E alura… begòm

Stampa questo copione

E ALURA

E ALURA... BEGÓM

Di Velise Bonfante

Scena: Una stanza,  sala o salotto con sedie, tavolo e telefono. Lei sta telefonando, quando vede il marito saluta e depone la cornetta, si siede e prende un giornale.

Personaggi: Faustino- Il marito

                  Albina - La moglie

                  Giulietta - la figlia

                  La  Nonna.

* * * * *

Faustino) (Ha in mano la bolletta del telefono)  Varda, se pöl mia ’nda avanti isé; en chèsta casa ché gh’è pö religiù. Ché som dre a na töcc zo de co, töcc.

Albina) Ufff... lasèm lèzer en minüt Faüstì, sta mia agitàt per gnènt.

Faustino) Per gnènt! Bat vià chèl giornàl lé Albina, te sét  sèmper col có en dei nìgoi, scùltem en pó che forse le ròbe en chèsta casa ché le narés mèi de sicür.

Albina) Uff, quante storie. E töte le ólte la stèsa menàda, rìa na bolèta e te ùzet compang de ‘n mat  móchela lé, tant apó a uzà cambia gnènt.

Faustino) Cambia gnènt? En dé o l’altèr me dó föra de mat del de bù e te vedaré come che le cambia, le ròbe.

Albina) En dé o l’altèr. Zamò adès te me pàret mia tant normal, spècet e pó te vedaré en che cundiziu te sét, spècet.

Faustino) G’ho mia bisògn de speciàm, la me mènt l’è lücida, ciara, e só bù amò de ragionà,  el só che só stràch, g’ho finìt adès de laurà. Te pènset che me naghe a laurà apena per pagà la bolèta del telefono? Che sóm dre töcc a na zó de có. Bisògna das na regolada.

Albina) Quante storie Faüstì per na bolèta,  mochela lé dai de brào.

Faustino) Se, la móche lé, ma la prima ólta che vède vargü tacàt al telefono, züre: zach, ghé tàje vià la mà.

Albina) El prim monco alura te saré prope té. Té set té chèl semper tacàt al telefono, te sét te  che telefona de pö de töcc en chèsta casa.

Faustino) S mé telefone mai, perlomeno mia per le vòse stüpidade.

Albina) Le stüpidade Faüstì, come dis tò fiöla Giülièta che la g’ha stüdiat la psicologia, j-è ròbe töte relative, dipènd del punto de vista.

Faustino) Sét dré a stüdia psicologia apó té adès Albina? Vöt robàga el mestèr a tò fiöla? Ghe n’è mia asé de ‘n pi-pisicologo che rómp en famèa. Con chèla stòria lé de la pisicologia le la völ sèmper na a véder el perchè e ‘l per come de töte le ròbe. La càa el fiàt  tò fiöla, se pròpe vöt che t’el dize.

Albina) Oh, (alzando un po’ la voce) Adès basta Faüstì, te m’ét pròpe stöfàt, scùltem bé, té bèlo, se te ghé òja de tacà béga a töcc i còsti, dìmel, isé me regole apó a mé.

Faustino) Con de té Albina, (alzando anche lui la voce) se pöl mai parlà che sübit te àlzet la us.

Albina) Me, àlse la us? Sènti chi parla, chèl che uza ché, fin a pröa contraria té sét semper té.

Faustino) Cara la me Albina, chèsta l’è casa me, ché comande me e ché me ùze come e quant me par e fin che n’ho òja. G’hét capit?

Albina) E alura sét che te dìze, caro el me Faustì? Chèsta le apó casa mé, e ùze apó a mé fin che n’ho òja (così dicendo lancia un grido lungo e prolungato).

Giulietta) (Entrando trafelata accorre a soccorrere la madre) Mama, mama, oddio Signur, mama stét mal? Che t’è sücès? Té sèntet mal?

Albina) (Smette di gridare, si ricompone e sorride alla figlia) Mai stada mèi de adès cara Giülieta.

Giulietta) (Sorpresa) E alura perchè uzàet?

Albina) Sercàe de faga capì vergót a tò pader, apó se prim de faga capìser vergót ghe ‘n völ de uzà!

Faustino) (Alla figlia) Te Giülieta, diga a la tò mama che lé, quan che la völ mia ragiunà,  l’è ‘n gran bràa de cambià discùrs. Diga che ghe l’ho dit mé.

Albina) (Alla figlia) E te diga a tò pader, che lü, quan che ‘l völ tacà bega a töcc i costi, el se mèt pròpe d’impègn, el sinsìga, el sinsìga.

Faustino) (Sempre alla figlia) Diga a la tò mama che l’è lé che la fa  apòsta a sinsigàm, quan che me parle, lé la me sculta mia.

Albina) Diga come fó a mia scultàl co la us alta che ‘l g’ha tò pader.

Faustino) Diga che me só semper lé tranquilo e l’è lé che la sèghita, la sèghita a...

Giulietta) Ssst (interrompendoli tutti e due) Scultìm mé voàter du. Sculta bé mama, sculta bé bubà. El sif che mé g’ho stüdiàt psicologia e de le me parole pudì fidaf, dunque, l’è semplice: Dò persone  che vif ensema le taca béga perchè le se völ bé.

(Albina e Faustino parlano insieme indicandosi a vicenda.)

Albina)  Dìghel a tò  pader el bé che ‘l me völ.

Faustino) Dìghel a tò madèr el bé che la me völ.

Giulietta) En momènt, lasìm parlà, tacà béga l’è na ròba normal, perché, quan che dò persune le se völ be, giü’l völ protèger l’alter, e l’alter el völ mia pèrder la propria identità, non vuole essere strumentalizzato, non vuole lasciarsi sopraffare e si scatena il conflitto; invece si deve partire dal presupposto che le incomprensioni sono inevitabili, è l’inconscio che agisce.

Faustino) Se te pàrlet dificil Giülièta!

Giulietta) L’è la psicologia che la dòpra le parole gròse, bubà, ensóma, en parole povere, a tàca bega se se conòs mèi e se rafforza ‘l legame, en poche parole, el tacà béga per du che se völ bè, a ólte el diventa na necessità. Ma na ólta scoperto el motivo de un’azione, la psicologia la dis che l’è inütil sighità a ripitìla...quindi muchila lé de tacà semper  bega.

(Entra la nonna, tutta pimpante, sorridente e saluta tutti cordialmente.)

Giulietta) Te nóna, sièm dré a parlà del tacà bega fra marìt e móer, té col nóno endàet d’acordi?

Nonna) Certo, mé ghe vulìe en bé de l’anima, e apó lü a me, (sospirando) el me Vinicio, bu come ‘l pa, poarì, pace a l’anima sua. El sét Giülieta che rimpianze amó chèle bèle samàde con de lü che fàe na ólta? Lü el vulia semper viga rezù, ma a la fì l’öltema parola l’era semper la me.

Giulietta) Me ‘l nóno Vinicio só mia riàda a cunusìl.

Albina) L’èra el me bubà, pace a l’anima sua, poarì.

Giulietta) Me parlàe del nono de adès, del nono Piero.

Nonna) (Sospirando) Ah, adès pòde pö tacà bèga con nüsü. El nono Piero l’è deentàt surd come na campana, come se fa? A ólte envidìe (alla figlia Albina) me sorèla, la tò zia Maria, lé sé, col sò Bigio, quante che i se na dis dré amò ‘pó adès! E pò el la dis apó el  proèrbe, “L’amur sensa baröfa, el fa la möfa”,

Giulietta) Ghét sintit mama, en töte le case gh’è la sò.

Nonna) (Alla figlia Albina) La tò nona Angela la dizìa sèmper “apena el mèstol el sa chèl che bói en de la pignàta”, e apó chèi che par  “cicì-cicì” tacàcc  sö co’ la còla quan che i va ‘n giro, magari en casa i se cortèla.

Giulietta) Te ghé rizù nona, apó en Psicologia se dis isé, ma mé (ai genitori) sö stöfa de sintìf semper a tacà béga (scuotendo il capo) fil per me, adès che cunosì el motivo, basta, muchìla lé. I liber de psicologia i dis che...

Nonna) (Interrompendola) A propòsit de liber, Giülièta, me só vignìda pròpe a véder se te me compàgnet a tö en qualch lìber de lèzer.

Giulietta) Certo nona, conòse en möcc de autori, te dó ‘na mà a catài föra.

Nonna) A me, m’enterèsa mia chi l’ha scrit, el g’ha de èser en liber mia tant complicàt, perchè ‘l me  servèl  l’è pö chèl de na ölta, con pochi personaggi se nò me sconfonde, el g’ha de èser scrit bèl ciar, en grand, perchè apó có j-öciài fó en pó fadiga a lèzer.

Giulietta) G’ho capìt, nóm  che troaróm de sicür  vergót en libreria, el set che fóm nona, le fóm pasà töte, te vedaré che prim o dopo (ai genitori) e voaltèr du, me racomande né, muchìla lé e fi pace na buna ólta.

(Nonna e nipote escono salutando. Rimasti soli, Albina e Faustino si guardano un po’ negli occhi senza parlare, si sorridono e dopo un po' si prendono per mano.)

Faustino) Che en dìzet  Albina de chèl che g’ha dit la nòsa Giülièta? Saràl vera che tacóm semper bega perchè se volóm bé?

Albina) E volòm protigìs giü con l’àlter?

Faustino) Oh, isé la g’ha dit nòsa fiöla.

Albina) Le la g’ha stüdiàt pisicologia, la j-a sa le ròbe, l’è na tuza ‘nteligente.

Faustino) Noalter du góm mia bisògn de tacà semper bega Albina, el sóm de per nòs cönt che se volóm bé.

Albina) La Giülièta la dis che l’è l’inconscio che agisce.

Faustino) Òstis, a olte g’hóm en inconscio insistente però, töcc i dé l’è na bega.

Albina) E semper per de le stüpidade Faüstì.

Faustino) Basta tacà bega, da dumà...

Albina) Che dìzet sö pò Faustì, da dumà? Da adès, da adès en poi basta begà, adès conosóm el motivo, e g’ha pö senso begà.

Faustino) Basta co’ le solite discusiù che porta a gnènt.

Albina) Dai. Ghe fóm ‘na bèla sorpresa a la nòsa Giulietta.

Faustino) Quanti agn èi che nóter du sóm spusàcc?

Albina) Oh, tancc caro el me Faüstì, tancc.

Faustino) Me ricòrde gna pö, ventisèt, ventòt?

Albina) Trenta caro mia, trenta el més che vé.

Faustino) Quanti agn ensèma, cara la me Albina.

Albina) Tròp, caro el me Faüstì, tròp!

Faustino) Come tròp! Che dìzet sö pò?

Albina) Sta mia capì mal, ulìe dì, n’è pasàt za tròp de agn e deentóm vèci.

Faustino) Te ricòrdet, apena spuzàcc, con töcc chèi dèbicc?

Albina) Spusàs el costa. Oh, te l’ho gnamò dit, a proposìt de spuzàs...

Faustino) Se spuzarà mia nòsa fiöla nè?

Albina) No, se spùza la tùza de la Cesarina, l’ho sintìt stamatina al mercàt.

Faustino) E chi tölela, el garà de èser en ragòt perchè lé l’è bröta come l’orco.

Albina) La sarà mia tant bèla ma l’è na s-cèta piena de sólcc e i sólcc, caro mio i scónt vià töcc i difècc. Ansi, adès ghe telefone a la Cesarina per sènter de precìs come che j-è le ròbe (alza la cornetta del telefono).

Faustino) Te racomande Albina, staga mia en pès a chèl telefono lé, varda che bolète che rià dopo! Ansi, fa sensa telefonaga che tegnóm a mà.

Albina) Tegnóm a mà? Scüsa nè Faüstì, saró mia riàda a la me età sensa èser padruna de fa na telefonada quan che n’ho òja mé, nè?

Faustino) Varda Albina, sta mia tacàda a chèl telefono lé per pö de sich minücc, se nò me ‘n càsse del de bu.

Albina) Varda Faüsti che mé stó tacàda al telefono quant, con chi e come n’ho òja mè, ghét capìt bèlo!

Faustino) (Alzando la voce) E me el sét che fo? Faró tajà i fii!

Albina) (Alzando la voce apó lei) E me ‘l fo mèter amò, e guai se te dopo te ‘l doprèt.

Faustino) E sta mia alsà la us con de me, ghét capìt.

Albina) Te l’ho za dit prima, chèsta l’è apó casa me, e mé pòde uzà come e quant n’ho òja. Ènsoma vöt pròpe begà? E alura begóm e la sàpe finida

Faustino)  (Alzando ancor di più la voce) Me so semper prònt!

Albina) (Alzando anche lei la voce) Apó mé (lancia un urlo lungo e prolungato).

(Giulietta e la nonna rientrate per un attimo, sentono i due gridare, si guardano, alzano le spalle e se ne vanno sottobraccio.)

Fine

E ALLORA...  LITIGHIAMO

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Scena: Una stanza,  sala o salotto con sedie, tavolo e telefono. Lei sta telefonando, quando vede il marito saluta e depone la cornetta, si siede e prende un giornale.

Personaggi: Faustino- Il marito

                  Albina - La moglie

                  Giulietta - la figlia

                  La  Nonna.

* * * * *

Faustino) (Ha in mano la bolletta del telefono) Guarda, non si può andare avanti così: in questa casa non c’è più religione. Qui stiamo tutti andando giù di testa: tutti.

Albina) Uffa... lasciami leggere un minuto Faustino, non agitarti per niente.

Faustino) Per niente! Butta via quel giornale Albina, tu sei sempre con la testa nelle nuvole, ascoltami un poco che forse le cose in questa casa andrebbero meglio di sicuro.

Albina) Uffa, quante storie. E tutte le volte la stessa cosa, arriva una bolletta e tu gridi come un matto, smettila, tanto anche a gridare non cambia niente.

Faustino) Non cambia niente? Un giorno o l’altro io do fuori di matto per davvero e vedrai come cambiano le cose.

Albina) Un giorno o l’altro, già adesso non mi sembri molto normale, specchiati e vedrai in che condizioni sei, specchiati.

Faustino) Non ho bisogno di specchiarmi, la mia mente è lucida e sono ancora capace di ragionare, lo so che sono stanco, ho appena finito adesso di lavorare. Tu pensi che io vada a lavorare solo per pagare la bolletta del telefono? Qui stiamo tutti andando giù di testa. Bisogna darsi una regolata.

Albina) Quante storie Faustino per una bolletta, smettila dai da bravo.

Faustino) Sì, la smetto, ma la prima volta che vedo qualcuno attaccato al telefono, giuro: zach, gli taglio via la mano.

Albina) Il primo monco allora sarai proprio tu. Sei tu quello sempre attaccato al telefono, sei tu che telefona più di tutti in questa casa.

Faustino) Se io non telefono mai, perlomeno non per le vostre stupidaggini.

Albina) Le stupidaggini, Faustino, come dice tua figlia Giulietta che ha studiato psicologia, sono cose tutte relative, dipende dal punto di vista.

Faustino) Stai studiando psicologia anche tu ora Albina? Vuoi rubare il mestiere a tua figlia? Non ce n’è abbastanza di un pi-pisicologo che rompe in famiglia. Con quella storia della pisicologia lei vuole sempre andare a vedere il perché e il per come di tutte le cose. Toglie il fiato tua figlia, se proprio vuoi saperlo.

Albina) Oh, (alzando un po’ la voce) Ora basta Faustino, mi hai proprio stufato, sentimi bene, tu bello, se hai voglia di litigare a tutti i costi dimmelo, che così mi regolo anch’io.

Faustino) Con te Albina, (alzando anche lui la voce) non si può mai parlare che subito alzi la voce.

Albina) Io alzo la voce? Senti chi parla, quello che grida qui, fino a prova contraria sei sempre tu.

Faustino) Cara la mia Albina, questa è casa mia, qui comando io e qui io grido come e quanto mi pare e fino che ne ho voglia. Hai capito?

Albina) E allora sai cosa ti dico, caro il mio Faustino? Questa è anche casa mia e grido anch’io fino a che ne ho voglia (così dicendo lancia un grido lungo e prolungato).

Giulietta) (Entrando trafelata accorre a soccorrere la madre) Mamma, mamma, oddio Signore, mamma stai male? Che ti succede? Ti senti male?

Albina) (Smette di gridare, si ricompone e sorride alla figlia) Mai stata meglio di adesso cara Giulietta.

Giulietta) (Sorpresa) E allora perché gridi?

Albina) Cercavo di far capire qualcosa a tuo padre, anche se prima di fargli capire qualcosa ce ne vuole di gridare.

Faustino) (Alla figlia) Tu Giulietta dì alla tua mamma che lei, quando non vuole ragionare è un gran brava a cambiare discorso. Dille che te l’ho detto io.

Albina) (Alla figlia) E tu dì a tuo padre che lui, quando vuole litigare a tutti i costi, si mette proprio d’impegno, stuzzica, stuzzica.

Faustino) (Sempre alla figlia) Dì alla tua mamma che è lei che lo fa apposta a stuzzicarmi, quando io parlo lei non mi ascolta.

Albina) Digli come faccio a non ascoltarlo con la voce alta che ha tuo padre.

Faustino) Dille che io sono sempre lì tranquillo e che è lei che continua, continua a...

Giulietta) Sst (interrompendoli entrambi) Sentitemi bene voi due. Senti bene mamma, senti bene papà. Lo sapete che io ho studiato psicologia e delle mie parole potete fidarvi, dunque, è semplice: due persone  che vivono insieme litigano perché si vogliono bene.

(Albina e Faustino parlano insieme indicandosi a vicenda.)

Albina)  Dillo a tuo padre il bene che mi vuole.

Faustino) Dillo a tua madre il bene che mi vuole.

Giulietta) Un momento, lasciatemi parlare, litigare è una cosa normale, perché quando due persone si vogliono bene, uno vuole proteggere l’altro e l’altro non vuole perdere la propria identità, non vuole essere strumentalizzato, non vuole lasciarsi sopraffare e si scatena il conflitto; invece si deve partire dal presupposto che le incomprensioni sono inevitabili, è l’inconscio che agisce.

Faustino) Se parli difficile Giulietta!

Giulietta) È la psicologia che usa le parole grosse, papà, insomma, in parole povere, a litigare ci si conosce meglio e si rafforza il legame, in poche parole, il litigare per due che si vogliono bene a volte diventa una necessità. Ma una volta scoperto il motivo di un’azione, la psicologia dice che è inutile continuare a ripeterla... quindi smettetela di litigare in continuazione.

 (Entra la nonna, tutta pimpante, sorridente e saluta tutti cordialmente.)

Giulietta) Ciao nonna, stavamo parlando del litigare fra marito e moglie, tu col nonno andavi d’accordo?

Nonna) Certo, io volevo un bene dell’anima e anche lui a me, (sospirando) il mio Vinicio, buono come il pane, poverino, pace all’anima sua. Lo sai Giulietta che rimpiango ancora quelle belle litigate con lui che facevo una volta? Lui voleva sempre aver ragione, ma alla fine l’ultima parola era sempre la mia.

Giulietta) Io il nonno Vinicio non sono arrivata a conoscerlo.

Albina) Era il mio papà,  pace all’anima sua, poverino.

Giulietta) Io parlavo del nonno di adesso, del nonno Piero.

Nonna) (Sospirando) Ah, ora non posso più litigare con nessuno. Il nonno Piero è diventato sordo come una campana, come si fa? A volte invidio (alla figlia Albina) mia sorella, la tua zia Maria, lei sì col suo Bigio, quante che se ne dicono dietro ancora adesso. In più lo dice anche il proverbio: “L’amore senza baruffa fa la muffa”.

Giulietta) Hai sentito mamma, in tutte le case c’è la sua.

Nonna) (Alla figlia Albina) La tua nonna Angela diceva sempre “solo il mestolo sa cosa bolle nella pignatta”, e anche quelli che sembrano “cicì-cicì” attaccati con la colla quando vanno in giro, magari in casa si accoltellano.

Giulietta) Hai ragione nonna, anche in psicologia si dice così, ma io (ai genitori) sono stufa di sentirvi sempre a litigare (scuotendo il capo) fatelo per me, ora che conoscete il motivo, basta, smettetela. I libri di psicologia dicono che...

Nonna) (Interrompendola) A proposito di libri, Giulietta, io sono venuta proprio a vedere se mi accompagni a prendere un qualche libro da leggere.

Giulietta) Certo nonna, conosco un mucchio di autori, ti do una mano a sceglierli.

Nonna) A me, non interessa chi l’ha scritto, deve essere un libro non molto complicato, perché il mio cervello non è più quello di una volta, con pochi personaggi altrimenti mi confondo, e deve essere scritto bello chiaro, in grande, perché anche con gli occhiali faccio fatica a leggere.

Giulietta) Ho capito, andiamo che troveremo di sicuro qualcosa in libreria, lo sai che facciamo nonna, le facciamo passare tutte, vedrai che prima o dopo (ai genitori) e voi due, mi raccomando, smettetela e fate pace una buona volta.

(Nonna e nipote escono salutando. Rimasti soli, Albina e Faustino si guardano un po’ negli occhi senza parlare, si sorridono e dopo un po' si prendono per mano.)

Faustino) Che ne dici Albina di quello che ha detto la nostra Giulietta? Sarà vero che litighiamo sempre perché ci vogliamo bene?

Albina) E vogliamo proteggerci l’un l’altro?

Faustino) Oh, così ha detto nostra figlia.

Albina) Lei ha studiato pisicologia, le sa le cose, è una ragazza intelligente.

Faustino) Noi due non abbiamo bisogno sempre di litigare Albina, lo sappiamo da soli che ci vogliamo bene.

Albina) La Giulietta dice che è l’inconscio che agisce.

Faustino) Òstis, a volte abbiamo un inconscio insistente però, tutti i giorni una bega.

Albina) E sempre per delle stupidaggini Faustino.

Faustino) Basta litigare, da domani...

Albina) Che stai dicendo Faustino, da domani? Da adesso, da adesso in poi basta litigare, ora conosciamo il motivo e non ha più senso litigare.

Faustino) Basta con le solite discussioni che non portano a niente.

Albina) Dai. Facciamo una bella sorpresa alla nostra Giulietta.

Faustino) Quanti anni sono che noi due siamo sposati?

Albina) Oh, tanti caro il mio Faustino, tanti.

Faustino) Non mi ricordo nemmeno più, 27, 28?

Albina) 30 caro mio, 30 il mese prossimo.

Faustino) Quanti anni insieme, cara la mia Albina.

Albina) Troppi, caro il mio Faustino, troppi!

Faustino) Come troppi, che stai dicendo?

Albina) Non capire male, volevo dire, ne sono passati già troppi di anni e diventiamo vecchi.

Faustino) Ti ricordi, appena sposati, con tutti quei debiti?

Albina) Sposarci costa. Oh, non te l’ho ancora detto, a proposito di sposarsi...

Faustino) Non si sposerà nostra figlia per caso?

Albina) No, si sposa la figlia della Cesarina, l’ho sentito stamattina al mercato.

Faustino) E chi prende, dovrà essere un ranocchio perché lei è brutta come l’orco.

Albina) Non sarà molto bella ma è una ragazza piena di soldi e i soldi, caro mio, nascondono tutti i difetti. Anzi, ora telefono alla Cesarina per sentire di preciso come stanno le cose (alza la cornetta del telefono).

Faustino) Ti raccomando Albina, non starci molto al telefono, guarda che bollette arrivano dopo! Anzi, fai senza telefonarle che risparmiamo.

Albina) Risparmiamo? Scusa Faustino, non sarò arrivata alla mia età senza essere padrona di fare una telefonata quando voglio per caso?

Faustino) Guarda Albina, non stare attaccata a quel telefono per più di 5 minuti altrimenti mi arrabbio per davvero.

Albina) Guarda Faustino che io sto attaccata al telefono quanto, con chi e come ne ho voglia, hai capito bello!

Faustino) (Alzando la voce) E io lo sai che farò? Farò tagliare i fili.

Albina) (Alzando la voce anche lei) E io lo farò rimettere ancora e guai a te se dopo lo usi.

Faustino) E non alzare la voce con me, hai capito.

Albina) Te l’ho già detto prima, questa è anche casa mia, e io posso gridare come e quando ne ho voglia. Insomma, vuoi proprio litigare? E allora litighiamo e che sia finita.

Faustino)  (Alzando ancor di più la voce) Io sono sempre pronto!

Albina) (Alzando anche lei la voce) Anch’io (lancia un urlo lungo e prolungato).

(Giulietta e la nonna rientrate per un attimo, sentono i due gridare, si guardano, alzano le spalle e se ne vanno sottobraccio.)

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno