E’ figlie unice

Stampa questo copione

                                                                                                                                       

E'    FIGLIE   UNICE

tre atti di RAFFAELE CAIANIELLO

PERSONAGGI ED INTERPRETI:

AMALIA:                 PADRONA DI CASA   

SAVERIO:               suo MARITO              

GENNARINO :       suo figlio                       

FELICE:                amico di GENNARINO  

RINUCCIA :            CAMERIERA                                

MICHELE :           CUOCO                           

GIULIETTA          figlia di MICHELE             

 CARLUCCIO        IL GUAPPO                   

LUISELLA           sorella del GUAPPO        

FERDINANDO :  cugino di AMALIA                    

CONCITA :          figlia di FERDINANDO  

OPERATORE ECOLOGICO                       

CAMERA DA PRANZO : DUE PORTE CONTRAPPOSTE UNA FINESTRA UN TAVOLO CON TRE SEDIE,UNA POLTRONA. DON SAVERIO SEDUTO SULLA POLTRONA INTENTO A LEGGERE IL GIORNALE; AMALIA INTENTA A SFERRUZZARE UNA MAGLIA.

1° Scena

Amalia,Saverio,Rinuccia

AMALIA: Savè ma propeto oggi che è sabbato dovevano venire gli spuzzacesse.a  parte a puzza ca se sente stanne facenne nu mare e rummore!

SAVERIO:operatori ecologici Amà,si chiamano operatori ecologici e po si nun venevene ogge pomerigge stasera nun se poteve i cchiù dinto o bagno

AMALIA: eh comme se chiammeno loro va buò ma sempe nu cesso anna spuzzà (gesto di disappunto di Saverio) ca dice se sarrà scetato o sciurille e mammà cu tutte sti rummure

SAVERIO: o sciurille e mammà, si nun vaie ncoppe e nun le sbache nu sicchie e acqua ncuolle nun se sceta!

AMALIA: ecco quà tiene sempe a dicere,chillo a povera criatura  aiere facette tarde pe studià  e mo tene pure o diritte e durmì nu poche ecchiù

SAVERIO: uh povera criatura,chille tene 22 anne!

AMALIA: e già comme fossero assaie

                                                                                                                                      

SAVERIO: io all'età soie faticave da matina a sera

AMALIA: neh famme o piacere nun te fa sentì  a nisciune do dicere ,ca se non fosse stato pe la bonanima di mio padre ca ta lassate mpurpate e sorde t'avisse muorte e famme

SAVERIO: eh no chesto nun le dicere io puteve ancora faticà tenenne aperte la puteca invece tu ca vulive fa la signora me la facesti chiudere pecchè o scuirille tuovo aveva fà l'avvocato e nun poteve stà dinto a lu negozio

AMALIA: vedete,vedete quello invece  di ringranziarmi che io l'ho nobilizzato

SAVERIO: nobilizzato! tu vuò sapè a verità, io mme trovava meglio quanne facevo o putecaro e si sentive a me Gennarino pure lu negoziante avesse fatte gnernò,ha da fà o farinelle , e invece de salame ha da vennere chiacchiere

AMALIA: e tu vuò mettere  o salumiere cu l'avvocato,và,va ,ca si nun tenesse a mè  chella povera criatura chissà ca fine l'avisse fatte fà 

SAVERIO: sicure avesse fatte l'omme,invece pare nu babbà ma nun o vide ca a chest'età nun ancora se truvate na nammurate e anze quanne cerco e accumincià nu discorso ncoppe e femmene pare ca se mette paure.. ih! dico nun assaie ma n'avesse pigliate tantu nu pucurille  e me... io all'età soia pareve nu mandrille!

AMALIA: e invece mo è si addivintato na marmottola,ohe siente tu è inutile ca faie malesanghe.. Gennarino  mo addà penzà a studià,addà penzà a farse na pusizione pe femmene ce stà sempe tiempo

SAVERIO:  e comme fa a farse na posizione si studia sempe e nun capisce maie niente.oh è state capace dinta a tre anne e nun dà manche n'esame,manche une ,accatte sule libbre e nun s'mpare niente

AMALIA: ohe,basta! e ferniscela un poco,chille po vide ca li da tutti assieme e se leva o pensiero    

SAVERIO: eh  farà l'esame del sangue e quello di coscienza

RINUCCIA:( entra con un vassoio con il caffè  e lo deposita sul tavolo) signò o cafè è pronto,posso andare a svegliare il signorino?

AMALIA: no lasse stà.. a Gennarino ce penza mamma soia ,tu comincia a pulizzare la cammera da pranzo ( gesto comico di Rinuccia che comincia a pulire seguita dagli sguardi interessati di Saverio) 

SAVERIO: a pulire Amà si dice a pulire(gesto di disappunto di Amalia) (servendosi il caffè) uh cheste è na ciofeca,da quando si è licenziato Pasquale in questa casa nun se po cchiù piglià na tazzulelle e cafè addirizzata nun ne parlamme po do mangià ogni giorno è un'avventura

                                                                                                                                       

                                                                                                             

AMALIA: n'atu poco e pacienza ,chelle Rinuccia fà chelle ca pò ma oggi stesse s'avesse appresentare il cuoco nuovo se ne è n'teressate Gennarino e chille o saie tene o pizze buono

SAVERIO: (continuando a seguire i gesti di Rinuccia) e chille me sà ca  è l'unica cosa ca tene bbuone

RINUCCIA.:ve ne accurgite  quanne ve porta a nammurate dinta a casa si è fesso  e io pe dispiette e Donna Amalia ce dongo pure volentiere na mano 

AMALIA: (accorgendosi delle intenzioni di Saverio) Rusè io vaco sopra a scetàre Gennarino,tu invece vaie in cucina a preparà o latte caure vaie ,vaie (escono insieme)  

        

SAVERIO:(sorseggiando il caffè) addà venì l'ccasione bona e po ti faccio vedere io  chi è "la marmottola" và ,và a scetà a povera criatura ,lavale a facce  e mittele pure o vestito po o puorte abbasce le mitt a bavetta e o faie mangià..ah che debbo sopportare..che debbo sopportare,(bussano alla porta) Rinù,Rinuccia vai ad aprire non hai sentito che bussano,quanto mai fosse il nuovo cuoco

RINUCCIA: (entrando ) eh nu mumento quello il latte si stava capotando di sopra (va ad aprire)

2° Scena: Saverio,Rinuccia,Felice,Amalia,Gennarino

FELICE: oh bellezza mia ih ca piacere quanne une bussa na porta e na bella figliola comme a te, te vene a t'arapì  ( fa per abbracciarla e tenta di baciarla,lei si scosta e fà segno che non sono soli.lui si ricompone) oh ma caro don Saverio non vi avevo proprio visto scusatemi ,sapete ,...quella  è la gioventù

SAVERIO: no! quella è la Rinuccia e la dovete lasciare stare, la gioventù poi... beato voi che ce l'avete

FELICE: ma che dicite, don Saverio,voi sembrate un giovanotto!

RINUCCIA: scusate io vaco a vedere il latte per il signorino  (esce)

SAVERIO: eh.. giovanotto.. voi mi volete sfottere... la vostra è vera gioventù,voi quando vedeteuna femmina non ci vedete più è vero ,quello che non capisco è mio figlio,non parla mai di donne,non va mai ad una festa,mai al cinema. mai a passeggio, studia ,studia sempre,parte la domenica per l'università  torna il venerdì sera ,e poi dorme dorme sempre

FELICE: a proposito ma si è svegliato?    

 

SAVERIO: speriamo! ma diciteme na cosa almeno quando uscite insieme ( fa cenni) voglio dire le corteggiate le ragazze, andate in qualche sala da ballo

                                                                                                                                         

FELICE: vuie pazziate don Savè con Gennarino si puo parlare solo di studio,studio e basta

SAVERIO: neh ma figlieme fosse nu poco femminiello?  ,diteme a verità,(Felice fa segni strani) tutta colpa da mamma o sapeve l'arruinate,ah ah ca me doveve succeder nu figlio tengo e manco buono

FELICE: vui ca dicite don Savè pe carità ma manche pe scherzo.quello Gennarino è mormale,e femmine, e comme se li piacciono sule che per il momento vuole pensare a studiare,come me d'altronde  non vi preoccupate , garantisco io ( e comme se garantisco o sacce sule io ca cumbine)

SAVERIO: allora non mi devo preoccupare? garantite voi?

FELICE:  sicuro? e  chi meglio di me,...viste che insieme e cumbinamme e tutte e culure

SAVERIO: come avete detto?

FELICE: volevo dire che siccome usciamo insieme,conosco benissimo come la pensa noo, ve lo detto non vi preoccupate Gennarino è robba bona ,garantisco io!

SAVERIO: e va buono,ah sentite ,e con lo studio come va,come và

FELICE: tra non molto,in questa casa scoppierà una bomba!

SAVERIO:oh mamma do Carmine vuie ca dicite  e addò sta, fuimme,fuimme Amà ,Gennarì. Rinù,fuimme fuimme (accorrono tutti spaventati, Gennarino ancora in pigiama)

AMALIA: comme è stato che è succieso?

GENNARINO: adda essere o terremoto

RINUCCIA: o terremoto ,fuimme fuimme

FELICE: fermatevi nun sta succedendo niente non vi  vi preoccupate,quello Don Saverio mi ha frainteso(tutti si calmano e ognuno di loro recita a soggetto)(Felice avvicinandosi a Saverio) io volevo dire,che per la sua laurea scoppierà la bomba finale, nel senso che farà tutto in una volta,vedrete,e poi garantisco  io!

SAVERIO:puozze passsà nu guaio,.. mo m'accumincio a preoccupà ohi, si chiste o garantisce ncoppe o studio comme ncoppe e femmene allora stamme frische

AMALIA: (verso Saverio) ih ne facisse una bona.. Gennarì  bella a mammà vatte a fernì  e vestì ca dopo ti porto il latte e po jesce   

                                                                                                                                          

                                                                                                                                        

GENNARINO: mamma cara voi vi stancate,su e giù, giù e sù,..il latte mandatelo per Rinuccia fateglielo fare a lei il sù e giù chelle è giovina e nun se stanca

FELICE: (verso il pubblico) e soprattutto è pure bona

AMALIA: no belle e mammà quando sei in casa ti voglio servire io con queste mani va saglie e faie ampresse ca mo vengo     

GENNARINO:  e va buò mammàio lo dicevo per non farvi stancare,a proposito quando me portate il latte nun ve scurdate o riesto

SAVERIO:mo busse a sorde ovì

AMALIA: nun te preoccupà ci aggio già pensate(Gennarino esce )

Scena3° : Saverio,felice,Amalia,Rinuccia,Carluccio

SAVERIO: chelle se scorda sulamente quando ce chiedo io quacche cosa (bussano alla porta insistentemente accorre Rinuccia per aprire poi torna a riferire)

RINUCCIA: signò ci sta fore don Carluccio tre papagne che vi vuole parlare,stateve attiento chillo è nu piezze e carogne e stà pure ncazzato

SAVERIO: io nun me metto paure e nisciune! (gesti comici di Amalia) e poi che vuole da mè io non lo conosco e non gli ho fatto alcun male..

FELICE: (fra se) tu no ma io sicure ne sacce cocche cose  

AMALIA: fallo trasire vedimme che va truvanne (Rinuccia va ad aprire la porta)

CARLUCCIO:( entra vestito da guappo con bombetta e bastone e (rivolgendosi a Saverio) Voi siete Don Saverio Mezzapellecchia è vero

SAVERIO: (avvicinandosi con timore) per prima cosa quando si entra in questa casa si dice buon giorno (ad un gesto minaccioso di Carluccio comicamente si fa indietro)

CARLUCCIO: io buon giorno o ddico solo a chi s'ammerite e vuie nun ve lo meritate

FELICE:  eh e che maniere so cheste, chi vi credete di essere un pò di buona creanza avite dimenticato ca non vi trovate in casa vostra

CARLUCCIO:(avvicinandosia Felice) e tu chi si ... mo t'appoia a mane in facce

SAVERIO: neh ma posso  almeno sapere perchè siete venuto in casa mia

CARLUCCIO: ah nun o sapite facite lo gnorro, ma io v'aggià svergognare nnanza a vostra moglie,(rivolgendosi ad Amalia ) voi siete la mogliera si, e allora dovete sapere che piezze e cancare tenite pe marito.

                                     

                                                                                                                                        

AMALIA:Rinù tu va dinte a cucina ( con fare minaccioso) neh signor Carluccio tre tuagne

CARLUCCIO: tre papagne signò tre papagne

AMALIA: i tre papagne ve tire nfronte si nun a fernite e fà o guappe dinta a casa mia e se vi premettete ancora di offendere a mariteme!

SAVERIO: (si accosta ad  Amalia incoraggiato) hai capito e statte accuorte

AMALIA: tu statte o posto e famme sentere tre pignate ca dice

CARLUCCIO: tre papagne signò..tre papagne dunque voi dovete sapere che vostro marito proprio ieri cu prumesse e  regalucci  ha avute il curaggio di prendere in giro mia sorella di primmo grado ..primma l'ha purtate a passeggià e poi...

FELICE: e poi..... e  poi  succieso o patatrac ,mamma do carmine allora chiste è o frate e Luisella

AMALIA: (guardando di bieco  Saverio che intanto fa gesti strani)  e poi?

CARLUCCIO: e poi la purtate o cinema  ,poi al  ristorante  e poi  (agitando il bastone)  sa purtate a cuccà ,e io so venute ccà per lavare l'onore, se vostro marito era vedovo doveva riparare visto che è sposato deve morire (caccia una pistola e Saverio si nasconde dietro la moglie che fa le corna)

AMALIA: ( gli prende il braccio lo tira e gli leva la pistola) neh Carluccio tre buatte ma tu ca staie dicenne fatte acchiù allà maritemo so duie juorne ca nun se move da casa soia ne comme ha potute fà tutte sti cose?

SAVERIO:(facendosi coraggio e confortato) vi giuro che chelle ha ha ditte mia moglie è la pura verità e po mo ce vò io so na persona onesta .io sono una persona tutta di un pezzo io sono un galantuomo,mai avessse potuto fare una schifezza del genere

FELICE:le fosse pure piaciute ma aia  avvedè  chi le reve  o curagge do fà 

CARLUCCIO: (non curandosi di Saverio) ma comme chelle soreme accussi ha ditto.. e che seve asciute pazze a venì ccà ..Carlucce tre papagne e n'omme serie e si vuie  dicite ca vostro marito nun è stato io vi crero pecchè ve canosche pe nummenate ca site na femmene e parole mo però aggià appurà,aggià appurà  verità e guaie guaie a chi è stato quanne è vero ca me chiamme Carlucce tre papagne si  l'acchiappe se po fa a casa i cielo,a primma le torce a capa,po l'abboffe e mazzate e pe l'urtime o spare mieze e cosce,iuste mmieze (Felice nascondendosi dietro Amalia fa mosse ad ogni parola e trema)  stateve bbuone e scusate l'intrusione( fa per andarsene poi inveisce )

                                                                                                                      

                                                                                                                                       

AMALIA: ohe  tre sparagne teccate a  cazzarola, e dì  a soreta che a prossima vota ca se fa sfrugulià a caccavella se facesse da buone o  ndirizze (Carluccio esce  agitando il bastone)  

SAVERIO: ma guardate une comme po passà nu guaie, une sta dinta a casa soie calme e tranquille, sa presente n'animale e guappe e rischie pure e piglià mazzate pe colpe e l'ate

AMALIA: peccheste nun t'avive preoccupà..pecchè pure si o veramente nun fusse state a casa dinta a sti ghuiorne ,pe colpe e l'ate o pe colpe toie tre Papagne nun avesse tenute manco o tiempe e de tuccà ..... (Saverio si avvicina ad Amalia rincuorato) pecchè se fossse state o vero primma t'avesse spaccate io a capa  e....cu na botta sola!

FELICE: scusate  donna Amà io vado a vedere Gennarino se è pronto per uscire

GENNARINO: eccomi qua so pronte mammà..o latte addò stà

AMALIA: Rinù..Rinuccia  porte o latte a Gennarino

SAVERIO: (prendendo il giornale e sedendosi) e nun te  scurdà e biscotte Plasmon

RINUCCIA: ecco qua,o latte e i biscotte ( lascia  tutto sul tavolo ed esce)

GENNARINO: ( fà colazione velocemente ) mammà e o riesto?

AMALIA: ecco qua m'arraccumanne  torna ampresse nun me fà stà npenziero

SAVERIO: sta partenne pe surdato stà partenne...chille al massime se ferma a perdere tiempo dinto o vico e rimpette

FELICE: veramente don Savè stammatina tenimme n'appuntamento

SAVERIO: tu ca dice! e famme sentere comme so?

FELICE: comme so che cose?

SAVERIO: comme che cose.. le signorine no!

GIULIO: Don Savè vuie pazziate,nuie tenimme n'appuntamento di studio ,andiamo ad una conferenza

AMALIA: (a Saverio..).tu faie sempe mali pensieri  ah che giuvine  ammartenate è Gennarino chille è ancora bianca e mmacolata comme l'ha fatte mammà soia

SAVERIO :  povero verginello..  ah ca giovine nguiate

                                                                                                                                                                                                                                                              

GENNARINO : ohe iammucenne ca stamme già in ritardo ..stateve bbuone ce vedimmme quanne fernisce a cunfererenza (salutano ed escono)

Scena 4° Saverio.Amalia;;Rinuccia;Michele;

                                                                                                                           

SAVERIO: ah  che si deve sentire ,non ce stà rimedio... ah ma a colpa è a toie sa.. mo staie arruinanne , a povera criature, o belle e mammà ,statte accuorte a cheste ,statte accuorte a chelle, e intanto se fà sempe acchiu fesso

AMALIA: fatte e fatte tuoie ca all'educazione e Gennarino ci penzo io..o saie benissime a chi si deve spusare  e che l'ate femmmine nun l'anno nteressà  anzi proprio ogge pomeriggio adda arrivà mio cuggino dal bercamorto  cu la figlia Concita e così gliela faremo conoscere

SAVERIO:mo stamme  frische ovì arrive pure o iettatore,  dal Bergamasco  Amà si dice Bergamasco  e poi questa cuggina che ne sapimme se le piace o nun le piace nun a vedimme da quanne teneva quatte anne  e pò nun ancore aggiù capite pecchè si ostina a chiamarla Concita

AMALIA:eh pecchè  è nata dinta a la  Spagna quanno mio cuggino Ferdinando faceva le masciatelle

SAVERIO:Faceva l'ambasciatore Amà ,l'ambasciatore e disgrazie,sule e disgrazie

AMALIA: ehh quanta storie ,sempe le ammasciate portava e po a ditte mio cuggino ca Concita se fatte nu piezze e guagliola mittice ca stà pure mpurpate e sorde  e vire ca è propeto,quella che fà pe Gennarino nuostro.

SAVERIO: sarrà,ma io nun so convinto,Gennarino ,come tutti giovani d'oggi la moglie se la deve cercare da sè,e non che avimme essere noi a dargli o cocco ammunnate e buone,e si pò o cocco nun le piace?

AMALIA: tu ca dice  chille le sempe piaciuto,specialmente quanne ce metto ncoppe pure nu poco e  cugnacche

SAVERIO: ahhh...ma tu vire nu poco si capisce quacche vote (bussano alla porta) speriame ca chiste  è o cuoco ca apettavame, Rinù ,Rinuccia ma insomma  addò e ghiute aggiu capite và mo vado ad aprire io (va per aprire la porta  accorre  Rinuccia) avante arape a porta ( entra Michele con una lettera in mano)

MICHELE: permesso? buon giorno a signuria   

AMALIA: buon giorno a vuie vui si nun sbaglio site o cuoco nun è o vero

MICHELE: sissignore  Michele Esposito a servirvi

AMALIA : e avite purtate a lettere e preferenze ca ma ditte Gennarino?                                                                                                                                        

MICHELE: gnorsi signò eccola quà (gliela consegna)

RINUCCIA: e ca legge si è anaffabeta                                                                                                                                          

AMALIA: ah và buò,( la apre fà finta di leggerla la ,gira) Savè vire tu ca stammatina me fanne male l'uocchie Saverio legge e fà cenno con la testa) Michè voi sapete cucinare bene,e site n'omme e fiducie ?

MICHELE e comme no e po io agge servite sempe dinta e  casa de meglie signore e  Milano,purtroppo per ragioni di studio da piccerella mia agge dovuto venire a Napoli,sapete quando morì la mia povera Graziella a piccerella l'avette lasciàre da una sua zia a pusilleco  io lavoravo a Milano e lei provvedeva a farla studiare e la cresceva aggia dicere a verità troppa bene purtroppo quindici giorni fà la povera vecchia è morta ed io aggio dovuto rientrare e così siccome canuscevo il notaio Saccone mi sono arrivolto a lui per trovare un posto presso signori perbene e così ho avuto il vostro indirizzo

AMALIA:e avite fatto bene a venire siete assunto,anchè pecchè in questa casa tutto chelle ca dice mio marito.. chelle se fà (rivolto a Saverio) è vero che è assunto Savè

RINUCCIA: a fatto tutte cose esse e tene pure o curaggie e dicere ca cumanne o marito

SAVERIO: eh certamente accussì.è. adesso Rinuccia ve farà vedè  a cucina e la vostra stanza accussì pe stasera ce facite pure na bella cena

MICHELE: signò e posso tenere com me pure a piccerella mia

AMALIA: ma certamente nun e o vero Savè (Saverio fa cenno di si) avete visto

SAVERIO: ma levateme na curiosità ma quantì anne tene sta piccerella vostra

MICHELE: Giulietta mia tene 19 anne signò e stà a studià all'università

SAVERIO: e a chiammate piccerella..a chell'età ... chella è signurina

MICHELE: pe me è sempe a piccerella mia

SAVERIO: e chiste è tale e quale a mugliereme

MICHELE: allora la posso fare trasire

AMALIA: ma comme l'avita lassate fore a porta?

MICHELE: sapete quella Giulietta è cosi scornosa e poi voleva aspettare almeno che io fosse assunto                                                                                                                                       

RINUCCIA:( però comme e simpatico stu cuoco nuove me piace proprio assaie)  

SAVERIO: beh ca aspettate  facitele trasì sta piccerella

MICHELE : (apre la porta) vieve Giuliè trase nun te mettere scuorne,siamo a casa di brava gente e cè posto pure pe tè                                                                               

AMALIA: trasite.. piccerè.. trasite nun ve pigliate scuorne

GIULIETTA: (entra con valigia) buon giorno io non vorrei dare fastidio ma mio padre ha insistito tanto

SAVERIO: all'anima da piccerella chesta è  nu piezze e guagliola

AMALIA: venite qua e facimme le presentazione,( la prende per mano) chesta è Rinuccia, la cammeriera.(Rinuccia fa riverenza)(con aria di superiorità) e chisto e mariteme (Giulietta fa riverenza)

SAVERIO:(verso Michele) ha fatte a presentazione do maggiordomo  

AMALIA: Michè nun date rette a mariteme venite cu mè ca a Giulietta mo a sistemamme dinta a cammera insieme a Rinuccia accussì si fannne cumpagnia e sfuggimmme pure l'occcasione prossime del peccato venite, venite cu me che vi faccio avvidere il riesto della casa (escono)

 

5° Scena: Saverio,Rinuccia, Amalia,Op,Ecologico,Ferdinando,Concita

SAVERIO :all'anima  da mamma e comme e malapensante

RINUCCIA: peccheste tene arragiona don Savè vuie ogni tanto cu me ce pruvate e chelle se ne è accorte e io me mette pure paura ca me ne cacce e meno male ca nun v'aggge maie date o canze e fa niente

SAVERIO : e male e fatte (accostandosi ) Rinù io te pense pure quanne dorme io pe nu vase do tuove chissà ca facesse

RINUCCIA: don Savè nun accuminciamme nun po essere ,me mette assaie paure lassateme perdere,avitece pazienza ( si allontana appena in tempo mentre entra Amalia)

AMALIA: Rinuccia va ncoppe e prepare o lietto pa guaglione chille vicine a finestra   e quanne scinne nun te scurdà e me purtà o ventaglie (Rinuccia esce facenne mosse non vista da Amalia) ah comme fà caure ( si toglie la maglietta e si accosta a Saveriocon fare lascivo) nun e o vero ca fà caure  Savè

SAVERIO: e proprio pecchè fa caure ca è meglio ca te scuoste                                                                                                       

                                                                                                                                         

AMALIA: ehh e comme si scuntruse io te vuleve fà na cirrimonio ,se  rice buone, o primm'anne,core a core,o sicond'anne a culo a culo,'o terz'anne cauce n'culo,...pe tè a                                                                                                                                          mugliera è bona sule pe scarfaliette, agge capite va, fammene ire abbascie o giardino a rinfreschearme nu poco, e tu continua a fàre pure la marmottola  (fa per uscire e bussano alla porta ,apre)

OPERATORE ECOLOG.: Signò nuie avimme finito,avimme spuzzate tutte tutte cose

AMALIA: e meno male ! ma site sicure ca avite pulizzate buono

OPERATORE: pulitissimamente Donna Amà

AMALIA:(guardando il marito) eppure sento che c'è rimaste ancore quacche strunze  

SAVERIO: neh ma cheste avesse cu me?

AMALIA: ecco qua e sorde

OPERATORE: grazie signò e quanne avite bisogno,sempe a disposizione,stateve bbone(esce)

AMALIA: io scengo abbascio ca.... ce sta ancora troppa puzza! ( esce)

SAVERIO: ah ..ah ..a mugliera,  felice chi a tene bbone,chiù felice è chi nun a tene ,o chelle primme e me se spusà ,pareva a monache e sant'Austine, capa vascia ,scornose,e accondiscente, appena spusate, capa aute e bastone mmane, agge passate nu guaie e notte,ma agge riconoscere  ca a colpa è stata da mia,eh sule a mia.. pecchè siccome era bellella e io n'ammurate pazze,quanne vuleva cocche cosa subbeto l'accuntetava, e lei subbeto se n'ha pigliate,  poi è nate Gennarino e da chillu juorne fra me e esse se so rotte e e relazione diplomatiche.

RINUCCIA:( entra con un ventaglio) addò sta a signora? ci agge portato il ventaglio

SAVERIO: è scesa dinto o giardino,(si avvicina e gli afferra le mani) Rinù e damme na speranza..

RINUCCIA(bussano alla porta, liberandosi) Don Savè stanne bussando alla porta (va ad aprire entrano Ferdinando e poi Concita)

FERDINANDO:(con bastone e tic nervosoe occhiali e quando parla sputa) oh carissimo cugino come stai? è una vita che non ci vediamo ci siamo un po ingrassati eh(Saverio si tocca la faccia per asciugarsi e fà le corna)(lo abbraccia) Concita su abbraccia tuo zio Saverio

SAVERIO: (parandosi la faccia) e chiste po fà o pompiere (abbracciando Concita) ah come sei cresciuta, sei propria diventata una babbasona,in senso buono si capisce

RINUCCIA; mamma mia e quanta è brutta  pare na scigna                                                                                                                         

                                                                                                                                        

FERDINANDO: (accostando l'orecchio) tuo zio vuole dire che sei dolce come un babà                            bellezza mia

SAVERIO: eh proprio accussì

CONCITA: oh grazie, caro zio è proprio un bel complimento che ancora nessuno mi aveva fatto

RINUCCIA: pe forza chille e babbà se fanne sule a Napoli,  

FERDINANDO :(guardandosi in giro e andando verso Rinuccia) oh Amalia come stài  mia cara cugina (cerca di abbracciare Rinuccia)

RINUCCIA: chiste nun sule è surde ma è pure cecato, gue scostateve acchiù allà io nun so Amalia so Rinucce a cammerera

FERDINANDO: e va bene ma ormai mi trovo e vi abbraccio per simpatia

RINUCCIA: o pecchè si nu poco rattuse

SAVERIO: e nu iettatore, sarrà pure  nzallanute ma mica è fesso eh

FERDINANDO: (verso Saverio) e Amalia allora dove stà dove sta,dove stà

SAVERIO:(si para la faccia)ah chelle  teneva caldo e sta piglianne nu poco e frisco dinto o giardino Rinù vai ad  avvertire la signora che è arrivato Ferdinando suo cugino insieme a   Concita,anzi, no, sapite ca facimme scendiamo pure noi in giardino cosi gli facciamo la sorpresa, Rinù avvierte  Michele che sono arrivati gli ospiti e miette e valige a poste (fanno per uscire quando da dentro si ode un rumore di stoviglie rotte) che è state ca è succieso :. (si avvicina ala porta e compareMichele )

MICHELE: avitece pazienza nun sacce comme è state ma  me scappate a dinte e mane o servizio e cafè e se so rotte tutte e tazze    

SAVERIO: nun te preoccupà Michè nun è succiese niente ( facendo corna è sule arrivate Ferdinando) và và nun te preoccupà ,andiamo noi (fa per uscire)

FERDINANDO:aspette Savè,debbo prendere una cosa nella valigia.... sai una sorpresa per Amalia ( fà per chinarsi e si mantiene i pantaloni e impreca) mannaggie e chiapparielle,  guarda mò c'à m'aveva succedere se so rotte e buttone de bretelle

SAVERIO: ( cheste è quanne stà diune figurammoce doppe mangiate) su nun te preoccupà ca Rinucce ce pensa.Rinuccia, su ..ago e bottoni  e cuse ampresse o cazone, io intanto faccio vedere la casa a Concita e appena  servizio è fernute scendiamo tutti in giardino ( escono

Scena 6°: Ferdinando, Rinuccia, Amalia,Saverio e Concita

FERDINANDO:  ( a Concita )  su facciamo presto,  fatemi questo favore, non voglio che   qualcuno entri e mi trova in questa condizione

RINUCCIA: nu mumento sule ( si avvvicina al comodino e prende il necessario  ) venite qui alla luce

FERDINANDO: ( si sposta facendo lazzi) va bene qui?, e me li posso levare ( indicando i pantaloni)

RINUCCIA: ma fosseve asciute pazze? pensate a reggere i pantaloni vui che a cosere  e buttone  ci penso io

FERDINANDO: va bene , ma nun me pugnite e soprattutto, non mi fate il solletico, io sono così sensibile

RINUCCIA: si vuie tenite e mane a posto, faccio in un attimo,( Ferdinando all'impiedi dà le spalle alla porta e ogni tanto ride  e si muove mentre Rinuccia è chinata a cucire) e stateve nu poco ferme si no o servizio nun vene bbuone( mentre dice queste parole entra Amalia  ed inveisce perchè già da fuori,entrando vedeva questa scena curiosa

AMALIA: Ah,.. vergogna, Vergogna;( Rinuccia sorpresa si scosta e punge Ferdinando alla mano che per il dolore si fà scappare i pantaloni

FERDINANDO( tirandosi sù i pantaloni,va incontro ad Amalia) Amalia: cugina mia, che piacere vederti ( fà per abbracciarla  e gli cascano di nuovo i pantaloni mentre entra Saverio e Concita )

SAVERIO: Ferdinà e che caspita potevi almeno aspettare ca Rinuccia te ferneve e cosere e buttone

AMALIA: ( ridendo) ah.ah  accussì Rinuccia te steve sule cusenne e buttone do cazone

RINUCCIA: e meno male ca nun avite pensate ca ce li stavo levando

FERDINANDO: io v'è lo avevo detto  era meglio che me li toglievo

SAVERIO: ( scoppia a ridere si siede sulla sedia  e poi grida per il dolore) ahhh. me s'è nzippate l'aghe  arrete , Amààà levammille ahhh Ferdinando tutta colpa toia

AMALIA : ( si avvicina e toglie l'ago) ecco fatto Rinù mitte e valigie a posto e pò puortecenu bitteree frische dinto o giardino e quanne vene Gennarino avvertilo che è venuto lo zio e la sora cuggina ( agli altri) andiamo, andiamo,al fresco ca fà troppe caure e me fanne male e coscie

CONCITA: come maie zietta,ti sei forse stancata a camminare?

AMALIA: no..no, quelle sono le vene faticose

SAVERIO: vene varicose Amà, varicose

AMALIA: appunte e io c'agge ditte, beh scendiamo sù ( escono

Scena 7° Rinuccia, Gennarino,Felice, Giulietta                                                

RINUCCIA; (mette a posto le valige e rientra) chiste so ati duie ca me darranne nu mare e fatiche,(appoggia il.ventaglio sul tavolo e si mette a pulire) certo ca Gennarino na addà fa e curaggio a spusarse na mugliera accussì brutta,e quanne verrà a sapere l'intenzione e Donna Amalia le verranno sicuramente e convulsione,e scummetto ca le passerà o vizio e dicere sempe ...si mammà ,comme vulite vuie mammà, eh voglie vedè nu poco, (la porta si apre ed entrano Gennarino e Felice ridendo) 

FELICE: ahaa  ahaa e viste a  chelle comme era sfiziosa quanne l'agge ditte ; cara si tu vuoie vengo subbeto a parlare cu mammeta (si siede)

GENNARINO: chella scema  subbeto se  l'è ammuccata ca te la vulive spusava ahhaaa,ahaaa.

RINUCCIA: (che li guarda curiosa) ah  site tornate appena a tiempo,o sapite abbascio o giardino chi ce stà?

FELICE E GENN.: (con fare curioso ) chi ce stà?

RINUCCIA: chi ce stà?...  ce stà chillu curiuse e vostro Zio ed è venuto pure Con cita

FELICE: o cheste è bella tuo zio s'è purtate pure a scigna appriesse

GENNARINO: ma che è capite quella Concita è mia cugina la Spagnola che non vedo da quanne teneva quatte anne e che adesso tene quase vent'anne                                                                                                                                      

FELICE: azze! allora corro a cunoscerle... e Spagnole tenene o sanghe caliende, e chissà ca nun riesco subbeto a cumbinà cocchecose

GENNARINO: Felì e che sfaccimme e tiene nu poco rispetto in fondo Concita è mia cugina   

FELICE: Gennarì ...in amore e in guerra nun ce stà rispette (corre fuori)

RINUCCIA: (a Gennarino) nun ve preoccupate quella Concita ci ha il rispetto automatico

GENNARINO: che vuoie dicere!

RINUCCIA : che appena la vede subbeto la rispetta

GENNARINO: aggiù capite è brutta e o vero

RINUCCIA: oddio non per disprezzare vostra cuggina .ma vostra madre ,ve la poteva scegliere una mogliera cchiu bella

GENNARINO; comme e ditte? ca mammà me vulesse fà spusà a Concita?

RINUCCIA: (maliziosamente)  ma pecchè a vuie  nun ve la detto ancora?

GENNARINO: Ah ca disgrazia, ah povere a mè e mo comme faccie

RINICCIA: comme facite a fà ca cose!

GENNARINO: comme faccie a me salvà a chistu guaie , ma capisce in che situazione me trove

RINUCCIA: capische ..è la primma vota che vi dovete sposare... succede a tutte

GENNARINO : ma che e capite,io a  sta Concita nun me la pozzo proprio sposare

RINUCCIA: pecchè v'agge ditte ca è brutte.. però cunsulateve  pecchè tene nu sacche e sorde

GENNARINO: no Rinù io nun ma potesse. spusà manche si fosse acchiù bella e ricche do munne, pecchè  già voglia bene a tantu tiempo a nnamurata mia e sula a essa me spusarria ah  povera a me e comme faccie mo cu mammà   chi me pò aiutà...Felice,sicure va Rinù valla a chiammà.. chille è pratiche e  mbrugliee sicuramente o trove o sistema e me fà asci a chesta situazione e adesso chi ce lo dice a Giulietta e chesta disgrazia, noo chiuttosto e me spusà cu n'ate me metto contre a tutte

RINUCCIA : : ah eio cheste vuleve sapere, volevo essere sicuro ca vuie a Giulietta  la vulite veramente bene nun ve preoccupate, Giulietta già stà cca, e già l'agge mise a                                                                                                                          

currente e tutte,anze sapite mo che faccie ,ve la chiamo e poi vado a chiamare anche Felice insieme o truvamme o sistema e v'aiutà (esce)

GENNARINO: ah ma tu vire nu poco stu nzallanute e mio zio iuste a me me venute a nguaià,nun se poteve stà natu poco in Spagna ,oppure a Bergamo, no.chille comme ha avute l'invito e mia madre subbeto se capotato qua,isse e chella befane e da figlia eh ma e na menera aggià truvà o modo e me salvà

GIULIETTA: ( entra tutta agitata e piangendo) Gennarì è vero chella ca a ditte Rinuccia,ca tua madre ti vuole fare sposare tua cugina ,per questo li ha invitati in casa

GENNARINO: si cara Giulietta ,e chesta è na mazzate tremenda pe mè,ma ca faie chiagne? suspiette ca te so infedele ,nun si sicure e chist' ammore

GIULIETTA: si pe mo si ma nun so sicure ca me vularria bene pe sempe

GENNARINO: comme posso essere nammurate e te senza te vulè bene pe tutta a vita?

GIULIETTA.pecchè vuie uommine site meno custante e nuie femmine, e passione ca dimostrate è nu fuoco ca se stute ca stesse facilità ca se è appicciate

GENNARINO:no Giulietta  o core mio nun è comme e chille e l'ate uommine io te voglio bene fino a quanne more

 

GIULIETTA: io te credo e te sacce sincere, ma me mette paure ca quacche evento,possa ostacolare i teneri sentimenti verso di me,so che tua madre per forza vuole combinare questo matrimonio con tua cugina e so anche quanto tu dipendi da essa,e si chesse avesse succedere io ne morrò

GENNARINO: nun ce stà ne padre e ne madre  ca me po costringere a separarmi da tè,anze sento gia ca Concita, cugina e bona nun a pozze vedè, su nun chiagnere,asciugate e lacrime, ca nu sistema pe ce salvà sempe  se trova specialmente c'aiute e Felice,chille ne sape una chiù do diavolo 

RINUCCIA e  FELICE: ( entrano insieme echiudono la porta assicurandosi che non viene nessuno)

RINUCCIA: parlate io faccia a spia se vene quacchedune

FELICE: Rinuccia ma cuntate o fatte , e tu pe accussì poco te vuo disperà

GIULIETTA: Felì vi scongiuro  pe chelle ca tenite acchiù caro a chistu munne aiutatece                                                                                                                                       

                                                                                   

FELICE: e comme si può negare n'aiute all'amico mio più caro,(verso Giulietta) andate, e fidatevi di me e tu Gennari,preparati ad affrontare tua madre

                                                                                                                                               

GENNARINO: e chelle è o difficile io o sule penziero già tremmo,comme faccie a vincere la mia timidezza nei suoi riguardi

RINUCCIA: è facile basta ca te mbriache!

FELICE: eh basta mostrarsi deciso, si no te tratte sempe comme  a nu ninne e nanne,su nu poco e curagge,e preparati a risponderte cu risolutezza

RINUCCIA: e preparate a piglià nu mare e mazzate

GENNARINO: farò del mio meglio

FELICE:su facimme subbeto na prova, vedimme...testa alta, sguardo fermo,aspetto impavido  senza paura

GENNARINO: accussì

RINUCCIA: pare nu mammalucche all'erta 

FELICE: nu poco e cchiù

GENNARINO: va buono accussì

FELICE: bene ,ora immagina che io sono tua madre,e  rispondi fermamente come se fossi lei <  ah e accussì stanne e cose,brutte traditore scurnacchiate , e io ca t'agge crisciute chemullichelle,e tiene pure e o curagge e t' impegnà senza o cunsenso mio ,ah rispunne brutte birbante,rispunne, sentimme ca ragione ca tiene>,(scuotendolo)rispunne ..ma..che caspite nun rispunne

GENNARINO: e.. pecchè  me pareve  e sentì  proprio ca parlava   mammà

FELICE:all'anema do curaggio Gennarì..tu proprio pecchesto che non devi mostrarti remisivo

GENNARINO: e raggione,,mi mostrerò più risoluto e meno remissivo

FELICE: sicuro?

GENNARINO:sicuro!

FELICE: bene,ecco ca mammeta ca sta arrivando

GENNARINO: madonne ! so perdute

                                                                                                        

FELICE: Gennarì,  fermate,nun e o vero

GENNARINO: puozze ittà o sanghe

FELICE : l'ho fatto per provare la tua reazione

GENNARINO: mo la canosche la mia reazione e vire comme e fà pecchè io me ne saglie ncoppe e tanne scenne quanne e fatto o nciarme (esce)

FELICE: tu vire quante è fifone, me  famme penzà comme pozze risolvere  sta questione, Rinù io mo vengo ( esce )

Scena 8° Rinuccia, Saverio,Felice,Amalia ;Concita Ferdinando

RINUCCIA: speramme ca le vene na bona idea ,nun tanto pè Gennarino ma  pe chella povera Giulietta ca pene ca sente                                                                     

SAVERIO: ( entra guardandosi dietro) ah Rinù tu stai lloco,approfittamme ca stanne tutte abbascie (le si avvicina prendendogli le mani)

FELICE: (fa per entrare , vede la scena e si nasconde dietro la tenda)

RINUCCIA: ma Don Saverio, e lassateme stà vulite proprio o male mio, se chella saglie a signora, ammu passate nu guaie tutte e duie (si divincola)

SAVERIO: e allora prumitteme n'appuntamento,stasera a mezanotte dinto o giardino,quanne tutte dormono sotto a l'albero e cerase io t'aspette almeno pe nu vase

RINUCCIA: (chiste si nun veche ca aggià fa nun a fernisce) Don Savè, e va buò comme dicite vuie ,però sule pe stavota,mo faciteme andare a preparare i letti per gli ospiti (esce)

SAVERIO: ah finalmente ce so riuscito,stasera se scete o mandrillo

FELICE:( fa finta di entrare) oh Don Savè vuie state cca,e com'è nun fate compagnia agli ospiti

SAVERIO: veramente me so scucciate e de sentì e pò Amalia nun faceva altre che me cuntrarià e accussì pe nun azzeccà ati fiurelle me ne so sagliute ncoppe

FELICE: e oh fatte e chesse chelle Donna Amalia vuole sempe primeggiare,e vo tenè sempe tutte quante sotto controllo dice bbuone Gennarino

SAVERIO: ca dice Gennarino

FELICE: dice sempe ca  in casa sua  comanda sua madre.ah mala a chella casa addò a gallina canta e o valle tace!

                                                                                                                                   

SAVERIO: neh Felì cu cheste ca vuoie dicere

FELICE: voglio dicere ca a Donna Amalia nun le scappe niente ,tutte cose ca succerene dinta a sta casa esse o  e na manere o e ne ate o vene a sapè,si fosse a vuie nun me fidasse e nisciune eccette e me s'intende

SAVERIO: chelle ca dice è o vere ca nun se move na virgola ca esse nun vo

FELICE: e perciò stateve accuorte a comme ve muite specialmente quanne se tratte e correre appriesse... all'ate femmine, lasciate perdere cierte ...appuntamente si no fernicse malamente

SAVERIO : ma comme, ca dicite, allore sapite caccose

FELICE: io sacce ca qualche aucilluzze s'è pusate vicine e recchie e Donna Amalia  stateve accuorte

SAVERIO: si .si avite ragione ,mo o sapite ca faccie me ne saglie ncoppe e tanne scenne quanne e ore e cene e po,subbeto me vaco a cuccà,a notte porta cunsiglie,stateve bbuone (esce)

FELICE: è une , sa pigliate a paure, accussì all'appuntamento cu Rinuccia ce vado io,ah ca spasso ( entrano Amalia Concita e Ferdinando)

AMALIA: ah o frische da sera se faceve a sentì, venite assettiamoci un poco  ncoppe o divane

CONCITA: veramente cara zia vorremmo andare di sopra a  rinfrescarci un poco il viaggio è stato lungo meglio così  a ora di cena siamo un poco più freschi

FERDINANDO : è vero il viaggio mi ha tutto attaccato,meglio andare a fare un bel bagno,tu ci scusi non è vero, ma a proposito Gennarino non doveva  essere già qui? anche lui si sarà fatto un un bel giovanotto da quando mi avete scritto

AMALIA:((si asciuga la facciacon le mani) già è o vero propeto nu belloguaglione, Felì,dove è andato Gennarino?

FELICE : ah ,eh.quello subbeto viene,è andato un attimo  di sopra in bagno( l'è venute na sciorda galuppante)

FERDINANDO: e allora noi ce ne andiamo anche noi sopra,ci vediamo dopo

CONCITA: si,si ci vediamo ..a dopo (escono)

FELICE : comme so belle tutte e duie parene a ricchezza mobile e a fundiaria

                                                                                                                                        

AMALIA: comme avite detto?

FELICE : dicevo quanne so simpatici e pariente vuoste

AMALIA: e o vero? e po Concita,nun  vedite ca mode da signore di classe

FELICE: (a me me pare nu papera sagliute) certe ,certe

AMALIA: neh ma pure Saverio è scumparse sapite addò e ghiute?

FELICE: ah.eh ..nel bagno, una necessità improvvisa

AMALIA: neh ma che stanne a fà a fila la fore?

FELICE: Donna Amalia io vi debbo confidare un segreto

AMALIA: un segreto?

FELICE: si un segreto,ma prumettiteme e avè cumpassione pe chille povero Gennarino

AMALIA: Gennarino; uh madonna e che l'è succieso parlate,addò stà

FELICE: stà ncoppe chiuse dinta a cammera soia

AMALIA: uh e pecchè

FELICE: Don Carlucce tre papagne signò,

AMALIA: e ca tene a spartere tre tuagne cu Gennarino

FELICE: Donna Amà, la sorella di Don Carluccio ...si, e chille nun perdone

AMALIA: ma comme Gennarino mio a fatte cheste ah povera a mè ma mo me sente,ah me volle o sanghe ncape

FELICE: zitte nun ve facite sentere dai vostri parenti, che volete  farci,ormai la frittata è fatta ,pure io gli ho fatto un mare di rimproveri,peggio di come avisseve fatto voi,ma infine ho capito che poi in fondo non aveva tutti i torti

AMALIA: ma che me staie raccuntande te pare bello chellle ca ha fatte! andarse a struscinarsi con una sconusciuta sora e nu guappe e per giunta   senza me dicere niente

FELICE: ( mo le faceva a domanda in carta bollata) e che volete farci, è il destino a nui giovine purtroppe ce manche la prudenza necessaria, e cadiamo da ingenui in queste trappole amorose che voi donne preparate con tanta astuzie,ma mo pensate a salvezza e Gennarino, ca se cade dinte e mane e tre Papagne nun o salva cchiù nisciune, ose sposa o e n'omme muorte!

                                                                                                                                        

AMALIA:mamma mia,  ca guaie è capitate dinta a casa mia si e raggione chille o povere Gennarino le capitate cheste pecchè è troppe ingenuo,e pure pecchè chillu viziuse e mariteme sempe  a farle  chille raggiunamente scustumate ma mo ...mo c'avessse fà, a penzà ca vuleve chiedere a Ferdinando la mano di Concita pe Gennarino,e mò?

FELICE:  voi badate gli ospiti io salgo sopra, e lo rassicuro,poi dopo venite pure voi l'accunciate a valigia,e o porte a casa mia accusì, si avesse venì tre papagne nun o vede ,se mette l'anima in pace e se ne và,quanto al  matrimonio cu Concita ce stà sempe tiempe, per il momento lassate perdere,pensamme primma a sbruglià stà matassa

AMALIA: si si e raggione,mo vaco ncoppe e le dico ca lo perdone e mi arraccomando nunfacite parole cu mariteme , si no aumentano e perturbazione e ce fernimmee appicicare (esce)

Scena 9° Felice, Concita,Amalia Rinuccia

FELICE:  e ddoie e avimme sistemato pure a Gennarino e adesso a noi due cara Rinuccia, m'aggia fà viecchie viecchie sotte a l'albero e cerase (si siede sulla poltrona)    

CONCITA: oh caro don Felice che piacere, ma ditemi Gennarino non è ancora sceso

FELICE: già,non è ancore sceso

CONCITA:ditemi ma è un bel ragazzo come  mi è statto descritto

FELICE: e cheste e venute mmale intenzionate pura esse...ma certamente Gennnarino è proprio un bel ragazzo .pulito ordinato con modi  e movenze cosi gentile così femminei

( accompagna le parole a gesti effeminati)

CONCITA: ma cosa volete farmi capire che forse Gennarino è un pò effeminato

FELICE:  (si s'ammuccasse sti fesserie stesseme a poste.).  un poco,non non ne parliamo povero Gennarino  

CONCITA: che peccato povero ragazzo e a pensare che mia zia ci teneva tanto che lo sposassi

FELICE: signurì sentite a me se lo fate (mima) facite proprio un pessimo affare

CONCITA: si si avete ragione.a me mi piacciono gli uomini forti risoluti ( si avvicina a felice) maschi

FELICE: azze e cheste comme sta nfucate e sa vulesse struscinà proprio cu me secondo me m'agge tirate nu guaio ncuolle     (si scosta ed entra Amalia) 

AMALIA: ah e chi s'apettave tutte cheste,e chillu turze e mariteme dinta a sta casa nun s'accorge maie e niente sape sule leggere o giurnale e a fà o fisolofo

RINUCCIA:(entrando) signò, e liette pe l'ospite so tutte pronte e pure Michele è pronte pa cena e la tavola è apparecchiata

AMALIA: va buone,ma aspettate a me primme e chiammà pa cena, primma aggià  sistemà, na cosa

RINUCCIA: Donna Amà aspettate io v'aggia confidare na cosa,ma primme mi dovete giurare ca  nun va pigliàte cu me

AMALIA: eh ..e stasera è a serate de masciate,dimme ca si nun tiene colpe nuntiene niente e da mettere paure,avante parla se tratte e Gennarino forse

RINUCCIA: no si tratte e vostro marito

AMALIA: e ca ha fatte chillu puparuolo

RINUCCIA:. tante a nsistito e tante a fatte ca se fatte prummettere che a mazanotte aspette dinto o giardino sotta a l'albero e cerase

AMALIA:ah accussì stanne e fatte, ca famiglie nguaiate,Gennarino è n'ingenuo ma mariteme no,  traditore ,stracciafamiglia,fetentone ca nun è altro,ma acconcie io pe feste,stanotte, a mezanotte o spett'io sotta a l'albero e cerase,e dinto o scure aggià fà nire nire,tu avverti per la cena io saglie ncoppe, e nun te fa scappà parole cu nisciune,vaie,vaie (escono da diverse porte)

                                             FINE PRIMO ATTO

e  FIGLIE  UNICE   2° ATTO                                                     

                                                                                                                       1

STESSA CAMERA DA PRANZO,ENTRA  RINUCCIA DAL FONDO  COMINCIA LE PULIZIE MATTUTINE,si sentono voci dalla strada, Rinuccia entra si affaccia e poi chiude la finestra

Scena1°: Rinuccia, Michele,Saverio,poi Amalia

RINUCCIA: Nun nce stà nisciune,pe forza doppe a nuttate e stanotte,starranne tutte dormenne ancora, mamma mia ca gente,manco a notte se po stà cuiete

MICHELE: guè, Rinù  stamme sule?, so trasute pe due cose,primme pe te dicere ca a culazione è pronte,e po vuleve sapè comme è ghiute a ferni,l'appicceche e stanotte

RINUCCIA: è ghiute a fernì, ca doppe tanta strille,doppe tante allucche,Donna Amalia s'è addurmute ncoppe o divane e o marito pe mazzate ca a pigliate  nun ha tenute a forza e menarsi ncoppe o lietto  e s'è cuccate pe terra

MICHELE: vuie vedite chillu povero Don Saverio che adda suppurtà,ma pecchè poi stanne accusì in contrasto?

RINUCCIA: è pecchè,...pecchè, Don Saverio nun s'aveva spusà accussì giovine,e pigliarse na  mugliera ricca e capricciosa, purtroppo a dovute sentere e genitore e chessa è a fine ca a fatte, Oddio, è vero che al principio erano pure nammurate, Donna Amalia  primma era sempre priparata,ordinata  affettuosa po co tiempe,si è lasciata andare e pure vulennele bene ha pigliate o sopravvento e n'ha apprufittate e Don Saverio pe ripicca va truvanne e fà o giuvinuttiellle e perfino cu mme ca so na giovane onesta

MICHELE: vedite ,vedite nu poco,beh d'altronde è così, gli uomini quanne a mugliera se trascura e diventa sciatta   e petulante perdono per lei ogni interesse e allora cercano nelle altre donne quella freschezza e quella voglia di tenerezza perduta ed il povero Don Saverio non ha tutti i torti perchè.. voi Rinuccia ispirate questo ed altro con la vostra bellezza e dolcezza ( le si avvicina ,le prende le mani)

RINUCCIA: (ritirando le mani) ti ringranzie pe complimenti e forse hai raggione.. ca dici  se io convincesse a Donna Amalia a pripararse e ad essere più affettuosa pienze ca s'aggiustassero e cose?  

MICHELE: sicuro, ma mo levame nu dubbio, ma sta storia succede spesso,voglio dicere, se riesce pure a durmì cocche notte cuiete,sa io tengo il sonno delicato

RINUCCIA: no peccheste nun te preoccupà ,quella Donna Amalia fine a mò  s'era limitate sule ai rimproveri,ma stavote Don Saverio chelle che l'è succieso se l'è proprio ammeritate

MICHELE: e c'ha fatte, c'ha fatte e tante grave

RINUCCIA: c'ha fatte, a fatte ca nun a vò fernì,  ed è già nu sacche e tiempe ca ce prove cu mè , e nun ha capite ca io sò na femmine onesta,è accussì  per farle fernute,primme aggiè accettato n'appuntamento ca m'aveva date pe stanotte dinto o giardino sotte l'albero e cerase e pò l'agge ditte a Donna Amalia

MICHELE; ah l'avite priparate  stu piattiello ,pe na parte avite fatte buone accussì se leva o vizio e ve sfrugulià , pe l'ate me fa cunpassione,  povero Don Saverio( comme me piace sta Rinuccia è  proprio chella ca fà pe mè)

SAVERIO: (dal fondo entrando si lamenta) ahia, ahia,ahia, nun cè a faccia neanche a camminà addiritte ..(si avvicina al corno lo stacca dal muro lo bacia) viene cca statte dinta a sacca mia e tanne tene cacce quanne se ne ghiute Ferdinando..  avimme accuminciate buone avimme

RINUCCIA: oviccannne e  arrivate è meglio pu mumento ca nun me vede io vaco a chella parte (esce)

SAVERIO:( ;fasciato  alla testa e ad un braccio  si lamenta) ahia,ahia,ahia, buongiorno Michè, è pronte a culazione?

MICHELE: si.si è pronta    ma che è state,che v'è succieso Don Saverio?

SAVERIO: è succieso..è succieso, ca doppe a nu suonne accussì spaventuse me so scetate all'impruvviso e sò cadute a coppe o lietto,ahia,ahia 

MICHELE: addà essere nu lietto aute assaie! eh

SAVERIO: Michè,( facendo colazione) tu si na persona a posto, me ne sò accuorte subbeto e cu te pozze parlà, te sarraie già accorte ca è muglierema chelle ca cumanne dinta a stà casa e nun pecchè io so fesso eh,e pecchè o voglio fà ,primme pe cuiete vivere e po e pecchè è essa ca tene e sorde e proprietà,e accusssì a supporte e tira annanze, ma stavote a fatte grosse pecchè ma rignute e palate

MICHELE: e no e cheste nun sta bene eh... va buò na cazziate, va buò ca ve facite cumannà ma pò ca ve facite  pure mazzià, me pare troppe,ma pò comme è succieso? e pecchè?

SAVERIO: pecchè ,pecchè,è tutta colpa e Ferdinando e di  chella traditrice e Rinuccia, sapite chella è giovine e mi piace assaie accussì l'agge date n'appuntamento,essa primma ha accettato e po, ha cuntate ho fatte ad Amalia ,nun se spiego altrimente

MICHELE: ma vuie ce site iute all'appuntamento?

SAVERIO: ma che, io me stavo dinto o lietto durmenno sapurito sapurito quanne s'è spalancate  a porta e sè  presentato Amalia cu tant na scopa mmane,e m'ha bbuffate e palate, e alluccava " te facce io dà l'appuntamento  d'ammore dinto o giardino, traditore, te si nascoste dinto lietto ,ma nun scappe tiè ,tiè" e che strefole Michele mio me sento commme se m'avessse passate pe ncuolle nu camion a rimorchio

MICHELE: povero Don Saverio,però pure vuie, scusate,se ve lo  dico, a metterve a pazzzià a fà o nammuratiello cu Rinuccia sapenne ca a Donna Amalia ,le puzzane e baffe, lasciate perdere sentite a me, io vi consiglio chiuttosto, di smetterla di fare la vittima ,ribellatevi na bona vota, e prendete in mano le redini della casa

SAVERIO: è na parola,comme si fosse facile

MICHELE: basta essere chiù tuoste, pruvate a vizà a voce,quanne essa ve cuntraria e vedite ca succede

SAVERIO: succede ca piglia e m'abboffe e mazzate

MICHELE: Don Savè,sentite a me, nun tutte e male venene per nuocere, e po essere ca o fatto e stanotte, è servute a qualche cosa

SAVERIO: si a me mparà a farme e fatte miei

MICHELE: a parte questo, Don Savè le femmine sono per natura assaie gelose e scummetto ca pure Donna Amalia se n'è risentita, e si è accussì ,chiste è u mumento buone pe sfruttà a situazione a vostro favore ,dovete solo cercare di continuare a farla ingelosire   ma con prudenza mi raccomando ,in modo  tale da non scatenare le sue furie  e vedrete che alla fine la tigre diventerà una micetta affettuosa

SAVERIO: tiene proprio ragione,sarò ,pronto a cogliere o mumente buone pe fà avvidè finalmente chi è ca cumanne dinta a stà casa

AMALIA ( entrando con in mano un fazzoletto e un tubetto di pomata)  ah staie cca ! (Saverio si scosta per paura) famme ved'è che tè fatte (verso Michele) ma vedite ca l'e succieso,appena si è  avizate a nciampate nfronte o pinnolo da seggia ed è ghiute a sbattere nfronte o cantarare (Saverio si lamenta )

MICHELE: (s'avesse fatte sicure meno male)  pover' omme ca sfurtune! l'accuminciate bona a jurnate  

SAVERIO:) mentre Amalia lo cura) e cu Ferdinando dinta a casa chissà comme fernisce... fa chiane ca me fà male

AMALIA: nun te preoccupà ca doppe ca t'agge mise stà pumate te passa tutte cose, chesta  sana e  addorme tutte cose... pure cierte dulure e cape

MICHELE:  ca pò si s'avesssere scetà Donna Amalia ce pensa nun è o vero? donna Amà 

SAVERIO: ( verso il pubblico ) neh ma chiste a che parte stà?

AMALIA: sicure!  a costo di purtarlo al pronto soccorso del cotugnolo

SAVERIO: (all'arma e mammeta) ne Michè vaie a preparà a culazione pure pe l'ospite ca vire mò comme scenneno vaie vaie (si no chiste me fernisce e nguaià)

MICHELE : posso andare  Donna Amà?

AMALIA: si si fa chelle ca a ditte maritemo ,va va 

SAVERIO: (e chiste pure a capite chi cumanne) ahia ahia e fatte?

AMALIA: sissignore ecchè ccà , mo   mettimme sti fascie n'atu poco e doppe e levamme ( bussano alla porta ) Rinù, Rinù! stanne tuzzelianne va a vedè chi è!

Scena 2° Saverio, Amalia,  Rinuccia,Gennarino ,felice

RINUCCIA: (dall'interno) nu mumento vaco subbeto (va ad aprire e compare Gennarino con la borsa da viaggio e Felice con vari,cerotti  sulla guancia con passo  zoppicante e mano infasciata)

AMALIA: che è succieso? che è state? pecchè si turnate ne Don Felice che v'è  succiese?

SAVERIO: ma cher'è Gennarino era partute pe nu viaggie e nun m'aveve ditte niente?

GENNARINO: buon giorno mammà, vaco sopra per un una cosa urgente (va)

FELICE : ( si accascia sulla sedia)  buon giorno Donna Amà ,Don saverio (lo guarda sorpreso) 

SAVERIO: (mettendosi una mano in fronte)  aggiu sbattute contro o cantarare.. e a vuie  che vè succiese site fernute sotto nu camion?

RINUCCIA: comme so belle  o gatto  muscio e a volpe zoppe 

AMALIA: ne Don Felì,. ma insomma vulite parlà?

FELICE: Donna amà,  che nuttate ( si tasta le ferite)

SAVERIO:  che mala nuttate! (Ferdinando a cugliute pure a isse)

AMALIA: neh ma chi va  cumbinate e  stà manere?

FELICE: ( guardando Rinuccia)   una femmina infame e traditrice

RINUCCIA:( neh ma chiste pe case l'avarria cu mè?)

SAVERIO: (che cumbinazione!)

AMALIA: e dite dite comme è state

FELICE: (Eh è na parola e a cheste mo che le dico) ah,ah ecco dopo tante insistite promesse avevo avuto finalmente un appuntamento con una bella guagliona  che mi piaceva assaie quando però mi sono appresentato al posto convenuto  (guarda verso Rinuccia mimando minaccie)  da dietro un sepone é comparso uno cu na mazza mmane ca ma fatte nuove nuove

AMALIA: e vuie nun avite riagito ,nun ve ne site scappate?

FELICE: eh  ho cercato di scappare ma ca vulite dinto o scure so nciampate e mi sono scassate pure na gamba eh ma si l'aggia dinte e mane a chella traditrice ce la debbo fare pagare malamente (guarda minaccioso verso Rinuccia)

RINUCCIA : (ne ma chiste ca vò ca me guarde e fa mosse) signò vado a vedere se la signorina Concita è pronta (esce)

 SAVERIO: ehh caro Felice mai fidarsi delle donne non si sà mai che cosa le passa per il cervello

AMALIA: tu statte zitte che se nel mio cerevello  ce passe nata vota quello di stanotte allora (minacciosa) te può fa a casa ncielo,ma voi vedete nu poco..| quello invece di ringranziare il padreterno con la faccia improscinata per terra, che tiene una mogliera comme a me ,tu vire nu poche ca se va sunnanne e fà

FELICE; ma che è state ca è state

AMALIA: niente mi aggio fatte nu suonne  nu poco scustumate

FELICE: e dite dite (insistendo) dite

SAVERIO: ( vire chiste se se fà e fatte suoie)

AMALIA: eh   nu mumento ,dunque mi ero appena appapagnate quanno mi è apparute na visione assaie scustumate mi pareva ca io stevo dinto a un giardino e che in un angoliello ce steve mariteme ca se mpruscinave ca cammerera allora nun ci aggio visto cchiù e aggiù alluccate accussi forte (Saverio < ma accussi forte) ca mariteme po spaviento se menate a coppe o liette e dinto o scure  ha sbattute ca cape nfronte o cantatarare e se rotte nfronte.

FELICE: (e meno male che se lè  sulo sunnate) povero Don Saverio s'avesse potuto fare anche più male e a quest'ora chissà

 

SAVERIO: e ca nun basta Ferdinando,mo te ce mitte pure tu..ehhh  ( ,mette mano alla tasca  fa le corna e si mantiene la testa)

AMALIA: sicure e speramme ca stu suonne nun o fà  cchiù si no va a ferni allo spetale.

Scena3° : Saverio, Amalia, Felice, Ferdinando, Rinuccia ,poi Concitae Gennarino

FERDINANDO  (entrando) oh buongiorno cari cugini ,caro don Felice (sedendosi) era da un sacco di tempo che non dormivo così bene (lo guardono Felice si para la faccia  stupiti) sapete quella Bergamo è una città alquanto rumorosa qui invece ah che pace! che pace

SAVERIO:(rimette la mano in tasca chiste allora è proprio surde), Ferdinà   t'assicuro ca poi non è sempre così eh.... anche quà  ogni tante se fà rummore,tante rummore, voi  non ci sentite tanto bene e cosi non ci fate caso   piuttosto..

FERDINANDO: ( mettendo una mano sulla spalla di Saverio)eh,eh..tosto.. tosto.. una volta,una volta,ora mi debbo accontentare... l'età... Savè ...,l'età  ci dobbiamo rassegnare

SAVERIO: (facendo corna e mettendo la mano in tasca) vire chiste che a capite vuleve dicere che   cca pure  se ne fà e ammuine però tu si furtunate pecchè  si nu poche surde e allora

FERDINANDO:oh ma in questo sono disgraziato

FELICE: eh,... stammatina avimme fatte na riunione e disgraziate

FERDINANDO: (mettendosi gli occhialie li osserva) ma avete forse avute una disgrazia insieme io vi vedo tutti e due fasciati

AMALIA: no chille ognune e isse a avute a disgrazie soia.... Saverio e carute a coppe o liette..e Felice a coppe e scale ed io  il feteco che mi fà male

FERDINANDO: feteco?

AMALIA: sicuro il feteco

FERDINANDO: vorrai dire fegato

AMALIA.: ed io c'aggio ditto

FERINANDO: mi era parso di sentire "feteco"

AMALIA: appunto! e se non me lo curo  il mierico ha detto che mi può venire l'epatife pidocchiosa

SAVERIO: Amà , si dice l'epatite perniciosa!

AMALIA: appunto e io c'aggio ditte  

FELICE:  e cheste pò scrivere nu vocabolario pe gnurante   

CONCITA: (entra ) cari zii  (riverendo e guardandolo con passione si avvicina a Felice) Don Felice oh vi siete tagliato fatemi vedere (lo accarezza sulle ferite)

FELICE: (m'avesse pigliate pe tarzan ,,fa smorfie) nun è niente, non vi preoccupate..e lassate ,stà mane!

AMALIA: Ferdinando tu vieni con noi stammatina per una passiata in centro a videre li negozie  accussì facimme ammarenne fore

FERDINANDO: (accostando l'orecchio) non ho capito niente

SAVERIO: e te pareva,ti ha chiesto  se volevi uscire per una passeggiata ..a proposito Ferdinanndo, ma commè pecchè nun parle pure tu in dialetto,tante stamme in famiglia  e pò ce capimme meglie

FERDINANDO: si e raggione è meglie ca parle in dialetto si no va fernì ca po mo scorde,

AMALIA: accussì ce capische pure io... quanne parla taliano,cu chelli parole difficile cè vulesse a purtate e mane un indrepido, allora Ferdinà viene cu nuie?

FERDINANDO: no,no io preferisco godere un pò di questa pace adesso mi sdraierò sulla poltrona e mi farò una bella lettura (prende un giornale e inforca gli occhiali) e poifarò colazione ( un rumore di bicchieri rotti dal fondo)

SAVERIO: rinuccia,rinuccia ca è succieso

RINUCCIA: (affacciandosi) niente me  scappate o vassoie che tazze cu latte a mano e se so rotte tutte quante

SAVERIO:  madonna mia falle ne fà ire ampresse a chiste  a dinta casa mia se no passe nu guaie

CONCITA : ( a Felice) allora venite voi  chi più di voi può farci da guida

FELICE: (facendo smorfie e indicando le ferite) ma veramente

AMALIA.cirtamente che viene anzi addà venire pure Gennarino è meglio ca non rimane solo.in casa  quanno io non ci sono ..(avesse avennire Carluccio tre buatte e io nun putarria addifernderlo entra Gennarino ostentando modi effeminati   ) oh Gennarino andiamo oggi si fa colazione fuori

GENNARINO: oh che bello mammà, in mezzo ai prati e ai fiorellini,si si che bello che bello (Saverio lo guarda e si mette le mani in testa disperato.. escono)

SAVERIO: ah povero a mè,povero a me une e manche buone

FERDINANDO: si ,si fanne buone  è così  una bella giornata, ma non ti disperare vorrà dire che quando ti sentirai meglio usciremo insieme 

SAVERIO:(capisce sempe na cosa pe nata) beh Ferdinà  io ritorno dinta a stanza mia  mi finisco di vestire tu faie culazione ca ce vedimme fra poco

FERDINANDO: non te preoccupà faie cu commode e m'arracumanne nata vota.... statte acchiù accuorte ca te sei fatte vecchiariello.. ie carute ponne portà conseguenze serie! eh..eh. 

SAVERIO: ( mettendosi le mani in tasca) ah Ferdinà nun accuminciamme.. mo vengo(esce e si sente un rumore ed un lamento)

FERDINANDO: che cosa è successo..Savè si state tu

SAVERIO 🙁 da dentro) niente steve sule carenne a coppe e scale,pe furtuna me so afferrate o curnicielle

FERDINANDO: e fatte e virmicielle..e allora vive vive Savè eh.eh, vivite assaie acqua( si siede e ricomincia a leggere)

SAVERIO: (da dentro) all'aneme e mammete

Scena 4°: Ferdinando, Rinuccia, Luisella

RINUCCIA: (entra con il vassoio della colazione) ecche qua don Ferdinando la culazione è pronta

FERDINANDO:(con lazzi togliendosi gli occhiali e posando il giornale)o grazie grazie meravigliosa fanciulla ( con le mani cerca di prendere la tazza sbaglia e prende un gamba di Rinuccia)

RINUCCIA: ne Don Ferdinà ma comme vi permettete

FERDINANDO:oh  scusate sapite chilli sò l'uocchie

RINUCCIA:  no Don Ferdinà chelle e a coscia mia

FERDINANDO: vi prego non era assolutamente intenzionale

RINUCCIA: e già voi poi nun ce vedite buone è o vero, e allora nun ve movite stateve ferme io mi sposto qua e vi servo( serve la colazione chiedendo quanto zucchero (intanto bussano alla porta,va ad aprire e compare Luisella)

LUISELLA: ( vestita elegantemente) buon giorno ci stà il signorino Saverio?( fa un tic nervoso con l'occhio)

FERDINANDO: (la scruta alzando il giornale) che bella guagliona.. chissà chi sarrà 

RINUCCIA:( e chesta adda essere a sore e Carluccie tre papagne e tene pure nu ticchio nervoso) sissignore Don Saverio è appena salito sopra si sta finendo di vestire e poi nun è cirtamente signurino e mo ce vò chille è nzurate da venticinque anne e pergiunte cu na mugliere ca le puzzene e baffe,ma  vuie chi site chiuttoste ca vulite

LUISELLA: sono  Luisella    a sore  e Carlucce tre papagne , sono venuta pe m'assicurà e persone ca chelle ca ma ditte frateme è o vero, vuie allora me state dicenne ca  stu Don Saverio Mezzapellecchie è viecchie ed è pure sposato e nun o stesse giovine ca cu prumesse e vase m'ha ngannate

DON FERDINANDO: oh come mi piace , che fisico. che modi aggraziate,(continua ad osservarle e curiosamente si pettina e si mette a posto la cravatta) non capisco che sta dicenne però  ca ciaciona    ca'rè

RINUCCIA: proprie accussì sicuramente sarrà state cocche giovanotto ca doppe sa se pigliate o passagge cu vuie pe nun se fa scuprì va date nu nomme  fauze va a  vedè mo chi sarrà state ...povereretta comme vi compiatisco voi ingenuamente avite pensate , è un bel giovine me piace e me putarria sistemà e invece..ma sentite a me turnatavenne a casa vosta   e a prossime vota stateve acchiù accuorte si no cu chillu frate ca tenite cocchedune po passà nu guiaie a tuortamente

LUISELLA: si ..si avite raggione ma io nun mi muovo da qui e voglie aspettà ca chisto Don saverio scende, nun è pecchè nun ve crede ma sule per essere certe e stu fatte e pe scusarme eventualmente del malinteso(notando Ferdinando che la osserva) ma diciteme na cosa ma chi è chille ca da  quanne so trasute me sstà guardanne cu tanta insistenza

RINUCCIA: a quello, è o cugino da patrona mia è nu poche nzallanute ma è assaie richhe e stà chine e proprietà sapite stà ccà pecchè vo spusà a figlia nu poche  brutta pa verità cu figlie da padrona mia ma chille Gennarino già stà mpignate cu na bella guaglione figurateve si sa piglie a essa

LUISELLA: ma allore Don saverio tene nu figlio giovine..... ma fose state isse a farme stu scherzetto? no.no nun me move accà fine a quando sta situazione nun è chiarita

RINUCCIA: e va buone ma ve pozze assicurà ca Gennarino nun centra niente nammurate cummè e Giuliette maie avese putute fa na cosa del genere ( fossse state Felice)

LUISELLA: sarrà... sentite posso sedermi qui mentre aspette

RINUCCE : certamente anze la ce stanne e giurnale si vulite leggere cocche cosa accussì nun vì annuiate io agga ì a chill'atte a fare i servizi si no quanne torne Donna Amalia so dulure ( fà  per andare e Ferdinando la chiama)

FERDINANDO: Rinuccia ( le fà cenno comicamente di avvicinarsi)

RINUCCIA: dicite Don Ferdinà ( si interpone fra lui e Luisella)

FERDINANDO:  sentite ma chi è chella bella guagliona( gli fa cenno di scostarsi mentre Luisella si alza per vedere i quadri non la vede e fa cenno a Rinuccia di spostarsi e così via per un pò) ma in somma levatevea mieze .. oh dicite chi è perchè la vorrei conoscere me piace assaie

RINUCCIA: ( nè ma comme s'è nfucate stu crustiane) si chiama Luisella ed è  una brava guagliona pa verità nu poco sfurtunate   pecchè propeto aiere se lassate co nnamurate

FERDINANDO :andate andate allora (esce Rinuccia e si avvicina comicamente a Luisella) permettete, Ferdinando Battilocchio, al suo servizio(inchino)

LUISELLA :piacere Luisella Garofano ( fa il tic nervoso)

FERDINANDO:(chesta ce stà a fatte pure a mossa   )mi dispiace assaie assaie ma non tengo  garofani se volete provo a vedere nel giardino

LUISELLA:  no non fà niente (chiste è surde) ditemi voi siete lo zio di Gennarino,è così che si chiama vostro nipote (ripete il tic)

FERDINANDO:ah si  e comme non mi prode  

LUISELLA:( si asciuga) tene pure a sputazzelle) ma che avete capito ho detto se Gennarino è vostro nipote?

FERDINANDO : ah ..si...si certo  ma voi lo conoscete

LUISELLA:     dipende

FERDINANDO.(si guarda) veramente non mi pende ancora

LUISELLA:( all'anima de recchie ca tene chiste),non vi preoccupate tutto a posto ( guardando la foto di Gennarino sul tavolo) questo deve essere Gennarino è vero?

FERDINANDO:   si,si  è proprio lui ..ditemi piuttosto voi siete fidanzata?

LUISELLA: ( nun è manche isse  ..ne ma po chiste ca vò sapè) eh..si...e.no

FERDINANDO:speriamo che sia più no che si ..eh

LUISELLA : ne a ma voi che ve ne importa poi

FERDINANDO: Signorina Luisella voi mi piacete assai assai

LUISELLA: (ma guardate nu poco comme se struscie) e io che ci posso fare

FERDINANDO: tutto,potete,se volete,perchè non vi mettete a fare l'amore con mè

  vi sposeri subito,sono un ricco  e benestante vedovo sapete, e poi  ancora piacente

LUISELLA(e chille è bello o cummò) Don Ferdinà io vi ringranzio ma voglio  bene o fidanzate mio e anche se al momento c'è qualche equivoco spero tanto che si risolva ( chiste è nu buone partito,che fà si è nu poche viecchie, facesse sicuramente a signora, mo o mantenghe nu poche ncoppaa corda nun se po maie assapè) però si a cosa nun s'avesse sistemà ,..sapite na cosa pure vuie mi site assaie simpatiche,ma ora debbo andare mio fratello mi aspetta

FERDINANDO: allora permettetemi di accompagnarvi fino al portone almeno

LUISELLA: permetto ,permetto

FERDINANDO: alllora un momento solo.. il tempo di mettermi la giacca ,(chiama Rinuccia) Rinuccia::Rinuccia!

RINUCCIA: (entra) dicite Don Ferdinà

FERDINANDO: Rinuccia io accompagno questa graziosa signorina .dite a Saverio che ci vediamo all'ora di pranzo ..andate ,andate ( Rinuccia esce gesticolando) allora solo un momento e subbito arrivo(esce(

Scena5° : Saverio, Luisella, Amalia, poi Ferdinando

SAVERIO : (entra, nota Luisella e fa gesti  poi si avvicina) permettete Saverio Mezzapelleccchia cosa posso fare per voi

LUISELLA: (porgendo la mano) Così siete voi Don Saverio?

SAVERIO:(tenendogli la mano si siede accanto a lei ) o Gesù ,, sono io proprio io..non vi piaccio forse

LUISELLA: che centra è solo ca nun site chille ca cercavo vedete io sono Luisella la sorella di Carluccio tre Papagne (Saverio ritira la mano)e vi chiedo scusa per l'equivoco (ripete il tic)

SAVERIO: (mamma  chesta ci stà e  quant'è bbona ne valesse propria a pena) cara Luisella nessuna scusa anzi è stato nu piacere ca v'aggiu canusciute,,site tanta bella ( si avvicina e gli prende la mano intanto entra Amalia )

AMALIA; (gridando) Savè!

SAVERIO: ( si volta sorpreso e spaventato) Amàaa!

AMALIA: all'aneme do scurnacchiate .. e fine dinta a casa... aaah puorche assassine(prende la scopa e avanza verso Saverio che con una gamba dolente si dà alla fuga)

SAVERIO: Amà aspiette è tutte n'equivoco (intanto scappa all'interno e si odono lamenti)

FERDINANDO:) (entrando) eccomi qua sono pronto ( vedendo Luisella impaurita) su ,su non avrete certo paura di un gentiluomo orsù andiamo(le prende una mano ed escono)

 

TERZO ATTO

STESSA CAMERA:

Scena 6°: Rinuccia, Giulietta, Michele

RINUCCIA:  ( entra Rinuccia e accende la radio, poi bussano alla porta) mamma mia ma ogge nun se riesce nu poco a stà quiete..e che ce vulute pe calmà a donna Amalia meno male ca ce steve pure Michele  e simme riuscite a farle fà pace ,si no all'ore e mò fossime iute a fernì o manicomio( bussano e rinuccia và ad aprire)

GIULIETTA: (entra con libri in mano) oh  ciao Rinù ma cher'è nun ce stà nisciune

RINUCCIA: no.no ce stanne ce stanne, Don Saverio e donna Amalia se stanne a rifriscà abbascio o giardino e patete stà a preparà o pranzo

GIULIETTA: e Gennarino addò stà e asciuto?

RINUCCIA: si...si  è asciute cu Felice e Concita ma mo vide comme vene Donna Amalia a ditte ca s'erano fermate nu poco a Palazzo Reale ma sarebbero rientrati per il pranzo quante a Don Ferdinando quanne fernisce e fà o galazzare tanne vene

GIULIETTA: Rinù ..num ammanascunne niente ..è o vero ah sule a penzà ca è asciute cu chella scigna già  me sente male,ma ce steve pure Felice?

RINUCCE: nun te preoccupà Felice stà nzieme  a loro anze ha fatte credere a Concita ..ca Gennarino è nu poche femminiello accussì sa levate a dinta a capo, ma o fatte acchiù curiuse ca Concita a fernute cu Gennarino e ha accuminciate cu Felice ,(ridendo) sapisse ca spasse

GIULIETTA: (ridendo anche lei) ah,ah,ah che spasse

MICHELE: (entrando) ohè Giuliè si turnate, t'agge ntise a dinta a cucina ca ridive ca è state è ghiute tutte buone l'esame ?

GIULIETTA: si papà tutte buone ed è peccheste ca so cuntente guarda (gli mostra un foglio) 

MICHELE: brava .brava a figlia mia tu me darraie nu mare e soddisfazione  (la abbraccia e la bacia)

GIULIETTA: adesso vado sopra mi cambio e ti dò una mano in cucina (fa per andare)

MICHELE: no.no riposati io ho quasi fatto e poi c'è già Rinucce ca me stà aiutando è vero Rinù

RINUCCIA: si,si vatte a riposare Giuliè ci penzo io  va.va (esce Giulietta)

MICHELE: Rinù, io te vulesse dicere nu sacche e cose, ma n'omme comme a me ca è state sule pe tantu tiempe e a pensate sule a faticà  pe  creà n'avvenire a chella povera figlia mia in questo momento nun trove manche e parole adatte pe te fà na dichiarazione,Rinù (gli prende le mani) mi prenderesti come marito?

RINUCCIA: Michè è da quanne si trasute dinta a stà casa che me sì piacute, io so na guaglione onesta e sicuramente te ne sei accorte ,e nun agge mai vulute metterme cu nisciune,io..te dicesse subbeto ca si...ma tu tiene na figlia giovane che si deve ancora sistemare..e ponne nascere gelusie ed equivoci che rovinerebbero la nostra unione, io ti sposerò pecchè te voglio bene,ma apettamme Michè,aspettamme  primma ca Giulietta si sistema e pò

MICHELE: Rinù, ma Giulietta è ancora guagliola,  ce ne vò e tiempe e nuie rischiamme e ce fà viecchie senza assaggiare le bellezze  del matrimonio

RINUCCIA: Michè tiene fede... ca chelle ca nun succede  dinta a n'anne pò succedere n'tà nu ghiuorne

MICHELE: saie forse quacche cose,forse Giulietta se confidate cu te? e già fra donne per queste cose è più facile,dimme è così non è vero?

RINUCCIA: si Michè Giulietta è fidanzata ma per il momento e meglio ca nun le dice niente

MICHELE: e no! nu pate ca tene sule na figlia e ca sa stà criscenne che mullichelle,facenne mille

sacrificie per assicurargli un avvenire non può rimanere all'oscuro di tutto .devo sapere, perchè solo sapendo può aiutarla, oggi per le brave ragazze ingenue come lei ci sono mille insidie,tante trappole,e poi chi è questo giovane, chi lo conosce.... è un bravo ragazzo,un malfattore,un delinquente,uno che gli piace prendere in giro le povere ragazze indifese...dimmi lo conosci forse tu?

RINUCCIA: si lo conosco, e staie tranquille è nu bravo giovane ha conosciuto Giuletta all'università e so già duie anne ca se vogliono bene

MICHELE: e io nun me ne sono mai accorto, ma adesso andrò da Giulietta e mi farò dire tutto,tytte m'ha da dicere

RINUCCIA: Michè te prego nun esssere dura cu Giulietta,ti dico io tutte cose ,ma nun le dicere niente , almeno fino a quanne e cose nun se chiariscono ,tu dice ca me vuo bene e allora falle pe mè

MICHELE: e va bene dimme tu e cose comme stanne

RINUCCIA: Giulietta è fidanzate con......

MICHELE: con ,su avanti

RINUCCIA: cu Gennarino ..o figlio e Don Saverio, e si ogge te truove dinta a stà casa  nun dà  colpe a Giulietta ,a fatte tutte Gennarino ,quannna sapute ca mestiere facive a ditta a Giulieta ca canusceve isse na  famiglia ca cercave nu cuoche e accusssì t'ha truvate nu poste a casa soia e quanne Giulietta è trasuta ccà e se ne accorta ormaie ere troppe tarde,ha cercate e se ne andare ma Gennarino è state accussì convincente ,e pò l'ammore quanta cose fà fà l'ammore 

MICHELE: ah ecco perchè. tutte quelle premure, chella facilità a trovare questo impiego, era tutto preparato,ed io che figura .che figura, in che posizione adesso mi trovo, io sono una persona onesta,e non sopporto che mi si scambia per un imbroglione opportunista no,non voglio certo contrariare l'amore di mia figlia ma  desidero chiarite tutto con Don Saverio e all'occorrenza lasciare questa casa,ora però devo preparare il pranzo ma dopo ,dopo metterò in chiaro questafaccenda(esce)   

                                                        

Scena7°: Rinuccia, Concita, Gennarino, Felice,

                                                                                                                                              

RINUCCIA:che pasticcie agge cumbinate ,era meglio se me fosse statte zitte,ma pò comme avesse putute cchiù guardà  a Michele senza sentì chillu turmiente dinto o core,specialmente mò che si è dichiarate,(voci dall'esterno)stà venenne.. Felice l'aggia mettere a currente da situazione e speriame ca trove u modo e sistemà pure stu fatte

FELICE: (entra con Concita e Gennarino) oh eccoci qua,e speramme ca finalmente si mangia

CONCITA: ma come avete ancora fame, vi siete mangiato,una pizza,tre sfogliatelle e un babà,

siete proprio affamato,ah così mi piacciono gli uomini,mai sazi... sempre pronti a ricominciare.

(avvicinandosi a Felice) oh Felice,sedetevi vicino a mè ditemi,siete  sempre così  sempre affamato .....anche in amore

FELICE: veramente in amore...sono  un poco fiacco,ogni tanto faccio pure fiasco,(rilassandosi) vedete sono un poco debosciato,cagionevole di salute,...anemico

CONCITA: su ,su a questo c'è rimedio vedrete  vi curerò bene, ogni mattina ddoie ove fresche,e panzarotte a voluntà,oh mio caro Felice (moine)

GENNARINO: (e chesta mo accumincia da cape,povero Felice a passate stu guaie) io m'agge scansate e chelle commme  è na sanguetta s'è attaccate e nun o molle cchiù Rinù dimme ce vò assaie tiempe po pranze?

RINUCCIA: no anzi fra poco è pronto e se non volete fare tardi vi conviene di andarvi tutti a rinfrescasrvi

CONCITA: (alzandosi) si certo avete ragione andrò subito sopra a lavarmi un poco e tu felice non te ne mica andrai,tu resti a pranzo con noi vero

FELICE: (quanne se tratte e mangià s'affronta qualsiasi sacrificio) si rimango ,rimango volentieri,(ma fino a doppe mangiate si no,m'avesse arruinà a digestione)(esce Concita)

GENARINO: beh Felì andiamo pure noi a sciaquarci,se vogliamo mangiare

RINUCCE: aspettate,addò iate vi debbo parlare  a tutte e duie

FELICE: con te non ci parlo,se stò combinato e stà manere è tutta colpa toia

RINUCCIA: ma pecchè all'appuntamento  a mezanotte sotto all'albero e cerase t'avesse nvitate io

GENNARINO: e dice buone,và a truvà mò chi è state ca t'ha fatto o servizio ehh  non sempre in amore si vince cocche vote se perde pure,mò che centra Rinuccia

FELICE: e nò centra, lei centra sicuro!... beh dì che cosa vuoi

RINUCCIA:  Gennarì ....Michele a sapute tutte cose fra te e Giulietta

GENNARINO:(impaurito) mamma mia ,e mò,mò ca succede Felì... ca succede mò

FELICE: scummette ca ce l'è ditte tu, è o vero?( Rinuccia annuisce) ma pecchè.. che bisogne c'ere nun capische

GENNARINO: Rinù pecchè ce le ditte? io te faceve da parte mia e tu,tu m'è tradite  ma pecchè?

RINUCCIA: Gennarì perdoname so state costrette,quello Michele mi ha chiesto di sposarlo ed io ho ,acconsentito pecchè è n'omme ca me piace,e  fra mè e lui tutto deve essere chiaro fin dall'inizio e certamente non potevo nascondere una cosa del genere,pensavo che avrebbe preso la cosa più benevolmente, ma è testardo e  orgoglioso e dopo pranzo decisamente chiarirà la cosa con Don saverio e andrà via

GENNARINO: ma è possibile ca a nu poche tiempe a chesta parte e cose vanne tutte storte

RINUCCIA:nu poco e pacienze, forse pò s'aggiustano c'avimme fà stamme sotto  a mano do cielo

FELICE: no... stamme sotto e mane   e sputazzelle,

GENNARINO: e chi è mò stù sputazzelle

FELICE:  chillu iettatore e zite Ferdinando, ca si nun se ne và ampresse a dinta a stà casa  porta alla rovina a tutti quanti ,siente  mò vedimme comme a m'ha fà pè sistemà chist'atu fatte,anze tenche già n'idea bona ,ma pò nciarmamme qualsiasi cosa  pe nu fà ì a isse e a chella zellosa da figlia

GENNARINO: sine Felì , ma facimme subbeto subbeto,io mò nun trovo pace fino a quando nun se risolve stà situazione,dimme c'aggià fà,io sono disposto a fare tutto ,a buttarmi nel fuoco,se necessario,ma te prego(patetico) nun me fà parlà cu mammàaaa

RINUCCIA:( rimando) facitele parlà sule cu papàaaa

FELICE: Gennarì ferniscele nu poco e frignà se stamme buone a sentere, mò saglitenne ncoppe e quanne sarrà ore e magnà, dì ca nun  tiene famme e pecchè nun te siente troppe buone e panza e ca preferisce e stennerte nu poo ncopppo o divane 

GENNARINO: ma io tengo famme,e si nun mangio a panza ma faciarria male o veramente

FELICE: insomma Gennarì,o vulimme risolvere stù caso o vuoi fà succedere o finimondo

GENNARINO: no, certamente avimme risolvere

RINUCCIA: e allora nun e mangià e  statte accuorte a chelle ca dice felice

FELICE: ben detto! allora,mentre tutte mangiano Rinuccia farà venire Giuletta nel salotto a parlare con te e l'assicurerà  che in caso che venga qualcuno vi avviserà, ma non sarà cosi,perchè io farò im modo che Don saverio vi veda e mi raccomando,quando lo senti arrivare tieniti stretta Giulietta e dalle un bacio.

GENNARINO: ma tu allora mi vuie fà ire allo spetale,chille primme me ciacche pateme  pò me mazzeie mammema e in ultimo Michele

FELICE: tu pienze a fà chelle ca t'aggiu ditto  e non te preoccupà,hai dimenticato che tuo padre ti crede un femminiello e allora fammi fare a mè e vedrai che tutto andrà bene

RINUCCIA:si pò va malamente ormaie

GENNARINO: e ormaie cchiù nere da mezanotte nun pò a venì (bussano alla porta Rinuccia va ad aprire e compare Ferdinando) 

FELICE:(facendo corna) a proposito da mezanotte è arrivate o iellatore

Scene 8° : Rinuccia; Felice, Gennarino;Ferdinando

FERDINANDO: oh carissimi ,stavate forse aspettando mè per il pranzo,io vi chiedo scusa,ma vedete,per mè  questo ritardo ne valeva la pena , (facendo lazzi mentre tutti lo guardono curiosi) o che ciaciona  che zuccherino,ma quand'è carucce(avviandosi all'interno) lavo le mani e torno (esce cantando "oi vita oi vita mia e facendo lazzi)

FELICE: ma che l'e succiese?

RINUCCIA: niente  ha canusciute na figliola e mò stà a fà o schiattamuorte nammurate

FELICE: neh e chi è stà sfurtunate?

RINUCCE: ah a sore e chille ca venette a iere  ccà e facette nu mare e mmuine, aspette  .... comme se chiamme

FELICE: Carlucce tre Papagne?

RINUCCE: è accussì

FELICE: mamma mia ca mbruoglie è chiste

GENNARINO: n'atu mbruoglie?(dal fondo si odono le voci di Saverio e di Amalia)

FELICE :no,no va,va e fà comme t'aggiu ditte, ca sente ca arriva gente (esce Gennarino entra Saverio ed Amalia Felice sul divano)

SAVERIO: ti dico che è comme dico io, Gennarino non è normale e cheste pe colpa toia, Gennarì bella a mammà, ne dà rette e femmine ,chelle te portane  a mala via e accussì e accullì  e me l'e nguaiate, si fosse state o vero c'avesse fatto o servizio a sore tre papagne sarria state meglio, ma Rinuccia a ditte che nun è state isse , pecchè 

 

AMALIA:  pecchè l'ha  veduto in fotocrafia    Savè ma mò vulimme accumincià nata vota, t'aggiù ditte che subbeto doppe mangiate u purtamme a fà na visita  addò nu specialista e sti malatie e vedimme ca dice  tante a chistu punto manca a Concita se pò spusà

FELICE: (alzandosi dal divano e tossendo) scusate ho sentito bene ..Gennarino è ammalato?

Scena 9° : Felice, Saverio; Amalia

SAVERIO:  ah Felì tu stai ccà...ma comme tu ce staie nsieme da matina a sera e nun ti sei accorto che da un pò di tempo a chesta parte Gennarino pare  na signurinella insomma nu ricchiuncielle!

FELICE: oh che parole grosse ,si è vero ha cambiato un pò gli attengiamenti, ma... è normale

AMALIA: ma comme è normale nun o vide comme se move,comme parle

FELICE: è solo un momento di transizione,vedete io e Gennarino siamo già stati dallo specialista,un mio caro zio  che è  anche un androlologo

AMALIA: tu tieni uno zio strologo, e che  significa questa parola

SAVERIO: andrologo,Ama ha detto Andrologo ed è un dottore che studia le malattie del sesso

FELICE :per l'appunto, vedete Gennarino è un poco scornoso e quando si è confidato con mè siamo andati da questo mio zio al quale abbiamo sottoposto il caso ,il quale ha detto.. mi raccomando però io vi dico tutto ma è un segreto

AMALIA: e che ha ditto ,che a ditto

SAVERIO: e nu mumento lascia o fernì e parlà

FELICE: il quale ha detto!(cambia voce) "Gennarino è un giovane con un carattere particolare,e questi sintomi dimostrano che non ancora ha fatto una scelta

AMALIA: quale scelta?

FELICE: la scelta di essere un uomo...oppure una donna tutto dipenderà... da un incontro e quindi  dal destino

SAVERIO:  e che incontro ,che incontro

FELICE: (tornando alla sua voce) in poche parole,Gennarino diventerà un vero uomo se incontrerà la sua anima gemella,cioè una ragazza che riuscirà a sbloccare i suoi sentimenti ,altrimenti passerà definitivamente ..(mimando)dal'altra sponda

SAVERIO: ma comme in tutti questi anni di scuola  nun l'è mai capitate di trovare na guagliola adatta,e mai possibile che in tutta la provincia di Caserta non esista la sua anima gemella

AMALIA: e quantu tiempe ancora le rimmane pe truvà stà gemella? primma ca succede na disgrazia

FELICE: poco..poco forse un mese

SAVERIO: viene Felì andiamo a mangiare ca dopo a costo di portarlo per mezza italia quest'animagemella sempre la troveremo,vieni Amà andiamo

AMALIA: avviateve io ,aspette a Gennarino ca scenne e pò vengo

FELICE: m'arraccumanne Don Amà vuie v'avesseve fà scappà na parole e chelle c'avimme ditte ,cu Gennarino sarebbe una tragedia ...ssss .....ma'rraccumanne (dal fondo si ode Ferdinando che canta)

Scena 10° : Amalia, Ferdinando, Gennarino, Concita

SAVERIO: ovilloco ovì i è comme stà cuntiente (si mette le mani in tasca) si nun se ne và ampresse e mò a trova Gennarino l'anima gemella(escono.. entra Ferdinando)

FERDINANDO:oh carissima Amalia,sapessi che furtuna che ho avuto oggi    

AMALIA: hai vinto la sisal,oppure al bancolotto

FERDINANDO: meglio meglio..finalmente dopo tanto tempo,ho trovato l'anima gemella

AMALIA: o mamma mia allora Gennarino è salvo è salvo

FERDINANDO : Gennarino? e che centra Gennarino

AMALIA: ma comme tu propeto adesso e ditte che e truvate l'anima gemella

FERDINANDO: appunto , ma per mè ehhh

 AMALIA: povero Gennarino che pena

FERDINANDO: ma pecchè ca è succieso

AMALIA: è succieso ca o povero figlio mio stà addiventanne nu femminiello e lo strologo ha detto

FEDINANDO: lo strologo? e chi è costui?

AMALIA: ma comme Ferdinà nun canuscie lo strologo,è quello che studia e malatie do...comme se dice..insomma che studia le malattie ..del coso e della cosa

FERDINANDO: nun agge capite niente

AMALIA: Ferdinà guarda a me,(con gestualità) studia le malattie del coso e della cosa,va bè^

FERDINANDO:ma veramente

AMALIA: Ferdinà ma tu (indicando) o campaniello o tiene ancora?

FERDINANDO: ah,mò agge capito tu volevi dire l'andrologo

AMALIA: e io c'agge ditto,dunque chilla a ditte ca Gennarino se pò salvà solo se incontra n'anima gemella , cioè na ragazza ca fà pe isse e viste ca a chesta parte nun a truvate ,pecchè nun to puorte cu tico nu poco nell'altra Italia

FERDINANDO: va bene  ,non ti preoccupare,lo porterò con me a Bergamo e gli farò conoscere tante di quelle ragazze che certamente una la troverà ,oh però adesso ti vorrei chiedere un piacere,agge canusciute na bella ragazza e ca ogge stesso l'ho invitata con il tuo permesso a venire qui per prendere un thè insieme, verrà con il fratello e avrei piacere che foste presenti pure tu e Saverio,anche per darmi un consiglio,semmai, mi volesse sposare

AMALIA:  tu sposare.. mah e va bene ,la mia casa è la tua Ferdinà nun te preoccupà(entrano Gennarino e Concita)  Gennarì bella mammà   su fà ampresse andiamo Concita il.pranzo è pronto

GENNARINO: (comincia a lamentarsi mettendo le mani sulla pancia) no mammà io nun vengo so scise apposta pe tò dì ..nun me va e mangià stammatina me so nturzate e sfugliatelle e pizze e mo tengo o male e panza

AMALIA: ma comme stanne già tutte a tavole e tu manche?

GENNARINO: no ,no preferisco metterme nu poche ncoppe o divane  a ripusarme vuie iate bon'appetito

AMALIA: e no Gennarì ,si tu nun viene nui nun ce movimme a ccà e verò Ferdinà?

FERDINANDO: ne Amà ma tu vuie pazzia io tenco na caspita e famme ca me mangnasse pure a Gennarino,lassamme o stà a ripusà ca doppe vire ca le passa o male e panza e vene pur'isse

AMALIA; e và buone iammuncenne ma m'arraccumanne si t'avisse sentì cchiù male chiammame

GENNARINO: iate ...iate  nun ve preoccupate bon'appetito (escono)   

Scena 11° : Rinuccia,Giulietta;,Saverio,Amalia,Felice

RINUCCIA:(affacciandosi) viene Giuliè ce stà sule Gennarino (entra Giulietta)

GENNARINO: ah finalmente.stanne tutte a mangià,Giuliè vieni ccà parlamme nu poco e tu Rinù(facendo  cenno) statte accuorte ca si avesse venì cacchedune avviertece a tiempe

RINUCCIA: sicuro nun ve preoccupate ...ca ci penso io,appena sente cocchedune ca vene

v'avvisa a tiempe (esce)

GIULIETTA: Gennarì che stà succedendo,pecchè me mannate a chiammà cu tanta urgenza,e pò avimmme fatte nu patte, t'ho si scurdate ? mai vederci quanto siamo in casa

GENNARINO: si si hai ragione ,ma un fatto nuovo ha fatto precipitare gli eventi,ma non ci dobbiamo preoccupare,penserà Felice a risolvere tutto,Vieni fatti abbracciare

GIULIETTA: Gennarì ho paura .io vorrei ..ma  se entra qualcuno ,siamo rovinati

GENNARINO: su nun te preoccupà ,e pò ce stà Rinuccia ca ci avvisa  (Rinuccia Si affaccia e fà segno che stà arrivanne Saverio ,Giuliettta è voltata di spalle e non vede,  Gennarino Abbraccia e le da un bacio,proprio quando entra Saverio  )        

SAVERIO:(entrando vede la scena e alza le mani al cielo) Miracolo,miracolo,(si inginocchia mentre tutti lo guardono sorpresi) patatè grazie patatè (si alza  Giulietta Fa per andare via) no .no non te ne andare,tu si a salvezza e Gennarino,figlia mia abbracciame,(poi si affaccia alla porta ) Amà,Amà viene curre (entrano  Felice e Amalia tutta spaventata)

AMALIA:mamma mia Gennarino se sente male

SAVERIO: ma che male,che male,guarda(Gennarino e Giulietta stretti) Gennarino è salvo!

AMALIA: madonna mia ti ringranzio ,nui tenevame   na gemella in casa e nun o sapevame

FELICE: Donna Amà è state sicuramente nu colpo e fulmine e vero Gennarì

GENNARINO; sicuro appena l'agge viste subbeto me so nnammurate e tu Giuliè me vuò bene?

GIULIETTA: (confusa) si  Gennarì  sì te voglio bene

SAVERIO: oh meno male io vi dò la mia benedizione

AMALIA: e vi dongho anche la mia puzzate campà felice pe cient'anne

SAVERIO: si,si ma adesso bisogna che questa cosa sia portata a conoscenza di  Michele,non vorrei che lui pensasse che vogliamo approfittare di lui e della sua onestà,voi andate andate in Giardino parlerò io con lui queste sono cose da uomini e tu Felice mi darai una mano,andate

AMALIA: Savè m'arraccumanne guarda ca ..

SAVERIO:Amà  zitte, avimme fatte nu patte e rispiettele,da oggi in questa casa le decisioni le  prendo io si no avize ncuolle ..e me ne vado ..per sempre

AMALIA: si.si Saverio mio fà comme vuie tu ,venite usciamo

SAVERIO:Rinuccia,Rinuccia

RINUCCIA: eccomi Don Savè

FELICE: Rinuccia chiama Michele (Saverio annuisce Rinuccia esce) Don Savè da oggi il bastone è tornato nelle vostre mani

SAVERIO: e stai sicuro che non me lo faccio scappare(entra Michele e Rinuccia)

Scena 12° : Saverio,Michele, Rinuccia,Felice

MICHELE: Don savè mi avete mandato a chiamare,ed eccomi quà, io sono confuso e mi scuso se

SAVERIO: voi non vi dovete scusare di niente,da oggi in questa casa c'è bisogno di un nuovo cuoco

MICHELE: avete ragione  mentre raccolgo le mie cose e andiamo via, ma vi posso assicurare che io da persona onesta non avrei mai pensato

SAVERIO:ma che avete capito;Michè,tu da oggi non sarai il mio cuoco bensì il suocero di mio figlio (Michele vorrebbbe replicare ma Felice lo zittisce) benedetto quel giorno che tu e Giulietta siete entrati in questa casa, perchè finalmente posso dire di avere un figlio maschio

MICHELE:ma allora

RINUCCIA: ma allora nun e capite,tua figlia è felice, Donna Amalia e Don Saverio sò cuntiente e io,io (piange per la contentezza ed esce)

MICHELE: Rinù ,Rinù

FELICE: (mettendo una mano sulle spalle di Michele) va..va Michè chella  chiagne pa cuntantezze,va ..e va (esce Michele)

SAVERIO : oh tutto è bene quel che finisce bene

FELICE: veramente Don Savè ce stà ancora a risolvere na situazione ca si nun me stongo accuorte piglie curtellate a nun fernì

SAVERIO: ma comme,e pecchè

FELICE :Don Savè perdunateme,ma a sore e tre papagne...sò state io

SAVERIO: si state tu? e mi stive facenne passà nu guiae a mè

FELICE : si  pecchè maie avesse penzate ca chella teneve nu frate guappe e ca fosse venute a casa vostra, mò nun sacce c'agge fà si chelle m ìncontra mmieza a via nzieme o frate sò n'omme muorte

SAVERIO: na soluzione c'e stà ,sposate a Concita,e vattenne a Bergamo

FELICE: vuie pazziate Don savè a chi vulite nguaià,io sono giovane, e poi devo essere libero di posarmi di fiore in fiore

SAVERIO:ma pure Gennarino è giovane e pure si sposa

FELICE: che centra Gennarino è innamorato... io  no!( entra Ferdinando e Concita:

Scena13° : Saverio, Felice, Ferdinando Concita,Rinuccia,poi Carluccio

FERDINANDO: ah questo cuoco che tieni è bravo o viramente ma fatte addicrià

CONCITA: era da tanto tempo che non mangiavo così bene

FERDINANDO: Savè mo facisse nu piacere? io mo vulesse purtà a Bergamo e se tu permetti ce facce subbeto a proposta e le raddoppia a mesata

SAVERIO: ma veramente...io

FELICE: Don Ferdinà ,sentite,Michele non è il cuoco di Don Saverio bensì il futuro consuocero.quanto ha saputo che venivano ospiti e che il vero cuoco era ammalato si è offerto di cucinare lui  perciò Don Saverio era un pò in imbarazzo

SAVERIO ;certo,certo e proprio così

FERDINANDO: ma allora Gennarino è fidanzato e nun m'avite ditte niente

SAVERIO : eh voleva essere na sorpresa  questa sera avremmo annunciato ufficialmente il fidanzamento

CONCITA: che bella sorpresa,allora quand'è così vado a fargli gli auguri permettete ( esce)

FERDINANDO;(bussano alla porta) (Rinuccia corre ad aprire ed entrano Carluccio e la sorella,Felice preso di sorpresa  si infila sotto il tavolo) oh finalmente prego ,vieni Savè,vieni pure tu Felì che vi presento ,ma a dò è ghiute Felice..Savè ho il piacere di presentarti Luisella Garofano di cui ho chiesto la mano ( ah  di Saverio presentazione) e suo fratello ( ah  di Saverio presentazione)

SAVERIO: ( forse riesco a salvà a Felice)  accomodatevi prego dunque questa sarebbe vostra sorella

 FERDINANDO: è sua sorella ,perciò lui stà qua ,quantè è caruccia nun e o vero?(sposta la gamba  Felice prende un calcio e si lamenta mentre gli altri si guardono lui chiede scusa) e Amalia dove stà Amalia mandala a chiamare che ce la voglio,presentare

FELICE: (da sotto il tavolo) e mò facimme a frittata

AMALIA: (dalla porta) Saverio chi sono i signori..oh ma io vi conoscio

SAVERIO: ( gli fà cenno di stare zitta) no mia cara ti sei forse sbagliata  (rivolgendosi agli altri ) non è vero (tutti asseriscono) anzi faccio subito le presentazioni, questo è Carluccio tre papagne e questa è la sorella  Luisella ,fidanzata di Ferdinando 

AMALIA: Ah congratulamente, siete proprio voi quella che

SAVERIO: assettate, nun cumbinamme n'atu guiaie

CARLUCCIO: ( a Ferdinando)è così voi vi siete innamorato di mia sorella ,e la volete sposare,è vero? (da un calcio a Felice poi si scusa con gli altri sorpresi)

FERDINANDO: certamente,se lei vuole s'intende

LUISELLA: beh per la verità Don Ferdinando non mi dispiace è accussì simpatico

FERDINANDO: oh pupatella  mia

CARLUCCIO: e ditemi che referenze avete

AMALIA: vulite pazzià mio cugino questo qua ..è ricco sfonnato di sordi e di palazzi e non per dire la sua è una famiglia illustrata

CARLUCCIO: allora quannè accussi ..acconsento al matrimonio (si abbracciano) (entra Concita)

CONCITA: ma che succede ,ditemi cè una festa?

FERDINANDO:  Concita ti presentoLuisella , mia futura moglie e questo è Carluccio  suo fratello

 

CONCITA: finalmente ci conosciamo,papà non ha fatto che parlare di te sono contenta ma non sapevo che avevate un fratello così interessante( comme mi piace) 

SAVERIO: (stà a verè ca forse ci levamme tutte e quatte a nanze e piede)  bene, sono contento che Ferdinando dopo tanto tempo si è sistemato ,verrà poi anche il vostro tempo cara Concita

CARLUCCIO: ( pe sorde ca tene nu sacrifice se pò pure fà) ditemi cara Concita ma voi non siete fidanzata?

CONCITA Io ..no e voi?

 

CARLUCCIO: nemmeno, ah come mi piacete(da un calcio forte e Felice viene spinto fuori sorpresa)

LUISELLA: ah..ah è lui..è lui  (Carluccio prende la pistola, Felice fà per scappare ma è trattenuto da Saverio che ferma anche Carluccio) ma insomma che volete fare è solo un servo

LUISELLA: è solo un servo?

SAVERIO: si e nun capische comme steve sotto o tavulino,lazzarone ca nun si altro,ca facive eh

FERDINANDO: ma Felice!

SAVERIO: ma Felice adesso và dall'altra parte e poi provvederò a licenziarlo

AMALIA:ma Savè ca dice e che modi interurbani so chiste

SAVERIO: zitta fai silenzio e nun parlà cchiù si no o saie ca facce,..voi scusatemi quel servo lazzarone,disperato e senza na lira l'hò accolto in casa per carità cristiana ma è uno sfaccenfato buono a nulla, lo vorreste forse prendere voi al vostro servizio?..ve lo cedo subito

LUISELLA: no,no che ce ne facciamo  di un servo maleducato..  non è vero Ferdinando

FERDINANDO: io non capische,ma sia comme vuò tu zuccariellu mio

CARLUCCIO: allora che aspettiamo partiamo tutti e quattro per Bergamo

CONCITA; si ,si partiamo,(  salutano ed escono)

FELICE: (si butta sul divano) agge scansate stà paliate

AMALIA: ne Savè ma car'è pò stu fatte ca Felice è diventato nu servitore

SAVERIO: po to spieghe Amà,po to spieghe,(sedendosi du una sedia)ah finalmente se ne sò ghiute fossse turnate nu poco e serenità ntà stà casa

AMALIA: (carezzandolo) a Saverio mio ca grazia c'avimme avute pe Gennarino, domani stesse andrò ad appicciare quattro ceri alla Madonna di Pompei ma mo faie nu piacere,purputiellu mio,và ncoppe e pigliame o ventaglie tutta chesta ammuina mi ha fatto incaurire ca mi manca o respiro

SAVERIO: certo Amalia mia ,certo vado subito.. Felì o vuie nu cunsiglio..nun te spusà,e so proprio si costretto  falle chiù tarde ca puoi (esce)

FELICE: e Femmine male chi ci'avà a che fare vonne sempre primeggiare, primme o cumannave che palate mo o cumanne cu zuccarielle .. però  senza di loro nun se pò stà,mancherebbe tutto,  fantasia,amore,lacrime suspire e divertimento...quel divertimento che spero non sia mancato a voi (inchino) rispettabile pubblico (chiusura sipario)

fine della commedia

 

 

                            

    

   

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno