El quarto compagno

Stampa questo copione

In casa

EL QUARTO COMPAGNO

di Rino Gobbi

(commedia breve in dialetto padovano, in 10 tempi)

Personaggi:

OSCAR                      primo ex compagno di scuola                  

GINO                       secondo ex compagno di scuola   

ENNIO                     terzo ex compagno di scuola         

AUGUSTO              quarto compagno di scuola

trama

Oscar e Gino stanno aspettando Augusto che li deve avvisare dell’arrivo in paese di Ennio, un loro ex compagno di scuola, per truffargli dei soldi visto che da un incidente ne aveva ricavati tanti.

Per caso si presenta alla loro porta proprio Ennio, che loro non riconoscono perché trasformato fisicamente, appunto a causa dell’incidente. Anche Ennio non riconosce i due perché soffre di amnesie temporanee.

In un momento che Oscar non c’è, Gino spiega a Ennio dell’inganno che stanno tramando ai danni di un ex compagno di scuola, non sapendo che quel compagno è quello a cui sta parlando. A questo punto a Ennio torna la memoria e, visto la disonestà dei suoi ex compagni di scuola, se ne va senza farsi riconoscere.

Quando Augusto riferisce che Ennio doveva essere già arrivato in paese e che era cambiato fisicamente, i due si rendono conto chi era l’ospite. Oscar rincorre e riporta a casa Ennio. I due amici mettono in atto il loro losco piano non sapendo che Ennio sta fingendo di assecondarli, tanto che quando compila l’assegno lo intesta ad Augusto, che lui ha saputo essere onesto e messo male finanziariamente. Poi se ne va.

Quando entra Augusto e vede l’assegno intestato a lui, crede sia la mancia promessa dai due e se ne va ringraziando.


In casa di Oscar, lui e Gino stanno conversando in attesa di Gustavo.

OSCAR          No sta miga fare chea facia là, seto. Ti no te ghe da preocuparte de gnente: fasso tuto mì.

GINO             Ma qualche paròea bisognerà pure chea diga, non vojo fare ea figura da ebete.

OSCAR          Tì, ea figura da ebete? Ghe ne xe  xa do de ebeti in sta storia.

GINO             Chi xe? Noantri do?

OSCAR          Ma ora sì che te sì proprio ebete. Intendo Ennio, queo che ga da arivare in paese con un casìn de schei, dopo chel xe sta risarcìo per l’incidente chel ga vu.

GINO             Ma sito proprio sicuro che nol sia cambià dopo l’incidente? Varda chel jera bruto, seto?

OSCAR          Chi, Ennio?

GINO             Ma no Ennio, l’incidente, qua no se capìmo proprio! Come schei l’è cambià de sicuro: eo sa tuti chel ne ga tanti; ma te sé, a scoea el jera tanto ingenuo, questo eo ameto anche mì, ma li ani, e dopo, apunto, l’incidente può darsi cheo gàbia svejà.

OSCAR          Ma dai, ebete…

GINO             Ma ora so proprio ebete.

OSCAR          Ebete nel senso che tì no te ghe dimestichessa coea psicologia umana: el tempo e le bote no modifica el caratere che ga uno: eo el jera un poro mona chel ghe dava tuto ai altri, e te vedarè che anche adesso l’è cossì. Te ricordito almanco quando che ghe contavo ea storia dell’orso disendo che no ghevo soldi per comprarme ea merendina, e éo me dava subito ea soa?

GINO             Sì, che me ricordo, me ricordo anche come che me vergognavo per ea sfaciatagine che te ghevi.

OSCAR          Ma dai, mona…

GINO             Te ghe cambià ofésa stavolta.

OSCAR          Insoma, el xe un modo de dire, per farte capire che te sì ingenuo anche tì se no te vedi el lato altruista dea roba.

GINO             Quaea roba?

OSCAR          Ma dea merendina, no? Dime, perché eo fasevo?

GINO             Per magnartea tì.

OSCAR          E te pensi cheo ghesse fato soamènte per questo? Che no ghesse pensà anche aea sa saute?

GINO             Aea sa saute?...

OSCAR          Aea so saute, sì. No te te ricordi miga quanto grasso chel jera, el gaveva na facia come el soe.

GINO             Bè, sì, e ora?

OSCAR          E ora, se eo garìa continuà a magnare e pastine, a un certo punto el sarìa sciopà, o sbaglio?

GINO             Sì, questo xe vero.

OSCAR          Vèdito ora che mi so un altrista: pensavo anche per éo.

GINO             Magnandoghe e pastine?

OSCAR          Magnandoghe e pastine sì, perché el dimagrisse un poco.

GINO             E chea volta, quando che te ghevi magnà quee dei altri e gnancora contento te te ghe fato dare el so panin per magnarteo pì tardi, e teo ghevi sconto incatià fra el muro e el cestin deirifiuti?…

OSCAR          Chea volta che dopo jera andà e formighe e mi no go pì voèsto magnarlo?

GINO             Chea volta là, sì.

OSCAR          Ma te ameterè che Ennio se gheva acorto de dove cheo ghevo sconto, co chea vista chel gheva…

GINO             Eo ciamavamo ocio de lince; a me ricordo ben come chel riussiva a lésere i voti sul registro dal so banco: na roba incredibie!

OSCAR          Vero, e ciò, se dopo nol ga pì voesto magnare el panìn, non sarà mia sta colpa mia?

GINO             E de chi xe ora?

OSCAR          Ma dee formighe, no? E te ricordito come che xe andà a finire ea storia?

GINO             Dee formighe?

OSCAR          Sì, dee formighe, del panin…

GINO             No, che no me ricordo.

OSCAR          Chel panìn seo ga magnà el secondo ebete (risata).

GINO             E chi jereo el secondo ebete?

OSCAR          Ma queo che ga da vegnere qua daea piassa, per avisarme quando che ariva Ennio, el primo ebete.

GINO             Te voi dire Gustavo?

OSCAR          No semo drio aspetare Gustavo? E ora Gustavo xe el secondo ebete… Me racomando quando chel ariva…

GINO             Chi? Gustavo?

OSCAR          Ma no Gustavo: Ennio. Tì te ghe da fare na facia triste, anssi disperà, come uno chel voe farla finìa perché nol riesse pì andare avanti… Come che te go dito, farò tuto mì, tì te ghe soeo da farme ea spaea, e te vedarè che chel tonto de Ennio ghe casca e, cossì compassionevoe come chel xe, e co tuti chei soldi chel ga, de sicuro me sgancerà i do milioni per sta ipotetica cambiàe che tì te doverissi pagare.

GINO             Do milioni?… No poemo fare un milion soeo? A mì me pare massa schei.

OSCAR          Va là, bauco…

GINO             El to repertorio dee ofése l’è infinito.

OSCAR          Dai, no sta farme perdere tempo, che Gustavo podarìa arivare da un momento all’altro. Do milioni, perché dopo se dividémo un milion a testa. Ma se te vui fare un milion, per mi fa eo stesso: meo tegno tuto mì.

GINO             E ora xe mejo do milioni.

OSCAR          Vèdito! Su, tiente pronto che apena ariva Gustavo partìmo in picchiata e andémo in piassa prima che Ennio vegna contatà dai altri compagni de scoea, che magari i ghe domanda dei soldi prima de noantri.

GINO             E se i soldi ghei domandasse Gustavo?

OSCAR          Scusa, perché eo ciamo ebete? Perché l’è ebete, e coea mancia che ghe ghemo promesso, gnanche se sogna de domandare i soldi a Ennio.

GINO             Go sentìo chel xe messo mae finansiariamente: el me fa pecà.

OSCAR          E no ghe demo ea mancia! Dai, dai: sta facia qua faea quando che ariva Ennio (bussano). Eco Gustavo. Su, tote ea jacheta che partìmo subito… anssi no sta métertea, sta in camisa chel te veda miserabie.

GINO             Ancora co ste ofése?

OSCAR          Varda che se xe per schei, bisogna acetarle, farìa eo stesso anche mì.

GINO             A mì me pare che tì no te pari proprio un miserabie.

OSCAR          Ghe mancarìa, con chea testa che go! (apre la porta, si presenta Ennio, irriconoscibile perché dimagrito, e con un paio di occhiali dalle lenti spesse).

…………………………………………………………………………………….

OSCAR          Toh, chi xeo eo? Cossa xeo vegnu fare qua?

ENNIO           Na roba aea volta, se no non capisso.

OSCAR          E ora: chi xeo eo?

ENNIO           Noeo so.

OSCAR          Come noeo sa, xeo drio torme in giro?

ENNIO           Noeo so, non me ricordo.

OSCAR          E ora, cossa xeo vegnu fare qua?

ENNIO           No ricordo el me nome, el se pensa se me ricordo el motivo perché so vegnu qua. (avvicinandosi a Oscar, e guardandolo da vicino) Ma éo, chi xeo éo?

OSCAR          Come chi che so mì? Mì so el paron de casa.

ENNIO           (accorgendosi di Gino, lo osserva da vicino, poi si discosta e si rivolge a Oscar) E éo, xeo anche eo el paron de casa?

OSCAR          Quanti paroni voeo che ghe sia! Mì soeo so el paron, eo xe un me amigo.

ENNIO           Un amigo? E cossa faeo qua?

OSCAR          A parte el fato che queste xe robe che a éo no garìa interessaghe, mi gheo digo eo stesso cossa chel  fa qua, almanco cossì el capisse chel ga da catàrsea.

ENNIO           El so amigo?

OSCAR          El me amigo?… No, no: éo ga da catàrsea, perché semo drio aspetare uno chel ga da vegnere qua per avisarme quando che ariva n’altro.

ENNIO           El aspeta un fià: xa mì so un poco duro de comprtendonio, no capisso sta storia de uno chel ga da vegnere avisare che ariva n’altro.

OSCAR          Me pare che el fassa aposta a torme in giro.

GINO             A me pare anche a mì. Ascolta Oscar: bisognerìa chel andasse via sto signor qua, perché se ariva Gustavo, noantri a ghemo da partire subito.

OSCAR          Xe da un toco cheo digo. (a Ennio) Gaeo sentìo cossa che ga dito el me amigo?

ENNIO           Sicuro che go sentìo: ne garò tante, ma non so gnancora sordo.

OSCAR          E ora?…

ENNIO           E ora gnente: el medico me ga dito che ogni volta che perdo ea memoria bisogna che staga sul posto; e mì stago qua… voeo che ghe mostra ea risseta?

OSCAR          Roba da mati!

ENNIO           El staga atento come chel parla.

OSCAR          El scolta éo invesse, gaeo ea machina qua fora?

ENNIO           Penso de sì…

GINO             (affacciandosi alla finestra) Urca se ea gà! Varda Oscar, con che rassa de machinon chel xe arivà (Oscar si affaccia).

OSCAR          Visto chel ga ea machina e chea xe tanto grande, el me fassa un piassere, el vaga fora e là, soea machina, el poe distirarse quanto chel voe finchè no ghe torna ea memoria.

ENNIO           Scoltè cari, se so vegnù qua ghe sarà un motivo, o sbaglio?

GINO             Eo penso anche mì.

ENNIO           E ora mì no me movo da qua se prima no me torna ea memoria.

OSCAR          No, questo xe massa!

ENNIO   Sarà anche massa, ma mì stago qua.

OSCAR          (titubante) Mmmm… Ma de sòito, quanto tempo ghe voe perché ea ghe torna?

ENNIO           Me torna cossa?

OSCAR          Ea memoria, non semo drio parlare dea memoria?

ENNIO           Se eo dise èo; comunque i me dise che de sòito ea amnesia, questa xe ea paroea giusta, ea dura un quarto d’ora…

GINO             E ora anssemeo qua, e speremo che nel fratempo no ariva Gustavo.

ENNIO           …Qualche volta i me dise chea dura qualche ora.

OSCAR          Cossa?! Èo el va fora subito, se no ciamo i carabinieri.

ENNIO           E mì ghe mostro ea risseta anche a lori.

GINO             Dai, anssemeo qua e speremo che Ennio el ariva pì tardi.

OSCAR          Tì te sì massa bon. (osserva Ennio che prende il giornale sopra il mobile e se lo porta sul divano, e con le gambe accavallate lo legge).

OSCAR          Questa po’!

GINO             Dai, ansseo stare, basta chel no rompa.

OSCAR          E te pare che nol sia drio rompere? Se ariva Gustavo, dime, cossa xe che femo?

GINO             Andrà uno soeo de noantri a domandarghe i soldi paea cambiàe. E staltro starà  a casa co sto signor qua.

OSCAR          E te andarissi tì da Ennio a domandarghe i schei? No te vedi che te sì drio tremare daea paura che te ghè.

GINO             Va tì, ora.

OSCAR          Ea cambiàe no xe miga mia, come fasso a dirghe chea xe toa se ti no te ghe sì?

GINO             E tì dighe chea xe toa.

OSCAR          A Ennio? El sarà anche un gran mona, ma co chea bea facia che me ritrovo nol me crederà de sicuro; bisogna andare in do da éo… Sperémo chea ghe vegna presto ea memoria a questo qua. (a Ennio) El scolta, nol podarìa sforsarse, magari un poco, perché ea ghe ritornasse pì presto?

ENNIO           Pì presto cossa?

GINO             Ancora?...Ea memoria!

ENNIO           Soi o non soi amnesico? Bisogna capirme, no? Anssi, no ghe sarìa miga un panin, un tost, un qualcossa da metere soto i denti?

OSCAR          Questo xe inconcepibie, anche un panin el voe?

ENNIO           No voì che me torna ea memoria? E ora i medisi me dise che perché ea me torna presto mì go da essere rilassà, e mì so rilassà soeo quando che magno.

OSCAR          Andrò anche a farghe sto panìn; ma el varda de farsea tornare presto se no qua ea se mete mae.

ENNIO           Per eo o per mi?

OSCAR          El prova a indovinare? (va in cucina).

…………………………………………………………………………………….

ENNIO           Anche un biciér de vin, xa chel xe drio. (a Gino) Ma cossa gaeo el so amigo, el me pare un tantin agità.

GINO             El fato xe che, come che ghe ghemo xa dito, semo drio aspetare na persona chea ga da riferirme quando che ariva n’altra persona, che noantri a ghemo da farghe un… ingano… sì, insoma, un scherseto.

ENNIO           Un scherseto?… Ma a quaea persona, el ne gà nominà tante… mì no capisso.

GINO             E ora ghe dirò i nomi, cossì el podarà orisontarse mejo, Gustavo…

ENNIO           (ricordando, tra sé) Eco che xe drio tornarme ea memoria… eco perché so vegnu qua. Che paese xeo questo? (Gino glielo dice)

ENNIO           Proprio in sto paese ghevo da vegnere, ghevo da vegnere qua per… Ma el me conta prima ea so storia, che dopo mì ghe conto ea mia.

GINO             Gnente: ghe xe Gustavo chel ga da avisarme quando che ariva el fesso de Ennio…

ENNIO           “El fesso de Ennio?…” E Gustavo el ga da vegnere qua per avisarve del so arivo?

GINO             Sì, anche Gustavo nol xe chel sia tanto svejo.

ENNIO           Ah!

GINO             E l’è un poro baucòto chel naviga in cative aque, e che Oscar…

ENNIO           (sempre facendo lo gnorri) Chi xeo Oscar?

GINO             Queo che xe deà.

ENNIO           Ah!…

GINO             Oscar xe queo che ga incaricà Augusto de vegnerme a avisare quando che ariva Ennio, e che dopo el ghe garìa dà ea mancia.

ENNIO           Al “fesso de Ennio”

GINO             Machè a Ennio, éo ga tanti schei da non savère pì dove butarli.

ENNIO           Ah!… Ma perché Gustavo el ga da vegnerve avisare quando che ariva “el fesso” de Ennio?

GINO             Per fregarghe do milioni.

ENNIO           Ah! E in che modo?

GINO             A ghemo savésto chel ga vu un bruto incidente, e come risarcimento el ga tirà un casìn de schei; e Oscar ga vu l’idea de farsene dare un pochi.

ENNIO           E perché, se i schei i xe de sto Ennio?

GINO             Oscar pare fato aposta per ste robe qua: quando che ariva Ennio eo ghe raconterà ea storia de mì che go na cambiàe de do milioni che scade, e che non so bon de pagarla…

ENNIO           Na cambiàe de do milioni?

GINO             Sì, de do milioni; e savendo che Ennio el jera un mona e che secondo Ennio el sarìa restà mona anche dopo l’incidente, l’è sicuro che i ghe darà.

ENNIO           Ma ea cambiàe no esiste, vero?

GINO             No, che noea esiste, l’è tuto un truco… Adesso semo drio aspetare che vegna Gustavo… E éo el ga da andare via se no Oscar se arabia (entra Oscar).

…………………………………………………………………………………….

OSCAR          El se arabia? So xa arabià che metà basta per butare fora daea porta sto signor qua. (a Ennio) El se magna sto panin e dopo el se fassa tornare ea memoria, se no ghe penso mì.

ENNIO           (indicando il panino) Cossì picoeo? Non so se me ritorna tuta ea memoria.

OSCAR          Non ocore che ghea ritorna tuta: basta un fià, chel tanto cheo fassa andare fora daea porta. (Ennio mangia il panino con calma) No, no, el fassa pì presto se no qua se finisse ae caénde greche.

ENNIO           El varda chel dotore me ga dito che per essere completamente rilassà bisogna magnare lentamente… E el vin?… Se gaeo dismentegà el vin? Se el magnare va so con pì scioltessa mi sarò ancora pì rilassà. (sbuffando Oscar va a prendergli il vino).

…………………………………………………………………………………….

ENNIO           (a Gino) Giusto?

GINO             Mì no so de sti afari de digestion; mì so soeo che se ariva Gustavo éo el ga da andare via, me capìsseo? (entra Oscar).

…………………………………………………………………………………….

OSCAR          (rientrando, a Gino) Manco mae che te te ghe svejà anche tì: co sto signor qua bisogna fare i duri perché el capissa.

ENNIO           Ma perché tanta freta?

OSCAR          Me pare proprio chel fassa el furbo éo; nol capisse che semo drio perdere dei schei per colpa soa?

ENNIO           Dei schei? E come mai sì drio perdere dei schei?

OSCAR          Perché un poro mona el ga da vegnere qua in paese a portarmene un pochi.

ENNIO           A portarghe dei schei?…

GINO             L’è un modo de dire per intendere sgraffignarghei.

ENNIO           No me piasè miga voialtri do: voì mandare via un ospite, malato per giunta, per rubare dei soldi a “un poro mona”. No me piasì proprio per gnente, e saì cossa che fasso mì?  Vago via anche sensa che me torna ea memoria.

OSCAR          Bravo! Finalmente el gà capìo come che xe ea situassion. Su, su, che ghe fasso strada. (Ennio esce dalla parte sbagliata) No, no per là, questa xe ea porta giusta. (òo accompagna. Quando Ennio è già fuori:) El me staga ben e… auguri paea soa memoria.

…………………………………………………………………………………….

GINO             Finalmente se ne ghemo liberà!

OSCAR          Decision ghe voe, decision! E adesso aspetémo Gustavo.

GINO             Però, che tipo, el me ricorda qualcuno.  

OSCAR          Anche a mì me ricorda qualcuno. Bah, certo chel jera strano… Ma perché Gustavo no ariva, ormai Ennio el garìa da essere arivà in piassa… Voto vedere che queo là per dismentegare i so pensieri el ga ciapà ea baea e el se gà indormessà soea tòea? (telefona).

BARISTA      Pronto!

OSCAR          So Oscar, xeo ancora là Gustavo?

BARISTA      E l’è assente.

OSCAR          E dove xeo andà!?

BARISTA      L’è andà via coea testa.

OSCAR          (a Gino) Go dito mì chel jera inbriago. (al barista) Pàssameo!

BARISTA      Na paroea xe!

OSCAR          Va a ciamarlo che go da parlarghe!

BARISTA      No xe per éo: so mì che non so bon de stare in piè.

OSCAR          Cossa gheto, mae ae gambe?

BARISTA      Fosse soeo quee, a go mae per tuto: no posso andare a ciamarlo, a go do botiglioni…

OSCAR          Metei sul banco e va a ciamare sto omo.

BARISTA      I go in corpo: non so pì bon de mòverme.

OSCAR          E ora ciàmeo. Te garè un poco de fià (si sente chiamare debolmente Augusto).

GUSTAVO    (al telefono) Chi ghe xe?

OSCAR          Come chi che ghe xe? So Oscar; no teo gheva miga dito el barista?

GUSTAVO    El barista l’è partìo…

OSCAR          Anche éo! E dove xeo andà, sel jera là un atimo fa?

GUSTAVO    L’è partìo coea testa.

OSCAR          E tì, perché te bevi? No te sé che te si sta incaricà de na mission?

GUSTAVO    Mi bevo? Varda che te te sbagli.

OSCAR          El barista me ga dito cossì.

GUSTAVO    Dighe al barista chel pensa ai fiaschi sui, mì jero assorto nei me pensieri. Cossa voto?

OSCAR          Come cossa che vojo? No te ghevi da vegnere qua per avisarme quando che ariva Ennio?

GUSTAVO    Sì, eo so; ma Ennio ga ancora da arivare. Comunque no manca tanto, perché e l’è sta visto do paeseti prima e nol poe fare chel sia qua da un momento all’altro… ansi, el garìa da essere xa qua da un toco. Ah, ascolta, teo digo cossì, tanto perché teo sapi: i me ga dito che no l’è pì queo de na volta…

OSCAR          Eo credo ben: co tuti chei schei chel ga.

GUSTAVO    No, no, intendo de facia: l’è tanto dimagrìo che gnanche teo conossi pì, e dopo el ga un paro de ociai co do lenti grosse come fondi de botiglia, e un machinon… (Oscar si dispera). Oscar, me sentito?… Pronto? Oscar, sito ancora là? (Oscar mette giù di scatto il telefono e corre fuori a rincorrere Ennio).

…………………………………………………………………………………….

GINO             Oh Dio, el jera Ennio. Mamma mia, el jera proprio Ennio. Come chel xe cambià, poareto… Bè, se non altro el ga tuti chei schei là… A proposito de schei: adesso Oscar l’è andà a correrghe drio per truffarghe i do milioni e… Oh Dio, mi go contà tuta ea storia del’ingano a éo, a Ennio… e Oscar noeo sa questo… Ennio sa tutto queo che se gheva tramà nei so riguardi… Ma, aspeta, aspeta un fià: eo no se ricorda de gnente, se no el garìa fato qualche alusiòn che l’interessà jera éo; invesse el se ga comportà proprio come se nol se ricordasse… Trane che de domandarme el nome del paese: queo sì che seo gà ricordà… E ea storia che voea racontarme?… Ma ora, ea memoria ea ghe xe vegnù in chel momento là, e dopo el garìa fato tuta na finta ascoltando i me discorsi?… Oh Dio, forse xe proprio cossì… Ma ora, quando chel magnava el panin? El me parea sincero, chel fosse davero sensa memoria… E sel ghesse finto?… (entra Oscar, quasi trascinando Ennio).

…………………………………………………………………………………….

OSCAR          Ennio, Ennio, anssate vardàre.

ENNIO           Chi soi mi?

OSCAR          Ennio, el nostro vecio compagno de scoea, non te te ricordi?

GINO             (tra sé) El me pare davero smemorà… E sel fasesse finta?

ENNIO           (avvicinandosi con gli occhiali a Oscar) E éo, chi xeo?

OSCAR          Su, adesso dame del tì; so Oscar, el to vecio compagno de scoea. E questo xe Gino… no te te ricordi gnanche de eo?

ENNIO           Adesso scomissio a ricordare, saì, dopo l’incidente… Saì no, che go vu un incidente?

OSCAR e GINO       Altrochè seo saemo!

ENNIO           Dopo l’incidente perdo ea memoria a colpi, e go perso quasi tuta ea vista… Adesso, adesso me ricordo de voialtri do. Tì Oscar te jeri queo che me toèva sempre in giro…

OSCAR          Disémo schersava…

ENNIO           No, no, te me toévi proprio in giro, e te me magnavi e pastine.

OSCAR          Dai Ennio, altri tempi!

ENNIO           Adesso no te me fe pì de sti tiri qua, vero?

OSCAR          Ma no, schersito… bè…

ENNIO           Cossa, bè?

OSCAR          Gnente, a jero qua che pensavo a na roba…

ENNIO           N’altro scherso?

OSCAR          No, cossa dito?

ENNIO           Manco mae, a spero che te sipi cambià da chea volta… A me pare che adesso te staghi ben (lo pizzica fortemente sulla guancia), pare proprio che no te gabi bisogno de gnente, te sì in saùte, no te garè gnanche bisogno de schei… (Oscar fa per parlare, ma Ennio si rivolge a Gino). E tì Gino, a te vedo un fià cadaverico; eco, ti sì che te poi avere bisogno de qualcossa… ma ghe xe qua Oscar che te aiuterà de sicuro.

GINO             (facendosi coraggio) Bè, insoma, a garìa davero bisogno de qualcossa.

ENNIO           E no ghe xe qua Oscar?

OSCAR          E aparense ingana, non mea passo ben gnanche mì.

ENNIO           (a Gino) Sentimo un fià, quaeo xeo el to problema?

GINO             A go na cambiaéta che scade, e no so bon fàrghea a pagarla.

OSCAR          Bè, insoma, dise queo che xe: na cambiàe.

ENNIO           Ma come gheto fato a ciaparte cossì, Gino?

GINO             (imbarazzato) Xe stà… te sé come chea xe…

OSCAR          Xe sta perché el gaveva so mama maeà, e cossì el ga dovù fare na cambiàe per comprarghe e medesine.

ENNIO           Ma de quanti schei xea sta cambiàe?

GINO             De do milioni.

ENNIO           Do milioni! Ma ora to mama ea jera proprio drio morire?

GINO             Insoma…

OSCAR          Te sé come che xe e robe adesso: ea mutua non passa pì gnente, e te toca ranciàrte.

ENNIO           (a Oscar) Ma chi xeo sta sto strossin che ghe ga fato sta cambiàe?

OSCAR          Chi che l’è stà?… E l’è uno… sì, insoma…

GINO             (raggiante) L’è sta Gustavo. Te te ricordi de Gustavo, no? Anche éo jera scòea co noantri… (ricordandosi di averlo menzionato prima, quando gli aveva raccontato la storia) Te goi mai parlà mì de Gustavo?

ENNIO           No, no me pare.

GINO             (tra sé) Manco mae: nol se ricorda gnente. (a Ennio) Bè, xe sta Gustavo che me ga fato ea cambiàe.

ENNIO           Ah Gustavo… me ricordo chel jera un poco… indriéto. El me ga sempre fato pena chel poro toso.

OSCAR          Sì, sì, proprio indriéto. Queo sì cheo toevo sempre in giro: el jera proprio un baucòto.

ENNIO           E adesso, come sea passa?

GINO             No tanto ben; ma te sé, quando che i ga un caratere cossì noi poe mai fare strada.

ENNIO           Però el gaveva do milioni da prestarte?…

GINO             Sì, xe vero… se vede che i ga tirà fora da qualche parte.

ENNIO           E tì te ghe da darghe a éo do milioni?

GINO             Eh, proprio cossì!

ENNIO           Bè, non so se saì che da chel bruto incidente che go vu a go tirà tanti schei…

GINO             Sì, cheo saémo.

ENNIO           E ora saì tuto?

OSCAR          Disémo, queo che interessa.

ENNIO           (aGino) Ascolta, cossa dito se te fasso un assegno de do milioni, e teo dago?

GINO             Dirìa che so qua per ringrassiarte.

OSCAR          Anche mì.

ENNIO           Cossa centrito tì?

OSCAR          Cossì, per solidarietà.

ENNIO           Bè, femo in freta, che go da andare in piassa a trovare gli altri compagni de scoea. (estrae tanti blocchetti di assegni, carte di credito ecc. Compila un assegno e lo dà a Gino) Ciapa Gino, e saùdame to mama… xea xa morta per caso?

GINO             No, no, noa xe mai sta cossì ben!

ENNIO           E tì Oscar, me racomando, anssa stare queo che xe de staltri.

OSCAR          Te te riferissi ae pastine, vero?

ENNIO           Ae pastine quando che jerimo pìcoi. E adesso ae robe pì grandi (esce).

…………………………………………………………………………………….

OSCAR          (esultando) Ghea ghemo fata! Chel poro fesso ghe xe cascà! (prende in mano l’assegno e lo bacia).

GINO             Xe sta anche massa fàssie. No garìa mai pensà che do milioni  poesse cascarme cossì tra e man.

OSCAR          Tra e nostre man. Vardémeo sto assegno. Do milioni! Varda, varda Gino che bel numero! In cifre: due, zero, zero, zero, zero, zero, zero. E varda qua: do milioni in letere: “due milioni”: che paroea longa! E adesso aspeta… Pagate per me al signor… Brusegato Augusto. Ma?…ma?…l’è intestà a Augusto?

GINO             A Augusto? Ma come xe possibie?

OSCAR          El se gà ricordà anche el so cognome? E el disèa chel jera sensa memoria? Ma ora… ora no ghemo gnente pae man. Ma che schersi xei questi?

GINO             Me pareva che Gustavo el ghe gavesse fato pecà quando che go dito chel jera éo chel me ga prestà i soldi.

OSCAR          Ma tì no te podévi miga tasere?

GINO             Come fasevo: te go visto in imbarasso, un nome bisognava pure tirarlo fora, no? E Augusto xe sta el primo che me xe vegnù in mente.

OSCAR          Mejo imbarassà che tirare fora el nome.

GINO             Adesso teo disi. Comunque Augusto el ghe ga fato pecà anche prima, quando che ghe go contà…

OSCAR          Cossa ghe gheto contà a Ennio?

GINO             Bè… Te sé…

OSCAR          Cossa ghe gheto contà?

GINO             Ea storia de queo che gavìvimo in testa de fare a Ennio…

OSCAR          E te ghea ghe contà proprio a éo?

GINO             E chi saveva chel jera Ennio? Se noeo saveva gnanche eo?

OSCAR          Alora ea memoria ghe xe ritornà quando cheo ghemo ciamà dentro.

GINO             Forse ea ghe jera ritornà ancora prima, perché a un certo punto el me ga domandà el nome del paese, e quando che gheo go dito el me ga risposto chel doveva vegnere proprio qua.

OSCAR          E tì no te ghe capìo chel jera Ennio gnanche da sti discorsi qua? Ma quanto ebete sito?

GINO             Ritornemo da capo coe ofése?

OSCAR          Ebete sì, proprio ebete, perché se no te ghe ghessi contà ea storia,éo nol garìa firmà l’assegno per Augusto, queo che ghe faseva pietà (entra Augusto).

…………………………………………………………………………………….

AUGUSTO    Tosi, mì me so stufà de aspetare. So vegnù qua per dirve che vago a casa e che se voì vederlo in facia andè voialtri là al bar a aspetarlo. (accorgendosi dell’assegno) Do milioni? Per mi? No ve credevo tanto generosi, me bastava anche manco, anche perché noeo go visto e no so vegnù riferirve. Comunque sempre a vostra disposissiòn fin che ghe xe ste mance qua (esce).

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno