‘E barufe in fameja

Stampa questo copione

E BARUFE IN FAMEJA

‘E BARUFE IN FAMEJA

di Giacinto Gallina

Personaggi:                                                Interpreti

MOMOLO                                               

ROSA                                                      

EMILIA                                                    

ORSOLINA                                             

NENE                                                      

CARLOTTA                                            

TONI                                                                 

UBALDO                                                 

BETTINA                                                

ATTO PRIMO

Scena prima

Rosa, Emilia e Momolo

(Rosa lavora la calzetta; Emilia lavora al telaio)

MOMOLO. (uscendo dalla sua stanza) Betina! Betina! Stamatina no la me ga       gnanca lustrà e scarpe! Varè, tuto el veladon sporco da polvare.

ROSA. La go mandada a tor del sucaro; no sarà za un gran deito se no la ga       podesto lustrarte e scarpe. E po' ti ga to mujer, fatee lustrar da ea.

EMILIA. (parla sempre con tutta tranquillità) Mi, siora, no ghe fasso la serva a     nissun.

ROSA. Caspita! La contessa perdaria la so nobiltà a ciapar la scovoeta e   netarghe el veladon a so mario!

EMILIA. Contessa o da contar, la xe cussì e, se no ghe comoda, la se barata.

MOMOLO. Ma via, no stè a criar! Vardè, eco fato, me scovolarò mi. (Prende la    spazzola e pulisce l'abito e le scarpe)

EMILIA. Me par che saria ora de darghe el benservio a quea petegola de dona     che no la fa altro che smorosar par i balconi.

ROSA. Betina xe quatro ani che la me serve; la me xe afessionada, no la   smorosa gnente afato e no la se ga da mandar via.

EMILIA. Oh! Par questo, la sa, che co me meto in testa 'na roba, xe come se la   gavesse otenua. - Ciò, Momolo, varda da vegnir a casa a bonora ancuo;    cossa vustu che diga Ubaldo del bel aseto che ghe femo?

MOMOLO. (continuando a lucidarsi le scarpe) Ti capissi ben che no posso          lassar, par lu, l'ufissio.

EMILIA. E vustu che el staga a casa tuto el dì, o che vada mi a sbrindolon co      lu?

ROSA. El fiorentin de Ciosa che, par essar sta tre ani a Firense, nol se ricorda    più e strade de Venessia! El me par el Stentareo che go visto al Maibran.

EMILIA. O Stentareo o no Stentareo xe cussì, e la se ricorda de aver un poco      de più bone maniere co' mio zerman. Credea che no veda i dispeti, i musi   che la ghe fa?

MOMOLO. (Anca ancuo minacia burasca)

ROSA. Dovevi far de manco de tor in casa quea cargadura.

EMILIA. Siora si. Un mio zerman che ga usà tante gentiesse a mio papà quando el xe stà traslocà a Firense, che adesso vien a far i bagni a Venessia,       gavaressimo dovesto lassarlo 'ndar al'ostaria! Bona che anca in questo la          go vinta mi.

ROSA. La gavè vinta parchè mio fio se lassa menar par el naso da vu, parchè     nol ga più amor par so mare. Ma finchè sti oci xe verti la parona so mi; e         se la gavè vinta sta volta, la sarà l'ultima.

EMILIA. Mi no me so maridada co sti pati e in 'sta casa son parona anca mi.        Che se ea no gavarà creansa co Ubaldo, mi no ghe n'avarò co siora    Carlota, che da poco in qua no la fa che 'ndar su e xo par e nostre scae.

ROSA. Un'altra de nova! Siora Carlota xe la mare del moroso de mia fia, e la ga   da vegnir ea e so fio quando che i vol, parchè lo vojo mi e son parona mi   e sarà queo che comando mi.

EMILIA. (canzonandola) Cucù.

ROSA. E se mio fio no savarà tegnirve a dover, trovarò mi la maniera de farme    rispetar.

EMILIA (canzonandola) Cucù.

ROSA. Cossa xe sti sesti? Cossa xe sto mincionar?

MOMOLO. Ma via, no te inquietar! E ti tasi, fame la carità! De la ghe xe Ubaldo   che dorme.

ROSA. Vardè là! Che 'desso no se podarà gnanca parlar par no disturbar el         marchese!

MOMOLO. Ti ga rason, via, no te inquietar, trovaremo rimedio.

EMILIA. Che rimedio, che rimedio? Ricordite ben che Ubaldo xe in casa e el ga   da restar finchè el torna a Firense, e se ga da usarghe tuti i riguardi.

ROSA. Sentia, sentia!

MOMOLO. 'Scolta mama, gabi pasiensa, vardemo da justar 'sta storia. Ti no ti     voressi che Ubaldo alojasse da nialtri, ti ga rason, faressimo anca a to       modo; ma ti capissi ben che 'desso el xe in casa e no se pol dirghe che el         vada via. Da resto s'imbate da poco tempo e un altro ano te prometo che         nol vegnarà più.

ROSA. Ma za! Sicuro! Par darghe torto a to mare e rason a to mujer ti xe nato     aposta.

MOMOLO. E ti, Emilia, ti capissi ben che la mama, in fin dei conti, la xe parona   de risever chi che la vol e specialmente siora Carlota, che ga da essar la   madona de mia sorea.

EMILIA. Sì, caro, sì; contradisime pur che ti ga rason.

MOMOLO. Ah! A proposito! Ancuo siora Carlota xe a disnar qua co so fio; serchemo che no ghe sia radeghi in fameja; feme sto piaser, 'ndemo via,         ste bone tute do. Ancuo bisogna far un bel disnareto e star aegri.     Ndemo, ordinè voialtre queo che voè da disnar. Betina! Betina!

Scena Seconda

Nene e detti.

MOMOLO. Amia, no la xe gnancora tornada la Betina?

NENE. (tipo di zitellona che vorrebbe essere ancora giovane e elegante) La ga     portà el cafè a sior Ubaldo, adesso la vien.

MOMOLO. Nol se ga gnacora alsà mio zerman?

NENE. No, poareto; el xe sta a teatro, el xe vegnuo a casa tardi e po' el xe un      poco costipà...

ROSA. Me par che la sia 'na bea increansa anca, star in leto fin e undese!

NENE. Eh! Mi no so cossa che ti gabi co' quel povaro omo tanto bon, tanto          compito che el xe.

MOMOLO. (Manco mal che l'amia lo ga in bona!)

ROSA. Anca sì che 'desso te càpita i to estri... Se intendemo za?

EMILIA. (Dasseno che la saria bea)

NENE. Mi no so cossa che ti voji dir, sorea. (Ah! Ubaldo, tuti vede el ben che te   vojo!)

MOMOLO. Ma Betina! Betina! Santa pasiensa!

Scena Terza

Bettina e detti

MOMOLO. Oimè! Xe un'ora che te ciamo.

BETTINA. (giovane e piena di brio) El diga, no posso miga tèndar da diese          parte, salo!

EMILIA. Caspita! No la se scalda, madama patàfia.

BETTINA. Sala cossa che go da dir a ea? Che la mia parona xe quea        (accennando a Rosa) e che no conosso altri che ea. (Si sdraia sul   canapè).

EMILIA. Abi creansa Betina, se no te la insegno mi!

ROSA. Eh! La se calmarà, siora! E ti no badarghe e fa queo che te ordino mi.

EMILIA. Me farò badar mi.

MOMOLO. Ma vedeu par che sempiessi che trovè da dir? Lassemo 'ndar ste       storie, e piutosto ordineghe quel che la ga da tor da disnar.

ROSA. Che la toga tanto tossego da darghe a chi digo mi.

EMILIA. Che la toga tanti imoni par farghe passar la bie a chi digo mi.

MOMOLO. (Che zornadina che se prepara ancuo!) Fame el piaser, mama, ordina ti da disnar.

ROSA. Mi son peso de 'na scoassa in sta casa, dunque no me ne intrigo.

MOMOLO. Alora, Emilia, ordina ti

EMILIA (chiudendosi la bocca) Um!

MOMOLO. Ordina ti, amia.

NENE. Vecio mio, ti sa che el magnar xe el mio ultimo pensier. Ah! (sospira)

MOMOLO. Ben! Vustu che femo i risi coi pomidoro, mama?

ROSA. Mi son una scoassa.

MOMOLO. E ti?

EMILIA. (chiudendosi la bocca) Um!

MOMOLO. Alora tol i pomidoro par i risi. - E quante ire de carne ghe vorà, mama?

ROSA. Scoassa, scoassa.

MOMOLO. Quante ire, Emilia?

EMILIA. Um!

ROSA. Mi, paraltro, no me piase i risi coi pomidoro.

MOMOLO. Ben, ordina, cossa vustu.

ROSA. Che la toga dee paste da far conse.

EMILIA. Co la ga da ordinar ea, ordino anca mi. Ti torà dell'orzo...

ROSA. E mi te digo che ti toghi dee paste...

MOMOLO. Senti, quieteve, femo cussì: toemo metà orzo e metà paste...

ROSA. No se ga da far dopia spesa.

EMILIA. O ti tol l'orzo o no vegno a tola.

MOMOLO. Ma pensè che gavemo zente a disnar, no fè ciassi...

EMILIA. Quel che go dito go scrito. O l'orzo o no vegno a tola. (Via a sinistra)

BETTINA. Vorlo che ghe la diga? Mi no devento, mata e la spesa el vada a         farsea lu. (Via)

MOMOLO. Ben! E vualtre stè sensa magnar.

NENE. Ma creature mie, cossa voleu che diga la zente? Cossa voleu che diga     quel povaro sior Ubaldo sentindo...

ROSA. Eh! no me secar l'anima, vecia spiritada.

NENE. (Oh! Che casa! Che casa)

Scena quarta

Momolo e Rosa

ROSA. (si alza) Adesso, posto che semo soi, 'scoltime e ricordite che te lo digo   par l'ultima volta. Xe quarant'ani che stago in 'sta casa; qua me son          maridada, qua se nati vualtri e la parona so stada sempre mi e nissun me   ga messo e man davanti e no sofrirò che to mujer gabia da essar quea...

MOMOLO. Si mama, ti ga rason, trovaremo rimedio...

ROSA. Trovaremo rimedio, trovaremo rimedio! E intanto ti lassi che la fassa        queo che la vol. Se fusse vivo to povaro pare no la saria cussì; ma ti no ti        ga più amor par mi, cuia te ga proprio infatuà.

MOMOLO. Te vojo ben tanto che no go voesto dividarme da ti co me so     maridà; ma ti capissi ben che, in fin dei conti, la xe mia mujer...

ROSA. Eco, no lo so mi? La xe to mujer e zo, sapèmoghe sora a 'sta strassa de vecia!

MOMOLO. Ben via, lassa far a mi; me farò sentir, ghe sigarò, la strapassarò...    Ma 'desso bisogna che vada in ufissio parchè co' ste ciacoe me son anca          intardigà.

ROSA. Dunque semo intesi, ti me ga capio. Dighe che la se ricorda de aver         creansa, de aver rispeto par mi, se no ghe la savarò insegnar mi. Dighe   che no la strapassa la Betina che a ea no la ghe fa gnente, che la me      comoda a mi, che ghe vojo ben e che no la 'ndarà via de qua. Dighe che    la prega el so Santo protetor de farghe la più picola malagrasia a siora       Carlota, se la vol vedar un vero precipisio. Parchè mi son bona, parchè mi         no parlo mai, ma co i me ponse sul vivo, co i me tira par i cavei,    sanguenon de diana, no go paura de un regimento de granatieri (esce).

Scena quinta

Momolo, poi Emilia

MOMOLO. Oh! Che vita! Che vita! Figurarse! La mare, la mujer, l'amia, la sorea e la serva! Sinque done in 'na casa... Come che una no fusse za tropo. E    mi in mezo a godarmee. Oh! 'Ndemo in uficio. (Fa per uscire)

EMILIA. (entrando) Oh! Bravo! Cossa te ga dito to mare fin 'ndesso?

MOMOLO. Gnente, e soite robe. Ti sa la xe vecia, bisogna che, anca ti, ti la        compatissi, no ti ghe fassi dispeti. Mi voria vedarve in pase, in bona        armonia...

EMILIA. Xe imposibie.

MOMOLO. Ma parcossa?

EMILIA. (sempre con flemma) Parchè to mama xe fastidiosa, sufistica,      puntigliosa, coerica, rabiosa.

MOMOLO. E ti che ti conossi el so caratere e che ti xe 'na dona prudente... ti       dovaressi schivar e ocasion de radegar.

EMILIA. Mi no vado mai in coera, mi no crio ma

MOMOLO. Xe vero, ma co' la to flema dee volte ti fa peso che ea col so fogo.

EMILIA. La voria rendarme s-ciava...

MOMOLO. E ti ti tol tuto sula ponta dea spada.

EMILIA. Dunque ti me da torto?

MOMOLO. No, ansi voria...

EMILIA. Ben, ben; sastu cossa che farò? 'Ndarò a Firense cola mia fameja.

MOMOLO. Ma via! No ti me vol più ben? Cossa t'ojo fato mi?

EMILIA. Ti xe un pampe che sta ancora tacà ae cotoe dea mama. Lassila   impiantada, una volta!

MOMOLO. Vedistu, cola to pachea, che bel sujerimento che ti me da! Lassarò     mia mare adesso che la xe vecia, che la ga bisogno de mi! Via, a poco a   poco ti vedarà che 'ndarè d'acordo, parchè in fondo se do paste de   sucaro... Procura de farte voer ben...

EMILIA. Co quea striga xe imposibie.

MOMOLO. Ma po', Emilia, striga a mia mama?

EMILIA. Striga, striga, striga. (Sempre con calma) Ma no ti vedi, martufo, i          dispeti che la ghe fa a Ubaldo? Bona che el xe mezo incocaio, da resto      faressimo una bea figura. No ti vedi, camòma, che Betina me calcola         manco de 'na savata? No ti vedi, pampe, co' che aria de sussiego me         trata siora Carlota e quel tangaro de so fio? Ma cossa sojo mi? Ma co' chi          credei de aver da far?

MOMOLO. Ti ga rason, via, trovaremo rimedio..

EMILIA. Maegnasso sto rimedio, lo trovarò mi 'na volta o l'altra.

MOMOLO. Emilia... dime... ti ga dito par scherso... de voer 'ndar... da to papà,     ah?

EMILIA. No so gnente, mi.

MOMOLO. (accarezzandola) 'Ndemo, Emilia...

EMILIA. Va là, va là, che no ghe xe bisogno de sti smorfiessi. Passa dala sartora e dala modista e dighe che e me porta l'abito e el capeo novo.        Dighe a Betina che la vegna qua.

MOMOLO. Va ben. (Ah! Santa pasiensa!) (Esce)

Scena sesta

Emilia, poi Bettina

EMILIA. Eh! Mi sensa scaldarme, sensa far sussuri ridurò tuti a far a mio modo. Co me meto in testa 'na roba vojo spuntarla a qualunque costo.

BETTINA. Xea ea che me ciama?

EMILIA. Varda che da disnar vojo che ti toghi queo che t'ho dito mi.

BETTINA. E mi, par far mejo, no torò gnente.

EMILIA. Cussì risponde e viane e e caere.

BETTINA. A mi caera?

EMILIA. Oh! Caspita, chi xea siora? La me lo diga, parchè no manca de far i mii doveri.

BETTINA. Mio pare faseva el barbier e el gaveva par man e teste dei primi          signori de Venesia; e 'desso vedo proprio che siora Carlota ga rason a dir         che la xe una superba, una puntigliosa...

EMILIA. Ah! Siora Carlota ga dito...? Ah! Ti intanto ti xe 'na caera e te lo     confermarò co' qualcossa sul muso.

BETTINA. La xe morta, siora, quea che podeva darme...

Scena settima

Orsolina e dette, poi via Bettina

ORSOLINA. Oh! Tanto par cambiar se cria.

EMILIA. (A mi superba...? e po' sa Dio cossa che la gavarà dito ancora!) Intanto ti, caera, va in cusina e ricordite de quel che t'ò promesso.

BETTINA. Vado parchè go prudensa, la varda. ('Na volta o l'altra me ricordo del   mestier de mio pare e ghe pèteno la paruca dasseno mi! (Esce)

ORSOLINA. Par impossibie che no se gabia da aver un'ora de ben, in sta caxa.

EMILIA. Eh! Come ti, presto ti te maridi e la xe finia.

ORSOLINA. Oh! Ghe vorà ancora tempo, parchè Toni speta...

EMILIA. De deventar ministro?

ORSOLINA. Nol deventarà ministro, ma se el gavarà giudisio el podarà farse na bona

poxision.

EMILIA. Me ne consolo tanto e po' tanto co ti  (Ah! A mi superba? 'Speta vecia     che te consaro mi!)

ORSOLINA. Eh! Capisso sa, Emilia, queo che ti vol dir. E, dopo tuto, vedo anca mi

che essendo fia de un impiegato, sorea de un impiegato, podaria trovar

 qualcossa de mejo che un zovene de mezà.

EMILIA. E po' co quea so mama ti starà fresca, vecia. Mi parlo, sastu, parchè te vojo ben e voria vedarte contenta.

ORSOLINA. Anca mi te vojo ben, ansi saremo sempre bone amighe nualtre, no           xe vero? E se gavarò qualche segreto... te lo confidarò a ti...

EMILIA. Ma si, vissere mie, si...

Scena ottava

Carlotta, Toni e dette

CARLOTTA. Compermesso, se pol? Siora Emilia patrona, bondì Orsolina.

EMILIA. Patrona siora Carlotta...

TONI. Sior'Emilia... (Cerca di avvicinarsi all'Orsolina, ma questa lo schiva)

EMILIA. Riverito.

ORSOLINA. Vado a avisar la mama che la xe vegnua. (Esce)

EMILIA. E mi vado un momentin de là. Compermesso...

CARLOTTA. La se comoda, la prego.

EMILIA. (Sta quieta che te la farò pagar salada) (Via)

Scena nona

Carlotta e Toni

TONI. (in collera) Sia maegnasso! Za qualcossa ga da essarghe soto, parchè,     da poco tempo in qua, la Orsoina ga cambià co mi dal zorno ala note.

CARLOTTA. Cossa gastu? Che grii te salta?

TONI. Go, che se vede ciaro che l'Orsoina no me vol più ben; la me saluda          apena, la me fa tanto de muso, la schiva l'ocasion de parlarme... Ma,      sangue de diana, che se no la me vol più, me vado a negar.

CARLOTTA. Eh! Sior stoido! Xea questa la maniera de parlar co so mare?

TONI. Mi scometo che xe quea superba de so cugnada che la mete suso; ma      che la varda ben quel che la fa parchè so' muso capase...

CARLOTTA. Ciò, bambin? Abi judisio, sa! No far puteessi, lassa far a mi, parlarò co siora Rosa, ma ti no startene a impassar.

Scena decima

Detti e Rosa, poi Rosa e Carlotta

ROSA. Benedeta siora Carlota; Toni bondì, vecio.

CARLOTTA. Cara siora Rosa, come stala, stala ben?

TONI. Servitorsuo siora Rosa.

ROSA. No ghe xe mal, grassie, e ea anca? E ti, no se parla za? Ma la se cava    el capeo, la se meta in libertà.

CARLOTTA. Si, grassie. Ancuo xe un sòfego che fa 'ndar via i sentimenti. Par    vegnir da casa a qua son tuta in tun'acqua.

ROSA. Benedeto l'inverno, siora Carlota! Almanco se pol movarse, se pol far i     fati sui.

TONI. Se la me permete, vado in mezà e tornarò da qua un per de ore, cussì       andaremo a far quatro passi. (Piano a Carlotta) Varda de dirghe   qualcossa, de saver...

CARLOTTA. (Piano a Toni) Ma si, si, va là. (Toni esce) Benedeti tosi, i xe tuto    fogo, no i ga un fià de soferensa e i ne fa combatar nualtre. (Siedono      ambedue)

ROSA. Eh! Benedeta ea, siora Carlota! Ai dì de ancuo xe difisie trovar un toso     de garbo. Ma el so Toni! Siestu benedeto, el par fato aposta par mia fia!

CARLOTTA. Za che semo su sto discorso, gavaria da dirghe qualcosseta. Robe          de fioi, sala, sempiae! Ma in sti afari bisogna 'ndar coi pie de piombo.

ROSA. La me diga, la me conta.

CARLOTTA. El dise Toni, e me par anca mi, che da poco tempo l'Orsoina ga      cambià molto a so riguardo...

ROSA. Eh! Cossa disea?

CARLOTTA. Si dasseno. Se vede che lo schiva, che lo varda col muso duro,      cossa sojo mi! Ansi, se la vol che ghe diga la verità, me xe vegnuo un sospeto. Che dee volte so niora no la metesse suso? Me son acorta da un toco che no la me vede de bon ocio e no so po' parcossa. Infin dei conti la     mia casa xe sivil e onorata quanto la sua...

ROSA. E più dea sua, anca!

CARLOTTA. E no capiria parcossa che la gavesse co mi. Vedo, d'altra parte,      che l'Orsoina va assai d'acordo co so niora; anca za un fià, e jera qua che         e parlava in confidensa...

ROSA. Eh, la sa mia fia che no vojo che la gabia afari co cuia! Ma che la varda    ben de no tocarme la mia creatura, de no scaldarghe la testa...

CARLOTTA. Ma via, no la se àltera, siora Rosa, pol essar che no sia vero...

ROSA. Se la savesse, cara ea, quante piroe amare che injoto par causa de         quea dona.

CARLOTTA. Me stupisso de sior Momolo mi!

ROSA. Eh! Mio fio da che el se ga maridà, el ga perso la testa, el xe deventà       un... oh! Signor perdonème che la diseva grossa.

CARLOTTA. E si, credo, che no la gabia portà sta gran dota.

ROSA. (ironica) Oh! Cossa disea? La ga i so beni visin ai nostri, siora!

CARLOTTA. Dove?

ROSA. (ironica) Ciò? De là de Lio, verso l'isola de Candia, ghe dirò. (cambiando tono) La ga portà quatro strasse che, da resto, se pol dir che l'à tolta cola           pura camisa. E ancora la ga tante arie, e ancora...

Scena undicesima

Momolo, Ubaldo, Nene e dette

MOMOLO. Patrona, siora Carlota.

CARLOTTA. Sior Momolo benedeto.

UBALDO. (entrando) Signore, i miei ossequi. (Ubaldo affetta sempre l'accento     fiorentino)

ROSA. Riverito sior...

CARLOTTA. Serva sior.

UBALDO. Sta bene, signora Rosa? Ha dormito bene?

ROSA. Grasie, benon.

UBALDO. Oh! Gerolamo! Tu pure così mattiniero?

MOMOLO. Ciò, xe l'alba de mesogiorno, sastu?

UBALDO. Davvero? Quando dormo il tempo mi fugge rapidissimo.

MOMOLO. (Va là, anca ti ti xe 'na bea macia).

ROSA. (A Carlotta) Se la me permete vado a vestirme. (Piano) El me xe cussì     antipatico che no lo posso digerir.

CARLOTTA. (piano a rosa) El xe proprio un tipo da <Sior Tonin Bonagrasia>.

Scena dodicesima

Detti, meno Rosa

NENE. (guardando sempre Ubaldo) (Che ociae assassine che el me dà)

UBALDO. (Non so che cos'abbia quella vecchia che mi guarda sempre con

tanto interesse).

MOMOLO. (Qua xe mexogiorno e se ga ancora da tor la carne. Saria mejo          deboto... Ciò, provemo). Siora Carlota, Ubaldo, bisognaria che me fasessi    un gran piaser. Stamatina mia mama e mia mujer ga trovà da dir par robe   de caxa, savè i soiti sempiessi, e sicome che voria che almanco la festa    se gavesse un poco de pase in fameja, la dovaria ea siora Carlota parlar    co la mama, ti Ubaldo co mia mujer, dirghe che e se daga un baso, che la           sia finia! E in premio dea pase toemo su tuti e 'ndemo a disnar a Mestre.        Ghe dispiase siora Carlota?

CARLOTTA. Mi? El se figura!

MOMOLO. E ti te seca, Ubaldo?

UBALDO. Io sono, come si dice qui da voi, parzemolo.

MOMOLO. Alora me racomando a vualtri; serchè de ridurle a far pase, parchè     se parlo mi, xe istesso che parla el muro

CARLOTTA. Nol dubita de gnente. Za nualtre done se roseghemo un poco, ma    la ne passa presto. (entra in camera di Rosa)

UBALDO. Lascia fare a me. Per fare il paciere mi sento una decisa vocazione.    (entra in camera di Emilia)

NENE. (Che cuor d'oro che el ga!).

Scena tredicesima

Momolo, Nene, poi Orsolina e Bettina

MOMOLO. Mi so qua che tremo! Vedaremo se i xe boni de justarla. Se no, xe      un afar serio.

NENE. (Stasera a Mestre, al ciaro de luna, visin de lu, fra el verde dea       campagna!... Oh! Che poesia! Che poesia!)

BETTINA. (entrando dalla comune a Dx, con Orsolina) Paron, paron, xe vero       che 'ndemo a disnar a Mestre?

MOMOLO. Vustu vegnir anca ti, adesso?

BETTINA. Per diana de dia, so serada sempre in casa...

MOMOLO. Si, si, te condurò anca ti, basta che 'desso tase tute, che no metè la   vostra pesseta.

BETTINA. Eh! Ma star a vedar se e farà pase! So mujer xe cussì ostinada...

MOMOLO. Sst... tasè che e xe qua. Andè de la in fondo, no arfiè, tasè par carità. (Par che e se cala).

Scena quattordicesima

Carlotta e Rosa da una parte, Ubaldo ed Emilia dall'altra e detti.

ROSA. (trascinata da Carlotta) Ma no, la me lassa! Xe inutie!

CARLOTTA. 'Ndemo la sia bona. La daga el bon esempio.

EMILIA. (ad Ubaldo) Xe par farte un piaser a ti, sa.

UBALDO A me, a Gerolamo, a tutti (Auff! Che fatica!)

ROSA. (A Carlotta) No la vede che la se fa strassinar da quel moscardin?...

EMILIA. (Ad Ubaldo) No ti vedi che la ga bisogno de farse pregar...

MOMOLO. (nel mezzo, timidamente) Via creature, pacificheve, no badè a ste       sempiae. 'Ndemo mama, fame sto piaser, ti vedarà che in seguito...

ORSOLINA. (Ad Emilia) Fame sto piaser Emilia, che 'ndemo a Mestre!(A poco         a poco Rosa condotta da Carlotta e da Momolo, ed Emilia spinta da    Ubaldo e da Orsolina, si avvicinano)

BETTINA. (Vedendole quasi sul punto di baciarsi) Tanto ghe voeva!

EMILIA. Cossa ghe entristu ti?

MOMOLO. Ma tasi co quea maedeta ingua!

ROSA. No serve che ti la strapassi, sa!

BETTINA. Varè quanti smorfiessi. E po' no se ga da dirghe ostinada!

EMILIA. (rapidamente) Ciò Betina, sastu cossa farò mi?

BETTINA.(rapidamente) Cossa farala, siora?

EMILIA. (rapidamente) Te darò un s-ciafo. (Glielo dà)

ROSA. (rapidamente) Un s-ciafo a Betina? Ala mia dona?

EMILIA. (rapidamente) Questa xe la mostra, in seguito vegnarà el resto.

ROSA. (rapidamente) Ma se ga mai visto una cossa compagna? Quea xe un       serpente, una fiera e no una dona! (A Momolo) O fora ea o fora mi! (Esce      in furia seguita da Carlotta)

EMILIA. (A Momolo) O fora ea o fora mi! (Parte seguita da Ubaldo. Orsolina         Intanto consola Bettina che piange).

NENE. (Che bea ocasion che go perso!)

MOMOLO. (calcandosi in capo il cappello) Adesso che e ga fato pase, 'ndemo a Mestre... coe caponere! (Via)

ATTO SECONDO

Scena prima

Orsolina, Bettina e Toni

ORSOLINA. El sa ben che la mama no vol che lu vegna co ea no lo sa.

BETINA. So mama xe drio che la se petena e po' la ga zurà che fin che xe in       casa so niora no la vien fora dala so camara; dunque i se parla sensa      paura.

TONI. Vojo dirte una sola parola e po' vado via.

ORSOLINA. 'Ndemo, el se destriga.

TONI. Anca del lu! La mama t'à pur permesso de darme del ti... Dime, Orsoina,    no ti me vol più ben? Cossa t'ojo fato mi?

ORSOLINA. Queste xe sempiae bee e bone. Vorlo che tuto el zorno staga         disendoghe: ghe vojo ben, ghe vojo ben?

TONI. Vardè che manierasse! Lo so za che soto ghe xe qualcossa; ma corpo      dea luna che vegnarò in ciaro de tuto. Parchè in fin dei conti no merito de     essar tratà cussì; parchè ghe voeva e ghe vojo, sì, ghe vojo ancora ben e          sento che la me farà disperar.

BETINA. Mo via! Cossa gala la drento? El faria intenerir e piere e ea no se          gnanca scompone!

ORSOLINA. (Quasi quasi el me fa pecà, ma d'altra parte xe mejo che el capissa che

no podaria adatarme a vivar co' lu. Oh! Se el gavesse el far de sior Ubaldo!).

TONI. Infati la senta: mi no vojo che la se sacrifica par mi, se no la me vol più     ben, la parla francamente, che almanco sapia qualcossa.

Scena seconda

Emilia e detti

EMILIA. Ma bravi! De bona matina, qua, soi...

BETTINA. Co ghe son mi no i xe più soi. El xe vegnuo a parlar cola parona e       prima de andar via el ga voesto saludar la paronsina...

EMILIA. No ghe xe bixogno dei to sprotessi.

TONI. Sior'Emilia, la scusa, ma so madona se la me gavesse visto qua co' so     fia, no la gavaria fati sti casi. Servo suo. (Esce)

BETTINA. (Ciapa questa!) (Via)

Scena terza

Emilia e Orsolina

EMILIA. (Va là, schincapene! Che per quanto val el mio, no ti deventarà serto      mio cugnà). Cossa gastu, Orsoina? Te ga despiasso che gabia        rimproverà el to Toni? Cossa t'alo dito, galo qualche lagnansa?

ORSOLINA. Senti Emilia, ti me vol proprio ben, no xe vero?

EMILIA. No te lo go dito tante volte che vojo essar la to più bona amiga? No ti     me ga promesso de confidarme tuti i to segreti? (Prendendola a braccetto          e passeggiando) E po', sa, mi i so anca sensa che ti me i disi, parchè go         un canarin che me informa de tuto.

ORSOLINA. E cossa t'alo dito, mo'. Sentimo se el xe un busiero.

EMILIA. El me ga dito, per esempio, che a Toni no se ghe vol più ben e che no    se lo vol più par marìo. Xeo busiero?

ORSOLINA. Veramente no savaria...

EMILIA. <Ma> - go dito mi al canarin - <se no se ghe vol più ben a Toni, se ghe vorà ben a qualchedun altro>.

ORSOLINA. A un altro?

EMILIA. No go fato ben a domandargheo?

ORSOLINA. Uh! Posto che ti ghe lo ga domandà, cossa t'alo risposto?

EMILIA. El m'à risposto... de sì! Galo indovinà?

ORSOLINA. Mi no savarìa, eh!

EMILIA. E sto <altro> chi podaresseo essar? Parchè mandemo a monte i   schersi, se trata del to avenir, e no bisogna po' schersar.

ORSOLINA. Vedistu, Emilia, no so gnanca mi spiegarte queo che voria. Mi me             dispiase lassar Toni parchè in fin dei conti el xe un bon toso, el me vol ben; ma

d'altra parte nol ga quea serta educasion, quee serte maniere, quel serto far

che...

EMILIA. Che ga invese... chi, par esempio?

ORSOLINA. No voria...

EMILIA. Zo, corajo!

ORSOLINA. (timidamente) To zerman Ubaldo.

EMILIA. Ah! Cossa? Mio zerman? Te xe saltà dei grii par Ubaldo? (Ride)

ORSOLINA. Ciò! Ti ridi 'desso?

EMILIA. Co la xe cussì, vecia mia, tiente el to Toni, che mi go tropi dispiaseri co'          to mare e no vojo che la diga che go fato vegnir in casa un omo par        sviarte dal to moroso. E po' no ti ga altri feudi da pensar che a queo?

ORSOLINA. Mi credeva che ti gavessi indovinà tuto...

EMILIA. Ubaldo no gavaria nè mesi, nè testa par deventar un capo de fameja e

ricordite de aver judisio e de tendar ai fati tui.

ORSOLINA. Adesso capisso el ben che ti me vol e capisso anca che la mama no ga

po' tuto el torto a dir che ti xe più mata che savia. (Cossa vol dir che la ga

cambià cussì da un momento a l'altro? Mah! E xe tute fortune che            me capita a

mi). (Esce)


Scena quarta

Emilia, poi Momolo.

EMILIA. Fin che se tratava de mandar a monte sto matrimonio, par farghe dispeto a quee do veciasse, mi gavaria fato de tuto, ma, se gavesse          savesto sto afar, no spendeva gnanca 'na parola. (A Momolo che esce     dalla camera di Rosa). Sistu stà dala Mama cocolo mio?

MOMOLO. Cossa vustu! Gò provà de calmarla, de pacificarla, ma xe inutie. Ti     sa che la xe vecia, e...

EMILIA. Si, si, no me secar. Varda piutosto che ghe xe 'na novità; ma        ricordarse, no far confusion, tol la cossa in dolse.

MOMOLO. Oh! Cossa ghe xe de novo?

EMILIA. Me son acorta che to sorea vede Ubaldo de tropo bon ocio. Varda de      predicarghe, chè dopo, se nasse qualcossa, no me dè la peta a mi.

MOMOLO. Come? Oh! Santa Maria del Carmine! No mancaria altro che     nassesse sussuri co' Toni!

EMILIA. No nassara gnente, basta che ti ghe dighi che la gabia judisio.

MOMOLO. No mancava che questa! Senti Emilia, no te par, visto che ghe xe       sta storia, che podaressimo farghe capir a Ubaldo de...

EMILIA. Oh! Dio ce ne guardi! Cascasse el mondo, no vojo darghea vinta a to     mama.

MOMOLO. Ben! E pasiensa! Fiat voluntas tua.

Scena quinta

Ubaldo e detti

(si salutano, Emilia parla con Ubaldo)

MOMOLO. (No mancava proprio altro, par compir l'opera, che mia sorea... E        cossa goi da far mi? Oh! Xe ora de 'ndar in ufissio...) (Fa per uscire)

UBALDO. Quando ci rivedremo, Girolamo?

MOMOLO. A mezojorno, co vegno a marenda. (Lo mandaria anca lu, deboto. -     Co vado via de casa go sempre paura che nassa sussuri, e un zorno o l'altro me 'speto de trovar, tornando a casa, i carabinieri. (Esce)

EMILIA. Senti, mi vado a pareciarme e se ti me speti un poco, 'ndaremo a far       quatro passi insieme.

UBALDO. Col massimo piacere. Ti attendo.

Scena sesta

Ubaldo, poi Nene

UBALDO. Se la mia perspicacia non mi inganna, mi sembra che in questa casa   non regni buona armonia. Eh! Ad accorgermi mi ci vuol poco. Poho...      Ancora questa aspirata non è del tutto naturale; ma colla pazienza mi ridurrò un perfetto toshano. (Prendendo un libro dal tavolo). Hommedie di         Holdoni. (Apre il libro e legge). <Scena VII. Il Conte Giacinto e Doralice>.          Vediamo un po'. (Legge). <Sentite, Doralice mia, due donne che gridano     sono come due porte dalle quali entra furiosamente il vento; basta          chiuderne una perchè il vento taccia> (Commenta). Ecco per esempio un    bel pensiero che può farmi onore all'ohasione.

NENE.  Solo, soletto, signor Ubaldo?

UBALDO. Ero immerso in certi studi. (Eppure questa vecchietta mi è simpatica. Mi rammenta la mi' povera nonna).

NENE. (Come che el me varda! Eh! Stavolta no ghe xe dubio, me marido). Lei      studia sempre; sempre el se impenisce di sapienza.

UBALDO. Quando il cuore è amareggiato trova un conforto negli sudi.

NENE. Così lei scansa gli scolgi fatali alla gioventù e non iscapuzza sui

medemi, ajutato dalla poesia.

UBALDO. Oh! Io sono poeta! Poeta dalla culla, come diciamo noi toshani.

NENE. Ah! La poesia! la poesia!

UBALDO. E forse anche la signora...

NENE. Io sfogo qualche volta i miei dolori facendo versi.

UBALDO. E quella carta... è un suo parto?

NENE. Uh! mi vergogno.

UBALDO. Lasci vedere signora, lasci ammirare.

NENE. E' una sempiata... E' un mesto profumo di una anima vergine.

UBALDO. Andiamo, sia bona...

NENE. Ebbene chiapi, gliene fò un presente. (Gli dà la carta)

UBALDO. (Legge con enfasi)   <In terra tutto palpita - del più celeste amore

                                               Fino le tigri e gli orsi - hanno un amante core;

                                      Ed anche il mio cuor tenero - sente d'amore il

caldo

                                               E palpitando mormora - io t'amo...>Io t'amo...e

qui hosa dice?

NENE. Ah! Ho scancellato per... (Nol ga capio che xe da dir <caro Ubaldo>)

UBALDO. Oh! belli, belli, per la Cupola di Santa Maria del Fiore!

NENE. Oh! Lei mi confonde! Sono sfoghi di un cuore addolorato.

UBALDO. Anche lei, signora, ha qualche dispiacere?

NENE. Oh! Se sapesse! Mi trovo solinga, incompresa, fra tanta gente che non     sa capirmi...

UBALDO. Ebbene signora, io le offro la mia amicizia. Senta, io vedo nella sua      fisionomia... (Come mi stringe la mano!)

NENE. (Caro colù! Adesso el me fa la dichiarassion)

UBALDO. Io vedo nella sua fisionomia alcune linee che mi rammentano la mia     povera nonna, che mi amava tanto. Deh! signora, mi faccia lei le veci di         quella povera vecchia...

NENE. (scostandosi, con dispetto e meraviglia, da Ubaldo) Mi meraviglio di lei.

Scena settima

Emilia e detti

EMILIA. Oh! Son qua, vecio; 'ndemo. Cossa gala amia che la me par         stralunada?

NENE. Gnente, gnente no go.

UBALDO. Le sono forse dispiaciuto, signora Nene?

NENE. Cossa diseo sior? Mi no go gnente... (Maegnasso!).

EMILIA. (Anca si che la ga fato dei so fiaschi? Ah! Ah! La sarave bea!) 'Ndemo    Ubaldo... (Vojo che el me conta tuto). (Esce a braccio di Ubaldo)

Scena ottava

NENE. Mo za! Doveva 'spetarmea. Toco de aseno! Ah! Mi go e inee dea nona?    Lusingarme in quel modo e po' farme quea bea asion! Ma za la colpa xe         tuta mia; al mondo tuto xe vanità de vanità e no se deve sperar gnente     dala tera. Go tante volte fato el proponimento de no lassarme sedur dae    lusinghe del mondo e son sempre cascada!... Ma 'desso no me lasso         tentar più e fasso voto de seibato. - Me dispiasaria solo che quea petegola          de Emilia se ne gavesse acorto... La rideva... la rideva quea sempia.          Figurarse se la se ne intaja la fa un bacan del diavolo! E i mii versi che          ghe xe restai a lu?... Oh! Povareta mi!

Scena nona

Bettina, Orsolina e detta

ORSOLINA. Vado a dirghe ala mama che l'Emilia xe 'ndada via; se no, no la vien fora

da la so camara par tuto el zorno.

BETTINA. La xe ben bona, par farghe dispeto a cuia, de sacrificarse ea; e st'altra no ghe gnanca bada e la se ingrassa de più. Adesso la jera a       brasseto de quea zoja de so zerman e la rideva coma 'na mata.

NENE. La rideva, ah!

BETTINA. Si, e lu jera indafarà a contarghe mi no so cossa.

NENE. (con malignità) Vardè, no se dise par gnente, ma gnanca quei modi          cussì iberi, quel ti, ciò, ciapa col zerman, no fa infati bel vedar.

BETTINA. Eh! Lassemo là, lassemo là che xe mejo. Ma quel s-ciafo che la me    ga da jeri, la me lo ga da pagar, sala!

NENE. Nualtre se intendemo, ah Betina! (Si fanno dei gesti di intelligenza).

ORSOLINA. (Cossa disee? Anca si che l'Emilia xe 'ndada in coera co go dito de          so zerman, parchè la xe ea che... ) Cossa diseu, care vualtre?

NENE. Eh! Gnente. E xe serte cosse che 'na tosa no va ben che se ne impassa.

ORSOLINA. Eh! In fin dei conti cossa sarà? Xe vero che ea xe vecia, ma, co la             parla

co' Betina, che ga i mii ani, la pol parlar anca co' mi.

NENE. Par questo po' gnanca mi son vecia.

ORSOLINA. Ciò! La ga xa oto ani manco dea mama...

NENE. Mi son nata del trentaoto, faghe el to conto, i xe apena trentaquatro ani.

BETTINA. (Co' quei dea Nena e del piovan!)

NENE. E po xa queste xe sempiae; vecie o zovene basta essar timorate de Dio, e no come serta zente... Se capimo ah Betina?

ORSOLINA. Savaressi forse qualcossa sul conto de l'Emilia?

NENE. (con mistero) Mah! Mi no so gnente; tanto più che no se deve dir mal del prossimo.

BETTINA. (con mistero) La ga rason. A mormorar del prossimo se fa pecà, che   da resto se podaria domandar cossa che xe quea premura par el zerman, cossa che xe quei smorfiessi continui...

ORSOLINA. (Adesso capisso parcossa che la ga cambià co mi co go dito...)

NENE. A tola el primo piato xe par el zerman, la camara più bea xe par el   zerman, a teatro co' chi se va? Col zerman.

BETTINA. Al zorno a spasso col zerman.

ORSOLINA. E guai a chi ghe lo varda, guai a chi ghe lo toca...

BETTINA. E quante bie che la ghe fa passar ala parona par quel bel capo...

NENE. Che el Signor no lo voja, ma quea la xe 'na dona che va a finir mal.

Scena decima

Carlotta e dette

CARLOTTA. Oh! Creature! Seu morti? Lassè e porte spalancae che i pol vegnir de su a strangolarve quante che se!

BETTINA. A vù siori! I s'à fin scordà de serar la porta.

CARLOTTA. Chi s'à scordà?

BETTINA. Ciò! La parona zovene e el paronsin novo.

CARLOTTA. Chi xeo sto paronsin novo?

BETTINA. Mah! (Bettina, Orsolina e Nene si guardano e fanno cenni di       comprendersi tra loro).

CARLOTTA. Me par che gavè morbin ancuo. No se pol saver chi che xe sto        paronsin?

NENE. Sior Ubaldo el xe.

CARLOTTA. E parcossa ghe diseu paronsin?

BETTINA. Eh! Se intendemo nualtre!

NENE. No digo gnente. No vojo che dopo i diga che se ghe vol mal...

ORSOLINA. O che se ga invidia…

BETTINA. O che se vol vendicarse. (Pausa)

CARLOTTA. Ma via, 'ndemo, me conossè, savè che mi no ciacolo, che no ghe    xe una dona più segreta de mi.

BETTINA. Quasi quasi... Cossa disea siora Nene?

NENE. Xa, o presto o tardi, la se ne incorzaria anca se tasessimo.

BETTINA. Ma la me daga parola de tasar anca cola parona.

CARLOTTA. Eh! De Diana! me voleu far sgangoir dala curiosità?

BETTINA. (con aria di mistero) Ghe diseva dunque paronsin a sior Ubaldo,          parchè xe abastansa ciaro, xe noto digo... se vede... cola parona... Me    màgnea? (le fa dei gesti per spiegarsi megio)

CARLOTTA. (meravigliata) Eh? Oh?

ORSOLINA. Se lo vede come do e do fa quatro; e po' mi gavaria quasi 'na prova; ma

no vojo parlar.

CARLOTTA. Andemo! Cossa ghe entristu ti in ste cosse? Ma me la contè ben     granda! Co quel'aria che la ga...

NENE. Co' quea ganga da mincionar tuti...

BETTINA. E co' quel pofarbio de comandar a tuti e de s-ciafizar e serve!

CARLOTTA. Ah! Buzareti! Ah! Cospeton! Dove xea siora Rosa?

BETTINA. La xe serada in camara, 'desso la 'ndarò a ciamar. Ma, la diga, la me ga dà la parola, sala!

CARLOTTA. Eh! No so miga 'na putea, sastu! (Bettina esce)

ORSOLINA. (Vaeva proprio la pena de disgustar el povaro Toni)

CARLOTTA. (Come xe sto afar qua? Eh! Ocio in testa, Carlota! Judisio!)

Scena undicesima

Rosa e dette

ROSA. (sul limitare della porta) Xea proprio 'ndada via?

BETTINA. Ma sì! Co ghe lo digo mi!

ROSA. (avanzandosi) Siora Carlota benedeta? Ah! Cossa ghe par? Dopo la         scena de jeri, mi no me son mossa più dala mia camara e finchè la sarà in         sta casa vojo sempre scansarla se no nassaria presto o tardi un    precipisio.

CARLOTTA. Siora Rosa, gavaria da dirghe 'na paroeta a quatr'oci.

ROSA. So qua, vecia mia. Tose, 'ndè pur de la vualtre.

BETTINA. (piano a Nene e a Orsolina) No voria che siora Carlota squaquarasse tuto.

NENE. (piano a Bettina e a Orsolina) E chi xe che ga parlà? Vualtre se stae.

BETTINA e ORSOLINA. Nualtre? No go gnanca arfià!

NENE. Ma gnanca mi securo. (partono brontolando tra loro)

ROSA. Cossa gala, siora Carlota? La me par malmontada.

CARLOTTA. Altro che malmontada! Me gavaria aspetà la morte prima de sentir   'na roba compagna.

ROSA. Cossa gala? Xea in coera co' mi?

CARLOTTA. Ea no ghe n'à colpa, siora Rosa, ma vedo che el matrimonio tra       mio fio e l'Orsoina andarà in fumo.

ROSA. Cossa disea? Vorla proprio farme disperar? La parla, cossa ghe xe de      novo? Sentimo, via; no la vede che stago sui spini?

CARLOTTA. I spini xe cussì fati che so vegnua a saver da so sorea e da Betina che so niora e sior cosso, là... sior Boldo, sior Baldo, sior diavolo... no la       capisse? I se la intende fra de lori...

ROSA. Ah! Cossa? Ma disea dasseno?

CARLOTTA. Altro che dasseno!

ROSA. Oh! Santa Maria del Rosario! Ma sala che e xe cosse del'altro mondo?     Mi saveva che quea jera 'na dona mata, puntiliosa, perfida; ma no gavaria      mai credesto che la fusse capase de... Oh! Povareta mi, povareta mi!

CARLOTTA. E la capisse ben, che co' sto esempio in casa, quea tosa...

ROSA. Ma, siora Carlota, in fin dei conti cossa ghe entra l'Orsoina? Che colpa     ghe n'ala?

CARLOTTA. No la ghe n'à colpa; ma la sa che in ste cosse bisogna 'ndar coi      pie de piombo.

ROSA. La 'speta. La vedarà cossa che farò mi, ghe dago parola... (sempre          assai agitata).


Scena dodicesima

Toni e dette, poi Bettina

TONI. Patrona siora Rosa.

CARLOTTA. Cossa vustu ti? Xe cussì che ti tendi al mezà?

TONI. Eh! Me vustu magnar? So stà a casa, la dona me ga dito che ti jeri   vegnua qua e go caro de essar vegnuo anca mi, parchè go parlà adesso          co' so fia, la go trovada 'na pasta de marzapan e me pento de averme       lagnà...

CARLOTTA. Vecio mio, no starte a ingolosir per adesso...

TONI. Ghe xe qualcossa de novo?

CARLOTTA. Digo che per adesso bixogna che mi e siora Roxa combinemo un    serto afar...

BETTINA. (entra in fretta) Parona, la varda che la xe tornada...

ROSA. Ah! La xe qua? Xea sola?

BETTINA. So zerman la ga compagnada fin sula porta e el xe torna via.

ROSA. Lassa che la vegna, Che la vegna pur. (Bettina esce) Ea la vada nea        mia camara co' Toni e la lassa far a mi.

CARLOTTA. Ma andemo, no la se agita tanto...

ROSA. La vada, la me lassa...

TONI. Ma se pol saver cossa ghe xe?

CARLOTTA. Vien qua che te contarò tuto. Me racomando, siora Rosa, la se        tegna, no la se inrabia. (Entra con Toni nella camera di Rosa).

Scena tredicesima

Rosa poi Emilia

ROSA. Mi no so proprio in che mondo che sia! Vien cara, vien che faremo i          conti.           Oh! Sant'Antonio tegnìme e vostre sante man sora la testa e fè che         no perda el lume dea rason.

EMILIA. (avvicinandosi alla sua stanza) (La se cala, la se cala!).

ROSA. Digo, 'scoltè, fermève che ve go da parlar.

EMILIA. Pàrlea co' mi? So straca siora, go caldo. (Si avvia)

ROSA. Fermève ve digo; no se trata più de far dispeti. (Sottovoce ma con forza). So tuto! (Emilia si volge e la guarda e lei sempre sottovoce) So     tuto!

EMILIA. Cossa?

ROSA. Desgrasiada, so tuto, ve digo.

EMILIA. La diga, el caldo ga fato dar volta al serveo?

ROSA. Ma xea gnanca un muso duro! Ma vegnì qua, 'scolteme; vojo sercar         ancora de vegnirve coe bone...

EMILIA. La diga, la se calma, la me fa paura dasseno. La me varda mi che no     me scaldo mai...

ROSA. Parchè se 'na dona sensa cuor, sensa testa, sensa principi de boni          costumi.

EMILIA. La diga, la varda come che la parla sala!

ROSA. Tasè la, che co' 'na parola posso confondarve, farve deventar rossa fin    sula ponta dei cavei, arè!

EMILIA. Sala cossa che go da dir? Che no go voja da savariar co' ea. (Per          uscire)

ROSA. Sì, corè, 'ndeveo a trovar.

EMILIA. Chi?

ROSA. Ma no ve intardighè, che el se stufarà de spetarve!

EMILIA. Ma de chi parlea, siora?

ROSA. Ve torno a dir che so tuto, che se 'na dona sensa judisio, sensa      principi...

EMILIA. Oh! La diga, la varda che me stufo po', sala! La tegna la ingua drento     dei denti...

ROSA. Ancora gavè tanto corajo da alsar la vose?

EMILIA. Ghe digo che no la me fassa scordar che la xe mia madona, se no...

ROSA. Anca e minase, toco de mata?

EMILIA. (gridando) Ea sarà stada 'na mata, siora vecia striga...

ROSA. (gridando) A mi?

Scena quattordicesima

Toni, Carlotta, più tardi Nene, Bettina e Orsolina

CARLOTTA. Andemo, creature quieteve...

TONI. No e staga a sigar...

ROSA. No che no vojo tasar, vojo che tuti sapia...

CARLOTTA. Andemo la gabia prudensa: E ea la vada via.

EMILIA. No go bisogno un corno dei so sprotessi, capissea?

CARLOTTA. La diga, la parla mejo, sala.

TONI. La dovaria tasar, me par.

EMILIA. (in collera) Ma che tasar? Che prudensa? So stufa e se no me gavè       mai sentio a sigar, me farò sentir adesso.

ROSA. E mi ve digo...

ORSOLINA. (Entrando insieme a Bettina e Nene e parlando in coro) Cossa xe?            Mama!

BETTINA. Cossa xe sta? Parona!

NENE. Cossa gaveu? Emilia! (confusione ma ordinata e senza chiasso).

EMILIA. Mi no vado in coera che una volta a l'ano, ma co ghe vado no conosso    più nissun e so capase de petenarve puito quante che sè!

ROSA. Bruta petegola? Cussì se parla co' vostra madona?

EMILIA. (gridando confusamente e insieme) Vecia mata. Sprotona. So stufa e      strastufa.

ROSA. (come sopra) Vergognosa, so tuto. Ve ne acorzarè.

CARLOTTA. (come sopra) La parla mejo! La se vergogna!

ORSOLINA. (come sopra) Tasè, quieteve; Emilia, fame el piaser, tasi.

BETTINA. (come sopra) Parona, la se quieta; cossa xe nato?

NENE. (come sopra) No stè a presipitar, creature! Me fè spiritar.

TONI. (gridando come gli altri) Usè prudensa! No sighè! Calmève!.

Scena quindicesima

Momolo e detti

MOMOLO. (entra nel momento della massima confusione e corre a separare i      contendenti). Cossa xe nato? Deventeu mati? Mama, Emilia, 'ndemo, tasè, che se fa bossolo in strada...

ROSA. No me ne importa, vojo sfogarme...

EMILIA. Mejo, vojo che tuti sapia... (Continuano a gridare)

MOMOLO. Oh! In fin dei conti, sanguenon de diana, tasè! Tasè! Tasè! So stufo, stufo, e stufo, e questa xe la volta che fasso saltar in aria la casa, i copi e        tuto! (Tutti tacciono impauriti. - Pausa). Oh! Finalmente! Almanco 'na volta che sia 'scoltà! Me par da essar sta bon, no tre, ma diese volte fin 'desso;     ma basta po'! Mi serco de contentar tuti, de far sempre a modo dei altri.          Ma sior no! Ogni santo zorno, dopo de aver sgobà come un can in ufissio, dopo de aver strussià l'anima par guadagnarve el pan, vegno a casa e         invese de trovar un poco de pase, de bona armonia, che me compensa       dee fadighe, trovo musi de qua, dispeti de là; cicì da sta parte, ciciricì da    l'altra, e zo e zo e zo tuto casca sora e spae de sto povaro aseno. Ma          'desso, corponon, me meto i mustaci e vojo finirla e finirla par sempre.        (passeggia agitato. - Tutti gli danno posto)

BETTINA (Acqua de rose!)

NENE. (Oh! che omeni! Oh! che satanassi!)

MOMOLO. (ad Emilia) A ti te go dito un milion de volte che ti gabi rispeto par       mia mare, che no ti sii puntigliosa, che no ti sii superba. (A Rosa) E a ti te          go dito che la xe mia mujer, che no ti la trati come la serva e che infin dei   conti la xe parona anca ea; e 'desso che me gavè fato 'ndar fora dei        bàzari, ve digo a tuti che el paron son mi; parchè chi paga l'afito, chi ve      dà da magnar, da dormir, xe sto povaro diavolo, che calcoè manco de 'na   savata.

ROSA. (quasi piangendo) Se ti me dà da magnar, mi te dago la pensione de to     pare bonanima...

MOMOLO. Grasso quel dindio! Un franco al zorno!

ROSA. E za che ti me rimproveri in sta maniera, mi te dirò che posso soportar     tuto fora che i scandoi!

MOMOLO. Che scandoi? Cossa ghe xe?

EMILIA. Ma sentimo! Fora 'na volta!

ROSA. (dice a Momolo, ma Emilia e vicina e sente) I scandoi xe che cuia e         quea bea zoja de so zerman te la fa soto i oci.

EMILIA. Ah! Ah! Ah!

MOMOLO. Cossa? No capisso...

EMILIA. Ah! Ah! No ti capissi? Te spiegarò mi. La dise che mio zerman xe el       mio moroso e questa xe la causa de ste scene. Ah! magnifica dasseno!

MOMOLO. Ah! Ma santo Dio, perdo proprio la testa...

EMILIA. E mi ghe digo che la dovaria tendar invese a so sorea che za un per de ore la ga dà i versi amorosi a Ubaldo.

NENE. Oh! No xe vero... El xe sta lu che...

EMILIA. La dovaria tendar a so fia che stamatina la m'à contà l'impression che     ga fato Ubaldo.

ORSOLINA. Busiera...

TONI. Come? Che impression? Ah! Lo saveva mi che ghe doveva essar     qualcossa; ma quel moscardin la gavarà da far co mi. (Suonano il       campanello, Bettina esce e ritorna subito)

ROSA. Queste xe scuse par cavarsea...

MOMOLO. Ma infati, cossa xe ste ciacoe? Cossa ghe entra Ubaldo?

Scena sedicesima

Ubaldo e detti

UBALDO. Chi mi desidera?

TONI. (lo prende per il collo) Mi, sior, la desidero per...

MOMOLO. (separandoli) No femo sene in casa mia.

CARLOTTA. No te perdar co' quea zente, Toni!

MOMOLO. Mare e fio, fora de casa mia!

CARLOTTA. Come? Mi cassarme via? Ma za chi no ne vol no xe degni de          nualtri...

ROSA. No, la se ferma...

CARLOTTA. 'Ndemo Toni, e in sta casa no metarò più el pie.

TONI. Vado parchè go prudensa, ma faremo i conti. (Esce con Carlotta, e Orsolina li segue)

MOMOLO. (A Emilia) Adesso spieghime subito sto imbrojo.

EMILIA. El spiegar xe che doman 'ndarò a Firense da mio pare. (Esce. Momolo   le corre dietro, ma ella gli chiude la porta sul viso).

MOMOLO. (A Rosa). Vojo vegnir in ciaro de tuto; se no, cometo un ecesso!

ROSA. Omo sensa judisio, sensa amor par to mare, no te conosso più par fio!     (Esce. Momolo le corre dietro, ella chiude come Emilia).

MOMOLO. (al colmo della collera) Corponon! Vualtre do (A Bettina e Nene) no     ‘ndè via de qua se no m'avè dito tuto.

BETTINA. No so gnente.

NENE. No go sentio gnente.

MOMOLO. (tenendole per mano) Vardè che son capasse no so de cossa...

NENE. Ah! (sviene sulle braccia di Ubaldo che era impalato e confuso. Bettina     imitando la Nene sviene sulle braccia di Momolo che la getta ad Ubaldo)

MOMOLO. Eh! 'Ndè in malora quanti che sè! (Va via, ed Ubaldo resta attonito      colle due donne svenute sulle braccia)

ATTO TERZO

Scena Prima

Orsolina, Nene e Bettina

NENE. Eh! In meso a ste baraonde se va a ris-cio de rovinarse el sangue.

BETTINA. Mi so che jeri se no se fasevimo vegnir mal el ne petufava.

ORSOLINA. E tuto parcossa? Parchè se ga parlà.

BETTINA. Quea sprotona de siora Carlota xe 'ndada a svodar el saco.

ORSOLINA. E, a causa de ste ciacoe, Toni xe 'ndà via zurando de no metar più           el pie in 'sta casa.

BETTINA. Zuramenti da mariner. La vedarà che presto el torna, sì.

ORSOLINA. Dio lo voja. - Dormeo mio fradeo?

BETTINA. El xe vegnuo a casa 'sta note tardi, el se ga butà sul sofà e mi no lo    go più visto.

NENE. E... st'altro? L'amigo?

BETTINA. Colù, come che gnente fusse, el xe 'ndà in leto jeri ae nove e el           dorme ancora.

NENE. Oh! Che zente! Vedaremo 'desso come che la 'ndarà a finir.

BETTINA. Oh! Gamba! che el xe quà. (Esce)

Scena seconda

Momolo, Nene e Orsolina

MOMOLO. Amia! 'Ndemo, sojo deventà el diavolo che tuti me gabia da       scampar? Jeri me go lassà trasportar un poco tropo e go 'vuo torto; ma           ancuo son rientrà in rason e vojo che, coe bone, me disè co qual     fondamento xe sta sparsa quea vose sul conto de Emilia... de Ubaldo

NENE. A mi xe inutie che ti me domandi, parchè no go sentio gnente e no go       capio gnente.

ORSOLINA. E mi? Gesumaria! No so gnanca de cossa che se trata.

 MOMOLO. Ben! Da vualtre no se pol saver gnente. Alora lassè che ve diga che paraltro ve se condote molto mal. Ti, parchè ala to età serti puteessi no xe    più permessi e ansi te dirò che...

NENE. Ti xe tropo alterà, vecio, parchè te possa rispondar. (El ga tempo de         pensar ai altri, ancora). (Esce)

MOMOLO. E ti, avendo 'na perla de toso come Toni, te par 'na cossa ben fata,     pensar a un altro?

ORSOLINA. Ti ga rason, Momolo; so pentia ansi de no averghe corrisposto come che

el meritava, ma mi spero che nol me gavarà miga lassà, ah?

MOMOLO. Mah! Vedaremo, sercaremo de justarla.

ORSOLINA. Xe qua la mama, vado via, parchè go paura che la cria. (Parte).

Scena terza

Rosa e Momolo

MOMOLO. Mama! 'Scolta, mama; 'ndemo vien qua...

ROSA. Ah! Ti ga tanto corajo de ciamarme ancora? Dopo de averme perso de     rispeto, dopo de aver cassà via siora Carlotta...

MOMOLO. Si, ti ga rason; ma dopo tuto so stà tirà par i cavei. Da che son nato   no te go mai perso de rispeto e jeri jero proprio fora de mi e no savevo        queo che fasevo.

ROSA. Si, si. Cossa vustu insoma?

MOMOLO. Senti mama. Mi ghe vojo ben a mia mujer, so che dona che la xe, e    mi vojo saver chi che ga messo fora quea storiea...

ROSA. Co no ti vol altro! E anca e prove ti gavarà.

MOMOLO. E prove?

ROSA. Prove, prove palpabii.

MOMOLO. E dove xee, quae xee?

ROSA. (un po' confusa) Mi 'desso no me ricordo più; ma siora Carlota me ga       verto i oci, la ga e prove.

MOMOLO. Ah! Xe stada siora Carlota? Ah! Done! Done! Done!

ROSA. Done, done, macaco! Mi te digo che ea la ga e prove, che la xe      incapace de dir 'na cossa par un'altra, e adesso vado da ea a   domandarghe scusa de l'asenada che ti ga fato jeri. Vien anca ti, cussì...

MOMOLO. Mi no posso. Condusia qua che vojo vegnir in ciaro de tuto.

ROSA. Dio lo voja che no la sia in còera sul serio. (Esce)

Scena quarta

Momolo, poi Ubaldo

MOMOLO. Ma come mai siora Carlota pol essarse inventada 'na cossa simie?     Oh! Son pur el gran stupido a pensarghe sora. Ma adesso, xa che xe qua       Ubaldo, vojo cavarme ogni dubio.

UBALDO. (non si accorge della presenza di Momolo e legge i versi della Nene).   (Sihuro! Questi versi erano al mio indirizzo. E dire che, se Emilia non mi          rendeva avvisato, io non mi sarei accorto che questi versi devono        correggersi così: < E palpitando mormora - Io t'amo o caro Ubaldo>)

MOMOLO. (battendogli sulla spalla) So tuto.

UBALDO. (piglia paura) (Sa tutto? Ah! Della zia!).

MOMOLO. (El se ga spaventà!).

UBALDO. Io spero che anche tu prenderai la cosa in ridere.

MOMOLO. Come saria a dir?

UBALDO. Si... Non crederai già che abbia tentato io... Fu lei la prima...

MOMOLO. Lei?

UBALDO. Sicuro! Mi diede cotesti versi. E poi chiedilo ad Emilia.

MOMOLO. Ma de chi parlistu?

UBALDO. Oh! Bella! Di tua zia!

MOMOLO. Ah! Ma serto! Jera queo che diseva. (Son proprio un babuin).

UBALDO. <In terra tutto palpita> Leggi... No, no, non li sciupare.

Scena quinta

Emilia e detti.

EMILIA. (secca) Dighe a to mare che la tira fora tuta la mia biancaria e quea       poca de arzenteria che go portà co so vegnua per mio malano in sta casa,     parchè doman vado a Firense da mio papà col mio moroso.

MOMOLO. Eh! Via! Emilia...

UBALDO. Cara cugina, queste son hose che non si dihono.

EMILIA. Ti ga rason; e se fa sensa dirle.

MOMOLO. Ma parcossa po', Emilia...

EMILIA. Parchè se to amia e to sorea, par vendicarse, e se ga inventà che          Ubaldo el xe el mio moroso, da qua poco tempo, Dio sa cossa che e se          inventaria...

UBALDO. Come? Come? Così si calunnia la gente illibata? Ma tu Momolo non     presterai fede a tali... a tali...

MOMOLO. Ma no, tasi; no far strepiti anca ti 'desso.

UBALDO. Oh! Infami! Oh! Bricconi! Ma lascia fare a me che li acconcierò per      benino.

MOMOLO. No par carità, no te ne impassar.

UBALDO. Mondo cane! Lascia far a me, ti dico, e vedrai di che sarò capace.       Calunniarmi così! Mondo cane! (Esce).

EMILIA. Dunque ti ga capio. La mia biancaria e...

MOMOLO. Abi pasiensa, Emilia, che te prometo...

EMILIA. O la me la dà coe bone o rompo i comò e me la togo mi. (Esce).

Scena sesta

Momolo, Carlotta e Rosa

CARLOTTA. Proprio no la ghe voeva che ea, siora Rosa, par farme desmentegar...

ROSA. Eco siora Carlotta; la go trovada par strada e...

MOMOLO. Siora Carlotta, mi spero che la me gavarà compatio se me so' lassà   trasportar...

CARLOTTA. Eh! Basta! Go capio che el jera fora de lu.

MOMOLO. Ghe assicuro, siora Carlotta, che queo che ga dito mia mujer su         Orsolina no xe che na ciacola de femene e che Orsolina xe dispiasente,         povareta, parchè la ga paura che Toni gabia tolto la cossa sul serio.

CARLOTTA. El me da proprio la vita co ste paroe; parchè anca mio fio jera         disperà.

MOMOLO. Ben! Su sto proposito speremo dunque che vada tuto ben. Ma   adesso bisogna...

ROSA. 'Ndemo, la ghe conta queo che la m'à dito a mi jeri; la ghe prova col fato che nialtre no se inventemo gnente.

MOMOLO. 'Ndemo, dove xee ste prove?

CARLOTTA. (imbrogliata) Mi no go dito de essar proprio convinta... ma lo saveva par parte de persone degne de fede...

MOMOLO. Infati vedo che tuto el mondo sa i fati mii fora che mi. Chi xee ste       persone?

CARLOTTA. (Go quasi paura de aver fato maron).

MOMOLO. Dunque?

CARLOTTA. Eco; ma nol toga po' la cossa tanto sul serio... Lo go sentio dala      Nene, dala dona e da Orsolina...

MOMOLO. Bei capeti! Ben! Adesso sentiremo (sulla porta) Amia! Betina! Vegnì   qua. L'Orsolina no la ciamo, parchè no va ben che 'na putea senta dei         petegoessi

Scena settima

Bettina, Nene e detti

CARLOTTA. (A Nene) No xe forse vero che ea la ga dito che la sa de sicuro       che siora Emilia e sior Ubaldo...

NENE. Mi no sò gnente... mi no go dito gnente...

CARLOTTA. Come no la ga dito?

ROSA. No aver sudision. Disi pur sensa paura...

NENE. Mi l'avarò dito in via de discorso parchè lo go sentio dir dala Betina; ma    da resto, no me metè in balo mi, parchè me vien i sgrissoi solo a pensarle        'ste robe. (Esce)

MOMOLO. (A Bettina che tentava di andarsene inosservata). Dunque, vien qua   ti e spua la verità.

BETTINA. Mi sior?... Quea benedeta so amia no la se ricorda dal naso ala boca; ma me ricordo ben mi che jeri la me ga dito <Betina> la dise <gastu notà        quea confidensa> la dise <quel ti, ciò e ciapa> la dise <fra mia nessa e           sior Ubaldo?> la dise <Uh> digo mi <mi tendo ai fati mii, siora> digo. - <Eh> la dise <ghe vedo> la dise <più in là del mio naso> e la me ga impiantà suso 'na fiastroca, parchè el sa che co la verze la boca no la   finisse più. Ma mi salo cossa che go dito? Go voltà e spae e chi s'à visto   s'à visto.

         (Esce. Momolo, Carlotta e Rosa restano confusi)

MOMOLO. (dopo breve pausa) E la conclusion de ste ciacoe quala xea? Che       una de vualtre ga tocià 'na piveta in un caìn de saonada e po' ga      leziermente supià drento; po' la piveta xe passada in man de 'n'altra che ga dà 'n'altra supiada nea piveta, cussì che xe vegnuo fora 'na brombola     tanto fata da parer 'na bala de canon. Ma co la brombola se ga stacà dala   piveta e la me xe capitada tra copa e colo a mi... tac, la xe bea e sparia.-           Ma, purtropo, spesso e disgrasie e e rovine dee fameje xe causae da un   vostro petegoesso, da 'na vostra ciacola. - Basta, siora Carlota la vada da so fio, lo assicura che l'Orsolina ghe vol sempre ben e s-ciao.

CARLOTTA. Vago, ma da resto el se ricorda che mi no me go inventà gnente,    ne go parla gnente...

MOMOLO. Ma sì, sì. Nissun ga parlà, nissun ga dito gnente. Sala chi xe stà        l'aseno, causa de tute ste baraonde? Ecolo qua, so stà mi. Adesso la        vada co Dio.

CARLOTTA. A revedarse siora Rosa.

ROSA. Benedeta siora Carlota (Me par impossibie che no sia vero gnente).

Scena ottava

Momolo e Rosa poi Emilia

MOMOLO. Oh! 'Desso, mama, bisogna che vegnimo a 'na determinasion.   Dunque 'scolta...

EMILIA. (Entrando) O brava! Giusto ea. La farà el piaser de tirarme fora e me      do guantiere d'arzento; i portagoti, i dodese tovajoi, e oto tovaje...

ROSA. E tovaje xe sete parchè la lavandera ghe n'à perso una.

EMILIA. Siora no, che oto ghe n'ò portà e oto ghe ne vojo.

ROSA. Co no ghe ne xe che sete...

EMILIA. La pensa ea, e vojo...

ROSA. E mi ve digo...

MOMOLO. Ecoe qua fresche come do rose! Tasè un momento che ve go da        parlar. Senteve qua arente. (Mette due sedie nel mezzo vicine e Rosa ed         Emilia le portano una in fondo a destra, una in fondo a sinistra. Momolo        rimane nel mezzo). Ben, no; fè quel che voè, basta che me 'scoltè.   Sentime creature 'na volta par sempre: in meso a 'ste question, a 'sti          puntigli, a 'ste barufe xe mai possibie de vivar?

EMILIA e ROSA. E no sicuro, gnanca par idea.

MOMOLO. Ben, tasè un momento! Vualtre se de un temperamento oposto;          gavarè tute do i vostri difeti che mi no vado 'desso a indagar...

EMILIA e ROSA. Ea xe ostinada, superba e...

MOMOLO. Tasè un momento! Ma el cuor xe bon de tute do parchè lo so e ghe ne go 'vuo dee prove. Pur se continuè a vivar in 'sto modo, col'andar     del tempo finirè par odiarve; e mi no vojo che mia mare e mia mujer, e do         creature che go più care a 'sto mondo, se gabia da odiar. Dunque... la xe     dura a dir... ma za cossa se ga da far?... Dunque xe mejo che... se   separemo. (Si commuove e così poco a poco tanto Rosa che Emilia.        Pausa). Ve zuro che a dir 'sta parola sento che me s-ciopa el cuor...          parchè a pensar che podaressimo vivar contenti e feisi nel nostro picolo...      e invese mi che son stà sempre visin ala mia bona mama... (Le si avvicina          e la accarezza; Emilia a poco a poco si avvicina a Momolo commossa)      che ghe go voesto sempre ben, no posso proprio pensar de dover    lassarla adesso che la ga più bisogno de mi... Ma ti me vorà ben istesso,         mama mia, anca se no saremo in 'na stessa casa?

ROSA. (piangendo lo abbraccia) Si tesoro mio, si vissere mie! (Emilia accarezza Momolo)

MOMOLO. (avvedendosi di Emilia) E anca a mia mujer ghe vojo ben! Vualtre do se la mia vita, el mio mondo, el mio tuto. (Le abbraccia. Pausa)

ROSA. E no se podaria combinarse in qualche maniera...

EMILIA. Se podaria intendarse...

MOMOLO. Diseu dasseno? Mo brave, mo care, mo benedete! Lassè 'desso far    a mi. Amia! Betina, qua tute.

Scena nona

Nene, Bettina, e detti, poi Ubaldo

MOMOLO. Vardè che la mama e mia mujer ga fato pase, vardè che no ga da       essarghe più puntigli, più petegoessi e sta volta ve la perdono, ma guai se   me ne fè un'altra.

BETTINA. (Sarà, ma me par impossibie che e gabia fato pase)

UBALDO. (entra con valigia, abito da viaggio ecc.) Ho piacere di trovarvi, o         signori, tutti riuniti in questo salotto. Essendosi sparse sul mio conto delle infami insinuazioni secondo le quali io tradirei l'ospitalità, l'amicizia e la        parentela, la mia illibatezza mi impone di non più oltre abusare della bontà   de' miei cugini. Ho detto e parto.

MOMOLO. (Con un respiro) (Oimè! El se ne va!).

EMILIA. No sarà mai dito vero che te lassa 'ndar via.

MOMOLO. Mi me dispiase, ma dal momento che el vol 'ndar via, no bisogna        che lo sforsemo a restar. (Piano a Rosa e ad Emilia). Sentì 'na cossa. Ti    lassa che Ubaldo vada via, ti mama icensia Betina, cussì ve contentè tute do.

ROSA. Mi no icensio quea tosa...

BETTINA. (che avrà ascoltato) No sarà mai dito vero che mi vaga via de sta       casa,          parchè no go fato cative asion, parchè ghe vojo ben ala parona; e     se i me cassarà via, me metarò sul scain dea porta e morirò de fame.        (Piange).

ROSA. No, poareta, no che nissun te mandarà via.

EMILIA. (Ad Ubaldo) Alora no ti 'ndarà via gnanca ti.

UBALDO. Ma cugina mia...

EMILIA. Ma infati vojo che ti resti.

UBALDO Io sono tra l'incudine ed il martello, tra due fuochi, tra Scilla e Cariddi.

MOMOLO. E semo al sicut erat in principium!

Scena decima

Carlotta, Toni, Orsolina e detti.

CARLOTTA. (conducendo Toni) Ecolo qua, nol voeva vegnir, ma...

TONI. Paraltro spero che ea (ad Ubaldo) me spiegarà che impression che la ga   fato a Orsolina.

UBALDO. Io mi meraviglio de' detti suoi. Io non voglio impressionar nessuno.      Ma che cosa sono diventato? Un Don Giovanni? Un sultano? Un diavolo     che mi porti?

MOMOLO. Calmite anca ti. - Toni vien qua, no se ghe ne parla più. Qua, vualtri   do, fra un meseto ve sposarè. Sistu contenta mama?

ROSA. Oh! Par mi anca subito.

MOMOLO. Ben. Oh! E una. - Dunque vedo che par quanto che gabia fato, par      quanto che fassa, no ghe xe caso che vualtre do voè pacificarve. -   Dunque cossa voleu che femo?

UBALDO. Ascolta, Gerolamino, un mio consiglio. Due donne in una casa sono     come due porte dalle quali entra furiosamente il vento. Basta chiuderne una perchè il vento taccia.

ROSA. El sarà lu 'na porta, ansi un porton!

UBALDO. Ma signora, lo dice Goldoni.

EMILIA. Cara cuia! Bea creansa...

ROSA. Vegnarò a scuola da vu...

EMILIA. La gavaria bisogno.

MOMOLO. Ma tasè, se podè, scolteme. Par tuto sto mese se adataremo de star unii. Magari ti mama, ti tegnarà quee do camare là, e ti Emilia, quee do là.

EMILIA. Oh! Mi vojo la mia ibertà.

ROSA. No vojo rendarme s-ciava.

MOMOLO. Ben! E vualtre fè queo che voè. Intanto sercarò casa e faremo marsaria.

ROSA. Va ben. Piutosto che vivar co ea, me adato a restar sola come un can.

TONI. Oh! Sola no. La senta, siora Rosa, ea e so sorea e vegnarà a star co         nialtri.

ORSOLINA. Si mama, sempre co nialtri.

MOMOLO. Bravo Toni; nialtri po' se combinaremo. - Sta separassion me sarà      dolorosa e anca de dano material, ma vedo che la xe l'unico meso par far         star in pase la niora e la madona e par evitar i petegoessi, i criori e e      barufe in fameja.

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 52 volte nell' arco di un'anno