El sacrista di San Firmin

Stampa questo copione

Roberto ZAGO

EL SECRISTA DE SAN FIRMIN

Commedia in tre atti

in

Dialetto Milanese

Personaggi:

Giovanni, el secrista de san Firmin

Marisa, zitella della parrocchia addetta alle pulizie Maddalena, vecchia fiamma di Giovanni (che ancora brucia)

Teresio Abbatagreste, meridionale del Biancofiore Francesco Argellati, un giovane spacciatore

Adamo Caibellotto, spacciatore di droga

Marchino, raccoglitore ecologico e altro

Don Pietro, un anziano sacerdote che non ha mai fatto carriera

Oggi. A Milano. Nella sacrestia di una immaginaria - ma non del tutto - parrocchia dedicata a san Firmino.

LA SCENA

Un interno di sacrestia di una qualunque chiesa milanese che non ha patrimoni storici da conservare.

Armadi, porta-paramenti alle pareti; un grande tavolo in mezzo - o appoggiato alla parete se non èpossibile -; sedie varie, aggeggi liturgici: turibolo, navicella, contenitori, qualche vaso porta fiori, sandaline e tappeti, addobbi diversi, ecc. Si lascia alla possibilitàscenica degli allestitori e alla loro inventiva l'arredo dell'ambiente, il quale peròdeve essere staccato dall'edificio sacro vero e proprio, come se una zona di rispetto lo dividesse dal tempio, a cui si accede mediante una porta. Un'altra porta conduce all'esterno, ma soltanto alla fine di un corridoio che si intravvede quando la si apre. Una terza porta mena in un ripostiglio che consente di uscire all'aperto.

Grandi finestre fanno entrare tanta luce, rendendo radioso e accogliente l'ambiente.

Un impianto elettronico per il suono delle campane si intravvede in un angolo.

PRIMO ATTO

(Don Pietro, un anziano sacerdote che ha l'aspetto innocente di un bambino, sta svestendosi dei paramenti sacri con i quali ha celebrato la Messa. Giovanni, il sacrestano, gli sta attorno per aiutarlo. Costui èun uomo di mezza età, sempre allegro ed ottimista e pieno di quella bonomia che gli viene dall’essere un meneghino di vecchia razza. Indossa una vestaglia grigia, tipica della categoria, e si muove con la disinvoltura di chi sa di essere nel proprio ambiente famigliare. Èmattino abbastanza presto e si indovina che fuori c'èun bel sole)

Don Pietro - (biascicando alcune preci sottovoce si reca a firmare il registro delle Messe) Ancora   una volta nel nome del Signore... (si segna) In nomine Patris, et Filii...

            Vado alla Bovisa, Giovanni... et Spiritus Sancti. Ti raccomando, il prevosto non c'è... Amen!         La parrocchia ènelle tue mani.

Giovanni - (riordinando) La tegnaròstretta in dì man me l'acqua, don Peder.

Don Pietro - Sono sicuro che, se occorre, saprai donare tutta la Grazia che il Signore vorrà.

Giovanni - L'èvun ch'el tegn de cunt la roba soa.

Don Pietro - Chiedi e ti verràdato.

Giovanni - La creàa el mond in ses dìi, figuremess se podi fagh ona giunta al sòlaorà.

Don Pietro - Qualche volta Dio ha bisogno degli uomini, e i preti dei sacrestani. L'importante èche           non ne prendano il posto nei confessionali.

Giovanni - Oh, quanto stuà! Mi s'eri dent a nettai, se poeu i donn vegniven a confessas la colpa l'è           no mia.

Don Pietro - Nettata troppo meticolosa!

Giovanni - Vonceria cont la croppa, come se i peccàa lassasen giòi freguj oncisciàa.

Don Pietro - E le penitenze?

Giovanni - Se pòvess assolt senza penitenza? Mai! Gh'era nient de mal a consiglià: se la fàla                    doccia, cont l'acqua voncia, la vaga no in gir a dìche l'ènetta.

Don Pietro - Ma era una vecchina di ottantaquattro anni!

Giovanni - Finalment l'ha capìde lavass.

Don Pietro - Con l'acqua gelata!

Giovanni - Quell ghe l'hoo minga ordinàa! Però, ch'el disa tuscoss: trìi dìa drédel funeral i parent            de la vegietta hinn rivàa dal scior prevost cont ona busta de ringraziament.

Don Pietro - Bébé! Queste sono sacre facezie.

Giovanni - O benedette immondizie.

Don Pietro - Ma che cosa dici, Giovanni?

Giovanni - Femm no "mea colpa" sul stomigh del prossimo

Don Pietro - Sei incorreggibile e hai la lingua lunga.

Giovanni - Peròsont minga on lecchino. Mi foo domàel sacrista e de sacrament podi no dann,                  domàdii.

Don Pietro - Ma lo sai che sei ...

Giovanni - El sò! El vaga, che a la Bovisa el spetten. (l'aiuta a mettersi un soprabito e il cappello a             larghe tese) La cappella! Quand se va foeura parrocchia: cappell largh! (glielo mette)                 Eccola! Come l'èvera che vinc semper el sant cont l'aureola pussée grossa e tornida.

Don Pietro - Non hai imparato niente a stare tutti i giorni accanto al Signore?

Giovanni - Come no? Hoo imparàa a sopportài pret.

Don Pietro - Diròal signor prevosto di mandarti a fare un corso di esercizi spirituali, che ne hai                 bisogno.

Giovanni - Se vegn la sua perpetua ghe vòvolentera.

Don Pietro - Oh, bé! Ci vediamo per la funzione, e che fino ad allora nessun angelo faccia sciopero.          (si avvia)

Giovanni - Riverisco, don Pietro.

(mentre ripiega arredi e paramenti e rassetta negli armadi) Ch'el vaga, ch'el vaga! S'el faseva minga el pret... l'avaria cercàde fa el pret. L'èbon me la medesina che daven cont l'ostia per fa passàel mal de la pecolla. L'èbon debbon! Me farann i so veggett incoeu senza de lù? El g'ha semper la fila foeura del confessionari, par la vedrina de la terza età. Ai spinazzin dai settantacinq ann in sùel ghe fa fàel voto de castità: tucc i dii consacren la virtùa l'altar de la Madonna de la cintura. Bella forza! L'èfacil quand dai paraggi de la cintura gh'ètuscoss passo L'èistess che offrigh a la Madonna on mazz de papaver: (fa il gesto) tac! Tocchen terra appena ti ècattaa.

            L'alter dìel s'èmiss a vosà: prostitute e pubblicani vi precederanno nel regno dei cieli! Salta          sùla Maria Passamantin, quella di vocazion tardiv: don Peder, doman proedi a metton sul        canton de la circonvallazion e me prenoti el prim post in Paradis. Sta quietta, nonna, dagh       no al diavol la soddisfazion de scisciàon cadenass ruggin! Macché! Quand el Signor el me         faràandà... andarò! Come s'el fudess on purgant. Mah!

            Quell che me despias l'èvedèel prevost tirai de brusca e striglia on dìsìe on dìsemper... Sì,         signor parroco! D'accordo, signor parroco! Come vuole lei, signor... Ma mandel a benedìi            sciatt in mezz a i ortigh, quell lìch'el par on cicin pussée giust del Signor! Ghe metteran el    rosmarin su la tomba perchél'èsta on gran grass de rost!

            L'ultima l'èel cartell in giesa: si prega le donne di pregare senza voce. Firmato, il prevosto.

            Appena metti pèe in Paradis voo a cercàsan "bigol", el so prottetor, on sant che fa semper i             straordinari.

            (entra Marchino. Èun uomo abbastanza giovane, un po' eccentrico. Tiene in mano una borsa         scura e un bastoncino ecologico con una punta sul fondo.)

Marchino - (circospetto, sottovoce chiama) Scior Giovanni! Scior Giovanni!

Giovanni - Uè, scior Marchino, buon giorno.

Marchino - Ssst!

Giovanni - Se gh'è? Dorma l'angiol custod?

Marchino - Citto! Semm depernun?

Giovanni - (segnando un quadro di santo o altro) Con lùsemm in trìi.

Marchino - (va a chiudere la porta) Mei sarà.

Giovanni - (allarmato) Se succed?

Marchino - (spalanca la borsa) Le ved? (e subito la richiude)

Giovanni - L'èon indovinell?

Marchino - Scherzemm no! (ripete il gesto) Le ved? (e richiude immediatamente)

Giovanni - Se l'èon usell che l'ha branca a ai giardinett el femm andàtrifolaa, se invece l'èona                  merda ...

Marchino - Pegg! (ritenta l'operazione ma)

Giovanni - (lo blocca) Cià, mocchemela! Se gh'èlìdent?

Marchino - Droga!

Giovanni - Droga?! E le porta in gir come se la fudess on cucumer?

Marchino - L'hoo troada.

Giovanni - El doeva lassala doe l'era, e ciamài poliziott.

Marchino - Nanca per sogn!

Giovanni - Allora s'el voeur fà, offrighela al Signor?

Marchino - Propri inscì.

Giovanni - On moment! El cunta tuscoss, ma adasi e senza andàper i pràa.

Marchino - (dopo una pausa e una presa di respiro) Giardinett! S'eri ai giardinett e quaciott quaciott          cattavi sùcattasc e porcherìi come me solit... (alza la voce) Perchémi conossi el valor                         ecologich del verd! El verd l'èstàcrea a nett fin dal dìde la creazion ...

Giovanni - Ciappemela no inscìdistant; ch'el vegna foeura dal Paradis.

Marchino - Subito Cont el mèbaston andavi su e giòtra l'erba e i fior... On splendor! Nemmen on            cartin me scappava. Invece, sotta i cespuli, puah!, che stabiell! Certi volt me tocca stoppà                 bocca, oeucc e stomigh ...

Giovanni - (lo interrompe) Andemm al capolinea.

Marchino - Rivi! Sotta on cespuli bell, frondos, pien de fior ross, bleu, giall, bianch ...

Giovanni - Negher!

Marchino - Negher? Mai vist. Domàross, bleu, giall,bianch ...

Giovanni - Negher!

Marchino - Ma no, perchél'insist?

Giovanni - S'el va no avanti el tiri mìnegher!

Marchino - Ghe sont. Se vedi tra i fior? Eh, ch'el disa: se vedi?

Giovanni - Quella roba n.

Marchino - Gh'era on pacch come de giornai fàa sù. El ciappi in man ...

Giovanni - Eh?!

Marchino - Giornai che foo per sbatt nel sacc pattumera, ma senti la pesantezza e la curiositàla me            salta addoss me ona bissa. Desvolti el prim giornal e salta foeura on alter giornal, poeu on          alter ancamò, e on alter ...

Giovanni - Se l'era: on'edicola?

Marchino - Giornai ancamòe dopo ancamò! (pausa) Poeu... basta giornai! On sacchett de plastica             che tegn dent on alter sacchett, e on alter ancamò, e a la fin: t'el chì!

            (apre la borsa e mostra il contenuto)

Giovanni - Orca! Se ghe n'è!

Marchino - Roba grossa! Vera, scior Giovanni?

Giovanni - Me ne intendi minga, ma me par. Gh’era nissun che guardava intant ch'el scartabellava            el pacch?

Marchino - Sì. I pivion.

Giovanni - On quai vun, no on quiaott!

Marchino - Capissi minga.

Giovanni - Omm, donn, ghisa, la soa zia ...

Marchino - Ah, hoo capì! No no no, domài pivion.

Giovanni - E adess s'el voeur fà?

Marchino - L'hoo dìi! Offrire al Signore tutta la borsa.

Giovanni - El pensa ch'el Signor el gh'abbia bisogn de drogass?

Marchino - Credi de no. Ma mi se foo? Se la porti a la polizia me interroghen, e se ghe disi?: che l'hoc troada patapin patapan? E se me creden no? Se ravanen per savèla rava e la fava? Voo in preson, opur i spacciador cercherann chi l'èstaa a grattàla robba, e se me catten me fann fàla fin di puasson frigédans la padell!

Giovanni - Che le faga on quai vun d'alter, vera?

Marchino - De sicur! Mei sta chi provvisori che de làper semper.

Giovanni - El Signor!

Marchino - Eggià! Cioè, no! El Signor se po minga mettel in padella... Magari! Scior Giovanni, ghe           lassi chi el pacch e la borsa: el regali a la giesa! Chissài danée ch'el var ...

Giovanni - Ma ch'el vaga foeura di pée lùe la soa mercanzia!

           

            (A questo punto si spalanca la porta che dàsulla chiesa ed entra Marisa, la donna addetta              alle pulizie. Èuna popolana di mezza età, piacente ma non molto curata. Ha una vestaglia         scura e i capelli raccolti in un fazzoletto.)

Marisa - Giovanni, el g'ha lavàa la faccia a sant'Antoni?

Giovanni - Hoo nettàa domàel Bambin.

Marisa - Cià, proedi mi.

Marchino - (approfitta della sua entrata per buttare in un angolo la borsa e scappar fuori, dicendo) O         revuar!

Giovanni - (se ne avvede e lo insegue) Uei! Cava fiàa d'on secca perdent! Torna indrée! Brutt                   paneron ecologich!

Marisa - (sorpresa) Se gh'èstà?

Giovanni - (lo si sente gridare fuori) La troo in ruera la toa porcaria! Marchino, torna indrée!

Marisa - (sulla porta) Ch'el vosa minga in giesa, scior Giovann!

Giovanni - (tornando) Vosa minga?! Slighi la cadena o al can de san Rocc e gh' el rusi a dré!

Marisa - Se l'ha fàa?

Giovanni - El m'ha impirlàa sùme... (si ferma e cambia tono) Ma a lée se ghe ne frega?

Marisa - (offesa) Uei, scior Giovann, gh'el vaga no de trott!

Giovanni - La me scusa, sont foeura di strasc. Marisa - L'èminga ona rason! On po' de rispett!Giovanni - G'hoo domandàa scusa, sciora Marisa.

Marisa - Rospigon me lùn'hoo vist pocch!

Giovanni - Ghe torni a dom ...

Marisa - (non lo lascia proseguire) El tratta i donn me on tafan stitich!

Giovanni - (spazientito) Oh, insomma! Marisa - El sant'Antoni che se le netta lù! Giovanni - Sciora Marisa, che la senta... Marisa - E anca San Firmin!

Giovanni - No, quell no!

Marisa - (incalzante) Con tutt quell che foo per la parrocchia e per i pret!

Giovanni - (cercando di arginare) Ma l'ha minga capìi se gh'èsuccess?

Marisa - (ottiene lo scopo perchéla donna si cheta) No! Se gh'èsuccess?

Giovanni - Gh'èsuccess che... (pentimento e cambio di tono) Podi no dill, se de no vegn a savell

tutt el rion.

(Benzina sul fuoco)

Marisa - Ah, l'èinscì! Mi saria ona portinara, ona zabetta!

Giovanni - (accorgendosi del peggio) Ma no, se la dis...

Marisa - L'èlùch'el me fàdiventàona linguascia.

Giovanni - Oh, Signor! Che la senta... (vede uno spiraglio) El scior Marchino.

Marisa - (l'ottiene) Eh?

Giovanni - L'èvegnùu...

Marisa - A fà?

Giovanni - A portà...

Marisa - Cos'è?

Giovanni - (frenata) No! Podi no!

Marisa - Hoo capì! Le saludi!

Giovanni - No! Che la vaga via no!

Marisa - (si era avviata; si volta) La fiducia! Quand manca la fiducia, mei dividess!

Giovanni - Se gh'entra la fiducia? Ma perchéhinn andàa via tucc e duu sti sifol de pretI

(A questo punto entra dalla porta che mena in chiesa Teresio Abbatagreste. Èun meridionale dall'aspetto imponente, ma pieno di difficoltàche lo rendono anche fragile, di umore mutevole e passionale. Èvestito esageratamente bene, perciòappare anche ridicolo.)

Marisa - (Che sta varcando l'uscio che immette all'esterno - e che naturalmente smania dalla voglia            di sapere e; quindi, non ha intenzione di andarsene coglie occasione dall'ingresso di Teresio      per fermarsi, defilata, ad ascoltare.)

Teresio - (truce) Dovesse confessarmi.

Giovanni - (risponde alterato) De pret ghe n'èminga. El vaga in on'altra giesa.

Teresio - Volesse confessarmi acchì!

Giovanni - Ghe ripeti che de pret ghe n'èno!

Teresio - Sentii! Ma io confessare mi devo! E immediatamente!

Giovanni - (come per salvarsi e per riconciliarsi con lei) Sciora Marisa, ghe le disa anca lée, per                  piasè...

Teresio - (senza guardare Marisa interrompe bruscamente) Le donne confessare non possono. Gli uomini, si! E tu uomo, sei!

Giovanni - L'èvera, ma sont minga on pret.

Teresio - I miei peccati li potesse sentire anche tu. Anzi, dovesse!

Giovanni - Mi?!

Teresio - E assolvere!

Marisa (azzarda) Scior Giovanni, quest el par...

Teresio - (cs) Stare zitta dovesse! Diglielo!

Giovanni - L'ha sentii?

Marisa - Tucc istess i omen. Meno mal che l'hoo capìi e sont ancamòvergine.

Teresio - (duro) Vattene!

Giovanni - (le fa segno di allontanarsi) La se allontana no, gh'èsotta on quai coss de spess.

Marisa - (fa segno affermativo ed esce.)

Teresio - (come la donna èuscita, cambia improvvisamente atteggiamento e diventa remissivo e                timido) Perdonasse! Non mi devo confessare.

Giovanni - (sorpreso) Uella!

Teresio - Io volesse che lei mi ascoltasse in solitudine, pure se fusse necessario che io purgasse i                 peccati miei: bazzecole, creda ...

Giovanni - S'el voeur?

Teresio - E isso il sacrestano di questa chiesa?

Giovanni - Si.

Teresio - (togliendo dalla tasca una lettera) Allora, legga. (gliela mette a forza nelle mani) Legga!

Giovanni - (titubante e sospettoso, legge) «Ci vedremo presso la chiesa di san Firmino. Io terròuna

            borsa scura sul braccio destro, e per non dare nell'occhio vestiròcompletamente di scuro. In          caso di difficoltànel riconoscermi, si rivolga al sacrestano che conosco bene ...

Teresio - (interrompe) Isso!

Giovanni - (scorre la lettera e ne borbotta il seguito. Poi) Capissi minga ...

Teresio - Son ore che aspetto e tutte donne vestite di scuro, vidi.

Giovanni - Per forza, gh'èsta du funerai.

Marisa - (socchiude la porta e si affaccia dicendo) Gh'ède nettàsan Firmin?

Teresio - (come la sente, senza voltarsi a guardarla, e con il tono imperioso di prima) Che vuole?                Chi le ha detto di interloquire? Fuori. Femmina curiosa!

Marisa - Ma quest chìl'ètoccàa nel teccett!

Giovanni - (venendo verso di lei) La vaga, la vaga... (la spinge fuori)

Teresio - (come Marisa èuscita, ritorna remissivo e timido) Perdonasse, sono nu poco timido, e si ha da avere un tantino di pazienza con me.

Giovanni - Ah, lùl'ètimido?

Teresio - Ho sempre sostenuto rapporti difficili con le donne, anche con mia madre, perciòsono                ancora nubbilo. Èuna disgrazia che mi porto appresso senza colpa, come... se fusse una                 gobba. Ecco, gobboso sono! Nel sentimento.

            Non dico quanto soffersi per questa sciagurata menomazione, anni e anni di desiderio e di             solitudine, di voglie represse, di torture e di approcci inconclusivi... Solo un martire potesse     sopportare... Lei mi capisce, vero? Dicesse, mi capisce? Dicesse!

Giovanni - S'el voeur, el disi.

Teresio - Finché, un giorno, vidi una reclamme... Sa, le reclamme?

Giovanni - Eh, i reclam ...

Teresio - (mima) «Scrivete a Biancofiore per trovare l'anima gemella », diceva la reclamme. E io                scritto, ho! Mi sono spiegato?

Giovanni - Alterché!

Teresio - E risposto mi fu!

Giovanni - Bona!

Teresio - Donna di questa città! Femmina di questo quartiere, di sicuro frequentatrice della chiesa             sua!

Giovanni - Ah, sì! Chi l'è?

Teresio - E che ne saccio? Ha fatto tutto Biancofiore.

            Io mandai dati anagrafici, curriculum intimo, fotografie di facciata e di profilo, mezzo busto         e tutto intero, in costume e senza! Risposto ho a sedici paggine di quiz; espresso tutti i                  desideri miei, e atteso, ho! Ricevetti una risposta: compagna trovata, possibile incontro:                        inviare assegno! E inviato, ho! Ricevuta la ricevuta con allegato messaggio: prossimo              contatto. Attendere!

            E nuovamente atteso, ho.

Marisa - (si affaccia come prima) Hoo finìde nettàsan Firmin. Passi al crocifiss?

Teresio - (al sentire la sua voce cambia repentinamente atteggiamento, e senza guardarla inveisce)             Ancora issa! Ma come debbo esprimere di non volere essere disturbato! Donna origliosa,                frugona, invadente e ficcanasa!

Marisa - (impaurita) Oh, mamma! L'èsicur de vess sicur cont quell lì?

Teresio - (urlando) Mandassela via! Via!

Giovanni - (da lei) La vaga a spolveràel crocifiss …Dopo ghe spieghi.

            (Marisa esce)

Teresio - (cambiamento) Scusasse ancora. Timidezza, tutta timidezza!

            Che dicesse? Ah! In attesa stetti, finchéieri: ecco l'avvenimento! Quella lettera, da lei, la               mia gemella, mi fu recapitata! GesùGesùGesù! Che feci, io? Dicesse, che feci?

Giovanni - Me le disa lù.

Teresio - Non dormii! Non dormii! Ma prima parrucchiere, manicure, doccia, shampoo, frizioni,                massaggi... per la mia notte immacolata!

Giovanni - Immacolata?!

Teresio - Bianca! Occhi che non si chiudono, pronti per vederla, su e giùdalle lenzuole come un                ginnasta impazzito... E stamane, alle cinque e cinquantadue, là: sul piazzale della chiesa, di vedetta!

Giovanni - E lée?

Teresio - Nulla! Donne tante, d'ogni colore, stazza e pelo... ma issa... Issa: niente! Dicettemi: che ho          da fà? Quello che lei mi dicesse, signor sacrestano che la conosce, io farò.

Giovanni - Conosce! L'èona bugada... Se la dis la lettera?

Teresio - (prontissimo) "Si rivolga al sacrestano che conosco bene". Questo èscritto e isso èil                    sacrestano!

Giovanni - Ch'el me faga legg. Donca… "... Ci vedremo presso la chiesa di san Firmino ", la lettera           la riva da Milan?

Teresio - Si, poichéio di Milano, sono.

Giovanni - E mi de Manduria... (prosegue nella lettura) "... la borsa scura sul braccio des ... " (di                scatto) Qual èil braccio destro?

Teresio - (spaventato e confuso) Quale? (si tocca le braccia) Isso... o isso?

Giovanni - L'ènane a bon de riconoss el brasc dester da quel sinister, com'el fa a scernìi la donna giusta?

Teresio - No no no! Il destro èisso! (tocca il sinistro a Giovanni)

Giovanni - Toppa falsa! (lettura) “... si rivolga al sacrestano…” Mah! Mi hoo mai fàa el rocchetta.             Chi gh'èsotta ona quai foinera; me sbagliarò, ma el Biancofiore l'èona bella ciappada.

Teresio - (non capisce) Che è?

Giovanni - Car el mèscior, me despias dighel, ma l’ha fàa la figura del croccant.

Teresio - (cs) Che è?

Giovanni - L'ècome quell di figh!

Teresio - Ma che è?!

Giovanni - Occorr vess ciar: l'hann tolt per el cù! Capii, adess?

Teresio - (una sospensione, poi) Eh, capì!

Giovanni - Brao! Ch'el branca la lettera e ch'el torna a càa recuperàel sogn.

Teresio - No!

Giovanni - Allora ch'el vaga foeura a lumàla procession di bei sgarzolin. (va alla porta e chiama)   Sciora Marisa.

Teresio - Non la chiamasse.

Giovanni - Ormai! E poeu l'èminga vestida de scur e la g'ha no borsett sul brasc.

Teresio - Non volesse piùvedere donne!

Giovanni - L'èscioppàa me on bordoch schisciàa.

Teresio - Non volesse piùvedere donne! (si avvia ripetendo come un automa) Non volesse più                 vedere donne! (giunto sulla porta che immette all'uscita, si volta e segna la porta dove si è            affacciata Marisa) Issa non èuna donna!

Marisa - Cos'è?

Giovanni - Sssst!

Teresio - (prosegue, mentre ripete) Non volesse piùvedere donne! Non vo... (la sua voce si perde in          lontananza)

Marisa - (finalmente) Ma chi l'è?

Giovanni - On martire... O on martor. Differenza de ona vocal.

Marisa - Oh, gent che stremizzi!

Giovanni - Varda se on omm el pòriduss cont i oli sant in saccoccia per ona donna!

Marisa - (cogliendo la frase al balzo) S'el g'ha de dì di donn?

Giovanni - Nient! Infatti sont liber me on usell!

Marisa - A proposit!, doe serom restàa mi e lù?

Giovanni - Doe? A càde la mia nonna che l'era bonna de fàpassàla toss cont i fior de tilli; sbassà

la fever cont el sambuch; rinforzàla grappa cont el gineprin; calmài dolor cont i ortigh e troàla morosa per i so fioeu dopo avéfàa on gir in t'el ort: difatti hann menàa tucc a càdi bei remolass.

Marisa - El faga minga el fasan! Lù, i donn...

Giovanni - Sciora Marisa, prudenza! Semm in giesa.

Marisa - Prudenza quan ghe fa comod! Bocca tas!

Giovanni - La disa pur. On pomm per vedése l'èbon occorr taial in mezz.

Marisa - El voeur debbon che taia?

Giovanni - (mentre piega delle sandaline e gliele mette in mano per farsi aiutare) Se ghe par de vegh         ona bonna lama.

Marisa - (tirando mentre il sacrista sta al gioco) Lù, disen, avanti de rivàin sacristia l'ha giràa on                fagott de gies! E quand se dis gies... se intendomm!

Giovanni - Ah, si?

Marisa - Con tanti altarinn. E l'ha pissàa ona pigna de moccoll!

Giovanni - Anca!

Marisa - E par che on quaj vun el brusa ancamò.

Giovanni - Occio ai scottadur!

Marisa - I vos giren! Chissàse riven anca in canonica.

Giovanni - Basta rusai.

Marisa - Certa bonna gent la fa no fadiga.

Giovanni - Ogni péel g'ha i so caj.

Marisa - Disen che i sògh'abbien taccàa la marogna.

Giovanni - Prima de rivàal capolinea del quattordes faròla bugada.

Marisa - Facil! Quando si sono fatte delle vedove bianche ...

Giovanni - Quell làde bianch l'aveva fàa domàla nott.

Marisa - E vòno innanz!

Giovanni - L'ha troàa la strada interrotta?

Marisa - No, la mocchi perchéme pias no fa la linguascia. Donca! Se me sbagli no, parlavomm de             fiducia.

Giovanni - Parlavomm de san Firmin ...

(Vengono interrotti dall'entrata di Maddalena, che appare sulla porta che immette in chiesa. Maddalena èvestita di scuro ed ha una comune borsa scura sul braccio destro. Èancora una donna piacente, nonostante la mezza età. Tradisce una certa eleganza e un qual portamento deciso.)

Maddalena - Disturbo?

Giovanni - Che la vegna. (la guarda e prende un colpo) Oh, san Firmin!

Marisa - (equivoca) L'èinutil che l'insist!

Maddalena - Buon giorno, signor Giovanni.

Giovanni - (risponde con un filo di voce) Buon... buongiorno.

Maddalena - L'èciappàa?

Giovanni - (sotto choc) Eh?

Maddalena - S'el g'ha de fà, ripassi.

Giovanni - (riprendendosi adagio adagio) Mi... g'hoo semper de fà.

Maddalena - Se capiss. On secrista l'èon secrista. Ma occorr ch'el sia liber, per podéparlàcon lùin privàa. Come una penitente, quasi.

Marisa - (sentendosi intrusa) Bé, mi solchi.

Giovanni - (confuso e come a salvamento) No, che la vaga via no... (ma subito) Cioè, la vaga pur,             sciora Marisa.

Marisa - (bellicosa) Insomma, se g'hoo de fà?

Giovanni - (tanto per dire) Nettài candilée, se ghe disturba minga.

Marisa - E se me disturba?!

Giovanni - I a netta istess. Grazie.

Marisa - Roba de sgarbellass la barella del genoeucc! (a Maddalena) L'ha vist che baloss? El voeur,           el voeur minga, poeu l'ordina... L'èon taja e medega!

Maddalena - L'èvun de giesa, sciora.

Giovanni - (la spinge fuori) Andemm andemm!

Marisa - (risentita) Ma insomma! Sont destinada a vess rusada foeura, stamattina! (e sbatte la porta)

            (sospensione imbarazzata da parte di)

Giovanni - (quindi) Ciao, Maddalena... Ste fee chi?

Maddalena - E ti, ste fee chi?

Giovanni - El secrista de san Firmin.

Maddalena - Eggià. Te minga fàa troppa carriera.

Giovanni - L'èassée per tiràavanti... (pausa) Ma che bella sorpresa!

Maddalena - Debbon? Al tòpost saria on poo men sorpres.

Giovanni - Ah, si? In effett, me piaseria savécos'èche t'ha menàde mi, dopo tanto temp.

Maddalena - T'avevi perdùde vista, poeu m'hann rifedi d'on certo secrista furb e margniffon... E              allora, eccomi qua.

Giovanni - Ah! Te troeuvi propri ben.

Maddalena - Come quand te me ciamavett el tòbellé fàcol croché?

Giovanni - Bé, s'èsmollàa on quaj pont... Gh'èpassàa on poo de ann.

Maddalena - (sostenuta) Mi sont semper in hotel a spettatt!

Giovanni - (finto candido) Te stee ancamòlà?

Maddalena - (con tono melodrammatico) "El treno el partiss, e sopporti no vedett piang: sta chì,               Maddalena... Forse ritorneròe saràper non lasciarti mai più!". Me sont tacca da al "forse" come ona molletta ai pagn stendùu.

Giovanni - Destino!

Maddalena - Se ciamen inscìi contaball?

Giovanni - Dai dai... Te paret on sofranell ch'el se sforza de difend el sòfoeugh.

Maddalena - Te me disevett: forsi g'hoo la vocazion a famm pret: g'hoo de verificà.

Giovanni - L'era vera.

Maddalena - Con quanti donn te fàa la verifica?

Giovanni - Me recordi pù.

Maddalena - Podi no accettàch'el méfuturo el sia giamòfinìi per colpa toa.

Giovanni - No no! Arimorta! El futuro de ier el se ciama passato; quell de doman el g'ha ancamòde

rivà, e incoeu l'èon fojett de calendari che ogni mattina el cambia numero

Maddalena - Te mi hai ingannata, Giovanni! Ingannata e illusa!

Giovanni - Ferma! Femm no come quell ch'el credeva ch'el grillett l'era el mari de la cavalletta!                  T'hoo promis la luna? No! T'hoo fàa on vitalizzi? Nanca! T'hoc giuràa che te sposavi?

Maddalena - Sì! Se te diventavett minga pret!

Giovanni - Per adess sont secrista: se sa mai.

Maddalena - Ma te capissett no? Hoo cercàa de desmentegass de tìe sont mai riessida!

Giovanni - Avegh troppa memoria l'èspess on difett.

Maddalena - Hoo fàa del tutt! Viagg; crociere in paesi lontani... nient! Ogni omen el mèrecordava           la toa faccia!

Giovanni - Quanti te n'évist?

Maddalena - Tanti! Tanti!

Giovanni - Te podevett fàon forfait.

Maddalena - Hoo perfin rispost ai inserzion matrimoniai per casciatt foeura dal coo ...

Giovanni - Famm no deslenguà, Maddalena...

Maddalena - Inutil!

Giovanni - (un lampo!) Inserzion?! Oh, gent! Biancofiore?!

Maddalena - Me disevi: uomo schiaccia uomo! Minga vera.

Giovanni - (la guarda attentamente) Vestìscur, borsetta scura sul brasc dester... Oh, Signor, te see

ti!

Maddalena - Èla mia divisa di donna abbandonata.

Giovanni - Ma che abbandonata! El s'èpresentàa poch fà...

Maddalena - Lo so: l'ho scritto sulla lettera, èstato il mio preavviso.

Giovanni - L'omm giust per tì! Bell, intelligent, appassionàa! Senza impediment nédifett! L'è                  foeura ch'el te spetta!

Maddalena - El soo! Ma l'ènissun per mì.

Giovanni - Te se sbagliett! Come t'el guardet te se vedett.

Maddalena - (abbandona la borsetta vicino a quella che contiene la droga e si slancia verso                        Giovanni) Giovannni, nissun te sfratta dal mècoeur!

Giovanni - (cercando di sottrarsi) Hoo cambiàa domicili da on bell tocch.

Maddalena - Te me disevett: te see ona donna a quatter stell, robba da guida Michelin.

Giovanni - L'èona edizion esaurida.

Maddalena - Te see semper l'unich!

Giovanni - Fàno la spitinfia, va a vedell e te cambierett opinion.

Maddalena - Mai! Ma se anca andassi, se ghe disi?

Giovanni - Ah, sòno... Ma l'amor el fàmiracol!: el guariss i mal de coeur; el sblocca i busecch                   infesciàa; el fàcorr me legor i paralitich; el tira celest perfin i oeucc sbirent... Proeuva,                Maddalena!

Maddalena - Se g'hoo l'amar in bocca, podi minga spuà dols!

Giovanni - Mi disi che te ghe riessett, se de no...

Maddalena - Se de no?

Giovanni - Te casei ne l'urna de san Firmin, quella di miracol! Quella che la devozion la dis: san                Firmin dal barboss scur, el rimedi l'èsicurI Va! Va!

Maddalena - Torneròda te immancabilmente!

Giovanni - E sarii in dùu! (le pone in mano, sbagliando, la borsa con la droga che assomiglia alla   sua) Va, Maddalena! Se dis che on martell d'or el tra giòanca ona porta de ferro Va! In                   piazza gh'èel tuo futuro! Mìsont on soo giamòtramontàa: el pòpùscaldat! (la spinge                        affettuosamente fuori) Va! Va!

Maddalena - (con le ultime resistenze) Giovanni! Giovanni ...

Giovanni - Va! Maddalena, va! Va! (èandata!)

            Oh!!! L'èandada! Sperem che se catten e che se impatten, e che se tiren foeura di ballotten!          Varda ti se dopo des ano se pòvegnìa pretend che on por crist el sia ancamòviscor de                        sentiment e magari cont indoss la stessa camisa.

            Gh'avessi chi tutti i doon ch'hann attraversàla mia vita, doeria ciamàon ghisa a regolàel               traffich... E la stranezza l'èche ogni qua; volta me mettevi con voeuna sentivi la voeuia de fà   el pret, ma subit dopo la me passava. Va a capì!

            (si èaffacciata Marisa)

            Oh, ciel te la chìon'altra! (rivolgendosele) Nettài candilé?

Marisa - E lù, la soa narigia? Bella la penitente!

Giovanni - Se podi fagh se me ciappen per el pret?

Marisa - Per el pret! Perchémi me ciappen minga per sant'Antoni?

Giovanni - Perchél'èsenza giglio...

Marisa - Giglio?

Giovanni - Ne branca in man vun e la vedaràquanti grazi che tocca fà. (ci sono dei fiori in giro e               gliene infila uno in mano)

Marisa - (offesa) Lùl'ha sbagliàa mesté! El doeva fà... (cerca la professione) el mazzagatt!

Giovanni - Capissi no.

Marisa - Scasciài gatt in amor con t i fistoni!

Giovanni - (allegramente) De sicur! Gatt de monscior; gatt de pelliccia e spellisciàa; gatt de                       allevament e stagionàa; gatt de padella e rognos! Oeucc de gatt, sciamp de gatt, pell de gatt    per la morosa che fa la gatta, per la miée che la gattona, per la suocera in gattamorta, el zio     in gattabuia! Gatt per tucc i bors, i bocch e i pelabrocch... Sorian, persian, certosin, siames,           d'angora e selvadich ...

            (Mentre dice la battuta getta all'aria paramenti e sandaline con gioiosa contusione, come                inseguendo una torma di gatti, e Marisa lo osserva esterrefatta. Finché, nella foga, gli capita     nelle mani la borsa di Maddalena, allora, rendendosi improvvisamente conto di qualcosa, si      blocca, la apre lentamente, guarda dentro e)

            Per tucc i gatt. Questa l'èla borsa de la Maddalena! Ma allora lél'ha tiràsùquell'altra ...

            (una sospensione)

            Oh, san Firmin! La m'ha fregàa on'altra volta!

FINE DEL PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

(Non ètrascorso molto tempo dagli avvenimenti succedutosi nel primo atto. La sacrestia èavvolta nella luce della tarda mattinata che penetra dalle larghe finestre.

Argellati, un giovane sui vent'anni, di aspetto modesto ma con qualcosa che tradisce buone origini: vestito, linguaggio, atteggiamenti: anche se il suo modo di comportarsi sembra negarlo, si aggira circospetto per la sacrestia rovistando ovunque.

Dopo qualche attimo dalla porta del ripostiglio si affaccia Marisa. Ella lo vede e si ferma ad osservarlo, come intuisce le non buone intenzioni del giovane, lo apostrofa con vivacità)

Marisa - Ei, lù! El cerca i cassett di elemosin? Hinn in giesa dennanz ai sant che g'hann la vista

bonna.

Argellati - (per niente intimorito, dopo averla guardata) Io cerco... cerco lo sa che cosa! (e prosegue)

Marisa - S'el voeur pissàon moccol a san Firmin, ciami on poliziott ch'el pòdagh ona man.

Argellati - Poche storie! Dov'è?

Marisa - San Firmin? Sora l'altar cont i scalett gh’è l'urna.

Argellati - La robba!

Marisa - Ch'el voeura robàse ved benissimo Argellati - (l'avvicina minaccioso) Voglio la borsa!                 Dove l'avete nascosta?

Marisa - (impaurita, corre a prendere la borsa delle elemosine al termine di un lungo bastone) Gh'è           dent pocch, perchél'èminga domenica.

Argellati - Non questa! (la butta via) Quella con la neve!

Marisa - (non capisce) Per la nev occorr spettàdopo Natal.

Argellati - Non mi prenda in giro! Finisce male se non mi dàla borsa.

Marisa - (riconosce il giovane e le ritorna il coraggio) Oh, Signor de Lorett! Ma lùl'era on fioeu che          vegniva a l'oratori?

Argellati - Si, andavo anche all'asilo e a scuola dalle suore. E allora?

Marisa - El se vergogna no a fàcerti mestée?

Argellati - Neanche un po'! Tiri fuori subito la droga!

Marisa - La droga?! (non realizza, ma ha una reazione subitanea) Te see vun che avvelena el                      prossim! Spetta mì!(Corre a prendere la borsa delle elemosine e si avventa sul giovane con il            lungo bastone) Te sdroghi a legnatt! Conossevi la toa mamma che l'era ona bona donna, ma     la gh'aveva on difett: la te menava tropp pocch!

            (L'insegue e Argellati cerca in qualche modo di ripararsi dalle bastonate)

Giovanni - (entra dalla porta che mena in chiesa con la borsa di Maddalena in mano) L'hoo minga             troada!

            (Osserva la scena divertito)

            Sciora Marisa, la se allena per la festa de la terza età?

Argellati - (vede Giovanni e la borsa) La borsa!

Marisa - El cercava la droga tra i reliqui e i olii sant.

Argellati - Mi dia la borsa!

Giovanni - (lo prende per il bavero) Sent, ganivell, chìgh'èona droga sola che pòfatt ben: questa!            (gli appioppa due ceffoni)

Marisa - Benone!

Argellati - (cerca di fuggire ma Giovanni lo ferma.)

Giovanni - Adess te me disett tuscoss, se 'de no te foo diventàti ona reliquia!

Argellati - Stia attento! Sono capaci di dar fuoco alla chiesa.

Giovanni - Prima te tiri cott ti se te fee minga i nomm de quej che t'hann mandàa.

Argellati - Sono persone che 'fanno paura! Èpericoloso per tutti !

Giovanni - Parla o te raspi la zucca come on melon!

Argellati - Nemmeno se mi ammazza!

Giovanni - Te capissett no che hinn giamòdrélor a fall? Te sciscien el fidigh cont la porcaria che te          passen, e ti te avvelenett on mucc de alter desgrazziàa!

Argellati - Prediche ne ho sentite abbastanza qua dentro! Èanche per colpa loro se mi faccio.

Giovanni - De quest discuteremm dopo! (lo strapazza) I nomm di spacciador!

Argellati - Quando mi avràdato la robba.

Giovanni - Se g'hoo scritt: rotolato dal monte Merlo e borellato il cervelletto? Dai, luganega, g'hoo i         padiglion disgorgàa!

Marisa - El' ghe stringia on pòo el gargaross.

Maddalena - (appare sulla porta che immette in chiesa) Giovanni, mìhoo troànissun in piazza.

(Giovanni si distrae e Argellati ne approfitta per divincolarsi, prendere la borsa, posata dal sacrista            poco prima, e scappare dalla porta che mena in chiesa.)

Giovanni - (lo rincorre gridando) Fermett! Torna indrè, brutt balord!

            (Anche Marisa si pone all'inseguimento e le loro voci si odono all'esterno con epiteti                       coloriti.)

Maddalena - (che non capisce osserva dalla porta. Poi)

Giovanni - (rientra con il fiatone) El g'ha trent'ann de, vantagg in di gamb ...

Marisa - (che lo ha seguito) e cent in del coo.

Giovanni - (replica) Perchéla s'èno recordada de vee vinciùu la maratona de sant'Agnes nel                      milavottcentvoltesindré?

Marisa - Lù, l'era giamòvecc quand sont rivada prima.

Giovanni - Maddalena, famm vedéla borsa.

Maddalena - (continua a non capire) Ma se succed?

Giovanni - Dammela. (avutala, l'apre) Te la chi! Questa la tegni mi. (la va a nascondere in un                     armadio) Quelllàl'ha portàa via la toa.

Maddalena - La mia borsa?!

Giovanni - Te see nanca accorgiuda de avegh avuu in man un'altra borsa. Ah, l'amor!

Maddalena - Ma come? L'era no la mia?

Giovanni - No! Sci ora Marisa, gh'èminga tra i carabattol de la san Vincenz ona quaj borsa scura de         dagh?

Maddalena - Carabattol? Ma l'ègriffada!

Giovanni - Per adess l'èsgraffignada. Ma la tornerà, sta quietta.

Marisa - Podi andàa vedé. Ma prima voeuri savé...

Giovanni - No! Prima la va a cercà, dopo, forse, ghe spiegaròo. La sciora ne fàquestion de vita o de         morto Vera, Maddalena? (spinge fuori rudemente Marisa dalla porta che mena all'esterno)           La vaga, per piasé.

Marisa - Ma che rugada! (la si sente brontolare mentre Giovanni chiude immediatamente la porta)

Giovanni - Sicchéte l'èminga incontràa?

Maddalena - No. Ma la mia borsa ... ?

Giovanni - (non la lascia proseguire) Mettem avanti on pèe a la volta, se no ciappom on scapusc.               Capissi minga perché... L'èandàfoeura ch'el diseva: non voglio piùvedere donne! Non                 voglio piùvedere donne ...

Teresio - (entra dalla porta che immette in chiesa e come rispondendo a Giovanni, dice) Ho                       cambiato idea: io volesse continuare a vederle, altrimenti a schifìo finisse.

            (Colpo di fulmine che Giovanni pone subito a profitto superando la sorpresa)

Giovanni - T'el chi! L'èlù!

Teresio - Sì, sonto mì! Disperato presi la via della strada ferrata, deciso a troncare ogni rapporto con         qualunque genere di vita, compresa la mia ...

Giovanni - El frena! (segna Maddalena) L'èlée! Lée!

Teresio - (senza minimamente sospettare di essere di fronte alla "sua" anima gemella, infatti non ha           borsa sul braccio destro ...) Buon giorno, signora. Domando sommessamente scusa di questa            incivile intrusione a suo danno, ma la vitale importanza della situazione superasse ogni                     qualsivoglia contingenza. (a Giovanni) Dunque, stavo dicendo della disperazione che mi                  prese, per cui giàmi consideravo sezionato sui binari, allorché...

Giovanni - (tenta di frenare l'eloquio) Ma l'èlée! Le guarda!

Teresio - (obbedisce; poi) La vedo, e scusa domandai.

            Allorché, dicevo, un impulso mi prese, come d'imperiosa speranza, e qui mi precipitasse                 pressocchétrascinatovi da una forza, oserei dire, misteriosamente sublime ...

Marisa - (rientra con una borsa scura sul braccio e interrompe il dire di Teresio) Questa la pòandà            ben?

Teresio - (bloccato, la guarda e la osserva con attenzione, come se la vedesse per la prima volta,                 intanto.)

Giovanni - Ste ne diset, Maddalena?

Maddalena - (con fermezza) Voeuri la mia!

Giovanni - Mi disi che, almen per el moment, la te dona.

Teresio - (con un filo di voce): È issa! (naturalmente si riferisce a Marisa)

Giovanni - (si accorge) No, l'èquell'altra.

Teresio - È issa! L'avverto!

Marisa - (che si sente osservata) Issa, cos'è?

Giovanni - (toglie la borsa a Marisa e la pone in mano a Maddalena) L'èquesta la soa issa!

Maddalena - (getta lontana la borsa.)

Teresio - (va a raccoglierla) Grazie, signora (dice a Maddalena. Poi la porta a Marisa e gliela dàdelicatamente) Borsa scura, braccio destro, abito scuro... Tutto concorda.

Giovanni - Femm minga confusion!

Marisa - Appunto! Me par de vess in sonnambula...

Maddalena - (s'avvia per uscire.)

Giovanni - (la rincorre) Fermes! Gh'èon equivoco!

Teresio - (gira lentamente intorno a Marisa e ripete) È issa! Ècertamente issa, il cuore me lo                       confermasse ...

Maddalena - (risentita) Proeuva, te m'èdii. Hoo provaa! Bella robba! Torni in hotel e te spetti!

Giovanni - No!

Maddalena - Mi, sotta el treno me sbatti debbon!

Giovanni - Maddalena ...

Maddalena - E quand te vegnet, porta la mia borsa! (via)

Marisa - (che si sente come sentimentalmente aggredita da Teresio che le ruota rapito attorno)                   Allora, scior Giovann, quest chi s'el voeur?

Giovanni - (non sa che pesci pigliare: correre dietro a Maddalena o dare una mano a Marisa) San               Firmin! Che casin!

            (A questo punto entra a precipizio Argellati agitando la borsa di Maddalena, prima rubata.)

Argellati - Qui la robba non c'è!

Giovanni - Semper pegg!

Teresio - On'altra borsa?!

Giovanni - Ma ghe l'ha minga sul brasc dester.

Argellati - (vede Marisa con in mano la borsa della san Vincenzo) Mi dia! (cerca di strappargliela di          mano)

Marisa - (la difende) Te stee fresch!

Teresio - (a Giovanni) Un altro pretendente?

Giovanni - El faga lù.

            (Intanto)

Argellati - Me la dia, brutta megera!

Teresio - (ha sentito) Che ti disse? Megera, a tia?!

Giovanni - (sulla porta verso l'esterno) Maddalena! Gh'èrivàa la toa borsa!

Teresio - ... Io non permetto che si mancasse del dovuto rispetto a colei che mi ha scelto!                           (aggredisce Argellati)

Argellati - Mi lasci! Lei non c'entra!

Marisa - Ehi, lù! Mi hoo scelto un accident!

Teresio - (a Marisa) Zitta! Quando discutono gli uomini, le femmine taccessero! (e giùsberle ad                Argellati)

Giovanni - (approva) Vangeli!

Teresio - E zitto pure isso!

(Si fa sulla porta Adamo Caibellotto. Èuno della gang della droga. Un uomo di mezza età- come Teresio - un poveraccio che si indovina essere un manovale della combriccola. Volgare e tracotante, come uscito dai bassifondi di una Milano periferica e ne conserva tutta la spavalderia e l'ignoranza oltre che la comicitàimmediata.)

Adamo - (verso Teresio che sta menando Argellati) E citto anca ti!

            (Sospensione. I due si guardano, poi)

Teresio - No!

Adamo - Ma va!

Teresio - Sì!!!

Adamo - Te see ti, debbon? Oh, Signor. T'el chìel Teresio Abbatagreste! Ste fee in giesa?

Teresio - Sposare mi dovrò. (segnando Marisa) Con issa.

Adamo - Auguri!

Marisa - Ma se mi soo nagott!

Maddalena - (entra decisa) Dov'èla mia borsa?

Adamo - Alt! Le borse si fermino! Argellati, catta sùi bors! Per chi le sa no, semm insemma.

Argellati - Okej! (si avvicina a Marisa che tiene sempre in mano quella della san Vincenzo)

Marisa - (lo colpisce con la borsa) Stàindrée! Martorott!

Maddalena - (insiste) Ma insomma! La mia borsa?

Giovanni - Ghe l'ha in man quell lì. (segna Argellati)

Adamo - La staga quietta, sciora!

Teresio - Questo deficiente mancasse di riguardi alla donna mia. (giùsberle ad Argellati)

Adamo - Blocca el motor, Teresio! On scemo per volta! Parli mì! E foeura la panera dai oregg! Tì,             che te fàa el militar cont mì, te see se voeuri dì! Donca! Semm in giesa ...

Giovanni - In sacrestia.

Adamo -... area di servissio de la giesa. Giust? Bona!

            Nell'area di servissio gh'èsta portàa ona borsa cont de la merce destinada altrove.

Giovanni - Dove?

Adamo - Sito improprio. E basta! Nun voeuromm la borsa!

Maddalena - Anca mì!

Adamo - O la salta foeura, o salta l'area con annessi adiacenti e abitanti connessi. Ciar? Argellati, dagh la borsa a la sciora, se l'èla soa. Gh'èdent domàdi barlafuss e di spegitt scheggiàa.

Argellati - (gliela porge) Tenga.

Maddalena - Barlafuss!

Adamo - Fatt dàquell'altra. Argellati - (si avvicina a)

Marisa - (e costei la apre e la rovescia: èvuota) A la san Vincenz porten i borsett voeuj, no la droga!         (la lancia verso Adamo che la raccoglie e la guarda attentamente. Mentre)

Teresio - (colpito dalle parole di Marisa) San Vincenz?!

            Quella èla borsa di san Vincenz?

Marisa - Certament.

Teresio - Non ètua? No?! Allora sono stato ingannato! Ingannato da san Vincenz!

Adamo - Altre borse?

Giovanni - (subito) Minga.

Maddalena - Voeuna!

Giovanni - Quale? (con presenza di spirito va a prendere quella delle elemosine) Questa!

Argellati - (si precipita a prenderla e la porta ad Adamo)

Adamo - Tarell! (gliela dàsulla testa e la butta via)

Teresio - Ingannato! Da un santo... Al treno! Al treno!

Adamo - Teresio!

Teresio - Tutto èperduto!

Adamo - Domàse salta minga foeura la borsa! Settes!

Maddalena - (sottovoce a Giovanni) O l'hotel, o la borsa che te mis là!

Giovanni - L'hotel!

Maddalena - Bé, mi podi andà?

Adamo - La vaga.

Maddalena - (verso Giovanni) A prest! (via)

Adamo - Argellati, guarda depertutt!

Marisa - Hoo sentùu! S’el va in hotel salta foeura la borsa da l'armadi. (naturalmente sottovoce)

Giovanni - Voo no in hotel!

            (Vede Argellati che in malo modo cerca tra i paramenti e nei cassetti.)

            Trii pée de maiolica, tratta ben i rob consacràa! (sberla)

Argellati - Mi picchiano sempre ...

Adamo - Stàminga lìa soppesàtuscoss! Fàandài man!

Giovanni - Ch'el senta, ghe assicuri che chìgh'ènient.

Adamo - L'èmìche voeuri vess sicur!(E si dàa frugare)

Giovanni - (a Teresio, seduto e abbacchiato) Ma chi l'èquell lì?

Teresio - San Vincenz... Proprio lui!

Giovanni - (allora si rivolge a Marisa che segue con preoccupazione il lavorio dei due) Tutta colpa             soa!

Marisa - Mia? Perché?

Giovanni - El s'èinnamoràde lée.

Marisa - Affari sò!

Giovanni - (a Teresio) L'èon sòamis?

Teresio - San Vincenz? Non più. (realizza) Ah, lui? ÈAdamo Caibellotto, vecchio commilitone. Anche allora tracotante lombardo.

Giovanni - Ah! (con coraggio, verso Adamo) Se le troeuva voo a la polizia a denuncial!

Adamo - No parking ai stupidad! La Legge consente la minima quantità.

Giovanni - Sì, dùchili e trìi etti!

Adamo - (si blocca) L'ha pesada?

Giovanni - (timoroso di essersi scoperto) No... Disi inscì per dì.

Adamo - (deciso) La ciav del tabernacol!

Giovanni - (impressionato) S'el voeur fà?

Adamo - La ciav!

Giovanni - G'hoo minga dàla droga a GesùCrist...

Argellati - Gliela dia!

Giovanni - Va insemma a che gent te see mis!

Adamo - (cattivo) La ciav!

Giovanni - (impaurito ma cosciente di dover prendere tempo) Ghe l'ha el pret. El pret l'èvia, s'el               pret l'èvia gh'èvia anca la ciav; quand torna la ciav, torna anca el pret... Ma mi soo minga       quand torna el pret ch'el g'ha la ciav... Donca, soo nagott del pret nède la ciav ...

Adamo - Te voeurett famm cred che sont el boccalon del Navili? Cascia la ciav o te casei quest nel           rognon! (estrae un coltello)

Marisa - (spaventatissima) Oh mamma!

Teresio - Tre ne trapassòal reggimento.

Adamo - Quatter! Te desmentegàa el sergent maggior. Allora?

Giovanni - L'hoo giamòdìi... El pret el g’ha la ciav, ma el pret l'èvia, quand torna el pret...

Adamo - Va a scassàla serradura, Argellati.

Marisa - No!

Argellati - (corre fuori dalla porta che immette in chiesa)

Adamo - O te me slonghet la borsa, o porti via i ostii.

Giovanni - (una titubanza, poi vinto) Va ben. (intanto)

Marisa - (ècorsa dietro al giovane)

Teresio - (che aveva osservato tutta la scena con interessata ripugnanza per l'atteggiamento di                    Adamo, si èalzato e, postosi dietro le spalle di lui, gli fa un vigoroso solletico sotto le                         ascelle e sulla schiena) Si fa accussì: il solletico!, suo punto debolissimo. L'appresi sotto le      armi.

Adamo - (sensibilissimo al solletico, non resiste e lascia cadere il coltello, mentre si agita e                         ridacchia irrefrenabilmente)

            Lassom a stà, vigliacch! Mocchela, Teresio! Fermess, fermess!

Teresio - Mocchela me dici! E io lo dicesse a tia: mocchela mocchela... (e lo tormenta)

           

(Scena a soggetto)

Giovanni - (prende una sandalina e gliela getta addosso per legarlo, ma l'operazione incontra                     qualche difficoltàper l'agitarsi di Adamo. Intanto Marisa rientra con Argellati, il quale ha un          orecchio saldamente imprigionato nelle mani della donna)

Marisa - (con piglio) Vegn, resagauss! Alter che scassinàel Signor!

            (Vede quanto stanno facendo ad Adamo) Oh, gent!

Argellati - (anche lui vede meravigliato il suo compare soccombere, e approfitta della sorpresa di   Marisa per divincolarsi e cercare di scappare, ma ha fatto i conti senza di lei che lo afferra       subito)

Marisa - Sta chì!

Argellati - (adesso impaurito) Mi lasci, mi lasci!

Teresio - (che ha la "situazione" sotto controllo, chiede a Giovanni che sta legando Adamo) A posto,        ci stà?

Giovanni - Ancamòon cicinin, con delicatezza ...

Teresio - (lo solletica con voluttà) Impedito di buttarmi sotto il treno, mi avesse.

Adamo - (ridacchia) Dopo te sgarbelli! Te foo a tocchej e te condissi la coradella istess de on                    wunster ...

Giovanni - (ha finito anche se sommariamente di legarlo) Ghe semm.

Teresio - Buono! Potesse andare?

Giovanni - On momento (rivolge l'attenzione verso Marisa che tiene a fatica Argellati) Brava, sciora Marisa! Che forza!

Marisa - El pòringraziàch'el Signor ch'el voreva robà se ghe cavi no i oeucc!

Giovanni - Cià, che te quatti me on ratt.

Argellati - Non mi faccia del male.

Adamo - Comportess da om, o te finìi de viv.

Giovanni - (a Teresio) El ghe daga ona rugada.

Adamo - (terrorizzato) No! (Teresio desiste)

Giovanni - (ad Argellati) L'èlùel caporion?

Adamo - Tas! (Teresio si avvicina) No no... (e ridacchia impaurito)

Argellati - Èuno dell'organizzazione...

Adamo - Fa no di nomm!

Giovanni - Allora fai tì.

Adamo - (strafottente) Pèe d'oca Antenore. Content?

Giovanni - (a Teresio) Menadina.

Teresio - (lo solletica) Debosciato eri; e debosciato con "bavuscia" sei!

Adamo - Basta! Basta! Se de no crepi!

Givanni: Te vedet me l'ècoraggios?

Argellati - Io che posso farci? Èlui che mi dàla robba.

Teresio - E tu la regalasse ai ragazzini dell'oratorio sotto forma di caramelle. Io ti vidi!

Giovanni - Ah, te fee anca quest?!

Marisa - Delinquent!

Giovanni - Perchéte see trévia a sta manera? Te see fee minga schivi?

Argellati - (con passione) No! No, perchélei non sa che cosa voglia dire prendere la droga... È                 bello! Bello bello bello... Mi fa andare via da qui, dai miei, da tutto! Ècome volare... in                         paradiso!

Giovanni - E quand te see rivàa, te borlet in terra e te see gibollett! Come te incominciàa?

Argellati - (una sospensione, poi) Tua madre e tuo padre ti rompono, il prete ènoioso, la scuola èuna barba... E c'èsempre qualcuno che, all'inizio, ti allunga la dose. Provi, e sei fatto.

Marisa - Ah, il prete ènoioso!

Argellati - Santi, Madonne, impegni. .. Stronzate!

Teresio - Avete finito? Io dovesse andare al treno.

Marisa - Ma lùl'èmatt! Ch'el scusa.

Teresio - (risentito) Ah, songo matt?! Perchévolesse una donna in esclusiva: made Milan!, che mi             aiutasse a formare una famiglia, avere pure dei figli ...

Adamo - (interrompendo) E vedei ridott me quell là! Sifol!

Teresio - (si trattiene a stento) Se questo fosse' figlio mio, quel coltello te lo leverebbero dalla                    pancia il giorno della resurrezione!

Giovanni - Ciàcià! Incoeu gh'èsciopero dei treni, el faga vedéch'el g'ha no la patta molla! Se                   femm? Ciamomm i carabinier?

Argellati - No! Per favore!

Giovanni - Allora canta!

Argellati - Io non so niente. Chiedete a lui.

Adamo - Ciao bellezza! Mi sont on ghezz!

Giovanni - E mi ti tiri, guzz, perchéte me stee sul gozz! Ch'el scior chìel se droga?

Argellati - Forse. Ma con roba speciale.

Giovanni - Allora voo giòin del bar de l'oratori a toeu di caramei. (sottovoce a Marisa) Voo a toeu           ona corda per ligall pussèstrett.

Marisa - (che ha capito il gioco, a voce alta) Ghe dolsissom el garganell?

Giovanni - Voo e torni. L'èbona de curàl'uga?

Marisa - Chìse moeuv nanca on freschett.

            (Giovanni esce rapidamente)

Adamo - Hoo capii s'el voeur fà. L'èona vigliaccada.

Marisa - S'el dis chi l'èche tegn el manich, nient caramei! (ad Argellati) Tìmettesse lìme on                      paracarr e fa no ona piega che te lumi!

Argellati - (si apparta pensieroso)

            (Una sospensione. Teresio si avvicina a Marisa e con timidezza.)

Teresio - Ma... issa, di san Vincenzo, è? Scusasse l'improntitudine.

Marisa - (sostenuta) Mi sont de nissun! Mi appartengo da per me.

Teresio - Sola?

Marisa - Sola!

Teresio - Sola sola?

Marisa - Sola sola!

Teresio - Madre, padre, fratelli, sorelle? No?

Marisa - Sono dalle parti della Brianza, e stanno bene. Cosìdicasi di me qui chi inscìa Milano.

Teresio - Pure io solo.

Marisa - Madre, padre, fratelli, sorelle? No?

Teresio - Stanno nel fondo dell'Italia.

Marisa - Terrone?

Teresio - Tenesse questo difetto.

Marisa - Una qualche volta l'èdomàona provenienza. (Mentre parlano si avvicinano sempre di più,           e non si accorgono che Adamo fa sforzi per liberarsi della sandalina con la quale èstato                  legato; egli fa cenni ad Argellati di aiutarlo, ma il giovane, assorto, non gli bada)

Marisa - Perchévoleva sbattersi sotto il treno? Sa che èpeccato?

Teresio - Peccato èvivere come mia! Nemmeno il Biancofiore cambiasse la mia vita!

Marisa - Se l'èil Biancofiore?

Teresio - L'agenzia matrimoniale che organizzasse di incontrarmi con issa.

Marisa - Mì?!

Teresio - L'anima gemella della borsa scura.

Marisa - Ah! Ma se ne sanno quelli làdi anime e di gemelli? Fanno un rebellotto coi codegh.

Teresio - Sanno sanno!

Marisa - Se le dis lù. Al mio paese una volta c'era il "carloeu" che faceva il pateracchio fra due che            volevano matrimoniarsi: l'imbroccava sempre, e ci davano pure la mancia. Peròlui li               conosceva bene.

Teresio - Io pure pagai!

Marisa - E lei vada a dircelo: niente anima gemella, indrèe i me danée.

Teresio - (deciso) No! Il treno!

Marisa - Uei! Ma che fissa! Fudesse mio marito... (si blocca)

Teresio - (speranzoso) Dicesse! Dicesse!

Marisa - (pentita) S'el voeur sapere? L'éno mio marito, lei.

Teresio - Ma io ci volesse!

Marisa - E io, mica!

Teresio - (si alza e parte spedito)

Marisa - Dove va?

Teresio - Al treno!

Marisa - Ma le mocca! El staga settàto giòsenza fa teater!

Teresio - (risiede)

Marisa - S'el fudesse mio marito ci darei tanti di quegli scuffiotti da intramortirlo.

Teresio - Mamma santissima! Che lo facesse che io piacere ne avrei.

Marisa - Ma s'el dis?! Cosa l'ha visto in me? So di essere una carampana che èsempre andata in                chiesa perchénon ha mai trovato un spettasc de om che la volesse! E cosìmi sono taccata a          Gesùe ai santi...

Teresio - (la interrompe) Vidi la borsa scura.

Marisa - Bella roba!

Teresio - E la mano che la tenesse era un petalo di rosa ...

Marisa - Anca!

Teresio - (ormai lanciatissimo)... e il braccio un ramo tornito; la spalla una siepe sfolgorante; il capo           un cespo di fiori con due occhi similmente a viole del pensiero; e i capelli ...

Marisa - (lo frena) Sì, semm in dìpràa di Giardin Pubblich! Mi scusi neh!, le parole sono belle, ma             parlare bene fa minga mal a la lengua.

Teresio - Ragione, ha. Desse ali alla mia fantasia... Ma io sincero, sono! Ogni mattina sul balcone di          casa mia comandasse al sole di levarsi...

Marisa - Ah, sì? E se succed?

Teresio - Sempre obbedito mi ha. E cussì, io che timido sono, dicesse pure a issa: alzati e vieni con            me!

Marisa - (sgorga in una risata, felice di tutte quelle bellissime frasi) Cassa de mort in polver, a sentil          parlàl'ècome bev ona gazosa fresca dopo ona corsa cont i saltamartin ...

            (A questo punto Adamo si èliberato dai lacci, si èavvicinato al coltello abbandonato su un           mobile e l'ha preso in mano. Ma Argellati gli èsaltato addosso e l'ha disarmato. Il trambusto            ridesta i due, mentre)

Argellati - (grida) Attenti!

Teresio - (con uno scatto immediato si butta su Adamo e gli fa il solletico. Questo annienta)

Adamo - (che urla tra le risate) No! No! I gallitt, no! Basta!

Teresio - (senza remissione) Senza ritegno, sei! Come quando sotto le armi ci facesse fare le orge   con l'anguria perchépiacesse a te! Adesso piacesse a me!

Marisa - (si avvicina ad Argellati) Grazie. Perchéte l’è fàa?

Argellati - (confuso) Non lo so... L'ho fatto.

Marisa - Te gh'éon cajroeu ch'el ruga dent... Per fortuna.

Giovanni - (entra con una lunga corda) Sont chì! Caramei per molisnàa l'amis! (capisce che                        qualcosa èaccaduto) Se succed?

Marisa - Per pocch fasevomm la fin de Bertold. El s'èliberàa ...

Giovanni - Miracol se lée ne imbrocca voeuna!

Teresio - (subito) Si calmasse con i giudizi temerari verso di issa.

Giovanni - Uella! Chi fa pusséfrecass l'èla roeuda sbirola del carr! Comod comod!

            (ad Adamo) Cià, ciollandari, l'éandada de guggia me par!

Adamo - Appena te branchi te mandi in paradisI Giovanni - D'accord! Mìin paradis e ti a paccià             radis!

            Allora, chi t'ha mandàa?

            (Silenzio)

            Sotta cont el didon, Teresio!

Teresio - (si avvicina per continuare con il solletico)

Adamo - No! Spetta ...

Giovanni - Occio che l'èbell laoràcont i man di alter: guarda quella del Teresio, la spurisna... La               spurisna, vun... la spurisna, dù... la spurisna, trii. ..

Adamo - Va ben! Telefona al numer cent des, cent quatter, cent dù.

Maddalena - (èentrata da qualche attimo, e sentendo i numeri detti da Adamo, sbotta sorpresa)

            Ma l'èel numer del mètelefono!

FINE DEL SECONDO

TERZO ATTO

(Poco dopo gli avvenimenti descritti nel secondo atto. Sono in scena Giovanni, Maddalena e Adamo. Costui èimmobilizzato alla sedia, strettamente legato con la corda portata prima dal sacrestano. Maddalena rovista nella propria borsa)

Maddalena - Da la borsa manca el portafoeui, e contel portafoeui, danée, indirizz e document. Doe         hinn?

Giovanni - (indicando Adamo) Rivolgersi al mittente.

Maddalena - Eren barlafuss e carabattol, eh! Foeura!

Adamo - Quanto stuàper nagott. L'èin saccoccia.

Maddalena - (gli fruga in tasca e dopo l'indagine trova il portafoglio).

Giovanni - Se la sciora Marisa la riva no subit, te fee la fin de quel che cunta in del funeral.

Adamo - La spesa la g'ha de varél'impresa.

Giovanni - Vottantanoeuv quarantott cinquantaquatter!

            Prega san Firmin ch'el numer telefonich che te gh'èdàa el sia quell giust, se de no te tratti me on moriggioeu de fogna!

Adamo - Poeu disen che quei de giesa hinn i pussée bon! Eppur ...

Giovanni - Tiren foeura on'altra.

Adamo - Se te me lasset andàcon la borsa, la toa giesa la deventa la pussée sciora de la Diocesi.

Giovanni - E mi passi per quel che taiava la torta da on chilo in tre fett da mezz chilo voeunna!

Maddalena - (mentre inventaria il contenuto della propria borsa) Manca dòmila frane!

Adamo - Hoo bevùu on caffèintant che leggevi el so numer telefonich.

Maddalena - (sostenuta) El cafféel paghi a chi voeuri mì! Cacciare!

            (Gli rifruga in tasca e trova una mazzetta di banconote, ne toglie due da mille lire.)

Adamo - (schifato) Stemegna!

Giovanni - Te me fee el piasède andà, Maddalena?

Maddalena - (intenerita) Me foo? Come me allontani me vegn la nostalgia de tì... Anca prima,                   appena foeura, hoo sentùu i gamb fass de seller.

Giovanni - Te la chìche la fronfrona la gatta ...

Maddalena - Me par de mett la man in di saccoccin d'on vestìe sentìel guggin de la gioinezza ch'el          spong me allora... El stess mal...

Giovanni - Maddalena, da ona nivola pesanta e scura el Signor l'ha creàa el mond; cont ona freccia           l'ha sbusàa el coerc del ciel e gh'èscappàa foeura i usei; dal vent legger e da quel rabbios                     l'ha inventàa i omen; dai omen l'ha streppàa foeura i donn: el s'èstremìi e l'èancamòlàch'el trema ...

Maddalena - (affatto convinta) S'el trema affari sò! (gli si avvicina con fare da gattina) Te me                   voeurett on brisinin de ben, Giovannin ...

Adamo - El colmo l'èvess in sacrestia a tegnìi el moccol a duu paolott.

Ciovanni - Tas malstransc!

Maddalena - (senza scomporsi, anzi!) Lassel sgorattàa!

            I sòbesasciatt me fann vegnìsu i sgrisor... Allora te me voeurett ancamòben? Eh?!

Adamo - Uei, don bagottola, la trontrona la spargiotta!

Giovanni - (vorrebbe reagire ma lei lo trattiene).

Maddalena - El bisiga perchél'ègelos... Dai, rispond!

Giovanni - El soo no... (a difesa) Forsi g'hoo la vocazion ...

Maddalena - (scattante) Eh, no! I tòball hinn diventàa pass me ona zucca vegia! Sont pùona                    cinciapetta che pòspettàel principe azzurro!

Giovanni - Ma mì…

Maddalena - Tì, bianch, giald o negher te branchi istess! Se de no te tiri vioeula de pattoni o ross...           de basin!

Giovanni - Maddalena, semm in sacrestia...

Maddalena - Ste spettett a vegnìfoeura?

            (Fanno ingresso dalla porta che immette all’esterno Marisa, Teresio e Argellati.)

Marisa - Fatto! Hoo telefonàa e hoo dii: la robba l’è in giesa.

Giovanni - Se hann respondùu?

Marisa - Veniamo a prenderla.

Giovanni - Tegnemess pront.

Adamo - A finìne la foppa.

Teresio - Ci facesse ona passatina di gallatico?

Giovanni - S'el va avanti a menàel torron ghe demm i busecch al gatt! (verso Argellati) E tì,                      lacciott, ste disett?

Argellati - Mi vergogno... (con un filo di voce) Ho paura ...

Marisa - El par cambiàa.

Teresio - Ti portassimo con noi, vero Marisa?

Marisa - Lùch'el parla per sòcunt.

Giovanni - A foeugh, amor e vent bisogna boffagh dent! Sotta, Teresio!

Marchino - (entra a precipizio) Scior Giovanni! Novitàa! Novitàa!

Giovanni - Altra borsa?

Marchino - Hoo vist quell tal che l'ha lassada ai giardinett!

Giovanni - Chi l'è?

Marchino - El vegna cont mì! L'èchìintorna ch’el cerca. La vegna anca lée, sciora Marisa.

Giovanni - Andemm! El bloccom e dopo el femm parlà.

Marchino - (segna gli estranei) Chi hinn?

Giovanni - Amis. Andemm.

Marchino - Ma vun l'èligàa!

Giovanni - Se de no scappa la cadrega. Foeura foeura!

Marchino - On moment! La borsa che fin l'ha fàa?

Giovanni - L'èal sicuro

Marchino - Polizia?

Giovanni - La polizia la femm nun?

Marchino - L'ha sconduda?

Giovanni - Le troeuva nanca palletta!

Marchino - Indovè?

Giovanni - Dopo ghe foo giugàa foghin foghetta.

Marchino - Mìvoeuri savell! L'hoo trovada mìai giardinett!

Giovanni - S'el segutta el se troeuva ai giardinett cont ona pesciada!

            (E lo spinge decisamente fuori con sè.)

Teresio - Io quello lo vedesse!

Marisa - El catta i cartasc sui marciapèe del rion e ai giardin. L'èon ecologich.

Teresio - Ah! E vero, raccogliesse pezzetti di carta e li mettesse nel sacco delle immondizie. (un                dubbio) Però...

Maddalena - (si avvicina a Marisa) Ma la borsa con la, droga doe l'è?

Marisa - Semper lìdenter. (segna l'armadio) Peròsont minga quietta... Quell lìel luma in                            continuazion, e poeu se riven quei de la telefonada.

Maddalena - La g'ha rason. Se la voeur fà?

Marisa - La metti ne l'urna de san Firmin, lìva a guardànissun. L'èsotta la protezion del sant. Ghe           par? (Va a togliere la borsa dall'armadio)

Adamo - (come la vede si agita e grida) La borsa! Te la lì! Argellati, porteghela via, hinn domàdi             paolott stremìi!

Teresio - Emetti un'altra parola e ti facesse morire tra i tormenti delle risate!

Adamo - Teresio Abbatagreste, te gh'ègiamòel nom stampàa al cimiteri!

Argellati - (violento) Taccia! (intanto le due donne sono andate in chiesa)

Adamo - Argellati, on ciod in bocca te pienti!

Teresio - (gli si avvicina e lo solletica vigorosamente sollevando sonore risate alla vittima).

            A questo punto appare dalla porta secondaria don Pietro, il quale si ferma sorpreso, a vedere         quello che accade. Poi)

Don Pietro - Oh, santo cielo! Ma che cosa succede? Non c'èGiovanni, il sacrestano?

Teresio - Ai giardini, è! Non si allarmasse, reverendo.

Don Pietro - Ai giardini? A far che? (poi osserva Adamo) Vergine santissima, ma questo signore è           legato! Perchélei èlegato?

Adamo - Mi liberi, per favore, padre!

Teresio - Pessima figura di uomo peccatore ci sta!

Adamo - Mi sciolga! G'hoo i vessigh sui pols!

Don Pietro - Ma certo, figliolo, non sia mai che qualcuno sia legato in chiesa dalla Chiesa. (si                     accinge a sciogliere la corda, quando)

Argellati - (interviene) Non lo faccia, don Pietro!

Don Pietro - (sempre trasecolando) E tu chi sei? Argellati - Mi conosce, sono Francesco Argellati.

Don Pietro - Argellati? Quello che veniva da ragazzo a servire Messa?

Argellati - Sì.

Don Pietro - Ma sei proprio tu?

Argellati - Sono io, sì. Non lo liberi costui.

Don Pietro - E perchéno?

Argellati - È uno spacciatore di droga. Come me.

Don Pietro - (sempre peggio) Oh, mio Dio! Cos'è? …Uno spacciatore? E anche tu?

Argellati - Lo sanno tutti qua intorno.

Adamo - (grida) Non ci creda! Mi liberi e spieghi tuscoss!

Don Pietro - Ma io non ci capisco niente ...

Teresio - E uno capace di uccidere per un nonnulla di nulla! Altro che terroni, come dicesse voi!                Noi siamo angioletti col culetto pulito in confronto!

Don Pietro - (frastornato) Aspettate! Aspettate! Voglio capire qualcosa... Che c'entra la droga?

Argellati - La sua parrocchia èpiena di, droga, don Pietro! Gira persino tra i giovani dell'oratorio.

Don Pietro - Non mi dire!

Argellati - Ècosì!

Adamo - (sempre gridando) Voeuri spiegà! Mi liberi, porca vacca!

Don Pietro - E io perchénon lo so?

Argellati - Perchésiamo... sono maligni, perfidi!, peggio dei serpenti della Bibbia!

            (Entrano come forsennate Maddalena e Marisa) Sono entrati in chiesa! Hinn entràa in giesa!

            I spacciador! Hinn vegnùu!

Don Pietro - Signora Marisa! Ma che succede?

Marisa - Cerchen la borsa! Rovisten depertutt! Tra i panch, sora i altar, dedréai sant di quader!

Don Pietro - (si precipita verso la chiesa) Santo cielo!

Maddalena - (lo ferma) El vaga no! Hinn armàa!

Don Pietro - Allora chiamiamo i carabinieri!

Marisa - S'el va foeura ghe sparen! Hann circondàa anca la canonica!

Don Pietro - Santa Eufrosia! Che cosa facciamo?!

Argellati - Suoni le campane! Faccia venire la gente! La gente deve sapere e reagire.

Don Pietro - Le campane?

Argellati - (corre in un angolo della sacrestia) Una volta si suonavano da qui.

Don Pietro - Si suonano ancora. (vola ad azionare il meccanismo e dopo qualche istante si odono le,         campane suonare)

Adamo - (seguita a gridare e ad agitarsi) Liberatemi! Vigliacchi! Pattuscioni! Pelabrocch!

Teresio - (come colpito da un lampo) Ora capisco! Quello che èvenuto della banda pure isso, è!                Allontanasse Giovanni per fàentràin azione i complici suoi!

Marisa - Oh, Signor! L'èvera!

Teresio - Sospetto mi venisse! Macchécartaccia! Tutto pulito ci stesse, e lui su e giùandasse! (ad Argellati) Tu, perchénon lo riconoscesse? Uno dei tuoi, fusse!

Argellati - Non ci si conosce tra gli stessi. Solo i capi sanno tutto di tutti.

Maddalena - El va in gir a catta el ruff?

Argellati - Sorveglia i "cavalli" come noi. Guardate che cosa fanno.

(Le donne spiano dalla porta socchiusa)

Adamo - Argellati, consideress mort!

Teresio - E tu prima! (gli si avventa)

Don Pietro - (interviene) No! Ma che fa? Teresio - Padre, mi lasciasse fare giustizia!

Don Pietro - Non in chiesa. Se non puòfarne a meno, l'aspetti fuori.

Marisa - (con foga) Stanno entrando le vecchiette della terza età!

Don Pietro - (si commuove suo malgrado) Care le mie donnine! Eggià, erano in riunione nella sala             san Vincenzo e, sentendo le campane, hanno pensato che abbia anticipato la funzione di                      consacrazione alla Madonna.

Maddalena - (ancora in postazione) Qualcuno sta chiudendo la porta della chiesa! Adess gh'èdent           veggett e spacciador!

Don Pietro - Oh, poverette! Vado a salvarle! Argellati - Stia qui! Vado io.

Don Pietro - Èpericoloso.

Marisa - Va no! Te sparen!

Argellati - Palle! Sapete che cosa diceva mia nonna? Morìvor dìsvegliass de làe dovèminga corr            al cess a pissà. Scusate il mio dialetto, tra le cose sbagliate che faccio c'èanche quella di non           saperlo parlare. Chiudete la porta a chiave e sbarratela! (esce)

Don Pietro - Gesù, grazie. Èancora un bravo ragazzo. (Dalla porta secondaria entrano Giovanni e             Marchino)

Giovanni - Semm chì! Ghe l'hemm fada a passà!

Maddalena - (gli si precipita incontro) Giovanni! Meno mal, te see arrivàa!

Giovanni - Hoo saràla porta de la giesa quand i hoo vist entrà. Salve, don Peder, l'ha fàa benone a           sonài campann.

Don Pietro - Ci sono anche le vecchiette della terza etàcon loro.

Giovanni - Sì, ma sann minga se l'èla droga. E se ghe la dann la fàl'effett del Guttalax.

Teresio - (verso Marchino) E isso? Che ci facesse isso?!

Giovanni - L'èel Marchino ecologich. L'ha vist anca poch fà.

Marisa - Scior Giovanni, l'èvun de lor.

Giovanni - (incredulo) Ch'el pistola li?

Maddalena - Si, si!

Marchino - Adasi cont i titol!

Adamo - (grida verso Marchino) La borsa l'èdal san Firmin! Sora l'altarI

Giovanni - Teresio! Rugada!

Teresio - (si avvicina) Con piacere e simpatia. (lo solletica) Zitto! Zitto! Zitto! (ma quello ride piùforte che mai)

Giovanni - (intanto) Perchéda san Firmin? La borsa l'èchi.

Marisa - Son stada mìa spostala.

Maddalena - L'Argellati l'èin giesa ...

Marisa - I spacciador sann minga che l'èpùvun de lor.

Giovanni - Che gabola!

Don Pietro - Giovanni, avvertiamo la forza pubblica. Subito!

Marisa - Voo mi! Passi dal deposit di candill, sotta la giesa.

Giovanni - Occio, sciora Marisa! Paren scatenàa, l’ècome se avessomm dessedàa on vespée.

Teresio - (interviene) Tu non uscisse, core mio!

Marisa - El core suo el fàquell che ghe par!

Teresio - Giammai! O uscisse io pure con te!

Marisa - L'èpegg d'on stabatmater! Andemm, piattola! (escono dalla porta secondaria)

            (A questo punto Marchino, non visto, ha spalancato la porta che introduce in chiesa e si                 precipita dentro gridando.)

Marchino - Da san Firmin! La robba l'èsu l'altar de san Firmin! Blocca l'Argellati! L'èvun de lor!

Giovanni - Oh, gamber cott cont i luganeghin! L'era vera! El pistola l'èvun de lor! Peròel san                   Firmin, no! G'ha de toccai nissun! (corre in chiesa)

Adamo - Don Pietro, mi liberi! Mìpodi fermai tucc!

PrestI Me obbedissen!

Don Pietro - Davvero?

Maddalena - El ghe daga minga a trà!

Don Pietro - Certamente. (prende un candelabro che staziona da qualche parte della sacrestia e                 glielo cala sulla testa. Adamo si accascia)

            Gesù, perdonami. ..

Maddalena - (sulla porta) Le vecchiette! Le vecchiette!

Don Pietro - (con apprensione) Che fanno?

Maddalena - I a menen! Cont i scarp e i borsett!

Don Pietro - Deo gratias! Meritano che vada anch'io. (corre fuori)

Maddalena - (si toglie una scarpa e brandendola) Vegni anca mi! (esce)

            (Lo scampanio prosegue. Quindi le luci si smorzano adagio sino al buio completo; anche le            campane zittiscono lentamente. Dopo qualche attimo la scena torna ad illuminarsi.

            Adesso ci sono Giovanni, Marisa, Maddalena, Teresio e don Pietro.)

Giovanni - (euforico) Tucc. Hann brancàa tucc! Cap, capett e' capitt! Come se voreva.

Don Pietro - E come, purtroppo, capita raramente.

Marisa - (con mestizia) Ma hann portàa via anca l'Argellati.

Don Pietro - Domani andròio a parlare con i carabinieri e cercheròdi farlo liberare.

Maddalena - Sperem ch'el mantegna i bon proposit.

Giovanni - La spugna la catta sùacqua netta e acqua voncia, ma quand te la schisciett la torna                   noeuva.

Don Pietro - El schisciaremm, con dolcezza e pazienza.

            Èbello di dentro, questo conta.

Giovanni - Allora occorr rivoltall de volada.

Teresio - Me spiegasse perché... come si chiama? quel figuro lombardo …

Euh?!

Teresio - Mica terrone, ci sta! Tutto del nord èisso! Dicesse, perchéportasse qui in chiesa la droga            dopo averla raccolta al giardino?

Giovanni - La colpa l'èsoa!

Teresio - Mia?! Che facesse?

Giovanni - L'era foeura de la giesa a spettàl'anima gemella del Biancofiore e se ved ch'el Marchino          l'ha ciappàa per on poliziott. Allora l'èvegnùu de mìper allontanài sospett; intant l'aveva          avvisàa el sòamis Adamo de recuperàla borsa. Quel làl'ha mandàa in giesa el por                         Argellati ...

Marisa - ... el por Argellati i ha fregàa!

Teresio - Tutto tornasse.

Giovanni - Prepari per la Messa, don Pietro?

Marisa - On minut! Gh'èla giesa che la par on stabiell. Occorr cancellài segn de la battaglia. Voo a           nettà.

Teresio - (pronto) Venisse pure io.

Marisa - E dai che l'èon sciatt! Ma chi l'èche me le tira via dai caj?

Giovanni - La faga no la spitinfia, sciora Marisa.

Marisa - Ciappa su e quatta giò! (a Teresio) Ma l'èbon de scoà?

Teresio - (felice) Tu mi insegnasse ove io apparisse carente.

Marisa - Don Pietro! El sent? Se foo?

Don Pietro - Vada, signora Marisa. Il Signore vi tenga il suo occhio sopra la testa, cosìsarete nella            Sua luce per sempre.

Giovanni - Al massim fann saltàl’impiant.

Marisa - (sospirando, ma contenta) Cià!, scior impiaster, ciappa sù!

            (Gli infila nelle mani scopa, stracci, secchio e spugna.)

Teresio - Io tutto pulisse per te e con te!

Marisa - Se te fee minga me se dev, te rimandi al Biancofiore con la vidimimazion: prodotto                     avariato. Sostituire!

Teresio - Ma io mai ti sostituisse, mai! Anima mia gemella, letizia che donata mi fusse nel giorno   piùradioso della vita! Mai! Mai!

Marisa - Andemm, magatell!

            (Sono usciti verso la chiesa con animo sereno.)

Giovanni - L'èpropi vera: tucc i donn g'hann de sposass!

Maddalena - De sicur!

Giovanni - Men i omen ...

Don Pietro - Giovanni Giovanni...

Giovanni - Ma mìme senti la vocazion, don Peder!

            Voeuri ciappàla vesta, mett in coo la cappella, indossàla stola, vestìla cotta, legg el                      breviari, assist i moribond, predicàdal pulpit ...

Don Pietro -... confessare le donne!

Giovanni - Se capita, volentera.

Don Pietro - Questa ti attende alla grata. (e prende per mano Maddalena)

Maddalena - Te disaròi me peccàa per tutta la vita.

Giovanni - E la penitenza? Te calcolàa la penitenza?

Maddalena - Quella la faremm insema.

Giovanni - L'èmei sbagliàperchél'èpussée facil, vera don Peder?

Don Pietro - Allora cerca di non pentirti mai di quello che sei.

Giovanni - Ma chi l'èpussée cattiv marìd'on om sposàa?

Maddalena - Quell ch'el g'ha ona mièe pegg de Iù. Ma io, t'el giuri, se occorr saròona vedova fedele a prova di tomba!

Giovanni - Maddalena, te gh'éona gran virtù: te me lasset semper la penultima parola.

Don Pietro - Ogni uomo èuna scheggia di Dio, e nel bene come nel male c'èsempre un po' di Lui             che, si riflette. Cercalo in Maddalena.

Giovanni - Se de no, tira molla e messeda, dagh ona scorlida, sgigotta el pignattin, recita on rosari e          manda giòon grappin ...

            Ven chi Maddalena, che te doo on basin!

(La prende e la bacia, mentre don Pietro sorride compiaciuto.)

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno