El cagnì

Stampa questo copione

EL  CAGNÌ

Di Velise Bonfante

Una stanza qualunque con un telefono, i personaggi sono marito e moglie. Lei sta mescolando in una ciotola del cibo per cani che deporrà poi per terra.

******

Lei) Èco pronta la bèla papina per el me tesòr, el me picinì d’or, la me stilina, dumà ghe compraró en pachèt de chèi biscutì che a lü i ghe piàs isé fis, l’è talmente bèl e brào el me stilì picinì che el  j-a merita pròpe.

Lui) (Entrando con una ciabatta in mano) Sóm a le sòlite, endó èla l’altra saàta?

Lei) Se tél sét mia te endóe te j-é mèse, còsa vöt che sàpe me de le tò saàte.

Lui) E me manca apó töte e dò le calsitine, j-ho caàde en momènt ed èco!

Lei) Oh, quate storie, per en pér de calsitine, el te j-avrà robàde lü per zöga.

Lui) Töcc i dé la stèsa menàda. (Guardando fuori dalla finestra) Varda, el g’ha mocàt lé de piöer, el me j-avrà mia sotràde en giardì, come al sòlit?

Lei) Te ghét en bèl cö apó a te però, lü l’è picinì, l’è ‘n ca, el ragiuna mia, ma te che te set grand e gròs, perchè envece de lasàle en giro le tò saàte e le tò calsitine nó te le mètet mia alte, isé lü ‘l ghé ria mia? O furbo!

 Lui) Sta a véder che adès  metaró le saàte en söl vestare envece che en banda al lèt, per faga piazér a lü. Ensegnàga en bris de educasiù envece nò, nè?

Lei) A me ‘l me j-a porta mai via le saàte, se vèt che ghe pias el perfö dei tò pè.

Lui) Chèl ca lé da quant che l’è riàt en chèsta casa el gna cambiàt la vita.

Lei) Esageràt!

Lui) Esageràt! Varda, se pöl  pö lasà el cancèl dervèrt sedenò el tò stilì el scapa, e isé, zó de la machina, smonta, dervi, rimonda, smonta, sera de ónda el cancèl e pó rimonta per na en garage, l’è na menàda che finìs pö.

Lei) J-è töte stüpidade,dai...

Lui) A me, te sighètet (imitandola) Atento a mia pestà i fiur, sta mia caminà söl pra, lü en del zardì el te fa dei buss grancc isé e te sét buna de diga gnènt.

Lei) Per fórsa el g’ha de fa i büss, se ‘l g’ha de sotrà le tò calsitine.

Lui) A me te völet fam mèter le patìne, te e la tò mania del paimènt löstèr, che me par de caminà come ‘n óch, e lü ‘nvece el va e ‘l vé apó quan che piöf  e ‘l te lasa le pèste dapertöt en söl paimènt de ché e de là, e te sét buna de diga gnènt.

Lei) Ragiuna en pó, come fét a mitiga le patine a ‘n ca!?

Lui) E pò, góm tacàt béga coi vizì de casa de la banda de là perchè ‘l g’ha piàt el gnaro.

Lei) El g’ha fat prope bé, isé chel picol delinquent l’emparerà a faga i dispècc al me picinì d’or. Per fórsa el me cagnì el l’ha piàt, lü el la sbrofàa co’ la cana de l’acqua, e t’èl sét che a lü l’acqua la ghé piàs mia.

Lui) Perché, i visì de la banda de ché alura? J-è du vèci e de dispècc i ghe na fa mia al tò picinì d’or, envece lü el ghe fa la pipì ensö i sò fiùr.

Lei) L’è perchè l’è zènt antipatica e lü el la sa.

Lui) Certo, lü el la sa, perchè l’è talment inteligènte che envece de fa la pipì compagn de töcc i ca contra na pianta, lü el la fa contra la ramada, isé la pasa de la banda de là e ai du vèci ghe se sèca töcc i fiùr. E isé chi ghé va de mès? Me, che me tóca de discüter apó per la pipì de en ca. Se no l’è ‘n vulì ruinàm la vita chèsto?!

Lei) Ma sé, metaróm de le ass en contra a la ramada, j-è töcc problemi che se risòlvi, j-è töte stüpidade.

Lui) Stüpidade, sé, va bé, però bisògna ensegnaga en pó de educasiù a chèl cagnì lé, sedenò chisà endó nóm a fenìser, góm za tacàt béga con mès paés!

Lei) Te ghé resù, sercaróm de ‘nsegnaga a èser edücàt, lü l’è ‘n cagnì enteligènte e le ròbe el  j-ampàra. Ghe völ en pó de temp, però el j-ampàra. (Orgogliosa) Ghe n’è mia tancc de cagnì enteligenti come lü.

Lui) E va bé, coi tò discorsi te me fat deentà nervùs, l’è mèi che nàghe a fa du pasa isé me calme.

Lei) Se te vé a fa de pass töl dré ‘l cagnì, t’èl sét che ghé piàs ‘nda a spass.

Lui) Per carità, töte le ólte che encontròm n’alter ca el fa sö en cazì!

Lei) Èco, (accompagnandolo fuori dalla stanza) encomincia co’ l’ènsegnaga a mia fa cazì quan che se va a spass, el guinzaglio l’è lé de föra, tacàt a la pòrta.

Lui) Varda, pröe amó na ólta ma se ‘l fa cazì el riporte sübit a casa.

Lei)  Faga véder chi che l’è che comanda en chèsta casa.

Lui) A dit la verità a ólte m’èl domande apó me, comunque,ciao nè (esce).

 (Rimasta sola canticchia e si aggira per la casa parlando da sola.)

Lei) Forse el g’ha rizù el me òm, forse esagere en pó con chèl cagnì lé, ma ghe se g’ha de fa, som noalter de de sui, sensa fiöi, sensa nüsü parènt che sta ché visì. A vulì vardà ghe n’ho mia tate de sudisfasiù. Semper casa e laurà. Oddio, per chèl l’è ‘n gran bèl laurà, che fa envidia a tante: me só la segretaria personale del president. E anche i pezzi gròsi i g’ha de pasà de me se i völ parlà col president de la banca. Ma na siura banca, e me… (si aggiusta i capelli ).

(Suona il telefono e lei  va a rispondere sorpresa)

Lei) Se, pronto, ... sé... sé... so mé... e alura?... addiome mama, ma de bu, no, l’è mia posibìl... e voalter garésef ciapàt el me òm en ostaggio per fam dì el nömer! ... certo che me só la segretaria personal del president de la banca... e alura? ... no, cari i mè siòri. El me òm pudì tignìvel... me conòse el me doér. Mai tradirò la fiducia, mai ve disaró el nömer de la combinasiù de la casaforte... no... no... no... me el conòse el me doér cari i me siòri, me no parle gna a copàl: el me òm... no... no... Ve l’ho dit e v’èl ripete: mai. Me no parlaró mai! (Sbatte giù la cornetta, si prende la testa fra le mani camminando avanti ed indietro per la stanza) Oddiomemama endó som finìcc, endó nom a fenìser. Certo che,  pòde mia tradì el me president. Che segretaria personale sarés  a parlà... mai... mai... el doér el g’ha mia prèse... certo che el me òm...

(Suona ancora il telefono e lei si precipita a rispondere.)

Lei) Pronto... sé, sé... no, g’ho mia cambiàt idea.. nò, assolutamente... mai ve daró el nömer de la combinaziù de la casaforte de la banca... mai ... sé... sé... cosa!!!! cosa!!!!!!!! chi!!!!!!!! El me cagnì!!!!!!!!  ... 991493268 va bene... certo... sif contèncc adès... e alura mandim a casa de cursa ... el ca ... e pó l’òm.

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Una stanza qualunque con un telefono, i personaggi sono marito e moglie. Lei sta mescolando in una ciotola del cibo per cani che deporrà poi per terra.

******

Lei) Ecco pronta la bella pappina per il mio tesoro, il mio piccolo d’oro, la mia stellina, domani gli comprerò un pacchetto di quei biscottini che a lui piacciono molto. È talmente bello e bravo la mia piccola stellina che li merita proprio.

Lui) (Entrando con una ciabatta in mano) Siamo alle solite, dov’è l’altra ciabatta?

Lei) Se non sai tu dove le hai messe, che vuoi che sappia io delle tue ciabatte.

Lui) E mi mancano anche tutte e due le calze, le ho tolte un attimo ed ecco!

Lei) Oh, quante storie, per un paio di calze, te le avrà rubate lui per giocare.

Lui) Tutti i giorni la stessa storia. (Guardando fuori dalla finestra) Guarda, ha smesso di piovere, non me le avrà, per caso, come al solito, sotterrate in giardino?

Lei) Certo che hai una bella testa, lui è piccolino, è un cane, non ragiona ma tu che sei grande e grosso, perché invece di lasciarle in giro le tue ciabatte e le tue calze non le metti in alto, così lui non ci arriva, o furbo!

 Lui) Sta a vedere che ora io metterò le ciabatte sull’armadio invece che vicino al letto, solo per far un piacere a lui. Insegnarli un poco d’educazione invece?

Lei) A me non le porta via le ciabatte, si vede che gli piace il profumo dei tuoi piedi.

Lui) Da quando quel cane è arrivato in questa casa ci ha cambiato la vita.

Lei) Esagerato!

Lui) Esagerato! Guarda, non si può più lasciare il cancello aperto altrimenti il tuo tesoro scappa, e così: giù dalla macchina, smonta, apri, rimonta, smonta, rinchiudi alla svelta il cancello e poi risali per andare in garage. È una storia senza fine.

Lei) Sono tutte stupidaggini, dai...

Lui) A me, continui (imitandola) Attento a non pestare i fiori, non camminare sul prato, lui in giardino ti fa delle buche grandi così e non sei capace di dirgli niente.

Lei) Per forza fa dei buchi, se deve sotterrare le tue calze.

Lui) A me vuoi far mettere le pattine, tu e la tua mania dei pavimenti lucidi, che mi sembra di camminare come un’oca, e lui invece, va in giro anche quando piove e ti lascia le orme ovunque sul pavimento di qui e di là, e non sei capace di dirgli niente.

Lei) Ragiona un po’, come si fa a mettere le pattine ad un cane!?

Lui) Inoltre, abbiamo litigato con i vicini di casa dall’altra parte perché ha morsicato il bambino.

Lei) Ha fatto proprio bene, così quel piccolo delinquente impara a non fare i dispetti al mio piccolino d’oro. Per forza il mio cagnolino l’ha morsicato, lui lo annaffiava con la canna dell’acqua, e lo sai che al mio cane l’acqua non piace.

Lui) Perché, i vicini da questa parte allora? Sono due vecchietti e di dispetti non ne fanno al tuo piccolino d’oro, invece lui gli va a fare la pipì sui loro fiori.

Lei) Quella è gente antipatica e lui lo sa.

Lui) Certo, lui lo sa, perché è talmente intelligente che invece di fare la “pipì” come tutti cani contro una pianta, lui la fa contro la rete, così passa dall’altra parte e ai due vecchietti si seccano i fiori. E chi ci va di mezzo? Io. Sono io quello che deve discutere anche per la “pipì” del cane. Se non è volermi rovinare la vita questo?

Lei) Ma sì. Metteremo delle assi contro la rete metallica, sono tutti problemi che si risolvono, sono tutte stupidaggini.

Lui) Stupidaggini, giusto, però bisogna insegnare un po’ d’educazione a questo cagnetto, altrimenti chissà dove andremo a finire, abbiamo già litigato con mezzo paese per colpa sua.

Lei) Hai ragione, cercheremo di insegnargli ad essere un po’ più educato, è un cagnolino intelligente e le cose le impara. Ci vuole un po’ di tempo, però impara (Orgogliosa) Non ce ne sono molti di cagnolini intelligenti come il mio.

Lui) Con i tuoi discorsi mi hai fatto diventare nervoso, è meglio che vada a fare due passi così mi calmo.

Lei) Se vai a fare due passi prendi con te il cane, lo sai che gli piace andare a spasso.

Lui) Per carità, tutte le volte che incontriamo un altro cane succede il finimondo.

Lei) Ecco, (accompagnandolo fuori della stanza) inizia con l'insegnargli a non far gazzarra quando va a spasso, il guinzaglio è lì fuori, attaccato alla porta.

Lui) Guarda, provo ancora una volta, ma se mi crea problemi lo riporto subito a casa.

Lei)  Fagli vedere chi comanda in questa casa.

Lui) A dire la verità a volte me lo domando anch’io, comunque, ciao (esce).

 (Rimasta sola canticchia e si aggira per la casa parlando da sola.)

Lei) Forse ha ragione mio marito, forse esagero un pochino con quel cane, ma che ci posso fare, siamo noi due soli, senza figli, tutti i nostri parenti abitano lontano, A voler vedere non ne ho molte di soddisfazioni. Sempre a casa a lavorare. Oddio, anche se è un gran bel lavoro che fa invidia a tante: io sono la segretaria personale del presidente. E anche i pezzi grossi devono passare da me se vogliono parlare con presidente della banca. Una signora banca, ed io... (si aggiusta i capelli ).

(Suona il telefono e lei  va a rispondere sorpresa)

Lei) Sì, pronto, ... sì... sì... sono io... e allora? addiome-mamma, ma davvero, no, non è possibile... e voi avreste preso mio marito in ostaggio per farmi dire i numeri! ... certo che sono io la segretaria personale del presidente della banca... e allora? ... no cari signori. Mio marito potete tenervelo... io conosco il mio dovere. Mai tradirò la fiducia del mio principale, mai vi dirò i numeri della combinazione della cassaforte... no... no... no... io conosco il mio dovere cari signori, io non parlo nemmeno se me lo ammazzate: mio marito... no... no... Ve l’ho detto e ve lo ripeto: mai. Io non parlerò mai! (Sbatte giù la cornetta, si prende la testa fra le mani camminando avanti ed indietro per la stanza) Oddio-me-mama dove siamo andati a finire, dove andremo a finire. Certo che non posso tradire il mio presidente. Che segretaria personale sarei a parlare... mai... mai... il dovere non ha prezzo... certo che mio marito...

(Suona ancora il telefono e lei si precipita a rispondere.)

Lei) Pronto... sì, sì... no, non ho cambiato idea... no, assolutamente... mai vi darò il numero della combinazione della cassaforte della banca... mai ... sì... sì... cosa!!!! cosa!!!!!!!! chi!!!!!!!! Il mio cagnolino!!!!!!!!  ... 991493268 va bene... certo... siete contenti ora... e allora mandatemi a casa di corsa il mio cane... e anche mio marito.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno