavoneggiandosi) Mah, nun u capisciu mancu iu… Chista invece ma spediu Federica, ri Acireale.

Biagio

(sempre più sbalordito) Da piezzu ri!...Chida bionda, iauta, ca parìa n’attrice?

Alfonso

Precisamente. Puri ida pare sconvolta, se nun capì male…

Biagio

(gli strappa la cartolina di mano) Viriemu! Viriemu! Addivintasti famoso macari ad Acireale…”Sei sempre nei miei pensieri, solo con te ho trascorso momenti unici. Tua Federica.”…Patri! Figghiu!...Ma chi ci fai e fimmini?

Alfonso

Chistu è nenti, a casa n’aiu npaccu tantu ri cartoline. Comu fazzu a cuntintare a tutte?

Biagio

Pi chissu i picciuotti ti ciamunu “U toro re Cupulidi”!.... Sienti Alfonso a mia quarchi cunsigghiu ma dare. Sicuramente c’è u truccu, tu normale nun ci si. Iu che fimmini a avutu risultati deludenti picchì può darsi ca sugnu scarso, ma tu si n’esagerazione!...Alfonso dai, rammi quarchi cunsigghiu e puoi iu fazzu u riestu.

Alfonso

(con aria saputa) Eh caro Biagio: tutta questione di stile! Iu…riciemu…iaiu nu repertorio e, a secunnu u caso, adotto chidu ca ci vole.

Biagio

E chissu m’anzignare: quarchi cosa ro repertorio.

Alfonso

Chi ti puozzu riri? Ci su tanti casi…Sa virri ra circostanza …Per esempio: c’è a tecnica ri l’abbordaggio.

Biagio

Seee??!! Macari a tecnica c’è pi?...

Alfonso

Certo. Ci su tanti tipi ri abbordaggio: c’è l’abbordaggio semplice…accussì…(strizza l’occhio con sensualità) Però sa sapire fare, nun è ca pigghia e scacci l’uocciu…Puoi c’è l’abbordaggio con libidine ca è ciù difficile, però è efficace.

Biagio

E com’è? Fammillu virri.

Alfonso

Si fa accussì: (strizza l’occhio e muove le labbra) Chistu è da professionisti, nun è ri tutti.

Biagio

Comu…accussì?...(ripete il gesto)

Alfonso

No, ciù  disinvolto…Biagio, nun to puozzu mparare nta ru minuti, è questione ri allenamento…(entra Teresa) Ssst, c’è ta suoru…(si ricompongono) Ciao Teresa, come va?

Teresa

Bene grazie…Chi stati faciennu?

Alfonso

Si parlava del più e del meno.

Biagio

Pi tia forse!...Cara Teresa, ravanti a tia c’è un grande conquistatore ri fimmini, u sapieutu?

Teresa

No, nun immaginavo ca erutu accussì affascinante.

Biagio

Nun parru ri mia, parru ri Alfonso. Se sapissitu!...

Alfonso

(imbarazzato) Biagio, lassa perdire…

Teresa

Bravo Alfonso, complimenti!...Biagio chi vuoi, i fimmini trovanu Alfonso interessante e affascinante. Del resto, comu picciuottu nun è male.

Biagio

Ma è n’esagerazione però! (entra don Ciuvannuzzu)

D. Ciuvannuzzu

Salute alla gioventù, avvenire dell’umanità.

Alfonso

Buongiorno don Ciuvannuzzu. Tutto a posto?

D. Ciuvannuzzu

Tiramu avanti…Biagio, stu picciottu mi pare c’a vistu iautri vote.

Biagio

Ca certo nonno! E’ Alfonso, mio vecchio amico.

D. Ciuvannuzzu

Ah se, ora ca ti talìu buonu…Sturì puri tu ri avvocato come  Biagio?

Alfonso

No, iu studio lettere.

D. Ciuvannuzzu

Ah, postino si?! Acciù i ciamunu studiosi di lettere?

Biagio

Ca quale nonno! Alfonso sturia p’addivintare prufissuri ri italiano.

D. Ciuvannuzzu

Prufissuri?! Chi c’entrunu i littri allura? Ogghi canciunu sempre i parole e unu nun capisci nenti.

Biagio

Alfonso, nun ci fare caso. All’autra ieri vinni u nfirmieri pi facirici na nizzione; quannu du puviriedu ci rissi ca era nparamedico, u bbuccau fora riciennici c’a idu i nizzioni cià na fattu sempre i nfirmieri e i nfirmieri cià na continuare a fare. (Biagio e Alfonso tornano a interessarsi del problema di matematica. Bussano)

Teresa

Quantu viru cu è. (va ad aprire ed entra Giorgio) Ciao Giorgio, nun t’aspittava accussì presto.

Giorgio

Mi sbrigai prima. Come stai tesoro?

Teresa

Ancora nun ma priparatu, mi putieutu avvisare?

Giorgio

Nenti ci fa, aspiettu…Ciao Alfonso…Ciao Biagio… Buongiorno don Ciuvannuzzu. (entra Meno che trascina Paolo per un braccio e Gina cerca di fermare il marito. Paolo ha un cannolo in mano)

Gina

…Avanti Meno lassulu perdire, acciù chidu ca fu fu.

Meno

Se chistu u lassu perdire, a furia ri sbafare cannola scoppia…Meno male ca vinisti da rintra p’aiutarimi!

Paolo

E chi nun t’aiutatu?

Meno

Come no! Ta manciatu na guantiera ri cannola.

Gina

Meno calmati, nun fare accussì, nun ti fare canuscire… Scusate picciuotti, mo marito s’arrabbiau tanticcia.

Meno

Certo ca m’arrabbiare. Ca prescia i cannola si ghiutti sani, senza masticalli, accussì si sbriga prima. Comu se nun bastassi, supra o bancuni c’era a torta ca mi ordinau u dutturi Cassina po compleanno ri sa muggheri e u tiempu ca utai l’uocci si manciau i ciliegine…(fa il gesto di picchiarlo) Ti ni rassi una!...Sparti nun m’arrabbiare …Picciuotti facitimi nfauri: tinitavillu cà ma sa no pi finire i torte a fare a nuttata.

Paolo

C’è bisuognu ri fare accussì? Tiè u cannuolu, iu cose ciarmuliate nun i vuogghiu.

Meno

Chi c’entra u ciarmuliare?! Tutti sti cose aruci ti fanu nmatruni. Manciatillu, ca mancare pi chissu? Se ogni cannuolu ca ti manci ti facissitu nproblema, avissutu ncirviedu comu a Galileo Galilei. (bussano, Teresa va ad aprire)

Gina

O sa cu è ora.

Teresa

Se intra è…No, nun disturbate…prego. (entrano Matilde, Natalina e Ninetta. Sono vestite in modo eccessivamente castigato)

Gina

Oh signura Matilde, s’accomodi! Signorina Natalina buongiorno. Ciao Ninetta. Assittativi. (Paolo esce)

Natalina

Ni permettiemmu r’incomodarivi…

Gina

Quale incomodare, a vostra visita ni fa piaciri!

Matilde

Putiemu vennire n’autra vota, viru c’aviti ospiti.

Gina

No, sti picciuotti sunu ri casa: chistu è Alfonso, amico ri Biagio e chistu è Giorgio, u zitu ri Teresa.

Matilde

U zitu ri Teresa?! E chi veni fin’a intra?

Meno

Chi c’è ri strano?

Natalina

Maria! Maria! A ghenti chi po dire?

Teresa

Signura, acciù nun si talienu sti cose.

Natalina

Pi chissu si ni sientunu tante! Sapissivu u nfiernu ca c’è nta certe famigghie!

Matilde

Niautri ni sapiemu quarchi cosa. Iennu nte case pi cogghire l’offerte pe poveri, ni sintiemu e ni viriemu ri tutti i culura.

Natalina

Ah, se putissi parrare!!

D. Ciuvannuzzu

(rivolto ai giovani) Ora parra! Ora parra!

Natalina

Vistu ca siemu tra niautri…A figghia ra signura Rosina è nta ucca ri tutti pi curpa ri npicciuottu e Cettina Presti si sta faciennu na brutta nomina…

Matilde

Natalina, nun cuntare certi cose ravanti a Ninetta.

Natalina

Signura Gina, taliassi comu su vicini Teresa e u so zitu! I faciti stare accussì mpiccicati?

D. Ciuvannuzzu

Nenti ci fa! Sa na vasuniare e larghi, miegghiu ca u fanu ravanti i niautri. (espressioni scandalizzate di Matilde e Natalina)

Gina

Papà piano co parrare, tu si pericoloso.

Natalina

Teresa pi fauri, alluntaniti ro zitu. Ninetta, povira figghia, è scossa picchì a certe scene nun c’è abituata.

Teresa

(sbuffando) Va bene…Giorgio amuninni da rintra, accussì scosse nun ni pigghia nudu. (esce insieme a Giorgio)

Matilde

I faciti iri suli da rintra?

Meno

Vi pare ca si scantunu?

Matilde

Povera Teresa, a quali pericoli la esponete! A sa virtù po essere minacciata.

Ninetta

L’uomminu è nu riavulu tentatore e a fimmina è na colomba indifesa…Zia Natalina rissi ghiustu?

Natalina

Certo figghiula! I miei insegnamenti nun ti scurdari…Suli da rintra! Se i virissi  a ghenti o sa chi pinzassi.

Meno

Attonna ca ghenti! Talè, da rintra ci vaiu macari iu picchì a finire i torte e pi tranquillizzarivi ci rugnu l’uocciu, accussì a ghenti sta muta…Con permesso. (esce)

Natalina

Facissi con comodo.

Biagio

Signorina, Teresa è na picciotta responsabile, pi chissu iavi a fiducia ri tutti. Co so zitu sapi come sa comportare e capisci quali sunu i limiti oltre i quali nun si va: è na picciotta tisa…Scusassi signura Matilde, ma lei a Ninetta nun ciò permette ri frequentare quarchi picciuottu?

Natalina

Nsia mai Signuri!! Chi ti scappa ra ucca?...Patri! Figghiu! ...Ninetta avissi a frequentare!...

Matilde

I giovanotti o sa i chi cià nzignassinu! A scannaliassunu subitu. I picciuotti ri ogghi faciti certi riscursi, aviti nu linguaggio!...

Alfonso

Biagio, chi linguaggio aviemu?

Gina

Eppure a Ninetta nun ci facissi male sapire certi cose, ma sa no crisci cu l’uocci ciusi ed è peggio.

Matilde

Signura Gina, na picciotta timorata ri Diu sti cose mancu a pinzare.

Ninetta

Sapere certe cose è come annidare il peccato nel nostro cuore: si perde tutta la purezza.

Alfonso

Chi??!!

Biagio

Come??!!

Natalina

Sintitila chi è amirusa! E’ un angelo!...Un giglio! (più adagio, per non far sentire Ninetta) Pinzati ca finu a picca anni fa, pi ida a nascita ri na creatura era dovuta all’ancili ro cielo ca purtaunu npicciridu nta famigghia prescelta.

Alfonso

Come?! L’ancili??!!...

D. Ciuvannuzzu

Ma quant’anni iavi Ninetta?

Matilde

Riciott’anni.

D. Ciuvannuzzu

E a riciott’anni assicuta ancora l’ancili?

Natalina

Ssst don Ciuvannuzzu, parrati ascidu.

D. Ciuvannuzzu

Ma quali ascidu!...

Gina

Zittiti papà, a tia chi t’importa?...Chissu puoi u pinzava na vota ma ora sarà diverso, vero signura?

Matilde

Beh, certo! Purtroppo nta l’ultimi tiempi sa fattu ciù smaliziata. Pi quantu iu e ma suoru circamu ri essere caute, a nostra Ninetta è accussì maliziusa ca…

Ninetta

E’ bello il mistero della nascita: l’uomo che col suo alito avvolge la donna e questo prende forma e materializza un bambino.

Alfonso

Se, a puostu! Ora capìu tutti cose! Si fici ciù smaliziata!

D. Ciuvannuzzu

Figghiula si fora strata! Se ru pirsuni vuonu nfigghiu e penzunu ri fallu cu…l’alito: ianu a vogghia i sciusciare!

Gina

Papà, quetu.

Natalina

Don Ciuvannuzzu, nun parrassi accussì.

Matilde

Beh, può darsi c’ancora l’idee nun l’avi tanti ciare, ma nun vi pare bello chidu ca penza? E’ accussì romantico!

D. Ciuvannuzzu

Se, commovente!...Ma nghiuornu quannu si spusa, so marito…

Matilde

Ssst!!

D. Ciuvannuzzu

Ma stare mutu? Chi dissi n’autra bestialità?

Natalina

No…E’ ca…ogni vota ca ci parramu ri spusarisi, a figghia arrussica e si mette in imbarazzo. Viene turbata la sua innocenza.

D. Ciuvannuzzu

Chi è ca si turba?! Ma chi stati riciennu? Iu nte pirsune spusate tutti sti turbazioni…comu i ciamati…

Natalina

U sacciu don Ciuvannuzzu, ma virissi a Ninetta u sulu pinzieri ri ncontatto cu n’uomminu…mi capisci?

D. Ciuvannuzzu

Chi c’è ri capire? Senza contatti chi vole cunciurri?

Gina

Signorina, però a Ninetta ci faciti fare na vita truoppu isolata: sempre intra o cu viautri.

Matilde

E come a ma fare? Abitamu fora, ncampagna. Ogni ghiuornu viniemu o paisi, iemu a chiesa e faciemu quarchi spisuzza.

Gina

Pi mia è sbagghiatu!...Scusatimi, iu vaiu da rintra a priparare i pacchi re robbi ca va ta purtare.

Matilde

Ah se, chidi ca ma purtare all’orfanotrofio. Se, se, i priparassi. (Gina esce)

Alfonso

Ninetta allura tu a discoteca, o cinema, nun ci vai mai?

Ninetta

No, no, mai!...A voti nte film si virunu certe scene accussì …accussì…Zia, comu i puozzu ciamare?

Natalina

Scabbrose! Scabbrose!...A sumana passata nta televisione ni stapieumu viriennu “Via col vento”: rui ncuminciarru a vasarisi e nun cià finieunu mai: cincu minuti…reci minuti …nquartu!...

D. Ciuvannuzzu

Quantu rurau stu film?

Alfonso

Ninetta, visto ca nun niesci cu l’amici, comu u passi u tiempu? Chi nun t’annoi?

Ninetta

No, nun m’annoio. Ri iuornu sbrigu quarchi sirvizzu a casa, puoi mi mettu a ricamare…A sira vaiu nta ma stanza, prima controllo i rasti ro barcuni – se virissitu chi su fatti bedi! – puoi talìu u cielu e m’arricriu.

Biagio

Taliannu u cielu?!

Natalina

Chi animo nobile! Chi sensibilità!

Ninetta

A ta sapire ca ogni pirsuna ro munnu nto cielo iavi na stida, iu m’affacciu e ciercu r’anzittare qual è a mia…Po essiri chida?...No, è chida picchì è ciù bella…O forse è chida? Ri quanti ci n’è, una si cunfunni.

D. Ciuvannuzzu

Chi gran passatiempu! Tutti i siri va circannu qual è a sa stida…Chista!...Chida!...

Ninetta

Fazzu na vita serena, no comu a chida ri tanti fimmini. L’uommini sunu a perdizione e l’inganno e perciò cià stari luntana, vero zia Natalina?

Natalina

Figghiula, nun to scurdare mai. (bussano. Biagio va ad aprire)

D. Ciuvannuzzu

Cu interrompe sti melodiose parole? A siri n’umminazzu fitusu…(entra don Luciano) Nun mi sbagghiai…Trasiti brigante, farabutto e scellerato!

Luciano

Don Ciuvannuzzu c’aviti? Se vi fici quarchi cosa chiariemu u fattu ma nun mi pigghiati a parulazze.

D. Ciuvannuzzu

Nenti a ta fattu e c’ancora sugnu pigghiatu ro riscursu ri prima. A ma parratu ri uommini.

Luciano

Ah, ora capisciu.

Matilde

Don Luciano, chi fa cà?

Luciano

Va circatu picchì a sapire comu a fare. Ma furriatu tuttu u paisi e finalmente mi rissunu ca eruvu cà.

Natalina

(con asprezza) E pi circarini lassau a casa e i magazzini senza nudu ca i controlla? Tutti cosi ni sprisciunu! Matilde, n’abbiau a mienzu a na strata!

Luciano

Si calmassi signorina…

Natalina

Quale calmare! Lei è n’irresponsabile, niautri u paiamu pi controllare i nuostri proprietà…Rovinate siemu! Lassau a roba senza nudu c’a controlla, ma se succeri quarchi cosa u licenziu.

Luciano

(la prende per un braccio, cercando di calmarla) Signorina Natalina…

Natalina

Mi lassassi stare, nun mi tuccassi. Come si permette a mittirimi na manu ncuodu? A mia!...Viddanu e rusticuni! S’alluntanassi.

D. Ciuvannuzzu

(scostando bonariamente don Luciano) Don Luciano!... Eh, chi a tuccati? Allura ca ma ragghiunatu? Parratici a larga…Tentatore!!

Luciano

Signorina Natalina, prima r’arrabbiarisi mi facissi spiegare u fattu…

Natalina

Ni rovinau! Ni rovinau! Tri povere fimminedi rovinau!

Biagio

(ad Alfonso) Certo ca Ninetta o cinema nun ci va mai: l’avi intra a casa.

Luciano

Sintissi: iu prima ri iramminni incarricai Nanè Barracano ri stare attento all’operai finu o mo rituornu. Nanè è pirsuna fidata e stati certe ca nun succeri nenti, tra l’autru v’avìa virri pi forza pi sapire comu a fare.

Matilde

Nzumma don Luciano, ni spiegassi u fattu.

Luciano

Oh finalmente!...Signura, stamatina vinnunu i camia pi carricare u furmientu, viautri nun c’eruvu e siccome l’autisti vulieunu carricare subitu e partire, iu ci rissi ri no picchì viautri vulievu essere presenti pi facirici firmare i buoni. Chidi nun ni vosunu sapire e rissunu: o carricamu subitu o partiemu che camia vacanti senza aspittare a nudu.

Natalina

Viddani insolenti!...E picchì nun i mannau?

Luciano

Signorina, se pirdiemu stu carrico u furmientu n’arresta intra picchì i camia su tutti prenotati e i mulina fanu prescia. Sapissi i pene ca vitti pi cummincilli r’aspittare a viautri!

Matilde

Fici buonu…Natalina, stu fattu a ma sbrigare niautri, è miegghiu ca ci iemu. (rientra Giorgio)

Giorgio

Sbrigati Teresa, ma sa no faciemu tardi…(agli ospiti) Chi vi ni stati iennu?

Matilde

Se, aviemu chi fare. (entra Gina)

Giorgio

Stamu sciennu pure iu e Teresa, a ma fare nsirvizzu.

Matilde

Chi sciti suli?

Gina

Acciù Teresa è ranni e sapi chidu ca fa.

Natalina

Ma come, sula…cu npicciuottu! L’uomu è ngannaturi.

Luciano

Signura Gina, sapissi quanti voti cià rittu ri fari nescire Ninetta. Sempre ciusa intra, taliassi chi colorito ca iavi, sta crisciennu comu na munacheda…Facitila sbanire ogni tanto!

Natalina

Lei si zittissi e si facissi i fatti suoi, nun aviemu bisuognu re so cunsigghi…Quantu s’ammisca chistu!

Luciano

Iu ricu sti cose po bene ri Ninetta.

Matilde

Si pigghiassi pena re so figghi.

Luciano

Ri quali figghi sta parrannu, se sugnu schiettu?

Matilde

Allura lassassi stare chidi i l’autri. Ah, se ancora fussi vivu mo maritu!

Natalina

Chi cunsigghi ca runa: a ma fare nescire Ninetta…accussì …cu cu capita capita.

Matilde

Natalina amuninni, nun pirdiemu tiempu ma sa no i camionisti si ni vanu…(si fa consegnare i pacchi) Chisti su pi niautri, vero? Grazie…Natalina, Ninetta, qualcunu pigghiatilu macari viautri.

Luciano

Vi rugnu na mano puri iu.

Natalina

Stapissi quetu, ca cu si manazzi cripìa tutti cose. Lei è buonu pi tuccare fraschi e pagghia, chisti sunu cose ri fimmini…Sunu cose delicate.

Matilde

Allura arrivederci…e scusate u disturbo. (entra Teresa) Ah cà si figghiula? Stai attenta! Varditi! Varditi!

Teresa

Mamma, ri chi ma vardare?

Gina

Nenti, puoi to ricu…Arrivederci e stativi bene. (escono Natalina, Matilde e Ninetta)

D. Ciuvannuzzu

Povira figghia! O sa i pene c’a virri cu ru cani i guardia comu a chissi.

Biagio

A ficinu ribbambire, fa certi riscursi.

Alfonso

Speriamo ca prima o puoi abbogghia.

Teresa

Cu chissi o cantu comu a bugghiare!...Giorgio, sciemu.

Gina

Addivirtitivi e nun faciti tardi, nun vuogghiu c’a ghenti parra pi davero.

Teresa

Mamma, chi pienzi a chidu ca rissunu si ru bizzocchi? Iu  sacciu chidu c’a fare…e puoi, no pi vantallu, ma Giorgio è rispettoso, nun cerca ri approfittare…(esce con Giorgio)

D.Ciuvannuzzu

Iu vaiu da rintra nti Meno, viriemu se finìu ri fare i torte.

Gina

Papà nun ri mettire a spizziliare pure tu, abbasta Paolo pi fare bastimiare mo marito.

D. Ciuvannuzzu

No quetu m’ammuovu, a mia i cose aruci mi fanu iacitu.

Gina

Viegnu puri iu ca è ura ri priparare u manciare.

D. Ciuvannuzzu

Vi saluto picciuotti. (esce con Gina)

Alfonso

Arrivederci don Ciuvannuzzu…Ca ma fare? A ma stare intra propriu niautri picciuotti ruspanti? Biagio, faciemu quarchi cosa.

Biagio

Chi vuoi fare? Sugnu senza na lira. Chi piaciri c’è ri nescire e nun pigghiarisi na birra… n’arancina…Nenti!

Alfonso

Pi forza na ma pigghiare quarchi cosa?...Viriemu…a mia m’arristarru rumila liri, na birra na putiemu pigghiare… Chi vuoi, è destino re studenti essire sfasuliati.

Biagio

Paolo rinesci a mettire sordi ri lato. Comu fa? Iavi ncarusiedu cinu…talè…u viri? Se truvassi u sistema ri pigghiarimi i sordi! Cià pruvatu ma nun niesciunu, c’è u pericolo ri strazzalli, capisci?

Alfonso

Certo, ri chistu è difficile pigghialli. Mo frati Alberto n’avi unu ca fermatura e iu, ncunfirenza, truvai u sistema ri rapillu e quarchi milli liri… ma fattu pristare ri idu.

Biagio

Ma cà fermatura nun ci n’è: o ro pirtusu o nenti… Eppure u sistema pi pigghialli cià siri. Maliritti caruseda i crita senza fermatura!

Alfonso

Nun ci pinzare, sciemu. Speriamo ri nun ancuntrare fimmini, ma sa no sta passiata nun a faciemu in pace.

Biagio

No, no, picchì? Comu nun a m’ancuntrare fimmini? Speriamo invece r’ancuntralli, accussì puozzu pruvare u sistema…u sai…(strizza l’occhio e stringe le labbra) chidu ca m’amparasti. Viriemu se funziona…Sciemu! (si avviano verso l’uscita. Alfonso esce, Biagio torna sui suoi passi e si ferma davanti al salvadanaio) Eppure u sistema a truvare, sti sordi cà su sprecati…Piccatu! (esce)

F I N E  1° A T T O


2° A T T O

Stesso ambiente del 1° atto. In scena entra furtivamente Biagio con un salvadanaio identico a quello sulla credenza. Contento li confronta e poi, con un colpo, rompe quello di Paolo e inizia a contare alcune banconote.

Biagio

Trentamila…Trentacincu…Quaranta…Chisti abbastunu pa st’ura…(li conserva in tasca) St’autri i mettu nto carusiedu nuovu…(inizia a introdurre le banconote e le monete) Mi pigghiu n’autri recimila liri, Paolo n’avi tanti sordi…Chisti ci mettu pi davero…Perciò: mi pigghiai cinquantamila liri, u carusiedu mi custau rumila liri e a fine ci guadagnai quarantuottumila liri…Ecco fatto! (rimette il salvadanaio allo stesso posto) Ora a fare scumparri i piezzi ri chistu ruttu. (li raccoglie e li nasconde in qualche posto sicuro. Sente dei rumori, si ricompone e assume un’aria indifferente. Entrano Teresa, Gina e Paolo. Quest’ultimo introduce dei soldi nel salvadanaio e poi si mette a sistemare i quaderni e i libri nella cartella)

Gina

Giorgio stu misi sa fattu virri ciù picca.

Teresa

Sicuramente avutu magnu chi fare.

Gina

Su picciuottu penza sempre a travagghiare, si viri ca iavi intenzione ri spusarisi quantu prima.

Teresa

Ghià tu pienzi o matrimonio. Giorgio iavi vintiquattr’anni, iu n’aiu ancora ricinnove; siemu truoppu giovani. Accussì stamu buoni. (bussano, Paolo va ad aprire)

Biagio

Teresa, a mamma nun viri l’ura r’accasariti, nun a scuitare …Mamma, falla stare ancora cu niautri a nostra suruzza.

Teresa

Certo, specialmente se a suruzza ti vizia e a matina ti porta pure u cafè nto liettu. (entra Alfonso)

Alfonso

Buongiorno signura Gina. Ciao Teresa…Ciao Biagio (esce Teresa

Biagio

Ciao Alfonso…Nun ta fattu virri. (piano) Cià na statu fimmini pieri pieri? (entrano don Ciuvannuzzu e Meno)

Alfonso

No, a statu intra a sturiare comu npazzu.

Meno

Ah, cà si?...Paolo, rimmi na cosa: i canditi ca erunu intra a crirenza, unni sunu?

Paolo

Ancora dà, iu stamatina a scatola a vitti.

Meno

A scatola c’è ancora, sulu ca è vacanti: scumparierru i canditi.

Gina

Ta manciatu qualche candito?

Meno

Qualchi candito?! Na scatola ri cincu chila abbulau nti na sumana. Iu mancu nchilo na consumato, sa manciatu quattru chila ri canditi…Ma unni a mmucciare i cosi? Disgraziato!! M’arristau na torta a mità. Chi ni fazzu ora ri na torta incompleta?

D. Ciuvannuzzu

Persa ca persa, faccilla manciare.

Meno

No, a cuostu ca iettu idu nun a sentire mancu u sciauru. (bussano)…O rapi va, almeno digerisci i canditi…(Paolo va ad aprire) Quantu mancia! E ancora nun è nta l’età ro sviluppo. Tra qualchi anno o sa i scanti ca na fare pigghiare. (entrano Natalina e Matilde. Entrambe hanno un’aria mesta e contrita)

Matilde

Buongiorno. Chi disturbamu?

Gina

No, trasiti e accomodatevi…Vi viru ncustiati, successi quarchi cosa?

Natalina

Eh cara signura, a disgrazia trasiu nta nostra casa! Dio ni punìu pe nuostri piccati e ni fici canuscire i pene ro nfiernu.

D. Ciuvannuzzu

Ma è po furmientu ca tri misi fa…Vi ricurdati quannu don Luciano vinni cà? Nun vi preoccupate, u vienunu a carricare.

Matilde

Macari fussi chissu! U fatto è ciù grave. Ah, sulu a pinzarici vulissi ca si rapissi u tirrinu e m’agghiuttissi!  (piagnucola) Miegghiu morri!...Criritimi…Miegghiu morri!

Meno

Signura si calmassi e ni spiegassi chi successi.

Matilde

Ci pare facile? Nun sacciu ri unni ncuminciare, sugnu accussì confusa.

D. Ciuvannuzzu

E allura chi faciemu, aspittamu finu a quannu a confusione nun sbarazza?

Matilde

No, però ecco…nun ci puozzu crirri. U demonio trascinau nto piccatu a nostra Ninetta.

Gina

A cosa riguarda Ninetta?...A proposito, picchì nun vinni?

Natalina

Arristau a casa…Aspetta…

Gina

Picchì falla aspittare a casa, putìa vennire puri ida?

Natalina

Aspetta un bambino…Ninetta è incinta. (stupore collettivo. Tutti si guardano in faccia)

Gina

Ninetta…chi è ca fa??!!

Meno

Scusate…Capiemmu buonu vero?...Ninetta…

Matilde

…E’ incinta ri tri misi.

Gina

Comu potti succerri?

Meno

Gina, sti cosi comu succierunu? Sulu nsistema c’è.

D. Ciuvannuzzu

Ghiaaa!!! Pottunu siri l’ancilidi!...Na sira si cuccau queta queta, arrivarru quattru iancilidi e ci ficiunu stu scriezzu… Oppure quarcunu ravanti o barcuni si misi a sciusciare.

Gina

Papà finiscila.

D. Ciuvannuzzu

E sti rui a dire: a figghia com’è ingenua! Com’è romantica! Tanta ritirata, no comu i fimmini ri ogghi!...I rasti che fiori! …I stidi ro cielo!...Po essire chista, po essire chida!...Meno male ca sulu pinzare o contatto cu n’uommunu a facìa stare male! Quali iancilidi, cà u contatto ci fu! Strittu strittu fu u contatto!

Natalina

Che so parole, lei rapi ciù sai ancora a ferita c’aviemu nto cori. Lei è insensibile.

D. Ciuvannuzzu

Iu sugnu insensibile?! Viautri rui siti insensibili, ca pigghiastru sa povira picciotta, a nciuristru nta quattru mura e ci incistru a testa ri minciate…Nun a vulieunu scannaliare! Chi si senti riri re picciuotti ri ogghi! Idi invece a Ninetta comu a riniscierru virtuosa! A figghia certe riscussioni a mittieunu a disagio...Signura, può darsi ca i ciacciri a turbaunu, ma all’atto pratico nun ci fu turbamento: si lassau iri.

Meno

Nun ni agitamo…Ricitimi qualcosa ri chidu c’a Ninetta… riciemu…

Matilde

Nun a ma saputu granchè, nun vole cuntare nenti sa disgraziata! Rici ca è na pirsuna tanto gentile e ci ricìa tante parole poetiche, puoi…ah, comu potti fare!...puoi, quannu a taliau nta l’uocci, nun capìu nenti: persi a testa e cirìu.

D. Ciuvannuzzu

Si sbracau!

Gina

E a pirsuna c’a taliau ri sa manera…Cu è?

Natalina

Nun si sapi.

D. Ciuvannuzzu

Comu nun si sapi?! Mentre ca chistu…a sciusciava!... Ninetta u vitti nta facci, o no?

 Natalina

Certo. Niautri nun o sapiemu, ma Ninetta u sapi; sulu ca nun vole dire cu è…Ah Signuri!, almeno parrassi! Nun ci putiemu scippare nenti, a so ucca nun parra.

Matilde

Nun rici u nome picchì vole c’a siri u patri c’aviri u curagghiu ri presentarisi e pigghiarisi i so responsabilità. Ida è convinta ca stu signore è na pirsuna seria e quanto prima si fa avanti.

Gina

Nun è ghiustu ca n’uommunu si fa i so comodi e puoi si ni lava i manu. Fa bona a nun dire u nome, viriemu se stu uomminu è n’uomminu pi davero.

D. Ciuvannuzzu

Ma u diretto interessato u sapi ca fici stu dannu ?

Matilde

Ninetta ciù mannau a dire. (bussano. Gina va ad aprire)

Paolo

Cu sapi se è u diretto interessato?

Gina

Trasissi…Se cà sunu: tutti rui. (entra don Luciano)

Natalina

Ihhh!! E lei chi fa cà? Lassau Ninetta sula?

D. Ciuvannuzzu

Signorina, acciù chi cià vardare? Tuttu chidu ca c’era ri pigghiarisi so pigghiarru perciò…

Natalina

Comu potti fare na cosa i chissa? E’ n’incosciente!... Matilde, sula a lassau. Mancia pane a trarimientu!

D. Ciuvannuzzu

Don Luciano, ci faciti na simpatia a signorina!

Luciano

Nun si scantassi signorina, Ninetta nun a lassai sula, cu ida c’è a signura Lucia…E puoi nun vinni p’addivirtirimi. Iavi na matinata ca furriu e ora vinni a pigghiarivi, accussì a casa arrivamu prima.

Matilde

Niautri pirdiemu tiempu, a ma parrai ri na puocu i cose.

D. Ciuvannuzzu

(a Matilde) Don Luciano…chi…u sapi?…

Matilde

Sapi tutti cose, nun pottumu ammucciare nenti. Quannu sappumu chi fici da scellerata, succiriu ntale nfiernu…

Meno

Mo fiuru! Don Luciano s’assittassi…Dunque, si parrava ro patri ro picciridu…Ah ecco…Va bene, succiriu stu fatto e v’assicuro ca ni rispiace, ma picchì u cuntati a niautri? C’aiuto vi putiemu rare?

Matilde

No putiti rare invece picchì…ecco, a cosa riguarda macari viautri.

Gina

Niautri??!! Comu ni po riguardare?

Natalina

Ninetta a dittu picca cose, ma na parola ogghi, una rumani, a fine ni rissi ca u patri ro so figghiu è unu ri sta casa. (tutti sobbalzano)

D. Ciuvannuzzu

Comu??!!

Gina

Chi stati riciennu?

Meno

Nun scrizzamu!! (tutti sono presi da viva agitazione)

Matilde

Se, rissi proprio accussì: è unu ri sta casa.

Meno

Ma chi vi passa!...Paolo vattinni da rintra, u riscursu si sta faciennu pisante. Niesci.

Gina

Calma pi fauri…Perciò…ricistru ca è unu ri sta casa? (Matilde e Natalina annuiscono. Tutti gli sguardi lentamente si posano su Biagio)

Biagio

Ohu, chi taliati? Chi stati pinzannu? Iu ri stu fattu nun sacciu nenti, perciò taliati quarcun’autru.

Paolo

Vero , nun è cosa so.

Biagio

Aspetta, nun parrare in modo equivoco. Iu sugnu na pirsuna ca testa supra e spadi e prima ri compromettirimi ci pienzu.

Meno

Sienti Biagio, sienti o papà…Paolo, vattinni da rintra. Quanti voti ta dire? (mestamente Paolo esce) Perciò Biagio, cummeni c’abbiamu i carte in tavola senza fare tante storie.

Biagio

Quali carte abbiare? Iu nun sacciu nenti. U staiu sapiennu ora comu a viautri.

Meno

Ma allura…(si accorge che Gina lo guarda di sbiego) Gina, picchì mi talì ri traviersu? Nun mi riri ca stai pinzannu?…

Gina

Iu nun sacciu c’a pinzare…Cu fu allura?

D. Ciuvannuzzu

A mia nun mi cuntati nenti, iaiu ottant’anni e perciò sugnu insospettabile.

Natalina

Comunque mittitivi d’accordo, se nun nesci fora u patri, quannu nasci u picciridu vo lassamu ravanti a porta e va sprugghiati viautri.

Luciano

Nun esageramo!!

Gina

Chi diciti pi davero?

Natalina

Vi pare ca scrizzamu? I pene a ma virri sulu niautri?

D. Ciuvannuzzu

E lassassuvu na creatura innocente ravanti a porta?

Meno

A facci ra carità! Meno male ca iti a chiesa, vi cunfissati!

D. Ciuvannuzzu

Unu propriu ri chissi sa scantare.

Natalina

Putiti riri tuttu chidu ca vuliti, nun ni vuliemu sapire.

Matilde

I responsabilità a na siri ri tutti…Maliritta Ninetta, nta quali pene ni misi! Figghia degenerata! Vergogna ra nostra casa!

Luciano

Signura Matilde, nun ricissi sti cosi a Ninetta, acciù chidu ca fu, fu…Taliati, a st’ura amuninni ca siti truoppu agitate, ni parrati n’autra vota.

Natalina

C’è picca ri parrare: o nesci u patri o faciemu nu scannilu, tanto niautri a facci ghià a persumu e nun n’importa nenti… Amuninni Matilde. (si avviano verso l’uscita)

Gina

Nmomento, nun vi ni putiti iri accussì…

Meno

Signora pi fauri, s’anfurmassi bona. E’ sicura ca u patri è unu ri sta casa? Se c’è qualchi sbagghiu…

Natalina

Siemu sicure.

Matilde

Se, accussì rissi Ninetta…O vero rissi…nun capì buonu – vero Natalina? – se rissi unu ra casa…o unu ca frequenta sta casa.

Natalina

Ca u stesso è! Chi cancia?...Amuninni vah!

Meno

Comu chi cancia?!...(con Gina segue le due donne che, con don Luciano, escono)

Gina

Nun è u stesso. A differenza c’è…

D. Ciuvannuzzu

Picciuotti, i cose si stanu complicannu. I bizzocchi nun babbienu!...E intanto a mienzu a niautri c’è qualcunu ca fa u stunatu e lassa picciridi a destra e a sinistra…Quantu vaiu da rintra a mettire Teresa al corrente ra situazione. (esce)

Alfonso

O sa comu va a finire!

Biagio

Mah!...Cu potti fare stu dannu?...(guarda Alfonso e gli balena un pensiero) Alfonso, sintisti chi dissi a signura Matilde?...Se, ora ci sugnu! Disgraziato!!...E’ unu ca è ri casa…(inizia a dargli gomitate complici) Ah, nun dici nenti?...(fa dei cenni con gli occhi e con la bocca) Nun ti ni fai scappare una! Si na ruspa!

Alfonso

Chi vuoi riri?

Biagio

Alfonso a cumminasti sta vota. Pi chissu nun parrasti tuttu u tiempu?!

Alfonso

Biagio, chi stai pinzannu?

Biagio

U sacciu iu chi staiu pinzannu…Avanti Alfonso, rimmi a verità. All’autra vota tu stesso mi ricisti ca Ninetta ti piace, perciò appena ti capitau l’occasione ci sautasti ncuodu e…

Alfonso

Ma se ogni fimmina ca mi piace a mittissi incinta, facissi concorrenza a nu sceicco.

Biagio

Nun fare u modesto, ti canusciu…”Senza te non resisto”, “Non vedo l’ora di rivederti”, “Sei sempre nei miei pensieri” Ti ricuordi sti parole?...Ci riniscisti pure cu Ninetta, ca nun è ri facile conquista. Chi ci fai e fimmini? E si ciù laitu i mia, penza se fussutu bedu! (entra Teresa)

Alfonso

Biagio, si completamente fora strata.

Biagio

Attonna ci tuorni!...Teresa alluntaniti: Alfonso iavi n’istinto paterno molto sviluppato; a facirimi divintare ziu nun ci metti nenti.

Alfonso

Teresa nun è vero, nun crirri a chidu ca ti rici.

Biagio

Vero è! Teresa, sapissitu i trucca ca sapi chistu pi conquistare i fimmini…Rimmi na cosa Alfonso: ci facisti l’ammiccamento semplice (fa il verso con gli occhi) o chidu con libidine? (fa il gesto con gli occhi e la bocca)

Teresa

(sorridente e imbarazzata) Ma chi stai faciennu? Picchì stuorci u mussu?...Alfonso, mo frati penza ca fusti tu?...

Alfonso

Se, ma nun è vero. Giuro! A stu puntu u ricissi, no?

Biagio

(ammicca) Zittiti lazzaruni!...Teresa, sai chi dissi a signura Matilde? C’appena a taliau nta l’uocci Ninetta nun capìu nenti…Viriemu! Viriemu! (si porta vicino ad Alfonso) Fammi virri si uocci…

Alfonso

Lassimi stare Biagio…ti ricu…Biagio finiscila!...(Teresa non riesce a trattenere il sorriso)

Biagio

Vero è! Nun mi taliare ancora, ma sa no pierdu a testa puri iu. Certo c’a povera picciotta a incantasti.

Teresa

Biagio finiscila, a st’ura Alfonso n’avi tanti re suoi e tu…

Alfonso

Teresa, ci criri puri tu?

Teresa

Allura cu fu?

Biagio

Cu putìa siri? Idu fu!...Piezzu ri fimminaru!...Ma a cosa ca m’impressiona è: comu facisti? Ninetta fa sempre casa e chiesa: unni a ncucciasti? T’appostasti nto campanaru ra chiesa?...Cunta! Cunta!

Teresa

Ehm!...vi lassu. U riscursu si sta faciennu npoco…Suli putiti parrare liberamente. (esce)

Alfonso

Teresa puoi ristare, nun aiu nenti ri cuntare…Oh Signuri! ...Sienti Biagio, ti ricu a verità.

Biagio

Oooh!! Finalmente ti decidisti, ci vulìa tanto?

Alfonso

Mi vuogghiu livare npisu ri ncuodu e nun m’interessa ra fiura ca fazzu.

Biagio

Ti capisciu! Nta sti casi è miegghiu liberarisi, tinirisi i cosi i rintra nun è buonu. Arresta comu nu ruppu, vero?

Alfonso

Tu nun a caputu nenti.

Biagio

Dai, mentri ca siemu suli cuntimi i fatti con precisione. Alfonso, a fine Ninetta è tanta garbata e se sciogghi tanticcia sarà na muggheri ideale. Intanto è nta strata bona, ghià capìu ca i figghi nun si fanu co sciatu; piano piano addiventa ciù disinvolta e sarà adorabile…Ah, se nasci masculu ta vattiare iu, ci tiegnu.

Alfonso

Biagio ca vattiare?…(impacciato) Ecco, iu ta confessare na cosa…Viri, iu nun sugnu chidu ca…comu to  spiego?...Nun sugnu du fimminaru ca fattu crirri. A rittu chistu pi darimi na certa aria, na certa importanza…Capisci?

Biagio

No. Alfonso stai circannu ri pigghiarimi po…? Ti paru cretino? Se a inventare na scusa inventila bona.

Alfonso

No, no!...Ecco, in realtà sugnu na pirsuna timida e che fimmini a pigghiatu paracqua a nun finire. Nun ci sacciu fare completamente.

Biagio

O cuntila a n’autru. N’animale ri riproduzione comu a tia? Ri unni passava Attila nun criscìa l’erba, ri unni passi tu crisci a popolazione.

Alfonso

Biagio è a verità. L’unica vota ca iappi u curagghiu ri lassarimi iri cu na picciotta…U sai cu cui? Cu Santina Patanè…

Biagio

Cui, chida?...

Alfonso

Se, pure laita è, vero?...Quannu circai ri vasalla mi resi npugnu nto mussu ca pi picca nun mi facìa agghiuttire i rienti…Biagio, che fimmini nun ci sacciu fare proprio.

Biagio

Alfonso, contru ri tia ci sunu prove inconfutabili. I cartolline ca t’arrivunu ri tutti banni unni i metti? Picchì neghi a realtà?

Alfonso

Duocu c’è n’autra storia. Biagio, cu npiccolu mpruogghiu ta pigghiatu pi fissa…Porca miseria, a stu puntu ta dire pi forza!...Tu u sai, mo patri è rappresentante e perciò gira continuamente ri città in città. Iu sai chi facìa? I cartolline i scrivìa a casa e puoi i rava a idu e ci ricìa r’abbucarini una pi ogni città…Biagio, si fimmini mancu sa ricordano a ma facci, iautru ca parole infuocate!

Biagio

Alfonso, rimmi ca stai scrizzannu e a ciuriemu cà, a fine è miegghiu essire patri ca ncosa fitusa, picchì sulu nfitusuni nfinucciassi i pirsuni comu stai cuntannu tu.

Alfonso

Mi vergogno a dillu ma è proprio accussì.

Biagio

(allibito) Disgraziato!!...Cosa r’ammazzariti! E a mia ma fattu russicare u ficutu…”Solo con te ho trascorso momenti indimenticabili!”…Ti ni rugnu una!...”Non vedo l’ora di rivederti!”…Come si poetico! Meno male ca ci fu sta storia ri Ninetta, ma sa no o sa chi m’avissutu nfinucciatu ancora …E’ questione ri tecnica! M’anzignava i trucca: chistu è l’ammiccamento semplice!...Nun è ri tutti!... E’ questione ri allenamento, ri repertorio!…Lestofante!! Quantu fesserie a ncugnatu? E iu ucca aperta ta iutu appriessu…Puh fitusuni!!! Mi facisti divintare complessato.

Alfonso

Se sbagghiai. S’accumincia accussì sai…Viri Biagio, avìa n’immagine ri difennire e attaccai a cuntare pallunate supra pallunate e nun mi controllai ciù.

Biagio

Se poi truovi nfissa comu a mia ca si ghiutti è miegghiu, vero?...Comunque Alfonso va bene, si timido…inesperto… ma chistu nun cancia nenti, anzi i cunti tornunu miegghiu: timido tu, timida ida, vi truvastru buoni. I timidi quannu si lassunu iri sunu ciù pericosi. Aviti u stesso carattere e v’affiatastru subito. Mo fiuru c’avieuvu a siri bedi!…Vuoi virri ca l’iniziativa a pigghiau Ninetta? A picciotta cu tuttu arriticamientu c’avìa o sa comu ti strapazzau!

Alfonso

Biagio, ma criri ancora ca sugnu iu u patri ro picciridu?… Biagio, a tia to vuogghiu confessare: iu na picciotta a vuogghiu bene pi davero, ma piaciutu sempre e ora persi a testa, però è un amore impossibile e senza speranza. Sulu cu ida facissi na pazzia…Iu cu Ninetta nun c’entru nenti, comu ta dire?

Biagio

Npatri cià siri pi forza. Allura cu è? Iu nun sugnu, tu mancu, chi vuoi riri ca è mo patri?

Alfonso

No mai!…Però può darsi ca Ninetta sta diciennu na minzogna…sai, p’amprugghiare l’acqua. U veru patri o sa cu è e ida, p’antuppallu, cuntau a prima cosa ca ci passau pa testa.

Biagio

Tu rici?...No, Ninetta nun facissi chistu, certi pallunate ti firi a cuntalli sulu tu…Alfonso, è miegghiu ca rici a verità, tra l’autru a picciotta nun è male, è macari graziusa. Pacienzia, a suppurtare e ru bizzocchi ma se Ninetta ti appoggia piano piano ri idi ti ni liberi. Ninetta senza chissi o cantu sarà n’autra pirsuna…Alfonso, nun ti cunfunnire.

Alfonso

Biagio, ti ricu ca iu…

Biagio

Lassa perdire, a st’ura viri tutti cosi niviri, ma iu sugnu convinto ca cu Ninetta ti troverai benissimo… Faciemini ru passi e mentre mi cunti qualche particolare…Comu facìa? ...Avìa parri n’aucidduzzu! (si avviano verso l’uscita) Chi era imbarazzata?...Tanticcia i resistenza a fici, vero?... Oppure direttamente…ah?!!

Alfonso

Chi sacciu! Biagio cririmi, iu mancu gnitu cià misu ncuodu.

Biagio

O cuntila a n’autru…Cu avìa dire ca u mo amico Alfonso addivinta papà. Auguroni! (escono e si chiude il sipario)

F I N E  2° A T T O


3° A T T O

Identico ambiente degli atti precedenti. Sono in scena don Ciuvannuzzu, Meno e Gina.

D. Ciuvannuzzu

Sta storia sa chiarire, a na passatu quinnici iorna e ancora nun sapiemu nenti. Cu è u patri ri stu picciridu? A nescire fora. Se è veramente unu ri niautri a na dire u nome.

Meno

Pi chissu ieri i mannai a ciamare. Prima nun ni vulieunu sapire, ma iu ci rissi ca n’aviemu diritto.

Gina

Certo! E’ facile vennire, riri ca c’è npatri i npicciridu, minacciarini e irasinni…(entrano Teresa e Giorgio) Ah, v’arricugghistru? Ta cumprasti a gonna?

Teresa

Se, mi girai tutti i nicozia.

Giorgio

I fimmini ci ni mettunu tiempu prima ri decidere.

Gina

Amuninni da rintra, fammi virri sta gonna.

Teresa

Se, a virri ch’è bello u modello. (esce con Gina e Giorgio)

Meno

Vaiu da rintra pure iu picchì iaiu nsaccu ri travagghiu.

D. Ciuvannuzzu

Ti rugnu na mano, abbasta ca nun mi fai inciri cannola picchì mi siddìa. Amuninni Minuzzu. (esce assieme a Meno. Entra Biagio pensieroso)

Biagio

Prima o puoi a verità ma fazzu riri…Alfonso nun ma cunta ghiusta: u canusciu e sta ammucciannu quarchi cosa. Sugnu sicuro ca iavi na fimmina nta testa e sa fimmina sulu Ninetta po siri…Comu s’inguaiau! (entra Paolo che, ingrugnito e senza dire una parola, sbatte i quaderni e i libri sul tavolo, davanti al fratello) Paolo mi facisti arrisautare! Chi modi su chisti? Pi picca nun mi tirautu ncuodu.

Paolo

Purtai na puocu ri travagghiu pi tia: ma fare u problema, u tema e u riassunto ri storia.

Biagio

E co ficimu ri patto? Comu addivintasti esigente!

Paolo

Nun a purtari o luoncu e falli ghiusti.

Biagio

Ohu Paolo, chi modo è ri parrare? Chi ti passa pa testa?

Paolo

Chi mi passa pa testa? Ora ti fazzu virri…(prende i cocci del salvadanaio e glieli scaraventa addosso) Chisti chi sunu? Ah, chi sunu? Ti ricordano quarchi cosa?...Senza ca mi talì comu nu stunatu. Delinquente!...Latru!

Biagio

Ssst! Paolo…

Paolo

No nun staiu zittu, capì tutti cose. O sa quant’avi ca mi futti i sordi! Ogghi ruppi u carusiedu e pi picca nun mi vinìa ncollasso…Nti putieutu pigghiare tutti? Chi ti cunfunnisti pi si quattru sordi spicci?

Biagio

Calmati, circamu ri truvare n’accordo.

Paolo

U truvai iu l’accordo: tu ora, ncuminciannu ri ogghi, mi fai i compiti finu a quannu nun si ciurunu i scole.

Biagio

Come??!! Ancora ci su nsaccu ri misi…

Paolo

Nun m’interessa, ma sa no u ricu o papà e tu sai comu ci teni a certi cose u papà. Tutto supporta, tranne u rubare e se ciò cuntu ti finisci male, perciò nun a purtari o luoncu e deciditi.

Biagio

Paolo…N’avìa bisuognu…

Paolo

U figghiu, n’avìa bisuognu!!...Biccuni, o sa quanti pizze ta sbafato a facciazza mia! Iu arrunciu e tu stravì. Se nun fussi macari a mia, a ta matri ci ricissi quattru parulazzi!...Nenti: o i cosi i scola – tutti e precisi – o ciò cuntu o papà.

Biagio

Ohu, tu scunti nun ni fai! Categorico!...Paolo nun è ghiustu, quarchi cosa a fare pure tu. Se nun sturì ti truovi male.

Paolo

Nti pigghiare pena, chisti su fatti miei…Biagio stanu viniennu ca rintra, aspiettu na risposta.

Biagio

Va bene! Va bene! Ti fazzu i compiti. (entrano Meno, don Ciuvannuzzu e Gina)

Meno

Ah Paolo, cà si? Vattinni da rintra c’a vennire u furgoncino pe consegne, aiutaci a carricare i guantiere. (Paolo esce)

Gina

Basta ca nun sturìa è disposto a fare qualsiasi cosa. U viristi? Nun fici nessuna obiezione. (bussano e Gina va ad aprire) Trasiti…Vi staumu aspittannu…Ninetta, ci si pure tu? Trasi. (entrano Natalina, Matilde e Ninetta)

Matilde

Buongiorno. Ni mannastru a ciamare e vinnumu prima possibile.

Meno

Vi ringrazio. Sapiti, a m’avutu npinzieri fisso: cà, nta testa. Nun aviemu pace se prima nun si sprugghia sta matassa. (bussano) O sa cu è ora! Ghià è difficile parrare.

Gina

Rapu iu, tu intanto cerca ri truvare i parole. (apre ed entra Alfonso)

Alfonso

Buongiorno. Scusate, se vi disturbo tuornu n’autra vota.

Biagio

No ammoviti, assittiti vicino a mia…(Alfonso si siede vicino a Biagio il quale ammicca all’amico a bassa voce) Alfonso, a viri cu c’è? Ninetta…Nun pruovi nenti? Nun o sienti u fuoco ra passione c’acciana?....

Alfonso

Ma ca sentire? Biagio, cià finire: a chista iu nun a tuccatu mancu cu gnitu, comu ta dire?

Biagio

Se! Se! Taliella com’è afflitta: sedotta e abbandonata! Ahi disgraziato!!...Scaccici l’uocciu, viriemu se parte attonna.

Meno

Allura…Scusate signura Matilde e signorina Natalina se  parru ca diretta interessata…Ninetta, intanto ti ricu ca mi rispiace se ti truovi nti na situazione npoco…delicata e spero ca tutto si risolve per il meglio. Rittu chistu Ninetta …viri…tu cu chidu ca ricisti ni mittisti nti na posizione scomoda. Nun puoi riri: “E’ unu ri sta casa” e basta, senza fare nome e cognome. Cà tutti ni taliamu cu sospetto. Ninetta, ta decidere a diri cu fu ca…cu è u patri ri stu picciridu, po to bene…e po nuostru.

Ninetta

Signor Belfiore, mi rispiace ma nun ciò puozzu riri. Nun pinzassi ca è ncapriccio, no nun è chissu. Iu…ecco…a fattu na vita ritirata e a campatu cu l’uocci ciusi. Ncerto momento mi truvai nti na situazione nova, diversa; truvai na pirsuna ca mi resi – spero sinceramente – tanticcia ri affetto, s’interessau a mia.

Matilde

E niautri nun ti na ma ratu affetto? Nun a m’anteressato a tia?

Ninetta

Mamma, è n’autra cosa…Ehm…sta pirsuna era accussì delicata, mi ricìa cose accussì belle e iu mi sintìa accussì confusa. Ca testa era nte nuvole, nta n’autru munnu: era a prima vota ca mi ricieunu sti cose…

D. Ciuvannuzzu

Ti capisciu figghiula, quannu niautri uommini ni ci mittiemu!

Ninetta

Ncuminciai a sintirimi viva…era na cosa strana…(bussano)

Biagio

Chista nun è na cosa strana: nti sta casa tuppulienu sempre …(va ad aprire) Trasissi don Luciano, ammancava sulu lei. (entra don Luciano)

Matilde

Don Luciano, possibile ca ni veni sempre appriessu? Quanti voti cià rittu ri nun lassare a casa? Si n’issi ri cursa.

Natalina

(stranamente mite) Aspetta Matilde, don Luciano pi vennire cià siri nmotivo…S’assittassi don Luciano, quantu finiemu u riscursu ncuminciatu.

Luciano

Grazie signorina Natalina.

Matilde

(sbalordita) Ma Natalina, don Luciano…

Natalina

Don Luciano sapi chidu ca fa…Scusate l’interruzione, iemu avanti.

Meno

Ninetta, chidu ca rici è interessante…Continua.

Ninetta

Chi vole ca cià dire, signor Belfiore? Na picciotta comu a mia, ca prima nudu ci avìa rittu nenti, nudu avìa taliatu, ri cuorpu si senti riri tante frasi belle, tanti complimenti… nzumma, na picciotta comu a mia è facile ca s’illude… Prima i so parole mi cunfunnierru, mi ficinu scantare, puoi a mano a mano mi resunu gioia e felicità; ncuminciai a pinzare o matrimonio, ghià mi virìa cu l’abito bianco, i fiori, a chiesa, tutti i parienti…Na sira ca era…riciemu… ciù euforica ro solito, nta nmomento ri abbandono… succiriu chidu ca succiriu.

Matilde

Figghia! Figghia scostumata! Succiriu na cosa oscena e innominabile, na cosa vergognosa. Comu putisti fare na cosa accussì brutta?

Ninetta

Beh mamma…tanto brutta nun fu…anzi!

Matilde

Figghia mia, si indemoniata! Comu puoi riri na cosa i chista?

D. Ciuvannuzzu

Se a Ninetta ci piaciu a lei chi c’interessa? Sintiti a chista ora, a dire ida chidu ca piace e chidu ca nun piace…Ninetta arragghiuni iai, a cu nun piaciunu sti cose tanto vale ca s’affuca. Chi campa a fare?

Meno

Lassa perdire papà…Ninetta chidu ca rici è comprensibile, putìa capitare a qualsiasi picciotta ca si truvava o to puostu, ma picchì nun vuoi riri cu fu u picciuottu ca…Fussi miegghiu ca tu…

Ninetta

No caro signor Belfiore, no. Virissi, iu crirì e so parole e a sa buona fede e ci criru ancora. Può darsi ca riflette e si pigghia i so responsabilità. Se è accussì – e iu ancora ci spero – nun c’è motivo i riri u so nome, basta ca si decide e con coraggio affronta a realtà. Se pi idu invece nun fu na cosa seria ma n’avventura, npassatiempu, picchì a fare u so nome? Pi costrincillu a spusarimi? Pi costrincillu a suppurtarimi? Pi costrincillu a suppurtare e campare u mo figghiu? No, nun c’è bisuognu…Puoi, cu sapi? Iu pienzu c’ancora c’è speranza, sugnu convinta ca sta circannu ri mettire i cose a puostu e quannu nun avi iautri pinzera nta testa, si fa avanti e si risolve tutto…Ecco signor Belfiore picchì nun c’è motivo i ricirici cu è u patri ro mo figghiu.

Luciano

Brava Ninetta, ora arragghiuni come na pirsuna ri riciott’anni. U to è nu riscursu ri na picciotta matura e sensibile.

Matilde

Don Luciano, lei sa stare mutu. Lei è nu dipendente e nun s’ammiscare nte fatti nuostri, anzi è pregato ri nescire e…

Natalina

Matilde don Luciano sta riciennu a verità, picchì a fare stare mutu? E’ nu dipendente ca ri quant’avi ca è o nuostru servizio, si po considerare unu ri casa.

Matilde

Natalina, nun ti ricanusciu ciù. Comu, tu stessa a rittu sempre…

Natalina

Na rittu tante fesserie Matilde! Na rittu tante! Lassa stare don Luciano, nun è idu u problema.

Meno

Dunque nun si po sapire nenti. E siemu attonna o puntu ri prima! Situazioni accussì confuse nun a vistu mai…Va bene, rispettamu i decisioni ri Ninetta.

Matilde

I so capricci. Ciamatili i so capricci. E dire c’a considerava na figghiula a puostu e timorata ri Diu. Ma chi?! Ma chi?! Pervertita è! Pervertita!...Chi riscursa va faciennu!

Gina

Signura Matilde, nun a trattassi male. A picciutteda ghià mi pare abbattuta, a taliassi com’è ghiarna…Ninetta, ti sienti bona? Nun ti viru tanta…

Ninetta

Nenti è signura, ogni tanto mi veni npoco ri nausea.

Gina

E’ comprensibile nta ta condizione. (entrano Teresa e Giorgio)

Teresa

Ah, ci siti viautri?...Buongiorno. Ciao Ninetta.

Giorgio

Signor Belfiore iu e Teresa ni stamu faciennu na passiata e stasira, siccome aviemu na festa, n’arricugghiemu ciù tardi …U sapi, nun putiemu mancare o compleanno ro nuostru amico, tra l’autru organizzau na bella cena e puoi si balla.

Meno

Picciuotti nta l’ultimi iorna va t’arricugghiutu sempre tardi: na vota pi ncuntu, na vota pi n’autru cuntu…(vede Ninetta accasciarsi svenuta sulla sedia) Ninetta!! Chi hai?

Natalina

Oh Signuri, chi ci pigghiau? (tutti accorrono)

Alfonso

Nenti, persi conoscenza: è sulu svenuta.

Biagio

Teresa tienila accussì, ma sa no cari nterra…Sbuttunici a camicetta ca respira miegghiu…Mamma, porta nu bicchiere ri iacqua frisca. (Gina corre nell’altra stanza)

Luciano

A figghiula si virìa ca nun stava tanta bona. (le da qualche schiaffetto per farla rinvenire)

Matilde

U Signuri a sta castiannu pi chidu ca fici.

D. Ciuvannuzzu

Signura, cià finissi ri parrare a matila. (entra Gina)

Gina

Cà c’è l’acqua. (le spruzza un po’ d’acqua in faccia e Ninetta lentamente rinviene)

Teresa

Si sta ripigghiannu! Viriti, sta rapiennu l’uocci.

Meno

Su cose ca capitanu a cu si trova nta sti condizioni.

Natalina

Era tanta beda e ri cuorpu…

Gina

Ninetta, comu ti sienti?

Ninetta

(intontita) Chi mi successi?...Mi gira a testa…(si guarda attorno) Nun è possibile! Basta, nun ni puozzu ciù. Nun è possibile!...(si rivolge a Giorgio) Incosciente! Ecco chi si: n’incosciente!!

Matilde

Sfasau! Chi c’entra chidu?

Ninetta

Iu sperava ca t’avissitu reso conto ri chidu ca succiriu…Ma chi?! Pi tia nenti succiriu, sulu npassatiempu, na scummissa: viriemu se puozzu aviri n’avventura cu chista …Bravo, cià riniscisti! E iu c’avìa ancora fiducia nti tia e pinzava ca erutu na pirsuna seria…Ti na ghiri a festa ro compleanno, è importante u compleanno ro to amico. Sulu chistu sai fare: addivirtiriti. U riestu nun cunta…E i belle parole ca ricieutu unni sunu? Chi fini ficinu?...Pi tia tuttu è comu prima…Vigliacco, nun avisti u curagghiu ri faciriti sentire e virri comu stava; mancu ora, quannu trasisti, avisti u curagghiu ri salutarimi…Sugnu n’estranea: strana era e strana arristai…E da sira? Ta scurdasti da sira? Io no e difficilmente ma scuordu; ma certo, tu chi pierdi? Iu paiu i conseguenze, tu si n’uommunu, chi ti puonu riri? Sulu a mia puonu riri: stubbita ca ci caristi…

Meno

(trasecolato) Chi staiu capiennu buonu o?...

Ninetta

Mi rispiace pi Teresa: è na brava picciotta e nun si merita unu comu a tia, picchì comu ricisti nsaccu ri minzogni a mia, si capace i rilli puri a ida…Teresa, spero nun ti capita ri pintiriti comu a mia, nun to meriti. (piange disperatamente)

Gina

Ninetta, stai riciennu ca Giorgio?...

Teresa

Silenzio mamma, assittiti…Giorgio u sienti chi dici Ninetta? Parra. Almeno u curagghiu ri parrare ci l’hai?

Alfonso

(a Biagio) Rapi l’uocci stunatu, viri buonu cu è il grande seduttore.

Meno

Giorgio, Teresa sta aspittannu na risposta.

Giorgio

Se…ecco…Teresa, u sacciu ca sbagghiai, forse ti n’avìa a parrare subito…Ninetta come picciotta m’incuriosiu e…a vosi canuscire miegghiu…

Luciano

E ogni fimmina ca t’incuriosisce a metti incinta?

Giorgio

No, no…A cosa ncuminciau accussì pi…puoi, addivintau ciù…intima. Nun pinzavo ca ristava incinta?

Meno

E quannu successi, picchì nun facisti nenti?

Giorgio

E c’avìa fare? Iu a Ninetta nun a vuogghiu bene.Vuogghiu bene a tia Teresa, ma crirri. Nun mi puozzu incatenare cu una ca nun vuogghiu bene e ciancirimi nfigghiu ca fici… fici nta nmomento ri…nzumma, tutti putiemu sbagghiare. Nun si po pretendere chistu ri na pirsuna, nun è ghiustu.

Teresa

(esplode) A no?!...A ta caputu? Nun ci pare ghiustu! (gli assesta uno schiaffo) E chi è ghiustu allura? Vigliacco, rimmi chi è ghiustu?! Ravanti a tutti fai u bravu picciuottu …rispettoso…e ri rarrieri ti comporti in modo schifoso. (schiaffo. Gina cerca di fermare Teresa ma don Ciuvannuzzu la trattiene e incita Teresa a continuare. Ciò avviene per tutta la durata del monologo di Teresa) Nun ti si chiede ri spusariti Ninetta ma si pretende decenza e senso di responsabilità, invece nta sti iorna a sciutu cu mia come se nenti avissi succirutu. Tranquillo, tutto come prima… Porco! (schiaffo) Nun avisti l’onestà i ricirammillu, ri parrarini e ancora rici ca mi vuoi bene. E iu t’avissi a crirri? Nun ricieutu chistu pure a Ninetta? Comu avieutu a siri romantico!...Dimostrami ca cu Ninetta scrizzautu e invece cu mia è na cosa seria. Iu nun  ci l’aiu cu tia picchì…picchì ti concedisti n’avventura; va bene po capitare, ma quannu puoi successi chidu ca successi t’avieutu a comportare ri uommunu…Giorgio, capisci? Ri uommunu!…Disgraziato, sparti si cerca i ragghiuni! (schiaffo) Prima cu mia si pigghiava l’aperitivo e puoi all’autri banni s’abbuffava… (calcio e schiaffo) Cosa lurda!! Nun putisti arregghire proprio! Quannu ci pienzu m’acciana na bestia!! Era accussì garbato, parìa na fimmineda…(schiaffo) Porco!

Gina

Teresa calmati, stu spettacolo nun è degno ri na picciotta.

Teresa

A no?!...Sicuro, niautri fimmini a m’aviri un contegno esemplare, a ma siri delicate. Se faciemu scenate pirdiemu a femminilità…Capisci Ninetta? Controllati, ma sa no nun si ciù aggraziata. (calcio a Giorgio) Ta rugnu iu a femminilità!...Certo, u masculuni s’avìa sfucare. Eh, l’uommunu iavi certe esigenze! E picchì, a fimmina? Pienzi c’a mia nun mi piacissi aviri n’avventura cu mpicciuottu? Però chistu nun è possibile, picchì se sa concede n’uommunu è n’avventura, se sa concede na fimmina è un tradimento. A fimmina e essire esemplare, vero imbecille? (schiaffo) E iu avissi a virri passare ravanti a facci tutti i fimmini ca t’incuriosisciunu, assupparimi i corna e stare muta? Era incuriosito! Secunnu tia iu curiusa nun ci sugnu? Però a stare queta, picchì se sbagghiu tutti co itu mi vanu ammusciannu, ma vergognare. Tutti contro…Viriti Ninetta: donna immorale! Macari a sa famigghia c’è contra, nun è degna ri stare a mienzu e pirsuni per bene e chissu picchì è fimmina, invece all’uommini tutti a battirici i manu: chi fimminaru!!...Eh no!! Quannu i manu sa na battire sa na battire a tutti: uommini e fimmini. E se a ma dare lignati nun pinzamu a femminilità, o decoro, a delicatezza... (schiaffo) Sunamu!! Quannu ci vuonu ci vuonu!...Ora niesci fora animale e nun ti fare virri ciù ri mia…Fora!! (lo spinge verso l’uscita a calci e schiaffi)

Matilde

Nmomento! Nmomento! (si para davanti a Giorgio) No, tu nun niesci, prima ta diri na cosa: tu ora ti spusi Ninetta, ma sa no ti denuncio e…

Ninetta

No mamma tu nun denunci nudu, picchì sugnu iu ca nun mo spusassi né ora né mai.

Matilde

Ninetta, chi stai riciennu?

Ninetta

Na cosa ghiusta. Cu idu sbagghiai nminutu e succiriu  tuttu chistu, spusannammillu sbagghiassi pi tutta a vita e fussi insopportabile. Nu sbagghiu ri nminutu si po capire, unu ca rura na vita no.

Matilde

Vuoi ristare nti sta condizione disonorevole pi sempre? Sula, cu npicciridu…A ghenti chi po dire?

Teresa

Signura basta cu sta ghenti, i facissi parrare na bona vota, ci facissi riri chidu ca vuonu…(va ad abbracciare Ninetta) Brava Ninetta, nun dare cuntu a nudu. Si na picciotta sensibile e ciù sperta ri quantu a dimostrato sempre e macari ca nun è u momento, iu ta ringraziare picchì grazie a tia capì cu avìa o cantu e nu sbagghiu i chissu avissi paiatu caro. Quannu unu è vigliacco è vigliacco cu tutti e cu mia nun avissi statu diverso.

Matilde

Teresa nun parrare accussì, tu e Ninetta siti giovani e nun capiti certi cose. (a Ninetta) Ca ti piace o no tu to spusi e se nun o capisci che buoni to fazzu capire nta n’autru modo: se nun fai comu ricu iu niesci fora ra casa, iu nta sti condizioni nun ti ci vuogghiu.

Ninetta

Va bene, mi ni vaiu. Sacciu ricamare e u modo pi campare u truovu, iu e u mo figghiu ri fame nun ci muriemu, ma a chissu nun mo spusassi mai.

Luciano

Nun ti preoccupare Ninetta, puoi vennire a stare a ma casa. C’è ma suoru ca ti runa tuttu l’aiuto ca iai bisuognu.

Matilde

Lei si zittissi viddanazzu. Anzi ri stu momento è licenziato, ri n’uommunu comu a lei nun n’aviemu bisuognu.

Natalina

Aspetta Matilde, pi licenziare don Luciano a ma siri d’accordo tutti rui e iu nun ci sugnu. Don Luciano iavi ragghiuni…e pure Ninetta. Tutti ianu ragghiuni, tranne tu... Matilde, accussì abbì a mienzu a strata a ta figghia? Ninetta si trova nta sta situazione picchì sta paiannu i conseguenze ra nostra mentalità, niautri siemu i colpevoli. Matilde finiemaccilla, a ma campatu sulu pa ghenti, pi nun fare parrare a nudu. Basta ri campare co scantu ri chidu ca puonu pinzare  l’autri…Basta!

D. Ciuvannuzzu

A ghenti è cuntenti quannu fa i danni e nun si penti.

Natalina

Ghiustu!…Ninetta è giovane e si po capire ma niautri, bedi scecchi rinisciuti? Che nuostri riscursi Ninetta a stunammu e ancora a sta povira figghia ci ramu ncuodu? Tu abbannuni a ta figghia? Iu no e se iavi bisuognu sugnu a disposizione, almeno rimedio in parte e sbagghi c’a fattu. Ninetta nun ti preoccupare, sula nun ti ci lassu.

Luciano

Brava signorina Natalina, si miritassi nvasuni.

Natalina

(vergognosa) Don Luciano, chi dici ravanti a tutti?

Matilde

Iu nun canciu idea. Ora a curpa ri chidu ca successi è mia! Sintitila a chista!...Natalina, tu ribbambisti. Miegghiu ca vaiu a casa, nun puozzu sentire certi riscursi…(esce di corsa) Mi ni vaiu.

Gina

(insegue Matilde) Signura Matilde aspittassi, nun facissi accussì…Sintissi…(esce di corsa) Signura Matilde…

Natalina

Ninetta, amuninni pure niautri. Nun ti cunfunnire c’agghiustu tutti cose, prima o puoi a ta matri a cumminciu. Cà c’è a ta zia, nun ti pigghiare pena…(la prende amorevolmente sottobraccio e vanno verso l’uscita) Don Luciano, lei nun veni?

Luciano

Certo signorina…Certo.

D. Ciuvannuzzu

Ehm!...Scusassi signorina…Lei issi avanti, quantu ci ricu na parola a don Luciano…Cincu minuti precisi.

Natalina

Facissi con comodo, don Luciano sapi unni raggiungirini… Arrivederci. (esce assieme a Ninetta)

Teresa

Aspetta nonno, prima a sistemare na cosa iu…(a Giorgio) Chi fai ancora cà? Nun t’abbastarru i lignate ca ti resi?

Giorgio

(confuso) Iu…chi sacciu?...chi vuoi riri?...Teresa, iu ti vulissi…

Teresa

(minacciosa) Se nun t’abbastarru rimmillu…Fora e nun ti fare virri ciù. (Giorgio esce spaventato)

Meno

Teresa, quannu pigghi fuoco si pericolosa, ma so meritava su lazzaruni e ipocrita…Sienti Teresa, ti vulìa riri na cosa …(la prende sottobraccio e si avviano verso l’altra stanza) A tia nun è ca ogni tanto ti veni vomito… nausea…ecco, qualcosa del genere?

Teresa

No papà, picchì m’avissi a vennire?

Meno

Nenti, a voti mi passa quarchi pinzieri pa testa…Puoi sulu cu l’aperitivi nausea nun ni po vennire…Certo, chi babbu ca sugnu! (esce con Teresa)

Luciano

Allura don Ciuvannuzzu, chi ma dire?

D. Ciuvannuzzu

Don Luciano ma luvare na curiosità…Com’è ca prima a signorina Natalina era accussì sduffusa, nun si ci putìa parrare e ora invece…chi sacciu, è ciù aruci, ciù amirusa. Cu lei puoi era sempre arriticata, appena parrava ci sautava ncuodu. Chi successi? Chi è cunfissata frisca?

Luciano

No…è ca…Caro don Ciuvannuzzu ciò vuogghiu riri: u merito è mio. Fu iu c’a cunfissai.

D. Ciuvannuzzu

Comu a cunfissau lei?!

Luciano

Eh, ci ni vosi…ma a fine! Acciù nun ni putìa, mi stapìa faciennu nescire pazzu. Però ci avìa siri nmotivo picchì facìa accussì…Ci avìa siri! Circa reci iorna fa iu stapìa sistemannu a pagghialora e s’arricugghiu a signorina Natalina; era ciù furiusa ro solito. Maronna quantu mi ni rissi! E pi na cosa i nenti! Iu nun ci vitti ciù e siccome… ncunfirenza…a mia certo “effetto” ma fattu sempre, a ncucciai a mienzu e balli ra pagghia e…Rendo l’idea? Ci fici capire quantu tiempu avìa pirdutu, come avìa sprecato na vita…Don Ciuvannuzzu, è ciaru u riscursu?

D. Ciuvannuzzu

Vole dire ca?...Don Luciano, chistu è n’avvenimento!

Luciano

Capisce picchì era accussì sduffusa e arriticata?

D. Ciuvannuzzu

Se: era mancanza i sfuocu!

Luciano

Don Ciuvannuzzu, lei è accussì cruru! Chi modi: mancanza i sfuocu!...Riciemu c’a signorina Natalina era npoco agitata e st’agitazione nun a facìa tanto amabile che pirsune.

D. Ciuvannuzzu

Ah capì! Capì!...Però sempre mancanza i sfuocu era!

Luciano

Se, a puostu! Lassamu perdire va!

Biagio

E’ inutile ca o mo nonno ciò spiega cu garbo. I cose i ciama co so nome.

D. Ciuvannuzzu

Ma a signorina…nun ci rissi nenti quannu?...

Luciano

Nto momento arristau accussì…Eh, a ta capire: pigghiata a lampo, senza mancu…Puoi - anche picchì npoco i sentimento ci avìa siri – fu ciù ragionevole. Forse capìu u motivo ra ma reazione. Eh, quannu s’arriva s’arriva! Ora mi promisi ca s’impegna a siri ciù calma e co tiempu può darsi pure ca iu e a signorina…Virissi, siemu tutti rui suli, ni stamu faciennu rannuzzi e aviri na compagnia nun fa male. Ora capìu c’a vita si po pigghiare ciù allegramente e a comprensione è miegghiu re uci e ro vilienu; è ciù calma e o cantu si ci sta cu piaciri. Ninetta finalmente nun è sula, iavi vicina na pirsuna c’a capisci e a vole bene pi davero. A picciutteda so merita, picchì pene na vistu. Puh, se na vistu! …Basta va, mi lassassi iri ca Natali…a signorina Natalina m’aspetta. Buongiorno don Ciuvannuzzu. Arrivederci picciuotti. (esce)

Biagio

Cu avìa dire ca don Luciano…

D. Ciuvannuzzu

Chidu è ra veccia generazione: tuostu! (ride) Ah! Ah! Ah!.. Don Luciano…chista puoi!...(si avvia verso l’altra stanza) I generazioni passate ancora ni faciemu sentire…Eccome!! Forte e chiaro! (esce contento)

Biagio

U mo nonno è euforico, avissi a fare quarchi fesseria macari idu!

Alfonso

Allura passiluni, ti cummincisti ca iu nun c’entru? Se Ninetta nun parrava, tu ancora fussitu convinto ca iu…

Biagio

Nun ta pigghiare Alfonso, tuttu era contra ri tia…Giorgio!! Cu so spittava ca era Giorgio?...U to comportamento mi fici sospettare, ri na puocu i tiempu ta vistu distante, comu se avissitu npinzieri nta testa e siccome tu pienzi sulu a ru cose: o studio e i fimmini, pinzai c’a ta malinconia era dovuta a motivi sentimentali, visto ca nto studio vai bene.

Alfonso

In effetti nun ti sbagghi, nta sti ultimi misi la malattia d’amore mi ha colpito.

Biagio

U viri ca iaiu ragghiuni?! C’è quarchi cosa! Ah, iaiu n’intuito infallibile, u sapìa ca c’è na fimmina nto mienzu e!...(si blocca di colpo) Nooo!! Alfonso, nun mi riri!

Alfonso

Chi è? Picchì fai sta facci allibita?

Biagio

T’innamorasti ri Ninetta? Oh quantu mi rispiace! Bastava c’arruvautu tanticcia prima…

Alfonso

Biagio fermati, nun ti mettire a fare attonna supposizioni…

Biagio

Si deluso po fattu?...(fa il gesto che indica la donna incinta) Comunque, se a vuoi bene passici i supra. Ninetta a capire, chi curpa iavi? Era accussì ingenua e u primu farabutto ca si presentau…

Alfonso

Ma chi stai pinzannu? Biagio, iai n’intuito tu!! Nun è Ninetta a picciotta ca m’interessa.

Biagio

No?! Piccatu, facissivu na bella coppia! Ninetta è na ragazza per bene e mi piacìu come si comportau nta sta circostanza. Dimostrau forza ri carattere, dignità e orgoglio …U sai, se Ninetta nun avi nenti in contrario, mi piacissi invitalla quarchi vota a nescire cu mia. Sugnu sicuro ca scoprirò na picciotta interessante e intelligente e a sa compagnia nun sarà noiosa…Ora però turnamu o nuostru. Alfonso se sta picciotta ca ti sconvolgiu nun è Ninetta, allura cu è? Nta sti casi sugnu curiusu. Rimmi: iu a canusciu?

Alfonso

(imbarazzato) No…cioè si…Beh, na certa conoscenza… (si impettisce e assume un tono deciso) Biagio, iu ti piaciu comu cugnatu?

Biagio

(sorpreso) Chi sacciu…Picchì mi fai sta dumanna?...Comu cugnatu?!

Alfonso

Se…Nzumma, male nun sugnu.

Biagio

Alfonso, ta suoru Antonella ancora iavi quinnici anni. Si, è graziosa ma mi pare prestu pi pinzare…

Alfonso

Ma unni l’hai a testa? Iu nun staiu parrannu i ma suoru.

Biagio

No?! Ma allura cugnati comu cià m’addivin…(capisce) Nun mi riri ca stai parrannu ri ma suoru? Ri Teresa?

Alfonso

E ri cui allura?

Biagio

(frastornato) Ma allura è ida a picciotta ca tu?...

Alfonso

Se, ida è…Purtroppo u miu era n’amore infelice e senza futuro. Teresa mi piacìa ma era zita e in silenzio sospiravo e soffrivo e ca morte nto cori accettavo u destino ri virilla felice cu n’autra pirsuna. Mi consolavo sulu viniennu cà e putiennila taliare e parrarici. Ti pare c’a vinutu cà sulu pi virri a ta beda facci? Biagio rimmi chidu ca vuoi, ma iu sugnu cuntenti ri chidu ca succiriu. (Biagio ha un gesto di reazione) U sacciu! U sacciu! Sti cose nun avissi a pinzare, però è ciù forte ri mia. Almeno ora iaiu qualchi spranza, anche se sarà difficile picchì Teresa è amareggiata pi chidu ca successi, penza ca l’uommini nun meritamu fiducia…e tuortu nun ci ni rugnu.

Biagio

Ci passa! Ci passa!...Ma viri chistu! Ci piace ma suoru!... In effetti ora Teresa è libera e quindi ci puoi pruvare.

Alfonso

Se ci pruovu tu pienzi ca Teresa a pigghia male?

Biagio

A st’ura certo, miegghiu lassalla stare, nun è u momento. Prima facci digerire a ncustia.

Alfonso

Che fimmini sugnu timido, nun sacciu come ma comportare, sicuramente fazzu qualche bestialità. Biagio aiutami tu. Si u miegghiu amico mio, chi mi cunsigghi pi nun fare dannu? Se tu m’aiuti sugnu sicuro ca va tutto bene; a Teresa ci tiegnu truoppu e nun puozzu rischiare ri pirdilla.

Biagio

Beh, pi ora ci stai o cantu sulu come amico...Sai, u tiempu ca ci passa e ritrova un po’ ri serenità e ri fiducia. Puoi quannu viri ca è ciù rilassata e nun penza acciù o passato cierchi ri…nzumma cierchi ri…

Alfonso

Capì. Se, se, arragghiuni iai.

Biagio

Anzi, u sai chi fai? Ora stesso falla nescire, macari ca scusa  ri manciarivi na pizza e a fai sbanire…Aspetta c’a ciamu.

Alfonso

Grazie Biagio, si n’amico.

Biagio

Teresa! Teresa! Puoi vennire nminutu? (fuori scena Teresa risponde di attendere)…Ohu però stai attento: fermati all’aperitivi. Mi capisti?

Alfonso

Tranquillo Biagio, ri mia ti puoi fidare.

Biagio

E cu l’aperitivi stessi vacci piano, senza…

Alfonso

Biagio, u digiuno assoluto mi pare truoppu. Però nun ti preoccupare, p’addivintare ziu puoi aspittare. (entra Teresa)

Teresa

Chi vuoi Biagio, picchì mi ciamasti?

Biagio

Chi fai da rintra a mienzu e pirsuni anziani? Stai cu niautri picciuotti…Chi facci ca iai! Avanti! Allegra Teresa! A siri cuntenta ca ti luvasti i ravanti na pirsuna ca nun ti meritava.

Teresa

U sacciu, sulu ca certe cose nun i suppuortu. Mi sientu umiliata pa presa in giro.

Biagio

E tu nun ci pinzare, anzi cerca ri distrairiti, niesci, fatti ru passi…Alfonso ti po fare cumpagnia, sugnu sicuro ca nun ti rici ri no.

Teresa

Alfonso nun è obbligato a starimi o cantu e cunfurtarimi.

Alfonso

No, no, quale obbligato! Teresa mi fa piaciri veramente, tu nun sai quanto. Anzi, se ni manciamu na pizza insieme mi rilassassi, n’aiu bisuognu. Chi ni pienzi, Teresa?

Teresa

Buona idea, però purtroppo a suppurtare u mo stato d’animo. Alfonso, pi tia nun sarà na serata piacevole.

Alfonso

Chistu nun a dire, invece scommetto che sarà na bellissima serata. Biagio capisce chi vuogghiu riri…Teresa ti farà bene parrare, pi liberariti ri chidu ca iai i rintra e se per caso ti vuoi fare na bella cianciuta, c’è sempre u mo piettu pi  appoggiariti.

Teresa

Nun pienzu c’arrivo a tanto, na pirsuna comu Giorgio nun si merita mancu na lacrima. Comunque ne terrò conto, grazie Alfonso.

Alfonso

Oh, a posto! Sarò lieto di offrirti una pizza…

Teresa

Quale offrire: ognuno si paia a so.

Alfonso

Chi c’entra, iu a na fimmina nun mi permettissi mai…

Teresa

(nervosa) Certo, che fimmini sa essire cavalieri! I finì i canuscire l’uommini ca fanu i cavalieri e i premurosi e puoi a prima occasione…No, o paiamu a romana o nun si fa nenti. (fa per andare)

Alfonso

Aspetta Teresa, aspetta!...Va bene, come vuoi. Nun ti vulìa rari na brutta impressione.

Biagio

Nun a fare arrabbiare ma sa no i sona macari pi tia. A viristi com’è manesca?

Teresa

Scusami Alfonso…è c’ancora sugnu agitata…dai sciemu, pigghiare npoco ri aria è chidu ca ci vole pi calmarimi.

Biagio

Oh benissimo! Addivirtitivi…Ah Teresa stai attenta, Alfonso iavi u viziu ri fare l’ammiccamenti: chidi semplici e chidi…ciù complicati. E’ nu specialista!

Teresa

(divertita) Alfonso, mo spieghi chi su sti ammiccamenti?... Semplici! Complicati!...Vi ni sientu parrare ma…

Alfonso

Ehm!...Nun rari cuntu a to frati, u sai ca è scimunito. Meno male ca pi cirviedu nun pigghiasti ri idu.

Biagio

Alfonso t’arraccumannu, mannimi na cartollina.

Teresa

Ri unni: ra pizzeria?

Alfonso

(imbarazzato) Disgraz!...Amuninni Teresa, sciemu. (la spinge verso l’uscita) Amuninni prima c’a Biagio ci tuorciu u cuodu…Ciao Biagio. (esce insieme a Teresa)

Biagio

Ah! Ah! Ah! Chi timidone ca è Alfonso! Speriamo c’almeno chisti puonu cocire…Ah, se nun ci fussi iu ca sistemassi i cose! (vede  sul tavolo i libri e i quaderni di Paolo) Ecco cà…(si siede) Macari iu iaiu i mo pene e a sguittare. Cu mo fici fare ri rumpire u carusiedu?! I pizze ca ma manciatu mi stanu cariennu pisanti…Mah, quantu paiu na puocu ri debiti! Viriemu chi compiti iavi Paolo… Dunque: problema…N’autru?!...Un autocarro trasporta 18 pacchi di mattoni, ciascuno ne contiene 24. Ogni mattone pesa 3 Kg. Sull’autocarro ci sono pure 12 sacchi di cemento che pesano complessivamente 9,6 q. Quanto pesa tutto il carico? Quanto pesa un sacco di cemento?... Perciò…Quantu po pisare nsaccu ri cimientu? All’incirca è tantu ri ranni…(spazientito) Chi sacciu quantu pisa nsaccu ri cimientu: chi sugnu nmuraturi iu?! (mette il quaderno da parte) Lassamu perdire…(prende un altro quaderno) Fazzu u tema, almeno duocu cimientu nun ci n’è…”Racconta un episodio clamoroso successo in famiglia”. Ah, bello stu titolo! Cà si po parrare, ci n’è cose i cuntare. Friscu friscu è l’episodio! Dunque…”Nella mia famiglia succedono cose che a raccontarle nemmeno si ci crede. In questi ultimi tempi poi succedono uno appresso all’altro. (entra Paolo con un bignè in mano, si appoggia tranquillo alla porta e guarda Biagio) Nella mia famiglia ci sono bambini che vanno e bambini che vengono come se niente fosse e prima di trovare il padre ci vuole un po’ di tempo…(Biagio si accorge della presenza di Paolo e lo guarda spazientito) ma quando si trova il padre incominciano a volare schiaffi e calci ma poi tutto si aggiusta o almeno si spera…(guarda Paolo con stizza e Paolo, serafico, gli indica il salvadanaio, scrolla le spalle come a dirgli: “Pazienza! Che ci vuoi fare?”. Biagio rassegnato si rimette a scrivere mentre si chiude il sipario).

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno