E’ asciuto pazzo ‘o parrucchiano

Stampa questo copione

Don Sandro

 


Primo atto

Roberto solo, poi Modestino

Roberto         Al levarsi della tela è seduto da solo presso il tavolo. Chiaramente è in attesa di qualcuno che tarda a venire e perciò è impaziente. Dall’esterno giunge un coro di devoti che hanno seguito la Madonna in processione fin dentro la chiesa. Ad un certo punto si alza di scatto dando un pugno sul tavolo.

Ah, Signore Iddio! (chiamando) Modestino!!

Modestino     (di dentro) Avvocà?

Roberto         E che mi avete messo, a deposito?

Modestino     (di dentro) Un momento, avvocà, un momento….

Robertino      E ma qua passa la giornata!

Modestino     (viene in scena dalla porta della cucina) Eccomi a voi. Vulevo fa nu poco ‘e cafè pecchè tengo proprio nu buco int’’o stomaco. Io, indegnamente, ho portato la Madonna in processione ‘ncopp’’e spalle e, capirete, chella ‘a Madonna pesa!

Roberto         Si, si va bene Ma don Sandro quando vene?…’O vulisse ji a chiammà?

Modestino     Eh, sta dirigendo il coro dei fedeli dint’’a chiesa. Fumateve na sigaretta…

Roberto         E va bene, fumiamoci una sigaretta….

Modestino     Bravo, accussì me ne date una pure a me ca nun ne tengo.

Roberto         Si è pè chesto anche due…

Modestino     Ah, si? Allora due. Nun me chiammate scostumato, io non le compro pecchè me voglio levà ‘o vizio. Capirete, un misero sacrestano int’’a nu paisiello ‘e chisto, che può lucrare? Mò una m’’a fummo e n’ata m’’a conservo…

Roberto         Ancora avita mangià?

Modestino     E quella Donna Rosa è andata a trovare la sorella che sta male e nunn’è venuta ancora a cucenà. Sto ancora digiuno con tutto che ho portato il trono della Madonna ‘ncopp’’e spalle. Non è che mi lamento, sia chiaro. La devozione è devozione. Ma chella ‘a Madonna pesa! (mentre Roberto fa per accendere la sigaretta mette fuori di tasca un accendino) Statte, statte comodo, sparagnate ‘e cerine… (prova più volte inutilmente ad accendere) Mannaggia, è fernuta ‘a benzina. Apicciateve da voi.

Roberto         (eseguendo) Io perciò uso sempe ‘e cerine…l’accendine so traditore…

Modestino     (cercando qualcosa nelle tasche) Si, si, dite bene…aveva tenè na scatola ‘e cerine vacante….’a vi canne. Mettiteme nu pizzico ‘e cerine ccà dinto.

Roberto         (esegue)

Modestino     Grazie, grazie, mò faciteme appiccià vicino ‘a sigaretta vosta, accussì sparagno nu cerino. (accende) Ah, comme so belle ‘sti sigarette americane! Che dite, si me ne fummo un’altra dopo cena me fa male?

Roberto         Ma no…

Modestino     (prendendola) Nun me dicite niente, io nunn’’e compro pe me levà ‘o vizio.

Roberto         Modestì, non ho capito, ma te staie levanno ‘o vizio ‘e fumà o il vizio ‘e ll’accattà? (fa per buttare via il pacchetto vuoto)

Modestino     No, non nunn’’o buttate ‘o pacchetto, datemmillo a me.

Roberto         Ma è vuoto…

Modestino     Ma sempe po’ servì…e po’ dentro ‘o cestino ‘o vede Don Sandro e me strilla. Se crede ca m’aggiu fumato nu pacchetto ‘e sigarette!

Roberto         Ma pecchè, non vuole che fumi?

Modestino     Avvocà, ha inventato n’atu comandamento: undicesimo – Non sfumacchiare.

Roberto         Che vvò fa? Secondo me la testa di mio cugino, salvando la chierica, nunn’è tanto bbona.

Modestino     Mo ce vò! Ma quando maie s’è visto nu preveto cu ‘o cazone?

Roberto         Va bè, questo è normale…

Modestino     Ma dint’’e città! Ma ‘ncopp’’a nu pizzo ‘e montagna comm’’a chisto corre sempre la moda talare classica. E po’, avete visto che processione lunga vuleva fa? ‘ giro pè tutt’’e paese cu ‘a Madonna ‘ncopp’’e spalle…menu male ca Gesù Cristo ha fatto venì a chiovere e s’è accurciata nu poco!

Roberto         (notando a terra in un angolo delle cibarie)  E ‘sta rrobba ccà nterra so tutte offerte d’’e contadine? Una volta alla Madonna si offrivano voti d’oro e d’argento, mò pare che accetta pure ‘o vino e ‘o lardo…

                      (Suono ripetuto di clacson)

Modestino     Ah, ecco finalmente la ppoppò! E’ Don Sandro che arriva…

Sandro e detti

Sandro          (entrando dalla comune) Eccomi qua, scusami se ho tardato, ma io me so fatto na zuppa.

Modestino     Ve site fatto na zuppa? Avete mangiato senza ‘e me?

Sandro          Me so fatto na zuppa per tutta quella pioggia che ho preso addosso…

Modestino     Ah, io me credevo na zuppa ‘e fagiole…

Sandro          Mi son dovuto cambiare in sacrestia (a Modestino) Va, va, fa ‘o ccafè all’avvocato.

Modestino     (con un grido di dolore) Ah, mannaggia ‘a morte…mi avete battuto sulla spalla ca me fa male…

Sandro          Un reumatismo?

Modestino     Qua reumatismo? ‘A Madonna, don Sa, ‘a Madonna pesa!! (via in cucina per risortire)

Sandro          Dunque, tu mi devi parlare?

Roberto         Sandrù, io ti parlo a nome del sindaco, della baronessa e di tutti i membri dell’associazione fino all’umile sottoscritto..

Sandro          Tutta ‘sta gente? Ma allora è una cosa grave?

Roberto         Pazzo, pazzo! Ma che te sì miso ‘ncapa? Tu vaie a fernì a ‘o manicomio…

Sandro          Tu invece ‘a llà staie venendo? Che te piglia?

Roberto         Sandù, tu lo sai quello che voglio dire, lo sai bene..

Sandro          Che saccio, io che saccio? Oggi poca gente ha seguito la processione. Stanno perdendo la fede, chesto è chello che saccio!

Roberto         (alterandosi) E tu, pè salvà ‘a fede, ti vuoi mettere a inventare i miracoli?

Sandro          Io?

Roberto         Sandrù, parlammece chiaro: accadono troppe grazie della Madonna in questo paese. Qua non siamo a Lourdes, siamo a Pietrascura.

Sandro          E qui la Madonna non ha diritto di cittadinanza?

Roberto         Sandrù, nun pazziammo, qua le grazie sei tu che le fai succedere.

Sandro          Io? Ma…ma questa è fantacretineria bella e buona...

Modestino     (rientra con vassoio e tazze di caffè) ‘O ccafè!

Sandro          (battendogli la mano sulla spalla) Bravo Modestino!

Modestino     Ah! (e rovescia il tutto addosso a Roberto)

Roberto         ‘O vestito, mannaggia, ‘o vestito!

Sandro          Vai, vai in cucina, miettece subito un poco di acqua...

Modestino     Nunn’è colpa mia, è la spalla... (via in cucina con Roberto per risortire tra poco)

Sandro          Non mettete l’acqua calda, ce vò fredda…

Menico e detto

Menico          (tutto agitato, con in mano un nodoso bastone entra dalla comune) Permesso?

Sandro          Oh, Menico!

Menico          Fosse venuta ccà la birbante?

Sandro          Chi?

Menico          Mia moglie Cicetta. Comm’’a Santo Lazzaro la devo fare…

Sandro          Ma dove corri? Vieni qua!

Menico          Va truvanno afforza da me li denare pe’ se fa li dente nuove…

Sandro          S’è spezzata la dentiera? E’ caduta?

Menico          Nunn’è caduta. Ce la spezzaje io cu dduie buffettune. Ma si lei se mangiasse lu semolino, la dentiera nunn’occorresse…

Sandro          (con tono di rimprovero) Menico, Menico! Ma quante vote ti devo dire che tu non devi picchiare tua moglie? Tu la sera non devi bere molto vino…

Menico          E poi nun dormo e la vatto cchiù assaie.

Sandro          Ma che ti ha fatto quella povera donna? Che ti ha fatto?

Menico          Innanzi tutto me fece fesso: me la spusaie ‘e na manera e s’è fatta di un’altra…e po’, quatto figlie, me ne fece tre femmene….

Sandro          Ma non è colpa sua!

Menico          E’ colpa soja, si…tene la semenza sbagliata ‘ncuorpo. Unu masculo, ca tengo caro comm’’a luce de ll’uocchie e me stace luntano, stace a Turino a faticà. Chicchiricchì, so rimasto sulo int’’o pullaro, sulo mmiez’’a li femmene. Don Sa, io me ne vado a la Svizzera a faticà, dint’’a li miniere…

Sandro          Menico, io non posso fare niente per te.

Menico          Lu ssaccio, lu ssaccio….(fa per andare)

Sandro          Aspetta…(guardando verso la cucina come temendo di essere sentito) Io non posso fare niente.... Ma la Madonna può fare tutto.

Menico          Padre, ma quale Madonna... Io a li fatture ce credo assaie, ma a li miracule no..

Sandro          Statte zitto. Alza la mano davanti alla Madonna, così!

Menico          (ironico) Era fascista la Madonna?

Sandro          Alza la mano e ripeti: Vergine santa...

Menico          Vergi....mi vergongno, don Sà, mi vergongno, non mi esce...

Sandro          (continuando) Io nun vatto cchiù a mia moglie e resto sempre con la mia famiglia se tu mi fai la grazia che mio figlio Carminiello viene trasferito da Torino a questo paese.

Menico          Ma è impossibile comm’’a li cerase a Natale...

Sandro          Tutto è possibile alla Santa Vergine...fa ampressa, fai la promessa...

Menico          E va bene...pè ve fà cuntento. (levando la mano verso la Madonna) Io sottoscrivo tutto chello che ha detto ‘o parrucchiano.

Sandro          E così sia. in nome del Padre, del Figliuolo e dello Spirito Santo. Ora vai ed abbi fede.

Menico          E va bene. (poi, alla Madonna) Ma te dongo nu mese ‘e tiempo e poi la vatto.. (esce dalla comune)

Sandro          (si  guarda intorno circospetto, corre al telefono, formula rapidamente un numero) Pronto? (non si avvede di Roberto che rientra e rimane in osservazione) Sono il parroco di Pietrascura. Ho bisogno urgente di parlare con il cardinale. Si, sua eminenza mi conosce, aspetto...( poi, volgendo gli occhi al cielo) Gesù, Gesù mio, aiutami. Pronto? Eminenza, volevo sapere qualche cosa per il trasferimento di  quel giovanotto che vi raccomandai da Torino a Pietrascura. Vi assicuro che il vostro interessamento non sarà mai così bene adoperato. Come? Già fatto? Grazie, grazie, eminenza. Sia lodato Gesù Cristo! (riattacca, si volge, vede Roberto) Oh, mi hai sentito?

Roberto         Nientedimeno hai scomodato il cardinale? E’ così che la tua Madonna fa certe grazie? E’ Vero?

Sandro          (arrendendosi) Robè, Robè, capiscimi: questi sono contadini, hanno bisogno di vedere ogni tanto un miracolo, una grazia. Se no la fede se ne va e senza fede questi sono infelici, sono disperati....

Roberto         Si, si capisco. Quello il vino è buono!

Sandro          (ferito dal pensiero volgare che indovina in Roberto) Eh!

Roberto         (continuando) Il lardo è saporito...

Sandro          (indignato) Ma...ma che sai dicendo? Ma veramente mi fai uscire fuori dal seminato! Questa è tutta roba che io dò alle famiglie bisognose. Vuò vedè ca mò fosse pure nu preveto mangione? A questo punto me pare che tu e l’associazione volete entrare troppo int’’a scazzetta d’’o preveto...(chiamando) Modestino!!

Roberto         Sandrù, nun t’appiccià!...Io se parlo...

Sandro          Modestino!

Modestino     (viene dalla cucina con due tazze di caffè) Ecco, ecco. L’aggio fatto n’ata vota....

Roberto         Grazie, no. Mò stò nervoso...

Sandro          No, no, nemmeno io....l’he fatto inutilmente.

Modestino     Nun ve preoccupate...(beve i due caffè) E una e due...abbiamo subito utilizzato.

Sandro          Prendi questo vino e travasalo in tante bottiglie.

Modestino     Ccà stanno pure ‘e mele...

Sandro          Stai fermo! Il mangiare, pensa sempre al mangiare...

Modestino     Padre, ma allora...’a forza ‘e purtà ‘a Madonna che m’’a ddà?

Sandro          Statte zitto. Te cride ca nun t’aggiu visto durante la processione, quando hai avuto il cambio? La gente buttava i confetti dai balconi e tu li raccoglievi e li mangiavi così, come una scimmia affamata...

Modestino     Ma io tengo la malattia che quando vedo una cosa ‘a mangià sperisco in bocca.

Sandro          Ma tu litigavi cu ‘e bambine tante facive a capuzzate pè t’acchiappà ‘e cunfiette...

Modestino     Ma comme aveva fa? Chille erano cchù leste ‘e me...

Sandro          (accennando a spingerlo) Va, va, travasa il vino.

Modestino     Nun me tuccate ‘a spalla.

Sandro          Travasa il vino. Poi ne porti una bottiglia ciascuna alle solite famiglie. Dincello che domani mando pure un poco di frutta e un poco di lardo.

Modestino     Don Sà, ma nun fosse megli ca ce tenessemo quacche cosa pè nuie?

Sandro          Modestì, ricordati che Cristo ha predicato innanzi tutto la carità!

Modestino     (prendendo la damigiana e le altre cibarie) Eh, ma però isso quando teneva famma faceva ‘a moltiplicazione dei pani

Sandro          Ma che dici?

Modestino     Sto pazzianno, è pe ce fà na resata ogni tanto...

Sandro          E nun pazzià cchiù!

Modestino     Va bene, va bene...ma ‘e vvote cacciava pure i pesce pè se fà nu fritto (via in cucina)

Sandro          E solo il sacrestano blasfemo ci mancava...

Roberto         Sandrù, io me ne vado...ci vediamo più tardi.

Sandro          Ah, venite?

Roberto         Certo. Nonostante ttto il consiglio direttivo, come ogni anno, verrà a vedere i fuochi dal tuo terrazzo. Ma ti voglio dire solo una cosa: Sandrù, statte attiento. Sarebbe assai spiacevole se qualcuno scrivesse una lettera al vescovo per sollecitare un’inchiesta.

Sandro          (colpito) Un’inchiesta?

Rosa e detti poi Modestino

Rosa              (chiamando di dentro) Modestino!

Sandro          Ah, ecco donna Rosa che viene.

Roberto         Me fa piacere, accussì me sente pur’essa.

Rosa              (c. s.) Modestino...(entrando dalla comune) Sia lodato Gesù e Maria

Sandro          Oggi e sempre

Rosa              Ma chisto sta ‘nsurdenno? Me vulevo fa aiutà a purtà ‘sti borse. Tengo ‘e mmane sengate...

Sandro          Come sta vostra sorella?

Rosa              Sta nu capolavoro....tantu bella malata int’’a nu lietto cu tutte quante ca ‘a servono attuorno. Faciteme assettà nu poco, m’abbruciano ‘e piede..

Sandro          C’è Modestino dentro che sta spasimando dalla fame.

Rosa              E nun puteva preparà isso quacche cosa e me faceva truvà nu piatto pure a me? (verso la porta della cucina) Mollettino, te facive male a cucenà qualcosa?

Modestino     (d.d.) Aggiu purtato ‘a Madonna ‘ncopp’’e spalle!..

Rosa              Io ‘a spesa l’aggiu fatta. L’avvocato magia cu nuie?

Roberto         No, no, io me ne scappo... Sandrù te lo ripeto, statte attiento! Te staie mettenno contro a tutte quante. Finchè sono contadini passi, ma nun te tuzzà cu certa gente. Quella ragazza lasciala stare...

Rosa              (subito) Quale ragazza?

Sandro          Donna Rosa, lasciate parlare me

Rosa              (fra sè) Chisto pure quando me cunfesso, vò parla sul’isse e nun me fa dicere ‘e peccate.

Sandro          Allora? Quale ragazza?

Roberto         Sandrù, la maestrina, quella che pretende di essere sposata dal figlio della baronessa.

Rosa              Nu mumento...

Sandro          Donna Rosa!

Rosa              Don Sà, ma chella è ‘a cummarella mia, me l’aggio crisciuta. Chella nun tene a nisciuno. (a Roberto) Il figlio della baronessa per caparra ci ha lasciato un figlio di latte. Vuie ‘o mmeglio ve scurdate d’’o dicere.

Roberto         Ma la baronessa non lo vuole ammetteree. Per lei questo bambino non esiste.

Sandro          Ma come non esiste?

Rosa              Aggiu capito: il Signore disse: “Crescete e moltiplicate”..e nuie pè rispetto d’’a baronessa, avimma sottrarre ‘a moltiplicazione...

Roberto         Insomma, Sandrù, a donna Bianca questo matrimonio non va giù.

Sandro          Ma...

Rosa              Aspettate, padre, faciteme dicere meza parola pure a me

Sandro          Meza parola?

Rosa              Va bè, va bè, me coso ‘a vocca.

Sandro          Robè, ma il figlio della baronessa, quella la ragazza l’ha violata!

Roberto         (alterandosi) E tu eri presente quando l’ha violata?

Rosa              Comme no, ‘o parrucchiano teneva ‘a cannela...

Roberto         E allora come potete affermare certe cose? Quali prove avete?

Rosa              Prove? Comme se vede va è avvocato. Jisseve truvanno l’impronte digitali ‘a cuollo ‘a guagliona? Io certi ccose un m’’e fido ‘e tenè ‘ncuorpo. Ma che se fanno ‘e fotografie ricordo negli amplessi amorosi?

Sandro          Donna Rosa....!

Rosa              (senza badargli) Mo ievo io, giravo nu filmino e ce ‘o mannavo ‘a baronessa..

Sandro          Donna Rosa, io vi proibisco di parlare così della baronessa. E’ una povera donna molto provata. Pensate che la sorella ha perso la voce dopo l’investimento di una macchina.

Rosa              Beh...chesto si, l’ammetto, è veramente na cosa ca dispiace.

Sandro          Brava, è così che dovete parlare..

Rosa              Pecchè ‘a voce nun l’aveva perdere ‘a sora, l’aveva perdere essa...

Roberto         Ma come vi permettete?

Sandro          Roberto, donna Rosa, vi prego di non alzare la voce in casa mia.

Roberto         No, io non alzo la voce, io alzo i tacchi e me ne vado. Ma, statte attiento, non fare l’avvocato del diavolo. Sandrù, hai la spada di Damocle sulla testa. La lettera al vescovo pò partì a nu mumento a n’ato. (via dalla comune)

Rosa              Nunn’aggio capito, ma chi è ca vene cu ‘a spada mmano?

Sandro          Niente, niente, sono cose mie.

Rosa              Voi mi dovete scusare si aggiu risposto pur’io quache parola. Ma ‘o cane quanno vere ca ‘o padrone allucca, abbaia pur’isso.

Sandro          Pur’isso? Sulo isso! Ma perchè quella ragazza si è messa in queste condizioni? Si era na guagliona con la testa sul collo mò nun steva comme sta.

Rosa              Don Sà, e che ne sapete voi di queste cose? Vuie site prete!

Sandro          Che c’entra? Allora uno psichiatra per curare  i malati adda ascì pazzo primma isso?

Rosa              Ma lo sapete...quando un uomo se mette attuorno a na guagliona ...e na sera l’accarizza ‘e capille...’a sera doppo sopra al collo...

Sandro          Lasciamo andare..

Rosa              E n’ata sera ‘ncoppo ‘e rine...

Sandro          Ma donna Rosa, vi prego..

Rosa              E vuie sentite ‘sta mano ca sera pè sera se piglia sempe cchiù cunferenzia...conquista sempre altro territorio. Scenne, scenne, avanza, fino a che arriva...

Sandro          Basta, addò vulite arrivà?

Rosa              No, no, io me fermo...

Sandro          (approvandola) Oh!

Rosa              Io me fermo, ma chella ‘a mano cammina...

Sandro          Donna Rosa!

Rosa              e pò nun sapite ‘e parole che diceno: (mentre Modestino viene in scena con bottiglie di vino e resta in osservazione) Mi ami? mi ami?

Modestino     (guarda stupito e si fa il segno della croce)

Rosa              Tesoruccio, cuore, anima mia...

Modestino     Ma che sta succedenno?

Rosa              Perchè, perchè mi resisti, perchè non vuoi cedere?

Sandro          Donna Rosa, donna Rosa, io non posso fare quello che volete. Io vorei che voi vi spogliaste...

Modestino     (fra sè) Guè!!

Sandro          Che voi vi spogliaste dei vostri panni e vi metteste nei miei. Io non posso più sposare...

Modestino     (fra sè) S’’a vò spusà?

Sandro          Io non posso più sposare la vostra causa. Io... (si accorge di Modestino che tende l’orecchio) Ma tu che faie ccà?Che vvuò?

Modestino     Niente, sto purtanno ‘o vino.

Sandro          Lo vedo, lo vedo! Tu chi sa, prima o poi, che castigo avrai dal Signore. ‘O vino russo l’he fatto addeventà rosatello. Va, va, porta ‘o vino..

Modestino     (avviandosi per uscire) E va bene. M’arracumanno a tutt’’e dduie!

Rosa              Ma che cosa?

Modestino     Niente, nun facite ca ve mettite a mangià senza ‘e me. (poi, fra sè) “Mi ami, mi ami!” E chi se l’aspettava ‘a donna Rosa e don Sandro. (esce per la comune)

Sandro          Donna Rò, io naturalmente farò il mio dovere, ma niente di più del mio dovere. Io non posso obbligare il figlio della baronessa a sposare la maestrina.

Rosa              Ma chillo isso ‘a vò bbene. E’ ‘a baronessa ca s’hadda convincere.

Sandro          Benedetta donna, io in questo momento devo stare con due piedi in una scarpa. E nun sapite, per il carattere mio, comme me va stretta ‘sta scarpa, comme me fa male! Ma, purtroppo, ho le mani legate.

Rosa              Uh, facciamia! Ma allora vulite fa donn’Abbondio? Si, si, aggiu capito, vuie site proprio ‘o frato ‘e donn’Abbondio.

Sandro          Ma che dite? Che sapete voi di donn’Abbondio?

Rosa              Ho visto la telenovella in televisione.

Sandro          Ebbene, mettetevi in testa che io non sono donn’Abbondio  e la baronessa non è don Rodrigo.

Rosa              (guardando casualmente fuori della comune) Carna trista nummenata e vista. Sta venenno ‘a chiannazzara.

Sandro          Chi?

Rosa              ‘A barunessa cu ‘a sora. E’ meglio ca me ne vaco dinto...

Sandro          Ma invece restate e tenete la lingua a posto.

Rosa              Quando sento certi ccose ‘a lengua mmocca a me me fa l’effetto ‘e na patana vullente. Don Sà, mettiteve nu curniciello ‘mpietto.

Sandro          Vicino al crocifisso? Ma siete impazzita?

Rosa              Don Sà, io a chella ‘a tengo pè malaurio. Chella tene ll’uoccie ‘e cestariello.

Sandro          Ma non dite sciocchezze! Dite piuttosto una preghiera per quella povera donna.

Rosa              Si, si, mò subito ‘a dico: “L’eterno riposo dona presto a lei Signore, ce lassasse nu poco in pace amen” (e così dicendovia in cucina)

Bianca, Angelina e detto

Bianca           (entrando con Angelina dalla comune) Si può?

Sandro          Oh, donna Bianca!

Bianca           Si, eccola qua, è diventata donna nera..

Sandro          Certo...il lutto per il vostro povero marito...

Bianca           Non è il lutto. Dicevo: nera di dentro, nera di dolore, guardate a ‘sta povera sora mia... Un delinquente in macchina la investe e quella puverella  perde ‘a voce. Ma io a quel pirata della strada l’ho ridotto all’elemosina. Teneva tre case, me l’aggiu mangiate tutt’’e tre (piangendo) Io sulo a ‘sta sora tengo....

Sandro          (scherzoso) E’ il caso di dire che era proprio una voce d’oro!

Bianca           Ma mo tengo un’altra spina, don Sandro mio...mio figlio Andrea è stato oggetto di seduzione. Mo quella maestrina se vò fa spusà pè forza. Quello mio figlio s’hadda spusà laprimogenita dei Sellitti. E’ un matrimonio di prestigio. Soldi nun ne teneno, ma sono una grande famiglia. Io pecchè devo vedere mio figlio vicino a na bastardella? Nuie simme cane ‘e razza.

Contadino e detti

Contadino     (entra dalla comune recando un prosciutto e del lardo, salsicce e salami) Pace e bene a questa casa! aggiu acciso lu puorco e ccà sta la ‘nferta.

Sandro          Va bene, porta tutto in cucina, c’è donna Rosa. Consegna tutto a lei e fatti dare una presa di rosolio (poi a Bianca mentre il contadino va in cucina) Mi porta delle cose per i poveri....

Bianca           (non senza una allusione cattiva) E chille s’ingrassano bene i poveri di questo paese...

Sandro          Non quanto i ricchi, naturalmente...

Bianca           I ricchi?

Sandro          (scherzoso) Perciò non possono passare per la cruna dell’ago. (facendo gesti come per dire”sono troppo grassi”. poi a Matilde come per cambiare discorso) Neh, signorina Matilde, ma vuie perchè guardate sempre a terra? Alzate la testa e sorridete un poco.

Matilde          (fa dei gesti come per dire “non posso parlare”)

Sandro          Non potete parlare? E che fa? Ma lo sapete, tutti i mariti che mi dicono sempre? “Padre, si mia moglie perdesse ‘a voce ‘a vulesse cchiù bene!”

Matilde          (è commossa, gli afferra una mano e la bacia)

Sandro          Uh, piangete! Aspettate che mò vi faccio un regalo...

Bianca           Una bella immaginetta di San Gerardo.

Sandro          No, no, niente immaginette stavolta (staccando una rosa da una piantina) Ecco qua, vi dò una bella rosa. E mò ce vò, un prete che fa il galante  con una signorina è una cosa veramente straordinaria. Tenete, una bella rosa fresca...

Matilde          (porta le mani agli occhi come per nascondere un pianto che non riesce a trattenere)

Sandro          Ecco, sò riuscito a farla chiagnere cchù assaie. (il contadino rientra dalla cucina) Ma sapete che vi dico, donna Bianca? Sapete che penso? Non passa tempo e la Signorina Matilde riavrà la sua voce. Tutti le vogliamo bene.

Contadino     (sottovoce, con stupore ammirativo) Mamma mia, lu sant’ommo ha fatto la profezia! Beneretto, beneretto, benerette le tue parole! (via dalla comune)

Matilde          (gli bacia ancora la mano ed esce di corsa dalla comune)

Bianca           Avete visto, don Sandro? Avete visto che tragedia dint’’a casa mia? Na sora muta e un figlio sedotto. E con tutto questo c’è gente che difende quella sgualdrinella.

Sandro          Ma, donna Bianca carissima, a me pare che oggetto di seduzione è stata più la maestrina che vostro figlio....

Bianca           Don Sandro, ma che ne sapete di queste signorinette moderne! Si mettono intorno come le zecche! (Modestino entra dalla comune e resta in osservazione) Ti amo, ti amo...

Modestino     (fra sè) Mamma mia!

Bianca           Io senza di te non posso vivere. Voglio essere tua. Io ti amo.

Modestino     (fra sè) E sò ddoie!

Sandro          (notando Modestino) Ah, tu staie ccà?

Modestino     Sò andato a purtà ‘o vino alle famiglie bisognose come mi avete comandato. Che c’era pure donna Rosa e vi ho lasciato solo con lei...

Bianca           Che bravo giovane! Mio così è, don Sandro, me pare nu scemo...

Modestino     (fra sè) M’ha fatto ‘o complimento!

Bianca           Si fa infinocchiare da tutti quanti. Comunque, don Sandro, ci vediamo più tardi per vedere i fuochi. M’aggia fa tutta chella salita a piedi...Io non so guidare, non ho la patente.

Modestino     Ma ve pozzo dà io nu passaggio fino alla villa...

Bianca           Si? Avete visto? Ho trovato anche io della galanteria cu tutto ca sò vecchia.

Modestino     Eh, come si dice, baronessa mia? Gallina vecchia...

Sandro          Modestino!

Modestino     (imbarazzato, arrossendo) No, io...io scherzavo. Dicevo: gallina vecchia, ma nobile. Gallina faraona. Vaco a mettere in forno...cioè...in moto.

Bianca           (come per salutare) Don Sandro...

Sandro          Vi accompagno alla macchina. (fra sè) Signore Iddio, qua stanno uscendo pazzi tutti quanti (esce  con Donna Bianca per risortire tra poco)

Rosa              (fa capolino dalla cucina, poi viene fuori con un turibolo sul quale brucia dell’incenso) ‘Ncienzo santo, ‘ncienzo ricco, caccia fore ll’uocchie sicche...

Sandro          (rientrando) Donna Rosa!

Rosa              Ma nun’ireve asciuto? “Aglio, fravaglio e fattura ca nun quaglia...”

Sandro          Oh, Dio! Il turibolo, l’incenso della chiesa!

Rosa              Uocchie e mal’uocchie e furbiciello all’uocchie....

Sandro          Donna Rosa, voi siete in casa di un sacerdote!

Rosa              Aggio fernuto, aggio fernuto! “Spirete, fatte ‘a rasse, ‘mpizzete ‘ncuorpo ‘o contrabbass (e va in cucina per posare il turibolo e rientrare subito)

Sandro          (gridandole dietro) Donna Rosa, credo che da domani dovrò fare a meno dei vostri servizi.

Rosa              (rientrando con la mano tesa, con tono scherzoso) Scambiamoci un segno di pace.

Sandro          E non scherzate sulle cose del rito!

Ninetta e detti

Ninetta          (entra dalla comune. Col braccio destro regge un bambino in fasce. Nella mano sinistra reca un piccolo involto) Permesso?

Sandro          Voi??

Rosa              (sottovoce) Guè, nunn’’a spaventate. L’aggiu fatta venì io. Trase, Ninè, trase...

Ninetta          Padre, scusate, ho fatto dei dolcetti e mi sono permessa di portarvene due.

Rosa              Sò chilli dolcette ca m’he fatto assaggià a me stammatina? Comme sò bbuone! Va llà ddino, posa ‘o bambino ‘ncopp’’o lietto e pò viene che dobbiamo parlare.

Ninetta          (a Sandro) Posso?

Sandro          Ma, donna Rosa, proprio qua, in casa mia? Più tardi viene donna Bianca, voi che mi volete far succedere?

Ninetta          Forse è meglio che me ne vado...

Rosa              No, no, aspetta...(sottovoce a Sandro) E’ timida, s’hadda piglià cu ‘o buono. Va, Ninè, adduorme ‘o guaglione, va.

Ninetta          (imbarazzata) Ma veramente...

Rosa              T’aggiu ditto va puose ‘o guaglione..

Ninetta          (ancora titubante) Padre, voi permettete?

Rosa              (gridando con forza) Va llà ddiintoooo!!!!

Ninetta          (esce frettolosamente a destra)

Rosa              Vuie facite ll’aucellone, ccà ce vonno ‘e bboni maniere, ve l’ho detto. Ma nun ve fa pena? E uno piglia n’agnelluzzo accussì, ca me pare ‘e carta velina e l’abbandona mmiez’’e lupe’?

Sandro          Ma che posso fare io? Io nun sò nisciuno...

Rosa              Nisciuno? Gesù, vuie site ‘o parrucchiano, vuie, ‘ncopp’’a ‘stu pizzo ‘e muntagna, siete il papa.

Sandro          Ma che papa e papa! Io sono il pupo, questo si. Il pupo manovrato dagli altri.

Rosa              Ma vuie tenite ‘a prufessiona soggetta che dovete affrontare certi situazione! Anze, m’arraccumanno, mò ca ve mangiate ‘e dolcette nun facite ‘a faccia brutta...chella se murtifica, è capace ‘e se mettere a chiagnere.

Sandro          Ma perchè, che cosa hanno questi dolcetti?

Rosa              Na piccola distrazione: invece d’’o zucchero ce ha miso ‘o ssale.

Sandro          Oh, Dio! E me l’aggia mangià?

Rosa              Ma vuie site prevete. Vi dovete sacrificare...

Sandro          Va bè, fingerò di averne mangiato qualcuno mentre lei era di là...

Ninetta          (rientrando) Si è addormentato. Però...Padre, scusate... (parla all’orecchio di Rosa)

Rosa              E va bene, mò ce ‘o dicimmo...(a Sandro) ‘o bambino ha fatto pipì sopra il letto vostro. (a Ninetta) Nunn’è ca pecchè fosse parrucchiano nun facesse pipì pur’isso.

Ninetta          (dopo aver guardato nel piatto) E non li avete mangiati i dolcetti?

Sandro          Perchè?

Ninetta          E quelli sò quattordici, io li avevo contati....  

Sandro          No, è che stavo aspettando voi...(mangiando un dolcetto) Ah, come è buono!

Rosa              E ve l’avevo detto?

Sandro          Una vera delizia, una cosa squisita!

Ninetta          Eh, che esagerazione, Veramente vi piacciono tanto?

Rosa              E che diceva, bugie?

Ninetta          E prendetene un altro, andiamo...

Sandro          Ma dico: voi li avete assaggiati quando li avete fatti?

Ninetta          No, io non li posso assaggiare. Ho fatto un fioretto alla Madonna che non mangio dolci fino a Natale.

Sandro          Ah, ora capisco.Non lo sa nemmeno lei quanto sono squisiti...

Rosa              Niente, niente, non lo sa..

Ninetta          (insistendo) E prendete, prendete...

Sandro          Ma, veramente...

Rosa              E ghiammo, nun facimmo ca pe’ nu poco ‘e sale perdimmo ‘a menesta..

Sandro          (sottovoce) Ma chello è assaje sale... (mangiando ancora un dolcino) Aggia fa ‘o scustumato, chiste sò troppo, troppo bbuoni...

Rosa              Chesta ccà? E che ne sapite? In cucina è un valore..Anze, mò mangia cu nnuie e ce aiuta nu poco a cucenà.

Sandro          Ma...

Rosa              Sape fa na salsetta speciale! Fà sentì, fa sentì a don Sandro comme dice?

Ninetta          Ma no...

Rosa              (sollecitandola) E ghiammo...

Ninetta          (facendo atto di spezzare alcuni pomodori in una pentola) Sangue di pomodoro, un sospiro di prezzemolo, due lacrime d’oro di olio, una carezza di aglio e questa è tutta la salsetta. Ci sporco dentro due spaghettini verdi verdi e viene un piatto così, un pò scugnizzo..

Sandro          (fra sè) Invece del Decamerone sta facendo il demaccarone (si sente venire il pianto di un bimbo)

Ninetta          Uh, s’è svegliato, piange...

Rosa              Statte, statte, vaco io, Tu parla, parla cu don Sandro (via in camera da letto per risortire tra poco)

Sandro          Dunque, ragazza mia, fatemi capire: voi siete così seria, così modesta, come è che avete ceduto alla tentazione del diavolo?

Ninetta          Padre, perchè il diavolo si è presentato con la faccia dell’angelo. Lo sapete come diceva? (mentre Modestino entra dalla comune e rimane in osservazione) Io vi amo, vi amo, io darei la vita per un vostro bacio...

Modestino     (fra sè) Guè!!

Modestino     Pure ‘a guagliona!

Ninetta          (con forza) Io vi amo!

Sandro          Ma, ragazza mia....(vede Modestino) Ma che fai tu, strisci? Fatti sentire quando vieni.

Modestino     E n’ata vota sono primma ‘e campane e pò traso. Avite mangiato?

Sandro          ‘O mmangià, sempre al mangiare pensi. Chi sa qua vota ‘e chesta la Madonna ti castiga ‘ncopp’’o mangià. Te fa diventà tutte cose salato in bocca.

Modestino     (fra sè) ‘A Madonna castiga a me! Chillo tene chestu poco sotto! (via in cucina per risortire subito)

Rosa              (rientrando) Tutto a posto, si è addormentato. Ha rigettato solo nu poco ‘e latte sul vostro cuscino. Avite parlato?

Sandro          Ma che parliamo a fare? Su queste storie, sono tutte uguali (mentre Modestino rientra) E’ sempre la stessa minestra...

Rosa              E che putimmo fa?

Modestino     Ddoie linguine aglio e uoglio. Io aggiu visto, in cucina, nun ce sta manco ‘o principio

Rosa              Ave ragione, iammele a ffà.

Andrea e detti

Andrea          (entrando dalla comune) Permesso?

Ninetta          Tu?

Modestino     Avimmo fernuto ‘e mangià

Sandro          Dottore, qua se viene vostra madre...

Andrea          Padre, voglio dire soltanto due parole a quella signorina...

Ninetta          (di scatto, volgendogli le spalle) E io non le voglio sentire. Io ti odio.

Andrea          Ninetta, io non sono un uomo libero, io sono uno schiavo!

Sandro          (a mani giunte) Dottore, vi prego...

Rosa              Ma facit’’e parlà. Che volete dire?

Andrea          Qualunque sia il mio atteggiamento voglio che tu sappia che io ti voglio bene.

Ninetta          Dillo a questa sedia, ti crede più di me. (spinge con violenza una sedia facendola cadere sul piede di Modestino)

Modestino     Ah, ‘ncopp’’o callo, ‘ncopp’’o callo! (via in cucina)

Andrea          Ma lo vuoi capire o no? Io senza il consenso di mia madre, non posso muovere nemmeno un dito!

Rosa              Ah, il dito! Ma altre cose le muovete bene!

Sandro          Donna Rosa!!

Rosa              Quando avete fatto ‘o ‘nguacchio cu ‘a guagliona ‘o premesso a mammà non l’avete cercato? (perentoria a Ninetta indicando la porta della cucina) Iesce dinto tu. (poi, mentre Ninetta esce di corsa a sinistra) E a chella sapite quando v’’a faccio vedè n’ata vota? Quanno venite cu mammà, cu ‘o zio e ‘a zia e tutt’’a razza appriesso a chiedere la mano. ‘A vedite sulo ‘ncopp’’a l’altare. Baruncì, stateve buono! (via in cucina)

Sandro          (fermando Andrea che fa per seguire Rosa) Dottore, non mi costringete a mettervi fuori in malo modo.

Andrea          No, no, io non me ne vado nemmeno a bastonate. Io la devo vedere...

Sandro          Ma avete già parlato, che le volete dire di più?

Andrea          Che le voglio dire? (mentre Modestino rientra) Io ti amo, ti amo, ti amo!!

Modestino     (fra sè) Ah, mò è troppo!

Andrea          Il nostro è un amore impossibile, lo so. Ma io ti amo...

Modestino     (fra sè) Io nun capisco niente cchiù!

Menico e detti

Menico          (entrando dalla comune) Padre, padre Sandro...

Sandro          Che succede?

Menico          Currite, currite addu Marianna la rossa, avita sciogliere na fattura..

Sandro          Io? E che songo, nu stregone?

Menico          Marianna ha pigliato lu curtiello. Vole ammazzà a Matalena la fattucchiara pecchè le sta facenno murì ‘o purciello. Currite!

Sandro          Oh, Dio! (con forza) Modestino!!

Modestino     Sto ccà.

Sandro          Non ti muovere di q ua fino al mio ritorno. Stai di sentinella. Per nessuna ragione il dottore deve parlare con la ragazza sotto il mio tetto. Andiamo, andiamo... (esce dalla comune con Menico)

Modestino     (gridandogli dietro) Mo ca esce a bollì, ‘e ffaccio menà ‘e maccarune? (poi, ad Andrea) Stammo ancora senza mangià, capite? (mettendo fuori di tasca il pacchetto di sigarette vuoto) Bah, facimmece na fumata. (dando il pacchetto ad Andrea) Prego, prego, posso offrire?

Andrea          Grazie. Ma....ma questo è vuoto!

Modestino     Uh, sò finite? Embè, l’intenzione c’era, non lo potete negare...

Andrea          E chi lo vuol negare...

Modestino     E mò comme facimmo?

Andrea          Gesù, te l’offro io a te.

Modestino     Bravo, bravo, me ne piglio due o tre pecchè il tabaccaio ha chiuso. (dalla camera da letto si sente venire il pianto di un bambino)

Andrea          Ma chi è che piange?

Modestino     Eh...è ‘o figlio d’’o parrucchiano, che v’aggia dicere io...

Andrea          Modestì, è mio figlio. E’ mio figlio, lo voglio vedere! (entra rapidamente nella camera da letto lasciando il pacchetto di sigarette in mano a Modestino)

Modestino     Dottò, ‘e sigarette...va bbuò, chillo mò sta pensanno a ‘o figlio (e intesca il pacchetto. Nota i dolcini su qualche mobile, ha come un sussulto) Guè, ma chiste che sò ccà ‘ncoppa? Dolcini! Mò capisco pecchè nun vò mangià! Isso se mangia ‘e dolcette, se mangia...(tende lentamente la mano verso il piattino guardandosi intorno e fischiettando per darsi un contegno)

Ninetta e detto poi Rosa

Ninetta          (viene dalla cucina parlando verso l’interno) Non vi muovete.

Modestino     (sussultando) E chi se move? (canticchia) Llalarà...

Ninetta          Non vi muovete, donna Rosa, faccio da me...(si avvia verso la camera da letto)

Modestino     (sbarrandole il passo) Guè, dove andate? Ma che vi volete incontrare col dottore?

Ninetta          Nemmeno morta. Sto andando a vedere il bambino (via in camera da letto per risortire)

Modestino     (va di nuovo verso i dolcini)

Rosa              (viene dalla cucina cercando Ninetta) Bella...

Modestino     (ritira di nuovo la mano e prende a canticchiare) Bella tu sei qual sole, bianca più della luna...

Rosa              Modesì, comme sì stunato. Addò è ghiuta chella?

Modestino     A vedè ‘o bambino. Donna Rò, stateve nu poco cuie ccà.

Rosa              Ma io sto cucenanno..

Modestino     (levando un dito, come uno scolaretto delle elementari) Un bisognino...

Rosa              E fa lesto lesto. Fosse venuto ‘o dottore?

Modestino     Eh, ma io che ne saccio? Chillo pò trasì pure p’’a fenesta d’’a cammera ‘e lietto...

Rosa              Chillo è dottore...trase p’’a fenesta? (e guarda fuori)

Modestino     (ghermisce il piattino dei dolcetti e lo nasconde sotto la giacca)

Rosa              Ma te vuò movere o no? Ch’aspiette?

Modestino     Si, si subito faccio...(via in cucina)

Andrea          (di dentro) Ma lo vuoi capire o no?E’ da bambino che io sto succhiando veleno dal seno di mia madre..

Rosa              (confusa) ‘O guaglione sta parlanno cu ‘a voce ‘e n’ommo...

Ninetta          (entra dalla destra col bambino in braccio seguita da Andrea) E’ mio, è mio, capisci? E’ figlio soltanto a me!

Rosa              (gridando verso la porta della cucina) Modestì, mo ‘e ffacive fa ‘o secondogenito senza ‘o permesso ‘e mammà!

Ninetta          Non vi preoccupate, donna Rosa. Lui non se ne vuole andare? Me ne vado io. Ora vi libero di me, vi libero tutti quanti....(esce dalla comune)

Rosa              (gridandole dietro) Nun fa piglià friddo ‘o nennillo. (perentoria ad Andrea) Uscite (poi, mentre Andrea di precipita verso la comune) No, io nun ve faccio ascì pe’ correre appriesso a chella...

Andrea          E allora viene mia madre e mi trova qua.

Rosa              (ripensandoci) Uscite!

Andrea          (via in fretta dalla comune)

Rosa              Ce vò uno ca ‘e corre appriesso. (chiamando) Modestino!!

Modestino e detta poi Sandro

Modestino     (viene in scena dalla cucina con una mano alla gola e un fiasco di vino. Sputa e beve più volte) Maronna, Maronna mia!...

Rosa              Ch’è succieso?

Modestino     (all’immagine sacra) Perdoname, nun me fa addeventà tutt’’o mangià salato mmocca...

Rosa              Ma che staie dicenno?

Modestino     Nunn’arrobbo cchiù, mo ce ‘o porto ‘o vino a ‘e bisognose. Mò stesso ce ‘o porto (fa per uscire di corsa dalla comune ma si scontra con don Sandro che entra)

Sandro          Ma dove vai? Ora dobbiamo mangiare.

Modestino     Mangiare? Nunn’è destinato. Pò ve conto, pò ve conto....

Sandro          Hai bevuto? Pazzo ubriacone, tu finisci alcolizzato!

Modestino     Quà bevuto? La Madonna ha fatto un miracolo malvagio contro a me. Pò ve conto, pò ve conto (via di corsa per la comune)

Sandro          Gesù, Gesù, chillo se beve pure ‘o vino d’’a messa. C’aggia fa truvà l’acqua ‘a dinto. Il dottore se n’è andato?

Rosa              Di corsa

Sandro          Meno male...

Rosa              Di corsa appresso alla ragazza...

Sandro          Io devo uscire da questa situazione. Io non posso stare sempre con due piedi in una scarpa...

Rosa              Finalmente!

Sandro          Io devo reagire!

Rosa              E che facite?

Sandro          Me ne vado da questo paese..

Rosa              (come mandandolo al diavolo) Ih!!

Sandro          Che significa questo “Ih!”?

Rosa              Niente, è passato nu carrettiere ca fermava ‘o cavallo..

Sandro          E a me non piace quando mi si fa questo versaccio del carrettiere..

Rosa              Ah, ma pecchè ‘e femmene nun se ponno fa prevete?

Sandro          Benedetta donna!

Rosa              Ogni tanto me benedice....

Sandro          Lo volete capire o no che non posso fare niente? Vogliono scrivere al vescovo, hanno minacciato un’inchiesta sul mio conto!

Rosa              Un’inchiesta? Ma, allora avite fatto quacche ccosa?

Sandro          (indeciso) Beh...

Rosa              Che significa questo “Beh”? A me non piace quando uno fa il verso della pecorella..

Sandro          Insomma, questi dicono che io... ma io perchè devo dire i fatti miei a voi?

Rosa              Aggio capito: dicono ca site nu preveto attimurato d’’a barunessa. Ca facite passà ‘e ricche pe dint’’a cruna ‘e ll’ago e ‘a gente scaveza pe ‘ncoppo ‘e spine!...

Sandro          (fremendo internamente) Ma comm’’aggia fa? (poi, risolvendosi) Dicono che io invento i miracoli, capite? Che io inganno i ocntadini facendo credere cose che non sono vere.

Rosa              E ll’avite fatto?

Sandro          Beh...

Rosa              N’ata  vota ‘a pecurella!

Sandro          (sbuffando nervosamente) Bu bu bubbù

Rosa              E’ addeventato cane..

Sandro          (con improvvisa decisione) Si, qualche volta l’ho fatto. Ma sempre a fin di bene. Ma ora basta, dimenticate quello che ho detto. Me fa male ‘a capa...

Rosa              E’ ‘a pressione...vuie state digiuno. Venite, mangiateve quacche cosa e me spiegate meglio ‘stu fatto d’’e miracole. Iammo, na vota tanto ve cunfessate  vuie cu mme. (via in cucina per risortire tra poco)

Bianca e Roberto

Bianca           (entrando dalla comune con Roberto) Buonasera...Ah, ma qua non c’è nessuno...

Roberto         Ma siamo in anticipo, ci vuole tempo per i fuochi....

Bianca           (chiamando) Don Sandro?

Rosa              (di dentro) Un momento, mò viene!

Bianca           Ah, c’è questa donna antipatica. Comunque il nostro destino è quello di restare soli...

Roberto         Si, ma se qualcuno ci vedesse nessuno comprenderebbe quello che c’è tra noi...

Bianca           Trenta maledetti anni di età.

Roberto         Non alludevo a questo...

Bianca           Robè, come dice il poeta? Come dice D’Annunzio? “La carne, la carne! L’unico piacere della vita.”

Roberto         Controllatevi...

Rosa              (rientrando) Buonasera. Don Sandro mò viene, se sta mangiando un boccone.

Roberto         E che facciamo, saliamo subito in terrazzo?

Rosa              Si, pò io ve porto ‘o ccafè, all’aperto state meglio. (poi, fra sé) Me pare ca sta venenno a chiovere...

Vittorio, Celeste, Renato, Elvira e detti

Vittorio         (entra dalla comune con gli altri) Buonasera!

Bianca           Oh, qua c’è anche il nostro sindaco che ci onora.

Vittorio         No, non mi chiedete di fare discorsi. Io sò venuto solo per vedere i fuochi. Non mi chiedete di fare discorsi.

Rosa              (fra sé) Ma chi te vò sentere?

Bianca           Celeste, hai visto il tuo fidanzato?

Celeste          No, donna Bianca, non l’ho visto.

Bianca           Ancora cu ‘stu donna Bianca? E quand’è che mi vuoi chiamare mammà?

Celeste          Solo dopo sposata

Rosa              Guardate che combinazione: Bianca, Celeste...ne fanno ‘e tutt’’e culure a ‘stu paese...

Celeste          Capita. Del resto anche voi vi chiamate Rosa.

Bianca           E secondo me pungete anche bene.

Rosa              Donna Bià, ‘a rosa nun tene ‘e piede, pogne a chi ‘a tocca...

Celeste          E a voi, forse, vi toccano spesso?

Rosa              Si, quacche vvota me toccano ‘o stommaco.

Bianca           A me invece mi toccano i nervi.

Rosa              E riguardatevi, nu poco ‘e bromuro ogni tanto fa bene...

Celeste          E poi chi è che vi tocca lo stomaco? Forse qualche peccatrice che conoscete?

Bianca           Qualche faccia rossa che va in giro per il paese.

Rosa              Meglio faccia rossa che faccia tosta...

Bianca           Tosta? E qua in paese non ce ne stanno molte..

Rosa              Ce stanno, ce stanno! E’ ca s’accamuffano...

Celeste          Io conosco solo signorine perbene che si sposano con tanto di velo bianco pulito e sacrosanto...

Bianca           E non sono fabbricanti di figli a tradimento...

Rosa              ‘E figlie si mme ricordo bbuono nun se fanno a tradimento, se fanno corpo a corpo e faccia a faccia. E pè me na figliola cu nu figlio a pietto vale cchiù ‘e cierte signurine perbene pigliate tutte assieme da ‘o fiocco ca sta ‘ncimma ‘o cappellino ‘nfi a sotto ‘e ssole d’’e scarpe. E mò dateme ‘o permesso, vaco a ffà ‘o ccafè. (via in cucina)

Renato          Neh, ma chesta cu chi ce l’aveva?

Elvira            Renà, e non è chiaro?

Renato          Elvì, io sò cummirciante ‘e carne, certi sottilette nunn’’e capisco...

Vittorio         (fra sè) L’ha pigliate pe’ furmaggio...

Elvira            Sottigliezze, Renà, sottigliezze..

Bianca           Sindaco, voi che sapete così ben parlare...

Vittorio         (sorridendo) Un discorso?

Bianca           Sindaco, con i nervi che tengo adesso me sento ‘o discorso? Fate capire voi a don Sandro che l’emicrania mi ha costretta ad andare via...

Renato          Donna Bià, si ve ne iate vuie ce ne iammo tutte quante...

Vittorio         E questo è male. La gente ci deve vedere tutti uniti come ogni anno. Tutti affacciati al terrazzo a vedere i fuochi.

Bianca           E cchiù fuoco ‘e chello ca tene chesta?


Vittorio         Assessò, salite in terrazzo, la convinco io...

Renato          E ghiammo, ià, sperammo che non ci dobbiamo intossicare il lieto evento...

Elvira            Eh, pare ca ha sgravato...

Renato          Elvì, ma nun me ripiglià ogni mumento. Io pirciò nun vulette jì cchiù ‘a scola. (via per le scale con Roberto, Elvira e Celeste)

Elvira            E allora è meglio ca te staie zitto...

Vittorio         Bianca, in nome dei nostri antichi trascorsi...

Bianca           Acqua passata.

Vittorio         Non certo per colpa mia. Il mio sogno è che sono morto e voi mi portate dei fiori.

Bianca           Eh, che bruttu suonno!

Vittorio         Fiori di carta, donna Bià: finti come il bene vostro e che non seccano mai come il bene mio...

Bianca           (fra sé) Pè forza ‘e discorse vo fa!

Vittorio         Vi ho convinta? Si?

Bianca           (arrendendosi) Siete un maledetto seduttore. (infila il braccio di Vittorio ed esce con lui per le scale)

Sandro e Rosa poi Modestino

Sandro          (venendo dalla cucina con Rosa) Ora mi toccherà di chiedere scusa alla baronessa. Ma credete che anche io, certe volte, non vorrei prendere a calci certa gente? Ma bisogna reprimere questi impulsi cattivi...

Modestino     (entra dalla comune di corsa, è sconvolto) Padre, padre...

Sandro          Modestino?

Modestino     Aggiu perduto ‘a voce, nun pozzo parlà cchiù...

Rosa              Ma tu staie parlanno...

Modestino     Ah, si. Aggiu fatto nu guaio (piange a dirotto)

Rosa              Insomma, ch’è succieso?

Modestino     Padre, sto in confessione, si no vuie ‘o ddicite...

Sandro          Si, si va bene, stai in confessione.

Modestino     Aggiu menato ‘a sotto ‘a sora ‘e donna Bianca...

Sandro          La muta?

Rosa              Ma è morta, è ferita?

Modestino     Nunn’’o ssaccio, io me ne sò scappato!

Sandro          Tu sei un delinquente!

Modestino     Ma nun credo ca è morta. Io nun l’aggi menata proprio ‘a sotto, l’ho sbattuta solo in faccia al mura. E pò ‘e muorte nun parlano. Chella invece ha strillato: “Madonna, Madonna mia!!”

Rosa              Ma che staie dicenno? Chella è muta, comme strillava?

Sandro          Ma dove è successo?

Modestino     Qua, proprio ccà fore..

Sandro          Ma quando lo dicevi? (esce di corsa dalla comune per risortire fra poco con Angelina)

Modestino     (gridandogli dietro) Si è morta nun m’’o ddicite. Io m’aggia piglià subito quacche cosa. Me tremmano ‘e ccosce (via in cucina)

Rosa              Maronna mia, io ce l’avevo menate ‘e ghiastemme, ma ‘ncuollo a essa..

Sandro          (entra dalla comune con Matilde che si regge a stento) E’ viva, è viva, ma nun se mantene allerta....

Rosa              Purtammola ‘ncopp’’o lietto..

Matilde                (come tra veglia e suonno) Bianca, Bianca.....

Sandro          Dio santo, ma questa parla.

Rosa              Allora ‘o scemo aveva ragione?

Sandro          Così perse la voce e così l’ha ritrovata. (va in camera da letto con Matilde tra le braccia, per risortire subito)

Rosa              (volgendo gli occhi al cielo) Allora ‘e ghiastemme l’avive capite bbuono!

Sandro          (rientrando) Non dite ancora nulla. Un’emozione potrebbe far male alla baronessa.

Rosa              Pò perdere ‘a voce pur’essa...

Sandro          Voglio prepararla io piano piano...(via in camera da letto)

Si vede il bagliore di un lampo e si sente il fragore di un tuono

Rosa              Ll’aggio ditto ca veneva a chiovere...

Alcuni contadini e detta poi Bianca, Roberto, Vittorio, Celeste e Renato

1° Contadino (entrando dalla comune) Perdonate si trasimmo, è pè ce riparà un poco dalla pioggia...

Rosa              Trasite, trasite...

Bianca           (venendo dal terrazzo con gli altri) E ci siamo intossicati pure i fuochi...

Contadini      (scappellandosi tutti quanti) Buonasera.

Bianca           Buonasera, buonasera, brava gente. Qualcuno di voi ha visto mio figlio? Quello è delicato, mò mi prende una bronchite...

2° Contadino Ma chi, lu dottore? Mmò mmò stava da queste parti cu la maistrina.

Bianca           La maestrina? (mettendo le mani alle orecchie di Celeste) Non sentire, non sentire. Sono calunnie, sindaco, amici, fate qualche cosa per una povera madre infelice...

Vittorio         Donna Bianca, pensate al vostro cuore.

Bianca           Cuore? Quale cuore? Questo è un fico d’India pieno di spine. Quand’è che  potrò liberarmi di quella rispettabile signorina?

Rosa              Signorina all’anagrafe, ma chella tene nu figlio...

Bianca           Noi non lo sappiamo e non lo vogliamo sapere. Quel bambino per noi non esiste!

Ninetta, Andrea e detti

Ninetta          (entra dalla comune col bambino tra le braccia e la giacca di Andrea messa sul capo. La segue Andrea in maniche di camicia, cingendole le spalle in atteggiamento protettivo)

Bianca           (con un grido solo) Matricida! Amici, amici miei aiutatemi! Io tengo già la sventura di quella sorella che mi ha perduto la voce!

Rosa              E vuie cu na sventura ‘e chella pigliate chisti atteggiamenti? Vuie site femmena ‘e chiesa! Fate un voto alla Madonna che fate dare il nome che le spetta a questo bambino innocente se la Madonna fa venì ‘a voce a vostra sorella. Vuie ce tenite tanto pe’ ‘sta sora...

Bianca           (scettica, sorridendo ironica) E si, ghiammo, chiammate a don Sandro, può darse ca fa n’atu miracolo...

Rosa              Ma voi fate la promessa, mò, ccà, annanze a tutte quante...

Bianca           (ridendo, con superficialità) E si, si, voglio proprio vedere: Madonna mia fai venire la voce a Matilde e io faccio dare il nome al bambino, faccio sposare la maestrina.

Sandro e detti poi Angelina

Sandro          (viene dalla camera da letto) Donna Bianca...

Bianca           Don Sandro?

Sandro          State calma e distesa, ho per voi una grande, bellissima notizia (verso la camera da letto) Venite, venite... (Matilde entra)

Matilde          Bianca, Bià!!

Bianca           Madonna!! (cade svenuta fra le braccia di Vittorio e Roberto)

Rosa              Miracolo!! Miracolo!! (ai contadini che si inginocchiano e si segnano) S’è avverata la profezia di Don Sandro!!

Sandro          (portando in disparte Rosa) ma...ma che avete combinato?

Rosa              Don Sandro, avite ragione vuie, io credo ca cierti vvote, a fin di bene, nu miracolo si può anche inventare....

CALA LA TELA


Secondo atto

Rosa sola, poi Vittorio, Bianca, Celeste e Angelina

Rosa              (scrivendo) Cara chiagnazzara, ti scrivo questa seconda lettera anonima perchè sono un’amica che ti vuole bene (sente venire dall’esterno la voce di Vittorio arrabbiatissimo che sta per entrare)

Vittorio         (di dentro) Faccio succedere l’ira di Dio, la guerra universale. Faccio correre i carabinieri!

Rosa              (subito appallottola il foglio su cui sta scrivendo e lo butta da qualche parte)

Vittorio         (entra dalla comune tutto eccitato. Lo seguono Angelina e Bianca che si appoggia pesantemente al braccio di Celeste) Don Sandro, addò sta?

Rosa              E almeno avisseve ditto buongiorno...

Vittorio         Si, si buongiorno (porgendo una sedia a Bianca) Assettateve, faciteve passà l’affanno...Chiammate a Don Sandro.

Rosa              L’hano chiammato ‘ncopp’’addu Cecca ‘a rossa ca sta murenno. Stanno llà ‘a stanotte isso e Modestino.

Vittorio         Ma noi abbiamo bisogno ‘e ce parlà d’urgenza. Donna Bianca ha scritto al cugino vescovo, pò venì a nu mumento a n’ato..

Rosa              (fingendosi entusiasta) Uh, che bella cosa! Vene a dicere na messa ‘e ringraziamento!

Vittorio         Eh, ‘a messa ‘e ringraziamento! Donna Rò, viene a fare un’inchiesta. Telefonate a Don Sandro, purtatele nu poco ‘e pressa...

Rosa              E che dico vicino a Cecca: “muore ampressa ca tengo che fà!

Vittorio         Donna Rò, nun pazziammo. Qua tutto è chiaro: non c’è stato nessun miracolo della Madonna. Nun facite ‘a scema pè nun ghì ‘a guerra. La baronessa si sente male.

Bianca           E’ che stamattina mi sò alzata, sò scivolata e me stevo spezzanno na gamba...

Celeste          Ma perchè allora avevano data la cera al pavimento. Non vi mettete paura...

Rosa              Ma cher’è, se mette paura ‘e quacche cosa?

Vittorio         Donna Rò, la baronessa è molto suggestionabile.(mette fuori di tasca un foglio da lettera)Nuie vulessemo sapè chi le ha scritto questa lettera anonima.

Rosa              Si, cercammo ll’ago int’’o pagliaro. Nuie simmo tremila persone. Dduimila sò analfabeta, ma ce ne stanno sempe mille ca sanno scrivere. Ma c’hanno scritto?

Vittorio         (leggendo) Cara chiagnazzara...

Rosa              Verite, verite!...

Vittorio         Hai ricevuta una grande grazia della Madonna che ha fatto venire la voce a tua figlia. Ora mantieni la promessa che hai fatto se non passerai un cuofono di guai.

Rosa              Eh!

Vittorio         Bada: una donna fece un voto alla Madonna e non lo mantenne. Ebbene, dopo poco tempo si dovette comprare una stanfella perchè si paralizzò una gamba.

Bianca           (scoppia in pianto)

Celeste          (confortandola) Ma calmatevi, ma che vogliamo credere a queste cose?

Rosa              No, no, guardate, io sò cretina. Io ce credo a ‘sti ccose...

Vittorio         Dopo un altro poco buttò via la stanfella...

Rosa              Ah, s’era guarita?

Vittorio         Ma si comprò una seggia a rotelle perchè si paralizzò pure l’altra gamba. Perciò, mmocca a chi....eccetera eccetera ...il resto non lo leggo, paga il tuo rebbeto alla Madonna e guardate ‘e ccosce.

Rosa              Ah, m’ha fatto venì ‘e brivide areto ‘e rine...

Vittorio         Ma quali brividi? Ma qualu voto? Donna Rò, qua non c’è stato nessun miracolo.La signorina investita per la seconda volta da una macchina...

Bianca           Sindaco, siate breve, stringete, io sto morendo...

Vittorio         Donna Bià, ma io nemmeno posso parlare a telegramma! Voi mi zittite ogni volta che parlo. (poi, a Rosa) La signorina Matilde ha riavuto la voce per vie naturali, per un semplice fatto emozionale. E ne ha perfettamente coscienza (a Matilde) E’ vero?

Matilde          (con un’alzata di spalle) Credo....

Bianca           (saltando su inviperita) Come, credo?...

Rosa              (fra sè) E’ risuscitata!

Bianca           Ne sei sicura!

Matilde          (indecisa) Si.

Celeste          Purtroppo non ricorda bene di che macchina si è trattato e chi la guidasse...

Bianca           (mentre Angelina risponderà sempre di no solo scuotendo il capo) Era grande? Era piccola? Era rossa? Era blu? Era verde? Fra le altre cose chesta da quando ha riavuto la voce è diventata cchiù muta ‘e primma!

Rosa              Vuò verè ca ‘a Maronna se sta ritiranno ‘a grazia?

Vittorio         Eh, ‘a Maronna se ritirava ‘a grazia! Ma nunn’’a vulite fernì?

Bianca           Matilde, qua facciamo tutto per la salvezza di tuo nipote, che è come un figlio per te. Sei d’accordo?

Matilde          Bianca, io....

Bianca           Parla, parla, parla!!

Matilde          (decisa) No, io non sono d’accordo.

Bianca           (scattando) Zitta, pierde ‘a voce, fatte scennere ‘a lengua ‘nganna.      

Rosa              Eh, passa ll’angelo e dice ammèn.

Vittorio         Donna Rò, mo’ mettite mano all’angelo? Ma fernitela cu sti pagliacciate!

Bianca           Pecché, si putesse sapè chi è stato, almeno me levasso na pietra dallo stomaco.  (Mentre Modestino appare sulla soglia della comune, tutto infreddolito, il bavero della giacca rialzato sul collo, fregandosi le mani come per darsi calore e resta in osservazione)  Il primo che la investì lo mandai alla miseria? A chisto ‘o mannasse addirittura ‘ngalera. Ma chi è stato? Chi ha potuto essere?!

Rosa               (Scorgendo Modestino che fa per tornare indietro in punta di piedi) Modestino!

Modestino      Chi io? Quanno maie, io nun saccio niente.

Rosa              Ma che vvuò? T’aggio visto e ho detto Modestino.

Modestino     Ah, mo si! (a Bianca) Ma io nun saccio niente. E si ero stato io nunn’’o ddicevo?

Rosa               Ma Cecca è morta?

Modestino     Niente ancora, ce sta facenno perdere ‘o tiempo. (poi a Bianca riprendendo il discorso) Io mme facevo nu merito. Avevo fatta venì ‘a voce ‘a signurina, me spettava na medaglia ‘argiento.

Rosa              Alla memoria, pecché Donna Bianca t’accereva primma.

Bianca           Mo ce vo....

Modestino     Ma io nun saccio niente. Io, Dio ‘o ssape, aggio fatto ‘a nuttata, tengo ‘o fredde ‘ncuollo. (si frega le mani e va a sedere sul divano)

Rosa              Ma va te cocche nu poco.

Modestino     Me cocco? E aggia aspettà a don Sandro. Chi ‘o leva ‘a vicino ‘a moribonda? Io nun ce l’’aggio fatta cchiù e me ne so venuto. Nun ce stesse nu surse ‘e quacche ccosa?

Rosa              Doppo, doppo, aspetta nu poco. (guardando preoccupata Angelina)

Modestino     Ma io pecché faccio sta vita? Io m’aveva spusà. Mo stevo dint’’a nu bellu lietto cu ‘e llenzole fresche fresche e tenevo ne bella mugliera vicino. (così dicendo si assopisce, se ne sente il russare aspro e forte)

Rosa              Ne, tu t’avisse addurmì?

Modestino     Si, si, sto sveglio.

Rosa              Neh, ma ‘a signurina se sente bbona? Io nunn’’a sento ‘e parlà cchiù.

Bianca           Matilde...

Matilde          (si volge a lei per prestare attenzione ma non parla)

Bianca           Ma ti senti bene?

Matilde          (dice di si solo col capo)

Bianca           E fa sentì quacche cosa.

Modestino     (fa di nuovo sentire il suo russare)

Rosa              Eh, ha levato ‘o contrabbasso e a miso ‘a trumbetta. (scuotendolo) scetate ca ‘a signurina nun parla cchiù.

Modestino     Ma pecché è ghiuta sott’’a n’ata macchina?

Bianca           Matì, io ti vedo con gli occhi rossi. Stai piangendo?

Matilde          (Fa segno di no)

Bianca           Celè, questa non parla più.

Rosa              (disperandosi) Ll’angelo, ll’angelo, è passato ll’angelo.

Vittorio         (scettico) Ma chella mmò mmò ha parlato!

Matilde          (apre la bocca come per parlare ma china il volto sulle mani e piange. Tutti sono turbati)

Rosa              Calma, calma, nunn’’a rate ‘ncuollo. (poi con tono suadente) Mò a fa sentì ‘a voce...è overo?

Matilde          Bianca, io non è che non posso parlare, è che non voglio parlare. Mi viene da piangere.

Rosa              Sentite, io so cretina. E’ meglio ca mme leve ‘a miezo e parlate fra di voi. Io aggia dicere na preghiera. (cava di tasca un rosario e va a sedere sul divano accanto a Modestino)

Bianca           (impaurita, sottovoce a Vittorio) Ma che preghiera va a dicere chella?

Vittorio         Ma nunn’’a pensate proprio! Parlate con vostra sorella..

Bianca           Matì, tu, quasi quasi, pare che parteggi per quella....

Matilde          Per Ninetta?

Bianca           Zitta, niente Ninetta, non esiste, pe’ me si chiama quella!

Matilde          La signorina quella tiene un bambino....

Bianca           Ma voi la sentite?

Rosa              (entusiasta, smette per un attimo di pregare) Eh, ha cacciato na piezza ‘e lengua ‘a zetella... (riprendendo) Ave Maria Madre di Dio…

Celeste          Io l’ho capito, qua sta il fatto. Forse dovevo tenere un bambino pure io, allora si.

Rosa              (come sopra)  Faceveme ‘a succursale d’’a Nunziata. Prega per noi miseri peccatori....

Celeste          Ma Celeste Sellitti il bambino non ce l’ha.

Rosa              Nun po’ fa ‘o presepio. Ave Maria…

Celeste          Celeste Sellitti, si sposa col velo bianco.Oh, Menico!

Matilde          Certe volte anche il bianco può macchiare.

Bianca           Ma… che vuoi dire?

Matilde          Niente. Vado a prendere una boccata d’aria. Qua mi sento comm’’a na farfalla chiusa sott’’a na campana ‘e vetro ‘nsieme a nu santo. (via per la comune)

Rosa              (con entusiasmo) Gloria al Padre, al Figliuolo e allo Spirito Santo.

Bianca           Oh Dio, mi sento male. L’olio, l’olio, ho bisogno dell’olio.

Vittorio         (accorrendo presso di lei) Dell’aceto?

Bianca           Ma che aceto! Dico l’olio santo. Sto morendo, vorrei bere.

Rosa              (avviandosi per andare in cucina) Si, si mo lo vaco a piglià.

Vittorio         Non vi avvilite, è niente. Quella lettera anonima vi ha terrorizzata, mannaggia il diavolo, la sua coda e le sue corna.

Renato, Elvira e detti poi Roberto

Renato          (entrando dalla comune con Elvira) Chi è ca lle servono ‘e corna?

Elvira            Ma nun pazzià...

Renato          Sto io ccà tengo centanare ‘e corne.

Elvira            Allude ‘o bestiame che commercia, sia chiaro.

Renato          Mucche, capre, buoie. Io campo mmiez’’e ccorne, e ‘ncopp’’e ccorne, (toccandosi le fronte) Ma corne maie.

Elvira            Volevamo sapè che se dice?

Celeste          E lo dovete dire voi che venite da fuori.

Roberto         (entrando dalla comune) Buongiorno a tutti.

Bianca           (illuminandosi) Oh, avvocato!

Vittorio         (fra se contrariato) Mo se sente bbona.

Roberto         Novità?

Renato          Sta ‘o paese arruvutate. Sé cos’’e pazze, ognuno ca tene quaccosa spera ‘e ji sott’’a na macchina. Ne vulite una? Tore ‘o zuoppo m’ha ditto “Ah si ‘o Pataterno me facesse investì e m’accunciasse ‘a coscia

Elvira            Ma che succede, ‘o vescovo vene?

Vittorio         Ma che ne sappiamo! Donna Bianca gli ha scritto. Ma chi ‘o ssape si vene.

Elvira            A proposito, avimmo visto ‘a maestrina cu vostro figlio Andrea.

Bianca           (colpita da una pugnalata) Ah, Nerone! Chiamatelo Nerone quell’assassino! (a Vittorio) Era Nerone che uccise la madre?

Renato          Chi, Pascale ‘o nirone? P’ammor’’e Dio, Chillo murette cu ‘o tifo.

Elvira            E pe’ fforza vuò parlà!

Renato          Va buè va buè, iammuncenne, po ve purtamme ‘e fresche. (via dalla comune con Elvira)

Celeste          Donna Bianca, io non capisco perché perdiate tanto tempo a discutere quando la truffa e l’inganno sono così evidenti.

Vittorio         E non l’avete sentito all’assessore? Noi siamo in una situazione difficile. (con tono improvvisamente tribunizio, declamatorio) Noi siamo portatori di luce in un mondo di ciechi, noi siamo…

Bianca           (sollecitandolo a smettere) Sindaco, sindaco!

Vittorio         Insomma la gente è convinta del miracolo. E che dicimme a queste teste di rapa: donna Bianca ha fatto na promessa alla Madonna, ha ottenuto ‘a grazia e non mantiene il voto?

Celeste          Ma lo sanno tutti che la signorina Matilde è stata investita e per questo e solo per questo ha riavuto la voce.

Vittorio         E che risolve? Quelli sapete che dicono? Che la Madonna ha fatto succedere apposta l’incidente pe’ fa avè ‘a voce a Matilde.

Roberto         Io faccio una semplice domanda: come fu formulato il voto di donna Bianca? Voi eravate presenti. Ha forse detto “Farò sposare la maestrina con mio figlio Andrea”?

Vittorio         Niente affatto. Disse solo “Farò sposare la maestrina”.

Rosa              Aspettate nu mumento, nun pazziamme. Disse “Farò dare il nome al bambino”. Quindi basterà trovare un marito disponibile mmiez’’asti muntanare, magari nu scemo, nu minorato, cacciamo quacche cosa ‘e solde e stammo a poste. Il miracolo non viene affatto negato, il voto è mantenuto e dobbiamo solo cacciare terallucci e vino.

Vittorio         (tra se) Vuò verè ca ‘o paglietto è stato cchiù capace ‘e me? (poi forte) Donna Bià, io non sono d’accordo con la soluzione dell’avvocato.

Roberto         Sindaco, non essere d’accordo è nel vostro ruolo. Ma che volete?

Vittorio         ‘O vescovo, ‘o vescovo, ci vuole il vescovo.

Rosa              Se vò cresemà?

Vittorio         Un’autorità superiore che sconfessi l’operato di don Sandro. Ubi maior minor cessat.

Modestino     (sottovoce a Rosa) Ma che dialetto è chisto?

Rosa              (sottovoce a Modestino) E’ ‘e dialetto ca vulesse sapè io p’abbuffà ‘a maleparole in latino a tutte quante.

Bianca           No, no, io so d’accordo cu ll’avvocato. Naturalmente io le faccio una bella dote alla maestrina. Tengo pure na casarella in mezzo alla campagna. E’ abbandonata ma si può sempre utilizzare. Ce voglio dà pure ‘a casarella. E che vo cchiù stu marito ca s’’a sposa?!


Celeste          Alla fine non è detto che debba essere proprio un minorato. Potrebbe essere uno… che so… uno così…

Roberto         Come Modestino.

Bianca           Brava! Modestino, tutto sommato, è un simpaticone.

Modestino     (dandosi delle arie) Grazie, grazie.

Bianca           Chillo pò nu muntanaro ‘e chiste,  quando l’hai rivestito fa n’ata figura. Come si dice? Vieste a Ciccone ca pare barone.

Modestino     E quanto sarebbe sta dote?

Bianca           Ma che ne so ora su due piedi? Ho detto buona, una buona dote.

Modestino     No, pecché io poi sono scapolo.

Rosa              Modestì, bello d’’a sora, ma tu tiene suonno, vatte a cuccà nu poco.

Modestino     Si, si, mo vaco. (a Bianca) E poi sono sacrestano, non sono prete. I sacrestani si possono sposare.

Rosa              Modestì, ma te vuò ji a cuccà o no?

Modestino     Si, si, aspettate, aspettate nu mumento. (via nella camera da letto)

Vittorio         Ma voi pensate che la maestrina poi accetta? A me non m’è parso un tipo tanto cedevole.

Roberto         Ah, ma questi sono fatti suoi. Noi il nostro obbligo l’abbiamo assolto. Noi, quando è lei che rifiuta, ce ne laviamo le mani.

Bianca           (scattando in piedi come per abbracciarlo) Avvocà, voi siete un genio…(ma è colta da un forte dolore alla gamba) Ah! La gamba, la gamba.

Rosa              Maronna, io a cierti ccose ce credo, ce credo!

Celeste          Ma è l’artrosi, è la vostra maledetta artrosi.

Bianca           Io me metto paura.

Celeste          Ma questo è fanatismo, questa è pazzia. Mammà, noi abbiamo             ragione perché Andrea è stato circuito, raggirato da quella streghetta di maestrina.

Bianca           Si, si, quello è un ingenuo, è un cacchione. Io l’ho cresciuto con            l’uovetto, i biscottini e mo viene Lucrezia Borgia e me l’ arrobba?

Rosa              Cierti vvote ‘e mamme che brutta razza ca site! S’arriva ca si nu figlio dà na curtellata a uno diceno “chillu delinquente ha dato na panzata ‘ncopp’’o curtelluccio d’’o criaturo mio”.

Celeste          Donna Rò, noi ci sentiamo la coscienza perfettamente a posto.            Pulita come un panno di bucato.

Bianca           Io vulesse fa na faccia tenta a chi dico io....  (FA IL GESTO DI TIRARE UNA PIETRA MA E’ COLPITA DA UN DOLORE) Ah! ‘O braccio, ‘o braccio! Me fa male ‘o braccio!

Rosa              Chisto ‘o fatto è progressivo....

Vittorio         Progressivo? Donna Bià, facite è ccorne, facite è ccorne...


Renato, Elvira e Detti

Renato          (ENTRANDO DALLA COMUNE CON ELVIRA) Io sto ccà, ‘o papa sta a Roma e ‘o vescovo sta alla vostra villa.

Vittorio         È venuto ‘o vescovo?

Renato          Sissignore. Vò a Donna Bianca, se sta ‘ncazzanno.

Elvira            Eh, ma comme parle? I vescovi non si incazzano si arrabbiano.

Renato          Elvì ma nunn’è ‘o stesso?

Bianca           Andiamo, andiamo subito.(A VITTORIO CHE LE PORGE IL BRACCIO) ‘A ccà,‘a ccà. Chisto è ‘o braccio ca me fa male.(E SI APPOGGIA A ROBERTO)

Celeste          E non abbiate paura per le minacce di certe civette. La Madonna non manda guai a nessuno. La Madonna sa bene quello che fa.(SI AVVIA               PER USCIRE FRETTOLOSAMENTE, INCIAMPA E CADE) Gli cchi, gli occhi!

                      (MENTREVITTORIO LA AIUTA AD ALZARSI) Non è la Madonna, sono gli occhi, sono gli occhi.(COSI DICENDO ESCE PER LA COMUNE CON VITTORIO, RENATO, ROBERTO E ELVIRA).

Rosa              S’hadda avvisà subito a Don Sandro ca è venuto ‘o vescovo (CHIAMANDO) Modestino?

Modestino     (DI DENTRO) Nu mumento, nu mumento, nun trasite.....

Ninetta e detta poi Sandro

Ninetta          (ENTRA DALLA PORTA DEL GIARDINO: HA IL BAMBINO IN BRACCIO E UN BIBERON)

Rosa              Guè, arò viene tu?

Ninetta          Ho visto che c’era tutta quella gente sono entrata dalla porta del           giardino.

Rosa              Assettate, tiene ‘a faccia bianca. Nun te spaventà, chiste nun te fanno niente....

Ninetta          Io oramai sono una foglia caduta. (METTENDOSI A SEDERE SUL DIVANO)....vado dove mi porta il vento.

Rosa              Si, ma no, ca te purtasse int’’a munnezza.

Sandro          (ENTRANDO DALLA COMUNE) Sia lodato Gesù Cristo.

Rosa              Guè, don Sandro, finalmente site venute?So venute ‘e membre ‘e ll’          associazione.

Sandro          So tutto, so tutto, c’è il vescovo. Ma mo ho bisogno urgente di un caffè           e di una sciacquata di faccia....

Rosa              Venite, venite. Mo subito v’’o ffaccio.(A NINETTA) Tu aspetta lloco e nun te  movere.( VIA IN CUCINA CON SANDRO)

Ninetta          (CULLANDO IL BAMBINO SULLE BRACCIA) Ninnini ninninò questo bimbo a chi lo do....

Modestino e detta

Modestino     (VIENE DALLA CAMERA DA LETTO TUTTO VESTITO A FESTA, INCEDE DONDOLANDOSI UN POCO SULLE GAMBE, DANDOSI DELLE ARIE)

Ninetta          (GUARDANDOLO STUPITO) Guè ,Modestino,ma siete andato ad una festa?

Modestino     Tutto il paese sta in festa per l’arrivo del vescovo e me so ripulito nu poco pure io.(LE GIRONZOLA INTORNO COME PER METTERSI IN MOSTRA)

Ninetta          Che c’è?

Modestino  Niente,che deve essere.Guardate comm’è lusingatrice chella donna Bianca. Mi ha calunniato ca io sono simpatico,ca songo nu bell’ommo....

Ninetta          E mica è una calunnia! Anzi, io penso che quando eravate giovane dovevate piacere.

Modestino     E già , pecchè mò so vicchiariello, eh?

Ninetta          No, che c’entra? Siete di mezza età....

Modestino     (TAMBURELLANDO LIEVEMENTE COL DITO SUL NASINO DEL BIMBO) Pisi pisi pissi…voi non potete immaginare io comme voglio bene ‘e bambine.

Ninetta          Avete un carattere paterno.

Modestino     Mi posso sedere vicino a voi?

Ninetta          Certo.Io in voi sapete cosa ho sempre visto?

Modestino     Che cosa,che cosa?

Ninetta          Un padre,in voi un padre e in donna Rosa una madre.

Modestino     Ma, padre del bambino?

Ninetta          No, no, padre mio...

Modestino     Ah!

Ninetta          Se no dicevo un nonno....

Modestino     (FRA SE’) ‘Ncasa ‘a mane!

Ninetta          (CULLANDO IL BAMBINO) Oh eh eh…

Modestino     Signorina Ninetta io vi vorrei dirvi una cosa....Non solo la gallina…

Ninetta          (C.S.) Oh eh eh...dite dite.

Modestino     Certe volte non solo la gallina.

Ninetta          (C.S.) Oh eh eh...dite dite.

Modestino     E ma come dice se voi fate sempre (CONTRAFFACENDO NINETTA) oh eh eh....

Ninetta          Insomma non solo la gallina?

Modestino     Anche il gallo vecchio fa buon brodo.

Ninetta          Ah, ma c’è un allusione che non capisco?


Modestino     Ninetta,voi sapete perché io sono rimasto scapolo? Perché avevo fatto un voto:quello di sposare una ragazza madre....

Ninetta          Oh che bella cosa....,e vi disse di no?

Modestino     Ma chesta allora nun capisce maie? Signorina Ninetta…

Ninetta          Dite,dite.

Modestino     Io… 

Andrea e detti poi Sandro

Andrea          (ENTRANDO DALLA COMUNE) Ninetta...

Ninetta          Andrea!(CORRE VERSO DI LUI, TENTANO PIU’ VOLTE DI ABBRACCIARSI, MA IL BAMBINO CHE LEI TIENE IN BRACCIO RENDE DIFFICOLTOSA LA COSA) Aspetta,              aspetta un momento.(TORNA PRESSO MODESTINO, GLI METTE IL BAMBINO FRA LE BRACCIA) Modestì, vi dispiace?

Modestino     Noo! Io voglio tanto bene ai bambini!

Ninetta          Grazie. (PARLANDO AL BAMBINO) Vai, vai un poco col nonno. (TORNA PRESSO ANDREA) Modestino ha tanta pazienza

Modestino     (TRAENDO UNA CERTA ARRABBIATURA) Oh oh oh! Io on ‘a nuttata ‘ncuollo, ‘o friddo e ‘a famma aggia fa pure ‘o nonno. Oh oh oh!

Ninetta          Non s’addormenta? (AD ANDREA) Aspetta. (PRENDE IL BIBERON VA DI NUOVO PRESSO MODESTINO E GLIELO PORGE) Forse tiene fame.... Provate se mangia. (TORNA ANCORA PRESSO ANDREA)

Modestino     (FRA SE’, GUARDANDO CON INTERESSE IL BIBERON) Chi sa comme sarrà?!

Andrea          Mammà è sempre più ostinata.Era una pietra è diventata di ferro.

Modestino     (SUCCHIANDO UN POCO DI LATTE) Ah, però è buono....             (SI METTE A SUCCHIARE).

Ninetta          Già,tua madre è di ferro e tu sei di paglia

Andrea          Mi disprezzi fino a questo punto?

Ninetta          Ti disprezzo? (PIANGENDO E BUTTANDOSI NELLE BRACCIA DI LUI) Oh, Andrea!

Sandro          (VIENE DALLA CUCINA PARLANDO VERSO L’INTERNO) Si, si, va bene ,vi scuso.Ma non dovevate insultare donna Bianca come mi avete detto. Questa, oltretutto,è la casa di un sacerdote, questa… (VEDE ANDREA E NINETTA  ABBRACCIATI) Questa era la casa di un sacerdote,  mo è diventata un’ alcova per gli innamorati....

Andrea          (STACCANDOSI DA NINETTA) Uh,padre,scusate.

Sandro          Si, si, vi scuso,vi scuso.Io scuso tutti quanti.Sono io quello che                nessuno verrà a scusare (CERCANDO INTORNO CON LO SGUARDO) Modestino dove sta?

Modestino     (CULLANDO IL BAMBINO) Oh oh oh…

Ninetta          Sta mangiando, si? Sta mangiando?

Modestino     Avite voglia, una fame di lupacchiotto....

Sandro          (AVVIANDOSI VERSO LA COMUNE) Io devo andare dal Vescovo....

Andrea          Padre…

Sandro          (FERMANDOSI SULLA SOGLIA DELLA COMUNE) Si?

Andrea          Una domanda.....        Si può avere antipatia per la propria madre?

Sandro          (TORNANDO SUI  PASSI) Ma che dici?!!Figlio mio,lascia che ti                 dia del tu come quando avevi i calzoncini corti e facevi il                chirichetto, tu stai succhiando veleno come fosse miele.(ALZANDO UN PO’  LA VOCE) Non succhiare,non succhiare!

Modestino     (SUSSULTA,SMETTE DI SUCCHIARE E CAMBIA POSTO COME PER SOTTRARSI  ALLO SGUARDO DI SANDRO)

Andrea          Padre,ma quella è diabolica....

Sandro          Ma che diabolica! Ti vuol rendere felice a modo suo....ma è sempre quella che ti ha dato latte!


Andrea          Ma ora mi dà il fiele, il fiele amaro....

Sandro          E tu non lo succhiare, non lo succhiare!

Modestino     (C.S.) Ma comme me vede st’indemoniato?

Andrea          Padre, io le do un brutto dispiacere. Io me ne vado dal paese e non torno più!    

Sandro          E che risolvi? (MENTRE MODESTINO ALLE SUE SPALLE CERCA UN POSTO DOVE SISTEMARSI) Ca tu vai di qua e di là che risolvi? E’ inutile che cambi di posto, non serve a niente se la tua coscienza è turbata. L’occhio di Dio ti segue ovunque.

Andrea          Padre, voi dite cose giuste. Ma io allora, faccio qualche sciocchezza...             (PUNTANDOSI IL DITO ALLA TEMPIA A MO’ DI PISTOLA) Io faccio qualche sproposito....

Sandro          (TRASECOLANDO) Ma che dici? Che pensieri ti fai venire? Questo è il peggiore dei veleni. In nome di Dio…(CON MOLTA FORZA) Non             succhiare!

Modestino     (TOSSENDO PERCHE’IL LATTE GLI VA DI TRAVERSO) Ehm, ehm.

Sandro          Ma che stai facendo?

Modestino     Don Sà, niente. E’ ‘a nuttata, ‘o vverite? E’ ‘a nuttata ‘e stanotte, tengo ‘a tosse.

Ninetta          E con la tosse vi tenete il bambino in braccio?

Modestino     (FRA SE’) ‘O ringrazio appriessso!

Ninetta          (RIPRENDENDO IL BAMBINO) Date, date a me.(GUARDANDO IL BIBERON) Ah, ma l’ha succhiato quasi tutto!

Modestino     Si, si, era peggio ‘e na zucarola. (TOCCANDO IL NASINO) Pissi, pissi, pissi, pi. Tnive famme, eh? E mo scusate m’aggia stennere nu poco ‘ncopp’’ o lietto si no vaco ‘nterra. Io so nu sacrestano nun so nu               fachiro....

Rosa e detti

Rosa              (VIENE DALLA SINISTRA TUTTA CONTEGNOSA, CAPPELLO IN TESTA, VALIGIA IN MANO,VESTITA PER PARTIRE)

Sandro          (GUARDANDOLA STUPITO) Ci deve essere qualcosa che mi nascondete. Cos’è che oggi vi vestite tutti quanti a festa?

Rosa              Non è successo niente. E’ successo solo che io me ne vado.             Non posso stare più per ragioni di salute. Domani vi mando il              certificato medico scritto proprio dal dottore: “questa donna sta          facendo le prete al fegato...”

Sandro          Ma io non vi ho detto niente. Vi ho rimproverato solo una certa              impulsività.

Rosa              Sono le prete che io non posso buttare in faccia alla gente e perciò        le faccio dentro al fegato.

Sandro          Sentite a me, toglietevi questo cappello.

Rosa              Io so credente ma ‘o fatto d’’o perdono nun me trase .Quando veco ‘e             malvage me vene a dicere “tiè, a chi ti da un calcio nel sedere volgi             l’ altra natica e te ne dongo n’ato....”

Sandro          Va bene, ora non ho tempo. Levateve stu cappiello.

Rosa              (TOGLIENDOSI IL CAPPELLO) E va bene. Tanto io me trovo cchiù a purtà na sporta ‘e fiche ca na mallarda ‘e cheste.

Sandro          Va bene.(POI A NINETTA E ANDREA) E voi due andate a tubare in               qualche altro posto.Qua se viene la baronessa succede il finimondo...

Andrea          E io l’affronto....

Ninetta          Bravo!

Andrea          Io sono stanco di avere sempre paura. Io l’ affronto....

Ninetta          Si, si, l’ affrontiamo insieme!

Andrea          O con Ninetta o con nessuno. Il dilemma a due corna!..

Renato, Elvira e detti

Renato          (ENTRA FRETTOLOSAMENTE DALLA COMUNE INSIEME AD ELVIRA) Neh,neh, sta venenne ‘o Vescovo.

Sandro          Lo sapevo! Se Maometto non va alla montagna, la montagna viene da Maometto.

Elvira            Stanno venendo pure il sindaco e la baronessa.

Andrea          Mamma?! (A NINETTA) Forse è meglio che ce ne andiamo.Vieni, vieni, usciamo dal giardino.(VIA PER LA PORTA DEL GIARDINO)

Ninetta          Questo è il guaio: io non tengo un uomo e un bambino, tengo due             bambini....(VIA CON ANDREA)

Vittorio, il Vescovo, Bianca e detti

            

Vittorio         (PRECEDENDO IL VESCOVO) Accomodatevi eminenza, accomodatevi....

Bianca           (SEGUENDOLO) State attento c’è un mattone mosso e si cade a terra.

Vescovo        Pace, pace e bene a questa casa.

Sandro          (ANDANDO A BACIARGLI LA MANO) Pace a voi eminenza. Noi  forse non la meritiamo.

Vescovo        (DURANTE LA BATTUTA CHE SEGUE ENTRERANNO ALLA RINFUSA ROBERTO, CELESTE, MENICO E ALTRI CONTADINI. ENTRANO SILENZIOSI QUASI IN PUNTA DI PIEDI E SI METTONO AD ASCOLTARE) Don Sandro… vi            chiamate così, vero?

Sandro          Si, monsignore...

Vescovo        La pace è un albero che fiorisce più bello sui campi dove c’è la guerra. Voi tutti sapete quale situazione di disagio mi ha fatto sentire il dovere            di venire qua.

Sandro          Si, monsignore, lo so.

Vescovo        Dirò brevemente perché il tempo mi tiranneggia e altre cose più gravi            occupazioni mi chiamano altrove. Per prima cosa deve muovere un             aspro, un asprissimo rimprovero a donna Bianca e a suo figlio.

Bianca           Monsignore…

Vescovo        Cugina, cugina carissima, vostro figlio ha compiuto un’ azione indegna, un peccato grave...

Rosa              Guè guè sta piglianno 'e pparte ‘e Ninetta....

Vescovo        La povera e tenera pecorella è capitata fra un branco di lupi.

Rosa              (FRA SE') Maronna e quante ce ne sta cantanno !

Vescovo        Il Signore abbia pietà di lei come io la accolgo nel mio cuore paterno.

Roberto         Eccellenza, ma noi…..

Vescovo        (PERENTORIO) Silenzio, per favore.

Rosa              (FRA SE')  Avvocà, tiè !

Bianca           (FACENDO PER BACIARE LA MANO AL VESCOVO) Eccellenza, se ho sbagliato vi chiedo perdono.

Vescovo        (SOTTRAENDO LA MANO AL BACIO DI BIANCA)  Lasciate, lasciate, vi dispenso dal baciarmi la mano.    

Rosa              (SODDISFATTA, CON ALLUSIONE A DON SANDRO)  Ah! Chiste so sacerdote overe.

Vescovo        Non a me dovete chiedere perdono, il perdono è di Dio. Io sono veramente indignato.

Rosa              Ah, me sta facenne arrecreià.

Bianca           Eccellenza, permettetemi di insistere…. (SI CHINA RAPIDAMENTE PER BACIARGLI LA MANO) Ah!

Vittorio         Che succede ?

Bianca           Un dolore, un dolore fortissimo dietro alla schiena, non mi posso raddrizzare.

Vittorio         (AIUTANDOLA) Piano, piano. (AL VESCOVO)  Io sono il sindaco di questo povero paese: Vittorio Scardacchione.

Vescovo        Lo so, me lo avete già detto tre volte.

Vittorio         Mi credevo che in tanta baraonda non avete sentito.

Vescovo        Provvedete a migliorare le condizioni delle strade. Per salire quassù mi è venuto il mal di macchina.

Vittorio         Eccellenza, è da anni che mi batto per questo spinoso problema. Non ci danno i soldi. Io faccio tanto per questo paese. Ora voglio organizzare anche dei fastosi festeggiamenti con banda e luminarie, si, dei  festeggiamenti per il miracolo che, come credo di capire, voi ammettete.

Vescovo        Chi ha detto questo? Chi ha parlato di miracolo? Qui non c'è stato mai nessun miracolo. Niente, nella improvvisa guarigione di Matilde giustifica l'uso della parola miracolo.

Bianca           Eccellenza, ma allora io sono sciolta dal voto fatto alla Santa Vergine?

Vescovo        Ma certo.

Bianca           Iddio vi benedica.

Rosa              (AL PUBBLICO) Ma cher'è? Mò sta cagnanno 'e ccarte mmano?...

Vescovo        (A BIANCA) Dovere umano di vostro figlio sarebbe quello di condurre all'altare la ragazza che ha violato...

Rosa              (FRA SE') Ah, io volevo dicere!

Vescovo        Ma ognuno è padrone di sedersi sulla botola dell'inferno. (VOLGENDOSI A SANDRO CHE STA ASCOLTANDO IL TUTTO A CAPO CHINO, MORTIFICATO)...noi possiamo deplorare, pregare, piangere per loro. Ma non possiamo condizionare le loro scelte con delle bugie... per non dire con delle frodi.

Sandro          Eccellenza!

Vescovo        Lasciatemi parlare. (A BIANCA) Se voi, come mi avete detto, volete propriziare un matrimonio di sistemazione a questa giovane smarrita, sarà un atto di generosità finalmente degno del vostro nome, di voi e della vostra famiglia. Ma non vi corre nessun obbligo a farlo.

Rosa              (AL PUBBLICO) Nun sto capenne niente. Chisto ciacca e mmereca, ma ‘e sta danno tuorto o ragione?

Vescovo        (A SANDRO) Siete d'accordo?

Sandro          Monsignore?

Vescovo        (INCALZANDO) Siete d'accordo?

Sandro          (INTIMIDITO) Si, si, sono d'accordo.

Vescovo        (VOLGENDOSI AI CONTADINI) Non c'è stato mai nessun miracolo.(A SANDRO) Il rispetto della verità mi impone di dirlo.(VOLGENDOSI A MENICO).Il trasferimento di vostro figlio fu ottenuto per l'interessamento di don Sandro presso un influente e cartitatevole prelato. (AD UN CONTADINO) Vostro figlio superò finalmente l'esame non per grazia della Vergine ma solo perché raccomandato da don Sandro all'insegnante che conosceva.  

Contadino     Eccellenza, ma io vincette pure la lotteria del sacro cuore. Avevo bisogno di soldi e ‘o sant'ommo mi disse: pigliate nu numero della lotteria e vedi che la Madonna ti fa vincere. Indovinate che numero ascette?

Vescovo        Il numero tredici.

Contadino     E comme lu ssapite? Sissignore proprio lu numero tredici, lu nummero mio.

Vescovo        (SORRIDENDO) Si, si, (POI GUARDANDO SANDRO).Ho trovato in sacrestia il panierino di quella vostra lotteria.(AL CONTADINO) C'erano dentro novanta numeri tutti tredici.

Contadino     (GUARDANDO SANDRO CON DISPREZZO) Maronna, e che 'mbruglione, mi fece fesse, mi fece! (VIA DALLA COMUNE)

Menico          (A SANDRO AVVIANDOSI PER USCIRE) Finalmente pozzo vattere a muglierema, mi devo sfogà tutti gli arretrati.   (VIA DAL GIARDINO INSIEME AGLI ALTRI CONTADINI)

Sandro          Monsignore, vi chiedo il permesso di allontanarmi, non mi sento bene.

Vescovo        Capisco, capisco il vostro stato. Che devo dire? Come fratello vi chiedo scusa, come vescovo vi rimprovero.

Rosa              (PRENDENDO LA VALIGIA) Ninè, iammuncenne, ddoie peccatrice comm'a nuie nun ponno sta mmiez''a tutta questa accoppatura di gente onesta. (A SANDRO) E vvuie, sentite a me, levateve 'a scarpa stretta si no facite 'e calle. Levateve 'a scarpa e menatela 'nfaccia  quaccheruno.

Vescovo        Ma chi è questa donna?

Celeste          Il cane di Sandro.

Rosa              Tu statte zitta pecchè comme stongo mo so nu cane ca mozzeca.

Sandro          Vi prego……..

Rosa              Va bene, va bene, nun faccio niente.(A SANDRO) 'O cane se ne va cu 'a cora mmiez''e cosce. (CON UN LARGHO INCHINO IRONICO) Donn' Abbondio....(ESCE CON NINETTA DAL GIARDINO)   

Vescovo        Ma come potete permettere simili confidenze? Che c'entra donn'Abbondio?

Sandro          Monsignore, sono colpevole.

Vescovo        Molto, molto colpevole.

Sandro          Monsignore, vi prego, mi voglio confessare.

Vescovo        Domani, domani.

Sandro          No, monsignore, vi prego. Voi partite e io mi voglio confessare con voi.

Vescovo        Ora?


Sandro          Si, Monsignore, qui, in questo momento. E' necessario.(HA UN NODO ALLA GOLA) Sento il bisogno di dirvi delle cose, dei pensieri peccaminosi che mi passano per la testa. Ve ne prego, se no esco pazzo. Ve lo devo dire subito. E' come se fossi in punto di morte.

Vescovo        Beh, in un caso così urgente io non posso sottrarmi al mio dovere. (AGLI ALTRI) Vi prego, lasciatemi solo con lui.

Vittorio         Si, si, certo, attendiamo in giardino. Ma prima voglio dirvi una cosa.(CON TONO DECLAMATORIO) Monsignore, voi ci avete portata la luce radiosa…..

Bianca           (SPINGENDOLO VERSO LA PORTA DEL GIARDINO) E ghiamme cu sti discorse! (ESCONO TUTTI PER LA PORTA DEL GIARDINO)

Vescovo        (BENEDICE SANDRO CHE SI INGINOCCHIA) Parla, Sandro, che cosa mi vuoi dire? Qual è il pensiero peccaminoso che ti passa per la testa?

Sandro          Che tu sei un grande disgraziato, ipocrita, figlio di una baldracca.

Vescovo        Oh.! Ma che dici? Bada io ti farò………….

Sandro          No, tu non fai proprio niente, perché questa è confessione e tu mi devi sentire e t'he 'a sta zitto. Tu non mi deferisci a nessuno né a voce ne per iscritto perché non puoi tradire il segreto della confessione e perciò io ne profitto per dirti che tu sei un miserabile e non vali niente né come uomo né come sacerdote.

Vescovo        Ma come osi?

Sandro          Ho conosciuto vescovi e cardinali che erano veramente degni dell'abito che portavano. Davanti a loro io mi inchino e non bacio solo le mani, gli bacio i piedi. Ma tu no, tu personalmente non lo puoi portare questo vestito.

Vescovo        Basta!!…………..

Sandro          Non ho finito ancora, m'he 'a sentì. Io si sono colpevole, ho inventato qualche miracolo, è vero. Perché questi sono contadini. Hanno bisogno di vedere ogni tanto un segno concreto della misericordia di Dio se no la fede se ne va, si perde. Io ho portato la pace e la serenità in molte famiglie. Tu, invece, sei venuto qua a fare una giustizia cattiva contro la menzogna buona. Hai distrutto tutta la fede che io avevo creato. Li hai resi infelici. Questo è un peccato di lesa umanità.

Vescovo        Ma la chiesa non può vivere sull'inganno o sulla bugia.

Sandro          Non ti mascherare dietro queste solenni parole. Tu l'hai fatto per interessi di famiglia. Nessuno ti ha mandato, ti ha chiamato donna Bianca e tu sei venuto. Sei sceso in campo con tutti i tuoi paramenti contro un umile ragazza, contro un bambino innocente e contro la fede ingenua dei contadini. E' un peccato gravissimo, e io non ti assolvo.

Vescovo        Ma sono io che non ti assolvo.

Sandro          Nun me 'mporta.(TOGLIENDOSI UNA SCARPA) Io mi devo togliere questa scarpa stretta e la devo buttare………

Vescovo        (PARANDO LE MANI DAVANTI ALLA FACCIA) Dove la vuoi buttare?

Sandro          In faccia al muro.(SCAGLIA LA SCARPA CHE VA A BATTERE CONTRO LA PORTA DELLA CAMERA DA LETTO, POI COME SI FOSSE LIBERATO DA UN MACIGNO CHE GLI PESAVA SULLO STOMACO) Ah! In nome del Padre, del Figliolo e dello Spirito Santo.(VIA PER LA PORTA DEL GIARDINO)

Vescovo        Ma è assurdo ! (GIRANDOSI DIETRO) Vieni qua, dove vai?

Modestino e detto

Modestino     (VENENDO TUTTO ARRUFFATO DALLA CAMERA DA LETTO) Ma non c'è rispetto per uno che dorme? Pecchè allucate tanto? (VEDE IL VESCOVO, SUSSULTA, SI INCHINA) Oh, maestà….. (CORREGENDOSI) Eminenza, scusate.

Vescovo        Tu chi sei?

Modestino     Il sacrestano.

Vittorio, Bianca, poi Celeste e Roberto, poi Renato ed Elvira e detti

Vittorio         (ENTRANDO DAL GIARDINO CON BIANCA) Eminenza, che è successo?

Bianca           Avete gridato?

Vittorio         (MENTRE CELESTE E ROBERTO ENTRANO) L'abbiamo visto correre, quasi scappare...

Roberto         Con un piede scalzo.

Celeste          L'abbiamo chiamato ma non guardava in faccia a nessuno.

Vescovo        Vorrei un bicchiere d'acqua.

Vittorio         (CHIAMANDO) Modestino!!

Modestino     Sto ghienno, sto ghienno... (VIA IN CUCINA PER RISORTIRE FRA POCO)

Vittorio         Eminenza, ma vi sentite bene?

Vescovo        Bene, bene, non vi preoccupate. Forse è lui che sta male. Che caratteraccio! Ho dovuto dirgli parole molto cattive. Una salutare tiratina di orecchi.

Modestino     (RIENTRANDO CON UN BICCHIERE D'ACQUA) Eminenza.

Vescovo        (PRENDENDO IL BICCHIERE) Grazie. (CAVA DI TASCA UNA CARTINA DA FARMACISTA E LA GUARDA CONTRO LUCE COME PER ASSICURARSI CHE SIA QUELLA GIUSTA)

Modestino     Ma s'adda piglià na comunione?

Vittorio         (CON SEVERITA', PORTANDO IL DITO AL NASO) Zitto.

Vescovo        (BEVE UN SORSO, POI ANNUSA IL BICCHIERE) Ha un vago odore di vino.

Modestino     Eminenza, io l'ho sciacquato bene.

Vescovo        Beh, alla fine ha qualcosa di un brindisi.... (BEVE DEL TUTTO. CERCA DOVE POSARE IL BICCHIERE)

Celeste          (PREMUROSA, PRENDENDOGLI DI MANO IL BICCHIERE) Date, date a me, eminenza.

Vescovo        Ora devo andare. Il mio autista si sarà addormentato.

Modestino     (FRA SE') Viato a isso!

Vescovo        Cara cugina, (A VITTORIO TENENDOGLI LA MANO) Caro amico!

Vittorio         Vi accompagno alla macchina.

Vescovo        Grazie, grazie assessore.

Vittorio         Sindaco, eminenza, sindaco Vittorio Scardacchione.

Vescovo        Ah, si, si, è vero. (AGLI ALTRI) Cari amici, porto con me un caro ricordo di voi tutti. Non diciamo altro. La pace sia con voi.

Tutti              (MENTRE IL VESCOVO E VITTORIO ESCONO DAL GIARDINO) E con il tuo spirito.

Celeste          (ESULTANTE, APPENA IL VESCOVO SARA' USCITO) Donna Bianca……….

Bianca           Celeste! (SI BUTTANO UNA NELLE BRACCIA DELL'ALTRA)

Roberto         (TRIONFALE) La verità e la giustizia come sempre hanno trionfato e così possano trionfare in tutto il mondo.

Modestino     Ma ch'è succiesso, io nunn'aggio capito niente.

Vittorio         (CON ENTUSIASMO, RIENTRANDO DAL GIARDINO) La verità e la giustizia, come sempre…………

Bianca           Hanno trionfato. L'ha detto già l'avvocato.

Vittorio         (FRA SE') M'aggia taglià 'a lengua!


Renato, Elvira e detti

Elvira            (ENTRANDO DAL GIARDINO) Pigliate, pigliate 'e bicchiere.

Modestino     Eh, ma che veneno tutte assetate int''a sta casa?

Renato          (ENTRANDO DAL GIARDINO CON BOTTIGLIA DI SPUMANTE) 'o sciampagne, 'o sciampagne!

Modestino     Ah, 'o sciampagne? Vaco subito.(VIA IN CUCINAPER RISORTIRE FRA POCO)

Celeste          Ma non è meglio che andiamo a casa vostra?

Bianca           Si, ma voglio aspettare don Sandro. Non lo possiamo lasciare così. 

Vittorio         Dobbiamo fare la pace. Alla fine è sempre il nostro parroco.                 

Roberto         Io non ho mai dubitato di questa vittoria.

Vittorio         (FRA SE') Chillo vuleva fa 'a causa con la Madonna ……nonha mai dubitato!

Modestino     (RIENTRANDO CON VASSOIO E BICCHIERI) Sturate, sturate .

Roberto         Faccio io. (PRENDE A STURARE E A MESCRE)

Vittorio         (LEVANDO ALTO IL CALICE) Passata è la tempesta…………

Roberto         (SOTTOVOCE) Odo augelli far festa....


Vittorio         (GLI RIVOLGE UN'OCCHIATACCIA, POI RIPRENDE) Hanno tentato di coprirci di fango, di avvolgerci nelle ……. una truffa. Ma noi siamo inattaccabili, perché noi siamo gente di cristallo, gente onesta.

(DALL'ESTERNO GIUNGE UN RUMORIO DI VOCI E DI CONFUSIONE)

Renato          Ma cher'è sta'ammuina?

Roberto         Niente, sarà la gente che saluta al passaggio del vescovo.

Rosa e detti

Rosa              (ENTRA DAL GIARDINO. E' SCONVOLTA, ANSANTE, TRAFELATA) Uh Maronna…….Uh Maronna.

Modestino     Donna Rò?

Rosa              Na seggia, Modestì, damme na seggia.

Modestino     (PORGENDOLE LA SEDIA) Ma ch'è stato?

Rosa              (FA CENNO DI ASPETTARE, ANSIMA,NON PUO' PARLARE)

Vittorio         Un incendio, qualche cosa? Io sono il sindaco, parlate.

Rosa              Don Sandro………..

Vittorio         (COME INVITANDOLA A CONTINUARE) Si?

Rosa              Don Sandro……..Maronna!

Roberto         Insomma, che ha fatto don Sandro?

Rosa              (ROMPENDO IN PIANTO) E' asciuto pazzo, Modestì, è asciuto pazzo....

Vittorio         Pazzo? Oh! Questo poi mi dispiace.

Modestino     (IMPROVVISAMENTE SCOPPIA IN PIANTO)

Celeste          Mo mi spiego certe cose! Quello ha sempre dato segni di squilibrio.

Roberto         Modestì, ma ve ne state cosi? Andate a vedere. Può avere bisogno di qualche soccorso.

Modestino     (CONTINUANDO A PIANGERE) No, no, io me metto paura.

Vittorio         Ma di cosa?

Modestino     Nunn''o ssaccie, me fa impressione. (ROSA) Tene ll'uocchie 'a fore?

Rosa              Modestì, guardavo ll'uocchie? Io sto tremmanno ancora. Ma 'o ssapite che sta facenno?

Bianca           Ma comm''o ssapimme se voi non lo dite?

Rosa              (FA PER PARLARE, MA IMPROVVISAMENTE PORTA LE MANI AL VISO) Che scuorno, che scuorno!

Modestino     Se sta spuglianno annuro pe' mmiez''a via?

Rosa              (SCUOTENDO LA TESTA IN SEGNO DI DINIEGO) Peggio, peggio....

Modestino     Sta iastemmanno ? Sta sputanno 'nfaccia 'a gente ?

Rosa              ‘E peccate, Modestì, ‘e peccate.

Modestino     ‘E peccate ?

Rosa              Sta a strillanno tutt''e peccate d''a gente pe' mmiezo 'a via.

Bianca           Ma i peccati di chi ?

Rosa              Gesù, chille che tutte quante gli abbiamo detto in confessione. Sta scurnanno a tutt''o paese.

Bianca           Forse non ho capito bene.

Rosa              Donna Bià, corre sotto e 'ncoppa e va dicenne 'e peccate. Per esempio " 'A baronessa ha fato chesto, 'o sindaco Scardacchione ha fatto chest'ato".

Bianca           (IMPALLIDENDO) Ma…..ma voi veramente dite ?

   

Rosa              E allora pazziave ? “Sorema e camorra”va strillanne “sorema e camorra”.

Elvira            E che vuol dire ?

Rosa              Che ne sacce ?(A Modestino) Ma forse tene na sora int’’a                   camorra ?

Vittorio         Ma quale camorra ?! Avrà detto “Sodoma e Gomorra”!

Rosa              Si, si, e che sta caccianne ‘a part’’e fore !

Elvira            E pe’ fforza, comme se dice “O posto cchiù spuorco è ‘a                   recchia d’o prevete.

Rosa              Ognuno va e ce revache ‘e fetenzie soie.

Bianca           Ma non lo può fare questo. I preti non possono impazzire.

Rosa              Si, hanna avè ‘o permesso d’o papa.

Bianca           Sindaco, fate qualche cosa.

Vittorio         (Interrotto su che cosa fare) Si, si, certo. (Poi con improvvisa risoluzione) Chiudete tutte le porte....

Modestino     Ma pè fa che cosa ?

Vittorio         E che ne saccio ? Qua possono venire dei forsennati cu ‘e                  mazze mmane....

Bianca           I forsennati vengono qua da noi ?

Vittorio         Ma io che ne saccio ‘o pazzo che ha potuto dire ?

Rosa              Rrobba ‘e tuono sindaco, rrobba ‘e tuono.

Vittorio         Mo ce vò, io sono stato sempre chiamato il piccolo Robespierre                  di Pietrascura.

Rosa              Era nu celebre delinquente ?

Vittorio         Ma che delinquente ! Era un uomo di una severità e di una                   rettitudine spaventosa. E perché ho fatto tutto questo ? Per                   l’unica speranza che un giorno la piazza del paese si potesse                  chiamare : “Piazza Vittorio Scardacchione”.

Rosa              Uh, chillo dice ‘a piazza ! (Forte in faccia a Vittorio) Manco ’a                  targhetta for’ ‘a porta putite mettere.

Vittorio         Ma…, ma pecchè, ha detto qualche cosa di me ?

Rosa              (Col solito gesto) Uh, “Il sindaco Scardacchione…..”

Vittorio         Zitta, zitta ! Il segreto della confessione è sacro.

Roberto         Calma signori, calma, non perdiamo la calma.

Modestino     Ave ragione (mattendo fuori un pacchetto di sigarette) Fumammece na sigaretta.(Porge il pacchetto a Roberto).

Roberto         (Mentre apre il pacchetto) Io, personalmente non ho nulla da temere io….(buttando via il pacchetto) Modestì ma sempe cu sti pacchette vacante !

Modestino     Ma io sto frasturnate, nun me ne so accorte.

Renato          Sentite io non resisto. Io vaco fore e sento che se dice.

Elvira            Ma nun’è maglio ca ce stammo ccà ?

Renato          No, tu nun venì. ‘O pozzo truvà ‘e faccia, te dice quacche parola e io che faccio? Vatte a nu prevete? Mo ce vò io tengo corne a centenare, io campo mmiez’e ccorne (toccandosi la fronte) Ma  corna maie!(Via per il giardino per risortire fra poco)

Rosa              A centenare? A comme dice don Sandro chiste nun sape cuntà.

Elvira            Scusate, che ora è? Quando c’è il prossimo treno per Napoli?

Roberto         Fra mezz’ora.

Elvira            Devo….devo partire d’urgenza.Me so ricordata che sta morendo mia madre(esce dalla comune)

Rosa              (Ironica) Ah, na cosa ‘e niente. S’era scurdata ‘e fagiole ncopp’’o ffuoco.

Celeste          Salve Regina, madre di misericordia…..

Bianca           (Facendole eco)…vita, dolcezza, speranza nostra…

Vittorio         Signore, signore, per favore!! Noi non abbiamo niente da temere. Noi siamo di cristallo.

Rosa              (Tra se) Va a fernì ca se rompe tutt’’a cristalleria!!

Vittorio         Modestino……

Modestino     Sindaco?

Vittorio         (Parla all’orecchio di Modestino)

Modestino     (Ad alta voce indicando la porta a sinistra) Ah, ‘o bagno? ‘A llà, ‘a llà seconda porta a destra.

Vittorio         (Contrariato dallo sbiancamento di Modestino) Eh, zittu, zittu mmiez’’o mercato! (poi avvicinandosi per uscire a sinistra) Donna Bianca….vado a lavarmi le mani.

Bianca           (Mentre Vittorio esce) E che me ne importa a mme? Cu chisti problemi penzo e mmane soie!

Celeste          Vi avverto, vi do altri cinque minuti di tempo e poi mi sento male.

Rosa              Cunato è bella, a signorina tene o preallarme.

Modestino     Donna Rò, levateme sta preta ‘a copp’’o stommaco: ma e me pure ha ditto quacche cosa?

Rosa              (Facendo un passo verso di lui)

Modestino     (Arretrando di un passo) Stateve ferma cu ‘e mmane. Chillo me faceve piglià a  comunione tutt’’e giorne.(Piangendo) Ma io che faceve ‘e male? Io pure so fatt’’e carne.

Bianca           (Stringendo istintivamente un braccio a Roberto) Oh, la carne, avvocà la carne, l’unico piacere vero della vita.

Roberto         (Respingendo la mano di Bianca) Guè, guè controllatevi.

Rosa              (Facendo per andare verso di lui) Modestì….

Modestino     (Come sopra) Stateve ferma cu ‘e mmane.(A Bianca) Ma quala carne? Mo chi a sente chi sa che se crede!!Io ‘a carne nun l’aggio tuccata maie. ‘E vvote, quanno donna Rosa se spugliava, facevo ‘a spia ‘a dinto ‘o buco d’’a serratura, chesto è tutto.

Rosa              (Facendo per sbilanciarsi contro di lui mentre gli altri la trattengono) Uh, Stu disgraziate!!

Modestino     (Scappando verso la comune) Mantenitela, vaco a cercà a don Sandro, vaco a cercà a don Sandro (esce).

Rosa              (Gridandogli dietro) io t’’e ceco ll’uocchie, e capito? Io t’’e cceco!!(mentre Vittorio rientra) Mariuolo!!

Vittorio         (Sovrappensiero, sussulta sta quasi per cadere) Chi è? Don Sandro addò sta?

Roberto         Calma, calma, ce l’ha con Modestino.

Vittorio         Ah, me credevo ca erano ‘e fursennate.

Celeste          Salve Regina, Madre di misericordia, vita ,dolcezza, speranza nostra…

Roberto         Ma la vuoi finire, ma la vuoi finire?

Celeste          (Battendo infantilmente i piedi in preda ad una crisi isterica) Voglio parlà, voglio parlà, voglio parlà.

Roberto         (Schiaffeggiandola più volte) Zitta, zitta!!!

Celeste          (Rompendo in pianto dirotto e baciandogli le mani) Grazie, grazie.

Rosa              ‘O vì, mazze e panelle fanno ‘e figlie belle.

Bianca           Avvocà, ma che significa questo nervoso che avete addosso?

Roberto         Io? Donna Bià, io non ho nulla da temere(ridacchiando nervosamente) ah, ah (guardando Vittorio) Io non sono uno sciocco come voi. Io sto a posto, io non mi sono confessato mai.

Celeste          (Scoppia in piantto)

Roberto         Ancora?

Celeste          Tu non ti sei confessato, ma io si.

Roberto         E che c’entra?

Celeste          Imbecille, come confessavo i peccati miei senza confessare i tuoi? Certi peccati si fanno in due!

Rosa              Uh, l’ha coinvolro, pover’ommo, l’ha coinvolto.

Bianca           Ma come? Tu e l’avvocate…..

Rosa              Facevene ‘e peccate in collaborazione

Bianca           (A Celeste) Brutta schiofosa, porcellona…

Celeste          Ah, s’è scandalizzate Maria Goretti.

Bianca           A me? E tu dici questo a me?

Rosa              (Godendosela tutta) Ah, mo me voglio fa chiatta, chiatta.

Bianca           Cleopatra!!

Rosa              (Come sopra) Oh, oh!!

Bianca           Era Cleopatra che si innamorò di un serpente?

Rosa              Eh, d’’e capitune.

Vittorio         Signore,signore, non facciamo scandali nel paese.

Rosa              Scandali? Chille don Sandro sta mettenne ‘e manifeste!!! Celeste bambini non ne tiene sapete perché?

Celeste          (Gridando) Si, si perché sono sterile, va bene? Ora lo sapete tutti quanti.

Roberto         Sterile? Tu mi hai chiesto sempre i soldi per abortire.

Bianca           I soldi? E tu m’ha cercave a me, brutto muotro ‘e famme, magnaccia e pappone!!

Vittorio         Quando io volevo solo un amore platonico.

Bianca           Si, perché avete tendenze omosessuali.

Vittorio         Io?

Bianca           Che me ne faceve dell’amorte platonico? L’amore è fuoco.

Rosa              E nun se stuta maie.

Bianca           L’amore è passione!! Oh, la carne, la carne!!

Rena              (A squarcialgola) Guèèèèè, ma mò tutte cose ‘o vulisseve d’’a carne? Io si, aggio macellato quacche ciuccio pè vitello, ma ccà ce stanno zelle cchù gravi.Scardacchione s’ha mangiato tre vvote ‘e solde pè fa ‘a strada: primmo, sicondo, e terzo piatto.

Vittorio         E’ una calunnia!!!

Rosa              Soltanto ‘na vota

Vittorio         Soltanto ‘na vota….ma che mi fate dire? Io ho preso solo qualche piccola somma perché dovevo curare mia moglie e gli onesti siamo sempre poveri.

Rosa              ‘A puverella tenette l’influenza, ce vuleveno ‘e solde pè l’aspirina...

Vittorio         (A Renato) In quanto a voi, ‘ntricateve d’’e corna voste ‘ca so longhe assaie. Seguite il percorso, arrivano fino a Napoli dove vostra moglie è scappata.

Renato          Ah, si e dateme nu passaggio vuie che dovete arrivare fino a Milano.

Vittorio         E che c’entra? Mia moglie lo fece quando io ero lontano.

Rosa              Steva ‘ngalera

Vittorio         Si, ma per errore giudiziario. Fu la lontananza

Rosa              Certo isso nunn’’a vedeva

Vittorio         Pè me non è vero che Penelope aspettò Ulisse per venti anni. Omero doveva essere scapolo, sino nunn’’a scriveva na fessaria ‘e chesta. (Cadendo a sedere e piangendo) Ulisse era becco, ne sono sicuro, Ulisse era becco!!!

Rosa              Sindaco, ma cu tutte sti rogne ce mettimmo a pensà si Ulisse teneva ‘e ccorne? Nunn’è d’’ paese nuosto.

Roberto         E lasciamolo stare un poco il paese nostro. Don Sandro lo sta già pittando troppo nero. Ci stanno paesi più neri del nostro.

Renato          L’Africa!

Celeste          (Come punta da una spillo) L’Africa? Che c’entra L’Africa? Che volete dire?

Renato          Io? Io nun dico niente. Quello è don Sandro ca dice ‘e ccose.

Celeste          (A Rosa) Oh, Dio!! Ha detto anche questo?

Rosa              Ha ditto tutte cose:

Celeste          (Si da degli schiaffi)

Rosa              (Fra se) Nun l’abbastano chille ca avuto.

Roberto         Celeste, ma che ti prende? Che hai?

Celeste          Che vuoi tu? Che vuoi? Si, si quando ho fatto le vacanze nel Kenia ho avuto un’esperienza con un giovane negro.

Roberto         Un negro!!!!!!

Vittorio         (Ridacchiando) Ah, ah, Otello alla rovescia.

Bianca           Con un negro, hai capito? Ti ha tradito con un negro!!

Roberto         Con un negro!!(Poi per darsi un contegno) Bhè, che c’è di strano? Non vorremo mica fare del razzismo!!!

Vittorio         Uh, va truvanno ‘o razzismo!!

Bianca           E tu con questo curriculum internazionale te vulive spusà a mio figlio?

Rosa              Eh, ma chella se sposa cu ‘o velo bianco!

Bianca           Chiamate la maetrina, la voglio far sposare subito.(A Roberto) Eri tu che mi plagiavi per farmi opporre. Ma che volevi da me? Seduttore!!

Roberto         (Ironico) Maliarda!!

Rosa              Grata Garbo e Rodolfo Valentino!!

Renato          Maliarde? Ma nun se dice miliarde?

Roberto         Ma chi ‘o fa sta zitto a chisto!!

Renato          (Credendo che chi sa che siano accompagnando la parole con lo stropicciare dell’indice e del pollice per significare soldi) Ah, vuleva addirittura ‘e miliarde l’avvocato!

Roberto         Ha parlato ‘o collezionista!! (Ironico) Non siate sempre modesto: corna ‘e voio, corna ‘e vacche, corna ‘e capra e omettete sempre il pezzo migliore, ‘e ccorne ‘e cervo arricamate ca tenite ‘nfronte!

Renato          Io?

Roberto         Si, e ‘o primmo cliente ‘e vostra moglie so stato io.

Renato          (Facendo per scagliarsi contro di lui mentre gli altri lo trattangono) Levateve, L’aggia dà na curnata….(correggendosi) ll’aggia dà na capata ‘nfronte.

Rosa              Chiste se vattono, chiammate a nu tarero (correggendosi) Chiamate ‘e gguardie!!

Vittorio         (Frapponendosi fra i due) Fermi tutti! Sono il vostro sindaco!!(Gli arriva qualcosa sul viso)

Modestino e detti poi Sandro poi Andrea e Ninetta

Modestino     (Fa capolino dalla porta del giardino) Fraema cu ‘mmane, eh? Sta venendo don Sandro!

Tutti              (Facendo scappare chi di qua, chi di là) Don Sandro…’o pazzo…..Madonna……… Don Sandro ‘o pazzo..

Sandro          (Entra nel giardino seguito da Andrea e Ninetta si guarda intorno stupito) Baronessa, sindaco, siete ancora qua?

Bianca           Si, vi ho aspettato per dire (indicando Andrea e Ninetta) che li voglio far sposare subito. Figli miei, è domenica sposatevi stasera.

Rosa              Eh, manc’o tiempo ‘e caccià ‘e ccarte? (Poi fra se) Che fa fa ‘a paura

Sandro          Ma…..ma chi ha visto una scarpa? Io ne ho perduta una

Modestino     (Raccogliendola da qualche parte) Sta ccà, sta ccà.

Sandro          (Passandosi una mano sulla fronte) Io…..non so che mi è capitato. Ho avuto un momento di confusione mentale.

Ninetta          L’abbiamo trovato che dormiva sotto un albero.

Sandro          Ma non mi ricordo che cosa ho fatto. Non mi ricordo più niente. Modestì, va in chiesa suona le campane voglio dire la messa.

Modestino     (Via)

Roberto         Sandrù cugino mio, ma chi vene a chest’ora? Stanne tutte chiuse dint’’e ccase, stanne mangianno.

Sandro          Nun te preoccupà, quaccheduno vene sempre. Robè, la giustizia sociale è necessaria, ma anche la fede è necessaria. E non è detto che non possano andare a braccetto tutte e due.

Roberto         Ma tu nunn’ire asciuto pazzo?

Sandro          Io?

Sandro          Ma …ma chi ha sparso questa voce?

Rosa              Ma chi ‘o ssape.

Sandro          (Guarda Rosa, comprende) Donna Rosa, donna Rosa che avete fatto?

Rosa              Padre, na purga ogni tanto nun fa male. ‘O sapite comme diceva Pulicenella? “Quanno lu mare è gruosso e sta ‘ntempesta tutta la purcaria assomma a galla”.

Sandro          Ma questo è un peccato, un peccato gravissimo.

Rosa              E mannateme all’inferno!..

SUONO DI CAMPANE

Sandro          Sona l’onesta, sona. Qualche cosa da salvare c’è ancora, qualche cosa di buono c’è ancora nel cuore della gente, anche se c’è bisogno si scavare molto per trovarlo, però nisciuno arrobba int’ ‘e piattine ‘e nu cecate!! 

SUONO FRAGOROSO DI CAMPANE

    Questo copione è stato visto
  • 15 volte nelle ultime 48 ore
  • 68 volte nell' ultima settimana
  • 212 volte nell' ultimo mese
  • 967 volte nell' arco di un'anno