El pòs dei poi

Stampa questo copione

EL

PÓS

DEI

POI

1


COMMEDIA BRILLANTE IN  TRE  ATTI In Dialetto Bresciano

DI

OLIVIERO MIGLIORATI

Calvisano 10 Dicembre 2011

Commedia e autore protetti dai diritti S.I.A.E.

2


3


Personaggi

: 12 riducibili a11

Carlotta Pelis

la ricca tirchia

(Rosa)

Miss ketty

l’amica inglese

(Claudia)

Sibilla

la zingara

(Monica Patti)

Alessia

la dottoressa

(Monica Maffi)

Fortunata

Bendocchio

(Franca)

Fausta

l’avvocatessa

(Elena)

Fiammetta

pompe funebri

(Maria)

Alfredo

l’oste

(Franco)

Camillo   il Sindaco

(Sergio)

Giacomino l’agricoltore

(Gianfranco)

Graziano

il rapinatore

(Alessandro)

Nerone

il pompiere

(Oliviero)

4


Èuna splendida mattina e Carlotta e la sua amica miss Ketty, un’inglese, sono nel cortile dove al centro vi è un pozzo molto antico, sulla destra i tavolini di un’osteria e a sinistra la casa di una ricca, tirchia e nubile del paesello di nome Carlotta. Miss Ketty è in visita in Italia dall’amica Carlotta.

Carlotta - ma che belo giurnado mis ketty

Miss- ffferamente splendita si senteno i basserotti cantare, yes… molto pittoresco!

Carlotta -te mis ketty perché sa sentom mio zo al taulì e sa beom un bel cafelat?

yes?

Miss- o yes un breakfast in aperta… country! is beautiful!!!

Carlotta – te mis ketty ga pociom deter un bel cornetto en del cafelat? yes?

Miss- oh un corn chi?

Carlotta – cornetto, na pagnuchino …come la ciamif voter?... na briocchess! Yes?

Miss- o yes… coffee milk and brioche! Cafelat e … paciughina! yes?

Carlotta – esatto ormai ta parlet za en dialet bresà…(intanto arrivano al bar) eco che sentomes zo

Miss- la vostra country… campagna… in autumn.. autunno è piena di colori yes Carlotta – a olte mis ketty… ma che nde la basò bresano in outun… autunno rio

la nebbiò e alura ciao colori dèento töt griss…come disiv voter… fumo di Londra…yes

Miss- all right, anche noi non scherziamo per via della fog.....nebbia… yes

Alfredo- (uscedo dall’osteria) ecole le me siure metropolitane cosa ga porte per fà culasiù ?

Carlotta – du cappucci e … quant pödareselò costà ‘na brioss?

Alfredo- o mamò mia quant vöt che la costes, un euro l’önò…

Carlotta – e se envece urdine tre o quater biscocc? chei sec però! (guardando Miss Ketty)yes?

Alfredo- o siuro Carlotta la vardes chè che som mia a la mensa de la Caritas o Yes!!!

Carlotta – el gna portes apena du cafelacc …(seccata) oooh yes!

Alfredo- (rientrando) mamo mia che manine cürte che gom…. o yes o yes!

Miss- cosa succede Carlot?

Carlotta – preocupet mia mis ketty i biscocc ga io che me … nde la bursetò … o yes

Miss- mi sembra di essere andata in Scotland… sai la sono famosi per la loro tirchi…emm trichi emm come dite voi en Italy?

Carlotta – parsimonia! dizom parsimonia o yes! Miss- o yes …ma tu sei ricca molto ricca hai un grande bussines

Carlotta – se altro che büsnet me de fürtüno ga no mia vit tatò, i me solcc ma sa io guadagnacc “col sudore della fronte”, e arghü el spetò ghe vages en del

5


büs… eterno per goder tücc i me risparmi, lur i ga stüdiat ma reste de l’idea che “chi pöl èn po’, comanda en pit”e co la gulò dei sölcc töt el paes el ma e dre… sindaco compreso!

Intanto nella piazza entra il sindaco Camillo che si avvicina al pozzo della piazza dei polli cosi chiamata per la vendita dei polli al mercato del lunedì , vi getta una moneta e rimane fermo ad osservare il fondo

Alfredo- (uscendo con i due cappuccini) eccoci qua siure… 2 bei cappucci… emm caffelacc giü per le signorina Carlotta e giü per le miss kappa!

Miss- miss Ketty please … uot kappa?

Alfredo- la ma scuses ma: mischetti o miscappa … semper le som … ( vedendo Camillo)o ghè che el sindech Camillo… lè che apò stamatina

Miss- ma what look?…cosa quarda?

Carlotta – luc en font al pós… ta ghet de saì mis ketti che i me cumpaesà i penso che a sbater deter des franc en del poss sa avveres un so desiderio! L’è per chel che me el ciame “el pós dei poi”!

Alferdo- la ga de saì che l’è un pós famoso…el pós de la piasò dei poi, i la conos en tötò la basa bresana

Miss- o yes… anche da noi esistere molti wells… pozzi o yes

Carlotta – well pós le, lè la ruina de un sac de famie o yes , perché sa pöl mio sbater via ise DES francc…

Alfredo- a fondo perduto!

Carlotta – se el ia mitiò en banca töcc i des francc che el ga sbatit via el sares un bel sior ades… o yes

Miss- all right, ma un … desider è un desider o yes… vero Alfred? Alfredo- la ga risù missketta…o yes

Miss – ketty please!!!

Alfredo- lü el spera che el deèntes realtà un de o l’oter

Carlotta – con nient sa fa nient… me se öle argota ma sa do de fa… oter che sbater via i solcc …o yes

Alfredo- signor Camillo … ghet za fat culasiù?

Camillo- me? se se… o buondì signorina Carlotta… tutto bene?

Carlotta – se tutto bene… ta presente la me amica Miss ketty… la ve da Londra Camillo- oh io… emm… io... io-gurt monning siuro miss… Kelly Carlotta – che ga entra el yogurt som dre a beèr un cafelat !

Miss- miss ketty please o yes

Alfredo- o yes o yos me vo deter a server l’otrò zent (ed entra )

Camillo- la ma scüses carissima ma…nomei be?

Carlotta – la pödares na mei (toglie i biscotti dalla borsetta) to mis ketti pocia en del cafelat svelta prima che turnes Alfred… o yes

Miss- o yes o yes ma mi sembrano very very old.... vecchiotti… forse era meglio

una brioche... o yes

6


Carlotta – aluro Camillo ghe qualche novità en cümü?

Camillo- en paes ghe suces niènt, l’unico novità l’è che ghè riat i senghen

Miss- what are … senghen ?

Carlotta – vater? che ga entra el vater?

Miss- what are ! emm … cosa sono i senghen?

Camillo- I senghen sono … come sa dis … gli zingari, i gitani, chei de le rulot!

Miss- all right, … en english the gypsy!

Carlotta – se pissi e gipsi… le mei che saromes porte e finestre stanot, t’al set che i senghen i ga el vese de netà le case, ma mio da la polver.....

Camillo- be carissime sarà mei che me vaghes a laurà… il mattino ha l’oro in bocca!

Carlotta – l’oro? ma se ta l’et apena sbatit a fondo perduto, nel pós dei poi! ma sa pöl saì perché?

Camillo- perché spere che sa realises el me grandissimo desiderio! Carlotta – ma che desiderio?

Camillo- ma che i ga fages la cappellina al Santissimo padre Pio poari l’è la con le ma deèrte a ciapà l’acqua la nef e po el sul e la brina de e not! e le siura Carlotta, che le bunò come el pà, le che la ga en ma töt el paes, le che l’è ise importante, ise buona, ise…

Carlotta – Camillo lasa le dè leca!!!

Camillo- ma sua emminez…emmm … siuro Carlotta, ga öl…

Carlotta –ga öl i solcc e chei i piof mio zo dal ciel come l’acquò!

Camillo - la ga rizù… ma en cümü de solcc ga no miò, mentre le col so

comitato…

Carlotta – Camillo ...va a laurà, cori

Camillo- sua santit… emmm siuro Carlotta…buona giornata (e se ne esce di scena)

Carlotta – se non son matti non li vogliamo!

Miss- molto pittoresco!! O yes

Carlotta- un desiderio… i desideri i esiste mia, l’è la volontà de uli le robe che ta fa otegner argota, comunque el cafelat el ghero pocò sciömò ma l’ero bu istes

Intanto nella piazza entra la zingara… Sibilla

Miss- look Carlotta una gypsy… come sa dis “senghenò” o yes!

Carlotta – madoro me iè za che…

Miss- o yes, go home Carlot!

Carlotta – se se gom, …gom de sarà porte e finestre!

Sibilla – buondì belle signore… dare a me biscotto… prego io fame Carlotta – (con in mano l’ultimo biscotto rimasto) se i biscotti… una olto i

dumandao el pà, ades i völ i biscoti… Miss- o yes

7


Carlotta –( mentre si mangia l’ultimo biscotto) va a laurà… che dopo ta sa compraret i biscoti cara la me gitanò…

Sibilla- prego io leggo tua manina bella signora

Carlotta – prima de töt so signorina… e pò perché garese de dat la ma? Ta conose gnac!

Sibilla- se tu vuole che io lavora… io leggo tua mano e prevede tuo bello futuro! Miss- o yes , to read (rid)

Carlotta – me rid …ghe poc de rider …

Miss- all right, to read… leggere… o yes!

Carlotta – ma ghe miò scriit nient sö la me ma Sibilla- io essere Sibilla e leggo tuo futuro in tua mano… in tue rughe di palmo Carlotta - rughe? Me ga no miò de rughe… me so amo signorina … Miss- o su Carlot…

Carlotta - sö dai fomes n’a ridido, lesemelo sto ma gitanò, möet föra Sibilla- o molto ruvida tua mano, piena di rughe…

Carlotta - (ritraendo la mano) te belò le rughe ta ga iaret te... e ta dise mia endoe....

Sibilla- (riprendendo la mano) mano bela signora … rughe, emm… righe … linee della vita, bela signora…

Carlotta - (ritraendo la mano) se linee del tram e del telefono, che ta sa ’ntendet gitanò?

Sibilla- (riprendendo la mano) linee del tuo passato … ma anche del tuo futuro bela signora… oh quante cose vedo….

Miss- o very interesting (antresting)

Carlotta - en tre? (ritraendo la mano) ma aluro dagò apò la tò de ma … miss ketty

Sibilla- (riprendendo la mano) ma no bela signora dami tua mano su non avere paura… nel tuo bassato vedo…nuessun omo con te

Carlotta - belo scoperto so amo signorina me… i la sa töcc!

Sibilla- tanti omini dietro di te…

Carlotta - a se se dietro en riga… guai a chi sgarò a cumincia dal sindec Miss- alright, mi sembra di sentire lady Margaret Sibilla- margaren? che ga entro la margarina adess?

Miss- ma no lady Margaret Tahtcher la nostra ledy di ferro o yes! Sibilla- vedo tu molto potere in tua mano

Carlotta – eh se, ta pödet diga giuro, con chelò ma che, cumande amo töt el paes carò la me gitante

Sibilla- vedo tuo futuro molto lungo …

Carlotta - lungo?...

Sibilla- lungo… vedo… che tu tanta roba …

Carlotta- che roba ie apena i lader, chi ga dit che me robe?

Sibilla- non tu, tu non ruba, tu tanta roba in più, tanta abbondanza… “abbondanza inutile” in scatolo piccolo

8


Carlotta- un barattolo?

Miss- o yes, baratolo.. the pot !!

Carlotta – pot alurò, ma qual pot?... qual barattolo?

Sibilla – poi vedo… fuoco … acqua… uomo nero, uomo che urla che urla Carlotta – Uomo nero? Chi el Zorro? Miss- all right, chi essere Zorro?

Carlotta- ma se el bandito mascherato… la ma dises sengheno el riarà söl so cavallo nero?

Sibilla- vedo donna, la dea bendata che ti guarda da vicino

Carlotta- se l’è bendado come falo a idim… a ma te ta diset la Fürtünò, me so semper stado Fortunata cara la me gitana

Sibilla- poca, poca Fortuna… vedo, vedo oh mamma mia… Carlotta- che edet me mamò?

Sibilla- no no vedo che tra due giorni tu MORIRAI bella signora !!! Carlotta- (ritraendo la mano) morirò?! ma cosa diset sö

Sibilla- ho finito, prego dare me due euri bella signora, per mio lavoro Carlotta- entat so signorina… e po, due euri, me ta do du sberlu … morirai, se

ta spareset mia sübit t’al fo eder me chi l’è che morirà Sibilla- ma bela signorina se tu non paga tuto si avera …

Carlotta- Alfredo … (che esce dal bar) svelto cori a ciamà i vigili chè leche la öl depredam de du euro

Alfredo- du euro… la ga ia daghes sö, dopo töt la ga lisit la ma

Carlotta- la ga dit milo bagianade e a la fì per fass pagà la se enventadò che me möraro … iettatrice, fila via, indovina dei me söpei

Sibilla- io vado ma tu non pagato… tutto si avvera e tu morirai (ed esce un po seccata)

Carlotta- ma ga noi amo de seter… tu morirai, go apena cumpit i 60 agn, ga no amo de fan corer didre a me

Intanto entra Giacomino un agricoltore del paese con un “barattolino” di gelato Sammontana, si avvicina al pozzo e vi getta una monetina .

Carlotta- ardel la un oter babao che sbat vià i solcc

Miss- all right, un altro sognature yes

Carlotta – te Giacomino set dre a ensolnà?

Giacomino- ensolnà? che robò?

Carlotta- e go est che ta set dre a sparpaià i solcc… speret forse che creses la piantò de palanche?

Miss- wat sparpaies ?

Carlotta- madorò me, sparpaià … come sa dis … sparpagliare, disperdere, o forse propes PERDERE, una oltò en font al pós t’ai cuchet pö , caro el me Giacomino!!

Giacomino- eh, ma me spere che el me desiderio el sa avveres!

9


Carlotta- e sa pöl saì che robò ta ghet domandat al pos?

Giacomino- a nient de speciale, ma sicome va töt be, de sücür argota ga de süceder… argota de catastrofico!!!

Carlotta- ma che ghet pora de chi?

Giacomino- presempio go el furmintù là ne le base del Cies (fiume chiese) e l’è quindes de che piöf miò

Carlotta -e alurò?

Giacomino- el Cies l’è pie de piante che pö nüsü sa ciapo la brigo de taià, e so sücür che se taco a piöer el cies el sa engrosò e le piante le sa encolò töte soto el pont de Mezane isè el ve förò e aluro ciao furmintù…

Carlotta- se ma i solcc per taiale i ghe mio en cümü e pò ga öl el permesso dei verdi, caro el me diretto, ta gareset de sail

Giacomino- a se se ormai che som töcc verdi… verdi da la rabbio!!! sarà mei che spetes la duturesso sentat zo ( si siede a un tavolino e prende in mano il giornale) ardom che chè ghè süces ier a sto poer mont

Alfredo- (viene a ricevere l’ordinazione) buongiorno sior Giacom el gnit a fa colasiu?

Giacomino- ma veramente l’è da le quater che so en pe, a monser le ache e a le ses , ga la fae pö, i zenöcc i tremaò …i ma fao …come sa dis i fao giacomo giacomo

Alfredo- propes a te, se mai i zenöcc i ta fao giacomino giacomino...

Giacomino- e alurò go mangiat ’na scödela de lat con do bele fete de pulentò, adess iè le nöf so nat a l’ambulatorio per fa le analisi ma la duturesò l’è gnamo riado e alurò so gnit de te a lezer el giurnal… tanto la ga de pasa de che…

Alfredo- te ma go est che ta ghet dre el to barattolino, el mia mei che el metomes nel frigor? se no el sa riscaldò e so mio se el va be!

Giacomino- ta ghet risu… ma te che diset podarò biìl un biancheto prima de fa le analisi?

Alfredo- e no… ta egnaret dopo semai t’al tegne en frescò, ensemo al to barattolino (ed entra nel bar con il barattolo)

Giacomino- ardom che el giurnal, a me ma piass lezer gli annunci funebri, i na scrif de töcc i culur, ardom…

Carlotta – te Giacomino les a altò us ise sentom a pò a notre

Giacomino- la famiglia Tortelli informa che “Sabato ci ha lasciato Domenica, le esequie Lunedi”…

Carlotta- e martede che fai?

Miss- all right, faranno festa

Giacomino- senti chestò: i famigliari annunciano che l’avv. Cerino si è spento improvvisamente…

Carlotta – trope sigarete

Miss- all right, fumava troppo?

10


Giacomino- la famiglia ringrazia quanti hanno collaborato alla morte del congiunto

Carlotta- ma gai ötat a fal morer?

Giacomino- par prope de se

Intanto arriva Alessia la dottoressa del laboratorio analisi

Giacomino- o ardelò la dutureso Alessia, elo dre a na derver?

Alessia- se, gal de fa le analisi?

Giacomino- se, sa ricordelo pö, la m’ero dit de vegner merculde a digiuno e con un baratuli de … faci …foci…fuci

Alessia- se Giacomino de feci de feci !

Giacomino- e… de cacò ensomò

Alessia- si ma dove ce l’ha in tasca?

Giacomino- no no g’here pora che al calt el n’aes mio be e ga lo dat a Alferdo da meter… al fredo

Alessia- se lo faccia dare che andiamo in ambulatorio Giacomino- Alfredo … Alfredo!!!

Alfredo- (uscendo) cosa ghe de usà ? Giacomino- ta gareset de dam el me Barattolino

Alfredo- ades? ma ghet mio de na a fa le analisi? tal töaret sö dopo

Giacomino- e ma go de daghel a la duturesso, l’è le che la ga dit de purtaghel!

Alfredo- ah ta gal det a le , ma per una persuno sulò el mio un po tant?

Giacomino- a chi gal diset, me go mitit una setimano per vighel bel pie

Alessia- su lo porti che io devo aprire, sono già in ritardo

Alfredo- vo sübit a tiral forò dal frigor dei gelati (ed entra)

Alessia- ma non era necessario tenerlo in frigor

Giacomino- ma Alfredo el ga insitit, el ghero poro ghe dopo el contenuto el sa alteraes!

Alfredo – (uscendo) ecol che el to gelato amo integro

Alessia – gelato? Ma...

Giacomino- gelato?... che ga entro el gelato?

Alfredo- ma chesto el mio el gelato de purtago a la dutureso Alessia? Giacomino- ma no le ghe deter le me foci… faci la caco ensomo!!! Alessia – ma Giacomino un intero barattolo di gelato ???

Giacomino- oho la ma la dit le de purtago un “ Barattolino” Alessia- ma quello non sara mica un barattolino?

Giacomino- la proes a lezer cosa ghe scrit “Barattolino Sammontana ” m’è tucat

mangià töt el gelato per ödal, e ’na scatolo de “falqui” per pudì empinil Alfredo- udicere… e me che lo mitit ensemo a ioter gelati …beaaa , ma tucara

disinfeta el friser … e i gelati ch’en foi dei gelati?

Giacomino- eh dai disinfetà el freezer… a la zent ta ga faret un bris de scont

11


Alessia- comunque così non va bene il barattolo non era sterile … e poi ne bastavano due o tre cucchiaini quanta ABBONDANZA INUTILE… bisognerebbe farvi a tutti un corso, propedeutico!!!

Alfredo- prope prope …se se prope !

Miss- all right, Carlotta hai sentito? ABBONDANZA INUTILE … proprio come

diceva la gipsy!!! (intanto la zingara attraversa la piazza senza dire niente

facendo il malocchio) ecco che passa ancora la gipsy....

Carlotta- eeeh…l’ho esto.... cosa ghe de strano la sarà una coincidenso

Giacomino- siuro dutureso alura cosa foi ?

Alessia- venga lunedi prossimo ma stavolta il “barattolino“ lo compri in farmacia!!! ( e se ne esce)

Giacomino- porco cane una matino perso e po’ me gnit apo a fam … te Alfredo ma portet un bel gelato … scontat pero!!!

Alfredo- ardo che nel barattolino ghero roba tua.... quindi niente scönt

FINE PRIMO ATTO

12


SECONDO ATTO

E’ pomeriggio nella piazza non c’è nessuno ma ecco che d’improvviso entra un tipo sospetto , che si guarda furtivamente in giro poi si toglie dalla tasca un passa montagna e se lo mette in testa.

Graziano- corpo di mille… orpo ghè en giro nüsü… ma en do saralo la Banca? Che le ma someo töte case de poera zent speta un moment… lè ghe scriit argota (leggendo l’insegna del BAR- Ca del bosco” ) ba… ba… bar… ban

ban ca .. del … BANCA !!! ga som l’è chesto la “banca la banca del bosco “

Intanto esce Alfredo

Alfredo- buongiorno sior come mai el passa montagna gal fret el vardes che deter fa un po pö calt gom empisat la stüina

Graziano- corpo di mille… no no go mia fret ( e intanto cerca la pistola che non riesce più a trovare)

Alferdo- e alura come mai el sa quaciò zo el müs gal l’erpes, o el complesso dei brufoli? La sal anche a me da zuen el m’ero gnit… nae pö fora de casa e i me amici i vignio a ciamam: Fredo nom en piasa a bala che ghe el cumplisi che sunò … ma me ghere el cumplisu söl müs e nae mai en giro… certo che chelo del passa montagna la ma someo una solusiù un po’ esagerada!!!

Graziano- corpo di mille… no no non ho i bruffoli … l’è che voe mio fam riconoser ( e intanto cerca di togliere la pistola, che non vuole uscire, dalla tasca dei pantaloni )

Alferdo- el che en incognito? Ma chi saresel, un 007

Graziano- corpo di mille… e che roba saresel un 007?

Alferdo – un agente segreto no! gal de pedinà arghü?

Graziano- no no so Graziano so mio un agente segreto, le che rie mia a… ( non riesce più a togliere neanche la mano dalla tasca )

Alferdo- Graziano? aluro l’è un divo del cinema!… el völ mio eser distürbat!!! come el capese apò me un de ghere insit al la tombola dell’AVIS una belo porcheta e sere töt cuntet ma ooh, töcc i la sera e töcc i ma dumandao quando la fae cöser e i sa envidao a casa me per mangialo “ta ularet mia mangiala töta te” i ma disio e per un po me tocat na en giro de not e col capel che ma scundio el müs … go mio pensat al passa montagna, a la prosimo porcheta che ense compre sübit un passa montagna. Ma lü gal vinsit per caso una porcheta?

Graziano- corpo di mille… no no me ulie tira förò ….

Alferdo- ma cosa sögötel a ravana en chela scarsela le?

Intanto Carlotta e Miss Ketty escono da casa e vedono Graziano.

13


Carlotta- te ketty som nade a fa la spesa ma gna som desmentegade de cumpra le rae

Miss- all right, cosa essere le RAE Carlotta- ma chi el chel sior che parla con Alfredo? cosa gal söl co? Alfredo – sö sö ga do una ma me … forsa dai tira … tira

Di colpo Graziano aiutato da Alfredo estrae la mano con la pistola dalla tasca

Graziano – corpo di mille… o finalmente!!!

Carlotta – ah.... mamo signur una pistola!!!

Miss- o my god un bandito Yes

Alfredo- sö sö de brao sior Graziano metela via se no le siure che le sa spaento (e prende la pistola a Graziano e gliela rimette in tasca)

Graziano- corpo di mille… ma no no pode mio mitilo vià, la ma ocor ( e rimette la mano in tasca e non riesce di nuovo a toglierla con la pistola, si sposta un attimo e continua a tirare)

Carlotta – ma Alfredo chi el lüche?

Miss- all right, è un terrorista ?

Alfredo – ma no l’è … l’è… Graziano, so mio chi l’è veramente e cosa el fa, ga l’ho domandat ma el ma la gnamo dit, ma da come el parlo, el sögöto a di corpo di mille… el gares de eser dei corpi speciali … forse i NAS

Carlotta – come fet a di che lè dei NAS se el nas sal vet gnacc, con sö chel capuccio le

Miss- all right, gli agenti inglesi non vanno in giro incappucciati Yes Alfredo- o magari dei RIS

Carlotta- RIS? el ma sömea mia vistit per na en de le risaie el ga so gna i stialù de goma!!

Miss- en ingland non abbiamo risaie Yes Graziano- (togliendo la pistola di tasca ) corpo di mille… questa è una RAPINA Alfredo- se… una rapa picinina, ma edet mio che l’è na pistola!!! Carlotta – ma che na fal de na pistola sior?

Graziano- corpo di mille…ma insomma posso fare questa benedetta RAPINA in banca?

Alfredo- in banca? ma endoela la banca?

Garziano- ma quella li! (indicando il bar) vo deter e ma sa fo la me rapina!!!

Alferdo- ma quale banca chel le l’è el me bar!

Graziano- ma se c’è scritto BAN- CA  DEL BOSCO

Alferdo- ma quale banca.... BAR ca del bosco, set bu gna de leser bar… bar e

insomma almeno l’italiano SALLO !!!

Garziano- corpo di mille… bar? Eh volarà di che rapine el bar (e punta inconsapevolmente la pistola verso Alfredo)

14


Alfredo- (alzando di scatto le mani) ma ma… sior bandito Graziano ma me stamatino go indit apeno tre o quater cornetti e des cafe!!!

Intanto arriva Camillo ma Carlotta lo blocca

Carlotta- Camillo presto cori a ciama i vigili ie dre a fa una Rapina a mano armata!

Camillo- una ra chi?

Carlotta- rapina caro una RAPINA!!! Pistola… bang bang …dai cori

Miss- allright, bang bang o yes

Camillo- madora me siura onorevole, ma chi el èl bandito Carlotta- ma come fomi a sail se el ga sö el passa montagna?

Alfredo- el preghe sior bandito Graziano el vardes me so mio pie de solcc… ma chela siura le la ga na de ender (indicando Carlotta senza abbassare le mani)

Camillo – siurò baronessa, sara mei che vaghes a ciama i vigili (ed esce) Graziano- le siura endela i solcc?

Carlotta- (guarda Alfredo e poi miss Ketty un po’ stupita come a dire “ ci è o ci fa?”) i solcc? ma certo geht de cumpra dei solcc? lire o euro?

Graziano- costele de pö le lire o i euri?

Alfredo- ma le lire no?! pensa che per cumpra dumila lire basto un euro ma per cumpra un euro ocor dumila lire!!!

Miss- all right, non parliamo poi delle sterline o yes , sono carissime hanno i prezzi alle star!!

Graziano -star? me fae la raccolta dei punti star! no no la ma daghes i euri Camillo- (entrando di corsa col fiatone) o mama che curso… ghe dre a ria l’ünic

vigile che go truat… o mama che curso!

Pompiere Nerone- (entrando vestito da pompiere e con una manichetta che sparisce dietro le quinte, anche lui col fiatone e urlando) ue ue ue mal’incendio dovè dovè??

Carlotta- te Camillo ma chi el lüche, a me el ma someò un pompier!!! Camillo- ma sua emminenza, cosa dizelo l’è un VIGILE… un vigile del fuoco,

dei pompier de Bresò, l’è chè stamatino per un sopraluogo en cümü el sa ciamo Nerone!

Carlotta- Nerone? ma ga noi amo de senter, come fal giù che el sa ciama Nerone a fa el vigile del fuoco...

Camillo – el ga spusat la fiola del becchino chelo pö zuenò …Fiammetta! Carlotta – Nerone che spuso Fiammetta… delle pompe funebri! ma en do gai

pasat la luna de miele ...en de na camera ARDENTE???

Miss- all right, pompiere en englis, noi diciamo fire man

Camillo- me vo a ciamà la duttureso … prima che arghü el sa faghes del mal (esce)

Carlotta- se se, el fair argotò sior vigilie lüche lè armato Miss- all right, vuole fare una rapetta yes!

15


Nerone- (urlando) rapetta, rapetta, cos’è cos’è?

Alfredo – se rapetta rapuccia … RAPINA, una RAPINA!!!

Graziano- corpo di mille… oh calma ne se no ma sa infiame subit e faccio … faccio FUOCO !

Carlotta - (al pompiere) gal sintit el ga dit … Fuoco! coraggio el ga smorses i bollori

Nerone- (urlando) fuuuoco? fuoco? dov’ è l’incendio, dov’è ? dov’è ? Alferdo- sior pompiere el taches la so pompò el ga dages una laàdo de co al

talebano che (e rientra nel bar)

Graziano – talebano? Tale chi?

Nerone- (urlando) (corre dietro le quinte e rientra con l’altro capo della manichetta) dov’è dov’è la pompa dov’èche la posso attaccare attaccare?

Carlotta – ah che en piasò ghe nüsü attachi el vaghes a caso de so suocero là ghe la POMPA funebre!!!

Graziano- madoro quato zent la me rapina l’è endadò en föm

Nerone- (urlando) fumo… se c’è fuuumo c’è l’incendio, acqua acqua ho bisogno di acqua, acqua

Alfredo –(uscendo dal bar con un bicchiere pieno di acqua ) pronti l’acqua

Garziano-( la prende e se la beve) oh grassie ghere la gulò che ma brüsaò

Nerone- (urlando) bruciava… presto a me il fuoooco a me le fiamme, fiamme

Carlotta – me ta darese le fiamme eterne… lasa le de usa, che ghè nüsǜ incendio

e siccome ta set semper un Vigilie cato sö el bandito Graziano e portel a chel paes…

Alfredo- se ma qual paes?

Carlotta- föra dai pe…

Nerone – lü sior bandito el ma daghes una ma a fa sö la manichetta

Graziano- manichetta? ma se el ga le maneghe cürte!

Nerone – ma no manichetta …el tübo de l’acqua!

Camillo- eccoci som che siuro contessa… sif amo töcc entrec?

Alessia- ma cosa succede? ma Graziano cosa ci fate qua

Graziano- oh oh … la duturessa del ricovero … emmm sono in libera uscita

Alessia- è scappato di nuovo? via presto andiamo che ti staranno già cercando,

chissa come saranno preoccupati al ricovero Carlotta- preoccupati? ah per me i sarà cuntecc de il pirdit!!! Alessia- ma… si è fatto male qualcuno?

Alfredo- del male no … ma qua qualcuno si è FATTO!!! e ga se brüsat el cervel Nerone (urlando e risrotolando la manichetta ) bruciato? il fuoco … dov’è

dov’è…

Alfredo – e se ciao , ma sa pöl mio destacago la spina a lüche?

Graziano- corpo di mille …( alzando l’indice al cielo si avvicina al pozzo e vi getta una monetina ) ecco cosa farò…

Alessia – cosa vuole fare ancora? Garziano – da grande farò … il pompiere

16


Nerone – se corpo di mille vigili

Carlotta – siuro duturesso se la ol mio turna pö tarde, ga cunvie tö sö apo a lüche (e indica Nerone) due piccioni con una fava!

Alessia – signori andiamo che ormai l’è tarde su su via camminare ( ed escono con la manichetta )

Miss- all right, ma Carlotta ti ricordi? Fuoco, acqua, uomo nero, uomo che urla… la Gipsy !!!!

Carlotta – (prima si immobilizza fissando nel vuoto , dopo un po si siede e comincia a barbottare)… fuoco…acqua… urla… Zorro…

Miss- allright, sembra proprio tutto ok yes

Carlotta – (riprendendosi) tutto ok un bel corno!!! Che se la sengheno la ga risu

tal set a po ate come la va a fini!!! (intanto la zingara attraversa di nuovo la piazza senza dire niente facendo il malocchio)

Miss- all right, ma su sarà di nuovo una coincidens yes!!

Carlotta – orait orait ma che le coincidense le cumincia a eser un po’ tante!!!

L’et vesta che l’è pasada de che amo....la ma tent.....

Miss- o yes … now andiamo a casa su (e rientrano in casa)

Intanto arriva ancora Giacomino il contadino con un salame in mano.

Giacomino- orco cane l’è gnamo riat, ma entat ma sa sente zo che al bar

Alfredo – (uscendo) o buondi Giacomino, cosa ta porte? un bel cappuccio…

Giacomino- no no, portem un cafè, so dre a spetà una persuna

Alfredo- una spasimante … vede che ta ghet portat un regalino …

Giacomino- no no, so dre a speta el me aucat, Fausta… l’inafusta, el regalino l’è

per le

Alfredo- aucat ma cosa ghet cumbinat amo?

Giacomino- ma nient, l’è per chelò olto che go fat l’incidente con la machina contro la siuro Fortunata Bendocchi

Alfredo- Bendocchi con la benda sugli occhi, d’altronde la sa ciamo Fortunata....la Fortuna l’è cieca o no?

Giacomino- se ma la sfiga la ga et be fes, e con la siruo Fortunata, dopo l’incidente, ghe stat un po de discussiu

Alfredo- ma ricorde, va seref mio mitic apò le ma ados?

Giacomino- se ma la gherò cumincit le però

Alfredo – se ma ta let mandado a l’uspedal!!! mai picchiare una donna nemmeno con un fiore!!!

Giacomino- con lele pö che un fiur, ga ulares un cactus… e po l’era töto scena, la faò fintò!

Alfredo- ma set sücür del to aucat… Fausta l’infausta … al sul penser ma sa strenz le ciape … quasi quasi sare el bar... t’al set che i dis che la porta sfiga...

Giacomino- ma dai, l’è mio ise tremenda!!!

17


Alfredo- l’öltemo olta che l’è stadò che ghe mort el poer Gepy… l’ero sentat zo propes sö che la scagnò le (e indica la seggiola di Giacomino che con un balzo salta in piedi)…

Giacomino- Santissima Vergine…

Alferdo- e pensa che le la gherò apena dit: oho Gepy ta ede miò tat be… set malat?.... el ga fat gna a urò a fini el cafè !!!

Giacomino- urco cane… portem un succo de frötò alura, sarà mei!

Intanto arriva Fausta, elegantissima e tutta vestita di nero.

Fausta- buondì carissimi… tutto bene?

Giacomino- (un po’ impaurito) tutto… tutto bene siura Fausta, ma prego la sa acomodes… (ma intanto Alfredo sposta la seggiola per darla a Fausta e cosi nel sedersi va per terra a gambe all’aria) aahhh… la me schenò

Alfredo- oh scüsem vulie mio fat burla zo ( e nel chinarsi per aiutarlo a rialzarsi gli rovescia addosso il vassoio con tazzine e bicchieri che aveva raccolto )

Fausta – ma insomma Alfredo stia attento su… mi sembra un po’ distratto, mi porti un grappino ma la spaventa qualcosa? tutto bene in famiglia?

Alfredo- tutto bene, benissimo, benissimo !!! ( e in fretta e furia rientra nel bar) Giacomino- ma se blocat la schena… e so töt miss, someà che ma sapes pisat

ados!

Fausta- sö da brao el sa sentes zo che me go mio tep de perder, go de na a fago visita a la morta… la me izina de casò, ghe mort la siuro Maria Bombarda, naem mia tat dacorde, la püdiò mia idim, eh ades la sarà cuntetò

Giacomino- de eser morta?

Fausta- ma no ades la ma et po’ de sücür !!!

Giacomino- pace all’anima sua

Fausta- (togliendo dei documenti dalla 24 ore nera) ma egnom a noter… go analizat el so caso, certo che ta l’et fadò grosò… tamponamento con rissa!!! vedet che, secondo la legge 725 bis comma 3, che i ta fregò … comma 5, che i ta frega… comma 11, che i ta frega… comma 17 bis, che i fregom, che i ta frega, che i fregom, che ita frega, che i ta frega, che i fregom… comma 21 che i ta frega...

Giacomino- la ma scüse siura Fausta … ma comma mai, a me i ma frega e a lur i fregom?

Nel parlare Fausta, in scena cade qualcosa per esempio un lampioncino che era appeso nelle piazza e Alfredo che era uscito col vassoio rientra

Alfredo-(esce) madoro me… vegne dopo…(rientra)

Fausta- Giacomino, sö de brao… lasem laurà … al momento dell’impatto a che distansa seret da la siura Fortunata?

18


Giacomino- ma me pense che al momento dell’impatto serem praticamente tacacc… se no che impatto saresel stat?

Fausta- se ma ela stadò le a ignit a dos o ta set stat te a tampunalò? Giacomino- me nae normale ma le la nao trop a belaze, quindi le come se la ma

sapes vignido ados a me che nae normale… o no? Fausta – a se, sö la strado bisognò miò encantass… Giacomino- esatto, la zent l’è mio en giro a bambanà Fausta- ma dopo l’impatto, come mai le la ga sunat el classon?

Giacomino- dopo che me lo sfiurado col me gippone… le, da la rabbiò col co la ga sunat el classon … do olte

Fausta – ma dopo l’è gnido zo subit da la machinò?

Giacomino- machina… ma qualo machina, la vardes che la ga un sulky

Fausta – un sulky,.... i gares de proibiì sö le strade normali

Giacomino- i gares de fai na sö le piste ciclabili!!!

Fausta- elo saltado zo sübit dal sulky?

Giacomino- sübit no … ma dopo el secont testa coda, lè gnido förò rabido, coi caei töcc en pe… la fao poro e me ma so spaentat

Fausta- cosa talò dit

Giacomino- la sögötao a usà come na matò e la me gnido encontra

Fausta- e te cosa ghet dit?

Giacomino- ah me so saltat zo per sucurilo, per veder se la s’ero fado del mal, ma le la uzao: assassino assassino… e la me burido ados

Fausta- bene: tentato omicidio e istigazione alla violenza

Giacomino- e quando m’è scapat l’öcc e go est el me antinebbia daanti al me gippone tot piegat alurò go pö est e forse lè le che go dat el slaàciu che la fadò na cotro el platen… ma ga l’ho dat anche per calmalò in po … dal spaent la ragiunao pö

Fausta – quindi te ta l’et sucurido “calmandola, perché la signora era molto spaventata e terrorizzata” e l’occhio nero potrebbe esserselo procurato agitando el sö co contra la tò ma… ma la tò ma come alò

Giacomino- la ma fa amo un po’ mal ma el pasara Intanto da casa escono Carlotta e Miss Ketty

Carlotta- oh ardel che el nos tamponatore di signorine

Giacomino- ( che stava bevendo un bicchiere di vino , gli va di traverso e comincia a tossire) orpo can….

Miss- what are! emm tanato..re?

Carlotta- se nato nato ... el ghe nat adoss come un diretto el me malghes che

Miss- dairet?

Carlotta- se ma el diretto el ga la molat dopo Fausta- buondi siura Carlotta … ma erela la, lè na testimone?

19


Nel parlare Fausta in scena cade qualcosa per esempio un segnale di senso unico che era appeso nelle piazza e Alfredo che era uscito col vassoio rientra

Alfredo-(esce) madoro me… vegne dopo…(rientra) Carlotta- me ga sere mia ma la poera Fortunata se …

Intanto entra Fortunata con il collare da cervicale un occhio bendato e zoppicando va dritta al pozzo

Fortunata- oi oi che mal…

Carlotta – sa parlo del diaol… e compar la sopò

Miss- what are, diaol ?

Carlotta- diaol ... diavolo !

Miss- the devil

Carlotta- se devil devi …ta ghet de denuncial sübit el tamponatore solitario....-

ma Furtunadò che set dre a fa?

Fortunata- so dre a esprimer un desiderio ( e getta una monetina nel pozzo)

Carlotta- e quale saresel… un kalasnicoff?

Fortunata- no… ma spere che i ga ritires la patente al chel maniaco le Carlotta- e cosa cambiò?

Fortunata- che se el völ na en machina ga tocarà cumprass un sulky e alura me töaro un gippone e dopo el spete so la pruvincial!!!!

Fausta – suvvia signora Fortunata Bendocchi… si calmi, il mio assistito è molto dispiaciuto per…

Fortunata- assistito? Ga assiste me argotò, ma söl co però

Fausta- niente sig. Giacomo la saluto e vado in ufficio ci vediamo in tribunale (sta per uscire di scena ed esce Alfredo con il grappino)

Alfredo- la siro Fausta ela za nada? bene bene (e si beve il grappino)

Carlotta- ci vediamo… se ghe ve mio la congiuntivite al öcc bu

Miss- can-giu…can-giu waht is cangiuvite ?

Carlotta- eh se ciao

Fortunata- ta set förtunat che me so mia come chela le se no tal fae me el scongiuro

Giacomino- dai Fortunata podet mio sarà un öcc so tötò la vicendò ?

Ma fortunata si gira e d esce di scena lasciando Giacomino al bar

Carlotta- se la sarò un öcc la deènta completamente orba

Miss- come la fortuna yes la dea bendata all right, ti ricordi la gipsy ?

Carlotta- (molto spaventata) la sengheno… la Fortunata, la dea bendata, sé

avverat töt chel che la gherò dit ma alurò…TU MORIRAI …ma el sares

20


duma… udicere ma sa sente mio tat be. (intanto la zingara attraversa ancora la piazza senza dire niente facendo il malocchio

Miss- coraccio Carlot… non e successo niente

Carlotta- Ardelo le che la pasa amo... Ketty cosa goi defa? … (alla zingara) a che ura möraro? come möraro? Dimel!!!

Miss- ma su Ciarlot , non ti devi impressionare, vedrai che non succede niente Carlotta- se te ta fet bel a dil , perché la senghena la ta la mia dit a te che ta

ghet de morer, ma se averat töt come la gherò lisit sö la me ma… nom ades go de pensaga sura.

Fine secondo atto

21


Terzo atto

La piazza è vuota e Carlotta, molto abbacchiata e Miss Ketty escono dalla loro casa e si fermano davanti al pozzo

Carlotta- lè… eco… riarò a sera? Miss- vedrai Ciarlot … domani sarà un beautifuuuul day

Carlotta – che völ di biuti fuuu … fu el sa entend, fu… che non c'è più? Miss- ma no beautiful… meraviglioso giorno o yes

Carlotta- se meraviglioso ma per i me eredi… a proposit me go gna fiöi e gna caagnöi go de decider a chi lasaga töcc i me averi…

Intanto entra Fiammetta delle pompe funebri che si avvicina al pozzo

Carlotta- che coincidensa siuro Fiammetta… go de decider apò del me funeral e le la capito propes a proposit galo tep

Fiammetta – mah, garese un impegn… gala fresa? Carlotta- go i minücc cüntacc… o OGGI i o mai più !!!

Fiammetta – sentomes zo che al bar e la ma dises ( e si siedono a un tavolino)

Carlotta-voe disponer per el me funeral

Fiammetta- ma ela dre a morer? ela maladò?

Carlotta- no ma come sa dis…”non rimandare a DOMANI quello che potresti fare SOLO oggi”

Fiammetta- la ma dises…

Carlotta- una roba sobria… me go mio sölcc de sbater vià, una cassa lineare e de legn scür… nienet paggetti o beccomorcc che porto la casò … bisogna pagala töta che la zent le

Miss- o yes … ma poi i soldi no ti serviranno più all right?

Carlotta- ta ghet rizù… aluro paggetti daànti e po’ didre de al casò de mort e 8 portantini … come ga if i portantini?

Fiammetta- ma come la ia öl le, de solit ie pensionacc che sa presto per chele do ure

Carlotta- no no me i völe biondi, mia pö bas de un meter e nuanta e i ga de sumeago a Riciar Ghir… el me atur preferit

Fiammetta- sè ghe ne arghù che ga sömea mia tat?

Carlotta- a chel che ga sömea mia la ga dise de sta a caso sò

Miss- ma Ciarlot tu sarai nella bara all right

Carlotta- ta ghet rizù… ardei be te aluro ta set inglese se el somea mia a Riciard almeno che el somese a Dustin Ofman

Fiammetta- e per il carro funebre … mercedes … cadilac… fiat

Carlotta- ah me le patenti ga io mia … quando ghera de na en giro a cata sö i voti ma portao el sindec

Miss- ma Ciarlot non devi guidarlo tu il carro all right

22


Carotta- ta ghet rizù… aluro voe un carro funebre della FERRARI me so tifosa de la ferari

Fiammetta- Ferrari? Ma ga ne mio de car funebri de la ferari!

Carlotta – ah be se le mia de la FERRARI me ga salte mio sö

Miss- ma Ciarlot tu quel giorno non andrai da nessuna parte se non ti ci portano all right

Carlotta – che el sapes almeno Rosso fiammante Fiammetta- e per i fiur… corone, cestini …mazzi recisi?

Carlotta- ah la staghes atento che me so allergica al poline dei gigli… e se ghe i gigli chel de lè me sogötarò a stranuda

Miss- ma Ciarlot se anche starnuterai non si sentira …sarai chiusa nella bara, all right !!!

Fiammetta- va bene, me go ciapat nota, dopo con calma quando la ga tep la egnarà en negose per i particolari la salude (e nell’uscire scuote il capo e col dito sulla tempia fa segno … questa e pazza)

Carlotta- tep… tep… ormai ma resta mia tant tep… Miss- dovrai decidere anche dei… cash

Carlotta- cash? Cash goi de decider? Miss- dei money… i soldi, di tutti i tuoi averi

Carlotta- ah i me solcc, ie en banca al sücür… i ma fröta be i scat nel 2018… udicere ma me nel 2018…

Miss- o yes… ci sei arrivvata da sola stavolta!!!

Carlotta – ma alura a chi gai doi???

Intanto entra Camillo un po abbacchiato

Camillo- grandine, duma i prevet grandine

Carlotta- e alura cosa ghe de igo pora, ma risulto mio che te ta gabet el furmintù pront de trebbià?

Camillo- no siuro badessa emm… Carlotta, ma me pense al Santo padre Pio, la da sul e indifeso contro le avversità della natura…

Miss- - what are... avversità?

Camillo- avversità … el sa bagnara töt cara la me miss Inghilterra

Carlotta- l’è la con le ma deerte … metego en ma un ombrel no?!

Camillo- eh magare el fos ise facil

Carlotta- te Camillo… sere dre a pensa un moment fa, cosa fareset te se ta gherset de igo en ma un bel po de solcc, dizom… regalacc da arghü

Camillo- ah me ga farese subit el tet a Padre Pio, una bela cappelina con tanto di giardinetto töt enturen!

Carlotta- ah me no è, spender dei solcc per un monument che tanto el bruntulo mio se l’è al fret o al calt… però…

Intanto arriva Giacomino

23


Giacomino- signori, preparì le canoè… domani è prevista grandine e pioggia di forte intensità, ciao ces… l’è la olta che el ve föra e allago töta la basò

Miss- what are... alago ?

Carlotta- alago… el fa un lac, come chel del Garda

Giacomino- ghe poc de schersà… con töte le piante che ga sbarò la strada l’acqua, de sücür la spacò i arzen… preparom le pinne cari i me cumpaesà

Carlotta- eh che catastrofico che ta set… te Giacomino ma se te ta gareset de eredità un po de palanche che roba fareset?

Giacomino- ah me ga darese de sicur na bela netato al let del ces… e po’ a töcc i oter foss del cümü…

Miss- what are… foss ?

Carlotta- foss… fossi, fossi matta, sbater vià dei solcc per sgüragò el let al ces, coi verdi che magari i ma fà causò e i ma fà repiantà le betulle so le rie!!

Alfredo-(uscendo) madora quata zent, sif che per l’appi auar? cosa va porte, en bianchi a töcc?

Giacomino- a me portem un gelato de chei scöntacc!

Camillo- a me un ponc, con la scorzetta de limù

Miss- what are… limù?

Carlotta – limù… limone come chei du limù che i völ spender i me solcc per do casade!!!

Camillo- i sò scolcc???

Giacomino- quai solcc?

Alfredo- chi el che da vià i solcc?

Carlotta- te Alfredo, cosa fareset se ta gareset de eredità un po’ de solcc?

Alfredo- me metarese a post la piasa dei poi… un bel ciotolat nöff, dei lampiù

noff, una bela rinfrescado ai mür de le case… ma primo de töt ‘na restaurado al pos dei desideri

Carlotta- un oter limù… restaurà el pos dei poi…

Miss- o yes… sarebbe beautiful… verrebbero da tutti gli altri paesi a gettarvi le money, tante girsl e very boys!!!

Carlotta – se bois … veri boi-ata … lasom perder

Camillo- ma pensom al Santo padre Pio… che de la ensima el gna protegge!

Giacomino- la robo pö urgente le el ces… se no nom töcc sot’acquò!!! Alfredo- acqua… pör de igo i fondi extra ta fareset foc e fiamme!!! Nerone- (entrando di corsa) fuuuoco fiaaaamme il fuoco dov’è dov’è Carlotta- madora ghe che el pumpier… acqua, acqua solo acqua fermet Nerone Nerone- si ma l’incendio dov’è, dov’è???

Carlotta- smorsò i bollori Nerone, che fet che set mia da la tò Fiammetta? Nerone- Fiammetta?! dov’è dov’è (sempre di corsa) Fiammetta-(entrando) so che, so che, Nerone fermet…fermet, CENERE!!!

E sentito questo Nerone si blocca

24


Fiammetta- ooooh le lè l’unica parola che la bloca Carlotta – cenere?

Fiammetta- e se cenere se ghe cenere ghe pö nüsü incendio…

Calotta- ah chela cenere!!!... certo che cenere usat da una direttrice de pompe funebri, “cenere eravamo e cenere torneremo…”

Miss- o yes en englis cenere is …the ash(es)

Carlotta- es? e-som dre a fa un casot… a proposit Fiammetta, cosa fareset se ta gareset de eredita un bel po de palanche… dizom... da spender per la comunità?

Fiammetta- ah me farese slargà el cimitero… ghe i loculi tocc piè… som pö en do meter i morcc, se le gares de morer duma…

Carlotta- ma… gala encontrat la senghena apò a le?

Fiammetta- senghena? Me no! me disie, se le la gares de morer duma, ga tocares de na en prestit

Carlotta- prestit de che roba? Fiammetta- ma del loculo no! Ghe pö loculi al cimitero

Carlotta- ah no en presiti no!!!… pötost fo sensa more!!! rifiuto le fiamme dell’inferno

Nerone- fiamme? ma l’incendio dov’è dov’è ?

Carlotta- fermo le cenerino, e te cosa fareset envece con un camion de solcc? Nerone- me farese la caserma dei Vigili del fuoco, che en paes la ghe mio, il

terribile nemico potrebbe divampare da un momento all’altro… Carlotta- sta calmo, enfiamet mio

Nerone – (agitatissimo) il fuoco il fuoco… dov’è , dov’è ?

Carlotta- fermet… fermet… CENERE

E Nerone si blocca

Carlotta- Fiammetta ma cosa ga det de mangià a lüche… peperoncino rosso?

Fiammetta- l’è tre de che el mangia en bianc perché el ga brüsur de stomec

Nerone- bruciore brucia… al fuoco, al fuoco!!!

Carlotta- fermet le, cenerino… una caserma dei Vigili del Fuoco?

Nerone- certamente, il fuoco è il pericolo numero 1 , un incendio in via Roma, (la via principale del centro) potrebbe coinvolgere tutto il paese, e sarebbe unacatastrofe!!! Con una caserma nuova saremmo subito sul posto e sconfiggeremmo il pericolo pubblico numero 1… il fuuuuoco!!!

Giacomino- ma che fuoco lè l’acqua el pericolo pubbilco numero 1 se el ces el straripò ga sarà pö nüsü incendi!

Carlotta- ma ensoma fuoco, acqua… ga capese pö nient!

Miss- Tranquil Ciarlot … vedrai che qualcosa risolviamo o yes!

25


Intanto entra Fortunata Bendocchi con il collare, senza benda , ma con l’occhio nero.

Fortunata- eh ma quata zent … ghe sücess argota? ah… ghe che apo el pirata della strada, ghet tirat sotò amo arghü col tò gippone maledetto?

Giacomino- dai sö de brao esagera miò… ta troe un po mei

Fortunata – so me che ga ede mio tat be, go tirat via la bendo ma me restat un bel ricordo de te!!!

Giacomino- so za nat a eder dal mecanico e visto che el to sulky le….

irreparabile, per fa pace go za urdinat ‘na bela panda… rosa Fortunata – se ma al me col e al me öcc negher cosa ga compret ??? Alfredo- comprego ‘na bela bisteca

Carlotta – se… al sangue però!!!

Miss- sangue???

Carlotta- o yes… sangue nelle vene, de che a un po, spargimento di sangue…

Miss- sangue … the BLOOD (blad)

Carlotta- no no de sangue ble che ga ne mia… sangue rosso, rosso fiammante Nerone- fiammante, fuoco fuoco, dov’è dov’è (agitatissimo)

Carlotta- …CENERE! (e nerone si calma) te Fortunata, visto che ta set en debit con la fürtüna … cosa fareset per la comunità se ta gareset de enser un bel po de palanche?

Fortunata- ah me enpienesarese el paes e le vie limitrofe de chele bele culunine zalde, che quando ta paset col tò bel machinù ( guardando Giacomino) a töto casado le ta mando la foto ricordo a casa, e se la ve mossa ta ghet de paga ‘na bela multa, ise magare la olta dopo ta ga paset daànti pö a belaze e ta ga fet un bel sorriso!!!

Giacomino- ardo che le fa la foto apo ai sulky

Fortunata- se ma bisogna che ta ga paset daànti enpenadò però!

Carlotta- culunine zalde, io mai veste

Miss- certamente, tu non guidi the car

Carlotta- car, la ta costa car se ta net de ondò, se go mio capit mal?

Camillo- a se per el cümü la sares un fonte de entrade mia de poc

Giacomino- na fonte, de acqua ga non bèle a se en paes, de chele foto ricordo le

no ciapat giöno a bresa el mes pasat…150 euro…e la ma brüsa amo! Nerone- brucia, chi è che brucia, dov’è che brucia, dov’è, dov’è?(agitatissimo) Carlotta- … CENERE ! (e Nerone si calma) ma dei solcc, per fa spender dei

solcc, so mio cunvinta

Intanto entra Fausta l’infausta e si siede ad un tavolino

Fausta- buongiorn a töcc… sior Alfredo un cappuccio con cornetto (nel parlare l’insegna del bar si stacca e cade e Alfredo tremolante entra a prendere il cappuccio)

26


Giacomino- per töta chela sfiga che, ga öl un cornetto… gigante

Fortunata- el cornetto el ta ulares a te söl to gippone, da quant ta ga let ta set za nat tre olte forò strada e do olte contro un platen, el mio un po’ gros per te

Giacomino- se ma el ma fa senter importante

Fortunata- se de solit, i dis, che la machina groso le per cupensa el cervel che lè picini, per mio parlà de argot oter!!!

Fausta – sior Giacomo, cosa mi fa lì con la controparte… si sta facendo corrompere?

Giacomo- ma no siuro Fausta… som dre a ragiunà

Fortunata- ah se perchè se no, me CONTROPARTE all’attacco cara la me infausta!!!

Fausta – ma Giacomo non scenderà a patti col nemico… lei ha tutte le ragioni per metterla a ferro e fuoco!

Nerone- Fuuuuoco fuoco, il fuoco, dov’è dov’è ?(agitatissimo) Carlotta- … CENERE ! (e Nerone si calma) siuro Fausta le che l’è

un’avvocatessa de successo … se la ghes de ricavà un bel mucili de solcc insperati… come la ia spendares per la cumunità?

Fausta- nde le me priorità ga sares de sücür un ufficio per el giudice di pace, che en paes el ghe mia e per tante controversie el sares un bel aiuto a töta la cumunità… pödaresel fal me che so en graduatoria… con un po’ de fürtüna!

Alferdo- (uscendo tutto tremolante) siuro Fafafausta el so cacapuccio con cornetto (e dietro la schiena fa le corna )

Fausta – oh grazie mille Alfred…

Alfredo-( guardandosi in giro ) ma ghe burlat zo nient… (sospirando ) bene bene ( poi rientra nel bar e si sente un fragore di piatti e bicchieri che cascano in mille pezzi, uscendo con la testa dalla porta ) come non detto.

Intanto entrano Alessia e Graziano

Garziano- corpo di mille… cosa sücet… ghe stat una rapina?

Camillo- madora, ghe che el bandito Graziano… oh, set en licensa premio, o lè la to urò de aria?

Alessia- no so dre a purtal a fa un giretto… l’ero dre a rapinà la cuzina del ricovero, la cuoca nel vidil col passamuntagna la se spaentado e la ga ribaltat la padela che la gherò sol föc

Nerone- fuoco?, dov’è il fuoco? , dov’è dov’è? (agitatissimo)

All’unisono tutti i presenti-… CENERE!!! (e Nerone si calma)

Carlotta- ma el periculus chel … bandito le?

Alessia- ma no, come lü ghe ne tre o quater a la casa de riposo , ie le ormai, da quando i ga sarat i manicomi, bisogna ardago dre ma ie bu come el pà

Miss- - what are... mani-comio yes?

Carlotta- la casa dei macc… pazzi !

27


Miss- o yes… madhouse (medaus) Alferdo- medaus … medau argota de tegner

Carlotta- duttureso Alessia le che l’è ise attento al prossimo, se la ghes de eredità una barco de milù… cosa faresela per la comunità?

Alessia- ah me i spendarese per el ricovero, l’è mitit mia tat be, le poche tere dei lasciti ie dre a finì, de zent che laso argota en eredità ai noni o malacc anziani ghe ne mia tacc… de che a un po bisognarà cumincià a eliminà qualche let e qualche nono sensò parecc el podara mio eser seguit come al ricovero, e ame ma pians el cor !

Garziano- me cumprarese un passamontagna nöf, chel che go el ga un büs propes ensima al nas

Carlotta- quate bele robe … ma me ades come foi?

Miss- o yes devi decidere tu Ciarlot

Camillo- decider che roba ?

Tutti si fanno attenti e ascoltano Carlotta

Carlotta- me vülie dago un po’ de palanche a giü de oter da spender per el bene de töta la cumunità … ma so mia quala idea cata föra!!!

Camillo- la lase perder töcc… el tet a Padre Pio le endispensabil el pol pö spetà Giacomino- tal al dit lü ? sö de brao, siuro Carlotta, le piante nel ces , chele le

pöl pö speta!!! altro che la tettoia a un toc de bronz!

Camillo- ma la tettoia…

Giacomino- fam mia enfiama

Nerone- fuuuuoco, la caserma dei pompieri, si si la caserma dei vigili del fuuuooooco! (agitatissimo)

Camillo e Giacomino- … CENERE ! ( e Nerone si zittisce)

Alferdo- sé, ma vulif meter per el paes una piasa töta nöa, che biglietto da visita per i forester

Fiammetta- se!!, bel paes, chel sa pö en do sotrà i so morcc… el cimitero bisogna pensa al cimitero…

Fortunata- sè metom mia le culunnine i morcc i ga sarà debu e mia poc… la zent la ga de na a belazine en paes, le culunine bisogna pensà a le culunine siuro Carlotta!!!

Fausta- se ma sensa giudice di pace che decit sö le mülte e gl’incidencc el sarà semper un pandemonio… l’ufficio per el giudice di pace siuro Carlotta… Alessia- ma cosa disif… se anche scamparif fino a cent’agn se garif mio chi va

cüra, endo pinsif de na … patarif le pene dell’inferno Nerone- inferno… fuoco e fiaaaaamme fuoooooco dov’è dov’è ?? Tutti insieme-… CENERE!!!!!

Tutti si zittiscono e si guardano per almeno 5-6 secondi, silenzio totale poi Graziano

28


Graziano- e un passamontagna nof ?

E tutti si scatenano e comincino all’unisono , nel casino totale a ribadire le proprie idee: Piante , caserma, piazza, colonnine ecc ecc… fin che Carlotta urla, e tutti si zittiscono

Carlotta- BASTAAAA!!!!! Basta, voe pö senter nient, ga do nient a nüsü, miss Ketty , mandei via… ma sa sente mio be (e affaticata e tenedosi la mano sul petto si siede a un tavolino)

Camillo – ah me turne en cümü buonasera a töcc

Giacomino- me turne da le me ache vegnet Fortunata pode cumpagnat?

Fortunata – se ma mio col to gippone!

Fiammetta- nom Nerone nom a caso dai (ma Nerone non si muove)… sta bruciando la caserma dei carabinieri !!!

Nerone- fuoco fuooco (ed esce correndo con Fiammetta )

Fausta- go de na apo a me … Alfredo quat goi de dat per el cappuccio e…

Alferdo- (mentre dietro la schiena fa le corna ) nient nient ofre me la sa figures

Fausta – o grassie… a buon rendere… ci vediamo (ed esce)

Alfredo–( facendole le corna) a buon rendere un bel corno ed entra nel bar ( e si sente ancora fragore di piatti e bicchieri che cascano in mille pezzi, )

Alessia- nom Graziano, nom a cumprà un passamontagna nöf

Graziano- se ma sensa büs söl nas pero! E magari fussio! (ed escono)

Carlotta – quate bale go sintit

Miss- ma Ciarlot… tu chiedevi e loro rispondevano secondo le loro emm demand

Carlotta- demand?

Miss- si demand… emm en italy “esigenze” yes

Carlotta- se demand …i demand a chel paess!!! Töcc, udicere Miss Ketty… portem a casa ma sa sete mia tat be… e po manca mia tat a mezanot…

Miss- cosa ti senti Ciarlot ?

Carlotta – go un peso che ma schisò … che söl cor, ma giro el co… portem a casa presto, voe bötam zo per un po.

Le due entrano in casa le luci si abbassano, buio totale , poi si sente suonare a morto e al 10° rintocco le luci si alzano lentamente, è il giono seguente e tutti ritornano in piazza dopo il funerale.per primi Alfredo , Camillo e Giacomino

Alfredo- eh le nada apò a le… lasem derver el bar, che magare arghu nel turnà dal cimitero el sa ferma a beèr un gos de vi… per desmentegala!

Camillo- poareta… el de prima l’era che töta pimpante el de dopo l’era stenca come en veru.

Giacomino- e la ghera gna fioi gna cagnoi, chi ereditara le … ma?

29


Fausta- (entrando) ah sembra che di testamento non ci sia traccia … nara töt a la parrocchia?

Fortunata-(entrando) töt el so tribülà a ‘nmocia sö palanche e dopo… ? Alessia- ma ghif vest gna a la tomba a la ghera pensat … l’è finida en prestit e

dopo chissà endo i la metarà… magare en tera con una cruss de legn

Fiammetta- a me l’ere dit ier che el cimitero el ghera bisogn… però ma sculta mai nüsü

Giacomino- töcc i gherò dumandat argota … ma la ga , mulat nient!

Alfredo- la gares pudit fa del be … envece la pensaò apena ai so comocc

Camillo- l’ho mai vesta a fa un’offerta o un regal … un pensiero, per chele

persune che be o mal le ga stao visi… e le ghero la pasiensò de supurtala Nerone- se se la ghero mio un bel carattere … una olta la ma tirat una sedelado

de acqua… perchè usae fuoco fuoco!

Alessia- la s’era mitido en lista per vegner al ricovero ma dopo la ghera catat chi che ga fao un po de cumpagnia e la s’era ritirado sübit… ise ciao lascito!

Poi entrano Carlotta e Miss Ketty anche loro vestite in nero

Carlotta- ardei che i la apena sutradò e sif za dre a sparlacià… poera Maria Bombarda!!!

Fausta- con töcc i dispecc che la ma fao, la me isina, le za tant che so gnido al funeral

Camillo- e con chel che la ga MAI fat … le za tant che al so funeral gheres arghù!

Carlotta- ta ghet rizù… me go pensat sö töta not… e voe mia fa la stesa fi, voe eser ricurdado per chel che go fat, mia per chel che go mia fat…(si siede a un tavolino e dalla borsetta toglie un blocchetto degli assegni) e quindi sota:a te Camillo per il Santo Padre Pio e la so tettoia (e firma un assegno)

Camillo- (lo guarda e rimane stupito) Santissima Trinita!!!

Carlotta- no!! go dit per Padre Pio, la Trinità un otra olta, a te Giacomino … per le piante del ces (e firma un assegno)

Giacomino- urco cane ie fin trop…

Carlotta- metà ie per tirà sö le piante dal ces e l’otro metà per pianta le betulle nel to cap visi al cimitero … un vivaio , ise i verdi i rompara mia le scatule

Giacomino- caspita … un VIVAIO visi a un CIMITERO ise i sa bilancio Carlotta- ( firma un assegno) Alfredo, chesto le per la piaso tirado a nöf… ma

racumande i laurà t’ai seguet te, la ga de eser la pö signorile del la basò Alferdo- rifarom töt el paiment e magare tirom via anche chel pós le Carlotta- proego mia … voe un pós tirat a nöf, ( firma un assegno), tò

Fiammetta chesto l’è per el cimitero… ma racumande un loculo el ga de eser per me e mio trop en valtò

Fiammetta- a la sa preocupes mia, se la öl la pöl vegner a catal foro amo duma

30


Carlotta- ghe mia fresa , ( firma un assegno) tò Nerone… per la caserma dei Vigili del Fuoco… el pö prest posibil… tal set, me sto en via Roma…

Nerone- mande sübit la richieta al comando de bresa… e ga fo fa fuoco e fiamme!!!

Carlotta- Fuuuuoco… ( firma un assegno) chesto per te Fortunata, des culunine ele ase…

Fortunata- con des culunine a la zent ga cunvegnara na a pe e sarom töcc pö tranquilli en centro al paes

Carlotta- e ases a le Fausta, con la promesa de deènta un po’ meno infausta Fausta- casa sa entendela , la pensara mia che me portes sfurtuna ?

E mentre paela in scena cade un altro lampione

Alferdo- sara mei che me vaghes nel bar (ma nell’entrare inciampa e code all’interno del bar e si sentono ancora un fragore di piatti e bicchieri che cadono)

Carlotta-( firma un assegno) eco che per l’ufficio del giudice di pace … sperando che la sapes vera pace…ma mia pace eterna !!!

Fausta- la sa perocupes mia sol laura me go mai schersat

Carlotta- e infine a le Alessia( firma un assegno) l’assegno pö gross…per un passamontagne fuxia… e per la casa de riposo … me ormai so ecia… e un pustizi quando po nüsü sa ricordarà de me magare el ma farà comot

Alessia- la staghes tranquilla siuro Carlotta, con töt el be che la ga fat encö de le i sa ricordarà en tancc

Tutti escono ringraziando e sventolando l’assegno

Miss- carissima Ciarlot… come vedi alla fine non sei morta la Gipsy non aveva ragione o yes

Carlotta- la ga enduinat töt… e sö la me mort en qualche maniera la ghera rizù… la vecchia Carlotta l’è mortò e sotrada, da oggi ga sarà un nuova Carlotta.

Che la storia che, la ma fat capì che l’è inütil sögöta a möcia sö palanche e

averi , se pense a quato zent che per el dio denaro, o per un po de ambiziu la

rinucia a le gioia del sta ensema a chi sa ga ol be, a cosa serf deènta sior …

se po ta spartet le to gioie con nüsü, en paradis o a l’inferno de palanche

t’an portet mio e prima o poi el salto gom de fal …töcc … el paradis bisogna

cumincià a guadagnasel che sö la tera entat che som amo vif… e pudom fa

del be per ioter.

Poi con Miss Ketty si avvicina al pozzo ci guarda dentro e vi getta una monetina e al pubblico dice…

31


Carlotta- un desiderio…ta dumande de fam pö cambia… caro el me… “ pós dei poi” !!!

fine

32

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno