‘E doie facce da fortuna

Stampa questo copione

¬†‚ÄėE DOIE FACCE DA FURTUNA

COMMEDIA COMICA BRILLANTE  IN TRE  ATTI

DI RAFFAELE CAIANIELLO

Le situazioni esilaranti del quotidiano ed il dilemma che ogni giorno vive chi deve far quadrare i conti, sono i due opposti che si fronteggiano in casa Schiattarella. Basta guardarsi intorno, √® questo l‚Äôinsegnamento di Caianiello che in ‚ÄėE ddoie facce da furtuna‚Äô sapientemente coglie, e raccoglie, momenti ‚Äėspiccioli‚Äô e grandi eventi che riempiono la vita reale di una famiglia qualunque. Piccoli espedienti per arrotondare ed il grande tesoro di una figlia dedita alla famiglia e consapevole dei sacrifici che i genitori affrontano per offrirle un futuro diverso, migliore, senza accorgersi che i valori veri hanno gi√† arricchito la vita ed il cuore della loro ‚Äėbambina‚Äô innamorata di un giovane ricco che non esita a nascondere certi aspetti bizzarri della famiglia della sua amata ai suoi genitori per non metterli in difficolt√†. La sincerit√†, la lealt√†, l‚Äôonest√†, i cardini su cui scivola questa commedia. Valori continuamente osteggiati da piccole truffe e raggiri studiati, o colti al momento, per avere un po‚Äô di tregua. Un innestarsi di storie e relazioni spesso pericolose ma sempre risolte a buon fine e quando meno te lo aspetti il colpo grosso, proprio mentre non sai come fronteggiare la situazione pi√Ļ delicata in cui ti trovi, quella che mette in gioco la dignit√† ed il futuro dell‚Äôessere per cui ti affanni e soffri, tuo figlio, il classico colpo di scena che con maestria Caianiello fa cadere a fagiolo: un semplice gratta e vinci che ti cambia la vita. Tutto risolto, tutto sistemato e tutti felici e contenti? Si ma fino a che si presenta a casa il proprietario del fortunato foglietto di cui lo scaltro e senza scrupoli congiunto della famiglia si era appropriato. Senza alcuna prova si pu√≤ far finta di nulla ma subentra l‚Äôaltro grande tema di Caianiello: la coscienza. La coscienza che ti guida verso il giusto, verso il rispetto degli altri, e ti spinge a guardarti dentro, a fare i conti con il vero te stesso, con il tesoro che ognuno di noi evita di mettere in mostra ed anche se la decisione cambier√† radicalmente, o non cambier√† affatto, la nostra vita, con coraggio sapremo discernere quella giusta, l‚Äôunica che ci render√† degni di noi stessi e che ci dar√† la forza di camminare a testa alta e di guardarci allo specchio con dignit√†.

Personaggi

LUIGI             Schiattarella                        padrone di casa

CARMELA     moglie di Luigi                    moglie di Luigi

ROSA             figlia    di Luigi                     figlia di Luigi

ALONSO       fratello di Carmela                        fratello di Carmela

VINCENZO                                                  padrone di casa di Carmela

AMALIA                                                       moglie focosa  di Vincenzo

FILOMENA                                                  cliente

TERESA                                                        amica di Carmela

LORENZO                                                     facoltoso fidanzato di Rita

ADELE                                                           madre di Lorenzo

FRANCESCO                                               imprenditore

NANNINA                                                    portiera del palazzo

CIRO                                                             Camorrista

VITTORIO                                                    Camorrista.

           

PRIMO ATTO

Camera da pranzo ,due porte laterali, una comune .La camera è arredata con mobilio scadente . Composta da  un tavolo,  delle sedie ( non uguali) un  divano malconcio, una piccola credenza,  parete  spoglie e piccoli pezzi di arredo. Nella prima scena,Rosaria, è intenta a sistemare il tavolo, dove  prepara i suoi strumenti di fattucchiera.

CARMELA: ( Sui quarant’anni, ancora una bella donna, indossa una veste e una camicetta con colori vivavi, è vicina alla credenza, l’apre, prende degli oggetti e li sistema sul tavolo)  ecco qua, ci siamo preparati per il lavoro quotidiano,sperando che arrivino clienti ( entra Luigi)  ahe, è arrivate o primme!

LUIGI:(Sulla cinquantina,indossa indumenti dimessi ma puliti entra sbadigliando in continuazione e va come in cerca di qualcosa) e cher’è stammatine, nun riesco a tenè l’uocchie apierte, avisse viste addò agge mise e scarpe ieri sera?

CARMELA: addò le lassate , dinte o cesse!

LUIGI:  (  sedendosi su una sedia di paglia )uh, e …  pecchè nun me vaie a piglià

CARMELA: leve o cule a coppa a sta seggiole, quanta vote te l’aggia  dicere , chesse me serve pa fatica, e po va, vattelle a piglià tu, io stamattina tenco da fare,sta arrivanne donna Filomena

LUIGI: azze cheste va giranne e notte!

CARMELA: e notte? Eh già tu duorme a cule apierte e t’avize quanne tiene famme, o saie che ore so?

LUIGI: che ore sono? ( guarda l’orologio) azze già so e nove?

CARMELA:  eh e vide e te dà  na mossa ca dimane avimme pavà a tassa universitaria e Rosa e ce manca ancora qualche cosa

LUIGI: a nuie ce manche sempre quarche cosa!

CARMELA :  e certe! Sei impiegato statale tu ?, si  messo comunale, tiene nu mestiere? No! faie o parcheggiatore abusivo!

LUIGI: pe furtuna! Vide si doppe ca une a perze o lavore  adda essere pure mortificato. Faccio i posteggiatore abusivo embè? trova a une ca a cinquant’anne me da a fatica e je ce vache. Tu nun faie a schiattamorte abusiva?

CARMELA:  je marrange a levà e maluocchie e  facce e fatture pe fesse ca ce credene e sule pe mantenè a chella povera figlia a scola. ( entra Rosa , ha dei libri sotto il braccio e una certa fretta)

ROSA: ( bella ragazza, sui vent’anni, veste in modo ordinato e di buon gusto,entra con un libro in mano) buongiorno mammà,buongiorno papà,( baci )nun ve preoccupate pa colazione, tante o sacce ca nun è pronte,  vado a fare quattro fotocopie  e subito vengo

LUIGI: sempe e pressa,è nu poche e tiempe ca fuie sempe

CARMELA: come al solito vuie uommene nun vaccurgite maie e niente

LUIGI:  e di cosa me ne avesse accorgere?

CARMELA: figliete tene o nnamurate!

LUIGI: e capite a signurina! Ma quanne vene me sente!

CARMELA: fatte e fatte tuoie, tene vint’anne!

LUIGI: a me pare sempre ca √® na guagliuncella, Tu vide si e cose so sempe l‚Äôurtime a saperle e chi √® stu fidanzate ? √ą nu buono guagliole?

CARMELA: è nu buono guagliole ma tene sule nu difette

LUIGI: nu difette? E cher’è stu difette

CARMELA: è ricche, tene troppe sorde!

LUIGI: embè, o chiamme difette!

CARMELA: Giggì, guardete attuorne, nuie simme na famiglia e disperate, facimme e capriole pe campà e pe mantenè  Rosa a scola , te pare ca stu giovene, se piglie a figliete senza manca na cammisa?

LUIGI: e ragione ma si a vo bene ….

CARMELA:  si veramente a vo bene, po succedere ma … o guagliole tene na famiglia arete ca sicuramente nun s’apparenterà mai  cu  na famiglia e muorte e famme!

LUIGI: tiene ragione  ma che putimme fa

CARMELA: niente, avimme aspettà,  Pe Rose mò, è comme si fosse arrivata primavera,e comme arriva a primavera   accussì vene l’autunne,po vene l’inverno  o tiempe passa e  accussì ….pure e pene dell’ammore! Avimme aspettà!

LUIGI:  e ragione Carmè, capirà da sola ! Fammi andare  a prendere e scarpe va, ah si avesse venì fratete, falle aspettà!

CARMELA:  nun te preoccupà ca Alonse  quanta a precisione  è pegge e te!Chille è nate ca  'e vvò mmocca 'e purpette ( bussano alla porta, va ad aprire ed entra Filomena ) trasite donna Filomè ca è quasi tutto pronto

FILOMENA: (grossolana , popolana  ma belloccia ,molto agitata, si tocca nervosamente la borsetta e tentenna con la testa nervosamente)  Carmè, ogge nun è cosa, sono venuta solo per avvisarvi, tenche ate cosa a fa, ce vedimme ogge pomerigge ,mo vache e presse

CARMELA : Donna Filomè , calmatevi ,ma perchè  state così nziriosa?

FILOMENA: Statte zitte Carmè,sto pigliate de diavule. Chella zoccola da lavatrice mia stammatina nun ma vulute fà a centrifuga , agge pruvate in tutti i modi ,lagge sbattute sotte e ncoppe . lagge date pure nu caucie ma nun ce state niente a fà! pa fine, me so nczazzate comme na cana, l’agge sputate nfacce e me ne so jute!

CARMELA:  e va bene, e pe sta cosa e niente stata accussì nervosa, non potevate dirlo a vostro marito

FILOMENA:¬† a mio marito? chille e¬† cazze e se fa mangi√† ‚Äėo culo d‚Äô‚Äėe mosche pe‚Äô nun dicere: ‚ÄúSci√≤!‚ÄĚ

CARMELA:  jamme mò,nun dicite accussì, je o canosche pe n’omme faticatore

  FILOMENA : faticatore ?e  figurateve,!chille na cosa sola sape fa , ( fa il  gesto inequivocabile dello scopare) eh! e voi lo sapete bene!

CARMELA: uè uè, jammece piane, io lo so perché me lo avete detto voi e mo ce vò!

FILOMENA:  e si capisce! Donna Carmela, voi gli dovete togliere la fattura che quella donna ci ha messo addosso!

CARMELA: mi avete portato quello che vi ho chiesto?

FILOMENA: e come faccio? Io a quella zoccola non la conosco,ci ho messo appresso una persona fidata per scoprirla e appena posso, vi porterò qualche  cosa che gli appartiene

CARMELA: basta, nu fazzulette, na ciocca e capille, nu pettine, facite vuie ma m’arracumanne, senza niente ca l’appartene nun pozze fa niente!

FILOMENA: nun ve ne ncarricate, ci penso io, mo me ne vache e po ve facce sapè ( bussano alla porta ,Carmela , va ad aprire ed entra Alonso)

ALONSO: ( veste in modo curioso e quando entra porta sempre un cappello in testa e la cravatta storta ,  con  il collo  ogni tanto va a destra come fosse un tic nervoso  e  ogni tanto declama una poesia  assumendo una posa curiosa) scusate, siete in seduta?

CARMELA: nossignore trase e assettete, ca Luigi mo vene. ( Alonso si siede) Donna Filomè ,allora io aspetto vostre notizie eh

FILOMENA: statene certe, ce vedimme ogge ,stateve buone ( esce)

CARMELA:  e viste a chella ca è asciute?( fa cenno a Filomena che è uscita)

ALONSO:  lagge viste,l’agge viste ! Staie mmane all’arte e a proposito, agge servite pure a Nannina a purtiere. Problema risolto definitivamente!

CARMELA: seh, avante ,dimme dimme mo do marite e Filumena

ALONSO: o marite, tale Onofrio Apicella, all’apparenza è nu buone omme ma po pare, ca sa fa dinte e quartiere  e vasce .Va,  se fatte e suoie e po torna a casa senza sapè chi incontra.

CARMELA:  uhmm o fatte è difficile! Certe ca è nu buone scurnacchiate!

ALONSO:  ( si mette in posa e declama )  chi maie t’aspiette te fa o dispiette!

CARMELA: si mariteme me facesse na cose e cheste ,mo mangiarria a muzzeche ( entra Luigi )

LUIGI: azze ce le fatte! E come te piace e durmì pure a te

ALONSO:  durmì eh!je agge fatte già na jurnate e fatiche e me sente e coscie ca me tirane

LUIGI: ah e che e fatte e tirate a mane a funiculare

ALONSO: pegge,, stammmatine ambresse,  Carminucce  ma vuttate a coppe o liette, simme sagliute  ncoppe o traine per andare  a portare nu cariche  e buatte e pummarole  o mercate . A mentre steveme ncoppe a na sagliute, o pecchè o traine ere troppe cariche o pecchè o ciucce nun nun ce ne teneve, all'intrasatte, sgonocchie o ciuccie e saccoscie. allore tiro io, tire tu ,nun simme   state cazzi e sosere o ciuccie!

CARMELA: e  allore che avite fatte

ALONSO: avimme chiammate a Peppe¬† ‚Äėo vattamuscie co laparielle, sa carrecate e buatte e statte bone a ¬†mazzetta.

LUIGI: e o ciucce?

ALONSO: chillu piezze e canchere se avizate e comme se niente fosse state e se mise a raglià! Carminucce se ne jute ed eccomi qua.

CARMELA: o poste e Carminucce je o ciucce già l’avesse purtate o macielle e mavesse accattate na paparella.

ALONSO: pare facile, ce vonne e sorde pe cantà a messa! ( a Luigi)  ah si je avesse fatte a scola mo nun stesse ccà , ca vene poetica ca tenche stesse chine e sorde,  va buò, vulimme je,

LUIGI: nu mumente!,  Carmè, mo piglie nu fazzulette?

CARMELA: ma che ne faie ,te vaie a vennere? Chiste è o terze dinta a na settimane

LUIGI: tenche o raffreddore  scema! Va, mentre  vache dinto o bagne e mo piglie, (Carmela esce)Alò, tu intante, vide si passa Tatore o scartellate, cheste è l’ore  fermalo e falle aspettà che ci accompagna a piazza duomo ( suonano alla porta,Luigi, va ad aprire ed entra Vincenzo )

VINCENZO:  ( padrone di casa di Carmela, molto superstizioso ,porta sempre un cornetto rosso attaccato nella cintola, geloso della moglie ma insoddisafatto della sua relazione) buongiorno,Carmela non ci stà

LUIGI: se siete venuta per l’affitto, Don Viciè ….. ca .. l'àsteco chiove e a fenesta scorre

VINCENZO: si, si e se capisce ‚Ķ. A solita musica. Sentite Luig√¨, voi state in questa casa da tre anni, e solo il primo mese, ho avuto il piacere di riscuotere l‚Äôaffitto e dovete ringraziare a vostra moglie se non mi date pi√Ļ un soldo!

LUIGI: e volete mettere la tranquillità, la buona salute e la serenità a confronto con il denaro? Mia moglie vi ha preso a ben volere e vi protegge da tutte le disgrazie e le avversità della vita

VINCENZO: insomma … qualcosa mi è sempre capitato

ALONSO: si bezzeccole …. Piccoli fastidi ( si mette in posa allarghe le braccia  e declama) o munne è gruosse e i pericule so tante , meglie perdere n’affite e casa ca truvà nu guaje ncasa.… ( serio) pensate se Carmela vi facesse na fattura malamente che ve putesse capità e vuie o sapite ca Carmela ….. è potente!

LUIGI: √® meglie a bona salute¬† o a malasorte? √ą meglie riscuotere quatte sorde e affitte¬† o ten√® a capa tranquille ncoppe o cuscine?

VINCENZO  e che vuò fa ,  ….avite ragione vuie .Ma  Carmela ci stà ? ( rientra Rosa)

LUIGI:  e come no, adesso viene, aspettatela qui che adesso viene, Alò, tu vaie a fa o servizie, ( vedendo Rosa ) ah tu si turnate ? arrecuordeme ca t’agge parlà quanne è ogge , e mo chiamme a mammete ca Don Vincenzo l’adda parlà .ora permettete, vengo subito ( esce)

ROSA: Don Vincè scusate,vado a chiamare a Mammà ( esce)

VINCENZO: e che aggià fa! Dunque, ( si mette le mani in tasca e tira fuori un fazzoletto e lo poggia sul tavolo )ah, eccolo qui e mo vediamo se a mia moglie  gli tornano i pruriti. Sono passati tre mesi e neanche un bacio ma date,e vote me  fa male , me fa penzà ca tene a n’ate ( si siede su una sedia ) e cheste quanne vene mo! ( rientra Luigi , vede il fazzoletto sopra il tavolo e lo prende senza essere visto da Vincenzo)

LUIGI : ah don Viciè , visto che siete qui, venite a vedere questa porta,( Vincenzo segue Luigi)  avesse bisogne e na lavate e facce …na pittatina eh , statevi bene ( Vincenzo, scuote il capo e Luigi  esce, mentre Carmela entra e depone il fazzoletto sul tavolo  )

VINCENZO: seh manche me pava e vo  pure a pittatina  e intante Carmela nun vene ancore !

CARMELA: ( va verso Vicenzo) sono qui, Don Viciè dicite vincenzo:

VINCENZO: Carmè, mi sono deciso, ho bisogno di voi pe na ..piccola fattura ma vulite fa?

CARMELA: e come si può dire no a voi Don Viciè, mi preparo subito ( va verso la credenza mentre Vincenzo ,va verso il tavolo ,prende il fazzoletto e se lo porta al cuore . Carmela prende due candele e le appoggia sul tavolo) siete pronto? Mo ditemi a chi l’avimme fa sta fattura?

VINCENZO: a mia moglie

CARMELA:  a Donna Amalia   Uh e pecchè?

VINCENZO: pecch√® nun me v√≤ cchi√Ļ bene!

CARMELA : vuie ca dicite Don viciè!

VINCENZO: so tre mise che non mi da confidenze e voi capite …. Je vulesse che turnasse a me vulè bene comme a na vota

CARMELA: ah, è na fattura a fin di bene! E meno male, cheste se po fà, datemi qualcosa che vi appartiene ( prende una sedia di paglia  e l’avvicina al tavolo)

VINCENZO: ( tira fuori il fazzoletto e lo consegna a Carmela che non s’accorge di niente) ecco qua, questo è il mio fazzoletto

CARMELA: bene, mo assettateve ncopppa a sta seggia e paglie e facite silenzie fine a quanne nun agge fernute! ( prende il fazzoletto e lo stende fra due candele accese, prende del sale e una bacinella d‚Äôacqua si avvicina a Vincenzo e gli fa tre segni di croce sulla fronte, usando il pollice destro ‚Äú poi formula la fattura , versando sale nella bacinella e ripetendo i segni di croce sul capo di Vincenzo)Acqua e sale mia Signora, pe lev√† ogni fattura, acqua e sale San Giovanni, pe stut√† stu¬† fuoco ca bruce, acqua e sale pe san√†, v√† fattura e nun turn√†!‚ÄĚ. . ( piglie o fazzulette , o pose ncape a Vincenzo e pronuncia)‚Äú San Vito ¬†mie te venghe¬† a prega‚Äô, e cane vuoste , m‚Äôavite prest√† e da Amalia l‚Äôavite mann√† ¬†e dinte o putere mie sempe adda st√† . ( Un po‚Äô di pausa, pronuncia delle parole incomprensibile.¬† Poi, fa un altro segno della croce sul fazzoletto ¬†.. dopo ¬†¬†a Vincenzo) mo putite parl√†!

VINCENZO: ( come stordito, si porta le mani al viso come per svegliarsi) oh maronne, l’avite fatta?

CARMELA:si l’agge fatta! ( spegne le candele e mette a posto il tavolo) mo jate a casa e faciteve na bella durmuta, quanne è stanotte ca Donna amalia dorme , pigliate  o fazzulette  e  appuiatacille  ncape  e nun a data rette,  a fatture po tardà ma nun fallì. Datele tiempe e po vedite  l’effette ca fa!

VINCENZO: grazie Carm√®, e si funzione nun mavite d√† chi√Ļ nu sorde e affitte! Stateve bone ( esce)

CARMELA: eh e na menera o n’ate l’avimme fa funziunà! ( entra Rosa)

ROSA: ( si guarda intorno) è andato via Don Vincenzo?

CARMELA: si  se ne jute

ROSA:  e che voleva?

CARMELA: niente, scemenze

ROSA: io ti ho visto prendere la sedia e la bacinella, di la verità, hai fatto qualche fattura pure a Don Vincenzo?

CARMELA: non a Lui, l‚Äôha vuluta pa mugliere , a ditte ca Donna Amalia nun o penze chi√Ļ, accuss√¨ ma date nu fazzulette da mugliere, ce l‚Äôagge fatte e se ne jute, mo spere ca funzione si no chille ce cacce fore!

ROSA: mammà, spero  tanto che un giorno,io vi possa aiutare ad uscire da questa situazione indigente. Vedrai appena finisco l’università, faccio tutti i concorsi che escono e sicuramente, troverò un lavoro e vi aiuterò

CARMELA: nennè fosse accussi facile! Sei figlia di un industriale tu? di un professionista ? di un mammasantissima? Di un politico?  e allora rassegnati guagliò. In Italia i concorsi li vincono solo due categorie di persone: I figli della casta e quelli dei mafiosi.

ROSA: nun è dette mammà,io so sicure ca in modo o l’altro, vi aiuterò!

CARMELA: nennè nun te preoccupà,t’avimme fatte maie mancà niente?

ROSA:no mammà, niente,ma je o sacce: vuie papà e zi Alonze  avite fatte e facite mille sacrifici pe me fa cuntente

CARMELA: ma quanne maie, ognune e nuie fa chelle ca po, se fatiche pe mangià e pe pavà e tasse, chelle ca fanne tutti quanti.

ROSA: mammà, nuie simme povere e cheste è overe ma je nun me ne vergogne.Quanne all’iniversità o mieze a via veche allate cu vestite e scarpe e marche nun l’invidie e o saie pecchè?

CARMELA:pecchè saie che chelle ca facimme  pe te è o massime ca putimme fà

ROSA: si mammà e pure pecchè genitore comme a vuie ca se levene o pane a vocca pe me fa fa bella figure  ce ne stane poche!ma intanto ..è succiese ca …. ( Rosa si gira e si mette le mani al viso)

CARMELA: che è succiese, nun me fa preoccupà, parla a mammà

ROSA : Ecco, vedi.... voglio dire... ecco... mammà Lorenzo , mi ha chiesto di sposarlo ed

io …. Io …. sono scappata e non gli ho risposto

CARMELA: uh maronna mia! E mo?

ROSA: m√≤ cosa? Non lo so, non so niente, continua a chiamarmi e non ho il coraggio di dirgli di ‚Äú si‚ÄĚ! Lui √® ricco capisci? Molto ricco e noi ‚Ķ. noi viviamo¬† come degli accampati, come posso accettare che venga qui a casa nostra

CARMELA:   e tu non lo fai venire in casa nostra

ROSA:  e come faccio, una volta accettato di sposarlo, vi  vorrà conoscere, vorrà conoscere casa nostra , vorrà che sua madre mi conosca .Ma perché ,perché dovevo innamorarmi di un uomo e poi sfuggirgli( si mette le mani al viso e va via)

CARMELA:   eh si, e come si fa e … come si fa ( bussano alla porta, va ad aprire ed entra Teresa )

TERESA: salute Carmè, e risolte o probleme!

CARMELA:  statte zitte Terè  ca ne tenche une pa cape ca nun sacce che pisce piglià!

TERESA:  ogge è martedì, pisce e paranze, costane poche e so sempe frische!

CARMELA: Terè, va a farte benedicere, je tenche cierte tronule pa cape e tu faie pure a spiritose

TERESA: ¬†ma allore √® na cosa seria? Chi√Ļ serie do probleme mie!

CARMELA:  e o chiamme serie o probleme tuoie?

TERESA:  Carmè, je tenche già quarant’anne e si chillu turze e cavurusciure nun se fa capace, rischie e restà zitelle a vita!  ecco qua   ( tira fuori  un pennello da barba ) chiste è o pennielle ca se fa a barba Alonso  e vide che è fa!

CARMELA: allore nun le capite? comme sto mò nun me riesce e fa niente!

TERESA: dimme almene che te succiese

CARMELA: è succiese ca s'o turciamiento 'e panze ! Rosa…( si apre la porta ed entra Luigi  seguito da Alonso)

ALONSO:( vede Teresa) ah e tu che ce faie ccà a befane vene e notte  no da matina!

TERESA: Dimane è  a jurnata  mondiale pa raccolta differenziate, me raccomanne, fa o  bravo e fatte  truvà vicino e  cassonette da munnezze!

LUIGI: vulesse sapè quanne a fernite tutte e duie! Dicite ca ve vulite e po ogni vote ca ve ncuntrate  Parite o cane e  o vatte! ( Guarda Carmela che è palesamente abbattuta )che è succiese Carmè?

 CARMELA: niente.  Che adda succedere

LUIGI: ma comme tu staie accussì sbattute ca sule nu fesse nun s’e n’accurgesse. Terè che le succiese, parle

TERESA:¬† e che ne sacce mo steve po dicere po site traute vuie e ‚Ķ. Nun √® succiese chi√Ļ niente.

ALONSO: Carmè , sora mia parle nun ce fa sta npenziere

CARMELA: simme na famiglie e sfortunate ecco che cosa è succiese,

LUIGI: si ma parle! Che è succiese?

 CARMELA :figliete Rosa … (piange)

LUIGI : no! figlia mia che è state parle!

CARMELA:  figliete Rosa ha avute na pruposte e matrimonio!

LUIGI:  ( si abbattesulla sedia di paglia)maronne! puozze passà nu guiaie, mi stive facemme murì!

CARMELA:  levate a coppa a seggia e paglie!

LUIGI( (  si alza) e tu pe na cosa e cheste accussì ta piglie?

TERESA: J  che furtuna, ( guardando Alonso) je sto a vintanne appriesse a nu galonze ca nun se decide

ALONSO: ( si mette in posa e declama) Monaca te può fa! refrisca a Die e all’aneme d’u priatorio.  ( serio) je sto accussì buone senza catenelle nganne

CARMELA:  o saie chi la fatte a pruposte?

LUIGI: je? Pecchè qualche vote me le ditte ? comme al solito e padre so sempe l’urtime a sapè e cose, chi è ?

TERESA:  Lorenzo Salmentini di Firenze,une ca tene  sorde  e proprietà a palate

LUIGI: alla faccia del casicavallo

ALONSO: azze figliete a sapute scegliere ca furtuna!

CARMELA:no , è stata scevete !sule ca figlieme ,è  sfortunate , tene tutte, bellezze, cultura ,modo aggraziate e intelligenza da vendere

ALONSO: e a chiamme sfurtune? Nun le manche niente!

LUIGI: ( scapezzando ) le manchene e sorde! Ce manchene e sorde!

ALONSO:'A fune è corta e 'o puzzo è funno..

TERESA:  quanne ce sta o bbene o sorde nun servene

CARMELA: cheste è valide pe disperate comme a nuie, a famiglie do guagliole è ricche sfunnate, tene sorde e proprietà e te pare ca s’apparente cu nuie ca nun tenimme manche l’uocchie pe chiagnere?

LUIGI: (  come declamando una poesia)mo è primavera,passa l’estate e  po vene, l’autunne  e po vene ….

CARMELA: vierne è già venute Giggì!

TERESA: povera figlia, ce vulesse na furtuna all’improvviso …

ALONSO: fosse ca fosse a vota bona, ( tira fuori dalla tasca un gratta e vinci )lagge accattate ca sorde e l’urteme parchegge da jurnata  je nun ce capische niente e comme se fa vedite vuie

LUIGI: ma è nu gratte e vince , beate chi a tene sta furtuna! Ma,damme cca, pruvamme a grattà ( gratta piano,piano, poi comincia a stralunare gli occhi,si mette una  mani in  petto e uno al capo ) Maronne!!!!!!! ( cade sul divano e sviene e tutti si precipitano ad aiutarlo)

CARMELA: (cerca di farlo rinvenire, grida ed accorre anche Rosa ) Giggì, Giggì, che è state, Scetete luigì, marò aiutateme,  se fatte tiseche tisceche, pigliate nu poche e acque, luigì bene mie, scetete (Gli portano l’acqua e la spruzza sul viso di Luigi che comincia a riprendersi) jamme,, arrepigliete, che è state , parle!

ROSA: papà, papà , che è state ( si accosta al padre e lo aiuta ad alzarsi)

LUIGI: ( farfugliando) a sche  …. A sche … o gra … o gratte gratte, maròooo! ( risviene )

CARMELA:  o Criste beniditte, nata vote , ( rispruzze l’acqua mentre Teresa raccoglie il gratta e vinci e comincia a leggere) su , jamme, parle …( Luigi ricomincia a farfugliare)

LUIGI: nu  mi … nu mi mi…mi …

TERESA  : guardate cca, Maronna mia!( mostra la schedina) avite vinte nu milione e euro!

CARMELA: nu mi..nu mi.. … ..  milione e euro…. ( sviene pure Lei e Luigi alzandosi gli va vicino)

LUIGI: Carmè, Carmè … dateme nu poche e acqua ( Alonso prende l’acqua )

ALONSO: (Prende l’acqua e se la spruzza sul viso) nun se poi maie sapè! Tiene ( da L’acqua a Luigi che la spruzza sul viso di Carmela)

LUIGI: Carmè .. Carmè simme ricche! ( se la stringe e l’abbraccia )

ROSA: ( si unisce ai genitori e li abbraccia) pap√†, mamm√† ‚Ķ. √ą nu miracule!

TERESA : ( ad Alonso ) mo si ricche pure tu , mo ¬†nun tiene chi√Ļ scuse!

ALONSO: ( con rassegnazione) a furtune  na cosa te da e na cosa te leve ….

TERESA:  e che te leve a te

ALONSO: a libertà!

TERESA: ma allore me spuse? Asse fa A Die te si decise!

ALONSO: chiane chiane , nun vennimme a pelle e l’orse primme d’accidere!   

CARMELA:Rosa belle e mamm√† , nun sarrie chi√Ļ na guagliola puverella, va ,va si le vu√≤ bene ¬†dille e si e nun av√® paure! Mamma toie penza a tutte cose ¬†e quanne si felice tu nuie simme chi√Ļ felice e te!

ROSA: si mammà , ma si le diche subbete e si, chille subbete ve vo cunoscere e a casa nostra pe mo chest’è! L’avimme fa primme ammodernà, l’avimme sistemà comme e na casa e ricche

LUIGI: e pe quanne ncassamme e sorde e accuminciame a sistemarce ne passe e tiempe

CARMELA:  a furtune se ferma na vota sola figlia mia e si nu l’acchiappe subbete, le perze!

ALONSO: nuie l’avimme acchiappate a volo a volo

LUIGI:  ( mostra la schedina ) e nun cia facimme scappa!

CARMELA: si ma comme se fa a nun fa perdere o trene a Rosa

ROSA: je nun voglie mbruoglie e sotterfugi

LUIGI: statte zitte e famme penzà ……(pensa )

ALONSO: io n’idea a tenesse,  a putesseme ricoverà o spitale cu scusa pe nu poche tiempe e …

LUIGI:  è quanne me danne cunziglie e scieme ca scopre e essere na persone intelligente. Alò, è meglie ca te staie zitte ca  faie mene danne.

TERESA: si tenesse na casa chi√Ļ belle ve desse a mia

LUIGI: ( a Teresa ) comme ditte? Ripeti

TERESA: agge ditte ca si a casa mia fosse pi√Ļ presentabile va prestasse fino a quando nun ve sistemasseve ma ‚Ķnun √® cosa

LUIGI: brava! Chiste è nu cunziglie buone! Carmè, Don Vincenzo,le fatte a fatture? E allore se po fà

CARMELA: si ma nun agge capite, spiegate

LUIGI: ce facimme prestà a casa a Don Vincenzo pe na jurnate, o tiempe ca Rosa ca porta a canoscere a famiglie do nnamurate e nel frattempo ce sistemammo a nostra

ALONSO: come idea nun ce male, avimme vede Don Vincenzo ca ne dice

CARMELA: a Donna Amalia le verrà na mossa

ROSA: io sto al gioco sule si doppe a  casa nostra a facite tale a quale e chelle e Don Vicienze.

CARMELA: nu te preoccupà bella a mammà a coste e accattarce  a case e don Vicienze, brutte figure nun te ne facimme fa . Speranne intante  ca o piane funzione e si no …

LUIGI: e si no niente, nuie tentamme, e nvitamme cu na  scusa abbasce e vedimme si ce putimme fa. Io ed Alonso cu sti quatte scaglie c’avimme abbuscate stammatine jamme  addò Arturo o pasticciere e pigliamme qualche dolce,po o ritorne, passamme da Don Vincenzo e lo invitiamo , dicimme ca è pe l’anniversarie do matrimonio nuoste eh, Alò, jamme  (Fanno per uscire e Alonso torna indietro )

ALONSO: ah  Carmè, vide ca entro oggi avesse venì nata cliente , ma cuntattate  Mariella a vammana

CARMELA: mo cu sti chiare e luna ca tenche pa cape penze ¬†a essa ov√¨ ! Va va , po se ne parle. Ter√® tu intante famme nu piacere, priesteme a veste chi√Ļ elegante ca tiene, ( vede Teresa titubante) a tiene na veste elegante ¬†pe¬† stasera¬† pe festeggi√†¬† l‚Äôanniversario e matrimonio mio si?

 TERESA: e comme no, steve penzanne quale e chelle t’aggià prestà

CARMELA:  e penzate?

TERESA:  Carmè je una sola ne tenche e penzave e ma mettere quanne chella cape e tummule e fratete se fosse decise ma… viste  ca te serve, è a tua disposizione

CARMELA: grazie e nun te preoccupà ca pe frateme ce penze je e quanne sarrà e veste te n’accatte doie!

TERESA: allore è sicure? grazie, grazie, ta vache a piglia subbete e ta porta ( esce)

CARMELA: Rosa belle e mamm√†,mo simme ricche e nun te vergogn√† chi√Ļ e niente, quanne √® stasera si tutte va buone, vaie add√≤ o nammurate tuio¬† e le dice ¬†ca po ven√¨ quanne v√≤ a canoscerce, nuie intante accumiciamme a sistem√† a casa.

ROSA: si mammà, ( l’abbraccia ) te voglie bbene mammà!  ( esce)

CARMELA: (si guarda intorno) eh avimme sule vede arò accumincia. ( comincia a sistemare sedie e tavolo poi bussano , va ad aprire ed entra Nannina con un cesto in mano)

NANNINA: (vedova e  portiera del palazzo, ha sempre paura di essere licenziata ) Carmè buongiorno, tagge purtate doie mele , me l’ha date Ciccio o patanare guarda ccà so fresche covete

CARMELA:  je ti ringrazio Nannì , non t’avive scomodà, …. pe così poco!

NANNINA: no ,no, tu me fatte nu favore assaie gruosse, o saie ca so tre juorne ca piezze e cancare nun se fa vedè?

 CARMELA:   e po essere ca te le levate a nanze!

NANNINA: sicure Carmè, ne co pozzene accidere chille ogni matine se piazzave nnanze a porta do palazze e a primma cosa ca faceve …..

CARMELA: avizave a cosce e pisciave nfronte o purtone!sacce o fatte!

NANNINA: eh ma po  passave  don Vicienze , senteve a puzza e me cazziave!po passava a mugliere e me faceve o rieste!

CARMELA:  e certo chelle e pisciate e cane nfronte e purtune o mpregnene e puzze malamente

NANNINA:  Aveve voglie do caccià! Lagge pigliate a caucie, a straccarate, lagge vuttate acqua e spirite appriesse ma tutte e matine ….era puntuale comme a morte! se fermave…avizave a coscie e me pisciave  o purtone. Ce vuleve a mana toia pe mo levà a nanze!

CARMELA: l‚Äôimportante √®¬† che nun vene chi√Ļ! ( bussano alla porta, Carmela va ed entra Amalia) ) Oh Donna Amalia, che piacere, entrate, accomodatevi

AMALIA: ( Non molto bella ma appariscente, veste sempre in modo estroso e,ha l’abitudine di toccarsi continuamente i capelli)   vestita con abito corto e curioso vede Nannina e gli si rivolge )  ah vuie state ccà? Jate abbascie,  e facite bene il vostro dovere ( Nannina annuisce ed esce ) grazie, Luigi non ci stà

CARMELA:  è uscito da poco, vi serve per qualche cosa?

AMALIA: eh si…. vedete mi si è appilato  lo scarico del lavandino e ho pensato che Luigi o putesse spilà! So che è pratico di queste cose

CARMELA:  si effettivamente ce sape fa ma Don Vicienzo, nun c’è riuscito?

AMALIA:  Vincenzo? chille nun è buone manche a jettà o sanghe!  Comunque si vene, mo mannate nu poche ncoppe?

CARMELA: ma certamente,appena vene, vo manne!

AMALIA:  appena vene eh ….  m’arraccumanne, stateve bbone. (fa per uscire quando Carmela, la ferma)

CARMELA: ah Donna Amà, oggi è l’anniversario do  matrimonio nuoste  e per questo Luigi , viene  da vostro marito per invitarlo , sa due dolcini un po’ di spumante e il piacere  di essere con noi,  che dite ce lo fate quest’onore?

AMALIA:  Uh e come no! nun ve preoccupate facite venì Luigi ncoppe ambresse ed è cosa fatta!  Stateve bbone. (esce)

CARMELA: azze pare ca e cose se mettene bbone, fanmme arrecettà nu poche a casa ca stasera sempe e cunvincimme! ( esce Rosa)

ROSA: ( porta una cartella in mano e la borsa)mamm√†,io esco vado dalla mia amica Laura, ci vediamo pi√Ļ tardi

CARMELA: nun fa tarde m’arraccumanne  ( esce Rosa ) e chi sa mò addo và ! ( si apre la porta ed entra Alonso con una confezione di dolci) oh e tu gia stai ccà! E a Luigi addò l’e rimaste

ALONSO: o piane e coppe a spilà a… cosa a donna Amalia

CARMELA: ah già ,o lavandino, e pecchè nun si rimaste pure tu?

ALONSO: Donna Amalia a ditte ca troppe uommene dinta a casa  danne fastidie a Don Vicienze

CARMELA:   accuminciamme buone! ma don Vicienze ce steve?

ALONSO: boh, je nun lagge viste

CARMELA: mah, va buò je vache a chill’atte a sistemà a casa e liette ( esce)

ALONSO: ( si butta sul divano e si mette a fantasticare) ah ! e sorde,quanne arrivene tutte chilli sorde, a primma cosa m’aggià fa nu vestite e signore e agge je o cafè degli artisti . m’ agge assettà e tutte hanna dicere, chiste adda essere nu poeta o nu scrittore ( entra Luigi tutto in disordine, la cravatta storta, la camicia al di fuori dei pantaloni ) neh ca te succiese?

LUIGI: sssh! Addò sta Carmela?

ALONSO: dinte e cammere da liette

LUIGI: mano male!  (comincia a sistemarsi)

ALONSO: ma che è state, comme che staie cumbinate e chesta manera?te si  appicicate cu na jatta?

LUIGI: pegge! donna Amalia! Ate che spilà o lavandine!, me se menate ncuolle comme a na furie, comme a n’assatanate!

ALONSO: possibile?

LUIGI: e comme no! ma levate a giacca , ma levate a cammisa, je diceve , ma ca facite , stateve cuiete, po venì Don Vicienze, ma chelle nun senteve raggione

ALONSO: e allore    ( facendo segni)….te le…

 LUIGI: No! appena agge avute o canze , so riuscite a me liberà cu nu scusa e me ne so scappate!ma….  primma ha vulute nu vase  e me sa c’agge passate o guaie!

ALONSO: ma qualu guaie! E vere Donna Amalia nun è nu gran chè, ma si le prore .. perché nun accontentarla!

LUIGI: tu a faie facile pecchè si ancore scapule, Si sorete sape na cosa e cheste m’accide! E po’ je tenche già na certe età e rischie pure e fa brutte figure!

ALONSO: ehh!  ma quala figure! vuo dicere ca  già si futtute? Ahhh ahhh

LUIGI: seh ride tu , aspiette ca Teresa te mette a catenella nganne e po te voglie vede!

¬†ALONSO:¬† si! ma fine a quanne ( fa segni in gi√Ļ) issse funzione‚Ķ ¬†( si mette in posa e declama) ogni juorne¬† na quaglia s‚Äôavize e vola,ogni matina nu passere¬† s‚Äôavize¬† e vola, ogni matine o gallo puntuale s‚Äôavize ¬†e canta.....Nun fa niente che¬† aucielle tiene , basta¬† che s‚Äôavize!...............

LUIGI: ma po’ è all’atterragge ca le zompene e scelle!

ALONSO: ahhh ahhhhh ..e capite a Donna Amalia ahhhh ahhhhha ( bussano, va ad aprire ed entra Filomena)

FILOMENA: ( si guarda intorno )addò sta Carmela? ( va verso Luigi) A tenca fresca fresca

LUIGI: pure vuie? Ma cher’è stammatina ?mo …  mo va chiamme ( scappa)

FILOMENA: ah me voglie sfucà .. ( va vicino ad Alonso ) me voglie sfucà!

ALONSO:  aspettate … nun ve  facite troppe sotte  ca po ve ne pentite

FILOMENA:    ( gli prende il bavero della giacca) ma che m’agggia pentì! Voglie fa cose e pazze!

ALONSO:  no .. e no .. e stateve cuiete   ( comincia a toccare con le mani Filomena) je po si parte nun arraggione

FILOMENA: ohe ma addoò vaie? Arò parte tu? Statte cuiete che mane! Ma che è capite! ( entra Carmela e li vede ancora afferrati)

 CARMELA: ohe ma ca succede ( li divide ) se po sapè ca è state

FILOMENA: stu chochiere stunate   ma zumpate ncuolle

CARMELA:  Alò. E che caspite! Vatte a fa na doccia va!

ALONSO; ma cheste è trasute nfucate dicenne ca se vuleve sfucà

FILOMENA: cu te? Ma va , va!

CARMELA; Va Alò, ca tenimme a parlà

ALONSO: e stateve bone ( guarda Filomena) tavesse fatte vede je! (esce)

FILOMENA: vuie vedite ca bestia!

CARMELA:  e jatece chiane però , chille me sempe frate

 FILOMENA:  e che vo dicere? Se vede ca tenite nu frate  bestie puorche!

CARMELA:  va buò, diciteme chelle ca mavite dicere e facite ambresse

FILOMENA: ( tira fuori una foto)  ecco qua , fresca , fresca .Chesta è a fotografia da zoccule e nzieme ce sta pure mio marito ( gliela porge) Ah me s'aggravogliano 'e stentine 'ncuorpo

CARMELA:  ( la osserva con attenzione) eh,  vostro marito si vede bene ma a  signora ca le stà ncuolle nun tante,  a canuscite pe case?

FILOMENA:e chi a sape, o spione ca ma purtate a ditte ca l’ha scattate da lontano  dinte a na casa ncoppe e quartiere

CARMELA: embe nun a puteve  piglià meglie! e po nun a puteve seguì quanne è scesa accussì vedeva dove abita

FILOMENA:   e comme se fa, la scennene e sagliene tanta gente

CARMELA:  si ma, si steve cu vostro marito era facile

FILOMENA: donna Carmè chelle e zoccule so furbe. Trasene  e na manere ed escono e nate, e non saccumpagnane maie che pare soie!

CARMELA: vulite dicere ca se travestene?

FILOMENA:  è certo! Ma cu sta fotografia a fatture ce la  putite fa, nun è o vere?

 CARMELA: non lo  so … tento , vuie lassatamelle! Però ve  lagge ditte,pe sicurezza, ce vo na cosa ca l’appartene! Jate, si ve capite na cosa che l’appartene ma purtate e si no …. Vedimme ca se po fà  e mo jatevenne ca tenche …. ati cliente

 FILOMENA:  e va bene .. stateve bbone, appena tenche qualcose vengo ( esce)

CARMELA: ( guarda ancora la foto attentamente) e pure cheste tene fa facce canusciute ( prende una lente di ingrandimento e guarda) Marò … possibile? ( guarda meglio ) si … si … è proprio Lei! E’ propria Donna Amalia! E mo?( entra Luigi  e sente)

LUIGI: e mo che cosa?

CARMELA: ( nasconde la foto ) no niente dicevo e mo  ca facimme?

LUIGI: aspettammo ca arrivene gli ospiti e tiramme o piane!

CARMELA:tu si sicure? e allore vatte a cagnà. Miettete chillu specie e vestite ca tiene e po scinne, Va!

LUIGI: ma  che me cagne a fa ?chille ce canoscene buone

CARMELA:  e ditte ca è l’anniversarie do matrimonio nuoste? E allore cagnate!

LUIGI: e va buò , vado  ( esce )

CARMELA: ( tira fuori la foto) e mo? ( entra Rosa e la nasconde)Rosa belle e mammà, cagnete pure tu ca fra poche tenimme ospite

ROSA: si lo so, ma nun putite dicere ca sto all‚Äôuniversit√†? √ą meglie ca je nun ce sto

C ARMELA: e va bene, comme vuoie tu, va , va ( esce Rosa) ma si tene raggione è meglie can un ce stà ( entra Alonso)ah te si arritirate? J ca bella figure me fatte fa?

ALONSO:  Carmè, chelle me sa vuttate ncuolle e mica so e lignamme?

CARMELA:  sule  capa Alò, sule a capa! tu capisce a mode tuoie! viene  ccà ( tira fuori la foto)vide buone si a canusce

ALONSO: ( guarda bene e poi tentenna ) tene na posa famigliare ma ….

CARMELA :  guarda cu cheste ( Carmela gli da le lenti)

ALONSO:  ma si .. è .. è donna Amalia! All’anema da zoccule?

CARMELA:  ssssh zitte e nun fa parole cu nisciune! Si no a fatture ta facce a te!

 ALONSO: e je ce crede !

CARMELA:  nun se po maie sapè! Cheste è na cosa delicata, je nun voglie o male e nisciune, te l’agge fatte vede pecchè me da na mano a risolvere na certa situazione!

ALONSO: e che te preuoccupe! na fatture a Don Vicienze , na spilata a Donna Amalia, e a cosa è fatte!

CARMELA: nun è pe cheste! Po te spieghe! (bussano, Carmela, va ad aprire ed  entra Teresa con una busta grande in mano)

TERESA: oh ( mette la busta sul tavolo ) ecco qua o vestite po matrimonio!

ALONSO:   stamme già a cheste? ma si proprie fissate e cape!

CARMELA: ( ad Alonso alludendo al vestito) nun è pe te, ma o mumente tuoie nun scappa, grazie Terè,e nun te preoccupà ….. (ammiccando ad Alonso) è cotta a pecchia!

TERESA: allora ….  io vado,  ( ad Alonso ) e tu pienzece buone, je mica pozze aspettà in eterno!

ALONSO: (  si mette in posa e declama ) Chi te cure ,chi te penze, chi ta da  sta confidenza!

CARMELA:  è meglie ca scinne a coppe o purpete, nun o da rette Terè, chiste fa o fesse pe nun pavà a gabelle, va , va e nun te preoccupà

TERESA: vado , vado, statte bone Carmè e  … facite cose bone ( (esce, mostrando la lingua ad Alonso mentre entra Luigi) )

ALONSO: ma tu a vide quante è ….lazzara!

CARMELA:Al√≤, a verit√† √® ca tu a vuoi bene per√≤ faie o strunze, c‚Äôaspiette ca se fa vecchie comme a te e po ta spuse?nun √® meglie¬† god√® da giuvent√Ļ?

ALONSO:  e raggione . a voglie bbene ,ma chelle me mette sempe ncoppe o punte!

LUIGI:¬† e facenne accuss√¨, o tiempe passe, l‚Äôet√† avanze, viecchie te faie , vecchie se fa esse e ‚Ķ.¬†¬† ( fa segno con le mani )nun ve firate chi√Ļ

¬†ALONSO: ( si mette in posa e declama ) E raggione, ‚Äė a vecchia quanne √® vecchia, nun tene a forza e cammin√†, a trippa s‚Äôarrepecchia e a chitarra nun v√≤ sun√†

 LUIGI:: e  figurate si sone o campanielle!

 ALONSO:  tu pienze o campanielle tuoie!

CARMELA:  Alonze mie fatte e fatte tuoie! Ca o campanielle e mariteme ce sta chi o penze!

LUIGI: a vulesseme fernì? Penzamme piuttoste a ricevere gli ospiti, ( a Carmela) e priparate tutto; chisse mo vide comme scennenne

CARMELA   è tutto pronto,magge sule  cagne o vestite e so pronte

ALONSO: ( a Luigi) Addò e mise a schedina?

LUIGI: ( mette le mani in tasca e la tira fuori) sta ccà nun te preoccupà! domani vedimme comme l’avimme scagnà! Je nun ce pozze penzà! Che furtune Alò, che furtune c’avimme avute!

CARMELA:si ma è na furtuna ca nun ere a nostra!  Alonso prima a ditte che a schedina l’accattate e po dice che a truvate dinto o parchegge vicine a na machina

LUIGI: mo te mitte a fa o cuscienziose?

CARMELA : sa comm’è je nun o canosche o padrone da macchina addò avite truvate a schedina  e allora mi chiedo: e si fosse une ca  n’avesse bisogno e chiste sorde?

ALONSO::pecch√® ce qualcune¬† ca n‚Äôavesse bisogno chi√Ļ e nuie?

CARMELA:  e chi o sape!

LUIGI: zitte e fernitele cu sti scemenze e nun dicite niente a Rosa.Mo c’avimme avute a furtune e ce sistemà pe tutta a vita jate truvanne reveglie!

CARMELA: nun so reveglie, so pensiere! Je me vache a vestì! ( esce)

LUIGI: (gli va appresso fino alla porta ) e tu nun ce penzà!

ALONSO: e raggione! Nun ce penzamme chi√Ļ! ( bussano alla porta , Luigi, va ad aprire ed entra Amalia, si guarda intorno e¬† non vedendo Alonso, situato dietro la porta, si butta addosso a Luigi)

AMALIA: (lo stringe con ardore mentre Luigi cerca di svincolarsi) ah ma allora sei solo! Si,vieni qui ( lo bacia)

LUIGI: lasciami, nun sto sule! ( si libera) c’è … c’è Alonso ( Amalia si gira e lo vede)

AMALIA:   ahh  Alonso …. Che volete io quando devo fare gli auguri a qualcuno ….o li faccio bene o non li faccio proprio

ALONSO:  ( si avvicina ) donna Amà, dopodomani è o compleanne mie! Me facite pure a me  gli auguri accussì?

LUIGI: vide e nun fa o sceme e assettete.

AMALIA:  Carmela  , è dentro ?

LUIGI : ( come a liberarsi )  si e stà gia venenne! ( entra Carmela)

CARMELA: donna Amalia carissima ( Amalia, va verso Carmela e l’abbraccia)

 AMALIA:  tanti auguri Donna Carmè

CARMELA: grazie donna Amà e  don Vincenzo non viene ancora?

AMALIA: viene subito, ha voluto omaggiarvi con un piccolo pensiero,è sceso a prendervi un Ferrari

ALONSO:  all’aneme do penziere! Nu Ferrari? Giggì ,po mo faie fa nu gire pure a me?

LUIGI: si ncoppe o tappe quanne zompe! √ą na buttiglie e spumante sceme e guerre! ( le donne ridono. Poi bussano alla porta, Luigi va ad aprire ed entra Don Vincenzo)

VINCENZO: eccomi qua, (mostrando la bottiglia di spumante e avvicinandosi a Carmela) tanta gioia e felicità! donna Carmè ( fa segno con la mano come a dire: niente ancora )

CARMELA: calma, e avite fede ehhhmm accomodatevi( Amalia subito prende posto sul divano vicino a Luigi il quale cerca di cambiare posto ma Amalia, lo trattiene tirandolo per la giacca, Alonso si mette vicino a Luigi)

VINCENZO: (  si siede vicino ad  Amalia )quindi oggi è il vostro anniversario di  matrimonio! E quanti, quanti anni?

CARMELA:  ventitre Don Vincenzo, ventitre anni passati in povertà  ma con tanto amore e fedeltà ( Amalia ogni tanto non vista da Carmela, palpeggia Luigi il quale fa delle smorfie strane le quali sono notate da Carmela)

LUIGI:  ( sottovoce)e chiste po essere l’urteme si cheste nun a fernisce! ,

CARMELA: Luigi , ma ca tiene e pullece dinte o cazone? ( si alza per   prendere i dolci

LUIGI: e po pure essere , me fatte mettere nu vestite ca steve dinte a casce a diece anne ( Amalia, vede Vincenzo alzarsi per prendere lo spumante e  lo palpeggia dietro) e vide cheste si tene e mane a poste!

ALONSO: (a Luigi) vulime cagnà poste?

VINCENZO: ah ecco qua lo spumante

CARMELA_: ed ecco qua i dolci

VINCENZO:( avvicinandosi   a  Carmela) Donna Carmè ….. je aspette!

CARMELA: e che avite aspetttà,  ecco i bicchieri jamme jamme stappate! A voi l’onore! ( Vincenzo stappa, applausi e brindisi ) Donna Amà, provate questo babbà

AMALIA: ( lo prende e lo accosta al bocca guardando Luigi) ah il mio dolce preferito! ( lo mangia con calma)

ALONSO:  e ce crere  tene a capocchia …  chine e rum!

VINCENZO: ( prende dei dolci e si siede )  buoni, dove li avete presi?

LUIGI: add√≤ Vitucce o sciancate ! √ą ciunche ma fa e meglie dolce do quartiere

CARMELA: ( mette un altro bicchiere di spumante in mano a Vincenzo) Don Vincè, bevete e state certe ca ..vuie me capite a me! ( fa segno a Luigi di parlare)

VINCENZO: e .. grazie … site assaie gentile

LUIGI:Don Vincè,approfittando della vostra gentilezza, ve vulesseme chiedere nu piacere

VINCENZO: Luigì. Nun parlamme e sorde però eh! vuie già nun me pavate affitte e …

LUIGI: ma che dicite Don Vincè e ve pare che chiede e sorde a vuie eh, ecco io ….

AMALIA: e chiedete allora chiedete

LUIGI : vedete, mia figlia Rosa, ha conosciuto un ragazzo di Firenze e si è fidanzata , ora però, la famiglia del ragazzo, vorrebbe conoscere la nostra famiglia

VINCENZO:  e beh , ha fatto bene ma non vedo io che posso fare

CARMELA: don Vincè, a famiglia e stu giovene è ricca assaie

VINCENZO : meglio ancora!fate conoscenza e sposatela subito!

LUIGI: si, ma come facciamo, la nostra casa ( si guarda intorno è tutta qua) e quando entrano e vedono queste miserie, che figura facciamo.

ALONSO: chille comme trasene accussì jescene e statte buone e sunature!

VINCENZO: si va bene ma non vedo che posso fare

CARMELA: ci dovreste prestare la vostra casa per un giorno

VINCENZO: prestarvi la mia casa per un giorno?

LUIGI: eh, solo per un giorno, il tempo che facciamo piacere e conoscere con la famiglia del ragazzo e poi …

VINCENZO :  e poi cosa , ma non scherziamo, ma non si può fare!

AMALIA: Vincenzo, io non vedo come non si possa, e poi che ci costa

CARMELA: Don Vincè,e fatecelo questo piacere

VINCENZO: ma è una pensata da pazzi, il ragazzo in seguito, si accorgerebbe  dell’imbroglio

LUIGI : ( gli mostra la schedina ) Don Vinc√®, la ¬†vedete ¬†questa? √ą una schedina vincente, abbiamo vinto un milione di euro! in questo momento non dispongo di capitali per sistemare la mia in modo decente ma presto, se volete¬† la posso pure comprare¬† e la sistemo uguale alla vostra!

AMALIA: oh che bellezza, allora ora siete ricchi! Vincè, jamme, accuntentame a Luigi e a Donna Carmela!

VINCENZO:  e va bene! Ma poi quando vengono, noi che facciamo

CARMELA:  scendete nella nostra

VINCENZO:  ah no! io ho tante cose delicate in casa e intento starci attento

LUIGI: beh ,possiamo dire che siete nostri parenti

CARMELA: no, po in seguito si scopre che nun è accussì e facimme na mala figura

 ALONSO:  dinta a na casa e lusse ce stanne e cameriere ! e quindi ponne fa e…

VINCENZO:  e cameriere! ma siete pazzi!

AMALIA: uh e perché , sai che divertimento, in fondo è come fare Teatro! Ti ricordi caro Vincenzo quando recitavamo con la fIlodrammatica della parrocchia? Come eri bravo!

VINCENZO: si ma … tempi passati

AMALIA: ( si accosta a Vincenzo e lo accarezza)e su, che ci costa,sai che divertimento! Tornare a recitare mi entusiasma anche se mi tocca fare la cameriera e non la gran dama!

ALONSO:  e  che parte avite fatte  di gran dama Donna Amà

AMALIA:  eh , ho fatto Messalina, Lucrezia Borgia e la Pompadour

ALONSO: la pompa … ah quella ….( girandosi da un lato  a parte)   ha fatte tutte parte e zoccule!

LUIGI: è un ignorante, non ha studiato

VINCENZO: uhmmm e va bene! Quando sarà, fateci sapere, ovviamente, provvederete voi per le spese del ..ricevimento.

LUIGI:  non dubitate! E grazie , grazie Don Vincè!

AMALIA:  ma che grazie, è un piacere. Ah Luigi, appena potete, vi chiamo io, un favore lo dovete fare anche a … noi , la lavatrice, ha un problema di scarico

CARMELA: una mano lava l’altra, nun ve preoccupate Donna Amà!

AMALIA: bene, Vincenzo, ora Andiamo, fateci sapere quando verranno e ci prepariamo all’evento, andiamo Vincè

VINCENZO:  si andiamo e ..auguri per la vincita! ( escono)

CARMELA : è fatta , è fatta! ( entra Rosa ) è fatta bella a Mammà! Mo Lorenze e a famiglia soia po venì quanne vo!

ROSA:¬† che belle mamm√†, grazie, grazie , ma mo esco e vengo pi√Ļ tardi ( esce )

CARMELA: viene ambresse ca prepare o pranze! Ogge pasta e fagioli con le cotiche ( esce)

ALONSO:  (  gli va appresso fino alla porta) ah , marraccumanne, miettece molto peperoncino!

LUIGI:  sicure!  serve  pe me   fa schiarì a voce

ALONSO :  no te  po servì pe sollevamento peso!

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

La scena √® uguale al primo atto salvo essere pi√Ļ ricca¬† che i mobili sono migliori, le poltrone¬† sono coperte con copri divani di lusso e molti quadri alle pareti, Vincenzo , √® seduto su una poltrona a leggere una rivista, Amalia, esce ed entra con fare nervoso.

AMALIA: ( vestita da cameriera con camicetta bianca, gonna nera e grembiulino bianco, ha in mano una fascetta  a pizzo bianca per usare come copricapo e si mette in posa davanti a Vincenzo) Vincenzo,insomma, mi dice se così vado bene oppure no?

VINCENZO:  (abito scuro, camicetta bianca e guanti bianchi) Mia Cara Amalia, ( con fare galante) tu stai bene qualsiasi cosa indossi!

AMALIA: oh grazie!allora me la sistemi bene in testa, su fai presto che stanno per arrivare  e poi voilà!…. si recita a   soggetto!

VINCENZO: si va bene basta che poi la farsa, duri poco!

AMALIA:  ma che vuoi che sia! Sarà sicuramente un giorno diverso dagli altri e certamente senza monotonia

VINCENZO: (mieloso)  ma cara, non stai bene sola sola con il tuo Vincenzino?

AMALIA: si ma vedi,ogni tanto un po’ di divertimento non guasta, vado a truccarmi un po’. (esce)

VINCENZO: e speriamo bene!( bussano alla porta)questi devono essere gli Schiattarelli! ( va ad aprire e senza vedere,si comporta come un cameriere)Buongiorno signori, prego,chi debbo annunciare?

LUIGI: ( entra, dopo di Lui Carmela, Alonso e Rosa, vestiti con abiti nuovi, si guardano l’un l’altro sorpresi) ma Don Vincè, siamo noi!non ci riconoscete?( Vincenzo ,zitto)

CARMELA:  (guarda gli altri ,facendo segno come a dire: boh! )Don Vincè, sono Carmela! Jamme nun pazziate, avimme capite, ve site calate buone dinta a parte

ALONSO: parite proprie nu cameriere a servizie da nubiltà!( gli porge il berretto da posteggiatore con aria da gentiluomo)prego,appennite o cappielle e fate largo!

VINCENZO: (un po’ contrariato,quando si incavola, muove la bocca in modo comico)  tiene  luntane stu cappielle puzzulente!e nun accuminciamme!

LUIGI: jette stu cappielle schifuse e non ti permettere di offendere Don Vicenzo!

CARMELA:  si sempe o solite sceme!

ALONSO: me crereve  ca steve pruvanne a parte!

ROSA:possibile  che dobbiamo sempre fare brutte figure? Abbiate pazienza Don Vincenzo!

VINCENZO: si si va bene ora  accomodatevi, ora viene Amalia e vi mostra la casa.

CARMELA:  e certo altrimenti rischiammo e fa na brutta figura!( entra Amalia)

AMALIA: eccomi qua, che ve ne pare( si gira su se stessa)

CARMELA:  parite proprie na cameriera overe!

AMALIA: ovè!e allore accomodatevi, vi mostro la casa ( gli vanno appresso) questo è il salone , di là c’è lo studio, di fronte invece il bagno e la lavanderia,

ALONSO: tenite pure a lavanderia?azze ! mo se spiega o fatte !

 CARMELA: statte nu poco zitte!

AMALIA: ora venite, (si dirige verso la comune Indicando con la mano) a sinistra c’è la cucina, e a destra ci sono le scale per le camere da letto, oh è inutile che saliamo tanto non penso che saliranno sopra ,comunque la camera da letto nostra è a sinistra quella degli ospiti a destra e un’altra stanza è al centro ,Il bagno padronale  è sempre a destra mentre i bagni  di servizio sono dentro le camere da letto!

ALONSO: a me o cesse dinte a camere e lietto nun me piace, saie che puzze ce rimmane na vote jute e cuorpe!

LUIGI: marooò! Alò, chiude sta voccca! Anze quanne venene gli ospite, cusatelle! Si no apparamme e meglie figure e niente!

ROSA: ad Alonso: tu avisse dicere qualcosa quando andiamo a prenderli alla stazione?

ALONSO: e chi parle!

CARMELA:  (a Rosa) nun te preoccupà , lagge fatte a lezione! E  si sgarre nun o cucine pe nu mese sane!

AMALIA: ahh ahhha, venite allora, voi Carmela, quando arriveranno, vi sedete qui sulla poltrona, Luigi sull’altra portone , io sarò in cucina e quando mi chiamerete arriverò, Vincenzo sarà alla porta e attenderà vostri ordini in piedi vicino al tavolo!

CARMELA:  caspita pare proprio una scena di teatro! e va bene Donna Amalia!

VINCENZO : Alt. Quando saremo pronti,niente donna e don! tutti voi ci chiamerete con nome e ci darete del tu!

LUIGI:    e si capisce! altrimenti si scopre a finzione!

VINCENZO: si ma non ve ne approfittate eh! una volta finita la sceneggiata, si ritorna al ‚ÄúVoi‚ÄĚ avesseme fa o furmagge a sotte e maccarune ncoppe?

CARMELA:nun ve ne incaricate ! anze v’avimme ringrazia pe chelle ca state facenne pe nuie!

AMALIA: Vincè, ma ormai  ca vincita che hanne pigliate pure loro so diventati signori!

 VINCENZO: signori? Beh lassamme perdere! Ditemi una cosa a che ora dovrebbero arrivare i vostri ospiti

ROSA: Lorenzo mi ha telefonato, arriveranno con il treno delle 10 e 30

VINCENZO: e allora sbrigatevi ad organizzarvi

LUIGI: si si sbrighiamoci. Carm√®. Tu e Rosa scendete gi√Ļ ,preparate il buff√® e poi lo portate sopra. Tu Al√≤, vai al parcheggio e piglie na machina bone per andarli a prendere alla stazione e asssicurete ca o padrone da machina nun scenne primme d e quatte e pomeriggio

ALONSO: che tipo e machine aggia piglià? Va bene a bmw del dottore Cascione?

LUIGI:  nossignore , chille è vero ca fernisce o servizie e cinche do pomerigge ma..ogni tante se ne scappe a casa primme, pecchè tene na mugliere scassambrelle  ca o  mette ncroce!

ALONSO:  e allore agge piglià in prestito abusivamente a  Mercedes del cavaliere Cocuzza Piscitello, chille è comme a n’orologio!

LUIGI: ottimo, piglie a machina e tuorne ccà, che appena telefonano ca stanne pe arrivà, piglie a Rosa e jate a piglià!

ALONSO: (uscendo) vaco e torno !

LUIGI :  Bene ( a Carmela ) noi scendiamo e andiamo a prendere i dolci, lo spumante e rustici

CARMELA:  e se preferiscene o cafè?

AMALIA:   e va bene, fare una tazza di caffè non mi costa tanto. La faccio io!

LUIGI: e allora andiamo ( fanno per uscire e interviene Amalia)

AMALIA: Luigi, e a lavatrice ? non le vulite dà n’occhiata? Jamme venite ( va verso il bagno)

LUIGI: ma veramente… avesse scennere a dà na mano a piglià e dolce

AMALIA: Vincè, pecchè nun le dai tu na mano a Carmela, su tante dinta a parte ce staie già! nuie intante vedimme e sistemà a lavatrice

VINCENZO:  e va bene, andiamo Carmè ( Luigi rimane spiazzato)

LUIGI: ma veramente je nun tenche e fierre appriesse e po sto vestite pulite

AMALIA: ma nun l’avite certe sistemà mò. Ce date sule n’occhiate e po se vede, jamme nun ve facIte pregà    ( apre la porta del bagno ) ( fa cenno agli altri ) vuie jate e facite ambresse (   appena  escono, Amalia, si butta addosso a Luigi) ah tu me faie mpazzì!( lo palpeggia e Luigi , si muove in modo curioso)

LUIGI:  e vuie me facite ciaccà a mugliereme!( tenta di divincolarsi)

AMALIA:  e chesse è cosa e niente, si se n’accorge mariteme, ve spare!

LUIGI:  azze!donna Amà!, nun pazziamme!faciteme stà cuiet’

AMALIA: ( non lo molla)   a me mi piace  l’avventura ,i brividi del  rischio!

LUIGI: a me me piace e campà assaie! ( sentono voci sulle scale e si dividono, Luigi, corre nel bagno e Amalia nello studio. Subito dopo entra Vincenzo)

VINCENZO: chiste stanne ancore dinto o bagne( depone sul tavolo una guantiera e una bottiglia e apre la porta del bagno) ah stai ccà, e.. Amalia?

LUIGI( uscendo, mezzo in disordine) e non  lo so, ma fatte vedè addo steve a lavatrice e se ne jute

ViNCENZO: ( lo guarda curiosamente) ah e mo la vado a cercare e avete visto il difetto della lavatrice?

LUIGI: si  si e come no! tutto risolto, teneva o …  filtre appilate!

VINCENZO:  e l’avite spilate, brave! ( indicando i pantaloni e la cravatta in disordine) e sistematevi un poco, avete tutto in disordine

LUIGI: ( sistemandosi) e quello perché, ho dovuto spostare la lavatrice e mi sono dovuto piegare ( bussano , Luigi fa per andare e Vincenzo lo blocca)

VINCENZO:  tocca a me! Eh eh. voi da questo momento, siete il padrone di casa!( apre la porta ed entra Alonso)

ALONSO:  (Alonso entra veloce e non vedeVincenzo dietro la porta ma vede Luigi , sistemarsi i pantaloni e la camicia e lo  osserva con fare comico)

LUIGI:  cher’è? Nun si riuscite a piglià a machine?

ALONSO:  je a machine lagge pigliate tu chiuttoste , scummette ca …..( Luigi fa cenno che è presente Don Vincenzo) ah … si  si ….  Scummette ca te  piace assaie, è na  machinone!( si gira e vede Vincenzo) oh Don Vincè, l’avesseve vede,na mercedes favolosa nuova e pure lavate ( bussano.Vincenzo apre ed entrano Rosa e Carmela)

CARMELA: eccoci qua Don Vincè  vieni Rosa mettiamoli qua ( fa per sistemare ciò che ha in mano sul tavolo)

VINCENZO:  e no! non mi dovete chiamare Don Vincenzo! Da adesso, mi chiamerete solo Vincenzo e sono ai vostri ordini

ALONSO:  da questo momento?

VINCENZO:   e certo vi dovete abituare  altrimenti finisce la farsa!

ALONSO: ( assume l’aria da padrone e porgendo il cappello) Vincenzo,miettami il cappiello a posto e portami un drinco!

VINCENZO: ( prende il berretto di Alonso e glielo lo tira addosso) tagge ditte jette stu cappielle fetuse e statte o poste! Je nun so o cameriere tuoie

ALONSO:  ma vuie avite ditte  che da questo momento …..

VINCENZO:  e allora rettifico! Dal momento che arrivano gli ospiti

CARMELA: Alò, te lo ripeto, nun fa o sceme e cerca di comportarti da signore!

LUIGI: e soprattutto nun ce fa fa  figure e …. mer … e niente!.

AMALIA: l’avesseve  mettere a benda mmocca!

ALONSO: ( verso pubblico) a esse invece a nata parte!!

VINCENZO:  va bene ora state calmi e aspettando la telefonata,  sediamoci ( si siedono)

LUIGI: Don Vincè, site nu signore! Appena pigliamme e sorde da vincite , ce jamme a fa na cena nzieme, v’avimme fa addecrià!

CARMELA: ( ad Amalia) Donna Am√†, je invece per ringraziarvi , ve voglie fa na benedizione¬† particolare a voi e a vostro marito in modo che nun ve tocche nisciuna sfurtuna chi√Ļ!

ALONSO:  è   arrivate a papesse! ( suona il telefono di Rosa)

ROSA: ( si alza e si mette un po’ in disparte mentre tutti ascoltano) ciao Amore, sei arrivato?......  Ah, ho capito,……  e va bene noi intanto ci avviamo, ciao un bacio.

CARMELA:  sono arrivati?

ROSA:  non ancora , mi ha detto che il treno, ha un po’ di ritardo, una decina di minuti

LUIGI: e va bene, vi conviene avviarvi, Alò, mi raccomando, andate e …. Statte accuorte e cusute a vocca!

ALONSO:tenco o nase appilate!.. nun te preoccupà, staie mma all’arte! Andiamo Rosa

ROSA: ( va verso Carmela e Luigi ) mammà,papà … ve voglie bbene! (esce con Alonso)

VINCENZO:   ca bona guagliole! ah i figlie! Comme me fosse piaciute de tenè pur’je, purtroppo, so tre anne c’avimme pruvate e po  …niente…. Se so  interrotte  e prove! 

CARMELA: e  tenite fede ,siete ancora giovane! Vedite ca primma o poi ….  L’ arrepigliate

VINCENZO: ( alludendo alla fattura) e speriamo bene

LUIGI: sperate .. sperate!

AMALIA:¬†¬† seh speramme! Agge paure ca si ¬†nun √® succiese , nun succede chi√Ļ

 CARMELA:  cheste nun se po maie sapè , avite fatte e visite addò o ginecologo?

AMALIA: avite voglie! Ha ditte ca è quase impossibile

CARMELA:  ha ditte quase? E allore  na speranze ce stà!

 VINCENZO: si ma ( guardando Amalia ) …a speranze nun basta!

LUIGI: e se capisce! ce vonne e ..fatte! avite pruvà, avite tante pruvà!

VINCENZO: eh ‚Ķ. √ą chelle ca diche pur‚Äôje ma‚Ķ.Amalia pare ca nun √® e chistu parere pare ca ha perze ogne speranze!

AMALIA: ma che dice, a speranze ce sta e  come, o saie quante te voglie bbene, ( gli fa delle cerimonie) vache in cucina a preparà o cafè ( esce )

CARMELA (  a parte )  O vo  accussì tante  bene a chillu marite  ca pe nun o sciupà use chille e llate! ( suona il campanello, Amalia, si alza e si posiziona dietro Carmela mentre Vincenzo, indossa i guanti e va alla porta) sono gia qui? ( apre la porta ed entrano Vittorio e Ciro ) desiderate?

CIRO: (  con fare  da camorrista) si tu Luigi Schiattarella?

VINCENZO: chi siete? Che volete?

VITTORIO: ( con fare da guappo, gli mette una mano  e gli tira il bavero dela giacca ) rispunne a Ciro, si tu Luigi?

VINCENZO:no, Luigi e ..e .. chillu là ( Luigi  e Carmela seguono la scena preoccupati)

CIRO : e allora levate a nannze e vattenne!

VINCENZO: ma veramente…chesta è  a casa mia….

VITTORIO:( aprendo la giacca fa cedere una pistola)ta ditte vattenn?  E …..va! ( Vincenzo impaurito va via)

CIRO: ( insieme a Vittorio si avvicina a Carmela e Luigi e si siedono, guardano Luigi e..)  e così   sei tu che hai vinto o milione!

LUIGI: ma  chi  ma che volete  je nun agge vinte niente!

VITTORIO: nun fa o furbe cu nuie , nun te conviene. Addò sta a schedina?

LUIGI: ma ma… site?

CIRO: amici, amici che vi voglione bene se ….fate anche voi ..gli amici

CARMELA: ma che volete da noi?

VITTORIO: voi avete vinto al gratta e vinci  un milione di euro è vero?nun dicite ca no pecchè  ….ce facite sule innervosì e poi ….

LUIGI: ma chi ve lo ha detto?

CIRO:n’amiche! Une  ca l’ha sentito da un certo Alonso , ( a Carmela ) è vostro fratello vero?

CARMELA: chullu piezze e sceme na fatte n’ate. Si…  putroppo!

LUIGI: lagge sempe ditte!chille tene a lenghe a pertuselle,chelle ca sape ,chelle le jesce! Va ditte isse?

VITTORIO: stamattina nel parcheggio vicino a  via duomo, se vantato cu tutte quante e  a nutizie ce arrivate subbete all’orecchio

CIRO: e allore avimme penzate ca …viste c’avite vinte tante un piccolo pensiero verso …gli amici lo potete fare

LUIGI: ma noi al momento …non disponiamo e…

VITTORIO: o sapimme! Site povera gente e a ricchezze assaie e all‚Äôimprovviso ve po fa male e allora‚Ķappena incassarete..noi ripasseremo¬† e‚Ķ. ci darete ¬†una tangibile¬† offerta ¬†altrimenti ‚Ķsicuramente potreste pentirvene eh! a proposito vostra figlia non √® in casa? √ą na bella guagliona m‚Äôhanne ditte eh!

CARMELA.: pe  carità lassatela stà  si, si   facimme comme avite ditte….

CIRO: Ah! vuie si ca site  na femmena overe intelligente. Allora d’accordo , noi andiamo e ..ripasseremo… ( si alzano) stateve buone e ….acqua in bocca! Se no…. m’avite capite. stateve buone ( escono)

CARMELA: Maronna Mia mia Luigì, e sentute? Dalle chelle ca vonne abbaste ca nun tocchene a figlia nostre!

LUIGI: nun te preoccupà, chelle ca vonne ce do!

CARMELA: pure tutto Luigì, povere simme e povere restamme, basta ca lassane npace a Rosa!

LUIGI: comme vuò tu Carmè,  ma nun capische comme hanne fate a sapè ca steveme da Don Vincenzo

CARMELA: è stata Nannina, lagge ditte ca si qualcune ce cercave ….stavamo qui!

LUIGI:  eh! e ci hanno trovati!( si affaccia Vincenzo, e vedendo soli Carmela e Luigi,si accosta seguito da Amalia)

VINCENZO: se ne sono andati? Ma.. chi erano? Gente di malaffare?

LUIGI: no no, erano…. esattori delle tasse! Sapete com’è hanno saputo della vincita e… ed erano venuti a riscuotere

AMALIA: certo n’avite tenè e diebbete!

CARMELA:  e si! avite voglie, ma…ca vincite da schedina speramme e saldarle tutte quante

VINCENZO: me date pure l’affitte arretrate?

CARMELA: ve damme tutte. Anze ce l’accattamme! Ma mo….datece na mane a sistemà a Rosa.

VINCENZO: ma certamente, riprendo subito servizio! E…Donna Carme…..m’arraccumanne ( fa cenno sulla fattura )

CARMELA: nun dubitate! ( fa cenno anche lei , suona il cellulare di Luigi )

LUIGI: prende il telefono ) chesta sarà Rosa che ci informa dell’arrivo..pronto! si….si so je ! ah , pure tu! E chi te l’ha ditte! Ah già! si .si e comme no e si nuo facce a te e chi o facce! Nun te preoccupà… appena posso….ti chiamo!( posa il telef. Sconfortato)

CARMELA: ma chi era?

LUIGI: Peppe o schiattuse! A sapute da vincite e ma chieste nu prestite

CARMELA:  e ce mancave pure chist’ate!

AMALIA: embè….si è n’amiche se po  pure aiutà!

 VINCENZO: è nel momento del bisogno che i veri amici si fanno vivi!

LUIGI: e come no! ( suone il cellulare di Luigi)mo è Rosa ovvì! Pronto! Si? chi? Ah, si si ma nun ancore ,,,si quanne pozze…ma sicuramente! E comme pozze scurdarme di mio cugino di terzo grado eh! nun te preoccupà Tatò! Cia ciao!

CARMELA: pure chiste!

LUIGI! E pariente so serpiente! Fine a mo nun ce cacave proprie mo….se arricurdate ca le simme parente  e busse a sorde, vo ..nu regalucce!

CARMELA: cio facesse je o regale! Na piante e ortiche selvatiche!

AMALIA: e ma vuie  dicite accussì ma po …tenite o core buone! (  suona il  tel. Di Luigi e risponde)

LUIGI: o core buone si ma e chistu passe facimmo a fine re carcioffole. Speramme  o ca è Rosa! Pronto… si… cavaliè ma non preoccupatevi, ma no.. siete veramente gentile ma piu tardi piu tardi ,in questo momento non siamo in casa, grazie  grazie ! nooooooooo!je o stute stu telefene ( fa per spegnerlo e Carmela lo trattiene)

CARMELA: fermo!nun stutà! Si po telefene Rosa comme o sapimme?

 LUIGI: ma doppe o jette stu telefene! Ere o macellaie, ne chiste nun cia vulute maie fa credite be mo ce vo mannà e custate e puorche fine a casa!

 VINCENZO: eh ma mo…è nata cosa! Mo putite pavà!

LUIGI: eh gia! ( suona il telefono)pronto! Assa fa A Maronna! Si tu Rosa! Sii? Va bene simme pronte! ( chiude il tel.)Don Vincè. Site pronte?

VINCENZO: prontissimo! ( va alla porta indossando i guanti)

LUIGI; donna Amalia, siete pronta?

 AMALIA:  eccomi qui! ( si alza e si mette vicino alla poltrona di Carmela)

LUIGI: Carmè … si pronte? ( carmela annuisce ) e pure io!Suona il campanello e Vincenzo,  da buon cameriere    apre  la porta ed entrano in sequenza: Rosa, Adele,Lorenzo ed Alfonso) Luigi e Carmela, si alzano) prego accomodatevi nella mia modesta casa

VINCENZO: ( si inchina con rispetto ad ognuno di loro ) prego signori, Adele ,porge il suo cappellino a Vincenzo che gentilmente lo ritira poi: ( vanno tutti verso Luigi e Carmela mentre Alonso si sofferma sull’uscio ,( gag) prende il cappello e lo mette in mano a Vincenzo il quale, non visto, glielo schiaffa in faccia e poi lo butta fuori in modo comico)

ROSA: mamma, papà, ho il piacere di presentarvi la Signora Adele mamma di Lorenzo ( presentazioni)

LUIGI: (Ad Adele )sono onorato dalla vostra visita cara signora Adele,e finalmente ( a Lorenzo) conosco pure il fidanzato di¬† mia figlia ( lo guarda con interesse) si mia figlia ,ha fatto veramente un ‚Äėottima scelta

ADELE: ( veste con eleganza e si muove con classe) La stessa cosa ,ha fatto Lorenzo, un’ottima scelta, ragazza seria , bella e intelligente, certo non è di casato nobile come noi ma….su questo si può passare, in fondo,rispetto sempre le scelte di mio figlio

CARMELA:¬† i figli! a napoli si dice ca e figlie so piezze e core¬† e sono sicuramente la cosa pi√Ļ importante della nostra vita per questo il loro benessere, e loro serenit√† vanno tutelati¬† e noi genitori facciamo bene a rispettare le loro scelte.

ADELE: vedo che la pensate come me!

LUIGI: certamente, il rispetto per i figli, si insegna con la generosità verso il prossimo.

LORENZO: ( bel ragazzo sui venticinque anni, veste con eleganza ) oltre alla bellezza e la sua serieta,sono le doti che pi√Ļ mi hanno colpito in Rosa

ROSA:  la stessa cosa che ho trovato in te caro Lorenzo

ALONSO:  eh, chi se piglie..s’assumiglie!

ADELE: bene,  e ditemi voi di che vi occupate

LUIGI: noi a si… movimentazione macchine

ADELE: ah ho capito, macchine pesanti o leggere

LUIGI: pesanti ,leggeri come capitano

ALONSO:  le prendiamo in consegna e poi le sistemiamo

ADELE: AH  ah ho capito Import ed esport!

ALONSO:  ah si.. ci arriva di tutto ,noi le prendiamo e le spostiamo dove c’è posto ,insomma si guadagna bene

ADELE: beh  è un bell’investimento

ALFONSO: no pe carità, nessun investimento se no….siamo rovinati

LUIGI: se no….le tasse  , le tasse sono troppe! Noi facciamo tutto a pronta cassa

CARMELA: prendete qualcosa? Un caffè, una bibita fresca?

ADELE: si qualcosa di fresco, anche voi ragazzi?

LORENZO: si va bene , va bene Rosa?

ROSA: si ,è quello che ci vuole

CARMELA: va bene un’aranciata ? ( tutti annuiscono) Amalia!

AMALIA: si signora ai vostri ordini

CARMELA:  servi a tutti dell’aranciata fresca

ALONSO: Amalia, scusa puorte pure duie pasticciotti ,voglie fa pruvà alla signora Adele  comme è buone o babbà napulitane

ADELE: sempre sfizioso vostro fratello

ROSA:  zio Alonso è un pazziariello

CARMELA:  va Amalia fa come ti hanno detto

AMALIA:  certo ai vostri ordini ( esce e poco dopo rientra con le bibite e serve)

LUIGI:  (ad Adele) vi fermerete molto a Napoli?

ADELE: purtroppo no, ho un appuntamento a Sorrento con degli amici di famiglia

CARMELA:  fermatevo almeno per il pranzo

VINCENZO: ( a parte) vuo vedè ca mo me tocche pure e cucinà!

ADELE:   ( finendo di bere ) impossibile, avevo promesso a mio figlio di conoscere Rosa e la sua famiglia e così ho fatto, ora però devo andare altrimenti faccio tardi, Lorenzo verrrà con mè e tornerà fra un paio di giorni. Vero Lorenzo?

LORENZO: si mamma

LUIGI: è un vero peccato, promettetemi allora che la prossima volta sarete nostra ospite

ALONSO: signò, ve porte a scurrazzà pe tutte napule , vesuvio compreso

ADELE:  non prima di essere stati miei ospiti, Io e Lorenzo, vi aspettiamo a Firenze per le prossime feste, faremo conoscere Rosa a tutti i parenti e annunceremo il fidanzamento ufficiale.

ALONSO: ih che bellezza signò! Venimme  tutte a Firenze  addò Lorenzo o magnifiche!

ADELE: ahh ahhh ( a Carmela ) vostro fratello è un simpatico partenopeo, ora però scusateci ma…è tardi

LORENZO: (A  luigi) acconsentite  a Rosa di accompagnarci a prendere L’aliscafo?

CARMELA: e come no!

ADELE: allora, è stato un piacere, ( saluti ) arrivederci e  vi aspetto a Firenze, Signor Alonso, ci accompagna?

ALONSO: vostro servitore donna Adele

LORENZO: andiamo Rosa?

ROSA:  si eccomi ( fa per andare e poi torna indietro, e abbraccia la mamma) grazie mammà….grazie Papà, vi voglio bene ( escono con Vincenzo che apre la porta e fa gli inchini a tutti. L’ultimo ad Uscire è Alonso  ( gag ) a cui Vincenzo fa segno di smammare)

VINCENZO (  come sollevato da un impegno gravoso, si toglie i guanti e fa per avvicinarsi al tavolo, quando si sente bussare alla porta, in fretta , rindossa i guanti ,apre ed entra Filomena) prego desiderate?

FILOMENA: ( rimane sorpresa, si guarda attorno, vede poi Carmela e avanza)  caspita donna Carmè, avite già cagnate case! Che bella! E tenite pure e cammerere!

LUIGI: azze ! e comme volane e nutizie!

CARMELA: donna Filomè, m’avita scusà ma mo nun è mumente, o delle cose da fare ..particolari, facite accussì, ce vedimme ogge pomerigge , va buone?

FILOMENA: ah no Donna Carmè nu minute sule ma m’avite sta a sentere si no da ccà nun me ne vache!! e… ( alludendo a Vincenzo e d ad Amalia ) senza  catambraseme  ntuorne!

CARMELA:(a Vincenzo ed Amalia) avitece pazienze ( fa cenno con la mano di andare)

VINCENZO: ( guarda Amalia smuovenco comicamente la bocca) jammuncenne primme ca me vene na mossa! ( fanno per andare)

CARMELA:¬† anze no aspettate , scendo io gi√Ļ con donna Filomena, voi..aspettate (andiamo donna Filom√® . ( escono)

AMALIA  meno male! certa gente ti fa venire il nervoso appena la vedi!

VINCENZO: ma tu vide nu poche  che sadda suppurtà!

LUIGI: vado anch’io, Don Vincè …po parlamme

AMALIA:   e no  caro Luigi, almene finitemi di sistemare a lavatrice

LUIGI:  ma …. Quella donna Filomena

 AMALIA : e vi prego, abbiamo fatto tanto per voi

LUIGI: avite raggione, ma  non vorrei che …chella donna Filomena  è na lazzara!

AMALIA: a proposito e lazzara, Vincè, chillu povere pappavalle  sta senza mangià  da ieri sera .stammatine te si scurdate e cio mettere! Va , fanmme o piacere saglie ncoppe e pienzece tu, mentre je penze a lavatrice

VINCENZO:  pecchè nun  facimme tutte o cuntrarie?

 AMALIA:   a faie tu a lavatrice ? no. e allora? ci penzo io! E po   o pappa valle è o tuoie , va va viciè, fammille stu favore , ( gli si avvicina carezzandolo )

  VINCENZO va buone basta ca ogge se fernisce sta jurnata

LUIGI:  e speramme ambresse!

VINCENZO: e va bene, salgo su e … faccio subito ( esce)

AMALIA: ( neanche il tempo che Vincenzo esce che subito si avvinghia a Luigi) ah, fatte da nu vase si no me more!

LUIGI: Donna Amà, ma ca facite, stateve cuiet….. ma .. ma ( scena gag )

AMALIA:  voglie nu figlie! Sii! Jamme allà e facimme ambressse!

LUIGI: (tenta di  sfuggire) donna Amà nun facite pazzie! cà succede o finimondo!

AMALIA:  no si facimme abresse! Voglie nu figlie! Jamme  facimme ambresse!

LUIGI: ma comme nu figlie! E o vulite a me po?

AMALIA: si  , si  e nisciune l’adda sapè! ( gli si butta addosso sul divano ) si Jamme , ah si! ( Entra Carmela non vista e vede la scena, va per fare una scenata,poi si ferma,  sempre non vista,torna indietro, chiude la porta e  poi bussa) no , troppo tardi!         (lascia Luigi mezzo intronato e va ad aprire, facendo segno a Luigi di ricomporsi , sitemandosi anche Lei alla meglio. Apre)   ah, siete voi Donna Carmela, prego, tutto a posto, Luigi ha appena finito  ca  lavatrice

CARMELA: ah si? e mo comme và?

LUIGI: je spere buone  (  entra Vincenzo )

VINCENZO: ( ad Amalia ) tutto a posto, o pappavalle ha mangiate! ( A Luigi)E vuie avite finite ca lavatrice?

 AMALIA. Nun l’avimme fernute e pruvà, avimme pruvate   sule   o prelavagge  e o riscaldamente!

V INCENZO: uh ancore?

CARMELA: vo dicere ca  o lavagge e a centrifuga a pruvate chiu tarde cu don Vincenzo

LUIGI: sicure , e vedite  ca po  va  bone!

AMALIA: vuie site sicure? je nun tante

CARMELA: ¬†Donna Am√†, je ve ringrazie da cortesie ca ciavite fatte! Po quanne tenite nu poche e tiempe¬† scennite abbascie ca vi devo far vedere una cosa . intanto ¬†noi scendiamo gi√Ļ, abbiamo da fare tante cose e‚Ķ. si sentite allucc√† nun ce facite case‚Ķ.¬† ( Guarda a Luigi ) pure io tenche da aggiustare na cosa! (A Luigi ) andiamo! ( esce per prima)

LUIGI :  sa magnate a foglie! mamma do Carmine e comme stà ngrifata! 

VINCENZO: è successo qualche cosa?

LUIGI: nooo niente, cose niente…..( uscendo)    so sule mazzate!

FINE SECONDO ATTO

TERZO ATTO

 La scena è quela del primo atto in casa Schiattarella. Luigi con una fascia in testa e uno al braccio, è seduto accanto al tavolo mentre Carmela esce ed entra dalla comune  con una penna e un notes e ogni tanto scrive qualcosa

LUIGI: ( fa per alzarsi ) ahia e che dolore! Ma fatte nuove nuove! Ahia , o sapeve je o sapeve ca ferneve a mazzate

 CARMELA:  è colpa toja !comme te siente?

 LUIGI: comme a une ca e ghiute sotte a nu traine! Ahia!

CARMELA:  te piaciute e fa o strunze cu Donna Amalia?

¬†LUIGI:¬† ma pecch√® nun me cride? Te lagge ditte ahia,,,je nun vuleve! √ą stata esse, me se vuttate ncuolle comme a n‚Äôassatanata

CARMELA: seh? E je po t’avesse credere, vuie uommene quanne na femmene ve fa l’uocchie doce subbete ve ne jate e cape!

LUIGI: ma quanne maie! Chelle ere senza cuntrolle ( prende il fazzoletto e si asciuga la fronte ) voglie nu figlie, voglie nu figlie diceve!

CARMELA: nu figlie?  ( si accosta a Luigi e guarda il fazzoletto) e chi di è stu fazzulette?

 LUIGI: comme e chi di è, è  o mie! E chille che me mise tu ncoppe o tavule  tre ghuorne fà

CARMELA: famme vede (lo prende, lo osserva e si allontana ) ce  stanne doie lettere ncoppe. V G? maronne mo agge capite!

LUIGI: che è capite?

CARMELA:  niente, stu fazzulette  è spuorche, mo te piglie o pulite ( a parte ) azze allore a  fatture ha funziunate  sule  ca se so scagnate e fazzulette ! ( guarda Luigi )puverielle allore  tene raggione ma….  Nun fa niente  le vale p’avvertimente.

LUIGI: fratete nun se fatte sentì?

CARMELA:  a doppe  a sceneggiate da jere  ca l’avimme fatte na chiavica, nun tene o curagge e saglì!

LUIGI:  chille fa accussì mo vide comme vene, ( alzandosi ) ahia..che dolore!

CARMELA: :  assiettete, te mette nu poche e pumate,( va e la prende )  nun te movere ( ( gli alza la maglia e lo unge , massangiandolo)  ecco qua… piano piano, puverielle…. Povere maritu mio

 LUIGI: eh, primme me accise e mo me se chiagne! ( bussano alla porta ) chiste e isse ovvì, o canosche da  bussata ( Carmela va ad aprire ed entra Alonso)

ALONSO: ( come un cane mazziato, a testa bassa ) buongiorno!

CARMELA: e bonanotte! Assiettete la ovvì!

 ALONSO: ( guarda Luigi ) ma comme staie cumbinate?

LUIGI:  e nun o vide?  Due punte nfronte, na botta dinto o bracce e nata mieze e rine! Ahia….

ALONSO: comme è succiese? Si carute a coppe e scale ?

LUIGI: magari , agge …

CARMELA:   a pigliate na sciuliata… tene sempre o solite vizie, a notte scenne a coppe o liette e nun appicce a luce, a mise o pede ncoppe a na pallucce , è sciuliate e se rutte l’osse

ALONSE:  le puteve je pegge!

LUIGI: eh, si  nun me scanzave buone ahi voglie! Che e fatte ? e parlate cu nutaie pe ncassà a vincita?

ALONSO: so jute ma ..nu ce steve, arape doppe e feste

CARMELA:   ce mancave sule cheste! Nuie tenimme e sistemà a casa primme ca Lorenze torna.

LUIGI: e va buone tenimme nu mese e tiempe, piuttosto o probleme e n’ate, ca nun passe juorne ca nun telefone nu parente o nu debitore senza parlà e chella gente…..( ad Alonso)    e cheste sule pecchè e fatte o voccapierte!

ALONSO: ormaie è fatte, c’aggia fa maggia accidere?

LUIGI: no t’avive sule taglià a lenga! Tu e capite  in che situazione ce mise? Nientedimeno che manche o tiempe e parlà ca  subbete chella mala gente è venute a minaccià

CARMELA: Uh maronna mia vide chelle ca vonne e levammancille a tuorne, chiuttoste voglie turnà senza na lira  basta ca nun tocchene a figlia nostra

ALONSO: stammatine, so venute pure addò me, hanne ditte ca saccuntentene do vinte pe ciente

CARMELA:     e quante so?

ALONSO: ducientamilaeuro

LUIGI: e che vuò fa, nun ce vuo dà?

 CARMELA:  si , si dammancille e che ce lassassere po cuiet, sempre na bella somma ce rimmane no?

 LUIGI: insomme, fra tasse, diebbete e a casa, poche ce rimmane

 CARMELA:  e che fa, sempe meglie e primme stamme ( bussano, va ad aprire ed entra Teresa)

TERESA: buongiorno! ( ad Alonso ) tu staie ccà ?

ALONSO:   se vede eh?

TERESA:  Carmè, ma c’avite fatte ate mise o bande? tutte Napule sape da vincite c’avite avute

CARMELA:  addimmancelle a stu voccapierte e frateme ovvì! Sa mise a trumbette mmocca e  ha spannute a voce pe tutte e trentasei casale

TERESA:  l’aveve immaginate! ( ad Alonso) a persone intelligente, o poeta, tiene e cerevelle e nu pollice

ALONSO:¬† a te chi ta chiammate? √ą arrivate¬† fresca e tosta.Nun abbastavene e mortificazione e chisti duie ce mancavene e ¬†toie! √ą arrivata la donna saggia!

TERESA:    e certe! Guarda llà guà:  tene capa e n'alice è sempe assaie cuntiente e nu capisce o rieste e niente

CARMELA: s'é unito 'a fronna 'e lauro e 'o fegatiello fernitele chiuttoste!

LUIGI: basta fernitele ca  gia tenche e guiae mie  e nun me va e suppurtà chille e llate

TERESA: ( lo guarda e s’accorge delle fasciature) uh e che te succiese Luigì, nu me n’ero manche accorte!

CARMELA:    a pigliate na sciuliate , cose e niente

LUIGI: eh chiamale cose e niente!

TERESA:  e infatti, staie cunciate comme a santu Lazzare ( entra Rosa)

ROSA:  buongiorno, papà comme staie?

 LUIGI:  nu poche meglie grazie a mammà….ma mise nu poche e pumate

ROSA: a  penzà che è tutta colpa mia,hagge lasciate ngire a pallucce e vetre pa casa

CARMELA:   ma no bella a mammà,nun te preoccupà pe furtune è cose e niente a colpa è a soia ca va giranne e notte senza luce

LUIGI:  e dalle ca è cosa e niente! Ahia 

ROSA:  mammà,Lorenzo, torna domani e vorrei invitarlo a pranzo

CARMELA: domani ? a nun aveve turn√† fra nu mese) e come si fa! La casa non √® pronta ancora.¬† Agge fatte gia a lista e chelle ca ce vo, anche se i soldi li prendiamo pi√Ļ in l√†, ormai tutti ci fano credito, dammi il tempo almeno un‚Äôaltra settimana e vedrai questa casa sar√† una reggia e Lorenzo non si accorger√† di niente

LUIGI : e niente? Lorenzo è sagliuto o terze piane e nuie stamme o seconde!

ALONSO:  (con vena poetica) pe na vota ca è venute nun crere  s’accorgerà certo a che piane è sagliute

TERESA: ma si, ca vulite ca s’arricorde  da casa  quanne teneve nnanza all’uocchie  nu core n’ammurate

ROSA:  mammà, Lorenze sape tutte cose!

CARMELA: comme tutte cose? Vuo dicere ca quanne è sagliute addò  Don Vincenzo sapeva da cummedia che steveme facenne?

ROSA: si mammà, a  Lorenzo ho detto  tutto!  Tu mi conosci , sai bene che non so mentire.

LUIGI: e così ce fatte fa a figure de marionette!

ROSA:  mammà,  Lorenzo ,ha una immensa fiducia in me . Come potevo non dirgli tutto. Come avrei potuto  Ingannarlo e poi guardarlo negli occhi  senza avere  poi alcun rimorso .

CARMELA: hai ragione nennè, ( guardando Luigi) L’ammore senza reciproca fiducia nun campa assaie. addevente n'’ammore  triste scure, chine e errori e di incomprensioni.

ALONSO:  ( con vena poetica ) Ammore e fiducia stanne  sempe  assieme, nun ce po  essere l’uno senza che ce stà ll’ate!

TERESA: doppe tante ne ditte una bona!

LUIGI: ma allore pure a Mamma e Lorenzo sape…..a situazione?

ROSA: no. Lorenzo gli ha nascosto tutto. Ha voluto così!

 CARMELA:   meno male! va bene, je agge fatte a lista da spesa. M’agge segnate tutte chelle ca ce vò pe cagnà a facce a sta casa!

LUIGI:si , cagnamme facce a sta casa e pigliammece pure na machine  pe ce movere! Alò ( nell’alzarsi ) ahia, ca male e rine, accumpagneme  e sti sorde e vedimmecene bene!

ALONSO: ammuncenne, fore ce sta a machine e   Arturo mezapalle,me l’ha prestate subbete, appena ce lagge chieste

LUIGI: e chiste  è ne nate ca vo qualcose: jammuncenne! ( escono )

ROSA: mammà je mo venghe, ( esce)

TERESA: Carm√®, mo vache ¬†pure io e torno pi√Ļ tardi, e ‚Ķ.pienze a cunvicere chella cape e scarole e fratete.e mica pozze aspett√† na vita intera

CARMELA: ¬†aspiette, viene nu poche¬† a cc√†, damme nu¬† fazzulette do tuoie, si ha funzionate cu mariteme, adda funziun√† pure cu Alonse: ¬†assettate ncopppa a sta seggia e paglie e f√† silenzie fine a quanne nun agge fernute! ( prende il fazzoletto e lo stende fra due candele accese, prende del sale e una bacinella d‚Äôacqua si avvicina a Teresa e gli fa tre segni di croce sulla fronte, usando il pollice destro ‚Äú poi formula la fattura , versando sale nella bacinella e ripetendo i segni di croce sul capo di Teresa)Acqua e sale mia Signora, pe lev√† ogni fattura, acqua e sale San Giovanni, pe stut√† stu¬† fuoco ca bruce, acqua e sale pe san√†, v√† fattura e nun turn√†!‚ÄĚ. . ( piglie o fazzulette , o pose ncape a Teresa e pronuncia)‚Äú San Vito¬† mie te venghe¬† a prega‚Äô, e cane vuoste , m‚Äôavite prest√† e da Alonso l‚Äôavite mann√† ¬†e dinte o putere mie sempe adda st√† . ( Un po‚Äô di pausa, pronuncia delle parole incomprensibile.¬† Poi, fa un altro segno della croce sul fazzoletto ¬†.. dopo ¬†¬†a Teresa) mo puoi parl√†!

TERESA:  e fatte a fatture ! ah era ora!   e mo spere ca funzione!

CARMELA:  funzionerà, e truvà sule o mode e mettere stu fazzulette ncape Alonso almene pe nu minute!

TERESA: ( prende il fazzoletto ) ce penze je! Mo  vache , po torne e….. 

CARMELA: va , va ( Teresa   esce  e Carmela con il libretto in mano ,controlla la lista della spesa) dunque, tinteggiatura, porte nuove, poltrone , sedie…ahe praticamente ce vo a mubilia nova! Va buò e sorde ce stanne….

CARMELA:  e mo  si scenne  chellla zoccule e Donna Amalia   a sisteme je pe feste ( rientra Rosa con una busta in mano)

ROSA: (apre una busta) mammà guarda cosa ti ho preso ti piace? ( tira dalla busta un Foulard ) eh che ne dici?

CARMELA: Bello (  lo prende e lo indossa) è il mio colore preferito

ROSA: lo so mammà

CARMELA:  ma quando hai speso? E i soldi chi te li ha dati?

ROSA: ho rotto il mio salvadanaio,volevo farti un regalo con  i mei risparmi già da tempo,  si lo so ora i soldi ci sono per tutti, ma questi erano i miei e….

CARMELA: ( non la fa finire di parlare¬† e l‚Äôabbraccia) questo √® il pi√Ļ bel regalo che potevi farmi, ti voglio bene figlia mia

ROSA:   anche  ti voglio bene mammà , ora però, devo andare da Lorenzo, mi aspetta per una passeggiata, ciao, a dopo, ( esce)

CARMELA: ( prende il foulard e lo rimette nella busta )  tenche na figlie e ore! ( bussano alla porta, va ad aprire ed entra Amalia)

AMALIA: oh carissima Carmela, Nannina mi ha detto che volevate parlarmi, ditemi tutto

 CARMELA:  ( con autorità ) assettete!

AMALIA: ( sorpresa dal tono esegue)

CARMELA:  Donna Amà, o  parla franche è fatte pe gli amici, voi e Don Vincenzo , m’avite fatte nu favore gruosse  ed io in cambio ne voglio fare uno pure a voi

AMALIA: ( sulla difensiva) ah si? e  ditemi ,è succiese qualche cosa?

CARMELA: per fortuna nun ancora ma..potrebbe accadere e po so guaie o cantiere, dipende da voi

AMALIA; da me? Ma…non capisco….. io …

CARMELA: voi conoscete per caso un certo Onofrio Apicella?

AMALIA:  ( sorpresa ) no… chi  sarebbe?

 CARMELA: il vostro amante Donna Amà

AMALIA: ( cerca di negare ) ma cosa dite, ma chi vi ha detto di questa bugia

CARMELA: ( prende la foto ) guardate qua!

AMALIA: ( sbalordita ) oh Mio Dio! Come può essere, Chi ve l’ha data!

CARMELA: avete vista quella signora che mi √® venuta a cercare in casa vostra? √ą a mugliere!

CARMELA: a mugliere! E ringraziate a Maronne ca nun va riconosciuta si no all’ore e mo  v’avesseve fatte a cartella! Chelle a mosca po nase nun sa fa passà

AMALIA:   o mamma mia ! ca scuorne  ca scuorne! Donna  Carmè, vi prego aiutateme, si mariteme sape na cose e cheste m’accide!

CARMELA: eh! e… mica sul’isse! Ma pecchè poi pecchè facite cheste, tenite nu brave marite che vo bene e cheste o sacce sicure, pecchè  facite a malafemmine

AMALIA: ( piangendo ) Donna Carmè, nun è comme pensate nun so na zoccule, je voglie nu figlie!  Cu mariteme avimme tentate di tutto ma niente.  Vincenzo figli nun me ne po dà, isse nun o sape pecchè l’agge nascoste a verità, o voglio troppo bene  e na nutizie e cheste  so sicure ca o mannave in depressione allore, agge canusciute sta perzone e …aveve pensate ca me puteve da nu figlie , ca ce puteve darce nu figlie! Vincenzo non si sarebbe accorto di niente e l’avesseme cresciute  nzieme!

CARMELA: Donna Amà, po bene vuoste  lassate perdere sentite a me!   E figlie si nun venene, se ponne avè o stesse,  e vote e mierece se sbagliene , vuie e Don Vincenzo provate ancore nun se po maie sapè e si nun ce sta niente a fa o veramente,vuie site ancore giovine,  adottate na criature piccola e criscitele comme si fosse a vostra e vedite quantu bene poi le vulite

AMALIA:  si avite ragione, ma… a fotografia… Chella femmene… comme facce

CARMELA:  ce penze je ma…. Ad una condizione ca quanne ascite a cca, tutte fernisce , capito?

AMALIA: si farò come dite, je vi ringrazie….  E   ci vediamo  (fa per uscire)

 CARMELA: Ah nata cosa … a prossima vota ca tenite veramente a lavatrice scassate ….chiamate  o tecniche Ce simme capite?

AMALIA: ma  je ….agge capite donna Carmè, Grazie e…stateve bone ( esce)

CARMELA: assa fa a Maronne!  (  entrano Luigi  e Alonso)

ALONSO: ( entra con un foglio in mano e a passi di danza,va verso Carmela e gli mostra il foglio)e..ohilà, la macchina sta qua! Eh che ne dice, ti piace?

CARMELA: bella e tu Luigì ?

LUIGI: ( caccia un foglio)guarda guà….  Da domani te pozze purtà a spasse ogni vote ca vuoie!

CARMELA:   bella , bella! Luigì ce n’avimme vede bene pe tutta a vita!

ALONSO: je intante già agge cominciate, mo vache a me piglià nu belle vestite e me facce nu currede  e vestiarie da gran signore! Ce vedimme doppe ( esce)

CARMELA: e nuie nu currede nuove quanne cio facimme?

LUIGI:  ( si avvicina con dolcezza )Carmè,  quanne vuoi tu!

CARMELA:  e allore appena torna Rosa a ascimme e vestimmece a signure pure nuie

LUIGI: tu si na signora pure che vestute ca puorte!  ( l’abbraccia ,poi suona il campanello e Carmela , va ad aprire ed entra Francesco)

FRANCESCO:  ( uomo maturo,  con giacca e cravatta )buongiorno,abita qui, Luigi Schiattarella?

CARMELA: si, si, prego entrate)

\LUIGI: ( si alza e gli va incontro) prego, accomodatevi

FRANCESCO: ( si guarda intorno  ed osserva la stanza  )non avete una bella casa

LUIGI: si , ma la diventerà, ma ditemi  almeno  chi siete e cosa desiderate ( Francesco, continua ad osservare il mobilio)

CARMELA: chiste me sa ca la mannate a famiglie a Lorenze pe ce spià

FRANCESCO: ( si guarda ancora intorno) certo che fare i posteggiatori abusivi  non rende molto.

LUIGI:  insomma mi dite chi siete e che volete da noi?

FRANCESCO: non vi ricordate di me? La settimana scorsa, a piazza  Roma, vi ho lasciato le chiavi della mia macchina per parcheggiarla

LUIGI: no, non mi ricordo, si m’avesse arricurdà e tutte chille ca arrivene, parcheggene  e partene stesse frische.

FRANCESCO: eppure vi dovreste ricordare bene, voi avete qualcosa che mi appartiene

LUIGI: io? E quanne maie je nun  me ricorde ca v’agge viste

FRANCESCO: vuie forse no ma il vostro socio sicuramente si, è stato lui che mi ha parcheggiato la macchina e….mi ha portato via la schedina che avevo appena comprato e lasciato in macchIna

 LUIGI: ho capito voi state tentando di fregarmi eh già la notizia è volata e…voi …

CARMELA: avete detto che  la schedina  la tenevate in macchina? E non può essere perché Alonso,mio fratello, la schedina l’ha comprata.

FRANCESCO:¬† nella mia macchina quando ,l‚Äôho ritirata , ¬†la schedina non c‚Äôera pi√Ļ, solo vostro fratello poteva prenderla perche √® solo a lui¬† che ho dato le chiavi della mia macchina .¬† (¬† Con disperazione,si mette le mani al volto ) E‚Äô strano,non avevo mai tentato la fortuna √® stato un atto disperato¬† di uno che non ha pi√Ļ niente da perdere e quando potevo salvarmi,la sorte mi ha fregato di nuovo.

CARMELA: voi  dite di salvarvi  ma da  che cosa?

 FRANCESCO: dalla rovina signò dalla rovina! Vedete, io ho una piccola fabbrica    a Caserta  con dodici operai che ultimamente  come un po tutti è andata in crisi. Eppure sembrerà strano, continuiamo ad avere commesse ma non possiamo produrre piu niente!

LUIGI: e come mai

FRANCESCO: abbiamo avuto la cattiva idea di fidarci dello stato, abbiamo fornito enti statali, regione , comuni e province ma…. I soldi sono rimasti bloccati dalla burocrazia le tasse invece no! quelle non si fermano mai!

 CARMELA:   scusate se  lo stato non vi paga, voi non pagate le tasse allo stato e state a posto.

FRANCESCO:  magari si potesse .Se non pago entro  domani,Equitalia e la banca si prendono tutto. E così,  dopo anni e anni di sacrificio non solo sono rovinato io e la mia famiglia ma anche quei poveri operai che non avranno di che sfamare la loro famiglia, i loro bambini.  I soldi di quella schedina  avrebbero salvato la mia fabbrica e i miei operai

 LUIGI: sentite, a noi ci dispiace della vostra situazione, vi potremmo dare qualche aiuto ma  forse voi la schedina l’avete persa da qualche altra parte. Fate così, venite piu tardi, cercate di ricordare bene, quando viene mio cognato  domanderò dove l’ha comprata e così vi mettete l’anima in pace

FRANCESCO: l’anima in pace?io sono un uomo finito capite ? finito! io sono certo che la schedina è mia, certo voi potete negarlo, io non ho nessuna prova ma…statene certe la schedina …è mia ! farò come dite, verrò piu tardi   intanto voi pensateci , per me è una questione di vita o di morte! a piu tardi (esce)

CARMELA: luigì, je tenche nu brutte presentimente, tu si sicure ca frateme sta schedina l’accattate?chille primma dice  na cosa e po ne dice nate

LUIGI: nun o sacce Carmè , quanne vene vedimme, certe ca si stu Francesche tene raggione, o fatte è complicate  ( entrano Rosa e Lorenzo)

 ROSA: ciao mammà, papà, Lorenzo ha voluto farvi un’improvvisata e..

 CARMELA: eh  e  già … prego accomodatevi tante Rosa va ditte tutte cose a che serve  fa scena

 LORENZO: non vi preoccupate, ho voluto accompagnarla per salutarvi e ringraziarvi per come avete accolta mia madre, il resto non conta, conta il mio amore per Rosa

 LUIGI: apprezzo il vostro parlare, site nu guagliole a posto, pigliateve nu dolcine

 LORENZO: vi ringrazio, se permettete,accompagmo Rosa nella sua stanza,deve farmi vedere una cosa

 CARMELA: andate, andate pure

  ROSA: grazie mammà, papà e viste o regale c’agge fatte a mammà?

 LUIGI: no, nun ancore

 ROSA: ma.. che c’è vi vedo un po’ strano, problemi?

 CARMELA: nun è niente, nu poche e stanchezza

ROSA:   e va buò, noi andiamo  mammà quando  potete,venite pure voi vi vogliamo far vedere una cosa  ( escono)

 LUIGI: è meglie ca nun sape niente, va fernì ca tutte si risolve e a facimme preoccupà pe niente ( entra Alonso, in mano ha due buste una guantiera di dolci e una bottiglia di spumante)

ALONSO: eccomi qua! Jamme aiutateme , Carmè mitte sti dolce ncoppe a tavule e prepare e bicchiere,ce pigliamme n’aperitive e po ve porte o meglie ristorante e Napule ( Carmela e Luigi, lo guardano e non si muovono) ne ma cher’è ? che ve succiese ? parite due anime in pena

 LUIGI: posa sta roba e assiettete

 ALONSO:   eh? ( posa il tutto sul tavolo ) me vulite spiegà?

CARMELA: Alò, a schedina addò l’è accattate

 ALONSO: addò e vennene, o bar

LUIGI: quale bar Alò?

 ALONSO:   o bar e.. e mo chi so ricorde

 CARMELA: Alò pienzece buone!

 ALONSO: ma insomme, nun m’arricorde e po che importanza tene

 LUIGI: alò dice a verità, chella schedina pe case le truvate dinta a na machina?

 ALONSO: quala machina? Je …. Ma che vulite a me

¬†CARMELA: le truvate dinta a machina! √ą vere?

 ALONSO: e pure si fosse?

 LUIGI: pure si fosse? poco fa è venute o proprietarie a reclamarla

 ALONSO: e vuie ce l’avite date?

CARMELA: nossignore, vulevene sapè a verita da te

 ALONSO: beh si, lagge truvate dinta a machine ma po che importe isse nun o po pruvà , mica simme sceme ca ce la restituimmo

 CARMELA: nun simme scieme ma simme sempe state oneste e mo avimme scegliere

 ALONSO: avimme scegliere? ma pe  che cose, pe turnà pezziente comme a primma quanne tenimme a ricchezza a purtate e mane?

 CARMELA: o sacce ,nun è facile  rinunciarci, pe na famiglie e muorte e famme comme a nuie ca dall’oggi è domani si trova davanti ad una scelta  che te po’  cagnà a vita  

LUIGI: gia avimme scegliere!   a na a  parte a ricchezza  e a nata a cuscienza! A primma , ce cagne posizione sociale  e a seconde ce cagne l’anime.

CARMELA:  Luigì, nuie simme sempe state puverielle e ce simme sempe arrangiate pe campà ma …. avimme sempe  tenute  cuscienze a poste

ALONSO :  e je   avesse rinuncià a ricchezza   pe penzà allate   e continuà na vita e miseria .. quella di sempre!e ma fine a mo a nuie chi cià penzate? Eh chi?

 CARMELA: a provvidenza  Alò, a provvidenza! Tanta vota me se fatte scure o core quanne  a tavule nun teneveme manche o piatte pe magnà ma po puntualmente succedeve sempe nu piccule miracule e simme jute annanze pe vint’anne

ALONSO: certe , facenne mille mestiere e tanta fatica, ma mo ,mo tutte se po cagnà

CARMELA: si certe, tutto mene a cuscienze Al√≤,chelle te porte o cunte appriesse appriesse e si nun ce staie mpace nun campe chi√Ļ,te turmente pe na vita intera!

 ALONSO: me staie dicenne c’avimme rinuncià a ricchezza e restituì a schedina? Luigì ma a siente  a muglierete? Dice qualcose

LUIGI : eh, comme si fosse facile

 ALONSO:  è  facile! Ce penze je! Quanne vene stu Francesco le diche  ca se sbagliate  che a schedina è a nostra  e statte buone e sunature

CARMELA: ( scuote il capo e si mete le mani davanti agli occhi) ma tu ca staie dicenne! Ma a tiene na coscienza? A coscienza ca ad ogni secondo da vita nostra ce sbattesse nfacce  o male ca facessimo! Ma riuscisse a durmì a notte penzanne ca  vutte mmieze a via  durece famiglie  ca tenene criature piccerille a fa magna senza cuntà   e segnà o destine e nu cristiane ca se vede senza scampe! No  Alò, nuie simme gente povera si,ma oneste e  nun vulimme o male e nisciune e perciò restituimmo a schedina  e facimme cunte can un l’avimme maie avute

LUIGI: Alò. Carmela tene raggione

ALONSO:  e già tu a staie a sentere sule pecchè te muglierete

LUIGI : no Alò  je sente a  cuscienza  chelle ognune e nui avesse sentere pe cagnà e cose! je pe campà a famiglie agge fatte tutte. Agge mbrugliate pure ma.. sempe …onestamente! E cheste schifezze nun e facce!

 ALONSO: e va bene, si avite decise cosi sia ma, cu chella gente ca  è venuta cca a minacciarci  ca vonne e sorde comme facimme?

CARMELA: quanne venene se ne parle! Nuie e sorde nun e tenimme chi√Ļ e sta sicure ca chille¬† o sanne appur√†!

ALONSO: e  po matrimonio e Rosa? Eh?

CARMELA: Dio vede e provvede! Si è destine nun manche!

 LUIGI: e va buone, ( prende la schedina dalla tasca)tecchete sta schedina e facimme cunte can un l’avimmme maie avuta, mo però jamme a vede Rosa e Lorenzo che ce vonne fa vedè ( esce insieme a Carmela mentre Alonso,apre la confezione di dolci e ne mangia uno)

ALONSO: certe ca ce vo o curagge a fa cierte cose, mah pigliammece nu poche e doce e vuttamme l’amare abbascie ( bussano alla porta , va ad aprire ed entra Filomena)

FILOMENA: ( lo guarda in modo strano )ah! O maniache sessuale! Carmela nun ce stà

ALONSO: dipende, ce po stà ma si tene cheffà, nun ce stà

FILOMENA: insomme ce sta o nun ce sta?

ALONSO: c’è ma nun è disponibile, sta impegnata con la figlia e il marito, tenene n’ospite e riguardo e nun a pozze ncuità!

FILOMENA: ( comincia ad osservare in modo strano Alonso il quale sentendosi osservato, a sua volta cerca di capirne il perché) e allore è  destine! Chill’omme si tu! Si tu ca mo ce vaie pe sotte

ALONSO: we, we je nun agge fatte niente!

FILOMENA: nun ancore ( si avvicina e  comincia a toccarlo e a spogliarlo ) ma mo o faie …o faie

 ALONSO: ma.. ma..  ca te piglie , si , si  no no ma pecchè, se po sapè pecchè?

FILOMENA: (sempre pi√Ļ indiavolata) pecch√® aggia mettere e corne a mariteme ¬†ce l‚Äôagge giurate, e o primme ca me venute nnanze si tu

 ALONSO: ( cerca di divincolarsi) ah si? e grazie sa! Ma  .. no.. ma si vene qualcune. Lasseme … no.. ( Filomena lo trascina sul divano ) no ma che ..no…si  si famme chelle ca vuò,( la gira e ci si butta addosso proprio quando compare Carmela, la quale non conoscendo le cose, si butta su Alonso per liberare Filomena) si …  si, te facce nova nova!!

 CARMELA: ( prende Alonso e lo stacca da Filomena ) puorche, fetente, jesce fore, depravate, , ma tu vide che che figure!

 ALONSO: ( sorpreso ) ma je veramente…..

FILOMENA: ( ricomponendosi ) ah meno male Carmè, meno male ca si venute, me steve facenne malamente

ALONSO: mah  ….je… ma esse ma ditte..

CARMELA: jesce fore, cammina malate sessuale!

 FILOMENA: fore , jesce fore puorche!

 ALONSO:   je puorche? Ma .. ma si state tu che me…

CARMELA: (lo spinge fuori) e vattenne! Ah ( chiude la porta! Donna Filomè, nun tenche parole

FILOMENA: nun ve preoccupate, avute a lezione chillu scostumate! E mo diteme, l’avite fatte sta  fatture?

¬†CARMELA: donna Filom√® tutto a posto quella donna , √® praticamente scumparse da circolazione, nun v‚Äôavite chi√Ļ preoccup√† nun s‚Äôaccoster√† mai pi√Ļ a vostro marito.,sule na cosa per√≤ avite fa pe fa in modo che a fatture funzione

FILOMENA: dicite  dicite

CARMELA: jate a casa, e senze dicere o pecchè e po quanne, facite nu mazziotone  e  vostro marito e mettitele a figure e merde  vedite ca …..filerà dritte pe tutta a vita

¬†FILOMENA: vuie dicite? √ą proprie necessarie?

 CARMELA: si vulite ca funzione si!

 FILOMENA: ( tira fuori il portafoglio e da dei soldi a Carmela ) e allore nun ve preoccupate,tenite, mo vache a casa e o facce nuove nuove, stateve bone ( esce)

CARMELA:   e pure cheste ,è fatte, ( entra Luigi )

LUIGI:   ma che è succiese, agge sentute ammuine che è state

 CARMELA: niente, na cliente, sa fatte n’allammentate e se ne jute (  entra Alonso) è arrivate pure o maniache sessuale

 ALONSO: ma … si è state essa ca…

CARMELA:  zitte ca si nun parle è meglie! ( bussano alla porta, Carmela , va ad aprire ed entra Francesco )  accomodatevi

 FRANCESCO: grazie, ( vede Alonso )ah, mo m’arricorde, si state tu che me parcheggiate a machina, t’arricuorde? ( Rosa e Lorenzo fano per entrare ma poi si soffermano sull’uscio e ascoltano)

ALONSO: si, marricorde però.. a schedina nun steve dinta a machine, ere carute pe terra

FRANCESCO: ma sempe a mia era ( guarda gli altri ) era sempe a mia vere?

CARMELA; ( tira fuori la shedina e gliela dà) tenite, me so nformate, avite ditte a verità, jate currite a banca e mettite e cose a poste

 FRANCESCO : (  prende la schedina e fa per baciare le mani a Carmela ) grazie, grazie, m’avite salvate a vita , avite salvate da famma durece famiglie tutte cose, avite salvate !grazie….

 CARMELA: jate, jate

 FRANCESCO: si , vado  , grazie ,,, grazie ( esce)

LUIGI: eh e cu isse se ne va pure a ricchezza nostra!

CARMELA:  ma nun l’onestà! Chella nisciune ce po levà!

ALONSO: e manche e diebbete!

LUIGI: e diebbete ce simme abituate, comme avimme fatte fine mo, facimme appriesse

ROSA: ( tenendo la mano a Lorenzo) mamm√†, pap√†, avite fatte a cosa chi√Ļ belle do munne ( L‚Äôabbraccia )

CARMELA: simme turnate puverielle figlia mia,ere destine ca nun te puteve darte na dote!

LORENZO: Donna Carmè, vuie non siete mai stati puverielle,voi avete la ricchezza nel cuore e la nobiltà d’animo che pochi hanno, non vi dovete preoccupare per la dote, io a Rosa la sposo anche senza nemmeno una camicia e voi verrete a vivere con noi a Firenze,

CARMELA: Lorè, io ti ringrazio, e ti benedico, sei un ragazzo d’oro, e Carmela non poteva scegliere di meglio ma nuie simme nate ccà, si Firenze è bella ma Napule nun se po scurdà

LUIGI: e po cà tenimme gli amici, o lavoro  e voce do quartiere

ALONSO: a miseria…..

ROSA:  mammà, vuie pruvate a venì , vedete prima come vi trovate eh,nun si sa  mai

LORENZO: Donna Carmè, io e Rosa abbiamo deciso,andiamo sul comune a fissare le nozze,  e non vi dovete preoccupare di nulla , penso  io a tutto. Va bene per il 15 maggio?

CARMELA: ‚Äėo mese de rrose, va bene , jate figli miei jate! ( Lorenzo e Rosa escono )

ALONSO: ( prende le sue buste ) beh almene o vestite o tenche

LUIGI: le pavate?

ALONSO: no, m’hanne fatte credite

LUIGI:  e tira a campà! (bussano alla porta Carmela, va ad aprire ed entrano Ciro e Vittorio )

VITTORIO: buongiorno a signuria,abbiamo saputo che la vincita ,è stata incassate e stamme ccà! Mo tocca a vuie!

CARMELA: e avite sapute pure chi l’ha pigliate e sorde?

CIRO: no. tante o sapeveme e chi erene

LUIGI: e allore avite sbagliate palazze

VITTORIO: come sarebbe a dire

ALONSO: ca nuie simme disperate comme a primme e sorde nun ne tenimme!

CIRO: ohe nun cercate e ce fa fesse ( mette le mani sotto la giacca e tira fuori una postola ) a vedite cheste?

 CARMELA: giuvinò, frateme ha ditte a verità, a schedina nun era nostra , frateme l’aveve presa a dinta na machina do parchegge e l’avimme date  arrete.

CIRO: a chi l’avite date, parlate

LUIGI : nun o canoscimme , e po vuie ca ce mettite a saperle

VITTORIO: vuie ce vulite fa fesse ( tira fuori anche Lui la pistola e minaccia tutti) ce vulite fa credere c’avite restitutite nu milione e  eure a nu sconosciute?

CARMELA: si pecchè nuie simme gente povere ma oneste e mo  spare, sparate!

ALONSO:  ( si muove in modo comico ) we we  chiane nun sparate chelle soreme è mpazzute

CARMELA: levate a nanze tu ( si mette davanti alla pistola ) jamme che aspettate,tante a fore a vita nun ce putite lev√† chi√Ļ niente sparate!

VITTORIO:( fa roteare la pistola e fissa¬† Teresa¬† negli occhi )si na femmena che palle! Jamme Cir√Ļ chiste so nate disgraziate e morene disgraziate! ( escono)

ALONSO: (cade sul divano)mamma do Carmine!

LUIGI: ( a Carmela ) madonne Carmè e si sparavene?

CARMELA:  so cammuriste ma nu so fesse, chille sanne comme hanna fa!( bussano alla porta, Alonso va ad aprire ed entrano Vincenzo ed Amalia)

VINCENZO: ( va verso Carmela ) Donna Carmè,  donna Carmè,grazie,  vuie m’avite ridate  a felicità

AMALIA: avimme parlate e avimme decise, si dinta a tre mise figlie nun ne venene, adottiamo nu bambino

 VINCENZO:  e o criscimme  comme  a nu figlie do nuoste!

CARMELA: me fa piacere e così pure voi sarete felici

ALONSO: ca tutte quante so felice e sule nuie ce puzzamme e famme

VINCENZO: avimme sapute  o fatte da schedina

CARMELA: (  ad Alonso ) già e parlate?

 ALONSO: me scappate parlamme ca purtiere

LUIGI: tu na cosa addò dich’je te tiene ma na parola mmocca mai!

VINCENZO: e va buò cheffà, Donna Carmè  je m’aggia disubbligà e pertanto  da oggi in poi sta casa  è a vostra fine a che vulite vuie!

CARMELA: grazie, grazie Don Vincè ve ne simme grate

AMALIA: mo jamme e.. Luig√¨, nun ve preoccupate chi√Ļ pa lavatrice, me lagge cagnate, agge pigliate a nova!

LUIGI: assa fa a Maronne!

VINCENZO: statevi bene jamme Amà, jamme zuccarielle  mie ( escono)

ALONSO: beh almene a casa a tenite

LUIGI: e ce mangiamme a casa!

CARMELA:  fine a mo avimme magnate? E  cosi se v’annanze ( bussano alla porta,)  ogge sta casa me pare o puorte e Napule (Alonso, va ad aprire ed entra Francesco

fRANCESCO: scusate ma vi volevo dire che è tutto a posto, La banca ha accettato la schedina . Ora tutto si mette in moto, la mia fabbrica non solo è salva ma può rispettare tutti gli impegni e far fede alle commesse triplicando il fatturato

LUIGI: siamo contenti per voi

FRANCESCO: io non so come ringraziarvi,

CARMELA: la schedina era vostra

FRANCESCO: si ma voi potevate tenerla nessuno poteva dimostare che era mia, potevate dire che l’avevate comprata in una rivendita qualsiasi, nessuno se lo sarebbe ricordato

CARMELA: √® vero! Potevamo tenerla, potevamo essere milionari, essere ricchi , fare la bella vita ma‚Ķa cuscienza Franc√®, a cuscienza! Nun esiste nisciuna voce chi√Ļ forte da cuscienza e quanne faie na cosa e male nun te perdone mentre si staie mpace cu essa duorme ncoppe a cuscine morbide senza pensiere!

FRANCESCO: lo so a volte però è difficile fare una scelta giusta  specie quando bisogna  scegliere se  morire di fame oppure  abbandonare tutti  e voi questa scelta me l’avete evitata, voi mi avete ridato la vita!Signor Luigi, signor Alonso, Con questi i soldi, la mia fabbrica, si ingrandisce e… c’è bisogno di nuovo personale, che dite? Mi serve un autista e una persona di fiducia, accettate?

LUIGI: io..io vi ringrazio, certo che si!

FRANCESCO: ( ad Alonso ) e voi?

 ALONSO: e mo chiedete ?

 CaRMELA:Grazie  Francè, tenite nu core tante

FRANCESCO: è il minimo che posso fare

CARMELA:  grazie, faciteme però natu piacere: a frateme facitele fa l’autista pecchè come uomo di fiduce fa proprie pene!

FRANCESCO: come volete ah Donna Carmè, questo è un assegno , so che dovete sposare vostra figlia ( gli da L’assegno )

CARMELA:  centomila euro! Oh grazie grazie

 FRANCESCO ora io vado e ( a Luigi e ad Alonso, dandogli un biglietto da visita ) vi aspetto domani mattina a questo indirizzo e mi raccomando ..puntuali! arrivederci ( esce)

ALONSO:e chille è o probleme a Puntualità!

CARMELA: e te sfuorze! Piuttosto mo ca tiene o lavoro  pienze pure  tu a te sistemà

ALONSO: nata vota mo! ( bussano alla porta e Alonso va ad aprire ed entra Teresa) eh a sentute addore! Ma staie fresca tu!

TERESA: je sto comme me pare! Carmè, ( apre una busta ) tagge purtate nu poche e nzalata fresca

CARMELA: mitte a ccà va ca doppe se ne parle 

ROSA: ( entrando insieme a Lorenzo )mammà, papà, Zio Alò, tutto è fatte ce spusamme! Lorenze ha telefonate a mamma che è d’accorde!

CARMELA: è  veramente na bella notizia ma nata bella notizie è che Papà e Zio alonso hanno trovato Lavoro; Francesco per ringraziarci li ha assunti e da domani pigliane servizie!

ROSA: allore avimme festeggià

LUIGI: si avimme festeggià, Alò piglie chilli dolci e chella butteglie e spumante

CARMELA:   si festegiamme ma primma ringraziamme o signore pa provvidenza ca cia mannnate

 LUIGI: è giuste, ringraziamme o Signore

CARMELA: avvicinateve tutte a tavule e mettiteve  tutti nu fazzulette ncape (tutti eseguono meno Alonso)

CARMELA (  lo guarda minacciosa) embè tu nun to mitte

ALONSO :  je nun o tenche!  (Carmela fa cenno a Teresa cche subito tira fuori il  suo fazzoletto e glielo mette in testa)

C ARMELA: Sgnore ti ringraziamo per  averi illuminato e per tutto quello che ci hai donato  ( Un paternostro) bene e mo putimme festeggià! (Aprono i dolci e brindano) a Rosa e a Lorenzo tanta felicità

T UTTI:  tanta felicità !

AlLONSO: ( si avvicina a Teresa.. e) Terè mo saie ca si na bella ciaciona!ah fatte dà nu vase!

TERESA:  (  lo blocca ) alt! Ma ..me spuse?

ALONSO: si , si,,te spose ..te spose , ma fatte dà nu vase, (Teresa scappa e Alonso gli corre appresso) addo vaie nun scappà

 TERESA :   e vase mie te l’ammerità ahhh

CARMELA: QUANTE è BELLA A FELICITA!

FINE DELLA COMMEDIA


 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 7 volte nell' ultimo mese
  • 74 volte nell' arco di un'anno