El galo de la Checa

Stampa questo copione

ARNALDO BOSCOLO

Arnaldo Boscolo


EL GALO DE LA CHECA

Commedia brillante in tre atti

1932 El galo de la Checa commedia in tre atti (Venezia Teatro Goldoni, Compagnia Baseggio, 28 settembre) Grande successo.” El galo de la Checa che domina in tutta la commedia col prepotente rilievo del suo grottesco carattere, può dirsi una moderna reincarnazione di Falstaff, il dongiovanni pingue e fanfarone quanto menzognero e vanitoso, audace e risoluto nelle chiacchiere, quanto prudente e pavido nei fatti. Falstaff, pur serbando l’epa gloriosa, è divenuto un uomo dei tempi nostri, un modesto trattore padovano, e , come il suo modello, incorreggibile femminiero, fatuamente sicuro di possedere una irresistibile potenza di seduzione, e perciò crudelmente beffato”.

“La commedia è ingegnosa e, in complesso, è scritta con efficace comicità. La figura dell’albergatore è particolarmente piacevole”


El GALO DE LA CHECA

Tre atti comici

“ La commedia è ingegnosa, scritta con effige comicità. La figura dell’albergatore è particolarmente piacevole, brillante e interessante e di pronto rilievo teatrale”

Renato Simoni

Trascrizione elettronica di Tullio FRANCONETTI da testo in parte poco leggibile , I puntini in rosso rappresentano le parti non leggibili nel testo o dubbiose. I puntini in nero sono tali nel testo. Le parole in corsivo sono di dubbia letture ma apparentemente con un qualche senso.

PERSONAGGI:

Marco, conduttore del ristorante al “Capricorno” e dell’albergo all’ “Agnelo de oro”

Colonnello Davide Sanson

Serena sua moglie

Dottor Giovanni FRASCA

PIERINA sua moglie

TONIN loro figlio

La signora BICE

ORAZIO detto S-ciantiso, cameriere

Il cavalier ZANCAN, ufficiale giudiziario del II Mandamento

CAROLINA assistente del dottor Frasca

TERESINA

I signore

II signore

Alcune bagnanti

Atto primo = a Sottomarina. Terrazzo del ristorante al “Capricorno”

Atto secondo = A Padova. In casa del Dottor Frasca

Atto terzo = A Padova in casa del Colonnello Sanson

= O G G I  =


A T T O   P R I M O

Terrazzo di ristorante al mare. Sera. Diffusori elettrici, abatjour sui tavoli. Buffet con stoviglie. Piante, fiori. Ai lati, tra il verde, gli accessi al ristorante. La spianata al fronte, oltre la balaustra.

Al primo tavolo a sinistra, volgendo le spalle alla quinta, siede il cav. Zancan, asciutto e terreo, sta mangiando la minestra; si stringe nelle spalle e ogni tanto si dimena e si volta indietro. Gli altri tavoli sono vuoti e ricoperti con la tavola da the. Verso il fondo alcune bagnanti carine stanno accomiatandosi da Sior Marco, l’albergatore:- Rosso, spelacchiato, panciuto, enorme; di una gaiezza invadente e rumorosa, questi. E’ in giacca nera, gilet bianco e fiore all’occhiello. Due signori, a proscenio, stanno discutendo, indicandosi le bagnanti.

1° Signore = Ti volessi dir che no la xe carina?

2° Signore = Mi no ghe trovo gnente de interessante. No ghe daria un’ongia de la ferarese per tutta la to vicentina:- Segie postisse, cavei a la canasta, lavri color pomodoro….

1° Signore = Oh Dio! Quale xela la dona che no corege un pocheto la natura?

Quela almanco sa coregerla co una certa armonia…, la sa crearse un tipo…

2° Signore = Sì; da cartelo reclame per Istituto di Bellezza. – La modernità ga rovinà el bon e el megio.

1° Signore = no ti credi che anche una volta la dona no cercasse da darla da intendar…. Va a Pompei...

2° Signore = Sì, scomincia da Eva...

1° Signore = alora me fermarò a le nostre none: rolò alti una spana soto la petenadura, steche sui fianchi, cuscineti ... a ponente...

2° Signore = Sì, sì, ma sul viso acqua fresca; o tut’al più, un fià de polvere de Cipro. E i omeni in fondo, gera già contenti. Demandighelo al sior Marco che ga vissudo a cavalo de do epoche; (chiamando) sior Marco!

Marco =  (mentre le bagnanti escono scendendo al proscenio) Chi mi appella ? Oh il signor Conte de Magistri... (alle signore) Compermesso.

2° Signore = il.ne diga lu, che in fatto de done el ghe ne sa una carta più del diavolo: = preferirvelo quelle de na volta che se imbottiva, o quelle de ancùo che se pittura ?

Marco = Anema santa. Mi no go mai fato distinzion…Le done me ga sempre passo tutte; dai vinti ai çinquanta; salvo i dovuti sconfinamenti…..afermazione di principio. Pitturae o da pitturar, imbottie o co le sole caenele su le spale …. Tut’al più, se son costreto a sceglier, vardo al volume. Certi ossetti incrodai go sempre paura de sentirmeli scricchiolar fra i bassi….Insomma, più che ghe ne trovo e megio me sento. Quela, per esempio, che gera prima a quel tavolo in fondo …. – La gala mai vista in costume da bagno ? Giunone cascada ne l’ Adriaco!

1° Signore = A consolazione de nualtri miseri mortali

Marco = A consolazione dei oci….; ma a tormento del resto; che quando la vedo passegiar su la spiaggia, con quel costume che ghe se incola… su le svolte pericolose, cussì osservante de tutte le regole militari, come che la xe…

1° Signore = Che regole ?

Marco = Testa alta ; Petto in fuori; Resto in dentro; ….Uhmm; …Me ciapa un tal sgrissolo per la schiena….

1° Signore = Can de sior Marco ; Sempre in gringola ; lu.

Marco = Cossa vorlo ? Son sta fabricà in grande; per quanto dona del mio, go sempre qualcosa che me vanza… (ride rumorosamente e continua a conversare con i due clienti)

Zancan = (battendo il coltello sul bicchiere, con un filo di voce che vorrebbe essere imperiosa) Orazio! Orazio! …..Cameriere !...

Orazio = ( da sinistra, strascicando i piedi dolci sul pavimento) Pronto signore

Zancan = Cossa xelo sto spìfaro?

Orazio = Bavesèla che vien su dal mar

Zancan = L’altra sera non se la sentiva

Orazio = Perché ghe gera le piante che fasseva da paravento

Zancan = E chi le ga fate cavar ?

Orazio = I signori de la tola grande. Queli de Lorenzago

Zancan = Bestie ! Perché lori xe abituai in montagna !...La me sbate proprio quà sul copin….

Orazio = El se tira sù el bavero de la giacheta; o el se meta da st’altra parte.

Zancan = Bravo ! Cussì la me sbate sul stomego; e dopo chi digerisce ? ( sospira) ma varda che lavori !....

Marco = (staccandosi dai due che escono a destra) S-ciantisei

Orazio = El vien (a Zancan) El toga sto peto de dindio ch’el xe fresco de stasera.

Zancan = E va ben. Magnemo el dindio (mentre Orazio si allontana) Co un fià de purè de patate.

Orazio = (allorquando è presso a Marco) Son qua. No posso minga aver l’ubiquità de sant’Antonio!.....

Marco = Ciò, salame, cossa te ciappa stassera ? ….sentistu el scirocco ?

Orazio = Stufo, son ! E lu podaria anca far manco de ciamarme co sto soranome in presenza dei clienti.

Marco = ‘Ara, ch’el se offende !

Orazio = No me ofendo; ma sto inverno, co saremo a Padova, quele quatro bardasse de fioi che vien in terazza, me ciamarà s-ciantiso per le strade. E allora chi me lo cava più ? Quala cara zogia, po’, de la seconda tola…

Marco = Cossa ? Il piccolo de la signora Frasca ? …Benedeto ! Un anzolo!

Orazio = Per lu…ch’el che fa la roda a la mare !....

Marco = (con tono intimo, confidenziale) Bon, ciò, vien qua… No ti m’ha ancora dito..Una bela promessa !... Xestu sta a la “Stela Marina” ?

Orazio = Son sta, si…

Marco = Che gerela ?

Orazio = La ghe gera. Ma el speta che st’altro ga ancora da magnar. ( e indica Zancan)

Marco= Che tira el colo ! … Co tute le cambiali ch’el me ga protestà per i so giorni !.....

Orazio = (brontola fra se) Varda ti che razza de mestier che me tocca far !

Marco = Cosa xe che ti brontoli ?... Gastu consegnà ?

Orazio = Go consegnà

Marco = Bon ?...Gala letto in to presenza ?

Orazio = La ga leto

Marco = E cosa te ga parso ?...Dai, fora, in malorsega ! Finiscila de farme el papagà ! Buta fora qualcosa del to saco !...

Orazio = Se nol me lassa el tempo !...

Marco = Che impression che ga fato ? Gerela comossa ?

Orazio = Uhmm!....No savaria….La sorideva.

Marco = La sorideva, ti disi ? Benone !...Dona che soride se pol dirla in farsora. Làssime far a mi per cuçinarla, adesso.

Orazio = Tutti i gusti xe gusti; anca quelo de far il cogo !

Marco = Ma per saziar la mia fame, sempio !

Orazio = El staga atento che xe piutosto pericoloso….Co quel marìo che la ga….

Marco = E chi lo conosce quel pampe ?

Orazio = Mi, lo conosso. Son sta so attendente sotto le armi. El capirà….; per spirito de corpo…Xe per questo che me façeva un certo scrupolo…

Marco = (sgranando gli occhi) Scrupolo ?! ….Cosa xelo sto scrupolo?... Dove gastu imparà sta parola? …Xelo turco o beduin ?...

Orazio = Percossa ? Perché el ma trovà che rancuravo ciche davanti al Pedrocchi ? Viçende de la vita . Ma soto la mia scorza...

Marco = Ti ga un nio de scrupoli che te rosega ? … Benon!… E tienteli i te scrupoli ! Mettili in composta per quando no ti gavarà più un toco de pan da cavarte la fame !....Ti me fasessi ridar si non ti me fasessi pietà!...Te gogio domandà, mi, co te go tolto, se ti geri sta in galera o in manicomio ?...Si te gavevi la rogna o el mal de San Valentin ?..

Orazio = Per el bel mestier che me destinava…

Marco = Te go pesà su la balanza del mio naso , sporco e mal nutrio come che ti geri; e te go pagà più del doppio de quelo che ti valevi. E adesso che te go messo a l’onor de le baracole, ti me fa el schizzignoso ?...Ma vardime mi, bestia. Se gavesse avudo dei scrupoli pesaria metà de quelo che peso ! …Fasso el mio tornaconto, capissistu ? Meto l’acqua nel vin, vendo cunicio per peto da dindia; e se qualche polastra entra nel mio brolo, penso de farme scaldar el cucio per l’inverno ! E son manco gesuita de vualtri che robè de sotobanco… E tira fora el spirito de corpo anca in fato de corni ! (traendo una busta dalla tasca interna della giacca; imperioso) Qua che ne xe pronta un’altra. Alè !

Orazio = Cossa ?

Marco = No farme el sempio, che ti lo sa.

Orazio = Go capio; seconda tola; la signora Frasca.

Marco = Domatina a colazion; co capita el momento..

Orazio = Ah, no, salo ! Me despiase, ma tuto ga un limite. Co quela el se rangia lu

Marco = Ah, cussi ? Ah, cussì ti me rispondi  ? …Ti ga razon che ghe xe zente in terazza, se no…ma appena finita la stagion qua, via ! Fora dal tiro dei miei stivali...

Orazio = Cossa vorlo far ? Ghe vol pazienza…Tornerò a rancurar ciche.

Zancan = Orazio !

Orazio = El vien. (a se) A ciche torno piutosto ( e si avvia al tavolo di Zancan)

Marco = (bofonchia) Toco de carogna !... Dopo averghe cavà la fame…

Zancan = (spazientito) Insomma ; ma vorlo o no me vorlo portar sta pietanza ?

Marco = (avvicinandosi) M’interesso io , cavaliere

Orazio = Lo servo subito (e esce a sinistra) (mentre da destra entra Pierina)

Marco = Vado io personalmente a sollecitare in cucina. (esce dietro a Orazio)

Tonino = (Viene da destra di corsa; ha un granchio in mano) Mama! Mama! … (non scorgendola, si rivolge a Zancan) Galo visto mia mama, lu?

Zancan = E chi xela to mama?

Tonino = Chi vorlo che sia? Mia mama

Zancan = Ma varda ti se mi go l’obligo de conoscer tute le mame de l’universo!...

Tonino = (sfacciato) Che aseno!

Zancan = Ciò, bardassa?

Pierina = (entrando da destra) Ah! Qua ti xe, Tonin?

Tonino = Sì, mama. Ti m’avevi dito…go fato el giro de la spiagia.

Pierina = Cossa gastu la in man?

Tonino = Un granzio, mama. Varda el xe ancora vivo.

Pierina = Buta via quella porcheria. Ti xe grande ormai.

Marco = (rientra da sinistra) Il purè marcia, cavaliere.

Zancan = Speremo che a furia de marciar el ariva fin qua!...Squasi squasi me xe passà anca la fame.

Marco = ( che si è subito precipitato incontro a Pierina) Oh, signora! Che fortuna rivederla ancora qui dopo il pranzo

Pierina = Dasseno, signor Marco? (Tonino è andato a strofinare il granchio sul primo piatto della credenziera) No me la sento de arivar per el cafè fino al Stabilimento; preferisso torlo qua.

Marco = Ma venga, venga s’accomodi ( e la conduce ad un tavolo di destra verso il proscenio, mentre Orazio entra e porta la pietanza a Zancan)

Orazio = Beo el peto de tachino. Adeso ghe porto subito el purè

Zancan = Che marcia longa!

Orazio = Che lo go fato far espresso.

Pierina = (mentre siede) Lu xe sempre compito, sior Marco

Marco = Dovere, signora bella, Dovere e piacere. (chiama) S-ciantiso! ( e poiché questo gli dà un’occhiataccia) pardon …Orazio! Un cafè speciale per la signora…e uno anca per mi… (a Pierina) se la signora mi permette de torlo al so tavolo...

Pierina = Ma el se figura….

Zancan = ( dopo aver annusato il piatto che Orazio ha preso dalla credenziera e gli ha posto davanti) Camerier sto piato sa da freschin !

Orazio = Impossibile cavalier i xe lavai sempre con la soda bollente.

Zancan = Come impossibile. No vorrà minga che m’inventa no?

Marco = Che cosa succede?

Orazio = El cavalier pretende che el piato sapia da freschin.

Zancan = no pretendo…..Xe! El che lo porta a nasar

Marco = Ma no, nol se disturba; ghe credo su la parola. Daghene un altro subito, senza tante storie

Orazio = Adesso in cucina i me sente!...(s’avvia)

Marco = E stua quela luce là in fondo….Che qua ghe xe anca massa splendor (Orazio è uscito)

Pierina = Ghe par?

Marco = Co la ghe xe ela, signora, in terazza se podaria far de manco de impissar i fari! (declama)

                                          Il fulgor che t’illumina il volto

                                          Qui rischiara gli spiriti e le cose!...

Pierina = Ah! Bravo galante sempre el nostro sior Marco! E poeta anca….

Marco = La ritrovarà nel mio volume che vegnarà fora sto autuno; - “Galopate del cuore”. Mi farò un pregio de mandarghene una copia con firma autobiografa

Pierina = Scrivelo spesso in versi, lu, sior Marco

Marco =  Co trovo la mia Musa….e co le cure de l’azienda me lo pemete. Sta sera, per esempio, la Musa canta! E come che la canta!...

Pierina = Sarà l’aria del mar...

Marco = Gli astri che illumina la spiaggia!...Ah, che estro!... Che matana!...Che fantasia!... No la se ofende minga, vero?...la varda i gera preparai. ( e le porge la busta)

Pierina = Per mi ?

Marco = Per ela

Pierina = Cosa xe? …Dei Versi ?....

Marco = Ecco…; mezi versi e meza prosa

Pierina = (prendendo gusto allo scherzo) Lu me confonde.

Marco = La confusion xe tuta mia…Per questo, la prego…..; non in mia presenza. (Orazio rientra. Regge il vassoio del cafè con una mano; e, con l’altra, il piatto del purè che posa per un istante sulla credenziera) (Tonino, che aveva gironzolato per la scena, toccando tutto quello che poteva toccare, si avvicina rapido alla credenziera e, furtivamente, infila il granchio nel purè)

Orazio = Pronto il moka ! (depone il vassoio al tavolo di Pierina e Marco; indi seve il purea a Zancan)

Zancan = Che viaggio longo ch’el ga fato!

Orazio = Fatto speciale, cavaliere ( e se ne va)

Marco = ( a Pierina) Come ghe piaselo?

Pierina = Dolce, piutosto

Marco = Come mi. Mi son nato per la roba dolce. Mi piase el cafè dolce-, piase le parolete dolci…A vedarme cussì no se diria … Ma quelo che go de originale mi xe apunto sto contrasto fra l’esuberanza del mio fisico e la dolcezza del mio carattere

Pierina = (celiando) El xe impasà de sucaro e miel, insoma

Marco = Oh. Ma a l’ocorenza son anca bon de impissarme come una lata de benzina ! E alora …Che s-ciochi… (galante) Un mezo bichierino di liquore a complemento?

Pierina = Grazie; no son abituada

Marco = Ma per far un piasser a mi…Dolçe anca quelo! …Come tuto del resto! (va alla credenziera a prendere la bottiglia)

Orazio = (che è rientrato, sottovoce a Marco) El varda che xe qua st’altra.

Marco = (allarmato) Chi ?...

Orazio = Quella del biglietto de ancuo

Marco = Cossa? …La signora Sanson?!...T’ala domandà de mi?

Orazio = No; de la signora Frasca.

Marco = Osteria! Che le se conossa?

Orazio = Pararia che le fusse amighe.

Marco = No ghe mancaria altro, adesso, che le se contasse….(supplica) Orazio caro,…mi xe megio che vada de là. Tienle de ocio ti e tira ben le recie.

Orazio = Mi? Se no fasso più parte de l’azienda….

Marco = Ritiro. Come non detto; e apena a Padova te cresso

Orazio = El ghe la daga, alora. (a se) Ti sta fresco! Un pisolo me sgnaco!

Marco = (ritornando al tavolo di Pierina con la bottiglia del liquore e un bicchierino) La me scusa, signora; una chiamata urgente al telefono… Si serva intanto; si serva pure.

Pierina = El fassa, el fassa pur, sior Marco (Marco esce in fretta  a sinistra)

Zancan = (che si è accinto a mangiare il purè, dopo averlo annusato) Tolto espesso, el dise! Una porcaria granda.

Pierina = (voltandosi) Cossa?

Zancan = Signora, la varda!...El purè se move. La prego de controlar. (corre al tavolo di lei col piatto del purè)

Pierina = Ma cosa vorlo che se mova la pietansa?

Orazio = ( si è avvicinato ad osservare) Xe vero, caspita! El ga razon! Ma cosa ghe xe qua dentro? (mette un dito nel purè) Ahi! Che becon ! Ghe xe dentro una bestia (Zancan nel sentire ciò, lascia cadere il piatto a terra e dal purè salta fuori il granchio fresco)

 Zancan = Signora! Testimonia! Un granzio! Un granzio vivo nel purè coto!

Tonino = (ridendo) Ciao mama. Te speto su la spiaggia! (E scappa)

Zancan = Ah! Basta ! No ghe meto più pie qua dentro! (chiamando) Signor Marco…..(prende cappello e bastone e si avvia rapido a sinistra; esce.) Orazio corre a raccattare i cocci del piatto)

Orazio = El scampa? …E el conto chi me lo paga? (esce a sinistra rincorrendo Zancan e gridando) El diga!...El senta!...( ( pure da sinistra entra Serena Sanson, una bella signora elegante e procace; è con lei Bice, anziana, ma tutto spirito e nervi)

Bice = (guardando dietro a Orazio) Co chi la galo quelo la?

Serena = Oh, Pierina cara!

Pierina = Serena, ti?...E anca la Bice?

Bice = Che improvvisata, ah!

Serena = Te gavemo aspetà al stabilimento; ma visto che no ti vegnivi…

Pierina = Che xe disgrazie?

Serena = No ..

Pierina = Ah, manco mal ! Perché vedarve qua a sta ora…Sentève. Quando xestu arivada ti?

Bice = Sarà gnanca mez’ora.

Orazio = (rientra succhiandosi il dito) Oh! Si! …El va come un s-ciantiso…Altro che mi. (e va ad appisolarsi su di una sedia verso il fondo)

Bice = E to fio dove xelo?

Pierina = …El xe scampà in spiagia. El me n’à combinà una de quele…Ma voialtre, cossa vol dir?

Serena = Un fià de consiglio di famiglia fra amighe…; se cussì se pol dir.

Pierina = Alora ghe xe qualcosa?

Serena = (scrollando il capo) Mio mario! Da capo.

Pierina = Le solite scene? …El xe qua?

Serena = No; ma ne pol far che’l capita. La Bice, povareta, che ga indovinà le so mosse, xe corsa avanti per avertirme.

Pierina = El se gera messo quieto da un toco; cossa ghe ciapa adesso?

Serena = Mah! Se vede che qualchedun, conossendo el debole, se diverte a supiarghe in recia…

Bice= In malorsega anca i gelosi!...Gera un toco che’l tastegiava co mi…Savendo che quasi tute le setimane fasso un salto qua da vualtre, el me domandava, a la larga via, che vita che la fa….Chi che la pratica …, se la bala…, se la ride…, se la sfogia…Mi naturalmente ghe go dito quelo che xe; go parlà de la so vita riservata in compagnia tua e dei fioi…Oh si ! Quelo se ga messo un chiodo qua in mezo a la testa…de sentirsene cressar altri do, uno per banda!

Pierina = Ma xe ridicolo, scusa. Se’l gaveva tutte ste paure el doveva accompagnarla e restar qua co ela.

Serena = Sii! …prima de tuto lu odia el mar; e po’ va a ragionar, ti, co queli che sofre de sto mal!...Par quasi che i se diverta a tormentarse…, a fabricarse fantasmi davanti ai oci…., a metarse in aguato. Dei veri infelissi, credimelo, che, purtroppo, fa infelissi anca queli che ghe vive in compagnia!

Pierina = Povera Serena…proprio ti; co quela vita da munega che ti fa….

Serena = oh Dio! Da munega proprio no…

Bice = In conclusione son vegnuda a saver che’l ga telefonà al garage “Italia” per 'ver una machina per stasera. E mi alora via co l’autobus sensa perder tempo. Quelo ti vedrà che’l capita da un momento a l’altro.

Pierina = Ben; cussì el se convinserà…..

Serena = Sii!...Una parola! ….Sel me trovarà sola el penserà: “Un caso!” Se qualche disgrazià gaverà la infelice idea de dir bona sera : “El mio amante” Se sarò insieme co vualtre : “ Le mie manutengole”!

Bice = Voria che’l vegnisse a dirmelo sul viso a mi, sto mostricio   per vedar se no ghe fasso passar i fumi

Pierina = Una bela lezion ghe vorìa, per guarirlo !

Serena = Te assicuro che se gavesse el genere… Ma co quel poco che se me presenta sottoman vado a ris-cio de farme ridar sul viso!...

Bice = Poco ti ghe ciami? Più de un quintal!

Pierina = (stupita) Cossa? Ti ga qualchedun che ti fa la corte?

Serena = Che se desfa adiritura par mi…(scherzosa)

Bice = Prima che’l se desfa tutto!...

Pierina = (incredula) Noo!...

Serena = Ma si; senti qua se ti vol ridar (e trae un foglio dalla borsetta ) Mezo in versi e mezo in prosa

Pierino = Eh?!...

Bice = Minestron.

Pierina = (per un pensiero improvviso) Aspeta. ( e trae essa pure il foglio consegnatole dal sior Marco)

Serena = Anca ti?!...

Bice = (osservando) Ciò! La stessa carta ?.....

Serena = La stessa caligrafia!

Pierina = Versi e prosa…Lezi.

Serena = (legge sul proprio foglio) Il fulgor che t’illumina il volto

                                                         Qui rischiara gli spirti e le cose…

Pierina (continua la lettura) I tuoi detti son voci amorose

                                             Per l’orecchio del trepido cuor!...

Serena = Come qua!...

Bice = Sentì creature! ….El cuor co le recie! Torna a lezar.

Serena = (rilegge, cadenzando) Il fulgor che t’illumina il volto

                                                   Qui, rischiara gli spirti e le cose

                                                   I tuoi detti son voci amorose

                                                   Per l’orecchio del trepido cuor!

                                                   Ch’è mai questo ?

Bice = (seguita, parafrasando la “Battaglia di Maclodio”)

                                                    Alle belle contrade

                                                    Qual ne venne straniero a far guerra ?

Serena = (riprende)                     Qual dolce tormento

                                                     Il mio petto conquide, circonda?

                                                     Non negarmi o Serena gioconda…

Pierina = (leggendo sul proprio foglio)

                                                     Non negarmi o Pierina gioconda….

Bice = Per far rima co circonda…

Serena =                                       Le struggenti delizie d’amor!!...

Bice = Porco!

Serena = E qua segue la prosa : P.S.

Bice = Pubblica Sicurezza?

Serena “Questa è la sintesi ideale che non si può esprimer che in versi “

Bice = Le delizie d’amor el le ciama sintesi ideale, lui!...

Serena = “Ma se volete far pago il mio struggimento, deh, non scordate il mio indirizzo cittadino: Albergo Agnello d’oro…..

Bice = Cucina pronta a tutte le ore; vini delle migliori fattorie!...

Pierina = E ti disi che no’l xe el sogeto adato?!

Bice = Ma ga razon la Pierina, caspita! El par fabricà aposta. Do sorzi ne la stessa trapola!...

Serena = No voria che mio mario, col so temperamento…

Bice =  Anca se’l lo sbusa…., prima de arivar al solido…

Pierina = Ma se pol essar più impudenti de cussì?

Serena = Unto e spenacià come che’l xe el vol ancora far el galo de la Checa!...

Pierina = ma per chi me torlo, sto vergognoso?

Bice = Volè darme l’incombenza a mi, creature? Ve assicuro che ghe fasso calar trenta chili de quel lardo che’l ga indosso…

Pierina = Ti vol restar qua stanote?

Bice = No, vissare: ….Che quel satiro, in mancanza de gamberi….Aspetème a la Rotonda.(Pierina e Serena s’avviano a destra)

Serena = Ti xe un bel tipo, va là!... (esce con Pierina)

Bice = (avvicinandosi a Orazio che dorme tutt’ora) El diga, giovane!... El dorme!...(più forte) Camarier!

Orazio = (risvegliandosi) Ecolo…Pronti…La me scusa…Me gero un fià conçentrà….

Bice = Volè ciamarme el paron?

Orazio = (stropicciandosi gli occhi e guardandosi intorno) Ciò, no ghe xe più nissun, qua…

Bice = Le signore le xe andae.

Orazio = çerchela camara?

Bice = No, no; disèghe che go urgente bisogno de parlarghe.

Orazio = (sbirciandola) Che la sia anca questa de la colezion? Passadota, se volemo…Ma quelo co’l vede cotole!...(esce da sinistra)

Bice = (a sé) Cara la mia cara balena…Adesso ti gavarà da far co sta sardela che xe qua! Mi ghe voleva un fià de diversivo per sto autuno.

Orazio = El vegna …(da sinistra) Ecola là…

Marco = (difidente) Dove ? …Mi quala siora no la conosso

Orazio = La gera insieme co la signora Sanson.

Marco = Dasseno? …Ben; gira a la larga (Orazio esce a sinistra) (Marco avanza sempre diffidente) Signora…

Bice = (come colpita da un’improvvisa apparizione, con un grido) ….!!

Marco = (stupito) Cosa disela, signora?...

Bice = (fingendo di rimettersi) El me perdona l’esclamazion!   (sospira) oh Dio!!...Xe sta un grido involontario!

Marco = No capisco…; la prego de spiegarme.

Bice = Oh, credo che dovarò spendar ben poche parole. (guardandosi intorno) Che xe nessun qua che ne sente?

Marco = Anima viva..

Bice = Perché no vorìa ….Se trata de cosa delicata….

Marco = La parla pur senza riguardo…

Bice = ( quasi all’orecchio di lui, furbescamente) Mi son l’amiga più cara, più devota, più segreta de Serena Sanson!

Marco (illuminandosi tutto) Dasseno?!

Bice = E de Pierina Frasca, anca.

Marco = (rimettendosi in guardia)  Ah!..

Bice = (sottilmente) Ma vorlo aver la bontà lu de dirme come che’l fa? …

Marco = Come che fasso?...

Bice = A strigarmele tute, cussì?... E si, digo che no se tratta de roba de meza vigogna! Nissun pol dir de averghe sfiorà gnanca la ponta de un deo; e mi davero no saveva fin adesso spiegar..

Marco = (lusingato) e adesso…

Bice = (con un sorriso) Adesso…, squasi squasi le giustifico, el varda!...Posso ben dirghelo , vero? Perché mi ormai son fora concorso; ma dona resto sempre; e vedo coi oci de dona; e so distinguer… e so giudicar…

Marco = La completa el so giudizio sul mio conto.

Bice = Oh Dio! Se dovesse precisar…..no savaria proprio…Sensazioni indistinte, eco…Semo nel campo de l’insondabile …Fato sta che lu ga un certo non so che indosso…

Marco = (tronfio) Cosa notoria.

Bice = El sa dar un certo turbamento…Come una specie di vertigine ,  Quela povera Serena, po’!... Co quela bestia de marìo che la ga; abituà a comandar regimenti intieri…; quelo xe restà colonelo anca ne la vita intima! Geloso, dispotico, sofistico… xe natural; apena che la ga visto un’altra creatura umana interessarse de ela….se ga slargà el cuor… La se gera acorta da tempo de la so assiduità, de so sospiri… e a poco a poco, senza squasi incorzarsene, la xe entrada ne la so sfera magnetica. Quela letara de ancuo, po’…, quei versi!... Persa la testa adiritura! …(declamando) S’ode a destra uno squillo di tromba….

Marco = Noo!

Bice = Ah! Il fulgor che t’illumina il volto… Si, persa la testa! E se mi no la tegnisse un poco in fren….

Marco = (tutto accalorato) Benedeta! …Benedeta!...Ela xe come un angelo piovudo dal cielo…Una sorela par mi!... Più ancora una mama!...Grazie; grazie dal profondo del cuor...

Bice = El lassa star de ringraziarme per adesso. El lo farà fra qualche giorno co saremo in çità…Ghe dico mi el come e el quando….Bisogna agir con molta prudenza.

Marco = Si, si …la me guida anca mi…; la ne guida tuti do…

Bice = Tuti do? …..Mostrici!...Se bastasse…Tuti tre, el vorà dir… Salo che’l me ne da del da far?

Marco = Come, tuti tre?

Bice = E staltra dove gavemo da lassarla? Ah, el xe avesso a far cussì, lu? El tira el lasso e po’ el sconde el brasso? Ma no posso ben mi rinegar la so amicizia, povera Pierina ! Se se penza che per lu la zoga tutto per tutto…Una mare de famegia, el pensa!

Marco = Ah!...Perchè anca ela la ga confidà ?...

Bice = Percossa credelo che la continua a vegnir in sto ristorante? In virtù de le so pietanse ?.....Che xe ben altra atrativa!....E lu vorla butarla adesso in un canton?...Sa! Forse perché l’aventura se presenta manco ris-ciosa, vero?.....

Marco = Ah! Perché co ela ghe saria manco pericolo ?…

Bice = Nessun o squasi. Come ?non conosse el marìo? El dottor Frasca? Quelo che ga un gabineto de analisibiologiche in via del Santo ? La so casa xe un porto de mar speçie nei giorni de visita. Dunque el se figura...

Marco = (titubante) Ma… la me cava una curiosità!...Una ….sala de str’altra?

Bice = Xelo mato? ….El me perdona…lu sarà un gran sedutor…ma psicologo no de sicuro! Le done xe furbe, caro mio! Co mi, che son fora zogo, la pol anca confidarse…; ma tra de loro che le xe  in partìa….

Marco = Come che la xe fina!...Percossa no la go conossuda prima de adesso ?.....Dove stala?  …. Come  se ciamela?....

Bice = El m’avarà sentio nominar…La Bice. Son conossuda come la Betònega.

Marco = Ah! La signora Betònega!....(correggendosi) No. La signora Bice.

Bice = Una meza istituzion citadina. Infermiera, confidente, istitutrice, dama de compagnia; no go più nissun; purtropo me toca bàtar a tutt le porte …..

Marco = Dora in poi basta che la bàta a una porta sola ; quela de l’”Agnelo d’oro”. Anzi la pol far manco adiritura de bàtar; la spenza….e la entra da parona!...(galante) posso ofrirghe qualcossa?

Bice = No, grazie. Bisogna  che scampa; go d’aver fatto tardi ormai.

Marco = Vorla che l’accompagna ?

Bice = Fin sul vial , se’l crede, solo……

Marco = Ah, sa! Perchè vedendola co mi...(accompagnandola a destra) Prego…..

Bice = El vada pur avanti lu...

Marco = (facendola girare) Ma ghe par? Le bone regole de cavalerìa prima de tuto (Bice esce; Marco corre presso Orazio che appare a sinistra, lo guarda instupidito e gli da un piccolo schiaffo sulla guancia) Toh! Te dago questo per no darte un baso!... Altro che frita in farçora! Biscotada! Una e anca st’altra! E mi me sento un certo apetito indosso! Che sboconae ( e si precipita dietro a Bice)

               ( Il colonnello Sanson, che evidentemente stava in agguato, non appena uscito Marco, entra in scena da destra e corre a scrutare da tutte le parti; E’ alto, forte, sanguigno; ha il bastone fra le mani)

Orazio= El diga, dove còrelo? Cossa cerchelo?....

Sanson = (eccitatissimo) Quela dona! Quela dona!...Cossa vorla qua?!

Orazio = (che ora gli si trova faccia a faccia; con un balzo) Eh?!...El mio colonelo?!....

Sanson = (fissandolo) Chi xe ?

Orazio = (tutto tremante) Orazio, signor colonelo.

Sanson = Il mio attendente de Palmanova?!

Orazio = (piantandosi sull’attenti) Signor si!

Sanson = Ti qua?...Te pesco finalmente !

Orazio = (sempre più spaurito) Mi no ghe n’ò colpa, salo!....Mi no ghe n’ò colpa ! El ga vossudo lu a viva forza che ghe lo portasse!...

Sanson = Portasse cossa……

Orazio = Quel biglietto a la so signora. Ma mi no voleva saverghene ghe lo giuro…

Sanson = (furente) Ah! Ti ga portà un biglieto a mi muger? Da parte de chi ?

Orazio = (che vuol riprendersi) Ma...

Sanson = Forsi...

Orazio =  Da parte del sior Marco. El mio principale

Sanson = Ah si ? Bravo ! Te ringrazio de l’informazion.

Orazio = Come? No’l saveva ?...Parcossa allora m’alo dito : “te pesco” ?

Sanson = Perché te gavevo perso de vista dopo el congedo.

Orazio = Che bestia!

Sanson = Chi?

Orazio =  Mi, Signor colonelo! Mi! El me perdona per carità.

Sanson = No xe el caso de perdonar. Ti m’a reso un servizio anzi…..

Orazio = (con improvvisa risoluzione) E po!...Ma si, che in fin dei conti xe megio cussì!....Che son stufo de farghe da paravento a quel baril de catrame!.....

Sanson = El ghe ronza d’intorno a la mia signora, dunque?

Orazio = Pezo! El vol farse scaldar el leto per sto inverno!.... Parole sue.

Sanson = (fremente) Basta che’l ghe riesca!

Orazio = Go visto un certo armegìo qua stasera… Sior Marco no stava più ne la pele da la contentezza…Mi go paura che se no i se ga inteso su tuto, poco ga da mancarghe!

Sanson = (non contenendosi più) Briganti! Fasso un macelo!

Orazio = (spaurito) No! Per l’amor di Dio ! Senza nessuna prova, cussì?...

Sanson = Ma no posso mi aspetar….Bisogna che sapia….Subito.

Orazio = E alora vorlo un consiglio? Se conossali lu co sior Marco?

Sanson = No, perché xe da poco che son vegnudo a star a Padova. Ma so che’l xe un sporcacion.

Orazio = El cerca alora de tirarlo zo….; senza dirghe naturalmente chi el xe… Un tizio qualunque inamorà de la signora Sanson che se rivolge a lu come a maestro de seduzione…Quelo xe più tondo de la so pamsa ….; e, una volta che’l  s’abia sbotonà, lu prepara la trapola; e alora el pol menar le man con giusta razon!

Sanson = E se quelo non se sbotona?

Orazio = El lo toga dal lato interesse …. Per tenderghe a le femene el trascura i affari; a Padova i creditori ne aspetta col sciopo spianà…; e se no ghe ….dei altri ciodi… El ghe prometa de agiustarlo in qualche modo.

Sanson = Mi go le gatarigole a le man!

Orazio = Ma se le grata. Zito, tasa che'l  xe quà ...El varda de no tradirse …

Sanson = Provarò a comandarnme.

Orazio = Se’l comandava un regimento, volo no esser bon de comandar un omo solo ?

Marco = (arriva dal fondo, tutto giulivo, canterellando)

                                                                 Vorrei baciare i tuoi capelli neri

                                                                  Le labbra tue….

                Ciò; ancora impissà ?

Orazio = Ghe xe sta persona che domanda de lu .

Sanson = (avanzando) El sior Marco ? Il proprietario del locale ?

Marco = (sempre un po’ diffidente ) Precisamente.

Sanson = (presentandosi) El permetta: Avvocato …..Francesconi

Marco = ( a sé) un avocato?.... In che posso servirla ?.... (Orazio si ritira in disparte)

Sanson = Go un agiuto da domandarghe;  un agiuto che non pol vegnirme che da lu….Veramente la xe questa un’ora poco adata….; ma lu savrà compatir… Co se se trova in certi stati…

Marco = Soldi ? Se xe per soldi el po sparagnar el fià ….Come che’l ghe domandasse un crocefisso al diavolo.

Sanson = Cosa diselo mai ? ! Capisso; lu non me conosse; ma se’l me conossesse… Grazie a Dio no go fastidi de sto genere e se vogio meter man su un poco de carte da mile posso farlo senza scomporme. Lo sa i me amissi se a l’occorenza…Purchè i se dimostra veramente amissi…

Marco = (subito, offrendo il portasigarette) Fuma?

Sanson = No, grazie

Marco = (offrendo la sedia) Siede?

Sanson = Si, grazie (siedono)

Marco = In cosa posso servirla?

Sanson = Se trata…..se trata….oh Dio, come poderla dir ? Se trata de afari de cuor , caro sior Marco! Una meza tragedia….Go ciapà una cota tremenda per una dona maridada!...

Marco = Ben; e questa el la ciama una meza tragedia ? …Ma galo la boca ancora sporca de late, lu ? ….Megio se la xe maridada. Soto!!!

Sanson = Go provà; xe mesi che provo! …Oh si! …La par fata de marmo!....Cerco de incontrarla e ela me schiva….; la saludo…no la risponde…; azardo dei fiori….me li vedo mandar indrio….

Marco = Co le done ghe vol metodo, caro avocato….Giusepponi.

Sanson = (corregge) …Francesconi.. E fussela po’ quela puritana che la vol aparir a me oci!... Che xe chi pretende che co i altri la sia de manega larga….Che adesso qua ai bagni…

Marco = Ah! Perché la xe qua ?

Sanson = Sicuro. Se dise che adesso qua la gabia i so mosconi e che ela ghe staga…..E mi me desfo, me impisso, me rosego! El me agiuta lu, sior Marco, el me agiuta lu per carità!...

Marco = (con superiorità) Ben volentieri in quel che posso …Per quanto mi no capissa….

Sanson = Percossa che me sia rivolto a lu ? Ma per la fama che’l gode, benedeto.

Marco = (lusingato) Ah si ?...

Sanson = Dove che’l toca el brusa! La xe una vose general.

Marco = Oh Dio ! Una certa qual praticaccia…Modestamente contribuisso a risolver la crisi de una industria nazionale.

Sanson = Che crisi ?....

Marco = Quela del capelo. Sul mio orizonte i merli no se azarda de andar a testa scoverta per le strade !...

Sanson = Una prova  me bastarìa! Una prova sola …….picola così…Anca fusse  da spendar  metà del mio! Vorria vedar, mi, che la si ostinasse a resisterme dopo aver capitolà con qualchedun altro

Marco =  Alora la voria anca de seconda man !

Sanson =  Anca de terza, pur da calmar sto fogo che me brusa

Marco = Come se ciamela ?

Sanson = Un nome che fa a pugni col mio spasimo: Serena.

Marco = Ah  la signora Sanson

Sanson = Ma la conosse ?

Marco = Ela ?

Sanson =  Ela !

Marco = (battendogli una mano sulla spalla) lu pol dir d’esser nato co la camisa, caro avocato !

Sanson = Oh Dio!...

Marco = La prova ghe la darò mi ! Parola de galantuomo.

Sanson = Dasseno? Come? Quando?

Marco = Un fià de calma, sior mio. Ma, confidenza per confidenza, quela dona entrerà presto a far parte del mio pollaio.

Sanson = (vorrebbe avventarglisi contro, ma si trattiene) Ah si? …afar fato ormai?...

Marco = No manca che i detagli. Xelo contento?

Sanson = (tra i denti) Come una Pasqua.

Marco = Ma intendemose; lu da sto momento me considera amico….; de queli veramente amissi?

Sanson = Altrochè !

Marco = In caso de bisogno….

Sanson = El me fassa riusir nel me intento e no’l gaverà che da domandar.

Marco = Qua la man (il colonnello gliela stringe fino allo spasimo) Orazio  una bottiglia svelto …(Orazio si precipita) El so nome de batesimo?

Sanson = Govani Batista.

Marco = El mio al lo sa, Marco. Marco Cerisiola. Qua sero fra tre giorni e torno a Padova. El mio recapito : “L’Agnelo d’oro”; e mio anca quelo.

Sanson = Ghe vegnarò ( viene Orazio con la bottiglia, Marco stappa, Mesce)

Marco = (leva il calice) A la so salute.

Sanson = A la sua, Marco

Marco =  A la dopia incoronazione del colonello Sanson ! (porgendo un calice a Orazio) Ciapa; brinda anca ti .(al colonello) El xe el mio brasso drito.

Orazio = (guardando timoroso Sanson, mentre il bicchiere gli trema fra le mani ) Ma…

Orazio = Cossa? No te se ga ancora svampio el spirito de corpo ?... Molighe, va là ! Quelo gera predestinato fin dal giorno che so mama lo ga fato. Bevi!

Sanson = (imperioso) Bevè !

Orazio = Signor sì

Marco = Percossa ghe distu : “Signor sì “ ?

Orazio = ( levando il bicchiere ) Evviva!

Marco = ( accomiatandosi) E adesso bisogna che me ritira. ( a Orazio) Accompagna il signor avocato e dopo stùa. (porgendogli la mano) arivederçi , Tita ; a fra giorni . Sul campo de la gloria, sul campo del piacer ( si avvia al fondo canterellando)

                                                                            Tra quelle trine morbide

                                                                            dell’alcova dorata

Sanson = Va pur là, caro, che te aspeto al varco

Marco = (volgendosi)  Me galo ciamà ?

Orazio = (subito) No…El la ga saludà…; Buona sera, sior Marco.

Marco = Buona note avocatoe se’l dovesse incontrar el colonelo Sanson el ghe diga pur che’l ga i so ornamenti in fabrica! (esce ridendo)

Orazio = El pol star sicuro che no mancherò.

Sanson = (non regge più; s’avventa levando il bastone) Ah!  Brigante! Canagia! Me ga magnà el            cuor!

Orazio=  Par l’amor de Dio! Colonelo! El se comanda!

Sanson = ... che comandarme! (e agita il bastone in alto)

Orazio = Colonnello, pied’arm! (Sanson mette il bastone al piede) Riposo!

S I P A R I O
A T T O  S E C O N D O

Sala d’ingresso in casa del dottor Frasca. Al fondo porta massiccia, con controporta a vetri smerigliati, che mette al gabinetto di analisi biologiche del dottor Frasca. A destra, in dietro, l’uscio che mette alle altre stanze dell’appartamento; più avanti l’uscio grande che dà alle scale. A sinistra ampio poggiolo, sempre verso sinistra, divanetto, tavolo, poltroncine.

Bice = (in osservazione tra le tende della finestra, che dà sul poggiolo) Ecolo…El xe là sto el portego del cafè. El xe drìo a sorbirse una limonata…

Pierina = (alle spalle di Bice) Lassa che veda…..Tuto in cìcara, ciò! ….

Bice = Ghe faso segno? …. Semo restai intesi che se tiro un fià su le tende del pergolo lu se precipita….

Pierina = (un po’ titubante) No, no…Bice; aspeta almanco che manda el picolo a scuola…

Bice = E per chi xe che te lo mandi ?... (in grande confidenza) Son andada geri sera a l’ “Agnolo d’oro” ; un’accoglienza che no te digo….El voleva che me fermasse a çena a tutti i costi…Figurite! …..Ghe go dito che ancuo verso sta ora el podeva vegnir liberamente a farte visita perché to marìo ga ambulatorio. Lu no fasseva che basarme le man…”Cara ! Benedeta da Dio”; el me diseva; e subito dopo …: “E st’altra?! Quando st’altra?....”

Pierina = Ah! No’l fa ora de impissarse per la prima che za el pensa a la seconda?

Bice = El galo de la Checca, ciò !....Ghe go promesso ancuo, qua da ti, troverò modo de fissarghe st’altro appuntamento. No’l stava più ne la pele da la contentezza!...

Pierina = E Serena?...

Bice = La xe za pronta che l’aspeta; apena che’l xe qua vado in tinelo e ghe telefono; ti ti lo tien in balo fin che la capita; e po se tuto va lisso come che gavemo architetà, penso mi a calarghe i bollori !

Pierina = Perché mi no go gnanca da saver ?

Bice = Ti ti ga da navegar secondo el vento che spira…..

Pierina = Ti xe una bela macia!

Dr. Frasca = (dal fondo, in occhiali, camice e berretto bianco, con una provetta fra le mani, seguito da Carolina, anch’essa in occhiali, camice e berretto bianco ) Fame la cortesia, Pierina, daghe do pachi de coton che in armadio de là no ghe ne xe più.

Pierina = Epur ghe lo gavevo tanto racomandà a la Bianca prima che la se ne andasse…

Frasca =  Sìì ! Fidarse de la servitù!...

Pierina = ( a Carolina)  Se la vol vegnir.. (esce a destra secondo uscio con Carolina)

Frasca = Ciao, Bice; che bon vento?

Bice = Cussì, de passagio; un salutin a la Pierina. S’è restai senza dona de servizio, la me ga dito.

Frasca = No. La ne ga domandà do giorni de permesso par el matrimonio de so sorela…

Pierina = (rientrando con Carolina ) Eco.

Carolina = Grazie, signora. (esce dal fondo)

Pierina = Sestu tanto ocupà de là?

Frasca = L’anticamera xe piena. Dopo devo finir le analisi per stasera se doman vogio torme el lusso de na zornata de cacia.

Pierina = Vastu solo?

Frasca = No. Me ga invità el colonelo Sanson ne la so riserva de Torson. (e osserva controluce la provetta che tiene tra le mani)

Bice = De chi saralo mai quel rosolio che ti ga la dentro?

Frasca =  Quando podarò cavarte un fià de sangue anca a ti ?

Bice = Sìì! Perché ghe n’è tanto!...

Frasca = Saria sicuro de trovarghe i microbi de la micragna, varda!...

Bice = Queli te li trovi anca in fondo a le mie scarsele, senza scomodarte tanto!

Frasca = Ti te fermi a colazion, vero?

Bice = Mah! Forse. Procurerò de far sto sacrifizio.

Frasca = ( a Pierina) Ciao cara . (rientra)

Pierina = E adesso, fino a l’ora de colazion se pol star sicuri che no’l se move più.

Bice = (con la mano alla tenda della finestra) Tiro suso ?

Pierina  = (non troppo convinta) Tira pur suso …

Bice = (osservando ) Ecolo….El paga…El se move….El me par una corazata.

Pierina = (invasa da improvviso timore) Oh Dio, Bice! ….Adesso scominço a gaver paura!..

Bice = De cossa, sempia?

Pierina = Pensa se qualchedun vegnisse a saver…e credesse che davvero ?....Ghe ne va de la mia reputazion ….

Bice = E ti te me credi dona da comprometerla? E la mia dove la làssistu? …Quando gagio fato mai sul serio sto mestier?

Pierina = Giusto per questo…

Bice = Se trata in fondo de darghe una bela resentada de testa e de farghe patir una volta per sempre la so impudenza!...E po’ no semo in tre? E no gavemo in man quel tanto che basta per metarne al coverto ? ….Su, su , per Diana, che xe l’ora bona questa ! …Ghe faremo vedar a sti siori omeni de cossa che semo capassi solo scherzando; mo se po’ che fusse bisogno de qualche arma più seria, savaremo adoperar anca quela per el nostro amor proprio! (suono del campanello elettrico; indicando una poltrona ) Mètite là, ti, con un libro tra le man. (Pierina esegue; Bice va ad aprire l’uscio grande a destra)

Bice = (con finta sorpresa, sorniona) Oh! Varda chi se vede! El nostro sior Marco qual…..

Marco = (appare all’uscio; è vestito di chiaro con ricercatezza vistosa ; scarpe gialle, gilet bianco, cappello grigio, cravatta sgargiante, gardenia all’occhiello, guanti gialli, bastone con pomo dorato alla mano. S’inchina goffamente . Appare un po’ impacciato e sospettoso sempre.) Ossequi….doverosi ossequi….

Bice = Che bon vento, se pol saver?

Marco = Vento d’Eliso….cara signora Bice!...Zefiro celestiale…(sottovoce dando una rapida occhiata intorno) No ghe xe pericoli, vero?...

Bice = (pure sottovoce) Ma gnanca per idea!...El varda che la xe un pochetto romantica; el se sapia regolar. (ad alta voce) Ma el vegna avanti, prego….(togliendogli cappello e bastone che depone su una sedia) El me daga qua.

Marco = (togliendosi la gardenia e porgendola a Pierina che nel frattempo s’è alzata) Signora Pierina! Un modestissimo fior…., prego…Uno solo; per non dar tropo ne l’ocio…La discrezione xe sorela del rispeto; e el rispeto xe cugino germano de l’ammirazion…Ma per una manina de zucaro como la sua saria apena sufficiente un mazzo de ortensie.

Bice = De orchidee el vorà dir…

Marco = Eco; brava; un lapsus

Pierina = Galante come sempre el nostro sior Marco! (indicando una poltroncina) Prego…

Marco = (siede) Grazie. La galanteria vien  da le circostanze……

Pierina = E a lu se ghe ne presenta cusì spesso

Marco = No la diga, signora, per carità.

Bice = Credelo che no se sapia in giro?..

Marco = Ela intaca adesso la mia modestia….Inezie…Scoribande inconclusive che lassa el tempo de prima…Ma le circostanze vere, quele da segnar col carbon bianco, quele che lassa un solco profondo ne la vita de un omo…

Bice = (come per un pensiero improvviso) Oh Dio!....Go paura che me se brusa tuto de là! ….Se no’l lo sa, me toca anca far da coga, ancuo. La Pierina , povareta, xe restada senza servitù…Compermesso. (ed esce di corsa dal secondo di destra)

Marco = Oh, me ne dispiaze proprio! Per questo ela vede adesso ai so pìe el più umile, el più devoto de tuti i so servi!....

Pierina, Sior Marco, cossa diselo mai!...

Marco = (esaltandosi)Ah signora! Ah signora Pierina! Che note!... Che note de inferno che go passà!...Ela no la se pol imaginar….

Pierina = Oh! Povareto!...Galo avudo forse qualche disturbo?...

Marco = No….Eco…Note de inferno….De paradiso, voleva dir…..Opur de inferno e de paradiso insieme!...El pensier de essar ricevudo finalmente da ela; fora de l’umile esercizio de le mie funzioni…L’idea me lanciava a le stele..E el fogo me brusava soto! …Ah percossa el destin no’l me la ga fata incontrar prima de adesso ? La gavaria incoronata mia regina!

Pierina = Dasseno?....Xelo proprio sincero?

Marco = Come l’acqua de fonte ! La sincerità xe el mio abito morale.

Pierina = El saria un delito, el varda!...Co una dona come mi che conserva ancora tuta l’ingenuità de la prima giovinezza….

Marco = (in ammirazione) Benedeta! Una bambina tal  e qual!

Pierina = Si, ma non al punto però de non saver distinguar…., de no saver capir…Lu al mar ghe usava tante finezze a quela me amiga…

Marco = A chi? A la signora Serena ? ….Ma ela se sbaglia, anima cara! …Ela ga visto atraverso il velo de la più nera gelosia!.... Se ghe xe par mi una dona antipatica al mondo la xe proprio quela!...

Pierina = Guai, salo! Guai a lu !...Perchè no’l imagina gnanca la crisi spiritual che mi go atraversà…; la lota tremenda che se xe svolta in mi!...Desolatamente sola; senza nessun arente che me savesse confortar, sostener, consigliar….

Marco = Adesso ghe son mi! Adesso ghe son mi ! Anima e corpo!

Pierina = La xe stada questa la tragedia de tuta la mia vita…; la solitudine. Mio marìo, bravo omo sì, ma tuto dedito al ben de l’umanità, sempre imerso nei so studi…

Marco = E da quei xe giusto no distrarlo !...

Pierina = Le amighe? …Ma vedarse da le amighe!....

Marco = Vangelo! Tute invidia le amighe!....

Pierina = I amiratori? ... Se sa ben a cossa che i mira….

Marco = Oh Dio!...Omeni se xe…Ma quando che el fermento vien dal cuor……..

Pierina = Demodochè prima de far un passo tanto decisivo per la vita de una dona…la xe una tal filza de tormenti.

Marco = Oh cara ! Cara!....I sarìa compensai i so tormenti…; ghe lo giuro su la mia fede de gentiluomo!...La vedarà

Pierina = Sì…; perché se dovesse un giorno constatar che la mia fiducia in lu xe mal riposta….

Marco = No la diga gnanca per scherzo!...Come in una cassaforte!...Come in una rocca!...Semo del vecio stampo nualtri,  vìssare sante!....Cavalieri fin dentro le raìse del cuor !...Pronti ad afrontar ogni pericolo per la creatura amata!...(una porta sbatte, Marco ha un sussulto; si fa bianco in volto. ) Oh! Dio ! Cossa xe?....

Pierina = Gnente, la porta del tinelo che sbatte co ghe xe corente.

Marco = (respira) Ah!...(riprendendosi) Diseva dunque…che non semo come certi moscardini del zorno de ancuo che ghe basta assaporar il fruto per dopo butar via la scorza…Nualtri de la scorza femo una specie de reliquario ….(squillo di suoneria elettrica alla porta di ingresso; Marco spaventato, si alza) I sona ….Chi che sia?..

Pierina = (calmissima)  Mio marìo no de sicuro, perché el xe in ambulatorio, e fin a un boto…

Marco = Me scondo?...

Pierina = Ma noo. Percossa?

Bice = ( dal 2° di destra, prevenendo Pierina che sta avvicinandosi) Lassa, lassa. Verzo mi (ed apre) Oh, Serena cara, ti ?...

Marco = (che si è spostato verso il fondo) Cossa che la vogia? Xe megio che me sconda !

Pierina = Ma per che razon?

Serena = (entrando) Bondì Bice. Che xe la Pierina?

Bice = Ma si; eccola. E varda anca chi che ti trovi qua!...

Serena = (fingendosi contrariata) Sior Marco? …Ah! Bravo…Go proprio gusto de vederlo dopo tanti giorni…La xe proprio una sorpresa questa!...

Marco = Percossa, signora?...

Serena = Chi gavarìa mai supposto de trovarla qua in visita a le diese de la matina ?

Marco = Cossa vorla…..Al dopo disnar go tanto da quel da far…

Serena = (ironica) Sìì! …Veramente mi go sempre sentìo dir che i osti ga tanto da far a la matina per preparar el pasto de mezogiorno….

Marco = (sottovoce a Bice) Oste, la me ga dito!

Serena = Ma se vede che adesso le usanze xe cambiae. Cossa xe che no cambia al giorno d’ancuo ? (a Pierina) Ciao, cara. Scusime sa.

Bice = Mi torno de là perché gho paura che me se taca.

Serena = ( a Marco che è sulle spine) Ma prego, prego; el staga comodo. Gogio forse disturbà ?

Marco : Noo!

Pierina = Ma cossa distu, cara? Ti no ti disturbi mai. (siedono) Gastu bisogno de qualcossa ?

Serena = Sìì….; cioè…., oh ma adesso, forse pensandoghe ben…Siccome me marìo doman va a caccia in valle, e el starà fora tuto el giorno, voleva impiegar la matina a preparar quei dolci da tè che ti m’a dito…A le volte qualche visita improvisa… (e guarda Marco)  per questo gera vegnuda a domandarte el libro……

Pierina = Ben volentiera, cara (e fa per alzarsi)

Serena = No, lassa…; ti me lo darà un’altra volta; go cambià idea. La zornada de doman xe megio che la impiega diversamente; perché tanto no val la pena de strussiarse …e de aspetar po’ magari chi che no ga voglia de farse vedar …(Marco si dimena sulla sedia e si prova a fare dei gesti di intenzione) Vegnarò invesse qua da ti, vustu?

Pierina = Ah! figurite (Marco di mostra desolato)

Serena = To marìo?

Pierina = Ben; el xe de là ; el ga un monte de visite . El sgoba come un fachin. E el tuo?

Serena = Oh! Il mio no fa altro che pensar ai so cani e ai so s-ciopi. Adesso po’ el ghe na fato una vera mania.. Figurite che no dormimo gnanca più in camera insieme perché ogni seconda matina el va fora prima dell’alba…..E cussì per non disturbarme….

Marco = Passion la xe; e co la passion no se ragiona.

Pierina = Lu, sior Marco, no’l xe apassionà par la caccia ?...

Marco = A dirghe la verità preferisco la pesca….

Serena = Za; perché forse la da modo de sfadigarse manco….; de star sempre su la riva ….E si che un fià de moto ghe farìa ben, credo….

Marco = Megio de quelo che me sento no podaria mai star…

Pierina = (in ascolto)  Tasè! …..Me par che sona el telefono…

Serena = No che xe la Bice de là !

Pierina = Forse stando in cucina no la pol sentir….Scusime un momento. (esce per la seconda di destra. Non appena Pierina è uscita, Serena si alza e va sdegnosamente alla finestra voltando le spalle a Marco)

Marco = (supplice) Signora Serena! Signora Serena!

Serena = (voltandosi) Come? El ga ancora el coragio de rivolgerme la parola?

Marco = La me lassa dir….,la me lassa giustificarme…No la vede che son sui spini?...

Serena = (ironica) Veramente …..no pararìa….

Marco = Go  capìo, sala, tuti i so discorsi de prima, la so alusion…No, no; no xe possibile che el destin ne gabia preparà la festa cussì granda per doverghe miseramente rinunciar!

Serena = ( ironica) Oh no’l se afanarà tanto per questo!... A quanto go capìo el sa trovar altre distrazion, lu; megio de quele che pol ofrirghe la mia povera persona…

Marco = No la diga, se no la vol vedarme consunto qua ai so pìe!...Ma percossa crederla che mi sia vegnudo qua stamatina?...Ma solo per la smania de aver so notizie !...Diese giorni che no saveva gnente de ela…Roba da spacar la testa sul muro!....

Serena = Dasseno? …Proprio ? …No’l xe vegnudo invesse per la Pierina ? …

Marco = Cossa? …Per la signora Pierina, mi?...(forzando una risata) Ah bela, questa! Bisognava ben che la me metesse un fià in alegria dopo de averme fato tanto sospirar!...

Serena = Epur , anca co se gera su la spiaggia…

Marco = Oh! Dio! Là se sa ben…Gentili co la clientela bisogna sempre esserlo …..I xe un poco i nostri feri del mestier… Ma no ghe gera pericolo che facesse parzialità…. Per mi cliente una, cliente st’altra! …E po’? La signora Pierina? Ela vede la cosa atraverso el velo de la più nera gelosia…La soporto perché la xe so amiga; gnente per altro…. Ma se ghe xe per mi una dona antipatica al mondo, la xe proprio quela!...

Serena = Alora vorà  dir che me sarò sbagliada….

Marco = ( sottilmente piagnucolando come un bambino) La me preparerà doman quei famosi pastizeti?

Serena = Veramente no’l li meritarìa…

Marco = Si che li merito; parola d’onor….

Serena = A che ora xelo abituà, lu, a tor el tè?..

Marco = Mha, par mi, qualunque ora xe bona.

Serena = A le quatro ghe va ben?

Marco = E’ la mia ora preferita. A mezza digestion….

Pierina = (affannata; seguita da Bice) Serena, gera la to cameriera al telefono. La m’à domandà se ti ghe xe…Ga da sucedar qualcossa de serio in casa tua….

Serena = oh Dio!...

Bice = La dise che el colonelo dà fora da mato; che’l spergiura de voler sbusar la pansa a l’oste de l’ “Agnelo d’oro”

Marco = (con un urlo) Noo! …Percossa ?...

Pierina = E che’l xe drio a vegnir qua de corsa co i oci fora de la testa! ….

Marco = Oh Dio !

Pierina = Ma cossa galo fato a quel’omo?

Marco = Mi? Gnente. Gnanca lo conosso!...Come che xe vero che go el santo batesimo!...Come fasso? Come fasso adesso? ..Chi me salva?!...

Bice = Se’l va zo el lo incontra….

Marco = ( a Pierina) La me sconda…La me sconda ela…

Pierina = Bravo; e se capita mio marìo? No go vogia de comprometterme ….

Bice = El se calma, el se calma un momentin… che ghe pensemo suso. ( si spalanca l’uscio di fondo e vi appare il dottor Frasca con Carolina)

Frasca = (rapido) Presto, Pierina, un po’ di cognac! Ghe vien mal a un cliente.

Pierina = Oh povareto! (si precipita al secondo di destra)

Bice = Xela cosa seria?

Frasca = Gnente. Un fià de stornità. Ga bastà vedare un giosso del so sangue ne la provetta….

Pierina = (ritorna col bicchierino) Eco, Giovanni.

Frasca = Grazie, cara (passa il bicchierino a Carolina) …..

Carolina = El se xe ormai rimesso; co un po’ de amoniaca (deposita il bicchierino sulla scrivania)

Marco = (sottovoce a Bice) Qualo xelo il dottor Frasca?

Bice = Quelo là. S’altra xe una dona!

Frasca = Manco mal alora. La lo fasa passar de qua. In anticamera ghe xe tanta zente… (Carolina rientra) Oh, la signora Serena ! No la gaveva gnanca vista… (indicando Marco che è tutto un tremito) El signor xelo co ela ?

Pierina = No ti lo conossi, Giovanni ?

Frasca = Mi no, veramente

Pierina = Il proprietario del ristorante al Capricorno, dove che gerimo in spiaggia. Te ne gavemo tanto parlà.

Bice = (con improvvisa risoluzione a Marco) El staga tranquilo, lo salvo mi, adesso. (al dottor Frasca)  Sicome el gavarìa bisogno de una picola analisi del sangue…Vero, sior Marco?...

Marco = (che non sa più in che mondo si sia) Eco….

Bice = Ma savendo che in ambulatorio bisogna far tanta anticamera…

Frasca = Go capìo; anca qua el vol robarghe qualcosa al so prossimo, insoma!. Lo acontenterò. (dall’ambulatorio viene il cavalier Zancan, terreo, sorretto da Carolina ) Spero però che no’l sarà sensibile come sto sior che a la vista del proprio sangue….

Zancan = (brontola) Debole son !...

Marco = (che lo riconosce) El cavalier Zancan

Zancan = Sior Marco?!...Anca lu?...

Marco =  Cossa se sentelo?

Zancan = Un peso qua, come una piera. Tuta la porcheria che’l m’à fato ingiotir lu ne la so gargota.

Carolina = ( mettendogli il bicchierino alle labbra) El beva un sorso…

Zancan = Grazie (beve)

Marco = (titubante) Ghe galo fato mal ?

Zancan = Gnanca tanto. Come un becon de vespa. Ma lu, prima ch’l ghe trova la vena !

Frasca = El pol tornar lunedì per il responso.

Carolina = ( a Zancan ) Se sentelo de andar solo ?

Zancan = Si,si …; me xe passà ormai. …….( e poiché Zancan si indugia sul I° di destra)

Marco = El se desbriga a serar quela porta! (Zancan chiude uscendo)

Frasca = ( a Marco) Vorlo favorir? …El gavarà l’accompagnatoria del so medico curante…

Marco = (impacciato) Ma mi …… veramente …..

Frasca = Se’l ghe ga prescrito l’analisi….

Bice = Giusto adesso el se mostrava desperà per non trovarsela più in scarsela…

Frasca = E come se fa alora…Bisogna procedere a tentoni…Che disturbo se sèntelo ?...Spossatezza?...Inappetenza?..

Marco = Eco; qualche volta, si; specie de sta stagion.

Frasca = Emicrania?...

Pierina = Oh quela si! Ghe gera de le volte al mar che’l toleva anca do cachets de Piramidone in una volta…; vero sior Marco? (Marco la guarda stupito e non ha il coraggio di negare)

Frasca = Male! No bisogna mai abusare di cardiocinetici che in fondo po’ no xe che dei paliativi. Bisogna possibilmente risalire alle radici del male. (a Carolina, che, ritta presso la scrivania, con una tabella nella sinistra e un lapis nella destra, attende i dettami del dottore) Sarà bene procedere alla cromocitometria. (Carolina scrive)

Marco = (spaventato) Che roba xela?

Carolina = La conta dei globuli rossi e bianchi e stabilire poi il tasso dell’emoglobina(Marco impallidisce ancora di più; il dottore lo osserva)

Marco =  (mormora) Oh Madona !..

Frasca =  Ma pare sempre cussì palido, lu, al scusa?

Marco = (con slancio) Mi? Sempre salo! E anca più de cussì!

Frasca = Me fa vegnir un sospeto…El pararia…(lo palpeggia sotto la …)

Marco = ( con un brivido) Ah!  El me fa le gatarìgole

Frasca = (palpeggiandolo ancora) Un momento. Galo mai avvertìo ingrossamento alle ghiandole? …Cussì xe un po’ dificile a stabilir; el ga tanto de quel lardo qua…Ad ogni modo…. Xe  sempre ben assicurarsene…( a Carolina) Formula leucocitaria… Pol esserghe benissimo in aguato un morbo di Hodgkin…

Marco = Morbo de chi, galo dito?

Carolina = Di Hodgkin .Uno scandinavo naturalizzato russo.

Marco = Ah! Alora el xe de un altro?!...

Frasca = Hodgkin è lo scopritore del morbo; una forma acuta di leucemia.

Marco = ( sospira) Oh! Santi del Paradiso!

Frasca = Macchie sulla pelle, mai avvertite ? …( e gli scopre un po’ l’avambraccio)

Marco = Mai. Questi xe beconi dei mussati de stanote.

Frasca = Perdita di capelli ? … (Carolina gli leva qualche capello dalle spalle e lo osserva)

Marco = Oh Dio ! Queli chi xe che no li perde ? Me fasso ogni matina una bela frizion a base de petrolio inodore

Frasca = Sciocchezze !..... ( a Carolina che subito annota) Reazione di Warsserman = tanto meglio se sarà negativa. E credo che podarà bastar.

Marco = (tra se) La digo anca mi.

Frasca = La staga tranquilo . Lezaremo nel so sangue come in un libro averto

Marco = Ma ne càvelo tanto ?

Frasca = Oh ghe ne resterà sempre abastanza ! Dieci o dodici grammi credo che sarà …..sufficiente

Carolina = Venti al massimo.

Marco =  Ma senta ela! ……Cosa ghe entrela ?

Frasca = Come ? Cosa che la ghe entra ? E’ dottore.

Marco = ( a Bice) Lo gaveva dito mi che’l xe un omo! ( a Frasca) Ma xe proprio necessario ancùo ? …No se podaria rimandar ?...Ancùo intanto el bate…; el scolta co la trombeta….

Carolina = Ma dal momento che’l xe vegnudo…

Marco = E dàghela ! La  la ga proprio co mi!

Frasca = Galo fato colazion?

Marco = (subito) Nossignore; no go çercà grazia de Dio; e mi so che co se xe deboli no se pol, vero ?

Frasca = Anzi ! A stomaco nudo, sempre.

Marco = ( a sé) Va su la forca ! No ghe ne imbroco una! ( suono di campanello all’uscio d’entrata ; Marco si precipita nel gabinetto) Ecome, dotor; tuto a so disposizion…E el fassa pur co comodo, che de pressa no ghe n’ò!  ( entrano pure il dottor  Frasca e Carolina richiudendo solo l’uscio a vetri)

Serena = ( a Bice) Ti ghe fa cavar sangue sul serio?

Bice = Cussì che se ghe calma i bolori! No te lo go dito che’l zogo se complica da solo ?

Serena = ( a Pierina) Ma xe vero che Lisetta la te ga telefonà che mio marìo?....

Pierina = Ma certo. Un ossesso la dise….

Serena = Mi alora no capisso ( nuovo insistente trillo di suoneria)  Oh! Dio questo xe lu de sicuro

Bice = ( prendendo bicchierino e tazzina dalla scrivania) Aspeta che portemo via (esce per il secondo di destra)

Pierina =  ( va ad aprire l’uscio alle scale) Oh, buongiorno, colonelo; lu?...

Sanson = ( secco, rabbuiato) Buon giorno Pierina ( lancia un’occhiata torva alla moglie) Ah! Qua ti xe?

Serena =  Si Davide; mi cercavistu?

Sanson = ( a Pierina) in casa Frasca no ghe xe abondansa de servitù a quel che par...

Pierina = Parcossa, colonelo ?

Sanson = Go sonà do volte; e se no la veniva ela a verzar… ( e lancia un’altra occhiata al baston e al capello di Marco che sono rimasti sopra una sedia)

Pierina = (sorridente) Infatti no’l ga tuti i torti. Ancuo son proprio sensa dona…Mi me toca far da portinaia, la Bice da coga…

Sanson = (allarmato) Ah! Perché ghe xe anca la Bice!... Quela cara Bice!

Bice = (rientrando) Si, percossa ? …Te fa proprio tanto piaser de vederme?

Sanson = (brusco alla moglie) Gran pressa, vero ti, de andartene stamatina  senza gnanca aspetar che mi vegna fora de camera ?....

Serena = La Liseta me gaveva dito che ti geri in bagno…

Sanson = Un bagno no dura un secolo !

Pierina = Orpo! Che nero che’l xe ancuo, colonelo! …

Bice = El gavarà dormio descoverto…

Sanson = ( a Pierina) La me lassa star…Son secà  fora dei modi… Certe usanze in casa del colonelo Sanson no voria che se le tolesse mai!

Serena = Son vegnuda a domandarghe un ricettario a la Pierina; cossa ghe xe de mal ?

Bice = Articolo 375 del Codice Penale, benedeta!....

Sanson = No ti podevi mandar la camariera ?....

Bice = E se invesse po’ la ga vossudo vegnirghe de persona ?

Sanson = Tasi, ti che ti xe sempre in mezo come la Betònega!

Serena = No ti avarà ancora certe fisime per la testa, spero….

Sanson = (stringendo il pugno) Uhmmm! Se le fosse solo che fisime!...

Bice = (perdendo la pazienza) E cosa vustu che le sia, benedeto omo anca ti ? ..Barbabietole ?...E finissela perdiana, de far scene in casa dei altri per sempiae de sto genere !.....

Pierina = Se mio marìo dovesse aver le so idee….co la libertà che mi godo…poaretto lu! …No’l dovaria trovar pase né giorno né notte!...

Sanson = So marìo….So marìo ….ga la testa ai so malai… E po’ lu xe lu e mi son mi. Se i omeni fussero tuti compagni…

Bice = Ma sospetoso come ti credo che no se ghe ne trova  diese in tuto l’orbe teracqueo!

Sanson = Segno che go le mie bone razon! (indicando risolutamente il capello e il bastone di Marco) No vorè darme da bevar, per esempio, che el dotor Frasca porta el capelo çenare?

Pierina = (ridendo) Chi?!....Mio marìo?...No.

Sanson = De chi xela dunque quela roba?...

Bice = De l’oste de l’”Agnelo d’Oro” , la xe , che xe drio a farse visitar el sangue dal dotor Frasca! Vustu saver altro?

Marco = (d.d.) A pian!

Sanson = (quasi a sè) El xe anca amalà?

Bice = Varda (indica la porta a vetri ; in trasparenza si scorge l’ombra del dottor Frasca che sta compiendo un piccolo atto operatorio su Marco)

Marco = (d.d. grida )  Ahi!

Pierina = (severa) Bice, cossa gastu fato? Mio marìo ga el segreto professional!

Bice = Ti ga rason, vìssare. Ma che’l se ris-cia a parlar adesso!

Sanson = (riprendendosi) Certo che mi no poteva imaginar… La staga pur sicura, Pierina, la conta su la mia discrezion; e la me scusa…

Bice = Vustu el specieto per vardarte, adesso ?

Sanson = (alle altre) Scusème, via! Quando me ciapa sti fumi…..ghe sbararia el mondo intero !

Bice = Calmite, caro. Aspeta doman a sbarar co ti sarà in vale.

Sanson = A proposito …Me son desmentegà de ordinar le cartucie al mio armarol. La me permeta de telefonar, signora Pierina ?... El telefono xe de là, vero?

Pierina = Si el se comoda pur. (Sanson esce per la seconda di destra) Cossa che ghe passa per la testa ?

Serena = Quaschedun sarà anda a stuzzegarlo…

Bice = Orpo ...! ma un servizio de informazion cussì preciso…( si apre l’uscio di fondo e vi appaiono Marco, il dottore e Carolina)

Frasca = (sull’uscio accomiatandolo) Galo visto che xe più impression che altro?

Marco = ( dà subito una rapida occhiata in scena e si rasserena; si riassetta la giacca che ha appena infilato. Facendo l’atto di metter mano al portafoglio) Quanto devo dottore ?

Frasca = Oh per carità…

Marco = (subito) Obligato, allora…

Frasca = (indicando Carolina) La, a la signorina

Carolina = (che ripresa la cartella fa il computo) Esame microscopio 5000; cromocitometria 9.000; formula leucocitaria 12.000 ; reazione di Wassermann 3.500 ; Totale 29.500

Marco = Soldi?!

Carolina = çerto!!

Marco = Dottore ?...

Frasca = La tariffa dell'Ordine

Marco = Ah. Co la xe de l'ordine.. no parlo altro. ( guarda spaventato; ma paga) Eco…La me daga el resto indrio. Eh no, cara, a ela mancia gnente!... ( a se) Pressi de calmiere..

Frasca = Fra qualche giorno el po passar per l’esito. Compermesso; go la caterva la che scomincia za a protestar (rientra con Carolina)

Marco = Caro dottore…(sottovoce a Bice) Xelo vegnudo ?

Bice = (pure sottovoce) Si

Marco = (come sopra) Ah, el xe andà anca via allora?

Sanson = (rientrando) Eco fato.

Marco  = (tenta giocosamente) Tho! Chi se vede qua!....(le tre donne si guardano ….) Gelo vegnu a farse scandagliar el sangue anca lu, avocato ?

Sanson = Veramente mi no….

Marco = ….no ghe vegna de ste idee, salo…Perché qua…(e indica  l’uscio) el ghe ne cava venti grammi al prossimo; ma qua…(e indica il portafoglio) Un salasso addiritura!...

Bice = (azzarda) Ah! I se conosce dunque?

Marco = Nualtri ?   Amigoni!...Tanto simpatico ! ( a Serena) Vero signora che’l xe simpatico ? Un fià manco de mi, se volemo; ma dopo de mi el vien subito lu!

Sanson = (per tagliar corto) Vegnalo zo ?...

Marco = Subito, avocato! (Prende il cappello e lascia il bastone ; stringe la mano alle tre signore ) Signora Pierina…Signora Bice…Signora Serena…(sottovoce a questa) Me preparo za per el tè de doman…(raggiunge il colonnello che è già presso l’uscio)

Sanson = (indicado l’uscio) El passa….

Marco = Ma ghe par?.....Prima lu, avvocato…

Sanson = No femo complimenti, via!  (lo spinge avanti e lo segue lasciando l’uscio dischiuso)

Serena = (sbalordita) Avocato ?...I se trata in confidenza?...

Pierina = Cossa che ghe sia soto ?

Serena = In un bel pastizzo, si, se semo messe!

Pierina = ( a Bice) E tuto par colpa tua.

Serena = (con maggior apprensione) Ciò?...E se i fusse d’accordo tra di lori?

Pierina = E se sto modo de tratarse la fusse una finta?

Srena = E se invesse de intrapolar lori restemo intrapolà nualtre ?

Pierina = E se?....

Bice = ( esplodendo) E se! E se! E se ! E se mia nona gavesse il tabaro? Ma vardèle là, bianche de paura perché invesse de sbusarse i xe andà via a brasseto… (riprendendosi) Su coragio in malorsega! Za che semo in balo continueremo a balar ! Che la xe sempre la megio maniera per sfantar dei segreti, caso mai che ghe ne sia !

Serena = Mi intanto vado de là a meterme in ordine e coro a casa de volata!...

Bice = Aspeta ce vegno via anca mi…Ma la xe una gran disgrazia, savè, aver da far co do pape mole del vostro stampo ! squasi squasi  dago le mie dimission da dona ! (esce con Serena dal 2° di destra)

Marco = (rientra dal primo di destra) Pardon…me son desmentegà…( e toglie il bastone dalla sedia)

Pierina = (un po’ addolorata) Sior Marco?..

Marco = (allegro) Pierina ?....

Pierina = El sarà in colera, vero?...

Marco = Mi?!...Parcossa mai ?

Pierina = Si, digo…, co l’incidente che ghe ga tocà… (e indica il cavo del braccio)

Marco = Ah! …Par quele poche giosse? … (esaltandosi) Ma un fiasco gavaria vossudo versarghene par ela, anima mia

Pierina = El ga scontà cussi col so sangue….

Marco = E cossa vorla trovar de più epico al mondo per un cavalier inamorà?... (canta in sordina, ma con intensa espressione)

Sconto col sangue mio

L’amor ch’io posi in te…

Non ti scordar di me,

Non ti scordar di me

Amore mio!…

Amore mio!...

(e piega il ginocchio ai piedi di lei)

Sanson = (forte dalle scale) Sior Marco!

Marco = Vengo ….(fa per rialzarsi ma non gli riesce)

Pierina = (spaventata) El cora, el cora per carità ! Arrivederlo (esce in fretta dal secondo di destra)

Sanson = (sull’uscio) Ben?...E alora? Cossa falo ingenoccià per tera?...

Marco = Son sbrissià sul tapèo… se’l vol sporzarme una man …(Sanson gli dà uno strattone e lo rimette in piedi) Grazie  (prende il bastone) Me gera desmentegà el baston; e xe sempre prudente… (quasi all’orecchio) Perché, se no’l lo sa, in sti paragi ronza el perìo!

Sanson = (subito) Chi ghe l’ha dito?

Marco = Loro; le amighe; le se desfaria l’una per l’altra; tre corpi un’anima

Sanson = Ah!, gavevo razon mi alora!...

Marco = ( che non capisce) De cossa? (chiamandolo alla finestra) El vegna qua; el ghe buta un’ociada zo, lu che lo conosse. Ghe xelo ?

Sanson = ( brusco, dopo aver guardato) No me par.

Marco = Oh! E po’ in caso el me protege lu, vero? Lu xe come el mio angelo custode!

Sanson = (contenendosi a stento) Za; ghe tegno la man su la testa!

Marco = Ma el staga alegro che semo a la vigilia del desiato giorno !... Doman a le quatro la m’a invidà a casa sua a bevar el tè.

Sanson = Ah si?

Marco = Benedeta ! No la sta più ne la pele!...El se figura che la me ga fato perfin una scena de gelosia.

Sanson = Quando? Dove?

Marco = Adesso qua. La xe giusto vegnuda qua per farse dar la riceta dei pastisseti… Ma lo combino mi el pastisso a quel tanghero del colonel…

Sanson = Doman a le quatro el ga dito?

Marco = Si (trattenendo le risa) Perché vorlo sentirghene un’altra de bela? …El se tegna la pansa se no’l vol crepar dal ridar…Doman la xe sola in casa perché so mario va a tirarghe ai becanoti da val !...ai becanoti. Capisselo il doppio senso ironico? I becanoti.

Sanson = (fremente) I becanoti. Go capio. Andemo. (lo afferra per il braccio destro e lo trascina verso l’uscio)

Marco = (strilla) Ahi!

Sanson = Cossa galo?

Marco = La puntura!

S   I  P  A  R  I  O

A T T O   T E R Z O

LA SCENA

Salone terreno in casa Sanson. Soffitto alla Sansovino. Alla parete di sinistra due porte.

A destra, in faccia al pubblico, la dispensa chiusa da una porticina con piccola finestra ed inferriata artistica. Più avanti , sempre sulla parete di destra, la porta che dà in cucina.

In fondo un’arco che lascia scorgere il giardino chiuso da un muro alto, rivestito d’edera. In mezzo al giardino un pozzo.

Mobili severi ravvivati da qualche cuscino e da qualche soprammobile di molto buon gusto. Cassapanca, pianoforte, tavolino da tè, sgabellini.

Serena e Bice vengono dal fondo.

Serena = Oh, brava, Bice ! Gavevo paura che no ti venissi più .

Bice = Brava ! …Quando go dà parola, mi… Che mancaria altro che’l general disertasse il campo nel giorno dell’attacco decisivo!

Serena =  Ben, dime. Gastu possudo saver gnente?

Bice = Macchè ! ….Par che l’albergo sia mezo sequestrà … Sior Marco xe ireperibile. Go visto su la porta S-ciantiso …; ti sa quel camerier che’l gaveva anca in spiagia….El m’a dito che’l so paron  stà pù al largo che’l pol per evitar i creditori; e che a l’”Agnello d’Oro” se sbadiglia da la matina a la sera

Serena = Distu che’l vegna ?

Bice = Per mi ghe metaria la testa ! I omeni, co xe ciapai da quela tal freve, i se desmentega debiti e malorseghe ! No i vive più che in quel inferno che i se ga creà dentro de lori; e no i vede el precipizio che se ghe verze sotto i pìe!.......

Serena  = Se no fusse per la smania de spiegar el mistero de quel'andata via insieme……de quel  tratarse in confidenza…. De quel “ caro avocato” …..tanto de caenasso a la porta gavaria dà! ….Ti  vedi che no go gnanca dito gnente a la Pierina…..

Bice = Chissà che una buona lezione ghe fassa verzar i oci una volta per sempre….; in fondo la xe un’opera de carità cristiana!

Serena = Sìì! Vangelo a contar a mio marìo!....

Bice = No’l xe in vale a cacia? A che ora xelo andà via stamattina ?

Serena = Prima de le tre el gera anca in machina… Un bacan che no te digo! ….Cani che sbragiava …., omeni che zigava… El ga da essar passà a tor suso el dottor Frasca.

Bice = Prima de note queli no torna de sicuro.

Teresina = ( dall’uscio di destra)  Xe permesso ?....

Serena = Avanti

Teresina = Signora, per piaser, el giasso gogio da metarghelo  indentro o torno via al budin?

Serena = Ma intorno via, benedeta, se no stasera se magna la crema al bagno!...

Teresina = La me scusa ….Cossa vorla che sapia mi de sti pastissi….(esce)

Bice = Che tonta, santo Cielo! …Dove la gastu pescada?

Serena = La xe fia de un nostro afitual che ne la gaveva tanto racomanda. Spero, un fià a la volta de tirarmela su.

Bice = Mi go paura che co quela ti perdi el to tempo per gnente.

Serena = Epur pensa che preziosa che la me xe in ‘sta ocasion….Questa, cussì gnoca come che la xe, no ghe xe pericolo che la ciacola…(suono di campanello)

Bice = (guarda l’orologio a pendolo) Le quatro!

Serena = El xe lu (Teresina viene da destra pulendosi le mani sul grembiule)

Teresina = I ga sonà (esce in giardino e svolta a destra per aprire )

Bice = Mi resto de là in cucina. In caso….

Serena = Se i sonasse de novo, dighe a Teresina che la fassa el giro del giardin e che la me avisa.

Bice = Lassa far a mi …(Bice entra in cucina. Serena si mette al piano e trae qualche acordo)

Teresina = (dal giardino) Parona, ghe xe sto sior. ( appare Marco tutto agghindato, giacca nera, cappello di panama)

Serena = ( alzandosi) Oh che visita gradita! …Xelo vegnudo per quei quadri antichi, cavalier?

Marco = (confuso) Si…ecco…precisamente..Ma cavalier… (Teresina è rientrata in cucina)

Serena = Go dito cussì perché la dona…

Marco = Ah! Mangiata la foglia ! ….( indicando il segiolino del pianoforte) Ma la resta, prego…, la continua…Dal giardin me xe arrivae le prime note di quel strumento…La voce del so spirito melodicamente espressa….

Serena = Se go apena pusà la man su la tastiera?

Marco = Par mi xe suficiente. A le anime assetate di bellezza ghe basta una nota per sentirsi trasportare su in alto; su le sfere celestiali….( con un gesto improvviso tenta di afferrarla alla cintola ) Ah ! Serena! Serena ! Ladra della mia serenità!...

Serena = (schernendosi) Bon, bon sior Marco, per l’amor del cielo ! …No’l ga gnanca fato ora de metar piede qua  dentro.

Marco = Xe giorni de spasemo!...

Serena = El se tegna ancora un pocheto. Xelo sempre stà cussì intraprendente lu?

Marco = Da quando go capio che’l mondo xe de chi sa torselo!... E nel mondo ghe xe tante robe bele!...Le done, prima de tuto!... Da picolo, in colegio, gero un agneleto…; e i me compagni se divertiva a tormentarme….- Un pizzegon sui brassi? Behh! Una comiada su i fianchi?... Bhehh!... Ma un bel giorno me son revoltà: A ogni malagrazia un pugno su i denti!...Son deventà l’idolo de tuti!... Gera una spisima  e me son fato un colosso. Go capìo da alora ….e go continuà cussì per tuta la vita, pronto a scaverzzarghe le gambe a chi me atraversava la strada!...

Serena = Lu sa che mio marìo xe molto geloso; e che’l ga za dei sospeti …..

Marco = No importa ; lo bruso col fogo che me arde qua dentro!...

Serena = El xe un toco de omo co do spale alte cussì ! …

Marco = Lo schinso col peso del mio corpo!...

Serena = No sarà tanto facile che’l se adata a portar certi ornamenti…

Marco = Al destino no se ghe scampa!

Serena = Ma …., el me cava una curiosità: lo galo mai visto, lu, mio marìo!

Marco = Mene vardo ben! Intrapendente si, malvagio mai! E no xe che i malvagi che se diverte a contemplar in facia le so vitime!....

Serena = Questa se ghe ciama delicatezza …. (evasivamente ) Ah!....El me scusa ….Un’informazion che volevo domandarghe geri, se no’l gavesse avudo tanta freta de scampar….: quel signor che gera co lu in casa del dottor Frasca…un so amigo forse!

Marco = Ah!...perchè no ghe lo gnanca presantà ? Che sventato! ….Un carissimo amigo; l’avvocato Francesconi. Ghe lo presenterò mi, bisogna che ghe lo presenta…tanto più che’l ga un certo debole per ela ….el butarìa via meze de le so sostanze pur de tenerghe una man!....

Serena = Xelo sta lu stesso a dirghelo?

Marco = Fin da la prima sera che se semo conosscui,  là su la spiagia ….

Serena = Ah! …perché el xe vegnudo anca lu al mar?

Marco = Per vederla ela, benedeta! El ghe core drio come un cagneto!.....Strano che no la se ne sia mai acorta….

Serena = Mi no, dasseno. Cossa vorlo …perché un omo me interessa bisogna che’l me daga tanto, ma tanto ne l’ocio!....

Marco = Come mi, per esempio!....

Serena = Lu ….lu…..; lu xe un anormale !....

Marco = Come ?.....

Serena = Sì, lu xe al de sora dei altri !

Marco = Cara ! (e fa per abbracciarla)

Teresina = ( dal giardino) Parona, ghe xe qua la siora Pierina….

Marco = (contrariato) La Pierina ?!...(deciso a Teresina ) disèghe che no la ghe xe !

Serena = Come se fa?....

Teresina = Ormai ghe go dito …..

Serena = Bon fala venir ….(Teresina si ritira )

Marco = No vogio che la me veda….per ela, più che tuto….

Serena = Forse el ga rason; La xe cussì maliziosa quela dona….

Marco = (indicando l’uscio della cucina ) Da qua?

Serena = No, che ghe xe la cucina. Piutosto (indica la porticina della dispensa) No’l ghe bada se’l starà un fià streto…..

Marco = No importa …. ( a sé) Proprio sul più belo!...(entra rinchiude; gli si scorge solo la faccia attraverso l’inferiata, ben illuminata da un proiettore di scena)

Pierina = (dal giardino) Bondì, Serena, disturbo?

Serena = No cara; percossa ?....

Pierina = Via Teresina m’aveva dito che ti gavevi gente ….

Serena = Ah! …..El fator de santa Lucia …Ma el xe già andà via…

Pierina = Brava ! gaveva un bel aspetarte mi ancuo! ….

Serena = Decossa ? ( come risovvenendosi) Ah!, Ti ga ragion, scusime ….Che oca ! …Me xe andà via de mente….

Pierina = Cussì me ga tocà passar tuto el giorno sola…. E che giorno, Serena mia! ….Che giorno ! ....

Serena = Infati ti xe cussì sconvolta…(osservandola)

Pierina = La mia maledeta sensibilità che me rovina!....Co sento brute notizie sul conto de gente che se conosse….

Serena = Cossa ghe xe?....

Pierina = (con intensità dolorosa) Sior Marco, povareto!.... (Sior Marco dal suo nascondiglio spalanca gli occhi e tende gli orecchi)

Serena = Ben?

Pierina = Sìe no che ghe resta ancora do mesi de vita !....(Marco diventa livido)

Serena = Ti scherzi ?!

Pierina = Magari vìssare mia !?...Ti sa che mio marìo nol se tol una zornata de svago se prima no’l ga messo a posto tute le so cose; Che pararìa de no divertirse, el dise ….. Temperamenti…cussì stanote el s’è sta in gabineto fin quasi ad un boto. El xe vegnudo in camara  agitatissimo; l’ansava, el se s-ciariva….tanto che mi go impissà la luce per domandarghe….el gera fora de lu , povero Giovani! …” più che se studia – el dise - manco se ghe ne capisse !...de trovarghe qualche tara podeva anca saaperlo; ma un simile sfacelo ….”

Serena = El parlava de sior Marco ?....

Pierina = Xe sior Marco, povareto !....L’esame del sangue la da risultati cussì disastrosi… Insoma par che ne trata de un totale degenerazione grassa de l’organismo!

Serena = Come grave?...

Pierina = No te lo go dito ? Se’l tira avanti do mesi el xe bravo!

Marco = (geme) Ah, Vergin dei sette dolori!... ( si accascia; rumore di barattoli  che cadono)

Serena = (traendola un po’ in disparte , sottovoce ) La xe una fiaba, vero ?

Pierina = No, no; te lo assicuro mi. (pur sottovoce)

Serena = (c.s.) Disgrazia de Dio! El xe qua!

Pierina = Chi? (c.s.)

Serena = (c.s.) Sior Marco! Sconto là in dispensa…Quelo adesso gaverà sentio!...

Pierina = Ah, povareta mi!... (c.s.) E d’altra parte cossa se ga da far?... Za tanto domatina ghe lo gavaria dito Giovani.

Serena = (c.s.) Ma el va a ris-cio de farme un colpo la dentro. E questo no xe nei nostri programi…Tenta almanco de rimediar… (conducendola avanti ; forte) Ma credistu proprio che no ghe sia più sperançe?

Pierina = Oh Dio ! Nessun questo podaria giurarlo… Lo ga amesso anca Giovani .. Ma bisognaria che’l de asogetasse a un tal regìme….

Marco = (commenta ) Si! Si! ..Tuto quelo che i vol!...

Pierina = Magnar poco o gnente

Marco = (c.s.) Vivarò a grissini!...

Pierina = Bevar manco che manco…

Marco = (c.s.) Acqua! Acqua! Solo che acqua bevo!

Pierina = Gnente fumo…; gnente ….al resto….

Marco = (c.s.) No vogio più done!... Basta co le done!...

Pierina = Bisogna che’l cala de trenta chili almanco. Insoma bisogna che’l gabia una gran forza de volontà…

Marco = (c.s.) De fero, sarò!...De fero !...

Serena = (aguzzando l’orecchio, sottovoce) Me par de sentirlo respirar. Cessato pericolo!...( forte) No se pol credar, Pierina, al mal che ti m’à fato co sta novità.

Pierina = Te lo credo . Pensite mi co lo go savudo nel cuor de la note!...No ghe xe sta verso che sera ocio…Tanto più che, a esserte sincera, no’l me xe sta mai del tuto indiferente…

Serena = Ah si?..

Pierina = Adesso che’l xe quasi co un pìe ne la fossa, posso anca dirtelo: el me ga fato una corte quel’omo !..

Serena = Anca a ti ?..

Pierina = Come anca mi ?

Serena = Gnente…, disevo cussì..

Pierina = (fingendosi agitata) Serena parla!... Cavime sta spina dal cuor! Ghe tendevelo forse a qualche altra?

Serena = Senza forse, cara, confidenza per confidenza: El vol brusar mio marìo col fogo che ghe arde per mi!

Pierina = Noo! Se’l me ga dito che ti ghe xe antipatica?

Serena = Altretanto el me ga dito a mi de ti…

Marco = Adesso le barufa tra de lore!...Ciapève pur per i cavei!...Basta done!

Pierina = Ah ben ! Ah ben ! El se ciamava cussì beato de aver dà el so sangue per mi.

Serena = E el giorno dopo el xe corso a farme el cascamorto!...Vustu che te lo ciama ?

Pierina = El xe qua?!...

Marco = ( spaventato) Oh Dio !! …Adesso le ciapo!...

Bice =  (che aveva già attraversato rapidamente il giardino seguita da Teresina, irrompe dal fondo, spaventatissima) Per carità, Serena! …Xe qua to marìo!... Co i so omeni de vale!....

Marco = Nooo!... ( e balza fuori dal suo nascondiglio)

Serena = El xe tornà?

Marco = Feme scampar ! Feme scampar !

Bice = Li ga apostai coi s-ciopi a tute le porte de la casa.

Marco = Oh Dio! Son morto! !... Scondime!...Scondime!

Serena = Dove?...

Marco = Qualche armaron!

Serena = No ghe ne xe!...

Bice = (indicando una cassapanca) In sta cassapanca.

Pierina = No’l ghe stà

Bice = E alora de novo in dispensa !...I xe qua!...(Marco rientra in dispensa) Zo co la testa ! (Marco sparisce)

Sanson = (grida dal giardino) Uno fora de le mura!....Un altro al restèlo !...Quà co mi, vu!...(entra di corsa col fucile tra le mani, seguito dal Capo caccia; entrambi in abito da caccia) Ah carogna! Ti xe cascà ne la trapola!...Voglio ciaparlo vivo!

Serena = Davide ?! …Deventestu mato?!....

Sanson = Indrìo, ti, vergognosa! Ah, ti credevi de farla franca? Eh?

Pierina = Ma colonelo!...

Bice = La solita solfa!

Sanson = Anca vu tre qua, vero? ….El caro terzeto!...Ma ancuo ghe ne xe par tuti!...(cercandolo) Dove xelo? Dove xelo ? (guarda dietro il pianoforte) Qua no…Qua dentro ? (apre la cassapanca)

Marco = Mamma mia!

Sanson = Stanza per stanza…Mobile per mobile! E po’…fogo in tuti i busi! (infila il secondo di sinistra seguito da capocaccia)

Marco (saltando fuori dal suo nascondiglio con un fragore di barattoli) Qua no!...Basta qua!...Dopo el spara, el ga dito!...

Serena = E dove alora?

Bice = Nel pozzo!

Marco = No, che me nego!

Pierina = Su per il camin!

Marco = No che me sofego! (supplice) Anime care! Salvème sti do mesi de vita che me resta ancora ! ....Deme una tonaca da frate ….. un vestìo da femena… qualcossa….

Bice = E come vorle starghe dentro?

Serena = El venga qua co mi, presto!!... (entra in cucina trascinandosi Marco)

Sanson = ( rientrando col capocaccia) Ah, lo gavevi sconto ben sto furfante!... No importa! Qua el ghe xe de sicuro!... Corè dabasso in caneva, vu…Vivo o morto lo vogio!...(il capocaccia esce di corsa in giardino e svolta a sinistra)

Bice = Anca si che ti ga perso la testa del tuto!

Sanson = Gavè cura vualtre de la mia testa, vero?!... Ma qua el ghe xe !... La mia informazion xe precisa…Ve lo tirarò fora mi, mi, adesso!.... ( spalanca l’uscio di sinistra e dà una rapida occhiata nella stanza) Ghe farò la pele in presenza vostra!... ( e si precipita all’uscio della cucina) Ah! …. ( ma sull’uscio appare Serena che gli preclude il passo)

Serena = Dove vastu?

Sanson = Là dentro, vado!

Serena = (risolutamente ) No!

Sanson = Come?! …Ti ga anca el coragio de oporte ?!...

Serena = (c.s.) No. Adesso no ti passi! Basta, eh?!... El te osto de la malora xe qua, si…; te lo digo perché se ti lo scopri, orbà de gelosia come che ti xe, ti va a ris-cio de farghe del mal dasseno … E alora chi che ghe ne va de mezo…

Sanson = Dove xelo, sto birbante?!

Serena = Te lo consegnerò mi, te ripeto . Ma come un strasso da butar in lissia, no come un galo da sgossar !... Pierina !...... Bice!...( al marito) No voleva farte far sta figura in presenza de lore, ma dal momento che ti vol … ( a Pierina ) Dame quela carta la gastu qua?...

Pierina = Si… ( la toglie dalla borsetta e gliela porge)

Serena = (porgendola a sua volta al marito) Toh! Legi… ( Sanson come instupidito scorre il foglio; Serena toglie frattanto un altro foglio dalla scollatura dell’abito) E adesso lezi questa!...

Sanson = (sgranando gli occhi ) Cossa xe sta roba ?...

Bice = (recitando) Non negarmi, o Serena gioconda

                              Le strugenti delizie d’amor!

Sanson = (che comincia a vederci chiaro ) Lu … A vualtre do ? …

Serena = Contemporaneamente, si E te par che nualtre, per quel tanto de çervelo che pol aver una dona anca mediocre, se podesse tor sul serio un bestion come quelo?

Bice = Che scrive versi per copia conforme e no fa che cambiarghe nome a la Musa !...

Sanson (come liberato da un incubo) Ma alora la xe una comedia?!...

Bice = Ghe voleva tanto a capirlo ? …Mi la go sù co chi te ga fato colonelo, varda!

Serena = Una comedia combinata…varda da chi ( e indica Bice)

Sanson = Me pareva impossibile!

Bice = Per darve una lezion a tuti do, sior si ; al satiro e al geloso!

Sanson = ( fra il serio e il faceto) Ah bruta befana! Mi ghe confido le mie pene e ela va a squaquaràrghele a le amighe e la me prepara el trabocheto !..

Bice = Gavaresselo preferìo de rosegarse l’anema per tuta la vita e corar el ris-cio de portarli sul serio ?

Sanson = ( allarmato di nuovo) Cossa ?!

Bice = Eh si, per Diana! Perché tuto ga un limite a sto mondo; e pol vegnir el giorno che se stufa anca la dona più santa de la tera!

Sanson = (respirando a pieni polmoni) Oh Dio!...Oh Dio!... Che peso dal stomaco che me son cavà!

Bice = Da la testa, ti vorà dir!

Sanson = E adesso dove xelo ?

Serena = Adesso …Valo a tor ti, Bice (Bice entra in cucina)  E lu el se sera in quela stanza e no’l se mova fin che mi no lo ciamo. ( e indica l’uscio di sinistra)

Sanson = ( Ridiventando dubioso ) Ma….

Serena = ( decisa) Ancora ?...

Sanson = No…no..vado  ( ed entra a sinistra chiudendo l’uscio)

Bice =  ( viene dalla cucina trascinandsi per una mano Marco che è tutto un tremito) Al vegna, al vegna sior Marco …Presto

Marco = Go le gambe che no me tien suso…. Da che parte ?....

Serena =  Dal restèlo grando , svelto!..

Pierina = Povareto, el me fa anca pecà

Marco = ( si affaccia appena al giardino e dà un balzo; ritorna spaventato sui suoi passi) No xe possibile!.... Ghe xe i omeni col s-ciopo!

Bice = Per la porta de la spassacusina, alora…. ( e lo spinge nuovamente in cucina)

Serena = ( a Sanson che fa capolino dall’uscio di sinistra) El staga dentro lu…(Sanson si ritira)

Marco = (rientra desolato) No se pol !...No se pol!...Ghe xe l’autista col crico de la machina in man…Xe inutile lotar…; son morto !....(e si lascia cadere ginocchioni in mezzo alla stanza) Che’l vegna! Che’l me sbara sul stomego…Ma che’l fassa presto! …Za, tanto mese più mese manco!...

Sanson = ( ad un cenno di Serena, appare sull’uscio di sinistra e scoppia in un’ampia risata) Sior Marco?!....

Marco = (sbalordito) Lu avocato? Da dove saltelo fora? …Xe el Signor  che lo manda ….(tendendo le mani ) El me agiuta lu!... El me salva da quel ossesso.

Sanson = Che ossesso.

Marco = Quel ossesso de la malora che vol far scempio de la mi povera carne.

Serena = Ma via salvilo, salvilo ! No farte più pregar.

Pierina = Si si, colonelo, su sia generoso!

Marco = Colonelo?!... Davide ?!  La ghe da dei ti... Ostrega...

Orazio = (che riapparse alla vetrata del giardino seguito dal cav. Sanson che si tiene in disparte) Mi       son el sior colonnelo Davide Sanson!...

Marco = Sprofondite tera... Verzite porton del manicomio

Orazio = (ridendo) In che stato che lo trovo, sior Marco

Marco = Fiol d’un can! Ti geri anca ti de la partìa?

Orazio = Son sta el so atendente. No’l sa cossa che se giura co se va soto le armi? “ Servire con fedeltà ed onore”

Marco = Ma el salario ogni setimana te lo dava mi!

Orazio = El me lo dava ? …El me lo prometeva! (indicando il cavaliere Zancan) El varda chi ghe xe qua che vol salutarlo!...

Marco = L’uscier del secondo mandamento ?

Zancan = (sottilmente) Ossequi, sior Marco !...(battendo la mano sulla busta nera che tiene sotto il braccio)  Go qua un picolo preceto da notificarghe… (agli altri) Lori me scusa…; ma la Legge prescrive : “Prima del tramonto del sole”.

Marco = Come galo fato a scovarme fin qua ?

Zancan = Fiuto professionale !...Go pedinà S-ciantìso …

Marco = Za. Che vegniva a farme la tira a mi !...No’l podeva notificarghelo a lu?..

Zancan = Sior no; ghe vogio torme el gusto de vedar che faccia che’l fa.

Marco = Tuti i gusti xe gusti!

Zancan = Anca quelo de averne avelenà el stomego in spiagia? ... Manderemo tuto a l’asta!...

Marco = E cossa volo cheo me importa se me manca solo do mesi a morir.

Zancan = Lu Co quela pansa?

Marco = El ga la domanda al dottor Frasca. El me ga visto geri. Do mesi de vita.

Zancan = (alla moglie) Sul serio? (Serena fa cenna affermativo)

Marco = Oh, me despiase proprio! Ma mi intendo sequestro! (E leva le carte dalla busta)

Dottor Frasca = (dal fondo, in abito da caccia) Ben Davide… se pol saver la causa de sta fuga da la valle prima de sera ?

Sanson  = Ah!... Te spiegarò…

Frasca = (alla moglie) Ciò ! ti xe qua anca ti, Pierina?

Marco = (correndogli incontro)  Ah dottor ! Dottor mio ! Xe proprio vero che’l ga trovà tutti quei bissi nel mio sangue? …No ghe xe proprio più speranza ?...

Frasca = (serio) Come?...Chi ghe ga dito a lu?...

Pierina = Senza volerlo, Giovanni… Ghe lo contava qua a la Serena e lu ga sentio…

Frasca = (ha un gesto di disappunto) Ah, benedete femene!... ( a Marco) Ma no…El staga tranquilo… Xe stà un sbaglio !... (a Pierina )  Stamattina a l’alba, prima de andar via, go trovà la Carolina su la porta del gabineto, tuta in convulso…No la me gaveva scambià la so proveta co quela del cliente che gera stà prima de lu ? Quelo che aveva ciapà mal…

Zancan = (caccia un grido ) Lascia cadere le carte e s’affloscia su una sedia). Gesù !

Frasca = Cossa xe ? … (e accorre con gli altri presso Zancan)

Marco = (trionfante)  Bene ! Si che xe un Dio a sto mondo!... Toh!  Sequestra adesso !!!

Frasca  = Come?.. El gera lu?.. El cavalier Zancan... (battendo le mani alla fronte) Caspita! Adesso        me spiego l’arcano!

Zancan = Son morto...

Frasca = Me pareva impossibile che a scienza doveva far cilecca cussì. Xe i raporti fra reazione e           materiale de analisi che adeso me se equlibra... Per un sogeto sanguigno de la so complessità   (e indica Marco) la ma pareva un’anarchia... ma per un clorotico come lu !...

Zacan = (con un filo di voce) Alora... no son a ‘sti estremi?...

Frasca = Macchè ! qualche pilola, qualche inesion …E lu xe subito a posto.

Marco = (desolato)  No me ne va una drita!

Zancan = (c.s.) Madona!... Che spavento!... ( a Frasca) Proprio lu me assicura ?...

Frasca = Ma si!

Zancan = Ah si ?( si alza, raccoglie le sue carte; a Marco) E alora... SEQUESTRO!

Marco = ( desolato ) No me ne va una drita...( a Frasca) El podeva aspetar un momento, almanco, prima de tranquilarlo !... Son cascà da la graela su le bronse… Lu, dottor, co le sue parole, me dona la vita e quelo me la torna a tor, co i so sequestri!

Orazio = Sfido mi!.. Co le done el se ga magnà anca le siole de le scarpe !

Marco = ( per un’idea improvvisa ) Epur … se qualchedun volesse mantegner la so parola de galantomo…

Sanson = Che parola ?

Marco = (sottilmente) Che promessa me xe stada fata la setimana passada in spiagia ?... (ripete le parole del colonnello) “ Se riesso nel mio intento co la signora Serena, no’l gavarà che da domandar”  Co chi gala dormio la signora Serena tute ste note?...

Sanson = (che ha capito) Ah! Ma quelo che prometeva alora no’l gera el colonelo Sanson, el gera l’avocato Francesconi !..

Marco = ( rimane un poco interdetto; si gratta in testa; indi ) Bon… Lu che xe cussì in confidenza no’l podaria butarghe una meza parola?

Sanson =Salo che’l ga un bel muso roto!

Marco = Ma co un aguzin de sto genere a le spale (e indica Zancan)

Sanson = ( a Zancan ) A quanto ammonta il debito ?

Zancan = (porgendo una carta) Novecento sessantatremila quattrocentotre virgola cinquanta

Sanson = Sgnèsole!

Serena = (dolcemente alle spalle di lui)  Se non altro per far penitenza…

Sanson = Provedarò

Marco = Dasseno ?! …Lu me salva!... Oh, anima granda!! Ma cossa aspeteli a  farlo general ?

Sanson =  A un pato peraltro: Tuta l’Azienda soto el me controlo. E in quanto a done….

Marco = Sero botega! Me scontenterò de quela che tegno sconta in soteraneo.

Bice = Cossa? El ga una morosa in soteraneo?!...

Marco = Sii ! La damigiana del Valpolicela !

S   I  P  A  R  I  O


    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno