Er diluvio univerzale

Stampa questo copione

Er diluvio univerzale

di Tonino Termine

musical in due tempi in vernacolo romanesco

da “Aggiungi un posto a tavola”

personaggi
(14U – 10D)

don Claudio

Peppe

Nanda

Nina

Checco

Costanza

voce di Dio

alto prelato

il popolo (7 uomini e 7 donne)

2 carabinieri


 


  

Buio in sala. Sottofondo inserire suono d’organo, una voce comincia a narrare:

Voce di Dio: (  tono potente ) C’era una volta…. anzi c’è. un borgo che sta  …. No Pietro, non mi riferisco a Roma!! No Ambrogio, neanche Milano!! Caro Nicola, Bari proprio non è nella mia mente …. E no Gennarì, mi dispiace neanche Napoli,….. (pausa) No, ora anche la Comunità Europea……. Patrizio, non è Dublino… (un po alterato)  INSOMMA!! Adesso arriva Giorgio e mi chiede se è Londra, arriva Martino e mi chiede se è Parigi, arriva Maurizio e mi chiede se è Vienna, arriva Giacomo e mi chiede se è Madrid…(forte) BASTA!!!........... Decido secondo il mio volere…..poi ho detto borgo e per questa storia ho scelto ……..

SACRESTIA

Immediatamente, a sipario chiuso e al buio, intonare la CANZONE..

 

Coro : …… Aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più. Se sposti un po’ la seggiola stai comodo anche tu gli amici a questo servono a stare in compagnia. Sorridi al nuovo ospite non farlo andar via dividi il companatico raddoppia l’allegria.

Il sipario si alza, luci piene sulla scena, Una stanza (guardare la scenografia per l’interno) dove il gruppo recitativo canta ed uno dei componenti, dirige.

Claudio : E se qualcuno arriva non chiedergli Che vuoi?

Coro:No,no,no – no,no,no.no.no… no!

Claudio : E corri verso lui con la tua mano tesa E corri verso lui spalancagli un sorriso e grida Evviva

Coro: Evviva, evviva, evviva, evviva, evviva, evviva, evviva, evviva, evviva, evviva.  (a bassa voce e aumentando)Aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più se sposti un po’ la seggiola, se sposti un po’ la seggiola starai più comodo tu. Gli amici a questo servono a stare in compagnia sorridi al nuovo ospite non farlo andar via dividi il companatico raddoppia

        l’allegria Aggiungi un posto a tavola e così… e così…e così…. e così…così sia.

( fermarsi tutti)

Claudio : ( con aria soddisfatta, battendo le mani  ) Bravissimi, per stasera basta ( iniziare ad infilarsi la tonaca) andate a casa.. Buonanotte.          

Tutti: Bonanotte!! ( muoversi ma fermarsi vedendo l’entrata precipitosa del nuovo personaggio)

Peppe : (di corsa, col fiato grosso, togliendosi il cappello ) Aho, semo pronti pe’ fa  a pro.. prova der cocò..  ( risata generale)

Tutti: (ironici)Vo’ provà  de covà?………….

Peppe :( tono alterato) DER CORO!!

Nanda : ( con aria indifferente) A Pe,’ m’avemo finito mò mò..

Peppe : (tono sconsolato ) Ma no!…Pur’ oggi tardi. Che ca…che ca…

Tutti(In coro scandalizzati) Sor Sindaco!!

Peppe : (alterato) CHE CASPITA DE FRECATURA. ( pausa, poi con tono di supremazia) Che ce vole fa, ar Comune c’è da fa, alla fabbrica pure… Me dovete da pe..perdonà sor prete mio…….

Tutti: (In coro ironicamente)  Ar Comune ci ha da fa? ‘O chiamamo “ Bonanotte ar secchio”! I Consiji comunali se fanno solo all’osteria (risata generale sguardo minaccioso di Peppe)

Claudio : (tono canzonatorio) Scusato signor Sindaco, (battergli la mano sulla spalla) lei è arrivato puntualissimo.

Peppe : ( tono diffidente) Pa.. pa..rdonne?

Claudio : Nel senso che è arrivato giusto alla fine delle prove, come ella voleva.

 E’ stonato e non vuole che si sappia in giro. ( tutti devono ridere )

Peppe :( tono contrariato ) Io sto… stonato? Aho!! Io ho papà…papà….

Tutti: (in coro, tono canzonatorio) E mammà………..

Peppe :(alterato)HO PASSATO a gioventù dentro le mejo piazze liriche.

Nanda: ( sempre indifferente), Teatruncoli de paesuncoli………. (con ironia) e poi facevi er capo battimano!

Peppe : E che vor dì.( con arroganza ) era un  popò…popò…

Tutti: (in coro, tono canzonatorio) Pure ar cesso dev’ annà!!

Peppe : (irritato) ERA UN POSTO de re..responzabilità,……Bastava che i cantatori calassero le corde vocali e io (mimare la parola)  zac! li casti… castigavo…….(irritato) E voi sor parroco mio, dite stonato a me!…… (al pubblico) E’ un povero prete de paese…….

Claudio:  La prego, canti (gesto con la mano)

Peppe : ( tono imbarazzato ) Io? Je… moi?

Claudio: Canti!

Peppe : ( di malavoglia cantare la prima strofa di “Aggiungi un posto a tavola” stonandola fortemente ) …..Aggiungi un posto a tavola…….si…si….si..

Claudio: ( correggendolo ) No!…(tono esatto) “si….si….si

Peppe :Io che ho cacà…cacà……

Tutti: ( in coro)  Mo avemo capito chi è che puzza………..

Peppe : (irritato)…….  HO CANTATO!! (  sempre stonando ) “Si

Checco : (intromettersi  con voce possente ) Si”.

Peppe : (indispettito ) Che’, de che t’ mmischi? Fatte l’undicesimo coma… coma…ndamento? (risatina ironica volgendosi al gruppo, indicandoli ) Ho sapemo tutti che tu, de potente, ci hai solo a vo.. voce ( tutti devono fare “si” con il capo)

Checco : ( rivolto  al prete ) C’a detto “ mezzo litro”?

Claudio: ( confortandolo ) Niente Checco, niente….. ( al Sindaco in tono di rimprovero ) Signor Sindaco !!!

Peppe : C’ho de…detto de male? O sapemo tutti che  Che.. Checco è…. (fare gesto per accennare la mancanza di virilità)

Sergio: ( indignato) Tutti, meno lui e adesso lei….

Peppe : ( al pubblico) Mo vedi che pure questo è corpa mia…. strano sto cle..cle..ro (  rimettersi il cappello, tutti devono cominciare a salutare Claudio, baciandogli la mano e allontanarsi dalla scena )

Nina : ( con tono dolce, sognante ) Don Claudio, la sua canzone è melodiosa… Sarà merito suo se vinceremo il concorso dei cori indetto dalla provincia.

Claudio: ( continuando a salutare ) Grazie Nina. Buonanotte  Rossana, Francesca… Katia. Buonanotte Vincenzo, grazie per il vino. E’ così buono che lo conserverò per le messe cantate…….

Peppe : ( sempre al pubblico ) E so io che tracanno….. ( intanto Nina deve fare il giro per rimettersi in coda e salutare di nuovo il prete. Baciargli nuovamente la mano e poi scappare via con aria sognante, sotto lo sguardo contrariato di Peppe.) Guarda  questa….. cammina… vatte a fa na dormita…. ( indicando l’uscita si allontanano tutti, lasciando solo il prete e Checco. Claudio deve cominciare a fare alcune flessioni in terra, sotto lo sguardo stupito dell’altro)

Checco: (espressione candida) Ma che stai a fa’? Sei un prete? A che te serve ‘a ginnastica?

Claudio: (fermarsi alla seconda, affaticato)  Un mio passatempo, Checco……. (nervosamente) Mi piacerebbe fare più flessioni, invece…..

Checco: Quante ne voi Clà? (con facilità farne almeno quattro )

Claudio: ( stupito) Bravo!! Se si trascura il corpo, finisce che si mette su pancia

 (cominciare ad asciugarsi la fronte e sistemare l’abito) e quando bisognerà restituirlo a Dio, dovrà essere in buono stato…..

Checco: ( tono preoccupato ) Mamma mia, e quanno jo dovemo da ridà ( guardandosi) sto pezzo de ciccia ?

Claudio : Solo Lui lo sa….. Non avrai paura?

Checco: O volera sapè prima. Così me faccio na doccia scarcagnificante..

Claudio : ( sorridente ) Ho conosciuto poca gente pulita come te…… Hai l’ innocenza d’un bambino … ( accarezzargli la testa )

Checco: ( aria fantasiosa) So belli i mocciosi…..

Claudio : Ti piacciono?

Checco: Me fanno schiattà da ride. Speciarmente  appena sgravidati………

Claudio:  ( pausa, con meraviglia) Allora lo sai come nascono i bambini…..

Checco: (aria risentita) E vedi ‘n po’’….. Come l’animali: i somari, e pecore, i vitelli…… fra e cosce da madre vacca!

Claudio: ( imbarazzato ) Si…. Ma prima …. Il toro che fa?

Checco : ( tono normale) Er  toro? Ma che je frega ar toro ( pausa ) Nun fa na mazza: magna, beve.. sta ca trippa all’aria …. Mica ho capito a che serve er toro . ( ora tono minaccioso) Anzi, me sta su a punta der…… der naso… E’ proprio un fijo de na vacca vaccona!!

Claudio: Va bene, lasciamo stare il toro. Prendiamo un altro animale.

Checco: ( svelto ) Er conijo!

Claudio : Bene. Secondo te perchè il coniglio…. salta sulla coniglia?

Checco :  ( tono meravigliato)Ma come, un sai niente? Ma che t’anno inzegnato alla scola tua?.... Giocano a ingroppasse. Nun conosciono artri giochi….. Devono lavorà e ingroppasse, ingroppasse e lavorà! So’ gnoranti, senz’ istruzzione.

Claudio : ( guardandolo con tenerezza ) Checco, sei felice?

Checco : ( ignaro)  Booo… io so sempre  come me vedi mo’… Seconno te,

                 so felice?

Claudio : (pausa di riflessione ) Sì, ma non ti pare che a volte ti manchi qualcosa?

Checco : ( guardandosi meravigliato ) Che me deve da mancà: magno e bevo e zappetto. Niente niente mancasse a te  quarcosa?

Nina : ( entrando in scena ) Permesso?

Checco : ( girandosi ) Ciao regazzì.

Claudio : ( normale ) Cosa c’è Pina?.

Nina : ( tono angelico ) Ho bisogno di confessarmi.

Claudio : Ma se ti ho confessato sta mattina……

Nina : ( con voce ingenua )Ho peccato di nuovo

Checco : Fregati quanto sei peccata. Me dispiace don Clà, ma me sa che te devi infrattà ner “Credenzone”. Ce vedemo! ( uscire di scena)

Nina : ( appena esce Checco, con civetteria deve  togliersi lo scialle che porta, mostrare la camicetta con vistosa scollatura,  ) Oggi pomeriggio mi sono macchiata di un peccato grave…..

 Claudio : (impacciato nel vedere le prosperità messe in mostra. Indicando l’inginocchiatoio inciampare dall’emozione. Tono soffocato)  Nina,  la confessione non è uno smacchiatore. Avanti, dimmi… ( la ragazza si inginocchia )

Nina : ( con voce calda e maliziosa ) Ha sentito che afa oggi? Lei dov’era nel pomeriggio? Io al lago, si sta bene.  Mi sdraio sotto un albero, mi tolgo la camicetta per sentire il fresco  sulla pelle ….

Claudio : ( imbarazzatissimo. Fare l’atto di asciugarsi la fronte ) Come?

Nina : (tono malizioso ) Dicevo che mi tolgo il reggiseno…….

Claudio : ( cercare di guardare altrove ) Tre più tre fa sei, sei più sei fa undici, undici più undici quarantaquattro……

Nina : ( imperterrita continuare con  malizia) Mi sono addormentata, dopo un po’ è arrivato lui …. con il solito vestito nero …. E sa … sa cosa ha avuto il coraggio di dirmi ( avvicinarsi di più al volto di Claudio con voce maschile.)  “Spogliati pupa, ti voglio nuda “

Claudio : ( continuare l’atto di asciugarsi la fronte, aumentando l’imbarazzo) quindici per quindici  centotrenta moltiplicato per nove….

Nina : Io tremavo tutta….. lui che fa? Mi strappa la gonna… sa, quella rossa che avevo domenica, quella corta, che quando mi siedo mette in mostra le gambe ….

Claudio : ( illuminarsi per il ricordo ) SI SI, quella che avevi alla … ( si riprende )  Va’ avanti!

Nina : ( godere per l’imbarazzo dell’uomo, aumentare  la maliziosità) E così sono rimasta solo con lo slippino …

Claudio : (forte) Quarantaquattro per centotrenta..novemilasettecentoventisette …

Nina : Allora lui, con gli occhi allupati ….. ( fingere di essere scossa ) Oh, è terribile!

Claudio : Trenta  conta novembre con april giugno e settembre….

Nina : Mi ha messo le mani sul seno…… ( mimare le parole )

Claudio : Di quel seno ce n’è uno…

Nina : E qui mi sono svegliata…….

Claudio : (assente) Tutti gli altri ne han trentun…….

Nina : (sorpresa) Come?

Claudio : ( scuotendosi adirato) TRENTUNO….. per penitenza dirai trentuno Pater, Ave e Gloria…

Nina : (tono angelico) Così pochi?

Claudio : ( imbarazzato) Hai sognato, i sogni non sono peccati.

Nina : (maliziosa ) Posso pregare qui, con lei?

Claudio : ( tono severo )  NO, a casa tua, e anche di corsa! ( borbottare l’assoluzione e alzarsi. La ragazza deve tentare di baciargli la mano, ma l’uomo si sottrae ) Non sono un cardinale!

Nina : Lo meriterebbe (allontanarsi dalla scena lentamente, ma  fermarsi  non appena vede l’uomo andare verso l’organo

CANZONEL’emozione non ha voce

Claudio : (.cerca di comporre qualcosa abbozzando due note  e canta appena ) Io non so parlar d’amore l’emozione non ha voce………

Nina : ( al pubblico) Pur di stargli vicino la penitenza  la dico qui. Padre nostro che sei nei cieli, fa la volontà tua su di lui. Così in cielo come in terra,

fammi dare oggi un suo bacio quoti…. fermarsi e cominciare a cantare insieme a Claudio, ognuno dal suo posto  

e mi manca un po il respiro se ci sei c’è troppa luce la mia anima si spande, come musica d’estate   etc.etc……..

Claudio : (appena finita la canzone, girarsi con stupore )  Nina!

Nina : ( impacciata) Che….. che mi voleva?

Claudio : ( con naturalezza ) No…….(con sguardo tenero indicarle la via d’uscita)

Nina : ( con amarezza )  Ti pareva!      (di corsa uscire di scena).

Claudio continuare a pigiare i tasti dell’organo. Nell’istante il telefono sulla scrivania deve squillare insistentemente. Far finta di non udire, poi con aria scontenta si alza e  prende la cornetta.)

Claudio : (voce stanca ) Pronto!

V. Dio:(contrariato. Amplificare il tono) FINALMENTE! Certamente stavi sonnecchiando…

Claudio : Chi parla?

V. Dio: Sono Dio!!

Claudio : Chi sei?

V. Dio: (con impazienza ) DIO, DIO, il tuo Dio. Colui che ha creato la luce…

Claudio : (ironico al pubblico, sedendosi)Io colui che paga la bolletta.

V. Dio : … Sono colui che sta in cielo, in terra ed in ogni luogo…

Claudio : (al pubblico sempre ironico) Io sempre in questa canonica: Pasqua, Natale, Capodanno ed anche a Ferragosto…

V. Dio  : (sempre tono maestoso)Io sono l’eterno…l’ONNISCENTE………..

Claudio : Beato te che puoi mangià tutto… Io devo stare attento ai fritti, agli insaccati, ai dolci, neanche un bicchierino…….

V. Dio : IGNORANTE,  quello è Onnivoro!!!… Ho detto Onniscente (irato) insomma sono DIO!!

Claudio : ( con sarcasmo ) Scusa, non ti avevo riconosciuto. ( poi alterato )

A quest’ora ti diverte tanto rompere l’anima alla gente?

Voce Dio : (con calma) Mai fatto niente di simile…….. Caso mai al contrario.

Claudio : Insomma chi è e cosa vuole?

Voce Dio : (tono paziente )Te l’ho detto: io sono il Signore Dio tuo, non avrai altro Dio fuori di me …….

Claudio : (indispettito)Va’ alla Mecca!!!

V. Dio : ( meravigliato) Come alla Mecca? Dalla concorrenza? Avessi sbagliato numero ….. ma sei don CLAUDIO? Parroco di San Giovanni…

Claudio : Sì e nato l’11 marzo 1964, e tu sei il solito guastafeste ( riattaccare il telefono arrabbiatissimo )

V. Dio : ( tono irritato, possente ) COME TI PERMETTI!!! SEI IMPAZZITO!!!

Claudio :  (con aria stupefatta guardare prima il telefono, poi con mano tremula, riprendere la cornetta e riabbassarla. Alzarsi, risedersi )

V. Dio : ( con dispiacere) Nessuno aveva mai osato sbattere quel “coso” in faccia a ME.

Claudio : ( ancor più meravigliato alzare gli occhi al cielo ) DIO, DIO MIO!! (buttarsi in ginocchio con le mani giunte) Perdonami, pensavo che era quel fetente di Giuseppe, un parrocchiano che vive solo per fare gli scherzi agli altri…(chinare la testa) Padre nostro che sei nei cieli…..

V. Dio : ( con impazienza ) Lo so benissimo dove mi trovo…. Alzati per favore e stammi a sentire. ( tono normale ) Ho un progetto che ti riguarda…(pausa) Ho deciso di organizzare un secondo diluvio universale…

Claudio : ( con stupore interrompendolo) Piano, piano Signore!!  Si fa presto a dire “organizzare un diluvio”… Va bene che in questo mondo ci sono ancora cose che non vanno e che andrebbero ripulite …

V. Dio : (interrompendolo)E quali sono le cose che non vanno?

Claudio : Sono talmente tante che non basterebbe una seconda vita per elencarle…

V. Dio : Allora vedi che faccio bene a fare un bel repulisti….

Claudio : (tono supplicante) Non farlo qui, ti prego. Già quelle quattro gocce d’acqua che ogni tanto cadono,  procurano allagamenti, frane, crolli di case…. che poi nessuno riesce a riedificare perché i fondi, per il troppo fango, vanno a finire sempre in zone più asciutte (indicare la tasca della tonaca) …..  Scusa, non ti conviene organizzarlo in un paese più ordinato… come… come  la Svizzera: quelli sono talmente precisi che basta dare il giorno e l’ora stabilita, fanno …….

V. Dio : (interrompendolo)  Parla piano, sapessi che fila di raccomandazioni mi trovo sulla scrivania, solo per aver pronunciato la parola “diluvio”…..

Claudio : Perché rendi edotto il tuo progetto a questo umile prete di  paese?

V. Dio : (infastidito)Perché, perché, perché!! Perché? (pausa) Il capo sono io e decido come credo più opportuno!! Questa volta sarai tu a costruire un natante e con esso salverai tutta la sola popolazione di questo paese.

Claudio : Signore, una nave come il Titanic?….

V. Dio : (meravigliato) Titanic? Come idea non sarebbe male, ma se ben ricordo non fece una fine gloriosa.

Claudio :  Allora una bella nave italiana, telefoniamo alla “Costa Crociere” e noleggiamo….

 V. Dio : Scusa, qualche tempo fa non c’è stato un problemino con una nave di questa “Costa”?

Claudio : Hai ragione e si chiamava anche “Concordia”……….

V. Dio : Lascia stare: costruite la solita ARCA e credimi, questa vi porterà a buon fine!

Claudio : E questo … e questo diluvio quando dovrebbe avvenire?

Voce di Dio : Vediamo……..(pausa)  Domenica è festa di precetto, lunedì i barbieri sono chiusi, martedì: ne di venere ne di marte si dà inizio all’arte….avverrà mercoledì…. Ti do tre giorni di tempo.

Claudio : (ironico) Solo? …..

Voce di Dio : All’alba di domani suonerai le campane, chiamerai a raccolta i tuoi parrocchiani e darai la lieta notizia.

Claudio : (al pubblico) Sai quante risate……

Voce di Dio : ( continuando imperterrito il suo discorso ) Comincerete a lavorare all’alba del secondo giorno, in quanto la prossima notte, l’ho destinata alla procreazione. Ogni uomo giacerà con ogni donna e genererà un figlio…..

Claudio : (interrompendo) Signore, anche chi ha superato l’età della procreazione?

Voce di Dio:Anche! Tutto in me è possibile……

Claudio : E chi non è “accasato”?

Voce di Dio:(spazientito) Perché credi che abbia creato più donne? Per dare possibilità all’uomo di non restare mai solo. Secondo i miei calcoli, ci sono sette femminucce per ogni maschietto, forse qualcuna di loro resterà sola…

Claudio : (al pubblico) Ma non c’è una canzone “Uomini soli”? Mi sa che lassù, qualcuno non ha avuto il coraggio di fargli notare alcune situazioni anomale. ….

Voce di Dio:(spazientito) Non farmi perdere il filo del discorso… Concepiti in questo vecchio mondo, nasceranno nel nuovo …… Ragazzo sarai capace di svolgere questo compito?

Claudio : Figuriamoci, già sento le risate nelle orecchie e non solo faranno del tutto per ricoverarmi in manicomio.

Voce di Dio : Arrangiati! Questo è il mio volere! Mi rifarò vivo di tanto in tanto … ah, ma solo tu potrai sentirmi.

Claudio : Signore.

Voce di Dio : Cosa c’è?

Claudio : (quasi ribellandosi) Non posso mettermi a suonare le campane all’alba!….Facciamo qualche ora più tardi…

Voce di Dio : ( tono agitato ) E’ un ordine!

Claudio : ( con tono remissivo ) Signorsì!

Voce di Dio : Ti garantisco che la campane suoneranno all’ora stabilita! Ora ti saluto,. A me!

Claudio : Come?

Voce di Dio : A me, A - dio….. A - me. Capito?

Claudio : (pensioroso ) Ah già. A -dio ….. A - me! Buona questa!...... (pausa, come svegliatosi da un incubo) Oddio!! Ho parlato con Dio…. ( tono agitato )….. Dio padre onnipotente ….onniveggente….

comincia a CANZONE  O mio Signore  – 

O mio signore, in questo mondo, io non ho avuto tanto. Eppure sono contento , sono contento. O mio signore io ti ringrazio di ogni cosa che ho avuto. Grazie per tuitto quello etc…etc…

finito la canzone si deve sentire un forte sibilo)  Signore, sei tu?

Voce di Dio : ( contrariato) No, è il vento che si incanala nella fessura della tua finestra! ( sconsolato)   Ho paura di non aver scelto la persona giusta, ma!!

          Claudio si accascia per terra svenuto.

PIAZZA

La scena deve riprendersi nella parte che rappresenta la piazza del paese. Le luci appena accennate, per rappresentare l’alba,  immettere il verso del gallo. Un possente scampanio deve far apparire  Claudio, che alza le mani e gli occhi al cielo.

Claudio : ( tono agitato) Che fretta!! Tra poco le avrei suonate io……….

Voce di Dio : ( normale) Sbrigati, invece di bla..bla..bla, dai la novella.     (il suono delle campane deve smettere all’apparire sulla scena della gente assonnata, Nina s’avvicina al prete.)

Nina : ( tono malizioso) Don Claudio ….  le sue campane mi hanno svegliata nel momento meno opportuno, sapesse cosa stavo sognando………. Mi sa che devo confessarmi….

Claudio : ( irritato e contemporaneamente smarrito ) Non è il momento.

Peppe : Don Clà, perché ci hai scampanellato? Che c’è? Che su..succede? Inzomma che voi? (vocio generale)

Claudio : ( con aria innocente ) Che succede?

Peppe : Come “ Che succede “, so..so io che chiedo a lei, non voi a me.  Se tu che ci hai fatto venì qua scampanellanno o no? (vocio generale)

Claudio : (con aria indecisa ) …… No….. Si….

Peppe : ( tono  sostenuto ) Sine o none? E ca..campane l’avete sonate voi, tu o no?

Claudio : ( sempre smarrito ) ….. No …… Si…..

Peppe : Sine o None? I quasi so due!…. Cioè i cavoli so due….

Claudio : ( sempre imbarazzato) Non sempre, credetemi, non sempre!

Nanda:   preoccupata) Don Clà, nun ce fa’ sta in pena…..

Claudio : ( chinare il capo e con voce soffocata ) Dirò tutto….

( Tutti fare un OH di sollievo)

Peppe : ( tono autoritario) Visto c’ a Chiesa ha de..deciso de confessasse, popò…...

Tutti:(in coro)No, a cacarella, NO!! (sorriso generale)

Peppe: (irritato)  …. POTEMO dichiarà aperta a seduta d’eme…rgenza der Consiglio Co….comunale, si? ( attendere il cenno d’assenso della gente ) Allora mettemoce seduti …… (  sedersi in circolo ). A parola ar nostro Cu.. curato…

Claudio : ( con disinvoltura ) Bella giornata è stata oggi,  ma ho l’impressione che da domani il tempo peggiorerà di brutto.( guardare il cielo) di molto brutto……….

Peppe : ( guardare la folla e poi il parroco )  E ci hai cacciato dalle “coperte” pe dicce come và er tempo? ( brusio generale ) Portateme mezzo litro che me svejo bo..bono..bo..bono!

Claudio : (tono impacciato ) Beh….. in un certo senso…. È così….( altro brusio generale, con voce soffocata e sguardo imbarazzato ) Ho parlato con Dio e……..

Peppe : Sssss… n’amo capito,  ca detto? (la mano verso l’orecchio )

Claudio : (tono deciso, parlare velocemente )  Ho parlato con Dio!! M’ ha affidato un grande compito e ho bisogno di Voi tutti per realizzarlo……….  (ritornare al tono imbarazzato )….. Vi sembro pazzo, lo so….. ma ho parlato d’avvero con Lui! ( brusio generale, commenti, meraviglia, alzandosi)

Peppe : ( alzando le mani e con voce forte ) Scscscscsc….Carma! Stamoce carmi, pe.. pepè…        

Tutti: (preoccupati) Pure a trombetta!!

Peppe : (irritato)  PEPIACERE!! ( volgendosi al prete, con voce calma ) Don Clà, tu er mestiere tuo o sai fà….. Nonn’è a prima vorta che ca scusa d’ esigenze divine chiedi qua…quattrini. Che te serve sta…stavorta?

Claudio : (con calma ) Un’ arca.

Peppe: ( con stupore) N’arca che? Che d’è?

Claudio : Un’arca. ( normale) Dobbiamo costruire un’arca …. Come quella che fece Noè… Deve galleggiare per salv..…

Peppe : (ironico ) Se capisce…. ‘Na nave come quella de Noè e deve pure galleggià…. ……. ma vedi d’annà a….! ( rivolto alla gente, questa volta il tono serio ) Ho capito d’an pezzo che sto ragazzo un sta bene de capo….

Nanda :  Volete di come er carro de carnevale …. ( Tutti mormorano)

Claudio : (serio ) No. Ci sarà un secondo diluvio universale….. ( brusio generale ) Solo il nostro paese si salverà. (pausa) Siamo stati scelti per ripopolare la nuova terra.

Nina : ( interrompendolo ) Ripopolare? Che idea magnifica!…….

Claudio :  NINA!

( Tutti si devono scambiare occhiate di imbarazzo. Il sindaco, alzandosi, mettere affettuosamente il braccio sulla spalla del prete )

Peppe : Va a dormì, da bravo.(Claudio scuote la testa in segno di sconforto ) Se mai ci fu un curato bisognoso d’esse curato quer curato sete Voi, sor cu..curato mio….. (risatina generale ) Bono sto gioco de frase. Bo..bonanotte!!

Claudio : ( sconfortato ) Non sono pazzo! ….  È Dio che mi svelato questo progetto.

( Brusio generale )

Checco: ( tono risentito, verso tutti )Ha parlato cor Capo che c’è de male?

Peppe : ( alla folla con calma) Zitti, boni, un po’ de civirtà….. ( al prete)  Dunque! Voi  avete pa…parlato cor Boss. E come?

Claudio : Gli ho parlato… gli ho parlato al…. ( si ferma ) Come “come”?

Peppe : Co che impianto? N’apparizione, un sogno? N’amo, come ve sete  chiacchierati?

Claudio : ( abbassare la testa, con voce soffocata ) Al telefono…

Peppe : (risata generale) Come, come? Ar tele…telefono! (Ironico) Co n’ interurbana foricontinentale?….

Claudio : ( tono compassionevole) Se fossi al vostro posto non crederei.

Peppe : Semo d’accordo pa prima vorta ne sta storia…. ( prendendolo per un braccio) Ve…ve..vedi fijio, quanno te pare, sai di cose bone….. Vieni, su bravo, annamo a dormì….  ( Nel frattempo rintocchi di campane in lontananza.)

Claudio : (urlare, indicando in alto) LE CAMPANE!!

Peppe : ( saltare per lo spavento ) Che paura! Che te strilli? Che ca..campane?

Claudio : Non sono stato io a suonarle, ma Lui!!

Peppe : (indispettito) Chine?

Claudio  :  ( indicare il cielo )  LUI!!

Peppe : ( scuotere la testa, rivolto alla gente ) Ce vo’ er medico,  no specialista…. Come se chia..chiamano  i  dottori che curano li preti? C’è quarcuno dentro sta pi..piazza?

Nina : ( intervenire con animosità ) Papà, perché non vuoi credergli? Don Claudio ha parlato con Dio. Che c’è di strano? Se io fossi Dio, gli telefonerei ogni giorno….

Peppe : (con calma, guardando tutti) E va bene, ammettemo, che ce sarà sto ac.…quazzone. e noi  ce sarvamo sopra qua cosa.  Perchè proprio noi…. Eh?  ( a Claudio) Don Clà, risponni, pe…pe..cchè solo noi?

Claudio : (con calma) E perché….. e perché sono il capo e decido così!!

Peppe : ( indispettito) Ma che ca.. cavolo de risposta me dai?

Claudio : ( tono calmo ) E’ la risposta che mi ha dato Dio!

Peppe : ( sconsolato) Te pareva!!.

Checco : ( rimboccandosi le maniche ) Don Clà, se me dici come va fatta st’arca, io comincio subbito subbito a fa’ quarcosa…..

Claudio : E’ come una nave, una grande casa galleggiante, che con l’immagine di San Frumenzio, ci proteggerà dalla tempesta. Ce ne staremo chiusi dentro, stingendoci l’uno all’altro….

Nina : ( interrompendolo, saltellante ) Oh si…. Si, si!!!

Claudio : ( ignorare )…. pregando per ricominciare la vita sulla nuova terra. Perciò, porteremmo con noi tutto quello  che potremmo: i semi delle piante, i nostri animali…

Checco: ( interrompendolo ) Ah no, er toro un ce deve da salì!

Peppe : Senti Don Cla’, l’urtima domanda e poi sciojemo sta’ co…… compagnia… Proprio un te viene in capo che Dio poteva chiamà ar telefono che so’, a Roma uno tutto vestito de bianco …( Mormorio generale)

Claudio : (allargare le braccia, sconfortato) Non lo so…. Mi sono tormentato tutta la notte  cercando una risposta che non c’è.

Peppe : Così me piace…. (rivolgendosi a tutti) Scordamoce tutto e ri…...ricogliemoce a casa e co un bicchiere de vino, dormimo meglio…. 

Checco : ( con forza) E no! Quarcosa de vero ci addesse….. se prima e campane hanno scampanellato da sole!

Nina : ( con allegria) Le faccia suonare ancora, padre.

Claudo : Non posso…

Peppe :  ( con ironia) Ce credo, er solito trucco…..  (“sì”  generale) ….

Claudio : ( contrariato) Sarebbe troppo comodo… Dio vuole che Voi crediate perché avete fede… non costretti per un miracoluccio….

Nina : Sì, un miracolo…. Sono sicura che lei può, se vuole!

Claudio : Nina, ti pare possibile  che io faccio un gesto con la mano…e le campane tac…. (mimato il gesto azionare il suono di campane ) suo..na…no!! ( tono incredulo meravigliato )

Tutti si devono bloccare sbalorditi, guardare in alto. e contemporaneamente 

 Tutti e Coro :    CANZONE Le tre campane 

Cala il vento nella valle  un mattino come tanti nasce un uomo. Lui ha  un solo giorno e tutti quanti stretti intorno che lo portano alla chiesa. La campana del villaggio oggi suona anche per lui etc…etc…

Tutti : (gridare  ) Viva don Claudio!!

Peppe : (spostarsi al centro, come se dovesse fare un comizio. Con ironia e voce ben ferma )  Di grann’ effetto, a parte quarche sto..stonatura. ( pausa, poi con tono imperioso ) Ci….ci..cittadini!! Fateve sto barcone!!

Nina : Viva papà

Tutti : Viva er Sinnaco!!

Peppe :  Se poi sto di..diluvio un ce fosse, sto carrozzone potrebbe diventà ‘na vera attrazzione tu…turistica….ca’  sto paese manca……………..

Nanda: ( scandalizzata ) Peppe!!!!

Peppe  : (perplesso ) Ho detto qua..quarcosa de sbajiato?

Claudio : Niente, l’importante che lei ci fornisca immediatamente il legname necessario….

Peppe :  Pa…pa…rdonne…( tono ironico ) N‘ho capito l’urtima fra..frase (la mano sull’orecchio)

Claudio :  Signor sindaco, è proprietario della montagna ar Castagneto?….

Peppe : ( indifferenza) Oui

Claudio : … ogni singolo albero è suo…

Peppe : Iesse ….

Claudio :   Allora è lei che ci deve fornire il legname.

Peppe : Nain….(brusio generale, tono angelico) Certo, legname ce vo’ e pure assai…. (allargare le braccia) Ma di..di…sgraziatamente nun ce l’ho…

Nina : ( irata ) Ma papà, il deposito è pieno di legname!

Peppe : ( tono angelico ) Venduto per i banchi della Cappella ar Convento de Ca..carmelitane Scarze, Nina…

Nina : Ma ci sono ancora tutti quei faggi da tagliare….

Peppe : ( s.t. )  Vennuti ai Cantieri Navali, Nina bambina…

Nina : ( insistente )   E tutta quella catasta ammucchiata vicino alla Stazione?

Peppe : ( s.t. )  Vennuta alle Ferrovie do Stato, Nina piccolina…. cretina…

Claudio:   ( tono preoccupato )  Se il legname non ce lo da lei, che è l’unico fornitore della zona,  chi ce lo darà?

Peppe : Pensannoce be..bene a che serve fabbricà sta ba..barca? Telefonamo a quelli che tengono le navi pe divertì (tutti assecondano l’idea)

 Claudio: (guardando in alto, con tono sostenuto) Glielo anche detto!!…..(si riprende, serio) Dopo gli ultimi episodi avvenuti con le navi da crociera, credetemi, l’unica sicura, che ci porterebbe a buon fine, è la costruzione dell’ ARCA.

Peppe : Allora se vo..volete er le..legno, perchè, voi che sete intimo ca Sacra Famijia, nun fa un corpo de te..telefono a San Giuseppe? ( sorriso ironico ) NANDA, NINA, annamo a casa! ( si rivolge al prete ) Caro clero,  se nun posso offrì er legname, offro la mia simpatia ( s’inchina e con un cenno alle due donne si allontana dalla scena, lasciando tutti dispiaciuti.  Claudio sospira, allargare le braccia scoraggiato.)

Checco : (dando lievi pacche sulla spalla del sac.) Don Cla’, te scoraggi?….. Che te frega! Fa na cosa, scocca li dita e vedemo come apparisciono i legni….. sbricate prova!! (un brusio generale accompagna l’idea di Mico )

Claudio : Che sciocchezza pensate…. ( irato )  M’ avete preso per un… per un santo!

Checco : Ma e campane ….. oddio un gran miracolo n’un m’è sembrato, ma p’esse a prima vorta, nun c’è male… prova, tanto pe fa schiattà de rabbia “Mezzo litro”!!

Claudio : (indicare l’uscita e con tono solenne) Andate a casa ora…. Il Signore, se vorrà, farà Lui qualcosa per noi.

Tutti si devono allontanare. Rimane solo Cl, guardarsi intorno, poi con aria angelica, verso l’alto,

Claudio: Signore, f’apparì il legname per l’arca! (scoccare le dita della mano. Scoraggiato) Embè?

Voce di Dio : (con normalità) Scusa, ma, in qualche parte di questa terra, non avete un tizio che ha più legname del vostro sindaco? Come si chiama…. Iche….Iche…

Claudio: Ikea Signore! Ma è lontano da noi e poi, anche se riusciremmo ad avere quel che ci serve, ci vorrebbero mesi per comprendere  le istruzioni che allega per il montaggio. E’ capace, Signore, che invece di una barca esce fuori un’armadio…

Voce di Dio : E allora arrangiati con il sindaco…

Claudio : ( tono confuso ) Bell’aiuto….. Chinando il capo ubbidir tacendo!! A testa china avviarsi fuori di scena

PIAZZA E SACRESTIA

 Poco dopo apparire il sindaco, indaffarato a guardare delle carte, seguito dalle due donne. Nina, piagnucolare sulle spalle della madre.

Peppe :  (senza distogliere lo sguardo dai fogli, con tono marcato ) Nì, se n’a finisci de piagne, te frego quattro, almeno te do un motivo de lacrimà davvero…..(la madre cerca di consolarla battendole le mani sulla spalla, mentre l’uomo rimane impassibile)

Nanda : ( rivolta a P con tono sostenuto ) Nun te capisco proprio, perché nun voi crede ar prete.

Peppe: ( questa volta volgere lo sguardo alle donne ) Perché? Come perchè! M’ha chiesto de dajie e palanche! E so come chiede a Chiesa quanno vo..vole…

Nanda : Se uno  crede, crede e basta, a qualunque prezzo, ….

Peppe : Ar prezzo che vojo io va bene… E poi, se Dio ci ha veramente bisogno de legna er sistema ‘o sa tro…tro..trovà…. ( contemporaneamente deve squillare il telefonino ) Pro…pro…

Nanda :(con ironia)  Provole, caciocavalli e mozzarelle….

Peppe:  (agitandosi) PRONTO…. Si?  Sono er sinnaco…. Chine? I Ferrovie

do Stato? Tranquillo, capo è tutto pro..pronto…. er carico parte domani (cambiare espressione del viso, preoccupato) Che significa “ Non ci serve più”. ( Nina e la

madre guardarsi stupite. Riagganciare sconcertato.) …. Tanto er  guadagno o faccio co i Ca..cantieri (Deve squillare nuovamente il telefonino) Si? Cantieri Navali?  ( Nina e la madre, si avvicinano all’uomo, con aria serena ) Come che? Come che? Co…me?( preoccupato, tono soffocato) Nun volete più i le…? Pepè…perchè?…. Ah, sequestrato er Cacà.. ntiere dalla Finanza…..….hanno scerto er momento giusto (adirato ) ME FACCIO DU RISATE QUANNO L’ACQUA  V’AF…FOCA TUTTI QUANTI….. (si ripiglia) Ma che sto’ a dì! …. Un discorrevo co voi!…..( riagganciare, con il viso affranto. Rivolgendosi alle donne ) Nun me guardate co ste facce de ca…cacchio….. So che ve gira pe la capo ma nunn’è vero….è pe na co..combinazione …(pausa lunga, poi con sorriso) me bastano le Sca..scarze…. Co quelle intasco pe tre!! (Risuonare insistentemente il telefonino. P. su e giù nervosamente, le due donne guardarsi stupite; Con tono scoraggiato e veloce l’uomo risponde.  )  Sine…sine so er sinnaco, chi è!!.

Contemporaneamente illuminare Claudio che parla al telefono con  una molletta dei panni al naso. Imitare la voce di donna con accento veneto.

Claudio : Sior Sindaco, Xe suor Angela del Convento di santa Carmela, ostregheta….  Me spiase tanto, benedeto figliolo, ma il legname non xe serve più…. Ostrega!!

Peppe:  ( espressione cupa, voce soffocata ) Ma nun dovete fa’ li ba..banchi pa cappella? Come fate senza li banchi?

Claudio : Xe un fioreto …. restemo tutte in piedi e scalze, benedeto figliolo.

Peppe : Pure io devo da fa er fio..fio..retto? (agitato ) Voi m’avete ordinato tre, dico tre quintali de ligna, ho già segato i palanconi e mo? Dove me li sbatto tutti sti palanconi?

Claudio : ( con forza) Se li metta al…( con tono serafico) Mi son monaca….. non xe pratica de ‘ste cose. Riverisco.

PIAZZA

(Peppe interrompe la comunicazione con rabbia. Claudio simultaneamente aggancia, strofinandosi le mani in segno di contentezza, buio su di lui per uscire di scena. Le due donne, devono mostrare allegria, mentre P passeggia su e giù nervosamente)

Nanda : ( piano  rivolta alla figlia ) Grazie, San Frumè!!!.

Peppe : ( nervosamente ) Tenevo tre ordinazioni ( mimare con la mano il numero ) e so stati cancellati in tre mi..minuti…. Tre!! Dico tre!!….( rivolto alle donne) E qua, mi moje pre..prega e mi fijia ride…. ( allargare le braccia in segno di sconforto . Nell’istante apparire Claudio, con la faccia candida )

Claudio : Salute e ricchezza.

Peppe : (nervosamente ) Pure! So fracassato e me sento di “ sa..salute e ri..ricchezza”!

Claudio : (st)  Fracassato? Cos’ è successo?….….

Peppe: (abbattuto) Nun ce capisco più, un capisco un caz….!!

Claudio : (serio)Signor sindaco!!!

Nanda : (tono felice immediatamente) Don Clà’, due minuti fa dovevate esse quà …. Na’ cosa dell’artro monno!!!!

Peppe : (rivolto alle donne, minaccioso ) La prima che parla de miracolo je freco un cazzotto in fa..faccia, ( mimare il gesto )… Anche se tiene a sottana

Claudio : ( facendo finta di non capire )  Allude alle signore?

Peppe :  Tri…. alludo, inteso!…..

Claudio : (alle donne) Volete spiegarmi?

Nanda e Peppe : ( in coro ) Dunque, sona er telefonino….. ( i due si guardano . Intanto Nina deve mostrarsi provocante, per destare l’attenzione di Claudio)

Peppe :  (sguardo duro alla moglie, poi si rivolge a Claudio, preso dalla ragazza, imbarazzato )  E sa chi era?

Claudio :  (non ascolta la domanda ) trentottomila per quarantasettemitrecentose……

Peppe : Eh? Ma che sta dà i numeri?

Claudio : ( come svegliato ) Mi scusi, un istante di pausa contabile…. Adesso che le ordinazioni so tutte annullate, ci darà il legname….

Peppe : Beh, sicuro…… ( pausa, cambiare l’espressione del viso, come scosso da un fulmine ) Come, come, come? E voi che ne sapete dell’ or..ordinazioni?

Claudio : ( spaesato ) Lo ha detto lei.

Peppe :  No!

Claudio : ( candido verso Nanda ) Forse la signora.

Nanda : ( dispiaciuta ) No.

Claudio : ( immediatamente )  Nina.

Nina : Si, si….

Peppe :  Eh none, none! E bravo don Claudio ( prendere il telefonino e digitare un numero, ) o dico sempre che p’ ogni cosa c’è na  loggica….(guardare fisso il prete; al telefonino ) Pronto …..Convento delle Monache Sca..scarze?.

Claudio :  ( immediatamente alzare lo sguardo al cielo,  mettersi con le mani giunte,)

Peppe : Suor An’, so io……. Volevovi avvertì che er carico de legname sta partì………..

Voce di Dio :  (imitatre la voce della suora veneta, con tono irritato) Ma insomma, benedeto! Glielo ho già detto tre minuti fa….. Non insista….. Ela fa scappare la pasiensa anca al Padre Eterno! I suoi palanconi non xe servono più benedeto. Riverisco sior falegname (rumore di interruzione linea)

Peppe :  (sconcertato, come un automa chiude il telefonino, senza dire una parola )

Claudio : ( con volto pieno di gioia, lo sguardo al cielo, sussurra ) Grazie!!

Voce di Dio : ( tono irritato ) PREGO!

Peppe : ( ripresosi, scuotere la testa ) E va bene….Cle..clero, pare che ci avete raggione…

Claudio : Grazie signor sindaco ( cercando di stringere la mano all’uomo, mentre la moglie e la figlia cercano di abbracciarlo. Arrivano anche gli altri nel sentire la contentezza delle due donne )

Peppe : Basta!! (con le mani allontana tutti ) A legna è mia e nun va vojo dà!!

Nina : Perché?

Peppe :  (con arroganza) Perché?Perchè?Perchè?.......Perchè è mia e nun me va de davvela, vabbè?

Tutti :  (adirati)Tientelo quer fracicume de legname, un ce serve più!!!

Peppe : ( con aria indisponente, li guarda, poi deciso ) Un ve serve più eh? O sapete che nun ve serve più? Er sinnaco…. ( tutti tacciono ) Do e dimissioni e ME NE VADO…( muovere i primi passi. Gli altri restare fermi.)

Tutti : (contenti) Finalmente!! Ce voleva sta storia pe faje capì che se ne doveva annà!!

Peppe : (girarsi con aria di sfida) Nun ve pre…preoccupate, VENGO TORNA!!!! (si rimuove. fermarsi di nuovo,  stesso tono di voce )  CHI CARABBIGNERI!!

Claudio : (animato, vocio generale ) Signor sindaco, lei non può fare questo! La notizia del diluvio non deve trapelare, il paese verrebbe preso d’assalto e……

Peppe:  ( con ironia) Ma benedettu fijo, ma chi voi che ce crede a sta pajacciata! Voi sete senza responsabilità e io ho er dovere de denun..ciavve (tutti cominciano a farsi intorno) Mica m’ho potete impedì ( guardando lo strano movimento )

Claudio : ( urlando ) SIIII!!

Peppe : Siii? (spiccare un salto e correre per il palco seguito da tutti..)

Claudio : Prendetelo!!!! (Con sottofondo musicale il palco deve animarsi di una continua corsa. Il sindaco con agilità deve schivare gli ostacoli. Poi stanco si deve far prendere )

Peppe : ( ansimando rivolto a Cl) Un finisce quà… So..sona… so…sona pure ‘e

campane…… che io sono ‘e trombe .. ( e con la bocca emettere suoni stonati. Tutti ridono )

Claudio : (ironico) Finalmente è intonato. Ragazzi, portatelo in cantina e chiudetelo a chiave. (due prendere il sindaco. Appena si sente le mani addosso, cerca di svincolarsi )

Peppe :  CACCIATE LE ZAMPE! Mi ritiro nel du..duro confino ma rinasco più… più forte di mo’ (uscire con passo solenne, seguito dai carcerieri )

Claudio : ( sospirare dispiaciuto; poi rivolgersi alle donne ) Non c’è tempo da perdere. Figliole, andate a cucinare un pasto abbondante per i vostri uomini. Ne avranno bisogno.      ( le donne escono. Poi si rivolge agli uomini in modo infervorato )  E voi andate a preparare i vostri strumenti.

Tutti : SIIIIIIIIIIIII

Claudio : Ce la faremo, vedrete. Egli guiderà la vostra mano.

Tutti : SIIIIIIIIIIIIII

Claudio : Lavoreremo tutta la notte, se necessario.

Tutti : SIIIIIIIIIIIII

Voce di Dio :  (con voce possente ) SERGIO!

Claudio: ( infervorato, non sente la voce ) Si tutta la notte.

Voce di Dio : ( insistendo , s.t. ) SERGIO!

Claudio : (sempre infervorato ) Al lavoro, operai del Signore! Affilate le vostre accette e lasciate una scia di tronchi dietro di voi!

Tutti : SIIIIIIIIIIIIII

Claudio : ( s.t.)  Fate che i vostri martelli (prenderne uno e fare l’atto di battere   qualcosa ) colpiscano forte, più forte (darsi una martellata sul dito )… Ahi…ahi!!

Checco : Frecate che botta, te se fatto male?

Claudio : ( tono strozzato ) Niente… niente…. (  soffiare sulla mano )

Tutti : ( uscendo di scena ) Ci vidiamo….

Claudio : (appena solo, saltare da una parte all’altra ) Ahi… ahi… che male….. dannato demonio!!!

Voce di Dio : ( con calma ) Scusa, ma era l’unico modo per fermarti.

Claudio : (ironico) Un altro modo no?Che ho fatto?

Voce di Dio : (  ironico ) Puareto lu!. Mi sembra essere stato chiaro  a cosa avevo destinato questa notte o no!

Claudio: (dopo un momento di smarrimento, picchiarsi in testa con il palmo della mano) La procreazione!! “ Gli uomini devono giacere con le donne “….. A forza di non pensarci, me ne ero dimenticato…. (tono imbarazzato)  Non sembra un grosso problema…

Voce di Dio : Non ti sembra? Va a vedere!

Claudio : Ma……….

Voce di Dio : ( con tono irritato ) T’HO DETTO, VA!!

Claudio : Che carattere!! (avvicinarsi al fondale, guardare fuori. Deve sentirsi un gran vocio e rumori di gente che sta lavorando )

Voce di Dio : E questi, con tutto il lavoro che stanno facendo, secondo te, avranno poi la forza di pro..cre..are? (aumentare i rumori per far capire  che si sta lavorando alacremente ) Come al solito devo rimediare a tutto….. Bene cominciamo!! Un po’ di atmosfera è quello che ci vuole…….. Ragazzo, guarda che regista: ( Sergio deve spostarsi in un lato del palco.) “Roma non fare la stupida questa sera, dammi una mano a farle dire di si…

Claudio : (imbarazzato)Signore… Signore….

Voce di Dio : Che c’è!... “Scegli tutte le stelle, le più brillanti che hai…..

Claudio : (imbarazzato)Signore… Signore….

Voce di Dio : (irritato)Che c’è! Sto lavorando per te!

Claudio : (imbarazzato) Non per contraddire il tuo operato, ma non stiamo recitando “Rugantino”…. Questo è un altro spettacolo e….

Voce di Dio :(imbarazzato)Dici che ho sbagliato rappresentazione?

Claudio : (imbarazzato)  Credo proprio….

Voce di Dio :(imbarazzato)Ah questa età!... Bè, allorausiamo il sistema infallibile: San Nereo,  creami una notte talmente adulatrice che nessun essere vivente potrà resistere al richiamo della…. diciamo natura, và!….. ( buio in scena )… San Zefiro, un soffio tiepido e carico di profumi (effettuare rumore del vento)…. Sant’Illuminata avanti con le stelle ( manovrare alcuni luci ) Più stelle, di più (movimentare con luci.)  E ora Santa Selene su con la luna. ( lavorare con l’occhio di bue ) Non un quarto. di più se non vuoi che ti licenzi…TUTTA!!! (allargare l’ingrandimento, lentamente. Completato il movimento, simultaneamente in sottofondo la musica della CANZONELa notte è fatta per amare…).  Come volevasi dimostrare , sono forte, eh?….

Claudio :  (al pubblico)  Ma sta musica, non era in voga qualche tempo fa?…….

Voce di Dio : Beh, adesso canta.

Claudio : Che?

Voce di Dio : Devi cantare…. Can…ta…re…

Claudio : Ma non sono capace….

Voce di Dio : Sergio!! Menti al tuo Dio?!?… E quando gorgheggiavi “ Aggiungi un posto a tavola….”  Cosa facevi? Sognavi!…. Avanti, canta, esortali all’amore…

Claudio :  (stupito ) Signore, sono un prete, posso consigliare solo l’amore spirituale….

Voce di Dio : Ci manca solo questo!  Mi sa che devo effettuare parecchi cambiamenti, quando rifarò il nuovo mondo…

Claudio : Va bene, almeno un piccolo accenno di cosa….

Voce di Dio : Anche paroliere, uffa!! Santo Gionni aiutami ( sussurrare alcune parole del testo canzone:La notte  è fatta per amare, ma per chi è solo come me, la notte è fatta per soffrire e ricordare chi non c’è. Ho solo un desiderio rivedere te…

Claudio : (al pubblico)  Un Hit Parade attuale lassù non arriva? So rimasti agli anni

60….. Cosa devo cantare?

Voce di Dio : ( tono innervosito ripetere le parole velocemente) La notte  è fatta per amare, ma per chi è solo come me, la notte è fatta per soffrire e ricordare chi non c’è. Ho solo un desiderio rivedere te…

Claudio : Ho capito…

          nell’istante comincia la musica e iniziare a cantare: La notte  è fatta per amare, ma per chi è solo come me, la notte è fatta per soffrire e ricordare chi non c’è. Ho solo un desiderio rivedere te…

Coro : (da fuori scena deve attaccare il pezzo poi apparire tutti sul palco.Claudio cantando deve formare le coppie .

(A fine canzone, ogni coppia  deve uscire di scena frettolosamente)

Claudio : (guardando l’ultima coppia scomparire,con un sospiro  deve allontanarsi)

PIAZZA

Appena uscito il prete, da dietro le quinte

deve cominciare la CANZONE  Vita spericolata :

voglio una vita  maleducata di quelle vite fatte così, voglio una vita che se ne frega di tutto  etc..etc..

entrata di Costanza vistosamente vestita -  deve rappresentare una prostituta, quindi giocare con il trucco -  Appena terminata la canzone, con voce forte

Costanza : Uomini, eccomi! E’ arrivata Costa, per voi Lady Consolescio di nome e di fatto. Per confortarvi ho certi argomenti, provare per credere.  Il mio motto è: se non restate contenti vi rimborso la consumazione!!…    ( gli uomini apparire immediatamente sul palco e circondare la donna.

          Checco con aria di chi non capisce cosa sta accadendo, si rivolge alla donna,

Checco:  (con indifferenza) Senti un po’: n’ho capito tu che ci hai da venne….

Costanza : ( tono stupefatto ) Noooo?

Checco : Nun ci hai a bottega… ‘addove a tieni a robba?

Costanza :  ( sorridendo ) Addosso la porto. (avvicinarsi in modo tale da fargli vedere l’attaccatura del petto ) Guarda qua!

Checco : ( guardando in modo normale ) Io vedo solo un paro de zinne grosse!

Costanza :  E che ne volevi vedè quattro? ( risata generale. La donna si rivolge a questo e a quello, con malizia )  Mi volete ?

Coro di uomini : SIIIIIIIIIIIIIII( tutti  battono le mani. Luce sulla sacrestia)

SACRESTIA

Claudio : (camminare su e giù, tono abbattuto ) Che disastro… che disastro, questo arrivo non ci voleva…. La notte della procreazione… Ah se Dio lo sapesse!!

Voce di Dio: ( tono maestoso ) SO TUTTO. Sono in cielo, in terra, in ogni luogo, se non ti dispiace!

Claudio : (fermarsi, guardando in alto) Oh Signore…. Cosa faccio dopo quanto sta succedendo?

Voce di Dio : Cosa sta succedendo ?

Claudio : ( stupito ) Ma come, sei Onnipresente!!

Voce di Dio : ( tono imbarazzato ) EH…. (lieve tosse ) un attimo di disattenzione… ho una certa età. Cosa è successo?

Claudio : ( al pubblico ) Andiamo bene!… ( poi con calma ) E’ arrivata in paese una prost…… una pecorella smarrita e tutti gli uomini hanno abbandonato le proprie donne per  passare…… la notte con lei..

Voce di Dio : ( sbalordito ) Con una pecora?

Claudio : ( sbalordito ) Ma no Signore!!….. Una …una che vende il proprio corpo… una…

Voce di Dio : Ho capito!! … Non sono nato  ieri….. ( pausa) Ma come, ognuno ha la sua donna  perché preferiscono il letto di una sconosciuta?

Claudio : Sai come è fatto l’uomo.

Voce di Dio : ( forte) NO!!

Claudio:  ( stupito ) Lo hai creato Tu!

Voce di Dio :  Io ho fatto il primo, che era un capolavoro…. Poi, deve avermi preso  la mano. ( tono sbrigativo ) Beh, non perderti in un bicchier d’acqua… Manda da questa, a proposito, come si chiama…. Maddalena?….

Claudio : Che c’entra Maddalena ?

Voce di Dio : Ah, già…. Quella era l’amica di mio figlio…. Manda da questa pecorella smarrita uno che non sa come trovarsi l’anima gemella. C’è sempre un timidone nella compagnia. Questa pia donna saprà indicargli la giusta via  impegnandosi anche tutta la notte …

Claudio : Signore, l’unico timidone del paese, sono io.

Voce di Dio: ( irato ) Cosa vorresti fare?… Diciamo che da un orecchio non ci sento bene!!

Claudio : Era solo per Tua conoscenza… ( pausa)…C’è, ma sì…c’è Checco…

Voce di Dio: (stupito)Checco? Che santo è?... Non sembra essere in elenco nel Catalogo Santiriologico…..

Claudio : E’ il diminutivo che la gente di questo luogo da al nome Francesco….

Voce di Dio:  Checco…. Francesco… Che idioma si parla in questo paese? L’italiano no? Va avanti, non farmi perdere tempo….

Claudio : Checco non è il tuo esemplare meglio rifinito. Ha un piccolo difettuccio…..( tono imbarazzato) non ha….…

Voce di Dio : Su miliardi di esseri umani qualche errore può capitare…Quale difetto ha questo Che…checco…

Claudio : (al pubblico) Adesso come spiego la mancanza di…. (aiutarsi con il gesto della mano)

Voce di Dio : (tono inqiueto) Sergio sto attendendo……

Claudio : (imabarzzato, aiutandosi con le mani)Gli manca… gli manca…

Voce di Dio: Ho capito… gli manca cosa?

Claudio : Signore quando hai creato noi uomini, ci hai fatto due braccia, due gambe, la testa il….

Voce di Dio: (interrompendolo) Non ho bisogno di una lezione d’ anatomia! So quello che creai: UN CAPOLAVORO!!

Claudio : (ironico)Qualche crosta è uscita fuori, se mi permetti…

Voce di Dio: (offeso)  NON PERMETTO GIUDIZI  SUL  MIO OPERATO…..

Claudio : (al pubblico) Evviva la democrazia………..Chiedo perdono se ho osato (chinando il capo)

Voce di Dio: Andiamo avanti il tempo corre veloce e tu fino ad ora non hai combinato un granchè…Allora, dimmi cosa devo riparare a questo Checco……

Claudio : Signore, a Checco manca quella parte del corpo umano che serve  per la procreazione…….Quindi non può………. (continuare con gesto della mano)

Voce di Dio : Per così poco tutta questa perdita di tempo…. Uomo di poca fede, sono Onnipotente se non ti dispiace, risolviamo immediatamente questo difettuccio. Dunque… dov’è? Localizzamelo e vedrai! Buio, cambiare la scena.

PIAZZA

           

La piazza del paese, uomini in fila, in attesa di essere chiamati da Costanza. Checco solitario da una parte del palco. Una fascio di luce, accompagnato da  uno stacco  musicale, deve dirigersi su di lui. Fare mille mosse con la bocca e  le mani, poi emettere un grido che deve sembrare un nitrito e un muggito di toro. Scansare tutti gli uomini con forza e trascinare Costanza fuori dalla scena. Si devono udire grida di piacere e rumori strani,  poi la donna deve riapparire con i capelli arruffati  e mezza svestita.

Costanza :(con voce soffocata e affaticata ) Per il momento la bottega è chiusa …. Causa lavori in corso …. (riviene ritrascinata fuori scena, sotto gli sguardi sbigottiti di tutti. Poco dopo riaffacciarsi )…. Ma che omo m’è capitato! Furia il cavallo del west!!  (Gli uomini, si guardano con aria piena di stupore)………..

Claudio :  (apparire) E come disse San Godenzo “ GLI UOMINI TORNARONO ALLE LORO DONNE DI CORSA.”….. AVANTI MARCH!!!. (far  aumentare il passo agli ultimi personaggi. Buio completo.)

          La piazza: luci che rappresentano l’alba. Si deve sentire il canto del gallo. Il palco si deve animare prima dagli uomini, con aria contenta, in tenuta da lavoro; poi le donne, radiose, ognuna con una candela accesa in mano: qualcuna deve averne due o tre: Passaggio da una parte all’altra del palco, Checco con un grosso cero. Per ultima Nina,da un lato guarda sconsolata il passaggio dei personaggi. Appena spariscono, da fuori scena introdurre il rumore del “russare” con una certa intensità.

Nina : (tono agitato) Signorina…. Signorina che è arrivata da poche ore!!

Costanza : (apparire in vestaglia sulla scena, assonnata. Capelli arruffati e occhi cerchiati di nero ben marcato. Lentamente verso Nina) Signorina a chi, madame Costance, preco!! Vengo… vengo… chi sei?

Nina ( con voce pacata ) Signorina, sono Nina….

Costanza :  (irritata)Ancora!!Signora prego…Nina chi? (verso il pubblico) Conosco una Nina nel  mio “enturage” soprannominata la “Suina”….  (guardando bene Nina) Oh una fanciulla!

Nina ( con soggezione) Mi perdoni l’ora, signora. Ho bisogno di parlarle…

Costanza :  ( tono risentito )Beh… all’alba mi devi parlare? Dopo era peccato? Viè quà ( Nina timorosa, si siedono )

Nina (notare il disordine dei capelli) Quello che si dice in paese, vedo che è parola santa….Checco ha dormito con lei…..

Costanza : Dormito? (Imbarazzata cominciare a mettersi un po in ordine) N’ ho mai conosciuto nessuno così insonne! Così… un momento, non sarai per caso la sua ganza?

Nina ( risata ironica ) Ganza? Ah, la ragazza di Checco, per carità! ….

Costanza :(offesa ) Che c’è da ride? Magari tutti fossero come lui e lasciamelo dire da una, che modestamente, ( con vanto ) se n’ intende….(al pubblico) Dodici in due ore……

Nina  Signora, lei che ha tanta esperienza ( pausa. Poi tutto d’un fiato ) come si fa a far innamorare un uomo?

Costanza :( al pubblico ) Hai capito a ragazzina…  ( verso la ragazza) Spiegate mejio:  innamorare pe poi sposarlo o na “botta” e via?

Nina (  con tono  pacato, quasi vergognoso ) Mi contenterei se si accorgesse

di me… Sposarlo? No, non credo che sarà mai possibile….

Costanza :Ha già mojie?

Nina:  No… la sua professione non gli consente di sposarsi.

Costanza : (al pubblico) Ho capito, er solito carabbigniere…

Nina:  Veramente….

Costanza : Beh non importa. Vedemo cosa si pò fa’….Cosa sai der sesso?  (notando la ragazza imbarazzata, con sospetto ) Non dimme che alla tua età sei ancora come mamma t’ha fatto!

Nina: ( vergognosa ) E’ grave?

Costanza :(con incuranza ) Inzomma!!!. Il tuo boy è ar corrente de sta sciagura?

Nina ( con schiettezza ) Certo, mi confesso con lui di ogni cosa.

Costanza : ( forte) Ma che sei pazza!! Certamente ancora scappa ….

Nina :  Non mi sembra, mi ascolta pazientemente. E poi anche lui è casto e puro.

Costanza : (ironica) Certo, j’hanno insegnato d’esse fedeli solo all’arma! Benedetta fijia! Vedemo, de che segno sei?

Nina:  ( candida ) Vergine.

Costanza : Ah, ma allora è ‘n vizio! ( allargando le braccia.Spegnere le luci sui due personaggi)

SACRESTIA

illuminare dalla parte di Claudio e Checco che stanno preparando uno zaino.

Claudio : Checco, che intenzioni hai?

Checco : De rimetteme in paro….

Claudio : ( rimproverandolo ) Checco….  Intendevo sull’arca….

Checco :  Ah si, te vojo chiede se me combini  ‘na stanzetta pe’ me e

Costanzuccia mia ….. Pe sta un po’ tranquilli e fa i commodi nostri senza che ci spiano tutti.

Claudio : (scandalizzato) Vorresti portarla?….. Non è possibile. Il Signore ha detto “ Solo quelli del vostro paese….”

Checco :  (tono risentito) Oh,  te er principale tuo nun fate scherzi… se se nun sale Costa, nun salo manco io!!

Claudio : (adirato) Ti proibisco di parlare in questo tono! Sai a chi devi la tua notte? Al Signore. E’ Lui che ha operato in te questo cambiamento… Ricorda (tono biblico, con il dito puntato )  il Signore dà, il Signore toglie!!

Checco : ( cadendo in ginocchio preoccupato ) Eh no, no! Pè carità!! ( mettendosi le mani sull’inguine a protezione,)

Claudio:(cercando di consolarlo) Alzati, vedrai, troveremo una soluzione…(accompagnarlo verso l’uscita. Apparire immediato di Nina.)

Nina : ( entrando  con un tono di voce provocatorio ) Don Claudio!

Claudio : (indifferente ) Nina, cosa c’è …. ( lei deve  fare gli occhi dolci)

Nina : Mi voglio confessare. ( si avvicina) E’ successa una cosa incredibile….( si inginocchia, seguita dallo sguardo del prete )

Claudio : (con aria rassegnata, sedersi) Avanti, sentiamo quale  cosa incredibile tormenta la tua anima.

Nina : (atteggiarsi a donna fatale ) Stanotte mi sentivo nervosa per il caldo che stentavo a prendere sonno. Ho lasciato la finestra aperta….Lui è entrato …

Claudio : ( tono rassegnato ) Il solito uomo in nero, naturalmente…

Nina : No….… un altro uomo, non del paese. Si è chinato sul mio letto, l’ho stretto a  me  e l’ho baciato, un lungo bacio!

Claudio : E’ possibile che tu debba sognare sempre lo stesso genere di film!!

Nina : (smorfiosamente ) No, non è stato un sogno…. Lui c’era davvero. ( marcando la scena con malizia ) Oh, se c’era…. Sono stata fra le sue braccia  fino all’alba…( Sergio si alza di scatto, lei lo guarda felice credendo di avergli procurato quell’interessamento sperato )

Claudio : ( tono  agitato ) Fino all’alba?!? E me lo racconti così…

Nina : ( con malizia ) Le dispiace ?….

Claudio : (agitato )  E me lo chiedi? Sono sconvolto! Ma questo forestiero…

Nina : ( speranzosa ) Sì?

Claudio : ….. Avrà saputo dell’arca! Il nostro non è più un segreto…. Nessuno  doveva

           sapere dell’arca.

Nina: ( lo guarda avvilita, allargare le braccia in segno di sconforto )

Claudio : Vado a suonare le campane!….. no, vado a cercare sto “casanova” (fare l’atto di correre verso l’uscita. Nina l’afferra per la tonaca )

Pina : ( pentita ) Non è mai esistito…. Me lo sono inventato. ( devono fissarsi  per qualche istante )

Sergio : ( imbarazzato ) E perché?

Pina : ( chinando la testa, con voce affranta ) Speravo che confessando una cosa così grave, lei avrebbe perso…. perso la testa.. Almeno… che si arrabbiasse…. Ho sbagliato, mi perdoni e mi assolva con una penitenza severa…….( non aspettare risposta, uscire di corsa dalla scena, lasciando l’uomo imbarazzato. Buio)

PIAZZA

llluminare la piazza, fuori campo si devono sentire i rumori degli uomini che lavorano. Sul palco, da vari punti, devono apparire le donne con agitazione, che sussurrano la parola “ Costanza “… “ Checco”…. Scandalo “….

Nanda : Avete saputo di Checco con quella mezza femmina……

Una delle donne : Sìne, è vero?.

Nanda:  Quell’ ipermercato ambulante “der vizio” sale sull’arca con noi…

Una delle donne : Chi, ‘a viziosa?

Tutte: Sine, lei!!

Una delle donne : Come fa a vinì co noi?  E’ de fori paese…

Nanda  : No!, Checco sa sposa….. capito, quer broccolo sposa na…. ( si copre la bocca. Nell’istante apparire Checco con Costanza )

Checco : ( raggiante, sottobraccio alla donna ) Gente!! Ve nunzio na bella notizia  me accaso!! ( poi si rivolge alla sua compagna e cerimoniosamente ) Signora Costanzuccia in Checco, preco!

Costanza :  ( con aria regale, china la testa ) Molto, ma molto, ‘norata!!  ( Tutti tacciono imbarazzati. Le voltano le spalle )

Checco : ( stupito ) Beh, che ve piglia? ( non deve rispondere nessuno, far finta di nulla )

Nanda : ( tono altezzoso ) Sta femmina nun ce piace!

Checco : Nun ve piace? ( tono animato ) ‘Na granne benefattrice?….( Le donne si nascondono la faccia  in segno di vergogna: Costa deve fare la pudica ) I primi che dicono na cosa contro sto pezzo di marcantonia, je spacco a capo .( mimare le parole .Le donne devono circondare, minacciose, Cost. Entrata immediata di  Claudio con tutti gli uomini).

Claudio :  Cosa sta succedendo? ( nessuno deve rispondere ) Ah, ho capito….. me

l’aspettavo…. Ma come, forse non ricordate “ Aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più”…. E’ lei, è Costanza l’amico che bussa alla porta…( indicare la donna. Gli altri devono restare impassibili)

Costanza : ( con aria e tono da santarella ) … So io c’ ho bussato…

Claudio : Accogliamola con un sorriso. Sì è vero, questa pecorella ha sbagliato nella vita….

Checco : ( interrompendolo ) Mai Clà!…  nà sbajiato mai un corpo!!….

Claudio : (incurante dell’interruzione ) Figlioli, perdoniamola.( gli uomini acconsentono, ma le donne devono minacciarli)

Checco : ( guardando tutti ) Ma de che?

Claudio : Possibile che non vi sentiate pieni d’amore, dopo quanto è accaduto questa notte?… E’ possibile? ( si rivolge alla coppia) Una volta sposati, verrete sull’arca con noi. (poi si rivolge a tutti ) E adesso ognuno torni alle proprie faccende… ( Nessuno deve muoversi ) Vi ammutinate contro il vostro parroco?

Nanda :  Sta mi… sta pecorella smarrita sull’arca un ci ‘a volemo…. (devono voltarsi di spalle )

Claudio : ( smarrito ) Ah, è così? In un momento come questo, mi abbandonate! (sfidando ) E va bene, farò da solo!! ( cerca di prendere gli attrezzi e cominciare a lavorare a quello che può sembrare un’arca. Disperato si accascia in ginocchio

          guardando verso il cielo, canta CANZONE )Un mondo d’amore:

C’è un grande prato verde dove nascono speranze che si chiamano ragazzi quello è il grande patro dell’amore etc…etc..Si deve avvicinare Nina, cantando la sua strofa E tu ragazzo non lo sai ma nedi tuoi occhi c’è già lei ti chiederà l’amore ma l’amore ha i suoi comandamenti.. Poi Checco e Costa, infine a gruppetti  Uno non tradire mai ha in fede in te, due non deludere, lei crede in te etc..etc..  e cominciare ad aiutare il prete nel portare a termine il lavoro. Finita la canzone………..

          L’ ’Arca è costruita, tutti si devono inginocchiare gridando "“Miracolo …. Miracolo “. Cominciare a portare sul palco qualche baule di ogni dimensione e un grosso quadro, rappresentante la figura di un santo. Mettere tutto al centro del palco. Da fuori scena deve sentirsi una voce che urla.

Uomo : Don Clà… ( affannato ) Don Clà, er sinnaco un c’è più!! E’ scappato!! ( Brusio generale, stupore,)

Claudio :  ( agitarsi ) Bisogna ritrovarlo…. Non deve avere contatto con altri! Se sparge la notizia del diluvio, siamo perduti…. ( impartire ordini ) Voi di qua, voi alla montagna, voi venite con me …..( Gran movimento sul palco, chi va a destra, chi a sinistra e spariscono tutti. Buio solo una luce illuminare i bauli con il quadro.                          Dietro di loro, accompagnato con nota musicale spettrale, deve apparire il sindaco. Guardando a destra e sinistra, tra mille smorfie)

Peppe : (Con un sorriso satanico, verso fuori scena, puntando il dito ) Clero mo te freco io… ca furbizia d’Ulisse, a spavarderia de Ro..ro..robinudde, difensore dei cojoni, te sputtano, così tutti i nodi vengono pettinati!  ( accompagnare il gesto con un suono musicale. Immediatamente calare il sipario )


PIAZZA

          Quando il sipario si alza, l’azione deve riprendere  esattamente nello stesso punto del finale primo tempo. Sempre sottofondo musicale,. Il sindaco sta dirigendosi verso l’uscita, quando sente  voci in avvicinamento.  Ritornare  di corsa dietro la catasta. Appena sparito, i primi gruppi devono apparire in scena 

          In ultimo Claudio. L’aspetto del parroco deve procurare scalpore: abito stracciato, sporco, impaurito.

          (Domande a ripetizioni, senza tregua )

Costanza : L’ha trovato?

Nina : Ha trovato papà?

Nanda : Ce porta notizie di Peppe mio?

Checco :  Hai trovato Mezzo litro?

Claudio : (stremato, gesticolare per indicare di stare calmi, con voce fioca ) Lo abbiamo cercato dappertutto…… io persino nella Grotta, quella ai Due Fiumi ….(vocio generale)

Checco : ( stupito) Frecate! S’entrato  dentro a  Grotta? Sei scemo!  E’ a tana del lupo: bestia più scema de te ….

Claudio : ( con ironia ) Ho intravisto il sindaco in pelliccia, che tentava di nascondersi. L’ho afferrato per un braccio e gli ho gridato “T’ho preso  Pe’…“  Nel sentirsi chiamare Peppe …ho capito che non era lui …

Checco:  (con ironia ) Nessuno t’ha detto niente? Che scherzo da prete t’hanno fatto, Clà, eh!eh!eh!

Nina : ( preoccupata ) Povero don Claudio….. 

Claudio :(nervoso) Accelleriamo i preparativi, prima che il sindaco torni con gente estranea…(mentre lo aiutano a sistemarsi).

Nanda : ( sconsolata) E’ tutto inutile…. Rinunciamo a st’arca….

Claudio : ( impaurito) No!!!  Forse il sindaco non è andato  in caserma, forse non ha parlato con nessuno… …. Forse…

Costanza : ( interrompendolo  nervosamente ) Forse… forse….forse!!  Parli cor Boss suo! Ce se metta in contatto: via satellite, via internet, anche co ‘n SMS  così,  na vorta pe tutti,  ce dirà di questi “ forse, forse “  qual è quello giusto! ( Tutti devono annuire)

Claudio : ( imbarazzato ) Ma…..

Nina :  Sì, sì, provi, don Claudio….

Tutti : Sì. Vedemo che te dice er Signore. Sentimo che dice.. sì..sì…

Claudio : (calmare gli animi )  Ma non è possibile…..

Checco : Devi da fa er possibile. Perché s’er Capo nun te risponne, vo’ dì che cià ripensato….. E quindi bonanotte ar secchio…. Avemo scherzato …. jettamo in terra sto  barcone e ridamo a legna a quer pezzente de “mezzo litro”….

Tutti : Sì…. Sì… giusto!

Claudio : (impacciato ) E va bene. Proverò a mettermi in contatto col Signore. ( a tutti ) In ginocchio!!

Checco :( notando la lentezza dei movimenti ) ‘Nginocchiative! Aho!! Sbrigamoce…

Claudio : Anche tu. (assumere una posa ispirata,  guardare il cielo. Gli altri lo guardano fiduciosi mentre lui imbarazzato ) Signore! ….. ( pausa) Signore!

Checco :  (tenendo la testa chinata, rivolgendosi al gruppo)  Nunn’è a casa….

Claudio : Checco…

Checco : Siccome nun risponne…….

Claudio : Anche quando risponderà, solo io potrò sentirlo, chiaro?…( pausa) Signore

Checco: ( s. movimento ) Me sa ch’è occupato….

Claudio : ( con la mano far cenno di tacere, poi tendere l’orecchio come se ascoltasse qualcosa.) Sì…. Oh…. Oh, Oh….Signore grazie… oh… ma che dici ( la gente guardare con meraviglia) Come sono felice! Che bella notizia….. Certo, sì, certo…. Subito…. Immediatamente…. Grazie… (chinare la testa e raccogliersi in preghiera )

Checco :  ( lo tira per la tonaca ) Beh? Che t’ha detto?

Costanza :  Nun ce faccia sta in pena!!

Nanda :  C’ ha detto ?

Claudio : ( facendo finta di essere in estasi si scuote,  si volta  con un sorriso

 radioso. Tutti attendere impazienti)  Possiamo stare tranquilli e  riprendere i preparativi per la partenza, il sindaco non ci nuocerà … (Con un gesto vago) Sta lassù!

Nanda :  ( urla, aggrappandosi alla figlia ) Morto!?! (Stupore generale)

Claudio : Morto? …. Ma no!! Sta lassù, in montagna…

Nanda :  ( riprendendosi ) Eh??!!

Claudio : Si è convertito…. Vive in preghiera come un eremita!

Nina : ( sbigottita ) Chi? Papà?

Nanda :  Come so contenta!! Ma se presenta p’ embarcasse?

Claudio : (risposta evasiva) …. Abbia fede, signora… Il Signore ha ordinato di fare presto, voi amici andate, andate a prendere i bagagli…. Non più di una cassa per essere umano…(uscita di tutti meno Checco e prete) Checco, va a prendere le corde, leghiamo ste casse con il quadro di San Frumenzio  così sono già pronti per l’imbarco.

Checco : Ce penzo io…. (si allontana)

Claudio : ( restato solo, guarda verso l’alto ) Mi dispiace Signore. Ho dovuto mentire  per tranquillizzarli….  (con tono marcato ) Ma pure tu, vedi che sto’ negli impicci e non ti fai vivo…… ( si avvia )

Voce di Dio :(brontolio di Dio, irato )

Claudio : ( chinando la schiena  e la testa ) Cos’ ho detto di male! (esce)

Appena scena vuota,  il sindaco uscire fuori. Tenere le gambe strette e guardarsi intorno )

Peppe : Dov’è er cesso? Cambierei subito l’acqua ar pappagallo (vede un telefonino, corre a formare un numero, parlare animato)Alò… Alò… Polizia… sos polizia. So priggioniero. Ripeto, so carcerato….  C’è un pa..pa..zzo…( pausa) No pupazzo!! Ca capito!! Un pazzo (pausa) NOOO!!! Un pazzo ca PI….. No, er pa..pazzo un so io!! E’ un prete …  NOOO nun so io er prete! Mo vedi, ( tono imperioso ) Io so si...sinnaco! Er prete, un certo Claudio, che me  tiene carcerato! Ha convinto…..NOO nun sta ar convento….Ho detto CONVINTOOO, convinto a tutti che verrà un se..seconno diluvio universale… Che dici? Quanno c’è stato er pri.. primo? Sei, settemila milioni d’anni fa, me pare… Ah, tu un to  ricordi?… n’eri ancora nato…. Controllate l’ archivio (tono alterato) Ma, co chi parlo di persona?… Come te chiami?… (stupito) Pe..pe..pecora…. pecora, come na pecora beee? (ironico) Beh guagliò, un t’affligge… Senti Pe, segnate sto nu..numero: 0987654321…. Hai scritto Pe’? Richiama appena hai controllato… ma sbrigate….

Checco : (da fuori scena) Clà, ho trovato a corda!!

Peppe : ( s.t.) Pe’, mo te devo lassà, sento che st’arrivanno quarcuno (guardando intorno  St’arrivà er pazzo…HO DETTO PAZZO, PE’! …. Sì, er prete. Quindi pazzo e chiudo… (correre immediatamente dietro i colli. Claudio e Checco appaiono sulla scena, con la corda)

Checco : Don Clà…( cominciare a legare tutto, insieme al quadro ) … Me sento più tranquillo ar pensiero che sopra sta barca ce sale pure San Frumenzio..

Claudio : Si chiama arca, non barca… ( aiutandolo) E con tutto il rispetto per San Frumenzio, possiamo contare su ben altro aiuto… ( indicando il cielo )

Checco :(con indifferenza) Ma San Frume nostro è uno che fa miracoloni….

Claudio : Uhm… E il miracolo che il Signore ha fatto a te? Te lo sei dimenticato?

Checco: Quale miracolo?  ( pausa ) Ah, già!!( darsi una botta sulla fronte) Che figura… me stavo scordà … ormai noi due semo amici ( indicando le parti basse del corpo ) me pare che ce conoscemo da quanno so nato (guardandosi) ‘ sto bambinello mio! (Claudio sorride leggermente ed escono di scena. Immediatamente Peppe emettere dei mugugni.)

Costanza : (urlare da fuori campo ) Don Claudio… Don Claudio (i mugugni smettono appena entra la donna; la quale rimane stupita, vedendo il quadro legato insieme alle altre cose) Come te chiami? San Fru…Frumento  me pare, che t’hanno fatto? Sembri ‘na “lonza” messa a stagionà…. Proprio te cercavo, guarda un po’ che t’ho portato? ( Tira fuori dalla borsa una candela ) Te piace? …… Mo, però non te la do! ( la nasconde dietro la schiena ) …. Prima, me devi fà un favoruccio: c’e na ragazza der paese…  una co na faccia da santarellina, ma sotto sotto dev’ esse assatanata, na certa Nina, figlia d’ un mezzo scemunito de sindaco… (tono basso) Pare c’abbia preso na cotta p’n certo carabbignere, ma ancora n’ hanno “combianato” un gran che. Non mi fido de sta santarellina. Sull’arca saremo tutti appiccicati: spazio poco, distrazioni…. solo quella!! Me preoccupo pe Checcuccio mio,  nun vorrei  che l’assatanata je sartasse addosso. Allora m’aiuti p’ er carabbignere? Tu li fai innamorà, se sposano e stamo tutti tranquilli…. Mo accendo il tuo bel candelone…. (accendere la candela )

Peppe : (emettere un sonoro starnuto ) Etciù! Etciù!!

Costanza:  ( normale ) Salute! ( poi deve ripensarci e stupita ) San  Frumè, sei stato tu?

Peppe : (da dietro) E chi se none, tu sorella?

Costanza :(stupita) Il santo parla!! ( cade in ginocchio ) Mi… mi…miracolo!! Disponi de me, che … che devo fa? ( tremolio di paura )

Peppe : Prima de tutto spegni sto’ mo…moccolotto, poi sciojeme…

Costanza:(stupita) Un Santo che barbetta? Che Santo sei?

Peppe : ( furioso ) Parlo come me pare, che sa..santo so!!! Sbrigate, sciojeme da ste corde…

Costanza :( balbettando ) Certo, se vuoi, te porto sull’arca prima de tutti ( tremando,  togliere le corde con lentezza)

Peppe : None!!

Costanza : Come none?

Peppe : ( voce da apocalittica ) Che ce devo fa’ sur barcone s’er temporale un c’è! ( Nell’istante apparire Claudio, che si blocca vedendo la scena )

Costanza :  Don Claudio ha detto……

Peppe : Vede troppi “Porta a Porta” e “Verissimo”. Un ce credete, racconta troppe fe..fe..fesserie. E’ uno che je piace allargà e fregnaccià ……ed è pure stonato..

Costanza  :( tono smarrito ) Oh, poveri noi!…. E l’arca?

Peppe : ( trionfante ) L’arca dev’esse subito smontata… e a le..legna a ridate ar proprietario: er bravo, er granne, er simpatico, l’umano sinnaco. Pe i  carabbigneri, giuro c’arrivano, anzi ne viene più d’uno, così ( qui cambiare tono di voce, burbero ) quella  bella robba de na fija.(tossire) l’amica tua so po’ pu.re sceje………..

Costanza : ( emozionata, invece di sciogliere, stringe di più le corde )

Peppe : ( tono irritato ) Ma che stai a fa? Strigni…. CRE….CRETINA!! (si accorge di essere fuori strada, riportare il torno con voce armoniosa ) Su fa a brava ragazza, co carma, metti quelle manine sopra a corda e (altero)E CERCA DE SCIOJE STI CAZ….STI CAVOLI DE NODI!!….. (Sergio mostrarsi divertito)

Costanza :  (meravigliata )  Che miracolo!! Er santo che parla come n’omo vero: tartaglia pure. Ah se ce fosse Bruno Vespa, sai che “Porta a porta” farebbe uscì fori. Ah la televisione, la notorietà, ch’ emozione! Berrei un po’ d’acqua…..

Peppe :  ( a denti stretti ) ZI…ZITTA, un parlà d’acqua sto momento! Sbrigate… corri fa sapè a tutti ch’ er temporale un c’è, VA MOVITE!! Che er “ Moscone” o chiamamo dopo!!

Costanza :  Vado, vado… che dirà don…….!

Claudo: ( tono normale, facendo finta di nulla ) In merito a cosa Costanza?

Costanza : ( salto di meraviglia, con voce soffocata) Il….il quadro di San Frume…nto m’ha parlato (Indicandolo) Er quadro de San Frumento ha parlato…ato…ato…ato...

Claudio :   ( ironicamente ) Davvero..ero…ero? San Frumenzio cara, perché adesso non parla più? ( volgere lo sguardo sull’oggetto e con forza ) Perchè,  grandissimo Santo, non vuoi far sentire la tua voce?

Costanza : ( s.t. ) Perché nun je sei simpatico….. Ha detto che l’arca è n’ invenzione tua e che  sei…. pure stonato…

Claudio : ( calmo) L’arca è una mia invenzione!…. E se fosse?

Costanza : ( tono sostenuto) Non contà su de me, Costa è cambiata… vojio comincià bene la vita da sposa.(fare l’atto di andarsene )

Claudio : (sempre calmo )  Credi di sposarti domani?

Costanza :(bloccarsi ) Certa più che ricerta!.

Claudio : ( ridendo ) E tu saresti quella che conosce gli uomini ( la donna lo guarda

           perplesso) Rifletti, il mondo per Checco è come le pasticcerie “Dolce Napoli e Golosità per Tutti”, piene di “pastarelle”. E’ desideroso di rimettersi in pari dopo anni d’astinenza, perché scegliere un dolcetto qualsiasi con tutta quella grazia di Dio a disposizione?

Costanza : (smarrita ) Che Napoli d’Egitto, che pastarelle!….  Checcuccio ha na gran vojia de sposà me medesima che nun pensa all’ artre!!!

Claudio: ( sempre calmo) Perché  sa che ci sarà il diluvio…. Ma se viene a sapere che domani non accadrà nulla?(la donna deve mostrare il suo smarrimento)  Con tutte quelle specialità in vista….chiederà un periodo di riflessione, tanto che fretta c’è….e con calma comincia ad assaggiare tutta quella bella abbondanza, e

          tu? (Sbandamento della donna. Con tono autoritario) Quand’è che San Frumenzio  ha detto ( marcare le parole ) che ci sarà il diluvio?

Costanza :(velocemente ) Domattina senza corpo ferire!!

Claudio : Sei una pastarella intelligente. (avvicinarsi  al quadro, prendere le corde sciolte e rilegare il tutto ) Pazienza San Frumè…

Costanza :  Tu resta santo, io zitella nun ce vojio restà (s’ allontana di corsa ).

Claudio sorride sta per allontanarsi. Poi ci  ripensa, prende la candela, accenderla e poggiarla davanti al quadro. Una serie di starnuti riempie la scena.

Voce di Dio: Di un po’ Sergio.

Claudio : ( si ferma sull’attenti ) Signore!

Voce di Dio : Hai studiato dai gesuiti?

Claudio : Perché?

Voce di Dio : Sei uno psicologo…. Bravo, mi sei piaciuto, per Dio!

Claudio : ( meravigliato ) Eh? Ho sentito bene?

Voce di Dio : Beh? Sono il solo che lo può dire. Detto da me non è uno sproposito. E’ una semplice autocritica.

Claudio : Contento Voi, Signore…..Buio, solo una luce su di lui che lo segue in ogni movimento. A questo punto avvicinarsi alla scala dell’arca e salire qualche gradino

fuori scena si deve sentire in sottofondo il canto  del coro,CANZONE .L’arca di Noè

Partirà la nave partirà dove arriverà questo non si sa  sarà come l’arca di Noè il cane il gatto io e te  , partirà la nave partirà dove arriverà questo non si sa, sarà come l’arca di noè il cane il gatto io e te. Etc..etc…

  . Guardarsi intorno, si arrampica. cominciare a fantasticare.

Claudio :  ( tono autoritario, braccio teso, verso il pubblico) Ecco il vecchio saggio Noè che scruta il cielo minaccioso….  Sferzato dal vento, resta al suo posto, immobile ( imitare il rumore vento ). Le nuvole si addensano  minacciose… Ordiniamo all’ equipaggio di imbarcarsi…. ( gesticolando e mimando le parole ) Benvenuti coniglioli….. Benvenuti cavalli generosi, cani fedeli. Benvenuto toro focoso e signora. Benvenuti gatti siamesi, ottimi maiali, gallo ardito e casalinga consorte…… e voi pecorelle smarrite non spingete, c’è posto per tutte….Tutti sottocoperta!  Adesso venga pure il diluvio! ( rumoreggiare con la bocca ) Sccct!! Crsh, boom, patatracche e patabum!! ( una risata lo fa trasalire. E’ Nina che sbuca dall’ombra) Nina, da quanto tempo sei lì?

Nina : ( scuotendo la testa ) Toro focoso e signora….….

Claudio : Immaginavo……..Cosa stavi facendo?

Nina :  Sognavo  ….. sono così eccitata all’idea di questo viaggio.

Claudio : Non sarà una “MSC Crociere”, sai.

Nina : Oh certo…. Per questo sarà più emozionante “della Casa del Grande Fratello”…

Claudio : Hai paura?

Nina :  Vicino a lei, mai!

Claudio : Nina! Ho l’impressione che qualcosa in te è cambiato…

Nina :  ( con fermezza) Sono una donna che ha  coraggio di dire ciò che pensa.

Claudio : Sono contento, brava…..

Nina :  ( urlando ) Ti amo!!

Claudio : ( traballare, quasi scivolare per l’emozione, con tono imbarazzato) Come hai detto ?

Nina :  ( calma ) Ti amo.

Claudio : ( scendere dalla scala) Eh? … ( imbarazzato ) Sono un prete…

Nina :  Non è colpa mia…. ( con calma )  Non potresti spretarti?

Claudio : ( con voce ferma)Preti si nasce, …

Nina :  Ma ho letto di tanti che si sono spretati.

Claudio : ( stesso tono) Non erano nati preti.  io sì….

Nina :  Migliorerebbero le cose, se mi facessi monaca

Claudio : ( irritato) Cosa stai dicendo?

Nina :  ( supplicante ) Ma dopo il diluvio, non ci sarà più nessuno a condannarti.

Claudio : Come “ nessuno “ ? ( alza gli occhi al cielo . Immediatamente

          inizia la musica di CANZONE “ e i due cantano)Che m’importa del mondo:

che m’importa del mondo quando tu sei vicino a me io non chiedo più niente al cielo se mi lascia te. Non guardarmi se piango è la gioia che sento in me etc…etc..

 terminato di cantare tenendosi per mani, si guardano. Nina cerca di allontanarsi. Ci ripensa, tornare indietro e fare l’atto di baciare l’uomo.Immediatamente spegnere la luce.)

Claudio :( Accendere il faro.Confuso )No… no… no… ( tirandosi immediatamente indietro )

Nina :  ( restare con gli occhi chiusi e la bocca aperta)

Claudio :(turbato ) Nina …. Vai via… ( prende la ragazza e la guida fino all’uscita di scena. Lei deve muoversi come una bambola meccanica. Appena solo, nascondersi la faccia tra le manidisperato ) Dio mio, Dio mio… che ho fatto!

Voce di Dio :  ( normale) Cosa hai fatto?

Claudio : ( al pubblico contrariato ) In cielo, in terra, in ogni luogo…. Mai una volta  disattento…… ( alzare gli occhi al cielo e con imbarazzo) Ho… ho baciato Nina…

Voce di Dio : Questo l’ho visto.

Claudio : ( meravigliato ) E .. e non dici niente?

Voce di Dio : Auguri e figli maschi.

Claudio : ( stupito ) Ma… i preti non possono baciare donne e tutto il resto… .il… il celibato!

Voce di Dio : Celibato? Che celibato?

Claudio : ( Tono quasi di rimprovero ) Signore!

Voce di Dio :( s. t. ) Claudio….

Claudio : ( smarrito) I preti non possono sposarsi… se per questo neanche le suore: è una delle  prime regole…. stabilite da te…….

Voce di Dio : ( Normale)  Io? Davvero? Da quando?

Claudio : ( stupito)  Da sempre …..

Voce di Dio : ( imbarazzato) Ah! (tosse di imbarazzo) E’ passato tanto tempo! ( normale) Beh se l’ho stabilito un motivo ci dovrà pur essere stato.

Claudio :  ( Con calma) In seminario non ci parlavano d’altro: “  Rinuncerai alla donna e…. “, 

Voce di Dio :  Ma davvero tu mi dici…….

Claudio : Giuro su Dio….

Voce di Dio : ( tono irato )  Che giuri!  Di questo celibato ne ha tenuto conto alcuno?

Sergio:  Tutti!….. ( pausa ) Beh, quasi tutti…. Comunque , io sì.

Voce di Dio : (tono  perentorio) E’ proprio arrivato il momento di effettuare un buon repulisti!… Le cose dovranno cambiare.

Claudio : Anche?

Voce di Dio : Anche!

Claudio : Signore?

Voce di Dio : Dimmi,  mio casto, credulon servente….

Claudio : Se non esistessi, bisognerebbe inventarti!

Voce di Dio : Ti benedico!  ( momento di pausa. Silvestro capisce che è rimasto solo)

Claudio : (urlando verso fuori scena ) Nina…Ninaaaa!!!

Nina : ( rispondendo da fuori scena ) Sì.

Claudio : Devo dirti una cosa leggendaria…. Sparisce dietro le quinte. Buio in scena.

PIAZZA

Piazza, chicchirichì del gallo. Luce piena. Costanza, cerca di sistemarsi l’abito da cerimonia. Sottofondo un suono di musica.

Costanza : (rivolgersi al pubblico e parlando in rima ) Se San Frumi dice la verità, il diluvio non ci sarà… Ma Checco nun lo sa e mi sposerà e la gente der paese ce sformerà. Questa è la felicità. (entrata di Checco buffamente vestito, alla Peynet. Immediatamente la musica deve intonare

la CANZONE ed i due cominciano a cantare ) Ti avrò:

tu non sai che cosa sei per me e che cosa non farei per te. C’è l’inferno il paradiso in te sul tuo seno caldo ci dormirei e se dovrò buttare via tutto il resto lo farò ma ti avrò io ti avrò  etc..etc…

Coro :

          Contemporaneamente, entrare il prete con gli altri personaggi, i due gli si devono sistemarsi davanti  .)

Claudio :  Prima di celebrare questo matrimonio voglio dirvi una cosa…

Tutti:  Viva Checco! Viva Costa!

Claudio : ( calmando la folla ) Devo dirvi una cosa… che riguarda San Frumen …

Checco : ( interrompendo il prete, forte ) Aho! ME PARE  NA GOCCIA!! (  toccarsi la testa )

Tutti: ( mormorio generale, guardarsi l’un l’altro )

Checco : (al cielo, con timore)  Niente, niente  comincia  er diluvio?

Costanza : Bene!!! Sposa bagnata, sposa fortunata… ( Il gran vocio deve aumentare, Dal nascondiglio Peppe deve spruzzare acqua. Tutti devono guardare il cielo con meraviglia, puntando il dito )

Checco :  Diluvia!!

Tutti:  Diluvia!!!

Claudio : (Imbarazzato guardando il cielo ) No… che dite…. Non sembra il cielo essere minaccioso…

Costanza : ( buttandosi in ginocchio ) Miracolosissimo San Frumè, famme fa prima er matrimonio!

Claudio : ( Toccando una goccia, fare espressione disgusta) O santo cielo, ma è…..!

Nanda : ( vicino ai bauli, annusando, con un’espressione di disgusto) No, no, fermii! A meno c ‘a pioggia nè stagnante, ma dalla puzza me pare ch’ è acqua d’omini!

Tutti:  N’artro miracolo, n’artro miracolo!!!!!….

Checco : Frecate compà! Quanti miracoli stam’ avè…..

Claudio : Fermi!! Dietro i bauli ( pausa. Guardare dietro.)  dietro i bauli … c’è… c’è nascosto  il sindaco….  L’uomo della pioggia…….

          ( vocio generale. Giuberto uscire vergognosamente. Aumento del mormorio )

Costanza : ( sconfortata ) M’ allora…….

Checco : ( aria minacciosa ) Che te pijasse un corpo, brutto puzzolente di mezzo litro! ( Risata generale)

Peppe :( dopo un istante di smarrimento, si rincuora e rivolto a Claudio) Se sapevii  ch’ero qua, un potevi parlà pri..prima!!

Claudio : ( con ironia ) Mi voglia perdonare, Signor Sindaco…. ( Sorriso ironico ) Ero all’oscuro delle sue necessità…..

Peppe : ( ironico ) Pur’ io ero da più de dieci ora ….

Nina : ( con aria schifata ) Papà, che figuraccia!!

Peppe :Tu n’ aprì qua bocca…. To do io er carabbignere…

Nina :  ( interrogativa ) Carabiniere?

Peppe : Un fa a scema, so tutto, anche se pe tutti so cretino …

Nanda :  ( ironica ) Uno che si nasconde dietro ‘na cassa e si fa legà come un salame, tanto sano di mente non è….

Peppe :  ( girandosi di scatto ) Ah! Momò…mo..…

Tutti : ( ironici sorridenti  cantando) … Vene Natale m’accatto u giornale e me metto a cantà!!

Peppe :   (irato) MOGLIE! …. A me cretino? E allora voi? Ba..baccalà rincojoniti!!!

Costanza :(in tutto questo tempo era rimasta a guardare a bocca aperta il quadro del santo sbigottita ) E questo sarebbe sindaco? ( tutti la guardano )

Peppe :  ( con spavalderia) Si’ pi…pì….

Tutti: ( ironici sorridenti)Ho sanno, pure in sala, che sei debole di reni…….

Peppe : (irato)SI, PIACERE!!

Costanza :  Ho pregato te e non er Santo? E t’ho portato pure a candela ….. devo esse rincojionita….

 Peppe : ( tono inquieto )  E’ quello che penzavo! Sollevatrice di me…membri altrui….

Costanza :  (agitata, avvicinandosi minacciosa ) Brutt’ imbroglione, debole de vescica e di cervello, come te permetti? Io, donna onesta,  miracolata dall’amore!

 Peppe : ( ironicamente ) Miracolata…

 Checco : ( avanzando minaccioso ) Mezzo lì, guarda che mo’ nun è come prima… Mo grazie ar Signore, girano pure a me le bocce. Zitto e mosca!!

 Peppe : ( alla gente ) Qua, se c’è qua…rcuno che deve da di basta…..

 Claudio : ( interrompendolo ) Sono io. ( alla folla ) Chiudetelo in canonica e questa volta restate bene a sorvegliare… E’ solo questione di ore. Verrò a liberarlo appena comincerà a piovere..

 Peppe : Il diluvio!… (ridendo ironicamente) Ah…ah…ah.. hanno visto troppi “C’è posta pe voi!” Bocconi, ringrazia teme che vo bagnato ca ro..robba mia… questo è l’unico diluvio c’ aspettate….    

         ( contemporaneamente portarlo via.  )

 Claudio : (alla folla) Diamo inizio alla cerimonia… (musica in sottofondo. Tutti si sistemano dinanzi a lui. Si rivolge a Mico) Per i poteri conferitemi dalla Sacra Chiesa, Checco, vuoi prendere questa donna come tua sposa?

Checco : ( contento ) Bisogna cche mo domanni?…. Certo che sine!!!

Claudio: ( mentre parla, Nina deve avvicinarsi di più, guardarlo incantato e ripetere le

              gesta dei due sposi ) E tu, Costanza, vuoi prendere quest’uomo come tuo sposo?

Costanza : ( mentre Nina, china velocemente la testa acconsentendo ) Si, si eccome!

Claudio : Per l’autorità conferitami, vi dichiaro marito e moglie….

Tutti:  Viva i sposi!! ( baci e abbracci)

Costanza :( rivolta a Nina ) Nina!

Nina : ( si volta ) Si… ( deve prendere il mazzetto di fiori lanciato dalla sposa.)

Tutti festanti seguono gli sposi in  uscita. Buio generale.

SACRESTIA

La scena deve essere illuminata dalla parte del sindaco che nervosamente passeggia su e giù Squillo del telefono. Con un balzo correre a rispondere

Peppe : Pro…pronto Pe…pecora!!….. Parla, che te sento! ( nessuna risposta.Con impeto) Alò? Pecora? A Pè, so io….

Voce di Dio : ( altero) Io chi, dove è don Claudio?

Peppe : All’ in…ferno!

Voce di Dio :(con meraviglia) Inverno? Ho capito, sei il sacrestano extra comunitario di Don Claudio. Figliolo, non mi sembra che sia già inverno, non ho dato ancora disposizioni……….               

Peppe : (meravigliato) Inverno? Chi ha pa..parlato dell’in….verno, l’ho so che semo in estate! E nun so extra co..comunitario di nessuno, so TA…TALIANO!! Ho detto INFERNO, dove bruciano i morti moruti.        

Voce di Dio : Ah, Inferno!!….. Non è possibile, lo saprei…………         

Peppe : Me sa che tu un sei Pecora,  chi sei?

Voce di Dio :(tono imperioso)  DIO!!!

Peppe : (indeciso se stupirsi o no ) Ah  er  socio de Claudio…

Voce di Dio : (divertito) Beh.. in un certo senso.

Peppe : Ammetti, a me nun sete riusciti a piglià pe’ fe…fesso…. Er diluvio, e campane… i miracoli! IO SO ATEO, quant’è vero Dio.

Voce di Dio : Tutto in me è eterno, tranne la pazienza… sono Dio e te lo proverò.

Peppe : ( Ironico ) E come? Co..come?

Voce di Dio : ( tono normale ) COSI’! 

          Buio.Si deve trasmettere rumori di tuoni. Giocare con le luci per i lampi. Poi luce normale, Peppe deve apparire allucinato, con la bocca spalancata e con il telefono in mano

Peppe :( voce soffocata ) Aio ma…mma… Aiuto ma…mamma… voglio mamma           

              ( svenire )

Claudio : ( entrare di corsa )  Signor sindaco, signor sindaco che succede? ( chinarsi su di lui. Accorgersi del telefono) Pronto…

Voce di Dio : (imperioso) Affrettati Claudio… Qualcuno ha parlato e non c’è più tempo… Fai salire tutti sull’arca. Sta per scoccare l’ora ics!

( contemporaneamente il sindaco si risveglia e ascolta anche lui le parole di Dio )

Claudio : Sì, Signore..

Voce di Dio :  Ah, prima cerca di scoprire chi è stato a fare la spia… fossi in te lo lascerei in terra. Addio!

Claudio : A te!

Voce di Dio : Come?

Claudio : Addio, a te…

Voce di Dio : Silvestro, ti pare il momento….

Peppe :  ( urlando lamentandosi ) No!… A terra no! (aggrapparsi alle ginocchia di Claudio, apparire Nanda, Nina, Checco e Costanza preoccupati. Si fermano stupiti) Clà, nun me lassà. Nun me lassà, Claudiuccio mio!!

Claudio : ( tono confortante ) Su, su, si alzi…

Nanda : Peppe!

Nina : Papà!

Peppe :  (sempre lamentandosi) Si,si,si, er diluvio viene! Viene er seconno diluvio ni..niversale…. Viene,  viene!!

Checco : Mò hai capito. ( Claudio deve cercare di liberarsi dalla morsa di Peppe, ma l’altro non deve mollare la presa, seguire strisciando.)

Peppe : ( s.t. ) Po….po…….rtateme su l’arca, pe’ carità….

Claudio : Si capisce che verrà anche lei…. Si alzi. ( aiutandolo . Peppe balza in piedi e cominciare a baciare il prete, che deve cercare di sottrarsi a questo atto).

           Entrata in scena tutti

Peppe :  Santo, bello Cla..claudiuzzu mio….

Claudio : Dica, signor Sindaco, con chi ha parlato del diluvio? A chi ha telefonato?

Peppe : (tono preoccupato)….. Nun me ricordo: Carabbigneri?....Pulizia.. Fidanza? Nun me ricordo… ( brusio generale)

Costanza : Ha telefonato al carabbignere, lo perdoni. L’ ha fatto pe Nina! ( Nina fa cenno di stare zitta )

Claudio : Eh? ( al sindaco ) Con chi ha parlato personalmente?

Peppe : Co’ Pecora….. ma un ce credo c’ha capito…. E’ no sbi..sbirro e quelli alle denunce telefoniche un ce cre..credono mai…..

Claudio : Il potere ha le orecchie lunghe….  ( rivolgersi a tutti) Con calma mettiamoci tutti in fila e cominciamo a salire sull’arca…. Però prima di imbarcarci , salutiamo la terra. Salve terra!

Tutti : Bonanotte terra!!

Claudio : Ti rivedremo quando l’arca si fermerà.

Tutti : Quanno l’arca si ferma.. e nun va a fondo!!

Claudio :(irritato) Ed usciremo quando…….   

PIAZZA

( incominciare tutti la CANZONE  Che sarà:

Paese mio che stai sulla collina, disteso come un vecchio addormantato, la noia l’abbandono il niente son la tua malattia, paese mio ti lascio e vado via etc… etc…

          Durante il finale della canzone tutti devono cominciare ad uscire di scena dalla parte dove c’è l“ARCA”. Quando la scena si è quasi svuotata, udire squilli di tromba. Entra correndo uno del gruppo

Uomo :  (Urlando )Fermi… fermi…. Sta arrivando n’ altissimo prete!!!  (Deve apparire un personaggio, con un lungo mantello, sorretto da duecarabinieri. Accompagnare i passi con sottofondo musicale (Marcia trionfale). La gente riapparire sul palco e avvicinarsi al nuovo personaggio. Claudio, Nina, Checco, Cost, Peppe e Nanda, restare vicini all’ARCA.

Tutti : ( in un coro osannante ) Com’ è bello sua ‘ccelenza! Com’ è granne sua ‘ccellenza!!

Claudio :, preoccupato ) Nina, ho paura!

Peppe : ( cerimonioso avvicinandosi ) Quale onore, Eccellenza… Sete ve...venuto pe fa a crocera co noi?

Alto Prelato: ( non rispondere se non con gesti imponenti e brontolii )

Peppe : Er diluvio co..comincia fra po’…. Giust’ in tempo ! (cerimonioso) Ve damo a mejio gabina. Dico bene don Clà?  Eccellè, questa è la barca che ce sa…salva!

Alto Prelato:  ( rispondere con una sonora risata )

Peppe : (ai suoi vicini) Aho, guardate com’ è contento….. (contemporaneamente, prima i carabinieri, poi ad uno ad uno tutti devono ridere )

Alto Prelato: ( tono possente ) Il diluvio non ci sarà!

Peppe : Eccellè’, no pe gnente, io ho sentito, co ste due recchie, a  voce de Dio che diceva de corre perché comincerebbe er di….…

Alto Prelato: ( lungo gesto con il braccio e emettere suoni di disapprovazione )

Peppe :( mortificato )Beh, a me me pareva a voce Sua. E poi so sicuro perché  m’ha pure co..corpito co na furminata di..di…vino. ….

Alto Prelato:  ( stesso gesto e suono ancora più marcato )

Peppe : ( fiducioso) Eccellè no pe gnente, nun so rincojonito…. (gesto e suono nervoso del prelato)  Oddio, pensanno bene…..poteva esse un corto circuito…(con sicurezza) ….pensanno bene, eccellè, ci avete raggione: ho preso a scossa.. ho toccato a presa de co.cor..rente!

Alto Prelato:  (con  tono possenterivolgersi alla folla,) Venite diletti figli, venite sotto il

         mantello protettivo della grande mater chiesa.

Tutti : Com’è bono sua ‘ccellenza! Com’ è granne sua ‘ccellenza!

Claudio : (allarmato, vedendo il movimento) Dove andate?…. Non vi lasciate affascinare. Se il potere della chiesa vi ordina di lasciare l’arca, è Dio che vi ordina di restare!

Alto Prelato:  ( con un enorme gesto sacerdotale ) E il Papa?

Peppe : (con sicurezza) E’ giusto… Er Papa è Papa! Che v’avevo detto, ma ‘ sti rompi cojoni nun mannu creduto, specie sto…sto don Cla…claudio . (A tutti con tono superbo ) Visto, mo’, chi ci ha raggione?

Nina : ( allarmata ) Papà! …. Ma come? Sei sempre stato contro il Clero e adesso l’assecondi?

Peppe : C’è clero ( indicando Silvestro ) e clero ( indicando il prelato, tono pungente ). Da na parrocchia de paese ar potere della Santa Sede…(mettendosi dietro il prelato)

Alto Prelato:  ( s.t.) E’ il potere della Chiesa figlioli!! (il sindaco si inchina )

Peppe : ( rivolto verso al prete ) E io ho scerto er partito ar potere..

Nina :( irata) Papà questo è tradimento.

Peppe : ( verso le donne con fermezza ) Nanda, Nina, subbito alla dimora! ( Nanda  si avvicina)

Claudio :( guardare verso il cielo, disperato ) Signore, vedi che sta succedendo? Fa qualcosa….

Costanza : ( volgendosi a Checco,  con sarcasmo )Stamo a fà na figura de mer…de perecottari…. ( Indicandolo con un sorriso) Eccellenza! Mi scusi… Don Claudio…. Ci ha sposati n’ora fa. E’ valido il matrimonio?

Alto Prelato:  ( sempre gesto imponente, mugugnando fa cenno di no)

Costanza : ( preoccupata) No oh!! Non famo i soliti scherzi da prete!!

Alto Prelato:  ( s.t. ) Vi sposo io!

Costanza : Ci risposa lei?… Quale onore, vostro onore! ‘Namo Checchino. (avviarsi seguita dall’uomo.)

Claudio : ( fermare Checco, con tono implorante) Non mi credi nemmeno tu?

Checco : ( imbarazzato ) Io, te credo. Ma senza Costa, che me da er fremito carnale, che ce sto a fa qua?.( raggiungere il gruppo. Nina si stringe a Claudio )

Alto Prelato:  ( minaccioso)  Don Claudio, lei disonora l’abito che indossa!!

Claudio: ( indignato ) Ah, io disonoro l’abito che porto! ( sfilarsi la tonaca e gettarla a loro. Brusio generale) ECCO!!

Alto Prelato: ( Indicandolo con voce dura ) E’ indemoniato!!!

Nanda :Si, è er diavolo in persona! ( indicare il prete )

Alto Prelato:  ( s.t. indicando ) Un ossesso!

Costanza : E’ posseduto dalle diavolesse!

Peppe : E’ Berzebù che chiacchera ca bocca sua? Chiamate l’eso..esorcizzattore!

Tutti : (gettarsi in ginocchio facendosi il segno della croce )

Claudio : ( infuriato )  Ma siete impazziti? Tornate, vi prego. Per il vostro bene!

Alto Prelato:  ( indignato, sempre a gesti)

Peppe : ( rivolto a Claudio ironico) Clà, na notte all’aria fresca te schiarizza l’idee…. (con cerimonia) Emmine’, voleteme onorà la mia umile ta..tavola: ce famo un polletto e un goccetto… (volgendosi a tutti) Oggi er qui presente Sindaco offre da magnà e beve pure a voi, annamo a PREPARA’ A TAVOLA!!

          ( Applauso generale)

Iniziare la processione d’uscita di scena della genteClaudio e Nina sconfortati seguono con tristezza  la processione.)

Claudio : Nina, non vai con gli altri?

Nina : Io sto dove stai tu.

Claudio : Perché?

Nina : Perché ti amo.

Claudio : ( imbarazzato ) Non è importante …. L’importante è che rimani…

Nina : ( posare la testa sulla spalla di Claudio.) Saremo come Adamo ed Eva. Con la differenza che risparmierai una costola e non sentiremo sibilare tra i piedi nessun serpente tentatore.

Costanza : (di lato del palco) Psst. Psssst…Pssssst   ( Claudio e Nina si guardano intorno )

Nina : Ho sentito un sibilo…

Costanza : ( sempre di lato ) Psst! Aho, ce l’ho co voi due…..

Nina : ( con gioia) Oh, cara Costanza…. Ci hai ripensato … vuoi venire con noi!..

Costanza (avvicinarsi con accortezza, guardando a destra e sinistra furtivamente) ….. Ho bone nove….. Sua Eccellenza Filippo è disposto a perdonare…..

Claudio :  ( con ironia ) Davvero?

Costanza :( seria ) Parola d’onore….l’ho preso da na parte e gli ho detto: “ Fifì’……..

Nina e Claudio :  ( con stupore) Come?

Costanza : Fifì, diminutivo di Filippo…. ( in tono candido ) io  e lui semo amici di vecchia data…. Insomma  Fifì mi ha detto: “ Pur di evitare no scandalo, a Roma so disposti a concessioni….. Anche a na pro…. promozione!”. Te piacerebbe avè na bella veste nova, magari tutta rossa eh?

Claudio : ( con calma ) Francamente no…

Costanza: Eppure, pallidino com’è, il rosso shocking te starebbe proprio bene! Pensace….. E tu Nì, ( in tono allusivo ) cerca di convincelo, l’ attributi nun te mancano…… Beh, adesso ve lascio, pensatece…. ( interrompersi, con la mano indicare di aver ricevuto una goccia in testa) Non vorrei che cominciasse a piove. (Poi cambiare voce con tono agitato ) Una..una goccia!! ( Nina e Claudio devono guardarsi e alzare la testa al cielo. Costa deve provare panico ) Una goccia? Aiuto…. comincia er diluvio, (forte) Emminenza… Emminenza… Fifì…. Fifì…. Fifì….…

          Creare tuoni fulmini con il gioco di luci e scrosci di pioggia accompagnati con commento musicale: Consi urla su e giù per il palco, terrorizzata. Claudio e Nina si abbracciano felici. Piano piano, devono apparire tutti in scena, con ombrelli aperti. Guardare il cielo, con un vocio mimare di poter entrare nell’arca,

Tutti: ER DILUVIO………..ER DILUVIO!!! Don Clà (verso di lui, con le braccia tese)  facce salì. Aiuto Don Clà!!  Aiutace!!

Claudio : ( tono supplicante al cielo )  Signore, posso aiutarli? ( rumore di tuono )

Voce di Dio :  ( possente, questa volta lo sentono tutti ) NO! Non lo meritano!

           ( Vocio generale, smarriti, guardando in alto)

Claudio : (stupito) Ti sentono anche loro?

Voce di Dio : ( sempre  voce possente ) Era ora che mi facessi sentire…… salpa Claudio. SOLO TU E NINA VI SALVERETE….

Claudio : Su settemila milioni di persone solo noi due?

Voce di Dio : Beh, giusto il doppio di quando cominciai la prima volta.

Claudio : Signore… non posso abbandonare questa gente….( guardandoli, con voce dolce ) Scompariranno milioni di uomini…. Ma io quelli non li conosco. (indicandoli)  Questi sono amici…

Voce di Dio : E’ ILLOGICO!

Claudio : E’ umano.

Voce di Dio : ( sempre irritato) CLAUDIO!

Sergio cominciare CANZONEIl mondo:  no stanotte amore non ho più pensato a te, ho aperto gli occhi per guardare intorno a me e intorno a me girava il mondo come sempre etc… etc…

mentre gli altri attendono, il responso)

         

Voce di Dio :  (ironico) Deprimente! Tu farai quello che io ti ordino… Avrai nuova    

                     gente d’ amare, ragazzo…… Sta a te e Nina fornirmi di anime migliori di  

 queste….Non si fa politica con il sentimento…. Quando avrò bisogno        dei tuoi consigli, te li chiederò…. Ora basta….. SI PARTE ( rumore di tuono e sempre gioco di luci )

 Claudio : ( scendendo, si rivolge a Nina, rimasta sull’ ARCA,  con cenno della mano )           

                  Vieni Nina

Nina : ( preoccupata ritirandosi )  No, ho paura dell’acqua! Non so nuotare……….

Claudio deve avvicinarsi di più al gruppo, cercando di abbracciarli tutti.

Voce di Dio : (tono possente ) FERMATI!! Non posso fare il diluvio senza salvare nessuno….

Claudio : ( guardando Pina, con sfida ) C’è Nina…. Lei resta …

Voce di Dio : Ah sì? ( con ironia) E per ripopolare la terra ci faccio assai con Nina…. ( voce calma) Devo cominciare contro natura: prendere una costola da una donna per creare l’uomo….. Con i tempi che corrono, chissà che arnese uscirebbe fuori…….. Ma guarda che razza di testone dovevo scegliere….… (borbottare, un grosso respiro ) E va bene Claudio. Come vuoi tu…..

Claudio :( contento ) Grazie, Signore! ( vocio generale di contentezza )

Voce di Dio :  Lasciamo stare. Sono uno che sa anche perdere…. ( pausa, con forza ) SAN GEMINI, BASTA CON L’ACQUA… SANTA BARBARA, BASTA CON I FULMINI….SANTA ROSA, OGGI SMETTI DI FARE MARMELLATE IMPEGNATI CON L’ARCOBALENO… SAN LUSTRORE ASCIUGA CON SPLENDORE!!! (esclamazione di stupore da tutti )

Tutti : (cantano ) Evviva … evviva…evviva….evviva…evviva…. ( Chi saltella, chi si abbraccia.)

Checco : Clà…. Clà, ci hai sarvato a tutti… semo proprio ‘na truppa de ‘gnoranti!!…  ( Claudio lo abbracciaNel frattempo Nina seguita da uno dei carabinieri si avvicina al prete )

Nina : ( tono affettuoso) Don Claudio, mi perdona?

Claudio : ( sorridente, accarezzando il capo alla ragazza con voce triste)  Di che cosa, Nina? I sogni non sono peccati. (voltarsi alla gente e con tono pieno di brio ) Su, smontiamo l’arca e ridiamo il legname al signor Sindaco…..

          Nell’istante illuminare il carabiniere e Nina che si prendono per mano)

Costanza : (seguendo la scena, in tono trionfante, al pubblico ) Avete visto che  er carabbignere c’era?

Peppe : ( radioso) Grazie, don parroco nostro. Ho sempre detto che sei ‘na brava , ma che dico, na santa persona! Permetti (cominciare a cantare ) Aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in piùStonato?   ( tendere la mano a Claudio che gliela stringe ).Tutti i partecipanti allo spettacolo scendere tra il pubblico. Iniziare la canzone fra gli spettatori, farli partecipare al canto. Lentamente devono far ritorno sulla scena ognuno con una sedia.

          (Claudio dal palco canta e dirige)

Tutti:Aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più se sposti un po’ la seggiola stai comodo anche tu. Gli amici a questo servono a stare in compagnia(solo musica quando parla sergio e Dio)

           

Claudio :  (Guardando verso il cielo. Con aria ieratica )  Perdonami, Signore, se non ho saputo fare la Tua volontà…. Non succederà mai più…. Ma ora ti prego: non ci abbandonare….

Voce di Dio: Testone. non vedi che sto arrivando?

          Improvvisamente, buio in scena, una luce deve colpire una sedia vuota. Tutti volgere il capo verso quel punto, ed esplodere in un festoso entusiasmo e coro

Tutti:  Aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più se sposti un po’ la seggiola stai comodo anche tu. Gli amici a questo servono a stare in compagnia. Saluta il nuovo ospite non farlo andare via…. E così sia!!

Voce di Dio….. E  sulla nostra favola facciamo calare finalmente il sipario…

FI N E

Materiale occorrente

Impianto luci: “Americana” completa di filtri e Service. Due “occhio di bue” –

Musica:            Tastiera organo -

                            Nastro con inciso: Suono di telefono e telefonino. Sibilo vento. Rumore di tuoni.

                          Verso di gallo.  Suoni di campane. Suono di “russare”.  Rumori di gente che    

                          lavora. Squilli di  trombe. -

                          Basi delle canzoni in commedia. –

Costumi:          Abbigliamento casual per tutti, giorni nostri. Pacchiano per Mico, Mena e

                          Giuberto. Pina un po provocante. Un abito stracciato. Due tonache di cui                   

                          aggiungere un mantello  guanti ed un cappello rosso. Divise da carabiniere    

                         (associazioni carabinieri). Un abito da sposa, pacchiano, un abito da festa

                          maschile taglia inferiore al personaggio che lo indossa (Micuzzo) Cappellaccio,

                          un asciugamano, scialle, vestaglie.-

Oggettistica:   Sacrestia: scrivania, una credenza, tappeto, 3 sedie, inginocchiatoio,

                          carte,qualche libro. Qualche quadro a sfondo sacro e un Crocifisso.Telefono da

                          tavolo.  Telefonino.  Carte.

                          Bottiglia con acqua. Molletta da panni.  13 Candele. Un cero. Zaino. Sei bauli,

                          valige varie. Un gro sso quadro di Santo Marco. Corda. Martello. Alcuni assi di  

                          legno. Mazzetto di fiori. Ombrelli. 21 sedie. 4 tavoli per formare una lunga

                          tavola. Per l’Arca…. Come da disegno.

Materiale occorrente per ogni SCENA

SCENA da pag. 2 a pag. 8 – Sacrestia

Per prima cosa il vestiario occorrente per la scena è casual, ogni personaggio adibito al palco, scelga la “mise” di suo gradimento. Pacchiano per Mico, Mena e Giuberto. Pina provocante.

Materiale da usare fisso: Scrivania, qualche libro, un po di carte, tre sedie, un telefono, una credenza, un inginocchiatoio, un crocifisso, alcuni quadri a fondo religioso, tappeto, una pianola, una pianta. Tonaca, cappellaccio, un asciugamano, uno scialle, rumore del vento, e squillo telefono.

Luci piene, poi un occhio di bue.

SCENA da pag. 9 a pag. 12 – Piazza

Registrazione canto del gallo e suono di campane. Luci appena accennate da rappresentare l’alba.  Occhio di bue.

Materiale da usare fisso per la scena: secondo dove verrà rappresentato il musical.  Alcuni personaggi devono indossare vestagli da camera. Suono di campane.

SCENA da pag. 12 a pag. 16 -  Sacrestia e Piazza

2 occhi di bue. Luci normali e movimentate. Carte, telefonino, suono telefonino,  molletta dei panni, martello, rumore di gente che lavora,  rumore del vento.

SCENA da pag 17 a pag 22 – Piazza e Sacrestia

1 occhio di bue.  Luci normali e movimentate. Vestito vistoso e truccatura pesante per Consi.  Canto del gallo e suono di russare, candele  e cero. Vestaglia, uno zaino,  Rumori di gente che lavora. Attrezzi di lavoro. Assi di legno. Costruzione Arca, vedere disegno. Bauli, valige, un grosso quadro rappresentante un santo.

SCENA da pag.  23 a pag 26 - Piazza

Luce  normale e occhio di bue.Bauli, valige, un grosso quadro rappresentante un santo (sempre sul palco). Abito stracciato, telefonino,  corda, borsetta e candela,  scaletta.

SCENA da pag 27 a 28 – Piazza

Solo occhi di bue.

SCENA da pag. 29 a 30 - Piazza

Luci piene. Suono canto gallo. Abito da sposa, pacchiano. Abito cerimonia uomo di misura inferiore. Mazzetto di fiori. Bottiglia d’acqua.

Musica sottofondo.

SCENA da pag. 30 a 31 – Sacrestia

Occhio di bue. Luci movimentate. Telefono, emettere rumore di tuoni.

SCENA da pag. 32 a 36 – Piazza

Luce piena movimentata. Portare via i bauli e colli vari. Ombrelli. Emettere squilli di trombe. Rumore di tuoni. Scrosci di pioggia Abito talare, mantello cappello, guanti rossi. 2 vestiti carabinieri (assoc.ne). Tavolini e sedie

Elenco Canzoni

Aggiungi un posto a tavola –

L’emozione non ha voce –

O mio signore –

Le tre campane –

La notte è fatta per amare –

Vita spericolata –

Un mondo d’amore –

L’arca di Noè –

Che m’importa del mondo –

Ti avrò –

Che sarà –

Il mondo –

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 18 volte nell' arco di un'anno