‘e malelengue

Stampa questo copione

personaggi: 10

personaggi:                 11                                M. 5                                                    F. 6                        -      

01 - Pulcinella                                                     (l’anima della città)                         1 Pul

02 - Don Giovanni          Piccolella                    ( il parroco )                                2 DG

03 - Tammaro                 Scarpone                     ( il barbiere )                               3 Tam

04 - Pasquale                   Filoni                          ( il salumiere )                              4 Pas

05 - Tonio                                    Marsina                     ( il rappresentante )                                    5 Ton

06 - Mario                        Petrella                      ( il sacrestano (sordo) )                  1 Mar

==================================================================

01 - Viola                         Cardi in Scarpone       ( la moglie del barbiere )                  2 Vio

02 - Anna                         Cerri in Filomi            ( la moglie del salumiere)                 3 Ann

03 - Luisa                         Vanni in Marsina     ( la moglie del rappresentante)                       4 Lui

04 - Elisa                          Caldini                       ( l’organista della parrocchia vedova)   5 Eli

05 - Filomena                  Mollicone                   (‘a verdummara - bezzoca)               6 Fil

06 - Clara                        Cozzi                          (la maestra della scuola elementare)     7 Cla

     00 - Marika                       Jakir                            ( la barista voce fuori campo)                       -  Mak

=============  primo atto ==============

Parte il brano di apertura. Il sipario lentamente si apre…Pulcinella, quale anima della Città, non è visibile ne ascoltabile da nessuno. Egli vede, osserva, commenta ma nessuno s’avvede della sua presenza…. Lo spaccato di vita ha luogo in una piazza. Essa si presenta con: al centro la chiesa, il sagrato e l’entrata principale; sulla sinistra una salumeria con a fianco un erbivendola; sulla destra un salone da barbiere ed a fianco un bar con un tavolino e tre sedie posti fuori. È l’alba, Pulcinella dorme seduto per terra, col corpo appoggiato ad una sedia…. Da lontano s’ode il gallo che annuncia un nuovo giorno. Quando il canto del gallo s’ode più forte, Pulcinella inizia a svegliarsi……

Pul:        (stiracchiandosi e sbadigliando…)ah…, che stanchezza!..., certo che ccà ‘nterra se dorme ‘na schifezza…, dice…, “ma pecché nun te vaie a cuccà dint’’a lu lietto alla casa toia?….”, e ie rispongo: parle buono, ma ie lu lietto nun ce l’’ho tengo…, anze p’essere cchiù preciso, ie nun tengo manco la casa.….(alzandosi e guardandosi intorno…)la casa mia e chestà!  E guardate quant’’e bella, pe’ pavimento ten’’a terra addo lu campagnolo ce semmen’’o grano, ‘a frutta e ‘a verdure…. e pe’ mura tene  ‘stu paese che sarrà pure nu poco trasandato, anze è alquanto messo male… ma pe’ mme e commo fosse nu palazzo riale!...., pe’ titto tengo ‘o cielo…. Nun aggio bisogno e current’’elettrica pecché a luce m’ha danno: lun’’e stelle…. Nun tengo bisogno d’acqua pecché ie vevo sulo vino, ‘o lavà?... ie me lavo ‘na vot’’all’anno. Quaccheduno putesse dicere: “ma che vita è maie chesta?…”, “ma commo campa chisto?!?…”   e ie l’’e rispongo ca’ chesto m’avasta… si è vero, camp’’a ghiurnata... ve pozzo cuntà chello che è stat’’aiere ma nun mespiate chello che sarrà dimane pecché nun ‘o saccio!.., chello che sacci’’e sicuro è che so’ felice… a mme, me fanno ridere chille ca campano accucchianno sorde, tenut’’e palazze, pecché ie vulesse sapé, doppo, si, quanno moreno, che se ne fanno e tutt’’e sorde c’hann’’accucchiate?… lloro p’accucchiarle se so’ fatte ‘o mazzo tanto e chille che se ne vedarranno bene nun sapeno manco cher’’è ‘a fatica!..., ‘a fatica seh!..., nun ce ‘sta ‘na cosa cchiù fetente da’ fatica…. Penzatece nu pucurillo… ‘o faticatore, chilo ca penza sul’’accucchià sorde, s’aizz’’a matina primma ca’ schiara iuorno e se va a cuccà a sera quann’’e già notte… ‘nzomma tutt’’a iurnata, quann’’o sole splende ‘ncielo e tutto luce…, isso fatica e penza sul’’a faticà!!... a chisto San Pietro, quanno so truvarrà de n’anzo certamente l’’e diciarrà: “tu si chilo che nun sape nemmeno comm’’èfatta ‘na bella iurnat’’e sole e overo?... e allora pe’ tte ce sta l’inferno pecché ‘o paraviso nun te po’ piacé! ( detto ciò inizia a girare per la piazza guardandosi intorno…poi alza lo sguardo e…)  ‘O rilorgio port’’e sei’’e mezza, mò tra poco esce Mario… (girandosi verso la platea…)  chi è Mario?... (avvicinandosi al proscenio…) Isso è il sacrestano d’’o parrucchiano, brava persona, pio, devoto, zetiello e surdo!, si sordo, ma guaie a c’ho fa capì ‘o peggi’’ancora a c’ho dicere, addeventa na belva… ma pe ve fa nu quadro completo devo aggiungere ca è pure… comm’’aggio ‘a dicere, ‘nzomma uno ca’  è ‘nfurmatissimo e a cunuscenza di tutto chello che succede dint’’a ‘o paese…  (girandosi verso la parrocchia…) Ssss… sta’ p’’ascire!.... ( detto ciò si pone su lato destro della scena, verso il proscenio… e osserva….) 

Scena 1

(Dalla parrocchia entra in scena Mario, con in mano una scopa. Si ferma, si guarda intorno e…)

Mar:           è iniziata una nuova giornata… Pataterno mio, mannamella bona, chien’’e sole e senza guaie… (detto ciò inizia a ramazzare sul sagrato…dopo qualche istante, sempre dalla parrocchia, esce Don Giovanni il parroco e Mario nel vederlo….)  ‘ngiorno don giuvà

DG:           buongiorno Mario, ti devo parlare…

Mar:          ah, si, e… dove dovete andare?

DG:           in nome del Padre, del figlio e dello Spirito Santo

Mar:           vulite cantà?,  e cantate, vuie sieto il padrone…

DG:           cominciamo alla buon’ora

Mar;           uh, che bellezza, e chi è, commo se chiama?

DG:           ma di chi parli?

Mar:           Sant’’Iddio, vuie avite ditto c’adda venì ‘na suora, chi è?

DG:           ma che suora e suora, (a voce alta e sostenuta…) ho detto: alla buon’ora…

Mar            e nun alluccate, che m’avite pigliato pe’ surdo!

DG            appunto, ie a vote me scordo che sei sordo  comm’’e ‘na campan’’a muorto!

Mar:           avite tuorto, è avite ragione ch’’avite tuorto, vuie alluccate comm’’a nu dannato… ma nun fa niente, ie ve perdono…

DG:           e si, mo’ ce manca pure che me dai l’assoluzione… embé, tu si capac’’e me fa ascire pazzo!

Mar:           embé parrucchià, e mi meraviglio di voi?!?!... cierti parole nun stanno proto bene ‘nmocc’’a vuie!

DG:           lasciamo perdere che è meglio, dunque ti dicevo, (alzando la voce e chinandosi verso l’orecchio di Mario…), che ti devo parlare

Mar:           n’ata vota mò! Ma c’alluccat’’a ffa’, ie, ce sento!... ce sentoooo!... Avite capito mò!

DG:           certamente, ma per l’ammor del cielo, chillo ce sente… va vedendo ca’ mò song’ie che nun tengo voce

Mar:           vulite ‘na noce?... a chest’ora?

DG:           ma tu guarda commo m’aggi’’a fà stà croce, cu ‘stu surd’’ogni matina…

Mar:           ah,  vulite ‘nu mandarine?

DG:           tu sei capace di farmi dimenticare l’abito che indosso…

Mar:           ed è logico che ’e mandarine tengheno l’osso, ma vuie, facite commo faccio ie,  primma me li zuco, e po’ li sputo….

DG            nun ce ‘sta nient’’a fa, si comm’’a ‘na campana…

Mar:           m’’avite perz’’a capa?

DG:           (sbigottito…) e perché?

Mar:           ‘a tenite ‘ncuoll’’a suttana!... ( riprendendo a ramazzare…) ma tu vide nu poco a chisto stammatina… ( alzando gli occhi al cielo…) Pataté!!, grazie!!, se vede che m’’e capito, e m’’e accontentato subbeto!?!?…. (spazzando nervosamente…) grazie!!!!

DG:           ma che stai farfugliando,  (avvicinandosi a Mario e voce alta e sostenuta…) volevo chiederti una cosa!

Mar:           (si ferma e senza girarsi…) overo?, e di che si tratta, (girandosi verso don Giovanni..) che volite sapé?…

DG:           (riprendendo il tono naturale…) volevo notizie dei coniugi giunti da poco in paese, pare siano di Bologna….

Mar:           chi è ca’ ten’’a rogna?…

DG:           ( alzando la voce) ma che capito…. la famiglia da Bologna!... la famiglia da Bologna!?

Mar:           ah… state parlanno de’ bolognese?!

DG:           (sempre a voce sostenuta…)  si dimmi, … chi sono?!?!

Mar:           uh Gesù!?!… ma allor’’over’’avite perz’’a capa stammatina?.. (fissando negli occhi il parroco…) guardatemi, voi, sieto Don Giuvann’’o parrucchiano!, e questa (mostrando la chiesa…) è la vostra parrocchia… V’arricurdate mo’?

DG:           non voglio sapere io chi sono, ma loro, si loro!

Mar:           ah, l’oro… e chell’’o tenite chiuso dint’’a casciaforte!

DG:           oggi nun si’ sulo surdo, ma pare che t’acchiappato n’attacch’’e scemità!

Mar:           uh… che bello, addà venì Sua Santità?!? E quanno, quanno?

DG:           (alzando gli occhi al cielo e unendo le mani…)  Signore dammi la forza…

Mar:           (interdetta…) ve vulite fa ‘na corza?!?!, (ridacchiando…) ma ie tengo n’età, si me mecc’’a correre, certamente me vene ‘na cosa…( fa per girarsi, poi si ferma e rigirandosi verso don Giovanni…) ma po’ commo ve veneno ‘st’idee p’’a capa, ve site scurdato che tenit’’e calle?... ( ciò dicendo riprende a ramazzare…)

DG:           (accostandosi a Mario, afferrandola per un braccio e a voce alta e sostenuta…) fermati e guardami!... si, guardami le labbra e cerca di capire ciò che dico….,

Mar:           (impaurita…) e si, si, ma nun me facite male…(girandosi verso la platea tra se e se…)  chisto certamente stanott’’a pigliato quacche botta ‘ncapp!....

DG:           GUARDAMI!!!…

Mar:           e ve sto guardanno!!, ma lasciatem’’o vraccio! Ca’ me facite male!

DG:           (lasciando la presa) a si, scusa, ma ora capisci…

Mar:           veramente ho già fatto, sapete comm’’è, ie so’ preciso, la faccio appena me soso…

DG:           ( irato ed a voce alta e sostenuta) Ah!…ah!…ah!… capisci, capisci, tutto legato… riesci a capire quando parlo?

Mar:           è certo!... si ve state zitto, ie nun sento e nun capisco… si invece parlate, ie ve sento e capisco!!..

DG:           speriamo, (a voce alta e sostenuta…) voglio solo sapere se hai avuto modo di conoscere i bolognesi,

Mar            si…

DG            bene, sai come si chiamano?, che fanno?, che tipi sono?…

Mar:           (svincolandosi dalla presa del parroco…) eh!.., eh,  e ‘na cos’’a vota!..., (si guarda intorno come a non volersi far ascoltare da orecchie indiscrete e con fare ironico...)  aggio capito, ( picchiettando col gomito sul braccio di don Giovanni…) vulite sapé de’ bolognese eh...eh… e ccà tutte vonno sapé e chisti duie... (guardando Don giovanni dai piedi alla testa…) mò anche voi… mah?!?

DG:           ma che mah! e mah!... per chi mi hai preso!...(dandosi un contegno…) la mia non è curiosità fine al pettegolezzo… io voglio sapere di questi bolognesi, solo per conoscere meglio i miei parrocchiani… parla, e dimmi quello che sai…

Mar:           ad essere sincero, nun è ca’ sacc’’assaie…

DG:           (ironicamente…) non ti stare a preoccupare, a me basta quel poco che sai, e allora?…

Mar:           e allora, e allora!... è presto detto parrucchià, dovete sapere ca’ essa, se chiamma Luisa, a fatt’’a scola de’ musicante a Bologna,

DG            ‘a scola de’ musicante??? … ah, ho capito, il conservatorio

Mar            a chi avita benedicere?... V’‘o vac’’a piglià?

DG            che cosa vuoi andare a prendere ora?

Mar            l’estensorio

DG            (a voce alta) ma qual’’estensorio, prima di tutto si dice ASPERSORIO e no estensorio, poi, io ho detto CONSERVATORIO, per correggere il tuo: “ ‘a scola de’ musicante…“ hai capito!

Mar            e, aggio capito, e nun ve ‘ncazz… ( guarda don Giovanni che gli lancia un’occhiata come a dire che stai dicendo ora! e…)  nun v’arrabbiate!

DG            bada a quello che dici… non essere scurrile!

Mar            scusate, m’’e steva scappanno…

DG            dunque, dicevi?

Mar            a, si,  ‘il pate di Essa, fa’ il trammiero nella ditta dei purmanni…

DG            l’autista di mezzi pubblici…

Mar            scusate, parrucchià, pozzo farvi una domanda?

DG            sentiamo…

Mar            pecché se chiammeno Trammieri che sarebbero po’ chille ca portan’’o tram e  invece chiste portano i pormanni?

DG            (a voce sostenuta,,,) è solo una questione dialettale, poiché è divenuto d’uso comune, chiamare coloro che lavorano nei trasporti urbani pubblici, tranvieri, sin da quando gli unici mezzi erano i tram… hai capito?

Mar            ( Mario annuisce… )  ‘a verita nun tanto, ma va buon’’o stesso…

DG            bene, allora va avanti…

Mar            (spostandosi in avanti…) Si, ecco qua, allora, diceve, il patro fa chello c’avite ditto vuie, invece la matra, fa la sarta, ed è anco la sarta perzunala dei nobbeli  Scombinati!.

DG            I Nobbeli Scombinati??... a Bologna… (pensa… poi… ) ah… ho capito, tu parli  degli URBINATI…

Mar            si, proto loro… scusate ma chi so’ ?

DG            appartengono ad una nobile famiglia… se non sbaglio di Cesena

Mar            Sena!... l’ho detto embé?

DG            comm’’embé?? Che vuò dicere?

Mar            uh scusate, vuie m’avite ditto dicesena”, e io l’ho detto!… e mò?!?

DG            (muovendosi nervosamente sul posto…) no!,  ma comm’’aggi’’a fa cu tté!

Mar            no, no, comm’’aggi’’a fa ie cu vuie… primmo me dicet’’e fa ‘na cosa, po’ ve ‘ncazz… ( guarda don Giovanni che gli rilancia un’occhiata, e…) v’arrabbiato, e nun sta bene!

DG            oh Santo Iddio, Mario!, io alludevo alla città di Cesena, va buò, ma che t’ho spieg’’a ffà… tempo perso… nun fa niente, vai avanti…

Mar            (spostandosi in avanti…) ecco quà, dicevo, il marito della bolognesa se chiamasse Antonio, ma, non so’ perché, se fa chiammà Tonio.

DG            come non so perché… Tonio è un diminutivo, un nomignolo…

Mar            sarrà commo dicite vuie, ma ccà quann’’a uno ‘o chiammammo Tonio, vo’ dicere che è ‘o scemo do’ paese…

DG            e si vede che dalle loro parti non è cosi, comunque vai avanti…

Mar            (spostandosi in avanti…) ecco quà, Il patro ‘e chistu Tonio, fa ll’usciero al Comune mentro la matra è casereccia

DG            casereccia?... ah.. ho capito, casalinga!

Mar            ‘nzomm’’è ‘na femmen’’e casa…,

DG            giusto…

Mar            ma chesta nun ‘o fà a’ casa soia,

DG            come sarebbe non lo fa a casa sua?

Mar            no, aspettate, forze non mi sono spiecato bene, vulevo dicere ca’ nun ‘o ffà sul’’a casa soia, ma anco in quella dei nobbeli ch’’aggio annummenato primma.

DG            gli Urbinati…

Mar            proto chisti… Tonio invece, è diplumato alla scola dei pìriti elettrici,

DG:           ma che dici?!?!..., vorrai dire dei Periti elettronici!

Mar:           se lo dite voi… sarrà accussì…

DG:           no, quello è così!… perché il diploma che dici tu, non esiste… ma non tergiversiamo, vai avanti…

Mar:           (spostandosi in avanti…) Si, ecco qua, Isso, dopp’’a ‘sta scola, se mis’’a ffà il rappresentanto. I due se songo accanusciuti alla casa degli Scombinati

DG            URBINATI…

Mar            si, e dopp’’a duie anne ‘e fidanzamento, e precisamente quanno isso fuie assunto dalla ditta ‘mericana, aspetta, commo se chiama…, a si, ecco…, la  “pisce’’nman

DG:           piscenman??? Ma che ditta è… non la conosco…

Mar            ma commo nun ha cunuscite, è ‘a ditta che fa chelli buste ca vuie ausate pe’ metter’’a robba dinto al cungelatoro…

DG:           ah!?!?... ma tu parli della “fischer man”…

Mar:           e ie che ho detto!

DG:           lasciamo perdere, e vai avanti…

Mar            (spostandosi in avanti…) Si, ecco qua, comunque, pigliat’’o posto se so’ spusate. (Don Giovanni la guarda ed in attesa di altre notizie fa cenno con la mano di continuare, Mario ironicamente…) mò vuie… vulisseve sapé il pecché songo venute cca’, è overo?

DG:           se lo sai dillo, senza fare tanto lo spiritoso, su, vai avanti…

Mar            (guarda avanti, senza spostarsi e fermando con un braccio il parroco…) Fermo Parrucchià!... più avanto di così non potiamo andare, fa ‘o stesso si chello che v’aggi’’a dicere, v’’o dico ccà!

DG:           ma il mio “ vai avanti ”, è nel senso del discorso…

Mar:           ah?!?!?… comunque fermammoce ca è meglio, ‘nomm’’e duie spusine se songo trasferite cca’, perché la ditta Pisce…,

DG            “FISCHER MAN”

Mar            protamente essa…, araputo ‘na tal’’e quale ccà!

DG            ‘na tal’’e quale???...

Mar            si, commo se dice… una uguala a chella che stà a Bologna…

DG            vorrai dire una succursale…

Mar            e si, e l’araputa qua!

DG:           in paese?

Mar:           no, no dint’’o paese, fore, dint’’a terra ‘e Zì Bacchino, ‘o sapite, chilo che tene gli ufari e fa ‘a mozzarella bona…

DG            ho capito Belardo Bacchino quello del caseificio “ B & B “…

Mar            proto isso… precisamente sta dopp’’a pompellessa

DG            ‘a POMPELLESSA???... e cher’è?

Mar            ma common un sapit’’a pompellessa?

DG            sto da dieci anni qua, ed è la prima volta che sento di questa pompellessa?

Mar            ma che dito, la pompellessa e chella addo vuie ve fermat’’a fa ‘a benzina, quann’’ascite con la machina…, avite capito mò…

DG            ma aspetta un momento, tu alludi al distributore della ESSO…

Mar            e certo, ie che ho detto…  ‘a pompellessa!

DG            ma tu senti questo….

Mar            comunque dopp’’a pompellessa ce sta ‘sta…

DG            succursale.. e dimmi, lì cosa fa Tonio?

Mar            acconcia le machine ca’ fann’’e buste, (battendo le palme delle mani…) e chest’’è!

DG:           non sai altro?

Mar            chest’’è tutto chello che ho saputo. E po’ ve l’ho detto ie me ‘ntrigo poco de’ fatt’’e llate… e quand’ho detto: (battendo le palme delle mani…) e chest’’è!, vo dicere ca’ chesto è tutto chello ca’ saccio…

DG:           e figurammoce si sapiv’’assaie!?!?…( ciò dicendo fa per andare…)

Mar            (afferrando per un braccio il parroco e tirandolo a se…) comunquo, è genta del nordo,

DG:           che vuoi dire?

Mar:           quelli teneno aldre cerevelle…, (avvicinandosi al parroco…)  e secondo me, nun fanno pe’ nuie!

DG:           ( sempre a voce sostenuta ) oh Dio buono…, e per quale motivo non fanno per noi?

Mar:           vuie ‘o sapite che ie songo una che se fa semp’’e fatte suoie,

DG:           (ironicamente…) ma certo, che vai pensando….

Mar:           ‘o ‘nciucimiento nun me maie piaciuto…

DG            figuriamoci, e che me l’ho dici a fare, io lo so bene…

Mar            (avvicinandosi a Don Giovanni e strizzando un occhio…) però…

DG:           ( guardando Mario perplesso…) però??…

Mar:           ‘a chello c’aggio sentuto, Isso: “ Tonio ”, sta fore da’ casa dall’arba, ‘nzitto alle nove della sera, e fa chesto tutt’’a semmana…

DG            embé, si vede che è un lavoratore indefesso!

Mar            ecco!... vedo c’aveto afferrat’’o cuncetto!... ma secondo me, nun è sulo ‘a dinto ca’ è fesso, deve esserlo anco da fora!

DG            INDEFESSO, non significa fesso dentro, ma instancabile lavoratore, hai capito?!? E poi perché, secondo te, sarebbe un fesso?

Mar            (allontanandosi e dandosi un’aria di chi vuol dar ad intendere ciò che è celato tra le righe di un discorso…) pecché, perché…. (si ferma, si gira verso il parroco e…) mentro lui fatica int’’e fesse, Essa, la mugliettina “ Luisa ”, se ne va pacchianno pe’ tutt’’o paese, rialanno sorrise… e ‘nzemmanno ‘e marite ‘e ll’ate!!!

DG:           (incredulo ed esterrefatto…) ma cosa dici?!?!!

Mar:           chello c’’aggio ditto!

DG:           ma vi sono prove di questo suo comportamento…(pensa un attimo poi con fare serioso ed accusatorio…) o sono solo i soliti pettegolezzi!!….

Mar            Aldro che pettegolezzi!... chella, e si ‘a vedite subbeto ve rendite cunto che chello c’aggio ditto è ‘a verità!!!… la bulugnesina è ‘n’’arrobba marite!!! ( ciò dicendo inizia a ramazzare…)

DG            davvero?!?!’.. ma perché, cosa fa?

Mar            (si ferma, si gira verso il parroco e…) n’’anzitutto se veste tutta sfranciosa e pruvucante: minigonna, cammesella scullacciata, scarpe cu  tacche ‘e miezzu metro, po’ se  pitta facc’’e capille…  e quanno gira po’ paese, mettenn’’in mostr’’a mercanzia, senza scuorno!... senza ritegno!... spensa sorrise e salut’’a tutte l’uommene…

DG            prescindendo dal modo di vestire che, visti i tempi attuali, sarebbe anche normale, ma di questi suoi atti d’adescamento, ci sono prove?

Mar:           ma qua provol’’e provole, ccà l’unico pruvulon’’è ‘o marito,  pecché essa è sulo ‘na granda Zocco..

DG            (la blocca per un braccio e…) Ah!... non essere prosaico…

Mar            (toccandosi il braccio dolorante…) ahia.. me facite male!!!

DG            scusa, ma certe parolacce non le sopporto proprio…

Mar            ma se chella lo è, lo è, ce sta poc’’a fa!

DG            se questa donna lo sia o meno non tocca certo a noi giudicarla, né etichettarla senza avere alcuna prova che ne dimostri la colpevolezza

Mar            ‘nnucente certamente nun è!

DG            ma perché, tu l’hai vista fare queste cose?

Mar            vista, vista, proprio no, ma saccio buono ca è verità, pecché tutt’’o paese ne parla!… e vuie sapite buono che “ voce ‘e popolo è voc’’e Die… “

DG:           Adesso non mischiamo il sacro con il profano, Ricordati: “non nominare il nome di Dio invano”… dirlo, è peccato!

Mar:           ma farlo… è cchiù peccat’’ancora!... nun ve pare?

DG:           (con decisione…) ma come fai ad essere così sicura, se proprio ora m’hai detto di non averla mai vista fare queste cose?… se sono solo voci, potrebbe anche essere, anzi ne sono certo, che sono solo pettegolezzi… che ti pare?

Mar:           che m’’appar’’o non m’’apparo, ie saccio sulo ca’ chella nun è certo ‘na santarella…

DG:           (a voce sostenuta rivolto a Mario…) Non giudicare gli altri senza sapere, altrimenti, allo stesso modo, potresti essere giudicata tu!

Mar:           e nun alluccate!... che ie ce sento!... e po’ che putessero maie dicere ‘ncuoll’’a mme!

DG:           (guardandola dalla testa ai piedi…) mah?!?… penso che se si mettono, anche senza troppo impegno, qualcosa la potrebbero anche trovare…

Mar:          Parrucchià, ie songo comm’’a ll’acqua surgiva, frisc’’e trasparente!

DG            di questo non ho alcun dubbio…, ma….,

Mar            ma?

DG            conoscendo la popolazione di questo paese, non mi meraviglierei se avessero qualcosa da dire, anche su di te….

Mar            allora commo dicite vuie, pure ‘ncuoll’’a vuie potessero sparlà?

DG            e ti meravigli? in passato l’hanno fatto e sono più che sicuro che qualcosa ancora oggi la dicano…

Mar            qualcosa?!... como sieto ottimista…

DG            Non è questione d’essere o meno ottimista e che…(si ferma a pensare e poi…)  Aspetta, aspetta…

Mar            stò qua, non mi muovo…

DG            no, no, ma famme capì, ma si sparla ancora di me?

Mar            no, no, per l’amor del cielo…

DG            ah, ‘nmbé!... comunque penso che “‘e malelengue” stanno sempre a scavare nei fatti  altrui… scucendo e ricamando su tutto ciò che trovano.

Mar            esatto su tutto e… su TUTTI!

DG            (guardando Mario…) ho capito, e allora ora, io esigo che tu mi dica cosa hanno ancora da ridire sulla mia persona?, si, dimmi, dimmi, sono proprio curioso di sapere, e allora…

Mar            (guardando don Giovanni, cercando di deviare il discorso… ) niente, niente, su di voi non dicono niente di importante

DG            lascia che sia io a giudicare l’importanza o meno di queste cose, tu dimmele e basta!

Mar            e va buò, ie per quel poco che so’, pare che quaccheduno dice… ca’ sieto nu poco scassambrello…

DG:           (irato…) scassambrello io?!?! ma che dici?…

Mar            e nun v’aggitate, ecco pecché nun ve vulevo dicere niente… ‘sti cose ve fanno male, e pò nun ve stat’’a preoccupà, che comunque, ve vonno tutte quante bene…

DG:           figuriamoci se mi volevano male cosa avrebbero detto di me!…

Mar            quell’’è il fatto che vuie site troppo struito, e ‘a gente ’a vote nun ve capisce…

DG            è vero, si questo è assolutamente vero…

Mar            è proprio così… ccà la gent’’a matina fa ‘nmarenna cu pane ‘nzipido… ‘o pesce costa troppo caro e quinti nisciuno so’ magna…

DG            un momento il fatto del pane sciapo l’ho capita, ma questa del pesce no, che centra il pesce?

Mar            ccà se dice: “ chi mett’’o pesce dint’’a panza nun se sazia maie, ma di certo accide l’ignuranza! “… e ‘a genta ccà, guard’’allessenzialo, ‘e chiacchiere, spicialment’’e voste, nun saziano e nun portano né sord’’e né magna! 

DG            ah, bene, adesso ho capito, quindi, uno come me, che cerca di farvi elevare culturalmente, è uno scassambrello, un rompiscatole…

Mar            che ce vulite fa, ognuno deve portare la sua croce…

DG            ma pare che in questo paese, io ne debba portare più di una… mah?!? (sollevando lo sguardo al cielo…) Si fatta la volontà del Signore… adesso è meglio se continuo a leggere il mio ufficio mattutino…( ciò dicendo va via leggendo il breviario…)

Mar:           si, si, facite buono iatev’’a piglià nu cappuccino, chilo ve fa scenner’’a collera…

(Il parroco inizia a passeggiare e leggere il breviario e Mario continua il suo lavoro. )

Scena 2

(Giunge Filomena l’erbivendola con alcune cassette di verdura che nel vedere il Parroco, poggia le cassette per terra e….)

Fil:             Buongiorno Don Giovà, ( avvicinandosi a Mario che sta spazzando…)  buongiorno Mario, staie semp’’a scupà, commo se vede chi ‘a fatica s’’a magna!

Mar:           no, no, oggi è venerdì, niente lasagna. (avvicinandosi a Filomena…) aggio cucenato rap’’e fasule, ( chinandosi verso Filomena per non farsi sentire da Don Giovanni, scherzosamente …) nu piatto che stimola l’artiglieria da camera…

Fil:             l’artiglieria da camera? …, e ch’erè?

Mar:           (ammiccando…) so’ chili bumbardamente d’aria ca’ te fanno senti cchiù leggera…

Fil:             (sorridendo…) a…  si…. mò aggio capito…

DG:           (notando le due parlottare tra loro…) ecco qua, s’è aperto il pollaio… guai per chi ci capita… (avvicinandosi alle due donne, che ridacchiano…) di che o di chi state ‘nciuciando?

Fil:             (presa alla sprovvista impacciata…) niente, niente parrucchià, chillo Mario me steva dicendo chello che a priparato, pe’ pranzo… ogge so’ rape e fasule… (ciò dicendo, guarda Mario e scappa a ridere…)

DG:           (poco convinto…) embè, questa pietanza ti fa ridere?

Mar:           (cercando di non far scoprire quanto detto prima…) no parrucchià, quella Filomena ride perché le ho detto che a voi piacciono assai…

DG:           e va bene, ma continuo a non capire… che a me piacciono, non ci vedo nulla di divertente…..

Fil              (sempre ridacchiando..)veramente, quello il divertente vene dopo…

DG:           dopo??? … ma che vuoi dire?

Mar:           quella allud’’al fatto che doppo uno se sente, comm’’aggia dicere… ecco, un poco ‘ntufato, capite?... ‘nzomm’’abbuffato…

DG:           e questo vi fa ridere?

Fil:             e si, don Giuvà, perché penzammo ’a chello che facite pe’ ve liberà?!?

Mar:           embé Filomé!... quell’’i preti certe cose non le fanno…

DG:           ma non dire stupidate, certo che le facciamo, il corpo ha bisogno delle stesse attenzioni dello spirito...

 (Filomena intuendo e cercando di sdrammatizzare il momento…)

Fil:             e va buò, in fondo che c’è di male…, come si dice quan’’a panza sona ‘o culo canta… E pure chilo d’’o parrucchiano adda cantà!

DG:           si, ma il mio, quando lo fa, lo fa in silenzio!

Fil:             e chelle song’’e pegg’’e tutte!

DG:           ma che dici!

Fil:             e si, parrucchià, ‘o ditt’’antico dice: “ pireto senza rumore…, uaie pe’ llu naso che n’appura l’addore!”…

DG:           Questo passo così romantico ed istruttivo da quale tomo l’hai tratto…. 

Fil              no, a ‘stu Tomo nun ‘o conosco, era Zitema Luciella che ‘o diceva.

DG            meglio che mi finisco l’ufficio, altrimenti stamattina non so proprio come va a finire…

( ciò dicendo va via leggendo il breviario … Filomana avvicinandosi a Mario …  )

Fil:             néh…,  ma se fosse pigliato collera… ie chello c’aggio ditto, è sul’’a verità!

Mar:           a Don Giuvanne nun le piace d’affruntà ciert’’argumente…però te pozz’’assicurà che quanno sta dint’’a stanza soia… ‘e ffà…

Fil:             overo!…, e fa tant’’o spiciuso…

Mar:           chill’’e po’ vestito ca porta…. nun è certo ‘na bella cosa a parlà, nun te pare?

Fil:             hai ragione…  (rivolgendosi a Mario…) Ma lievame ‘na curiosità… ma comm’’è fa?

(Don Giovanni avendo ascoltato, si gira di botto e… )

DG:           Le faccio come fanno tutti, o credete che un prete non debba liberarsi se si sente gonfio…

Fil:             si, certamente, ma scusate la curiosità, a vuie, mentre succede, nun ve fa impressione?

DG:           (alquanto infastidito dal discorso e per porre fine ad esso…) Sentite, sotto quest’abito, non dimenticate che c’è un uomo. Un uomo con tutti i suoi pregi e difetti, quindi, rientra nella normalità, che anche un servo di Dio, faccia qualche peto!

Fil:             (rivolta a Mario…) Uh, overo?... (rivolta a Don Giovanni…) e scusate l’ignorantità, ma cher’è ‘o peto?

Mar            ma si’ proprio scema!?... il peto… (alzando la gamba, toglie il piede dalla ciabatte ed indicandolo…) è chisto!!

DG            (comprendendo l’equivoco, un po’ imbarazzato…) ma che dici ignorantone!, peto è il vocabolo italiano che sta ad indicare quell’aria liberatoria….

Mar:           ma vuie che dicite, ma sieto sicuro?

DG:           e certo!

Mar:           scusate, ma  di qualsiasi specie è,  se chiama sempe peto?

DG:           a cosa alludi, che vuoi dire?

Mar:           voglio dicere ca’ nella lengua nosta, la napulitana, ci sono due tipi, e se chiammano e doie manere…

DG:           no, no, in italiano è sempre lo stesso!... di qualsiasi tipo è sempre e solo peto.

Mar:           no, no, nun so’ d’accordo, scusate se ve lo dico, ma st’’italiano è ‘na lengua sbagliata!

DG:           (ironicamente…) ma davvero?... e adesso sono proprio curioso di conoscerne il perché?

Mar:           e ie ve lo spieco… Se voi dite Peto, commo facit’’a capì si se parla di quello rumoroso o di quello silenzioso?

DG:           ma non dire baggianate,  entrambi sono uguali, peto è uno, e peto è anche l’altro!

Mar:           non songo d’accordo…

Fil              ie a penzo comm’’a tté!

Mar            ie all’italiano, ce facesse ’na bella correzione…

DG            ah… bene, abbiamo un nuovo Dante, e dimmi, dimmi che correzione faresti?

Mar            a chella che fa ‘o rumore la chiamasse “peto”, mentre a chell’’ata, ovvero la silenziosa, la chiamasse “ feto ”… che ve ne pare?

Fil              si, si,  giusto, perché rendo anco l’idea….

DG:           (sorridendo…) ma non dite cretinate…, e poi il “ Feto ” già esiste nella lingua italiana, e sta ad indicare il prodotto del concepimento, ovvero il nascituro

Mar:           ‘o pisciaturo?

DG:           NASCITURO!..., ciò che una mamma, porta nel grembo, in gravidanza …

Fil:             certo che è proprio strana ‘sta lengua taliana…       

DG:           no, no, vedete bene che è più probabile che siate voi, ad essere strani! ( ciò dicendo continua a leggere e passeggiare…)

Mar:           ie rimango della mia convinzione, e mò faciteme pulezza, ca’ s’’è fatto tarde… ( ciò dicendo si rimette a ramazzare…)

Fil:             (seguendo Mario con lo sguardo…) pienze semp’’e sul’’a faticà!

Mar:           (si ferma, si gira verso Filomena e…) e mica so’ comm’’a ‘sti giuvene d’ogge, ca penzano sul’’a pazzià e ‘a fa’ ‘e spurcacciune, ie aggio sempe faticato, (con tono solenne, poggiando una mano sulla scopa,,,) e morirò, c’‘a scopa ‘nmano…

Fil:             ( scherzosamente…) vo’ dicere che quanno sarà, (indicando il parroco…) ‘o parrucchiano te farrà fa ‘na statua a perzona intera, cu ‘na scopa ‘nmano e ‘na scritt’’a sotto che diciarrà: “ a Mario, lo scopatore mai stanco…”

DG:           ( a mò di rimprovero…) Filomena!!, embé!!, ti pare questo il modo di parlare, e poi qui, dinanzi alla casa del Signore!

Fil:             (sorpresa…) uh mamma mia, parrucchià, ma ch’aggio ditt’’e male?…

DG:           questo è il vostro guaio peggiore… parlate senza pensare a ciò che state dicendo…

Fil              ‘nzomma state dicenno che so’ scema?!?

DG            non mi permetterei mai, volevo solo dire che quando si parla bisogna saper misurare le parole evitando che queste possano essere allusive o peggio ancora a doppio senso….

Fil              Don Giuvà, aggio a dicere ‘a verità, a vote quanno parlate, me sento tutta scema… ch’avite ditto che  nun aggio capito niente. Ie saccio sulo che quanno parlo ie parlo semp’’a senso unico!

DG            (tra se e se…) questa è peggio di Mario… ( rivolto a Filomena…) valutate le parole che usate, poiché chi vi ascolta potrebbe non capirne il vero significato… tu, invece di usare il termine scopare, usa ramazzare, poiché da meno adito a pensare ad altre cose, è chiaro?

Fil:             nun tanto, ma  quacchecosa l’aggio afferrata…

DG            e cioè?

Fil              non devo dire più scopare ma ramazzare si no chi sente nun capisce…

DG:           bene, così andiamo meglio…(continua il suo passeggio …)

( Mario che nel frattempo non ha sentito nulla ed ha continuato a spazzare, si ferma vicino alle cassette che  Filomena aveva poggiato per terra, poggia le mani incrociate sul manico della scopa e rivolta a Filomena….)

Mar            Filomé, famme sentì, che tien’’e buono stammatina?

Fil:             tutta robba fresca, mò, mò, cugliuta ‘nmiezz’’a campagna

Mar:           (poggiando la scopa al muro della chiesa e andando verso Filomena…) ma allora te si’ fissata cu ‘sta lasagna?!?

Fil:             ‘a campagna, a campagna, (ironicamente, mordendosi la mano sul lato dell’indice…) mannaggi’’e rrecchie!

Mar:           chi è che ha fatto fetecchià!

Fil:             (avvicinadosi a Mario ed a voce alta) Tengo: cucozze, vruccule, scarola, patane, rape, friarielli, fenucchi’’e caprisciure!..., che ve serve?

Mar:           tre mazz’’e spinace!

Fil:             brava!..., proprio stammatina ‘e spinace nun’’e tengo, tu guarda che combinazione!

Mar:           e asciuta l’estrazione?..., e dimme, dimme, a napule che asciuto?

Fil:             7 – 16 – 23 – 54  e  90!

Mar:           me songo iucato 5 – 31 – e 70 

Fil:             e chist’’hanno fatt’’a fine de’ spinace, (a voce alta…) nun’’è aciuto manc’’uno

Mar:           che sfortuna sfortunata, comunque ‘sti spinace se ponn’’avé?

Fil:             ma allora nun me so’ spiegata, ‘e spinace nun ce n’’e tengo!

Mar:           e me faie sta’ ccà a perdere ‘o tiemp’’appriss’’a tte!

Fil:             ma, pe’ curiosità, c’avita fa’ che spinace?

Mar:           (poggiando la scopa al muro, a bassa voce, avvicinandosi a Filomena e mostrando Don Giovanni…) ’o veco nu poco deperito, si ‘o guarde buono, vide che ogni tanto se chiea dint’’e denocchie…

Fil:             uh, è overo, è commo maie?

Mar:           e, commo maie, commo maie!... chill’’o pover’’ommo sta’ semp’’allerta e se vede ca cunzum’’assaie fierro,

Fil              e tu che ne saie, mica si miereco?

Mar            che c’azzecca, ie ‘stu fatto d’’o fierro, l’aggio sentito pe’ televisione…

Fil              overo, e che dicevano?

Mar            mò, nun m’arricordo tutt’’o chello c’hanno ditto, a fin’’e l’oper’’hanno ditto che ‘e spinace aumentan’’o fierro…

Fil              ‘stu fatto nun ho sapevo…

Mar            manch’ie, pirciò, visto commo stann’’e cose, aggio penzat’’e ce fa, duie spinace, (sorridendo ironicamente…) speranno ca’ ce fanno effetto…

Fil:             mò saie che faccio, vac’’a spià a zitemo Rafele, chillo certamente ‘o tene quacche mazzo….

Mar:           (scandalizzata…) Uhè! ma che dice?, eppure si stata sempe ‘na bona figliola…, ‘sti zuzzummarie ‘nmocc’’a tte nun stanno bene….

Fil:             ma che capito mò!..., ( a voce alta e spellingando le parole…) aggio ditto che mò vaco addò zitemo Rafele, chilo quacche mazzo ‘o tene!

Mar:           e nun alluccà che ie ce sento, ma si ‘e truve m’’e porte?

Fil:             e certo, a mme nun me serveno… ( mostrando le braccia… ) ie ‘e fierro ne tengo assaie, guarda ccà ‘sti doie putrelle!!

Mar:           (fa per andare poi si gira e…) picceré, fa pochi ciance, vid’’e me purtà primma de’ cinche, si no nun c’ha faccio a cucenà…

Fil:             va buò, si ‘e trovo, te porto primm’’e mò! ( ciò dicendo va verso la sua postazione poggia le casette, fuori al negozio e va via..)

Mar:           No figliò, primma de’ cinche… (prendendo la scopa poggiata al muro…) mò s’’è fatta l’ora e ira a metter’’e piede sott’’a tavula, a parlà e mangià m’’e venuta ‘na famma che me sento ‘na mandri’’e vacche ca me corrono dint’’a panza…(guardandosi intorno per essere certa d’essere sola…) mò saie che faccio, me vac’’a spugnà nu par’’e fell’’e pane cu l’acqua de’ fasule, tant’’ancora l’aggià cuncià… ( ciò dicendo rientra in chiesa…mentre il parroco entra nel bar.)

Scena 3

(Dal vicolo alla  destra della parrocchia giunge Clara che avvicinandosi al negozio di Pasquale e notando che è ancora chiusu…)

Cla             (guardando l’orologio al polso…) Ma tu guarda un po’ questo bifolco, a quest’ora, è ancora chiuso, Mah? ( ciò dicendo s’avvia verso il bar e..) Marika….

(Dal vicolo alla sinistra giungono Pasquale e Tammaro che nel vedere Clara…)

Tam           Tié, Tiè, vid’’o cielo che te mena…

Cla             (a voce sostenuta…) Marika…

Pas             (rivolgendosi a Tammaro…) Tammarié, annascunnimmoce… ( ciò dicendo si china dietro Tammaro…)

Tam           (girandosi intorno e non vedendo alcun nascondiglio…) e addò m’aggi’’annasconnere

Cla             (girandosi verso Tammaro, nel vederlo…) Tammaro

Tam           (vistosi scoperto…) ecche!

Cla             hai visto Pasquale?

Tam           Pasquale?

Cla             Si, sai dov’è?

Tam           nu mumento, ( si gira verso Pasquale, chino dietro di lui e chinandosi, a voce bassa…)  Pascà, (non ricevendo risposta, a voce sostenuta…) Pasquale…

Pas             (restando accucciato e sollevando il capo verso Tammaro…) Siiiii, ch’’è stato?

Tam           va truvann’’a tte!

Pas             (sollevandosi all’unisono con Tammaro…) embè, quanno faie ‘sti cose, te sputasse ‘nfaccia… ( nel dire l’ultima frase spinge di lato Tammaro e avviandosi verso Clara… ) oh, cara maestra, è sempre un piacere arrivedervela…

Cla             Bene, bene, proprio te cercavo…

Pas             ed eccomi qua, mò, grazie a chisto, (mostrando Tammaro…) m’avite truvato… (tra se e se…) ‘i che ciorta ca’ tengo… (avvicinandosi a Clara…) ditomi, cosa pozzo fare…

Cla             sempre il solito asino, si dice “ditemi cosa posso fare”…  ma quando imparerai a parlare… (nel dire ciò, da un sonoro ceffone a Pasquale, che nel riceverlo e girando verso Tammaro…) mamma d’’o carmene…( ciò dicendo si aggrappa a lui…Tammaro lo solleva e appena sono viso a viso…) Tammarié a sott’’e sotto, faie overo schife…

Tam           (nello spingere Pasquale verso Clara…) si bello tu, ma vir’’a do i a ire!!

Cla             (guardando Pasquale irata e imperiosa…) Tu, questa testa da ciuccione, non la cambierai mai!.. sei unico!

Pas             e che ci volete fare, (atteggiandosi…) chill’’o furno che m’ha sfurnato, doppo ha ittat’’o stampo…

Cla             (con ribrezzo… ) sempre e solo in dialetto, non riesci proprio a mettere insieme quattro parole in italiano…

Pas             sarrà pur’’accussì, ma ‘a gente a mme… me capisce! (guardando Clara…) a vuie… non so?!?

Cla             (andando verso Pasquale irata e aggressiva…) che vorresti insinuare che quando parlo non mi faccio capire?

Pas             (indietreggiando per paura di prendere qualche altrop ceffone…) calma… state calmia, io non vulevo dicere chesto….

Tam           (ironicamente…) e che vulive dicere, sentimmo…

Pas             (rivolgendosi a Tammaro…)  ‘a vuò fernì, miezzu scé!

Cla             (richiamando a se l’attenzione di Pasquale…) Non tergiversiamo, (decisa…) fammi capire cosa volevi dire…

Pas             (rivolgendosi a Tammaro…) niente, sulo che ccà’, dint’’o paese so’ poche chille che ve riescen’’a capì…

Cla             (atteggiandosi e prendendo la scena ) è logico, qui sembra di stare fuori dal mondo… (in modo laconico…) oh… povera me…

Tam           (avvicinandosi a Pasquale a voce bassa…) no, no, pover’’a nuie…

Pas             e statte zitto cà si no chesta, ogge, c’abboffa comm’’a doie zampogne… (avvicinadosi con cautela verso Clara…) comunque, faciteme capì pecché me stiveno cercanno, ‘e che se tratta?

Cla             a, si, (voltandosi di scatto verso Pasquale, che a questo movimento si blocca…) stammi a sentire e cerca di capirmi…

Pas             non vi state a preoccupare, e po’ dipende…

Cla             dipende? E da cosa?

Tam           Pascà cher’’è ca’ ti penne???

Pas             (rivolgendosi a Tammaro con fare deciso…) a mme, nun me penne niento! (rivolto a Clara, pacatamente…) da chello che vulite ‘a me?

Cla             nulla di trascendentale...

Pas             e no!... ie facci’’o salumiere,  si se tratt’’e diente, doveto andare dal dentista don Bruno…

Tam           si, si maestra, un ver’’artisto… Uè, chilo ve tira ‘na mola e vuie manco ve n’accurgite…

Cla             ma che dite ignorantoni, (rivolta a Pasquale…) il mio: nulla di trascendentale, voleva significare che anche uno stolto come te lo può fare, ma che ciuccio, (avvicinadosi a Tammaro… ed a voce sostenuta) che ciucci… che ciucci…

Tam           eh… l’avimmo capite ca’ simmo ciucce,

Pas             ccà si allucate accussì, a n’atu poco, ‘o dice pur’’o telegiornale…

Cla             ed è strano che sin’ora non l’abbiano ancora detto!

Tam           (avvicinadosi a Pasquale, a voce bassa…) chest’’è mezza scema…

Pas             (a voce bassa…) no, no, Tammarié, chest’’è tutta scema!

Cla             comunque (avvicinandosi a Pasquale…) stammi bene a sentire, sabato ho degli ospiti di riguardo, per cui non posso fare brutte figure…

Pas             (verso Tammaro a voce bassa…) è chest’’è nu poco difficile…

Cla             (a voce sostenuta…) hai capito quello che ho detto?

Pas             certamente, ma ie che ci azzecco?!?

Cla             se stai zitto e m’ascolti, vedrai che capirai cosa centri tu…

Pas             bene, mi ammuto como un pescio…

Cla             dicevo, sabato ho ospiti a pranzo il barone Ottone FUNTERMAZZEN e consorte…

Pas             è pe’ fforza…

Cla             cosa vuoi dire?

Pas             ca si è FUTEMAZ  è logico ca’ ten’’a sciorta!

Cla             ma che dici ignorante!...(nel dire ciò tenta di dargli un ceffone ma Pasquale lestamente lo evita..)  Funtermazzen è il cognome…

Pas             ah… scusate non avevo afferrato…

Tam           stammatina faie ‘nmarenn’’a pacchere..

Cla             e il consorte sta a dire con la moglie

Pas             aggio capito, ma…

Cla             (altezzosa e decisa) t’ho pregato di tacere!... chiaro!!!

Pas             e chi parla cchiù, iat’’avante…

Cla             dunque, questi miei carissimi amici, giungono da Berlino, in Germania,

Tam           Pascà, so’ germanese

Pas             statte zitto scé, songo da’ tedescania

Cla             ma insomma! Zitti! ( Pasquale guardando Tammaro, portandosi l’inice al naso gli fa segno di zittire… Clara annuendo al segnale di Pasquale riprende…) oltre a farmi gradita visita, questi, vengono qui, per assaggiare i nostri prodotti tipici, (a voce sostenuta…) quindi, tu (iniziando a cercare nella sua borsetta…) per sabato mattina mi devi portare ( estrae dalla borsetta un foglio e lo porge a Pasquale, il quale nel prenderlo fa per leggere, ma Clara nel mettere una mano sul foglio…) no!... lo leggi dopo, perché tu, due cose insieme non riusciresti mai a farle, quindi prima ascolti e poi leggi.

Pas             come volete, dito…

Cla             Bene!... sul foglio c’è segnato tutto ciò di cui ho bisogno, ma mi raccomando che sia tutta roba di prima scelta altrimenti te la farò pagare cara… Ora puoi leggere…

Pas             (prende il foglio  ed inizia a leggere…) Un salame no strano… ‘o salame mie nun tene niente ‘e strano,

Tam           chest’‘o dice tu!

Pas             (rivolto a Tammaro…) e vire si ‘a vuò fernì…(rivolgendosi a Clara…)quindi pe’ quanto riguard’’o salame v’ho pozzo dà! Ve garantisco ca’ nun è pe’ niente strano…

Cla             imbecille!!!...  nostrano significa paesano, paesano…

Pas             e scusate ma pecché nun avite scritto paesano

Tam           ‘nzomma, ve piace proprio ‘e fa fa ‘e figur’’e merd’’a chisto!?!

(Mentre Clara si avvicina a Tammaro, Pasquale, alle sue spalle…)

Pas             ‘e chiavatancello, si chiavatencelo!...

(Clara fa per dare un ceffone a Tammaro, ma questi lesto si abbassa e…

Tam           ma che m’addà chiavà ‘sta scema…

Pas             un paccaro… (Clara si volta di scatto verso Pasquale e gli lancia uno sguardo carico d’ira,.. )  ma ch’’erè, sul’’a mme li chiavate?!?!

Cla             (ritraendo il braccio… ancora più irata, rivolgendosi a Pasquale…) vai avanti nella lettura, e speriamo che capisci ciò che leggi…

Pas             dunque, co’ salame,  se po’ ffà… (riportando il foglio all’altezza del viso e cercando dove era arrivato con la lettura…) vediamo, che aldro c’è, a, si, ecco quà… quattro mozzarelle di bufala belle, grosse e piene di latte…

Tam           ‘nzomma Pascà, ‘a maestra vò quatto zizz’’e pacchiana…

Pas             esattamente! E anco questo, se po’ ffà…

Cla             ma che dite, non vi capisco?!?

Pas             niente, niente, l’important’’è che ce capisciame noi!…(riprendendo la lettura…) iamm’’annanzo, ’a si, ecco qua, quattro salsicce di maiale, grosse, magre e senza finocchietto… ed anco questo se po’ ffà… mezzo chilo di fusilli trafilati a bronzo…

Tam           (perplesso…) abbronzo?!?!?... ma che dice?

Pas             né ué,  stà scritto ccà ( mostrando sul foglio…)

Tam           addò, famme vedé… (avvicinandosi e guardando sul foglio…)

Pas             (indicando a tammaro il rigo…) protamento ccà…

Tam           a, si, è overo (leggendo con attenzione e ripetendo… ) trafilati a bronzo, ma ccà a scritto n’erroro!

Pas             (ridacchiando…) overo, è sbagliato… fa tant’’a saputella e po’ scrive ‘sti cose…

Cla             ma che state bofonchiando voi due?

Pas             niente, niente…

Tam           mò è ‘o mumento ‘e ce levà ‘e briccell’’a dint’’e scarpe, vaie Pascà, dincello, ‘ntuost’’a quistiona…

Pas             (atteggiandosi ) eh, eh, cara maestra, qui aveto scritto un erroro…

Cla             oh perbaccolina, un errore?!?!? (avvicinadosi a Pasquale,,,) lasciami gardare, dov’è?

Pas             (mostrando sul foglio, sempre in modo atteggioso…) qui,  (battendo l’indice sul foglio…) vedete, aveto scritto “ a bronzo

Cla             embé, dov’è l’errore?

Pas             (ridacchiando…) ma anco Tammariello che è ciuccio sapo buono che abbronzo nun se scriv’’accussì…

Tam           e si, ave ragione, quell’’è com’’a dire: ie vaco al maro e m’’abbronzo, Pasquale ci va e s’abbronzo… è un abbronzo tutto ‘nzieme

Pas             ‘nzomm’’è tutt’’attacato, aveto accapisciato?

Cla             (non trattenendo più l’ira che piano piano cresce…) guardate,

(mentre Pasquale è intento a rileggere, Tammaro, notando che Clara sta per esplodere…)

Tam           Pascà, ccà so’ pacchere…

Pas             (sempre intento a leggere…) no, no, sta scritto fusille…

Cla             voi due siete l’essenza della stoltagine…

Tam           no, no, (mostrando a Pasquale l’atteggiamento di Clara…) so’ proprio pacchere, pacchere..

Cla             mi verrebbe voglia di darti tanti schiaffi, a due a due fino a quando non diventano dispari…

Pas             (guardando Clara…) hai ragione, fuimmucenne…

(ciò dicendo Tammaro scappa nel suo negozio e Pasquale verso il vicolo alla sinistra della chiesa. Clara avvedendosi della fuga dei due, portandosi all’imbocco del vicolo, nel quale è fuggito Pasquale, con fare imperioso e determinato…)

Cla             (a voce sostenuta) Pasquale fermati!

Pas             (dal vicolo…)  Ma chi????

Cla             torna subito qua, e fatti dare due schiaffi!!!

Pas             ma allor’’overo chest’’è scema…

Cla             ma che dici ignorantone, torna qua!!!

Pas             ignorantone po’ pure passa, ma fesso certamente no!!…

Cla             ( stizzita e andando via dal vicolo alla destra della chiesa…)  In mezzo a questa plebaglia di zotici, baccalaiuoli, dementi e villani sto diventando pazza… (scomparendo nel vicolo…) questi mi fanno andare al manicomio… (ciò dicendo va via dal vicolo alla destra…)

(Dopo qualche istante, dal vicolo alla sinistra della chiesa giungono Viola, e Anna. Quest’iltima andando verso le ceste di Filomena….)

Ann:          ‘e ceste stanno ccà, ma Filomena che fin’’ha fatto? ( ciò dicendo si gira verso Viola, e notando che è pensierosa…) né, ma che te si’ ‘ncantata… a che staie pensanno?

Vio:           (avvicinadosi ad Anna…) a verità, so’ duie o tre ghiuorne che a Tammariello nun ‘o capisco cchiù!

Ann:          me stive liggenno dint’’o pensiero, pur’ie a Pascale, ‘o veco strano…

Vio:           Overo?.., ma pecché che ffà!

Ann:          ‘a prima cosa è che se fa ‘a doccia ogni vota ca’ esce, e po’ va truvanno semp’’o cammiso lavat’’e stirate…

Vio:           ma tu che dice?!?!... pure Tammariello, sta facenn’’o stesso

(le due si fermano pensierose, poi si guardano e all’unisino…)

Vi/An        Ccà!.... sta succedendo quacchecosa ‘e strano!

(un breve attimo di silenzio, poi Anna avvicinandosi a Viola…)

Ann:          ma fa che se songo truvate n’amante?!?!???

Vio:           si è accussì, è ‘a vota bona c’‘o ciacco!

Ann:          Ie si appuro ‘na cosa ‘e chesta, faccio comm’’a chella ‘mericana…

Vio:           chi?

Ann:          ‘o nomme nun m’’e l’arricordo, ma m’arricordo buono chello che facette quanno appuraie che ’o marito le mettev’’e corna!

Vio:           e che facette, famme sentì?

Ann:          (con tono sicuro e perentorio…) ‘o disarmaie!

Vio:           ma pecché ‘o marito tenev’’a pistola?

Ann:          ma qua pistola, a vote pare proprio ‘nà “Babbà!”... (ammiccante ed allusiva…) ll’’e tagliaie… ‘o fatt’’a posta!, e ‘o facette fernì ‘e sparà!!

Vio:           (rabbrividendo…) aggio capito… (con ribrezzo…) uh Madonna mia, ma chest’’è crudeltà!, (scioccata, ma con curiosità…) ma nun ll’’e facette ‘mpressione?

Ann:          ma che!, (con decisione…) chella, armat’’e rasuro… aspettaie ‘o mumento buono e… (rabbiosa e decisa…) ZAC!, ll’è levaie ‘o strumento che ll’è permettev’’e fa ‘o vezziuso!

Vio:           (pensa un po’, poi preoccupata e curiosa…) e tu fusse capac’’e fa ‘na cos’’e chesta?

Ann:          (con aria decisa e sadica…) bellé!!!, commo se dice, “si ‘o cap’’e casa perd’’a capa ‘e coppa pe’ n’ata femmina, vo’ dicere ch’’è arrevat’’o mumento ‘e ce fa perdere pure chell’’e sotto!”, nun te pare?!?!

Vio:           si, ma è tropp’’esaggerato….

Ann:          Allora tienet’’e corna e statte zitta!.

Vio            ma ce stanno ati mode ‘e se vendicà… chisto è troppo…

Ann           giusto!!... e si!,  ie ‘a penz’’accussì: “si Pascale vo’ fa ‘o valletiello ie ce tagli’’a cresta!

Vio            ma chest’’è crudeltà!

Ann           pienzela commo vuò, ie resto della mia idea… (guardando le ceste di Filomena…)  ‘e ceste stanno ccà,  ma Filomena no, e mò commo facimm’’a fa  ‘sta spesa?

Vio            sai che vulimmo fa, lasciammoce nu biglietto (scavando nella sua borsa…) a cart’’a tengo, tu ‘na penn’’a tiene?

Ann           (scavando nella sua borsa…) si, si ‘a tengo, damme ccà, mo’ scriv’ie…. Allora,  (inizia a scrivere…)  PER ANNA… - 5 mazzi di fria….  Commo se scrive friarielli?

Vio            FRIARIELLI, cu doie LLe!

Ann           (riprendendo a scrivere…)  giusto… friarielli … un puparuolo forte…

Vio            aè…!

Ann           a mme me piac’’o puparuolo… ecco qua, ho fatto. Mò tocc’’a tte…

Vio            si, scrive, PER VIOLA

Ann           questo l’ho già scritto, vai avanti…

Vio            allora, quattro pieri di scarole…

Ann           ( mentre scrive…) pieri??...

Vio            si, pi_e_ri… e pecché si era uno era PI_E_RO, so’ quatto e dunque so’ PIERI, scrive scrive, ca’ chella Filomena, po’, capisce…

Ann           embé, chella chesto fa… pò che te serve?

Vio            a, si, un poco di ADDORA AMMISCATA…

Ann           (mentre scrive si ferma e.,..) aspetta nu poco, l’addora me serve pur’’a mme… anco per Anna

Vio            Anco?

Ann           e si, songh’’ie sola…

Vio            si però ce l’avimm’’a specificà, si no chesta c’arronza…

Ann           (terminato di scrivere…) e si hai ragione, allora che scrivo?

Vio            un mazzulillo di VASeNICOLA – uno di PETRUSINO – e il LACCIO!

Anna         (mentre scrive…)  e il LACCIO…

Vio            mettece na linea sotto al LACCIO, è importante pecché diman’’aggi’’a ffa past’’e fasule cu ‘a cotena e co’ per’’e porco… e si nun tengo il LACCIO nun se po’ ffà…

Ann           hai ragione, e vàffancul’’a dieta, ‘o polesterolo i ‘e trigesime…

Vio            ma si, quanno ce vò, ce vo’…

Ann           (guarda l’orologio e…) ma mò s’’è fatto tarde, (fa per andare, poi si ferma e… ) allora ce vedimmo stasera?

Vio:           stasera?, pecché c’avimm’’a vedé, che c’è stà stasera?

Ann:          ma ‘a capa addò ‘a tiene, stasera festeggiamm’’o compleanno ‘e mammà, fa uttantacinc’’anne…

Vio:           Uh… mannaggi’’a capa sciacqua ca’ tengo, hai ragione, m’era proprio passat’’a capa, ‘onna Rusina fa uttantacinc’anne… facce tant’’augurie da parte mia,  po’ stasera certamente non mancherò e c’’e facci’’ie personalmente. A proposito commo stà?

Ann:          commo vuoie che stia, sempe uttantacinche so’

Vio            certo ca è ‘na bell’età…. E ‘a capa ll’e funzion’’ancora bona?

Ann           a capa?... chella, pe’ grazi’’e Dio, tene nu compiuterro ‘o posto d’’e cervelle… nun ll’è funziona bona, ma troppo bona!!

Vio            megli’’accussì, tu saie buono chello che invece passaie ie cu mammà t’arricuorde?...

Ann           e commo no, ‘onna Cuncetta, e chi s’ha po’ scurdà…

Vio            eh!

Ann           ‘na femmina cu ‘e mustacce,

Vio            eh!

Ann           ‘na vera brigadera…

Vio            eh!, e a sittant’anne s’è ‘nzallanette!! nun sulo nun cunusceva cchiù a nisciuno, ma quann’’a vote t’avvicinave pe’ le dà, o pe ll’è dicere quaccheccosa, essa chello che trovav’’attuorno, chello te menav’’appriesso…

Ann           e si, si, m’arricondo ‘e ‘stu fatto…

Vio            penza che ‘na matina, mentre me stev’’avvicinanno pe’ ll’è spià commo se senteva, essa primma me guardaie, po’, comm’’a nu lampo pigliaie ‘o bicchier’’e m’’o menaie ‘nfaccia, si nun ero lest’’a mme scanza, ogge sarria di certo sfregiata…

Ann           ‘stu fatto nun ‘o sapevo…

Vio            ma po’ a fine de’ cunte sempe mammeta è, tutto chello che fanno s’adda sempe accettà, cu pacienz’’e ammore…

Ann:             (avvicinandosi a Viola…) dice buono tu, ma penza che stammatina, primma d’ascire, songo iuta dint’’a stanza soia, essa durmev’’ancora, e ie pe’ nun’’a scetà, aggio araput’’o cassetto d’’o cummò, addò ten’’e sorde d’’a penzione, sai comm’’è m’aveva ditto che vuleva essere ess’’a pavà e dolce pa’ festa ‘e stasera…

Vio            e capit’’a vicchiarella, semp’’orgogliosa… embé, me stive dicenno…

Ann           si, ecco, mentre stevo piglianno chello che me serveva, essa, a dint’’o lietto, cu ll’uocchie chiuse ha ditto: “ che staie facendo? Vide buono che lloco c’hann’’a ‘sta trecient’’e quinnic’’euro e cinquanta centesime, tu pigliate sul’‘e sorde pe’ dolce, e nient’’ato!... me so’ spiegata!”,

Vio            Azzò, sempe filibbustera! E tu che ll’’è risposto?

Ann           ie, nu poc’’offesa, c’’aggio ditto: “mamma, e chille sulo me sto’ piglianno, dorme, nun te preoccupà!”….

Vio:           e essa c’’ha ditto?

Ann:          Essa?!... semp’’a uocchie chiuse, ha ditto: “ie te conosco buono nennè, perciò, vide chello ca te piglie, ca’ ie, ‘e tengo cuntate!”..,

Vio            tu ‘e capit’’a vicchiarella?!?!

Ann           no, no, tu hai capito a che siamo arrivate, chella mò è convinta che ie me fruguleo ‘e sorde da’ penziona soia, e tu ‘o saie buono che tipo songh’’ie…

Vio:           nun te piglia collera Annarè, chell’’è ‘a vicchiaia. Cchiù se fanno viecchi’’e cchiù addeventano comm’’e creature: piccius’’e scassambrelle!

Ann           e si, va buò, ma nun se diceno certi cose, spicialment’’a mme ca so’ l’unica figlia che a cura e che ‘a tratta comm’’e ‘o prevet’’all’altare..

Vio            che ce vuò fa, chest’’è ‘a vita… abbisogna suppurtare e pregà ‘o signore che a fa stà sempe bona…

Ann           si è pe’ chesto ie tutt’’e sere me dico nu rosario e preg’’a chella bella Madonna che m’ha facesse gudè quanno cchiù po’, ma stasera ll’e  dico pure che a facesse calmà nu poco…

Vio            (guardando l’orologgio…) Ueh, chello s’’è fatto tarde, iammucenno ca ie aggio a fa ancor’’a spesa… (Ciò dicendo le due donne vanno via. Don Giovanni che era intento a leggere  l’ufficio, si alza, si porta al centro della scena poi si  ferma, si guarda intorno e…)                

DG:           questo è il nostro dramma!..., qui ognuno crede d’essere un santo e vede negli altri il diavolo…. ( in questo preciso momento esce Mario dalla chiesa che nell’udire Don Giovanni….)

Mar:           ma allora parlo “tischi tosco!”, oggi so’ rap’’e fagioli!..., se volete il cavolo ve lo faccio domani… (Don Giovanni guarda Mario come a dire:” anche odesso non ci siamo capiti, e che ci vuoi fare…)

Scena 4

Arriva dal vicolo Tammaro il barbiere, con indosso un camice bianco con taschino. Nel taschino porta un paio di forbici ed un pettine. Nell’occhiello del bavero un garofano rosso. Il parroco nel vederlo….

DG:           buondì  Tammaro, come siamo eleganti cosa si festeggia?

Tam:          buongiorno parrucchià, non si festeggia niente, e sulo che quella mia moglie Viola, dice sempe ca ie faccio bell’’a ll’ate e trascuro me stesso medesimo, accussì aggio penzato ‘e penzà nu poco pur’’a mme! (facendo una mezza piroetta…) ed eccomi qua’, como vi apparo?

DG:           elegantissimo, sembri un figurino, e devo dire la verità, hai fatto proprio bene, perché come si dice: “ la pulizia è indice d’igiene…..

Tam:          e visto che cca’ stammo  ‘nmiezz’’a tanta munnezza…

DG:           hai pensato di emergere!...

Tam:          giusto!

DG:           (avvicinandosi a tammaro…) e dimmi, quel fiore all’occhiello, cosa vuol significare?

Tam:          serve, com’’aggi’’a dicere, (mostrandosi…) a compretare il quatro, all’uocchie di chi mi guarda…

DG:           giusto, anche l’occhio vuole la sua parte!

Tam:          (ridacchiando e spiritosamente…) in questo caso “ anche l’occhiello ”  vo’ ‘na parte…, e po’, parrucchià, ve pozzo cunfidà ‘na cosa…

DG:           ma certamente, dimmi…

Tam           stammatina quanno me so’ spicchiato dint’’o specchio, me so’ visto, allimmeno, trent’’anne mancante… (muovendosi con fare impettito dinanzi al parroco…) tenite mente ccà!, nun ve pare?

DG:           questo non lo condivido, poiché è dentro che ci si deve sentire giovani, l’aspetto esteriore marca solo il tempo che passa.

Tam           Sarrà pur’’accussi, non discuto, ma ie fin’’aiere me parev’’o nonno, d’’o nonno, d’’o nonno mio, mo’ invece, guardate ccà,  me sento nu guaggliunciello…

DG:           Tutti, prima o poi, dobbiamo accettare l’età che avanza... lo sai bene che: “ ogni scarpa addeventa po’ scarpone! ”

Tam           anche quest’’è vero, ma ie ve pozz’’assicurà che doppo a chesta trasfurmazione, me sento cchiù scarpetta che scarpone!

DG:           fuori!..., ma dentro?... dentro sei, e resti sempre, uno scarpone!

Tam:          (risentito….) ma vist’’e che chi me guarda po’ vedé sulo chello ca teng’’a fora!...., ie, a chello ca’ se vede,  so’ nu giuvinotto…

DG:           ora, non ti montare la testa, e cerca di pensare sempre per l’età che realmente tieni e non per quella che vuoi esternare…

Tam           abbuò, aggio capit’’antifuna, ie po’ parlo cu vuie ca che ne putite sapé ‘e ‘sti cose…

DG            ora che fai mi dai dell’incompetente?

Tam           non è queto ma, dicimmoce ‘a verità, vuie ‘e bellezza che ne putite capì?

DG            non stare a preoccuparti che io so distinguere bene il bello dal brutto o peggio ancora dal rimediato…

Tam           e che vulisseve dicere ca’ ie song’’arremmediato?!?!

DG            no, ma di certo non sei ciò che vuoi far credere d’essere, gli anni che hai, ti si leggono uno ad uno sul viso, nel modo di camminare, nel modo in cui parli…

Tam           (troncando il discorso…) Bene!... chello che c’avevem’’a dicere ce l’avimmo ditto,  mò, s’’è fatto tarde, e scusatemi, ma devo andare, agg’’arapì ‘a caiola, pecchè oggi, (atteggiandosi…) mi sento “ uccel di bosco…” libero, giovane e in cerca d’avventure… (ciò dicendo fa per andare, il parroco afferrandolo per un braccio…)

DG            e allora stai attento ai cacciatori… potrebbero impallinarti…

Tam           (liberandosi dalla presa del parroco e con passo alla gagà… va via canticchiando…)  “ ‘na vita nova m’aspett’’aret’’o vico… song’’o cchiù bello d’’o paese… tengo femmene ‘a mappate appriess’’a mme’…

DG:           e statt’’accorto che ‘nmiezz’’a ‘sti femmene ce sta pure tua moglie…

Tam           (da dentro il negozio…) embè, cu chesto site riuscit’’a me ‘ntussecà ‘na bella iurnata!

DG            meglio una intossicata che una sonora paliata, non ti sembra…

(Tammaro non risponde. Don Giovanni si gira e vede Pasquale il salumiere, che sta giungendo dal vicolo, anche egli con un camice bianco ed un garofano rosso all’occhiello. Giunge sul sagrato…non s’avvede del parroco e inizia ad atteggiarsi… poi,  nel mettersi le mani in tasca ed avendo il camice abbottonato male… )

Pas             ma cher’è, se ne sces’’a sacca…

( don Giovanni udendo la voce di Pasquale si gira lentamente e lo guarda cercando di capire cosa stesse facendo…)

Pas             uh mannaggi’’addormentata, me so’ appuntat’’o cammese storto, i che figur’’e merda ca’ facevo, si nun me n’accurgevo ( ciò dicendo si mette apposto il camice ed impettendosi…)  i che piezzo d’ommo tiè! …  Luisè guarda ccà, so’ grosso, però si me dai il ganzo, ie so’ comm’’e ‘o pappicio, damm’’o tempo c aie te spurtoso… ( mentre Don Giovanni lentamente s’avvicina alle sue spalle…lui adulandosi…) Pasca si’ frisco e tosto tiè, tiè….! (nel dire ciò s’avvede del parroco e… )  ‘ngiono Don Giuvà…

DG:           bene, bene, qui c’è anche il nostro salumiere Pasquale, buongiorno…

Pas:            ‘ngiorn’’e salute a vuie parrucchià…

DG:           (toccando il garofano all’occhiello di pasquale…) anche tu dovevi completare il quadro?

Pas:            (ignaro e perplesso…) ma, che dicite parrucchià, ie so’ Pascal’’e facc’’o salumiere, mica facci’’o pittore?!?...

DG            appunto, e cerca di restare un salumiere, è chiaro?!?

Pas             nun ve capisco, che vulite dicere?

DG:           voglio dire che, stamattina, pare, sia scoppiata la moda del fiore all’occhiello…

Pas:            e ie continu’’ nun capì!….

DG:           e che vuoi capire… dimmi invece, a cosa si deve tutta questa eleganza, non mi dire che tua moglie Anna ha detto che pensi troppo agli altri, trascurando te stesso?

Pas:            e commo facite a sapé ‘sta cosa?

DG:           non dimenticare che io, quando voglio, so sempre tutto….

Pas:            ma fors’’Anna, s’’e venuta a cunfessà?

DG:           ( dando un sonoro ceffone a pasquale…) cosa dici blasfemo!..., (Pasquale cade in avanti e resta a terra… ) e secondo te, se fosse così, io starei qui a parlarne con te!..., ma non sai che la confessione è e deve essere tenuta segreta!

Pas:            (impaurito e rialzandosi lentamente da terra… ) si chest’’o saccio, ma rest’’o fatto e’ commo vuie sapite ‘sta cosa…

DG:           perché poco fa è passato Tammaro..

Pas:            (insospettito e sorpreso….) ‘o barbiere?

DG:           si, proprio lui, e pare che abbia avuto gli stessi problemi con Viola…

Pas:            (sorridendo ironicamente…) e se vede che le nostre signore, int’’a st’urdeme tiempe, se songo accorte ca ce stevemo a trascurà tropp’’assaie. Ma nun hanno capito che chell’’è ‘a fatica ca’ ce fa schiave.

DG:           ma che dici, devi sapere che il lavoro nobilita l’uomo.( con enfasi…) e poi mi dici cosa sarebbe l’uomo senza un lavoro!

Pas:            nu disoccupato!

DG:           sei di un acume ed una perspicacia che mi fa quasi paura… ma ti vengono così o ci pensi?

Pas:            (atteggiandosi…) parrucchià, voi sapeto bene ca ie so’ stato sempre nu tipe, com’’aggi’’a dicere, ecco, (battendo una mano sul palmo dell’altra a tempo..) ttà, ttà! Ovvero uno che è spontaneamente spontaneo in tutta la sua spontaneità!...,

DG            (ironicamente…) ma davvero? Cosa da non credere…

Pas             e si, quell’’a volte può sembrare quase che uno dice: “ questo pare uno che si vuole spugnare la presella…”, (guarda il parroco e deciso…) e invece no!.., ie songo fatto protamente così! ( girando su se stesso…) che vi apparo?

DG            (tra se e se…) e chisto n’’è n’ato… ( rivolto a Pasquale…)  pare nu ‘mbriaco…

Pas             e no, mò mi offendete, e po’ a chest’ora ie vevo sulo café, ‘o vino a pranz’’e a cena…

DG:           (avvicinadosi a Pasquale e puntandogli l’indice sul naso…) a proposito di vino,

Pas             (guardando l’indice del parroco…) DITO!

DG            (calando la mano…)  di quel vin santo che mi portasti a Pasqua, ne hai ancora?

Pas:            (atteggiandosi…) dite la verità, era una squisitezza?!?!...,

DG            ( interessato…) si, ma dimmi, ne hai ancora?

Pas                 (poggiando la mano sulla spalla del parroco poi, battendo leggermente sulla tempia dello stesso…) non vi state a spremere il menisco, c’è l’ho, ce l’ho!...,

DG            e quante bottiglie ne hai?

Pas             ne tengo ancora ‘na duzzina. Dovete sapere che quello è un vino spiciale, vene dall’ALDO ATIGIO…

DG:           trentino!….

Pas:            no, no parrucchià, embé, vi devo dicere la verità, col taliano siete un masto, ma, (ridacchiando ironicamente…) he, he.. cu ‘a matematica ce state nu poc’’ammiccecato, è overo?!?…  dovete sapere che ‘na duzzina songo dudice butteglie, no trenta!

DG:           veramente io alludevo alla provenienza, ovvero è un vino che viene dal trentino, insomma da Trento, Bolzano….

Pas:            ah..! scusate, non avevo afferrato il concerto…, ma, per essere preciso, vene da Cogliano Veneto…

DG:           Conegliano, Conegliano Veneto…

Pas:            esattamente, protamente da llì…  sapete com’’è, cu e nomme nun tanto c’azzecco…

DG:           sulo cu e nomme?… ma lasciamo perdere…, dunque se ho ben capito ne hai ancora dodici?

Pas:            mo si… so’ precise dudice!

DG:           bene, allora mettimele da parte, che poi passo e me le prendo tutte…

Pas:            (sollevando il braccio, alzando l’indice e muovendolo a mo di diniego…) no, no, no…. nun ce bisogno, v’’e port’’ie…

DG:           (bloccando l’indice di Pasquale e abbassandogli lentamente il braccio…con lo stesso tono… ) no!, no!, no!...  c’è bisogno invece…

Pas             ma ie…

DG            Pasquà!, si fa come ho detto io

Pas             ma no c’è pobblema…

DG            e invece c’è… (i due si guardano e…) sai com’è, se Mario appura le bottiglie di quel vino, finisce che me la trovo ubriaca…

Pas:            tu e’ capit’’a sorda… le’ piac’’o stricchimacchio… s’’o men’’o sceruppo dint’’a cap’’e morte ‘a zetellona,… (si gira lentamente verso il parroco e…) ma nun è sorda?

DG:           embé, che vuol dire, forse hai sordi fa male il vino?  

Pas:            certo che no, ma sapite com’’è, chella già nun ce sente, po’ si se ‘mbriaca… vaffernì ca’ se mett’’a zumpettià ‘ncopp’’all’altare e vuie avite voglia da’ chiammà, chill’’ormaie è partut’’o palermo e buonanott’’e su nature… Sarrà ‘a vota bona ccà ce iucamm’’e nummere e pigliammo nu bellu terno….( ciò dicendo ridacchia ironicamente….)

DG:           adesso stai esagerando, non è bello scherzare sui problemi che ha Mario…

Pas:            (rammaricato, tornando serio…) avite raggione, scusate tanto, non volevo offendere e..

DG:           non è certo da buon cristiano ridere sulle disgrazie altrui!

Pas:            (alzando la mano destra…) giuro che nun ho faccio cchiù!...

DG            (dando un ceffone alla mano alzata di Pasquale…) e metti giù quel braccio, ma che giuri e giuri, ti conosco bene… ( allontanandosi da Pasquale…)  so bene che presto tutto il paese parlerà di queta cosa… ( girandosi lentamente verso Pasquale…), spero solo che non giunga alle orecchie di Mario…

Pas             ( ironicamente…) e pure si giunge, che ffà…. chella nun ‘e sente!

DG            (andando verso pasquale per mollargli un ceffone…) Sei un incorreggibile impertinente…

Pas             (evitando lo scappellotto andando verso il suo negozio…) Mò s’è fatto tarde, e primma che vuie abbuffate comm’’a nu pallone, me n’aggi’’a ire, si no la putega resta ‘nzerrata, (giunto sulla porta del negozio si gira verso il parroco e…) commo se dice… “ caiola ‘nzerrata… auciello disperato…”

DG:           tieni per te, queste massime equivoche, altrimenti stamattina davvero finisce male per te…

Pas             (tornando verso il parroco…) uh… scusate parrucchià, me ne stevi ienno senza maco salutà ( ossequiosamente si china, prende la mano del parroco e fa perbaciarla.)

DG            (ritraendo la mano, con fare schifato…)  ma addò l’’e misa ‘sta mano,  dint’’a nu sicchi’’e ‘nzogna?!?! ( estrae il falzoletto, si netta la mano poi, riapre il breviario ed inizia a leggere passeggiando lentamente sul sagrato…)

(Pasquale  entra in negozio e dall’interno…)

Pas             Brillantina parrucchià, è brillantina… ma vuie che ne putite capì ‘e ‘sti finezze…

(Il parroco si ferma, si guarda la manoe…)

DG            cheste nun so’ finezze, ma schifezze!!… (ciò dicendo si cristallizza)

( parte il brano di chiusura I° atto. Il sipario si chiude lentamente…)

=============  fine primo atto ==============

============ secondo atto ==============

( parte il brano diapertura  II° atto. Il sipario lentamente si apre…)

Scena 5

(Il parroco è intento a leggere il breviario e passeggia sul sagrato…Giunge dal vicolo Filomena che nel vedere il parroco gli va incontro e …)

Fil:             proprio voi cercavo, se tratt’’e ‘na cosa grave!

DG            oibò, grave?

Fil              gravissima!

DG            dio buono, e di che si tratta, parla, non farmi stare sulle spine… che è successo?

Fil              ma vi sembra mai possibile che in questo paese si devono vedere e sentire certe cose?

DG:           ma di cosa parli,  non ti capisco….

Fil              e che vulite capì vuie, ca state sempe cu ‘a capa ‘ncopp’’a ‘stu libbro…

DG            e già, mo vuò vedè, ca chi studia è ignorante e ll’ate so’ tutte scenziate…

Fil              non volevo dicere questo, e sulo  ca’ vuie… ‘a voce do’ popolo… nun ‘a sentite!

DG            se volessi star ad ascoltare tutti i pettegolezzi di questo paese… (con ironia, abbozzando un sorriso…) non avrei più tempo di dire messa…

Fil              e pazziate, pazzià, intanto ccà la cosa diventa sempre più tragica e aggravante!

DG            ma insomma si può sapere qual è l’oggetto di questa cosa grave e tragica!? Di cosa o di chi parli?

Fil:             sto’ parlanno dei due nuovi acquisti….

DG            chi, Maradona e Pelé

Fil              e continuate a pazzià, io parlo de’ bolognese,…  Luisa e Tonio…

DG:           la coppia che da poco si è trasferita in paese, embè?

Fil:             come, come, e voi dite embé?

DG            si dico Embé, perché?

Fil              ah! Non solo dite embé ma aggiungete anche perché…

DG            ma che stiamo facendo il botta e risposta, se hai qualcosa da dire, dilla e basta, senza fare tante smorfie!

Fil              ie facc’’e smorfie?!?... comunque parrocchia vi perdono perché si vede che non siete informato…. perché non sapete come stanno le cose…

DG            ma davvero, e allora delucidami tu, di che si tratta?

Fil              (avvicinandosi e con fare misterioso ed impaurito…) quei due, sono inviati di Satana!!

DG:           esagerata!…. (appoggiando la mano sotto il gomito di Filomena e spostandola lateralmente…) ma famm’’o piacere si,…

Fil:             (riaccostandosi alle spalle del parroco e beffeggiandolo ripete…) “esagerata!… ma famm’’o piacere”… (accostandosi ad un orecchio del parroco, con voce gutturale e graffiante…) Sotoma e Camorra!

DG            ( facendo un balzo in avanti impaurito…) eh…. E che mode so’ chiste!?!!… ccà pare che l’assatanata si’ tu!... E poi, ignorante, vorrai dire Sodoma e Gomorra…

Fil              ignorant’’o no, quei due songo duie svergognate… Dovete sapere che ‘a quanno so’ arrevate, ccà l’uommene ‘e ‘stu paese pareno tutte ‘nzallanut’’e sperute!

DG            ma davvero, e perché questi due avrebbero portato tale scompiglio in paese? dimmi, dimmi, fammi sentire, rendimi edotto… (giunge Mario, che nell’udire il parroco…)

Mar            che aldro s’è rotto parrucchià?

DG            bene!, ora siamo al completo… ci siamo tutti!... (rivolto a Mario…) mancavi solo tu!

Mar            bene, e mò che ce stongo pur’ie, pozzo sapé ‘e che state parlanno?

Fil              Ohi Mario, Mà,… sei arrevato a nu bruttu mumento!…

Mar           ah, brave, vulite fa nu monumento, e a chi?…

DG            (avvicinandosi a Mario, a voce sostenuta…) com’è tuo solito non hai capito niente, se permetti ( ciò dicendo fa un gesto con la mano per indicare che deve andarsene…) stiamo parlando di cose riservate, quindi meglio che tu vada!...

Mar            (allontanandosi verso il bar…) aggio capito, aggio capito, mò Mario nun serve… e chell’’è arrevato Emilio…(lanciando uno sguardo a Filomena…) FETe!... mò il parrucchiano sta ‘mpignat’’a sentì ’e le nutizie fresche di iurnata… mah!... E chest’’è ‘a vit’’obbì! Meglio che nun ce penzo… aldrimento?!?!…. anze, mò saie che faccio, me vac’’a piglià ‘na cos’’o bar, alla facciaccia loro!!.( ciò dicendo entra nel bar…)

 DG           (Filomena nel sentire le ultime parole fa per andare verso Mario, il parroco per evitare altre complicazioni, avvicinandosi a Filomena, nel bloccarla…) stai calma, non badare a ciò che dice, sai bene com’è fatto, invece torniamo a noi, dunque mi stavi esponendo i fatti, dimmi come stanno le cose…

Fil              Don Giuvà, voi sapeto bene che ie songo una che s’’è sempe fatt’’e fatte suoie, a mme ‘o ‘nciuciamiento nun m’’è maie piaciuto…

DG            (tra se e se…) ecco la solita litania… ( rivolto a Filomena…) figuriamoci se vado a pensare una cosa del genere… ma vai avanti, fammi capire…

Fil              (agitata) ve faccio capì subbeto…(agitata, avvicinandosi a Don giovanni…) Tammariell’’o barbiere, ‘o sapite?, ‘o sapit’’a Tammariello, Tammariell’’o barbiere ‘o marito e Viol’’o sapit’’o no!?!?

DG            eeeeh, calma!, calma!,  certo che lo conosco, ma pecché, c’ha fatto?

Fil              c’ha fatto????, ma a quantu tempo nun ‘o vedite?

DG            e che sarà, a si l’ho visto ieri, ma perché che ha fatto?

Fil              ‘a nu poch’’e tempo, fatica cu nu cammeso ianco, ‘na scarzettella ianca ‘ncapo e sta sempe tutto ‘nmprufumato; tal’’e qual’’a isso, fa  Pascal’’o salumiere. ‘Nzomma chisti duie, che fin’’a l’autriere, parevano duie Zulù, mò, accussì, bello e buono… se lavano, se’ ‘mprufumano, se mettono for’’a puteca cu ‘e capille allisciate a lengua ‘e vacca, e vanno camminano commo si tenessene ‘o fuoco ‘nculo.

DG            Ueh! Ueh! ueh!… evitiamo le volgarità…

Fil              scusate, vulevo dicere ‘nfiammato!

DG            Ma non è quella la volgarità!... comunque in tutto questo, non ci vedo nulla di strano né tampoco di male…

Fil              àlle! Don Giuvà, ma allora site cecato, ‘a commo se comportano ‘sti duie… a mme, nun m’ha contano iusta!

DG:           scusa, ma se Tammaro e Pasquale hanno deciso di darsi una ripulita e di servire con più decenza la clientela, perché tu ci vedi qualcosa di male, a me sembra un ottima cosa…

Fil:             ma si fin’’e l’autriere parevano duie spellicchiune, comm’’è ca, guarda la combinazione, proprio mò che è arrevata “la principessa del pisello…” ‘sti duie chiochiò,  se metteno a fa’ ‘e zeze?

DG:           ma qua zez’’e zeze, qual’’è il problema, si vede, come hai detto anche tu che si tratta di una combinazione…

Fil:             ma qua combinazione e combinazione, ma allora ce site o ce facite parrucchià, faciteme capì?!?!... ‘a quanno è arrevat’’a bolognese, ccà và tuttu cose stuorto!

Mar:           (uscendo dal bar ed udendo ciò che ha detto Filomena, allarmata e urlando…) chi è muorto?

Fil:             (presa alla sprovvista, spaventata urla anche lei…) uh madonna mi’, chi è muorto?

DG:           (rivolto a Mario a voce sostenuta) nun è muorto nisciuno!., ma si allucche n’ata vot’’accussi, va a fernì che mor’’ie!!

Mar:           ma quella Filomen’’a ditt’’é muorto!

Fil              ie aggio ditto STUORTO!

Mar            uh scusate, aggio capito ‘na cosa pe’ n’ata…

DG:           (rivolto a Filomena e indicando Mario…) chiste song’’e vere guaie, ebbì!!! ‘nu sacrestano surdo e ‘mpiccione! ( ciò dicendo apre il breviario ed inizia a leggere passeggiando sul sagrato…) Altro che le fantasie che racconti tu…

Fil              Fantasie?!?! uhuuu parrucchià, cu vuie nun s’’è po’ proprio parlà… pare che ‘a verità nun ‘a vulite accettà…

DG            Io, cara mia, accetto solo le verità comprovate… le cose supposte le lascio cadere poiché non servono a nulla, è chiaro!

Fil              chiarissimo, ma visto che ‘sta bolognese è proprio ‘na supposta, pe’ nuie, vuie l’avit’’a caccià do’ paese!

DG            portami le prove di quello che hai detto, ed io provvederò, senza prove non voglio più sentire nulla in merito… ( ciò dicendo va via leggendo il breviario …

Fil              cheste so’ cops’’e pazze… cu chisto nun se po’ proprio arraggiunà!!!

(Mario avvicinandosi a Filomana …  )

Mar:           a Don Giuvanne nun le piace ‘e parlòà e ‘sti cose…

(Filomena non riuscendo nell’intento di convincere il parroco a richiamare la bolognese, o meglio ancora a cacciarla dal paese, si ferma a pensare sul da farsi… ferma e pensierosa cercando di trovare una soluzione…Mario nel guardarla…)

Mar:           né ué, nun saccio commo te veco?!?!..., ma staie bona?

 ( Filomena, non curante di ciò che dice Mario, presa dai suoi pensieri…sbotta…)

Fil:             ecco!... ci sono!... (allontanandosi da Mario … ) agg’’a ‘ndagà!!

Mar:           (fraintendendo) uh mamma mi’, e curr’’a casa oppure va dint’’o cesso d’’a sacrestia….

(Filomena, inizia a passeggiare nervosamente e Mario la segue cercando di capire cosa sta succedendo…)

Fil:             (fermandosi di botto…)  si, ecco, già sent’’o fieto do’ miccio ….

Mar:           si sient’’o fieto é giusto ca te spicce, ‘a scarica è prossima, và!, curre…

Fil:             (girandosi verso Mario ed  afferrandola per un braccio…) Si, Vado, scopro la solfa, e ve facc’’avvedè ie (afferrando per un braccio Mario e accostandosi al suo viso … ) si aggio ragione o no!!!!

Mar:           (investita dall’alito puzzolente di Filomena…schifata e decisa… ) Puhà… e che schife…  vott’’e mane figliò e vide ‘e te spiccià a me pare che ‘o pacco sta pigliann’’ascenzore!

Fil:             (guardando Mario fisso negli occhi…)  ie m’’o sento!!

Mar            (schifata…) aggi’’a dicere ‘a verità, pur’’ie l’aggio sentuto…

Fil              e quanno succedarrà…(guardandosi intorno con fare guardingo…), tutt’’o paese l’adda sapè! ( ciò dicendo spinge Mario da un lato e va via velocemente verso il vicolo a destra.)

(Dal vicolo a sinistra giungono Viola ed Anna che, nel vedere Mario si fermano ad ascoltare cercando di capire cosa sta dicendo…)

Mar:           (cercando di non perdere l’equilibrio, per la spinta ricevuta…) Ma tu vide nu poc’’a chesta…. Poco ce mancava ca’ nun me menava ‘nterra… ma che mode so’ chiste, e ce vo pure nu poch’’e dignità …. 

( Anna e Viola sapendo della sordità di Mario la raggiungono e a voce sostenuta…)

Vio:           Ma ch’’è stato?…

Ann:          e che te staie allamentanno …..

Mar:           ‘stu paese ogni ghiuorno presenta ‘na sorpresa …

Vio:           ch’at’’è successo….

Mar:           Filomen’’a verdummara, ‘a sapite?

Ann:          si, ‘a cunuscimmo, embé c’ha fatto?

Mar:           steve parlanno cu Don Giuvanne…

Ann           i ‘e che steveno parlanno?

Mar            ie che saccio, secondo me, cunuscenn’’a tipa (ironicamente…) ‘o stev’’aggiurnanno ‘ncopp’’e ll’urdeme nutizie…

Vio            e sai’’e che se tratta?

Mar            né hué, pe’ chi m’avite pigliata, pe’ ‘nu ‘nciucisso!

Ann           ma che vaie pensanno, chell’era  pe’ sapé, casomaie, così, di sfuggita, avisse sentito quaccosa…

Mar            niente!... niente di niente!... parlavano ‘ncuorp’’a lloro…

Vio            e po’ ch’’è successo?

Mar            ah, si, ecco doppo, quann’’o parrucchiano se n’’è ghiuto, essa, senza ritegno, m’ha ditto: “ aggi’’a cacà!

Vio:           huè!... e che schifo è chesto!

Mar:           chesto nun è niente, subbeto doppo m’ha ditto: “già sent’‘o fieto…

Ann           ma che purcaria è chesta!

Vio            e tu che ll’’è ditto?

Mar            meravigliato ma comunque preoccupato,   ll’aggio ditto: ” si sient’’o fieto curre che ‘a scarica sarrà prossima… ”

Ann:          e essa c’ha fatto?

Mar:           c’ha fatto? … vuò dicere c’ha ditto!

Vio:           ( con fare molto intrigante ) e c’at’’a pututo dicere????

Mar:           m’ha guardata dint’’a ll’uocchie e m’’ha ditto: “Caco, copro la loffa, e m’arrecrè!

Ann:          ma cheste so’ cos’’è pazze…

Vio            nun ‘a facevo pe’ nu tip’’accussì vasciaiola…

Mar:           e, ma nun è fernuta…,

Ann           c’è altro?

Mar            e si, primm’’e se ne ire, vuttannome pe’ ll’aria, ha ditto:”e quanno l’aggio fatta tutt’’o paese l’adda sapé!

Vio:           uh Gesù, Giusepp’’e Maria…

Ann           chiste overe so’ nummere!

Mar:           ‘a commo parlava pare commo si manco quann’’a fa, (con ironia…)  essa, fa n’opera d’arte!

Ann           Mah?!? Chest di certo nun sta bona, sarrà malata…

Vio:           No, chell’’è a malatia ‘e tutt’’e bezzoghe…

Mar            (curiosa e offesa…) che vuò dicere?

Vio            se credeno ca’ rimannenno zetelle, addeventano sante!

Ann:          (verso Viola ironicamente…) sient’’a mme, chell’’è ’a mancanz’’e l’uommo ch’‘e fa  addeventà sprucide, ‘nciucess’’e zuzzose…

Mar:           (decisa e offesa..) né ueh!... nun ve scurdate ca pur’ie so’ zetiello!

Vio:           ma che c’azzecca, tu si’ n’ata cosa…

Ann:          e po’ te cunuscimmo buono, tu l’’e fatto pecché l’’e vuluto fa, e po’ nun si’ propri’’o tip’’e fà o ‘e dicere ‘sti cose…

Vio            Filomen’’invece è bezzoca pecchè nisciuno ll’addora…

Ann           chili poche che l’hanno fatto… appena hanno capit’’a tipa… se ne so’ fuiute comm’’a lepre…

Mar:           va buono ià, fernimmo e parlà e ‘sti cose, che si c’acchiapp’’o parrucchiano ce ne da una pe’ bevere e n’ata pe’ sciacqua!...

Ann           hai ragione… e po’ s’’è fatto tarde…

Mar            si vulite trasì, ve priparo ‘na tazz’’e café…

Vio:           e si, dopp’’a tutte sti purcarie, ce vò proprio ‘na tazza ‘e café…. (Ciò dicendo le tre entrano in chiesa.)

Scena 6

( Dal vicolo alla destra  della chiesa, giunge Luisa… mentre dal vicolo alla sinistra Clara, che nel vedere Luisa…. )

Cla                        carissima Signora Vanni…

Lui                        oh Maestra Clara, le posso offrire un caffè?

Cla             no grazie, a quest’ora non lo prendo mai, ma se vuole faccia pure con comodo, anzi se permette…

Lui             non sia mai detto, c’ero prima io, e poi da sola non mi va di prenderlo… su, prenda qualcosa con me…

Cla             e va bene... prendo un bel bicchiere d’acqua minerale…

Lui             (affacciandosi all’interno del bar…) ci porta un caffè ed un bicchiere d’acqua minerale?

Mak           (voce fuori campo) Subito, però, se non è di disturbo potete venire voi a prenderlo io, ho un piede fasciato…

Lui             certo, appena è pronto mi chiama e vengo…

Cla             accomodiamoci, così scambiamo quattro chiacchiere le va?

Lui             ma certo, con piacere…

Cla             io direi di iniziare col darci del tu, che ne dici?

Lui             per me va bene…

Cla             allora, vi siete ambientati, so che avete trovato casa, com’è, bella?

Lui             una vera reggia, soleggiata, ariosa e veramente grandissima…

Cla             bene, e con la plebaglia come va, qui ti avverto sono tutti pettegoli e stupidi… gli unici che si salvano sono: il parroco, il farmacista, il dirigente scolastico, e modestamente la sottoscritta…

Lui             è un paesino di simpatici sempliciotti…

Cla             sempliciotti lo saranno certamente, ma simpatici proprio no…

Lui             perché dici così, a me sembra tutta brava gente, onesti lavoratori e pieni di vitalità…

Cla             ma stiamo parlando dello stesso paese, o tu ne hai visto uno che non conosco?

Lui             spiritosa, ma certo che parliamo dello stesso paese, però, in realtà, riflettendoci su…

Cla             ecco, lo vedi… qualcosa c’è che non va…

Lui             ma no, e solo che a volte ho l’impressione d’essere vista come un animale raro esposto in uno zoo… mi sento osservata anche quando cammino per strade deserte…

Cla             e quelli, i simpatici…  stanno dietro le persiane  a spiare…

Lui             ma che hanno da spiare, noi siamo come loro e…

Cla             lo credi tu, ma in effetti non è così… per loro voi siete forestieri e qui, da queste parti, prima che ti accettino, devono passare almeno tre Natali e tre Pasque…

Lui             che vuol dire?

Cla             insomma ti devono conoscere bene, bene, bene… e poi dopo, casomai rientri nei loro schemi, iniziano a parlare con te…

Lui             ma è assurdo, da quello che dici sembra d’aver fatto un salto nel passato di almeno due o trecento anni…

Cla             e l’hai trattati bene…

Mak           il caffè è pronto

Lui             (alzandosi ed entrando nel bar…) vengo… ( dopo poco ne riesce con in mano un vassoio, una tazzina di caffe ed un bicchiere d’acqua… avvicinandosi al tavolino, posando il vassoio e porgendo il bicchiere d’acqua a Clara..)  ecco la tua acqua…

Cla             (prendendo il bicchiere..) grazie

Lui             (prende la tazzina e mentre gira lo zucchero…) senti, ma il parroco che tipo è?

Cla             in che senso?

Lui             no, dato che io e Tony, mio marito, vorremmo andare da lui per presentarci e cercare di entrare nella comunità, ti chiedevo se è uno col quale si  può parlare o è…

Cla             no, no, Don Giovanni è un sacerdote moderno ed è anche molto colto, con lui spesso mi fermo volentieri a parlare.

Lui             ah, mi hai tolto un macigno dallo stomaco, avevo paura fosse un sacerdote all’antica, insomma uno di quelli che accetta solo i canti gregoriani e la Santa messa solo in latino…

Cla             no, anzi lui è stato uno dei primi a introdurre nella parrocchia una corale di giovani che esegue canti molto moderni e belli…

Lui             (guardando l’orologio…) oddio, ma s’è fatto tardissimo, io devo scappare, ho appuntamento con Tony devo andare a prenderlo in azienda…

Cla             e come mai, non ha l’auto?

Lui             si, ma ieri s’è rotta la frizione e l’ha portata dal meccanico, e stamattina è andato al lavoro con un collega. Il meccanico, m’ha detto che era pronta, quindi la vado a ritirare, per andare a prendere Tony… ( nel dire ciò si alza e fa per andare…)

Cla             vai, vai, non mancherà occasione per farci quattro chiacchiere, sempre che ti faccia piacere…

Lui             ma scherzi, anzi sai cosa facciamo, stasera ci vediamo a casa mia a cena, così ti presento il mio Tony e ti faccio visitare la casa , che ne dici?

Cla             veramente non vorrei…

Lui             ma che dici se lo faccio è per il piacere di farlo, quindi niente ma, ci vediamo stasera alle 20, ti sta bene?

Cla             se le cose stanno così sarebbe da scostumati non accettare, alle 20 va benissimo

Lui             bene, allora io vado e scusami ancora ( ciò dicendo va via…)

Cla             Luisa…

Lui             (si ferma, si gira verso clara e…) si, che c’è?

Cla             non m’hai dato l’indirizzo…

Lui             a, si, che stupida. Stiamo a Via Senerchia civico 12, è una villetta rosso pompeano …

Cla             ho capito, quella villa di fronte a Nicola il meccanico…

Lui             esatto, e proprio da lui sto andando a predere  l’auto, allora ciao, a stasera…(ciò dicendo va via dal vicolo alla sinistra della chiesa…)

Cla             a stasera…. (ciò dicendo va via dal vicolo alla destra della chiesa…)

( Dal vicolo alla sinistra arrivano Tammaro e Pasquale parlando tra loro e ridacchiando …. )

Tam:          Pascà, t’aggi’’a dicer’’a verità…

Pas             e che se tratta?

( In quel momento giungono dal vicolo  a destra Anna e Viola che vedendo i mariti parlottare tra loro si fermano ad ascoltare …)

Ta              Luisa, ‘a bolognese, adda essere proprio ‘na furnacella, chien’’e fuoco

Pas             aldro che, chello se vede che ll’e piace… ‘nzogn’’e pep’’e salatielle…

Ta,             ie ce facesse tucca ‘o cielo cu e mane pe’ nu mese..

Pas:            (ridacchiando …) no, no Tammarié, ie ce facesse tucca a terra cu e palme de’ mane pe’ ‘na mezzora… ( in quel momento arriva Don giovanni e nell’udire i due   …. )

DG:           Prosaici, villici e baccalaiuoli… ecco cosa siete voi due

Tam           (sorpreso…) ma parrucchià che dicite?

Pas             (in modo atteggioso e minacciatorio…) me pare che state esaggeranno nu poco tropp’’assaie…

DG            tacete, almeno abbiate il buon senso di tacere… Ma vi sembra questo il modo di parlare di una persona che manco conoscete?

Tam:          (intuendo che Don giovanni ha scoltato la loro conversazione, impacciato… ) veramente, noi, stavamo…

DG            stavate facendo insinuazioni sulla giovane forestiera, e precisamente su Luisa, la bolognese! Dico bene?

(Pasquale, comprendendo quell’impaccio sarebbe stata un’ammissione di colpa cerca di salvare il salvabile buttando  la cosa sul gioco e …)

Pas:            ma noi stavamo scherzando e poi ….

DG:           sapete bene com’è fatto il paese è piccolo e la gente è facile a commenti. Dire certe falsità o alludere ad altre… può solo provocare enormi guai per tutti, ma lo capite questo o no!?!?!

Tam           ma chella quanno passa ce saluta e…

Pas             e ce sorride… ‘nzomma parrucchià nuie simmo uommene e certi signale nun ce faccimmo scappà, mica simmo prievet’’o catuozze…

DG            meglio se state zitti, altrimenti aggravate ancor più la vostra posizione… insomma per voi due le forme di gentilezza, profuse da una giovane e bella signora, come Luisa, sono scambiati per adescamenti?

Tam:          nuie, però nun avimmo fatto ancora niente…

DG:           megli’’accussì!... e si nient’’è succiesso, meglio ca niente succeda! È chiaro?…..

Pas:            ma chell’’era pe ce fa quatto resate …..

DG:           allora non è chiaro, mi spiego meglio… Avete mai pensato che le vostre quattro risate possono diventare pianto per quella donna?… e avete mai pensato che se queste vostre fantasie arrivano all’orecchio del marito o peggio ancora a quello delle vostre mogli, cosa può succedere?…

(Viola,   nel udire le ultime parole dal parroco ….. )

Ann:          Don Giuvà, cher’’è che nun sapimmo e avessem’’a sapè?

Vio:           si se tratta ‘e ll’urdeme nuvità, già siamo informate!

Ann:          Anzi, visto che ci sono anco i due PARCUONZI!

Vio            (con fare ironico…) ma cara amica mia, così l’hai trattate troppo buono, ie direi che chisti dduie songo protamente la quint’’essenza della zuzzummaria… 

Ann           contivito pienamento, e quindi dicevo, approfittiamo della vostra presenza per comunicarvi che da oggi tra noi qui presenti Anna e Viola e questi due Camei, non ci sarà più alcun legame… Siamo ufficialmente Separati!

Vio:           ‘nzomma da chistu preciso mumento, ognuno p’’a via soia!,.nuie a casa cu e figlie …

Ann:          (inidicando Pasquale e Tammaro…) e vuie a fa ‘e l’allesumute, voccapierte appriess’’a chella granda Zocco…

Vio:           ( tappando la bocca ad  Anna ….) Anna! Calma… nu poch’’e rispetto po’ parrucchiano, e che cazzo!!! ( rivolta al marito con rabbia e in modo minaccioso ..) a te, nun t’appresentà a casa stasera, pecché si ho faie ie t’arrap’’a capa doie parte!... comma nu mellone!

Ann:          (rivolta al marito con rabbia, ironia e minacciosamente..) Bellì, pe’ te c’è di peggio!, si sulo faie a mossa e trasì dint’’a casa mia, ie t’’ammollo ‘na scarecat’’e pacchere, cazzotte, cauce e mazzate che manco mammeta te riconosce cchiù…(fa per voltarsi e andare via, poi si ferma torna indietro e accostandosi al marito, che per paura retrocede…)   ah, mo’ m’’e scordavo.. tu ‘o saie che ie nun faccio maie false prumesse, quindi statte accorta a tte, pecché si vien’’a casa ie accummencio e me fermo sulo quanno nun vec’’o russo! (ciò dicendo, le due, lasciando i presenti come fusi, vanno via dal vicolo a sinistra )

DG:           Ecco qua, ‘a frittat’’e fatta!

Tam:          e mò????

DG            ti dici e mò?

Pas             (abbracciando il parroco dal suo lato…) aiutatece parrucchià…

Tam           (abbracciando il parroco dal suo lato…) si aiutatece….

DG            (stretto come in una morsa dai due, infastidito e furibondo….)  e lassateme sta!!!!  ( districandosi dalla presa dei due… ) mò cercate il mio aiuto?

Pas             si, ve ne prego…

DG            Dopo il guaio che avete combinato, adesso volete che v’aiuti…

Tam           ve prumettimmo che nun ‘o facimmo cchiù…

DG:           come prevedevo, v’’è piaciuto ‘e fa ‘e valletielle, mò sarrà veramente nu problema grosso assaie, chisto, da risolvere ……

Tam           ma vuie sapito certamente chello che s’adda fa…

Pas             e overo parrucchià, pecché vuie ‘o sapite chello che s’adda fa…

DG            io ora vi lascerei al vostro destino, perché so bene che ci sarà una prossima volta…

Tam           no, no, vi giuriamo che da oggi saremo due mariti mudelli…

Pas             credeteci, siamo veramente pentiti 

(nel dire ciò fa per prendere la mano del parroco per baciarla, ma il parroco lesto la ritrae e…)

DG            Eilà, già mi hai ‘nzevato ‘na vota, mò statte calm’’e quieto e nun te permettere cchiù me tuccà ‘e mane, ce simmo spiegate?!!

Pas             nun ‘o faccio cchiù…

DG            (irato e deciso… ) entra dentro e non farti sentire più! ( ciò dicendo s’avvia verso il bar asciugandosi le mani col falzoletto…)

Scena 7

( in quell’istante giungono dal vicolo a destra Luisa e Toni. Tonio nel vedere il parroco…. )

Ton            parroco…

DG            (voltandosi di scatto e credendo fosse stato Pasquale a chiamarlo…) T’aggio ditto zitto!!!!!... ( nell’avvedersi della coppia e comprendendo il loro stupore…) oh, scusate non era rivolto a lei…

Ton            (perplesso…) si figuri, comunque buongiorno…

DG            buongiorno, cercavate me?

Lui:            si parroco, sa com’è, siamo arrivati da poco in paese e ci farebbe piacere unirci alla vostra comunità …

Ton:           a Bologna facevamo parte del coro della nostra parrocchia. Io cantavo e suonavo l’organo …

Lui:            si padre, a casa abbiamo un organo, se l’è comprato prima che ci sposassimo, ed ogni sera ci facciamo delle scorpacciate di canti…..

Ton:           Luisa, penso che al padre non interessi tutto ciò, la scusi, ma la mia dolce mogliettina è una patita per il canto…

Lui:            ci dica è possibile entrare a far parte del vostro coro?

DG:           Certo figlioli, ma, con calma, cerchiamo prima di conoscerci meglio, poi vi presenterò Elisa, la nostra organista e con lei prenderete accordi. Io sono Don Giovanni Piccolella, con chi ho il piacere?

Ton:           Scusi, nella foga abbiamo dimenticato di presentarci, io sono Antonio Marsina…

Lui             ed io sono Luisa Vanni…

DG            ecco, ora che ci siamo presentati direi di accomodarci in sacrestia così potremmo scambiare quattro chiacchiere in santa pace, che dite?

Ton:           Veramente, se non è di troppo disturbo, visto che non abbiamo ancora fatto colazione, preferiremmo fermarci fuori al bar, che ne dice?...

Lui             le offriamo un caffé  e parliamo … ( ciò dicendo si avviano verso il bar e si siedono…)

DG:           (raggiungendo i due e sedendosi…) per me va bene, però se permettete siete miei ospiti….

Lui:            non sia mai detto, noi vi abbiamo invitato e sarete voi nostro ospite.

Ton            Allora, cosa prendete? Un caffè?

(Pasquale e Tammaro, ognuno dal proprio negozio, facendo capolino dalla porta d’entrata, guardano con gli occhi sgranati, Luisa che, nel sedersi, accavalla e scavalla le gambe. I due chinandosi quasi a terra per vedere meglio, attirano l’attenzione di Don Giovanni,che,  con la coda dell’occhio s’accorge dei due e, senza girarsi…)

DG:           Ma allora site scieme!.... (Luisa e Tonio restano di sale, interdetti ed impauriti, il parroco avvedendosi della cosa, girandosi verso Pasquale e Tammaro, con tono duro a mò di rimprovero…) Manco v’’è avastato chello c’hanno ditt’’e mugliere voste!!… ( poi, girandosi verso Luisa, con calma…) scusate, non fate caso a loro, sono dei sempliciotti e non tanto avvezzi ai forestieri…

Lui             non si preoccupi, Padre, è normale che ci vedano come due intrusi…

(Pasquale e tammaro lentamente vanno via cercando di non farsi notare… Tonio voltandosi verso il parroco…)

Ton            Allora, Cosa prendete?

DG            ma non scherziamo, non sia mai detto, oggi siete miei ospiti, la prossima volta lo sarò io, ora ditemi voi cosa gradite, un caffè, un cappuccino,  un aperitivo…

Lui             un caffè ed un cornetto, grazie, … qui da voi è tutto così buono e genuino …

Ton            una vera squisitezza, anche per me va bene un caffè ed un cornetto.

DG            (voltandosi verso l’entrata del bar…) Bene, Marika, ci porti tre caffè e due cornetti, grazie…

MAK         ( dall’interno del bar Marika polacca d’origine… )  Don Giovà, visto che mi sono fatta malo al pete, appena songo pronte viene a prentere tu, per piacere…

DG:           Va bene, non ti preoccupare, appena sono pronti m’avvisi ed io vengo…

Ton            e no Padre, almeno questo, lasci che lo faccia io…

DG            troppo gentile, ma non vorrei…

Lui             non c’è ma che tenga, lei ci ha voluto offrire il caffé, ed almeno lasci che toni lo vada a prendere…

DG            ( rivolgendosi a Toni …. ) e va bene, allora quando Marika chiama vai tu, prima dicevi che canti e suoni l’organo e vero?…

Lui:            si, e lo suona divinamente… starei ore ed ore ad ascoltarlo…

Ton:           non esageriamo, strimpello, sa da piccolo ho studiato pianoforte, lei invece la luisa è diplomata in canto e violino abbiamo fatto molte serate insieme…

DG            ma bravi quindi siete un duo…

Ton            ormai non più, sa com’è il lavoro, e tutte le varie problematiche della vita…

DG:           capisco, capisco… man mano che si cresce crescono pari, pari sia i pensieri che le responsabilità ed il tempo da dedicare ai propri diletti diventa sempre più breve. È la vita miei cari giovani sposini. A proposito, da quand’è che siete sposati?

Lui:            il quindici del mese prossimo fanno giusti due anni…

DG:           figli?

Ton:           (un po’ impacciato…) veramente abbiamo deciso di aspettare, sa, solo ora ho una posizione lavorativa più stabile e penso che tra qualche anno potremmo pensare di mettere in cantiere un figlio…

Lui:            I figli sono grosse responsabilità… oggi come oggi, non si può pensare a queste cose senza avere basi solide…

DG:           certo, capisco, il momento attuale è abbastanza complicato… la crisi, il lavoro…

Ton            comunque vi posso assicurare che a noi piacerebbe tanto avere tanti figli

Lui             oddio, tanti… diciamo il giusto, insomma ciò che nostro Signore vuole…

DG            bene, vedo che avete sani principi, e ciò mi conforta e mi rasserena, sapete com’è, appunto con i tempi che corrono, non si sa mai con chi si ha a che fare…

Ton            spero che col tempo riusciremo a farci accettare per quello che realmente siamo…

DG            ma perché avete forse trovato problemi in paese?

Lui             problemi veri e propri no, ma sembra che tutti ci fissino con fare guardingo e sospettoso…

Ton            padre, io penso sia solo una sua impressione, ma visto che vivo poco il paese, sa il lavoro mi tiene occupato l’intera giornata, devo attenermi alle sue sensazioni

DG            vi ripeto, la vita in questi paesi è molto particolare, specialmente per un forestiero… pensate che quando arrivai qui, circa dieci anni fa, per i primi mesi nessuno mi rivolgeva la parola, e quando tentavo di fermarmi a parlare con qualcuno, questi, aveva sempre una scusa per andarsene via di fretta e furia…

Ton            posso assicurarvi che ovunque andiate è così, specialmente in paesini piccoli come questo… ma poi il tempo aggiusta tutto, dico bene?

DG            giustissimo..

MaK          (dall’interno del bar…) Don Giovà, i caffé sono pronti…

(Don Giovanni fa per alzarsi, ma Tonio nel fermarlo per un braccio…)

Ton            e no!... eravamo d’accordo che ci sarei andato io, voi restate qui… ( nel dire ciò entra nel bar)

Lui             (nel vedere che Don Giovanni si tocca il braccio…) è un’irruente, (preoccupata…) v’ha fatto male?

DG            (massaggiandosi il braccio… ) no, cosa da nulla, certo che ha due tenaglie al posto delle dita…

Lui             (sorridendo…) è molto forte il mio Tonio… pensate che è stato campione di lotta grecoromana, alle regionali scolastiche, quando frequentava l’ultimo anno…

(dal bar esce Tonio con un vassoio, su cui sono: tre tazzine di caffé e tre bicchieri d’acqua… poggiando tutto sul tavolino, mentre si risiede…  )

Ton            ecco qua due cornetti caldi e tre stupendi caffé… (rivolto a Luisa…) i nostri sono gia zuccherati, (rivolto a Don Giovanni) il vostro l’ha zuccherato la Marika, ha detto di conoscere bene i vostri gusti…

DG:           e si, a me, il caffé piace molto dolce, come si dice: “Amare il Signore… e dolce il caffè…”

( Tonio e Luisa sorridono ed iniziano a mangiare i cornetti….) 

Scena 8

( dopo poco arriva dal vicolo alla destra Elisa, l’organista della parrocchia, che si ferma e leggendo la partitura musicale, che tiene in una mano, portando il tempo con l’altra canticchia…)

Eli              DO, MI, MI… FA, MI, FA … SI … FA, MI,FA … DO, MI, MI… 

(dall’interno del proprio negozio prima Pasquale e poi a seguire Tammaro commentano…)

Pas             nun se chiama Don Mimì…

Tam           se chiama Don Giuvanne...

DG            (rivolto verso i negozi…) Ancora!!

Pas             On Giuvà, ma vuie avite ‘ntiso chella c’ha ditto?

DG            appelatev’’e recchie… (rivolgendosi a Luisa…) l’ignoranza… che brutta bestia che è l’ignoranza!!

Lui             su non v’adirate, infondo sono due sempliciotti

(Intanto Elisa è presa dalla musica imperterrita prosegue…)

Eli              FA, MI, FA… DO, MI, MI… SOL, SOL, FA… FA, MI, FA, DO, MI, MI…

(Don Giovanni rivolto a Toni e Luisa……)  

DG:           Ecco quella è Elisa, donna pia e timorata di Dio,

Lui             sembra in estasi…

DG            sapete è rimasta precocemente vedova, una vera tragedia…

(Elisa prosegue il suo solfeggio canoro abbassando la voce e portandosi quasi in proscenio. Tonio la guarda e…)    

Ton            ma è giovane…

Lui             cosa le è capitato?

DG            è accaduto circa quattro anni fa, il marito, Guido, morì il giorno stesso del matrimonio… pensate, al taglio della torta…

Lui             Madonna mia… e come accadde?

DG            un infarto fulminate…

Ton            un vero dramma…

DG            non ebbe nemmeno il tempo di tagliare la torta…

Ton            sembra una di quelle storie inverosimili…

DG            eppure è accaduto realmente…

Lui             ma non si è più risposata?

DG:           no, fu tanto il dolore per il trauma subito, che per mesi si chiuse in casa, cadendo nel baratro della depressione più acuta…

Lui             (guardando Elisa…) poverina…

Ton            e com’è, che ora è l’organista della parrocchia?

DG            un giorno, visto come si erano messe le cose, mi decisi e l’andai a trovare, le prime volte fu molto dura era chiusa in se stessa, ed io ero costretto a lunghi monologhi… poi un giorno, non so nemmeno io come fu, le portai dei canti ed iniziai a farglieli ascoltare, pian piano iniziò a cantare con me. Conoscendo la sua passione per la musica, non mi fu difficile convincerla a venire in chiesa per suonare l’organo durante le funzioni, e così un giorno me la vidi presentare in chiesa con delle partiture, e senza dire una parola si sedette dietro all’organo ed iniziò a suonare… Fu come se quello strumento e quella musica avessero cancellato ogni dolore ed ogni trauma dalla sua mente, oggi Elisa posso dire che vive per la musica e la musica prende vita da lei…

Lui             (estasiata dalla storia…) ma è bellissimo, sembra una storia tratta da romanzo ottocentesco…

Ton            certo dev’essere stata dura però, è ancora giovane e bella… come mai non pensa più a crearsi una famiglia?

DG            per lei Guido era l’uomo del suo destino, morto lui nessuno può prenderne il posto…

Lui             bello, ma anacronistico…

DG            si, hai ragione, ma bisogna rispettare il pensiero di tutti, lei è ferma nei suoi propositi e nessuno può farle cambiare idea…

Ton            ma l’amore vince sempre su tutto e…

DG            appunto lei è rimasta un fiore non colto ancora… ed è felice d’esserlo…

Ton            pensate che possa cambiare idea?

DG            mah, e chi può dirlo… “ le vie del Signore sono misteriose ed infinite…” però, penso sia proprio difficile che riesca a farlo…

Lui             ma così che senso ha la sua esistenza?

DG            per lei questo è il senso della vita…la musica…, ma guardatela, é li, da un bel po’, e non s’è nemmeno accorta di noi, tant’’è che è presa da quegli spartiti…

Ton            è vero sembra in trance…

DG            ora la chiamo, e ve la presento… ( rivolto ad Elisa ) Elisa… ( notando che Elisa imperterrita continua nel suo “poroporoppoppo…”, alzando la voce…) Elisa!

( Elisa si ferma, si gira verso il bar, ed imbarazzata, chiudendo di scatto la partitura, avvicinandosi ai tre…)

Eli:             oh parroco, mi scusi, ero distratta, stavo analizzando la partiture dei nuovi canti, c’è questo Sol diesis sul finale, che mi convince poco e….

DG:           vieni, lascia perdere le note per un momento, accomodati che voglio farti conoscerse questi due nuove pecorelle…

Eli:             ( impacciata…) veramente non vorrei arrecare disturbo, stavate certamente parlando di cose vostre e… (nell’accostarsi alla sedia, mentre guarda i due, inciampa e le cascano di mano le partiture, arrossendo e goffamente…)  oh… ma che sbadata…

Ton:           (Tonio si alza di scatto e nel sorreggerla…) ma no, si accomodi, (nel fermare Elisa che tenta di raccogliere le partiture…) lasci faccio io…(ciò dicendo si china e raccoglie le partiture, intanto Elisa, nervosa ed impacciata si siede. Luisa la guarda e…

Lui             stia calma, sono cose che capitano, sa, anche noi qui si stava parlando di musica…

Eli:             (come se un lampo l’avesse folgorata di gioia… eccitatissima al solo  pensiero di parlare di musica….)  di musica ?!?… oh che bello…(guarda il parroco poi rivolta a Toni che si sta risedendo…. ) siete musicisti?

Lui:            si, io canto e il mio Toni canta e suona..

Eli:             oh che bello… (rivolta a tonio…) e che strumento suona?

( dal vicolo s’ode la voce di Mario che chiama il parroco …… )

Mar:           Don Giuvà… Don Giuvà…

DG:           Eccoci qua, ce mancava sulo Mario,

Mar:           Don Giuvà!…

DG            (si alza e a voce sostenuta verso il vicolo…) Nu mumento,

Mar:           Don Giuvaaaaanno…

DG            (alzando ancor più il volume della voce…) sto’ veneeeenno…

Mar:           Parrucchià!!!

DG            (quasi al limite dell’urlo) Alle!... ECCOMI!!

Mar            (entrando in scena…) aggio capito! Ma nun alluccate che ie ce sento!!!!

(Luisa e Tonio restano fermi, a bocca socchiusa, bloccati a fissare allibiti il parroco…)

DG            Se, se, ce sente… (poi guardando Luisa e Tonio, e rendendosi poi conto d’averli spaventati…)  No, no, non vi state a preoccupare, non sono pazzo,… (risedendosi…) é solo che come si dice:” ad ognuno la sua croce…” e la mia, (guardando Mario…) è quella… il mio sacrestano, Mario.. Per carità è un brav’uomo, ma è sordo!... e quindi per farmi sentire e capire, cosa molto più complicata, mi tocca urlare come un dannato, ora scusatemi, ma prima che si spazientisca, vado a sentire cos’è successo… (alzandosi e indicando Elisa…) vi lascio in ottime mani, a più tardi…..( ciò dicendo va verso Mario e avviandosi con lei verso il vicolo…) Allora, cos’altro e successo

Mar            proprio mò c’avit’’a ire???…

DG            ( uscendo verso il vicolo…) ho detto cos’altro è accaduto, iammo cammina…

Mar            eh, ma che mode, e nun terate….

Lui             (rivolta ad Elisa…) dicevi?

Eli              (timidamente) no, veramente, avevo chiesto, che strumento suona?

Ton            l’organo…

( altra saetta colpisce Elisa, ma stavolta è una saetta che le buca il cuore, è come un pugno allo stomaco, una frana che la sta sommergendo… inizia a temere per il suo posto di organista…con la voce che le si blocca in gola riesce a fil di voce a dire…  )

Eli:             l’organo?!

(detto ciò, resta basita, pietrificata … con lo sguardo fisso nel nulla…. Tonio, non pensando nemmeno lontanamente a ciò che ha causato dicendole d’essere organista, sorridendo…)

Ton:           diciamo che ci provo …

(dal vicolo giungono in piazza Viola e Anna, che nel vedere i tre seduti al tavolino si fermano ad inizio del vicolo e cercano di capire cosa stanno dicendo…Luisa allungando il braccio sul tavolino e carezzando la mano di Tonio…)

Lui:            non gli date retta, dovete vederlo all’opera, quando, con queste mani tocca il suo organo, diventa una furia della natura …

(Viola ed Anna si guardano e Viola…)

Vio            tu ‘e capit’’a ‘sti duie!!!

(Anna, rivolta a Luisa …)

Ann:          e se ne va’ pure vantanno ‘sta malafemmena… ( ciò dicendo fa per raggiungerla al tavolino…)

Vio:           (trattenedo Anna …) malassa perdere, pecché ce vulimmo spurcà ‘e mane cu ‘sti fetiente… (Tonio e Luisa s’abbracciano impauriti…)

Ton            (guardando Elisa…) cos’è FETIENTE!

Eli:             non capisco che stia succedendo, (rivolta a Viola e Anna…) ma che volete…

Ann:          e me meravigli’’e te, che t’ha faie cu ‘sta gente …

Eli:             ma perché, (guardando Luisa e Tonio…) chi sono?

Vio:           chisti song’’e duie bolognese, e essa è chella ca…(strizzando l’occhio a Elisa) capisc’’a mme!!

Eli              veramente continuo a non capire…

Lui:            ma cosa avete contro di noi, noi vogliamo solo….

Ann:          ‘o sape tutt’’o paese chello ca vuò!

Vio:           ( mostrando Toni…) forse l’unico ca nun sape niente, è stu chiochiero ‘e mariteto!

Lui:            Chiò - chiéro… ma che dite, non riesco a capire una sola parola.

Ann:          (ironicamente imitando Luisa con la stessa enfasi usata poco prima…) lo dovete avvedere all’opera,  quanno tene ‘nmano il suo Orcano… È una furia nella natura…

Vio:           (avvicinandosi a Luisa e poi  picchiettandole con le punte delle dita sulla spalla…) Bellé!! tanto pe’ t’ho ffà sapè!, i nostri mariti quanno teneno l’Orcano ‘nmano, songo duie terremote!

Eli:             (perplessa…) ma pecché pure Pasquale e Tammaro suonano l’organo?

Ann:          è certamente…

Eli:             E da quando?

Ann           nenné, da sempre!

Eli              uh madonna mia…. ma quanta cuncurrenza c’aggio scoperto ogge!!! E ie nun ne sapevo niente?!?!

Vio:           cuncurrenz’’a tte, ma che ne vuo sapè tu, ca nun saie manco comm’’è fatto n’orcano!

Eli:             (offesa e indispettita…) e no!... questo non ve lo permetto proprio sa! E vero, io non ho fatto gli studi di specializzazione, ma l’organo, lo conosco e come se lo conosco

Vio-Ann    Ma fanci’’o piacere si!!!….

Eli              ah  non ci credete?!?!? E allora spiatel’’a Don Giovanni…

( Anna e Viola perplesse prima si guardano tra loro poi si girano verso Elisa ed insieme ….)

Ann–Vio:  ‘O parrucchiano?

Eli:             si, proprio lui. E visto che stiamo a questo, tanto per farvelo sapere, l’altra sera ‘o fatto la toccata e fuga, sul suo organo

Ann–Vio:  l’orcano e Don giuvanne???!!

Eli              esattamente proprio quello, e quando ho finito mi ha detto: “ Elisa cara sei davvero brava, il vederti all’opera è stupefacente, hai un tocco delicato e sublime…“ Ecco, quato mi ha detto! Oh!

( Anna e Viola stupite di quanto asserito da Elisa non riescono a parlare poi… )

Ann:          cos’’a nun credere?!?!

Eli:             è invece è propri’’accussì!!

Vio:           tu e’ capit’’a Don Giuvanne ….

Ann:          Fa comm’’è ‘o monac’’e sant’Austino… ‘e iuorno prega e appicci’’e lumine…, e ‘a notte s’’a spassa… cu doie cape ‘ncopp’’o cuscino…

Ton            qui sembra di vivere un incubo…

Lui             ma tu, c’hai capito qualcosa?

(in quell’istante giunge in piazza Don giovanni che nell’udire Anna, si avvicina e…

DG            di chi state spettegolando?   

(Anna e Viola infuriate come mai anche per la notizia appena appresa da Elisa guardano con aria schifata il parroco e…)

Ann           ie nu sospetto l’aggio sempe tenuto, ma chesto po’??? mah!??

Vio            da vuie nun me lo sartia maie aspettato, ecco pecché ogge stiven’’a parla cu chili duie scunciglie…

DG            (non comprendendo cosa possa essere accaduto, perplesso…) ma di che state parlando, non capisco?

Lui             veramente anche noi non c’abbiamo capito nulla…

Ton            sembra di essere in un manicomio…

DG            (sospettando cosa possa essere accaduto…) Cosa c’è vi piace fare il gioco del “ vott’’a pretella e annascong’’a manella???... quando si vuole dire una verità, la si dice apertamente, senza timore facendo nomi e cognomi… e protando prove concrete!… Altrimenti i vostri sono solo bassi ed inutili pettegolezzi…

Ann           (irata perché pensa che il parroco stia cercando di coprire la tresca, pensa, poi trova il coraggio e…)  Parrucchià, quann’’uno tene ‘o serpo dint’’o manecone, penzo ca nun ll’e cunvien’’e fa tant’’o saputiello…

Vio            (trasportata dall’onda di coraggio di Anna…calca la mano e precisa…) Sappiamo bene che sotto quella tonaca, c’è un uomo…(con asprezza e disprezzo…) ma l’ommo, quann’’over’’è n’ommo… si da ‘na parola a mantene!!!... ma vuie, pare ca nun’’appartenite a ‘sta categoria, (con durezza…) pirciò, secondo me, nun putite parlà!

DG            (incredulo e amareggiato…) come? come?… ma che state dicendo?!... se ho ben capito, qui si sta dubitando della mia persona, sia come uomo ma sopratutto quale uomo di chiesa…

Ann           come uomo di chiesa non ci permetteremo mai, ma come uomo… Mah?

DG            che vuoi sire con questo mah???

Vio            commo se dice: “chi vò capì… capisce…”   si vuliveno fa ‘o mandrillo, era meglio che nun ve faciveno prevete!!

DG            ma come vi permette di fare simili asserzioni… le vostre, altro non sono, che falsità!... e poi, il farlo dinanzi a due nuovi fedeli…

Ann           Fedeli???...

Vio            proprio buone ‘sti duie…

DG            (con fermezza…) Anna! Viola!,  non so casa vi abbia portato a diventare così acide, insolenti e scurrili, ma qualsiasi cosa sia, non vi permetto di continuare a dire cose di cui non avete alcuna prova!

Vio            ah… (ironicamente…) ma vuie vulit’’a prova?

Ann           né, che quello vuole la prova…

DG            e certo, la esigo!

Ann           e noi la prova… ve la diamo immediatamente!

DG            ma davvero e qual è?

Vio            eccola qua!! ( mostrando Elisa…)

Ann           chest’’è ‘a prova, pe’ chello ca riguard’’a trsca vosta…

Eli              (interdetta ed allibita…) io???

Ann           si, pecchè, t’ho vuliss’’annià…

Vio            dicece chello ch’’e ditto primma…

DG            sentiamo, cosa avrebbe detto Elisa, si può sapere?

Vio            (rivolta a Elisa con fare minaccioso…) e ghiammo parla…

Ann           si, dicece ‘o fatto d’’o parrucchiano…

Eli              ma io non so’ di cosa parlate, noi si parlava dell’organo e…

Ann           esattamente, ovvì che t’arricuorde… dicece ‘o fatt’’e l’organo d’’o parrucchiano…

Vio            facce senti n’ata vota che t’ha ditto quann’’e fernuto…

Eli              a il fatto del tocco?

Ann           chill’’o tocco t’’adda venì primm’’e mmò si nun parle…

Vio            e si, t’adda venì ‘o stesso e chillo che ce faciste venì ‘a Guiduccio!

Eli              ma no, non fu colpa mia, no, (ciò dicendo scappa via in lacrime e  urlando)… non è stata colpa mia… non sono stata io… no! no!

(Il parroco guardando Elisa in quello stato cerca di raggiungerla, Tonio e Luisa, comprendendo la situazione fermando il parroco… )

Ton           non si preoccupi, cerchiamo di raggiungerla noi …

Lui             meglio che lei resti qui a chiarire con le signore

(ciò dicendo corrono via verso il vico dove è andata Elisa)

DG            (voltandosi lentamente verso Anna e Viola, in modo energico ed accusatorio…) Basta!!!! (poi avvicinandosi alle due con fare minaccioso…) Avete superato ogni limite, andate via e non fatevi più vedere da me!

Ann           ma cher’’è, a verità v’abbrucia?

Vio            chella ha cuntato tutt’’o chello che a fatto (allusiva…) cu l’organo vuosto…

DG            (comprendendo l’equivoco, accasciandosi lentamente sulla sedia…) Menti contorte! ecco cosa siete… diceva bene il mio precettore, meglio avere a che fare con cento pazzi e non con un ignorante!...

Ann           saremo anche ignoranti, ma nun simmo fesse!

DG            no, no, voi siete due povere mentecatte! ( rialzandosi…)  Mettiteve scuorno?

Vio            nuie?…

( le due si guardano tra loro poi Anna rivolta al parroco…)

Ann           i ‘e che c’avessemo mettere scorno?

DG            Zitte!... Basta!... Zitte!... abbiate almeno la furbizia di tacere…

Ann           ma vuie che stat’’ammaccanno cu ‘sti parole che capite sulo vuie, chella, ’a ditto chiaramente chello c’avite fatto…

DG            Ancora! Ma allora continuate nella vostra stoltagine… Voi non avete capito proprio niente di niente!

Vio            ma pecché che c’’è stev’’a capì?

DG            ecco, lo vedete, questo conferma la mia tesi, ovvero che vuie, nun avite capito NIENTE!

Ann           (ironicamente…) e, scusate, visto che l’unica perzona intelligente site vuie, e nuie simmo sulo doie sceme, vulit’’essere accussì gentil’’e ce spiegà?...

DG            (Offeso e arrabbiato…) Né, piccerè, tu senza che fai ‘a cuffiatura, (riprendendo un tono serio…) io posso dirvi con estrema certezza che la vostra verità… altro non è che una enorme falsità…

Vio            mò nun ve capisco cchiù, che vulite dicere?,

Ann           parlate chiaro, faciteve capì…

DG            Quella che voi credete sia la verità in effetti non lo è, poiché nasce da un frainteso, da una cattiva comprensione delle parole, quindi è una falsità! Chiaro ora?

Vio            no, tanto chiaro non è…

Ann           nuie, sapimmo chello che proprio Elisa ha ditt’’o, quindi…

DG            Quindi, quanno se teneno ll’uocchie fuderat’’e prusutto e ‘i recchie aperte sulo a chello che vulimmo sentì… è logico che ‘a verità addeventa falsità e ‘a falsità addeventa verità!

Vio            mo overo nun capisco cchiù niente…

DG            e mi sarei meravigliato del contrario…

Ann           parrucchià!?!?, embé!

DG            stateme a sentì, e cercat’’e capì buono chello ca’ dico…

Vio            dite…

DG            Tutt’’è accuminciat’’a quanno song’’arrevat’’e bolognese

Vio            propri’’accussì, mò c’abbiammo a capì!

DG            Zitta, e stamme a sentì!

Ann           nun parlà, sentimmo che ce vò dicere…

DG            vuie, accecate pa’ gelosia, ve site fatte ‘nmpressiunà de’ chiacchiere che quaccheduno ha fatto su Luisa… che sarebbe una mangiatrice d’uomini, una meretrice, insomma una ruba mariti…

Ann           esattamente…

DG            ma avete cercato di indagare su chi è realmente Luisa?

Vio            è ‘na zoc…

DG            EMBE’!!... questo l’avete pensato voi, ma in realtà, vi posso assicurare, che non lo è affatto, anzi vi posso dire con certezza che è  una brava donna, fedele al marito e molto seria…

Ann           ma chella va salutanno e se la pacchea…

DG            il saluto è indice di buona educazione… l’altra cosa è solo una questione di atteggiamento, lei viene da una città dove è del tutto normale portare la minigonna e… come dire ancheggiare… lo fanno tutte e quindi…

Vio            so tutte zocc…

DG            N’ATA VOTA MO’!...No! sapete bene che spesso l’abito non fa il monaco…

Ann           appunto, e chesto, ce port’’o fatto che riguarda vuie e Elisa…

DG            chiariamo anche questo, dunque, ragioniamo con calma

Vio            si ma cercammo e ce capì…

DG            appunto, ditemi Elisa cosa fa in chiesa quando dico messa?

Ann           son’’e canta… embé?

DG            comm’’embé, che cosa suona?

Vio            L’armonicum…

DG            a prescindere che si dice ARMONIUM ed è quello che sta sull’altare, lei invece suona quello che sta sull’entrata principale ed ha le canne, come si chiama quello?

Ann           chill’’e l’organo…

DG            appunto è L’ORGANO! che stando nella chiesa di cui io sono il parroco, per voi tutti, in paese, diventa “l’organo d’’o parrucchiano”, dico bene?

Vio            (comprendendo l’equivoco…) ah… si… avite ragione, nun c’avevo pensato…( rivolgendosi ad Anna…) tu ‘e capito, chella, quanno parlava ‘e ll’organo d’’o parrucchino, steva parlann’’e chilo cu e cann’’a coppa…

Ann           (abbassando gli occhi e con voce sommessa…) parrucchià, c’avita scusà, avite ragione simmo doie sceme ‘ngnurante… ma chill’’o fatto e che s’’è miso nu poch’’e tuttu cose e…

Vio            e nuie avimmo penzato che era tutta ‘na tresca…

Ann           e marite nuoste cu ‘a bolognese e vuie cu Elisa…

Vio            a gente che sparlava…

Ann           e sentenno chello che po’ ha ditto Elisa…

Vio            avimmo pensato che stivene d’accordo cu ‘e marite nuoste int’’a ‘sta iacuvella…

Ann           alla fine nuie che putevemno fa?!?

DG            dovevate riflettere, indagare e pensare prima di lanciare accuse offensive e lesive… speriamo che questo vi serva di lezione, la verità deve sempre essere confortata da valide prove…

Vio            avite ragione, ma comunque rest’’o fatto che ‘e marite nuoste se so’ mise a fa ‘e farenella cu luisa e…

DG            in realtà, non hanno fatto nulla… né di sconcio, né d’offensivo, hanno solo fantasticato, ma in concreto non hanno fatto proprio nulla…

Ann           ma siete sicuro?

DG            si, anzi a dire il vero forse hanno fatto una cosa buona, si sono dati una bella ripulita…

Vio            chest’’è vero stanno sempe linde pinte…

Ann           ma mò che ce cun sigliat’’e fa, cu loro?

Vio            Annarè, tenimm’’ancor’’o punto, accussi e facimm’’ammuscià n’atu paco…

DG            ma no, penso che la lezione che hanno ricevuto sia bastata, ora riappacificatevi… ricomponete le vostre famiglie, poiché, la famiglia la vera forza e l’unica sicurezza che abbiamo…

Vio            avite ragione…

Ann           avessemo avut’’a primma ‘ndagà! ( in quell’istante giunge Mario che nell’udire ciò che ha detto Anna, le si avvicina e…)

Mar            ma cher’è ogge né, è scoppiata quacch’’epidemia ca’ pigli’’a panza?

DG            (a voce alta…) ma che dici? 

Mar            commo che dico, chest’’e ‘a siconda vota che me capit’’e senti ‘na femmena ca’ senza scuorno, e senza ritegno dice annanz’’a tutte quante c’adda ire a cacà!

(Anna e Viola scappano a ridere, il parroco nel vederle…)

DG            ecco vedete?... questo è un chiaro esempio di come il non comprendere bene le parole o peggio ancora il loro significato, può scambiare una falsità in verità e viceversa… ma in fondo questa è il nettare vitale di cui si cibano  

(La scena si cristallizza…)

Scena 9

(entra Pulcinella …e passando tra i personaggi si ferma vicino ad ognuno e…)

Pul:            (parroco) Caro Don Giovanni, ma queste cose song’’o magnà che ausano  ‘nciucess’’e  malelengue!.... (pubblico…) S’è sempe ditto, i e ditt’’antiche nun sbagliano maie, che “ ‘na parola po’ accidere cchiù e ‘na cannonata…”.  E nuie, ‘stu vizio fetente e sparlà, nun c’ho vulimmo proprio levà….  ‘O Pataterno, a Mosè, l’’e dette ‘e tavole cu e diece cumandamente… Diece scritte, ma poche sanno che ce ne dette pure n’ati duie… ma c’’e dicette zittu, zittu dint’’a ‘na recchia… comm’’a dicere: “ Mosè, po’ passa parola…”, (gurdando la platea…) da’ faccia c’avite fatto, capisco ca nun sapit’’e che stong’’a parlà… vo’ dicere che ve conto chello che succedette. Doppo che l’aveva dat’’e tavole, ‘o Papaterno, accustanneso a ‘na recchi’’e Mosè, lle dicette: “ Guagliò, arricuordate buono, e dillo pure all’ate, ca si vulite essere felici e, soprattutto stare sempre in pace, dovete rispettare anche l’undicesimo ed il dodicesimo comandamento…” Mosé nun capette, scapuziaie e po’, tomo, tomo ll’è dicette: “ Mio Signò, vuie ccà ‘ncoppa me n’avete signate sulo diece…”, “lo so, “ rispunnett’’o Pataterno, “ ma vedi, gli altri due te dic’’a voce pecché so’ cchiù duie cunsiglie ca’ duie cummannamente…!” , Mosé appezzaie ‘a recchia e o Pataterno lle dicette: Undicesimo: > Faciteve sulo e semp’’e fatte vuoste… e dodicesimo:> nun state maie a sentì a chille che nun se fanno!!“… A dicer’’a verità, Pe’ chello che me risulta, Mosé l’ha ditto e a voce s’’e spasa…,  ma, a chello che veco, ‘a chella recchia, simmo state, e simm’’ancora, nu pucurille troppo surde, ‘o megli’’ancora, nun c’è convenuto ‘e sentere… Eppure ce pensate quanto sarria bello si tutt’’a gente che campa ‘ncopp’’a ‘sta bella terra s’’è ‘nmparass’’a fà sul’’e fatte suoie… fernessero: ambicceche, chiacchier’’e guerre!... e ‘a pace, si ‘a vera pace, regnasse suvrana… ma putropp’’a gente, ovvero tutte nuie, quase sempe, ce piac’’e parlà… ma ‘e parlà, no pe’ dicere cose iuste, ma sulo pe’ ffa’ avvedé che sapimmo,  ca simmo furb’’e intelligente, e tutto chesto pe’ puté, alla fine, da cunsiglie e sputà sentenze!… Ma chell’’a verità che ce credimmo ’e sapé, spisso, anze quase sempe, è sulo n’’accuzzagli’’e falsità… nutizie nate “ianche” e che criscenno addeventano “nere…” Tutte quante ce credimmo prufessure, giudici onesti ed imparziali, quanno se tratta ‘e parlà de’ disgrazie ‘e ll’ate… scurdannoce ‘o, peggi’’ancora, nun sapenno ca’ pe’ giudicà, s’hann’’a conoscere con certezza “ cose e fatte “…  Arricurdammoce che pe’ tegnere ’na perzona, nera comm’’è ‘a graunella, avastano doie o tre parole… ‘e guaie veneno doppo,  quanno c’accurgimmo che erano tutte falsità, vulessemo arremmedià ‘o danno fatto, ma è allora che nun avasta né nu vocabolario e manco n’enciclopedia pecchè chellu niro che c’avimmo vuttato ‘ncuollo ianco nun addeventerà cchiù…  Da ogge, penzatece buono primm’’e sparlà ‘e quaccheduno… pecché  “ ‘e malelengue so’ peggi’’e l’assassine… t’accideno a bott’’e parole… senza sparà ‘na sola botta!...”  Commo dicite?...   a… si, vulite sapé pecché se fa?… E che me l’addimandate a ffa’…  

Si ie sapesse ‘a rispost’’a ‘stu pecché,  nun sarria cchiù Pullecenella…  ma forze nu grande rre!... ( fa per andare, poi si ferma, si gira lentamente e…. )  Però. ‘na cosa v’’a pozzo dicere, ed è chesta: “ ogn’’ommo crede d’essere onesto, intelligente e normale!!  pure quanno sape buono che sta facenno nu peccato murtale…    ma si ausass’’a capa pe’ penzà, primm’’e parlà…    ‘ncopp’’a sta terra, regnasse sulo ’a vera felicità…”  Mò s’’è fatto tarde… (avviandosi verso la sedia…) e ie me ne vac’’a cuccà….  Tanto rest’’o fatto, che ‘a gente…  continuerà a parla sulo pe’ parlà!..  (parte il brano : “ ‘a gente parla…”)   

===========  F I N E ==============

‘A GENTE PARLA ……

( v. & m. : Domenico Meles – S.I.A.E. N° 53476 )

'A gente parla pè parlà... 

pecchè nun tene nient''a' fà... 

'na parola tira 'a 'n'ata e pò, che ce vuò fà,

tutto chello ca nun vuò sa pè...  se sa pe già... 

Va, spianno mò, tu chi ha parlato...

Nisciuno sape nient''è assicurato. 

Chillo va dicenno che.. 

Chillo va parlann''e te..

Ma so’ tutte mute e surde cu’ te.... 

Chi parla tanto pè parlà... 

e gente pront''a pugnalà... 

quanno meno t''è l'aspiette oinè! se parl''e te, 

cose ca tu nun''e fatto maje, ma sài comm'è..... 

Bell''e buono tu staje 'nmiezz''e guaje....

nun sapenno pò chello ca è stato. 

Si pò vaje dicenno ca nun è overo

diciarranno che tu 'o faje di certo pè te putè disculpà!... 

(FINALE)

'a gente parla pè te putè...    'a gen te parla pe te putè...    'a gente parla pe te pute arruvinà!!!!-

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 5 volte nell' ultima settimana
  • 11 volte nell' ultimo mese
  • 57 volte nell' arco di un'anno