El suldato paccò

Stampa questo copione

P L A U T O

PAOLO TORRISI

EL   SULDATO   PACCO’ !!!

Due atti

elaborazione ed adattamento

del

Miles  Gloriosus 

PLAUTO

     

                          Il soldato, “Pirgo”, porta via da Atene una cortigiana, “Filocoma”, e la conduce a Efeso. Il servo dell’amante di costei, “Palestrio”, vorrebbe portare la notizia al padrone, che è in missione all’estero, ma viene catturato durante la traversata e a sua volta dato in dono a Pirgo.  In seguito riesce a fare venire il suo padrone, “Pleusicle”, a Efeso e di nascosto pratica un foro nella parete che divide la casa da quella del vecchio “Periple”, per consentire agli amanti d’incontrarsi…ma un guardiano, “Scellerò”, li trova abbracciati… Palestrio gli fa credere che si tratta della sorella gemella di Filocoma…Nello stesso tempo Palestrio induce Pirgo a lasciare libera la sua concubina, dicendogli che la moglie del suo vicinato, Periple, lo vuole sposare; così è lo stesso soldato paccò a pregarla di andarsene e ritornare nella sua città insieme alla sua sorella gemella e alla madre…

           Pirgo, alla fine sorpreso nella casa del vecchio viene punito come adultero.

Personaggi:   U 7;    D  3;  Popolane e ballerine;

n.b. -La commedia è depositata presso la S.i.a.e. n°96210

       -Paolo Torrisi

        via, Abruzzo,3. 60025-Loreto-   

        torrisipaolo@virgilio.it

        tel. 071/978063;  cell. 349-7824237;

***Per facilitare la lettura del testo, in calce vi è un piccolo glossario.

“ EL SULDATO PACCO’ ! ”

P E R S O N A G G I :

PIRGO                            (Pirgopolinice)                        militare

ARTO’                            (Artotrogo)                            suo parassita

PALESTRIO                   (Palestrione)                           suo schiavo

PERIPLE                         (Periplectomeno)                     suo vicinato

SCELLERO’                     (Scelledro)                              suo schiavo

FILOCOMA                    (Filocomasia)                           sua amante

PLEUSICLE                    (Pleusicle)                                suo rivale

LUCILLO                        (Lurcione )                               suo schiavetto

FILIPPA                         (Milfidippa)                              domestica

LUCREZIA                     (Acroteleuzia)                           cortigiana

A T T O    P R I M O

                     L’azione si svolge a Efeso, in Grecia, in una piazzetta. Nella scena si distinguono due case patrizie tra loro unite da un attico a terrazzo; quindi vi sarà in fondo a sinistra il portone della casa di Periple ed a destra, sulla stessa linea, il portone della casa di Pirgo. – Al centro scena,verso sinistra e sopra tre gradoni vi è un pozzo.- Al centro e verso destra vi è un’uscita che porta alle vie della città.

A sinistra in primo piano un “are” per onorare gli Dei.- A destra in primo e secondo piano : dei resti di colonna, che potranno fungere da sedie.

Scena 1^ - Pirgo- Artò .-

PIRGO - (entra e senza chiudere il portone, parla verso l’interno…) Allora, ce semo capiti?  Lu scudo deve rluce cuscì tanto che in battaja i nemici devene rmane ‘ccegati! (si gira e va verso il centro scena ed a questo punto...

ARTO'- (..Entra e gli si mette dietro e a seconda dei movimenti di Pirgo si sposterà nella parte opposta)

PIRGO- …Capirai, bisogna che ‘cuntento pure a questa! (indica la spada, che sfodererà) Ardatela! Je se legge nte la ponta che c'ha na voja matta de fa' dei nemici carne pe’ ciausculi!…(riponendola nel fodero)…Ma ndo’ se sarà salvato Artò?

ARTO’ - (affiancandosi) Ecchime!…Ecchime al fianco dell’omo più bello d'un Dio, più ricco d’un Re e el più forte del mondo!…Cus’è Marte se pole permette’ da dì che sa cumbatte mejo de te e de pude’ paraguna’ le prodezze sua a quelle tua? Se solo penso a quello che hai fatto ultimamente!…

PIRGO -Te riferisci pe' caso a cul giovane che j ho salvato la vita nte la battaja dei campi Gorgoglionèi? Al nepote de Nettuno?

ARTO’ - Scì! Propio a lù.

PIRGO - El comandante me pare che se chiamava Bumbomàchide…

ARTO’ - Me rcordo che c’un sternuto j hai sparnicciato de qua e de là tutti i suldati. Cume fa el vento cu le foje secche dei totuli scannafujati! C'hai na forza bestiale, oh!

PIRGO – Sèh! 'Na piccolezza. Manco vale la pena a raccuntallo!(si allontana)

ARTO’ - Certo questa è na cosa da gné in confronto a tutte cul’altre cose che pudria raccunta’…(alla platea)  che nun ha mai fatto! Se qualchidù me ne porta uno più paccò e più fanfarò (indica Pirgo)  del padrò mia: j fago da servo pe’ tutta la vita! Na sola cosa c'ha de bono, che a casa sua se magna a strafugasse!

PIRGO - Cu fai lì? Che gnagneri?

ARTO’ - Ehm!…Me stacevo a rcurda’ dapermé, de cula volta in India, quanno sa un pugno a 'n elefante j hai rotto un braccio!

PIRGO - Co’? El braccio?

ARTO’ - No, me so’ sbajato!…Vulevo dì: la coscia!

PIRGO - Che po’, a esse’ sinceri, je l’ho dato, cuscì, svojatamente, senza sfurzamme tanto!…

ARTO’ -Defatti, se c'avristi meso 'ntantinellu più de forza, (accompagna con mimica) el braccio tua j passava dai budelli, al gargarozzo e j saria scappato da la bocca!

PIRGO- Scì, ma adé feniscetela, che nun me ne va de parla’ de ste cose! Pare che me vojo ffa’ grossu! (si allontana)

ARTO’ - C'hai ragiò! Solo io lu so quellu che vali!…(alla platea) E’ la panza che me fa parla' nte ssu modo: le recchie c’hanne d’ascolta' se la bocca vole mastica'! Me tocca cure dietro alle paccunate sua!

PIRGO - Artò, cusa stavo a dì? Ho perso el filo…Ah, vulevo dì…

ARTO’  - …Ce lu so cusa voi dì!…Me rcordo cume fusse adé!

PIRGO - Cosa?

ARTO’ - Tutto quello che voi!

PIRGO - Ah!…E dimme: c'hai…?

ARTO’ - Le tavulette pe’ scrive'? Ce l’ho…(tira fuori da una borsa che porta al fianco) Ecchele!... E qua c’è pure la penna! (un punzone)

PIRGO - Ma cume fai a leggemme ntel pensiero?

ARTO’ - El dovere mia è quessu: sape’ quello che pensi!

PIRGO - E te ricordi…?

ARTO’ - Certo che me rcordo! Me li rcordo tutti quelli che hai ‘mazzato: 150 in Cilicia, 100 a Scitolatrònia, 30 Sardi, 65 Macedoni…e questi so solo quelli che hai ‘mazzato nte 'n giorno solo!

PIRGO – Mucchiali, sommali  e dopo me dighi el totale!

ARTO’ - (batte la penna-punzone sulla tavoletta e poi) Settemila!

PIRGO - Ha da esse’ cuscì, perché tu i conti li sai fa’ be’!

ARTO’ - Che po’ me li so' tenuti a mente, miga me li so' appuntati da qualche parte! Ce l'ho tutti stampati chì! (indica la fronte)

PIRGO - Per Castore, che memoria che te rtrovi!

ARTO’ - E’ la fame che me la tiene sveja!

PIRGO - Finché te cumporti be’, nun morirai mai de fame!

ARTO’ - E cul giorno in Cappadocia?…Me pare anco’ da vedello! Ce l’ho davanti aj occhi! Se nun te se spuntava la spada n’avristi ‘mazzati 500 nt'un colpo solo, cume i ‘celletti 'nfilzati e mesi in fila, uno dietro l’altro, pronti pe' coce a la brace!

PIRGO - L’ho lassati nda’ perché me facevane pena. Pare che te voi prufitta’ dei munelli!

ARTO’ - Ma po’ cu’ le digo a fa’ ste cose? Tutti lu sanne chi è Pirgopolinice!…Cume te ce n’è solo uno che te pole vanza’ pel curaggio e pe’ la forza: “Marte” el Dio de la guerra!…Sarai fijo sua, ah?

PIRGO - E vedrai!…

ARTO’ - Senza parla’ po’ de le donne! Tutte te volene…E c'hanne ragiò, perché sai troppo bello!

PIRGO  - ( si pavoneggia)

ARTO’ - Nun te digo de ieri al mercato! Chi me tirava de qua, chi me tirava de là!Oh, e miga ce la facevo a levammele de torno a cule moramazzate!

PIRGO - Cu te dicevane, cu te dicevane?

ARTO’ - Me dicevane: “ Ma culù chi è Achille?”

PIRGO - E tu?

ARTO’ - E io: “ None! E’ el fratello!”…E n’antra: “ Adé capiscio perché è cuscì bello e muscoloso!”…E n’antra : “ Che capelli belli che c'ha!? So’ proprio fortunate le donne che lu polene 'mbraccia!”

PIRGO – Ste donne se ne 'ntendene! La roba bona piace a tutte!

ARTO’ - M’hanne lassato nda’ perché j ho prumesso che oggi t’avria purtato da cule parti!

PIRGO - E’ proprio ‘na disgrazia a esse’ troppo belli!

ARTO’ - Sta 'tente padrò mia, che quesse so’ cume le mignatte: se ‘rivane a ‘taccattese, nun se staccane più! Nun te danne manco el tempo pe’ pensa aj affari tua!

PIRGO - A proposito d’affari!... Famme nda’ ‘n piazza che c'ho da dà la paga ai mercenari che ho dovuto assolda’ pe conto del Re Selèuco…Quessu senza de me è perzo! Nun è capace de gne’! Me l’ha chiesto pe favore…Cus’è je lu negavo? Manco pe’ sentillo a piagne'!…Ndamo!…'Cumpagname…famo la strada del mercato…Ndamo, che cule donne me 'spettane! (esce per la comune)

ARTO’ - Vieno!…(si avvia, poi si ferma) Ce scappase qualche ossettu pure pe me! (via)

STACCO  MUSICALE
                Scena 2^  Scellerò- Scimmia e Ballerine.-

SCELL- (entra, da dx, trafelato e cerca con lo sguardo la scimmia che gli è fuggita) Adé pure la scimmia me ce vuleva!…Ndo’ se sarà cacciata?..(sentendo dei mugugni, alza gli occhi verso il terrazzo e la vede…) Te pudesse pijà la cagarella!…Sta bona lì…nun te move che te dago la banana…(la scimmia muove la testa come una campana)…Nun te piace la banana? Voi le nucelle? (fa cenno di “si”) E allora te dago le nucelle…(rientrando) e ‘n colpo che nun te pija! (appena entra Scellerò, la scimmia scende dietro le quinte per riapparire insieme a Scellerò: la prima entra dalla comune e l’altro sul terrazzo, a destra)…Vie’ qua brutta bestia, che te dago…cu je dago che nun c’è più?…(nel mentre si è avvicinato alla parte sinistra, sopra la casa di Periple e guardando avanti verso il basso, fuori dalla scena…) Cosa?…La padrona? Nun pole esse’! (stropiccia gli occhi, come per vederci meglio)…E’ proprio lia! Cume fa a esse lì se sta chiusa nte la su cambura?…(alzando gli occhi al cielo) Cus’è ce l’ete cu’ me oggi?…Prima la scimmia…(la scimmia emette dei versi)…Ecchila! Adé vieno e me te magno!…Rabbitu cume so’ se te dago ‘n muccigottu te fago rmane secca! (si avvia a riscendere…)

M U S I CA

                 Le ballerine entrano dalla comune danzando- la scimmia piroetta attorno a loro, finché non entra Scellerò, che comincia ad inseguirla senza riuscire a prendere. Scellerò nel tentativo di placcarla: cade. Le ballerine  faranno entrare in casa la scimmia aprendole l’uscio della casa.  Scellerò si rialza e  entrerà in casa, mentre le ballerine scompaiono per la comune.

                                       STACCO  MUSICALE                                                    

PALES- (entra da un lato del proscenio e dopo aver guardato il pubblico…) Bèh?…Emo fenito de parla’?…C'ho da spiegavve de che tratta sta cummedia! Sempre se c’ete la buntà de scoltamme!….Che po’ chi nun la vole sentì, pole nda’ pure via, cuscì lassa el posto libero!…Donca, sta cummedia l’ha scritta Plauto, uno ch’è nato da ste parti, chi dice nte la Marca, chi dice nte l’Umbria…Comunque sia adé ce truamo in Grecia, nte na città chiamata Èfeso e cul suldato ch’ete visto prima, pino de boria, è el padrò mia! Un cagarò de prima solfa! Paccò cume a lù in giro ce n’è poghi! Pensate che va dicenno in giro che le donne j curene dietro, che vanne via de testa pe’ lù, e che a furia de mannaje bagi: c'hanne le labbra tutte gonfie e roscie, cume el culo de le scimbie! El bello è che lù ce crede! Nun se 'corge che tutte lu pijane pel...insomma, lu sfottene!… Nun è da tanto che j fago da servo… El padrò mia vero è Pleusicle, quello che c’evo prima de lù, a Atene. Qua ce so’ capitato contro la vuluntà mia!… Adé ve digo cum’e stato: el padrò mia, faceva l’amore cu’ 'na cortigiana de nome Filòcoma e tuttu filava liscio, finché un giorno lu mandane pe’ affari de stato a Naupatto, n’antra città greca. Puretto, è partitu tranquillu, perché a sta fijola l’eva lassata cu’ la matre…Ma casu vole che a Atene ce capita Pirgo, el suldato paccò, che appena la vede: s’innamora e pe pude riva’ a lia j tocca fa' el filo a la matre! Defatti je compra vestiti…La porta a magna’ 'nte le taverne de lusso…Je regala anelli, ori…Finché riesce a ave’ el permesso de buccà ‘n casa. Cula pora donna de la matre je pareva che cul porco era 'namurato cottu e spappato non de la fija, ma de lia! Nvece a la prima occasio', pija cu' forza Filocoma, a la fija, la mette su la nave e la porta qui, a Èfeso. Appena l'ho saputo:  pijo la prima nave pe’ Naupatto e pudello dì al padrò. Guarda te che la nave viene assalita dai pirati. Sti moramazzati m’hanne preso e venduto cume schiavo! La fortuna è stata quella che m’ha cumprato lu stessu suldato che ha rapito la padrona. Defatti, 'ppena rivo 'n casa, a chi te vedo? A Filocoma, la padrona!…Ce semo guardati e cu’ j accenni ce semo ditto che ce saristimi parlati ntel mumento bono…e cuscì è stato! M’ha raccuntato gnicco’: de quantu suffriva…che pensava sempre a Pleusicle, el padrò  e che vuleva rturna’ a ogni costo a Atene…Allora ho pensato de scrive do’ tavulette al padrò e 'pena ho truvato chi ndaceva da le parti de Naupatto, je l'ho date, cu’ la raccumannaziò de pudelle fa' ave’ a Pleusicle! Appena el padrò l’ha ricevute è venuto chì, a Èfeso e adé sta lì…(indica porta a sx) Scì, nte la casa de fronte! Guardate el destino! El padrò de sta casa, Periple e el padre del padrò mia so’ amici, se cunoscene be’! Nun solo el vecchio ha ospitato a Pleusicle ma l'ha pure jutato a vedesse e a 'ncuntrasse cu Filocoma!…Cume fanne? Eh...  polene, polene!…Polene perché, essendo le do’ case 'taccate, ntel muro de la stanza de Filocoma j ho fatto un bugo, cuscì lia pole passa’ da 'na casa a l’altra quanno j pare. Solo cuscì se pudeva fa', perché Pirgo, el paccò, ha meso de guardia, davante a la porta de la cambura de Filocoma uno schiavo, un certo Scellerò, amico mia, che…(sente la voce di Periple...)

PERIP- (entra a ritroso, parlando all’interno) …Sete boni solo a magna’!

PALES- Cu’ chi ce l’ha el vecchio?…El resto  de la storia la vedrete fra pogo!

PERIP- (entra a ritroso, parlando all’interno) …Sete boni solo a magna’! Ma io ve metto a pane e acqua!…

PALES- Cu' t’è successo che lucchi 'nte ‘ssu modo?

PERIP- Sti boni a gne’ hanne lassato che 'n estraneo ndacesse sul terrazzo!…(guadagna il centro scena) Sul terrazzo c'ho cul maledetto lucernariu che dà drento le cambure de casa e chi ce guarda pole sape’ i fatti de casa mia!?…(verso l’interno) Se succede n’antra vo’: ve spezzo le gambe!…Solo Palestrio ce pole salì e nisciù altro! Se ce 'chiappate a calchidù lu duvete 'mazza’ de bastunate!…(venendo avanti mestamente) Palestrio mia, semo ruvinati!

PALES- Ho bell’e capito che calchidù ha scoperto el  trucco!

PERIP- Me sa!…Pogo fa un servo vostro ha visto a Filocoma che se sbagiucchiava cu Pleusicle!

PALES- Chi era?

PERIP- Nun te lu so dì, perché è fuggitu cume 'n luzeno!

PALES- Me possu cunsidera’ morto! Sentime… (annusa il braccio e poi avvicinandolo a Periple) già puzzo!

PERIP- Mentre scappava j ho ditto: “ Cu fai nte la parte del terrazo mia?” Senza vultasse m’ha risposto che cercava la scimbia e po’ è sparito senza  pudello vede 'nte la faccia!

PALES- Certu che me dispiace 'n bel po’ a murì pe’ colpa de 'na scimbia!…Filocoma,  adé sta da te?

PERIP- Quanno so’ scappato ce staceva!

PALES- Vaje a dì de passa’ de de qua (indicando la casa di Pirgo) in modo che i servi la polene vede…Che se sbrigasse, se nun vole che ndamo a fa’ cumpagnia a quelli che già in croce ce stanne!

PERIP- Sta tranquillo che je lu digo! (si avvia)

PALES- …E che deve fa’ la donna…de fa’ ragiuna’ el cervello cume solo lora sanne fa' in certe situaziò.

PERIP- (fermandosi) Cume saria?

PALES- Saria che c'ha da cunvence a chi l’ha vista, che nun l’ha affatto vista…anche se l’avria vista n’antre cento volte! Deve giurà e spergiurà, tanto che l’accusatore se duvrà cunvence!

PERIP- Je lu vago a dì subito!…(si avvia, ma viene fermato dal borbottio di Palestrio)

PALES- (si allontana parlando tra sé)

PERIP- Dighi a me?…(vedendolo assorto) Stai a pensa’ qualche truvata?

PALES- Lasseme pensa’…Lassame dapermé, nun me disturba’!…Devo pensa’ a cume posso fa' pe cunvence a cul lazzarò del cullega mia de nun ave' visto gnente de quellu che ha visto. (si mette a sedere)

PERIP- Fa!…Fa!…Io me metto in disparte! (va al lato opposto) Je s’è ngricciata tutta la fronte!…Perché se batte el petto?…Forse j vole tira fora el core!?…Adé sta a fa' i conti!…Ha gambiato posiziò!…'Ncora nun ha truvato l’idea giusta!…So’ sciguro che qualsiasi idea tira fora nun sarà certamente cruda, ma bell’e cotta, pe’ pudejela servì be’!

PALES- (poggia il gomito sulla coscia ed il mento sulla mano e chiude gli occhi)

PERIP-Se sta a cuncentrà!…(dopo breve pausa fa qualche passo, come per vederlo bene in faccia e poi) Se sarà 'ndurmito? (comincia a chiamarlo prima piano poi più forte e visto che non riesce a svegliarlo gli si avvicina per scuoterlo) Palé? Palestrio?…Oh, Palé!?… L’ho ditto che s’è ‘ndurmito! ( lo scuote chiamandolo) Palé?...

PALES- (apre gli occhi e guardandolo senza scomporsi)…Imbéh? Cu c'hai da sgaggià?

PERIP- Siccome t’ho chiamato e nun me rispunnevi, allora…

PALES- Io quanno so’ cuncentrato nun sento gnente!

PERIP- Hai pensato qualcò…?

PALES- Essà!

PERIP- Dimme cu hai pensato!…Miga te lu vurai tiene pe te?

PALES- Adé te digo, ma sta attente, perchè me devi juta'.

PERIP- Fago tutto quello che me dighi. Pensi che ce riuscimo a…

PALES- Nun sarà difficile! Se sto Paccò al posto de la pelle c'avria avuto le penne de 'na gallina nun se ne saria accorto nisciù, perché el cervello è lu stesso! Vedi cul pezzo de culonna 'ndo’ so’ stato a sede? Quella capisce più de lù!

PERIP- E’ propiu vero!

PALES- Adé te digo cusa ho pensato. J duemi fa' crede che la surella gemella de Filocoma è rivata da Atene insieme a l’amante sua e che tu li hai ospitati perché sei tanto amico del padre de lù!

PERIP- Che bella truvata!…Certo, se so’ gemelle se rassumejane e nisciù pole sape’ se l’una è l’una e l’altra è l’altra!…Che idea!

PALES- Cuscì se el servo racconta al suldato quellu che ha visto: Filocoma j pole dì che nun era lia, ma la surella gemella!…Oh! Tutti e tre, io tu e lia, duvemo parla’ la stessa lengua.

PERIP- Ma se le vole vede tutt’e do’ insieme?

PALES- Truvamo mille scuse…: “Pel mumento nun è in casa!”…”dorme!”…”Se sta a fa’ el bagno!”…Però sta scantafavula j la duemo fa’ crede subito!

PERIP- Sì, quessu è importante!

PALES- Adé stornate e metti al corrente de tutto Filocoma…Struiscila be’ sulla falza gemella e po’ dije de rientra’ nte la cambura sua!

PERIP- (andando) Vago...Vago! Je parlo io!…Sta tranquillo!(esce)

                Scena 3^- Palestrio-  Scellerò-

PALES- Adé chiamo a Scellerò! E’ lù che ha visto a Filocoma, perché è lù el guardià de la scimbia e de Filocoma. (chiama) Scellerò!…Scellerooooò?

SCELL- (entra e rimanendo sulla soglia, mestamente…) Cusa voi?

PALES- Perché c'hai cula faccia? T’e mortu el gatto?

SCELL- Tra pogu moru io, no el gatto! (avanza verso Palestrio)

PALES- Parla! Cu’ t’è succeso?

SCELL- Me sa che no’ servi, fra pogo famo  'n zompu 'nte la croce!

PALES- Zompa daperté che io nun c'ho voja de fa' sti zompi!

SCELL-  Mancu te l’immagini quellu che m’è capitato!

PALES- Dimmelo! De co' se tratta?

SCELL- Un fatto tantu brutto!

PALES- Allora nun lu vojo sape’!

SCELL- No! ‘Gnà che lu sai pure tu! Oggi m’è scappata la scimbia e la stacevo a rincure ntel terrazzo de la casa…

PALES- Cuscì ntel terrazzo de bestie ce ne stavane do’!

SCELL- Giove te pudesse fa' ‘rmane ndo’ te trovi! Me sfotti pure?

PALES- Daje, continua!

SCELL- …Stacevo ntel terrazzo, da la parte de Periple e pe caso l’occhio m’è ndato ntel lucernario de casa sua e cusa te vedo nte la stanza de sotta?

PALES- Cusa hai visto?

SCELL- A Filocoma!…A Filocoma che se bagiava cu uno che nun cunoscio!

PALES- Ma dimme se le recchie mie devene scolta’ ste sciapate!?

SCELL- Te digo ch’era lia!

PALES- E l’hai vista!

SCELL- In persona e cu st'occhi!

PALES- Ma cu dighi?…Nun è possibile!…Me sa che nun hai visto gnente!

SCELL- Oh, io nun so’ nguercio?

PALES- Saria stato mejo! E’ na cosa grave quella che hai ditto. Tu la dighi cuscì…cu’ na leggerezza… Ce credo che te polene crucefigge’!…In ogni caso nun te cunvié a dì ste sciapate!

SCELL- Cume: in ogni caso?

PALES- 'Ntel primo caso, se accusi Filocoma a torto: sai spacciato! Ntel segondo, se è vero quello che hai ditto, siccome eri el guardià sua: sai spacciatu lu stesso!

SCELL- Io nun lu so quellu che me capiterà, ma so’ sciguro de quellu che ho visto!

PALES- Ah, ma allora se c’insistisci vole dì che sai 'n ciambottu de quelli veri!

SCELL- Io ho ditto la verità e segondo me ha da esse’ 'ncora li drento! (indica casa Periple)

PALES-Cooooo’…? Voi dì che nun è 'n casa?

SCELL- Guarda?!…Va drento a vede…Miga vojo esse’ creduto a forza!

PALES- Essà che ce vago! (entra)

SCELL- Va, va!…Io spetto chì e nun me movo finché la vacca nun ha fenito de pasculà e rtorna nte la stalla!…Guarda le donne che guai che te fanne passa’!? Ha ditto be’ Palé: in croce ce vago in qualsiasi modo, sia che je lu digo io, sia che je lu dicene j altri! P’adé me sa che me cunvié a sta zitto!

PALES- (rientra) Oh, Scellerò?!…Lu sapevo che te piace tanto fa scherzi, che te piace a ride…Però te 'rcordo che questi so’ scherzi che te polene manda’ sopra a do’ pezzi de legno messi pe’ cuscì! (mimica)

SCELL-Io ho visto…

PALES- Te cunvie’ a fatteli cavà j occhi, se vedene quello che nun esiste?

SCELL- Cume, quellu che nun esiste?

PALES- Na noce bacata, vale più de la vita tua!

SCELL- Ma perché?

PALES- Me dumanni pure perché?

SCELL- Perché nun duvria?

PALES- Ma fattela taja ‘ssa lengua, nvece da tenettela nte la bocca!

SCELL- Me duvria taja’ la lengua?

PALES- (indica la casa) Ecco ndo’ sta Filocoma!…Sta lì e tu insistisci a dì che l’hai vista 'n casa del vicinatu nostro, che se sbagiucchiava cu’ unu che nun cunosci!?

SCELL- Me sa, allora, che el guercio sai tu!

PALES- E tu sai propiu orbo! Te digo che quella sta a casa sua.

SCELL- Sta a casa?!

PALES- Scine!

SCELL- A me me sa che me voi pija’ pel..

PALES- E a me me sa che tu voi murì se nun gambi occhi e discorso!…(sente aprire la porta) Credo che sta a scappa’ qualcuno da casa nostra! (si avvia) Vago a vede!

SCELL- Io, 'nvece tieno d’occhio la porta de Periple…Tanto, Filocoma nun c'ha altre strade pe’ rturna’ 'n casa! (si gira verso la porta del vicinato)

PALES- (indicando Filocoma che è apparsa sulla soglia) Ecchila chì, a Filocoma!

SCELL- (rimane di spalle) Noneeee!!!…

PALES- Girate!

SCELL- (rimane di spalle) Noneeee!!!…

PALES- Me sa che nte la testa te ce so’ cresciute le cipolle! Girate! Guarda!

SCELL- Noneeeee!!! Io rmano  a guarda’ qui e nisciù me pole da’ a intenne che culia sta a casa sua! Da qua deve passa’!

PALES- (sottovoce e facendo segno a Filocoma di rientrare)…Ormai l’omo è nostro! (forte e accostandoglisi) Voi vede che te dimostro che 'ntej occhi   c'hai le bicicche e che 'ntel cervello c'hai la sembula?

SCELL- (si gira) Dimostramelo!

PALES- Allora, tu dighi che l’amante del padrò se trova là!?

SCELL- Scì e dichiaro che se bagiava cu uno che nun ho mai visto!

PALES- Lu sai che nun esiste un passaggio da cula casa a la nostra?

SCELL- Lu so.

PALES- Né pel giardino, né pel terrazzo?

SCELL- Lu so.

PALES- E se te la fago scappa’ da qui, nun te meriti 'n fracco de legnate?

SCELL- Certo!

PALES- Allora tieni d’occhio cula porta, in modo che nun pole  passa’ da lì a qui.

SCELL- Magari me ce ndormo, ma da chì nun me sposto! (si rigira)

PALES- Adé te la fago venì qua cu i pia sua! ( si avvia ed entra)

SCELL- E’ quellu che spetto! Vojo vede se ho visto quellu che ho visto o s'è 'n casa cume dice lù!…L’ho vista cu j occhi mia, miga me l’hanne prestati!

              Scena 4^:-Detti  e Filocoma–

PALES- (entra seguito da Filocoma) ‘Rcordate quello che t’ho ditto!

FILOC- Ardimmelo! E’ più de cento volte che me lu ripeti!…Fa quello che c'hai da fa’. Io ‘rmano qua!

PALES- (si avvicina a Scellerò) Imbéh, Scellerò?

SCELL- Io da chì nun me movo, se c'hai da dimme calcò: te scolto. Le recchie me funzionene be’! Cusa voj? (che dacché s’era girato verso la porta, col corpo aveva assunto una posizione a  “ X ” )

SCELL- Bravo! Vedo che t’alleni nte la pusizziò che tra pogo duvrai assume! Piuttosto guarda n po’: chi è quella?

SCELL- (girando la testa senza abbassare le braccia per non perdere la posizione) Porca…! (lentamente ed incredulo abbassa le braccia e si gira verso Filocoma) Me pudesse pija’…Ma quella è l’amante del padrò!

PALES- Me pare pure a me! Quindi se sai comido…

SCELL- Pe fa’ co'?

PALES- Pe crepare!

FILOC- (accennado due passi verso i due) Ndo’ sta cul brav’omo che m’ha accusata, de na colpa tanto grossa?

PALES- Ecchilo! Sta davante a te…Quello che t’ho raccuntato me l’ha ditto lù.

FILOC- Sicché, pezzo d’un mbrujò, dighi che m’hai visto nte la casa del vicinato nostro mentre me facevo bagia’!?

SCELL- Scì! Da 'n omo straino!

FILOC- M’hai visto tu?

SCELL- Scì, cu’ st’occhi, per Ercole!

FILOC- Me sa che te li caveranne, perché vedene più de quello che duvriane vede!

SCELL- Oh, è inutile! Nisciù me toje da la testa quello che ho visto!

FILOC- E’ tempo perso a ragiunà sa un mattu cume a te! Tanto vedrai che prima o poi cj avrò la testa tua!…Te la fago tajà!

SCELL- Oh, è inutile che me minacci!…Ce lu so che murirò 'n croce cume a babbo, a nonno, a bisnonno, e al nonno de bisnonno e nun saranne certu le parole tua a cavamme j occhi! (a Palè) Tu piuttostu dimme da ndo’ è scappata cussia?

PALES- Da ndo’ duveva scappa’? Da casa sua.

SCELL- Da casa?

PALES- Guardame n po’?!

SCELL- Te guardo. Però m’hai da spiega’ cume ha fatto a passa’ da qua a là?! Cume ha fattu che n casa nostra nte tutte le fenestre e porte ce sta l’inferriata? (guarda Filocoma e poi…) Nun me possu sbajà: io t’ho vista li drento!

PALES- Allora insisti, bruttu musu tento!

FILOC- Che Minerva m’ajuti!…Ma allora quello che me so’ nsugnata è vero!?

PALES- Cus’hai sugnato?

FILOC- Me so’ nsugnata che mi surella gemella veniva da Atene cu’ l’amante sua e che erane ospiti de Periple, el vicinato nostro….

PALES- (a parte) Sta a raccunta’ el sogno mia!…(forte) Daje, continua!

FILOC- Ero tanto cuntenta che lia era venuta a truvamme, ma nte lu stessu tempo nun eru dispiaciuta perché c’evo la sensazziò che qualcosa duveva nda’ storto.. Defatti, sempre ntel sogno, un servo m’accusava, cume stai a fa’ tu, d’esseme bagiata cu’ n giuvinotto che nun era manco da le parti nostre, che po’ chi se bagiava era la gemella mia, ciué mi surella!…Quindi so’ stata accusata a torto…Falsamente!

PALES- Sicché le cose che te sai nsugnata, adé te capitane da sveja!…Per Giove, è un sogno ch’è deventato realtà!…Comunque te cunvie’ raccunta’ tutto al padrò!

FILOC- Scì, ‘pena riva je lu raccontu!…Nun me piace pe’ gné esse accusata senza na raggiò, oltretutto de na cosa che nun ho fatto! (entra in casa)

SCELL- Me sa che ho fattu male! La schina me cumencia a pizzica’!

PALES- E io, a piagne pe’ mortu! Te sai cunvinto adé?

SCELL- (non si dà per vinto) Adé è drento casa, e l’hai vista pure tu, perciò c'ho da cuntrulla’ l’uscita de sta casa!

PALES- (non sente quello che ha detto e fa ritornare il discorso dove più gli interessa) Oh, Scellerò! Hai visto cume el sogno sua se rassumeja a quello che te pare d’ave’ visto!?

SCELL- (dopo breve pausa colmata da mimica…) Oh, a sto punto, nun so manco se c'ho da credemme!…Quasi quasi credu de nun ave’ visto quellu che ho visto!

PALES- Te ne ‘corgi n po’ tardi! Se sta facenna riva nte le recchie del padrò sai cottu!

SCELL- Me sa che ntej occhi c’evo davé  le bicicche!

PALES- Me ce s’è sciuccata pure la lengua, pe’ quante volte te l’ho ditto! Filocoma è rmasa sempre drento casa!

SCELL- Allora vole dì che nun l’ho vista…pure se l’ho vista!

PALES- Senza pensa’ che pe’ la cretinaggine tua a mumenti mannavi in croce a tutta la servitù! Sta zitto che sta a scapa’ qualchidù!…(guardando verso la porta di Periple)

FILOC- (entra a ritroso parlando all’interno…) Tra pogo purtateme i profumi d’Arabia, che vojo ringrazià la Dea Diana che, durante el viaggio, m’ha salvato dalle ire de Nettuno. (va all'altare e vi poggia i ramoscelli che aveva in braccio)…Mamma mia, nun evo mai fatto un viaggio  cul mare in burrasca!Le onde erane più alte de le muntagne!

SCELL- (meraviglia mista a paura- si accosta a Palestrio)  Palè!…Oh, Palestriu?

PALES- (sullo stesso tono) Scellerò!…Oh, Scellerò?

SCELL- Quessa ch’è scappata adé da lì, nun è la curtigiana del padrò: Filocoma?…E’ lia o nun è lia?

PALES- (stringendogli la  mano che Scellerò teneva sulla sua spalla) Pure a me me pare lia!

SCELL- Dimuje calcò…! (facendo due passi verso di lei, ma rimanendo distante) Cus’è sta nova, Filocoma?…(si gira verso Palestrio che lo incoraggia a continuare)…Cu’ ce facevi nte cula casa, ah?…(c.p.) …Nun me risponni? Te stai zitta adé? (c.p.)

PALES- Me sa che te sai parlato daperté. Quessa mancu t’ha nteso!

SCELL- (avvicinandosi un altro po’) Nun fa fenta de nun sentimme! Oh, digo a te, brutta svergognata perditempu!

FILOC- ( che stavolta s’era girata a metà battuta di Scellerò) Oh, ma sa chi ce l’hai? Cu’ chi parli?

SCELL- Sa chi ce la devu ave’? Parlo cu te!

FILOC-  Cu’ c'hai da spartì sa me? Se pole sape' chi sai?

SCELL- (a Palè) Oh, vole sape’ pure chi so’ ‘ssa sfacciata!…(a Filocoma) Me dumanni pure chi so’?

FILOC- Dal mumento che nun t’ho mai visto, te lu dumanno scì!

PALES- (A Filocoma) Visto che a lù nun lu cunosci, dimme: chi so’ io?

FILOC- Un antipattigu pari a lù!

SCELL- Sicché, tu nun ce cunosci!

FILOCO- Ne a te, ne a lù!

SCELL- (preoccupato) Palè, c'ho un certu presentimentu….

PALES- Perchè tremi?

SCELL- Ma nun l’hai ntesa che nun ce cunosce!?

PALES- ‘Spetta n mumento che vojo chiarì sta facenna! Intanto, Scellerò mia, cumenciamo a vede se no’ semo no’ …Nun vuria che nte n mumento de distrazziò chi ce vole male, cu’ na fattura, c'ha sgambiato le persone senza che manco ce ne semo necorti!

SCELL- (prima si tocca, poi si guarda le vesti e poi ancora di corsa va a specchiarsi nel pozzo)

PALES- (pensando al peggio, corre in suo aiuto) Oh mattu, cu’ fai te voj fugà?

SCELL- Io? E chi me lu dà el curaggio de mazzamme?…Me stacevo a specchià ntel pozzo! (scende e ritorna verso il centro scena)

PALES- (si specchia pure lui e dopo ridiscende) Io me so’ visto e so’ io!

SCELL- E pure io so’ io…Nun c'hanne sgambiati!

PALES- Oh donna! Vai cercanno guai? Digo a te sai, Filocoma?…(la scuote) Digo a te!

FILOC- (ch’era intenta a preparare l’are) Insomma ve la fenite de chiamamme sa un nome che nun è el mia!?

PALES- E cume c'ho da chiamatte allora?

FILOC- Giusta! El nome mia è: Giusta… ma me chiamane Giustina.

SCELL- Tu sai “’Ngiusta” e non “Giusta” che te voj prufittà del padrò mia!

FILOC- Io?

SCELL- Tu, tu!

FILOC- Ma se manco so chi è el padrò tua?…So’ arrivata appena iersera da Atene cu l’omo mia!…Nun te fa sentì da lù ch’è più geloso d’un Cretese!

SCELL- Sai rivata iersera? Dimme allora cu’ ce sai venuta a fa’ chì, a Efeso?

FILOC- M’hanne ditto che mi surella gemella se trova qui e io so’ venuta a cercarla!

SCELL- Tu sai più furba de na volpe!

FILOC- Nvece te sbaji, visto che stago ancora qua a scoltavve. Vago via! (si avvia)

SCELL- (l’afferra, tenendola per i polsi) Vié qua…e miga te lasso nda’!

FILOC- Me sa che a me fra pogo me se sdogane le ma’ e a te le ganasce, se nun me lassi nda’!

SCELL- (a Palè) Vienmi a dà damme na ma’ nvece de sta lì fermo cume na mummia!

PALES- Io la schina ce l’ho già dritta e nun vojo che me la ndrizzane!…Cusa ne so io se quessa è Filocoma o la surella che je rassumeja?

FILOC- Me voj lassa’ o nò?(tira verso la casa del vicinato)

SCELL- Ndo’ vai?…La casa tua è quella o ce vai daperté o te ce fago nda’ io!

FILOC- Ma io so’ ospite de Periple! La vera casa mia sta a Atene…Cu’ me frega a me de sta casa o de cul’altra? E in quanto a te, nun so chi sai, nun te cunoscio….Lassame!

SCELL- Io adé te lasso, ma tu me devi prumette’ che vai deritta deritta in cula casa lì!

FILOC- Dal mumento che devu de nda’ nte cula casa lì, sa le bone o sa le cattive: lassame che ce vago dapermé!

SCELL- Parola?

FILOC- Parola!

SCELL- Ecco!…Te lasso! (la lascia)

FILOC-E io visto che m’hai lassato: te digo che sai n ciambottu e che vago ndo’ me pare! (entra di corsa in casa di Periple)

SCELL- (rimane di stucco)

PALES- Fermala!

SCELL- (corre ma prende la porta in faccia)

PALES-Scellerò scellerato! Te sai lassato fugge la preda che c’evi nte le ma’!

SCELL-Ecco quanto vale la parola de le donne!

PALES- Quella era l’amante del padrò…Je rassumejava tutta! Era lia. Famme n favore.

SCELL- Cu’ c'ho da fa?

PALES- Vamme a prende’ na spada!

SCELL- Cu ce voj fa’?

PALES- Vojo buccà drento la casa de Periple e se trovo a quellu che se sbagiucchiava cu’ l’amante del padrò: zzaccate!…Je tajo la testa!

SCELL- Allora pure pe te era Filocoma!…

PALES- Scì, era lia!…

SCELL- Cum’ha saputo finge be’ ‘ssa fija de…

PALES- T’ho ditto de ndamme a prende la spada!

SCELL- Curro, curro!... (entra)

PALES-Certo che cume sanne finge le donne, nun ce n’è altri!…Ha fatto le do’ parti sa na disinvoltura!…Sa una cume a lia ce vole pogo a mbruja a n ciambottu cume a Scellerò!…Che pensata che c'ho avuto a fa’ cul pertugio ntel muro, ah?

SCELL- (entra con fare mesto) Palè nun c’è bisogno de la spada!

PALES- Adé che nova c’è?

SCELL- Filocoma è qui 'n casa!

PALES- Co’?…In casa?

SCELL- Scine! E’ colca ntel letto sua!

PALES- Ma lu sai che, sa quellu che stai a dì, peggiori la situazziò tua?

SCELL- Cume saria, adé?…Perché?

PALES- Te sai permesso de mette’ le mani addosso a un ospite del vicinato nostro e te rcordo che qua l’ospite è sacro!

SCELL- Nun ce capiscio più gne’!…Adé saranne do’ quelli che me vuranne mazzà: Pirgo e Periple!…

PALES- Donca, se quella è la surella de chist’altra… Quella che se sbagiucchiava era la surella gemella!?…

SCELL- Le cose stanne propiu cume hai dittu tu, quindi me cunvié preparamme! (divarica le gambe e alza le braccia a formare una “X”, faccia alla platea, al centro scena)

PALES- Mbéh, cu’ fai?

SCELL- Me preparo a murì!…Chi de do’ riva prima, me ce metterà de dietro la croce! Io so' pronto!

PALES- Ma che fai, sciapo?…Nun t’arrende prima del tempo!…Nun se sa mai cume se polene risolve le cose!…

SCELL- Me juti a discolpamme?

PALES- Chi io? Tu nun ce stai sa la testa!…Io me ce so’ già mpicciatu troppu nte le faccenne tua!…Anzi sai cu’ fago? Vago a casa de Periple! Se riva el padrò e duvesse cercamme, sai ndo’ truvamme! Adé va in casa a fa’ la guardia…E rcordate che aj schiavi j cunvié solo scoltà e mai parlà, se volene campà!…Va! Vanne a casa!…(entra da Periple)

SCELL- Cuscì, so’ rmaso dapermé! Chi nasce purettu: more disgraziato!…(avviandosi) Vago drento…E’ più mejo che el padrò me trova a fa’ la guardia!… (ma viene fermato dalla voce di Periple)

PERIP- (entra come prima a ritroso,tenendo aperta la pacca della porta. E’ molto arrabbiato e facendo finta di non vedere Scellerò…) Per Ercole, cume se permette el guardia’ del suldato paccò de fa’ la voce grossa sa na donna?

SCELL- (tremando) Preparateme el catafalco!

PERIP- La faga sa me che so’ n omo!

SCELL- (tenendosi la pancia)  La panza me burbuja e el tempo se nnuvola!...

PERIP- …Cume s’è permesso de maltratta’ l’ospite mia, che è venuta da Atene a cerca’ la surella, accumpagnata dal fijo del mejo amicu mia?

SCELL- …Nun è nuvulu: è propiu scuru!…

PERIP- …Nun lu sa stu schiavo che sta donna nun è pari a lù? Lia è nata libera e è tuttora libera!

SCELL- (mettendosi di nuovo nella posizione della croce) Scusateme tanto padrò, ma lu è ‘rivato prima de vo’!

PERIP- (che s’è girato verso Scellerò) Tu chi sai?

SCELL- (girandosi verso di lui, tremante) Credeteme sulla parola: nun ce lu so!

PERIP- Lu so io!…Tu sai Scellerò!…Quellu che s’è permesso d’esse’ insolente cu l’ospite mia, proprio mentre staceva a ringrazia’ a Diana!

SCELL- (abbassando le braccia) So che sete tantu bono…Scoltateme!

PERIP- Io ce avria de scoltà a te?

SCELL- Se nun me vulete scoltà, statemi a sentì. Io me vuria scusa’…

PERIP- Te voj scusa’ sa me? Dopo l’azione che hai fatto? Vergognate! Te credi che essendo schiavo d’un soldato,  poj  tratta’ la gente cume te pare?

SCELL- Permetteteme…

PERIP- Cusa te voj permette’? Tutti j Dei dell’Olimpo me devene permette’ de frustatte pe’ na giurnata intera, pe’ quello che m’hai cumbinato! M'hai rottu i coppi e tutti i  cocci dei girani del terrazzu, pe’ curre dietru a cula scimbia che te rassumeja tantu!

SCELL- Nun so’ stato io…E’ stata la scimbia a roppellle!

PERIP- (continua a inveire) Sta zitto! P'ave' spiato ji ospiti mia dal lucernario!

SCELL- Io?... E’ stato l’occhio che me c’è ndato!

PERIP- …P'ave’ accusato de adulterio l’amante del padrò tua e nte lu stesso tempo de da’ a intende che io so’ un ruffiano…

SCELL- Ma cu’ dite?…

PERIP- Se nun m’è permesso de frustatte a sangue: racconto el fatto a tutta Efeso e al padrò tua lu cuprirò de vergogna!

SCELL- Nun me mettete da la padella nte la brage!…Credeteme, so’ ridotto a un punto  tale che nun so se è giusto chiede perdono o no pe’ quello che ho visto, perché nun so più se l’ho visto… o se quella che sta là, nun è quella che sta qua e se quella che sta qua, nun è quella che sta là!

PERIP- Ma che stai a farfujià? Chi te capisce?

SCELL- Insomma a casa vostra c’è una che rassumeja cume na goccia d’acqua all’amante del Padrò…e io penso ch’è la stessa persona!

PERIP- Quann'è cuscì, te permetto de nda’ drento casa mia a vede.

SCELL- Ce posso nda’?

PERIP- Te lo ordino!…Va e guardala attentamente!

SCELL- Ce vago scì! (entra)

PERIP- (corre alla porta di Pirgo e grida) Filòcoma, curri n casa mia , che Scellerò te vole vede e po’ rtorna qua de corsa!…Speramo che Scellerò riesce a vedella, cuscì tutto fila liscio!…Ecchilo!

SCELL- Pe’ tutti j Dei immurtali! Che me pudesse pija’ na cagarella al peperuncì se nun è guale a cul’altra!

PERIP- Allora?

SCELL- Allora me la passerò brutta davé!

PERIP- E’ lia?

SCELL- E’ lia… ma nun è lia! Anche se quella che se sbagiucchiava…

PERIP- Voj esse’ più sciguro? Va, entra de botto 'n casa tua e vedi se Filocoma sta drento!

SCELL- Quessu è un cunsijo bono! (via di corsa dentro)

PERIP- 'N girociambotti cume a lù ce n’è poghi!

SCELL- (rientra piagnucolando) Ennà! Adé sai le bastunate che pijo!…Perdunateme!

PERIP- Perché te raccumanni?

SCELL- Ammetto d’esse’ stato stupido, cego, orbo, senza testa…Filocoma, l’amante del padrò mia sta 'n casa!

PERIP- A quanto pare, l’hai viste a tutt’e do’ e adé sai cunvinto! Adé vojo che el padrò tua vienga da me.

SCELL- No, el padrò no!…So d’ave’ sbajato…Che v’ho guardato drento casa … Che ho dato fastidio all’ospite vostro, ma credevo ch’era Filocoma!… Mai e po’ mai me saria creso che da n pozzo, se pudevane tirà fora do’ gocce d’acqua tanto guali, come a ste do’ donne!

PERIP- Cuscì, io sal vicinato ce fago la figura del ruffia’!

SCELL- Ho ragiunato cume a uno senza testa, da mattu!

PERIP- Da mattu scellerato! Uno schiavo gnà che tienga a freno la bocca, j occhi e le ma’?

SCELL- Ve giuro che da oggi devento muto cume n pesce, cego cume na talpa e sordo cume na campana!…(gli si butta ai piedi, attaccandosi alle vesti) Ve prego: perdonateme!

PERIP- E va bé! Pe’ sta vo’ te perdono!(si avvia verso casa, ma trascina Scellerò che gli rimane attaccato alle vesti)

SCELL- Grazie d’esse’ stato bono sa 'n verme cume me!…

PERIP- (c.s.) Nun so a quale Dio te sai raccumannato!

SCELL- A Efeso tutti sanne de la bontà tua!

PERIP- Scì, va bé, ma lasseme nda’!

SCELL- …Che Giove te ne renda merito!

PERIP- Basta che te rcordi che quello che hai visto: nun l’hai visto e tuttu quello che hai nteso: nun l’hai nteso!

SCELL- Fago cume ete ditto!

PERIP- (dando uno strattone alle sue vesti, come per levarle dalle mani di Scellerò) E adé famme nda’ a casa!…(apre la porta, poi si gira e ammonisce) Rcordate! (entra)

SCELL- (alzandosi)…So’ salvo!…P’adé so’ salvo!…Cu’ Periple me la so’ scampata, ma cul padrò?…Speramo che Palè e Periple  nun je raccontane gnente!…Se viene a sape’ calcò, de sciguro me 'mazza!(mettendo una mano dietro e una davanti)…Famme nda’ che da la paura me s’è slargato lu stomigo cuscì tantu che manco n albero de limò me lu riesce a strigne!…(andando) Famme ‘nda’…(alla porta si ferma e girandosi, dopo essersi guardato bene intorno) Però pe’ me era  Filocoma! (esce)

S I P A R I O

S E C O N D O  A T T O

      La scena è la stessa del primo atto. All’aprirsi del sipario la scena è vuota.

               Scena 1^:- Palestrio- Pericle- Pleusicle.-

PALES- (entra da casa sua e va in quella di Periple e aprendola chiama da fuori) Periple!!… Pleusicle!!…Venite oltra!…

PERIP- (entra seguito da Pleusicle) Ecchece!…Semo pronti! Che duemi fa’?

PALES- Prima de parla’, vedemo se c’è qualcuno che ce pole sentì!…(a Pleusicle) Tu guarda de là…(lui va  alla parte opposta e ritornando prima di Pleusicle) …Eh, Periple caro, se qualchidù scolta quello che c'ho da divve: pole strabalta' tutto!!

PLEUS- (ritornando) Parla tranquillo, nun c’è nisciù ntel giro de docento passi!

PALES- (A Pleuscicle) Prima vojo sape’ se te fidi de me e de quello che ho pensato de fa’.

PLEUS- A occhi chiusi! Me fido tanto de te, cume de lù!

PERIP- E fai be’!

PALES- Anche perché a sto punto o se fida o se fida!

PLEUS- Solo che me dispiace metteve ntel mezzo de ste facenne! Lu so che lu fate pe’ rispetto dell’amicizia che c’ete sa babbu mia… Nun è bello da’ ste seccature a un vecchio!

PERIP- Ahò! Vecchio?…Cusa credi che c'ho da stirà le zampe da 'n mumento all’altro? Parli cume se stacessi sa 'n pia nte la fossa!

PALES- L’età nun conta se uno è giovane drento!...E’ vé?

PERIP- Essà! Me sento più svelto de n bardascio!

PLEUS- Nun ve vulevo offenne. Ve chiedo scusa!

PERIP- Nun te scusare! Lu fago volentieri, perché capiscio i guai tua…Nun te pole capì solo chi nun è stato mai namurato! Capirai, io anco’ ardo! Le scappatelle me piacene più de prima! E po’ lu so cume c'ho da cumpurtamme quanno stago cu na donna: nun la toccu se nun entramo 'n cunfidenza, nun me fago vede sa la goccia al naso, nun scataratto pe’ terra…Ennà, se le so le bone maniere! Perciò se te bisogna uno che te faga da spalla: eccheme, so’ pronto! So esse’ tranquillo, ncaulatu, frizzante….Se c'ho da balla sguillo mejo de n’anguilla e zompo più de 'n grillo! So’ cume tu me voj.

PLEUS- Scì, ma nun vuria però che ‘ndaceste incontro a tante spese.

PERIP- Pe’ n amigo fago questo e altro!…E nun te sta a preoccupa’ dei quadrì mia. Ce n’ho cuscì tanti, che se avria volsuto de moji ne avria poduto mantiene tre e non una! E’ che nun m è mai piaciuto a metteme drento casa una che me baiasse de dietro!

PALES- Eppure saria stato tantu carì avecce dei fiji !…

PERIP- Fiji!?…Preoccupazziò e basta! Se c'hanne la febbre: te pare che morene…se c'anne n colpu de tosse: te parene tisici…Io c'ho i nepoti che so’ mejo dei fiji: te vienene sempre a truva’…te portane regali…s’informane se hai ripusato be’…a tavula te danne la purziò più grossa…Tutti te danne qualcò e quello che nun te pole dare quantu j altri, je sembra d’esse’ n disgraziato e trema pe’ paura che nun lu ‘rcordi ntel testamento!

PALES- Nun è manco sbajato cume la pensi!

PERIP- Vo’ parlate che io vago a da’ j ordini pe’ la  spesa. L’ospite n casa mia ha da sta cume 'n faraone!

PLEUS- Ndo’ ndate? State qua, che da magna’ c’emo ancora ji avanzi de ieri…Ve ‘rcordu che l’ospite dopo tre giorni puzza, dopo el quarto fa scuppià na guerra, che quella de Troia e Atene se pole paraguna’ a na cagnara fra cumari! El padrò de casa: ‘spetta educatamente che te ne vai, mentre i servi brontulane e te guardane male!

PERIP- De lora nun te devi preoccupa’, che tali sono e tali rmanene!…Adé vago a da’ ji ordini!…

PALES- Ce ndarai dopo, prima devi scoltamme. Ho studiato el modo pe’ pude spenna’ el “pollo”, e el modo cume Pleusicle se pole purtà a Filocoma ndo’ je pare. Però me serve l’ajuto tua.

PERIP- Parla! Te scolto.

PALES- (indica l’anello alla mano di Periple) Dammi cul’anello che cj hai al deto!

PERIP- A cusa te serve?

PALES- Te lu digo, ma prima dammelo!

PERIP- (se lo sfila e glielo dà) …Sentimo 'n po’!

PALES- Donca, tutti sapemo che el padrò mia è el primo donnaiolo e dice da esse più bello de Paride, e dice che Elena s’è fatta rapì da Paride, perché ancora nun eva conosciuto a lù!…Dice pure che tutte le donne de sta città fariane nunsocché pe’ pude’ sta 'n mumentinello in cumpagnia sua!

PERIP- Questu ce lu sapemo! Daje! Strigni che me fai fa’ tardi.

PALES- Me serve na bardascia, me la poj procura’?

PERIP- Cume deve esse’ libera o schiava?

PALES- Nun ha mpurtanza, basta che sia: avida de quadrì, cul sale nte la zocca e che el core nun deve prevale sul cervello. Insomma, pratica.

PERIP- Cume la voj, giovane o già…

PALES- Ha da esse’ bella!…(mimica) Sa do’…, sa do’ fianchi…e sa un…. Devi dì ch’è tu moje!  M’hai capito?

PERIP- A esse’ sinceru: ancora no! Nun capisciu ndo’ voj riva’!

PALES- Adé te ce fago riva’ pure a te! Sta donna deve ave’ na schiava personale.

PERIP- Fa conto che c’emo già a tutt’e do’: padrona e schiava…e pure furbe!

PALES- Quella che farà tu moje ha da fasse vede innamurata pazza del suldato paccò, tanto che tramite la schiava e questa tramite me: j regala cume  segno d’amore st’anello.

PLEUS- Che idea geniale che c'hai avuto!...

PALES- Cuscì io e la schiava semo i sensali dei padrò nostri!

PERIP- Sensali?

PALES- E va be’…ruffiani! C'ho avuto na bella idea, ah?

PERIP- Nun sgaggia’, che ce polene sentì!

PLEUS- Nun saria mejo na donna da marito…Na pullastrella?

PALES- Cu’ dighi? A quellu lu cunosciu be’. Le donne maritate j piacene più de le bardascette!…Quanno saprà e vedrà: la bava j ‘riverà ai genocchi!…Periple, va a cerca’ sse donne!

PERIP- Nun c’è bisogno che le vago 'n cerca, degià ce l’ho 'n casa.

PALES- Co’? Ce l’hai 'n casa e io nun l’ho mai viste?

PERIP- Io, i fatti mia, se posso, nun li fago sape’ a nisciù! Specie se cume vicinato c'ho a uno cume al padrò tua!

PALES- C'hai pure la schiava?

PERIP- Scine! Qualche volta l’avrai viste pure passa’ de qua…ma nun l’hai mai viste nte la faccia perché se la coprene cul velo!

PALES- Ah, so’ quelle…!? E pensa’ che quanno le vedevo me dicevo: el corpo ha da esse’ bono, ma la faccia, pe’ mantassela, je l’avranne magnata da le pantegane!

PERIP- Se le cose stanne cuscì, nun c'ho el tempo pe’ nda’ a fa’ la spesa. Pleusicle rturnamo drento e istruimo bene le donne! Vié oltra!(entra)

PLEUS- Oh, sta storia me cumencia a piace’ cuscì tantu che guasi-guasi me so’ scurdato d’esse’ ncavulato!…(va, poi  prima d’entrare) Sì, c'hai avuto proprio na bella idea…

PALES- Scì, però basta che nun me la chiami Filocoma.

PLEUS- E cume la devu chiama’?

PALES- Giustina!

PLEUS- Già, l’evi ditto, me pare!?

PALES- Adé bocca, che el suldato paccò pole riva’ da n mumento a l’altro!

PLEUS- Vago!…E che Giove me jutasse, se no fago scurre tanto de cul sangue che manco te lu immagini! (entra)

PALES- Che mal de testa che m’è venuto!…Sto a fa 'n casì tale che c'ho paura de mbrujamme pure io che l’ho pensata!…Adé famme chiama’ a cul scellerato de Scellerò!…Scellerò?…Scellerò!…Oh, Scellerò?…

                 

             Scena 2^ :- Palestrio e Lucio.-

LUCIO- (entra e si avvia per uscire)

PALES- Scelle…Scusame, me parevi Scellerò!

LUCIO- E’ inutile che lu chiami, spreghi fiato! Quellu nun solo nun te risponne, ma nun pole venì chì, manco se te sente!

PALES- Ma cu’ c'ha da fa’ che nun pole venì?

LUCIO- C'ha da fa: “glo-glo-glo!”

PALES- Cusa saria ‘ssu glo-glo-glo?

LUCIO- Saria che dorme. Ecco!

PALES- Dorme?

LUCIO- Eh! Dorme e ronfia!…cul naso fa “glo-glo” e cu la bocca fischia e sbuffa!

PALES- Ho bell’e capito: s’è fatto qualche bicchieretto!

LUCIO- Eh !…Chiamatelo bicchieretto!…(si avvia)

PALES- Ndo’ vai?  El cantiniere sai tu, perché j hai permesso de bere? Dimme n po’!?

LUCIO- Chi j l’ha permesso?…E’ venuto da me cume un ca’ bastunato!…Mogio, mogip…J ho ditto cusa j era successu e lù: “Lucio, amicu mia, nun me rmani solu che te cume cunforto!…Te so’ venuto a salutà!”…Ma perché ndo’ vai?…”Vago…Vago…” E ogni vo’ che diceva “vago” : spisciava lagrime da tutte le parti, pure da le recchie e nun riusciva a nda’ avante!…Voj sta calmo? Parla’, per Bacco?! E lù: “Nun ce riescio!…Vamme a pija’ tutti i stracci che trovi pe’ sciuccamme j occhi!”…E io so’ ndato a cercarli…Nun l’avessi mai fatto! Oh, nun me s’è bevuti tutti e ottu le brucchette de vì caldo ch’evo preparato pe’ la cena? Quanno so’ rturnato staceva già cu la testa all’ingiò, che ronfiava!

PALES- Perché nun dighi che pure tu j hai fatto cumpagnia?!

LUCIO- Guarda che io nun c’entro!

PALES- Tu nun c’entri? Cuma saria a dì? Tu c’entri…ce bocchi…ce trapenachi, caru mia! A chi la racconti che nun hai bevuto?

LUCIO- Chi io? A esse’ sinceru, mentre cercavo i straccetti, da la botte grana, me so’ fatta na ‘nguzzatella de bianchettu e t'h da dì che nco’ adé c'ho la bocca mpastata d’aceto!…Iiiaaaahhhh!…s’era cattivu!

PALES- Certu che la cantina sta in bone mani!

LUCIO- Parli cuscì, perché c'hai nvidia!...Te saria piaciuto esse’ tu el cantiniere, ah?

PALES- Dimme la verità, quante botti ete sciuccatp tu e cul’altro? E nun dì de no che t’ho visto tante de cule volte a fa’ le capriole!

LUCIO- Se m’hai visto cade qualche volta, nun è colpa del vi’, ma del pavimentu ch’è sbisciulosu!…Famme nda’ via che fago tardi!…

PALES- Ma ndo’ c'hai de nda’?

LUCIO- C'ho da fa’ na commissione a Filocoma…Visto che Scellerò è sa ji angiuletti!

PALES- Quann’è cuscì: va e sbrigate a rturna’!…’Ssa facenna la vojo raccunta’ al padrò!

LUCIO- (che s’era avviato, si ferma e si gira) Oh, se ntel mentre che stago fora, ce so’ bastunate, famme el favore: la parte mia pijala tu! (fugge)

PALES- (lo rincorre) Curri,curri…Prima o poi c'hai da rturna’! (riguadagna il centro scena) E’ propio vero che le donne ne sanne una più del diavulo! I cani l’ha sistemati be’: uno dorme pino de vi’ e a cul’altro l’ha mannato a fa’ na commissione, cuscì è libera de passa’ da na casa all’altra!…Famme nda’ a cuntrulla’! (entra)

              Scena 3^ - Periple-Lucrezia-Filippa poi Palestrio.-

PERIP- (uscendo seguito da Lucrezia e da Filippa)…Ete capito?…Se nun so’ stato chiaro ditemelo!

LUCR- Ho capito 'gnicco’, cume te lu devu dì?

PERIP- E tu, Filippa?

FILIPP- Se lia è da do’ anni che sta cu te è perché l’ho struita io. Questo te dice tutto!

LUCR- Me pare che quanno ho saputo de che se trattava, t’ho suggerito io cume frega’ mejo a sto suldato paccò!

PERIP- Scì, è vero! Del resto, nisciù ne sa’ mai abbastanza da solo! Però devo pure dì che n’ho visti tanti a mbrujasse daperlora!

FILIPP- Quanno na donna c'ha da da’ prova de furbizia: nun se scorda de gnente. Quanno invece ha da esse’ dolce e fedele: sta sciguro che la memoria je fa cilecca!

PERIP- La preoccupazziò mia è propiu quessa: che sgambiate i mumenti, ciuè che fate le furbe quanno ete da fa’ le fesse e viceversa!

LUCRE- Sta tranquillo che te lu cucinamo all’agro-dolce!

FILIPP- Se voj, te lo mbrustulimo nte la gratella!

PERIP- E sete bone, sete! Gente, guardateve da le donne! E sete bone,sete!

FILIPP- Essà!…Dal mumento che c’emo da fa’ sempre cu’ chi è peggio de no’!

PERIP- Sarebbe a dì…(rinuncia) Gnente! Tantu l’ultima parola è sempre la vostra.

PALES- (entra) Periple, vedo che stai in dolce cumpagnia!

PERIP- Ecco le donne richieste! Te vanne be’? So’ messe be’?

PALES- Scì!…(a Lucrezia) Servo vostro mia dolce signora!

LUCRE- Drento cula casa so’ na signora, qua so’ 'guale a te!

FILIPP- Semo fatti tutti de carne!

PALES- Appunto! Perciò rimettete el velo nte la faccia, che nun me fai ragiuna’!

FILIPP- E tu chi sai che te permetti tutte ‘sse galanterie, senza manco cunoscecce?

PERIP- Quessu è el nostro architetto!

FILIPP- So’ cuntenta, basta che nun architetta gnente sopra de no’!

PALES- Periple, l’hai informate de tutto?

PERIP- Tutto! Cume m’evi ditto.

LUCRE- Voj che famo fesso al suldato,  e che duemo farlo in modo che nun se ne corge.

PALES- L’hai ditto!

FILIPP- E’ tutto pronto!

PALES- Lia deve fa’ la moje de Periple? Pensi che ce riesce?

FILIPP- Ce riesce scì! E’ da do’ anni che s’allena cu lù!…

PALES- ( A Lucrezia) Tu c'hai na cotta stracotta pe’ lù!

LUCR- Degià me sto a spappa’!

PALES- E che io e… Cume te chiamane?

FILIPP- Filippa!

PALES- E nun me guarda’ ntej occhi che me sentu strabaltà gnicco’! Dicevo...E che io e Filippa famo da ruffiani…Defatti Filippa m’ha dato  st’anello, che io c'ho da da' al padrò mia a nome tua!

PERIP- Cusa je stai a ripete’ che lu sanne a memoria?!

PALES- Lu cunuscete al paccò?…L’ete mai visto nte la faccia?

LUCRE- Chi nun lu cunosce? E’ ntipattigo cume la canfura!

PALES- Allora pure lù ve cunosce!

FILIPP- None! No’ cunoscemo a tutti, ma nisciù cunosce a no’, perché scappamo sempre cu la faccia nascosta dal velo!

PALES- Ete capito? Nisciù sa chi sete e quello ch’ete fatto, cuscì quanno Periple s’è stuffato, vo’ pudete rcumencia’ n’antra storiella!

LUCRE- Capisciò, nun te sta a preoccupa’ de quello che famo o che duemi fa'!

FILIPP- Piuttostu dacce el suldato paccò, che ce giugamo cume el gatto sal sorcio!

PALES- Calme, calme, senza curre! (a Periple) Falle bucca’ che io vago incontro a Pirgo!

PERIP- Su, donne, ndamo!…(si avviano)

PALES- (a Periple) Rcordate che quanno rivamo devi manda’ fora a Filippa…(a Filippa) E tu devi fa fenta che sai venuta fora de nascosto de lù!

FILIPP- So già quellu che c'ho da fa’!…Piuttosto, nun perde l’anello!

PALES- Ecchilo! Je lu vago a da’ subito!…Curro!…A dopo!…(via)

PERIP- Ndamo drento!

LUCRE- Se preoccupa tanto de no’, ma la donna del Paccò la parte sua la sa fare?

PERIP- (sospinge parlando Lucrezia, che entra e così pure lui a fine battuta) E’ scaltra quantu a vo’! E’ cumpagna a vo?!

FILIPP- Emo capito: vende la stessa stoffa! (entrando)

S T A C C O   M U S I C A L E

              Scena4^ - Pirgo – Palestrio

PIRGO- (seguito da Pales) Appena fago un passo: c’è ‘na donna che me ferma! Roba da nun crede! Nun ne posso più!

PALES- Ce credo, ce credo!…Ma te stacevo a dì…

PIRGO- Ce n’era una propiu rabbita, nun me vuleva lassa’ nda’, tanto che m’ha preso pe’ la manica e cu le ma’ onte de sogna me l’ha macchiata! (mostra) Arda?

PALES-Gnéee!…La rlavamo sa n po’ de cenigia e acqua de fiume: va via subito!…Te stacevo a dì…

PIRGO- Dalla disperazziò nun vedevo l'ora de riva' a casa!…Miga ce so’ polsuto nda’ dal Re Seleuco!…I mercenari ce l’ho mannati cu’ Artrò!…Ma perché mamma m’ha fattu cuscì bello?

PALES- E dijelo a babeto, che forse lu' lu sa!

PIRGO- A babbo? Séh!…Va n po’ a sape’ chi è babbo!…E miga lu so chi è mi padre! Mamma nun me l’ha volsuto mai dì!

PALES- Nun te l’avrà mai ditto perché j Dei nun vulevane! Segondo me tu sai fijo de Apollo o addirittura de Giove!

PIRGO- Ha da esse’ cume dighi tu.

PALES- Te vuria parla’… posso?

PIRGO- Te scolto. Parla, ma nun me da cattive nutizie che nun le digerisciu!

PALES- (guardando in giro con fare circospetto)…Nun c’è nisciù che ce pole vede e sentì!…Tòh! Pijate st’anello!

PIRGO- (prendendolo) Un anello?…Cume mai?

PALES- Un pegno d’amore.

PIRGO- Chi te l’ha dato?

PALES- Na bardascia che è più bella dell’anello.

PIRGO- La cunoscio?

PALES- No, perché nun l’hai mai vista, ma lia a te scì! E’ smattita de te.

PIRGO- (con aria scocciata) N’antra?…Meno male che so’ più forte de n toro!

PALES- Me l’ha fatto ave’ tramite la serva sua.

PIRGO- E’ schiava o libera?

PALES- E’ libera! J ho ditto, però, de nun mettecce la bocca, perché tu eri già impegnato; che degià ce n’hai tante de 'cuntenta’!

PIRGO- E’ da spusa?

PALES- None!

PIRGO- E’ maritata o veduva?

PALES- Maritata e veduva.

PIRGO- Cume fa a esse’ tutt’e do’ le cose?

PALES- E’ maritata, ma se pole cunsidera’ veduva, perché ha spusato n vecchio…(con espressione sognante) Lia è cuscì giovane… bella…bona!

PIRGO- Bona?

PALES- C'ha certi lineamenti…cuscì fini…deligati…(mimica)

PIRGO- (inghiotte, già la vede) Dighi davé?

PALES- E’ l’unica donna che pole sta vicino alla bellezza tua, perché è bella cume a te! Saristi na coppia perfetta!…

PIRGO- Ma chi è?…Ndo’ sta?…Chi è el marito?

PALES- Sta qui…(indica) E’ la moje del vicinato nostro!…Cul vecchio de Periple!

PIRGO- Perché, Periple è spusato?

PALES- Eh! Manco io ce lu sapevo! Cul malfidatu nun la fa scappà mai de casa!  E’ cuscì gelosu che lia nun riesce più a suppurtarlo! L’unica libertà che j è rmasa è quella de fasse na passeggiata sul terrazzo…E’ dal finestrò che t’ha visto e s’è namurata follemente, al punto che te supplica de rapirla e purtarla luntano da lù!

PIRGO- (pavoneggiandosi) De sciguru m’avrà visto de profilo e c’è rmasa!…Puretta! Beh! Visto che lia me vole per forza: vole dì che farò sto sacrificio.

PALES- Cume vuria esse’ al posto tua!

PIRGO- Per Ercole!

PALES- Che c'è?

PIRGO- (quasi con stizza) Nun se pole!

PALES- (preoccupato) Perché?

PIRGO- Me lu sai dì cume fago cu Filocoma?

PALES- Chissà che me pareva!…Je dighi de nda’ ndo’ je pare!…E po’, questo enne el mumento giusto!

PIRGO- Cume saria?

PALES- Saria che su madre e su surella gemella, perché se nun lu sai, c'ha na surella gemella. So’ rivate ieri da Atene e la stanne a cerca’…L’ho nteso cu le recchie mie, mentre te venivo incontro.

PIRGO- Allora nun c’è mejo d’adé pe’ mannalla fora de casa!

PALES- Scoltame: voj fa' na bella cosa?

PIRGO- Sentimo!

PALES- A te te piaceria che  Filocoma ndacesse via senza fa’ tante storie, è vé?

PIRGO- Me piaceria scì!…Cuscì saristimi tutti cuntenti!

PALES- Se casandumai, lia, quanno saprà che nun la voj più tra i pja, se vole purtà tutti i regali che j hai fatto: vestiti… ori…anelli… brillanti…, lassa che se li pporti via!…Nun la cuntrasta’… Che se li purtasse!

PIRGO- Me sta be’!…Oh,oh…nun vuria però, che dopo che ho mannato via a quessa, cul’altra nun mantiene quello che ha ditto?!

PALES- Per Diana, cume sai sofisticu! Cusa vai a pensa’?…Quella te adora più dej occhi sua!…Che a pensacce be’, per me quella nun è na donna!

PIRGO- Nun è na donna? (allusivo con mimica) Nun è che è!… Nun me lu dì, sennò metto subito mano alla spada!…Tu lu sai quanti ceppi de ‘recchie ho tajato!

PALES- Ma cusa hai capito? Vulevo dì che nun è na donna, perché me sa che è una Dea: Venere! Scì! Ha da esse’ Venere, perché j rassumeja tanto!

PIRGO- Pure Venere s’è namurata de me!…(alzando gli occhi al cielo) Oh ma’, perché m’hai fattu cuscì bello?

PALES- (come se sentisse dei rumori) Sssss!…Sta zitto!…Me pare che scappa fora qualcuno…(indicando dalla parte di Periple) Nascondete dietro al pozzo, che sta a scappà fora la coda!

PIRGO- Cusa c'ha, la coda? E cus’è na bestia?

PALES- Ma che bestia? La coda saria la schiava…Quella che m’ha dato l’anello!

PIRGO- (che l’ha notata senza farsi vedere) Ma lu sai che la coda è proprio bona?…

PIRGO- Arridaje cu sta coda?… Visto che parlamo de bestie: quessa n cunfrontu a la padrona è na bertuccia…na giuvetta…Nun c’enne paragoni!…E adè sta zitto, cuscì magari sentimo se dice qualcò de nialtri!…Sta giò!

               Scena 5^ - Detti più Filippa -.

FILIPP- (ch’è entrata a “…n confrontu a la padrona…” ) Famo fenta de nun avelli visti! (forte) Ecco! Me tocca sta de fora pe’ sape’ quanno rncasa l’innamurato de la padrona mia! Ma ce stago volentieri però…almeno riescio a vedello a cul simpaticone…A quello che ncanta el core de tutte le donne de Efeso!

PIRGO- Oh, l’hai ntesa? Pure lia è namurata de me. Lu sai che me piace? E’ bona davè!

PALES- Ncò nun hai visto la padrona!…E po’ a quessa la devi lassa’ sta…è l’innamurata mia!…Se tu te sposi a Lucrezia, io me sposo a quessa!

PIRGO- Vaje a parla’…Vaje a parla’!

PIRGO- E va be’!…Tu, p’adé nun te fa vede!…

FILIPP- Oh Giunone, fa riva’ la persona che ‘spetto!

PIRGO- Giunone te l’ha cuncesso, perché la persona che spetti nun è tanto luntana!

FILIPP- (fa finta di accorgersi solo adesso della presenza di Palè) Chi ha parlato?

PALES- El cumpagno tua!…El cunfidente dei pensieri tua!

FILIPP- Oh, ma allora…el segreto mia nun è più un segreto?!

PALES- Me sa che è e nun è!

FILIPP- Aaahhh!!!…Ma tu sai quellu dell’anello!?...(si interessa d’altro e da le spalle ai due)

PALES- Scine! So io. Cus’è degià nun me ricunosci più?

PIRGO- (chiama sottovoce) Palè!…Oh, Palè, viè qua!…

PALES- (gli si è avvicinato) Perché me chiami?

PIRGO- M’hai lassato dapermè!…Ardo! Degià pijo fogo!…Me se so’ scallate pure le recchie!…Bisogna che me slongo! Sal fisico che me rtrovu nun ce posso sta nte sta posizziò!

PALES- E datte na calmata…E cus’è?…Me staceva a dì che cula puretta de la padrona sua se sta a disperà pe’ te e piagne in continuazziò perché j manchi! Defatti ha mannato fora a lia: pe’ sape’ quanno rivavi a casa, e pudette, almeno, vede!

PIRGO- Dije de vicinasse!

PALES- Fatte vede disenteressato…annoiato…nervoso pe’ sta situazziò….Anzi, pijatala cu me ‘che t’ho meso n piazza nte 'ssu modo.

PIRGO- Va be’, fago cume dighi!

PALES- (forte) Allora l’ho da chiamà a sta donna che cerca de te?

PIRGO-  (Alzandosi e facendo qualche passo avanti) Che s’avvicinasse pure se le bisogna qualcosa!

PALES- Hai nteso donna? Se t’occorre qualcò 'vicinate!

FILIPP- (muove dei passi verso Pirgo) Salve bello!

PIRGO- M’ha chiamato pe’ nome: bello! Cosa desideri? Che gli Dei possano esaudire qualsiasi tuo desiderio.

FILIPP- Che possa passare tutta la vita con te!

PIRGO- Mi pare che chiedi troppo, oh donna!

FILIPP- Miga parlo pe’ me, ma pe’ la padrona mia, che se slanguisce d’amore per te!

PIRGO- So’ tante ad avecce sto desiderio e miga le posso cuntenta’ tutte!

FILIPP- Ce credo e c'hai pure raggiò a fa’ el prezioso…Te lu poj permette’ perché sai troppo bello e troppo famoso pe’ le imprese che hai fatto! Tu sei un Semidio!

PALES- E c'hai ‘cchiappato! (tra sé) Ardatelo sa cuj occhi de trijia de scoju!

PIRGO- (cammina aggiustandosi e pavoneggiandosi ridicolmente)

PALES- Oh?…Questa viene da parte de quella donna che t’ho parlato pogu fa! Dije qualcò.

PIRGO- Quala donna?…Miga me le posso ‘rcurdà tutte!

FILIPP- Quella che se spoja le ma’ pe’ te!…Quella che t’ha dato l’anello che  c'hai al deto!…Io l’ho dato a lù e lù l’ha dato a te.

PIRGO- (guardando l'anello) Beh? Cu’ vole?

FILIPP- Parlatte e strignette forte forte tra le braccia sua! Se questu nun pudrà esse: se mazza! Te prego, Achille, scoltame…salva la padrò mia… Dà prova de la bontà tua, oh concquistatore di città e di cuori!

PIRGO- Io me la duvria pijà sa te!…Quante volte t’ho ditto de nun prumette i miei servigi a la gente?

PALES- Hai nteso, donna? Te l’evo ditto e te lu rdigo: a quessu j piacene i quadrì e senza questi…(mimica) nun fa gnente!…

FILIPP-  Pole dumanna’ qualsiasi somma e la padrò mia je la darà.

PALES- (si avvicina a Pirgo e dopo aver parlato sottovoce) Ce vole un talento in Filippi d’oro. Pe’ meno nun fa gnente!

FILIPP- Co’? Un talento?…Ma è troppo pogo!

PIRGO- So’ già ricco abbastanza! Nun so’ avido de quadrì! C'ho cento e passa giare pine de Filippi d’oro.

PALES- Ennò! Ce n’ha de tesori! L’argento ce l’ha a muntagne…

FILIPP- La padrona c'ha do’ sacchi pini de brillanti!

PIRGO- Da le botti de la cantina mia: nun cola vì, ma oro!

FILIPP- (a Pales) Stamo a fa' a chi le spara più grosse?

PALES- Lu vedi cume ce casca, ah?

FILIPP- C'ho da rturnà da la padrona, che risposta je dago?

PALES- Na risposta je la devi da’: o scì, o no!

FILIPP- Che male t’ha fatto cula puretta che la fai suffrì cuscì tantu?

PIRGO- E va bene! Dije de venì qua che fago tutto quello che vole lia e senza quadrì!

FILIPP- Cume so’ cuntenta!

PIRGO- Nun te credessi!…Je sto a fa’ un favore grossu n bel po’!

FILIPP- Je lu farò presente!

PALES- Se fusse stata n’antra: i favori sua je li avria fatti paga’ a peso d’oro!

FILIPP- Te ringrazio a nome de la padrona, o splendore de Efeso!…

PALES-  Ma lu sai che da le donne che so’ state cu lù nascene tutti eroi e che hanne vita lunga? Campane fino a ottocentu anni e passa!

FILIPP- Ma cu’ dighi? Nun ce posso crede’.

PIRGO- Guarda che s’è sbajato: campane sino a millanni…N seculo dietru l’altro senza che se ne corgene!

PALES- Guarda che nun me so’ sbajato. Me so' volsuto tiene basso pe’ paura che quessa nun ce credesse!

FILIPP- Ennà!…E quantu camperà lù se i fiji sua campane cuscì tanto?

PIRGO- Se lu voj propiu sape’: io so’ nato el giorno dopo ch’è nato Giove!

PALES- Se scappava fora n giornu prima, ce staceva lù al posto de Giove!

FILIPP- Che putenza!…Fateme nda’ che culia me spetta!

PALES- Va pure, la risposta ce l’hai già avuta.

FILIPP- Vago e fra pogu la fago venì qua!…Sa' cuntenta che sarà?…Desideri altro?

PIRGO- Scì! De nun esse’ più bellu de cuscì…Me procura tanti fastidi!…

FILIPP- Vago!…(entra con passo veloce)

PIRGO- Palè, cusa me cunsiji de fa' cu Filocoma? A quessa nova nun la posso fa buccà drento casa se c’è lia, te pare?

PALES- Te lu digo n’antra vò?…Je dighi de nda’ cu’ su madre e su surella gemella…e che se pole purtà via tutti i gioielli che j hai regalato!

PIRGO- Sai sciguro che su madre e su surella so’ a Efeso?

PALES- L’ho nteso sa ste recchie…E po’ la surella gemella me pare d’avella vista, chì de oltra!

PIRGO- E dimme: è bona la surella de Filocoma?

PALES- Ah, ma allora nte la testa c'hai n chiodu fisso!…Pensi sempre e solu a quello!…

PIRGO- E la madre…

PALES- No!…Pure la madre, adé?

PIRGO- Vojo sape’ se hai visto pure la madre!?

PALES- El cumandante ha ditto che un’infiammazione aj occhi l’ha fatta rmane su la nave

PIRGO- Palè?…Dijelo tu a Filocoma!…Tu je parli tantu be’!…

PALES- No! Je lu devi dì tu. Dije che te devi spusa’. Che t'hanne obbligato i parenti de la donna…Che se tratta de vita o de morte!

PIRGO- Me cunsiji da dì cuscì?

PALES- E’ l’unica cosa che j poj dì pe’ pude’ ottiene quello che voj!

PIRGO- Va bè, vago a dijelo. Tu ‘spetta qui e se viene fora la moje del vicinato: dije de ‘spetta’ che rivo.

PALES- A questu ce pensu io, tu va a sistema’ cul’altra facenna!

PIRGO- E’ bella che sistemata: se nun se ne va via cu le bone, la mannu via  cu le cattive!

PALES- E nò! Cu le cattive: no! Ve duvete lassa’ d’amore e d’accordo.

PIRGO- Scì, sarà mejo! (esce)

                Scena 6^ .- Palestrio-Filippa-Lucrezia-Pleusicle-

PALES- (si avvicina al portone e chiama) Oh, gente?…Venite fora!…(riguadagna la scena)

LUCRE- (entra seguita da Pleusicle e Filippa) Ecchece!…Siamo a disposizziò tu, architetto!

PALES- Architetto io?…N cunfronto a lia (Filippa) io so’ quellu che careggia i mado’!

PLEUS- Addirittura!?

PALES- C'ha na chiacchera!?…Cume l’ha mbrujatu be’ al paccò!

FILIPP- E quessu è gnente!

LUCRE- Allora el primo pezzo è ndato be’!

PALES- Fila tutto cume l’olio!

PLEUS- Meno male!

PALES- E pare che je lassa purta’ via pure tutti i regali che j ha fatto!

LUCRE- Adé no’ che duemi fa?

PALES- Pijà el suldato con dolcezza, cu’ grazia e faje capì che…

LUCRE- …Io me sto a strugge’ pe’ lù!

PALES- Brava!

LUCRE- E che vojo lassa’ el vecchio pe’ spusamme a lù.

PALES- Esatto!  E siccome sta casa era la tua: al vecchio l’hai già mannato via!

LUCRE- Allora, cume se fussi degià dapermé?

PALES- Scì!…Diji che la bellezza tua è gnente n confrontu a la sua…che ha un bel fisico…lineamenti…profilo…

LUCRE- Lassame fa’. Vedrai el servizio che j fago!…

PALES- (a Pleusicle) Tu nvece, quanno vedi che lu rtorna ‘n casa: te presenti vestito da marinaio…Te l’ha data la roba Periple?

PLEUS- Ecchila!

PALES- Allora vai fora e te gambi e po’ al mumento giusto ritorni chì e chiami a voce alta a Filocoma…Dije che la madre la vole fa rturna’ a Atene e quindi de sbrigasse, perché adé el vento è favorevole. Se vole carica’ tutta la roba nun deve sbriga'! La nave deve salpà, prima che cala el vento!

PLEUS- L’hai pensata propio bella!

PALES- Cul totulo del padrò ve juterà: dirà a Filocoma de nda’ via ché la madre la ‘spetta e a me de jutalla a purta’ i bagagli…e cuscì partu pure io, perché vojo rturna a Atene e fa’ lu schiavo a te e no a lù!

PLEUS- Sappi che appena rivamo a Atene sarai libero e non più schiavo.

PALES- De questo ne parlamo quanno saremo a Atene…qua semo a Efeso e a Efeso c’è el suldato paccò, che pudria venì fora da n mumento all’altro. Quindi: vo’ donne rturnate drento e tu va fora a gambiatte e nun t’alluntana’ tanto, perché bisogna che scolti, cuscì te reguli pe’ bucca!

FILIPP- Lucrezia, me ce fai nda’ a Atene cu lù?

LUCRE- Pe’ adé ndamo drento! (entrano)

PLEUS- Che Giove m’assista!…(esce)

               Scena 7^- Palestrio– Pirgo- Filippa- Lucrezia.-

PALES- Oh, adé che m’ha ditto che sarò libero me sento meno sciguro de fa’ fesso al paccò! Giunone, jutame tu, mettemecce na parola bona cu Giove!

PIRGO- (entra) Bene!…Filocoma nun ha fatto storie!…Emo discusso n pughetto, questu scì, ma cume persone civili.

PALES- Ecco perché sai rmaso drento tuttu stu tempo !

PIRGO- Cercava de famme capì che nun troverò a n’antra che m’adora cume a lia…Per Apollo, se me vuleva bene!…

PALES- Pensa cume te vuleva mbrujà?! Nun è che tu nun trovi a n’antra che t’adora cume a lia, ma è lia che nun truverà a uno che sa amare cume a te!

PIRGO- Hai ditto be’! Ma io me so’ liberato lu stessu. J ho ditto che se purtasse pure tutti i regali!

PALES- Hai fattu be’!

PIRGO- Nun te ncaula’, ma…

PALES- Ma…?

PIRGO- Ma e ho regalato pure a te!

PALES- Cusa dighi, dimmelo pure a me! Nun me lu dì-dimmelo!... Cume fago a vive luntano da te?

PIRGO- P’adé ce ndarai!…Po’, nte n segondo tempo: te riscatterò!

PALES- E none! (piano e lontano da Pirgo) Me sa che la farsa la famo fenì adesso, perché io  ntel segondo tempo nun ce sarò! (finge di piangere)

PIRGO- L’ho dovuta 'cuntentà, sennò senza de te nun partiva!...E nun piagne!

PALES- Piagnu... ma piagnu cuntento! Piagnu: perché te lasso e rido: se penso a cusa passerai vicino alla moje de Periple!

PIRGO- Palè, me sento prude la testa…El sangue m’è rivato a la testa!

PALES- Datte na calmata e nun te fa’ vede cuscì accalurato!…Ecchela che viè fora!…Fa’ l’indifferente…Fa che nun te frega…Girate de de là!…Anzi, nun ce famo vede! (si nascondono di fianco al pozzo: Pirgo va per primo sospinto da Palè)

FILIPP- (entra e vede Palè che va a raggiungere Pirgo) Ecchelo lì! Adè cumencia la farsa!

LUCRE- (forte) Allora Filippa? Te sai ncuntrata cu lù? (piano) Parla forte che devene sentì!

FILIPP- Scì! Ho avuto la fortuna de parla’ cu lù de persona, con tutta calma e a mio piacimento.

LUCRE- Cume avria voluto esse’ al posto tua! Aaaaahhhh!....(lungo sospiro)

PIRGO- Per Polluce, quessa me ama!

LUCRE- Lu sai che pe’ pudeje parla’ bisogna fa dumanda scritta e raccumannasse tramite un messaggero, cume se fa cu i Re?

FILIPP- Davé?…E allora me sa che c'ho avuto un bel…

LUCRE- …Un colpo de fortuna! E’ mejo dì: un colpo de fortuna.

PALES- Hai nteso?…Dimme: cu’ ce fai tu alle donne!?

PIRGO- Gna’ che j lu dighi a mamma, è lia che m’ha fattu cuscì bello!

LUCRE- Filippa, c'ho paura.

FILIPP- Paura de co’?

LUCRE- Da nun esse’ bella abbastanza…Che nun j piacerò.

FILIPP- Ma se stravede pe’ te!…Pensa che a l’altre l’ha scartate tutte, l’ha mannate via!

LUCRE- Ma lù è tantu più bello de me!

FILIPP- Ma je piaci lu stesso, sta tranquilla.

PIRGO- Senti cume se butta giò?

LUCRE- Dopo tuttu quello che j hai ditto de me…chissà cusa s’aspetta e ‘rmane deluso!

FILIPP- Ma tu sai de più de quello che j ho ditto.

LUCRE- Se nun me vole: me metto in ginocchio, a gattu mignò e l’abbraccio alle gambe e lo supplicherò…Se nun ce riescio a cunvencello: me 'mazzo!

PIRGO- Se 'mazza? Palé bisogna impedijelu!…Sarà mejo che me fago vede, ah? Cu dighi?

PALES- E no! Nun devi esse’ tu a inchinatte: lassa che vienga lia! Te devi fa’ desiderà, se nun voj perde’ la fama che c'hai! Te ‘rcordo che ‘nte stu mondo sete do’ quelli più desiderati dalle donne: tu e Dumé de Forafratte!

LUCRE- Filippa, chiamalo che nun ce la fago più…Nun resisto!

FILIPP- Sarà mejo che spettamo che scappa qualchidù!?

LUCRE- Adé vago e j boccu drento casa!

FILIPP- Cume fai che la porta è chiusa?

LUCRE- La butto giò!

FILIPP- Ma te sai smattita?

LUCRE- Scì! Tu nun lu poj capì perché nun sai quantu spasimo!

PALES- E’ proprio cotta de te.

PIRGO- Pure io me sto a spappa!

PALES- Zitto, pe’ carità nun te fa sentì!

FILIPP- Imbé? Dighi che stai a mpazzì pe’ lù e sai rmasa qui mbambulata?…Va a bussa’ a la porta…senza che la butti giò!

LUCRE- (accenna due passi verso la casa di Pirgo, ma si ferma…sente nell’aria e poi) Ma manco ce provo! Tanto n casa nun c’è quello che cerco io!

FILIPP- Cume fai a sapello?

LUCRE- Dal fiuto. Dal profume: sento che è qua! El naso me lu dice.

PALES- Ennà, che naso!

PIRGO- Se tutte l’altre cose ce l’ha cume al naso è la volta bona che ce rmano secco!

LUCRE- L’omo che desidero (fiuta)…ha da esse’ qua de oltra!…Nun è luntano…E’ cuscì! Sentu l’odore.

PALES- Te sai rlavato?…Oh, nun digo che…

PIRGO- Sta tranquillo,che me so’ rlavato!…L’ultimo bagno l’ho fattu dopo gli Idi de Marzo!

PALES- Capirai, adé semo a Lujo!…Pirgo, me sa che quessa vede più cul naso che cu’ j occhi!

FILIPP- (che ha tirato su di naso pure lei) Io nun sentu e nun vedu gné!

LUCRE- Ma cusa voj senti’ tu, che nun lu ami cume lu amo io?

FILIPP- Nun posso amarlo perché nun me lu permettete né tu, né lù!

PALES- Pure quessa s’è ‘nnamurata de te!…Cume pole esse’?

PIRGO- Te lu ripeto: dillo…

PALES- …a mameta! Fammela ncuntra’ a  mameta!

LUCRE- Ecco! Deve esse’ dietro al pozzo!…Va e parlaje n’antra vo’! (mette il velo davanti alla faccia andando verso l’altare e restando di schiena)

PIRGO-Ce pudemo alza’…tanto c'ha visto! (si alzano)

FILIPP- (mostrando falsa meraviglia) Me pudesse venì! Eccheli lì! (ai due) Ve vuria parla’!

PALES- E pure no’!

FILIPP- V’ho purtato la padrona mia!

PIRGO- La vedo! De schina…ma la vedo!

FILIPP- E’ tantu vergognosa!…Sta a trema’ tutta, puretta!

PIRGO- Trema? Te meravija se ‘na donna trema!? Devi vede cume tremane i nemici quanno se trovane davanti a me!… Dimme: cusa voj?

FILIPP- Va da lia!…Vole sta sa te!…Vole passa’ el resto de la vita sua: cu te!

PIRGO- Ce avria de nda’ da lia…Me risulta ch'è spusata e se po’ ce 'chiappa el marito?

FILIPP- Co’? Ma nun ce lu sai che, pe’ amore tua, al marito l’ha mannatu fora de casa?

PIRGO- A scì?…E lù ce ndato? Cume ha fatto?

FILIPP- L’ha polsuto fa’ perché la casa enne la sua…E’ lia che l’ha purtata n dote.

PIRGO- Dighi davé?

FILIPP- Pensi che digo na cosa pe’ n’antra?

PIRGO- Quann’è cuscì, dije d’entra’ che rivo subito!

FILIPP- (si avvicina a Lucrezia e le parla sottovoce accompagnandola fin sulla porta)

LUCRE-(entra)

FILIPP- (ritornando) Nun la fa’ spetta’ tanto, che se sta a consuma’ cume na candela! (entra)

PALES- (va alla comune e guardando…) E quessu che 'riva chi sarà? Pirgo…vie’ qua!

PIRGO- (va e guarda)

PALES- Lu cunosci?…E’ un marinaio?

PIRGO- (che ha guardato) No!... Penso che ha da esse’ el cumandante de la nave!…

PALES- Scì, ha da esse’ propiu lù! Ndamo!…(ritornano in basso a sinistra)

             Scena 8 ^ - Detti - Pleusicle poi  Filocoma.-

PLEUS- (entra e va verso la casa di Periple  e poi verso quella di Pirgo, poi ancora ritorna verso la prima) Va a sape’ se sta qua o là?

PALES-Scusate, cul’omo,…a chi cercate?

PLEUS- A na donna!…Cerco na certa Filocoma…m’hanne ditto che sta nte sta piazzetta…La cunuscete?

PIRGO- La cunuscemo be’!…Cu’ voj da lia?

PLEUS- Me manna la matre, pe’ dije che se vole rturna’ a Atene: c'ha da sbrigasse!…Ce lu sapeva e ce sta a fa’ perde n sacco de tempo!

PIRGO- Ce lu sapeva?... Palestrio?

PALES- Cume ha fatto a saperlo, che da qui nun s’è mossa mai?

PLEUS- J l’ha fattu sape’ tramite n servo de n signore che è venuto a Efeso pe’ affari…Sto servo l’ha ditto a uno dei vostri che l’ha avvertita de quanno saristimi rivati e de la partenza!

PIRGO- Chi ple esse' sto servo infedele?

PALES- Dopo lu scuprimo e j damo quello che se merita, ma adé famo che nun ce  frega!…(a Pleusicle) Filocoma duveva esse’ già qui, pronta a partì?

PLEUS- Eh! E nvece tarda!…A quessa me sa che la matre l’ha parturita in ritardo!…Se sapete ndo’ sta diteje da sbrigasse, se no parto senza de lia!

PIRGO- No,no...che parti? E’ pronta da n bel pezzo! Palè va drento e jutala a purta’ tutto: ori, gioielli, abiti…se nun ce la fate da soli fatte juta’ da qualche servo!

PALES- Vago! (entra)

PIRGO- E’ tutto pronto, sa’?…(notando la toppa all’occhio di Pleusicle) Ma cusa c'hai lì? Cusa t’è successo?

PLEUS- Guarda che io ce l’ho l’occhio.

PIRGO- Ma io digo de cul’altro…Quellu sa…

PLEUS- Ah, questu? (indicando quello tappato) E’ stato nte na battajia navale…Me l’ha cavatu n suldato nemico, che al posto de la ma’ c’eva un uncino.

PIRGO- Che sfortuna!

PLEUS- Sfortuna? Ma cu’ dighi? Anzi, me possu cunsiderà fortunato!…Qualsiasi cosa triste me succede: sparagno…piagno solo sa un occhio!

PIRGO- C'hai raggiò! Guasi-guasi a la prima battajia navale che me capita me fago cava’ n occhio pure io!

PALES- (rientra a ritrososeguito da Filocoma ) Te la voj fenì de piagne’ scì o nò ?

FILOC- Nun ce riesciu, oh!…Te pare na cosa da gnente lassa’ i posti ndo’ hai trascorso i giorni più belli de la vita tua?

PALES- Gnagnarona, là ce cul’omo che t’ho ditto!…Viè da parte de mameta e soreta!

FILOC- Ce lu sapevo che duveva riva’! (saluta)…Bona!

PLEUS- Bona!..Ce avristi da datte’ na mossa a venì via, perché adé el vento è favorevole.

FILOC- Cume mai nun è venuta mamma a prendemme?

PLEUS- Te spetta nte la nave. Nun è polsuta venì perché je so’ scese le cataratte ntej occhi.

FILOC- Vieno via solo pe’ lia!…Na brava fija ha el dovere de scolta’ sempre la matre!

PALES- Brava, che bedisci! Ce lu sapevo ch’eri na fija giudiziosa!

PIRGO- C’è deventata stanno cu me! Prima c’eva el cervello de na gallina!

FILOC- E’ pure pe’ questu che me dispiace nda’ via! Lu so bene che me separo da n omo pino de virtù…che m’ha trasmesso n po’ del cervello sua…Vicino a te me sentivo cuscì disinvolta…(lo guarda e poi scoppia in lacrime)

PIRGO- E nun piagne!

FILOC- Nun ce la fago se te guardo!…

PALES- Pure io me sento male, se penso da nun pudette sta’ vicino, e so’ n omo, figurte lia ch’è na donna!

FILOC- Te prego, Pirgopolinice, prima de partì, fammete mbraccia’ pe’ l’ultima volta!

PIRGO- E sia! Te lu cuncedo.

FILOC- Oh pupilla dej occhi mia!…Anema mia!…(accenna un passo, ma si arresta, mette una mano alla fronte e sviene)

PALES- (a Pleusicle) ‘Chiappala, che casca giò!

PLEUS- (la tiene tra le braccia, non come per sostenerla, ma come se l’abbracciasse)

PIRGO- Imbé?!…

PALES- Puretta sa che te deve lassa’ e s’è svenuta.

PIRGO- Pija n po’ d’acqua dal pozzo!

PALES- Nun serve a gne’! E’ mejo se rmane svenuta!

PIRGO- (si vuole avvicinare)

PALES- Fermo lì, che se sente l’odore tua se rnviene!

PIRGO- Va be’, ma quelli stanne troppo vicini sa le teste…nun me piace! O marinaio, allontana le tue labbra da quelle de la bardascia, sennò te fago passare na brutta clessidra de guai!

PLEUS- ‘Na clessidra?

PALES- Cume dì: na mezzuretta de bastunate.

PLEUS- Ma io stacevo a sentì se respirava ancora!…

PIRGO- Nun lu poj sentì sa l’orecchio nvece de la bocca?

PLEUS- Oh, se preferisci che la lasso…(la lascia)

FILOC- (si lascia a poco a poco cadere,dando tempo a Pleusicle di riprenderla)

PIRGO- (subito) No! Tienila.

PLEUS- (la riprende e si mettono nella stessa posizione precedente) Va bene adé?

PIRGO- Nun me va be’ pe’ gne’!…La stai a strigne più de prima.

PLEUS- Allora la lasso! (c.p.)

PIRGO- No! Tienila.

PLEUS- (c.s.)

PALES- Va a fenì che quessi esagerane e ruvinane gnì co’!…(a Pleusicle) El padrò mia, l’eroe dell’Impero Greco, t’ha ditto de sta’ più staccato da cula donna e devi bedì, sennò me fago presta’ la spada e te tajo le recchie, cume se fa cu i porci!

PIRGO- Grazie, servo mia fedele, che nun me permetti de spurcamme cu sto scorfano de mare. Nun scorderò mai la tua figura: dalla testa ai piedi!

PALES- (a parte) Io nvece te lassaria cume ricordo quattru zampate ntel culo!…(forte) Perché me l’hai ditto?…(falso pianto) Adé me toccherà piagne per tutto el viaggio!

PLEUS-Nsomma ce vulemo sbriga’?

PIRGO- Palè va a prende’ tutto quello che ho regalato a Filocoma e portalo alla nave.

PALES- C'ho mannato i schiavetti…saranne già rivati!

FILOC- (rinvenendo)…E ‘ndo’ stago?…Che m’e successo?…(come se vedesse solo allora a Pirgo)…Oh, luce dej occhi mia…(vedendosi tra le braccia di Pleusicle) Oh?! E tu perché m’embracci?

PLEUS- (lasciandola) Te tenevo, nun te ‘mbracciavo…(agli altri) E’ vé?

PIRGO- Portala via…Nun vojo che me se sviene de novo!

PLEUS- (le cinge le spalle e cerca di accompagnarla verso l’uscita.)

FILOC- (si divincola,va verso Pirgo, ma Pleusicle la prende per una mano e la trascina fuori) No! Nun me fa purta’ via!…Core mia!…Anema mia!…No…no…no…no! (escono)

PIRGO- (a Palè) E tu stai ancora qua?

PALES- Nun vojo nda’ via…Stago tantu bene sa te!…

PIRGO- Ormai sei libero!…Sei de Filocoma.

PALES- Me tuccherà sta’ a casa de na donna… nun ce so’ bituato…

PIRGO- Te ce bituerai. Vai!

PALES- Ogni tanto però rcordate de me.

PIRGO- Me rcorderò.

PALES- Quanno nun ce sarò potrai capì se te so’ stato fedele.

PIRGO- Lu so!

PALES- E che a n antro cume a me nun lu truverai cuscì facilmente.

PIRGO- So’ pure questo e guasi-guasi nun te lasso nda’ più via!

PALES- (preoccupato) E no!…Miga te poj rmagna’ la parola…Tu sai n omo d’onore…Un militare…Che pole pensa’ la gente?

PIRGO- Hai raggiò!…E allora: va via!

PALES- Addio…paccò!

PIRGO- Cume hai ditto?

PALES- Ho ditto: addio e quanno rivo te manno n pacco…pe’ riconoscenza.(via)

PIRGO- (seguendolo fin sull’uscita) Grazie!…Addio!…Adé famme nda’ dall’amore mia che me spetta cu tanta ansia!…(entra chiamando e dicendo) Lucrezia…Lucrezia mia…Ecchime!…(si sente gridare)…Hai!…Ahi!…(rientra in scena inseguito da Periple che ha in mano un bastone) (da dietro al pozzo) Ma Lucrezia nun v’eva mannato via de casa?

PERIP- Scì! A me de casa…e a te de testa!…(lo rincorre col bastone)

   F I N E

Natale, 25-12-1995.                                                              Paolo Torrisi

 

n.b. -Commedia è depositata presso la S.i.a.e. n°96210

       -Paolo Torrisi

        via, Abruzzo,3. 60025-Loreto-   

        torrisipaolo@virgilio.it

        tel. 071/978063;  cell. 349-7824237;

***Per facilitare la lettura del testo, in calce vi è un piccolo glossario.


GLOSSARIO

Accada-'N-: Bisogno- Non c'è bisogno che..

Accenno- Segnale...d'intesa.

Adè- Adesso.

Almanco- Almeno.

Amor del conto- Fare la conta...per vedere a chi tocca...iniziare...

Annaulo- Affitto- (casa annaulo – casa in affitto)

 Anco'- Ancora.

Avriane- Avrebbero.

Babano- Fesso- Sciocco...

Bacata- Malata- Marcia- Guasta.

Badavi- Guardare con attenzione, badare...

Bagnoli- Inutili “impacchi” d'acqua.

Balza- “Carico di briscola” (valore più alto di “Briscola” - Asse-)

Bardascio- Ragazzo. Giovanotto.

Becicche- Mucose negli occhi

'Bedisci- Ubbidisci.

Biastimato- Bestemmiato.

Brignoccula- Protuberanza, causata da colpo, battuta, pugno...

Brusciolo- Foruncolo.-

Bruscolini- Semi di zucca.

Bucattò- Schiaffo.

Buccare- Bocca- Buccato- Entrare- Entra- Entrato...                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

Bucculotto- Maccherone. (tipo di pasta)

Bugiò- Bugiardone...grande bugiardo.-

Burbuja'- Borbottare-

Ca’- Cane… Poro ca’- Povero cane…

Caciara- Confusione- Parlare a voce alta fra tutti.

Cagnara- Litigio- Bisticcio.

Cago'- Tipo che si dà delle arie.

Calchidu'- Qualcheduno.

Calco'- Qualcosa-

Calzo'- Calzoni – Pantaloni.

Cambura- Camera.

Canna-foja- Canna de granturco, mais.

Capezzo- Non capire dove è il “principio” o la “fine” = “niente”.-

Capisciò- Saputone.

Capistorno/i- Capogiro/i.

Careggia'- Portare..da un posto ad un altro... Trasportare...

Cegato- Cieco- (in questo caso “chiudere gli occhi: “segno di gioco)

Cenigia- Cenere-

Ceregio- Ciliegio.

Chiuppa'- Battere- ...Chiuppamo- Battiamo.

Ciaccare- Schiaccare-

Ciaccato- Schiacciato – Acciaccato...

Ciaccio- Balbuziente.

Ciambotto- Stupidotto- Sempliciotto-

Ciancico- Mastico- (ridurre in poltiglia, pezzettini...)

Ciauscolo- Salame...morbido. (tipico delle Marche)

Cianchetta- Sgambetto.

Cioccio- Pietra

Cionche- Offese- Malate- rattrappite...

Ciuffulotto- Schiaffo.

Clacchesso- Clacson... (ti suono il Clacson )

Co’- Cosa.

Coccio- Creta.

Colco- Coricato.

Concule- Cozze- Muscoli. Detto marchigiano: “Arridaje a chi vole le concule!”

Crescia- Pizza di pane (senza pomodoro e formaggio: solo farina)

Creso- Creduto- Credere.

Crocchia- Tupé...Capelli arrotolati su, dietro o lateralmente ala testa.

Cruciera- Crociera di croci- (Non “Crociera - nave”) Cruciera”: gruppo di dodici corone da Rosario, lavorate, assemblate, dalle donne lauretane dette “Coronare”.

Cu'- Con.

Cuj- Quei.

Cule- Quelle.

Culia- Quella.

Culù- Quello.

Curatelle- Viscere- Interiora in genere...

Curdo'- Esclamazione volgare... sta per “Curdone”=Coglione.

Dago- Do... (dare)

Daperlu'- Da solo.

Dapervo'- Da soli. (solo voi)

Dapresso- Da solo.

Dimo- Diciamo.

Do'- Due.

Emo- Abbiamo.

Ennà!- Orca!...Guarda un po'?!...

Essà!- E già!...Certo!...

 Esse'- Essere.

Evo- Avevo... (avere)

Fago- Faccio... (fare)

Fantiole- Tremori di corpo. (tremori dovuti ad Epilessia)

Fiotto- Lamento- Brontolio-

Fracco- un Sacco...di bastonate. Tante...

Frinfinellu-Piccolo segno di “briscola” (gioco di carte)

Fuga- Premura -Fretta. (da “Fuggire: Sono andato via di “fuga” = di “corsa”)

Fugaro'- Falò.

Furestego- Forestiero.

Galastro'- Cappone. Gallinaccio.

Galito- Rauco- Con poca voce-

Giaccene-'N: Ghiacciano...diventare fredde.

'Gnà- Bisogna. 

Gnagnera- Lamento- pianto...

'Gne'- Niente. 

'Gnico'-Ogni cosa. Gricilli- Budella- Intestini.

Gnogna- Stupida.

Grasciari- Sporchi...posti sporchi...posti per porci.

'Guali- Uguali.

Gùatti- Gatti. (riferito al pesce “gatto”) Pronunciare gutturalmente “gù...”

Guzzo- Fine- Appuntito-

'Nguezzu- Pratico. ('ngezzu de sti posti = pratico di questi posti)

Imbescigamo- Vescichiamo- (da Vescica, gonfiore, “bolla sulla pelle con liquido..., provocato da “botte” ricevute)

Imbioccare- Addormentare…

 Incaprinita- Interstardita...come una “capra”.

Jezu- Gesù. (esclamazione)

Lappa- Noiosa, pesante... (cosa o, meglio ancora, persona che non si sopporta: noiosa, pesante...)

Lattarina- Bianchetto (larva di pesce)

Lenza- Furbo. (...che tipo furbo = che “lenza”!)                                                                                                             

Lia- Lei e non  nome di persona: “Lia”.

Limo'- Limone-

Line- Lì.

Lora- Loro..

Lu'- Lui.

Lu- Lo.

Luccare- Lucca'- Gridare.

Luccato- Gridato.

Lupi'- Lupini.

Lupo marano- Licantropo (comportamento da lupo)

Luzeno- Fulmine.

Ma'- Mani.

Madò- Mattone.

Mammana- Ostetrica- Levatrice.-

Mammò- Mammone.

Marifresca- Donna di poco affidamento- Si usa come dispregiativo.

Matine- Mattina- (E 'na matine!: esclamazione)

Matre- Madre.

Matrò- Nervoso.

'Mbilla'- Alzare su la cresta. Non ti muovere tanto.

Melancia'- Melanzana- (ti do un “melancia'”: uno schiaffo che ti faccio diventare la faccia viola come una: “Melanzana”)

Melangula- Cetriolo.

Mijanno- Mille anni...che non ti vedo!

Mogia- Malta...fango...poltiglia...

Mojole- Pinze. (caratteristico attrezzo a forma di “pinze” con punte arrotondate, adatto alla lavorazione del fil di ferro usato dalle “coronare”, per le corone da Rosario.)

Mosca-sciò- Via le mosche:  “Nulla da dire sul mio conto”.

'Mappava le zille- Freddo per tutto il corpo... nfredolito...

'Mpastrucchia'- Pasticciare.

'Mpiccia- Occupata da qualcosa... Confusa sul da fare...

'Mpunta'- Balbettare.

'Mpustate- Piazzate...messe...impostate...

Mucchia- Tanto-

Mugelle- Cefali (pesce)

Munelli- Bambini- Ragazzi.

Musciò- Musone: fiume-

Musciuli'- Moscefrino.

'Nciccia'- Piace... Nun m'enciccia= Non mi piace.

Nndrizza'- Raddrizzare. ('ndrizza' la schina=aggiustare in senso negativo: rompere)

'Ngriccia'- Arricciare.

'Nguezzu- Pratico. ('ngezzu de sti posti = pratico di questi posti)

'Necorto /a/ e...- Accorto.

'Nfrucchia'- Inventare.

'Nfuligina'- Arrabbiare.

Ni' o Ninì- Usato come: Oh, bello, te la vuoi capire?... Oh “Ninì”, chi ti credi di essere?

Nisciù- Nessuno.

No'- Noi.

Noja- Solletico.

None- No.

Noneto- Nonno tuo...tuo nonno.

'Ntasata- Tappata- Ostruita.

'Ntrica'- Intricare- imbrogkiare- rendere difficile-

'Nvuricchiata- Intrecciata....Imbrogliata-

'Nzocca- Stordisce.

O'- Avanti....Oltra-

Oltra- Avanti...oltre. (vieni “oltra” . A volte si trova solo una “O” abbreviata da un apostrofo “ 'O”: vieni o'... )

Onne- Onde.

Onnico'- Ognicosa.

Pa’- Pane

Pescolle- Pozzanghere.

Pia – Piedi.

Pina- Piena.

Pipitula- Foruncolo...che viene sulla lingua...che fa stare “zitti”.

Pista…Ari-pista- Ritornare sull’argomento…Continuare a “pestare”…

Pitale- Orinale- Vaso da notte.-

Pole- Polene- Può- Possono.

Per' 'o- Per “uno”... “Un po' per uno”.

Poro-  Povero.

'Porta- Comporta- 'Portare-Comportare.

Prescia- Premura – Fretta.

Purtinnari- Portorecanatesi.

Pustà- Può essere.

Rabbito- Arrabbiato.

'Raccojemme- Raccogliere /...rmi.

Raganella- Rana- Ranocchia.

Ragano- Rospo-

Rancichita- Rancida.

'Rcapezza- Orizzontarsi su una cosa... Non ritrovarsi... Non capire...

'Rinale- Vaso da notte – Orinale.

'Rmaso- Rimasto (rimanere).

Roito- Urlo-

Rumiga'- Ripensare mugugnando... Borbottare...

Quane- Qui.

Quessu /a – Questo / a.

Sa / Sa me / Sa lù-  Con… Con me… Con lui…

Sai- Sei (dal verbo essere) Es. Sai solo-sei solo… (dipende dal significato che acquista nel contesto della frase)

Salva'- Nascondere- Conservare...non in vista...

Saria...Sariane- Sarebbe..Sarebbero.

Sbarillò- A gambe all'aria- (andare oltre il “Sette e mezzo” del gioco a carte)

Sbocca- del “Musciò) Dove sbocca il fiume Musone.

Sbragiulasse...sbragiulare- Arrostirsi (in questo caso:abbronzarsi) ... Arrostire

Scapecciamme- Spettinarmi.

Scappa'- Uscire di casa... (secondo il senso della frase)

Scarpire, scarpisseli- Strappare...strapparseli (si usa perloppiù per i “capelli”)

Scassa'-  Scassare-Cancellare.

Sciagatta'- /...are- Muoversi inutilmente

Sciapata- Sciapo- Stupidata- Stupido- Sciocco...

Scine- Sì-

Sciuccata- Seccata.

Scuffia- Copricapo di lana...può essere usato per la montagna o a letto nelle nottate fredde.

Scunfinfera- da: convincere... Nun me scunfinfera =Non mi convince

Scunucchiamme- Romper-mi-; Ridur-mi a pezzi.- (come una sedia che si rompe sotto un peso)

Sdingula-dandula- Altalena.

Sdogo- Slogo- slogare.

Sdrimbulo'- Convulsioni (ballo di S.Vito)

Sete- Siete. (secondo la frase.  “Sete” es. “Ho sete”o verbo essere: sete bugiardi...)

Sfragno- Spremo- Spremere...

Sgaggiare- Sgaggia'- Gridare.

Sgardaffo'- Uomo brutto, malvestito, malsano...(dispregiativo)

Sgarfagnini- Ladri-

Sgnagnerà- sgnagnerare- Poco piacevole... non gli interessa tanto...di poco gradimento

Sgraffigna-Gratta.

Sj- Sei. (sj stato tu...)

Smateria'- Parlare male...volgare...da matto... (Fuoruscita dal cervello di materiale non consono...)

Sogna-  Grasso animale... (Sogna rancichita = Grasso rancichido)

Spegne- Spegne da: Spegnere.

Spegnemme- Spinger-mi – da:  Spingere  e non “Spegnere”.

Spenta- Spinta- da: Spingere e non Spenta da: Spegnere.

Spi’- Spine. Me tieni su i “spi?”- Mi tieni sulle spine.

Spinarelli- Bollicine che vengono sulla pelle dovute alla “Varicella”.

Squajo- Cioccolata calda.

'Ssa- Questa. (Abbreviazione di: “Quessa” = “Questa” donna)

'Ssu- Questo.

Stago- Sto... (stare)

Storni- Ritorni... Stornare- Ritornare.

Strabaltata- Sottosopra...il cervello- Non capire più niente.

Stracco-Stanco.

Struccava- Spezzava- Struccare può assumere altri significati es. Togliere il trucco.-

Sumenti- Semi (in romano: “Bruscolini”)

Svaga'- Svuotare... .

'Svanza- Avanza...da Avanzare.

Tajuli'- Tagliatellina- (tipo di pasta:Tagliatelle)

Tigna- Testardaggine.

Tizzo'- Tizzone -Pezzo di legno infuocato (da camino...) -

Totulo- Ciò che rimane di un “mais” dopo ch'è stato sgranato.

Trusmarì- Rosmarino.

Vago- Vado... (andare)

Valtri- Voialtri.

Vento- Vinto.

Vo'- Voi.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

Velle- ...in “velle”- Da nessuna parte...In nessun posto...Per niente...

Vuria- Vorrei      

Zanzule- Ciabatte.

Zero garbunella- Zero completo, tagliato... Nulla nel modo più assoluto-

Zompene- Saltano- Zompare- Saltare.

 

         

                 

       

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 0 volte nell' arco di un'anno