E così fu…

Stampa questo copione

Da un’idea di Salvatore Giuliano:

E così fu…

Ovvero

In onore di Lorenzo il Magnifico per la gloria di Compare Ciullo e del suo somaro Mommu

Commedia brillante siculo-fiorentina in 3 atti

Di Massimo Beni

Personaggi

-Narratore

-Vincenzo d’Arcamu, detto Ciullo

-Bedda, madre di Ciullo

-Calogero da Cinisi, mastro d’ascia, detto Caluzzu

-Soldato

-Trifone, carceriere della Signorìa dei Medici

-Fetonte, carceriere della Signorìa dei Medici

-Nello, fantasma, padre di Ciullo

-Suor Fiorenza, Novizia

-Madre Donata, Badessa

-Anna Cabrera, Contessa di Modica

-Pilar, Dama di compagnia della Contessa Anna

-Il Somaro Mommu


ATTO I

Narratore (entra dalla platea, in costume rinascimentale):Benvenute e benvenutianche questa sera, in questo nostro teatro. E buonasera soprattutto a voi, Signore, (ad uno spettatore) che lo sguardo, vedo mi rivolgete… Che rivolto cre do sia, non a me,ma al mio costume strano... Bello vero? Non proprio alla moda di questo nostro tempo, io ne convengo, ma è quello che le circostanze di stasera mi richiedono… (Si allontana). Fatti, cronache… Se ne legge e se ne sentono dire tante, giù per le strade enelle botteghe… E in teatro si viene, per sentirsen e raccontare ancor dell’altre! Ma sul quel palco (indica col dito), tutto è diverso... Le storie si vivono e si imparano… Si esce da questo posto portandosi via un pezzetto di vita in più, che prima non

c’era... Oggi ad esempio, impareremo di una storia antica, smarrita nel tempo, che ha viaggiato a lungo, inascoltata... No signora mia, (ad una spettatrice) non me lo chieda, non so se le donerà sorrisi o lacrime, e sa premo poi dall’emozione vostra, se i fatti meritavano d’esser rievocati o lasciati avvolti com’erano, nel loro muto passato. Dramma o farsa? Verità o leggenda? Perdonatemi anco ra, ma… Non so che dire… (Sale sul palco). So di certo che son passati molti anni da quando uomini e donnelavoravano a mani nude, con il solo aiuto delle bestie… Con le quali parlavano. Si… miei signori, proprio così… Come frate Francesco ch e parlava con gli animali del creato. In quel tempo uomini e bestie si parlavano e, cosa ancor più strana a dirsi, si capivano, perché in comune avevano la fatica, di poter vivere. Non più bestie loro, non più uomini gli altri, perché oltre al lavoro, altro non c’era... Se non le guerre! Non come adesso… (ironico) Che regna la pace ovunque e tutti si voglion bene, mentre a lavorare con gli uomini, non più le bestie, ma le macchine…. E forse fra un

po’ solo le macchine, perchè gli uomini son divenuti macchine fredde, anch’essi. In quei tempi però bastava, un monte, un fiume, un sol co fatto al suolo, a dividere le

genti, a far nemici popoli vicini. Non come adesso… (ironico) Che confini più non ve ne sono e tutti vanno d’accordo… Erano i tempi in c ui c’era tutto per pochi e per tanti, tanto di niente!… Quando Principi e Re, mett evan e zitto ognun lavorava e se occorreva, zitto, allo stesso modo, per loro, in guerra andava. Non come

adesso… (ironico) Che ci fanno pagare poche tasse e giuste, soprattutto a coloro che hanno tanto del tanto o di quel tanto tutto. E nessuno zitto deve faticare, perché, anche a volerne, di lavoro poco ce n’è! Non si deve manco andare, zitti, in guerra perché è la guerra che t’arriva in casa, in città, in teatro, per strada e fin’anco mentre sei a passeggiare o a far la spesa con la famiglia! Ma la vicenda direte voi? Siamo nell’antica Sicilia, nella città di Arcamu, che dac ché fu araba, divenne ricca, di ricchi commercianti e mercanzie… E lì, in fondo al sentier o, fra campi di grano immersi nel sole, dove il vento di mare moriva stanco, fuor dal paese, ci stava la modesta casupola di Ciullo, ossia Vincenzo. Insieme a Ciullo, la madre Bedda, che per l’abito scuro appariva triste e dimessa, ma che così non era, né per l’età, e né per fattezze. La sua gioventù di spirito, ahimè, era svanita presto, giusto il tempo di sposarsi, quasi bambina, far nascere Ciullo, e vedere il buon marito finir pasto alla guerra… Insieme


al figlio, le restò il somaro Gerolamo, detto Mommu . Mommu, andava in giro per le campagne a portar Ciullo!... Scendevano al porto a veder partire le grandi navi, cariche di spezie, di frutta, vino e di quant’altro, dispiegar le vele verso un mondo lontano assai, nella distanza e nel lor pensiero… M a ora basta, troppo parlo, per poi dir nulla! Ad Arcamu andiam! Vediam cosa vi accadde… Si apra il sipario!

Bedda (al buio, voce)Ma unni ha ghiiiiiiiri ? Unni ha ghiri ? Scimunitu.

(La scena lentamente si illumina, in piedi davanti al tavolo, Alterna un colpo sul tavolo ed un morso della mano) Sciagurato figghiu miu …. Ca ha stari …. Int’ha to

casa. Int’ha to terra. A robba tua qua è…. ad Arcam       u.

Ciullo (seduto sommessamente)Matri !!!!, iu mi ne Ghiri di stu paisi. Un possu chiùstare cà, ni sti paisi dove tutto è sempre uguale. Cumu agghiorna scura. Come è il giorno è la notte, se non fosse per il sole ca si alza al mattino e sinni cala alla sera. E pure lui, il sole, ni stu paisi, fa sempre la stessa cosa: si susi a matina e s’arritira a sira. E poi… Matruzza mia, u sapiti cumu si dici ?

Bedda No . Nu u sacciu !!! Non lo so !!! Come si dice ? (con le mani ai fianchi, batteil piede sul pavimento)

Ciullo Cu nesci… S’ arrinesci. … Matri …

Bedda Cu nesci si scimunisci. … figlio mio. Tu che sei gi à mezzo scimunitu !!!,appena esci da questa casa, scimunitu completo diventi. Ma poi mi chiedo e dico : cu fù ca ti misi questa strampalata idea in testa ? Ah ? Ciullo …. Cu fù?

Ciullo Mastro Caluzzu mi lu dissi. Il falegname della barche rotte. Chiddu ca cidicinu “U dutturi delle barche”… e “U cumandanti”!

Bedda : U dutturi i u cumandanti di sta minchia !!! Lassa ca veni, che gliele dico ioquattro cosette giuste.

Ciullo : Ma perché, mastro Caluzzu deve venire ?

Bedda : Oggi che giorno è ?

Ciullo : Venerdì.

Bedda : Allora stasira veni….. . Ciullo, figlio mio, devi s              apere che il tuo caro amico

mastro Caluzzu, ogni venerdì sera, mentre tu si fora casa a strigliare il somaro nello scuro della campagna, iddu veni e mi tuppia a porta. Ma visto che io non ci rispondo e manco ci apro, perché, figghiu miu beddu, quandosono sola io a nessuno apro… Allora lui, il tuo mastro Caluzzu, mi lassa sutta a porta una cassettina di sarde e un panierino di fichi, continuando a tuppuliari. : “Av aaaaaa, rapiti; ancora viduva aviti a


stari?”. Accussì mi dici da dietro a porta stu fitu su. Appena però ti sente ritornare verso casa, allora si ni fui. Si ni scappa, stu gran porcu-fitusu.

Ciullo : Matri !!! Ma perché ti porta il pesce e li fichi. Cosa acci vole significari, ca’iddu?

Bedda : Lo so io a cosa ci vuole significari. Lo so io chi ci firria dentro quella testa didiavulune. Lassa ca veni !!!. Tu per intanto sta sira non esci di casa. Vai adesso a legare il somaro e rientra subito, così quando arriva mastro Caluzzu, con te in casa, lo posso fare entrare e dirgli tutto quello che si merita. Ma proprio tutto …. a stu cornutazzo!… E lega bene il somaro, c’asinn’ò si m ancia a qualunque!

Ciullo Matri, ma quante volte ve lo devo dire, che lui si chiama Gerolamo, Mommuse volete, ma no “ il somaro… ”

Bedda (comprensiva)Ciullo, io ti capisco, a tia mancanu i frati e i soru, ma to' patri,mischinu, (si fa il segno della croce) nun me ni dette manìera, lu tempu suo tirrienu troppu prestu finì, ca nun era ancora cominciato u to …

Ciullo Ma unu frate ci l’ho! Vuatri, vuatri sempri mi diceste ca mommu e iucrescemmo col latti di la stissa matre…

Bedda Sì, vero è, ma quella matre non fui io, ma la sua…(commossa)La mamma diMommu. La notti ca tu nascesti, l’asina do' cummentu diede a la luci 'n somarello… jancu comu a nivi dell’Etna e cu gli occhi celesti comu u nostru mari. Girolamu u chiamaruno idde, Mommu, comu u chiami tu. I mia seni asciutti precisi erano… Nun avìa da darti 'na sula goccia ri latti. Nun sapevo ca fari. Mi rivolsi allura a suor Carmela, a badessa do' cummentu. Fu idda, suor Carmela, a raccontarmi dell’asina, do' suo neonato somarello e ri quantu latti avissi nelle mammelle. Tanto… Ma così tanto latti, c’a quella povera somarella pareva ca ci stavanu scoppiannu i minni. Accussì Diu volle, ca col permesso di la badessa e cu a so benedizione, fommu ospitati nta cummentu ri Santu Onofrio pi cchiù ri n’ annu. Che potevo fare, figghiu mio beddu? Io vedova, tu orfano di patre… Dove pote vamo andare? Essere ospitati in quel convento fu il miracolo di Santo Onofrio. Ma miracolo più grande fu quello dell’asina e delle sue minne grosse e piene di latti. Si figlio mio, proprio così, pecchè ogni vota ca l’asina allattava a Mommu iu ti mettevo a sucari all’altra minna sua, così che, quell’asina santa, biniditta ovunque si trovassi, co latti suo, facia mangiare a so figghiu e macari a tia.

Ciullo (felice)Allora è vero che Mommu è me frati !!!

Bedda (torna energica)E macari di testa! A sentire quello che dici … Mi viene avolte da pensari, ca teni na testa propriu di somaro.


Ciullo Vero è, infatti, matri mia, dovete sapere ….  (si interrompe per lasciare parlare

la madre)

Bedda (commossa)…Quando poi, dopo più di un anno, abbandonammo il conventopi turnari a nostra casa, la matre badessa volle donarci quel somarello jancu cu gli occhi ri mari, accussì… Perché ci fosse d’aiuto a t ravagghiari… (verso il figlio) Ma per vivere da somaro, no come si fussi un cristiano pure iddu!

Ciullo …Dovete sapere, matri, che se io gli parlo, iddu m              i ascolta! E mi capisce puru.

Bedda (Si sorprende e si altera )Ma cosa stai dicendo?! Scimunito… Ma Ciullo!Ciullo! Alla tua età, tu dalle fimmine dovresti far ti ascoltare, ca vuoi ca ti dica iddu? Sceccu, somaro !!!

Ciullo … A voti jusu a la fonte o pi u portu qualchi fìmmina ci vide e nuatri puru sivide, ma a Mommu si qualcuosa nun gli piaci, nun c’è bisognu ca mu dici, ca tantu sicuro jè ca puru a mia nun piaci!

Bedda Ma comu potrai sposarti cu 'na brava fìmmina do' paisi, si passi chiù tempusupra u somaro ca ntra a genti? Come? Mi devu raccumadari io pi’ tia a Sant’Onofriu Pelusu, ca una sposa ti trovasse!?

Ciullo …Matri, si macari mi sposo, poi comu pozzu pinsari ri portarla ca a miamugghiera? Ca nun c’è posto mancu pi Mommu! Mischinu, iddu fuora deve ruormiri!

Bedda Ma iu apprima o poi me ni andrò, jè a legge ri natura… Uara pirò, piuttostodimmi, comu jè andata? Portasti i fichi secchi jusu o cummentu.

Ciullo (imbarazzato)Vedete, come dirvelo… Ad Arcamu, in città, sono tu tti “nobilisignori”, ma al convento dei frati minori, affari, non se ne fanno! Chidde monache sonnu tantu avare che non spendono neppure i piccioli per comperarsi le scarpe… E accusì a mia mi accettavano i fichi? A pedi nudi sono, e sempri u saranno!

Bedda …E carità? Le monache, macari scalze, te ni ficiru              carità?

Ciullo Matre, nun possiamo chiù viviri ri sula carità, c u quel ca avemu nuatri,raccogliamo fichi e li secchiamo, mandorle e ciceri… ri tuttu chistu, fichi e cìceri, mancu i monache sannu cchiù cosa farsene!

Bedda Va beni Ciullo, ma, ri tutte ste cosi, iu aspetto ca tu mi dica zoccu porti docummentu ca ci possa servire stainnata pi mangiare… Cosa ti dette a matre badessa pi fichi secchi e mannule?


Ciullo (silenzioso, tira fuori dalla tasca un uovo e una cipolla)Ecco, ora ve lomostrai… (li poggia sul tavolo)

Bedda Un uovu e na cipudda?…(disperata)Matre bedda e SantissimaAllorasemo ricchi e nuddo u sape!

Ciullo …E dovetti pure contrattare con Suor Carmela, che a l posto della cipolla, unagghiu mi voleva dari!…

Bedda Ma così a schifìo finisce, nun si pò chiù jiri ava nti!…

Ciullo …E allura Mommu? Macari mommu, mischinu, nun pò ji ri avanti accussì,nun na fa cu poca crusca e cruschello a scendere e acchianari jusu do paìsi, sempri sutta u suli, ogni jornu…

Bedda Mah!…E adesso cosa si mangia? Ci faremo una frittat a con la cipolla, e poi cimangiamo qualche fico secco che è avanzò… (prende l’uovo, rimane sorpresa e lo scuote) Ciullo! E come fu, che è accussì liggieru?

Ciullo Matre, vi dissi che Mommu più non ce la faceva, forai l’uovo, mezzo nebevvi io, e mezzo a Mommu lo feci bere!

Bedda (disperata)Sciagurato!!! Figlio scimunito!!! L’uovo nostro hai dato alsomaro! Ma che male fici io, per avere anche questa disgrazia?…

Ciullo Matre, non disperate, mi avanzò da stamani una pa gnotta di pan secco dellacolazione! (glielo passa)

Bedda (lo afferra, guarda Ciullo con fare dubbioso, lo fa cadere sul tavolo, è comeun sasso) Ma tu si vero scimunito, e pure pazzo si, chistu nun jè cchiù pani, è unpezzo di scoglio!!! Duro è come la petra di Catania!!! Gli facisti prendere troppa aria, sul somaro… (prima che Ciullo intervenga) sì, Mommu, volevo dire Mommu…Mi convinco sempre di più, che fra voi due … U veru sc eccu tu si, no iddu. (Bussano entra Caluzzu, con un cestino)

Caluzzu Posso entrare?

Bedda Già lu facisti, mi pare! Venite avanti, Mastro Calo gero,(ironica)tutto bene?

Qual buon vento vi porta?

Ciullo Ciao Caluzzu!

Caluzzu Donna Bedda, buona sera, vento di mare mi portò! E  poi io quando a voi,


vivedo, lo sapite, megghiu mi sento… Ma è quando p enso a questo posto, a voi, come abitate, sola, che mi rattristo…

Bedda (soffia)Mastro Calogero,  chi camurrìa, non incominciate con questi vostri

soliti discorsi… Vedete poi voi, che sola non sono… C’è mio figlio, un poco scimunito, ma sempre figlio mio è…

Ciullo E Mommu!(si sente ragliare il somaro per tre volte).

Caluzzu (a bassa voce, come a parlare con se stesso)…E già! C’è pure il somaro.

E chistu u sacciu! ( riprende il normale tono di voce) Ma non è per questo, credetemi a vossia, con un figlio giovane come Ciullo, che potrebbe presto andarsene via da questa casa, o in guerra, o in pace… Voi sola reste reste! Sola… Con quel somaro là fuori che… (si sente ragliare il somaro per altre due volte).

Ciullo Caluzzu, già lo sapete, io non lascio mamma sola, ma anche se me ne dovessiper necessità andare, Mommu, verrebbe con me… (si sente ragliare il somaro ).

Caluzzu Avete sentito, cosa vi disse vostro figlio? Nemmeno col Somaro vi lascia…(rivolto a Ciullo) Sì, Mommu… Sola sareste! Chi baderebbe qui, a voi , che sieteancora giovane… Con i pirati turchi che, appena il mare ce lo consente, sbarcano sulla spiaggia per rubarci la roba e le fimmine, e a voi chistu non ve lo devo dire...

Bedda (irritata)Sì… Ma, tutte cose, comunque… Oggi guerre non ce ne sono eCiullo non è ancora maritato, e poi che volete che ci vengano a fare fin qua, da me, i pirati turchi? E’ nella città del porto che stanno i piccioli, non nelle capanne di noi poveri contadini…

Caluzzu Ma i turchi, quannu sbarcano sa portano via tutto…

Bedda A me lo dite? Mio marito, voi lo sapete, che eravate il suo capitano, via già miportarono, ma qui? Che ci potrebbero trovare, qui da portare via, secondo voi Mastro Calogero?…

Caluzzu …Ma troverebbero voi,(si colloca dietro a Bedda sussurra e cerca disedurla)... Bedda e… sticchiusa! Bedda di nomi e di fatto. Sa nto fu vostro patre amettervi questo nome che vi racconta nella vostra bellezza. Tutta… Come di sopra così pure di sutta… Voi, che siete ancora una rosa bella e sciaurusa, … profumatissima, aulentissima… Sempre guardata, amm irata ma che nessuno osa toccare. Un fiore che aspetta due delicate dita che se lo colgano, da un momento

all’altro… Na rosa pallida, ciuri di la luna… Bedda              !


Bedda (divertita)Accussì a voi vi pare?…(più seria)Caro Mastro Calogero, unarosa voi dite? Quando si dice “rosa bedda”, è perch é tutti solo l’ammirano, ma se la colgono poi il fiore presto svanisce, e in mano ci restano soltanto spine e ricordi…

Caluzzu Ma io son sicuro che se voi…            (si sente ragliare il somaro )

Bedda (bruscamente)Insomma, tutte cose, vi ho detto basta, che veniste a fari, ca? Acuntare farfanterie? Quell’erba lì, che voi vorreste, qui ormai, più no n ci cresce…

Caluzzu Donna Bedda, scusate, più non insisto, non voglio ca vi pigghiate dicollera… (mostra il cestino) Tenete, giù al porto ebbi un cesto di pistacchi dalla Persia e del vino greco…

Bedda Grazie, ma qui noi abbiamo già cenato…

Caluzzu (vede il pane sul tavolo e si disgusta)Quello voi dite?… Vi prego,accettateli, è per ringraziarvi del favore che mi fate ad accogliermi oggi, comu sempri, na vostra casa…

Bedda (agitatissima)Ca quali sempri??? Cosa ci faciti capiri a u figghiu miu??? Soloquesta volta vi feci entrare e basta più. Mastro Caluzzu, grazie vi dissi, ma non insistete, gentile vuatri siti, ma i pistacchi mettinu siti, e vinu nuattri nun ne beviamo… Vi ho già detto poi che avemu già manciato … (toglie il pane dal tavolo)

Ciullo Matre, ma Mommu no!

Caluzzu Ecco, appunto, Mommu no… Donna Bedda, facitilu pi m ia, accettate chistuomaggio …. O voi, accussì, mi offendete…

Bedda Va bene, va bene… Mettete lì sul tavolo, vi ringra zio… Volete sedervi?Sarriti stancu, aviti fattu a acchianata a piedi… V i cci vulissi un somaro! Picchì nun vi u comprate unu puru vuatri, comu tutti ccà 'n paìsi?

Caluzzu (distrattamente)Grazie del consiglio, ci penserò...(guarda Ciullo)Ciullo,stainnata, nun t'haju visto, jusu o porto… Ne a tia e manco a Mommu.

Ciullo Tempu nun haju avutu... Al Convento, a portar mannule, fichi e ciceri secchime ni andai… Per venderceli alle monache…

Caluzzu E le monache ce li comprarono ?

Ciullo Lassamu perderi… Dimmi piuttosto, navi oggi ni arri varono? E quante nipartirono?


Caluzzu Navi?(con enfasi)Arrivò…A Nave!Sentitemi anche voi donna Bedda(prende un pistacchio e inizia poi a mangiarli uno ad uno) Vi prego, finitela ri stariaddritta, sedete con noi e ascoltate…

Bedda (Bedda si siede)Va bene, mi siedo, se questo può farvi piacere, ma sbrigatevica a ghiri a prender l’acqua o puzzu… Che nave mai fu, questa che dite essere arrivata?

Caluzzu Arrivò una nave niente meno che dalla Signorìa di  Firenze…

Ciullo …E dove schifiu è questa Firenze?

Caluzzu Firenze è un paese lontanissimo… Nemmeno col somar  o ci si può arrivare!

E’ lontano assai, di là dal mare!

Ciullo Vero è? E che ci portò ad Arcamu chista nave?(inizia anche lui con ipistacchi)

Caluzzu …Ne scesero signori tutti vestiti di stoffe pregia te e di velluti, mercantiricchi di piccioli quanto di sale è ricco il mare… Venuti qua per comprare!

Bedda (scettica)…Si sa che i mercanti, in tutto questo mondo sugnu gente ricca!Che novità sarebbe…

Caluzzu Ma non a Firenze, a Firenze i mercanti, anche se son ricchi mille e millevolte di più, persino dei Conti di Modica…

Ciullo Dei Conti di Modica?

Caluzzu Sì… A Firenze, là, i mercanti sono i più poveri! A ddirittura sono più poveridei poveri, perchè tutti hanno i soldi ed il tempo per poterseli spendere, loro meschini, i mercanti per l’appunto, devono lavorare per trovare le merci da far comprare ai Fiorentini, ca nun li accuntentasti mai!

Ciullo Come sarebbe a dire?

Caluzzu Sarissi a dire che a Firenze non esiste miseria e malaffare, tutti possonopermettersi di mangiare quanto gli pare…. Comprarsi pi si quel ca ognuno voli, e

darne macari pi gli altri… Puri i minnicuni, nulla fannu, ma mangiano dui voti o sparti tri, dicu tri, voti o jornu!

Bedda …E perché mai in questa Firenze i cristiani sarebb ero tutti così pieni dipiccioli? (inizia anche lei con i pistacchi)


Caluzzu Perchè in città vi scorre un fiume fatto d’argento , le cui pietre son pietrepreziose, la gente al mattino va, e se le raccoglie, come tu, Ciullo, vai la mattina a coglier fichi… E poi con quelle si comprano tutto q uel che ci serve… E anche quel che non ci serve, che tanto, se ne fottono, la stessa cosa è!

Ciullo Ma vero è?

Caluzzu …E i mercanti, vi dicevo, sono invece i più meschi ni, perché loro debbonotravagghiari, e così meno tempo hanno per poter spendere le loro ricchezze, come invece fanno quelli che tutto il giorno nulla hanno da fare…

Bedda Mastro Calogero, ma voi siete sicuro di quel che dite? O è u vinu grecu chegià assaggiaste a farvi così parlare? (prende altri pistacchi)

Caluzzu (versa il vino a Bedda)Ma quale vino! …Vedeste mai voi un fiorentinopovero, scender da quella nave?

Ciullo …Io veramente non vidi mai nemmeno un fiorentino,    mancu so comu su fatti!

Caluzzu Vedi, per essere fatti, son fatti come noi! Ma son tutti ricchi e poi… Tuttisani sono, senza malanni sono! A Firenze non ci si ammala mai! Anzi, è proibito! Non ci si può ammalare!

Bedda E perché?

Caluzzu Perché…(un po’ misterioso) Perché a Firenze, ci comandano i Medici!

Ciullo Come sarebbe a dire?(si versa da bere)

Caluzzu Sì, al governo non ci stanno come qua i nobili spagnoli, i cavalieri o tuttaquella gente che ci vuole sempre cumannari, come i Conti di Modica, per esempio… A Firenze invece ci governano solo i Medici!

Ciullo E quindi?

Caluzzu E quindi, così è, che nessuno si può ammalare… E’    proibito!

Ciullo E se uno si piglia, meschino, un raffreddore o si rompe una gamba?

Caluzzu Guai! Se non guarisce subito, finisce a schifìo e rischia che se lo fannofuori… (fa cenno del taglio alla gola)

Bedda Scusate Mastro Calogero, tutte cose, ma perché ammazzano chi, meschino, sipigliasse un reffreddore?


Caluzzu (sorride)Donna mia Bedda, di fatto e macari di nome, immaginate chefigura ci farebbero i Medici al mondo, se fosse che nel loro regno, di loro che sono Medici, la gente si ammalasse come da tutte le altre parti della terra!…

Bedda (stupita)Ma queste sono tutte cose che non si sentirono mai…

Ciullo Ma invecchiare a Firenze si può?

Caluzzu …Ed anche troppo invecchiare…. Ché chi è vecchio è              visto male assai!

Ciullo (stupito)Ma vero è?

Caluzzu Vero è! Chi ha malanni, non è degno di stare a Firenze! Chi è zoppo, con unpocu di trimuri alle mani, poco ci vede o sordo è, fuori se ne deve andare! In esilio!

Ciullo Ma cose di pazzi!…

Caluzzu …E infatti ci sarebbero puru i Pazzi! Ma i Medici non ce li vogliono aFirenze…

Bedda E questo perché?

Caluzzu Perché… Perché sono Pazzi. E, pensate, che vorrebb ero, sparti, governareloro! Ma ve la immaginate una Signorìa come quella di Firenze, governata dai Pazzi?

Ciullo Miiii…! Pure i Pazzi ci sono a Firenze che vonnu c            umannari?

Caluzzu Sì e sol per questo i Medici li fecero ammazzare tutti… Ad uno a d uno, eora Pazzi non ce ne sono più a scassare la minchia ai Medici, solo persone intelligenti, con la testa a posto a Firenze, ora ci sono!

Bedda Volete dire, Mastro Calogero, che a Firenze non ci potrebbe stare uno che,anche solo un poco scimunito è? Solo se sei intelligente ti fanno stare ni stu paisi ca ci dicinu Firenze?…

Ciullo E io, per esempio, ci potrei entrare a Firenze, io? Voi matre mi dite sempreche io sono unu pocu scimunito…

Bedda Ma io te lo dico solo perché tu parli con il somaro!...

Caluzzu Vero è …


Bedda E voi cosa ne sapete, Mastro Calogero, se u figghiu miu parlasse col somaro???

Calizzu No… Dico:… Vero è ????  Mi dumannu …. Perché se è

vero, bisogna essere

molto intelligenti per saper parlare con le bestie…   Sapete di San Francesco che

parlava agli uccelli  e che proprio per questo Santo lo fecero? A te che parli con i

somari, minimo Papa, a Firenze, ti ci fanno, unu comu a tia…

Ciullo (si schernisce)Ma vero pure? Io non credo…

Caluzzu Comunque, a parte questo…  I Medici ti farebbero e

ntrare subito, con tutti

gli onori, di questo sicuro sono! E ti porterebbero lo stesso giorno davanti al loro

Signore… E lo sai perché?

Ciullo No! Perché?

Calizzu Ma… Mi vuoi dire che non lo sai come lo chiamano a

Firenze il Capo di tutti

i Medici?

Ciullo E che ne sacciu iu! Manco sapevo di Firenze! Come vuoi che lo sappia iocome diavolo si chiama il Capo dei Medici di Firenze!?

Caluzzu Lo chiamano Lorenzo il Magna-fico! Capito mi hai? Il Magna-fico, perchèche ci piacciono i fichi assai…

Ciullo (divertito)Vero è? Così lo chiamano? Il Magna-fico, questo Lorenzo?…

Caluzzu Tu, ci pensi se ti presenti da lui con un cesto dei nostri fichi secchi, chefigura che ci faresti? Facile è che secchi lui, meschino, i fichi, come i nostri, mai se li ammuccò! Secondo me, se tu devi andare a Firenze, i fichi, tanti, con te, ti devi portare…

Bedda (spazientita)Mastro Calogero, ma che dite ?!?!?! Lui, Ciullo, a Firenze non cideve andare… E poi che ci andrebbe a fare, tutte co se, uno come il figlio mio, Ciullo, u figghiu miu… A Firenze?

Caluzzu …Bè, un motivo ci sarebbe!

Bedda E quale?

Caluzzu Vedete …. Donna Bedda, vostro figlio già grande si    fece, dovrà pur trovarsi

una mugghiera, alla buon’ora, o no? Ca sperati, i nu mmiraculu du Sant’Onofriu!?


Bedda E proprio a Firenze, che noi non sappiamo nemmeno dove stia questa Firenze,che voi dite, se la deve andare a pigghiari, lui, a mugghiera?

Ciullo Vero è! Caluzzu, … Questo mai me lo dicesti !!! Pe rché a Firenze me ladovrei pigghiare io, la mugghiera?

Caluzzu (rivolto a Ciullo)Le donne di Firenze sono tutte alte, bellissime epulitissime, quando passano per strada i loro abiti muovono l’aria come la brezza del mare quando è il sole al tramonto, e la profumano di rose e di viole, come primavere…

Ciullo (stupito)Ma così belle sono?

Caluzzu … E tu pensa ch’a idde se le chiamano Madonne!

Bedda (si fa il segno della Croce)Ma perché, tutte Sante sono, queste così bellefimmine?

Caluzzu (ride)Sante? Ma quali Sante… Non mi fate ridere, donna Be dda …(gliversa altro vino) Son tutte pronte e in cerca di marito, già lo cerc ano il giorno dopoche, picciridde, l’hanno portate al fonte Battesimale, e sono tutte fimmine generosissime!

Ciullo E perché, se io ci vado, una di queste Madonne dovrebbe sposare proprio unocome a mia?

Caluzzu Ma perchè tu sei un bellu masculo giovane, vieni da questa terra fatta disole e di mare, alla Madonna fiorentina, ci piacciono gli stranieri, soprattutto quelli belli e abbronzati come a tia!

Ciullo Tu dici?

Caluzzu …Ma sicuro è! Toh, bevi!

Bedda (spazientita)Ma insomma Mastro Calogero, ora basta! Ma cosa gli statemettendo in testa? Lui qui, se la vuole, una moglie se la deve trovare… Che farebbe, mi lascia qui da sola a far da compagnia ad un somaro…

Ciullo Mommu!!! … Comunque, matre, se anche fosse, lui ver rebbe con me, a voiqui non lo lascio, lui sempre co mia deve stare…

Caluzzu Quindi, vi dicevo…


Bedda (fa per chiudere il discorso)…Si va bene, va bene, Mastro Calogero… Graziedel vino, dei pistacchi, ma comunque, qui Ciullo è, e qui Ciullo con me rimane!

Caluzzu Ma donna Bedda, pensate anche per voi che fortuna sarebbe una nuorafiorentina, ricca, bella, una fortuna per tutti, somaro compreso… (rivolto a Ciullo)


Bedda …Donne giovani a belle anche giù ad Arcamu ci sono


!


Caluzzu Si ma… E poi, Ciullo, devi pure sapere che le mad(misterioso) sono femmine tutte speciali…


onne fiorentine


Ciullo Cioè?

Caluzzu Che qua da noi, fatte come loro, non ce ne sono…

Ciullo Sì ma fatte come?


Caluzzu (si guarda attorno come a prepararli ad una notizia sconvolgente)Ciullo,hai presente la natura della femmina come è fatta?


Ciullo Quale natura ????!!!, Caluzzu, fammi u favore… Spie


gati bene!


Caluzzu Ciullo …. Avà !!!!! Vero mi dici ???? La natura del    la femmina una sola è.


Un delizioso frutto proibito come a questo (prende dal paniere di Ciullo un fico secco e glielo ficca in bocca)

Ciullo (con in bocca il fico secco mentre Bedda si copre gli occhi con le mani)Ahhhh! …La natura!!! Quella natura !!! Quanto è bel la la natura !!! (con voce sussurrata)

Caluzzo Bene, vedo che ce l’hai presente. Ciullo ragazzo mio, allora rammenterai disicuro come è fatta quella deliziosa natura... (lentamente con l’indice traccia un tratto verticale nell’aria) Quella delle madonne fiorentine invece è… (lentamente con l’indice traccia un tratto orizzontale nell’aria) E’ così!!!

Bedda (si fa il segno della Croce)Ma questa natura, è una natura del diavolo!?

Caluzzu No! Furono i Medici a voler così, il Magna-fico lo disse… Non più così…(rifà il segno verticale) Ma… (rifà il segno orizzontale) Così! Questo ci disseLorenzo il Magna-fico alle Madonne fiorentine! (solenne) E così fu!


Ciullo (quasi ipnotizzato)Non più così…(fà il segno verticale)orizzontale) Miiiii… E così fu? Ma davvero è, le femmine di Firl’hanno?... La natura?…


Ma… (fà il segno enze così ce


Caluzzu Quanto vero è, che a questo mondo mia madre mi chiamò Calogero…Calogero da Cinisi! Parola mia!

Ciullo (si sente il raglio dell’ asino tre volte)…Mommu dice che qualcuno ci arrivòuora, uora,… Ma è uno che non gli piace!...

Bedda (bussano violentemente alla porta)Santa Matre, ma chi è che bussa così allanostra porta?

Soldato (irrompe prima che Bedda apra la porta, un militare, con un editto in manoed una tromba) Alto là! Nessun si muova/dirvi debbo nova nuova!

Bedda (impaurita va istintivamente verso Ciullo per proteggerlo)Che volete da noi,chi siete?...

Soldato Udirete fra un momento/la notizia ch’è un portento/Ferdinando,re di Spagna/che del mondo è la cuccagna/a se ha chiamato, o meraviglia/l’Almirante di Castiglia! (suona la tromba)/Il nostro Conte e nostro bene/non vi andò per farvi cene/ma per essere ascoltato/sopra a un fatto delicato/Non soltanto venne udito/Di donna Anna il buon marito (suona la tromba)/diciassette i convocati/tra Arcivescovi e Prelati/e 9 Duchi e 10 Conti/eran lì a discuter pronti/e frai Conti, lo si dica/(solenne)ergéasi il Conte di Modìca! (suona più forte la tromba)

Ciullo (raglio d’asino)Zitto Mommu!…(rivolto a Bedda)Ma non si dice Mòdica? Bedda Zitto pure tu, figlio mio, che questo soldato un poco fetuso mi pare!

Caluzzu …Sì, ma fate silenzio con la bocca, è meglio che s entiamo quello che cideve dire!

Soldato E non si prese mai un abbaglio/il nostro Conte, l’Ammiraglio(suona la tromba)/Ferdinando, Re d’ingegno/lo chiedèa senza ritegno/s’eraormai già spazientito/nel proporre ‘sto quesito:/”val la pena, o miei signori/le tre navi mandar fuori?/Non si creda “Caravelle”/voglia dir 3 caramelle!/di soldoni ben sonanti/alla fin ce ne vuol tanti!/Ne mettete


un po’ anche voi?/O meglio ognun pei fatti suoi?”/Ma ecco il Conte Federico (suona la tromba)/che del Re si mostra amico/s’erge in piedi a sua difesa/per sorreggerne l’impresa!

Bedda (spavenata)Ahi, ahi! Lu sacciu… Chi uora pa mia e pa tia, fig ghiu, sunnuduluri!

Soldato “In Trinacria è un popol fiero/navigar non gli par vero!/a levanteda ponente?/Vuoi che sia, non ci vuol niente!/Essi son di razza antica”/spiega il Conte di Modìca (suona la tromba)/”Qui la ciurma, io vi ci metto/vo’ però aver rispetto/‘sto Colombo ha un gran desìo?/D’usurpar il nome mio!?/Solo io “Grand’Ammiraglio”!/Vedi o Re, non fare sbaglio/se mi sento preso in giro/quella ciurma, io la ritiro!” Ferdinando il Re prudente/dice “si” subitamente/e un editto tosto emana:/”fatto sia una settimana/di Cicilia ogni garzone/scelto sia per ‘sta missione/ Che per le Indie si fatica/Grazie al Conte di Modìca!

(suona più forte la tromba)

Ciullo Madre mia, ma che vuol dire?

Bedda (disperata)Ho paura che tu debba partire, Vincenzuzzu miu… Co me tuopadre partì alla guerra, tu partirai per il mare… P er le Indie…

Ciullo (in lacrime)Ma io non posso, voi madre… Mommu, pensate a Mommu che suuna nave non fu mai salito…

Bedda Penso a te figlio mio, a te penso, se mai ti rivedrò…

Caluzzu Donna mia Bedda, coraggio facitivi, vi prometto, vi sarò vicino, sempred’aiuto, se vorrete…

Soldato Fate ora silenzio, e udite, udite: Per editto del Re di Spagna il CattolicoFerdinando, anno del Signore 1492: Vincenzo detto Ciullo figlio di padre Nello e di madre Bedda nato in Alcamo, domani mattina, prima dell’alba, dovrai trovarti al porto della città di Casteddammari per imbarcarti s ulla Real Nave di Spagna. Rallegrati! Sei arruolato nella ciurma della caracca Santa Maria che presto salperà da Cadice, insieme ad altre due caravelle, alla volta delle Indie. Sarai sotto il comando dell’Ammiraglio del Mare Oceano Cristoforo Colombo, per volere del Grande


Ammiraglio delle Indie, sua Eccellenza il Conte di Modica Don Federico Enriquez Cabrera, Almirante di Castiglia, Gran Maestro dell'Ordine di Santiago e Duca

di Medina de Rioseco. Con te porterai nient’altro che un Crocifisso! Chè di quanto e null’altro ha bisogno chi si rimetterà nelle mani d el Signore in questa impresa… Ma sappi, bada, che se domani, allo spengersi dell’ultima stella i tuoi passi non risuoneranno sulle pietre del molo di Casteddammari, verrai perseguitato ovunque e imprigionato, e tutti i tuoi beni saranno donati al Re di Spagna, sua Maestà il Cattolico Ferdinando e alla di lui consorte, la graziosissima Regina Isabella…

Ciullo Ma io ho solo Mommu, mi frate!!!(il soldato guarda gli altri due come achiedere spiegazioni)

Caluzzu …Il somaro di famiglia!

Soldato …Bene! Allora se altro non hai, ti sarà preso il s omaro!(suona la tromba ese ne va, il somaro raglia ancora per tre volte) A domani! E Che Dio t’assista!

Bedda (disperata)Che disgrazia, che disgrazia, come farò, qui da sol a… E tu figghiumio, lontano nel mare, perso per chissà dove… Nelle Indie!

Ciullo (disperato)Madre, io non voglio lasciarvi…

Caluzzu Aspettate, non disperatevi, forse ce l’ho io una soluzione… Se Ciullosparisse per qualche tempo, in un posto lontano, fuori dalle terre di Sicilia e di Spagna, poi di lui non si ricorderà più nessuno, fi guriamoci il Conte di Modica…

Bedda Ma Mastro Calogero, tutte cose, non sentiste voi cosa disse quel soldato?“Sedomani all’alba i tuoi passi non risuoneranno sulle pietre del molo di Arcamu, verrai perseguitato ovunque e imprigionato…”

Caluzzu (rassicurante)Sì, va bene, ma prima però essi dovranno trovarlo… E se saràcome dico io…

Bedda (fiduciosa, afferra le mani di Caluzzu e se le porta sui suoi seni)Ditemi, viprego, che vi passa per la testa?

Caluzzu (stringendosi a Bedda)Domani all’alba parte la nave Reale di Spagna, veroè, ma parte anche quella nave che torna a Firenze!

Bedda Va bene, e allora?

Caluzzu Allora Voi… Prendete una gran cesta piena di fichi      secchi e nascondeteci

Ciullo! Io la porterò stasera stessa alla nave, dic endo che è un omaggio dei Conti di

Modica per Lorenzo il Magna-fico…


Bedda …E poi?

Caluzzu Loro la caricheranno e la porteranno a Firenze, ci vorrà qualche giorno, matu (rivolgendosi a Ciullo) ti mangerai qualche fico finche non arrivi nella Signorìa, lì poi vivrai in mezzo a tutti i fiorentini… E nessun o mai ti troverà!

Bedda …Ma così lo perderò lo stesso per sempre!

Caluzzu No, quando sarà ricco e si sarà maritato con una m ogliera fiorentinabellissima, con la sua speciale…. Natura (con le dita della mano destra, disegna per

aria una croce ) …Tornerà presto ad Arcamu. Se uno è ricco e ha pur e una mogliebellissima, e straniera… Figuriamoci poi se avi pur u la natura…. Speciale (ridisegna

in aria una croce con le dita) tutti lo rispettano, nessuno gli farà mai del male…manco ad un capello… Credetemi, così è!

Ciullo …Scusate Caluzzu, e anche voi matre, ma vi siete s cordati tutti e due di unacosa importantissima!

Caluzzu e Bedda Cosa?

Ciullo Mommu! E Mommu dove lo metto? Nella cesta dei fichi, come dite voi, nonci trasi!!!!!

Caluzzu (ci pensa un attimo)No, non si può portare Mommu a Firenze, meglio dino, credimi, sarebbe peggio per lui!

Ciullo E perché mai!?..

Caluzzu Laggiù, a Firenze, ci sono solo cavalli, Mommu si sentirebbe a disagio, inmezzo a tutti quei destrieri bardati, lui, meschino, un povero asinello, u sceccu!... No, te l’ho detto, meglio di no, tanto lo ritroverai qui al tuo ritorno!

Ciullo (si impunta)No! E poi no! Non se ne parla nemmeno, lui è stato sempre conme… Non può restare qui da solo, e nemmeno io starò senza di lui! Mommu è me frati... Io non lo abbandono.

Caluzzu (spazientito)Senti Ciullo, tanto sulla nave del Re di Spagna non te loavrebbero fatto salire lo stesso! Dai retta a me, va bene così, io e tua madre ci preoccuperemo di Mommu. Ma ora andate, andate a preparare questa gran cesta di fichi, che io qui vi aspetto!

Bedda (commossa)Sì, Ciullo, Caluzzu ha ragione, facciamo come dice lui… GrazieCaluzzu, se non fosse stato per voi…


Caluzzu (emozionato)Calizzu… Bedda, voi per la prima volta in tutti quCalizzu… Mi chiamaste!? Posso allora sperare?…


esti anni…..


Bedda (si ritrae)Scusatemi, … Ma ora dobbiamo pensare a Ciullo, and         iamo a


riempire la cesta dei fichi, tempo poco ne abbiamo per potercelo passare a far questi discorsi, ancora… Inopportuni!…

Ciullo (esce con la madre, riluttante)Ma matre… Mommu, fatemelo salutare, unultimo saluto prima di partire … Almeno na vasata … . Un bacio… Mommu…

Caluzzu Andate, io qui vi aspetto(dopo un attimo sembra come sollevato, si valentamente a sedere al tavolo, e versa con calma il vino in due bicchieri) Dài,rientra… Tutti se ne andarono!

Soldato (come se uscisse da un nascondiglio)Eccomi… Mastro Caluzzu…

Caluzzu Vieni, siediti qui, e prendi un bicchier di questo vino greco, dico io che te lomeritasti.

Soldato (si siede e accetta il vino)Grazie e alla salute vostra Don Calogero… Manon penserete mica di cavarvela solo così, con un bicchier di vino!?… Non di questo si parlò giù al porto!

Caluzzu Lo so, lo so…(tira fuori un sacchetto)Eccoti qua, quel che ti è dovuto…Credo sia abbastanza, per dovere solo raccontare una bugia…

Soldato (ironico)Questo denaro se è abbastanza per una bugia, lo sapete meglio voi,mio Signore, che di bugie dicono siate un gran maestro…

Caluzzu Di tutto il Creato, sulla terra, solo l’uomo ha il privilegio di poter esserbugiardo… Saper esser bugiardo, per la natura umana è vanto, non lo sapevate?

Soldato Ma voi sapete anche che il cattolicissimo Re Ferdinando ama i bugiardicome ama gli ebrei… Io oggi ho rischiato due volte!

Caluzzu (seccato)Ma quale rischio! Solo per raccontare ai tuoi padroni di avertrovato qui, oggi, triste in lacrime una vedova che piangeva anche l’anima dell’unico suo figlio, perso per sempre?… Che poi, in fondo, è una mezza verità.

Soldato Sarà come voi dite compare, ma toglietemi una curi osità… Voi fareste tuttoquesto, se ho ben capito, solo per poter entrare nelle grazie di quella giovane vedova?


Caluzzu (infastidito)Soldato, di questo tu non t’impicciare, il tuo l’h ai avuto… Quelche debbo avere io, da lei, a te non interessi!

Soldato …Un pezzo di terra e poi un somaro!?

Calizzu A mia mi basta! …E poi un somaro! Un piccolo somar o bianco con gli occhidel mare… Che di tutti noi, qui, forse, è quello ch e richiama la più grande considerazione… (si sente ragliare il somaro per tre volte).

ATTO II

Narratore Buonasera… Ben ritrovati… Avete preso qualcosina al bar? Fichi secchine avevano? No eh… Lo dicevo io, al giorno d’oggi n on vanno più di moda, pensare che un tempo ci si faceva pure le nozze!… E Ciullo ? Ciullo a bordo di quella nave,

immerso in quella cesta, dei fichi secchi presto ne ebbe forte nausea… La notte, se ne usciva da quella tana appiccicosa, spinto dalla fame e dalla sete, faceva con quello che c’era nella stiva, e poi, prima dell’alba, ci s i infilava un’altra volta dentro, come una lumaca fa nel suo guscio. Ma finalmente si arrivò nel grande Porto Mediceo di Livorno. La cesta, con lui sempre dentro ai fichi, nascosto bene, fu messa su un carro e, dopo un giorno, raggiunse Firenze. Firenze! Finalmente era arrivato in quella città fantastica e generosa di cui Calizzu gli aveva così ben parlato… Voi ci credete? Voglio dire, voi ci credete che a Firenze, sull’Arno, sulla sua riva, si raccogliessero gemme ed argenti? Dite di no? Ma che ci crediate o meno, non fu questa la prima delusione del buon Ciullo. I suoi guai cominciaron molto presto, quando coloro addetti alla cucine di Lorenzo… il Magna-fico, si a vvidero che in mezzo ai fichi, nella gran cesta a lui donata, ci stava dentro, mezzo affogato, un rozzo essere dall’apparenza umana!... E poi, e questo Calizzu non glielo aveva proprio detto, a Firenze, nessuno parlava la sua lingua, il siciliano. Francese ed Alemanno sì, anche Spagnolo, perfino il Portoghese, l’Arabo, ma quella lingua cruda e antica, nessuno la capiva e tantomeno la parlava! Forse, a cercar bene, si sarebbe trovato qualche vecchio mercante che ne fosse stato avvezzo… Ma a c he pro, cercarlo? Tanto, nulla di buono vi poteva essere in chi viaggiava in una nave, nascostamente, in mezzo ai fichi e fra le mosche. Un clandestino! Per non sbagliarsi, prima lo bastonarono e poi lo sbatterono in galera. Non come adesso che si offre asilo a chi fugge da guerra e da miserie, e lo si ascolta!... Insomma, imbrattato dai fichi, e per di più incompreso, lo posero a stanziare in gattabuia. Ed è lì che lo troviamo, adesso, il Ciullo, stordito, percosso, e afflitto da uno sciame di mosche e di tafàni, nel Carcere Fiorentino delle Stinche, che il popolo chiamava "Porton della Miseria”. Qui, presto o tardi, vi finivano inevitabilmente dentro i poveri, i caduti in disgrazia, i falliti; per i malviventi… Un po’ più ricchi, vi era il cosiddetto "Alberghetto", nella Torred’Arnolfo, in Palzzo Vecchio ,dove vi fu rinchiuso per un po’ anche il Gerolamo…No il somaro di Ciullo… Gerolamo, il Savonarola, in quanto forse eretico sì, gran rompiballe, ma rispettabile, perchè prelato. Non come adesso che la giustizia e la civile condizione carceraria son garantite a tutti!... Ecco Ciullo (Si apre il Sipario,


Ciullo legato a terra, stordito, due guardie giocano a Morra) insieme ai suoiaguzzini, intenti a capir, no chi egli fosse, ma quanti e quali pericoli portasse, un essere bestiale come lui, alla Signorìa di Firenze, ed agli onesti fiorentini tutti…

Fetonte e Trifone (urlano)U’… Du’… Qua’…Otto… Se’… Fetonte Morra! E con questa ho vinto l’urtima…

Trifone (arrabbiato)Fetonte… Dammi la rivincita, in do’ tu vai? Dammi la rivincitate, o te ‘un tu se’ un’omo!…

Fetonte Oh Trifone, stà bonino, da’ retta, t’ ha’ perso tut to, un t’ha’ più il becco d’un

Fiorino, icchè tu ti vo’ jiocare, ora?!

Trifone Mi jioco le palle di quell’omo!

Fetonte (ride sguaiato)Le palle le ‘un son le tua, le son le sua , te, quelle, ‘un tu te lepo’ jiocare! Ha’ ‘nteso?

Trifone Ma presto le saran mia, perché io vo’ là e gliene stacco co’ i’ cortello… Fetonte (si fa serio)Basta Trifone! T’ha’ perso! Sta’ zitto, ora! Paga i ’ dovuto e fallaun po’ finita con codesti tu’ discorsi a vanvera… Trifone (paga)Tieh, pigliali! E jiocateli all’inferno!

Fetonte …Ricordati che noi siam qui, pe’ lavorare…(indica Ciullo) Trifone …Sicuro che siam qui pe’ lavorare!

Fetonte Per prima cosa s’ha da sape’ chill’è e che vole questo scimmione(indica

Ciullo),

Trifone Dice che l’hanno trovato in un cesto in mezz’a fic hi…

Fetonte (ironico)Ma a me ‘e ‘un mi par esse’ certo questo un rigogo lo!

Trifone …Brutto, l’è brutto di molto, e puzza forte di fic o! Non gli si vede nemmeni’muso da quante mosche e tafani gli ronza attorno… Fetonte, vien via, tagliamogli subito le palle, e si va a casa!

Fetonte (spazientito)Oh, ma che ci sta’ un po’ bono te, sempre con code ste palle!?Vediamo piuttosto se s’è un po’ripreso… (si avvicinano, usa un bastone per scuoterlo) Ehi! Si dice a te! Che ci vedi? Che c’intendi almeno quande no’ si parla?


Trifone …Ma icchè capisce, lo vedi che e’ non c’intende! S econdo me lu’ capiscequalcosa sol se gli si tagliano le su’ palle…

Fetonte (Scuote Ciullo e poi con ampi gesti)Guarda me! Io Fetonte… Lui Trifone…Te, dico a te, becero d’omo, lercio che tu sei e brutto quanto tu se’lungo, te dico, schifoso, in mezzo alle mosche, costì! Come tu ti chiami, oh bestia!?

Ciullo (sempre stordito)Ciullo, io Ciullo…

Fetonte (sorpreso rivolto a Trifone)Dice che luiciulla… Ma icchè      ciulla?

Trifone …Ma ‘un sarà i’ su’ nome?

Fetonte Icchè? Ciullo? Ma che ti sembra un nome? Lu ci vuol dir qualcosa, dammiretta!

Trifone Ma vedrai, dico io, che se gli taglia le palle, dopo, e’ ‘unciullapiù! Fetonte Amico, ascoltaci bene, a noi se te tuciullio no, e ‘un ce frega proprio nulla,bon pro’ ti faccia…

Trifone Giusto!

Fetonte Ma noi si vo’ sapere come tu ti chiami e chi tu sei, hai inteso?… Sennò ilmio amico, lui ci mette poco, piglia, ti stacca tutt’e due que’ fratellini menci che te t’ha fra le gambe, e se ne fa du’ buccole…

Ciullo (stordito)Mommu, Mommu, unn’è Mommu… Unn’è Mommu… Trifone Ma icchè dice, ora?

Fetonte Dice che “ non è Mommu”… Non lo so chill’è qui’ Mo mmu che dice lui…(deluso) Vorre’ proprio sape’ io, questo rospo, che lingua parla…

Trifone Vorrà diremammanella su’ lingua, lo fanno a vorte di dillo i condannati

quand’e sanno che prima o poi gli si dovran  segar le palle!...

Fetonte Sarà mica un Alemanno? Trifone, te che t’ha’ comba ttuto co’ Mercenari

Svizzeri, vedi se gl’intende il tedesco…

Trifone Dammi i’ bastone!

Fetonte Piglia te!

Trifone (si avvicina e lo scuote col bastone)Ohi, du! Shoyte! Folg mir, vi heystu?

(dialetto tedesco: Ehi, tu! Scemo! Ascoltami, come ti chiami?)  (Ciullo non reagice)Macchè Alemanno, ti pare


possa esser un teutone, uno brutto così! A me mi rassomiglia di più a un pirata

Levantino...

Fetonte (pensa)Te tu diresti, eh….

Trifone Fetonte, senti, io mi sarei anche bell’e divertito, spostati di costì, ripigliati iltu’ bastone, che io vo lì e gli taglio le palle!

Fetonte (si infuria)Oh che ti cheti costì con codeste palle da tagliare!? Possibile che‘un tu pensi a attro che a taglià palle alla jente! ? Sta fermo per Dio!!! Non te lo fa’ di’ più, t’ho detto! E vediamo un pochino, chi è qui un po’ che comanda!!? Trifone (sottomesso)Te Fetonte, te… ‘Un t’arrabbiare, ora, io facevo p er

avvantaggiarmi col lavoro…

Fetonte …Che ci va’ te, po’, dopo, da i’ Magnifico Lorenzo, a spigagnene, che lepalle tagliate le non si sa di chi ‘le sono? Tu lo sai che po’ s’incazza… Dice, per giunta, che urtimamente ‘unn’e’ stia nemmen troppo bene…

Trifone E starà per tira’ i’ carzino, ma sai icchè ti dico ? Meglio lui che noi… Per mequi’ corrotto, l’ha campato anche abbastanza!

Fetonte (torna sereno e ironico)Ahhh, ora ho capito!... Allora te tu saresti anche teun amico d’i’ Savonarola…

Trifone Savonarola o no…A me mi basta che mi faccian fare in pace il mio lavoro,tagliar le palle e con questo credo di non fa’ di’ male a nessuno…

Fetonte (torna ad interessarsi a Ciullo)Un Levantino, eh?… Ti sembra a te… Malo sai icchè ti dico? Io più che lo guardo, e più che questo rospo qui, mi ci si rassomiglia anche a me!

Trifone Cristo! Par quasi essere un moro!

Fetonte ...Sarà mica un Giudeo scappato dalla Spagna!?(ci pensa)Eh no! In tal casoperò ci parlerebbe almeno il castigliano …Ma se fosse invece davvero un moro? Trifone Un pirata turco!

Fetonte O peggio! Un impalatore Mamelucco!!!(col bastone scherza con Trifone)

Trifone Stà fermo con qui’ palo!...


Fetonte (divertito, rivolto a Ciullo, mima col palo)Ehi, dormiente! Impara noi, ora,come ti s’impala, turco di merda… Hai finito ora d’ impalare la gente per bene… Trifone E poi, via, p’esse’ sicuri, ‘un credere, prima ti s’impala e poi ti si tagliaanche le palle…

Ciullo (stordito)Mommu… Mommu…

Fetonte (scocciato, smette col bastone)Nulla, via! Questo ce l’ha con Mommu…(rivolto a Ciullo, torna a scuoterlo col bastone) Ehi, bellezza! Tu ci avresti bell’e divertito con codesto Mommu, Mommu, una sega! Chè roba l’è, i’ Mommu?… Trifone Ascolta! Che ce lo vuoi dire prima, i’ Mommu, o dopo che ti s’è tagliato lepalle?

Ciullo Mommu, Gerolamo… Gerolamo, mi frate… Mi frate Gero lamo… Io… Fratedi Gerolamo…

Fetonte e Trifone (sobbalzano)Frate Gerolamo?… Frate Gerolamo Savonarola.Invoca il Savonarola…

Fetonte Vuoi vedere che questo l’è uno della congregazione del Savonarola, un fratedi San Marco!…

Trifone …Finito pe’ sbaglio qui alle Stinche!? D’altronde si sa, al giorno d’oggi, colcasino che c’è pe’ le strade, po’ capitare…

Fetonte S’è un prete l’è uno istruito! E co’ soldi, per giunta…

Trifone Hai visto!? Se lo sa il Priore di San Marco che l’hanno portato qui pe’

sbaglio, e si sta lustri! E te che tu gli volevi anche tagliar le palle!...

Fetonte (stupito)Ah! Io, gli volevo tagliar le palle? Levati di qui, guarda, dammiretta, ‘un ti tiro una bastonata su’ i’ capo, sennò lo rompo, ma no ‘i capo, i’ bastone, che la tu’ chiorba l’è più dura di que’ massi in Arno!

Trifone Sì, ma, o Fetonte, ma, secondo te, icchè ci faceva lui in una cesta di fichisecchi?

Fetonte Avrà fatto una penitenza, avrà dovuto stare a penti ssi di qualcosa, tu lo saicom’è l’è fatto l’amico tuo, i’ Savonarola…. Trifone Amico mio?


Fetonte “Ricordati che devi morire, pentiti o brucerai all’ inferno…”

Trifone …E che ci si pente, a sta’ dentro ‘n una cesta difichi secchi?

Fetonte (non gli bada)Spetta però! Chissà s’è davvero un Cristiano o ce lo vuol soloa dar d’intendere! Ci ci vorrebbe una prova…

Trifone (esce in fretta)Oh Fetonte, e ho un’idea! Sai icchè si fa? Gli fo vedere unastatuetta della Madonna che ho vinto ieri a morra da un garzone montanaro, un certo Buonarroti da Caprese, di nome Michelangelo, e si vede che effetto gli fa… Fetonte (rivolto ironico a Ciullo, appoggiandosi al bastone)Allora, Messer mio…Come tu ci stai a Firenze? Questa è una città di buon cristiani, ma ci vuol il permesso per entrarci a non far nulla, ce l’hai te il permesso?… Oh, rispondi a me, bel fico, costì!

Ciullo (stordito)Sì, il Magna-fico…

Fetonte (perplesso)Il Magnifico, tu vorresti dire? Però chi l’è, all or tu lo sai… E tulo sai qui chill’è che ci comanda…

Trifone (rientra con una statuetta della Madonna)Eccola, eccola, Fetonte, tièh,fagnene un po’ vedere, vediamo che effetto gli fa, e icchè ci dice…

Fetonte (guarda scettico la statuetta)…E icchè sarebbe una Madonnina questa?Certo gli scultori moderni, oggi fanno dei troiai… Mah… (la mette davanti a Ciullo) …Vedi, questa, qui? Tu la riconosci chill’è?

Ciullo (ha un moto di eccitazione e con le mani sfa ripetutamente un segno verticalee uno orizzontale come se fosse una croce) E così fu, e così fu… E così, fu, e’Maronne… E così fu, a natura…

Trifone (incuriosito)Ma icchè dice?

Fetonte Boh!… Ma che lo so io… E’cosiffu, ècosiffu, però innanzi(davanti)gliene fail segno della Croce, sicchè ha capito chill’è, e sembra esserne devoto!…

Trifone Si vede che nella loro lingua la Madonna la chiamanocosiffu… Senti, ma‘un sarà meglio a ogni bon conto, tagliargnene arme no una di palle… Dico una… Fetonte (sbrigativo)Trifone, ascolta me! Io non ne vo’ sapè piu’ di quest’essere e ditutte le su’ mosche che c’ha di contorno, unn’è uno normale!


Trifone Icchè tu vorresti dire?...

Fetonte Questa per me l’è roba da Inquisizione, tipo eretici eremiti, maghibestemmiatori, ciarlatani, guaritori… Se poi c’è n’ i’mezzo anche i’ Savonarola… ‘I tu’ amico…

Trifone Tu dici che unn’è roba pe’ noi, che siamo sol de’ modesti armigeri? … Sì,ma allora icchè gli si fa?

Fetonte Andiamo via! Gli se ne fa sapere ai Frati di San Marco e se doman mattinal’è ancora vivo in mezzo alle su’ mosche, e’ ci si penseranno loro… Ripigliati questo trespolo (gli rende la statua) e ambula, sortiamocene via di quie…

Trifone (lo segue)Oh Fetonte, t’ha ragion te, meglio aver paura che buscanne!? S’haa fare, invece, un’altra partitina a Morra? Me la da’ te ora la rivincita? Fetonte Sìe! Ma se te ‘un tu c’hai più nulla, icchè tu ti vuoi jiocare?

Trifone (ferma Fetonte)Come nulla? Che scherzi?… C’ho questa statuetta di qui’mi’ amico, i’ Michelagelo, vinta ieri…

Fetonte (escono)Ma va’ ‘ìa, vai(ma smettila)‘un vale nulla! Sarà meglio che tu glienedica a qui’ tu amico Michelangelo che lu’ cambi mes tiere, che le statue le ’un son roba pe’ lui, meglio che vada a fa’ lo scalpellino pe’ le strade…

(Ciullo resta solo e abbandonato, musica grave e misteriosa, dopo qualche secondo appare dal nulla una figura, è Nello il fantasma del padre di Ciullo) NelloCiullo,svegliati, Ciullo… Acoltami!

Ciullo Basta, basta… Lasciatemi stare…

Nello Ciullo, ascoltami, non aver paura, sono io, tuo padre Nello, tu non puoi saper di

me, ma da dove or sono io, ti vedo ogni giorno e di questo mondo che presto ebbi

lasciato, io ora tutto conosco …

Ciullo Mio padre?…

Nello Sì, mio Vincenzo! Sono io, il tuo sfortunato padre, che tu mai hai conosciuto…Ma son tornato oggi qui sulla terra per aiutarti, per intercessione di Sant’Onofrio… Destati bene ora, e bene ascolta!

Ciullo Padre… Davvero siete venuto ad aiutarmi? Liberatem     i allora da qui…


Nello Entro oggi sarai libero e pieno di soldi, ma, stai attento! Devi tornare presto inSicilia, non far che tua madre resti sola con compare Caluzzu…

Ciullo Padre, perché mi dite così, che a lui lasciai mia madre e mio fratelloMommu!? Caluzzu per me è più che un buon compare, e mia madre spesso lui l’aiuta…

Nello …Carità fallace e per suo interesse, egli vi mostr       a!

Cliullo Perché dite così, padre?

Nello Or ti dirò. Passata era da poco primavera e stava  ormai per cambiar la luna.

Bedda, tua madre, la mia cara consorte, presto t’avrebbe messo al mondo… Bedda

era la più bella femmina che vi fosse stata in Arcamu, la sua bellezza era saputa da ‘u

Munti in fino a Egùsa…

Ciullo E bella è ancora, ma assai di animo modesto è, e virtuosa…

Nello Quando nacque era già così bella che suo padre, de siderò chiamarla soltantoBedda e per propiziarne vita serena e dolce, come da nostra usanza, lasciò su di lei cadere una goccia di miele di carrubbo, sulla sua piccola natura… “Sticchi Duci”… Ciullo Questo mai me lo disse…

Nello Sticchi Duci presto crebbe. I commercianti e i pescatori al porto facevano agara per offrile le mercanzie migliori, sperando ch’ella, li volesse ripagare con un sorriso di compiacenza, ma sempre a occhi bassi, ringraziava, e sempre a passo svelto se ne andava...

Ciullo (sognante) …E come fu allora che vi conosceste?!

Nello Quando Bedda fu appena in quell’età in cui ogni do nna brama lo sposo,Calogero da Cinìsi, gran mastro d’ascia, le si prop ose, le offriva mille cose e mille parole, ma nessun dono e nessuna promessa le fece aprire, in suo favore, il cuore! Ciullo E poi che accadde?

Nello A lungo Caluzzu la cercò, ma ella mi preferì, perc hé, diceva, io le sapevo parlarcon onestà, senza dover usar vuote parole, da cuore a cuore! Così ci amammo e l’amor presto ci portò alle nozze…

Ciullo E poi, ahimè, ci fu la guerra… E voi moriste…


Nello Sì, vero è, ma non morii per sorte avversa! I Conti di Modica ci chiamaronoalla guerra, con me v’era Caluzzu, valente mastro d’ascia, quanto maestro di perfidia e inganni, ci comandava, e così, com’altri, io, mes chino, gli obbedivo… (piange) Ciullo Padre, vedo che voi piangete ma, vi prego, continuate!

Nello E come Re Davide mandò incontro a sicura morte in battaglia il fedele Uria perconcupirne la moglie Betsabea, così Caluzzu mi mise a far da scudo alle spade taglienti dei pirati levantini. Dopo aver, con ogni forza, difesa la mia terra, perii, e caddi trafitto…

Ciullo Questa fu dunque la vostra morte in battaglia, padre?

Nello (si arrabbia)Respinti furono i pirati, e fu gran festa, ma per me, restò sol mortein battaglia. Così disse Caluzzu a Bedda, mostrandole, per la mia triste fine, pietà e dolore, falso, come falsa è la luce che ci fa luna… Fu assassinio vero! E dei più vili!

Ciullo …Caluzzu, questo fece?! Non ci posso credere!!!

Nello Ma tutto ciò non basta! Non solo della mia Bedda e gli insidiava il cuore, maanche della mia casa, seppur modesta e dei poveri campi tutti attorno, il possederne… Ciullo E perché mai?

Nello Ma per donarli ai Conti di Modica! A lui grati per avergli difeso quelle terre…

Che in cambio, così, l’avrebbero fatto anche Barone !

Ciullo …Ma voi mi volete dire allora che…

Nello Presto sarai libero e ricco, mio buon Ciullo… Ma t orna prima che puoi inSicilia, sta vicino a tua madre, da un uomo come Caluzzu tutto c’è da aspettarsi… Ciullo E dite padre? Che ne sarà di Mommu?

Nello Mommu?... Figlio mio, ma sempre Mommu hai per la testa? Comunque non

v’è bisogno, come me d’esser frai defunti per saper del suo destino… Di lui si

sbarazzerà, il Caluzzu, o presto o tardi…E se nulla                accadrà, finirà in Spagna…

Ciullo Ma padre, come potrò tornare ad Arcamu? Qui nessun o capisce la mia lingua

e sono prigioniero…


Nello (inizia a ad andarsene e poi sparisce)Abbi fede, figliolo, ti ho già detto, prestoda qui ne uscirai, più ricco ed ancor sano... Ora però ti devo lasciare, figlio mio… Addio, Ciullo, addio…

Ciullo Padre, aspettate ditemi ancora… Padre!(musica grave, Ciullo resta solo,entrano intimorite guardandosi attorno,due suore, una giovane)


Suor Fiorenza …Ma dove l’avranno messo questo povero cristiano, Madre Donata …Suor Fiorenza, guardate, di certo, dev’essere que


devoto e pio?… llo là, il vostro


cristiano!


S. Fiorenza (si getta in ginocchio, eccitata, a mani giunte)E’ lui, è lui, madreDonata!… Riconosco la mistica aurea di purezza che stretto lo avvolge, e l’odor della santità che forte avverto…

M. Donata (si avvicina a Ciullo)Mah… Parmi piuttosto uno sciame di mosche chegli ci gira attorno… L’odore in vero c’è!... Ma non sapevo che l’odor di Santità sapesse assai così, e tanto… di fichi!

S Fiorenza (risentita)Ma madre, certo che sa di fichi! Questo mistico eremita, scelsedi trascorrere tutta la sua vita immerso in una cesta di fichi per espiazione dei suoi e dei nostri peccati…

M Donata Sì… Ma io non ho mai conosciuto uomini che gli pia cesse di stare tutta lavita in mezzo ai fichi, magari in mezzo alle…

S Fiorenza (scandalizzatasi fa il Segno della Croce)Madre Donata! Rammentatevich’io son novizia… Non devo udir di blasfemìa!

M Donata (con sufficienza)…Eh… Quante storie, novizie lo siam state tutte,all’inizio va be’ anche per vedere così come butta il caso … Ma ad un certo punto una dice basta… Trombano Papi e Vescovi, e noi icch è siamo?

S Fiorenza Insomma chetatevi per favore… E poi, perché voi du bitate della purezzadi questo venerabile pellegrino che ci indicarono i due armigeri là fuori???

M. Donata Suor Fiorenza, non è che dubito, ma al giorno d’oggi se ne senteraccontar tante di questa gente che vien da paesi strani, senz’arte ne parte… Fan solo danni e portan via lavoro…


S. Fiorenza Molti scappano e non pe’ loro scelta, e se mettono a rischio la lor vitaper veni’ fin qui da noi, credendo di star meglio, non meritano sol per questo il nostro rispetto e la nostra caritatevole attenzione?

M Donata (sbrigativa)Ad ogni buon conto, forse ci merita chiedere dritto a lui delperchè e del per come della sua venuta in quel di Firenze, insieme ai fichi… Che parmi cosa, comunque, dimolto misteriosa…

S Fiorenza (sorride)…Madre, vedo che poco siete avvezza a cotali penit enti, questiavrà senz’altro fatto voto del silenzio, come si ag grada ad ogni mistico eremita e mai, dico mai, per nulla al mondo, egli lo infrangerebbe col proferir parola…

M Donata (ironica)Allora, Suor Fiorenza, voi mi vorreste dire… Voi pe nsate cheanche costui… Che egli appartenga all’Ordine Venera bile di San Laurenzio?

S Fiorenza Ordine Venerabile di San Laurenzio? Non lo intesi mai, chi son codesticristiani così devoti al Santo?

M Donata Chi sono? Strano che non lo sapete! Nell’Ordine di San Laurenzio c’è chilo prende nel di dré’ (di dietro) e po’ fa’ silenzio… (ride)

S Fiorenza (Si fa il Segno della Croce)Madre Donata, sciagurata, per favore, un po’di contegno…

Ciullo Madonne… Madonne di Firenze… Aiutatemi per favore,            aiutatemi!

S Fiorenza (entusiasta)Parla! Allora ci parla… Il mistico eremita ci parla      !

M Donata (distaccata)…Sarebbe stato più da meravigliarsi se ci abbaiava  !

S Fiorenza Diteci venerabile Messere, qual è il nome vostro?

Ciullo Vincenzo è il mio nome, ma tutti mi chiaman Ciullo…

S Fiorenza …Ma …Ma voi siete Siciliano!?

Ciullo Di Arcamu sono… E voi mi capite?

S Fiorenza Fui novizia con una suora di Girgenti… Passammo in        sieme in cella i

nostri primi anni a dialogar di Gesù e sui primi Martiri e Santi…

M Beatrice Sa’ che palle! Avre’ voluto essici, guardate, a fa ’ la novizia convo’altre…

S Fiorenza Diteci, voi, Messer Ciullo, di grazia, che veniste a fare qui a Firenze?


Ciullo Fuggo dalla mia terra perché fui coscritto al navigar lontano e lasciare solamia matre, che lo sposo suo, mio padre già perse in guerra e qua venni per avere asilo dal Signore di Firenze e gli portai una cesta di buonissimi fichi secchi, a lui che lo chiamano il Magna-fico…

S Fiorenza Il Magnifico vorrete dire? Lorenzo, il nostro Magnifico Messere?Purtroppo egli è adesso gravemente malato…

Ciullo (sussulta)Cosa? Ma che state dicendo!!! Malato? Iddu? Non è possibile

M Donata …Ora che ci sarà di novo che Lorenzo sta male, è d a quand’è piccino cheè pieno d’acciacchi, brutto, tutto torto… Anche il suo babbo era sempre pieno di dolori… Aveva un piede sempre rosso come il culo d’ una gallina!

Ciullo (si agita)… Lui fu che disse che nessuno si poteva qui ammal are!!! Lui che èil capo dei Medici, lui, qui a Firenze, dove tutti devono essere sani, lui, proprio lui, si ammala!?… Non è possibile vi dico… Ci deve’essere u no sbaglio!

M Donata Messere, ma che diavoleria vi state inventando? Voi dovete essere a dirpoco pazzo!

Ciullo (si agita di più)No, no! Lo giuro! Non sono pazzo!!! Non date retta a mimatre che così dice, ma è perché Mommu per me è come un fratello… Vi prego, non fatemi del male… Non sono pazzo…

M Donata (rivolta a S Fiorenza)Ma che dice? Di che si agita?...

S Fiorenza …Non ho capito bene! ...Comunque gentil Messere, st ate tranquillonessuno qui vi vuol far del male… Ne a voi né a vos tro fratello… Ciullo E la mia cesta di fichi?

S Fiorenza Quella è di sicuro nelle cucine del Palazzo della Signoria… Qualcuno disicuro se ne jioverà!

Ciullo …Sentite Madonne, voi che siete con me così gentil

i, ditemi la verità… Che

da ciò che mi dite da quel che ho visto, ora un qua lche dubbio m’assale!

S Fiorenza Quale dubbio or vi perprime l’animo?

Ciullo Vorrei sapere, se vero è… Per esempio… Che da Fire

nze passa un fiume,

no…


S Fiorenza Certo, ci passa da sempre l’Arno…

Ciullo Ecco… Sulle rive di chistu fiumi, si raccolgon or i, argenti e gemme preziose,che ognuno si può prendere e portare a casa… Vero è ?

S Fiorenza (rivolta a M. Beatrice)Vuol sapere se sulle rive dell’Arno si raccolgonori, argenti e gemme preziose…

M Donata …Ma te lo dicevo io, altro che eremita, questo è s olo un povero grullo,mezzo pazzo!

Ciullo (si agita)Non sono pazzo, credetemi! Ditemi piuttosto se vero è, del fiumeche vi ho detto…

S Fiorenza (amorevolmente)Ma no, Messere, chi ve lo volle far credere, voleva dicerto farvi una burla… O non so che altro…

M Donata Sentite Messere, io mi chiamo Donata perché mia madre, come tant’altre,mi “donò” al Convento perché non c’erano fiorini pe r campar lei, figuriamoci una figliola… Ora, se fosse vero che qui, sull’Arno ci stan pepite d’oro inver che ciottoli, ci sarebbero in Firenze ‘sì tante suore?

Ciullo (affranto)Madonne, gentili, slegatemi, che mai, non vi farò del male… Sonsolo un povero orfano e ahimè, non ho conosciuto mai persone sincere e oneste dopo mia matre…

S Fiorenza Madre Donata, è un povero cristiano. Io lo slego…                (M Donata

acconsente)

Ciullo Il solo onesto che ho conosciuto, posso dire, è stato solo Gerolamo, il mio

frate…

S Fiorenza (un po’ sorpresa, mentre lo slega)In effetti frate Gerolamo per essereonesto è onesto, e pio assai, anche se non ama il nostro Lorenzo… Voi gli siete molto devoto?

Ciullo Per me Gerolamo, Mommu, è un fratello, siamo cresciuti insieme, perché lastessa matre ci allattò…

M Donata …Ma non era di Ferrara?


Ciullo Non so se sua matre fosseFerrara, ma la mia, Bedda, non ebbe latte e quindimi allattò la sua…

S Fiorenza Di sicuro una pia donna…

Ciullo Più che una donna… Un asina…

M Donata e S Fiorenza Un asina???

Ciullo (ormai libero)Vero è, Gerolamo mio frate, è un somaro, e sua matre per ciò fuun’asina del Convento ad Arcamu, quella che noi due ci allattò…

S Fiorenza Ma allora… Allora voi non fate parte della congreg azione di PadreGerolamo Savonarola, il nostro Priore di San Marco?

Ciullo Io questo Savonarola non lo conobbi mai, non so chi sia e dove sia, e mancu lovogghiu saperi… Ma adesso devo tornare da mia matre e da Gerolamo, che soli con Compare Caluzzo furono lasciati…

M Donata …Altro che eremita penitente, te lo dicevo io, che questo era omo dalsenno alquanto disturbato… E per jiunta, ora e’ lo s’è anche slegato, io vo a chiamar le guardie!

S Fiorenza No, Madre Donata, non li chiamate, sento che questo giovane parla colcuore ed è persona buona e onesta, sua colpa non fu se fugge. E a chi fugge e soffre dobbiamo la nostra caritatevole missione…

Ciullo Signora, io vedo che con me siete molto gentile e buona, credetemi, io qui nonvenni qui per far del male a nessuno, ma perché mifu detto che qui avrei trovato miglior fortuna che nella mia terra, ma or credo d’esser stato ingannato…

S Fiorenza Vedete Madre Donata è solo uno sfortunato pellegrin di questo mondo…

Ciullo …Scusate, ora ora me ne andrò, ma un ultimo dubbio    mi restò ancora, prima

di tutto, siete voi una Madonna Fiorentina?

S Fiorenza …Sì, devota e pia!

Ciullo Se questo ultimo dubbio mi toglierò, certezza avrò dell’esser stato miol’inganno, vi prego Madonna Fiorenza, volete togliermi voi questo tal dubbio? Me lo giurate?

S Fiorenza (imbarazzata)Sì, cioè… Se è nelle possibilità della mia natura…


Ciullo Vero è, proprio della vostra natura si tratta! Allora me lo volete giurare? S Fiorenza (imbarazzata)…Ma veramente…

M Donata (sbrigativa)Oh via! Fate questo jiuro, icchè sarà mai, se v’ha detto ch’ènella vostra natura… Oh non vi faceva così tanta co mpassione!? S Fiorenze Va bene ve lo prometto…

Ciullo Giuro!

S Fiorenza Jiuro!

Ciullo Vorrei vedere la vostra natura, per poter solo legger com’è fatta!

S Fiorenza (stupita)Cosa? Come sarebbe a dire? Di che natura voi parlate? Ciullo (indica in basso)Quella! Voglio solo vederla per poter leggere com’essa èfatta e poi io me ne andrò… Per sempre!

S Fiorenza (imbarazzatissima)Ma… Ma…

M Donata Oh, quante storie! Senti amico se te tu t’accontenti della mia io te la foleggere, scrivere e ti ci fo anche far di conto…

Ciullo No, lei mi jiurò, e io voglio solo veder la sua… S Fiorenza Ma come, qui davanti al pubblico? Ciullo …Ma loro mica guardano! Vero?

S. Fiorenza … E Va bene. Ma sol guardare!(mostra il pube sollevando la sottana) M Donata (Ciullo lentamente fa un tratto orizzontale con un dito e poi bruscamenteuno verticale) E’icchè fa, ora, la guarda e la benedice? O’ unno dicevo io che l’eragrullo…

Fetonte (entra trafelato seguito da Trifone che porta un sacchetto in mano)Eccolo,eccolo, meno male che ‘un se n’è andato!

Trifone E’ morto! E’ morto! Lorenzo è morto, abbasso il tiranno corrotto, evviva ilSavonarola, subito Santo!

M Donata Chi è morto? Lorenzo il Magnifico?

S Fiorenza E come è successo?

Fetonte Fu cosa lunga e tribolata ma la morte intervenne per un fatto inaspettato.Mentre il Savonarola (rivolto a Trifone) amico tuo, ricordava al Lorenzo che presto,


viste le sue condizioni, dovea morire e quindi pentirsi dei suoi gran peccati di lussuria…

Trifone …Dai Fetonte raccontagnene come tu sai fa’ te!

Fetonte No! Vien via, ora mi vergogno…

Trifone Dàì, dàì, non esser timido… Oh, sennò te le taglio          io a te le palle!

M Donata Via, poche storie e diteci come l’è andata…

Fetonte Va bene via… Allora attacco?

Trifone Attacca!

Fetonte Quella notte era passata/assai lunga e tribolata/rigirando ogni momento/dai dolori ilgran tormento./Ma il Lorenzo, ormai sfinito/dai dottori era accudito!/ E chi gli dava una pastiglia…

Trifone …Per veder se si ripiglia!

Fetonte E chi gli fece un gran clistere…

Trifone …Per sentirsi un po’ riavere!

Fetonte E chi con l’oppio lo stordiva…

Trifone …Per veder se poi guariva!

Fetonte Ma in quel letto di dolore/v’era pena assai peggiore/aveva infatti convocato/ al suoletto il gran prelato/”ricorda tu, che dei morire/ e perciò dovrai soffrire/di lussuria i tuoi peccati/devon esser confessati/e se non ti sarai pentito/c’è l’inferno all’infinito!” Trifone Così fa il Savonarola/dà un cazzotto a ogni parola!

M Donata …Averci a che fare con lui è come avecci un’ustion               e sulla lingua!

Fetonte Il Lorenzo non più ne può:/”Me lo portate via pe’ un po’?!!”/Ma quel frate non sisposta/e tosto n’esce la risposta:/ “Un sol tiranno c’è, è la morte/e presto questa è la tua sorte/o dispotico signore/son contate le tue ore/il tuo posto è giù all’inferno/non pe’ un po’, ma pe’ in eterno!”/ mentre va sta’ tiritera/giunge or or la cuciniera/che vien mossa a gran pietà/nel veder lui come sta.

Trifone Ascoltate, ascoltate, ecco la cuciniera!

Fetonte “Oh messere sfortunato/io per voi ho cucinato/e un bel brodo di gallina/ bolle già dastamattina!”/”non vo’ niente, non vo’niente!”/fa il Lorenzo immantinente./”Ma qualcosa pur


mangiate/o le penne ci lasciate!”/Viene in mente alla donzella/un’idea che a lei par bella/in cucina giù ci sono/dei bei fichi fatti in dono/ va, li prende, e gleli porta/e a assaggiarli lei lo esorta/Il Lorenzo un se ne piglia/e con grande meraviglia/ tan gli piacciono ‘sti frutti/ch’uno a un li mangia tutti!

Trifone Eccoci a’i’bello!

Fetonte Il dolore or più l’assale/il Magnifico sta male!/invan s’affannano i dottori/ed il fratenon va fuori/anzi inzia più a gridare:/”Ecco or muori! Devi andare!”/Non vi desti meraviglia/se il Lorenzo ‘un si ripiglia./Resta sola Signoria/che il Lorenzo n’è ito via!

S Fiorenza …Diciamo tutti una preghiera per l’anima del nostr o defunto Signore, ilMagnifico Messere di Firenze Lorenzo de’ Medici…

Trifone Ma che tu voi pregare pe’ qui tiranno laido e corrotto… Piuttosto, dov’èquell’essere… ( rivolto a Ciullo) Eccolo qua! Questi son mille fiorini, per voi, spettabile messere!

Ciullo Pe’ mia, mille Fiorini sono?

Fetonte Son tanti soldi, Il Savonarola quando ha saputo che i fichi l’avevate portaivoi, messere, v’ha voluto ricompensare pe’ il gran servizio svolto pe’ Firenze e tutta l’umanità.

Trifone Ha detto: “Possa io bruciare in Piazza della Signo ria, se questo galantuomonon lo vo’ premiare! Dategli questi soldi ed esaudite ogni sua desiderata!” (desiderio) Fetonte Bene Messere, ora noi si và e non ce ne voglia con noi se siamo stati unpo’… Via come dire… Troppo scherzosi…

Trifone Sì, perché noi si scherzava, siam du’ ragazzi, ci s’ha un po’ i’ ruzzo,(siamospensierati) ma mica gli si voleva su’ i’ serio taglia’ le palle … Era pe’ ridere!

Fetonte (escono)Andiamo ora Trifone lasciamo questo onorevole messere alle sue

incombenze!

Trifone (mentre esce)Al massimo una…

S Fiorenza …Ecco ora potete tornare il Sicilia dai vostri car        i e per sanare ogni

contesa…

Ciullo E voi, voi che con me siete stata così buona, non volete venir con me ad

Arcamu?


S Fiorenza (timidamente)No, ma che dite… Io son Novizia…

Ciullo Allora io vado, ma non vi dimenticherò mai per que llo che avete fatto perme… Addio, devo fuggire. (esce)

M Donata (dopo qualche secondo di silenzio)O Fiorenza A me vu mi sembrategrulla! L’avesse fatto a me questo discorso a quest’ora ero bell’e sulla nave a fa’ ciao co’ la manina!!!

S Fiorenza (timidamente)…Ma son Novizia…

M Donata Bambina, ascortami, quello l’è ricco, giovane c’ha casa giù in Sicilia chenon è come qui da noi, lì non fa ma’ freddo e non è umido e poi… Tu gliel’hai anche già bell’e fatta vedere, ma che novizia e novizia… Dammi retta, vai prima ti scappi!

S Fiorenza (ci pensa un attimo e poi corre fuori)Ciullo! Ciullo! Aspettami, vengoanch’io..

ATTO III

Narratore Eccoci di nuovo qua… E di nuovo ben tornati!... E s e siete ancora qua connoi, vuol dire che volete sapere come va a finire questa strana avventura del compare Ciullo, o no?... Va bene, ripartiamo allora subito da lì, da dove eravamo rimasti. Ve lo ricordate? Ciullo, dal momento ch’ ebbe compreso che la natura delle Madonne Fiorentine, non era quella che gli aveva voluto far credere il Compare Caluzzu, così come vere non s’erano dimostrate mille altre cose, aveva un unico pensiero per la testa: Tornare ad Arcamu! Ed anche Madonna Fiorenza, che la sua natura gli aveva mostrato, non vedeva l’ora di sbarcare in Sicilia per poter mostrare a quel giovane, anche tutto il resto... Così il buon Ciullo, con Madonna Fiorenza al seguito, carico d’angoscia e di brutti presentimenti sul destino della madre e del somaro Mommu, fece ritorno verso le sue terre lontane … E a cont i fatti, adesso, sarà proprio lì, lì, per arrivare… Per sbarcare da una di quelle navi che da l porto della Medicea Livorno, veleggiavano alla volta della Sicilia. Ciullo si era lasciato per sempre alle spalle la Signorìa di Firenze, borgo agitato e tanto diverso dalla sua tranquilla Arcamu! Già! Firenze! Metà dei Fiorentini ora era in lutto, per la perdita del Magnifico Lorenzo, e l’altra metà in festa, per l’essersi liberata dal d ispotico tiranno! Divisi a metà, come


sempre, nella loro storia! Ma di tutto questo a Ciullo non gliene poteva fregare un bel niente, anzi, è proprio il caso di dire, men che di un fico secco! Però, per sapere come andrà a finire questa storia, dobbiamo sbarcare tut ti, non ad Arcamu, ma nella ricca città di Modica, dove vive Don Federico Enriquez, l ’Almirante di Castiglia, Gran Maestro dell'Ordine di Santiago, Duca di Medina di Rioseco, insieme alla sua nobile moglie, Anna Cabrera, la Contessa di Modica. Sentite il passo del somaro? E’ Mommu. Sta trottando alla volta del palazzo dalla Contessa Anna, e con Caluzzu in groppa… Che ci vanno a fare, dite? Il Compare Calu zzu vuol finalmente cogliere il

frutto delle sue losche trame, lui, che aveva spedito il povero Ciullo, in quell’inferno

di città, ch’era Firenze, convinto che tanto poi da lì, Ciullo, quello scimunito, non ne sarebbe mai tornato vivo. Caluzzu, che sentiva già sua la casa di Bedda, con tutti i suoi annessi, somaro compreso, stava per farne gran dono ai Conti di Modica, per coronare il sogno della sua stolta vanità. Ma non s arà facile farsi ascoltare da donna Anna, il cui nome di famiglia fa… Cabrera... Perché , se non lei, i suoi avi, dovevano aver avuto in passato qualcosa a che spartirsi con le capre... Ma basta ora! Anche stavolta, il piacere di dialogar con voi, mi porta al parlar troppo, senza potervi poi dir nulla! Noi, se vorrete, ci rivedremo dopo, alla fine di questa… Farsa o tragedia, novella, fantasia pura o pura realtà, che io stesso che ve la racconto, ve lo confesso, non so ancor che sia... E ora, presto! Che si introducano i personaggi, che il tutto


scorra davanti a voi, sol per il vostro…  Buon dive               rtimento!

Anna (prova un saluto davanti a uno specchio)Mi reìna, me… Mi…Me

descapellos… Anzi, no! Noialtros ce  escappellamos ante a usté… Me


escappello…


(Grida e suona un campanello) Pilar! Pilar!!!

Pilar (parla con accento spagnolo)Eh!!! Sono qui Seňora Contessa, vi sento, nonson mica sorda!

Anna Pilar! Come accidente si dice, nella tua lingua: “ Maestà, mi tolgo il cappello,dinanzi a voi?…” Me scappellos o me escappellos?

Pilar (rassegnata)Sagrada Vergine de la Concepciòn Sagrada… A parte c he si dice“me quito el sombrero”, ma una nobildonna non si scappella mai di fronte a Sua


Maestà la Regina… Solo gli uomini si tolgono il cap pello in segno di omaggio alla Regina…

Anna (sorpresa)Ah, sì?

Pilar Ma poi, scusate, Seňora Contessa, ma portate forse il cappello voi? Si è vista

mai una donna, nobile o della gente vulgar che sia, con un sombrero sulla cabeza?...

O con i pantaloni?

Anna Anche questo è vero… E allora, però, io che faccio , lì, mentre mio marito siscappella davanti a tutti?

Pilar Ma fate come vi ho già detto cento volte, Seňora Contessa! Semplicemente, fateun bell’inchino, così…

Anna (ripete)Così?...

Pilar Exacto! E con gli occhi bassi, hacia abajo, in segno di sottomissione e dirispetto… Se volete potete dire, ma a bassa voce: M ajestad! E poi vi rialzate ad un cenno (mostra come) della Reìna …

Anna (contrariata)Si va bene, va bene Pilar, ora non c’è bisogno però che tu entri

nei dettagli… Ho capito… Ma così faranno le altre!              Io sono la Contessa Anna di

Modica, moglie di Don Federico Enriquez, l’Almirante di Castiglia, Gran Maestro

dell'Ordine di Santiago, Duca di Medina di Rioseco, Vice Re delle due Sicilie, ma

soprattutto…         Cugino del Re di Spagna Ferdinando il Cattolico, e quindi… Capisci,

Pilar… E quindi anch’io sono la cugina del Re di Sp         agna e quindi, sono anche la

cugina di sua moglie, la Regina Isabella la Cattolica, e quindi, infine, io devo, dico

devo, sapermi distinguere nel mezzo a tutta quella nobiltà presente alla cerimonia di

corte…(sovrappensiero) Chissà poi perché le chiamano cerimonie di corte, se sono

lunghissime…

Pilar …Come dite?

Anna No, niente, dicevo che devo farmi notare sia per come parlo lo spagnolo, èvero, che per la meravigliosa eleganza di come io mi ci muovo… A corte!


Pilar (sottile ironia)Seňora Contessa, credetemi, se io fossi in lei, cercherei di non

distinguermi troppo, nell’occasione… Sa com’è… Per      non far nascere l’invidia…

Delle altre… Cugine… Non per altro!

Anna Pilar, sciocchina, ma tu, sei tu!… Ed invece io so  no io, ti ricordo, la Contessa

Anna Cabrera moglie di Don Federico…

Pilar …Enriquez, l’Almirante di Castiglia, Gran Maestro dell'Ordine di Santiago,Duca di Medina di Rioseco! Sabes!

Anna Appunto! A proposito, come si dice ginocchi, in castigliano?

Pilar Ginocchi!? Rodillas, Seňora Contessa!

Anna (riprende le prove)Mi Reìna… Anzi, Majestad!(si inchina)Me… Meenfermo davante a usted sulle rodillas, porchè me so’ encantata, con le mi rodillas! Cioè…

Pilar (la interrompe bruscamente)Ma Seňora Contessa, per la Sagrada Verginedell’Asunciòn, ma che andate voi dicendo?… Che si enferma las rodillas, cioè, che le fanno male i ginocchi davanti alla Regina!? Si puedo dar un consejo, parlate nella vostra lingua, oppure tacete, davanti alla Regina di Spagna è anche lecito tacere…

Anna (si rialza inciampando)Ohi, ohi, che dolor! Mi si sono incantati davvero iginocchi… (seccata) Pilar, ma come te lo devo dire!? Al giorno d’oggi una Contessa moderna, se vuol farsi rispettare ed emergere fra i gentiluomini e le gentildonne, deve almeno saper parlare un paio di lingue, se non tre, mi segui?… Pilar (scettica)Certamente…

Anna (afferra una mela e inizia a morderla)Beh, prima di tutto bisogna conoscerbene il Castigliano, padroneggiare il Portoghese, intendere l’Aragonese e saper masticare anche un po’ di turco Ottomano, perché sai… Se qui, poi, gira male il vento…

Pilar E voi lo masticate?

Anna (mentre mangia la mela, distratta)Che cosa?

Pilar …L’Ottomano!


Anna Ah, no! Ma intendo masticarlo presto…(dà un altro morso, suono di unacampana, prende il campanello e lo agita) Pilar! Pilar!!!

Pilar Seňora, sono qui!

Anna Pilar c’è qualcuno al portone del castello, và edintrodùcimelo de corsa…

Pilar (sorpresa)Che devo fare? Cosa?

Anna Come cosa?

Pilar Che cosa devo fare, me disculpo, ma non ho inteso la orden…

Anna Ma Dio mio! Vai a prendere colui che attende al portone, su, presto, vai a

vedere chi è… E vediamo di imparare un po’ alla sve        lta la nostra lingua, che qui non

siamo mica in Spagna, che lì tutti lo spagnolo lo spagnoleggano e spagnoscrivono!

Su, cara, anda, pedalamos, come dite voi!

Pilar Certo, certo… Avete come siempre ragione Seňora Contessa, subito SeňoraContessa! (esce, rivolta al pubblico) Ma vi rendete conto?! Il mio padrone Don

Federico, l’Almirante di Castiglia, che mi volle qui, portandomi con se dal Convento dov’ero a Girgenti, (ammicca al pubblico) capite no?... ero novizia! Mi ordinò di darle sempre ragione, ed io, per rispetto y timor suo, obbedisco… Ma che fatica però! Anna (rivolta al pubblico)Ma avete visto che arroganza, questa? Che superbia?

Signori miei, questa stava in un convento… Solo pe rché viene dalla Castiglia si crede d’essere chissà chi… D’altra parte l’ha volut a, fortemente, mio marito… Sapete? Don Federico l’Almirante di Castiglia!… Chi ssà perché! Forse perché parla spagnolo come lui… Ma che fatica pero!

Pilar (rientra)Seňora Contessa, c’è un cavaliere accompagnato da un somaro chedice di avere la massima urgenza di parlarvi…

Anna (sorride)Sciocchina, se è accompagnato da un somaro, costui non può essereun cavaliere…

Pilar Ah no? E allora, perdonatemi, chi è?

Anna …Ma un somariere!…

Pilar (stupita)Un somariere, voi dite?


Anna Eh certo! Chi altro? Se uno è a cavallo è un cavaliere, se invece si presenta conun somaro è un somariere… Pilar! Sveglia! Applichia moci un po’ di più ad imparare alla svelta questa nostra lingua!...

Pilar …Si, va bene Seňora Contessa, me disculpo, farò del mio meglio… Ma ora chefaccio, io, lo faccio entrare?

Anna (distratta)Chi?

Pilar Il somariere, Seňora Contessa!

Anna Ah, ma sì, certo, fallo entrare il somariere… Sent iamo anche cosa vuole questosomariere, (distrattamente) ma che lasci fuori il somaro, però, mi raccomando… Pilar Vado Seňora Contessa, glielo riferirò.

Anna (distratta)Che cosa?

Pilar …Di lasciar fuori il somaro!

Anna (sorpresa)E certo! Vorrei anche vedere!… Quando mai si è vis to che unsomariere entri a palazzo col suo somaro! (ci ripensa, fra se) …O che un somaro entri a palazzo col suo somariere? …Boh!

Pilar (esce facendo segno al Cielo come a raccomandarsi)Un somariere, ma ditemivoi?!… O Vergine Sagrada de la Cruz!

Anna Certo a capirla questa quando parla, ce ne vuole! E’ così confusa!… Menomale che la natura mi ha fatto dono di questa gran dote del comprendere e del parlar subito le lingue…

Pilar (Caluzzu entra accompagnato da Pilar)Contessa, è il Mastro d’ascia Calogeroda Cinìsi che vi chiede umilmente udienza…

Caluzzu (si inginocchia e fa il baciamani)Contessa Anna, servo vostro sempre,sono, e bacio le vostre santissime mani, che Dio le benedica e le conservi… Anna Oh, il Mastro Calogero! Il nostro valoroso somariere…

Pilar (Caluzzu la guarda perplesso, sottovoce)Seňor, accettate il mio consiglio, non

fate domande, datele sempre ragione, e forse così riuscirete a farvi ascoltare…

Anna Comunque, mio caro, so perché siete venuto, ma vidico subito che oggi avete

scelto proprio il momento meno adatto… O se preferi        te, il momento più sbagliato!


Caluzzu Ahimè, questo che voi mi dite, mi dispiace e assai!

Anna Vedete, Mastro Calogero, da giorni ormai, qui siamo tutti indaffarati perprepararci al ricevimento che mia cugina, la Regina Isabella, tiene alla sua corte per celebrare la partenza di tre amiche, di cui non si fa altro che parlare da mesi… Caluzzu Vostra cugina? La Regina di Spagna è pure vostra cugina, vero è? Anna Certo, e che!? Non lo sapevate? Mio marito è cugino del Re, e quindi anche

della Regina, sua moglie… Cioè, non cugino mio, di          Isabella voglio dire… E essendo

io, però, così la moglie del cugino, sono anch’io l a cugina di Isabella… (Grida e suona il campanello)Pilar! Pilar!!! E’ vero Pilar? Confermi?

Pilar Exacto, sicuramente è come dite voi Seňora Contessa… Il vostro ragionamentonon fa un defecto… Siete nientemeno che la cugina d i Sua Maestà Isabella di Castiglia…

Caluzzu E chi sarebbero, se mi concedete la curiosità di s aperlo, queste tre amichedella Regina Isabella che se ne devono partire? Anna (vaga)Mah!… Delle dame…

Caluzzu Saranno delle dame importanti assai, però, m’immag ino, se per il loroviaggio, a corte se ne fa addirittura un ricevimento…

Anna … A dire il vero, non ho capito bene se queste tre che partono il 3 Agosto daPalos de la Frontera, sono delle amiche della Regina o delle sue parenti, ma lo strano

èche abbiano tutte e tre lo stesso nome e che vogliano tutte e tre andarsene, a modo loro, nelle Indie…

Pilar (cerca di intervenire)…Scusate Se           ňora Contessa, me disculpo…

Anna …E’ anche vero che non le avevo mai sentite nomin are prima, né io le hoviste mai, ma è da tanto tempo, vi ripeto, che non si fa che parlar d’altro, anche qui, di queste tre Clarabelle… Pensate, che anche mio ma rito gli vuol pagare il viaggio… Pilar Seňora Contessa, ve lo dico ancora una volta, perdonatami, sono tre caravelle,tre navi, che devono partire per le Indie, non tre Clarabelle!

Anna (irritata)Pilar, Clarabelle, Caravelle… Non essere noiosa! Ca ravelle sarà ilmodo come lo dite voi in castigliano, noi qui diciamo Clarabelle, va bene? E poi non


èquesto il punto, Caravelle o Clarabelle è semprela stessa cosa… E ora Pilar, taci! Portami svelta la mia carta del mondo… Svelta!

Pilar (esce rivolta al cielo)Le tre Clarabelle, o Buen Dios de Espaňa… Caluzzu …Capisco che siete molto impegnata Contessa però v i chiedo labenevolenza di volermi ascoltare nel vostro interesse e nell’interesse del Conte Don Federico, più che nell’interesse mio, che in quest’ affare, vedrete, risulterà modesto assai …

Pilar (entra con una grande carta geografica che mette sul tavolo)Ecco qua, SeňoraContessa, la vostra carta dei mari e delle terre…

Anna Vedete Mastro Calogero, voi che siete uomo di terra e di mare, avete per di piùanche combattuto i pirati turchi, e che di ciò il b uon Dio ve ne renda merito… Vedete, qui, dov’è la Spagna? (indica sulla carta)

Caluzzu Sì, certamente…

Anna E qui… Eccolo! C’è il Porto di Palos… E qui, invec         e… Vedete, ora, dove sono

queste benedette Indie? (indica l’altro estremo della carta)

Caluzzu Sì…

Anna Ecco! Lo vedono tutti! Le Indie sono esattamente dalla parte opposta da dovevogliono andare quelle tre deficienti! Io l’ho detto mille volte a mio marito, visto che è lui che anche paga…

Caluzzu Certo, vero è, bene voi fate…

Anna … E che avvertisse il Re di Spagna, che se le Indi e son da questa parte, leClarabelle non devono andare di là, se no finiscono … Vedete? Si finisce fuori dalla carta e forse, se non si sta attenti, si finisce anche giù dal tavolo!… E lui sa che mi dice?

Caluzzu Non saprei…

Anna Incomincia a parlarmi di circoncisione di qua, e di circoncisione di là, e che perarrivare nelle Indie oggi bisogna circoncidere…

Caluzzu (sorpreso)Il Conte Don Federico ebreo si vuole fare? Di questi tempi, nonmi sembra un’idea ben sana…


Anna (sorpresa)Ma no! Macchè farsi ebreo! Non ci pensa nemmeno… Caluzzu (confuso)Ma allora, perdonatemi, perché vuole farsi circoncidere?

Anna (seccata)Ma non lui, vuole farsi circoncidere! Dice che la terra è che si deve

circoncidere…

Caluzzu La terra? Ah… Ora ho capito… Volevate forse dire,    circumnavigare?...

Anna (seccata)Sì, e io che ho detto? Pilar, Pilar!!!(grida e suona il campanello)Ioche ho detto?

Pilar (ammicca a Caluzzu)Quel che tambien voi intendevate dire, Seňora Contessa:

Circum… navigare!

Anna Purtroppo non riesco a far capire a mio marito come tutto ciò sia stravagante eassurdo… Guardate… La vedete ancora la carta? Caluzzu Sì, Signora Contessa!

Anna (mostra la fine del foglio)Qui il foglio finisce! Come si fa ad andare dall’altraparte?… Certo, direte voi, che siete uomo intellige nte quasi quanto me… Pilar Ma solo quasi…

Anna Voi mi direste che si potrebbe continuare da sotto la carta, per tornare indietro!(volta il foglio) Ma come chiunque vede, che qui di sotto non c’è tracciato niente!…Persino una come Pilar vede che sotto… Non c’è nien te!!!! (grida e suona il campanello) Pilar!? Tu cosa vedi, disegnato qua?Pilar Nada Seňora. Vedo,nada!…

Anna (si volta dietro)E dov’è?

Pilar Chi?

Anna Questa Nada che tu vedi!... Ma soprattutto, come hai fatto a farla entrare, se tusei sempre rimasta qui con me?

Pilar (rassegnata)Ma no, Seňora Contessa, volevo dire… Oh Dios de la Cruz!…Intendevo dirvi, che sotto la vostra carta dei mari e delle terre, non c’è niente… Proprio come dite voi… Niente!

Anna (preoccupata)Pilar! Da un po’ di tempo mi sembri alquanto confusa!... Iospero solo che questo viaggio in Spagna ti faccia bene… E ora vai, vai Pilar, se


avremo bisogno di te, ti chiameremo… Vai un po’ a r    iposarti, chè credo che tu ne

abbia alquanto bisogno!

Pilar (esce,mette una mano sulla spalla a Caluzzu)Coraggio…

Caluzzu Signora Contessa, sono dispiaciuto di aver interrotto questi vostri cosìimportanti preparativi, ma…

Anna Vedete Mastro Calogero, poi, una volta che queste tre Clarabelle o comeaccidenti si chiamano, saranno partite, finalmente, dico io, e pace all’anima loro se cadranno giù sul pavimento... Mio marito ed io, di ritorno dalla Spagna, avremmo deciso di fare visita alle altre case regnanti… Sa, no? Come si usa fra noi nobili…

Caluzzu Mi sembra un’idea bella assai, Contessa, ma io…

Anna (torna ad indicare sulla carta geografica)Solamente che siamo indecisi da cheregno cominciare il nostro soggiorno… Ci sarebbe qu i la Sassonia, molto importante ci dicono… Ma, non so se è il caso, per la nostra c arrozza, sa, se si rompe una ruota, che son di legno, poi laggiù, fra in mezzo ai sassò ni, chi ce la ripara…

Caluzzu (sta al gioco)Certo Contessa, andare in Sassonia un rischio per le ruotedella vostra carrozza è. Comunque, potendo scegliere, vi suggerisco la Bassa Sassonia che meglio è di quella Alta…

Anna Sì, ma sempre di sassòni si tratta!... Se si potes se evitare…          (guarda sulla

carta) Ah… Ecco… Lì vicino c’è la Renania… Meglio, moltomeglio, mi sembra,

per le nostre ruote…

Caluzzu Non crediate, quando piove, poi, può trasformarsi in…Fangonia, e allora èanche peggio per le carrozze, per non parlar del rischio grande, nel caso, di infangare il vostro illustrissimo blasone…

Anna Sì, me ne rendo conto… Ma poi in questi posti così           lontani, come si mangerà?

Non sentirò la nostalgia dei nostri dolci siculi co sì buoni, fatti di canditi e di ricotta?...

Voi che dite?

Caluzzu Contessa, se questa è una vostra preoccupazione, vi suggerisco io, in talcaso, la Pannonia…

Anna Ma sarà tutta fresca?


Caluzzu Tutte quelle lande sono lande fresche assai…

Anna …Ma no, ma che me ne frega delle lande! Fresca, di           co io, sarà la panna?

Caluzzu Qualora non lo fosse… C’è sempre pronta la bella P   russia!

Anna (fa una smorfia)Voi mi dite? Ma è molto acida?

Caluzzu Quanto basta Signora Contessa, ma permettetemi ora di dirvi di quei terreniin Arcamu sui quali costruire quel castello, in onore vostro, del nobile casato dei Cabrera…

Anna (distratta, guarda la carta)Ah sì, ricordo vagamente… Ma non erano di

proprietà di una tal Bedda, giovane vedova di un vo stro soldato, e di suo figlio?... Caluzzu …Presto Bedda mia sposa sarà, e quel suo figlio è s cappato chissà doveperché non voleva partir per le Indie, nonostante l’editto di vostro marito Don Federico…

Anna Vede? E’ un incubo! Anche lui con queste Clarabelle!... Non vedo proprio

l’ora di conoscerle...

Caluzzu (la precede nel discorso)Signora Contessa, mi ascolti, il figlio di Bedda, untal Vincenzo, detto Ciullo, non tornerà più perché un vile è, come vile anche suo padre fu, uomo senza onore, ucciso in battaglia dai pirati turchi, mentre scappava… Anna (disinteressata, guarda la carta)Ah si?…

Caluzzu Io per pietà nel veder la sorte di una madre tant o sfortunata, andrò asposarla e quel terreno sarà mio, ma per la devozio ne che porto a voi ed al vostro

illustrissimo marito, voglio che subito sia vostro… Perché un castello bellissimo ad Arcamu, voi costruirvi vi possiate!

Anna (depone la carta, finge stupore)Ma davvero?...

Caluzzu …E se voi poi, per grande vostra generosità, mi no minerete Barone diArcamu e Calatafimi, io difenderò il vostro castell o dalle ruberie dei pirati e lo terrò sempre pronto in modo di accogliervi, quando, in qualsiasi giorno e ora, a voi e al vostro nobilissimo marito, il Vice Re, Don Federico, piaccia venire ad Arcamu… Anna (sarcastica)…Ma soprattutto, così facendo,“caro Barone”, in modo che voipossiate metter gabelle e pizzi a pescatori e contadini, a commercianti e mendicanti


secondo vostro gusto e piacere; e magari liberarvi anche di chi mai vi è piaciuto… Non è forse vero?

Caluzzu (preoccupato)…Ma Signora Contessa, voi mi offendete, pensavo ch e anchein virtù dei miei servigi militari messi a vostra difesa…

Anna (più seria)Mastro Calogero, per i vostri servigi militari siete stato giàricompensato abbastanza, mi pare, in quanto alla terra su cui costruir, qualora ci piacesse, dimora in Arcamu, non c’è bisogno che voi ce la doniate… Là, come qua, già tutto è mio, dei Conti di Modica!... Mettetevelo bene in testa!

Caluzzu (accusa la risposta)Certo, certo…

Anna Al massimo, proprio perché siete voi, possiamo nominarvi… Per la fatica cheavete fatto per venir fin qui, e per non farvi ritornare a casa a mani vuote… Toh! Gran somariere della Contea di Modica… Con libero a ccesso alle nostre stalle, per biade e frumenti! Comunque ora non c’è tempo, ne dobbiamo riparlare in altre circostanze, più migliori… (fa per chiamare Pilar)

Caluzzu (fra se come se gli fosse venuta un’idea)Si, ecco, a proposito… Noncongedatemi però in questo modo, c’è dell’altro che io penso possa interessarvi e che dimostri quanta sincera devozione io porti a voi Contessa, e alla vostra così nobile famiglia…

Anna (irritata)Mastro Calogero non fatemi perder altro tempo, vi ho detto… Caluzzu Vedete Contessa Anna, il somaro sul quale son giunto a voi, non è unsomaro qualsiasi…

Anna (grida e suona il campanello)Pilar! Pilar!!!...

Caluzzu Questo somaro si chiama Gerolamo, ma tutti lo conoscono per Mommu,così come lo chiamava il suo padrone, quel tal Ciullo di Arcamu, per viltà fuggito chissà dove, ricorderete, che poc’anzi ve ne parla i… Pilar (entra)Comandate, Seňora Contessa…

Anna Pilar, di grazia, riporta questo insistente somariere dal suo somaro, che noto è atutti come la strada dal castello, per tornarsene ad Arcamu sia lunga assai e incidentosa… Capisci no, incidentosa?


Caluzzu (energicamente, mentre Pilar si appresta ad accompagnarlo)Contessa!L’asino che vi porto è un asino speciale, capisce la natura umana, ascolta, ed a suo modo parla…

Pilar Seňor, vi accompagno… Gli asini non parlano… Anche se           sol per questo

meriterebbero più rispetto di tanti cristiani che sono también parlanti su questa

terra… Su, ràpido…

Anna (seccata)Pilar, nessuno qui ha chiesto un tuo parere!… Che c’è di strano, ora,che un asino possa capire e parlare, del resto se gli asini possono volare, potranno anche parlare, non ti pare?…

Pilar (ironica)Perché Seňora… Voi avete per caso visto un asino volare?

Anna Ancora no… Ma guardo sempre! Purtroppo, o una volt a è passato prima oun’altra volta è passato dopo, o quando io non c’ero… Ma insomma, tutti i miei consiglieri, che di asini se ne intendono, mi giurano e spergiurano che gli asini possono volare…

Caluzzu (rivolto a Pilar)…Ecco, vedete!?

Pilar (disperata)Oh Jesus Salvador!!!

Anna Ora, dico io, per un asino sarà pur più difficile volare nell’aria, che capir leparole degli umani, mi par logico... Non trovi Pilar? (grida e suona il campanello) Pilar!!! Vero?

Pilar (rassegnata)Seguro, per un asino parlare è più semplice que volar… Che ci

vuole!?

Anna Scusatela, Mastro Calogero… Fra quel che non capis ce bene il parlato dellanostra lingua, e fra quel che non ci arriva lei, proprio, con la testa sua… Ma che mi dicevate di questo somaro?

Caluzzu …Quest’asinello, che si trovava nel convento ad Ar camu, discendenientemeno che dall’asino che accompagnò Maria a Be tlemme e che col suo corpo Gesù nella sacra mangiatoia, esso riscaldò… Fu di q uel Ciullo, ma ora mio, è! Anna (interdetta)Davvero?…


Caluzzu … Ma ascoltate il miracoloso prodigio: Di generazi one in generazione, diasino in asino, fino a lui, si tramandò il dono del comprender la parola umana e dell’averci un buon senno!

Pilar (sottovoce)Seňor, va bene che la Contessa… Ma non le sembra ora u n po’ diesagerare…

Caluzzu (rivolto prima a Pilar)…So io quel che faccio!(rivolto alla Contessa)Ioquest’asino lo donerò a voi, Contessa Anna, al fin che voi ve ne facciate vanto, in cambio sol della vostra benevolenza nel volermi insignire della famosa… Baronìa! Ma…

Anna Ah! Avreste anche pure un “ma”?!?

Caluzzu Questo somaro Mommu non lo dovete tener qui con voi, ma mettere lodovete, Mommu, al più presto, sulla prima nave che parta per la Spagna, per farne dono alla Regina Isabella ed al suo sposo, sua Maestà Cattolicissima, il Re Ferdinando!

Anna Scusate Mastro Calogero, seppur sia io una donna, a detta di tutti, vero, molto

intelligente, e come dar torto a chi lo sostiene… O ra però non vi capisco!… Ma il dono del somaro lo fate a me o a sua Maestà il Re F erdinando?

Caluzzu Vedete Contessa, quest’asino, avendo preso in se la Santità del Salvatore, haun gran pregio che ahimè, volger si potrebbe, di questi nostri tempi, così tanto agitati, a palazzo vostro, e qui in Sicilia, in un gran brutto difetto…

Pilar Seňor, déjeme decirle que forse esagerate, voi così bestemmiate la SagradaFamilia!…

Anna Taci Pilar! Continuate…

Caluzzu Se questo somaro ascolta una bugia o riconosce il male nelle persone, ragliae tira calci e nessun lo può fermare… Solo davanti agli onesti e ai buoni cristiani, resta tranquillo e mansueto… E si fa anche cavalcar e, ma i disonesti, lui li detesta, li

disarciona e li prende a calci duri assai e a morsi proprio là, dove non vi batte il sole…


Anna E allora? Continuo a non capire, perché non dovreitenermelo qui per me,invece di doverlo mandare laggiù in Spagna, questo prodigio!?

Caluzzu Il Re di Spagna, il Cattolico Ferdinando e la sua non meno Cattolica sposa,la regina Isabella, non potranno che apprezzare un dono così sacro, una tal reliquia, che voi gli donaste, per riconoscervi così immensi onori e presto voi sarete la Dama di Corte più ammirata e meglio celebrata di tutta la Spagna, ma che dico di tutta Spagna!?... Di tutto il nostro mondo, Indie comprese!…

Anna (pensosa)Voi dite, Mastro Calogero? Meglio mandarlo in Spagna?... Caluzzu E converrete poi con me, badate bene, che non gioverebbe a nessuno tenerquesto portento, qui, alla corte vostra, dei Conti di Modica… Col rischio sempre che qualcuno(ammicca)… Qualche villano qui del palazzo, ve lo incontri, si faccia riconoscere e… Voi mi capite, vero, quel che voglio dirvi? Così a schifìo si finisce…

Anna (passeggia per la stanza)Certo, certo… Meglio in Spagna che qui… E io avreisubito dalla Corte di Spagna il rispetto e gli onori che mi merito… Senza più bisogno

poi di studiar le lingue… E senza bisogno di far tr oppe cerimonie e inchini… Pilar (sottovoce)Ma Seňor, per la Madre de Dios, voi siete loco, se così fossesarebbe…

Caluzzu Donna, quest’asino non ha mai fatto del male a nessuno e mai ne farà… I

nobili di Spagna, vedendolo di fronte a loro dolce e bonario assai, penseranno che

così pubblicamente lui riconosca in loro quelle virtù e quei pregi, che forse non

hanno… E si compiaceranno assai di ciò, sicuro sono        , davanti ai lor sovrani!

Pilar Ma non temete che il Re e la Regina, alla fine, si accorgano dell’inganno?

Caluzzu Dire sempre potremo che… Essendo nato qui, il somaro, non comprendeva

bene il castigliano, e ben si sa che i somari… Han  difficoltà d’imparare a qualunque

cosa, figuriamoci le lingue!!!

Pilar Sì, ma dopo…

Caluzzu Dopo, per quanto me ne importa a me, che vada a farsi fottere il somaro etutte cose, e che lo affoghino pure, per farci una gran pelle da tamburo… Anna (risoluta)Bene! Accetto l’omaggio vostro del somaro…


Caluzzu (si inchina platealmente)Me ne rallegro, e devotissimo bacio le manivostre, che sempre così Sante Iddio ve le conservi e a lungo, sempre umile servo vostro, sarò!

Anna …E da oggi, Calogero da Cinìsi, Mastro d’ascia e v aloroso Capitano d’Armi,vostra sarà la Baronìa di Arcamu e Catalafimi Seges ta col suo castello, come voi chiedete e… Ma sì, mi oggi voglio rovinare, vi nom ino anche Gran Somariere della

Contea di Modica… Anche se sarete senza più somaro ma, come si dice, morto un somaro, se ne fa un altro!

Pilar Ma Seňora Contessa, non pensa?... Che ne potrebbe pensere il Conte Don

Federico…

Caluzzu (impedisce a pilar di parlare)Signora Contessa, lasciate ora che io…(siode il raglio di un asino e trambusto da fuori)

Anna (seccata)Che altro c’è oggi…(grida e suona il campanello)Pilar! Pilar!Svelta, vai a vedere che sta succedendo di là, fuor i…

Pilar Subito Seňora…(non fa in tempo ad uscire, irrompono Ciullo, ben vestito,Bedda e Fiorenza, mentre Caluzzu si apparta per nascondersi)

Fiorenza Non temiate Contessa, siamo qui per amor della vostra grazia e non perportar voi del male…

Anna Sì, ma che modi son questi?…

Pilar (sorpresa)Ma… Ma… Ma tu sei Fiorenza!...

Fiorenza Sì e tu… Tu sei Pilar!!!           (si abbracciano calorosamente)

Anna (seccata grida e suona il campanello)Pilar!!! Vuoi per favore dirmi chi sonocostoro, che hanno l’ardire di invadere il mio salotto? Saranno mica dei castigliani amici tuoi!?

Pilar No, Seňora Contessa, questa è la mia più cara amica Fiorenza, fummo novizieassieme nel convento giù di Girgenti, ognuna poi prese la sua strada…

Fiorenza …Mai avrei pensato di incontrarti ancora qui… Pensavo che te ne fossi

tornata in Spagna!

Pilar …Fu lei, per prima, che mi insegnò a parlare la vo  stra lingua…


Anna …Però, lasciatemelo dire, le insegnaste molto male, cara ragazza! Ti dirò… Sì,ma gli altri due, chi sono?

Pilar Gli altri, me disculpo, non so…

Ciullo (con fare solenne)Permettetemi che ve lo spieghi io allora, Signora Contessa,

chi siamo… Il mio nome è Vincenzo, ma ognuno in Arc  amu, mi chiama Ciullo, e

questa santa donna, che vedete oggi qui, addolorata come lo fu Maria sotto alla

Croce, è la mia amata madre Bedda.

Anna …E qui che ci siete venuti a fare?

Ciullo Siam qui per amor di giustizia, noi, che da sempre ammiriamo la vostra

insegna…

Anna (interdetta)Pilar… Che insegna abbiamo noi? Abbiamo forse aper toun’osteria? Ce l’hai messa tu, quest’insegna, sul p ortone del palazzo?

Pilar (in un orecchio)Vuol dire il vostro stemma di famiglia, Seňora, quello deiCabrera… (fra se) Una capra, guarda caso…

Anna (risoluta)Ah! Certo! Ho capito! Volevo ben dire! Lo stemma dei Cabrera! Ciullo Colui che io pensavo essermi amico, con l’inganno mi mandò a Firenze,(ironico) dove comandano i Medici, diceva lui! Visto ne ho il loro di stemma, che disei palle fatto è, e che per poco, grazie a lui, non ne sarebbero divenute otto, con le mie…

Bedda Poveru figghiu miu…

Ciullo Costui di cui vi parlo, Calogero da Cinisi, mastro d’ascia e capitano d’armi,ma più d’ogni altra cosa, maestro d’inganni, tutto ciò fece per portami via ogni mio bene, prima mia madre, le nostre poche terre, ed in fine anche, vedo, il mio buon frate, il somaro Mommu…

Anna (rivolta a Pilar)Un somaro frate, ma lo sa il Papa?...

Pilar (inizia a spazientirsi)Ma no… Lui voleva dire su hermano… Cioè suo fratel lo! Anna (perplessa)Boh! Somari, frati, fratelli, baroni… Io qui ci ca pisco sempremeno… Ma voglio proprio vedere come andrà a finire tutta questa storia!


Caluzzu (si palesa con irruenza)Contessa, vi dico invece io chi è costui! Questi èilvile traditore della vostra causa, infame, che non volle partire con… Le Clarabelle! Anna …Questo, per me ha fatto bene!

Caluzzo Ma soprattutto è figlio di un ancor di lui più vile e codardo padre, che fuggìdi fronte al pirata turco, voltandogli le spalle, perdendo così la vita sua, senza l’onore! Bedda (mostra una camicia macchiata di sangue)Falso è! Questa camicia avevaaddosso quel giorno Nello, il marito mio, quando ucciso fu! Io per me la conservai! Vedete, vedete? Ben quattro frecce trafissero il suo petto, prima che con l’ultima, dritta al cuore, i turchi me lo ammazzassero!

Ciullo (con forza, prende e mostra la camicia ad Anna)Il petto alle frecce mio padre

mise, e il suo coraggio mostrò, non le sue spalle!

Bedda (piangendo)…E colpito al cuore, fu, lo sposo mio Nello, e cos ì il mio fu ilcuore mio, che da quel giorno sanguina, meschino!

Ciullo Cuore che non avesti tu, Caluzzu, che lo mandasti a morte!… Egli fu eroe, e tufosti il traditore! Ora, se ancora in te vi è traccia d’uomo d’onore, tira tu fuori il coltello, e combatti con me all’arma bianca… (Ciullo col coltello, altrettanto fa Caluzzu, per combattere)

Anna (Si indigna)Signori! Fermi tutti! Fuori il coltello… Combtti… M        a dove vi

credete di essere, voi, qui?

Tutti (con naturalezza)Al palazzo dei Conti di Modica!!!

Anna (si calma e si siede interdetta)Sì, esatto!(sta per iniziare il duello)

Fiorenza (grida e si interpone fra i due duellanti)No!!! Che si fermi questalotta/di disgrazie mi son rotta!/io son qui per far da sposa!/ Non per dir: “amen, riposa”/Legge sia, in mare o in terra /far l’amore, e non la guerra!!!

Bedda Ha ragion questa creatura/che ti mostrò la sua natura!/O mioCiullo, dammi tu ascolto/non ritorna più il maltolto!/niente c’è più che altro fare/che prender Mommu, e salutare!


Caluzzu (risentito)Dal coltello, io non mi inganno/qui prevedo un granmalanno/e per correre al riparo/me ne scappo col somaro/e Contessa, or vi saluto…/ Fossi mai, qui, ahimé, venuto! (esce fuggendo)

Contessa Ma io l’avevo già capito/che quell’uomo era un bandito/sol mispiace, l’asinello/se l’è preso sul più bello/io speravo farne dono/della Spagna, al sacro trono!

Ciullo Non andrà tanto lontano/col mio Mommu, quel villano!(si oderagliare, il rumore di un calcio e il sibilo di un corpo lanciato che cade)/Orgiustizia è stata fatta/con quel calcio nella patta/e a mio padre e al suo valore/che sia dato il giusto onore!

Fiorenza Oh Contessa generosa/suggerirvi io vo’una cosa/ accoglieteci alcastello/ con la madre e l’asinello/che a Pilar potrò insegnare /a scriver, leggere e a parlare…

Bedda Io per voi cucinerò/come meglio non si può/se c’é poi darammendare/ questo ben io lo so fare/e le stanze polverose/fo tornare luminose…

Anna …Ma sì, va bene e così sia/tutti insieme a casa mia!/ E si facciasposalizio/della suora con ‘sto tizio!/chè il somaro vo’ studiare/se può mettersi a volare…

Fiorenza Di San’Onofrio fu il portento/Ciullo, di’, non seicontento?/Tutti insiem possiam restare/qui al palazzo, per amare/e se grazie dico al Santo,/oh contessa, voi ancor tanto…

Anna (Ciullo si inginocchia)E ti faccio anche Barone/perchè sei unsimpaticone/ma or si chiuda questa storia/dei Cabrera a eterna gloria/ e che ognun sempre lo dica…

Tutti in coro   Viva i Conti di Modìca!!!!

VALUTARE SE INSERIRE QUESTO FINALE

Narratore (fuori campo)E così fu … che vissero tutti felici e contenti, co me si usadire al termine di una favola, talmente bella, da sembrare una storia vera. In verità, miei cari Signori, vorremmo poter dire la stessa cosa soprattutto al termine di una storia vera. Tanto bella …. da poter sembrare una f avola, come quella che vi ho finito


adesso di narrare. Vera storia? o favola? Difficile a dirsi, molto difficile, per voi che, bontà vostra, l’avete ascoltata. Per me che invece l’ho vissuta e ve l’ho pur narrata, è assai facile definirla. Io ne fui involontario protagonista. Il mio nome è Girolamo, detto Mommu. Fratello di latte di Ciullo, di cui fui e sono ancora l’indegno cronista. Narratore di una vera storia da favola. ( appare vestito con un saio bianco). Bacio le mani, miei cari Signori, che il vostro sguardo, assai gradito, vedo mi rivolgete … che stavolta, so di certo, non è rivolto al mio costume, ma a me stesso. Si, proprio così, a me stesso che sono sceccu, somaro, ciuchino o in qual si voglia nome chiamarmi. Ma di certo assai meno sceccu di tanti altri uomini che non mi vedono ne mi sentono parlare. Se solo adesso mi vedete per quello che sono e mi sentite per quello che dico, vuol dire che, solo adesso, avete imparato ad ascoltare la verità che vi racconta il cuore e non le falsità di ciò che si vede e si sent e. E’ il cuore, solo lui che saprà dirvi, senza mai ingannarvi, la vera natura delle cose. Ma , piuttosto, a tal proposito.

Or che adesso ogni inganno si è svelato / e ogni dubbio è rivelato/ mi rimase fermo in mente / un sol cruccio prepotente: / Le madonne fiorentine, di natura assai famosa… / son donate de lo vero della croce? O di che cosa?

Solo Ciullo che conosce, di Madonna fiorentina, la natura / può ben dirci come è fatta senza remore e paura.

Gli attori sul palco ( tutti insieme e ad una voce sola rivolti a Ciullo che bacia la suaFiorenza): Oh Ciullu …. Ma come è questa benedetta natura ?

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno