El veciasì dei solfanèi

Stampa questo copione

Villa artemisia

EL VECIASÌ DEI SOLFANÈI

Il vecchietto dei fiammiferi

Commedia brillante in due atti in dialetto bresciano

di

Velise Bonfante

Scena: Una comune stanza con finestra, porta d’ingresso e porta per le camere. È notte fonda, la notte fra sabato e domenica. Tarzan e Jane tornando da una festa mascherata trovano un Nonno in mezzo alla strada che accende fiammiferi.

Personaggi:     1) Carolina      - la moglie

2) Pericle         - il marito

3) Tarzan[1]       - Urbano

4) Jane            - Donata

5) Il Nonno

6) Onorio        - figlio del Nonno

7) Una guardia del corpo di Onorio

8) L’altra guardia del corpo di Onorio

9) Greta          - figlia di Onorio

10) Margherita- la vicina di casa

ATTO PRIMO

Scena 1 – suona il campanello d’entrata

(Il sipario si apre su di una comune stanza con porta d’ingresso e porta per le camere. Tre rintocchi di campana. La scena è buia, la notte è fonda, nessun rumore. Improvviso e squillante suona il campanello d’entrata. Ancora buio e silenzio assoluto. Il campanello suona una seconda volta e poi, sempre più impaziente, una terza. Finalmente nella stanza si accende la luce.)

Carolina) (Entra assonnata in vestaglia, brontola e attraversa la scena per andare ad aprire)Varda se se pöl vègner a sunà a chèle ure ché?

Pericle) (Affacciandosi sulla scena in pigiama.) Fèrmet Carolina! Che set dré a fa? (sapendo  che la moglie è un po’ sorda e non vuole ammetterlo- durante tutta la commedia - inizierà ogni frase con tono normale alzando la voce verso la fine.)

Carolina) (Fermandosi) Come che so drè a fa? So dré a nà a dèrver Pericle (si avvia).

Pericle) Sta mia dèrver Carolina!

Carolina) E se l’è vergü che g’ha bisògn? E se l’è la nosaWanda?

Pericle) La Wanda la g’ha telefonàt prim de sena e la g’ha dit che stasera la naa al cine col so òm.

Carolina) Al cine? Alura l’è mia lé, (riavviandosi) però vöi saì lo stès chi g’ha el coragio de vègner sunà a chèste ure.

Pericle) E se l’è en mat? (Alza la voce) E se per caso l’è en làder?

Carolina) (Avrà sempre l’atteggiamenti di chi è un po sordo, mentre ascolta  tenderà l’orecchio a chi parla per capire meglio le parole.) I làder i suna mia el campanèl.

Pericle) L’è mia dit. (Alzando la voce) Dizóm che magari i suna per véder se gh’è vergü en casa.

Carolina) I la sa che ghe sóm, i g’ha vist la luce empisa. E pò, che vègnei a fa chè da nóter i làder? Ghe convegnarès nà da le me siòre, lure se che le  g’ha j-ór, le ròbe d’arzent, i quàder de valùr, le pellicce e i sólcc en casaforte.

Pericle) Garóm mia i sólcc compagn de lure, ma a te che te manca? Te ghe j-e apó a te i tò ori se l’è per chèl: du anèi, na spila e la cadinina. E me g’ho el me oroloi, varda che bèl.

Carolina) El tò oroloi? Da quant en qua te ve en del lèt co l’oroloi Pericle?

Pericle) Dizóm da quan l’ho compràt. Vöi mia che i me la ròbe, chèsto ché l’è en Rolex de ór.

Carolina) En  Rolex de ór tarocàt. Te le töt da ‘n maruchì, el val niènt.

Pericle) Ma i làder i la sa mia.

(Suona ancora una volta il campanello facendoli sobbalzare.)

Carolina) Alura che fòm Pericle? Dervóm o no?Lurche j-è bèla bù de nà avanti töta nòt a sunà.

Pericle) E se dervóm e lur i vé dènter e i gne dà na paca söl có?

Carolina) Se i völ dàgn na paca söl có noalter ciapóm na scua. (Andando a prendere le armi improprie) Me la scua e te el spasetù.

Pericle) E se i g’ha la pistola? Spèta, prim de dèrver vo a tö el cortèl en cuzina.

Carolina) En cortèl contra na pistola el cönta gnènt.

Pericle) El cönta eccome, e me a fa ‘l cógo so bu de dopràl bé. Sta mia vardàm isé. Va bé, g’ho sèmper fat el sulì però adès fo el cógo.

Carolina) Apena el sabot e la festa, quan te ve a fa j-èxtra en dei ristoràncc.

Pericle) Che völ dì? Ghe ocorerà mia la laurea per doprà en fratàs o en cortèl (si avvia).

Carolina) Fèrmet Pericle. Spèta, sculta, varda, i suna pö.

Pericle) (Ascoltando la porta) Se vèt che i s’è stöfacc e j-è nacc vià. Turnóm a dormer Carolina.

Scena 2 – decidono di aprire

(Si riavviano, quando sono quasi usciti risuona il campanello.)

Pericle) (Va alla porta deciso e grida) Cosa gh’è de sighità a sunà? El siv che j-è le tre de nòt?

Jane) (Fuori scena) Dervim per piazér.

Pericle) (Stupito.) L’è na fómna.

Carolina) Se l’è na fómna l’è mia en làder.

Pericle) Chi l’ha dit? E se l’è na ladra?

(A questo punto fuori suonano il campanello senza più smettere. I due indecisi si decidono. Pericle si apposterà dietro la porta con lo spazzolone pronto a colpire e Carolina, con una mano aprirà la porta e con l’altra terrà pronto la scopa. Ciò che vedono li lascerà immobili e senza parole per lo stupore. Entrano Tarzan e Jane.[2] Questi ancora non si sono ripresi dallo shock che fuori scena si sente qualcuno cantare allegramente.)

Nonno) (Fuori scena intona) Saran belli gli occhi neri – saran belli gli occhi blu – ma le gambe – ma le gambe – a me piacciono di più...[3]

Scena 3 – Ecco il vostro nonno

(I due mascherati escono e rientrano col nonno sottobraccio  e si portano in mezzo alla scena. Il nonno quando è in scena passando da una coppia all’altra verrà sballottato avanti e indietro.)

Tarzan) L’è mia che me spetàes la mancia de voalter du, ma almen en “grasie” orco cane, dopo töt chèl che góm fat, l’era el minim che pudièf dì.

Jane) Se vèt che ringrasià l’è pö de moda. ( Avvicinandosi ad una sedia o ad una poltrona lo fanno sedere) Lasómel ché, amen e così sia

Pericle) Chi èi lurche? Che me vègne en colpo.

Nonno) (Al pubblico) Disse il fucile. Che mi venga un colpo!

Tarzan) Sö, fómel sintazó e nom (lo fanno sedere e, risentiti si avviano per andarsene) a casa nòsa che el nòs doér l’óm fat.

Pericle) (È il primo a riprendersi.) Fermi, fermi, che siv dré a fa? Endó siv dré a nà?

Tarzan) A casa nòsa, góm za fat a tròp per el nòs carater. (Sprezzante) Bù gna de dì grasie.

Nonno) (Al pubblico) Grazie mille – Disse Garibaldi dopo aver conquistato le due Sicilie[4]

Tarzan) Zènt compàgn de vóter la merita gnà de èser aidada.

Jane) Oltre töt j-è le tre pasade e sóm strach mórcc. G’ho mal ai pè e no vède l’ura de endà en del me lèt.

Carolina) Endà en del lèt? Giusto. No vedóm l’ura apó nóter de naga.

Jane) (Spingendo fuori il compagno si avvia per uscire) E alura buonanotte.

Pericle) (Parandosi davanti a loro) Buonanotte en corno, dizóm che volarì mia vègner ché, sunàgn el campanèl a le tre de nòt, portàgn dènter en nono e tö sö e na vià.

Carolina) Tö sö e na vià e lasàgnel ché.

Tarzan) Certo che v’el lasóm ché, con töta la fadiga che góm fat a portàl dènter, volarì mia che el riportome en machina.

Pericle) Purtil endó nì òja, basta che ‘l lasighe mia ché. Ghe n’è amó de fresche de sènter.

Nono) Scüzim, pode nà a spànder l’acqua per piazér?

Carolina) Certo, el bàgn l’è la prima porta a sinistra, el vegne che ghe fó vèder.

(Carolina lo accompagna e gli indica la porta senza uscire. Il nonno esce.)

Jane) (Al pubblico) Póer vèciasì che völ nüsü, amen e così sia

(Tarzan e Jane se ne vogliono andare. Sono molto seccati.)

Tarzan) El gne lase pasà per piazèr.

Pericle) Sarì mia dré a scherzà, volarì mia nà via e lasàgnel ché de bu?

Carolina) Lasàgnel ché dal de bù. Gna parlàn.

Tarzan) (A Carolina) L’è sò doer tignil cara la me siòra, apó se a taola el mangia co le mà o el dòpra mia le pozàde.

Scena 4 – duetto fra Tarzan e Jane

(Nel duetto fra Tarzan e Jane, Carolina e Pericle cercheranno di intervenire senza riuscirvi.)

Jane) La g’ha de tignìl apó se a olte el völ lèca el piàt endó el g’ha mangiàt o se el fa rumur quan che el bev el bröd.

Tarzan) Apó se a olte el straaca l’acqua sö la toaja.

Jane) O se ‘l porta el cortèl a la boca.

Tarzan) La varde che mör nüsü apó se el dòpra mia el mantì prima de béer.

Tarzan) E che mör nüsü apó se el se laa mia i dèncc töcc i dé.

Jane) E apó se el se laa mia bé el còl o le rice.

Tarzan) L’è ura che la la moche lé de tratàl mal.

Jane) Se la völ mia che el ghe scape n’altra olta. G’hala capìt siòra.

Tarzan) Se g’ha de vuliga bé ai vèci e portà pasiensa con de lur

Carolina) (Spaventata) Portà pasiensa con de lur? Che èi dré a dì? Pericle diga vergòt!

Tarzan) Gh’è gnent de dì caro el me sior.

Jane) Bèla o bröta chèsta l’è la realtà amen e così sia.

Tarzan) Lasìl en pace, poarèt. Cosa èl chi se en del fa el pisì en pé el sbròfa töt en giro.

Jane) Sal mia che umiliasiù per lü fal sintà zó come na fómna!

(Carolina sbircerà preoccupata verso il bagno.)

Jane) (Indicando la porta) Poarì! Ghe l’hala mia na cosciensa siùra?

Tarzan) Pòde capì che mizüraga el vì pöl vèser per el so bé.

Jane) E apó a scundiga la grapa só sicüra che la la fa per el so bé.

Tarzan) Ma la se ricorde che l’è de catìv obligàl a endà a föma el toscano sul balcù, de föra, quan fa frèt d’envèren.

Jane) Col ris-cio de malàs.

Tarzan) E obligàl a cambiàs la camiza töcc i dé.

Jane) E obligàl a cambiàs le calsitine töcc i dé.

Pericle) (A Jane) La varde che mé me cambie le calsitine töcc i dé.

Carolina) Töcc i dé. E apó i me padrù i se cambia le calsitine töcc i dé.

Jane) Quai padru?

Pericle) Ve par discorsi de fa a le tre de nòt? Che sif drè a dì siori? (A Tarzan) Che èl dré a dì siòr?

Carolina) L’è drè a dì che a cambias mia le calsitine töcc i dé, dopo se spösa. E me la zènt che spösa la me fa schifo.

Scena 5 – rientra il nonno

(Il nonno sta rientrano e Jane gli si avvicina per farlo sedere e sente odore di vino.)

Jane) Senti che spösa de vì. El sif almen che zóm riacc fin ché con zó töcc du i finistri e só zelada? (Nel muoversi quasi scivola, si aggrappa e osserva il pavimento.) E sala apó che ghe dìze: che la garés mia de dà la cera ai paimèncc töte le setimane cara la me siora.

Carolina) Töte le setimane? L’è la me padruna che la völ la cera, e sicome la me paga, ghe la dó.

Tarzan) Vergogna. Con de ‘n vècio en casa!

Carolina) En vècio en casa? La me padruna la ghe n’ha mia de vèci en casa.

Jane) Se pöl sai de che padruna la parla?

Carolina) Chèla endó vo a fa i mester a la matina. Envece chèla endó vo el dopodisnàt la g’ha en casa sò mader e la ‘n dà mia de cera pròpe per chél, perchè la g’ha en casa la mama ansiana

Nonno) (Intona) Mamma son tanto felice – perché ritorno da te – la mia canzone ti dice...

Tarzan) (Facendolo tacere) Sito nono che j-è le tre de nòt.

Jane) Poarì, come se fa a tratà mal, vuliga mal a giü isé?

Tarzan) G’hala capìt siora de dà pö la cera en casa? Che no ‘l sbrisie. Che no el se sbreghe na gamba.

Jane) Adès g’ho capìt perché el völ vègner en casa coi scarpù: per mia sbrisià.

Tarzan) Cosa völela che el sape lü de cera e mia cera... Se pöl mia faga cambià modo de vìver a la sò età. Se g’ha de vuliga bé e basta. E se l’è üs a portà i scarpù...

Nonno ) (Si alza dalla sedia e intona allegro) Vecchio scarpone – quanto tempo è passato – quante illusioni – ci fai vivere tu...

Jane) Nono sito che j-è le tre de nòt e se dessèda töcc.

Pericle) Va bé, vegnòm al sodo e e domega en taj. Diamoci un taglio.

Nonno) (Al pubblico) È meglio tagliar corto – disse il sarto al nano.

Pericle) Vardì che chesto nono me el vöi mia, g’hal capit sior “Tarzan”. Dizóm che (portando il nonno da Tarzan) adès el la töl sö e ‘l se la riporta en de la so giungla (o nel luogo del personaggio mascherato; es. cappuccetto rosso: nel bosco).

Carolina) El se la riporta en de la giungla, g’hal capìt. Che idea vègner che a le tre de nòt e vulì rifilàgn en nono.

Tarzan) Me rifile gnènt a nüsü cari i me siòri. L’ho apena riportàt a casa sò (lo riporta a Pericle).

Pericle) Chèsta l’è mia casa sò.

Carolina) (Ribadendo.) Chesta l’è mia la sò casa.

Nonno) (Intona) Avevo una casetta piccolina in Canadà – con vasche, pesciolini e tanti fiori di Lillà....

Tarzan) (Al nonno) Sìto nono, el varde che apó la me pasiensa la g’ha en limite.

Jane) Me fa spece siòra, che na fómna enteligente come lé, la völe mia pö sò misér.

Scena 6 – quello non è mio suocero

Carolina) Me misér. Lüle l’è mia mé misér. Me misér l’è mòrt.

Tarzan) (Al pubblico) Ah, ghe piazarés che el fós mòrt, tròp comoda.

Carolina) E l’è gna el misér de me fiöla.

(Tarzan e Jane si fanno attenti ma Pericle subito spiega.)

Pericle) Me fiöla la se ciama Wanda, la sta a Venesia, la g’ha spuzàt giü de Venesia. Dizóm che el sò om l’è de Venesia e i sò suoceri i sta a Venesia. Siv contèncc adès?

Carolina) El misèr de me fiöla el sta a Venesia.

Nonno) (Intona) Com’è triste Venesia...

Tarzan) (Severo) Nono, vulì mocala sé o no de cantà!

(Il Nonno si zittisce.)

Jane) E stai töcc a Venesia?

Nonno) (Intona) Com’è triste Venesia... (Tarzan lo guarda male e lui ma la smette subito)

Carolina) Certo e stasera i naa töcc al cine.

Tarzan) Che gh’è vergot che quadra mia. Non quadra.

Nonno) Disse il cerchio al triangolo.

Pericle) Siori, basta giràga entùren. Tulif sö el vòs nono e aria.

Carolina) Tulif sö el vòs nono e aria, giusto.

Jane) (A Carolina) Come gói de dìghel che l’è mia el me nono, l’è sò misér cara la me siura.

Carolina) E chi l’ha dit?

Tarzan e Jane) Lü.

Carolina) Lü! Lü el g’ha dit che l’è me misér?

Pericle) En momènt, dizom che se l’è sò misér el garés de èser me pàder.

Jane) A meno che la siura ché no la gabe un alter òm.

Carolina) Èla dré a schersà? Ghe n’ho asè de giü e me ‘n vanza anche.

Pericle) Che ölaresèt di? che te se stöfa de me?

Carolina) A olte sé, a olte te fe sta zo pròpe le glorie. La la dis sèmper apó la me padruna che co j-om ghe völ la pasiensa de Giobe.

Jane) En special modo quan che i völ sèmper viga rezù e i völ comandà.

Tarzan) Fet mia sèmper chèl che te völet te? Che te manca?

Nonno) (Intona) Mi manchi....

Tarzan) Adès ghe lighe le mà de dré de la schena e pó ghe mète en fasöl en boca, vardóm se ‘l tas.

Carolina) En fasöl en boca. I la fa sèmper apó a la televiziù.

Pericle) Dizóm che envece de fal tàzer se gares de fal parlà. (Avvicinandosi) Siòr,  el me scüze, come se ciàmel lü? Qual èl el sò nom? Qual è il suo nome?

Nonno) (Intona) Il mio nome è: Cerutti Gino, ma lo chiamavan Drago – gli amici del bar del Giambellino dicevan ch’era un mago...

Tarzan) (Al nonno) Basta cantà , sö, el staghe en po serio.

Scena 7 – interrogano il nonno

Pericle) Siòr, (al nonno) el staghe atento en bris (ottenuta l’attenzione del nonno) el me dize: (scandisce bene per farsi capire) lü come se ciàmel. Cosa fal de nòm?

Nonno) Prima o dopo?

Carolina) Prima o dopo che roba?

Nonno) Vulì saì el nòm de prima o chèl dopo?

Tarzan) Se en caa gnènt de lüche.

Carolina) Lasìl pensà, alura, el sò nòm?

Nonno) Prima l’era Johnny Beguine e dopo Johnny Calypso. No, (ricordando) prima Calypso e dopo Beguine, ma so mia sicür de chèl prima e de chèl dopo.

Tarzan) Prima l’era Johnny Calypso o dopo l’era Johnny Beguine?

Nonno) Sé, l’è giösta isé. (Sognante) Certo. E apó John Rock-and-roll.

Carolina) John Rock-and-roll?

Tarzan) (Ironico) Sé alà, Rock-and-roll e Boogie-woogie.

Nonno) Sbagliato, l’era l’Armando che el se faa ciamà “Boogie-woogie” in “Polvere di Stelle” con Melissa Star e Marina Bianco.

Tarzan) Chi erela Marina Bianco?

Nonno) La sò fómna.

Tarzan) La fómna de chi?

Nonno) De Rocki Mendriso.  Prima la s’era mèsa con Boogie-woogie e dopo con Rocki Mendriso. Envece la me fómna…

Tutti) (Pendendo dalle sue labbra) La sò fómna...

Nonno) La me fómna, (rimpiangendo) la me fómna l’era na bèla bionda, en tipo come la Greta Garbo, sul che l’è la se faa pasà per francesa. No, l’era la seconda che la se faa pasà per francesa.

Tutti) Francesa?

Nonno) E la vignia zó de la scala con le pène söl có. L’era pròpe bèla la me fómna. E la me Rossa? en sògn de sognà: 90 – 50 – 90. Giöna pö bèla de l’altra. Envece la  me moraciòta...

Carolina) (Interrompendolo) Moraciòta?

Pericle) Làsel parlà, sta mia eneterompìl che sedenò el pert el fil.

Jane) Me par che en fil el ghe sape mai stat.

Carolina) (Perplessa) El parla de bionde, rosse e more. Ma chi èl sto Tizio?

Nonno) (Al pubblico) Chiesero Caio e Sempronio.

Tarzan) Vöt véder che se som embatìcc en Rodolfo Valentino.

Carolina) Apó a la me padruna ghe piàs Rodolfo Valentino. (Al marito) Chèla endó vo a stirà.

Jane) Rodolfo Valentino l’è mort, amen e così sia.

Carolina) (Al marito sottovoce) L’è mia che la fa la bichina e la laura en de en simitére léle?

Pericle) (Alla moglie) Pó che da en simitere, luche i me par vignìcc föra de ‘n manicomio.

Tarzan) Isè se va mia avanti.

Nonno) (Al pubblico) La dis la moér del gamber

Tarzan) L’ho dit me che de lüche en caóm gnènt. L’è el vi che parla.

Scena 9 – prova Carolina con le belle maniere

Carolina) Lasìm pröà a me La dis la me padruna che co le bèle maniere se riès a töt. ( Per via dell’odore di vino, si avvicina con circospezione al Nonno.) Siòr, el me sculte. El me varde en facia. Endó stal de casa lü?

(Il nonno sorride a Carolina scuotendo la testa a tutte le domande)

Carolina) Dove abita di casa ? G’hal dei fiöi? Ha dei figli? (Agli altri) Magari l’è mia italià e ‘l parla inglés o francés e l’è per chèl che el gne capìs mia.

Pericle) Come se dis “dove abita” en inglés?

Tarzan) L’è italià. El parla italìà. El canta en italià. Vidiv mia che el conòs töte le nòse cansù.

Jane) Magari l’è en musicista, en cantante.

Carolina) (Al nonno) Siòr, lü de zùen fàel el cantante ?

Nonno) De zùen g’ho fat de töt. De zuèn spacàe el mond, envece adès i dis che spache apena le bale.

Carolina) El staghe mia a dì isé. El me sculte: (porgendogli la mano) me me ciame Carolina. Piacere, Carolina. E lü come se ciamel?

Nonno) Ghe l’ho za dìt, me ciame John the Rock-and-roll.

Carolina) Va bé, lasóm sta el nom. Alura, el me dize, endó stal de casa?

Nonno) Ché.

Pericle) Ché, en via Verdi?

Nonno) (Intona) Va pensiero – sull’ali doraaaate – va ti posa – sui clivi e sui colli

Tarzan) Nono basta cantà...

Jane) Vidìf, lü el dis che el sta ché de casa.

Pericle) El pöl mia sta ché en Via Verdi. Al nömer 44...

Nonno) (Intona allegro) 44 gatti in fila per sei col resto di due...

(Tarzan gli tappa la bocca, quasi a soffocarlo. Quando vede che sta zitto lo libera.)

Pericle) (A Tarzan) Fürtuna che el g’ha apena dit che góm de tratàl bé.

Carolina) (A Tarzan) Tratàl bé. Tra el dì el fa...

Pericle) En momènt: al nömer 44 ghe stom noàlter.

Jane) Lü el g’ha mia parlat de vie e de nömer, lü el g’ha dit apena che el stà ché. Lü el g’ha fat sègn a chèsta casa e noter se sóm fermàcc e ve l’óm portat, amen e cosi sia, (al marito) e adès Urbano, nóm a casa nòsa.

Scena 10 – Carolina pizzica Jane

(Carolina con indifferenza si è avvicinata a Jane le dà un forte pizzicotto.)

Jane) (Si gira di scatto misurandole una sberla.) Èla dré a sorà siora? Che spisigù che l’ha ma piantàt.

Pericle) (Alla moglie) Che te ve ‘n mènt Carolina?

Carolina) Pericle, vulie apena véder se só dessedada o se só dré a dórmer.

Jane) La varde siora che de solit se se spisiga de sui, se spisiga mia j-alter. Speta ghe ghe ‘l do me adès en bèl spisigù isé la vèt se la dorma e se l’è dessedada.

(Carolina scappa e Jane la rincorre)

Pericle) Muchila lé fómne. Muchila lé. (Alla moglie tentando di fermarla) Móchela Carolina.

Nonno) (Intona) Dai dai dai Carolina dai, dammi un bacio e non ti pentirai...

Tarzan) (Al nonno, minaccioso fa ruotare la clava) Nono, adès basta g’ho dit, (brandendo la scopa) se el se ris-cia amó a cantà ghe dó na bastunada. G’hal capìt! El gne lase pensà, perdinci.

Pericle) (Nel frattempo) Ferme ferme (le blocca e le separa) Va bé che j-è le tre pasade ma me par mia el caso de dà i nömer.

Tarzan) (Catturando la moglie) Alura siori, noàlter ve salüdom. Nom Donata, dumà matina g’ho de lià sö bunura che g’ho de dèrver el negose.

Pericle) En negose? Cosa vindìv? Le liane?

Nonno) (Intona) Oh Dayana solo tu – mi conquisti sempre più...

(Tarzan lo fa tacere)

Jane) El nòs l’è en negoze de antiquari.

Carolina) De antiquari, èl per chèl che sif vistìcc isé?

Tarzan) I nòs vistìcc...

Nonno) Pòde nà a spànder l’acqua per piazer ?

Carolina) Certo, el naghe pör, la strada el la sa.

(Il nonno va in bagno sotto lo sguardo di tutti.)

Pericle) Che siègn dré a di?

Jane) Che nóter góm en negose de antichità, vendóm e comprom le robe antiche. Pròpe en centro. (Al marito) Nom a casa Urbano, e a la svelta, dumà g’ho de lià sö bunura. A mesdé ve a disnà a casa nòsa el diretur de la banca con la sò fómna. Con töt chèl che g’ho amó de preparà.

Scena 11 – Tarzan e Jane tentano di andarsene

Tarzan) Nom alura, nom, stom mia a pèrder tèmp.

Nonno ) (Rientra ) Falso allarme.

Pericle) (Li blocca portando loro il nonno) E no, endarì mia vià sensa de lüle per caso. Tulìvel dré per piacere.

Tarzan) Podom mia tögnel dré. (Riportando il nonno a Pericle. ) L’è mia nòs.

Pericle) E l’è gna nòster.

(Il nonno con la mano chiede il permesso di andare in bagno. Esce.)

Pericle) Cos’èl chesto? (Toccando il costume, a Tarzan) En schèrs de carneal? Vardì che el carneàl l’è pasàt de ‘n pès.

Tarzan) El sóm che el carneàl l’è pasàt, noter vegnom da na festa en maschera. El gna envidàt en nòs client che el g’ha comprat na cascina en campagna söl mantuà e ‘l l’ha ristruturada.

Jane) Na cascina de chèle toghe, col pòrtech töt enturen, el finil, el frutteto, en camp de tennis, na ròba de gna crèder. Paria de èser a “Dallas”.

Tarzan) Per inaugurala el g’ha organizat na festa en maschera. L’è per chèl che som vistìcc isé. El staghe tranquilo, som mia dei macc. La cascina l’è en mès a la campagna.E nel turnà de sta festa...

Nonno) (Rientra ed intona) È qui la festa?

(Prima che Tarzan si avvicini Carolina lo fa smettere con dolcezza.)

Scena 12 – Spiegano dove l’hanno trovato

Jane) En pianura Padana töte le strade le se ensomèa. Som za dré a turnà a casa. Se vèt che envece de girà a la prima strada góm giràt a la seconda

Tarzan) O envece g’óm giràt a destra e mia a sinistra, fato stà che siègn pö endó siègn.

Jane) Siègn en mès ai camp.

Pericle) Alura, vegnóm al sodo ?

Nonno) Disse il pentolino all’uovo. Pòde nà a spànder l’acqua per piazer ?

Pericle) Amó?

Tarzan) Se giü el bèv, dopo...

Carolina) El nàghe, el naghe pör, la strada el la sa.

(Il nonno va in bagno sotto lo sguardo di tutti.)

Pericle) E alura? Ghi sbagliat strada e...

Tarzan) ... e gh’era töcc camp, con de ‘n fòs per banda, gh’era en qual filer de mùr ogne tant, ma el rèst töt pià, töt precis. Siegn en pó preocupacc quan no te vedom na luce.

Jane) Na lucina picinina picinina.

Tarzan) Se som dicc: l’è na casa. Envece no! L’era giü sentàt zó en mès a la strada con de en solfanèl empìs.

Jane)  La lucina l’era lü. Amen e così sia.

Tarzan) Menomal che ‘l solfanèl l’era empìs se nò ris-ciaen de catàl sö. Al prim momènt góm pensat a ‘n schèrs. Dopo góm pensàt a na rapina.

Jane) Magari i l’era mès a fa de esca col solfanèl, noalter se fermaègn e dal fòs saltàa föra el rèst de la banda.

Tarzan) Al de de ‘n cö a olte, a fermàs a aidà la zènt gh’è de viga pora. No se sa mai.

Carolina) No se sa mai. La la dis sèmper apó la me padruna.

Jane) La so padruna?

Carolina) Chèla endó vo a stirà dò olte a la setimana.

Pericle) (Alla moglie) Lasa pèrder la to padruna, el naghe avanti siòr...

Tarzan) Alura, gh’è sto tal sintàt zó en mès a la strada, se fermóm, tegnom el mutur de la machina empis, se vardóm enturen e pò sicome no saltaa föra nüsü söm nàcc a vèder. Pudiègn mia certo lasà giü en mès a la strada, al scür, isé en ciarina a empisà solfanèi e a cantà.

Pericle) (Al nonno che sta rientrando) Come mai l’empisàa i solfanèi en mès a la strada?

Nonno) L’era nòt e gh’era scür. Per vidiga.

Carolina) Per vidiga? Per vèder che ròba?

Nonno) Per véder endó che sie.

Pericle) Somearès che el ragiune giöst, na certa logica la gh’è.

Tarzan) Che logica gh’è a empisà i solfanèi en mes a la strada.

Nonno) Scüzim, pòde nà a spànder l’acqua per piazer ? la me scapa amó (riesce.)

Carolina) (Al nonno) Prego, prego.

Pericle) (Guardando il nonno uscire.) La sarà la prostata

Carolina) La prostata o en bris de cistite.

Pericle) L’è bröt deentà vèci. (A Tarzan) Va bé, e alura cosa ghì fat?

Tarzan) G’óm sircàt de parlaga ensema, de tiràl en banda, ma lü el völ mia sènter rezù. E isé el cargom en machina co la forsa per portàl a la sò casa, ma lü el gne dis che el völ mia naga.

Jane) Che el völ pö sta con de sò nuora, che el völ pö èser maltratàt de sò nuora. (Guardando Carolina) Somèa che ‘l gabe na nuora catia che la völ che el se lae i dèncc töcc i dé, che el se cambie camiza e calsitine, che ‘l se lae le rice e ‘l còl, e töte chèle ròbe lé.

Pericle) Me par mia che le sape catierie.

Tarzan) Catierie o no lü el se sènt maltratàt. Isé góm pensat che el sape scapàt de casa. Decidóm de ötal lo stès.

Jane) Quan se pöl se aida la zent.

Carolina) Quan se pöl se aida la zent. La la dis sémper apó la me padruna.

Jane) Chèla endó la va a stirà?

Carolina) No, chèla endó vo a fa i mèster a la matina.

Jane) (Al pubblico) Apó la fómna che gne fa i mestér a nòalter endarala en gir a dì i nòs afari?

(Rientra il nonno.)

Tarzan) Comunque, gira che te gira finalmente rióm a la statàl.

Jane) (Interrompendolo) Töte le strade le porta a Roma.

Nonno) (Intona) Romagna mia, Romagna in fiore...

Tarzan) (Seccato) La g’ha dit Roma, mia Romagna. Roma... (bloccandolo) ghe n’è mia de cansù sö Roma.

Nonno) (Intona) Roma non far la stupida stasera...

Tarzan) El m’ha fregàt.

Pericle) Ma sé, el la lase cantà e el naghe avanti che só curiùs de sènter.

Carolina) Apó me só curiusa de sènter.

Scena 13 – spiegano perché lo hanno portato in questa casa

Tarzan) Alura, ciapom la statale e rióm en chèsto paes...

Jane) (Interrompendolo) A proposit come se ciàmel chèl paes ché?

Tarzan) Che te emporta, làsem nà avanti a cöntà.

Tarzan) Al prim momènt ghiègn pensàt de portal dai carabinier.

Pericle) La sarès stada la sulusiù pö giösta.

Tarzan) Alura, sóm dré a sercà la caserma, nom dré ai cartei e se catóm en chèsto quartier residensiàl.

Jane) E prope quan vedom el cartèl con scrìt “Carabinieri” èco che lü el gne fa sègn de fermàs deanti a chèsta casa.

Jane) La vòsa casa.

Pericle) Per la verità i carabinier j-è ché a du pas.

Tarzan) Sul che quan se som fermàcc, el vulia pö vègner zó de la machina. Per forsa, góm pensàt, se l’è scapàt de casa el volarà mia turnà endré L’óm tiràt zó co la forsa. Nonostante l’età el sbiusia come n’anguila, sö e zó..

Nonno) (Intona) Su e giù e per la Valcamonica – La si sente – la si sente...

Jane) Cosa ghìegn de fa?

Tarzan) V’óm sunàt el campanèl apó se j-era le tre de not.

Carolina) Le tre de not. Adès sarà apó le quàter.

Pericle) Che g’hè argot che quadra mia

Nonno) Disse il cerchio al triangolo

Pericle) Me so amó de l’idea che ghief de nà dei carabinieri.

Tarzan) L’era chel che vuliègn fa noter, ma de nòt gh’è nüsü en giro per domandaga endó che l’è la caserma, giusto?

Carolina) Giusto.

Tarzan) Lü el gna indicàt chèsta casa. Voalter che garesef fat?

Carolina) Che garesègn fat? So mia.

Tarzan) Garesev sunàt el campanèl come góm fat noalter.

Pericle) Se pudia sèmper telefonà ai carabinier.

Carolina) La me padruna la gàres telefonàt ai carabinier.

Jane) (A Pericle) Fürba la sò padruna e fürbo apó el siòr. Pecàt che ghìegn töcc du el telefonino scarich

Pericle) (Guardando il nonno) Poarèt, dizóm che se l’è scapàt el na pudia pö de sò nuora.

Tarzan) Va bé, se l’è mia vòs parènt e ‘l vuliv mia el ricargóm en machina e ‘l portom dai carabinier. Endó èla la caserma?

Carolina) Portal dai carabinier? E lur cosa se ne fai?

Tarzan) I la metarà a dórmer de na qualche banda e dumà matina i se darà de fa a sercà i parèncc.

Carolina) Sercà i parèncc? Gh’è i lècc en caserma?

Pericle) Chèl po’ el so mia. Dizóm che l’é la ròba pö giösta de fa, a meno, cari i me siori, no v’el purtighe a casa vòsa.

Tarzan) Noter  góm el negòse a Bresa ma stom envers Palasöl. Ghe sarà de pö de n’ura de strada, vardìl (indicando il nonno) come se fa a cargàl amó en machina en de le sò conduziù

Jane) E a la so età.

Carolina) E a chele ure ché.

Pericle) So mia se el resiste a faga fa amó n’ura de viàs sensa nà amó en bagn.

Jane) A parte el fat che góm de viagià con i finistrì zó per via de la spösa de vì. E de nòt l’arieta l’è fresculina, e noalter l’è mia che som tant vistìcc. Ris-ciom de ciapà sö vergòt.

Tarzan) Sóm za riacc fin ché col finistrì dervèrt.

Carolina) Se ghi frèd ve emprèste en per de majunsì. La gh’ìa de tös sö vergöt de quacias, siora.

Jane) G’ho mia pensàt. Amen e così sia.

Tarzan) Cridiègn de na a la nòsa festa e basta. Endà e turnà. Pensaègn mia de pirdìs, catà en nono e duzì fermàs a consegnàl.

Jane) A casa nòsa sarésegn gna endó mitil a dormer. Stom en de ‘n apartament de dò stanse, en condominio. Cuzina e camera. Góm mia post. Góm gna na branda.

Pericle) Noalter garesègn el lèt de nòsa fiöla, (spiegando) chèla spuzada a Venesia.

Nonno) (Intona) La Marietta en gondoletta...

Pericle) Dizóm che l’è inütil portal amó en giro sta nòt. Magari a nà a dumà matina ghe sarà pasat töt e ghe sarà turnàt la memoria. El gne dizarà endó che el sta, come che el se ciama e chi che j-è i sò parèncc. E noalter ghe ‘l portóm.

Tarzan) La me par la sulusiù pö giösta.

Jane) Alura, a chesto punto nöalter podóm nà.

Tarzan) Visto che el nòs doer l’óm fat, saludóm i siori e turnóm a casa nòsa.

Jane) Se mai dumà faróm na telefonada per sènter come gh’è nat a finì la storia.

Carolina) La faghe pör na telefonada, però en vèrs mesdè perché a la matina ghe so mia , so a laurà. Se mai ghe dó el nömer de la me padruna, chèla endó vo a fa i mestèr a la matina.

Jane) No gh’è mia bisògn, la staghe tranquila, ciamaróm en vèrs mesdé. Ariidìs. (Tarzan e Jane escono.)

Scena 14 – Carolina e Pericle

Carolina) Se pasì de cheste bande, vignì amó a catàgn.

Pericle) Che set drè a dì Carolina, se te i conòset gnach. Lasa che i nàghe.

Carolina) Lasa che i nàghe?

Pericle) Sé, e  Chi s’è visto s’è visto

Nonno) Disse lo specchio – io mi son rotto[5]

Carolina) Che set dré a pensà Pericle?

Pericle) Come farala a telefonà dumà en vèrs mesdé se la g’ha mia el nòs nömer de telefono?

Carolina) El nòs nömer de telefono? La la sercarà sö la guida.

Pericle) Se som mia presentàcc. I sa gna come se ciamom.

Carolina) E i sa gna el paés endó stom.

Pericle) G’ho idea che lurle dumà i telefonarà mia.

Carolina) Ghe telefonaróm noalter.

Pericle) Però som mia come i se ciama. Gna lur i gna dit come che i se ciama.

Carolina) I g’ha dit che i sta en vers Palasöl.

Pericle) E che i g’ha en negozio de antichità.

Carolina) Fom pasà töcc i negose de antiquari e te vedare che prima o dopo i catóm.

Pericle) E perché vöt catai?

Carolina) Catai? Te ghe rezù, sercai de fa?

Pericle) A noalter gne n’emporta gnent de lurle e del sò negose de antichità.

Carolina) I na farà mia tancc de afari lurle con chèl negose lé. Ghet vist che facia che i ghia?

Pericle) Che face ghìei?

Carolina) La facia de töcc i dé.

Pericle) Nom a lèt, sta pö pensaga a lur Carolina.

Nonno) (Intona) Dai dai dai Carolina dai...

Pericle) Sö, dam na mà che ‘l portom en del lèt de la nòsa Wanda, e dumà vedaróm.

(Con fatica, lo fanno alzare per accompagnarlo a letto, nel frattempo lo interrogano.)

Scena  15 - altro interrogatorio

Pericle) Che el Signur el gne la mande buna.

Nonno) Disse il Marchese aspettando la nuova serva.

Pericle) G’al de nà en bagn prima? G’hal de nà al numero cento ?

Nonno) (Intona) Andavo a cento all’ora per trovar la bimba mia ohohohoh

Pericle) (Al nonno) Som pròpe alegher stasera. Cosa gómi fat. Nóm biit en picér de pö?

Nonno) De solit bèe mai, se vèt che stasera g’ho esageràt en bris.

Carolina) Se ricordel endó el g’ha biit? Erel en bar?

Nonno) L’era na spuza.

Pericle) Gh’era na spuza al bar?

Carolina) Gh’era na spuza che servia al bar?

Pericle) Sö, el se concentre, el serche de ricordà.

Carolina) El serche de ricordà.Cosa ricordel?

Nonno) (Intona) Mi ricordo montagne verdi – e le corse di una bambina...

Carolina) Sö, el staghe serio. Alura, gh’era na spuza?

Nonno) La spuza la gh’era però me ricorde mia se la servia apó al bar.

Carolina) Se ricordel el nom?

Nonno) De la spuza?

Carolina) No, del bar.

Nonno) Quale bar?

Pericle) Lasóm perder el bar, lü siòr, vìvel de sul?

Carolina) Set drè a pèrder i colpi apó a te? El g’ha dit che el vif ensèma a sò nuora!

Nonno) La me nuora la me maltrata. La völ che a taola bée la cónsa de la verdüra che la me piàs isé fis. Quan la me vèt la dà föra de mat.

Carolina) Come se ciamela chèla nuora lé, isé catia?

Nonno) Certo che l’è catia.

Carolina) Sé, ma come se ciamela?

Nonno) Chi?

Carolina) Come chi? sò nuora.

Nonno) Quale nuora?

Pericle) Se alà, dizóm che l’è mèi nà a lèt. Lüche el se ricorda gna del nas a la boca. Eco cosa sücet a slongàn zó en qual goto de pö.

Nonno) De solìt bée mai.

Pericle) El varde che ghe se slonga el nas come a Pinocchio.

Nonno) (Intona) Carissimo Pinocchio, amici dei giorni più lieti...

Pericle) Stt, che l’è nòt e la zènt la dormi.

Nonno) Forse l’è perché g’ho mesiat el bianch col négher. Chissà che culur gh’è vignìt föra (pensando) föra? no, dènter en del me stòmech?

Pericle) En mesiòt gh’è vignìt föra.

Nonno) El mesiòt l’è dènter mia de föra.

Pericle) Dénter o föra, dizóm che ghe l’è mèi faga sura na bèla durmida. Nom a lèt che l’è ura

Nonno) (Intona) È l’ora dell’addi-iio... (Escono spegnendo la luce e se ne vanno a letto.)    

cala il sipario

ATTO II

Dopo tre giorni – mattina del mercoledì

Scena 1 - Che fare del nonno?

(Fuori scena si sente canticchiare il nonno:E che l’è la me cacche – e che comande mecche...)

Margherita) (Bussa ed entra mangiucchiando delle patatine, non vede nessuno e chiama) Carolina.

Carolina) (Entra calle camere) Ciao Margherita.

Margherita) T’ho portat dei giornai de lèzer, me j-ho za lizicc (si avvicina alla finestra) L’è semper dré a cantà come en fringuèl chel nono lé. Gh’è saltat föra de chi che l’è?

Carolina) Gnanó.

Margherita) Te vedaré che prima o dopo se farà avanti vergü, beh, nient, làsem na a vèder la me turta  che no la brüze. Se vedóm dopo (esce.)

Carolina) (Guarda il nonno dalla finestra) Se el fös mia perché el se ricorda pö gnent, se dizarés mia che l’è sensa memoria. E l’è gna maledücat come che i vulìa fagn crèder. E l’è vera che el bév gna el vì: mèz bicer a past e pó el la tasta pö gna a enzibìghel. Chisà come mai chela sera lé el g’ha biìt?

Pericle) (Entra) Che fèt amó a casa Carolina, vet mia a laurà stamatina?

Carolina) Stamatina no. Encö vo da nösona banda Pericle. G’ho telefonàt a le me padrune che ghe stae mia tant bé. Stanòt g’ho durmìt nient.

Periche) Apó me g’ho durmìt poch stanòt,  (Sbandiera il giornale) Söl giornal gh’è sö niènt. So pasàt apó dai carabinier: i sa gnènt gna lur. Nüsü g’ha denunciàt la scomparsa de ‘n nono come el nòs. El set che encö l’è za mercoledé,  gh’è za pasàt tre dé, dizóm che en tre de püdia saltà föra vergü.

Carolina) De sicür sò nuora adès che la se n’è liberada, la vegnarà mia a reclamal.

Pericle) Certo che l’è strano che el se ricorde pròpe nient.

Carolina) Nient de niènt. Te Pericle, e se fos stat na gran paca ? Magari entant che l’era en mès a la strada col solfanèl vergü i l’ha mia vist e i gh’è nacc ados.

Pericle) Ma no, l’era mia spurch de sanch quan che i l’ha catat. El set Carolina, che se chèi du là i sbagliaa mia strada, el sarès amó là a ‘mpisà i solfanèi.

Carolina) Chisà da endó che el ve? Chisà come el se ciama?

Pericle) Prima o dopo se vegnarà a saìl. I me dizìa i carabinier che stamatina i g’ha ambiàt a dà föra le foto (alza la voce, ricordandosi che la moglie è sordastra) ai vigii e a le caserme e a la polizia. E se del caso l’è mia asé, dumà j-a farà stampà apó söl giornal.

(Fuori si sente il nonno cantare contento: E che l’è la me cacche – e che comande mecche...)

Carolina) Magari el se ciama Mario.

Pericle) Mario o Piero o Carlo che t’emporta? Noalter el ciamóm nono e basta.

Carolina) L’è mia giösta saì gna come el se ciama. E domandaga a la me padruna che la se enterèse? el sò om el g’ha le ma en pasta empertöt.

Pericle) Làsa pèrder la tò padruna. Ah, desmentegae, encö dopo mesdé ve l’asistente social mandada dai servizi sociali del comune per valütal.

Carolina) Come valütàl? La misürela? la pézela?

Pericle) No, dizom che la ghe parla apena ensèma. En base a le sò condusiù i deciderà cosa fan.

Carolina) Cosa g’hai entensiù de fa?

Pericle) I carabinier i m’ha dit che se no salta föra nüsü parènt l’endarà en casa de riposo. Se salta föra nüsü l’è destinàt a l’ospisio. L’età el ghe l’ha e se pöl mia lasàl sö na strada.

Carolina) L’è mia ‘n òm de ospizio chèl lé. I carabinier j-è prope sensa cör.

Pericle) Perché sensa cör? Che garesèi de fa poarècc, tignil en caserma? I m’ha dit che se sóm stöf de dàghel dré amó encö a l’asistente sociale.

Scena 2 – tenerlo se nessuno lo reclama?

Carolina) Me domande e dize come se fa a pèrder en nono.

Pericle) Me ‘l só domandàt apó mé come se fa a perder en nono.

Carolina) Te Pericle, sculta. El set che da quan che la nòsa Wanda la s’è spuzada me sente sula.

Pericle) Sé, el só. Sensa la nosa Wanda la casa l’è vöda.

Carolina) Te’l set che me g’ho sèmper desideràt viga en bel cagnì de compagnia.

Pericle) El so, el so Carolina. Prima o dopo naróm a tö apó el cagnì.

Carolina) Pericle, sculta la me idea: envece del cagnì tegnóm el nono. Me ghe l’ho mai vit en nono. (Speranzosa) Che ‘n dìzet?

Pericle) Vöt tignil ché per sèmper?

Carolina) Fin che podóm. Però se salta föra i parèncc ghe ‘l dóm endré, ma pötos de mandàl a l’ospizio el tegnom al post del cagnì. Alura, che te par de la me idea?

(Fuori si sente il nonno cantare contento: E che l’è la me cacche – e che comande mecche...)

Carolina) Sculta Pericle. A èsega lü, la casa la ve mai abandunada. Se gh’è vergü en casa en vé mia de làder. Quan che nóter nóm via o sóm laurà el fa apó la guardia.

Pericle) (Scandalizzato) Carolina, come fal a fa la guardia, l’è mia en cà.

Carolina) Varda Pericle che lü l’è mei amó de en cà. L’è un òm! E varda che da chèle bande ché, en de j-öltem tèmp, i làder j g’ha fat pasà quasi töte le case. E pò, el dà nüsü fastide, ghe va bé i tò vistìcc vècc, el dormi en de la camera de Wanda.

Pericle) El set che fòm? Se ve la Wanda a catàgn ghe compraróm en divano letto.

Carolina) En divano letto el va benone. Ghet vist come l’è brao a na dré al giardì? Se vèt che l’è giü üs en campagna e che el se n’entènd. El g’ha tajat la sés, potàt le piante, travasàt i fiur.

Pericle) Per de pö el canta sèmper e ‘l gne te alégher.

Carolina) Oltre töt l’è de poca spesa, el mangia come n’uzilì. Cosa èl chi en piat de minestra en pö.

Pericle) Te ghe rezù Carolina, dizóm che sarà mia en piàt de minestra che gne manda en malura.

Carolina) Se ghés de ocörer me cate amó na qualche siòra de nà a stirà, o de nà a laà i vèder. Ghe n’è semper de siòre che sèrca de schià le fadighe.

Pericle) Gh’è sarà mia bisògn, sculta (elencando e alzando la voce perché si ricorda che la moglie è un po’ sorda) 1) le tò ure a 7 euro a l’ura; 2) la me picola pensiù; 3) i me extra come cogo el sabót e la festa; per me j-è asé o dìzet che ghe la fóm mia?

Carolina) (Entusiasta) Ghe la fóm ghe la fóm. El nono l’è de poca spesa.

Pericle) E podaróm sighità a daga na mà a la nòsa Wanda a pagà el mutuo de la sò casa a Venesia.

Carolina) E magari, se tegnóm en bris a mà, rióm a mèter vergót en banda per quan saróm vècc

Margherita) (Bussa ed entra con tre fette di torta) T’ho portàt de tastà la me turta Carolina, na fèta per te, giöna per el Pericle e giöna per el nono.

(Fuori si sente il nonno cantare contento: E che l’è la me cacche – e che comande mecche...)

Carolina) Grazie, trop gentile, te ghiet mia de distürbat.

Margherita) A dit la verità, vulie che el nono el tastàes la me turta. Ghe pias le robe dolse al nono?

Carolina) El va mat per i duls. Te foi el cafè Margherita? El beóm entant che mangiom la tò turta.

Margherita) N’altra olta Carolina, adès g’ho de na a vèder la Maria De Filippi e a fa na bela pianzidina (esce).

Pericle) Come l’è stada gentile a portà la turta al nono.

Carolina) Poer nono. El set che quan turne dal laurà el me ve encontra e ‘l me fa le feste come en cagnì.

Pericle) Apó a me el me ve encontra töt contènt. El me dèrv finamai la porta.

Carolina) I cagnì i dèrvi mia la porta.

Pericle) Dizom che l’è bel viga che giü che te derv la porta quan che te riét a casa. Te, te le mai fat.

Carolina) Me l’ho mai fat? Te serve za asé sensa bisògn che te dèrve la porta.

Pericle) Ma no Carolina, l’era sul per dì che apó a me, me piàs vidìl girà per casa. El set che fóm? quan che encó ve l’asistente sociale ghe ‘l dizóm. Ghe dizóm che el tegnóm nóter.

Carolina) El tegnóm nóter! Brào Pericle, isè te me piàzet.

Pericle) Se el tegnom garóm de portal da en dutur per vèder se el g’ha de tö zó na qualche medizina, a la so età l’è facil che el gabe bisògn de medizine. Pò, perché góm de spetà encö, nóm sübit a dìghel ai carabinier chèl che góm pensàt de fa, stom mia a pèrder tèmp.

Carolina) Isé se gh’è de le carte de fa o de firmà i pöl preparale.

Scena 3 - il nonno rientra canticchiando

Nonno) (Entra con della piantine, canta) Stella d’argento – che brilli lassù –(A Carolina) il tuo splendor – mi fa morir di nostalgia – oh quanti ricordi – fai vivere tu – stella d’argento – che brilli lassù. (Depone le piantine, esce) Ahi ahi ahi ...

Pericle) A olte, nel vardàl, me par de véder amó me pader.

Carolina) E a me, me par de véder el pàder de la me siòra.

Pericle) Quale siora?

Carolina) Chèla endó vo a fa i mester dò ure al lönedé matina.

Pericle) (Pensando) La tò siora... (sempre guardando il nonno) magari l’è siòr apó lü el la sa mia.

Carolina) Magari el g’ha na bèla pensiù.

Pericle) Se el ghes de viga na bèla pensiù, i sò i l’ares za sercàt, te ‘l garantese mé.

Pericle) (Al nonno che rientra con altre piantine) Nóter adès g’hò de na en momènt en piasa. Lü el staghe ché, brao, el staghe mia a dèrver a nüsü. G’hal capìt? (Ripete sillabando) A nüsü!

Carolina) (Anche lei sillabando) A nüsü. Me racomande.

Nonno) (Si mette sull’attenti) Obbedisco!

Pericle) (Nell’uscire, alla moglie) Se el dis “obbedisco”, l’era mia giü che comandaa.

Carolina) (Nell’uscire al marito) Magari l’è apena en patìt de Garibaldi.

Scena 4 - Il nonno resta solo.

(Escono. Il Nonno si siede a sistemare le sue piantine. Suona il campanello d’entrata.)

Nonno) I m’ha dit de mia dèrver a nüsü e me dèrve a nüsü. Come sto bé en chèsta casa. Pòde cantà fin che n’ho òja e gh’è nüsü che me stöfa.  (Suona ancora il campanello.)

Nonno) Dervèr o mia dèrver? Aprire o non aprire “questo è il problema.: se sia più nobile soffrir nell’anima i proietti e gli strali dell’oltraggiosa fortuna, o prender armi contro un mare di affanni e, contrariandoli, mettervi fine.” Che soi dré a dì? “Morire: dormire: nulla più; e con un sonno dire che poniamo fine (pensa) all’angoscia del cuore e... e... (pensa ancora) alle mille percosse naturali che son l’eredità della carne.”[6]

(Fuori continuano a suonare impazienti. Lui si alza, pensando compiaciuto al suo monologo e va ad aprire. Come schegge entrano le 2 guardie e controllano la stanza. Quando sono sicuri che tutto va bene parlano al telefonino. Dopo qualche attimo entra precipitosamente Greta e subito dopo Onorio, il politico figlio del nonno. Figlio e nipote non abbracciano il nonno.)

Scena 5 –  entra Onorio il politico con la figlia Greta

Greta) (Al padre) Menomal che t’óm troàt nono.

Onorio) Se te ghéset de saì quante mance g’ho slongàt per mèter töt a tàzer. G’hom de sta atenti fes ai me aversàre, i spèta che faghe en qualche pas fals per criticam. (Mentre Onorio parla suona il telefonino, rispondèrà sempre una guardia del corpo che gli e lo passa.) Pronti-pronti... E allora chiedi l’autorizzazione  (chiude la comunicazione e lo ridà alla guardia) Bene-bene-bene[7] . Ghe mancàa apena de èser sota le elesiù. (Al nonno) Pudiet mia fagn na telefonada bubà? Dign endó te siet?

Greta)(Seccata) El chèsto el modo de sparì nono?

Onorio) Sìegn töcc en penser per te.

Nonno) Per me o per la campagna eletoràl?

Greta) Ohh, sta mia tacà a stöfà nono. Sémper malcontènt. Semper a criticà. Te va mai bé gnènt de chèl che fom.

Nonno) Come gh’ì fat a catam?

Onorio) L’è stat el me amico vigile a cunusìt da na foto che g’ha pasàt i carabinier stamatina.

Greta) E menomal che l’era lü en servizio. El gn’ha telefonàt e sóm riàcc sübit a fermà töt.

Onorio) E g’ho racomàndat a töcc de sta schis, de mia na a sbandieral en giro. I giornalisti i va macc per certe storie. I n’arés tiràt föra en scàndol. (Telefonino, risponde: Pronti-pronti ... Stampa subito una copia (chiude la comunicazione), bene-bene-bene. (Al pubblico) Varda se pròpe sota le elesiù gh’ia de capitàm na roba compàgn. Speróm de èser riàt a stofegà zó töt.

Greta) Come stèt? Stet bé? T’hai tratàt bé nono?

Nonno) J-è stacc töcc gentili.

Onorio) Encö dopomesdé, quan garóm en momènt de tèmp, ghe telefonaróm a lurche (indicando la stanza) per ringraziai, ghe daró na bèla mancia per stopaga la boca e fine de la storia.

Nonno) Come mai gh’ì spetàt tre dé per preocupàv de me?

Greta) (Scandalizzata) Che dìzet nono. Góm mia spetàt tre dé. Se sóm preocupàcc apena l’óm saìt.

Onorio) L’óm saìt apena ger sera söl tarde. S’è sóm encurzìcc de gnènt chèla sera lé bubà. L’è stada tò fiöla Alida che ger sera la g’ha telefonat a la Franca e la Franca la g’ha ciamàt la Clara. E la Clara la g’ha telefonàt a la Eleonora. Me domande le tò fiöle endó le g’ha el có a olte.

Greta) Le la sa apena le zie. Nono varda che góm de dì gnènt a la Geltrude e gna al Gaetano.

Onorio) Men i sa mèi l’è. (Alla figlia) E te racomande de diga gnènt gna a la Francy perché el so òm l’è pubblicista. (Telefonino, risponde: Pronti-pronti ... è nel terzo cassetto della mia scrivania (chiude la comunicazione), bene-bene-bene.

Nonno) Pubblicista?

Greta) Giornalista indipendente. I la paga en tant al chilo.

Scena 6 – il nonno si ribella

(Onorio fa cenno alle due guardie e si apprestano ad uscire. Ecco che il nonno si ribella.)

Nonno) Me vöi sta ché. Vöi mia vègner a la vòsa casa.

Onorio) Enfati te vègnet mia a sta con de me, te porte da tò fiöla Clara.

Nonno) Vöi gna nà de la Clara.

Greta) Vöt na de la zia Eleonora?

Onorio) Vöt nà a casa de tò fiöla Franca?

Greta) O da la zia Marlene? Te portóm endó te ne òja, set contènt? (Al pubblico) Pö bèl de isé!

Nonno) Vöi na a casa mia.

Onorio) Te pòdet mia viver de sul, a la tò età, co la tò malatia, coi tò distürbi.

Greta) Ringrasia el Signur che te ghe fiöi e neùcc che te sta dré e che te fa mancà gnènt. Bèla riconoscenza per töt chèl che fóm per te.

Nonno) E me g’ho dit che vöi sta ché.

Onorio) E me g’ho dit che te vègnet con me.

Nonno) (Sfidandolo senza convinzione.) Se te me pòrtet da la Clara, me scape.

Onorio) E le la te sèra dènter a ciav e te te ve pö da nösona banda.

(Onorio fa un altro cenno alle guardie che prendono il nonno di peso, poi controlla che ci sia via libera e tutti se ne vanno senza chiudere la porta.)

Scena 7 - ritornano e non trovano più il nonno

Carolina) Gh’è la porta dervèrta. Alter fa che fa la guardia come en cagnì. Speróm che sape mia vignìcc i làder. L’alter dé i g’ha robàt apó en de la via endó sta la me padruna.

Pericle) Chela endó te ve a stirà?

Carolina) No, chèla endó vo al mercoledé matina.

Pericle) Nóm a dà n’öciada che no i sàpe vignìt dènter e che no i gabe robàt vergót.

(Escono precipitosamente a controllare. Margherita bussa alla porta aperta ed entra mangiucchiando qualcosa, poco dopo rientrano Pericle e Carolina.)

Margherita) (Nel vederli) G’ho sintit en pó de sö e zó dré le scale e so ignida a controlà. Ma se siv en casa gh’è töt a posto, ve salüde e vo a vèder amó la me De Filippi (esce).

Pericle) (Alla moglie) Stala töt el dopomesdè deanti a la televiziù la Margherita?

Carolina) L’è de sula, la pasa el tèmp.

Pericle) (Guarda l’orologio) Menomal che el me Rolex el tègne sèmper al bras. Dizóm che gh’è töt a pòst.

Scena 8 – il nonno è sparito

Carolina) Töt a pòst Pericle, però gh’è pö el nono.

Pericle) Ghe manca el nono? G’hai robàt el nono? G’het vardàt en giardì?

Carolina) L’è stat el prim post. Te dìze che el gh’è de nösona banda.

Pericle) Gne tocarà turnà amó dai carabinier a dìga che gh’è sparìt el nono. Che i ambie a sercàl. So preocupat, völarés mia che ‘l se mète amó en mès a na strada a empisà solfanèi.

Carolina) (Preoccupata) Pö che àlter che no i la cate sö, che no el naghe sota na machina.

Pericle) Stom mia a pèrder tèmp, nom a dighel sübit, el sarà mia nàt tant lontà.

Carolina) Fèrmet Pericle, e se envece l’è scapàt?

Pericle) Alura garóm de lasàl nà. Rispetóm la sò deciziù. Forse gh’è riturnàt la memoria e l’è turnàt a casa sò.

Carolina) Sensa dìgn gnènt? Senza spetàgn? Isé töt de frèsa? L’è mèi nà a dìghel ai carabinier Pericle. Menomal che la caserma l’è ché a du pass.

Pericle) (Preoccupato) Coróm Carolina, che i la sérche sübit, che no ghe sücede argòt de bröt.

Scena  9 – si riaffaccia il nonno

(Escono precipitosamente lasciando la porta aperta. Dopo qualche attimo entra il nonno trafelato.)

Nonno) So riàt a scapaga a chei du “marcantone”. (Prende fiato poi ridacchia) Siègn za riacc a le machine. L’Onorio e la Greta j-era za nacc sö de giöna. J-era dré a cargàm sö de n’altra quan gh’è sunàt el telefonino. Giü el g’ha rispundìt e l’è nat a portàghel a me fiöl. Ise me g’ho piantàt na pesada en dei stich a chel’alter. El se l’aspetaa mia de me. I se cridia de viga a che fa con de en vècio rimbambìt. (Sghignazzando) Che bèla pesàda che g’ho piantàt! El m’ha molàt per tocàs i stinch e me so scapàt. Lur i m’ha curìt dré sübit ma mé, prope en del voltà el cantù de la strada g’ho vist en furgùnsì dervèrt e ghe só saltàt denter. L’éra chèl de ‘n eletricista. G’ho seràt la portiera e quan che lur j-è pasàcc so saltàt zó. G’ho duzìt tacàm a la maniglia e fa abelase, saltà zó l’è pö dificil che saltà sö.

Scena 10 – Pericle e Carolina

(Ritornano Pericle e Carolina e trovano il nonno.)

Pericle) Vardèl ché endó l’è. Isé garóm de nà amó na olta dai carabinier a diga che l’óm catàt.

Carolina) Aanti e endré da sti carabinier. Che figüra che fóm!

Pericle) E se entant che nóm el sparìs n’altra olta? (Al nonno.) Se pöl saì endó che l’è nat a scundìs?

Nonno) Me sö scundìt en del furgù de n’eletricista.

Carolina) En del furgù de n’eletricista?

Nonno) Sé, entant che me fiöl el telefonàa só scapàt.

Pericle) Eletricista? fiöl? (Alla moglie) G’ho idea che garóm de bù de fal véder a en qual dutur.

Carolina) A ‘n qual dutur, giusto. E se el dis che l’è mat e i gne la porta via?

Pericle) (Alla moglie) Volarà dì che nóm al canile a tö en cagnì, (si ricorda che è un po’ sorda  e alza la voce per farsi capire) entan turnom dai carabinier a diga de mia pö sercàl. (Al Nonno) Lü el staghe ché sensa muis. Capìt? E sènsa dèrver a nüsü. Me racomande, el staghe mia dèrver a nüsü che gh’è pié de làder en giro. (Ripete sillabando) A nüsü!

Carolina) (Anche lei sillabando) A nüsü. Me racomande.

Nonno) (Si mette sull’attenti) Obbedisco!

Scena 11 - Ritorna Onorio

(Mentre si preparano per uscire suona il campanello d’entrata.)

Carolina) Chi sarà?

Pericle) Forse l’è l’asistente sociale.

Carolina) L’asistente sociale? Ghiela mia de vègner encó dopomesdé?

Pericle) Dizóm che la g’arà pensàt de vègner stamatina.

Carolina) Arrivo (va ad aprire).

Nonno) (Al pubblico) Disse il traguardo.

(Entrano le guardie del corpo. I due si pongono a fianco del nonno, lo guardano storto, si allontanano quel tanto che basta per non prendere un’altra pedata negli stinchi. Poi uno dei due prende il telefonino e chiama Onorio che entra subito dopo.)

Guardia del corpo) (Al telefonino) Via libera.

Scena 12 – Ecco com’è stato che abbiamo perso il nonno

Carolina) (Al marito che è rimasto stupefatto sulla porta) Via libera?

Pericle) (Si avvicina ai due coraggiosamente) Siòri, che sücèt?

Onorio) (Entrando) Buon giorno. (Al nonno) Se le fa mia chèle ròbe ché. Tel sèt che g’ho mia tèmp de pèrder, pròpe adès che som sota le elesiù. Se pöl saì che t’è vignìt en mènt de scapà.

Pericle) (Aggressivo, difendendolo) L’è scapàt perché sò nuora la la tratàa mal.

Onorio) Quale nuora?

Pericle) (Ad Onorio, molto seccato) Sö mia quale nuora, se el la sa mia lü de chi se parla, gói de saìl me? Ansi, se pöl saì chi che l’è lü, e chi che j-è chèi du ché?

Onorio) Adès ghe ‘l spieghe. (Come prima, al telefonino risponderà una guardia del corpo che gli e lo passa.) Pronti-pronti... Niente da fare, non si può. No, no e no. (chiude la comunicazione con un: male-male-male. Ridà il telefonino alla guardia del corpo e riprende il suo discorso.) En vöi mia de scàndoi e g’ho mia tèmp de pèrder. Pròpe adès che som sota le elesiù. (Tenta di far alzare il nonno che gli oppone resistenza) Adès el portóm a casa e fine de la storia.

Carolina) Quale casa?

Onorio) Chèla de la Clara.

Pericle) Chi éla la Clara

Onorio) La fiöla de me pàder (indicando il nonno).

Carolina e Pericle) Sò pàder?

Scena 13 – la storia del nonno

Onorio) Certo, lü l’è me pàder e me so sò fiöl (porgendo la mano) piacere Onorio.

Pericle) L’arés mai dit che l’era so pàder. Garès pensàt pötòst che el fós sò nono siòr Onorio. El me scüze, vulie mia ofindìl.

Carolina) El gne scüze, töcc se pöl sbaglià

Nonno) Tutti possono sbagliare disse il riccio scendendo dalla spazzola.

Carolina) (Al nonno) Cosa g’hal dìt?

Onorio) La staghe mia a faga bado, l’è svanit. El gh’è mia pö col có.

Nonno) Pòde na a spànder l’acqua per piazér?

Carolina) Ma certo, gh’è gnà bisògn de domandal, el naghe tranquilo.

(Onorio fa un cenno alle guardie che lo seguono. Il nonno esce con le guardie alle calcagna.)

Onorio) Nüsü problema. Gh’è tancc che se sbaglia e i pensa che sape so niùt e mia so fiöl. L’è perché me pàder el s’è spuzàt tre olte. La prima fómna l’era na sò vizina de casa. La g’ha fat dò femine e l’è morta en de n’incidente stradal. La seconda l’era na bionda che lauraa ensema a lü, la g’ha fat altre tre femine e l’è morta en Francia. E la tèrsa l’era la me mama pö zuena de lü de vint agn.

Carolina) Pö zuena de lü de vint agn? Apó el fradèl de la me siora el g’ha spuzàt giöna pö zuina.

Onorio) Quale siora?

Carolina) Chèla endó vo a fa le scale el sabót de matina. Endó che sta chèle tre fómne...

Pericle) (Ricordando) L’è per chèl che el gh’ia tre fómne, Carolina.

Onorio) Tre! Sinquanta! Me padèr l’è sèmper stat en garibaldino de chèi giös-cc. Ai sò tempi l’era en bèl om. El g’ha semper vit en möcc de fómne che ghe giraa entùren. De zuén el g’ha lauràt ende l’Avanspettacolo. El g’ha giràt töta Italia con la sò compagnia. A chèi tempi el g’ha vit apó en certo sucès. El g’ha fat apó na part en de en cine con de Alberto Sordi.

Carolina) Alberto Sordi. Ohh A la me padruna ghe piàs fis Alberto Sordi.

Pericle) Quale padruna.

Carolina) (Pensando) A töte le me padrune.

 Onorio) El g’ha fat l’atur e apó el musicista. Pinsì che l’è bu de sunà il bassotuba, il controfagotto e il corno a pistoni. (Guardandolo) A chei tempi el se faa ciamà Johnny Beguine o anche Johnny Calypso, o anche John the Rock-and-roll. A seconda se el cantaa o el sunaa.

Carolina) Come a seconda se ‘l cantaa o ‘l sunaa?

Onorio) Perchè isé, söl cartèlù, sö le locandine, con tanti nòm, paria che i fós en tancc en de la compagnia, envece a olte j-era quàter gacc. A chèi tempi le fómne le ghe curìa dré come al mél co le mosche.

Carolina) (Rettificando) Come le mosche al mél.

(Mentre Onorio parla rientra il nonno)

Onorio) E me cosa gói dit? (Vede il nonno) bene-bene-bene, pronti che nóm  (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... Non se ne parla. Capito! (chiude la comunicazione),  male-male-male.

Pericle) En momènt, el finise al men la sò storia.

Onorio) (Guarda l’orologio e prosegue) Quan che el s’è ritiràt de le scene el g’ha dervit prima na picola sartoria, pó en laboratore e a la fì na fabrica de “Costumi teatrali”.

Carolina) Costumi teatrali?

Onorio) Costumi teatrali e de carneàl. En mestér gròs fis, so mia se me spieghe.

Nonno) (Al pubblico) Disse il paracadute – spiegati meglio rispose il paracadutista.

Onorio) L’è stat lé che el g’ha fat i sólcc e l’è stat lé che el g’ha cunusìt la me mama. L’era na sò operaia, la ghìa vint o vintisìch agn de men. I s’è vis.cc, i s’è ennamuràcc e en quàter e qautr’òt i s’è spuzacc. E dopo en po’ só nasìt me. L’ünich fiöl mas-c che el g’ha.

Carolina) Bel fiöl!

Onorio) (Risentito dal tono di Carolina) Come sarés a dì bèl fiöl?

Carolina) Sarés a dì: come se fa a sta tre dé sensa preocupàs, sensa saì endó che se g’ha el pàder.

Scena 14 – le nozze

(Suona il campanello. Vanno ad aprire, entra Greta)

Pericle) E chèsta signorina chi éla?

Onorio) Me fiöla Greta.

Greta) (Secca) Buongiorno. (Al padre) Zó gh’è du giornalisti, g’ho idea che i sape dré a mangià la fója.

Carolina e Pericle) (Guardandosi perplessi) Giornalisti?

Greta) (Al nonno) Sta pö fa na ròba compagn nono, ghet capìt. (Facendolo alzare) Dai, nom (il nonno fa una resistenza silenziosa attaccandosi con le mani alla sedia.)

Pericle) Pararés che el völe mia vègner. (A Greta) La la moche de tiràl signorina. El pirdìv, per tre dé vignì gna a sercal, e adès v’è vignìt el föch al cül?

Carolina) Me domande e dize come se fa a pèrder en nono? Robe de gnà crèder.

Onorio) Envece pöl süceder a töcc. L’è stada isé: tre dé fa s’è spuzàt la fiöla de me sorèla.

Greta) Me cüzina la g’ha töt giü de Mantua o zò de lé.  El sif come che l’è quan che se va a spuze, gh’è semper na gran cunfuziù. Finit la sena...

Carolina) Pranzo e sena! Apo quan s’è spuzàt la fiöla de la me padruna i g’ha fat pranzo e sena e...

Pericle) (Interrompendola gentilmente) Lasa pèrder Carolina, lasa che i nàghe avanti a cöntà.

Greta) Me cüzina la g’ha vulìt le robe en grande. Festa granda, saróm stacc en tresènt se no de pö.

Onorio) Oh, na gran bèla festa, góm mangiàt töcc come porsèi (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... Domani mattina non posso (chiudendo la comunicazione) bene-bene-bene.

Pericle) (A Greta mentre Onorio telefona) Chisà cosa che el v’è costàt?

Greta) Na cifra, però góm mangiàt bé! Tanti bucunsì bèi saurìcc per antipasto, pó tre prim, ansi no, prim de töt l’aperitivo. Chèl che m’è mia piazìt de l’aperitivo j-è stacc i tòch de fretada.

Carolina) Ghe piàs mia la fretada?

Onorio) (Intervenendo) La fretada i la mangia i poarècc. Me meraviglie che i l’abe servida en chèsto castèl.

Carolina) En castel? Adiritüra en castel? Chisà cosa el sarà costàt.

Onorio) G’ha pagat me sorèla. De sicür en möcc de euri. L’è mia na ròba de töcc i dé spuzàs en de ‘n castèl.

Pericle) Se l’è per chèl gna pèrder en nono l’è mia ròba de töcc i dé.

Onorio) (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... Nessuna deroga, non se ne parla (chiude la comunicazione), bene-bene-bene.

Nonno) Pòde na a spànder l’acqua per piazér?

Carolina) Ma certo, gh’è gna bisògn de domandàl, el naghe tranquilo.

(Il nonno esce seguito dalle guardie.)

Onorio) (Alla figlia) Va a controlà se gh’è amó i giornalisti deanti a la porta, se i gh’è mandei via co’ na scüza che apena turna el nono nom. Va, mèi éser prudenti.

(Greta esce)

Pericle) (A Onorio) E dopo?

Onorio) Dopo, finìt töt, som proncc de pàrter, el nono el ve con de mé, no, el porte a casa mé e en de la scunfuziù, en del pàrter, salüda te che salüde me el nono l’è restàt a pè.

Carolina) Come restat a pè?

Pericle) Nüsü g’ha pensàt a lü?

Onorio) Töcc góm pensat a lü, però nüsü s’è encurzìt che ‘l mancaa. Me sorela la pensàa che el nono el fós de nöter. (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... Spedisci tutto via fax (chiude la comunicazione), bene-bene-bene. (Riprende il discorso)  E noter pensàegn che el fos nat da me sorela Eleonora, le la g’ha pensàt che l’erés da la Marlene. Ensoma, sota le elesiù l’è dificil catàm al telefono.

Carolina) (Mentre Onorio consegna il telefonino alla guardia.) Se dizarés mia.

Greta) (Rientra) Via libera bubà, se pöl nà. El nono?

Pericle) L’è amó en bàgn. (A Onorio) A la fi góm gnamó saìt come l’è stada

Onorio) L’è stat che apena ger sera tarde sò fiöla l’è riada a parlà con de me e gom scoperto che el nono l’era da nösöna banda. Góm töcc ambiàt a agitàs.

Greta) Telefona a töcc i parèncc, nüsü che sia gnènt, e gh’è riàt matina.

Onorio) Siègn dré a nà dai carabinier quando en me amico vigil l’è riàt co la foto del nono. Som curìcc dai carabinier, e lur i gna mandàt ché. L’unica ròba ve racomande de dì gnènt a nüsü, che no i vègne a saìl i me aversari, me base töta la me campagna eletoràl sö i servizi sociali, sö i pensionàcc, sö come aidà j-ansiani.

Scena 15 – origine contadine

Pericle) N’atra ròba vöi domandaga. Come mai el se n’entènd isé fis de piante?

Onorio) Perchè de zuén el staa en campagna. I sò j-era dei contadì. Sti mia na a dil en giro sedenò i me aversari i se n’aprofita.

Pericle) Apó me pàder el faa el contadì, e mé, me ‘n so sèmper vantàt. Quan s’è onesti gh’è mia de vergognàs de nient.

Carolina) Se g’ha mai de vergognàs del prope pàder. La la dis sèmper apò la me padruna.

Onorio) Mé, me vergogne mia de me pàder. El tègne apena scundìt. Fo el politico de profesiù. Come fói a presentàm en parlamento e dì che me pàder, de zùen, el faa el contadì.

Greta) L’è mei se i crèt che som sèmper stat dei industriai.

Onofrio) Se g’ha de sta atenti a sèrte ròbe.

Greta) Se g’ha de sta atenti a töte le sfümadüre

Pericle) Fa el contadì l’è mia en disunùr. Dizóm che en dizunùr l’è robà : rubare !

Onorio) Se el ghes de saì caro el me siòr, che al dé d’encö l’è töt el contrare. Se giü el ròba i ghe dis che l’è fürbo. Se giü el ve da la campagna i dis che l’è en vilàn rifàt. El varde che me só al parlamento europeo! A Strasburgo, me raprezente j-italiani en Europa.

Pericle) E sò fómna? cosa raprezentela? Le italiane en Europa?

Scena 16 – dov’è la nuora cattiva?

Onorio) Quale fómna? de che fómna el dré a dì?

Greta) (Al padre) L’è dré a dì de la mama.

Pericle) Giusto, sò mama (prima indica Greta e poi la porta da dove è uscito il nonno) che me dìzel de sò nuora?

Onorio) Quale nuora?

Carolina) Chèla che la la maltrata (puntandogli il dito contro) sò moér.

Onorio) De moér me ghe no mia, so divorsiàt.

Carolina) Divorsiàt. Come mai?

Onorio) Per crudeltà mentale.

Carolina) Crudeltà mentale?

Onorio) (Alla figlia, guardando l’orologio) Va a véder che fì el g’ha fat el nono.

(Greta esce.)

Onorio) Me fómna la g’ha vulìt divorsià perché la dis che la na pudia pö de sènter a sunà el telefono. El ghe daa fastide en special modo quan che el sunaa de not.

Carolina) Apó a la me padruna ghe da fastide quan suna el telefono.

Onorio) Ve garantése che no ghe n’è de nuore. La nuora la gh’è apena endé la sò fantasia malada.

Carolina) L’è mia na fantasia se l’è scapàt de casa.

Onorio) L’è mia scapàt. L’óm pirdìt, l’è mia la stesa ròba.

Carolina) Sarà mia la stesa ròba, però lü el dis che l’è scapàt da sò nuora.

Onorio) Forse el se riferìs a la badante. La sò badante russa la se ciama NORA.

Carolina) Nora, nuora... pöl èser.

Onorio) Góm töt na badante perché el gh’è pö co n del có, per staga dré, che no ‘l se pèrde.

Pericle) Però l’ì pirdìt lo stès.

Onorio) El fato l’è che, chèl de lé l’era sensa badante.

Pericle) Come mai?

Onorio) Pudiègn mia certo envidà a nòse na badante. Na badante al matrimonio de me neuda, figüràs con töte le personalità che gh’era. E se la se sintaa zó en banda al sindèch, o al prefèt? che figüra ghe fàegn. “Noblesse oblige – la nobiltà è obbligatoria”[8]

Carolina) Che figüra ghe fàei (indicando la porta da dove è uscito il nonno) con giü isé en danda al sìndech.

Onorio) En banda al Presidènt de la Provincia o al Governadur de la regione.

Scena 17 – come abbiamo perso il nonno

Pericle) La sal almeno che i l’ha catàt en mes a la strada, de nòt, con de ‘n solfanèl empis?

Onorio) I carabinier i gn’ha contàt töt. (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... Domani mattina non posso. (Chiude la comunicazione),  bene-bene-bene.

Greta) (Rientrando) Adès el ria.

Onorio) El siv a po’ vóter come che l’è quan che se va a nòse, se fa en bris de baldoria e a olte en qual bicér de pö el fa dei bröcc shèrs.

(Rientra il nonno e subito dopo le guardie.)

Onorio) Ensoma, nüsü s’è encurzìt che el manaa...

Pericle) ... e sif riàcc a casa sensa de lü.

Carolina) Sensa de lü! Sensa preocupav de lü!

Onorio) Siora, come fàegn a preocupas se sìegn mia de vil pèrs? A parte el fato che de lü gh’è de spetàs de töt, l’è per chèl che l’abandonóm gna en moment, per via de la sò malatia. (Al padre) Sö nóm a casa. (Fa un cenno alle guardie che prendono il nonno e si avviano per uscire.) Menomale che l’óm troat e che góm evitàt el scandol. I giornai i sarès nacc a nóse. Ve salude siori. Ariidìs.

(Escono tutti e cinque.)

Scena 18 – vanno e tornano

Pericle) El set che j-è nàcc vià sensa gna dì grasie?

Carolina) Sensa gna dì grasie. Che vilàgn!

Pericle) Vilagn quàder.

Carolina) Só mia che fàmen mé dei sò “grazie”, se i ve mia dal cör i “grasie” i cönta gènt.

Margherita) (Bussa ed entra mangiucchiando qualcosa) Ma... ma el mia chel tal politico chèl che...

Pericle) Qual politico?

Margherita) Me ricorde mia come el se ciama,  ma ogni tant el vede en televiziù.

Carolina) El sarà stat giü che ghe somèa, secondo te che vègnel a fa en politico da noalter?

Pericle) Te vàrdet tropa televiziù.

Margherita) Te ghe rezù Pericle, giösta per chèl, el set che fó adès? Vo de là, la smorse e empise la radio (esce).

Pericle) Carolina, el set che fom? Sarà mia la stesa roba, ma per cunsulàt, naróm al canil municipàl  a tö en bèl cagnì. Dizóm che là ghe n’è talmente tanti de cagnì bandunàcc che en bèl cagnì te el càtet de sicür. Nóm sübit (Cambiando tono, preoccupato) Pötost lur, sarai nacc dai carabinier a diga che i gne l’ha portàt vià? O gom de naga amó nóter a dìghel?

(Suona ancora una volta il campanello, Pericle va ad aprire. Rientrano le guardie inseguendo il Nonno che si siede e si attacca disperatamente a una sedia. Onorio entra subito dopo.)

Onorio) Menomal che gnà mia vist i giornalisti. Me pàder el völ mia vègner vià de chesta casa.

Pericle) Se vèt che ché, en chesta casa, el se cata bé.

Nonno) Vöi sta ché Onorio. Voi sta ché t’ho dit, per piazér, làsem ché.

Onorio) Bubà, serca de ragiunà, pòde mia lasàt ché.

Nonno) Làsem ché, ché i me völ bé.

Onorio) Che set drè a dì? Apó noalter te volom bé, te fóm mancà nient.

Nonno) Ché i me sculta quan che parle.

Onorio) Apó noalter te scultom quan che te pàrlet.

Nonno) Ché i me lasa cantà.

Onorio) Ma se te ve en gir töt el dé a cantà, tant’è vera che som costrècc a seràt en de la tò camera per mia sintìt.

Pericle) El serìf en camera? A ciaf?

Onorio) E certo, sedenò el gira per töta la casa...

Nonno) (Interrompendolo) ... e i me ciapa per en vecio rimbambit.

Onorio) Gh’è nüsü che te ciapa per en vècio rimbambit bubà. (Cercando di convincere i presenti) Parola d’onore che töcc el rispetóm. (A tutti) Ghe mancarès a chèla de mia rispetàl. (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... lo chieda alla mia segretaria (chiude la comunicazione), bene-bene-bene. Riprende il suo discorso, a Carolina) Sala mia che coi giornalisti en giro la nòsa vita l’è come sota na lente d’ingrandimento? Góm de sta atenti fis a ogni moimènt, a ogne parola. (Sospirando) L’è na crus fa el politico.

Nonno) Gh’è nüsü che te obliga.

Onorio) Te volaré mia che mòle prope adès!? prope sota le elesiù!

Nonno) Te fa chèl che te ne òja ma me de ché me möe mia.

Onorio) (Si guarda  in giro senza comprendere) Cosa gala chèla casa ché de special?

Nonno) Se pöl cantà sensa dà fastide a nüsü.

Onorio) El völ sèmper cantà. El canta sèmper, apó a spropòsit. L’è apó per chèl che, en mes per ü, se ‘l pasóm a turno co le so fiöle.

Pericle) En mes per ü?

Onorio) Certo, se resisti mia de pö de en més.

Pericle) Cantà té alégher

Onorio) Ma mia quan te ghe de concentràt, o de ghe en qualche ministro a pranzo o a séna. El distürba. El dà fastide. El gne fa fa bröta figüra. Oltre töt podóm gna pö tignil a taola con nóter perché el s’è desmentegàt le bèle maniere.

Pericle) Èl fì mangià de sul?

Onorio) Macché de sul, el mangia co la badante.

Nonno) (Guardando supplichevole Carolina.) Làsem ché Onorio, per piazér.

Onorio) Come föi a lasàt ché bubà. I siori i te völ mia

Scena 19 – che si può fare?

Pericle) Come el volóm mia. Certo che ‘l volóm.

Carolina) Sior Politico, sal che fòm? El la lase ché per en pó.

Onorio) Per en po? Scultìm. Ve fo na proposta? Voalter saresèf disposti a tignil per sèmper?

Carolina) Per sèmper – sèmper?

Pericle) (Alla moglie) Garóm de nà a comprà en divano letto.

Onorio) Per me pàder?

Pericle) No, per la Wanda. So pàder el dorma en de la sò camera.

Onorio) Chi éla Wanda?

Pericle) (A Onorio)  L’è nòsa ünica fiöla, la sta pö ché perché la s’è spuzada e la sta a Venesia, Dizóm che a olte la ve a catagn. Se ghe la dóm al nono, góm pö la stansa de daga a lé, però se compróm en bel divano letto...

Onorio) (Interrompe) Nüsü divano letto. Quan che la vé a catàv la mandì a me spese e l’albergo.

Pericle) E se la ve col sò òm?

Onorio) Mandì apó chèl en albergo a me spese. Podom fa isé.  (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... lo chieda alla mia segretaria (chiude la comunicazione), bene-bene-bene. (Riprende il discorso) Fóm en pó de cöncc. Facciamo i conti.

Nonno) (Al pubblico) dissero i marchesi decaduti

Onorio) Voter el tignì ché, lü l’è content e  me ve do: 1) Na badante per 24 ure. 2) Na spece de stipendio per staga dré. So mia, 1.000 – 1.500 euro al mes. Ve vai bé? Èi asé per tignil?

Pericle) Noalter l’arésem tignit apó gratis.

Onorio) Alura föm 1.500 euro al mes, e ve mande apó le badante per aidàv.

Nonno) No, chèla Nuora la vöi mia.

Onorio) Alura ve mande na cameriera che la vègne a faga i mester a la siura.

Carolina) Na cameriera che vé a fam i mester a me?

Onorio) Certo, isé la pöl nà a spas e faga ciapà en pó de aria a me pàder.

Pericle) La fal per liberàs de sò pader?

Onorio) Mé che vöi liberàm de me pàder! La sala mia che la me campagna eletoràl l’è töta, quasi töta a favur dei deboi, dei püti e dei ansiani. I giornai i podarà scrìer che me pàder l’è tignit de cönt bé.

Pericle) Se pöl pröà.

Onorio) Dumà ve mande l’aocat per firmà el contràt.

Carolina) Firmà el contràt?

Onorio) Certo, me fo töte le ròbe en regola. E se ghi vergót de dim ciamì la me segretaria. (Porgendo loro il suo biglietto) Chèsto l’è el me biglit de visita con nömer de telefono e ricurdiv de dàm el voto quan che narì a votà, se vulì che l’Italia la naghe bé.

Pericle) A proposit, come se ciamel?

Onorio) Chi me?

Pericle) No (indicando il nonno) lü.

Onorio) Ah, el se ciama Giovanni, Gianni, Johnny ciamìl come nì òja che a lü la ghe va sèmper bé. Ariidis siori. (Fa un cennno alle guardie) Noter podom nà.

(Esce con le guardie.)

Scena 20 - finale

Nonno) (Intona verso la porta da dove è uscito il figlio) Ma endó vai – se la banana non ce l’hai – bella havaiana...

Pericle) Quan che pense che i la völ gna a taola ensema...

Carolina) (A Pericle) Poarèt (al nonno) Che el dré a cantà?

Nonno) (Prende le sue piantine, nell’uscire in giardino intona allegro.) Canto, quel motivetto che mi piace tanto – e che fa dududu – dududu – dudududu ...

Carolina) (Canticchiando il finale della canzone) dududu – dududu – dudududu ... Te, Pericle, el set ghe garó pö de na a fa  i mestèr en giro? Garó de telefonaga a le me padrune che vö pö. Pensa, chi l’arés mai dit che en de la me vita ghe l’ares vida apò a me na cameriera.

Pericle) Gna me vö pö a laurà. Speròm che le sape mia sul promèse eletorali! Se l’è vera che el gne darà töcc chèi solcc lè, söm a posto fin che scampóm

Carolina) Fin che scampóm? Fin che scampa el nono.

Pericle) Noalter el tegnom bé e lü el scampa fin ai sènt agn.

Nonno) (Rientra intonando) E questa è casa mia – e qui comando io...

(Carolina e Pericle si uniscono al canto.)

Tutti) E che l’è la me cacche – e che comande mecche – vöi saì chi va e chi vecche

Nonno) So me el padrù.

Cala il sipario

Fine

Il vecchietto dei fiammiferi

Commedia brillante in due atti, in dialetto bresciano, di Velise Bonfante

TRADUZIONE LETTERALE

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

I proverbi e le parole intraducibili sono scritti in maiuscoletto.

ATTO PRIMO

Scena 1 – suona il campanello d’entrata

(Il sipario si apre su di una comune stanza con porta d’ingresso e porta per le camere. Tre rintocchi di campana. La scena è buia, la notte è fonda, nessun rumore. Improvviso e squillante suona il campanello d’entrata. Ancora buio e silenzio assoluto. Il campanello suona una seconda volta e poi, sempre più impaziente, una terza. Finalmente nella stanza si accende la luce.)

Carolina) (Entra assonnata in vestaglia, brontola e attraversa la scena per andare ad aprire) Guarda se si può venire a suanare a queste ore qui?

Pericle) (Affacciandosi sulla scena in pigiama.) Fermati Carolina! Che stai facendo? (sapendo  che la moglie è un po’ sorda e non vuole ammetterlo- durante tutta la commedia - inizierà ogni frase con tono normale alzando la voce verso la fine.)

Carolina) (Fermandosi) Come che sto facendo? Vado ad aprire Pericle (si avvia).

Pericle) Non aprire Carolina!

Carolina) E se è qualcuno che ha bisogno? E se è la nostraWanda?

Pericle) La Wanda ha telefonato prima di cena e ha detto che stasera andava al cinema con suo marito.

Carolina) Al cinema? Allora non è lei, (riavviandosi) però voglio sapere lo stesso chi ha il coraggio di venire a suonare a queste ore.

Pericle) E se è un matto? (Alza la voce) E se per caso è un ladro?

Carolina) (Avrà sempre l’atteggiamenti di chi è un po sordo, mentre ascolta  tenderà l’orecchio a chi parla per capire meglio le parole.) I ladri non suonano il campanello.

Pericle) Non è detto. (Alzando la voce) Diciamo che magari suonano per vedere se c’è qualcuno in casa.

Carolina) Lo sanno che ci siamo, hanno visto la luce accesa. E poi, cosa vengona a fare da noi i ladri. che andassero dalle mie signore, loro sì che hanno gli ori, le cose in argento, i quadri di valore, le pellicce ed i soldi in cassaforte.

Pericle) Non avremo i soldi in cassaforte come loro ma a te che ti manca. Li hai anche tu i tuoi roi, se è per quello: due anelli, una spilla e la catenina. E io ho il mio orologio, guarda che bello.

Carolina) Il tuo orologio? Da quando in qua vai a letto con l’orologio Pericle?

Pericle) Diciamo che è da quando l’ho comperato. Non voglio che me lo rubino, (alza la voce) questo qui è un Rolex d’oro.

Carolina) Un  Rolex d’oro taroccato. Lo hai preso da un marocchino, non vale niente.

Pericle) Ma i ladri non lo sanno.

(Suona ancora una volta il campanello facendoli sobbalzare.)

Carolina) Allora che facciamo? Apriamo o no?Loro qui sono capacissimi di andare avanti a suonare tutta notte.

Pericle) E se apriamo e loro vengono dentro e ci danno una pacca sulla testa?

Carolina) Se ci vogliono dare una pacca sulla testa noi prendiamo la scopa. (Andando a prendere le armi improprie) Io la scola e tu lo spazzolone.

Pericle) E se hanno la pistola? Aspwetta, prima di aprire vado a prendere un coltello in cucina.

Carolina) El coltello contro una pistola non conta nulla.

Pericle) Conta eccome, e io che faccio il cuoco sono capace di usarlo bene. Non guardarmi così. Va bene, ho sempre fatto il piastrellista però ora faccio il cuoco.

Carolina) Solo il sabato e la domenica, quando vai a fare gli èxtra nei ristoranti.

Pericle) Che vuol dire? Non servirà una laurea per usare il fratazzo o il coltello (si avvia).

Carolina) Fermati Pericle. Aspett, ascolta, guarda, non suonano più.

Pericle) (Ascoltando la porta) Si vede che si sono stufati e sono andati via. Torniamo a dormire Carolina.

Scena 2 – decidono di aprire

(Si riavviano, quando sono quasi usciti risuona il campanello.)

Pericle) (Va alla porta deciso e grida) Cosa c’è da continuare a suonare? Lo sapete che sono le tre di notte?

Jane) (Fuori scena) Apritemi per favore.

Pericle) (Stupito.) È  una donna.

Carolina) Se è una donna non è un ladro.

Pericle) Chi l’ha detto? E se è una ladra?

(A questo punto fuori suonano il campanello senza più smettere. I due indecisi si decidono. Pericle si apposterà dietro la porta con lo spazzolone pronto a colpire e Carolina, con una mano aprirà la porta e con l’altra terrà pronto la scopa. Ciò che vedono li lascerà immobili e senza parole per lo stupore. Entrano Tarzan e Jane.[9] Questi ancora non si sono ripresi dallo shock che fuori scena si sente qualcuno cantare allegramente.)

Nonno) (Fuori scena intona) Saran belli gli occhi neri – saran belli gli occhi blu – ma le gambe – ma le gambe – a me piacciono di più...[10]

Scena 3 – Ecco il vostro nonno

(I due mascherati escono e rientrano col nonno sottobraccio  e si portano in mezzo alla scena. Il nonno quando è in scena passando da una coppia all’altra verrà sballottato avanti e indietro.)

Tarzan) Non è che mi aspettassi la mancia da voi due, ma almeno un “grazie” orco cane, dopo tutto quello che abbiamo fatto, era il minimo che potevate dire.

Jane) Se vede che ringraziare non è più di moda. ( Avvicinandosi ad una sedia o ad una poltrona lo fanno sedere) Lasciamo qui, amen e così sia.

Pericle) Chi sono questi qui? Che mi venga un colpo.

Nonno) (Al pubblico) Disse il fucile. Che mi venga un colpo!

Tarzan) Su, facciamolo sedere e andiamo (lo fanno sedere e, risentiti si avviano per andarsene) a casa nostra che il nostro dovere lo abbiamo fatto.

Pericle) (È il primo a riprendersi.) Fermi, fermi, che state facendo? Dove state andando?

Tarzan) A casa nostra, abbiamo fatto anche troppo per il nostro carattere. (Sprezzante) Capaci nemmeno di dire grazie.

Nonno) (Al pubblico) Grazie mille – Disse Garibaldi dopo aver conquistato le due Sicilie[11]

Tarzan) Gente come voi non merita nemmeno di essere aiutata.

Jane) Oltre tutto sono le tre passate e siamo stanchi morti. Ho male ai piedi e non vedo l’ora di andare a letto.

Carolina) Andare a letto? Giusto. Non vediamo l’ora anche noi di andarci.

Jane) (Spingendo fuori il compagno si avvia per uscire) E allora buonanotte.

Pericle) (Parandosi davanti a loro) Buonanotte un corno, diciamo che non vorrete venire qui, suonarci il campanello alle tre di notte, portarci dentro un nonno e prendere su e andare via?

Carolina) Prendere su e andare via e lasciarcelo qui.

Tarzan) Certo che ve lo lasciamo qui, con tutta la fatica che abbiamo fatto a portarlo dentro, non vorrete che ce lo riportiamo in macchina.

Pericle) Portatelo dove volete, basta che non ce lo lasciate qui. Ce ne sono ancora di fresche da sentire?

Nonno) Scusatemi, posso andare a vuotare l’acqua per favore?

Carolina) Certo, il bagno è la prima porta a sinistra, venga che le faccio vedere.

(Carolina lo accompagna e gli indica la porta senza uscire. Il nonno esce.)

Jane) (Al pubblico) Povero vecchietto che nessuno vuole, amen e così sia.

(Tarzan e Jane se ne vogliono andare. Sono molto seccati.)

Tarzan) Ci lasci passare per favore.

Pericle) Non starete scherzando, non vorrete davvero andare via e lasciarcelo qui per davvero?

Carolina) Lasciarcelo qui per davvero. Nemmeno a parlarne.

Tarzan) (A Carolina) È suo dovere tenerlo cara la mia signora, anche se a tavola mangia con le mani o non usa le posate.

Scena 4 – duetto fra Tarzan e Jane

(Nel duetto fra Tarzan e Jane, Carolina e Pericle cercheranno di intervenire senza riuscirvi.)

Jane) Lo deve tenere anche se a volte vuol leccare il patto dove ha mangiato o se fa rumore quando beve il brodo.

Tarzan) Anche se a volte rovescia l’acqua sulla tovaglia.

Jane) O se  porta il coltello alla bocca.

Tarzan) Guardi che non muore nessuno anche se non usa il tovagliolo prima di bere.

Tarzan) E che non muore nessuno anche se non si lava i denti tutti i giorni.

Jane) E anche se non si lava bene il collo o le orecchie.

Tarzan) È ora che la smetta di trattarlo male.

Jane) Se non vuole che scappi un’altra volta. Ha capito signora.

Tarzan) Si deve voler bene agli anziani e portare pazienza con loro.

Carolina) (Spaventata) Portare pazienza con loro? Che stanno dicendo? Pericle di loro qualcosa!

Tarzan) Non c’è niente da dire caro il mio signore.

Jane) Bella o brutta questa è la realtà amen e così sia.

Tarzan) Lasciatelo in pace, poveretto. Che c'è se nel fare la pipì in piedi spruzza tutto in giro.

Jane) Non sa che umiliazione per lui farlo sedere come una donna!

(Carolina sbircerà preoccupata verso il bagno.)

Jane) (Indicando la porta) Poverino. Non ce l’ha una coscienza signora?

Tarzan) Possa capire che misurargli il vino può essere per il suo bene.

Jane) E anche nascondergli la grappa sono sicura che lo fa per il suo bene.

Tarzan) Ma si ricordi che è da cattivi obbligarlo ad andare a fumare il toscano sul balcone, fuori, quando d’inverno fa freddo.

Jane) Col rischio di ammalarsi.

Tarzan) E obbligarlo a cambiarsi la camicia tutti i giorni.

Jane) E obbligarlo a cambiarsi le calze tutti i giorni.

Pericle) (A Jane) Guardi che io mi cambio le calze tutti i giorni.

Carolina) Tutti i giorni. E anche i miei padroni si cambiano le calze tutti i giorni.

Jane) Quali padroni?

Pericle) Vi sembrano discorsi da fare alle tre di notte? Che state dicendo signori? (A Tarzan) Che sta dicendo lei?

Carolina) Sta dicendo che a non cambiarsi le calze tutti i giorni, dopo si puzza. E a me la gente che puzza fa schifo.

Scena 5 – rientra il nonno

(Il nonno sta rientrano e Jane gli si avvicina per farlo sedere e sente odore di vino.)

Jane) Senti che puzza di vino. Lo sapete almeno che siamo arrivati fin qui con tutti e due i finestrini abbassati e sono gelata? (Nel muoversi quasi scivola, si aggrappa e osserva il pavimento.) E sa anche cosa le dico: che non dovrebbe dare la cera ai pavimenti tutte le settimane cara la mia signora.

Carolina) Tutte le settimane? È la mia padrona che vuole la cera, e siccome mi paga, gli e la do.

Tarzan) Vergogna. Con un anziano in casa!

Carolina) Un anziano in casa? La mia padrona non ne ha di anziani  in casa.

Jane) Si può sapere di che padrona parla?

Carolina) Quella dove vado a fare i mestieri alla mattina. Invece quella dove vado al pomeriggio ha in casa sua madre e non dà la cera proprio per quello, perché ha in casa la mamma anziana.

Nonno) (Intona) Mamma son tanto felice – perché ritorno da te – la mia canzone ti dice...

Tarzan) (Facendolo tacere) Silenzio nonno che sono le tre di notte.

Jane) Povero, come si fa a trattarlo male, volere male a uno così?

Tarzan) Ha capito signora di non dare più la cera in casa? Che non scivoli. Che non si rompa una gamba.

Jane) Adesso ho capito perché vuole venire in casa con gli scarponi: per non scivolare.

Tarzan) Cosa vuole che sappia di cera e non cera... Non si può fargli cambiare il modo di vivere alla sua età. SI deve volergli bene e basta. E se è abituato a portare gli scarponi...

Nonno ) (Si alza dalla sedia e intona allegro) Vecchio scarpone – quanto tempo è passato – quante illusioni – ci fai vivere tu...

Jane) Nonno silenzio che sono le tre di notte e svegliamo tutti.

Pericle) Va bene, veniamo al sodo e diamoci un taglio. Diamoci un taglio.

Nonno) (Al pubblico) È meglio tagliar corto – disse il sarto al nano.

Pericle) Guardate che questo nonno io non lo voglio, ha capito signor “Tarzan”. Diciamo che (portando il nonno da Tarzan) ora lo riprende e se lo riporta nella giungla (o nel luogo del personaggio mascherato; es. cappuccetto rosso: nel bosco).

Carolina) Se lo riporta nella giungla, ha capito. Che idea venire qui alle tre di notte e volerci rifilare un nonno.

Tarzan) Io non rifilo niente a nessuno cari signori. L’ho solamente riportato a casa sua (lo riporta a Pericle).

Pericle) Questa non è casa sua.

Carolina) (Ribadendo.) Questa non è la sua casa.

Nonno) (Intona) Avevo una casetta piccolina in Canadà – con vasche, pesciolini e tanti fiori di Lillà....

Tarzan) (Al nonno) Silenzio nonno, guardi che anche la mia pazienza ha un limite.

Jane) Mi meraviglio signora, che una donna intelligente come lei, non voglia più suo suocero.

Scena 6 – quello non è mio suocero

Carolina) Mio suocero. Quello non è mio suocero. Mio suocero è morto.

Tarzan) (Al pubblico) Ah, le piacerebbe che fosse morto. Troppo comodo.

Carolina) E non è nemmeno il suocero di mia figlia.

(Tarzan e Jane si fanno attenti ma Pericle subito spiega.)

Pericle) Mia figlia si chiama Wanda, sta a Venesia, ha sposato uno di Venesia. Diciamo che suo marito è di Venesia e i suoi suoceri stanno a Venesia. Siete contenti ora?

Carolina) Il suocero di mia figlia sta a Venesia.

Nonno) (Intona) Com’è triste Venesia...

Tarzan) (Severo) Nonno, volete smetterla sì o no di cantare!

(Il Nonno si zittisce.)

Jane) E stanno (abitano) tutti a Venesia?

Nonno) (Intona) Com’è triste Venesia... (Tarzan lo guarda male e lui ma la smette subito)

Carolina) Certo e stasera andavano tutti al cinema.

Tarzan) Qui c’è qualcosa che non quadra. Non quadra.

Nonno) Disse il cerchio al triangolo.

Pericle) Signori, basta girarci attorno. Riprendetevi il vostro nonno e aria.

Carolina) Riprendetevi il vostro nonno e aria, giusto.

Jane) (A Carolina) Come devo dirglielo che non è mio nonno, è suo suocero cara la mia signora.

Carolina) E chi l’ha detto?

Tarzan e Jane) Lui

Carolina) Lui! Lui ha detto che è mio suocero?

Pericle) Un momento, diciamo che se è suo suocero dovrebbe essere mio padre.

Jane) A meno che la signora non abbia un altro marito.

Carolina) Sta scherzando? Ne ho abbastanza di uno e me ne avanza anche.

Pericle) Che vorresti dire? che sei stufa di me?

Carolina) A volte sì, a volte rompi proprio le scatole. Lo dice sempre anche la mia padrona che con gli uomini ci vuole la pazienza di Giobbe.

Jane) In special modo quando vogliono sempre aver ragione e vogliono comandare.

Tarzan) Ma se tu fai sempre quello che vuoi. Che ti manca...

Nonno) (Intona) Mi manchi....

Tarzan) Ora gli lego le mani dietro la schiena e poi gli metto un fazzoletto in bocca. Vediamo se tace.

Carolina) Un fazzoletto in bocca. Lo fanno sempre anche in televisione.

Pericle) Diciamo che invece di farlo tacere si dovrebbe farlo parlare. (Avvicinandosi) Signore. Mi scusi, come si chiama lei? Qual è il suo nome? Il suo nome?

Nonno) (Intona) Il mio nome è: Cerutti Gino, ma lo chiamavan Drago – gli amici del bar del Giambellino dicevan ch’era un mago...

Tarzan) (Al nonno) Basta cantare, su, stia un po’ serio.

Scena 7 – interrogano il nonno

Pericle) Signore, (al nonno) un poco d’attenzione (ottenuta l’attenzione del nonno) mi dica: (scandisce bene per farsi capire) lei come si chiama. Come fa di nome?

Nonno) Prima o dopo?

Carolina) Prima o dopo che roba?

Nonno) Volete sapere il nome di prima o quello dopo?

Tarzan) Non se ne cava niente da questo qui.

Carolina) Lasciatelo parlare, allora, il suo nome?

Nonno) Prima era Johnny Beguine e dopo Johnny Calypso. No, (ricordando) prima Calypso e dopo Beguine, ma non sono molto sicuro di quello prima e di quello dopo.

Tarzan) Prima era Johnny Calypso o dopo era Johnny Beguine?

Nonno) Sì, è giusto così. (Sognante) Certo. E anche John Rock-and-roll.

Carolina) John Rock-and-roll?

Tarzan) (Ironico) Sì, Rock-and-roll e Boogie-woogie.

Nonno) Sbagliato, era l’Armando che si faceva chiamare “Boogie-woogie” in “Polvere di Stelle” con Melissa Star e Marina Bianco.

Tarzan) Chi era Marina Bianco?

Nonno) La sua donna.

Tarzan) La donna di chi?

Nonno) De Rocki Mendriso.  Prima si era messa con Boogie-woogie e dopo con Rocki Mendriso. Invece la mia donna…

Tutti) (Pendendo dalle sue labbra) La sua donna...

Nonno) La mia donna, (rimpiangendo) mia moglie era una bella bionda, un tipo come la Greta Garbo, solo che si faceva passare per francese. No, era la seconda che si faceva passare per francese.

Tutti) Francese?

Nonno) E veniva giù dalle scale con le penne sulla testa. Era proprio una bella donna. E la mia Rossa? un sogno da sognare: 90 – 50 – 90. Una più bella dell’altra. Invece la mia morettina...

Carolina) (Interrompendolo) Morettina?

Pericle) Lasciatelo parlare, non interrompetelo che altrimenti perde il filo.

Jane) Mi pare che un filo non ci sia mai stato.

Carolina) (Perplessa) Parla di bionde, rosse e more. Ma chi è sto Tizio?

Nonno) (Al pubblico) Chiesero Caio e Sempronio.

Tarzan) Vuoi vedere che ci siamo imbattuti in Rodolfo Valentino.

Carolina) Anche alla mia padrona piace Rodolfo Valentino. (Al marito) Quella dove vado a stirare.

Jane) Rodolfo Valentino è morto, amen e così sia.

Carolina) (Al marito sottovoce) Non è che fa la becchina e lavora in un cimitero quella lì.

Pericle) (Alla moglie) Più che in un cimitero, questi qui mi sembrano usciti da un manicomio.

Tarzan) Così non si va avanti.

Nonno) (Al pubblico) Dice la moglie del gambero.

Tarzan) L’ho detto io che da questo qui non ne caviamo niente. È il vino che parla.

Scena 9 – prova Carolina con le belle maniere

Carolina) Lasciate provare a me. Dice la mia padrona che con le belle maniere si riesce a tutto. ( Per via dell’odore di vino, si avvicina con circospezione al Nonno.) Signore, mi ascolti. Mi guardi in faccia. Dove abita di casa lei?

(Il nonno sorride a Carolina scuotendo la testa a tutte le domande)

Carolina) Dove abita di casa ? Ha dei figli? (Agli altri) Magari non è italiano e parla solo inglese o francese ed è per quello che non capisce.

Pericle) Come si dice “dove abita” in inglese?

Tarzan) È italiano. Parla italiano. Canta in italiano. Non vedete che conosce tutte le nostre canzoni?

Jane) Magari è un musicista, un cantante.

Carolina) (Al nonno) Signore, lei da giovane faceva il cantante ?

Nonno) Da giovane ho fatto di tutto. Da giovane spaccavo il mondo, invece adesso dicono che spacco solo le palle.

Carolina) Non stia a parlare così. Mi ascolti: (porgendogli la mano) io mi chiamo Carolina. Piacere, Carolina. E lei come si chiama?

Nonno) Gli e l’ho già detto: mi chiamo John the Rock-and-roll.

Carolina) Va bene, lasciamo stare il nome. Allora, mi dica, dove abita di casa?

Nonno) Qui.

Pericle) Qui, in Via Verdi?

Nonno) (Intona) Va pensiero – sull’ali doraaaate – va ti posa – sui clivi e sui colli

Tarzan) Nonno basta cantare...

Jane) Vedete, lui dice che sta qui di casa.

Pericle) Non può abitare qui in Via Verdi. Al numero 44...

Nonno) (Intona allegro) 44 gatti in fila per sei col resto di due...

(Tarzan gli tappa la bocca, quasi a soffocarlo. Quando vede che sta zitto lo libera.)

Pericle) (A Tarzan) Fortuna che ha appena detto che dobbiamo trattarlo bene.

Carolina) (A Tarzan) Trattarlo bene. Tra il dire e il fare...

Pericle) Un momento: al numero 44 abitiamo noi.

Jane) Lui non ha parlato di via e di numeri. Lui ha solo detto che abitava qui. Lui ci ha fatto segno a questa casa e noi ci siamo fermati e ve lo abbiamo portato, amen e cosi sia, (al marito) e ora Urbano, andiamo a casa nostra.

Scena 10 – Carolina pizzica Jane

(Carolina con indifferenza si è avvicinata a Jane le dà un forte pizzicotto.)

Jane) (Si gira di scatto misurandole una sberla.) Sta dando i numeri signora? Che pizzicotto che mi ha piantato.

Pericle) (Alla moglie) Che ti viene in mente Carolina?

Carolina) Pericle, volevo solamente vedere se sono sveglia o se sto dormendo.

Jane) Guardi signora che di solito ci si pizzica da soli, non si pizzicano gli altri. Aspetti che gli e lo io un bel pizzicotto ora a lei e così vedrà se dorme o se è sveglia.

 (Carolina scappa e Jane la rincorre)

Pericle) Smettetela donne, smettetela. (Alla moglie tentando di fermarla) Smettila Carolina.

Nonno) (Intona) Dai dai dai Carolina dai, dammi un bacio e non ti pentirai...

Tarzan) (Al nonno, minaccioso fa ruotare la clava) Nonno, ora basta ho detto, (brandendo la scopa) se si arrischia ancora a cantare le do una bastonata. Ha capito. Ci lasci pensare, perdinci.

Pericle) (Nel frattempo) Ferme ferme (le blocca e le separa) Va bene che sono le tre passare ma non mi pare il caso di dare i numeri.

Tarzan) (Catturando la moglie) Allora signori, noi vi salutiamo. Andiamo Donata, domani mattina dobbiamo alzarci di buon’ora che dobbiamo aprire il negozio.

Pericle) Un negozio? Cosa vendete? Le liane?

Nonno) (Intona) Oh Dayana solo tu – mi conquisti sempre più...

(Tarzan lo fa tacere)

Jane) Il nostro è un negozio d’antiquari.

Carolina) D’antiquari, è per quello che siete vestiti così?

Tarzan) I nostri vestiti...

Nonno) Posso andare a versare l’acqua per favore?

Carolina) Certo, vada pure, la strada la sa.

(Il nonno va in bagno sotto lo sguardo di tutti.)

Pericle) Che stavamo dicendo?

Jane) Che noi abbiamo un negozio d’antichità, vendiamo e compriamo le cose antiche. Proprio in centro. (Al marito) Andiamo a casa Urbano, e alla svelta, domani devo alzarmi a buon’ora. A mezzogiorno viene a pranzo a casa nostra il direttore della banca con sua moglie. Con tutto quello che devo ancora preparare.

Scena 11 – Tarzan e Jane tentano di andarsene

Tarzan) Andiamo allora, andiamo, non stiamo a perdere tempo.

Nonno ) (Rientra ) Falso allarme.

Pericle) (Li blocca portando loro il nonno) E no, non vorrete andare via senza di lui per caso. Prendetevelo dietro per favore.

Tarzan) Non possiamo prenderlo con noi. (Riportando il nonno a Pericle. ) Non è nostro.

Pericle) E non è neppure nostro.

(Il nonno con la mano chiede il permesso di andare in bagno. Esce.)

Pericle) Cos’è questo? (Toccando il costume, a Tarzan) Uno scherzo di carnevale? Guardate che il carnevale è passato da un pezzo.

Tarzan) Lo sappiamo che il carnevale è passato, noi veniamo da una festa in maschera. Ci ha invitato un nostro cliente che ha comperato una cascina in campagna, sul mantovano e l’ha ristrutturata.

Jane) Una cascina di quelle grandi, con tutto il portico attorno, il fienile, il frutteto, il campo da tennis, una cosa da non credere. Sembrava di essere a  “Dallas”.

Tarzan) Per inaugurarla ha organizzato una festa  in maschera. È per quello che siamo vestiti così. Stia tranquillo, non siamo dei matti. La cascina è in mezzo alla campagna. E nel tornare dalla festa...

Nonno) (Rientra ed intona) È qui la festa?

(Prima che Tarzan si avvicini Carolina lo fa smettere con dolcezza.)

Scena 12 – Spiegano dove l’hanno trovato

Jane) In pianura Padana tutte le strade si assomigliano. Stiamo già tornando a casa. Si vede che invece di girare alla prima strada abbiamo girato alla seconda.

Tarzan) O invece abbiamo girato a destra e non a sinistra, fatto sta che non sapevamo più dove eravamo.

Jane) Eravamo in mezzo ai campi.

Pericle) Allora, veniamo al sodo ?

Nonno) Disse il pentolino all’uovo. Possa andare a versare l’acqua per favore?

Pericle) Ancora?

Tarzan) Se uno beve, dopo...

Carolina) vada, vada pure, la strada la sa.

(Il nonno va in bagno sotto lo sguardo di tutti.)

Pericle) E allora? Avete sbagliato strada e...

Tarzan) ... e c’erano tutti campi, con un fosso ai due lati della strada, un qualche filare di gelso ogni tanto, ma il resto era tutto piano, tutto preciso. Eravamo un po’ preoccupati quando non ti vediamo una luce...

Jane) Una lucina piccolina piccolina.

Tarzan) Ci siamo detti: è una casa. Invece no! Era uno seduto in mezzo alla strada con un fiammifero acceso.

Jane)  La lucina era lui. Amen e così sia.

Tarzan) Menomale che il fiammifero era acceso altrimenti rischiavamo di investirlo. Al primo momento abbiamo pensato ad uno scherzo. Poi abbiamo pensato ad una rapina.

Jane) Magari lo avevano messo a fare da esca col fiammifero, noi ci saremmo fermati e dal fosso poi saltava fuori il resto della banda.

Tarzan) Al giorno d’oggi  a volte, a fermarsi ad aiutare la gente c’è da aver paura. Non si sa mai.

Carolina) Non si sa mai. Lo dice sempre anche la mia padrona.

Jane) La sua padrona?

Carolina) Quella dove vado a stirare due volte alla settimana.

Pericle) (Alla moglie) Lascia perdere la tua padrona, vada avanti signore...

Tarzan) Allora, c’è questo tale seduto in mezzo alla strada, ci fermiamo, tengo acceso il motore della macchina, ci guardiamo attorno e poi siccome non saltava fuori nessuno siamo andati a vedere. Non potevamo certo lasciare uno in mezzo alla strada, al buio, mezzo sbronzo ad accendere fiammiferi e cantare.

Pericle) (Al nonno che sta rientrando) Come mai accendeva i fiammiferi in mezzo alla strada?

Nonno) Era notte e c’era buio. Per vederci.

Carolina) Per vederci? Per vedere che cosa?

Nonno) Per vedere dove ero.

Pericle) Sembrerebbe che ragioni giusto, una certa logica c’è.

Tarzan) Che logica c’è ad accendere i fiammiferi in mezzo alla strada.

Nonno) Scusate, posso andare a versare l’acqua per favore? Mi scappa ancora (riesce.)

Carolina) (Al nonno) Prego, prego.

Pericle) (Guardando il nonno uscire.) Sarà la prostata.

Carolina) La prostata o un poco di cistite.

Pericle) È brutto diventare vecchi. (A Tarzan) Va bene, e allora cosa avete fatto?

Tarzan) Abbiamo cercato di parlargli insieme, di tirarlo da parte, ma lui non voleva sentire ragione. E così lo abbiamo caricato in macchina con la forza per portarlo a casa sua, ma lui ci dice che non ci vuole andare.

Jane) Che non vuole più stare con sua nuova, che non vuole più essere maltrattato da sua nuora. (Guardando Carolina) Sembra che abbia una nuora cattiva che vuole che tutti i giorni si lavi i denti, che si cambi calze e camicie, che si lavi le orecchie e il collo, tutte queste cose.

Pericle) Non mi sembra che siano cattiverie.

Tarzan) Cattiverie o no lui si sente maltrattato. Così abbiamo pensato che fosse scappato da casa. Decidiamo di aiutarlo lo stesso.

Jane) Quando si può si aiuta la gente.

Carolina) Quando si può si aiuta la gente. Lo dice sempre anche la mia padrona.

Jane) Quella dove va a stirare?

Carolina) No, quella dove vado a fare i mestieri alla mattina.

Jane) (Al pubblico) Anche la donna che viene a fare i mestieri a noi andrà poi in giro a dire i nostri affari?

(Rientra il nonno.)

Tarzan) Comunque, gira che rigira finalmente arriviamo alla statale.

Jane) (Interrompendolo) Tutte le strade portano a Roma.

Nonno) (Intona) Romagna mia, Romagna in fiore...

Tarzan) (Seccato) Ha detto Roma, non Romagna. Roma... (bloccandolo) non ce ne sono di canzoni su Roma.

Nonno) (Intona) Roma non far la stupida stasera...

Tarzan) Mi ha fregato.

Pericle) Ma sì, lo lasci cantare e vada avanti che sono curioso di sentire.

Carolina) Anch’io sono curiosa di sentire.

Scena 13 – spiegano perché lo hanno portato in questa casa

Tarzan) Allora, prendiamo la statale e arriviamo in questo paese...

Jane) (Interrompendolo) A proposito, come si chiama questo paese?

Tarzan) Che t’importa, lasciami andare avanti a raccontare.

Tarzan) Al primo momento avevamo pensato di portarlo dai carabinieri.

Pericle) Sarebbe stata la soluzione più giusta.

Tarzan) Allora, stiamo cercando la caserma, andiamo dietro ai cartelli e ci troviamo in questo quartiere residenziale.

Jane) E proprio quando vediamo il cartello con scritto “Carabinieri” ecco che lui ci fa segno di fermarci davanti a questa casa.

Jane) La vostra casa.

Pericle) Per la verità i carabinieri sono qui a due passi.

Tarzan) Solo che quando ci siamo fermati, non voleva più venire giù dalla macchina. Per forza, abbiamo pensato, se è scappato di casa non vorrà tornare indietro. L’abbiamo tirato giù con la forza. Nonostante l’età scivolava come un’anguilla, su e giù...

Nonno) (Intona) Su e giù e per la Val Camonica – La si sente – la si sente...

Jane) Cosa avremmo dovuto fare?

Tarzan) Vi abbiamo suonato il campanello anche se erano le tre di notte.

Carolina) Le tre di notte. Ora saranno anche le quattro.

Pericle) Qui c’è qualcosa che non quadra.

Nonno) Disse il cerchio al triangolo

Pericle) Io sono ancora dell’idea che dovevate andare dai carabinieri.

Tarzan) Era quello che volevamo fare noi, ma di notte non c’è nessuno in giro da domandare dov’è la caserma, giusto?

Carolina) Giusto.

Tarzan) Lui ci ha indicato questa casa. Voi cosa avreste fatto?

Carolina) Cosa avremmo fatto? Non so.

Tarzan) Avreste suonato il campanello come abbiamo fatto noi.

Pericle) Si poteva sempre telefonare ai carabinieri.

Carolina) La mia padrona avrebbe telefonato ai carabinieri.

Jane) (A Pericle) Furba la sua padrona e furbo anche il signore. Peccato che avevamo tutti e due il telefonino scarico.

Pericle) (Guardando il nonno) Povero, diciamo che se è scappato non ne poteva più di sua nuora.

Tarzan) Va bene, se non è un vostro parente lo ricarichiamo in macchina e lo portiamo dai carabinieri. Dov’è la caserma?

Carolina) Portarlo dai carabinieri? E loro cosa se ne fanno?

Tarzan) Lo metteranno a dormire da qualche parte e domani mattina si daranno da fare a cercare i parenti.

Carolina) Cercare i parenti? Ci sono i letti in caserma?

Pericle) Quello non lo so. Diciamo che é la cosa più giusta da fare, a meno che, cari i miei signori, non ve lo portate a casa vostra.

Tarzan) Noi abbiamo il negozio a Brescia ma abitiamo a Palazzolo. Ci sarà di più di un’ora di strada, guardatelo (indicando il nonno) come si fa a caricarlo ancora in macchina nelle sue condizioni.

Jane) E alla sua età.

Carolina) E a queste ore.

Pericle) Non so se resiste a fargli fare ancora un’ora di viaggio senza andare ancora in bagno.

Jane) A parte il fatto che dobbiamo viaggiare con i finestrini giù per via della puzza di vino. E di notte l’arietta è frescolina e noi non è che siamo molto vestiti. Rischiamo di prendere qualcosa.

Tarzan) Siamo già arrivati fin qui con i finestrini aperti.

Carolina) Se avete freddo vi presto un paio di golfini. Doveva prendersi su qualcosa da coprirsi signora.

Jane) Non ci ho pensato. Amen e così sia.

Tarzan) Credevamo di andare alla nostra festa e basta. Andare e tornare. Non pensavamo di perderci, trovare un nonno e  doverci fermare a consegnarlo.

Jane) A casa nostra non sapremmo nemmeno dove metterlo a dormire. Stiamo in un appartamento di due stanze, in condominio. Cucina e camera. Non abbiamo posto. Non abbiamo nemmeno una branda.

Pericle) Noi avremmo il letto di nostra figlia, (spiegando)   quella sposata a Venesia.

Nonno) (Intona) La Marietta en gondoletta...

Pericle) Diciamo che è inutile portarlo ancora in giro sta notte. Magari ad andare a domani mattina gli sarà passato tutto e gli sarà tornata la memoria. E ci dirà dove abita di casa, come si chiama e chi sono i suoi parenti. E noi glie e lo portiamo.

Tarzan) Mi sembra la soluzione più giusta.

Jane) Allora a questo punto noi possiamo andare.

Tarzan) Visto che il nostro dovere lo abbiamo fatto, salutiamo i signori e torniamo a casa nostra.

Jane) Se mai domani faremo una telefonata per sentire come è andata a finire la storia.

Carolina) Faccia pure una telefonata, però verso mezzogiorno perché al mattino non ci sono, sono a lavorare. Se mai le do il numero della mia padrona, quella dove vado a fare i mestieri alla mattina.

Jane) No non c’è bisogno, stia tranquilla, chiameremo verso mezzogiorno. Arrivederci.

(Tarzan e Jane escono.)

Scena 14 – Carolina e Pericle

Carolina) Se passate da queste parti, venite ancora a trovarci.

Pericle) Che stai dicendo Carolina, se non li conosci nemmeno. Lascia che vadano.

Carolina) Lasciare che vadano?

Pericle) Sì, e  Chi s’è visto s’è visto

Nonno) Disse lo specchio – io mi son rotto[12]

Carolina) Che stai pensando Pericle?

Pericle) Come farà a telefonare domani verso mezzogiorno se non ha il nostro numero di telefono?

Carolina) Il nostro numero di telefono? Lo cercherà sulla guida.

Pericle) Non ci siamo nemmeno presentati. Non sa nemmeno come ci chiamiamo.

Carolina) E non sanno nemmeno in che paese abitiamo.

Pericle) Ho idea che quelli lì domani non telefoneranno.

Carolina) Gli telefoneremo noi.

Pericle) Però non sappiamo come si chiamano. Nemmeno loro ci hanno detto come si chiamano.

Carolina) Ci hanno detto che abitano verso Palazzolo.

Pericle) E che hanno un negozio d’antichità.

Carolina) Facciamo passare tutti i negozi d’antiquari e vedrai che prima o poi li troveremo.

Pericle) E perché vuoi trovarli?

Carolina) Trovarli? Hai ragione, cercarli a fare?

Pericle) A noi che c’importa di loro e del loro negozio d’antichità.

Carolina) Non faranno molti affari quei due lì col negozio. Hai visto che faccia avevano?

Pericle) Che faccia avevano?

Carolina) La faccia di tutti i giorni.

Pericle) Andiamo a letto, non pensare più a loro Carolina.

Nonno) (Intona) Dai dai dai Carolina dai...

Pericle) Su, dammi una mano che lo portiamo nel letto della nostra Wanda e domani vedremo.

 (Con fatica, lo fanno alzare per accompagnarlo a letto, nel frattempo lo interrogano.)

Scena  15 - altro interrogatorio

Pericle) Che il Signore che la mandi buona.

Nonno) Disse il Marchese aspettando la nuova serva.

Pericle) Deve andare in bagno prima ? Deve andare al numero cento?

Nonno) (Intona) Andavo a cento all’ora per trovar la bimba mia ohohohoh

Pericle) (Al nonno) Siamo proprio allegri stasera. Cosa abbiamo fatto ? Ne abbiamo bevuto un bicchiere di troppo?

Nonno) Di solito non bevo mai, si vede che stasera ho esagerato un pochino.

Carolina) Si ricorda dove ha bevuto? Era un bar?

Nonno) Era una sposa.

Pericle) C’era una sposa al bar?

Carolina) C’era una sposa che serviva al bar?

Pericle) Su, si concentri, cerchi di ricordare.

Carolina) Cerchi di ricordare. Cosa ricorda?

Nonno) (Intona) Mi ricordo montagne verdi – e le corse di una bambina...

Carolina) Su, stia seria. Allora, c’era una sposa?

Nonno) La sposa c’era ma non mi ricordo se serviva anche al bar.

Carolina) Si ricorda il nome?

Nonno) Della sposa?

Carolina) No, del bar.

Nonno) Quale bar?

Pericle) Lasciamo perdere il bar, lei signore, vive da solo?

Carolina) Stai perdendo i colpi anche tu? Se ha detto che vive con sua nuora.

Nonno) La mia nuora mi maltratta. Non vuole che a tavola beva il condimento della verdura che mi piace così tanto. Quando mi vede dà fuori di matto.

Carolina) Come si chiama quella nuora così cattiva?

Nonno) Certo che è cattiva.

Carolina) Sì, ma come si chiama?

Nonno) Chi?

Carolina) Come chi? sua nuora.

Nonno) Quale nuora?

Pericle) Sì valà, diciamo che è meglio andare a letto. Questo qui non si ricorda nemmeno dal naso alla bocca. Ecco cosa succede a berne qualche bicchiere di troppo.

Nonno) Di solito non bevo mai.

Pericle) Guardi che gli si allunga il naso come a Pinocchio.

Nonno) (Intona) Carissimo Pinocchio, amici dei giorni più lieti...

Pericle) Stt, che è notte e la gente dorme.

Nonno) Forse è perché ho mescolato il bianco col nero. Chissà che colore ne è uscito fuori (pensando) fuori? no, dentro nello stomaco?

Pericle) Un mescolamento ne è uscito fuori.

Nonno) Il mescolamento è dentro non fuori.

Pericle) Dentro o fuori, diciamo che è meglio farci sopra una bella dormita. Andiamo a letto che è ora.

Nonno) (Intona) È l’ora dell’addi-iio...

(Escono spegnendo la luce e se ne vanno a letto.)    

Cala il sipario

ATTO II

Dopo tre giorni – mattina del mercoledì

Scena 1 - Che fare del nonno?

(Fuori scena si sente canticchiare il nonno: E che l’è la me cacche – e che comande mecche...)

Margherita) (Bussa ed entra mangiucchiando delle patatine, non vede nessuno e chiama) Carolina.

Carolina) (Entra calle camere) Ciao Margherita.

Margherita) Ti ho portato delle riviste da leggere, io le ho già lette (si avvicina alla finestra) È sempre dietro a cantare come un fringuello quel nonno lì. È saltato fuori di chi è?

Carolina) Ancora no.

Margherita) Vedrai che prima o poi si farà avanti qualcuno, beh, niente, lasciami andare a vedere la mia torta che non bruci. Ci vediamo dopo (esce.)

Carolina) (Guarda il nonno dalla finestra) Se non fosse perché non si ricorda più niente non si direbbe che è senza memoria. E non è nemmeno maleducato come volevano farci credere. Ed è vero che non beve nemmeno il vino: mezzo bicchiere a pasto e poi non lo tasta più nemmeno ad offrirglielo. Chissà come mai quella sera lì ha bevuto?

Pericle) (Entra col giornale) Che fai ancora a casa Carolina, non vai a lavorare stamattina?

Carolina) Stamattina no. Oggi non vado da nessuna parte Pericle. Ho telefonato alle mie padrone che non stavo molto bene. Sta notte non ho dormito niente.

Pericle) Anch’io ho dormito poco stanotte, (sbandiera il giornale) sul giornale non c’è niente. Sono passato anche dai carabinieri: non sanno niente nemmeno loro. Nessuno ha denunciato la scomparsa di un nonno come il nostro. E sai che oggi è già mercoledì, sono già passati tre giorni, diciamo che in tre giorni poteva saltar fuori qualcuno.

Carolina) Di sicuro sua nuora ora che se n’è liberata non verrà a reclamarlo.

Pericle) Certo che è strano che non si ricordi proprio niente.

Carolina) Niente di niente. Te Pericle, e se fosse stata una gran botta ? Magari mentre era in mezzo alla strada col fiammifero qualcuno non l’ha visto e gli è andato addosso.

Pericle) Ma no, non era sporco di sangue quando l’hanno trovato. Lo sai Carolina, che se quei due là non avessero sbagliato strada sarebbe ancora là ad accendere fiammiferi?

Carolina) Chissà da dove viene? Chissà come si chiama?

Pericle) Prima o dopo si verrà a saperlo. Mi dicevano i carabinieri che stamattina hanno iniziato a dar fuori le foto (alza la voce, ricordandosi che la moglie è sordastra) ai vigili e alle caserme e alla polizia. E se del caso non è abbastanza, domani lo faranno anche stampare sul giornale.

 (Fuori si sente il nonno cantare contento: E qui è la mia casa  - e qui comando io...)

Carolina) Magari si chiama Mario.

Pericle) Mario o Piero o Carlo che t’importa? Noi lo chiamiamo Nonno e basta.

Carolina) Non è giusto non sapere nemmeno come si chiama. E domandare alla mia padrona che si interessi? Suo marito ha le mani in pasta ovunque.

Pericle) Lascia perdere la tua padrona. Ah, dimenticavo, oggi pomeriggio viene l’assistente sociale mandata dai servizi sociali del comune per valutarlo.

Carolina) Come valutarlo? Lo misura? Lo pesa?

Pericle) No, diciamo che gli parla insieme. In base alle sue condizioni deciderà cosa farne.

Carolina) Cosa hanno intenzione di fare?

Pericle) I carabinieri mi hanno detto che se non salta fuori nessun parente andrà in casa di riposo. Se non salta fuori nessuno è destinato all’ospizio. L’età ce l’ha e non si può lasciarlo su una strada.

Carolina) Non è uomo da ospizio quello lì. I carabinieri sono proprio senza cuore.

Pericle) Perché senza cuore? Cosa dovrebbero fare? Tenerlo in caserma? Mi hanno detto che se siamo stanchi di lui di darlo dietro oggi pomeriggio all’Assistente sociale.

Scena 2 – tenerlo se nessuno lo reclama?

Carolina) Mi domando e dico come si fa a perdere un nonno.

Pericle) Me lo sono domandato anch’io come si fa a perdere un nonno.

Carolina) Te Pericle, sculta. Lo sai che da quando la nostra Wanda si è sposata mi sento sola?

Pericle) Sì, lo so. Senza la nostra Wanda la casa è vuota.

Carolina) Lo sai che ho sempre desiderato avere un bel cagnolino per tenermi compagnia.

Pericle) Lo so, lo so Carolina. Prima o dopo andremo a prendere anche il cagnolino.

Carolina) Pericle, ascolta la mia idea: invece del cagnolino teniamo il nonno. Io non ce l’ho mai avuto un nonno. (Speranzosa) Che ne dici?

Pericle) Vorresti tenerli qui per sempre?

Carolina) Fin che potremo. Però se saltano fuori i parenti glie e lo ridiamo indietro, ma piuttosto di mandarlo all’ospizio lo teniamo al posto del cagnolino. Allora, che te ne sembra della mia idea?

 (Fuori si sente il nonno cantare contento: E qui è la mia casa – e qui comando io... )

Carolina) Ascolta Pericle. Ad esserci lui, la casa non viene mai abbandonata. Se c’è qualcuno in casa non entrano i ladri. Quando noi andiamo via o siamo a lavorare lui fa anche la guardia.

Pericle) (Scandalizzato) Carolina, come fa a fare la guardia, non è un cane.

Carolina) Guarda Pericle che lui è meglio di un cane. È un uomo! E guarda che da queste parti, negli ultimi tempi, i ladri hanno fatto passare quasi tutte le case. E inoltre, non dà nessun fastidio, gli vanno bene i tuoi vestiti e dorme nella camera della Wanda.

Pericle) Lo sai che facciamo? Se viene la Wanda a trovarci le compreremo un divano letto.

Carolina) Un divano letto va benone. Hai visto come è bravo ad andare dietro al giardino? Si vede che è uno abituato in campagna e che se ne intende. Ha tagliato la siepe, potato le piante, travasato i fiori.

Pericle) Per di più canta sempre e ci tiene allegri.

Carolina) Oltre tutto è di poca spesa, magia come un uccellino. È solo un piatto di minestra in più.

Pericle) Hai ragione Carolina, diciamo che non sarà un piatto di minestra che ci manda in malora.

Carolina) Se dovesse servire io mi trovo ancora qualche signora da andare a stirare o a lavare i vetri. Ce ne sono sempre di signore che cercano di schivare le fatiche.

Pericle) Non ce ne sarà bisogno, senti: (elencando e alzando la voce perché si ricorda che la moglie è un po’ sorda) 1) le tue ore a 7 euro all’ora; 2) la mia piccola pensione; 3) i miei extra come cuoco il sabato e la festa; per me sono abbastanza, o dici che non ce la facciamo?

Carolina) (Entusiasta) ce la facciamo, ce la facciamo. Il nonno è di poca spesa.

Pericle) E potremo anche continuare a dare una mano alla nostra Wanda a pagare il mutuo della sua casa a Venesia.

Carolina) E magari, se risparmiamo un pochino, arriveremo anche a mettere da parte qualcosa per quando saremo vecchi.

Margherita) (Bussa ed entra con tre fette di torta) Ti ho portàt d’assaggiare la mia torta Carolina, una fetta per te, una per il Pericle e una per il nonno.

(Fuori si sente il nonno cantare contento: E che l’è la me cacche – e che comande mecche...)

Carolina) Grazie, troppo gentile, non dovevi disturbarti.

Margherita) A dire la verità, volevo che il nonno assaggiasse la mia torta. Piacciono i dolci al nonno?

Carolina) Va matto per i dolci. Ti faccio il caffè Margherita? Lo beviamo mentre mangiamo la tua torta.

Margherita) Un’altra volta Carolina, ora devo andare a vedere la Maria De Filippi e a piangere un pochino (esce).

Pericle) Com’è stata gentile a portare la torta al nonno.

Carolina) Povero nonno. Lo sai che quando torno dal lavoro mi viene incontro e mi fa le feste come un cagnolino.

Pericle) Anche a me viene incontro tutto contento. Mi apre perfino la porta.

Carolina) I cagnolini non aprono la porta.

Pericle) Diciamo che è bello avere chi ti apre la porta quando arrivi a casa. Tu non l’hai mai fatto.

Carolina) Io non l’ho mai fatto? Ti servo già abbastanza senza bisogno che ti apra la porta.

Pericle) Ma no Carolina, era solo per dire che anche a me piace vederlo girare per casa. Lo sai che facciamo? Quando oggi viene l’assistente sociale gli e lo diciamo. Le diciamo che lo teniamo noi.

Carolina) Lo teniamo noi! Bravo Pericle, così mi piaci.

Pericle) Se lo teniamo dovremo portarlo da un dottore per vedere se deve prendere qualche medicina, alla sua età è facile che abbia bisogno di medicine. E poi, perché aspettare oggi, andiamo subito a dirlo ai carabinieri quello che abbiamo pensato di fare, non perdiamo tempo.

Carolina) Così se ci saranno delle carte da firmare le possono preparare.

Scena 3 - il nonno rientra canticchiando

Nonno) (Entra con della piantine, canta) Stella d’argento – che brilli lassù –(A Carolina) il tuo splendor – mi fa morir di nostalgia – oh quanti ricordi – fai vivere tu – stella d’argento – che brilli lassù. (Depone le piantine, esce) Ahi ahi ahi ...

Pericle) A volte, nel guardarlo, mi sembra di vedere ancora mio padre.

Carolina) E a me, mi pare di  vedere il padre della mia signora.

Pericle) Quale signora?

Carolina) Quella dove vado a fare i mestieri due ore al lunedì mattina.

Pericle) (Pensando) La tua signora... (sempre guardando il nonno) magari è un ricco signore anche lui e non lo sa.

Carolina) Magari ha una bella pensione.

Pericle) Se avesse una bella pensione, i suoi lo avrebbero già cercato, te lo garantisco io.

Pericle) (Al nonno che rientra con altre piantine) Noi ora dobbiamo andare un momento in piazza. lei stia qui, bravo, non stia ad aprire a nessuno. Ha capito? (Ripete sillabando) A nessuno!

Carolina) (Anche lei sillabando) A nessuno. Mi raccomando.

Nonno) (Si mette sull’attenti) Obbedisco!

Pericle) (Nell’uscire, alla moglie) Se dice “obbedisco”, non era uno che comandava.

Carolina) (Nell’uscire al marito) Magari è solo un patito di Garibaldi.

Scena 4 - Il nonno resta solo.

(Escono. Il Nonno si siede a sistemare le sue piantine. Suona il campanello d’entrata.)

Nonno) Mi hanno detto di non aprire a nessuno ed io non apro a nessuno. Come sta bene in questa casa. Posso cantare finche voglio senza nessuno che mi stufi. (Suona ancora il campanello.)

Nonno) Aprire o non aprire? Aprire o non aprire “questo è il problema.: se sia più nobile soffrir nell’anima i proietti e gli strali dell’oltraggiosa fortuna, o prender armi contro un mare di affanni e, contrariandoli, mettervi fine.” Che sto dicendo? “Morire: dormire: nulla più; e con un sonno dire che poniamo fine (pensa) all’angoscia del cuore e... e... (pensa ancora) alle mille percosse naturali che son l’eredità della carne.”[13]

(Fuori continuano a suonare impazienti. Lui si alza, pensando compiaciuto al suo monologo e va ad aprire. Come schegge entrano le 2 guardie e controllano la stanza. Quando sono sicuri che tutto va bene parlano al telefonino. Dopo qualche attimo entra precipitosamente Greta e subito dopo Onorio, il politico figlio del nonno. Figlio e nipote non abbracciano il nonno.)

Scena 5 –  entra Onorio il politico con la figlia Greta

Greta) (Al padre) Menomale che ti abbiamo trovato nonno.

Onorio) Se tu sapessi quante mance ho allungato per mettere tutto a tacere. Dobbiamo stare molto attenti ai miei avversari, non aspettano altro che io faccia un passo falso per criticarmi. (Mentre Onorio parla suona il telefonino, rispondèrà sempre una guardia del corpo che gli e lo passa.) Pronti-pronti... E allora chiedi l’autorizzazione  (chiude la comunicazione e lo ridà alla guardia) Bene-bene-bene[14]. Mancava solo di essere sotto alle elezioni. (Al nonno) Non potevi farci una telefonata babbo? Dirci dove eri?

Greta)(Seccata) È questo il modo di sparire nonno?

Onorio) Eravamo tutti in pensiero per te.

Nonno) Per me o per la campagna elettorale?

Greta) Ohh, non incominciare a stufare nonno. Sempre malcontento. Sempre a criticare. Non ti va mai bene niente di quello che facciamo.

Nonno) Come avete fatto a trovarmi?

Onorio) È stato il mio amico vigile a riconoscerti da una foto che gli hanno passato i carabinieri stamattina.

Greta) E menomale che era lui in servizio. Ci ha telefono e siamo riusciti a fermare subito tutto.

Onorio) E lui ha raccomandato a tutti di don parlare, di non andare a sbandierarlo in giro. I giornalisti vanno matti per certe storie. Ne avrebbero tirato fuori uno scandalo. (Telefonino, risponde: Pronti-pronti ... Stampa subito una copia (chiude la comunicazione), bene-bene-bene. (Al pubblico) Guarda se proprio sotto le lezioni doveva capitarmi una cosa simile. Speriamo di essere riusciti a soffocare tutto.

Greta) Come stai? Stai bene? Ti hanno trattato bene nonno?

Nonno) Sono stati tutti gentili.

Onorio) oggi pomeriggio, quando avremo un momento di tempo, telefoneremo a questi qui (indicando la stanza) per ringraziarli, daremo loro una bella mancia per chiudere la bocca e fine de la storia.

Nonno) Come mai avete aspettato tre giorni per preoccuparvi di me?

Greta) (Scandalizzata) Che dici nonno. Non abbiamo aspettato tre giorni. Ci siamo preoccupati appena lo abbiamo saputo.

Onorio) L’abbiamo saputo solo ieri sera sul tardi. Non ci siamo accorti di niente quella sera babbo. È stata tua figlia Alida che ieri sera ha telefonato alla Franca e la Franca ha chiamato la Clara. E la Clara ha telefonato alla Eleonora. Mi domando le tue figlie dove hanno la testa a volte.

Greta) Lo sanno solo le zie. Nonno guarda che non dobbiamo dire niente alla Geltrude e neanche al Gaetano.

Onorio) Meno sanno meglio è. (Alla figlia) E ti raccomando di non dire niente nemmeno alla Francy perché suo marito è pubblicista. (Telefonino, risponde: Pronti-pronti ... è nel terzo cassetto della mia scrivania (chiude la comunicazione), bene-bene-bene.

Nonno) Pubblicista?

Greta) Giornalista indipendente. Lo pagano un tanto al chilo.

Scena 6 – il nonno si ribella

(Onorio fa cenno alle due guardie e si apprestano ad uscire. Ecco che il nonno si ribella.)

Nonno) Io voglio restare qui. Non voglio venire a casa vostra.

Onorio) Infatti non vieni a stare con me, ti porto da tua figlia Clara.

Nonno) Non voglio andare nemmeno dalla Clara.

Greta) Vuoi andare dalla zia Eleonora?

Onorio) Vuoi andare a casa di tua figlia Franca?

Greta) O dalla zia Marlene? Ti portiamo dove vuoi, sei contento? (Al pubblico) Più bello di così.

Nonno) Voglio andare a casa mia.

Onorio) Non puoi vivere da solo, alla tua età, con la tua malattia, coi tuoi disturbi.

Greta) Ringrazia il Signore che hai dei figli e dei nipoti che ti stanno dietro e che non ti fanno mancare nulla. Bella riconoscenza per tutto quello che facciamo per te.

Nonno) E io vi ho detto che voglio restare qui.

Onorio) E io ho detto che vieni con me.

Nonno) (Sfidandolo senza convinzione.) Se tu mi porti dalla Clara, io scappo.

Onorio) E lei ti chiude dentro a chiave e tu non vai più da nessuna parte.

(Onorio fa un altro cenno alle guardie che prendono il nonno di peso, poi controlla che ci sia via libera e tutti se ne vanno senza chiudere la porta.)

Scena 7 - ritornano e non trovano più il nonno

Pericle) C’è la porta aperta. Altro che fare la guardia come un cagnolino. Speriamo che non siano venuti i ladri. L’altro giorno hanno rubato anche nella via dove abita la mia padrona.

Pericle) Quella dove vai a stirare?

Carolina) No, quella dove vado il mercoledì mattina.

Pericle) Andiamo a dare un’occhiata che non siano venuti dentro e che non abbiano rubato qualcosa.

(Escono precipitosamente a controllare. Margherita bussa alla porta aperta ed entra mangiucchiando qualcosa, poco dopo rientrano Pericle e Carolina.)

Margherita) (Nel vederli) Ho sentito un po di su e giù (viavai) per le scale e sono venuta a controllare. Ma se siete in casa è tutto a posto, vi saluto e vado ancora a vedere la mia De Filippi (esce).

Pericle) (Alla moglie, guardando l’orologio) Ma sta tutto il pomeriggio davanti alla televisione la  Margherita.

Carolina) È da sola, le passa il tempo.

Pericle) Menomale che il mio Rolex lo tengo sempre al braccio. (Alla moglie che rientra) Diciamo che c’è tutto a posto.

Scena 8 – il nonno è sparito

Carolina) Tutto a posto Pericle, però non c’è più il nonno.

Pericle) Manca il nonno? Hanno rubato il nonno? Hai guardato in giardino?

Carolina) È stato il primo posto. Ti dico che non c’è da nessuna parte.

Pericle) Ci toccherà tornare ancora dai carabinieri a dire che è sparito il nonno. Che inizino a cercarlo. Sono preoccupato, non vorrei che si mettesse ancora in mezzo alla strada ad accendere fiammiferi.

Carolina) (Preoccupata) Più che altro che non lo investano, che non vada sotto una macchina.

Pericle) Non perdiamo tempo, andiamo subito a dirglielo, non sarà andato lontano.

Carolina) Fermati Pericle, e se invece è scappato?

Pericle) Allora dovremmo lasciarlo andare. Rispettiamo la sua decisione. Forse gli è ritornata la memoria ed è tornato a casa sua.

Carolina) Senza dirci niente? Senza aspettarci? Così, in tutta fretta? È meglio andare a dirlo ai carabinieri Pericle. Menomale che la caserma è qui a due passi.

Pericle) (Preoccupato) Corriamo Carolina, che lo cerchino subito, che non gli capiti qualcosa di brutto.

Scena  9 – si riaffaccia il nonno

(Escono precipitosamente lasciando la porta aperta. Dopo qualche attimo entra il nonno trafelato.)

Nonno) Sono riuscito a scappare a quei due “marcantonio”. (Prende fiato poi ridacchia) Eravamo già arrivati alle macchine. L’Onorio e la Greta erano già saliti su una. Stavano caricandomi su un’altra quando ha suonato il telefonino. Uno ha risposto ed è andato a portarlo a mio figlio. Così io ho piantato una pedata negli stinchi all’altro. Non se l’aspettava da me. Si credevano di avere a che fare con un vecchio rimbambito. (Sghignazzando) Che bella pedata che gli ho piantato! Mi ha mollato per toccarsi lo stinco e io sono scappato. Loro mi hanno rincorso subito ma io, proprio nel voltare l’angolo della strada ho visto un furgoncino aperto e vi sono saltato dentro. Era quello di un elettricista. Ho chiuso la portiera e quando loro sono passati sono saltato giù. Ho dovuto attaccarmi alla maniglia e fare piano piano, saltare giù è più difficile che saltare su.

Scena 10 – Pericle e Carolina

(Ritornano Pericle e Carolina e trovano il nonno.)

Pericle) Guarda qui dov’è. Così dovremo ancora una volta andare dai carabinieri e dire che lo abbiamo trovato.

Carolina) Avanti ed indietro da questi carabinieri. Che figura che facciamo!

Pericle) E se mentre andiamo lui sparisce un’altra volta? (Al nonno.) Se può sapere dove è andato a nascondersi?

Nonno) Mi sono nascosto nel furgone di un elettricista.

Carolina) Nel furgone di un elettricista?

Nonno) Sì, mentre mio figlio telefonava sono scappato.

Pericle) Elettricista? figlio? (Alla moglie) Ho idea che dovremo per davvero farlo vedere ad un qualche medico.

Carolina) AD un qualche medico, giusto. E se dicono che è matto e ce lo portano via?

Pericle) (Alla moglie) Vorrà dire che andremo al canile a prendere un cagnolino, (si ricorda che è un po’ sorda  e alza la voce per farsi capire) ora torniamo dai carabinieri a dire loro di non cercarlo più. (Al Nonno) Lei stia qui senza muoversi. Capito? E senza aprire a nessuno. Mi raccomando, non stia ad aprire a nessuno che c’è pieno di ladri in giro. (Ripete sillabando) A nessuno!

Carolina) (Anche lei sillabando) A nessuno. Mi raccomando.

Nonno) (Si mette sull’attenti) Obbedisco!

Scena 11 - Ritorna Onorio

(Mentre si preparano per uscire suona il campanello d’entrata.)

Carolina) Chi sarà?

Pericle) Forse è l’assistente sociale.

Carolina) L’assistente sociale? Non doveva venire oggi pomeriggio?

Pericle) Diciamo che avrà pensato di venire stamattina.

Carolina) Arrivo (va ad aprire).

Nonno) (Al pubblico) Disse il traguardo.

(Entrano le guardie del corpo. I due si pongono a fianco del nonno, lo guardano storto, si allontanano quel tanto che basta per non prendere un’altra pedata negli stinchi. Poi uno dei due prende il telefonino e chiama Onorio che entra subito dopo.)

Guardia del corpo) (Al telefonino) Via libera.

Scena 12 – Ecco com’è stato che abbiamo perso il nonno

Carolina) (Al marito che è rimasto stupefatto sulla porta) Via libera?

Pericle) (Si avvicina ai due coraggiosamente) Signori che succede?

Onorio) (Entrando) Buon giorno. (Al nonno) Non si fanno queste cose. Lo sai che non ho tempo da perdere proprio ora che siamo sotto le elezioni. Si può sapere come ti è venuto in mente di scappare?

Pericle) (Aggressivo, difendendolo) È scappato perché sua nuora lo trattava male.

Onorio) Quale nuora?

Pericle) (Ad Onorio, molto seccato) Non so quale nuora, se non lo sa lei di chi si parla, devo saperlo io? Anzi, si può sapere chi è lei e chi sono questi due?

Onorio) Ora le spiego. (Come prima, al telefonino risponderà una guardia del corpo che gli e lo passa.) Pronti-pronti... Niente da fare, non si può. No, no e no. (chiude la comunicazione con un: male-male-male. Ridà il telefonino alla guardia del corpo e riprende il suo discorso.) Non ne voglio di scandali e non ho tempo da perdere. Proprio ora che siamo sotto le elezioni. (Tenta di far alzare il nonno che gli oppone resistenza) Ora ti portiamo a casa e fine de la storia.

Carolina) Quale casa?

Onorio) Quella della Clara.

Pericle) Chi è la Clara

Onorio) La figlia di mio padre (indicando il nonno).

Carolina e Pericle) Suo padre?

Scena 13 – la storia del nonno

Onorio) Certo, lui è mio padre ed io sono suo figlio (porgendo la mano) piacere Onorio.

Pericle) Non l’avrei mai detto che fosse suo padre. Avrei pensato piuttosto che fosse suo nonno signor Onorio. Mi scusi, non volevo offenderlo.

Carolina) Ci scusi, tutti possono sbagliare.

Nonno) Tutti possono sbagliare disse il riccio scendendo dalla spazzola.

Carolina) (Al nonno) Cosa a detto?

Onorio) Non stia a bararci, è svanito. Non c’è più con la testa.

Nonno) Posso andare a versare l’acqua per favore?

Carolina) Ma certo, non c’è nemmeno bisogno di domandarlo, vada tranquillo.

 (Onorio fa un cenno alle guardie che lo seguono. Il nonno esce con le guardie alle calcagna.)

Onorio) Nessun problema. Sono in tanti che si sbagliano e pensano che io sia il nipote e non il figlio. È perché mio padre si è sposato tre volte. La prima moglie era una sua vicina di casa. Ha fatto due femmine ed è morta in un incidente stradale. La seconda era una bionda che lavorava con lui, ha fatto altre tre femmine ed è morta in Francia. E la terza era la mia mamma più giovane di lui di venti anni.

Carolina) Più giovane di lui di venti anni? Anche il fratello della mia signora ha sposato una più giovane.

Onorio) Quale signora?

Carolina) Quella dove vado a fare le scale il sabato mattina. Dove abitano quelle tre donne...

Pericle) (Ricordando) È per quello che aveva tre donne, Carolina.

Onorio) Tre! Cinquanta! Mio padre è sempre stato un garibaldino di quelli giusti. Ai suoi tempi era un gran bell’uomo. Ed ha sempre avuto un mucchio di donne che gli giravano attorno. Da giovane ha lavorato nell’Avanspettacolo. Ed ha girato tutta Italia con la sua compagnia. A quei tempi ha avuto anche un certo successo. Ha fatto anche una parte in un film con Alberto Sordi.

Carolina) Alberto Sordi. Ohh alla mia padrona piace molto Alberto Sordi.

Pericle) Quale padrona.

Carolina) (Pensando) A tutte le mie padrone.

 Onorio) Ha fatto l’attore e anche il musicista. Pensate che è capace di suonare il bassotuba, il controfagotto e il corno a pistoni. (Guardandolo) A quei tempi si faceva chiamare Johnny Beguine o anche Johnny Calypso, o anche John the Rock-and-roll. A seconda se cantava o suonava.

Carolina) Come a seconda se cantava o suonava?

Onorio) Perché così, sul cartellone, sulle locandine, con tanti noni sembrava che fossero in tanti in compagnia, invece a volte erano quattro gatti. A quei tempi le donne gli correvano dietro come al miele con le mosche.

Carolina) (Rettificando) Come le mosche al miele.

(Mentre Onorio parla rientra il nonno)

Onorio) Ed io cosa ho detto? (Vede il nonno) bene-bene-bene, pronti che andiamo. (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... Non se ne parla. Capito! (chiude la comunicazione),  male-male-male.

Pericle) Un momento, finisca almeno la sua storia.

Onorio) (Guarda l’orologio e prosegue) Quando si è ritirato dalle scene ha aperto prima una piccola sartoria, poi un laboratorio e alla fine una fabbrica di “Costumi teatrali”.

Carolina) Costumi teatrali?

Onorio) Costumi teatrali e di carnevale. Una cosa molto grossa, non so se mi spiego.

Nonno) (Al pubblico) Disse il paracadute – spiegati meglio rispose il paracadutista.

Onorio) È stato lì che ha fatto i soldi ed è stato lì che ha conosciuto la mia mamma. Era una sua operaia, aveva 20 o 25 anni di meno. Si sono visti, si sono innamorati e in quattro e quattr’otto si sono sposati. E dopo en po’ sono nato io. L’unico figlio maschio che ha.

Carolina) Bel figlio!

Onorio) (Risentito dal tono di Carolina) Come sarebbe a dire “bel figlio”?

Carolina) Sarebbe a dire: come si fa a stare tre giorni senza preoccuparsi, senza sapere dov’è il proprio padre.

Scena 14 – le nozze

(Suona il campanello. Vanno ad aprire, entra Greta)

Pericle) E questa signorina chi é?

Onorio) Mia figlia Greta.

Greta) (Secca) Buongiorno. (Al padre) Giù ci sono due giornalisti, ho idea che stiano mangiando la foglia.

Carolina e Pericle) (Guardandosi perplessi) Giornalisti?

Greta) (Al nonno) Non star più a farmi una cosa simile papà, hai capito. (Facendolo alzare) Dai, andiamo (il nonno fa una resistenza silenziosa attaccandosi con le mani alla sedia.)

Pericle) Sembrerebbe che non voglia venire. (A Greta) La smetta di tirarlo signorina. Lo perdete per tre giorni, per tre giorni non venite nemmeno a cercarlo ed ora vi è venuto il fuoco al sedere?

Carolina) Mi domando e dico come si fa a perdere un nonno? Robe da non credere.

Onorio) Invece può succedere a tutti. È stata così: tre giorni fa si è sposata la figlia di mia sorella.

Greta) Mia cugina ha preso uno di Mantova o giù di lì. Lo sapete com’è quando si va a nozze, c’è sempre una grande confusione. Finita la cena...

Carolina) Pranzo e sena! Anche quando s’è sposata la figlia della mia padrona hanno fatto pranzo e cena e...

Pericle) (Interrompendola gentilmente) Lascia perdere Carolina, lascia che vadano avanti a raccontare.

Greta) Mia cugina ha voluto le cose in grande. Festa grande, saremmo stati in 300 se non di più.

Onorio) Oh, una gran bella festa, abbiamo mangiato tutti come maiali (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... Domani mattina non posso (chiudendo la comunicazione) bene-bene-bene.

Pericle) (A Greta mentre Onorio telefona) Chissà quello che vi è costato?

Greta) Una cifra, però abbiamo mangiato bene. Tanti bocconcini molto saporiti per antipasto, poi tre primi, anzi no, prima di tutto l’aperitivo. Quello che non mi è piaciuto dell’aperitivo sono stati i pezzetti di frittata.

Carolina) Non le piace la frittata?

Onorio) (Intervenendo) La frittata la mangiano i poveretti. Mi meraviglio che l’abbiano servita in questo castello.

Carolina) Un castello? Addirittura un castello? Chissà cosa sarà costato.

Onorio) Ha pagato mia sorella- Di sicuro un mucchio di euri. Non è una cosa di tutti i giorni fare nozze in un castello.

Pericle) Se è per quello nemmeno perdere un nonno non è una cosa di tutti i giorni.

Onorio) (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... Nessuna deroga, non se ne parla (chiude la comunicazione), bene-bene-bene.

Nonno) Posso andare a versare l’acqua per favore?

Carolina) Ma certo, non c’è bisogno di chiederlo, vada tranquillo.

(Il nonno esce seguito dalle guardie.)

Onorio) (Alla figlia) Vai a controllare se ci sono ancora i giornalisti davanti alla porta, se ci sono mandali via con una scusa che appena ritorna il nonno andiamo. Va, meglio essere prudenti.

(Greta esce)

Pericle) (Ad Onorio) E dopo?

Onorio) Dopo, finito tutto, siamo pronti per partire, il nonno viene con me, no, lo porto a casa io e nella confusione, nel partire, saluta tu che saluto io il nonno è rimasto a piedi.

Carolina) Come rimasto a piedi?

Pericle) Nessuno ha pensato a lui?

Onorio) Tutti abbiamo pensato a lui, però nessuno si è accorto che mancava. Mia sorella pensava che il nonno fosse da noi. (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... Spedisci tutto via fax (chiude la comunicazione), bene-bene-bene. (Riprende il discorso)  E noi pensavamo che fosse andato da mia sorella Eleonora, lei ha pensato che fosse da Marlene. Insomma, sotto le elezioni è difficile trovarmi al telefono.

Carolina) (Mentre Onorio consegna il  telefonino alla guardia) Non si direbbe.

Greta) (Rientra) Via libera papà, si può andare. Il nonno?

Pericle) È ancora in bagno. (Ad Onorio) Alla fine non abbiamo ancora saputo com’è stata.

Onorio) È stato che solamente ieri sera tardi sua figlia è riuscita a parlare con me ed abbiamo scoperto che il nonno non era da nessuna parte- Abbiamo tutti iniziato ad agitarsi.

Greta) Telefona a tutti i parenti, nessuno che ne sapeva niente ed è arrivata mattina.

Onorio) Stavamo andando dai carabinieri quando un mio amico vigile è arrivato con la foto del nonno. Siamo corsi dai carabinieri e loro ci hanno mandato qui. L’unica cosa che vi raccomando è di non dire niente a nessuno, che non lo vengano a sapere i miei avversari, io baso tutta la mia campagna elettorale sui servizi sociali, sui pensionati, su come aiutare gli anziani.

Scena 15 – origine contadine

Pericle) Un’altra cosa voglio chiederle. Come mai se ne intende così tanto di piante?

Onorio) Perché da giovane abitava in campagna. I suoi erano dei contadini. Non state ad andare a dirlo in giro altrimenti i miei avversari se n’approfittano.

Pericle) Anche mio padre faceva il contadino, però io me ne sono sempre vantato. Quando si è onesti non c’è da vergognarsi di niente.

Carolina) Non si deve mai vergognarsi del proprio padre. Lo dice sempre anche la mia padrona.

Onorio) Io non mi vergogno di mio padre. Lo tengo appena nascosto. Faccio il politico di professione. Come faccio a presentarmi in parlamento e dire che mio padre faceva il contadino.

Greta) È meglio che credano che siamo sempre stati degli industriali.

Onofrio) Bisogna stare attenti a certe cose.

Greta) Bisogna stare attenti a tutte le sfumature.

Pericle) Fare il contadino non è un disonore. Diciamo che un disonore è rubare: rubare !

Onorio) Se sapesse caro il mio signore, che al giorno d’oggi è tutto il contrario. Se uno ruba gli dicono che è furbo. Se uno viene dalla campagna gli dicono che è un villano rifatto. Guardi che io sono al parlamento europeo! A Strasburgo io rappresento gli italiani in Europa.

Pericle) E sua moglie? Cosa rappresenta? Le italiane in Europa?

Scena 16 – dov’è la nuora cattiva?

Onorio) Quale moglie? di che moglie parla?

Greta) (Al padre) Parla della mamma.

Pericle) Giusto, sua mamma (prima indica Greta poi  la porta da dove è uscito il nonno) che mi dice di sua nuora?

Onorio) Quale nuora?

Carolina) Quello che lo maltratta (puntandogli il dito contro) sua moglie.

Onorio) Di mogli io non ne ho, sono divorziato.

Carolina) Divorziato. Come mai?

Onorio) Per crudeltà mentale.

Carolina) Crudeltà mentale?

Onorio) (Alla figlia, guardando l’orologio) Va a vedere che fine ha fatto il nonno.

(Greta esce.)

Onorio) Mia moglie ha voluto divorziare perché dice che non ne poteva più di sentire a suonare il telefono. Le dava fastidio in special modo quando suonava di notte.

Carolina) Anche alla mia padrona da fastidio quando suona il telefono.

Onorio) Vi garantisco che non ce ne sono di nuore. La nuora c’è solamente nella sua fantasia ammalata.

Carolina) Non è una fantasia se è scappato di casa.

Onorio) Non è scappato, lo abbiamo perso, non è la stessa cosa.

Carolina) Non sarà la stessa cosa, però lui dice che è scappato da sua nuora.

Onorio) Forse si riferisce alla badante. La sua badante russa si chiama NORA.

Carolina) Nora, nuora... potrebbe essere.

Onorio) Gli abbiamo preso una badante perché non c’è più con la testa, per stargli dietro, che non si perda.

Pericle) Però lo avete perduto lo stesso.

Onorio) Il fatto è che quella sera lì era senza badante.

Pericle) Come mai?

Onorio) Non potevamo certo invitare a nozze una badante. Una badante al matrimonio di mia nipote, figurarsi con tutte le personalità che c’erano. E se si fosse seduta vicino al sindaco, o al prefetto? Che figura ci facevamo. “Noblesse oblige – la nobiltà è obbligatoria”[15]

Carolina) Che figura ci facevano! (indicando la porta da dove è uscito il nonno) con uno così in parte al sindaco.

Onorio) O vicino al Presidente della Provincia o al Governatore della Regione.

Scena 17 – come abbiamo perso il nonno

Pericle) Lo sa almeno che l’hanno trovato in mezzo alla strada, di notte, con un fiammifero acceso?

Onorio) I carabinieri ci hanno raccontato tutto. (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... Domani mattina non posso. (Chiude la comunicazione),  bene-bene-bene.

Greta) (Rientrando) ora arriva.

Onorio) Lo sapete anche voi com’è quando si va a nozze, si fa un poco di baldoria e a volte un qualche bicchiere di troppo fa dei brutti scherzi.

(Rientra il nonno e subito dopo le guardie.)

Onorio) Insomma, nessuno si è accorto che mancava...

Pericle) ... e siete arrivati a casa senza di lui.

Carolina) Senza di lui! Senza preoccuparvi di lui!

Onorio) Signora, come facevamo a preoccuparsi se non sapevamo di averlo perso? A parte il fatto che da lui c’è da aspettarsi di tutti, è per quello che non lo abbandoniamo nemmeno un momento, per via della sua malattia. (Al padre) Su, andiamo a casa. (Fa un cenno alle guardie che prendono il nonno e si avviano per uscire.) Menomale che lo abbiamo trovato e che abbiamo evitato lo scandalo. I giornali sarebbero andati a nozze. Vi saluti signori. Arrivederci.

(Escono tutti e cinque.)

Scena 18 – vanno e tornano

Pericle) Lo sai che sono andati via senza neppure dire grazie?

Carolina) Senza neppure dire grazie. Che villani!

Pericle) Villani quadri.

Carolina) Non so che farmene dei suoi “grazie”, se non vengono dal cuore i “grazie” non contano nulla.

Margherita) (Bussa ed entra mangiucchiando qualcosa) Ma... ma non è quel tal politico, quello che...

Pericle) Quale politico?

Margherita) Non mi ricordo come si chiama ma ogni tanto lo vedo in televisione.

Carolina) Sarà stato uno che c’assomiglia, secondo te che ci viene a fare un polidico da noi?

Pericle) Guardi troppa televisione.

Margherita) Hai ragione Pericle, giusto per quello, sai cosa farò adesso? Vado di là, la spengo e accendo la radio (esce).

Pericle) Carolina, lo sai che facciamo? Non sarà la stessa cosa, ma per consolarti, andremo al canile municipale a prendere un bel cagnolino. Diciamo che là ce ne sono talmente tanti di cagnolini abbandonati che un bel cagnolino lo trovi di sicuro. Andiamo subito. (Cambiando tono, preoccupato) Piuttosto loro, saranno andati dai carabinieri a dire che ce lo hanno portato via? O dobbiamo andare noi a dirglielo?

(Suona ancora una volta il campanello, Pericle va ad aprire. Rientrano le guardie inseguendo il Nonno che si siede e si attacca disperatamente ad una sedia. Onorio entra subito dopo.)

Onorio) Menomale che non ci hanno visto i giornalisti. Mio padre non vuole venire via da questa casa.

Pericle) Si vede che in questa casa si trova bene.

Nonno) Voglio restare qui Onorio. Voglio restare qui ti ho detto, per piacere lasciami qui.

Onorio) Papà, cerca di ragionare, non posso lasciarti qui.

Nonno) Lasciami qui, qui mi vogliono bene.

Onorio) Che stai dicendo? Anche noi ti vogliamo bene. Non ti facciamo mancare niente.

Nonno) Qui mi ascoltano quando parlo.

Onorio) Anche noi ti ascoltiamo quando parli.

Nonno) Qui mi lasciano cantare.

Onorio) Ma se vai in giro tutto il giorno a cantare, tant’è vero che siamo costretti a rinchiuderti nella tua camera per non sentirti.

Pericle) Lo chiudete in camera? A chiave?

Onorio) E certo, altrimenti gira per tutta la casa...

Nonno) (Interrompendolo) ... e mi prendono per un vecchio rimbambito.

Onorio) Non c’è nessuno che ti prende per un vecchio rimbambito papà. (Cercando di convincere i presenti) Parola d’onore che tutti lo rispettiamo. (A tutti) Ci mancherebbe di non rispettarlo. (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... lo chieda alla mia segretaria (chiude la comunicazione), bene-bene-bene. Riprende il suo discorso, a Carolina) Non sa che con i giornalisti in giro la nostra vita è come sotto una lente d’ingrandimento? Dobbiamo stare attenti ad ogni movimento, ad ogni parola. (Sospirando) È una croce fare il politico.

Nonno) non c’è nessuno che ti obbliga.

Onorio) Non vorrai che lasci proprio ora?! Proprio sotto le elezioni!

Nonno) Tu fa quello che ne hai voglia ma io da qui non mi muovo.

Onorio) (Si guarda  in giro senza comprendere) Cosa ha questa casa di speciale?

Nonno) Si può cantare senza dar fastidio a nessuno.

Onorio) Vuol sempre cantare. Canta sempre, anche a sproposito. È anche per questo che, un mese a testa, ce lo passiamo a turno con le sue figlie.

Pericle) Un mese a testa ?

Onorio) Certo, non si resiste di più di un mese.

Pericle) Cantare tiene allegri.

Onorio) Ma non quando devi concentrarti, o hai qualche ministro a pranzo o a cena. Disturba, dà fastidio. Ci fa fare brutta figura. Oltre tutto non possiamo nemmeno tenerlo a tavola con noi perché si è dimenticato le belle maniere.

Pericle) E lo fate mangiare da solo?

Onorio) Macché da solo, mangia con la badante.

Nonno) (Guardando supplichevole Carolina.) Lasciami qui Onorio, per piacere.

Onorio) Come faccio a lasciarti qui babbo, i signori non ti vogliono.

Scena 19 – che si può fare?

Pericle) Come non lo vogliamo? Certo che lo vogliamo.

Carolina) Signor Politico, sa che facciamo? Lo lasci qui per un po’.

Onorio) Per un po’? Sentite. Vi faccio una proposta. Voi non sareste disposti a tenerlo per sempre?

Carolina) Per sempre – sempre?

Pericle) (Alla moglie) Dovremo andare a comprare un divano letto.

Onorio) Per mio padre?

Pericle) No, per la Wanda. Suo padre dorme nella sua camera.

Onorio) Chi è la Wanda?

Pericle) (Ad Onorio) È la nostra unica figlia. Non sta più qui perché si è sposata e sta a Venesia.  Diciamo che a volte viene a trovarci. Se gliela diamo al nonno, non abbiamo più la stanza da dare a lei, però se compriamo un bel divano letto...

Onorio) (Interrompe) Nessun divano letto. Quando viene a trovarvi la mandate a mie spese in albergo.

Pericle) E se viene con suo marito?

Onorio) Mandate anche quello in albergo a mie spese. Possiamo fare così.  (Telefonino, risponde: Pronti-pronti... lo chieda alla mia segretaria (chiude la comunicazione), bene-bene-bene. (Riprende il discorso) Facciamo un po’ di conti. Facciamo i conti.

Nonno) (Al pubblico) dissero i marchesi decaduti

Onorio) Voi lo tenete qui, lui è contento ed io vi do: 1) Una badante per 24 ore. 2) Una specie di stipendio per stargli dietro. Non so, 1.000 – 1.500 euro al mese. Vi vanno bene? Sono abbastanza per tenerlo?

Pericle) Noi l’avremmo tenuto anche gratis.

Onorio) Allora facciamo 1.500 euro al mese, e vi mando anche la badante per aiutarvi.

Nonno) No, quella Nuora non la voglio.

Onorio) Allora vi mando una cameriera che venga a fare i mestieri alla signora.

Carolina) Una cameriera che viene a fare i mestieri a me?

Onorio) Certo, cos’ lei potrà andare a spasso e far prendere un po’ di aria a mio padre.

Pericle) Lo fa per liberarsi di suo padre?

Onorio) Io che voglio liberarmi di mio padre! Non sa che la mia campagna elettorale è tutta, quasi tutta a favore dei deboli, dei bambini e degli anziani. I giornali potranno scrivere che mio padre è tenuto da conto molto bene.

Pericle) Si può provare.

Onorio) Domani vi mando l’avvocato per firmare il contratto.

Carolina) Firmare il contratto?

Onorio) Certo, io faccio tutte le cose in regola. E se avete qualcosa da dirmi chiamate la mia segretaria. (Porgendo loro il suo biglietto) Questo è il mio biglietto da visita col numero di telefono e ricordatevi di darmi il voto quando andrete a votare, se volete che l’Italia vada bene.

Pericle) A proposito, come si chiama?

Onorio) Chi io?

Pericle) No (indicando il nonno) lui.

Onorio) Ah, si chiama Giovanni, Gianni, Johnny chiamatelo come volete che a lui va sempre bene. Arrivederci signori. (Fa un cenno alle guardie) Noi possiamo andare.

(Esce con le guardie.)

Scena 20 - finale

Nonno) (Intona verso la porta da dove è uscito il figlio) Ma ‘ndó vai – se la banana non ce l’hai – bella havaiana...

Pericle) Quando penso che non lo vogliono a tavola insieme...

Carolina) (A Pericle) Povero (al nonno) Che sta cantando? Cosa canta?

Nonno) (Prende le sue piantine, nell’uscire in giardino intona allegro.) Canto, quel motivetto che mi piace tanto – e che fa dududu – dududu – dudududu ...

Carolina) (Canticchiando il finale della canzone) dududu – dududu – dudududu ... Tu, Pericle, lo sai che non dovrò più andare a fare i mestieri in giro? Dovrò telefonare alle mie padrone che non ci vado più. Pensa, chi l’avrebbe mai detto che nella mia vita avrei avuto anch’io una cameriera.

Pericle) Nemmeno io vado più a lavorare. Speriamo che non siano solo promesse elettorali! Se è vero che ci darà tutti quei soldi lì, siamo a posto fin che scampiamo.

Carolina) Fin che scampiamo? Fin che scampa il nonno.

Pericle) Noi lo terremo bene e lui scamperà fino a cent’anni.

Nonno) (Rientra intonando) E questa è casa mia – e qui comando io...

(Carolina e Pericle si uniscono al canto.)

Tutti) E questa è casa mia – e qui comando io – ogni dì voglio sapere – chi va e chi vien

Nonno) Sono io il padrone.

Cala il sipario

Fine


[1] qualunque costume va bene: Tarzan e Jane, oppure damina del ‘700 con cavaliere, o ancora Fata Morgana e Mago Merlino, cappuccetto rosso e lupo, Dante e Beatrice, ecc.

[2] Ho usato questi nomi per facilitare la lettura del testo, qualunque altra coppia va bene se non meglio.Poiché stanno tornando da una festa in maschera – qualunque costume va bene: Tarzan e Jane, oppure damina del ‘700 con cavaliere, o ancora Fata Morgana e Mago Merlino, cappuccetto rosso ed il lupo, ecc. L’abbigliamento dei due deve essere tale da far restare senza parole gli altri due

[3] Il nonno può intonare anche altre canzoni purché siano pertinenti.

[4] Grazie mille – Disse Garibaldi dopo aver conquistato le due Sicilie (Giorgio Faletti). L’autore è segnalato solamente quando è stato possibile risalire alla paternità della freddura.

[5] chi s’è visto s’è visto – disse lo specchio – io mi son rotto (Alessandro Bergonzoni) L’autore è segnalato solamente quando è stato possibile risalire alla paternità della freddura.

[6] William Shakespeare – Amleto, Atto III, Sc I, trad. di L.Pozzi, Utet Torino.

[7] Sempre, mentre Onorio parla, quando suona il telefonino, risponde una guardia del corpo che poi gli e lo passa. Onorio chiuderà sempre la comunicazione con un: bene-bene-bene pronunciato velocemente. Ridarà poi il telefonino alla guardia del corpo e riprenderà il discorso come niente fosse. Questo tutte le volte che suona il telefonino.

[8] Noblesse oblige – la nobiltà è obbligatoria (Barone Antonio Peletti) L’autore è segnalato solamente quando è stato possibile risalire alla paternità della freddura.

[9] Ho usato questi nomi per facilitare la lettura del testo, qualunque altra coppia va bene se non meglio.Poiché stanno tornando da una festa in maschera – qualunque costume va bene: Tarzan e Jane, oppure damina del ‘700 con cavaliere, o ancora Fata Morgana e Mago Merlino, cappuccetto rosso ed il lupo, ecc. L’abbigliamento dei due deve essere tale da far restare senza parole gli altri due

[10] Il nonno può intonare anche altre canzoni purché siano pertinenti.

[11] Grazie mille – Disse Garibaldi dopo aver conquistato le due Sicilie (Giorgio Faletti). L’autore è segnalato solamente quando è stato possibile risalire alla paternità della freddura.

[12] chi s’è visto s’è visto – disse lo specchio – io mi son rotto (Alessandro Bergonzoni) L’autore è segnalato solamente quando è stato possibile risalire alla paternità della freddura.

[13] William Shakespeare – Amleto, Atto III, Sc I, trad. di L.Pozzi, Utet Torino.

[14] Sempre, mentre Onorio parla, quando suona il telefonino, risponde una guardia del corpo che poi gli e lo passa. Onorio chiuderà sempre la comunicazione con un: bene-bene-bene pronunciato velocemente. Ridarà poi il telefonino alla guardia del corpo e riprenderà il discorso come niente fosse. Questo tutte le volte che suona il telefonino.

[15] Noblesse oblige – la nobiltà è obbligatoria (Barone Antonio Peletti) L’autore è segnalato solamente quando è stato possibile risalire alla paternità della freddura.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno