‘El fradell marell… ma minga tropp

Stampa questo copione

“VIV CUN DU FRADEI”

“EL FRADELL MARELL…..ma minga tropp” (storia familiare)

Commedia dialettale in due atti di Massimo Bardelli

TRAMA        Periferia di Milano (zona Giambellino) anni 50/60: due fratelli, scapoli, adottano la figlia della sorella che con il marito muore in un incidente stradale. Sorpresa finale.

SCENA          Fissa con due porte, una di ingresso e una di accesso alle camere e ai servizi;  una tenda dietro la quale si immagina ci sia il vano cucina; tavolo, 4 sedie, sofà e mobiletto tipo buffet.

PERSONAGGI       

                        PRIMO GHISLERI

Il fratello maggiore, scorbutico e introverso, quasi sempre in casa, uomo di chiesa; in casa è lui che provvede a tutto.

                        SECONDO GHISLERI

Il fratello minore, in tutto il contrario di Primo. 

                        SANDRA

La nipote, orfana, adottata dagli zii, fa la barista, si innamora di un giovane poco raccomandabile e senza lavoro; gli zii, in modo particolare Primo, sono contrari a tale situazione.

                        MODESTINO

Il classico bravo ragazzo, lavora in banca, frequenta la parrocchia, buon partito per lo zio Primo, Secondo non è dell’idea.

                        KATIA           amica di Sandra

                        EMY               amica di Sandra

                        GASTONE  e CLORINDA BELLOSGUARDO  

I cognati della mamma di Sandra che da sempre ostacolano l’adozione della nipote con i due zii.

Stesura originale Agosto 2010 – Revisione e correzione Agosto 2012

Atto 1°

SECONDO    (entra in scena affannato con due borse di spesa fatta al mercato e con l’ombrello inzuppato d’acqua) Ghe voreva anca l’acqua ! (mentre cerca di ricomporsi, pone l’ombrello, spesso si rivolge al pubblico) Trii pian de scal, i basei pussee alt del normal, dovarien vèss desdòtt centimetri invéci, chissà come mai, quèi de che la cà chì hinn vinticinch. I gàtt che te passen in mèzz ai gamb cont el ris’c de scapuscià e de fà ona tòma e, sù i ripianin i tòll de ruu che te impedissen el passagg ! Ma indoe pensen de viv ‘sti ballabiòtt de visin de cà ! (posa le borse sul tavolo) L’è minga finida. De nòtt te feet fadiga a ciappà sògn per el fracàss che fànn i tram. Par de vèss in piazza Peruchetti quand che passa i carr armaa a fà i manover ! Ròbb de matt ! Per fortùna che dòpo tanti ànn  sèmm abituaa. (si riprende e guarda i sacchetti della spesa) Ve par possìbil ona vita del gèner ? Tùcc i dì, devi, e sémper mì, andà a fà la spesa perché al scior, che saria poeù el mè fradèll, ghe pias nò andà foeùra de cà: (quasi inginocchiandosi con le mani giunte) lù el va domà in gésa ! Pòver òmm. Va bèn che in cà el fà tusscòss lù, però a mì me par che, disi nò sémper, ma almen ona quèi vòlta, el pòdaria anca lù alzà i ciapp e andà al mercaa….. El bèll l’è, che el me fa comprà sémper istèss ròbb, ma LU’ el dév dàmm la lista perché  el dis che mì gh’hoo niént in del coo, e che podaria desmentegà de comprà on quaicòss ….LU’, el cred de avègh a che fà cont on bamba ! Per fortùna ch’el se minga maridaa se de nò …..pòvera dòna. (mentre toglie dalle borse commenta)….Peveroni: deven avégh quàtter scìmm, se per caso ghe n’hann minga quàtter, apriti cielo; l’è bon de fà mi portà indree perché el dis che hinn minga quèi giust !  Gh’hann de vèss de  tutti i color: giald, ross, verd…come la bollètta. Parlem nò de l’insalàta: la dev vèss “la brasiliana”.  Almen el fùss véra che porti a cà ona bèlla (accenna alle forme del corpo) mulatta brasiliana.... Fenòcc: (ironico) …sèmm in sù la strada bòna. (scuotendo il capo) EH NO, GHE MANCARIA ANCA QUELLA !!! Fidegh de vitèll perché la Cicci, la nostra nevodina, la mangia delicaa. Coca-cola: la spuma nera l’è passàda de moda: adèss se bev la coca-cola ! Va bén dai, contentemela pòvera tosa: dopo tùtt quèll che l’ha passaa…Adèss, lassi chì tusscòss sù’l tavol e ch’el se rangia lù a sistema la ròba; tant, el gh’avaria de dì in tùtti i casi perché de sigura el trovarà on quèi còss foeùra de pòst. Donca, (finge di pensare) se foo stamattìna? Voo a dervì i finèster… ma domà de la mia stanza, s’intend…(ed esce verso le camere).

PRIMO          (entra dall’ingresso furibondo) Guarda tì, se pò andà avanti inscì ? Tùtti i dì che ha creà el Signor quèsta chì desora (tono alto, polemico, indica l’inquilina del piano superiore), la sciora PINETTA, la gh’ha de distend i pàgn, e no domà quand gh’è serén, nooo, anca quand pioeuv, come incoeù ! Gh’è sémper de fà question  perché lee, la gh’ha de dà’gh la storgiùda in sù’l poggioeù, minga in del sidèll come fann i persònn normài e inscì par che ghe sia sémper el diluvio universal ! Parlèmm nò de quand la salta foeùra a dì: (imitando con disprezzo la voce) “POSSIBIL CHE SU’L VOSTER POGGIOEU’ GHE SIA SEMPER DISTENDUU MUDANDINN, CORSETT, GIARETTER. PAR DE VESS A LA FERA DE L’INTIMO.  BELLA REPUTAZION PER EL CASEGGIAA”… Dato che mì, e credi ch’el sia on erit, sont minga bon de tasè, ghe rispondi, sémper con la dovuta educazione come m’hann insegnaa i mè gént: “EI, BELLA DEDRÈE, LA NOSTRA NEVODA LA GH’HA NO’ I MUDAND DE PALPIGNANA DE DISTEND E LA GH’HA ANCA UN SENO, (cambiamento di voce, rivolto al pubblico) che l’è nò per dì, BONDANT E QUINDI GH’HINN ANCA I REGGIPETT ! PURTROPP PER LEE SCIORA PINETTA !” Quèlla lì l’è invidiosa perché la po’ mètt foeùra niént de che la ròba lì. Ah, ma mì, on quèi dì, la strangoli: ne pòdi propri pù ! (si calma) Dai Primo, lassa pèrd, non vale la pena di scendere così in basso (guardando in alto). In fin de la fera el Signor l’ha creaa  chi elemént chì per fà   stà on poo mal quèi che stà on poo tròpp bén. (si infervora di nuovo) A, ma se domènega la me vén arent quand gh’è de ciappà la comunion, gh’è doo ona ruzàda che la casci in fond a la gésa ! Donca, vedèmm se l’ha portaa a cà quèll gràss de ròst del mè fradèll. (prende in mano la spesa) Peveroni, insalàta, fidegh, coca-cola. El pan mein indoe l’é ? I dò michètt indoe hinn ? El vin indoe l’é ??? E sì che ghe l’avevi scritt !  Ma indoe el gh’ha el coo ! L’è assee parlà’gh de l’insalàta brasiliana per mettè’l in crisi: el pensa subit alla brasilera …Pòvera nùmm. (implorando) Signor, fa tì on quaicòss  perché mì, hoo perduu ogni speranza ! Primo, lassa pèrd e pensa ai ròbb seri, a la nostra nevoda, per esempi. (si rivolge al pubblico) Hinn vint ànn che la viv chì, con nùmm, de quand la mia pòvera sorèlla e’l sò òmm hinn mort in on ncident stradal. Nùmm, mì el Secondo, sèmm premuraa de adottà la contra el parer di cugnaa de la nòstra sorèlla. Per che la storia chì, sèmm sémper sòtta a questionà ….. ma, fin adèss, èmm vinciuu nùmm. Che prospettiv la gh’avaria avuu la Cicci a viv con lor ? Lee la fa nagòtta e lù, quand fa né tròpp cald né tròpp frecc, e quindi quasi mai, el va al verzee a scaregà i casètt; de portogài al mes de agost e de galfioni al mes de dicémber. Quindi, giudichee vialter…Se non alter mì e’l mè fradèll gh’èmm la pension. L’è minga per dì, ma tùtti e duu èmm sémper laoraa a l’azienda tranviaria. Mì fasevi l’autista sù la novanta invéci el mè fradèll el faseva el manetta in sù’l desnoeùv. Me ricordi che quand seri in piazza Napoli guardavi vèrs el Giambellin e vedevi che la cà chì che, allora, l’era quasi l’ultima. El mè fradèll, invéci, quand el rivava in piazza Negrelli, el guardava de là del navili e’l vedeva la nòstra pòvera màma che, quand gh’era bèll témp, la se settàva in sù’l poggioeù a fà la maia. (compiacendosi) Che bèi témpi. Anca el nòster pàder el laorava a l’atiemme e anca el nòster nòno. (rimarcandolo) I Ghisleri hann sémper laoraa. Che la cà chì la conoss minga la fiacca, anzi. Parlando di duu rantegh, i co-cugnaa tant per intendess, passa nò stagion se ghe toeùven minga el fiaa per tornà  a la carica e vedè de menàgh via la nevoda e minga domà lee, soratùtt, hinn interessa ai nòster pension, alter che bàll ! (fa il gesto delle corna e si tocca le palle, nel mentre entra Secondo) ….TOO !!!! 

SECONDO    Se  te seet adree a fà ?! Un puritano come tì, domà cà e gésa, el fa chi gèst lì !?

PRIMO          Seri adree a fà di considerazion sù i alter zii de la Sandra. (cambiando tono) A propòsit de quèll che t’hee portaa a cà: el vin indoe l’è ? El pan indoe l’è ? El pan mein per la Cicci indoe l’è ? Ti hee lassaa in Brasil con la brasilera ? A ‘sta pòvera tosa, se ghe dèmm de colazion  ?!

SECONDO    …il nostro affetto. Bamba, va tì a fà la spesa invéci de stà a cà  bèll quiètt ad “ASPETTARE CHE LO SCHIAVO” el torna dal mercaa, cargaa come on asin !. E poo, t’el seet ? Ciappi l’occasion per tornà foeùra e stà minga chì a guardà in faccia on gràss de ròst come tì !

PRIMO          Ah, mì, saria on gràss de ròst ?! E tì, t’el seet se te seet ? Ti te seet on FANIGUTTON, e ritegness fortunaa del titol domà perché te seet el mè fradèll ! Sangue dello stesso sangue ! E poo: SCHIAVO DE COSA ! La spesa l’è l’unica ròba che te feet. El rèst de la giornada te’l passet a trasà el témp andando avanti e indree, da la cà al tabacchee, a bév e giugà a cart… e speri nò d’azzard !

SECONDO    Punto primo: mi almen voo anca avanti, tì, invéci, te veet domà indree ! Punto secondo: pensa ai tò de affari ! Fin adèss de danee, n’hoo trà via….quasi minga.

SANDRA                  (entra dalla porta delle camere e bacia lo zio Primo) Buongiorno zio. (si avvicina a Secondo e lo bacia) Buongiorno zietto, cosa avete da brontolare ?

PRIMO          (ironico indica Secondo ) Il tuo zietto si è desmentegato di comperare il pane di miglio e inscì, te gh’avareet nò la solita colazion…

.

SECONDO                (a Sandra) Nani, se te gh’hee on àttim de pazienza (guardando Primo) “il tuo zietto” el fà ona scappàda in del prestinee a comprà t’el.

PRIMO          ….inscì aumenten i occasion de pirlonà de chì e de là !

SECONDO    (alza il braccio in segno di mandare a quel paese il fratello) …el foo (rivolto a Sandra) per tì e non per fà on piasè a quèll rognos (rivolto a Primo) lì !

SANDRA                  No zio, non disturbarti, non ho troppa fame. Ieri sera ho mangiato più del solito. A fine lavoro è venuto a trovarmi Carmine e mi ha portato a mangiare un panino con la mortadella.

PRIMO          Bèlla sèna ! Insèma a la mortadèlla, el t’ha minga insubii anca ona quèi fetta de coppa ?

SECONDO    Te vorevet che la fasess on’indigestion ?!

SANDRA      No, no, solo mortadella. Come spesso accade, ancora una volta, ho dovuto pagare io, lui, purtroppo, non ha un lavoro fisso; solo ogni tanto lo chiamano per qualche consulenza.

PRIMO          Con chì el se consulta ? Con quèi a bollètta come lù ?

SECONDO    (al fratello) Te vedaret che on dì el se farà la sua strada e allora, (a Sandra) le porte dei migliori ristoranti si apriranno davanti a te.

PRIMO          Sperèmm ch’el sia minga el ristorant de San Vittor ! (serio) Sandra, tì t’el seet come te voeurom bén. Mì, el tò zio, se sèmm sacrificaa per tì e l’èmm faa, sèmm adree a fà’l e seguitarèmm a fà’l, pussee che volontéra. Come saria bèll vedè’t maridada a on  fioeù divérs, quèll lì l’è on slandron ….. Lass’el pérd, fà’t minga strià dai sò giavanad…l’è on strapelaa…La vita l’è domà voeuna e la va spenduda bén.

SECONDO    L’era la predica de domènica passàda ? Sì, lù (indicando Primo) el gh’ha minga tùtti i tòrt; mì sont persuas che te seet lassada infatoà de ch’el tìzzi lì per el sò comportamént on bèll poo divérs de quèll di sòlit giovin. A mì, me par ch’el faga on poo tròpp el ganàssa e tì, te speret sémper che on dì, fòrsi, el podaria cambià, in mèj s’intend. Tì, te me feet vegnì in mént la tua pòvera màma sémper disposta a dà a trà a la gént perché lee l’era bona de capì e la gh’aveva sémper ona bona paròla per tùcc. Anca con mì che sont sémper staa un poo… allégher, soratùtt cont i tòsann; a l’incontrari (indicando Primo) de quèll tòssich lì.

SANDRA                  Capisco le vostre preoccupazioni, però io voglio veramente bene a Carmine e sono sicura che prima o poi cambierà. Forse (timidamente), se ve lo presentassi, magari conoscendovi …. si convincerebbe prima a cambiare il suo stile di vita.

PRIMO/SECONDO    (contemporaneamente e mettendosi le mani tra i capelli) PER   L’AMOR D’UN SIGNOR ! PER ADESS L’E’ MINGA EL CAS ! MAGARI…VEDAREMM   IN  SEGUIT   !!!!

MODESTINO      (bussa e da fuori) E’ permesso ???

PRIMO          (si avvicina alla porta) Chi l’è ?

MODESTINO   (dall’esterno)  Sono Modestino.

PRIMO          Avanti.

MODESTINO   (entra) Buongiorno signor Primo (da la mano),  buongiorno signor Secondo (da la mano),  ciao Sandra.

SECONDO    Per fortùna che sèmm domà in duu, se serom in dodes come i Apòstol, a mezzdì te seret ancamò adree a saludà ! Te disevet “buongiorno”, guardando in faccia a tùtti, e t’avariet faa istèss la toa bèlla figura. Te par ?

PRIMO          (a Secondo, brusco) Tì, te gh’hee sémper de mètt dénter el bècch per rend difficil i ròbb sémpliz. (cambia atteggiamento) Ciao Modestino, tùtt bén ???

SANDRA      (guarda l’orologio) Oh, si è fatto tardi. Scusatemi ma devo andare al lavoro. Ciao a tutti. (esce)

MODESTINO   (rivolto a Primo) Ma lavora anche il sabato ?

PRIMO          E, sì, purtròpp…..l’è minga fortunàda come tì che te laoret in banca. Come mai te seet vegnuu chì ?

MODESTINO   Mi manda Don Prosperoso a…. (interviene Secondo)

SECONDO    (facendo un segno di scherno con le braccia) …hoo capi, quèll màgher.

PRIMO          (bruscamente) …ma lass’el parlà ?! Continua pur Modestino, quèll  barlafus lì puttòst de fà citto ….

MODESTINO   Stavo dicendo che mi manda Don Prosperoso, ho qui l’invito (che porge a Primo) alla conferenza che si terrà la prossima settimana.

PRIMO          (Primo prende il foglio e legge) …”sabato dopo la messa vespertina ci incontreremo nella sala dei redenti per la conferenza che si terrà sul tema  “Il ruolo dei coniugi in famiglia”. Intervervenite numerosi. Raccomando la massima puntualità. Il Gruppo Famiglie. Firmato Don Prosperoso”.

MODESTINO   Don Prosperoso conta molto sulla vostra presenza.

SECONDO    (ironico) Modestino, dàmm a trà on momént, second tì, mì el Primo in quale veste dovarioum partecipà ?! A tì, te par che nùmm duu sèmm coniugi ? Fòrsi on dì, sperèmm el pussee lontan possìbil, causa de la mudazion del gèner uman, i ròbb cambiarann, ma per adèss mì sont mì, e lù (indicando Primo) l’è LU’ !!!

PRIMO          Te l’hoo giamò dii, tì te gh’hee sémper de cercà el guggin in del pajee. La nòstra partecipazion l’è minga vìsta in di tèrmin come te penset tì. L’è vìsta come educatori de la nostra nevoda: bamba ! El soo anca mì, che mì sont mì e tì te seet tì ! (alza gli occhi al cielo implorando) Màma, te par nò d’ avè faa on poo de confusion quand t’hee pensaa quèst chì ???

SECONDO    (sfottente) Certamént che la nostra màma l’intelligenza, l’ha consumada tùtta per tì. Mì, disevi inscì minga  per nùmm, ma per i alter: NON SI SA MAI ! Ad ogni modo, se tì (a Primo) te voeuret andà… va pur, mì vegni nò ! L’odor di candil el me fa vegnì la grattiroeùla. Ve saludi (esce di casa).

PRIMO          Modestino, offendes nò, t’el conosset anca tì, lù l’è faa inscì. (con fare intrigante) Modestino, vìst che gh’è in cà nissun, voeuri domandà’t ona ròba molto ma molto  riservata. Se te voeuret,  te pòdet anca decid, come se dis in tribunal, “DELLA FACOLTA’ DI NON RISPONDERE”. (tergiversa qualche attimo) Tì, te gh’hee la morosa ?

MODESTINO   Scior Primo, a vun come lù rispondi volontéra. No, scior Primo, io (con fare di vergogna)  non conosco donna. La mia màma la m’ha sémper tegnuu taccaa ai sòcch nel senso che la m’ha sémper compagnaa a l’asilo e a scòla fin a la quarta liceo. Dòpo l’ha poduu pù perché l’è restada vèdova e la m’ha mandaa in collég a Vidigulf.

PRIMO          E quand te seet vegnuu a cà del collég ?

MODESTINO   Quand sont vegnuu a cà….hoo minga faa el militar perché seri figlio unico di madre vedova e anca perché (sorridendo) …el Don Prosperoso el gh’ha mìss ona bona paròla per fà m’el minga fà. Hoo faa, anca, on cors de perfezionamént in computisteria….

PRIMO          ….allora te seet on ragionàtt ?

MODESTINO   (impacciato) …quasi. (breve pausa) Dòpo, sont andaa a laorà in banca. Anca chì (sorridendo) …..el Don Prosperoso el gh’ha mìss el sò sciampin …….(ride).

PRIMO          Ma, te gh’hee mai avuu la voeùja de avègh ona morosa ?

MODESTINO   Sì, sì, mì gh’avaria la voeùja, ma, el sa, con la mia timidezza …….foo fadiga a taccà botton cont i tòsann…

PRIMO          Già, la timidezza l’è ona brùtta ròba che pian pianin se pò risòlv. A tì, (tra se e se) come pòdi dì gh’el ? A tì, te piasaria frequentà la mia nevoda ?

MODESTINO   (quasi interrompendo) Oh sì, sì, certamént che me piasaria …..eeee…. la mia màma la sarìa propri, ma propri, conténta.

PRIMO          (battendo la mano sulla spalla di Modestino) ……ecco, anca mì saria contént. L’è de tanto témp che ghe pensi sora e me piasaria che on bràvo fioeù, come tì, el …..  (riprendendosi) Ma se sont adree a dì ….. L’è on argomént inscì delicaa che voraria minga dì on quaicòss foeùra de pòst.  Non vorrei essere troppo invadente e fà dì ròbb sbagliaa. …..Fòrsi l’è mèj rimandà ch’el discòrs chì e….Me raccomandi Modestino, de che la ròba chì, per adèss, nùmm èmm minga parlaa. Intesi ?  (Modestino acconsente con cenno del capo) Vedremo se in futuro, magari, come se usa dì: SE SARANNO ROSE…..

MODESTINO   (interviene con entusiasmo)…SFIORIRANNO….

PRIMO            …fioriranno, Modestino, fioriranno. NON SFIORIRANNO ! Comunque, a propòsit de la conferenza pensi de vegnì se non alter per capì se disen quèi che hinn coniugi.

MODESTINO   Grazie scior Primo. Per quèll che riguarda la conferenza riferirò a Don Prosperoso. Per quanto riguarda invéci la Sandra....(nel mentre  Secondo entra dall’ingresso)  sperèmm…….in di fior.  Arrivederci. (esce)

SECONDO    (al fratello)  Tì ! Se l’era adree a dì quèll lì ? El parlava de la Sandra, véra ? A quèll lì ghe  piasaria la nostra nevoda, véra ? Dolza l’ùga. Inscì trovà’n de tòsann come la Cicci. Tegna a mént se te disi: voeuri nanca lontanamént  immaginà de avegh tra i bàll quèll lifròcch lì. Mi sono spiegato bene ?

PRIMO          Perchè, se te gh’avariet de dì de quèll fioeù lì ?

SECONDO    CHE L’E’ UN LIFROCCH !!!

PRIMO          INVECI L’E’ UN BRAVO FIOEU’ ! El gh’ha on impiégh sicur in banca, buona famiglia ……

SECONDO    (incalza)…el va in gésa

PRIMO          …..e allora ? Se gh’è se’l va in gésa ? Gh’è on quaicòss de mal ? Ateo ! Tì, te seet on ateo ! Ecco se te seet !!!

SECONDO    Second tì, quèll lì, el sa de che part se comincia a stà adree a ona tosa ?! S’intend minga a voeuna qualsiasi, ma a ona bèlla tosa come la Cicci ?.

PRIMO          El vegnarà a imparà de tì che te seet andaa foeùra nò de cà nanca a dà’t el sfratto !

SECONDO    Bèll fioeù, guarda che mì soo tusscòss di dònn….

PRIMO          Guarda che mì avaria poduu dervì on mercaa de tòsann ! L’hoo minga faa per stà visin a la nòstra pòvera màma. Tì invéci ….

SECONDO    … MI’  INVECI ???  Se te vorariet dì  cont el “tì invéci” !

PRIMO          … t’hee sémper faa el gandolla e trasaa el témp con la speranza de trovà la cenerentola….

SECONDO        …..e invéci, come on orlocch, hoo incontraa il “gatto con gli stivali” che te sariet poeù tì ! (bussano alla porta)

PRIMO                      Chi l’è ?

(voce dall’esterno)      sono il postino, lascio un telegramma indirizzato ai signori Primo e Secondo

Ghisleri…

SECONDO    ….un telegramma ? de chì el sarà ?

PRIMO          Invéci de stà lì impalaa come on merlùzz a cinquantà, va foeùra a cattà’l sù inscì savarèmm da che part el riva …

SECONDO    Agli ordini scior padron (esce).

PRIMO          (tra il curioso e il preoccupato) …chi sarà mai che manda on telegramma, incoeù, che l’è sàbet !

SECONDO    (entrando) …ecco il telegramma.

PRIMO          Chi l’è che l’ha mandaa ?

SECONDO    (gira il biglietto) Clorinda e Gastone BELLOSGUARDO.

PRIMO          Chi hinn ?

SECONDO    Fradèll, t’hee perduu la memoria ? Hinn i cugnaa de la nòstra pòvera sorèlla.

PRIMO          Già, già, ghi avevi pù a mént. E se gh’è scritt ?

SECONDO    Calma ! El témp de dervì la busta. (apre)

PRIMO          E se l’è che voeuren ??!!

SECONDO    T’hoo dii calma ! El témp de lég !

PRIMO          Allora ? Quant témp ghe voeur per savè on quaicòss ?

SECONDO    Calma e gèss e fa’m minga girà i  ….., se de nò t’el léggi pù e te se rangett, va bén inscì ?!

PRIMO          …va bén, va bén. L’è minga el cas de agitass in quèlla manera lì. In fin de la féra  t’hoo domà domandaa de lég.

SECONDO    Questa sì che l’è bèlla, adèss saria mì, quèll sfollarmaa. Che coràgg…  (legge ad alta voce) “CHIEDIAMO INCONTRO PER DEFINIRE VOSTRA INOPPORTUNA ADOZIONE DI NOSTRA NIPOTE SANDRA. ATTENDIAMO COMUNICAZIONE DATA NEL PIU’ BREVE TEMPO POSSIBILE ONDE EVITARE AZIONE LEGALE PER SEQUESTRO DI PERSONA”. FIRMATO FAMIGLIA BELLOSGUARDO. (tace)

PRIMO          T’hee finii de lég ?

SECONDO    Finito.

PRIMO          Te seet sicur d’avè léggiuu bén ?

SECONDO    Pensi propri de (muove la testa in segno di assenso) sì……….

PRIMO          (con rabbia) Mì, chì duu lì, on quèi dì…… LI   SOFFEGO !!! Con quale baldanza se permetten de scriv ona ròba del gèner ! (prendendo il telegramma dalle mani di Secondo e ripetendo) INOPPORTUNA ADOZIONE ! ( a Secondo) Te capisset: INOPPORTUNA ADOZIONE  !

SECONDO    Se ved che non essendo noi “una famiglia” ghe ritegnen inopportuni a adottà la Sandra e de conseguenza sèmm minga bon de tirà sù ona tosa come se dev.

PRIMO          Come al sòlit tì te cerchet de ignorà i fatti. A chi duu lì gh’interessa on bèl nagòtt de come tirum sù la Sandra: gh’interessa i NOSTER PENSION !!!

SECONDO    Finissela de dì che la stupidata lì ! Te credet che mi saria contènt de vedè la nòstra nevoda andà in di man de chi duu tòssich lì ? Come te ghe voeuret bén tì a la Sandra, ghe voeuri bén anca mì. Te credet che saria contènt, dòpo vint ànn, de vedè la Sandra andà foeùra de cà per andà a stà con chi tìzzi lì ??? (con tono commosso) Pensa se te disi: RICORDATI BENE ! Me faria mén dispiasè vedèla maridada con ch’el tira tardi e pòcch de bon che la ghe va insèma ! Pensa, se te disi !

PRIMO          (rilegge rivolgendosi a Secondo indicando il telegramma) … ma, te se rendet cunt…. ”inopportuna adozione”.Secondo, queste sono intimidazioni belle e buone, bisogna che se organizzom e fà foeùra la question ona vòlta per sémper…..Mì sont stuff de dovè, ogni duu per trii,  vèss tiraa in bàll e fà’m vegnì el mal de fidegh per che la ròba chì…..Ciappom on avocàtt e se ne parla pù !

SECONDO    Calma, calma cont i avocàtt. Va a finì che cont i témp de la giustizia, finissom in sù l’assa prìma nùmm, e la Sandra la fa in témp a diventà nona.

PRIMO          E allora ? Sentèmm, (si siede) se te proponet !?

SECONDO    Sont d’accord con tì che gh’èmm nò de dà ghela vinta e che lotteremo fino alla morte. Ma te par nò che, fòrsi, saria el cas de sentii anca el parer de la Sandra ?

PRIMO          Tira man….la Sandra l’èmm tirada sù nùmm e la andarà via de chì domà el dì che la se maridarà ! Anzi, se la voeur, la pò anca stà chì cont el sò òmm. El sit el gh’è !

SECONDO    (dubbioso sulla proposta di primo)Se te seet adree a dì. Indoe l’è el sit ? In su’l soree ?

PRIMO          Sont adree a dì che nùmm, invéci de occupà dò stanz, pòdum benissim stà in voeuna…..

SECONDO    (infervorato) Tì te seet malaa in del coo ! L’è minga assee strénges, gh’avaroo de sentì’t ronfà come on viorun ! Non se ne parla nemmeno, assolutamente NO !

PRIMO          …sì, sì va bén. Fòrsi la Cicci, magari, la voeur stà in ona cà tùtta sua.

SECONDO    Ecco, bràvo te comincet a ragionà anca perché la Cicci l’è pù ona tosetta, la gh’ha vinticinq ànn, è maggiorenne e quindi la pò decid el sò destin quand la voeur lee e nò quand t’el decidet tì. ! Ricordet che te gh’hee nò a che fà cont el ….. (remissivo) Modestino. In di vènn de la Cicci scorre sangue GHISLERI (rivolto al pubblico) e prìma de tùtt el mè….

PRIMO          Perché, mì come me ciami ?

SECONDO    Ghisleri, ma el tò l’è de on’altra qualità…el tò l’è mesciaa con l’acqua.

PRIMO          Va bén, fèmm come te diset tì. Per adèss pensèmm nò. Ne parlarèmm pussee tardi. (piega il telegramma nervosamente e lo ripone in un cassetto) Voo a riposà on momént. (esce verso le camere)

SECONDO    Certi vòlt el me fà veramént compassion. Bisogna capì’l, lù el s’è dedicaa ai ròbb de cà; se fuss per mì, chì ghe saria on allevamént de pùres. Lù el gh’ha la Sandra in del coeùr come se la fuss la sua tosa. Dovaria trattà’l diversamént, dimostrà’gh in manera pussee evidént el bén che ghe voeuri…..No, no le mèj andà avanti inscì; mì el conossi bén, quèll lì dòpo el se da, ancamò, pussee importanza. (anche lui esce verso le camere).

SANDRA      (entra con due amiche) Venite, venite; gli zii devono essere andati a riposare. Accomodatevi.

EMY              Certo che tu Sandra sei fortunata.

SANDRA      Perché dici così ?

EMY              Perché i tuoi zii si comportano da genitori senza essere dei rompi ….

KATIA          Vero, anche i miei sono veramente un peso (sbuffando). Non faccio in tempo a prepararmi per uscire che subito mi assillano: a che ora torni, non fare tardi, dove vai, con chi vai ……che barba…...

SANDRA      Non credo di essere così tanto fortunata come dite voi. La mancanza dei genitori si sente. I miei zii fanno di tutto per trattarmi bene, starmi vicino, però …….

EMY              (quasi sottovoce, guardandosi in giro) Lo sanno di Carmine ?

KATIA          …e cosa ne pensano ?

SANDRA      Sanno e non sanno. Ho tentato di parlargliene varie volte. Anche oggi, …..però ho constatato che quando affronto questo discorso …sono poco propensi ad ascoltarmi e cambiano argomento immediatamente, soprattutto lo zio Primo.

EMY              Cosa vuoi, nella loro situazione non potranno mai capire….

KATIA          …hai ragione Emy, non essendosi sposati cosa vuoi che sappiano. Non potranno mai capire cosa significhi innamorarsi, realizzarsi con il matrimonio e avere dei figli che, in fin dei conti, sono le cose più naturali che ci siano.                  

SANDRA      Guardate che vi sbagliate di grosso, se non si sono sposati ci sono dei validi motivi.

EMY              E quali sarebbero ?

SANDRA      Lo zio Primo ha avuto una grossa delusione d’amore.

KATIA          Così ti avrà detto lui per giustificarsi. Tu, ci credi ?

SANDRA      Certo che ci credo, ci mancherebbe. Lo zio Secondo, invece, ha avuto problemi di salute per cui ha ritenuto di non impegnarsi a formare una famiglia. Comunque non preoccupatevi perché da voci attendibili, mi risulta che di scappatelle ne ha fatte e, anche adesso, non si lascia mancare di far visita a un’amica di vecchia data.

EMY-KATIA   (contemporaneamente) …..credulona, questo è quello che ti raccontano loro.

SANDRA      Conoscendoli, non credo che gli zii mi abbiano mentito.

EMY              Secondo me soffrono di gelosia e quindi non accettano che tu possa pensare di lasciarli soli.

KATIA          Anch’io la penso così. Non ti vogliono perdere e quindi cercano di ostacolare il tuo futuro.

SANDRA      Non credo sia come dite voi perché quando, a dire il vero molto raramente, si va sul discorso riguardante Carmine, si rendono conto che non potrò restare qui per sempre e che presto o tardi lascerò questa casa per formare la mia famiglia. Certo che quel giorno sarà per loro uno dei giorni più tristi e non tanto per il matrimonio quanto per il fatto che da quel momento resteranno soli e si sentiranno inutili. Mi rendo perfettamente conto di essere la ragione principale della loro esistenza.

EMY              Si, però, non puoi tirarla tanto per le lunghe. Lo conosci Carmine; quello con il suo carattere non è tanto disposto ad aspettare anzi, potrebbe commettere qualche sproposito.

KATIA          Dai, deciditi a fare il passo. Tolto il dente, tolto il dolore.

SANDRA      Si, penso che non abbiate tutti i torti. Purtroppo mi rendo conto che parlandogliene, sarà per loro un grosso dispiacere. D’altra parte… 

SECONDO    (rientra dalla porta delle camere) Oeù ! Guarda che bèlla gioventù.

KATIA-EMY   Oh, buon giorno signor Secondo. (stanno per alzarsi)

SECONDO    ……no, no. Stii pur settaa giò. (a Sandra) Te gh’hee insubii nò on quaicòss de bév?

SANDRA      Gliel’ho chiesto ma mi hanno detto che non vogliono niente. Sono venute a prendermi perché andiamo a ballare.

SECONDO    Vii a ballà ? Se gh’avevi trent’ànn de mén….. te compagnavi mì, a ballà. Adèss me tocca ballà cont el ……..(ironico) tò zio.

SANDRA      Dai zio, raccontala giusta che quando eri più giovane….non ti sei lasciato mancare niente.

SECONDO               Già, a sò témp ….Adèss sont (ironico) … a dieta cioè (alzando una mano, ridendo) su  DI-ETA’….

KATIA          Quando Sandra parla di lei ci racconta sempre delle sue numerose avventure, e …….ne abbiamo sapute (tono allegro) delle belle !

SECONDO    L’è propri véra. Per fortùna che ogni tant intervegnéva la mia pòvera sorèlla, cioè la màma de la Sandra, se de nò in de che la cà chì, cont el via vai che gh’era, ghe saria voruu on ghisa a dirig el tràffich .

EMY              Ma come mai non ha pensato di sposarsi ?

SECONDO    Gh’hoo pensaa, alter che se gh’hoo pensaa. Hinn diversi i motiv per cui ….hoo sémper… rimandaa. Prìma de tùtt hoo sémper avuu el rimors de piantà  chì el mè fradèll deperlù. Anca se fòrsi, considerando l’element, saria staa mèj andà foeùra di  bàll. Probabilmente non ero portato a una vita coniugale anca perché dénter de mì ha sempre prevalso (dimostrando orgoglio) il “mio spirito libero”. Purtròpp, quand gh’è finii el spirit, me sont accòrt de vèss tròpp vègg per maridà’m e inscì me sont trovaa…. (tono dimesso con ironia) “schiavo di mio fratello” !

KATIA          Sarebbe bastato trovare una donna non più tanto giovane e …..

SECONDO    I dònn “non più tanto giovani”, come te diset tì, se hinn liber, l’è perché hinn vèdov e se hinn minga vèdov l’è perché hann minga trovaa indoe taccass (allusivo). Te me capiset ? (entra Primo che si ferma sulla porta e  ascolta) E poeù, te se immaginet a portà in cà ona vèdova ? Guai a Dio !

PRIMO          Sì,  la te manca propri….

SECONDO    Chì ???

PRMO           La vedova nera ! Te seet adree a inciocchì de stupidad chi pòver tòsann chì ?

EMY              Ma no signor Primo, lo stiamo ascoltando molto volentieri. E’ sempre interessante sentire queste storie, somigliano molto alle favole che mi raccontava la mia nonna quando ero una bambina.

PRIMO          Sì, te gh’hee reson, in propri panzànegh, soratùtt quand el parla de la sua gioventù !

SECONDO    Tira man pù. Cunta sù  la tua de storia e vedèmm quant l’è interessanta !

SANDRA      (con decisione) Non iniziate a brontolare come vostro solito, almeno quando ci sono le mie amiche. Adesso noi usciamo, ci vediamo più tardi. Ciao a tutti e due e mi raccomando. Intesi ? (Primo e Secondo fanno un cenno di consenso con il capo).

KATIA-EMY   Arrivederci.

PRIMO          Sandra me raccomandi, vègn minga a cà prèst, cioè dopo la voeuna; vègn pur a cà tardi: prima di dodes…. (le tre escono).

SECONDO    (ironico) Se non ti spiace, esco anch’io.

PRIMO          Indoe te veet, ancamò ?

SECONDO    L’è la mia “ora d’aria.”

PRIMO          Sì, hoo capii: l’aria del tabacchee !

SECONDO    Se t’interessa, voo nò in del tabacchee.

PRIMO          A no ? E, indoe te veet ?

SECONDO    Voo a fà on gir, voo…. al cimiteri.

PRIMO          (sorpreso) Al cimiteri ???!!!

SECONDO    Sì, perché, pòdi nò andà al cimiteri ?

PRIMO          Certo che te pòdet andà al cimiteri. Scusa ma, adèss, se te veet a fà al cimiteri ? A che l’ora chì l’è saraa.

SECONDO    A che l’ora chì pò dàss che ghe sia in gir ona quèi vèdovella e se sa mai….e poeù voo adèss perché, come te diset tì, l’è saraa; s’el fuss avert,  magari, (fingendo commozione) me tegnen dénter e mi voeuri nò lassà’t depertì. Fratellino mio…..

PRIMO          In cerca della vèdovella: pirla dò vòlt ! Al cimiteri te sariet in compagnia de gént che te conosset e mèj di sòlit barlafus e fanigottoni  che trà via el témp a l’osteria. Fratellino mio….

SECONDO    (uscendo e con ironia)  Non preoccuparti che ritorno. Non voglio lasciarti solo.

PRIMO          ….speri bén.

SECONDO    Te me diset nò de vegnì a cà prèst ? (esce)

PRIMO          (scuote il capo) Mì, certi vòlt riessi minga a capì’l. Soo nò se vèss invidios del sò comportamént o se dà’gh ona canelada in sù’l coo. Però gh’è un fatto, el gh’ha on coeùr …….Me resta sémper el dùbbi: l’ha scerniì de viv inscì per comodità o perché ghe dispias de lassà’m chì depermì ? El me sfrutta o el gh’ha veramént, compassion de mì ? (si chiude il sipario)

Fine  1° atto

Atto 2°

PRIMO          (già in scena con il giornale in mano) E sì che gh’el disi sémper, compra nò la prìma edizion de La Notte, gh’è sù pòcch o niént; compra la seconda che la riporta i ultimissim. Ma gh’è niént de fà, l’è gnùcch; s’el fuss minga el mè fradèll chissà quanti vòlt gh’avaria giamò s’ceppaa el coo.

SECONDO    (entra) Ciao fratellone. Quand t’hee finii de lég, te me’l deet che inscì me istruissi anca mì ? (ironico) Non vorrei essere da meno del mio sapiente fratello.

PRIMO          (con decisione) Sapiente ! Quanti vòlt gh’hoo de dì che te devet comprà la seconda edizion ?! Chì, gh’è scritt on bèll nagòtt de quèll che gh’è succèss.

SECONDO    Se te voeuret savè quèll che gh’è succèss al Serafin gh’è minga bisògn de trà via i danee a comprà el giornal. Te m’el domandet, e mì t’el disi. Mì, soo tusscòss.

PRIMO          Già, tì te gh’heet i gainàtt che te tegnen informaa. Daj, sentèmm la notizia, direttamént (indicando Secondo) da la gazzetta de l’osteria !.

SECONDO    Fà nò el spiritos ! La notizia l’è che s’hinn ciappaa a bòtt.

PRIMO          Tùtt chì ? L’è nò che, per caso, el nòster co-cugnaa l’ha ciappaa, per caso s’intend, la sua razion de tarellad ?

SECONDO    Nò, purtròpp, nò. Almen inscì el m’ha dii el Pepin, quèll ch’el gh’ha  el fradèll che laora al verzee.

PRIMO          Ma perché hann taccaa lit ?

SECONDO    Eh, chì vén el bèll !

PRIMO          Cioè ?

SECONDO    Par, che’l tò, cioè el nòster co-cugnaa, l’abbia trà in pee ona question sù l’orari de la pausa.

PRIMO          Ma guarda tì quèll lì, mai ch’el faga question sù l’orari de laorà ! No, lù el questiona sù l’orari de fà niént ! Perché l’incident stradal el gh’è minga capitaa a ……(si blocca mordendosi la lingua) Dai Primo, fai la persona seria, trattieniti, dì nò stupidad.

SECONDO    Per fortùna che, minga sémper, ma ogni tant,  te se rendet cunt de dì stupidad. Se s’eri mì a dì ona ròba del gèner…apriti cielo !

PRIMO          Apriti cielo, dì on poo, perché el Serafin l’è staa tiraa in bàll ? Se l’è ch’el centrava ?

SECONDO    Centrava, centrava. Dato che l’è vun de quèi ch’el pensa domà a laorà, ghe n’ha dii quàtter al nòster simpàtich co-cugnaa il quale, essendo MOLTO SUSCETTIBILE E GELOSO DEL SUO MODO DI VEDERE LE COSE, cioè de fà nagòtt, par, almen inscì disen, ch’el gh’abbia refilaa, al Serafin, on ganasson (fa il verso) e ch’el gh’abbia s’ceppa el setto nasale. Mì, gh’hee credi pòcch perché l’è vun che domà a guardà’l in faccia el se pissa adòss.

PRIMO          Oeù la pèppa, veramént el gh’ha refilaa on ganasson ? El savevi propri nò che gh’èmm a che fà cont on manascion. Quèi  rari vòlt che sèmm vìst, me pareva de vedè la reclàmm del stremìzzi. (irato) T’el seet se te disi ?

SECONDO    (come rassegnato) Sentèmm…

PRIMO          Te disi che se  ghe vén per la mént de moeuv i mann….mì sont pront a dà’gh ona ruzàda e s’giaccà‘l giò del poggioeù !

MODESTINO   (dall’esterno) E’ permesso ?

PRIMO          Avanti.

MODESTINO   Oh, buon giorno sign ….

SECONDO    (interviene bruscamente)….basta inscì, l’è assee. Emm capii che te voeuret  saludà. 

MODESTINO   (rivolto a Primo) Don Prosperoso mi manda a dirle che l’è restaa contént de la sua partecipazion a la conferenza. Signor Primo, ma che bello che è stato l’intervento che ha fatto, veramente interessante.

SECONDO    (a Primo) Perché, te seet tiraa in scena ? E se t’hee dii (con fare da presa in giro) di così tanto VERAMENTE INTERESSANTE !

PRIMO          Niént de particolar, hoo domà esprèss la mia opinion “sul ruolo di educatrice che la màma la gh’ha all’interno della famiglia”. Tùtt chì…

SECONDO    (dubbioso) Te avareet minga portaa la nòstra esperienza ?! (Primo fa cenno di si con la testa) ….E chi la saria la màma in de la nòstra famiglia ? E i alter, éren lì a scoltà i tò bambanad ? Propri ona bèlla compagnia de ziffol ! Mì, l’hoo sémper dii che vialter gesiàtt sii gént che gh’ha niént de fà e niént de pensà !

PRIMO          Lassa stà quèi che frequenta la gésa ! Ateo ! Hinn tùtti mèj de tì e di tò amis ! Per tirà sù on bagài guarda che gh’è minga bisògn de vèss màma o papà ! Prova, ona quèi vòlta a dovrà l’immaginazion, ròba che per tì l’è foeùra da ogni logica.

SECONDO    Mì saroo foeùra da ogni logica, come te diset tì, però, malgrado tùcc i sfòrz, riessi nò a immaginà’t….màma. El tò Signor, minga el mè, tanto per chiarire, quello al quale tu credi ciecamente,  ci ha creati maschio e femmina, quindi, l’immaginazion  la lassi tùtta a tì !

MODESTINO   Però, a dì la verità, anca la mia màma l’ha dovuu diventà papà; cioè …

SECONDO    Emm capii Modestino; basta inscì. Di on poo: te seet vegnuu domà per riportà  de la conferenza o, per caso, gh’è (sornione) on quaicòss d’alter  ?

MODESTINO   (confuso) Nò, cioè, a dì la verità, seri vegnuu anca per dì al scior Primo, che hoo pensaa a quèll ch’el m’ha dii on quai dì fà.

SECONDO    (fingendo di non sapere nulla rivolgendosi a Primo da presa in giro) Sentèmm on poo. Scior Primo, se l’è che te gh’hee dii al scior Modestino on quai dì fà ?

PRIMO          (rumore proveniente dall’esterno) Modestino, cunta su tì, mì voo de là on momént  a vedè se l’è el fracàss che se senta. (esce verso le camere)

MODESTINO   Quand sont vegnuu chì l’alter dì, el sò fradèll el m’ha accenna a la ……

SECONDO    A chi ?

MODESTINO   (titubante, abbassa la testa  e con vergogna) …a la S…S….Sandra e…. el m’ha domandaa se me piasaria…...

SECONDO    Modestino, scusa ma la Sandra l’è nò ròba per tì. El mè fradèll el parla per niént. Lù, el pretendaria de decid el destin de tùtti. El se renda minga cunt che ogni crapa la gh’ha la sua manera de pensà e che la Sandra, purtròpp, con la sua crapa, la s’è lassada…. borlà giò in di bràsc de ch’el p (irla) …..là !.

MODESTINO   Eh sì, sì me rendi cunt. Per on poo de témp m’è paruu d’avè sognaa….

SECONDO    Adèss dissedet e pensa nò a la Sandra.

PRIMO          (ritorna in scena) L’era quèlla de sora che la stendeva i pagn. Naturalmént, come al solit, i a storgia in sù’l poggioeù; el fracàss che èmm sentii  l’era dovuu a l’acqua che la borlava giò.

SECONDO    (indispettito) L’è minga possìbil che quèlla lì la se permetta de fà tùtt quèll che la voeur !  Fèmm scriv ona lettera da l’amministrador, chissà mai che la s’indrizza !

PRIMO          Bisognaria fà come la fa lee ! Domà che lee la sta dessoravìa de nùmm. D’altra part on quèi vun el gh’ha de usà giudizi. (rivolto a Secondo con fare remissivo) A questo punto, usiamolo noi; facciamole vedere come sono persone per bene i fratelli Ghisleri.

SECONDO    Cos’è ? Te capissi pù ! Fin a iér te vorevet strangolala. …Adèss te parlet come se ……Te capissi propri pù ! Te sareet minga….. per caso ….. ?

PRIMO          Oeù, se l’è che te passa per el coo ?

MODESTINO   Bén, adèss l’è ora de andà a cà ma prìma gh’hoo de passà in farmacia a comprà i medesin per el Don Prosperoso. Buon giorno scior Pr…(Secondo lo blocca)

 SECONDO   (interviene con decisione) Va bén inscì !

PRIMO          (accompagna Modestino alla porta) Oeù pòver omètt. El gh’ha d’avè ciappaa l’influenza.

SECONDO    …ciam’el òmètt ! (rifacendo il segno con le braccia)

PRIMO          Ciao Modestino. (chiude la porta e si siede)

SECONDO    Se te gh’heet ? Te se sentet minga bén ?

PRIMO          Ma, soo nò. Me par de avegh la féver.

SECONDO    Anca tì, come el Don Prosperoso ? (ridendo) Avarii ciappaa el virus del moccol…Second mì te dovariet quatàss pussee, te gh’hee pù l’età de fà el bauscia. Preservati, minga che  te succéd un quaicòss….cont el ris’c (ironico) de piantà’m chì depermì. Sai, tu, sei tutto per me. (ironico) Fratellino mio !.

PRIMO          …..che ruffian che te seet. Te gh’hee on prègi foeùra del normal, te perdet mai l’occasion de dì scemad. Per fà’t on piasè mètti sù el sciallètt.

SECONDO    (ironico) Ecco, bràvo inscì te somejareet al loff in de la panzànega del cappuccetto rosso ! Second mì, tì te gh’hee nagòtta, la toa l’è tùtta suggestion per l’inconter che gh’avarèmm cont i BELLOSGUARDO.

PRIMO          Fòrsi, ‘sta vòlta, ma pensa nò che la sia sémper inscì, te gh’hee  reson tì. Quèi lì, alter che BELLOSGUARDO. Saria sta mèj che se fussen ciamaa SECCAPERDEE !!!! Quand pensi a chì duu lì..….me vén adòss ona ròba (indica) chì, in del stòmich che…..

SECONDO    A propòsit de l’inconter, te ghe n’hee ne parlaa a la Sandra  ?

PRIMO          No, gh’hoo de parlà’gh.

SECONDO    E se te spettet a parlà’gh ? (deciso) E poo “GH’EMM DE PARLA’GH“!  Mì, cunti come el duu de picch in de che la cà chì ???

PRIMO          Sì, sì ……l’è minga necessari scalmanàss inscì tant ! Mì..…vorevi propri dì che  :….gh’èmm de parlà’gh.

SECONDO    Allora me par che ghe sia restaa pòcch témp e sarà mèj fà’l el pussee  prèst possìbil dato che l’appontamént l’è incoeù.

PRIMO          D’accord, d’accord. Ma, se ghe disom ?

SECONDO    Questa sì che l’è bèlla ! Come, se ghe disom ? Second tì, ghe parlom del témp se piova o se gh’è foeùra el so ? Ghe disom che hinn adree a rivà i soo zii, i alter, per parlà de lee !

PRIMO          Dai, fà minga inscì. T’hoo giamò dii che quand vèmm sù che l’argomént chì me se inversa el petascioeù…..

SECONDO    Emm nò già decis de lassà a la Sandra, se propri la voeur, la scelta de scerni il suo futuro ? Adèss, t’hee cambiaa idea ?

PRIMO          Cèrt che tì, te seet de cattà. (sorridendo) Ghe manca, anca, che la scerniss la scelta de minga SCERNI’ !!!

SECONDO    …va bén, insòma, sèmm capii. Ciar che nùmm farèmm de tùtt per fà la restà con nùmm. Nùmm podarèmm ……insòma nùmm cercarèmm de obbligà la a …..ma il suo futuro….è suo, non è nostro, anca se la podaria restà influenzada da ona decision che a parer nòster la fuss nò quella giusta e cioè quella che nùmm duu vorariom.

PRIMO          Tì, t’hee sbagliaa mestè. Fà el tranvier l’è staa ona marronada. Tì, te dovèvet fà el politich. Te seet tròpp bràvo de parlà, sénza dì nagòtt de concrètt.

SECONDO    (sguardo compassionevole e sorridente) ….che colpa ghe n’hoo mì, se sont bràvo de parlà.

PRIMO          Ecco, allora, cerca de parlà anca quand vén chì chi cattanaj là e preparèmess a affrontà la soluzion peggior. Ammettèmm che la Sandra l’accetta la proposta e la decida de ……

SECONDO    ….scegliere la soluzione dispiacevole per noi ?

PRIMO          (fa cenno di si con il capo)

SECONDO    T’el seet che gh’hoo minga pensaa ? Second mì, l’è impossìbil che la Cicci la sia disposta a accettà ona decision del gèner. Senta, fèmm ona bèlla ròba, per adèss pensèmm nò. Quand sarà el momènt, (con veemenza) …..i fratelli GHISLERI TIRERANNO  FUORI  GLI   ATTRIBUTI   E……non aggiungo altro !!!

SANDRA      (entra nel frattempo concitata) Con chi ce l’avete ? Si sente fin giù nell’androne la vostra voce.

SECONDO    Te vorariet dì che i nòster visin hann sentii tusscòss ? Oeù Signor, se l’ha sentii la portinara (facendo segno con il dito) chì de sora, la farà girà la notizia in tùtt el rion….

PRIMO          (a Secondo con tono compassionevole) Lassa pèrd quèlla de sora, sémper a parlà mal di visin. Poveretta. E’ sola. Non è giusto prendersela con i più deboli.

SECONDO    (verso il pubblico, da presa in giro) Avii sentii quèll che l’ha dii: è scritto nei vangeli. Me ricordi pù quèll d’on vangeli.

PRIMO          Fà minga el spiritos….Ciao Sandra tùtt bén la giornada ?

SANDRA      Sì, per quanto mi riguarda e per il lavoro. Purtroppo qualche problema a proposito di Carmine.

SECONDO    Perché, se gh’è succèss ?

SANDRA      Ho saputo da un suo amico che i carabinieri sono stati a casa sua e l’hanno portato in caserma.

PRIMO          Gh’è andà stòrt ona quèi consulenza ?

SANDRA      (singhiozzando) … zio, non è il momento di scherzare. Pare che sia coinvolto in un furto d’auto. (paingendo intensamente) No, non è possibile. Carmine è un bravo ragazzo. Non può essere stato lui. Sarà certamente uno che gli somiglia…

SECONDO    (avvicina a sé la nipote e l’abbraccia) Sandra, mì el tò zio gh’èmm sémper avuu di dubbi sù quèll lì !

PRIMO          (interviene bruscamente) ….inùtil scond’el: l’è un teppista !!!

SECONDO    (brusco) …tas ona bòna vòlta ! Te vedet nò che quèlla tosa chì l’è disperada ? Me par minga quèst el momént de fa certi discors ! Sii comprensivo…… e sì che te veet in gésa tùtti i domènich …e te feet anca la comunion ! Sta a cà tua che l’è mèj !!!

SANDRA      (riprendendosi)  Voglio andare a parlare con i suoi genitori.

PRIMO          No, tì adèss te veet da nissuna part. Tì, te steet chì e te se calmet. Cerchèmm de ragionà.

SECONDO    El gh’ha reson el zio. Sandra, me dispias dì t’el ma, purtròpp, quèll lì, el gh’ha de vèss un pòcch de bon.

SANDRA      No, io devo sapere. Non andrò a casa dei suoi da sola. Katia sta venendo qui, mi farò accompagnare da Lei. Non dovete preoccuparvi per me. So cosa devo fare e vi prometto che….

PRIMO          Che ???

SANDRA      …che se effettivamente risultasse implicato nella vicenda ….LO DIMENTICHERO’  E  NON  MI VEDRA’ MAI PIU’ !!!

KATIA          (dall’esterno) E’ permesso ?

SANDRA      E’ Katia. Avanti.

KATIA          Ciao Sandra, buongiorno Signori Ghisleri. Avete saputo cosa è successo a Carmine ?

PRIMO          Sì, l’èmm savuu e per mì, l’è nò ona novità. L’hoo sémper dii che quèll lì l’è vun de evità !

SECONDO    Purtròpp, s’el fuss véra, saria on gròss dispiasè per la Sandra. Mì el conossi nò, hoo domà sentii parlà. De quèll che se senta dì in gir pararia ch’el sia on bauscion de periferia. Tì (a Katia), chet’el conosset  certamént pussee de nùmm, se t’en diset ?

KATIA          Sì, è un tipo esuberante, certamente diverso da come intendete voi un giovane. Si fa notare per il suo modo di fare e riesce a essere simpatico con le sue battute e con comportamenti un po’ inusuali. Inoltre è un bel giovane molto appetito da noi ragazze. Non vi nascondo che piace molto anche a me ma Sandra ……mi ha preceduta.

PRIMO          (a Sandra) Ma perché te seet minga rivada seconda o magàra tèrza. T’avariet vinciuu on bèll premi e tiraa de part ‘sti cruzzi che te ruvinen l’esistenza….. 

SANDRA      (con decisione) …zio, te l’ho già detto: non è questo il momento di scherzare, questa è una cosa seria.

PRIMO          Te gh’hee reson, scusa. (guardando contemporaneamente Sandra e Katia) Me dispias tanto per quèll che gh’è succèss ….   Cèrt che…che l’inconveniént chì el gh’hee voreva propri nò e per de pù incoeù che (a Sandra) devom parlà d’ona ròba (indicando Secondo), almen per nùmm, altrettanto importante. Véra, Secondo ?

SECONDO    Sì, véra. (notando  Sandra molto nervosa)  Però, cerca de desfescià’t a spiegà.

PRIMO          On quèi di fà, èmm ricevuu on telegramma di tò zii….i alter.

SANDRA      Non capisco.

PRIMO          (toglie dal cassetto il telegramma e lo porge a Sandra) Tò, lég’el tì.

SANDRA      (legge) “CHIEDIAMO INCONTRO PER DEFINIRE VOSTRA INOPPORTUNA ADOZIONE DI NOSTRA NIPOTE SANDRA. ATTENDIAMO COMUNICAZIONE DATA NEL PIU’ BREVE TEMPO POSSIBILE ONDE EVITARE AZIONE LEGALE PER SEQUESTRO DI PERSONA”. FIRMATO FAMIGLIA BELLOSGUARDO. (guarda gli zii) Ma non è possibile !!!

KATIA          (a Sandra) Forse è meglio che vi lasci soli a parlare delle vostre faccende. Ci sentiamo più tardi. Ok ?

SANDRA      Si Katia, è meglio. Quando sarò libera, andremo dai carabinieri a chiedere informazioni su Carmine. Di a Emy che ci vedremo dopo.

KATIA          Va bene, ti aspetto. Arrivederci signori Ghisleri.

GHISLERI    Ciao, ciao.

SECONDO    (a Sandra, parlando degli altri zii) Te capisset, ecco se l’è che voeuren chi duu lì ! (indica il telegramma, tono alto) Dòpo quasi vint ànn, se fann viv ! Non ci ritengono capaci ! Fin adèss, chi l’è che gh’ha pensaa ? Saveven nanca se te seret viva !

PRIMO          Véra. Adèss, perché te laoret, e quindi te ciappet on quaicòss, salten foeùra come i lusért quand comincia a fà cald !

SECONDO    El telegramma l’è rivaa on quèi dì fà e siccome gh’èmm risponduu che i avariom incontraa incoeù, ecco che …purtròpp gh’èmm de parlà …Ghe dispias che sia saltaa foeùra anca l’altra question ….Nùmm vorariom domandà anca el tò d’on parer prìma de incontrà….lor. Te capisset ?

SANDRA      Si, zio Secondo, va bene quello che dici e capisco che per voi sia importante l’incontro con gli altri zii. Per me è diverso. Carmine (singhiozza) è parte della mia vita è con lui che ho pensato di costruire il mio futuro.

SECONDO    (abbraccia Sandra) Adèss calmet. Mì, soo bénissim che l’incavalàss degli eventi el ghe mètt tùtti in difficoltà. Vedèmm de trovà ona soluzion. Cerchèmm de affrontà ona question per vòlta.

SANDRA      Io all’incontro con gli altri zii non intendo partecipare e fino a quando non mi sposerò, questa sarà la mia casa. Non se ne parla nemmeno di lasciarvi soli e non ci voglio pensare un minuto di più ! Quei due non li voglio vedere: per me non sono mai esistiti !

PRIMO          Sèmm contént per come te la penset, ma te devet vèss chì tì, de persona, a dì gh’el,. Te seet pù ona tosètta, a nùmm (indicando Secondo), pòden anca créd nò. Te par ?

SECONDO    Sandra dai, fà un sfòrz: el gh’ha reson el zio. Te pòdet stà sicura che a nùmm créden nò. Tì,  ti a conosset nò chi element lì ! Hinn bon de dì che sèmm nùmm che te lassom minga andà via e capacissimi de fà ona denunzia. Tì, te’l seet come te voeurom bén, quèsta chì l’è la tua cà. Adèss te gh’heet on’età che te devet vèss tì a decid e siccome sarann quasi chì, saria mèj se te veet sùbit in di carabinier a ciamà cunt de quèll che gh’è succèss, inscì te fareet in témp a tornà indree per quand che riven i duu ….seccador…

SANDRA      Va bene zio, farò come dici tu. Pensandoci bene è meglio che dai carabinieri vada da sola, non passerò a prendere Katia; se ci fossero brutte notizie, non lo sapranno anche altri e così eviterò i pettegolezzi che sicuramente si creeranno. Voi cosa ne dite ?  

PRIMO          Brava, saggia decisione. I ròbb, bèi o brùtt che sien, le mèj se resten in famiglia. Se sa mai. Adèss va e sperèmm in bén (guarda verso il cielo facendo il segno di croce nel mentre Sandra esce. Quindi rivolgendosi a Secondo) Tì, se t’en diset ?

SECONDO    Ma, savaria nò se dì. Comunque, se l’è come pensi mì, me dispias ma la gh’ha de vèss ona ròba seria e …..el saria on gròss dispiasè per la Cicci.

PRIMO          Sigura che, pòvera tosa, la gh’ha adòss tutti i rògn de ‘sto mond. Se ghe fussom minga nùmm….Se t’en diset se…la se fasèss benedì ?

SECONDO    (guarda Primo di traverso) Gh’è minga bisògn de quèi baggianad lì ! Fà’m minga pensà se ghe saria succèss, soratùtt se la fuss finida in di man di cugnaa de la nòstra sorèlla.

PRIMO          A propòsit del….come el se ciama quèll’indivìdov lì ?

SECONDO    Quèll d’on indivìdov ?

PRIMO          Te me paret rimbambi ! Fin adèss, èmm parlaa de chi ?

SECONDO    ….di alter zii…

PRIMO          Allora te seet propri rimbambi ! Mì, me riferivi a quèll che hann portaa via i carabinier.

SECONDO    Finalmént, dòpo che te seet spiegaa, hoo capii a chi te se riferivet: l’indivìdov che te intendet tì el se ciama Carmine !

PRIMO          Oh Signor, quand te voeuret fà el complicaa ….vorevi bén dì inscì. Te par nò che la Sandra la gh’abbia el caràtter de la sua pòvera màma ? Quand la se mètta in mént de scoltà nissun e la s’incaponìss sù ona quèi ròba…l’è impossìbil fà’gh cambià idea !

SECONDO    Sì, sì te gh’hee reson. Anca la nòstra sorèlla la s’è incapponida del Vincenz, el fradèll de la cugnàda, anca lù cont on passaa on poo burrascos, e nissun l’è staa bon de..….

PRIMO          …..gh’è staa nagòtta de fà: l’ha sposaa, senza dà a trà ai nòster gént che la sconsigliaven !

SECONDO    A che ora hann dii che vegnen chì duu barlafus là ?

PRIMO          Second mì dovarien vèss quasi chì. Mèj che se preparom a ….(ironico, mima) accettai !

SECONDO    S’el fuss per mì, oltre che accettai …..i ……..AFFETTARIA !!!

PRIMO          Devom vèss decis, evità de contradiss. Quèll che se dis el dev vèss sostegnuu con tùtti i fòrz.

SECONDO    (ironico) Soratùtt quèll che te diset tì !

PRIMO          Tacca minga a fà el bisios ! In fin de la fera mì sont el maggior e quèll che disi mì el gh’ha ona certa rilevanza….

SECONDO    Si fratellino mio !  Come devi comportà’m quand te parlet tì ? Moeuv el coo come on pòver fioeù  ?!

PRIMO          ……..sostegnì’m, confermare quèllo che dico. Mi, parli per cunt de la famiglia.

SECONDO    Già, me ricordavi pù che tì te seet staa a la conferenza e che adèss te seet tusscòss sù la famiglia e soratùtt …..sui coniugi.

PRIMO          Me raccomandi, anzi studièmm di sègn in manera che nùmm se capissom senza fà capì a lor….

SECONDO    ….(ridendo) sì, come quand se giuga a briscola. 

VOCI ESTERNE   (i cognati bussano) L’è permèss ? Pòdom ?

PRIMO          (a Secondo sottovoce) Hinn lor, hinn rivaa. Va a dervì.

SECONDO    (va ad aprire) Avanti, che si accomodino.

COGNATA  (entra per prima, tipo deciso) Buongiorno a tutti e due.

SECONDO    A lui (ironico, indicando il fratello) per primo, a me per secondo. Mì sont el caroeù !

COGNATA   (si guarda in giro con fare di disprezzo e stizzita) L’è mèzzora che sèmm adree a girà compàgn d’ona birla, in pagamént èmm trovaa on tassista talmént svelton…           L’èmm propri inviada  bén la giornada. (rivolgendosi al marito) Véra, Gastone ?

COGNATO   (succube della moglie, approva con la testa tutto quello che dice) Sì, Clorinda.

PRIMO          Inscì avii vìst i bellèzz del rion. Chì, par nò, ma sèmm in on sit quiètt, l’ùnich fracàss l’è quand passa el tram ma, oramai, sèmm sueffaa. Però, l’è ona comodità; in mèzzora sèmm in piazza del dòmm. La pensa, el tram che passa de chì el riva al cimiteri de  Musocc. …(ironico) Hoo perfina pensaa che quand crepi foo caregà la càssa chì de sòtta e la foo scaregà a Musocc. Lee, se n’ha dis ?

COGNATA  Ma che discors el fà ? Parlem di viv che l’è mèj. E poo, de che bellèzz el parla ? (guardandosi in giro) Se ved domà praa….(sprezzante) In estaa ghe sarà l’allevamént de zanzar e moschìtt…. D’invèrna ……la scighéra ……(rivolta al marito che conferma con cenni del capo)…..che tristezza !!!! Véra, Gastone !

COGNATO   Sì, Clorinda.

SECONDO    La me scusa, sciora, ma vialter, (indicando i due) indoe sti de cà ? In piazza del dòmm ?

COGNATA   Nùmm stèmm …indoe stèmm ! E indoe stèmm nùmm l’è nanca de confrontà a quèll sit chì, indoe stii vialter. Véra, Gastone ?

COGNATO   Sì, Clorinda.

PRIMO          Stii, per caso, al castèll sforzesch ?

COGNATA   (decisa) Nùmm stèmm a Limbià ! Limbiate. Vialter, el savi nanca indoe l’è  LIMBIA’ !

SECONDO    (risentito) Come no, l’è visin a Mombel indoe gh’è el manicomi.

COGNATA   El manicomi el sarà chì, al Giambellin. Quèlla, car  el me scior, è una casa di cura per malattie psichiatriche conossuda in tutta la provincia. Vèra, Gastone ?

COGNATO   Sì, Clorinda.

PRIMO          …..(cerca di intervenire senza riuscirci)

COGNATA   Allora, cerchèmm de pérd minga alter témp che n’èmm giamò perduu assee.  Parlèmm de quèll che devom discutt. Véra, Gastone ?

COGNATO   Sì, Clorinda.

PRIMO          (a Lei) Che la me scusa sciora, ma el sò òmm l’è bon domà de dì: SI’ CLORINDA ? La sua conoscenza linguistica la s’è fermàda al: SI’ CLORINDA ?

COGNATA   Di conoscénz linguistich del mè òmm, lù, ch’el se preoccupa nò ! L’important l’è che el mè òmmel faga quèll che disi mì !

SECONDO    Quèll l’èmm capii fin tròpp bén.

COGNATA   Per lù, (indicando il marito)  quèll che disi e quèll che decidi mì, el va sémper bén.

PRIMO          Gh’è minga vorsuu tròpp a capì chì gh’ha in man el ballin in cà vòstra ! Vìst che anca nùmm gh’èmm minga témp de trà via, parlèmm de la Sandra.

COGNATA   Appunto !

SECONDO    Riguard al telegramma, che la me scusa ma, a nùmm (indicando anche Primo), el gh’è piasuu minga tròpp quèll che gh’è scritt !

COGNATA   A mì, me par che quèll che gh’è scritt el sia bèll ciar e senza gir de paròll.

PRIMO          Sù’l fatto della chiarezza e che sien paròll sénza gir gh’èmm avuu nissun dùbbi. Véra, Secondo ?

SECONDO    (cerca di imitare Gastone) Sì, Primo.

PRIMO          Lù (indicando il marito, con ironia) el gh’ha de vèss vun de pocch paròll e altertant  ciar: SI’  CLORINDA !

COGNATA   Se l’è ch’el voraria dì, che lù (indicando il marito) el cunta nagòtt ?

SECONDO    Sciora, gh’è voruu minga tròpp a capì che el cunta come el duu de picch quand la briscola l’è copp ! 

COGNATA   (tono forte e indicando il marito)  Lui ….approva e basta ! E mì sont chì per decid sul futuro de la nostra nevoda !

PRIMO          Prima de tùtt, che la se slarga minga tròpp in di parentèll e poeù, cara sciora, vialter (indicando anche il marito) decidi propri nagòtt. La decision, me dispias per lee, la gh’è spetta domà a la Cicci !

COGNATA   (con arroganza) E chi la saria LA   CICCI ?!

SECONDO    (indicando se stesso e Primo) La NOSTRA NEVODA ! Minga la VOSTRA ! CIAR ? Vialter ve sii bén guardaa de interessàss fin de quand l’è restada senza màma e senza papà ! E pensà che l’era (alzando la voce, commosso) domà  ONA TOSETTA  (mettendo la mano aperta sotto il naso di Clorinda) E LA GH’AVEVA DOMA’ CINCH ANN ! CINCH  !!

PRIMO          (anche lui a voce alta) L’HA CAPII, SCIORA ! Nissun de vialter el s’è mai interessaa e, anzi, quand v’èmm interpellaa gh’avi risponduu che: non abbiamo tempo,… da noi non c’è spazio,.. abitiamo fuori Milano,.. non abbiamo un lavoro fisso …..

COGNATA   …  sì ma cont el témp i ròbb pòden anca cambià, ghe par nò ?

SECONDO    Tùtt bàll ! Se avii minga capii (rivolto ai due) ve’l ripeti in lingua italiana: TUTTE BALLE !!!  Ciar ???

COGNATA   E poeù l’è minga vera che gh’avii interpellaa, mèj dì, puttòst, che avii preferii fà de testa vòstra. Véra, Gastone ?

COGNATO   Sì, Clorinda.

PRIMO          La me daga a trà: ghe par nò che sia staa  inutil seguità a interpellà’v ? Tant, la risposta la saria stada sémper quèlla ! Come i rispòst che da el sò òmm.

COGNATA   Se l’è ch’el voraria dì a propòsit del mè òmm ? El pensarà minga de avegh a che fà cont on stupid ! Lui (indicando il marito) è la mia spalla.

SECONDO    Occio a poggiass, gh’è el ris’c de fà ona toma e de copass !

COGNATA   Allora, ritornando al perché sèmm chì: cosa intendete fare ?

PRIMO          Nùmm nagòtta, e quella che dev decid….la gh’è nò.

COGNATA   Come la gh’è nò ? S’el voeur di: la gh’è nò ? L’è minga stada avvisada, non è stata avvisata della nostra venuta ? …che avariom parlaa con lee ?!

COGNATO   (come se si fosse svegliato di colpo) Ma Clorinda, allora, perché sèmm vegnuu chì ? Per niént ? (la moglie gli fa segno di tacere)

SECONDO    Certo che è stata avvisata ! Purtròpp l’ha dovuu assentàss on momént per ona question seria; la sarà indree tra pòcch.

COGNATA   Ah, perché, quèll che devom dì adèss l’è minga ona question seria ? Non è di primaria importanza ? Second lù, mì el mè Gastone sèmm vegnuu chì a pèrd témp e basta ? Con tùtt quèll che gh’èmm de fà….. Véra, Gastone ?

COGNATO   Sì, Clorinda.

PRIMO          Sciora che la staga a sentì. Per la Sandra, quèll che devom dì adèss el gh’ha nò l’importanza che vialter ghe dii,  quindi non è primario ma è secondario. Va bén inscì ?

COGNATA   Me meravigli nò del comportamént de la Sandra. A vedè vialter duu…. gh’è de vèss preoccupaa.

SANDRA      (entra piangendo e corre in camera senza salutare)

COGNATA   ….ecco, se disevi mì ? Quèst l’è l’esempi de l’educazion che gh’avii daa ! La riva in cà e la se ricorda pù nanca di sò parént !

SECONDO    Sciora, ghe foo presént che la Sandra l’è rivada in CA’ NOSTRA ! Se la fuss rivada in CA’ VOSTRA allora sì che la podaria cascià dénter el bècch !

PRIMO          (rivolto a Secondo) Voo de là a sentì  se gh’è succèss.

COGNATA   (a Primo) Ch’el senta, ghe l’hoo giamò dii che nùmm gh’èmm minga témp de pèrd. Ch’el vaga de là e‘l ghe disa de vegnì chì e svèlt. Nùmm voeurom desfesciàss el pusee prèst possìbil. Véra, Gastone ?

COGNATO   Sì, Clorinda.

SECONDO    Anca nùmm voeurom desfesciàss, DE  LEE E  DEL  SO’  OMM  EL  PUSSEE PREST  POSSIBIL !!!  VERA, PRIMO ???

PRIMO          Sì, Secondo.

SECONDO    Dai Primo, va de là, senta on àttim la Sandra e poeù vén chì che la (ironico) sciora la tripilla …..

COGNATA   Me piasaria savè, in tutti ‘sti ànn che la sta con vialter, se l’ha imparaa.

SECONDO    Che la guarda, de sigùra a laorà. Se la créd, che mì el mè fradèll, domà perché sèmm di òmen, sariom minga staa bon de fà el nòster dover come se dév ??? Lee, la sa con chì la gh’ha a che fà ? Minga con gént qualsiasi, lee la gh’ha a che fà con la famiglia GHISLERI ! (entrano Sandra e Primo).

SANDRA      Ciao, scusate per prima ma, purtroppo, ho avuto un problema molto serio.

COGNATA   (cerca di avvicinarsi a Sandra per abbracciarla che però indietreggia) Oh, si come te capissi. In de che la cà chì te ne gh’avaree avuu tanti de problemi e come te dii giustamént prìma (alza la voce) molto seri !

SANDRA      Cosa intendi dire ?

COGNATA   Te vorareet minga dì che te seet contenta de viv in che la manera chì ! Questa l’è ona gabbia de matt. A pensà bén, come me dispias per quèll che te perduu in tùtti ‘sti ànn….

PRIMO          (interrompe bruscamente)…ma l’è contenta per quèll che l’ha guadagnaa!!!

SECONDO    Sciora, la cerca de vèss concreta, la ghe disa a la Sandra se si vegnuu chì a fà e se l’è d’accòrd con quèll che pensii vialter; tùtt el rèst in domà bàll de fraa Giuli !

COGNATO   Ecco, mi s’eri adree a dì’l, e andarèmm minga via fin a quand (interrompe bruscamente la moglie)…

COGNATA   …tì fa citto, t’hee giamò parlaa tròpp. (con fare baldanzoso) Béne, cara Sandra. L’è da tanto témp che sèmm adree a pensà come risòlv la tua delicada situazion. (prende fiato) Nùmm, che poeù saria domà mì, sèmm vegnuu chì a insubì’t ona soluzion più consona al tuo futuro e, soratùtt, per el tò bén. Questa non è una famiglia, te me capisset véra ? Questa l’è ona ròba che riesi minga a capì come l’abbia poduu stà in pè fin adèss. Mì, hoo decis che saria mèj se te vegnét a stà a cà nòstra.

PRIMO          (interviene bruscamente) Gh’el spieghi sùbit mì come “che la ròba chì l’ha poduu stà in pè in tutti ‘sti ànn”. Fin da’l principi, nissun, al de foeùra de mì e del mè fradèll, el se mai faa avanti ! Anzi, adèss disi ona ròba che nissun al de foeùra de mì e de LEE sa. La se ricorda chi ha pensaa a pagà i spés, sia del funeral che di colombar, de la mia sorèlla e del fradèll (indicando il marito) de ch’el zìffol lì ? La se ricorda, oppur l’è mèj fà finta de niént ??? (attimo di sospensione) EL ME POVER PADER. Se l’era per vialter, dòpo vint ànn, sarien staa ancamò chì in attesa de vèss seppellii. Quindi, se l’è per nùmm (indicando Secondo)  la tosa, de chì, la se moeuv nò ! Siccome però l’è maggiorenne, la sarà lee (indicando Sandra) a decid quèll che la gh’ha intenzion de fà: (quasi a gridare nell’orecchio) l’ha CAPII  SCIORA   CLORINDA !!!

SANDRA      (in lacrime si getta tra le braccia di Primo)……zio.

SECONDO    (a Primo) Quèlla del funeral la savevi propri nò, dòpo te me la cuntet per bén. Sciora, che la disa la verità; ma perché sii svegliaa domà adèss a interessàss a la Sandra ?

COGNATA   A, ma allora lù l’è propri gnùcch ! (guardando Sandra) Per il suo bene, come già detto più di una volta. E’ per il suo bene. Véra, Gastone ?

SECONDO    (blocca Gastone che sta intervenendo) Gastone, el me faga un piasè, ch’el staga citto. ( a Clorinda) L’è nò, per caso, che l’è la gh’ha di interèss, disèmm, divérs ?

COGNATA   Comprendi no.

PRIMO          Allora gh’el spieghi mì. (enfatizzando) Non è per caso, per caso, s’intend, che l’ha pensaa che on doman , la dota de la Sandra, la podarà vèss pussee, disèmm,  dutada  magari di pension dei due fratelli  GHISLERI ? ALTER CHE, SE L’HA   PENSAA   !!! Véra, Secondo ?

SECONDO    Sì Primo, certamént che la sciora l’ha pensaa…….

SANDRA      (con decisione) Ora basta ! Adesso parlo io essendo la diretta interessata a questa storia. Non è certamente stato per mio volere che sono rimasta orfana di entrambi i genitori. Sarebbe stato, diciamo, più normale essere adottata da una famiglia composta da una mamma e da un papà. Bene, (rivolgendosi a Clorinda e Gastone) cari signori zii, questa situazione, che a voi pare strana, non l’ho vissuta perché io ho avuto, nella sventura, la fortuna di trovare più di una mamma e più di un papà. Per me gli zii Primo e Secondo sono stati DUE MAMME E DUE PAPA’ ALLO STESSO TEMPO !    

                        Per nessun motivo, anche dopo quello che mi è capitato oggi, lascerò questa casa . In questa casa ho trovato amore, comprensione, gratitudine, aiuto e quindi in questa casa resterò fino a quando il Signore lo vorrà ! Quindi, e vi chiamo zii solo per rispetto alla parentela legata ai miei poveri genitori e non perché sento affetto nei vostri confronti, cari zii io di qui non mi muoverò: CHIARO !!!

COGNATA   (con rabbia rivolgendosi al marito) T’hee vìst la TUA “nevodina” come la TE voeur bén ? Te l’avevi dii che l’era minga el cas de pèrd témp a vegnì chì; ma tì te voruu vegnì istèss. Te capisset nò che tì, te devet SEMPER dà a trà a mì  !!! SEMPER !!! (accenna a lasciare la casa)

COGNATO   (tono dimesso) Sì, Clorinda.

COGNATA   (uscendo) Cara signorina (a Sandra), te auguri de stà bén in compagnia de chi duu (indicando con disprezzo Primo e Secondo) rustegoni lì ! (a Sandra)  Fòrsi on dì te se rendaret cunt de quèll che t’hee perduu a viv nò con nùmm ! (escono senza salutare lasciando aperta la porta)

PRIMO          Sciora, chì sèmm nò al colosseo, in cà nòstra la porta la gh’è sémper stada ! (rivolto a

Secondo) E la voeur vegnì chì a insegnà’gh a stà al mond ! (mentre chiude la porta) Che la vaga a Limbià ! E a la svèlta… Ma andii in sù la lippa tùtti e duu  !!!

SECONDO    (commosso abbraccia Sandra) Sandra, come sont contént de la decision che t’hee ciappaa. Mì, gh’hoo mai avuu dùbbi. Al contrari del tò zio ch’el gh’ha sémper de vedè pussee négher del négher. Primo, ma l’è véra quèll che te dii a propòsit del funeral ?

PRIMO          (accenna di si con la testa) E te disaroo pussee. Quand s’è trattaa de mèttess d’accord, la sciora Clorinda la m’ha risponduu “SE’L  FUSS  PER  MI’,  PODI’  PORTA’I    IN  SU’L  SOREE”. Capii se la m’ha risponduu ……

SANDRA      (abbracciando Primo) Grazie zio.

SECONDO    Allora, te seet stada in di carabinier ?

SANDRA      Si, sono stata.

SECONDO    Se t’hann dii?

SANDRA      Purtroppo hanno confermato l’arresto: era a bordo di un auto rubata (singhiozzando). Mi dispiace ma purtroppo ho dovuto convincermi che è troppo diverso da me. Ho fatto di tutto per farlo cambiare, ho sperato tanto ma ….non potremo mai costruire una vita insieme. Ho deciso che lo lascerò.

PRIMO          (facendo trasparire dispiacere e contentezza) Sandra, come me dispias. In de la vita gh’è sémper on perché. L’era minga la persona giusta per tì.

SANDRA      (tristemente)  Ma come è possibile che tutte queste cose succedano a me, cosa ho fatto di male per meritarmi tutto questo ? 

SECONDO    (cercando di consolarla) Sù nani, fà nò inscì. Te vedaret che i ròbb cambiarann, lassa témp al témp e te vedaret che ….bisogna avegh fiducia e te …vedaret che rivarà anca i momént bèi. Dai, dai…(la scena rimane vuota)

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

Fuori scena, a luci spente, stacco di qualche minuto con sottofondo musicale, quindi  si sente una voce:

-dopo un poo de témp, (come se si rivolgesse agli spettatori) che faghen lor: duu mes…trii mes…ses mes….l’è minga important

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

EMY              (entra di corsa) Ma allora, è vero ?

SECONDO                Vero, cosa ?!

EMY              (avvicinando i due indici) Sandra e Modestino…

SECONDO    …..Sandra e Modestino, cosa….

EMY              Ma signor Secondo, lo sanno tutti.

SECONDO    Sanno tutti, cosa ?

PRIMO          (a Secondo) Perché, t’el seet nò ?!

SECONDO    Come foo a savè’l se nissun me le dis ?

EMY              Sù, signor Secondo… sono sempre insieme ?

SECONDO    Se voeur dì “sono sempre insieme”. Pòden vèss amis e basta, no ?!

PRIMO          Certo, voeur minga dì che “essendo sempre insieme” gh’abbien de maridass; ci sono casi (riferendosi a quello che accadrà più tardi e con tono evasivo) che….in cui… due persone pòden vorèss bèn anca senza frequentass…………………

SECONDO    A chì te vorariet riferì’t ! Bisogna vèss bamba per vorèss bén, come te diset tì, a distanza. (evasivo) Quanti stupidad me tocca sentì !

PRIMO          (con fare intrigante) Eppur… succéd. (entrano Sandra, Modestino e Katia)

SANDRA      Ciao, scusate se abbiamo fatto tardi. (anche Katia e Modestino salutano)

SECONDO    (a Sandra) La t’è andada bèn a vèss minga chì a sentì i bambanad del tò zio.

SANDRA      Ah sì ? Mi sarebbe piaciuto sentire cosa ha detto zio Primo. Zio Primo: sei un mito ! (gli da un bacio). Emy andiamo che Don Prosperoso ci aspetta.

MODESTINO   L’ha savii nò? Incoeù vèmm a toeù sù el conséns. Emm decis de sposass….

PRIMO          Bràvi fioeù, salutatemi Don Prosperoso e ditegli che prèst andaroo anca mì a trovà’l, gh’hoo bisògn de ……(guarda gli altri e sorride) de on consìli….

 

SECONDO    (a Sandra e Modestino) Ma allora l’è propri véra….Ma come mai tùtta ‘sta prèssa…inscì, a l’improvvìsa ?

PRIMO          (ironico) Te se n’accòrgereet fra on quèi més…

SANDRA      Ma zio, cosa stai dicendo ?!

PRIMO          Vorevi dì che adèss se sposii e che dòpo el témp necessari…diventeremo prozii. Ecco se vorevi dì. E poeù (a Secondo) te par nò che gh’abbien l’età per sposass ? Altrimenti farebbero parte di quel ristretto numero di matrimoni faa in età avanzada.

SECONDO    A mì, te me paret nò normal; fòrsi sarà che ormài te seet in età avanzada e quindi in fase di degenerazione mentale. Comunque, riessi minga a capì’t.

MODESTINO   Mì sont contént de diventà vòster nevod e anca la mia màma l’è contenta d’imparentàss con vialter.

SECONDO    Modestino, l’è nò per dì, ma anca on quèi vun d’alter (facendo capire che si tratta degli altri zii di Sandra) el voreva imparentàss con nùmm. Véra, Primo ?

PRIMO          Sì, Secondo.

SECONDO    Te l’hoo dii che te seet minga normal. Guarda che mì sont nò la Clorinda e tanto mén el Gastone !

KATIA          (a Sandra e Modestino) Che bella copia, non immaginavo proprio che un giorno voi due vi sareste sposati.

EMY              Davvero. Sandra, che fortuna aver trovato Modestino. Spero che un giorno capiti anche a me un bravo ragazzo.

SECONDO    (ironico) Basta andà in del Don Prosperoso: lù el gh’ha ona lista d’attesa bèlla lunga e molto dettagliata: per età, stat civil, situazione economica, etc.etc.etc…

PRIMO          ….e dopo ch’el ragionamént chì, saria mì quèll minga normal ?!!

SANDRA      Ora andiamo che è tardi. (uscendo  salutano, rimangono in scena Primo e Secondo; qualche attimo di silenzio poi con apprensione… )

 

PRIMO          Secondo, gh’hoo de parlà’t, seriamént: da fradèll a fradèll.

SECONDO    Perché, fin adèss come sèmm parlaa ? (ridendo) Da coniugi ???

PRIMO          Gh’è nò de scherzà soravìa, cioè te pòdet anca rid sora ma in ogni caso l’è ona ròba seria che soo nò da che part comincià a dì e soratùtt….come te la ciappareet.

SECONDO    …e dòpo te diset che mì avaria dovuu fà el politich….Dai cunta sù, gh’hoo de capì indoe te voeuret  rivà.

PRIMO          (con difficoltà) T’hoo già dii che soo nò da che part comincià….fòrsi saria mèj taccà da la fin….

SECONDO    Tacca indoe te voeuret, basta che te tacchet. Se magari te me deet on indizi, fòrsi podaria dà’t ona man. Te preferisset fà el gioeùgh de quand serom fiolètt: acqua, fuochino, fuocherello, fuoco ??? (e ride di gusto)

PRIMO          Spetta a rid, la question la podaria lassà’t l’amar in bocca, fà’t restà senza paròll, senza fiaa, fòrsi anca pégg….

SECONDO    (preoccupato) Se tratta de la Sandra ?

PRIMO          Spetta on momént. Stà quiètt, non essere precipitoso.

SECONDO    Hoo capii, se tratta de la Sandra ! Te gh’hee de dì’m che quèll ruffian là, el Modestino, l’ha missa in cinta  ?

PRIMO          (con titubanza) Nò, se tratta nò de la Sandra.

SECONDO    Ah, vorevi bén dì mì. Me pareva strano che el Modestino el fuss bon de…toeù in gir la nòstra nevoda. T’el seet che mì gh’ha pensaria nò dò vòlt  (si tranquillizza) a s’ceppà’gh la faccia cont on sganasson…

PRIMO          Vegnarà pur el dì che ….

SECONDO    ….sì, s’el troeùvarà el ….fà me la minga dì gròssa ! Allora, se l’è che te gh’hee de dì’m ?

PRIMO          (dando di spalle a Secondo, quasi incomprensibile) Si tratta di me.

SECONDO    Hoo capii nò se t’hee dii.

PRIMO          (quasi sottovoce) Si tratta di me…

SECONDO    De tì ???!!!

PRIMO          Sì, di me.

SECONDO    Oh Signor, se l’è che t’hee combinaa ?

PRIMO          (prende per un braccio Secondo e con voce tremante) Settes giò ! Siediti.

SECONDO    (si siede) Allora chì la ròba la se fa seria.

PRIMO          (impacciato) L’è da on poo de témp che vorevi dì t’el ma hoo sémper rimandaa perchè …..perchè me mancava el coràgg. Adèss, però, pòdi pù tirà la per la lunga e quindi, gh’è vegnuu el momént ….

SECONDO    (tenta di interromperlo per intervenire)

PRIMO          (lo blocca) …No, no. Tass per piasè. Adèss, che finalmént hoo cominciaa, voeuri finì (si muove nervosamente nella stanza). De quèll che sont adree a dì, tì te seet mai accòrt  perchè te seet quasi sémper foeùra de cà.

SECONDO    (si alza)…no, no, alt on momént. De quèll che succéd a tì, te vorariet dà la colpa a mì perché voo a l’osteria ???

PRIMO          (lo fa risedere) Spetta a agitass. Hoo minga dii che la colpa le tua se ……(veloce, non pronuncia alcune lettere della frase)   (m) I   (so) NO   INN (amor) ATO…

.

SECONDO    (affianca Primo e con voce possente) SE L’E’ CHE T’HEE   DII   ????

PRIMO          (si avvicina a Secondo e mentre cerca di abbracciarlo) Che mi sono innamorato e che hoo decis de maridamm.

SECONDO    (confuso,  sorpreso dalla notizia e  non sapendo cosa rispondere) ….a la tua età !!

PRIMO          Sì, a la mia età; perché gh’è ona età dòpo la quale se pò pù maridass ???

SECONDO               No, no, la stupidera la gh’ha nò età ! Ma te seet sicur de quèll che te diset ? Guarda che carneval l’è passaa d’on bèll tòcch !

PRIMO          Sont sicur. Non è un amore a prima vista. E’ un amore meditato, travagliato…un amore che non ha età. E poi……è un amore (alza lo sguardo) caduto dall’alto.

SECONDO    Se voeur dì : caduto dall’alto ! Te l’ha traa giò San Giusepp ? (dopo un attimo di silenzio, sguardo perso nel vuoto) Béne ! La Sandra la se sposa, tì, te se sposet …Per fortùna che in famiglia gh’è pù nissun ! Inscì avii decis de piantà’m chì depermì !

PRIMO          Ecco, questa l’è la ròba che me dispias pussee.

SECONDO    …..t’hee me sémper dii che t’hee rinunciaa a trovà la morosa per stà’m visin ! Te  seet faa grand a dì a tùtti “MIO FRATELLO NON LO LASCERO’ MAI SOLO“ e adèss, tùtt a on tràtt te vegnét a dì’m che te se sposet e che t’hee mai trovaa el coràgg de dì’m’el ! Bèlla consolazion ! (Primo ascolta mogio) Se avèssi immaginaa ona ròba del gèner me saria daa de fà anca mì per trovà ona sistemazion. I occasion m’hinn mai mancaa…Mì sì che me sont lassaa rincrèss de piantà’t chì depertì ! Sia bén ciar che tì te seet liber de fà quel che te voeuret  ma…l’è minga quèst el sistema ! Ad ogni modo te auguri de trovà’t bén e de fà’t minga toeù in gir da ona quèi avventuriera che la te mangia foeùra tusscòss !

PRIMO          Me rendi cunt de avè agii minga tròpp bén e che avaria dovuu dì t’el prima. Ad ogni modo preoccupet nò; se tratta nò de on’avventuriera ma di una persona (riguarda in alto) al di sopra di ogni sospetto. Per quanto riguarda i nòster ròbb hoo sistema tusscòss. Tì, te saret el beneficiari de tùtt quèll che me resta e, prìma de sposàmm, te foo donazion de la mia part de cà …

SECONDO    …..almen corraro nò el ris’c de finì a la bagina o in mèzz a ona strada.

PRIMO          Te l’hoo dìi: te gh’heet nò de preoccupà’t. Almen, in quèlla ròba chì, credi de vèss staa onèst, di essermi comportato da vero fratello.

SECONDO    Vìst e consideraa che questa l’è la situazion, vìst che me toccarà avègh una cugnàda, saria curios de savè de chì se tratta e de conoss’e la.

PRIMO          Se… se tratta de conoss’e la,….te la  conosset bén e quindi te seet tusscòss de lee.

SECONDO    (preoccupato) Chi l’è ? Un’amisa de la Sandra ? Te gh’avariet el coràgg de ruvinà ona tosa pussee giovina de tì de trenta e passa ànn ???

PRIMO          (tono accondiscendente quasi a stemperare la situazione) Te vedet come te seet precipitos ? Se te seet adree a dì ? Te sareet minga màtt ? Te m’hee ciappaa per on pòcch de bon ? No, no… se tratta nò d’ona amisa de la Sandra. La sta nanca tròpp distant  de chì….

SECONDO    Se fèmm ? I induvinèi ?

PRIMO          Te voeuret savè’l adèss o pussee tardi ?

 SECONDO   (rivolto al pubblico) Guarda che lor gh’hann de andà a cà, quindi l’è mèj che te m’el diset adèss…..(ansioso di sapere) Chì l’è in fin di cunt !

PRIMO          ….l’è la….l’è la …..

SECONDO    …l’è  la  chì ???

PRIMO          La signorina che sta chì…

SECONDO    ….(guardandosi in giro) che sta chì indoe ???       

  PRIMO        (fa segno con il pollice verso l’alto) de sora de …nùmm.

SECONDO    ….se t’hee dii ???

PRIMO          ….che sposi la Pinetta !!!!!

SECONDO    ……..LA (incredulo, indicando con il pollice verso l’alto) PINETTAAA ?!?!?!?!  ……(e  si abbandona sulla sedia mentre si chiude il sipario)

F i n e

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 27 volte nell' arco di un'anno