El troto Bernardo

Stampa questo copione

El troto Bernardo

El troto Bernardo

cos’è il troto? il marito della trota

ovvero

apó i mür i g’ha le le rice

Commedia brillante in due atti

in dialetto bresciano di

Velise Bonfante

La scena è divisa idealmente in due zone, con due colori di luci si visualizzeranno alternativamente le stanze di due appartamenti adiacenti. Per facilitare la comprensione si possono utilizzare due stili diversi d’arredamento esempio: (casa 1 = Mobiletto antico, abatjour, (casa 2 = lampada alogena, quadro astratto).

Divisi solo da una tramezza, i personaggi sentiranno cosa succede dall’altra parte.

In un appartamento (Casa 1) vi abitano due sorelle zitelle, alquanto anziane, vecchio stile, molto per bene, ma un po’ svitate e alquanto svampite; vivranno quasi in simbiosi, quello che fa una fa l’altra.

Nell’altro appartamento (Casa 2), vi abitano, marito e moglie. Il marito ha chiesto aiuto alla suocera e ad una collega per organizzare la festa di compleanno e fare una bella sorpresa a sua moglie.

Nel secondo atto altri amici e colleghi festeggeranno il compleanno di Linda presentandosi con un regalino. La vicenda del primo atto si svolge di mattino e quella del secondo verso sera.

porta d’entrata

 

Personaggi:        1) Alba              - signorina anziana

2) Néne                         - sorella di Alba

3) Stella             - la nipotina (questa parte può essere recitata da Marina)

4) Marina          - madre di Stella

5) Piero             - marito di Linda

6) Linda            - moglie di Piero

7) Regina          - madre di Linda

8) Nestore         - padre di Linda

9) Lorella          - amica e collega di Linda

ATTO PRIMO

Scena 1 – Stella con le medicine per le due zie (Casa 1)

porta d’entrata

 

(La scena è vuota. Entra Stella con una borsa di plastica piena di medicine. Sia Stella - che sua madre Marina -  non suoneranno mai il campanello d’entrata ma avranno la chiave per entrare.)

Stella) (Chiama) Zie? Zie? So riàda co le medizine.

Nene) (Entra in scena con un vassoietto e un contenitore per uova etichettato, o altri piccoli contenitori.) Ciao Stèla, bràa, sie dré pròpe a spetàt, isé le sisteme sübit. G’het pagàt vergót?

Stella) No zia, i m’ha dàt töt a gratis.

Nene) Oh Beato, che gentili che j-è stacc. Ghet ringrasiàt almen el spiziér? Spèta, spèta che te dó la mancia.

Stella) En vöi mia de mancie zia Néne, la m’ha dit la me mama de mia ciapà la mancia da te.

Nene) Scùltem me, te ciàpela e diga nient e cómpret en bel gelato.

Stella) No, (non accetta) grasie, la vöi mia zia. Adès scape, te salüde.

Nene) Endó ghet de nà isè de frèsa.

Stella) G’ho lesiù de müsica. Ciao zia.

Nene) Ciao Stèla cara e salüdem la tò mama.

Scena 2 – Nene prepara le medicine (Casa 1)

(Stella esce dalla porta d’entrata e Nene apre le scatolette, di medicinali, si siede e prepara, la dose giornaliera di medicine per lei e per la sorella, commentando ad ogni pastiglia.)

Nene)  Giöna per me, e giöna per lé. Chèste j-è per la presiù. Giöna a la matina e giöna a la sera.

- Giöna per me e giöna per la me Alba. Chèste, el dis el dutur, che j-è per la memoria, le par vitamine. Dóca vedón: giöna a la matina, giöna a mesdè e giöna a la sera prim de sena.

- Giöna per me e giöna per la me Alba. Chèste j-è per el mal de spale. (Al pubblico) A me me fa mal la spala destra e a me sorèla ghe fa mal la spala sinistra. Giöna töcc i mes-dé a pansa piena e gh’è de dì che le fa bé apó per j-alter dulurì.

- Chèsta, envece, l’è de tö zo dopo mangià, la te bas el colistirolo.

Oh beato,som deentade de le carète. Gàres mai pensàt de ridüzis isé. J-è i ramilì che se sèca, ma con töte chèste pastiglie i nòs ramilì i rèsta vercc, o quasi.

            - Chèsta, giöna a la setimana per l’osteoporosi.

- E chèste j-è per fa la pipì e per fa desgionfà le caice.

Alba) (Entra silenziosamente con la tazza della colazione e un bicchiere d’acqua. Parla dietro le spalle della sorella.) Te set laada le ma prima de tocà le pastiglie?

Nene) (Non l’ha sentita arrivare e ha un moto di soprassalto.)Oh beato, che spaènt Alba. Quasi quasi me naa el lat ai zenöcc. Te l’ho dit sento olte di mia riàm a le spale en chèl modo lé, e se me naa per aria töte le pastiglie? sarés stat en bèl pastìs. Le se ensomèa töte.

Alba)  Rispóndem Néne, te set laada le ma prima de tocà le pastiglie: sé o no?

Nene) (Offesa) Certo che me le so laade, per chi me ciàpet, per na spurchignuna!

Alba) Se fa talmente a la svelta a ciapà sö vergot. Le precausiù j-è mai asè.

Nene) (Mostrandole le mani) Varda che mà slise che g’ho a forsa de laale.

Alba) E le öngie? fam véder.

Nene) J-è nète. Me laaró le mà sènto olte al dé per la tò mania.

Alba) L’è mia na mania, l’è questiù de pulisìa. Set a sègn co ste pastiglie che le bèe zo e dopo finise el me cafèlat, isè me resta la boca buna.

Nene) Le pastiglie, töte le pastiglie se g’ha de biile co l’acqua e mia col cafelàt.

Alba) (Facendo vedere il bicchiere) Enfati, me le bee co l’acqua e dopo bee el cafelàt. (Guarda l’orologio da polso e indica la tramezza.) Ela gnamó nada via?  Cielo!la riarà en ritardo.

Nene) Come al solìt.

(Dall’altra parte si sente un Ciao e sbattere la porta, è Linda che esce di casa)

Alba) Sta mia faga pèrder temp che se de no la pèrt el pulmino

Scena 3 – Linda con la tartarughina (Casa 1)

(Nene e Alba si avvicinano alla porta d’ingresso. Linda o suona il campanello o bussa alla porta. Alba apre, entra Linda con 2 foglie di insalata e una scatola che contiene una tartaruga.)

Linda) Buongiorno signorine.

Alba e Nene) Buongiorno cara Linda.

Linda) (Consegnando il tutto) Adès la dormi, chèsto l’è ‘l sò disnà, l’acqua l’è fresca e la me Carlotta l’è a post.

Nene) Da ché, da ché a me.

Alba) Dàmela a me. Te, te se dré a sistema le pastiglie, se te spurchèt le mà dopo te mètet zó en mulì che finìs pö per laàle.

Nene) Perchè te, te le spurchet mia le mà?

Alba) Mé so mia dré a sistemà le pastiglie e fo mia töte le storie che te fe te, per en gos de acqua.

Linda) Se gh’è dei problemi lase la me tartarughina de là.

Alba e Nene) Beato cielo, ghe n’è mia de problemi cara Linda. (Guardano nella scatola)

Nene) Che bèl stranfugnì che l’è.

Alba e Nene) (Alla scatola) Ciao Carlotta.

Nene) “Fratelli minori” el dizia San Francesco. Bizògn vuliga bé a töte le bèstie, le g’ha mia l’anima ma j-è sèmper creature del Signur. Bisògna rispetài.

Alba e Nene) A noàtre dò, le bèstie le gne piàs fis.

Alba) Pecàt che en chèsto condominio se pòde mia tignile.

Nene) El só che a tègner i ca i baia e i distürba, ma sarés bèl viga almen en gat.

Alba e Nene) Che fastide dal en gat?

Nene) Pensa a che bèla compagnia che el gne farés.

Alba) Menomal che i te làsa tègner la tartarüga.

Nene) Come mai te gh’è ciamat la tartarüga Carlotta?

Linda) Perchè de picinina, d’istàt nae en vacanza dai me noni che i staa en campagna. Lur i m’hia regalàt en puzì. Pensae che el puzì de grand el sarés dientàes en gal, e l’ìe ciamàt Carlo perchè a chèl tèmp la me nona la dizia sèmper: “Al tèmp de Carlo Codega...”

Alba e Nene) Beato cielo, el dizóm sèmper apó noaltre “Al tèmp de Carlo Codega”...

Linda) Sul che envece de en gal, quan l’è crisìt l’è deentàt na galina. E alura envece de Carlo la ciamae Carlotta.

Alba e Nene) Ah, Carlotta!

Alba) Che bèl nòm.

Nene)E che fi gala fat la tò Carlotta?

Linda) I g’ha tiràt el còl come a töte le galine. Finìt le vacanze me so turnada a casa e l’an dopo che so nada dai me nóni l’ho pö catada.

Alba e Nene) Che crudeli, tiraga el còl a na galina che se ciamaa Carlotta.

Linda) I g’ha fat la festa o Nadal o a Pasqua. Pensà che me ghe sie afezionada.

Alba e Nene) I pütì i se afeziuna ai animai.

Linda) Adès me contente de na tartarüghina. El me Piero el la sa gna che l’ho ciamada Carlotta.

Alba e Nene) E dìghel nò?!

Linda) A lü la ghe enteresa mia. (Quasi parlando fra sé) A lü ghe enteresa mia le me ròbe. (Guardando nella scatola) Ciao Carlotta, fa la braa.

Alba e Nene) Sta tranquila, de sicür la sarà buna e braa.

Linda) A lé ghe piàs fis sta en compagnia de la zènt.

Alba e Nene) A töcc ghe pias sta en compagnia.

Nene)A nusü ghe piàs sta de sui.

Linda) A olte s’è sui apó en mes a la zent.

Alba) Sö sta mia dì isé, te se zuina, e po’ te ghe el tò Piero che el te völ bé.

Linda) El me völ tant de chèl bè che el s’è gna ricordat che encó compèse j-àgn.

Alba e Nene) Te compéset j-agn!(Canticchiando) Tanti auguri! Tanti auguri a te - tanti auguri a te (Si fermano perchè vedono che Linda sta quasi piangendo)

Linda) So mia el perchè, ma lü en chèsti óltem tèmp l’è cambiàt. L’è mia pö chèl de na olta. A olte g’ho pora finamai che el gabe n’altra.

Alba e Nene) (Scandalizzate) N’altra!

Linda) N’altra. Sta matina el m’ha gna fat j-auguri.

Alba e Nene) El garà en qual problema söl laurà.

Linda) Apó me g’ho dei problemi söl laurà ma ghe i fo mia pezà sö de lü.

Alba e Nene) Beato cielo,sö, dai, sta mia fa isé.

Nene) Pènsega mia.

Alba) Sö, fagn en bel soriso.

Linda) (Tentando un timido sorriso) Adès vó. Sperom de mia rià en ritardo come al sòlit.

Alba e Nene) Va va cara.

Alba) E sta mia preocupat per la tò tartarüga.

Nene) Ghe pensòm noaltre a tigniga compagnia.

Linda) Grasie, e grasie de la vòsa amicisia (esce da dove è venuta).

Scena 4 –  Marina porta la trota alle zie (Casa 1)

Alba) Poarina, e sé che ‘l sò Piero el par mia giü che cor dré a le altre sotane.

Nene) Ghe vöt mai, j-òm j-è òm. E j-òm j-è facc col stamp. Töcc precis. Töcc brai ma töcc i g’ha el cül en de le braghe.

(Dall’altra parte si sente un tonfo, è Piero che si prepara ad uscire)

(Le signorine ascoltano attentamente ogni rumore, annuendo col capo.)

Alba) Le saate! Adès el se mèt le scarpe.                                (anta della scarpiera che si chiude)

Nene) Adès el töl sö la bursa                                                   (sportello che si chiude).

Alba) El se mèt l’orolòi, el controla el fasöl, le ciaf, j-ociai    (cassetto che si chiude)

Nene) (Controllando l’orologio da polso) En perfèt orare.

Alba) El profesùr el va a fa scöla.

(Dall’altra parte si sente sbattere la porta d’entrata, Piero esce)

(Alba prende la scatoletta con la tartaruga, le foglie d’insalata e le porta in un’altra stanza. Nene prosegue con le sue pastiglie. Controlla i contenitori.)

Nene) Ghe manca apena la büstina del cör per me. E ‘l fèr per la me Alba. Faral bé a chi sto fer? (Legge il foglietto con le indicazioni) El fa bé a tante ròbe ma g’ho pora che el ghe faghe vègner la flatulensa cronica. L’Alba la sèghita a lamentàs. La sa mia che a pó la flatulensa l’è na malatia.

(Dall’ingresso entra Marina con una trota viva in un secchio.)

Nene) Ciao Marina

Alba) (Entrando) Ciao Marina

Marina) Ciao Zie, (dopo entrata appoggia il secchio per terra e le chiavi sul tavolo) v’ho portat na bèla trota. El me Leo l’è nat a pescà, el n’ha ciapàt quàter. Giöna l’óm tignida noalter, giöna ghe l’ho dada a la me mama, giöna a me suocera e l’altra l’è per le me zie.

Alba e Nene) Grasie, grasie, che penser gentile Marina.

Marina) Mangià el pès el ve fa bé zie, el g’ha dènter el fosforo per la memoria

Alba e Nene) Beato cielo, poarina, l’è amó viva!

Marina) Certo che l’è amó viva. Ve l’ho portada aposta viva, ise podarì mangiala bèla fresca quan che narì òja.

Nene) Saresèl mia stat mèi se te gne regalàet en bel pesulì ros al pòst de na trota?

Marina) I pesulì rós j-è mia bu de mangià.

Nene) Però el gnarés fat compagnia.

(Dall’altra parte si sente ancora una volta sbattere la porta d’entrata, a quanto pare Piero è ritornato)

Nene) Beato, come mai el Piero l’è za turnàt a casa?

Alba) Cielo, el garà desmentegàt vergot.

Nene) Ghe sarà vignìt el mal de pansa.

Alba) Me par de viga sintìt la us de na fómna? O me sbaglie?

Nene) Me g’ho sintìt gnènt.

Marina) Gna mé. Come fet a èser sicüra che gh’è nat dènter el Piero o mia so moér, o mia el làder?

Alba) Perchè apena lü el sèra la porta en chel sistema lé, con de na pesàda.

Nene) La Linda la la compagna e la ghe dà en culpitì lezér. E se fós stat en làder el gares mia fat töt chèl cazì lé. L’è per chèl che la dis che l’è ‘l Piero.

Marina) A sta ché se sènti töt chèl che capita de la banda de là.

Nene) Se i àlsa en pó la us per försa se sènt, a dividèr i du apartamèncc gh’è apena na tramèza strasa. E ‘l Piero...

Alba) Làsa perder el Piero, pensóm a la trota che l’è mei.

Nene) Oh beato, varda poarina come che l’è spaentada.

Marina) Fin a dumà pudì làsala en chèsto sedèl. Per encö el me ócor mia.

Alba e Nene) Chèsto sedèl l’è trop picinì per na trota isé granda.

Alba) L’è mei mitila en de la vasca de bàgn.

Nene) Poarina, isé la starà en pö pö larga.

Marina) Ciapì na vaschèta, chèla che duprì per laà, l’è asé che la staghe viva fin a che no la cupìv.

Alba e Nene) (Scandalizzate) Cupìv! beato cielo, copala! Góm de copala?!

Marina) E certo, volarì mia mangiala viva.

Alba e Nene) Beato cielo! Marina, che dìzet!? Viva!

Alba) Me ve i sgrizoi sul a pensaga (guardando nel secchio)

Nene) Paorina, la me fa de pecà. Te fala mia de pecà a te Marina?

Marina) Gna en pó. Stasera la mia la fó al fùren co le patate.

Nene) Che crudele! Al fùren!

Alba) (Sempre guardando nel secchio) L’è na trota bèla gròsa

Marina) La sarà söl chilo e mès, quasi dù.

Alba) Dal tant che l’è grosa, la fa fadiga enfin a giràs dènter sto sedèl.

Nene) Nom a mitila pö comoda, nóm a empinìser la vasca de bagn.

Marina) Zie, ciapì en cadì, vardì che na vaschèta, l’è asé. Se ghe metì dènter la trota en de la vasca, pudì pö fa el bàgn dopo.

Alba) El bagn l’óm za fat sabót.

Nene) Per el momènt la vasca la gne ócor mia.

Marina) Va bé, fi chèl che nì òja che scampì sènt agn de pö. Ve salüde che vo a fa dele spese. Dopo ve porte el pa e i giornai. Ciao Zie. (Esce dalla porta d’ingresso dimenticando le chiavi.)

Alba e Nene) (Accompagnandola per chiudere la porta) Ciao Marina, ciao e salüdègn la tò mama.

Scena 5 – Lorella chiede dove abita Piero

(La porta d’ingresso resta aperta e fuori dalla porta Marina incontra Lorella che è venuta per aiutare Piero a festeggiare il compleanno della moglie.)

Lorella) La me scüze siòra, abitèl che el siòr Piero?

Marina) (Andandosene) Ché ghe sta le me zie, la sune el campanèl lé en banda o la ciòche a l’ös.

Lorella) Grazie, buongiorno.

(Si vedrà sull’uscio una Lorella elegante e sofisticata che aspetta che Piero le apra. Alba e Nene mentre vanno a chiudere la porta d’entrata cercano di attaccare bottone.)

Alba e Nene) Buongiorno signorina.

Lorella) Buongiorno (Le signorine le sentono dire mentre entra nell’altro appartamento.) Ciao Piero, me só mia fada vèder, g’ho spetàt che la nàes via prima de vègner sö de le scale.

Piero) Te ghe fat bé. Dènter Lorella cara...

Lorella) G’hie en baticör, ghie na póra che la me vidìes. Só mia üza a fa le ròbe de scundù...

 (Piero e Lorella chiudono la porta e non si sente più nulla.)

Alba e Nene) (Guardandosi perplesse) Oh beato cielo, che vulìela dì?

Alba) Chi sarala chèla fómna lé?

Nene) E come mai la g’ha spetàt che nàes via la Linda per vègner dal Piero?

Alba) E come mai el Piero l’è mia nat a laurà?

Scena 6 – sarà una trota o un troto?

Alba) (Vede le chiavi sul tavolo.) E come mai la nòsa Marina la g’ha desmentegàt ché le ciaf?

Nene) Quan che la ria la sunarà (o la ciocarà a l’ös) (Nel parlare si saranno avvicinate al secchio, vi guardano dentro.) Saral en tròto o na trota?

Alba) Che te emporta se l’è en tròto o na trota?

Nene) Me piazarès sail, de no fa la fì del puzì de la Linda, che envece de en gal l’era na galina.

Alba) E alura?

Nene) E alura la Linda la g’ha duzìt cambiaga nòm. Varda come che l’è spaentàt, poarì.

Alba) Spaentàda: l’è na trota.

Nene) Spaentàt: el me par un òm...

Alba) Chi el che te par un òm?

Nene) La trota, cioè, el troto.

Alba) (Non capisce) El te par un òm ? A me el me par en pès.

Nene) Certo che l’è en pès, vulie dì che el me par en màs.cc e mia na femina.

Alba e Nene) (Guardano nel secchio.) Beato cielo, come se fa a capì se l’è mas.cc o femina?

Nene) El so mia. Però, el me par en mas.cc. Prima de töt l’è gròs.

Alba) Gh’è apò le fèmine gròse.

Nene) Certo, ma vàrdega j-öcc, che öcc de pès endormènt che el g’ha. J-öcc de le femine j-è pö vispi, pö desgnalàcc, te dìze che per mé l’è n’òm.

Alba) G’ho idea che te gàbet rezù. L’è pròpe ‘n òm.

Nene) El set che fóm? el ciamaróm (pensa un attimo) Bernardo. El troto Bernardo, el mia en bèl nòm per en troto?

Alba) Per finìser en padèla töcc i nòm i va bè.

Nene) Te volaré mia copàl!

Alba) Vöt mitìl en padèla viv?

Nene) El troto Bernardo el va mia a finisèr en padela, poarì, adès el vöde en de la vasca de bàgn.

Alba) E se me ocór la vasca de fa ‘l bàgn?

Nene) Beato, te dòpret el sedèl, te te làet a tòch. Prima i pè, po el cül, pó el stòmech, pó la facia.

Alba) Se mai, prim la facia, po el stòmech, e dopo töt el rèst, se va isè en zó, mia en sö.

Nene) Giusto Alba. Nóm a empienì la vasca de bagn. (Escono lasciando il secchio.)

Scena 7  - preparativi per il compleanno (Casa 2)

porta d’entrata

 

(Lorella, Regina e poi Piero entrano in scena dalle stanze. Piero, aiutato da loro, prepara la sorpresa per il compleanno della moglie. Entrano con delle borse e le aprono. Piero si rivolgerà con il LEI alla suocera invece Regina utilizzerà il TU per rivolgersi al genero. La festa si svolgerà sul balcone, però addobbano anche la saletta con la porta d’entrata.)

Lorella) La staghe mia a preocupàs. Sensa sta lé a spènder, ghe l’ho me en casa, la porte me.

Regina) De sicür la Linda la ghe l’arà de na qualche banda. La sarà en qualche casèt.

Lorella) Fa nient, dopróm la mia, l’è na bèla toajèta alegra giösta giösta per el taulì del balcù.

Regina) Èco cosa me só desmentegada, i piàcc de plastica.

Lorella) Fó en salto mé a töi, quanti en compre?

Regina) En pó, só mia. Chèl che te ne òja, quanti saróm stasera Piero?

Piero) (Entrando dall’appartamento) De precis só mia, g’ho envidat en möcc de zènt. L’è en « Happy hours » chèi che va de moda adès. La zènt la va e la vé come che la ghe n’ha òja.

Lorella) Sarà mèi tön en pér de confesiù.

Regina) Va bé, e tö apó dei bìcer de plastica.

Piero) I bicér i gh’è.

Regina) J-ho vis-cc ma i me par póch. L’è sèmper mèi che ghe ‘n sape de scorta.

Lorella) Giösta. Ve i pòrte sübit o stasera?

Piero) Vè adiritüra stasera co la ròba, gh’è za me suocera che me aida a finìser.

Lorella) Va bé, a stasera alura, vègne en pó prima e porte toàja, piacc e bicér de plastica. Ciao Piero, buongiorno siura Regina (esce di casa).

Regina) Ciao, ciao Lorella. Che carina che l’è chèla tuza lé.

Piero) Prope carina e gentile, la g’ha domandàt apó en per de ure de permès per aidagn a preparà la festa a la Linda. Lure j-è amiche.

Regina) Chi cata ‘n amico cata en tesoro. Sö stom mia pèrder tèmp, nóm avanti

Piero) Che bèla sorpresa per la me Linda stasera. Stamatina g’hó fat parì de gnènt, chisà come la ghe sarà restada mal. So mia se me spieghe, g’ho gna fat j-auguri.

Regina) Isé stasera la sorpresa la sarà amó pö bèla. Te vedaré che bèla apó chesta stansa con töcc i balunsì tacàcc via.

Piero) Me sö desmentegàt en machina la pompèta per s-gionfài. La me scüze, fo en salto a töla.

Regina) Va tranquìl, entànt me sisteme en bris en giro.

Piero) Me despiàs per el dizùrden.

Regina)  Sta mia preocupàt per i mestér, me fiöla la fa za a tròp

Piero) La me Linda, a ‘ndà a laurà, la fa fadiga a staga drè a töt.

Regina) Enmagine, sö sta mia pensà al disurden, va a tö sta pompèta per sgionfà i balunsì.

Piero) So contènt che la me dàghes na mà a organizaga na bèla festa

Regina) Se trata del compleanno de me fiöla. Sö perdóm mia tèmp Piero, va a tö sta pompeta per sgionfà i balunsi.

Scena 8 – Regina da  (casa 2) sente le signorine che vogliono ammazzare la trota.

(Piero esce senza chiudere la porta e Regina rimasta sola si aggira per la stanza, spolverando accanto alla tramezza immaginaria sentirà dall’altra parte parlare le signorine che studiano come ammazzare la trota. Regina penserà che vogliano uccidere una persona.)

Alba) So preocupada, podaróm mia lasà Bernardo sèmper en de la vasca de bàgn.

Nene) Cielo, me, el coragio de copàl ghe l’ho mia.

Alba) E negal?

Nene) Beato, come fet a negal? l’è za sot’acqua. Se pöl mia negàl.

Alba) Sarés de dàga na paca söl có. Poer Bernardo

Nene) Sta mia ciamal per nòm. Varda adès con che öcc el me varda. El g’ha capìt che sóm dré a parlà de lü.

Alba) L’è viv, per forsa el te varda.

Nene) Varda che öcc dervèrcc!

Alba) Sta mia vardàl en dei öcc, se tel vàrdet en dei öcc se ria mia a copàl. El set che fòm? Ghe dóm na bèla paca söl có e “ pace amen”.

Nene) Poarèt, che bröta fi.

Alba) E doprà na padela?

Nene) Set sicüra de centràl al prim colpo? Che no el patise.

(Piero rientra con la pompetta per gonfiare i palloncini.)

Regina) (Gli corre incontro agitata) Piero, Piero góm de fa vergót. J-è dré a progetà ‘n omicidio.

Piero) Chi gh’è dré a progetà ‘n omicidio?

Regina) Le dò signorine de là (ndicando la parete) chèle che sta en de l’apartamènt de là.

Piero) Chèle dò signorine isé a modo? Chèle dò sorele sèmper isé gentili?

Regina) Te dize che chèle dò sorele a modo e sèmper isé gentili j-è dré a progetà ‘n omicidio. Le völ copà vergü

Piero) L’è emposìbil, le sares bune de copà gna na mosca.

Regina) Na mosca no, ma en òm sé.

Piero) N’òm?

Regina) Te, Piero, te la ricordet chèla comedia “Arsenico e vecchi merletti” de Agatha Christie? Endó dò signorine le ghia copàt...

Piero) Certo che me la ricorde, ma la g’ha nient a che sparter co le dò signorine che sta de la banda de là.

Regina) Apó chèle de la comedia j-era gentili. Ensoma, Piero, l’ho sintìt mé co le me rice. Le völ copà vergü.

Piero) Copà vergü? Le dò signorine?

Regina) Se, prima le vulia negàl, pó le g’ha cambit idea e le vulia daga na paca söl có.

Piero) Negàl? Na paca söl có?

Regina) Co’ la padèla. Le vulia daga na bèla padelada söl có.

Piero) Na padelada? E a chi?

Regina) So mia riada a capil, lü, chèl che lure le völ copà, el parlaa za pö. El ghia pö fià de parlà. Chisà de quan temp che l’è sòta le so sgrinfie. En narà pasàt de töcc i culur.

Piero) L’è ‘mposibil. (Capisce tutto) Ecò, la sarà stada la televiziù, lure le g’ha sèmper la televiziù a töt völóm la matina.

Regina) La televiziù? (È ancora dubbiosa) La me paria mia la televiziu... Certo che a sta  ché se sènti töt.

Piero) Per forsa, a dividìgn gh’è apena na strasa de tramèsa. A noalter le gne dà mia fastide, de sòlit stóm de là (Indica la porta per il resto dell’appartamento).

Regina) Na telenovela? Forse l’era de bu la televiziù.

Piero) Certo, nóm de là a tö en per de scagne de mèter en chèsta stansa.  (Vanno nelle stanze.)

Scena 9 – Le signorine con i sacchi (Casa 1)

(Le due signorine entrano con due sacchi neri. Stanno recuperando della lana, scarti di fabbrica, trasformandola in gomitoli per poi fare una bella coperta da donare alla caritas o alle missioni.)

Alba) Chesti j-è j-ültim sach, dopo la lana de scorta l’è finida e garóm de nà a fàsen dà de l’altra.

(dall’altra parte si sente gridare Regina mentre per sbaglio batte contro uno spigolo: ahhh)

Alba e Nene) (Guardandosi) Beato cielo, l’era la us de na fómna.

Alba) Che ghe fala amó en casa del Piero chèla signorina?

Nene) Co la Linda föra de casa!

Alba) E ‘l Piero l’è en casa de sul.

Alba e Nene) (Guardandosi) El sét che me bala n’öcc. (Si avvicinano alla parete, ascoltano curiose, non sentono più nulla.)

Nene) (Apre la porta d’ingresso e ascolta ancora) Magari i g’ha uzàt ne l’apartamènt de frónt.

Alba) Cielo, magari l’è stada na qualch televiziù.

Nene) A la televiziù no i fa alter che uzà, cosa crèdei? che la zènt la sape surda?

(dall’altra parte si sente Regina chiedere: E la müsica?)

Alba e Nene) (Guardandosi) En de l’apartamènt de Piero gh’è amó chèla fómna!

(dall’altra parte si sente ancora Regina chiedere: la bira èla en frigo?)

Alba e Nene) (Guardandosi) Beato cielo, chèsta la trinca amó a matina bunura!

(dall’altra parte si sente Regina chiedere: El vì? nò, dò bòse j-è mia asé.)

Alba e Nene) (Guardandosi) La mèsia la bira col vì!

 (dall’altra parte si sente ancora Regina chiedere: E i liquori? Endó tègnet i liquori?)

Alba) Chisà a rià a sera en che cundisiù che la sarà. (Ascolta alla parete ma non si sente più nulla.)

Nene) Le fómne che bev le me fa d’un schifo che guai. Se sènt pö niènt. (Cambiano discorso) A che punto set co la tò quertina?

Alba) L’è quasi finida.

Nene) Envece la me l’è finida del töt. Varda che bèla che l’è vignida föra.

Alba) Apó la mia la ve bèla.

Nene) A olte me domande cosa i se ne farà de le nòse querte.

Alba) Cielo, che vöt che i na faghe, i la dopra de quarciàs.

Nene) En de le “missioni” col cald che fa i g’ha mia tant de quaciàs

Alba) I la doprarà quan farà fred.

Nene) Beato, en Africa fa mai frèd.

Alba) L’è mia dit che la naghe en Africa. Le suore de la Caritas le g’ha dit che le va a le misiù. E le misiù le gh’è en töt el mond.

Nene) Menomal, ghie pora de viga lauràt per nient.

Alba) Quante ghe n’è de za fade de là?

Nene) 24 me par. J-ho mèse en dei sach gros, ghèi endó prima gh’era dènt la lana.

Alba) Te ghe fat bé, speróm che i vègne a la svelta a töle che se ‘n liberom.

(Una delle signorine sarà per caso vicina alla tramezza, nel sentire le voci chiamerà la sorella.)

(dall’altra parte si sentirà)

Regina) Piero èi bèi se o nò i me balunsì?

Piero) E varda el mé come che l’è lónch. Te piàzel?

Regina) Empresionante!

Piero) Dai, nom de là en camera de lèt…(le parole sfumeranno) a tö…

(Alba e Nene prima ascoltano scandalizzate poi commentano.)

Alba e Nene) (Guardandosi) Beato cielo, Piero el g’ha l’amante

Nene) Pensà che encó compìs j-agn so fómna. Bel regal che ‘l ghe fa.

Alba) E sé che el me paria ‘n òm a post. Góm de dighel a la Linda.

Nene) Schèrset, se pöl mia dìghel a la Linda pròpe encö.

Alba) Te volaré mia ‘l Piero el la pase lisia.

(dall’altra parte si sentirà)

Regina) Piero ve a sègn prim de sera.

Piero) Va mai bè fa le ròbe en frèsa.

Nene) Che scàndol! Beato, me g’ho el coragio de diga nient.

Alba) Som costrète a dìghel, la moèr l’è sèmper l’ültima a saìl

Nene) E come fet a dìghel, quan ghe ‘l dìzet?

Alba) Stasera quan che la vé a tös la sò tartarüga. A propòsit, ghet dat de mangià a la Carlotta?

Nene) Beato, me so pròpe desmentegada de la Carlotta.

Alba) Magari la dormi amó.

Nene) Bèla figüra ghe fóm co la Linda a lasaga mörer de fam la tartarüga.

Alba) E daga de mangià le fòje de la “carulina”?

Nene) Quale carulina, chèla söl balcù?

Alba) No, chèla el vas sö la finestra del bàgn, l’è mèza endada. La se riprendi pö. L’è de sbàter via.

Alba e Nene) (Mostrando e guardandosi i pollici) Noaltre góm mia el pollice verde.

Nene) L’è per chèl che la “carulina” la mör.

Alba) Mors tua – vita mea. Mörer per mörer, ghe daróm le fòje de mangià a la tartarüga Carlotta.

Nene) E se le fòie de la carulina j-è velenuse e ghe envelenóm la tartarüga a la Linda?

Alba) Le tartarüghe j-è üze a mangià de töt en de la foresta. J-è mia cristià le tartarüghe

Nene) A propòsit de cristià, ghet töt zó le tò pastiglie?

Alba) E te, te set laàda le ma prima de dàme le me pastiglie?

Nene) (Mostra le mani) Beato, g’ho le ma che j-è slise a fördsa de laale...

(Vanno a prendere la tartaruga.)

Scena 10 – Anche Piero ha dei dubbi (Casa 2)

(Piero e Regina entrano con una scaletta e appendono un paio di festoni colorati vicino alla tramezza incriminata. Regina si massaggia una gamba.)

Regina) G’ho ciapàt na paca contra chèl spigol prima! La me fa amó mal.

Piero) Völela mitìga sö la bursa del giàs? o en po’ de pomata?

Regina) No, grasie, l’è apena na bota. Dentaró töta negra ma pasiensa.

Piero) Vöi sö me a tacà le strìsie e völela na sö lé?

Regina) L’è mèi che te nàghet tè che te se pö zùen. Va sö che me te tègne la scala.

(Dall’altra parte si sentono le signorine.)

Nene) Beato, come la me rincrès la Carulina.

Alba) Apó amè la me rincrès, ma se l’è destinàda a mörer se pöl faga niènt. La g’ha de mörer!

Nene) Apó se la garà de mörer, làsem daga en gós de acqua. Domega de béer..

Alba) Sta mia daga de béer, cönta nient

Alba e Nene) Oh beato cielo, ormai l’è morta.

Regina) Erela la televiziu?

Piero) No, chèsta l’era prope la us de le dò signorine...

Regina) Me crèdet adès Piero? sé o no?

Piero) (Perplesso) Chisà cosa le se entindia de dì?

Regina) Le se entindià de dì che le völ fa mörer la “Carulina”

Piero) Quale “Carulina”? me par che so niuda la se ciame mia Carulina, me par che la se ciame... fam pensà... Marina. Èco come la se ciama: Marina e la fiöla de la Marina la se ciama Stella.

Regina) Alura j-è mia lure. Chèsta la se ciama Carulina! L’è zabela mèza morta e, poarina, le völ gna daga en gos de acqua. Ma el sèt come che l’è bröt mörer de sét! Góm de fa vergòt.

(Dall’altra parte si sentono le signorine.)

Alba) Cielo, varda che ròba. La me fa finamai empresiù. Come se fa a scampà sensa òss?

Nene) Poera Carlotta, ghet fam? Oh beato, no chèsto t’el do mia.

Alba) Carlotta, g’het mia pora de mörer envelenada?

Regina) (Scandalizzata) Envelenada! Ghèt sintìt.

Piero) G’ho sintìt.

Regina) Quanta zènt gh’è en che l’apartamènt lé? oltre a le do sorèle asasine!

Piero) Che völarésela dì?

Regina) Prima, (elenca sulle dita) e l’ho sintìt mè con de le me rìce, le vulia copà un òm. Le la ciamàt Bernardo. E dopo gh’è la Carulina... vöi mia pensà en che cundiziù che l’è. Pö morta che viva (rabbrividendo) Gna enmaginàl. E adès gh’è chèsta Carlotta za sensa òss. E che fam chèsta Carlotta, pör de mangià la g’ha gna pöra de mörer envelenada.

Piero) Noalter se sóm mai encurzìcc de gnènt.

Regina) Töcc du sif föra töt el dé a laurà. Te a scöla e la Linda en uficio. Lure le sa mia che encö te set a casa. Le sa mia che te set ché a scultale. Le pensa che te te sàpet a laurà e de viga campo libero.

Piero) Ma de sera, de fèsta, góm mai sintìt nüsü a lamentàs o a uzà. Góm mai vist gna nà e vègner nüsü. So mia se me spieghe, che sape me, che va denter e föra de l’apartamènt gh’è apena le sò  niude e ogne tant le suore de la Caritas. G’ho mai vist nüsü alter.

Regina) A fa chèl che le fa le se farà mia vèder, le farà töt de scundù.

Piero) L’è vera a chèl, j-è mia ròbe de na a sbandierà en piasa.

Regina) G’hai na cantina chèsti apartamèncc?

Piero) L’è en cantinì. En banda ai garage góm en tòcc per ü de cantinì.

Regina) Fós en té nàres a vèder, nàres a mitiga el nas.

Piero) Prima vó de là de le signorine (si avvia).

Regina) (Trattenendolo) Sta mia nà che l’è periculùs. E se le te cópa apò a te?

Piero) Che vöt che le cópe, j-è gna bune de sta en pé. Che pora völela che le me faghe.

Regina) E se le g’ha la pistola?

Piero)  J-è töte dò tremolanti, apó se le ciapa la mira, le mira mia giöst.So mia se me spieghe, ghe dó en pign söl có e le sbase de mès centimetro: le resta lé paralizade.

Regina) Piero, me ciamarès la pulisia.

Piero) Fóm sèmper a ura a ciamà la pulizia prim vöi nà a vèder.

Regina) Vègne a me. J-è robe talmente spanetuse che magari la tò porola la basta mia e te ocór en testimone.

Piero) No, vo de sul. Se sa mia cosa pöde troà de là, che no le se ensospetìse. E sura töt che le, siura Regina, no la se empresiùne. La staghe ché, che vó me.

(Sentono suonare in lontananza il campanello d’entrata delle signorine (o bussare alla loro porta.)

Piero) I g’ha sunàt de là, da le signorine.

Regina) N’altra vittima

Piero) Gh’è mia tèmp de pèrder. Naró de là co la scüza de envidale per stasera.

Regina) Piero sta mia nà a mà nüde.

Piero) (Si guarda attorno cercando un’arma) Gh’è gna en bastù, ócorarès vergót de pesante

Regina) Pesante? Tö sö el fer de stirà.

Piero) Giusto (esce un attimo e rientra) Endó saràl el fèr de stirà?

Regina) Te aide a sercal. (Regina e Piero escono a cercare il ferro da stiro.)

Scena 11 - Marina coi giornali (Casa 1)

(Nella stanza ci saranno ancora i sacchi ben gonfi e il malconcio vaso di fiori delle “caroline” quasi secco. Suona il campanello d’entrata o bussano alla porta. Le due signorine vanno ad aprire. Nene avrà in mano il vassoietto delle medicine. Entra Marina con il pane e i giornali.)

Marina) Ciao zie, scüzim se g’ho sunàt ma prima g’ho desmentegàt ché le me ciàf.

Alba e Nene) (Le raccattano sul tavolo e glie le porgono.) Ecole ché.

Marina) E èco ché el pa frèsch e i giornai.

Alba e Nene) Grasie per el pà frèsch.

Marina) De niènt zie.

Alba e Nene) Ma volóm mia che te gne cómpret i giornai, gh’è so apena töte bröte ròbe.

Alba) Töte bröte ròbe e semper le stèse ròbe.

Nene) J-è agn che i scriv sèmper chèl, sèmper le stèse ròbe.

Alba e Nene) (Guardandosi) De politica.

Alba) (A Marina o al pubblico) Che a noaltre la gne enterèsa mia.

Alba e Nene) (Guardandosi) De scandali.

Alba) Töcc i dé ghe vergü che frega miliardi.

Alba e Nene) (Guardandosi) De guere.

Alba) Le gh’è sèmper stade e sèmper le ghe sarà.

Alba e Nene) (Guardandosi) E de mórcc

Alba) Gh’è sèmper vergü che cópa vergü alter.

Nene) E dopo de nòt ne ve j-incubi.

Alba e Nene) Beato cielo! Perciò: góm decidìt de vardà pö la televiziù.

Alba) E de lèzer pö i giornai.

Alba e Nene)  J-ültim agn che scampóm volóm scampà tranquile. Serene.

Alba) E voló dórmer de nòt.

Marina) G’ho capìt, ma a lèzer tignì la memoria dessedada. Ghi de lèzer, so mia, fa le parole crociate, se no vulì che el sèrvel el ve nàghe en patùna ghi de dopràl.

Nene) Beato! Con töte le pastiglie che beóm zò, en gne va mia en patuna.

(Mentre le due signorine parlano, Marina darà una scopata o una spolverata alla stanza.)

Nene) A proposìt, ghet töt zó la tò pastiglia Alba?

Alba) E te te sèt laàda le mà prim de damela?

Nene) Certo che me le so laàde, g’ho le mà slise e consömade a forsa de làale.

Alba) Cielo! Só stöfa de tö zó pastiglie, le fa bè de na banda e le fa mal de l’altra.

Nene) Chèsta te pòdet biila. (Legge il foglietto.) I più comune effetti collaterali sono: sonnolenza e/o astenia, che sono di norma transitori, aumento di peso e/o aumento dell’appetito.

Alba) L’è per chèl che so engrasada.

Nene) Te se engrasada perchè te manget de po del chel che te gareset. (Legge) Depressione per la quale risultano maggiormente a rischio le donne in menopausa

Alba) Visto, visto che le fa mal.

Nene) (Legge) Sintomi extra piramidali, quali bradicinesia...

Alba) Che völ dì bradicesia?

Nene) El so mia, ghe domandaróm al dutur...

Alba) ... isè el gne dis che góm de töle zó sensa discuter

Nene) Làsem nà avanti a lèzer (legge) rigidità ossea, acatisia...

Alba) Cielo, cosa èla chi l’aticasia?

Nene) (Seccata) Che te emporta de cosa che l’è. Làsem na aanti a lèzer...

Alba) Te set laàda le mà prim de toca le pastiglie?

Nene) Tóche mia le bastiglie, só dré a lèzer, se te me làset lèzer... discinesie orofacciali, tremori, per i quali risultano particolarmente a rischio i soggetti anziani.

Alba) Set sicüra? Come fale a fa bé se le fa vègner töte chèle ròbe lé?

Nene) Le j-a fa mia vègner, gh’è scrit che ghe apena el ris-cio che le vègne.

Alba) Le fa bé de na banda e le fa mal de l’altra.

Marina) (Mettendosi in mezzo) Me fi girà el có, zie. Firmìv en momènt che ve salüde. Vègnaró prim de sera a véder come la và.

Alba e Nene) Sé cara, ciao cara e salüdem la tò mama.

(Marina prende le chiavi ed  esce senza chiudere la porta a chiave.)

Scena 12 – ancora medicine (Casa 1)

Alba e Nene) (Guardandosi) Come che l’è stada gentile a preocupàs per el nòs servèl.

Nene) Beato, certo che la se preocupa, la gne völ bé e la g’ha pora che gne naghe el servèl en patuna.

Alba) Ghet spiegàt bè al dutur come che sta le ròbe?

Nene) Sé, el m’ha dit che te ghe de béer zó le pastiglie che el gna urdinàt.

Alba) Cielo, töte chèle pastiglie lé, farale mal?

Nene) El g’ha dit el dutur che l’ünica ròba che te pöl süceder, ma l’è mia dit che la sücede, l’è che te pòdet empienìt de mace.

Alba) Isé sighetaró a gratàm come se gh’és la rògna. Le bée mia zó chèle pastiglie lé. Gna parlàn.

Nene) El g’ha dit che oltre a le mace pöl vègner en bris de sbaligurdù. Pöl das, ma l’è mia dit.

Alba) T’ho dit che la töe pö zó chèla pastiglia lé.

Nene) Làsem nà avanti a lèzer el fojet che gh’è en de la scatola.

Alba) Ghet mia lizìt asè? A chesto punto l’è mèi mörer che seghità a tö zó chele porcherie lé.

Scena 13 – Piero va dalle signorine

(Piero suona il campanello d’entrata alla porta della casa delle 2 signorine.)

Alba e Nene) Beato cielo, chi saral?

Alba) Fin che no nóm a dèrver pódom mia sail.

Nene) Sta atenta, i gna racomandàt de mia derver a nüsü per via de le truffe ai anziani.

Alba) (Alla sorella) Prima de dèrver domandóm chi che l’è.

Alba e Nene) (Alla porta) Chi è?

Piero) (Fuori dall’uscio) Só Piero, signorine, dervim.

Alba e Nene) Qual Piero?

Piero) Chèl che ve sta en banda.

Alba e Nene) E come mai te se mia nàt a laurà Piero?

Piero) Dervìm che ve spieghe

Alba e Nene) (Alla porta) Noaltre dervóm a nüsü. Gna a te.

Alba) Ma varda en pó lüche che pretese.

Piero) So de brae, dervìm (apre piano piano la porta e spia all’interno) g’ho de domandav na ròba.

Alba e Nene) Beato cielo! La Marina la s’è desmentegada de serà a ciav.

(Entrambe chiudono la porta e mentre parlano vi si appoggiano contro per tenerla ben chiusa.)

Alba) Poarina, speróm che ghe naghe mia el servèl en patuna apó a la Marina sedenò stóm frèsche.

Nene) Beato, speróm de nò, che faróm mai dopo noaltre dò sensa la Marina?

Piero) Alura, vulì dervìm sé o no?

Alba e Nene) Giü che se comporta mal el met mia pè en de la nòsa casa

Nene) De sicür el völ vègner a dign de dì gnènt a la Linda per el fato che l’è mia nàt a fa scöla.

Alba)... e per chèla de prima töta tirada a malta fina.

Piero) Signorine, dervìm per piacere, g’ho de domandav se stasera...

Alba e Nene) Gna parlàn.

Alba) (Alla sorella) Visto, visto che el g’ha la cosiensa spurca.

Nene) Beato, na cosciensa nègra come en capèl.

Alba) Che vergogna, fa sèrte ròbe...

Nene) ... e per de pó en casa sò!

Alba) En del so lèt! Oh cielo, l’è grosa fis.

Nene) El pensarà mia de fala franca.

Alba) Stasera spetóm la Linda sö le scale...

Nene) ... la fó gna na dènter en casa so

Alba) ...e ghe parlóm sübit.

Nene) Dìghel co le parole giöste però, che no la ghe nabe al mal.

Alba) E certo, te volaré mia che la faghe piànzer, poarina.

Nene) Sta matina, chel malmadür el g’ha gna fat j-auguri che la cumpia j-agn.

Piero) (Suonando per l’ultima volta il campanello d’entrata) Dervìm signorine.

Alba e Nene) (Guardandosi) L’è dür de comprendonio!

Alba) (Alla porta) Te dérvom mia Piero, sóm encasade con de te.

Piero( Dall’esterno) Perchè, che vói fat?

Alba e Nene) (Con gravità) Sculta la tò cosciensa.

Nene) Prima el roèrsa el lat e dopo el pians.

Alba) La taca mia con nótre.

Nen) Te dervóm mia Piero. Vöt capila sé o no.

Piero) Va bé, fi sènsa dervìm, scultìm però...

Alba e Nene) Sóm töte rice...

Piero) Stasera sti mia senà, vignì ché de la Linda che ghe fóm na bèla festa (se ne va).

Alba e Nene) (Guardandosi) El se sènt pròpe en culpa.

Alba) El völ riparà con na festa.

Nene) E se ghésem de faghela notre dò na bèla festa a la Linda?

Alba) La sarés mia na catìa pensàda.

Nene) El set che fóm? ghe preparóm na bèla festa.

Alba e Nene) (Guardandosi) El set che fóm? Ghe prepararóm na bèla turta. (Escono.)

Fine primo atto

ATTO SECONDO

Scena 1 –  la torta per Linda (Casa 1)

Nene) (Entra con la torta, la depone) Èco fato el bèco a l’oca, la turta per la nòsa Linda l’è pronta.

Alba) (Entra) Te set laada le ma prima de empastàla?

Nene) Certo, a parte el fato che la turta l’è stada en del fùren e ‘l calùr el brüza töcc i microbi.

Alba) Fam vèder chèle ma lé.

Nene) Beato, sèmper sospetusa (facendole vedere le mani) varda, g’ho le mà slise a forsa de laale. (Indica la torta) Per te èla cota?

Alba) Per saì se l’è còta se g’ha de enfilsaga dènter na ügia de fa i calzècc. Se la ve fö bèla lisia l’è còta. Se envece ghe resta tacàt vergót l’è amó crüda e se g’ha de fala cözer amò. Nóm a tö la ücia e pröóm.

Nene) Chi t’ha dit che se g’ha de fa isé?

Alba) (Nell’uscire) G’ho idea che sape stat la Marina.

Nene) (La segue.) Cridie che t’el sìet enventat te.

(Escono.)

Scena 2 –  Lorella (Casa 2).

(Lorella suona il campanello d’entrata o bussa, Piero va ad aprire)

Piero) Ciao Lorella

Lorella) T’ho portat la ròba Piero, g’ho portàt apó la toaja per el taól del balcù.

Piero) Nóm söl balcù, gh’è la siura Regina che l’è dré a mèter le lantirnine.

Lorella) Chisà che bèle che le sarà stasera töte empìse.

Piero) E dopo a fil de la ringhiera la g’ha mès tante candele. Te ghe vit n’idea stupenda.

Lorella) Oltre che a sta bé, vegnarà mia le zanzare.

Regina) (Entra) Le candele j-è sistemade.

Lorella) Vo a véder come che l’è vignìt el balcù. E dopo sisteme la toaja.

Regina) En momènt e vègne a mé

(Lorella esce.)

Scena 3 - Piero e Regina non sanno che fare (Casa 2)

Regina) El set che te dìze Piero? che se le ghès vit gnènt de scónder, le t’ares dervìt.

Piero) Envece le m’ha mia lasàt nà dènter, le m’ha seràt la porta en facia.

Regina) Mé so sèmper de l’idea de ciamà la pulizia.

Piero) Prim me piazarés viga le pröe. Magari gh’è na spiegasiù al perchè le se comporta isé.

Regina) Che spiegasiù vöt che ghe sape. Con töt chèl che se sènt a la televiziù ghe mia de fàsen meraèa. Töcc che se copa, che se spara, violensa sura violensa, se ‘n sènt de töcc i culùr.

Piero) Sé, ma mia de le nòse bande.

Regina) Aga de le le nòse bande j-è mia pö rose e fiori come na olta.

Piero) Me par enfinamai emposibil, dò signorine isé a modo. G’ho de pensàga sura, so mia che fa.

Regina) Gh’è póch de fa Piero. Se te vöt scultà el me consiglio, ciamóm la Lorella, molóm töt e nòm via de chèsta casa. Sübit e a la svelta.

Piero) L’è pö facil a dil che a fal. De ché e ‘n pó riarà en möcc de zènt, se i vè e i gne cata mia l’è na figüra strasa.

Regina) E se quan che i ve i gne cata mórcc? l’è pès amó. Apena turna me fiöla vó via con de lé. Dopo chèl che g’ho sintìt g’ho finamai pora a nà föra de l’ös. Potòst, set nàt a véder en del cantinì?

Piero) Sé, gh’è töt a post. L’è seràt a ciav, ma se ghe vèt dènter perchè gh’è la ramada töt entùren. Le g’ha denter dò biciclete strase e töcc piciòcc.

Regina) Ghet vardat el paimènt? Che no le gabe fat na büsa? magari le g’ha fat na büza e po ensima le g’ha mes le piciotade e le biciclete per sconder vià töt.

Piero) El paimènt l’è de cement, se pöl mia faga dei büs.

Regina) Pecàt, se nò te garéset vit le pröe. Chisa quanti che le n’ha copàt.

Piero) L’è na ròba che sta gna en ciél e gna en tera. So mia se me spieghe, le me paria mia dò asasine, le me paria dò persune normali.

Regina) J-asasini j-è töcc normali. T’el se mia che j-è asasini fin che no i copa vergü.

(Dall’altra parte si sentiranno le signorine.)

Alba) Sbüza, sbüza bé.

Nene) La ücia la g’ha la ponta spuntada.

Alba) Làsem fa a me.

Regina) Set pròpe mia riat a vèder gnènt en de la sò casa?

Piero) Só riàt apena a mèter dènter el có e de strano g’ho vist en per de sach e basta.

Regina) Chisà cosa ghe sarà stat dènter en chèi sach?

Piero) Sgionf j-èra sgionf.

Regina) Só sèmper pö preocupada.

Piero) El fato l’è che se le va mia föra de casa e se pöl mia nà dènter a spià.

(Dall’altra parte si sentiranno le signorine.)

Alba) Varda cosa gh’è restàt tacat a la ücia.

Nene) G’ho capit, dènter amó en del fùren.

Regina) Pódom mia sta ché isè sensa fa nient, e magari de là j-è dre a tortüra vergü.

Piero) Però se sènti mia a ùza..

Regina) Le l’arà tramortìt. Fa vergót Piero

Piero) Che pòde fa?

Regina) Ciama la pulizia, i ghe pensarà lur.

Scena 4 –  piano UNO e piano DUE (Casa 2)

Piero) No, la sculte el me piano: quan che ria la Linda la mandöm a ‘nvidàle per la festa.

Regina) No, la Linda de là la ghe va mia. La mande mia a parlà con dò asasine.

Piero) Gala za fat el procès?

Regina) No, ma el tò piano el parti col pè sbagliàt. Envidale! Figüras! Me vöi mia catàm en de la stesa stanza con dò asasine.

Piero) Envece el me piano el va benone. Quan che le signorine le sarà en mès a la zent, lé siura Regina la j-a te d’öcc e me vó a vèder de là cosa che le nascond. So mia se me spieghe, catóm de le pröe e dopo, có le pröe en mà, ciamòm la pulizia. Chesto l’è ‘l piano DUE.

Regina) Prima del piano DUE gh’è el piano UNO.

Piero) El piano UNO l’è pö semplice, tentaróm de faga saltà el fòs. Come dì, de fale, dize mia confesà, ma se le ghés de tradis en del parlà, so mia se me spieghe con töcc i testimoni che ghe sarà, le encastróm. E dopo ciamóm la pulizia.

Regina) L’idea l’è buna ma gh’è de sta en grand atenti.  Piero, ma te rèndet cönt?! E se le gne envelena el béer?

Piero) El sarà mestér sò tindiga siura Regina, vardaga dré che no le faghe stüpidade. (Toccandosi le orecchie) Tègner i radar en funsiù.

Regina) J-è en dò, se giöna la va da na banda e l’altra de l’altra me che foi? Me divide a metà.

Piero) La vedarà che le sta sèmper ensèma, sèmper tacade. Endó va giöna va apó l’altra. La farà mia fadiga a spiale. E me racomande, la faghe finta de gnènt. Che no le se n’encorzi.

Lorella) (Entra) Gh’è restat amó en qualche balunsì?

Regina) Gh’è el sachitì postàt söl frigo de la cuzina.

(Lorella esce.)

Regina) A che ura rièi töcc?

Piero) Chesto che g’ho organizàt el se ciama “Happy hours” ognü i vé quan che i nà òja e i se ferma fin che i ghe nà oja. Ve tanta zènt, ma mia töta ensema.

Scena 5 – Piero e Regina perfezionano il piano UNO. (Casa 2) 

Regina) Con tanta zènt l’è po fàcil ciciarà de tante ròbe e  fa cascà i discorsi endó se n’ha òja...

Piero) ... e faga saltà el fòs. Visto che la g’ha capìt. Alura, le signorine le g’ha parlàt de na “Carlotta”.

Regina) E de ‘na Carolina e de en Sior Bernardo.

Piero) Partom da la Carlotta. (Pensa) Carla, Carlina, Carlona. La fa finta de nient e la porta el discorso söi proverbi e söi modi de dì a la bresàna: esempio “ i fa i laurà a la Carlùna – cioè i fa i laurà en tant al sach, cioè mal.

Piero) Prima se garés de pàrter da na Carla e rià dopo: a la Carluna e dopo amó a la Carlotta.

Piero) Giusto. Pàrter co na Carla (pensa e trova) “La Signorina Carla” de  Elio Pagliarani?

Regina) Elio Pagliarani scrìel poesia?

Piero) Ma nò, l’è mia el politico, l’è giü za mórt. La me làse nà avanti, me parle de la poesia de “la Signorina Carla” e lé la ghe dis le dò signorine che al dé de ‘ncö i fa i laurà a la Carluna e a la fì rie amó me co la Carlotta, (idea!) l’amica di Nonna Speranza.

Regina) Nonna Speranza?

Piero) Ma sé chèla del Guido Gozzano.

Regina) La conòse mia...

Piero) Chèla che fa “Loreto impagliato e il busto d’Alfieri, di Napoleone...”

Regina) Ma alura l’è na poesia a chèsta.

Piero) Certo, lure le la sa che ensègne italiano a le medie. Co la poesia pòde fa parì de nient.

Regina) Menomal che te fe el profesùr e che te sét en möcc de ròbe.

Piero) E se co la Carlotta le se sbilancia mia, pasaróm a la Carolina. De Caroline famose ghe n’è mia tant.

Regina) Ghe sarès la Mucca Carolina. Chèla che fa: tolóm-tolóm tolóm-tolóm eh-là! però me par dür mitida dènter na “vacca” en de en discorso.

Piero) Perchè? Ghe n’è de “vacche” en giro!

Regina) Sé, ma parlàn l’è mia fì. (Pensa) Senò ghe sarés la cansù (canticchia) “Dai dai dai carolina dai...dammi un bacio e non ti pentirai...” me la cante e a chèsto punto te entervègnet te.

Piero) Che garés de fa?

Regina) Te te ghe domàndet se lure le conòs na qualche Carolina.

Piero) Isé a bòta freda?

Regina) Te pòdet diga che ai tempi de la cansù te, te ghéret na murusa che se ciamaa Carolina. Dopo te ghe domàndet se lure le conòs na Carolina.

Piero) G’ho capìt, restóm entés isé.

Regina) Però rèsta föra el siòr Bernardo?

Piero) Qual Bernardo?

Regina) Chèl che le vulia negà, chèl che, poarì,  le vulia daga na paca söl có. El prim, en pratica.

Piero) Chel ghe l’era pö bù de dì gna na parola?

Regina) Prope chèl.

Piero) Fam pensà... Bernardo... Bernardo... ghe sarés el paguro Bernardo

Regina) Cosa el chi en paguro? Stom mi lé a catà föra parole dificii. Portóm el discorso sö i cà San Bernardo.

Piero) Giusto. Partom a parlà de vacanze...

Regina) ... me dizaró che so mia se l’è mei el mar o la montagna...

Piero) ... me dizaró che preferìse la montagna...

Regina) ... che en montagna gh’è le valanghe...

Piero) ... che en Montagna gh’è i cà che tira föra j-òm da le valanghe...

Regina) ... che j-è adestraccc...

Piero) ... che i se ciama San Bernardo...

Regina) ...e ghe domandóm  se le conòs en Bernardo.

Piero) En pratica el piano UNO el g’ha 3 trapole. Alura, ricapitolóm.

Scena 6 – gli ultimi preparativi (Casa 2)

Regina) (Si concentra) Góm de portà el discorso: Speróm de mia sbaglià. 1) só la poesia  2) sö i proverbi e 3) sö le vacanze.

Piero) Ma prima de töt, cosa gala de fa siura Regina? Qual’èla la ròba pö importante?

Regina) Prima de töt g’ho de tignile d’öcc che no le envelene el béer. E de tignile sót öcc entant che te te vé a scuriusà en del só apartament.

Piero) E isé, con le pröe en mà, chèle che cataróm e chèl che saróm stacc bu de faga confesà; enciodóm le dò signorine al mür e ciamóm la pulizia.

Regina) Sta atento quan te naré de là. E sta mia empisà la luce: tö sö na torcia.

Piero) Buna idea.

Regina) Me vó a dam na laada e na rinfrescada. Te tendega a la Linda che no la turne e che envece de vègner denter sübit no la naghe prima a salüdà le dò signorine.

Piero) La naghe pör, sto ché sö la porta, come la ria la brinche e la fó vègner dènter.

Regina) Sta atento. L’è mèi mia faga córer dei ris-ci. Lé la sa mia chèl che góm scoperto.

Piero) La naghe tranquila, staró atento (guarda l’orologio al polso poi si affretta a posizionarsi sulla porta d’entrata per spiare l’arrivo di Linda).

Regina) Pecàt che isé ghe ruinóm la sorpresa a la Linda. Sóm stacc töt el dé a preparà per nient. Sares stat bèl quan che la vignia dènter de la porta diga: auguri, auguri.

Piero) (Sulla porta.) A olte se gha de fa chèl che se pöl e mia chèl che se völ.

(Regina esce a rinfrescarsi.)

Scena 7 – si vedranno tutti e 2 gli appartamenti. Arriva Linda

(Si visualizzeranno le due porte d’entrata. La scena sarà divisa a mezzo e si vedranno tutti e due gli appartamenti. Alba e Nene si alterneranno per cercare di essere più convincenti. I personaggi saranno sulla porta. Eventualmente chi parla tirerà Linda per un braccio dalla sua parte facendole fare tira e molla.)


Casa 1 – Le signorine

Alba) Ciao Linda, ve en sa sculta...

Alba) Linda góm de dit na ròba.

Nene) Sta mia scultà el tò òm.

Nene) Te te se balòs, mia noaltre.

Alba e Nene) (Guardandosi) El völ mia che ghe ‘l dizóme. El la sa de èser en culpa.

Alba)  (Alla porta) Dü minücc apena Linda, te faróm mia pèrder tèmp.

Alba e Nene) Linda, ve a tö la turta che góm preparàt aposta per festegià el tò compleanno.

Casa 2 – Piero e Regina

Piero) Ve en sa de cursa Linda, mia fermàt da le signorine.

Piero) Sta mia parlà con de lure.

Piero) Sta mia scultale Linda, j-è balòse.

Piero) Só el tò òm, scultèm, ve en sa Linda.

Piero) Na olta ogne tant Linda, fa chèl che te dìze per piazer.

Piero) Caspita pòde mia dit töt ciar e tond sö la porta, j-è ròbe delicade, so mia se me spieghe

Scena 8 –le signorine raccontano a Linda di Piero

(Linda infine entra dalle signorine lasciando la porta socchiusa.)

Linda) (Risentita, al pubblico) Lü el s’è gna ricordàt de fam j-auguri. (Alle signorine) Gh’ìv fat na turta per me?

Alba e Nene)Beato cielo,certo aposta per te. Per el tò compleanno!

Linda) Come siv stade gentili!

Alba e Nene) Noaltre ghe l’óm mèsa töta.

Alba) A vidila l’è mia tant bèla.

Nene) Ma l’óm tastada e te garantése che l’è buna.

Alba) Almen te resterà la boca dólsa.

Linda) Perchè g’ha de restam la boca dolsa?

Alba e Nene) Perchè chèl che góm de dit, l’è amar!

Linda) Amar?!

Alba e Nene) El tò Piero el g’ha n’altra fómna.

Linda) No, de bu!?

Alba e Nene) Beato cielo, l’è töt el dopo mesedè che stüdiöm come dìtel...

Alba) ... che sercóm le parole gentili...

Nene) ... per mia fat patì...

Linda) E voaltre come fìv a saì che el me Piero el g’ha n’altra fómna. Nì mai föra de casa.

Alba e Nene) Perchè lé, l’è vignida ché.

Linda) Ché? (indicando) en chèsto apartamènt?

Alba e Nene) Beato cielo, no ché, ma en del tò apartamènt.

Alba) Cielo, se l’és mia vista co i me öcc ghe credarés mia.

Nene) E per fas perdunà...

Alba) ... se vèt che el g’ha la cosciensa spurca...

Nene) ... el t’ha preparàt la festa per el tò compleanno!

Alba) L’è vignit enfinai a dìgn de mia dit che encö lü l’è mia nat a laurà.

Linda) El Piero encö l’è mia nat a laurà?

Alba e Nene) No! l’è stat a casa töt el dé.

Piero) (Entra nell’appartamento delle signorine.) La porta l’era dervèrta e só vignit dènter. Ciao Linda, varda che de là gh’è la tò mama.

Linda) La me mama?

Piero) Sé, l’è vignida per festegiàt, nóm de là che la te spèta. Vigni apó vótre signorine, nóm töcc a festegià la nòsa Linda.

(Escono tutti e vanno a  festeggiare Linda. Le signorine porteranno la loro torta Piero uscirà per ultimo e farà vedere che si tiene la chiave. Il piano è che, quando saranno tutti a festeggiare, lui andrà a curiosare a casa delle signorine, solo che nel frattempo sarà arrivata Marina che ha le sue chiavi per entrare.)

Scena 9 – inizia la festa (Casa 2)

(Piero fa entrare in casa  per prima Linda che nel vedere festoni e palloncini capisce che le è stata preparata una festa. Entrano in scena Regina, Lorella e se ci sono altri amici.)

Tutti) Auguri, auguri, auguri.

(Entrano le 2 signorine seguite da Piero. Si salutano, Linda corre tra le braccia della madre.)

Alba e Nene) Che bèla mama che te ghé cara Linda, che mama gentile.

(Suona il campanello d’entrata o bussano alla porta, Piero va ad aprire ed entra Nestore, marito di Regina e padre di Linda. Ancora presentazioni, saluti e feste. Per non sovraffollare la scena, le signorine e gli invitati andranno nelle altre stanze e rientreranno ogni tanto chiacchierando con un bicchiere o con una tartina.)

Nestore) Ciao a tutti. Forse cara Linda, per culpa tua g’ho ciapàt na mülta e sich poncc..

Linda) Na mülta e sich poncc per culpa mia?

Nestore) Sich poncc sö la patente. Ghie pora de rià en ritardo a la tò festa e isé so pasàt col ros. (Alla moglie) E forse cara Regina, apo per culpa tua g’ho ciapàt la mülta.

Regina) (Arrabbiata) Te ghe de finila Nestore, i sólcc de le mülte j-è töcc sbatìcc föra de la finestra.

Linda) (Intromettendosi) Calma mama, come ghet fat a ciamà la mülta per culpa de la mama?

Nestore) La m’ha dit de fermàm a compràt el regal e isè g’ho parchegiàt en dopia fila. (Porge la multa alla moglie e il regalo alla figlia.)

(Senza interferire nel dialogo rientreranno in scena le 2 signorine.)

Linda) Grazie papà.

Piero) (Si avvicina sorridendo alla moglie con un regalo) Tanti auguri cara Linda.

Linda) (Si scansa alle sue avances e gli sibila all’orecchio) Falso come Giuda. (Agli altri) che bèl pensér, chisà cosa ghe sarà dènter, (a Piero) dopo fóm i cöncc (esce a depositare i regali).

Nestore) Endó el che gh’è de béer?

Regina) De là, però sta mia esagerà come al tò sòlit (esce).

Nestore) Cara Regina, mé esagere mai, movimente apena en pó la me vita (esce seguendo la moglie ed accennando a dei passi di danza.)

Scena 10 - Piero e Regina mettono in pratica il piano UNO

(Lorella e altri amici e colleghi animeranno la festa. Dall’appartamento rientra in scena Regina e dopo un cenno d’intesa, con Piero si avvicina alle signorine, tutti avranno un bicchiere in mano.)

Regina) (Alquanto agitata e preoccupata.) Che cald che fa de là con töta chèla zènt.

Piero) A la Linda töcc i ghe völ bé, la g’ha en sach de amici, e g’ho envidat apó i so coleghi.

Regina) Te ghe fat le ròbe en grande, le ròbe fade giöste e mia a la Carluna.

Piero) (Sottovoce a Regina) Prima se ghia de pàrter da la Carla e dopo rià a la Carluna e dopo amó a la Carlotta.

Regina) (Sottovoce a Piero) Pensà che ghe só stada isè atenta per mia sbagliàm.

Piero) (Sottovoce a Regina) La se rilase, l’è la tensiù, el stress.

Regina) (Sempre sottovoce a Piero) Catam en banda a dò asasine le me manda en scunfuziù. E isè che fóm?

Piero) Nóm avanti col nòs piano (Alle signorine) Chisà come mai i dis fa i laurà a la Carluna?

Regina) (Leggermente agitata) De Carlune me ‘nconòse mia però, conòse la “La Signorina Carla” de  Elio Pagliarani?

Alba e Nene) La fiöla del politico?

Regina) Ma nò, chèla de la poesia. Envece en chèla del Gozzano gh’è “la signorina Carlotta” amica di nonna Speranza

Alba e Nene) Gozzano el politico?

Regina) (Spiazzata) No, Gozzano el poeta.

Alba e Regina) Alura el conosóm mia.

Piero) (Interviene)  Ensema a la Carlotta ghè apó la Carolina.

Alba e Nene) Quale Carolina? Chèla de Monaco?

Regina) (Sottovoce a Piero) Noalter góm gna pensàt a la Carolina de Monaco.

Piero) (Sottovoce a Regina) Fa nient, nóm avanti col nòs piano.

Regina) E gh’è apó la Mucca Carolina...

Alba e Nene) Tolom-tolom-tolom-tolom – eh là!

Alba) Cielo, la Mucca Carolina? Perchè?

Nene) Perchè de vache ghe n’è tante en giro

Piero) De pö de chèl che se pensa.

Regina) E ghè apò na cansü che fa (canticchiando) “Dai dai dai Carolina dai... dammi un bacio e non ti pentirai...”

Alba e Nene) (Si mettono a cantare ripetendo il ritornello) “Dai dai dai Carolina dai...dammi un bacio e non ti pentirai...”

Linda) (Entra col bicchiere. Offesa per il presunto tradimento non si rivolgerà mai al marito) Come som alégher de chèle bande ché. Ve mama che adès sófie sö le candiline. Nóm a tajà la turta.

(Linda esce portandosi appresso le signorine. Regina e Piero restano soli.)

Piero) Le s’è mia sbilanciade, so mia se me spieghe, ma sómea che el piano UNO el sape falìt. Endó èl che góm sbagliàt?

Regina) Góm sbagliat perchè sóm mia dei professionisti. El set che góm fat? Góm sighitàt a parlà noalter sensa fa parlà lure.

Piero) La g’ha rezù siura Regina.A èser diletàncc se ghe ria mia a töt. E a me, m’è gna vignìt en mènt de diga che na olta me gh’ie na murusa che se ciamaa Carolina.

Regina) E gh’è restàt föra el siòr Bernardo

Piero) Qual Bernardo?

Regina) Chèl che le vulia negà, chèl che le vulia daga na paca söl có co la padèla. El prim.

Piero) Chel ghe l’era pö bù de dì gna na parola?

Regina) Prope chèl. Gh’ìegn de portà el discorso sö la vacansa, sö la montagna, sö le valanghe, sö i ca de valanga, söi  San Bernardo che j-è adestràcc.

Piero) E ghìegn de domandaga se le conòs en Bernardo.

Regina) El non piano l’era en siòr piano, stüdiàt giöst.

Piero) Pecàt che l’è nat falìt. Fa nient, pasóm al piano DUE.

Linda) (Entra a chiamare la madre) Mama, som dré a spetàt per la turta (esce).

Regina) Rie sübit cara (si avvia poi torna sui suoi passi, a Piero) E alura che fóm? Piano DUE!?

Piero) Piano DUE. La staghe atenta che le signorine no le enveléne el béer. E me naró a scuriusà de la banda de là.

Regina) Me racomande, sta atento Piero, tö sö la torcia.

Piero) Giösta, la torcia, però me ocorarés apó en majù négher per mia dà en de l’öcc.

Regina) Te ghe volarés apó en pasa montagna.

Piero) Me contentarò de la sciarpa...

(Entrambi escono dalla scena, Regina per la torta e Piero per attrezzarsi.)

Scena 11 - Marina si scontra con Piero (Casa 1)

Marina) (Entra) Toh, ghè nüsü, (chiama e cerca) Zia Alba? Zia Nene?

(Sente ridere dall’altra parte)

Marina) Le sarà nade de là dal Piero e da la Linda a fa festa. Fa niènt. Prima ghe dó n’öciada se va töt bé e dopo naró de là apó me. (Raccattando qualcosa.) Tindiga dré a do case l’è düra, ma che se g’ha de fa. Fin che pòde, tègne de cönt le me zie e dopo vedaróm. La ròba de laà l’hó töda sö gér, vàrdom en cuzina se le m’ha preparàt la lista de la spesa per dumà matina (esce).

(Piero entra con molta cautela e con un’ acetilene, si aggira furtivamente per la stanza, controlla i sacchi,  poi va a curiosare nel resto dell’appartamento. Ovviamente dopo un poco si scontra con Marina che grida dallo spavento e scappa. Piero scappa e torna a casa sua.)

Marina) (Si riaffaccia sulla scena con un mattarello in mano) Che spaènt. Per póch so mia riada a brincàl. Ma varda en pó lüle, che coragio! vègner a robà en casa de le me zie (rientra da dove è venuta).

Scena 12 – Piero e Regina confabulano (Casa 2)

(Dalla porta d’ingresso Piero rientra nel suo appartamento col fiatone, va all’altra porta e fa cenno alla suocera di venire. Si sentiranno i classici rumori di una festa, piatti e posate che vengono usati, un  vocio indistinto e vari cin cin. Regina entra in scena.)

Regina) E alura?

Piero) Alura niènt. Só scapàt falìt a gambe leade.

Regina) Sensa catà gnènt? Gna en mórt?

Piero) G’ho catàt en viv  e g’ho ciapàt en spaènt mia de schèrs.

Regina) En viv?

Piero) Na viva, l’era na fómna.

Regina) Set sicür che l’era viva?

Piero) Ater fat, la g’ha ambiàt a uzà come na mata e me só scapàt, che g’hie de fa?

Regina) Set riàt almén a vardà en de la vasca de bàgn ?

Piero) Sé, l’era piena de acqua e dènter gh’era en pès che nudaa.

Regina) En pès en de la vasca de bàgn ?

Piero) En pès ghe dìze, la mia paria na trota. De sicür l’era mia en pesulì ros.

Regina) E i sach? Set riàt a varda cosa gh’era dènter?

Piero) Pié de strass.

Linda) (Si affaccia sulla porta) Vègnet mia a fam festa mama? Che set dré a confabulà? (Rientra)

Regina) (Alla figlia) Vegnom, végnóm. (A Piero) Va te, dam le ciaf e la acetilene, vó me a daga n’öciada de là.

Piero) Schersela?

Regina) En lèzet mia de gialli te? El delito perfetto l’esisti  mia. J-asasini i fa sèmper en qualche erùr. E me vöi catà l’erùr. Vöt le pröe per ciamà la polizia? E me te cataró le pröe. (esce.)

Piero) (Al pubblico) Ghe só mia riàt mé che só ‘n òm, figüràs se la ghe ria lè che l’è na fómna.

Scena 13 –  spiegazioni fra Linda e Piero (Casa 2)

(Piero va a far festa, dopo qualche attimo rientra al seguito di una Linda seccata e battagliera.)

Linda) (Seccatissima) La móchet sé o no! Te zó le mà e mia ris-ciàt de tocàm.

Piero) Me rincrès cara Linda che la sorpresa del tò compleanno la sape stada ruinada per culpa de le dò signorine.

Linda) Ah, la culpa adès l’è de le dò signorine. Cosa ghiele de fa secondo te, fa sito?

Piero) Linda, la situasiù l’è grave, so mia se me spieghe, pès de chèl che te pènset.

Linda) Enmagine, emmagine come che l’è grave.

Piero) Se te cönte come l’è stada te me credaré mia. G’ho parlàt apó co la tò mama…

Linda) (Interrompendolo con voce alta) Sta mia mèter de mès me mama.

Piero) Linda, sbasa la us per piazèr, per el momènt, j-alter i g’ha mia de sènter, i g’ha de saì gnènt.

Linda) Prima o dopo i vegnarà a sail.

Piero) Certo, l’è na ròba che se pöl mia daga en pasa là o ciapala sot gamba...

Linda) ... giusto, nóm a fónd a töta la facènda.

Piero) La me idea l’era prope chèla, de nà a fònd, de sgarià bé.

Linda)  E s-ciarì föra töt. L’èra ura.

Piero) Sculta cara Linda...

Linda) (Interrompendolo) ... stà mia ciamàm (imitandolo) “cara Linda”.

Piero) Va bé, Linda e basta. Sculta, stamatina sö mia nàt a laurà…

Linda) ... bèla ròba.

Piero) Làsem parlà. So mia se me spieghe, prima o dopo s-ciòpa föra töt, tanto vale che te ‘l sàpet adès.

Linda) Sèrte ròbe se ria mia a tignile scundide per en pès.

Piero) Ma te, per caso, set vergót?

Linda) Apena chèl che m’ha dit le dò signorine...

(Entrano anche le 2 signorine, e quando Linda sarà da sola le si avvicineranno)

Nestore) (Entra allegramente a passo di danza)  L’è bu, l’è pròpe bu chèsto Martini (mette un braccio sulla spalla di Piero) Caro el me zèner, pecàt che te te sàpet astemio…se te ghéset de saì chèl che te pèrdet en de la vita… (lo riporta a far festa.)

Alba e Nene) (Avvicinandosi a Linda) L’è dré che la vé en sa Linda.

Linda) Chi èl che ve en sa?

Alba) (In un orecchio a Linda) Chèla de stamatina

Nene)  (Nell’altro orecchio) Chèla del Piero

Alba e Nene) Beato cielo! Linda, che facia tosta!

Alba) (Mentre Lorella si sta avvicinando le due sorelle si allontanano) Ècola che la ria.

Nestore) (Entra allegramente a passo di danza)  Bu, pròpe bu chèsto Martini (mette un braccio sulla spalla delle due signorine) Care le me tuze, vignì a fam compagnia, en gos de Martini? en Limoncino? (Scandalizzato) Dizìm mia che bii la Cocacola. El sif che fóm? Ghe zontóm el Martini a la Cocacola, vedarì che bu… (le riporta a far festa.)

Linda) La Lorella? Bèle amiche che g’ho.

Lorella) (Tutta sorridente le porge un pacchetto) T’ho gnamó dat el me regal, spere che el te piàze.

Linda) El vöi mia de te el regal, te me ne za fat asé de regai (esce).

Lorella) (Dopo un attimo di stupore segue Linda.) Linda, spèta che te ve en mènt (esce).

Scena 14- Marina e Regina (Casa 1)

(Regina entra nell’appartamento delle signorine con grande circospezione. Si guarda attorno roteando la torcia, vede i sacchi e controlla il contenuto. Marina, che aveva sentito girare la chiave si apposta e perplessa la osserva non vista, ha un mattarello in mano e attende il momento buono per intervenire. Regina, sempre con circospezione entra dalla porta che dà sulle camere. Marina la segue con passo felpato. La scena resta vuota alcuni minuti poi si sentirà sbattere una porta seguito subito da un battere sul legno ed un: Apritemi. aprite la porta da parte di Regina. Marina riapparirà sulla scena soddisfatta e con una chiave in mano.)

Marina) L’ares mai dìt che se tratàa de na fómna. Adès l’è sistemada, l’ho serada en de l’armare. E de lé la scapa mia. Telefone a la pulizia? o èl mèi che naghe a domandà aiuto al Piero? (si avvia alla porta e l’apre).

Stella) (Entra.) Ciao mama, che set dré a fa?

Marina) E te che fét ché?

Stella) So vignida per el compleanno de la Linda. El sior Piero el m’ha envidat e na fèta de turta la mange sèmper volentera. G’ho vist la luce empisa e só vignida dènter. Cridìe de catà le zie.

Marina) Le zie le sarà de là a fa fèsta. A dì la verità i m’ìa envidat apó ame.

(Dall’armadio si sentiranno dei colpi ed un : aprite – aprite la porta)

Stella) Chi èl che uza mama?

Marina) So mia chi che l’è. O forse sé, ad ogni modo crède che la sape na ladra. L’ho serada en del vestare. Va de là a sercà aiuto e me sto chè a fa la guardia. (Si pone sulla porta con il mattarello alzato) Se la scapa, la sisteme. Cor, va. Diga al Profesur de vègner ché de onda (resta a far la guardia).

Stella) (Va a chiedere aiuto) Core, vo... (esce).

Scena 15 – dov’è finita Regina (Casa 2)

(Stella entra agitata. Piero le va incontro e la saluta cordialmente senza lasciarla parlare. Poi arriverà il padre di Linda a chiedere notizie della moglie. Nessuno ha visto Regina.)

Stella) Siura Linda? Siòr Piero?

Piero) Ciao Stella, và de là che gh’è la turta che te spèta.

Stella) Nó, el vègne lü de là che gh’è la me mama che la spèta.

Piero) Compiela j-agn apó la tò mama?

Nestore) (Entra allegramente a passo di danza)  Bu, pròpe bu chèsto Martini (mette un braccio sulle spalle di Piero) scüza Piero, ghét vist la me fómna? la cate mia.

Piero) G’hal vardat en bagn?

Nestore) L’è la prima ròba che g’ho fat, la gh’è mia.

(Stella tira Piero per la giacca nella speranza di attirare la sua attenzione.)

Piero) Va a mangià na fèta de turta Stella entànt che parle col sior Nestore.

Stella) La me mama l’è de là che la ve spèta.

Piero) Va a diga che la vègne de ché apó a lé...

Linda) (Entra, non si rivolge al marito ma al padre) Papà, set vergòt de endó l’è nada la mama?

Nestore) So dré a sercala apó a me cara Linda, l’era ché adès.

Stella) Siura Linda, la vègne almen lé de là de la me mama.

Linda) Diga a la tò mama de vègner ché, só me chèla che compìs j-agn.

Stella) Ah sé, nüsü me dà de mènt! (Vedendo che nessuno l’ascolta si mette a gridare) Aiuto! Aiuto!

(Tutti la guardano, all’ Aiuto-aiuto usciranno anche le signorine.)

Stella) Oh, finalmente vergü che me sculta. La me mama la g’ha ciapàt en làder. La la seràt en del vestare, ocór vergü che ghe dà na mà quan che la dervarà l’anta.

Piero) Quale anta? En làder, endoé?

Stella) En de la casa de le me zie. L’era dré a robà e lé, la me mama, la la seràt en del vestare.

Piero) Te sta ché Stèla, pöl èser periculùs, noalter nóm a aidà la tò mama.

(Stella annuisce, Piero Linda  si spostano precipitosamente nell’altro appartamento. Le signorine si avvieranno con calma curiosa e Nestore prima riempie il bicchiere e poi seguirà gli altri.)

Scena 16 – scoprono Regina nell’armadio (Casa 1)

(Si apre la porta d’ingresso, Piero si ferma sulla porta e trattine le 3 donne.)

Piero) (A Marina, avanzando con circospezione) Alura? Endó èl el làder?

Marina) De là, en camera, seràt en del vestare. Menomal che l’è vignìt a aidàm, sior Piero. Sie pròpe mia che fa.

Piero) Com’èla stada la stória?

Marina) Sto làder l’è vignìt denter a robà, el nasopiàa enpertöt. Ghe so nada de dré de le spale, entant che el g’ha dervìt l’armare g’ho dat en puciù e l’ho seràt dènter. Che fóm sior Piero, ciamòm la pulizia o dervóm l’armare?

Piero) Dizarès che prima l’è mei véder el làder.

Marina) L’è mia en làder, l’è na ladra, l’è na fèmina.

(Fuori scena dall’armadio si sentirà gridare Regina: Aprite, aprite la porta.)

Linda) (Avanzando decisa) Chèsta l’è la us de la me mama.

(Linda oltrepassa velocemente la porta, seguita da Piero e da Marina e infine dalle signorine. Sulla porta resta Nestore che osserverà la scena con un bicchiere in mano. È perplesso, entra, si ferma nel mezzo, beve ancora un sorso, alza le spalle e segue gli altri. La scena resta vuota qualche attimo e poi rientra per primo Nestore che sorregge Regina e la fa sedere. Infine rientrano in scena prima Linda poi Marina.)

Nestore) Cosa ghe fàet seràda en del vestare Regina?

Regina) Che spaènt caro Nestore. G’ho pö fiat e g’ho la gula sèca a forsa de ciamà aiuto.

Nestore) Te porte vergót de béer... sta ché che ghe pènse me (esce).

Linda) Alura mama, spiéghem cosa te ghe fàet en del vestare de le signorine.

Regina) La culpa l’è sò (Indica Marina) La m’ha dat en puciù e la m’ha seràt dènter. (Arrabbiata a Marina) Che t’è vignìt en mènt de dam en puciù e de seràm en del vestare Marina?!

Marina) Pensae che l’eres en làder. E lé, perchè gala mia sunàt el campanèl prima de vègner déter siura Regina?

Regina) Perchè me ucuria mia sunà el campanèl, cridie che ghéres nüsü visto che le signorine j-era de là a festegià la me Linda.

Scena 17 – chi è Carlotta? chi è Carolina? (Casa 1)

(Rientrano in scena le signorine, poi Piero.)

Marina) Ma perchè èla vignida dènter al scür siura Regina? E co l’acetilene?

Linda) Alura, cosa set vignida a fa ché da le signorine?

Alba e Nene) Beato cielo Regina, come ghet fat a finìser en del nòs vestare?

Marina) E come gala fat a vègner dènter? Con che ciav?

Piero) Lasila stà, vidì mia che la sta mal. Lasila respirà, fómega aria...

Linda) (Dura al marito) Te sta mia entromitìt, la mama l’è mia. (Alla madre facendole aria con qualcosa) vöi saì cosa te se vignida a fa ché da le signorine mama, rispóndem.

Regina) (Con imbarazzo e senza fiato) Sie vignida a … a veder ... a vèder ...per la Carlotta.

Alba e Nene) (Guardandosi) Cör de mama.

Linda) La me Carlotta? Come ghet fat a enmaginà che l’ho ciamada Carlotta?

Alba e Nene) Cör de mama cara Linda.

Linda) Oh, l’è perchè la me mama la se ricorda amó de la me galina (abbracciandola) Cara la me mama che la s’è preocupada per la me Carlotta.

Alba e Nene) (A Regina) Sta tranquila cara, la g’ha mangiàt, la g’ha biìt e la g’ha durmìt. Töt a pòst. (Vanno a prendere la scatola della tartaruga).

Regina) La Carlotta... ?

Alba) Ecola ché la tò bèla tartarüghina.

Nene) Ghe sóm stade atente, quan che l’era dessedada l’óm mai lasada de sula.

Alba) Cielo, te garantése Linda che la g’ha mia patìt la malinconia.

Nene) Beato, ghe sòm sèmper stade vizì.

Linda) (Prendendo la scatola) Grasie signorine, sèmper gentili.

Alba e Nene) Le grasie j-a fa i sàncc.

Regina) (Nel frattempo avrà guardato nella scatola) Carlotta...

Piero) (Sottovoce a Regina) Sènsa òss, èco el perchè.

Linda) (A Piero) Lasa stà la me mama. (Alla madre) Stet mèi mama. T’è turnàt el fiat?

Regina) Sé cara, la va mei.

Lorella) (Entrando) Che fiv töcc ché, la festa l’è de là.

Alba e Nene) Beato cielo! Linda, che facia tosta! L’è vignida fin ché.

Alba) (In un orecchio a Linda) L’è chèla de stamatina

Nene)  (Nell’altro orecchio) L’è chèla del Piero

Piero) (Capisce ed interviene) L’è chèla che stamatina la m’ha aidat a preparà...

Regina) (Interviene) L’è chèla che sta matina la gna aidat a preparà per fat festa, cara Linda.

Piero) L’idea dei balunsì l’è stada so.

Regina) Apó a chèla de le candele, mèse töt a dré a la ringhiera del balcù, l’è n’idea sò.

Nestore) (Entra allegramente con il bicchiere d’acqua per Regina) Sie mia se porta en gós de Martini o en gós de cognac, a la fi g’ho pensàt che per te nàa bé l’acqua. (A Lorella, mettendole un braccio sulla spalla) Cara signorina, la vègne a fam compagnia, en gos de Martini? en Limoncino? (Scandalizzato) la me dize mia che apó le la bev la Cocacola. Sala che fóm? Ghe zontóm el Martini a la Cocacola, la vedarà che bu… (la riporta a far festa.)

Regina) (Alle signorine, con alquanta indifferenza) E ... e la Carulina?

Alba e Nene) Per le gh’è sta nient de fa.

Alba) L’è morta.

Nene) Morta stechida.

Regina e Piero) Morta!

Nene) (Va a  prendere il vasetto.) Beato góm dat apó de béer.

Alba) Cielo, quanta acqua.

Alba e Nene) Beato cielo, e per nient.

Scena 18 – E Bernardo? (Casa 1)

Marina) (Alle zie) Tanta de che l’acqua che l’ì negada. La carulina l’è morta negada. (Agli altri) Le seghita a daga de béer a le piante, po le se desmentega de vighel dat e le ghe ‘n dà amó.

Regina) La Carulina l’è na pianta, la Carlotta l’è na tartarüga e...e ‘l Bernardo?

Marina) El Bernardo? Cosa èl chi el Bernardo?

Alba e Nene) Beato cielo, el Bernardo l’è ‘l tròto.

Tutti) El tròto?

Alba e Nene) El tròto Bernardo.

Nene) L’óm ciamàt Bernardo perchè l’è un òm.

Alba) No, l’óm ciamàt Bernardo perchè l’è en pès.

Marina) (Alle zie) Ghif ciamàt Bernardo la me trota?

Alba e Nene) L’è mia na trota Marina, l’è en tròto. Beato cielo, l’è en mas-cc.

Marina) Come fiv a saì che l’è en mas-cc e mia na femina?

Alba e Nene) Perchè el g’ha mia j-öcc de fürbo!

Tutti) Ah bè, alura se el g’ha mia j-öcc de furbo...

Alba e Nene) Beato cielo,adès l’è en de la vasca de bàgn.

Alba) E dumà compraróm ‘n acquario bèl grand aposta per lü.

Nene) Isé noaltre podaróm finalmente fa el bagn.

Marina) Zie, la trota l’è mia en pès de compagnia, l’è en pès de mangià.

Alba e Nene) Beato cielo, e chi l’ha dit?

Marina) Me ve ‘l dize e adès ve ‘l fó apò a vèder (esce a prendere la trota).

Alba e Nene) (Rincorrendola) Ferma, spèta...

(Regina curiosa, si accoda ed esce.)

Scena 19 – Finale (Casa 2)

Piero) Vulie apena preparàt na bèla festa Linda, e me sö fat aidà da tò mader e da la Lorella...

Linda) ...che l’è la me migliore amica.

Piero) La la dit apó tò mama… Me crèdet?

Linda) Certo che te crède caro Piero.

(Rientrano le due signorine litigando)

Nene) Ghe sie isé afesionada.

Alba) La culpa l’è tò.

Nene) No, la culpa l’è tua.

Alba) Te le mia stopada bé.

Nene) Te ghiet de sta pö atenta.

Linda e Piero) Se pöl sai cosa gh’è süces?

Alba e Nene) El tròto Bernardo l’è mórt!!!!!!!!

Alba) (Indicando la sorella) Gh’è nat föra töta l’acqua e per culpa sò.

Nene) (Indicando la sorella) No, la culpa l’è tò che te le mia stopada bé.

Alba) Cielo, me l’ho stopada bé

Marina) (Entrando) Zie, ormai l’è mort e gh’è apena na roba de fa.

Alba e Nene) Beato cielo, mitìl en padèla.

Fine

Il troto Bernardo

Commedia brillante in due atti, in dialetto bresciano, di Velise Bonfante

TRADUZIONE LETTERALE

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale). I proverbi e le parole intraducibili sono scritti in maiuscoletto.

* * * * *

La scena è divisa idealmente in due zone, con due colori di luci si visualizzeranno alternativamente le stanze di due appartamenti adiacenti. Per facilitare la comprensione si possono utilizzare due stili diversi di arredamento esempio: (casa 1 = Mobiletto antico, abatjour, (casa 2 = lampada alogena, quadro astratto).

Divisi solo da una tramezza, i personaggi sentiranno cosa succede dall’altra parte.

In un appartamento (Casa 1) vi abitano due sorelle zitelle, alquanto anziane, vecchio stile, molto per bene, ma un po’ svitate e alquanto svampite; vivranno quasi in simbiosi, quello che fa una fa l’altra.

Nell’altro appartamento (Casa 2), vi abitano, marito e moglie. Il marito ha chiesto aiuto alla suocera e ad una collega per organizzare la festa di compleanno e fare una bella sorpresa a sua moglie.

Nel secondo atto altri amici e colleghi festeggeranno il compleanno di Linda presentandosi con un regalino. La vicenda del primo atto si svolge di mattino e quella del secondo verso sera.

porta d’entrata

 

Personaggi:        1) Alba              - signorina anziana

2) Néne                         - sorella di Alba

3) Stella             - la nipotina

4) Marina          - madre di Stella

5) Piero             - marito di Linda

6) Linda            - moglie di Piero

7) Regina          - madre di Linda

8) Nestore         - padre di Linda

9) Lorella          - amica e collega di Linda

ATTO PRIMO

Scena 1 – Stella con le medicine per le due zie (Casa 1)

porta d’entrata

 

(La scena è vuota. Entra Stella con una borsa di plastica piena di medicine. Sia Stella che sua madre Marina non suoneranno il campanello d’entrata ma avranno la chiave per entrare.)

Stella) (Chiama) Zie? Zie? Sono arrivata con le medicine.

Nene) (Entra in scena con un vassoietto e un contenitore per uova etichettato, o altri piccoli contenitori.) Ciao Stella, brava, brava, stavo proprio aspettandoti, così le sistemo subito. hai pagato qualcosa?

Stella) No zia, mi hanno dato tutto gratis.

Nene) Oh Beato, che gentili che sono stati. Hai almeno ringraziato il farmacista? Aspetta, aspetta che ti do la mancia.

Stella) Non ne voglio di mance zia Néne, mi ha detto la mia mamma di non prendere la mancia da te.

Nene) Ascolta me, tu prendila e non dirle niente e comprati un bel gelato.

Stella) No, (non accetta) grazie, non la voglio zia. Ora scappo, ti saluto.

Nene) Dove devi andare così di fretta ?

Stella) Ho lezione di musica. Ciao zia.

Nene) Ciao Stella cara e salutami la tua mamma.

Scena 2 – Nene prepara le medicine (Casa 1)

(Stella esce dalla porta d’entrata e Nene apre le scatolette, di medicinali, si siede e prepara, la dose giornaliera di medicine per lei e per la sorella, commentando ad ogni pastiglia.)

Nene)  Una per me, e una per lei. queste sono per la pressione. Una alla mattina e una alla sera.

- Una per me e una per la mia Alba. Queste, dice il dottore, che sono per la memoria, sembrano vitamine. Dunque vediamo: una alla mattina, una a mezzogiorno e una alla sera prima di cena.

- Una per me e una per la mia Alba. Queste sono per il mal di spalle. (Al pubblico) A me fa male la spalla destra e a mia sorella fa male la spalla sinistra. Una tutti i mezzogiorni con la panca piena e c’è da dire che fa bene anche per gli altri dolorini.

- Questa, invece, è da prendere dopo mangiato, tiene basso il colesterolo.

Oh beato, siamo diventate delle carrette. Non avrei mai pensato di ridurmi così. Sono i rametti che si seccano, ma con tutte queste  pastiglie i nostri rametti restano verdi, o quasi.

            - Questa, una la  settimana per l’osteoporosi.

- E queste sono per fare la pipì e per far sgonfiare le caviglie.

Alba) (Entra silenziosamente con la tazza della colazione e un bicchiere d’acqua. Parla dietro le spalle della sorella.) Ti sei lavata le mani prima ti toccare le pastiglie?

Nene) (Non l’ha sentita arrivare e ha un moto di soprassalto.) Oh beato, che spavento Alba. Quasi quasi mi andava il latte alle ginocchia. Te l’ho detto cento volte di non arrivarmi alle spalle in quel modo lì, e se mi fossero andate per aria tutte le pastiglie? sarebbe stato un bel pasticcio. Si rassomigliano tutte.

Alba)  Rispondimi Néne, ti sei lavata le mani prima di toccare le pastiglie: sì o no?

Nene) (Offesa) Certo che me le sono lavate, per chi mi prendi, per una sporcacciona!

Alba) Si fa talmente alla svelta a prendere su qualcosa. Le precauzioni non bastano mai.

Nene) (Mostrandole le mani) Guarda che mani consumate ho a forza di lavarle.

Alba) E le unghie? fammi vedere.

Nene) Sono pulite. Mi laverò le mani cento volte al giorno per la tua mania.

Alba) Non è una mania, è solo questione di pulizia. Sei pronta con le pastiglie che le bevo e poi finisco il mio caffè latte, così mi resta la bocca buona.

Nene) Le pastiglie, tutte le pastiglie sei devono bere con l’acqua e non col caffè latte.

Alba) (Facendo vedere il bicchiere) Infatti, io le bevo con l’acqua e poi dopo bevo il caffè latte. (Guarda l’orologio da polso e indica la tramezza.) Non è ancora andata via? Cielo! arriverà in ritardo.

Nene) Come al solito.

(Dall’altra parte si sente un Ciao e sbattere la porta, è Linda che esce di casa)

Alba) Non farle perdere tempo altrimenti perde il pulmino.

Scena 3 – Linda con la tartarughina (Casa 1)

(Nene e Alba si avvicinano alla porta d’ingresso. Linda o suona il campanello o bussa alla porta. Alba apre, entra Linda con 2 foglie di insalata e una scatola che contiene una tartaruga.)

Linda) Buongiorno signorine.

Alba e Nene) Buongiorno cara Linda.

Linda) (Consegnando il tutto) Ora dorme, questo è il suo pranzo, l’acqua è fresca e la mia Carlotta è a posto.

Nene) Dai qui, dai qui a me.

Alba) Dàlla a me. Tu stai sistemando le pastiglie, se ti sporchi le mani poi metti giù un mulino che non finisce più per lavarle.

Nene) Perché, tu non ti sporchi le mani?

Alba) Io non sono dietro a sistemare le pastiglie e non faccio tutte le storie che fai tu per un goccio d’acqua.

Linda) Se ci sono dei problemi lascio la mia tartarughina di là.

Alba e Nene) Beato cielo,non ce ne sono di problemi cara Linda. (Guardano nella scatola)

Nene) Che bella cosina è.

Alba e Nene) (Alla scatola) Ciao Carlotta.

Nene) “Fratelli minori” diceva San Francesco. Bisogna volere bene a tutte le bestie, non hanno un’anima ma sono sempre creature del Signore. Bisogna rispettarle.

Alba e Nene) A noi due, gli animali piacciono molto.

Alba) Peccato che in questo condominio non si possano tenere.

Nene) Lo so che a tenere i cani abbaiano e disturbano, ma sarebbe bello almeno avere un gatto.

Alba e Nene) Che fastidio può dare un gatto?

Nene) Pensa che bella compagnia ci farebbe.

Alba) Menomale che ti lasciano tenere la tartaruga.

Nene) Come mai hai chiamato la tartaruga Carlotta?

Linda) Perché da piccolina, d’estate andavo in vacanza dai miei nonni che stavano in campagna. Loro mi avevano regalato un pulcino. Pensavo che da grande sarebbe diventato un gallo e così l’ho chiamato Carlo, perché a quel tempo la mia nonna diceva sempre “Al tempo di Carlo Codega...”

Alba e Nene) Beato cielo, lo diciamo sempre anche noi “ Al tempo di Carlo Codega”...

Linda) Solamente che invece di un gallo, quando è cresciuto è diventato una gallina. E allora invece di Carlo la chiamavo Carlotta.

Alba e Nene) Ah, Carlotta!

Alba) Che bel nome.

Nene) E che fine ha fatto la tua Carlotta?

Linda) Le hanno tirato il collo come a tutte le galline. Finite le vacanze io sono tornata a casa e l’anno dopo che sono andata dai miei nonni non l’ho più trovata.

Alba e Nene) Che crudeli, tirare il collo ad una gallina che si chiamava Carlotta.

Linda) Le hanno fatto festa o a Natale o a Pasqua. Pensare che io le ero così affezionata.

Alba e Nene) I bambini si affezionano agli animali.

Linda) Ora mi accontento di una tartarughina. Il mio Piero non lo sa nemmeno che io l’ho chiamata Carlotta.

Alba e Nene) E diglielo no?!

Linda) A lui non interessa. (Quasi parlando fra sé) A lui non interessano le mie cose. (Guardando nella scatola) Ciao Carlotta, fa la brava.

Alba e Nene) Sta tranquilla, di sicuro sarà buona e brava.

Linda) A lei piace molto stare in compagnia con la gente.

Alba e Nene) A tutti piace stare in compagnia.

Nene) A nessuno piace stare da soli.

Linda) A volte si è soli anche in mezzo alla gente.

Alba) Su, non dire così, tu sei giovane, e poi hai il tuo Piero che ti vuole bene.

Linda) Mi vuole tanto di quel bene che non si è nemmeno ricordato che oggi compio gli anni.

Alba e Nene) Compi gli anni! (Canticchiando) Tanti auguri! Tanti auguri a te - tanti auguri a te (Si fermano perché vedono che Linda sta quasi piangendo)

Linda) Non so il perché, ma lui in questi ultimi tempi è cambiato. Non è più quello di una volta. A volte ho paura finamai che abbia un’altra.

Alba e Nene) (Scandalizzate) Un’altra!

Linda) Un’altra. Sta mattina non mi ha nemmeno fatto gli auguri.

Alba e Nene) Avrà un qualche problema sul lavoro.

Linda) Anch’io ho dei problemi sul lavoro ma non li faccio pesare su di lui.

Alba e Nene) Beato cielo,su, dai, non fare così.

Nene) Non pensarci.

Alba) Su, facci un bel sorriso.

Linda) (Tentando un timido sorriso) ora vado. Speriamo di non arrivare in ritardo come al solito.

Alba e Nene) Va va cara.

Alba) E non preoccuparti per la tua tartaruga.

Nene) Ci pensiamo noi a tenerle compagnia.

Linda) Grazie, e grazie della vostra amicizia (esce da dove è venuta).

Scena 4 –  Marina porta la trota alle zie (Casa 1)

Alba) Poverina, e sì che il suo Piero non sembra uno che corre dietro alle altre sottane.

Nene) Cosa vuoi mai, gli uomini sono uomini. E gli uomini sono fatti tutti con lo stesso stampo. Tutti precisi. Tutti bravi ma tutti hanno il sedere nei pantaloni.

 (Dall’altra parte si sente un tonfo, è Piero che si prepara ad uscire)

(Le signorine ascoltano attentamente ogni rumore, annuendo col capo.)

Alba) Le ciabatte! Ora si mette le scarpe.                                (anta della scarpiera che si chiude)

Nene) Ora prende la borsa.                                                     (sportello che si chiude).

Alba) E si mette l’orologio, controlla il fazzoletto, le chiavi, gli occhiali. (cassetto che si chiude)

Nene) (Controllando l’orologio da polso) In perfetto orario.

Alba) Il professore va a far scuola.

(Dall’altra parte si sente sbattere la porta d’entrata, Piero esce)

(Alba prende la scatoletta con la tartaruga, le foglie d’insalata e le porta in un’altra stanza. Nene prosegue con le sue pastiglie. Controlla i contenitori.)

Nene) Manca solo la bustina per il cuore per me. E il ferro per la mia Alba. Farà bene a che cosa questo ferro? (Legge il foglietto con le indicazioni) Fa bene a tante cose ma ho paura che le abbia fatto venire la flatulenza cronica. L’Alba continua a lamentarsi. Non sa che anche la flatulenza è una malattia.

(Dall’ingresso entra Marina con una trota viva in un secchio.)

Nene) Ciao Marina

Alba) (Entrando) Ciao Marina

Marina) Ciao Zie, (dopo entrata appoggia il secchio per terra e le chiavi sul tavolo) vi ho portato una bella trota. Il mio Leo è andato a pescare, e ne ha prese quattro. Una l’abbiamo tenuta noi, una l’ho data alla mia mamma, una a mia suocera e l’altra è per le mie ziette.

Alba e Nene) Grazie, grazie, che pensiero gentile Marina.

Marina) Mangiare il pesce vi fa bene zie, ha dentro il fosforo per la memoria.

Alba e Nene) Beato cielo, poverina, è ancora viva!

Marina) Certo che è ancora viva. Ve l’ho portata apposta viva, così potrete mangiarla bella fresca quando ne avrete voglia.

Nene) Non sarebbe stato meglio se ci regalavi un bel pesce rosso invece della trota?

Marina) I pesci rossi non sono buoni da mangiare.

Nene) Però ci avrebbe fatto compagnia.

(Dall’altra parte si sente ancora una volta sbattere la porta d’entrata, a quanto pare Piero è ritornato)

Nene) Beato, come mai il Piero è già tornato a casa?

Alba) Cielo, si sarà dimenticato qualcosa.

Nene) Gli sarà venuto il mal di pancia.

Alba) Mi pare di aver sentito la voce di una donna? O mi sbaglio?

Nene) Io non ho sentito niente.

Marina) Nemmeno io. Come fai ad essere sicura che è andato dentro il Piero e non sua moglie, o un ladro?

Alba) Perché solo lui chiude la porta in quel sistema, con un calcio.

Nene) La Linda l’accompagna e le dà un colpetto leggero. E se fosse stato un ladro non avrebbe fatto tutto quel casino. È per quello che dice che è Piero.

Marina) A stare qui si sente tutto quello che capita dall’altra parte.

Nene) Se alzano un po’ la voce, per forza si sente, a dividere i due appartamenti c’è solo una tramezza leggera. E il Piero...

Alba) Lascia perdere il Piero, pensiamo alla trota che è meglio.

Nene) Oh beato,guarda poverina come che è spaventata.

Marina) Fino a domani potete lasciarla in questo secchio. Per oggi non mi serve.

Alba e Nene) Questo secchio è troppo piccolo per una trota così grande.

Alba) È meglio metterla nella vasca da bagno.

Nene) Poverina, così starà un po’ più larga.

Marina) Prendete una vaschetta, quella che usate per lavare, è abbastanza che resti viva fino a quando non l’ammazzerete.

Alba e Nene) (Scandalizzate) Ammazzarla! beato cielo, ammazzarla! Dobbiamo ammazzarla?!

Marina) E certo, non vorrete mangiarla viva.

Alba e Nene) Beato cielo! Marina, che dici!? Viva!

Alba) Mi vengono i brividi solo a pensarci (guardando nel secchio) .

Nene) Poverina, a me rincresce. Non rincresce a te Marina?

Marina) Nemmeno un po’. Stasera la mia la faccio al forno con le patate.

Nene) Che crudele! Al forno!

Alba) (Sempre guardando nel secchio) È una trota bella grossa.

Marina) Sarà un chilo e mezzo, quasi due.

Alba) Dal tanto che è grossa, fa fatica perfino a girarsi dentro questo secchio.

Nene) Andiamo a metterla più comoda, andiamo a riempire la vasca da bagno.

Marina) Zie, prendete un catino, guardate che una vaschetta basta, Se mettete la trota dentro la vasca, dopo non potete più fare il bagno.

Alba) Il bagno l’abbiamo già fatto sabato.

Nene) Per il momento la vasca non ci serve.

Marina) Va bene, fate quello che volete che scamperete cento anni di più. Vi saluto, ora vado a fare le spese,. Dopo vi porto il pane ed i giornali. Ciao Zie. (Esce dalla porta d’ingresso dimenticando le chiavi.)

Alba e Nene) (Accompagnandola per chiudere la porta) Ciao Marina, ciao e salutaci la tua mamma.

Scena 5 – Lorella chiede dove abita Piero

(La porta d’ingresso resta aperta e fuori dalla porta Marina incontra Lorella che è venuta per aiutare Piero a festeggiare il compleanno della moglie.)

Lorella) Mi scusi signora, abita qui il signor Piero?

Marina) (Andandosene) Qui ci stanno le mie zie, suoni il campanello in parte o bussi all’uscio.

Lorella) Grazie, buongiorno.

(Si vedrà sull’uscio una Lorella elegante e sofisticata che aspetta che Piero le apra. Alba e Nene mentre vanno a chiudere la porta d’entrata cercano di attaccare bottone.)

Alba e Nene) Buongiorno signorina.

Lorella) Buongiorno (Le signorine le sentono dire mentre entra nell’altro appartamento.) Ciao Piero, non mi sono fatta vedere, ho aspettato che se ne andasse prima di venire su per le scale.

Piero) Hai fatto bene. Dentro Lorella cara...

Lorella) Avevo un batticuore, avevo una paura che lei mi vedesse. Non sono abituata a fare le cose di nascosto.

(Piero e Lorella chiudono la porta e non si sente più nulla.)

Alba e Nene) (Guardandosi perplesse) Oh beato cielo, che voleva dire?

Alba) Chi sarà quella donna lì?

Nene) E come mai ha aspettato che andasse via la Linda per venire dal Piero?

Alba) E come mai il Piero non è andato a lavorare?

Scena 6 – sarà una trota o un troto?

Alba) (Vede le chiavi sul tavolo.) E come mai la nostra Marina ha dimenticato qui le chiavi?

Nene) Quando arriva suonerà (o busserà alla porta) (Nel parlare si saranno avvicinate al secchio, vi guardano dentro.) Sarà un troto o una trota?

Alba) Che t’importa se è un troto o una trota?

Nene) Mi piacerebbe saperlo, per non fare la fine del pulcino della Linda, che invece di un gallo era una gallina.

Alba) E allora?

Nene) E allora la Linda ha dovuto cambiargli nome. Guarda com’è spaventato, poverino.

Alba) Spaventata: è una trota.

Nene) Spaventato: a me sembra un uomo...

Alba) Chi è che ti sembra un uomo?

Nene) La trota, cioè, il troto.

Alba) (Non capisce) E ti sembra un uomo? A me mi sembra un pesce.

Nene) Certo che è un pesce, volevo dire che mi sembra un maschio e non una femmina.

Alba e Nene) (Guardano nel secchio.) Beato cielo, come si fa a capire se è maschio o femmina?

Nene) Non lo so. Però, mi pare un maschio. Prima di tutto è grosso.

Alba) Ci sono anche le femmine grosse.

Nene) Certo, ma guardagli gli occhi, che occhi da pesce addormentato che ha. Gli occhi delle femmine sono più vispi più svegli, ti dico che per me è un uomo.

Alba) Ho idea che tu abbia ragione. È proprio un uomo.

Nene) Lo sai che facciamo? lo chiameremo (pensa un attimo) Bernardo. Il troto Bernardo, non è un bel nome per un troto?

Alba) Per finire in padella tutti i nomi vanno bene.

Nene) Non vorrai ammazzarlo!

Alba) Vuoi metterlo in padella vivo?

Nene) Il troto Bernardo non va a finire in padella, poverino, adesso lo vuoto nella vasca da bagno.

Alba) E se mi serve la vasca per fare il bagno?

Nene) Beato, usi il secchio, ti lavi pezzo a pezzo. prima i piedi, poi il sedere, poi lo stomaco, e poi la faccia.

Alba) Se mai, prima la faccia, poi lo stomaco, e dopo tutto il resto, si va in giù, non in su.

Nene) Giusto Alba. Andiamo a riempire la vasca da bagno. (Escono lasciando il secchio.)

Scena 7  - preparativi per il compleanno (Casa 2)

porta d’entrata

 

(Lorella, Regina e poi Piero entrano in scena dalle stanze. Piero, aiutato da loro, prepara la sorpresa per il compleanno della moglie. Entrano con delle borse e le aprono. Piero si rivolgerà con il LEI alla suocera invece Regina utilizzerà il TU per rivolgersi al genero. La festa si svolgerà sul balcone, però addobbano anche la saletta con la porta d’entrata.)

Lorella) Non stia a preoccuparsi. Senza spendere, ce l’ho io in casa, lo porto io.

Regina) Di sicuro la Linda ce l’avrà da qualche parte. Sarà in qualche cassetto.

Lorella) Non fa niente, usiamo la mia, è una bella tovaglietta allegra giusta giusta per il tavolino del balcone.

Regina) Ecco cosa mi sono dimenticata, i piatti di plastica.

Lorella) Faccio un salto io a prenderli, quanti ne compro?

Regina) Un po’, non saprei. Quello che vuoi, quanti saremo stasera Piero?

Piero) (Entrando dall’appartamento) Di preciso non lo so, ho invitato un mucchio di gente. È un « Happy hours » quelli che vanno di moda adesso. La gente va e viene come vuole.

Lorella) Sarà meglio prenderne un paio di confezioni.

Regina) Va bene, e prendi anche dei bicchieri di plastica.

Piero) I bicchieri ci sono.

Regina) Li ho visti ma mi sembrano pochi. È sempre meglio che ce ne siano di scorta.

Lorella) Giusto. Ve li porto subito o stasera?

Piero) Vieni stasera addirittura con la roba, c’è già mia suocera che mi aiuta a finire.

Lorella) Va bene, a stasera allora, vengo un po’ prima e porto la tovaglia, piatti e bicchieri di plastica. Ciao Piero, buongiorno signora Regina (esce di casa).

Regina) Ciao, ciao Lorella. Che carina che è quella ragazza.

Piero) Proprio carina e gentile, ha anche chiesto un paio d’ore di permesso per aiutarci a preparare la festa alla Linda. Loro sono amiche.

Regina) Chi trova un amico trova un tesoro. Su, non stiamo a perdere tempo, andiamo avanti.

Piero) Che bella sorpresa per la mia Linda stasera. Stamattina ho fatto finta di niente chissà come ci sarà rimasta male. Non so se mi spiego, non le ho nemmeno fatto gli auguri.

Regina) Così stasera la sorpresa sarà ancora più bella. Vedrai che bella anche questa stanza con tutti i palloncini appesi.

Piero) Mi sono dimenticato in macchina la pompetta per gonfiarli, Mi scusi, faccio un salto a prenderla.

Regina) Vai tranquillo, intanto io sistemo un poco in giro.

Piero) Mi dispiace per il disordine.

Regina) Non preoccuparti per le faccende, mia figlia fa anche troppo.

Piero) La mia Linda, andando a lavorare, fa fatica a star dietro a tutto.

Regina) Immagino, su, non pensare al disordine, va a prendere questa pompetta per gonfiare i palloncini.

Piero) Sono contento che lei mi dia una mano ad organizzare una bella festa.

Regina) Si tratta del compleanno di mia figlia. Su, non perdiamo tempo Piero, va a prendere questa pompetta per gonfiare i palloncini.

Scena 8 – Regina da  (casa 2) sente le signorine che vogliono ammazzare la trota.

(Piero esce senza chiudere la porta e Regina rimasta sola si aggira per la stanza, spolverando accanto alla tramezza immaginaria sentirà dall’altra parte parlare le signorine che studiano come ammazzare la trota. Regina penserà che vogliano uccidere una persona.)

Alba) Sono preoccupata, non possiamo lasciare Bernardo sempre nella vasca da bagno.

Nene) Cielo, io, il coraggio di ammazzarlo non ce l’ho.

Alba) E annegarlo?

Nene) Beato, come fai ad annegarlo? è già sott’acqua. Non si può annegarlo.

Alba) Sarebbe da dargli una botta in testa. Povero Bernardo

Nene) Non chiamarlo per nome. Guarda ora con che occhi mi guarda. Ha capito che stiamo parlando di lui.

Alba) È vivo, per forza ti guarda.

Nene) Guarda che occhi aperti!

Alba) Non guardarlo negli occhi, se lo guardi negli occhi non si riesce più ad ammazzarlo. Lo sai che facciamo? Gli diamo una bella botta in testa e “ pace amen”.

Nene) Poveretto, che brutta fine.

Alba) E usare una padella?

Nene) Sei sicura di centrarlo al primo colpo? Che non soffra.

(Piero rientra con la pompetta per gonfiare i palloncini.)

Regina) (Gli corre incontro agitata) Piero, Piero dobbiamo fare qualche cosa. Stanno progettando un omicidio.

Piero) Chi sta progettando un omicidio?

Regina) Le due signorine di là (indicando la parete) quelle che stanno nell’appartamento di là.

Piero) Quelle due signorine così a modo? Quelle due sorelle sempre così gentili?

Regina) Ti dico che quelle due sorelle a modo e sempre gentili stanno progettando un omicidio. Vogliono ammazzare qualcuno.

Piero) È impossibile, non sarebbero capaci neppure di ammazzare una mosca.

Regina) Una mosca no, ma un uomo sì.

Piero) Un uomo?

Regina) Tu, Piero, te la ricordi quella commedia “Arsenico e vecchi merletti” di Agatha Christie? Dove le due signorine avevano ammazzato...

Piero) Certo che me la ricordo, ma non ha niente a che spartire con le due signorine che stanno dall’altra parte.

Regina) Anche quelle della commedia erano gentili. Insomma, Piero, l’ho sentito io con le mie orecchie. Voglio ammazzare qualcuno.

Piero) Ammazzare qualcuno? Le due signorine?

Regina) Si, prima volevano annegarlo, poi hanno cambiato idea e volevano dargli una botta in testa.

Piero) Annegarlo? Una botta in testa?

Regina) Con la padella. Vogliono dargli una bella padellata sulla testa.

Piero) Una padellata? E a chi?

Regina) Non sono riuscita a capirlo, lui, quello che loro vogliono ammazzare non parla già più. Non aveva più fiato per parlare. Chissà da quanto tempo è sotto le loro sgrinfie, Ne avrà passato di tutti i colori.

Piero) È impossibile. (Capisce tutto) Ecco, sarà stata la televisione, loro hanno sempre il televisore a tutto volume al mattino.

Regina) La televisione? (È ancora dubbiosa) Non mi sembrava la televisione... Certo che a stare qui si sente tutto.

Piero) Per forza, a dividerci c’è solamente una leggera tramezza. A noi non danno fastidio, di solito stiamo di là (Indica la porta per il resto dell’appartamento).

Regina) Una telenovela? Forse era davvero la televisione.

Piero) Certo, andiamo di là a prendere un paio di sedie da mettere in questa stanza. (Vanno nelle stanze.)

Scena 9 – Le signorine con i sacchi (Casa 1)

(Le due signorine entrano con due sacchi neri. Stanno recuperando della lana, scarti di fabbrica, trasformandola in gomitoli per poi fare una bella coperta da donare alla caritas o alle missioni.)

Alba) Questi sono gli ultimi sacchi, dopo la lana di scorta è finita e dovremo farcene dare dell’altra.

(dall’altra parte si sente gridare Regina mentre per sbaglio batte contro uno spigolo: ahhh)

Alba e Nene) (Guardandosi) Beato cielo, era la voce di una donna.

Alba) Che ci farà ancora in casa di Piero quella signorina?

Nene) Con la Linda fuori di casa!

Alba) E il Piero in casa da solo.

Alba e Nene) (Guardandosi) Lo sai che mi balla un occhio. – Ho dei dubbi - (Si avvicinano alla parete, ascoltano curiose, non sentono più nulla.)

Nene) (Apre la porta d’ingresso e ascolta ancora) Magari hanno gridato nell’appartamento di fronte.

Alba) Cielo, magari è stata una qualche televisione.

Nene) Alla televisione non fanno altro che gridare, cosa credono? che la gente sia sorda?

 (dall’altra parte si sente Regina chiedere: E la musica?)

Alba e Nene) (Guardandosi) Nell’appartamento di Piero c’è ancora quella donna.

 (dall’altra parte si sente ancora Regina chiedere: la birra è nel frigorifero?)

Alba e Nene) (Guardandosi) Beato cielo, questa trinca ancora di prima mattina!

(dall’altra parte si sente Regina chiedere: Il vino? no, due bottiglie non bastano.)

Alba e Nene) (Guardandosi) Mescola la birra col vino!

 (dall’altra parte si sente ancora Regina chiedere: E i liquori? Dove tieni i liquori?)

Alba) Chissà ad arrivare a sera in che condizioni sarà. (Ascolta alla parete, non si sente più nulla.)

Nene) Le donne che bevono mi fanno molto schifo. Non si sente più niente. (Cambiano discorso) A che punto sei con la tua copertina?

Alba) È quasi finita.

Nene) Invece la mia è finita del tutto. Guarda com’è venuta fuori bella.

Alba) Anche la mia viene bella

Nene) A volte mi domando cosa se ne faranno della nostre coperte.

Alba) Cielo, che vuoi che se ne facciano, la usano per coprirsi.

Nene) Nelle “missioni” col caldo che fa non hanno bisogno di coprirsi.

Alba) La useranno quando fa freddo.

Nene) Beato, in Africa non fa mai freddo.

Alba) Non è detto che vadano in Africa. Le suore della Caritas hanno detto che vanno alle missioni. E le missioni ci sono in tutto il mondo.

Nene) Menomale, avevo paura di aver lavorato per niente.

Alba) Quante ce ne sono già fatte di là?

Nene) 24 mi pare, le ho messe nei sacchi grossi, quelli dove prima c’era dentro la lana.

Alba) Hai fatto bene, speriamo che vengano alla svelta a prenderle che ce ne liberiamo.

 (Una delle signorine sarà per caso vicina alla tramezza, nel sentire le voci chiamerà la sorella.)

(dall’altra parte si sentirà)

Regina) Piero sono belli o no i miei palloncini?

Piero) Guarda il mio com’è lungo? Ti piace?

Regina) Impressionante!

Piero) Dai, andiamo di là in camera da letto…(le parole sfumeranno) a prendere…

(Alba e Nene prima ascoltano scandalizzate poi commentano.)

Alba e Nene) (Guardandosi) Beato cielo, Piero ha l’amante.

Nene) Pensare che oggi compie gli anni sua moglie. Bel regalo che le fa.

Alba) E sì che mi pareva un uomo a posto. Dobbiamo dirlo a Linda.

Nene) Scherzi, non si può dirlo a Linda proprio oggi.

Alba) Non vorrai certo che Piero la passi liscia.

(dall’altra parte si sentirà)

Regina) Piero, cerca di essere pronto prima di sera.

Piero) Non va mai bene fare le cose in fretta.

Nene) Che scandalo! Beato, io non ho il coraggio di dirle niente.

Alba) Siamo costrette a dirglielo, la moglie è sempre l’ultima a saperlo.

Nene) E come fai a dirglielo, quando glie lo dici?

Alba) Stasera quando viene a prendersi la sua tartaruga. A proposito, hai dato da mangiare alla Carlotta?

Nene) Beato, mi sono proprio dimenticata di Carlotta.

Alba) Magari dorme ancora.

Nene) Bella figura che facciamo con la Linda a lasciare morire di fame la tartaruga.

Alba) E darle da mangiare le foglie della “Carolina”?

Nene) Quale Carolina, quella sul balcone?

Alba) No, quella nel vaso sulla finestra del bagno, è mezzo andata, Non si riprende più, è da buttare.

Alba e Nene) (Mostrando e guardandosi i pollici) Noi non abbiamo il pollice verde.

Nene) È per quello che la “Carolina” muore.

Alba) Mors tua – vita mea. Morire per morire, daremo le foglie da mangiare alla tartaruga Carlotta.

Nene) E se le foglie della Carolina sono velenose ed avveleniamo la tartaruga alla Linda?

Alba) Le tartarughe sono abituate a mangiare di tutto nella foresta. Non sono “cristiani” le tartarughe.

Nene) A proposito di “cristiani”, hai preso le tue pastiglie?

Alba) E tu, ti sei lavata le mani prima di darmi le mie pastiglie?

Nene) (Mostra le mani) Beato, ho le mani che sono consumate a forza di lavarle...

(Vanno a prendere la tartaruga.)

Scena 10 – Anche Piero ha dei dubbi (Casa 2)

(Piero e Regina entrano con una scaletta e appendono un paio di festoni colorati vicino alla tramezza incriminata. Regina si massaggia una gamba.)

Regina) Ho preso una gran botta contro quello spigolo prima. Mi fa ancora male.

Piero) Vuoi metterci sopra la borsa del ghiaccio? o un po’ di pomata?

Regina) No, grazie, è solo una botta. Diventerò tutta nera ma pazienza.

Piero) Vado su io ad attaccare le strisce o vuole salire lei?

Regina) È meglio che vai su tu che sei più giovane. Vai su che io ti tengo la scala.

(Dall’altra parte si sentono le signorine.)

Nene) Beato, come mi rincresce la Carolina.

Alba) Anche a me rincresce, ma se è destinata a morire non ci si può fare niente. Deve morire!

Nene) Anche se dovrà morire lasciami darle un goccio di acqua. Diamole da bere...

Alba) Non darle da bere che non conta niente.

Alba e Nene) Oh beato cielo, ormai è morta.

Regina) Era la televisione?

Piero) No, questa era proprio la voce delle due signorine...

Regina) Mi credi ora Piero? Sì o no?

Piero) (Perplesso) Chissà cosa significava?

Regina) Significava che vogliono far morire la “Carolina”

Piero) Quale “Carolina”? Mi pare che sua nipote non si chiami Carolina, mi pare che si chiami... fammi pensare... Marina. Ecco come si chiama: Marina e la figlia di Marina si chiama Stella.

Regina) Allora non sono loro. Questa si chiama Carolina! Ed è già mezza morta, poverina, non vogliono darle nemmeno un goccio d’acqua. Ma lo sai quanto è brutto morire di sete! Dobbiamo fare qualcosa.

(Dall’altra parte si sentono le signorine.)

Alba) Cielo, guarda che roba. Mi fa perfino impressione. Come si fa a campare senza ossa?

Nene) Povera Carlotta, hai fame? Oh beato, no questo non te lo do.

Alba) Carlotta, non hai paura di morire avvelenata?

Regina) (Scandalizzata) Avvelenata! Hai sentito.

Piero) Ho sentito.

Regina) Quanta gente c’è in quell’appartamento? oltre alle due sorelle assassine!

Piero) Che cosa vorrebbe dire?

Regina) Prima, (elenca sulle dita) e l’ho sentito con le mie orecchie, volevano ammazzare un uomo. Lo hanno chiamato Bernardo. E dopo c’è la Carolina... non voglio pensare in che condizioni sia: più morta che viva (rabbrividendo) non voglio nemmeno immaginarlo. Ed ora c’è questa Carlotta senza ossa. E che fame questa Carlotta, pur di mangiare non ha nemmeno paura di morire avvelenata.

Piero) Noi non ci siamo mai accorti di niente.

Regina) Tutti e due siete fuori tutto il giorno a lavorare. Tu a scuola e Linda in ufficio. Loro non lo sanno che oggi tu sei a casa. Non sanno che le stai ascoltando. Pensano che tu sia al lavoro e di avere campo libero.

Piero) Ma di sera, di festa, non abbiamo mai sentito nessuno lamentarsi o gridare. Non abbiamo mai visto nessuno andare o venire. Non so se mi spiego, che sappia io, che va dentro e fuori dall’appartamento ci sono solo le sue nipoti e ogni tanto le suore della Caritas. Non ho mai visto nessun altro.

Regina) A fare quello che fanno non si fanno certo vedere, faranno tutto di nascosto.

Piero) Anche questo è vero, non sono cose da sbandierare in piazza.

Regina) Hanno una cantina questi appartamenti?

Piero) È un cantinino. Vicino ai garage abbiamo un pezzo ciascuno di cantinino

Regina) Fossi in te andrei a vedere, andrei a metterci il naso.

Piero) Prima vado di là dalle signorine (si avvia).

Regina) (Trattenendolo) Non andare  che è pericoloso. E se ammazzano anche te?

Piero) Cosa vuoi che mi ammazzino, non sono nemmeno capaci di stare in piedi, che paura vuole che mi facciano.

Regina) E se hanno la pistola?

Piero)  Sono tutte e due tremolanti, e anche se prendono la mira, non mirano giusto.Non so se mi spiego, do loro un pugno sulla testa e le abbasso di mezzo centimetro: restano lì paralizzate.

Regina) Piero, io chiamerei la polizia.

Piero) Facciamo sempre a ora a chiamare la polizia, prima voglio andare a vedere.

Regina) Vengo anch’io. Sono cose talmente spaventose che magari la tua parola non basta e ti serve un testimone.

Piero) No, vado da solo. Non si sa cosa posso trovare di là, che non si insospettiscano. E sopra tutto, signora Regina, che lei non si impressioni. Resti qui che vado io.

(Sentono suonare in lontananza il campanello d’entrata delle signorine (o bussare alla loro porta.)

Piero) Hanno suonato di là, dalle signorine.

Regina) Un’altra vittima

Piero) Non c’è tempo da perdere. Andrò di là con la scusa di invitarle per stasera.

Regina) Piero non andare a mani nude.

Piero) (Si guarda attorno cercando un’arma) Non c’è neanche un bastone, servirebbe qualcosa di pesante.

Regina) Pesante? Prendi il ferro da stiro.

Piero) Giusto (esce un attimo e rientra) Dove sarà il ferro da stiro?

Regina) Ti aiuto a cercarlo. (Regina e Piero escono a cercare il ferro da stiro.)

Scena 11 - Marina coi giornali (Casa 1)

(Nella stanza ci saranno ancora i sacchi ben gonfi e il malconcio vaso di fiori delle “caroline” quasi secco. Suona il campanello d’entrata o bussano alla porta. Le due signorine vanno ad aprire. Nene avrà in mano il vassoietto delle medicine. Entra Marina con il pane e i giornali.)

Marina) Ciao zie, scusatemi se ho suonato ma prima ho dimenticato qui le mie chiavi.

Alba e Nene) (Le raccattano sul tavolo e glie le porgono.) Eccole qui.

Marina) Ed ecco qui il pane fresco ed i giornali.

Alba e Nene) Grazie per il pane fresco.

Marina) Di niente zie.

Alba e Nene) Ma non vogliamo che ci compri i giornali, ci sono sopra solo brutte cose.

Alba) Tutte brutte cose e sempre le stesse cose.

Nene) Sono anni che scrivono sempre quello, sempre le stesse cose.

Alba e Nene) (Guardandosi) Di politica.

Alba) (A Marina o al pubblico) Che a noi non interessa.

Alba e Nene) (Guardandosi) Di scandali.

Alba) Tutti i giorni c’è qualcuno che frega dei miliardi.

Alba e Nene) (Guardandosi) Di guerre

Alba) Ci sono sempre state e sempre ci saranno.

Alba e Nene) (Guardandosi) E di morti.

Alba) C’è sempre qualcuno che ammazza qualcun altro.

Nene) E dopo di notte ci vengono gli incubi.

Alba e Nene) Beato cielo! Perciò: abbiamo deciso di non guardare più la televisione.

Alba) E di non leggere più i giornali.

Alba e Nene) Gli ultimi anni che campiamo vogliamo campare tranquille, serene.

Alba) E vogliamo dormire di notte.

Marina) Ho capito, ma a leggere tenete la memoria sveglia. Dovete leggere, non so, fare le parole crociate, se non volete che il cervello vada in tanta malora dovete usarlo.

Nene) Beato! Con tutte le pastiglie che beviamo, non va in tanta malora di certo.

(Mentre le due signorine parlano, Marina darà una scopata o una spolverata alla stanza.)

Nene) A proposito, hai preso la tua pastiglia Alba?

Alba) E tu ti sei lavata le mani prima di darmela?

Nene) Certo che me le sono lavate, ho le mani consumate a forza di lavarle.

Alba) Cielo! Sono stufa di prendere pastiglie, fanno bene da un lato e fanno male dall’altro.

Nene) Questa puoi berla. (Legge il foglietto.) I più comune effetti collaterali sono: sonnolenza e/o astenia, che sono di norma transitori, aumento di peso e/o aumento dell’appetito.

Alba) È per quello che sono ingrassata.

Nene) Sei ingrassata perché mangi di più di quello che dovresti, (Legge) depressione per la quale risultano maggiormente a rischio le donne in menopausa.

Alba) Visto, visto che fanno male.

Nene) (Legge) Sintomi extra piramidali, quali bradicinesia...

Alba) Cosa significa bradicesia?

Nene) Non lo so, domanderemo al dottore...

Alba) ... così ci dice che dobbiamo prenderle senza discutere.

Nene) Lasciami andare avanti a leggere (legge) rigidità ossea, acatisia...

Alba) Cielo, cosa è l’aticasia?

Nene) (Seccata) Che t’importa di cosa è. Lasciami andare avanti a leggere...

Alba) Ti sei lavata le mani prima di toccare le pastiglie?

Nene) Non sto toccando le pastiglie, sto leggendo, se mi lasci leggere... discinesie orofacciali, tremori, per i quali risultano particolarmente a rischio i soggetti anziani.

Alba) Sei sicura? Come fanno a far bene se fanno venire tutte quelle brutte cose?

Nene) Non le fanno venire, c’è scritto solo che c’è il rischio che vengano.

Alba) Fanno bene da un lato e male dall’altro.

Marina) (Mettendosi in mezzo) Mi fate girare la testa, zie. Fermatevi un momento che vi saluto. Verrò prima di sera a vedere come va.

Alba e Nene) Sì cara, ciao cara e salutami la tua mamma.

(Marina prende le chiavi ed esce senza chiudere la porta a chiave.)

Scena 12 – ancora medicine (Casa 1)

Alba e Nene) (Guardandosi) Com'è stata gentile a preoccuparsi del nostro cervello.

Nene) Beato, certo che si preoccupa, ci vuole bene ed ha paura che il cervello ci vada in malora.

Alba) Hai spiegato bene al dottore come stanno le cose?

Nene) Si, e mi ha detto che devi bere le pastiglie che ti ha ordinato.

Alba) Cielo, tutte queste pastiglie, faranno male?

Nene) Ha detto il dottore che l’unica cosa che ti può succedere, ma non è detto che succeda, è che puoi riempirti di macchie.

Alba) Così continuerò a grattarmi come se avessi la rogna. Non le bevo quelle pastiglie, nemmeno a parlarne.

Nene) Ha detto che oltre alle macchie possono venirti dei giramenti. Può darsi, ma non è detto.

Alba) Ti ho detto che quella pastiglia non la prendo più.

Nene) Lasciami andare avanti a leggere il foglietto che c’è nella scatola.

Alba) Non hai letto abbastanza? A questo punto è meglio morire che continuare a prendere tutte quelle porcherie.

Scena 13 – Piero va dalle signorine

(Piero suona il campanello d’entrata alla porta della casa delle 2 signorine.)

Alba e Nene) Beato cielo, chi sarà?

Alba) Fino a che non andiamo ad aprire non possiamo saperlo.

Nene) Sta attenta, ci hanno raccomandato di non aprire a nessuno per via delle truffe agli anziani.

Alba) (Alla sorella) Prima di aprire chiederemo chi è.

Alba e Nene) (Alla porta) Chi è?

Piero) (Fuori dall’uscio) Sono Piero, signorine, apritemi.

Alba e Nene) Quale Piero?

Piero) Quello che vi sta vicino.

Alba e Nene) E come mai non sei andato a lavorare Piero?

Piero) Apritemi che vi spiego.

Alba e Nene) (Alla porta) Noi non apriamo a nessuno, nemmeno a te.

Alba) Ma guarda questo che pretese.

Piero) Su da brave, apritemi (apre piano la porta e spia all’interno) devo domandarvi una cosa.

Alba e Nene) Beato cielo! La Marina si è dimenticata di chiudere a chiave.

(Entrambe chiudono la porta e mentre parlano vi si appoggiano contro per tenerla ben chiusa.)

Alba) Poverina, speriamo che non vada il cervello in tanta malora anche alla Marina altrimenti stiamo fresche.

Nene) Beato, speriamo di no, che faremo mai noi dopo senza la Marina?

Piero) Allora, volete aprirmi sì o no?

Alba e Nene) Uno che si comporta male non mette piede nella nostra casa.

Nene) Di sicuro vuol venire a dirci di non dire niente alla Linda per il fatto che non è andato a fare scuola.

Alba) ... e per quella di prima tutta elegante.

Piero) Signorine, apritemi per piacere, devo chiedervi se stasera...

Alba e Nene) Neanche a parlarne.

Alba) (Alla sorella) Visto, visto che ha la coscienza sporca.

Nene) Beato, una coscienza nera come un cappello.

Alba) Che vergogna, fare certe cose...

Nene) ... e per de più in casa sua!

Alba) Nel suo letto! Oh cielo, è proprio grossa.

Nene) Non penserà certo di farla franca.

Alba) Stasera aspettiamo Linda sulle scale...

Nene) ... non la facciamo nemmeno entrare in casa sua.

Alba) ...e le parliamo subito.

Nene) Diglielo con le parole giuste però, che non se ne risenta.

Alba) E certo, non vorrai che la faccia piangere, poverina.

Nene) Sta mattina, quel malmaturo non le ha nemmeno fatto gli auguri che compiva gli anni.

Piero) (Suonando per l’ultima volta il campanello d’entrata) Apritemi signorine.

Alba e Nene) (Guardandosi) È duro di comprendonio!

Alba) (Alla porta) Non ti apriamo Piero, siamo arrabbiate con te.

Piero( Dall’esterno) Perché, che vi ho fatto?

Alba e Nene) (Con gravità) Ascolta la tua coscienza.

Nene) Prima rovescia il latte e poi piange.

Alba) Non attacca con noi.

Nene) Non ti apriamo Piero. Vuoi capirla sì o no.

Piero) E va bene, fate senza aprirmi, però ascoltatemi...

Alba e Nene) Siamo tutt’orecchio...

Piero) Stasera non cenate, venite qui dalla Linda che le facciamo una bella festa (se ne va).

Alba e Nene) (Guardandosi) Si sente proprio in colpa.

Alba) E vuole riparare con una festa.

Nene) E se gliela facessimo noi due una bella festa alla Linda?

Alba) Non sarebbe un cattivo pensiero.

Nene) Lo sai che facciamo? Le prepariamo una bella festa.

Alba e Nene) (Guardandosi) Lo sai che facciamo? Le prepariamo una bella torta. (Escono.)

Fine primo atto

ATTO SECONDO

Scena 1 –  la torta per Linda (Casa 1)

Nene) (Entra con la torta, la depone) Ecco fatto il becco all’oca, la torta per la nostra Linda è pronta.

Alba) (Entra) Ti sei lavata le mani prima di impastarla?

Nene) Certo, a parte il fatto che la torta è stata nel forno e il calore brucia tutti i microbi.

Alba) Fammi vedere le mani.

Nene) Beato, sempre sospettosa (facendole vedere le mani) guarda, ho le mani consumate a forza di lavarle. (Indica la torta) Per te è cotta?

Alba) Per sapere se è cotta bisogna infilare dentro un ago da calza. Se esce bello liscio è cotta. Se invece resta attaccato qualcosa è ancora cruda e si deve farla cuocere ancora. Andiamo a prendere l’ago e proviamo.

Nene) Chi t’ha detto che si deve fare così?

Alba) (Nell’uscire) Ho idea che sia stata la Marina.

Nene) (La segue.) Credevo che te lo fossi inventato tu.

(Escono.)

Scena 2 –  Lorella (Casa 2).

(Lorella suona il campanello d’entrata o bussa, Piero va ad aprire)

Piero) Ciao Lorella

Lorella) Ti ho portato la roba Piero, ho portato anche la tovaglia per il tavolo del balcone.

Piero) Andiamo sul balcone che la signora Regina sta mettendo le lanternine.

Lorella) Chissà che belle saranno stasera tutte accese.

Piero) E dopo a filo della ringhiera ha messo tante candele. Hai avuto un’idea stupenda.

Lorella) Oltre che a star bene, non verranno le zanzare.

Regina) (Entra) Le candele sono sistemate.

Lorella) Vado a vedere com’è venuto il balcone. E dopo sistemo la tovaglia.

Regina) Fra poco vengo anch’io.

(Lorella esce.)

Scena 3 - Piero e Regina non sanno che fare (Casa 2)

Regina) Lo sai cosa ti dico Piero? se non avessero avuto nulla da nascondere ti avrebbero aperto.

Piero) Invece non mi hanno lasciato andare dentro, mi hanno chiuso la porta in faccia.

Regina) Io sono sempre dell’idea di chiamare la polizia.

Piero) Prima mi piacerebbe avere le prove. Magari c’è una spiegazione del perché si comportano così.

Regina) Che spiegazione vuoi che ci sia. Con tutto quello che si sente alla televisione non c’è da farsene meraviglia. Tutti che si ammazzano, che si sparano, violenza sopra violenza, se ne sentono di tutti i colori.

Piero) Si, ma non dalle nostre parti.

Regina) Anche dalle nostre parti non sono più rose e fiori come una volta.

Piero) Mi pare quasi impossibile. Due signorine così a modo. Devo pensarci sopra, non so che fare.

Regina) C’è poco da fare Piero. Se vuoi sentire il mio consiglio, chiamiamo la Lorella, molliamo tutto ed andiamo via da questa casa. Subito e alla svelta.

Piero) È più facile dirlo che farlo. Fra poco arriverà un sacco di gente, se vengono e non ci trovano facciamo una figura straccia.

Regina) E se quando vengono ci trovano morti? E’ peggio ancora. Appena torna mia figlia vado via con lei. Dopo quello che ho sentito ho perfino paura ad uscire dalla porta. Piuttosto, sei andato a vedere nel cantinino?

Piero) Si, c’è tutto a posto. Era chiuso a chiave, ma si può vedere dentro perché c’è la rete attorno. Hanno dentro due biciclette stracce e tutte cianfrusaglie.

Regina) Hai guardato il pavimento? Che non abbiano fatto una buca? Magari hanno fatto una buca e sopra ci hanno messo le cianfrusaglie e le biciclette per nascondere tutto.

Piero) Il pavimento è di cemento, non si possono fare dei buchi.

Regina) Peccato, altrimenti avresti avuto le prove. Chissà quanti ne hanno ammazzati.

Piero) È una cosa che non sta né in cielo né in terra. Non so se mi spiego, non mi sembrano due assassine, mi sembrano due persone normali.

Regina) Gli assassini sono tutti normali. Non lo sai che sono assassini fino a che non ammazzano qualcuno.

(Dall’altra parte si sentiranno le signorine.)

Alba) Buca, buca bene.

Nene) L’ago ha la punta spuntata.

Alba) Lascia fare a me.

Regina) Non sei proprio riuscito a vedere niente nella loro casa?

Piero) Sono riuscito solo a mettere dentro la testa e di strano ho visto un paio di sacchi e basta.

Regina) Chissà cosa ci sarà stato dentro in quei sacchi?

Piero) Gonfi erano gonfi.

Regina) Sono sempre più preoccupata.

Piero) Il fatto è che se non escono di casa non si può andare dentro a spiare.

(Dall’altra parte si sentiranno le signorine.)

Alba) Guarda cosa è rimasto attaccato all’ago.

Nene) Ho capito, dentro ancora nel forno.

Regina) Non possiamo restare qui senza fare niente, magari sono di là che torturano qualcuno.

Piero) Però non si sente gridare.

Regina) L’avranno tramortito. Fa qualcosa Piero

Piero) Che posso fare?

Regina) Chiama la polizia, ci penseranno loro.

Scena 4 –  piano UNO e piano DUE (Casa 2)

Piero) No, senta il mio piano: quando arriva la Linda la mandiamo a invitarle alla festa.

Regina) No, la Linda di là non ci va. Non la mando a parlare con due assassine.

Piero) Ha già fatto il processo?

Regina) No, ma il tuo piano parte col piede sbagliato. Invitarle! Figurarsi! Non voglio trovarmi nella stessa stanza con due assassine.

Piero) Invece il mio piano va benone. Quando le signorine saranno in mezzo alla gente, lei, signora Regina le tiene d’occhio e io vado a vedere cosa nascondono. Non so se mi spiego, troviamo le prove e dopo, con le prove in mano chiamiamo la polizia. Questo è il piano DUE.

Regina) Prima del piano DUE c’è il piano UNO.

Piero) Il piano UNO è più semplice, tenteremo di far loro saltare il fosso. Come dire, di farle, non dico confessare, ma se si tradissero nel parlare, non so se mi spiego con tutti i testimoni che ci saranno, le incastriamo. E dopo chiamiamo la polizia.

Regina) L’idea è buona ma c’è da stare un grande attenti.  Piero, ma ti rendi conto?! E se ci avvelenano il bere?

Piero) Sarà compito suo badare a loro signora Regina, controllarle che non facciano sciocchezze. (Toccandosi le orecchie) Tenere i radar in funzione.

Regina) Sono in due, se una va da una parte e l’altra da un'altra io che faccio? Mi divido a metà?

Piero) Vedrà che staranno sempre insieme, sempre attaccate. Dove va una va anche l’altra. Non farà fatica a spiarle. E mi raccomando, faccia finta di niente, che non se n’accorgano.

Lorella) (Entra) C’è rimasto ancora qualche palloncino?

Regina) C’è il sacchetto appoggiato sul frigorifero in cucina.

(Lorella esce.)

Regina) A che ora arrivano tutti?

Piero) Questo che ho organizzato si chiama “Happy hours” ognuno viene quando vuole e si ferma fin che vuole. Viene tanta gente, ma non tutta insieme.

Scena 5 – Piero e Regina perfezionano il piano UNO. (Casa 2) 

Regina) Con tanta gente è più facile chiacchierare di tante cose e far cadere i discorsi dove si vuole...

Piero) ... e far loro saltare il fosso. Visto che ha capito. Allora, le signorine hanno parlato di una “Carlotta”.

Regina) E di una Carolina e di un signor Bernardo.

Piero) Partiamo dalla Carlotta. (Pensa) Carla, Carlina, Carlona. Faccia finta di niente e porti il discorso sui proverbi e sui modi di dire alla bresciana: esempio “fanno i lavori alla Carlona – cioè fanno i lavori in tanto al sacco, cioè male.

Regina) Prima si dovrebbe partire da una Carla e arrivare dopo: alla Carlona e dopo ancora alla Carlotta.

Piero) Giusto. Partire con Carla (pensa e trova) “La Signorina Carla” di  Elio Pagliarani?

Regina) Elio Pagliarani scrive poesia?

Piero) Ma no, non è il politico, è uno già morto. Mi lasci andare avanti, io parlo della poesia “la Signorina Carla” e lei dice alle due signorine che al giorno d’oggi fanno i lavori alla Carlona e alla fine arrivo ancora io con la Carlotta, (idea!) l’amica di Nonna Speranza.

Regina) Nonna Speranza?

Piero) Ma si, quella di Guido Gozzano.

Regina) Non la conosco...

Piero) Quella che fa “Loreto impagliato e il busto d’Alfieri, di Napoleone...”

Regina) Ma allora è una poesia anche questa.

Piero) Certo, loro lo sanno che insegno italiano alle medie. Con la poesia posso far finta di niente.

Regina) Menomale che fai il professore e sai un sacco di cose.

Piero) E se con la Carlotta non si sbilanciano, passeremo alla Carolina. Di Caroline famose non ce ne sono molte.

Regina) Ci sarebbe la Mucca Carolina. Quella che fa: tolóm-tolóm tolóm-tolóm eh-là! Però mi pare duro mettere dentro una “vacca” nel nostro discorso.

Piero) Perché? Ce ne sono di “vacche” in giro!

Regina) Sì, ma parlarne non è fine. (Pensa) Altrimenti ci sarebbe la canzone (canticchia) “Dai dai dai Carolina dai - dammi un bacio e non ti pentirai” io la canto e a questo punto intervieni tu.

Piero) Che dovrei fare?

Regina) Chiedi se loro conoscono una qualche Carolina.

Piero) Così a botta fredda?

Regina) Puoi dire che ai tempi di quella canzone tu avevi una fidanzata che si chiamava Carolina. Dopo chiedi se loro conoscono una Carolina.

Piero) Ho capito, restiamo d’accordo così.

Regina) Però resta fuori il signor Bernardo?

Piero) Quale Bernardo?

Regina) Quello che volevano annegare, quello che, poveretto, volevano dargli una pacca sulla testa. Il primo in pratica.

Piero) Quello che non era più capace di dire una parola?

Regina) Proprio quello.

Piero) Fammi pensare... Bernardo... Bernardo... ci sarebbe il paguro Bernardo.

Regina) Cosa è un paguro? Non stiamo a prendere parole difficili. Portiamo il discorso sui cani San Bernardo.

Piero) Giusto. Partiamo parlando di vacanze...

Regina) ... io dirò che non so se è meglio il mare o la montagna...

Piero) ... io dirò che preferisco la montagna...

Regina) ... che in montagna ci sono le valanghe...

Piero) ... che in Montagna ci sono i cani che tirano fuori gli uomini dalle valanghe...

Regina) ... che sono addestrati...

Piero) ... che si chiamano San Bernardo...

Regina) ...e chiediamo se conoscono un Bernardo.

Piero) In pratica il piano UNO ha 3 trappole. Allora, ricapitoliamo.

Scena 6 – gli ultimi preparativi (Casa 2)

Regina) (Si concentra) Dobbiamo portare il discorso: speriamo di non sbagliare 1) sulla poesia  2) sui proverbi e 3) sulle vacanze.

Piero) Ma prima di tutto, cosa deve fare Signora regina? Qual è la cosa più importante?

Regina) Prima di tutto devo tenerle d’occhi che non avvelenino il bere. E tenerle d’occhio mentre tu vai a curiosare nel loro appartamento.

Piero) E così, con le prove in mano, quelle che troveremo e quelle che saremo stati capaci di far confessare, inchiodiamo le due signorine al muro e chiamiamo la polizia.

Regina) Sta attento quando andrai di là. E non accendere la luce, prendi con te una torcia.

Piero) Buona idea.

Regina) Io vado a darmi una lavata e una rinfrescata. Tu sta attento alla Linda che non torni e che invece di venire subito dentro non vada prima a salutare le due signorine.

Piero) Lei vada pure, io resto qui sulla porta, come arriva la prendo e la faccio venire dentro.

Regina) Stai attento. È meglio non farle correre dei rischi. Lei non sa quello che abbiamo scoperto.

Piero) Vada tranquilla, starò attento (guarda l’orologio al polso poi si affretta a posizionarsi sulla porta d’entrata per spiare l’arrivo di Linda).

Regina) Peccato perché così roviniamo la sorpresa alla Linda. Siamo stati tutto il giorno a preparare per niente. Sarebbe stato bello quando varcava la porta dirle:: auguri, auguri.

Piero) (Sulla porta.) A volte si deve fare quello che si può e non quello che si vuole.

(Regina esce a rinfrescarsi.)

Scena 7 – si vedranno tutti e 2 gli appartamenti. Arriva Linda

(Si visualizzeranno le due porte d’entrata. La scena sarà divisa a mezzo e si vedranno tutti e due gli appartamenti. Alba e Nene si alterneranno per cercare di essere più convincenti. I personaggi saranno sulla porta. Eventualmente chi parla tirerà Linda per un braccio dalla sua parte facendole fare tira e molla.)


Casa 1 – Le signorine

Alba) Ciao Linda, vieni senti...

Alba) Linda dobbiamo dirti una cosa

Nene) Non ascoltare tuo marito

Nene) Tu non sei quello che sembri, non noi.

Alba e Nene) (Guardandosi) Non vuole che gli e lo diciamo. Lo sa di essere in colpa.

Alba)  (Alla porta) Due minuti solo Linda, non ti faremo perdere tempo.

Alba e Nene) Linda, vieni a prendere la torta che ti abbiamo preparato apposta per festeggiare il tuo compleanno.

Casa 2 – Piero e Regina

Piero) Vieni qui di corsa Linda, non fermarti dalle signorine.

Piero) Non parlare con loro.

Piero) Non ascoltarle Linda, non sono quelle che sembrano.

Piero) Sono tuo marito, ascoltami, vieni qui Linda.

Piero) Una volta ogni tanto Linda, fa quello che ti dico per favore.

Piero) Caspita non posso dirle tutto chiaro e tondo qui sulla porta, sono cose delicate, non so se mi spiego.

Scena 8 – le signorine raccontano a Linda di Piero

(Linda infine entra dalle signorine lasciando la porta socchiusa.)

Linda) (Risentita, al pubblico) Lui non si è nemmeno ricordato di farmi gli auguri. (Alle signorine) Avete fatto una torta per me?

Alba e Nene)Beato cielo,certo apposta per te. Per il tuo compleanno!

Linda) Come siete state gentili!

Alba e Nene) Noi ce l’abbiamo messa tutta.

Alba) A vederla non è tanto bella.

Nene) Ma l’abbiamo assaggiata e ti garantisco che è buona.

Alba) Almeno ti resterà la bocca dolce.

Linda) Perché deve restarmi la bocca dolce?

Alba e Nene) Perché quello che dobbiamo dirti è amaro!

Linda) Amaro?!

Alba e Nene) Il tuo Piero ha un’altra donna.

Linda) No, davvero?!

Alba e Nene) Beato cielo, è tutto  il pomeriggio che studiamo come dirtelo.

Alba) ... che cerchiamo le parole gentili...

Nene) ... per non farti patire...

Linda) E voialtre come fate a sapere che il mio Piero ha un’altra donna, non uscite mai di casa.

Alba e Nene) Perché lei, è venuta qui.

Linda) Qui? (indicando) in questo appartamento?

Alba e Nene) Beato cielo, non qui, ma nel tuo appartamento.

Alba) Cielo, se non l’avessi vista con i miei occhi non ci crederei.

Nene) E per farsi perdonare...

Alba) ... si vede che ha la coscienza sporca...

Nene) ... ti ha preparato la festa per il tuo compleanno!

Alba) È venuto perfino a dirci di non dirti che oggi lui non è andato a lavorare.

Linda) Piero oggi non è andato a lavorare?

Alba e Nene) No! È restato a casa tutto il giorno.

Piero) (Entra nell’appartamento delle signorine.) La porta era aperta e sono venuto dentro. Ciao Linda, guarda che di là c’è la tua mamma.

Linda) La mia mamma?

Piero) Sì, è venuta per festeggiarti, andiamo di là che ti aspetta. Venite anche voi signorine, andiamo tutti a festeggiare la nostra Linda.

(Escono tutti e vanno a  festeggiare Linda. Le signorine porteranno la loro torta Piero uscirà per ultimo e farà vedere che si tiene la chiave. Il piano è che, quando saranno tutti a festeggiare, lui andrà a curiosare a casa delle signorine, solo che nel frattempo sarà arrivata Marina che ha le sue chiavi per entrare.)

Scena 9 – inizia la festa (Casa 2)

(Piero fa entrare in casa  per prima Linda che nel vedere festoni e palloncini capisce che le è stata preparata una festa. Entrano in scena Regina, Lorella e se ci sono altri amici.)

Tutti) Auguri, auguri, auguri.

(Entrano le 2 signorine seguite da Piero. Si salutano, Linda corre tra le braccia della madre.)

Alba e Nene) Che bella mamma che hai cara Linda, che mamma gentile.

(Suona il campanello d’entrata o bussano alla porta, Piero va ad aprire ed entra Nestore, marito di Regina e padre di Linda. Ancora presentazioni, saluti e feste. Per non sovraffollare la scena, le signorine e gli invitati andranno nelle altre stanze e rientreranno ogni tanto chiacchierando con un bicchiere o con una tartina.)

Nestore) Ciao a tutti. Forse cara Linda, per colpa tua ho preso una multa e cinque punti...

Linda) Una multa e cinque punti per colpa mia?

Nestore) Cinque punti sulla patente. Avevo paura di arrivare in ritardo alla tua festa e così sono passato col rosso. (Alla moglie) E forse cara Regina, anche per colpa tua ho preso una multa.

Regina) (Arrabbiata) Devi smetterla Nestore, i soldi delle multe sono tutti buttati fuori dalla finestra.

Linda) (Intromettendosi) Calma mamma, come hai fatto ha prendere una multa per colpa della mamma?

Nestore) Mi aveva detto di fermarmi a comprarti un regalo e così ho parcheggiato in doppia fila. (Porge la multa alla moglie e il regalo alla figlia.)

(Senza interferire nel dialogo rientreranno in scena le 2 signorine.)

Linda) Grazie papà.

Piero) (Si avvicina sorridendo alla moglie con un regalo) Tanti auguri cara Linda.

Linda) (Si scansa alle sue avances e gli sibila all’orecchio) Falso come Giuda. (Agli altri) che bel pensiero, chissà cosa ci sarà dentro, (a Piero) dopo facciamo i conti (esce a depositare i regali).

Nestore) Dov’è che c’è da bere?

Regina) Di là, però non esagerare come al tuo solito (esce).

Nestore) Cara Regina, io non esagero mai, movimento appena un poco la mia vita (esce seguendo la moglie ed accennando a dei passi di danza.)

Scena 10 - Piero e Regina mettono in pratica il piano UNO

(Lorella e altri amici e colleghi animeranno la festa. Dall’appartamento rientra in scena Regina e dopo un cenno d’intesa, con Piero si avvicina alle signorine, tutti avranno un bicchiere in mano.)

Regina) (Alquanto agitata e preoccupata.) Che caldo che fa con tutta quella gente.

Piero) Alla Linda tutti vogliono bene, ha un sacco di amici, e ho invitato anche i suoi colleghi.

Regina) Hai fatto le cose in grande, le cose fatte giuste e non alla Carlona.

Piero) (Sottovoce a Regina) Prima si doveva partire dalla Carla e dopo arrivare alla Carlona e dopo ancora alla Carlotta.

Regina) (Sottovoce a Piero) Pensare che sono stato così attenta a non sbagliarmi.

Piero) (Sottovoce a Regina) Si rilassi, è la tensione, lo stress.

Regina) (Sempre sottovoce a Piero) Trovarmi vicino a due assassine mi manda in confusione. E così cosa facciamo?

Piero) Andiamo avanti col nostro piano. (Alle signorine) Chissà come mai dicono fare i lavori alla Carlona?

Regina) (Leggermente agitata) Di Carlone non ne conosco però, conosco la “La Signorina Carla” di  Elio Pagliarani?

Alba e Nene) La figlia del politico?

Regina) Ma no, quella della poesia. Invece in quella di Gozzano c’è “la signorina Carlotta” amica di nonna Speranza

Alba e Nene) Gozzano il politico?

Regina) (Spiazzata) No, Gozzano il poeta.

Alba e Regina) Allora non lo conosciamo.

Piero) (Interviene) Insieme alla Carlotta c’è anche la Carolina.

Alba e Nene) Quale Carolina? quella di Monaco?

Regina) (Sottovoce a Piero) Noi non avevamo nemmeno pensato alla Carolina di Monaco.

Piero) (Sottovoce a Regina) Fa nulla, andiamo avanti col nostro piano.

Regina) E c’è anche la Mucca Carolina...

Alba e Nene) Tolom-tolom-tolom-tolom – eh là!

Alba) Cielo, la Mucca Carolina? Perché?

Nene) Perché di vacche ce ne sono tante in giro.

Piero) Più di quello che si pensa.

Regina) E c’è anche una canzone che fa (canticchiando) “Dai dai dai Carolina dai... dammi un bacio e non ti pentirai...”

Alba e Nene) (Si mettono a cantare ripetendo il ritornello) “Dai dai dai Carolina dai...dammi un bacio e non ti pentirai...”

Linda) (Entra col bicchiere. Offesa per il presunto tradimento non si rivolgerà mai al marito) Come siamo allegri da queste parti. Vieni mamma che ora soffio sulle candeline, andiamo a tagliare la torta.

(Linda esce portandosi appresso le signorine. Regina e Piero restano soli.)

Piero) Non si sono sbilanciate, non so se mi spiego, mi sembra che il piano UNO sia fallito. Dov’è che abbiamo sbagliato?

Regina) Abbiamo sbagliato perché non siamo dei professionisti. Lo sai cosa abbiamo fatto? Abbiamo continuato a parlare noi senza lasciare parlare loro.

Piero) Ha ragione signora Regina. Ad essere dilettanti non si arriva a tutto. E a me, non mi è venuto in mente di dire loro che una volta io avevo una fidanzata che si chiamava Carolina.

Regina) Ed è rimasto fuori il signor Bernardo.

Piero) Quale Bernardo?

Regina) Quello che volevano annegare, quello che volevano dargli una pacca sulla testa con la padella. Il primo.

Piero) Quello che non era più capace di dire nemmeno una parola?

Regina) Proprio quello. Dovevamo portare il discorso sulla vacanza, sulla montagna, sulle valanghe, sui cani da valanga, sui San Bernardo che sono addestrati...

Piero) E dovevamo domandare loro se conoscevano un Bernardo.

Regina) Il nostro piano era un signor piano, studiato giusto.

Piero) Peccato che sia andato fallito. Fa niente, passiamo al piano DUE.

Linda) (Entra a chiamare la madre) Mamma, stiamo aspettandoti per la torta (esce).

Regina) Arrivo subito cara (si avvia poi torna sui suoi passi, a Piero) E allora che facciamo? Piano DUE!?

Piero) Piano DUE. Lei stia attenta che le signorine non avvelenino il bere. Ed io andrò a curiosare dall’altra parte.

Regina) Mi raccomando, sta attento Piero, prendi una torcia.

Piero) Giusto, la torcia, però mi servirebbe anche un maglione nero per non dare nell’occhio.

Regina) Ti servirebbe anche un passa montagna.

Piero) Mi accontenterò di una sciarpa...

(Entrambi escono dalla scena, Regina per la torta e Piero per attrezzarsi.)

Scena 11 - Marina si scontra con Piero (Casa 1)

Marina) (Entra) Toh, non c’è nessuno, (chiama e cerca) Zia Alba? Zia Nene?

(Sente ridere dall’altra parte)

Marina) Saranno andate di là dal Piero e dalla Linda a fare festa. Fa niente. Prima do un’occhiata se va tutto bene e poi andrò di là anch’io. (Raccattando qualcosa.) Badare a due case è duro, ma che si deve fare. Fin che posso tengo da conto le mie zie e poi vedremo. La roba da lavare l’ho presa ieri, guardiamo in cucina se mi hanno preparato la lista della spesa per domani mattina (esce).

(Piero entra con molta cautela e con un’acetilene, si aggira furtivamente per la stanza, controlla i sacchi,  poi va a curiosare nel resto dell’appartamento. Ovviamente dopo un poco si scontra con Marina che grida dallo spavento escappa. Piero scappa e torna a casa sua.)

Marina) (Si riaffaccia sulla scena con un matterello in mano) Che spavento. Per poco non sono riuscita a prenderlo. Ma guarda un po’ questo qui, che coraggio! Venire a rubare in casa delle mie zie (rientra da dove è venuta).

Scena 12 – Piero e Regina confabulano (Casa 2)

(Dalla porta d’ingresso Piero rientra nel suo appartamento col fiatone, va all’altra porta e fa cenno alla suocera di venire. Si sentiranno i classici rumori di una festa, piatti e posate che vengono usati, un  vocio indistinto e vari cin cin. Regina entra in scena.)

Regina) E allora?

Piero) Allora niente. Sono scappato fallito a gambe levate.

Regina) Senza trovare niente? Nemmeno un morto?

Piero) Ho trovato un vivo e ho preso un grosso spavento.

Regina) Un vivo?

Piero) Una viva, era una donna.

Regina) Sei sicuro che fosse viva?

Piero) Altro che, ha iniziato a gridare come una matta e io sono scappato, che avrei dovuto fare.

Regina) Sei almeno riuscito a guardare nella vasca da bagno?

Piero) Sì, era piena d’acqua e dentro c’era un pesce che nuotava.

Regina) Un pesce nella vasca da bagno ?

Piero) Un pesce, le dico, sembrava una trota. Di sicuro non era un pesce rosso.

Regina) E i sacchi? Sei riuscito a vedere cosa c’era dentro?

Piero) Pieni di stracci.

Linda) (Si affaccia sulla porta) Non vieni a farmi festa mamma? Che state confabulando? (Rientra)

Regina) (Alla figlia) Veniamo, veniamo. (A Piero) Vai tu, dammi le chiavi e la torcia, vado io a dare un’occhiata di là.

Piero) Sta scherzando?

Regina) Non ne leggi di gialli tu? Il delitto perfetto non esiste. Gli assassini fanno sempre qualche errore. E io voglio trovare l’errore. Vuoi le prove prima di chiamare la polizia? E io ti troverò le prove (esce.)

Piero) (Al pubblico) Se non ci sono riuscito io che sono un uomo, figurarsi se ci riesce lei che è una donna.

Scena 13 –  spiegazioni fra Linda e Piero (Casa 2)

(Piero va a far festa, dopo qualche attimo rientra al seguito di una Linda seccata e battagliera.)

Linda) (Seccatissima) La smetti sì o no! Tieni giù le mani e non arrischiarti a toccarmi.

Piero) Mi dispiace cara Linda che la sorpresa del tuo compleanno sia stata rovinata per colpa delle due signorine.

Linda) Ah, la colpa ora è delle due signorine. Cosa avrebbero dovuto fare secondo te, fare silenzio?

Piero) Linda, la situazione è grave, non so se mi spiego, peggio di quello che pensi.

Linda) Immagino, immagino come è grave.

Piero) Se ti racconto come è stata non mi crederai. Ho parlato anche con la tua mamma...

Linda) (Interrompendolo con voce alta) Non mettere in mezzo la mia mamma.

Piero) Linda, abbassa la voce per favore, per il momento gli altri non devono sentire, non devono sapere niente.

Linda) Prima o dopo verranno a saperlo.

Piero) Certo, è una cosa da non sottovalutare...

Linda) ... giusto, andiamo a fondo di tutta la faccenda.

Piero) La mia idea era proprio quella, di andare fino in fondo.

Linda)  E chiarire fuori tutto. Era ora.

Piero) Senti cara Linda...

Linda) (Interrompendolo) ... e non chiamarmi (imitandolo) “cara Linda”.

Piero) Va bene, Linda e basta. Senti, stamattina non sono andato a lavorare…

Linda) ... bella roba.

Piero) Lasciami parlare. Non so se mi spiego, prima o dopo scoppia fuori tutto, tanto vale che tu lo sappia ora.

Linda) Certe cose non si riesce a tenerle nascoste per lungo tempo.

Piero) Ma tu, per caso, sai qualcosa?

Linda) Appena quello che mi hanno detto le due signorine...

(Entrano anche le 2 signorine, e quando Linda sarà sola le si avvicineranno)

Nestore) (Entra allegramente a passo di danza)  È buono, è proprio buono questo Martini (mette un braccio sulla spalla di Piero) Caro il mio genero, che peccato che tu sia astemio... se sapessi quello che ti perdi nella vita... (lo riporta a far festa.)

Alba e Nene) (Avvicinandosi a Linda) Sta venendo qui Linda.

Linda) Chi sta venendo qui?

Alba) (In un orecchio a Linda) Quella di stamattina

Nene)  (Nell’altro orecchio) Quella di Piero.

Alba e Nene) Beato cielo! Linda, che faccia tosta!

Alba) (Mentre Lorella si sta avvicinando le due sorelle si allontanano) Eccola che arriva.

Nestore) (Entra allegramente a passo di danza)  Buono, proprio buono questo Martini (mette un braccio sulla spalla delle due signorine) Care le mie ragazze, venite a farmi compagnia, un goccio di Martini? un Limoncino? (Scandalizzato) Non ditemi che bevete la Cocacola. Lo sapete che facciamo? Aggiungiamo il Martini alla Cocacola, vedrete che buono… (le riporta a far festa.)

Linda) La Lorella? Belle amiche ho.

Lorella) (Tutta sorridente le porge un pacchetto) Non ti ho ancora dato il mio regalo, spero che ti piaccia.

Linda) Non lo voglio da te il regalo, tu me ne hai già fatti abbastanza di regali (esce).

Lorella) (Dopo un attimo di stupore segue Linda.) Linda, aspetta, cosa ti viene in mente (esce).

Scena 14- Marina e Regina (Casa 1)

(Regina entra nell’appartamento delle signorine con grande circospezione. Si guarda attorno roteando la torcia, vede i sacchi e controlla il contenuto. Marina, che aveva sentito girare la chiave si apposta e perplessa la osserva non vista, ha un matterello in mano e attende il momento buono per intervenire. Regina, sempre con circospezione entra dalla porta che dà sulle camere. Marina la segue con passo felpato. La scena resta vuota alcuni minuti poi si sentirà sbattere una porta seguito subito da un battere sul legno ed un: Apritemi. aprite la porta da parte di Regina. Marina riapparirà sulla scena soddisfatta e con una chiave in mano.)

Marina) Non l’avrei mai detto che si trattasse di una donna. Ora è sistemata, l’ho rinchiusa nell’armadio. E di lì non scappa. Telefono alla polizia? o è meglio che chieda aiuto al Piero? (si avvia alla porta e l’apre).

Stella) (Entra.) Ciao mamma, che stai facendo?

Marina) E tu che fai qui?

Stella) Sono venuta per il compleanno della Linda. Il signor Piero mi ha invitato, e una fetta di torta la mangio sempre volentieri. Ho visto la luce accesa e sono venuta dentro. Credevo di trovare le zie.

Marina) Le zie saranno di là a fare festa. A dire la verità avevano invitato anche me.

(Dall’armadio si sentiranno dei colpi ed un : aprite – aprite la porta)

Stella) Chi è che grida mamma?

Marina) Non so chi è. O forse sì, ad ogni modo credo che sia una ladra. L’ho chiusa nell’armadio. Va di là a cercare aiuto che io resto qui a fare la guardia. (Si pone sulla porta con il matterello alzato) Se scappa la sistemo. Corri, va. Dì al professore che venga qui alla svelta (resta a far la guardia).

Stella) (Va a chiedere aiuto) Corro, vado... (esce).

Scena 15 – dov’è finita Regina (Casa 2)

(Stella entra agitata. Piero le va incontro e la saluta cordialmente senza lasciarla parlare. Poi arriverà il padre di Linda a chiedere notizie della moglie. Nessuno ha visto Regina.)

Stella) Signora Linda? Signor Piero?

Piero) Ciao Stella, vai di là che c’è la torta che ti aspetta.

Stella) No, venga lei di là che c’è la mia mamma che l’aspetta.

Piero) Compie gli anni anche la tua mamma?

Nestore) (Entra allegramente a passo di danza)  Buono, proprio buono questo Martini (mette un braccio sulle spalle di Piero) scusa Piero, hai visto mia moglie? non la trovo.

Piero) Ha guardato in bagno?

Nestore) È la prima cosa che ho fatto ma non c’è.

(Stella tira Piero per la giacca nella speranza di attirare la sua attenzione.)

Piero) Vai a mangiare una fetta di torta Stella mentre parlo col signor Nestore.

Stella) La mia mamma è di là che vi aspetta.

Piero) Vai a dirle che venga di qui anche lei...

Linda) (Entra, non si rivolge al marito ma al padre) Papà, sai qualcosa di dove è andata la mamma?

Nestore) Sto cercandola anch’io cara Linda, era qui adesso.

Stella) Signora Linda, venga almeno lei di là dalla mia mamma.

Linda) Dì alla tua mamma di venire qui, sono io quella che compie gli anni.

Stella) Ah sì, nessuno che mi ascolta! (Vedendo che nessuno l’ascolta si mette a gridare) Aiuto! Aiuto!

(Tutti la guardano, all’ Aiuto-aiuto usciranno anche le signorine.)

Stella) Oh, finalmente qualcuno che mi ascolta. La mia mamma ha preso un ladro. L’ha chiuso nell’armadio, serve qualcuno che le dia una mano quando aprirà l’anta.

Piero) Quale anta? Un ladro, dove?

Stella) Nella casa delle mie zie. Stava rubando e lei, la mia mamma, l’ha chiuso nell’armadio.

Piero) Tu sta qui Stella, può essere pericoloso, noi andiamo ad aiutare la tua mamma.

 (Stella annuisce, Piero Linda  si spostano precipitosamente nell’altro appartamento. Le signorine si avvieranno con calma curiosa e Nestore prima riempie il bicchiere e poi seguirà gli altri.)

Scena 16 – scoprono Regina nell’armadio (Casa 1)

(Si apre la porta d’ingresso, Piero si ferma sulla porta e trattine le 3 donne.)

Piero) (A Marina, avanzando con circospezione) Allora? Dov’è questo ladro?

Marina) Di là, in camera, chiuso nell'armadio. Menomale che è venuto ad aiutarmi signor Pietro. Non sapevo proprio cosa fare.

Piero) Com’è stata la storia?

Marina) Questo ladro è venuto dentro a rubare, a curiosare dappertutto. Gli sono andata dietro alle spalle, mentre che apriva l’armadio gli ho dato uno spintone e l’ho chiuso dentro. Che facciamo signor Piero, chiamiamo la polizia o apriamo l’armadio?

Piero) Direi che prima è meglio vedere il ladro.

Marina) Non è un ladro, è una ladra, è una femmina.

(Fuori scena dall’armadio si sentirà gridare Regina: Aprite, aprite la porta.)

Linda) (Avanzando decisa) Questa è la voce della mia mamma.

(Linda oltrepassa velocemente la porta, seguita da Piero e da Marina e infine dalle signorine. Sulla porta resta Nestore che osserverà la scena con un bicchiere in mano. È perplesso, entra, si ferma nel mezzo, beve ancora un sorso, alza le spalle e segue gli altri. La scena resta vuota qualche attimo e poi rientra per primo Nestore che sorregge Regina e la fa sedere. Infine rientrano in scena prima Linda poi Marina.)

Nestore) Cosa facevi chiusa nell’armadio Regina?

Regina) Che spavento caro Nestore. Non ho più fiato ed ho la gola secca a forza di chiamare aiuto.

Nestore) Ti porto qualcosa da bere... resta qui che ci penso io (esce).

Linda) Allora mamma, spiegami cosa ci facevi nell’armadio delle signorine.

Regina) La colpa è sua (Indica Marina) mi ha dato una spinta e mi ha chiuso dentro. (Arrabbiata a Marina) Che ti è venuto  in mente di darmi una spinta e di chiudermi nell’armadio Marina?!

Marina) Pensavo che fosse un ladro. E lei, perché non ha suonato il campanello prima di entrare signora Regina?

Regina) Perché non mi serviva suonare il campanello, credevo che non ci fosse nessuno visto che le signorine erano di là a festeggiare la mia Linda.

Scena 17 – chi è Carlotta? chi è Carolina? (Casa 1)

(Rientrano in scena le signorine, poi Piero.)

Marina) Ma perché è venuta dentro al buio signora Regina? E con la torcia?

Linda) Allora, cosa sei venuta a fare qui dalle signorine?

Alba e Nene) Beato cielo Regina, come hai fatto a finire nel nostro armadio?

Marina) E come ha fatto ad entrare? Con che chiave?

Piero) Lasciatela stare, non vedete che sta male. Lasciatela respirare, facciamole aria...

Linda) (Dura al marito) Tu non intrometterti, la mamma è mia, (Alla madre facendole aria con qualcosa) Voglio sapere cosa sei venuta a fare qui dalle signorine mamma, rispondimi.

Regina) (Con imbarazzo e senza fiato) Ero venuta a … a vedere ... a vedere ... per la Carlotta.

Alba e Nene) (Guardandosi) Cuore di mamma.

Linda) La mia Carlotta? Come hai fatto ad immaginare che l’ho chiamata Carlotta?

Alba e Nene) Cuore di mamma cara Linda.

Linda) Oh, è perché la mia mamma si ricorda ancora della gallina. (Abbracciandola) Cara la mia mamma che si è preoccupata per la mia Carlotta.

Alba e Nene) (A Regina) Sta tranquilla cara, ha già mangiato, ha bevuto e ha dormito. Tutto a posto. (Vanno a prendere la scatola della tartaruga).

Regina) La Carlotta... ?

Alba) Eccola qui la tua bella tartarughina.

Nene) Ci siamo state attente. Quando era sveglia non l’abbiamo mai lasciata da sola.

Alba) Cielo, ti garantisco Linda che non ha patito la malinconia.

Nene) Beato, ci siamo sempre state vicino.

Linda) (Prendendo la scatola) Grazie signorine, sempre gentili.

Alba e Nene) Le grazie le fanno i santi.

Regina) (Nel frattempo avrà guardato dentro la scatola) Carlotta...

Piero) (Sottovoce a Regina) Senza ossa, ecco il perché.

Linda) (A Piero) Lascia stare la mia mamma. (Alla madre) Stai meglio mamma. Ti è tornato il fiato?

Regina) Sì cara, va meglio.

Lorella) (Entrando) Che fate tutti qui, la festa è di là.

Alba e Nene) Beato cielo! Linda, che faccia tosta! È venuta fino qui.

Alba) (In un orecchio a Linda) È quella di stamattina

Nene)  (Nell’altro orecchio) È quella di Piero

Piero) (Capisce ed interviene) È quella  che stamattina mi ha aiutato a preparare...

Regina) (Interviene) È quella che stamattina ci ha aiutato a preparare per farti festa, cara Linda.

Piero) L’idea dei palloncini è stata sua.

Regina) Anche quella delle candele, messe tutte lungo la ringhiera del balcone, è stata un’idea sua.

Nestore) (Entra allegramente con il bicchiere d’acqua per Regina) Non sapevo se portare un goccio di Martini o un goccio di cognac, alla fine ho pensato che per te andava bene l’acqua. (A Lorella, mettendole un braccio sulla spalla) Cara signorina, venga a farmi compagnia, un goccio di Martini? un Limoncino? (Scandalizzato) non mi dica che anche lei beve solo Cocacola. Sa che facciamo? Aggiungiamo il Martini alla Cocacola, vedrà che buono… (la riporta a far festa.)

Regina) (Alle signorine, con alquanta indifferenza) E ... e la Carolina?

Alba e Nene) Per lei non c’è stato più niente da fare.

Alba) È morta.

Nene) Morta stecchita.

Regina e Piero) Morta!

Nene) (Va a  prendere il vasetto.) Beato, le abbiamo dato anche da bere.

Alba) Cielo, quanta acqua.

Alba e Nene) Beato cielo, e per niente.

Scena 18 – E Bernardo? (Casa 1)

Marina) (Alle zie) Tanta di quell’acqua che si è annegata. La Carolina è morta annegata. (Agli altri) Continuano a dare da bere alle piante, poi si dimenticano di averglielo dato e gliene danno ancora.

Regina) La Carolina è una pianta, la Carlotta è una tartaruga e...e il Bernardo?

Marina) Il Bernardo? Cosa è il Bernardo?

Alba e Nene) Beato cielo, il Bernardo è il tròto.

Tutti) Il tròto?

Alba e Nene) Il tròto Bernardo.

Nene) Lo abbiamo chiamato Bernardo perché è un uomo.

Alba) No, lo abbiamo chiamato Bernardo perché è un pesce.

Marina) (Alle zie) Avete chiamato Bernardo la mia trota?

Alba e Nene) Non è una trota Marina, è un tròto. Beato cielo,è un maschio.

Marina) Come fate a sapere che è un maschio e non una femmina?

Alba e Nene) Perché non ha gli occhi da furbo!

Tutti) Ah bèh, allora se non ha gli occhi da furbo...

Alba e Nene) Beato cielo,adesso è nella vasca da bagno.

Alba) E domani compreremo un acquario bello grande apposta per lui.

Nene) Così noi potremo finalmente fare il bagno.

Marina) Zie, la trota non è un pesce di compagnia, è un pesce da mangiare.

Alba e Nene) Beato cielo, e chi l’ha detto?

Marina) Io ve lo dico e adesso ve lo faccio anche vedere (esce a prendere la trota).

Alba e Nene) (Rincorrendola) Ferma, aspetta...

(Regina curiosa, si accoda ed esce.)

Scena 19 – Finale (Casa 2)

Piero) Volevo solo prepararti una bella festa Linda, e mi sono fatto aiutare da tua madre e da  Lorella...

Linda) ...che è la mia migliore amica.

Piero) Lo ha detto anche la tua mamma... mi credi?

Linda) Certo che ti credo caro Piero.

(Rientrano le due signorine litigando)

Nene) Gli ero così affezionata.

Alba) La colpa è tua.

Nene) No, la colpa è tua.

Alba) Non l’hai chiusa bene.

Nene) Tu dovevi stare più attenta.

Linda e Piero) Si può sapere cosa è successo?

Alba e Nene) I tròto Bernardo è morto!!!!!!!

Alba) (Indicando la sorella) È andata fuori tutta l’acqua per colpa sua.

Nene) (Indicando la sorella) No, la colpa è tua che non l’hai chiusa bene.

Alba) Cielo, io l’ho chiusa bene.

Marina) (Entrando) Zie, ormai è morto, c’è solo una cosa da fare.

Alba e Nene) Beato cielo, metterlo in padella.

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno