È buscìa o verità

Stampa questo copione

È BUSCÌA O VERITÀ

è BUSCìA O VERITà

Commedia in due atti

Personaggi

D. Bartolomeo Migliaccio, negoziante

Amalia, sua figlia

D. Felice

Giulio

Asdrubale

D. Anselmo, padre di Giulio

Luciella

Pulcinella

L ‘azione avviene in Napoli, epoca presente.

ATTO PRIMO

Camera in casa di D. Felice. Una porta in fondo. Tre porte laterali, una finestra a dritta dello spettatore. Due mensole con sopra orologi. Sedie ecc. ecc.

SCENA PRIMA

Giulio e Asdrubale, che esce.

GIULIO: Asdrù, che me dice?

ASDRUBALE: Steva ncoppa a lo lietto liggenno, l’aggio fatto la mmasciata e ha ditto che mò esce.

GIULIO: Bravo, bravo, Asdrubale.

ASDRUBALE: D. Giù, ve raccomanno de non fa scommiglià la mbroglia, pecché si no io songo fritto. Pe tanto me nce so’ mise mmiezo a sto fatto, pecché no tiempo so’ stato a servì a papà vuosto, e mò nce vò lo fatto, ve voglio bene; ma passà no guaio pò non me la sento.

GIULIO: Non dubità, che anche all’urdemo se scommoglia chi songo, saparraggio difennerte e pò no bello regalo sta preparato pe tte.

ASDRUBALE: Ma D. Giù, perdonate, vorria proprio sapé pecchè site venuto dinto a sta casa sotto autro nomme e co tanta premura?

GIULIO: Asdrù, tu sì stato tanto tiempo a servì a la casa mia, e so’ sicuro che de chello che te dico non ne farraje parola a nisciuno.

ASDRUBALE: E che m’avite pigliato pe quacche criatura?

GIULIO: Haje da sapè che io faccio l’amore co na bella figliola che ogge stesso vedarraje venì dinto a sta casa nzieme co lo patre, ricco negoziante, lo quale non sape niente de st’ammore nuosto; anze vene appositamente pe dà la figlia pe mogliera a lo patrone tujo D. Feliciello.

ASDRUBALE: Uh! E la figliola?

GIULIO: Figurate comme pò stà la poverella! Ajere me scrivette na lettera dicennome lo tutto e raccomannannome che me fosse trovato ccà quanno essa arrivava. Io non sapenno de che manera fà onde trasì dinto a sta casa, penzaje de cagnarme lo nomme e presentarme comme a no negoziante in cerca di D. Bartolomeo, lo patre de la nnammorata mia, pe combinà alcuni affari di negozio.

ASDRUBALE: Ma lo padre de la figliola non ve conosce?

GIULIO: No, non m’ha veduto maje. Conosce a papà però, e io perciò me so’ cagnato lo nomme e lo cognome.

ASDRUBALE: Bravo; vì quante ne sapite fa!

GIULIO: Oh! Dimme na cosa, sto D. Felice chi è, che carattere tene, comme la pensa?

ASDRUBALE: Eh, che volite che ve dico... E no turzo de carcioffola, non è buono a niente, non è buono a autro che a dì buscie, smamma cierte vongole nummero uno. La bonarma de lo patre lo voleva bene, e chello poco che teneva a isso l’ha lassato, e pe quanta castighe l’avesse potuto dà, non potette arrivà a levarle lo vizio de dì buscie, pe le quale cierte vote s’è trovato mmiezo a brutti guaje. Che nce volite fa, è no difetto che tene, e che se lo levarrà sulo co la morte.

GIULIO: Basta, chesto a me poco me mporta; o dice buscie, o dice verità, pe me è sempre lo stesso. Sento rummore. (Guardando.)

ASDRUBALE: Ah! è isso che vene. Io me ne vaco. Stateve attiento v’avisseve da tradì vuje stesso. (Via pel fondo.)

GIULIO: Non te ne ncarricà. Chisto dunche è D. Felice? Che figura arriffabile.

SCENA SECONDA

Felice e detto.

FELICE (con grossa veste da camera e berretto simile si presenta in iscena): Chi è? Chi me vò?... (A Giulio:) Sapete chi mi vuole?

GIULIO: Io, se non vi dispiace.

FELICE: Voi? Ah! Voi mi avete mandato l’imbasciata per il servo?... Abbiate pazienza se vi ho fatto aspettare un poco soverchio e se mi presento in questo modo. Dunque voi siete la persona che desiderate parlarmi? E quella bestia di domestico mi ha detto che eravate vecchio... Che gran bugiardo che è quello Asdrubale... Vecchio, ma dove sta questo vecchio?... Io voleva dire... Scusate sapete... perdonate... così mi fece pure l’altro giorno; venne un amico mio strettissimo, che io stimo moltissimo, e quell’asino di servitore gli disse che io non stava in casa; mi fece indisporre, parola d’onore; io poi che sono un uomo alla buona, precisamente come la buon’anima di papà, non mi piacciono queste cose! Dire che non ci sono, mentre sono in casa, fare aspettare una persona tanto tempo non è uso mio, come non usava nemmeno papà, ed io ho preso tutto il suo naturale, tutto perfettamente; e questa veste da camera sapete perché mi va così larga? Perché era di papà ed io dopo la sua morte non me ne sono incaricato farla stringere, o pure di farmene un’altra nuova, quello che portava papà debbo portare anche io. Basta, lasciamo questo discorso, sedete, vi prego. (Prende due sedie e seggono.) Dunque posso sapere con chi ho l’onore di parlare?

GIULIO: Ecco qua, vi dirò, io mi chiamo Luigi Porretto, e vengo appunto per...

FELICE Luigi Porretto? Porretto, ma io conosco questo cognome, sissignore: vostro fratello è tanto amico mio...

GIULIO: Mio fratello! (Chisto che dice... Aggio capito, Asdrubale m’ha ditto che è soleto a dì buscie, asseconnammolo.) Ah, conoscete mio fratello?

FELICE: Sissignore, eh, vi pare, siamo stati amici intimi... Seguitate, seguitate.

GIULIO: Dunque, avendo saputo che oggi deve arrivare in questa casa il signor D. Bartolomeo Migliaccio, mi sono portato qui onde conoscerlo e proporgli un affare di negozio.

FELICE: Ah, sissignore, e non tarderà molto a venire insieme alla figlia, mia promessa sposa.

GIULIO Ah! Voi sposate la figlia?

FELICE: Sissignore, tutto è combinato. Questo fu un matrimonio che propose la buon’anima di papà a D. Bartolomeo, che erano amici scorporatissimi, e mentre l’anno scorso si stava combinando il matrimonio, papà fu colto da una malattia che in due mesi lo trasportò nei più. Allora si disse, questo matrimonio si farà dopo il lutto, e così è stato; ma però questa volta D. Bartolomeo, il mio prossimo suocero, pare che avesse tutta l’intenzione di non combinare niente.

GIULIO: Come?

FELICE: E già, perché mi fa delle cose che non mi dovrebbe fare io mi ci son preso collera, parola mia d’onore.

GIULIO: Ma che vi ha fatto?

FELICE: Dovete sapere che io quando era piccolo teneva il vizio di dire qualche bugia, vizio che tengono tutt’i ragazzi fino allo sviluppo. Adesso regolarmente me l’ho levato in tutto e per tutto, parola mia d’onore. Ebbene indovinate che lettera ricevo iera sera da D. Bartolomeo? Ah, per fortuna la tengo qui... Sentite un poco. (Apre la lettera e legge:) «Carissimo Feliciello. Domani 18 luglio senza meno saremo da te io e Amalia onde combinare definitivamente il tutto. Bada però che se ti trovo ancora tanto bugiardo come lo sei stato sempre, e che ora mi avevi assicurato di non esserlo più, io non ne faccio più niente del matrimonio e me ne torno subito al paese. Bada e ricordati, che te l’ho avvisato».

GIULIO: (Che sento!).

FELICE: Che? Che vi pare? è lettera che si manda questa?... M’infuriai talmente ieri sera quando lessi questa lettera che diedi un pugno ad Asdrubale, quando me la portò, tanto forte che gli feci uscire sangue dal naso, e gli feci una faccia gonfia di questa maniera; poi gli cercai scusa: poveretto, che colpa aveva lui? Ma intanto in quel momento...

GIULIO: (Non è overo, io mò nce aggio parlato e steva buono... Ah! Che io stongo a cavallo, chisto smamma cheste vongole!).

FELICE: Che state dicendo?

GIULIO: Ah! Dico che si regolò malamente a scrivere chesta lettera.

FELICE: Sicuro, malamentissimo... Ma io quando viene glielo dirò... gliel’ho da dire a forza! Vedete che lettera.

GIULIO: Ma non serve poi pigliarsi tanta collera: D. Bartolomeo l’avrà ditto pe pazzià, sentite a me, non ci badate...

FELICE: Credete così?

GIULIO: Ma sì, credo fermamente che sto...

FELICE: E mi consigliate di non dirgli niente quando viene?

GIULIO: Chisto sarrìa lo parere mio...

FELICE: Sì me persuade... (Stringendogli la mano.) Grazie tante, accetto il vostro parere e poi sempre padre all’innamorata mia è, non mi conviene di far vedere che mi son preso collera Don... (Alzandosi.) D. Luigi, voi permettete un momento quando mi vado a mettere la giamberga ed esco... (Via.)

GIULIO: Facite lo commodo vuosto, io v’aspetto ccà. Ah! Cielo mio, te ringrazio, tutto va pe lo vierzo mio. Si veramente D. Bartolomeo l’ha scritto chella lettera, io me pozzo chiammà cchiù che fortunato. Chillo dinto a niente ha smammato no cuofeno de pallune...

SCENA TERZA

Asdrubale, poi Anselmo e detto.

ASDRUBALE: D. Giù, sapite chi sta saglienno li grade?

GIULIO: Chi?

ASDRUBALE: Papà vuosto D. Anselmo.

GIULIO: Tu che dice! Io non me voglio fà vedè, si no tutto è scommigliato.

ASDRUBALE: Comme? E si chillo trase ccà?

GIULIO: Mannannillo priesto, io m’annasconno ccà dinto. (Entra nella porta a seconda quinta.)

ASDRUBALE: E quanno maje D. Anselmo è venuto ccà?

ANSELMO (uscendo): Guè, Asdrù, tu staje ccà... Tutto me poteva credere, ma fora che chesto, che faje ccà dinto?

ASDRUBALE: Comme che faccio, e non lo sapite? Chello che facevo co vuje, lo servitore. Ma vuje comme va che site venuto da chesta parte?

ANSELMO: Comme va? Pe causa de chillo assassino de figliemo, che mmece de guardarme l’affare mieie dinto a lo magazzino, se ne va facenno lo nnamoratiello, e ccà ncoppa fa l’ammore.

ASDRUBALE: Ccà ncoppa? Chesto non pò essere, ccà ncoppa duje simme, o io,o lo padrone mio D. Felice, dunche o co me, o co D. Felice fà l’amore?

ANSELMO: Tu che staje dicenno, Asdrù, non pazzià. Haje da sapè che in questi giorni, non saccio quanno, deve venire in questa casa la nnammorata soja e lo padre D. Bartolomeo che è amico mio: figliemo sapenno chesto, si non e venuto, ccà ha da venì... e io ccà, nnanzo a tutte quante l’aggio da fa no scuorno. Eh, caspita! Me l’aggio puosto ncapo. Pe causa soja, stammatina non aggio potuto j ncoppa a lo Vommero, addò sto concertanno a cierti giovinotte no dramma: chille va trova che avarranno ditto, dimane a sera avevano da fa la prima rappresentazione: hanno pure mannato a pigliarse li vestite per lo servitore loro Pulicenella, e ‘ntanto io non m’aggio potuto movere da lo magazzino.

ASDRUBALE: Ma, D. Ansè, io ve pozzo assicurà che ccà lo figlio vuosto non nc’è venuto, crediteme.

ANSELMO: Si non è venuto, ha da venì, e tu si me lo faje ncoccià, io te rialo 20 franche.

ASDRUBALE: Va buono, nce penzo io, jatevenne.

ANSELMO: Tu saje la poteca mia, siccome vene, vieneme a avvisà... Briccone, briccone, si lo ncoccio... (Via.)

GIULIO (uscendo): Tante grazie, Asdrù. Comme cancaro è venuto ccà ncoppa io non lo saccio, chi nce l’ha ditto che io veneva ccà? Non voglia maje lo Cielo e asceva D. Felice ntiempo... Pure è buono che io me so’ cagnato lo nomme e lo cognome.

ASDRUBALE: No, chesto avite fatto buono. Anze m’ha prommise 20 franche pure che io le faccio ncuccià a vuje.

GIULIO: E io te ne dongo 40 si non me faje ncuccià.

Asdrubale: Oh, non dubitate pe chesto. (Prommette sempe, e non caccia maje no soldo da la sacca.)

SCENA QUARTA

D. Felice, vestito per uscire con spazzola in mano, indi Luciella, e detti.

FELICE: Oh, eccomi qui: vi ho fatto aspettare un poco, non è vero?

GIULIO: Niente affatto, pochissimo.

FELICE: Asdrù, puliscimi addietro. (Gli dà la spazzola.)

ASDRUBALE (esegue): Eccomi a servirvi.

FELICE: D. Luigi, io debbo andare a fare diverse piccole spese: m’ accompagnate?

GIULIO: Con tutto lo piacere.

FELICE: (chiamando): Luciella, Luciella...

LUCIELLA: Che commannate?

FELICE: (D. Luigi, questa è la mia cameriera, comme ve pare?).

GIULIO: (La trovo simpatica).

FELICE: Luciella, fatti avanti: questo signore dice che sei simpatica.

LUCIELLA: Bontà vosta, signò.

GIULIO: Graziosa veramente.

LUCIELLA: So’ l’uocchie vuoste.

FELICE: E così rispondi sempre: so’ l’uocchie vuoste, nonsignore, così è... Voltati, non ti mettere vergogna.

ASDRUBALE: (Se, sà comme se mette vergogna! Chella tene na faccia che nce può scognà pigne).

GIULIO: Non fa niente; lasciatela stare.

FELICE: Eh, io Luciella la voglio bene come una sorella: papà morendo me la raccomandò, anzi papà le promise 200 ducati quando io pigliava moglie, poi morì, io non potetti sposare più, e così ella non ebbe i 200 ducati; ma con tutto ciò, adesso che prendo moglie, l’avrà immancabilmente.

LUCIELLA: Io ve ne ringrazio tanto tanto... Basta che non ve facite scappà nisciuna buscia, pecché, secunno la lettera che avisteve da lo padre de la sposa, e che me facisteve sentì jersera, una che ne dicite, lo matrimonio se ne va nfummo, e co isso pure li 200 ducati mieje.

FELICE: Oh! Non nce pensà pe chesto, na buscia non m’esciarrà da la vocca. Dunque, D. Luigi, vogliamo andare? Torneremo subito.

GIULIO: Sono con voi.

FELICE: Luciella, ti raccomando, se per caso venisse la sposa col padre prima di noi, li farai aspettare, li farai ristorare, se si vogliono cambiare... Insomma tutto quello che vogliono, mi raccomando a te di servirli a dovere e non stare di cattivo umore, perché bugie non ne dirò... (Andandosene.) D. Luigi, voi se volete fare penitenza con me questa mattina, siete il padrone...

GIULIO: Grazie.

FELICE: Io ho un cuoco che cucina bene assaje. (Viano parlando.)

LUCIELLA: A proposito de buscie, mò n’ha smammata una cchiù grossa de isso. Addò sta sto cuoco?

ASDRUBALE: Ma è proprio n’affare serio co sto D. Feliciello: e comme tanta vongole pò smammà, è no vizio che non nce lo saccio perdonare.

LUCIELLA: Intanto io mò che me credeva d’avè li 200 ducate pecché se nzurava, tutto nzieme lo patre de la sposa le vene ncapo de scriverle chella lettera?

ASDRUBALE: Ma comme? Na buscia che dice, lo patre non le da cchiù la figlia?

LUCIELLA: Già...

ASDRUBALE: E allora miettete l’anema mpace e non nce pensà manco a li 200 ducate. Ma te pare a te mò, che chillo non dice buscie? Ah, chillo non po stà no momento senza scarrecarne na carretta?

LUCIELLA: E chesto è chello che m’arruina.

ASDRUBALE: (Quanto è aggraziata, quant’è bona! Cchiù la guardo e cchiù me nevaco de capo!). Tu quà arruina e arruina vaje dicenno! Si pierde li 200 ducate... fuorze nce sta na persona che te ne darrìa pure mille... si tu...

LUCIELLA: (E comme, sto sconciglio non se ne vò j!). Si io, che cosa, neh, Asdrù?...

ASDRUBALE: Si tu... che saccio... si vularrisse...

LUCIELLA: Ma che cosa?

ASDRUBALE: Che cosa... io mò che t’aggio da dicere... l’avarrisse da sape... avarrisse da essere tu che... (Arrivato sotto a la porta a prima quinta a sinistra sospira.) Ah! (E via.)

LUCIELLA: All’ossa de mammeta! Vuje vedite che s’ha puosto ncapo! (Alla finestra.) Che veco! Chillo giovene che vedette la prima vota ncoppa a la casa de la commarella mia, e che m’è tanto simpatico, sta vicino allo pasticciere derimpetto... e che fa llà?... Uh, m’ha visto. (Salutando.) Buongiorno... state buono?... Volite saglì?... Lo padrone non nce sta, mò le dico che sì. Eh, saglite... saglite... Uh, comme corre... Guè, appena nce l’aggio ditto... Ah! Che voglio vedè proprio de mettermece a fà l’amore, m’è tanto simpatico... Ma, mò veco che me dice, accossì me regolo...

SCENA QUINTA

Pulcinella, dal fondo con grosso involto di panni che pone sulla sedia appena entrato, e detto.

PULCINELLA: (Eccola qua, quanto è bbona, mannaggia l’arma de mammeta!... Sta vota però me so’ deciso, m’aggio fatto scrivere na lettera, e mò è lo momento de darcela).

LUCIELLA (colle spalle voltate): (è venuto, voglio vedè si s’arrecorda lo nomme mio...).

PULCINELLA: D.a Luciè, io sto ccà...

LUCIELLA: Uh, favorite, favorite, assettateve, m’avite da perdonà comme me trovate.., io steva arrecettanno.

PULCINELLA: Niente, D.a Luciè, vuje state sempe bene... e anche ambettola siete rispettabile...

LUCIELLA: Oh, grazie, grazie... A proposito, che d’è chella mappata che avite portata?

PULCINELLA: Vi dirò: siccome i figli de lo patrone mio nzieme ad altri amici loro, domani fanno una recita a lo teatro che sta ncopp’a lo Vommero, così m’hanno mandato a me da lo vestiarista co la nota a prendere diversi abiti... Io mi diletto...

LUCIELLA: Ah, so’ vestite de recitante?

PULCINELLA: Sissignora...

LUCIELLA: E mò da ccà, avita da j nientemeno ncoppa a lo Vommero?…

PULCINELLA: E già...

LUCIELLA: Uh, mamma mia! E comme ve fidate?

PULCINELLA: Embè che aggio da fà... piano piano nce arrivo...

LUCIELLA (come volesse dire qualche cosa, poi si astiene): Da quanto tiempo non vedite la commarella mia?...

PULCINELLA: Da chillo juorno che nce trovaje a vuje...

LUCIELLA: E pò non nce site stato cchiù?

PULCINELLA: Maje cchiù...

LUCIELLA: E pecché?

PULCINELLA: Si volite sapè la verità, mò ve lo dico, io non nce so’ ghiuto cchiù pecché la commarella se credeva che io voleva fà l’ammore co essa.

LUCIELLA (fingendo sorpresa): Veramente?

PULCINELLA: Parola mia... A me, pò, scusate che v’è commara, m’era antipatica assai.

LUCIELLA: Ma allora pecché la jeve a trovà?

PULCINELLA: Ma io non ghieva a trovà essa...

LUCIELLA: No?

PULCINELLA: Affatto.

LUCIELLA (urtandolo col braccio): E a chi jeve a trovà?

PULCINELLA (facendo lo stesso): A n’autra persona.

LUCIELLA (dopo un po’ di pausa): Neh, assettammoce.

PULCINELLA: Assettammoce... (Mò è lo momento de darle la lettera...) (Seggono.)

LUCIELLA: Scusate, pe non sapè li fatte vuoste, che stiveve facenno vicino a lo pasticciero?...

PULCINELLA: Io? Ah! Lo giovene de la pasticciaria è amico mio, e m’ha dato cierti nummeri pe me li fà jucà...

LUCIELLA: Ah! Vuje giocate pure?...

PULCINELLA: Sì, ma quacche vota.., a raro a raro... quanno me faccio quacche suonno; comme l’autra notte me sunnaje pare comme io fosse stato n’ommo ricco, ma ricco assaje che teneva cchiu de no milione de lire a lo juorno, e pare comme tutte li femmene me venevano attuorne, e chi me diceva: io te voglio bene, chi mi diceva: io moro pe te, n’autra io pe te vaco pazza; nzomma tutte quante volevano essere sposate. Tutto nzieme pare che io m’aveva jucato tutte li denare ed era rimasto senza no centesimo, allora pare che tutte ste femmene me jevene fujenno, tutte m’avevano lassato. Solamente una me diceva: io te voglio bene, io so’ sempe de la stessa ntenzione, io t’amarraggio assaje, e io pare che le risponneva: Sciasciona mia, aggraziata mia! Piro sciruppato, damme n’abbraccio, cara, bella cianciosa...

LUCIELLA: E pò?

PULCINELLA: Me so’ scetato.

LUCIELLA: Uh, che peccato! Quanto è brutto quanno uno se sta facenno no bello suonno e tutto nzieme se sceta. Io per esempio sta notte m’aggio fatto no magnifico suonno. Sentite. Pare comme io fosse stata dinto a na magnifica cammera, tanto bella acconciata, co divane, segge ndurate e ncoppa a na bella poltrona pare che nce steva assettata io. Tutto nzieme la porta derimpetto a me s’è aperta e no giovene tanto aggraziato traseva e me guardava fitto fitto. Io allora pare che l’aggio ditto: che vuò da ccà tu? A chi vaje trovanno? E isso co na faccia che faceva capì mille cose ha rispuosto: a te, a te vaco trovanno, angiolillo mio, ma... e pare comme se fosse mise scuorno de parlà. Parla, allora l’aggio ditto... parla na vota, non te mettere scuorno, vide che io a te sto aspettanno, vide che io sto ncoppa a li spine pe sentirte parlà... parla parla, dimme che me vuò bene... dille na vota, dimme che tu pure vaje pazzo pe me, comme io vaco pazzo pe te... sine, pare che ha ditto isso... sacce che io te voglio bene, sacce che io non pozzo stà no momento senza vederte... e mentre le diceva io... sciascione mio, mascolone mio, zucchero, aggraziato, bello... abbracciame... (Fredda:) me so’ scetata!

PULCINELLA: Oje neh, in che brutto momento che te sì scetata! (Mamma mia! Io stongo una zuppa... Oh! Ma non ne pozzo cchiù... Aggio pensato, mò la lettera me la faccio scappà nterra... essa l’aiza e...) (Prende la lettera da la tasca e la fa cadere.)

LUCIELLA: Dunche che nummere cacciarrisseve da sto suonno?

PULCINELLA: Eh... io... faciarria... 69 signore nobile e 17 ricchezza mobile...

LUCIELLA: Uh che v’è caduto?

PULCINELLA.: Ah!... Questa è na lettera che... (L’alza.)

LUCIELLA: E rrobba vosta?...

PULCINELLA: No, anze è rrobba...

LUCIELLA: De chi?...

PULCINELLA: Credo che sarrà caduta a voi.., non e mia...

LUCIELLA: Veramente?... (Ah, che marpione!) E che d’è sta lettera... è aperta pure.

PULCINELLA: Quanno è aperta leggimmola...

LUCIELLA: Liggitila vuje.

PULCINELLA: Sì...

LUCIELLA: lo non saccio leggere.

PULCINELLA: (Mmbomma! E chesto nce mancava, aggio fatto chesto mò). E io manco saccio leggere.

LUCIELLA: Uh! Aspettate, vene Asdrubale da chesta parte, mò me la faccio leggere da isso.

SCENA SESTA

Asdrubale e detti.

LUCIELLA: D. Asdrù, scusate, leggite sta lettera a chisto che non sape leggere.

PULCINELLA: (Non pregiudicanno d’essa).

ASDRUBALE: E chi è chisto?

LUCIELLA: è... Ah, è frateme Vicienzo che è venuto da fora, e m’è venuto a trovà.

PULCINELLA: Sissignore, io so’ lo si Vicenzo.

LUCIELLA (dandogli la lettera): Donche, leggite, facite priesto.

ASDRUBALE (mette gli occhiali apre la lettera e legge): «Donna Lucietta di questo cuore». (Lascia di leggere.)

LUCIELLA: Liggite appriesso.

PULCINELLA: Io so’ lo si Vicienzo.

ASDRUBALE: Vi che pacienza. (Leggendo:) «Dal giorno che vi vidi sopra alla casa della commarella vosta io non aggio cchiù pace, né arricietto, io non pozzo stà senza vederve, vuje site pe me la sola femmena che pò farme felice...».

PULCINELLA: Sì, sì, è overo, tu sì chella che m’haje pirciato lo core da parte a parte, tanno te vedette, e m’allummaie, ma mò non ne pozzo cchiù, tu sì bbona dinto all’arma de mammeta, lasseme vasà chella manella.

LUCIELLA: Te’, tutte li doje pe lo piacere che hai parlato finalmente; e che cancaro! Addavero non m’avive capito ancora. E comme non te ne sì addonato da li parole meje, non avive capito che io spanteco pe te, moro pe te, aggraziato, zucchero de Lucietta toja! (S’abbracciano.)

ASDRUBALE: All’arma de li mamme voste!... Vì che autre frate e sora!... E io che aggio fatto chesta figura! Va buono, mò che vene lo patrone le dico tutte cose!

PULCINELLA: Voi chi siete! Lo fratello di Tompus?

ASDRUBALE: Guè, non te piglià confidenza. Chi è chisto? (A Luciella.)

LUCIELLA: è uno che se chiamma Pulicenella Cetrulo, primma m’era amico, mò m’è nnammorato. Avite capito?

ASDRUBALE: Nnammorato!... Comme comme, e tu te nnammure de sto turzo de cavolifiore!

PULCINELLA: Vì chi parla, me pare Marcoffo dint’a la luna!

ASDRUBALE: A me Marcoffo dinto a la luna! A me? Sango de no cavallo scapuliato! Mò che vene lo patrone te voglio acconcià io. (Via.)

LUCIELLA: Donche, che facimmo?

PULCINELLA: Chello che vuò tu.

LUCIELLA.: Volimmo combinà sto matrimonio?

PULCINELLA: E quanno dico io. Tu sì serva, io so’ servitore, faticammo e magnammo.

LUCIELLA: Sì, ma nce vularria na somma de denare pe potè spusà, pe poterce equipaggià de tutto.

PULCINELLA: Se, dice buono, e addò la trovammo sta somma de denare?

LUCIELLA: Io avarria d’avè 200 ducate da lo patrone mio... ma... mannaggia la sciorta mia!

PULCINELLA: E pecché te dispiere?

LUCIELLA: Me dispero sicuro. Lo patrone mio m’ha prommiso de darmele quanno se nzorava.

PULCINELLA: Embè, avimmo d’aspettà quanno se nzora isso.

LUCIELLA: Chesto sarrìa niente, pecché ogge appunto arriva la sposa co lo patre.

PULCINELLA: Ah neh? Allegramente allora.

LUCIELLA: Niente affatto, pecché haje da sapè che lo patrone mio, D. Feliciello, tene no bruttissimo vizio... Nientemeno...

PULCINELLA: Piglia tabacco?

LUCIELLA: Volesse lo Cielo! Tene lo vizio de...

PULCINELLA: De lo juoco?

LUCIELLA: Nonsignore, tutt’autro che chesto.

PULCINELLA: E che vizio tene?

LUCIELLA: E no busciardo de primm’ordine. è capace che dinto a no minuto scarreca no cuofene de buscie.

PULCINELLA: E che nce ne mporta de chesto?

LUCIELLA: No, anze nce mporta assaie, pecché nientemeno lo patre de la sposa l’ha scritto na lettera dicennole che isso veneva ogge co la figlia onne combinà lo matrimonio, ma però si lo trovava ancora busciardo comme a primma, si diceva na sola buscia, se ne tornava subeto a lo paese e non ne faceva niente cchiù. Haje capito mò?

PULCINELLA: Uh, cancaro! Mò sì che aggio capito. Lo patrone tujo tene lo vizio de dì sempe buscie, è capace che se ne fà scappà una quanno sta lo patre de la sposa nnanze, chillo se nfoca, non ne fa niente cchiù de lo matrimonio, lloro non sposano cchiù, e de chesta manera non sposammo manco nuje. Oh, vedite che autra combinazione curiosa! Ma comme, non nce sta no mezzo comme non fà dì buscie a sto cancaro de patrone tujo?

LUCIELLA: Che mezzo... che mezzo... Chillo è no vizio che non se lo leva, è inutile... Aspetta, se potarria combinà per esempio che quanno D. Feliciello sta pe dì na buscia, io me meno mmiezo, e... Seh, me meno mmiezo... non è cosa, comme a serva non me conviene.

PULCINELLA: E pensammo quacche cosa?...

LUCIELLA: E che pensammo?

PULCINELLA: Aspè, aggio pensato...

LUCIELLA: Che haje pensato?

PULCINELLA: L’unico mezzo è chisto: mettimmno no taccariello mmocca a lo patrone tujo, accossì non pò parlà, e non dice buscie...

LUCIELLA: Uh, vattenne, non dì bestialità... Sento rummore...

SCENA SETTIMA

Asdrubale, prima dentro poi fuori, indi Bartolomeo, Amalia e detti.

ASDRUBALE (di dentro): Favorite, favorite, da questa parte.

LUCIELLA: Uh, vene gente... (Guarda in fondo.) E appunto la sposa e lo patre che so’ arrivate... Mò non te pozzo dicere niente... va te miette dinto a chella cammera, chiudete da dinto e non ascì si non quanno te lo dico io, non risponnere a nisciuno si non siente la voce mia.

PULCINELLA: Ma chella cammera di chi è?

LUCIELLA: è la mia.

PULCINELLA: Io vaco, Luciè, viene priesto.

LUCIELLA: Non te ne incarricà, vattenne, puortete sta mappata. (Gliela dà.)

PULCINELLA: Statte bona, sciasciona mia. (Via pel fondo a sinistra.)

LUCIELLA (guardando alla porta di fondo): Li vì ccà, stanno venenno.

BARTOLOMEO (entrando appoggiando Amalia): Oh! Questo poi non lo credeva! Come, come, Feliciello non è in casa?

ASDRUBALE (uscendo): è asciuto da poco, ma mò lo vedarrate tornà, è ghiuto fino a Toledo pe fà diverse spese nsieme co no giovinotto. (Marcato per far capire ad Amalia.)

AMALIA: (Chisto è certamente Giulio mio!).

LUCIELLA: Ma signò, lo patrone m’ha rummaso ditto che si vuje arrivaveve prima d’isso v’avesse servuto ntutto chello che v’abbisogna, comme è dovere mio.

BARTOLOMEO: Sì, sì, bella figliò, primma de tutto famme lo piacere de farme saglì chilli bagaglie che stanno abbascio a lo palazzo.

ASDRUBALE: Pecchesto mò ve servo io signò. (Have ragione D. Giulio la figlia de chisto è bona assaje!) (Via.)

LUCIELLA: Assettateve: cheste so’ li segge. (Dà loro le sedie.) Dateme a me sto scialle. (Toglielo sciallo ed il cappello ad Amalia. I due seggono.) Volite che ve vaco a fà na tazzolella de cafè?

BARTOLOMEO: Che dice ne, Amà, te lo piglie no poco de cafè?

AMALIA: Che saccio, regolateve vuje. (Di mala grazia.)

BARTOLOMEO: Uh! Amà, finiscela co sto male umore, per carità! M’haje proprio seccato... e che cancaro! Pare che t’aggio ditto che non te voglio vedè accussì...

AMALIA: Ma che volite da me? Volite che ve faccio na ballata, volite che me metto a cantà, a ridere, a pazzià?

BARTOLOMEO: Non dico questo, ma nemmeno comme staje tu! Me pare comme avisse da j a la forca.

AMALIA: Pe me è no poco peggio!

LUCIELLA: Signò, scusate si me mmesco mmieze a sti fatte. Che ne volite da chella povera figliola, se sape, chella è prossema a essere mugliera, pensa che s’ha da spartere da vuje, chi sa che se crede, e perciò sta de male umore.

BARTOLOMEO: No, non è propriamente questo, bella figliola mia: devi sapere che a lei non le sona tanto buono sto matrimonio, non se vularria spusà a Feliciello, pecché dice che non le piace... ma chisto è lo fatto che essa a Feliciello s’ha da piglià. Un padre non può volere il male della propria figlia. A me Feliciello me persuade, sta buono de fortuna, e se si ha levato il vizio di dire bugie, io...

LUCIELLA: Oh, pecchesto, ntanto signò, non nce pensate manco: se l’ha levato ntutto e pe tutto, non dice na buscia manco si lo scannate! Crediteme...

BARTOLOMEO: No, io ti credo. E poi pecché adesso tutto nzieme te vene ncapo de dì che no? L’anno passato te lo volive sposà, e mò faje la smorfiosa, ma pecché, pecché, domando io...

LUCIELLA: Signò, non le dicite niente cchiù. La vedite che non risponne? Ma comme, non ve n’addonate che chella lo vò bene, non vedite che chella faccia dice proprio: e quanno, quanno vene?...

AMALIA: Oh, chesto è certo. (Ma pe vedè a Giulio non a isso.) Ma però vuje non ve scordarrate già de la promessa che m’avite fatta?

BARTOLOMEO: Quà promessa?

AMALIA: Comme, che si Feliciello dice na buscia...

BARTOLOMEO: Sì, non te lo faccio sposà. Ah, non dubitare per questo.

SCENA OTTAVA

Felice, Giulio e Asdrubale, prima dentro poi fuori, e detti.

FELICE (di dentro): Lassa, lassa a me: voglio avere il piacere io de portarle i bagagli.

ASDRUBALE (c.s.): Nonsignore, chiste pesano.

FELICE (c.s.): Non me ne preme niente.

BARTOLOMEO: Ah, la voce soja. (Alzandosi.)

LUCIELLA: Sissignore, isso è. (Guardando.)

AMALIA: (Ah, vene... Giulio sta co isso... finalmente). (Alzandosi.)

LUCIELLA: Lo vedite o no, comme s’è mise in allegria.

BARTOLOMEO: E che saccio, io non la capisco a chesta.

AMALIA: (Eh! Si sapisseve!).

FELICE (uscendo con un baulle in mano ed un altro sulle spalle): Oh! Eccomi qua.

BARTOLOMEO: Che haje fatto, haje sagliuto tu li baugli?

FELICE: Sì, pecché dinto a sti baugli nce sta roba vostra e della mia cara Amalia, ed io per questo ho voluto provare un dolce peso! (Li gitta a terra.) Intanto dateme no bacio, n’abbraccio. (Abbraccia D. Bartolomeo.) Spusella mia cara cara, comme staje? Staje bona? (Le bacia la mano e va alla porta di fondo e chiama.) D. Luigi, favorite, ecco qua D. Bartolomeo. (Giulio entra.)

AMALIA: (Ah, Giulio mio!).

GIULIO: (Amalia sta ccà). (A Bartolomeo:) Signore, signorina...

FELICE: Papà, vi presento il signor D. Luigi Porretto, il quale vorrebbe parlare con voi di un affare di negozio, ma non adesso, perché è impossibile, adesso dobbiamo pensare tutt’altro che questo, intanto stammatina mangerà con noi, non è vero?

GIULIO: Come volete.

FELICE: Neh, e stiamo all’impiedi, sediamoci... Luciella, le sedie.

LUCIELLA (con le sedie): Eccole ccà. (Tutti seggono.)

BARTOLOMEO: Dunque, pare che adesso non ci sarà affatto ostacolo a sto matrimonio, come l’anno passato. Allora si dovette sospendere perché succedette chella sorta de disgrazia, ma mò credo, anzi spero che non accadesse niente.

FELICE: Oh, questo lo spero io pure.

LUCIELLA: (E io cchiù de tutte!).

FELICE: Figuratevi... quest’anno mi è parso un secolo, pareva che non fosse fenuto maje...

LUCIELLA: (Cielo mio, non le fà dì buscie!).

GIULIO: (Cielo mio, falle dì na buscia!).

FELICE: Se volete sapere la verità io non mi fidava di stare più senza mogliera... Io non saccio come aggio sofferto fino a mò. Hanno avuto voglia de dì l’amice mieie: non te nzurà, non te nzurà, pecché se no tu perdi la libertà, tu diventerai infelice...

AMALIA: (Papà, stateve attiento se dice buscie).

BARTOLOMEO: (Fino a mò non ha ditto ancora).

FELICE: Niente, niente, mi voglio ammogliare... e poi perché mi dite che chi se nzora, passa no guaio? Perché me dite che il matrimonio è l’ultima disgrazia che può passare un uomo? Ma perché? E ci è più bella cosa del matrimonio? C’è maggior felicità di due giovani che se vonno bene l’uno co l’autro... Che se guardano mocca sperute, c’è più felicità de ritirarte a casa e trovà mogliereta che t’aspetta, che te fa trovà la cammisa fresca pe te cagnà e tutto chello che nce vò pronto e apparecchiato... E tu così farai, non è vero, Amaliuccia mia?

BARTOLOMEO: Oh, te pare, vedrai come te volarrà bene.

FELICE: Amaliuccia mia, dal canto mio non te darraggio nemmeno l’ombra de lo dispiacere. Tutto quello che vuoi avrai da me. Chello che te piace de mangiare te faccio mangià... tutto... tutto quello che vuoi: per esempio a me me piacene tanto le brasciole mputtunate de passe, pignuole, petrosino, eccetera. E a te te piaceno?

BARTOLOMEO (ad Amalia): Respunne, te piaceno?

AMALIA: Sì.

FELICE: Sì, benone... Nemmeno se lo avessi saputo, io faccio tutto per contentarti. Stammatina appunto mangiammo brasciole. Sì, brasciole...

BARTOLOMEO Ah! Haje fatto fà li brasciole?

AMALIA: (Papà, fosse na buscia?).

BARTOLOMEO: (E io che ne saccio, aspetta). Guè, manco si avisse saputo che a Amalia le piacevano.

FELICE: Ma vi pare, io nce le faceva trovà. Se lo sapeva dall’anno scorso che le piacevano. Ieri sera me chiammaje lo cuoco e l’ordinaje che avesse fatte li brasciole pe stammatina.

LUCIELLA: (Lo cuoco! L’è scappata la primma, ed è grossa pure!).

BARTOLOMEO: Ah, tiene pure lo cuoco?

AMALIA: (Papà chesta è na buscia, lo cuoco non l’ha tenuto maje!).

FELICE: Sicuro, tengo no cuoco che ne posso andare superbo ha servito nelle prime case nobili; pe soprannome lo chiammano Monzù Pastabignè. Ve dico che me fà cierti piatti magnifiche proprio. L’altro ieri me fece no sartù de rise che poteva ire nnanze a no principe. Che bella cosa... Io le do trenta ducate a lo mese e tutta tavola... Oh, ma che brav’ommo, che bravo ommo!

AMALIA: (è buscia, è buscia chesta!).

BARTOLOMEO: Feliciè, vuò sapè la verità, io sto fatto de lo cuoco non lo credo.

FELICE: Come!

LUCIELLA: (Ah! Pulicenella sta dinto. li vestite stanno llà, mò vedimmo de mpattà la facenna). (Via.)

FELICE: Non lo credete?...

AMALIA: No, non vi crediamo.

BARTOLOMEO: Zitta tu, Feliciè, alle corte; tu jeri sera ricevesti una lettera mia?

FELICE: Sissignore.

BARTOLOMEO: Dinto a chella lettera che diceva?

FELICE: Che ogge sarrisseve arrivato co Amalia pe combinà definitivamente il matrimonio.

BARTOLOMEO: E appriesso che diceva?

FELICE: Niente cchiù... Ah, no... diceva che se io seguitava ad essere bugiardo, voi non avreste fatto niente più del matrimonio, embè?

BARTOLOMEO: Ebbene, io me credeva che ti trovava cambiato, tu invece sei sempre quel bugiardo di prima, tu non fai per mia figlia! (Tutti si alzano.)

FELICE: Ma scusate, quale buscia aggio ditto?

BARTOLOMEO: Haje ditto che tiene lo cuoco, mentre io saccio che maje l’haje tenuto.

FELICE: (Mannaggia sta vocca!).

BARTOLOMEO: Bugiardo, bugiardone!

FELICE: Ma D. Bartolomeo, io...

BARTOLOMEO Non nc’è io che tenga. Io te l’aveva avvisato. Uomo avvisato mezzo salvato... Quanno maje haje tenuto lo cuoco tu? Busciardo... Niente, non ne voglio far niente più del matrimonio...

FELICE: Ma perché?... Chi ve dice che è na buscia?... Io non songo busciardo...

BARTOLOMEO: Bè, io mò sa che faccio? Vaco mò proprio dinto a la cucina, e si non trovo lo cuoco, parola mia d’onore, me porto a figliema n’autra vota a lo paese!... (Per entrare.)

FELICE: No momento, addò volite j?

BARTOLOMEO: Dinto a la cucina a trovà lo cuoco... (c.s.)

SCENA NONA

Pulcinella, da cuoco, e detti.

PULCINELLA: Volite a me? M’avite da dà quacche comanno? Non c’è bisogno de venì vuje dinto a la cucina, ve potite sporcà. Ah, fuorze teniveve appetito e me veniveve a sollecità? Non serve, non serve affatto... tutto è pronto: la tavola è bella e apparicchiata. Li maccarune se stanno sculanno, li brasciole so’ pronte, tutto è fatto, anze so’ io che vengo a sollecita a vuje, onde farve j a tavola...

BARTOLOMEO: Nzomma, tu sì?...

PULCINELLA: Monzù Pastabignè lo cuoco de D. Felice qui presente.

BARTOLOMEO: Comme!

FELICE (sorpreso): Lo cuoco!

AMALIA: (E non era na buscia).

BARTOLOMEO: Insomma Feliciello ha ditto la verità: io me credeva che aveva ditto buscia dicenno che teneva lo cuoco.

PULCINELLA: Niente affatto, lo patrone mio non ha ditto maje buscie: è vero, dicite buscie vuje?

FELICE: Io... no... ma...

PULCINELLA: Ma, ma... volete dire che sto signore se credeva che non teniveve lo cuoco... Oh, ma quanno maje D. Felice ha ditto buscie... Ma ntanto non ve perdite nchiacchiere, jate a tavola che tutto è pronto... sta jornata v’alliccarrite proprio le dete. Ieri sera lo patrone m’ordinaie che stammatina avesse fatte le brasciole, e io appena fatto juorno me lo so’ puosto a fà... jate, jate a tavola...

BARTOLOMEO: Feliciello mio, perdoname si t’aggio ditto chelle parole: che vuoi, me credeva che avive ditto na buscia, perdoname, me ne pento. Amà, io te l’aveva ditto che Feliciello non me faceva piglià collera. Ah, vedo che ho avuto torto de farte chella sparata...

FELICE: (Io sto comme all’aseno mmiezo a li suone!).

SCENA DECIMA

Luciella, e detti.

LUCIELLA: Li maccarune stanno ntavola.

FELICE (a Luciella): (Sto pranzo da dò è asciuto?).

LUCIELLA: (Da lo trattore vicino...).

BARTOLOMEO: Jammo, jammo a mangià, non ne sia niente più. Viene, Feliciè, mò veramente te voglio cchiù bene de primma. Signor D. Luigi date il braccio a mia figlia.

GIULIO: Subito. Mi fo un dovere. (Esegue, andandosene.) (Amalia mia!)

AMALIA: (Giulio de sto core!). (Viano.)

BARTOLOMEO: Viene, Feliciè, viene, chesta cosa mi ha fatto smovere cchiù l’appetito. (Via.)

FELICE: Luciè, chisto chi è?

LUCIELLA.: Comme chi è? E lo cuoco vuosto, vuje l’avite ditto... venite a mangià, venite a mangià. (Via.)

FELICE: Ne, guè, chi cancaro sì tu? Da dò sì venuto? Chi t’ha mannato? Parla mmalora!...

PULCINELLA: Che volite sapè?

FELICE: Tu chi sì?

PULCINELLA: Io songo Monzù Pastabignè, lo cuoco vuosto, vuje l’avite ditto; certamente non avite ditto buscia.

FELICE: Comme... io...

PULCINELLA: Vuje site lo patrone mio. Vuje me date 30 ducate a lo mese, e io ve servo...

FELICE: Ma siente...

PULCINELLA: Mò non pozzo darve retta, tengo li brasciole ncoppa a lo fuoco, me metto paura che non pigliano sotto... dateme licenzia...

FELICE: Ma...

PULCINELLA: Non pozzo... le brasciole me premeno assaje. (Via seguito da Felice.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Camera come nel primo atto.

SCENA PRIMA

Asdrubale e Luciella, indi Pulcinella poi Felice di dentro.

LUCIELLA: Ma nzomma, me vuò fà fà chello che aggio da fà, sì, o nò?... Chille stanno tavola, pò essere che me chiammene e io non voglio avè na cancariata pe causa toja...

ASDRUBALE: è inutile: io non te lasso doppo che avesse da succedere lo finemunno, io aggio da sapè comme dinto a no momento haje avuto lo coraggio de cagnarte de chesta manera...

LUCIELLA: Me so’ cagnata? De faccia non credo, pecché poco nnanze me so’ vista dinto a lo specchio, e so’ tale e quale comme era primma... E l’aggio avuto da cambià pe forza, te pare, tenimmo forastiere a tavola stammatina, non era decenza de presentarme co la veste che porto ogni ghiuorno...

ASDRUBALE: Seh, me faje la spiritosa, vuote li pisce che s’abbrusceno, ma non me faje persuaso, è troppo chello che aggio visto co st’uocchie, e chello che aggio ntiso co sti rrecchie per lasciare il menomo dubbio sulla tua depravata condotta. Nfama, traditrice, spergiura! E comme, lasse questo pezzo d’uomo che te poteva dare na magnifica posizione, pe no disperatone, che non se sape da dò è venuto... Mi lasci, mi abbandoni, mi tradisci doppo tutto chello che aggio fatto pe te.

LUCIELLA: Neh, se è lecito che avite fatto?

ASDRUBALE: E me l’addimmanne... Non so’ stato io che t’aggio fatto trasì dinto a sta casa, non so’ stato io che t’aggio difesa sempe, non sì stata tu che m’haje svacantato sino all’autriere lo vorzillo, facennete accattà veste, vesticciolle, muccatore, muccatorelle, eccetera, eccetera: e quanno credeva de tenerte dint’a na mano, quanno steva llà llà pe farte la mia dichiarazione amorosa me faje trovare in casa no cavolosciore qualunque, che non saccio io stesso da dò è asciuto, e sotto all’uocchie mieje te nce trove sgargianno na mascella, e spudaratamente mi fai anche interpetre delle tue jacuelle amorose, facennome leggere chella canchera de lettera che è stato il suggello del tuo infame procedere... a me; a n’ommo de chesta fatta, me faje smicciare chella razza de cannela, a uno che se sarrìa jettato a mare pe farte felice; me faje chesta sorta d’azione!... Va, che sei una ciantella... va, che non meriti neanche uno sguardo da un uomo integerrimo come sono io! Pùh.

LUCIELLA: Comme, comme, vuje teniveve quacche ntenzione pe me?...

ASDRUBALE: Sicuro, voleva farti mia a qualunque costo.

LUCIELLA: E pecchesto me faciveve tanta rialucce?

ASDRUBALE: Se capisce, nell’idea di renderti propizia ai miei amorosi desiderii.

LUCIELLA: Veramente? Vedite cierte vote succedono cose che uno non se li pò maje smacenà.

ASDRUBALE: Comme, non te ne iere maje addonata?

LUCIELLA: Nient’affatto!... Ma come voliveve che avesse potuto pensà a na cosa simmele, na vota che aveva da fà co n’ommo che me pò essere diece vote patre, na vota che l’ommo che teneva ste ntenzione era no sconciglio, brutto viecchio, stuorto, co lo lampione, e cient’autre malanne ncoppa a li spalle, che te fanno ribrezze sule a pensarce! Aggiate pacienza, D. Asdrutale mio, ma chisto era n’annevino che manco Barbanera co tutto lo studio sujo l’avarria fatto, comme voliveve che l’avesse fatto, che non saccio scrivere manco lo nomme mio?

ASDRUBALE: Dunque non nce avive maje pensato? E mò che lo saje?

LUCIELLA: Mò che lo saccio, te dico, che vuoca fora che è maretto, pecché lo scorfano è stato sempe no pesce chino de spine, e annozza nganna, e primma de nfelicitarme la vita mia co ttico, me jarria a ghittà a mare che sarrìa meglio!...

PULCINELLA (uscendo): Neh, Luciè, me pare che chesta non sia maniera, comme me lasse sulo dinto a la cucina e te ne viene a parlà con questo rangotango Brasiliano!

ASDRUBALE: Neh, neh, signor cuoco dei miei stivali, badate che ve faccio stà a dovere... Vuje forse ve credite che io songo no picchipacchio, ma io non songo uno de chille che se soffrono gl’insulti da uno qualunque come siete voi, io non me faccio passà la mosca pe lo naso...

PULCINELLA: Scusate, mò avite ditto na ciucciaria... Sciò, sciò, sciò... fino a mò ve so’ passate non una ma tre mosche per il vostro carcioffoloso naso, e una ve sta cammenanno ancora pe coppa a lo lampione. (Va come per uccidere la mosca e gli dà un pugno in testa.)

ASDRUBALE: Mall’arma de mammeta!... Seh, haje avuto l’ardire de darme no punio, mò t’acconcio io, te voglio fà vedè de che so’ capace... Senga, piglia, grannissema carogna. (Gli tira un pugno.)

PULCINELLA: A me!... Ah, vuò fà lo guappo...

ASDRUBALE: E te, senga... (Si bastonano.)

FELICE (di dentro chiamando): Asdrubale...

ASDRUBALE: Lo padrone me chiamma... E va bene. (Via.)

PULCINELLA (l’accompagna a calci).

LUCIELLA: E ferniscela, ferniscela tu pure, non fà tanto lo zurfariello, vattenne cchiù priesto dinto a la cucina, e fa tutto chello che t’aggio ditto, si veramente me vuò bene...

PULCINELLA Pe volerte bene non nc’è da mettere cchiù dubbio, ma si chille m’ordenano quacche piatanza, io non la saccio fà, se n’addonano che non so’ cuoco e me sconquassano la cucina...

LUCIELLA: Comme sì scemo addavero: non nce avarria da essere io pe succedere tutto chesto. Dimme na cosa, lo pranzo de stammatina l’haje fatto tu?

PULCINELLA: No...

LUCIELLA: Le brasciole che so’ piaciute tanto a la sposa, chi l’ha portate?

PULCINELLA: Lo trattore...

LUCIELLA: E chillo stesso trattore seguitarrà a portà lo magnà nzi a tanto che farraje tu la parte de lo cuoco.

PULCINELLA: E tutte sti denare p’ordinà lo pranzo chi le paga?

LUCIELLA: Lo patrone... Dimme na cosa, haje piacere veramente d’esserme marito quando cchiù priesto se pò?

PULCINELLA: Te pare, io vorria firmà mò stesso li capitole matrimmuniale...

LUCIELLA: Embè, m’haje da promettere de fà tutto chello che te dico io, si no non succede lo matrimmonio de lo patrone, non aggio li 200 ducate e lo sposarizio nuosto se ne va nfummo. Per mò vattenne dinto a la cucina, e non te movere se non te lo dico io...

PULCINELLA: Va buono, non me movo si non me lo dice tu...

LUCIELLA: E quanno vaje?

PULCINELLA: Mò, si primma non me daje lo buon viaggio, comme vuò che vaco...

LUCIELLA: Lo buon viaggio, e che haje da j in America?

PULCINELLA: Va buono che non aggio da j in America: ma da ccà a gghì dinto a la cucina, sempe no viaggio è...

LUCIELLA: E si è lecito, che sarrìa sto buon viaggio?

PULCINELLA: N’abbraccio, no vase ncoppa e sta manella, che è accossì cianciosa...

LUCIELLA: Chesto mò non pò essere. Non sta bene...

PULCINELLA: Non sta bene? Anzi sta benissimo... questo è un intingolo che non se ne pò fà ammeno... Addio, nennella mia aggraziata, sciasciona, zuccaro cannella de Pulicenella tujo. (Via.)

LUCIELLA: Chisto mò è no nzertone, ma m’è simpatico, e lo voglio bene, e si lo Cielo me benedice, me lo sposo co tutto lo core. (Va in fondo.)

SCENA SECONDA

Bartolomeo, Felice, Giulio, Amalia, e detta; poi Asdrubale.

BARTOLOMEO (uscendo): Caro Feliciello, abbi pazienza; ma nfra de nuje non nce volevano tanta cerimonie... Te pare mò, che nc’era bisogno de spennere na moneta pe fà na tavola così eclatante?

GIULIO: Non ci mancava niente... tutta roba squisitissima, veramente che lo cuoco vuosto lavora bene...

FELICE: Questo è niente a fronte de chello che sape fà: v’assicuro che sto cuoco che aggio pigliato mò, è no vero portento. (Io teneva lo cuoco e non ne sapeva niente.)

BARTOLOMEO: E io che me credeva che era na buscia che avive ditto!... Che vuoi, persuaso che tu decive sempe buscie, ho creduto che l’affare de lo cuoco non era vero. Del resto mò che aggio conosciuto che aveva pigliato no sbaglio, te cerco scusa de le parole che t’aggio ditto, e spero che non starai in collera con me.

FELICE: Ma ve pare, m’avite da essere parente, e qualunque cosa me dicite non pozzo avermelo a male, pecché capisco che lo facite pe bene mio.

AMALIA (piano): Papà, avite badato si a tavola avesse ditto quacche autra buscia?

BARTOLOMEO (c.s.): A tavola no, pecché non ha ditto manco na parola.

AMALIA (c.s.) So’ sicura però che adesso che ha mangiato, parlerà ed allora vedrete quanto ne scarreca.

FELICE (da sé): Sto maleditto vizio de dì buscie non me l’aggio maje potuto levà: a tavola pe non ne smammà quaccheduna grossa, me songo stato senza dì na parola: mò vedimmo se arrivo a combinà sto matrimmonio. (Forte.) Ed il caffè che ci ha fatto il cuoco?

BARTOLOMEO: Squisito!...

FELICE: Dicono chello che vonno, ma lo cafè de casa, è altra cosa... L’altro giorno capitaje pe combinazione ncoppa a lo Corso, e p’aspettà n’amico fuje costretto a pigliarme na tazza de cafè dinto a no cafettuccio che stà llà ncoppa... Figurateve na vera porcaria, e pe causa de chello cafè mi successe un fatto veramente straordinano...

AMALIA: (Mò ne scarreca quaccheduna grossa...).

GIULIO: Dite, dite.

BARTOLOMEO: Seh, contece che te succedette.

AMALIA: Sarrìa curiosa de sapè...

LUCIELLA: (Cielo mio, mantienele la lengue, sinò addio li 200 ducate!).

FELICE: Mi successe un affare stravagante, nuovo, che non ve lo potete mai immaginare. Io stavo come vi ho detto dentro al caffè sopra il Corso aspettando un amico: pe non fà vedè che steve llà dinto senza piglià niente, m’ordinaje una piccola tazza... Amici miei, non me l’avesse maje pigliato: me venette tale e tanto vutamiento de stommaco che n’autro poco moreva. Vicino a me nce steva assettata na signora, la quale vedenno che no colore me jeva e n’autro me veneva, cacciaje na boccettina d’odore da dinto a la sacca, me la facette addurà, me ne mettette no poco nfronte, insomma mi usò quelle cure che mi abbisognavano in quel deplorabile stato. Non l’avesse maje fatto! Se trova venenno lo marito ntiempo, e voleva cunto e ragione da me pecché steva vicino a la mogliera... Io voleva giustificarrni, ma isso non me dette lo tiempo, pecché m’arrancaje no paccaro, che pe bona fortuna non me lo cogliette...

AMALIA: E vuje?

FELICE: Io vedenno chesto le dette ncuollo, l’afferraje, lo menaje nterra, e...

AMALIA: Che le facisteve?

FELICE (Mmalora! Me steva scappanno na buscia). Non le facette niente, per evitare una compromissione...

BARTOLOMEO: E l’amico che aspettavate venette?

FELICE: Niente affatto, me facette stà mezza jornata llà dinto.

TUTTI: Pecché?

FELICE: Pecché doppo venette chillo sorte de temporale, io steva senza mbrello, e m’avette da stà schiaffato llà dinto fino a 22 ore che schiaraje no poco.

GIULIO: E quando v’è successa questa avventura?

FELICE: Avanti ieri.

GIULIO: Ma l’altro giorno non ha piovuto.

BARTOLOMEO: Cinco o seje giorne fa facette chillo brutto temporale.

FELICE: Già giusto... che volete, certe volte la capa se ne va, e uno se crede che è succiesso l’autro juorno no fatto de sette o otto juorne fa.

LUCIELLA: (Meno male, se sta mantenenno proprio ncoppa a no taglio de cortiello).

BARTOLOMEO: Sentite, l’uragano de la settimana scorsa me facette mettere paura, me credeva proprio che s’avverava la predizione de chillo grande astrologo pe lo fatto della stella co la coda pecché la tempesta fu accossì terribile che la casa me tremmava sotto a li piedi, aveva paura che veramente nce ne jevemo all’auti cazune tutte quante...

FELICE: Questo pò non poteva succedere, pecché il tempo stabilito da quel celebre astrologo non era venuto ancora...

BARTOLOMEO: Anzi, al contrario. Lunedì scorso era proprio la giornata stabilita nel libretto stampato, in cui si dice che la cometa doveva urtare con la terra, e nce n’avevamo da j a fà friere tutte quante...

FELICE: Chisto è no sbaglio che avete preso... L’urto della cometa con la terra può accadere verso la fine di ottobre, mò stammo a luglio, vedite che nce vonno 3 autre mise.

BARTOLOMEO: Ma se io l’aggio letto nel libretto e su i giornali.

FELICE: E no sbaglio, vi replico, pecché a me me l’ha ditto l’astrologo istesso che è grande amico mio...

GIULIO: L’astrologo è vostro amico?

AMALIA: Amico vuosto?

FELICE: Sicuro... ieri sera siamo stati uniti, anzi avimmo cenato pure nzieme fora a la marina per osservare meglio le stelle.

GIULIO: Ora sì che l’avete detta grossa. Come è possibile che ieri sera avete cenato con l’astrologo, se sono già due mesi che trovasi a Vienna, secondo annunziano tutti i giornali.

AMALIA (piano a Bartolomeo): Chesta è buscia bella e bona.

FELICE: Sicuro, avete ragione che due mesi fa partì per Vienna, ed è vero che l’annunziarono tutti i giornali; ma dopo un mese e mezzo per affari di famiglia, è ritornato un’altra volta in Napoli e siccome è mio grande amico, mi venne subito a far visita e chella matina mangiaje pure co me. Me dispiace che non m’ha lasciato l’indirizzo, si no ve portarria mò pe mò a la casa soja per farve conoscere la verità del fatto.

AMALIA: (Papà, non lo state a sentì, è buscia chiara e tonna).

BARTOLOMEO (alzandosi): Felì, tu non me la mmucco, mò nce rompimmo n’autra vota, chesta è na buscia cchiù grossa de te; ma che m’haje pigliato pe no ntonntaro che me vuò dà a rentennere sti ciucciarie?

LUCIELLA: (Uh, bonora! Lo viecchio se nfoca, cercammo d’arreparà). (Via.)

FELICE: E pure, v’assicuro che quanto v’aggio ditto è la pura verità... Non ci è giorno che io non passo no paro d’ore con quel grande uomo.

GIULIO: D. Felì, veramente che le state dicendo grosse... Voi l’astrologo l’avete preso per un ragazzo, per un ridicolo qualunque che va e viene e perde il tempo con voi a cenare fuori la manna la sera... Abbiate pazienza; queste sono corbellerie che neanche i bambini se le ingojerebbero, e mi fa meraviglia come vi sia saltato in mente di darla ad intendere a me che non sono un asino qualunque, ed a D. Bartolomeo, che è una persona di buon senso: scusatemi ma queste sono cose che non stanno, credete a me, non stanno.

FELICE: Neh, D. Luigi, vuje pecché ve nfucate de chesta manera, se è lecito? Dinto a la casa mia me facite sta sorta de sparata, me venite a mparà de creanza, d’educazione, doppo che v’aggio fatto magnà co mmico... Mò ve n’avite pigliate troppo... mò me ne vaco da capo, ve manno a fà friere, e felice notte.

GIULIO: A me questo insulto! Mi dispiace che vi trovate in casa vostra, e la mia educazione non mi permette di trattarvi come meritate, ma se avete il coraggio di ripetermi abbasso quanto mi avete detto qui sopra, vi darò una lezione che ve la ricorderete per un pezzo.

FELICE: Io chello che t’aggio ditto ccà, te lo dico pure abbascio, e addò vuò tu, e vedimmo se me daje la lezione...

BARTOLOMEO: D. Luigì, basta mò, pare che io sto qua e meritasse un poco di rispetto, Amà, figlia mia, tu avive ragione, facimmo fagotto e ghiammoncenne.

AMALIA: Sì, jammoncenne.

GIULIO: Voi poi me ne darete strettissimo conto.

FELICE: Vi darò qualunque soddisfazione, e voi pure, caro D. Bartolomeo, che saccio, subeto ve nfucate, subeto alluccate...

BARTOLOMEO: Tu sì no busciardo, non faje pe figliema, e non è vero lo fatto dell’astrologo.

SCENA TERZA

Luciella, e detti, poi Pulcinella da Astrologo.

LUCIELLA: Signò, è arrivato l’astrologo.

FELICE: Comme, l’astrologo?

LUCIELLA (piano a Felice): Zitto, asseconnate.

BARTOLOMEO: L’astrologo!

GIULIO: Possibile!

LUCIELLA: L’aggio da fà passà?

FELICE: S’intende... spicciate, fallo entrare subito... Personaggi di quella fatta non bisogna mai farli aspettare. Va, spicciate, fallo trasì, rumpete la noce de lo cuollo!...

LUCIELLA: Vaco, vaco, e comme site de mala razia. (Via.)

FELICE: Che ne dite ora, signor suocero, ardite più di dubitare della veracità dei miei detti?... La combinazione non poteva essere più propizia per dimostrarvi che io non sono più quello di una volta, mentre ora una bugia, una bugia sola non esce più dalla mia bocca...

AMALIA (piano a Giulio): L’astrologo a Napole?...

GIULIO: (Sarrà, ma io non ci credo).

PULCINELLA (con soprabito, cappello a larghe falde, lunga barba, con grosso cannocchiale sotto il braccio): Signori... Caro Felice, io ce l’ho con te. Sai che sono in Napoli e non sei venuto a trovarmi...

LUCIELLA (piano a Pulcinella): (Attiento p’ammore de lo Cielo n’ammarronà). (Via.)

FELICE: Perdonate. Premurosi affari me lo hanno impedito... Accomodatevi. Volete darmi il cappello?

PULCINELLA: No, amico mio... Tu lo sai ho l’uso di non scoprirmi mai la testa per garantire il mio cornicione dai cattivi influssi del capricorno.

AMALIA (piano a Giulio): Lo conusce l’astrologo?

GIULIO (c.s.): Personalmente no, ma non pò essere chisto sicuramente, mbruoglio ncè... zitto, vedimmo comme va a fenì la faccenna.

PULCINELLA (a Felice che gli avrà offerto di sedere): Scusa se sono venuto ad incomodarti, ma cosa vuoi non mi fido di stare un momento senza vederti. Due mesi fa quando fui oblligato a partire per...

FELICE: Per Vienna...

PULCINELLA: Precisamente, e mal soffrendo esserti lontano feci il mio fangotto e battendo la linea di Arzano, Frignano, e Frattamaggiore, ritornai in Napoli per esserti sempre circonvicino.

BARTOLOMEO: Comme, comme, pe torna da Vienna se passa per Arzano, Frignano, e Frattamaggiore.

PULCINELLA: Sicuro, è la linea più breve, e col traforo che si è fatto adesso sotto i Pirenei si abbicina metà de la strada...

BARTOLOMEO: Questo sì che mi giunge nuovo. (Felì st’amico tujo è no vero originale.)

FELICE: (Zitto p’ammore de lo Cielo!).

BARTOLOMEO: (Ma comme, pe venì da Vienna è passato pe Frignano).

FELICE: (Parla per traslato... avite capito sì, o nò).

GIULIO: Dunque signor Astrologo, pare che la vostra predizione non si sia avverata ancora?

PULCINELLA: Ma si avvererà nel mese di ottobre, perché... vorrei dimostrarvelo praticamente. Avete voi il mappamondo?

BARTOLOMEO: No...

SCENA QUARTA

Asdrubale, e detti, indi Luciella in osservazione.

ASDRUBALE: Signori, nce sta fora lo giovene de lo sartore che ve và trovanno?

FELICE: Dincelle che’mò aggio che fà non posso dà udienza a isso.

ASDRUBALE (per andare): Va bene.

PULCINELLA (ad Asdrubale): Aspetta. Signori ho trovato il mappamondo, non te movere. La terra come lor signori sanno e una pallottola della figura tonda, sferica, quadrata, semircircolare... non te movere (Ad Asdrubale:) come la cuccia di questo turzo de cavolisciore...

ASDRUBALE: Io so’ turzo de cavolisciore...

PULCINELLA (dandogli uno scappellotto in testa): Silenzio!

ASDRUBALE: (Mall’arma de mammeta!).

PULCINELLA: Non te movere... Fingiamo dunque che questo sia il mappamondo... E un mappamondo indecente ma non importa... Qui nel centro regolarmente abbiamo il tropico... (Gli dà uno scappellotto.)

ASDRUBALE: (Mannaggia chi t’ha allattato).

PULCINELLA: Da questa parte passa l’equatore che s’incontra nel centro colla zona torrida, la quale si divide a destra e a sinistra nel giro del globo. (c.s.)

ASDRUBALE: Neh, vedite ca chesta è la capo mia.

FELICE: E lassa fà lo professore...

PULCINELLA: Ora siccome la stella co la coda...

GIULIO: Cioè la cometa caudata...

PULCINELLA: Giusto, la cometa annariata, nel ritorno che fa da coppa addò Pallino, addò è ghiuta a fà marenna...

BARTOLOMEO: La cometa va a fà marenna?...

FELICE: Lo professore parla per traslato...

PULCINELLA: Siccome sta no poco a quattuordice, pecché ncè ha dato nfaccia a lo maraniello, s’incontra con il mappamondo e le dà na vuttata, il mappamondo si risente, va pe farse n’appiccecata, ma siccome la cometa è cchiù forte, le schiaffa la coda nfaccia, lo mappamondo va per darle no punio, la cometa se ne va de capo, ntrunghete, ntranghete, mpuffete, mpaffete... (segue sulla testa di Asdrubale) e distrugge la terra.

ASDRUBALE: (Mannaggia li muoffe de mammeta! M’ha ammatuntata la capo!).

PULCINELLA: Che ne dite, signori.

FELICE: Magnifica dimostrazione.

PULCINELLA: Niente, niente, tutto merito della vostra ignoranza.

BARTOLOMEO: Comme?

FELICE (a Bartolomeo): (Parla per traslato).

BARTOLOMEO: (A sè, me n’era scordato).

PULCINELLA: Signori, vi lascio. (Non dicere cchiù buscie ca te dongo lo compasso ncapo!) (Via.)

FELICE: D. Bartolomè, che ne dite?

BARTOLOMEO: Veramente che è no professorone, io poco n’aggio capito... ma se vede subito l’uomo scienziato...

FELICE: Mò credo che non dubiterete più della verità dei miei detti?

BARTOLOMEO: Manco per ombra... scusami amico mio, ma se tratta della felicità di mia figlia, e perciò songo no poco pettemuso.

FELICE: Mò ve voglio fà vedè che bello giardino me songo coltivato io stesso perché mi diletto anche d’agricoltura... Asdrù, abbiéte, pigliete la chiave e va arape lo canciello de lo ciardino...

ASDRUBALE: Eccome ccà. (L’astrologo che m’ha ammatuntata la capo non me pare cosa bona, ma si appuro comme va la facenna, lo voglio acconcià io!) (Via.)

FELICE: Caro D. Luigi, abbiate pazienza ma siete troppo incredulo, e certe vote abbisogna acalà la capo non fosse per altro che per un principio di cortesia. Cosa ne dite adesso? Vi siete persuaso, che l’astrologo sta a Napoli?

GIULIO: Forse sì, e forse no...

BARTOLOMEO: Ma che no, e no, siete troppo tenace nella vostra idea. L’avete visto e toccato co li manne, e manco ve persuadite, va, ca tenite proprio la capo tosta...

GIULIO: Sia pure. Ognuno è padrone della propria opinione.

BARTOLOMEO: Ma che opinione.., opinione un... mò melo faciveve dicere. Feliciè, jammo a vedè lo ciardino si no sto signore me ne fa j de cape, e felicenotte.

FELICE: Che se ne sia persuaso o no de lo fatto dell’astrologo poco me mporta, basta che aggio contentato a vuje chello era necessario... Caro signore, la vostra opinione sia favorevole o no, poco me passa pe la capa... D. Bartolomè, appoggiateve e ghiammo abbascio a lo ciardino. (Via con Bartolomeo.)

GIULIO: Haje intiso Amà?

AMALIA: Aggio ntiso.

GIULIO: Ma io non nce la dongo pe, vinto manco pe suonno.

LUCIELLA (uscendo): (Voglio appurà comme è fenuta la facenna... Sti duje a musso a musso, sentimmo che diceno). (Si mette in osservazione.)

GIULIO: Ccà mbruoglio nce ha da essere; ma te pare che chillo turzo de carcioffola che è stato ccà, era justo l’astrologo tanto rinomato che ha predetto il fatto della cometa... Chesta po’ non me la mmocco manco si me sparano.

AMALIA: E manco io; ma ntanno chillo ntontero de papà se l’ha mmoccata, e mentre me credeva che era tutto scombinato pe la grossa buscia che ha ditto D. Feliciello, è venuto sto mmalora d’astrologo e l’ha fatto mettere d’accordo n’autra vota. Ma loro hanno voglio de sbattere che io a D. Feliciello non me lo sposo; tu si lo core mio, tu sì chillo che io voglio bene, ed a dispietto lloro m’haje da essere marito!...

LUCIELLA: (Mbomma! Chesto nce sta sotto!... Sta siè squinzia me vo fà perdere li 200 ducate. Aspetta che mò te faccio raffreddà io la passioncella che t’ha dato ncapo!). (Via.)

GIULIO: Amalia mia, co ste parole tu me daje coraggio; figurate che si la disgrazia vò che tu fosse costretta de sposarte D. Feliciello, io me sparo na pistolettata dint’a na recchia, e la fenesco na vota pe sempe!...

AMALIA: No, p’ammore de lo Cielo, chesto non lo dicere manco pe pazzia, si nò me faje venì na cosa! N’avè appaura, che ccà nce sta Amalia toja, la quale se farrà accidere cchiù priesto, che sposà a n’autro. Sa che nc’è de nuovo; la facenna non po’ j nnanze cchiù accossì, mò pe mò voglio j abbascio a lo giardino, dico tutto cose a patemo, faccio no chiasso terribile, e o p’ammore o pe forza me t’ha da dà pe marito... (Per andare.)

GIULIO: Nò, fermate... comme te ne vaje subito de capo. Non nc’è bisogno de fà no scannalo mentre l’affare se pò sviluppà ancora a favore nuosto. Lo fatto dell’astrologo è na buscia, si pateto se ne persuade, simmo a cavallo... Io tengo n’amico mio giornalista che sta in corrispondenza continua con il vero astrologo, che attualmente, son sicuro che sta a Vienna; nce parlo, e aunito co isso cercammo de scommiglià la mbroglia de D. Feliciello.

AMALIA: Ma si patemo non se ne persuade?

GIULIO: Allora fa chello che vuò tu, che n’haje ragione. Damme no momento de permesso, quando vaco da st’amico mio. Primma de stasera, spero d’avè superato lo punto.

AMALIA: Va, e torna priesto.

GIULIO: Cchiù priesto de chello che non te cride... Addio, nennella mia aggraziata. (Via.)

AMALIA: Quanto è simpatico; me vò bene co tutto lo core... E ntanto chillo scemo de papà me vò annegregà co chillo stupido de D. Feliciello; ma have voglia de fà che non ne caccia niente. Nuje autre femmene, diceno, che la sapimmo fà pura a Farfariello... voglio vedè si me riesce de famencella a patemo, che sia ditto ad onore e gloria soja, vò fà vedè lo saputo, ma non ne capisce niente... Voglio piglià no poco d’aria... (Va alla finestra.)

SCENA QUINTA

Pulcinella, da donna con cappellino in testa, con velo molto fitto in viso da non essere conosciuto, Luciella e detta.

LUCIELLA (piano a Pulcinella in fondo): La vì lloco, attiento a chello che t’aggio ditto, che si nce riesce, simmo a cavallo.

PULCINELLA (c.s.): Agge pacienza, ma chisto è n’affare che non me persuade: comme, pe esserte marito, incominci col farmi perdere l’umanità?

LUCIELLA (c.s.): Spicciate, fa chello che haje da fà, si no lo matrimonio nuosto se mie va nfummo.

PULCINELLA (c.s.): Abbasta che non aggio na bona mazziata.

LUCIELLA (c.s.): N’avè appaura, qualunque cosa succedesse, nce sto ccà io pe te, pe te difennere. (E via.)

PULCINELLA (c.s.): Nce sta essa pe me difennere, e se n’è ghiuta. Vuje vedite mmiezo a che mbruoglio me trovo. (Nel camminare urta in una sedia.)

AMALIA (voltandosi) Chi è? Una donna! Chi cercate, signora?...

PULCINELLA (affettando una voce femminea appassionata): Chi vado trovando? Ah! (Sospirando.) Vado trovando una persona, la quale sta rovinando la povera casa mia... Uh, bene mio, come è stato, come è stato!...

AMALIA: Calmatevi, signora... Ditemi se non vi dispiace, di che si tratta, a chi andate trovando?

PULCINELLA: Questa è la casa di D. Feliciello Sciosciammocca?

AMALIA: è questa.

PULCINELLA: Meno male che non ho sbagliato!... Questa è la casa che rovina la casa mia!...

AMALIA: Ma si può sapere di che si tratta?

PULCINELLA: Avete ragione; ma che volete, adesso la mia testa non è a segno... Ah, se sapeste, se sapeste... è un anno, appena un anno, che mi sono maritata, e non sono brutta, perché più di uno me l’ha detto, e quando era zitella tutti i giovinotti che mi vedevano, andavano pazzi per me, e intanto per un infame, per un ingrato, piango dalla mattina alla sera... Ho perduto l’appetito, e giorno per giorno io povera sventurata non mi conosco più.

AMALIA: Ma che cosa vi fa vostro marito?

PULCINELLA: Che mi fa, che mi fa? Mi tradisce, m’inganna, mentre tiene questa moglie innanzi, si è posto a far all’amore con un’altra ragazza!

AMALIA: Possibile!

PULCINELLA: Perciò son venuta qui per smascherarlo, per far conoscere la sua infamità, perché dentro a questa casa mi è stato detto che ci sta quella che egli corteggia. Dove sta? Fatemi il piacere di chiamarla, le voglio dire con quale soggetto ella si è messo a far all’amore, e dopo se non mi dà la soddisfazione che io mi merito, se seguita ad amoreggiarvi, me l’ho messo in testa, le darò una coltellata al cuore e la farò cadere ai miei piedi.

AMALIA: (Bene mio, e che sento, e sarrìa possibile). Scusate, signora, che figura tiene vostro marito?

PULCINELLA: E un giovinotto piuttosto delicato.., tiene un piccolo baffetto, una testa piuttosto grande... due gambe sottilissime.

AMALIA (interessandosi): E si chiama?

PULCINELLA: Si chiama Giulio...

AMALIA: Raganelli?

PULCINELLA: Sissignora, Raganelli.

AMALIA: (Ah, è isso, è isso, non c’è cchiù dubbio! Ah, briccone... Ah! nfame!...). E voi come vi chiamate?

PULCINELLA: Mimì Scagliozzi...

AMALIA: Scagliozzi?

PULCINELLA: Ma che, conoscete forse Giulio?...

AMALIA: Sì lo conosco, sì lo conosco!... (Ah! Che io m’accedarria co li mane meje stesse.) Signora mia, sappiate che io sono quella ragazza che voi andate trovando, io sono quella che ci fà l’amore, ma io non sapeva niente che era ammogliato. L’infame ha ingannato voi e me!...

PULCINELLA: Come, voi siete...

AMALIA: Sissignora, io sono quella giovine, quella stupida che ha creduto a tutte le dolci parole che le diceva quell’assassino!

PULCINELLA: E come’l’avete conosciuto?

AMALIA: Lo conobbi sei mesi fa, quando venni a prendere i bagni in Napoli; ogni giorno passava per sotto alla locanda dove stava io e mio padre; io usciva fuori al balcone, egli mi guardava fissamente: alla fine in una bella giornata, il birbante mi mandò una lettera per il guardaporta, diceva che mi voleva far sua moglie a qualunque costo.

PULCINELLA: Oh, che briccone!

AMALIA: Io gli dissi che avesse parlato con mio padre, e egli mi rispose: per ora la mia posizione non lo permette, amiamoci, e speriamo.

PULCINELLA: Oh, che birbante!

AMALIA: E così fu. Noi ci scrivevamo sempre, d’allora mi ha giurato sempre di volermi bene!...

PULCINELLA: Briccone! Briccone! Briccone!...

AMALIA: Fino a pochi momenti fa, egli stava precisamente dove state voi adesso, stringeva questa mano, e mi prometteva di essere solo mio.

PULCINELLA: Birbante! Assassino! Non mi dite niente più, altrimenti mi viene una convulsione!

AMALIA: Ma non vi prendete collera però, io vi darò tutta la soddisfazione. (Che bello pensiero che m’è venuto... Sì, de chesta manera non potrà nemmeno negare.) Venite con me, andiamo in questa stanza.

PULCINELLA: Come volete voi...

AMALIA: Favorite, favorite...

PULCINELLA: E voi non entrate?

AMALIA: Adesso vengo... Adesso vengo... (Fa entrare Pulcinella a prima quinta a dritta, e chiudendo gli dice.) Quando io vi chiamo allora uscirete. Ah! M’aggio da vendicà comme dico io... Quanno vene, nnanze a tutte quante aggio da fà ascì la mogliera! Briccone! (Passeggia su tutte le furie.) E co quà coraggio m’ha potuto dicere chelle parole poco primma? Traditore! Assassino! Me dispiace che tricarrà a venì... Io stongo proprio ncoppa a le spine!...

SCENA SESTA

Asdrubale, parlando con Bartolomeo, e detta.

BARTOLOMEO: Possibile! Tu che me dice!

ASDRUBALE: Gnorsì, lo fatto dell’astrologo è mia mbroglia.

AMALIA: (Infame, uomo snaturato!). (Passeggia.)

BARTOLOMEO: Guè, Amà, che haje pigliato l’acqua ferrata?

AMALIA (infastidita): Lasciatemi stare!... (c.s.)

ASDRUBALE: Aggio scoperta la mbroglia pe mia vera combinazione: mentre so’ ghiuto dinto a la cucina pe piglià la chiave de lo giardino, aggio trovato chillo mbiso de lo cuoco che se steva spogliammo dell’abete d’astrologo, che s’aveva mise pe nfunecchià a vuje.

BARTOLOMEO: Lo cuoco!...

ASDRUBALE: Cioè, chillo che v’hanno dato a rentennere che era lo cuoco; ma D. Felice non ha tenuto maje cuoco, e lo pranzo de stammatina è venuto da la trattoria de la Corona de ferro che sta a Toledo... Signò, vaco dinto pe non dà sospetto: me raccomanno, non dicite niente, si nò me facite perdere lo pane. (Via.)

BARTOLOMEO: Ah! Mbruglione, busciardo, e io che me l’aveve mmoccato; ma mò che aggio scopierto lo tutto, non me persuade cchiù, figliema chiuttosto la dongo a no monnezzaro che a isso. Viene ccà, figlia mia, haje ragione de stà de male umore, perché lo matrimonio de D. Felice non è secondo il tuo gusto, ma mò te partecipo che aggiò cagnato idea. D. Felice non te lo sposarraie cchiù.

AMALIA: Che avite ditto?

BARTOLOMEO: Non te spuse cchiù a D. Felice.

AMALIA: Ccà v’era caduto lo ciuccio? Ma non ne cacciate niente, mò a D. Felice, schitto a D. Felice me voglio sposà.

BARTOLOMEO: Ma chillo è no busciardo, no mbruglione...

AMALIA: Sarrà chello che volite vuje, ma m’ha da essere marito.

BARTOLOMEO: Te l’haje da levà da capo pecché io non voglio.

AMALIA: E io voglio...

SCENA SETTIMA

Luciella, poi Giulio indi Pulcinella e detti.

LUCIELLA: (Che d’è st’ammoina! Fosse succiesso quacche cosa a Pulicenella?).

BARTOLOMEO: Amà, viene ccà, ragionammo no poco senza alterarce... Tu nfino a mò D. Felice non lo volive, mò comme tutto nzieme te vene ncapo che te lo vuò sposà pe forza?...

AMALIA: Oh, sacciatelo na vota... Già è inutile che me sto cchiù zitta: è lo vero che io primma a D. Felice non lo voleva, pecché m’era antipatico, e cchiù de tutto, pecché io faceva all’amore, annascuso vuosto, co no bello figliulo...

BARTOLOMEO: (Che sento!). E mò?

AMALIA: Mò aggio scopierto che lo nfame me ngannava, pecché lo birbante è nzurato!

LUCIELLA: (Bravo, la pensata è riuscita a ciammiello!).

BARTOLOMEO: Comme, comme! E tu, grannissema capallerta, facive l’ammore senza che io ne sapesse niente...

LUCIELLA: Non ve pigliate collera, non è la primma vota, che li patre non ne sanno niente.

BARTOLOMEO: Facive l’ammore co no nzurato... E chi è, chi è, si è lecito, sto degnissinio soggetto?

AMALIA: Chillo giovene che poco primma steva ccà, nzieme co nuje, chillo che D. Felice v’ha presentato comme a uno che voleva combinà no negozio co vuje...

BARTOLOMEO: Mall’arma de lo negozio che voleva combinà... Ma l’avarrà da fà co me isso e chillo busciardo che me l’ha presentato... Le voglio fà vedè de che so’ capace!...

LUCIELLA: Mena mò, non ve pigliate collera...

AMALIA: Ah! Che lo vorria mò dinto a li mmane meje!

GIULIO (entrando): Eccome ccà a me...

AMALIA: Ah, nfame! La sorte me t’ha mannato! (Per inveire.)

LUCIELLA: Fermateve p’ammore de lo Cielo. (La trattiene.)

BARTOLOMEO: Benissimo, site arrivato proprio a tiempo. Voliveve combinà lo negozio... Ve lo voglio dà ncoppa a n’uocchio no buono negozio!...

GIULIO: Ma, signori miei, ccà de che se tratta?

AMALIA: De che se tratta, ed haje lo coraggio d’addimmannarlo? Te voglio fà la faccia lenze lenze... (Luciella la trattiene.)

BARTOLOMEO: Faciveve lo spantecatiello co figliema...

GIULIO: E che male nc’è?

AMALIA: Ah, faccia de cuorno!... Lassame che me ne voglio vevere lo sango!

BARTOLOMEO: Ardite dire che male ci è, e lo carro covierto che tenite a la casa che ne faciveve?

GIULIO: Neh, quà carro copierto tengo a la casa?...

AMALIA: Lassame, lo voglio svisà!...

BARTOLOMEO: Non me fate lo semplice, vuje site nzurato!...

GIULIO (ridendo): Ah, ah, ah,... Questa sì che è bella...

AMALIA: E ride...

BARTOLOMEO: Redite!... Mò me ne vaco de capo e chello che ne vene vene...

GIULIO: E sicuro che aggio da ridere, pecché chesta è na chicchera che avite pigliato, pecché io nzino a mò, non me so’ maje sommato de piglià mogliera.

AMALIA: Non sì nzurato?

GIULIO: Nò...

AMALIA: Haje lo coraggio de negarlo?...

GIULIO: Sì, chesta, è la verità.

AMALIA. Mò te servo io. Venite, signò. (Apre la porta e fa uscire Pulcinella.) Smascherate, smascherate sto mbruglione.

PULCINELLA: (Mbomma, mo veneno le botte!).

GIULIO: E chesta signora chi è?

AMALIA: Nientemeno faje vedè pure che non la conusce? è mogliereta.

GIULIO: Oh, cancaro! Mò è troppo... Signò, parlate... A voi chi vi conosce; chi cancaro vi ha visto ancora!... (Lo prende per un braccio.)

PULCINELLA: Ah, birbante, mi ha dato un pizzicotto.

SCENA ULTIMA

D. Asdrubale, D. Anselmo, indi Felice e detti.

ANSELMO: Oh! T’aggio ncucciato finalmente!...

GIULIO: Patemo!...

TUTTI: Lo patre!...

ANSELMO: Te pare buono, grannissema faccia de cuorno, me lassa ma jornata sana sulo comme a no cane dinto a la poteca, e ne viene a zeziarte ccà ncoppa?

PULCINELLA (vorrebbe andar via, ma Amalia lo trattiene).

BARTOLOMEO: Ansè, sto signorino t’è figlio? Te faccio i miei complimenti, tiene no bello mbruglione pe figlio.

ANSELMO: Comme sarrìa a dicere.

BARTOLOMEO: M’era venuto a fà sto bello piattino; co ma mogliera, cercava di sedurre chella povera guagliona de figliema.

ANSELMO: Lassateme capì, che avite ditto? è nzurato?

BARTOLOMEO: Sicuro, e chesta è la mogliera.

AMALIA: Signò, parlate vuje...

GIULIO: Parlate...

TUTTI: Parlate...

PULCINELLA (dopo pausa): Me ne vorrei andare.

GIULIO: Nò, da ccà non te ne vaje, si non parle: mò te scippo lo cappelletto che tiene ncapo. (Gli tira il cappello con il velo e scopre Pulcinella.)

TUTTI: Che!...

BARTOLOMEO: Lo cuoco lo vì!

ASDRUBALE: L’astrologo s’ha fatta la varva!...

ANSELMO: Vuje quà astrologo, quà cuoco... Tu lloco staje? Chisto è lo servitore de n’amico mio che sta a lo casino ncopp’a lo Vommero. Che haje fatto, t’haje mise ncuollo lo vestito de la prima donna giovine?

PULCINELLA: E so’ addeventata ma primma donna???

ANSELMO: E l’autre vestite che steveno dint’a la mappata che n’haje fatte?

PULCINELLA: Me ne so’ servite per fare le mie ridicole trasformazioni pe contentà a sta nenna che voglio bene... (A Luciella.)

LUCIELLA: La quale, p’avè 200 ducate, che lo patrone m’aveva promise quanno se nzurava, arreparava a le buscie che isso smammava.

BARTOLOMEO: Ah, tu sì stata?

ASDRUBALE: Essa... che è na mpechera de prime rango.

ANSELMO: Spicciate, che chille tutti li dilettante che hanno fatto lo teatrino ncoppa a lo casino de l’amico mio te stanno aspettanno pe se mmesurà li vestite.., e stasera s’ha da fà la rappresentazione, e tu staje ccà a perdere tiempo...

PULCINELLA: Agge pacienza, ma mò tengo ma rappresentazione più interessante da associare con questa (mostrando Luciella), nce vaco cchiù tarde.

GIULIO: Signorina Amalia, vi siete persuasa che non sono ammogliato, e che avevate torto di trattarmi di quella maniera?

AMALIA: Scusami, ma nce have colpa sto mbmuglione che m’era venuto a jenchere la capo...

GIULIO: Ora mi ridonate la vostra affezione?

AMALIA: Sì, anze te voglio bene cchiù de primma, e te iuro che sarraggio o la toja o de nisciuno...

BARTOLOMEO: Ansè, tu li siente?

ANSELMO: Li sento, e che aggio da fà?

BARTOLOMEO: Chiste se so’ molto ngolfate, sarrìa necessario farle spusà e levà la capo da la terra ne vota pe sempe...

GIULIO: Papà, mena mò, contentateme, facitemmella sposà...

ANSELMO: Per me non sono alieno, basta che Bartolomeo se contenta de chello poco che te pozzo assignà... pigliatella pure mò...

BARTOLOMEO: L’interesse non è stata maje la mia corda sensibile... Tengo st’unica figlia e pe farla contenta non fa niente che nce refonne quacche cosa da la sacca... Sposateve e lo Cielo ve pozza benedicere...

AMALIA: Ebbiva papà!…

GIULIO: Ora sì che songo felice!

PULCINELLA Vuje site felice e io so’ infelice, pecché co tutti sti mbruoglie che aggio fatto manco sposa D. Felice.

BARTOLOMEO: E pecché sì nfelice?

LUCIELLA: E pecché ma vota che lo patrone mio non se nzora, non aggio li 200 ducate, e senza denaro non me pozzo spusà cchiù a Pulicenella, che voglio tanto bene...

AMALIA: Ah, de chesto se tratta? Mò agghiusto io la faccenna. Papà, m’avite contentata facennome sposà a Giulio, faciteme n’autro piacere... Date 200 ducate a sti povenielle, pare che accossì so’ felice lloro pure.

BARTOLOMEO: Ma 200...

AMALIA: Mena mò, ve trovate a dì sì, acalate la capo pure pe chesto...

BARTOLOMEO: Aggio accalata la capo... spusateve, e ve dongo io li 200 ducate.

PULCINELLA: Veneno li 200 ducate? Marito e mogliera.

ASDRUBALE: E io ccà che faccio?

PULCINELLA: Tiene la cannela...

FELICE (con grosso mazzo di fiori): Oh, signori miei. D. Bartolomè, m’avite lasciato abbascio a lo giardino, e non nce site venuto cchiù... Io non avenno che fà, ho raccolto una quantità di fiori, ne ho fatto un mazzo e lo regalo alla mia cara sposella. (Per darlo ad Amalia.)

AMALIA: La quale l’accetta, non come sposa, ma come amica. (Lo prende.)

FELICE: Amica?

BARTOLOMEO: Sì, sì, e contentate, pecché a chest’ora non nce avisse avuto da trovà nemmeno ccà! Busciardo!

FELICE: Busciardo!

BARTOLOMEO: Sì, busciardo, non una vota, ma mille vote! Conusce chisto ccà chi è? (Mostra Pulcinella.)

FELICE (guardandolo): Lo cuoco!...

BARTOLOMEO: Vide buono, me pare che è l’astrologo...

FELICE: (Ah, che so’ stato scopierto!). Comme... e tu?...

PULCINELLA: Io p’arreparà le buscie voste, aggio ditto no cuofene de buscie io...

ASDRUBALE: Io mò che avarria da fà? T’avarria da rompere lo mappamondo tujo.

LUCIELLA: E tutto chesto per non perdere li 200 ducate mie che mò aggio avuto da D. Bartolomeo.

FELICE: Comme!

BARTOLOMEO: Sì, io nce l’aggio prommise e nce li dongo...

FELICE: E Amalia?

BARTOLOMEO: Amalia si sposerà D. Giulio...

FELICE: Chi è D. Giulio?

GIULIO: Io per servirvi.

FELICE: Voi! Ma voi vi chiamate D. Luigi.

GIULIO: è stata mia finzione; pe trasì dinto a sta casa me so’ cagnato lo nome e cognome.

FELICE: Domando perdono, mi avete detto una bugia, siete voi pure bugiardo.

GIULIO: Ma io aggio ditto una sola bugia, ed è stata p’ammore; vuje invece n’avite ditto ciente senza ragione.

FELICE: In ogni modo, comme l’avota e comme la giro sempe io aggio tuorto... Non fa niente, nce stanno tanta femmene ncoppa a lo munno, me sposaraggio a n’autra. Sì, lo confesso, chello che aggio ditto so’ state tutte buscie, ma non l’aggio fatto apposta. me scappavano non volenno...

BARTOLOMEO: Ma levate sto vizio, siente a me.

AMALIA: Non dicite cchiù buscie...

PULCINELLA: Non te ne fà scappà cchiù...

LUCIELLA: Stateve attiento.

ASDRUBALE: Sì patrò, attiento p’ammore de lo Cielo.

FELICE: Sì, sì, non dirò più bugie... ve lo prometto, ve lo ghiuro... va bene?... Oh! Mò pozzo dicere che site tutte quante contente...

PULCINELLA: Statte... Mò n’haje ditto una cchiù grossa de te. Sarriamo tutte quante contente si sto bello prubbeco che nce ha compatito sempe, nce ncuraggiasse pure mò co n’applauso...

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 18 volte nell' arco di un'anno