El dotor di matt

Stampa questo copione

1

EL DOTOR DI MATT

(da “O’ miedeco d’e pazze” di E. Scarpetta)

Riduzione e adattamento in dialetto milanese di Giuliano Mangano (iscriz. SIAE N° 50195)

Dramatis personae

BETTINA cameriera (del bar, della pensione e del villino)

IL MAGGIORE, milite a riposo

AMBROGIO, dilettante attore

SANDRO NOBILI, giornalista

VITO STRAZIO, maestro di musica

ADALGISA STREPPONI, padrona della pensione Delizia

ROSINA , la di lei figlia

LUIGI , studente di medicina e nipote di

FELICE CORNABO’, marchese di Golasecca

DELFINA DENTICE, la di lui moglie e contessa

RENZO, amico di Luigi

BRUNO BEVILACQUA, direttore della pensione

Il primo atto rappresenterà un bar periferico di Milano (zona Navigli)

Il secondo atto rappresenterà la Pensione Delizia

Il terzo atto rappresenterà il Villino Cacosta (zona Bovisa)

ATTO PRIMO

SCENA I

Bettina, Maggiore, Ambrogio, Sandro

SANDRO – Bettina

BETTINA – Comandi, sior  caro

SANDRO – Portam ‘na limonada, per piasè

BETTINA – sior sì , questa l’è già la quinta limonata che  se scola… deboto   va tuto in aqua… (fa per andarsene ma viene interrotta dal maggiore)

MAGGIORE – Bettina(che ha un vistoso tic nervoso al braccio)

BETTINA – Comandi, sior magiore

MAGGIORE –  Portam ‘l Corriere da legg

BETTINA – il Corriere no ghè, l’è fuori in letura, Sior Pernacchia

MAGGIORE – Ma che Pernacchia e Pernacchia, mi me ciami Pennacchia, te capì? senza la erre, te me paret la smemorata di Collegno

BETTINA – tutto quel che la vol, sior Pernacchia, senza  ere…. il Corriere no ghe lo posso portar

MAGGIORE – E portam on giornà qualsiasi, su, va’…

BETTINA – Il Matocco vala ben?

MAGGIORE – E portam el Matocc, va là

BETTINA -  Sior sì  (esegue) che el resta servido… ecco qua il  Matocco

MAGGIORE – (fatica a sfogliare il giornale, a Sandro) Che ‘l me scusa, o giovinott! Ehi … disi a lù!

SANDRO – Gò già ditt che  ciami Sandro Nobili

MAGGIORE – Ah! Già m’el regordavi pu… Sandro Nobili, giornalista, vera?

SANDRO - Sicuro, son on  scrittor de nuvel.

MAGGIORE  - E i e scriv in continuazion, ‘sti novel, dovunque?

SANDRO - Ona nuvela al dì, a gò on cotratt cont on giornal important de provincia

MAGGIORE – E ona novela al dì, la dev scriv propi chì?

SANDRO – Ghe do diolmai fastidi?

MAGGIORE – Moltissimo, el podarissa andà da on’altra part se ‘l ga de scriv

SANDRO – E perché?

MAGGIORE – Perchè chicinscì ghe son mì, e ‘l me dà sui nervi, voeuri restà in de per mì

SANDRO – E che modi! A vo, a vo… (si sposta)

BETTINA  -    (con la limonata cammina dietro a Sandro finchè non trova posto) (assaggia) Xè una delizia sta bevanda qua…. natural, mi prima de servir qualunque cossa  la saggio, no podo offrir  roba scadente

MAGGIORE – (sempre soggetto a tic) Mettom in pension a mì, a mì! Dopu ventises ann ses mes e on dì de servi­zi… mì, me le son guadagà el grado di maggiore con sudori e stenti.....e adess? Son bell’e che congedà…. Per ona roba da nient, se capis… per vess borlà giò dal cavall tri volt, e che… l’é stà culpa mia? son diventà tropp grass, se podi fà? quando monto a cavallo me vegnen i giramenti di testa e borli giò in terra, e me se dà el ben servì domà per quest? Vedremo, vedremo il Ministero cos’è che’l  responderà alla mia istanza. Se de no vo a  Roma, a fo rivoltà il Mini­stero…. Ona rivoluzion a fo… ona rivoluzion

SANDRO  - Che bell’argoment per ona nuvela: on maggiore in pension alla Pension Delizia (scrive).

AMBROGIO - (Alzandosi e rivolgendosi a Bettina) "E dite ancora che un giorno in Aleppo, un turco audace, ribaldo, in turbante, percuoteva un Veneziano, e face­va insulto al vostro stato, io  sarei quel circonciso …” e lo scanna così…Arrivà a sto punto chì, l’applauso l’è assicurà.

BETTINA -  xè mato, xè tutti mati, xè una banda de matti

SANDRO – Ghe domandi scusa, vera?, che opera l’é mai chesta chi?

AMBROGIO - Otello: la reciti mi domeniga de sira al San Calimero, mi son on dilettante, ma vo matt per la tragedia e se domeniga gavarò sucess me do anima e corp al teater.

SANDRO – E al fa ben, perché el gà ‘na bela vos...

AMBROGIO - ...E una bela presenza, me’l disen tucc. A voeuri fa l'artista, perché son nassu artista

SANDRO - E se ved (al maggiore) Maggiore, che’l me scusa, quanti ann l’ha ditt che l’ha servì nell'esercito, me par d’avee capì vint'ann, vera?

MAGGIORE – Ventises!, ses mes e on dì! Ho fà ona vita de can. Ho trà via la mia salud.

SANDRO – E se ved… e … l’è sposà?

MAGGIORE – Certament! Ma … dopu domà duu mes de sposalizi quela là l’ha vursu andà foeura de cà

SANDRO  – Come mai?

MAGGIORE – Ona stupidada! De nott  intant che dormivi me giravi de spess in del lett e… de spess borlavi per terra… el capitava soratutt quand bevevi on pu tropp… inscì l’ha abbandonà il tetto coniugale, donna senza coeur… Ma, basta coi malinconij, adess voeuri andà a la posta per vidè se ghè rivà ona quai letra.

SANDRO – Podi avè l’onor de compagnala?

MAGGIORE - E perché no. (A parte) Sto giovinott chì l’è no ‘ntipatich, ma l’è on secaperdè.. .in pension, mandam in pension a mi! Voeuri fa saltà in aria il Ministero e tutta Roma, alter che! (Esce con SANDRO)

AMBROGIO -(Leggendo) "…Se sei figlio dell'abisso, sfido la morte".

BETTINA – Se no savessi che l’è un attor, me pararia trattarse de un mato… xè mato, xè tutti mati, xè una banda de matti

RENZO - (entrando di corsa) A in i des ur! E ‘l Luis  l’  se ved nammò

BETTINA – Luigi,  quelo che studia de dottor?

RENZO - al m’ha dà l'appunta­ment chi,  alle nove, stanot come al solit l’avrà giugà e l’avrà perduu tuscoss. Quel fioeu al  finirà mà, al  finirà mà , al  finirà mà (esce)

BETTINA  - al  finirà mà … xè mato, xè tutti mati, xè una banda de matti

SCENA II

Vito, Bettina, AMBROGIO

VITO : ( Entrando barcollando, con astuccio di violino e numerose medaglie al collo). O mama, o Signor, o Madonna Santa, a moeuri de famm… Come me gira ‘l co… al sarà sì e no 25 dì che saggi nient… che son schisc … o mama che sgaiosa che gò adoss… Sant’Ambroeus….famm sta grazia… mi gò de mangià… mi son  debol de salud, cagionevol…se mangi minga, mi moeuri… Sant’Ambroeus … famm sta grazia…. fa on miracol …troeuva on matocch che ‘l me daga de mangià…Ti te set  on Sant o no?….e alora a ti se te  costa …on matocch te’l podat semper trovà…Mamma mia  madonna signor…. (si siede) Camerera… camerera….

BETTINA  - cossa comanda elo?

VITO: el zuccher  el se paga ?

LISA:  siorno, sior patron

VITO:  Te set  sicura

LISA: Siorsì, sior patron

VITO: Alora portem ‘na tazina de cafè…, scottent e dolz , anzi dolzissim

BETTINA –  cossa diseu?! deboto, ghe servo un quintal de zucchero con un cicin di caffè

VITO: E che? Devi rend cùnt a tì ? Tì te set serva…e quindi servisscimi

BETTINA – me compatissa, sior mammalucco… xè mato, xè tutti mati, xè una banda de matti  (Esce)

VITO: a gom la boca amara ‘mè ‘l fel

AMBROGIO: Caro maestro

VITO: ( Ondeggiando sulle gambe).Oh, carissim  Ambroeus, te ‘ste chi?

AMBROGIO: No.. sto là ( Vito si gira a guardare la direzione indicata da Ambrogio). Ma indoe l’è stà fina mò, a l’ho pu vist

VITO: in quasi duu ann

AMBROGIO: duu ann de cert, l’ultima volta se semm incontrà al Caffè Italia…Al m’ha ditt che’l doveva partì… .

VITO: Già son andà a Turin, scritturato al Regio, nientemen che come direttore d’orchestra.

AMBROGIO: Bravo

VITO: Bravo? Ghe fodessi mai rivà, pudevi no trova on guaio peggior. Appena son rivà al teater, el prim dì, per dirigere l’Africana, duu o trii professoroni m’hann guardà de brutt e s’in mettuu dree a rid. Mi, la prima volta ho fai cittus muci, hoo fa finta d’avee minga capì, la segonda volta m’in saltà i nervi, son saltà giò da la poltrona, hoo ciamà on bamba de quei che me rideven adree e gò mollà on s’giafon

AMBROGIO: Molto bene

VITO: Molto bene? Ma che te set diventà matt?…Mi son ancamò viv  per miracol…hoo ciapà tant di chi bott, ma tant di chi bott…un terremoto di pugni…cazzott, s’giafoni,  pescià : duu costol rott con rottura multipla di spalla femore e osso sacro . Caro el me tos, sta facia l’era ona maschera de polver e sangu. Damm a trà …va minga a Turin… dopu ho girà tutta l’Italia, tegnevi lezion de viorin, viora e mandorlin  …ma …o madonna santissima….o mamma mia ( Barcollando)  ma moeuves minga, perché te se moeuvet?

AMBROGIO: Ma l’è lù, Maestro, che’l se moeuv …al gà per caso famm?

VITO: Per caso? Gò ‘na sgaiosa adoss che ghe vedi pu! Son mort de famm… mort de famm… t’è capì? gò ona fam arretrada da mes…son pell e oss …On professor come mì cont on diploma e sett medaij… Te i e vedet chi? ( Le conta)

AMBROGIO: Maestro, lù l’è  decorà ‘me il Maggiore, ma chì a Milan, la sua città, l’ha puduu fa nient?

VITO: A Milan? Alla Scala? Scusa caro Ambros…ma te voeuret ciapam per el nas… Vun me mì che l’è staa direttor al San Carlo de Napoli, al se mett a sonaa in de l’orchestra de la scara a Milan?…se te diset su cos’è?… puttost a moeuri de famm

AMBROGIO: Ma lù l’ha minga diretto l’orchestra…

VITO: E s’el voeur dì? … la scrittura l’era come direttore. A Milano mai…All’estero sì. Se la sort la ma fa trovà on collega…on professor de musica che ‘l voeur viaggiaa , mì me’l porti in Spagna, In Russia , a Costantinopoli…là si che se fann i dannee…là on artista l’è apprezzaa per quel che’l var, per la so musica… l’Italia per la musica l’è finida

AMBROGIO: Oh se capiss ( A parte ) …chest’chi  matt l’ho lassà e matt l’ho ritrovà.

BETTINA:  (Rientrando con il caffè) Ecco servito…

VITO: Brava ! ( Gira il caffè)

AMBROGIO: E adess da dov’è che l’è rivà… da Parigi ?

VITO: No da Garbagna! Ho daa on concert nella sala del Municipi . De solit quand se fa on concert in ste città de provincia el publich l’è sceltissimo …uomini in frac …la meglio borghesia…la sala l’è semper gremitissima…grappoli umani…

AMBROGIO: Son content! Gh’era tanta gente…

VITO:  Dov’è ?

AMBROGIO:  A Garbagna

VITO: Ah! A Garbagna…al mio concerto…no …gh’era domà ‘l “Sindich”

AMBROGIO: Ma come l’ha ditt che gh’era di grappoli umani…

VITO: No, no…scusa, caro el me tos, …mi avevi ditt…de solit…ma per on fatto inspiegabil chela sira lì se minga fa ona pubblicità giusta, adeguava all’occasion…gh’era domà el sindich…  On omascion grande comè n’armadi…Barba bianca…distinto …appena ho comincià a sonaa …

AMBROGIO: al s’è entusiasmà

VITO: Ma no…se te diset su cos’è?…sto balabiott l’ha poggià el co al baston e ‘l s’è ‘ndormentà…quand ho finì el prim pezz…al s’è desedà…l’ha valzà el  baston…

AMBROGIO: E ‘l ghe la rott in co

VITO: Macchè ! l’ha valzà el baston e l’ha ditt : basta…te m’è stufì! Ambros, che’l lì l’è minga on sindich!. L’è on disgrazià…. Adess son chi bell’e che mort de famm …senza pagnotta e senza cà…  Caro el me tos… damm a trà… va minga  a Garbagnà

AMBROGIO: E adess ?

VITO: Per on para de dì me fermi chi, perché poeu devi partì, voo all’estero, i ball in bonn de fa buj …go el velen in boca… gò nanca ona stanza dove andà a dormì perché el padron de cà al reclamava duu mes e ‘l vureva pu specià …se devi fa cos’è?…ier ho catà su i me strasc…effetti personali…masserizie…spartì de “musica” e son andà foeura di ball

AMBROGIO : E doe l’è la so roba?

VITO:  ( Mostrando il sacco estremamente ridotto) l’è chì: el mè vestì, do camis do para de mudand, el mè viorin…

AMBROGIO: O poer maester e doe al gà intenzion d’andà a dormì stasira?

VITO: E chi le sa? Su ona pancina, sota i pont del Navili

AMBROGIO: Ma no! Lù l’è on artista e ‘l merita no sto affront. Ghe pensi mì, adess scrivi on bigliett per me fradel che l’è direttor della pension Delizia e ghe fo tegnì ona bella stanza…

VITO: ( In disparte rivolgendosi al santo ) Sant’Ambroeus ho trovà el matocch… ( Rivolgendosi poi a Ambrogio ) Ma guarda che fortuna! Gazie, Grazie …per on para de dì domà…perché poeu devi partì…devi scappà all’estero.

AMBROGIO: ( Scrive) che’l se preoccupa no, ghe pensi mì…

VITO: voo all’estero…voo a Costantinopoli…t’è scrivuu?

AMBROGIO: Si…ona stanza per duu di al mè amis…

VITO: te se ofendet no, caro el me tos se fem trii dì…

AMBROGIO : Ma si trii , quater…l’è istess

VITO: se t’è ditt ? quater? Va ben quatter, anca sett

AMBROGIO : Anca sett

VITO: Scusa caro…lassa in bianc…dopu se vedrà…mi voeuri savè se hoo studià de fà…me diseven tutt …studia, studia che te patiseret minga la fam… te patiseret minga la famm…uèh … pensa tì se avessi minga studià

AMBROGIO: Va ben, ecco qua…Che’l se preoccupa no…ma adess devi andà de corsa a la proeuva al San Calimer perché domeniga mi debutti con l’Otello.

VITO: Ah bravissim… Ambros, te devet campà cent’ann… te set compagn del signor…te set sta on padre, ona madre… on patriotta

AMBROGIO: ghe tegni de part  la poltrona, al verrà ben ad applaudire il mio debutto

VITO: Oh te par …con tuti i me forz…te m’è salvà  la vita…grazie grazie…

AMBROGIO: De nient…  Alora che’l me compagna, tra artisti ci s’intende.

VITO: si… si andem .  (Rivolto al santo) sant’Ambreus….grazie a ti  …. Ho trovà el matocch …t’è faij el miracol …Sant’Ambreuos te set anca ti ona potenza …te set el re de tutti i sant… el san Gennaro te ghe det i punt…

BETTINA: Sior patron la me scusa, salo,  a Milan el cafè el se paga! Do bezzi!

VITO: ( Si rivolta tutte le tasche) Uh mamma mia….alora ho parlà in cines… sant’Ambroeus

AMBROGIO: Va ben, che’l se preoccupa minga… paghi mì…ecco qua

BETTINA: Grazie lustrissimo… el resto… xe mato, xe tuti mati, xe una banda de mati

VITO: ( Allunga la mano e prende il resto)

AMBROGIO: A buon rendere…( Sulla soglia) Ma come Maestro ? El vegn chì al caffè senza avè in sacoccia nanca on ghel per pagà?

VITO: Ma se te voeuret… caro el mè tos… mi gò fiducia semper in de la bona sort… l’umanità la se divid in do categorij: i bon e i cattiv …mi speri semper de trovaa on’anima bona…

AMBROGIO: On matocch

VITO:  te l’è ditt tì

AMBROGIO: e l’ha trovà … el matocch

VITO: Sant’Ambreuos te set ona potenza….

SCENA III

Renzo, Luigi(Entra Luigi seguito da Renzo)

RENZO -  Ma insomma se t’è succès?

LUIGI - Ona rovina, car el me amis, ona rovina! Ho finì de sta al mund: addio divertiment, addio tosan, addio gioco, addio tuscoss…

RENZO -  E alura?

LUIGI - (Tragico) ghè rivà el me zio,

RENZO  - a Milan?

LUIGI  - A Milan

RENZO - No!

LUIGI - Si!

RENZO - No!

LUIGI - Ti disi de sì. L’è rivà stamattina prest con la me zia. Mi seri lì bel tranquil al circolin di Bettol a giogà, quand salta denter on  fattorin cont on telegramma? (Lo tira fuori e lo legge) “…Dottor Cornabò Luigi, fermo posta, Milano”. Chi dova semm?

RENZO - A Milan!

LUIGI - Alura l’è chi. (legge il telegramma) “…Arriviamo ore nove: io e Delfina. – Delfina l’è la me zia -  Vieni Stazione allegramente”. Firmato

RENZO - Felice!

LUIGI - Allegramente, t’è capì? So no come son minga mort. Son curuu a la Central per specià il treno. Ap­pena l’è rivà el Zio, l'ho portaà alla Cacosta, qui alla Bovisa, che ‘l se fitta ammobiliato. Go ditt de riposà un poo e dopo son vegnu scià da ti, per vess consi­glià, per vess vutà, per vess salvà.

RENZO - Ma salvà da cosa?

 LUIGI - Come da cosa? El me zio al cred che ses mes fa ho ciapà la laurea, che sono diventà dotor. In tre anni che son a Milan al m’ha mandà pussè de sessantamila franc per tutti i fesseri che gò scrivu. Propri  tri mes fa ho ricevu des mila franc che avevi richiest con la scusa che me servivan per pagà un'annata anticipata  per la clinica di matt.

RENZO - Ma guarda che roba l’è che’l s’è inventà

LUIGI - Te devet savè che ‘l mè Zio al voeur dervì ona clinica per i matt a Golasecca,  L’è per quest che’l m’ha mandà  i danè.

RENZO - Che t’è perdu in una settimana. Mi tel disevi: Luis, sta atent a quel che te fet un giorno o l’altro te burlet denter in un quaj pastizz.

LUIGI – Te ghe resun, sono stato uno scemo! Ma chi l’andava a pensà che ‘l vegniss chi a Milan..! Appena el Zio l’è saltà giò  dal treno la prima roba che ‘l m’ha domandà l’è stada:”Come va il manicomio? I matt come stan?”

RENZO - E ti se te ghet responduu?

LUIGI - Non c'è male...vann a ben

RENZO - (Ridacchiando) Eh, vann a ben.

LUIGI – Rid minga, per piasè,  Me par d’avegh la fevra… i gamb me fan Giacomo Giacomo .  Se el zio scopre l’imbroglio… el me lassa in penterra… bell’e e che biott..

RENZO – Disperes minga… un quaicoss se trovarà

LUIGI – Ghe nient de fa... Intant i cinqcent franc del  Sgraffigna chi me ie dà? (guardando) La padrona de cà con la tosa… se la taca butun addio

SCENA IV

Adalgisa, Rosina, Luigi, Renzo, Bettina

ADALGISA – Setas giò Rosina, prendiamoci una tazza di cioccolata

ROSINA - Mamma, mi me vergogni

ADALGISA -  E che vergogna e vergogna, tosa bela. Quest chi l’è on caffè, tutte le si­gnore e signorine, dopo avè spasseggià on poo, vann denter in d’on caffè per riposass. Se de no, se femm?, caminom avanti e indrè avanti e indrè che bel divertimento? Setas giò chi e fa minga la scema, per piasè..  Bettina!

BETTINA –  xè mato, xè tutti mati, xè una banda de matti …Cossa la comanda siora?

ADALGISA – Portaci due tazze di cioccolata

BETTINA –  Subito, siora… xè mato, xè tutti mati, xè una banda de matti

ROSINA - Mamma, mi me vergogni

ADALGISA -  Seguita minga a rognà… se te se tirat minga via de doss sta vergogna te diventet antipatica e pesanta, mi son la toa mama e te’l devi dì. Anca in dell'albergo, pena te vedet on forest, te scappet via, come se te gavesset ados la peste…. se vun te domanda ona robba ti te respondet minga, e quest chì l’è on brut difett che te ghet.  De sta manera chì ti te trovaret mai on matocch che’l te sposa

ROSINA  -  me ne importa minga

ADALGISA -  Se  te ne importa minga a ti, me ne importa a mi, che son restada vedova e me voeuri sistemà.  Voeuri pu ves sottomessa a nissun,  voeuri pu fa la serva come ho faij fina adess in la pension. Voeuri comandà e minga vess comandada… t’è capì? Apena te se sposet,  mi vegni insema de tì, e foo la padrona de cà

ROSINA -  Oh quest chi l’è cert. Ma ti te devet minga avè pressa, se riessi no a trovà nessun, l’è minga colpa mea…. se devi faa?

ADALGISA – Cosa te devet faa? Te’l disi mi che son la toa mama e che gò esperienza! Scoltom on bott! Per intant recita sta giaculatoria insema de mi:

O sant’Antoni glorius

ROSINA  - O sant’Antoni glorius

ADALGISA – Famm truvà anca a mi el me spus

ROSINA  -  Famm truvà anca a mi el me spus

ADALGISA  - Ma chel sia scior e bell

ROSINA  - Ma chel sia scior e bell

ADALGISA – e mia brut e pover come el to purscel

ROSINA – e mia brut e pover come el to purscel 

ADALGISA   -  Amen! L’è ora de desmett sto brutt caraterasc che ti ghet, bisogna minga avè vergogna de tutscos… te devet vess svelta, allegra, spiritosa. Te devet rid... te set sempre lì cont sta mutria adoss!, te paret sempre in lutto…  mangia sti brioches che in ammò cald

ROSINA  - Come in cald...o come in cald….come brusan, come brusan ( Ride )

ADALGISA -  Perché te  ridet, adess,  s’è succes?

ROSINA – Te me ditt de rid e mi ridi.

ADALGISA - Ma no.. minga adess…te me paret ona scema.

ROSINA  - (Vedendo Luigi) Uh, mamma, (scuote il braccio della madre e di conseguenza la tazza)  là ghè quel giovinott, quel dotor che l’è vegnuu a stà da pocch in la nostra pension (gioco della tazza)

ADALGISA - Ah, il dottor Luigi Cornabò

ROSINA – Quel lì el va matt per mì (gioco della tazza) Quand el me incontra el me ferma semper. Ier (gioco della tazza) el m’ha ditt: “Signorina se l’è simpa­tica, se l’ è bella”.

ADALGISA  -  E ti se te ghet responduu?

ROSINA – mi go ditt: no, l’è lu che l’è un gran simpaticon

ADALGISA -  Brava. Quel lì al sarìa  un bon partì, perchè  el zio l’è pien de danè... ma come? al t’ha nammò vist? (Gridando) Rosina te voeuret ammò del zuccher, dai che’l te fa ben ...(A parte)...ma se l’è? Storno?. (Gridando, a Rosina) Ma sì, te disi che l’è propi lu, è il dottor Luigi...(A Luigi)…Dottor, Dottor….

LUIGI - Buongiorno sciora, Che la ma scusa, ero distratto, s’eri drè a parlà col me amis ….

ADALGISA - (A Rosina) T’he vist, e ti che te disevet che l’era minga lu (A Luigi, avvicinandosi con la sedia e lui scostandosi) Come ‘l sta, ‘l sta be­n?

LUIGI  - Eh, così, non c'è male.

ADALGISA - Come ‘l se troeuva ne la nostra pension?

LUIGI - Bene...molto bene.

 ADALGISA  - Ah, una pensione come la nostra la se troeuva no per tuta Milan, manca propi nient, ghè aria bona, pulizia, ona bona cùsina....buoni letti, lenzoeu sempre net... Dottor (sposta la sedia verso Luigi) la me tosa l’è terribile, la sorveglia semper la servitù per vi­dee se l’è tutt a post e in ordin.  Dottor (sedia) Lee verament la vorarìa minga fal, e la ga rason,  se po no dagh tort, pora tosa … Dottor (sedia) a quell'età se pensa a altri robb,  so no se me spieghi... ma bisogna vegh ammò on poo de pazienza, ona volta che la se sposa la farà pù (A Rosina)  Vera?

ROSINA - (Ridendo) E già.

LUIGI - (A Renzo, sottovoce) Cume fo a dagh indrè i cinqcent  franc al Sgraffigna?

RENZO - (Sottovoce) Digal al to zio, inventa on'altra busia, ftaej dà da lù

LUIGI - (Sottovoce) E che podi  inventà? Aspetta, ghe disi che devi comprà una maccina per fa l'esperimento del cranio e del cervello umano.

RENZO - (Sottovoce) Bravissim

ADALGISA - (Sottovoce) Rosina, te me ditt che ‘l va matt per tì, ma doe, ma come? Quel lì al t’ha nanca guardà adoss.

ROSINA - (Sottovoce) Al so, l’è strani.

ADALGISA - (Sottovoce) In giovinott cara la me tosa, fann inscì, come se pizzan,  inscì se smorzan. Per tì ghe vorarìa on omm seri,  senza tanti ciacer, vun che ‘l fudess verament intenzionaa a sistemass. Vemm via. (A Luigi) Arrivederci, Carissimo dottore, la saludi. (Luigi saluta con la mano) Che malacreanza! Che maleducà! ?ndemm via Rosina….(chiamando) Bettina, Bettina… (a Bettina) Quanto pago?.

BETTINA – Tre bezzi e setanta

ADALGISA – Ecco, tieni pure il resto(escono)

BETTINA – Grazie siora patrona

LUIGI – L’è andada, menu ma, che fastidi che la  mi dà!.   Ritornando al zio … se ‘l me domanda de vedè la clinica di matt, se ghe fo vidè?

RENZO - Questa l’è la roba più seria. Dove te troeuvet i matt e il manicomi?

LUIGI - E' già...duve...spetta...M’è vegnu un’idea. Uh?! Magnifica! Se la va l’ha gà i gamb… La pensione, la Pensione Delizia, là ghè tanta gent strana, …

RENZO - Ma no… el capiss che in minga matt.

LUIGI  - ma  mi ghe sto sempre de drè, al lassi minga parlà… . Anzi, spetta, un'altra idea per vess pussè realista…  Incoeu son pien d’idei

RENZO – Se capiss…

LUIGI - Ti adess   te vegnet  con mi, dal zio, ghe femm vidè che te se matt in sul seri che te set denter al manicomi sotto la mia cura di me personalmente

RENZO - Io?

 LUIGI  - Ti, si, ma un matt calmo...La follia...la follia musicale... te sé fissà de vess il primo tenore  del mondo.  E che l'opera che la t’ha fa diventà matt l’è stada La Traviata.

RENZO – ma mì son minga bon de cantà

LUIGI – Come te set minga bon de cantà?

RENZO – Mi canti mai

LUIGI  - Nanca quand te fet la  barba…

RENZO – No, a foo  la barba in prosa

SCENA V

Felice, Delfina, Luigi

DELFINA - (f.c. gridando) Imbecille...delinquent, disgrazià.

FELICE - (f.c. gridando) Disgrazià, delinquent , ligera d’ona ligera (Si sente un fischio forte e gran confusione) Ades ciami la questura

LUIGI - Eccoli, in lur. Renzo vattene, torna tra un poo, tra on quart d'ora, fa finta de vess scappà dal Manicomi... (Lo spinge, Renzo esce).

FELICE - (entra gridando a soggetto.).

LUIGI -  (A Felice che entra) Zio se ghe stà?

FELICE  - Nient, na roba da nient.

DELFINA  - disgraziati delinquenti.

FELICE  - Sta citto un bott, mucala… lassom parlà a mì che son struito… ti te set andà a scora al giovedì e a la domeniga…mi ho fa la terza minor… t’è capì? Ti te set gnoranta…

LUIGI -  Ma se ghè stà?

FELICE  - serom adrè a vegnì chi per ditt  che quel Villino Cacosta el va minga ben. Appena semm sortì dalla villa duu balabiot delinquent de la mascherpa  me sifulaven adrè,  se disev cus’è?

DELFINA - (Imitandone la voce) “…dondè, dondè, dondè...”

FELICE – mi credevi che davera voreven  savè dov’è che serom adrè andà e alor gò rispondu in bon taliano

DELFINA  - “…Andiamo al Caffè dei Navigli”

FELICE - Dopo tre pass, un alter ligera

DELFINA - “…O scior, o scior, dondè…”

FELICE - Eh, allora ho capì che me voreven toeu in gir, hoo valzà el baston …. Ma ghè sta nient de fa…. Improperi, parolascc, gestasc … anca contra de lee…

DELFINA - Che paura, mamma mia! Che paura.

FELICE - Ma come, quand  vun el cammina a Milan el  dev dì a tuti  dove l’è  drè andà?

LUIGI -  ma no, zio,quella è un’abitudine di giovin de chi, quand vedan un tipo un po’ curios ghe disen: Dondè, dondè…?

FELICE - Alora mi saria un tipo curios?

LUIGI  - No, zio, no l’è un’abitudin de Milan  cont i gent forest

DELFINA  - Ah, almeno ci fudesse stato qui Biagio el me fradel, c’avrebbe pensato lui.. c’avrebbe schisciato la testa a quel delinquente.

FELICE – Incomincia no col to fredel, per piasè. Che’l lì l’era un pesat, mi sono un galantuomo, un nobile, il marchese Felice Cornabò de Golasecca.

DELFINA - Per to regola e costum, el me fradel l’era un galantuomo mej de ti... el vendeva el pess, ma l’era un omm onest e ‘l se faseva rispettaa… e poeu regordet che da parte de la me mama son nobile anca mi… contessa Delfina Dentice… t’è capì?

FELICE – Delfina Dentice, tuta roba di mare…anca se te set contessa, la mercanzia non cambia… pesce eri e pesce sei rimasta, come el to fradel… pessata

LUIGI - Va ben zio, lassa buj. Non discutete, via.

FELICE  - Mi la vorevi minga portà adrè a Milano, perché savevi quell che  suc­cedeva, l’ha voruu vegnì drè per forza. Te par chestchì il modo de vestì, guarda che cappell, si capisce che ti parlano dietro

DELFINA  - Te capisset nagott, questo me l’ha faa la prima modista del paes, la sciora Sguercetti, l’ha ditt che sono di gran moda a Milano.

FELICE  - Ma sa l’è sguerscia come la fa a fa la sarta?

DELFINA – quel lì l’è ‘l so cognom .

FELICE – sarà, ma la ta fa un cappel con in cima el mercà de l’ortofrutta… al centro ghè ona poma coi pinciroeu d’uga, e ai lati erbion e cornitt… el par la reclame della valfrutta

DELFINA  - Tì te capiset nient, te set  sempre stà on gran material

FELICE – sì ades son mi el material. Quel però che m’ha daj pussè fastidi in sta chi giovinetti là. Appena m’hann vist, s’in metu adrè  a dì...

DELFINA  - (Imitandone la voce)“…Ma quel lì chi l’è?…”

FELICE  - “…l’è l’ barbapedanna”

DELFINA  - “…E quela chi l’è?..”

FELICE  - “…La Vispa Teresa…”

DELFINA  - “…L’ho presa, l’ho presa…”

FELICE  - “…La Vispa teresa”

DELFINA - “…che coglie l’erbetta”

FELICE  - “…in sul sagrà de la gesa..”

LUIGI - Quanto me dispias che s’eri minga lì.

FELICE -  Fa nagott, ades ciamom un taxi, inscì me lassan tranquil

DELFINA – Ma il taxi ‘l me fa vegnì il mancamento de stomigh

FELICE – tì te dovevet sta a cà, a Golasecca… a Milan se po no andà in gir a pè, va ben?

LUIGI –Ma perché siete venuti qua?

FELICE – Te vorevi dì che quela ca la va minga a ben

LUIGI - Ma come, quello è il Villino Cacosta il pussè bel di tutta la Bovisa…

FELICE – La ca l’è bella, ma…

LUIGI - Quattro camere, sa­letta e cucina, ogni confort, ghe minga scar de faa perché l’è al pian terren, tappeti, mobili di lusso, prezzi abbordabil

FELICE – La ca l’è bella, ma…

LUIGI - la padrona de caa l’è ona perla, bona, educada, gentil, netta...

FELICE – La ca l’è bella, ma…

LUIGI -  perchè dite che la va minga ben? La par una reggia

FELICE - Fermas on poo, lassem parlaa…  te me paret ona trottola… (gesticolando) E drum drum e drum drum e drum…. Te me fe perd i sentiment .... La cà l’è bela...ma (Luigi fa per intervenire) … Sta’ citto  altrimenti ti  mollo un pugno che te vet a finì in su la luna…. Ghè minga la biancheria… nient

LUIGI – Nanca i lenzoeu?

FELICE  - A dormom sora ‘l materass, la faccia dove la sugum? A ghè nanca i forchett, cugià e cortej.

DELFINA – A mangium cont i  mann?

LUIGI - Non vi preoccupate, ghe pensi mì, … tanto ste chì pochi dì, vera?

DELFINA  - Ah, sì, go de faa al paes. Sto chi trii dì domà… Felice, s’el voeur, el pò sta anca on mes.

FELICE  - On mes l’è tropp, come foo…un ventinoeuv o  trenta dì … sì.

LUIGI - Ma no, l’è mej che ‘’l zio al vegna via con ti.…  E dimm un poo, el terren per fa su el manicomi a Golasecca l’è pront?

FELICE  - Prontissim. L’è sta un afari…. Te set? Coi conoscenz politigh che gò… mi e ‘l sindigh semm amicissim… Ma.. a proposit …  la clinica che te ghet chi a Milan, quanti stanz la ga?

LUIGI - Già, la clinica… Ah, quanti stanz...eh...in una .. ntina…

FELICE – Cosa?

LUIGI -… ntina…

FELICE – Capissi no

LUIGI  - Una ventina,

FELICE – Ah! Vusa no! Son minga storno!  Avevi capiì una mentina…

LUIGI - ma l’è no propi una clinica, l’è una pensio­n...l'ho chiamata pensione Delizia, ghe denter una desena de matt.

FELICE - Ma, in matt pericolos?

LUIGI - No, un quaivun l’è pericolos, ma i alter in calmi, quieti…però bisogna minga importunaj, non si devono stuzzicare, perché in sempre matt.

FELICE – Mi veuori videj, voeuri  parlagh, voeuri senti se disen

LUIGI - Ma vedi zietto, mi te porti... ma ti fagh minga capì nagot, non devi dire che te see anda lì per videj.

FELICE - Oh, se capiss.

LUIGI -  A l’è un mes che son adrè a curà un giovinott.. Me l’han portà a la pension in uno stato eccita­tissimo … l’era terribil, al faseva paura. Adess el sta un po' mej, … al dis de vess  un celebre tenore e il Verdi la Traviata l’ha scritta per lù…

FELICE - (Ridendo) Ah, Ah! pover crist.

DELFINA -  Poer disgraziaa

LUIGI - Se ‘l guaris a fo un bel colp, la so famiglia, che l’è straricca, la me daa una grossa somma...e a sto proposit, zietto,  te me doverisset dà cinquecent franc perché devi compra LA MACCINA PER L'ESPERI­MENTO DEL CRANIO E DEL CERVELLO UMANO. L’ho vista ier a l'Ospedale San Francesco Sales, l’è un’invenzion diabolica….

FELICE – Ti se t’henn diset?

DELFINA  - se l’è ona robba necessaria, se la serviss…

FELICE  - Va ben. Te do i 500 franc.

LUIGI - (Entra Renzo con un bavero alzato, occhi stralunati e capelli in disor­dine.) Se vedi?! Ma si, l’è lu, è quel giovane che v’ho ditt, matt per la musica, ma come l’ha faj a scappà?  afferriamolo...stremisset no, appena al ma ved,  el se moeuv pù.

FELICE  - Ma come l’ha faj a scappà.?

LUIGI -  Tas! E vegnem adrè!

SCENA VII

Renzo, Luigi, Felice, DELFINA,

RENZO – Se ghè sta? Chi l’è che’l m’ha faj vegnì scià in sto caffè? Chesta chì l’è minga cà mea… Come hoo faj a caminà inscì tanto?

LUIGI -  (Afferrandolo) Fermas!

FELICE – Moeuves minga

LUIGI  - Te me recognosset?

RENZO - Sigura, lu l’è ‘l mè dotor...ma che’l me vusa minga drè, l’è la primma e ultima volta!

LUIGI   - ‘ndemm a caa

RENZO   -  Son pront! (Vedendo Felice) E quest chì chi è che l’è?

LUIGI  - E' un nuovo custode!

FELICE -  (Spaventato) sì, sì! Mi son on cu, cu… on cu, cu…

RENZO - (Fissando Felice) Hoo pena sbudellaa un tale

FELICE -  Ah sì? E perché?

RENZO -  El diceva de vess on custode… e inveci

FELICE – E inveci..

RENZO – L’era on nobile marches

FELICE – E ti propi chì da mì te dovevet vegnì

RENZO – Se te set minga bon de cantà te sbudelli anca ti

FELICE – no, no… mi so cantaa … se devi cantà cos’è??

RENZO – La traviata …(Felice spaventato non riesce a cantare. Delfina resta tremando ad un lato del Caffè)

TELA


ATTO SECONDO

SCENA I

Bruno , Bettina, Adalgisa, Rosina

BRUNO – Bettina, Bettina, ma dove te set casciada, accident… mi des la licenzi quela lì…

BETTINA – E un momento sior patron.. go solo du braza e du gambe, no?

BRUNO – Ma te l’è mia sentì ‘l campanel?

BETTINA – sior sì che l’o sentìo… xe quel matto di un magiore …. Suona sempre, chiama tutto il giorno…deboto le vol  una cossa, deboto un’altra… così non si pò mica star… xe mati, xe tutti matti, xe ona banda de matti….

BRUNO – quest chi son mi che ‘l devi dì

BETTINA – sior sì, ma intanto son mi quella che deve sgobbar

BRUNO – Ohi! Bela tosa! mi te paghi! E se son mi che te paghi al voeur dì che l’è ‘l maggior che paga… e se il maggiore paga tel devet servì… t’è capì?

BETTINA – sior sì, sior sì… Stamattina, el m’ha fa prendere adoso una pagura!

BRUNO – S’è  suces?

BETTINA – Per caso son passada visin alla sua camara e ho sentì che ‘l criava: aiutatemi, aiutatemi!… go aperto col paspartout e ghe l’ho trovaà lungo e disteso a terra: xera cascà zò  dal letto

BRUNO –  Oh por crist

BETTINA – Poveraso? Per tirarlo su go dovuto chiamar el cuoco…

BRUNO – Ma come l’ha fa a borlà giò?

BETTINA – Mi no lo so… el dise che di notte el borla sempre…. Xe  necessario meterlo dentro in un letto con le stanghe di fianco, come i putei…

BRUNO – Già, come se fudes un fioeu (suonano nuovamente) Va’ a vedee chi l’è

BETTINA – Sarà cascà giò  un’altra volta … Xe mato, xe tuti mati xe una banda de mati (esce)

BRUNO – sto lantecrist di un Maggiore… l’è’ semper nervos, negher de rabbia… al taca lid con tutti… el se ofend per nagot … al voeur fa duelli con tutti (suona il violino) Ma chi sona ades? (esce)

ADALGISA (Entrando) Sent che musica giapponesa… se quest chì al resta chì, mi stasira a foo su arm e bagali e me ne voo.

ROSINA - Mamma, ricomincia no....Vito Strazio è maestro di musica

ADALGISA – Quel lì l’è uno strazio de nom e de fatto… sent, sent….

ROSINA - Ma doman o dopo al dovarìa partì.

ADALGISA – Macchè doman o dopo, al dev andà via subit, immediatamente, se no inn i pensionant che vann via, alter che! Ogni moment al ciapa el viorin e ‘l se mett a sona. (Si sentono alcune stridule note). Sent, sent che bella roba sta musica giapponesa. (a Bruno che rientra) Propri tì cercavi… Avvisa el to fradel de fa mai pù quel che l’ha faj stamattina, eh!?

BRUNO – sa l’ha faj cos’è?

ADALGISA – El s’è travestì da guerrie­ro, e l’è vegnuu all'improvvisa in camera mia, per fass videe, al m’ha fa ciapà on stremizzi … ma on estremizzi… anca la Rosina l’ha s’è stremida

ROSINA - Oh, che paura mamma...uh, che paura mamma....ih, che paura mamma

BRUNO – (imitando) Eh che paura mamma

ADALGISA - Quand ho vist che l’era lù,  g’avarìa dà in sul crapon ona cadregada… ma bella stagna.

BRUNO - Soportal, Adalgisa, quel lì l’è stravagan­te, al voeur fa l'artista drammatico, l’è matt….

ADALGISA – E propi davanti a mi el dev fa el drammatico? El po no andà da on’altra part a fa l’artista?

BETTINA – (entrando) Xe mato, xe mati, xe una banda de mati… ma cossa el vol da mi sto sior?

BRUNO – se ghè ammò?

BETTINA –il sior Maggiore xe in camera con il giornalista per un’intervista… el s’è stancà… el m’ha ciamaa in disparte e m’ha ditto sottovose: di’ al direttor de trovaa una scusa qualunque e di ciamar il giornalista, perché el sopporti pu… se sta chi ammò un secondo al butti giò dalla finestra

BRUNO – Ghe mancaria anca questa… però… quel lì l’è  bon de fal verament… ghe pensi mì

BETTINA – (sentendo il campanello) Di nuovo? rivo, rivo! Xe mato…. Xe tutti matti… xe ona banda de matti

ADALGISA - Che stress. (Ancora la fisa) E la finiss minga cont sto viorin, podi pù sentil, el me fa vegnì el latt ai genocc! (voci da dentro) E adess chi riva?

ROSINA – Mamma, mi me vergogni( esce )

SCENA II

Luigi, Felice, Adalgisa

LUIGI -  Entra zietto, entra, non aver paura. Te set in di me mann.

FELICE – Ghè no d’avegh paura?

LUIGI - Ma no, semm al prim pian, chicinscì ghe stan i matt quieti, tranquilli, l’è al second pian duve hemm metu i matt pussè pericolus.

FELICE – ah mi ghe vo no al segond pian, nanca se me mazen

ADALGISA - Buongiorno

LUIGI - Signora  (Salutando).

FELICE - Chi l’è sta chi?

LUIGI – l’è una sciora che l’è chi da quattro anni, quand el so marì che amava tanto l’è mort l’è diventada mata, ades la dis che que­sta chi l’è ca sua e che lee l’è la padrona dela pension. Tu assecondala sempre

FELICE - Certament

LUIGI - (Ad Adalgisa) E così, come la sta, eh?

ADALGISA - Eh, minga mal, el scior l’è on so amis?

LUIGI - No, questo signore l’è ‘l me zio, Felice Cornabò, ricchissimo proprietario di Golasecca.

ADALGISA - Ah, tanto piacere. Adalgisa Strepponi, obligada.

FELICE - Molto lieto

ADALGISA -  Mi son la padrona de sta pension.

FELICE - Ah! Brava el so, el so … a go piasè

ADALGISA - Si, ma son stufa de sta chì, a voeuri scappà, l’è ona vita difficil da supportà, tropp fastidi, troppi penser, mi voeuri vess libera, indipendent, voeuri god on poo la vita,  son ammò giovina, vera?

LUIGI - Oh, certamente. Oh certamente (Incitando Felice)

FELICE – (a Luigi) Me par propi de no (rimproverato) Oh, certamente

ADALGISA - Appena Rosina, la me tosa, la se sposa, el dì dopo scappi insema de lee.

FELICE - (A parte) Sì, te ste fresca!…Ma perchè, la se troeuva minga ben chì?

ADALGISA - Francamente no, caro scior, sto chì perché... son obligada a stagh, ma  soffrissi, e molto... sta sempre in contatto con gent stravagante, tutti matt...comandan semper e inn mai content, fann e desfann… l’è un affari propi seri….

FELICE - (Sottovoce a Luigi) L’è lee che l’è matta e la ghe dis matt a i alter!

LUIGI - La sciora l’ha gà ona bela tosa.

ADALGISA – Eh sì... figlia unica, ma foo no per dì l’è ona vera  perla, l’è tant giovina... el sa? El so nevod el sa, l’è anca carina  El so papa el ghe voreva on sacc de ben… ma el Signor l’ha ciamà… Ah povero Poldo! Che dolor! (piange esageratamente) (improvvisamente ride) Ma se po no piang tutt el dì… quel che ghe sta l’è staa! via i penser tristi! E lù, scior marches el sta chì tanto  a Milan?

FELICE - pochi giorni, son vegnu chi per videe  el me nevod…e sta pen­sion.

ADALGISA - Ah, bravissim. E ‘l ciapa alloggio chì?

FELICE - No, per carità... son minga matt… ho già ciapà l'alloggio... al Villino Cacosta

ADALGISA - Ah, bravo...quell lì l’è un bel villin... che’l me scusa on moment … voo a ciamà la tosa, Rosina, la porti chi e ghe la foo cognoss... basta che la vegn el sa?... l’è tanto vergogno­sa... la voeur vidè mai nissun, capisce, la sta sempre serada in stanza... Con permess…   A voo, la ciami e poeu vegni (Esce)

FELICE - Ah, povera sciora, come la  me fa pena. Ma la so tosa l’è mata anca lee?

LUIGI - Si, perché quand la ciapa el caffè, appena la ved la tazza la ghe spuda denter.

                                 

SCENA III

Sandro, Luigi, Felice, Bettina

 SANDRO - (Entrando) Ah! Ah! Ma che bel tipu quel Maggior, a staria sempre lì a sentil. Ho ciapà tutti gli appunti. Cont quel che’l m’ha contà su a scrivi trii novell (Scrive su un taccuino)

LUIGI - (A parte) Porcu sciampin, Sandro il giornalista (Sottovoce a Felice) anca quest l’è matt...assecondalo…Buondì

SANDRO - Oh, caro scior Luigi, l’è chì anca lù?.

LUIGI - Si, son rivà poch fa. E lù come ‘l sta?

SANDRO - Eh, minga mal, grazie. Ho faa on poo compagnia al maggior, o mej… a sto matt d’on maggior. Ma el po no cred, come me son divertì, ho metuu insema, come se soia dì, l'utile al dilettevole....e già, perché da quell che ‘l m’ha cuntà sù, podi fà trii novell.

FELICE – se l’ha ditt cos’è? Che’l po fa tri noven?

LUIGI - Già, perché quest chì a l’ha studià  in seminari, al vureva diventà frà, de quei de sant’Antoni, che vann in gir a toeu la carità, poeu l’ha catà on terno al lott e dalla felicità l’è diventà matt

FELICE – Oh! Al gà ‘na facia de ghezz, al par on assasin de la mascherpa… minga on fracercott…l’ha fa ben a vegni foeura dal seminari, cont ona facia inscì nessun ghe dava nient

SANDRO – Mi foo inscì...troeuvi un tipo eccentrico, ghe voo drè, me foo cuntà su ona bela storia e la novella l’è subit faia... 

LUIGI - …vena… novena

SANDRO -  se de no come se po fa ona novella al dì?...e poeu se guadagna ben poch a fa i novell… Tri franch per novella…

LUIGI – Novena…

SANDRO – Lù al cognoss ona qualche mia novella?

LUIGI – Novena…. Si, diversi

SANDRO - In ‘sto mes a n’ho scrivuu trii che hann tegnuu on gran success "El me pover fradel!"

FELICE (Sottovoce) quel che t’è fa mazzà in seminari

SANDRO - "La prigione"

FELICE – dove te devon mett!

SANDRO -  "L’epifania!"

FELICE  - E tutti i fest i e porta via

LUIGI - No, questi chì ai cognosi no.

SANDRO  - Alora ve ie mandi mi, ve mandi i giornai... tutt e trii i numer: 27, 56 e 79.

FELICE - Il terno che l’ha faj venc

LUIGI -  Grazie tante...i e cetti con piasè.

BRUNO  - (Entrando) Va ben, va ben, la servissi subi­t... Ah! Ghe la foo pu a sopportal...Oh, carissimo dottore.

LUIGI - Caro direttore ...el direttor de la pension. Mio zio Felice Cornabò.

BRUNO - Sono il direttore, per servirla.

FELICE - Ho capì …Molto lieto 

SANDRO - Ah, el scior chì  l’è ‘l so zio?

LUIGI  - Sicuro!

SANDRO - Sandro Nobili, giornalista

FELICE  - A sua disposizion

LUIGI  - L'ho portaa a vidè la pension.

BRUNO  -  Bravo...e se ne diss cos’è?

FELICE -  Bellissima...un bel palazzi, bei scar...stanz tutte ariose.

BRUNO - Ma el dovaria girà attorna. El sa? S’inn spenduu adrè tanti danè

FELICE  - Eh, el so, el so

BRUNO -  Mi hoo minga vursu guardà a spes, ho pensaa domà a la comodità di person che vegnen chì…

FELICE – ma el prezzi l’è on poo, disemm, esuberante… salà…

BRUNO – Ma minga tanto… in questa part de Milan 6000 franch…

FELICE – Ti te m’è ditt  10000

LUIGI -  6000 de fitt e 4000 de lùs, gas…

FELICE – Ah! Beh!

BRUNO  - Ghè anca ona sala da bagn...gabinetto idroterapico, la camera per la gin­nastica

FELICE – E l’è lù che’l fa tuscos?

BRUNO - Eh, chì, senza de mi, caro scior, se po faa nient... e ‘l so nevod la sa… chicinscì bisogna trattà con certi matt che ve fann coor de sora de sott e avanti e inddrè, vera dottor?

LUIGI - Alter che... ghe n’è de quei che bisognerìa incadenai

SANDRO – Direttore, mi gò on poo d’appetit, voraria mangiaa. … domà ‘na cosettina piccola piccola, el sa...duu oeuv, on po' de panscetta liscia, duu salcicc, spaghetti vino e per finì duu cannoncini. Con permess...caro dottore (A Felice) Signore.

FELICE  - Buon appetito

SANDRO  - Grazie (Esce)

BRUNO  ghe voeuri faa vidè la sala da bagno, prego.

FELICE - Ma ghè denter nissun?

BRUNO - No, a quest'ora ghe mai nissun, dopu ghe farò vidè la camera de la ginastica, quella l’è al segond pian.

FELICE - Al segond pian? No, fa nient... la camera de la ginnastica la voeuri minga vidè, gò i  genocc che me tegnen pù sù… el sa.. el pes de l’età

BRUNO – come el voeur lù ...prego.

FELICE -  Luigi, vegnum a pres (Esce)

LUIGI - Eccomi, eccomi… son sudà mè on boia ! 

Scena IV

Luigi, Renzo, Felice, Bruno, Bettina

RENZO - (entrando a Luigi) El Sgraffigna l’è rabbiaa me on can, el voeur i cinquecent franch che’l t’ha vinciuu l'altra sera e ‘l voeur no specià nanca un minut de pù,

LUIGI - E come foo? El Zio me i ha nammò dà.

RENZO – Alora l’è ‘l Asgrafigna che te ie dà… Coor de bass,  firma ona cambial, fa quell che’l voeur lù, ba­sta  che’l vaga via

LUIGI - E ‘l zio el resta chi in de per lù

RENZO  -  fa nient, per des minut, ti te torneret indrè subit… va’.

LUIGI  -  O Signor, proved ti (Esce).

BRUNO  - (A Felice che rientra) Alora, se ghè pars?

FELICE - Ma bisogna dì a Cesare quel che l’è de Cesare

BRUNO – Ades ghel disom

FELICE – L’è ona roba tropp bella. Ma el mè nevod dove el s’è pascià, sto asnon de prima categoria?

BRUNO  - El so no,  lìera drè a vegnì pressa de num, el sarà andà de bass on moment.

FELICE -  al gà denter in de co el resegusc che’l fioeu lì… el m’ha lassa chì in de per mi… cricco de gess!.

BRUNO  - E che importa... adess el  torna. Che’l se comoda (Gli da una sedia).

FELICE (Siede) Grazie, e lù el se setta minga giò?

BRUNO  - Mi? Me setti giò? E come foo?

FELICE – (mostrando)  El ciapa quest chì, e le poggia lì

BRUNO – Sì… voress el ciel! Mi voo, vegni, adess son chì, dopo son là... gò mai on moment de respir, de ripos, de temp... adess, se lo gradisce, ghe voeuri fa provà el caffè che foo mì.  Ghe sicùri che se ne troeuva minga in nissuna part de Milan.. on caffè come el mè, magnifich, special... el caffè di cafè

FELICE - Grazie tante

BRUNO - (Chiamando) Bettina, Bettina....l’è la camerera

BETTINA - Comandi.

BRUNO -  Prepara ona bela chicchera de caffè e portala subit al scior marches Felice Cornabò de Golasecca  .

BETTINA - Va bene, sior direttore

FELICE-  Questa l’è ona camerera? Me par d’avela già incontrada, ma in on alter post

BRUNO -  Po vess, la serviss chì in la pension Delizia e al stess temp l’è portinara al Villino Cacosta… forsi l’ha incontrada lì…

FELICE – Ma la fa minga part di ospiti… l’è a se stante…

BRUNO – Capissi no, comunque l’è ona buonissima tosa, svelta, faticadora, onesta,. (campanello) Ona ciamada, se avevi ditt?  Podi staa settà giò on moment? L’è impossibil. Che’l me scusa. (Esce).

FELICE (Alzandosi) E mo son restà de per mì… cont i matt che poden sortì da on moment a l’alter. E quell’asnon d’on Luis dove l’è andà a trà giò?

SCENA V

Adalgisa, Rosina, Felice, Bettina,

ADALGISA (Entrando) Vegn scià, cammina, abbi no vergogna. Rosina, fa no inscì che te moli ona s’giaffa. Su, cammina (Prende per mano Rosina) Ecco qua mia figlia.

FELICE  Tanto piacere (Scostandosi)

ADALGISA – Che’l scior chì l’è el zio del dottor Luigi. Si accomodi, prego. S’el voeur fa cos’è?, quando l’è che vedom di person simpatich, ghemm piasè de parlagh insemma. Chichinscì, in sta pension se po minga dì ona parola con nessun, in tutt matt! La me tosa, pov­eretta,la  passa la so vita a legg, la legge semper, se la dev fa cos’è?, l’è sempre lì in de per lee, la sua compagnia son mì,  vera? (Sottovoce a Rosina)…Dì on quaicoss

ROSINA -  te parlet sempre tì, se parli a fa mì?

ADALGISA  - Parli sempre mì?

ROSINA -  se te voeuret cos’è? Mi me vergogni

ADALGISA - Ma in sta manera chi te ciapen per scema, fa no la malmostosa: t’è capì?! (Le dà un pizzicotto)

ROSINA (Gridando) Ah, sta’ ferma! (piange)

ADALGISA  - Eh, scusi, el gabbia pazienza, ma questa chì la dev imparà a sta al mond, gò dà on pizzigott, e alura? La voeur mai parlà, la se vergogna de tutt, la ma fa vignì adoss ona rabbia che’l po minga cred, certi moment la mazzaria. (Vedendo che Felice si alza) Dov’è ‘l va?

FELICE – Vorevi ciamà el mè nevod.

ADALGISA -  E arriverà, che’l se setta giò . Inscì bella, inscì carina e la gà sto difett malarbett, che poeu l’è  tanto svelta, sa?, tanto alle­gra... (A Rosina che piange) citto....basta, mucala lì

ROSINA  - Adess quand me metti un vestidin cont i manigh curt se ved  el livid sul brasc.

ADALGISA -  E s’el fa cos’è? L’è’ on livid che la ta fa la to mama, nissun el po ditt nient, perché se tratta de on livid onest

ROSINA (Ridendo) Livid onest ah, ah, ah...

ADALGISA - L'ho faia rid. L’ha vist? Mi ghe voeuri  tanto ben, ma certi volt la m’ha dà sui nervi. D'altra part, parlà pocch, vess on poo  timid, l’è minga on difett per ona tosa da maridà. I tosan del dì d’incoeu, per vess trop alegher, trop legger, i a voeur nissun

FELICE  - Oh, certament

ADALGISA  - Psss, basta adess (Rosina smette di ridere)

BETTINA  - Ecco ser­vito.

FELICE  - Ah, il caffè...brava (Bettina versa il caffè)

BETTINA  -  Sior caro, no ghe dia retta a sta siora

FELICE - Perché?

BETTINA  - Perché la dise sempre le stesse cose.  Xe mate, xe tutti mati xe ona banda de matti (esce)

FELICE -  El so

ADALGISA – Che’l scior lì el gà on mucch de danè, el saria on bon partì per tì

ROSINA – per mi? E per ti no?

ADALGISA – o quel lì l’è sottintes!

FELICE – Podi offrigh?

ADALGISA - Grazie, l'ho pena ciapà

FELICE - (A Rosina) E lee ?

ROSINA  - Grazie, ne voeuri minga.

ADALGISA  - La dis inscì per compliment, ghe pias tanto el caffè, ma se dis no ne voeuri minga: se ne cetta on cicin… mi dia qua (prende la tazza dalle mani di Felice e la dà a Rosina)

FELICE (A parte) Me son fregà coi me mann… ades quela lì la ghe spuda denter e mi ne bevi pù

ADALGISA - Ecco, l’ha bevuu on sorsett…. Che’l beva lù…

FELICE  - (indeciso nel bere)

ADALGISA – (con forza) Che’l beva… dai!

FELICE – Che bel quader! (segnando) (mentre Adalgisa e Rosina si distraggono, butta il caffe') Buono! Verament squisito, el dipenderà de l’aqua… le sa? l’aqua del Tisin l’è no bonna come quella del Navili..

ADALGISA -  Già, già…. Che’l me scusa se son curiosa, ma  a lu, come ghe piasen i donn: seri, posaa, sostenuu, alegher e spiritos? Che’l disa la verità

FELICE - Verament, mi i e preferissi  quiett, tranquil, posaa.

ADALGISA -  Bravo, come la me tosa, per esempi: e dove la troeuva vuna pussè quietta, pussè tranquilla e pussè posada de lee? Questa chì la fa no ciaccer, minga perché l’è la me tosa, ma mi disi semper: beato quel'omm che se la sposa, el se mett  insema a on angiol de bontà.

FELICE - E anca de bellezza

ADALGISA  - Grazie tante, respond!

ROSINA -  Grazie tante

ADALGISA – El papà l’ha faia studià… Cosa non ha fatto quel pover omm (si alza e F. indietreggia) se ‘l diseva cos’è ‘l to papà? Il mondo è una palla che gira che gira per conto suo (A. gira e Rosina imita ) e noi siamo tante palline bianche e nere che giriamo giriamo per conto nostro…

FELICE – Eh! Se giran … a giran… a giran!

ADALGISA – Ste benedette  palline paren tutt istess… all’apparenza… ma sono diverse nella sostanza… e perché girano le palline?

FELICE – Eh!? Perché giran… gò de savel mi?

ADALGISA – Vel disi mì perché giran… perché si cercano fra de lor (siede al tavolo imitando con le mani le palline che cadono)

FELICE – n’è borlà giò vuna

ADALGISA – Non importa, vuna de meno… si cercano fra loro… le palline…. Quella nera la cerca quella bianca e quella bianca la cerca quella nera…. L’incontro è fatale… ma pien de surpres … la me tosa l’è preparata a tutto (si alza e F. si nasconde dietro la sedia) dipinge… cuce, rammenda … la gà el diploma d’infermera… la sa preparà i siringh, sa fare i massaggi, i cataplasmi … al marì ghe vegn l’orticaria? Lee la preapara on impacch coi erbett… conosce tutte le erbe medicamentali … per el mà de stomigh se ghe voeur?

ROSINA – l’acqua di gramigna

ADALGISA – per la toss?

ROSINA – la latuga

ADALGISA – per el fidigh?

ROSINA – la genziana

ADALGISA – E ‘l saves come la cusina ben! Se te sposet on milanes, se te ghe fet?

ROSINA – El risott

ADALGISA – On napoletan?

ROSINA – La pizza

ADALGISA – On bolognes?

ROSINA – Il ragù

ADALGISA – E poeu la sa ballà… ha studiato danza… (balla)  L'altra bella roba che la gà è che la va minga adrè ai giovinotti, come fann tutti i tosan de la soa  età. Lee la diss semper

ROSINA -  Mamma, mi se me devi sposà  a voeuri toeu on omm che’l gabbia ona quarantina d'ann, perché ’l me voeurarà semper ben e ’l me farà mai rabbià

ADALGISA - E la parla ben...e mi ghe do reson.

FELICE -  Anca mì

ADALGISA - Per esempi, che fortuna la saria per lee se la trovass vun come lu... mi ghe la darià coi occ sarà.

FELICE -  Oh, al saria troppo onore per mi. E poeu mi gò già 50 ann

ADALGISA – No, no! Lu ne dimostra 40… si ha l’età che si dimostra …

FELICIE – Sì, sì 40…

ADALGISA - Rosina, al te piaseria on marì come sto scior chì?

ROSINA -  Oh, sigura, l’è tanto simpatich!

ADALGISA  - Ma al varda on pù, che destino! ma alora, se’l voeur, quest l’è on matri­moni che se pò faa... lu el ghe pias, l’è simpatich... mi son contenta, me par che ghe sia nissuna difficoltà.

FELICE  - Oh, certo, alora va ben.

ADALGISA  - Acconsente?

FELICE -  Mi? Sigura...con tanto piacere.

VITO  - Camerera, on biccer d'acqua (Gridando)…camerera!

ADALGISA (A parte) Propri adess doveva rivà scià sto cagazibett! (A Felice) Nun vemm, perché adess se po no parlà…  combinerem tuscoss doman…

FELICE - Va ben (A parte)…e te stet fresca

ADALGISA  - Arrivederci

ROSINA  - Arrivederci (escono Adalgisa  e Rosina,  Adalgisa ballando)

SCENA VI

Vito, Felice

FELICE (Ad Adalgisa e Rosina che sono uscite) L’ho scampada bela… E quest  chi l’è, adess?, e ‘l Luis dove l’è andà a finì?

VITO (Entra gridando) Camerera! Mi riesi no a capì che razza de cà l’è questa, i campanell a  sonen no, i camerer te dann minga a trà, saria mej che la sarassen sù sta pension.  Chisti chì fann inscì cont mi perché son minga scior e me poden no spennà per ben come fann cont i alter. Va ben, son minga scior però son  on artista e me deven rispettà, (gridando al fondo) avee capì? Perché se son minga servì ben, ve metti in riga tutti quanti (A Felice) Buongiorno signore.

FELICE (Spaventato) Buongiorno.

VITO -  che’l ma scùsa se hoo vosà, ma son un poo nervosett. Con chi ho l'onore di parlare?

FELICE -  Felice Cornabò... di Golasecca. (ritirandosi)

VITO - Tanto piacere, perché el scappa? Al gà paura de mì?.

FELICE - No, ma el vedi inscì rabbià

VITO - E lù se ‘l ghe ne po? Vito Strazio professore di violino e direttore d’orchestra.

FELICE - Ah, bravo

VITO  - Anca lù el stà chi de cà?

FELICE  - Mi no, sto de cà al Villino Cacosta, qui alla Bovisa. Son vegnuu scià a parlaa cont el direttor per certi robb, e siccome gò parlaa adess me ne voo.

VITO  -  Che’l specia on attim, che’l gabbia minga pressa. L’ha ditt che l’è de  Gola….

FELICE - secca

VITO - Golasecca?

FELICE – Si, bravo

VITO - Bravo! Alora  el me po dì che fin l’ha fa el maestro de musica Atta­nasio Pirola, grande amison de mi, l’era de Golasecca, el so­nava l'orghen.

FELICE – El  sonava l’orghen?... Attanasio Pirola....sonava l'orghen?.Ah, sigura, l’é mort.

VITO -  L’è mort? Oh, quanto me dispias...e adess l'orghen chi le sona?

FELICE -  Mi

VITO -  Lù?

FELICE  - Si, mi, ho ciapà mi quel post.

VITO - Ma alora lù l’è maester de musica?

FELICE  - Si

VITO - E alora el dev savè sonà anca el piano!

FELICE  - Magnificament.  Che’l me scusa (Per andarsene)

VITO -  Che’l specia on attim! Che’l gabia minga pressa,  che’l stia on poo chi insema de mi ...caro collega.

FELICE (A parte) Son bel’e che fregà

VITO - Che mestè infame che l’è el noster,  che’l disa la verità.

FELICE  - Oh, terribil! (A parte)… ai matt bisogna sempre dagh reson!

VITO – Ghe nessun che sappia apprezzà verament el noster ingegni, el nostro valore. Te sentet dì: chi l’è quel lì? E' un suonato­re... el sona on istrument... come se ‘l fudess na robba da nient. Ma tu non sai, imbecille, cretino, quanto sangue la versà per savè sonaa. Mi, in certi moment voraria brusà el viorin, l'arco, la bacheta, i cord, tuscoss.

FELICE - E mi? Ciaparia l'orghen e le traria giò de bass.... el so mi quel che hoo passà con l’orghen.

VITO - Ma el so l’è a pedal o bisogna che ghe soffian el mantice?

FELICE - Bisogna soffiaa il mantice, e l’è on fastidi de quei….

VITO -  L’è un orghen antigh?

FELICE  - Antichissim…(A parte)…Se podessi scappà

VITO -  El voeur scappà?...E perché?

FELICE  - No, ho ditt: Se  podessi scappà de Golasecca per  sonà  pù l’orghen, come saria content.

VITO (Guarda Felice at­tentamente) Hoo trovà l’artista che ‘l fa per mì

FELICE (A parte) Oh! Mamma! Vutom ti!

VITO – Che’l me disa ona roba, in confidenza… el viv soll?

FELICE - Mi? Si… vivi in de per mi

VITO  - El gà minga fioeu e cagnoeu, miee, fredel e sorela?

FELICE – No, son soll

VITO – L’è dispost a vegnì insema de mi all'estero? Anderem in Francia, in Spa­gna a Londra in America... farem concerti de viorin e pianoforte,  el sarà assè on ann e se riempirem de danè fina al cupin…ghe voeurarà la pala, vala ben?

FELICE  - Va ben

VITO  - El cetta?

FELICE  - cetto

VITO -  Bravo. Alora partom doman mattina.

FELICE  - Doman mattina.

VITO -  Come la m’è piasùda sta roba a tamburo battente! (gli batte la spalla)

FELICE  -  Al m’ha ciapà per on tambur! A tamburo battente!

VITO  - Audaces... fortuna iuvat. (Esce)

FELICE (Chiamando) Camerè...Direttor..Mamma mia! chi l’è?

SCENA VI

Ambrogio, Felice

AMBROGIO (Entra in maniche di camicia, ha un grosso pacco tra le mani, in testa una parrucca nera riccia, messa al contrario, nella mano destra un elmo, indossa pantaloni da guerriero). ‘sto vest’ chì el me sta ben, ades­s a voo a provà quell dell'ultim att. Buongiorno, scior, che’l scusa se me presenti inscì, ma son drè a provà certi costumm che m’hann portaa: i costumi di Otello. Mi son on filodrammatico e domeniga foo el me debutt come artista, ma se devi fagh, l'arte la m’ha fa travia el co, la m’ha fa diventà matt.

FELICE (A parte) Quest chì a la recognoss, meno mal

AMBROGIO - Che piasè! Quand vun el fa ona bela scena, fort, vibrada, on final ad effet... quatter, cinqu ciamà.... l’è ona roba da morì. No, ma mi domenigca  ne ciapi quatter,  son sicur. Ma lù chi l’è, che’l me scusa?

FELICE - Felice Cornabò.

AMBROGIO - Molto lieto. E el sta chi de cà?

FELICE - No, son vegnu poch prima con me nevod, per videe sta pensio­n….e adess a voo

AMBROGIO – No! No! Che’l resta chi! Che’l se moeuva minga! Adess ghe confidarò el me pseudonimo: Eugenio Ardore!

FELICE – E a mi se me’n faa? Tanto piasè

AMBROGIO - Me paren mila ann che la vegn no la domeniga, l’è on mes e mezz che dormi pu.

FELICE – e a mi mila ann che son denter in sta gabbia di matt

AMBROGIO - La part l'ho imparada a memoria…. (recita) “di fronte al nemico la furia omicida… zac.. zac.. zac..”  ho studiaa tutti i moss, ma go on'emozion che’l se immagina nanca. Mi però me salvi cont la figura e con la vo­s. Per esempi, quando Otello è chiamato dal doge al Senato. (indica)

FELICE  - dova l’è?

AMBROGIO – Il doge l’è là

FELICE – bello! L’è là de sora? L’avevi minga vist… bello!

AMBROGIO – Che figura imponent! E la barba… ona bella barba bianca… e lunga…

FELICE – Ah!

AMBROGIO –  S’è succes?

FELICE – A gò schiscià la barba

AMBROGIO – Che’l se scosta de lì… lì gh’inn i patrizi (si incina) (Recitando) "Illustri e venerandi patrizi... che io tolsi la figlia a quel vecchio è vero, ma è pur vero che la sposai, e in ciò sta tutta la mia offesa! Rozzo è il mio linguaggio.” In d’el  final del quart att poeu, la vos la cambia, la diventa dolza e tre­mante. (ride e F. lo imita) (recita)  “Ridammi il fazzoletto che tu donasti a Cassio” (F. depone un fazzoletto) “No” (idem) “no” (id.) “no” (id)  “No”

FELICE – In finì i fazzolett!

AMBROGIO – (piange in ginocchio)

FELICE – El se sent mal… aiuto… direttore… Luigi!

AMBROGIO - Dopo la scena terribil con Desdemona dove la incolpa, el dis: "Vi chiedo perdono, io vi aveva creduta quell'artista venuta corti­giana che per amore fuggì dalla casa paterna.... e si fece sposa di Otello”.  Ghe scià l’Emilia.

FELICE -  (Felice si guarda intorno)  e chi l’è?

AMBROGIO – Come chi l’è? L’è la nutrice di Desdemona

FELICE – E fala comodà… prego entri.. la vegna avanti sciora…

RAFFELE - "E voi, voi madonna…

FELICE – Anime del purgatori!

AMBROGIO - voi che esercitate l'ufficio opposto di San Pietro, poiché (Forte) comandate specialmente le porte dell'in­ferno, ecco vedete abbiamo finito,

FELICE – Oh l’era ora!

­AMBROGIO - eccovi dell'oro, prendete,

FELICE -  No, no… grazie…

AMBROGIO  -  si, è il vostro compenso, chiudete a chiave e mantenete il segreto” (Col fischio, come quando si abbassa la tela). A sto punto chi, do ciamaa me le roba nis­sun. L'ultima scena la ma faa stà on poo in penser perché l’ho nammò studiada ben,  ma fina a dopodoman go temp.

FELICE - Ah, se capiss

AMBROGIO -  Lù domenica l’è liber?

FELICE – pensi de sì

AMBROGIO – Alora el dev vegnì a sentim

FELICE - Dove?

AMBROGIO - Al San Calimer

FELICE - Ah, certament

AMBROGIO – Se’l voeur? Un palco o una poltrona? Francament, senza cerimo­ni.

FELICE – El saria mej on palco.

AMBROGIO -  ghe foo trovà on palc in segonda fira.

FELICE - Perfettament. Me le porta scià, mi vegni e me’l cati.

AMBROGIO – Semm d’acordi, la servirò. Scusè on attim, voo a provam l’alter costumm, quell de l'ultim att.  Se vedom doman.

FELICE - Doman, certament

AMBROGIO - A domeniga sera, me raccomandi (Con le mani fa segno di applau­dire).

FELICE  - Va ben.

AMBROGIO - Grazie tante. (Esce).

SCENA VII

 Sandro, Felice

FELICE - Se sto on alter poo chi diventi matt anca mi. (Si volta e vede Sandro) Il frà cercott!

SANDRO (Entrando) Scusi, podi fagh ona do­manda?

FELICE -  L’è impossibil, son de corsa.

SANDRO - Cinqu minut domà. Vorevi savè: l’è la prima volta che’l  vegn a MIlan?

FELICE - Si, la prima volta.

SANDRO - E l’è stà el so nevod che l’ha portaa a vidè sta pensio­n?

FELICE  - Si

SANDRO – Lù el ghe voeur tanto ben al so nevod, vera?

FELICE - Molto, perché se le merita...e anca lù el ghe dev vorè ben, el ghe dev obedìenza, el dev fa tut quel che’l dis, perché certament se quel pover fioeu el spend tanti danè, la fa per lu, per la so salud.

SANDRO - Per la me salud?

FELICE - Se capis, e quanto prima lù el vegnerà con tutti quanti i ospiti de sta pension a Golasecca, denter on bel palazz, fabbricaa apposta per vialter. Con quell'aria, bastan duu mes per fav passà tuti i matarii che avì in del coo

SANDRO - Ho capì...(A parte) el dev vess on quai imbroi che l’ha combinaa el Luis…Ah, sigura, el parla ben.

FELICE  - Là, poeu, a Golasecca, el pò fa dì tutti i noven che’l voeur, nissun ghe i e proibiss.

SANDRO - noven?

FELICE – Sigura… inscì per divertiment… per regordà quand l’era in seminari… adess ghe  necessitan pù… l’ha vinciuu un terno

SANDRO – mi ho vinciuu un terno? E quand?

FELICE – ma sì, me l’ha dì el me nevod, el so dotor… el se regorda? 27, 56  e 79

SANDRO – Che borich che l’è sto omm chi!! Ma sì! E se me ne frega cos’è?… con sta borlanda foo on novella special. Un medico imbroglione

SCENA VIII

Maggiore, Bettina, Sandro, Felice

MAGGIORE (Entrando) Che razza de pension l’è mai questa. L’è mezz'ora che speci on bic­cerin de cognac. Camerera, Direttor. Che modi strani de agì!

BETTINA – (tremando) subito… ecco servito

MAGGIORE – L’era ora! E che?! Bisogna sparà i cannoni come el Bava Beccaris per fav deseddà tutti quanti??

BETTINA – Scusi, sa è che s’eri…

MAGGIORE – Citto! Mi son bituà a famm obedì… disi mai trii volt la stessa roba

BETTINA – E’ che…

MAGGIORE  - Citto! Di’ puttost al direttor che stasera foo su armi e bagali e scappi da sta gabbia di matt… mi ghe resti pu nanca on segopnd denter chì, t’è capì?

BETTINA – Va ben… riferirò … (tra sé) Uh! Come l’è antipatich… (mentre il maggiore beve) Che’l te ingossa, brutt  prepotent antipatich d’on martor

SANDRO (Sottovoce al Maggiore) Maggiore, ghe devi contà ona roba graziosissima.

MAGGIORE (gridando) Caro el me fioeu, voeuri sentì nient, lassem a stà

SANDRO -  Eh, e che manera l’è la sua.

MAGGIORE  - E che manera e manera, inveci l’è la soa, lù da stamatti­na el me stà in sul goss….el me toeu el fiaa… che’l me lassa in pas…on poo d’educazion la guasta minga

SANDRO - No, maggiore,  mi per sua regola l'educazion ghe la podi insegnà.

MAGGIORE  - A mi? Lù el voeur insegnà l’educazion a mi?

SANDRO - A lù, si

MAGGIORE – Va  ben alora… el sfidi a duell

SANDRO -  Quand l’è che’l voeur, mi sto chi de cà,  a sua disposizion. (esce)

MAGGIORE -  Semm d’acordi. Quel lì l’è on omm che’l me voeur insegnà l'educazion… a mi?. Te foo vidè mi chi son. … alter che!

FELICE - Citto, in drè a vegnì chi duu carabinier…. Che’l scappa, che’l se faga minga toeu

MAGGIORE  - Duu Carabinier?! Scappi?, se el m’ha ciapà per matt??. Son matt mi? Questa chi l’è on offesa grandissima, chi mai l’ha avuu el coragg de toeum per matt! Voeuri soddisfazion e subit (lancia il guanto della sfida) Lù… come el se ciama?

FELICE  - Felice Cornabò.

MAGGIORE - bene! Signor Felice Cornabò, se combatterem alla pi­stola, de là ghe n’hoo giusta do, bell’e caregà, anderem de drè del san Lorenz, femm tutt de pressa, lù che’l resta chi, che’l se moeuva minga, do­man poeu farò foeura quell’alter. (Esce)

FELICE – sì, te stet fresch!, adess mi scappi, voeuri propi minga restà chi on segond pussee. (Esce)

SCENA IX

Renzo, Bettina, Felice,  Maggiore, Adalgisa, Rosina, Sandro, Ambrogio

RENZO (Entrando) Ma varda ti!, Luigi l’ha tacà lid con el Sgraffigna, s’inn daj on sac de bott, inn coruu anca i guardi e li hann menà tutt e duu in questura. Come diavol se fa (guarda dietro le quinte)  O Signor! Ghe scià el so zio…e lù el cred che mi son matt(Si alza il bavero e si arruffa i capelli).

FELICE (Rientrando) Nient, l’ha minga vursu accompagnam (Vede Renzo) El tenor… el matt per la musica (gridando) Luigi…

RENZO (Canta la Traviata) "Oh, cielo, che feci. ah, padre mio!' (vuole abbrac­ciare Felice).

FELICE -  Luigi... quaivun!

VITO  - (Entra con custodia di violino) S’è success cos'è,? Lù chi l’è?

RENZO - Chi son? Podi no dill, perché te voeuret savè chi son?. (A Felice) ‘ndemm foeura de chi!

VITO – Che’l gabbia minga paura, el difenderò mi.

MAGGIORE (Entra con due pistole) Eccomi qua! Signore, mi son pront! ‘ndemm!

FELICE (Gridando) Luigi. O san Giorg de Bium de sora, vutum ti che go paura! (Esce scappando, il Maggiore e Renzo lo seguono).

ADALGISA (Entra spaventata con Rosina) Se succed? Perché coren da quela part?

ROSINA – Se ghè success, mamma?

ADALGISA -  ‘ndemm a vidè. (Escono)

SANDRO (Entrando) Se inn sti frecass? Se succed? (Esce)

FELICE (Rientra di corsa) A s’inn scatenà tut i matt (Esce di corsa)

BETTINA (uscendo) – i matt?

BRUNO – (uscendo) I matt?

BETTINA - Ma che matt? 

BRUNO  – Ma dove inn i matt?

AMBROGIO - (Con il costume dell'ultimo atto di Otello, con grossa parrucca nera e riccia, il volto annerito, la sciabola sguainata. Con voce bassa) “Essa è la che dorme. Non vorrei versare il suo sangue. Ma pur...deve morire! Un bacio, ancora un bacio e sia l'ultimo! (Esce)

FELICE (Rientrando di corsa terrorizzato) Da dove poderia scappaa. A moeuri de paura... maledett el moment che son entraa  denter chi! (si volta) O san Giovan de Bium de sott, vutom ti che mi me la fo sott

AMBROGIO (appare) Chi l’è?

FELICE - Mamma mia! Vutom ti! (cade davanti all'alcova svenuto, grida di tutti f.c.)


ATTO TERZO

SCENA I

Bettina, Luigi, Renzo

BETTINA – Va ben, go capìo, metto do tavoli separà. (ridendo) Ieri la mugger la ga tacà lite col marìo… perché l’era rivato in villa troppo tardi, così l’ha ga fato dormir de fora dalla stanza… Ora la me   comanda che no lo vol nemanco a tavola…

LUIGI - (Entrando) Bella tosa.

BETTINA – Comandi sior

LUIGI  Ghe nessun? Renzo, vegn denter.

RENZO (Entrando con precauzione) Devi fa el matt o no?

LUIGI  - No, no, vegn scià. El Zio se l’è drè a fà?

BETTINA  - Xè là in del saloto disteso in sul divan.

LUIGI -  Sora el divan?, e perché?

BETTINA  - Perché ier sera l’è tornà tardi e la so mugger no lo ga volu nemanco veder… xè ona  donna terribile, come el ga fatto so zio a maritarsela? No gera  più donne da torle?

LUIGI –  Te ghe reson, Bettina… la me zia l’è ona stria! Ma se te voeuret cos’è?… quand al me zio ghe morta la prima miee l’è restà talment sbattuu…. E poeu, te diserò, on’altra robba, in gran segret… La me zia la sarà pur ona stria, ma l’è piena de danè e l’ha rinforzà el borsin del zio… te seet che ghera in gir on proverbi che’l diseva. Se sugarà el Tisin, ma mai el borsin della contessa Delfin

BETTINA – I gusti son gusti…

RENZO – De gustibus non est disputandum

BETTINA – No, no… go mica dito de spudar a nessun…desso go capìo, la siora xe ricca e il marchese… Eh sì, ma… cossa se ne fanno de tuti sti bezzi, se son domà tre persone?

RENZO - Bella tosa, ghe chi el nevod che’l fa per  quindes, el se pappa tuscos

LUIGI – Tas! Che te me fet passà per un parassita

BETTINA –  A proposito, sior, a mi el fitto chi me lo paga? El zio o el nevodo parassita?

LUIGI – inn lor che te deven pagà… mi se gh’entri? Mi ho segnalà la villa, ma inn lor che hann vursuu vegnì chi a stà…

BETTINA – E va ben… allora ghe dago la ricevuta al zio ricco

LUIGI – Te devet minga avè paura … lu el te paga… te vederet

BETTINA – ma no… xe no paura… xe che i siori patroni de la villa quando l’è che vanno in villeggiatura e fittano la casa, me danno a mi la responsabilità de ritirar i bezzi… e mi vogio far le cosse per benin

LUIGI – Ho capì, ma abbia minga paura… morì e pagà i debit s’è sempre in temp

BETTINA - ben…  se i siori han necessità me disturbino pure … mi vago de fora…  Permesso. (Esce).

RENZO – Fa’, fa’ a la svelta, Luis, parla col to zio, inventa on'altra bo­sia te devet fass dà i 500 franc da portaa al Sgraffigna, se de no quell lì el te mena on'altra volta...

LUIGI – El me mena? Perch’ el m’ha menà ier sera? Mi gò mulà trii s’giafoni che se ie regorda finchè el scampa.

RENZO  - Ah, e sott a l'oeucc se t’è fai? On abbellimento estetico?

LUIGI  - Ah, chi, l’è stai un pugn uh.... el m’ha dai on pugn e mi go responduu.

RENZO - Ah, ho capì...e intant che ti te seret lì in questura, mi son andà a la pension e me son scontrà col to zio. Inscì me tocà fa el matt. Alora ghe vegnuu foeura on mucc de gent, s’inn stremì tutti quanti e ghe stà on rebelot general… ma che sconquass! Signor! Che casott!

LUIGI – Ma varda tì! E el zio l’ha scovert magott?

RENZO - No, perché l’è riessì a scappà e mi l’ho pu vist

LUIGI - Meno mal. Basta, Renzo, torna tra un poo e te foo trovà i 500 franc.

RENZO – me  raccomandi

LUIGI – Pensigh no!

SCENA II

Delfina,  Bettina, Adalgisa, Rosina

DELFINA (Entra) Nient, l’è inutil, a mi el me imbroia no. El me fa minga su. Se’l cred che l’è vegnuu chi a Milan a faa il ciribira el se sbaglia de gross. Ma mi ghe pensi minga su né du né trii, el pianti chi e me ne voo. Ier sera l’è rivà a cà tardissim… eren si e no i tri or de nott,  rembambì, inciochì, con una faccia bianca bianca, mè on pagn de bugada, el riesiva nanca a dì una parola  … perché mi son donna e capissi tuscoss, a mi me se fa su minga tanto facilment. Però riessi no a capì dove l’è stai e cosa l’abbia fai. Come mai l’è rivà a cà inscì conscià sudà mè on lader e bagnà mè on puresin. E l’è tornà soll e senza nevod, perché? Perchè el Luis el  stava minga insema a lu? Quand ghe l’ho domandà  al m’ha ditt che’l saveva nient, che’l saveva nanca dove el stava… figuremass gent!. Svergognaa! Per quest el voreva vegnì a Milan in de per lu... per quest el voreva minga portamm.

BETTINA (Entrando) Siora, de fora xe ona siora che la vole parlare con il sior Felice.

DELFINA -  Con Felice?, e chi l’è?

BETTINA – La m’ha dito de ciamarse Adalgisa Strepponi, a  l’è insieme con una bella tosa.

DELFINA - Una bella tosa?, e se la voeur cos’è dal mè marì?

BETTINA - Siora, credo che la ghe dev’esser uno sbaglio, perché quando gò domandà chi xera, m’ha ditto: “…disegh al scior Felice che son la mama de la so morosa , e ho portaa con mi anca la tosa”.

DELFINA -  L’ha t’ha ditt propi inscì?

BETTINA - Proprio cosi

DELFINA -  Ah! Disgrazià! Balosson! Avanz de galera! El disevi mi che ghera sott on quaicoss. A Milan l’è minga vegnuu per el nevod, l’è sta una scusa....ah, asasin malarbett…. Mi però adess devi fa finta de nient, devi vedee chi l’è sta sciora Adalgisa Strep­poni, chi l’è sta morosa… Fala vegnì avanti e vedaremm

BETTINA - Siora, la favorissa.

ADALGISA (Entra con Rosina) Grazie, buongiorno signora.

DELFINA - Buongiorno

ROSINA - Buongiorno

DELFINA -  lee, sciora, la voeur parlà  cont el Felice?

ADALGISA  - Sigura, se disturbi minga, però.

DELFINA -  In sto moment, come la ved, l’è no chi, perché l’è drè a fa di impacch bujent per certi dolor a la panscia

ADALGISA – Oh, me rincress…. Ma de cossa el  soffriss?

DELFINA –  El soffriss d’ernia, da tanto temp… ma lee, sciora, la po parlà con mì: che l’è istess.

ADALGISA – Lee l’è la mama?

DELFINA – Mamma … mi? No, son la sorella... la sorella pussè piscinina

ADALGISA - Ah, che la me scusa… sa? ma la me pareva pussè vegia del scior Felice…

DELFINA –  E inveci no…(a parte) antipatica… Che la se comoda, prego  (Bettina porge le sedie ed esce ridendo)

ADALGISA Grazie. (Seggono) Ecco qua, cara la me sciora, se tratta de on matrimoni, on matrimoni combinaa così, come se dis: in quater e quatrott, sui due piedi… Ier gò avuu la fortuna de cognoss el scior Felice, lu l’ha vist la me tosa, l'ha trovada simpatica e semm andà subit d’accordi. Mi, come madre la se figura,  a go un gran dolor a stacam da la me tosa, ma trattandosi di un uomo serio, voraria no perd temp, e son vegnuda scià per combinà tuscoss a la svelta

DELFINA - Ah! Sigura, in sti robb ghe no de perd temp, una volta che la so tosa la pias al me fradell, el mè fradel el ghe pias a lee, sa po fa tuscoss in pressa...

ADALGISA – A lee ghe faa piasè?

DELFINA -  Mi?, ma ghe par... l’è stada una roba che la m’ha fa on piasee, ma on piasee…. La po no cred che piasee che l’ha ma faa, come  sia contenta… però, la ma scusa, cara la me sciora… voraria minga che ghe fudess on quaj sbalii… sto scior Felice che la va adrè a parlaa… che cognom el faa?

ADALGISA -  Ah el cognom? Cornabò

DELFINA – Cornabò, certo, Cornabò!

ADALGISA – L’è minga de Milan, no… è della provincia … di Gola…

DELFINA – Secca… Golasecca!

ADALGISA - Perfettament

DELFINA – Perfettament… L’è lu, l’è propi lu… l’è el me fradell  (S'alzano) adess el foo vegnì chi subit subit.

ADALGISA - Come la voeur. Ma se ‘l ghe comoda no stramattina, podi vegnì anca  doman.

DELFINA - No, no, quell lì se’l vegn a savè che sii andà via el va subit in bestia..   Bettina (che entra) Bettina, va a ciamaa el marches Felice.. ma digh minga che ghe vegnuu chi sta sciora con la so tosa, ghe femm  una sorpresa

ADALGISA  - Ah, sigura

BETTINA  - Quel che la vol siora… xe mati… xe tutti matti , xe ona banda de matti…

DELFINA  - Prego.

ADALGISA  - Grazie (Esce con Rosina)

ROSINA - Grazie

DELFINA – una sorpresina ghe femm al marches Felice Cornabò de Golasecca… e che sorpresina.. el femm restà propi a Gola secca

BETTINA – siora sì… xe mata, xe tutti mati… xe una banda de mati

DELFINA  - Delinquent, el denunci per abbandono del tetto coniugale, concubinaggio e bigamia (Esce).

SCENA III

 Felice, Luigi

LUIGI – (a Felice pallido) Ed ora come te stet, zio?

FELICE – E come me devi sentì? Come un biscott puciato giù nel latt… moll… moll… ma se t’è vegnuu in ment de lassam lì in de per mi ier sera? Te see no quel che ho passà…  Con tutt  chi matt…

LUIGI (Entrando con Felice) Insomma, ier sera, se ghe success?

FELICE  - Te l'ho ditt… l'inferno, s’inn rivoltà tutti i matt...  so no come ho faa a scappaa.. me pareva la rivolta del Bounthy… ma ti dove te seret cascià, diavol bestia

LUIGI -  Ma se te voeuret, m’han telefonà urgentemente de presentam per un consulto e alora son curuu via de pressa. E intant che seri drè a tornà, son scarligà su ona gotta d’oli  e ho sbatuu con la crapa contra la roeuda d’un  tram,  so no come son minga restà sguersc de un oeucc, guarda chi (mostrando la fronte).

FELICE - E bravo... mal comune mezzo gaudio

LUIGI – Insomma…. E la zia inveci la t’ha minga dai a trà?

FELICE - Nient, la m’ha lassà dì nanca ona parola. Appena son rivà la fai on tal bordell…  e dopo la s’è sarada su con la ciav in camera soa e s’ciao!

BETTINA  - Sior, xe qui ona siora che la ghe speta dentro sta camera, la deve an­dar de là perché la ghe vol  parlar.

FELICE -  A mi?

BETTINA  - A elo

LUIGI - Zio, prima de ‘ndà, damm chi 500 franc perchè me servissen per toeu quel macchinari de san Francesco de Sales

FELICE - Ah! Sigura... tò.. quest l’è un pezz de mila franc, el se ciama Pietro, il resto lo voglio indietro.

LUIGI - Grazie tante, torni subit, zietto bello. (Esce)

FELICE  - Sì, va là, sofegon! ‘demm a sentì sta sciora se la voeur cos’è da mi. (Compare Delfina)

SCENA IV

Delfina, Bettina, Felice,

DELFINA – El so mi se la voeur quela sciora che l’è de là in quela stanza… l’è rivada chi per combinà tuscoss, e la voeur perd nanca on segond, la voeur fa tutto alla svelta, come se dis in quater e quattrott

FELICE - Ma chi?

DELFINA  - Come chi: la mamma de la to morosa! L’è rivada chi per combinà el sposalizi tra ti e la so tosa... svergognaa, assassin, avanz de galera. Chi foo no bordell perché semm a Milan e voeuri minga faa ona cativa figura, ma quand torni a cà ne riparlerem. Adess me metti el cappell, a ciapi la me roba e voo a Golasecca, seduta stante. Appena rivi, mandi a ciamà el Morbett, l'avvocàt, voeuri divorzià de ti, te voeuri vidè pù.

FELICE - Ma se te set a drè a dì?

DELFINA – Se son drè a dì?, te’l foo vidè mi se son drè a dì… a ti te piaseven eh? I me danè, la mia dote, ma te set  sbaglià de gross! Te fai i cunt senza l’ost! Svergognà,  fedifrago, porco!

FELICE - Ma mi voeuri savè

DELFINA - Ma se te voeuret savè cos’è? Cos’è te voeuret savè, inn robb de minga cred!. Vun l’è sposà e el combina un alter matri­moni.

FELICE - Ma con chi?

DELFINA - Con la  tosa de la sciora Adalgisa Strepponi. Va’, te specen de là...vergogna, vergogna marscia!!(Esce) (rientra) Porco!!

FELICE – La sciora Adalgisa Strepponi? (Guarda fuori scena) orco sciampin! Eh già, questa chi l’è la matta e ghe anca la so tosa... ma come han faa a scappà dal manicomi? (Chiude la porta a chiave) Ma pensa tì in che pastizz son restà denter....e quella bestia d’on Luis che l’è andà via anca sta volta... Adess scrivi al direttor, al ragionier Bruno … ghe disi de curr scià subit, immediatament, con duu infermer quatter meter de corda e i camis de forza (scrive)  “Gent. Ragionier Bruno Bevilacqua… Bevilacqua… che nomm… mej ciamass Bevivino… che’l vegna scià subito in casa mia di me fittata al Villino Cacosta zona Bovisa…che’l faga presto… Urgentissimo”

FELICE – (a Bettina che rientra) Oh! Propi ti cercavi… 

BETTINA – comandi

FELICE -  te cognosset on quaivun che’l po portà sta lettra a la pension Delizia?

BETTINA – Sì, poderia mandarghe me fradelo

FELICE – Ma l’è poeu sicur, se po fidass?

BETTINA – Come no…

FELICE – Va ben… allora tegn… daghela al to fredel de portà a la Pension Delizia … me raccomandi… eh! Urgentemente!!!

SCENA V

AMBROGIO, Felice

AMBROGIO  - (f.c.) Va bene, ho capito, grazie.

FELICE - Chi l’è che ghe scià adess?.... o mamma, l’Otello! Hann fai scappaa anca quest.

AMBROGIO - (Entra) Eccolo qua...amico mio, come el sta? Ma el gà ancamò paura de mi?. E mo' son minga truccaa, che diavo­l.  A mi el m’ha fai tanto piasè el estremizzi che gò fa ciapà, perché l’è segn che ho fai ben la me part.

FELICE - Ah, sigura

AMBROGIO - Talment natural che l’ho fai stremì per ben... A gò  recapità un palco e quatter bigliett de platea. Il palco l’è de prospett, segonda fila, n. 9. Ma che’l vegna chi, benedetto signor, se’l ga adoss adess? Ma el gà ancamò paura? Oh come l’è restà impressionà sto scior chi… certament mi sont content, eh! Gò tanto piasè...

FELICE – Che ‘l senta, ghe voeuri presentà la me donna, el gà piasè?

AMBROGIO - Oh, ‘l se figura! El sarà on onur per mi

FELICE - Allora che’l vegna de là in quela camera, mi ades voo a ciamala e ghe la porti chi.

AMBROGIO - Sarò verament fortunatissim. (Esce e Felice chiude a chiave la porta)

FELICE - E inn trii...quest l’è ‘l pussee terribil, se el va via de co la ferma pù nessun (prende un tavolino, lo mette vicino alla porta e vi si siede)

SCENA VI

Bettina, Luigi, Vito, Delfina, Adalgisa

BETTINA – (Entrando) il biglietto xè sta mandà, sior Felice

FELCIE – brava

BETTINA -  De fora xe  un uomo che ‘l vol parlare con ela.

FELICE - E chi l’è? Fall passà.

BETTINA  - (Dal fondo) entri, sior, el sior l’attende.

VITO (Con un grosso pacco, una custodia di violino, un piccolo cesto, borsa a tracollo, due bastoni ed un ombrello legati che terrà sotto il braccio) Grazie tante. Caro Felice. (Bettina esce)

FELICE (A parte) Anca quest chi l’è scappà??

VITO - Ier sira, quel matt d’on Ambroeus al m’ha fai verament stremì de brutt. Quasi da ciapal a cortellà… gò no mollà on s’giaffon perché el cognossi da tanto temp, l’è on me amis e me pareva minga el cas, ma dopo gò cunta su el fatto so e ghe n’ho ditt quater come se dev. Inn minga scherz de faa

FELICE  - E se capiss. (A parte) O signor, adess se foo con quest chi? !

VITO - E inscì quel matt d’on Maggior se’l voreva da lu?

FELICE - E chi le sa?

VITO – Mi seri drè a specie che’l le sfiorava anca domà cont on did, che ghe spacavi el viorin in co. Lu el po no cred come son content d’avela incontrada… Donca mi sont pront… Ghe la fasevi pu a stà lì in quela pension, ona pensione di matt… tropp bordeleri.. tropp fastidi… mi go bisogn de quiete, de tranquillità … stamattina cittus muci,  intant che el direttor l’era al segond pian – dove ghè i matt pussè furios…

FELICE –  El so, el so, el so…

VITO – ho cattà su la me roba e son scappà…

FELICE – E l’ha faa benone

VITO – Donca a partom per Roma col treno di 11 e tre quart, arrivom ai sett or. E domeniga mattina incominciom a viaggiaa…  el prim concert el demm a Paris... se ghe ne par?

FELICE - Ah, sigura

VITO  -  Lu l’è pront?,l’ha già preparada la so valisa?

FELICE - Uh! Da stamattina, gò tuscoss in la me stanza. Che’l ma specia on poo in quel salott lì, al ved? Ades me vestissi e son subit da lu.

VITO – Che’l me faga minga specià  tanto. (Luigi esce e Felice lo chiude a chiave)

FELICE – Uh! Ghe la foo pù, ancamò on poo e morivi de paura..(aprendo la cesta) vedemm un po’ se l’ha robà cos’è… (estrae roba mangereccia)… Una merenda in grande stile…

DELFINA – (uscendo) Ma se l’è drè a faa cont quela roba lì in di mann? E dove l’ha catada?

FELICE – Quest però ghe le  do minga al direttor, el tegni mi…  (si bussa) Cittoì… specè lì! Fè no bordell per nagott… l’è pegg… Ho mandaa a ciamaa el direttor… se fe no i bravi quel lì l’è bon de bastonav tutti quanti

DELFINA – Ma Felice, se te set drè a dì? Verd on bott

FELICE – Come se son drè a dì? Te’l disi dopo… adess questa roba chi la metti de là

DELFINA – O mamma mia l’è diventà matt (Felice esce, Delfina rimane smarrita)

VITO – Ma scior marches perché el m’ha sarà su denter chi?

DELFINA –  T’è sarà su on omm in quela stanza?

AMBROGIO – Scior Felice, che’l verda su, ghe devi dì ona robba

DELFINA – E chi un alter omm? Mah!?  (esce)

SCENA VII

Felice, Maggiore, Voci f.c.

FELICE - Ho sistema tuttscos.  (Luigi e Ambrogio bussano alle porte) Citto, l’è drè a vegnì el commisari con duu carabinier.

MAGGIORE (f.c.)  El stà chi el scior marches Felice Cornabò?

BETTINA (f.c.) Siorsì, sior

MAGGIORE (f.c.) E alora secca no... mi podi andà denter quand l’è che voeuri

FELICE – Se senti cos’è?! Il Maggiore! Anca quest chi hann fai scappà. E adess come el si­stemi…?

MAGGIORE (Entrando) Ah! Eccola qua. Buongiorno, scior Felice Cornabò, el gabbia minga paura perché mi ho capì che lu l’è una carogna e perciò podi no duellà con lu, el me fa compassion. Ho savuu el so indirizz da un camerer e son vegnu chi a domandagh dove el stà de cà quell so amis che ier sera el parlava con lu, quel giornalista, quell'imbecil­le, che ‘l me voreva insegnaa l'educazion. Stamattina el s’è fa no vidè, l’è sparì del tutt. Se ‘l me dis dove el stà, mi voo a troval

FELICE – Che’l specia on attim, forsi l’è drè a parlà de quel giovinott che l’ha tacà lid con lu ier sira?

MAGGIORE -  Propi lu

FELICE – Ma varda ti el destin come l’è strano. Quell lì el dev vegnì scià chi per on affari, go propi on appuntament con lu  a mesdì in punt.

MAGGIORE –Possibil,  verament?

FELICE - Parola d'onore! Se lu el spetta on attim in quel salott lì, appena el riva le ciami

MAGGIORE - Nel salott?, e chi podi no spettaa?

FELICE - No, perché quell lì se ‘l se corg che lu l’è chi, el scappa.

MAGGIORE  - Ah, el ga reson

FELICE -  El favorissa de là

MAGGIORE - Alora, me raccomandi, come  le ved, .el me ciama

FELICE  - Senza dubbi, prego (Il Maggiore esce e Felice lo chiude a chiave). Che te podet morì d’on colp. Te me faa sudà frecc! Ma come, inn scappà tutti quanti ? (Tutti bussano alle porte)

VOCI (f.c.) Che’l derva scior Felice

FELICE Seh! Stee fresc! spetta, mo' ve foo sta’ citto subit, subit (suona un campanello).

SCENA VIII

Felice, Bettina, Delfina,

FELICE (Proseguendo ad alta voce la battuta di sopra, mentre Delfina esce e fa capolino) Chi l’ha sonà a la porta?, come?, el commissari?, che’l vegna avanti... carissim commisari, che’l se setta giò. Mi l’ho faia ciamà perché l’era mè dover... son sta obligà a ciamal, per forza. Chi lì chi a inn? Quatter carabinier? Bravo, l’ha fai ben. (Delfina e Bettina si guardano spaventate e fanno segno di meraviglia) Ma moveves minga, speccè l'ordin del commissari. Vera? Disi ben?

DELFINA (Avvicinandosi) Ma con chi te set adrè a parlà?

BETTINA Sior patron…

FELICE (A parte) Oh, mo chisti chi me ciapen per matt a mi…Citto… citto. El foo aposta. Chi, in sta cà chi,  ghè cinqu matt

BETTINA, DELFINA - Cinqu matt?

FELICE – Certissimament cert.  Inn scappà dal manicomi, ma mi son reussì a sarai denter chi… ghe no pericol!

SCENA IX

Bettina, Felice, Delfina, Maggiore, Adalgisa, Rosina, Luigi, AMBROGIO.

BRUNO – L’è permess?

FELICE – Oh scior direttor… prego, avanti…

BRUNO – Buongiorno, scior Felice se ghe stai, cosa el desidera da mi? Perché el m’ha mandà a ciamà inscì de pressa?

FELICE  - E me le domanda? L’ho mandada a ciamà perché lu el direttor l’è minga bon de fal…. Se la denunci  el menan in gattabuia, seduta stante…

BRUNO  - Ma che’l specia on poo Scior Felice,  se ‘l dis cos’è?, ma se l’è diventà matt?

FELICE – Già, mo el matt son mi. (Forte bussare da una delle porte) Un momen­t... Chi ghe el direttor.  Che’l se faga sentì, al vosa, fort

BRUNO – E perché devi vosà?

FELICE – Ma davvera el sa nammò nient? Ona bona part di so matt inn scappà e inn vegnuu fina a chi…

BRUNO  - E on'altra volta coi matt! Ma quali matt?

FELICE - Chi che inn denter la pension Delizia... l’Adalgisa Strepponi insema a la so tosa, el Maggior, quello che’l cred de vess l’Otello e Vito Strazio, el maester de musica.

BRUNO  - Ma chi lì inn minga matt, la voeur capì o no, chi lì in pussè san de lu.

FELICE - Possibil?

BRUNO - Possibilissim. Lu l’è minga andà in d’on manicomi. Quell là l’è on albergo e ona pension. Dervì  ‘sti port (Tutti aprono le porte)

MAGGIORE (Uscendo) Perché el m’ha sarà su in sta porta?

ADALGISA (Esce con Rosina) Che manera l’è mai questa?

VITO (Uscendo) Scior Felice, ma se’l voeur dì sta roba chi?

AMBROGIO - Perché el m’ha sarà  denter?

FELICE  - O cari i me sciori, domandi scusa, mi me credevi che serev tutti quanti matt.

TUTTI - Num? (ridendo) Ah, ah, questa chi l’è bella!

BRUNO  - Ma come l’ha poduu cred sta roba chi?

FELICE - Perché me l’ha ditt el Luis, el me nevod.

BRUNO  - So nevod?

FELICE  - Si, propi lu… el m’ha dì che quella l’era ona pension dove el gaveva denter quindes matt in cura. (tutti ridono)

DELFINA - Che imbroion

FELICE – El diseva che’l pagava desmila franc  all'ann de fitt.

DELFINA – Num emm pagà, d’accordi… Tutt quest el va ben, ma ti poeu perché te vorevet sposà la tosa de sta sciora?

FELICE   - Perché me l’ha domandà lee, e mi credendo che l’era matta ho minga vursu contradilla.

ADALGISA - El ringrazi (ironico), e intant el m’ha faa perd tutt sto temp.

FELICE – Mi son sposà, cara la me sciora, ecco chi la me donna

DELFINA - Reverissi

FELICE – Ma guarda tì che’l matocch d’on assasin se’l m’ha combinà… oh ma se’l ciapi…..

LUIGI (Entra di corsa) Zio, quest chi l’è el rest (A parte)… Inn tutti quanti chi?

FELICE  - Imbroion, svergognaa! Assasin e borich!! Emm discovert i to altaritt! Come te vedet, chì a ghe scià tutti i to matt!

DELFINA – asnon d’on asnon! Avanz de galera

FELICE – Oh ma se te ciapi te tiri giò la pell di oss.. (inseguimento ad libitum poi…)

LUIGI  -                       Fa passà per matt una persona sana

            L’è stà  da parte mia  un bell’impegno,

E anche se la vicenda l’era un po’ strana

Me la cavavi con destressa e con ingegno.

La sorte,  assecondando il mio disegno,

La me faseva navigà dentro gli inganni,

Ma il tropp l’è tropp e  ho trapassato  il segno,

Mandando  all’aria tutti i miei piani.

Le cose false passavano per buone,

Ma quand s’esagera l’ingegno el var nagott.

IL più furbo  diventa il più minchione

Ris’ciando de ciapà una man de bott.

Così, per avè toeu in gir el zio Felice

Son chi che scapi per salvà la pell

Me toccherà sudaa sette camicie

Adès che son rimasto senza un ghel. (gli attori escono)

E se stasera vi abbiamo divertito

Facendovi sorrider tuttavia

Il vostro applauso sarà da noi gradito

E chi lieto ognor vuol stare  

(tutti) che lo sia.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno