‘E grazie do paravise

Stampa questo copione

‘E GRAZIE DO PARAVISE

E GRAZIE  DO  PARAVISE

  UN PROLOGO E DUE ATTI

DI

RAFFAELE CAIANIELLO

Personaggi prologo

Gennaro

Raffaele

Gabriele

Michele

 

Personaggi

Don Saverio Monreale

Lucia                   

Elvira                            

Gennaro

Don Gaetano      

Carminucce

Girolamo

Donna Filomena Botta

Arturo

Enrico  

PROLOGO

Gli  arcangeli,dormono beati ognuno sulla propria nuvoletta .Accanto a loro in disparte , riposa Gennaro. All’improvviso entra Pietro e con evidente meraviglia comincia a gesticolare…poi..

PIETRO (con voce sommessa) Gabriele…Gabriele..  ohe! Svegliati!(poi avvicinandosi e scuotendolo) ohe, scetate, ma che faie dorme ancora? Scetate, ca o Pataterne a bisogne e te

GABRIELE: (rigirandosi e sbadigliando) ah…ma ca succede? Ma..che vo ‘o Pataterne a chest’ora..ogge è domenica!

PIETRO: e  je che ne saccie, Chilo o saie ,a me, me tene sule pe fa guardiaporte. Ma ditte, va a scetà a Gabriele ca l’agge mannà a fare un servizio sulla terra.

GABRIELE: ( visivamente scocciato) e te pareva!, oh maie  na vota ca cumanne a chist’ati dduie!..sempe a me! ..ca ddoie so e cose: o le so antipatico oppure me vo troppe bbene. ( rivolgendosi a Pietro) va,va dille ca mo subbete vengo.

MICHELE: (mettendosi a sedere e rivolgendosi a Pietro sbuffando) ma tu vire nu poche si se po durmì nu poche  in pace ,neanche si fossime all’inferno( guardando Gennaro) beata a isse ovì..a chille nun o scetane manche e cannonate,forse sule o Vesuvie, e ca maniere  so cheste, so e cinche da matine! Dico io , si avive scetà a  Gabriele  pecchè nun le fate zitte zitte.No come al solitoe fa rumore.

PIETRO: ( esce sbuffando con le mani al cielo) avite raggione ca site tre raccumannate..si no…

GABRIELE :ufff…tu invece tiene a capacità e fa ncazzà a tutti quanti. Parle proprie tu ca nun fai niente da matina a sera. E ca appena fa scure sei il primo ad andare a letto.Tu campe sule e rendite dal giorno c’acciriste chillu drago…sicuramente pe sbaglie e accussì o’ Pataterne ta mise all’ingresso del suo ufficio pe rappresentanza e tu t’appuie coppe a spada e t’adduorme.

MICHELE: eh già e gli scocciatori li mandi via tu!

GABRIELE:ma famme o piacere, ca si nun ce stesse Pietro l’annanze a mettere nu poche e ordine, stesse frische o’ Pataterne, je pozze capì a Rafele, puverielle! Tutte e santei juorne ca va annanze e arrete ca  mmericine mmane.

RAFFAELE: ( mettendosi a sedere  anche lui) state facennne nu casine e pazze! Me vulite fa durmì?.. qualche vote e chesse v’aggia fa o servizie. V’aggia mettere dinto o latte nu poche e sunnifere ca v’adda fa durmì pe na settimana.proprie stammatina me vulve scetà cchiu tarde,jere agge avute na jurnata e chelli toste. E comme si nun bastasse ‘o Pataterne stanotte ma mannate a chiammà doie vote,..Rafè me fa male a cape, nata vota ,Rafè mietteme doie gocce dint’all’uocchie

MICHELE:Rafà ca vuo fa! Nu poche e pazienza,nuie peccheste te cumpiatimme,l’arte do miereche è troppe faticosa, troppe sacrificate!Ma po comm’è  stu fatte ca a nu poche a sta via se sentene tutte male e persine ‘o Pataterne.

RAFFAELE: e che v’aggia dicere, sarà il tempo, la sfortuna. Il fatto è che non trovo piu un attimo di pace, corro di qua e di là.Ierei per esempio: Rafè curre ca Giorgio è carute  nata vota a coppe  o cavalle

MICHELE: oh chille se fa vecchie e nu s’arrenne. Agge vedè quante s’impare e je a cavalle . è na vita ca ce care a coppa e le va sempe bbona

RAFFAELE: Rafè curre  Tummase tene nata vota a freve

GABBRIELE: a pigliata  n’ata infezione?

RAFFAELE: si e si nun a fernisce e mettere e mane dinte e ferite e ll’ate cocche vote e cheste ce taglie! E a fore a tutte chesse agge avute correre pure da Ambrogio!

GABRIELE: pure Ambrogio? E che avute ‘o milanese ,chille è state sempe buone!

RAFFAELE: troppe fatiche ,troppe stress, nun o lassame maie sta quiete, va a fernì ca cocche vote e cheste o mannane o manicomio.

MICHELE: ma tu vide nu poche sti milanesi! Eppure Ambrosie ha fatte tante pe lloro.( si ode Aprire una porta e una luce li abbaglia)

LA VOCE: GABRIELE! SE NON SBAGLIO TI AVEVO FATTO CHIAMARE!

GABRIELE: Avite ragione, perdonatemi,ma chiste e e vedite m’hanne date a parlà e m’hanne  fatte perdere tiempe. Diciate ai vostri ordini  Signore

LA VOCE: DOVRESTI SCENDERE SULLA  TERRRA E FARMI UN PIACERE , OUI O MENO COME QUELLO CHE MI FACESTI TANTI ANNI FA’!

GABRIELE: nu mumente Patatè, si agge capite buone Vuie ve riferite a chella famosa …ammasciatella

LA VOCE:EH PROPRIO QUELLA, ANCHE SE STAVOLTA E’ UN PO DIVERSA E MOLTO PIU COMPLESSA.

GABRIELE: Patatè  con tuttp il rispetto..avitece pazienza eh! Je a chela vota agge passate nu guaie e Vuie ospite buone! Chi mi chiammave ruffiane, chi sanzane, chi diceve ca purtave e cazettine russe. No Patatè faciteme o piacere.. vi prego. Manatece a n’ate e po je   nun tenghe piu   l’età!so chiene e dulure!

MICHELE: scusate io debbo andare, agge piglià servizie lla fore prime ca se fa folla nnanza all’uffice

RAFFAELE: debbo andare pure io, oggi è un’altra giornata faticata, stanne tutte malate. ( escono di scena )

LA VOCE: ASCOLTA GABRIELE: DATA LA DELICATEZZA DELLA MISSIONE HO BISOGNO DI UNA PERSONA DI FIDUCIA E CHE ABBIA BUONA CONOSCENZA DEGLI USI E COSTUMI  DELLA CITTà DI NAPOLI

GABRIELE: veramente, data la natura della missione e trattandosi di andare a Napoli, la persona piu indicata è Gennaro,anche se nun ce cuntarria assaie, da quando l’avite retrocesso in serie “B” le passate ogni voglie e faticà!,e va buò ca prime nun è ca se sprecave assaie, però…

LA VOCE: PIU TARDI MANDALO DA ME E GLI SPIEGHERO’ TUTTO

INTANTO COMINCIA A PARLARGLI TU E DIGLI CHE SONO MOLTO BEN DISPOSTO NEI SUOI CONFRONTI.( la Voce  se ne va tra giochi di luci)

GABRIELE: ( avvicinandosi a Gennaro ancora addormentato , lo scuote ) Gennaro , Gennà ohe scetate! ( Gennaro  incomincia a svegliarsi stropicciandosi gli occhi)

GENNARO: cher’ è! ca è succieso mo manche m’paraviso se po durmì quiete? Po io nun tengo niente a fa’, pecchè me chiamme?

GABRIELE: avimme fa’ na missione pe cunto do Pataterno

GENNARO:pe cunte dio pateterne! Ma se lui vede e provvede  ne perché deve mandare noi? E poi io sono già impegnato, a n’ atu poco aggià penzà a fa’ o duvere mio se no chi e sente e Napulitane…o saie pure tu no, ca si nunni’ accuntente chille m’ abboffano e male parole e po si ca sto frisco.

GABRIELE: Gennà guarda ca o Pataterne  proprio a Napoli te vo’ mannà

GENNARO: Rabbiè aspiette nu mumente…primme si nun sbaglio e ditte avimme fa’..mo invece e ditte te vo’ mannà

GABRIELE: propria accussì , e si aggiù capito buono se tratta e sistemà  qualche situazione d’ amore nu poca complicata

GENNARO: e chisse so servizi ca e puo’ fa’ sule tu , o sanne tutte quante ca si pratiche e sti cose , io o ruffiano nun o saccie fa’..io e cazettine russe nun e porte.

GABRIELE: ohè Gennà nun accuminciamme a sfottere, io o ruffiano nun aggiù maie fatte..io sono stato solo portatore di notizie

GENNARO: eeh e comme si ncazzuse! carmete nu poco! chiuttosto dimme na cosa ,si vaco ca ce guadagno?

GABRIELE: ce guadagne sicuramente , mo parle co Pataterno e vidimme si puoie avè na promozione

GENNARO: siente vire nu poco si me po’ sistemà almeno dinto o calendario, e fammè sapè quanne se parte perché mi debbo preparare

GABRIELE: mo vaca a verè quanne te chiamme pe spiegarte o problema e te facce sapè

GENNARO: io invece me vaco a preparà, m’agge nu poco aggiornà e capirai..è tanto tempo che manco a Napule ca nun m’ arricorde quase cchiù niente, a parte o miracole!

FINE PROLOGO

Cala la tela

     

PRIMO ATTO

 Domenica mattina, camera da pranzo del barone don Saverio Monreale.

Gennaro entra con una carta in mano, controlla l’indirizzo ,poi si guarda in giro e si (siede su una poltrona.

GENNARO: ( massagiandosi i piedi) ahia ahia ahia e comme me fame male e si sapeva c’aveva fa tutta sta strada a piede e per giunta mmieze a tutte stu casine nun ce veneve! Mo capisce pecchè Rabbiele m’ha mullate stu servizi,che po trattandosi e n’unpicce nun o vulve manco accettare, po ‘o Pataterne: e ghiamme  Gennà ,tu si une capace, tu canusce buone l’indole de napulitane,a te po ce penze Je . e je agge amuccate mah! Speriamo ca me va bone! ( entra Lucia  per svolgere le pulizie mattutine mentre Gennaro rimane  seduto sulla poltrona ,invisibile a tutti)

LUCIA: (mentre svolge normalmente  le pulizie,vede entrare dalla finestra una pallina da tennis) eh no ehe!,e accussì nuin và, e nun se ne po cchiù! Mo ca saglie chillu birbante me sente!( intanto spolvera le poltrone e…anche Gennaroche salta da una parte all’altra  imprecando perché soffre di solletico) ma vedite nu poche si se po fa cheste da matina  a sera

GENNARO:ma vedite nu poche si cheste a fernisce me sta a passà a puliture

LUCIA: si tenghe a finestra chiusa me rompe e vetre, si a tenghe aperte me traene e palle dinta a casa!

ELVIRA: buongiorno Lucì che è state? Qualche sulicille t’ha spaventate?

LUCIA: e c’adda essere! È trasuta a solita pallucce e Carminucce ( Gennaro ,si avvicina  a d Elvira e comincia a studiarla, si avvicina troppo,e prende uno schiaffone da Lucia che nello sbracciarsi ,lo colpisce ) ahià ma ched’è? Me venute nu crampe dinta a mano.

GENNARO: all’anima da mamma e che mane pesante ca tene heste!,accuminciamme bona a jurnata! ( si fa da parte seguendo il colloquio)

ELVIRA: allora mo carminucce saglie coppe!

LUCIA: e comme no , mo vide comme saglie coppe. L’aggia fa na parte…po siente!

ELVIRA: Lucì, chille è guaglione! Adda pure pazzià a qualche parte.

LUCIA: si, ma e palle dinta a casa  nun ce voglie!

CARMINUCCE: ( bussa alla porta) pozzo trasire? ( Gennaro si avvicina alla porta d apre e Carminucce fa per entrare in punta di piede)

LUIA: che d’è mo nun aspiette manche o permesse, mo trase comme si fosse a casa toia?

CARMINUCCE: e chella a porta si è araputa da sola!

LUCIA: e già chelle tene o telecomando! Trase, trase ( carminucce  nell’ entrare pesta i piedi di Gennaro e cadono entrambi a terra)

CARMINUCCE: scusate so sciuliate mi ero scordato che voi a terra ci passate il cerogeno ( si alza buffamente)

GENNARO : (sia alza pure lui ,massaggiandosi il piede) ca si nun me sto accorte me fanne nuove nuove!

ELVIRA: Carminù te fatte male?

CARMINUCCE: sule nu puche rille o pere mancine

LUCIA: forse po essere ca pe nu poche tiempe..nun trasene chiu palle.

CARMINUCCE: Lucì a proposito da palla me la pozzo arritirare ? (fa per prenderla ma Gennaro la sposta con il piede) mannaggia a miseria se n’ficcate sotta a credenza

LUCIA: aspiette nu poco mo ta piglio io ma primme stamma a sentì ,a prossima vota ca faie trasì na palla dint’a casa ta leva a sotte e te scramazze (s’avvicina con la scopa alla credenza e fa per fare uscire la palla che Gennaro ha intanto spostato sotto il divano…intanto Elvira si accosta a Carminucce che gli allunga un foglietto) ma sta caspite e palla addò se ficcate  ca nuna veco (smette di guardare sotto la credenza e si mette alla ricerca poi la vede sotto al divano seguita dall’ attento e divertio sguardo di Gennaro che si diverte a spostarglielafino a quando non prende una scopata sulla mano e si lamenta) ah finalmente t’aggia acchiappate! Pareva n’anguilla, (intanto Elvira consegna il foglietto di risposta a Carminucce) teccate a palla e sparisci!

CARMINUCCE: grazzie e se ve serve quarche cosa n’drunculiate o campanielle ca subbeto arrivo

LUCIA: va buono, ma mo’ vattenne ca sente don Saverio ca arrive

ELVIRA: m’ arraccumanne Carminù!

LUCIA: appunto, m’ arraccumanne e palle! (esce Carminucce e Lucia continua a fare le pulizie)

GENNARO: aggiù capite, o guaglione porte e masciatelle a nascose, cheste vo dicere ca o pate nun sape niente , cioè pe meglie dicere nun ava piacere  e a comme pare nun se fida manco da cammerera , o Pataterno però me’ puteve dicere comme stavane e cose , no addà fa’ sempe e cose difficile, “…non ti preoccupare Gennà va e vedatille tu, Io ho da fare altre cose , non mi posso mettere a perdere tempo, sappi solo che devo fare una grazia a una santa donna che mi ha tanto pregato e che ora è in paradiso.Tu sei un ragazzo intelligente, ti renderai conto della situazione”, già comme si fosse facile (intanto dalla porta di una camera entra don Saverio)ah e chisto adda essere o padrone e casa, sentimme comme vanne e cose e po’ vedimme c’ avimme fa’.

SAVERIO: (entra mezzo vestito stropicciandosi gli occhi con fare stanco) è mai possibile ca io nun trove maie n’ asciugamane pulita dint’o bagno

LUCIA: e pe’ forza, a sera, pe meglie dicere a notte, quanne v’ arritirate a pigliate pe’ va asciugà o surore e po’ a ittate int’ o cestino da’ robba sporca

SAVERIO: iamme fa impresse vanne a’ piglià n’ ata c’aspetto visite e viste ca te truove portame pure na cravatta pulita.

LUCIA: l’ urtima cravatta è chella ca v’avite mise ieri sera e si nun ve state accorte fra poco nun ve rimane manco o cazone, invece e’ penzà a chella povera Elvira iate facenne o’ giuvinotto appriesse e malefemmine sciupanne sorde e salute.Ahh ahh chella povera buonanima da signora vostra

GENNARO: e capito o’ fetentone! Mo ti sistemo io (comincia a fargli dei dispetti e solletico)

SAVERIO: (sedendosi sul divano) nun accuminciamme a primma matina ,Lucì fatte e fatte tuoie e pienza a fa’ a cammerera, anzi famme na bella tazzulella e cafè e puortame duie biscotti, m’ arraccumanne frische

LUCIA:  il signore ha comannato la cammarera esaudisce (esce)

SAVERIO: ( mentre Gennaro lo punzecchia e lui si gratta infastidito) ma vide nu poco si aggia da cunto e chelle che faccio a na cammerera , è vero che è nata dinta a sta casa, ma io don Saverio Altomare  ultimo barone di Boscoreale faccio quello che mi pare ( entra  Lucia con il vassoio e con fare scontroso)

Lucia: ecco qua avete altri ordini?

Saverio: sissignore appena arriva don Gaetano fallo trasire subbito perché debbo trattare un affare importante

LUCIA: uh e ca addà venì a fa’ chillu scartafacenne a casa nosta

SAVERIO: a casa mia Lucì, vene a casa mia e non te lo scordare e poi don Gaetano è un amico, un galantuomo, un maestro di vita.

LUCIA: o fatte e cheste è o vero , chillo è nu vero maestro ma diplomato nell’ bruoglio , nell’inciucio , e per ultimo ruffiano e primma qualità a cumbinà matrimonio

GENNARO: e chiste fa a cuncurrenza a Rabbiele

SAVERIO: hai detto proprio bene ed è proprio di un matrimonio che ci debbo parlare

LUCIA: ched’è sta novità, non mi dite che ora vi volete sposare, si è o vero speriamo ca nun sia cu qualche donnina allegra ca canuscite vuie…une e chelle ce manca int’ a sta casa e po’ avimme chiuse

SAVERIO: io conosco sule persone perbene e poi non mi sposerei mai più, a meno che…ma lassamme perdere e avvisa Elvira che più tardi quando torna dalla messa le debbo parlare.

LUCIA: mo’ aggiù capite , vuie vulite sistemà a chella poveretta…e si ve site rivolto a don Gaetano qualche n’bruoglie ce sta a sotte.

SAVERIO: insomma fai quello che ti ho detto e non ti impicciare più di tanto.

LUCIA: (uscendo) se si tratta di Elvira mi impiccio eccome! A povera Signora primme e ‘ murì me l’ha raccumannate tante.

SAVERIO: e già…comme si nun tenesse nu pate (si siede pensieroso)

GENNARO: (gli si avvicina e gli parla all’ orecchio) eh caro Saverio cerca e fa’ e cose perbene e pienza a fa’ felice chi ti vuole bene se no peggio per te.

SAVERIO: (scosso) chi è chi ha parlato (si guarda intorno e Gennaro lo segue mimando i suoi movimenti) non c’è nessuno e poi chi si permetterebbe di entrare a casa mia senza il mio permesso, forse sono stanco, stanotte me so’ arritirato tardi e aggiu dormito poco, famm’ì a fernì e vestirme (esce)

GENNARO: (si siede sulla poltrona massaggiandosi i piedi)agge capite! qui le cose accumminciano a piglià na brutta piega, ormai è chiaro che don Saverio vo sistemà a Elvira a modo suo, aspettamme stu don Gaetano e vedimme comme se mette a situazione (entra Elvira, si guarda attorno, accende la radio,tira fuori un biglietto,legge e sogna,)

LUCIA: (poco dopo entra Lucia la osserva e poi..)ah l’ammore,l’ammore ca fa fa, ah Elvì tu stai ccà? Patete ti andava cercando (Elvira  ,sorpresa,spegne la radio e fa per nascondere il biglietto)

ELVIRA: steve sentenne nu poche e musica,e sai papà ca vò?

LUCIA:Elvì, tu o saie quante te voglie bbene  e saie pure ca te voglie vedè felice,lagge  apprummise a mammaa toia. Doie cose me chiedette prime e murì:,una ere chelle e me sta accorte a te, e l’ate  era…ma lassamme perdere ca nun è cosa!

,nun po succedere, ma dimme na cosa,tu o sturente ‘o vuò proprie bbene?

ELVIRA: Lucì  ma …allore tu saie tutte cose?

LUCIA: si ..tutte cose!  Agge sapute sempe ..tutte cose,sacce chi è Enrico, ache famiglia appartene e sacce ca te vo nu bene pazze e…pure come facite e v’è ncuntrà!

ELVIRA: ma allore pure papà? Pue papà è al corrente della mia storia? È forse per questo che mi vuole parlare?

LUCIA: no. Elvì, patete nun sape niente, e summe tte ca manche niente vo a sapè! e te  pareve po ca je l’avesse putute deicere qualcosa? Solo in caso ca t’avisse putute mettere dinta a qualche guaie avesse putute parlà! 

ELVIRA: e allora pechhè me fatte sta domanda?

LUCIA: perché…perché il signor barone..tuo padre, sta pensanne  e te marità a modo suo,cioè con qualche persona ca tene troppe sorde e poche cervelle. Sule accussì si spiega o fatte ca mannate a chiammà a Don Gaetano.

ELVIRA: Gesù mio, aiutame tu. Comme aggia fa? Tu o canusce a papà, nun è malamente ma se mette na cosa ncapa,aiutame tu Lucì,Madonna mia comme aggia fa?.no! je chiuttoste me ne fuje da casa, e genitori di Enrico me vonne nu sacche e bene ( comincia a piangere e si rifugia nelle braccia di Lucia)

LUCIA: povera  figlia!nun te preoccupà, nu sistema o ruvamme pe convincere il caro Don Saverio, ma quale? Ci vorrebbe  qualche pensata. Ah si fosse  ancora viva chella povera signora!(si tengono abbracciate poi..) 

ELVIRA: Me ne vache dinta a stanza mia a stendermi un poco sul letto, se viene papà, dille ca nun me sente bona (esce, mentre Lucia si siede sul divano con le mai sulla testa mentre intanto Gennaro gli si avvicina)

GENNARO:( avvicinandosi la chiama sottovoce) Lucia…Lucia

LUCIA: chi è  ?( si guarda intorno) ma je nun vech  e a nisciune!

GENNARO: Lucia nun te mettere a paura ,perché me puo sentere ma nun me puo vedè

LUCIA: madonna ma chi si nu fantasma!

GENNARO: si quase ma nun te preoccupà! Viste ca vuo a bene veramente a chele povera nenne,  fai come ti dico io e vedrai che tutto andrà per il meglio.

LUCIA: ( si guarda intorno, si alza , guarda fuori la porta e poi torna  sconsolata a sedersi sul divano) nooo age capite agge sunnate… è l’immaginazione!

GENNARO: ( la scuote) non è immaginazione , sono qui per aiutarvi

LUCIA: ne ma chr’è? Chi è ca me tocca,insomma chi si?  Si staie nascoste a cocche parte Jesce fore! Fatte a riconoscere!

GENNARO: no posso , puoi  solo sentirmi

LUCIA: ma alora si o veramente nu fantasma?

GENNARO: ( gli mette una mano sulla spalla) t’agge ditte ca no, però sin nun me vide nun te spaventà! Stamme bona a sentere e forse riuscimmo a fa contente a guagliona e a fa ravvedè a don Saverio.

LUCIA: fantasma o nun fantasma  tu si nu poche manische  e a primmma cosa  leve e mane a quolle  e dimme na cosa ,chi ta mannate a signora mia?

GENNARO:proprio accussì e si te tocche, nun ce fa case e sule farte curagge  e pe te fa senti ca te sto a vicine.

LUCIA: va bene ma nun esagerà si no fantasma e buone acchiappe nu mare e mazzate! E mo dimme c’aggia fa!

GENNARO: andiamo in posto tranquillo, andiamo nella tua camera

LUCIA; eh già e je porte po nu sconosciuto dinta a cammera mia! Ma fusse nu fantasma mpazzute?

GENNARO: ma che pazze e pazze1 e sule pecchè pe nun ce fa sentere a nisciune! E po si vulesse dinta a camera toia ce trasesse quante me pare e piace,perciò state calma  nun penzà a male e fidati di me!

LUCIA:e va buone però giura ca nun te ne apprufitte e me!

GENNARO: e cheste ce vulesse! E raggione ca so nu sante si no allore e mo! Ma chistu don Saverio  sarrà proprio nu salame ,tene sta bellezza dinta a casa e…

LUCIA: ca e ditte?

GENNARO: niente niente,giuro tutte chelle ca dice tu ma mo jammuncenne! Jamme a vedè c’avimme cuncertà  ppapparà a situazione;jamme! ( escono)

 SAVERIO: (entra grattandosi la teste e con fare annoiato) ah ecco qua! Che sta è a ricevuta del’affitto del terreno ,quindi chiste pure ma pavate! Dunque gli inquilini del palazzo pure m’hanne pavate e…je nun capisce sti sorde comme subbete ferniscene! Ammetto che qualche sfizio me lo faccio passare ma il resto? Possibile ca se nevanne sule po mangià? Lucia si sa è na guagliona onesta,me chiede sule e sorde pa spesa  e spenne tutte chelle ca le do.Del resto è le i che paga le tasse e si interessa dea casa,mah! ( entra Lucia e Gennaro)  ohe Lucì stavo facendo un po i conti di questo mase e…..siamo alle solite

LUCIA: alle solite è overe? (bussano alla porta)

SAVERIO: va ,va a vedè chi è!

GENNARO ( si posiziona a lato di Saverio)  e mo sentimmo ca va truvannne chiste e po vedimme, meno male che Lucia a capite a situazione e me darrà na mano e si agge capite buone, pure je le pozze da na mana a essa e accussì vedimme e acchiappà doie fave cu nu piccione

LUCIA: ( va ad aprire la porta)è Don Gaetano lo faccio entrare?

SAVERIO: ma certo certo fallo entrare, a proposito Ma Elvira è venuta dalla messa?

LUCIA: gnorsi ma non si sentiva tanto bene e sta riposando dinta a camera soia

SAVERIO. La dieta tutta colpa della dieta, fai entrare a Don Gaetano!(Lucia apre ed entra Don Gaetano)

DON GAETANO: ( bussa leggermente alla porta e con fare ossequioso) permesso? Si può ?

SAVERIO: prego ,prego,venite carissimo  don Gaetano accomodatevi!,(mentre don Gaetano entra ,Lucia si ritira dietro la comune e si mette ad origliare)

GAETANO: ( mentre fa per sedersi,Gennaro glisposta la sedia e lo fa rovinare a terra) ahia..ahuia…che bota ..  (rialzandosi ) scusate ma.. ( fa per sedersi di nuovo e Gennaro ripete l’azione e questa volta lo aiuta ad alzarsi don Saverio) ahia  ahia che dolore

SAVERIO: su,su, ma come avete fatto a cadere?

GAETANO: ( con evidente impaccio) veramente non mi era mai successo ( si aggiusta la cravatta e poi risiede tenendo ben ferma la sedia)

SAVERIO: meno male che non vi siete fatto niente! ,ora ditemi tutto a posto? Avete trovato la persona giusta?

GAETANO: e vi pare? Don Gaetano vostro è pronto a servirvi. Ho trovato  giusta la famiglia che fa per voi e…(Gennaro  lo importuna con solletico e toccatine e lui si gratta) un giovine.. che giovine Don Saverio apposta per lei! 

SAVERIO: ma che dite don Gaetano ? semmai per mia figlia!

DON GAETANO:  gia!giusto.. giusto per vostra figlia! (Gennaro continua ad infastidirlo con pizzicotti e solletico)

SAVERIO: voi lo sapete come vanno queste cose…noi nobili  non possiamo  imparentarci con gente comune  eh…e poi oggi come oggi è molto difficile trovare un partito…Ma che avete da agitarvi, sembrate un serpente!

DON GAETANO: niente, niente saranno queste mosche fastidiose che …mi stanno bersagliando  ( fa il gesto di scacciarle) oh.allora ..veniamo a noi! Don Savè dovete sapere che  il signorino Arturo possiede tutto! Proprietà, a non finire e soldi in quantità, inoltre è figlio unico di madre vedova e ..desideroso di diventare …baroncino!

 

SAVERIO:ah  bene ,bene  e com’è com’è d’aspetto? Voglio dire è un bel ragazzo? Insomma tiene qualità?

DON GAETANO: Don Savè..è nu biciù! Sempre ubbidiente , educato,nun da maie nu dispiacere a mamma soia... insomma è proprie nu bravo ragazzo ,mannaggia a sti mosche!

GENNARO: ha fatte a fotografie e nu chiochiere e prima qualità!

SAVERIO: ah bene  bene  e quando lo potrò conoscere?

DON GAETANO: anche oggi se volete!naturalmente verrà accompagnato dalla madre..così eventualmente gli farete conoscere vostra figlia e definire ..il tutto.

GENNARO; azze e chiste comme va e presse!

SAVERIO: ah.. bene, benissimo! Vi aspetto oggi pomeriggio

DON GAETANO: ai vostri ordini. Ah a proposito, con quella famosa signora di cui mi parlaste e ca nun m’avite vulute dicere o nomme , come è andata? Siete riuscito poi a farvi dare un appuntamento?

SAVERIO:eh caro don Gaetano:  ho paura  di fare un buco nell’acqua! Si, ho provato..in via traverse  a fargli capire le mie intenzioni, ma quela è una donna onesta e credo che non ci riuscirò mai!

DON GAETANO: eh mio buon barone! Come si dice: a femmina bona si è tentata e ..resta onesta,vuol dire che nun è stata bona tentata. Comunque stateve buone Don Savè!( fa per uscire e Gennaro gli mette uno sgambetto, cade a terra ed è aiutato da Don Saverio a rialzarsi)

SAVERIO:  don Gaetano ma allore vuie state proprie nguaiate ,e vuie sembrate n’handicappate!, stateve nu poche cchiù accorte si no tra poche avite bisogne e l’accompagnamento!

DON GAETANO: ma no.. è stata solo una distrazione…arrivederci,arrivederci(  si tocca la gamba  ed esce preceduto da Gennaro)

SAVERIO:  m’arraccumanne, stateve accuorte pe scale  ( si ode un tonfo ed un lamento) o sapeve!

DON GAETANO: ( prende il campanello sul tavolo e suona, Lucia accorre e Saverio la guarda con desiderio) Lucia avete provveduto a tutto ( Lucia fa cenno di si) oh bene! Oh ma mo dimme na cosa: ma tu nun è maie pensate a…sistemarti? Sei ancora giovane e…bella!potresti trovare qualche buon partito!

LUCIA: ma signor barone, chi volete che si interessa a na pvera cammerera, senza casa, senza  na ..dote.

SAVERIO: ma che dici ,cara Lucia,tu hai tutte le virtù di questo mondo!,bonta, onesta,…bellezza ( Si avvicina prendendogli le mani ) vedete…

LUCIA: (lo respinge dolcemente) neh Don Savè ma ca facite ce provate ? e aggaiatece pazienze ( si scosta lasciandolo con le mani protese )

GENNARO:allora non mi ero  sbagliato,il caro Don Saverio a tene  a debbolezza pe Lucia,allora tante nzallanute nun è  e scommetto ca primma o poi e specialmente se je….vabbuò stame a vedè!

SAVERIO: scusami Lucia..mi sono fatto trasportare da non so che cosa. È stato sicuramente un momento di debolezza, vedrai..non succederà più.

LUCIA: sta bene! e mo me dicite pecchè m’avite chaimmate?

SAVERIO: volevo che mi chiamassi Elvira, anzi dille di venire subito.

LUCIA: Don Savè, m’arracumanne, Elvira è ancora nu sciurille e primavera, pigliatela co buone e soprattutto penzate buone a chele ca facite..penzate a farla felice.

SAVERIO: va,va fa ambresse ( Lucia fa per andare via ) ah senti,oggi pomeriggio aspetto degli ospiti, prepara qualcosa di buono da offrire, ma bada non voglio fare brutte figure.

LUCIA: va bene , ma mi dovete dare i soldi per la spesa, in casa come sapete non nun tennime niente e buono se non un poco di caffè !

SAVERIO: e va buono! E sorde saie addò stanne.piglia quello che ti serve e fa ambresse!

LUCIA: non ve preoccupate, vado e vengo in un baleno. ( si toglie il grembiule ed esce)

SAVERIO: beh certo , Lucia mi piace ,e quasi quasi…ma troppe na bona guagliona, seria e accorta e  secondo me …ce sta poco a fa a meno che…

GENNARO:a meno che nun ta spuse!

SAVERIO: è na parola!o facesse pure, ma o matrimonio se fa che cunfiette  e non che fiche secche  ( poi sorpreso  si guarda intorno) ma..ma chi a parlate!

GENNARO: a voce da coscienza toia!

SAVERIO: (resta allibito) ma..no..nun po essere..madonna .me sta ventenne o male e cape! ( si avvicina alla poltrona e si massaggia la fronte mentre entra Elvira)

ELVIRA: papà buongiorno! Ma che avete non vi sentite bene?

SAVERIO: no..no ..niente solo un leggero malessere passeggero,vieni ,vieni, e tu come ti senti

ELVIRA: avevo un po di mal ti testa ma ora è passato e sto meglio

SAVERIO: ah  bene allora!  Siediti  un poco vicino a me che dobbiamo parlare di cose serie

LUCIA : ( si siede sulla poltrona) come volete papà

SAVERIO: ( assumendo un atteggiamento paterno) cara Elvira stammi un po a sentire: quando. ..poco prima che morisse la tua povera mamma e mia sfortunata consorte, le promisi che avrei pensato a te, e che una volta in età da marito avrei pensato a sistemarti con un bravo giovine, ricco e di buona famiglia.Insomma un giovine che ti avrebbe fatto felice!

GENNARO: e soprattutto avesse fatte ricche papà tuoie!

SAVERIO: ora mia cara figliola, quel momento è arrivato!e il tuo papà a pensato  a tutto!ho fatto le mie indagini e ho trovato..il partito adatto che fa per te! ricco, e di buona famiglia, oggi infatti verra  a trovarci e così lo conoscerai e potremo subito annunciare  il tuo fidanzamento, eh che ne dici?

GENNARO: ca belli parole! Mo s’aspette pure ca figlie  fa l’applause

ELVIRA: ( Si mette il capo fra le mani e scoppia a piangere) 

SAVERIO: ma Elvira che ti prende? Su fai la brava , non piangere, capisco che non eri preparata a questa  notizia , forse avrei dovuto dirtelo con più accortenza, ma adesso su,parliamone!

ELVIRA: (quasi incoraggiata da queste parole, si alza e si inginocchia davanti al padre ) papà ti prego, io non voglio impegnarmi con nessuno!

SAVERIO: oh questa è bella ! e perché se è lecito? Vuoi forse farti suora?

ELVIRA:  (restando in ginocchio) perché…perché io già voglio bene ad un bravo giovine e ….anche lui mi ama moltissimo.

SAVERIO: ( rimane sorpreso) ma..come…tu..(Elvira si alza) e ..io non ne sapevo niente! Ma come hai potuto  e ..Lucia..  Lucia sapeva? Ah  so sicure ca sapeve! E io..io comme a nu puparuolo all’oscuro di tutto!

GENNARO: vecchio proverbio! ‘o cornute è  sempre l’ultimo a saperlo!

ELVIRA: ( si alza offesa ) no papà! Non dire queste cose! Enrico è un ragazzo onesto   istruito e di buona famiglia, proprio quest’anno è diventato dottore!

SAVERIO: e sorde ne tene?.. Voglio dire  ha proprietà?, case terreni, fabbriche ?

ELVIRA: no il papà ha una casetta  ai camaldoli ed è impiegato alle poste

SAVERIO: figlio di un semplice impiegato e cu sule na casarelle si vulesse a figlia do barone Monreale?

ELVIRA: ma papà nuie ce vulimme bbene !

SAVERIO: o bene! Ei pe campà abbassasse  o bene nun ce sarriane preoccupazione! Saie ca te dico? Vai in camera tua e..medita bene su quelo che ti dico io: tu sposerai uno del tuo rango, uno che non ci….ti farà mai mancare niente, un giovine ricco e bello e pieno di qualità che oggi stesso conoscerai! E..vedrai che questo amoruccio, questa infatuazione giovanile non sarà che un fievole  sciocco ricordo, vai! Quanto a Lucia ma c’arrive facimme e cunte!

 

ELVIRA: ma papà…

SAVERIO: vai..vai in camera tua e medita! Elvira (esce piangendo) e mo vedimme chi cumanne dinta a sta casa! Nu sturente..nu semplice sturente ,se permise e avizà l’uocchie su mia figlia,ah mo me vedime chi a sponte!

GENNARO: ( gli si avvicina)  Egoista, cecato e carugnone ca nun si altro! È tua figlia non un mobile che stai svendendo!

SAVERIO: (spaventato) ca succede… chi è ..?

GENNARO: a voce da coscienza toia!

SAVERIO: nata vota? ( si mette il capo fra le mani) mi sento male..me sto a sentì male nata vota..aiuto..aiuto ( si accascia sul divano ed entra Lucia spaventata)

LUCIA: don Savè parlate che vi sentite?

SAVERIO: na voce..sente na voce che mi perseguita, chi è addo stà?

LUCIA: e chiste è sicuramente Gennaro che è entrato in azione! 

SAVERIO:: che ditte..nun agge capite!

LUCIA: no.niente agge ditte ca forse sarrà a stanchezza pe nuttate ca ve perdita!

SAVERIO: tu dice?  Si…si sarrà accussì ,agge bisogne e m’arrepusà nu poche

LUCIA: e fosse  pure ora! ( gli passa un fazzoletto sulla fronte ( dalla finestra entra la spalluccia  e Gennaro la raccoglie)

SAVERIO: e mo ca succede che è trasute pa finestre?

LUCIA: niente, niente, sassà state qualche aucielle ca a sbagliate, arreposateve!

SAVERIO : ( si alza e si rassetta i capelli) aspette! Nun te movere a cà! Ca vengo subito e avimme parà a quattuocchie e cose serie! (Lucia fa cenno con la testa  e Saverio esce)

LUCIA: e..chi se move! Forse. Forse  Don Savrio è rinsavite ! forse è venute o mumente!

GENNARO: (tirandola per un braccio) nun è venute nisciune mumente ca pienze tu! Elvira l’ha parlate di Enrico e mo to siente!

LUCIA: San Gennaro mio e mo comme facce , ca le risponde?( si siede disperarata)

GENNARO: ehh mo me chiamme pure ovì!stamme a sentere, mannà a chiammà Enrico e dille ca  vene ccà  che il barone lo vuole conoscere. Al resto penso io! E mannale a dicere ca si veramente vo bene ad Evira nun facesse ati domande.

LUCIA: Carminucce …sta saglienne Carminucce , pa solita palluccia! Mo o manne a chiammà subbete! ( si sente bussare alla porta)

CARMINUCCE: pozzo trasire? (Gennaro va alla porta e la apre ) uhe Lucì avite viste? Quante venghe je a porta si arapa da sola!

LUCIA: Carmini,è il cielo che ti manda, viene che mi devi andare a fare un servizio!

CARMINUCCE : ma allora nun state ncuietate pa spallucce?

LUCIA: no.nun sto ncuietate! Ma mo stamme a sentere: va e corsa  addò ‘o padrone do bigliettielle ca tiene mmane e dille ca venese ambresse ccà che l’aggie parlà urgentemente!

CARMINUCCE:  Lucì tu vuoie pazzià? Je nun tenghe nisciune bigliettielle!

LUCIA: Carminù..nun fa o fesse e fàò comme t’agge ditte je!

CARMINUCCE: Lucì to giure coppe a capa do Barone ca nun sacce niente!

LUCIA: carmini, dimme na cosa : tu a vuo bene ad Elvira?

CARMINUCCE: e comme na voglie bene!

LUCIA: e allora fa chelle ca t’agge ditte pecchè je a voglie bene chiù e te  e sacce tutte cose fra esse ed  Enrico e a voglia aiutà!

CARMINUCCE: e va buone,.. si se tratta d’aiutà..ce vache subbete! ( fa per andare)

 A proposito abbascie  ce sta na signora tutta annacarate ca ha chiesto do barone..la faccio trasire?

LUCIA: va va ..va a fa o servizie  e dille ca saglie  accussì po essere ca me tene mpignate nu poche  o barone e me risparmie e prereche! (esce Carminuccio e Lucia continua a rassettare)

LUCIA:  siente fantasma  o comme caspite te chaimme..  guarda ca si me cumbine nu guaie, povere a te! a costo e venì all’atu munne te facce passà nu brutte quarto d’ore!

GENNARO: nun te preoccupà! Ca si fallisco io ce sta chi ce penza!..

 affidammece a provvidenza e…..e chi sacce je! (bussano alla porta e Lucia va ad aprire)

ROSELLA: (entra tutta agitata) Scusate, don Saverio è in casa?

LUCIA: (osservandola con curiosità) scusate chi debbo annunciare?

ROSELLA: Rusella Pastafina e dicetancelle che si tratta di una cosa seria!

LUCIA: veramente il barone non tanto si è sentito bene, potete dire  a me

GENNARO: e chesta chi po essere mo? (osservandola da vicino)Agge capite, adda essere cocche pullere e don Saverie

RUSELLA: pe carità facite ambresse!

LUCIA : sentite, si nun me dicite ca vulite je non o pozze ncuietà!

RUSELLA: e va bene, je ve diche tutte cose, però doppe chiammatamile si no facce a pazze!

LUCIA: nun ve preoccupate, diciate…

RUSELLA:dovete sapere che Don Saverio dopo avermi fatto tanto la corte mi disse che era scapolo e allora siccome me piaceva, si pe comme parlave ,si pe regale ca me faceve,ieri sera l’agge invitate a casa mia pe na mangiate credenne ca Tatonne, o fidanzate mie fosse jute cu l’amice a Pezzuole e invece chille turnaie.Pigliate e soprassalte Don saverio s’avete annasconnere sotto o tavoline, poi mentre noi andammo in camera da letto , Don Saverio riuscette a se n’ascì! Sule ca n’amiche do nnammurate mie o vedette e lo seguì fino a casa.Mo Tatonno vo appurà a situazione e vo sapè chi è chille ca trasette a casa mia. Je l’agge ditte ca era n’amico e na cumpagna mia ed era venuto pe le mammà n’imbasciata, ma tatonne nun ma credute e  m’abbuffate e mazzate, mo si vene ccà succede o quarantotto . Cercate e m’aiutà si no tatonne nun me spose cchiù!

LUCIA: e Don saverio se piglia na curtellate! Nun ve preoccupate ca e na manere facimme pe v’aiutà! (guardandosi intorno) è o vere fantasma!

GENNARO: e simme fernute  dinta a natu mbruoglie! Patatè aiutame! ( bussano alla porta) ahe! Mo succede  c’abbusche pur’je ovì

RUSELLA: mamma mia e mo!

LUCIA: mo annascunniteve dinta all’ata stanza e ascite sule quante ve chiamme je!(Rusella esce e Lucia va ad aprire)

GIROLAMO: ( Uomo alquanto curioso ) è…è  premesso?

LUCIA: avanti.trasite pure

GIROLAMO: boh..bau bauu.

GENNARO: ma chi è nu cane?

GIROLAMO:buo ..buongiorno signora, questa è..la ca casa del barbone…barone!

LUCIA: gnorsi! E vuie chi site?

GIROLAMO: gi..gi

GENNARO: giggino?

GIROLAMO: gi  giramme e purpette

GENNARO: e facimme o ravu’

GIROALMO: Gi. Girolamo Provetti al suo ..se servizio! (prendendo una carta) il barone Mo..movecane è in casa?

LUCIA: e chiste nun è Tatonne! Sissignore ,mo vo chiamme! (in quel momento entra Saverio)

SAVERIO: (lo guarda in modo curioso) Lucia,chi è questo signore e perché non soo stato avvertito del suo arrivo?

LUCIA: stavo apunto per venirvi ad avvertire

GIROLAMO: (Girolamo  facendosi avanti) sig signor barone vi  faccio le mie  ee esequie…i miei ossequi

SAVERIO: (facendo le corna) ma insomma chi siete?

GIROLAMO: pre premettete? Gi  Gi

GENNARO: Girammo e purpette si no s’abbruciane!

GIROLAMO:Gi Girolamo Provoletti..Provetti oh..fe fesso comunale! messo comunale!

SAVERIO: all’anema da lenga ca tene chiste!  E che desiderate?

GIROALaMO:sono venuto per fare la co  co  co

GENNARO: chisse mo s’accove e fa pure l’ove!

GIROLAMO: la  la comunione..

SAVERIO: eh ma pigliate po prevete d’Annunziata!

GIROLAMO:per una comunicazione!

SAVERIO: assa fa a Die, l’è asciuta a parola! Dite allora di che si tratta

GIROLAMO:do  dovete venire a mettere  un..un freno sul cannone,mannaggia a lenghe! Una firma sul comune ed è  ruggente,  urgente!

SAVERIO:  e ditemi  sapète già qualcosa?

GIROLAMO: ve..  veramente è segreto d’uspizie…d’ufficio! Ma a voi ba barbone ve lo dico se..me rattate e  m’allisciate

LUCIA: Ve truvate  e datele pure nu vase!

GIROLAMO: si tratta  di un un lascito oh!

SAVERIO: un lascito e da parte di chi? Parlate!

GIROLAMO: (mostrando il foglio)  gua  guardate e ciuncate..guardate e giudicate

SAVERIO: (  legge ,facendo corna) mia zia mia zia Ornelia! L’americana! Ma è..morta!

GIROLAMO; cu  cu l’urtema provola in bocca per lei

GENNARO: e cu salame sotto o liette!

GIROLAMO: con l’ultima parola in bocca per voi perciò si si a vuie ve  ve prore  se ratte sorete!

SAVERIO: mannagge chi t’allattate!

GIROLAMO: perciò se a voi vi preme si tratta solo di fare presto e mettere la fresa  sul comòò ahh la firma sul comune! Chi a cecate  l’eredità?

SAVERIO: chi a cecate?

GIROLAMO; che accettate l’eredità ah!

SAVERIO: tanna accidere! Allora andiamo, che cosa aspettiamo: Lucia ,se dovesse venire don Gaetano e chi sai tu ,falli accomodare che appena ho risolto questa faccenda , subito arrivo

GENNARO: e chiste ne nate! Quante sente addore de sorde nun ce vede chhiù!

LUCIA: nu mumente  don Savè.. all’ata stanza ce sta na signora ca v’aspette

SAVERIO: e chi po essere? Falla trasì aspetta nu mumente signor provetti

LUCIA: (apre la porta e fa entrare Rusella) prego signò trasite

SAVERIO: che…ma  rusella voi qui? E come mai

RUSELLA: Don Savè aiutateme e aparateve , aiere sere quante ve ne site scappate da casa mia site state viste da un amico do fidanzate mie e mo chille  doppe ca m’anturzate e mazzate sta ventenne cca pe sapè a vuie e pav’è spiegazioni.

SAVERIO: e chiste è guaie c’agge passà!e comme facce  ca diche!

GENNARO: ( si avvicina a Lucia e gli sussurra nelle orecchie)

GIROLAMO: arri arri arrivederci io me ne vaco, esequie esequie sigor barcone…faciteve o  tavute …faccio tardi arrr…vederci

SAVERIO: puozze sculà!

LUCIA: (va verso Girolamo e adulandolo) signor Girormo ma perché ve ne andate? O sapite ca site nu piezze e omme comme piacene a me! Restate faciteme compagnia!

GIROLAMO: d di dicite o vermicielle..o o veramente? Pu pu pu

GENNARO: mo se fa sotte!

LUCIA: ma certamente!

GIROLAMO: pure vuie me piacite assaie zucc  zuppulella mia!…zuccarielle mie!

LUCIA: e mo facesseve nu piacere?

GIROLAMO: e co.co comme no ,ma  ma me pozze fa na cusciate?

SAVERIO: puozze sculà!

GIROLAMO: po posso conoscere ca paicere v’aggia fa?

LUCIA: avite fa a parte do fidanzate mie  e, avite dicere ca site state vuie a  nascondervi sotto il tavolino e chesta cumpagna mia: vi prego se tratta da salvà! È na povera giovine, avite forse paura?

GIROLAMO: no,no,je ve    ve ciacche tutte cose

GENNARO: Papatè e chiste comme sta nguiate!

GIROLAMO: no..io faccio tutte cose!

LUCIA: e allora andate da quella parte e ascite sule quante ve chiame

GIROLAMO: va , va , vavo subbeto, abbaiae  o  o cane e mazzestuorte, a, abbaste ca

nun so mazzate e muorte (esce)

LUCIA: vuie Rusè state cu mica e vuie Don Savè mettiteve dinta a poltrona a leggere ( bussano alla porta  e Lucia  va da aprire  e fa entrare Enrico )

ENRICO: Lucia,buongiorno; Carminuccio mi ha detto che volevate parlarmi. Di che si tratta?

SAVERIO: Lucì chi è il signore

LUCIA: niente ,niente è un amico di mia sorella,,si si ma adesso è sorto nu problema, poi vi chiamo quante o Barone nun ce stà. Jate , nun ve preoccupate , po ve chiamme

GIROLAMO:  (si affaccia) mi mi avete ciaccato,mi aveye chiamato?

ENRICO: e quello chi è?

LUCIA: jate,jate , v’agge ditte nun ve preoccupate .(Enrico esce e Lucia a Girolamao) nossignore chiude lloco!

SAVERIO: je ca jurnate ca è schiarate !(bussano alla porta va ad aprire ed entra Tatonne)

TATONNE: ca veche! Rusè ..tu  staie ccà? Ma..allore è o vere ! e che ce faie ccà?

 Eh? Ahh .. addò stà chillu traditore,chille ca trase a casa na nnammurata mia quane je nun ci sto, addò sta ca mo voglie magnà a muzzeche ..e tu, tu malafemmina sta cà pe isse eh?

RUSELLA: Tatò  ma tu ca dice? Ca vaie penzanne? Je sto ccà pecchè so venute a truvà a cunpagna mia!

SAVERIO: (alzandosi dal divano) e voi chi siete?  come vi permettete di entrare in questa casa , e offendere gli ospiti del barone Monreale!

TATONNE: chi so je? Je so o nnammurate e Ruselle, e chesta femmina senza core, e sta traditrice!So venute cca pecchè jere sera n’omme steve dinta a camere soia  e se ne scappate  quante je trasette.’o sacce pecchè ma ditte n’amiche mie  che lo vide entrare poi in questa casa ed io ( caccia il coltello) voglio appurà a verità! Voglio,sapè chiste chi è e guaie a isse si ma fatte fesse!

GENNARO: vuo dicere cornuto!

SAVERIO: e chiste mo me fa nuove nuove!

LUCIA: Don Savè perdonatemi, e vuie Tatò nun state accussì arraggiate, Ruselle nun ha fatte niente e male,aiere sera  a casa di Rusella ce steve o nnammurate mie.Ci era andato per portare nu  biglietto do mie, sapete ,quello il barone non vuole ca je mi fidanzo e accussì quante va viste e arrivà, si mise paure e se ficcate sotto o tavuline e po se ne scappate!

TATONNE: eh si ! vuie a vulite proteggere ma je voglie e prove! Senze prove nun a crere!

GENNARO: e chiste è tale a quale a Tummase!

LUCIA: quannè accussi,a costo da ruvina mia e prove ve le do!( va alla porta e chiama Girolamo che esce timoroso

GIROLAMO: (vede Tatonno con il coltello) ma..ma  mamma mia

SAVERIO: mamma mia  e speramme ca nun se sbaglie!Che n’omme dinta a sta casa a mia insaputa?

GIROLAMO: m’avite chia..   chiammate?

LUCIA: ecco chi steve sotto o tavuline  addò Ruselle, ‘o nnammurate mie!Don Savè perdonatemi!

TATONNE: ( a Ruselle) ere chiste?

RUSELLE: si Tatò..ere isse!

GIROLAMO: aggia..aggia  pazziate nun sace niente

SAVERIO: hanne fa e pompe. Mo m’arruine ovì!

GIROLAMO: aggiate pazienze nun agge fatte niente!

TATONNE: chi si! Comme te chiame?

GIROLAMO : gi gi..Girolamo Provolette e so  so o nammurate e lu Lucia! Je  steve a ddò Ruselle pe pe pe ma purtà dinto liette!

TATONNE (agitando il coltello con fare minaccioso) comme e ditte?

LUCIA: chiste va a fernì  ca piglie mazzate, aspettate cnun o vedite? Chille e ncacaglie, vuleve dicere nata cosa e calmateve facitele fernì e parlà!

TATONNE: parla  carogna!

GIROLAMO: vulve dicere ca je steve a casa e Ruselle pe le purtà nu bigliette

LUCIA: avite viste?

TATONNE: e comme è curiose, si si ve crere stu cose curiose nun po’essere l’amante e Ruselle ( a Ruselle) tu viene ccà ca ce ne jamme e vuie Barò scusate tanto

RUSELLE: ma allora nu staie chiù ncuietate cu me?

TATONNE: ma no Rusella mia, patanella mia perdoname!

RUSELLE: je tìagge già perdonato

TATONNE: e mio daie nu vasille?

SAVERIO: ca svuotamente e stommache!

RUSELLE: si si  e vuie Lucì grazie senza e te comme avese fatte,Don Savè scusatece nun succederà più

LUCIA: e certamente ca non succederà più e po bene e tutti quanti, andate, andate  (escono)

 

SAVERIO: agge scanzate  stu piattine! (prendendo le mani di Lucia) grazie Lucì senza e te comme avesse fatte, sicuramente  fosse succise nu guaie e grazie pure a vuie signor Girolamo

GIROLAMO: ( a Lucia) e vuie mo mo date na  aa  vaseline..nu vasille

LUCIA:  ma signorGirormo ma allora non avete capito che erea tutta una finzione ? ma nu vase vo do o stesse per aver aiutato a Don Saverio e a chella povera disgraziata! )lo bacia sulla guancia)

GIROLAMO: ca,,ca patane.. ca peccato!

SAVERIO: su su adesso andiamo si no faccio tardi quante arrivano gli ospiti 

GIROLAMO: arri arri

GENARO: cavalluccio

GIROLAMO: arrivederci e..e.scuscinate e chianchere! E scusate e chiacchiere ( esce fra le risa di Gennaro e Lucia che fanno fatica a trattenersi)

FINE  1° ATTO
SECONDO ATTO

Stessa scena di prima:Gennaro è seduto su una poltrona e Lucia è intenta a sistemare dei fiori in un vaso.

GENNARO:Oh a quanto pare o Pataterne mi sta dando una mano!

LUCIA: come  sarebbe a dire

GENNARO: eeh cara mia, la mano della provvidenza!se il barone dovesse entrare in possesso di una eredità, non avrebbe più tanta fretta nel maritare Elvira, ti pare?

LUCIA: e già cheste pure è overe!

GENNARO: sperammo ca sia accussì e ca s’aggiustene e cose e po c’aiuto do Pataterne tutte tutte se po? ( (Elvira con una valigia in mano, si affaccia alla porta guardando con fare sospetto, poi entra e  guarda  intorno) Lucì papà è asciute è overe?

LUCIA: si .è asciute poco fa . Ma tu ca faie cu a valigia in mano?

ELVIRA: ( con voce singhiozzante) me ne vado di casa Lucì!

LUCIA:  Uh Madonna mia ! e dove vai ?

ELVIRA: a casa di Enrico, la mamma mi accoglierà bene e poi sono maggiorenne e posso fare quello che voglio.

LUCIA: no, no aspette, non rovinare tutto.aspiette.Forse s’aggiuste tutte cose , forse  ‘o riesco a convincere io ..’o barone!

ELVIRA: ma comme? Chille nun vo sentere raggione, e va ferni’ ca sa piglia pure cu te!

LUCIA: nun te preoccupà, va, va a pusà a valigia e faie comme ti dico io,ca si me riesce o piane e chi sacce je….speranne ca Gennare  nun se sbaglie!

GENNARO: speranne ca ‘ce mette e mane ‘o Pataterene!

ELVIRA: allore tu dice ca pozze sperà ancora? Ah Enrico mo se sapessi!

LUCIA: calma e gesso. Fra poco verrà qui e saprà tutto  pure lui!

ELVIRA: (stupita) come?  Enrico verrà qui? E che viene a fare?

LUCIA: jammuncenne dinta a camera toia..e posa sta valigie ca te spieghe tutte cose e pure chelle che è fa!  (escono)

GENNARO: (rimasto solo ,siede e…).Patatè m’arraccumanne je ce sto mettenne tutta a bona vuluntà ma si vuie nun ce mettite  vostra..po nun va pigliate  cu  mme! Eh   ca se fa prieste a dicere: nun te preoccupà, tu  ce saie fa, a gente e Napule e canuscie buone ,si tutte chelle ca diciate ,ma mettitece e mane pure nu poche vuie e speranne ca po sta benedetta eredità nun so diebbete e cambiali altrimenti o fatte se fa ancora cchiù difficile. Eh mo  che don Gaetano vene  vedimme nu poche a chi porte! Spere sule ca ca questo aspirante baronetto sia  nu  belle sarchiapone accussì forse o barone se rende conte, se passe a mane pa coscienza e non inguaia ‘a felicità e chela povere nenna.( entra Lucia e comincia a sistemare la tavola) Lucia,,lucì!

LUCIA: chi è ? ( si guarda intorno) ah già si tu! Guarda ca je l’aggie convinta a fa chelle che me ditte però si faie fiasche povere a te!

GENNARO: povere a nuie! Tu nun te scurdà ca je sto cca proprie pe l’aiutà e che senza e me nun teneve speranza e tutte succedesse comme  ‘o barone ha stabilite

Invece….. mo ce sta a speranza e po essere ca e cose vanne  e nata manere ( le si avvicina e gli prende le mani in modo affettuoso )

LUCIA: si e raggione mo ce sta a speranze de  salvà.e---levame e mane a cuolle

 Ca nun e supporte..specialmente quante nun e veche!

GENNARO: ehh..  e comme si scontrose! Ere sule pe te cunfurtà..je te putarria essere padre!

LUCIA: je cheste nun ‘o pozze sapè! E allora ..alla larga! ( suonano all’ingresso e Lucia va ad aprire. Entrano , una alla vota curiosamente;Don Gaetano, Donna Filomena e Arturo)

GAETANO: permesso.possiamo entrare?

LUCIA: veramente gia site tramute, accomodatevi pure

GENNARO: me parene tre macchiette

GAETANO:  e il signor barone?

LUCIA: viene subito intanto  sedetevi

GEATANO: ( con fare da gentiluomo) prego Donna Filomena

FILOMENA: Arturo vieni appresso a me! ( Arturo con fare indeciso segue la madre e si avvicina al divano)

ARTURO: mammà mi posso assettare?

FILOMENA: (indicando la sedia)miettete  llà e staie buone!

GENNARO: eh..a mise o cane a cuccia!

GAETANO: ( con fare da don Giovanni) cara Lucia come state, è molto strano ma ogni volta che vi vedo vi trovo sempre più bella..piu aggraziata e…mi verrebbe voglia di…( fa per sedersi,  Gennaro gli sposta la sedia e rovina a terra) ahia ahia ca botte dinte e rine!

LUCIA: su, su avizateve, ve site fatte male?

GAETANO: vuie pazziate! N’ate sicuramente o poste mie se fosse rotte l’osse, piuttosto nun ce  mettite tanta cera a terra ca è pericoloso, s’intende io.. lo dico per voi

GENNARO: embè a chiste primma ca se ne và o concie pe feste!

GAETANO: ( prende la sedia e la fissa bene a terra e,poi si siede con accortenza) e ditemi ,il signor  barone tarderà molto?

LUCIA: no.no non vi preoccupate, forse a quest’ora starrà gia tornando.intanto vi servo qualche cosa?

FILOMENA: (dandosi delle arie ) a me mi servite un bel the’ e m’arraccumanne molto caldo

ARTURO: a me invece nu bellu gelato alla fragola e limone!

GAETANO: a me  un bel caffè fatto con le vostre mani ma..ristretto mi raccomando e..con molto zucchero

GENNARO: ( segue le ordinazioni degli ospiti c fa gesti comici)

LUCIA: e vuie invece e venì ccà dovevate entrare dinto o’ bar e rimpette! Io al massimo vi posso  servire un caffè e un paio di biscotti a tutti quanti! ( ed esce)

FILOMENA: ( rivolgendosi a Gaetano) che modi! Questa  cammerera se fosse al mio servizio, l’avesse già licenziata!

GAETANO: (guardandosi attorno) donna Filomè nun v’attacate a sti sciocchezze,penzamme invece a combinare questo matrimonio ca ce guadagnammo tutte e duie.Vuie ca sistemate o.pruvulone..ehm Arturo ,cu nabella guaglione ca sicuramente è capace pure do raddrizzà e soprattutto le porte   nu titolo nobiliare e io ce guadagne  a sanzaneria. Tante ‘o barone doppe ca se so spusate anche se si accorge ca vuie nun tenite tutti chili sorde ca le facimme credere…nun po fa chiù niente e……m’arraccumanne tenite  a frene il vostro…difettuccio si no azzeccammo qualche fiurelle malamente!

GENNARO: e capite o fetentone ca se fire e fa? ( comincia a dargli fastidi) mo tì aggiusto io per le feste!

FILOMENA: si, si avite ragione don Gaetà! ( rivolto al figlio) e tu non mi far fare brutte figure! E fa solamente chelle ca ti dico io  si no guaie ate!

ARTURO: mammà ma allora a cammerera nun mo porte o gelate?

FILOMENA: zitte e faie o brave  ca si vene tutte cose buone doppe t’accatte je!

GENNARO; j ca bellu babbà ( comincia a dar fastidio,pure a lui)

LUCIA: (entra con un vassoio con caffè e biscotti) ecco qua è tutto pronto ( mentre depone tutto sulla tavola suona il campanello d’ingresso e va ad aprire) oh Enrico . sei tu!..,vieni entra

ENRICO: ( si guarda intorno poi guarda Lucia) ma…vedo che siete impegnata..mi avete mandato a chiamare e…sono venuto

LUCIA: si si , vi accompagno  in di là, voi permettete ,un momento solo..

GAETANO: di grazia  mia cara Lucia, chi è questo giovine?

LUCIA: ah..questo giovine è .mio cugino, è uscito da poco dal seminario, e d è venuto per salutarmi, sapete, piu in là dovrà prendere i voti e..farsi prete

ENRICO: ( la guarda stupita) ma..ma.( fuori un fulmine e poi un tuono) su su vieni con me , aiutami a chiudere le imposte de camere non vedi che sta piovendo?( lo trascina fuori)

FILOMENA: comme so curiose tutte e duie!, me pigliammece stu cafè (fa per alzarsi ed entra Saverio)

GAETANO: ( andandogli incontro) carissimo don Saverio, eccoci qua!vi stavamo aspettando

SAVERIO: ( chiude la porta e si asciuga la testa) caro don Gaetano e e voi gentili ,signori , scusatemi tanto, ma sono stato impedito da un affare urgente che non ho potuto ancora concludere e sto aspettando che mi portano notizie, speriamo buone ( si avvicina al tavolo seguito in modo curioso sa don Gaetano)

GAETANO: Caro don Saverio, ho il piacere di presentarvi, la signor Donna Filomena Botta ( Saverio si alza e, prende la mano di Filomena e fa per baciarla, quando all’improvviso si sente un rumore strano e sobbalza all’indietro)

SAVERIO: oh ma che è stato, mi è sembrato ( Filomena si risiede con indifferenza)

GAETANO: il tuono! Sicuramente il tuono non sentite? Piove!

GENNARO: altro che tuono! Chiste è proprio nu pirete!

SAVERIO: ( Saverio non tanto convinto  annusa l’aria in modo comico) ah già .il temporale  che sciocco!

GAETANO: (continuando la presentazione) e questo è il signorino Arturo ( il quale non si muove e aspetta un cenno dalla madre)

FILOMENA: Arturo saluta il signor barone!

ARTURO: ( si alza di scatto mentre Gennaro gli fa il solletico e contorcendosi) ahha ahha ahha molto ppi piacere signor ba barone! ( si risiede di scatto e ammutolisce)

SAVERIO: ( con aria interrogativa guarda Gaetano poi sottovoce) Don Gaetano…

LUCIA: ( entra con un vassoio e comincia a servire iniziando da Filomena) prego, quanto zucchero?

FILOMENA: mezzo cucchianino,( a Saverio) sa un po di colesterolo

ARTURO: mammà io me lo pozzo prendere?

GENNARO: ma cher’è chiste funzione a comando?

FILOMENA: si, ma datecenne poche

ARTURO: ( rivolto a Lucia) si, ma co zucchere assaie!

LUCIA: ( servendo) mi raccomando girate buone

GENNARO: ( si avvicina ad Arturo nel momento che inizia a sorseggiare e gli fa tremare la mano. Arturo fa il possibile per non far cadere la tazza e alla fine rovina addosso a Saverio con tutto il caffè) scusate…sono dispiaciuto assaie assaie

SAVERIO: all’aneme e mammete! ( asciugandosi nervosamente) niente..niente so cose ca succedene!

LUCIA: (continua a servire) Don Gatano a voi quanto zucchero?

GAETANO: mettitene due cucchianini grazie!

GENNARO : ( ripete lo stesso scherzo di prima e quasta volta il caffè finisce addosso a Filomena)

FILOMENA: Puozze jettà ‘o sanghe!( asciugandosi) niente niente, ( al barone) l’avite detto, so cose ca succedene!

LUCIA: ( si avvicina a saverio)  e a voi signor Barone?

SAVERIO: no,no pe carità, je ‘o cafè gia me l’agge pigliate!  Piuttosto veniamo a noi, ditemi in che posso servirvi?

GAETANO: dunque ..caro signor barone,il qui presente signorino Arturo avuto il consenso della signora madre Donna Filomena,mi ha ardentemente pregato di accompagnarlo a casa vostra.affinché con il vostro piacere,s’intende..potesse avere il piacere di frequentare  vostra figlia Elvira di cui  ha tanto ….sentito parlare

SAVERIO: Caro Don Gaetano (fingendo di non sapere) mi fa molto piacere ma ditemi qual’ è in effetti il vero  scopo di questa vostra visita?

GAETANO: vedete, donna Filomena Botta ha solo questo figlio e il suo unico pensiero è quello di vederlo sistemato con..una brava figliola,ricca,bella e di ottima famiglia come si conviene per un giovine dela sua posizione.vero Arturo?

ARTURO: ( alzandosi e sedendosi di scatto) signorsì e poi io faccio tutto quelo che dice mammà!

GENNARO: chiste è proprio scemo!

FILOMENA: ( annuendo comicamente aggiunge) come potete a vedere Arturo è è un ragazzo assai educato e rispettoso  e.. non fa niente senza i consigli della sua mamma!

SAVERIO:chiste me pare nu nzallanute!… ehmm … volevo dire, questo è davvero un bravo ragazzo e…ditemi…donna Filomena, certamente per fare quesrto passo vi sarete informata, penso che sappiate certamente che mia figlia  non può assolutamente sposare il primo venuto.Chi avrà questo piacere dovrà possedere i requisiti  adatti. Non basta essere solo un bravo giovine, educato e rispettoso. Qui ci vuole ben altro…voglio dire..ci vuole sostanza…voi mi capite vero?

GENNARO: eh.. mo o nobbbile scadute se vò appuià ncoppe o perucchie sagliute!

FILOMENA: ma certamente! Quanta a sostanza noi ne abbiamo da vendere!non per vantarci ma nuie tenimme proprietà  a non finire, case conto in banca, aziende e…poi, ci pensate? Arturo è figlio unico!vero Don Gaetano?

GENNARO: e chille o pate doppe ca isse nascette ,viste e risultate cambiò mestiere!

GAETANO:  sicuro..sicuro..garantisco io!

SAVERIO:beh quando è cosi’ non mi rimane di chiamare Elvira e presentarvela e al resto poi…pensiamo dopo. Lucia; per favore di ad Elvira di raggiungerci in salotto ) Lucia esce alzando le baccia al cielo)

GAETANO: ( facendo segno a Saverio, poi a Filomena) scusate ..permettete .quando dico due parole in privato  a Don Saverio.

FILOMENA ED ARTURO: (in coro) prego, prego

GAETANO: ( prendendo il barone sottobraccio) naturalmente per la mia sanzaneria e.. ( si allontanono)

FILOMENA: Arturo m’arracumanne, quante vene Elvira cerca e le fa na bona impressione! E..dille chelle ca t’aggie mparate!

ARTURO: si mammà ecco qua! ( si alza e si muove recitando una poesia) Elvì nnanze  a bellezza toia m’addenochhie e tanne m’avize quannne me daie nu vase e nu sorrise! ( si risiede)

GENNARO: Madonna..chelle l’ha mparate pure a poesia! ( si sente il campanello suonare )

SAVERIO: ( si avvia alla porta) scusate ,ogge a casa mia me pare ‘o puorte  e Papule ( apre ed entra Girolamo)

GIROLAMO: ( agitando una busta gialla) si..si..signor barcone…baronbe..è..è arrepecchiata..è arrivata a posta….busta! so..so mallarde.so miliarde!

SAVERIO: ( sbalordito) ma dite o vere  o so..diebbete?

GIROLAMO:so..so..sorete

SAVERIO: all’arme e patete!

GIROLAMO: so soldi! ( poi si guarda intorno e con meraviglia) oh…Fi. A Figliaè prena…Filomena e..Arturo..site venute a.purtà  o.. ba bbà o… baccalà barcone..o barone? Eh ehh come..

GAETANO: ( interrompendolo) ma  ma questo chi è e come si permette di interrompere  una riunione di famiglia  vi prego signor barone mandatelo via! Su forza andate via! (Girolamo fa pere andare)

SAVERIO:no..no aspettate! È ventuto a portarmi una comunicazione molto imprtante e devo ringranziarlo e… ma ditemi voi conoscete Donna Filomena e suo figlio?

GIROLAMO: un..fe..fesso comunale, messo comunale deve cosciare quasi tutti e io li..cosceo!

GENNARO : Patatè e che lenghe!

GIROLAMO:  li conosco!pecchè vado a spasso..vado spesso a spugnà ‘o baccalà ahh a lenga! A pendere per il baccalà da loro ah!!

GAETANO: ma come vi permettete..scambiare donna Filomena per unabaccalaiola!

FILOMENA: (alzandosi, emette un rumore..noto) neh m’avisse pigliate pe sorete!

SAVERIO: che è stato?

GENNARO : niente natu pirete!

GAETANO: il tuono.. il tuono… natu tuono!

SAVERIO: e già ‘o temporale ma…( annusandom l’aria) chiste  però ..puzze!

GENNARO: azze le trasute a puzza dinte o nase!

GIROLAMO: ( portandosi le mani al naso) è..vero..è vero..puzza! è.. è stata lei..è..fetosa..è famosa per i suoi pireti!

FILOMENA:  (alzandosi di scatto) brutte ncacaglie e screanzate, ma proprie ccà avive capità e po proprie ogge? (emette una’altra serie di scorregge)

GENNARO: seh seh, mo sparà pure a batteria finale!

SAVERIO: ( insieme algi altri si scosta turandosi il naso)   ma allore è o vere, vuie site na baccalaiola?

FILOMENA: baccalaiola a me? Je tenche nu negozie   e pesce all’ingrosse  e tenche pure e commesse!

SAVERIO: (a Gaetano)  e vuie., vuie ve site permesse e pur tarme dinta a casa sta vasciaiola? Vuie avite tenuye o curagge e me fa apparentare cu na pescivendola e cu stu vruoccule do figlie! A me  ‘o barone e Monreale?

FILOMENA: ohe, stateve attente a come parlate!

GAETANO: (cercando di scusarsi) ma vedete io..io vi giuro signor barone che non sapevo che donna Filomena botta…. ( Saverio lo interrompe)

SAVERIO: ma quala donna Filomena botta..botta po! Chele se firate e sparà na batteria e tric trac dinta a casa mia ca si nun a tenche aperta pe na settimana avimme bisogne de maschere antigas…fuori …fuori da questa casa imbroglioni! Andate via! ( si apprestano tutti ad uscire con apparente brontolii) no.voi no signor Girolamo, restate. Io vi debbo ringranziare per averci salvato da quegli imbroglioni e mo ce vo! Si nun ere pe vuie avesse fatta fine do sarachielle.( si mette sul divano e si porta le mani al viso)

GIROLAMO: mi .. mi.. fa…  fa

GENNARO: seh seh mo accumincie ca e note musicale

GIROLAMO: mi fa molto   pi..piacere di essere stato u..ultimo, di esservi stato utile

SAVERIO: grazie e ancora grazie! Ma..a busta, mo me scurdave da buste, dateme cca, aprimola e vedimme ca dice o documente. Po’essere na fortuna pe tutte quante!( prende la busta .la apre e inforca gli occhiali e legge ad alta voce)Esimio signor Barone  Saverio Monreale, io Bartolomeo Galletti in qualità di notaio della compianta baronessa Vittoria Monreale, le notifico quanto segue: Lascio di mia volontà a mia nipote Elvira la somma di trecento milioni per la dote. A mio nipote Saverio il mio amato pappagallo e la somma di due miliardi..(straluna gli occhi) due miliardi, due miliardi…  (continua a  leggere) due miliardi all’ente protezione animali. (smette di leggere) all’ente protezione animali?…( si stropiccia gli occhi  poi, emette un urlo e si accascia a terra)

GIROLAMO: (cerca di aiutarlo) acco..acco..accorrete aiuto, aiuto!

GENNARO: Gli si accosta lo guarda ,poi lo scuote) ehh è nu semplice svenimento! (entrano di corsa Elvira e Lucia e cominciano a scuoterlo)

LUCIA: barone..Savè..Savè scetate, che è succise? Parla!..e rispunne!

ELVIRA:Papà..papà e dice qualcosa uh madonna mia chille nun se move proprie..Enrico! si mo vado a chiamare Enrico! ( corre seguito da Girolamo)

GIROLAMO: vi vi appapagno  ..vi accompagno (escono)

LUCIA: Savè..p’ammore e Die scetate parlame…Savè..po bene ca te voglie diqualcosa ( si alza ,va berso la tavola e prende un bicchiere d’acqua mentre Saverio non visto alza la testa e non visto fa finta di essere ancora svenuto) Savè. È vere te voglie bene .( gli butta un po d’acqua sul viso) savè rispunne!

SAVERIO: (farfuglia qualcosa poi fa finta di svenire ancora)

LUCIA : noo! È svenute nata vota! Ah saverio mio pecchè,pechè nun me daie maie retta! E già, tu sei ‘o barone e Monreale pecchè po m’avisse da rette? Si o sacce ca pure tu me vuo bene…ma comme cammerera..o bene mie invece vene a dinta all’anema ma tu cheste nun o puoie sapè!tu nun te ne si maie accorte! ( si apre la porta ed entrono Enrico Girolamo e d Elvira)

GENNARO: e cheste è na dichiarazione d’ammore in piena regola!

ENRICO: presto, presto aiutatemi a levargli la giacca …(prende lo sfigmamometro e comincia a misurargli la pressione)

SAVERIO: (comincia a parlare in modo confuso) cho è  ca e succise, addò me trove?

LUCIA: niente,niente nun ve preoccupate ,avite avute nu mancamnente e o duttore ve sta a visità

ENRICO: (continuando a visitarlo) non,no per fortuna non è niente di serio. Adesso gli diamo due gocce che ho in borsa così lo facciamo riposare un po. Poi quando si sveglierà gli darete (tirando fuori dalla borsa un ricettario e comincia a scrivere) una di queste bustine tre volte al giorno . vedrete che starà meglio!

ELVIRA: povero papà, adesso speriamo ca si senta meglio

Saverio: ( dopo aver preso le goccie che Lucia gli porge) ho sonno, tanto sonno..fatemi dormire ( chiude gli occhi e fa finta di dormire)

LUCIA: si è addormentato. Meno male che c’eri tu Enrì altrimenti nun sapeveme cheffà!

ENRICO: non vi preoccupate, si rimetterà presto.Piuttosto posso stare tranquillo? Da quando mi avete detto di Elvira tremo al solo pensiero di perderla.

Lucia: (mentre Elvira si stringe ad Enrico) andate,andate tranquillo ,con l’aiuto del signore vedrete che  tutto si accomoderà,.Elvira accompagna Enrico e il signor Girormo

GIROLAMO: scu  scu.scusate, de, cevo prima spremere a buatta! Mannaggia a lenghe! Devo prima prendere la busta e po.. portarla al notaio

LUCIA: je nun sacce e che buste parlate,venite cchiù trde quante se sete o barone e va facite dà ..mo andate fatele arreposare.

GIROLAMO: e..va va buone venghe cu tanghe..venghe chiu tarde..arri arri..arrivederci

ELVIRA: venite vi accompagno ( escono  Elvira ed Enrico si tengono per mano)

SAVERIO: ( non visto alza la testa e d osserva la scena e poi si addormenta sul serio)

GENNARO: e bravo ‘o barone prime e s’addurmentà se godute a scena tutta quanta senza e se ne fa accorgere a nisciune ( si avvicina a Lucia) Lucì mo falle arrepusà ca po essere ca quanne se sceta ..s’aviza cu n’ata capa

LUCIA: si si..e sperammo ca sia accussì..io intante appane  a finestra e nu o facce disturbà a nisciune ( esce)

GENNARO: ( si siede, pensa un po , poi si alza,  si avvicina a Saverio e lo scuote leggermente)  Savè…Saverio..rispunne!

SAVERIO: ( girandosi sul divano ,con gli occhi chiusi) uhrr uhmmrr chi è..che vulite

GENNARO: chi so? So a coscienza toia  Savè!

SAVERIO: ( con aria insonnata)  pure quanne dorme? E se io dormo nun avisse durmì pure tu? Lassame sta,tenghe suonane..( si rigira)

GENNARO: ah no! mo agge perza a pazienza e nun ne pozze cchiù Mo è venute o mumente c’avimme parlà nu poco!

SAVERIO: ( come  in uno stato di ipnosi) a chi ‘o dice a me me venute na malatia! Prime è venutechillu piezze e cancare e Don Gaetano ca ma purtate a casa na pereta ambulante e nu puparuolo sagliute e pe poche nun me fatecene ‘o bidone,po agge perze duie milarde pecchè che nzallanute e mia zia a lassate tutte e sorde a cane e gatte…..e a me sule nu pappavalle spennate

GENNARO : Tutte se paghe a chistu munne!   e te sta buone! Pecchè fine a mo e raggiunate che bende all’uocchie, senza e te preoccupà ne di tua figlia ne della casa. E penzate sule  a soddisfare i tuoi piaceri,sprecanne  tiempe e sorde e facennete spennà a chelle quatte pullere e mieza a via. Vergognati!riguarde poi ca e ditte che e perze..tu nun e perze niente pecchè nun erono e tuoie! Quindi non ti lamentare e pensa piuttosto a far  la felicità di tua figlia e..chella toia.accussì faie arrepusà pure quela buonanima di tua moglie e   ricordati….ca si nun faie l’omme te venghe e perseguità pe tutta a vita!

SAVERIO: hai ragione, so state  nu cecate,un egoista!, si ,si, ma mo dimme  chelle c’aggia fa! Voglio riparare  tutte e torte c’agge fatte fine a mo!

GENNARO: mo o saie Elvira  a chi vo bene..le viste pure tu!  Esaie pure quante bene te vo Lucia..che fa si è na cammerera,tu a canusce troppa bona..è cresciute dinta a csa toia e ricorda..e sorde nun hanne maie fatta a felicità e nisciune!

SAVERIO: ( comincia ad agitarsi, poi si sveglia, si guarda intorno, prende il campanello e comincia a suonare) Lucia…Lucia

LUCIA: ( entra correndo) sono qui, diciteme, comme ve sentite?

SAVERIO: ( con fare agitato) chiamami il dottore di prima e fallo venire qua,.mi voglio far fare una visita accurata, poi chiama Elvira e digli che la voglio vicino a me

LUCIA:si ,su ma nun agitateve, stateve quiete..mo ci penso io! Faccio tutto e subito (esce)

SAVERIO: (si alza ed apre la finestra)luce  trase, trase e illumina pure e cerevelle mie!

ELVIRA: ( entrando) papà,papà comme ve sentite?( lo aiuta ad indossare la giacca)

Ca spavente ca ci avete fatto prendere..e passate è overe? ( gli da un bacio)

SAVERIO: si , si è passate…è passate!mo me sente buone! Anze nun me so maie sentute buone comme a mo! Sarà a cura ca ma date chillu duttore che avita chiammate. Adda essere proprie nu brave duttore è overe?

ELVIRA: si papà..è  molto bravo,molto preparato ed  educato..

SAVERIO: onesto..gentile..ehh

ELVIRA : (lasciandosi trasportare) si assaie..assaie e po è….

SAVERIO: e po sta venenne cca!

ELVIRA: come?

SAVERIO: si l’agge mannate a chiammà je!

ELVIRA: ma ..nunte siente buone nata vota

SAVERIO: certo ma me voglie fa fa na visita acchiù accurata

ELVIRA: ( delusa) ah sulamente  peccheste! (bussano alla porta e Saverio si siede  sul divano)

SAVERIO: Elvira vai ad aprire per favore.

LUCIA: ( entra seguita da Enrico) venite dottore ..entrate.(Elvira ed Enrico si guarano negli occhi)

SAVERIO: prego dottore ,accomodatevi qui. Caro dottore vi ringranzio innanzitutto di quello che avete fatto, ora ditemi è da molto che esercitate? Sa…oggi bisogna pure fidarsi ma ...prima eh prima di avere fiducia in un medico ce ne vuole eh

ENRICO: veramente è da piu di un anno che esercito la mia professione ma sono anche impegnato presso l’ospedale come internista.

SAVERIO: ah bene bene allora visto che  siete bravo dovete avere anche molti clienti  è vero?

Gennaro :   ehhhh…o vizie e penzà e sorde nun l’ha perdute!

ENRICO: per la verità ne ho gia abbastanza e.. spero di avere l’onore di avere presto anche voi..come cliente.

SAVERIO:  di certo questo onore lo avete già..visto in che modo mi avete  curato..ma ditemi onestamente..sto bene si..perché sapete ogni tanto..è come se sentissi una strana voce che mi suona nella testa.

ENRICO:  ma certo non vi preoccupate .passerà vedrete che passerà!

SAVERIO: ah bene e allora cosi come stanno le cose per il momento non ho bisogno piu delle sue cure vero?

ENRICO; si , si certamente!

SAVERIO:  bene! Ma ora fatemi un piacere

ENRICO: dite dite

SAVERIO:mia figlia

ENRICO: vostra figlia?

SAVERIO: abbiate cura di Elvira. E… anche voi curatevi!

ENRICO ed ELVIRA: ( si guardano stupefatti)

SAVERIO: su ,su che aspettate, abbracciatevi,avete la mia benedizione!

ELVIRA ed ENRICO: ( si abbracciano) papà, è il regalo più bello che potevi farmi. Grazie papà ( lo abbraccia,  poi abbraccia anche  Lucia la quale non riecse tratenere le lacrime)  

GENNARO:   e che ce vulute! ( poi si avvicina a Saverio gli da una piccola spinta e gli dice): jamme bele ja! coraggio ca chiste è o mumente giuste! Di a Lucia chelle  ca te siente dentro. Lei non aspetta altro! Su!

SAVERIO:chi è  ? ah si,  tu , si..si haie raggione… ( si avvicina timidamente a Lucia) Luci..Lucì io…

LUCIA: si..dici.. don Saverio

SAVERIO:beh vedi…niente! Nisciune Don Saverio da oggi  in poi se vuoi je pe te so sule Saverio! Te voglie bene Lucì e si pure tu o tiene stu sentimente dinte o core … vienne cca abbracciame..( Lucia si porta le mani al capo poi di slancio va ad abbracciarlo piangendo) ah mo si ca simme na famiglia !

GENNARO: ( guardando verso l’alto) eh Patatè, avite viste? Ma mo pozze rientrà?…no? ( abbasa le mani sconsolato) nun ancore eh? E va buono aggiustammo pure quest’altra situazione.

SAVERIO: Elvì devo darti anche un’altra bella notizia, tua zia   Vittoria..l’americana, ti ha lasciato in dote trecento milioni ,perciò si v’avite spusà facite ambressa, sta casa a bisogne e allegria.. invece a nuie ( guardando Lucia) mia cara..ci ha lasciato sule nu pappavalle spennate..ma che fa, quante duie se vonne bene basta a salute!

LUCIA: (correndo verso la porta) aspette Savè, aspiette nu poche ( tutti sorpresi quando Lucia rientra con un cofanetto)  eccomi qua! ( Lucia apre il cofanetto ) guardate!

SAVERIO: ( mettendo le mani nel cofanetto) ma so so milioni! Nu sacche e milioni!

LUCIA: Si savè! So tutte e risparmie miei e chille da famiglia mia..so stipendi e tanti anni mai spesi, del resto che n’aveve fa de sorde.. acasa vostra nun me mancave niente e aveve pensate ca forse putevene servì pa dote e Elvira..ma..  viste comme stanne e cose ponne servi pure a nuie.

GENNARO: e capite! A serva a fatte riche ‘o padrone!

SAVERIO: ( abbracciandola e mettendo le mani sul cofanetto) Luci, luci, tu si nu tesoro!

LUCIA:Si Savè ma….so pure a guardiane e stu tesore !( e   mette le mani al cofanetto e tutti ridono mentre si sente bussare alla porta ed Enrico va ad aprire)

GIROLAMO: è è premesso?

SAVERIO: oh sigor Girolamo! Prego accomodatevi

GIROLAMO: sci..scoperchiate o bidone,se so rignute e buatte!

GENNARO: eppure je vulese sapè a chiste chi ha fatte messo comunale cu che sta lenghe!

GIROLAMO:scusate caro barone so.. so venute pa..pa busta e la devo portare al al notaio per la ricettazione..per la registrazione!

SAVERIO: si, si avete ragione, ( mette le mani in tasca e tira fuori la busta) eccola qua..tenete e..vi ringranzio ancora per la vostra cortesia

GIROLAMO: nun.. nun ve vrucculiate..non vi preoccupate..je l’agge fatte pecchè sacce ca tenite e..corne nobile..ah mannagge a lenghe..o core nobbile!

SAVERIO: embe a chiste si nun se sta accorte cocche vote e cheste l’abbuffene e mazzate ( dalla finestra entra la palla di carminucce)

GIROLAMO: ( fa per abbassarsi, sbatte la testa sul tavolo restando leggermente stordito) ahia ahia

SAVERIO: ( sorreggendolo) ma benedetto cristiano, ma che bisogno c’era di raccogliere quella spalluccia!( Enrico lo visita)

GIROLAMO: non vi preoccupate è tutto a posto, sapete com’è è statoun gesto istintivo

LUCIA: (porgendo un bicchiere di acqua) su ,su bevete così vi passa lo spavento

GIROLAMO:grazie ..grazie site molto gentile ( beve) adesso però debbo andare..ho parecchie commissioni da espletare , devo fare molto recapiti e ho rimasto in ufficio ancora tante pratiche in ufficio che aspettano di essere evase ( si apre la porta ed enra Carminiccio)

CARMINUCCE: Lucì avisse viste a paluccia mia! ( si guarda intorno) oh scusate!

LUCIA: Carmini..ogge sto troppa contente pe te schiattà a spalluccia, ma prossima vota nun e fa trasì cchiù anche pecchè…nun servene cchiù. Guarda che e combinate? Pe poche a spalluccia toia nun faceve danne  al  Signor Girolamo

GIROLAMO: ma che dite. Non è stao niente. Anzi viene qui eccoti la palluccia  e se devi andare a giocare andiamo ti accompagno. Signori vi do l’arrivederci e se avete bisogno di me..sempre a vostra completa disposizione ( fa un inchino prende le mani a Carminucce ed esce)

SAVERIO: ma..ma avite viste..avite sentito? Nun ncacaglie chiù!

GENNARO:  eh! mo vuo avvedè ca dicene  ca sarrà state a botta ncape!

ENRICO: il bello è che non se ne è neanche accorto!

SAVERIO: cheste so cose e pazze!

LUCIA: no! Cheste so cose e..sante! ( si guarda intorno) grazie,,grazie..san Gennà..

GENNARO: (allargando le braccia) eh!.. cu l’aiuto do Pataterne tutte se po!

LA VOCE: Gennà nun esagera!

Cala la tela

 

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 48 volte nell' arco di un'anno