…E pensà che l’era inscì stracch!

Stampa questo copione

QUAND GHE’ I DANEE’, AMIS E PARENT IN SEMPER TRA I PE’

Ambientata in un bar del milanese, la travagliata storia di un’eredità milionaria che, in un susseguirsi di colpi di scena, arriva al suo epilogo portando alla luce verità sorprendenti, talvolta apparenti, talvolta reali, spesso paradossali, alimentate da sospetti, testimonianze e da qualche esame clinico. Il tutto contornato da un andirivieni di clienti, parenti o presunti tali che, tra un bianchino e un caffè, ricostruiscono una storia famigliare davvero singolare. Un finale inaspettato che, al tempo stesso, non cambia il reale percorso degli eventi. Tutto e il contrario di tutto in una commedia brillante e divertente le cui situazioni ingarbugliate travolgono lo spettatore in un esplosivo avvicendarsi di sorprese.

PERSONAGGI:

Giuseppe Serbelloni detto Geppy: proprietario dell’omonimo bar

Wanda: moglie di Geppy

Raimondo Serbelloni: padre di Geppy

Valentino Germani: cliente del bar ed ex uomo di fiducia di Raimondo

Gigi: cliente sempre seduto al tavolo con Valentino

Notaio: amico di Raimondo

Marisa: cliente 

Osvaldo: cliente un po’ baùscia

Anastasia Serbelloni: figlia di Raimondo

Leone Serbelloni: figlio di Raimondo

Ninetta: zia di Wanda

…e tutti i probabili clienti di passaggio

Particolarità

Questo copione è facilmente adattabile alle esigenze della compagnia che lo porta in scena. Infatti, essendo ambientato in un bar, possono essere inseriti “clienti di passaggio” che, senza nulla togliere al senso della storia, possono valorizzare la stessa sia riguardo la durata quanto al contesto. Grande soddisfazione è stata per la compagnia teatrale di cui faccio parte, l’aver utilizzato come comparse i ragazzi del centro Anffas di Abbiategrasso proprio per una rappresentazione a sostegno di un importante progetto del centro che li ospita. Nel presente copione sono inserite tre scene facoltative aventi come interpreti 4 donne e 2 uomini

ATTO PRIMO

Una mattina qualunque al Bar Geppy, dove il gestore sta lavorando.

Entra il padre di Geppy, senza salutare.

Raimondo     Cià, uhì... famm un cafè!

Geppy                        Te convegna no, te set giamò nervùs!

Raimondo     Sont nervùs tucc i volt che te vèdi, minga per el cafè…

Geppy                        Affettuoso come sempre nei confronti del tuo unico figlio.

Raimondo     Meno mal che te set figlio unico, se me ne vegneva foeura un alter me tì,       me fasevi fa la vasectomia.

Geppy            Cosa l’è che te se fasèvet fa?

Raimondo     Che ignurànt! …La vasectomia! Praticament te lìghen su di canalin in di testicoli in modo che te poedet più produrre danni alla società metendès al mond di sfojaverz ‘mè tì!

Geppy            Toeu và, (gli porge la tazzina malamente) se t’avevet fa la vasectomia adess te doveva pagà el cafè inveci de andà a sbafo come semper!

Raimondo     Te dovaret ben risarcimm i danni morali per avet sopportà fin adès (scola la tazza di caffè, gli volta le spalle ed esce, come sempre, senza salutare).

Esce Raimondo. Sulla soglia incrocia Marisa. Si scambiano un cenno di saluto con la testa.

Geppy            (a denti stretti, tra sé, ma al tempo stesso ben attento a farsi sentire da Marisa) …el beva, el va e el saluda nanca, figuremess poeu s’el dis almèn “grazie”! Ma và a dà via i ciàpp!

Marisa            L’è vegnì a scrocà anca incoeu el to’ papà? Famm un cappuccio!

Geppy            (mentre la serve) Tutt i dì, come s’el dovèss timbrà el cartelìn, ‘sta facia de tòla! El m’ha dà nanca un ghèl né per spusàmm, né per dervì el bar, né per vùtàm a pagà i dèbet, con tutt i danè ch’el gh’ha…e de soura vià el me paga nanca quèl ch’el bev. Ah, ma ghè vegnarà un bel sciopòn! El dì ch’el crèpa ghè offrì de bev a tutt el paes.

Marisa            Pensà ch’el va a mèssa tutt i dì, el fa anca la comeniòn e poeu el te tratà in che la manèra chi…

Geppy            El gh’ha inscì de lustran de banchìn coi gombèt per fas perdonà tutt i pecà ch’el ghà, stò falsòn!

Marisa            Beh, adess esagera no. Però…chissà perché el fa inscì? E sì che te set l’unica persona che el gh’ha al mond! La tua pòra mama l’è morta, el gh’ha minga de fradej né sorej, el dovariss stat tacà…

Geppy            Per stàm tacà el stà tacà, come una cìca masticada sota ai scarp, che te cèrchet de distacala cont i man e la te se taca ai dit… (con un gesto di stizza come se avesse realmente del chewingum attaccato alle dita) e la te fa anca vegnì el nervous de soura via!

Marisa            (bevendo il cappuccino) Fa no inscì Geppy, dopotutt l’è el to’ papà…

Geppy            …ma anca mì, dopotutt, sont el so’ fioeu! El dovariss tegnìm de cùnt, e inveci…

Marisa            Porta pazienza! Ciao Geppy, salùda la Wanda!

Esce Marisa. Entra Wanda, sbucando dal retrobottega.

Wanda           L’è andà via ch’el facia de tòla del to’ papà?

Geppy            Sì, e sperèm de vedel pù fin a doman.

Wanda           Ogni tant pensi: ma con tuta la brava gent che va al mond de là, come mai lu l’è semper chi a romp i ball?

Geppy            Se ved che anche el Padre Eterno el preferiss tegnìl a la larga… e s’el dovess andà a l’inferna, scàpa anca el boia!

Wanda           Ma te set sicùr de ves el so’ fioeu? Perchè, a part el fatto che si v’un l’opposto de l’alter, me spieghi propri no che l’astio qui ch’el gh’ha in di to confront.

Geppy            Se dovessi scoprì de vess minga el so’ fioeu, me faria quasi piasè, basta che dopo avell sopportà per 50 ann me tiren minga via la legittima!

Wanda           Cert che domà una santa dòna ‘me la tua mama la podeva viv cont un omm inscì! Mi fùssi stà in di so pagn chìssà in due l’avarìa mandà! (alza indice e medio per mimare le corna) Farlo becco sarebbe stato il minimo!

Geppy            Pòra mamma, pensà che i so gent erèn inscì content quand l’ha sposà, perché l’era talment sciùr che, a chi temp là, quand tucc faseven la fàmm, pareva de ve vinciù a la lotteria.

Wanda           Ah, ben, giust del punto de vista material ghè mancà nient… Per el rest, forsi, l’era mej fa la famm!

Entra il Notaio.

Wanda           T’el chi el sciùr Nodar! S’el beva? El solit?

Notaio            Grazie Wanda, il mio solito caffè ristretto macchiato caldo.

Geppy            Buondì Sciùr Nodar, ‘me la và?

Notaio            Diciamo che non mi lamento. Il lavoro non manca mai, soprattutto da quando tuo padre s’è messo in mente di fare testamento… solo per elencare tutti i suoi beni dovrei assumere una nuova impiegata!

Geppy            Ch’el me nomina minga el me papà altrimenti ghè fo’ pagà el doppi!

Notaio            Dai, Geppy, quando erediterai ti passerà tutta la rabbia!

Geppy            Ma siccome sont fortunà ‘me un can in gèsa, finisarà che crepi prima mì de lu. El sa come se dis: l’erba gràma la moera mai!

Notaio            Ma su, dai! Non dire così. Lo sappiamo tutti che ha un brutto carattere, ma è sempre stato un uomo retto, onesto, tutto d’un pezzo, animato da sani princìpi… come la tua povera mamma del resto!

Geppy            Un uomo retto ch’el tràta semper el so’ unic fioeu a pescià in del dedrè.

Notaio            In effetti con te è sempre stato un po’ duro. Chissà perché? Dopotutto sei un bravo ragazzo, un gran lavoratore... E’ una cosa che non mi sono mai saputo spiegare.

Entra Valentino, detto Tino, settantenne ex uomo di fiducia - ora in pensione - di Raimondo, che praticamente “risiede al bar”; uno di quei soggetti che non capisci mai se ci sono o ci fanno e, pur apparentemente sempre immerso nel suo giornale, partecipa attivamente alla vita di tutti gli altri. Insieme a lui entra Gigi, un ragazzo  che passa la sua vita al tavolino del bar con Tino tenendo tra le mani il suo inseparabile smartphone. Infatti è sempre distratto mentre ascolta quel che si dice, perché segue contemporaneamente facebook e le storie da Bar. Subito dopo entra Osvaldo. Scapolo attempato, dall’aspetto non propriamente da figo…anzi….ma crede di essere il playboy del paese. Va sempre al bar per raccontare, con aria da smargiasso, le sue (presunte) avventure sessuali, venendo preso in giro da tutti.

Osvaldo         Gent, ghè n’ho voeuna de cuntà!...Intanta Geppy versom un Vov che gh’ho bisogn de riprend i forz (Geppy versa e appoggia il bicchiere sul bancone)….. Ier sera sont andà a vedè una sfilata di moda intima: modelle esagerate! Una di loro, mentre sfilava, ha iniziato a guardarmi negli occhi: io la fissavo, lei mi guardava, io la fissavo e lei mi guardava, io la fissavo e lei mi guardava… Secondo me pensava…(prende il bicchiere di Vov e beve)

Geppy            “...s’el gh’ha ch’el pistola lì de sùtà a guardàm?” (tutti a ridere)

Osvaldo         Ridete, ridete… Poi, passandomi vicino, ha fatto cadere un bigliettino ai miei piedi: ”Ti aspetto all’albergo Milano alle 2,00 stanza 14”. Mi sont andà in sul posto, (ammicca) mancia di 50 euro alla guardia notturna ( cerca nelle tasche e mima il gesto di tirar fuori i soldi e dare la mancia alla guardia per rafforzare il racconto), son salito al  piano, ho bussato alla porta della camera e…

Geppy            (lo interrompe) t’è trouvà la nonna de la modella! (Scoppiano tutti a ridere)

Gigi                (con fare sempre distratto mentre guarda il telefonino) Perché la nonna?

Osvaldo         …perché in invidiùs e fann i stupid! Invece per vostro immenso dispiacere è venuta lei ad aprire la porta in vestaglia e, appena mi ha visto…

Geppy            (lo interrompe nuovamente) l’ha ciamà el servizi de sicurezza! (giù tutti a ridere)

Gigi                (sempre distratto dal telefonino) Perché? Se t’è faj per ciamà la sicurezza?

Osvaldo         Gigi, scultigh no! Dìsen un sacc de stupidad! (Stizzito) Allora, animali!!! Volete sentire il racconto o no?.... Appena la m’ha vist, l’ha fai borlà in tèra la vestaglia e l’è restà in reggiseno, mudantìn e reggicalze nero, la m’ha ciapà per el bavero e… sont ammo’ frastornà!

Geppy            ma l’è no che la voureva strangulàt?

Osvaldo         Te sarià piasù eh? Inveci ho colpito 3 volte (fa segno con la mano e ripete in italiano per rafforzare), tre! Son tornà a cà ai 7 or de matina, senza fermass un moment. Ti e i tò amis, savì nanca se voeur dì! Non tutti hanno il mio fisico! Nato per amare! (fa una camminata da bauscia)…

Valentino      (prende in mano un volantino che c’era nel giornale). Osvaldo, sarà minga questa chi la sfilada? “Moda intima over 60, con la partecipazione straordinaria delle Velone”. (tutti a giù ridere tranne Gigi, che rimane con lo sguardo di uno che non ha capito)

Osvaldo         Ah, cont vialter se poeu minga parlà seriament, sì tropp invidius! L’è minga colpa mia se i donn ve guarden no. Siete brutti…..BRUTTI!!! Alla prossima! (esce)

Geppy                        (Geppy lo rincorre sulla porta) Brutti a chi? Se offenden minga i mè cliènti preferìti, le due colonne del bar Geppy: el Gigi e el Tino!

Gigi                (Sempre con fare distratto dallo smartphone) …in dove t’è miss i colonn?

Geppy            Sì, buonanotte… Gigì! Distàchès de che la flebo lì ogni tant!!!... l’è una manera de dì!

Gigi                (guardando sempre il telefono) Sì….ma per di cosè?

Geppy            Fa nient, fa cont che ho parlà no!

Valentino      (sorridendo) mi, purtropp, ghè la fò pù a fà la colonna! I colonn de solit stan in pè, ma mi ghè rièsì no, sont tropp stracch!

Geppy            Te set pèna levà su e te set giammò stracch?

Valentino      Ho faj un sogn ch’el m’ha scombussolà: ho sognà ch’el to’ papà el scapàva cont una valìs piena de tutt i so’ danè e vialter ghè corrivù adrèe….e lù el scapàva….e mi currevi drè a vialter…

Geppy            Perché te me corrèvet adrè?

Valentino      Ghèra el Bar sarà, vorevi fass da i ciav per setàs giò perché s’eri stracch

Geppy            …e me l’è andada a finì?

Valentino    …nient, che sont tournà indrè e me sont setà giò in s’una banchèta a spètà che tournìvu indrè anca viàlter

Geppy            (ridendo) Ma num sem riesì a ciapà el me papà o no?

Valentino      Se t’ho dit che sont turnà indrè, me fo a savèl?

Geppy            Va a ciapà i ratt, Tino! Caffè al tavolo?

Valentino      Si grazie, portumel tì perché sont tropp stràcch.

Gigi                (scoppia a ridere) ahahhaha (gli altri lo guardano con fare interrogativo)….le velone…eren vecc…per quell..! Ahahahhahahhah

Geppy            (rivolto al pubblico) El ghè metta ch’el mument pusè, ma poeu el rida anche lù. L’è tamme l’orelog de la stazion: el segna l’ora de partenza quand che il treno l’è giammò passà d’un quart d’ora.

Gigi                (Con fare smarrito) Quell d’un treno?

Geppy            Nient, nient…fa cunt che ho  parlà no!

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

FACOLTATIVO: I CICLISTI

Giulia.            (Si avvicina al bancone) Geppy, famm un bel caffè al ginseng per darci una carica di energia

Geppy                        subito! Dove siamo diretti di bello?

Franco           Vèmm su fin a Turbigh e poeu, se semm minga stracch, quand tournùm indrè andèm giù fin a Tèsin per mangià l’ingùria.

Valentino      …eh uhè! L’è minga me dill!!! Ora che si a Turbigh si giamò stracch de sicur! Mi sunt stracch domà a sentì….e sensa vess andà in biciclèta!

Giulia             L’è questiòn d’allenament e num s’allènum semper. Geppy te me impienìsa la borracia cont un po’ de acqua bèla frèsca?

Franco           Anca a mi, grazie, …..anzi! Mètom che la bibita energetica  che te mè daj  l’altra volta. Te se ricordet?

Geppy            (ridendo) ah sì! Quella che fa drisà i cùrv!

Giulia             Cosa l’è che te se fè dà?

Franco           no, l’è una specie de bibita che te dà forza. Alòra  Geppy, sègna in sul me cunt che quand torni indrè fò la seconda sosta e te paghi tuscòss insèma.

Giulia             Và che se te vè pùsè fort de mi, te fo’ fa l’antidoping e poeu denunci el pusher (indicando Geppy) !!!

Franco           Se che te denùncet cosè? (Geppy ride)

Giulia             Ossignùr ‘me te se vecc! Te cognuset nanca i vocaboli moderni. El pusher…quèl che spàcia la droga!

Franco           Ma va a dà via al cùpet!!!

Risate – escono tutti saluti vari

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Entrano Raimondo e il notaio.

Raimondo     Dai “Sciùr Nodar”, vegna denter che te offri un bel cafè… Ciao Tino, come te stet?

Valentino      Sont stràcch mort!

Raimondo     Certo che t’en fè una pèll!

Valentino      Tàs.! Arivi cà à la sera che sont bèl ‘e desfà!

Notaio            Buongiorno Wanda, come andiamo?

Wanda           (vedendo il suocero si irrigidisce) fin a un minut fa ben, ma adèss sont un po’ nervosa, vo’ a ciamà el Geppy… Saludi… (esce Wanda nel retrobottega)

Raimondo     (sarcastico nei confronti di Wanda) Dio li fa e poi li accoppia!

Notaio            Beh, Raimondo, bisogna ammetterlo: non sei molto gentile col tuo unico figlio.

Raimondo     Ma mì te paghi per sistemà i me’ affari o per difend el me’ fioeu?

Notaio            ….essendo tuo amico e consigliere pensavo anche di poterti dire sinceramente quello che penso!

Raimondo     ‘Ste dìset inscì te set pùsè amis del me’ fioeu che me! (Urla forte) Non c’è nessuno qui?!

Geppy            …purtropp sont chi. Cià, cosa scrocchiamo oggi pomeriggio?

Raimondo     Un bel caffè con grappa per mi e v’un per el mè amis!

Geppy            (mentre prepara i caffè) Sciùr Nodar, el cafè ghè l’offri mì, minga lù, sia ben ciàr!

Raimondo     El ghà semper la mania de vourè mett i puntini in su le i.

Geppy            …e ti te ghè la mania de fàs vedè generus cont i danè di alter!

Raimondo     tranquillo, quand moeri te risarcìsi!

Geppy            Chissà il perchè gh’ho el presentiment che te me tirerèt una fregadùra anca de mort….

Raimondo     …(sarcastico) non lo escludo!

Geppy porta i caffè al tavolo, il Notaio dopo aver bevuto richiama Raimondo all’ordine.

Notaio            Dai Raimondo, andiamo nel mio studio che concludiamo  tutte le pratiche del testamento…

Raimondo     Dai che ora de stasera emm finì!

Notaio            Grazie Geppy, ci vediamo!

Geppy            …de nient. Arrivederci sciùr Nodar!

Il Notaio saluta e ringrazia, mentre Raimondo gira la testa senza salutare e senza ringraziare. Escono. Valentino alza la testa e incrocia lo sguardo di Geppy.

Geppy            Te l’è vist?

Valentino      Cosa?

Geppy            el me papà.

Valentino      Perché?

Geppy            Nient, lassèm perd! Ti te ghè amò un sentiment de devozion perché te set staj el so omm de fidùcia!

Valentino      No beh… l’è che sont stracch! (abbassa la testa e continua a leggere)

Si spegne e si accende la luce

Arriva Osvaldo.

Osvaldo         Geppy, ti devo raccontare l’ultima conquista! Intanta voeja giò un para de Vov perché gh’ho bisogn de riprèndes

Wanda           (sta pulendo il bancone e si rivolge al pubblico) T’el lì el playboy de la bassa padana. S’el fasess domà la millesima part de quel ch’el cùnta, el ghè faria invidia anca al George Clooney!                                                                                                                                  

Osvaldo         Geppy, te ghè presènt che la bèla manza che la laùra come cassera al supermercà che han pèna dervì?

Geppy            ( con sguardo e tono da compatimento) daì, cunta su!

Osvaldo         (avvicinandosi a Geppy e mimando un po’) …tààààc! Castigata!

Wanda           (che sente e sempre si rivolge al pubblico) Ma se ch’ el voeur castigà quest qui? El pàr una pantegana! L’avarà faj strèmì, che l’è roba ben diversa!

Osvaldo         (che sente il commento di Wanda, va a bordo palco e si rivolge al pubblico) questa qui l’è la storia della volpe e dell’uva. Non può avermi e allora mi disprezza!

Facce di compatimento da parte di Wanda

Gigi                (solleva lo sguardo dallo smartphone) Perché te l’è castigà? Cosa la t’ha faj?

Osvaldo         (scoraggiato e innervosito) Gigi, l’ è un modo di dire!

Gigi                 De dì cos’è?

Osvaldo         Insomma, chi se poeu maj cuntà su un quajcoss senza interruzion. S’eri drè dìt che andavi semper lì a fa la spesa e lè la me fissàva e mi la guardavi, e lè la me fissava e mi la guardavi, lè la me fissava e mi la guardavi e, a un certo punto, incoeu (allunga la mano per prendere il bicchiere di Vov)

Geppy            …l’avrà dit: “ma ch’el deficiente qui, el vegn qui a fà la spesa o a guardàmm a mì?” (ridono tutti)

Osvaldo         Invidiùs! Te set invidius! Ma io continuo il mio racconto perché devi soffrire di fronte alle mie conquiste. S’eri drè dì… lè la me guardava e mi la fissavi, lè la me guardava e mi la fissavi, lè la me guardava e mi la fissavi…. e a un certo punto….(beve un altro sorso)

Gigi                            (con sguardo interrogativo e sempre distratto dallo smartphone) perché sutìvu guardass?

Osvaldo         perché eravamo attratti l’uno dall’altra, come due calamite!

Gigi                (rivolto a Valentino, con lo sguardo di chi non ha capito nulla) L’è andà al supermercà a comprà le calamite?

Osvaldo         (sbuffa verso Gigi) Ma quest chi l’è un bar o una convention de interdett? ...s’eri drè dit che, a un certo punto, la m’ha miss in la bursa de la spesa un bigliettin

Gigi                (deciso) el scontrìn!!!

Osvaldo         (visibilmente spazientito), Alloraaa??? Poedi andà avanti o no? In sul bigliettin la me dava un appuntamènt (beve un altro sorso)

Geppy            sì, per andà a da via i ciapp!!!

Osvaldo         Ma me sa fa a contà su una roba seria con vialter! Comunque, come sont rivà nel posto segnalato, ve disì no! Una donna assatanata! Andato a segno 4 volte (rimarca con le dita), quattro! Sont andà a cà ai 8 or del la matina bel ‘e che sderenà!

Wanda           (rivolta al pubblico)  se mi fasèssi un cafè per ogni bala ch’el cùnta su ch’el ciurlandàri chi, diventaria milionaria!         

Osvaldo         Bon, adess vò a dormì perché, ovviament, sont un po’ stracch!

Valentino      …anca ti? Anca mi: sont tròpp stracch! (scuote la testa e continua a leggere).

Esce Osvaldo.

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

FACOLTATIVO: IL CANTANTE LIRICO

Entra Mattia, un cantante lirico che cerca da anni di sfondare ma, ahimè, non ha proprio i numeri…

Mattia             Entra nel bar cantando a squarciagola,  tenendo un fazzoletto alla Pavarotti Nessun dorma! Nessun Dorma!

Tino stava pisolando come al solito e fa un balzo per lo spavento  

Wanda           (Cantando per fargli il verso e rivolta al pubblico)E me farisùm a dormì, se ti te vosèt in che la manera qui?

Geppy                        Alòra Pavarotti, te se drè andà a fa un provìn?

Mattia             (Sempre canticchiando) Niente popò di meno che alla Scala! (Poi parla normalmente)  Vedrài che è la volta buona. Stavolta sfondo, me lo sento!

Wanda           (Rivolta al pubblico) S’el ciàpa la rincùrsa e el va den a cò bass , el sfunda de sicùr! Ma la vedràda del Foyer!

Mattia             (Sempre cantando) Wanda ti regalerò i biglietti per la Prima!

Wanda           (cantando anche lei) Ghè credi propri no e te fo’anca la rima!

Geppy            Cià, se te prepari?

Mattia             (cantando) Un bicchiere di latte caldo!

Geppy            Uhè, va che j’a voeri de bòn i biglièt de la Prima

Mattia             Guarda Geppy, se ce la faccio, prenoto un palco così venite tutti ad applaudirmi.

Tino                E ma mi so’ no se ghè la fo’: ora de sera sont tropp stracch. Ti Gigi te vè?

Gigi                (alzando di botto la testa dallo smartphone) Dove? Quando? Cosa?

Geppy            (alludendo alla dipendenza di Gigi dalla smartphone) Distàca la flebo de morfina!!! Te sé pegg d’un drogà!!!

Gigi                …esagerato!

Mattia             (Ripete per informare Gigi) Stavo dicendo che se passo la selezione vi invito tutti alla prima della Scala

Gigi                Ma quando si è dentro alla Scala, il telefonino va tenuto spento?

Mattia             E si eh!

Gigi                Allora scusa ma quella sera lì ha un impegno.

Mattia             Adesso vado: ditemi tutti “in bocca al lupo”. (cantando) All’alba vincerò (si avvia verso l’uscita fermandosi rivolto al pubblico per i 3 vincerò)

Wanda           (gli risponde sempre cantando e facendogli il verso rivolta al pubblico) el vincia no!

Mattia             Vincerò….

Wanda           el vincia nooo!

Mattia             Vinceeeeeeeeerò!!!

Wanda           Ghe la faaaaa nooooo!!!

Mattia esce sventolando il fazzolettone bianco come Pavarotti

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Si sente un’ambulanza, poco dopo entra Marisa di corsa.

Marisa            (con tono concitato) Geppy, vegna de coursa, s’è sentì mal el to’ papà, l’han menà via ch’el pareva mort!

Geppy            Ossignur, ghè mancava anca questa! Tranquilla, l’erba grama la moera mai… e s’el proverbi l’è vera, lù l’è immortale!

Marisa            Me sbagliarò, ma stavolta te erèditet!

Escono Geppy e Marisa. Buio. Luce. In scena: Valentino seduto a un tavolo, Wanda in piedi dietro al bancone. Entra Geppy con aria triste.

Geppy            (appoggiandosi al bancone) Wanda, te ghè credarèt minga, ma el me papà l’è mort de bòn.

Wanda           Scùsom tant Geppy, ma sont propi bona no de piang.

Geppy            Per piang, piangi no nanca mì, ma sont restà mal, pensavi minga de prouvà dispiasè e inveci, quand pensi ch’el vedarù pù vegnì denter in del me bar a rouvinàm la giornà… Quand te se’ abituà a vegh v’un che tutt i dì el te manda a dà via el cù e poeu el te scròca anca un cafè de souravìa, insomma, el dì ch’ el ghè  pù,  te manca un quajcoss!

Valentino      Ma adès in dove l’è?

Geppy            In brùgna, a l’ospedàl!. Disèn che gh’han de fagh l’autopsia, ghè vourarà un pò de dì! Par che se la sentiva. L’ha pèna fà in temp a finì de mèt giò el testament…

Valentino      Chi l’è che avaria pensà? La manera che l’era un omm attiv, mai stracch… son bon no de cred che l’è mort.

Wanda           (rivolta verso il pubblico) Dagh tri dì de temp e quel lì el risuscita, t’el disì mì!

Suona il telefono. Geppy risponde.

Geppy            Ah Sciùr Nodàr… Eh sì! Purtroppo, ghe vorarà un quaj dì per l’autopsia… guarda, gh’el disi sincerament, vist che sont fioeu unich,  se fudès  possibil avvià subit i pratich l’è mej perché gh’ho nanca danè assè de fagh el feneràl! (stupito) Come el gh’ha lo studio allagato? Ossignur… alora ch’el me faga savè! Grazie, grazie davvero!

Wanda           Se ghè succès?

Geppy            El gh’ha el stùdi alagà, se rott un tubo!

Wanda           …cominciom ben!!! Te podarià no digh de vegnì giò al bar a legg el testament? Sarom su per un para d’or e fèmm tuscoss chi.

Geppy            La me par una buona idea, anca perché ghèm de fa a la svelta, mi g’hò minga i danè de fagh el feneral, adès ghè telefoni sùbit! (alza la cornetta) Ch’el senta, sciur Nodàr, per lù andaria ben se mi sari su el bar per el temp che ghè vouer e leggiùm chi el testament? Capìsi no, perché ghè una quaj complicazion?... mi sont figlio unico! …Come el saria dì: “ne parlom quand se troevum”? Va ben! (rivolgendosi a Wanda) Chi ghè un quajcoss che quadra minga. Boh…stemm a vedè.

Buio. Luce.

Interno del bar, tre giorni dopo. Apertura del testamento. Geppy tenta di chiudere il bar ma il notaio lo interrompe

Notaio            Geppy, non chiudere, aspetta un momento. Nel frattempo avvicina due tavoli e aggiungi due sedie

Geppy e Wanda si lanciano uno scgurado interrogativo ma eseguono gli ordini. Dopo poco si presenta una donna sui 40 anni che si siede in silenzio. Wanda e Geppy la osservano e si domandano chi sia. Dopo poco si presenta un uomo mai visto e si siede anche lui in silenzio. L’atmosfera si fa tesa. Il notaio prende la parola

Notaio:           Vedo che ci siamo tutti, possiamo incominciare. Geppy chiudi il Bar che inizio la lettura.

Geppy si alza e va a mettere il cartello chiuso

Notaio            “Io sottoscritto Raimondo Serbelloni desidero che alla mia morte i miei beni siano equamente divisi tra i miei figli Anastasia Serbelloni, nata a Roma il 12.03.1972, e Leone Serbelloni, nato a Bologna il 23.03.1972. Desidero inoltre dare una quota di risarcimento per tutti i caffè scroccati a Giuseppe Serbelloni, detto Geppy, nato a Milano il 18.04.1964, il quale, a dispetto del cognome che porta, non è mio figlio…

Geppy lancia un urlo e sviene sulla sedia. Wanda tenta di rianimarlo rubando il bicchiere del notaio che contiene un po’ di acqua minerale e buttandogli dell’acqua sulla faccia. Il notaio si ferma fino a che Geppy non si riprende

Geppy            (smarrito e confuso) l’ha dit….”non è mio figlio”…

Wanda           (nel goffo tentativo di consolarlo)…el se sarà sbaglià!  

Notaio                        posso riprendere?

Geppy            Sì….

Notaio            Allora riprendo…..Desidero inoltre dare una quota di risarcimento per tutti i caffè scroccati a Giuseppe Serbelloni, detto Geppy, nato a Milano il 18.04.1964, il quale, a dispetto del cognome che porta, non è mio figlio, ma frutto di una relazione extraconiugale avuta dalla mia defunta moglie con Valentino Germani detto Tino.”

Geppy lancia un altro urlo e sviene nuovamente e si ripete la scena di Wanda che cerca di farlo riprendere    

Geppy            (riapre gli occhi, balbettando un po’ per la tragica sorpresa e quasi sull’orlo della disperazione) Adèss capisi tuscoss! Ma propri el Tino el doveva vess el me papà? Ma el podeva minga vèss stracch anca che la volta lì? Ma la mia mamma? Una santa donna timorata di Dio, ‘me la podeva vegh un amante? …e per giunta voeun come il Tino! Ma semm sicùr che l’è minga un schèrz? E vialter dùu, se poeu savè de indoe si saltà foera?

Leone            (con accento spiccatamente emiliano) Mi scusi, ma da dove è saltato fuori lei, visto che dal testamento si deduce che lei sia figlio naturale di un altro uomo…

Geppy            L’è mej che ghè pensi minga de dove sont saltà foera mi se de non me vegn la depression…(scocciato) e comunque è ancora tutto da documentare!

Valentino bussa alla vetrina del Bar, chiuso per l’apertura del testamento.

Valentino      Come mai l’è sarà su? A che ora l’è che dervì? …Perché mi sont tropp stracch per tournà a cà, gh’ho bisogn de settas giò!

Geppy            (trasale, si avvia all’ingresso del bar urlando e ovviamente non gli apre) Ma va un po’ a dà via i ciapp, tì e la tua strachezza…’me te faj a vegnì foera del letargo 50 anni fa? T’aveva ciapà el ricostituent?

Anastasia      (visibilmente schifata) Quello sarebbe il suo vero padre?

Geppy            (sempre più scocciato) Quest qui l’è ammò de vedè. Quand ho faj l’esam del DNA gh’el fo’ savè!

Anastasia      (decisamente spocchiosa) Certo che io e lei siamo agli antipodi, sa? Mia madre è una contessa e ha conosciuto mio padre in crociera. Si sono amati fin dal primo sguardo, poi la vita ha voluto che mia madre rimanesse a Roma mentre mio padre si limitava a raggiungerci ogni tanto, ma sono stata comunque molto fortunata con entrambi. Mi sono sentita molto amata. Mio padre era molto innamorato di me e di mia madre. Eravamo il suo orgoglio!…e poi era un uomo molto raffinato, colto, non avrebbe mai potuto dividere la sua vita con una persona di basso profilo, e mia madre era la donna ideale per lui.  

Geppy            El me papà in crociera? Ma se ghè vegniva el mal de mar anca quand el faseva el bidè?

Anastasia      ….eppure! Quello che non mi spiego è la presenza di questo Sig. Leone: mi scusi, ma è sicuro di essere mio fratello? Perché le nostre date di nascita sono talmente vicine che mi sembra una cosa strana

Leone            Come no? Il Sig. Raimondo era il mio babbo, sorbole, ...

Anastasia      Mi scusi, ma come si sarebbero conosciuti mio padre e sua madre?

Leone            In crociera!

Geppy            (rivolto al pubblico) Me sa che l’aveva trouvà la manera giusta de combatt el mal de mar!

Leone            Non dica stupidaggini, veh! Il babbo non ha mai sofferto il mal di mare, altrimenti non avrebbe mai potuto rimanere tanto a lungo vicino a mia mamma che lavorava sulle navi. Io sono cresciuto in nave e, per permettere alla mamma di continuare a lavorare, io stavo con una tata pagata dal babbo. Mi ha fatto fare la scuola sempre in nave con degli insegnati privati. (Sprezzante verso Anastasia) Non sono nobile ma son cresciuto come un principino lo stesso, veh…

Anastasia      Ma mi scusi, stiamo parlando di una crociera del giugno 1971 che passando da Lisbona portava alle citta imperiali del Marocco?

Leone            Quella in cui si sono conosciuti, sì!

Anastasia      Non capisco… è la stessa nella quale ha conosciuto mia madre. Mi sembra una cosa impossibile, non ci posso credere!

Geppy            T’è capì? A mi el me pagava nanca i cafè ch’el consumava, e poeu el andava in crociera a spantegà danè e somensa a destra e a manca…

Anastasia      Ma siamo sicuri che stiamo parlando della stessa persona? Ma che lavoro faceva sua madre sulle navi?

Leone            La mamma era una diva. Si esibiva tutti i giorni e tutti facevano la fila per vederla veh…

Anastasia      Cantante?

Leone            No… (visibilmente imbarazzato) diciamo che era… (un po’ titubante) una ballerina!

Geppy            “Diciamo” se voeur dì?

Leone            ….diciamo che si esibiva in abiti particolari.

Anastasia      Continuo a non capire.

Geppy            Nanca mi!

Leone            (rassegnato) Ok, era la primadonna delle spogliarelliste del night club di bordo!

Geppy            (facendo il verso alla contessina) “Mio padre era un uomo raffinato e colto!” Pusè che raffinato e colto el gh’aveva l’olfatto fine:  pena ch’el sentiva odor de trifola el capiva pù nient!

Leone            Lei come si permette?...parlare così del babbo! A me non mi piace mica che gli si manchi di rispetto veh!

Anastasia      …nemmeno a me!!!

Geppy            Scusèm un moment, l’ha ingravidà i voster mamm voeuna via l’altra come se infila du tocc de luganega in s’un spiedìn e adèss gh’èmm de fagh i compliment?

Wanda           (sconsolata) Adess ‘me farèm a pagà tutt i debet? Che disgrazia… (stizzita) per fortuna che l’è giamò mort, se non l’avaria masà mì cont i me man!

Notaio            Signora Wanda non si disperi, non tutto è perduto. Il Sig. Raimondo aveva dei grossi dubbi e uno di questi la coinvolge direttamente.

Wanda           In che senso?

Notaio            Nel senso che il defunto è stato l’amante di sua madre e….

Wanda urla e sviene tale e quale a Geppy e la situazione si inverte. Ora è Geppy che tenta di rianimarla con l’acqua. Si riprende….

 Wanda          (si riprende ma è visibilmente sconvolta) Ma se che l’è drè dì? Ma la mia mamma e el me papà se voureven ben!

Notaio            Posso continuare? (Wanda annuisce) Il Sig. Raimondo ha sempre avuto il dubbio che lei potesse essere sua figlia, pertanto il suo nome appare nell’elenco di tutte le persone che lui ritiene “probabili frutti del suo seme”. Nel testamento ha scritto che le stesse possono effettuare un test del DNA, e, se positive, entrare di diritto nell’asse ereditario.

Geppy            Cos’è? Addirittura una lista?…per fortuna l’è semper stà un uomo retto, onesto e di sani princìpi! Ti pensa se l’era un disgrazià!

Notaio            Non so cosa dirle, io devo mettervi al corrente di quanto c’è scritto nel testamento.

Wanda           (basita) Ossignùr, se che me capita! Ghè vorevi “talment ben” al mè suocero che so pù se preferisi pagà i debet o morì in miseria…ma poeu, ch’el me scusa, vist che l’ha parlà di “elenco”, sèmm in tanti?

Leone            Non è mica possibile, veh. Ci dev’essere un errore!

Anastasia      …Ma siamo sicuri che stiamo parlando di Raimondo Serbelloni?

Notaio            Sì, e ci sono ben 9 persone sulla lista. (tutti rimangono allibiti)

Geppy            (inizia ad urlare e sbraitare) Ma l’era un omm o un Black&Decker? Domà cont la mia mamma el metèva minga in funzion el tràpen? Comunque, sig. Notaio, io a questo punto pretendo che anche il sig Leone e la Sig.ra Anastasia facciano l’esame del Dna perché devo essere sicuro di come stanno le cose… e io stesso provvederò ad eseguirlo per vedere se sono realmente figlio del Tino! (Tino, nel frattempo, sempre dietro la vetrina che aspetta l’apertura, viene raggiunto da Gigi)

Anastasia      Concordo mio malgrado con il sig. Giuseppe! Siccome anch’io ho molti dubbi sul fatto che mio padre potesse aver frequentato una spogliarellista, senza nulla togliere alla mamma del sig. Leone, pretendo che questo esame si faccia.

Leone            Bada bene che la mia mamma era una star, veh! Ma guarda, mo’ bene….Prima di essere una spogliarellista al night club della nave da crociera, era nel corpo di ballo del Moulin Rouge veh….le hanno dato fior fior di soldi per assumerla. Comunque io ci sto a fare questo esame, ma cara la mia signora contessina, l’esame lo dovrà fare anche lei. Perché anch’io ho gli stessi dubbi nei suoi confronti, sorbole…..

Tutti iniziano ad urlare e litigare l’uno con l’altra, Geppy usa il grembiulino per mimare la gonnellina delle donnine che ballano il can can al Moulin Rouge fintanto che in mezzo al casino il notaio li richiama tutti all’ordine

Notaio            Bastaaaaaaa!!!! (Di colpo cala il silenzio) A questo punto dispongo che tutti facciano i relativi esami clinici e dichiaro sciolta la seduta fino a che non saranno pronti tutti i risultati dei vari DNA. Ci aggiorniamo più avanti, mi farò vivo io per convocarvi (arrabbiatissimo) e adesso tutti fuori di qui…

Geppy            A dire il vero quest qui l’è el me bar

Notaio            (esce arrabbiatissimo) Che giornata!

Geppy            ah…lu el dis “che giornata!” Mi scopri che gh’ho più l’eredità, che el me papà l’è pù el me papà e forsi l’è el papà de la mia miè e, per giunta,….(con espressione depressa) che forsi sont el fioeu del Tino….e lù el dis “Che giornata!”….se gh’ho de dì mì, alura?

Gigi entra sorreggendo Valentino che non ce la fa più dalla stanchezza.

Valentino      Oh, finalment! …ghè la fasevi pù, ma savì no me sont stracch?

Geppy            Ma scusum se te fo una domanda TIno, ma che la stracchezza qui che te ghè adoss, te ghe l’è semper avù? Anca de giuvin?

Valentino      Ah sì! Mi sont semper staj stracch: n’ho semper faj una pell, eh!

Wanda           (risentita) Me sa che l’unica volta che se te seret minga stracch te faj su un casìn!

Valentino      Perché?

Geppy            (interrompendo Wanda che si accinge a rispondere) no, nient… nient…

Wanda           (cambia atteggiamento e diventa improvvisamente gentile) Toeu, Tino! Beva un cafè che te se tirèt su! Offro io!             

Valentino      Oh, grassie, el ghè vouereva propri! Gigi, fa un piasè: mèta denter el zuccher e rimesta che mi ghè la fo’ no….anzi…sollevom el brasc che ghè la fo’ minga a tirà su la tazina! (Gigi esegue alla lettera e bevono) …..Adèss però ve salùdi e vò a cà. Gigi, fa ammo’ un piasè! Compàgnom  che ghè la fo no ad andà in de per mì…

Gigi                Cià,  dai che te compàgni! Ciao Geppy

Geppy            Ciao Tino, ciao Gigi, se vedom doman!

Valentino e Gigi escono.

Wanda           (Come escono Tino e Gigi, Wanda mette un paio di guanti di lattice e mostra vittoriosa la tazzina dove ha bevuto Tino, tenendola con la punta delle dita) Geppy, questa chi l’è la tazzina in dove l’ha bevù el caffè el Tino.

Gappy            E allora?

Wanda           Aspèta un moment che la mèti in d’un sachett de plastica. Mi ho vist in d’un telefilm che se riessa a ciapà il DNA dalla saliva! Ghe la pòrtum al laboratori inscì vedom se l’è veramènt el to papà!

Geppy            Bella idea Wanda. Te set trop una dona inteligènta! L’unic afari de la mia vita l’è stà spusat tì. Te voeri tropp ben

Wanda           Anca mi Geppy. E anca se dovèssum eredità nient, num se voerum ben e questa qui l’è la ricchezza pusè importanta!

Si abbracciano e si baciano.

SECONDO ATTO

Marisa entra al bar tutta sorridente. Nel Bar ci sono Valentino e Gigi seduti

Marisa            Ciao Geppy, ciao Wanda!

Wanda           Ciao Marisa, te set foeura orari stamattina. Te prepari el solit?

Marisa            Sì, el solit! …(con aria complice) Sont foeura orari perché sont andà a fa l’ esam del sangh!

Wanda           Te stèt ben no?

Marisa            Stò benone. (Ridendo) Sont andàda a vedè se erediti un po’ de danè!

Geppy                        Ossignur anca ti te set una potenziale fioela del me ex-papà?

Marisa            A dit la verità pensi de no, perché me par propi che la mia mamma e el me papà se voureven ben….

Geppy            (alludendo a lui e a Wanda) …anca i noster!

Marisa            (riprende il discorso sorridendo) …. Uhei…ma se te capita de trouvà in tèra un bigliett de la lotteria, te se sbàssett minga a catàl su? (dice il tutto ridendo, dando quasi per scontato che sia un errore la sua presenza nella lista.) Poeu se te vìncet, ben… altrimenti cambia nient e resta tuscòss come prima. (Ride ma si immobilizza di colpo come assorta da un pensiero e cambia espressione: l’ilarità lascia spazio ad un dubbio) Però, adèss che ghè pensi, una volta el me dottor el m’ha dit de rifà l’esam del gruppo sanguigno perche ghè vegnì foera che gh’avevi el gruppo B, e siccome la mia mamma la gh’aveva A e el me papà 0, el podeva minga vess giust. Ma poeu, tra una roba e l’altra, me passà de la ment e sont minga andada a rifall. El to’ papà che gruppo l’è che el gh’aveva?

Geppy            Ma t’el set ch’el so minga? Adess ciami el dottor e gh’el domandi! (prende il telefono e compone il numero) Pronto, dottore? Sont el Geppy. Ch’el me scusa, ma el podaria minga dimm el gruppo sanguigno ch’el gh’aveva el me papà? …sì el so che l’è minga el me papà, ma fioeu, ‘me gìren à la svelta i notizi! …Gruppo 0? L’è sicùr? …ghè spiegarù, per intant el ringrasi. Arrivederci (Riattacca. Si rivolge a Marisa) …uhè Marisa, el gh’ha istess grùpp del to papà, se te ghè el B te ghè minga de sperans de eredità (ammiccando).

Valentino      (Solleva la testa dal giornale che sta leggendo) Chi l’è che gh’ha el gruppo B?

Geppy            Se ti interessa a tì?

Valentino      No, mì nient….(distrattamente mentre legge il giornale) l’era domà perché ghè l’ho anca mì!

Geppy            (Gli si gela il sangue e prende Marisa in disparte)….senta Marisa….siccome mi pensavi de vess el fioeu del me papà e lù l’ha scritt in del testament che sont el fioeu del Tino, adess che l’ho sentì dì insci, l’è no che l’ha rangià anca la toa mama? Se l’è inscì, alter che vess semper stracch…

Marisa            Ma no, figuress… però…(cambia espressione da preoccupata a vagamente terrorizzata) adess ch’el guardi ben …t’el set che el ghè somiglia un po’ al me fioeu?

Geppy            T’el disi mì! …se te voeret vess sicura, te ghè domà de dìmmel: ho fàj analisà una tasina in dove l’ha bevù! Gh’ho el suo DNA!

Marisa            (sottovoce) T’el set che gh’ho fin paura? Ma adèss che gh’ho el sospett me sa che vo’ fin in fond. Quand gh’avì l’esam del Tino el confrontum anca cont el mè… anzi, parli sùbit col dottur del laboratori! Adèss ve làsi perché gh’ho de andà. Ciao a tucc….alla prossima puntata di questa telenovela!

Esce

Gigi                (rivolto a Valentino e sempre guardando sempre lo smartphone)….uhei Tino!…e mi che grupp l’è che gh’ho?

Valentino      …te m’el domandet a mi? Domandeghel al to’ dottur!

Gigi                …Ho senti che savìvu de quel de la Marisa e ho pensa che…..(poi si interrompe con lo sguardo sospeso sullo schermo del telefonino e riprende a fare quello che stava facendo)

Wanda           (rivolta a Geppy e allibita perché ha sentito il discorso) …ma dai, l’è no possibil! Ma te penset verament che ch’el tandòcc lì l’ha trouvà una quai dona che la s’è lassà infiochetà? Mi me par una roba impossibil, come me par impossibil ch’el poeda vess el to papà.

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

FACOLTATIVO: I CICLISTI PARTE 2

Entrano i ciclisti pieni di botte, con i vestiti strappati, i capelli a ciocche che escono dal caschetto e aghi di fieno da tutte le parti

Geppy            Uheiii…..se i combinà?

Giulia             Ma se poeu savè se t’è ghè miss in la borracia al Franco? Dàmm un grappin che ho ciapà un stremissi…

Geppy            (cerca lo sguardo del marito per vedere se puo’ parlare) Scùsòm Giulia, ma cont tutt i client che vègna in del bar me ricordi minga s’el m’ha faj mett…ma se ghè sucess?

Franco           (rivolto a Giulia) ma te disi che ghè entra nient quel che ho bevù, l’era domà un po’ de bibita energetica….l’è che me sont voultà un moment…

Giulia.            ….a guardà un grupp de tosanètt che podevèn vèss i to’ nevoud, ma non come zio….come nonno! Me sa che la bibita energetica la t’è minga andà in di gamb….Ma te se rendèt cùnt che te serèt drè masàm??? El m’ha tajà la strà all’improvvis. Se gh’era minga lì la bàla de fèn de la casìna Gambarìna  a st’ora s’erom al mond de là!

Geppy            “Viv per una bàla!”…par el titolo d’un film.

Giulia             Sì, el film in su la vità d’un deficiente! Cià Geppy, dimm se te devom che te sàldom el cunt e vèmm a cà a impomatàs cont el Lasonil

Geppy            Làssa stà Giulia. Per questa volta offro io…Uhè, me raccomandi Franco: mèta el paraoecc a va a cà drìss se de non ti ‘e ciàpet de soura via…

Franco           Geppy, te ghè minga un po’ de giazz de damm adrè?

Geppy            Volentèra….

Franco           Dìmm se te devi almèn de quest…

Geppy            Ma nient, figùress!

Franco           Grassie, se vèdom! Pèna che sont bòn ammò de saltà in su la biciclèta.

Giulia             Ciao Geppy e grassie

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Buio. Luce.

1 mese dopo.

Geppy            (entra nel bar di corsa) Wanda, Wanda gh’ho chi i risultà! T’el set che me trèmen i gamb… (Apre la busta con il suo nome, legge, e poi si lascia andare su una sedia) …poedi no cred, sont el fieu de la strachezza! El Tino l’è debòn el me papà! E questa chi l’è la tua busta (porge a Wanda il risultato del suo esame)…

Wanda           (apre e cambia espressione) …so no se vess contenta o mettes a piang: el tò papà l’era el me papà! (si abbandona anche lei su una sedia)

Geppy            (Incredulo cerca di consolarla senza troppa convinzione) Su Wanda, el so che te l’è semper odià, ma guarda el lato positiv… almèn pagom tutt i debet!

Wanda           (si lascia cadere una lacrima) Ghè vorevi inscì ben ai mè gent, avaria mai pensà che la mia mama la podess mettegh i corna al me papà. Lù l’era semper insci gentil e premurùs…..

Geppy            Wanda, se poeu no savè me in andà i robb. El sarà stà un moment de sbandament…

Wanda           …o un moment de crisi economica, quand el me papà l’aveva perdù el laurà!

Geppy            Cerchèm de pensagh no, dai! Ormai l’è sucèss

Wanda           Fudess fàcil!!! Chissà se la Marisa l’ha ritirà l’esam…

Entra Marisa con fare un po’ sconsolato.

Marisa            Vorèvi ringrasiàv per quel che ‘j faj per mi. Sensa vialter dùu avaria mai savù la verità. Geppy…Bràscia su la tua sorèla!

Wanda           No, te set debòn fioela del Tino? Ma me l’ha faj?

Entra Valentino.

Valentino      Ciao Geppy… me sont stràcch!

Geppy            Ma Tino, ma quand te lavoravet per el me papà, quanti or te fasevèt al dì?

Valentino      Ah, gh’avevi minga de orari! Mi s’eri l’omm de fidùcia. Presente 24 ore su 24. Mi gh’avevi minga de famiglia, lù el me pagava ben e mi ghè s’eri semper. Natal, Pasqua, Ferragost….Però s’eri semper stracch! Quanto dormì no che ho faj!

Wanda           Perché? T’è podeva minga dormì?

Valentino      E no eh, a cunt che lù el gh’aveva fabbrich in tutt el mond, telefonaven in tutti i orari a cercàl per le emergenze. El fùs orari el ghè guardava in fàcia a nessun! Famm setà giù che, domà al pensèr, ghè la fò pù de la strachezza!

Wanda           Ma ti, de precis, se te fasevèt?

Valentino      Qualunque cosa. Tusscoss! Per quell che ghè serviva, mi gh’eri! E lù el me diseva semper: “Tino, ti te ghè de vess la mia ombra, el me sostituto…quand mi riessi minga a finì un laurà, ti te ghè de ciapà in man la situazion e andà avanti finchè l’è finì!” ...anche se, adèss che l’è mort, gh’ho un pès in su la coscienza per un tort che g’ho faj una volta ch’el m’aveva propi faj inrabì. In pasà tanti ann ma me senti ammò in colpa….

Wanda           (maliziosa e ammiccante verso il marito) Oh bella… che tort l’è che te ghè faj?

Valentino      L’è stà un moment de rabbia, me sont lassà ciapà del sentiment e… cambiem discurs che l’è mej! Anzi, adèss vo a cà perché gh’ho tropp sogn, gh’ho propi bisogn de dormi! (esce)

Entra Osvaldo.

Osvaldo         Geppy versòm un bicierìn de gràpa che gh’ho de riprendès!

Geppy            (versando la grappa) Uhè boia, se ghè sucess?

Osvaldo         Tra una quindicina di giorni potrei essere ricchissimo. Sono nell’elenco dei potenziali figli del Rag. Raimondo Serbelloni.  (Geppy allibito scola il bicchiere di grappa destinato a Osvaldo e ne riempie un altro)

Wanda           (al pubblico) E no eh! Passa vess la fiola del mè suocero, ma la sorella dell’Osvaldo no eh… quest podaria propi no sopportàl! (Prende dal bancone il bicchiere di Grappa che Osvaldo stava per prendere e lo scola. Geppy prende un altro bicchiere e inizia a riempirlo)

Osvaldo         (va a sedersi al tavolo vicino a Marisa che nel frattempo si era messa a un tavolino) Adess ve ne cunti v’una che podarì no cred. El Mariett, el fioe de la Silvana che la gh’aveva el negozi de ortolan in via Magenta, l’è staj miss in de l’elenco. Beh, quand la soa mamma l’ha savù, l’è sciòpà a piang e la gh’ha dit: “fa no l’esam del DNA, tant  el Raimondo l’è minga el to’ papà… el to’ papà l’è el Tino Germani!”. (nel frattempo Geppy è arrivato al tavolo per portare la grappa a Osvaldo e Marisa allibita si appropria del bicchiere di grappa che Osvaldo stava per prendere e lo scola in un fiato…Osvaldo sorpreso si rassegna a non bere la grappa) Sont restà de lègn. Chi l’è che avaria mai pensà che ch’el sìful lì l’era bon de mèt incinta una dòna?  Mi stenti a cred! Beh…adès ve saludi! (al pubblico e alludendo ai tre bicchieri di grappa bevuti in un solo fiato da Geppy, Wanda e Marisa) Bestia, però, ‘me filtrèn chi trì chi!

Nel frattempo Geppy, esterefatto, segna “tre” con le dita pensado che sono già in tre ad essere figli del Tino mentre Osvaldo pensa si riferisca alle tre Grappe scolate da loro…

Osvaldo         Trì cosa??? Voena te l’è bevù tì, voena la Wanda e voena la Marisa….veda minga de mètti in sul mè cunt perché mì ho bevù nient!!!

Geppy            Ma se me ne frèga mì di to’ grapp….L’è no possibil. Sèm giamò in tri, ma chi l’è quest qui? L’Inseminator? El ghè fa concorrenza ai conilì!

Entra il Notaio.

Notaio            Buongiorno a tutti. Ci sono novità?

Wanda           Per mì sì. Ho ritirà l’esam e ho scopert de vess la fioela del me suocero.

Notaio            Congratulazioni! Allora fammi avere la documentazione che così ti inserisco nell’asse ereditario come da disposizioni che il “de cuius” ha dato nel suo testamento. Cos’è quella faccia? Non a tutti sta andando così bene! - Ovviamente intendo dal punto di vista economico! - Qualcuno che ha la madre in vita e nel pieno delle sue facoltà mentali, ha rinunciato all’esame perché c’è stata una confessione della stessa che ha fugato ogni dubbio… E pare che ci sia una persona, di cui non posso fare il nome, che sia stata sessualmente molto attiva in quel periodo, malgrado la stanchezza cronica di cui soffre attualmente!

Geppy            Ah, l’ha savù anca lù che el Mariett l’è fioeu del Tino?

Notaio            Mariett chi?

Geppy            Il fioeu de la Silvana, l’ortolana.

Notaio            A dire il vero mi riferivo alla Lauretta, la figlia della signora Giovanna, titolare del ristorante “Al giardino”, e al figlio, o almeno così si credeva, del defunto sacrestano…

Wanda           …quel d’un secrista?

Geppy            …Quel chè ghè mort perché ghè borla giò in co’ una campana intanta che faseven la manutenzion.

Wanda           Oh pòr Crist… alòra l’è restà sonà do’ volt! L’è che adès sont drè perd el cunt de tutt i  tò fradej.  Alòra riepilogando. La Lauretta fioela de la sciùra Giovanna del ristorante “Al Giardino”, el fioeu del defunto sacrestano, el Mariett fioeu de l’ortolana de via Magenta, el Geppy e la Marisa qui presente…

Notaio            (Incredulo) Anche lei Sig.ra Marisa? ...permettetemi ma… cosa mangiava quest’uomo per essere così attivo? Ma anche a lei l’ha confessato sua madre?

Marisa            No, el Geppy el gh’ha el DNA del Tino perché l’ha portà al laboratori la tazina in dove l’aveva bevù el caffè…..

Notaio            Complimenti, bella mossa!

Suona il telefono. Wanda risponde.

Wanda           Oh ciao Pina, me te stèt? E sì, purtropp gh’ho de confermà la notizia… discuti no che l’è stà una fortuna economica, ma t’el set cosa pensavi del me suocero… anzi del me papà… Ossignur, sont nanca bona de ciamal in de la manèra giusta. …Ma va? Anca el fioeu del guardian del cimitero? Ma l’ha fàj l’esam? Ah, la soa mamma la gh’ha cuntà tuscoss? L’ha gh’ha dit che l’è minga el fioeu del Raimondo…..ma l’è el fioeu del Tino (sgrana gli occhi per catturare l’attenzione degli altri) …Beh Pina gh’hò de saludat perché gh’è gent. Se sentom pusè tardi. (Riattacca e si rivolge agli altri) …e ses col Fiorenzo del cimitero! El mè cùsìn!!!! Adès ne manca ammò 3 de la lista e poeu semm a post. …Ossignur, ma anca la mia zia Ninetta, l’ha g’ha faj i corna al so’ omm per andà cont ch’el pelabrocch qui? Ma chi l’è che avaria dì? Ossignùr! Gh’hann daj el nomm giùst a quest quì. Valentino! Ti pensa se inveci de andà “lentino”, el andava via spedì el por Rodolfo el faseva la figùra del dilettant!

Marisa            Sont pasà de vess figlia unica a vegh 5 fradej. Troppa grasia sant’Antoni!  Ma chissà se lù la sa? Ma chissà come l’è sucess? Mi riessi no a cred… Beh adess vo perché gh’ho propri de fa… Robb de matt!

Notaio            Vengo anch’io! Certo che sembra impossibile che il Tino sia stato così un tombeur de femmes!

Marisa e il Notaio escono. Geppy e Wanda si guardano

Geppy            T’è capì la toa zia Ninetta? La par una dòna inscì fina e poeu…..

Wanda           Ma Geppy, t’el set che sont curiosa? Mi gh’ho de capì come poeu vess che quel sifùl lì ch’ el viva a ripet la cantilena del  “me sont stracch!”,  el poeuda vess staj inscì un playboy. Senta! Fò la facia de tola ma ghè telefoni a la zia Ninetta e ghè disi se la poeu passà de chi. Gh’hò de savè ‘me poeu vess succes!  (prende il telefono e compone il numero) Pronto? Zia Ninetta? Sont la Wanda. Senta, te podaria minga pasà de chi che gh’ho de parlatt? Grazie. (Riattacca) L’ha dit che l’è propri in dì paraggi e l’arriva subìt!

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

FACOLTATIVO: LE CURIOSONE

Entrano le tre “curiosone” e ordinano un caffè e poi, appena Wanda si appresta a prepararlo…

Antonia         Che la me scusa, me l’ha giamò preparà el cafè?

Wanda           Si, perché?

Antonia         Ossignur, avevi cambià idea..

Wanda           Fa nient…el bevi mì! (lascia la tazzina sul bancone e serve al tavolo le altre due)

Antonia         Ben, grassie, alora cambi! Quasi quasi ghè fo fa un cappuccio perché el caffè, inscì in de per lù, el me va no…

Wanda           Vaga per el Cappuccio! (torna al bancone)

Antonia         Anzi no,  che la me scusa ammò un moment! L’idea che anca in del cappuccio ghè el cafè el me trà indrè…che la me daga un succo di frutta

Wanda sbuffa con gli occhi rivolti al cielo

Carla              (quasi prendendola in giro) Te set sicura de vess a post? Come dìs el Gerry Scotti: “L’accendiamo”?

Antonia         Le inutil che te fet la spiritusa, se gh’ho de bev un quajcoss el gh’ha de andàm giò volentera…

Carla              El te va giò volentera a ti ma el ghè va de travers a la sciùra Wanda..

Antonia         Un moment! Sciùra Wanda, l’ha gh’ha giamò miss el zuccher?

Wanda           Né sciùra, el zuccher gh’el mèti minga mì! Riven inscì de la fabbrica!

Antonia         Ossignùr, alòra che la me faga una spremuta di arance senza zucchero!!!

Carla              (Si gira verso Wanda con fare ironico) Però i arans gh’han minga de vess tond…in mej quej quadrà!!!

Antonia         (Stizzita) L’è inùtil che te me toevèt in gir. Io non sono una donna che si accontenta….Sono una cliente e ho tutto il diritto di essere esigente!

Carla              Però anche la sciùra la gh’ha tutto el diritto de mandàt a dà via i ciapp

Nel frattempo esce Geppy dal retrobottega….             

Antonia         Te l’è vist? L’è lù el padròn del Bar, el fioeu del Raimondo…

Carla                          Beh, el fioeu…l’è pù el so’ fioeu!

Ersilia            (Scocciata) …oh mamma! Và se se poeu andà aposta a bèv el cafè in d’un bar domà per fass i afàri di alter!  Mi sont stàj contraria sùbit, ma per la legge della maggioransa mè tocà soccomb!. Mi ve capìsi pròpì no! Mì lègi el me giurnàl e v’ascolti nanca!

Antonia         (Si rivolge a Carla e ride) Uhì! Quèla che la sa fa i afàri so,  la lègia el “Chi”!!!…e quèl che de solìt l’è setà giù in del quel cantòn là,  l’è el Valentino, el playboy. Quel che l’ha mìss in compra un sacc de donn….

Carla              Chi l’è che disarìa a guardal…el par un tandòc! Inveci se vèd ch’el gavarà el so’ fascino

Ersilia            (mentre sfoglia “chi” interviene abbastanza scocciata) Ma che fascino te voer ch’el gh’abbia quèl lì? El Clooney el gh’ha fascino….varda me l’è bèl!!! (Mostra la rivista alle amiche)

Antonia         ….e disèn che l’è un po’ pervertì.

Ersilia            Chi l’è? El Clooney?

Antonia         Ma che Clooney e Clooney….el Tino. Par che adès el ghè faga el fìl a la Wanda!

Carla              Figuress! Lè l’è giovìna e, adèss, la g’ha anca i danè… te voeur che la ghè guarda a quel tavàn lì?

Antonia         Second tì, s’el gh’avess minga de interèss cosa el farìa in de quel bar quì tutt el dì? L’è qui per guardàgh a lè.

Carla              Beh, che lù el ghè guarda a lè poeu anca vess vèra, ma che lè la ghè guarda a lù ghè credi pròpi no!

Antonia         Resuna!  Second tì, se l’è minga corrispost, s’el stà qui a fa?

Ersilia            Quan ‘ì finì de dì stupidad disèmel! Intanta mì vò avanti a lègg! Savì che el Clooney el se’ spousà? (Alza gli occhi sospirando) Ossignùr che pecà! Per noi donne è finito un sogno!

Antonia         (Ride e si rivolge a Carla) Te disèvet che poeu no vess ch’el Valentino el va con la Wanda e poi la Ersilia la creda ch’el  bel George el poeda guardàgh a lè!

Ersilia            Dìsi no ch’el poeda guardam a mì, ma se non è libero non possiamo nemmeno avere la certessa del contrario!!!

Carla              Ma và a dà via el cùpet! Cià uhè, paghèm el cunt che quel che doveum vedè l’emm vist!

Escono

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

Entra Ninetta.

Wanda           Zia, grazie de vess vegnù qui, ma ti te deva damm una spiegazion. Scusa se tocchi un argoment un po’ delicà… ma ho savù che anca el Fiorenzo l’è fioeu del Tino e ti te ghè de spiegamm una volta per tucc come poeu vess che un omm me lù l’ha miss in compra tanti donn.

Ninetta           (Visibilmente imbarazzata) Girèn a la svelta i notizi! Beh… voeri propri ditèl, almèn me tiri via un pès!  Alòra, mi s’eri giuvina e el to zio l’era semper in gir per laurà. Ai tempi gh’avevom poc o nient e un omm sciùr come el Raimondo ch’el te corteggiava el te faseva tirà la gola…

Wanda           Ma se ghe entra el Raimondo che l’è el mè d’un papà?

Ninetta           Lassom cuntà! Ai temp mì s’eri una bela dona e el Raimondo l’era un gran malnàt , anche se i vùs in mai girà perché cont i so’ danè el ghè tappava la buca a tucc. L’ha comincià a fam un quai regalìn, prima i fior, poeu un quai gioiellin… e infin quand l’ha capì che oramai s’erì invaghì el m’ha dà appuntament in d’una vill foera del paes. El m’ha mandà l’autista ad aspetamm dedrè del cimiteri, che ghè passava mai nessun. Son rivà a la sua dimora che el doperava domà per i so servissi e el m’ha fà trouvà una stanza cont el lett quatà de petali di rose rosse, una tavola apparecchiata con champagne, ostriche e caviale, che mi, a ch’el moment là, savevì nanca se l’era. Quand ho vist tutt chi balètt lì neghèr ho pensa che l’era regolìzi, i Tabù,  e inveci el m’ha spiegà che eren oeuvìn de pess costusissim perchè gh’aveven un effetto… insomma, faseven aumentà “el desiderio”. Poeu, parlandès sincerament, quand mi fasevi l’amòr cont el me omm ghè mettevom cinq minut, dés quand l’era in forma… Con quest chi, dopo un’ ora e mezza, l’era ammò adrè a famm salamelecc! Mi ghèri una vòja…..e quest qui el se disfesciava mai… (Presa dal racconto si lascia prendere da un momento di eccitazione) pensa che a un certo punto el m’ha anca spalmà tutta de crema gianduia e….

Wanda           (sognante)….chissà me te s’era dolsa!!!

Ninetta           (si porta le mani alla bocca rendendosi conto di aver raccontato un particolare sconveniente)… ma se che sont drè cuntàt??? Ritiro tutto!!! Certe cose così intime e peccaminose le devo tenere per me stessa medesima!!! (Si ricompone) Moral, quand parèva che seròm rivà finalment al dunque,  ghè sonà el telefono e el Tino l’è vegnù a ciamàl. Mi ho smorsà la lùs per la vergogna de fas vedè bell’e biotta dal so’ omm de fiducia e lù – o almen inscì credevi - dopo un moment l’è tornà indrè e l’ha finì de fa quel ch’el doveva. A quel punto, pissi la lùs per andà in bagn e me trovi el Tino in del lett che ronfa  ‘mè un ghiro. 

Wanda           (esterefatta) El Tino???

Ninetta           Alòra fo una vosada e ghè disi “E lù s’el fa qui?”…e lù, stu purscèl,  el me risponda come se fudèss la roba pùsè natural del mond: “Eh…el Raimondo l’ha dovù andà via e siccome el m’ha semper dit: ‘Tino, ti te ghè de vess la mia ombra, el me sostituto, quand mi riessi minga a finì un laurà, ti te ghè de ciapà in man la situazion e andà avanti finchè l’è finì!’ …mi podevi minga lasà el laurà a metà! Gli ordini del principale non si discutono! Che la me scusa eh, ma adèss dormi perché sont tropp stracch!”.

Wanda           Adess si che me torna i cunt. T’è capì? Quel là el lustrava i scarp e lù  ja metèva su! Ma second tì, come poeu vess che l’ha mess incinta anca la dona del Raimondo?

Ninetta           Par ch’el sia stà in d’un moment de rabbia. La sua dona l’aveva scopert ch’el gh’aveva una dimora in dove el portava i donn e lù se l’è ciapà col Tino anca se el ghè entrava nient. El se miss in del co’ che l’è staj una sua negligenza che l’ha faj maronà e inscì l’ha licensià da un dì cont l’alter!  Alòra la sua dòna, per vendicass e restituigh i corna, l’è andà a cà del Tino, che l’era incazzà neghèr, e insema han decìs de faghèla pagà! Anca se dopo un quaj dì el Raimondo el sé pentì e l’ha riassunt,  ma ormai la fertada l’era faj.

Wanda           Ma ti come te fè a savè ‘sta storia?

Ninetta           Me l’ha cuntada l’infermera che l’ha assistì la tua suocera, la quale, in punto di morte, la gh’ha confessà al marì el torto che la gh’aveva faj e tuta la storia, ma la gh’ha anca dì “va che t’el disi perché l’è giust che t’el sappiet, ma non perché sont pentì: la t’è staj domà ben!”.

Wanda           E lù s’el gh’ha rispondù?

Ninetta           El gh’ha dit, “L’ho semper savù che l’era minga el me fioeu perchè ho capì dal suo gruppo sanguigno. El gh’aveva el B e ne mì nè tì ghe l’emm. In fond t’ho faj talment tanti corna mì che un po’ m’el meritavi e, à la fìn, mej el Tino che un alter!”

Wanda           …E el Tino?

Ninetta           Quand la tua suocera l’ha gh’ha rivelà al fatto al Raimondo el Tino l’era giamò in pension.

Wanda           Par una storia incredibil, ma chissà se i alter tri che ghè manca, in fioeu del Raimondo o del Tino?

Ninetta           Beh…adèss te saludi. E, me raccomandi! Te l’ho cuntà propri perché te set la mia nevoda. Deve rimanere un segreto!

Wanda           Tranquilla zia, gh’el disi cont nessun

Wanda è sconvolta. Ninetta esce . Subito dopo entra Osvaldo piuttosto pallido

Osvaldo         Senta Wanda ghè minga el Geppy?

Wanda           T’el ciàmi subit!

Geppy            Se ghè Osvaldo?

Osvaldo         Te podet no famm un piasè? M’han dit che te ghè el codice genetico del Tino e, siccome anche mi sont no fioeu del Raimondo e i mè gent gh’in pù, voraria portal al laboratori e fa fà el confront cont el me, perché chi, ormai, se parla de nient’alter.  Voerì vess sicur de vess minga el so fioeu. Te dispias se el droevi anca per dùu mè amìs? El Tognett, quel che lavoura a la posta e al Sandron, quel grand come una piròla ch’el fa l’elettricista…

Geppy            Anca lor? Poedi no cred! ….vo a toeu la busta (esce Geppy e rientra dopo poco. Consegna la busta a Geppy), ma portomela indrè, me raccomandi!

Osvaldo         Ghè mancaria! Te me cognosèt….

Geppy            Propri perché te cognòsi t’el fo’ present……

Esce Osvaldo. Entra Valentino.

Valentino                  Ciao Geppy, ma t’el set…

Geppy            …che te set stracc?

Valentino      No, incoeu quasi quasi vo a fa quater pass, ma poeu tourni indrè se de non me stràchi tropp!

Geppy            Vorevì ben dì!

Valentino      Ma se che ghè drè sucedd? L’è un mes che parlèn tucc de l’eredità del to’ papà

Geppy            L’era no el me papà!

Valentino      (stupito) Come l’era no el to’ papà?

Geppy            No, pararia che el me papà el sia v’un che l’è semper stracch.

Valentino      Anca lù? Anca mi sont semper stracch…

Geppy            Ma va a daà via i ciapp Tino!

Valentino      Intanta che s’eri drè parlà m’è pasà la voeja de fa quater pass e adess me vegnì doss de colp una stracchezza che quasi quasi vò a fa un sognètt. Poedi bùtass giò un moment in su la toa ottomana? (Senza aspettare risposta, esce in direzione del retrobottega).

Geppy            (Sorride) Fa pùr, Tino…come se te fudess de famiglia!

Entra il Notaio.

Notaio            Geppy, Wanda… c’è un grosso colpo di scena che va tutto a vostro favore!

Wanda           Se ghè sucèss ammò?

Notaio            Alla richiesta dell’esame del Dna da parte dei figli legittimi, i quali hanno nutrito forti dubbi l’uno nei confronti dell’ altro, sono giunti al risultato che gli stessi…..

Geppy            ….gli stessi cosa?

Notaio            Non sono figli del Raimondo!

Wanda           De bòn? (Ridendo) L’è perché j’ha conossù in crociera, altrimenti ghè disevi de confrontà el DNA con quell del Tino! (Scoppiano tutti a ridere) …e adess?

Notaio            Poveretti. Sono molto scioccati e destabilizzati. Sono cresciuti credendo di avere un padre e si sono trovati a 40 anni a dover ricostruire la loro vita. Almeno la signorina Anastasia non ha problemi economici e ha la madre ancora viva che portrà darle dei riferimenti sul possibile padre, ma il povero sig Leone è economicamente rovinato perché ha contratto una sacco di debiti nel tentativo di avviare un’attività e adesso è davvero provato dal risultato delle analisi!

Wanda           Quasi quasi me dispias….ansi, el sa se ghè disi? Che quand ciàppi l’eredità ghè saldarò tutt i debet del Sciùr Leone. Infondo, a mi tutt chì danè qui m’in borlà in cò, e el so se  vouer dì dovè fa i cunt a la fìn de tutt i mès!

Geppy non sembra entusiasta dell’idea

Notaio            Wanda, lei è davvero una persona generosa. Il sig. Leone le sarà davvero grato.

Esce il Notaio. Entra Osvaldo.

Osvaldo         Ossignùrrrr! Manchèvom domà num trii! Anca mì, el Tognett e al Sandròn semm fioeu del Tino!. Ma la mia màma la gh’aveva i fett de salam in su i oecc? Ma me l’ha podù fagh i corna al me papà cont un tavàn ‘me quell lì?

Wanda           L’è una storia lunga, ma ciapesèla no, dai. Mal comune mezzo gaudio. Adess te set el me cùgnà!

Osvaldo         Però, adess che ghè pensi, col fatto che l’ha rangià inscì tanti donn, l’è de lù che ho ciapà! (ammiccando) Essere playboy è una questione genetica oltre che di stile! (Esce con un passo da baùscia)

Wanda           (rivolta al pubblico)…el stess stile d’un ratàsc de colmègna!

Geppy            (tira le somme) A la fìn, mi dovevi vess l’unico erede e, anche se s’e ribaltà la situazion, el risultà l’è minga cambià. Giustizia ha trionfato. Io l’ho sopportato tutta la vita, io, insieme alla mia Wanda, eredito!

Entra Valentino dal retrobottega.

Valentino      Meno mal che ho dormì, almèn me sont riposà!

Geppy            Infatti te vèdi bell vìscur!

Valentino      Adès me seti giò in del mè angolin , leggi el me giurnal e se te me pòrtet  un bel bianchìn te me fè un piasè, inscì me svegli fouera!

Geppy serve il bianchino al Tino. Entrano Anastasia e Leone.

Anastasia      Siamo stati  dal notaio e volevamo salutarvi prima di tornare a casa, perché dopo questa notizia siamo rimasti abbastanza scioccati: dovrò parlare con mia madre perché voglio a tutti i costi ricostruire le mie origini. Non riesco a credere che l’uomo che ho sempre creduto mio padre, in realtà non lo sia… e non riesco a credere che mia madre….beh, lasciamo perdere!

Leone            Anch’io. Solo che mia madre non c’è più e non ho molte speranze di ritrovare il mio vero padre, visto che la mamma era sempre a contatto con tanta gente di tutti i paesi. Non sono una persona venale, ma speravo proprio con questa eredità di sistemare tutti i miei problemi economici: sono davvero in braghe di tela, veh…

Wanda           (mentre Geppy fa cenni di disapprovazione) Sciùr Leone ch’el se preoccupa no. Mi e el mè omm ‘emm decìs. Siccome capìsom cosa se proeva a vegh i debet, ghè lassom la cifra che ghè serva per rialsass in pè senza difficoltà…

Leone            (con le lacrime agli occhi) Signora Wanda, non so davvero come ringraziarla. Lei è davvero una persona di cuore. Quando il notaio me lo ha accennato ero davvero incredulo, ma adesso che mi da conferma, non so davvero come ringraziarla

Anastasia      Anch’io rimango stupita dalla vostra generosità. Anche se non eredito più nulla è stato bello conoscervi.   Adesso mi aspetta un nuovo viaggio verso la verità! …e pensare che è partito tutto proprio da una viaggio, da una crociera….

Valentino      (dal tavolo) Una crociera? Chi l’è che ghè andà in crociera? Sont andà anca mi una volta. L’era el Giugn del ‘71, ho compagnà el Raimondo! …sèm pasà de Lisbona e sem andà fin in Marocc! Che bell che le staj!

Anastasia e Leone hanno un mancamento svengono  l’uno tra le braccia di Wanda e l’altra di Geppy.

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno