Enrico IV

Stampa questo copione

William Shakespeare

Enrico IV

Prima Parte

Dramma storico in 5 atti

TITOLO ORIGINALE:

"The Historie of Henri the Fourt; with the battell at Shrewsbury

between the King and Lord Henri Percy, surnamed Hotspur of

the North. With the humourous conceits of Sir John Falstaff."

"La storia di Enrico Quarto; con la battaglia di Shrewsbury

tra il Re e Lord Henry Percy, soprannominato "Sperone Ar-

dente del Nord". Con le amene facezie di Sir John Falstaff".

Traduzione e note di Goffredo Raponi

Note preliminari

1. Il testo inglese adottato per la traduzione è quello curato dal prof. Peter Alexander (William Shakespeare - "The Complete Works", Collins, London & Glasgow, 1960, pagg. XXXII, 1370) con qualche variante suggerita da altri testi., in particolare quello dell'edizione dell'"Oxford Shakespeare" curata da G. Welles e G. Taylor per la Clarendon Press, New York, 1994.

2. Alcune didascalie e altre indicazioni sceniche ("stage instructions") sono state aggiunte dal traduttore per la migliore comprensione dell'azione scenica alla lettura, cui questa traduzione è essenzialmente intesa ed ordinata. Si è lasciato comunque invariato all'inizio e alla fine di ciascuna scena il rituale Enter e Exit/Exeunt, avvertendo peraltro che non sempre queste dizioni indicano un movimento di entrata o uscita dei personaggi, potendosi dare che essi si trovino già in scena all'aprirsi di questa o vi restino alla chiusura.

3. Il metro è l'endecasillabo sciolto, alternato da settenari. Solo in canzoni, ballate, mascherate, citazioni ecc. si è usato altro metro.

4. I nomi dei personaggi sono dati nella forma italiana, se esiste, tranne quando sono preceduti dal titolo inglese di "lord" o "sir". Per Enrico, principe di Galles, s'è conservato il diminutivo Hal e Harry quando ricorra nel testo. Per ragioni di metrica, nomi che in inglese sono sdruccioli (Worcester, Lancaster, Westmoreland, ecc.) sono trattati a volte come piani.

Premessa

Le due parti dell'Enrico IV sono un racconto, in forma teatrale, della storia d'Inghilterra tra il 1399 e il 1413, le date che aprono e chiudono il regno di Enrico Bolingbroke, successo al cugino Riccardo II Plantageneto. Protagonista, accanto al padre re, è il figlio primogenito Enrico, principe di Galles, il futuro Enrico V, la cui ascensione al trono del padre è preceduta da una giovinezza scapestrata trascorsa in compagnia di una congrega di personaggi da trivio, autori d'ogni specie di malefatte ai danni dei sudditi di sua maestà; dai quali trascorsi il principe si ravvedrà e riscatterà, dimostrandosi idoneo ad assumere, alla morte del padre, quel ruolo di sovrano saggio e valoroso nel quale è entrato nella storia d'Inghilterra.

Enrico IV è un usurpatore. Figlio di Giovanni di Gaunt, quartogenito di re Edoardo III, s'è impadronito del trono dopo aver deposto suo cugino Riccardo II Plantageneto. Le vicende di questa usurpazione Shakespeare aveva già cantate nel Riccardo II, di cui le due parti dell'Enrico IV sono pertanto la prosecuzione. Il tormentato regno di questo re usurpatore aprirà la dinastia dei Lancaster sul trono d'Inghilterra e sarà contrassegnato, sul piano nazionale, dalle rivolte dei nobili del Galles e di Scozia, e sul piano familiare dall'amarezza del re per la giovinezza scapigliata e dissoluta del primogenito ed erede, Enrico, denominato nel dramma coi vezzeggiativi "Harry" e "Hal".

Terzo protagonista dei due Enrico IV è il corpulento compagno d'imprese birbonesche del giovane Harry, Sir John Falstaff, la cui vicenda fa da sottotrama, a mo' di contrappunto, a quella principale: un personaggio la cui comicità - la meglio riuscita di tutto il teatro shakespeariano - piacerà tanto alla regina Elisabetta, da indurla a chiedere a Shakespeare di farlo ancora rivivere sulle scene mostrandolo, per giunta, innamorato cavalier galante: e sarà il Sir John Falstaff delle Allegre comari di Windsor.

Il dramma si apre nel 1402, terzo anno di regno di Enrico IV. L'Inghilterra è impegnata militarmente su due fronti: coi ribelli gallesi ad ovest, con gli scozzesi a nord. Contro questi ultimi sta combattendo, alla testa delle forze regie, Enrico Percy, il giovane figlio del duca di Northumberland, soprannominato "Sperone ardente" ("Hotspur") per la sua irruenza negli assalti a cavallo. Un messaggero annuncia la sua vittoria sugli scozzesi (ottobre 1402) con la cattura di molti importanti prigionieri. Per contro, sul fronte gallese le truppe regie hanno subito una severa disfatta; (l'episodio è avvenuto qualche mese prima, ma Shakespeare lo fa apparire come contremporaneo al primo perché ciò gli serve per introdurre nel dramma - e giustificarlo - il rinvio di una spedizione in Terrasanta che Enrico avrebbe voluto fare in espiazione delle colpe di cui si sente responsabile per aver usurpato il regno a Riccardo II dopo averne provocato la morte in prigione.

Con la vittoria sui ribelli gallesi, "Sperone ardente" ha catturato prigioneri diversi nobili. Il re li reclama per sé, ma "Sperone ardente" rifiuta di darglieli. Questo sarà motivo di rottura tra re Enrico e i Percy, padre e figlio, i quali, per ripicca, alleati ad altri nobili, passeranno a combattere il re a fianco degli scozzesi. I due eserciti si scontreranno a Shrewsbury, dove "Sperone ardente" sarà ucciso in duello dal giovane principe di Galles; e con questo episodio, che annuncia il ravvedimento del giovane Enrico e il riscatto dei suoi dubbi trascorsi si chiude questa prima parte dell'Enrico IV.

Personaggi

* Re Enrico IV

* Figli del re

* Enrico

principe di Galles

* Giovanni

duca di Lancaster

* Il Conte di Westmoreland

* Blunt

* Tomaso Percy

conte di Worcester

* Enrico Percy

conte di Northumberland

* Enrico Percy

soprannominato "Sperone ardente" (Hotspur), suo figlio

* Edmondo Mortimer

conte di Marsh

* Arcibaldo

conte di Douglas

* Riccardo Scroop

arcivescovo di York

* Sir Michael

suo amico e confidente

* Owen Glendower

* Sir Richard Vernon

* Compagni sregolati del principe Enrico

* Sir John Falstaff

* Poins (detto Ned)

* Bardolfo

* Peto

* Gadshill

* Lady Percy

moglie di Enrico "Hotspur" e sorella di Edmondo Mortimer

* Lady Mortimer

moglie di Edmondo Mortimer e figlia di Owen Glendower

* Mistress Quickly

ostessa della taverna "Alla testa di cinghiale" a Eastcheap

* Checco

garzone della stessa

* Nobili, ufficiali, uno sceriffo, un ciambellano, un vinaio, un cameriere, viaggiatori.

Scena: Inghilterra e Galles

Atto Primo

SCENA I - Londra, il palazzo reale

Entrano Re Enrico, Giovanni di Lancaster, il conte di Westmoreland e altri nobili tra i quali sir Walter Blunt

Enrico -

      Scossi ancor come siamo

      e spalliditi dai recenti affanni,

      non concediamo tuttavia respiro

      a questa nostra spaurita pace

      e, con voce pur rotta dall'affanno,

      ritorniamo a parlar dell'altra guerra

      da portare su più lontani lidi.

      Più non sarà che l'assetata bocca

      di questa terra abbia lorde le labbra

      del sangue dei suoi figli;

      né che la guerra scanali i suoi campi

      con valli e con trincee;

      le sue campagne, i suoi teneri fiori

      più non saranno calpestati e uccisi

      da passi ostili di ferrati zoccoli.

      Ora gli avversi sguardi

      che han cozzato finora tra di loro

      a corpo a corpo, in lotte fratricide,

      - un furibondo intestino macello -,

      come stelle in un turbolento cielo

      - ed eran tutte dello stesso ceppo,

      tutte nutrite della stessa linfa -

      marceran di conserta ed in bell'ordine

      verso un'unica meta,

      non più come nemici l'uno all'altro,

      ma come amici, parenti, alleati.

      Più non dovrà la lama della guerra

      Ferire il fianco del suo portatore

      come un pugnale male inguainato.

      E dunque, amici, per la grande meta

      del sepolcro di Cristo,

      quel Cristo di cui tutti siam soldati

      e sotto la cui croce benedetta

      abbiam preso l'impegno di combattere,

      noi leveremo subito un esercito

      di combattenti inglesi

      le cui braccia dal seno delle madri

      furono forgiate apposta per cacciare

      quei pagani da quelle sacre terre

      Calcate or son millequattrocent'anni

      dal passo di quei piedi benedetti

      che furon per la nostra redenzione

      inchiavardati sull'amara croce.

      Già da dodici mesi

      è maturata in noi questa intenzione,

      ed è inutile ch'io vi ripeta qui

      il mio fermo proposito di andarci.

      Vorrei piuttosto, cugino Westmoreland,

      sentire ora da te, cortesemente,

      che cosa è stato deciso in Consiglio

      ieri sera, per affrettare al massimo

      questa nostra costosa spedizione.

Westmoreland -

      L'urgenza dell'impresa, mio signore,

      fu ben discussa e dibattuta a fondo,

      e incarichi diversi di comando

      erano stati ieri già assegnati,

      quando - maligno colpo della sorte -

      giunse di corsa un corriere dal Galles

      con notizie a dir poco disastrose;

      di cui la più funesta era che Mortimer,

      alla testa degli uomini dell'Hereford

      impegnati a combattere Glendower,

      quel selvaggio bandito, era caduto

      nelle rudi mani di quel rude gallese,

      che nello scontro mille dei suoi uomini

      erano stati uccisi,

      e sui lor corpi le donne gallesi

      avevano operato tali scempi,

      tali oscene, brutali amputazioni

      da non potervi nemmeno accennare

      senza avvampar d'un fuoco di vergogna.

Enrico -

      C'è da pensare, allora, che un annuncio

      di questa incandescenza avrà l'effetto

      d'imporre un'altra remora

      alla nostra partenza in Terrasanta.

Westmoreland -

      Ma c'è di più, grazioso mio signore,

      ché più inquietanti ancora e più sgradite

      son le notizie giunteci dal fronte

      di settentrione, il cui tenore è questo:

      il valoroso Enrico Percy il giovane

      - che tutti chiamano "Sperone ardente" -

      s'è scontrato, nel giorno della Croce1

      nei pressi di Holmedon2,

      col pugnace Arcibaldo, uno scozzese

      che dicon d'un coraggio a tutta prova:

      un'ora intera di combattimento,

      sanguinoso per quanto sfortunato,

      a quanto s'è potuto indovinare

      dalle scariche delle artiglierie

      udite e dai ragguagli ricevuti;

      giacché colui che ci ha recato questi

      aveva cavalcato via dal campo

      quando più calda infuriava la mischia,

      senza conoscerne perciò la fine.

Enrico -

      Qui c'è comunque un nostro caro amico,

      l'inappuntabile Sir Walter Blunt,

      smontato ora di sella

      e ancora tutto lordo delle zolle

      delle diverse terre attraversate

      cavalcando da Holmedon fin qui,

      e le notizie ch'egli ci ha recato

      mi pare sian del tutto tranquillanti

      e per nulla sgradite.

      Il conte Douglas è stato sconfitto:

      sir Walter dice d'aver visto a terra,

      sparsi per la pianura di Holmedon,

      i corpi ammonticchiati e insanguinati

      di diecimila altezzosi scozzesi

      e ventidue dei loro cavalieri.

      Hotspur ha fatto molti prigionieri:

      tra questi è Mordake, conte di Fife,

      primogenito dello sconfitto Douglas,

      ed i conti d'Athol, di Murray, d'Angus

      e di Meteith. Un bottino cospicuo,

      una preda di prima qualità.

      Non ti pare, cugino?

Westmoreland -

      Oh, certamente!

      Un successo da inorgoglire un principe.

Enrico -

      Un principe... Eh, là tu mi fai triste

      e mi fai fare peccato d'invidia:

      invidia che il mio caro Northumberland

      debba essere il padre d'un tal figlio...

      un figlio ch'è divenuto argomento

      d'ogni parlar d'onore,

      il più svettante arbusto del verziere,

      un beniamino della dea Fortuna

      e sua delizia e vanto; mentre io,

      ogni volta che guardo alla sua gloria,

      scorgo la fronte di mio figlio Enrico

      macchiata d'abiezione e di disdoro.

      Oh, si potesse mai scoprire un giorno

      che un genietto vagante nella notte

      sia venuto a scambiare di nascosto

      i nostri due figlioli nella notte,

      chiamando Percy il mio

      ed Enrico Plantageneto il suo!3

      Sarei io ora il padre del suo Enrico,

      e lui del mio. Ma basta, non pensiamoci.

      Dimmi, piuttosto, che pensi, cugino,

      dell'arroganza del giovane Percy?

      I prigionieri ch'egli ha catturato

      in questo scontro, se li tiene lui;

      e m'ha mandato a dire

      ch'io non ne avrò nessuno, o tutt'al più

      il solo Mordake, conte di Fife.

Westmoreland -

      Questo è suo zio Worcester,

      che glielo suggerisce; un individuo

      malevolo con voi sotto ogni aspetto.

      È lui che l'istiga a lisciarsi il pelo

      e ad alzar la sua testa di galletto

      contro l'augusta vostra autorità.

Enrico -

      Ma io l'ho convocato

      perché venga a rispondermi di questo

      personalmente. Intanto, pel momento,

      dobbiamo rimandare a miglior data

      il nostro sacro intento

      della partenza per la Terrasanta.

      Cugino, il prossimo mercoledì

      terrò Consiglio a Windsor.

      Provvedi tu a convocare i pari

      e poi ritorna subito da me;

      ché qui c'è più da dire e da operare

      che stare a sbraitare per la collera.

Westmoreland -

      Va bene, mio sovrano, sarà fatto.

      (Escono)

     

SCENA II - Londra, sala nel palazzo di Enrico principe di Galles.

     

      Sir John Falstaff è disteso su una panca e dorme, russando. Entra il principe di Galles e lo scuote

     

Falstaff -

      (Svegliandosi)

      Oh, Hal4, che ora abbiamo fatto, bimbo?

Principe -

      Tu, a forza di bere vin di Spagna5,

      a sbottonarti dopo che hai mangiato,

      a passar tutti i santi pomeriggi

      dormendo stravaccato su una panca,

      ti sei così marcito di cervello

      che addirittura ti scordi di chiedere

      quello che veramente vuoi sapere.

      Che diamine hai da fare tu con l'ora?

      Se l'ore non son gotti di vin secco

      e i minuti non sono polli arrosto

      e gli orologi lingue di puttane,

      e i lor quadranti insegne di bordello;

      se lo stesso bel sole benedetto

      non è una bella e casta puttanella

      di taffetà rosso-fiamma vestita,

      non vedo proprio perché sprechi il fiato

      a chiedermi che ora abbiamo fatto.

Falstaff -

      Oh, bravo Hal, adesso hai colto giusto!

      Perché noi tagliaborse di mestiere

      ci regoliamo sempre con la Luna

      e le Sette Sorelle6, mai con Febo

      "quel cavaliere errante tanto bello".

      Sicché ti prego, caro monellaccio,

      di far che, quando sarai fatto re

      - Dio salvi la tua grazia...

      anzi la tua maestà, volevo dire,

      ché tu di grazia non ne avrai nessuna... -

Principe -

      Ah, no?

Falstaff -

      Nessuna, no, in fede mia!

      Nemmeno quanto basti a render grazia

      davanti a uno spuntino pane e burro7.

Principe -

      Ebbene, allora?... Avanti, vieni al dunque.

Falstaff -

      Ecco, dicevo, dolce bricconcello,

      per la Vergine, quando sarai re,

      fa' che noi, cavalieri della notte,

      non ci chiamino "i ladri del bel giorno",

      guardaboschi di Diana

      noi siamo, gentiluomini del buio

      notturno, beniamini della luna;

      e si dica di noi generalmente

      che siamo uomini di buon governo,

      perché noi come il mare

      siam sempre governati dalla luna

      da quella nobile e casta patrona

      sotto il cui tacito e benigno sguardo

      rubiamo a mano salva.

Principe -

      Tu dici giusto, ed il tuo paragone

      calza a pennello; la nostra fortuna,

      di noi, i cavalieri della luna,

      ha, infatti, come il mare,

      i suoi flussi e riflussi, governata

      essendo, come il mare, dalla luna.

      Ne sia bastante prova questo esempio:

      una borsa con l'oro

      rapinata da noi lunedì notte,

      il martedì mattina successivo

      è già bella che spesa e scialacquata.

      Catturata ingiungendo: "Qua la borsa!",

      è smaltita gridando: "Qua da bere!",

      ora a bassa marea,

      per quanto è basso il piede d'una scala,

      ed ora ad alta, per quanta è l'altezza

      del palo d'una forca.

Falstaff -

      Com'è vero,

      ragazzo, com'è vero tutto questo!

      E della mia locandiera, che dici?

      Non è forse una dolce pollastrella?

Principe -

      Oh, dolcissima, come il miele ibleo8

      mio vecchio bamboccione del castello9!

      E un bel giaccotto di pelle di bufalo

      non è una morbidissima casacca

      da carcerato?

Falstaff -

      Eh, eh, mattacchione!

      Che diavolo vorresti insinuare

      con questi tuoi sarcasmi e lepidezze?

      Che diavolo ci avrei da fare, io,

      con la casacca tua da carcerato?

Principe -

      E io che diavolo ci avrei da fare,

      eh?, con l'ostessa della tua taverna?

Falstaff -

      Perché, non l'hai chiamata tante volte

      a farti il conto delle tue bevute?

Principe -

      T'ho chiesto mai di pagar la tua parte?

Falstaff -

      No, questo devo dirlo, mai:

      ti riconosco quello che ti spetta;

      le mani nella borsa

      da quella là l'hai messe sempre tu.

Principe -

      Non solamente là,

      ma in ogni luogo ed in ogni momento,

      fin dove ci arrivavo con la borsa,

      e dove no, pagavo col mio credito.

Falstaff -

      Ah, questo sì, e con tanta buona usanza,

      che se non fosse apparente ad ognuno

      che sei l'erede apparente del regno10...

      Ma dimmi un po', mio dolce monellaccio,

      quando tu sarai re

      ci saran sempre forche in Inghilterra?

      E sarà, com'è ora, l'ardimento

      raffrenato dal morso arrugginito11

      di quella vecchia buffa, mamma legge?

      Tu, quando sarai re,

      non dovrai impiccare un solo ladro.

Principe -

      Io no, perché sarai tu stesso a farlo.

Falstaff -

      Io?... Meraviglia delle meraviglie!

      Sarò davvero un giudice coi fiocchi.

Principe -

      Mi par di no. Hai già capito male.

      Voglio intendere che a impiccare i ladri

      lo farai per mestiere, e in questo modo

      diventerai un boia rispettabile.

Falstaff -

      Bene, Hal, bene. Questo, in qualche sorta,

      è congeniale con il mio carattere;

      come fare anticamera alla corte,

      t'assicuro.

Principe -

      Per postular favori?

Falstaff -

      Per ottener vestiti, in questo caso;

      perché con quel mestiere

      il guardaroba è sempre ben fornito12.

      Però, perdio13, son proprio giù di corda

      come un gatto castrato o un orso al laccio.

Principe -

      O un leone decrepito,

      o la mandola d'un innamorato.

Falstaff -

      O come il mugular d'una zampogna

      del Lincolnshire, a nota di bordone14.

Principe -

      E perché no, come una lepre a marzo15,

      o come la palude di Moor Ditch16?

Falstaff -

      Tu trovi i paragoni più antipatici,

      e sei davvero il più paragonifero,

      il più canaglia dolce giovin principe.

      Però, Hal, te ne prego, non m'affliggere

      con le prediche sulla vanità17.

      Volesse Dio che fossimo, noi due,

      capaci di saper come acquistare

      la merce che si chiama buona fama.

      L'altro giorno, per strada,

      un vecchio lord del consiglio del re

      m'ha fatto una scenata a causa tua,

      mio signore, e io non gli ho badato;

      mi parlava da saggio, e io niente;

      e lui con gran saggezza a predicare;

      e io a non badargli; e tutto questo,

      per giunta, in mezzo alla pubblica via.

Principe -

      E bene hai fatto; perocché sta scritto:

      "Saggezza va gridando per la strada,

      ma nessuno le bada18".

Falstaff -

      Eh, con le tue dannate citazioni

      tu sapresti corrompere anche un santo.

      Tu hai avuto Hal, Dio ti perdoni,

      un malefico influsso su di me.

      Io, prima di conoscerti,

      ero davvero un'anima innocente;

      adesso, a dir le cose come sono,

      son poco meglio d'un gran peccatore.

      Debbo assolutamente cambiar vita,

      e lo farò, vedrai. Se no, per Dio,

      sono un vigliacco, ché non vo' dannarmi

      per amor di nessun figlio di re

      in tutta quanta la Cristianità.

Principe -

      Allora dimmi, Jack,

      dove si va domani a borseggiare?

Falstaff -

      Sangue di Cristo! Dove vuoi, ragazzo.

      A certe imprese sono sempre pronto,

      e se dovessi mai cambiare idea,

      chiamami pure vile e svillaneggiami.

Principe -

      Rilevo in te confortanti progressi,

      Jack: da sagrestano a tagliaborse.

Falstaff -

      È la mia vocazione, caro Hal.

      E per un uomo non fu mai peccato

      agir seguendo la sua vocazione19.

     

Entra Poins

     

      Ecco Poins. Sapremo ora da lui

      quale altro colpo ha congegnato Gadshill.

      Ah, se dovessero per onestà

      ottener gli uomini la salvazione,

      qual buca dell'inferno

      sarebbe mai abbastanza infuocata

      per costui? È il più grande lestofante

      ch'abbia gridato in faccia a un galantuomo;

      "Mani in alto!"

Principe -

      Salute, caro Ned.

Poins -

      Buongiorno, caro Hal.

      (A Falstaff)

      Che dice il nostro monsieur Pentimento?

      Che dice il nostro sir John vino-e-zucchero?

      Come siete rimasti tu e il diavolo

      con la tua anima, ch'hai barattato

      con lui lo scorso Venerdì Pasqua

      in cambio d'un boccale di Madera

      ed un cosciotto di cappone freddo?

Principe -

      Il diavolo si avrà quanto pattuito.

      Perché sir John mantiene la parola,

      né smentì mai finora saggio detto:

      "Al diavolo si dia quel ch'è del diavolo".

Poins -

      (A Falstaff)

      Allora sei dannato

      se mantieni la tua parola al diavolo.

Principe -

      Lo sarebbe ugualmente se lo truffa.

Poins -

      Dunque ragazzi miei, ragazzi miei,

      domani di buon'ora, sulle quattro,

      a Gadshill20! Vi saranno di passaggio

      dei pellegrini in cammino per Canterbury21

      con ricche offerte, ed alcuni mercanti

      diretti a Londra con cospicue borse.

      Io provvedo le maschere per tutti;

      per i cavalli, voi avete i vostri.

      Gadshill sarà già a Rochester stanotte;

      io cenerò domani sera a Eastcheap.

      Potremo agire in gran comodità,

      come stessimo a letto. Se venite,

      v'imbottirò le tasche di corone;

      se no, restate a casa ed impiccatevi.

Falstaff -

      Senti, Edoardo22: s'io me ne sto a casa,

      e non vengo, faccio impiccare te,

      che ci vai.

Poins -

      Ah, davvero, pacioccone?

Falstaff -

      Tu vieni, Hal?

Principe -

      Chi, io, a rapinare?

      A fare il grassatore?... Non sia mai!

Falstaff -

      In te non c'è onestà né umanità,

      né solidarietà coi tuoi compagni,

      né tu provieni da sangue reale

      s'hai paura di metterti a cimento

      anche per un reale23.

Principe -

      Bene, allora per una volta tanto

      voglio fare pur io una pazzia!

Falstaff -

      Oh, adesso parli bene!

Principe -

      Tanto bene, che me ne resto a casa,

      avvenga quel che può.

Falstaff -

      Ah, no, perdio!

      Allora, Harry, quando sarai re

      farò anch'io con te il traditore!

Principe -

      Me ne frego.

Poins -

      Sir John, fammi il favore,

      lasciami solo a parlare col principe:

      gli porterò tanti buoni argomenti

      per quest'impresa, che dovrà venirci.

Falstaff -

      Bene, che infonda Dio Onnipotente

      a te lo spirito del persuadere

      e a lui l'orecchio per trarne profitto,

      sì che le tue parole

      abbiano tanta forza da commuoverlo,

      ed una volta tanto un vero principe

      si faccia, anche per svago, un vero ladro!

      Questi "abusi del tempo24" che noi siamo

      han bisogno di alcun che li sostenga.

      Arrivederci a Eastcheap.

     

      (Esce)

Poins -

      Dunque, mio buon signore dolcemiele,

      cavalcherete con noi domattina.

      Ho in mente una tal grossa birbonata,

      che da solo non posso porla in atto.

      Mentre Falstaff, Bardolfo, Peto e Gadshill

      provvederanno a svaligiar quei tali

      ai quali abbiam già teso l'imboscata;

      noi due ce ne staremo un po' in disparte;

      ma quando avranno arraffato il bottino,

      se tu ed io non saremo capaci

      di alleggerirli di tutto il malloppo,

      mi faccio, giuraddio, tagliar la testa.

Principe -

      Già, ma come faremo alla partenza

      a tenerci da loro separati??

Poins -

      Semplice: tu ed io partiamo prima,

      o dopo, e diamo loro appuntamento

      in qualche luogo, dove non andremo.

      Essi dovranno allora, loro quattro,

      arrischiarsi da soli a fare il colpo;

      ma non l'avranno ancora completato

      che noi due salteremo loro addosso.

Principe -

      Eh, ma ci possono ben riconoscere

      dalle cavalcature o dai vestiti,

      o da qualche altro segno...

Poins -

      No, impossibile.

      I cavalli non li vedranno affatto,

      perché li lascio legati in un bosco;

      le visiere le avremo già cambiate

      con altre alla partenza,

      subito dopo che li avrem lasciati;

      quanto ai vestiti, amico,

      ho due casacche di buon bucherame25

      per mascherare i vestiti di sotto.

Principe -

      .

      Già, ma ho paura che sarà difficile

      che noi due riusciamo a sopraffarli.

Poins -

      Bah, due di loro li conosco bene:

      sono i due più codardi purosangue

      ch'abbiano mai voltato il deretano;

      quanto al terzo, se sceglierà di battersi

      più di quanto gli detti la ragione,

      giuro di ripudiar di portar armi.

      Il succo poi di tutta questa beffa

      saranno le incredibili panzane

      che ci racconterà sicuramente

      quella grossa canaglia del panzone

     

      quando saremo a cena tutti insieme:

      Che si sarà battuto lui, da solo,

      Con trenta assalitori,

      e le parate, e gli affondi e i pericoli

      Che avrà affrontato... E starà lì per noi

      Tutto il sapore della nostra beffa.

Principe -

      Bene, verrò. Provvedi al necessario

      e poi vieni domani sera a Eastcheap

      ad incontrarmi. Io cenerò là.

      Addio.

Poins -

      Arrivederci, monsignore.

     

      (Esce)

Principe -

      Vi so tutti; ma voglio assecondare,

      per ora, questo scioperato umore

      della vostra sfrenata balordaggine;

      imitando, però, quel che fa il sole,

      che permette alle sottostanti nuvole

      d'offuscare la sua bellezza al mondo

      col vile lor contagio,

      per riapparire poi, quando gli piaccia,

      ancor se stesso, ancora più ammirato

      perché più ricercato,

      squarciando i veli sudici e malsani

      dei fumi che parevan soffocarlo.

      Quando son festa e giochi tutto l'anno,

      passare il tempo solo negli svaghi

      è tanto uggioso quanto lavorare;

      ma quando vengono saltuariamente,

      giungono tanto più desiderati,

      perché nulla riesce più gradito

      degli eventi che accadono di rado.

      Così quand'io mi scrollerò di dosso

      questa dissolutezza di costumi

      e mi deciderò a pagar quel debito

      che non ho mai contratto,

      dimostrerò di tanto più fallaci

      le attese della gente su di me

      se darò più di quel che promettevo;

      e la mia conversione,

      così come più luminoso spicca

      su fondo scuro lucido metallo,

      sfavillando sul nero del mio vizio,

      apparirà di tanto più benefica

      ed attraente agli sguardi di tutti

      che non un'esistenza

      senza uno fondo sul quale spiccare

      e risaltare meglio. Dei miei falli

      io voglio fare uno strumento d'arte,

      e scegliere il momento di redimermi

      quando la gente meno se l'aspetti26.

     

      (Esce)

     

SCENA III - Londra, il palazzo reale.

     

      Entrano Re Enrico, Northumberland, Worcester, Hotspur, Sir Walter Blunt e altri nobili

     

Enrico -

      Sono stato di sangue troppo calmo

      e troppo temperato, in verità,

      per reagire come avrei dovuto

      a questa indegnità;

      e di ciò voi vi siete ben accorti

      per calpestar così la mia pazienza.

      Ma d'ora in poi, potete star sicuri,

      sarò me stesso, potente e temibile,

      senza più cedere alla mia natura

      stata finora liscia come l'olio,

      morbida come giovanil peluria,

      e m'ha così alienato quel rispetto

      che il superbo non rende che al superbo.

Worcester -

      La nostra casa27, mio signore e sire,

      non si merita che la maestà

      abbia ad usar con essa la sua sferza,

      quella stessa maestà, per sovrappiù,

      che noi medesimi, di nostra mano,

      abbiam concorso a far così potente.

Northumberland -

      Mio signore...

Enrico -

      Va' Worcester, va' via!

      Ch'io ti leggo negli occhi la minaccia

      e la disubbidienza. Eh, signor mio,

      troppo sfrontato e tronfio è il tuo contegno

      e la maestà non poté mai soffrir

      finora avanti a sé espressione irata

      in accigliata fronte di vassallo.

      Làsciaci, te ne diamo ampia licenza.

      Quando avremo bisogno

      d'un servigio o consiglio da tua parte,

      ti manderò a chiamare.

     

      (Esce Worcester).

     

      (A Northumberland)

      Tu mi stavi per dire qualche cosa.

Northumberland -

      Sì, mio signore: che quei prigionieri

      richiesti a nome dell'altezza vostra

      che Harry Percy ha preso ad Holmedon,

      non sono stati negati, egli dice,

      a vostra maestà da parte sua

      col duro tono che v'han riferito.

      O l'invidia, perciò, o il malinteso,

      e non questo mio figlio,

      sono imputabili di questa colpa.

Hotspur -

      Infatti, mio signore,

      io non v'ho mai negato i prigionieri,

      ma ricordo che, spenta la battaglia,

      mentre bruciavo ancora dalla rabbia

      e, senza fiato per il grande sforzo,

      me ne stavo appoggiato alla mia spada,

      mi si presenta un tizio, un signorino

      fresco, azzimato, tutto lindo e in ghingheri

      come uno che s'appresta a andare a nozze,

      il pizzo al mento spuntato da poco

      come un campetto appena mo' falciato:

      emanava un profumo da guantaio

      e si reggeva, tra l'indice e il pollice,

      un astuccio con sopra tutti buchi

      che s'accostava ogni tanto al nasetto

      e se l'allontanava, finché questo,

      così sollecitato, starnutiva,

      e lui sempre a sorridere e a cianciare;

      e come gli passavano vicino

      i soldati, portando via i morti,

      li chiamava "furfanti screanzati"

      perché osavano tanto incivilmente

      interporre quel fetido lerciume

      tra il vento e la sua nobile persona.

      Con un'orgia di termini agghindati

      da gentildonna impannucciata a festa,

      m'interrogava di questo e di quello,

      chiedendomi, tra l'altro, i prigionieri

      come inviato da vostra maestà.

      Dolorante com'ero in tutto il corpo

      pel raffreddarsi delle mie ferite

      e stizzito per esser annoiato

      da quella specie di pappagalletto,

      per il dolore e per l'insofferenza

      gli devo aver risposto qualche cosa

      distrattamente, non so bene che...

      Che i prigionieri, sì, li avrebbe avuti,

      o forse no... chissà... perché alla fine

      m'aveva tanto messo su di nervi,

      il vederlo così, tutto azzimato

      e profumato, e udirlo ciacolare

      che sembrava una dama della corte,

      d'armi da fuoco, e tamburi e ferite,

      Dio ce ne scampi!, e poi venirmi a dire

      che il rimedio specifico, sovrano

      per curare ogni tipo di lesioni

      era lo spermaceto di balena;

      e ch'era gran peccato

      che gli uomini si dessero a scavare

      dall'indifeso ventre della terra

      quell'infernal salnitro28 responsabile

      d'aver ucciso sì vigliaccamente

      tanti uomini giusti e valorosi,

      e che, non fosse per codeste ignobili

      armi da fuoco, si sarebbe dato

      anche lui al mestiere di soldato.

      A tale insulso e bolso chiacchiericcio

      io, come ho detto, sire,

      risposi disattento e noncurante;

      non vogliate, perciò, ve ne scongiuro,

      che quanto riferito da costui

      abbia corso e valore di un'accusa

      che venga ad interporsi tra il mio affetto

      per voi e l'alta vostra maestà.

Blunt -

      (Al re)

      Considerate queste circostanze,

      mio buon signore, credo che a ragione

      qualunque cosa abbia detto lord Percy

      in quel momento e in simile frangente

      e tutto il resto a quella tal persona,

      si può lasciar cadere,

      senza risollevarla più a suo carico,

      e accusarlo di quanto allora disse,

      se ora, come ha fatto, lo disdice.

Enrico -

      Egli insiste comunque nel negarmi

      i prigionieri, se in contropartita

      non provvediamo a riscattare subito

      a nostre spese suo cognato Mortimer,

      quel dissennato che, per la mia anima!,

      ha tradito deliberatamente

      le vite di coloro che egli stesso

      aveva tratto contro il grande mago,

      quel dannato Glendower, la cui figlia,

      a quanto mi si dice, il conte March

      avrebbe tratto ultimamente in moglie.

      Dovremo prosciugar le nostre casse

      per far tornare a casa un traditore?

      Pagare il tradimento, e patteggiare

      in favore di simili codardi

      i quali, dopo aver perduto in guerra,

      sono venuti a patti col nemico?

      Ah, no! Che Mortimer crepi di stenti

      sopra le brulle montagne del Galles;

      ché non potremo mai chiamare amico

      chi ci chiede di spendere un sol penny

      pel riscatto del rinnegato Mortimer!

Hotspur -

      "Il rinnegato Mortimer... Mio sire

      mai egli venne meno alla sua fede,

      se non fu per le sorti della guerra.

      Basti a testimoniarlo un sol linguaggio:

      quello delle molteplici ferite

      che combattendo valorosamente

      ha ricevuto quando, in mezzo ai carici

      delle sponde della gentile Severn,

      per più d'un'ora, in singolar confronto,

      gareggiò braccio a braccio in ardimento

      con il grande Glendower:

      Per tre volte dovettero sostare

      a riprendere fiato;

      e, di comune accordo, per la sete

      tre volte si chinarono per bere

      l'acqua di quella rapida corrente

      che, quasi sbigottita e spaventata

      da quelle loro facce insanguinate,

      corse a nasconder la cresposa testa

      tra quelle canne tremolanti al vento

      e tra gli anfratti delle proprie sponde

      rosse del sangue dei due contendenti.

      Mai la bassa politica

      tinse col sangue di tali ferite

      le sue trame; né mai toccarne tante

      poteva il valoroso conte Mortimer

      per suo solo capriccio.

      Ci si astenga perciò dal calunniarlo,

      sire, accusandolo di tradimento.

Enrico -

      Tu stai mentendo, Percy,

      a parlare di lui in questo modo:

      lui con Glendower non s'è mai scontrato.

      Preferirebbe, te lo dico io,

      trovarsi a faccia a faccia col demonio,

      che duellar da solo con Glendower.

      Non ti vergogni? Ch'io non t'oda più,

      d'ora in avanti, parlare di Mortimer.

      E mandami, col mezzo più spedito

      i prigionieri che tieni con te,

      o aspèttati d'udir da me qualcosa

      che non ti suonerà molto gradita.

      Ora puoi congedarti, lord Northumberland,

      te ne diamo licenza, con tuo figlio.

      (A Hotspur)

      Mandami i prigionieri,

      o mi risponderai del tuo rifiuto29.

     

      (Escono Re Enrico, sir Walter Blunt e seguito)

Hotspur -

      I prigionieri io non glieli mando,

      venisse pure il diavolo

      ruggendo ed ululando a reclamarli...

      Gli vado dietro e glielo dico subito:

      mi pesa l'animo e devo sfogarmi,

      a costo di rimetterci la testa!

Northumberland -

      Ehi, oh! La collera ti fa ubriaco?

      Sta' fermo e calmo. Ecco qua tuo zio.

     

      Rientra Worcester.

Hotspur -

      Non parlare di Mortimer!...

      Sangue di Cristo, se ne parlerò!

      E mi si danni l'anima

      se non m'unisco a lui e alla sua causa.

      Si, son disposto a svuotarmi le vene

      e a versar nella polvere, per essa,

      a goccia a goccia, il mio prezioso sangue!

      Voglio innalzare il calpestato Mortimer

      sì alto quanto questo ingrato re,

      questo lebbroso sconoscente Bolingbroke!

Northumberland -

      (A Worcester)

      Fratello, come vedi,

      il re ha mandato in bestia tuo nipote.

Worcester -

      Chi è stato ad attizzare questo fuoco,

      dopo ch'io son partito?

Hotspur -

      È stato lui.

      Pretende avere tutti i prigionieri;

      e quando l'ho sollecitato ancora

      a riscattare dalla prigionia

      la vita del fratello di mia moglie,

      s'è spallidito in viso,

      m'ha volto in faccia due occhi da morto

      fremendo solo a nominargli Mortimer.

Worcester -

      Non posso biasimarlo. Non fu Mortimer

      ad esser proclamato da Riccardo,

      ora defunto, il parente più prossimo?

      Northumberand -

      Infatti. Gliel'ho udito dire io stesso:

      e fu allorché quell'infelice re

      partì per quella infausta spedizione

      in Irlanda, da dove ritornò,

      costretto come fu ad interromperla,

      per vedersi dapprima spodestato,

      e non molto più tardi assassinato30.

Worcester -

      E noi per quella morte

      viviamo sulla gran bocca del mondo

      coperti d'ignominia e vilipesi.

Hotspur -

      Come, come?... Vi prego. Re Riccardo

      avrebbe designato Edmondo Mortimer,

      mio cognato, voi dite, erede al trono?

Northumberland -

      Lo fece. Udii io stesso proclamarlo.

Hotspur -

      Ora mi spiego perché suo cugino,

      il nostro re31, non s'auguri di meglio

      che quello possa morire di stenti

      sopra una brulla montagna del Galles.

      Ma voi che avete imposto la corona

      sul capo di quest'uomo tanto immemore,

      e vi portate addosso, a causa sua,

      l'odioso marchio di complicità

      in un truce assassinio come quello,

      com'è possibile che vi adattiate

      a sopportare tanta esecrazione

      da un mondo che vi bolla come agenti

      o ignobili strumenti di patibolo,

      capestro, scala o addirittura boia?...

      Oh, perdonatemi se scendo a tanto

      per mostrarvi a che grado d'ignominia

      siete caduti per le malefatte

      di questo re furbastro!

      Si dirà dunque, a vostro vituperio,

      nel nostro tempo - e ne saranno piene

      certamente le cronache future -

      che uomini di rango e di potere

      impegnarono questi due lor pregi,

      come in realtà voi due avete fatto,

      Dio vi perdoni, in un'impresa ingiusta

      dando mano ad abbattere Riccardo,

      una rosa dolcissima e leggiadra

      per piantare al suo posto

      questo sterpo spinoso, questa rosa

      canina d'un Enrico Bolingbroke!

      E a vostro tanto maggior vituperio,

      si conterà che foste presi a gabbo,

      e poi scartati e messi fuori gioco

      da colui per il quale vi esponeste

      a tanta infamia... No, c'è ancora tempo

      perché riconquistiate quegli onori

      da cui foste banditi,

      e restaurar la vostra buona fama

      vendicandovi del beffardo sprezzo

      di questo re borioso,

      che studia notte e giorno la maniera

      di liquidare il debito con voi

      col vostro sangue e con la vostra morte.

      Perciò dico...

Worcester -

      No, basta, non dir altro.

      T'aprirò io, nipote, adesso, un libro

      segreto, ed all'acceso tuo rancore

      che vedo pronto ad afferrarne il senso,

      leggerò cosa sì grave e rischiosa,

      sì avventurosa e piena di pericoli

      quanto il dover attraversare a piedi

      sulla punta oscillante d'una lancia

      un turbinoso e rigonfio torrente.

Hotspur -

      E chi ci casca dentro,

      o sa nuotare, o affoga, e buona notte.

      Spedite il rischio da oriente a ponente,

      da nord a sud: l'onore gli andrà contro,

      e che s'azzuffino tra loro due.

      A cacciare un leone

      il nostro sangue s'eccita di più

      che a scovare una lepre.

Northumberland -

      Eccolo, lui:

      già il solo immaginare grandi imprese

      lo porta subito fuori dai limiti

      della moderazione.

Hotspur -

      Ah, giuraddio,

      che stimerei per me facile salto

      alzarmi tanto in alto

      da strappare il suo rifulgente onore

      alla pallida faccia della luna,

      o tuffarmi nel mare più profondo

      in punto mai toccato da scandaglio

      e di là, per le ciocche dei capelli,

      tirare a galla l'onore annegato,

      se chi l'avesse così tratto in salvo

      potesse aver per sé tutta la gloria

      senza dividerla con nessun altro.

      Ma di queste alleanze a mezzadria

      non voglio più saperne.

Worcester -

      (A Northumberland)

      Ecco: si lascia andare, come al solito,

      al suo fantasticare immaginifico

      e perde la contezza del reale32.

      Nipote caro, ascoltami un momento.

Hotspur -

      Sì, sì, vi chiedo scusa, perdonatemi...

Worcester -

      Quei nobili di Scozia

      che son tuoi prigionieri...

Hotspur -

      Me li tengo!

      Tutti, per Dio! Non dovrà averne uno,

      nemmeno se gli fosse indispensabile

      uno scozzese per salvarsi l'anima!

      Per questa mano, me li tengo tutti!

Worcester -

      Ecco, lo vedi? Prendi fuoco subito

      e non ascolti quel che voglio dirti.

      Quei prigionieri tu te li terrai...

Hotspur -

      Certo che li terrò, nemmen a dirlo...

      Egli ha detto di non voler pagare

      il riscatto per Mortimer,

      e m'ha proibito di parlar di Mortimer;

      ma io andrò a sorprenderlo nel sonno

      e a gridargli quel nome nell'orecchio;

      anzi, mi faccio ammaestrare un merlo

      a dire solo una parola: "Mortimer"

      e glielo mando in dono

      perché gli tenga sempre l'ira in bollo.

Worcester -

      Ascoltami, nipote, una parola33...

Hotspur -

      Io prendo qui solennemente impegno

      di rifiutare ogni altra occupazione

      che non sia quella di scaramucciare

      e punzecchiare a morte questo Bolingbroke.

      Quanto a quel tipo di spaccamontagne

      del Principe di Galles...

      se non sapessi che suo padre stesso

      non l'ama e che sarebbe ben felice

      se gli cadesse in testa una disgrazia,

      vorrei tanto saperlo avvelenato

      con un gotto di birra.

Worcester -

      Addio, nipote.

      Ti parlerò quando sarai disposto

      ad ascoltarmi meglio che non ora.

Northumberland -

      Ma che balorda impazienza è la tua,

      che salti come punto da una vespa

      e rompi in questo umore da donnetta

      prestando orecchio solo alla tua lingua?

Hotspur -

      È che solo a sentirlo nominare

      questo vile politicante, Bolingbroke,

      è come se io fossi fustigato

      da mille verghe, punto dall'ortiche,

      divorato dai morsi di formiche.

      Al tempo di Riccardo...

      come si chiama, accidenti!, quel luogo

      nella contea di Gloucester,

      dove stava quella gran testa pazza

      di suo zio York?... Insomma, dico, là

      dove m'inginocchiai la prima volta

      a questo re-sorriso, a questo Bolingbroke,

      sangue di Cristo!, dove tu ed io

      facemmo sosta tornando da Ravenspurgh...

Worcester -

      Il castello di Berkley.

Hotspur -

      Ecco, là.

      Qual fiume di parole lattemiele

      non seppe offrirmi quel cane strisciante!

      "Quando l'adolescente sua fortuna

      si fosse maturata con l'età...",

      e poi ancora: "Gentile Harry Percy,

      caro cugino34!... " Se li porti il diavolo

      cugini come lui35, Dio mi perdoni!"

      Zio caro, dimmi pure. Io ho finito.

Worcester -

      Oh, continua pure, se ti piace.

      Aspetteremo le tue buone grazie.

Hotspur -

      No, ho finito davvero. Dimmi pure.

Worcester -

      Bene, torniamo ai nobili scozzesi,

      che tieni prigionieri: immantinente

      mandali liberi senza riscatto,

      e del figlio di Douglas fa' strumento

      per assoldar truppe nella Scozia;

      ciò che per una serie di ragioni

      che ti farò palesi per iscritto

      ti sarà certamente autorizzato.

      (A Northumberland)

      Tu, intanto, mio signore,

      mentre tuo figlio sarà sì impegnato

      in Scozia, cercherai d'insinuarti

      discretamente nell'intimità

      di quel degno amatissimo prelato

      l'arcivescovo.

Hotspur -

      York, intendi dire?

Worcester -

      Appunto. Egli sopporta molto male

      la morte a Bristol del fratello Stefano.

      E non è questa mera congettura

      tratta da semplice mia presunzione,

      ma cosa che so bene maturata

      e bene concertata e stabilita;

      e non s'aspetta, per tirarla fuori,

      che giunga l'occasione favorevole.

Hotspur -

      Il mio fiuto mi dice che andrà bene,

      sarei pronto a scommetterci la testa.

Worcester -

      Tu sciogli sempre i cani dal guinzaglio

      avanti che cominci la battuta.

Hotspur -

      Eh, un nobile piano come questo

      non può fallire: le forze di Scozia

      unite a quelle di York e di Mortimer?

Worcester -

      Infatti.

Hotspur -

      Questo piano, in fede mia,

      è d'una perfezione strabiliante.

Worcester -

      Né di minor momento è la ragione

      che c'impone d'agir rapidamente:

      si tratta di salvar le nostre teste

      ponendoci alla testa d'un esercito36.

      Ché il re, per quanto noi possiamo agire

      verso di lui nel modo più amichevole37,

      sempre si sentirà con noi in debito

      convinto com'egli è

      che non ci riterremo soddisfatti

      fintanto ch'egli non avrà trovato

      come disobbligarsi congruamente.

      E avrete già notato

      come abbia già cominciato ad escluderci

      tutti quanti dai suoi graziosi sguardi.

Hotspur -

      È vero, sì, ma ce ne rifaremo.

Worcester -

      Addio, nipote. Per questo progetto

      non dare corso a nessuna iniziativa,

      finché non t'avrò fatto pervenire

      le opportune istruzioni per iscritto.

      Quando sarà il momento - e sarà presto -,

      io me n'andrò segretamente in Scozia

      da Glendower e Mortimer, e là

      verrete tu e Douglas a congiungervi,

      come ho pensato, con le nostre truppe,

      e prenderemo allora saldamente

      in braccio le future nostre sorti

      che ciascuno di noi sostiene adesso

      con molta insicurezza.

Northumberland -

      Addio, fratello.

      Riusciremo, ne sono sicuro.

Hotspur -

      Arrivederci, zio.

      Ah, siano brevi l'ore

      che ci dividono da quel momento

      che pei campi di Scozia e d'Inghilterra

      applaudiranno al nostro grande gioco

      il cozzare dell'armi ed i lamenti!

     

      (Escono)

     

Atto Secondo

SCENA I - Rochester, il cortile di una locanda. Notte.

     

      Entra un Vetturale con una lanterna

     

Primo vetturale -

      Ohi là, di casa! Che! Dormono tutti?

      Accidenti, voglio essere impiccato

      se non son già le quattro del mattino!

      Vedo l'Orsa Maggiore

      già sul comignolo nuovo del tetto,

      ed i nostri cavalli ancora scarichi.

      Ehi, oh, stalliere!

Stalliere -

      (Da dentro)

      Vengo, vengo subito!

     

      Entra un altro Vetturale, anch'esso con lanterna

Primo vetturale -

      Tom, per favore dammi una spianata

      alla sella di Cut, mettici sotto

      un po' d'ovatta; la povera bestia

      è tutta massacrata nei garresi.

Secondo vett. -

      Corpo d'un cane! Qui piselli e fave

      son tutti marci! non c'è via più spiccia

      per far venire i vermi a queste bestie.

      Da quando è morto Robin, lo stalliere,

      questa locanda è tutto uno sconquasso.

      Primo vett. -

      Poveraccio! Non sorrideva più

      da quando rincararono la biada:

      è stata la sua morte.

Secondo vett. -

      Tra le locande sulla via per Londra

      credo che questa sia la più schifosa

      per le pulci. Son tutto un lividore

      pei loro morsi, che sembro una tinca38.

Primo vett. -

      Altro che tinca! Credo, per la messa,

      che non ci sia mai stato re cristiano

      come me pizzicato in tutto il corpo

      da quando qui ha cantato il primo gallo.

Secondo vett. -

      Già, non ci danno mai un orinale,

      sicché dobbiamo farla nel camino,

      e l'urina fa pulci come un ghiozzo.

Primo vett. -

      (Chiamando)

      Ehi, stalliere, vien fuori, che t'impicchino!

Secondo vett. -

      Ho un prosciutto e due radiche di zenzero

      da consegnare fino a Charing Cross.

Primo vett. -

      Sacramento! I tacchini nel mio cesto

      stan morendo di fame. Oh, stalliere,

      peste ti colga! Non hai occhi in fronte?

      Non ci senti? Se romperti la zucca

      non sarebbe un'azione salutare

      come bere un bicchiere di buon vino,

      io sono una carogna. Vieni fuori,

      t'impiccassero! Non hai religione?

     

      Entra Gadshill

Gadshill -

      Buon giorno, vetturali. Che ora abbiamo?

Primo vett. -

      A occhio e croce, le due del mattino.

Gadshill -

      Ti prego, prestami la tua lanterna.

      Voglio dare un'occhiata nella stalla

      al mio castrone.

     

      (Fa per afferrargli la lanterna, ma quello lo respinge)

Primo vett. -

      No, fermo, perdio!

      In quanto a certi trucchi, io, compare,

      ne so uno che vale due dei tuoi.

Gadshill -

      (All'altro vetturale)

      Fammi il favore, prestami la tua.

Secondo vett. -

      (Ricusandosi anche lui di dargli la lanterna)

      E come no! Domani. Che ne dici?

      "Prestami la lanterna... " E come no!

      Prima impiccato ti voglio vedere!

Gadshill -

      (Desistendo)

      E bravo il vetturale! E, dimmi un po':

      per che ora contate di arrivare

      a Londra?

Secondo vett. -

      Per un'ora giusto in tempo

      d'andare a letto a lume di candela.

      (Al primo vetturale)

      Su, su, compagno Mugs,

      andiamo a dar la sveglia a quei signori.

      Quelli voglion viaggiare in compagnia,

      per via che portan dietro assai bagaglio.

     

      (Escono i due vetturali)

Gadshill -

      (Chiamando)

      Ohilà, cameriere, dove sei?

Cameriere -

      (Da dentro)

      "Sottomano" - rispose il tagliaborse...

Gadshill -

      Tanto valeva che mi rispondessi:

      "Sottomano, rispose il cameriere",

      perché tra cameriere e tagliaborse,

      tra te e me, non c'è più differenza

      che c'è tra l'ordinare e l'eseguire:

      ché tu sei quello che stende la trama.

     

      Entra il Cameriere della locanda

Cameriere -

      Buongiorno, mastro Gadshill. Confermato

      tutto quello che ho detto ieri sera:

      c'è un possidente che viene dal Kent

      ed ha con sé trecento marchi d'oro;

      l'ho sentito che lo diceva a cena,

      ieri sera, ad un altro viaggiatore,

      una specie di controllore ai conti

      che ha con sé anche lui un bel carico

      Dio sa di che... Son già levati entrambi

      e fanno colazione a uova e burro.

      È segno che a momenti partiranno.

Gadshill -

      Beh, amico, se stamane questi due

      non andranno a incappare dritto dritto

      la confraternita di San Nicola39,

      tagliami il collo.

Cameriere -

      No, e che ci faccio?

      Tienilo conservato per il boia,

      ché anche tu San Nicola, ti conosco,

      lo veneri con la sincera fede

      che s'addice ad un vero borsaiolo.

Gadshill -

      Che discorsi! Che c'entra adesso il boia?

      Se vado sulla forca, accanto a me

      ci sarà un pendaglio bello grasso,

      perché vicino, a penzolar con me,

      sarà Sir John, e sai che ha un corpicino

      non certo striminzito dalla fame.

      Pfu!... Oltre a lui ci sono altri troiani40

      che tu manco ti sogni: personaggi

      che per amor di svago e di trastullo

      si piacciono di dare un po' di lustro

      a questa oscura nostra professione,

      e che, se alcuno vuol ficcarci il naso,

      son sempre pronti, per salvarsi il nome,

      a trovar modo di salvare tutto.

      Io, con i giramondo scalcagnati

      o coi tipi che, armati di bastone,

      sgrassano il prossimo per sei scellini,

      non ci bazzico; né con quei pazzoidi,

      grossi mustacchi e faccia paonazza,

      imbevuti di boria come spugne;

      ma con tranquilli e nobili signori,

      con borgomastri e grossi tesorieri

      che sanno ben tener chiusa la bocca,

      usi a colpire prima di parlare,

      ed a parlare prima di trincare,

      ed a trincare prima di pregare...

      anzi, no, ma che dico, Cristo Santo!,

      il loro santo, la finanza pubblica,

      quelli non cessano mai di pregarlo,

      anzi no, mi correggo, non lo pregano,

      lo predano, perché ci passan sopra,

      se la lavorano per ogni verso

      e se ne servono poi da stivali41.

Cameriere -

      La pubblica finanza da stivale?

      Come sarebbe? E sa risputar l'acqua

      a camminarci in mezzo ad un pantano?

Gadshill -

      Altroché, gli dà il grasso la giustizia42!

      Noi rubiamo protetti ad al sicuro,

      mio caro, come dentro una fortezza:

      con la ricetta dei semi di felce43,

      ci muoviamo senz'essere veduti.

Cameriere -

      Frottole! Credo invece, in fede mia,

      che a farvi andare in giro non veduti,

      non che i semi di felce, sia la notte.

Gadshill -

      Bah, qua la mano. Avrai la parte tua

      dal nostro ricavato,

      com'è vero che sono un uomo onesto...

Cameriere -

      Sarei stato, in coscienza, più sicuro

      d'averla, se tu m'avessi dichiarato:

      "Com'è vero che son ladro e bugiardo".

Gadshill -

      Andiamo, su, "homo" è nome comune

      a tutti gli uomini. Di' allo stalliere,

      piuttosto, di portar fuor dalla stalla

      il mio castrone. Addio, sozzo furfante!

     

      (Escono da parti diverse)

     

SCENA II - Strada maestra presso Gadshill

     

      Entrano il Principe di Galles e Poins

     

Poins -

      Nascondiamoci, presto, nascondiamoci!

      Ho traslocato il cavallo di Falstaff,

      e lui si va struggendo dalla rabbia

      come un velluto tramato di gomma44.

Principe -

      Tu nasconditi là.

     

      (Poins si nasconde dietro un cespuglio)

     

      Entra Falstaff, arrancando

Falstaff -

     

      (Chiamando forte)

     

      Poins, Poins, Poins! T'impiccassero!

      Ma dove diavolo ti sei cacciato?

Principe -

      Eh, oh, quanto fracasso!

      Zitto, coglione imbottito di grasso!

Falstaff -

      Oh, Hal, sei qui? E Poins?

Principe -

      Dev'essere salito su quel poggio.

      Te lo vado a cercare?

Falstaff -

      Che dannazione ch'io debba rubare

      in compagnia d'un ladro come lui!

      M'ha spostato il cavallo, quel bastardo,

      e l'è andato a legare chissà dove;

      e io, se faccio ancora quattro passi

      a piedi, mi si smungono i polmoni.

      Ah, se potessi scampare alla forca

      dopo averlo ammazzato, quel furfante,

      che bella morte mi preparerei!

      Sono ventidue anni

      che ogni ora giuro a me di liberarmene,

      ma senza mai riuscirsi; m'ha stregato

      la compagnia di questa gran canaglia.

      Se non è vero che m'ha propinato

      qualche filtro di simpatia per lui,

      questo gran farabutto, m'impiccassero!

      Non può essere altro: qualche droga

      m'hanno dato da bere qualche droga...

      Poins! Hal! La peste a tutti e due

      Bardolfo! Peto! Morire di fame,

      piuttosto che avanzare un altro passo

      sulla via del rubare!

      Se non è vero ch'è una cosa santa,

      come quella di farsi un buon boccale,

      piantare in asso questi farabutti

      e diventare una persona onesta,

      io sono la canaglia più schifosa

      ch'abbia mai masticato con un dente!

      Sette iarde di strada rotta, a piedi,

      sono per me come settanta miglia,

      e questi mascalzoni cuor-di-pietra

      lo sanno bene. Che peste bubbonica

      quando i ladri non sanno comportarsi

      lealmente nemmeno tra di loro!

     

      (S'ode un fischio prolungato)

     

      Oh, che vi colga un accidente a tutti!

      Ridatemi il cavallo, delinquenti!

      Il mio cavallo, oh, che Dio v'impicchi!

Principe -

      Zitto, panzone! Mettiti giù, a terra,

      poggia a terra l'orecchio e ascolta bene

      se si sentono passi...

Falstaff -

      A terra, io?...

      E ce l'avete poi un bel paranco

      per rimettermi in piedi?

      Io questa ciccia non la porto, a piedi,

      più lontano d'un pollice da qui,

      nemmeno se mi danno tutto l'oro

      racchiuso nei forzieri di tuo padre.

      Che pestifero modo di giocarmi

      è questo?

Principe -

      Menti. Tu non sei giocato,

      sei solo scavallato45.

Falstaff -

      Hal, sii gentile, principe, ti prego,

      aiutami a trovare il mio cavallo,

      mio buon figlio di re.

Principe -

      Va' via, furfante!

      Ti devo forse fare da stalliere?

Falstaff -

      Va' ad impiccarti alle tue giarrettiere

      di erede presuntivo46.

      Se mi prendono, vi denuncio tutti;

      e se non troverò dei cantastorie

      che ti mettano nelle lor ballate

      per cantarle su sconci motivetti,

      Dio mi faccia morire avvelenato

      dopo bevuto un gotto di vin secco!

      Quando uno scherzo passa così i limiti,

      e con uno ch'è a piedi... è cosa odiosa!

     

      Entra Gadshill

Gadshill -

      Fermo là!

Falstaff -

      Fermo sto, purtroppo, e a piedi47.

Poins -

      (Uscendo dal nascondiglio)

      Oh, questo è il nostro palo.

      Riconosco la voce.

     

      Entrano Bardolfo e Peto

Bardolfo -

      (A Gadshill)

      Novità?

Gadshill -

      Su, su, copritevi. Giù le visiere!

      C'è buon danaro di conio reale

      che scende per di qua dalla collina,

      diretto alla real tesoreria48.

Falstaff -

      Quale tesoreria reale, scemo!

      Alla taverna reale, vuoi dire49!

Gadshill -

      Ce n'è abbastanza da arricchirci tutti.

Falstaff -

      O da mandarci tutti sulla forca.

Principe -

      Voi quattro, allora, li affrontate là,

      nella stretta del colle; Poins ed io

      ci appostiamo più sotto,

      se mai dovessero sfuggire a voi,

      incapperanno di sicuro in noi.

Peto -

      (A Gadshill)

      Quanti saranno?

Gadshill -

      Otto-dieci circa.

Falstaff -

      Sangue di Cristo! Non andrà a finire

      che saran loro a derubare noi?

Principe -

      Che! Sir John Panciagrossa un vigliaccone?

Falstaff -

      Non sarò certo un Giovanni di Gaunt,

      tuo grande nonno50, ma un vigliacco, no.

Principe -

      Beh, ti aspettiamo ai fatti.

Poins -

      (A Falstaff)

      Mastro Zannino, il tuo cavallo è là,

      dietro la siepe; quando n'hai bisogno

      lo trovi là: Addio, e tieni duro.

Falstaff -

      (Tra sé)

      Ah, sonargliene quattro, a quello lì,

      a costo di finire sulla forca!

Principe -

      (A Poins, a parte)

      Ned, i travestimenti dove sono?

Poins -

      (Al principe, a parte)

      Son qui vicino. Vieni. Nascondiamoci.

     

      (Escono il Principe e Poins)

Falstaff -

      E ora, mastri, a ognuno la sua sorte,

      ciascuno alla sua parte.

     

      Entrano i Viaggiatori

      Primo viaggiatore -

      Vieni amico, ci penserà il garzone

      a condurre i cavalli per la costa,

      mentre noi ci facciamo quattro passi

      per sgranchirci le gambe...

Falstaff e gli altri ladroni -

      Fermi tutti!

      Viaggiatori -

      O Dio Gesù, proteggici!

Falstaff -

      Forza, ragazzi, addosso!

      Finiamoli, tagliamogli la gola

      a questi malfattori! Ah, parassiti!

      Ah, figli di puttana!

      Manigoldi imbottiti di lardume!

      Addosso, addosso, addosso!

      Ci detestano perché siamo giovani!

      Ammazzateli tutti! Scotennateli!

Primo viagg. -

      Ah, poveretti noi, siamo spacciati

      noi e le nostre famiglie, per sempre!

Falstaff -

      Alla forca, panciuti farabutti!

      Spacciati siete? No, grassi taccagni!

      Magari fosse qui tutta la roba

      dei vostri magazzini! Avanti, avanti,

      canaglie, pure i giovani han da vivere!

      Siete grandi giurati, non è vero51?

      Ve lo daremo noi, ora, il giury52!

     

      (I quattro li legano, li rapinano ed escono)

     

      Entrano il Principe di Galles e Poins in casacche di

      cascherame e visiera

Principe -

      I ladroni han legato i galantuomini,

      ora a noi due di sgrassare i ladroni,

      e tornarcene allegramente a Londra.

      Sarebbe un argomento, se va bene,

      da parlarne una intera settimana

      e sghignazzarci sopra per un mese:

      e una beffa solenne, da far epoca.

Poins -

      Arrivano. Li sento. Nascondiamoci.

     

      (Si appartano)

     

      Rientrano Falstaff, Bardolfo, Peto e Gadshill

Falstaff -

     

      Allora, mastri, spartiamo il bottino

      e poi via a cavallo,

      prima che faccia chiaro.

      Se non è vero che il Principe e Poins

      son due grandi vigliacchi,

      non c'è più un sol granello di giustizia

      a questo mondo. E non c'è più coraggio

      in Poins che in un'anatra selvatica

     

      (Mentre si spartiscono il bottino, sbucano all'improvviso il Principe e Poins, sempre travestiti)

Principe -

      Fuori il denaro!

Poins -

      Fior di delinquenti!

     

      (I quattro scappano, abbandonando il bottino; solo Falstaff tenta di reagire, ma poi scappa anche lui)

Principe -

      È stato facilissimo, uno scherzo!

      Ora a cavallo, allegramente, a casa.

      I ladroni si sono sparpagliati

      ed eran presi da tale paura

      da non fidarsi più d'andarsi incontro

      l'uno all'altro, perché prende ciascuno

      l'altro per uno sbirro. Andiamo, Ned.

      Falstaff starà sudando da morire,

      e chi sa quanto grasso andrà buttando

      mentre cammina, sulla secca terra.

      Ne avrei pietà, se non fosse da ridere.

Poins -

      E come urlava, quel grasso bestione!

     

      (Escono)

     

SCENA III - Sala nel castello di Warkworth53

     

      Entra Hotspur, solo, leggendo una lettera

Hotspur -

      (Leggendo)

      "Per quanto mi riguarda, monsignore,

      "sarei ben lieto di partecipare,

      "non fosse solo per il grande affetto

      "che nutro verso la vostra famiglia".

      Sarebbe lieto... E perché non lo è?...

      Pel grande affetto per la mia famiglia...

      Ma facendo così, del suo affetto

      mostra d'averne più pel suo granaio.

      Ma seguitiamo a leggere...

      "L'impresa cui volete metter mano

      è quanto mai rischiosa... " Che scoperta!

      Rischioso è tutto al mondo: un raffreddore,

      una dormita, una bella bevuta...

      Ma io ti dico, sciocco mio signore,

      che noi da questo rischio,

      da quest'ispida ortica,

      coglieremo un bel fiore: la salvezza.

      (Legge)

      "... L'impresa cui volete metter mano

      "è quanto mai rischiosa; malsicuri

      "gli alleati di cui mi fate i nomi;

      "anche il momento è scelto molto male

      "e l'intero complotto è troppo fragile

      "per poter bilanciare il contrappeso

      "d'un avversario di tanta potenza".

      Ah, così dici, eh?

      Ed io ti replico che sei un tanghero,

      un imbecille, un codardo, e che menti,

      menti e poi menti. È vuoto di cervello

      quest'uomo, ché se ci fu mai complotto

      perfettamente ordito, è questo nostro:

      alleati fedeli e ben costanti,

      amici buoni, di piena fiducia,

      un eccellente piano operativo...

      Che carogna dall'animo di ghiaccio

      è mai costui?... Ma come!

      Se il progetto ed il corso dell'azione

      hanno incontrato il pieno gradimento

      anche dell'Arcivescovo di York!

      Sangue di Cristo, avessi qui quel tanghero

      m'andrebbe di spaccargli le cervella

      a colpi di ventaglio della moglie!

      E non ci sono mio padre e mio zio?

      Non ci son io? Non c'è Edmondo Mortimer?

      E l'Arcivescovo? Non c'è Glendower?

      E non c'è pure Douglas?

      Non ho avuto conferma da tutti

      per iscritto che converremo in armi

      il giorno nove del prossimo mese?

      E alcuni già non si son messi in marcia?

      Ma che empia carogna è mai costui!

      Che razza d'infedele!

      Sta a vedere che adesso per paura,

      e da quel cuore gelido che è

      va' dal re a svelargli i nostri piani.

      Mi verrebbe la voglia di sdoppiarmi,

      e di prendermi a schiaffi da me stesso

      per aver chiesto di partecipare

      a un'impresa gloriosa come questa

      a quella ciotola di latticello!...

      E vada a dirlo al re, e che s'impicchi!

      Noi siamo pronti. Io parto stanotte.

     

      Entra Lady Percy

     

      Oh, Catina, sei qui!

      Fra un paio d'ore ti dovrò lasciare.

Lady percy -

      Signore mio diletto, che cos'è

      che ti fa stare così solitario?

      Per qual mia colpa da due settimane

      mi ritrovo una moglie

      messa al bando dal letto del mio Harry?

      Dimmi, dolce signore,

      che cos'è che ti toglie l'appetito,

      il tuo umor sereno,

      e ti priva del tuo dorato sonno?

      Perché quel tuo fissare gli occhi a terra

      e quel tuo trasalir, a quando a quando,

      mentre sei solo? Com'è ch'hai perduto

      il tuo fresco incarnato sulle guance?

      Come hai potuto abbandonar così

      i tesori del mio starti vicino

      e i miei diritti di moglie affettuosa

      per questo meditare torvo-occhiuto

      e questo maledetto umore nero?

      T'ho udito spesso, nel vegliarti accanto

      nei tuoi sonni leggeri,

      mormorare di scontri ferro a ferro,

      dar ordini al focoso tuo destriero

      gridando: "Avanti, in campo!",

      e parlar di sortite e ritirate,

      di valli, di trincee, attendamenti,

      frontiere, parapetti, basilischi,

      cannoni, colubrine, di riscatti

      di prigionieri, di soldati uccisi

      e delle alterne sorti

      d'una battaglia dura ed accanita.

      Era l'animo tuo

      a farti guerra ed ad agitarti tanto

      da farti stilar gocce di sudore

      giù per la fronte, come bolle d'aria

      sul pelo d'acqua d'un torrente in piena...

      E sul tuo viso strane contrazioni,

      come vediamo in chi trattiene il fiato

      per qualche grave improvviso comando.

      Che presagi son questi, mio signore?

      Qualche grave progetto il mio signore

      ha per le mani, ed io devo saperlo,

      oppure egli non m'ama.

Hotspur -

      (Chiamando, senza badarle, come assorto in altri pensieri)

      Ehi, di là!

     

      Entra un Servo

     

      Mi sai dire se Gilliams

      è partito col pacco dei messaggi?

Servo -

      Sì, monsignore; è andato un'ora fa.

Hotspur -

      Butler è andato poi dallo sceriffo

      per quei cavalli?

Servo -

      È andato e ritornato,

      mio signore, ma con un sol cavallo.

Hotspur -

      Quale, un roano dalle orecchie mozze?

Servo -

      Quello, signore.

Hotspur -

      Bene. Quel roano

      sarà il mio trono. Lo monterò subito.

      Oh, Esperance54!... Va', va' a dire a Butler

      che me lo porti subito nel parco.

      (Esce il servo)

Lady percy -

      Tu non m'ascolti, signor mio: Perché?

Hotspur -

      Ah, sì, che dice questa bella dama?

Lady percy -

      Ma che cos'è che mi ti porta via?

Hotspur -

      Il mio cavallo, cara, il mio cavallo.

Lady percy -

      Sei proprio uno scimmiotto testamatta!

      Una donnola non è più frenetica.

      Harry, voglio sapere

      questa faccenda che ti tien sì preso.

      E la saprò. Ho paura che Mortimer,

      mio fratello, si stia dando da fare

      per la revindica dei suoi diritti

      ed abbia chiesto a te di dargli mano.

      Ma se ci andrai...

Hotspur -

      A piedi, fin lassù?

      Che dici, amore mio? Mi stancherei.

Lady percy -

      Via, via, pappagalletto, non scherzare,

      rispondi a tono, non tergiversare.

      Harry, se non mi dici tutto e subito,

      ti faccio a pezzettini il dito mignolo.

Hotspur -

      Evvia, giocherellona... Amarti, io?

      Ma nemmeno per sogno, Caterina!

      Non mi curo di te, non me ne importa...

      Devi capir che questo non è mondo

      da pupattole e schiocchi sulle labbra:

      nasi che colan sangue e teste rotte

      ci tocca avere, e prenderli alla buona,

      per moneta corrente... Il mio cavallo...

      Che mi dici, Catina? Che vuoi, cara?...

Lady percy -

      Veramente non m'ami? Proprio no?

      Fa' pure come vuoi. Ma sta' attento:

      se veramente finirai d'amarmi,

      finirà ch'io non ami più me stessa...

      Insomma, dimmi: scherzi o fai sul serio?

Hotspur -

      Aspetta, lasciami montare in sella,

      e, una volta a cavallo, t'assicuro

      che giurerò d'amarti all'infinito.

      Ma, Catina, non voglio, d'ora in poi

      sentirmi domandare dove vado

      e perché vado: vado ove devo.

      E insomma questa sera, mia Catina,

      debbo lasciarti. Lo so, tu sei saggia,

      ma non più della sposa di Harry Percy.

      Sei di cuore costante, ma sei donna;

      e quanto a segretezza, questa volta,

      non c'è donna che sappia più di te

      mantenere un segreto; e ciò perché

      non potrai rivelar quel che non sai

      Vedi fino a che punto ho fede in te,

      dolce Catina?

Lady percy -

      Fino a questo punto?

Hotspur -

      Non un sol pollice più in là. Ma ascolta,

      Catina, dov'io vado, anche tu vieni.

      Io parto oggi, tu parti domani.

      Sei contenta?

Lady percy -

      Per forza devo esserlo.

     

      (Escono)

     

SCENA IV - Eastcheap, la taverna "Alla Testa di Cinghiale".

     

      Entra il Principe di Galles, attraversa la stanza, apre una porta sul lato opposto e chiama

     

Principe -

      Ned, avanti, ti prego,

      vieni fuori da quella stanza untosa,

      che ci facciamo insieme due risate.

Poins -

      (Uscendo)

      Oh, Hall, dove sei stato?

Principe -

      In compagnia di tre-quattro sbornioni55

      fra tre-quattro dozzine di barili.

      Ho fatto risuonare in me stavolta

      la corda della più bassa umiltà.

      Son diventato amico per la pelle

      d'una terna di veri spillabotti,

      li chiamo tutti a nome di battesimo,

      Tomasino, Domenico, Checchino.

      Son pronti già a giurare

      sulla salvezza delle loro anime

      ch'io, pur essendo ancora niente più

      del Principe di Galles, sono il re

      delle buone maniere con il prossimo,

      e mi dicono senza peli in bocca

      che non sono un borioso come Falstaff,

      bensì un "corinzio", un giovane di spirito56,

      un ragazzo di buon temperamento,

      (perdio, mi dicono proprio così!),

      e dicono che quando sarò re

      l'Inghilterra può fare assegnamento,

      in quanto a devozione alla corona,

      su tutti i bravi ragazzi di Eastcheap.

      Tracannare di grosso, in bocca a loro,

      si chiama "dare una mano di rosso";

      se, mentre bevi, t'arresti un istante

      a prender fiato, ti gridano: "Hem!"

      e ti senti ordinare: "Tutto giù!"

      Insomma, m'è bastato un quarto d'ora

      per poter bere ormai tutta la vita

      con qualunque stagnino, nel suo gergo.

      Ned, t'assicuro, ci hai perduto molto

      a non trovarti là insieme a me.

      Ma dolce Ned, per farti un po' più dolce

      questo nome che porti,

      ti regalo questo pochin di zucchero

      che m'ha passato or ora di nascosto

      un inserviente di quest'osteria,

      uno che in vita sua

      non ha mai detto nella nostra lingua

      più di così: "Otto scellini e mezzo",

      oppure: "Benvenuto a lorsignori",

      aggiungendo a gran voce: "Vengo subito",

      "Una pinta di moscatello rosso

      per quei clienti nella Mezzaluna57"

      o altra frase dello stesso genere.

      Ma ora, Ned, per ammazzare il tempo

      finché non giunga Falstaff,

      stattene in qualche stanza qui vicino,

      mentr'io domando al mio spilabottino

      a che scopo m'ha dato questo zucchero;

      e tu, da dentro, chiama forte "Checco!",

      senza smettere mai, e il suo discorso

      a me non potrà essere nient'altro

      che: "Vengo, vengo subito58".

      Ritirati, e te ne darò la prova.

      (Poins rientra nella stanza da dove era uscito, lasciando aperta la porta)

Poins -

      (Da dentro)

      Checco!

Principe -

      Perfetto. Bene così.

Poins -

      (c.s.) Checco!

     

      Entra Checco, tutto affannato

Checco -

      Eccolo, viene subito, signore!

      Ralph, vedi tu che vogliono di sotto

      al Melograno59.

Principe -

      Checco, vieni qua.

Checco -

      Monsignore?

Principe -

      Quant'altro tempo, Checco,

      ti manca per finir l'apprendistato?

Checco -

      Eh, cinqu'anni, in coscienza, tanto che...

Poins -

      (Da dentro)

      Checco!

Checco -

      Sì, subito, signore, subito!

Principe -

      Cinqu'anni! Caspita, che tirocinio

      per imparare a far tinnire il peltro60!

      Ma. Checco, ce l'avresti tu il coraggio

      di fare una solenne vigliaccata

      infischiandoti del tuo principale,

      mostrargli i tacchi e filartela via?

Checco -

      Oddio, signore, vi potrei giurare

      sopra tutte le bibbie d'Inghilterra

      che quel coraggio lo potrei trovare...

Poins -

      (c.s.)

      Ohi, Checco, insomma!

Checco -

      Subito, signore!

Principe -

      Checco, quanti anni hai?

Checco -

      Ecco, vediamo... verso San Michele

      che viene, ce ne avrò, diciamo...

Poins -

      (c.s.)

      Checco!

Checco -

      Arrivo subito da voi, signore,

      vi prego d'aspettare un solo istante...

Principe -

      (Fermandolo)

      No, Checco, sta' a sentire: quello zucchero

      che m'hai dato... valeva un penny, vero?

Checco -

      Oh, Signore, magari forse due...

Principe -

      Io te lo pagherò mille sterline.

      Richiedimele pure quando vuoi,

      e le avrai.

Poins -

      (c.s.)

      Checco!

Checco -

      Arrivo, arrivo subito!

Principe -

      Subito, Checco? No, Checco, non subito;

      le avrai domani, Checco; o giovedì

      o, sì, quando vorrai, Checco... ma Checco...

Checco -

      Sì, mio signore?

Principe -

      Te la sentiresti

      di rapinar quella giubba di cuoio,

     

      (Indica il Vinaio che sta entrando61)

     

      quello con quei bottoni di cristallo,

      le trecce in testa, le calzette blu,

      la lingua tutto miele

      e la scarsella di cuoio di Spagna?

Checco -

      Oh, signore, che cosa avete in mente?

Principe -

      Ho capito, il tuo moscatello rosso

      resterà la tua unica bevanda;

      perché, vedi, questo tuo bel giubbetto

      di tela bianca diventerà sporco.

      In Barberia lo zucchero, ragazzo,

      non può venire a costar così caro.

Checco -

      Come, signore'...

Poins -

      (c.s.)

      Checco!!!

Principe -

      Va', gaglioffo,

      non senti che ti chiamano di là?

     

      (Mentre Checco sta per uscire, il Principe e Poins si mettono a chiamare insieme: "Checco!", "Checco!" e il poveretto, frastornato, non sa più a chi dar retta)

Vinaio -

      (A Checco)

      Ohi, senti che ti chiamano così,

      e te ne resti là, fermo impalato?

     

      (Checco esce, stralunato)

     

      (Al Principe)

      Alla porta c'è il vecchio Sir John Falstaff

      e una mezza dozzina d'altra gente.

      Li faccio entrare?

Principe -

      No, per il momento.

      Lasciali fuori, a rinfrescarsi un po'.

      Gli aprirai dopo.

     

      (Esce il vinaio)

     

      Vieni fuori, Poins.

     

      Rientra Poins

Poins -

      (Facendo il verso a Checco)

      "Arrivo, arrivo subito, signore!"

Principe -

      Messere, Falstaff con gli altri ladroni

      son giù alla porta. Ci siamo. È il momento.

      Vogliamo stare allegri?

Poins -

      Come grilli,

      ragazzo mio. Ma spiegami una cosa:

      che diamine di svago è stato il tuo,

      con questo scherzo fatto al taverniere?

      Che n'è venuto fuori?

Principe -

      Mi son saltati tutti i ghiribizzi

      che gli uomini hanno preso per facezie

      dai vecchi tempi del buonuomo Adamo

      giù giù fino all'infanzia

      di questo giorno d'oggi a mezzanotte.

     

      Rientra Checco, traversando di corsa la scena portando

      da bere ad altri clienti

     

      Checco, che or'è?

Checco -

      (Senza fermarsi)

      Sì, subito, signore.

     

      (Esce)

Principe -

      Che costui debba avere sulla lingua

      meno vocaboli d'un pappagallo,

      uno nato da donna!...

      Tutto quel che sa fare

      è andar di su e di giù per una scala,

      tutto quel che sa dire

      sono i prezzi del vino che ha servito.

      Io non mi sento ancora, se Dio vuole,

      dell'umore focoso di Harry Percy,

      detto altresì "Caldosprone del Nord",

      che ti fa fuori solo a colazione

      sei o sette dozzine di scozzesi,

      poi si lava le mani, e fa' alla moglie:

      "Alla malora questa vita oziosa!

      Io ho necessità di lavorare".

      "Harry mio dolce" - gli domanda lei -

      "quanti n'hai ammazzati stamattina?"

      E lui: "Abbeverate il mio roano",

      e un'ora dopo: "Un quattordici circa",

      le risponde, "bazzecole, bazzecole!"

      Ora fa' entrare Falstaff, per favore.

      Voglio fare con lui come fa Percy,

      e quel dannato porco

      rifarà Lady Mortimer, sua moglie.

      "Rivo!" gridano i grandi bevitori62!

      Fa' entrare il Trippa, fa' entrare Braciola.

     

      Entrano Falstaff, Gadshill, Bardolfo e Peto, seguiti da

      Checco che reca boccali di vino

Poins -

      Ben arrivato, Jack, da dove vieni?

Falstaff -

      Peste colga ai vigliacchi,

      dico, e su loro piova la vendetta,

      per la Madonna, amen!

      (A Checco)

      Ragazzo, dammi un boccale di secco.

      Anziché seguitare questa vita,

      mi metto a fare e rammendare calze,

      e rifarci anche i petuli, perdio!|

      Peste ai vigliacchi!...

      (A Checco)

      Ebbene, furfantaccio,

      arriva o non questo gotto di secco?

      Non c'è più religione a questo mondo?

     

      (Checco gli porge un boccale di vino, che Falstaff si scola lentamente)

Principe -

      (A Poins, indicandogli Falstaff che beve)

      Hai mai visto il Titano (cuore tenero)

      che bacia un piatto di burro fondente

      alla soave carezza del sole?

      Se l'hai visto, rimira questa scena63.

Falstaff -

      (Restituendo a Checco il boccale vuotato)

      Furfante, in questo vino c'è la calce!

      Delinquenziale natura dell'uomo!

      Non vi si trova che canaglieria.

      Meglio comunque un gotto di vin secco

      sia pure adulterato con la calce

      che avere a che spartire coi vigliacchi.

      Un infame vigliacco!...

      Va' vecchio John, tu va per la tua via,

      e muori quando vuoi. Se non è vero

      che la virilità, la buona e vera

      virilità è caduta nell'oblio

      sulla faccia del mondo,

      allora io sono un'aringa seccata64!

      Ci saranno sì e no in Inghilterra

      al giorno d'oggi tre uomini veri

      che siano ancora scampati al capestro,

      e di loro uno è grasso e si fa vecchio.

      Che intanto Dio provveda. Mondo infame!

      Perché non mi son fatto tessitore?

      potrei cantare salmi ed ogni cosa65.

      Peste a tutti i vigliacchi, dico ancora!

Principe -

      Che hai da bofonchiare, materasso?

Falstaff -

      Un bel figlio di re, non c'è che dire!

      Se non ti butto fuori dal tuo regno

      a colpi d'una daga di bambù,

      e non ti caccio innanzi tutti i sudditi

      come una frotta d'anitre selvatiche,

      non voglio aver più barba sulla faccia!

      Il Principe di Galles... bella roba!

Principe -

      Beh, corpaccione figlio di puttana,

      che ci hai da dire?

Falstaff -

      Non sei un vigliacco?

      Rispondimi su questo. E quel Poins là?

Poins -

      (Sfoderando la spada)

      Sangue di Cristo, pancione di sugna,

      se mi dài del vigliacco, io t'infilzo!

Falstaff -

      Io, darti del vigliacco?

      All'inferno voglio vederti, io,

      prima di dare del vigliacco a te...

      però son pronto a dar mille sterline

      per esser gambalesta come te

      pronto a scappare. Hai le terga dritte,

      tu, e non t'importa di chi te le veda.

      E questo chiami "spalleggiar gli amici"?

      Accidenti, che bello spalleggiare!

      Datemi per amici

      gente che sappiano guardarmi in faccia!

      (A Checco)

      Portami un altro boccale di secco.

      Canaglia a me se oggi ne ho bevuto.

Principe -

      Oh, spudorato! Ma se hai le labbra

      umide ancor dell'ultima trincata!

Falstaff -

      (Bevendo)

      Non me ne importa un fico.

      Peste a tutti i vigliacchi, ancora e sempre!

Principe -

      Ma che hai?

Falstaff -

      Che ho?... Quattro di noi

      che siamo qui s'erano procacciate

      stamattina un migliaio di sterline.

Principe -

      Dove sono, compare, dove sono?

Falstaff -

      Dove sono? Ce l'han portate via!

      In cento, contro noi poveri quattro.

Principe -

      Che dici, cento?

Falstaff -

      Sono una carogna

      se non è vero che mi son battuto

      con una buona dozzina di loro

      a mezza lama, per due ore buone.

      E l'ho scampata proprio per miracolo:

      otto volte colpito al giustacuore,

      quattro volte alle braghe,

      il brocchiere forato da ogni parte,

      questa spada ridotta tutta denti

      come una sega a mano. Ecce signum66!

      (Sguaina la spada e mostra le tacche)

      Non ho mai fatto meglio di così

      da quando sono diventato uomo.

      E tutto invano, peste a quei vigliacchi!

      Ma parlino anche loro.

      (Indica gli altri tre compagni)

      E se diranno un etto in più o in meno

      di quella ch'è la pura verità,

      sono ignobili figli di puttana.

Principe -

      Dite, dite, signori, com'è stato?

Gadshill -

      Ci siam trovati in quattro

      contro all'incirca una dozzina...

Falstaff -

      Sedici,

      e non uno di meno, signor mio.

Gadshill -

      E li abbiamo legati, impastoiati.

Peto -

      No, no, non furono legati affatto.

Falstaff -

      Idiota, furono legati eccome!

      Dal primo all'ultimo! Se non è vero,

      ditemi pure che sono un ebreo,

      un ebreo di Giudea!

Gadshill -

      Mentre stavamo a spartirci il malloppo,

      ci son piombati addosso in sei o sette

      altri freschi di forze...

Falstaff -

      Che slegarono gli altri ch'era là,

      e poi ne vennero degli altri ancora.

     

     

Principe -

      E voi quattro a vedervela con tutti?

Falstaff -

      Tutti. Non so che intendi tu per "tutti",

      ma se non erano almeno cinquanta

      quelli con cui mi son dovuto battere,

      io sono un cespo di radicchi secchi!

      Se, dico, addosso a questo vecchio John

      non ce ne stavano cinquantadue,

      di quelli, forse pur cinquantatre,

      beh, dite pure allora che sir John

      non è un bipede umano.

Principe -

      C'è da pregare Dio

      che tu non ne abbia ammazzato nessuno.

Falstaff -

      Pregar Dio per questo ormai non serve.

      Un paio li ho conditi a sale e pepe,

      due son certo d'averli sistemati,

      due malandrini in casacche incerate.

      Hal, questo è quanto, e se dico bugia,

      sputami in faccia, e di' che sono un brocco.

      Tu conosci quel vecchio mio scattare

      "in guardia", ecco, così. E così stavo

      quando appunto mi son venuti addosso

      quattro di quei gaglioffi in bucherame...

Principe -

      Quattro? Ma non avevi detto due?

Falstaff -

      Erano quattro, Hal, ho detto quattro.

Poins -

      È vero, ha detto quattro.

Falstaff -

      Questi quattro

      vengono avanti frontalmente, in riga,

      e si dirigono verso di me.

      Senza scompormi, resto lì impalato,

      ad aspettar che le lor sette spade

      vengano ad infilarsi sul mio scudo,

      così...

Principe -

      Com'è? Sono diventate sette?

      Ma non erano quattro ancor poc'anzi?

Falstaff -

      Erano quattro quelli in bucherame.

Poins -

      Sì, quattro in robe di tela cerata.

Falstaff -

      Sette, dico, e lo giuro su quest'elsa67,

      o io sono un emerito gaglioffo.

Principe -

      (A parte a Poins)

      Lascialo dire: Aumenteranno ancora.

Falstaff -

      Mi ascolti, Hal?

Principe -

      Sì, sì, son tutt'orecchi.

Falstaff -

      Ecco, bravo, perché ne val la pena.

      Dunque, come dicevo,

      quei nove con casacca d'incerata...

Principe -

      (c.s.)

      E son già diventati due di più.

Falstaff -

      ... quando gli si spezzarono le punte...

Poins -

      (A parte al Principe)

      Sì, sì calarono loro le braghe68.

Falstaff -

      ... cominciarono a cedere terreno,

      ma io li premo sempre più da presso,

      mi butto su di loro corpo a corpo

      e ne sistemo, in un battibaleno,

      sette degli undici:

Principe -

      (c.s.)

      Fenomenale!

      Undici uomini in bucherame

      figliati dagli originari due.

Falstaff -

      ...ma, come volle il diavolo, tre bischeri

      dannati, in panno verde di Kendall69,

      mi vennero lì dietro all'improvviso

      assaltandomi (era così buio,

      che non saresti riuscito a distinguere

      credimi, Hal, nemmeno la tua mano)...

Principe -

      Queste non son che frottole,

      a misura di chi le ha generate,

      panzane grosse come una montagna,

      palpabili, palesi, manifeste!

      Ma come tu, sacco di budellame

      col cervello d'argilla quale sei,

      scemo zuccone, figlio di puttana,

      spudorato grassone unto e bisunto...

Falstaff -

      Ehi, che ti prende, Hal?

      Diventi matto, eh? Diventi matto?

      La verità non è più verità?

Principe -

      ... come avresti potuto riconoscere

      quei tali in roba verde di Kendall

      in tanta oscurità da non distinguere

      nemmeno la tua mano? Che rispondi?

      Avanti, sputaci le tue ragioni.

Poins -

      Le tue ragioni, Jack, le tue ragioni.

Falstaff -

      Eh, diamine! Cos'è, un'imposizione?

      Sangue di Cristo, sotto costrizione

      no, nemmeno se fossi sottoposto

      alla tortura dello strappamento70,

      o di tutte le ruote della terra71!

      La mie ragioni sotto costrizione!

      Ma fossero abbondanti come more,

      le mie ragioni, non le darei mai

      a chi le pretendesse con la forza72.

Principe -

      Non voglio rendermi più a lungo reo

      d'un tal peccato73, la finisco subito;

      (Indicando agli altri Falstaff)

      questo grassone schiacciamaterassi,

      questo sfiaccaronzini,

      questa imponente montagna di ciccia...

Falstaff -

      Cristo, senti chi parla! Parli tu,

      morto che parla, anguilla tutta pelle,

      lingua secca di bue, stringa di cuoio,

      stoccafisso (oh, avere tutto il fiato

      per dirti tutto quello cui somigli!),

      canna di sarto, guaina di pugnale,

      fodero d'arco, lama stemperata!...

Principe -

      Bravo. ripiglia fiato e poi va' a capo.

      E quando sarai stanco

      di queste tue plebee similitudini,

      sentimi, che ho da dirti una cosuccia.

Poins -

      Sì, Jack, attento adesso, ascolta bene.

Principe -

      Noi due, io e lui, vi abbiamo visti

      che saltavate addosso tutti e quattro

      ad altri quattro, che li legavate

      e li svaligiavate del denaro.

      Ascolta adesso come un raccontino

      semplice e chiaro ti sbugiarda. Attento.

      È stato a questo punto che noi due

      (Indica Poins)

      vi siam saltati addosso,

      ed è bastato appena darvi voce

      perché scappaste e mollaste il bottino;

      il quale adesso è qui, in mano nostra,

      e possiamo mostrarvelo.

      E tu, Falstaff, correvi così svelto

      a mettere al sicuro le budella,

      e imploravi pietà, mentre scappavi,

      mugghiando forte, che nemmeno un toro.

      Ma che anima di canaglia sei,

      a intaccare così questa tua spada,

      per poi venirci a dire, come niente,

      ch'era successo nel combattimento?

      Quale trappola, trucco, scappatoia

      sarai capace di trovare ancora

      per nasconderti dietro questo smacco

      palese, manifesto, vergognoso?

Poins -

      Avanti, Jack, che trucco hai ancora in serbo?

Falstaff -

      Ma giuraddio, io v'ho riconosciuti

      voi due, che manco chi v'ha generato.

      Però, padroni miei, state a sentire:

      ma doveva toccare proprio a me

      d'ammazzare l'erede presuntivo?

      Dovevo rivoltarmi a mano armata

      contro un principe vero?

      Io sono coraggioso, lo sapete,

      quanto un Ercole; c'è però l'istinto:

      il leone non tocca il vero principe74.

      Per l'istinto. L'istinto è una gran dote.

      Se questa volta sono stato vile,

      è stato per l'istinto.

      Ma per questo avrò migliore stima

      di me e di te per tutta la mia vita:

      di me come leone valoroso,

      e di te come principe verace.

      Con tutto ciò, ragazzi, son contento

      che quel danaro ce l'abbiate voi.

      Chiudi i battenti, ostessa! Questa notte

      si fa baldoria! Pregherai domani.

      Cavalieri, ragazzi, giovanotti,

      cuori d'oro, e chi più n'ha ne metta

      di appellativi di buona amicizia

      per tutti. Bene. S'ha da stare allegri?

      Vogliamo improvvisare una commedia?

Principe -

      E perché no. Soggetto: la tua fuga.

Falstaff -

      Ah, no, di questo, Hal, se mi vuoi bene,

      non parliamone più!

     

      Entra l'Ostessa Quickly

Ostessa -

      (Riconoscendo il Principe e inchinandosi)

      Oh, Gesù! Signor Principe, signore!

Principe -

      Salve, madama ostessa,

      che ci dici di bello?

Ostessa -

      Monsignore,

      alla porta c'è un nobile di corte

      che vorrebbe parlar con vostra altezza,

      e dice di venir da vostro padre.

Principe -

      Dàgli quanto gli manca a far di lui

      un reale, e rimandalo a mia madre75.

Falstaff -

      Che tipo è?

Ostessa -

      Un anziano gentiluomo.

Falstaff -

      E che ci fa la dignità barbogia

      fuori dal letto a quest'ora di notte?

      (Al principe)

      Vado io a portargli la risposta?

Principe -

      Sì, Jack, ti prego.

Falstaff -

      Vado. In fede mia,

      gli faccio fare subito fagotto.

     

      (Esce)

Principe -

      Dunque, signori: vi siete battuti,

      per la vostra madonna, un sacco bene;

      così tu, Peto, e così tu, Bardolfo.

      Leoni pure voi: scappati via

      per istinto; un principe del sangue

      voi non lo toccherete mai, ohibò!

Bardolfo -

      Io, in coscienza, me la son filata

      quando ho visto scappare tutti gli altri.

Principe -

      Che qualcuno mi spieghi,

      ma senza infingimenti, com'è andata

      che la spada di Falstaff

      abbia subìto tutte quelle tacche.

Peto -

      Beh, l'ha intaccata lui, col suo pugnale,

      e poi diceva che davanti a te

      avrebbe spergiurato fino al punto

      di bandire la stessa verità

      dall'Inghilterra, pur di farti credere

      ch'era avvenuto a forza di combattere.

      Ed ha convinto noi a far lo stesso.

Bardolfo -

      Non solo a questo; ma a fregarci il naso

      con dei rovi, per farci uscire il sangue

      e imbrattarci i vestiti, ed a giurare

      che quello fosse vero sangue umano76.

      A udire i suoi mostruosi machiavelli

      ho fatto quel che mai avevo fatto

      da sett'anni: arrossire.

Principe -

      Spudorato furfante! Ma se tu

      da quando - circa diciott'anni fa -

      ti rubasti un boccale di vin secco

      e ti facesti cogliere sul fatto,

      sei tutto rosso in faccia, in permanenza77!

      E pur avendo tutto questo fuoco

      dalla tua parte, ed una spada al fianco78,

      sei scappato? Che istinto t'ha guidato?

Bardolfo -

      (Sporgendogli la faccia)

      Mio signore, le vedi queste vampe?

      Osserva bene queste esalazioni.

Principe -

      Vedo.

Bardolfo -

      Che segni credi ch'essi siano?

Principe -

      Di fegato infiammato e borsa magra79.

Bardolfo -

      Di collera, se bene interpretati.

Principe -

      No, di collare, se intesi a dovere80.

     

      Rientra Falstaff

     

      Eccolo, il nostro Zanni lo Stecchino,

      il nostro caro tutto pelle-e-ossa!

      Ehilà, dolce creatura di bambagia,

      da quanto tempo, Jack,

      non riesci a vederti le ginocchia?

Falstaff -

      Le mie ginocchia, Hal!...

      Quando avevo all'incirca gli anni tuoi,

      ero più fino d'un artiglio d'aquila:

      sarei passato attraverso l'anello

      che si portano al dito gli aldermanni81.

      Accidenti ai sospiri ed agli affanni!

      Ti fanno gonfio come una vescica.

      Ci son notizie distratrose, fuori:

      quello ch'era venuto poco fa

      da parte di tuo padre, era sir Bracy:

      devi trovarti a corte in mattinata.

      Quel pazzoide del nord, quell'Harry Percy

      e quell'altro del Galles,

      di cui dice la gente che una volta

      ha bastonato il diavolo Amamone,

      ed ha messo le corna anche a Lucifero

      e s'è fatto giurare sudditanza

      dal demonio sull'elsa fatta a croce

      d'una picca scozzese... sì, quel tale,

      intendo... come diavolo si chiama?

Poins -

      Owen Glendower.

Falstaff -

      Ecco, Owen, Owen,

      esattamente, e suo genero Mortimer,

      insieme con Northumberland il vecchio

      e quello spiritato di scozzese

      che più scozzese di lui non ce n'è,

      quel Douglas, che sa scendere al galoppo

      giù da una ripa quasi a perpendicolo...

Principe -

      Quello, dici, che in sella al gran galoppo

      coglie a volo con la pistola un passero?

Falstaff -

      Bravo, l'hai colto bene.

Principe -

      Io, lui, sì,

      non altrettanto bene lui quel passero!

Falstaff -

      Però ha buona tempra, quel ribaldo,

      è uno che non scappa...

Principe -

      Il ribaldo sei tu, che poco fa

      lo lodavi perché sa correr tanto.

Falstaff -

      A cavallo, però, bel mammalucco,

      perché a piedi non fa nemmeno un passo.

Principe -

      Per istinto, naturalmente, vero?

Falstaff -

      Per istinto, se vuoi, te lo concedo.

      Insomma c'è anche lui, e un certo Mordake

      con un migliaio d'altri caschi blu.

      Worcester è fuggito questa notte

      di soppiatto. La barba di tuo padre

      s'è fatta bianca quando l'ha saputo.

      Adesso in Inghilterra

      si possono comprare latifondi

      al prezzo di pesciacci puzzolenti.

Principe -

      Vuol dire che se avremo un giugno afoso,

      e durerà questa zuffa intestina,

      ci compreremo le verginità

      a rozze, come i chiodi per le scarpe.

Falstaff -

      Dici bene, perdio, ragazzo mio!

      E chi sa che con quella mercanzia

      non si possa imbastire un buon commercio.

      Ma dimmi adesso, Hal, com'è possibile

      che tutto ciò non ti faccia paura?

      Che, come erede presuntivo al regno,

      ti dovessi trovare a fronteggiare

      tutti insieme un terzetto di nemici

      del tipo di quel diavolo di Douglas,

      di quello spiritato di Harry Percy,

      e di quel satanasso di Glendower?

      Non ti senti pervaso da terrore,

      non ti si gela il sangue al sol pensarlo?

Principe -

      Per niente, in fede mia.

      Mi manca un po' del tuo famoso "istinto".

Falstaff -

      Da tuo padre stamane, quando andrai,

      ti prenderai un solenne rabbuffo.

      Se mi vuoi bene, preparati adesso

      le risposte da dargli insieme a me.

Principe -

      Bene, fa' tu mio padre,

      e interrogami sui particolari

      della mia vita.

Falstaff -

      D'accordo, proviamo.

      Facciamo conto che sia questa sedia

      il trono, questo pugnale lo scettro,

      e sia questo cuscino la corona.

      (Si mette un cuscino in testa e si siede)

Principe -

      Ecco, questa starà a significare

      che il tuo trono da me è considerato

      un comune sgabello,

      il tuo scettro un pugnale di vil legno,

      e la tua ricca e preziosa corona

      una misera zucca spelacchiata82.

Falstaff -

      Bene, se in te la fiamma della grazia

      non s'è del tutto spenta,

      ora a vedermi così combinato

      non potrai fare a meno di commuoverti.

      Datemi un bel boccale di vin secco

      che mi faccia arrossare il bianco agli occhi,

      perché debbo dar voce al mio dolore

      alla maniera del gran re Cambise83.

     

      (Qualcuno gli porta del vino ed egli beve)

Principe -

      (Inginocchiandosi)

      Eccomi inginocchiato avanti a te.

Falstaff -

      Ed ecco il mio discorso. Nobiltà,

      fate ala.

Ostessa -

      Gesummio, che spasso, questo!

      Uno spasso davvero sopraffino!

Falstaff -

      (Fingendo di parlare alla sua regina)

      Dolce regina, deh, frena le lacrime

      ché vano è spremere dagli occhi il pianto.

Ostessa -

      Signore Iddio, se sa darsi un contegno!

Falstaff -

      (Solenne)

      Gentiluomini, per la Dio mercé,

      questa afflitta regina

      conducete lontan da qui: le lacrime

      occludono le chiuse dei suoi lumi.

Ostessa -

      Gesù, come fa bene la sua parte!

      Meglio d'uno di quei figli di cani

      di commedianti che si vedon sempre!

Falstaff -

      (c.s.)

      Taci, mio buon boccale da una pinta.

      Taci, mia buona stuzzicacervelli.

      Harry, di molto son meravigliato

      non solo che tu sperperi il tuo tempo,

      ma soprattutto in quale compagnia;

      ché, s'è pur vero che la camomilla

      più è calpestata, meglio si sviluppa,

      la giovinezza, più è dissipata

      più presto si degrada e se ne va.

      Che tu sia figlio mio,

      me n'assicura in parte la parola

      di colei ch'è tua madre,

      in parte la mia stessa convinzione,

      ma soprattutto quel tuo guardar bieco

      e quella mossa del labbro inferiore

      pendulo, che ti dà un'aria folle.

      Se dunque sei mio figlio, il punto è questo:

      per qual motivo tu, come mio figlio,

      sei da tutti così segnato a dito?

      Deve il consacrato figlio del cielo84

      dimostrarsi un volgare ladroncello

      e cibarsi di more delle siepi?

      La domanda non va nemmeno posta.

      Deve l'erede del re d'Inghilterra

      fare il ladron di strada e il tagliaborse?

      Ecco la vera domanda da porsi.

      C'è una cosa di cui anche tu, Harry,

      devi aver spesso sentito parlare

      cui molta gente di questo paese

      danno il nome di pece.

      Questa pece, secondo che c'insegnano

      i nostri testi antichi,

      insudicia chiunque la maneggia;

      così la compagnia che tu frequenti,

      ed io, Harry, ti parlo, bada bene,

      non intriso di vino, ma di lacrime,

      non per mia voluttà, ma per mia pena,

      e non sono le mie solo parole

      ma voce della mia interna ambascia.

      C'è però un uomo virtuoso e dabbene,

      di cui purtroppo non conosco il nome,

      che ho notato far parte di frequente

      della tua compagnia...

Principe -

      Che tipo è,

      se non dispiace a vostra maestà?

Falstaff -

      Un bel tipo, direi, gran bell'uomo,

      un poco corpulento, in verità,

      ma gioviale d'aspetto, occhio piacente

      e portamento quanto mai distinto...

      D'età sarà, mi pare, sui cinquanta,

      o forse no, (Madonna!) sui sessanta...

      Ah, ecco adesso mi sovviene il nome:

      Falstaff. Se risultasse che quell'uomo

      sia dedito ai bagordi,

      francamente ne resterei deluso;

      perché, Harry, io scorgo nel suo aspetto

      la virtù. Vedi di tenerlo caro,

      e manda a quel paese tutti gli altri.

      Ed ora dimmi, mio mascalzoncello,

      dove sei stato tutto questo mese?

Principe -

      Questo sarebbe il tuo parlar da re?

      Ora mettiti tu nella mia parte

      ed io mi metto in quella di mio padre.

Falstaff -

      (Alzandosi)

      Mi deponi? Se sei solo a metà

      capace di rifare tu il mio tono

      grave e solenne nel rifar tuo padre,

      mi faccio appendere a testa in giù

      alla maniera che fa il pollivendolo

      coi conigli di latte ed i leprotti.

Principe -

      (Sedendo)

      Dunque, io qui, seduto...

Falstaff -

      Ed io qui in piedi...

      Signori, adesso a voi di giudicare.

Principe -

      Ebbene, Harry, da che parte vieni?

Falstaff -

      Da Eastcheap, mio altissimo signore.

Principe -

      Odo gravi lagnanze sul tuo conto.

Falstaff -

      Giuraddio, monsignore, sono false.

      (Ora la parte del giovane principe

      ti fo vedere io come si fa).

Principe -

      Bestemmi, eh, screanzato ragazzo!

      D'ora in avanti non osare più

      levare gli occhi in faccia a me. Traviato

      dalla grazia di Dio ti sei, violentemente.

      C'è un diavolo che ti sta sempre accanto

      nelle sembianze d'un vecchio grassone;

      t'è socio di bagordi un uomo-botte.

      Che t'è saltato mai di far brigata

      con quel baule carico d'umori,

      con quel cassone di bestialità,

      quel pacco turgido d'ipocrisia,

      quell'otre enorme di vino di Spagna,

      quel borsone imbottito di budella,

      quel manzo arrosto col ventre farcito85,

      quel reverendo simbolo del vizio,

      quella malvagità grigio-canuta,

      quel gran ministro di ruffianeria,

      quella prosopopea carica d'anni?

      A che è buono costui,

      se non che a bere vin secco di Spagna?

      In che può aver man pulita e netta

      altro che nello scalcare un cappone

      e trangugiarlo? In che può esser destro

      se non che nel mostrarsi un gran furbastro?

      E in che può esser egli un gran furbastro

      se non nel compiere ribalderie?

      E in che è ribaldo, se non sempre e in tutto?

      E in che, se non in niente, rispettabile?

Falstaff -

      Vorrei che vostra grazia mi spiegasse

      chi è questa persona di cui parla.

Principe -

      Quel tristo, abominevole figuro

      corruttore di giovani, quel Falstaff,

      quel vecchio Satana bianco-barbuto.

Falstaff -

      Quell'uomo lo conosco, monsignore.

Principe -

      Lo so bene.

Falstaff -

      Dovessi però dire

      che scorgo più nequizia in lui che in me,

      sarebbe dire più di quel che so.

      Che sia vecchio, tanta pietà per lui,

      lo dimostrano i suoi capelli bianchi;

      ma che sia - con rispetto a vostra altezza -

      un puttaniere, lo contesto netto.

      Se vino bianco e zucchero

      son peccato, che Dio aiuti i reprobi.

      S'è peccato esser vecchio e cuorcontento,

      più d'uno allora dei miei vecchi soci

      è dannato all'inferno;

      s'esser grasso vuol dire essere odiato,

      si devon solo amar le vacche magre

      del Faraone. No, mio buon signore;

      bandisci pure Peto,

      bandisci Poins, bandisci Bardolfo;

      ma il soave John Falstaff,

      il gentile John Falstaff,

      il fedele John Falstaff,

      il valente John Falstaff,

      il quale è uomo tanto più valente

      in quanto è quel che è,

      vale a dire il vecchio sir John Falstaff,

      non lo bandire dalla compagnia

      del tuo Enrico, no, non lo bandire

      dall'amicizia di tuo figlio Harry.

      Cacciare al bando il rubicondo John

      è aver cacciato al bando il mondo intero.

Principe -

      Lo faccio. Lo farò.

     

      (Colpi alla porta)

      (Escono l'ostessa Quickly, Checco e Bardolfo)

     

      Rientra Bardolfo di corsa

Bardolfo -

      Signore mio, signore, c'è alla porta

      lo sceriffo con una grossa scorta!

Falstaff -

      Fuori, bastardo!

      (Al principe)

      Finiam la commedia

      noi due: ho ancor molto da dire, io

      sul conto ed in favore di quel Falstaff.

     

      Rientra l'ostessa Quickly

Ostessa -

      O Gesù! Mio signore, mio signore!

Principe -

      Eh, che succede! Sta arrivando il diavolo

      a caval d'un archetto di violino?

Ostessa -

      È che alla porta, giù, c'è lo sceriffo

      con la ronda al completo.

      Sono venuti a perquisir la casa.

      Devo lasciarli entrare?

Falstaff -

      (Senza badare all'ostessa)

      Hal, vuoi sentire quello che ti dico?

      Non dire mai che una moneta è falsa

      se sai ch'è d'oro schietto. Tu sei oro,

      nella sostanza, se pur non l'appari86.

Principe -

      E tu sei un vigliacco di natura,

      senza l'istinto.

Falstaff -

      Nego la premessa87,

      se tu neghi l'ingresso allo sceriffo.

      Se no, lascialo entrare.

      Se poi io non farò sulla carretta

      la figura che fanno tutti gli altri,

      peste al mio essere cresciuto tanto88!

      In ogni caso penso che il capestro

      impiegherà con me lo stesso tempo

      a strangolarmi che con chiunque altro.

Principe -

      Va', nasconditi dietro quell'arazzo,

      gli altri vadan di sopra.

      Ora si dia ciascuno, miei padroni,

      faccia innocente e coscienza pulita.

Falstaff -

      Le possedevo, un tempo, l'una e l'altra,

      ma quel tempo è scaduto da un bel pezzo.

      E dunque nascondiamoci.

     

      (Si va a nascondere dietro l'arazzo)

     

      (Escono tutti, meno il Principe)

Principe -

      (All'ostessa)

      Fa' entrare lo sceriffo.

     

      Esce l'ostessa, rientrando subito col lo Sceriffo e un Vetturale

     

      Sceriffo, ebbene, in che posso servirvi?

      Sceriffo -

      Per prima cosa, vogliate scusarmi,

      mio signore; poc'anzi in questa casa,

      una folla ha inseguito schiamazzando

      certi individui.

Principe -

      Individui? Quali?

      Sceriffo -

      Uno di loro è molto conosciuto,

      mio buon signore: un omaccione grosso.

      Vetturale -

      E grasso come il burro.

Principe -

      Ah, ho capito.

      Quell'uomo non è qui, ve l'assicuro,

      perché io stesso l'ho spedito or ora

      per una commissione.

      Ma, Sceriffo, vi do la mia parola

      che verso l'ora di pranzo domani

      ve lo mando perché possa rispondere

      a voi personalmente o a chi si voglia

      d'ogni accusa che gli si possa muovere.

      Per cui mi sia permesso, pel momento,

      d'invitarvi a lasciare questa casa.

      Sceriffo -

      Signorsì, mio signore, lo farò.

      Ci son due gentiluomini,

      che per effetto di questa rapina

      hanno perduto ben trecento marchi.

Principe -

      Può succedere. Non lo metto in dubbio.

      E se sia stato lui a rapinarli,

      dovrà risponderne. Per ora, addio.

      Sceriffo -

      La buona notte a voi, mio buon signore.

Principe -

      .

      Il buon giorno, piuttosto.

      Sceriffo -

      È vero, infatti.

      Credo bene che siano già le due.

     

      (Esce con il vetturale)

Principe -

      Quell'untuoso cialtrone

      è conosciuto in tutta la città

      più della cattedrale di San Paolo.

      (A Poins)

      Dàgli una voce, fallo venir fuori.

Poins -

      Falstaff!

      (Falstaff non risponde. Poins solleva l'arazzo)

      Addormentato. In gran letargo.

      E ronfa peggio d'un cavallo bolso

Principe -

      Senti come fatica a respirare...

      Rovistagli le tasche.

     

      (Poins fruga nelle tasche di Falstaff addormentato e trova

      alcune carte)

      Che hai trovato?

Poins -

      Nient'altro che cartacce, mio signore.

Principe -

      Vediamo che cartacce sono: leggile.

Poins -

      (Legge)

      "Un cappone: scellini due e due pence.

      "Salsa, scellini quattro.

      "Acciughe e bianco secco dopo cena,

      "due scellini e sei pence.

      "Pane, mezzo scellino".

Principe -

      Orripilante!

      Solo mezzo scellino per il pane

      con tutta quella abbondanza di vino!

      Le altre carte serbale con te,

      le leggeremo a miglior tempo e luogo.

      Lui lasciamolo lì,

      che se ne dorma pure quanto vuole,

      finché non si fa giorno.

      In mattinata devo stare a corte.

      Ci toccherà partire per la guerra,

      tutti, e tu avrai un grado nell'esercito

      da farti onore. A quel grasso cialtrone

      farò dare un comando in fanteria:

      gli basterà una marcia

      di due-trecento metri, e sarà morto.

      Quel danaro sarà restituito

      con gli interessi. Tròvati da me

      domani di buon'ora. Ora va' pure.

      Buongiorno, amico.

Poins -

      Buongiorno, signore.

     

      (Escono)

     

Atto Terzo

SCENA I - Il castello di Glendower nel Galles

     

      Entrano Hotspur, Worcester, Mortimer, Glendower, quest'ultimo con un una mappa in mano.

     

Mortimer -

      Abbiamo qui affidabili promesse,

      alleati sicuri: il nostro esordio

      è farcito di prospere speranze.

Hotspur -

      Lord Mortimer, e tu, caro cugino

      Glendower, non volete accomodarvi?

      E tu, zio Worcester?... Ah, dannazione!

      Ho scordato la mappa.

Glendower -

      Cugino Percy, siedi, statti comodo

      cugino Sproneardente:

      ogni volta che Lancaster ti nomina

      con questo nomignolo,

      si sbianca in volto e ti spedisce al cielo

      con un lungo sospiro.

Hotspur -

      Così come spedisce te all'inferno

      ogni volta che sente nominare

      Owen Glendower.

Glendower -

      Non so biasimarlo:

      al momento ch'io venni concepito

      tutto l'arco del cielo

      si riempì di forme fiammeggianti,

      e quando poi son venuto alla luce

      la struttura e le stesse fondamenta

      della terra si misero a tremare

      al pari delle membra d'un codardo.

Hotspur -

      Beh, in quel momento avrebbero tremato

      pure se a partorire89,

      fosse stata la gatta di tua madre

      e tu non fossi mai venuto al mondo.

Glendower -

      Dico e ripeto che tremò la terra

      nel momento ch'io son venuto al mondo...

Hotspur -

      E io dico e ripeto che la terra

      era d'umore diverso dal mio,

      se pensi che si sia messa a tremare

      per paura di te.

Glendower -

      Il firmamento era tutto una fiamma,

      e la terrà tremò.

Hotspur -

      Oh, allora è chiaro:

      tremò pel firmamento che bruciava

      non già per tema di te che nascevi.

      La natura malata esplode spesso,

      esplode spesso in eruzioni strane

      ch'hanno del portentoso;

      spesso la terra gravida è squassata

      dagli spasimi come d'una colica

      e tormentata dentro i suoi precordi

      da una specie di vento irresistibile

      che, stando prigioniero nel suo ventre

      e sforzandosi di venirne fuori

      ne scuote la malata vecchia crosta

      e fa crollare giù i suoi campanili

      e le sue torri coperte di muschio.

      È verosimile che alla tua nascita

      questa nostra vetusta Nonna Terra

      fosse in preda a un simile disturbo,

      e tremasse per via di quegli spasimi.

Glendower -

      Bada, cugino, non son molti gli uomini

      da cui tollero d'esser contraddetto.

      Permettimi d'insistere a ripeterti

      che quand'io sono nato

      la fronte dell'intero firmamento

      si riempì di forme fiammeggianti,

      le capre diruparono dai monti

      e gli armenti lanciarono per l'aria

      strani clamori agli atterriti campi.

      Tutti questi portenti di natura

      m'hanno segnato come un individuo

      fuori dell'ordinario: e la mia vita,

      in ogni fase del suo svolgimento,

      sta ad indicare ch'io non sono iscritto

      nel registro degli uomini comuni.

      C'è forse chi, tra questo arco di mare

      che cintura le coste d'Inghilterra,

      della Scozia e del Galles, la persona

      che possa dir ch'io sono suo discepolo

      o che m'abbia insegnato qualche cosa?

      E portatemi qui nato di donna

      che sia capace di tenermi dietro

      sulle sudate vie dell'arte magica,

      o di tenere il passo insieme a me

      negli intriganti suoi esperimenti90.

Hotspur -

      Io per me credo che meglio di te

      non c'è nessuno che parli il gallese91.

      E detto questo, me ne vado a pranzo.

     

      (S'alza per uscire. Mortimer lo ferma)

Mortimer -

      (A parte, a Hotspur)

      Cugino, modera; lo fai infuriare.

Glendower -

      Io riesco a evocare gli spiriti

      con la voce, dai più profondi abissi.

Hotspur -

      Oh, per questo, evocarli con la voce,

      posso anch'io e chiunque.

      Resta però a vedere se, evocati,

      gli spiriti verranno allo scoperto...

Glendower -

      Cugino, io posso dirti

      come si fa a comandare al diavolo.

Hotspur -

      Ed io, cugino, ti posso insegnare

      come scornarlo, il diavolo,

      col dir la verità. Perché sta scritto:

      "Se dici il vero, avrai scornato il diavolo".

      Se hai il potere di farlo venir fuori,

      mandalo qui da me, e io - ti giuro -

      ho il potere di farlo scappar via

      per la vergogna. Di' la verità,

      finché vivi, ed avrai scornato il diavolo.

Mortimer -

      Su, su, basta con queste vane ciarle!

Glendower -

      Tre volte ha già spedito Enrico Bolingbroke

      contro di me un esercito;

      tre volte, io, dalle sponde del Wye

      e dal sabbioso letto della Severn92

      l'ho ricacciato dentro i suoi confini

      coi piedi scalzi e inzuppato di pioggia.

Hotspur -

      Eh, senza scarpe93 a casa, e col maltempo!

      Come ha fatto a non prendersi un cimurro?

Glendower -

      Basta, questa è la mappa.

      Vogliamo fare la ripartizione

      delle zone che spettano a ciascuno

      conformemente all'ordine fissato

      col nostro patto a tre?

Mortimer -

      Ha provveduto già l'Arcidiacono94,

      e con molta equità, a ripartirle

      in tre lotti, perfettamente uguali.

      L'Inghilterra, compresa a sud e ad est

      tra la Severn e il Trent, è la mia parte;

      tutta la zona ad occidente - il Galles -

      aldilà delle rive della Severn

      e la fertile piana limitata

      entro questi confini va a Glendower.

      (A Hotspur)

      A te, cugino, tutta l'altra parte

      che sta aldilà del Trent.

      Il nostro patto è scritto in tre esemplari,

      e, tosto che sia stato sigillato,

      (il che può farsi questa notte stessa),

      e ciascuno abbia avuto la sua copia,

      ci metteremo in marcia, tu ed io,

      cugino Percy, e il nostro buon lord Worcester,

      domani stesso, per unirci, a Shrewsbury,

      con tuo padre e l'esercito scozzese,

      secondo i precedenti nostri accordi.

      Per domani mio suocero Glendower

      credo che non sarà ancora pronto;

      ma non avrem bisogno del suo aiuto

      almeno prima di due settimane.

      (A Glendower)

      Tu potrai radunare in questo tempo

      sudditi, amici e nobili vicini.

Glendower -

      Non ci vorrà tanto tempo, signori,

      perch'io possa raggiungervi non credo;

      e con me condurrò le vostre mogli

      dalle quali dovete ora partire

      all'insaputa e senza dirvi addio:

      se no chi sa qual diluvio di lacrime

      sarebbe adesso la separazione.

Hotspur -

      (Esaminando la mappa)

      Mi pare che la parte a me assegnata

      a nord di Burton, qui, su questa mappa,

      non sia eguale, quanto ad estensione,

      ad alcuna delle vostre altre due.

      Ecco, guardate: quest'ansa di fiume

      taglia via un'enorme mezzaluna

      di terra dalla mia parte migliore:

      una mutilazione inconcepibile!

      Sarò costretto a sbarrar la corrente

      del fiume in questo punto,

      e far sì che il tranquillo argenteo Trent

      scorra placido e piano in nuovo letto,

      eliminando così questa curva

      che mi defrauda di sì ricca piana.

Glendower -

      La curva?... Ma ci vuole quella curva

      al Trent. È necessaria. Deve farla.

Mortimer -

      (A Hotspur)

      Infatti. E vedo poi come il suo corso

      prosegue disegnando un'altra curva

      dall'altra parte, che avvantaggia te,

      perché si mangia, dalla riva opposta,

      quanto sottrae a te la prima curva.

Worcester -

      Eppoi con poca spesa

      si può sbarrare il fiume in questo punto

      e guadagnar questa lingua di terra

      a nord, a da quel punto convogliarlo

      per un percorso dritto e pianeggiante.

Hotspur -

      Farò così, sarà spesa da poco.

Glendower -

      Ma io non voglio deviarlo, il fiume.

Hotspur -

      Ah, no?

Glendower -

      Non voglio, e tu non lo farai.

Hotspur -

      C'è chi potrà impedirmelo?

Glendower -

      Sì, io.

Hotspur -

      Meglio ch'io non intenda quel che dici.

      Parla gallese.

Glendower -

      So parlare inglese,

      come lo parli tu, signore mio.

      Son cresciuto alla corte d'Inghilterra,

      da giovane, ed ho composto là,

      in inglese, da accompagnar con l'arpa,

      più d'un mottetto di buona fattura

      che ha reso nuova grazia a quella lingua,

      dote che in te non trovò mai nessuno.

Hotspur -

      E ch'io son lieto di non possedere

      con tutto il cuore, per la Santa Vergine.

      Preferirei piuttosto essere un gatto,

      e andare miagolando giorno e notte,

      che non uno di questi versaioli

      trafficanti di ballatette in rima.

      È più dolce al mio orecchio lo stridio

      d'un doppiere d'ottone sotto il torchio

      o il cigolar sull'asse d'una ruota

      male ingrassata: ché nulla di questo

      mi farebbe allegare tanto i denti

      quanto ascoltare le svenevolezze

      sdolcinate di certa poesia:

      è come udire il passo affaticato

      d'un ronzino che strascica gli zoccoli.

Glendower -

      Va bene, via, fa' deviare il Trent.

Hotspur -

      Non me ne importa niente. Sono pronto

      a regalar tre volte tanta terra,

      in amicizia, ad uno che lo meriti;

      però in via di baratto, statti accorto,

      so spaccare il capello in nove parti.

      Sono stati stilati gli strumenti?

      Si parte?

Glendower -

      C'è una bella luna chiara,

      potrete cavalcare anche di notte.

      Vado a sollecitare lo scrivano

      e ad informare nello stesso tempo

      le vostre mogli che siete partiti.

      Mia figlia, temo, avrà una crisi isterica

      innamorata com'è del suo Mortimer.

     

      (Esce)

Mortimer -

      Evvia, cugino Percy! Che maniera

      di stare sempre a contraddir mio suocero?

Hotspur -

      Non so che fare. Talvolta mi stizza

      col venirmi vicino a raccontare

      la storia della talpa e la formica,

      o quella del lunatico Merlino

      e le sue profezie,

      del dragone e del pesce senza pinne,

      del grifone dall'ali smozzicate,

      o del corbaccio che muta le penne,

      o del vecchio leone accovacciato,

      o del gatto rampante, e che so io,

      tante altre fanfaluche come queste,

      che mi mettono fuori dalla grazia.

      Ieri sera, ad esempio - senti questa -,

      m'ha trattenuto fin quasi alle nove95

      ad elencarmi i nomi, ad uno ad uno,

      dei diavoli che dice suoi lacchè.

      Io sbottai alla fine: "Uhm, va' là!"

      senza averne capito una parola.

      Ah, credimi, è stucchevole

      come un cavallo che ha mangiato troppo96,

      come una moglie piena di puntigli,

      peggio d'una stamberga affumicata!

      Meglio campare d'aglio e di formaggio

      dentro un mulino a vento in capo al mondo,

      che mangiar bene ed aver lui accanto

      a raccontarmi quelle sue scempiaggini,

      nella più bella abitazione estiva

      di tutta la cristianità. Alla larga.

Mortimer -

      In fede mia, è un degno gentiluomo,

      d'eccellenti letture, assai versato

      in certe strane discipline occulte,

      coraggioso come un leone, affabile

      e conversevole oltre ogni dire,

      prodigo come una miniera d'India97;

      eppoi, cugino, te lo voglio dire,

      ha gran rispetto per il tuo carattere

      tanto da raffrenare in sé gli impulsi,

      che pure gli verrebbero istintivi

      quando vede che tu lo contraddici.

      Ti dico che è così, parola mia.

      Non c'è nessuno al mondo, t'assicuro,

      che l'avrebbe potuto provocare

      come l'hai fatto tu,

      senza provar sapore di pericolo

      o d'acerba rampogna; ma ti prego,

      fa in modo di non abusarne troppo.

Worcester -

      È vero, mio signore:

      tu fai mostra con lui di troppa asprezza,

      e da quando sei qui,

      hai fatto tutto per esasperarlo.

      Devi correggerti assolutamente

      d'un tal difetto; ché s'anche talvolta

      esso è segnale di grandezza d'animo,

      di coraggio e di buon temperamento

      - e questo è il più pregevole ornamento

      ch'esso ti conferisce - troppo spesso

      rivela rugginosa ostilità,

      mancanza di civile educazione,

      insufficiente dominio di sé,

      superbia, tracotanza, presunzione,

      alterigia, disprezzo per il prossimo:

      tutti vizi dei quali anche il più lieve,

      quando è presente in un uomo di rango,

      gli allontana le simpatie di tutti

      e lascia dietro a sé una tale traccia

      che macchia tutte l'altre belle doti,

      rubando ad esse la debita lode.

Hotspur -

      Bene, mi son beccato la lezione.

      Buon pro vi faccia la vostra creanza!

      Ecco le nostre mogli;

      convien da loro prendere congedo.

     

      Entra Glendower con Lady Mortimer e Lady Percy

Mortimer -

      Ecco: m'indispettisce mortalmente

      che mia moglie non sappia una parola

      del mio inglese, e io del suo gallese.

Glendower -

      (A Mortimer, indicando Lady Mortimer che piange)

      Mia figlia piange; non ti vuol lasciare;

      vuole arruolarsi; venire alla guerra.

Mortimer -

      Buon padre, dille ch'ella e la zia Percy

      ci seguiranno presto insieme a te.

     

      (Glendower dice qualcosa in gallese alla figlia, che gli risponde

      in gallese)

Glendower -

      Non vuol saperne di restare a casa,

      e si dispera, questa riottosa,

      testarda ed egoista pazzerella.

     

      (Lady Mortimer dice qualcosa in gallese al marito, che non

      capisce)

Mortimer -

      Io capisco il linguaggio dei tuoi occhi:

      quel grazioso gallese

      che versi da codesti cieli gonfi,

      è linguaggio che so fin troppo bene,

      e se non fosse che n'ho un po' vergogna,

      anch'io con esso ti risponderei98.

      (Lady Mortimer gli dice ancora qualcosa in gallese)

      Io capisco il linguaggio dei tuoi baci,

      e tu quello dei miei,

      e questo è il nostro colloquiar con l'anima.

      Ma non sarò un alunno negligente,

      amore mio, perché voglio impararlo

      codesto tuo linguaggio: in bocca a te

      il gallese è una musica soave,

      una canzone altamente ispirata

      suonata da una splendida regina

      sul tocco carezzante d'un liuto

      sotto un bel pergolato un dì d'estate.

Glendower -

      Eh, se ti sciogli in certe tenerezze,

      davvero adesso me la fai impazzire!

     

      (Lady Mortimer dice ancora qualcosa in gallese, che Mortimer

      non capisce, ed esclama:)

Mortimer -

      Ah, non capisco! Che ignorante sono!

Glendower -

      Ti chiede di adagiarti mollemente

      su questa morbida stuoia di giunco99

      e di posare il capo nel suo grembo,

      mentr'ella canterà la tua canzone,

      quella che più ti piace,

      a incoronare sopra le tue palpebre

      il dio del sonno, incantando il tuo sangue

      in un dolce torpore

      tale da fare che tra veglia e sonno

      sia come il tempo tra il giorno e la notte

      un'ora prima che il carro celeste

      cominci a oriente il dorato cammino.

Mortimer -

      Con tutto il cuore: mi metterò qui

      seduto, ad ascoltar la sua canzone;

      nel frattempo, sarà finita, spero,

      la stesura dei nostri documenti.

     

      (Si siede per terra, col capo poggiato sul grembo della moglie,

      anch'essa seduta100)

Glendower -

      Fate così, e i musici

      che dovranno suonare qui per voi

      già si libran nell'aria

      mille leghe lontano, ma in un attimo

      saranno qui. Sedete ed ascoltate.

Hotspur -

      Vieni anche tu, Catina,

      tu sei perfetta nel metterti giù.

      Vieni, su, presto, presto,

      ch'io riposi il mio capo sul tuo grembo101.

Lady percy -

      Oh, sta' fermo, va' via, papero pazzo!

     

      (Egli la prende di forza per i polsi, ella si dibatte, poi cede; si siedono

      entrambi a terra sui giunchi, e lui le posa il capo in grembo, mentre

      Glendower dice qualcosa in gallese e una musica suona all'interno)

Hotspur -

      Oh, il diavolo capisce anche il gallese,

      a quanto pare; e non c'è da stupirsene,

      d'altra parte, lunatico com'è.

      Ed è buon musicista, per la Vergine!

Lady percy -

      Allora dovresti essere tutto musica,

      tu, che sei governato dalle lune.

      Sta' buono, ora, brigante,

      sentiamo come canta in buon gallese

      la dama.

Hotspur -

      La mia "Dama",

      preferirei sentire, la mia cagna102,

      guaire in irlandese.

Lady percy -

      Vuoi star zitto?

      Vuoi che ti rompa la testina?

Hotspur -

      No.

Lady percy -

      E allora zitto.

Hotspur -

      No, nemmeno questo:

      è un difettuccio delle donne, questo.

Lady percy -

      Bene. Dio t'accompagni.

Hotspur -

      Al letto, sì, della dama gallese.

Lady percy -

      Che cosa dici?

Hotspur -

      Silenzio, ella canta.

     

      (Lady Mortimer intona una canzone in gallese)

     

      Catina, anche da te

      voglio sentir cantare una canzone.

Lady percy -

      Oh no, in fede mia!

Hotspur -

      "In fede mia! "...

      Tesoro mio, tu giuri alla maniera

      della moglie del pasticcere all'angolo:

      "Non tu, in fede mia"; "Iddio m'assista";

      "Com'è vero che sono viva e vegeta";

      "Lampante come la luce del giorno",

      e via dicendo: un modo di giurare

      ch'esprime una certezza di taftà103,

      d'una che non s'è mai allontanata

      dal suo quartiere in tutta la sua vita104.

      Giurami un giuramento105, mia Catina,

      quale s'addice alla dama che sei,

      di quelli che riempiono la bocca,

      e lascia gli smielati "in fede mia"

      e simili espressioni in panpepato

      alle dame guarnite di velluto

      ed ai borghesi in abito da festa106.

      Avanti, canta.

Lady percy -

      Ho detto che non voglio.

Hotspur -

      Eppure è questa la via più spedita

      per imparare a diventare sarti107

      o insegnare a cantare ai pettirossi.

      Se son pronti i contratti,

      entro due ore io sarò partito,

      e tu potrai seguirmi quando vuoi.

Glendower -

      Su, su, lord Mortimer; sei lento a muoverti

      per quanto è ansioso e sempre sulla brace

      il focoso Lord Percy. Il nostro patto

      a quest'ora sarà stata stilato,

      non dobbiamo far altro che siglarlo,

      e via a cavallo.

Hotspur -

      Sì, non vedo l'ora!.

     

      (Escono)

     

SCENA II - Londra, il palazzo reale.

     

      Entrano Re Enrico, il Principe di Galles e nobili

     

Enrico -

      Signori, con licenza,

      vogliate allontanarvi per un poco

      da qui: il Principe di Galles ed io

      dobbiamo intrattenerci qualche istante

      in privato colloquio;

      ma vi prego di non andar lontano,

      fra poco avremo bisogno di voi.

      (Escono i nobili)

      Non so se sia la volontà di Dio,

      per qualche mia azione a Lui sgradita,

      o per imperscrutabil suo decreto,

      ch'io generassi dal mio stesso sangue

      la Sua vendetta e la mia punizione:

      perché tu, con la vita che conduci

      mi fai pensare che Dio t'ha segnato

      per esser la cocente Sua vendetta,

      la sua celeste verga,

      a punizione dei peccati miei.

      Se no, spiegami tu

      come voglie così smodate e basse,

      prodezze così ignobili e meschine,

      spassi così sfacciati, da dementi,

      compagnie così rozze e grossolane

      come quelle che tu vai frequentando

      quasi ad esse innestato,

      si potrebbero mai accompagnare

      alla regal grandezza del tuo sangue

      e star al pari del tuo cuor di principe.

Principe -

      Con la licenza dell'altezza vostra,

      di tutte queste accuse

      vorrei potermi scagionare in pieno

      con una chiara giustificazione

      così come son certo

      di potermi lavare da me stesso

      di molte delle quali mi si biasima.

      Pure, lasciatemi impetrar da voi,

      dopo ch'io v'abbia dimostrate false

      molte calunnie fabbricate ad arte

      che troppo spesso l'orecchio dei grandi

      deve ascoltar da sorridenti bocche

      di sicofanti e bassi ciarlatani,

      di poter io trovar da voi perdono,

      per alcune mie colpe, queste sì,

      di cui la mia sfrenata giovinezza

      si sente pienamente consapevole.

Enrico -

      Ti voglia perdonare prima Iddio.

      Ma come posso non meravigliarmi,

      Harry, di queste tue inclinazioni

      che van battendo l'ali sì lontano

      dal cammino seguìto dai tuoi avi?

      Hai perduto il tuo seggio nel Consiglio108

      per l'incivile tuo comportamento,

      e s'è dovuto mettere al tuo posto

      tuo fratello più giovane;

      alla corte ti sei quasi alienato

      tutti i cuori, così come anche quelli

      di tutti i tuoi principeschi parenti.

      Le speranze e le promettenti attese

      della tua giovinezza son distrutte,

      e tutti ormai, con spirito profetico,

      non fan che presagir la tua caduta.

      S'io fossi stato, come lo sei tu,

      così consueto gli occhi della gente,

      mi fossi reso così frusto e trito

      e svilito per basse compagnie,

      senza dubbio la pubblica opinione

      che mi spianò la strada alla corona

      si sarebbe tenuta ancor fedele

      a colui che la deteneva prima,

      e me avrebbe ancor lasciato al bando,

      da uomo oscuro e privo d'ogni credito

      e d'ogni prospettiva di successo.

      Al contrario, mostrandomi di rado,

      mai s'incontrò ch'io apparissi in pubblico

      senz'essere guardato con stupore

      e meraviglia, come una cometa.

      E chi, indicandomi, diceva ai figli.

      "Eccolo, è lui!", chi chiedeva al vicino

      avidamente: "Dove? Qual'è Bolingbroke?"

      Ed io, rubando al cielo le sue grazie,

      mi rivestivo di tale umiltà

      da strappare obbedienza ai loro cuori

      e osanna alle lor bocche,

      anche in presenza dello stesso re.

      Ho serbato così agli occhi loro

      la mia persona sempre fresca e nuova,

      la mia apparizione alla lor vista

      preziosa come il manto d'un pontefice

      che mai si vede senza meraviglia;

      e così la regale mia presenza,

      infrequente, ma sempre assai sontuosa,

      assumeva un carattere di festa

      più solenne per quanto più infrequente.

      Il re, al contrario, frivolo com'era,

      coll'andar sgambettando a destra e a manca

      attorniato da insulsi perdigiorno

      o da scapati spiriti salaci,

      frascame presto acceso e presto spento,

      scardassava la propria dignità

      col mischiare la sua regal persona

      a quella di grotteschi giocolieri

      lasciando profanar dai loro lazzi

      il suo grande casato,

      e dando questo in pasto ai miagolii

      di volgari e sboccati monellacci,

      sopportando frecciate e doppi sensi

      dal primo scriteriato sbarbatello,

      associandosi a gente d'ogni risma,

      vassallo della popolarità;

      tantoché, ingoiato a sazietà

      un giorno dopo l'altro, dai loro occhi,

      finì per satollarli di quel miele,

      e quelli si ridussero a schifare,

      come sempre succede, quel dolciume

      di cui appena più del poco è troppo.

      Così, quando sorgeva alcun motivo

      ch'egli apparisse ufficialmente in pubblico,

      era per lui come il cuculo a giugno,

      che canta, ma nessuno ci fa caso;

      guardato, ma da occhi così stanchi

      e resi ciechi dalla consuetudine

      da non attrarre più sopra di sé

      gli sguardi di stupita meraviglia

      che attira il sole della maestà

      quando splende di rado

      all'ammirata vista della gente:

      guardato, ma da palpebre assonnate,

      che gli dormivano perfino in faccia,

      o gli facevano ostentatamente

      quell'aria corrucciata che hanno gli uomini

      quando sono davanti ad un nemico,

      tanto sazi eran tutti, anzi stuccati

      ormai della sua vista.

      Tale è la tua precisa situazione,

      Harry, perché con questa tua condotta

      hai perduto la tua prerogativa

      di principe associandoti ogni giorno

      a sì volgari e basse compagnie.

      E non c'è occhio che della tua vista

      non sia stuccato, tanto gli è consueta,

      salvo purtroppo il mio,

      che avrebbe invece assai desiderato

      di vederti più spesso, e che, ahimè,

      fa ora quel che non vorrei facesse

      lasciandosi accecare

      da lacrime di sciocca tenerezza.

Principe -

      Mi sforzerò, grazioso mio signore,

      d'ora in avanti d'esser più me stesso.

Enrico -

      Quale sei oggi tu, per tutto il mondo,

      era Riccardo109, quando dalla Francia

      rimisi piede a Ravenspurgh,

      e quel ch'io ero allora è oggi Percy.

      Ebbene, giuro su questo mio scettro

      e sull'anima mia che più degno

      di regger questo regno egli è di te,

      che della mia successione sei l'ombra;

      perché pur non avendone diritto

      né lontana parvenza di diritto,

      egli riempie i campi del reame

      d'uomini armati ed ordigni di guerra,

      leva il capo contro le fauci armate

      del leone, e pur non essendo in debito

      cogli anni più di quanto lo sia tu,

      riesce a trascinare dietro di sé

      anziani pari e reverendi vescovi

      in cruente battaglie e duri scontri.

      Quale gloria perenne

      non s'è egli acquistata combattendo

      contro l'illustre Douglas, le cui gesta,

      le cui brucianti ardite scorribande

      ed il gran nome nel mestier dell'armi

      gli han guadagnato un grado eminentissimo

      e il supremo comando

      presso tutti gli eserciti dei regni

      che riconoscono la fede in Cristo.

      Tre volte questo Hotspur,

      questo infante guerriero, un Marte in fasce,

      ha sconfitto in battaglia il grande Douglas;

      una volta l'ha preso prigioniero,

      l'ha liberato e se l'è fatto amico

      per dar più forte voce alla sua sfida

      tesa a scrollare dalla fondamenta

      la pace e la salute del mio trono.

      Che dici tu, davanti a tutto questo?

      Questo Percy, Northumberland suo padre,

      sua grazia l'arcivescovo di York,

      Mortimer, Douglas sono ora alleati

      contro di noi e son già scesi in armi...

      Oh, ma perché ti dico queste cose?...

      Perché parlare a te dei miei nemici,

      a te che sei, Harry, il più vicino

      e il più crudele di questi nemici?

      A te, che sei tal uomo,

      che per servil paura o basso istinto,

      o per un semplice accesso di stizza,

      saresti anche capace di combattere

      contro di me al soldo di quel Percy,

      strisciargli alle calcagna come un cane,

      inchinandoti ad ogni suo cipiglio,

      ansioso di mostrare avanti a tutti

      fino a che punto sei degenerato?

Principe -

      Non pensatelo questo. Non sarà.

      Lo vedrete. Dio voglia perdonare

      a chi ha tanto da me allontanato

      il buon giudizio di vostra maestà.

      Di tutto questo mi redimerò

      con la testa di Percy,

      e al tramonto d'un giorno vittorioso

      oserò di chiamarmi vostro figlio:

      avrò indosso un vestito tutto sangue,

      ed una maschera di sangue in faccia

      che, lavata, porterà via con sé

      l'ultima traccia della mia vergogna.

      E sarà il giorno - quando sia per sorgere -

      in cui questo rampollo dell'onore

      e della fama, questo prode Hotspur,

      questo tanto osannato cavaliere

      e il vostro oscuro ed ignorato Enrico

      si saranno incontrati faccia a faccia.

      Vorrei che diventasse moltitudine

      ogni onore che splende sul suo elmo,

      e che si raddoppiasse sul mio capo

      ogni vergogna, perché verrà l'ora

      ch'io questo baldo giovane del nord

      costringerò a scambiare le sue glorie

      con le mie indegnità.

      Percy non è che il mio depositario,

      mio buon signore, al quale ho dato incarico

      d'incettare per me gesta gloriose,

      di cui lo chiamerò a un certo punto

      a rendere sì rigoroso conto

      che dovrà cedermi tutta la gloria,

      sì, signore, anche l'ultima

      infinitesima parte d'onore

      guadagnata in tutta sua vita,

      o sarò io col filo della spada

      a strappargli dal cuore questo conto110.

      Questo, davanti Dio, qui vi prometto;

      e s'Ei così vorrà, lo adempirò;

      e supplico la vostra maestà

      di ritenere questa mia promessa

      balsamo a risanare le ferite

      della trascorsa mia dissolutezza.

      Se no, che sia la fine di mia vita

      a sanare ed estinguere ogni debito;

      ch'io vo' morir di centomila morti

      prima d'infrangere di questo voto

      la più piccola parte.

Enrico -

      E sia questo tuo voto

      morte per centomila rivoltosi!

      Avrai in questa guerra

      il comando supremo dell'esercito

      e la piena fiducia del tuo re.

     

      Entra sir Walter Blunt

     

      Che c'è, Blunt? I tuoi occhi

      mi pare che trabocchino d'urgenza.

Blunt -

      Ed urgente è l'annuncio per cui vengo:

      Lord Mortimer di Scozia fa sapere

      che l'undici di questo mese, a Shrewsbury,

      Douglas s'è unito ai rivoltosi inglesi.

      Se le promesse saran mantenute

      dalle due parti, avran formato insieme

      il più potente e temibile esercito

      che mai tramò ai danni d'uno Stato.

Enrico -

      Lord Westmoreland è già da oggi in marcia

      coi nostri, ed è con lui anche mio figlio

      Giovanni di Lancaster; la notizia

      è già vecchia di almeno cinque giorni.

      Tu, Harry, partirai mercoledì,

      giovedì ci mettiamo in marcia noi.

      Il nostro appuntamento è a Bridgenorth;

      e, Harry, andrai per la contea di Gloucester;

      sicché, a conti fatti,

      e calcolando il tempo necessario

      a sbrigare gli affari sottomano,

      tutte le nostre forze

      potran trovarsi concentrate a Bridgenorth

      fra circa dodici giorni da oggi.

      Abbiam le mani cariche d'impegni,

      ed ogni nostro indugio

      non fa che rimpinguare il lor vantaggio.

     

      (Escono)

     

SCENA III - La taverna "Alla testa di cinghiale" a Eastcheap, prima mattina.

     

      Entrano Falstaff, con una mazza ferrata alla cintola, e Bardolfo

     

Falstaff -

      Bardolfo, che ne dici, non ti pare

      ch'io sia pietosamente dimagrito

      dopo l'ultima nostra spedizione?

      Non son calato? Diventato minzo?

      Guarda, toh! Ho la pelle che mi casca

      manco fosse la gonna sbrindolata

      d'una vecchi matrona; sono vizzo

      come la scorsa d'una mela secca111.

      Bah, devo fare proprio contrizione...

      e subito finché mi trovo in carne,

      perché presto sarò ridotto male

      e non avrò nemmeno più la forza

      per pentirmi. Se non mi son scordato

      com'è fatto l'interno d'una chiesa

      sono una nullità112, un cavallo bolso113.

      L'interno d'una chiesa... Eh, che rovina.

      sono state le male compagnie!

Bardolfo -

      Sir John, ma voi con tutti questi crucci

      che vi date, non camperete molto.

Falstaff -

      Eh, sì, è vero. Su, cantami tu

      allora qualche oscena canzoncella

      che mi rimetta un poco in allegria.

      Io ero un tipo incline alla virtù,

      come convien che sia un gentiluomo,

      virtuoso, voglio dire, quanto basta:

      qualche bestemmia ogni tanto; coi dadi

      non più di sette volte a settimana114,

      non andavo al bordello

      più d'una volta ogni quarto...

Bardolfo -

      Di luna115?

Falstaff -

      ... d'ora. I quattrini che prendevo a prestito

      tre, quattro volte li ho restituiti116.

      Vivevo bene, insomma, e in buona regola;

      adesso vivo fuor d'ogni misura,

      e maledettamente fuori squadra.

Bardolfo -

      È che voi siete, sir John, così grasso

      che per forza dovete essere fuori

      da ogni ragionevole misura

Falstaff -

      Tu pensa ad emendare la tua faccia,

      io penso ad emendare la mia vita.

      Perché con quel tuo naso

      tu sei come la lampada di poppa

      dell'ammiraglia della nostra flotta:

      il Cavalier della lampada ardente117.

Bardolfo -

      Evvia, sir John, non v'ha mai fatto male.

      questa mia faccia.

Falstaff -

      Ah, questo no, lo giuro.

      Io mi servo di essa

      come tanti si servon d'un anello

      con la testa di morto, ovverossia

      ne faccio l'uso d'un memento mori118:

      ché non posso guardare la tua faccia

      senza pensare al fuoco dell'inferno

      ed al ricco epulone del Vangelo

      ch'era vissuto sempre nella porpora

      ed ora eccolo lì, sulla tua faccia

      che brucia e brucia nei suoi paramenti.

      Se per caso tu fossi in qualche modo

      una persona incline alla virtù,

      sulla tua faccia ci potrei giurare:

      "Giuro su questo fuoco" - giurerei -

      ch'esso è quello d'un angelo di Dio".

      Ma tu sei tutto in potere del diavolo,

      e se non fosse per quella lanterna

      che porti sempre accesa sulla faccia,

      saresti il figlio della super-tenebra.

      Quando correvi su per la collina

      di Gadshill, l'altra notte,

      per andare a riprendermi il cavallo,

      se non ti presi per un fuoco fatuo119

      o una palla infuocata da battaglia120,

      al mondo non c'è più moneta buona121.

      Oh, tu sei proprio una luce perpetua,

      un eterno falò. Con la tua luce

      m'hai fatto risparmiare mille marchi

      in torce e fiaccole, quando, di notte

      passavamo da una taverna all'altra:

      anche se tutto il vin secco di Spagna

      che ti sei tracannato a spese mie

      m'avrebbe consentito di comprare

      a pari prezzo una serqua di lumi

      dalla più cara cereria d'Europa.

      Per ben trentadue anni ho mantenuto

      la salamandra di quella tua faccia,

      alimentandola a fuoco continuo,

      che Dio Signore me ne renda merito!

Bardolfo -

      Sangue di Cristo, nella vostra pancia

      dovreste averla voi questa mia faccia!

Falstaff -

      Misericordia di Dio! Di sicuro

      brucerei tutto dentro dalla rabbia122!

     

      Entra l'ostessa Quickly

     

      Ebbene, Donna Partlett la pollastra123,

      siete poi riuscita ad accertare

      chi è stato a ripulire la mia tasca?

Ostessa -

      Oh, che mi dite mai, Sir John, sir John!

      Io, tener dei marioli in casa mia?

      Ho frugato, cercato, interrogato,

      e così ha fatto pure mio marito

      con tutti i miei garzoni, ad uno ad uno.

      Mai finora è mancata in casa mia

      la millesima parte d'un capello.

Falstaff -

      Bugiarda d'un'ostessa! In questa casa

      Bardolfo ci si fece far la barba

      e perse più d'un pelo; e a me, qui dentro,

      giuro che m'han ripulito le tasche.

      Va' là, va' là, che sempre donna siete!

Ostessa -

      Che, io? Allora non mi conoscete124!

      Per la luce di Dio! Nessuno mai

      m'ha chiamata così, in casa mia!

Falstaff -

      Va' là, ch'io vi conosco troppo bene!

Ostessa -

      No, sir John, non mi conoscete affatto,

      sir John, ma io conosco voi, sir John!

      Voi mi dovete un bel po' di quattrini,

      e adesso m'attaccate briga apposta

      per non restituirmeli, sir John!

      Ho comprato per voi, di tasca mia,

      una buona dozzina di camicie.

Falstaff -

      Robaccia, sporca tela di Bretagna.

      L'ho regalata a mogli di fornai

      perché ce ne facessero setacci.

Ostessa -

      Ah, che devo sentire! Quella roba,

      com'è vero ch'io son donna per bene,

      era finissima tela d'Olanda,

      roba da otto scellini la canna!

      Ed oltre a questo mi dovete ancora,

      sir John, altro danaro per il vitto,

      per le vostre bevute fuori pasto

      e per quel prestituccio che v'ho fatto:

      venticinque sterline, cavaliere!

Falstaff -

      (Indicando Bardolfo)

      C'era anche lui. Che paghi la sua parte.

Ostessa -

      Lui? Poveretto, se non ha un quattrino!

      Falstaff-

      "Poveretto?" Guardategli la faccia.

      E chi chiamate ricco voi, allora?

      Si può batter moneta con quel naso,

      con quelle guance là. Per conto mio,

      io non vi pago il becco un quattrino.

      E che! Non sono mica un giovincello!

      Ch'io non mi possa mettere a mio agio

      tra le pareti della mia locanda

      senza aver le mie tasche ripulite?

      Ho perduto un anello di mio nonno,

      un anello con tanto di sigillo,

      quaranta marchi almeno di valore.

Ostessa -

      O Gesù! Ma non so quante mai volte

      ho udito il Principe che gli diceva

      che quell'anello era rame placcato!

Falstaff -

      Ah, sì, eh? Il principe è una canaglia,

      un subdolo furfante. Fosse qui,

      Sangue di Cristo, lo bastonerei

      come un cane, se ripetesse questo!

     

      Entra il Principe DI Galles, dietro di lui Peto; Falstaff va loro incontro fingendo di suonare il piffero col bastone che ha alla cintola, come a volerne accompagnare scherzosamente la marcia.

Falstaff -

      Beh, ragazzo, qual vento

      spira da quella porta? Tutti in marcia125?

Bardolfo -

      Tutti in fila per due, come a Newsgate126.

Ostessa -

      (Al Principe)

      Monsignore, di grazia, una parola...

Principe -

      Oh, sì, madama Quickly, che mi dici?

      Come sta di salute tuo marito?

      Gli voglio bene, gran brava persona.

Ostessa -

      Mio buon signore, vogliate ascoltarmi...

Falstaff -

      Lasciala andare. Ascolta me piuttosto.

Principe -

      Che hai da dirmi, cocco?

Falstaff -

      L'altra sera mi sono addormentato

      qui, dietro quell'arazzo, ed al risveglio

      mi trovo borseggiato. Questa casa

      è diventata un bordello: ci rubano.

Principe -

      Perché, ti manca qualche cosa, cocco?

Falstaff -

      Mi crederai, Hal, se te lo dico?

      Tre o quattro obbligazioni del Tesoro

      di quaranta sterline cadauna

      e l'anello a sigillo di mio nonno.

Principe -

      Robetta, forse un otto pence in tutto.

Ostessa -

      Così gli ho detto anch'io, signore mio,

      e che avevo sentito dir da voi

      la stessa cosa; ma lui, monsignore,

      parlò di voi nel modo più villano

      da quella gran malalingua che è,

      e disse che v'avrebbe bastonato.

Principe -

      Ha detto questo? No, non è possibile!

Ostessa -

      Se non è verità, potete dire

      che in me non c'è più fede, verità

      ed essenza di donna.

Falstaff -

      In quanto a fede,

      non ce n'è in te sicuramente più

      che in una prugna cotta127; e verità

      quanta ce n'è in una volpe stanata;

      e quanto poi all'essenza di donna,

      la Pulzella Marianna128, al tuo confronto

      potrebb'esser la moglie intemerata

      del vice capitano delle guardie.

      Va', va', roba...

Ostessa -

      Che roba, di', che roba?

Falstaff -

      Roba da farsi il segno della Croce129!

Ostessa -

      Io non son roba da segno di Croce,

      tienilo bene in mente!

      Son la moglie d'un uomo rispettabile;

      e tu, a parte il tuo cavalierato,

      sei un infame a trattarmi così!

Falstaff -

      E tu, a parte il tuo essere donna,

      sei una bestia a contraddirmi sempre.

Ostessa -

      E che bestia sarei per te, furfante?

Falstaff -

      Che bestia? Beh, una lontra.

Principe -

      E perché mai, sir John? Perché una lontra?

Falstaff -

      Perché come una lontra,

      non si sa se sia carne o se sia pesce,

      ed uno non sa mai come pigliarla.

Ostessa -

      Siete davvero ingiusto a dir così,

      perché voi stesso, come chiunque altro,

      sapete bene da che parte prendermi.

Principe -

      Parole sante, Ostessa! È una calunnia

      questa che lui ti fa.

Ostessa -

      E come me,

      anche calunnia vostra signoria.

      Sapete che m'ha detto giorni fa?

      Che voi dovete a lui mille sterline.

Principe -

      Gaglioffo, io mille sterline a te?

Falstaff -

      Macché mille, un milione me ne devi,

      Hal, tanto vale l'amor tuo per me,

      e di tanto mi sei tu debitore!

Ostessa -

      No, monsignore, vi chiamò canaglia,

      e disse che v'avrebbe bastonato.

Falstaff -

      Bardolfo, ho detto questo?

Bardolfo -

      Eh, sì, sir John,

      l'avete detto, ad essere sinceri.

Falstaff -

      Sì, ma sempre che lui avesse detto

      che il mio anello era fatto di rame.

Principe -

      E così ho detto e ripeto: è di rame.

      Confermi adesso quelle tue parole?

Falstaff -

      Beh, Hal, lo sai: con te in quanto uomo,

      io del coraggio ce n'avrei da vendere;

      ma di te come principe reale,

      ho paura, così come ho paura

      del ruggito d'un cucciolo leone.

Principe -

      D'un leone, perché?

Falstaff -

      Il re è leone:

      solo di lui si deve aver paura.

      Credi forse ch'io possa aver

      la paura che ho del re tuo padre?

      No, e se mai accada,

      pregherò Dio che mi faccia spezzare

      questa cintura130.

Principe -

      Oh, chi sa che spettacolo,

      la cintura spezzata, e le budella

      che ti cascano giù fino ai ginocchi!

      Ma in codesto tuo torso non c'è posto

      per fede, verità ed onestà,

      piena com'è di trippa e di budella.

      Accusare una sì virtuosa donna

      d'averti ripulito le saccocce!

      Ma, screanzato figlio di puttana,

      farabutto imbottito di grassume,

      se nelle tasche tue non c'era altro

      che un ciarpame di conti d'osteria,

      e liste di bordelli, e un cartoccetto

      con dentro un soldo di zucchero d'orzo

      per tirarti su il fiato!

      Se puoi provarmi che nelle tue tasche

      oltre a questo ci fosse ancor dell'altro,

      io sono una carogna imbalsamata!.

      E ciò malgrado, insisti a contraddire

      e ti rifiuti d'intascare il torto.

      Non ti vergogni?

Falstaff -

      Hal, stammi a sentire:

      tu sai in quale stato d'innocenza

      cadde in peccato Adamo;

      e che può fare il povero John Falstaff

      in quest'epoca di ribalderia?

      Tu lo vedi, ho io più carne addosso

      di qualsiasi altro misero mortale,

      e dunque pure più fragilità.

      Confessi allora d'esser stato tu

      ad aver ripulito le mie tasche?

Principe -

      Così parrebbe, a rigore di cronaca.

Falstaff -

      Quand'è così, Ostessa, ti discolpo.

      Va', pensa a preparar la colazione,

      ad amar tuo marito,

      a sorvegliare la tua servitù

      e a trattare a dovere i tuoi clienti.

      Mi troverai disposto d'ora innanzi

      ad ogni ragionevole argomento.

      Vedi che sono rappacificato.

      No, ti prego, ora va'.

     

      (Esce l'Ostessa)

     

      Ed ora, Hal,

      veniamo alle notizie dalla corte:

      come si mette, cocco, la faccenda

      della rapina?

Principe -

      Eh, mio dolce bue,

      debbo ancora una volta essere io

      il tuo angelo buono.

      Quel denaro sarà restituito.

Falstaff -

      Ah, quest'usanza di restituire

      non mi va a genio: è una doppia fatica131.

Principe -

      Adesso sono in buona con mio padre,

      posso permettermi qualunque cosa.

Falstaff -

      E permettiti, come prima cosa,

      di sgraffignargli allora lo scacchiere132,

      senza nemmeno stare a perder tempo

      a lavarti le mani.

Bardolfo -

      Oh, sì, signore!

      Fatelo.

Principe -

      (A Falstaff)

      Vecchio John, t'ho procurato

      un grado in una compagnia di fanti.

Falstaff -

      Meglio fossero stati cavalieri.

      (Tra sé)

      Dove lo trovo in mezzo a quelli un tipo

      che sappia ben rubare133?

      Mi servirebbe un ladruncolo in gamba,

      d'età sui ventidue, o giù di lì.

      Sono sguarnito in modo vergognoso134.

      Per fortuna ci son questi ribelli...

      solo i virtuosi ce l'hanno con loro:

      io li lodo e li approvo.

Principe -

      Bardolfo.

Bardolfo -

      Mio signore?

Principe -

      (Consegnandogli due lettere)

      Questa lettera al principe di Lancaster,

      mio fratello Giovanni, di carriera;

      quest'altra a lord Westmoreland.

      Noi due, Peto, a cavallo! Trenta miglia

      dobbiamo fare entro l'ora di pranzo.

      (A Falstaff)

      Jack, ti farai trovare a Temple Hall

      domani, per le due del pomeriggio:

      Là ti diran la tua destinazione,

      riceverai denaro ed istruzioni

      per l'equipaggiamento della truppa.

      La terra brucia, Percy alza la cresta

      sempre più in alto; adesso o noi o loro:

      uno dei due dovrà cadere in basso.

     

      (Esce)

Falstaff -

      Parole sante! Mondo coraggioso!

      Ostessa, presto, la mia colazione!

      Ah, se questa taverna

      potesse diventare il mio tamburo135!

     

      (Esce)

     

Atto quarto

SCENA I - Il campo dei rivoltosi presso Shrewsbury

     

      Entrano Hotspur, Worcester e Douglas

     

Hotspur -

      (A Douglas)

      Ben detto, nobile scozzese, è vero:

      se in questi tempi di raffinatezza

      non si scambiasse per adulazione

      il dir la verità com'essa è,

      Douglas dovrebbe avere tante lodi

      come grande soldato che il suo nome

      dovrebbe avere corso in tutto il mondo

      come nessuno in questo nostro tempo136.

      Per Dio, io non son uso a lusingare,

      e del linguaggio degli incensatori

      diffido; ma nessuno più di te

      ha nel mio cuore un posto così alto.

Douglas -

      Tu sei il re dell'elogio.

      Vero è che non respira sulla terra

      uomo tanto potente

      ch'io non abbia il coraggio di sfidare.

Hotspur -

      Sii tale, e tutto andrà per il suo verso.

     

      Entra un Messo con una lettera

     

      Che lettera hai costà?

      (Il messo gli consegna la lettera)

      Io non posso che dirti: "Ti ringrazio".

Messo -

      Questa lettera vien da vostro padre.

Hotspur -

      Da mio padre... Perché non viene lui?

Messo -

      Egli non può, signore, è assai malato...

Hotspur -

      Sangue di Cristo! Come si permette

      mio padre di ammalarsi proprio adesso

      ch'è giunta l'ora di menar le mani?

      Chi è dunque alla testa dei suoi uomini?

      Al comando di chi vengono qui?

Messo -

      Io, signore, vi reco la sua lettera,

      non quello ch'egli ha in mente.

Hotspur -

      Puoi dirmi almeno, prego, se sta a letto?

Messo -

      Sì, signore, era a letto

      da quattro giorni quando son partito,

      e al momento che mi son messo in viaggio

      i medici eran molto preoccupati.

Worcester -

      Ah, fosse stata almeno definita

      la nostra situazione

      prima che intervenisse questo male!

      Mai ci fu sì preziosa come adesso

      la sua buona salute.

Hotspur -

      Andarsi ad ammalare proprio ora!

      Venirci meno in un tale frangente!

      Questo male ci infetta il sangue vivo

      nelle vene di questa nostra impresa,

      ci contagia, come una peste, il campo.

      Mi scrive qui ch'è un suo male interiore;

      che non poteva in così breve tempo

      trovar chi radunasse i suoi amici,

      e che non ha ritenuto opportuno

      affidare sì delicato compito

      a gente che non fosse, come lui,

      con l'animo infiammato alla contesa.

      Ci dà comunque l'ardito consiglio

      di muovere ugualmente all'offensiva

      con le modeste nostre forze unite,

      non fosse che allo scopo di saggiare

      come è disposta con noi la fortuna;

      perché - mi aggiunge - non è più possibile

      tirarsi ormai indietro,

      visto che il re conosce certamente

      i nostri piani. Beh, che ve ne pare?

Worcester -

      È una mutilazione bella è buona

      per noi questo malanno di tuo padre.

Hotspur -

      Eh, certo, un brutto taglio,

      come un arto che sia strappato via.

      Eppure, in fede mia, così non è:

      quest'assenza ci appare, in verità,

      più gravosa di quanto scopriremo

      alla prova dei fatti.

      Mi chiedo infatti se sarebbe bene

      puntare tutte le nostre risorse

      su un sol getto di dadi,

      ed affidare una sì alta posta

      all'azzardo di un'ora così incerta.

      No, non sarebbe stato affatto bene:

      avremmo messo in gioco tutto insieme

      il fondo e l'anima d'ogni speranza,

      e conosciuto l'ultimo confine

      di tutte quante le fortune nostre.

Douglas -

      Così avverrebbe, credo, in fede mia.

      Mentre, per come stanno ora le cose,

      ci resta una preziosa eredità

      a cui possiamo baldamente attingere

      la speranza di quello che verrà.

      E ciò mantiene viva in tutti noi

      la confortante attesa d'un rifugio

      ove cercare un ultimo riparo.

Hotspur -

      Un punto di raccolta,

      appunto, un tetto in cui trovare asilo,

      se mai il diavolo e la fortuna

      avessero a guardare di malocchio

      su questa vergine nostra intrapresa.

Worcester -

      Avrei desiderato, tuttavia,

      che fosse stato qui anche tuo padre.

      La natura e il carattere

      di questa nostra ardita iniziativa

      non tollerano alcuna spaccatura.

      Ora si penserà sicuramente

      da parte di coloro che non sanno

      il motivo per cui ei non è qui,

      che a consigliarlo a rimanere estraneo

      a quest'azione sia stata saggezza

      oppure lealtà verso il suo re,

      o pura e semplice sua repugnanza:

      pensate come simil congettura

      possa influire sulle decisioni

      di questa o quella fazione indecisa,

      e alimentare dubbi d'ogni sorta

      sulla schiettezza della nostra causa.

      E noi, che, lo sapete, siam la parte

      che ha l'iniziativa dell'azione,

      dobbiamo a questo punto far di tutto

      per evitar giudizi troppo attenti

      e turare spiragli e feritoie

      per i quali ci possa sogguardare

      l'occhio della ragione popolare.

      L'assenza di tuo padre, in realtà,

      solleva agli occhi della gente ignara

      una cortina dietro il cui velame

      può sospettarsi nelle nostre file

      l'esistenza d'un senso di paura

      ch'era stato finora insospettato.

Hotspur -

      Tu forzi troppo il senso delle cose.

      Io, dal mancato arrivo di mio padre,

      traggo piuttosto questo buon avviso:

      che ne derivi lustro e buona fama

      e più forte motivo di ardimento

      a questa nostra grande iniziativa

      che non fosse qui con noi mio padre:

      perché la gente penserà che noi,

      anche senza il suo aiuto,

      abbiam saputo raccogliere forze

      bastanti da scagliar contro un regno,

      e che, fatti più forti col suo aiuto,

      potremmo addirittura rovesciarlo.

      Sì, qui va tutto bene,

      tutte le nostre membra sono sane.

Douglas -

      Come non può desiderarsi meglio.

      Ed in tutta la Scozia

      non c'è lingua che sappia pronunciare

      la parola "paura": non esiste.

     

      Entra sir Richard Vernon

Hotspur -

      Oh, cugino, Vernon!

      Con tutta l'anima, sii benvenuto!

Vernon -

      Volesse Dio che anche benvenute

      fossero le notizie che vi porto.

      Eccole in breve: il conte di Westmoreland

      alla testa di settemila armati

      è in marcia verso questa direzione,

      ed è con lui il principe Giovanni.

Hotspur -

      Niente da preoccuparsi. C'è di più?

Vernon -

      Sì, anche il re in persona, a quanto ho appreso,

      è sceso in campo con un forte esercito

      e punta a grandi marce su di noi.

Hotspur -

      Daremo il benvenuto pure a lui.

      E suo figlio, quel matto gambalesta

      del principe di Gallese, dove sta,

      con tutto il suo codazzo di gregari,

      che hanno sempre tenuto a spregio il mondo

      e gli hanno detto "Va' come ti pare137"?

Vernon -

      Tutti in assetto e in armi, piume al vento

      come struzzi che van battendo l'ali,

      freschi come aquilotti

      usciti mo' dal bagno; luccicanti

      come icone di santi in cotte d'oro,

      fiorenti come il maggio, sfolgoranti

      come il mese di maggio, sfolgoranti

      vispi come capretti,

      scatenati come torelli in foja.

      Ho visto il giovane Harry,

      morione alzato e cosciali alle gambe,

      spavaldo nella splendida armatura,

      levarsi su come un Mercurio alato

      e muoversi così sicuro in sella,

      come un angelo sceso dalle nuvole

      a far piroettare e volteggiare

      ed impennare un Pegaso focoso,

      da lasciare incantati tutti gli occhi

      con la sua maestria nel cavalcare.

Hotspur -

      Eh, basta, basta! Questi panegirici

      mi fan venire addosso la terzana

      più del sole di marzo!... Vengan pure:

      verranno incontro al loro sacrificio

      in quella loro ricca agghindatura;

      e li offriremo, caldi e sanguinanti,

      alle vergine dea occhi-di-brace

      della fumosa guerra: su quell'ara

      lo stesso Marte sederà in corazza,

      tinto di sangue su fino agli orecchi.

      Ardo all'idea che questa ricca preda

      è pur vicina, ma non ancor nostra.

      Su, su, voglio provare il mio destriero

      che mi deve scagliare come un fulmine

      contro il petto del Principe di Galles!

      Enrico a Enrico, cavallo a cavallo,

      focosi entrambi, e non si staccheranno

      finché uno dei due, disarcionato

      a terra, non sarà più che un cadavere.

      Oh, fosse qui Glendower!

Vernon -

      Quanto a lui,

      ho appreso, mentre attraversavo il Worcester,

      che ci vorranno ancor due settimane

      perché possa raccoglier la sua forza.

Douglas -

      Ah, questa sì ch'è la peggior notizia

      finora udita.

Hotspur -

      Sì, davvero gelida.

      Quanti potranno esser gli effettivi

      delle truppe del re?

Vernon -

      Sui ventimila.

Hotspur -

      Mettiamo siano pur quarantamila:

      anche assenti mio padre ed il Glendower,

      i nostri sono più che sufficienti

      per questa gran giornata.

      Andiamo, presto, a passarli in rassegna.

      Il giorno del Giudizio s'avvicina:

      Se dobbiamo morire,

      moriamo almeno tutti in allegria!

Douglas -

      Non parlare di morte.

      Io per questi sei mesi138 della morte,

      della sua mano non debbo temere.

     

      (Escono)

     

SCENA II - Strada in vicinanza di Coventry

     

      Entrano Falstaff e Bardolfo

     

Falstaff -

      Bardolfo, tu va' a Coventry,

      avanti a noi: fammi trovare là

      una borraccia piena di vin secco:

      io seguito a marciare con la truppa.

      Saremo a Sutton Coldfield questa sera.

Bardolfo -

      I soldi, capitano?

Falstaff -

      Paga tu, intanto, e metti tutto in conto spese.

Bardolfo -

      Ma una borraccia di secco fa un angelo139.

Falstaff -

      Se fa un angelo, tienitelo tu

      per il disturbo, se poi ne fa venti,

      tienteli tutti, ne rispondo io.

      Ordina a Peto, il mio luogotenente,

      a nome mio, di venirmi a incontrare

      all'altra estremità della città

Bardolfo -

      Va bene, capo. Vado.

     

      (Esce)

Falstaff -

      Se dico che non ho da vergognarmi

      dei soldati del mio raggruppamento,

      son proprio una salacca in salamoia!

      Ho sfruttato a mio basso tornaconto

      il mandato affidatomi dal re

      di far arruolamenti per l'esercito.

      Per reclutare cencinquanta uomini

      ho messo in tasca trecento sterline

      e rotti. Recluto, in verità,

      soltanto bravi figli di papà,

      figli di contadini benestanti;

      scapoli giovanotti fidanzati

      prossimi a celebrare il matrimonio140:

      una merce di ricchi vitelloni

      che preferiscono sentire il diavolo

      piuttosto che il rullare d'un tamburo,

      capaci di morire di paura

      al primo sparo d'una colubrina

      più ratto d'un fagiano impallinato

      o d'un'oca selvatica cacciata.

      Mi sono dato, insomma, alla ricerca

      di tutti molliconi pane-e-burro,

      gente dal cuore piccolo

      meno della capocchia d'uno spillo

      e che m'hanno pagato a peso d'oro

      per farsi esonerare dal servizio;

      sicché tutta la truppa al mio comando

      consiste solo di portabandiera,

      di caporali, di luogotenenti

      di miseri appuntati sbrindellati

      scalcagnati e cenciosi come Lazzaro,

      quello rappresentato negli arazzi

      con intorno i levrieri d'Epulone

      che gli leccan le piaghe: tutta gente

      che il soldato l'ha visto da lontano,

      servitori infedeli licenziati,

      figli cadetti di padri cadetti,

      apprendisti fuggiti dai padroni,

      stallieri senza più un'occupazione:

      le tarme d'una società tranquilla

      e in lunga pace; gente miserabile,

      dieci volte più squallida e stracciona

      d'una vecchia bandiera sbertucciata.

      Insomma, per colmare le vacanze

      di quelli che han pagato per sottrarvisi,

      mi trovo a comandar tali elementi,

      - centocinquanta in tutto -, che somigliano

      a tanti scalcagnati figliol prodighi

      appena mo' tornati alle lor case

      dal far la guardia ai porci

      e dal mangiare rimasugli e ghiande141

      Ho incontrato per strada un bello spirito

      che m'ha chiesto se avessi alleggerito

      i capestri di tutta l'Inghilterra

      e reclutato i cadaveri appesi.

      Spaventapasseri mai visti prima!

      Con simili campioni nelle file,

      mi guarderò assai bene, garantito,

      dallo sfilare per le vie di Coventry.

      Tra l'altro, queste risme di furfanti

      non sanno che marciare a gambe larghe,

      come avessero i piedi ancora in ceppi;

      e, per la verità, la maggior parte

      li ho tratti io stesso fuori di galera.

      In tutto il mio reparto,

      esiste solo una camicia e mezza;

      e quella mezza son due pannolini

      uniti insieme e messi sulle spalle

      come cotta d'araldo senza maniche;

      e l'unica camicia, a dirla tutta,

      dev'esser quella rubata al mio oste

      a Sant'Albano, o all'altro locandiere

      dal naso rosso a Daventry.

      Ma, non fa niente: quanto a biancheria

      ne troveranno su tutte le siepi.

     

      Entrano il Principe di Galles e Westmoreland

Principe -

      (A Falstaff)

      Ehi, pallone rigonfio!

      Come vanno le cose, materasso?

Falstaff -

      Oh, Hal! Sei tu? Come ti va, bellezza?

      Che diavolo ci fai da queste parti142?

      E voi, mio buon signore di Westmoreland?

      Vi domando perdono, vostro onore,

      ma vi facevo già arrivato a Shrewsbury.

Westmoreland -

      Infatti dovrei essere già là,

      ed anche voi, sir John, sarebbe tempo.

      Ma le mie truppe sono già sul posto.

      Posso dirvi che là ci aspetta il re:

      ci toccherà marciar tutta la notte.

Falstaff -

      Per me, niente paura: sono all'erta

      come un gatto che vuol rubar la panna.

Principe -

      Rubar la panna... Eh, lo credo bene,

      a forza di rubarla, sei già burro.

      Ma dimmi, a chi appartengono questi uomini

      che ci vengono dietro?

Falstaff -

      Sono i miei.

Principe -

      Non ho mai visto più compassionevole

      gente stracciona.

Falstaff -

      Poh, poh, senti, senti!

      Per essere infilzati da una lancia

      vanno bene; son carne da cannone.

      Buoni a riempire quanti altri più in gamba

      una fossa. Via, via, ragazzo mio,

      son uomini, son uomini mortali!

Westmoreland -

      Sì, sir John, ma li vedo troppo grami,

      troppo straccioni... troppo allampanati...

Falstaff -

      Da chi hanno preso tutti quegli stracci,

      in fede mia, non saprei proprio dire;

      e quanto alla magrezza,

      non l'han presa da me, sicuramente.

Principe -

      Ah, questo è certo, lo potrei giurare,

      salvo che non s'intenda per magrezza

      tre dita di grassume sulle costole.

      Però, compare, vedi di sbrigarti

      Percy è già sceso in campo.

     

      (Esce)

Falstaff -

      (A Westmoreland)

      Che! È già in campo il re?

Westmoreland -

      Lo è sir John,

      e noi ci siam troppo attardati, temo.

     

      (Esce)

Falstaff -

      Bene.

      "Zuffa finita

      "a lottatore pigro,

      "inizio di banchetto

      "ad ospite perfetto".

     

      (Esce seguendo gli altri due)

     

SCENA III - Il campo dei rivoltosi presso Shrewsbury

     

      Entrano Hotspur, Worcester, Douglas e Vernon

     

Hotspur -

      Attaccheremo questa notte stessa.

Worcester -

      Non mi pare possibile.

Hotspur -

      Se no,

      concederemo loro del vantaggio.

Vernon -

      Nemmeno per idea!

Hotspur -

      Ma come no!

      Non son forse in attesa di rinforzi?

Vernon -

      Anche noi.

Hotspur -

      Ma i loro sono sicuri,

      i nostri incerti.

Worcester -

      Nipote mio caro,

      làsciati consigliare: questa notte

      meglio non muover penna. Dammi retta.

Vernon -

      Sì, sì. meglio non muoversi, signore.

Douglas -

      (A Vernon)

      Non gli date davvero un buon consiglio.

      Voi parlate così

      per trepidezza e povertà di cuore.

Vernon -

      Douglas, non calunniatemi!

      Per la mia vita - perché con la vita

      son pronto a sostenere quel che dico,

      se onore me l'impone - il mio rapporto

      con l'infiacchita e trepida paura

      è così poco stretto quanto il vostro

      o quello di qualunque altro scozzese.

      E domani, in battaglia,

      si vedrà chi ha paura, signor mio.

Douglas -

      Bene, allora domani... o questa notte.

Vernon -

      Benissimo.

Hotspur -

      Io dico questa notte.

Vernon -

      No, questa notte no, non è possibile.

      Francamente, mi meraviglia molto

      che uomini di sì grande esperienza

      quali voi siete, non si rappresentino

      quali difficoltà frenano ancora

      la nostra iniziativa. I cavalieri

      di Vernon, mio cugino, ch'eran dati

      per certi qui, non sono ancora giunti;

      quelli di vostro zio, Tomaso Worcester,

      son giunti appena oggi, e il loro spirito

      e la loro baldanza e il lor coraggio

      son talmente assonnati e intorpiditi

      dalla fatica, che ciascun cavallo

      vale ancora metà della metà

      di quello che dovrebbe.

Hotspur -

      Ma lo stesso può dirsi, in generale,

      di tutta la cavalleria nemica,

      sfiancata anch'essa dalla lunga marcia;

      mentre di quella nostra una gran parte

      ha avuto modo di rifocillarsi.

Worcester -

      Già, solo che l'esercito del re

      è di gran lunga superiore al nostro.

      Per l'amore di Dio, nipote, ascolta:

      aspettiamo che sian qui giunti tutti.

     

      (Tromba a parlamento)

     

      Entra sir Walter Blunt

Blunt -

      Vengo latore di graziose offerte

      dalla parte del re,

      se m'accordate rispettoso ascolto.

Hotspur -

      Sir Walter Blunt, voi siete benvenuto,

      e Dio volesse che foste dei nostri.

      Non pochi tra di noi v'hanno assai caro,

      e si dolgon che un uomo come voi

      di grandi meriti e di buona fama

      non sia passato dalla nostra parte,

      ma ci si trovi a fronte, da nemico.

Blunt -

      E Dio voglia che tale io rimanga,

      fino a tanto che voi,

      trasgredendo ogni regola e confine

      di buona ed obbediente sudditanza

      vi sollevate in armi da ribelli

      contro la sacra maestà del re.

      Ma vengo al punto della mia missione.

      Il re mi manda per saper da voi

      la natura delle doglianze vostre,

      e per quale ragione congiurate143

      dal petto della nostra civil pace

      tale arrogante spirito di rivolta,

      dando esempio d'audace crudeltà

      ad un paese ossequiente alle leggi.

      Se il re avesse mai dimenticato

      in qualche modo i vostri buoni meriti,

      che comunque egli ammette per il primo

      essere molti ed alti,

      v'invito a formular le vostre istanze,

      e avrete tosto quanto vi è dovuto

      con gli interessi, e insieme il suo perdono

      assoluto e totale per voi stessi

      e per chiunque a vostra istigazione

      s'è sviato su questa falsa strada.

Hotspur -

      Il re è gentile, e noi sappiamo bene

      Com'ei conosca ben quando promettere

      e quando mantenere.

      Quella stessa corona ch'egli porta

      gliel'abbiam data noi,

      mio padre, mio zio Worcester ed io stesso.

      Quand'egli non aveva a sostenerlo

      che ventisei seguaci

      e non era nessuno in faccia al mondo,

      miserabile, gramo, senza soldi,

      ignorato da tutti, un fuorilegge

      che ritornava in patria di nascosto,

      fu mio padre a recargli il benvenuto

      al suo sbarco sui lidi d'Inghilterra;

      e ad udirlo giurar davanti a Dio

      ch'era tornato per il solo scopo

      di riottenere il ducato di Lancaster,

      reclamare i diritti ereditari

      e poter vivere in santa pace,

      il tutto in mezzo ad innocenti lacrime

      e smielate proteste di lealtà,

      mio padre, mosso dal suo nobil cuore

      a un naturale impulso di pietà,

      gli giurò aiuto, e tenne la promessa;

      talché quando i signori ed i baroni

      del regno videro che Lord Northumberland

      era dalla sua parte, grandi e piccoli,

      cappelli in mano e ginocchia per terra,

      gli si fecero incontro riverenti

      nelle città, nei borghi, nei villaggi;

      l'aspettavano lungo il suo passaggio

      facendo ala sui ponti, per le strade

      a deporgli le loro offerte ai piedi,

      a giuragli la loro fedeltà,

      a offrigli come paggi i loro figli,

      a seguirlo dovunque, passo passo

      in mezzo a moltitudini osannanti.

      In breve, il tempo che la sua grandezza

      acquistasse contezza di se stessa,

      ed è salito un gradino più in alto

      di quanto comportasse il giuramento

      da lui fatto a mio padre sulla spiaggia

      a Ravenspurgh, al tempo che il suo sangue

      era povero in canna144.

      Ed ora non fa altro che pensare

      a riformare editti ed ordinanze

      che dice - bontà sua145-

      esser troppo severi per il popolo;

      grida al sopruso e fa mostra di piangere

      sulle sventure della "cara patria";

      e a mostrarsi così, con quella faccia

      mascherata da sete di giustizia

      s'è facilmente accattivato il cuore

      di quanti aveva in tal guisa adescati.

      Ma va ancora più in là: taglia la testa

      a tutti quei favoriti del re

      che questi aveva, nella sua assenza,

      partito essendo in guerra per l'Irlanda,

      lasciato qui a fare le sue veci146.

Blunt -

      Beh, non son qui venuto

      per ascoltare questo.

Hotspur -

      Vengo al punto.

      Non passa molto, che depone il re.

      Subito dopo gli toglie la vita,

      e passa, senza porre alcun indugio

      a gravare di tasse tutto il regno.

      Fa di peggio: abbandona suo cugino,

      il conte Edoardo Mortimer di March147,

      - che dovrebb'essere ora il suo re,

      se stesse ognuno al posto che gli spetta -,

      prigioniero nel Galles,

      senza far nulla per il suo riscatto;

      tiene fuori delle sue grazie me,

      proprio nel colmo delle mie vittorie

      più fortunate, cerca in ogni modo

      d'irretirmi, servendosi di spie;

      caccia mio zio dal Consiglio, insultandolo,

      ed espelle mio padre dalla corte

      in uno dei consueti accessi d'ira;

      infrange i giuramenti un dopo l'altro,

      aggiunge torto a torto, e in conclusione

      ci riduce a cercar la sicurezza

      nel radunare questo nostro esercito,

      ed a scrutare tutti un po' più a fondo

      nella legittimità del suo titolo,

      la cui linea ci par troppo indiretta

      per fondarvi una vera dinastia.

Blunt -

      Questa risposta debbo riportare

      per voi al re?

Hotspur -

      Non ancora, sir Walter.

      Prima vogliamo consultarci qui.

      Voi tornate dal re.

      Mio zio domani, di primo mattino,

      se ci verranno dati pegni certi

      e piena sicurtà pel suo ritorno,

      sarà da lui con le nostre proposte.

      Ed ora, addio.

Blunt -

      Non c'è che da augurarsi

      che vogliate accettare di buon animo

      l'offerta sua di grazia e di giustizia.

Hotspur -

      È ben probabile.

Blunt -

      Ne prego Iddio.

     

      (Escono tutti)

     

SCENA IV - York, il palazzo dell'Arcivescovo

     

      Entrano l'Arcivescovo di York e sir Michael

     

      Arcivescovo -

      Sir Michael, per favore, di volata,

      questo messaggio con il mio sigillo

      per il Lord Maresciallo;

      e quest'altro per mio cugino Scroop;

      gli altri ai destinatari in indirizzo.

      Non perdereste un attimo,

      se conosceste la loro importanza.

      Michael -

      La posso indovinare, monsignore.

      Arcivescovo -

      È probabile. Caro mio sir Michael,

      domani è tal giornata

      che le sorti di centomila uomini

      verranno al paragone: perché a Shrewsbury,

      a quanto mi risulta con certezza,

      il re con forte nerbo di soldati

      raccolti qua e là un po' alla svelta

      affronterà lord Harry in campo aperto;

      e, con la malattia di lord Northumberland

      il cui apporto era, per il numero,

      il più grosso, e con l'assenza di Glendower,

      anch'esso ritenuto, come l'altro,

      un buon nerbo a rinforzo a quest'azione,

      ma che non viene più perché distolto

      da cattivi presagi,

      ho paura che gli uomini di Harry

      si dimostrino affatto insufficienti

      per misurarsi con quelli del re

      in un urto campale decisivo.

      Michael -

      Non mi pare ci sia da aver paura,

      mio buon signore: Douglas e Lord Mortimer

      sono con lui.

Hotspur -

      No, Mortimer non c'è.

      Michael -

      Ma c'è Mordake, ci sono Vernon

      lord Worcester, e una cospicua schiera

      di nobili signori

      tutti uomini d'arme di valore.

      Arcivescovo -

      Questo è vero, ma il re ha radunato

      intorno a sé il fior fiore d'Inghilterra,

      e c'è con loro il Principe di Galles,

      suo figlio, e l'altro figlio suo Giovanni Lancaster,

      e Westmoreland ed il pugnace Blunt,

      e molti altri campioni come loro,

      tutti uomini assai considerati

      per la maestria nel mestiere dell'armi.

      Michael -

      Sì farà loro ottimamente fronte,

      non dovete aver dubbi, monsignore.

      Arcivescovo -

      Non spero meno, ma le circostanze

      mi dicono che aver paura è d'obbligo;

      e, a prevenire il peggio, buon sir Michael

      andate, presto; ché se mai lord Percy

      dovesse avere avversa la fortuna,

      il re, di questo son più che sicuro,

      prima di congedare le sue truppe

      non si terrà dal venirci a trovare

      qui, nel cuore dei nostri territori,

      perché ci sa alleati dei ribelli.

      È pertanto prudenza elementare

      fortificarsi contro un tale evento.

      Debbo tornar di là

      a scriver lettere ad altri amici,

      perciò addio, sir Michael.

     

      (Escono da opposte parti)

     

Atto quinto

SCENA I - L'accampamento del re presso Shrewsbury

     

      Entrano Re Enrico, il Principe di Galles, il Principe Giovanni di Lancaster, sir Walter Blunt e sir John Falstaff

     

Enrico -

      Come sanguigno il sole

      si leva in vetta a quel boscoso colle.

      Il giorno impallidisce al suo malessere.

Principe -

      E il vento di scirocco

      la fa da trombettiere ai suoi propositi

      e cupo sibilando tra il fogliame

      degli alberi preannuncia la tempesta

      e una giornata tutta burrascosa.

Enrico -

      Se lo faccia apparir bello chi perde,

      perché a chi vince nulla appare brutto148.

     

      (Tromba)

     

      Entrano Worcester e Vernon

     

      Ehilà, mio caro signore di Worcester!

      Non è bello incontrarci, voi ed io,

      in una circostanza come questa.

      Voi avete tradito la fiducia

      nostra e ci avete indotti a sbarazzarci

      dei comodi indumenti della pace

      ed a costringere le nostre membra

      vecchie acciaccate dentro il duro acciaio.

      Questo, signore, non è affatto bene!

      Che mi venite a dire?

      Siete disposti finalmente a sciogliere

      questo sordido nodo di una guerra

      aborrita da tutti,

      e rientrar nell'ordinata sfera

      nella quale ciascun di voi splendeva

      d'un proprio chiaro nativo fulgore,

      e non essere più una meteora

      esalante mefitici vapori,

      un fenomeno dal pauroso volto,

      un portento foriero di sciagure

      ai giorni che dovranno ancora nascere?

Worcester -

      Mio sovrano, ascoltate: quanto a me,

      sarei felice di poter trascorrere

      questo scorcio di vita che mi resta

      nella tranquillità delle mie ore,

      perché non sono stato certo io

      a ricercare il giorno di quest'odio...

Enrico -

      Non siete stato voi a ricercarlo?

      Com'è venuto, allora, questo giorno?

Worcester -

      La ribellione era già in cammino,

      ed esso non ha fatto che incontrarla.

Principe -

      Taci, corbaccio, basta di gracchiare!

Worcester -

      Piacque all'altezza vostra

      di rivolgere altrove che da me

      e dalla mia famiglia il suo favore;

      ma debbo ricordarvi, mio signore,

      che fummo noi i primi vostri amici,

      fra tutti i più fedeli e affezionati.

      Per voi spezzai, regnava ancor Riccardo,

      la mazza della mia alta funzione149,

      e venni, cavalcando giorno e notte,

      ad incontrarvi e baciarvi la mano;

      e ciò quando la vostra condizione

      e il vostro peso nella società

      non eran così forti e fortunati

      quanto erano i miei.

      E fui io stesso, insieme a mio fratello

      ed a suo figlio a riportarvi in patria

      sfidando coraggiosamente i rischi

      a cui ci esponevamo in quel momento.

      Voi ci giuraste, a Doncaster,

      di non essere affatto intenzionato

      ad agir da nemico dello Stato;

      ché non accampavate altra pretesa

      che quella di rivendicar per voi

      il titolo al ducato di Lancaster

      appartenuto a Giovanni di Gaunt150.

      Noi vi giurammo tutto il nostro appoggio

      a questo scopo; ma non passò molto

      che la Fortuna vi piovve sul capo

      scrosciandovi tal fiume di favori,

      quali grazie all'aiuto di noi tutti,

      quali altri grazie all'assenza del re,

      quali pei mali presenti nel regno

      come frutto di tempi licenziosi,

      quali pei patimenti

      che a sentir gli altri avevate sofferto,

      quali per colpa dei contrari venti

      che avevan sì a lungo ritardato

      il rientro del re in Inghilterra

      dall'infelice campagna d'Irlanda,

      tanto che tutti lo credevan morto,

      che voi, frammezzo a tutto questo sciame

      di circostanze tanto favorevoli,

      non esitaste a coglier l'occasione

      di far che gli altri vi sollecitassero

      ad assumere nelle vostre mani

      tutto il potere, tenendo in non cale

      il giuramento fatto a noi a Doncaster;

      sicché, da noi nutrito ed allevato,

      vi comportaste nei confronti nostri

      come l'implume nato del cuculo

      con la passera: ci occupaste il nido151

      e, nutrendovi là del nostro cibo,

      cresceste a sì smisurata grandezza

      che l'affetto che noi vi portavamo

      più non osava d'accostarsi troppo

      nemmeno al raggio degli sguardi vostro

      per la paura d'esserne ingoiato.

      Anzi, ci siamo visti, per salvarci,

      costretti a volar via velocemente

      anche dal raggio della vostra vista,

      ed a racimolare queste forze

      con le quali vi stiamo ora di fronte

      a contrastarvi con gli stessi mezzi

      da voi stesso forgiati a nostro danno

      coi continui soprusi, le minacce,

      e con la violazione d'ogni fede,

      d'ogni impegno giurato innanzi a noi

      all'alba della vostra ardita ascesa.

Enrico -

      Queste cose le avete messe in piazza,

      gridate nei mercati, lette in chiesa,

      per ammantare la vostra rivolta

      d'una gabbana a sgargianti colori,

      sì da farle riuscir tanto gradite

      all'occhio di volubil banderuole

      e dei soliti miseri scontenti

      che stan sempre lì pronti

      a bocca aperta a fregarsi le mani

      ad ogni segno di moti e baruffe:

      ché mai fecer difetto alla rivolta

      certi vividi toni d'acquerello

      a dar più forti tinte alla sua causa,

      né le mancaron straccioni affamati,

      impazienti di zuffe e di tumulti,

      di confusione e sfrenata violenza.

Principe -

      Molte anime dei nostri due eserciti

      pagheranno assai caro questo scontro

      se arriveremo alla prova dell'armi.

      Dite a vostro nipote Enrico Percy

      che il Principe di Galles è concorde

      col mondo intero nel far le sue lodi.

      Credo anch'io fermamente, e ve lo giuro

      sulla mia anima, che messo a parte

      questo suo atto di aperta rivolta,

      non esiste nel mondo gentiluomo

      più coraggioso, non esiste giovane

      di lui più ardimentoso e più capace

      d'ornar con gesta nobili il suo tempo.

      Per parte mia - lo dico a mio disdoro -,

      sono stato finora un disertore

      dalle regole della cavalleria,

      e so che anch'egli tale mi considera.

      Pure dico ed affermo

      davanti alla maestà del re mio padre

      che sarei assai lieto

      se, a risparmio di sangue alle due parti,

      forte del suo gran nome e della fama

      di cui gode, volesse cimentarsi

      con me a singolar combattimento.

Enrico -

      E così noi, Principe di Galles,

      siamo pronti ad esporti a questo azzardo,

      seppur coscienti che contrarie a tanto

      militano molteplici ragioni.

      No, buon Worcester, no: il nostro popolo

      noi lo teniamo a cuore;

      così come teniamo ancora e sempre

      quanti, su falsa strada fuorviati,

      son passati a seguir vostro nipote;

      e, se l'offerta del nostro perdono

      sarà da loro accolta,

      lui, voi, sì, dico, tutti quanti siete

      ritorneremo amici come prima.

      Dite a vostro nipote tutto questo

      e tornate da me

      a riferirmi quel che intende fare.

      Aggiungete però che se per caso

      egli avesse deciso di non cedere,

      disponiamo di mezzi sufficienti

      a reprimere e castigare a morte;

      e questi adempiranno alla bisogna.

      Andate dunque, addio.

      Ma ricordatevi: niente risposte

      che potrebbero solo infastidirci.

      Abbiamo fatto una leale offerta:

      alla vostra saggezza di accettarla.

     

      (Escono Worcester e Vernon)

Principe -

      La mia testa, che non l'accetteranno.

      Douglas e Caldosprone, uniti insieme,

      per la mia vita, si senton sicuri

      di poter affrontare in armi il mondo.

Enrico -

      E allora, fuori! Ogni capo al suo posto.

      Come sarà venuta la risposta,

      li attaccheremo, e che Dio sia con noi,

      perché la causa nostra è giusta e santa!

     

      (Escono tutti, meno il Principe di Galles e Falstaff)

Falstaff -

      Hal, se mi vedi a terra nella mischia,

      piantati sul mio corpo a gambe larghe,

      ecco, così. È una prova da amico152.

Principe -

      Nessuno, che non sia proprio un colosso,

      potrebbe darti una tal prova, Jack.

      Pertanto, di' le tue preghiere e addio.

Falstaff -

      Come vorrei che fosse già arrivata

      l'ora d'andare a letto, Hal, e qui

      fosse già tutto andato per il meglio!

Principe -

      D'una morte, comunque, pacioccone

      sei sempre debitore verso Dio.

     

      (Esce)

Falstaff -

      Già, ma il debito non è ancor maturo

      e non mi garba proprio di pagarlo

      prima del giorno della sua scadenza.

      Perché dovrei precipitarmi incontro

      a chi non pensa ancora di cercarmi?

      Bah, non importa; quando onore sprona153...

      Già, ma se poi l'onore, mentre avanzo,

      mi cancella? Beh, come la mettiamo?

      Può l'onore rimettere una gamba?

      Un braccio? No. Può togliermi il dolore

      d'una ferita sul corpo? Nemmeno...

      Di chirurgia l'onore non sa niente.

      Allora cos'è poi quest'onore?

      Una parola, solo una parola.

      Che cosa c'è nella parola "onore"?

      Sì, di che cosa è fatto quest'onore?

      Di nient'altro che d'aria. Bell'acquisto!

      E chi ce l'ha l'onore?

      Quello che è morto mercoldì passato.

      Lo sente? No. L'ascolta? No. L'onore

      è insensibile allora? Sì, ai morti.

      Ma coi vivi l'onore non ci vive.

      No. Perché? Ma perché c'è la calunnia,

      e la calunnia non lo lascia vivere.

      Quest'onore perciò non fa per me.

      È solo uno stendardo per le esequie.

      E qui finisce il catechismo mio.

     

      (Esce)

     

SCENA II - Il campo dei rivoltosi

     

      Entrano Worcester e Vernon

     

      Worcester

      Ah, no, sir Richard, no,

      mio nipote non deve avere scienza

      della gentile e liberale offerta

      del re.

Vernon -

      Sarebbe meglio invece, a parer mio,

      ch'egli la conoscesse.

Worcester -

      Nient'affatto.

      Se dovesse accettarla,

      sarebbe la rovina per noi tutti.

      Perché non è possibile che il re

      riesca a mantenere la promessa

      di ritornarci amico come prima.

      Ci terrà di continuo in sospetto,

      e certamente troverà il momento

      di punirci per questa nostra offesa,

      sotto accusa, magari, d'altre colpe.

      Finché saremo vivi,

      il sospetto terrà mille occhi fissi

      sopra di noi; perché di chi ha tradito

      uno si fida come della volpe

      che, per quanto allevata dentro casa,

      coccolata, tenuta sempre al chiuso,

      giammai non perde l'istinto selvaggio

      ereditato dai progenitori.

      Potremo darci qualunque contegno,

      triste o giocondo: il nostro atteggiamento

      sarà comunque male interpretato,

      e noi saremo buoi in una stalla,

      tanto più prossimi al mattatoio,

      quanto meglio trattati e foraggiati.

      La trasgressione si può perdonare

      a mio nipote: egli ha nell'età giovane

      e nel suo sangue caldo la scusante,

      col privilegio d'avere un nomignolo

      che bene gli s'addice: Caldosprone,

      il testa matta, il facile alla collera.

      E sul mio capo e su quello del padre

      si faran ricadere le sue colpe:

      proverrà ch'egli sia stato istigato

      da noi due e da entrambi noi corrotto;

      e noi ci toccherà pagar per tutto,

      di tutto essendo stati noi l'origine.

      Perciò, caro cugino,

      in nessun caso Percy ha da conoscere

      l'offerta che ci vien fatta dal re.

Vernon -

      Riferitegli quello che volete,

      se pensate così. In quanto a me,

      non potrò che seguire voi. Ma eccolo.

     

      Entrano Hotspur e Douglas, con ufficiali

Hotspur -

      Oh, mio zio è tornato.

      (Agli ufficiali)

      Ora potete liberare Westmoreland.

      (A Worcester)

      Allora, zio, che nuove?

Worcester -

      Il re vuol dare subito battaglia

Douglas -

      Mandiamogli la sfida con lord Westmoreland...

Hotspur -

      Andate voi a dirglielo, lord Douglas.

Douglas -

      Sì, molto volentieri, per la vergine.

     

      (Esce)

Worcester -

      Il re non dà alcun segno di clemenza.

Hotspur -

      E che! Non gliel'avrete mica chiesta?

      Che Dio non voglia!

Worcester -

      Gli ho solo parlato,

      in termini di tutta pacatezza,

      delle nostre doglianze e degli impegni

      da lui giurati e non più mantenuti;

      al che ha risposto con uno spergiuro

      negando d'esser mai stato spergiuro.

      Ci chiama ribellanti, traditori,

      e dice che castigherà con l'armi

      in noi questi obbrobriosi appellativi.

     

      Rientra Douglas

Douglas -

      All'armi, cavalieri! All'armi, su!

      Ho gettato sui denti di re Enrico,

      una fiera disfida, ed ora Westmoreland,

      ch'era qui come ostaggio, gliela reca.

      Attaccherà. Non ha alternative.

Worcester -

      (A Hotspur)

      Nipote, mentre mi trovavo là,

      s'è presentato il Principe di Galles

      e t'ha sfidato, al cospetto del re,

      a batterti con lui da solo a solo.

Hotspur -

      Volesse Dio che la nostra contesa

      potesse oggi ricadere tutta

      sulla testa di noi due soli, e nessun altro

      si potesse trovar col fiato corto,

      eccetto solo me ed Enrico Monmouth154!

      Ma dimmi, in che maniera l'ha lanciata

      questa sua sfida? Con aria sprezzante?

Vernon -

      Tutt'altro. Non avevo mai sentito

      in vita mia una sfida lanciata

      con accenti di tanta pacatezza:

      quasi un fratello che sfidi il fratello

      a gentile esercizio e prova d'armi.

      Vi ha tributato il riconoscimento

      che uomo deve a uomo, e queste lodi

      infiorò con linguaggio principesco;

      ha ricordato tutti i vostri meriti

      con l'esattezza d'una cronistoria

      dicendovi al disopra d'ogni lode

      che potessero far le sue parole,

      svalutando, al confronto, quelle sue.

      Infine - tratto ben degno d'un principe -,

      fece di sé un processo da arrossire,

      pronunciando ogni sorta di censura

      alla sua vagabonda giovinezza;

      e con tal grazia, da dar l'impressione

      di possedere al fondo del suo spirito

      una duplice personalità,

      di maestro e discepolo ad un tempo.

      Ed a tanto si tacque.

      Ma mi sia lecito di dire al mondo

      che s'egli sfuggirà al maligno gioco

      di questo giorno, la nostra Inghilterra

      non avrà mai avuto aspettativa

      più dolce, né più sconosciuta prima,

      nelle sue bizzarrie...

Hotspur -

      Delle quali, cugino, ho l'impressione

      che tu ti sia davvero innamorato.

      Mai finora ho saputo d'alcun principe

      più di lui rotto a tutte le licenze.

      Ma sia quello che vuole;

      prima di notte gli farò sentire

      la stretta del mio braccio di soldato,

      sì da schiacciarlo con il mio abbraccio.

      All'armi, all'armi, presto!

      Miei soldati, compagni, amici tutti

      voi sapete quel che dovete fare

      meglio di me, e questo varrà più

      di tante mie parole. Io non ho il dono

      di saper riscaldare altrui il sangue

      con le declamazioni.

     

      Entra un Messo

Messo -

      Monsignore, una lettera per voi.

     

      (Consegna a Hotpsur una lettera ed esce)

Hotspur -

      La leggo dopo. Ora non posso. Va'.

     

      (Esce il messo)

     

      Signori, il tempo della vita è breve.

      Ma quand'anche la vita,

      cavalcando la sfera del quadrante,

      giungesse al suo traguardo dopo un'ora,

      anche quel breve corso

      sarebbe esageratamente lungo,

      se trascorso in un'esistenza vile.

      Se vivremo, vivremo per calcare

      i nostri piedi sui corpi di re;

      se morremo, morire sarà bello

      trascinando alla morte anche dei principi.

      Assicurate le vostre coscienze:

      l'armi son belle e giuste

      se giusto è il fine per cui son brandite.

     

      Entra un altro Messo

Messo -

      Il re, signore, il re avanza su di noi

      rapidamente. Tenetevi pronto.

Hotspur -

      Mi fa tagliare corto alle parole.

      Di questo almeno debbo ringraziarlo.

      L'oratoria non è il mio mestiere.

      Dirò soltanto questo:

      che faccia ognun di voi meglio che può!

      E qui snudo la spada il cui acciaio

      intendo stemperar nel miglior sangue

      che m'offrirà davanti la ventura

      di questa gran giornata!

      Ora Esperanza155 e Percy! Alla battaglia!

      Risuonino nell'aria tutti insieme

      gli strepitosi strumenti di guerra,

      e al suon di quella musica stringiamoci

      idealmente tutti in un abbraccio,

      ché, più d'uno fra noi,

      cielo e terra156, non potrà far mai più

      quest'atto di gentile fratellanza.

     

      (Si abbracciano tra il fragore di trombe e tamburi,

      escono tutti)

     

SCENA III - La stessa

     

      Entra Re Enrico alla testa del suo esercito, marciando e passando oltre. Allarme d'inizio della battaglia. Entrano, duellando, Douglas e Blunt.

     

Blunt -

      Chi sei che, battagliando,

      mi traversi la strada? Quale gloria

      cerchi di guadagnarti sul mio capo?

Douglas -

      Io sono Douglas, se lo vuoi sapere,

      e ti vado inseguendo nella mischia

      in questo modo perché m'hanno detto

      che sei il re.

Blunt -

      E t'hanno detto il vero.

Douglas -

      Assomigliarti è già costato caro

      oggi a lord Stafford, perché questa spada

      invece di spacciare te, re Enrico,

      ha ucciso lui. Così sarà di te,

      se non t'arrendi a me da prigioniero.

Blunt -

      Non sono uno nato per arrendersi,

      altezzoso scozzese,

      e in me tu trovi un re che vendicare

      saprà bene la morte di lord Strafford.

      Avanti, fatti sotto.

     

      (Si battono. Blunt cade ucciso.)

     

      Entra Hotspur

Hotspur -

      Douglas, ti fossi battuto così

      contro di me ad Holmedon,

      non avrei mai potuto trarre vanto

      d'aver trionfato sopra uno scozzese.

Douglas -

      È fatta! Abbiamo vinto!

      Il re è qui steso, morto.

Hotspur -

      Dove qui?

Douglas -

      Eccolo, qui, davanti agli occhi tuoi.

Hotspur -

      Chi, questo, Douglas? No.

      Conosco molto bene questo volto:

      un prode cavaliere, Blunt il nome,

      era solo bardato come il re.

Douglas -

      (Al corpo di Blunt)

      Se ne vada con te un imbecille,

      dovunque si diriga la tua anima!

      Troppo caro hai pagato

      per un titolo ch'era preso a prestito.

      Ma perché dirmi ch'eri tu il re?

Hotspur -

      Tra i nobili del re ce n'è più d'uno

      che indossa la sua stessa cotta d'armi.

Douglas -

      E quelle cotte io, per questa spada,

      gliele ammazzerò tutte una per una,

      gli distruggo l'intero guardaroba,

      fino a tanto che avrò trovato il re157.

Hotspur -

      Su, su, muoviamoci... I nostri soldati

      s'avviano a vincere questa giornata.

     

      (Escono lasciando a terra il corpo di Blunt)

     

      Allarme. Entra Falstaff

Falstaff -

      A Londra ci riesco a farla franca

      senza pagare il conto; ma ho paura

      che qui mi toccherà pagarlo, eccome!

      Qui le tacche le fanno sulla zucca158:

      (Vedendo il corpo di Blunt a terra)

      Ohi, là! E tu chi sei?... Sir Walter Blunt!

      Ecco, per te è arrivato l'onore!

      E senza che ne possa menar vanto.

      Mi sento bollir dentro

      come se avessi tutto piombo fuso,

      e come piombo mi sento pesante.

      Il piombo... Dio lo tenga ben lontano

      da me: non ho bisogno d'altro peso,

      oltre quello di queste mie frattaglie

      Ho condotto i miei poveri straccioni

      sul campo di battaglia;

      me li hanno conciati a sale e pepe,

      e di centocinquanta, due o tre

      ne saranno rimasti ancora vivi

      ed anch'essi piuttosto mal ridotti,

      buoni ormai a far solo accattonaggio

      alle periferie delle città.

      Ma chi arriva ora qui?

     

      Entra il Principe di Galles

Principe -

      Ah tu sei qui,

      mani in mano, così, senza far niente?

      Allora dalla a me quella tua spada!

      Tanti nobili giaccion qui per terra

      duri e rigidi ormai sotto gli zoccoli

      del borioso nemico, invendicati.

      Qua, lasciami, ti prego la tua spada!

Falstaff -

      O Hal, ti prego, fammi rifiatare

      almeno un poco. Il Gran Turco Gregorio159

      non fece mai tante prodezze in guerra

      quante ne ho fatte io in questo giorno.

      Ho liquidato Percy. Sta al sicuro.

Principe -

      Al sicuro, sì, e vivo, per ucciderti.

      Dammi quella tua spada, su, ti prego.

Falstaff -

      No, Hal, per Dio! Se Percy è ancora vivo,

      lasciamela, la spada:

      la pistola piuttosto, se la vuoi.

Principe -

      Dammela, sì. Dove ce l'hai, nel sacco?

Falstaff -

      Sì, Hal, e roba calda, roba calda.

      Ce n'è da porre a sacco una città160.

     

      (Il Principe fa per estrarre la pistola dalla

      fondina di Falstaff e si trova in mano una

      bottiglia di vin secco di Spagna)

Principe -

      Ma ti sembra il momento di scherzare,

      questo, e di dire della baggianate?

     

      (Getta via la bottiglia ed esce)

Falstaff -

      Bene, se veramente Percy è vivo,

      io gli faccio un occhiello nella pancia...

      (Tra sé)

      sempre se viene lui sul mio cammino,

      ché se non viene, e vado io sul suo,

      quello di me fa una braciola arrosto.

      (Avvicinandosi al corpo di Blunt)

      Ma guarda un po' che ghigno fa l'onore

      sul viso di sir Walter. Non mi piace.

      La vita datemi, anche se oscura,

      e se qui posso scamparmela, bene;

      altrimenti vuol dire che l'onore

      mi sarà giunto addosso inaspettato

      e lì sarà finito onore e tutto.

     

      (Esce)161

     

SCENA IV - La stessa

     

      Allarmi. Incursioni di armati.

      Entrano Re Enrico, il Principe di Galles, il Principe Giovanni di Lancaster e Westmoreland

     

Enrico -

      Harry, tu perdi sangue. Va' ritirati,

      e tu con lui, Giovanni.

      Giovanni -

      Io no, sire,

      finché non sanguinerò come lui.

Principe -

      Maestà, vi prego, portatevi avanti,

      perché il vedervi rimanere indietro

      potrebbe sconcertare gli alleati.

Enrico -

      Va bene. Vado avanti. Voi, lord Westmoreland162

      accompagnatelo nella sua tenda.

Westmoreland -

      (Al principe)

      Andiamo, mio signore, v'accompagno.

Enrico -

      Accompagnarmi? Grazie, mio signore,

      non ne ho bisogno; e non sia mai che un graffio

      tenga lontano il Principe di Galles

      da un campo di battaglia come questo

      dove giacciono tanti nostri nobili

      in mezzo al loro sangue, calpestati,

      e vi trionfano armi ribelli

      in un grande massacro.

      Giovanni -

      Troppo tempo

      ci concediamo per riprender fiato.

      Per l'amore di Dio, cugino Westmoreland,

      il dovere ci chiama, andiamo, andiamo!

     

      (Esce con Westmoreland)

Principe -

      (Seguendo con l'occhio il fratello)

      Per Dio, m'ero ingannato su di te,

      Lancaster; non ti reputavo proprio

      un cavaliere di sì alto spirito.

      T'ho amato fino ad oggi da fratello:

      ora ti stimo come la mia anima.

Enrico -

      L'ho visto tener testa ad Harry Percy

      con tale grinta, che più vigorosa

      mai mi sarei atteso da un soldato

      ancora acerbo come tuo fratello.

Principe -

      Oh, quel ragazzo ci rafforza tutti!

     

      Entra Douglas

Douglas -

      Un altro re?... Rispuntano

      come le teste all'Idra. Io sono Douglas,

      e vo pel campo a ministrar la morte

      a tutti quelli come te vestiti.

      Chi altro sei, camuffato da re?

Enrico -

      Il re in persona, Douglas,

      che tanto si rammarica in cuor suo

      che tu abbia incontrato fino ad ora

      tante sue ombre e non il vero re.

      Ho due figli che vanno per il campo

      anch'essi alla ricerca tua e di Percy;

      ma poiché tu mi sei per buona sorte

      venuto avanti, ti metto alla prova.

      Perciò in guardia, difenditi!

Douglas -

      Temo che pure tu

      del vero re non sei che un'altra immagine,

      anche se, devo dirlo, tu da re

      ti comporti. Ma sia tu chi tu sia,

      sono sicuro che sei mio, così...

     

      (Si battono: dopo i primi colpi Enrico è in difficoltà)

     

      Rientra di corsa il Principe di Galles e si scaglia contro Douglas

Principe -

      Volgi la testa in su, vile scozzese,

      o potresti non rialzarla più163.

      Gli spiriti dei valorosi Shirley,

      Stafford e Blunt armano il mio braccio,

      e chi ti affronta è il Principe di Galles,

      che non promette mai senza pagare.

     

      (Si battono. Douglas ha la peggio e scappa)

      (Al re)

      Animo, mio signore!

      Come va vostra grazia?

      Da sir Nicholas Gawsey e da Clifton

      m'è giunta una richiesta di soccorso.

      Corro da Clifton subito.

Enrico -

      Aspetta, prendi un poco di respiro!

      Oggi tu hai riscattato la tua fama,

      ch'era smarrita; e col tuo pronto aiuto

      m'hai dimostrato quanto tieni a cuore

      la vita di tuo padre.

Principe -

      Mio signore,

      Dio solo sa quanto male m'ha fatto

      chi ha detto ch'io mi fossi mai augurato

      la vostra morte. Fosse stato vero,

      avrei potuto adesso abbandonarvi

      alla spada del tracotante Douglas,

      che v'avrebbe spedito all'altro mondo

      più presto d'ogni tossica pozione

      e avrebbe risparmiato a vostro figlio

      di darsi quella proditoria cura.

Enrico -

      Corri da Clifton. Vado io da Gawsey.

     

      (Esce)

     

      Entra Hotspur

Hotspur -

      Tu sei Enrico Monmouth, o m'inganno?

Principe -

      Me lo dici con l'aria di pensare

      ch'io ti voglia negare d'esser quello.

Hotspur -

      Io mi chiamo Harry Percy.

Principe -

      Un nome che mi dice che ho davanti

      un ribelle di grande valentia.

      Io sono Enrico, Principe di Galles.

      Percy, d'ora in avanti non pensare

      di poter più spartire la tua gloria

      con me: due astri nella stessa sfera

      non possono orbitare164, e l'Inghilterra

      è una sola, e non può tollerare

      un doppio regno, uno di Harry Percy

      l'altro di Enrico Principe di Galles.

Hotspur -

      E non sarà. Perché è suonata l'ora,

      Harry, che di noi due

      uno debba vedere la sua fine.

      E Dio volesse che anche tu nell'armi

      avessi un nome pari a quello mio.

Principe -

      Lo avrò fatto più grande

      prima di separarmi oggi da te,

      ché coglierò per me tutti gli onori

      che infiorano adesso il tuo cimiero

      per farmene una splendida ghirlanda165.

Hotspur -

      Basta con le tue vane smargiassate.

      Non le sopporto più. Ora difenditi.

     

      (Si battono)

     

      Entra Falstaff

Falstaff -

      Bene così, Hal! Forza ancora, sotto!

      Eh, questo non è un gioco da ragazzi,

      che hai trovato, Hal, te l'assicuro!

     

      Rientra Douglas, affronta Falstaff, lo abbatte. Falstaff

      cade fingendosi morto. Douglas lo lascia e si allontana. Hot-

      spur cade anch'egli a terra, ferito a morte.

Hotspur -

      Harry! Ti rubi la mia giovinezza!

      Ma non m'è tanto doloroso perdere

      questa fragile vita

      quanto perdere i titoli di gloria

      che mi strappi vincendomi così.

      Mi ferisce i pensieri, questa perdita,

      non meno che le carni la tua spada.

      Ma i miei pensieri, schiavi della vita,

      e la vita, giocattolo del tempo,

      ed il tempo, che abbraccia col suo occhio

      l'intero mondo, devono aver fine.

      No, Percy, tu sei polvere

      e cibo per...

     

      (Muore)

Principe -

      ... i vermi, prode Percy!

      Addio, gran cuore! Stoffa d'ambizione

      mal tessuta, di quanto sei ridotta!

      Fino a che questo corpo

      ha contenuto dentro sé uno spirito

      un regno gli era troppo angusto spazio;

      ora gli sono più che sufficienti

      due palmi di vil terra.

      E nondimeno questa stessa terra

      che regge ora il tuo corpo senza vita

      non regge un altro cavaliere vivo

      di te più valoroso. Fossi tu

      ancor sensibile a cortesie

      non m'abbandonerei ad esternarti

      questi miei alti sensi di pietà;

      ricoprano il tuo volto sfigurato

      questi miei ornamenti166,

      e ch'io mi dica grazie a nome tuo

      per questo mio amorevole tributo

      di tenera pietà.

      Addio, portati in cielo questa lode.

      Resti con te a dormire nella tomba

      per sempre l'onta della tua sconfitta

      né d'essa possa mai apparir cenno

      sul tuo epitaffio... Oh, ma guarda un po':

      (Scorge Falstaff a terra)

      qui c'è anche una vecchia conoscenza!

      Tanta ciccia non fu dunque capace

      di trattenersi dentro un po' di vita?

      Addio, povero John!...

      Avrei più volentieri fatto a meno

      di qualcun altro migliore di te!

      Ah, certo tu mi mancheresti molto,

      se fossi ancora in vena di trastulli!

      La morte, in questa sanguinosa caccia,

      non poteva colpir più grasso cervo,

      pur colpendone d'assai più importanti.

      Fra poco ti vedrò senza interiora167.

      Fino ad allora giaciti nel sangue

      in vicinanza del nobile Percy.

     

      (Esce)

Falstaff -

      (Rialzandosi)

      Senza interiora!... Se mi sventri oggi,

      ti concedo di pormi sotto sale

      e di servirmi a tavola domani...

      Sangue di Cristo! Ho fatto appena in tempo

      a contraffarmi, fingendomi morto,

      se no quel testacalda di scozzese

      fracassone mi regolava il conto

      una volta per tutte, e buona notte!

      Contraffarmi... che dico, è una bugia.

      Io non son certo una contraffazione.

      Morire è contraffarsi, perché un morto

      è la contraffazione d'uno vivo;

      fingersi morto allo scopo di vivere,

      non è contraffazione:

      è la perfetta immagine del vivo.

      Il migliore ingrediente del valore

     

      è la prudenza; ed è stato per essa

      ch'io mi sono salvato la pellaccia.

      (Guardando in faccia il cadavere di Hotspur)

      Sangue di Cristo, malgrado sia morto

      questo Harry Percy polvere-da-sparo

      mi fa ancora paura...

      Che si sia finto morto pure lui,

      e mi si levi in piedi alla sprovvista?

      Potrebbe ben mostrarsi ancora lui

      miglior simulatore tra noi due.

      Perciò mi converrà renderlo innocuo,

      sì, e giurare che l'ho ucciso io.

      Non potrebb'essersi anch'egli rialzato

      da terra? Chi potrebbe confutarmi

      tranne che un occhio che m'avesse visto?

      E qui non ci son occhi che mi vedano.

      Perciò, compare, toh, prenditi questa,

      (Lo pugnala)

      una nuova ferita sulla coscia,

      e adesso te ne vieni via con me.

     

      Mentre Falstaff si carica il corpo di Hotspur sulle spalle entrano

      il Principe di Galles con suo fratello Giovanni di

      Lancaster. Nel vederli Falstaff depone il cadavere.

Principe -

      Vieni, fratello: con grande valore

      oggi hai stemprato la vergine spada

      nell'altrui carni.

      Giovanni -

      (Vedendo Falstaff)

      Oh! Chi abbiamo qui?

      ma non m'avevi detto ch'era morto

      questo ammasso di carne?

Principe -

      E morto, in verità, l'avevo visto,

      esanime per terra, e tutto sangue.

      Sei vivo? O non sarà la fantasia

      che si fa gioco della nostra vista?

      Parla. Non crederemo agli occhi nostri

      se non avran conferma dagli orecchi.

      Tu non sei quel che appari.

Falstaff -

      Certo che no, non sono due in uno.

      Ma se uno dei due non è John Falstaff,

      allora io sono uno Zanni qualunque.

      Ecco qua il nostro Percy.

      (Depone a terra il corpo di Hotspur)

      Se tuo padre vorrà ricompensarmi

      ora con qualche onore, sarà bene;

      se non si ammazzi pur da sé stesso

      ogni altro Percy. Almeno conte o duca

      m'aspetto d'esser fatto, t'assicuro.

Principe -

      Ma se l'ho ucciso io,

      Percy, ed ho visto te ch'eri là, morto.

Falstaff -

      Ah, sì? Guardate come questo mondo

      è corrivo a mentire! Dio di Dio!

      Sì, lo ammetto, pur io ero giù a terra

      trattenendo il respiro, come lui,

      ma poi ci siam rialzati in piedi entrambi

      nel medesimo istante,

      e là ci siam battuti per un'ora

      dell'orologio alla chiesa di Shrewsbury.

      E se mi credi, bene;

      se no, ricada pur tutto il peccato

      su chi dovrebbe premiare il valore.

      Giuro, a pena di morte,

      che gliel'ho fatta io di mano mia

      questa bella ferita sulla coscia,

      e che se fosse vivo, e lo negasse,

      gli farei ingoiar, Sangue di Cristo,

      una buona metà di questa spada

      Giovanni -

      È la storia più strana e strampalata

      ch'io abbia mai udito.

Principe -

      E questo è l'uomo

      più strano e strampalato della terra.

      (A Falstaff)

      Su, riprenditi in collo il tuo fardello,

      e vedi di portarlo nobilmente.

      Per parte mia, se dire una bugia

      per te varrà a salvarti la pellaccia,

      sono pronto a indorartela

      coi termini più belli che saprò.

     

      (Squilli di tromba)

     

      La ritirata! La giornata è vinta.

      Fratello, andiamo. Conviene portarci

      su quell'altura più alta del campo

      per osservare chi dei nostri amici

      è caduto e chi è vivo

     

      (Escono i due principi)

Falstaff -

      Ed io mi metto sulle vostre piste

      "per sentor di compenso", come dicono.

      E Dio compensi chi compensa me.

      Se crescerò di grado,

      mi toccherà diminuir di peso,

      perché dovrò purgarmi ed emendarmi,

      e rinunciare al vin secco di Spagna,

      e far vita pulita e contegnosa,

      quale s'addice a un vero nobiluomo

     

      (Esce)

     

SCENA V - Un'altra parte del campo

     

      Trombe. Entrano Re Enrico, il Principe di Galles, il Principe Giovanni di Lancaster, Lord Westmoreland. Soldati del re recano in catene Worcester e Vernon.

     

Enrico -

      Così sempre trovò la ribellione

      il suo castigo. Infame d'un Worcester!

      Non inviammo noi, per il tuo mezzo,

      un'offerta di grazia e di perdono

      con parole d'affetto per voi tutti?

      E tu non hai stravolto di proposito

      la nostra offerta, tradendo così

      un tuo parente nella sua fiducia?

      Tre cavalieri della nostra parte

      ed un nobile conte oggi caduti

      a molti altri sarebbero ancor vivi

      se tu, portandoti da buon cristiano,

      avessi lealmente soddisfatto

      al tuo mandato tra i nostri due eserciti.

Worcester -

      A spingermi ad agire come ho fatto

      fu amore di salvezza; rassegnato

      abbraccio questa sorte, inevitabile...

Enrico -

      Lo si conduca a morte,

      e insieme a lui Vernon. Gli altri ribelli

      saranno giudicati in altra sede.

     

      (Escono, scortati, Worcester e Vernon)

     

      Che notizie dal campo di battaglia?

Principe -

      Lord Douglas, lo scozzese fegataccio,

      quando ha visto perduta la battaglia

      e tutti i suoi fuggire in preda al panico,

      è fuggito anche lui,

      e, rovinando giù per un dirupo,

      s'è ferito, e in maniera così grave,

      che non potè evitare d'esser preso

      dai suoi inseguitori.

      Douglas è ora là, nella mia tenda;

      supplico vostra grazia di concedermi

      che possa io decider la sua sorte.

Enrico -

      Con tutto il cuore.

Principe -

      Allora lascio a te,

      fratello mio Giovanni di Lancaster,

      l'onore di questo atto generoso.

      Va' da Douglas, e lascialo andar libero

      dove gli aggrada, senza alcun riscatto.

      Il coraggio di cui ha fatto prova

      oggi alle spese dei nostri cimieri

      ci ha dettato rispetto e ammirazione

      per tali grandi e nobili prodezze,

      pur se compiute da un nostro nemico

      Giovanni -

      Ti ringrazio, grazioso fratel mio,

      per questo gesto d'alta cortesia,

      al quale do immediata esecuzione.

Enrico -

      Ora non resta dunque altro da fare

      che ognuno si riprenda le sue forze.

      Tu, Giovanni, mio figlio, e tu Westmoreland,

      dirigerete subito su York

      contro Northumberland e il vescovo Scroop

      i quali, come apprendo,

      s'apparecchiano febbrilmente all'armi.

      Io con mio figlio Enrico

      dirigeremo alla volta del Galles

      contro Glendower e il conte di March.

      La ribellione perderà ogni slancio,

      se sapremo affibbiarle un altro smacco

      come questo. Poiché la nostra impresa

      ha visto oggi un sì felice avvio,

      non dobbiamo desister fino a tanto

      che non sia ricondotto in nostre mani

      tutto quello che è nostro.

     

      Fine

Note

      1 "On Holy-rood day": il 14 settembre, giorno in cui nella cristianità si festeggia l'Esaltazione della Croce.

      2 È l'antico nome della contrada oggi Holmidon Hill, nella contea del Northumberland; qui il conte Arcibaldo di Scozia, mentre rientrava in Scozia dopo una scorribanda in territorio inglese, venne intercettato dalle truppe di Enrico "Sperone ardente", battuto e fatto prigioniero.

      3 Allusione alla credenza popolare secondo cui le fate o le zingare venissero di notte a sostituire nelle culle i bimbi, generalmente mettendo al loro posto esserini deformi o folletti. Gli inglesi chiamano questa operazione "changeling": Shakespeare vi fa più volte riferimento, usando il termini in significati e fini diversi: cosi nel "Sogno d'una notte d'estate" (II, 1, 120), dove changeling è chiamato ingiustamente da Oberon il bimbo che Tatiana, non che averlo trafugato dalla culla, ha ricevuto ed allevato dalla madre di quello, morta nel partorirlo; così in "Amleto" dove (V, 2, 53) Amleto chiama "changeling" l'operazione che egli fa sulla nave che lo porta in Inghilterra, sostituendo surrettiziamente un documento con un altro; così anche - e qui più propriamente che altrove - ne "I due cugini", quando Giulia, mettendo a confronto il ritratto di Arcite con quello di Palamone, dice al primo: "Tu, rispetto a lui, non sei che uno changeling".

      4 È uno dei diminutivi-vezzeggiativi con cui viene chiamato da Falstaff e dagli altri scapestrati della compagnia, il principe Enrico; l'altro è "Harry".

      5 "... with drinking of old sack": "old sack" (dal francese "vin sec") era il nome dato dagli inglesi ad un vino importato dalla Spagna.

      6 "The Seven Stars" (dette anche "The Seven Sisters", "Le Sette Sorelle") sono le Pleiadi, un gruppo di sette stelle della costellazione del Toro che compaiono al crepuscolo dell'alba (cfr. anche nella seconda parte dell'" Enrico IV" (II, 4, 177): "What! We have seen the Seven Stars!": "Eh, le abbiam viste noi le sette stelle!" (cioè: "Abbiam spesso fatto l'alba insieme"). Falstaff vuol dire che le imprese ladresche si fanno di notte, con la luna e le stelle, mai di giorno col sole (Febo), definito ironicamente "bel cavaliere errante".

      7 Intendi: "Non possiedi nemmeno quel tanto di grazia che ti serve per intonare a mani giunte la preghiera a Dio (il "benedicite") che si recita prima di sedersi a tavola, davanti alla più frugale delle colazioni come una tartina imburrata.

      Nel testo c'è un gioco di parole sul doppio senso di grazia ("grace"), che è titolo nobiliare ("Vostra Grazia") e "di ringraziamento".

      8 Il miele dei monti Iblei, in Sicilia, era proverbiale per la sua dolcezza.

      9 "My old lad of castle": non si capisce questa frase del Principe, se non si conosce la vicenda che sta dietro al nome Fastaff. Il Principe parafrasa qui il cognome "Oldcastle", "Vecchio castello" col quale Shakespeare aveva chiamato in origine il personaggio di Falstaff nella prima stesura del dramma, e cioè Sir John Oldcastle, detto famigliarmente "Jochey", che era il nome di un personaggio effettivamente vissuto, e stato compagno di gioventù di Enrico. Senonché si trovò che questo nome corrispondeva a quello di uno dei capi dei "Lollards", una setta di eretici precursori dello scisma anglicano; e Shakespeare fu costretto a mutarlo in quello di Sir John Fallstaff. La battuta del Principe non è tuttavia, al contrario di quanto si ritiene da molti, una svista del copione: essa, a nostro avviso, è voluta, altrimenti non si spiegherebbero gli ultimi versi dell'epilogo della seconda parte dell'"Enrico IV", laddove Shakespeare fa dire al pubblico, dal ballerino/epilogo: "... ché se Sir John Olcastle morì martire, / questo di cui vi parlo è tutt'altr'uomo".

      10 "... were it not here apparent that thou art heir apparent... ": Falstaff gioca sul doppio significato di "apparent", "palese", "manifesto", che come attributo di "heir", "erede", significa "erede effettivo al trono" (per contrasto con "erede presuntivo").

      11 Traslato: l'ardimento ("resolution") - che per Falstaff è l'audacia di andar sgrassando e depredando il prossimo - è paragonato a un cavallo che ha in bocca come freno il morso della legge. Il testo ha "old father antic the law", ma non si poteva tradurre "vecchio buffo padre" riferito a legge, che in inglese è neutro, ma in italiano rigorosamente femminile.

      12 Bisticcio intraducibile sul doppio senso di "suit". Il Principe domanda: "For obtaining suits?", ("Fai anticamera a corte per veder esaudite le tue petrizioni?"), dove "suits" sta appunto per "petizioni"; Falstaff prende "suits"nell'altro significato di "vestiti". Il boia aveva diritto ad impossessarsi dei vestiti dei condannati che giustiziava.

      13 "Sblood": esclamativo risultante dalla contrazione di "God's blood", "Sangue di Dio".

      14 Perché proprio del Lincolnshire? Forse - suppongono alcuni - perché in quella contea si trova Bolingbroke, il paese natale di Enrico IV, che con quel nome è anche chiamato. È un'allusioone stizzosa di Falstaff, che non ha gradito il paragone col leone decrepito.

      15 Si riferisce al detto popolare: "As sad as a March are", "Triste come una lepre a marzo". Pare che a marzo, la stagione degli amori, le lepri siano tristi.

      16 È il nome d'una località che si diceva squallida e mefitica, di quelle in cui la stessa natura appare melanconica.

      17 Si allude verosimilmente all'agostiniano "Vanitas vanitatum et omnia mundi vanitas"; i riferimenti a precetti religiosi, specie della Bibbia sono frequenti in Shakespeare.

      18 Altra citazione biblica.

      19 Citazione dalla "Lettera ai Corinzi" di San Paolo.

      20 È il nome della località dove deve avvenire la rapina proposta da Poins e anche, stranamente, il nome del compagno ladrone nominato da questi come quello che l'avrebbe organizzata.

      21 Canterbury ( pronuncia Cànterbury) era meta di pellegrinaggi alla tomba del vescovo San Tomaso Becket, sepolto in quella cattedrale.

      22 "Hear ye, Yedward": Poins nell'in-folio si chiama di nome Edward, di cui "Yedward" è forma colloquiale. Altrove lo si chiama anche Ned.

      23 "... nor thou cam'st not of the blood royal, if thou darest not stand for ten shillings": qui c'è un gioco di parole addirittura sottinteso, e lasciato all'intendimento dello spettatore, il quale sapeva comunemente che dieci scellini ("ten shillings") erano l'equivalente di un reale, la moneta coniata da Edoardo IV nel 1465 (cioè mezzo secolo dopo la vicenda del dramma: ma è inutile cercare il rigore cronologico in Shakespeare); sicché la battuta di Falstaff suonava all'orecchio dello spettatore elisabettiano: "Tu non sei di sangue reale se non osi prendere un rischio per un reale".

      24 "... ford the poor abuses of the time... ": "abuses of the time" era espressione ricorrente nel linguaggio dei puritani,

      fustigatori di costumi. In bocca a Falstaff, ha il senso comico di chi rifà loro il verso. L'avversione di Shakespeare per il puritanesimo quacquero trasuda per tutto il suo teatro.

      25 "... I have cases of buckram": "buckram", (da Buckara, nel Turkestan) non è esattamente in inglese quel che è il "bucherame" italiano, anche se l'etimo è lo stesso. In italiano è l'antica tela di bambagia, leggera e trasparente, che si lavorava a Cipro; in inglese il buckram è una sorta di tela rafforzata da un supporto di gomma, cera o altro analogo materiale.

      26 È il monologo con il quale Shakespeare delinea magistralmente la doppia personalità di Enrico: quella del giovane scapestrato frequentatore di taverne e di male compagnie, in contrasto con quella di principe che ha già in sé la contezza di appartenere alla storia e la volontà di entrarvi in maniera dirompente, com'è nella sua natura, fabbricandosi uno sfondo nero di vizio per meglio rifulgere come sole (il binomio sole/sovrano è un topo del teatro di Shakespeare), quando sarà il momento, che lui solo vuole scegliere.

      27 "Hour house... ": Worcester è anch'egli un Percy di Northumberland; è lo zio di Hotspur, fratello del padre, egli stesso di nome Thomas Percy, fatto conte di Worcester da Riccardo II nel 1397.

      28 "... that villaneous saltpetre": il salnitro ("salpetre") è il nome popolare del nitrato di potassio, usato come elemento-base per la fabbricazione della polvere da sparo.

      29 "... or you will hear of it": "to hear of it" è espressione colloquiale per "to be called to account for it".

      30 La spedizione in Irlanda, con le vicende che la precedettero e la seguirono, con la morte violenta di Riccardo II e l'assunzione al trono di Enrico Bolingbroke col nome di Enrico IV sono l'argomento dell'altro dramma storico di Shakespeare che ha per titolo "Re Riccardo II".

      31 Enrico IV è cugino di Edmondo Mortimer che è figlio di un fratello del padre. Enrico è figlio di Giovanni di Gaunt, Edmondo di Edmondo di Langley, figli rispettivamente terzo e quarto di Edoardo III.

      32 È tradotto a senso. Il testo ha: "He apprehends a world of figures here / But not the form of what he should attend": "Egli s'immagina qui un mondo di figure, ma non la forma concreta di quel che dovrebbe perseguire".

      33 Quello che Worcester vuol dire al nipote - senza riuscirci qui, per la foga di quello - glielo dirà più sotto, quando Hotspur sarà più calmo: liberare i prigionieri scozzesi senza riscatto, accordarsi con loro per combattere insieme contro Enrico re.

      34 L'episodio del primo incontro di Sperone Ardente ancora adolescente con Enrico Bolingbroke, non ancora re, è rappresentato da Shakespeare nel "Riccardo II", II, 3, 35 - 50.

      35 "The devil take such cozener": bisticcio sulla omofonia di "cozener" e "cousin" che l'attore doveva pronunciare all'epoca alla stessa maniera, sì da far intendere: "Il diavolo si porti un taler imbroglione" ("cozener" è infatti "imbroglione", "lestofante", "fregapopolo"). Lo stesso bisticcio in "Riccardo II", IV. 4. 222: "Cousins, indeed, and by their uncle cozened".

      36 Nel testo, bisticcio sul doppio senso di "head": "To save our heads by raising of a head", dove il primo "heads" è "teste", e il secondo "head" nella frase " To raise a head" che vale "raccogliere, allestire un esercito".

      37 "As even as we can": "even" ha qui, come spesso in Shakespeare, il valore di "socievole", "amichevole" (cfr. "Amleto", V, 1, 28 "... even Christians" per "fellows Christians".

      38 La tinca è pesce di color verde-oliva.

      39 "... Saint Nicholas clerks": si tratta proprio di San Nicola di Bari, allora conosciuto anche in Inghilterra come protettore dei ladri: il santo era rappresentato con tre borse, che s'era fatto restituire dai ladri, per restituirle ai loro proprietari. "Membro della confraternita di San Nicola" era sinonimo di "ladro".

      40 "There are other Troians": "Troian" era termine colloquiale per "compagno di baldoria"., "socio in affari poco puliti".

      41 "... and make her their boots": quibble sul doppio senso di "boots" che vale "bottino" e "stivali". La frase può essere intesa anche: "... e fanno di essa (la finanza pubblica) il loro bottino"; ma le battute che seguono sono intonate alla prima lezione.

      42 Questo traslato della pubblica finanza/stivali è una coperta denuncia, in chiave umoristica, della pubblica malversazione dell'epoca. Gli stivali di cuoio, ai quali Gadshill ha paragonato le ruberie del pubblico denaro, se ricoperti da uno strato do grasso, sono protetti dall'acqua e chi li porta può anche traversare un pantano senza sporcarsi. Così la giustizia ufficiale, ricoprendo con uno strato di grasso le malefatte dei ladri della finanza pubblica, le rende immuni dai rigori della legge.

      43 "We have the recipe of fern-seed, we walk invisible": era credenza popolare che i semi di felce ("affern-seeds")rendessero invisibile la persona che li portasse addosso.

      44 "... like a gummed velvet": si chiamava così una qualità di velluto il cui tessuto era impastato con la gomma e si logorava (struggeva) facilmente al sole.

      45 "Thou are not colted, thou are uncolted": bisticcio tra "colted" e "uncolted"; "colted", participio passato di "to colt" é "preso a gioco" (sinonimo di "befooled", "taken in "), "uncolted" voce verbalizzata dal sostantivo "colt", "puledro" e "-un" privativo, vale "privato del cavallo".

      46 "Hang thyself in thine own heir-apparent gartners": il Principe di Galles, primogenito del re ed erede presuntivo al trono, faceva parte di diritto dell'ordine della Giarrettiera, il più antico e prestigioso ordine cavalleresco inglese, istituito da Edoardo III intorno al 1344.

      47 Nel testo il quibble ha un diverso senso: Gadshill dice: "Stand!", termine che ha due sensi: "Alto là!" e "In piedi!". Falstaff la prende in questo secondo senso, e risponde che "in piedi" (a piedi) ci sta suo malgrado (perchè è senza cavallo: il Principe gli aveva detto che gli avrebbe procurato un comando in fanteria).

      48 "... going to the King's exchequer": lo "scacchiere" ("exchequer") è ancor oggi in Gran Bretagna la Tesoreria.

      49 "Reale" è per Falstaff la taverna che egli bazzica in compagnia d'un principe reale.

      50 "Indeed I am not John of Gaunt... ": Giovanni di Gaunt era comunemente chiamato il padre di Enrico IV, e nonno quindi del Principe di Galles, Giovanni di Lancaster, da Gaunt che era il nome fiammingo della città di Gand, dove era nato. Ma "gaunt" è anche aggettivo e significa "smunto", "sparuto", e, per metafora, anche "sinistro". Shakespeare giocherà molto su questo doppio senso del nome del personaggio; il quale ebbe, d'altronde, una parte cospicua nella storia d'Inghilterra della seconda metà del XIV sec.

      51 "You are grand-jurors, are ye?": Per essere nominati "grand - jurors", ossia membri del "grand jury", il corpo dei giurati chiamati dal re a decidere delle cause penali bisognava essere "good and lawfull men othe country" ed essere possessori di beni immobili. Falstaff, con questa domanda, è come se volesse vendicarsi in anticipo di persone che possono essere chiamate a comminargli una condanna.

      52 "We'll jure you, faith!": "jure" è parola inventata da Shakespeare per assonanza col precedente "jurors".

      53 È il castello della famiglia Percy, costruito dagli antichi re del Northumberland a Warkworth, una cittadina sulla costa orientale tra Inghilterra e Scozia.

      54 "Esperance" era il motto araldico dei Percy; Hotspur qui l'invoca come per ottenerne la protezione per l'impresa cui s'accinge: la guerra contro il re.

      55 "With three or four loggerheads": "loggerheads" è sinonimo di "wooden heads", "teste di legno". Nelle insegne delle taverne si potevano vedere spesso dipinte due teste con l'iscrizione: "We three loggerheads be", intendendo che le terza "testa di legno" fosse quella che passava e leggeva: un invito ad entrare e bere in compagnia. Ce n'è un'allusione anche nella Dodicesima notte, II, 3, 17: "Did you never see the picture of "we three"?

      56 "... but a Corinthian": "Corinzio" era sinonimo di "giovane ricco e licenzioso".

      57 "... in the Half-moon": "Half-moon" è verosimilmente il nome di una stanza della taverna, sulla cui parete è dipinta una mezza luna.

      58 "...his tale to me may be nothing but "Anon": cioè Checco, sentendosi chiamare dall'altra stanza, penserà solo a rispondere "Vengo subito" e non a spiegare a lui, il Principe, perchè gli ha dato lo zucchero.

      59 "Look down into the Pomegranate, Ralph": Il "Melograno" dev'essere in nome di un'altra stanza della locanda.Ralph, si capisce, è un altro garzone collega di Checco, che non si vede.

      60 Il vino si serviva e si beveva in recipienti di peltro.

      61 L'entrata in scena di questo personaggio, che non è indicato nel "cast" e che dice solo una battuta e poi scompare è un artificio scenico che Shakespeare impiega da grande esperto al quadruplice intento: 1) di descrivere, per il piacere del pubblico, un azzimato tipo di mescitore di vino dell'epoca (la casacca coi bottoni di vetro, i capelli a trecce, la scarsella di cuoio spagnolo erano caratteristiche di questi mestieranti); 2) di dare un ultimo tocco a descrivere la dabbenaggine del garzone Checco; 3) di annunciare, per contrasto, l'arrivo di Falstaff e soci dalla fallita rapina; 4) di impostare, con l'evocazione che il Principe fa di "Sperone ardente", la preparazione mentale di questi a porsi come futuro suo antagonista.

      62 "Rivo!" (si legga "ràivo") era il grido, di origine spagnola, che si scambiavano, a mo' di saluto, i bevitori nelle bevute collettive.

      63 "... behold that compound": "compound" sta qui per "composizione", "quadro d'insieme": Falstaff che beve è raffigurato dal Principe come uno dei Titani che si lecca un piatto di burro che fonde ai raggi del sole (verosimilmente una qualche oleografia dell'epoca). Altri intende "compound" per "mistura", "intruglio" riferito al vino che Falstaff sta bevendo.

      64 "... then am I a shotten herring": "to be a shotten herring" è espressione colloquiale per intendere "essere persona buona a nulla, ridotta uno straccio, priva d forza e di valore".

      65 Il mestiere di tessitore era generalmente esercitato, al tempo, da profughi calvinisti olandesi, che usavano salmodiare in coro mentre lavoravano, e si diceva che cantassero con voce nasale, simile al suono della cornamusa (cfr. anche nel "Racconto d'inverno", IV, 3, 40: "...one Puritan... and he sings psalms to hornpipe").

      66 Latino per: "Ecco il segno!" (di quello che dico).

      67 L'elsa della spada dei cavalieri cristiani era fatta a forma di croce, sicché giurare sull'elsa della spada era giuramento fatto sulla Croce di Cristo.

      68 "... their points being broken": bisticcio sul doppio senso di "points" che vale "punte" (in questo caso delle spade) e "punti" di cucito (quello che sostiene le braghe).

      69 "In Kendall green": "Kendall green" si chiamava una tipica stoffa di cascame tessuta nelle filande della città di Kendall, nel Westmoreland. Della stessa stoffa sono i vestiti dei briganti della banda di Robin Hood.

      70 "... at the strappado": lo "strappado" era una forma di supplizio, di origine spagnola, consistente nell'appendere la vittima ad una corda, le mani legate sul dorso, e sottoporla a continui violenti strappi.

      71 "... or all racks of the world": "rack" era lo strumento di tortura con il quale alla vittima, legata mani e piedi ad una ruota, si straziavano le carni facendo girare la ruota contro dei rulli dentati.

      72 L'inglese ha qui un gioco di assonanze tra "reasons", "ragioni" e "raisins", "grappoli d'uva o di more di rovo".

      73 Il peccato della costrizione. "La finisco subito" non è nel testo.

      74 Era antica credenza popolare che il leone avvertisse per istinto se la persona che avesse davanti era un principe, e non la assaliva.

      75 Gioco di doppi sensi su "nobile". L'ostessa ha annunciato che alla porta c'un un nobile ("a nobleman"): Il Principe finge di fraintenderla prendendo "noble" per la moneta dello stesso nome (il "noble" era moneta di poco valore) e le dice: "aggiungici tu quel tanto che lo faccia diventare un "reale" (il "real" era altra moneta, di maggior valore), e mandalo via". È un'altra pennellata al quadro di questo principe scavezzacollo, che della corte del padre non ne vuol sapere.

      76 "... and swear it was the blood of true men": cioè "sangue fatto perdere ad altri uomini". Non credo che Bardolfo intenda - come vogliono alcuni - "il sangue di noi, veri uomini".

      77 Bardolfo è ubriacone, il suo viso è rubicondo e s'accende di rossore (ma non quello ch'è effetto di vergogna) al primo bicchiere. Perciò il suo professato "arrossire di vergogna" è una bugia.

      78 "... thou hadst fire and sword on thy side": si capisce che il "fuoco" è quello che Bardolfo dice di aver avuto in viso per la vergogna, e che il Principe ironicamente gli rinfaccia.

      79 "Hot livers and cold purses":"cold" ("freddo" per endiadi col precedente "hot", "caldo") sta qui nel senso di "meager", "magra", e anche "jejune", "digiuna".

      80 Qui c'è un infernale gioco di parole sottinteso, che non si capisce - ripetiamo - come il pubblico potesse cogliere dal fugace fraseggiare dell'attore. Il Principe gioca sull'omofonia di "choler", "collera" e di "collar", "collare" (così si chiamava colloquialmente il capestro): ma non dice "collar", dice "halter", che è "corda con cappio". Lo spettatore doveva mentalmente associare "halter" con "collar" e gustarsi il bisticcio con "choler". Si è cercato di rendere alla meglio con l'assonanza "collera" - "collare", ma, ci rendiamo conto, senza molto effetto.

      81 "Aldermanni" ("Aldermen") erano chiamati indifferentemente i consiglieri comunali e i governatori di distretto; questi, in segno di dignità alla pari dei nobili e le persone di rango, portavano l'anello al dito pollice.

      82 Questa indicazione lascia intendere che il suo personaggio Falstaff Shakespeare l'abbia immaginato calvo. Non l'aveva mai detto prima.

      83 "... in King Cambyses' vein": riferimento storico oscuro. Salvo che non si tratti di un'aggiunta posteriore al copione, non pare possa trattarsi - come suppongono alcuni - di un'allusione ad un personaggio con questo nome di un dramma dell'irlandese Thomas Preston, che, al tempo della datazione della prima parte dell'Enrico IV (1594) aveva solo 9 anni, essendo nato nel 1585.

      84 "Shall the blessed son of heaven... ": ma è lezione incerta; molti leggono "sun" in luogo di "son" e intendono "Dovrà il consacrato sole del cielo", ma la discrepanza è irrilevante: "figlio del cielo" è sempre il sole, simbolo della regalità.

      85 "That roasted Manningtree ox with the pudding in his belly": letteralm.: "Quel manzo di Manningtree col budino nel ventre"; Manningtree è una cittadina nell'estuario della Stoor, nell'Essex, dove si allevavano bovini da macello.

      86 Si capisce che Falstaff, da quello che dice dopo, teme che lo sceriffo venga ad arrestare gli autori della rapina notturna, e ha paura che il Principe l'abbandoni nelle sue mani. Perciò gli si raccomanda, lisciandolo a modo suo.

      87 Cioè il "vigliacco". "I deny you major": il major nel sillogismo è la premessa di carattere generale dalla quale si fa discendere, da un'affermazione - detta anche "premessa secondaria", per opposto alla prima detta "maggiore" - una certa conclusione. Es.: "Tutti gli uomini sono mortali" (premessa maggiore): "Pietro è uomo" ("affermazione o "premessa secondaria"), "Pietro è mortale" (conclusione). Così il sillogismo che ha in mente Falstaff sarebbe (Craig): "I vigliacchi sono di natura senza l'istinto" (premessa maggiore); "Falstaff è vigliacco di natura" (affermazione o premessa secondaria); "Falstaff è un vigliacco senza istinto". Ma poco prima Falstaff aveva giustificato la sua fuga col nobile istinto che, come quello del leone, gli aveva impedito di assalire un principe. Ergo, negando la premessa (essere vigliacco), nega anche ch'egli manchi di nobile istinto.

      88 "... if I become not a cart as well as another man... ": "... se io su una carretta (quella che mi porterà cogli altri al patibolo) non apparirò uguale agli altri (perché sono più corpulento), accidenti al mio essere cresciuto così". Falstaff si raffigura l'effetto che la sua corpulenza potrà fare agli occhi della gente; ma si consolo subito, pensando che, dopo tutto, il capestro lo livellerà agli altri, impiegando, a strangolarlo, un tempo non maggiore.

      89 Enrico IV prima di diventare re era duca di Lancaster.

      90 "... and hold me pace in deep experiments": "deep" ha qui valore di "cunning", "artfullness". Glendower, oltre ad aver fama di grande guerriero e di uomo assai dotto (era stato allievo delle grandi Inns of Court, i prestigiosi collegi londinesi riservati alla formazione dei giuristi), aveva anche quella di scienziato grandemente versato nelle arti magiche; ne aveva già accennato, parlando di lui, Falstaff nella 4a scena del II atto, vv. 325-330:"... e quell'altro del Galles che, si dice, / ha bastonato il diavolo Amamone, / ha fatto becco perfino Lucifero, / e s'è fatto giurare sudditanza / dal diavolo sull'elsa fatta a croce / d'una picca scozzese... "). Queste qualità magiche del personaggio non avranno parte e rilevanza nel dramma, ma il magico, il soprannaturale era sempre una leccornia per il pubblico inglese, e Shakespeare lo sa bene, se lo introduce in quasi tutti i suoi drammi, fino alla "Tempesta" che del soprannaturale shakespeariano può dirsi il compendio conclusivo.

      91 Il dialetto gallese era considerato duro e sgradevole dagli inglesi. Dire a uno: "Tu parli gallese" era come dirgli: "Dici cose incomprensibili". Su di esso Shakespeare giocherà molto nell'Enrico V

      92 Il Wye e la Severn sono i due maggiori fiumi del Galles che, scendendo da nord, si congiungono presso Cardiff prima di sfociare nel Canale di Bristol.

      93 "Bootless", propriamente è "senza stivali", ma l'espressione vale anche "senza profitto", "vanamente", e il doppio senso è senza dubbio voluto.

      94 L'Arcidiacono (archdeacon) è il vicario del Lord Arcivescovo di York, anch'esso alleato dei Percy/Northumberland, dei Mortimer e dei gallesi nella rivolta contro Enrico IV. Si capisce che qui i tre stanno guardando la mappa spiegata da Glendower.

      95 "He held me last night at least nine hours": non può essere: "Ieri sera mi ha trattenuto almeno nove ore", come intendono molti; non ha senso.

      96 "... as a tired horse": il cavallo troppo sazio tiene male il freno; qui "tired" ha valore di "sated", "satisfied", valore che assume solo al participio passato. Errano coloro che traducono "... come un cavallo stanco": Hotspur, dopo aver detto di Glendower quel che ha detto, non può paragonarlo ad un "cavallo stanco": il senso è l'opposto, come provano le similitudini successive.

      97 Le Indie erano ancora, al tempo di Shakespeare, le Americhe. Mortimer parla però prima che siano state scoperte dai navigatori italo-spagnoli; ma Shakespeare non bada a certi anacronismi; i suoi spettatori sanno che l'Oceano Atlantico è pieno di galeoni che riportano in Europa l'oro delle miniere del nuovo continente chiamato Indie, e la regina Elisabetta promuove a baronetto il pirata che li arrembava e le portava l'oro a casa.

      98 Cioè piangerei anch'io.

      99 Il palcoscenico del teatro elisabettiano aveva sul pavimento, a mo' di tappeto, delle stuoie di giunco intrecciato.

      100 È la posizione che usavano assumere, col gradimento della rispettiva dama, i giovani signori durante rappresentazioni e concerti in ambiente privato; la stessa che assume Amleto con Ofelia nella 1a scena dell'atto III dell'Amleto, vv. 180 e segg.

      101 "... that I may lay my head in thy lap": Hotspur fa ironicamente il verso a Glendower, che aveva detto poco prima al genero Mortimer che la figlia gli aveva detto, in gallese, di dire al marito di sedere e "adagiare mollemente il capo sul grembo di lei" ("... and rest your gentle head upon her lap"), ma vi aggiunge un punta di lubricità, sostituendo a "rest" "lay", che significa "giacersi" nel senso di "sedersi", ma anche in quello di "giacersi sessualmente", e dicendo a sua moglie che essa "è perfetta nel mettersi giù": un'allusione che non avrà mancato di far sorridere lo spettatore inglese.

      102 La cagna di Hotspur si chiama "Lady".

      103 "... sarcenet surety": "sarcenet" (o "sarsenet") è un tessuto di seta assai leggero. "Certezza di taftà" è certezza labile e trasparente, e tale è il giuramento che si fa su di essa.

      104 Il testo ha: " as if you nevr walked further than Finsbury": "... come se non fossi mai andata a piedi al dilà di Finsbury". Finsbury è una località del suburbio londinese di Islington. Dire a uno: "Non ti sei mai allontanato in vita tua da Finsbury" è come dirgli che è un ingenuo che non sa niente della vita.

      105 Letterale dal testo: "Swear me... a good mouth-filling oath", alla latina ("Vivere vitam", "coenare coenam", ecc.).

      106 Le guarnizioni di velluto erano una tipica foggia di ornamento dei vestiti delle mogli dei borghesi.

      107 I sarti e i tessitori in genere usavano cantare lavorando.

      108 Il figlio primogenito del re, principe di Galles, era membro di diritto del Consiglio della corona.

      109 Riccardo II, che Enrico doveva deporre subito dopo.

      110 Secondo le leggi cavalleresche medioevali, il cavaliere che vinceva il duello si attribuiva di diritto tutta la gloria militare del cavaliere vinto.

      111 "... as an old applejohn" "applejohn" ( o "johnapple") si chiama un tipo di mela che, colta alla fine di giugno quand'è la festa di San Giovanni ("St. John Day", donde il nome, si diceva avesse bisogno di due anni per maturare ed era matura quando aveva la scorza divenuta tutta raggrinzita.

      112 "... I am a peppercorn": letteralm: "... sono un granello di pepe"; l'espressione, in senso figurato, equivale "very small, insignificant thing".

      113 "... a brewer's horse", "un cavallo da birraio"; i cavalli attaccati ai carri che trasportavano la birra erano tradizionalmente di razza grossa e lenta.

      114 "...dic'd nont above seven times a week": i dadi erano il gioco d'azzardo del popolino.

      115 L'interruzione di Bardolfo non è nel testo, che dopo "quarto" ha dei puntini di sospensione ("... wento to a bawdy-house not above once in a quarter... of an hour"); è una geniale interpolazione di Cesare Vico Lodovici, l'unico vero uomo di teatro tra i traduttori italiani di Shakespeare, e sottile conoscitore dei segreti della recitazione. Da lui la prendo di peso, perché è così puntuale e calzante, ed efficace e spiritosa, che lo stesso Shakespeare si sarebbe compiaciuto di adottarla.

      116 ... cioè non sempre, vuole intendere Falstaff; ma già tre o quattro volte son segno di virtù.

      117 V. sopra la nota (77).

      118 Latino per: "Ricordati che devi morire".

      119 Il testo ha "ignis fatuus" che corrisponde all'inglese "foolish fire" per il suo moto erratico: Falstaff vedeva la faccia di fuoco di Bardolfo muoversi nel buio della notte.

      120 "... or a ball of wildfire": "wildfire" è nome generico di ogni sostanza facilmente infiammabile e difficilmente estinguibile com'erano le palle infuocate lanciate dalle catapulte in guerra; ma è anche il nome inglese della risipola e delle affezioni cutanee a carattere eruttivo. Qui è usato nei due sensi.

      121 "...there is no purchase in money": letteralm.: "... la moneta non serve più a comprare".

      122 "... so should I be sure to be heart-burning": "to be heart-burning " è espressione idiomatica per "Bruciare dalla rabbia".

      123 "How now, Dame Partlett the hen": la gallina Partlett ( o Partelote) è un personaggio del "Roman de Renart", serie di racconti in versi dei secoli XII e XIII contenenti una satira della società feudale francese. Partelote è anche il nome di un personaggio della celebre novella di Chaucer "The Nun' Priest's Tale" dai "Racconti di Canterbury". Si ritrovava citata da Shakespeare anche nel "Racconto d'inverno", II, 3, 75:"... my dame Partlett here".

      124 Traduce "No, I defy thee" del testo: "No, io ti sfido", che in italiano non ha senso.

      125 Falstaff sa che il Principe è stato chiamato a corte d'urgenza, ed ha intuito che è stato perché il re si prepara alla guerra contro i rivoltosi.

      126 Newsgate era una famosa prigione nella quale i carcerati erano fatti muovere in fila per due.

      127 "There is no more faith in thee than in a stewed prune": "stewed prune", "prugna cotta a bagnomaria" era sinonimo di prostituta: i postriboli esponevano alle finestre, a mo' d'insegna, un piatto di prugne cotte. La "fede" di cui parla qui Quickly è, naturalmente, la fede religiosa, il timor di Dio.

      128 La "Pulzella Marianna" (" Maid Marian") era un personaggio della danza "moresca" ( "Morris Dance"); era citata come esempio di femmina lasciva. La moglie dei vice capitano della guardia è invece cita come esempio di donna illibata e pudica, come dovevano essere le consorti dei pubblici ufficiali.

      129 "... a thing to thank God on": letteralm: "... roba da ringraziarci sopra Iddio"; che in italiano, però non ha senso: Bene traduce, a senso, il Lodovici "... roba da farsi il segno della Croce", che gli prendo di peso.

      130 "Nay, an I do, I pray God to girdle break": cioè: "pregherò Dio che mi sottragga ad una tale condizione di soggezione". L'espressione "to be under one's girdle" significa "trovarsi in soggezione o sotto il controllo di qualcuno". Falstaff la usa per intendere che se mai gli capitasse ("an I do") di dover aver paura del principe come l'ha di suo padre il re, si sentirebbe come costretto da una cintura e pregherebbe Dio che ne lo liberasse, spezzandola. Ma l'immagine della "cintura spezzata" evoca nel principe la cintura che regge la grossa epa di Falstaff, ed egli gioca sul doppio senso dicendo che a Falstaff, se riuscisse a spezzare la cintura, cadrebbero le budella giù fino ai ginocchi.

      131 "... 'tis a double labour": cioè prima la fatica di rubarlo e poi quella di restituirlo.

      132 "... rob me the exchequer the first thing thou doest": lo scacchiere ("the Exchequer") si chiama ancor oggi in Inghilterra la tesoreria di Stato, così chiamato perché in origine consisteva di una tavola coperta da un panno diviso in tanti quadrati, o scacchi, in ciascuno dei quali i contabili tenevano i conti delle rendite della corona.

      133 Il testo ha semplicemente "When shall I find one that can steal well?". "Dove troverò uno che sappia ben rubare",

      ma Falstaff pensa al guadagno che gli potrà procurare l'operazione di reclutamento e di approvvigionamento dell'esercito, come si vedrà più sotto.

      134 "I am heinously unprovided": "sguarnito" di tasca, s'intende. Altri intende "sono male attrezzato" (Meo): altri "sono a terra col corredo" (Lodovici).

      135 "O, I could wish this tavern were my drum": è la battuta conclusiva dell'uomo che si vede già, come soldato in guerra, privato della colazione che gli somministra la premurosa ostessa; e vorrebbe, con un ardito traslato, che il suo "tamburo" - la sua guerra - fosse solo la taverna.

      136 Traduzione a senso del traslato contenuto nel testo: "Such attribution should the Douglas have / As not a soldier of the seasion's stamp / should go so general current through the world": "Tale tributo di lode dovrebbe il Douglas ricevere, quale nessun soldato coniato durante questa stagione dovrebbe aver corso nel mondo come moneta altrettanto buona".

      137 "... that daff'd the world aside and bid it pass?": riferimento al motivo di una nota canzone bacchica il cui ritornello comincia con le parole "Let the world pass", "Lascia che il mondo vada". Qualcuno (Lodovici) ha tradotto, con efficace immagine: "... e gli hanno detto: "Gira a modo tuo"; solo che il principe e la sua compagnia non potevano ancora sapere che il mondo "girava".

      138 Perché Douglas faccia questa affermazione di immunità, non è spiegato. Il Dover-Wilson congettura che il personaggio abbia in mente una qualche predizione in tal senso. Più logico è pensare che Shakespeare abbia voluto introdurre, di volo, un vago tocco di stregoneria nel contesto.

      139 "This bottle makes an angel": è il solito quibble sulle monete ("nobile", "angelo", "testone", ecc.): l'"angelo" era una moneta d'oro del valore di circa mezza sterlina, così chiamata perché recava nel verso l'immagine dell'arcangelo Michele che uccide il drago. Bardolfo dice "fa" ("makes") invece di "costa": Falstaff finge d'intendere il "fa" nel senso di "rende" o anche "equivale a".

      140 "... contracted bachelors, such as had been asked twice on the banns...": "... celibi fidanzati, già alle seconde pubblicazioni". "Banns" (usato solo al plurale) è la pubblica notizia di matrimonio data in parrocchia e ripetuta due volte a distanza di l5 giorni per consentire l'obbiezione a chi conoscesse l'esistenza di impedimenti al matrimonio stesso.

      141 Secondo la parabola evangelica, il figliol prodigo torna a casa dopo essere stato al servizio d'un porcaio, cibandosi dello stesso cibo dei maiali che pascolava.

      142 Testo: "What a devil doest thou in Warwickshire?": "Che diavolo ci fai tu nella contea di Warwick?"

      143 "... and whereupon you conjure... ": "conjure" è "evocare con pratica diabolica"; l'italiano "congiurare" ha lo stesso significato (cfr: Dante, Inferno, IX, 23-25: "Congiurato da quella Eriton cruda / che richiamava l'ombre ai corpi sui / per trarne un spirto del cerchio di Giuda").

      144 "... While his blood was poor": "His blood" sta qui per "la sua casata": Riccardo II aveva confiscato i beni del duca di Lancaster, padre di Enrico, privandolo anche del titolo di duca.

      145 "... and now forsooth takes on him... ". "bontà sua" è il corrispondente italiano di "forsooth", forma avverbiale rafforzativa che vale "truly", "veramente", "davvero", ma è usata sempre in senso ironico, così come ironico è tutto il ritratto che Hotspur fa di Enrico Bolingbroke, come sottolinea quel "la cara patria" che segue.

      146 La vicenda è rappresentata, come una delle trame-chiave, nel "Riccardo II".

      147 Il testo ha semplicemente "his kinsman March", "il suo parente March"; in realtà si tratta di Edmondo, quinto conte di March (la marca gallese), che Riccardo II aveva designato come suo erede e successore, la madre di lui essendo figlia ed erede del Duca di Clarenza, secondogenito di Edoardo III.

      148 Testo: "Then with the losers let it sympatize, / For nothing can seem foul tho those that win": "Allora simpatizzi coi perdenti, perché nulla può sembrare brutto a quelli che vincono".

      149 "For you my staff of affice di I break": "staff" è il bastone, la verga, di legno o avorio, portata dai dignitari come insegna della loro autorità e del loro ufficio. "Spezzare la mazza" voleva dire dimettersi, rinunciare volontariamente all'ufficio di cui quella era l'insegna. Anche nella "Tempesta" (V, 1, 54) Prospero, quando annuncia la sua rinuncia all'esercizio delle arti magiche, dice: "I'll break my staff".

      150 Cioè al padre: Enrico nasce infatti dal matrimonio di Giovanni di Gaunt, quarto figlio di Edoardo III, con Bianca di Lancaster, che porta appunto il suo ducato in dote. Il ducato, alla morte di Giovanni di Gaunt, era stato confiscato da re Riccardo II, e incamerato nei beni della corona. A questo titolo Enrico lo rivendica.

      151 Il cuculo non fa nido; depone le uova nel nido di altri uccelli, in genere dei passeri, e le fa covare da questi.

      152 "... and bestride me so": si capisce che nel dir così Falstaff fa l'atto di divaricare le gambe: "To bestride" è "tenersi alto a protezione".

      153 "Well, 'tis no matter; honor pricks me on. Yea, but how if honr picks me off when I come on?: il testo inglese gioca sul diverso senso di "pick on " e "pick off". Falstaff ha detto prima: "Quando onore sprona ("picks on") (ad andare avanti)..." Poi ci ripensa: "Già ma se poi l'onore mi cancella "(picks off") dalla lista dei vivi? "To pick off" è proprio il verbo che indica "barrare", "cancellare un nome da una lista". Lo stesso gioco si ritrova nella seconda parte dell'"Enrico IV", III, 2, 110-111.

      154 Monmouth, un paese ai confini tra Inghilterra e Galles, è il luogo di nascita di Enrico, principe di Galles.

      155 "Now Esperance!": "Esperance" era il motto araldico della famiglia Percy. Gridare il proprio motto era il grido di guerra dei nobili inglesi.

      156 "Heaven to earth": formula di scommessa equivalente a "Scommetto il cielo contro la terra".

      157 L'episodio è storico: "Enrico IV, o fosse per dare lo scambio al nemico, o per dare l'impressione di essere dappertutto, aveva fatto a parecchi suoi ufficiali indossare un'armatura somigliante alla sua, onore che alla maggior parte di quelli fu funesto". (L. Galibert & C. Pellé, Storia d'Inghilterra, I, pag. 383, Antonelli edit., Venezia, 1845)

      158 "Here's non scoring but upon the pate": nelle taverne si usava segnare ("to score") con una tacca su di una stecca di legno il numero dei bicchieri consumati dai clienti; sul cui pagamento Falstaff, come abbiamo visto, era uso a "farla franca" ("shot-free") con l'ostessa Quickly.

      159 A quale personaggio alluda qui Falstaff non si sa. Il Gran Turco era il Sultano, e i turchi erano noti per la loro ferocia in battaglia. Il Dover-Wilson riferisce che nel 1579 giravano in Inghilterra pubblicazioni a stampa col titolo: "I tre tiranni del mondo", ed erano Nerone, il Gran Sultano di Turchia e Papa Gregorio VII, nemico dichiarato di Elisabetta regina.

      160 "There is that will sack a city": gioco di parole sul doppio significato di "sack". Falstaff sa che nel fodero della sua pistola non c'è la pistola, ma una bottiglia di vin secco di Spagna, che si dice "sack", sostantivo; ma "to sack" verbo è "saccheggiare", "mettere a sacco": In Italiano la battuta non ha senso; si è cercato di dargliene uno usando "sacco" invece di fondina ("case").

      161 Alcuni testi hanno qui la didascalia "Exit with Blunt's body", "Esce caricandosi il cadavere di Blunt"; ma è assai improbabile che Falstaff, col peso che ha detto di avere dentro, si sia concesso quest'atto di carità pietosa. Lo farà dopo con il corpo di Hotspur ucciso dal Principe Enrico, ma per ben altro scopo e ragione.

      162 Per la metrica, si legga Wèstmoreland: la parola in inglese è quadrisdrucciola.

      163 "Hold up thy head, vile Scot, or thou are like never to hold it up again": perché il Principe dica questo, non si capisce bene. Forse Douglas s'è chinato sul re, caduto a terra, e non ha visto entrare il Principe.

      164 La concezione pre-copernicana dell'universo postulava che le stelle fossero tutte fisse su una sfera di cristallo, la cui rotazione determinasse il loro moto nel firmamento.

      165 Poiché secondo le leggi della cavalleria medioevale (v. sopra la nota 110) il cavaliere che vinceva in duello aveva il diritto di appropriarsi di tutti i titoli di gloria militare del cavaliere sconfitto, Hotspur, che è sicuro di averla vinta sul Principe di Galles, vorrebbe - dice - che questi avesse un nome più glorioso nell'armi per suo maggior merito e gloria nel vincerlo. La stessa cosa intende il Principe nella sua risposta: anch'egli pensa, a sua volta, di far più grande il suo nome di soldato appropriandosi delle glorie di Hotspur vinto. E così sarà.

      166 "But let my favours hide thy mingled face": le didascalie di diversi curatori indicano a questo punto che Enrico fa l'atto di ricoprire il volto di Hotspur quale con una sciarpa, quale con una piuma del suo elmo, quale con altro oggetto, interpretando così ciascuno a suo modo quel "my favours", che lo stesso Shakespeare sembra aver lasciato all'arbitrio del regista. "Favour" nel suo significato letterale è termine generale per indicare ogni oggetto donato in segno di favore, di amicizia, di buona volontà: un nastro, un guanto, una coccarda, una sciarpa, ecc. Si è perciò tradotto nel senso generale di "ornamenti" (cfr. anche in "Pene d'amore perdute" V, 2, 130: "This favour shalt thou wear", riferito al dono fatto dal re Ferdinando alla principessa di Francia.

      167 "Embowell'd will I see thee by and by": il Principe prosegue nel traslato del cervo cacciato e ucciso: nelle partite di caccia, all'animale abbattuto si estraevano subito le interiora, per evitare che si corrompessero.

William Shakespeare

      Enrico IV1

      Seconda Parte

      Traduzione e note di Goffredo Raponi

     

      Edoardo III2

      Edoardo3

      Giovanni di Gaunt4

      Riccardo II5

      Enrico V6

     

      Note preliminari

      1) Il testo inglese adottato per la traduzione è quello curato del prof. Peter Alexander (William Shakespeare - "The complete Works", Collins., London & Glasgow, 1951, pagg. XXXII - 1370), con qualche variante suggerita da altri testi, in particolare quello della più moderna edizione dell'"Oxford Shakespeare", curata da G. Taylor e G. Wells per la University Press, New York, 1988.

       

      2) Alcune didascalie e indicazioni sceniche ("stage instructions") sono state aggiunte dal traduttore per la migliore comprensione dell'azione scenica alla lettura, cui la presente versione è essenzialmente concepita ed intesa. Si è lasciato comunque invariato, rispettivamente all'inizio e al termine di ciascuna scena, o alla entrata ed uscita dei personaggi nel corso della stessa scena, il rituale "Exit/Exeunt", avvertendo peraltro che non sempre queste dizioni indicano movimenti di entrata ed uscita, potendosi dare che i personaggi cui esse si riferiscono o si trovino già in scena all'inizio di questa, o vi rimangano al suo termine.

       

      3) Il metro è l'endecasillabo sciolto, alternato da settenari.

       

      4) La divisione in atti e scene, com'è noto, non si trova nell'in-folio del 1623; essa è stata elaborata, spesso anche con l'elenco dei personaggi, da vari curatori nel tempo, a cominciare da Nicholas Rowe (1700), con varianti talvolta sostanziose. Qui li si riproduce quali figurano nella citata edizione dell'Alexander.

       

      5) I nomi dei personaggi sono dati nella forma italiana, se ne esiste una, tranne quando sono preceduti dal titolo inglese (es. Sir John Falstaff, Lord Hastings).

            In questo dramma - come del resto sempre altrove - Shakespeare inventa, per i personaggi minori, nomi che sono altrettanti aggettivi o appellativi "coloriti", spesso intesi a sottolineare un qualche tratto caratteristico della persona. Così i nomi dei due giudici di pace Shallow e Silent sfruttano rispettivamente un aggettivo, "shallow", che vuol dire "vuoto di cervello", "imbecille" ("shallow brained") e un sostantivo, "silence", che vale "assenza di voce", quindi anch'esso "vacuity". È una critica, in chiave umoristica, alla qualità dei rappresentanti della giustizia dell'epoca.

            I nomi dei soldati arruolati da Falstaff sono anch'essi riferiti a qualità fisiche: MOULDY vuol dire "coperto di muffa" quindi "sporco e andato a male" ("dirty and decayed") e il nome di "Muffa" servirà a Shakespeare per ricamarci sopra uno dei suoi "quibbles"; SHADOW è "ombra", "oscurità" ma anche "piccolezza" ("smallness in degree"); Wart è ogni piccola escrescenza della pelle, quindi "foruncolo", "bubbolo"; Feeble è "fibula", "cannuccia", e "feeble-minded" è "tonto"; Bullcalf è "sempliciotto".

            Così i nomi dei due gendarmi: Fang è voce che contiene l'idea di "acchiappare con autorità", "l'azione di imporre la propria volontà a quella di un altro"; SNARE è "pericolo incombente", "trappola". Infine la prostituta Doll Tearsheat è, letteralmente, "bambola straccialenzuola", nome anche troppo suggestivo per una tale femmina.

            Si è cercato di tradurre tutti questi nomi come possibile nei loro corrispondenti italiani che avessero lo stesso sapore di comicità; s'è lasciato tuttavia in inglese il nome della ostessa Mrs. Quickly, la cui resa in "Madama Fapresto" (come altri ha inteso tradurre) è sembrata, oltre che impropria come traduzione, del tutto estranea al carattere e al comportamento del personaggio.

       

      6) La seconda parte dell'"Enrico IV" è storicamente il seguito della prima; ma la sua fattura non segue immediatamente la prima nel tempo; tra le due Shakespeare, per compiacere a un desiderio della regina Elisabetta, cui era tanto piaciuta la comicità del personaggio di Sir John Falstaff sì da ordinare all'Autore di rimetterlo in scena in veste di galante innamorato, mette mano a comporre "Le Allegre comari di Windsor", la commedia, appunto, del Falstaff galante e scornacchiato. Pare la terminasse in soli 14 giorni.

            Anche nella seconda parte Shakespeare s'ispira, nella narrazione dei fatti, alle "Cronache" dell'Holinshead, ai "Quattro libri delle guerre civili" di Samuel Daniel ed altre fonti, ma vi aggiunge di suo una cospicua parte di materiale non-storico; com'è già in apertura del dramma il falso annuncio della vittoria dei ribelli contro il re a Shrewsbury; dove invece hanno prevalso le forze regie e dove il principe Enrico s'è tanto distinto per valore (ha ucciso, tra l'altro, in duello, Harry Percy "Sperone ardente" (o "Caldosprone" come a noi piace meglio rendere "Hotspur") da far dire al re, suo padre, che ha riscattato così tutti i suoi colpevoli trascorsi.

            Il giovane principe, tuttavia, in apertura del dramma, sembra tornato alla sua vita scapigliata e alla solita mala compagnia di gente trista; e sarà questo nuovo motivo di amarezza per suo padre, già premuto e angustiato da una nuova rivolta di nobili, capeggiata dal padre del caduto "Sperone ardente", il vecchio conte di Northumberland, l'Arcivescovo di York, e i Lords Hastings e Mowbray.

            Il rapporto padre-figlio, su cui ruota la vicenda "personale" del dramma, ha la sua scena-madre nel momento in cui il giovane Enrico al capezzale del re, uomo ormai malato, esacerbato dal rimorso, lo crede morto, gli sottrae la corona e se la porta via per provarsela sul capo; ma il re si sveglia e dopo aver a lungo rimproverato il figlio, ne accetta le sincere dichiarazioni di amore e di lealtà filiale, e, come parlando al suo successore, gli dà una serie di consigli; gli ricorda le vie traverse per le quali egli stesso ha ottenuto la corona e gli suggerisce la politica da seguire per regnare: e cioè portare la guerra all'esterno, per proteggersi dall'insorgere di guerre civili all'interno. È l'annuncio delle vittoriose campagne di Francia del futuro Enrico V.

Personaggi

* La Chiacchiera (in funzione di presentatore)

* Re Enrico IV

* Figli di Enrico IV

* Enrico

principe di Galles, poi Enrico V

* Giovanni di Lancaster

* Humphrey di Gloucester

* Tomaso di Clarenza

* Avversari del re

* Il Conte di Northumberland

* Lord Scroop

arcivescovo di York

* Lord Mowbray

* Lord Hastings

* Lord Bardolph

* Sir John Colevile

* Del partito del re

* Il Conte di Warwick

* Il Conte di Westmoreland

* Il Conte di Surrey

* Il Conte di Kent Gower

* Harcourt

* Blunt

* Il Lord

giudice supremo

* Un suo servitore

* Scapigliati bislacchi

* Sir John Falstaff

* Eduardo Poins

* Bardolfo

* Pistola

* Peto

* Giudici di pace

* Roberto Zucca

* Silente

* Sbirri alle dipendenze dello Sceriffo

* Lenza

sergente

* Panza

gendarme

* Reclute

* Muffa

* Ombra

* Bubbolo

* Cannuccia

* Torello

* Servitori di Northumberland

* Traversa

* Morton

* Davy

servitore di Zucca

* Il Paggio di Sir John Falstaff

* Cesco

garzone d'osteria

* Lady Northumberland

moglie di Lord Northumberland

* Lady Percy

vedova di Harry Percy detto "Hotspur"("Sperone ardente")

* L'Ostessa Quickly

della taverna "Alla testa di cinghiale" a Eastcheap

* Pupa Strappalenzuola

prostituta

* Un ballerino in funzione di Epilogo

* Nobili, persone del seguito, un portiere, uscieri, valletti, servitori

Scena: in Inghilterra

Prologo

Davanti al castello dei conti di Northumberland a Warkworth

Entra, in funzione di presentatore, la Chiacchiera in una veste fatta di tutte lingue dipinte a vari colori

     

Chiacchiera -

      Signori, a me l'orecchio!

      E chi di voi vorrà sbarrar l'udito

      a ciò che reca il vento della Chiacchiera?

      Io, dall'oriente al declinante occaso,

      faccio del vento il mio caval di posta

      per far palesi al mondo i fatti altrui

      come spuntano sul terrestre globo.

      Sulle mie lingue corre la calunnia

      ch'io vo disseminando di continuo

      nei più svariati idiomi della terra

      inzeppando le orecchie della gente

      di false dicerie: parlo di pace,

      mentre la subdola inimicizia

      sotto il sorriso della sicurezza

      prepara i colpi che infierisce al mondo.

      Chi, se non io, la Chiacchiera,

      costringe a star perennemente all'erta

      spaurite truppe e approntate difese

      col sussurrare intorno che l'annata,

      anche se pregna di tutt'altri mali,

      è sul punto di partorire un figlio

      al tiranno crudele della guerra,

      e invece è tutto falso?

      La Chiacchiera è una specie di zampogna

      nelle cui canne soffiano sospetti

      e congetture della Gelosia7,

      e per suonarla è così piano e semplice

      chiuderne e aprirne i fori con le dita,

      che pure l'incostante moltitudine,

      sempre discorde, la sa modulare.

      Ma che bisogno ho io

      d'andar dissezionando in mezzo a voi,

      gente di casa, il mio ben noto corpo?

      Voglio dire: che ci fa qui la Chiacchiera?

      Io reco in avanguardia la notizia

      della grande vittoria di Re Enrico

      che ha battuto, in un sanguinoso scontro,

      Sperone Ardente8 e le sue truppe a Shrewsbury,

      soffocando nel sangue

      la vampa dell'ardita ribellione.

      Ma che idea m'è saltata per la testa

      di spifferarvi subito, così,

      i fatti nella loro verità?

      Mio compito sarà, tutto al contrario,

      di spargere che è stato Enrico Monmouth9

      a cader sotto l'ira della spada

      del valoroso Hotspur; e che il re

      dovè chinare il capo consacrato,

      a terra, giù, fino a toccar la tomba,

      sotto i colpi del furibondo Douglas.

      Queste son le notizie

      ch'io sono andata bucinando in giro

      per i villaggi e i borghi

      tra Shrewsbury, dov'è accampato il re,

      e questo diroccato fortilizio

      di pietra verminosa e fatiscente

      nel quale il padre di Sperone Ardente,

      il vecchio Percy, conte di Northumberland,

      giace a letto fingendosi malato.

      Arrivan trafelati i messaggeri,

      ma nessuno di loro reca nuove

      attinte ad altre fonti che da me.

      E dalle mille lingue della Chiacchiera

      portano attorno dolci falsi balsami,

      peggiori delle amare verità.

     

      (Esce)

atto PRIMO

scena I -La stessa del prologo

     

      Entra Lord Bardolph

     

Bardolph -

      Olà, chi sta di guardia qui alla porta?

      (Bussa alla porta del castello)

     

      Dalla porta esce il portiere

     

      Dov'è il Conte?

Portiere -

      Chi debbo dire, prego?

Bardolph -

      Digli che è qui Lord Bardolph che l'aspetta.

Portiere -

      Sua signoria fa due passi in giardino.

      Vostro onore non ha che da bussare

      a quella porta; v'aprirà lui stesso.

     

      La porta del giardino si apre e ne esce il vecchio

      Conte di Northumberland; ha in capo

      una berretta e s'appoggia ad una cruccia

Bardolph -

      Il Conte è qui.

Northumberland -

      Che notizie, Lord Bardolph?

      Di questi tempi ogni istante che passa

      può partorir qualche brutta sorpresa.

      Sono tempi feroci, e la discordia,

      come un cavallo sazio di buon pascolo,

      s'è scatenata, ha spezzato le redini

      e travolge ogni cosa avanti a sé.

Bardolph -

      Porto da Shrewsbury notizie certe,

      nobile Conte.

Northumberland -

      E buone, se Dio vuole?

Bardolph -

      Le migliori che cuor possa augurarsi.

      Eccole: il re quasi ferito a morte;

      suo figlio Harry, principe di Galles,

      per buona sorte del vostro figliolo

      e mio signore, addirittura ucciso;

      uccisi per la mano di Lord Douglas10

      entrambi i Blunt; il principe Giovanni

      in fuga con Westmoreland e Stafford;

      e quel grosso maiale di Sir John

      che fa brigata con Enrico Monmouth,

      prigioniero di vostro figlio Percy.

      Una giornata combattuta e chiusa

      così splendidamente come questa

      non era certamente più venuta

      ad onorare il corso della storia

      dai trionfi del grande Giulio Cesare.

Northumberland -

      Ma tutto questo come lo sapete?

      Eravate sul campo di battaglia?

      E venite da Shrewsbury?

Bardolph -

      Non proprio;

      ma ho parlato con uno; mio signore,

      che proprio ne veniva: un gentiluomo

      di buona nascita e reputazione

      che, non richiesto, m'ha voluto dare

      come sicure queste informazioni.

     

      Entra Traversa

Northumberland -

      Ma ecco qui Traversa, il mio famiglio

      che spedii là lo scorso martedì

      ad orecchiare che notizie c'erano.

Bardolph -

      L'ho superato per via cavalcando,

      mio signore; non può esser fornito

      di notizie più certe

      di quelle avute da me.

Northumberland -

      Beh, Traversa,

      quali buone notizie t'accompagnano?

Traversa -

      Mio signore, Sir Bardolph,

      per la strada, mentre tornavo a casa,

      m'aveva dato, invero, superandomi

      con la migliore sua cavalcatura,

      felici nuove. Ma dopo di lui

      mi raggiunse, correndo a tutto sprone,

      un gentiluomo, che mi s'affiancò

      per ridare respiro al suo cavallo

      che aveva i fianchi tutti insanguinati.

      Mi chiese quale via menasse a Chester,

      ed io gli chiesi a mia volta notizie

      da Shrewsbury, se mai ne avesse avute;

      egli allora mi disse che la sorte

      era stata maligna coi ribelli,

      e che lo sprone del giovane Percy

      era freddo per sempre; e lì, di colpo,

      diede di briglia all'abil suo destriero

      e conficcò, tutto curvo in avanti,

      gli sproni che ne armavano i calcagni

      negli ansimanti fianchi della bestia,

      ficcandoglieli fino alle rotelle

      sì che sembrò partirsene di volo

      quasi volesse divorar la strada,

      senza attender da me altre domande.

Northumberland -

      Eh?... Ripeti, ripeti... Che ti disse?

      Che lo sperone del giovane Percy

      era ridotto freddo?

      "Sperone freddo" di "Sperone Ardente"?

      E che la ribellione

      aveva ricevuto sorte ingrata?

Bardolph -

      No, so io com'è andata, monsignore.

      Se vostro figlio e mio giovin signore

      non ha vinto, vi giuro sul mio onore,

      che darò via la mia baronia

      per un laccetto di seta. Macché!

      Manco a parlarne, siatene pur certo!

Northumberland -

      Perché allora quel tale gentiluomo

      che s'è affiancato a Traversa per via

      gli avrebbe dato sì precisi dati

      sulla rotta dei nostri?

Bardolph -

      Chi, quel tale?

      Quello era qualche ozioso lestofante

      che stava in groppa a un cavallo rubato

      e che, parola mia, contava bubbole!

      Ma guardate, ecco giungere altre nuove.

      Entra Morton

Northumberland -

      Sì, ma il cupo cipiglio di quest'uomo

      è già l'annuncio, quasi un frontespizio,

      del contenuto d'un tragico libro.

      Il suo volto ha l'aspetto d'una spiaggia

      sopra la quale gli imperiosi flutti

      hanno lasciato la testimonianza

      della loro violenta occupazione.

      Morton, su, parla. Ne vieni da Shrewsbury?

Morton -

      Da Shrewsbury, mio nobile signore,

      fuggito via da un luogo

      ove la morte s'è coperto il volto

      con la più orribile delle sue maschere

      per seminare il terrore fra i nostri.

Northumberland -

      Che n'è di mio fratello? Di mio figlio?

      Tu tremi, e il pallore del tuo viso

      mi dice meglio assai che la tua lingua

      il tuo messaggio. Un altro come te

      disanimato, attonito, disfatto,

      il volto cereo di mortal pallore,

      fu quello che, nel cuore della notte,

      andò ad alzar la cortina di Priamo

      per dirgli che metà della sua Troia

      era in fiamme; ma prima ch'ei parlasse

      quello aveva "sentito" già l'incendio

      com'io ora la morte del mio Percy

      prima che tu me ne dia la notizia.

      So già come vorresti presentarmela:

      "Vostro figlio operò così e così...

      "vostro fratello si batté così

      "col grande Douglas", eccetera, eccetera...

      a riempire l'avido mio orecchio

      con i loro prodigi di valore,

      fino a che, a turarmelo del tutto,

      un tuo sospiro spazzerà ogni lode

      concludendo così: "Fratello e figlio

      e tutti gli altri sono morti. Tutti".

Morton -

      Douglas vive, e così vostro fratello;

      ma quanto al mio signore vostro figlio...

Northumberland -

      È morto! Vedi come il presentire

      ha lingua pronta. Colui che paventa

      una cosa che non vorrebbe apprendere

      capisce già, solo dall'altrui sguardo,

      per istinto, che quel che paventava

      è successo... Ma parla, Morton, parla!

      Non farti scrupolo di dire a un conte

      che il suo presentimento era bugiardo.

      Lo prenderò come un cortese sgarbo;

      anzi, quest'atto tuo d'irriverenza

      ti farà ricco.

Morton -

      Siete troppo grande

      perché io vi contraddica; il vostro spirito

      è troppo veritiero e troppo certi

      i vostri pavidi presentimenti.

Northumberland -

      E tuttavia non m'hai ancora detto

      che Percy è morto. Ti leggo negli occhi

      però, che annuisci stranamente.

      Scuoti il capo e paventi essere in colpa

      nel dir la verità.

      Se è stato ucciso dillo; non m'offende

      la lingua che m'annunci la sua morte;

      pecca chi falsamente annuncia il morto

      non già chi dice il morto non più vivo;

      anche se è vero ch'è ben duro compito

      quello di chi riporta ingrate nuove:

      la sua lingua somiglia a una campana

      che annuncia col suo lugubre rintocco

      l'ultima dipartita d'un amico.

Bardolph -

      Che vostro figlio sia morto, signore,

      davvero non riesco a indurmi a crederlo.

Morton -

      (A Northumberland)

      Mi duole esser costretto a persuadervi

      di cosa che avrei ben richiesto al cielo

      di non aver mai visto; ma l'ho visto

      con questi che, tutto sanguinante,

      rispondeva, con deboli stoccate,

      sfibrato ed ansimante ad Harry Monmouth,

      la cui fulminea collera abbattè

      il vostro indomito Percy al terreno

      da quale non doveva più rialzarsi.

      In breve, non appena si diffuse

      pel campo la notizia della morte

      di quel prode il cui spirito guerriero

      infiammava il più stupido bifolco,

      si spense fuoco e ardore in tutti gli animi

      anche dei più coraggiosi suoi uomini;

      perché tutti traevan la lor tempra

      dal suo metallo quelli di sua parte;

      talché caduto lui, per tutti gli altri

      fu tutto un ricadere su se stessi,

      come pezzi di grave e inerte piombo.

      E come tutto ciò ch'è in sé pesante

      quando riceve una potente spinta

      vola a grandissima velocità,

      così i nostri uomini, resi pesanti

      dall'improvvisa perdita di Percy

      presero tale levità di peso

      dalla paura, che non più veloci

      volan le frecce verso il lor bersaglio

      di quelli, che dal campo di battaglia

      fuggiron tutti in cerca d'uno scampo.

      E fu a quel punto che il nobile Worcester

      d'improvviso fu fatto prigioniero;

      e quell'indemoniato di scozzese,

      il sanguinario Douglas,

      la cui abile spada aveva ucciso

      tre contraffatte immagini del re11,

      cominciò a vacillare di coraggio12

      e, incurante d'offrire col suo esempio

      un alibi alla vergognosa fuga

      di tutti gli altri, volse allora anch'egli

      al nemico le spalle e, nella fuga,

      inciampava e veniva catturato.

      La conclusione di tutto è che il re

      ha vinto, mio signore,

      ed ha spedito qui contro di voi,

      le sue truppe più celeri al comando

      del principe di Lancaster e di Westmoreland

      E questo è tutto che dovevo dirvi.

Northumberland -

      Per piangere su questo

      avrò tempo. C'è sempre nel veleno

      un antidoto al male provocato:

      notizie come queste,

      che m'avrebbero, fossi stato bene,

      reso infermo, m'han quasi risanato,

      essendo infermo. E come ad un infermo

      cui la febbre ridusse le giunture

      come tante cerniere scardinate

      sotto il fardello d'una vita grama,

      sfugge, col guizzo quasi d'una vampa,

      dalle braccia di quelli che l'assistono,

      così a me queste membra,

      sfibrate dal dolore, dal dolore

      sentono triplicato il lor vigore.

     

      (Gettando via la cruccia)

     

      Via, perciò, fiacca, neghittosa cruccia!

      Un guanto a nocche e scaglie in duro acciaio

      ricopra d'ora innanzi questa mano!

     

      (Gettando via la berretta)

     

      E via anche tu, berretta da malato,

      troppo futil difesa a questa testa

      che principi esaltati di conquiste13

      voglion fare bersaglio dei lor colpi!

      Di ferro mi si cinga ora la fronte

      e contro me s'avanzi minacciosa

      l'ora che i tempi e il livido rancore

      oseranno recare per reprimere

      la furibonda rabbia di Northumberland!

      Ora che il cielo baci pur la terra!

      Ora più non trattenga la natura

      nei suoi confini il tempestoso oceano!

      Sprofondi l'ordine del mondo, e il mondo

      cessi d'essere solo il palcoscenico

      su cui da un atto all'altro

      si nutre pigramente la discordia;

      e in ogni petto imperi solamente

      il primigenio spirito di Caino,

      sì che quando ogni cuore sia aizzato

      a sanguinose azioni, si concluda

      l'umano dramma, e discenda la tenebra

      a seppellire i morti.

Bardolph -

      Questi accessi di rabbia fanno male

      alla vostra salute, mio signore.

Morton -

      Che la vostra saggezza, dolce duca,

      non divorzi dal senso dell'onore;

      le vite di noi tutti,

      vostri affezionatissimi seguaci,

      sono legate alla vostra salute,

      e questa non potrà che peggiorare

      se vi lasciate andare in questo modo

      al turbine della disperazione.

      Avevate di certo messo in conto

      l'evento della guerra ed i suoi rischi

      prima di dire: "Avanti, andiamo avanti!".

      Ben era in voi tenuto in conto, credo,

      che, trascorrendo in mezzo a tanti colpi,

      vostro figlio potesse pur soccombere;

      che avrebbe camminato sul pericolo

      come sul ciglio d'un profondo abisso

      nel quale era più facile cadere

      che riuscire a superarne il varco;

      sapevate altresì che la sua carne

      era soggetta ai guasti e alle ferite

      e che l'ardimentosa sua natura

      l'avrebbe certamente fatto accorrere

      dove la mischia fosse più rischiosa.

      E tuttavia non esitaste un attimo

      a dirgli: "Avanti, va!",

      perché nessuno di questi pericoli,

      seppure fortemente paventati,

      poté frenarvi da un'iniziativa

      così tenacemente perseguita.

      Che è successo, d'altronde,

      o che cosa è seguito a questa impresa

      più di quanto non fosse già previsto?

Bardolph -

      Noi tutti, che pur siamo coinvolti

      in questa perdita, eravam ben consci

      d'avventurarci in acque sì rischiose

      e dove l'alea di salvar la vita

      non era più di uno contro dieci.

      E tuttavia ci mettemmo all'azzardo

      perché la prospettiva del vantaggio

      d'un suo successo superava in noi

      di gran lunga la tema del pericolo;

      ed anche ora, travolti come siamo,

      ci resta l'animo di ritornare

      a tentare la sorte... Avanti, su,

      mettiamo in gioco tutto, vita e beni!

Morton -

      Ed è gran tempo! M'è giunta anche voce,

      nobilissimo duca, e son sicuro,

      mio signore, di riferirvi il vero,

      che il nobile arcivescovo di York

      è già in campo con truppe bene armate.

      Egli è tal uomo da legare a sé

      i suoi seguaci a duplice cauzione.

      Vostro figlio, mio nobile signore,

      d'altro non disponeva, per combattere,

      che di corpi senz'anima,

      ombre che avevan sol parvenza d'uomini,

      ché la stessa parola "ribellione"

      staccava loro l'anima dal corpo

      sì da farli sentire tratti a forza

      ad uno scontro ad essi ripugnante

      come bere un intruglio nauseabondo;

      talché sembrava che da parte nostra

      combattessero solo le armature,

      mentre quella parola: "ribellione"

      ne aveva raggelato mente e anima

      come altrettanti pesci in uno stagno.

      L'Arcivescovo invece ha fatto adesso

      della rivolta un moto religioso.

      Creduto uomo generoso e pio

      da tutti, nei pensieri e nei propositi,

      è seguito da tutti anima e corpo;

      e guadagna seguaci alla sua parte

      col sangue dell'onesto re Riccardo

      raschiato via dalle pietre di Pomfret14.

      Fa derivar dal cielo la sua causa

      e le ragioni della sua rivolta

      dicendo loro d'ergersi a difesa

      d'un paese che sanguina e boccheggia

      sotto la tirannia del grande Bolingbroke;

      e si trascina dietro grandi e piccoli.

Northumberland -

      Di tutto questo avevo già saputo,

      ma in verità l'ambascia di quest'ora

      l'avea tirata fuor dalla mia mente.

      Venite, raduniamoci a consiglio

      e suggerisca ciascuno di voi

      la maniera migliore e più spedita

      per ottenere salvezza e vendetta.

      Si mandino messaggi e messaggeri

      a procurarci subito alleati,

      mai così pochi e mai più necessari.

     

      (Escono entrando nel castello)

scena II -Londra, una strada

     

      Entrano Sir John Falstaff e il suo Paggio, un nano che gli cammina dietro portandogli spada e scudo

     

Falstaff -

      Dunque, gigante, che dice il dottore

      della mia urina?

Paggio -

      Ha detto, signoria,

      ch'era di per se stessa buona e sana

      ma che il soggetto al quale essa appartiene

      potrebbe avere addosso più malanni

      che non ne sappia la sua scienza medica.

Falstaff -

      Uomini d'ogni tacca e professione

      si fanno belli a prendermi a dileggio.

      Il cervello di quell'immondo impasto

      di creta e balordaggine che è l'uomo

      non sa inventare nulla per far ridere

      che non sia stato inventato da me

      o su di me; perché io sono arguto

      non soltanto per esserlo in me stesso,

      ma perché suscito arguzia negli altri.

      Ecco, vedi, io ti cammino avanti

      come una scrofa che abbia soffocato

      tutti i suoi porcellini, eccetto uno.

      Se il principe non t'ha assegnato a me

      per far spiccare agli occhi della gente

      la mole del mio corpo appetto al tuo,

      io son uno senza cervello in testa.

      Mandragola che sei!

      Altro che fatto per venirmi dietro!

      Tu sei più adatto a fare da ornamento

      al mio berretto, figlio di puttana!

      Fino ad oggi non m'era mai successo

      d'avere come scorta e servitore

      una tal figuretta da cammeo

      di quelle che s'intagliano nell'agata;

      ma io non t'incastonerò, vedrai,

      né in oro, né in argento;

      ti rispedirò indietro al tuo padrone

      in vil paludamento;

      che ti si metta lui per ornamento,

      lo sbarbatello, cui non spunta ancora

      un sol pelo sul mento. Farà prima

      a venire fuori una grossa peluria

      sulla mia palma, che un solo peletto

      sulla sua guancia; e nonostante ciò,

      non esita un istante a proclamare

      che la sua è la faccia d'un reale15!

      Gliela finisca Dio quando vorrà;

      per ora non ha un pelo che l'ingombri.

      E se davvero è di conio regale,

      se la conservi pur così per sé,

      ché di certo nessun barbitonsore

      ci caverebbe, a raderla, sei soldi16;

      e intanto lui va facendo il galletto

      quasi fosse già stato un uomo fatto17

      fin dal tempo che il padre era uno scapolo.

      Per me, si tenga pure la sua grazia18,

      ma la mia l'ha perduta quasi tutta.

      Di ciò può essere più che sicuro.

      E che t'ha detto Mastro Calabrone19

      circa quel raso per la mia mantella

      e le mie braghe, che t'ha detto, eh?

Paggio -

      Ha detto che dovreste procurargli,

      monsignore, una garanzia migliore

      di quella con l'avallo di Bardolfo.

      Non è disposto ad accettare impegni

      né dalla parte sua né dalla vostra;

      la vostra sicurtà non gli sta bene.

Falstaff -

      Che sia dannato, come l'Epulone20!

      E Dio voglia che a questo Achitofello21

      bruci la lingua, più di quello vero!

      Gran figlio di puttana, ciarlatano,

      tutto salamelecchi e "signorsì"!...

      Menare per il naso un gentiluomo

      ed impuntarsi sulla garanzia!

      Questi bastardi di zucche pelate

      che portano calzari alti una spanna

      con grossi mazzi di chiavi alla cintola22!

      E se un brav'uomo si rivolge a loro

      per un modesto credito d'acquisto,

      ecco che vogliono la sicurtà!

      Ma io mi faccio riempire il becco

      magari col veleno per i topi

      piuttosto che lasciarmelo tappare

      con questa maledetta sicurtà!

      Quant'è vero che sono un cavaliere,

      mi sarei aspettato da costui

      ventidue yarde d'un ottimo raso,

      e lui mi manda a dire "sicurtà"!

      Bene, ci dorma pure, in sicurtà!

      Perché la cornucopia23 ce l'ha in casa,

      da cui la leggerezza della moglie

      traspare con chiarezza cristallina...

      ma lui non è capace di vederla

      anche s'è il becco della sua lucerna

      a fargli luce... Ma dov'è Bardolfo?

Paggio -

      È andato a Smithfield24, vostra signoria,

      ad acquistare un cavallo per voi.

Falstaff -

      Così io ho comprato lui a San Paolo25,

      e lui mi compera un cavallo a Smithfield.

      Non mi manca che prendermi una moglie

      in un bordello, e sarò ben servito

      ben montato e benissimo ammogliato26.

     

      Entra il Lord giudice supremo con un servo

Paggio -

      Signore, sta arrivando il nobiluomo

      che fece mettere in prigione il Principe

      perché questi l'aveva schiaffeggiato

      a causa di Bardolfo.

Falstaff -

      (Svignandosela)

      Andiamo; seguimi,

      non ho nessuna voglia d'incontrarlo.

     

      (Infila un vicolo seguito dal paggio)

Giudice -

      (Al servo)

      Chi è quello che svicola di là?

Servo -

      È Sir John Falstaff, Vostra signoria.

Giudice -

      Quello che fu citato per rapina?

Servo -

      Appunto, monsignore; ma da allora

      ha combattuto egregiamente a Shrewsbury,

      ed al momento, a quanto sento dire,

      sta per partire per una missione

      al servizio del Principe di Lancaster.

Giudice -

      Che! A York?... Richiamamelo indietro.

Servo -

      (Chiamando)

      Sir John Falstaff... Sir John...

Falstaff -

      (Al paggio, voltandosi)

      Ragazzo, va',

      vagli a dire che il tuo padrone è sordo.

Paggio -

      (Al servo del giudice)

      Vi dispiace parlare un po' più forte?

      Il mio padrone è sordo.

Giudice -

      Sordo, eh, sì!

      Sicuro! Sordo ad ogni voce onesta!

     

      (Al suo servo)

      Prendilo per un braccio, se non sente,

      e conducilo qui. Debbo parlagli.

Servo -

      (Fa per afferrare Falstaff per il braccio,

      ma non gli riesce che di tirargli la manica,

      come chi voglia chieder l'elemosina)

      Sir John...

Falstaff -

      Un ragazzone come te,

      grande e grosso, che chiede l'elemosina?

      Non c'è più da arruolarsi per la guerra?

      Non ci sono più posti di lavoro?

      Il re non abbisogna più di sudditi?

      I ribelli non voglion più soldati?

      Ché può esser magari vergognoso

      trovarsi a militare da una parte

      diversa da quell'una ch'è la tua27,

      ma mendicare è ancor più vergognoso

      che combattere da quest'altra parte,

      anche se ciò sia senza confronto

      peggior partito che farsi ribelle.

Servo -

      Signore, vi sbagliate su di me.

Falstaff -

      Perché, ho detto che sei un uomo onesto?

      Se avessi detto questo,

      mettendo a parte la mia qualità

      di cavaliere nonché di soldato28,

      avrei proprio mentito per la gola.

Servo -

      Vi prego allora di metter da parte

      cavaliere e soldato che voi dite,

      e consentire a me di dichiararvi,

      signore, che mentite per la gola

      se dite ch'io non sono un uomo onesto.

Falstaff -

      Io consentire a te di dirmi questo?

      E per farlo dovrei lasciar da parte

      qualcosa che fa parte di me stesso?

      Perdio, se avrai da me questo consenso,

      fammi impiccare; e se questa licenza

      te la dovessi prendere tu stesso,

      meglio faresti ad impiccarti tu!

      Fuori dai piedi, cane senza fiuto!

      Fila!

Servo -

      Ma, chi desidera parlarvi,

      signore, non son io, è il mio padrone.

Giudice -

      (Avvicinandosi)

      Sì, Sir John Falstaff, io, una parola.

Falstaff -

      (Fintamente cerimonioso)

      Mio buon signore! Voglia Iddio concedere

      un lieto giorno a Vostra signoria.

      Mi rallegro vedervi fuori casa;

      ho udito che stavate poco bene.

      Spero non siate uscito, monsignore,

      senza espresso consiglio del dottore;

      ché, se non proprio fuor di gioventù,

      un qualche pizzico di attempatezza,

      un sapor di salsedine del tempo

      vossignoria se lo deve sentire.

      Perciò molto umilmente vi scongiuro

      d'aver riguardo alla vostra salute.

Giudice -

      Sir John, già prima che v'apparecchiaste

      a partire per Shrewsbury soldato

      io vi feci chiamare innanzi a me.

Falstaff -

      (Cambiando discorso)

      Non vi dispiaccia, Vostra signoria,

      ma sua maestà, come avete sentito,

      è tornato da questa sua campagna

      nel Galles con addosso qualche acciacco

      ed anche brutto...

Giudice -

      Non vi sto parlando

      di sua Maestà; vi stavo ricordando

      che quando foste da me convocato,

      vi siete ben guardato dal venire.

Falstaff -

      (Sempre seguendo il discorso di prima)

      ... ed ho saputo inoltre che sua altezza

      ha avuto un'allarmante ricaduta

      in quella sua dannata apoplessia...

Giudice -

      Beh, che Dio lo guarisca.

      Ma, vi prego, è di voi che sto parlando.

Falstaff -

      (Come sopra)

      ... e da quanto m'è dato di capire,

      con licenza di vostra signoria,

      si tratterebbe, questa apoplessia,

      d'una forma di grave letargia,

      un torpore che invade tutto il sangue

      e dà un noioso sibilo agli orecchi...

Giudice -

      Sia quel che sia, a me venite a dirlo?

Falstaff -

      (Come sopra)

      ... e all'origine di questo disturbo

      son gli affanni, le cure ed i pensieri

      che affaticano e turbano il cervello.

      Le cause che producon questi effetti

      le ho lette nel trattato di Galeno:

      chi n'è colpito è come fosse sordo.

Giudice -

      Sordo mi sembra lo siate anche voi,

      visto che non sentite quel che dico.

Falstaff -

      Esatto, monsignore, più che esatto!

      Anzi, se non dispiace a Vostro onore,

      la malattia da cui sono colpito

      è proprio quella di non ascoltare,

      di non fare attenzione a chi mi parla.

Giudice -

      Un bel paio di ceppi alle caviglie

      sarebbe certamente un buon rimedio

      per ridare l'udito ai vostri orecchi.

      E volentieri vi farei da medico.

Falstaff -

      Eh, sapete, eccellenza,

      io, al pari di Giobbe, sono povero,

      ma non son come lui così paziente.

      Vossignoria può ben somministrarmi

      per medicina l'imprigionamento,

      in ragione della mia povertà;

      quanto però alla mia disposizione

      a seguire le vostre prescrizioni

      è un punto sopra il quale i benpensanti

      potrebbero nutrire qualche dubbio29.

Giudice -

      Io vi mandai quella convocazione

      quando su di voi pendevan tali accuse

      da comportar la pena capitale.

Falstaff -

      Ed io, su avviso del mio difensore,

      dottissimo di leggi militari,

      pensai non fosse il caso di venire.

Giudice -

      Sir John, insomma, diciamola chiara:

      voi menate una vita vergognosa.

Falstaff -

      Non potrebbe condurne una diversa

      uno cui stesse bene la mia cinghia.

Giudice -

      I vostri mezzi sono assai ristretti

      per una vita sì larga di sperperi30.

Falstaff -

      Come vorrei fosse vero il contrario:

      più larghi i mezzi, più stretta la vita!

Giudice -

      Avete indotto il Principe a traviarsi.

Falstaff -

      È stato il principe a traviare me.

      Io sono come il cieco panciagrossa,

      e lui il mio cane.

Giudice -

      Bah, sia come sia,

      mi ripugna riaprire una ferita

      appena mo' rimarginata. Basta.

      Il vostro buon comportamento a Shrewsbury

      ha steso un po' di patina dorata

      sulla rapina notturna di Gadshill31.

      Potete ringraziare l'inquietudine

      dell'ora che viviamo,

      se v'è riuscito di venirne fuori

      a così poco prezzo.

Falstaff -

      Signor mio...

Giudice -

      Ma dal momento che ora tutto è in ordine,

      rimanga pur com'è;

      non stiamo a risvegliar lupo che dorme.

Falstaff -

      Eh, sì, svegliare un lupo quando dorme,

      è male quanto fiutare una volpe32.

Giudice -

      Ecco, voi siete come una candela

      di cui si sia bruciato tutto il meglio.

Falstaff -

      Un cero da festino,

      dite pure, signore, tutto sego:

      ché se dovessi dirmi cera

      la mia mole m'avrebbe sconfessato33.

Giudice -

      Non c'è pelo del vostro bianco mento

      che non dovrebbe indurvi a mantenere

      la parte di sussiego che gli spetta.

Falstaff -

      Di sussiegoso grassume, grassume34!

Giudice -

      Seguite ovunque quel giovane principe

      manco foste il suo angelo cattivo.

Falstaff -

      Ah, no, signore: un "angelo" cattivo

      è leggero di peso; mentre a me,

      almeno spero, chiunque mi guardi

      m'accetta subito, senza pesarmi;

      pur se per certi aspetti, devo ammetterlo35,

      non ho facile corso. Ma che dire?

      In tempi di mercanti come questi

      il merito è così poco apprezzato

      che il valore è ridotto, quello vero,

      a far ballare gli orsi nelle fiere,

      e il suo sagace spirito sprecato

      a fare l'oste ed i conti d'osteria;

      e così l'altre doti che fan l'uomo,

      ridotte come sono tutte quante

      dalla perversità del nostro tempo,

      non valgon più d'un chicco d'uva spina.

      Voi vecchi non considerate al giusto

      gli slanci di noi giovani:

      misurate l'ardor del nostro fegato

      con l'amarezza della vostra bile;

      ma noi che siamo pure un po' più avanti

      nell'età della nostra giovinezza,

      siamo anche, devo ammetterlo,

      oltre che giovani, un po' mattacchioni.

Giudice -

      Vi mettete nel novero dei giovani

      voi, che con tutti i crismi dell'età,

      portate scritto "vecchio" sulla faccia?

      Non avete voi l'occhio lacrimoso,

      la mano secca, la faccia ingiallita,

      la barba bianca, le gambe in decrescita?

      Non avete la voce arrugginita,

      il fiato corto, il mento a pappagorgia,

      il cervello infiacchito, ed ogni parte

      del vostro corpo ridotta ad un rudere?

      E seguitate a proclamarvi giovane?

      Ah, Sir John, che vergogna, che vergogna!

Falstaff -

      Vi dirò, monsignore: io sono nato

      verso le tre d'un certo pomeriggio

      ch'ero in testa già bianco

      e nell'addome alquanto panciutello;

      quanto alla voce, mi si è fatta roca

      a forza di dar voce ai cani, a caccia,

      e di cantare antifone alla messa.

      D'addurvi qui altre prove

      della mia giovinezza non mi merito;

      vecchio son solo per senno ed intuito;

      ma chi volesse, mille marchi posta,

      misurarsi con me nel far capriole,

      si faccia avanti, consegni la posta,

      ed io son pronto a fare la scommessa36.

      Quanto al ceffone che vi diede il principe...

      ve lo diede, lo debbo riconoscere,

      da principe piuttosto screanzato;

      mentre voi lo incassaste da signore,

      devo dirlo, da vero gentiluomo.

      E non mancai di muovergliene appunto,

      e ne fa penitenza, il leoncello;

      ma non col capo cosparso di cenere

      e con un saio di tela di sacco,

      ma in un bell'abito nuovo di raso,

      tracannando del buon secco di Spagna37.

Giudice -

      Dio mandi al principe miglior compagno.

Falstaff -

      Ed al compagno mandi miglior principe.

      Di questo qui non so come sbrattarmi.

Giudice -

      Beh, a separarvi ci ha pensato il re.

      Ho inteso infatti che siete in partenza

      con sua altezza Giovanni di Lancaster

      a combattere contro l'arcivescovo

      e il conte di Northumberland.

Falstaff -

      Infatti.

      Ringrazio il vostro spirito sottile

      per averlo capito. Ma attenzione,

      voialtri tutti che restate a casa

      fra i dolci amplessi di Madonna Pace:

      pregate il cielo che i nostri soldati

      non abbiano a combattere coll'afa:

      perch' io porto con me, Signore Iddio,

      soltanto due camicie di ricambio,

      e non voglio sudare oltre misura.

      Se sarà infatti una giornata calda,

      ch'io non possa mai più sputare bianco38

      se non avrò come arma da brandire

      altro che la mia fiasca!

      Però spuntasse mai all'orizzonte

      un'azione importante qualche rischio

      in cui io non sia buttato dentro!

      Ma io non sono eterno39.

      È stato sempre vizio degli Inglesi,

      quando hanno per le mani un buon soggetto,

      di farne roba da comune impiego.

      Se proprio ritenete necessario

      incaponirvi a dir che sono vecchio,

      dovete allora mettermi a riposo.

      Volesse il Cielo che questo mio nome

      non avesse a suonar più sì terribile

      agli orecchi nemici come adesso!

      Preferisco piuttosto arrugginire

      fino alla morte, che venir frullato

      fino ad esser ridotto al lumicino

      da questa specie di moto perpetuo.

Giudice -

      Bene, Onestà: mantenetevi onesto,

      e benedica Iddio la vostra marcia.

Falstaff -

      Vossignoria non sarebbe disposta

      a prestarmi un migliaio di sterline

      per completarmi l'equipaggiamento?

Giudice -

      Non un soldo, mi spiace, non un soldo.

      Voi siete un tipo troppo intollerante

      al portar croci addosso a voi40. Addio.

      Statevi bene. E portate un saluto

      a mio cugino il conte di Westmoreland.

     

      (Escono il Giudice e il Servo)

Falstaff -

      Mi diano in testa con un maglio a tre

      se gli porto il saluto a suo cugino!

      C'è un'incapacità nell'uomo, innata,

      a separar l'età dall'avarizia,

      più che non a tenere separata

      la carne giovane dalla lussuria;

      ma l'una è castigata dalla gotta,

      l'altra dalla sifilide; ma i mali

      che sono già per lui codesti due

      mi dispensano dall'indirizzargli

      anche tutte le mie maledizioni...

      Di', ragazzo!

Paggio -

      Signore?

Falstaff -

      Quanto denaro c'è nella mia borsa?

Paggio -

      Sette grossi e due pence, signoria.

Falstaff -

      A questo mal consunto della borsa

      non mi riesce di trovar rimedio.

      Far debito è soltanto un palliativo

      per prolungare il male, ch'è inguaribile.

      Portami questa lettera

      al mio signore Giovanni di Lancaster,

      quest'altra al principe, quest'altra a Westmoreland;

      questa a Madama Ursula,

      la tardona cui ogni settimana

      da quando mi son visto sulla faccia

      che mi spuntava il primo pelo bianco,

      prometto di sposarla. Va', fa' presto.

      Al tuo ritorno sai dove trovarmi.

     

      (Esce il Paggio)

     

      Ah, questa gotta e questo mal francese!

      S'attaccassero insieme l'uno con l'altro!

      Perché se non è l'uno sarà l'altra

      a tormentarmi senza darmi tregua

      all'alluce di tutte e due le piante!

      Se non andrò più avanti, non importa;

      ho da me la scusante delle guerre;

      anzi con questi acciacchi, la pensione

      sembrerà tanto più giustificata.

      Buona mente di tutto fa tesoro:

      saprò far buon mercato dei miei mali.

     

      (Esce)

scena III - York, il palazzo dell'Arcivescovo

     

      Entrano l'Arcivescovo e i Lords Mowbray, Hastings e Bardolph

     

Arcivescovo -

      Ecco, dunque, signori, avete udito

      qual è la causa che noi sosteniamo

      e quali mezzi abbiamo a sostenerla.

      Ora vorrei che ciascuno di voi

      dicesse chiaramente il proprio avviso

      sulle nostre speranze di successo.

      Prima di tutti voi, Lord Maresciallo41.

      Che ne dite?

Mowbray -

      Vi do il mio pieno accordo

      sulle ragioni della nostra lotta,

      ma gradirei più ampie spiegazioni

      sul modo come, con i nostri mezzi,

      saremo in condizione di far fronte

      con sufficienti forze militari

      al poderoso esercito del re.

Hastings -

      Al momento le nostre forze in campo

      sommano a venticinquemila uomini,

      tutti elementi scelti ed addestrati;

      pei rinforzi nutriamo ampie speranze

      dalla parte del nobile Northumberland

      nel cui petto divampa sempre il fuoco

      dei numerosi oltraggi ricevuti.

Bardolph -

      Allora la questione è di sapere

      se i nostri venticinquemila uomini

      siano bastanti a reggere lo sforzo

      anche senza l'aiuto di Northumberland.

Hastings -

      Con lui possiamo.

Bardolph -

      Già, ma qui sta il punto.

      Se si pensa che siamo troppo deboli

      nell'evenienza che questi rinforzi

      ci vengano a mancare, è mio giudizio

      che non dovremmo avventurarci troppo

      finché non ci saremo assicurati

      quest'aiuto; perché in un'intrapresa

      che si presenta così sanguinosa

      come la nostra, non si può far calcolo

      su ipotesi, speranze, aspettative

      d'incerti aiuti.

Arcivescovo -

      Molto giusto, Bardolph!

      È stata appunto questa l'evenienza

      occorsa al giovane Sperone Ardente

      a Shrewsbury.

Bardolph -

      Infatti, monsignore:

      perché anche lui s'era imbottito il petto

      di speranze, nutrendosi dell'aria

      di promesse di aiuti e di rinforzi,

      illudendosi nell'aspettativa

      d'una armata che risultò alla fine

      inferiore al più piccolo suo calcolo;

      e così, con l'accesa fantasia

      propria delle persone allucinate

      condusse le sue truppe a morte certa,

      e si precipitò, ad occhi chiusi,

      nel baratro del pieno annientamento.

Hastings -

      Eppure, se m'è consentito dirlo,

      mai recò danno prospettarsi eventi

      e forme da cui trar qualche speranza.

Bardolph -

      E invece sì, può recar danno, e molto,

      nel caso di una guerra come questa,

      in cui l'azione armata, già avviata,

      non può vivere solo di speranza;

      come all'inizio della primavera

      noi vediamo spuntar le prime gemme

      che la speranza non ci garantisce

      che maturino in frutto,

      o le distrugga la morsa del gelo.

      Quando vogliamo edificar qualcosa,

      prima facciamo il rilievo dell'area,

      poi tracciamo la pianta, e sul progetto

      stimiamo il costo della costruzione;

      e se troviamo ch'esso eccede i limiti

      della spesa che abbiamo disponibile,

      che cos'altro facciamo di diverso

      se non ridisegnar tutto il progetto,

      riducendone il numero dei vani,

      o, se no, rinunciando a costruire?

      Così, a maggior ragione,

      in una grande impresa come questa

      che vuol dir quasi rovesciare un regno

      e provvedere a edificarne un altro -

      è necessario esaminare bene

      l'area sopra la quale edificare,

      la sicurezza delle fondamenta;

      interpellare esperti capimastro,

      accertarsi che i fondi disponibili

      siano bastanti a sostenere l'opera;

      soppesare gli aspetti negativi.

      Succederà, se no, di rafforzarci

      soltanto con le cifre sulla carta,

      usando solo nomi in luogo d'uomini

      come chi progettasse un edificio

      senza disporre dei mezzi per farlo;

      talché a metà dell'opera

      si ritrova costretto a rinunciare,

      lasciandola come creatura nuda

      esposta al lacrimare delle nuvole

      ed alla tirannia del crudo inverno.

Hastings -

      Sia pur così. Si dia pur per ammesso

      che le nostre speranze

      - che pur promettono un felice parto -

      abortiscano, e che la forza attuale

      è tutto ciò di cui possiam disporre

      senza contare su un sol uomo in più.

      Ebbene, io credo che pure in tal numero

      rappresentiamo un sufficiente nerbo

      per tener testa all'esercito regio.

Bardolph -

      Ed in che modo? Il re, secondo voi,

      non ha che venticinquemila uomini?

Hastings -

      Non più di tanti, anzi ancora meno,

      secondo i nostri calcoli, Lord Bardolph.

      Data la turbolenza del momento,

      ha dovuto spartire le sue forze

      su tre fronti: contro i francesi uno,

      contro Glendower, lo scozzese, un altro;

      sicché non gli può essere rimasto

      più d'un terzo da usar contro di noi.

      Così l'infermo re è spaccato in tre,

      e le sue casse, già quasi esaurite,

      suonano a vuoto e piangono miseria.

Arcivescovo -

      Non mi par perciò sia da temere

      ch'egli possa riunire i tre monconi

      e scagliarceli contro tutti e tre.

Hastings -

      Si lascerebbe sguarnite le spalle,

      se lo facesse, e francesi e gallesi

      si metterebbero alle sue calcagna.

      No, no, niente paura.

Bardolph -

      Chi sarà a comandare le sue truppe

      destinate a marciar contro di noi?

Hastings -

      Il Principe di Lancaster e Westmoreland;

      egli in persona con Enrico Monmouth

      contro i gallesi; nulla so di certo

      su chi sia stato designato a capo

      contro i francesi.

Arcivescovo -

      Su, dunque, all'azione!

      E proclamiamo in pubblico i motivi

      che ci hanno spinti alla rivolta armata.

      La nazione s'è fatta insofferente

      di colui ch'essa stessa s'era scelta.

      Il troppo amore li ha tutti saziati.

      Chi costruisce sul cuore del volgo

      sempre si troverà come dimora

      una casa malferma e vacillante.

      O stolta moltitudine plebea,

      con che alto fragor d'acclamazioni

      non hai tu scosso la volta del cielo

      nell'osannare e benedire Bolingbroke

      prima ch'ei fosse quale lo volevi!

      Ed ora che hai saziata questa voglia,

      bestia vorace, ne sei sì satolla

      da stimolar te stessa a vomitarlo!

      Così, così, volgar cagna plebea,

      tu liberasti l'ingordo tuo stomaco

      della regal persona di Riccardo;

      ed ora ti vorresti ringozzare

      il morto che volesti rigettare,

      e lo richiami a te con urli e sberci...

      Che fiducia riporre in questi tempi,

      se quegli stessi che Riccardo vivo

      vollero morto, vanno spasimando

      per la tomba che adesso lo racchiude?

      E tu che sul suo capo consacrato

      facesti piover manciate di cenere

      quando, attraverso la superba Londra,

      egli si trascinava sospirando

      alle calcagna dell'idolo Bolingbroke,

      sei quella stessa gente che ora grida:

      "O terra, terra, rendici quel re,

      e riprenditi questo in vece sua!".

      Ah, maledetto pensare degli uomini

      per il quale il passato e l'avvenire

      sono sempre migliori del presente!

Mowbray -

      Vogliamo dunque radunar le truppe

      e marciare?

Hastings -

      Siam sudditi del tempo;

      e il tempo ci comanda di partire.

     

      (Escono)

atto SECONDO

scena I - Londra, una strada a Eastcheap, nei pressi della taverna "Alla testa di cinghiale"

     

      Entra l'Ostessa Quickly con il sergente Lenza seguito, a distanza, da Pania

     

Ostessa -

      Allora, Mastro Lenza,

      avete dato corso alla querela42?

Lenza -

      Registrata e portata avanti al giudice.

Quickly -

      Dov'è il vostro gendarme? È uno forte?

      Ce la farà?

Lenza -

      (Chiamando)

      Ehi, Pania, dove sei?

     

      (Pania viene avanti)

Quickly -

      Oh, Signore! Il mio bravo Mastro Pania!

Pania -

      Son qua, son qua, sergente.

Lenza -

      Allora, Pania,

      s'ha da trarre in arresto Sir John Falstaff.

Quickly -

      Sì, Mastro Pania, ho denunciato lui

      e tutto il resto della compagnia.

Pania -

      Potrebbe pure costarci la pelle,

      a qualcuno di noi: tira di stocco.

Quickly -

      Oh, sì, statevi attenti,

      ché a me n'ha suonate di stoccate,

      in casa mia, nel modo più bestiale.

      Quando sfodera l'arma, quello là

      non pensa proprio al danno che farà:

      ci dà dentro come un indemoniato,

      senza riguardo per nessuno intorno,

      uomo, donna, bambino.

Lenza -

      Me ne infischio.

      Se arrivo a mettergli le mani addosso,

      non ho paura delle sue stoccate.

Quickly -

      Ed io nemmeno. E vi darò man forte.

Lenza -

      Se solo mi riesce di acciuffarlo...

      di farmelo venire tra le grinfie...

Quickly -

      Se vi sfuggisse, sarei rovinata43,

      v'assicuro. Nel mio libro dei conti

      ci ha una sfilza di buffi infinitiva44.

      Tenetelo ben forte, Mastro Pania,

      per carità, non fatelo scappare!

      So che sta per passare istantemente45

      al Cantone delle Friggitorie46

      (con rispetto parlando per voi uomini),

      perché voleva comprarsi una sella;

      e che è stato citato47 a colazione

      da Mastro Faccialiscia48, il setaiolo,

      al ristorante "Al Ciocco"49, in Lumbert Street.

      Vi prego, adesso che il ribattimento50

      è davanti alla corte, ed il mio caso

      è noto a tutti, ch'egli sia portato

      davanti alla giustizia per risponderne.

      Cento marchi, per me, povera donna,

      è coda troppo lunga da tirare,

      da sola; ho sopportato, ho sopportato,

      e sempre ho rimandato, e rimandato,

      e rimandato, un giorno dopo l'altro,

      ch'è vergognoso solo a ripensarci.

      Non c'è onestà ad agire in questo modo;

      a meno di pensare che una donna

      debba ridursi un asino, una bestia,

      e sempre sopportare a cuor leggero

      le angherie di qualsiasi farabutto.

     

      Entra Falstaff con Bardolfo e il Paggio

     

      Ma eccolo che arriva, giusto in punto,

      con quell'ubriacone di Bardolfo.

      Fate il vostro dovere, Mastro Lenza,

      fatelo, Mastro Pania!

      Oh, fatemelo, fatemelo, fatemelo!

Falstaff -

      Che succede? A chi è morta la giumenta?

      Che c'è?

Lenza -

      Sir John, vi dichiaro in arresto,

      sulla denuncia di Madama Quickly.

Falstaff -

      Via, gaglioffi! Bardolfo, snuda il ferro!

      Tagliagli il capo a questo villanzone!

      E butta nel canale quella strega!

Quickly -

      Buttar me nel canale?... Santo Cielo!

      Ma sarò io a buttartici dentro!

      (Zuffa)

      Tu vuoi gettarmi nel canale, tu,

      bastardo manigoldo? Ah, criminale!

      Assassino! Furfante omicidiale51!

      Che vuoi fare con quella spada? Uccidere

      i funzionari di Dio e del Re?

      Omicidio, omicidio, ecco che sei!

      Ammazza-uomini e ammazzadonne!

Falstaff -

      Bardolfo, toglimi questi dai piedi!

     

      (Si affolla gente intorno)

Lenza -

      Aiuto, aiuto! Tenta di scappare!

Quickly -

      Su, brava gente, uno o due di voi,

      date una mano...

     

      (Il paggio di Falstaff l'attacca)

     

      E tu che vuoi? Che vuoi?

      Via, via, canaglia! Via, cappio di forca!

     

      (Lo colpisce e fugge. Lenza arresta Falstaff)

Paggio -

      (Inseguendo Quickly)

      Vecchia megera! Sguattera! Ruffiana!

      Ti solletico io la tua catastrofe52!

     

      Entra il Lord Giudice Supremo coi suoi uomini

Giudice -

      Che succede? Che son questi disordini53?

     

      (Cessa la zuffa. Rientra l'Ostessa)

Quickly -

      (Al Giudice)

      Mio buon signore, siatemi benigno;

      vi supplico, prendete le mie parti.

Giudice -

      Come, Sir John! Voi qui a far baruffa?

      S'addice forse questo al vostro rango,

      all'ora e all'incarico che avete?

      Vi dovreste trovare già da un pezzo

      sulla strada per York.

      (A Lenza)

      E tu, messere,

      lascialo libero. Che cosa ha fatto

      per tenergli così le mani addosso?

Quickly -

      Mio venerabilissimo signore,

      io sono, così piaccia a Vostra Grazia,

      una povera vedova di Eastcheap,

      e lui viene arrestato a mia denuncia.

Giudice -

      Per che somma?

Quickly -

      Non c'è più da sommare,

      mio signore, perché non c'è più nulla54.

      Mi si è mangiato tutto, casa e roba;

      ha trangugiato tutti i miei averi

      dentro quel suo pancione;

      (A Sir John)

      ma una parte di quel ch'è mio almeno

      io la rivoglio; o ti vengo la notte

      a cavalcare sopra

      come fa la cavalla della notte55.

Falstaff -

      (Tra sé)

      Penso che sarò io a cavalcarla

      la cavalla, se trovo sotto i piedi

      la terra adatta per montarci sopra.

Giudice -

      Che vuol dire, Sir John, codesta storia?

      Vergogna! Quale uomo costumato

      tollererebbe di sentirsi piovere

      tanti improperi addosso?...

      Non avete davvero alcun ritegno

      a costringer costei, povera vedova,

      a far ricorso a mezzi sì violenti

      per riavere quel che le appartiene?

Falstaff -

      (All'Ostessa)

      Qual è poi tutta questa grande somma

      della quale ti sono debitore?

Quickly -

      Se tu fossi sincero, per la Vergine,

      ti sentiresti debitore a me

      non solo del denaro che mi devi

      ma di te stesso. Se ben ti ricordi,

      m'hai giurato su un calice d'argento

      (eri da me alla sala del Delfino

      seduto avanti a un tavolo rotondo

      e ti scaldavi al fuoco del carbone

      venuto per via mare da Newcastle:

      era quel mercoledì di Pentecoste

      che il Principe ti fracassò la testa

      perché gli avevi assomigliato il padre

      a uno della cantoria di Windsor56...

      ed io ti medicavo la ferita)

      che m'avresti sposata - puoi negarlo? -

      e avresti fatto di me la tua lady...

      E non fu forse proprio in quel momento

      ch'entrò la Lia, la moglie del beccaio,

      e la Lia mi chiamò "Comare Quickly"

      (era venuta per un po' d'aceto

      che doveva condirci, così disse,

      un bel piatto di gamberetti in salsa,

      e a te venne la voglia di mangiarne,

      e io ti dissi ch'erano nocivi

      a quella tua ferita ancora fresca);

      e tu, quand'ella poi se ne fu andata,

      mi dicesti che non t'andava a genio

      ch'io mi tenessi in tanta confidenza

      con gentuccia da poco come quella:

      perché, dicesti, fra non molto tempo

      m'avrebbero dovuto chiamar "lady"...

      E non è vero che proprio in qual punto

      mi desti un bacio, mentre mi chiedevi

      d'andarti a prendere trenta scellini?...

      Negalo, avanti, negalo, se puoi,

      le mani sulla Bibbia. Avanti, negalo!

Falstaff -

      Monsignore, è una povera demente.

      Pensate, se ne va per la città

      dicendo in giro che il suo primo figlio

      somiglia tutto a Vostra signoria.

      Ha conosciuto tempi più leggiadri,

      ma ora, a dir la santa verità,

      la miseria l'ha fatta uscir di senno.

      Quanto a questi maldestri funzionari,

      ch'io possa aver da voi, ve ne scongiuro,

      piena soddisfazione su di loro...

Giudice -

      Eh, Sir John, io conosco troppo bene

      la vostra consumata abilità

      di volgere una causa giusta in falsa.

      Non sarà né la vostra faccia tosta

      né la grande profluvie di parole

      che sapete versare dalla bocca

      con la vostra sfrenata improntitudine

      ad impedirmi di vedere giusto.

      Voi, per come appar chiaro alla mia mente,

      avete, con ignobili artifizi,

      affatturato l'anima cedevole

      di questa donna per approfittare

      della sua borsa e della sua persona.

Quickly -

      Proprio così, monsignore, in coscienza!

Giudice -

      Tu, zitta, prego.

     

      (A Falstaff)

      Pagatele il debito

      e riparate alla cattiva azione:

      ad una voi potete provvedere

      con moneta sonante; quanto all'altra

      con un atto di piena contrizione.

Falstaff -

      Non posso far passar questo rimprovero,

      signore, senza darvi una risposta.

      Voi chiamate "sfrenata improntitudine"

      ciò ch'è solo onorevole ardimento.

      Uno al mio posto che, senza dir nulla,

      si profondasse a farvi un bell'inchino,

      per voi sarebbe un essere virtuoso.

      No, monsignore, con tutto il rispetto,

      mi rifiuto di farvi il cortigiano.

      Vi chiedo solo d'esser liberato

      dalle grinfie di questi poliziotti,

      perché debbo eseguire con urgenza

      un compito affidatomi dal re.

Giudice -

      Parlate come se aveste il potere

      d'agire contro legge;

      comportatevi come si conviene

      alla tutela del vostro decoro,

      e soddisfate questa poveretta.

Falstaff -

      Ebbene, Ostessa, vieni, vieni qua.

     

      (La trae in disparte, allontanandosi alquanto)

     

      Entra Gower con una lettera in mano, che porge al Giudice

Giudice -

      Oh, Mastro Gower, che nuove recate?

Gower -

      Signore, il Re ed il Principe di Galles

      son qui da presso. Il resto è nella lettera.

     

      (Il Giudice legge la lettera)

Falstaff -

      (In disparte, a Quickly)

      Com'è vero che sono un gentiluomo...

Quickly -

      Eh, sì, l'avete detto già altre volte...

Falstaff -

      Com'è vero che sono un gentiluomo...

      Beh, basta adesso, via, con le parole...

Quickly -

      Per questa sacra terra che mi regge,

      dovrò dunque impegnar l'argenteria

      e la tappezzeria delle pareti

      delle mie sale?

Falstaff -

      Bicchieri, bicchieri,

      son tutto quello che serve per bere;

      e quanto alle pareti delle sale,

      una bella scenetta leggerotta

      o la parabola del Figliol prodigo,

      o una caccia tedesca tinta a tempera

      valgono certamente mille volte

      tutti quei tuoi cortinaggi da letto

      o quegli arazzi rosi dalle tarme...

      Facciamo dieci sterline... se puoi.

      Va là, che se non fosse per le bizze

      non c'è ragazza più brava di te

      in Inghilterra. Va', lavati il viso57,

      e poi va' a ritirare la denuncia.

      Su, su, non devi star di questo umore

      con me. Non mi conosci? Andiamo, andiamo!

      Son sicuro che t'hanno messa su

      per farti fare tutto questo strepito.

Quickly -

      Facciamo venti nobili58, Sir John,

      accontentatevi, vi prego; in fede,

      mi ripugna impegnar l'argenteria,

      che Dio mi salvi, ecco!

Falstaff -

      Basta, basta,

      lasciamo stare. Troverò altro modo.

      Sarai sempre la solita scioccona.

Quickly -

      E va bene, li avrete, via, li avrete...

      a costo d'impegnarmi la sottana.

      Spero accettiate di venire a cena.

      Mi restituirete tutto insieme?

Falstaff -

      Ma sì, finché c'è vita c'è speranza59!

      (A Bardolfo)

      Va' con lei. Stalle dietro, stalle dietro!

Quickly -

      (Andandosene)

      Che ne diresti d'invitare a cena

      Pupa Strappalenzuola60?

Falstaff -

      E perché no?

      Nemmeno a chiederlo. Falla venire.

     

      (Escono l'Ostessa, Bardolfo e i due sbirri)

Giudice -

      Ho notizie migliori delle vostre.

Gower -

      Quali, mio buon signore?

Giudice -

      Dove ha dormito il re la scorsa notte?

Gower -

      A Basingstoke, signore.

Falstaff -

      (Avvicinandosi al Giudice)

      Spero, signore, che sia tutto in ordine.

      Che novità ci sono, monsignore?

Giudice -

      (A Gower, senza badare a Falstaff)

      Rientrano anche tutte le sue forze?

Gower -

      Non tutte. Millecinquecento fanti

      e cinquecento uomini a cavallo

      sono attualmente in marcia

      per raggiungere il principe Giovanni

      contro Northumberland e l'Arcivescovo.

Falstaff -

      (Al Giudice)

      Il re torna dal Galles, mio signore?

Giudice -

      (A Gower, sempre senza badare a Falstaff)

      Vi preparo senz'altro una mia lettera

      da recare. Venite, Mastro Gower.

     

      (Si avviano per uscire)

Falstaff -

      (A Gower)

      Monsignore...

Giudice -

      (A Falstaff, bruscamente)

      Che c'è?

Falstaff -

      (Non curandosi del Giudice)

      Monsignor Gower,

      posso pregarvi di restare a pranzo

      con me?

Gower -

      Oh, vi ringrazio, buon Sir John,

      ma devo attender qui il mio buon signore61.

Giudice -

      Sir John, piuttosto vi attardate troppo

      da queste parti, essendo incaricato

      di procedere a reclutar soldati

      nelle contee per cui transiterete.

Falstaff -

      (A Gower, senza badare al Giudice)

      Verrete a cena, allora, Mastro Gower?

Giudice -

      Sir John, da quale idiota di maestro

      avete appreso simili maniere?

Falstaff -

      Mastro Gower, se non mi si convengono,

      fu certo idiota chi me le insegnò.

      (Al Giudice)

      Signore, questo è il bello della scherma:

      colpo a colpo, ed amici come prima.

Giudice -

      Che Dio v'illumini. Siete un gran matto!

     

      (Escono, il Giudice Supremo da una parte, Falstaff da un'altra)

scena II - Londra, una sala nel palazzo del Principe di Galles

     

      Entrano il Principe e Poins

     

Principe -

      Giuro davanti a Dio, sono sfinito.

Poins -

      Eh, che diamine! Siamo a questo punto?

      Pensavo che a così nobile sangue

      non ardisse attaccarsi mai stanchezza.

Principe -

      E invece sì; se pure il confessarlo

      sbiadisca l'incarnato del mio rango.

      Sarebbe bassa voglia adesso in me

      desiderare una buona birretta?

Poins -

      Non è proprio da principe

      lasciarsi andare a certe frivolezze,

      al punto da rivolgere la mente

      a così vil mistura.

Principe -

      Probabilmente allora la mia voglia

      non nasce da radice principesca;

      perché, in coscienza, ce l'ho proprio in mente

      quella volgar bevanda.

      È pur vero, però, come tu dici,

      che queste basse mie predilezioni

      disamoran da me la mia grandezza.

      Qual disdoro non è per essa, infatti,

      ch'io mi ricordi come tu ti chiami!

      O ch'io possa domani, rivedendoti,

      riconoscerti. O ch'io mi prenda nota

      di quante calze di seta possiedi

      tra il paio che hai addosso

      e quell'altro che avevi color pesca;

      o ch'io tenga aggiornato nella mente

      un inventario delle tue camicie,

      una indosso e un'altra per il cambio!

      Ma questo lo saprà meglio di me

      il custode del tuo campo da tennis,

      ché quando quello non ti vede là

      con la racchetta, è segno che da te

      c'è la bassa marea in biancheria:

      come dev'essere da un pezzo in qua,

      perché tutta la tua tela d'Olanda

      l'han consumata i tuoi paesi bassi62,

      e Dio sa se quei poveri marmocchi

      che vagiscono in mezzo alle rovine

      desolate della tua biancheria

      saran degni d'entrare nel Suo regno;

      le levatrici dicono che loro,

      le povere creature, non ne han colpa

      il mondo deve crescere,

      e occorre incrementar le figliolanze.

Poins -

      Che brutta conclusione,

      uscirvene in sì frivoli discorsi,

      dopo aver tanto spremuto il cervello63.

      Quanti giovani principi

      farebbero così, se il loro padre

      stesse tanto malato come il vostro?

Principe -

      Posso dirti una cosa, Poins?

Poins -

      Ma certo.

      purché si tratti di cosa eccellente.

Principe -

      Una cosa comunque alla portata

      di cervelli del tuo stesso elevaggio.

Poins -

      Avanti, sono pronto a regger l'urto

      di questa vostra cosa straordinaria.

Principe -

      Ti voglio dir, per Dio, che di proposito

      non voglio io ostentare tristezza

      per mio padre malato;

      anche se posso ad uno come te

      che, in mancanza di meglio,

      mi piace di considerare amico,

      confessare che triste sono, e molto.

Poins -

      Stento a crederlo, per un tal motivo64.

Principe -

      Per questa mano! Tu mi credi allora

      iscritto nel registro del demonio

      per bieca ostinazione nel peccato

      come te e Sir John? Ma sia la fine

      il momento di giudicare l'uomo65.

      Io ti dico che il cuore mi fa sangue

      per mio padre sì gravemente infermo;

      ma il frequentare compagnie sì vili

      come la tua m'ha tolto, e con ragione,

      qualsiasi ostentazione del dolore.

Poins -

      "Con ragione", perché?

Principe -

      Perché? Che penseresti tu di me

      se vedessi ch'io mi mettessi a piangere?

Poins -

      Che siete un grande ipocrita di principe.

Principe -

      È quanto penserebbe chiunque altro,

      e tu puoi dirti un uomo fortunato

      a pensar come tutti: in questo caso

      mai mente umana al mondo

      seguì, come la tua, la via maestra.

      Chiunque penserebbe infatti a me

      come a un ipocrita.

      Ma che cos'è che induce te a pensare

      questo nel rispettabil tuo cervello?

Poins -

      Diamine, il fatto che voi fino a oggi

      siete stato talmente dissoluto

      e legato sì fortemente a Falstaff.

Principe -

      E a te.

Poins -

      Di me però si parla bene,

      per questa sacra luce che c'illumina:

      l'ho sentito con queste stesse orecchie.

      Il peggio che di me possono dire

      è che sono in sott'ordine66 con te,

      e che son facile a menar le mani;

      e a questi due difetti, lo confesso,

      sento di non saper trovar rimedio.

      Ecco Bardolfo...

     

      Entrano Bardolfo e il Paggio di Falstaff

Principe -

      ... insieme a quel ragazzo

      che gli ho donato come servitore...

      Quando l'ebbe da me, era un cristiano;

      guarda adesso se quel grasso furfante

      non ha fatto di lui uno scimmiotto.

Bardolfo -

      Dio salvi Vostra Grazia.

Principe -

      E la tua, nobilissimo Bardolfo.

Poins -

      (A Bardolfo)

      Insomma, dico, virtuoso somaro,

      rimbecillito signor verecondia,

      non puoi far proprio a meno di arrossire67?

      C'è bisogno che mi diventi rosso?

      Che razza di soldato-femminuccia

      sei diventato! Via, ci vuole tanto

      a sverginare un boccale di birra?

Paggio -

      Poco fa, monsignore,

      mi son sentito chiamare da lui

      dietro la grata rossa d'una bettola,

      ed io da fuori, attraverso la grata,

      non potevo veder della sua faccia

      nessuna parte; alfine ho visto gli occhi

      ed era come s'egli mi sbirciasse

      attraverso due fori che lui stesso

      avesse fatto nel corpetto rosso

      della padrona della birreria.

Principe -

      (A Poins)

      S'è scafato il ragazzo, non ti pare?

Bardolfo -

      (Al Paggio)

      Fuori dai piedi, conigliuzzo bipede!

      Via, figlio di puttana!

Paggio -

      Via tu, esecrabile sogno d'Altea68!

Principe -

      Quale sogno, ragazzo? Facci edotti.

      Quale sogno?

Paggio -

      Perbacco, monsignore!

      Altea sognò d'avere partorito

      un tizzone che ardeva; ed io Bardolfo

      lo paragono proprio a quel tizzone69.

Principe -

      La spiegazione vale una corona.

      Tieni, ragazzo.

      (Gli dà una moneta)

Poins -

      Ah, se questo boccio

      si potesse serbar salvo dai bruchi!

      Beh, quel mezzo scellino

      potrà bastare a mantenerti immune70.

Bardolfo -

      Se, seguitando a stare con voi due,

      non finirà per essere impiccato,

      la forca subirà certo un affronto.

Principe -

      Bardolfo, come sta il tuo principale71?

Bardolfo -

      Sta bene, mio signore. Ha giusto appreso

      del ritorno di Vostra grazia a Londra,

      ed ecco una sua lettera per voi.

     

      (Gli consegna una lettera, che il Principe apre e legge)

Poins -

      Recapitata con ogni rispetto.

      Allora, come sta quel San Martino72

      del tuo padrone?

Bardolfo -

      Di corpo, sta bene.

Poins -

      Di corpo, sì, ma è la parte immortale

      che ha bisogno del medico: ma quella

      lui non la cura certo più di tanto;

      sa che se pur s'ammala, essa non muore.

Principe -

      (Porgendo a Poins la lettera

      di Falstaff che ha finito di leggere)

      Questa cisti sebacea tumorale

      cui permetto di prendersi con me

      la stessa confidenza del mio cane,

      tiene bene il suo ruolo,

      ed ecco, senti quello che mi scrive.

Poins -

      (Legge la soprascritta del foglio)

      "John Falstaff, cavaliere"... Cavaliere!

      L'han da sapere tutti, cani e porci,

      non si lascia sfuggire l'occasione,

      ogni volta ch'ha da parlar di sé:

      simile a certi parenti del re

      i quali basta si pungano un dito

      non possono tenersi dal gridare:

      "Ecco versato del sangue reale!".

      E a chi, fingendo non aver capito,

      chieda: "Come sarebbe?", quelli, pronti

      come il cappello di chi vuole un prestito73:

      "Sono un parente povero del re".

Principe -

      Già, pretendono di esserci parenti,

      magari risalendo fino a Jafet.

      Ma torniamo alla lettera.

      (Riprende la lettera di Falstaff dalle mani di Poins e legge)

      "John Falstaff, cavaliere,

      "al figliolo del re

      "più prossimo a suo padre,

      "principe Enrico di Galles, salute!".

Poins -

      Ma questo è un attestato notarile!

Principe -

      Zitto!

      (Seguita a leggere)

      "Voglio imitare in brevità

      "i nobili romani".

Poins -

      Ha il fiato corto,

      intende certo brevità di fiato.

Principe -

      (Legge)

      "Mi raccomando a te, e te al cielo,

      "e ti lascio per raccomandazione:

      "non dare troppa confidenza a Poins

      "perch'egli abusa dei favori tuoi

      "fino al punto d'andar giurando in giro

      "c'hai da sposare sua sorella Nelly.

      "Pèntiti come puoi, quando n'hai tempo,

      "e così ti saluto. Sempre tuo

      "per il sì e per il no,

      "ch'è come dire come vuoi trattarmi,

      "John Falstaff (Giovannino per gli amici,

      "Giovanni pei fratelli e le sorelle,

      "e Sir John per il resto d'Europa)".

Poins -

      Questa lettera, io, monsignore,

      la immergo in vin di Spagna

      e gliela faccio ingoiare di forza...

Principe -

      Sarebbe come rimandargli in gola

      una ventina delle sue parole.

      Ma veramente, Ned74,

      vai dicendo di me che avrei intenzione

      di sposar tua sorella?

Poins -

      Non sia mai!

      Dio non voglia mandar alla ragazza

      sorte peggiore!... Ma non l'ho mai detto.

Principe -

      Bah, noi sprechiamo il tempo a far gli stupidi,

      mentre gli spiriti della saggezza

      siedono sulle nuvole e ci beffano.

      (A Bardolfo)

      Il tuo padrone è a Londra?

Bardolfo -

      Sì, signore.

Principe -

      E dove va a mangiare il vecchio porco:

      va a grufolare al solito porcile?

Bardolfo -

      Sempre al solito, monsignore: a Eastcheap.

Principe -

      In compagnia di chi?

Paggio -

      Degli efesini75

      della vecchia parrocchia, monsignore.

Principe -

      Ci sono donne a cenare con lui?

Paggio -

      Come donne nessuna, monsignore,

      salvo la stagionata Donna Quickly

      e Donna Bambola Strappalenzuola.

Principe -

      Che dolce amore sarà mai costei?

Paggio -

      Oh, signore, una vera gentildonna,

      ed è parente al mio signor padrone.

Principe -

      Sì, come son parenti

      al toro del villaggio le giovenche

      della parrocchia. Vogliamo andar da loro,

      Ned, di sorpresa, mentre stanno a cena?

Poins -

      Son con voi, mio signore,

      risoluto a seguirvi come un'ombra.

Principe -

      Allora, tu, ragazzo, e tu, Bardolfo,

      acqua in bocca col vostro principale

      sul fatto ch'io sia già tornato a Londra.

      Ecco, tenete, pel vostro silenzio.

      (Dà loro del denaro)

Bardolfo -

      Mi cascasse la lingua, monsignore.

Paggio -

      Ed io terrò la mia ben bene a freno.

Principe -

      Ottimamente. Allora andate pure.

     

      (Escono Bardolfo e il Paggio)

     

      Questa tal Bambola Strappalenzuola

      dev'esser proprio robetta da strada.

Poins -

      Garantito, e da strada assai battuta,

      come quella tra Londra e Sant'Albano.

Principe -

      Come fare, però, noialtri due,

      a vedere, non visti, il nostro Falstaff

      stanotte al suo colore naturale?

Poins -

      Ci metteremo addosso, monsignore,

      un corsetto di cuoio ed un grembiule76,

      e lo serviamo a tavola

      come fossimo addetti all'osteria.

Principe -

      Da principe a garzone d'osteria?

      Da Dio a toro? Una bella caduta!

      Capitò anche a Giove.

      Vil metamorfosi! Ma mi ci adeguo;

      in ogni cosa il fine da raggiungere

      deve adeguarsi, Ned,

      alla follia del fare per raggiungerlo.

      Andiamo, andiamo, seguimi.

     

      (Escono)

scena III - Warkworth, davanti al castello di Northumberland

     

      Entrano il Conte di Northumberland, la Contessa sua moglie e Lady Percy, vedova di Harry Hotspur

     

Northumberland -

      Diletta sposa, e tu, gentile nuora,

      fate forza a voi stesse, vi scongiuro,

      al fine di non rendere più difficile

      il corso delle mie vicissitudini,

      già troppo fortunose per se stesse;

      cercate di non darvi pure voi

      il volto contristato degli eventi,

      non siate, come questi,

      ulteriore cagion di sofferenza

      all'anima di Percy.

Contessa -

      Ho rinunciato;

      non parlo più. Fa' pure come vuoi.

      Ti guidi solo il tuo discernimento.

Northumberland -

      Ahimé, mia cara, è in gioco qui il mio onore,

      e nulla lo potrebbe riscattare

      se non vado.

Lady percy -

      No, per l'amor di Dio,

      a questa guerra non prendete parte!

      Venuto meno siete già altra volta

      alla vostra parola,

      e in un momento in cui sarebbe stato

      ben più caro per voi tenervi fede,

      ed è stato allorquando il vostro Percy,

      il carissimo Harry del mio cuore,

      volse più volte gli occhi a settentrione

      nell'ansia di veder giunger suo padre

      coi rinforzi. Ed attese a lungo e invano.

      Chi vi convinse a rimanere a casa,

      allora? Ed eran due gli onori in gioco:

      il vostro e quello di Harry vostro figlio.

      Al vostro possa Dio dar lustro e luce.

      Il suo rifulse in lui simile al sole

      sotto la grigia galleria del cielo,

      e sotto quella luce

      si mossero a fornir gloriose gesta

      i miglior cavalieri d'Inghilterra.

      Perch'egli era lo specchio

      alla cui luce ogni giovane inglese

      mirandosi, anelava di vestirsi

      dell'armi della gloria.

      Dimostrava di non avere gambe

      chi non sapesse adeguarsi al suo passo;

      e il suo parlare stretto, cincischiato,

      ch'era in lui un difetto di natura,

      divenne la parlata del valore:

      sì che chi pur sapesse colloquiare

      grave e lento desiderò cambiare

      tale sua naturale perfezione,

      per sempre meglio assomigliare a lui,

      così che per il modo di parlare,

      di muoversi, di vivere la vita,

      per le predilezioni degli svaghi,

      come per la sua pratica dell'armi,

      per tutti egli era il modello e lo specchio,

      l'esempio e il testo al quale tutti gli altri

      si modellavano e prendevan forma.

      E voi, quell'essere meraviglioso,

      quel miracolo d'uomo, impareggiabile,

      lasciaste solo là, privo d'aiuto,

      in condizioni d'inferiorità,

      in faccia all'orrido dio della guerra,

      a sostenere una battaglia in campo

      dov'egli non aveva altra difesa

      che il risuonar del suo nome glorioso:

      "Sperone Ardente"!... E così lo lasciaste!

      Ah, no, voi fareste adesso oltraggio

      alla sua anima, tenendo fede

      a un impegno d'onore verso gli altri,

      con più scrupolo e puntualità

      che non ne aveste allor verso di lui!

      Che se la vedano pure da soli!

      Sia l'Arcivescovo che il Lord Maresciallo

      hanno forze bastanti per l'impresa.

      Avesse avuto, il mio diletto Percy,

      metà soltanto delle loro forze,

      io potrei oggi, come parlo a voi,

      parlar d'Enrico Monmouth nella tomba,

      avviticchiata al collo del mio Percy.

Northumberland -

      Figlia mia bella, Dio ti benedica,

      tu riesci a smontar d'ogni coraggio

      l'animo mio col ricordar così

      e rinfacciarmi i miei passati errori.

      Ma debbo andare incontro a quel pericolo,

      o sarà esso che verrà a cercarmi

      in altro luogo dove, certamente,

      mi troverebbe assai men preparato.

Contessa -

      Oh, fuggi allora a riparare in Scozia,

      finché nobili e popolani in armi

      non abbian dato almeno un qualche segno

      della forza di cui sono capaci.

Lady percy -

      S'essi avanzando avranno il sopravvento

      sul re, allora vi unirete a loro

      come nerbo d'acciaio

      che aggiunge forza a forza. Ma non prima.

      Prima lasciate, per amore nostro,

      che si cimentino loro da soli.

      Non fate come fece vostro figlio,

      e come voi lasciaste che facesse;

      ed io proprio per questo sono vedova,

      e non mi basterà tutta la vita

      per bagnare di pianto il suo ricordo

      perché germogli e cresca fino al cielo

      la memoria del mio nobile sposo.

Northumberland -

      Su, su, venite dentro.

      Il mio spirito è come una marea

      che giunta al culmine del suo montare

      sta incerta tra il fluire e il rifluire.

      Vorrei andare ad unirmi all'Arcivescovo,

      ma mi trattengono mille ragioni.

      Mi risolverò forse per la Scozia.

      Resterò là fintanto che il momento

      e il mio personale tornaconto

      non reclamino qui la mia presenza.

     

      (Escono tutti)

scena IV - Londra, una stanza nella taverna "Alla testa di cinghiale" a Eastcheap

     

      Una tavola con sedie Cesco77 sta mettendo a tavola vino e frutta; entra un altro Garzone d'osteria78 con un piatto di mele stagionate79.

     

Cesco -

      Che diavolo ci porti tu là dentro...

      mele di San Giovanni?

      Sai bene che Sir John non può soffrirle!

Garzone -

      Oh, hai ragione! Adesso mi ricordo

      che il Principe gli presentò una volta

      cinque di queste mele sopra un piatto

      dicendogli: "Ecco, altri cinque Sir John";

      ed aggiunse, togliendosi il cappello:

      "Ed ora voglio prendere commiato

      da questi sei panciuti, rinsecchiti,

      vecchi e ben stagionati cavalieri".

      E quello a rodersi il cuore di rabbia.

      Ma ormai se lo sarà dimenticato.

Cesco -

      Bene, allora preparagli la tavola,

      e togli dalla vista quelle mele;

      poi vedi se riesci a rintracciare

      i suonatori della banda Squassi80.

      Pupa Strappalenzuola avrà piacere

      d'ascoltar della musica. Fa' presto.

      Nella stanza dove ora stan cenando

      fa caldo, e si trasferiranno qui.

      Inoltre arriveranno qui, tra poco,

      il Principe con Edoardo Poins,

      e porteranno addosso tutti e due

      un corsetto di cuoio ed un grembiule.

      Sir John non deve accorgersi di niente.

      È venuto Bardolfo ad avvertirmi.

Garzone -

      Per la messa, che spasso! Che goduria!

      Sarà una burla supereccellente!

Cesco -

      Vedrò io di trovar la banda Squassi.

     

      (Escono)

     

      Entrano Quickly e Pupa Strappalenzuola, ubriaca

Quickly -

      Ah, cuoricino mio,

      mi sembri in ottima temperità81,

      ti batte il polso straordinariamente

      che meglio il cuore tuo non può volere;

      il colorito, poi, ti garantisco,

      è rosso, sì, come una rosa rossa,

      in buona verità; ma in fede mia

      hai tracannato un po' troppa Canaria82,

      e quello è un vino che ti fruga dentro

      a meraviglia e t'imbalsama il sangue

      avanti che riesci a dir: "Che è questo?".

      Come va adesso?...

Pupa -

      Meglio, meglio... Hic83!

Quickly -

      Beh, meno male... un cuore come il tuo

      vale proprio tutt'oro quanto pesa.

      Ecco Sir John che arriva.

     

      Entra Falstaff canticchiando

Falstaff -

      "Quando Re Arturo apparve

      "la prima volta a corte... ".

     

      (Chiamando)

      Cesco, ragazzo, vuotami il pitale.

      (Seguitando a canticchiare)

      "... ed era un degno re... ".

      Ebbene, come va, Madama Pupa?

Quickly -

      Ha il voltastomaco; non può star ferma84.

Falstaff -

      Tutte così quelle del suo mestiere:

      se si fermano, hanno il voltastomaco.

Pupa -

      Ti pigli un canchero, lurido porco!

      Questo è tutto il conforto che mi dài?

Falstaff -

      I porci tu li fai ingrassare, bambola.

Pupa -

      Io, ingrassarli? È la loro ingordigia

      e il mal francese85, piuttosto; non io.

Falstaff -

      Alla ghiottoneria ci pensa il cuoco,

      al mal francese ci pensate voi,

      quello, Pupa, da voi ce l'attacchiamo,

      lo prendiamo da voi, lo devi ammettere,

      mia povera virtù, lo devi ammettere!

Pupa -

      Sì, sì, Gesù, da noi le catenine,

      le nostre gioie, questo vi prendete.

Falstaff -

      (Canticchiando)

      "... catenine, gioielli, braccialetti86... "

      ... perché servire valorosamente87

      lo sai, significa tornare a casa

      zoppicando; uscir fuori dalla breccia

      con l'asta valorosamente alzata,

      e guadagnare valorosamente

      l'infermeria, e valorosamente

      arrischiarsi su colubrine cariche.

Pupa -

      Vatti a impiccare, viscido anguillone,

      ad impiccare, dico!

Quickly -

      Come al solito,

      voi due non riuscite a stare insieme

      senza beccarvi; siete due reumatici88

      come due tozzi di pane rifatto,

      incapaci ambedue di sopportare

      l'uno con l'altro le confermità.

      (A Pupa)

      Diavolo! Ci dev'esser tra voi due

      uno che debba sopportare l'altro;

      e quell'uno sei tu, vaso più fragile,

      il vaso, come dicono, più vuoto89.

Pupa -

      E come può un vaso vuoto e fragile

      sopportare un barile grosso e pieno

      come costui? Dentro quel suo pancione

      c'è tutto il carico di un bastimento

      di vino di Bordeaux. Non s'è mai visto

      un barco con la stiva più stipata.

      Suvvia, torniamo buoni amici, Jack.

      Tu sei sul piede di partire in guerra,

      e ch'io ti veda ritornare o no,

      non interessa davvero a nessuno.

     

      Rientra Cesco

Cesco -

      Signore, giù c'è l'alfiere Pistola

      che vorrebbe parlarvi.

Pupa -

      No, alla forca,

      quel turpe manigoldo attaccabrighe!

      Non farlo entrare. Quello è la canaglia

      più sboccata di tutta l'Inghilterra!

Quickly -

      Se viene qui per mettere subbuglio,

      non farlo entrare, no, assolutamente!

      Debbo vivere in pace coi vicini,

      io, e non voglio attaccabrighe qui!

      Io godo di buon nome e buona fama

      presso la crema della miglior gente.

      Chiudi la porta; non voglio spacconi

      in casa mia; non son vissuta tanto

      per aver qui sconquassi e spacca-tutto!

Falstaff -

      Ostessa, ascolta...

Quickly -

      No, Sir John, di grazia,

      non dite niente. Qui niente spacconi!

Falstaff -

      Ma sentite, si tratta del mio alfiere.

Quickly -

      Fanfaluche, Sir John! Non ne parliamo.

      In casa mia, alfieri attaccabrighe

      non entrano. Sol pochi giorni fa,

      non più tardi di mercoldì passato,

      mi son trovata appunto faccia a faccia

      con Mastro Tisico, il vice-ascensore90

      e lui mi fa - sono parole sue -

      "Vicina Quickly" - c'era lì presente

      anche il nostro vicario, Mastro Mutolo -

      "vicina Quickly" - dice - "ricordatevi

      d'ospitare soltanto gente ammodo,

      perché non siete" - dice - "in buona fama".

      Eh, così ha detto, e posso dir perché:

      "Perché" - disse - "voi siete reputata

      onesta donna e ben considerata,

      perciò badate a chi mettete in casa.

      Non ospitate tipi fracassoni".

      Perciò qui gente simile non entra.

      Anche voi vi sareste compiaciuto

      a udir quel che mi disse. No, spacconi

      attaccabrighe qui io non ne voglio!

Falstaff -

      Ma che spaccone, Ostessa!... Quello là

      è un mariolo mansueto, t'assicuro;

      e puoi lisciargli il pelo, gentilmente,

      come ad un cucciolotto di levriero.

      Non farebbe il gradasso

      con una gallinella faraona91

      sol che quella arruffasse su le penne

      per un minimo cenno di rivolta.

      Garzone, vagli a dire di salire.

     

      (Esce il garzone)

Quickly -

      "Mariolo" avete detto?... Se è così,

      la mia casa non resterà mai chiusa

      a persona per bene né a mariolo;

      ma non mi piace la spavalderia,

      e solo a udire da qualcuno "rissa"

      mi vien male. Sentite già, signori,

      come tremo, sentite, v'assicuro!

Pupa -

      Infatti, Ostessa.

Quickly -

      È vero? Ecco, sentite,

      manco se fossi una foglia di pioppo.

      Gli spacconi non li sopporto proprio.

      Entrano Pistola, Bardolfo e il Paggio

Pistola -

      (A Falstaff)

      Dio vi mantenga sano, cavaliere!

Falstaff -

      Salve, alfiere Pistola, benvenuto!

      Qua, Pistola, ti voglio caricare

      con un gotto di vin secco di Spagna.

      (Gli porge da bere)

      Tu scaricalo sulla mia ostessa.

Pistola -

      Sopra di lei, Sir John,

      mi posso scaricar con due pallottole.

Falstaff -

      Quella, mio caro, è a prova di pistola:

      difficilmente le potrai far male.

Quickly -

      Io non bevo né prove né pallottole,

      io, bevo non più di quanto basta,

      io, senza far piacere a nessun uomo92.

Pistola -

      (Facendo il gesto di brindare verso Pupa)

      Allora a voi, Madama Dorotea,

      scaricherò su di voi.

Pupa -

      Sopra di me?

      Mi fai schifo, rognoso fannullone,

      miserabile, ignobile furfante,

      imbroglione, straccione scamiciato!

      Via dai piedi, ammuffito rimasuglio,

      ch'io sono cibo per il tuo padrone!

Pistola -

      Ti conosco, Madama Dorotea!

Pupa -

      Via di qui, tagliaborse truffaldino!

      Via, sudicione, lèvati dai piedi!

      Quant'è vero che quel che bevi è vino,

      t'infilzo il mio coltello

      in quelle tue ganasce rammuffite,

      se provi a fare il gradasso con me!

      Va' via, va', scostumato trincabirra!

      Via, vecchio impostore,

      elsa di sciabola fatta a canestro!

      Da quando in qua, di' un po', da quando in qua

      ti sei deciso a far lo spadaccino?

      E pure con sei gradi alle spalline,

      luce di Dio!... Che grascia !

Pistola -

      Dio mi fulmini,

      se non ti fo saltare la gorgiera

      per quel ch'hai detto!

Falstaff -

      Basta, ora, Pistola!

      Che tu non debba esplodere qua dentro93.

      Se devi scaricare qualche cosa,

      scarica noi della tua compagnia.

Quickly -

      No, capitan Pistola, non qua dentro94.

      Non qua, buon capitano.

Pupa -

      Capitano?...

      Ah, maledetto mistificatore!

      Non hai proprio vergogna

      a sentirti chiamare capitano?

      Se quelli che son veri capitani

      la pensassero tutti come me,

      ti sbatterebbero fuori a legnate,

      per esserti appropriato di quel titolo

      senz'essertelo prima guadagnato!

      Lui, capitano! Schiavo miserabile!

      E perché? Per aver dilacerato

      la gorgiera a una povera ragazza

      in un bordello?... Capitano, lui!

      Che t'impiccassero, gran farabutto!

      Uno che vive sulle prugne cotte

      e le focacce muffe e rinsecchite95!

      Capitano!... Per Dio e la Sua luce,

      vuoi vedere che questi farabutti

      renderanno aborrito questo titolo,

      come han già fatto col verbo "coprire96"

      ch'era vocabolo più che decente,

      prima che fosse usato in senso equivoco?

      I veri capitani faran bene

      a badare che questo non succeda.

Bardolfo -

      Da bravo, alfiere, scendi giù, ti prego.

Falstaff -

      Madama Pupa, senti una parola.

     

      (Si apparta con Pupa)

Pistola -

      Non scendo affatto, caporal Bardolfo!

      Sai che ti dico? Che la sbranerei,

      io, quella là. Ma saprò vendicarmi.

Paggio -

      Ti prego, scendi, via.

Pistola -

      Prima, per questa mano,

      voglio vedere quella là dannata

      nel maledetto lago di Plutone,

      nel più profondo inferno,

      con Erebo e le vili sue torture97.

      "Tieni amo e lenza!", dico.

      "Giù, giù, cani; giù Fati".

      "Non c'è forse qui Irene98?"

Quickly -

      Buon Capitan Pisello99, state calmo!

      S'è fatto tardi. In fede mia, vi supplico,

      cercate di aggravar100 la vostra collera.

Pistola -

      Questi davvero son bei ghiribizzi!

      "Dovran forse cavalli da fatica

      "e rozze bolse e stravaccate d'Asia

      "che non fan più di trenta miglia al giorno,

      "compararsi con Cesari e Cannibali101?...

      "O con Greci Troiani?... Ah, no, dannati

      "siano tutti nel regno di Re Cerbero

      "e ne ruggisca dal cielo la cupola"102.

      Ci vogliamo azzuffar per pinzellacchere?

Quickly -

      Queste sì, capitano, in fede mia,

      son parole assai meglio amareggiate103!

Bardolfo -

      Suvvia, da bravo, alfiere, fila via,

      se no qui presto viene una baruffa.

Pistola -

      (Urlando)

      "Muoian gli esseri umani come cani!

      "Si donino corone come spilli!

      "Non abbiamo qui Irene?".

Quickly -

      Non c'è nessuna Irene in casa mia,

      capitano. Ohibò! Credete forse

      che se ci fosse ve lo negherei?

      Statevi calmo, per l'amor di Dio.

Pistola -

      "E allora mangia e ingrassa,

      "mia leggiadra Calipoli104!"

      Avanti, portaci del bianco secco.

      "Se fortuna mi tormenta,

      "speranza mi contenta105"...

      Dovremo paventare le bordate?

      No, fosse pure il diavolo a far fuoco!

      Avanti, portami del bianco secco.

      (Alla spada, slacciandosela)

      E tu, diletta mia, rimani là.

      (Si scioglie la spada e la posa)

      E allor faremo punto e basta qui?

      E gli eccetera son ridotti a niente?

Falstaff -

      Pistola, vorrei starmene tranquillo.

Pistola -

      Bacio la mano, dolce cavaliere.

      Eh, le abbiam viste noi le Sette stelle106!

Falstaff -

      Per l'amor di Dio, gente, vi prego,

      scaraventatelo giù per le scale

      questo tronfio e ridicolo pitocco!

      Non lo sopporto più!

Pistola -

      "Scaraventatelo giù per le scale"?

      Scaricarmi? Non conosciamo più

      le puledre di Galloway107, adesso?

Falstaff -

      Buttalo giù, Bardolfo,

      come una monetina a rimbalzino108!

      Se non sa altro che parlar di nulla,

      che lo si annulli.

Bardolfo -

      Andiamo, vieni giù.

Pistola -

      (Brandendo la spada)

      Che! S'ha da salassar qualcuno qui?

      Si vuol davvero che scorra del sangue?

      "Cullami, allora, o Morte!

      "Nel sonno eterno i giorni

      "del mio dolore accorcia!

      "E le tre Suore grame109

      "dipanino lo stame

      "sulle ferite inferte,

      "orride bocche aperte!

      "Atropo, vieni!".

Quickly -

      Qui finisce male!

Falstaff -

      (Al Paggio)

      Ragazzo, la mia spada!

     

      (Il Paggio gli dà la spada)

Pupa -

      No, ti prego,

      ti prego, Jack, non snudare la spada!

Falstaff -

      (Snudando la spada e spingendo fuori Pistola)

      Vattene giù!

Quickly -

      Che bella baraonda!

      Io rinuncio a tenere una locanda

      piuttosto che trovarmi fra territi110

      e spaventosità di questo genere!

      Qui va a finire che ci scappa il morto,

      sicuramente. Oh, poveretta me!

      Rinfoderate quelle spade nude!

      Rinfoderate quelle spade nude!

     

      (Esce Pistola, inseguito da Bardolfo)

Pupa -

      Ti prego, Jack, sta' calmo;

      quella canaglia adesso è andata via.

      Ah, figlio di puttana del mio cuore,

      mio caro fegatoso bricconcello!

      (Lo coccola)

Quickly -

      Non ti sarai ferito mica all'inguine?

      Perché m'è parso che quel miserabile

      t'abbia inferto una botta sulla pancia.

     

      Rientra Bardolfo

Falstaff -

      Beh, l'hai buttato fuori?

Bardolfo -

      Sissignore.

      Era ubriaco ciucco, il disgraziato.

      Però l'avete ferito, signore,

      alla spalla.

Falstaff -

      Sfidare me, furfante!

Pupa -

      (Sempre coccolandolo)

      Ah, la mia dolce piccola canaglia!

      Oh, come sudi, povero scimmiotto!

      Qua, ch'io t'asciughi il viso,

      quel faccione da figlio di puttana!

      Eh, briccone!... Però ti voglio bene,

      parola mia. Sei un valoroso

      non inferiore ad Ettore di Troia;

      tu vali cinque volte un Agamennone

      e dieci volte tutti i Nove Eroi.

      Ah, briccone!

Falstaff -

      Carogna d'uno schiavo!

      La farò rimbalzar su una coperta

      quella canaglia!

Pupa -

      Sì, se quello sforzo

      non ti fa male al cuore, tesoruccio.

      Rimbalzare ti farò io, in cambio,

      con me frammezzo a un paio di lenzuola.

     

      Entrano i suonatori

Paggio -

      I musicanti sono qui, signore.

Falstaff -

      Che suonino.

     

      (Ai suonatori)

      Suonate, su, signori.

      (Musica)

      Pupella, siedi sulle mie ginocchia...

      Carogna d'uno schiavo fanfarone!

      S'è squagliato come l'argento vivo,

      il manigoldo.

Pupa -

      E con te alle calcagna,

      che parevi una chiesa che correva111.

      Ma quando, figlio d'una buona donna,

      porcellone di San Bartolomeo,

      la finirai di far la guerra il giorno

      e la scherma la notte112,

      e ti deciderai a rabberciare

      questo tuo vecchio corpo, per il cielo?

     

      Entrano il Principe di Galles e

      Poins travestiti da garzoni d'osteria

Falstaff -

      Zitta, Pupa, non mi parlar così,

      come se fossi una testa di morto,

      non starmi a ricordare la mia fine...

Pupa -

      Birbante, il Principe che tipo è?

Falstaff -

      Un buon ragazzo, un po' scavezzacollo.

      Avrebbe fatto bene il dispensiere

      e saprebbe affettare bene il pane.

Pupa -

      Quel Poins, invece, è testa fina, dicono.

Falstaff -

      Lui, testa fina?... Vada sulla forca,

      scimmione! Quello è duro di cervice,

      da superar la mostarda di Tewksbury113,

      e comprendonio ce n'è meno in lui

      che in una mazzapicchia da bottaio.

Pupa -

      Perché il Principe allora l'ha sì caro?

Falstaff -

      Perché ha le gambe grosse come lui,

      e sa giocare bene a lanciadisco114,

      si strafoga d'anguille col finocchio

      e ingozza mozziconi di candela

      affogati nell'acquavite in fiamma115,

      sa fare all'altalena coi ragazzi,

      sa saltare a piè pari due sgabelli,

      sa bestemmiar con molta buona grazia,

      porta stivali lustri e ben calzati

      come quelli che appaiono dipinti

      sulle insegne dei mastri calzolai;

      e non si perita di raccontare

      sottovoce storielle scollacciate;

      ed ha tante altre qualità bislacche

      che lo proclaman debole di mente

      per quanto è nerboruto; e son queste

      che gli valgon le simpatie del Principe.

      Perché il Principe è del suo stesso stampo:

      tanto che se dovessero pesarsi,

      basterebbe un capello da una parte

      per farvi tracollare la bilancia.

Principe -

      (A parte, a Poins)

      Non si merita, questo barilotto116,

      d'aver le orecchie mozze?

Poins -

      (A parte, al Principe)

      Bastoniamolo

      sotto gli occhi di questa sua bagascia.

Principe -

      (Come sopra)

      Ma guarda tu, se questo vecchio grinzo

      non si fa titillar la cuticagna

      da quella, come fosse un pappagallo!

Poins -

      (Come sopra)

      Non è strano che debba la libido

      sopravviver nell'uomo per tanti anni

      alla capacità della sua funzione?

Falstaff -

      (A Pupa)

      Baciami, bambola.

     

      (Si baciano, mentre Bardolfo cerca di far lo stesso con l'Ostessa)

Principe -

      (Come sopra)

      Saturno e Venere

      quest'anno in congiunzione! Che portento!

      Che ne dice al riguardo l'almanacco117?

Poins -

      (Indicando Bardolfo)

      E guarda quella infuocata Trigona118

      del suo servo se non va bisbigliando

      all'orecchio galanti paroline

      a quella vecchia tavola dei conti119

      del suo padrone, la depositaria

      dei buffi e dei segreti dello stesso.

Falstaff -

      (A Pupa)

      I tuoi son solo baci di blandizia.

Pupa -

      Ti bacio, credimi, con tutto il cuore.

Falstaff -

      Son vecchio, vecchio...

Pupa -

      Ed io ti amo, invece,

      più di quanto non possa mai amare

      uno di quei balordi ragazzotti.

Falstaff -

      Di che stoffa la vuoi una blusetta?

      Giovedì dovrò avere dei quattrini;

      e domani ti compro un cappellino.

      (Ai musicanti)

      Un motivetto allegro, per favore!

     

      (La musica suona di nuovo)

     

      Si fa tardi; tra poco andiamo a letto.

      Mi scorderai, appena sarò andato.

Pupa -

      Tu mi fai piangere se dici questo,

      parola mia. Ti sfido a dimostrarmi

      che mi sarò agghindata a farmi bella

      fin che tu torni... Aspetta, e lo vedrai!

Falstaff -

      (Chiamando)

      Cesco, del vino.

      Principe e poins -

      (Insieme, facendosi avanti)

      Subito, signore!

Falstaff -

      (Riconoscendoli, ma fingendo di no)

      Oh! Un bastardo del re da queste parti?

      (A Poins)

      E tu non sei un gemello di Poins?

Principe -

      (A Falstaff, vedendosi riconosciuto)

      E tu che vita vai menando qui,

      globo di continenti di peccato?

Falstaff -

      Migliore certamente della tua:

      non foss'altro ch'io sono un gentiluomo

      e tu uno spillabotti.

Principe -

      Questo è vero, questo

      e sono qui a spillare te di fuori,

      tirandoti magari per le orecchie.

Quickly -

      (Riconoscendo anch'essa il Principe)

      Oh, che Dio vi conservi, Vostra Grazia!

      E ben tornato a Londra!

      Dio benedica il vostro bel sembiante!

      O Gesummio! Arrivate dal Galles?

Falstaff -

      (Al Principe)

      Lascivo impasto di maestà e follia,

      su questo frivolo... tocco di carne

      (Posa le mani su Pupa)

      e sul sangue corrotto di costei,

      ti giuro che tu sei il benvenuto!

Pupa -

      Grasso babbeo, che dici? Mi fai schifo!

Poins -

      (Al Principe, a parte)

      Adesso, mio signore, questo qui,

      se non battete il ferro finché è caldo,

      tenterà certamente di sviarvi

      volgendo tutto a scherzo.

Principe -

      (A Falstaff)

      Lussuriosa miniera di grassume,

      quali infamie dicevi su di me

      poc'anzi avanti a questa incensurata,

      civile ed illibata gentildonna?

      (Indica Quickly)

Quickly -

      Che cuore d'oro, Dio vi benedica!

      Mi dipingete proprio come sono!

Falstaff -

      (Al Principe)

      M'hai udito?

Principe -

      E tu m'hai riconosciuto

      come quando te ne scappasti a Gadshill120.

      Sapevi ch'io ero alle tue spalle,

      e dicesti quel che dicesti apposta,

      per saggiare la mia sopportazione121.

Falstaff -

      No, no, non è così; io non pensavo

      che tu potessi udir quel che dicevo.

Principe -

      Allora adesso ti costringerò

      a confessare che intenzionalmente

      hai voluto parlar male di me,

      e poi saprò in che modo cucinarti.

Falstaff -

      Parlar male di te?... Che dici, Hal?

      Me ne guarderei bene, sul mio onore!

Principe -

      Ah, non è parlar male

      chiamarmi affetta-pane da dispensa,

      e non so che cos'altro d'ingiurioso?

Falstaff -

      Nessuna ingiuria, Hal.

Poins -

      Nessuna ingiuria?

Falstaff -

      Nessuna, onesto Ned, nessuna al mondo!

      L'ho solo disprezzato di proposito

      davanti a gente reproba,

      per evitar che se ne innamorassero;

      e ho fatto, così agendo, la mia parte

      di amico vigile e fedele suddito;

      (Al Principe)

      e tuo padre dovrebbe essermi grato.

      Nessuna ingiuria, Ned, nessuna ingiuria,

      no, in coscienza, ragazzi miei, nessuna.

Principe -

      Ecco, vedi ora se non è la tua

      vera paura e somma codardia

      ad indurti ad offendere l'onore

      di questa onesta e virtuosa signora,

      pur di ricompattarti con noi due.

      Gente reproba, lei?

      (Indica Pupa)

      Gente reproba, qui, la tua Ostessa?

      O il tuo ragazzo? Reprobo anche lui?

      E l'onesto Bardolfo,

      il cui zelo gli sfiamma per il naso,

      lo metti tu nel novero dei reprobi?

Poins -

      Rispondi, dunque, tronco d'olmo fradicio!

Falstaff -

      Bardolfo l'ha già designato il diavolo

      fra gli irrecuperabili: il suo volto

      è il fornello privato di Lucifero

      dove questi arrostisce solamente

      i grandi ubriaconi come lui122.

      Quanto al ragazzo, c'è un angelo buono

      accanto a lui, però c'è pure il diavolo,

      che gli offre più di quello.

Principe -

      (Indicando Quickly e Pupa)

      E queste donne?

Falstaff -

      Una all'inferno ci si trova già,

      e brucia di per sé, povera anima123.

      Quanto all'altra, le devo del denaro,

      e non so se anche lei sarà dannata

      per questo fatto.

Quickly -

      No, puoi star sicuro!

Falstaff -

      Lo penso anch'io. Tu non sarai dannata

      per questo. Credo che sarai assolta.

      Ma sul tuo capo pende un'altra accusa:

      tu permetti che nella tua locanda

      si mangi carne, e questo è contro legge124,

      per la qual colpa presto gemerai.

Quickly -

      Ma tutti i locandieri fanno questo.

      Che cosa sono in tutta una Quaresima

      un paio di cosciotti di montone125?

Principe -

      (A Quickly)

      Gentildonna...

Quickly -

      Che dice Vostra Grazia?

Falstaff -

      Sua Grazia ti vuol dire qualche cosa

      contro cui la sua carne si ribella.

     

      (Forti colpi alla porta)

Quickly -

      Chi bussa così forte a quella porta?

      Va' un po' a vedere, Cesco, per favore.

     

      Entra Peto

Principe -

      Ebbene, Peto, quali novità?

      Peto -

      Queste, signore: che il re vostro padre

      è a Westminster, e son giunti dal nord,

      stanchi sfiniti venti messaggeri;

      ed io nel venir qua, lungo la strada,

      ho incontrato, raggiunto e sorpassato,

      una buona dozzina di ufficiali

      che bussavano a tutte le taverne

      domandando se c'era Sir John Falstaff.

Principe -

      Perdio, Poins, mi sento molto in colpa

      a sprecare così indolentemente

      tempo prezioso, mentre intorno a noi

      il temporale della ribellione,

      qual tempestoso vento di scirocco

      carico di vapori tenebrosi

      comincia a sciogliersi ed a scrosciare

      sulle nude e indifese nostre teste...

      Qua spada e tocco... Falstaff, buona notte!

     

      (Escono il Principe, Peto e Bardolfo)

Falstaff -

      Ed io dovrei partire

      proprio adesso che sta per arrivare

      il più succoso boccone del pranzo,

      e lasciarlo intoccato?

     

      (Colpi alla porta)

     

      E dài, ancora!...

     

      Rientra Bardolfo

Bardolfo -

      Vi dovete recare a corte, subito,

      signore, una dozzina di ufficiali

      son fermi giù alla porta ad aspettarvi.

Falstaff -

      (Al Paggio)

      Ragazzo, pensa tu a pagare i musici.

      Addio, Ostessa! Addio, Pupa!... Vedete,

      mie buone donne, come è ricercato

      chi vale, mentre quelli senza merito

      posson dormire in pace i loro sonni,

      quando l'uomo d'azione è convocato.

      Arrivederci, mie care ragazze.

      Se non mi spediranno in fretta e furia,

      torno a vedervi prima di partire.

Pupa -

      (Piangendo)

      Non posso dir parola. Ho il cuore in gola

      ed è quasi sul punto di spezzarsi...

      Bene, mio dolce Jack, abbiti cura...

Falstaff -

      Addio, mie care, addio!

Quickly -

      Addio, addio!

      La voce di bardolfo da dentro -

      (Chiamando)

      Madama Strappalenzuola!

Ostessa -

      Che c'è?

Bardolfo -

      (Da dentro)

      Ditele di venir dal mio padrone.

Quickly -

      Va', corri, Pupa! Corri, corri, corri!

Bardolfo -

      (Da dentro)

      Allora?

Quickly -

      Viene. Ha il viso tutto in lacrime.

     

      (Le asciuga il viso)

Bardolfo -

      (Affacciandosi alla porta)

      Ebbene, Pupa, ti decidi o no?

     

      (La conduce via. L'Ostessa esce dalla parte opposta)

atto TERZO

scena I - Westminster, il palazzo

     

      Entra Re Enrico in veste da camera, seguito da un paggio. Notte.

     

      Enrico -

      (Al Paggio)

      Va' dai conti di Surrey e di Warwick,

      e di' loro che vengano da me;

      ma che prima si leggan questo foglio

      e ci riflettan bene. Corri, va'.

     

      (Esce il Paggio, con il messaggio)

     

      Chi sa quante migliaia di miei sudditi,

      i più umili, dormiran tranquilli,

      a quest'ora?... O sonno, dolce sonno,

      della natura soave ristoro,

      che avrò mai fatto io,

      di tanto male da terrorizzarti

      al punto che non vuoi tu più venire

      a gravar del tuo peso le mie palpebre

      e immergere i miei sensi nell'oblio?

      Perché più volentieri

      ami tu ritrovare il tuo riposo

      all'interno di fumidi tuguri,

      disteso sopra scomodi giacigli

      ed in mezzo al ronzio delle zanzare,

      che non dentro le alcove profumate

      dei grandi, sotto ricchi baldacchini,

      e cullato dal conciliante suono

      di dolci melodie? Torpido Iddio,

      perché ti giaci con la bassa gente,

      su immondi pagliericci,

      e lasci invece la regale alcova

      rassomigliare alla cassa d'un pendolo

      o ad un qualunque segnale d'allarme126?

      Puoi tu sulla vertiginosa coffa

      della nave serrare gli occhi al mozzo,

      cullandogli il cervello

      al brontolio degli impetuosi flutti,

      tra il soffiare dei venti

      che abbrancano per le schiumose creste

      gli infuriati marosi,

      raggricciandone le mostruose teste

      e agganciandole alle sfuggenti nuvole

      con tale strepito, che al suo rimbombo

      la stessa morte sembra ridestarsi?

      Come puoi esser, sonno, sì parziale

      da dispensare il tuo riposo al mozzo

      inzuppato di pioggia e di salsedine,

      in mezzo al turbinar degli elementi127,

      e negarlo ad un re,

      nella calma di notti tranquillissime,

      con modi e mezzi adatti a conciliarlo?

      E riposate, allora, umili genti,

      riposate felici, e solo inquieto

      giaccia il capo che porta una corona!

     

      Entrano Warwick e Surrey

      Warwick -

      Mille volte buongiorno a Sua Maestà!

Enrico -

      Già è buongiorno, signori?

Warwick -

      Sì, mezzanotte è passata da un'ora.

Enrico -

      Buongiorno, allora, a entrambi voi, signori.

      Suppongo abbiate letto il mio messaggio.

Warwick -

      Certo, sire.

Enrico -

      Così siete informati

      da qual disfacimento è affetto il corpo

      del nostro regno, quali brutti mali

      vanno infestandolo, e con qual pericolo

      proprio vicino al cuore.

Warwick -

      Fino ad ora,

      esso è soltanto un corpo malandato

      che tuttavia può esser ricondotto

      al primitivo stato di vigore

      con accorto consiglio e con l'impiego

      di blande medicine. A Lord Northumberland

      i bollori saran presto freddati.

Enrico -

      O Dio, se fosse mai concesso all'uomo

      di leggere nel libro del destino

      e contemplare il tempo, nel suo volgere,

      ripianare perfino le montagne,

      e i continenti della terraferma

      stanchi della lor solida saldezza,

      dissolversi nel mare;

      o la sabbiosa cinta degli oceani

      estendersi da farsi troppo larga

      pei fianchi di Nettuno; e constatare

      come i tempi di noi si faccian gioco

      col riempire di liquidi diversi

      la coppa delle loro metamorfosi;

      oh, si potesse antivedere tanto,

      il più felice dei giovani d'oggi

      mirando al corso della propria vita,

      ai pericoli corsi nel passato

      ed alle avversità dell'avvenire,

      chiuderebbe quel libro,

      ansioso sol di vivere adagiato

      nella supina attesa della morte.

      Dieci anni ancora non si son compiuti

      dal tempo che Riccardo e Lord Northumberland,

      grandi amici, sedevano a banchetto;

      due anni dopo si facevan guerra.

      E non più di ott'anni son passati

      da quando questo Percy128 era con me

      la persona più prossima al mio cuore;

      parteggiava per me come un fratello,

      deponendo il suo cuore e la sua vita

      sotto i miei piedi, sì, e per amor mio,

      sfidando anche Riccardo a viso aperto.

      Ma chi di voi era presente... tu,

      (A Warwick)

      se ben ricordo, cugino Neville,

      quando Riccardo, gli occhi pien di lacrime,

      rampognato e insultato dal Northumberland,

      disse queste parole che profetiche

      si rivelano oggi: "Tu, Northumberland,

      sei la scala per cui Enrico Bolingbroke,

      mio cugino, sale ora sul mio trono".

      Eppure, allora, Dio m'è testimonio,

      io ero lungi dall'aver tal mira;

      ma la necessità volle per forza,

      con lo Stato caduto così in basso,

      che la grandezza ed io ci combaciassimo.

      "Tempo verrà - ricordo ch'egli aggiunse -

      tempo verrà che quel peccato immondo129

      suppurerà come un bubbone marcio";

      e, proseguendo sullo stesso tono,

      preconizzò gli eventi di quest'ora

      e la rottura della nostra pace.

Warwick -

      Nella vita d'ogni uomo c'è una storia

      che ripete gli eventi del passato;

      chi l'osservi riesce a presagire,

      con alto grado di approssimazione130,

      i grandi lineamenti delle cose

      ancora non venute ad esistenza,

      i loro semi, i lor gracili bocci

      chiusi come tesori in uno scrigno

      che il tempo cova e quindi fa dischiudere

      nella forma assegnata lor dal fato131;

      ed è con l'osservare questa forma

      che Riccardo poté ben prevedere,

      giudicando sul metro della storia,

      come il grande Northumberland,

      già allora a lui mostratosi sleale,

      sarebbe poi cresciuto da quel seme

      a maggior tradimento

      miglior terreno a mettere radici

      non potendo trovar che il vostro danno.

Enrico -

      Sono dunque voluti dal destino

      gli eventi che viviamo?...

      E allora come una fatalità

      li affronteremo; e sia questa parola

      ad ammonirci anche ora in questa azione.

      Insieme l'Arcivescovo e Northumberland

      disporrebbero, a quanto mi si dice,

      d'un nerbo di cinquantamila uomini.

Warwick -

      Non lo credo possibile, signore.

      La diceria ripete, raddoppiandolo,

      così come fa l'eco con la voce,

      il numero di quelli che si temono.

      Per il momento piaccia a Vostra Grazia

      d'andare a letto. Sull'anima mia,

      mio signore, le forze messe in campo

      da Vostra Maestà son sufficienti

      ad ottenervi un facile successo.

      E vi dico, a maggior vostro conforto,

      d'aver appreso da fonte sicura

      che Glendower è morto.

      Queste due settimane Vostra Grazia

      è stata male, e stare ancora in piedi

      in queste ora inconsueta

      non può che peggiorarle la salute.

Enrico -

      Va bene, seguirò il tuo consiglio.

      Ma una volta che avremo, miei signori,

      le mani libere da questa guerra,

      nostra meta sarà la Terrasanta!

     

      (Escono)

scena II - Nella Contea di Gloucester, davanti alla casa del giudice Zucca

     

      Entrano Zucca e Silente, da parti opposte

     

      Zucca -

      Avanti, avanti, avanti! Qua la mano,

      signor cugino, diamoci la mano!

      (Si stringono la mano)

      Croce di Dio, sei proprio mattiniero!

      E come sta mio cugino Silente?

      Silente -

      Bene. Buongiorno a te, cugino Zucca.

Zucca -

      E come sta la mia cara cugina

      tua compagna di letto? E l'Elenuccia,

      la bella tua figliola e mia figlioccia?

Silente -

      Ahimé, cugino, nera come un merlo.

Zucca -

      E che fa mio nipote Guglielmino?

      Scommetto che a quest'ora

      è diventato uno studente in gamba.

      Ancora ad Oxford, vero?

Silente -

      Sì, sì, certo, signore, ed a mie spese.

Zucca -

      Allora presto dovrà frequentare

      la facoltà di legge132. Ai tempi miei

      ho frequentato anch'io la "Clement Inn"133

      e credo che si parli ancora là

      di quella testa pazza dello Zucca.

Silente -

      Ti chiamavano "Zucca il rompicollo".

Zucca -

      Eh, per la Messa, quanto a soprannomi

      me n'affibbiavano di tutte specie.

      E certo ne avrei fatte d'ogni sorta

      ed anche a ruota libera, a quel tempo.

      C'ero io e Giannetto Monetina134,

      quel piccolino dello Staffordshire,

      e quel nerone di Giorgietto Barnes135,

      e Franco Bucalossi, e Bill Mugugno136,

      un tipo dalle parti di Gottswold137

      Nelle scuole di legge d'Inghilterra

      quattro tipi così, scavezzacollo,

      compagnoni, gaudenti, capiscarichi,

      non s'erano mai visti, e, posso dirlo,

      sapevamo ove stava "bona roba138"

      ed avevamo sempre le migliori

      a nostra discrezione, sempre pronte.

      A quel tempo Jack Falstaff, ora Sir John,

      era ancora un ragazzo, ed era paggio

      di Thomas Mowbray, duca di Norfolk.

Silente -

      Quello stesso Sir John

      che dovrebbe arrivare qui tra poco

      per le requisizioni?

Zucca -

      Quello stesso,

      appunto, proprio lui. Quanti ricordi!

      Gli ho visto un giorno rompere la testa

      a Scoggin139, sul cancello del collegio,

      quand'era ancora solo un pivellino

      non più alto di tanto; e fu quel giorno

      ch'io stesso mi trovai ai ferri corti

      con un certo Sansone Stoccafisso140,

      un fruttaiolo, dietro la Gray's Inn.

      Gesù, Gesù, quante pazze giornate

      ho passato laggiù!

      E veder ora quante sono morte

      di tutte quelle vecchie conoscenze...

Silente -

      Eh, cugino, li seguiremo tutti,

     

Zucca -

      Certo, certo, sicuro, sicurissimo!

      La morte, come recita il Salmista,

      è certa; tutti debbono morire...

      A quanto sta una coppia di torelli

      alla fiera di Stanford?

Silente -

      In verità, non ci sono passato.

Zucca -

      (Tornando al suo pensiero di prima)

      Eh, sì, la morte è certa...

      E il vecchio Double, quel tuo conterraneo,

      è ancora vivo?

Silente -

      Morto, mio signore.

Zucca -

      Ah, sì?... Gesù, Gesù!

      Sapeva così bene tirar d'arco!

      Morto! Un arciere in gamba! Un tiratore!

      Giovanni Gaunt l'aveva molto a cuore

      e scommetteva forte su di lui.

      Morto sicché, eh?... Quello era capace

      di centrarti un bersaglio a ottanta passi,

      e lanciarti un quadrello a centottanta,

      centonovanta, che solo a vederlo

      ti s'allargava il cuore, veramente!

      Una ventina di pecore buone

      quanto credi che possano costare?

Silente -

      Dipende... una ventina, delle buone,

      faranno il prezzo di dieci sterline.

Zucca -

      E sicché anche il vecchio Double è morto...

     

      Entrano Bardolfo e un altro (che non parla)141

Silente -

      Ecco due uomini di Sir John Falstaff,

      come penso.

Zucca -

      Buongiorno, brava gente!

Bardolfo -

      Di grazia, il giudice Zucca, chi è?

Zucca -

      Roberto Zucca sono io, signore,

      modestamente, un umile scudiero

      della contea e giudice di pace142.

      In che posso servirvi?

Bardolfo -

      Il nostro capo

      vi manda i suoi omaggi, monsignore...

      dico il mio capitano, Sir John Falstaff,

      un gentiluomo d'alta levatura,

      perdio, e un valoroso condottiero.

Zucca -

      Il vostro capitano è ben gentile

      con me, signore; io l'ho conosciuto

      come buon tiratore di bastone143.

      Come sta quell'egregio cavaliere?

      E m'è lecito chiedervi altresì

      come sta la sua nobile consorte?

Bardolfo -

      Un soldato, signore, chiedo scusa,

      è meglio accomodato che con moglie.

Zucca -

      Ben detto, in fede mia, molto ben detto!

      "È meglio accomodato... ". Bene, bene!

      Sì, infatti, certo: le belle espressioni

      son certamente, e sono state sempre,

      assai lodevoli... "Accomodato"...

      già, deriva da "accommodo144". Benissimo!

      Bella frase.

Bardolfo -

      Scusatemi, signore,

      questa parola io l'ho già sentita...

      "frase" voi la chiamate?... In fede mia,

      non so cosa voglia dire "frase",

      ma manterrò con la mia spada il punto

      che la parola è degna d'un soldato,

      una bella parola soldatesca,

      eh, si, perdio, straordinariamente!

      "Accomodato", cioè quando un uomo

      è, come si suol dire, accomodato;

      o quando viene a trovarsi in tal modo

      che lo si può stimare accomodato;

      il che è cosa eccellente.

Zucca -

      Molto giusto.

      Ma toh, chi arriva, l'ottimo Sir John!

      (Gli va incontro)

      Qua la mano, la vostra brava mano

      di vostra riverita signoria!

      In fede mia, vi vedo in bella forma

      e vi portate gli anni a meraviglia!

      Benvenuto tra noi, caro Sir John!

Falstaff -

      Sono felice di vedervi bene,

      mio caro Mastro Zucca, ben felice!

      (Verso Silente)

      Mastro Cartasicura145, se non erro?

Zucca -

      No, Sir John, è Silente, mio cugino,

      e giudice di pace come me.

Falstaff -

      Caro Mastro Silente,

      ben vi si addice l'essere "di pace".

Silente -

      Troppo gentile, Vostra Signoria!

Falstaff -

      Però che caldo, auff, signori miei!

      M'avete provveduto qui da voi

      mezza dozzina d'uomini efficienti?

Zucca -

      Per la Vergine, se l'abbiamo fatto,

      signore.

      (Offrendogli da sedere)

      Non volete accomodarvi?

Falstaff -

      (Sedendosi)

      Me li fate vedere, per favore?

Zucca -

      Il ruolino... dov'è dunque il ruolino?

      Dov'è il ruolino?... Vediamo, vediamo...

      Ah, ecco, sì, perbacco: Raffo Muffa.

      (A Silente)

      Si presentino come io li chiamo,

      uno alla volta, come vien chiamato...

      Vediamo...

      (Chiamando)

      Dov'è Muffa?

     

      Entra Muffa

      Muffa -

      Qui presente,

      se così piace a Vostra signoria.

Zucca -

      Che ne dite, Sir John? È ben piantato,

      giovane, valido, di buona tacca.

Falstaff -

      Muffa è il tuo nome?

Muffa -

      Se così vi piaccia.

Falstaff -

      È più che tempo di metterti in uso146.

Zucca -

      (Ridendo)

      Ah, ah, questa è davvero formidabile!

      Le cose con la muffa vanno usate!

      Che battuta stupenda! Straordinaria!

      In coscienza, Sir John, azzeccatissima!

Falstaff -

      Spuntatelo.

Muffa -

      Spuntato, in verità,

      lo sono stato già abbastanza prima147,

      e avreste ben potuto, questa volta,

      farmi restare in pace a casa mia.

      La mia vecchia dovrà dannarsi l'anima

      per trovare qualcuno al posto mio

      che le coltivi il campo e tutto il resto.

      Potevate evitare di spuntarmi;

      ce ne son altri migliori di me

      da mandare alla guerra.

Falstaff -

      Taci, Muffa!

      È tempo che tu sia messo a consumo.

Muffa -

      A consumo!...

Zucca -

      Sta' calmo, giovanotto.

      Sta' calmo e fatti in là. Sai dove sei?

      Passiamo all'altro, Sir John. Ecco qua:

      (Legge sul ruolino)

      Ombra Simone.

Falstaff -

      Eh, questo lo prendo.

      Mi starà bene per sedermi al fresco.

Zucca -

      Ombra dov'è?

     

      Entra Ombra

      Ombra -

      Presente, qui, signore.

Falstaff -

      Ombra, di chi sei figlio?

Ombra -

      Di mia madre, signore.

Falstaff -

      Di tua madre?

      È probabile; ed ombra di tuo padre.

      Succede spesso: figlio della femmina

      e del maschio ombra... lui però dal padre

      ombra parecchia ma sostanza poca.

Zucca -

      Vi piace allora, Sir John?

Falstaff -

      Sì, spuntatelo.

      L'ombra d'estate farà sempre comodo;

      (Tra sé)

      e quanto ad ombre poi ne abbiamo tante

      da ricolmarne un intero ruolino148.

     

      (Ombra si fa da parte, in piedi, con Muffa)

Zucca -

      (Chiamando)

      Tommaso Bubbolo.

Falstaff -

      Dov'è?

     

      Entra Bubbolo

      Bubbolo -

      Presente!

Falstaff -

      Ti chiami Bubbolo?

Bubbolo -

      Sì, per servirvi.

Falstaff -

      Sei un bitorzolo assai trasandato.

Zucca -

      Devo spuntarlo?

Falstaff -

      No, non c'è bisogno:

      ha già appuntato il vestito di dietro

      e tutto quello che si porta addosso

      si regge con gli spilli. Non spuntatelo.

Zucca -

      (Ridendo)

      Ah, ah, ah, ah! Complimenti, Sir John!

      Le dite bene assai! Ma bene assai!

      (Chiama)

      Avanti un altro: Francesco Cannuccia.

     

      Entra Cannuccia

      Cannuccia -

      Presente!

Zucca -

      Che mestiere fai, Cannuccia?

Cannuccia -

      Sarto da donna.

Zucca -

      (A Falstaff)

      Lo devo spuntare?

Falstaff -

      Fatelo, sì... perché se di mestiere

      fosse stato costui sarto da uomo,

      avrebbe ben potuto spuntar voi149.

      (A Cannuccia)

      Saprai fare, Cannuccia, tanti buchi

      nelle linee nemiche quanti buchi

      hai fatti nei corpetti per signore?

Cannuccia -

      Farò tutto il possibile, signore;

      ma più di questo non potete attendervi.

Falstaff -

      Ben detto, bravo il mio sarto da donna!

      Ben detto, bravo! Sarai valoroso

      come la tortorella incollerita

      o come il più coraggioso150 dei sorci.

      Bene, appuntatelo il sarto da donna,

      Mastro Zucca, appuntatelo profondo.

Cannuccia -

      Avrei desiderato, monsignore,

      che aveste reclutato insieme a me,

      anche Bubbolo.

Falstaff -

      Ed io avrei voluto

      che tu, invece che sarto da donna,

      fossi stato da uomo,

      così avresti potuto rappezzarlo

      e metterlo in assetto di partire.

      Eppoi non posso prendere con me

      con il grado di semplice soldato

      uno che ne comanda addosso a sé

      tante migliaia151. No, basta così,

      basta, scannacciatissima Cannuccia152.

Cannuccia -

      E basti pure.

Falstaff -

      Ti sono obbligato,

      reverendo Cannuccia.

     

      (Cannuccia si fa da parte cogli altri)

     

      (A Zucca)

      Chi c'è dopo?

Zucca -

      (Chiamando)

      Piero Torello della prateria!

      Torello -

      Presente!

Falstaff -

      Questo, quanto è vero Dio,

      somiglia veramente ad un torello!

      Spuntatemi, spuntatemi il Torello

      fino a farlo muggire un'altra volta.

Torello -

      Oh, Signore, mio buon lord capitano!

Falstaff -

      Che! Ti metti a muggire

      prima ancora d'aver sentito il pungolo153.

Torello -

      Oh Dio, signore, io sono malato.

Falstaff -

      Di che?

Torello -

      D'un maledetto raffreddore,

      con tosse, monsignore: li ho buscati

      a suonar le campane per il re

      alla festa dell'incoronazione.

Falstaff -

      Beh, vorrà dire che andrai alla guerra

      in una calda vestaglia da camera.

      Ti faremo passare il raffreddore

      e darò ordine ai tuoi compagni

      di suonarle per te154.

      (Torello si mette da parte cogli altri)

      Non ce n'è altri?

Zucca -

      Ne avevamo chiamati due in più

      di quanti ve ne dovevamo qui,

      cioè non più di quattro, monsignore.

      Vogliate favorire a casa mia,

      ora, vi prego, per il pranzo.

Falstaff -

      E sia,

      ma ci verrò soltanto a bere un goccio;

      a pranzo, no, non posso. Mi dispiace.

      Eh, perbacco, m'ha fatto assai piacere

      di rivedervi, caro Mastro Zucca!

Zucca -

      Oh, Sir John, ricordate quella volta

      che trascorremmo insieme una nottata

      nel campo di San Giorgio?

Falstaff -

      E come no!

      Ah, non me ne parlate, Mastro Zucca,

      acqua passata...

Zucca -

      Che nottata, quella!

      E Gianna Notturnina155 è ancora viva?

Falstaff -

      Ancora, sì.

Zucca -

      Non poteva soffrirmi.

Falstaff -

      Infatti, infatti, lo diceva sempre

      che Mastro Zucca non le andava a genio.

Zucca -

      Eh, per la Messa, la mandavo in bestia.

      Era, a quel tempo, un'assai bona-roba156!

      E si mantiene bene?

Falstaff -

      Vecchia, vecchia,

      Mastro Zucca.

Zucca -

      Eh sì, dev'esser vecchia,

      non può non esserlo. Certo che è vecchia;

      aveva avuto già quel figlio, Robin,

      dal vecchio Notturnino157

      prima ancora ch'io fossi entrato allievo

      presso la "Clement Inn".

Silente -

      E son passati cinquantacinque anni.

Zucca -

      Eh, cugino Silente, avessi visto

      quello che questo cavaliere ed io

      abbiam visto. Sir John, ho detto bene?

Falstaff -

      Abbiamo udito suonar le campane

      a notte alta, vero, Mastro Zucca?

Zucca -

      Eccome, eccome, in fede; e quante volte,

      Sir John le abbiam sentite...

      E la parola d'ordine per noi

      era: "Prosit, ragazzi, su il bicchiere158!"

      Ma andiamo, su, venite, andiamo a pranzo.

      Gesù, che giorni abbiamo visti insieme,

      noi due!... Andiamo, andiamo!...

     

      (Escono Falstaff, Zucca e Silente)

Torello -

      Buon caporal Bardolfo, signoria,

      siatemi amico; qui sono quattro Enrichi159,

      quattro monete da dieci scellini

      in corone francesi: son per voi.

      In coscienza, credetemi, signore,

      preferirei morire sulla forca

      piuttosto che partire per la guerra.

      Per parte mia, non è che me ne importi;

      ma è piuttosto che non me la sento

      e voglio rimanere con i miei;

      altrimenti, per parte mia, signore,

      non me ne importerebbe proprio niente.

Bardolfo -

      Bene, fatti da parte.

      (Prende le monete)

Muffa -

      (Venendo avanti)

      Anche per me,

      buon mastro caporale capitano,

      fatelo per amor della mia vecchia,

      siatemi amico; non ha più nessuno

      che le badi a sbrigare le faccende

      s'io me ne vado; è molto in là cogli anni

      e da sola non potrà far più nulla.

      (Mostrandogli una moneta da uno scellino)

      Ve ne darò quaranta, monsignore.

Bardolfo -

      Bene, fatti da parte.

Cannuccia -

      Io, per me,

      parola mia, non me ne importa niente.

      Uno non può morire che una volta.

      La morte è un debito che abbiamo tutti

      con Dio, non sarò mai d'animo vile.

      Se dev'esser destino, sia così;

      se non dev'essere, sia pur così.

      Quando si tratta di servire il Principe

      nessuno è troppo buono;

      e vada come vuole:

      vorrà dire che chi muore quest'anno

      si trova sistemato per il prossimo.

Bardolfo -

      Ben detto; sei davvero un uomo in gamba.

Cannuccia -

      Eh, sì, non sarò mai d'animo vile.

     

      Rientrano Falstaff, Zucca e Silente

Falstaff -

      Signore, allora quali debbo prendere?

Zucca -

      Quattro di vostra scelta, monsignore.

Bardolfo -

      (A parte a Falstaff)

      Signore, una parola...

      avrei, per tre sterline, combinato

      di lasciar liberi Muffa e Torello.

Falstaff -

      (A parte a Bardolfo)

      Bene, procedi.

Zucca -

      Allora chi prendete,

      Sir John?

Falstaff -

      I quattro sceglieteli voi.

Zucca -

      Bene, allora ecco qua: Muffa, Torello,

      Cannuccia e Ombra.

Falstaff -

      (Rivolto a Muffa e Torello)

      Qua, Muffa e Torello:

      tu, Muffa, te ne resterai a casa

      fino a quando non avrai più l'età

      pel servizio di guerra; e tu, Torello,

      fino a tanto che non l'avrai raggiunta.

      Di voi due, nessuno fa per me.

Zucca -

      Sir John, Sir John, adesso v'ingannate:

      sono i due uomini più adatti a voi,

      ed io vorrei vedervi, francamente,

      servito dai migliori.

Falstaff -

      Mastro Zucca, pretendereste forse

      d'insegnarmi come si sceglie un uomo?

      Che m'importa dei muscoli, dei nervi,

      della taglia, della corporatura?

      Lo spirito io cerco, Mastro Zucca!

      Ecco, ad esempio, Bubbolo:

      vedete come è tutto sbrindellato?

      Eppure questo è uno

      che vi sa caricare e scaricare

      con la rapidità del ticchettio

      del martelletto in mano a un lattoniere;

      e v'andrà avanti e indietro

      più veloce di uno che manovra

      il secchio del birraio.

      E quest'altro, quest'Ombra faccia-smunta

      fa proprio al caso mio: smilzo com'è,

      non presenta al nemico alcun bersaglio;

      mirare a lui sarà come mirare

      di precisione al filo d'un trincetto.

      E, in caso d'una nostra ritirata,

      con che velocità saprà scappare

      questo Cannuccia, il sarto per signora!

      Datemi insomma uomini sparuti,

      e risparmiatemi i corpacciuti.

      Bardolfo, dagli in mano un archibugio,

      a Bubbolo.

Bardolfo -

      (Consegnando a Bubbolo l'arma)

      Toh, impugnalo, ragazzo.

      Avanti, muoviti... così, così.

Falstaff -

      Suvvia, maneggiami quell'archibugio.

      Così, benissimo! Va là, vai bene!

      Avanti, molto bene, ottimamente!

      Oh, sì, datemi sempre fucilieri

      come lui, piccolino, smilzo, vizzo,

      pelato! Bravo, Bubbolo, ben fatto!

      Quel nome Bubbolo ti sta a pennello,

      sei una buona schiappa, in fede mia.

      (Gli dà una moneta)

      Toh, prendi; qui c'è un testone per te160.

Zucca -

      Non è ancora padrone del mestiere;

      non lo sa fare come si dovrebbe.

      Ricordo che sul prato di Mile-end

      quand'ero allievo della "Clement Inn"

      - recitavo a quell'epoca la parte

      di Messer Dragonet nel "Re Artù" -

      c'era un ometto svelto, tutto pepe,

      che maneggiava il pezzo così bene,

      e dietro-front e via, e dietro-front,

      e avanti, e indietro, su, giù, "ra-ta-ta"

      faceva; e "za", uno scatto e via di corsa,

      e subito rientrava e caricava.

      Uno così non lo vedrò mai più.

Falstaff -

      Questi mi stanno bene, Mastro Zucca.

      Mastro Silente, che Dio vi conservi;

      con voi non spenderò troppe parole.

      Addio, signori, vi ringrazio entrambi.

      Questa notte ho da far dodici miglia.

      Bardolfo, da' le divise ai soldati.

Zucca -

      State bene, Sir John, Dio vi protegga

      e faccia prosperare i vostri affari.

      Dio ci mandi la pace! Ed al ritorno

      passate a visitar la nostra casa:

      rinfrescheremo l'antica amicizia.

      E chissà ch'io con voi non torni a corte.

Falstaff -

      Ah, com'è vero Dio, lo vorrei bene,

      che ci veniste!

Zucca -

      Statene pur certo,

      ormai l'ho detto. Che Dio vi conservi!

Falstaff -

      Statemi bene, degni gentiluomini!

     

      (Escono Zucca e Silente)

     

      Bardolfo, avanti, conduci via gli uomini.

     

      (Esce Bardolfo con le quattro reclute, a passo di marcia)

Falstaff -

      Come torno, questi due bravi giudici

      me li voglio pelare bene bene.

      Dio, Dio, come noi uomini, da vecchi,

      siamo soggetti al vizio di mentire!

      Codesto allampanato leguleio

      non ha saputo fare altro con me

      che cianciare, menandone gran vanto,

      della sua scapigliata giovinezza

      e delle sue magnifiche prodezze

      compiute un tempo attorno a Turnbull Street;

      e ad ogni tre parole, una bugia:

      una taglia, su chi stava a sentirlo,

      d'un buon trenta per cento più costante

      d'un tributo alle casse del Gran Turco161.

      Lo ricordo alla "Clement Inn" com'era;

      sembrava uno di quei pupazzetti

      che si ritagliano distrattamente

      da una crosta di cacio dopo cena.

      Quand'era nudo, poi, parola mia,

      sembrava una radice biforcuta

      sopra la quale era stata intagliata

      col coltello una testa surreale:

      era così patito, evanescente,

      che la sua dimensione era invisibile

      anche all'occhio più acuto e penetrante;

      era il genio incarnato della fame,

      eppur lascivo, simile a una scimmia;

      le troie lo chiamavano "Mandragola162".

      Era sempre in ritardo con la moda,

      e cantava alle fruste sue bagasce

      canzonacce e lascivi motivetti

      uditi fischiettar dai carrettieri,

      giurando ch'erano suoi madrigali,

      serenate prodotte dal suo estro.

      Ed ora questa spatola del Vizio163

      eccolo diventato uno scudiero164,

      e parlare con tanta confidenza

      di Giovanni di Gaunt,

      come se fosse suo compagno d'armi;

      e giurerei che non l'ha visto mai,

      tranne una volta, quando, in un torneo,

      s'ebbe proprio da lui la testa rotta

      per essersi intromesso impunemente

      tra i delegati del Lord Maresciallo165.

      Ed io che c'ero e vidi l'episodio,

      dissi scherzosamente a John di Gaunt166

      che aveva bastonato il proprio nome;

      perché quello lo avreste fatto entrare

      vestito nella pelle di un'anguilla;

      per lui anche l'astuccio d'un clarino

      sarebbe stato un palazzo, una corte.

      E adesso lo ritrovo possidente

      con terre e buoi. Ma se torno vivo

      da questa guerra, voglio, com'ei dice,

      rinfrescarla davvero l'amicizia;

      e dovrà andarmi proprio per traverso

      se non farò di lui, a mio vantaggio,

      una pietra filosofale in doppio167.

      Se la giovane carpa è buon boccone

      pel vecchio luccio, non vedo ragione

      perché, secondo legge di natura,

      io non debba papparmi questo Zucca.

      Lasciamo pur maturare gli eventi,

      ma così certamente andrà a finire.

     

      (Esce)

atto QUARTO

scena I - La foresta di Gaultres, nella Contea di York

     

      Entrano, in armi, l'Arcivescovo di York, Tomaso Mowbray, Lord Hastings e altri

     

Arcivescovo -

      Hastings, che nome ha questa foresta?

Hastings -

      La foresta di Gaultres, Vostra Grazia.

Arcivescovo -

      Miei signori, facciamo sosta qui,

      e mandiamo in avanscoperta uomini

      a scoprire la forza del nemico.

Hastings -

      Già fatto, monsignore.

Arcivescovo -

      Ottimamente.

      Miei amici e compagni,

      a me alleati in questa grande impresa,

      devo informarvi d'aver ricevuto

      testé una lettera da Lord Northumberland

      il cui tenore e la fredda sostanza

      sono questi: che avrebbe ben voluto

      essere qui con noi personalmente

      e con tal nerbo d'uomini

      che fosse pari alla sua condizione,

      ma non gli fu possibile raccoglierli;

      che pertanto s'è ritirato in Scozia

      a maturar le sue buone fortune.

      Conclude formulando caldi voti

      che il vostro intento possa sopravvivere

      al rischio e all'incertezza della sorte

      e al terribile cozzo del nemico.

Mowbray -

      Ecco dunque crollate e andate in pezzi

      le speranze che ponevamo in lui!

     

      Entra un Messaggero

Hastings -

      Ebbene, che notizie?

      Messaggero -

      Ad occidente di questa foresta,

      a un miglio di distanza, forse meno,

      sta avanzando, in buon ordine, il nemico.

      Dal terreno che copron le sue forze

      posso stimare a trentamila uomini,

      poco più poco meno, il loro numero.

Mowbray -

      Giusto quello che gli davamo noi.

      Avanti, dunque, e affrontiamoli in campo!

     

      Entra Westmoreland con ufficiali di scorta

Arcivescovo -

      (Scorgendoli mentre si avvicinano)

      E chi è questo loro capitano

      che viene avanti a noi di tutto armato?

Mowbray -

      Il conte di Westmoreland, mi pare.

Westmoreland -

      Salute e bene a tutti voi, signori,

      dalla parte del principe Giovanni,

      duca di Lancaster, mio generale.

Arcivescovo -

      Lord Westmoreland, diteci apertamente

      la cagione che vi conduce qui.

Westmoreland -

      Allora a voi per primo, monsignore,

      rivolgo la sostanza del mio dire.

      Se questa ribellione

      mostrasse quello ch'è il suo vero volto,

      radicata su vili e abietti fini,

      capeggiata da giovani cenciosi

      assetati di sangue e sostenuti

      da ragazzaglia grama e accattona...

      se, dico, questa vostra ribellione

      si fosse presentata in tali forme

      che son proprie d'un moto di rivolta,

      voi, reverendo padre, e questi nobili

      non sareste sicuramente qui

      a rivestire di tanto decoro

      coi vostri titoli di nobiltà

      la squallida e spregevole figura

      d'una rivolta vile e sanguinosa.

      Voi soprattutto, signor Arcivescovo,

      il cui seggio ha sostegno e fondamento

      sulla pace civile;

      la cui barba d'argento è incanutita

      alla mano d'argento della pace

      voi, al quale la pace ha consentito

      d'acquistare sapienza

      e coltivar le buone e sacre lettere;

      voi, la cui bianca veste raffigura

      la serena innocenza, la colomba

      e lo spirito stesso della pace,

      perché sì malamente traducete

      voi stesso da linguaggio della pace

      che s'adorna di tanta integrità,

      in aspro e tronfio linguaggio di guerra,

      i vostri libri trasformando in tombe,

      in sangue il vostro inchiostro,

      le vostre penne in lance,

      gli accenti della vostra sacra lingua

      in alti squilli di tromba di guerra?

Arcivescovo -

      Perché faccio così? Eccovi, in breve,

      la mia risposta alla vostra domanda:

      siamo tutti ridotti un corpo infetto,

      e l'ore spese nella gozzoviglia

      e nello scialo ci hanno fatti preda

      d'ardente febbre, a guarir della quale

      questo corpo ha bisogno d'un salasso,

      perché il sangue fuoriesca e si depuri.

      Di questo male s'infettò Riccardo,

      il nostro re defunto, e ne morì.

      Ma, nobilissimo signore di Westmoreland,

      io non son qui per atteggiarmi a medico,

      né mi trovo intruppato tra le file

      di questa gente in arme

      perché sono nemico della pace,

      ma per mostrar, per una volta, io stesso

      il terribile volto della guerra

      al fine di curar menti malate

      con gli stomachi sazi di stravizi

      e per eliminare le ostruzioni

      che si vedono cominciare a occludere

      le arterie stesse della nostra vita.

      Per esprimermi in termini più chiari,

      vi dirò che ho pesato esattamente

      sopra i due piatti d'un'equa bilancia

      i danni che potremo cagionare

      con le nostre armi e i torti che subiamo,

      ed ho trovato che i torti patiti

      son più pesanti delle offese fatte.

      Noi vediamo ben chiaro in qual versante

      volge il flusso del tempo,

      e l'impetuoso volger degli eventi

      ci costringe ad allontanarci al largo

      dell'assai più tranquilla nostra spiaggia.

      Abbiamo qui elencata, voce a voce,

      l'intera somma dei torti sofferti

      da presentare alla buona occasione,

      ed abbiamo tentato, tempo fa,

      di presentarla al re,

      ma i nostri sforzi d'ottenerne udienza

      riusciron vani. Ed è sempre così:

      tutte le volte che subiamo un torto

      e ne vogliamo far doglianza al re,

      ci si nega l'accesso al suo cospetto,

      e proprio ad opera delle persone

      dalle quali ci viene il maggior danno.

      I rischi ai quali ci siam visti esposti

      nei giorni appena corsi,

      il cui ricordo è scritto sul terreno

      con sangue non ancora cancellato

      e dei quali ci sono offerti esempi

      ad ogni istante, compreso il presente,

      ci han costretti a vestir queste armature

      per noi così inadatte e disdicevoli,

      ma non già con l'intento di troncare

      l'albero della pace o un suo ramo,

      bensì per stabilire qui una pace

      stabile e vera, di nome e di fatto.

Westmoreland -

      Quando mai fu respinto il vostro appello?

      In che ha potuto farvi torto il re?

      Quale pari del regno

      fu mai istigato a farvi dei soprusi

      perché vi decideste a suggellare

      con un sacro suggello, qual è il vostro,

      l'illegittimo e sanguinoso libro

      d'una rivolta macchinata ad arte,

      e a consacrar, con la vostra presenza,

      l'amara spada della ribellione?

Arcivescovo -

      Io faccio della causa del mio popolo,

      mio fratello nella comunità,

      la causa mia personale168.

Westmoreland -

      Per questa

      non c'è da chiedere riparazione,

      e comunque non spetterebbe a voi.

Mowbray -

      E perché no? A lui, per la sua parte,

      ed a noi tutti, che sentiamo vive

      le percosse patite nel passato

      e che soffriamo pel presente stato

      sempre gravante sopra il nostro onore

      con man pesante ed iniqua.

Westmoreland -

      Mio buon Mowbray,

      sforzatevi d'interpretare i tempi

      dalle necessità ch'essi c'impongono,

      ed allora senz'altro ammetterete

      che sono stati i tempi, non il re,

      a procurarvi i lamentati torti.

      Comunque, quanto a voi personalmente,

      non mi pare possiate aver terreno,

      fosse soltanto un pollice,

      su cui fondare le vostre doglianze

      sia contro il re che contro il nostro tempo.

      Non siete stato forse reintegrato

      dal re in tutti i titoli e i domini

      di vostro padre, Duca di Norfolk,

      di nobile e degnissima memoria?

Mowbray -

      E quale perdita il padre mio

      ebbe mai a subire del suo onore

      che richiedesse d'esser ravvivata

      e di ricever da me nuovo fiato?

      Il re, che pur l'aveva tanto caro,

      fu costretto, dal corso degli eventi,

      a bandirlo dal regno;

      e dopo, quando Enrico Bolingbroke e lui,

      già saldi in sella sui loro corsieri

      che nitrendo chiedevano lo sprone

      per partire - le loro lance in resta

      per la carica, le visiere giù,

      e tra le fenditure dell'acciaio

      gli occhi che si vedevan fiammeggiare,

      mentre squillava già alto e sonoro

      il segnale d'attacco della tromba169...

      quando, dico, nessun impedimento

      poteva ormai trattenere mio padre

      dall'investire in pieno petto il Bolingbroke...

      oh, quando, in quel momento,

      il re gettò la mazza, quella mazza170

      cui la sua stessa vita era legata,

      egli gettò se stesso nella polvere

      e la vita di quanti, da quel gesto,

      l'hanno perduta dopo, sotto Bolingbroke,

      processati o passati a fil di spada.

Westmoreland -

      Voi parlate, Lord Mowbray,

      senza saper di che. Il Conte d'Hereford171

      al momento del fatto era stimato

      generalmente come il più gagliardo

      di tutti i cavalieri d'Inghilterra.

      Chi può mai dire a quale di quei due

      avrebbe arriso in quel giorno la sorte?

      Ma se fosse toccato a vostro padre

      d'ottener la vittoria in quel duello,

      mai avrebbe potuto egli portarla

      fuori da Coventry172, che nel paese

      era un sol grido d'odio al suo indirizzo,

      e per Hereford eran le preghiere

      e il favore del popolo,

      onorato com'era, e benvoluto

      più dello stesso re.

      Ma io sto divagando dal mio scopo.

      Io sono qui a nome del mio generale,

      il principe Giovanni di Lancaster,

      per conoscere le doglianze vostre,

      e per dirvi, da parte di Sua Grazia,

      ch'egli è disposto ad accordarvi udienza;

      e che s'egli vedrà, di suo giudizio,

      che le vostre richieste sono giuste,

      ve le vedrete certamente accolte;

      e sarà decaduto ogni motivo

      che possa farvi pensare nemici.

Mowbray -

      Ma è lui che ci ha costretti

      a strappargli di forza quest'offerta,

      dettata sol da calcolo politico

      e non da sentimenti d'amicizia.

Westmoreland -

      Siete davvero presuntuoso, Mowbray,

      a prenderla così. Non da paura

      è ispirata l'offerta che vi porto,

      ma solo da clemenza; ecco, guardate,

      le nostre truppe sono lì, alla vista,

      e, sul mio onore, posso assicurarvi

      ch'esse han troppa fiducia di se stesse

      per aprir l'animo alla paura.

      Il nostro esercito nelle sue file

      annovera più nomi di prestigio

      di quanti certamente n'abbia il vostro;

      e uomini addestrati più dei vostri

      nel mestiere dell'armi; come il vostro

      forte è il nostro armamento, come il vostro,

      ma migliore è la causa;

      e ragion vuole che altrettanto saldi

      siano i nostri cuori.

      Non dite quindi che la nostra offerta

      ci sia stata dettata dalla forza.

Mowbray -

      Sia pur come voi dite, Lord Westmoreland,

      ma s'io dovessi agire di mia testa,

      a nessun prezzo accetteremmo mai

      di venire con voi a parlamento.

Westmoreland -

      Ciò non fa che provare l'ignominia

      del vostro criminale tradimento:

      un pacco marcio non è maneggiabile.

Hastings -

      Ha il Principe Giovanni carta bianca,

      in virtù di una delega del padre

      per trattare in pienezza di poteri

      e decidere se accettare o no

      le condizioni che noi gli porremmo?

Westmoreland -

      Ciò è implicito nel suo stesso titolo

      di generale comandante in capo;

      e mi sorprende sentirmi rivolgere

      da voi una domanda sì banale.

Arcivescovo -

      Bene. Allora, signore di Westmoreland,

      ecco, prendete con voi questa carta:

      è la lista particolareggiata

      delle nostre lagnanze.

      Quando ciascun abuso qui elencato

      ottenesse la sua riparazione

      ed i seguaci della nostra causa

      - quelli che sono adesso qui presenti

      e tutti gli altri, che, pur stando altrove,

      partecipano a questa nostra azione -

      fosser tutti debitamente assolti

      e le richieste da noi avanzate

      per le nostre persone e i nostri fini

      trovassero immediato accoglimento...

      allora sì, potremmo rientrare

      tutti nell'alveo d'una sudditanza

      ossequiosa e fedele, ed annodare

      le nostre forze al braccio della pace.

Westmoreland -

      Mostrerò questo foglio al generale.

      Ci potremo incontrare, se vi sta,

      signori, in faccia ai nostri due eserciti

      o per finirla - Dio lo voglia! - in pace,

      o per chiamar le spade

      a definir la nostra controversia.

Arcivescovo -

      Faremo come dite voi, signore.

     

      (Esce Westmoreland)

Mowbray -

      C'è qualche cosa che mi dice in petto

      che nessuna di queste condizioni

      potrà reggere a lungo.

Hastings -

      Non temete.

      Se possiamo ottener la nostra pace

      nei termini sì ampi e perentori

      quali son quelli da noi presentati,

      sarà una pace salda come roccia.

Mowbray -

      Già, ma la stima che si avrà di noi

      sarà tale che il più futil pretesto,

      il più basso motivo, il più meschino,

      il più sciocco, il più frivolo e triviale

      farà tornare al palato del re

      tutto l'amaro della nostra impresa;

      e noi, se pur la nostra fedeltà

      facesse di noi tutti tanti martiri

      della più affezionata sudditanza,

      saremo come grano al ventilabro

      vagliato via leggero come pula

      dalle folate d'un vento impetuoso

      da impedirci perfino di discernere

      tra bene e male, tra buono e cattivo.

Arcivescovo -

      No, no, signore. Riflettete a questo:

      il re di queste fastidiose accuse

      n'ha fin sopra i capelli, e s'è convinto

      che sbarazzarsi d'uno con la morte

      sulla base di semplici sospetti

      serve solo a crearne due peggiori

      tra gli eredi superstiti di quello.

      Vorrà pertanto far tabula rasa

      nei suoi registri d'ogni vecchio conto

      e vorrà districarsi dalla mente

      il ricordo di certi cantafavole

      che stiano lì a ripeter di continuo

      la storia delle perdite subite.

      Sa benissimo, infatti,

      che mai potrà estirpar da questa terra

      la malerba a misura che i sospetti

      gliene faccian temere l'esistenza:

      gli amici suoi han le loro radici

      così attorte con quelle dei nemici,

      che ogni stratto per svellere un nemico

      rischia di sradicare anche un amico.

      Insomma si può dire questa terra

      somigliante a una moglie litigiosa

      che avendo esasperato suo marito

      fino al punto da spingerlo a picchiarla,

      gli presenta davanti il figlioletto

      nel momento che lui sta per menarle,

      e ferma il braccio già alzato nell'atto.

Hastings -

      Inoltre il re si trova ad aver rotto

      sulla schiena degli ultimi ribelli

      tutte le verghe a sua disposizione

      talché al momento si trova sprovvisto

      degli stessi strumenti di castigo,

      così che il suo potere,

      come un vecchio leone senza denti,

      può solo far la finta di azzannare.

Arcivescovo -

      Giustissimo. Perciò rassicuratevi,

      mio buon Lord Maresciallo.

      Se adesso noi facciamo un buon accordo,

      la nostra pace, simile ad un arto

      staccato e ricongiunto al proprio corpo,

      sarà ancora più salda e duratura

      proprio in ragione di quella frattura.

Mowbray -

      E sia come voi dite...

      Ma ecco Lord Westmoreland che torna.

     

      Rientra Lord Westmoreland

Westmoreland -

      Il principe si trova qui da presso.

      Vuole degnarsi Vostra signoria

      d'incontrare Sua Grazia a mezza strada

      tra i nostri due eserciti?

Mowbray -

      (All'Arcivescovo)

      Quand'è così, Vostra Grazia di York,

      fatevi avanti, nel nome di Dio!

Arcivescovo -

      Avanti voi, a salutar Sua Grazia.

      Noi vi staremo dietro, monsignore.

     

      (Escono)

scena II - Altra parte della foresta

     

      Entrano, da una parte, con scorta, Mowbray, a qualche distanza l'Arcivescovo di York, Hastings e altri; dalla parte opposta il Principe Giovanni di Lancaster, Westmoreland, ufficiali e soldati

     

Lancaster -

      Cugino Mowbray, lieto d'incontrarvi;

      buongiorno a voi, monsignor Arcivescovo;

      e così a voi, Lord Hastings, ed agli altri.

      Certo offrivate di voi miglior vista,

      mio Lord di York173, in mezzo al vostro gregge,

      chiamato al suono della sacra squilla,

      che vi faceva circolo

      per ascoltare, tutto riverente,

      la vostra spiegazione della Bibbia174,

      che vedervi ora qui, in questo arnese,

      tutto cinto di ferro, ad infiammare

      col rullo del tamburo e la parola

      gli animi d'una banda di ribelli,

      volgendo il sacro verbo in una spada,

      la vita nella morte.

      L'uomo che siede in cuore ad un monarca

      e cresce al sole del di lui favore

      il giorno che pensasse di abusare

      di quella protezione, ahi quanti mali

      non potrebb'egli seminarsi intorno

      agendo all'ombra di tanta grandezza!

      E così è di voi, Lord Arcivescovo.

      Chi di noi non ha udito mai parlare

      di quanto sia approfondita in voi

      la conoscenza dei libri di Dio?

      Eravate per noi la voce stessa

      del portavoce del Suo parlamento175,

      l'immagine della Sua stessa voce,

      anzi, l'interprete e l'intermediario

      tra la grazia, la santità del cielo

      e l'ottuso diuturno nostro agire.

      Ed ora chi non penserà di voi,

      ahimé, che agendo come avete agito,

      avete fatto un ben cattivo uso

      della sacralità del vostro ufficio

      e vi siete proposto di servirvi

      del celeste favore e della grazia

      come un falso e sleale cortigiano

      che si vale del nome del suo principe

      per commettere azioni disdicevoli?

      Sotto la mostra di zelo per Dio176

      avete indotto alla sollevazione

      i sudditi del suo Vicario in terra,

      mio padre, e qui li avete radunati

      contro la pace del Cielo e la sua.

Arcivescovo -

      Mio buon signore di Lancaster, principe,

      io non mi trovo qui

      perché sono nemico della pace

      di vostro padre il re;

      ma, come ho detto al conte di Westmoreland,

      i tempi turbolenti che viviamo

      ci hanno costretti, ed a ragion veduta,

      a radunarci e starcene schiacciati

      in queste forme per noi innaturali177

      per protegger la nostra stessa vita.

      Ho fatto pervenire a Vostra Grazia

      una lista puntuale e dettagliata

      delle nostre doglianze: quella lista

      mi fu respinta dalla vostra corte

      con ostentato scherno;

      dal che s'è generata questa guerra,

      quest'idra i cui occhi minacciosi

      potranno farsi dolci e mansueti

      sol che vengano accolte e soddisfatte

      le nostre giuste e lecite richieste;

      sì che la nostra fedele obbedienza

      risanata da questa devianza,

      possa tornare docile a inchinarsi

      ai piedi della maestà del re.

Mowbray -

      Se invece questo non succederà,

      qui siamo tutti preparati e pronti

      ad arrischiar la nostra sorte in campo,

      fino all'ultimo uomo.

Hastings -

      E se cadessimo, abbiamo amici

      pronti ad assumere la nostra causa

      e a proseguire il nostro tentativo.

      E quando anch'essi avessero a cadere,

      altri dei loro li rimpiazzeranno;

      e ne verrà una serie di disastri,

      e questa lotta, d'un erede all'altro,

      non avrà fine fin che in Inghilterra

      si seguiranno le generazioni.

Lancaster -

      Mi pare siate troppo semplicista,

      Hastings, davvero troppo semplicista

      a pretendere di voler sondare

      il fondo del futuro.

Westmoreland -

      Vostra Grazia,

      vogliate compiacervi di dir loro

      voi stesso come ed entro qual limite

      condividete le loro richieste.

Lancaster -

      Tutte le condivido, e di buon grado.

      E giuro sull'onore del mio sangue

      che i propositi del mio genitore

      furono malamente interpretati

      e che qualcuno che sta intorno a lui

      ha stravolto con troppa leggerezza

      il suo pensiero e il modo di esprimerlo178.

      (All'Arcivescovo)

      Tutte queste lagnanze, monsignore,

      avran sollecita riparazione,

      ve ne fò impegno sull'anima mia.

      Se questo impegno basta a soddisfarvi

      rinviate alle lor contee le truppe,

      così faremo noi con quelle nostre;

      beviamo innanzi a loro

      ed abbracciamoci da buoni amici,

      sì ch'essi possan riportare a casa

      la visione di questo nostro patto

      di rinnovato affetto ed amicizia.

     

      (Viene recato del vino)

Arcivescovo -

      Prendo la vostra parola di principe

      per le riparazioni da noi chieste.

Lancaster -

      Vi do la mia parola, e la mantengo;

      e con ciò bevo alla salute vostra.

     

      (Bevono)

Hastings -

      (Ad un ufficiale)

      Andate, capitano, e date annuncio

      alle truppe della conclusa pace.

      S'abbiano il soldo e siano congedati.

      Ne saranno, son certo, stracontenti.

      Via, fate presto!

     

      (Esce il capitano)

Arcivescovo -

      (Alzando il bicchiere)

      Alla vostra salute

      mio nobile signore di Westmoreland!

Westmoreland -

      Alla vostra, illustrissimo signore!

      Se voi sapeste tutta la fatica

      che m'è costato covar questa pace,

      berreste veramente a non finire.

      Ma il mio affetto per voi

      vi si rivelerà più chiaro in seguito.

Arcivescovo -

      Di voi non dubito.

Westmoreland -

      Ne sono lieto.

      (Alzando il bicchiere)

      Salute al mio signore

      e nobilissimo cugino Mowbray!

Mowbray -

      M'augurate salute all'ora giusta,

      perché mi sento addosso, all'improvviso,

      uno strano malessere.

Arcivescovo -

      Buon segno.

      S'è allegri alla vigilia di disastri;

      ma la gravezza d'animo

      è preludio di lieti avvenimenti.

Westmoreland -

      Perciò, cugino, state in allegria,

      perché questo malessere improvviso

      vuol solo dire questo: che domani

      capiterà qualche cosa di buono.

Arcivescovo -

      Io mi sento, al contrario,

      credetemi, di molto sollevato.

Mowbray -

      Per cui, se è vera questa vostra regola.

      non avete che da aspettarvi il peggio,

     

      (Grida ed acclamazioni all'interno)

Lancaster -

      L'annuncio della pace è stato dato.

      Ecco, udite le loro acclamazioni.

Mowbray -

      Sarebbero riuscite più gradite

      al nostro orecchio queste acclamazioni

      se sollevate dopo una vittoria.

Arcivescovo -

      Una pace è pur essa una conquista,

      ché l'una e l'altra parte n'esce vinta

      con onore, e non c'è nessun perdente.

Lancaster -

      (A Westmoreland)

      Andate, mio signore,

      e fate licenziare il nostro esercito.

     

      (Esce Westmoreland)

Lancaster -

      (All'Arcivescovo)

      Ed ora, mio signore, a voi piacendo,

      gradiremmo vedere i nostri eserciti179

      sfilare in ordine davanti a noi,

      sì che possiamo rassegnar le forze

      con cui avrem dovuto misurarci.

Arcivescovo -

      D'accordo. Andate, mio bravo Lord Hastings,

      e ordinate che, prima di sciogliersi,

      vengano qui a sfilare avanti a noi.

     

      (Esce Hastings)

Lancaster -

      Confido che stanotte, miei signori,

      dormiremo sotto lo stesso tetto.

     

      Rientra Westmoreland con alcuni ufficiali

     

      Perché, cugino, i nostri non si sciolgono?

Westmoreland -

      Da voi i loro capi han ricevuto

      l'ordine di restare ai loro posti

      e non si muovono senza un contrordine

      che gli sia dato dalla vostra voce.

Lancaster -

      Sanno tenere bene la consegna.

     

      Rientra Lord Hastings

Hastings -

      (All'Arcivescovo)

      Il nostro esercito s'è già disperso.

      Come torelli sciolti mo' dal giogo

      si vanno disperdendo da ogni parte,

      ad est, a ovest, a nord ed a sud,

      come fossero tanti scolaretti

      che sciamano, finita la lezione,

      chi verso casa, chi al campo di giochi.

Westmoreland -

      Quale buona notizia, mio Lord Hastings!

      Perciò ti arresto come traditore,

      responsabile d'alto tradimento!

      E così pure voi, Lord Arcivescovo,

      e voi Lord Mowbray: vi dichiaro entrambi

      responsabili d'alto tradimento,

      passibile di pena capitale.

     

      (Gli ufficiali s'impadroniscono di Hastings)

Mowbray -

      È giusta ed onorevole

      questa vostra maniera di procedere?

Westmoreland -

      Ed è tale la vostra conventicola180?

Arcivescovo -

      (Al Principe)

      È così che tenete la parola?

Lancaster -

      Con voialtri non impegnai parola.

      Vi promisi di riparare i torti

      oggetto delle vostre rimostranze,

      e questo, sul mio onore, lo farò

      con cristianissima sollecitudine.

      Ma quanto al vostro stato di ribelli

      si prepari ciascuno ad assaggiare

      il dovuto castigo alla rivolta

      ed a un agire come quello vostro.

      Con molta insensatezza

      avete reclutato queste armate

      ed altrettanto scervellatamente

      le avete qui condotte e concentrate,

      e stoltamente poi le avete sciolte.

      Avanti, dunque, rullino i tamburi

      s'insegua la dispersa razzumaglia.

      Dio, non noi, ha oggi combattuto

      felicemente. Questi traditori

      siano condotti al ceppo della morte:

      il vero letto dove il tradimento

      deve esalare l'ultimo respiro.

     

      (Rullo di tamburi, mentre escono tutti)

scena III - Altra parte della foresta

     

      Segnali d'allarme. Scorrerie di soldati. Entrano, da opposte parti, Sir John Falstaff e Colevile, con la spada in pugno

     

Falstaff -

      Signore, il vostro nome, il vostro rango

      e da che parte venite, di grazia?

      Colevile -

      Cavaliere son io, ed il mio nome,

      signore, è Colevile de la Valletta.

Falstaff -

      Allora: Colevile il vostro nome,

      la Valletta la provenienza,

      cavaliere la vostra distinzione?

      Colevile rimanga il vostro nome,

      traditore la vostra distinzione,

      e la prigione il vostro domicilio...

      un posto sufficientemente fondo,

      dove potete dir d'essere sempre

      il signor Colevile de la Valletta.

Colevile -

      Sareste voi per caso Sir John Falstaff?

Falstaff -

      Chiunque io sia, son uno

      che vale certamente quanto lui.

      Or dunque, vi arrendete a me, signore,

      o dovrò io sudare per avervi?

      Se suderò, ogni goccia di sudore

      sarà una lacrima dei tuoi amici

      per pianger la tua morte;

      perciò fatti svegliare la paura,

      e trema, e inchinati alla mia clemenza.

Colevile -

      Penso siate davvero Sir John Falstaff,

      e in questa convinzione a voi m'arrendo.

Falstaff -

      (Tra sé, a parte)

      Mi porto tutta una scuola di lingue

      in questa pancia; ma non ce n'è una

      delle tante che sappia pronunciare

      altra parola che non sia il mio nome!

      Avessi un ventre tampoco normale,

      sarei semplicemente la persona

      più dinamica dell'intera Europa.

      Il ventre, il ventre, è quello che m'uccide!

      Ma ecco il nostro comandante in capo.

     

      Entrano il Principe Giovanni di Lancaster,

      Westmoreland, Blunt e altri

Lancaster -

      Il grosso è fatto181. Basta d'inseguirli.

      Richiamate le truppe, buon Westmoreland.

     

      (Esce Westmoreland)

     

      (Vede Falstaff)

      Oh, Falstaff, dove vi siete cacciato

      per tutto questo tempo?

      Voi arrivate sempre a cose fatte.

      Giuro che un giorno o l'altro

      questi vostri giochetti finiranno

      per spezzare il pendaglio a qualche forca182.

Falstaff -

      Me ne dispiacerebbe, mio signore,

      ma non ci posso niente183. Fino ad oggi

      mai ho visto il valore compensato

      altro che con rimproveri e rabbuffi.

      Pensate forse ch'io sia una rondine,

      una freccia, una palla d'archibugio?

      Pensate forse ch'io possieda ancora

      nei miei poveri e tardi movimenti

      la rapidità stessa del pensiero?

      Sono qui accorso al massimo possibile

      della rapidità; avrò sfiancato

      un centottanta cavalli da posta;

      e qui, lordo com'ero ancor del viaggio,

      nel puro e immacolato mio valore,

      ho catturato e fatto prigioniero

      questo John Colevile de la Valletta,

      un cavaliere quanto mai pugnace

      ed altrettanto valido nemico:

      tutte cose che gli son valse a niente

      ché gli è bastato di guardarmi in faccia

      per subito decidere di arrendersi;

      talché io posso dire, con ragione,

      insieme con quel tal Romano antico

      dal naso a becco: "Venni, vidi, vinsi".

Lancaster -

      Fu più sua cortesia che vostro merito.

Falstaff -

      Non so; è qui, e qui ve lo consegno.

      E questo fatto voglia Vostra Grazia

      che sia debitamente registrato

      con l'altre gesta di questa giornata;

      altrimenti, perdio, penserò io

      a farci scriver sopra una ballata

      con in testa stampato il mio ritratto

      col Colevile che mi bacia i piedi.

      Alla qual cosa se sarò costretto,

      e se allora voi tutti, al mio confronto,

      non farete la misera figura

      di due soldi placcati in simil oro,

      mentr'io nel chiaro empireo della fama

      v'offuscherò come offusca la luna

      quella cinigia che si vede sparsa

      nel firmamento e che in confronto ad essa

      sembrano tante capocchie di spilli,

      ebbene, allora non fate più credito

      alla parola della nobiltà.

      Ch'io abbia dunque quello che mi spetta,

      e che si pensi ad innalzare il merito.

Lancaster -

      Il vostro, ad innalzarlo, pesa troppo184.

Falstaff -

      Ebbene, fate allora che rifulga.

Lancaster -

      Il vostro è troppo opaco per rifulgere.

Falstaff -

      Fategli fare insomma qualche cosa

      che mi rechi vantaggio, mio signore,

      e chiamatelo poi come vi pare.

Lancaster -

      (A Colevile)

      Colevile è il tuo nome?

Colevile -

      Sì, signore.

Lancaster -

      Un famoso ribelle, Colevile.

Falstaff -

      E chi l'ha catturato

      è un famoso fedele vostro suddito.

Colevile -

      Io son, né più né meno, mio signore,

      come quelli che stan sopra di me

      e al seguito dei quali son venuto.

      Se fossi stato io a comandarli

      voi avreste pagato per averli

      un ben più caro prezzo.

Falstaff -

      A qual prezzo si sian fatti pagare

      gli altri, non so; ma tu, da buon cristiano,

      ti sei dato davvero a buon mercato.

      E di questo non ho che a ringraziarti.

     

      (Segnali di ritirata)

     

      Rientra Westmoreland

Lancaster -

      Avete rinunciato ad inseguirli?

Westmoreland -

      La rincorsa è finita185,

      ed interrotta la carneficina.

Lancaster -

      Colevile coi suoi confederati

      siano tradotti a York,

      per essere senz'altro giustiziati.

      Blunt sia condotto via in altro luogo,

      e sia tenuto sotto buona guardia.

     

      (Escono Colevile e Blunt, scortati)

     

      Ora, signori, di gran corsa a corte...

      Ho saputo che il re mio padre è grave.

      Che la notizia del nostro successo

      possa raggiungere la sua maestà

      prima di noi; recategliela voi,

      (A Westmoreland)

      caro cugino, gli darà conforto.

      Noi seguiremo con più lenta marcia.

     

      (Esce Westmoreland)

Falstaff -

      Permettete ch'io passi, mio signore,

      al ritorno, per la Contea di Gloucester;

      ed una volta a corte,

      trattatemi da vero mio buon principe

      nel rapporto che vi accingete a fare.

Lancaster -

      (Andandosene)

      Salute, Falstaff. Parlerò di voi

      meglio di quanto non lo meritiate.

      Fa parte della mia buona natura186.

     

      (Esce con tutti, meno Sir John)

Falstaff -

      Se tu avessi soltanto un po' di spirito,

      ciò ti varrebbe più del tuo ducato!

      In fÈ di Dio, a questo fanciullone,

      sangue slavato, non gli vado a genio,

      né si riesce mai a farlo ridere.

      Ma non c'è da stupirsene: non beve.

      Mai che alcuno di questi signorini

      così seriosi e privi di calore

      riesca a far qualcosa d'importante!

      È che quelle bevande leggerotte

      che mandan giù ogni giorno nello stomaco

      con le più varie pietanze di pesce

      raffreddano a tal punto il loro sangue

      che finiscono per ammalarsi tutti

      d'un tipo di clorosi mascolina187;

      e quando prendon moglie e fanno figli

      non sanno generare altro che femmine.

      In genere son stolidi e vigliacchi,

      come ce ne sarebbero d'altronde

      anche fra tutti gli altri come noi,

      se non ci fosse il vino a riscaldarci.

      Un buon secco per me ha un doppio effetto:

      innanzitutto mi sale al cervello

      e là m'essicca tutti quei vapori

      torpidi, opachi, grevi di pigrizia

      che l'avviluppano, e lo rende pronto,

      aperto, fantasioso, percettivo,

      tutto pieno d'estrose creazioni

      agili, dilettose, fiammeggianti,

      che affidate alla voce della lingua

      si mutano in arguzia sopraffina.

      Altra miracolosa proprietà

      dell'eccellente vin secco di Spagna

      è quella di ridar calore al sangue;

      il quale, prima freddo e ristagnante,

      ti lascia il fegato slavato e bianco,

      segno di pusillanime viltà188.

      Invece il vin di Spagna lo riscalda

      e lo fa scorrer tutto in su e in giù

      dal centro all'ultima periferia

      capillare; e t'illumina la faccia,

      e questa come un faro indicatore

      trasmette a tutta la restante parte

      di questo piccolo regno ch'è l'uomo

      come un allarme e un ordine di armarsi;

      ed allora gli spiriti vitali,

      la borghesia di quel piccolo regno,

      e quelli più minuti dell'interno

      s'adunano e si schierano in buon ordine

      intorno al loro capitano, il cuore,

      che così reso gonfio e lievitato

      da questo esercito di suoi seguaci

      è capace d'ogni atto di coraggio.

      E tutto questo viene dal buon vino.

      Sicché la valentia nell'armi è niente

      se non è il vino che la mette in opera;

      ed il sapere è soltanto un tesoro

      che giace lì, custodito dal diavolo,

      se non è il vino che gli dà l'avvio

      ad esplicarsi e mettersi a profitto.

      Da ciò proviene che il Principe Enrico

      è così coraggioso; perché il sangue,

      ereditato freddo da suo padre,

      egli, come un terreno magro e sterile,

      l'ha concimato, arato e fecondato

      con l'eccellente pratica del bere

      cantine intere di fertile Xeres,

      divenendo così focoso e ardito.

      Se avessi mille figli,

      questa sarebbe la suprema regola

      di umanità che loro insegnerei:

      ripudiar le bevande leggerotte

      ed affidarsi sempre e solo al vino.

     

      Entra Bardolfo

     

      Che c'è allora, Bardolfo?

Bardolfo -

      C'è che la truppa è stata congedata

      e son partiti tutti.

Falstaff -

      E se ne vadano!

      Io passerò per la Contea di Gloucester

      per render visita a Roberto Zucca,

      scudiero. Mi par già d'averlo in mano,

      ammorbidito, tra l'indice e il pollice189,

      e l'avrò presto al punto giusto. Andiamo.

     

      (Escono)

scena IV - La sala detta "di Gerusalemme" nel palazzo reale di Westminster

     

      Re Enrico siede sul seggio reale; intorno a lui il Principe Tomaso di Clarenza, il Principe

      Humphrey di Gloucester, Warwick ed altri

     

Enrico -

      Ora, signori, se il Signore Iddio

      vorrà dare felice conclusione

      alla contesa che alle nostre porte

      sanguina, guideremo i nostri giovani

      su più nobili campi di battaglia,

      e non trarremo spada

      se non sarà per una causa sacra.

      La nostra flotta è già tutta allestita,

      l'esercito adunato,

      i nostri sostituti già investiti

      con le debite forme delle cariche

      da reggere per noi in nostra assenza,

      tutto secondo i nostri desideri.

      Solo ci occorre di recuperare

      alla nostra persona un po' di forza;

      sicché ci converrà sostare ancora

      nell'attesa che questi rivoltosi

      tuttora in armi si risottomettano

      al giogo del legittimo governo.

Warwick -

      Non dubitiamo che Vostra Maestà

      vedrà presto appagato l'uno e l'altro

      di questi desideri.

Enrico -

      Humphrey, figliolo,

      dov'è il principe Enrico, tuo fratello?

Humphrey -

      A caccia, credo, sire, in quel di Windsor.

Enrico -

      In compagnia di chi?

Humphrey -

      Non so, signore.

Enrico -

      Suo fratello Tomaso di Clarenza

      non è con lui?

Humphrey -

      Clarenza è qui, signore.

Clarenza -

      (Venendo avanti)

      Che desidera il mio signore e padre?

Enrico -

      Nient'altro che il tuo bene, figlio mio.

      Perché non sei con tuo fratello Enrico?

      Com'è? Il principe ti vuole bene,

      e tu invece, Tomaso, lo trascuri.

      Eppure tu, di tutti i tuoi fratelli

      sei quello ch'occupa il posto migliore

      nel suo cuore. Coltivalo, ragazzo,

      perché potresti, quand'io sarò morto,

      essere tu il migliore intermediario

      fra la sua altezza e gli altri tuoi fratelli.

      Perciò non trascurarlo,

      non smussargli l'affetto che ti porta

      e vedi di non perdere il vantaggio

      del suo favore col mostrarti freddo

      e indifferente ai desideri suoi.

      Perché lui è cortese e generoso

      per chi gli usa quel tanto di riguardo:

      è capace di una pietosa lacrima

      e la sua mano è aperta come il giorno

      ad atti di toccante carità;

      ma s'è irritato, diventa di sasso,

      si fa lunatico come l'inverno,

      violento come gelida folata

      di vento al primo sorgere del giorno.

      L'indole sua vuol esser ben trattata.

      Rinfacciagli, magari, i suoi difetti,

      ma sempre con garbata riverenza,

      quando vedi ch'è incline al buon umore;

      ma se lo trovi di cattiva vena,

      lasciargli campo libero allo sfogo190,

      fino a tanto che tutta la sua collera,

      come balena trascinata a riva,

      non s'esaurisca nel suo sussultare.

      Questo impara, Tomaso,

      e sarai protezione ai tuoi amici,

      un cerchio d'oro che manterrà stretti

      come doghe d'un tino i tuoi fratelli,

      sì che il vaso compatto del lor sangue

      per quanto possa venir mescolato

      al veleno delle denigrazioni,

      che inevitabilmente in esso il tempo

      potrà versare, mai abbia a disperdersi,

      per quanto il lor potere intossicante

      possa aver la violenza dell'acconito

      o quella della polvere da sparo.

Clarenza -

      Mi conformerò a lui

      con ogni più amorevole premura.

Enrico -

      Perché, Tomaso, non ti trovi a Windsor,

      oggi con lui?

Clarenza -

      Oggi non è a Windsor.

      Pranza a Londra.

Enrico -

      Con chi? Me lo sai dire?

Clarenza -

      Con Poins e i suoi soliti compagni.

Enrico -

      Tanto più grasso e fertile è il terreno,

      tanto più è soggetto alle malerbe!

      Ed egli, ch'è la generosa immagine

      della mia giovinezza, n'è infestato;

      questo pensiero spinge la mia ambascia

      oltre l'ora della mia stessa morte.

      Mi piange il cuore lacrime di sangue

      quando mi raffiguro nella mente

      l'immagine dei giorni di anarchia

      e dei tempi corrotti che verranno191

      quand'io riposerò con i miei avi!

      Perché quando la sua dissolutezza,

      così caparbia, non avrà più freno,

      quando rabbia e furore

      saranno gli unici suoi consiglieri,

      quando ricchezza e licenziosità

      in lui saranno coniugate insieme,

      oh!, con che ali allor le sue passioni

      voleranno a incontrar nuovi pericoli

      e la dissoluzione che l'attende!

Warwick -

      Mio grazioso signore,

      voi lo vedete davvero peggiore

      ch'egli non è. Di questi suoi compagni

      il Principe si serve solamente

      come oggetto di studio,

      alla maniera d'uno che studiasse

      una lingua straniera;

      che richiede, per esser posseduta,

      d'apprenderne anche i termini più osceni;

      che una volta imparati,

      non sono destinati ad altro impiego,

      Vostra altezza lo sa, che non sia quello

      d'esser noti per essere evitati.

      Il Principe, col maturar degli anni,

      si scrollerà di dosso quei compagni

      così come si smette, in una lingua,

      di proferir parole grossolane,

      e gli resterà solo il lor ricordo

      come un modello od un metro vivente

      su cui Sua Grazia potrà misurare

      la vita altrui, volgendo a suo vantaggio

      i cattivi trascorsi giovanili192.

Enrico -

      Accade raramente che la pecchia

      abbandoni il suo favo, sia pur questo

      dentro il cavo d'una carogna morta.

     

      Entra Westmoreland

     

      Chi arriva adesso? Il Conte di Westmoreland!

Westmoreland -

      Salute al mio sovrano, e nuova gioia

      s'aggiunga a quella ch'io sto per recargli!

      Il principe Giovanni, vostro figlio,

      bacia la mano di Vostra Maestà.

      Mowbray, il vescovo Scroop, Hastings e gli altri

      sono tutti condotti alla mannaia

      lor comminata dalla vostra legge.

      Ormai non v'è più spada di ribelle

      snudata, e ovunque sopra il vostro regno

      la pace innalza il suo ramo d'ulivo.

      Vostra Altezza potrà leggere qui

      in questo plico, con tutti i dettagli,

      come l'operazione fu condotta.

Enrico -

      Westmoreland, tu sei come una rondine193

      che ancor nel permanere dell'inverno

      saluta col suo canto il dì che sorge.

     

      Entra Harcourt

     

      Guardate, giungono nuove notizie.

Harcourt -

      Il Cielo guardi sempre Vostra Altezza

      dai suoi nemici, e se vi s'ergon contro,

      possan tutti perire,

      come quelli di cui vengo a parlarvi.

      Il Conte di Northumberland, Lord Bardolph

      e tutto il loro poderoso esercito

      d'inglesi e di scozzesi sono vinti

      dalle forze della Contea di York.

      Questo plico contiene, se vi piaccia,

      tutti i particolari dell'azione.

     

      (Gli consegna delle carte)

Enrico -

      E perché tutte queste buone nuove

      debbon farmi star male?

      Mai la fortuna. dunque, vuol venire

      a mani piene all'uomo, senza scrivere

      le sue belle parole a cupe lettere?

      O ti dà l'appetito e non il cibo,

      com'è dei poveri in buona salute,

      oppure t'offre un sontuoso banchetto

      e ti toglie la voglia di mangiare,

      com'è dei ricchi, che d'ogni abbondanza

      sono pieni, e non possono goderne.

      Dovrei sentirmi esultare di gioia

      all'annuncio di sì felici eventi,

      ed invece la vista mi si annebbia

      e il cervello mi fa le giravolte...

      Ohimé, venite, venitemi accanto,

      reggetemi, mi sento molto male.

     

      (Sviene. I figli accorrono presso di lui)

Humphrey -

      Coraggio, Sire!

Clarenza -

      Padre mio, mio re!

Westmoreland -

      Mio signore e sovrano, fate cuore!

Warwick -

      Calma, principi. Non vi disperate.

      Questi accessi del male, in Sua Maestà,

      sono molto frequenti, lo sapete.

      Scostatevi, piuttosto,

      dategli aria: si riprenderà.

Clarenza -

      No, no, non potrà reggere più a lungo

      a quegli spasmi. L'incessante affanno

      e il continuo travaglio della mente

      hanno talmente eroso e assottigliato

      il muro194 che dovrebbe contenerla,

      che la sua vita quasi ne traspare

      e sta lì lì per romperlo e involarsi.

Humphrey -

      Io son terrorizzato per il popolo

      che vede nascer figli senza padri

      e pei mostri che genera natura.

      Le stagioni han mutato il loro volto,

      come se l'anno avesse nel suo corso

      incontrato dei mesi addormentati,

      e li avesse saltati pari pari.

Clarenza -

      Tre volte il fiume195 è uscito dal suo letto

      senza più gl'intervalli del riflusso;

      e i vecchi, queste deliranti cronache

      delle trascorse età, dicono tutti

      d'aver visto un analogo prodigio

      poco prima che il nostro grande avo

      Edoardo196, s'ammalasse e ne morisse.

Warwick -

      Più basso, principi, parlate piano;

      il re rinviene...

Humphrey -

      Ah, quest'apoplessia197

      sarà sicuramente la sua fine!

Enrico -

      (Riavendosi)

      Vi prego, sollevatemi da qui

      e portatemi altrove, in altra stanza.

      Ma piano, per favore.

     

      (Warwick e Westmoreland escono

      sostenendo il re; i due principi li seguono)

scena V - Westminster, altra stanza nel palazzo

     

      Re Enrico è disteso su un letto; intorno ad assisterlo Clarenza, Gloucester, Warwick e Westmoreland

     

Enrico -

      Ch'io non abbia a sentire alcun rumore,

      gentili amici miei;

      a meno che una mano soccorrevole

      non voglia sussurrare un po' di musica

      a riposare il mio spirito stanco.

Warwick -

      Chiamate i musici, nell'altra stanza.

     

      (Esce qualcuno. Sommessa musica all'interno)

Enrico -

      La mia corona. Qui, sul mio guanciale.

     

      (Clarenza solleva la corona dal capo del re

      e gliela depone accanto, sul cuscino)

Clarenza -

      (Piano a Gloucester)

      Gli s'infossano gli occhi. Si sfigura.

Warwick -

      Meno rumore, via, meno rumore!

     

      Entra il Principe di Galles

Principe -

      Il Duca di Clarenza, chi l'ha visto?

Clarenza -

      Son qui, fratello, con l'animo oppresso.

Principe -

      (Guardando Clarenza che ha gli occhi umidi)

      Ehi, oh! Qui piove e fuori fa bel tempo198?

      Come sta il re?

Gloucester -

      Terribilmente male.

Principe -

      Ha già sentito le buone notizie199?

Gloucester -

      Sì, anzi, e n'è rimasto molto scosso.

Principe -

      Se è stata commozione per la gioia,

      guarirà senza farmaci.

Warwick -

      Signori,

      non così, per favore. Dolce principe,

      parlate piano; vostro padre il re

      sta per addormentarsi.

Clarenza -

      Ritiriamoci nella stanza accanto.

Warwick -

      (Al Principe di Galles)

      Vostra Grazia viene di là con noi?

Principe -

      No, io mi siedo qui a vegliare il re.

     

      (Escono tutti, tranne il Principe di Galles)

     

      Perché quella corona sul cuscino,

      da sì importuna compagna di letto?

      O luccicante turbatrice d'animi,

      dorato affanno, che gli usci del sonno200

      tieni per notti e notti spalancati!

      (Al re)

      E tu dormi con essa,

      ma il tuo sonno nemmeno per metà

      è dolce e salutare come quello

      di chi, un rustico scuffiotto in testa,

      russa beatamente tutta notte!

      (Alla corona)

      O tu, emblema di regalità!

      Tu siedi sulla fronte che recingi

      simile a ricca, sontuosa armatura

      cinta nell'ora afosa del meriggio201,

      che ti protegge mentre ti arrostisce.

      (Si avvicina al dormiente)

      Ecco, sopra la soglia del suo fiato

      c'è una lieve lanugine piumosa

      che non si muove... S'egli respirasse

      quel piumaggio leggero ed impalpabile

      si dovrebbe agitare...

      (Forte, come se lo credesse morto)

      Padre mio!

      Mio grazioso signore, questo sonno

      è davvero profondo. Questo è un sonno

      che ha divorziato già tanti re inglesi

      da questo cerchio d'oro... Padre mio,

      a te io devo tutte le mie lacrime

      e l'ambascia profonda del mio sangue:

      natura, affetto e carità di figlio

      te ne ripagheranno a profusione;

      a me tu devi questo regal serto

      che mi deriva per linea diretta

      come tuo immediato successore

      per grado e sangue...

      (Prende la corona e se la pone in testa)

      Ecco, esso sta qui,

      e Dio me lo mantenga!

      Tutto il mondo, con tutta la sua forza

      concentrata nel pugno d'un gigante

      mai riuscirà a strappare dal mio capo

      questo onore che eredito da te

      e ch'io così trasmetterò ai miei.

     

      (Esce con la corona in testa. Cessa la musica)

Enrico -

      (Svegliandosi)

      Warwick, Gloucester, Clarenza!

     

      Rientrano Warwick, Gloucester e Clarenza

Clarenza -

      Il re ha chiamato?

Warwick -

      Vostra Maestà desidera qualcosa?

      Come sta Vostra Grazia?

Enrico -

      Miei signori,

      perché m'avete lasciato qui solo?

Clarenza -

      V'abbiam lasciato accanto mio fratello

      il principe, mio Sire,

      che volle rimanere qui a vegliarvi.

Enrico -

      Il Principe di Galles? Dov'è ora?

      Non lo vedo.

Warwick -

      La porta là è aperta;

      sarà uscito di là.

Gloucester -

      Non è passato

      per la stanza dov'eravamo noi.

Enrico -

      La corona dov'è? Chi me l'ha tolta

      da sopra il mio guanciale?

Warwick -

      Era ancora là

      quando ci siamo ritirati, Sire.

Enrico -

      Allora l'ha portata con sé il principe.

      Chiamatemelo. Ha dunque tanta fretta

      da scambiare il mio sonno con la morte?

      Trovatelo, Lord Warwick, redarguitelo

      ed ordinategli di venir qui.

     

      (Esce Warwick)

     

      Questo suo gesto si giunge al mio male

      e affretta la mia fine.

      Ecco, vedete, figli, cosa siete!

      Com'è presta e proclive alla rivolta

      la natura, se l'oro è la sua mira!

      Per questo avranno dunque i padri, sciocchi,

      rotti i lor sonni, affannati i cervelli,

      spezzate l'ossa, per pensare ai figli?

      Per questo avran raccolto e accumulato

      i loro sordidi gruzzoli d'oro

      magari avuto per traverse vie;

      per questo si saranno premurati

      di provvedere ad educare i figli

      all'arti belle o al mestiere dell'armi,

      se poi sono ridotti come l'ape

      che dopo aver succhiato fior da fiore

      le dolci essenze, quando torna al favo

      con le coscette cariche di cera

      e la bocca di miele, viene uccisa

      come premio di tante sue fatiche?

      Questo è l'amaro gusto

      che resta al padre sul letto di morte,

      dopo tanto furore di risparmi.

     

      Rientra Warwick

     

      (A Warwick)

      Ebbene, Warwick, dove s'è cacciato

      colui che sembra non voglia aspettare

      quel poco che a decidere di me

      sia l'alleato suo, il male mio?

Warwick -

      Mio signore, ho trovato appunto il Principe,

      qui, nella stanza accanto,

      che inondava di lacrime filiali

      le sue tenere guance,

      ed era immerso in una tale ambascia

      profonda e desolata, che al vederlo

      la Tirannia, che mai ha tracannato

      altro che sangue, avrebbe pur bagnato

      di lacrime gentili il suo pugnale.

      Eccolo, sta venendo.

Enrico -

      Ma perché s'è portato la corona?

     

      Rientra il Principe di Galles, con la corona in mano

     

      Eccolo, infatti. Vieni, Harry, avvicinati.

      Uscite, voi, e lasciateci soli.

     

      (Escono tutti, tranne il re e il Principe)

Principe -

      Non avrei mai pensato, padre mio,

      di riudire ancor la vostra voce.

Enrico -

      Di questo tuo pensare

      era soltanto padre il desiderio:

      indugio troppo a restarti vicino,

      e ciò ti pesa. Hai dunque tanta brama

      che questo trono rimanga vagante,

      da non saperti trattenere, Enrico,

      dall'investirti delle mie insegne

      prima che sia matura la tua ora?

      Sciocco ragazzo! Cerchi la grandezza

      che ti soverchierà! Pazienta ancora

      solo per poco, e te ne accorgerai.

      La nuvola della mia dignità

      è sorretta da un vento così debole

      che si scioglierà in pioggia molto presto:

      la mia giornata è giunta al suo crepuscolo.

      Ti sei voluto prender, come un ladro,

      ciò che sarebbe stato roba tua

      fra poche ore, senza fare oltraggio;

      hai con ciò suggellato in me, morente,

      i miei presentimenti. La tua vita

      è stata tutta una dimostrazione

      che tu non m'ami; e adesso vuoi ch'io muoia

      portandomi con me tale certezza.

      Tu nascondi da dentro i tuoi pensieri

      mille pugnali, che hai affilato

      sul tuo cuore di pietra per colpirmi

      nell'ultima mezz'ora di mia vita.

      Diamine, non sai dunque sopportarmi

      per un'altra mezz'ora?... E allora va',

      scavami con le tue mani la fossa,

      e fa' che la mia funebre campana

      suoni gioiosa squilla pel tuo orecchio

      annunciando non già ch'io sono morto,

      ma che tu sei incoronato re;

      e sian tutte le lacrime di pianto

      destinate a bagnare la mia bara

      tante gocce di balsamo lustrale

      a consacrar la tua regalità!

      Di me fa' solo un impasto di polvere

      destinata ad un sempiterno oblio,

      e lascia ai vermi chi ti diè la vita.

      Rimuovi dall'ufficio i miei ministri,

      poni nel nulla tutti i miei decreti,

      ché finalmente è giunta in Inghilterra

      l'ora della baldoria e del disordine!

      Il Quinto Enrico è stato incoronato!

      Vanità, vivi! Abbasso la maestà!

      Via di qui tutti, saggi consiglieri!

      D'ogni parte, alla corte d'Inghilterra

      ora s'accolgan solo oziose scimmie

      Ora, paesi nostri confinanti,

      su, purgatevi della vostra feccia!

      Non avete voi qualche ruffianaccio

      ch'altro non sappia che sputar bestemmie,

      ballare, ubriacarsi, far bagordi

      tutta la notte, rubare ed uccidere

      e compier le più antiche malefatte

      nella maniera che s'addice meglio

      all'andazzo del giorno?... Rallegratevi,

      ché da lui non avrete più molestie:

      penserà l'Inghilterra

      ad indorar di doppia doratura

      ogni suo vizio tre volte più sozzo;

      ad elargirgli prebende ed onori,

      ad investirlo di pubbliche cariche;

      ormai c'è il Quinto Enrico

      pronto a strappar dal muso alla Licenza

      la museruola della proibizione,

      e la cagna selvaggia

      affonderà il suo dente nelle carni

      d'ogni innocente. O povero mio regno,

      malato già d'intestine ferite!

      Se non son valse tutte le mie cure

      vigili a preservarti dai disordini,

      che ne sarà di te

      quando il disordine sarà tua legge202?

      Tu tornerai ad essere una landa

      selvaggia popolata sol da lupi,

      i primitivi tuoi abitatori.

Principe -

      (Inginocchiandosi)

      Ah, perdonatemi, mio buon sovrano!

      Ma se non fossero state le lacrime,

      umido impedimento al mio parlare,

      a farmi groppo, avrei anticipato

      l'accorata, amarissima rampogna

      ch'ho testé udito dalla vostra bocca.

      Eccovi, Sire, la vostra corona.

      (Rimette la corona sul guanciale del re)

      Voglia Colui che cinge quella eterna203

      serbar la vostra a voi ancora a lungo.

      Se a volerla per me

      io non mi senta mosso da altra causa

      che quella di vedere in lei l'emblema

      del vostro onore e della vostra gloria,

      ch'io non sollevi più le mie ginocchia

      da questo mio tributo d'obbedienza

      alla quale il mio spirito filiale204,

      di lealtà di suddito,

      e d'intima e sincera devozione,

      detta quest'umile esteriore omaggio

      che mi vede prostrato ai vostri piedi.

      Poc'anzi, quando sono entrato qui

      e non ho scorto più soffio di vita

      sul vostro volto, Dio m'è testimone,

      mi son sentito raggelare il cuore.

      S'è per finzione che vi dico questo,

      oh, Dio voglia ch'io muoia

      con tutto il carico di perversione205

      sull'anima, e finisca la mia vita

      senza poter offrire a un mondo incredulo

      quel nobil mutamento

      cui sono d'ora in poi determinato206.

      Nell'accostarmi al letto per guardarvi,

      credendo foste morto, e quasi morto

      sentendomi io stesso a tal pensiero,

      mi volsi, mio signore, alla corona

      come a creatura che potesse intendere,

      e mi venne così di apostrofarla:

      "L'ansie e gli affanni da te generati

      han divorato il corpo di mio padre,

      e così tu, che sei del miglior oro

      ti riveli esser fatta del più vile.

      Oh, quanto più prezioso l'altro oro

      seppure di più grezzo e vile saggio,

      sciolto in pozione medicamentosa

      ha la virtù di preservar la vita207!

      Tu invece che di tutti sei il più fino,

      il più bello, il più illustre, il più pregiato,

      hai divorato chi di te s'è cinto!".

      Così, mio regalissimo signore,

      nel redarguirla me la posi in testa,

      quasi a voler decidere con lei,

      come con un nemico

      che avesse assassinato il padre mio

      e sotto gli occhi miei, la mia querela

      di legittimo vostro successore.

      Ma s'essa m'abbia mai infettato il sangue

      di contento o gonfiato i miei pensieri

      del minimo sussulto d'ambizione,

      se spirito ribelle o vana brama

      m'abbia mosso ad accogliere per me

      con piacere l'idea di possederla

      con tutto il suo potere,

      voglia tenerla Iddio sempre lontana,

      dal mio capo e riduca me allo stato

      del più meschino dei vostri vassalli

      che s'inginocchiano davanti ad essa

      pieni di soggezione e di terrore.

Enrico -

      Figlio mio! Fu Dio stesso ad ispirarti

      di prenderla e portarla via con te,

      da questa stanza; acciò che tu potessi

      conquistarti con tanta più ragione

      l'affetto di tuo padre, perorando

      con tanta assennatezza, come ha fatto,

      il senso ed il valore del tuo gesto!

      Avvicinati, Harry; siedi qui

      presso il letto e ascolta il mio consiglio:

      l'ultimo, credo, che dalle mie labbra

      ti sarà dato di sentir ancora.

      Dio solo sa, figliolo,

      per quali vie traverse e oblique mete

      io giunsi ad ottener questa corona;

      ed io so troppo bene quanto inquieta

      essa sia sempre stata sul mio capo.

      Sul tuo si poserà più quietamente,

      confortata da più largo consenso

      e da più valida legalità;

      ché con me, nella fossa, scenderà

      ogni macchia del suo torbido acquisto.

      In me è apparsa sempre come un titolo

      usurpato con mano temeraria;

      ed eran sempre in molti a rinfacciarmi

      d'averla avuta con il loro aiuto;

      e quei rimproveri, di giorno in giorno,

      crescevano in contese ognor più aspre,

      quando non anche in sanguinosi scontri:

      tutte ferite a un'illusoria pace.

      Tu hai visto com'io ho rintuzzato

      tutte queste minacce truculente,

      ed a qual rischio, ché l'intero regno

      non è stato che tutto uno scenario

      di questo dramma. Ma la mia scomparsa

      farà che questi umori cambieranno;

      ché quello ch'era, in me, dubbioso acquisto

      passa a te con più chiaro e giusto titolo,

      perché tu cingerai questa corona

      per diritto di rappresentazione.

      Ricordati, però, che se insediato

      sarai su posizione più sicura

      della mia, non sarai saldo abbastanza;

      perché i rancori sono ancora verdi

      e tutti quelli che mi sono amici

      e che tu dovrai fare amici tuoi

      han da poco perduto artigli e denti.

      Dal lor malfido aiuto io fui innalzato,

      e dalla lor potenza

      ebbi sempre ragione di temere

      d'essere nuovamente spodestato.

      Ad evitarlo, alcuni ho messo a morte,

      molti mi proponevo di condurre

      fuori dall'Inghilterra, in Terrasanta,

      per evitare che il riposo e l'ozio

      dessero loro modo di scrutare

      troppo addentro agli affari del mio regno208.

      Perciò sia tua politica, Harry mio,

      quella d'indurre certe teste calde

      ad intricarsi in dispute straniere,

      sì che la loro brama di congiure

      portata fuori dai nostri confini,

      possa distrugger nelle loro menti

      ogni memoria dei giorni passati.

      Altro ti vorrei dire, ma la lena

      dei miei polmoni ormai è sì consunta

      che non me ne rimane più la forza.

      A me perdoni Iddio

      il modo come giunsi alla corona,

      ma a te conceda di portarla in pace.

Principe -

      Voi l'avete, grazioso mio signore,

      conquistata, portata e conservata,

      trasmessa a me. Perciò chiaro e legittimo

      è il mio possesso; ed io a buon diritto

      me la difenderò quanto so e posso

      con ogni sforzo contro il mondo intero.

     

      Entra il Principe Giovanni di Lancaster

      con Warwick e altri

Enrico -

      Oh, il mio Giovanni, il mio diletto Lancaster!

Lancaster -

      Salute, pace e gioia al re mio padre!

Enrico -

      E gioia e pace tu mi rechi, figlio;

      ma la salute, ahimé,

      se n'è volata via con ali giovani

      da questo tronco ormai consunto e vizzo;

      ed ora che t'ho visto

      si conclude il mio compito terreno.

      Dov'è Lord Warwick?

Warwick -

      (Avvicinandosi al letto del re)

      Sono qui, signore.

Enrico -

      Warwick, ha un nome suo particolare

      la stanza dove prima ho perso i sensi?

Warwick -

      Sì, è detta "Sala di Gerusalemme",

      mio nobile signore.

Enrico -

      Lode a Dio!

      Là dentro ha da finire la mia vita.

      Mi fu profetizzato, or son molti anni,

      ch'io non avrei dovuto trovar morte

      in altro luogo che a Gerusalemme,

      ed io supposi, a torto, che il presagio

      volesse intendere la Terrasanta...

      Trasportatemi dunque là a giacere:

      è quella stanza la Gerusalemme

      in cui deve morire il Quarto Enrico.

     

      (Il re è trasportato via. Escono tutti)

atto QUINTO

scena I - La casa del giudice di pace Roberto Zucca nella Contea di Gloucester

     

      Entrano Zucca, Falstaff, Bardolfo e il Paggio

     

Zucca -

      (A Falstaff)

      Ah, no, signore, pel santo breviario209,

      voi questa sera non andrete via!

     

      (Chiamando)

      Davy! Ehi, Davy, dico, dove sei?

Falstaff -

      Mi dovete scusare, Mastro Zucca...

Zucca -

      Niente scuse! Qui non ci sono scuse!

      Non s'accettano scuse...

      (Chiamando ancora)

      Davy, dico!

Davy -

      (Comparendo)

      Son qua, signore.

Zucca -

      Davy, Davy, Davy...

      Dunque, vediamo un po'... vediamo un po'...

      Ma sì, perbacco! Va', chiamami il cuoco,

      Guglielmo, il cuoco, digli di venire.

      Sir John, ve lo ripeto, niente scuse!

Davy -

      Santo Cielo, signore! E quei mandati

      quando li porterete a esecuzione?

      Eppoi, signore, c'è da seminare

      quella striscia di terra in fondo, a grano.

Zucca -

      A granoturco, Davy, a granoturco!

      Ma adesso, dico, per Guglielmo, il cuoco,

      piccioncini novelli, ce ne abbiamo?

Davy -

      Sì, signore... C'è qui il conto del fabbro,

      signore, per quei ferri di cavallo

      e i vomeri...

Zucca -

      Verificalo e pagalo.

      Eh, stavolta, Sir John, non voglio scuse!

Davy -

      ... e poi, signore, si dovrebbe mettere

      un nuovo manico a quel vecchio secchio...

      Eppoi, signore, per quel vin di Spagna210

      che Guglielmo ha perduto l'altro giorno

      alla fiera di Hinckley, che farete,

      gli tratterete parte del salario?

Zucca -

      Me ne risponderà... Qualche piccione,

      un paio di galline faraone,

      Davy, un cosciotto di montone al forno

      e qualche altro gustoso bocconcino.

      Vallo a dare a Guglielmo.

Davy -

      (Sottovoce a Zucca, indicando Falstaff)

      E quel guerriero,

      signore, passerà la notte qui?

Zucca -

      Sì, Davy, e voglio sia trattato bene.

      Vale molto di più un amico a corte

      che un penny nel borsello... Ed anche gli altri

      che sono insieme a lui, mi raccomando,

      che sian trattati come si conviene:

      son furfanti spericolati, Davy,

      e potrebbero morderci alle spalle...

Davy -

      Non più di quanto se le sentan mordere

      loro stessi, signore, con gli stracci

      unti e bisunti che portano addosso!

Zucca -

      Ben detto, Davy! Questa è proprio buona!

      Ma ora va', torna alle tue faccende.

Davy -

      ... Eppoi, padrone, vorrei supplicarvi

      di trattar con un occhio di riguardo

      la causa di Guglielmo di Woncot

      contro Clemente Perkes della Collina.

Zucca -

      Ci sono molte lamentele, Davy,

      contro questo Woncot; è un gran briccone,

      questo Woncot, a quanto mi risulta.

Davy -

      Ammetto, Vostro Onore, ch'è un briccone,

      però, che Dio ne guardi, mio signore,

      ch'anche un briccone non possa far conto

      d'un po' di comprensione presso il giudice,

      quand'è un amico che lo raccomanda...

      Al galantuomo è facile difendersi

      da se stesso, ma ad un briccone no.

      Io servo fedelmente Vostro Onore

      da otto anni, e se non m'è concesso

      almeno una-due volte ogni tre mesi

      d'appoggiare la causa d'un furfante

      di fronte a un galantuomo, devo credere

      d'esser tenuto in assai poco conto

      presso vossignoria. Questo furfante

      è mio sincero amico, monsignore;

      perciò, vi supplico, fate in maniera

      che sia trattato con alcun riguardo.

Zucca -

      Via, via, che non gli sarà fatto torto,

      t'assicuro. Ma adesso, Davy, sbrìgati.

     

      (Esce Davy)

     

      Eccomi a voi, Sir John. Via gli stivali.

      E voi, Mastro Bardolfo, qua la mano!

Bardolfo -

      (Stringendogli la mano)

      Felice d'incontrarvi, Vostro Onore.

Zucca -

      Grazie, Mastro Bardolfo, ben gentile

      da parte vostra...

      (Al Paggio)

      E benvenuto a voi,

      bel ragazzone211... Venite, Sir John.

Falstaff -

      Vi seguo subito, buon Mastro Zucca.

     

      (Esce Zucca)

     

      Bardolfo, va' a sistemare i cavalli.

     

      (Esce Bardolfo con il Paggio)

     

      Se mi segassero in tanti listelli,

      se ne ricaverebbero, sicuro,

      buone quattro dozzine di bastoni

      di quelli da eremiti con la barba

      della taglia di questo Mastro Zucca.

      Mirabile è veder la somiglianza

      tra la mentalità della sua gente

      e quella sua. Assecondando lui,

      si portan tutti come stolti giudici:

      e lui, a furia di stare con loro,

      s'è come trasformato in un lacchè

      che vuol farla da giudice.

      S'è così stretta, con lo stare insieme,

      la loro comunanza spirituale,

      che fanno branco come oche selvatiche.

      Se volessi ottenere qualche cosa

      da Mastro Zucca, cercherei d'entrare

      nelle grazie di questi suoi famigli

      facendo credere a ciascun di loro

      d'essere un intimo del lor padrone;

      se avessi invece bisogno dei servi,

      lusingherei talmente Mastro Zucca

      da fargli creder che nessuno al mondo

      meglio di lui saprebbe governarli.

      È proprio vero: gli uomini,

      saggia o sciocca che sia, la lor condotta

      se l'attaccano quasi per contagio;

      come una malattia, gli uni con gli altri;

      perciò adoperi molta cautela.

      ciascuno nella scelta dei compagni.

      Io caverò da questo Mastro Zucca

      materia a profusione,

      da far morir dalle risate il Principe

      per la durata almeno di sei mode212,

      il che verrebbe a dir quattro sessioni

      di processi penali, o due civili;

      per tutto il tempo, ininterrottamente.

      Ah, già vedo l'effetto esilarante

      che può produrre una bella panzana,

      su uno che non soffre il mal di schiena213

      una facezia detta a faccia seria,

      accompagnata magari da un moccolo!

      Oh, già lo vedo tutto scompisciarsi

      fino a ridursi tutto il viso grinzo

      come un mantello carico di pioggia

      gettato addosso male ripiegato!

Zucca -

      (Affacciandosi alla porta)

      Sir John?

Falstaff -

      Sì, vengo, vengo, Mastro Zucca.

     

      (Esce)

scena II - Westminster, una sala del palazzo

     

      Entrano, da parti opposte, Warwick e il Giudice Supremo

     

Warwick -

      Salute, signor Giudice Supremo.

      Come mai qui214?

Giudice -

      Come sta Sua Maestà?

Warwick -

      Meglio che mai; le sofferenze sue

      sono tutte finite, finalmente.

Giudice -

      Non sarà morto, spero.

Warwick -

      È giunto al termine

      del cammino che gli assegnò Natura;

      e legalmente il re non vive più215.

Giudice -

      Oh, m'avesse chiamato egli con sé!

      I servigi da me lealmente resi

      a lui quand'era in vita

      ecco ch'ora mi lasciano indifeso

      esposto ad ogni tipo di vendetta.

Warwick -

      Mi pare, certo, che il giovane re

      non vi guardi con molta simpatia.

Giudice -

      So che non m'ama, e mi dispongo l'animo

      a far buon viso all'umore dei tempi;

      che non potranno essere più avversi

      di quanto io stesso possa figurarmi.

     

      Entrano i principi Giovanni di Lancaster,

      Tomaso di Clarenza, Humphrey di Gloucester,

      Lord Westmoreland e altri

Warwick -

      Dell'Enrico defunto

      ecco dinanzi a noi l'afflitta prole.

      Oh, se l'Enrico vivo avesse l'animo

      del peggiore di questi gentiluomini!

      Quanti nobili allora

      ora costretti a calare le vele

      dinanzi a uomini di bassa tacca,

      potrebbero restare ai loro posti!

Giudice -

      O Dio, temo che tutto andrà a rovescio.

Lancaster -

      Buongiorno, Warwick, cugino, buongiorno.

Gloucester e clarenza -

      (Insieme a Warwick)

      Buongiorno.

Lancaster -

      Ci incontriamo come uomini

      ch'hanno smarrito l'uso del parlare.

Warwick -

      Parlare è ancor mestiere che sappiamo,

      ma troppo doloroso è l'argomento

      ora, per consentir lunghi discorsi.

Lancaster -

      Bene, sia pace a chi ci ha resi tristi.

Giudice -

      E pace mandi il Cielo a tutti noi,

      che ci risparmi giorni ancor più tristi.

Humphrey -

      (Al Giudice)

      Ahimé, mio buon signore, certamente

      voi avete perduto un buon amico,

      e questa vostra faccia sì attristata,

      lo giurerei, non è di circostanza,

      è quella vostra, vera.

Lancaster -

      Anche se non c'è ancor chi possa dire

      qual favore troverà essa a corte,

      le vostre aspettative di trovarne

      sono assai fredde; e tanto me ne duole,

      che davvero vorrei fosse altrimenti.

Clarenza -

      Dovrete certo adesso stare attento

      a trattare con garbo Sir John Falstaff,

      per quanto ciò vi possa comportare

      talora di nuotar contro corrente

      dei vostri sentimenti.

Giudice -

      Dolci principi,

      tutto quello che ho fatto fino ad oggi

      fu in obbedienza al senso dell'onore,

      guidato dal mio animo imparziale;

      né giammai mi vedrete mendicare

      da misero straccione un'amnistia

      che già sapessi negata in anticipo.

      Se lealtà e coscienza intemerata

      non verranno a proteggermi la vita,

      ebbene, andrò a raggiungere il mio re

      e mio padrone morto,

      e gli riferirò chi sarà stato

      a far ch'io lo seguissi...

     

      Entra il Principe di Galles, nella veste di Re Enrico V, con seguito

Warwick -

      Ma ecco il Principe.

Giudice -

      Dio vi protegga, Maestà. Buongiorno.

Re216 -

      La maestà, questo fastoso ammanto

      che m'è sceso da poco sulle spalle

      non me la sento addosso tanto comoda

      come potreste credere...

      Fratelli, voi mischiate al vostro duolo

      un non so che, mi pare, di paura...

      Questa è la corte inglese,

      non la corte del Gran Sultano turco:

      qui non succede un Murad ad un Murad217,

      ma un Enrico succede ad un Enrico.

      Perciò, fratelli, siate pur dolenti,

      perché ciò vi si addice egregiamente:

      il lutto appare in voi così regale

      che voglio anch'io portarlo, come voi,

      nel profondo del cuore. Siate tristi,

      fratelli miei, ma la tristezza vostra

      non sia più grave del comune duolo

      che adesso pesa su noialtri tutti.

      Quanto a me, per il cielo, v'assicuro

      che vi farò da padre e da fratello.

      Riponete l'affetto vostro in me,

      io prenderò su me le vostre pene.

      Piangete pure l'Enrico che è morto,

      lo piango anch'io; ma un altro Enrico è vivo,

      che quelle lacrime saprà mutare

      in altrettante ore di letizia.

      I tre principi -

      (Insieme)

      Non ci aspettiamo altro

      dalla vostra maestà.

Re -

      E tuttavia,

      mi riguardate tutti in modo strano...

      (Al Giudice)

      ... voi soprattutto: sarete convinto,

      penso, ch'io vi conservi del rancore.

Giudice -

      Sono convinto che Vostra Maestà

      se mi misurerà col giusto metro,

      non possa aver motivo di rancore.

Re -

      Davvero? No?... Come potrebbe un principe

      dalle grandi speranze come me

      dimenticar le dure umiliazioni

      alle quali m'avete sottoposto?

      Come! Vituperare, rampognare,

      spedire brutalmente in gattabuia

      l'erede alla corona d'Inghilterra!

      Fu tutto ciò cosa di poco conto?

      Da risciacquare bellamente in Lete218

      ed obliare?

Giudice -

      Nell'agir così

      rappresentavo vostro padre il re,

      l'immagine del suo regal potere

      era riflessa nella mia persona;

      amministravo solo la sua legge

      operando pel bene dello Stato;

      fu Vostra Altezza a voler disconoscere

      in quella mia funzione la maestà,

      la forza esecutiva della legge

      e l'immagine stessa del sovrano

      ch'era presente nella mia persona,

      e mi colpiste proprio nel momento

      che sedevo nel mio seggio di giudice.

      Al che, dovetti, senza alcun riserbo,

      far uso della mia autorità

      ed arrestarvi come reo d'oltraggio

      alla persona del re vostro padre.

      Se dite che quel gesto fu un abuso,

      ditemi adesso se aveste piacere,

      adesso che cingete la corona,

      che un vostro figlio avesse in tal dispregio

      le vostre leggi... che osasse strappare

      la giustizia dal suo temuto soglio,

      che facesse alla legge lo sgambetto

      e ardisse di smussare quella spada

      che sta a difesa della pace pubblica

      e della vostra persona, anzi, peggio,

      che si mettesse pure a insolentire

      contro la vostra immagine regale

      ed a prendersi gioco delle azioni

      che fossero compiute in vostro nome219.

      Interrogatevi ora, da re,

      su questo caso, come fosse il vostro,

      figuratevi padre d'un tal figlio,

      ascoltate la vostra dignità

      ferita da una tal profanazione,

      guardate come eluse e prese a gabbo

      siano le vostre più severe leggi,

      immaginate la vostra persona

      disprezzata così da un vostro figlio

      e finalmente immaginate me,

      agente in vostro nome ed investito

      della vostra regale potestà,

      che riduco al silenzio vostro figlio

      pacatamente e senza tanto strepito.

      Dopo aver tutto ciò considerato

      a mente fredda, infine giudicatemi;

      e dal momento che ora siete re,

      ditemi, nella vostra augusta veste,

      se ho fatto cosa indegna del mio ufficio

      e disdicevole alla mia persona

      e irriverente verso il mio sovrano.

Re -

      Voi dite giusto, Giudice,

      e avete ben soppesato la cosa.

      Voglio perciò che seguitiate a reggere

      la bilancia e la spada in vostra mano220,

      con l'augurio che questi vostri onori

      s'accrescano e possiate viver tanto

      da vedere un mio figlio che v'offenda

      e v'obbedisca come adesso io.

      Così com'auguro a me di viver tanto

      da dir di voi quel che disse mio padre:

      "O me felice, che ho con me quest'uomo

      sì coraggioso che osa far giustizia

      contro mio figlio; e non meno felice

      d'aver un figlio che è stato capace

      così di confidar la sua grandezza

      alle mani della Giustizia!"... Giudice,

      mi consegnaste un giorno alla giustizia,

      ed io consegno adesso in mani vostre

      la spada immacolata che in passato

      avete cinto, questo ricordandovi:

      che la impugniate con lo stesso spirito

      d'intrepida giustizia e d'equità

      col quale l'impugnaste un dì con me.

      Voi sarete alla mia giovane età

      un padre: la mia voce

      non dirà altro che ciò che l'orecchio

      avrà udito da voi;

      ed all'esperta e saggia vostra guida

      sottoporrò umilmente i miei disegni.

      (Agli astanti)

      E voi, principi tutti, vi scongiuro

      fate credito a quello che vi dico:

      mio padre s'è portato nella tomba

      le mie follie, perché nella sua tomba

      giaccion sepolti i miei trascorsi umori;

      io, che gli sopravvivo, ho accolto in me

      il suo spirito serio e riflessivo

      per beffare le attese della gente,

      per frustrare le loro profezie

      e cancellar la malefica fama

      che m'ha finora male giudicato

      dalle apparenze esterne:

      perché finora il flusso del mio sangue

      s'era diffuso in me in un temerario

      e vano errare; ora inverte il suo corso

      per dirigersi verso il grande oceano

      e, mescolato insieme agli altri flutti,

      rifluire in solenne maestà.

      Ora provvederemo a convocare

      l'Alta Corte del nostro Parlamento,

      e sceglieremo nel nostro Consiglio

      membri di tal statura, da innalzare

      con essi il grande corpo dello Stato

      allo stesso livello

      delle nazioni meglio governate;

      e guerra e pace, o l'una e l'altra insieme,

      siano a noi cose note e familiari.

      (Al Giudice Supremo)

      In quel Consiglio, padre221,

      voi avrete una parte preminente.

      (A tutti)

      Subito dopo l'incoronazione,

      convocheremo, come ho già accennato,

      tutti i notabili del nostro Stato,

      e, se a Dio piacerà di suggellare

      le mie buone intenzioni, nessun principe

      o pari del mio regno avrà motivo

      d'andar pregando il Cielo d'accorciare,

      sia pure d'un sol giorno,

      la felice esistenza di Re Enrico.

     

      (Escono tutti)

scena III - Il frutteto nel retro della casa del giudice Roberto Zucca nella Contea di Gloucester, con tavola imbandita e panche.

     

      Entrano Zucca e Falstaff, sottobraccio, seguiti da Silente, Davy che reca vassoi per la tavola, Bardolfo e il Paggio

     

Zucca -

      Eh, dovete vederlo il mio frutteto!

      Là sotto, all'ombra di quel pergolato

      ci dobbiamo gustare una ranetta

      di quelle che innestai l'anno passato

      con queste stesse mani; ed in aggiunta,

      un bel piatto di semi di finocchio

      e qualche altra piacevole cosuccia...

     

      (Sorreggendo Silente che barcolla, ubriaco)

      Su, cugino Silente... e poi a letto.

Falstaff -

      Perdio, avete qui una bella casa,

      e ricca!

Zucca -

      Misera, misera, misera!

      Tutti accattoni siamo qui, Sir John,

      accattoni... Aria buona, però, sì!

      Metti in tavola, Davy, su, da bravo.

      Ecco, così, ben fatto. Bravo Davy!

Falstaff -

      Questo Davy vi fa buoni servigi,

      vi funge da inserviente e da fattore.

Zucca -

      Un buon valletto, certo, un buon valletto.

      Un ottimo valletto, sì, Sir John...

      (Per la messa, ho bevuto troppo, a cena... )

      Un buon valletto, sì... Ma via, sedete,

      accomodatevi... Vieni, cugino.

Silente -

      Ah, carogna! Lui disse, si dovrebbe...

     

      (Canta)

      "Se la carne poco costa

      "e le femmine son care

      "e i bulletti vanno apposta

      "tutt'intorno a gironzare,

      "non ci resta che mangiare,

      "stare allegri e ringraziare

      "il buon Dio che ci largì

      "l'allegria di questo dì.

Falstaff -

      Cuore allegro, Mastro Silente! Bravo!

      Vi voglio fare subito un bel brindisi.

Zucca -

      Mesci a Mastro Bardolfo, mesci, Davy!

Davy -

      Accomodatevi, dolce signore.

      Sedetevi. E voi pure, Mastro Paggio.

      Buon pro vi faccia, caro Mastro Paggio!

     

      (Bardolfo e il Paggio prendono posto ad un altro tavolo)

      Quel che vi manca in ciccia, avremo in vino222.

      Dovete aver pazienza. Il cuore è tutto.

     

      (Esce)

Zucca -

      Su, su, Mastro Bardolfo, su, allegria!

      (Al Paggio)

      Anche tu, allegria, mio soldatino!

Silente -

      (Canta)

      "Allegria, allegria,

      "tutto tien la moglie mia.

      "Le donne, belle o brutte,

      "bisbetiche son tutte.

      "In sala c'è esultanza

      "quando ogni barba danza.

      "Evviva Carnevale,

      "dove ogni scherzo vale!".

Falstaff -

      Non avrei detto che Mastro Silente

      fosse un tipo di così gaia pasta.

Silente -

      Chi, io? Eh, eh, mi son dato buon tempo

      anche più d'una volta, prima d'ora223!

     

      Rientra Davy con un piatto di mele

Davy -

      Ecco, per voi, un piatto di ranette.

Zucca -

      Davy?

Davy -

      Sì, Vostro Onore, vengo subito.

      (A Bardolfo)

      Una coppa di vino a voi, signore?

Silente -

      (Canta)

      "Una coppa di vino spumeggiante,

      "e un brindisi a te, mia bella amante.

      "Campa cent'anni un cuore sorridente".

Falstaff -

      Ben detto, in fede mia, Mastro Silente!

Silente -

      Ora entriamo nel dolce della notte

      e dobbiamo goderlo in allegria.

Falstaff -

      (Brindando)

      Salute e lunga età, Mastro Silente!

Silente -

      (Canta)

      "Empi il nappo, caschi il mondo,

      "vo' scolarlo fino in fondo".

Zucca -

      (Bevendo)

      Onorato Bardolfo, alla salute!

      Se ti manca qualcosa e non la chiedi,

      guai a te...

      (Al Paggio)

      E salute pure a te,

      piccolo ladroncello, e benvenuto!

      (Bevendo ancora)

      Alla salute di Mastro Bardolfo

      e di tutti quegli altri caballeros

      che vanno in giro per le vie di Londra...

Davy -

      Io spero, almeno prima di morire,

      di vederla una volta, questa Londra.

Bardolfo -

      E se t'incontro là, Davy, perbacco...

Zucca -

      Per la messa, un boccale fra voi due

      ve lo tracannerete, eh, che dite,

      Mastro Bardolfo?

Bardolfo -

      E come no, signore!

      E magari anche doppio, vero, Davy?

Zucca -

      Per la barba di Cristo, ti ringrazio!

      Quel bricconcello non ti molla più,

      (Indicando Davy)

      non ti mollerà più, puoi star sicuro.

      Non si tirerà indietro; è buona razza.

Bardolfo -

      E chi lo molla? Gli starò alle costole.

Zucca -

      Ottimo! Questo è un parlare da Cesare.

      Servitevi di tutto, e state allegri!

     

      (Bussano alla porta)

     

      Va', Davy, va' a vedere chi è che bussa.

     

      (Esce Davy)

Falstaff -

      (A Silente che ha tracannato un boccale)

      Bravo, ora sì che mi fate ragione!

Silente -

      (Cantando)

      "Fammi ragione,

      "fammi cavaliero,

      "Ser Domingo... ".

      Non è così?

Falstaff -

      Così.

Silente -

      Così?... Diciamo allora che anche un vecchio

      potrà servire ancora a qualche cosa.

     

      Rientra Davy

Davy -

      (A Falstaff)

      Con licenza di Vostra signoria

      c'è qui fuori qualcuno, un tal Pistola,

      che vi reca notizie dalla corte.

Falstaff -

      Dalla corte? Che entri, avanti, avanti!

     

      Entra Pistola

     

      Ehi, Pistola!

Pistola -

      Sir John, Dio vi protegga!

Falstaff -

      Qual buon vento ti mena qui, Pistola?

Pistola -

      "Non un vento maligno

      "che mai soffia benigno".

      Tu ti trovi, mio dolce cavaliere,

      ad esser uno tra i grandi del regno.

Silente -

      Eh, per la Vergine, lo credo bene.

      Subito dopo il buon Sbuffa di Barson224.

Pistola -

      Sbuffa?... Ma sbuffati alla faccia tua,

      malcreatissimo vil rinnegato!

      Sir John, io son l'amico tuo Pistola

      che è venuto a cavallo, di carriera,

      a recarti notizie di gioconde

      ore dorate, notizie preziose

      di fortunate sorti e lusinghiere!

Falstaff -

      Ebbene sputale le tue notizie,

      come un qualunque uom di questo mondo225.

Pistola -

      "Si fotta il mondo

      "e i fottuti mondani!

      "L'Africa io t'annuncio, gioie d'oro!".

Falstaff -

      O vigliacco d'un cavaliere Assiro,

      fuori le tue notizie! Il re Cofetua226

      attende di saper la verità.

Silente -

      (Canta)

      "E Robin Hood, e lo Scarlatto, e Gianni227... ".

Pistola -

      "Sarà dunque concesso

      "a dei vili cagnacci stercorarii

      "di riguardare in faccia le Eliconie228?

      "E fauste nuove saran prese a gabbo?

      "Oh, allora non c'è più per te, Pistola,

      "che rassegnarti e riposare il capo

      "nel grembo delle Furie!".

Silente -

      (A Pistola)

      Galantuomo,

      io non intendo le vostre maniere.

Pistola -

      Peggio per voi, signore. Compiangetevi.

Zucca -

      (A Pistola)

      Scusatemi, signore,

      se recate notizie dalla corte,

      non avete, per me, che due maniere:

      o dirle, oppur tacerle.

      Occupo anch'io, signore, sotto il re,

      un posto d'una qualche autorità.

Pistola -

      Sotto il re, marmittone229? Quale re?

      Parla, o sei morto!

Zucca -

      Sotto re Enrico.

Pistola -

      Enrico Quarto o Quinto?

Zucca -

      Enrico Quarto.

Pistola -

      Allora puoi andare a farti fottere

      tu e il tuo posto: non vale più un fico!

      Sir John, il tenero tuo agnellino

      è oggi re; è lui Enrico Quinto!

      Ti dico il vero. E se Pistola mente,

      fagli pure le fiche, ecco, così230,

      come quel fanfarone di spagnolo.

Falstaff -

      Che dici. Morto il vecchio re?

Pistola -

      Stecchito.

      Rigido come il chiodo d'una porta.

      E ti dico la santa verità.

Falstaff -

      Bardolfo, presto, sellami il cavallo.

      Mastro Zucca, sceglietevi nel regno

      la carica che più vi aggrada: è vostra!

      Pistola, ti ricoprirò di onori!

Bardolfo -

      O giorno di letizia!

      Oggi non cambierei la mia fortuna

      nemmeno con un buon cavalierato.

Pistola -

      Eh, le ho portate o no, le buone nuove?

Falstaff -

      (A Davy)

      Accompagna Mastro Silente a letto.

      Mastro Zucca... milord...

      decidi pure tu quel che vuoi essere.

      Io sono adesso l'amministratore

      della Fortuna!... Presto, gli stivali!

      Dovremo cavalcar tutta la notte.

      Dolce Pistola mio!

      (Lo abbraccia)

      Bardolfo, via!

     

      (Esce Bardolfo)

     

      Pistola, vieni qua, dimmi di più,

      e intanto pensa a qualcosa di buono

      per te... Su, Mastro Zucca, gli stivali!

      So che il giovane re

      si strugge dalla voglia di vedermi.

      Prendiamoci i cavalli che ci càpitano,

      di chiunque... Le leggi d'Inghilterra

      sono sotto la mia autorità.

      Beato adesso chi m'è stato amico,

      e guai a te, Lord Giudice Supremo!

Pistola -

      "Che gl'immondi avvoltoi

      "gli rodano i polmoni!

      "Dov'è la vita che finor menai231?

      "dirà qualcuno. Ebbene, eccola qui.

      "Benvenuti questi felici dì".

     

      (Escono tutti)

scena IV - Londra, una strada

     

      Entrano alcuni Gendarmi conducendo l'Ostessa Quickly e Pupa Strappalenzuola

     

Quickly -

      (Dibattendosi)

      Ahi, ahi, villano! Fermo, miserabile!

      Dio mi potesse far morire qui,

      così t'impiccherebbero!

      M'hai slogato una spalla, miserabile!

I gendarme -

      Me l'hanno consegnata i connestabili232.

      Si beccherà frustate a volontà,

      adesso, glielo posso garantire.

      Ci sono stati uno o due omicidi

      in casa sua.

Pupa -

      Tu menti, sbirro, sbirro233!

      Va', va', vedrai che cosa ti succede,

      faccia di trippa, dannata carogna!

      Se mi fai abortire del bambino

      che mi porto qui dentro, guai a te!

      Meglio se avessi picchiato tua madre,

      pezzo di villanzone in cartapecora!

Quickly -

      Oh, fosse qui Sir John, Signore Iddio!

      Farebbe questo un giorno maledetto

      per qualcuno... Ma ve n'accorgerete

      se il frutto del suo grembo le va giù!

I gendarme -

      Se le va giù, tanto meglio per voi;

      riavrete il dodicesimo cuscino;

      ché adesso ve ne son rimasti undici234.

      Avanti, via, ve l'ordino: seguitemi!

      Perché l'uomo che avete bastonato

      voi due insieme con Pistola, è morto.

Pupa -

      Te la farò vedere,

      tu, sagoma di omino da incensiere235,

      aguzzino, carogna blu-bottiglia!

      Se non ti faccio fustigare a morte,

      non vorrò più vestire una sottana!

I gendarme -

      Via, via, cavalleressa errante, avanti!

Quickly -

      Oh, che s'ha da vedere: che il diritto

      abbia così a sopraffar la forza236!

      Bene, da sofferenza vien sollievo.

Pupa -

      (Al Gendarme)

      Portami avanti a un giudice, canaglia!

Quickly -

      Avanti, avanti, cane allampanato!

Pupa -

      Faccia di morto! Mucchio d'ossa.

Quickly -

      Scheletro237!

Pupa -

      Su, stecco! Su, carogna!

I gendarme -

      Ma benissimo!

     

      (Escono)

scena V - Piazza presso l'abbazia di Westminster

     

      Folla in attesa, trattenuta da gendarmi. Entrano tre Camerieri che stendono tappeti per terra

     

I cameriere -

      Altri tappeti, su, altri tappeti!

II cameriere -

      Le trombe hanno squillato già due volte.

III cameriere -

      Saranno qui non prima delle due

      dall'incoronazione.

I cameriere -

      Presto, presto!

     

      (Escono)

     

      Trombe. Il Re, in corteo, traversa la scena entrando nell'abbazia.

     

      Passato il corteo entrano Falstaff, Zucca,

      Pistola, Bardolfo e il Paggio

Falstaff -

      Qua, Mastro Zucca, qua, vicino a me,

      per procacciarvi la grazia del re.

      Quando passa, gli strizzerò lo sguardo:

      notate bene che faccia farà.

Pistola -

      I tuoi polmoni, Dio li benedica238,

      buon cavaliere!

Falstaff -

      Vieni qua, Pistola,

      dietro a me. Ah, se avessi avuto il tempo

      di farmi fare una divisa nuova!

      Ci avrei buttato le mille sterline

      che m'avete prestato239. Ma che importa:

      questo mio equipaggio, così misero,

      è meglio; proverà il gran desiderio

      che avevo di vederlo.

Zucca -

      Certo, certo.

Falstaff -

      Gli mostrerà la mia grande affezione...

Zucca -

      Certo, certo.

Falstaff -

      ... e la mia gran devozione...

Zucca -

      Ma certo, certo, certo!

Falstaff -

      ... quasi a dirgli

      d'avere cavalcato giorno e notte,

      per lui, senza riflettere, pensare,

      ricordare, aver cura di cambiarmi...

Zucca -

      È meglio, certo.

Falstaff -

      ... per trovarmi qui,

      ancora tutto imbrattato dal viaggio,

      a sudare dall'ansia di vederlo,

      senza curarmi d'altro che vederlo,

      come se nulla m'importasse al mondo

      che rivedere lui.

Pistola -

      "E semper idem,

      "e obsque nihil est"240.

     

      E questo è tutto.

Zucca -

      Ma certo, certo, certo!

Pistola -

      (Come declamando)

      "Ora, mio cavaliere,

      "di funesto furore vo' infiammare

      "il tuo nobile fegato. La Pupa,

      "l'Elena dei tuoi nobili pensieri

      "langue in vile e mefitica prigione,

      "tratta colà da immonda indegna mano.

      "Desta la tua terribile vendetta

      "e traila fuori dall'indegna tana

      "con il serpente della dira Aletto241.

      "Perché Pupella è là.

      "Pistola annuncia solo verità".

Falstaff -

      La farò liberare. Garantito.

     

      (Squilli di tromba, grida, acclamazioni all'interno)

Pistola -

      "Ecco, s'ode rumoreggiar di mare

      "e di trombe clangore".

     

      Entra Re Enrico Quinto in corteo uscendo

      dall'abbazia; tra il seguito il Giudice Supremo

Falstaff -

      Iddio protegga Tua Maestà, re Hal!

Pistola -

      I cieli ti proteggano e conservino,

      regalissimo figlio della gloria!

Falstaff -

      Dio ti salvi, soave mio ragazzo!

Re -

      (Al Giudice Supremo)

      Lord Giudice Supremo,

      parlate voi a quel vecchio vanesio.

Giudice -

      (A Falstaff)

      Sei tutto in senno? Sai quello che dici?

Falstaff -

      Mio Re, mio Giove, parlo a te, cuor mio!

Re -

      Non ti conosco, vecchio.

      Cadi in ginocchio e prega Dio per te,

      ché una testa canuta

      mal s'addice a uno stolido buffone...

      Per troppo tempo mi son figurato,

      come in sogno, un soggetto come te,

      così ingrassato dalla gozzoviglia,

      così vecchio, sboccato, senza scrupoli!

      Ora però son desto

      e quel mio sogno tengo in gran dispregio.

      D'ora in avanti fa' di perder corpo

      ed acquistare in peso di virtù;

      lascia i bagordi, e pensa che la tomba

      che s'aprirà per ricevere te

      sarà il triplo più ampia che per gli altri.

      Non rispondermi adesso, come al solito,

      con un lazzo da stolido buffone;

      non t'illudere ch'io sia quel che ero;

      Dio sa, e il mondo lo saprà assai presto,

      che ho ripudiato quel primo me stesso,

      come ripudierò allo stesso modo

      coloro che mi furono compagni.

      Quando udrai ch'io sia quel che sono stato,

      allora puoi riavvicinarti a me

      ed esser quello che sei sempre stato:

      maestro e mentore dei miei stravizi.

      Fin allora, però, ti metto al bando,

      sotto pena di morte,

      come ho già fatto con tutti quegli altri

      che sono stati miei pervertitori;

      e t'ordino di rimaner lontano

      le dieci miglia dalla mia persona.

      Ti farò assegnare un vitalizio

      ché l'indigenza non abbia a costringerti

      ad altre malefatte. E se sapremo

      che avrai riabilitato i tuoi costumi,

      ti potremo accordare anche un incarico

      conformato alle tue capacità.

      (Al Giudice Supremo)

      Affido a voi, signore,

      il compito di dare esecuzione

      a queste mie parole. Si prosegua.

     

      (Esce in corteo con tutto il seguito)

Falstaff -

      Mastro Zucca, vi devo mille ghinee.

Zucca -

      Eh, sì, perdio, Sir John;

      anzi, vi prego di darmele subito,

      che le riporto a casa.

Falstaff -

      Questo mi sembra adesso un po' difficile,

      Mastro Zucca. Ma non v'impressionate

      per questo242; lui mi manderà a chiamare

      in privato. È costretto a far così,

      capirete, per gli occhi della gente...

      Non vi angustiate per la promozione;

      sarò ancor io colui, non dubitate,

      che potrò far di voi un pezzo grosso.

Zucca -

      Non vedo proprio come: ammenoché

      non mi diate, da mettermela addosso,

      la vostra giacca imbottita di paglia.

      Perciò, Sir John, da bravo, ve ne prego,

      ridatemene almeno cinquecento

      delle mie mille.

Falstaff -

      Egregio mio signore,

      la mia parola è buona quanto me.

      Tutto quello che avete visto e udito

      è soltanto colore243.

Zucca -

      Sì, un colore,

      del quale, temo, mal v'imbratterete244.

Falstaff -

      Non fatevi paura dei colori,

      e venite a pranzare insieme a me.

      Luogotenente Pistola, Bardolfo,

      venite. Prima che si faccia notte,

      vedrete che mi manderà a chiamare.

     

      Rientrano il Principe di Lancaster e il

      Lord Giudice Supremo con alcune guardie

Giudice -

      (Alle guardie)

      Portate Sir John Falstaff alla "Flotta245"

      e insieme a lui tutta la sua combriccola.

Falstaff -

      Ma signore!... Ascoltatemi, signore!...

Giudice -

      Qui non posso indugiare ad ascoltarvi.

      Vi sentirò più tardi.

      (Alle guardie)

      Via, scortateli.

Pistola -

      "Se fortuna me tormenta

      "speranza me contenta"246.

     

      (Falstaff e compagni sono portati via dalle guardie)

Lancaster -

      Questo degno procedere del re

      m'è piaciuto: ha voluto che i compagni

      suoi d'un tempo sian tutti ben provvisti,

      ma siano messi al bando

      finché non avran dato prova al mondo

      che la loro condotta è diventata

      più conforme a saggezza e dignità.

Giudice -

      Ed io così farò che sarà fatto.

Lancaster -

      Il re ha convocato il Parlamento,

      monsignore.

Giudice -

      Difatti.

Lancaster -

      Ed io scommetto

      che prima che quest'anno sia spirato,

      trasferiremo più lontano, in Francia,

      le spade delle nostre lotte interne,

      e il nostro patrio combattivo ardore.

      L'ho sentito cantare da un uccello,

      e m'è sembrato che al Re quella musica

      sia piaciuta. Venite, andiamo via?

     

      (Escono)

     

      Epilogo

      Entra un Ballerino in funzione di Epilogo

     

     

      Prima d'ogni altra cosa, il mio timore;

      poi la mia riverenza...

      (S'inchina).

      Ecco, così. In fine il mio discorso.

      Il timore è non esservi piaciuto.

      La riverenza è stata un mio dovere.

      Il discorso è per chiedervi perdono.

      Se però v'attendete un bel discorso,

      son rovinato; ché quel che ho da dire

      è tutto di mia propria ispirazione;

      e quello ch'io so dirvi, in verità,

      potrebb'essere, ahimé, la mia rovina.

      Veniamo al punto, ed affrontiamo il rischio.

      Dunque, come sapete bene tutti,

      io mi trovai recentemente qui

      a recitar l'epilogo d'un dramma

      che sfortunatamente non vi piacque247,

      e vi pregai perciò di pazientare

      con la promessa di darvi di meglio.

      Ed era appunto quello ora concluso

      col quale avrei voluto ripagarvi.

      Ma se anche questo se ne torna a casa

      come nave da un viaggio sfortunato,

      allora avrò io fatto fallimento,

      mentre voi, miei gentili creditori,

      avrete perso tutto il vostro avere.

      Io vi promisi che sarei tornato,

      e qui confido alla vostra clemenza

      la mia persona. Fatemi uno sconto,

      ed io vi pagherò parte del debito;

      per il resto, com'è comune usanza

      di debitori, tutto quel che posso

      è un infinito mucchio di promesse...

      E con ciò m'inginocchio avanti a voi,

      ma a pregar soprattutto la Regina248.

      Se poi sarò incapace, con la lingua,

      di ottenere da voi la ricevuta,

      m'ordinereste voi d'usar le gambe249,

      per pagar il residuo del mio debito?

      Sarebbe senza dubbio un pagamento

      soddisfatto con molta leggerezza

      liberarsi da un debito ballando!

      Ma un'onesta coscienza

      fa tutto quel che può per sdebitarsi.

      E questo voglio anch'io con tutti voi.

      Tutte le gentildonne qui presenti

      m'avranno certamente perdonato;

      se i gentiluomini ricuseranno,

      allora vorrà dir che i gentiluomini

      non s'accordano con le gentildonne:

      il che, qui dentro, non s'era mai visto.

      Un'ultima parola, con licenza:

      se non siete del tutto stomacati

      di carne grassa250, l'umil nostro autore

      seguiterà con questo ciclo storico

      con dentro il personaggio di Sir John,

      e vi divertirà con la leggiadra

      Caterina di Francia. Nel qual ciclo,

      per quel ch'io ne conosca, il nostro Falstaff

      verrà a morte per via d'una sudata251;

      se pur non l'avrà ucciso ancora prima

      il vostro duro giudizio morale;

      ché se Sir John Oldcastle morì martire252,

      questo di cui vi parlo è tutt'altro uomo.

      Ma la mia lingua è stanca;

      e sento che lo sono anche le gambe.

      Perciò m'inchino e buona notte a tutti253!

      (Danza un poco, e s'inginocchia)

     

      Fine

     

NOTE

      1 Titolo col quale il dramma apparve nell'in-quarto del 1600: "The Second Part of Henrie the Fert, continuing te his death, and coronation of Henrie the Fifth, with the humours of Sir John Falstaff and swaggering Pistol". In italiano: "La seconda parte della storia di Re Enrico IV, sino alla sua morte, e l'incoronazione di Re Enrico V, con le stramberie di Sir John Falstaff e del gradasso Pistola".

      2 Sposa (1329) Filippa di Hainault, figlia di re Guglielmo d'Olanda e Hainault.

      3 Sposa (1361)  Giovanna ("La Bella di Kent") figlia di Edmondo Woodstock, conte di Kent (sesto figlio di Edoardo I).

      4 Sposa successivamente Bianca di Lancaster (1359), Costanza di Castiglia (1321) e  Caterina Roelt. Enrico IV è figlio della prima.

      5 Deposto nel 1399.

      6 Succede a Enrico IV nel 1413. Sposa (1420)  Caterina, figlia di Carlo VI re di Francia.

      7 La "Gelosia" era uno dei personaggi dei "Mistery plays" che si rappresentavano nel Medioevo.

      8 E' lo storico soprannome ("Hotspur") di Enrico Percy, figlio del conte di Northumberland.

      9 Così era chiamato Enrico IV, dalla città di Monmouth nella contea omonima ai confini tra Inghilterra e Galles, dov'era nato nel castello del padre Giovanni di Gaunt, duca di Lancaster.

      10 Arcibaldo, conte di Douglas, comandava le forze scozzesi che insieme ai ribelli inglesi si erano scontrate a Shrewsbury con l'esercito regio.

      11 Vedi la nota XXX dell' "Enrico IV - Prima parte".

      12 "Gan vail his stomach": "cominciò a farsi venir meno lo stomaco". "Gan" è forma arcaica di "began", passato di "gin" ("begin"), frequente in Shakespeare (cfr. "Phoebus gin arise" in "Cimbelino", III, 3, 23; "Whence the sun gins his refraction" in "Macbeth" , I, 2, 25). "Stomach" è sinonimo di "coraggio".

      13 "Princes fleshed with conquest": espressione del gergo venatorio. "Fleshed dogs" si dice dei cani cui sono date a mangiare le carni (più spesso le interiora) della lepre da loro scovata, per aizzarli ad ulteriori battute. Il Lodovici traduce, con un neologismo suo efficace: "alleprati di vittoria".

      14 "Pomfret" (oggi "Pontcraft") è il castello dove re Riccardo II era stato fatto prigioniero e poi fatto uccidere da Enrico IV. La vicenda è l'argomento della tragedia "Riccardo II".

      15 "His face is a face-royal": "Face-royal" era una moneta d'oro (il "royal") il cui conio al recto recava la faccia del re; così come, per analogia, il "rose-noble" si chiamava un'altra moneta (il "noble" ) in corso nel secolo XV e su cui eran incisa una rosa.

      16 Il testo ha "sixpence", la moneta da sei pence, equivalente a mezzo scellino.

      17 "As he had writ man": "writ" era la dichiarazione di legge che conferiva, con la dichiarazione della maggiore età, il godimento dei relativi diritti.

      18 Ai sovrani e ai principi si dava il "Vostra grazia"; qui Falstaff gioca sul doppio senso di "grace" che è "dignità (di principe) e anche "favore" (da parte sua).

      19 "Master Dumbleton": è un altro dei nomi ricavati da Shakespeare da caratteristiche o attributi del personaggio. Questo, per Falstaff, come lo definirà subito, è un ciarlatano; e il nome Dumbleton è verosimilmente derivato dal prefisso "bumble-" con cui sono formati molti nomi di insetti che volano ronzando.

      20 Il protagonista della nota parabola evangelica, ricco, amante della gozzoviglia e spregiatore dei poveri.

      21 Forma italianizzata di Achitofel, il biblico personaggio che spinse Assalonne a ribellarsi al proprio padre, Davide. Dante lo mette tra i "seminator di scandalo e di scisma" ("Inferno", XXVII); la cui pena però non è la lingua bruciata, ma quella di essere continuamente spaccati nel corpo da un diavolo con la spada.

      22 Allusione satirica al portamento dei puritani - quali erano in gran parte i venditori di stoffe - e che Shakespeare palesemente detestava (v. "Misura per misura", passim ).

      23 "... for he has the horn of abundance... though he have his own lanthorn... ": è tutto un gioco di doppi sensi sulla parola "horn", "corno", che entra anche, in inglese, nella parola "lanthorn", forma arcaica di "lantern", "lanterna, "lucerna", con evidente allusione alla condizione di "cornuto inconsapevole" del Mastro Calabrone, la cui ricca "cornucopia" (l'inglese ha "horn of abundance") è il frutto dell'infedeltà della moglie. E l'allusione lubrica continua più sotto con il "becco" della lucerna.

      24 Sobborgo di Londra, celebre per il suo mercato del bestiame.

      25 "I bought him in Paul's". "Paul's" è la popolare abbreviazione di "St. Paul's Cathedral": la cattedrale di S. Paolo era notoriamente a Londra luogo di pettegolezzi e ricettacolo di sfaccendati.

      26 Falstaff parafrasa qui il detto popolare: "Un uomo non deve scegliere tre cose in tre luoghi: una moglie a Westminster, un servo a San Paolo e un cavallo a Smithfield, per non rischiare di prendersi una bagascia, un briccone e un brocco". Westminster era il quartiere dei bordelli.

      27 Il testo ha semplicemente "but one", "eccetto una".

      28 Falstaff sottintende: "... che mi pone al disopra d'ogni sospetto di menzogna".

      29 Testo: "The wise may make some dram of scruple, or indeed a scruple itself (to follow your prescriptions)": "Il saggio potrebbe avere qualche dramma di scrupolo, o addirittura un intero scrupolo (a seguire le vostre prescrizioni)"; la "dram" (dal greco "drachma") era una moneta di poco valore, lo "scrupolo" ("scruple") ancora di meno. Falstaff gioca sul doppio senso di "scruple" che vale anche "scrupolo", "dubbio".

      30 "And yor wast is great": Falstaff finge di capire "waste", "sperpero", per "weist", "vita" (come circonferenza del busto: i due termini nella recitazione sono omofoni).

      31 La rapina ai danni dei viaggiatori narrata nella 2a scena dell'Atto II della prima parte dell'"Enrico IV".

      32 "... as smell a fox"; la volpe, in questo caso, sarebbe il giudice.

      33 "If I did say wax, my wax would approve the truth": "Se avessi detto "di cera" (invece che "di sego") il mio di più ("my wax") avrebbe dimostrato la verità". C'è un bisticcio tra "wax", "cera", e "wax", grasso, "substance".

      34 In questo scambio di battute tra Falstaff e il Giudice c'è tutto uno scoppiettio di doppi sensi, un gioco di parole impossibile a rendere. Il Giudice gli ha detto che ogni pelo bianco della barba richiede un po' più di sussiego ("gravity"); Falstaff coglie l'assonanza di "gravity" con "gravy", "grassume", "adipe", e ripete: "gravy, gravy, gravy".

      35 Ragionamento tutto costruito sul doppio senso di "angel". Il Giudice ha detto a Falstaff: "State sempre alle spalle del Principe come il suo angelo cattivo ("ill angel"); Falstaff prende "angel" per la moneta d'oro dello stesso nome (perché recante sul verso l'immagine dell'arcangelo Gabriele che uccide il drago) e, applicando l'aggettivo "ill" alla moneta, dice che "un angelo cattivo" (cioè falso) "è più leggero di quello buono", alludendo alla pratica fraudolenta di limare le monete d'oro per ottenerne polvere, o di coniare "angeli" con un numero di carati inferiore alla norma, aggiungendo all'oro mondiglia.

      36 Quella di vantarsi di esser giovane, malgrado la mole e il peso degli anni, è il vezzo quasi maniaco del personaggio Falstaff; vezzo che il poeta ha sfruttato al meglio nel suo lato di comicità nelle "Allegri comari di Windsor" (v. la "Nota preliminare n. 6" alla Prima parte dell'"Enrico IV"); ma già nell'"Enrico IV - Prima parte" abbiamo udito Falstaff esclamare, con riferimento a se stesso: "Young men must live!" (II, 2, 38).

      37 "Not is ashes and sack-cloth, but in a new silk and old sack": l'inglese gioca sul doppio senso di "sack" che significa "sacco" (dei penitenti) e "vin secco di Spagna".

      38 "Sputar bianco" è segno di buona salute.

      39 La frase "I cannot last ever" è variamente intesa. Lodovici traduce: "Anche la pazienza ha un limite"; altri: "Non sono di ferro", eccetera. Per noi Falstaff dice semplicemente, in accordo a quanto detto prima: "Io non sarò eternamente giovane".

      40 "You are too impatient to bear crosses": bisticcio su "crosses", che vale "monete" ("cross" era la moneta d'oro recante sul verso una croce, divenuto sinonimo di denaro in genere) e "croci", "triboli". Il Giudice, a Falstaff che gli ha chiesto in prestito "croci-monete", risponde che egli Falstaff non è uomo da sopportare addosso "croci-triboli", e quindi, per il suo bene, nemmeno una.

      41 Il titolo di Lord Maresciallo era ereditario. Lord Mowbray l'aveva ricevuto dal padre, cui l'aveva conferito Riccardo II. Le sue funzioni erano quelle di vicario del "Constable" come giudice dei processi di cavalleria, dei duelli, delle giostre, eccetera.

      42 "Have you entered the action?": "to enter an action" in gergo giudiziario è "portare il caso davanti al giudice" ("to bring the case before the court in due form").

      43 "I am undone by his going": altri intende: "Sono rovinata dal suo aver tagliato la corda"; ma Falstaff non s'è squagliato per non pagarle più il conto. Tant'è che ricompare immediatamente. "By his going" è causale, come spesso i participi presenti in Shakespeare.

      44 Il parlare dell'Ostessa Quickly è infiorato di strafalcioni. Il personaggio ha il vezzo di dire paroloni di cui non conosce il significato; qui dice "infinitive" per "infinite" ("He is an infinitive thing upon my score": "Egli è qualcosa di senza fine sul mio registro dei buffi").

      45 "A comes continuantly to Pie Corner": l'Ostessa vuol dire "instantly" per indicare allo sbirro, che deve arrestare Falstaff, dove può trovarlo "tra poco".

      46 "To Pie Corner": il "Pie Corner" era, a Londra, secondo il Praz, un angolo di strada famoso per le molte botteghe dove si friggeva il pesce; "Pie" era una pietanza composta di carne, cacciagione, pesce, frutta e verdura ricoperta da uno strato di pasta e farina fritta che veniva servita in quei locali. Non si capisce però che ci vada a fare Falstaff per comprarsi una sella; e perché l'Ostessa, nel parlare di friggitorie dica "con rispetto parlando per voi uomini"; qualcuno intende con un sottinteso lubrico riferimento a "pesce fritto". Ciascuno lo prenda come vuole.

      47 "He indited to dinner... ": "indited" (che molti leggono erroneamente "indicted" ) è usuale catacrèsi di "invited" (cfr. "Romeo e Giulietta", II, 4, 135: "She will indite him to some supper").

      48 "Master Smooth", essendo setaiolo, non poteva chiamarsi altrimenti: "smooth-faced" è uno che ha la faccia liscia (come seta).

      49 "To the Lubber's Head": "lubber's head" (o "lubber-head") è sinonimo di "blockhead" , "ceppo", "ciocco". Alcuni intendono: "che ha bottega (il setaiolo) a... "; ma a Londra non c'era alcuna località con quel nome.

      50 L'Ostessa dice: "since my exion is entered" dove "exion" è una palese deformazione di "action", "causa", "processo". Il "ribattimento" come deformazione di "dibattimento" è tolta dalla traduzione del Lodovici (Einaudi, Torino, 1974).

      51 Altro sproposito: "honeysuckle" ("caprifoglio") per "Homicidial".

      52 "I'll tickle your catastrophe": il deretano.

      53 Testo: "Keep the peace here, oh!"; letteralm.: "Mantenere l'ordine qui, ohé!".

      54 Il testo inglese gioca sull'omofonia di "sum" e "some". All'epoca i suoni "o", "oo" e "u" si pronunciavano allo stesso modo (cfr. in "Giulio Cesare" la stessa assonanza: "Now is it Rome indeed, and room enough... ", I, 2, 157). Il Giudice ha chiesto: "For what sum?", "Per quale somma?"; l'Ostessa ha inteso: "For what some?", "Per quale qualche cosa?". E risponde: "Altro che qualche cosa! S'è perso tutto!". In italiano il gioco è intraducibile. La traduzione letterale sarebbe di una melensaggine senza senso. L'alternativa per il traduttore era di saltare a piè pari la battuta, o far dire a Shakespeare qualcosa che non ha detto, ma che avesse un senso.

      55 "Or I will ride thee a-nights like the mare": strano bisticcio in cui la parola "nightmare", che vale "incubo notturno", è scomposta in "night", "notte" e "mare", "giumenta". Il traslato dell'Ostessa che minaccia di trasformarsi in "cavalla della notte" e di andare a "cavalcare" Falstaff, serve a giustificare la successiva battuta di questi, che riprende, appunto, il traslato del cavalcare.

      56 "... for loking his father to a singing-man of Windsor": i cantori della cappella reale di Windsor non avevano buona fama; ma forse qui Shakespeare vuole alludere ad un particolare membro della cantoria di Windsor, conosciuto dal Principe.

      57 Quickly ha pianto.

      58 Il "nobile" ("noble") era una vecchia moneta d'oro del valore corrente di circa mezza sterlina.

      59 "I will live". L'espressione è variamente intesa: "Sulla mia vita"; "Com'è vero che voglio vivere"; "Vivrò io?". Quest'ultima lettura, che il Lodovici prende da F. R. Hugo, che ha il senso di: "Potrai contarci se sarò vivo" sembra la più confacente al testo, e al corrispondente detto italiano: "Finché c'è vita c'è speranza".

      60 Vedi la Nota introduttiva n. 5. "Doll" è "bambola", "pupa"; "tearsheet" è termine composto da "tear", "strappare" e "sheet", "lenzuolo.

      61 Il testo ("I must wait upon my good lord here") è anche inteso da alcuni, altrettanto correttamente: "Debbo restare qui agli ordini del mio buon signore", con "wait upon" nel senso di "to accompany", "to attend" e "my good lord" riferito al Giudice Supremo.

      62 E' chiara la lubrica allusione: con la tela d'Olanda (così chiamata perché proveniente da quel paese) si facevano camicie, lenzuola e biancheria in genere; l'altro nome dell'Olanda è Paesi Bassi, con qual termine Enrico intende le basse parti del corpo.

      63 "... after you have laboured so hard": espressione piuttosto oscura. Non si capisce se Poins voglia alludere alla "fatica" fatta dal Principe nel dire tutto quel che ha detto prima, o alla "fatica" fisica della quale egli ha detto prima di essere "sfinito".

      64 "Very hardly upon such a subject": Poins, nella sua mentalità stenta a credere che il Principe possa addolorarsi per la malattia del padre, dal quale erediterà un regno.

      65 "Let the end try the man": proverbio che significa "Il valore di un uomo si dimostra alla fine, dopo che sia vissuto abbastanza per dimostrarlo". E' il secondo accenno all'intima consapevolezza di Enrico del proprio valore. Già nella prima parte dell'"Enrico IV" il personaggio ha manifestato il segreto proposito di mostrarsi, a tempo debito, uomo diverso da quello che l'han finora giudicato dalla sua vita di scavezzacollo in compagnia di Falstaff e compagni. La prima occasione gliel'ha offerta la campagna contro i rivoltosi capeggiati da Enrico Percy "Sperone Ardente", e la sua vittoria su questi con cui si chiude la prima parte. La morte del re suo padre ne rivelerà definitivamente la natura del principe nobile e assennato, cosciente di passare alla storia.

      66 "The worst that they can say of me is that I am a second brother": "second brother" è "figlio cadetto", ma qui "second" va inteso come "uno che sta al disotto di un capo" (cfr. in "Re Lear", IV, 6, 196: "No seconds? All myself?"; e "brother" sta dunque per "compagno", "della stessa brigata".

      67 Bardolfo ha la faccia rossa del beone. Nell'"Enrico IV - Prima parte" (III, 3, 23-26) Falstaff ha definito il suo naso "la lanterna della nostra poppa". Poins insiste qui su quel rossore.

      68 Il mito di Altea non è proprio così. Altea non sognò di partorire un tizzone ardente; furono le Parche, quando ella partorì Meleagro, a porle un tizzone acceso sul focolare, dicendole che il piccino sarebbe vissuto fino a consumazione dello stesso; al che Altea si affrettò a ritirare il tizzo dalle fiamme e a custodirlo. Il Paggio vuol dire che la faccia di Bardolfo è un tizzone acceso.

      69 "... and there fore I call him her dream"; letteralm.: "... e perciò io chiamo lui il sogno di lei (Altea)".

      70 Testo: "Well, there is six pence to preserve them": alcuni curatori hanno inteso che, dicendo queste parole Poins dia anche lui una moneta al Paggio. A parte la proprietà grammaticale - che richiederebbe "here is" e non "there is") è più verosimile che Poins si riferisca alla moneta di sei scellini ("sixpence"), equivalente appunto a una corona, che gli ha dato il Principe. La sua generosità, ammesso che ne abbia, non arriverebbe mai a eguagliare quella del Principe.

      71 Cioè Falstaff, del quale Bardolfo ha detto prima di essere il "secondo".

      72 "And how doth the Martlemas your master?": "Martlemas" (o "Martinmas") è la festa di San Martino (11 novembre) che si celebrava ogni anno con grandi bevute, come la fine dell'estate; Falstaff, per l'età e la gozzoviglia, ne è quasi il simbolo.

      73 "... ready as a borrower cap": la prontezza della risposta è paragonata a quella della scappellata di chi ha chiesto un prestito in danaro e incontra colui che glielo deve concedere.

      74 Poins si chiama Edoardo, e "Ned" è il diminutivo di Edward.

      75 "Ephesian": gli abitanti di Efeso, come quelli di Troia ("Troyans") erano considerati crapuloni per eccellenza (cfr. anche "Le allegre comari di Windsor, IV, 5, 16: "It is thine host, thine Ephesian, calls").

      76 Il corsetto e il grembiule di pelle erano il tipico costume dei garzoni di birreria.

      77 Il nome inglese di questo personaggio è Francis, diminutivo di Francesco: "Cesco" (o "Cecco") in italiano.

      78 L'Alexander , sull'esempio di altri commentatori, fa entrare in scena un terzo garzone, cui attribuisce un paio di battute; altri, tra cui l'"Arden Shakespeare" e l'"Oxford Shakespeare" hanno ritenuto tale presenza ininfluente e l'hanno soppressa; così questo traduttore.

      79 "Apple-Johnes" sono una specie di mele che si colgono a fine giugno (la festa di San Giovanni, donde il nome), ma che si dicono mature dopo due anni di stagionatura, quando la buccia è divenuta grinza. L'allusione alla "stagionatura" di Falstaff è evidente.

      80 "... and see if you canst find out Sneak's noise": "Sneak's noise" è letteralm. "il fracasso di Malandrino".

      81 L'Ostessa seguita a spropositare: dice "temporality" per "sanity", "stato di salute", "condizione" ("temper").

      82 Il vin secco di Spagna proveniente dalle Isole Canarie.

      83 Pupa ha il singhiozzo, per aver troppo mangiato e bevuto.

      84 L'inglese gioca qui sull'omofonia di "qualm" e "calm". L'Ostessa dice: "Sick of qualm" ("Malata di nausea"); Falstaff prende "qualm" per "calm" e intende: "malata di calma". Per giustificare in qualche modo la sua risposta ("Sempre così; queste quando stanno calme vien loro la nausea") s'è dovuto aggiungere: "Non può star ferma", che non è nel testo. Altrimenti sarebbero state incomprensibili le tre battute seguenti.

      85 Il testo ha semplicemente "deseases", "malattie in genere"; ma si capisce, da quel che segue, di che malattie si tratta.

      86 "Your brooches, pearls, and ouches... ": è il verso d'una antica ballata popolare.

      87 Qui il discorso di Falstaff è tutto infarcito di doppi sensi, di lascive allusioni prese dal gergo militaresco: si capisce a che cosa alluda "l'asta alzata" ("halting off") che costringe a uscir fuori dalla breccia (la sifilide provoca l'incordamento del membro virile); e l'arrischiarsi su colubrine cariche (la siringa è paragonata all'abitacolo dell'arma da fuoco -"chamber" - dove si mette la carica).

      88 L'Ostessa vuole intendere, usando a sproposito "rheumatic" per "farnetic" ("You are both... as rheumatic as two dry toasts") che i due stridono tra loro come due tozzi di pane secco strofinati l'uno contro l'altro; e dice "confirmities", parola inesistente, per "infermities", "difetti", "debolezze".

      89 La donna come "vaso più fragile" è reminiscenza biblica (cfr. "Romeo e Giulietta", I, 1, 16: "... women being the weaker vessel... ").

      90 "Master Tisick, the debuty": l'Ostessa, spropositando, dice "debuty" per "deputy", come si chiamava, in breve il "deputy of the ward", o vice-assessore del Comune, sostituto dell'assessore titolare. Per rendere in qualche modo lo svarione si è storpiato "assessore" con "ascensore".

      91 "With a Barbary hen": "con una gallina di Barbaria". "Barbaria" era nominata tutta l'Africa settentrionale mediterranea.

      92 Anche questo scambio di battute tra Falstaff e Pistola è pieno di allusioni lubriche. Sul traslato del nome "Pistola" si capisce che cos'è il "caricare" e "scaricare" due "pallottole" ("bullets"), e il "bere" che l'Ostessa dice di fare "quanto basta per sé, senza far piacere a nessun uomo". E si capisce la risentita reazione di Pupa Strappalenzuola allo "scaricherò su te" di Pistola.

      93 Prosegue il traslato della pistola carica pronta a scoppiare, anzi, a "scaricarsi".

      94 Pistola ha in pugno la spada, che ha snudata quando Pupa l'ha minacciato prima col coltello.

      95 "He lives upon moudly stewed prunes": le prugne cotte in mostra in un piatto sul davanzale d'una finestra erano l'insegna dei lupanari. Il termine "stewed prune" era divenuto sinonimo di "prostituta". L'Ostessa accusa Pistola di vivere alle spalle di prostitute.

      96 Il testo ha "occupy", che ha il senso di "possedere", ma anche "star sopra", nel significato del latino "urgere".

      97 Pistola nomina personaggi e luoghi, e cita versi e sentenze del tutto a vanvera, come a far sfoggio di bolsa erudizione. Shakespeare si serve di questo personaggio per mettere in ridicolo il parlare e lo scrivere di certi suoi contemporanei. Qui Pistola nomina Erebo come persona, non come luogo dell'Inferno.

      98 Pistola chiama enfaticamente col nome di Irene la sua spada, alla maniera dei cavalieri antichi (Orlando chiamava la sua "Durlindana", Re Artù la sua "Excalibur", ecc... ).

      99 "Good Captain pizzle", dice l'Ostessa, storpiando "Pistol" in "pizzle", che è l'organo genitale dei bovini.

      100 "Aggravate your choler": l'Ostessa vuol dire, verosimilmente, "alleviate", che è esattamente il contrario.

      101 "Compare with Caesars and with Cannibals": Pistola vuol dire, "compararsi coi Cesari e con gli Annibali", e dice "coi Cannibali".

      102 Con queste, e con le citazioni che seguono, è stato notato, Shakespeare fa il verso ai poeti Christopher Marlowe e George Peele.

      103 "... these are bitter words": l'Ostessa dice "bitter", "amare" per "better", "migliori"; s'è cercato di rendere alla meglio lo svarione.

      104 Qui l'autore parodiato è palesemente George Peele.

      105 Testo: "Si fortune me tormente, sperato me contento", che è, di tutta evidenza, un intruglio di francese e italiano (o spagnolo) non si sa dove citato. Lo ripeterà in V, 3, 95.

      106 "The Seven Stars": sono le Pleiadi della mitologia greca (le "Vergiliae" dei Romani), un gruppo di sette stelle (delle quali solo sei visibili) della costellazione del Toro, che compaiono all'alba. Pistola risponde a Falstaff, che gli ha detto di lasciarlo tranquillo, che non è la prima volta che fanno l'alba insieme, dopo aver trascorso la notte in bagordi e in imprese ladresche.

      107 Galloway, nella Scozia occidentale, era famosa per gli allevamenti di cavalli". "Puledre di Galloway" si chiamavano le prostitute.

      108 "Like a shove-groat shilling": "shove-groat" (o "shovel-board") è il gioco in cui una moneta è spinta con un colpo di dito lungo un piano marcato da linee che la moneta deve saltare, senza toccare.

      109 "The Sister Three": le Tre Parche, che presiedevano al corso della vita, raffigurata come uno stame che Coto filava, Lachesi avvolgeva e Atropo tagliava.

      110 I cosiddetti "Nove Eroi" della storia (detti anche "I Nove della Fama") erano: tre ebrei, Giosuè, Davide e Giuda Maccabeo; tre "gentili: Ettore di Troia, Alessandro Magno e Giulio Cesare; tre cristiani: Artù, Carlomagno e Goffredo di Buglione. Shakespeare giocherà su questo tema nella commedia "Pene d'amore perdute", mettendo in mezzo ai nove Pompeo Magno ed Ercole.

      111 Il testo ha semplicemente: "... and thou followed him like a church"; alcuni commentatori, col Dover Wilson, fanno dire queste parole a Pupa a parte, tra sé; senza un'apparente ragione, peraltro, perché Pupa non ha peli sulla lingua, e può dire a Falstaff ben altro che il raffigurarlo, vedendo la sua mole che rincorre Pistola, ad una chiesa che corre.

      112 Il giorno di San Bartolomeo (24 agosto) si teneva a Smithfield una grande fiera di bestiame (cfr. sopra, I, 2, 46-47).

      113 Tewksbury, nel Gloucestershire, era famosa - secondo Camden - "for the making of woollen cloth and smart-biting mistard", "per la produzione di indumenti di lana e di una mostarda dura a masticare".

      114 "Plays at quoits well": "to play quoits" (al plurale) è il gioco che consiste nel lanciare un disco, di pietra o di metallo, il più vicino possibile ad un palo infisso lontano nel terreno.

      115 "Drinks off candles' end for flop-dragons": "Flop-dragon" era il gioco che consisteva nel tirar fuori, con la sola bocca, dall'acquavite in fiamme degli acini d'uva, estinguerli in bocca e ingoiarli.

      116 "Would not this nave of a wheel have his ears cut off?": "nave" è il mozzo della ruota del carro ("of a wheel" qui è pleonastico) chiamato "barilotto" nel gergo dei fabbricanti di carri.

      117 E' noto che Saturno (raffigurato sempre come un vecchio curvo sotto il peso degli anni e con lunga barba) e Venere (la dea della impudicizia) non sono mai in congiunzione astrale.

      118 "The fiery Trigon": la Trigona (o Triade) infiammata è il gruppo di tre stelle formato da Ariete, Leone e Sagittario. Allude, naturalmente, a Bardolfo.

      119 "... his master's old tables": nelle taverne i conti si facevano e si tenevano conservati scritti con gesso o altro su tavolette di legno; così anche i punteggi dei giochi.

      120 Si riferisce all'episodio della terza scena del II atto dell'"Enrico IV - Prima parte".

      121 Si riferisce all'episodio della terza scena del III atto della Prima parte dell'"Enrico IV" , vv. 84-86, dove Falstaff, parlando con l'Ostessa Quickly del Principe dice: "How! The Prince is a Jack, a sneak-cup. 'Sblood, an he were here, I would cudgel him like a dog":

            "Davvero! Il Principe è un gran birbante,

            "un'ignobile lenza di cristiano!

            "E se fosse ora qui, sangue di Cristo,

            "e ripetesse quello che voi dite,

            "lo prenderei a calci come un cane".

      122 "Where he doth nothing but roast malt-warms": "malt-worms" "vermi del malto" sono, in senso figurato, i grandi bevitori che succhiano la birra come i bruchi che infestano la pianta del malto che della birra è il primo ingrediente.

      123 Si accoglie la lezione: "...and burns, poor soul" in luogo di quella: "... and burns poor souls" che varrebbe un improbabile: "... che brucia tante povere anime". Falstaff vuole intendere che Pupa ha già dentro di sé il fuoco che la corrode, la sifilide, il male delle prostitute.

      124 "... for suffering flesh to be eaten in thy house": qui "flesh", "carne" è da intendere nel senso biblico di "carnalità peccaminosa", la depravata natura dell'uomo nel suo conflitto con i richiami dello spirito.

      125 "A joint mutton or two... ": prosegue la metafora della "carne" nel doppio senso lubrico di "mutton", che è "montone", ma è anche termine colloquiale per "donna di malaffare".

      126 "... and leav'st the kingky couch / A watch-case or a common 'larun-bell?": il passo è controverso. Il Dover-Wilson vi vede una similitudine: il re paragona il suo letto, abbandonato dal sonno, ad una cassa d'orologio, che ripercuote i battiti del cuore in ansiosa veglia, o alla campana d'allarme di una torre di guardia, costretta a star sempre all'erta. Altri (Lodovici) intende: "... abbandoni il re nella sua alcova agli incubi della pendola notturna o della campana d'allarme".

      127 "... in an hour so rude"; letteralm.: "... in un'ora così aspra".

      128 Percy era il nome patronimico dei conti di Northumberland.

      129 "... that foul sin": la ribellione contro il sovrano è un "peccato" in senso religioso, perché il re è "unto dal Signore", e l'offesa a lui è offesa allo stesso Dio.

      130 "... with a near aim"; letteralm.: "... con possibilità di cogliere vicino nel segno". E' immagine tratta dal tiro con l'arco.

      131 Questa frase è tradotta a senso. La sua resa letterale riuscirebbe intollerabilmente artificiosa. Il testo è: "Such things become the hatch and brood of time; and by the necessary form of this King Richard... ": "Queste cose (questi eventi) diventan la covata e la nidiata del tempo; e, in base alla fatale forma di questo, re Riccardo potè... ".

      132 "A must then to the Inns o'Court shortly": le "Inns of Court" erano, e sono tuttora, a Londra, i quattro complessi di edifici - chiamati rispettivamente "Inner Temple", "Middle Temple", "Lincoln's Inn" e "Gray's Inn" - appartenenti ad altrettante società di avvocati che avevano il diritto esclusivo di ricevere, dai "colleges", gli allievi praticanti la professione forense.

      133 La "Clement Inn" era invece una delle "Inns of Chancery", collegi di residenza e di studio per gli studenti e i praticanti di giurisprudenza, cui venivano ammessi gli aspiranti che erano stati bocciati ad una delle quattro "Inns of Court"

      134 "Little John Doit": "Doit" era il nome di un'antica moneta olandese, passato poi a significare ogni monetina di poco valore.

      135 "... black George Barnes": "black" è "nero di carnagione" (sembra che Shakespeare insista sull'avversione di Zucca per il nero); "nerone", nell'uso dialettale di alcune regioni italiane.

      136 "Francis Pickbone and Will Squeal": altri nomi "coloriti" di personaggi. "Pickbone" è composto da "pick", "bucare", e "bone", "osso"; "Squeal" è "emettere suoni indistinti" normalmente di disappunto.

      137 Distretto della Contea di Gloucester (v. anche nelle "Allegre Comari di Windsor").

      138 In italiano nel testo. Questa vanteria di Zucca, sarà però smentita più sotto da Falstaff, nel suo monologo alla fine dell'atto.

      139 Questo Scoggin che, da come ne parla Zucca, è una persona nota, è da identificare, secondo il Baldini (nota della sua traduzione dell'"Enrico IV - Seconda parte", BUR, Rizzoli, 1984) nell'autore del libro "Tales and Quick Answers", una raccolta di aneddoti faceti ("jests") in voga all'epoca come altre pubblicazioni del genere, dalla quale pare che Shakespeare abbia tratto anche qualche spunto per la sua commedia "La bisbetica addomesticata".

      140 Altro nome colorito del repertorio shakespeariano: Sampson Stockfish nel testo.

      141 Alcune didascalie indicano qui il Paggio di Falstaff.

      142 "... and one of the King's Justices of the Peace": "Justice of the Peace" era un magistrato di grado inferiore nominato per dirimere le piccole controversie in una contea, città o distretto, ed esercitare anche altre funzioni giudiziarie.

      143 "... a good backsword man": "blacksword" è sinonimo di "single stick", "bastone". L'esercizio del duellare con un bastone era praticato dagli apprendisti della scherma, prima di usare la spada. Zucca ha detto prima di aver conosciuto Falstaff quand'era ancora un ragazzo, paggio del Duca di Norfolk.

      144 Così nel testo.

      145 Traduzione letterale del testo: "Surecard".

      146 Gioca sulla parola "muffa", "muffito" ("mouldy"): la muffa si fa sulle cose che non s'adoperano, come dice subito dopo.

      147 "Quibble" su "pick". Falstaff dice: "Pick him", dove "pick" vale "spuntare un nome su un elenco"; ma vale anche "pizzicare, "pungere", e così l'intende Muffa.

      148 "For we have a number of shadows fill up the muster-book". Frase di senso incerto: forse un'allusione alla pratica fraudolenta di certi comandanti militari di far figurare sul ruolino nomi di soldati morti o addirittura mai esistiti ("ombre", appunto), per intascarne il soldo: come, del resto, lo stesso Falstaff si appresta a fare.

      149 "... he'd ha'picked you": prosegue, qui, come anche più sotto, il gioco del doppio senso di "pick".

      150 "... or most magnanimous mouse": "magnanimous" ha qui decisamente il senso di "great in courage".

      151 Intendi: migliaia di pidocchi.

      152 Qui l'inglese ha un diabolico bisticcio sulla parola "feeble". "Feeble" è il nome inglese del personaggio, che significa "fibula", "cannuccia". E così lo abbiamo tradotto. Ma "feeble" aggettivo significa "fievole", "debole" e l'espressione "forcible feeble" si dice di una persona debole, ma che fa grande ostentazione di vigore. Per rendere in qualche modo il bisticcio sul nome di Cannuccia si è fatto ricorso a "scannucciatissima": una cannuccia "scannucciata dentro" è debole e non si vede.

      153 Falstaff insiste sul doppio senso di "pick": qui, trattandosi di un torello, l'idea dello "spuntare" è "impiegare il pungolo" (per farlo muggire).

      154 Le campane a morto, s'intende, dato che dici di essere malato. Qui "ring" ha il senso di "to ring bells for a funeral office".

      155 "Jane Nightwork", letteralm.: "Gianna Lavoronotturno", un altro dei nomignoli allusivi di cui si compiace Shakespeare coi personaggi minori o soltanto menzionati.

      156 Così nel testo. V. la nota 138.

      157 "... by old Nightwork": evidentemente il marito della Jane nominata sopra, o l'uomo che ha dato il suo nome al figlio.

      158 Il testo ha: "Our watchword was "Hem, boys": "Hem, boys" era il grido col quale i bevitori alzavano il bicchiere per invitarsi a bere a vicenda.

      159 "... and here is four Harry ten shillings in French crowns for you": "Harry" era la moneta d'oro con l'effigie di Enrico II Plantageneto.

      160 "A tester": "tester", alterazione colloquiale di "teston", era la moneta coniata da Enrico VIII, del valore di 6 pence. Ma al tempo di Enrico IV evidentemente non esisteva.

      161 Una bugia ogni tre parole è come una taglia del trenta per cento sulla verità imposta a chi ascolta; la sua continuità e la sua puntualità sono paragonate al rigore delle imposte da pagare al Sultano di Turchia.

      162 Il perché di questo epiteto lo ha detto prima, quando ha paragonato lo Zucca a una "radice biforcuta" con una testa surreale intagliata sopra: la mandragola è infatti la pianta velenosa, dotata di proprietà ematiche e narcotizzanti, la cui radice biforcuta si credeva rassomigliasse alla forma del corpo umano, e che urlasse quando veniva divelta.

      163 "And now this Vice's dagger become a squire": il "Vizio" era uno dei personaggi più frequenti nelle rappresentazioni popolari ("morality plays") e veniva in scena spesso armato di una spada di legno o di latta ("dagger"); onde il termine di "Vice's dagger" finì per indicare "buffone", "giullare da palcoscenico".

      164 "Scudiero" ("squire" o "esquire") era il titolo di nobiltà concesso dal sovrano ai gentiluomini di campagna di un certo censo; veniva, nell'ordine araldico, subito dopo quello di "cavaliere" ("knight").

      165 "... among the Lord Marchall men", cioè i giudici di campo, designati dal Lord Maresciallo nei duelli e nei tornei a far da arbitri, ed i soli autorizzati a stare in lizza con i contendenti. Il Lord Maresciallo era l'ufficiale di corte che presiedeva all'organizzazione di feste e tornei.

      166 "Gaunt", deformazione di Gand, la città fiamminga in cui era nato Giovanni duca di Lancaster, terzo figlio di Edoardo III, come aggettivo significa "smilzo", "sparuto", "emaciato". Su questo significato Shakespeare intesserà una serie di giochi di doppi sensi nel "Riccardo II", in cui Giovanni di Gaunt è uno dei personaggi principali.

      167 "... I'll make him a philosopher 's two stones to me"; letteralm.: "... farò di lui per me una doppia pietra filosofale", cioè: "ne caverò oro". La pietra filosofale era, nel Medioevo, quella che si diceva ricercassero gli alchimisti, attribuendo ad essa la virtù di mutare in oro qualsiasi metallo. Falstaff ha annusato in Zucca e Silente una doppia vena d'oro da sfruttare per i suoi bisogni.

      168 Nella prima parte dell'"Enrico IV" si accenna alla morte del fratello dell'Arcivescovo, Lord Scroop, ad opera del re (I, 1, 271); ed è possibile che a questa alluda qui l'Arcivescovo. Ma il testo è oscuro e certamente interpolato.

      169 L'episodio è rappresentato nella 3a scena del I atto del "Riccardo II".

      170 La mazza ("warder"), cioè lo scettro, è il simbolo del potere sovrano. Nell'occasione qui menzionata, Riccardo II la getta a terra per interrompere, prima che s'inizi, il combattimento fra Lord Mowbray ed Enrico Bolingsbroke.

      171 Era il titolo di Enrico Bolingbroke all'epoca del fatto.

      172 Coventry era stato, per decisione dello stesso re Riccardo II, il luogo in cui sarebbe dovuto avvenire il duello fra Enrico Bolingsbroke e Tomaso Mowbray, padre del personaggio che parla.

      173 L'arcivescovo di York, insieme a quello di Westminster a Londra erano, e sono tuttora in Inghilterra, gli unici due prelati della chiesa anglicana che hanno diritto al titolo di "Lord".

      174 "... your exposition on the holy text": il "libro sacro" ("holy text") per antonomasia è la Bibbia.

      175 "... the speaker of His Parliament": lo "speaker" del parlamento inglese era - ed è tuttora - il membro della Camera dei Comuni o di quella dei Pari eletto dalle stesse assemblee come loro rappresentante e portavoce, nonché loro presidente. Il Principe Giovanni immagina che anche in cielo ci sia un'assemblea simile a quelle, e che l'arcivescovo di York ne sia il portavoce in terra.

      176 "Under the counterfeited zeal of God": qualche commentatore ha visto qui nella omofonia di "zeal", "zelo", e "seal", "sigillo", l'intenzione del principe Giovanni di intendere, dicendo "sotto falso zelo di Dio": "falsificando il sigillo di Dio".

      177 Il re, come "unto dal Signore", è il suo vicario in terra, anche se non siamo ancora allo scisma anglicano di Enrico VIII, onde il re diviene capo della chiesa d'Inghilterra.

      178 "... his meaning and his authority": qui "authority" è usata nel senso di "assumption", "show of reason" piuttosto che nel suo significato primario di "power".

      179 Il testo ha "our trains", ma alcuni leggono "your trains". Non si capisce perché, dal momento che in quell'"our trains", i "nostri due eserciti", sta il tranello teso dal Principe, secondo quanto avviene subito dopo.

      180 "Is your assembly so?": cioè il fatto di esservi riuniti ed alleati contro il re. "Assembly" sta qui nel senso di "conventicle", dispregiativo.

      181 Il testo ha: "The heat is past", "La fase calda (della battaglia) è passata".

      182 "These tardy tricks of yours will... break some gallow's back": Falstaff è pesante e il Principe, nell'immaginarlo appeso alla forca a causa dei suoi "tardy tricks" lo vede addirittura schiantare il braccio che regge il pendaglio. "Back" sta qui nel senso di qualcosa che sta dietro ed è "prominent".

      183 "... but it should be thus": "... ma non potrebbe essere diversamente". S'è tradotto a senso.

      184 Il principe Giovanni ritorna sul peso della corpulenza di Falstaff, come prima quando l'ha vista spezzare il pendaglio della forca.

      185 Il testo ha: "Retreat is made", dove "retreat" non è "ritirata" ma "withdrawal from pursuit", "ritirata dall'inseguimento", che risponde all'"Have you left pursuit?" della domanda del Principe.

      186 "I in my condition / Shall better speak of you than you deserve": "condition" ha qui valore di "complexion", "character" e si riferisce a qualità dell'animo. Altro traduce: "... per quanto mi è possibile". Altri testi omettono addirittura la frase.

      187 "... a kind of male green-sickness": "green-sickness", "clorosi" è un'affezione anemica che colpisce le donne nell'età pubere e conferisce a tutto il corpo un colorito pallido.

      188 Il fegato era ritenuto l'organo del corpo in cui hanno sede le passioni e il coraggio.

      189 Si capisce che Falstaff accompagna queste parole con il gesto di stringere qualcosa, quasi palpeggiandola, tra l'indice e il pollice della mano destra.

      190 "... give him line and scope", letteralm.: "... dàgli corda e spazio "; è immagine tratta dal gergo pescatorio. Il pescatore alla cui lenza ha abboccato un pesce grosso, non lo tira subito in barca, ma gli lascia lenza e spazio per disanimarlo, finché il pesce si stanca e "affoga". Il traslato del pesce è confermato dal successivo paragone con la balena.

      191 "... and rotten times that you shall look shall look upon"; letteralm.: "... e dei tempi corrotti che dovrete vedere... ".

      192 Eguale proponimento aveva espresso lo stesso principe Enrico nel suo monologo del I atto, 2a scena, vv. 188-210. La sua ripetizione per bocca di Warwick è un'abile preparazione alla scena-madre che segue.

      193 "O Westmoreland, thou art a summer bird... ": "summer-bird" si dice degli uccelli migratori che compaiono nella stagione che precede l'estate, quasi anticipandola. La rondine è uno.

      194 "... the mure that should confine it in": "mure" sta per "wall", "parete", e figurativamente per "involucro mortale"; ma s'è voluta mantenere la forma letterale "muro" perché contiene, più poeticamente, l'idea della prigione (il corpo prigione dell'anima, nella dottrina cristiana), cui s'accorda il successivo "confine it in". "Confine" è concetto di clausura, volontaria o forzata.

      195 Il Tamigi, ovviamente.

      196 Edoardo III, nonno dei due principi.

      197 "This apoplexy will certain be his end": di questa malattia del re ha già parlato Falstaff nella 2a scena del I atto (vv.126-127) quando ha spiegato al Giudice Supremo che il re era affetto:

            "d'una forma di grave letargia,

            "un torpore che invade tutto il sangue

            "e dà un noioso fischio nelle orecchie... ".

      198 Testo: "How now, rain whitin doors, and none abroaf?"; letteralm.: "Come, pioggia all'interno, e fuori niente?".

      199 Il testo aggiunge "Tell it him": "Dategliele", che non si traduce.

      200 "... the ports of slumbers... ", cioè gli occhi.

      201 "Like a rich armour worn in heat of day... ". Altri (Antonio Meo, Garzanti, 1975) intende: "... come ricca armatura indossata nell'ardore della battaglia" , che è lezione grammaticalmente altrettanto valida.

      202 "... what wikt thou do when riot is thy care?", letteralm.: "... che farai quando la confusione lussuriosa ("riot" è insieme "confusion" e "luxury") sarà la tua sola occupazione?".

      203 Cioè Dio, "che in tutte parti impera e quivi regge" (Dante, Inf. , 127.)

      204 "Filiale" non è nel testo.

      205 "... in my present wildness... "; letteralm.: "... nella mia attuale licenziosa follia" ("wildness" ha il doppio senso di "licentiousness" e di "folly").

      206 In realtà, il ravvedimento del Principe s'è già avuto alla chiusura della Prima parte dell'"EnricoIV", con la sua partecipazione, a capo delle armate del re, suo padre, contro i ribelli a Shrewsbury, capeggiati da Enrico Percy "Sperone Ardente". Ma qui Shakespeare per meglio disegnare, in questa scena-madre, il rapporto padre-figlio - che è leit motiv del dramma e per preparare l'altra scena del pubblico ripudio, da parte di Enrico divenuto re, della compagnia di Falstaff e soci, e di ciò che essa ha significato per lui e per l'Inghilterra.

      207 Allusione al cosiddetto "oro potabile", una pozione composta d'oro fluido mescolato con altro liquido, cui gli alchimisti nel Medioevo attribuivano virtù terapeutiche.

      208 "... too near into my state": c'è chi intende: "... troppo addentro alle origini del mio regno", "alla mia condizione personale"; che è resa più letterale di "state", ma la gente di cui parla il re sa bene come egli è pervenuto alla corona, avendolo aiutato, com'egli stesso ha detto prima.

      209 "By cock and pie": eslamazione comune a quel tempo, formata da "cock", "corruzione volgare di "God", "Dio" e "pie" (o "pye"), come si chiamava scherzosamente un breviario di canoni ecclesiastici in uso nella Chiesa d'Inghilterra prima della Riforma.

      210 Il testo ha: "... the sack he lost at Hinckey Fair", e molti intendono "sack" per "sacco", che è pure corretto; ma trattandosi di cuoco, è più verosimile pensare al vino. Il lettore loprenda come vuole.

      211 Il Paggio di Falstaff, come si ricorderà (atto I, 3a scena) è nano.

      212 "... wich is four terms": qui "terms" nel significato di periodi di sessione - tre o quattro in un anno - di una corte di giustizia (Mastro Zucca è giudice di pace). L'accenno alle "mode" (sei, "six fashions") è un'allusione alla grande facilità con cui queste mutavano nel tempo.

      213 "... with a fellow that never the ache in his shoulder". Abbiamo inteso "a fellow" come riferito al Principe: "uno che riesce a ridere a crepapelle senza risentirne" (il troppo ridere dà dolori alla schiena); altri lo intende come riferito a Zucca (che, essendo, come ha detto prima, uno stecchino, non ha una schiena che possa dolergli).

      214 "... white her away?": "Whiter" è qui causale ("To what result, cause, action, ecc.?") e non moto a luogo ("To what place?") che avrebbe poco senso.

      215 "... and to our purposes he lives no more":... "e ai nostri fini istituzionali egli non vive più"; è l'annuncio che è scattata la formula rituale: "Morto il re, viva il re!".

      216 D'ora in avanti, il personaggio del Principe di Galles, finora indicato come "Principe", sarà indicato come "Re".

      217 "Murad" (o "Amurath" com'è nel testo inglese) è il nome di cinque sultani turchi, il quarto dei quali - Murad IV, appunto - secondo quanto annotato da J. Dover-Wilson, succedendo al padre nel 1574, strangolò tutti i suoi fratelli. Lo stesso fece il suo successore Maometto, nel 1596. Re Enrico cita, evidentemente, avvenimenti contemporanei.

      218 Il fiume infernale della mitologia classica alle cui acque bevendo le anime dimenticano la vita terrena.

      219 Qualche curatore ha creduto di scorgere qui un richiamo alla scena del II atto dell' "Enrico IV - Prima parte" laddove il Principe e Falstaff fanno, in una taverna, la parodia del personaggio del re. Il richiamo è suggestivo; ma come attribuire al Giudice la conoscenza di quella scena?

      220 I simboli tradizionali della giustizia.

      221 "Father": è un vocativo che ricorre spesso in Shakespeare; era il titolo di rispetto che si dava ad una persona anziana.

      222 "What you want in meat, we'll have in drink": altri intendono: "Il cibo è scarso, ci rifaremo col bere"; ma il cibo non è affatto scarso, se il cuoco Guglielmo ha cucinato tutti i piatti ordinati da Zucca. E' evidente invece l'allusione di Davy alla poca "ciccia" (egli dice "meat" e non "food") del Paggio, che è nano.

      223 "I have merry twice and once ere now": "twice and once" non è, come intendono molti, "una o due volte" - che l'inglese avrebbe detto "once or twice" - ma il contrario: "Una volta sì e l'altra pure"; come del resto lascia intendere la conoscenza che Silente ha delle canzonacce da bettola.

      224 Si capisce che Silente si riferisce alla mole corporea di Falstaff, prendendo "i più grandi" ("the greatest men") per "i più grossi" ("the biggest").

      225 Cioè senza starle a declamare bolsamente, come hai fatto finora, senza dir niente.

      226 Cofetua, antico sovrano d'Africa del quale si raccontava che si fosse innamorato di una mendicante. Falstaff fa il verso al linguaggio arificioso di Pistola.

      227 Verso di una ballata popolare. Silente, ubriaco, divaga...

      228 Cioè le Muse, abitanti del monte Elicona, in Beozia, e ispiratrici dei poeti.

      229 "Under which king, bezonian": "bezonian" è voce derivata dall'italiano "bisogno"; secondo il Florio, era usata volgarmente nel significato di "soldato novellino", "arruolato da poco", "marmittone", appunto.

      230 "... do this, and fig me": "to fig" , "far le fiche", secondo il commento del Cesari alla "Divina Commedia", Inf. XXV, v.2: "Le mani alzò con ambedue le fiche" (Antonio Cesari - "Bellezze della Commedia di Dante Alighieri", Milano, 1845) è l'oltraggio plebeo di mettere il pollice fra l'indice e il medio, quasi scoccandolo (a qualcuno) nel viso".

      231 "Where is the life that late I led?": Pistola, nella sua mania declamatoria, cita qui il verso di una canzone popolare in voga all'epoca.

      232 Il Primo Gendarme, come spesso avviene nel teatro shakespeariano, parla al pubblico.

      233 "Nut-hook, nut-hook": "not-hook" è letteralmente un bastone fatto ad uncino in una delle estremità ("hooed") usato, nella raccolta delle noci, per tirar giù i rami dell'albero. Era uno degli appellativi spregiativi per gendarmi, portieri, funzionari, eccetera.

      234 Cioè: riavrai il cuscino che hai prestato a Pupa perché se lo mettesse sotto la sottana per fingere la gravidanza.

      235 "Thin man in a canser": gli incensieri hanno, in bassorilievo, dei puttini stilizzati.

      236 L'Ostessa continua a spropositare: naturalmente vorrebbe dire il contrario.

      237 Il testo ha: "Thou, atomy", altro sproposito dell'Ostessa, che voleva dire "anatomy", nel significato di "scheletro".

      238 Pistola si rifà alla sua invettiva di prima contro il Giudice Supremo: " Che gli immondi avvoltoi/ Gli rodano i polmoni!".

      239 Si capisce che, dicendo ciò, si rivolge allo Zucca.

      240 Pistola pronuncia scorrettamente la frase latina: "Absque hoc nihil est", "All'infuori di questo non c'è nulla".

      241 Aletto, delle tre Furie della mitologia classica, era quella del furore (Tesifoce della vendetta, Megera dell'odio); come le altre due, al posto dei capelli aveva viluppi di vipere.

      242 "Do not you grieve at this": "this" si riferisce non al fatto di non ricevere indietro le sterline, ma a quel che è successo. Falstaff svia così il discorso sulle sterline.

      243 Cioè apparenza esterna.

      244 "A colour that I fear you will die in": la frase, nella recitazione, acquista un doppio senso, perché gioca sull'omofonia di "die", "morire", e "dye", "imbrattarsi di colore". Lodovici, per rendere il gioco traduce: "Un colore che vi tingerà d'un colore di morte".

      245 "The Fleet", una famosa prigione di Londra, sita in quello che era chiamato il "Fleet Market", da cui prese il nome nel XII secolo.

      246 In italiano nel testo, come in II, 4, 178.

      247 Si allude qui, secondo molti critici, alla cattiva accoglienza toccata all'"Enrico VI", rappresentato prima di questa seconda parte dell'"Enrico IV".

      248 Questa frase è omessa da alcuni testi. Si tratta con tutta evidenza, di una frase d'occasione, aggiunta al copione quando lo spettacolo fu dato in presenza della regina Elisabetta, e rima sta poi nel manoscritto.

      249 L'Epilogo è detto da un ballerino.

      250 Cioè Falstaff.

      251 E' l'annuncio della preparazione dell'"Enrico V".

      252 "Oldcastle": così ("vecchio castello") aveva chiamato Shakespeare il suo personaggio di Falstaff nella prima stesura dell' "Enrico IV", ma poiché questo nome era anche quello di uno dei capi dei Lollards, la setta dei fanatici precursori del protestantesimo anglicano, il drammaturgo fu costretto a "sacrificarlo" (questo è il significato comico del "morì martire") e a mutarlo in quello di Sir John Falstaff (v. anche la nota n. 9, Enrico IV - Prima parte).

      253 Alcuni testi hanno qui un'altra frase: "... and so kneel down before you... but indeed to pray for the Queen", che è visibilmente aggiunta d'occasione, come la precedente in omaggio alla regina, e che qui non si traduce.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 37 volte nell' arco di un'anno