El resentin

Stampa questo copione

EL RESENTIN

Commedia dialettale in tre atti di Roberto Zago

Personaggi

BALDIN

GINO

PIETRO

MARIA

FABIO

MONICA

FUSCO

LA SCENA

La commedia si svolge nella grande cucina della “VinerIa del Port de Mar”.

Un interno ricavato in una vecchia costruzione, dai muri massicci, e dagli intonaci che hanno ricevuto l’ultima rinfrescata molti anni prima.

I mobili sono di vecchia data, solidi, come coloro che, per primi, hanno abitato la casa, commercianti all’ingrosso di vini.

Adesso la Vineria è dei fratelli Quiriletti, tre persone già avanti negli anni.

ATTO PRIMO

Gino, Pietro e Baldin sono seduti attorno al tavolo della cucina. Hanno appena terminato di bere il caffè,  dopo aver finito di pranzare. La tavola è ingombra di alcuni avanzi del pranzo: bottiglie di vino, acqua minerale, bicchieri, porta-stuzzicadenti, olio e aceto, tovaglioli, etc.

Maria, che è una donna in età, non ancora vecchia: dinamica ed intelligente, di estrazione chiaramente popolare, va e viene dal cucinotto portando via dal tavolo qualche cosa: il pane, l’olio e l’aceto e così via. C’è silenzio nel locale.

Gli uomini ravanano attivi con gli stuzzicadenti. Ciascuno sembra preso dai propri pensieri, oppure dall’operazione “denti puliti”.

Poi Baldin, il più anziano dei tre, sempre serioso e accigliato, sussurra

BALDIN – Resentin?

Gino, il fratello non esattamente più in gamba, anzi! Quasi un adolescente troppo cresciuto, nonostante l’età. Parla con immediatezza, a volte con dei tic, spesso appare comico nelle sue uscite, risponde immediatamente

GINO – Si, si resentin.

Pietro, il terzo fratello, è assorto nei pensieri. Anch’esso avanti negli anni, simpatico e naturalmente umoristico.

GINO – Mariuccia, porta la grappa per el resentin.

BALDIN – La grappa, no. Mej el viski.

GINO – Porta anca el viski   (Poi rivolto a Pietro)  E ti?

PIETRO – Istèss!

MARIA – (Torna dal cucinotto e va a prendere le bottiglie dal buffet) Se poeu anca moeuv i ciàpp!

GINO – Nunch… pensum…

MARIA - … a bev.  (Posa le bottiglie sul tavolo e continua le sue faccende)

BALDIN – El resentin el se fa in silenzi

Ciascuno versa il liquore nella tazzina del caffè, agita lentamente e beve. Dopo alcuni istanti, concluso il “rito” del resentin.

GINO – (sbotta)  El me parer l’hoo dii, el cambi no. La vineria la va no…

BALDIN – (lo interrompe con tono deciso)  Tas!

GINO – (intimidito)  Ma el me parer…

BALDIN – Peder

PIETRO – Ancamò discutom?

GINO – (con foga) Savì tucc qual è el me parer…. (incrocia gli occhi di Baldin) …el disi pù…

BALDIN – Vendumm!

GINO – Tuscòss?

PIETRO – E dopo?

GINO – Puciumm la salsa ma gh’è pù de ròst.

MARIA – (mentre rientra in cucina)  Citto!

GINO – Sta dent in di tò sciavàtt! Infescia!

PIETRO – In ogni manera disaria de sentila. Se la ghe da… Se la voeur.. Poeu decidumm…

BALDIN – Anca ti come lùu e la Maria.

MARIA – Mi disi nient. El sit l’è voster.

PIETRO – Te mangierisset senza vin in del biccér? Istèss per nunch…

GINO – Mej la mort. Trii fradei sotterràa sota una bòtt voeuja.

BALDIN – Come se fa a tirà avanti? Chi l’è che compra ancamò el vin? L’è assee guardà i cunt: paren la discesa de Montavegia.

GINO – (infervorato si alza)  Coca, Fanta, Seven sett, Chinott… El barbera el par diventàaa velen.

Massemès! Ciapomm una ciocca grossa come una gàbola… e amen!

MARIA – Mucchela, squinzan!

GINO – Suguta a tramescà in cusina, ti…

BALDIN – Quiètes Gino, Telefona e fàla vegnì.

GINO – El me parer l’è… D’accord, quell che l’è (lo guardano)  Va ben, la ciami. (Mentre legge il numero che è di fianco al telefono)  Sessantott… Per forza, seri mi a cà… Vottantanouev… l’è come se la conosessi… Cinquantadodes… (forma il numero e aspetta) La respond minga… (Pausa) L’è colpa mia?   (finalmente una voce dall’altra parte) Pronto???   (Rivolto ai fratelli) La gh’è! Senta, signora, mi sono quello della Vineria del Port de Mar… Si, mi in persona. Si, me ciami Gino, Gino Quiriletti.  Si, si… i me fradej, anca lor Quiriletti… Peder, Pietro e Baldin… No, no, hinn domè duu… Come tri? Ah si, cont mi…

MARIA – Piantala de fa el fasàn!

GINO – (rivolto a Maria)  Betòniga!!! No, minga lee, signora… Ghe disi che semm in trii, no quatter. Torni a dill: Pietro, Peder, Baldo e mi… Forsi se sbaglium in duu… Ghi hoo davati: bei come i ravanei

BALDIN – (si alza e strappa di mano la cornetta a Gino) La senta! Lee l’ha telefonàà per savè se vendumm la Vineria, disi ben? Alura, se la voeur parlà la spetumm. Subit! L’indiriss la conoss. Buon giorno. (riattacca)

GINO – Che manera! L’aveva minga capìi quanti semm e cercavi de spiegall.

MARIA – Ogni volta che te parlètt se spera che te tartajet.

GINO – Con una mié come ti preferissi vess surd.

PIETRO – Quand la ‘riva l’è mej che parla domé vun… Ti, Baldin!

GINO – E mi?

BALDIN – Va a portà i carton de Grignolino a san Luis.

GINO – Nooo, mi voo no. Son mi che gh’ho de parlà, perché s’eri mi a cà quand lèe l’ha telefonàa… (lo guardano) la signora Mencotti de la Penta Drink.

BALDIN – Grignolin!!!

GINO – Uèi. Ma che lavatazz! E mi disi che la Mencotti…

MARIA – Te la mochett?

GINO – Ecco perché el matrimoni l’è defini sant: el faà una manìga de martiri! Hoo capì, porti el grigolin a san Luis per minga rump i ball a la compagnia (esce facendo il sostenuto)

MARIA – Ogni coo el gh’ha i so pioeucc.

GINO – Ho sentii, stellascia d’ora di me papozz!  (Esce di scena)

MARIA – Mèna, pattamolla!

GINO – (Mette dentro nuovamente la testa) Te see scottada fin l’altr’ier e te doevett ciapà la pattina per riparàss (Esce)

MARIA – L’è come un bicciér cont el bus, hinn  trent’ann che cerchi de impienill…

BALDIN – Ma ti almen un marì te ghe l’hee.

PIETRO – E anca un fioeu

BALDIN – A proposit… se sa doe l’e’ che l’e’ el Fabio?

MARIA – In trasferta in Abruzzo, Molise o giò de lì…

PIETRO – Sempre giò de lì o giò de là.

MARIA – L’è el so laurà.

BALDIN – Podéva vèss el vin el so laurà… el podéva…

MARIA – Baldin, tachemm no! El Fabio l’è…. Astemio a ‘stò sit.

PIETRO – Sperèmm che ‘l sia minga… in fatto de donn.

MARIA – El ghe somiglierà a on quaj vun de la famiglia…

PIETRO – A so zio Peder… no.

MARIA – L’e’ un marellott? Po’ dass. Magari chissa quanti ghe n’ha… On dì el se presenterà chi con quela buna… e poeu… semm in di man del Signor…

PIETRO – Prega che ‘l strengia minga tropp. Con mi l’ha giammò fàa..

MARIA – Te see cosa disevenn i noster vecc? Che la rana l’è senza cua perché la domanda no!

PIETRO – Ball! Mi ghe l’avevi: lunga e bèla e me l’hann tajada, porcu can. E meno mal che la mia cognata la me da no el sfratto, se de no…

MARIA – Te me ciapàa per l’amministradora del capital ipotecaa??? (Va nel cucinotto)

BALDIN – Me par de vèss al condominio “Famiglia di sifùl” Sii mai bon de mucàla! Sempre a remestà i stess rob!

PIETRO – On rospignon me tì…

BALDIN – Te see restàa vedov, e va ben…

PIETRO – Va ben una madocina!

BALDIN – Se fa per dì. Te semm sempre stàa visin. Podaria dì che anca mi gh’avevi el me sogn in del cassett e ho perduu la ciav per dervìll… Inutil ravanà. Anca se se scarlìga a rent i mur… i piviòn riessen istèss a cagàt in sul coo… Parlemm de la vineria.

PIETRO – Ancamò!?!  Orca beretta, Baldin!

BALDIN – La me và giò no! Se el Fabio, noster nevod, el se metteva insemma, sarissomm chi no a parlà de vend…

PIETRO – Discurs sarà! A lùu del vin ghe interessa negott! Donca, sarum su, come te voeurett ti! Dopo doman saremm vecc, e alura…

BALDIN – Guardess in cà tua…

PIETRO – E ti cambia i orgnett o te picchett el barboss. Cerchemm de portass a tecc el pussé svelt possibil, e dopo… (sospensione)

BALDIN – Se femm? Flanella!

PIETRO – Mi el soo! Farò un viagg…

BALDIN - … a le Canarie! Sempre la stessa musica: che sulfa!

PIETRO – A le Canarie, sicur! Primavera de dodes mes a l’ann! Donn con la tintarella da Ferragost a Natal! Danee cont i mudand rinforzaa, che el fisco el se sogna gnanca de sfondaa…

BALDIN - … e ti te se lustret la vista fin a scambià on gatt per on dromedari. Peder, Peder! Ona volta te andavett a catà i narcìs, incoeu te se accorget gnanca se te se sèttet sui urtigh…

PIETRO – Ah… insùma… i mèe hinn tucc stupidad!

BALDIN – No, no. Per on farlocch, magari in discurs intelligent! Ma i pee per tèra se dev tegìi avert. Mi sont stùf, ti anca, el Gino el capiss un tubo come el solit…

PIETRO – E la Mariuccia?

BALDIN – La sa che i temp hinn cambiàa e che el so marì el peggiora dì per dì. Donca, pension slarga i brasc che rivomm!!!

PIETRO – E te restèt smorfiaa…

BALDIN – Nessun te proibìss de segutà a vend buttiglion de Manduria come asée.

PIETRO – (esaltandosi)  Canarie! Canarie!

BALDIN – Baggina!  El to nevod Fabio, te ‘l vedét? El ‘riva con i anesìtt intant che el spètta che te se desmentegh de tirà el fiaa…

PIETRO – D’accord! Ma se mi gh’ho un cadregon a la Baggina, ti ‘ste speret?

BALDIN – Marellott in secula seculorum. L’è una vita che son de per mi: segùti. E cosa el diseva el nonno? A cà sua vun el scalda el davanti e anca la cùa…

PIETRO – Sent, me trasferissi e te ciàmi…

BALDIN - … a le Canarie!

PIETRO – Sicùr!

BALDIN – Ma chi l’è quel sanfurmentu d’on imborraggiàaa che t’ha miss in del coo quela roba chi?

PIETRO – Baldin! Profumo di donna!

BALDIN – Spussa de vecc! Suffeggaa!

PIETRO – Orca beretta! Recuperomm! Turnùmm indirée de trent’ann! Sole e fiori! Mar e sirenett! Canarie! Canarie!

MARIA – (Entra trafelata)  Fioeu, s’è fermaa ona macchina dinnanz al magazin.

PIETRO – Ghe semm! Soppesa i parol, Baldin, e trascura no i virgul.

BALDIN – Cunta domé in danèe  (A Maria che cerca di fare ordine)  Lassa stà, lassa stà.

 (A Pietro)  E manda giò el stecch.

Maria esce incontro all’ospite.

PIETRO – Subit! (Lo fa e subito si accorge di aver inghiottito il legnetto)  ‘Ste me fee fa… Porca sidèla (Tossisce)

BALDIN – Quand vun l’è ciula, l’è ciula. Adess muchela de sgatarà.

PIETRO – El me s’è pianta in del gargaross…

Appare Monica, una signora in età, elegante e dai toni decisi. Maria la introduce in casa.

MARIA – Venga, Signora, che la si accomodi.

MONICA – Buongiorno.

BALDIN – Buon giorno.

PIETRO –  (fra i tanti tentativi di recuperare lo stuzzicadenti)  Buongiorno.

MONICA – Sono venuta subito, come loro desiderano.

BALDIN – Si.

MONICA – I signori Quiriletti?

PIETRO -  Si… Siamo noi.

MONICA – Gli altri due fratelli dove sono?

MARIA – Che fratelli?

MONICA – Al telefono, pco fa, mi è stato detto…

BALDIN – (Asciutto)  El telefono el fa capì mal.

MONICA – Ma chi gestisce l’azienda, scusi?

BALDIN – Tucc.

MONICA – Ah!  (A pietro che continua a tossire per liberarsi dallo stecchetto) Se le è andato qualcosa di traverso perché non beve un po’ di vino?

PIETRO – El vin fa andà giò el stuzzicadent?

MARIA – Ce lo porto io.  (Esce e ritorna con un bicchiere pieno)

BALDIN – (nel frattempo) AL temp! Prima de comincià i trattativ, mettem in ciàr on particolar.

MONICA – Dica.

BALDIN – Parlemm una lingua sola: la nostra!  Vera, Peder?

MONICA – Quante lingue ci sono, signor Quirirletti?

BALDIN – Per mi vuna: el dialett!

PIETRO – (tra i colpi di tosse) Lei, forsi, parla l’italiano.

MONICA – Può togliere il “forsi”.

MARIA – (Entrando con il bicchiere) Tè, Pietro, tieni e bevi un cicin di Chiaretto.

BALDIN – (Che ormai ha perso la pazienza) Maria, parla come el solit. E ti, istess, per piasè! Lee, sciura…

MONICA – (Pronta) Per mi và ben parlà el dialett.

BALDIN – (sorpreso)  Ah!

MONICA – In famiglia lo si parlava spesso. I miei, sempre! Era bellissimo! Devo tradurre?

BALDIN – Ghe piàas plattà!

MONICA – Come?

BALDIN - Plattà! Milanés! Devo tradurre?

MONICA – (una pausa)  D’accord! Donca, la vineria l’è in vendita.

PIETRO – (Tra i colpi di tosse) Si… la se setta.

MONICA – Grazie. S’el passa no cont el vin, che ‘l proeuva con la Penta Drink.

PIETRO – Passa… passa… L’è domè un stecch!

BALDIN – (interviene) L’è in vendita a chi ghe interessa comprala.

MONICA – La m’interessa…

BALDIN – Per vende la Penta…

MONICA – (lo previene) …Drink. Anzi, per imbottigliarla.

PIETRO – (finalmente si è liberato dello stecco) Emm giurà de mai avvicinà la boca a on biccér ch’el sia minga pien de vin.

MONICA – Si può usare la cannuccia…. Passato? Complimenti! I proprietari hinn lor…

BALDIN – Quell che la ved: denter e foeura, se ciama Quiriletti.

MONICA – (Si alza e si guarda in giro) Bene. Posso guardare?

MARIA – Comoda, comoda. (Ai fratelli)  Vera?

BALDIN e PIETRO – Si, si…

MONICA osserva attentamente le strutture murarie, poi si reca all’esterno. I due fratelli si guardano, Maria si alza come per seguirla, ma Baldin le fa cenno di stare al suo posto.

BALDIN – ssstt!

MARIA – Ma dove la và?

Monica dopo alcuni istanti ritorna, osserva i muri aterra, guarda attentamente gli angoli, ed esce nuovamente.

PIETRO – La và a guardà anca sota i lett?

BALDIN – Ssssttt! Mosca!

Monica rientra. Sta un po’ in silenzio e poi…

MONICA – I mur hinn sostegnuu. El terren el me par grand assèe, la cantina…

PIETRO – L’è piena de vin.

MONICA – Ho sentii. La zona l’è ben servida: autostrada, ferrovia, metropolitana…

PIETRO – I noster vecc eran prevident…

MARIA – Parevan di profeta…

MONICA – Sarà per quell che da sto sit partirà facil la Penta Drink. Però…

BALDIN – Però?

MONICA – (Senza ascoltarlo)  Lei è la signora Quiriletti?

MARIA – (sorpresa) Eggià!

MONICA – Quale?

MARIA – Vuna sola. Quanti Quiriletti gh’hoo de vèss?

BALDIN – Andemm minga per i praa. L’è la miee de nost fradell.

MONICA – Non di loro due.

PIETRO – L’ha minga faa: giughin, giughetta, forbesetta…

BALDIN – L’ha cattà su a oeucc bindaa. Pero?… La disa.

MONICA – Però i tramezz hinn de trà giò, i cess fan pena, i finestre bisogna rifaj. Port, plafon, paviment, intonich, tecc… e tutt el rest: demolire e rifare.

BALDIN – Ah!

MARIA – Forsi ghe convien tirà su una costruzion de sana pianta.

MONICA – Voeuri questa, perché la me piàs! Gh’è l’ambient de la Milan végia e de la campagna d’una volta: l’atmosfera… o quell che l’è.  Me son spiegàda?

PIETRO – Si, si… Però, quand l’avrà fàa tutt quell che l’ha dìi, l’atmosfera bisognarà immaginasela.

MONICA – Sara pù come prima. Ma i sciuri Quiriletti…

BALDIN – (Interviene) I sciuri Quiriletti metten di condizion precis: Chi compra el rispetta. L’è come parlà: i Quiriletti parlén milanès, e quell che gh’hann l’è istèss: milanès!

MONICA – L’è un omm dur… lùu.

PIETRO – Baldin, se te le dis ona dona… smoless!

MONICA – Money?

MARIA – Cos’è?

PIETRO – Danee, me par.

BALDIN – Se fa perizià e se mett in ciàr el valor. Andemm minga via perché semm stuff…

PIETRO – E gnanca perché semm vecc…

MONICA – Ma perché tuscoss el gh’ha una fin. Saggezza e prevenzione.

BALDIN – E un  quaicoss d’alter: a chi ghe sta antipatich ghe vendom nagòtt.

PIETRO – Ch’el sia pur el miliardari de Battiloca.

MONICA – Chi l’è?

PIETRO – Quell che l’era padron de la fiocca.

MONICA – Insomma, cosa decidiamo?

PIETRO – ‘Ste disét?

BALDIN – Bisogna ragionà… Che i noster cess faghen pena, po’ dass. Ma ti te pàr che on stitich in d’on cess noeuv el vaga ladin?

PIETRO – Nooo! Ghe tuca sempre rusà. Dice bene mio fratello,. Vero signora?

MARIA – Che li scusi, sa, gh’hann sempre voeuia de scherzà. Smorbioni!

MONICA – Son abituada. Gh’hoo desèn de omen sotta de mi e spess sguagnissén! Per vegnì a la conclusion: la vineria la me va ben, subit! Danee in su l’ungia.

PIETRO – L’ungia la va ben per grattass…

BALDIN – Ma chì nessun soffriss la rogna! Sciura, primo: la vineria la g’ha de restà come l’è! Cont i mur, i scal e tutt el rest che se ved, come l’emm ereditada dai noster vecc…

MONICA – Anca i cess?

BALDIN – Se po’ fa una eccezion, anca se vedi no una grand differenza. Secondo: el terren el po’ ospità tucc i costruzion che la voeur. Terzo: la perizia la femm nunch, con persona de nostra fiducia.

MONICA – Ciàr.

BALDIN – La po’ controperizià, dopo. O la pretend de tegnì in man domè lèe la stadera?

MONICA – Se ciama un perito neutral…

BALDIN – Neutral come el baston del pollé…

PIETRO - … che el servìs ai pulastér per poggià el dedree.

Da fuori si sente un rumore e poi la voce di Gino.

GINO – Baldin! Maria! Maria!

MARIA – L’è el Gino!  (Corre fuori)

BALDIN – Una quaj gabòla de sicur. Voo a vedè, sta chì ti con la sciura (Esce)

PIETRO – L’è el me fradell che…

MONICA – Quale dei due?

PIETRO – Minga quell che l’è andà foeura. L’alter…

MONICA – Ma… non siete in quattro?

PIETRO – Trii. E un quai vun el cress.

MONICA – Baldin, Gino, Peder, Pietro… Quiriletti.

PIETRO – Baldin, Gino, e mi, Pietro: Quiriletti.

MONICA –Pietro e Peder l’è istess! Aahhh!

PIETRO – Si, l’è quell scemo del Gino che el…

BALDIN – (entra trafelato)  L’è borlà giò cont i bottiglion e l’ha bloccaa el Corvett. La me scusa sciura, voo a vedè che bordeleri l’ha combinaa.

PIETRO – El se fàa mal?

BALDIN – Macché! Anca stavolta la gh’è andada de guggia. Con Permess… (Esce)

MONICA – Prego.  (Pausa) Siamo rimasti noi due…

PIETRO – Infatti. Ghe domandi scusa per el Baldin che l’è un po’ rustich. Lùu l’è inscì… Tegnil o…

MONICA - …masàll! El tegnomm! Signor Pietro… o Peder?

PIETRO – La faga lee… come la preferìss.

MONICA – (Un finto pensiero) Pietro! Me piass pussée.

PIETRO – Anca a mì. E lee, come la se ciama? Mencotti…?

MONICA – Monica.

PIETRO – Bell! Bell debòn. Anca una tosa che conoscevi la se ciamava Monica. Ghe disevi: te me parét una suora: Monica… monega.

MONICA – Eggià… ma mi…

PIETRO – No, nooo… lee la gh’ha negòtt de la monega. Anca quella là. Anzi! Istèss de lee. Cioè…

MONICA – Ha gli occhi buoni, signor Pietro…

PIETRO – Hann sempre guardaa i bej donn. Sarà per quell che…

MONICA – Beh, anca i mè hanno pochi difetti.

PIETRO – Se véd! Prima parevan che grattaven i mur…

MONICA – Ghe disaroo. Quand osservi una persona, me ven de immaginà come l’è fada… fada denter, voeuri dì!

PIETRO – Ah si?!? Oh, la vacca! Cioè… me scusa… pardon…

MONICA – Per esempi, se ghe piàs mangià… come la pensa in politica… se la và in gésa… o no. In che manera la fa l’amor…

PIETRO – Anca? E come la fa?

MONICA – I stimoli!

PIETRO – I stimoli? Ah, ecco…

MONICA – I stimoli vegnen dal vestì, dai cavej, dai soeul di scarp.. Dai ungg… lungh, curt, vunc… La caminàda, la manera de setàss… Certi volt me par de indovinà la consistenza del cont corrent e perfin se la persona la preferiss andà al mar o in montagna. Oh ciel! Hinn stupidad e rob seri mes’scià insèma… (vivacemente) Anca che color ghe pias: negher, ross, celest… Me son spiegada?

PIETRO – Oh!

MONICA – Si, ma l’è domé fantasia… Ecco, so fradell… el…?

PIETRO – Baldin.

MONICA – Baldin! Immagini come l’è fàa, a cominciaa… (sospensione)

PIETRO – La disa

MONICA – Oh Dio, certament me sbagli... Però... (Pausa) dagli indumenti intimi.

PIETRO – Oh bestia! Addirittura dai mudand?

MONICA – (subito) El porta quei lungh fin chì! (segna sotto le ginocchia)

PIETRO – L’è vera.

MONICA – El gh’ha una camìsa bianca: vuna sola! I alter hinn tucc coloràa.

PIETRO – Propri inscì!

MONICA – Ma le mett su mai.

PIETRO – Mai!

MONICA – E l’è un marèll che gh’hinn semper piasuu i donn... Istess de luu, sciur Pietro.

PIETRO – Quest l’è facil de indovinà.

MONICA – Certament. Luu l’è vedov.

PIETRO – Come l’ha fàa a capìll?

MONICA – El porta la vera.

PIETRO – Ah si...

MONICA – E da allora... l’ha pù frequentaa ona donna... e ghe n’ha una gran voeuja...!

PIETRO – Ghe l’hoo scrivuu in faccia?

MONICA – Se ved dai oeucc.

PIETRO – Orca beretta! Bisogna che metta i oggiai del soo....

MONICA – Noo, el staga inscì... almen l’è sincer. El gh’ha giammò de fing con so fradèll...

PIETRO – (visibilmente sorpreso) Miii?!?

MONICA – Luu, si. Perché el Baldin l’è el capo, el “boss” de  la vineria e luu cont so fradèll e la sua cugnada sii semper pront a fà quel che ‘l voeur. Vera, sciur Pietro, che el sent un gran bisogn de scappa via, de liberass del vin, di bottili, di bottiglion, de ‘sta spuzza...

PIETRO – (suo malgrado) SI, si, si  (un pensiero) ‘Me la fà a savèll?

MONICA – (candida)  I stimoli...

PIETRO – (la guarda a lungo e poi)  La me disa no che mudand porti... per piasé.

MONICA – Gh’ho no idea... per el moment... forsi ghe piaseria fammi vedè?

PIETRO – (sussultando)  A lee fà vedè i me...

MONICA – Mi ghe piasi... de matt!

PIETRO – Per... perché? Ghe l’ha dìi nissun! Gnanca mi!

MONICA – Certament! Ma da quand sont entrada el m’ha misuràa... el spessur del... stomich; la lunghezza di gamb, la circunferenza del... (si batte i fianchi)  e tasèmm i particolar... Me sbagli?

PIETRO – Beh, minga propri ‘me la dis... ma semm in dei paraggi...

MONICA – Voo avanti?

PIETRO – In dove?

MONICA – Ne la fantasia.

PIETRO – Ah, l’è fantasia...

MONICA – O verità? A luu ghe interessa nient de la vineria, el sarìa prunt a vendàla al primm che capita.

PIETRO – No, l’è minga vera.

MONICA – Si, ghe interessa un bel nagòtt di tradizion milanes... e di cess de conservà! Un bell pacchett de grana e ... andà! Quel che cunta l’è moccala una volta per semper con tucc! Cont i fradei, col vin, con la cugnada...

PIETRO – Quella no!

MONICA – Ma el rest, si! A meno che...  (in sospensione)

PIETRO – Che cosa, che...?

MONICA – Ghe offrissen la possibilità de comandà senza fà fadìga, sensa responsabilità; con di bej vestìì taccaa in de l’armadi e magari ona donetta de portà in crociera... eh?

PIETRO – (impressionato)  Ma chi l’è che la mandada, lee?

MONICA – Quel che prima l’ha dìì luu: el miliardari de Battiloca, padron de...

PIETRO – L’ha finìi?

MONICA – (facendo un cenno con le dita)  Adess ‘riva el bell.

PIETRO – Avanti sciura.

MONICA – Mi podi offrigh al possibilità de comandà senza moeuv on biccièr... Podi dagghh el coragg de vess finalment coraggios...

PIETRO – In... In che manèra?

MONICA – Questa l’è la vineria  del Port de Mar, bene! Quand la Penta Drink l’avarà comprada e pagada... luu el ced la sua part e el diventa socio della medesima Penta Drink!

PIETRO – Cosa l’è adree a dì? La vaga via! Via!

MONICA – Voo, voo... ma... el vegn luu a cercamm quand el se desséda o passi mì?

PIETRO – A cà mia i quader vann minga su e giò a seconda di convenienz!

MONICA – Ah, si?  MA el sa se hinn i convenienz?

PIETRO – Monica... cioè, signora Mencotti! Lee... l’è no ona donna!

MONICA – L’è el prim che me le dis...

PIETRO – Mi tradissi no el vin! E gnanca i me fradej, per ona... Penta Drink! Domà el nom...

MONICA – Come non detto. Che stuaa! Andarò a far una crociera con un quai vun d’alter.. AL sole dei Tropici... o alle Canarie...

PIETRO – (colpito) Canarie?

MONICA – Si, Canarie! Sono isole, signor Pietro, isole... Beh! Ghe disa al sciur Quiriletti, so fradèll, che passerò al più presto per concludere il nostro affare... (una pausa)  Posso salutarla?

PIETRO – (che è soprapensiero)  Alle Canarie?  Cioè... voeuri dì... Buon giorno, signora.

MONICA – Siamo sempre in tempo ad andarci... con la fantasia.  Hasta la vista!  (esce ridendo).

PIETRO – La metta i oggiai se la gh’ha bass la vista!  (poi ha una reazione) Me se pò??? Cercamm de... Che impertinenza! Razza de margnifona! Quella lì la se impirlarìa anca el demoni... Uèi! Gh’ho dàa una pettenada! LA pò fà a men de la perrucchera per vott mes! Ti a rodòli mi i rìssol!  Befana! Staccam dai me fradej... ced la mia part....   la gh’ha un cervell gross inscì ( segna con due dita una cosa microscopica) perché l’è gonfi...  L’ha cominciaa coi mudand per rivà al portafoeuj, sta scrocca! Ma chi la credeva de vegh dennanz? El taccasù di mastegòni che fà reclame ai fanigottoni? Canarie???  (Fa il verso alla signora) Sono isole, signor Pietro, isole... Perché, se hinn? Usèj cont el mal de dent, seconda lee? Uèi, bela monega, mi ghe andaroo de sicur alle Canarie e te mandaroo una cartolina: vuole venire? Ghe presenti una gibollona de fà rizza in pee anca i inquilini di ossari! Ragionament che pò fà domé che gh’ha i danee. Container de danee!  Multinazionale! Penta Drink! MA che Penta...: barbera e borlott  (rallenta) Oh gent! Una roba bona ghe l’ha: la parla el dialett... e a vess sincer de robb minga gramm ghe n’ha diversi... L’è assee lumàla...

Mentre Pietro monologa, un uomo entra guardingo e si ferma quasi sulla porta. Siculo, elegante – fin troppo – manierato e sicuro di sé.

FUSCO – Ah!

PIETRO – (di soprassalto)  Chi l’é?

FUSCO – Dico: ah!

PIETRO – Ho capii... Buongiorno.

FUSCO – Boggiorno (si guarda intorno con fare interessato)

PIETRO – Desidera?

FUSCO – (ha un difetto di pronuncia: gli manca la esse)  Tì!  (si muove adagio e guarda)

PIETRO – Che ‘l disa.

FUSCO – Vino vendete?

PIETRO – Eh, si!  Visto che l’è una vineria...

FUSCO – Ah

PIETRO – L’è scrivuu de foeura... Gross inscì!

FUSCO gli fà cenno di tacere.

PIETRO – El permett...

FUSCO – Eh  (intanto continua a guardare intorno con attenzione)

PIETRO – (rendendosi conto di aver a che fare con un tipo originale) Podi vess util?

FUSCO – Tì. Utilissimo.

PIETRO – Mah!  (pausa) Gh’emm del bianco di Sicilia che...

FUSCO – Bevuto ho...

PIETRO – Naturale... Saliamo. El pò saggià del Chianti genuino...

FUSCO – Conobbi.

PIETRO – Andèmm pussee sù. Barolo. Speciale!

FUSCO – Inguggitai. Buono i è...

PIETRO – Estremo Nord: Inferno della Valtellina. l’è extra!

FUSCO – (finalmente si ferma)  Valtellina? Toppo a nodd ta!

PIETRO – Stemm in sul Lambrusch... l’è pussee bass...

FUSCO – in pianura è...

PIETRO – Eggià...

FUSCO – Mia non volere vino.

PIETRO – L’acqua mineral ghe l’ha el fondeghè voltà el canton.

FUSCO – Nemmeno acqua...

PIETRO – spuma... birra...

FUSCO – (con al bocca schiocca di no)

PIETRO – (inizia a spazientirsi)  Dunca... s’el voeur?

FUSCO – (lo s quadra)  Quiriletti?

PIETRO – Mi? Si! Si, Quiriletti! Peder... Pietro, cioè.

FUSCO – Ah!... Patri?

PIETRO – Patri?

FUSCO - ...di Fabio Quiriletti.

PIETRO (finalmente capisce) Ah... padre.... No, no sont el zio. Ma l’è come se el fuss el me fioeu. Anzi, mej ammò. Perché?

FUSCO – Parente tretto. di tangue...

PIETRO – Tangue?  Ah... ho capìi: sangue.  (Tra sé)  Gli manca la esse...

FUSCO ( che però ha sentito il commento) Nulla mancare!

PIETRO – Va ben, va ben... Ma se pò savé...

FUSCO – Piegai...

PIETRO – Se l’ha piegà cos’è?

FUSCO – Prendere per i fondelli i è come tendere contratto con pompe funebri! Piegato?

PIETRO – Ho, la frabbizzia! Da che part el salta foeura cheschì? Senta signor...

FUSCO – Futco.

PIETRO – Signor Futco!  (si accorge dell’errore) Orca martina! Ghe voeur la esse... Fusco.

FUSCO – Eh.

PIETRO – Signor Fusco, el se degna de spiegass? Vin ne voeur no, acqua, birra e tutt el rest... gnanca! Orca beretta, el sarà minga  anca luu de la Penta Drink?

FUSCO – Piegai. Ma tu... tacere, devi.

PIETRO – Tacere? Tasè?

FUSCO – Ti!  Fabio, tuo nipote, in Ticilia venne, per reclamare denaro di macchine vendute a uomo d’onore...

PIETRO – L’è vun di so mestee: Esigitore di crediti scaduti, per acquisti effettuati...

FUSCO – (veemente) Crediti che non ce tanno!!! Non ce tanno!!! Tutto pagato i è!

PIETRO – Uèi, che ‘l s’incazza minga! El Fabio el manden perché i cambiai hinn minga staa pagaa... Se ciamen: insoluti.

FUSCO – Como li hai chiamati?

PIETRO – Insoluti.

FUSCO – Parola da abolire! Cancellare! Come da cancellare tono le cambiali firmate dall’amico che macchine importanti comprò. Molto importanti! Macchine e amico.

Ma macchine importanti bidoni ti dimotrarono, picchè mai tono arrivate. Fabio ditte che la ditta fallita è, ma il denaro pagato fu. In contanti: molto! E anche in cambiali. Ora l’amico – importante – vuole i quattrini bortati, tanti! E le cambiali firmate: tubito! Piegato mi tono?

PIETRO – Se capissi, la sua l’è una minaccia.

FUSCO – Nooo! Avvettimento!  Amichevole e coddiale! Gratit!

PIETRO – E i cambiai cancellaa! Chi l’è ch’el paga? E i danee? Se la ditta l’è fallida ‘se ghe centra el Fabio?

FUSCO – Affari di Fabio, non tuoi. Che t’impotta? (si guarda in giro) Bedda! Bedda attai...

PIETRO – Bela on tubo!

FUSCO – La vineria! Grande, attrettata, con tanto vino...

PIETRO – El Fabio el farà denuncia...

FUSCO – Che??? Repeti! Repeti a mìa!

PIETRO – Denuncia!

FUSCO – Altra parola che non ce tà. Tu la conoci?

PIETRO – Altérché!

FUSCO – Pi mia non etitte. Mi piego? Non etitte! E pure per Fabio. Lui una parola tola ci tà: rimbortare!  (Gira per il locale) Bedda! Bedda! Che mi dai un bicchiere di vino per tabilire contratto...

PIETRO – Che contratto?

FUSCO -  Brinditi!

PIETRO – Cos’è?

FUSCO – Quante complicationi con voi del Nodd. Brinditi di mutua comprentione, che tio Pietro confemma e nipote Fabio paga! Facilittimo!

PIETRO – Mi te slunghi un cataficch! Alter che vin!

FUSCO – Non vuoi bere con mia?

PIETRO – Gnanca se te se pissét adoss.

FUSCO – Peccato pé  tìa. Picché la vineria è bedda. E ticcome tu e i tuoi fratelli venderla... volete...

PIETRO – (Sorpeso) S’te ne see?

FUSCO - ...finire mi latti? E’ vero che volete venderla? Tì. Ma che troveranno i compratori? Che troveranno, dopo? E qua ti lattio indovinare.

PIETRO – Uéi mandaren de la madocina! Mafios! Disgraziaa! Foeura! Foeura!  (Lo spinge fuori)

FUSCO – Violento tei. Apetta... finito non ho...

PIETRO – Varda che te s’sceppi...

FUSCO – Tu ceppi nagott!  Quiriletti Pietro della Vinerai del Porto del Mare. Picché a ceppàre penteremo noi e la vineria noi la prenderemo e vini notri venderemo! Vini di Ticilia: fotti, saporiti, biondi... E con il vino altro, altro e altro ancora... Tutto verrà cancellato: cambiali, intoluti... Compreto il tuo barbaro dialetto...

PIETRO – (Acceccato dal furore)  Brutt schifus!!!

FUSCO – Non ti incattare. Inutile i è! piegato?  Ah! Piegalo pure a nipote tuo.  (Si guarda intorno) Bedda... bedda! La vineria!  (Esce)

PIETRO – Porco satanass! Ma cosa l’è incoeu? Venerdì dersètt? Capiten tucc in d’una volta!  (corre alla porta)  Te vegniss un cagòtt e te negassett dent! Piovra! Tirabuscion de strapazz! Loeuggia! Te pienti un krafen che te scadeni la dentera!

Si sentono all’esterno le voci di Gino, Baldin e Maria.

BALDIN – Peder cont chi l’è che te ghe l’hee?

PIETRO – Longhignon d’on sicilian!

I tre appaiono sulla porta. Gino ha alcune ecchimosi dovute alla caduta.

MARIA – ‘Se gh’è staa?

PIETRO – (affannato) Ch’el loffion maledett! L’è appena andàa foeura.

GINO – Quell che l’è andàa via in macchina?

PIETRO – ‘Sto pacciafigh!

GINO – La macchina l’era bèla... Granda...

PIETRO – (Riprende fiato. Poi rivolto a Gino)  ‘Ste combinàa?

GINO – Mi? S’eri fermo al semaforo e quand sont partii me scarligaa i bottiglion e ghe sont andaa adree...

MARIA – L’è un pastrugn!

BALDIN – Cunta sù, cosa gh’è success?

PIETRO – Oh, che premura... famm ciapà fiaa...

GINO – La Mencotti l’è vegnuda?

PIETRO – si! e l’è anca andada.

GINO – me l’è?

MARIA – Se t’interessa come l’è? Narigiàtt!

PIETRO – Damm un biccèr d’acqua Maria, per piasé.

MARIA – Subit.

GINO – (insinuante) Peder... come l’è la Mencotti?

PIETRO – Una rumpiball! Tegness pront, Baldin. La tornarà.

MARIA – (ritorna col bicchiere)  Tè, ciapa!

PIETRO – (beve a sorsi) El Fabio dove l’è?

MARIA - Perché?

PIETRO – L’ha dii quand el turna?

GINO – El torna semper ch’el sbarbà là.

PIETRO – L’è andaa anca in Sicilia?

BALDIN – Me par.

MARIA – Si, l’è andaa.

GINO – El porta a cà la lista dei menù. Minestron coi codègh...

BALDIN – Tàs!

GINO – Forsi in Sicilia el fann minga...

BALDIN – Cunta sù...

GINO – G’hann minga i codegh

PIETRO – El sicilian che l’è andaa via in macchina...

GINO – Bella!  Granda e luu...

PIETRO - ... l’ha minacciaa de s’ceppà la vineria se el fioeu el consegna no i cambiai che i so amis hann firmaa, e tucc i danee ch’hann pagaa a la sua ditta.

MARIA – Oh Signur! L’hann ferìi?

PIETRO – No, no.

GINO – (ha capito)  Porca boia, schifusa, porscela.... (Calmo, come preso da un dubbio)  Chi l’è che hann ferìi? El Fabio?

BALDIN – Va con ordin.

PIETRO – L’è vegnuu dent... el cercava el Fabio... L’ha dii che l’è andaa in cerca di danee di macchinche lor aveven compraa e pagaa, ma che hann mai ricevuu...

GINO – (Sbotta) El doveva fall, el doveva fall...

PIETRO – Mettegh in bocca un buscion.

GINO - ... el doveva fal...

PIETRO – El sugutava a girà in gir... L’è bedda, bella... el disèva. El saveva che voeurom vend, ma i comprador troerann nient! Anzi, ghe la porterann via lor, i mafios! A ‘sto punto g’hoo vist pù...

MARIA – Oh, Gesù, Gesù! El me Fabio...

GINO – Perché.. tò? El Fabio l’è anca me!

BALDIN – Occor avvertì la polizia.

MARIA – No, al polizia lassèmala stà!

BALDIN – ‘Se femm brusà la vineria?

PIETRO – Quand l’emm avvertida cose l’è che succed? Te fann compilà un modulo... e rangèss!

GINO – Mi voeuri la polizia. Voeuri la polizia!

MARIA – Per piasé, omen, bisogna avvertì el Fabio che l’è in di pericol.

BALDIN – D’accord! Ma dove l’è? El dis mai dove l’è che ‘l va e quand el turna.

GINO – Quand l’è partii el m’ha dii: ciao papà...

PIETRO – Fasìl tasè... un piacere...

GINO - ... te porti un regàl per el tò compleann.

MARIA – Alora doman!

GINO – Si, ai vott e mezza de doman matina compissi i ann.

BALDIN – L’è vera.

GINO – Se te giammò compraa el regal, damel subit, Maria, tant...

BALDIN – Stanott stemm su a fà la guardia.

MARIA –Addirittura!

BALDIN – Se gh’è success al Galdin de cors Lodi? E ai Beretta de San Donaa?

GINO -  Gh’hann faa saltà in ari i negozzi. Me recordi... me recordi.

PIETRO – Te gh’hee reson.

MARIA – El Fabio bisogna ch’el consegna i cambiai e pagà...

BALDIN – Se ne parla gnanca!

MARIA – Vorì massàmel?

GINO – LA polizia! ghe voeur la polizia!

BALDIN – Desmètt, luganega! Lassarem decid a luu. Per me cunt se dev mingà mollà.

PIETRO – Prima de andà via l’ha vusà: cancelleremo il vostro barbaro dialetto.

BALDIN – Quell l’hann comincià a fà con Garibaldi.

PIETRO – El m’ha faa perd del tutt... No, no el diseva: milanete, perché l’è minga bon de pronuncià la esse.

Milanete! ... e Ticilia!

GINO – Ticilia? cosa l’è?

PIETRO – Taporiti! Facilittimo... (inizia a ridere)  Facciamo un brinditi! El voreva fà on brinditi... ‘sto articiocch de Tiracuta... Piegalo! Piegalo  (ride apertamente)

GINO – Cosa gh’è de piegà?

PIETRO – Piegalo, Gino! Piegalo!  Me l’ha dit el Futco, Futco el se ciama...

MARIA – Mocchela, Peder!

PIETRO – (si rifà serio) Si... Cioè... Ti!  (Ricomincia a ridacchiare)

Una pausa piuttosto lunga.

BALDIN – Domà per difend el dialett bisognarìa s’cepaggh la majadura.

MARIA – (quasi fosse un pensiero detto a voce alta) El Fabio el fà un mestee pericolos... Madonna santa.

BALDIN – L’ha cattà foeura luu. S’el lavorava chì, ne la vineria...

MARIA – El diventava scemo ‘me so padér.

GINO – Perché, mi sont scemo?

MARIA – El sarìa staa obbligaa a portà in gir i bottiglion, istèss de luu.

PIETRO – L’avaria obbligaa nissùn.

GINO – Disi! Mi sont scemo?

BALDIN – Cambiai n’è mai svolazzaa tra i damigian...

MARIA – A luu ghe piàs inscì. Girà...

BALDIN – Girà...  Per una ditta fallida.

MARIA – L’è staa sfortunaa.

BALDIN – Cialàd!  I bottiglion riven no fina in Sicilia.

PIETRO – Ticilia...

GINO – Per l’ultima volta: mi sont scemo?

TUTTI – Si!

GINO – Va ben, va ben... Ma le savevi giammò!

C’è un attimo di silenzio, poi un clacson dall’esterno.

PIETRO – Orca beretta! Hinn bell e chi!

MARIA – L’è el Fabio!  (Corre fuori)

GINO – El Fabio?  Ma el compleann l’è doman!  (Esce)

BALDIN – El s’è mai degnaa de dagh una man...

PIETRO – Tiremm no in ball ‘sto discurs. La bugada l’è spessa assee.

BALDIN – El soo... Ma l’è la prima volta che capita d’aveggh a che fà con i mafius... Semm semper andaa d’accord... E tutt per on pirlètta che ghe piàs minga el vin e el parla gnanca milanes! El par no... vun de nunch.

PIETRO – T’el chì!

Fabio entra in casa seguito da Maria e Gino. Veste elegantemente e di buone maniere. E’ evidente che non è cresciuto nella cultura della vineria.

FABIO – Ciao!

PIETRO – Ciao.

GINO – L’è ‘rivaa.

FABIO – Buonasera zio Baldo.

BALDIN – Ciao.

FABIO – (dopo una breve pausa di silenzio)  Si sono già fatti vivi...

MARIA – Ghe l’hoo dii.

BALDIN – Dove hinn i cambiai?

FABIO – (Accenna alla borsa che ha con sé)  Sono qui!

BALDIN – Tirii foeura!

Fabio apre la borsa ed estrae un pacchetto nel quale sono contenute le cambiali.

FABIO – Eccole.

BALDIN – Mettii in sul tàul Maria, daggh de mangià al tò fioeu.

FINE DEL PRIMO ATTO


SECONDO ATTO

Qualche giorno dopo. Nella cucina dei Quiriletti. E’ sera.

Maria sta preparando la tavola per la cena e va e viene dal vano cuocivivande, ove stanno scaldandosi i cibi. Fabio la sta aiutando a disporre le stoviglie sul tavolo ed il resto.

MARIA – Te decis de minga informà la Polizia.

FABIO – Mamma, se quelli lo vengono a sapere, siamo finiti.

MARIA – De nunch parlarìa nissùn... nemmen tò padér.

FABIO – Lo so. Il curatore fallimentare ha detto che saranno cose lunghe.

MARIA – Alora sann come comportass.

FABIO – Altroché! Ma i soldi non torneranno tutti alla base. E la Polizia non ci deve entrare. E’ una faccenda legale, e basta.

MARIA – De quanti macchin se tratta?

FABIO – Tante, mamma... tante.

MARIA – Capissi no. Te see minga responsabil di macchin che vegnen no consegnaa. Che razza de ditta l’è quella che la te fà pagà a ti i sò debit?

FABIO – Mamma, per loro la ditta sono io! Lasciamo perder.

MARIA – Lassi perd on frispoll!  Te see no on caorin: gh’è in ball el mè fioeu!

FABIO – Figurati!

MARIA – I Quiriletti g’hinn no. Te podett parlà senza ritegn.

FABIO – Non ho niente da nascondere.

MARIA  -  Debbòn? Perché hinn minga andaa in ditta a minaccià, chi mafios là?

FABIO – E da chi vanno?

MARIA – Se voeur dì vegnì a spaventà trii poer quasi vecc, che cont la ditta gh’entren come el torron nel risott?

FABIO – Non lo so.

MARIA – Te’l see sì! L’è no la prima volta che te turnèt senza danee perchè i client eren in bulèta!

FABIO – Mamma, quelli non erano siciliani: capiscila!

MARIA – Sarànn minga tucc delinquent giò de là!

FABIO – Non è questo che voglio dire.

MARIA – E donca?

FABIO – Santo cielo, mamma! Sembri una perforatrice...

MARIA – E tì una scighéra striàda! O un mùl... che l’è pegg!

FABIO – (nel tentativo di chiudere l’argomento)  Le macchine le ho fatte vendere io, mi sembrava un buon affare.  Ma siccome non sono state consegnate mi ritengono responsabile. E’ chiaro, ora?

MARIA – L’è ciàr come el vin torbìd! Te podevet stà pussèe attent a chi ti vendevet.

FABIO – L’ho fatto anche altre volte ed è sempre andata bene.

MARIA – Anca in Sicilia?

FABIO – No, così in basso non ero mai andato.

MARIA – Se pò gnanca datt del stupid...  Fussi stàa mi la tua ditta, t’avarìa mai mandaa a vend i automobil... come se fudessen camis de soppressà.

FABIO – E chi lo sapeva... In ogni caso, hanno ragione: le macchine non le hanno viste ma i soldi li avevano dati.

MARIA – Alter che stupid! te see pegg de tò pader! Chi trii omm là se immaginén gnanca che pastìss te miss in pee... E in che pastìss ti è miss! Adess, se femm?

FABIO – Mi tocca pagare... O subire...

MARIA – Ciamél facil!  (Quasi con ritegno) Voeurenn vend la vineria... Fatt prestà i danee.

FABIO – Non ho alcun diritto di chiederli. Cosa ho fatto qui dentro? Mi dà fastidio persino l’dore del vino.

MARIA – Almen te parlàssett in dialett! Per lor el sarìa assee. Ma te dà fastidi anca quell, spitinfia d’un fioeu!

FABIO – (dopo un ripensamento) Ho ancora qualche giorno di tempo. Una via la trovo. A costo di fare lil filo a una figlia d’un commenda con la pancia gonfia di grana.

MARIA – Gh’è una dona? Finalment!

FABIO – Mamma! Quante volte ne abbiamo parlatpo... Ragazze tante! Ma...

(Tra sé) Meglio stare zitti...  (A lei, con la “U” italiana) Gh’è nissun!

MARIA – Se dis: nissün! Zanzottera! Sarìa ura che te la catàsset!

FABIO – Andrò in Sicilia a prenderla! Ti va bene?

MARIA – Se te la dann al post di danèe che voeuren indree.

FABIO – senti, non dire niente di quello che ti ho detto. Nemmeno con papà.

MARIA – Ghe mancarìa.

FABIO – E che non ti salti in mente di domandare loro dei soldi.

MARIA – L’è pussé facil schiscià un cucumer crud.

Entrano Gino, Pietro e Baldin.

GINO – Se gh’è de dii sui cucumer?

MARIA – Nient. Cioè, el Fabio el me diseva che ghe piasarìa mangiai.

GINO – Anca a mì! Cont i tomates e i ravanei.

BALDIN – Fabio, stanott che turno de guardia te preferisset fà?

FABIO – quello che vuoi, zio.

Baldin va nel cucinotto.

GINO – Mi el prim! Mi el prim!

PIETRO – Mi foo dai cinq or de doman mattina.  (Esce a lavarsi le mani)

FABIO – Allora io sto alzato da mezzanotte. VA ben a vui alter?

GINO – (con esagerata – come suo solito – emozione) Oh mamma! El parla dialett! Mariuccia, te sentii?

MARIA – Par la gesetta che fà la bona man al Domm.

BALDIN – (Era andato a lavarsi le mani, adesso rientra) Gh’è pront?

MARIA – Subit!

FABIO – Vado a fa el guardian, intant. Va ben?

PIETRO – Come no? Però parla no in dialett se te vedet on quaj vun.

FABIO – Stai tranquill.  (esce)

GINO – Che bell! Cosa gh’è success? El parla in dialett!

PIETRO – Cont una cura de cassouela e codeghin el podarìa migliorà. Se gh’è de sgandolà?

MARIA – Passaa de verdura, giambon, fasoeu cont i scigoll e formagg. e pomm.

PIETRO – Roba de sbattes sul plafon per l’appetit.

BALDIN – El pàr el menù del policlinico.

MARIA – (mentre serve il passato) Per chi voeur, gh’è la lista del Toulà.

GINO – Uéi, la mia Mariuccia l’è el campion di coeugh! Sent che profum!

MARIA – A la vostra età, la mia l’è una dieta pericolosa. Se però se preferiss luganighin de codega...

PIETRO – Si!

GINO – Bon appetit! (mangiano in silenzio) Passom el saa, Peder.

MARIA – L’è minga salaa assee?

GINO – On brisinin per slungà el sovorin... Grazie. Nissun ne voeur?

Continuano a mangiare in silenzio.

BALDIN – (Improvvisamente)  El Fabio l’ha decis de parlà dialett?

MARIA – L’era ora!

GINO – Mi sont inscì content... El vegnerà a somigliagh...

BALDIN – Se gh’è sòta?

PIETRO – Dove?

MARIA – Per ogni roba gh’è de pensaa mal?

BALDIN – Mi pensi nagott!  (A Gino) Moccheòla de tirà su cont la bocca!

GINO – Gh’hoo de tirà su dal nas?

BALDIN – (con la testa sempre nel piatto) L’ha semper rispost malament quand ghe l’emm domandaa.

PIETRO – Parolasc de prima scelta.

GINO – S’el parla dialett voeur dì che ghe piàs. vera, Mariuccia?

MARIA – Forsi el fà el tentativ de avvicinas ai so gent. O a un quaj vun ghe dispiàs?

BALDIN – Basta che le faga minga per danee!

Tutti smettono di mangiare, ad eccezione di Baldin. Silenzio.

GINO – (sbotta) Uéi! Parlà dialett se paga nagott!

MARIA – Spieghess!

GINO – L’è gratis! El mandom ancamò a scola...

MARIA – Spieghess, Baldin!

BALDIN – Scaldess no la pissetta, Maria. El Fabio per pagà i sicilian i danee ghi ha no.

MARIA – e alora?

BALDIN – Pò dass ch’el cerca de rufianass el zio Peder e anca el zio Baldin.

GINO – Cont el dialett?

BALDIN – Bravo! Te l’è capida anca ti!

Silenzio. Terminano di mangiare il passato. Maria ritira rumorosamente i piatti e li porta in cucina.

GINO – Sa, ma el Fabio el sa dove andà a catai...

BALDIN – Oh bella! Voraria savèll anca mì! E ti Peder?  (Pausa)  Parla!

PIETRO – L’è noster nevod...

BALDIN – Che l’ha mai sollevaa un bottiglion.

GINO – (Si alza e con fare alterato)  L’hoo faa mi per luu! L’hoo faa mì!

Maria rientra con un vassoio di prosciutto. Silenzio. Gino si risiede.

MARIA – Gh’è pussee crud che cott. (pausa) Come chi denter...

Ciascuno si serve. Maria esce e rientra con una tazza di fagioli e cipolle condite.

MARIA - Al Fabio i danee che ghe occor ghi dann so pader e sua mader.

GINO – Si, si ghi dò mi! Tucc!

MARIA – Vendomm la nostra part de la vineria.

BALDIN – A chi?

GINO – A chi la voeur. Metti una inserzion sul giornal... quota vineria di vini buoni, anzi, eccellenti! Fatti con l’uga e pastorizzati; senza fermentanti e con... Ottimi...

PIETRO -  (calmo) A la Mencotti...

BALDIN – A chi?

PIETRO – Emm decis de vend, o no?

BALDIN – Adasi! Gh’è staa decis nient. Prima bisogna valutà e perizià. E se pò semper cambià...

MARIA – El fioeu, i danee, el dev consegnai subit...

PIETRO – La Mencotti l’è disponibil.

GINO – Si, si, l’è disponibil! L’è dispon....

BALDIN – (interrompendolo)  A fà?

GINO – (come se avesse interpellato lui) Soo minga... se l’è disposta a fà, Peder?

PIETRO – A rilevà la part.

BALDIN – Te l’ha dii lee?

PIETRO – Si.

Silenzio. mangiano e dopo una pausa.

MARIA – Formagg?

GINO – T’hee le toeu el stracchin?

MARIA – (esce) Manca nagott in che la cà chi!

PIETRO – Quand me l’ha propost... L’ho mandada da via di ciàpp. Anzi... a le Canarie.

GINO – (esaltato) Te l’è mandada alle Canarie? Te faa ben, l’è un bel sit. Ghe andarìa anca mi.

BALDIN – Ah te l’ha propost! Alora la ghe tegn a la vineria dei Quiriletti.

GINO – Segura che la ghe tegn.

BALDIN – E magari te piasarìa andaggh insema...

Maria rientra col formaggio.

BALDIN - ... a le Canarie.

PIETRO – (freddo) Me dispiasarìa gnaca un po’.

GINO – (mentre si serve) Mariuccia, tramescol! Perché te l’hee compraa dolz, el stracchin?

MARIA – Perché de acid, in gir, ghe n’è assee.

BALDIN – (la guarda a lungo) Maria, te see sua mader e te capissi. Te tentet de juttal e l’è giust.  Ma la question l’è un bell tocch pussee seria de quell che se immagina. E t’el see...

MARIA – Me immagini e soo che chì... ognun pensa per sò cunt e se frega se on giuin in disgrazzia el pò andà a finì mal!

PIETRO – Frena... cugnada...

MARIA – (emozionata) Credevi de vess in una famiglia. Invece...  sont domà in una bottega de vin! Anzi, de asee... (scoppia a piangere e corre via)

GINO – (sorpeso dalla reazione di lei) Mariuccia, tesor, se t’ha ciapàa? Ma se l’è sta bugàda? Mi capissi un per cott! Mariuccia turna a tàula. Mariuccia! Mariuccia!  (corre fuori, dietro alla moglie)

Silenzio. Pietro e Baldin continuano a mangiare. Poi, Baldin smette di botto.

BALDIN – Voo a fà un gir!

PIETRO – (un grugnito, e poi)  Digh al Fabio de vegni dent!

BALDIN – Quand turni indree.

PIETRO – I fasoeu cont i scigòll in pesant!

BALDIN – (sta per uscire poi si ferma)  Se voeur dì?

PIETRO – Sarà un gir lungh, el tò.

BALDIN – (lo guarda sospettososo) Pò dass. Almen scorengi a l’aria senza riguard.  (esce)

PIETRO – Ma vegnerà foeura nient istèss... (mangia con calma, beve) Ho sentii parlà de asee... El noster vin l’è bon, l’è un peccaa sarà sù ‘sta botega (una pausa, guarda nella tazza dei fagioli) N’ha condii tanti, la Maria... La sa che piàsen a tucc. No, al mè nevod ghe fann schivi... El balòss el refùda on fagott de robb... In compens ghe n’è di sò che stann in sul stomech. L’è assee anda denter in la sua stanza: la par una rattatuja! Impiant de dischi, computer, stereo... che fann on frecass de rambambì! Altra epoca! Cià, andemm a ciamàll... On alter boccon de scigolètt, inscì tegni lontan i zanzar...

Mette in bocca un gran cucchiaio di fagioli e cipolle, quando sulla porta appare, elegante, Monica.

MONICA – Buona sera...

Pietro si ingozza e comincia a tossire.

PIETRO – Bona... Buona sera...

MONICA – L’ho faa ingozzà? Mi spiace.

PIETRO – No, no... Si, cioè.... (tossisce)

Monica si avvicina al tavolo, riempie un bicchiere e glielo porge.

MONICA – Beva.

Pietro beve.

MONICA – L’altro giorno era uno stuzzicadente...

PIETRO – Incoeu hinn fasoeu e scigòll.... Grazie.

MONICA – Uhmmm.... Che profumin!

PIETRO – (gli passa a poco a poco) Si, spuzzen.

MONICA – Profumano.

PIETRO – L’è istèss!

MONICA – El se sbaglia, scior Pietro, avaria dii: che tanfa. Invece l’è mej de on negozzi de prefumee.

PIETRO – Ghe piasen?

MONICA – Tra la pasticceria e el cervellee, g’ho mai avuu dubbi: un giambon!  (guarda nella tazza)

PIETRO – la voeur favorì?

MONICA – Un brisinin... Sont golosa.

PIETRO – ghe voeur un piatt.

MONICA – Mangi in d’el sò, s’el permett. l’è quest?

PIETRO – (glielo porge) Se ghe fà no shivi...

MONICA – (ha versato nel piatto un po’ di fagioli e cipolla e mangia) Che bontà! Hinn perfett! I ha preparaa la sua cugnada?

PIETRO – Eh, si... Come semper. La se sètta...

MONICA – Grazie.  (si siede e mangia con appetito)

PIETRO – On briscol de vin? Pardon , de Penta Drink ne tegnomm no.

MONICA – Vin, vin! Fasoeu e scigòll vann battezza col vin fort.

PIETRO – Ghe toeuvi una bottiglia.

MONICA – Quest el va ben.

PIETRO prende un bicchiere e glielo porge pieno di vino.

MONICA – Salve! Una cannonada! Perché i Quiriletti voeuren ritiràss? Cont un vin inscì bon gh’è minga bibita che poeu compet.

PIETRO – Appunto!

MONICA – (lo guarda sospettosa)  Abbiamo cambiato programma?

PIETRO – (dopo un silenzio, sostenuto) Sbagli, o semm lassaa in una certa manéra, signora Mencotti?

Monica con calma apre la borsetta ed estrae una busta.

MONICA – forse questa?

Sventola la busta davanti al naso di Pietro.

PIETRO – Se l’è?

MONICA – Non vuole degnarsi di aprirla?

Pietro prende la busta, sta per aprirla ma la lascia cadere sul tavolo.

Monica la raccoglie, apre lentamente e toglie due biglietti aerei. Li agita con grazia.

MONICA – Milano-La Palma e ritorno...

PIETRO – (esterrefatto)  La...?

MONICA -... Palma. Gran Canaria! E questa l’è no fantasia!

PIETRO – Ah!

MONICA – Mi sont de parola, e luu?

PIETRO – (come ridestandosi) El so nonno l’era scemo?

MONICA – (sorpresa)  No...

PIETRO – (incalzante) E la sua nonna?

MONICA – Gnanca!

PIETRO – E so pader?

MONICA – Ma...

PIETRO – On quei parent, zia... cusin... sorei... cugnaa...

MONICA – Se voeur dii?

PIETRO – Perché la cerca de famm passaa per scemo mi?

MONICA – (riprendendo in mano la situazione) Perché, forse, l’è un scemo che piàs.

PIETRO – Canarie! Al confin de Zavattarell, dove fann el Bonarda che s’ciuma e fa ciappà la ciocca... La voeur vegnì? Se pò fa a men de l’aeroplano.

MONICA – Però l’è men adatt de una piscina tra i fior e un mar semper blu. O no? Là se pò parlà con calma, studià i piani de svilupp...

PIETRO – Che piani?

MONICA – L’è tutt’alter che scemo, caro Pietro... La nostra la sarà anca una vacanza de laurà. Quand turnaremm dal Paradis...

PIETRO – troeuvum la Penta Drink!

MONICA – Hoo faa di riflession... (pausa) Luu el gh’ha un nevod... Giuin, el se ciama Fabio... Perché el ghe propon no de imbarcass con la nostra avventura?

PIETRO – Imbarcass? El gh’aveva paura de la funtana di giardin pubblich...

MONICA – Avanti! El ghe fà un finanziament per comincià... Oppur, provvedi mì; come Penta Drink, cont la sua garanzia...

PIETRO – (quasi travolto) Adasi...

MONICA – (incalzando, senza respiro) Mi compri le vineria, i sò fradei se ritiren, luu el fà la bèla vita nell’ambito della Penta Drink, e intant... el sò nevod el se fà i oss... professionali!

PIETRO –Cont i mè danee?

MONICA – Hoo faa un preventiv de perizia...

PIETRO – Cosa l’ha faa?!?

MONICA – Un preventiv! L’è proibii? Gh’è saltaa foeura una cifra... Una cifra! Me son stremìda! Numer che metten a post i Quiriletti da chì a l’eternità. Allora? Partissum, caro Pietro?

PIETRO – Un mument! L’è pussee veloce d’un can de caccia, lee! El Fabio el gh’ha la sua de attività, e sò minga i so programma... mi...

MONICA – I noster.

PIETRO – Rallentare! Curva pericolosa!

MONICA – Rettilineo! El Fabio pienta tuscòss, si fa assumere “ipso facto” alla Penta...

PIETRO – “Ipso...”  cus’è?

MONICA – Ipso facto.  Detto fatto!

PIETRO – Ah!  Calma, calma! Orca beretta! La parla, la progetta, la decid, la paga, la assum, la partiss, la torna, la sistema tutt el mund... e el mund el sa nagott!

MONICA – El mund semm mì, luu, el Fabio... e la Penta Drink.

PIETRO – Ma se l’ha mai vist in fàcia...

MONICA – Conoscere lo zio è già valutare la progenie.

PIETRO – La... cosa? Uèi che la dupèra di parol che podi capì anca un sifful come mi, un piacere...

MONICA – La progenie...  la discendenza, sciur Pietro... la discendenza!

PIETRO -. Ah, ecco...

MONICA – Dove l’è sto nevod?

PIETRO – Foeura a fà la guardia... Voeuri dì, a fà un gir de perlustrazion perché gh’emm paura de...

MONICA – Paura?!? Parola soppressa e sconosciuta dal giorno della mia nascita. Lo chiami!

PIETRO – Ma l’è...

MONICA – Lo chiami! Lo immagino come lo penso: Quiriletti! E a mì i Quiriletti me piàsen! Vada, Pietro!

PIETRO – El gh’ha ancamò de mangià... (incrocia lo sguardo di Monica)  Vado!

MONICA – Pietro!  (Lui si volta) Lo faccia entrare da solo: voglio salutarlo senza appoggi e testimoni. Semm capì?

PIETRO – Senza... appoggi?

MONICA -... e testimoni.

PIETRO – Questa la me impirlarìa su me un babi. (Prima di uscire) De per luu?

MONICA – De per luu!

PIETRO – Le fa foeura come i scigòll.  (Esce)

Monica si avvicina alla tavola e pilucca nella tazza dei fagioli e delle cipolle con palese godimento, finché entra Fabio.

FABIO – Sei riuscita?

MONICA – Con tuo zio Pietro, credo di sì. Con gli altri ci devo ancora provare.

FABIO – Per favore, Monica, quelli non aspettano. Son già venuti a minacciare...

MONICA – Quando non si dà retta alle donne...

FABIO – Sembrava un affare sicuro...

MONICA - ... per i siciliani! Macchine sbancaterra, trattori, camion... Robetta! Te pensàvet de collocà un tricilo, tì! E mi a ditt: occio, l’è no un’azienda fidada, anca i banch gh’hann revocaa i fidi. No, no, te disevet...

FABIO – Ti metti a parlare in dialetto?

MONICA – Me tocca! Se voeuri guadagnà i Quiriletti... Bel tipo tuo zio Pietro...

FABIO – Anche lui?

MONICA – Non farmi il geloso! Su. mangia. Pietro mi ha detto che non ancora cenato.

FABIO – Ho proprio voglia di mangiare... Mi avevano garantito che l’invio era avvenuto...

MONICA  - Ormai è fatta.  Mangia i fagioli, sono squisiti...

FABIO – Fagioli... Senti, avverti Laura che passerò domani da lei, ormai è tardi.

MONICA – Laura deve fare un monumento a sua madre.

FABIO – Hai una figlia splendida, a cui voglio molto bene.

MONICA – E’ esattamente per lei che faccio tutto questo. Ma prima dobbiamo acquistare la vineria...

FABIO – Lo scoglio è mio zio Baldino.

MONICA – Vedarèmm! Diciamo che coi loro soldi liquidiamo i siciliani, ti sposi Laura, e ti dai a lavorare come dico io per rinfondere i tuoi.

FABIO – Ma perchè non svelare tutto a loro, santo cielo?

MONICA – Ma non capisci, benedetto ragazzo? Solo la Penta può coprire la cifra che quelli pretendono. Per fortuna, i tuoi zii vogliono vendere la vineria e la mia società è interessata ad acquistarla. O vuoi che venga fuori un disastro? Se i tuoi cambiano idea, magari per i rapporti che ci legano, tu sei finito. Quelli fanno saltare tutto in aria!

FABIO – Madonna santa! E io che li credevo in buona fede. Ha ragione mia madre...

MONICA – Molli tutto, dopo! Diventi dipendente della Penta Drink...

FABIO – Se si potesse avvertire la Polizia...

MONICA – Voglio un genero vivo, non un futuro marito di mia figlia morto. Femm  minga di stupidad! Lassa manovrà la Mencotti, che in Sicilia l’è stada. Anche là bevono la Penta, e chi gliel’ha messa nello stomaco? Io!

FABIO – Meno male che ai miei non ho detto niente di Laura!

MONICA – El soo perché t’hee tasuu: ti vergogni di loro.

FABIO – No, questo no, però...

MONICA – Però, si! Li consideri dei “sorpassati”. Non hai mai voluto entrare nella vineria: sono astemio... Palle! Tutti uguali, voi giovani. Anche mia figlia si vergogna di me: sei troppo invadente, mamma! La me ciama la scassaquindicisettepiù! Voo a ciamà el zio Peder. E tu, mangia.

Fabio vede i biglietti aerei sul tavolo.

FABIO – E questi cosa sono?

MONICA – La mia vacanza con tuo zio. Alle Canarie.

FABIO – Che cosa?

MONICA – Pensi che anch’io sia una “sorpassata”? Sono vedova, ma ho tutto il resto. e poi a Pietro piacciono le Canarie. Me lo hai detto tu. Mangia!

Esce dopo aver ritirato i biglietti. Fabio si siede a mangiare, finché Monica rientra con Pietro.

MONICA – Signor Fabio, quanto abbiamo stabilito lo riferirà a suo zio e  ai suoi parenti. Per ora, grazie della sua adesione.

FABIO – (Non capisce)  Adesione?

MONICA - ... alla Penta Drink! La sua prossima famiglia professionale. E’ chiaro, sciur Pietro, che tutto è subordinato alla vendita da parte loro della vineria.

PIETRO – Verament, gh’hoo de sentì i mè fradei.

MONICA – El sappia che el sò nevod l’è de stoffa bona. Vegnarà foeura certament un vestì de lusso. Vero, Fabio?

FABIO – Se lo dice lei.

PIETRO – Per adess ghe manca la martingala.

MONICA – Ho degli impegni. Gh’hoo de scappà.

PIETRO - ... e anca la fodrètta.

MONICA – Dopodoman la perizia, e lunedì stendumm el compromess! Signori, buona sera (Prende in disparte Pietro) Ho tegnuu in sospes la prenotazion... La data della partenza la decidumm insèma. Canarie!

PIETRO – Rogored!

MONICA – (sulla porta) Viva i Quiriletti! Sont adree a pensà de creà una bibita noeuva: la Quirivinicola!

PIERO – Ma lee l’è semper stada inscì?

MONICA – Se conossaremm a fond! E allora: che sorpresa! “Hasta la vista”!

Monica esce.

PIETRO – La seguta a vess bassa de vista...

FABIO – E’ un saluto spagnolo, zio...

PIETRO – Ah, l’è un saluto.... Hasta.... Va beh! ‘Se la t’ha dii?

FABIO – Sono stato assunto alla Penta Drink.

PIETRO – T’el disèt come se t’avessen daa una tarellada...

FABIO – A patto che tu... che voi... vendiate la vineria.

PIETRO – Per vendela, la vendomm: Emm decis! Anca se per el Baldin la sciura Mencotti l’è istèss d’on caffè condii col pever.

FABIO – E a te, zio?

PIETRO – Me par de vess su la giustra: la me fà andà su e giò e riessi no a fermass. Parlemm sul seri: come te la mettet coi sicilian?

FABIO – Purtroppo mi tocca pagare, non ci sono santi. La ditta non c’è più, e le macchine e tutto il resto... Mi ghe l’ho vendù (pronuncia all’italiana).

PIETRO – Se dìs: vendùu... come cùu. Allora, femm inscì: mi cedi la mia d’ona part e tò pader el fà istèss... Ch’el Baldin el voeura o no... Ma de sicur el vorarà, perché l’è minga vun ch’el cred ch’el fioeu del pèss spada el se ciama cortellin... Voeuri dì, anca se l’era el nevod preferii de la zia Angelina, qualla che metteva sul balcon al bandera del Milan quand passava la procession... Insoma, noi non abbiamo fatto le scuole alte, come tì... Serum al pian terren e la maestra ghe diseva a la tua nonna: i sò fioeu hinn fortunaa perché pissen in sul sò, altriment... E l’andava minga avanti ma se capiva che la voreva dì che serum deficenti o giò de lì... Si, ma me recordi pù l’inizi... Cose s’eri adree a dì?

FABIO – Che cedi la tua parte.

PIETRO – Ah, già! Donca, mi vendi e la Penta  (si interrompe)...  Foo in temp a fà un viagg a le Canarie?

FABIO – Con la Mencotti?

PIETRO – Si... ma turni indree! Stò minga là, gnanca se la voeur... E cont quel che ciàpi, poch o tant, te provvedet a pagà i sicilian.

FABIO – No, zio...

PIETRO – L’è minga  un regal! Te laurètt e ti me dee indree adasi adasi...  (trambusto all’esterno)  Cosa succed?

Si apre violentemente la porta e Baldin spinge dentro Fusco che rotola a terra.

BALDIN – (fuori di sé) l’ho cattaa ch’el tramescava visin al portich, e l’ha tentaa de aggredimm, ‘sto pelabrocch!

FUSCO – Non è vero... Niente facitti. Tono innocente, guaddavo e batta.

BALDIN – Ho capii chi l’era quand l’ha parlaa: senza la Esse, come t’hee dii.

FABIO – Fusco!

FUSCO – Ah, tei tu, Fabio...

PIETRO – T’el cognosset?

FABIO – E’ uno di quelli a cui ho venduto i macchinari. Chi ti manda?

FUSCO – (riprende baldanza)  Bene lo tai.

BALDIN – Fatt dì cosa el faseva.

FUSCO – Far poco lo taprete. Tarà una torpreta.

PIETRO – Quest chi l’ha mìs una bumba!

FABIO – Aspetta, zio.   Senti, Fusco, quello che ho promesso lo mantengo. Ho detto che pago e pagherò.

FUSCO – Quando?

FABIO – Entro la fine del mese. i patti sono patti.

FUSCO – Troppo lontano. Tu pagare tubito, devi.

BALDIN – Lassel a mi!!!

FUSCO – Tieni a dittanta l’energumeno. Pugni mi diede.

BALDIN – E te ne pienti finché son stuf!

FABIO – Zio, per piacere, calmati!

Entrano Gino e Maria. Sono in camicia da notte e lei ha uno scialletto sulle spalle.

GINO – Ma cosa l’è tuutt sto baccanèri?  (vede Fusco)  Og, Signur! Chi l’è quell lì?

MARIA – (apprensiva)  Fabio, cosa t’hann faa?

FABIO – Niente, mamma, stai tranquilla.

GINO – Credevi che l’era un sogn, hoo ciapà un stremizzi! Se pò savè se gh’è?

FABIO – Papà, torna a dormire.

GINO – Oooh... già...

FABIO – Allora stai zitto!

GINO – Podi mai dì nagott.

FABIO – (dopo una pausa)  Adesso siamo tutti calmi... Dimmi perché sei venuto qui stasera.

FUSCO – Ti ditti.

FABIO – No, tu non hai detto niente! E va beh... (sospensione) Beviamo un bicchiere, ti va?

FUSCO – E cetto che mi va! In credito, tono. Quando vinni, tuo tio rifiutò di bere con mia...

PIETRO – Te credevet de...

FABIO -  (lo interrompe)  Zio, non si rifiuta mai di offrire da bere, mai! A casa loro non accade...

PIETRO – A cà sua... prima de dann de bev e dopo te spàren! E tutt al stess prezzi.

FABIO – Sono pure gentili. E comunque, siamo in debito. Per favore, zio Pietro, vuoi andare a prednere una bottiglia di quello speciale? Quello che tenete per le occasioni... (ammicando)

PIETRO – (che ha capito tutto)  Certament! Dovere di ospitalità... ghe femm bev quell de la ricetta del nonno. Il vino per gli amici! Va ben?

GINO – Voo mì, voo mì!

MARIA – Moeuvess no!

FABIO – Che sia proprio...

PIETRO – (mentre esce e và in cantina) ....quell del nonno, l’è unich!

GINO – (mentre Pietro gli passa accanto)  Slunghel con l’acid!

MARIA – Tas!

GINO – Porca zibretta! Parlen tucc...

MARIA – Moccheòla. impiaster!

FABIO – (intanto) Siediti, Fusco! E rilassati. Se tu fossi entrato dalla porta, mio zio ti avrebbe accolto diversamente.

FUSCO – Come opite, vuoi dire.

FABIO – Esattamente. Dunque ti mandano i tuoi soci per sollecitare il denaro.

FUSCO – Tì!

FABIO – E’ giusto. Voi avete pagato, ma le macchine non sono arrivate, perché, nel frattempo, la ditta è fallita e tutti si sono squagliati...

FUSCO – Meno tìa!

FABIO – E già, meno io. Che adesso devo restituire quello che... loro, si sono intascati.

PIETRO rientra con una bottiglia polverosa.

PIETRO – Questa la va ben!  (Va a stapparla)

FABIO – Prendi dei bicchieri puliti, mamma... (Maria esegue) Vuoi mangiare qualcosa, Fusco? Serviti.  (accenna alla tavola ancora apparecchiata)

FUSCO – Fame non tengo.

Maria torna coi bicchieri.

FABIO – (Versa il vino)  Questo è il vino che si mesce soltanto agli amici. E io ti considero tale.

FUSCO – Ti ringratio.  E tia non bivi?

FABIO – Sono astemio. Ma brindo ugualmente con te.  (Si versa dell’acqua nel bicchiere) Così!

FUSCO – E loro? Picchè non bivono?

FABIO – Forse perché non hanno voglia... Questione di simpatia, capisci?

FUSCO – Ah!

GINO – Mi g’hoo voeuja!  (Fà per predere il bicchiere)

Pietro lo tira bruscamente indietro.

FABIO – Alla tua visita!

FUSCO – Protit!  (Beve con entusiasmo)   Bono, ì è!

FABIO – E’ noto che alla vineria del Porto di Mare il prodotto è sempre eccezionale!  (gli riempie nuovamente il bicchiere)  Adesso mi dici cosa sei venuto a fare?

FUSCO –Ancora?  Monotono, tei...

FABIO – Non è per caso che sei venuto a mettere dell’esplosivo?

FUSCO – Eplotivo...  (ridacchia)

GINO – Maria, quest chì l’è vegnuu a copagh...

FABIO – Beh, la bomba non può essere grossa perché salteresti pure tu. E’ un’azione dimostrativa?

FUSCO – Grotta...?  Può darti...  (si riempie ancora il bicchiere)  Bedda, la vineria! Patiota... e bono il vino... bono  (gira per il locale e beve)

BALDIN – (tra i denti) Dammel a mì...

PIETRO – (lo trattiene)  Sta chì...

FUSCO – Talterei anch’io, dici... Ma la vineria:pumm!  (ride divertito)

FABIO – Non può fare: pumm! Fusco. Se io non pago la vineria diventa vostra... Volete raccogliere delle macerie? E il vino? Il vino buono che stai bevendo, dove lo prendi, dopo?

BALDIN – Lassa che ghe riformi la canappia!

FABIO – Dov’è la carica? ce lo dici?

FUSCO – E chi parlò di carica...  (ridacchia e beve)

FABIO – Allora, visto che ti diverti, facciamo a questo modo: giochiamo a fuoco e acqua, noi ci muoviamo e tu ci avverti se siamo vicino o lontani...

FUSCO – Gioco per picciriddi! Beddo! Io pure giocai  a fuoco e acqua, divettente... (ride)  Ce tò! Muoverti!  (qualcuno fà un tentativo) Muoverti!

GINO – Maria, se foo?

MARIA – Daggh a traa al Fabio e moeuvess!

GINO – Me par de vess un pirla... (si muove a casaccio)

FUSCO – Acqua, acqua...

FABIO – Zio Baldino, datti una mossa!

BALDIN – se g’hoo de fà?

FUSCO – Tignor Baldino, ti agiti! Vada dove ci tiamo trovati! Vada... vada...

BALDIN – Me se riscìa i busecch...  (uscendo)

FUSCO – (lo blocca) Acqua! Acqua!  (poi vede gli altri muoversi)  Mare! Mare tenta confini... (li prende in giro rincorrendoli) Quant’acqua! Ti annega... Acqua... Acqua... tembrate de petci impattiti... Acqua...

(improvvisamente sbianca e si fema)  Dov’è gabinetto?

FABIO – (andandogli vicino) Quale gabinetto? Non abbiamo gabinetto.

FUSCO – Tenta gabinetto, tiete?  (in crisi)

GINO – Ghe n’è trii....

MARIA – Citto, micrania!

GINO – MA se ‘l g’ha de bisogn...

Pietro gli allunga una sberla.

FUSCO – (Va da Gino)  Dove tà gabinetto?

GINO – Là... (altra sberla potente)

FABIO – Qui non ci sono gabinetti... A  Milano, niente cessi! (lo porta in giro)

FUSCO – (tenendosi il ventre)  Cota ci avete metto nel vino?

FABIO – C’era qualcosa nel vino, zio Pietro?

PIETRO – Te voeuret offendum? Puro e genuino!

FUSCO – Tanta Rotalìa! Il cetto!  (tenta di uscire, ma glielo impediscono)

FABIO – Ma quale cesso, Fusco?

GINO – Ma el stà mal...

MARIA – Ti te stee pegg, giavàn!

FUSCO – (cerca di uscire da un’altra parte) Non potto retitere...

FABIO – Dove è la bomba?  (lo trascina al centro della cucina)

FUSCO – Il cetto!

FABIO – La bomba!

FUSCO – coppio!

FABIO – Anche la bomba, coppia!

FUSCO – Maledetti milaneti! Avvelenato, sono... il cetto!

BALDIN – La bumba! Brutt mafios! Dimm dove l’è la bomba!

FUSCO – Ahi, ahi!

PIETRO – Cià! Te porti mì...

FUSCO – Gratie...

FABIO – Zio Pietro, non farti intenerire!

PIETRO – El foo cagà in su la bumba.

FUSCO – Noo!!!

PIETRO – O te me menèt a la bumba o te s’cioppa el venter!

FUSCO – no, pietà di mìa...

PIETRO – Pietà fin che te voeurett...

FUSCO – (ormai allo stremo)  Ahi, ahi... Pottami! Pottami!

PIETRO – Te porti! 

Corrono all’esterno velocemente, mentre scoppia una grande risata.

GINO – (che non ha ancora completamente capito quanto è accaduto)  Ma se gh’era in del vin?

BALDIN – La cilappa del nonno!

GINO – Ti t’el savevet?

FABIO – Certamente!

MARIA – L’era la purga del sò cavall!

GINO – Voeuri assagiall!  (si dirige verso la bottiglia)

FABIO – Nooo!!!

MARIA e BALDIN – Siiiii! Assaggel, Gino! Bev!!!   (Grande risata)

FINE DEL SECONDO ATTO


TERZO ATTO

Giorni dopo Maria sta sparecchiando la tavola alla fine del pranzo. I tre fratelli stanno bevendo il caffè. Gino e Baldin lo fanno lentamente, Pietro sorseggia in fretta ed esce dalla cucina della vineria, che è ingombra di bottiglie, fiaschi, cartoni che la invadono, così come l’esterno che si immagina ormai saturo.. Maria va e viene dal cucinotto.

BALDIN – (come per una decisione grave) Resentin!

GINO – (gli fa eco)  Mariuccia, resentin!

Maria arriva con una bottiglia di grappa.  Baldin si serve, agita diligentemente la tazzina facendo roteare il liquore, in questo imitato da Gino, che con la sua voce chioccia venata di compassione rompe il silenzio.

GINO – Peder, resentin!

BALDIN – (freddo)  El g’ha de corr... El resentin le farà con la sua manza, a le Canarie!

GINO - ... le Canarie...

MARIA – (che lo sente)  Te voeurett andà a portà i valìs?

GINO – Si, con  ti denter... a tocch!

MARIA – L’è quasi quarant’ann che t’el fee... A momenti ghe semm.  (Esce)

Silenzio. Pietro ritorna con altre bottiglie e sempre più affannato. Poi esce.

GINO – Tra pocch vegnarann i camion a portai via, l’è inutil spostai da la cantina... te par?

BALDIN – Me par! MA el semaforo le manovra la sciura Mencotti, e la schiscia el giald, el verd...

GINO – e el ross?

BALDIN – El ross l’è luu! Guardèl in faccia!

Pietro ritorna un’altra volta con altri bottiglioni ed è davvero paonazzo.

GINO – Peder, fermess a fà resentin!

PIETRO – G’ho minga temp!

BALDIN – Mej lassà la tazzina voncia de caffè.

PIETRO – Sont bon de lavala.

BALDIN – T’hoo mai vist.

GINO – Tacchì a tacà lit?

PIETRO – (rivolto a Gino) Riferiss a tò fradell che sò fradell l’ha mai faa la part del cagnott in del pomm!

BALDIN – L’è adree a imparà pulito quella del gorgovàn.

PIETRO – El sò difett l’è quell de daggh reson ai stupid!

BALDIN – Digh ch’el gh’ha propri reson...

MARIA – (rientra in scena, attirata dal battibecco)  Emm finì cont i stravaccad?

GINO – Dighel, dighel! A sti largh de bocca! L’è assee cognoss una sòca per confond i lusiroeu con la scimisera... Varda mi!

MARIA – Bagian! Tas una buna volta!

GINO – La dona pussé perfetta la g’ha sett difètt...

MARIA – Ancamò?

GINO - ... quela brutta domè vun: l’è brutta!

PIETRO – Cià! quel che te gh’hee de dimm, cascell foeura! Svoeuja el gòss!

BALDIN – Sont mai staa una zabèta!

PIETRO – Emm faa tutt quell che s’era decìs! Serumm d’accord de vend, emm venduu! A la Penta Drink? A la Penta Drink!

BALDIN – D’accord... Minga tropp! Ma siccome gh’era de mezz el nevod... lassela buj!

PIETRO – e dunca? Adess se gh’è? Te see gelos de la Mencotti?

BALDIN – Gelos?  Se te pias fass margnifà da una cinciapètta stagionada, fa pur. La faccia de cavall de scocca la vegnarà a tì! Occio a quand te se guardett in del specc!

PIETRO – Insomma, podi minga tentà de rifàss una vita?

BALDIN – tenta, tenta...

PIETRO – Pari inscì un gandòla?

MARIA – Basta fioeu...

PIETRO – Tas, Maria! Me fradell el g’ha de traa in de la ségia tutt quell che tegn in del fidigh! Parla!

BALDIN – (dopo una breve pausa) Seguta a purtà su i butìli da la cantina, che te piàs...

PIETRO – Me piàs un sacramesca...

BALDIN – Peder... Disomm de vess minga bon de volà, perché semm no come se doperen i all  (pausa)  Voeuri no che te vaghet via... semm semper staa insema senza stracàss...

GINO – L’è vera...

BALDIN - ... Tenti de evitat de borlà giò e s’ceppà la melonera... Quela là, l’è no una per tì!

PIETRO – La parla el dialett, l’è assee...

BALDIN – El zio Gasparott el diseva: chi l’è minga bon de ballà el ghe dà la cupla ai sunadur... Te gh’hee present el pilastrèll del noster porton?

Eccola, la Mencotti la me fà vegnì in ment i strasciacanton, quei che rovina i pilaster perché se ne freghen o hinn scars de volant.

Te pàret propri un pilastrèll de ciappà dent senza riguard...

GINO – Sicur, el noster porton l’è tutt gibollàaa... l’ho vist anca mi!

MARIA – Sssttt!!!

BALDIN – Cosa te fee a le Canarie se te succed de s’cepass? Gh’è no el Baldin o la Maria...

GINO - ... o el Gino!

BALDIN – Si, anca el Gino, a tratt insèma i tocchej...

PIETRO – Nient’alter?

BALDIN – No... cioè... si... Quand te tornarett, bell bronzaa e luster, magari soddisfaa...! Ciao, quest te l’auguri! Beh, almen quell!

GINO – (ridacchia)  Che bell, che bell!

MARIA – Ruffian!

BALDIN - ... e te vedarè demolì la caa di noster vecc... Te sarèe bon de resìst? Mi ghe sarò no...

PIETRO – El patto l’è che deven rispettà....

BALDIN – Cos’è? Te se mettet dennanz a la ruspa? O pegg, davanti a la Mencotti?

PIETRO – Baldin, sent...

BALDIN – Fin a quand la parlerà dialett, la tua Monega? Chì vegnarann ingles, frances, american, teròn! Che se ne freghen di tò barzellet... Domà i amìs riden quand senten una storiella vègia. E ti, ste ghe cuntètt?

Quella del prestinee ch’el dava la michetta al Gigi de la gnaccia, e luu le pucciava in de la pànera vanzada del lattee?

PIETRO – Questi hinn cialàd de moriggioeu.

BALDIN – Ah, si?  (prende la tazzina del caffè che è ancora sul tavolo e gliela mostra).  Varda la mia tazzina: l’è netta, el resentin de grappa l’ha come lavada, caffè ghe n’è pù!  (prende quella di Pietro) Adess guarda quella dove te bevuu domà el caffè: in fund gh’è el negher mes’cià a on brisinin de zuccher... La par vuncia: l’è vuncia! Nunch semm inscì: una vègia tazzina cont la croppa, de tràa via.. Semm superaa, Peder, se pò pù ciapà la rincursa per turnà indree... Tra pocch metterem l’ultima camisa, quella senza saccocc... per portà via nagott...

Silenzio. Persino Gino tace e Maria si apparta per nascondere la commozione.

GINO – (giusto per dire qualcosa)  El vin el bevomm semper de men...

PIETRO – (finalmente)  Mi ve scolti e ve ringrazzi. Ma gh’hoo pensaa sora pulito... Da quanti ann sont de per mì?

Baldin cerca di parlare ma Pietro non glielo consente.

PIETRO - ...no, no! Lassum dì! Tropp! Tropp! E perché? Gh’hoo semper avuu paura... paura de lassà i me fradei, paura de tacàss a un’altra dona, perfin paura de la mia paura... Ogni tant me disèvi: Cià, cerchen vuna istèss de quella che t’ha lassaa... E subit dopo: no, cattén foeura vuna tutta different... e in d’el dubbi i ann passaven, passaven e passaven i occasion... e sont passaa anca mì! Cresseva domè la paura. Si, cresseva anca el desideri... Me vergogni no de confessà che ho daa tanti de chi pissigòtt ai tosànn! Cont i oeucc... domà cont i oeucc... purtropp... Poeu... s’è presentaa la Monica... La s’è taccada... Perché? Per fass dà la vineria e per i danee per el Fabio? Pò dass! Per finta o per gioeugh? Forsi! Ma se ghe fùss del sentiment? Se debbon ch’el poer gandòla chi...?... Osi nemmen pensall!  Ma se pò dass... Se l’è inscì... Perché minga provà? Ve domandi domà quest: Provà! Andaremm lontan, in on sit che ho semper sognaa... Quanti volt Baldin t’ho dii de le Canarie? Magari l’è istèss de Cogoleto o addirittura pegg... E restarò delus... Ma provà devi... se me lassii...

Pausa di sospensione.

MARIA – Daggh una man a portà su i bottili, Gino.

GINO – Subit, inscì te ve via prima...

BALDIN – Una volta te me dii: profumo di donna. Voeura el ciel che sia minga un tossigh...

A questo punto fa il suo ingresso in scena Fusco, il quale tiene una borsa nelle mani. Con tono allegro.

FUSCO – Ah, buona tera a tutti!

Tutti sono colti di sorpresa.

MARIA – (spaventata)  Oh, Signur!

FUSCO – Paventata, tignora? Amico, tono.

BALDIN – Cosa el voeur?

FUSCO – Pattavo! Ti, pattavo e mi tono detto: picchè non vado a trovare gli amici mia? Vado! Picchè timpatici tono. E poi te ne vanno: lattiano la vineria, e allora andiamo a bire un bicchiere intieme... No! Non quello del nonno...  il nonno lattiamolo alla tua ricetta... Vino come ti deve, ah!

PIETRO – Che fàcia de palta!

FUSCO – Quella mai dimenticherò! Il nonno.. ti fà per dire, mi depurò, mi rete... pulito! No, il vino io, lo offro oggi...

Fusco toglie una bottiglia dalla borsa.

GINO – Cosa l’è?

FUSCO – Vino i è! Della terra mia, la Ticilia!  (li vede perplessi)  Che? Temi la vendetta?  Capito ho, capito! No! Quetto innocente è! Tappiamo? tu! Amico tono!

MARIA si reca a prendere un cavatappi e glielo porta.

FUSCO – Brava tignora. I bicchieri? Beviamo dal collo tutti intieme?

Maria prende i bicchieri.

FUSCO – Vogliamo mandare via le paure? Io per primo bevo!

Si mesce e svuota tutto d’un fiato il bicchiere. Gli altri lo guardano con tutta la diffidenza

FUSCO – Vino pretioso! Ticiliano!

Riempie i bicchieri e li consegna uno per uno ai Quiriletti.

FUSCO – Viva l’incontro Nodd Tud!  (svuota ancora il proprio bicchiere)

GINO – Mi bevi no. E ti?  (rivolto a Pietro)

PIETRO – Al massim te se caghett adoss!  (beve)

Baldin beve di malavoglia. Gino vede i fratelli bere  e beve anche lui.

GINO – Uèi, l’è bon debbon!

FUSCO – Facciamo il bit?

GINO – Cosa???

FUSCO – Il bit! Bit!   (riempie nuovamente i bicchieri)

BALDIN – L’è vegnuu domà per bev?

FUSCO – Ticuro! Vostro nipote taldato il debito ha, e nulla può turbare i notri rapporti.  (d’improvviso) Che? E del vino votro che ne fate? Vindete? Io lo compro.

BALDIN – L’è giammò staa compraa.

GINO – Spettum el camion per portal via.

FUSCO – Camion? Ah, già! Camion di Penta Drink... Ma lei, carittimo Pietro, ti reca nelle itole Canarie... Beddo! Là, altro vino berrà...

PIETRO – (sorpreso) Chi ghe l’ha dii che mi voo...

FUSCO - ... alle Canarie? Un canarino fu. Pare che laggiù vino forte nace...Vino gagliardo... Amoroto... che accende i tenti!

PIETRO – (alterato) Sent, fich d’india, cosa te see vegnuu a fà a cà nostra?

FUSCO – Ah, ah, ah! Ca notra? Etx!  Compreto? Etx! Ommai... tutto tappiamo! Tutto...

Suono di clacson dall’esterno.

GINO – I camion. Vegne a caregà el vin, Peder.

PIETRO – (guardando Fusco con ira)  Ho sentii.

BALDIN – (andando vicino a Fusco)  Serumm intès de minga s’cepass i tomatèss a vicenda.

FUSCO – Tomatet???  Ah, capito ho!  Dopo il pagamento, voi di là, e io... noi, di quà. Ebbè? Tolo le trade tanno ferme... Gli uomini camminano...

PIETRO – Voeuri vedegh ciàr!

MARIA – (lo trattiene) L’ha spiegaa: l’è vegnuu per salutagh.

FUSCO – (ha sentito) Degnittima tignora...

MARIA – Alura saludemàss e tanti auguri!

FABIO – (da fuori) Mamma, dove sono gli zii... (entra e li vede) Ah, siete qui.

MARIA – De  dovevet vess in uffizi... come mai...

Fabio vede Fusco e si sorprende.

FUSCO – Boggiorno Fabio.

FABIO – Buongiorno...

GINO – (con euforia)  L’ha portaa de bev.

BALDIN – Cosa te gh’hee de bisogn?

GINO – saggen un gott.

FABIO – Lascia perdere, papà.  (continua a guardare Fusco)

FUSCO – Tono lieto di vederti e di farti gli auguri di buon lavoro. E ora, tanti taluti alla bellittima compagnia.

FABIO – Aspetta un momento!

FUSCO – Dici a mia?

FABIO – Si.

MARIA - Foeura aspetten de caregà el vin.

FABIO – Lascia che aspettino.  (si avvicina a Fusco)  Quei camion, là fuori, sono quelli che la mia ditta – fallita – non potè consegnare, e io ho dovuto pagare alla tua organizzazione.

FUSCO – Che fetentie dici, caro Fabio.

FABIO – Anche se portano i colori della Penta li ho riconosciuti... ho visto anche i numeri di matricola...

PIETRO – Te see sicùr?

FABIO – Il sospetto l’avevo, per diversi particolari. Poi ho voluto indagare... Perché quei camion sono finiti alla Penta Drink?

FUSCO – Fatti piegare da loro.

FABIO – Che legami ci sono tra voi?

Nel frattempo Monica era entrata, non vista, e si era fermata sulla porta ad ascoltare le ultime frasi.

MONICA – (interviene)  Te lo dico io, Fabio. Li abbiamo acquistati a prezzi convenienti.

FABIO – Mi fà piacere saperlo da te. Ma perché non sono stato avvertito?

MONICA – Ormai fa parte dell’azienda...

FABIO – La spiegazione non mi convince, anzi!

BALDIN – Gh’hoo come l’impression che t’hann ciapaa per el dedree.

MONICA – I camion eren là, i noster tecnich i hann vist, hann valutaa che l’operazion l’era bona: affare fatto!

FABIO – dopo che io li avevo pagati!

MONICA – Dopo o prima, che ci fa?

PIETRO – Ci fa, ci fa! Emm lassaa giò da un tocch el scossarìn de l’asilo...

MONICA – Pietro, sono anche tuoi! I danee hinn staa dàa da la Penta...

PIETRO – Ma i emm tirà foeura nunch!

MONICA – E la Penta vi ha comprato la vineria: semplice giro commerciale.

FABIO – Un bel niente! Fusco e i suoi compari non sapevano...

FUSCO – Tapevano, tapevano...

FABIO – E lo sapeva anche la Penta! Perché?

FUSCO – Non la facciamo tanto per le lunghe: toci tiamo!

PIETRO – Cosa te disèt? Mi soci d’un remolass del gener!

MONICA – Vediamo di chiarire...

GINO – Maria, mi capissi on squass...

MARIA – Gnanca mi... se l’è per quell...

MONICA – Spieghiamo! La società è composta da più persone, giusto? Comanda chi ha versato più quote, cioè chi ha pagato maggiormente.

FUSCO – (con calma olimpica)  Noi!

MONICA – Signor Fusco, per favore...

FUSCO – Per favore, per favore... Lei ta che le notre quote tuperano abbondantemente quelle di tutti gli altri. Ticchè... facciamo quello che vogliamo.

MONICA – Io non la metterei così!

FUSCO – E io invece, la metto. La vineria è notra. La Penta Drink pure quella è notra! E il tignor Pietro Quiriletti e fratelli partecipano in ragione dell’entità delle quote loro: cioè, una miteria.

PIETRO – Ma mi savevi no de vess in società con la mafia!

FUSCO – Mafia!  Che brutta eprettione! Diciamo: ticula organittatione d’affari con ramificatione al nodd.

FABIO – Dunque, io sono un collaboratore...

FUSCO - ... della tocietà! E ti puoi chiamare fottunato d’ettere tato attunto.

BALDIN – Quest hinn rob che dovevumm savè!

FUSCO – Tavè?  Noi tapevamo! La tignora tapeva! La Penta in Ticilia si beve picchè noi vogliamo che ti beva! E ora allargheremo anche a Milano le bevute. Qui, tecondo i piani, tutto verrà abbattuto e torgerà un grandioto tabilimento!

BALDIN – Abbattuto?

FUSCO – E ti! Che ce ne facciamo di quetto rudere?

BALDIN – Il rudere, come t’el ciàmett, l’è un tocch de Milan che el vaa rispettaa!  (A Monica) Semm d’accord, sciura?

MONICA – Si fidi.

GINO – Maria, dopu te me spiègehtt...

MARIA – Stamm visin, Gino. Sti chì me fann sù come i ramisèll.

FABIO – Zio, mi impegno io perché la casa dei nonni venga rispettata!

FUSCO -  (con ira) Tu a cata tua ti impegni! E adetto, quetta, più non lo è! E’ come con i camion della tua ditta fallita... Tei cotì tupido da non avere ancora capito che a farla fallire tiamo tati noi?

BALDIN  - Mi el sguri, el sguri!

FUSCO – (si avvia) Facciamo caricare il vino tui camion. E io me lo tengo...

BALDIN – (lo prende per le spalle)  Te fee caregà una madocina! Besàsc!

FUSCO – Che fai???

BALDIN – Te s’ceppi la lumaga!

Baldin sferra un pugno che stende il siciliano.

FABIO – Zio!

Fabio trattiene lo zio che sta per avventarsi su Fusco, mentre le donne gridano impressionante.

GINO – Bravo Baldin! Riformegh la dentera!

Pietro, intanto, aiuta Fusco a risollevarsi.

PIETRO – Va via! Va via, tenciòn!

Baldin si svincola da Fabio e si pone davanti a Fusco, che adesso è davvero spaventato e si passa una mano sul mento dolente.

BALDIN – El vin l’è minga tò!  (a Monica) E gnanca sò!  El vin l’è noster! Noster!

Và a prendere una bottiglia, di quelle che si stappano facilmente allentando il turacciolo ingabbiato, e si mette a bere a canna. Poi, come euforicamente invasato.

BALDIN – Noster!

Pietro prende a sua volta una bottiglia.

PIETRO – L’è noster!  ( e beve a canna, a sua volta)

Gino, anche se non ha capito del tutto quello che sta succedendo, si lascia coinvolgere e grida festosamente.

GINO – L’è noster!

Poi prende un’altra bottiglia e la apre.

GINO – Maria, l’è noster! Bev anca tì, stèlla dora!

Maria apre a sua volta una bottiglia

MARIA – El g’ha resòn, l’è anca sò!

Si porta di fianco a Fusco, che è travolto da quanto gli stà succedendo attorno, e gli rovescia addosso il vino dalla bottiglia.

Fusco tenta di sottrarsi ma incontra i fartelli che, vista l’azione della donna, a loro volta innaffiano di vino il malcapitato.

BALDIN – (come ispirato, grida)  Resentin! Peder... resentin!

Fabio, con passione, apre un’altra bottiglia. Beve un sorso e poi se la vuota addosso gridando a squarciagola.

FABIO – Resentin! Resentin!

BALDIN – Resentin de ‘sta croppa!

PIETRO – Resentin de tutt sto marsc!

GINO – Resentin che scanchigna la coràda e rodèga el fidigh!

MARIA – Resentin come una bugàda...

Fusco è ormai fradicio di vino e sopraffatto.  Monica apre anche lei una bottiglia, va a prendere Pietro, lo porta in un angolo e lo fa bere, poi beve anche lei e, infine, scoppia a piangere.

MONICA – Portumm via de sta ruèra... ghe la foo pù!

PIETRO – Si, te porti via, tesor! Ma prima fà resentin anca ti!

Si rovesciano addosso il vino della bottiglia.

Intorno si grida si beve e si ride. Fusco si trascina verso l’uscita tra i “resentin” uno più allegro dell’altro.

Nella confusione generale suona improvviso il telefono. Sembra un segnale, al richiamo del quale tutti i personaggi si fermano, come colti di sorpresa.

Fabio si reca a rispondere.

FABIO – Pronto... Si, ah... Non è il (si ferma e cambiando tono) Si, si, ho capito...

Si guarda intorno e osserva un po’ tutti, in particolare Fusco che, adesso, cerca di svicolare verso l’uscita.

FABIO – Zio, fermalo!

Baldin si precipita su Fusco e lo blocca. Fabio continua la conversazione anche se la sua attenzione è rivolta verso lo zio e Fusco.

FABIO – Va bene... si, si...

BALDIN – Fermess!

FUSCO – Lattiami! Lattiami!

GINO corre a dar man forte al fratello.

GINO – Demegh un frocch sul coppìn!

Monica intanto continua sommessamente a piangere e Pietro le è vicino. Maria segue tesa tutto quello che accade.

FABIO – (sempre al telefono) Va benissimo! Attenda la mia chiamata. Grazie!

Posa il telefono e poi lentamente si porta davanti a Fusco.

FABIO – Dove stavi andando?

FUSCO – (trattenuto saldamente da Badlin e Gino)  Quetta la pagherai.

FABIO – Non ho dubbi. Siete capaci di tutto! Ma può essere che a pagare per primo sia tu... e i tuoi compari.

BALDIN – Gh’è una sola manéra de fàghela pagà!  (Fa gesti eloquenti)

GINO – Sont d’accord...

FABIO – Lasciatelo... Ascoltami attentamente. Quella telefonata mi ha informato che il Consiglio Comunale ha appena bloccato lo stralcio ai vincoli urbanistici di questa zona periferica.

GINO – Cosa el voeur dì?

FABIO – Qui non si può costruire niente! Tutto deve restare com’è: la sede della Penta Drink non si fà più perché l’ambiente va rispettato!

MONICA – (sorpresa)  Cosaaa?!?

FABIO – Si, Monica. La vineria e  il terreno rimangono vincolati. La deroga è annullata.

FUSCO – (reagisce) Impottibile! Impottibile! Avevamo avuto ticuretta che la cota era... Racconti delle balle, tìa!

FABIO – Balle? Come vuoi. La delibera è stata approvata all’unanimità e qualcuno vi ha buggerato.

FUSCO – Cu fù a tradire?

PIETRO – (a Monica)  Te seret al current?

MONICA – Se spetàva domà quel per partì cont i laurà...

Fusco si precipita al telefono e compone un numero.

FUSCO – Pronto! Qua mi ti dice che la delibera è bloccata... E’ vero, avvocato?

GINO – (che stenta a capire, come al solito) Baldin, cosa succed?

BALDIN – Lassom ascoltà, cadenàss!

FUSCO – (alterato) Tutto doviva procedere... non è proceduto! E’ grave... Cetto! Gravittimo! Qui deve torgere la tede di tutte le notre attività... Provveder, tobbiamo e tubito! Tì... Tì... (allarmato)  Avvettire? E picchè?  Tolo in cati di etrema urgenta... Certo... Certo. Etrema i è! Lo faccia itto, avvocato... Non può? Picchè?  Ahhh.... controllo... Cetto! Cetto!  Mìa...avvetto!

Posa il telefono, preoccupato. Guarda gli altri uno a uno, poi lentamente va verso il tavolo, afferra una bottiglia e ne tracanna un lungo sorso.

Guarda Fabio.

FUSCO – Qua, non una pietra deve rettare! Tutto pianato, va!  Comprete le pertone!

GINO – (sbotta) Uèi, delinquent!

FABIO – (lo frena)   Papà...

FUSCO – (verso di lui) Tu andrai piantato per ultimo, picchè il più ciemo tei.

GINO – Ecco, el sà anca luu...

MARIA – (gli si avvicina) Dì nagott!  (e lo stringe)

Fusco è chiaramente combattuto al suo interno, lo si vede.Poi si avvicina al telefono. E’ titubante. Prende la cornetta ma esita prima di comporre il numero. Poi, deciso, lo compone, avendo però cura di voltare le spalle a tutti perchè non si intuiscano i numeri che compone.

Con voce estremamente ossequiosa.

FUSCO – Pronto... Pronto... Bacio le mani, onorevole... Tono Futco Tellori... Domando comprentione, onorevole, per ettere cottretto a ... comunicare con itto... (dal comportamento di Fusco si intuisce che dall’altra parte del filo, l’interlocutore ha una reazione abbastanza seccata)  Tò, tò, vottìa... Ettrema... Ettrema urgenta.. Ma ettrema i è! Onorevole (veloce) Il Contiglio Comunale ha bloccato tenta motivo la deroga alla delibera che ci interetta... (di là la reazione è violenta. Il povero Fusco quasi si piega dall’imbarazzo) Tì, tì, onorevole, tì... bocciato tutto, contrariamente ai patti conevuti con gli attettori e i contiglieri... no. no, non tappiamo i nomi... ma tono i toliti...  no, non li faccio... tutti pretenti, erano...  E anche chi controllava, c’era... Atticuro! E ora?  Ora, tecondo l’avvocato, A itto tocca intervenire... No, itto lui, itto lei onorevole... per riparare... E’ vero, vero... Comprentione, onorevole... Tutto facimmo, atticuro... Ogni cota...  Tì, tì, tiì, comprentione...

Fabio gli si avvicina e chiude drasticamenete la comunicazione.

FABIO – Grazie, Fusco... Hai svelato quello che ancora mancava: La prova dell’identità del capo...

FUSCO – (sbiancando)  che facitti?

FABIO – Il telefono... è sotto controllo, amico...

MARIA – Oh, GesùMaria!

GINO – (che continua a non capire)  Cosa gh’è success, Maria?

FABIO – E chi di dovere, adesso sa chi è il responsabile delle ruberie e, magari, dei delitti, che avete commesso... L’onorevole! Lo sapevano che il politico integerrimo e insospettabile era la mente, ma mancava il riscontro... la prova...

MONICA – (interrompe) Ma che hai fatto?

FABIO – Dai, che hai capito, Monica! Non sei anche tu della congrega? Zio Pietro, prendi subito l’aereo per le Canarie  e portala con te.

PIETRO – te la fee scappà?

FABIO – Quando ritornerà, la metteranno in galera per un po’, la tua Monica... Ma poi la riassumo come suocera e come socio della Nuova Vineria del Porto di Mare!

BALDIN – Cosa tee dii???

Fabio si precipita su Fusco, che intanto tenta di scappare approfittando del dialogo.

FABIO – No!  Stai qui, pisquano! Se esci ti fanno fuori! Perché la colpa è tua, e lo sai. Non si telefona mai al capo, per nessun motivo...

GINO – Fioeu, ho capii giust? Te voeurett...

FABIO – Si, papà! Facciamo la Nuova Vineria...

GINO – ma de vin se ne vend pù!

FABIO – Del vostro! Non di quello che faremo noi. Produzione di qualità, enologia di gusto, ristorante con champagne, spumanti... Vedrai! Idee mai viste! Fusco! Caro Fusco, credevi di trasferire a Milano la tua gang... ma noi non la vogliamo.

FUSCO – Preparati il funerale, ti puoi.

FABIO – Intanto preserviamo il tuo. In attesa che tutti i soci vengano catturati resti con noi. Il vino, come vedi, non manca. Ah, Monica, tanti saluti da tua figlia... era lei al telefono, prima, non capiva perché non le davo retta.

PIETRO – L’era minga el Cunsilii Comunal?

FABIO – Nemmeno  per sogno! Era Laura che mi chiamava, come le avevo chiesto. Vogliamo continuare a fare resentin? Mamma, hai incominciato tu, poco fa (le allunga una bottiglia) Toh, puoi farmi lo shampoo al Lambrusco...

MARIA – (commossa) Oh, car el me fioeu! Te me fee piang de soddisfazion!.

GINO – Maria, voeuri piang anca mi! (e lo fanno)

PIETRO – (azzarda un po’ timidamente)  Podumm andà? Te see sicur che..?

FABIO – Cosa aspetti? Che la blocchino, o la fermino all’aeroporto?

PIETRO – (euforico) Orca beretta! Monica... Canarie!!!

FABIO – Zio, parola che tornate!

PIETRO – Parola! Anzi, parola de zio!

MONICA – Ma, io... io cosa devo fare?

Fabio le si avvicina e la bacia sulla guancia.

FABIO – Ciao, simpatica! Lo sai che ti è andata bene! La Penta Drink, con quelli là, non era poi una grande idea...

MONICA – (abbracciandolo)  Grazie! Lo sapevo che eri bravo!

FABIO – Divertitevi più che potete, che San Vittore ti aspetta...

PIETRO – (la prende e la porta verso l’uscita)  Ciao a tucc, alora! Baldin... profumo di donna!

BALDIN – Saludomm el mar, pèe d’oca...

I due escono di corsa.

FABIO – Zio, posso affidarti il nostro Fusco mentre mi faccio dare i documenti dei camion che mi hanno fregato?

BALDIN – Te podet considerall incollaa a la mia patta  (rivolto a Fusco) Cuccia lì, letammèe!

FABIO – Bene! Papà, mamma... (i due sono ancora abbracciati) Se tra una lacrima e l’altra mangiassimo un bel piatto di pasta, eh?

MARIA – ti  a preparaj, amor!

GINO – Vegni anca mì, Maria  ( si portano verso il cucinotto)

FABIO – Un momento... ( i due si fermano) Fusco, li preferisci al ragù o al pomodoro?

FUSCO – (digrignando)  All’arrabbiata! Ah, ah, ah, ah....

FABIO – Hai sentito, mamma? L’ospite li preferisce così!

GINO – E nunch i a femm incassaa come luu!

Si mettono a ridere, pure Baldin e Fabio ed anche – ma sì, anche lui – il siciliano Fusco.

FINE

- PAPOZZ: Babbucce, ciabatte

-ORGNETT: Occhialini a mano

-BARBOZZ: Mento

-RESTET SMORFIAA: Restare deluso

-IMBORAGGIAA. Impanato

-PLATTA’: Fare il/la saputello/a

-LADIN: sciolto, scorrevole

-SMORBIONI: Burloni

-MARGNIFFONA: Drittona

-MASTEGONI: scazzottatori

-LONGHIGNON: Gingillone

-CIALADA: Freddura

-ZIBRETTA. Pianella (tipo di ciabatta)

-MICRANIA: Mal di testa

-GORGOVAN: Semplicione

-LUSIROEU: Luccioli (dei bachi da seta)

-SCIMISERA: Cimiciaio

-BAGIAN: Bagiano, semplicione

-MORIGGIOEU: Sorcio

-REMOLASS. Rafano

-SQUAS: Quasi (in questo contesto: poco o niente)

-REMISSELL: Gomitolo

-SGURI: Ripulire, strofinare

-TENCION: Moro, bruno

-SCANCHIGNA: far tentennare, tremare

-ROSEGA: Rosicchia


MATERIALE DI SCENA


-2 bottiglie per alcoolici

-tazzine caffè

-bottiglie vino per tavola

-bottiglia per acqua minerale (in vetro)

-bicchieri (12)

-oliera

-tovaglia + tovaglioli

-fruttiera

-piatti piani e fondi

-zuccheriera

-cucchiaini caffè

-cucchiai/coltelli/forchette

-mestoli

-vassoi acciaio

-marmitte

-cucchiai legno

-pentole

-pattine per pentole

-cavaturaccioli

-tavolo

-4 sedie

-frutta

-pane

-prosciutti crudo e cotto (affettati)

-formaggi

-pane

-fagioli

-passato verdura

-stuzzicadenti

-telefono a muro

-cartoni o cestelli per vino (con bottiglie)

-damigiane

-botte

-turaccioli plastica

-quadri vari

-quadro con foto

-quadro con Papa Giovanni o Sacro cuore

-calendario “Frate indovino”

-tendine

-tenda

-gabbia canarini

-secchio

-strofinacci

-cucina a gas

- attaccapanni

-borsa da ufficio

-fogli per cambiali

-busta con biglietti aerei

-grembiule

-borsa per Fusco

-lavello

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno