El grass de rost!!!

Stampa questo copione

CHE PIANTAPASTIZZI

EL GRASS DE RÒST!!!

Còmmedia brillante dialettale in due atti 

di

ANTONIO MENICHETTI

personaggi

Renato Pieri,               el  padron de la melonera

Luisa  Parodi Pieri,      la soa dolce metà

Prof. Giorgio Vailati      on giustaòss

Ugo Merlo,                  on grass de ròst

Gervasio Giunti,          on amis del Renato

Lena,                          on’amisa quasi segrètta de Renato

Rino Tassotti ,             quèll di tass

La scena

         Il soggiorno di un lussuoso appartamento.

Bellissimo ambiente, arredato con gusto.

Mobili antichi, quadri di valore, soprammobili preziosi.

Sul fondo: la pòrta d’ingresso.

Altre tre porte, in scena, portano rispettivamente alla cucina,

alla camera da letto e ad una toilette.

In on angolo del soggiorno, un piccolo bar.


ATTO PRIMO

Renato esce dalla cucina letteralmente piegato in due. Ha in mano un sacchetto di plastica pieno di ghiaccio. Indòssa un accappatoio. È on  uomo sulla cinquantina, di solito aitante, ma stasera molto handicappato. Va verso il divano arrancando, sul viso ha una smorfia di dolore. Si apre la pòrta d’ingresso ed entra sua moglie, Luisa. Una bella giovane donna. Alla vista di Renato si raggela.

Luisa    Se gh’è succèss?

Renato El colp de la stria!

Luisa    Nò!

Renato Và che cammini minga inscì  perché me pias o per vedè me te feet a rid.

Luisa    (va verso di lui) Ma come t’hee faa?      

Renato (Si siede con difficoltà sul divano) Seri adree a fàmm la dòccia, e m’è borlaa giò el savon…Me sont incrüsciaa per cattàll sù e…

Luisa    Oh Signor,… T’hee ciamaa el dottor?

Renato Sì. El professor Vailati: l’è on specialista in chi ròbb chi. (Si poggia il sacchetto sulle reni) Oh, ma l’è frègg…! Porca sidèla ma l’è frècc!

Luisa    Ma mi credevi che ghe vorèss el cald ...

Renato Anca mi. Ma Vailati el m’ha dit el giazz.

Luisa    Te voeuret on quaicòss de bev?

Renato On ciccinin de grappa.

Luisa    (va verso il bar) Con ghiaccio ?

Renato Nò, son giamò chi mi in del giazz.

Luisa    T’hee rimandaa la toa cèna?

Renato Ma l’è andada la giornada?

Luisa    Minga mal. T’hee rimandaa la toa cèna?

Renato Nò, perché?

Luisa    Come perché? Ma te see vardaa?         

Renato Vailati el me rimètt in pè, stà tranquilla! (guarda l’orologio) Ma, porca sidela, quand l’è ch’el riva? El doveva vèss chi ai sètt e mèzza!

Luisa    Ma dai Renato! Te voraree minga andà istèss a chela stupida cèna?

Renato Sent, comincia nò. L’è ona cèna in doe gh’è de divertiss. Se a ti la te pias minga, pesg per ti!… e mètt minga giò el muson perché mi gh’hoo voeuja de fà quatter ridad!

Luisa    ( che stava andando verso la camera  da letto si ferma) Però quèlla cèna lì la te rend pussee antipatich de quèl che te see!!

Renato             ‘Ndèmm, fa nò la malmostosa! ‘S’hoo faa de mal per  vègh, contemporaneamente, el colp de la stria e ona dònna malmostosa?

Luisa    (andando verso di lui) Rinviala, sta chì con mì stasera… T’el see che per mi l’è on brutt moment ...

Renato             Appunto! Tirass foeura del coo tücc i bambanad e ven insèmma a mi! Te vedarett che quei cènn lì hinn impagabil!

Luisa    Ma se gh’è de impagabil nell’invidà a disnà on poer sacranòn per ciappàll per i fondèi tutta sera?

Renato Ma nò, non on poarett, on martoròtt. Se gh’è de mal a ciapà par el cuu i martoròtt ? Hinn faa domà per quèll, o nò ?

Luisa    (seriamente, dòpo una breve pausa) Per mi, stasera, l’è important che restòmm insèmma. Rinviala!

Renato Pòdi minga. Figüremess: quèll là el passa a toeumm ai vott or!

Luisa    (irrigidendosi) “Quèll là”  chi?

Renato El mee invidaa.

Luisa    (incredula)El ven chì?!

Renato  Si, gh’hoo dii de vegnì sü a bev l’aperitiv.

Luisa    Dimm che l’è minga vera! Te l’hee faa vegnì chì?

Renato A vorevi stüdiamel sü on ciccin, prima de portall a cèna. Te vedarett,  el dovaria vèss on tipo straordinari!

Luisa    (Va a prendere la borsa) Ah, nò! Mi voeuri minga vèssigh: ve lassi depervialter e buon divertimento!(va verso la pòrta di casa)

Renato In doe te vet?

Luisa    Gh’hoo ona cèna anca mi. Gh’avevi minga tròppa voeuja de andàgh, ma, vist la situazion ....

Renato Anca ti ona cèna? E con chi?? (Suonano alla pòrta)

Luisa    L’è lù! Mi voeuri nanca vedèll

Renato Ma nò! A l’è el professor Vailati!

Luisa    (Va ad aprire la pòrta, ed entra Giorgio Vailati reumatologo, sulla cinquantina, ha l’aria del buontempone) Buonasera, professore.

Vailati   Buonasera signora!

Renato (Vòltandosi verso Vailati risveglia il dolore) Aaahi!

Vailati   (andando verso di lui) Sèmm sù de gir, me par de capì.

Renato Buonasera, professor, grazie par vèss vegnì sü.

Vailati   Hoo trovaa cert ingorghi!

Luisa   Mi voo, professor ... Ch’el faga svèlt a sgarbujàll ... (Sarcastica) El gh’ha ona cèna importantissima, stasera.

Renato Luisa…

Luisa    Ona cèna de pistòla.

Vailati   (La guarda stupito) Pistòla?!?!?!

Luisa    El sa nò se hinn? Ghe spieghi mi: hinn cènn doe, ògni invidaa, a turno, el pòrta on pistòla.

Renato Luisa, per piesee…

Luisa    Logicament, i pistòla sann nò de vèss staa scrupolosament selezionaa, e el gioeugh el sta nel fai parlà e fàss di gran ghignàd ai sò spall. Par che la sia ona ròbba esilarante! A mi la me par ona ròbba talment antipatica, e l’è per quèst che partecipi nò! Professore, buona serata!! (Esce)

Renato (Dòpo una breve pausa silenziosa) Ch’el me scüsa, professor… mi l’avevi ciamaa per el mal de reni, non  per on predicozz d’ona malmostosa!

Vailati   Ch’el se preoccupa minga. In doe che pòdi lavass i man?

Renato (Indicando una pòrta) Lì gh’è on bagn! (Mentre Vailati va a lavarsi le mani spiega) Seri adreea famm la doccia, hoo cercaa de tirà sü el savon ch’el m’era  borlà giò e sont pù riessii a levà sü.

Vailati  (Fuori scena) La dòccia l’è pròpri ona gran bella invenzion per numm dottor…disèmm, specializzaa in artrite e similari. Quasi come el gioeugh del tennis.(Entrando in scena) Quand mi seri on stüdentel gioin ‘me l’aj, numm fasevom  “le cene delle brutte”.

Renato Ah sì, ie fasevom anca nün. Ma cont i martoròtt l’è pussee divertent.

Vailati   Vabbè, ma cunt i martoròtt  l’è püssee difficil giüdicà…

Renato  Nò, che el me creda professor, gh’è di bamba formato “industriale”. Ne spètti vün da  on moment a l’alter. El vedarà gh’è minga pòssibilità de sbaglià!

Vailati   L’è on sò amis?

Renato Nò, nò, amis pistòla ghe n’hoo, ma minga de caratura inscì pesanta. Quei che cattom foeura l’è tütta ròbba de primma…ròbba de formula uno!

Vailati   Che el se mètta giò!(aiuta Renato a togliersi l’accappatoio e     a mettersi supino sul divano) Giò, inscì, bravo, cont el cuu per aria!…E in doe l’è che  trovii ‘sti campion de pistolaggine? (intanto lo palpa sulla colonna vertebrale)

Renato Uè, l’è minga facil, l’è minga tant me sciuscià on tòcch de rigolizia. L’è ona vera caccia all’uomo! Ci abbiamo dei “cerca martoròtt” che ghe disen se vun Renato l’è on bamba da competizione, allora nun ghe fèmm l’esam de rincoglionologia, e s’el passa, allora l’invidom. (di soprassalto) Ahi!!!

Vailati   È la seconda lombare.

Renato L’è…l’è grave?

Vailati   Ma nò…ma gh’hoo paura che el doarà rinüncià a la soa cèna!

Renato Professor, ch’el scherza minga. L’è impòssibil.

Vailati   (aiuta Renato a risollevarsi) Me piaas minga palpignà inscì a cald…Stanòtt ch’el faga ona bella dormida e doman matina el me telefona in ambulatori per fissà on appontament…

Renato Professor, stasera gh’è on pistòla de primma class, stasera… Per piasè. ch’el faga on quaicòss…Ch’el me daga ona suppòsta, on catanaj qualsiasi,…on anti reumistico! Professor, sotto la mia responsabilità, che el me daga l’estasy, l’lsd, la catramina senza dimmell, tant mi ghe doo l’autorizazion garantida, ma ch’el faga on quaicòss!

Vailati   (Facendo di nò con la testa) Borsa del giazz e riposo. Ch’el me creda, l’è mèj vèss prüdent se de nò ghe n’avarà per trè o quatter settiman.

Renato Son pròpri dislipaa…(Si sporge per prendere il telefono ma si blocca con una smorfia di dolore. Vailati gli tende l’apparecchio) Grazie. (Prende la rubrica telefonica e la sfoglia) Bisògna ch’el ciami…Già, ma come l’è ch’el se ciama?…Ah sì, Merlo, Ugo Merlo.

Vailati   E s’el faa nella vita?

Renato Laora in d’ona ferramenta.

Vailati   Bè, ma l’è on poo on ris’c. Ch’el mètta ch’el vegna a savé el perché e el percome l’avii invidaa…

Renato (Formando il numero) Gh’è minga de pericol, ormai sèmm specialisti della cautela. Gh’è mai sta on quai pistòla che l’abbia capii perché l’è staa invidaa. (tace per ascoltare on messaggio) L’è quèll che pensavi, l’è giamò vegnii via…Anca el messagg de la segreteria telefonica… ‘na bella scemada!

Vailati   Ah sì?

Renato (Riattacca e riforma il numero) El sentirà…Anca con la segreteria telefonica el voeur fa el brillant…Ma che vacada! Ròbba de sgarbelàll con on ciòd ruggin. (Inserisce il viva-voce.Si sentono amplificati i segnali di chiamata all’apparecchio di Merlo, e poi la voce di Ugo)

Ugo                  (Canta sull’aria di  LA DONNA È MOBILE)

                        “El signor Merlo l’è minga in caaaa

                         a l’è andà foeura, a passegiaaa.

                         Ma se vialter  ghe vorì parlaaaa

                         lassè on messagg, el ve respunderaa

 (Ridacchia, poi con voce normale) Parlate dòpo il segnale  acustico. (Si sente il bip).

Vailati   (Mentre con aria da vincitore Renato riattacca) Oh benedetta la Madonna! “El scior Merlo l’è minga in cà…

Renato Eh?

Vailati   Oh Signor, che bamba!

Renato Adèss el capiss perché sont inscì giò de birola?

Vailati   Ma com’è che l’ha conòssuu?

Renato Mi nanca el conòssi! El vedi stasera per la primma vòlta. El m’è staa raccomandaa da on me amis. On talent scout dei martoròtt. L’ha trovaa l’ Ugo Merlo sul treno locale Monza—Lecco, on dì che gh’era il sciopero selvaggio dei treni : sa quand on treno el se ferma in ona stazion e poeu el partiss quand el voeur lü. Inscì, appena l’è vegnuu giò del treno a Usmate, el m’ha telefonaa subitt: uè per cinq or, tant l’è duraa el viagg per via del sciopero, el Merlo el gh’ha parlaa dei sò modelitt, senza fermass on minutt, ròbba de fatt dorì el venter, o de fass vegnì l’orchite. Dio che sofegada!

Vailati   Dei sò modelitt??? Che ròbba l’è???

Renato (sovrapponendosi) Sì, hinn costruzion in scala ridottissima…Lü ie fa cont i prosperi, i fiammiferi svedesi… el Dòmm de Milàn, el Pirellone, la Scala… El ghe passa di giornad inter e quindi el pò parlann per or e or. Incredibil! On pistòla con l’ optional del rompaball. Professor, stasera avaria vinciuu el primm premi!

Vailati   (guarda l’orologio) Me saria pròpri piasuu conòssel. Ma purtroppo devi andà. Son già in ritard.

Renato Ma ch’el spètta on ciccin! El sarà chi a minutt. El farèmm parlà, ghe farèmm cuntà sü la soa vita…ghe sarà de fass tirà la pell del venter dal rid, el vedarà…

Vailati   Pòdi nò. Devi pròpri andà. Gh’hoo di amiis che me speten a cà. (Apre la borsa e gli lascia on tubetto di compresse) Ghe lassi sto calmant. Dò pinulitt  stanòtt, però domà se el dolor l’è tremendo. Hinn fòrt de morì.

Renato Grazie, professor.

Vailati   (Si dirige verso la pòrta) E ch’el se faga minga scrupol de ciamàmm a cà…

Renato Per dervì la pòrta, basta schiscià el botton in sü la maniglia…per mi, sa, levà sü …

Vailati   (Fermandosi davanti alla pòrta) Pòdi domandaggh anca mi on piasè?

Renato Altroché!

Vailati   Ch’el me invida mai a cèna, per piasè. Perchè me vegnaria semper on dübbi. (Ridendo esce)

Renato (Ridendo pure lui) E per piasè ch’el sara minga sù la pòrta. Che la lassa accostada! (Prende il telefono e forma on numero) Pronto Gino?… si, si , son mi, nò, nò la va minga ben… ma va, son chi a tocchei…Tas, tas per piasè, gh’hoo on magon, pensa che stasera gh’avevi on campion…Sent, se tel disi mi eh!…Ah sì ròbba de piang, ma el pòrti la settimana che ven.. Beh! adèss te lassi, perchè el pò arrivà da on moment a l’alter. Saludomi tucc e bon divertiment, banda de pelabròcch!(Faticòssamente va in camera da letto e lascia la pòrta aperta. Quando suona il campanello, grida:) Avanti, l’è vert!

Merlo    (Entra timidamente. ha una busta di pelle sotto il braccio.Rivolto verso le porte in quinta:) È la casa del signor Renato Pieri?

Renato (Da fuori) Sì, Si, ‘rivi, ch’el se comoda in salott…

Merlo    (Chiude la pòrta ed entra in salotto) Sono Pierugo Merlo.. Ma tutti mi chiamano Ugo.

Renato (Rientrando piegato in doe) Che piasè vedèll. Buonasera. Me la và?

Merlo    Mi ben,… Ch’el me scüsa, ch’el me permètta de parlà in dialètt, che mi ci viene più meglio, e poeu,  ce lo parla anca lù!

Renato Ma ghe mancaria, anzi, inscì se capissom subitt.  Ch’el me scüsa s’el ricevi inscì, ma gh’hoo el colp de la stria…

Merlo    Nò!

Renato Si. Riessi domà a moeuvess on ciccin…Hoo tentà prima, de telefonagh, ma lù l’era giamò vegnì via de cà. Me dispias, dovarèmm rimandà la nostra cèna.

Merlo    Anca mi me dispias per lu. El colp de la stria l’è minga ‘na ròbba de ridd!

Renato Disèmm che l’è ona ròbba che la fa girà i ball…ma nient de dramatich. Lù el sarà liber martedì che ven?

Merlo    Martedì che ven!??!... L’è ‘l 24 ???… Si, son liber.

Renato Ma l’è minga el 23?

Merlo    El 23?’’… Son liber istess.

Renato  On mument. Incoeu  l’è el 18…(Conta tra sé) Nò, l’è el 25.

Merlo    Ah ! L’è el 25. Son liber istess.

Renato Perfètt. Semper a cà del me amis ch’el gh’aveva invidaa stasira.

Merlo    Che brava persòna.

Renato Ghe l’èmm smenada sta settimana, se rifarèmm la settimana che ven…El bev on quaicòss, scior Merlo?

Merlo    Nagòtt…grazie. Beh adèss el lassi,  s’el se sent minga ben.

Renato Nò, nò…quand me moeuvi minga, l’è on dolor sopportabil…Ch’el se sètta inscì fèmm dò ciacer.

Merlo    (Si siede davanti a Renato con la sua busta sulle ginocchia) Grazie.

Renato (Lo guarda come un gatto guarda on topo) Gh’hoo sentì la soa segreteria telefonica…che spiritosa!

Merlo    (Sorride lusingato) Ah si… Hoo cercà de fàà on messagg on poo original.

Renato L’ha pròpri centraa el bersali. Sont adree a rid ancamò.

Merlo    M’el disen tücc… gh’hoo perfina di amiis che me disen de faghel anca a lor… (pausa) El messagg.

Renato El credi ben!

Merlo    Lù el gh’ha la segreteria telefonica?

Renato (Rapidamente) Si, ma la va ben inscì. Per lü, fòrsi, el me messagg el sarà sicürament ona pirlada, ma per mi l’è assee.

Merlo    Sicür?…Ch’el guarda, per mi l’è quèstion de on minut, eh?

Renato Nò, nò, grazie verament gentil. (Cambiando rapidamente argomento) Me fa on gran piasè de conòssel, scior Merlo.

Merlo    Anca mi, scior Pieri. Riessi non anmò a credegh. Quand quel scior in sül treno el m’ha dit che on editor el podeva interessass de i mé barlafüss…

Renato ‘Ndèmm, ch’el faga minga el modest, scior Merlo. A dagh a traa al me amis, lü l’è ünic in del sò gener.

Merlo    L’è pròpri verament ‘na brava personna quel sò amis là!

Renato E anca tant intüitiv, a quel che vedi!

Merlo    Ed anca passionaa de modelitt eh… L’è rar trovà gent inscì. Èmm parlà de modelitt per tutt el viagg.

Renato El soo, el m’ha dit che quel viagg se le regorderà per tutta la vita.

Merlo    Ah si… Èmm passaa di bej orett… Quand sèmm rivaa a Usmà , Usmate el m’ha dit “Lei deve assolutamente conoscere Renato Pieri”. E el dì dòpo, chi l’è che me telefona in ferramenta?

Renato (Sorridendo) Speri tant de avèll minga distürbaa.

Merlo    Ma nò, ghe mancaria alter! Ghe saròo sembraa on poo martoròtt  al telefono…

Renato Si (Riprendendosi) Ma va, nò!… L’è sta perfètt!

Merlo    Seri emozionaa…Lü che el me ciama in ferramenta, el me invida a cèna…e stasera son qui…Ghe l'hoo dii che rièssi minga a credigh anmò! Lù…lù l’è ona personna verament sensibil e delicada

Renato Ma nò, ma nò,

Merlo    Ma si, ma si, che se le lassa dì: squisita. Quand el telefono, el m’ha dii ch’el pensava de fa on liber sü i mé modelitt, l’è staa… come dì?…come dì?…Lù l’ha cambiaa la mia vita scior Pieri!

Renato Beh, insòmma…per el liber, l’è domà ona pòssibilità pòssibil… Vedèmm, adèss, de montass minga tropp el coo, caro scior Merlo.

Merlo    Nò, nò, me monti minga el coo, però disi ch’el saria minga mal… Podaria vèss on liber  de succèss e magari fall vedè in television! (Apre la busta in pelle) Gh’hoo portaa ‘na quai foto dei me lavorà püssè bei.

Renato Nò, nò minga adèss!

Merlo    El vedarà, per mi hinn la fin del mond.

Renato (Lo ferma) Adèss ch’el me toeua nò el fiaa, ch’el spètta fino a martedì che ven, inscì el poderà parlann fin ch’el voeur di sò modelitt quando sarèmm a cèna. Voeuri anca on parer di me amis.

Merlo    (Deluso) Domà voeuna o  dò foto…

Renato Nò, nò, martedì che ven. Stasera n’approfittom per conossess mèj. Ch’el me parla on poo de lù. Lù el lavora alla Ferramenta Stranati, vera?

Merlo    Si, son giò al magazin, sezione viti e bulloni. Si… (Tira fuori una foto, e gliela mostra)… El Santuari de Caravagg

Renato (Allontana la foto) E ch’el me disa, lù l’è sposaa?

Merlo    Si…cioè nò. (Gli rimette la foto sotto il naso)

Renato Ma l’è sposaa si o nò?

Merlo    Voeuri di… mia miee l’è andada foeura di ball, insòmma si…l’è scappada…

Renato Ah, si?

Merlo    Cont on mè amis.

Renato Hinn ròbb che capita.

Merlo    On tal che el lavorava da Piraccini, Minuterie Metalliche. L’era minga cattiv, intendemess…L’era in contabilità, l’è on ragionatt. ‘Na sira l'hoo invidaa a cà mia, (Facendo segno con le mani) Non invidaa cont el casciavidd (Controscena di Renato di esasperazione) invidaa nel senso che l'hoo faa vegni sü a ca mia…

Renato (Crudelmente interessato) Si?…

Merlo    E a lee el gh'è piasuu!(Pausa) Verament hoo non anmò capii el perché… L’era minga tant giüst de coo…

Renato (Improvvisamente allarmato) Come?

Merlo    Quèll ragionatt lì, quèll cont el qual la mia miee l’è scappada, minga per parlà mal, ma se l’è scemo!!!

Renato Nò!

Merlo    Si, ma scemo, scemo de minga credigh…

Renato Ma püssee scemo de…(Riprendendosi) Cioè, voeuri dì,  se fasessom on paragon con la soa intelligenza, scior Merlo…

Merlo    Ch’el me daga a traa, minga per voeurè fa el de pü, ma bisògna pròpri dill: l’è on cucù, on pistòla ma con la PI maiuscola!

Renato Oh, porca sidela, se l’è adree a dimm…

Merlo    Comunque el disen tucc. E se lü le conòssaria…

Renato (Eccitato) Ma mi el conossaria con vero piesè! In doe che adèss se pò cattall, ‘sto esemplar?

Merlo    Nò, nò el ghe faria vegnì dò ... inscì, el parla domà de surf.

Renato Ma l’è straordinari, (Sottovoce) Tel chi che n’hoo cattaa on alter. (Di nuovo a voce normale) El gh’ha l’indirizz, o el numer de telefono…?

Merlo    Ma perché, a lü ghe pias el surf?

Renato Nò,… cioè si,…tanto.(Prende blocco e matita) Come el se ciama?

Merlo    Goffredo Pirletti, varda che l’è scemo anca el nòmm.

Renato E in doe l’è ch’el stà?

Merlo    El s’è faa trasferì dal Piraccini in ona filiale straniera in Papuasia.

Renato (Posa il blocco un po’ deluso) Beh, l’è on cicinin lontan…

Merlo    E lü, n’ha faa tant?

Renato De cos’è?

Merlo    De surf!

Renato Inscì, inscì…

Merlo    Lü, lü l’è sposaa, scior Pieri ?

Renato Sì, da duu ann.

Merlo    E ghe va tutt ben, speri.

Renato Benissim.

Merlo    Mi seri sposaa da sètt ann…Sètt ann de felicità, de contentezza… poeu, on dì, on di de canaja…Ma me domandi anmò incoeu, come l’ha faa a menà i boccol con quel là, mi el capissi pròpri minga!…Ona dònna inscì intelligenta! Con mi almen, la podeva parlà, fa discors pien de sostanza… Adèss l’è là in Papuasia a scarligà in sü l’acqua e cont on bel scemo!!!

Renato (Sornione) E… con lù la parlava di modelitt?

Merlo    Ma semper, in continuazion, la smettevom mai…

Renato (Con aria certa di conferma) Ne seri sicùr…

Merlo    (Non sembra averlo sentito)…Regordi quand hoo finii de fa el Santuari de Caravagg…(Mettendo mano alla busta in pelle per toglierne delle foto) Ci hoo qui le foto! Mi a gh’hoo spiegaa per or e or i particolar de la costruzion, e esageri minga quand disi che l’ha seguii el progett svedes per svedes. L’era inebriante! Specialment sui problema della “portanza”! Lü de segür el conòss i problèmm delicaa dei mür de sostegn…?

Renato Nò, ma sicürament ne parlarèmm martedì che ven…

Merlo    (Tira fuori una foto dalla busta) Tèlla chi la “bestia” ... tresentquarantasesmilaquattercentventiduu svedes!

Renato (Ignora la foto) Meraviglios, ma cominci a vèss on poo stracch e …

Merlo    (Che non si arrende facilmente) Seri adree a parlagh dei problèmi di mùr de sostegn… Beh, in on laorà come quèst chi hinn fondamental… Ma comincèmm dal principi: còssa l’è on mür de sostegn?

Renato (Cercando di fermarlo) Scior Merlo…

Merlo    In apparensa la rispòsta l’è semplice: l’è on mür che el dev tegnì sü la tèrra che se de nò la sgararia addoss ai fondazion cont el ris’c de trà giò tüscòss. Natüralment gh’è anca di alter definizion, e adèss el farò ridd: par mi on mür de sostegn l’è…

Renato (Gridando) Scior Merlo!

Merlo    Sì???

Renato Ma dispias tant, ma stasera sont minga in forma. Gh’hoo paüra de dagh minga a trà com’el merita, e de capì stort quel ch’el dis, insòmma de sconfond la merda con la ciccolata…

Merlo    (Confuso) Ma nò, son mi che son dispiasü…Se el se sent minga ben, mi vòo via, scior Pieri.

Renato (Alzandosi lentamente, si appoggia a Merlo. Vanno lentamente verso la pòrta) Grazie…Andarèmm per gradi…L’è stada ona bona manera de conosess…Adèss ch’el conòssi mèj, credi che lù el sia l’òmm che fa per mi!(Si ferma on poo per tirare il fiato)

Merlo    Gh’hoo parlaa de mia miee, l’è staa on tast on poo minga alegher, ma ch’el creda minga che mi sia on òmm cont el muson ventiquatr’or al dì…! Mi son bon de vèss on òmm divertentissim, ch’el me creda!

Renato Ah! ne son pròpri sicür!

Merlo    Se ghe contassi sü i me féri…l’è sta pròpri on cinema comich! Seri…

Renato (Riprende a camminare) Me le conterà su on’altra vòlta…

Merlo    Seri el mar cont el me cügnaa …S’erom andaa in sü la riva a catta sü i conchigli….Èmm ciapà tropp sol: Tücc ròss! Ma se disi ròss: amaranto! Parevom pucciaa denter a ona tolla de minio, ròbba de ciapà pü la rüggin fin quand a scampom! Ona ròbba de film comico, el doveva vedè! (Scòsso dalle risate non guarda dove mette i piedi ed inciampa. Cade trascianando a terra Renato che crolla con on grido di dolore. Merlo si rialza e si china sconvolto su Renato che è lungo e disteso con una smorfia di dolore.) Oh, ch’el me scüsa, sont inscì mortificaa…El s’è faa mal? (A quattro zampe lo scavalca, Renato grida di dolore, perché nel scavalcarlo, lo ha urtato con on ginocchio sulla schiena) Per piesè ch’el se moeuva minga, che fòrsi el gh’ha on quaicòss de s’ceppaa!(Si precipita verso il telefono e comincia a formare on numero)

Renato (Riesce ad appoggiarsi ad on gomito) Ma s’el fa?

Merlo    Ciami on dottor giüstaòss.

Renato Nò, ch’el lassa sta, ne var minga la pena!

Merlo    Ma l’è on me amis, el fa miracol!

Renato Ghe disi che ne var nò la pena!

Merlo L’è el püssè bravo de Castellanza!

Renato (Gridando) A voeuri minga el püssè bravo giustaòss de Castellanza! (Merlo si spaventa per gli urli di Renato, che se ne accorge e ritorna a parlare normale) Ch’el vaga a cà. L’andarà mèj.

Merlo    (Riprendendosi, riappende il telefono e ritorna verso Renato) Cià ch’el vütti a camminà fin al lètt.

Renato Nò, per piesè, ch’el faga quel ch’el voeur, ma soprattütt ch’el me vütta minga! (Merlo appare on poo sconcertato dalla brutalità di Renato, che rendendosene conto si ammorbidisce) Grazie de coeur di sò premür e bonanòtt.

Merlo    (Suona il telefono. Lo vuole portare a Renato) Ch’el staga lì, ch’el se moeuva minga…

Renato (Lo ferma con on gesto) Ch’el lassa stà. Gh’è sü la segreteria.

(Al quarto squillo parte la segreteria e la voce di Renato risuona nel salone mentre Merlo ha ancora il telefono in mano) Momentaneamente non siamo in casa: Potete lasciare on messaggio dòpo il segnale acustico. Grazie.

Merlo    Beh, come segreteria la podaria vèss on ciccinin püssè divertente…

Voce di Luisa     “Sono io Luisa. Ti chiamo per dirti che stasera non torno…E credo che non tornerò mai più… Mi dispiace dirtelo attraverso la segreteria, ma fòrsi è meglio così. Addio, Renato,”

Merlo    (Lui e Renato restano per on attimo impietriti, poi Merlo che ha ancora il telefono in mano reagisce per primo) Beh, adèss l’è mèj che vaga.(Nessuna reazione da parte di Renato, Merlo posa cautamente il telefono e si avvia verso la pòrta come camminando sulle uova. Giunto alla pòrta si gira verso Renato che non si è mòsso) L’è sicür de vègh bisògn de nient?

Renato (Come risvegliandosi) Nò, nò, va tutt ben: Buonanòtte. (Merlo lo guarda allarmato ed esce. Renato tenta di rialzarsi ma è completamente bloccato. Dòpo qualche tentativo, riesce comunque a sedersi ed è improvvisamente scòsso da una silenziosa risata-singhiozzo)

Merlo    (Ricompare sulla pòrta) Che el me scüsa, seri adreea lassa chi la mia büsta. (Prende la busta e aggiunge, senza guardare Renato) Come el capissi scior Pieri, ch’el se faga coragg, vederà che poeu la passa!

Renato (Seccamente) Anmò grazie. A rivederci.

Merlo    A rivederci. (Va nuovamente verso la pòrta poi bruscamente si ferma e chiede con sollecitudine) Pòdi fà on quaiscòss per lü?

Renato Nò, nò nagòtta. L’andarà benissim. Buonanòtte.

Merlo    (Con solennità) Scior Pieri, se gh’è on òmm che el pò capill, in quel moment chi, quèll son mi!

Renato (Sempre più contratto) Scior Merlo me piasaria ch’el me rompess pü i ball…

Merlo    Anca mi disevi inscì quand la me capitaa, vorevi stà de per mi, senza secaperdee intorna… Però l’è pèsg imboreggiass de dolor e incazzature varie… E in pü , lü el gh’ha la lombaggine…

Renato Noo, l’è minga andada via, l’è staa on messagg  senza importanza in on moment de depression. Fra on quaj minutt la mia miee la tornerà a cà, lü el pò tornà a cà soa. Buonanòtte.

Merlo    “Fra on quaj minutt la tornarà…” El disevi anca mi , ma l’è on quaj minutt ch’el düra da dü ann…

Renato (Che non ne può più, comincia ad arrancare verso la camera da letto) Mi voo in lètt… Per  piesè intant ch’el va foeura, el me smorza la lus. (Getta on grido. È obbligato a fermarsi)

Merlo    Ma debon el voeur minga che ciami el me amis giustaòss…

Renato (Si piega e a carponi si dirige verso la camera) Nò!

Merlo    (Anche lui si mette a quattro zampe per parlargli) Anca mi, ogni tant, schinchigni on poo con la s’cènna, e quel me amis de Cinisèll, l’è pròpri fantastich. L’ültima vòlta, se regordi, seri conscià pèsg de lü, seri la controfigüra de l’Enrico Toti, me veniva de piang. L’è vegnù lü e el m’ha tiraa ‘me on gioinotel. In giornata seri ‘me on saltamartin.

Renato Mi sont in man el professor Vailati, ch’el dirig el repart de reumatologia al Gaetano Pini…Gh’hoo minga bisògn d’on giustaòss de Castellanza!

Merlo    Mi el sò nò come el fa a dirigere la rumbatologia, però ch’el guarda ‘me l’è consciaa!

Renato (Sta per esplodere) Mi sont inscì perché lü el m’è franaa adòss. (Esplode) Capissi minga perché son chi a cinquantala con lü, porca sidela! (Fa on movimento falso) Aaahi!!! (Cade a pancia a terra).

Merlo    (Còmmòsso) Vacca boia, por òmm, el fa pròpri pèna! El par on cavall che l’ha ciappaa on topicch sü on ostacol. A San Sir el copparien.

Renato (Rimettendosi a carponi, con on filo di voce) Ch’el vaga via, Scior Merlo se de nò…

Merlo    (Si siede sul divano e òsserva Renato con compassione) Ch’el guarda che chi ròbb chi poden faggh vegnì ona paralisi…

Renato (Contratto e digrignando i denti) Ma serom minga dii arrivederci o sbagli?

Merlo    Voeuri minga fagh ciappà on stremizzi, ma se gh’è de mezz el midollo spinale, hinn ròbb de paralisi. El me amis giustaòss n’ha già vist pussee de vun de casi inscì!

Renato (Esita poi cede) Ch’el me ciama el Vailati.

Merlo    El sarà mèj. E el nümer?

Renato (Indica la rubrica) In sü l’agenda, là. Ch’el ghe disa che son borlaa giò, che stoo malissim.

Merlo    (Sfogliando la rubrica) Si, si…El ved ma l’è strana la vita… Se ghe disessi che mia miee, quand l’ha menà i boccol, anca lee me l’ha dii con la segreteria…?

Renato Uè, scior Merlo, l’è minga obligaa a fà el cinema per famm compagnia, mi gh’hoo domà bisògn d’on dottor. Punto e basta!!!

Merlo    Nò, nò, mi disevi inscì perché l’è veramente on caso strano… Però a mi, la mia, l’ha m’ha lassaa domà metà messagg. Fòrsi l’aveva cominciaa a parlà prima del BIP… e tütt quèll che hoo pudüu sentii l’è staa“… Pirletti. Perdonami. Addio”

Renato (Nuovamente el limite della resistenza) Cià, ch’el me daga l’agenda!

Merlo    Nò, nò tèl chì el Vailati. … Ma gh’è sü on fracch de nümer … Ospedaa … Clinica …Stüdi…

Renato Quèll de cà, el gh’è minga?

Merlo    Ah si, tel chi. (Forma il numero) El vedarà, el tornarà me on fiolin, scior Pieri, ch’el se preoccupa minga, tant me on fiolin. (El telefono) Pronto? Volessi parlare col professor Vailati, ciami da part del scior Pieri… S’el dis? ... Ah ch’el me scüsa, Hoo sbagliaa numer. Devi avè saltaa ona riga in sü l’agenda…Sa, l’è scritt inscì piccol…

Renato Ma a quèll lì se gh’interessa! che la mocca sü per piesè!

Merlo    (El telefono) Ah nò, el sta minga ben. el gh’ha ona lombaggine… si, si el colp de la stria…El pò minga moeuvess, l’è lì buttaa giò in terra me ona sverza sbüientada prima de fa la cassoeula…

Renato Ma con chi l’è che l’è adree a parlà? Ma porca vacca, schifa, loeugia, con chi l’è adree a parlà???

Merlo    (Al telefono, imperterrito) Ch’el me scüsa, chi l’è el telefono?… Ah bè, allora pòdi anca dighel: el sta de fa schivi e soramaròss la soa miè l’è andada foeura di ball…si, l’ha piantaa. L’è pròpri on òmm a tocchej: coeur, lombi, tutto...

Renato (Gridando) Ma insòmma che la mocca lì!!!

Merlo    (Al telefono, ancora) Devi lassala…l’è adree a veggh ona crisi de nervi…Ma ghe par… Che la staga ben. Arrivederci. (Riappende, e si vòlta sorridendo verso Renato) L’era la soa sorella.

Renato Mi gh’hoo minga de sorej!

Merlo    (Sorpreso) Com’è ch’el gh’ha minga de sorej? (Indica il telefono) Mi gh’hoo domandà “Chi parla?” e lee l’ha ma dit “Soa sorella”.

Renato (Prostrato) L’ha ciamaa la Lena!

Merlo    E l’è minga la soa sorella?

Renato Ma nanca de ridd! L’è ona sgnacchera che hoo pastrugnaa…che ci avevo  on poo de temp fa, voeuna foeura de coo ‘me on poggioeu, ona spiritualista convinta che mi e lee gh’èmm  el segn zodiacal compatibile e che la me ciama “fratello”.

Merlo    Ma mi podevi minga savell, mi. L’ha ma dit “ Sono sua sorella” e in italiano, anca. El dev mett che l’è on bel casin, ghe podaria vegnì foeura on gibilee....

Renato Adèss de sicür la ven chi! Quèlla maniaca sessista!

Merlo    (Colpito) Ah bè, l’è anca voeuna che…(Gesto eloquente) eh? Oh  ciombia …dolza l’uga!!!

Renato (Infastidito) Bè…basta, adèss basta!

Merlo    Ma…adèss con quèlla lì, lü …(Gesto eloquente) ancamò?

Renato S’el voeuress di, con quel gest adèss lì?

Merlo    Voeuressi dì… che lü el va a mangià foeura del sò polè?

Renato Perché, ghe dà fastidi?

Merlo    (Sinceramente scioccato) L’è minga bell.

Renato (Freddamente) Ma el  voeur lassàmm in pas?

Merlo    Mi son semper staa taccaa a mia miee, come on’edera. Anca se i occasion  manchen minga giò in ferramenta.

Renato Adèss l’ha faa el dagn, e adèss el fa la penitenza. Lù la ciamà, immediatamente, e el ghe diis che mia miee l’è tornada! (Merlo esita) Sü dai ch’el se dis’ciolla, che se de nò adèss quèlla invasada la riva…3456778.

Merlo    E ghe disi che la soa miee l’è tornada.

Renato Ecco! Tütt normal.

Merlo    (El telefono) Buonasera sciora. Sono ancora me. La riciami per dighi che la sciora Pieri l’è tornada indree…Si, si, adèss adèss…Si, la sta ben, anca el scior Pieri sta ben, stan tütti ben ecco… Si, si el gh’ha anmò el mal di reni, ma adèss el dis che l’è ‘na cialada, e el ghe rid a sora…

Renato Bè, se l’è ‘na conferenza? arrivederci ..e via.

Merlo    (El telefono) Nò, verament mi sont on amis del scior Pieri. L'hoo conòssuu perché el se interessa di mè modelitt…. si, si je foo mi con i prosperi… come còssa sono i prosperi?… i fiammiferi, gli svedesi…Hoo faa el Dòmm de Milàn, la Scala, el Santuari de Caravagg…

Renato Ma a quèlla lì se gh’interessa?!

Merlo    (Mette la mano sul microfono e concitatamente) Uè, l’è lee che la me fa i domand!!!

Renato (Prostrato, mangiandosi le dita) Oh pora mi, pora mi!!!

Merlo    (Sempre el telefono) Come?…Si, soa miee l’è tornada… Nò, son chi anmò perché voeuri minga lassal de per lü…Nò, voeuri dì…(Impappinandosi) che l’è tornada, ma adèss l’è andada foeura anmò. Nò, nò, l’è nò andada via anmò, l’è domà andada foeura on moment a…sbatt via la spazzadüra, sa lor fann la raccolta differenziada… e per via dell’ecologia…

Renato (Sempre più prostrato) Ma adèss se l’e adree cüntaghi sü???

Merlo    (Sempre el telefono con foga) Come?…Toro…Toro con ascendente Vergine…

Renato Ma l’ha finii???

Merlo    (Ancora el telefono) Che la guarda… come … i Tori sono bugiardi?…Mi disi minga de bosii, giürin giüretta … pronto … pronto … (Riappende e si vòlta verso Renato) L’ha taccaa sü! L’ha diit “Arrivo!” e l’ha taccaa sü!

Renato Tombola!!!

Merlo Me dispias, ma pensavi minga che l’ha füss inscì intelligenta! Ghe                     confessi che con quèlla lì son staa on poo mòll.

Renato (Arrabbiandosi) Moll o dür, el risültà l’è che quèlla là addess la se fionda chi! Mi gh’avevi domà dii de digh che la mia miee l’era tornada indree, L’era minga ona ròbba de premio Nobel, porca sidèlla! (Merlo lo guarda stupito per l’aggressività, Renato se ne rende conto e…) Ch’el me scüsa, l’è colpa mia… Lü l’ha faa quèll ch’el podeva e ghe disi grazie.

Merlo    Voeur che la riciami?

Renato Nò,nò per l’amor di Dio!!! Lü adèss el me da ona man a levà sü e rivà fino al divan, a ciappà el telefon e poeu se rangiaroo de per mi.

Merlo    D’accòrd scior Pieri (Aiuta Renato a rialzarsi e sostenendolo si avvia lentamente verso il divano) Va ben inscì?

Renato Andarà ben, si. (Si ferma)

Merlo    El faga pian…Ma la soa miee la saveva de la Lena?

Renato Nò!

Merlo    Allora l’è per quèll che l’è andada via…

Renato Nò. (Si rimette in moto sostenuto da Merlo, ma è costretto a fermarsi ancora)

Merlo    Magari l’è domà andada da la soa mama.

Renato Nò.

Merlo    I dònn sposaa de spèss tornann in dree da la mama.

Renato Minga quand la mama l’è morta da des ann.

Merlo    Ah, la mama de soa miee l’è defunta. Ch’el me scüsa, el savevi minga. Condoglianze. Debon, ch’el me scüsa. (Arrivano el divano, Merlo aiuta Renato a sedersi)

Renato Grazie…El telefon, per piesè.

Merlo    (Prende il telefono) El pensa che la sia andada via anca lee con quaivün di sò amiis?

Renato L’è andada via con nissün.

Merlo    (Gli tende il telefono) Nanca la mia l’è andada via con nissün. Perché, ch’el me daga a trà, con Goffredo Pirletti o con nissün, l’è istess. (Pausa di constatazione) Però, semper con lü l’è andada via.

Renato (Spazientito) Ch’el me daga el telefono, se de nò a troeuvi pü  in temp l’altra matta! (Merlo gli passa il telefono, Renato forma il numero, ascolta qualche istante poi mette giù) L’è occüpaa. (Indica il tubetto che gli ha lasciato Vailati) Per piesè, ch’el me passa chi pinull lì?

Merlo    (Prendendo il tubetto) E anca on biccer d’acqua?

Renato Si, grazie

Merlo    (Va verso il bar) Mi ie conòssi chi pinull chi, ch’el staga attent, hinn fort de matt! (Renato prende il tubetto senza rispondere) Ona nòtt, a moment, mi seri adree a ciappaj tucc. La mia miee l’era andada via da trè settiman, e quèlla matina lì avevi ricevuu ona cartolina illüstrada, che certament l’aveva cattada foeura quèll là, perché gh’era sü el mar cont ona porcheria de surf…E lee la me scriveva: “ Sono sicura che non t’annoi con i tuoi fiammiferi, io comunque sono felice.” A moment a ciappavi tütt i pinoll del tübett. Quèll ch’el m’ha salvaa l’è staa la Mole Antonelliana , quèlla de Türin. Seri in pieno laurà e podevi minga piantala lì, inscì senza di boh…

Renato (Lo òsserva in silenzio, scrollando la testa, poi ad alta voce seccato) Acquaaaaa!!!

Merlo    (Riempe on bicchiere d’acqua e torna da lui) Ma per lù, l’è divers, scior Pieri. Se l’è sicür che l’è minga andada con on alter, gh’è minga de problema. (Dà il bicchiere a Renato) Ma se gh’è de mezz on Goffredo Pirletti, allora…(Con l’altra mano, Renato,  forma il numero di Lena, poi seccato mette giù) … Semper occupaa?

Renato Si, la sarà adree a cercà on quaivun ch’el ghe guarda i can. (Gli squilla il telefono sulle ginocchia. Soprassalta e rovescia l’acqua del bicchiere sui calzoni e sul tappeto) …pòrca vacca!

Merlo    L’è acqua…la smagia minga. (Va a cercare nel bar qualcòssa per asciugarla)

Renato (Al telefono) Pronto?… Ah te seret ti, seri adree a ciamatt, te seret occupada… Lena, sent, damm a traa, lassa perd i can…son pròpri minga in forma stasera…perché, perché…son stracc e son adree a spettà la Luisa che la torna da on moment a l’alter…Cos’è el Giunti? …Ma se ghe c’entra adèss el Giunti…ma nò, dai… l’è ‘na storia ormai finida, lee se ne sbatti i ball del Giunti! (Più seccamente) Beh, pensala me te voeuret, mi te disi che la mia miee l’è andada via con nissün, e preferissi che stasera ti te staghet a cà toa, ciar? … Pronto? … Pronto?… (Mette giù furioso) La voeur pròpri nò capilla! Quèlla là l’è matta ‘me on cavall!

Merlo    (Asciuga l’acqua anche sul tappeto e òsserva on poo sornione) Anca la sciora Lena, la pensa che ghe sia on quaivün?

Renato Eh?!

Merlo    Nò, nò, nagòtta, inscì per caso, hoo sentì e allora hoo creduu che anca lee, la sciora Lena, la pensass che…

Renato (Tronca su) Quèlla là la parla per dagh aria ai dent! Bèh, adèss mochemela… Adèss l’è sücc.

Merlo    (Interrompe l’asciugatura e va verso il bar) Ma…quèll lì che l’era adree a digh al telefon, l’è on sò amis?

Renato Ma lü se s’en cascia? Ch’el guarda a cà soa! (Merlo toccato, porge a Renato on bicchiere d’acqua. Va a raccogliere le foto. Le mette nella busta di pelle e senza una parola si dirige alla pòrta. Renato un po’ pentito della sua rudezza) Che se le ciapa minga a mal, scior Merlo, l’è domà che son minga  in vena de cicciarà. Tutt chi!

Merlo    (Gelido) E allora…bonanòtt, scior Pieri!

Renato (Innervosendosi) Ma ‘ndèmm, ch’el faga minga el fioeu, benedetta la Madonna! Adèss se gh’è che va minga?

Merlo    Nagòtta…Pensavi domà, che vist che mi gh’hoo dii i mee situazion, de meritamm on poo de la soa confidenza.

Renato Ma ghe l'hoo dada.

Merlo    Quand lü el m’ha dii de cüntagh su i me stori, mi gh’hoo minga respondü “Ma lü se gh’interessa”.

Renato (Dòpo una breve pausa) El Giunti l’era on me amis, on vero amis, ma da dü ann se üsmomm pü, Content adèss?

Merlo    (Torna da Renato pieno di curiosità) E allora perché avii taccaa lit? Perché el ghe faceva la ronda interna a soa miee?

Renato Ma nanca on ciccin. Son mi che gh’hoo fregaa la soa. (Merlo lo guarda perplesso) Luisa la viveva con lü, e l’ha pientaa per vegnì con mi.

Merlo    E lü, scior Pieri, el gh’ha robbaa la miee? Uè, ma l’è terribil! Allora tücc quei che fan el surf, portenn via i dònn ai amiis!

Renato (Esplode) Ma che me faga el piesè! Mi a foo minga el surf!

Merlo    Come l’è che el fa minga el surf? ma se prima el m’ha dii che…

Renato (Ripensandoci) Voeurevi dì che ne foo minga assee per  fregàgh i dònn ai me…(Riprendendosi ancora) Ma che discors l’è adree a famm fa? (A Merlo) Beh, adèss car el me curiuson, l’è soddisfaa?

Merlo    (Si siede) Son minga sicür de avè capìi ben…La soa miee l’era la miee del scior Giunti, che l’era el sò amis püssee car…

Renato Non la soa miee, la soa convivent…Aveven scrivuu on romanz insèmma e eren vegnuu chi a domandamm de püblicall.

Merlo    E allora?…

Renato I hoo ciappà tutt e düu: el romanz e Luisa.

Merlo  (Seccato) Ma perché l’ha faa ona ròbba inscì?

Renato Perché? Perché la Luisa la me piaseva. Ma a lü gh’è mai  piasuu ona quai dònna d’on quai sò amiis?

Merlo    (Sincero) Ch’el me faga pensà…

Renato Ch’el lassa perd, per piesè.(Tornando alle sue preoccupazioni) Ma nò, l’è minga tornada indree dal Giunti, l’è minga pòssibil… ona dònna la torna mai indree.

Merlo    (Tristemente) Mi, invece, speri che la torna indree.

Renato Mi gh’el augüri, …ma nò, el Giunti l’è on òmm interessnt, on bravo fioeu, ma lee l’è mai stada innamorada. El Gervasio Giunti l’è mai staa on gandolla!

Merlo    E el mè, allora… el cred fòrsi ch’el sia staa on gandolla con la soa “tavola da surf”?

Renato (Seccato) Ma che la mocca lì de tirà semper fora el sò… chi sèmm minga al Gir d’Italia che se fa la classifica general…!

Merlo    L’è minga quèstion de classifica, l’è che el sò, l’è mèj del me, el me par tanto ciar.

Renato (Volendo chiudere) Bon, allora sèmm rivaa in fond. (Prende due comprese dal tubetto e le inghiotte)

Merlo    (Senza muoversi dalla poltrona) Perché el ghe telefona minga?

Renato A chi?

Merlo    Al Giunti, per savè come regolàss.

Renato Ah si, se parlòmm nò da duu ann, e adèss mi el ciami e ghe disi:”Scüsa, per caso, la dònna che t’hoo fregaa on para d’ann fa, l’è minga tornada da ti?”

Merlo    (Ammettendo che non è la soluzione ideale) Sì, effettivament… (On attimo di riflessione) E se el ciamassi mi?

Renato Ma nooooooo!

Merlo    Perché nò?

Renato Ma perché nò!

Merlo    Fòrsi perchè nun se conossom minga assee ?

Renato Ma nò, l’è minga per quèll.

Merlo    Mi ciami e ghe disi:” Buonasera, sono on vecchio amico della signora Pieri, el podaria dimm dove pòdi trovalla?”

Renato Perfett. E quèll là l’è sübitt pront a dagh la rispòsta….Ma per piacere…

Merlo    Mi tenti domà de vütall…

Renato L’ha già tentaa on para de vòlt, prima l’ha faa on numer sbagliaa, e poeu el m’ha tiraa in caa ‘na matta furiosa.

Merlo    (Avvilito) Va ben, non insisto. Bonanòtt scior Pieri. (Prende la sua busta e va verso la pòrta)

Renato ( Lo segue con lo sguardo. È visibilmente tormentato) Scior Merlo…

Merlo    (Si ferma) Sì?

Renato (Esita sempre tormentato, poi decide) Se ghe disi con precision quèll che dev dì, lü el pensa de vèss bon de dill?

Merlo    Ogni tant me ven el dübi che lü el cred che mi sia on poo martoròtt. (Renato non reagisce,guarda Merlo con lo sguardo vacuo, allora Merlo gli torna vicino, pieno di foga) Ma certament che son bon. Cià, se devi dì?

Renato (Dòpo una breve pausa) Se podaria sfrütà el liber ch’hann scrivuu insèmma.

Merlo    Sì.

Renato Allora lü el ciama el Giunti e ghe dis de vèss on produttor del cinema.

Merlo    Sì.

Renato Che l’ha leggiuu el romanz e el voeur comprà i diritti per faghi on film.

Merlo    Sì.

Renato E quand l’ha finìi la soa ciciarada, lü el ghe domanda in doe ch’el poeu trovà la soa coautrice.

Merlo    Ma quale coautrice?

Renato Mia miee, nò! Gh’avevi minga dit che aveven scrivuu on liber insèmma?

Merlo    Ah sì, l’è vera. Occhei, d’accòrd, ch’el me scüsa.

Renato (Guarda Merlo con on ritorno di apprensione) El fonzionerà mai.

Merlo    Ma sì, Hoo capii. L’è minga semplice, ma hoo capii.

Renato (Innervosito) Ma com’è l’è minga semplice? L’è semplicissim: lü l’è on cinematografaro, va ben?

Merlo    Va ben, va ben.

Renato El gh’ha ona ditta che la fa i film a Milàn. (Si corregge ) Nò, a Milàn nò, quèll là ie conòss tücc…Allora fèmm che lü l’è on produttor  straniero.

Merlo    (Eccitatissimo) On gròss produttor american!

Renato (Esplode) Ma ch’el faga minga el bauscia!

Merlo    Come?

Renato Nò, nò, ch’el me scüsa. Lü l’è on todesch ecco, anzi, on svizzero-todesch,      perfetto.

Merlo    Perché svizzero-todesch?

Renato Perché el romanz l’è ambientaa sul Lac de Lucerna. Donca, lü l’è on gròss produttor svizzero-todesch, l’ha leggiuu “Una cavalla di facili costumi”…l’è el titol del romanz, e el voeur cumprà a tütt i costi i diritti per fann on film. Ciar?

Merlo    E l’è on bel liber?

Renato El fa schivi. Ma se ghe interessa?

Merlo    Allora la ròbba la se fa spessa.

Renato Perché?

Merlo    Ma se el liber el fa schivi, perché dovaria comprà i diritti?

Renato (Dòpo una breve pausa, pazientemente) Scior Merlo…

Merlo    Sì?

Renato Lü l’è minga on produttor.

Merlo    Nò.

Renato E l’è nanca svizzero-todesch.

Merlo    Nò.

Renato E allora l’è minga per cumprà i diritti del liber ch’el telefona, ma domà per cercà mia miee. Ciar!?!?

Merlo    (Riflette on poo, poi sorride) L’è on poo cervellotic, ma el fa nanca ona piega! (Tende la mano verso il telefono) Che numer el gh’ha?

Renato 4 6 5 7 …(Con prudenza) L’è mèj che el fò mi! (Alza il ricevitore) El se ciama Giunti.

Merlo    Ma el gh’ha minga el nòmm?

Renato Gervasio. El  nòmm l’è Gervasio.

Merlo    Gervasio? Che nòmm del lela…Me par de conòss nissün con on nòmm inscì…

Renato (Tronca) Perdèmm pù temp. Gervasio Giunti.

Merlo    Gervasio Giunti.

Renato E la Luisa l’ha firmaa el romanz cont el nòmm de signorina: Luisa  Parodi.

Merlo    (Interessato) Ligure?

Renato Per piesè ch’el se concentra.

Merlo    Pardon.

Renato (Forma il numero) E ch’el se desmentega minga: quand la finii la ciciarada, el ghe domanda in doe l’è la Luisa Parodi. L’è liber. Ghe inserissi el viva-voce.(Preme on tasto. Si sente nel soggiorno il segnale di chiamata amplificato, tende con apprensione, il telefono a Merlo) Tocca a lü.

Merlo    Faccio l’accento svizzero-tedesco?

Renato Nò.

Giunti   (La sua voce attraverso il viva-voce) Pronto?

Merlo    (Con goffo accento tedesco) Pronto, pòsso parlare con signore Giunti?

Giunti   (Fuori campo) Sono io.

Merlo    Buonasera,signore Giunti. Io zono Herr Zükermeier. Pertona se io chiama adesso. Io sono produttore di cinematografia e vengo di Basilea e sono molto interessato di vostro romanzo…(Non ricorda il titolo)…di vostro romanzo…

Renato (Suggerisce piano) “Una cavalla di facili costumi”

Merlo    “Una Cafala di facili costumi” e io voglio discutere per comperare diritti per fare cinema.

Giunti   (F.C.) Ma è uno scherzo o còssa?

Merlo    Nò, nò scherzo, niente scherzo. Perché scherzo?

Giunti   (F.C.) Mocchela sü con i tò pirlad, dai t’hoo reconòssuu.

Merlo    (Lancia uno sguardo smarrito a Renato che gli fa cenno di proseguire) Nein pirlaten, voi fate sbaglio, signor Giunti. Io sono produttore che viene di Basilea.

Giunti   (F.C. Tronca) Quale produzione?

Merlo    Scusa?

Giunti   La sua casa di produzione qual è?

Merlo    (Si vòlta nuovamente verso Renato che a sua vòlta sembra essere preso in contropiede. Improvvisa) Svizzerland film.

Giunti   (F.C.) Svizzerland film?

Merlo    Certo. È casa di protuzione giofane e dinamica, signor Giunti.

Giunti   (F.C. Abbassando on poo la guardia) E siete interessati al mio romanzo?

Merlo    As-sso-lu-ta-men-te, interessatissimi !

Giunti   (F.C.) È per il cinema o la TV?

Merlo    Per il cinema, Herr Giunti, per grande schermo, non per picciola finestrella!

Giunti   (F.C.) I particolari economici li discuteremo dòpo quando ci incontreremo…e quando pòssiamo vederci…signor…signor…?

Merlo    Zükermeier. Io chiamo ancora domani e prendiamo puntamento.

Giunti   (F.C.) D’accordo a domani.

Merlo    A domani Herr Giunti. (Mette giù e si vòlta trionfante verso Renato) Ecco fatto! Gh’èmm i diritti e poeu tirarèmm sul prezzi!

Renato (Lo guarda incredulo come se guardasse on marziano) E mia miee?

Merlo    Cos’è?

Renato El s’è desmentegaa mia miee! El dis sü pirlad per cinq minüt e el se desmentega mia miee!!!

Merlo    (Si dà una botta in fronte) Vacca, che vacada!

Renato (Ugualmente incredulo) A contala sü me crederian minga! La realtà la süpera la fantasia!

Merlo    Hoo ciappà la vacca par i ball!

Renato Chi èmm passaa ogni limit!

Merlo    (Prende il telefono) El riciammi.

Renato Ch’el taca sü el telefono!

Merlo    (Esegue) Peccaa, l’era vegnüda inscì ben!

Renato (Lo guarda on momento poi di nuovo tormentato) Adèss el farà domà quel che ghe disi mi! Lü el ghe disarà domà inscì”A proposito, Hoo dimenticato di chiederle dove pòsso trovare e contattare la sua coautrice Luisa Parodi”

Merlo    Ecco, basta disaroo domà quei paroll lì!

Renato (Esita ancora on poo, poi rifà il numero e preme nuovamente il tasto viva-voce. Segnale di “libero” e poi la voce di Giunti)

Giunti   (F.C.) Pronto?

Merlo    (El telefono) Scusa Herr Giunti, sono ancora Zükermeier…

Giunti   (F.C. Interrompendolo) Mi scusi, sono sull’altra linea col mio agente, la richiamo fra on minuto. Qual è il suo numero?

Merlo    (Leggendolo sull’apparecchio) 0331 – 2112332.

Renato Ma nò, porca sidela! (Toglie la comunicazione)

Merlo    Pronto?…Pronto?…(A Renato) L’ha taccaa sü.

Renato Ma nò,  son  staa mi! Faccia de kraffen imbottii!

Merlo    Eh?

Renato Ma el g’ha daa el me nümer de telefono!

Merlo    Eh sì eh, el m’ha domandaa in doe el podeva ciamamm.

Renato (Incredulo) Ma lü el se riposa mai de di pirladd eh?

Merlo    Ch’el me scüsa , ma me senti on poo confüs. Adèss cerchi de capi, ma me scapa on quaicòss, ona quai piccola connessione…

Renato (Scuote la testa ma dice ammirato)  Quèst chi l’è el primm de la class! Quèst chi l’è el campion del mond di bamba e martoròtt mettuu insèmma!

Merlo    (Squilla il telefono e lui sorride) Tel chi!

Renato E l’è content! “Tel chi” el dis e l’è content! (Scatta la segreteria telefonica di Renato. Si sente il messaggio)

Voce di Renato          Momentaneamente non siamo in casa: Potete lasciare on messaggio dòpo il segnale acustico. Vi richiameremo. Grazie.

Giunti   (F.C.) Renato, sont el Gervasio. Per on quai moment me seri domandaa s’el fasess on produttor todesch in cà toa, ma poeu hoo capìì che te volevet domà savè in doe l’è andada toa miee. Eventualment te consili de domandamel direttament  e senza fa el pisquanòtt. Te salüdi.

Renato (Alza velocemente il ricevitore) Gervasio?

Giunti   Sì?

Renato Son mi. In doe l’è la Luisa?

Giunti   (Dòpo una breve pausa) L’è duu ann che spètti quel moment chi… e devi dit che pensavi de vèss püssee content. Anzi quasi quasi te compatissi.

Renato Voeuri nò tant, dimm  domà se l’è lì in de ti.

Giunti   Nò. La m’ha appena ciamaa per dimm che la te lassava. L’era incassada me ona bissa con ti, per via di quèlla cèna de stasera, la toa famosa cèna dei…

Renato (Interrompendolo) La t’ha minga diit in doe l’andava? (Tormentato) Ma in doe la pò vèss casciada, porca sidela?…Si, el soo che ti ghe see passaa anca ti, ma mi gh’hoo el colp de la stria…Nò, nò, toeumm minga in gir, son chi piegaa in duu, pòdi minga moeuvess,… a foo pèna. Còssa?… (Improvvisamente còmmòsso) Che ti te se offrissi volontari dòpo quel che t’hoo fa, el me còmmoeuv,…preferissi sta de per mi…Nò, grazie, sta minga a distürbatt, preferissi sta de per mi te disi… Buonanòtt …e anmò grazie. (Sta per riattaccare ma ) Gervasio?… Sentess minga obligaa, ma se per caso, la te riciamass… Grazie a meriti nò on amis inscì. (Riattacca, si vòlta verso Merlo sempre fermo vicino alla pòrta)

Merlo    Seri adree a andà foeura di ball.

Renato El me passa quèll bloc notes lì, per piesè? (Merlo esegue) El lassa ‘sto bigliet chi taccaa in sü la pòrta. L’è per l’altra matta. (Si mette a scrivere, dicendo a voce alta) “ Ho preso dei calmanti, dormo. Stasera non voglio vedere nessuno”. (Posa il foglio sul tavolino davanti a lui) Ecco, speri tant che l’ha gh’abbia el bon güst de minga famm vegnì on’orchite ...

Merlo    S’el voeur la spètti mi! Lü el se sera sü in la soa stanza e mi ghe foo de sentinella!

Renato Nò, nò, lü l’ha già faa fin tropp.

Merlo    M’è dispiasuu de vèss sta on poo imbranaa al telefono, scior Pieri, Avaria vorsuu tant vütall.

Renato S’el voeur vütamm ch’el me vütta a rivà arent al let, ghe domandi nient püssè!

Merlo    (Mentre Renato si alza faticòssamente, Merlo lo aiuta ed accompagna premurosamente verso la camera) Mi… mi pensavi… E se ghe insegnassi a fa i modelitt?

Renato  Nò. (Si ferma a riprendere il fiato)

Merlo  (Torna alla carica) A mi m’ha vüttaa tantissim.

Renato Nò.

Merlo    Ch’el guarda che l’è el moment giüst per imparà. Ma el se rend cont o nò? Lü l’è contemporaneamente abbandonaa e minoraa…pardon voeurevi dì handiccappaa!

Renato (Sottotono) Hoo di de nò! Mi voeuri fa nò i modelitt, ciar? Poerca vacca, a voeuri nò!!! (Gli chiude la pòrta della camera in faccia) Bonanòtt, scior Merlo!

Merlo    (Davanti alla pòrta chiusa) El me ciama Pierugo…anzi, Ugo come me ciamen i me amiis… l’è più semplice…Lü, el gh’avariss on quaicòss in contrari s’el ciamassi Renato, Renato? (Va a prendere la sua busta, ne toglie le foto dei modellini che dispone sul tavolo dicendo in direzione della pòrta della camera) Ghe lassi chi i foto, tant mi gh’hoo le copie…inscì. se doman mattina el gh’ha nagòtta de fa…Buonanòtte Renato. (Non ricevendo rispòsta sta per uscire, quando ricorda) Seri adree a desmentegass el bigliett per la  Lena! (Va a prendere il biglietto sul tavolo, mentre entra Luisa un poo spaventata da quèllo sconosciuto)

Luisa    Chi è lei?… e Renato

Merlo    (Avvicinandosi a lei) Shhhh! El dorma!

Luisa    Scusi?

Merlo    Ma sì, mi son el Toro, con ascendente Vergine!

Luisa    Come?

Merlo    Sì…voeurevi ciamà on dottor… ma hoo sbaglià nümer e inscì la respondü lee…E Renato el m’ha spiegaa che lee … l’era la soa… la soa ganza, ecco.

Luisa    La sua ganza?

Merlo    Sì, me dispias se son sta on poo… ingarbüiaa sü al telefono, perché in realtà, la situazion l’è ciara: soa miee l’ha lassaa, ma lü el sta benissim, l’è content ‘me ona pasqua, el dorma e el voeur nò vèss distürbaa. Tütt ciar?

Luisa    (Gelata) Chiarissimo, sì… talment ciar che adèss voeuri dighen dò!!

Merlo    Lena…Lee la me permett de ciamalla Lena?

Luisa    Ma la prego!

Merlo    Mi el cognòssi da pòcch, el Renato, ma credi de capill benissim, e voeuraria daggh on consili da amis…

Luisa    Sono tutt’orecchi.

Merlo    Che la sia bona de specià: soa miee l’è scapada… lee la ghe borla minga sübitt in brasc ‘ me ‘na fetta de stracchin de quel grass. Che la vaga innanzi a fa la soa ganza, insaziabile come sempre. Lee la dev vèss per lü…”giarrettiere e champagne”, la capiss se voeuri dì…che la seguita a vedell trè o quater vòlt a la settimana tant me prima, che la faga giogatà e al sò ritorno (Aulico ed enfatico) “se deve venire, verrà”.

Luisa    Glielo ha detto lui che mi vede tre o quattro volte alla settimana?

Merlo    (Galante) Lü el m’ha dit che la vedaria anca tütt i dì, s’el podaria, e pòdi anca capill, lee l’è on gran  bell tocc de “ punta el vidiam”,me disom giò in ferramenta!

Luisa    (Dòpo una breve pausa) Penso che abbia ragione, fòrsi è meglio che non lo svegli!

Merlo    E brava Lena! Che la torna a cà soa, e mi ghe foo ‘na scòmmessa: fra on quai dì, el Renato el vegnerà a cà soa cont on bottiglion de profümm per lee, e 12 scatoll de KitKat per i sò can.

Luisa    È lei, vero, che doveva cenare con lui stasera?

Merlo    (Stupito) Come l’ha faa a savell? El gh’ha parlaa de mì?

Luisa    Oh, l’avrei riconosciuta comunque. (Esce)

Merlo    (Si frega le mani soddisfatto) E anca quèsta l’è fada !

Renato (Appare sulla pòrta della camera visibilmente incupito)

Merlo (Lo guarda pieno di compassione) El riess minga a dormì?

Renato  (Con la bocca on poo impastata) L’è anmò chi, lü?

Merlo    El poeu ringrazià el Signor che son anmò chi…

Renato Perché?

Merlo    (Sorride) Ci abbiamo avuto visite!

Renato Di chi?

Merlo    La matta.

Renato Lena?

Merlo    L’è appena andada foeura.L’era adree a vegnì in stanza…ma lü el gh’ha la fortünna de   cognòss tale Ugo Merlo che l’ha di: “Non passa lo straniero”

Renato Mèj del Piave. L’è sta bon de cascià via la Lena?

Merlo    Sì, e sò nò quand la rivederà!

Renato (Incredulo) La Lena l’è minga voeuna che la mola, ma l’ha faa?

Merlo    Confessi che l'hoo trovada meno eccitada de quel che lü el m’aveva dit. A mi la m’è parüda püssee frèggia de on piatt de cagiada gelada.

Renato La Lena, frèggia?

Merlo    Si, riservada. Mi me spettavi de pèsg. Gh’era ona ninfomane giò in Ferramenta, reparto contabilità…Tütta ‘n’altra ròbba. Quèsta chi l’è püssee contenüda. E anca püssee bella. On gran bel tocc de sgnacchera. Ma com’è che l’ha conossüda?

Renato Gh’hoo pübblicaa el sò liber.

Merlo    Ah la scriv anca lee?

Renato Disèmm de si.

Merlo    (Con l’occhio luccicante) On liber erotico?

Renato (Sorpreso) Nò, perché?

Merlo    Bè, ona ninfomane…

Renato Ma nò, l’è on liber spiritüal sü on sò viagg tra i Indian…non quej cont i penn, quei che gh’hann famm, sì, in India, insòmma,… On casin. (Si dirige lentamente, ma senza bisògno d’aiuto, verso il bar)

Merlo    Ohei! el cammina de per lü, Allora el sta mèj!

Renato On poo mèj. (Si mesce on bicchier d’acqua. Sognante) A riessi non anmò a credigh ch’el sia sta bon de cascialla via in quatter e quatr’ott. (Suonano alla pòrta, i doe si immobilizzano) E adèss chi l’è che l’è?

Merlo    (Eccitato) Ch’el ghe pensa minga, ghe voo mi a vidè! (Ha aperto la pòrta e torna precedendo Gervasio Giunti)

Giunti   (Ha la stessa età di Renato e l’aria di on uomo sensibile e generoso. Sorride a Renato) Son vegnü istess.

Renato (Toccato) Incredibil. Inscì gentil con mi, Gervasio…

Giunti   (I due si abbracciano) In on moment come ques chi, podevi nò lassàt de per ti.

Merlo    Ma l’è minga de per lü. (Si presenta) Pierugo Merlo, Ugo per gli amici.

Giunti   (Stringe la mano a Merlo) Piacere. L’è el produttor todesch?

Renato Sì, e l’era adree a andà via. Arrivederci scior Merlo.

Merlo    Ch’el me ciama minga scior Merlo, ch’el me ciama Ugo, ghe tegni!

Renato Va ben,… Ugo, arrivederci.

Merlo    Arrivederci Renato. (Prende la busta e indica a Renato le foto sparpagliate sul tavolo) Gh’hoo lassaa chi ona quai foto…Se el troeuv el temp de dagh on’oggiada, magari doman…Bene. (Raccoglie altre foto)

Renato (A Giunti) E ti ‘me te stee?

Giunti   Benissim.

Merlo    (Mostrando le sue foto) Hinn i modelitt che foo cont i prosperi, i svedes…

Renato (Troncando) Scior Merlo, Gervasio l’è minga vegnìi fin chi per parlà de prosperi.

Merlo (Toccato) Va ben, certament. Scusémm.(Si mette a riordinare metodicamente le foto in una cartellina)

Renato (A Giunti)’Se te feet de bell, cunta sü.

Giunti   Scrivi, semper. Son bon de fa domà quèll, t’el see.

Renato (Divertito) E se te seet adree a scriv , adèss ?

Giunti   Ona storia su Tangentopoli. La me intriga. L’è ona mangiatoria general: mangen, mengen, ma sc’iòppen mai!

Renato T’el me faree legg?

Giunti   Va che te seet minga obbligaa…Mi son minga vegnì chi per parlà del mè laorà. La Luisa l’ha ma ciamaa cinch minütt fa.

Renato (Di nuovo teso) E allora?

Giunti   Gh’hoo paüra che la sia andada dall’Alberto Testi.

Renato Cooooosa?

Giunti   Alberto Testi, quèll che scriv la pubblicità per la Televison. T’el conòsset, sì. Lee l’è sicürament a cà soa, adèss.

Renato (Terrorizzato) Noooo!!!

Giunti   Me l’ha dit al telefono che lü l’aveva invidada a bev on quaicòss. Mi hoo cercaa de fagh cambià idea, ma…

(Merlo ascolta rapito quèsto dialogo raccogliendo lentissimamente le fotografie.)

Renato (Si vòlta verso Merlo spazientito) E lü, l’ha nancamò de finì, li l’inscì?

Merlo    Sì…nò…Le…Son adree a mettei in ordin de temp; de sora quèlle dei primm modelitt…

Renato Ch’el vaga a cà soa a mettei in ordin, per piesè.

Merlo    (Seccamente) D’accòrd.

Renato (A Giunti) Ma perché el Testi? L’è quant gh’è de pèsg in giro.

Giunti   (Annuisce) Lee ghe l’ha sü con ti, t’el see…

Renato E per rifass, la catta foeura ona merda de latin lover, anzi in quel cas chi, de latrin lover, on strasciapedagn schifos, vun che ghe va ben tütti i dònn, basta che fiaden, ma l’è pròpri foeura de coo, la Luisa?

Merlo    (Che sta chiudendo la busta) E la mia , allora?…Se savì chi l’ha cattaa foeura!

Renato (Esplode) Ma ch’el ghe lassa on pooo in paas. Ch’el vaga foeura di ball!

Merlo    (Raggelato) Buonasera, signor Pieri (Va verso la pòrta)

Renato (A Giunti) E in doe ch’el sta, quèll porscell?

Giunti   Mi soo domà ch’el gh’ha on localin,  uno scannatoio, a Caravagg, ma per vègh l’indirizz…

Merlo    Buonasera signor Giunti.

Giunti   Buonasera (A Renato) El sarà top secret, e vedi minga a chi pòdi cercaghel.

Merlo    (Che è sul punto di uscire) Buonasera signor Pieri.

Renato (Grida) Buonasera! Insòmma, quèll indirizz chi el và trovaa, porca vacca vachissima!

Merlo    (Come se niente fòsse) On me amis el gh’ha fa l’accertamento  fiscale el Testi.

Renato Cooosa?

Giunti   L’accertamento fiscale???

Merlo    Se l’è Alberto Testi, quel che fa la pubblicità per la television, el gh’ha avüü l’accertament, mi el soo, Hoo vist la soa pratica in offizi da on me amiis all’Intendenza de Finanza. Ghe l’ha faa Rino Tassotti , on me amis. El Testi, el gh’ha effetivament on localin di part de Caravagg, ma l’è nò on mistero de stato. Certament minga per i mè amis. Buonasera signor Pieri. (Esce)

Renato (A Giunti) Ciappal el volo, porca sidela! (Giunti si precipita verso la pòrta e dòpo on secondo torna con Merlo)

Merlo    El gh’ha bisògn de mi, Renato?

Renato Ch’el me scüsa, scior Merlo…seri on poo agitaa.

Merlo    Ugo. Ch’el me ciama Ugo.

Renato Ch’el me scüsa, Ugo.

Merlo  Ghe confessi ch’el ma faa vegnì el magon…Mi ghe lassi i mè foto e lù nanca ie guarda. Me foo in quatter per liberall da la matta e lù el fa fatiga a dimm grazie. Capissi ch’el pò vèss nervos, ma…

Renato Beh, ghe domandi scüsa. Ch’el se setta giò, el se rilassa… El voeur bev on quaicòss, car el me Ugo?

Merlo    (Si siede) Nò, grazie. (Apre la busta di pelle e ritira fuori le fotografie) L’è minga per faghej vedè, l’è domà per mettej in ordin. Ghe prometti che ghe romparoo pü i ball cont i mè foto.

Renato (Falso) Ma nò, ma nò, a mi me interessen tantissim (A Giunti) L’ Ugo el faa di modelitt straordinari cont i svedes, i prosper.

Giunti   (Educatamente) Debon?

Renato Ciolla! El ghe faga vedè la Gesa de Sant’Antoni de Gallaraa.

Merlo    L'hoo nancamò de faa la Gesa de Sant’Antoni de Gallaraa.

Renato (Alterandosi on poo) Insòmma, ch’el ghe faga vidè ona quai altra gesa! (A Giunti) Te vedarett, l’è bravissim.

Merlo    (Tende una foto a Giunti) Quèsta chi l’è la prima: 343 svedes. L’è on poo grezza.

Giunti   (Falso) Ma l’ha promett ben.

Merlo    El vedarà dòpo.

Giunti   Stoo pü in la pell.

Renato (Compiendo sforzi sovrumani per restare dolciastro) Fòrsi el podaria fagh avè l’indirizz de quel localin, eh Ugo?

Merlo    Dovaria ciamà el Tassotti  e a quèll’ora chi (Guarda l’orologio) a quèll’ora chi l’è adree a guardà el fulboll in television, e l’è minga el moment per distürbàll. (Tende on’altra foto a Giunti) Quèsta chi l’è on pozz per cavà el petrolii…ona pompa. Avevi vist una foto dell’Arabia e allora me son dit:”E se fasèssi on pozz per el petrolii?”

Giunti   (Guarda la foto) L’è pròpri bell quèll pozz chì.

Merlo    (Si mette a ridere) E savì me l’avevi ciamaa? “Kü vai”! Con quèst chi, se ci hai un po’ di culo, vai in giro per il mondo a fare el scior…capì l’antifona?

Renato (Sempre più teso) Ugo, mia miee, fòrsi, l’è in cà del più noto tombeur de femmes del Varesott…Se podaria nò fare on sforz e ciamà ‘sto benedet Tassotti ?

Merlo    Ma perché la saria andada in cà de on maniac sessuale?

Renato (Si scambia on’occhiata con Giunti, poi laconico) E perché la soa l’è andada in cà del Bilotti?

Merlo    (Correggendolo) Pirletti, Goffredo Pirletti!

Renato Va ben, va ben, ma perché da quèll lì?

Merlo    Ah, quèst el soo pròpri nò.

Renato Beh, nanca mi el soo. Allora se pò ciamà ‘sto Tassotti  adèss?

Merlo    (Tira fuori dalla busta una rubrica) Gh’avaroo el sò numer de cà? …Vedèmm,…vedèmm…Ca…Ca… Tassotti . tel chi! (Guardando l’orologio) Mi son semper de l’idea de spettà l’intervall de la partida.

Renato Perché?

Merlo    Mi podaria ciamàll adèss, ma, se per caso, hinn adreea fa goal, el me se incazza, e el me manda a da via el cuu, anzi m’el dis lü, a da via el chiü. Spetèmm l’intervall, demm a traa!

Giunti   Spetèmm l’intervall!

Renato (Sempre più teso) E quand l’è ch’el riva l’intervall?

Merlo    Tra pòcch…La ròbba püssè bèlla da fa, l’è vedè la partida (Indica il televisore)

Renato Gh’hoo pròpri voeuja de guardà i partid, adèss!

Merlo Ma l’è el derby della serie C, tra la Pro Patria e il Legnano su TeleGallarate Internescional.

Renato  Me ne sbatt i ball! (Si riprende) Ch’el me scüsa , el vaga de là in cüsina, gh’è on alter televisor.

Merlo    L’è pròpri comod on televisor in cüsina. (Sparisce in cucina. Si sente la voce dello speaker)

Giunti   Scüsa, ma a mi el me par on poo pirla!

Renato L’è per quèll che l’hoo invidà.

Giunti   (Incredulo) Dimm nò che l’è pròpri quel tal…

Renato (Come on grido disperato) Sì…L’è tremendo…tremendo…

Merlo    (Voce fuori scena) Troeuvi minga el canal…Ah sì, ecco…

Giunti   Dimm minga che l’è el martorott de la toa cèna?

Renato (Distrutto) Ne pòdi pü…ne pòdi pü! (Giunti ride) Gh’è pòcch de ridd (Si sente il volume del televisore della cucina che esplode altissimo. Renato grida) Ch’el sbassa, porca vacca! (Il volume si abbassa)

Giunti   (Ride convulsamente) Scüsa, ma te seet…vedètt cont el colp de la stria, in crisi matrimonial  e per de pü in di man de quèl …Vacca, che dislippa! L’è ona sfiga allo stato puro!

Renato (Abbattuto) Mocchela, per piesè.

Giunti   (Torna serio) Te vedet, l’è minga che mi me son sgarbelaa dalla contentezza quand la Luisa la m’ha dii che la menava i boccol per vegnì de ti, ma pensatt inscì, in pieno dramma, con quel martorott in gir per cà ch’el te fa da confident, on martorott, on pistòla che ti t’hee cattaa foeura con tütta la toa cattiveria, beh, scüsa, ma me tocca de ridd per forza! (Scoppia ancora a ridere mentre suonano alla pòrta)

Renato Adèss, se gh’è ancamò?

Giunti   Sta lì; (Va ad aprire)

Lena     (Sulla trentina, seducente ma on poo sovreccitata, si precipita verso Renato) Scusa se non sono venuta prima, ma non ho trovato nessuno per i cani, sono giù in macchina. Sono coperta di peli…stai meglio, povero caro?

Renato (la guarda con occhio tondo, allibito.)

Lena     (Si vòlta verso Giunti) E quèsto è il Toro con ascendente Vergine, immagino. Il Toro cattivo e bugiardo!

Renato (Con calma agghiacciante) Nò, l’è in cüsina el Toro e adèss gh’hoo de digh on quaicòss. (Grida)Merlooooooooo! (La tv viene spenta in cucina).

Merlo    (Emerge dalla cucina) La Pro Patria ha segnato! Primo tempo 2 a 1. (Si accorge della Lena e si illumina) É…tornata?

Renato (Fa le presentazioni) Ugo Merlo…Lena.

Merlo    (Che andava sorridente verso Lena, si blocca) Lena???

Renato Tella lì la Lena, davant a lü! Chi l’è che l’ha casciaa foeura da cà mia…

Giunti   (Incredulo) Dimm minga che…(Si mette a ridere convulsamente) Oh,benedetta la Madonna!

Renato Ti, damm a tra, se ti see chi per ridd, te podet tornà a cà toa!

Giunti   Scüsom, Renato.

Renato (A Merlo)Per caso l’era minga voeuna castana de cavei, cont on tajoeur grisin, quèlla che lü l’ha casciaa foeura?

Merlo    (Sulla difensiva) Lü el me dis “Adèss ghe riva quèlla matta! Adèss ghe riva quèlla matta!” Ghe ‘riva ona dònna e par mi, chi l’è? L’è lee, la matta!

Giunti   (Che sta per scoppiare a ridere) Vegni subitt. (Scappa in cucina e si sentono le sue risate soffocate)

Renato (Gelidamente a Merlo) E còssa el gh’ha diit con precision?

Merlo    A chi?

Renato (Urlando) A mia miee!

Merlo    Nagòtta!

Renato La torna a cà, lü ghe parla per cinq minütt e me la fa scapà. Ma còssa crincio el gh’ha diit?

Merlo    (Gesticolando verso Lena) Ma se ghe disi che credevi che la füss l’isterica! Hoo pensaa “L’ha trovaa chi ghe guarda i can e la ven a mett gibilee e a fa casott, ‘sta ninfomane”

Lena     Ma di chi parla eh?

(Giunti che stava uscendo dalla cucina, rientra precipitosamente. Si sentono le sue risate.)

Renato Lena, adèss te fee la brava tosètta, e te tornet a cà toa. Gh’hoo on problema de mett a pòst.

Lena     Renato, ascoltami…

Renato (Con tono alto) Lena, va foeura di ball, per piesè!

Lena     Cooosa?! Io mi incruscio nella macchina con quattro cani per venire a trovarti e tu mi sbatti fuori?!

Giunti   (Esce rapidamente dalla cucina e prende Lena per on braccio) On consilii, Lena: che la vaga o la finiss a riis e zoccor.

Lena     Lei non mi tocchi, sa!

Giunti   (La trascina veso la pòrta) Che la me daga a trà, che la vaga via sübitt…a l’è mèj.

Renato Lena, va via sübitt. (Sottolineando alterato) Sübitt!

Lena     (Si libera da Giunti e drammaticamente si vòlta verso Merlo) La pazza, l’isterica, la ninfomane pregano il porco, il disgraziato e la carogna di non telefonarle mai più!!! (Esce)

Renato (Si vòlta angosciato verso Merlo) L’ha casciaa via mia miee…L’era tornada e l’ha casciada via. L’ha mandada drizza ‘me on füs  in cà del Testi.

Merlo    Va ben, l’è vera, Hoo sbagliaa…ma l’è nò tütta colpa mia. Chiunque l’avaria sbagliaa.

Renato (Asciutto) Se ne vada.

Giunti   (Tornando verso di loro) Nò, gh’èmm bisògn de lü, Renato (A Merlo) Per piasè, ch’el ciama el scior Tassotti .

Renato (Fissando sempre ostilmente Merlo) Mi pòdi pü videll. Foeura da cà mia!

Merlo    Scior Pieri, voeuraria sprofondà sòtta tèrra. Mi voraria tanto vüttall.

Giunti   (Pressante) Renato, gh’è l’intervall. Bisògna ciamà sübit Tassotti .

Merlo    Farò penitenza, scior Pieri. El me disa de ciamà Tassotti . El preghi, el me disa de ciamà Tassotti .

Giunti   (Renato esita e Giunti lo incalza) Dighel Renato, pensa a la Luisa. Bisògna tiralla via de là, benedetta la Madonna. Dai, dighi de ciamall ‘sto Tassotti .

Merlo    Ch’el me disa de ciamà Tassotti .

Giunti   Dighi de ciamà Tassotti .

Merlo    Ch’el me disa de ciamà Tassotti .

Giunti   Dighi de ciamà Tassotti .

Merlo    Ch’el me disa de ciamà Tassotti .

Renato (Compiendo uno sforzo titanico su se stesso) Ch’el ciama el Tassotti .

Merlo    (Illuminandosi) Grazie…grazie, scior Pieri! (Va verso il telefono) Vedrà, andarà tüt a pòst. Son pront a scomètt. (Forma il numero)

Renato Ch’el taca il viva-voce. (Si sentono i segnali di chiamata amplificati. Poi Tassotti , con on forte accento meridionale)

Tassotti  Pronto…sentiamo!

Merlo    Rino, ‘me te stee, sono il Ugo.

Tassotti  Allora come va stasera, tifoso della Pro Patria.

Merlo    Anzitutto io non ci tifo mica per la Pro Patria, sono solo on simpatissante, e poeu hinn dü a vün: quindi avii non anmò perdüü.

Tassotti  (Rifacendogli il verso) “Non anmò perdu” senti quèsto pistòla! Si beccano doe gol nei primi cinque minuti e lui dice che non hanno ancora perso! Sono delle schiappe, dei lavativi, dei quaqquaraquà!

Merlo  Ti uì, mandarin d’importazion, chi l’è che l’ha ciappaa sü ona pettenada col Novara, la settimana passada? Minga de cert la Pro Patria! L’è staa el tò Legnano! (Grida come i cori da stadio) Legnano, Legnano, Legnano vaffanculo! Legnano, Legnano, Legnano vaffanculo!

Tassotti  Te lo dico nella tua lingua: Ma va te a vaffanchiù! (E sbatte giù il telefono)

Merlo    Anca ti, meridions! (E attacca anche lui il telefono) Che imbecille……(Grida guardando il telefono) “Legnano vaffanchiù! In classifica sempre giù” Ball!

Renato e Giunti si gurdano a bocca aperta

Merlo    (Impiega qualche secondo a rendersi conto, poi riprende il telefono) Adèss el riciami…

Giunti   (Bisbiglia) Ma in doe l’è che te l’hee trovAA? Quèst chi l’è da ricovero!

Renato (Sfiancato) E l’è inscì da on’ora…inarrestabile!

Merlo    (Formando il numero) Ve disi che el riciami, ròbba passeggera. Risiòmm semper però se voròmm on ben.(Segnale libero amplificato, poi la voce di Tassotti )

Tassotti (Gioviale quasi allegro) Ugo?

Merlo    Sì, Rino, te riciammi perché devi domandatt, devo domandarti on piesè, on favore.

Tassotti D’accordo, ma a una condizione.

Merlo    Quale?

Tassotti Che tu gridi “Forza Legnano”

Merlo    Cos’è???

Tassotti Voglio sentirti gridare “ Forza Legnano”

Renato ( Con Giunti guarda Merlo visibilmente provato, e lo esorta, teso) ‘Ndèmm, allora? Avanti!

Giunti e Renato         (Dato che Merlo li guarda pateticamente, per incoraggiarlo si mettono a scandire insieme a ritmo tifoideo) Forza Legnano, forza Legnano, forza Legnano!

Merlo    ( Con gravità a Renato) El foo domà per lü, Renato. (El telefono) Forza Legnano, Pro Patria vaffa ‘n culo!

Tassotti Devi pròprio avere qualcòssa d’importante da chiedermi.

Merlo    Sì. Rino, l’è pròpri important.

Tassotti Sentiamo.

Merlo    L’alter dì, quand son vegnuu in del tò offizi a portatt el gagliardetto della Castellanzese, quèll che te mancava alla toa collezion, te me disevett che te seret ciappà con la pratica Testi, Alberto Testi, quèll che fa la pubblicità alla television? Te se regordet?

Tassotti Affermativo

Merlo    Allora, mi soo ch’el gh’ha on localin visin a Caravagg, o a Caravagg, e voraria l’indirizz.

Tassotti Ma guarda che non è mica on ghey, non sei il suo genere, sai.

Merlo    Com’è?

Tassotti Gli piacciono con più tette che peli sulle gambe ( E scoppia a ridere)

Merlo    (Ride suo malgrado e si vòlta confuso verso Renato) L’è on giogaton…(El telefono) L’è ona ròbba seria, Rino. Gh’hoo bisògn de l’indirizz.

Tassotti Ma perché vuoi l’indirizzo dello scannatoio del Testi?

Merlo    (Esita, poi spiega) Te disaroo la verità… l’è per on mio amico ch’el pensa che soa miee, sua moglie la sia lì.

Tassotti Da Testi? Oh Dio, Dio… Sua moglie da Testi? Oh povero cornuto…!!! Sai hoo visto all’opera il Testi…Appena scorge una sottana all’orizzonte, s’infoia. Per lui… com’è che dite qui el nord?…Ah, l’è assee che la fiadda…È on vero maiale! Che porco! Che porco!

Renato Beh, ma adèss basta!!!

Tassotti E io lo conosco il cornutazzo?

Merlo    Nò, credi de nò. (Posa la mano sul ricevitore e si vòlta verso Renato) Lü el gh’ha avüü on quai accertament di tass?

Renato (Seccamente) Nò!

Merlo    Nò, t’el cognòsset nò! Allora, l’indirizz?

Tassotti  Non pòsso dartelo, ora, non lo conosco a memoria. È in ufficio, nella pratica. Te lo dico domattina.

Renato (Teso) Mi spètti nò doman matina!

Merlo    Rino, l’è urgente! T’el domandi come on piasè personale…te podet nò far on salt in ofizzi, adèss sübitt?

Tassotti Subito? eh, nò, eh… E la partita?

Merlo    Registrala, inscì, guardarèmm insèmma, el second temp.

Tassotti Non pòsso. Maria Addolorata mi chiese di registrarle “Cespugli di fango” sai, la telenovela che sta facendo rincoglionire tutte le fimmine d’Italia. Sai, è andata a cèna da sua madre.

Renato (A Merlo) Ghe la registròmm nün la partida.

Merlo    Te la registròmm nün la partida… ‘Ndèmm, per piesè, per piacere, fa on salt in ofizzi, fall par mi.

Tassotti (Esitante) Ma sei asfissiante, sai! Non ho neanche cenato!

Renato (A Merlo) El mangerà on boccon chi a cà mia!

Merlo    (El telefono) El me amis el te invida a cèna, ti invita qui a disnare. Abita a cinq minütt dal tò ofizzi! Via dei Cervi 2.

Tassotti Ma io non lo conosco neppure il tuo cornutone!

Merlo    L’è simpatich de matt, te vedarett.

Tassotti (Più debolmente) Sei asifissiante, sei… Pro Patria, Pro Patria, vaffanculo!

Merlo    (Serio) Va che mi l'hoo dì “Forza Legnano”, Rino mi l'hoo dì “Forza Legnano”

Tassotti Via dei Cervi, 2

Merlo    L’è la seconda o la terza dòpo el tò ofizzi.

Tassotti A tra poco. (Riappende)

Merlo    (Spòssato ma felice) Ghe l’èmm fada, scior Pieri…pardon, l’è minga staa facil ma ghe l’èmm fada!

Renato Adèss bisògna registrà la partida per quel ritardaa là… (Va verso l’apparecchiatura di registrazione).

Merlo    L’è minga ritardaa, Tassotti , l’è vun dei püssee bravi ispettor di tass che gh’è! Foeu del laorà l’è on balòsson…ma in sül laorà: in campana! (Indica l’arredamento con on gesto circolare) Ti mòllel in on appartament inscì e el diventa on Attila, in doe el passa lü ghe cress pü l’erba.

Renato (Che è arrivato el videoregistratore, si vòlta preoccupato) E se el voeur dì?

Merlo    (Si guarda ancora attorno, ma quèsta vòlta con uno sguardo preoccupato) Ma lü, el gh’ha mai avuu on quaj controll di tass?

Renato Nò, mi gh’hoo nient de ‘scond.

Merlo    Disen tucc inscì, che gh’henn nient de ‘scond, car el me Renato… ma lor, troeuven semper on quaicòss.

Giunti   Adèss, a pensagh ben, l’è minga tant prüdent invidà a cà on ispettor del fisco!

Merlo    E el Tassotti , poeu!!!

Renato (Innervosendosi) Ma l'hoo minga invidaa mi!

Merlo    Ah sì, ch’el me scüsa, lü l’ha dit:” El mangerà on boccon a cà mia”. Mi ghe l’hoo domà riferii.

Renato Beh, se l’è on sò amis, el vorarà minga fa i straordinari a cà mia?

Merlo    Lü el conòss nò Tassotti . El ghe faria i püres anca a la soa mama!

Renato E allora el metterà nò pè in cà mia. El spettarà in sül ripianin e el se farà dà l’indirizz del Testi.

Merlo    El sospetterà sübitt on quaicòss.

Renato Me ne sbatt i ball!

Merlo    Ch’el me daga a tra, se lü el gh’ha nient de scond, se tucc ‘sti quader, tucc ‘sti sorammobil… gh’hann la soa bèlla fattürina regolar,….de problema gh’è n’é minga.

Giunti   Gh’è nò problema. Còssa gh’è dèmm de disnà?

Renato In frigo gh’hoo denter dei surgelati…Altriment ghe dovaria vèss di oeuf,… almen credi.

Merlo    Ghe pensi mi. (Parte verso la cucina, ma si ferma sulla soglia) Vedarì, l’è pròpri on giogatton…El conta sü i barzelett …E ‘me l’è bravo a imità i negar… (Tenta goffamente di imitare l’accento di maniera dei negri nei vecchi film doppiati) “Go…gome stai,amigo mio?” Mi son minga bon ‘me lü, ma a mi el me fa morì del ridd! (Esce)

Renato si guarda intorno con l’aria preoccupata e prende una statuetta in bronzo per nasconderla

Giunti   (Indicando on quadro di Modigliani) Quèll lì lè ver o l’è on tarocc?

Renato Indovina. Con quèll che l'hoo pagaa. In nero! (Stacca il quadro dalla parete e caccia on grido di dolore) Ahi!

Giunti   (Corre ad aiutarlo) Attent a la sc’enna!

Renato (In on accesso d’ira) Me son rott i ball! Gh’hoo pü i maroni, gh’hoo sòtta ona marmelada de maroni!

(Giunti e Renato attraversano la stanza portando insieme dei quadri e si fermano on attimo per riprendere fiato.)

Giunti   E in doe la mettomm tütt quèlla ròbba chi?

Renato In stanza de lètt. Poggièmm tuscòss de là. (Giunti ride) Per piesè, Gervasio, l’è già minga facil inscì…e moccala de ridd, ‘me on deficiente!

Giunti   On pistòla, on grass de ròst, in men d’on ora, ghe fa fà i corni a toa miè e a ti  on accertamento fiscale…

Giunti e Renato ripartono portando i quadri. Giunti continua a ridere mentre cala il sipario.

FINE PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

Stesso arredamento ma molto più sobrio. Tutto quèllo che c’era di valore è stato tolto di mezzo. Nel grande soggiorno non resta che qualche mobile indispensabile che dà all’ambiente on senso di austerità. Un piccolo tavolo da bridge è stato pòsto in mezzo alla stanza per la cèna di Tassotti . Giunti, solo in scena, finisce di apparecchiare. Renato appare sulla pòrta della cucina. Cammina un po’ più speditamente e ha in mano una caraffa di vino ed on bicchiere.

Giunti   (Annusa guardando verso la caraffa) Che vin che l’è?

Renato Chianti Ruffino Ducale delle Cantine Bortolato

Giunti   Te saree minga matt a dagh on vin inscì bon e inscì car come quèst chi.

Renato Ma dispias, ma gh’hoo domà quèst chi.

Merlo    (Fuori scena) Rigore! L’era rigore!

Renato (Grida) Basta! Moccala lì pirlon!

Giunti   (Per calmarlo) Fòrsi la Pro Patria la doveva segnà!

Renato Me interessa on’ostrega!

Giunti   (Gli toglie la caraffa col vino dalle mani) Sta calmo. Bisògna sistemà ‘sta storia. (Assaggia il vino)  Oej! Ma qual vin chi l’è pròpri bon!

Renato Eh sì, l’è pròpri bon!

Giunti   Ma te gh’hee minga on quai vinell da tri franch al bottiglion!

Renato (Si altera) Nò, ghe n’hoo minga de vinell de corsa. Hoo laoraa tütta ona vita, n’hoo patii de gròss e de piscinitt per bev on vinasc de poarett, che poeu, magari l’è metà vino e metà nolo, capita l’antifona… Mi in cantina gh’hoo domà grandi vini, e se el Tassotti  el gh’ha sete, ch’el beva l’acqua!

Merlo    (Fuori scena) Ma passa, sulla fascia, venezian, passa…

Renato Adèss voo de là e  ghe pienti on catafigh in sül müs!

Giunti   Nò, Renato, te gh’hee bisògn de lü.

Merlo    (Esce dalla cucina, raggiante) A momenti la Pro la pareggiava!

Renato A mi me…

Giunti   Renato! (A Merlo) El Tassotti , el s’intend de vin?

Merlo    Tassotti  el se intend de vin? Ciolla se s’intend! Oej! Hoo vist che avìì dervìi ona sciora bottiglia. Ghe piasarà certament.

Giunti   T’hee sentii Renato? Gh’èmm on problema.

Renato Adèss el metti a pòst mi, te vedaree! (Sparisce in cucina)

Merlo    (Si vòlta verso Giunti) Che problema?

Giunti   El vin.

Merlo    (Annusando il vino) Lü el gh’ha nas…

Renato (Torna con una bottiglia d’aceto) Te voeurevet on vinel de quattar ghej? Te gh’avarè on vinell cagiàà (Versa l’aceto nella caraffa)

Giunti   Ma ‘se te fee?

Renato Ghe sbatti denter l’asèè nel me Chianti Ruffino. Quèst chi l’è ona gabola che te insegni per cambià on vin de 80.000 lira la bottiglia in on vinell de 500 franch a la brenta… Ecco fatto! (Versa in on bicchiere il vino “tagliato” e lo tende a Giunti)

Giunti   Nò, nò, ‘saggell ti! (Renato degusta) E allora?

Renato Strano…(Ne assaggia ancora) El me par püssè bon.

Giunti   (Gli prende il bicchiere e ne assaggia anche lui) Porca vacca!

Renato L’è nò peggioraa eh?… Anzi…

Giunti   Decisament…

Renato (Versa una dose doppia di aceto nella caraffa) Adèss el dovaria andà! (Lo serve a Merlo)

Merlo beve e soffoca. Sta per vomitare. Giunti di corsa, lo accompagna in bagno.

Renato Perfett! 

Giunti  (Torna dal bagno e suonano alla pòrta) Tel chi!

Merlo    (Ricompare, con voce rauca) Voo mi! (Si precipita alla pòrta con ulteriori conati di vomito a apre a Tassotti , on tipo meridionale, on poo inquietant. Ha in mano una 24 ore)

Renato e Giunti         Buonasera.

Tassotti Buonasera.

Merlo    (Facendo le presentazioni) Rino Tassotti …Renato Pieri…Gervasio Giunti.

Renato Signor Tassotti , mi el ringrazi per vessess distürbaa, ch’el me scüsa, ma mi me ven püssè facil parlà in dialett, lü el me capiss istess, vera?

Tassotti            (Che automaticamente, per deformazione professionale, esamina l’ambiente) È tanti anni che sto qua el Nord, che lo comprendessi benissimo, anche perché quèsto amico mio, Ugo, lo parla sempre, e non c’è verso di fargli cambiare idioma!

Merlo    Oej, bella gioia, l’è ti che sei ospite, car el me amis del Gheddafi!

Tassotti Non mi dite niente!

Merlo    Còssa?

Tassotti Per la partita, non mi dite niente!

Merlo    La Pro Patria l’ha pareggiaa, ma a part quèst chi, te disi nient!

Tassotti  (Con voce rotta) La Pro Patria ha pareggiato???

Merlo    (Felice) Ma nò, t’hoo faa on scherz!

Tassotti  (Si illumina) Oh, che deficiente! Che pistòla!

Renato e Giunti         (in coro) Eh!

Merlo    (Compiaciuto del suo scherzo) Che faccia! Che faccia che l’ha faa quand gh’hoo dìi che l’ha pareggiaa!

Tassotti            Guardatelo! È felice! Per lui è l’avvenimento della serata!

Renato (Teso) Scior Tassotti …

Tassotti            Sì?

Renato Grazie per vessersi tanto disturbato… El gh’ha quèll’indirizz?

Merlo    (Torna serio per spiegare a Tassotti ) El scior Pieri l’è quel scior che t’hoo parlaa al telefon.

Tassotti            Ah sì, e lui il…

Merlo    (Tronca subito) Sì, l’è lü.

Renato Ch’el me scüsa se ghe pari on poo cavafiaa, ma gh’è l’urgenza…

Tassotti            (Batte una mano sulla valigetta) È qui l’indirizzo. (A Merlo) Muoio di fame.

Merlo    T’hoo preparaa una frittada de züchett, settes giò. (Sparisce in cucina)

Tassotti            (Si siede el tavolo) Mangio da solo?

Renato Sì, nün èmm giamò disnaa. (Mascherando a stento l’impazienza) Allora, in doe l’è ‘sto localin del ciorlandari?

Tassotti            Ecco, ecco. (Apre la 24 ore) Mi ricordo che feci on accertamento ad uno Pieri tre anni fa. Gabriele Pieri. È suo parente?

Renato Gabriele Pieri? Ma và! In doe l’è ch’el sta adèss?

Tassotti            In prigione. Gli dettero cinque anni… Era simpatico. (Si guarda attorno) Aveva on bell’appartamento, come il suo…(Sospira)…che fu messo sotto sequèstro e liquidato. (Tira fuori on gròsso fasciocolo dalla 24 ore)Ah eccolo qui il don Giovanni della Brianza.(Apre il fascicolo) Per localizzare la sua, diciamo così, “sala  giochi”, sarà on poo on problema, perché il Testi, ha molte pròprietà immobiliari. Eh, la pubblicità rende, mica come noi impiegati statali a 1.600.000 mila el mese, compreso assegni famigliari.(Alza lo sguardo verso Renato, intenzionale) E lei in che ramo è, signor Pieri?

Renato Sont on editore.

Tassotti            (Torna el fascicolo) Beh, dove sono i suoi appartamenti?…Avevo on elenco da qualche parte… Ah, eccolo! Pròprietà immobiliari del signor Alberto Testi. Vediamo dov’è quèsto “nido d’amore”. In via Lombardia? Nò, quèsto è la residenza effettiva dove abita con la famiglia. Perché è sposato il signor Testi, arraffa le moglie degli altri, ma c’è una signora Testi che sempre lo aspetta in Via Lombardia e che, risultando a suo carico, va in detrazione... Va forte l’editoria?

Renato L’editoria?…minga tant, nò.

Giunti   (Di rinforzo) Cert l’è miga pü ‘me on temp.

Tassotti            (Si versa on bicchiere di vino) Sono anche il solo a bere?

Renato Sì, nün èmm giamò bevuu…L’è on vinell d’on paisan… me le dà a on prezzi strascià.

Tassotti            (Tiene il bicchiere in mano ma non beve e si immerge nel fascicolo)Via del Santuario…Nò, nò quèsta è una casa cha dà in affitto, ma dov’è ‘sta casa del sesso? (Posa il bicchiere e alza gli occhi verso Renato) Ma non è lei che ha pubblicato “Le mimose stanche”?

Renato “Le mimose stanche”?, Ah sì, può darsi…

Tassotti            Come “può darsi”? Non sa quèllo che pubblica?

Renato Beh, el sa ‘me l’è, se fa on poo de confusion con i titoli…Ma “Le mimose stanche” fòrsi l’è me, sì.

Tassotti            Ma non è on best-seller?

Renato Sì…Insòmma sì e nò… Sì on best- seller ma…

Giunti   Insòmma,l’è nò pròpri on best-seller…

Renato Disaria de nò,nò… L’è on librett interessant, ch’el va minga mal…

Tassotti            Quante copie ?

Renato Ottocen…El soo nò, gh’hoo nò i nümer. (Spazientendosi) De editoria, parlèmm dòpo, eh scior Tassotti ? Adèss l’indirizz, per piesè!

Tassotti  Lei mi dice che l’editoria non carbura ed è uscito col best-seller dell’anno!

Renato (Esplode) L’è nò on best-seller, benedetta la Madonna, l’ha leggiuu nissün, el massim vün, quel liber del lèlla!

Merlo    (Esce dalla cucina) Mi sì. Mi l'hoo leggiuu! L’è bellissim!!!

Giunti   (Tentando la battuta) Ah! L’era lü? (A Renato) Te gh’avevet reson, vün che l’aveva leggiuu el gh’è staa!

Merlo    Oh nò, ghe ne sta tanti. Mi el sòo de sicür, perché quand l'hoo compraa gh’hoo dit a quèll de la libreria “Se l’è che el vend püssee in ‘sti dì chi?”

Renato (Fulminandolo con lo sguardo) Se lü el se interessass püssè de la frittada…

Merlo    L’è pronta…Ch’el staga minga a preoccupass tanto, gh’el ‘sicüri mi el sò liber l’è andaa benissim. Giò in ferramenta l’hann leggiuu quasi tucc. Beh, in contabilità, tucc…me le diseva anca la Mariuccia!

Giunti   Sì, va beh…mettèmm ch’el ghe sia piasuu alla soa Mariuccia e ai contabil…L’è nò che se va tant lontan.

Renato Sicürament gh’è pòcch de stà allegher.

Merlo    Mi son minga tant d’accòrd. Se se conta tucc i contabil di aziend privaa, di aziend pübblich, di ragionatt, di banch…

Renato (Tronca) Se mettarèmm minga a cüntà tucc i contabil, adèss!

Merlo    Nò, nò, ch’el me scüsa. (A Tassotti ) Moeuvess a trovà ‘sto localin, Rino, t’el vedet che el scior Pieri l’è lì ch’el tripilla (Torna in cucina)

Tassotti  (Sorride malignamente a Renato)Per fortuna che ha on best-seller per consolarsi! (Si rituffa nel dòssier) Viale Boccaccio, altra casa in affitto. Canone risibile. Non mi stupirei se fòsse fittizio.

Merlo    (Esce dalla cucina con una padella in mano. A Renato) Ma gh’è on alter liber che l’è andà ben, l’è “Il mistero del povero stupido”. Quèll lì, l’hann leggiuu pròpri tucc in ferramenta.

Tassotti            (Interessato) “Il mistero del povero stupido”? È suo anche quèllo?

Renato (Con voce strozzata) Per piesè, perdèmm minga temp, se podaria minga dagh del moeuvess on cicinin?

Tassotti La gatta frettolosa fece i micini ciechi” (Posa nuovamente il bicchiere senza bere e sfoglia il fascicolo) Quèsto è l’indirizzo del suo ufficio…(Mangia on pezzetto di frittata) Squisita la tua frittata, Ugo.

Merlo    (Gongolante) Grazie, Rino.

Tassotti            Una vera meraviglia, Ugo!

Merlo    Ona bona frittada, quand l’è bona, l’è veramente bona…El me trücch l’è quèll de giüntagh on cicinin de birra quand son adreea sbatt i oeuv.

Tassotti            (Mentre Renato ha on gesto esasperato, Tassotti  continua a sfogliare il fascicolo, poi rivolto a Renato) Ha subito on furto recentemente?

Renato (Stupito) Nò, perché?

Tassotti            Perché ci sono dei punti più chiari sulle pareti, come se fòssero stati tolti dei quadri.

Merlo    (Con sicera ammirazione) El ved tüscòss! L’è fantastich, nò? El ved tutt! Te seet la fin del mond, Rino (Fulminato dallo sguardo di Renato, tace)

Tassotti            (Con modestia) Grazie, Ugo.

Renato (Sempre più teso) Ma lü l’è chi per vütamm o per fa on’indagine, scior Tassotti ?

Tassotti            Se stessi indagando, signor Pieri, non avrebbe bisògno di chiedermelo, mi creda. (Rituffandosi nel fascicolo) Ah, eccolo: Via della Loggia… lo sapevo che era vicino el Santuario di Caravaggio, lo abbiamo, signori, il maniaco, il porcellone! Lo abbiamo il perverso adoperatore delle donne altrui!

Renato A che numer?

Tassotti            16, Via della Loggia 16, a Caravaggio!

Renato (Si alza faticòsamente) Adèss ghe voo!

Giunti   Ma nò, spètta, bisògna primma vèss secür ch’el sia in cà! (Renato si blocca) Te voeuraret minga andà là in cà soa, in piena nòtt, senza nanca savè se toa miee l’è là!

Tassotti  Prima di tutto, non le aprirà, è diffidentissimo il Testi!

Renato Voeurarà dì che sbataroo giò la pòrta!

Giunti   L’è minga inscì facil sfondà ‘na pòrta, e poeu te rivet là, te sfondet la pòrta e la Luisa la gh’è nò, s’te feet?

Merlo    (Visto la perplessità di Renato, dòpo una breve pausa) E se ghe telefonassòmm?

Renato Per domandagh còssa? Se mia miee l’è in del sò lètt? Lü el me risponderà sicurament: ”Ma certo, l’è qui el calduccio sotta la trapunta!”

Tassotti            (Che finora è stato zitto e a continuato a mangiare, passando ostentatamente on dito sul tavolino) C’era una statua qui,…c’è ancora l’impronta della polvere.

Giunti   Scior Tassotti , per piesè!

Renato Se l’ha finì de pastrügnà la soa frittada, el pò anca andà, adèss l’indirizz ghe l’èmm. ch’el vaga pür a cà soa.

Giunti   Ch’el faga el bravo scior Tassotti , che la pienta de toeughi el fiaa!

Tassotti            Io non toggo il fiaa a nessuno… Rilevo alcuni inquietanti particolari, e basta.

Merlo    (Ammirato) V’el disevi mi, l’è on fior de professionista!

Tassotti            Non mi fare arròssire, Ugo.

Merlo    Fa nò el modest, Rino, te n’è cattaa tanti cont i man in de la marmelada!

Renato (A Giunti, controscena) Mandaj tütt e duu foeura di ball, se de nò mi ie ciappi a pesciad in del cüu!

Tassotti            (Che non ha sentito, a Merlo) Ti ricordi l’accertamento Mussi, l’amico del tuo datore di lavoro? Come lo bastonai, eh!

Giunti   Mocchemela, mocchemela, per piesè! (A Renato) M’è vegnuu on’idea…Renato te me ‘scoltet? Damm a traa…Sent ‘st’ idea chi…

Renato Cià, sentèmm…

Giunti Bisògna fall cagà sòtta. Bisògna stremirlo il Testi, inscì el sarà costrett a dì la verità!

Renato In che manera?

Giunti   Nün el ciamom, e ghe disom che ti te see tuscòss…che te see che la toa miee l’è a cà soa e che te seet adree andà da lü con l’intenzion de fa on sfracell. Se podaria anca dighi che te ve là non de per ti, ma insèmma a tri di tò operari con spranghe di ferro.

Renato (Rianimandosi) Minga mal!

Tassotti  Operai tipografici, vero? Ha anche una tipografia! Ma allora è una gròssa azienda!

Giunti   Scior Tassotti ! (A Renato) O toa miee l’è da lü, e cagandosi sotto, la cascia via, o la gh’è minga e el capirèmm dal tono della soa vos.

Merlo    Ona gran bella strategia!!!

Renato (A Giunti) Ma com’è che se fa ciamall? Chi l’è ch’el le ciama? Mi pòdi pròpri nò! Se la Luisal’è da lü, la riconòss subitt la mia vos!

Giunti   Eh, già…E la riconosseria anca la mia.

Tassotti            Riconoscerebbe anche me…In quèsto periodo passo le giornate con lui.

Tutti si vòltano verso Merlo che sorride

Merlo    Me par de capì che gh’avii bisògn de mi!

Renato (Inorridito) Oh nò!

Giunti   Domà lü el pò fall, Renato.

Renato Oh nò!

Merlo    Cià, mi son pront.

Renato Oh nò!

Giunti   Ma si, adèss ghe spiegom ben quel ch’el dev dì e te vedarè che ghe sarann minga de problema.

Renato Te vedareet se ghe ne sarà minga!!!

Merlo    (Offeso) Mi el vütti volentieri, ma se lü el voeur minga…pègg per lü. Mi voeuri nò risià!

Giunti   Sì, sì, lü ch’el staga fermo. (A Renato) Da part de chi el fèmm ‘visà?

Renato Come?

Giunti   Bisògna fall ‘visà da on quai sò amis, da on quaivun ch’el gh’abbia el sò numer de telefono, quèll del scannatoio, se de nò la par ona pastizzada che la spüzza.

Tassotti            Potete farlo avverire da parte di Paolo Bartoletti, suo socio. Passano la vita insieme…

Giunti   Benissim, allora, gh’el disom da part del Bartoletti.

Renato Ma perché quel Bartoletti chi, el ciama nò lü de personna? Perché el ghe fa telefonà da on alter? Al Testi ghe pararà ona ròbba strana.

Tassotti            Bartoletti non può chiamarlo, perché è in aereo. Partiva per il lago Titicaca stasera, me l’ha detto il Testi stesso.

Giunti   Ma allora el va benissim, se ciama per cünt del Bartoletti ‘chè l’è minga reüssii a dighel prima de ciappà el ‘reoplano.

Merlo    Perfett!

Giunti   L’ha capii ben la strategia?

Merlo    L’è ciarissima, sì.

Giunti   Allora, avanti Savoia!

Renato (Interponendosi) Alt, alt, alt! Prima bisògna fall provà!

Giunti   Ma nò, l’ha…

Renato (Imperioso) Nò! Mi soo quèll che disi: el gh’ha bisògn de provà! E taaaanto! (Si vòlta verso Merlo) Scior Merlo, ch’el ripeta con mi:” Pronto, la chiamo da parte del signor Paolo Bartoletti. L’ha cercaa de contattala prima de ciappà l’aereo perché el gh’aveva on messagg urgente per lü!”

Merlo    D’accòrd.

Renato Nooo! Ch’el ripeta!Mi sont l’Alberto Testi e lü el me telefona. Ch’el disa esattament quel che mi hoo dit adèss adèss.

Merlo    Nò, va ben, Hoo capii.

Renato Per piesè, scior Merlo, ch’el ripeta parola per parola! “Pronto?”

Merlo    (Di malavoglia) Pronto. La chiamo da parte di Paolo Bertoletti…

Giunti   Benone.

Merlo    L’ha tentaa de ciamall prima de ciappà l’aereo perché el gh’aveva on messagg urgente per lü.

Giunti   Ma l’è perfett! (A Renato) L’è perfett, nò?

Renato (Cauto) Spetèmm el seguito. (A Merlo) E poeu el ghe diis: “Pieri sa tutto”.

Merlo    D’accòrd.

Renato Nò, ripetere!

Tassotti            Ma basta; ha capito, non è mica on pistòla!

Renato e Giunti si scambiano uno sguardo eloquente.

Renato Nò, ma…el gh’ha bisògn de provà tanto, ma tanto tanto. Allora, scior Merlo: “Pieri sa tutto”.

Giunti   “Pieri sa tutto”.

Renato E Testi rispond:” Tutto còssa?” e lü el ghe diis:”Renato Pieri sa tutto di lei e la soa miee, e l’è adree a vegnì a cà soa” E Testi el domanda “Ma chi parla?” e lü el ghe rispond: “Non mi conosce son on amico del Paolo Bartoletti, e mi ha incaricato di dirle che Pieri el ven nò de per lü”.

Merlo    …Ma insèmma a tri operari, con spranghe di ferro, e vegnen lì per sfracellà tuscòss.

Giunti   Bravo!

Tassotti            Se la cava bene eh?

Merlo    L’è domà on laorà de pappagall.

Renato Ma l’è pròpri quèll ch’el dev fa!

Merlo    Magari…poderia mettegh on poo de fantasia, o nò?

Renato (Grida) Nò!

Merlo    Perché el vosa ‘me on strascee? El m’ha faa stremì!

Renato Lü l’ha de dì quèll che hoo dìi mi, parola per parola.

Merlo    (Imbronciato) Va ben.

Giunti   (A Renato) Dai che partissom!

Renato (Angosciato guarda Merlo) El soo nò. Gh’hoo paüra.

Tassotti Di che? È una bella strategia. Intimidazione del nemico e susseguente crollo.

Renato L’è minga la strategia che me fa paüra.

Merlo    El voeur che foo el pappagall on’altra vòlta?

Tassotti (Ridente) A proposito di pappagallo, la sai quèlla del pappagallo, appunto, che ripeteva continuamente “Attenti allo scalino, attenti allo scalino”?

Merlo    (Già ridanciano) Nò!

Tassotti            Beh, tutti cadevano perché gli scalini erano due!

Renato (A Giunti, mentre Merlo e Tassotti  ridono sguaiatamente e convulsamente) Tel vedet, si, con che razza di ciccolattee sèmm adree a mettess?

Giunti   Se pò nò a fan a men, Renato.

Merlo    Te me fee morì! Ehi, …fagh el “bovero negro”! Dai!

Giunti   Dai, scior Merlo, taccom!

Merlo    Avanti Savoia! (A Tassotti ) Qual è el nümer?

Tassotti  (Guarda nella pratica) 035-96012398

Merlo    Si parte. (Prende il telefono e comincia a formare il numero)

Renato (Angosciato) Nò, ghe la fa minga…non ce la può fare…

Tassotti            Ma sì, è precisissimo Merlo. Nei suoi inventari, el reparto viti e bulloni, nella ferramenta Spanati, dove lavora, non manca mai né una vite, né on bullone. Lo chiamano “il Pitagora della minuteria metallica” .

Merlo    L’è liber, el porscell!

Renato Ch’el taca el viva-voce.

Merlo    (Obbedisce. Si sente il segnale poi la voce di Testi)

Testi      (Fuori scena) Pronto?

Merlo    Alberto Testi?

Testi      Sì.

Tassotti  (Entusiasta) Magnifico! Sembra di stare el cinematografo.

Renato (Teso) Taas! Sssshhhhh!

Merlo    Ch’el me scüsa se distürbi, la chiamo da parte del Paolo Bartoletti.

Testi      Sì?

Merlo    L’ha tentaa de ciamalla prima di prendere il reoplano, perché ci aveva on messaggio per lü.

Renato e Giunti alzano il pollice nel classico segno americano di assenso, per congratularsi.

Merlo    Pieri sa tutto.

Testi      Còssa???

Merlo    Renato Pieri sa tutto di lei, de lü, con sua moglie, la miee de lü, del Pieri e le adree a vegni a cà soa, de lü, per fracassargli tuscòss.

Tassotti            (Ammirato) Bravo Ugo! (Che si schernisce con on gesto di modestia)

Testi      Ma chi parla?

Merlo    El me cognòss minga, son on amis del Bartoletti che el m’ha incaricaa de diggh che il Renato Pieri l’è adree a vegni lì insèmma a quatter operari di sò, per s’ceppàggh la faccia.

Renato Perché quatter?

Giunti   L’è istess.

Testi      Ma quèllo è pazzo! Io non sono con sua moglie!

Giunti fa con le doe mani la “V” della vittoria

Merlo    Ma l’è minga lì la sciora Pieri?

Testi      Ma nò, mi ha telefonato prima che non veniva più!

Merlo    Però l’è minga quèll ch’el m’ha dì el Paolo Bartoletti. Lü, el Bartoletti, el m’ha dì:    “ È con la sciora Luisa Ornati”

Testi      (Esasperato) Ma niente affatto, in quèsto momento sono con la moglie di on ispettore delle tasse!

Renato Còssa???

Tassotti  che stava masticando, soddisfatto, on pezzetto di frittata, resta paralizzato.

Testi      È uno stronzo che mi perseguita da tre settimane e, guerra per guerra, adesso gli zompo la moglie. Si figuri se sono con la Luisa Ornati!

Merlo toglie la comunicazione. On momento di imbarazzato silenzio nella stanza. Poi Tassotti  si sblocca, manda giù il boccone e con voce roca:

Tassotti            Pòsso usare il suo telefono, per favore?

Renato Faccia pure!

Tassotti            (Prende l’apparecchio e forma on numero, poi sempre a voce roca) Doveva fare delle còmmissioni da quèlle parti quèsto pomeriggio e le hoo detto: “Maria Addolorata, ti dispiace di portare quèsto formulario nell’ufficio del signor Testi? E zac! (Fa con la mano il gesto del predatore che arraffa la preda) Il rapace ha serrato il becco su di lei, e ha fatto becco me! (El telefono) Buonasera signor Testi, per favore vuol essere tanto gentile da passarmi la signora Tassotti …Non faccia il furbo, mi ha perfettamente riconosciuto, per adesso le dico solamente che noi ci vediamo domattina alle nove. E, minchia, si riparte da zero, rifaremo tutti controlli, chiaro! E ora mi passi mia moglie, per favore…Maria Addolorata…? Nò, non spiegarmi niente…voglio che tu lasci immediatamente quèlla casa,…immediatamente, capisci, seduta sull’istante!…Come?…Certo…Prima rivestiti, quèsto va da sé, ma torna subito a casa!…Maria Addolorata, michia, minchiazza, e poi  straminchia, …non sono solo, non pòsso parlare adesso…ne parliamo dòpo a casa…Maria Addolorata?…Ti avevo registrato “Biutifulle”. (Riappende. Gli altri lo òsservano in silenzio. Prende il bicchiere di vino, lo ingolla, si strozza e risputa tutto sul tappeto, poi tristemente) Che cos’è quèsto vino?

Renato El trova che l’è bel vivace?

Tassotti            Hoo voglia di vomitare. Dov’è il bagno?

Merlo    Ven con mi, Rino. (Lo accompagna nel bagno, ma sbaglia pòrta e apre quèlla della camera da letto. Numerosi quadri ammonticchiati dietro la pòrta cadono ai piedi di Tassotti )

Renato (Stancamente) L’era l’altra la pòrta, Merlo, cò de bollidor!

Tassotti            (Distaccato) Interessante quèsta camera.

Renato La droeuvi on poo come magazzin…Gh’è metti denter  tütt i barlafüss che servissen pü a nient…

Tassotti  Non mi tocca, Ugo,  è spaventoso…non mi tocca.

Merlo    Chi l’è che te tocca nò?

Tassotti  Qui c’è una gran puzza di frode fiscale e non mi tocca!

Merlo    ‘Ndèmm, coragg, Rino, adèss te veet a cà toa e te vedarè che doman l’andrà mèj. Te vedaree quanti bej mülti te daree doman. …Ecco…dismentéga minga la toa valigetta. (L’accompagna alla pòrta, Tassotti  cammina e sembra on sonnambulo) Te voeuret la registrazion de la partida, vera, la sarà giamò finida, adèss.

Tassotti            Nò, grazie, Ugo, non hoo più in testa il calcio, stasera. Da stasera, in testa hoo ben altro (Con la mano fa on gesto eloquente, le corna; arrivato alla pòrta, si  ferma) Arrivederci signor Pieri, Arrivederci signor Giunti.

Renato e Giunti         Arrivederci, signor Tassotti .

Tassotti  esce mentre Renato e Giunti si mettono a ridere

Giunti   Oh porca vacca, che serada!

Merlo    Gh’è nient de ridd, l’è stà on brüt colp per el Rino, povero Rino.

Renato “Povero Rino”! Inscì l’impara! Oej el m’aveva pròpri rott i ball…(Tassotti  riappare sulla pòrta, ma Renato non se ne accorge) El cornuto, el cornutazzo l’era lü…Teron, teronasc e cornuto, che ròbba brüta!

Tassotti  Scusate se v’interrompo, ma sul pianerottolo c’è una signora per lei…e ha l’aria di essere in pessimo stato… (resta in scena)

Renato e Giunti si precipitano e tornavano con Lena che fa la sua entrata visibilmente scioccata.

Lena     Gli uomini sono veramente schifosi…Schifosi! Mah, dove sono finiti i quadri?

Renato L’è minga quèst el problema. Insòmma se t’è süccess?

Lena     È per colpa tua…Ero talmente sconvòlta prima, che non me la sono sentita di tornare a casa; dovevo parlare con qualcuno! Ma dove vai così, alle dieci di sera senza avvisare? Hoo pensato ad on ragazzo, che non ha una buona reputazione, ma che è molto disponibile. Un pubblicitario che hoo conosciuto qualche settimana fa e che non faceva che invitarmi a bere qualcòssa con lui.

Renato Testi, Alberto Testi.

Giunti   Via della Loggia 16, Caravaggio!

Tassotti  Fascicolo numero 5698 CR 99, codice fiscale LBR TST 60P27 C139B

Lena     (Stupita) Lo conoscete???

Renato (Occhiata preoccupata a Tassotti ) Te me cuntaree tüscòss on alter dì, Lena.

Lena     Mi aveva detto: “Vieni a qualsiasi ora e sarà sempre la benvenuta”. Suono alla pòrta e chi mi apre? Una biondina on poo tappetta, on poo ordinaria seminuda e scatenata. Rideva istericamente e danzava su dei fogli che mi sono sembrati quèlli della dichiarazione dei redditi.

Renato (Tentando di fermarla) Lena te m’el contaret on’ altra vòlta, moccala!       

Tassotti            Nò, nò, è interessante. (A Lena) Danzava sulle dichiarazioni dei redditi?

Lena     Sì, ci avevano tappezzato tutta la moquette e ci saltavano sopra sganasciandosi dalle risate. Una còsa che sapeva di morboso.

Renato (Quasi piagnucolando) Lena…

Lena     (Imperterrita) Li hoo lasciati ai loro giochi e sono restata sul pianerottolo più sola che mai. Li sentivo da dietro la pòrta rotolarsi sulle denuncie dei redditi e lei gli gridava “Monta su ! A Tassotti ! A Tassotti !”

Giunti   (Scòsso dalle risate) “Suonò alto on nitrito…”

Renato (Fulminandolo con lo sguardo) Gervasio!!! (Giunti, el richiamo, smette di ridere)

Lena     Sono andata in on bar e Hoo bevuto 5 vodke e poi sono tornata qui e hoo avuto uno svenimento sul tuo pianerottolo. (Si lascia cadere sul divano e sorpresa si gurda intorno) Ma dove sono finiti i tuoi mobili, le tue statue, i tuoi quadri?

Tassotti            (Con on filo di voce, inebetito) Lei gridava “ A Tassotti !”

Renato e Giunti, non si controllano più, si mettono a ridere

Tassotti            (Si dirige verso la pòrta, fulmina con lo guardo Renato) Buona sera signor Pieri, Via dei Cervi 2, credo che difficilmente mi dimenticherò di quèsta serata, e soprattutto di lei. Penso che ci rivedremo presto. Chissà che allora non sia io a ridere. Buonasera a lor signori.

Renato (Prima allibito, quasi spaventato, ma poi con rassegnazione e visibile sollievo) Meno mal che l’è andaà. Ti adèss sta calma. El scior Merlo, chì, l’era adree a andà, e vorarà dì che el te compagnerà lü a la machina. Ghe dispias minga, vera Ugo?

Merlo    Ma nò, el contrari.

Renato (A Lena) Adèss va a cà, te bevet on cognacchin, nò…anzi bev on bel biccer d’acqua, te se calmet, e mi doman te telefoni.

Lena     Permetti che riposi on poo…È stato uno shock tremendo!

Renato Lena, scüsom, ma gh’hoo on gròss problèmma de risolv e pòdi nò statt adree …

Lena     Anch’io hoo on gròsso problema, Renato…ti amo.

Giunti   (Si dirige verso la pòrta) Allora, mi voo…

Renato Nò, ‘spètta! (Giunti si ferma)

Lena     Ti amo, Renato, fin dal giorno che mi hai fatto venire nel tuo studio per parlare del mio libro e mi dicesti “Staremo più comodi sul divano”.

Renato (Seccato) Lena, per piesè…

Giunti   Se vedom, Renato. (Riparte verso la pòrta)

Renato Ma insòmma, fa nò el vigliacch, scapa minga via inscì!

Giunti   Se ti te gh’è vesset nò el brüt vizi de ciappà, insèmma ai liber anca le autrici, te gh’avaria men problèma. Se gh’hoo ona quaj novità, te ciami. (Esce)

Merlo    (Va a prendere la busta) El me permeta de telefonagh doman, per veggh sò notizi, Renato. (A sua vòlta si dirige verso la pòrta)

Renato (Lo richiama) Merlo! (Lo ferma con on gesto che non ammette repliche)

Lena     Nò, lascialo andare,vieni, siediti accanto a me.

Renato Lena, se te ve nò foeura di ball sübitt, te casci via mi a pesciad in del cuu.

Lena     (Si allunga sul divano) Dai!…

Renato (A Merlo) Ch’el me vütta, per piesè, che me la pòrta via. Pòdi fa nient con el colp de la stria!

Merlo    Pòdi minga drovà la forza…

Renato (Si innervosisce) Ch’el droeuva quèll ch’el voeur, ma voeuri pü vedella!

Lena     Attento, Renato, se sei cattivo e mi tratti così, perderai me come hai perduto Luisa. E ti ritroverai solo. I cattivi finiscono sempre soli. (Squilla il telefono)

Renato Pronto…Sono io…(Allarmato) Sì, sono il marito di Luisa  Ornati Pieri … Perché, le è successo qualcòssa?…Noooo! In quale ospedale?…Vegni sübitt! (Riattacca, Si vòlta disfatto verso Merlo) L’era la Polizia, la Luisa la gh’ha avüuu on incident de macchina. L’hann portada el Fatebenefratelli. (Va verso la camera)

Merlo    L’è grave?

Renato Nò, second la Polizia l’è domà pienna de bott, on poo sgigottada, ma la doarà passà la nòtt in òsservazion…Me metti sü on quaicòss e voo…(Gesto verso Lena) E lü, per piesè, ch’el me libera da quèlla lì.

Lena     Non preoccuparti, me ne vado. (Si alza ma è costretta a rimettersi a sedere) Oh! Dio,Dio!

Merlo    Adèss la sta mal anca lee?

Lena     Non sono abituata a bere e…

Merlo    La sa se ghe voeur… on caffè forte e sbroient. (Va verso la caffettiera del bar)

Lena     Miserabile e meschino, Renato.

Merlo    Cha la disa minga inscì, l’è ‘adree a passà di moment minga bej…

Lena     Ah, ma io torno in India, non voglio più vivere qui. La gente è troppo cattiva. Lei per caso non vuole on cane?

Merlo    On can?! Nò, perchè?

Lena     Non pòsso portarli laggiù…me li mangiano.

Merlo    Nooo!!!

Lena     Sì, tre anni fa ci sono andata con Birillo, on bastardino intelligentissimo, lo adoravo…

Merlo    E l’hann sgagnaa?

Lena     Credo pròprio di sì. Hoo trovato poi il collare pieno di riso al curry.

Merlo    (Porgendole il caffè) Oh, che ròbba brütta!

Lena     (Prende il caffè) Grazie. Hanno talmente fame laggiù…(Si mette a piangere) Come hoo fatto ad innamorarmi di un mascalzone così!…

Merlo    (Còmmòsso) La piangia nò, signorina, la faga nò inscì.

Lena     (Si calma) Mi scusi… Non ha on klinex?

Merlo    (Tira fuori dalla tasca on fazzoletto usato) Usi il cantone, l’hoo drovaa domà ona vòlta, l’è quasi nett.

Lena     (Si asciuga gli occhi e lo guarda con simpatia) Ha on buon karma, lei.

Renato La dis?

Lena     Sì…lei è stato certamente on delfino in una vita precedente. Le si vede negli occhi.

Merlo    A mi me piasan tant chi pess lì, i delfini.

Lena     Anche a me.

Merlo    E allora mi saria staa…

Lena     Senza dubbio.

Merlo    Chissà perché mi son bon de noà domà a rana.

Lena     Non significa…Io sono stata una gallina padovana e non mi piacciono le uova. (Beve il caffè) Beh, adesso vado.

Merlo    La và mèj?

Lena     Sì.

Merlo    La pò andà de per lee o la voeur che la compagni a la macchina?

Lena     Nò, non si disturbi.

Merlo    Ma sì, l’è püssee prudent.

Lena     (Si rimette a piangere) Perché lei è così buono e lui così cattivo? (Si abbandona tra le sue braccia)

Merlo  (Imbarazzato) Via, via…che la se calma…Lena…Ghe ‘sicüri che l’è ona persona d’or…

Lena     (Si stacca da lui e va verso il bar) Lo credevo anch’io. Dove hoo messo la mia borsa?…Eppure fin dal principio c’erano in lui delle cose che non mi piacevano…quel suo modo di ridere di tutto, di buttare tutto sul ridicolo…

Merlo    È on giogattone. Per mi l’è bell…

Lena     (Aggiustandosi davanti allo specchio del bar) È divertente ma cattivo… Come quèlle cene che fa tutti i martedì coi suoi amici…Se non era per il colpo della strega, stasera a quèst’ora starebbe sbeffeggiando on poveraccio…Ma dove ho messo la mia borsa…Ah, eccola! (Prende la borsa e tira fuori il portacipria)

Merlo    (Aggrottando le sopracciglia) Come, come?…S’el voeur dì “starebbe sbeffeggiando on poveraccio”?

Lena     Non gliene ha parlato? Tutte le settimane fanno quèlla che chiamano “ La cèna dei pistòla”. Io lo trovo meschino.

Merlo    (Con voce rotta) La cèna dei pistòla?

Lena     (Non notando il suo turbamento) Invitano on tizio, il più pistòla pòssibile, per sfotterlo tutta la serata. (Merlo la guarda impietrito, lei rifacendosi il trucco continua imperterrita) La settimana scorsa era pazzo di gioia…aveva trovato on collezionista di modellini con i fiammiferi…(Sente avvicinarsi Renato di ritorni dalla camera, rimette il portacipria in borsa) Eccolo. La lascio, non lo voglio più vedere. (Lo bacia sulla bocca, lievemente) Grazie per essere stato così buono con me. Chiamami presto, dolce e tenero delfino. (Esce)

Merlo resta paralizzato per on attimo con il viso privo di espressione

Renato (Esce dalla camera, vestito pronto per uscire. Si illumina notando che Lena se n’è andata) Ah, l’è sta bon de cascialla via, grande Merlo. Bravo! (Merlo lo guarda immobile, mentre lui va a prendere una rosa da dentro on vaso) E adèss ‘ndèmm al Fatebenefratelli! (Va verso Merlo con passo ancora esitante) Sperèmm de vèss bon de guidà. (Si ferma davanti a Merlo) La soa borsa…

Merlo    (Meccanicamente prende la busta, poi senza guardare Renato) Signor Pieri…?

Renato Sì?

Merlo    La cèna de stasera…

Renato Sì?

Merlo    ‘ Se l’èra, precisament?

Renato Beh, gh’e l‘ avevi di: ona cèna tra amiis perché avevi parlaa con loor di sò laorà e  voreven conòssela. Bon, andèmm adèss?

Merlo    E gh’era alter invidaa ?

Renato Ma certament… Ma podòmm minga parlann in ascensoeur?

Merlo    Che tipi d’invidaa?

Renato (Improvvisamente all’erta) Ma se l’è ‘sto interrogatori?

Merlo    Nient…Volevi domà savè come el faseva a cattà foeura i sò invidà…Perché i a catta foeura ? Per il talento? Per l’intelligenza? Per che motiv?

Renato (Breve pausa) In doe el voeur ‘rivà, scior Merlo?

Merlo    El m’ha fòrsi, invidaa ad ona cenna par martorott, scior Pieri?

Renato (Con l’aria più ingenua del mondo) Ona cèna de martorott? Che ròbba l’è?

Merlo    Son mi ch’el gh’el domandi a lü!!!

Renato Hoo capì, Hoo capì, ch’el tasa! L’è stada lee! El savevi che la finiva per  fa sü on gibilee, quèlla matta là! E dì matta l’è pòcch, quèlla l’è foeura de coo, l’è püssee foeura d’on poggioeu. Sa la gh’ha cüntà sü?

Merlo    Che lü e i sò amiis fasii tutt i settiman ona cèna per ciappà per el cuu la gent ‘me mi.

Renato E lü gh’ha credü? Ma ‘ndèmm, scior Merlo, el me stüpiss…Ona tosa che l'hoo liquidada sott i sò oeucc, incazzada ‘me ona bissa, la ghe cünta sü ona quai bala, e lü el ghe cred!

Merlo    Mi gh’hoo avü l’impression che la me cüntass minga sü ona ròbba qualsiasi.

Renato La gh’ha dìi che lü el gh’ha on buon karma. E se la gh’ha dìi se l’era cos’è in di sò vit precedent? On leon, ona balena, on pinguin?

Merlo    On delfin

Renato Beh, mi me par che füss staa on barbagianni! E lü el gh’ha creduu a quèlla campana rotta? Ma ‘ndèmm scior Merlo!

Merlo    (Vacillante) Però la me sembrava sincera...

Renato Sü, dai, che mia miee la me spètta… dovaria già vèss all’ospedal.

Merlo, visibilmente poco convinto, si decide e va verso la pòrta. Intanto squilla il telefono.

Renato (Risponde) Pronto? ah te set ti, bella gioia? ‘Rivi, son ‘adreea partì adèss adèss…Come te steet, …ma còssa te diset? (Cambia espressione)… Ma s’el voeur dì? Luisa, per piesè, comincia nò! Ma…Ciccina, ma mi te voeuri ben, pòdi nò lassatt de per ti in ospedal! Luisa…Luisa, damm a trà, gh’hoo bisògn de ti. Stasera hoo capii tanti ròbb…Pientela!… Mi me ne sbatti i ball de quèlla là! E poeu l’è minga la mia amante, l’è quel’alter pirlon che se l’è inventada…Sent, saroo lì tra des minütt, inscì ne parlom a vos, va ben? (Grida) Luisa! (Riappende. Resta on attimo immobile, poi molla la rosa e va el bar. Si versa on bicchiere di grappa senza uno sguardo par Merlo)

Merlo    L’alter pirlon el va foeura di ball. Però prima voraria faggh ona domanda.

Renato (Roco, senza guardarlo) Ma ch’el me lassa in pas.

Merlo    Nò, me serviss ona rispòsta: perché el m’aveva invidaa a cèna, scior Pieri? (Renato non risponde, Sembra avere dimenticato la presenza di Merlo.Beve in on sorso la grappa) Mi v’hoo minga via s’el me dà nò ona rispòsta. Perché el m’ha invidaa a quèlla cèna?

Renato (Finalmente si vòlta verso di lui) Mi pòdi domà dighi ‘na ròbba: L’è per via de quèlla cèna che da dò  or in chi, ghe ‘adree a andà tütt a tòcch. Cèna di martorott o nò, l'hoo pagada cara, carissima. E ghe disi anca, da sorevia, che in ona sira sola, lü l’ha vendicaa tütt i martorott de l’universo. E adèss, buonanòtte, signor Merlo!

Merlo    (Dòpo una breve pausa, con tristezza) Lena la gh’aveva reson: lü l’è cattiv, scior Pieri.

Renato Già, mi son cattiv! El dis anca la Luisa. Se ved che l’è ona convinzion general! Dovaria registralal sü la mia segreteria telefonica…

Merlo    El dovaria nò mis’cià i calmant con la grappa!

Renato Perché nò? L’è on bell final per ‘sta storia: el cattiv, de per lü ‘me on cagnoeu, abbandonaa de tücc, ona ciocca olimpica in de la soa cà voeuja. E Merlo el torna a cà soa dai sò modelitt, pensand che a quel porscell, a quel schifos la ghe sta ben…(Si versa on’altra grappa e la ingolla d’on fiato) Eh si, a quèll Pieri lì, ghe voeur ona bela pettenada…(Merlo esita on poo. Poi deciso, getta la busta sul tavolo, e va el telefono e compone on numero) E adèss, s’el fa anmò?

Merlo    (El telefono) Pronto, buonasera vorrei il numero del Fatebenefratelli, per favore.

Renato Ghe sèmm. Ricomincia la giostra.

Merlo    02-45232345. Grazie. (Riappende e forma il numero dell’ospedale)

Renato Tant ghe la passen minga…l’è on ospedal, l’è minga ona clinica.

Renato preme il tasto del viva-voce. Si sente il segnale di chiamata, poi la voce della centralinista.

Centralinista   Fatebenefratelli, buonasera.

Merlo    Buonasera. Vorrei parlare con la signora Pieri, per favore, è stata ricoverata stasera, per on incidente d’auto.

Centralinista   Mi dispiace, i pazienti non pòssono ricevere telefonate dòpo le ore 18, signore. Richiami domattina dòpo le nove.

Renato Eccola! El savevi!

Merlo    Sia gentile, mi passi la signora Pieri, signorina, sono il professor Vailati. (Renato lo guarda sbalordito)

Centralinista   (Cambiando tono) Oh, scusi professore, non l’avevo riconosciuta, attenda on attim o, la prego.

Renato (Autoritario) Hoo on poo di fretta, cara, per favore…

Renato è sempre più sbalordito. Si sente on conciliabolo el telefono poi…

Centralinista   (Piena di rispetto) Le passo la signora Pieri, professore.

Merlo    Grazie, carina.

Renato Ma che la mocca con ‘sta còmmedia, la ghe sbaterà giò el telefono!

Luisa    Pronto?

Merlo    Signora Pieri?

Luisa    Sì, buonasera professore.

Merlo    Son nò el professor Vailati.

Luisa    Ma chi parla?

Merlo    Son el pistòla, el martorott, l’invidà del sò marii.(Intanto Renato guarda a bocca aperta con la mascella pendula) Nün se sèmm veduu pòcch temp fa. Mi me ciami Pierugo Merlo, Ugo per i amiis,  e sont el pistòla che el sò marii el doveva portà a la cèna de stasira…

Luisa    (Dòpo una breve pausa) Mi dica.

Merlo    Hoo appena savuu perché sò marì el m’aveva invidaa  e la pò capì com’è che me giren…Sò che lee la gh’ha avuu on incident de macchina, ma credi de vèss conscià me lee, almen nello spirito… Pronto?

Luisa    Sì, sono qui.

Merlo    Le nò che ghe telefoni per piangiom adòss. ma perché compatissi el sò òmm. Mi sò nò se l’è l’òmm püssee cattiv che mi hoo conòssuu, ma de sicür l’è l’òmm püssee…come dire… infelice, sì ecco, infelice. Seri chi quand lee l’ha gh’ha dit de vegnì nò all’Ospedal e hoo vist on òmm perduu, inscì a terra che me son desmentegaa che sont on pistòla e hoo deciduu de ciamalla. Mia miee la m’ha piantaa duu ann fa, e in quel dì là m’è borlaa adòss l’universo. Ghe l'hoo fada a tiramm foeura metend insèmma i modelitt, ma in fond, denter de mi, gh’hoo ona spianada de quadrei, pèsc d’on terremoto dell’ottavo grado della scala Mercalli, e preghi el Signor de faghel avè a nissün, nanca a sò marì.    

Luisa    Immagino che sia lì, accanto a lei.

Merlo    Come?

Luisa    È accanto a lei e le suggerisce quèste belle e còmmoventi battute.

Merlo    Per nagòtta, sciora Pieri, ghe doo la me parola d’onor, che l’è stata ona mia iniziativa, quèlla de ciamalla, e lü el m’ha dit nagòtta.

Luisa    (Scettica) Già…È lì vicino a lei, sì ?

Merlo    (Esita, lancia uno sguardo a Renato e decide) Nò, son ‘adreea parlaa da ona cabina telefonica.

Luisa    (Dòpo una breve pausa) Precisamente, perché mi ha chiamato?

Merlo    Sciora Pieri, per dò or hoo vist el sò marì tentà de rintraccialla. L’ha perfin telefonaa all’Alberto Testi in quel büs che quèll là el drova per…

Luisa    (Divertita) Ha telefonato a Alberto Testi ?

Merlo    Lee la se immagina nò quel che l’ha faa stasera per amor sò: l’ha faa la pas col sò amis püssè car. L’ha cascià foeura di ball, e senza tant compliment, quèlla soa amisa. L’ha mandaa de via i ciapp on ispettor di tass. E adèss l’è chi de per lü, nella soa cà granda e voeuja ch’el mis’cia sü grappa e pinnoll e son preoccüpatissim per lü. Ecco perché l'hoo ciamada, sciora Pieri.

Luisa    (Renato lo guarda còmmòsso, e anche Luisa risponde còmmòssa) Rifletterò…comunque grazie per avere telefonato, signor Merlo, anzi mi permetta, grazie Ugo.

Merlo    Arrivederci, sciora Pieri.

Luisa    Arrivederci, Ugo.

Merlo    (Riappende, stremato e si vòlta verso Renato) La riciamerà.

Renato (Con voce strozzata) Scior Merlo…

Merlo    Sì?

Renato Gh’avarèmm anmò la cèna, martedì che ven, ma quèsta vòlta, sarà lü ad invidamm. E son sicür che ciapparoo il Nobel dei martorott, dei pirloni…

Merlo    (Sorride) Ghe la foo pü…Dio ‘me l’è düra vèss intelligent!

Renato Mi el soo nò. Bisògnerà che incomici a andà a scola.

Merlo    E adèss el me prometta che ghe penserà on para de vòlt, primma de dagh del pistòla a on quaiv’on.

Renato Gh’el prometti, Ugo, anzi gh’el giüri!

Squilla il telefono nelle mani di Merlo, che subito risponde.

Merlo    Pronto?… Si, sciora Pieri, che la spètta che adèss gh’el passi…come? (Impacciato) Beh…in effetti son minga in ona cabina del telefono, son tornaa indree in della cà de sò marii, adèss ghe spieghi … Pronto, pronto?…

Renato Che pistòla! Che bestia! Che pistòla! nò, se pò nò…

Merlo    La riciama!… la riciama! Staga tranquill, ghe disi che la  riciama …El vedarà andarà tutt a pòst… parola di Ugo Merlo! (Febbrilmente forma il numero di telefono, mentre Renato rimane tra l’allibito e l’esasperato).

CALA IL SIPARIO

FINE

Sinossi

Commedia brillantissima ove degli amici cercano di deridere un pover’uomo, ma finiranno “Cornuti e Mazziati”

                   CURRICULUM E BREVE HISTORIA DI

                              ANTONIO MENICHETTI

Sono nato a Lerici (SP) il 23 settembre del 1947 e faccio TEATRO dal 1964.

Nel 1979 ho fondato e tuttora dirigo la FILODRAMMATICA “DON GIORGIO COLOMBO” di Bellusco (prima MI, ora MB) paese della Brianza dove mi sono trasferito ancora bambino per motivi di lavoro paterni. La FILODRAMMATICA che dirigo recita in LINGUA MILANESE, perchè , per me, i dialetti non esistono.

Dopo alcuni anni in cui abbiamo messo in scena testi in MENEGHINO facilmente reperibili, mi sono visto costretto ad adattare commedie di autori di altre lingue (genovese, veneto, napoletano, emiliano ecc.) in LINGUA AMBROSIANA.

Ho cominciato con Nicolò Bacigalupo e poi altri quali Novelli, Mazzoni, De Filippo, Scarpetta, Zago, Tosi, Valentinetti e così via.

Ultima mia fatica è stata “ACCIAIERIE BRAMBILLA” adattamento milanese della commedia di Umberto Morucchio “METALLURGICHE TISCORNIA”

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 7 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno