Er Miles Gloriosus

Stampa questo copione

02.08,2000

Dal Miles Gloriosus di Plauto

erMiles Gloriosus

Commedia in due atti

Traduzione e adattamento di Alberto Ticconi

Alberto Ticconi 101752

Depositata il 3.121996

N° 826152A

Personaggi.

Pirgopolinice - il Miles Gloriosus

Palestrione - il servo stratega

Periplecomeno - il vecchio

Sceledro/Lucrione - I°e II° servo del Miles

Filocomasio - la fanciulla rapita

Pleusicle - il giovane innamorato

Acroteleuzio - Prima commediante

Milfidippa - Seconda commediante

Ragazzo - Servo di Periplecomeno

Carione - I° servo del vecchio, manesco

Lorario - II° servo del vecchio, manesco

A T T O P R I M O

SCENA PRIMA

Pirgopolinice, Palestrione, ancelle

PIRGOPOLINICE - Mi raccomando, fa che il mio scudo brilli al sole come il più splendido dei gioielli. Che i raggi di luce da esso "vibrantisi" possano spaccare le pietre del selciato. Voglio essere sicuro che il nemico si accechi se a me vien voglia di menar le mani. (Palestrione si getta in mezzo a delle ragazze che sono al lato della scena) Poi passa l'olio anche a questa spada, che troppo digiuno ha sopportato. Infatti già sento che soffre. Come la capisco; anch'io non resisto più dalla voglia di rompere ossa e denti. Ehi, ma dove ti sei nascosto?

PALESTRIONE - No, ce mancasse atu. E' che aggio cercato de salvareme gli'occhie da tanta luci, padrone meo insuperabbile. Mancu Marte, gliu dio della guerra, potesse sperà d'esse accussi tosto, e Giove a spararele accussì grosse. Dico, le saette.

PIRGOPOLINICE - Eh, eh. E' vero, eh?! E ti ricordi di quello sciagurato... Come si chiamava? A si; Bumbomachide, il figlio di Poseidone?

PALESTRIONE - E chi è? A si, si. Chigliu ch'era accussì grosso che ce volevono tre cavagli pe' gliu portà. E vui, co' nu’ susciu, gliate schiattatu, a issu e agli sordati che tenea appresso.

PIRGOPOLINICE - Che vuoi che sia.

PALESTRIONE - Niente, pe' vui n'è propitu niente. Ma n'è propitu niente addavero. (al pubblico) Quanno mai l'ha fatte ste’ cose. Chistu è bbono sulu a scappà e a racconta' palle. E si unu de vui conosce chi è chiu strunzu degliu padrone meo, i' me ce venno gratis. Però alla cucina è nu’ campione. Come se magna dend'a' sta’ casa non se magna da nisciuna parti.

PIRGOPOLINICE - Scusa, che cosa stai facendo?

PALESTRIONE - Niente; me steo a ricordà de ati cosi. Chella vota in India, che co’ nu’ cazzotta avete ruttu le corna agli'elefante? Ve ricordate?

PIRGOPOLINICE - Le corna? Le zanne, vuoi dire. E' possibile, sai io ho rotto tante di quelle cose.

PALESTRIONE - E certo. A me so' tre misi che dalla matina alla sera me rompete le...

PIRGOPOLINICE - Cosa dici?

PALESTRIONE - No, dico, lo state a dice proputu a me che ve accanoscio bbono?!

PIRGOPOLINICE - Quell'elefante andava castigato per bene.

PALESTRIONE - E certamente. Ma se ce metteate nu’ poco de chiu' della forza vosta chigli'aglimale se trovava spaccatu a metà senza mancu saperelo. (al pubblico) Vui vedete bbono chello che s'hanna fa’ pe' la panza.

PIRGOPOLINICE - Sciocchezzuole. Ma che cosa stavamo dicendo?

PALESTRIONE - Tuttu. Tuttu chello che dicete è tuttu veru, e i' lo pozzo testimonia'; a colazione, a pranzu, a merenda e a cena. E scusate se è poco. E tuttu perfettamente veru, assai.

PIRGOPOLINICE - Ma che cosa?

PALESTRIONE - Chello che dicete vui!

PIRGOPOLINICE - Sì, ma che cosa ho detto?

PALESTRIONE - Tuttu chello c'ate dittu. N'cé manca na’ virgola.

PIRGOPOLINICE - Senti. Mi occorre....

PALESTRIONE - Una tavolella de cera.

PIRGOPOLINICE - Bravo. E...

PALESTRIONE - E gliu zippu. V'aggia scrive caccosa.

PIRGOPOLINICE - Come hai fatto a indovinare?

PALESTRIONE - Mica è bravura mia, è la potenza della coccia vosta; trasmettete co' certe antenne.

PIRGOPOLINICE - Allora, su che cosa volevi testimoniare?

PALESTRIONE - Subbitu. Morte accisi pe' le mani voste so': centocinquanta alla Cicilia; n'ati cento in Macedonia, sessanta in Sardegna e ghiece de Scitobellata. Tutti chisti dent'a' nu’ iorno.

PIRGOPOLINICE - Perché solo dieci in Scitobellanta?

PALESTRIONE - Padrone meo, puri si la spati vosta è de foco, chigli erono talmente cornuti che romperegli la capu v'è statu nu’ poco faticusu.

PIRGOPOLINICE - Pazienza. E allora quanti ne sono in tutto?

PALESTRIONE - Aspettate nu’ poco, che gliu cuntu è difficile.... Circa ottantamila quattocentocinquattasettemiliuni.

PIRGOPOLINICE - E sì, ora che ricordo non poteva essere altrimenti.

PALESTRIONE - E chigliu è statu nu’ iorno senza sole.

PIRGOPOLINICE - E vero, eh!? Perché se no....

PALESTRIONE - E se no' era de sicuru gliu doppio.

PIRGOPOLINICE - Ma come fai a ricordarti così bene?

PALESTRIONE - I' me curo bbono la memoria, padrò. Vaio a fosfuru.

PIRGOPOLINICE - Ah, ecco. E' per questo allora che ti mangi tutto il pesce che compro al mercato.

PALESTRIONE - E' sempe pe' servi' bbono a vui, gioia della vita mia.

PIRGOPOLINICE - Lo credo bene. E quando mi si ruppe la spada in Cappadocia?

PALESTRIONE - Ve sete giratu de culu, e n'avete sterminatu duecento co' na’ botta.

PIRGOPOLINICE - In che senso?

PALESTRIONE - Voglio dice: senza mancu guardà.

PIRGOPOLINICE - Ah, già!

PALESTRIONE - E aveate magnatu bbono, ca' quanno magnate malamente s'ete peggio de na bomba atomica.

PIRGOPOLINICE - Cioé?

PALESTRIONE - Ve fa’ male la panza, diventate nervusu e le botti fanno gliu fumu. Ma pecché...Pecché i' me stò a' accite mo' pe' dimostrà chello che già sanno tutti quanti?

PIRGOPOLINICE - Lo sanno?

PALESTRIONE - E certamente.

PIRGOPOLINICE - E che cosa?

PALESTRIONE - Che vui sete unicu agliu munnu; che n'cé stà na’ femmena che n'se more quanno ve vede. Giustu ieri, cheste, chello che m'hanno fattu passà.

PIRGOPOLINICE - A si'? E che cosa andavano cercando queste donne?

PALESTRIONE - A vui.

PIRGOPOLINICE - Volevano me?

PALESTRIONE - E chello c'hanno dittu. "Che begli'ome. Quanta grazia de Dio. Ma pecché a nui no! Che campamo a fa’ mo’, mo’ che hamo visto chello che ce sta’ 'ncoppa a stu’ munno ma che n'è pe' nui."

PIRGOPOLINICE - E perché non è per loro?

PALESTRIONE - Pe' vui cheste so' troppu poca cosa. So' na’ miseria.

PIRGOPOLINICE - E tu che cosa ci stai facendo?

PALESTRIONE - Pe no’ ve fa trovà 'nmezo a nu’ uaiu, le sto’ a consolà i', ca' si no cheste s'accitono e la colpa è la vosta.

PIRGOPOLINICE - Davvero?

PALESTRIONE - Hanno 'ngingatu co’ lo chiagne.

PIRGOPOLINICE - Hanno?

PALESTRIONE - Aspettate che mo ve lo dico.

PIRGOPOLINICE - No, non ho capito la parola.

PALESTRIONE - Quale?

PIRGOPOLINICE - Tu stavi dicendo..

PALESTRIONE - E mo ve lo dico. Aspettate nu’ poco.

PIRGOPOLINICE - Hanno gigi.. gaga... Insomma, una cosa del genere.

PALESTRIONE - I' n'aggio mai ditta na’ cosa de chessa.

PIRGOPOLINICE - Stavi dicendo qualcosa.

PALESTRIONE - Quanno i' parlo dico sempe caccosa. No so' certu come a vui, ma caccosa la dicu puri i'.

PIRGOPOLINICE - Maledizione. Che cosa stavi dicendo?

PALESTRIONE - Che hanno 'ngingatu co' lo....

PIRGOPOLINICE - Fermo là.

PALESTRIONE - Ve lo giuro; no' stevo a i' da nisciuna parte.

PIRGOPOLINICE - 'Ngin..'ngin.. che cos'è?

PALESTRIONE - 'Ngingatu??

PIRGOPOLINICE - Eh! Benedetto sia il cielo. Che significa?

PALESTRIONE - Che hanno 'ncuminciatu a chiagne.

PIRGOPOLINICE - E tanto ci voleva a dirlo in modo quasi normale? Ti ho detto mille volte di parlare da uomo. Questo che cos'è: ebraico, tailandese, gallese?

PALESTRIONE - Mancu pe’ niente; è na’ parola innocente degliu paese meo. A Atene se parla accussì. E si volesse approfiddià....

PIRGOPOLINICE - Fermo. Non ti permettere. Una al giorno è anche troppo.

PALESTRIONE - Come volete vui. Steamo a dice che cheste hanno 'ncuminciatu co’ lo chiagne....

PIRGOPOLINICE - Va bene, va bene. E... è un guaio essere troppo belli. Tuttavia la prossima volta prima di prendere decisioni affrettate dammi una voce. Ora devo andare, che al quartier generale, non trovando qualcun'altro all'altezza, hanno dato a me l'incarico di scegliere soldati di fiducia e ben dotati per missioni di guerra. (si avviano per uscire di scena) E poi che cosa hanno detto ancora di me queste donne?

PALESTRIONE - "Beata chella femmena che ce se coreca 'nzema."

PIRGOPOLINICE - "Coreca", lo dicemmo l'altra volta, significa: "dormire accanto", vero?

PALESTRIONE - Chi?

PIRGOPOLINICE - Quella che ci va a dormire?

PALESTRIONE - E a do'?

PIRGOPOLINICE - Nel letto, no?!

PALESTRIONE - A chest'ora ? E che ce va a fa'?

PIRGOPOLINICE - Ma sto specificando il significato di "coreca", che vuol dire appunto

"va a dormirci accanto". (uscendo, a soggetto, continuano a parlare)

PALESTRIONE - (rientrando di corsa) I' mo’ vi gliu facesse gliu riassuntu de tuttu chello ch'è successo, - è chiaru, de chello che vui n'avete vistu.,- si pero' ve state nu’ poco quieti, ve spilate le recchie e ve cosete la vocca, e non ve mettete a fà com'a' chigli creaturi disgraziati che pe' farigli sta' nu’ poco zitti ce vonno sulu le mazzati. La città addò stamo è Roma, e chigliu c'avete visto 'nzema a me è gliu padrone meo attuale: Pirgopolinice. Nu’ zuzzu; nu’ buffone e pallista, che no' ve lo dico. L'unica cosa che po' fa' è fregà la povera genti. Se crete ca le femmene vanno pazze pe' issu, ma le uniche che gli vonno bbene so’ chelle de strati. Meno male che è da poco che sto' ca'. La verità è che gliu "padrone meo addavero" è n'atu; issu si' ch'è na’ bbona persona. E' d'Atene e tempo fa’ s'è 'nnammoratu de na’ bbella vagliona degliu paese seo, e tutto éva lisciu e tranquillu. Ma nu’ bbegliu iorno gli'hanno datu nu' ‘ncaricu e s'è dovutu allontanà. A chigliu punto chi è arrivatu? Sta' specie de generale senza ni' coccia e ni' core, che arruffianannose la mamma co' regali, 'nbroglie e sordi è riuscitu a pigliarese de forza la povera vaglioa e a portaresella ca'. I', de corsa, me so’ 'mbarcatu, e so' cursu dagliu padrone meo pe' gli dice ogni cosa. Ma la sfortuna ha volutu che certi disgraziati de pirati, che 'n'tenevono propitu niente da fa', ci'hanno acchiappatu e hanno screffonnatu la barca, e a me m'hanno portatu a venne. E propitu quanno, alla piazza, stevo espostu come agli cucumeri, gli ciucci, le nuci e le cipolle, pè' esse acattatu, me vede la povera sfortunata. Riesce a fareme piglià dagliu buffone e po', annascusu, me se vè a' ittà 'ncoglio, chiagnenno e strillenno ca' 'nce la faceva chiù; ch'era megliu la morte e che si cuntinuava sta’ storia s'avess'accisu addavero. Da chesto aggio vistu la sincerità sìa e quantu bbene vo' agliu padrone meo. Così aggio fattu arrivà nu’ messaggiu subbitu subbitu a Atene, e issu, gliu padrone meo, vulenno com'a' na’ saetta, è venutu ca'. E propitu pe’ la fretta d’arrivà a sta’ città n’è iutu a sbatte de coccià ‘mpetto a na’ preta?! Ma mica era na’ preta piccola; chella era nu’ monumentu grosso quant’a’ nu’ palazzu. E mo’ è rimastu ‘ntronatu de coccia gliu povereglio, che non ce se raggiona bbono mancu pe’ niente, sà! Comunque, a stu’ momentu stà ad abbità dann'amicu degliu padre; nu’ bravu vecchio, che sta' a fa’ puri de tuttu pe' risolve la situazione. Chigliu strunzu de generale ha missu la vagliona dent'a' na’ stanza addo' ce trase sulu essa, e i' ci'aggio fattu nu’ pertusu addo' Filocomasio passa e ripassa quanno gli pare, pe' vederese co' gli'amore seo. A dice la verità l'idea è stata degliu vecchio, pozza campà duecent'anni pecché cento già gli tè. Pe' gliu guardiano alla porta della stanza n'cè periculu, è nu’ vroccolo, e si se chiama ome è sulu pecché tè na’ mamma e nu’ patre. Ma mo’ senteteme bbono, se dice ca' le femmene so’ femmene, però si è veru che nui ne tenemo dui esse ne tenno quatto; tantu gli fumano. Sta’ vagliona quanno entra è de na’ manera e quanno esce è de n'ata, e accussì gliu guardianu n'ce capisce mai niente. I' tenesse puri nu’ poco de paura a tené na’ femmena a sta’ manera. Ma stà a cigolà la porta degliu vicinu; chigliu vecchio de cui già hamo parlato.

Entra Palestrione

PERIPLECOMENO - Maledizione, aòh! Me domando perché nun se rompeno le gambe certi stranieri che me spiano dar tetto. Possibile che io debba ave' i vicini dentro casa? Dar tetto, dalle finestre, dar cortile; non hanno nient'antro da fa' che guardà 'e brache mie? Ehi, servi, se ne vedete n'antro di quell'asini ficcanaso, rompetegli la faccia, m'ariccomanno. A meno che non sia Palestrione. E se tireno fori scuse; che so', che stann'apresso a 'na gallina o quarche pulcino, oltre la faccia rompeteglie pure er culo. 'Sti fiji de na’ bona donna, aòh!

PALESTRIONE - Chissà chi è statu a farigli cacche dispetto agliu vecchio. Non volesse esse dent'agli pagni see però. Ma a me che me ne 'nporta? Tantu le mazzate so' pe' gli'ati.

PERIPLECOMENO - Ciao Palestrio'!

PALESTRIONE - Bbona iornata a vui. Ma che state, 'ngrifatu?

PERIPLECOMENO - E che vor di'?

PALESTRIONE - State arrabbiatu?

PERIPLECOMENO - E me pare. Ci'hanno fregato, Palestriò. Ner senso che ci'hanno caricato de brutto.

PALESTRIONE - Addavero!? I' non me so' accortu de niente.

PERIPLECOMENO - E' successu sur tetto.

PALESTRIONE - Puri? Ma sete sicuru che ce stevo puri i' 'ncoppa sa' copellata?

PERIPLECOMENO - Uno dei servi der generale ha sgamato, ner cortiletto mio, Filocomasio a baciasse coll'amore suo.

PALESTRIONE - E chi è statu?

PERIPLECOMENO - E che ne so’? I' compagni tua ci'hanno tutta la stessa faccia da burini.

PALESTRIONE - Gliu nome voglio sapè.

PERIPLECOMENO - Ma nu'o so’. T'o' sto’ a di'. E' stato com'er furmine.

PALESTRIONE - Mama, che me sento già caccosa de meno.

PERIPLECOMENO - Io, appeno l'ho visto, gli'ho gridato: "Aòh, ma che stai a fa'? Che me stai a riparà er tetto o stai a fa' er gatto?" "No, m'è scappata la scimmietta, e pure l'uccello." E subito è scomparso.

PALESTRIONE - Filocomasio, la poverella, sta’ ancora dento la casa?

PERIPLECOMENO - Fino a quanno so' scito c'era.

PALESTRIONE - Allora fa(s)ceteme nu’ piacere, e lestu puri. Dicetegli che passasse dent'alla stanza sia. Aggio paura che prima de stasera finiscio 'nchiovatu alla croce.

PERIPLECOMENO - E poi?

PALESTRIONE - Che co' gliu cerveglio che tè facesse crete a chi l'ha vista ch'è tutta na’ sbandata de capu, pecché essa nun s'è mossa dalla stanza sia mancu pe' i' a cabbinetta. Ca' po' chesta è l'arte delle femmene; farece crede ca' ci'hanno sempe raggione esse, puri si vedemo co' gli'occhie e toccamo co' le mani noste che n'è veru mancu pe' niente.

PERIPLECOMENO - E' quello che faccio se è ancora in casa. Ma mo’ che te pija? Aòh, ma che te sta a spreme?

PALESTRIONE - Stateve zittu, che me sto' a concentrà. Aggia trovà la via pé fregà chigliu della scimmia, che si s'avesse persu la capu 'nmece degli'aglimale era megliu.

PERIPLECOMENO - Ma guarda che spettacolo. E chi l'avrebbe detto. Aòh, pare proprio che pensa. Se prenne la faccia; se batte er petto; se strofina la coscia. Ha trovato. Macch'é! Se gratta la pancia, se pizzica le chiappe. Ma 'ndo' ce l'ha er cervello questo? Aòh, a Palestrione, e mica potemo stà tutto er giorno ad aspetacce che tu te sprema? Anche perché de sto passo, se te sbaj, ce ne dovemo annà pe' a'' puzza. Allora c'hai pensato?

PALESTRIONE - Aggio pensatu.

PERIPLECOMENO - Hamo capito. Ma che?

PALESTRIONE - Penso che, forse...

PERIPLECOMENO - E, stamo freschi. A' " penso che forse"! Qua er nemico ce sta’ alle mutande e te stai ancora per aria? "Penso che, forse"!?

PALESTRIONE - Penso a tuttu i'. Me careco tuttu 'ncoppa alle spalli mei.

PERIPLECOMENO - E noi, stamo coperti?

PALESTRIONE - Ce penso i'.

PERIPLECOMENO - Ma se po' sapé? Guarda che dovemo sta’ coperti.

PALESTRIONE - Dent'alla coccia gli padrone meo che t'è?

PERIPLECOMENO - Gniente, e se ci'ha quarcosa sta tranquillo che in giornata la scarica ner cesso.

PALESTRIONE - Appuntu. Gliu piano meo è chistu: gli faccio crere che è venuta da Atene la sore gemella de Filocomasio, che è uguale a essa come so’ uguali di' gocce d'acqua.

PERIPLECOMENO - Così se quarcuno gli va a fa' la spia ce trovamo coperti.

PALESTRIONE - Ma che è la vocazione vosta d'esse copérto? ‘Ntromento è accussì: uguali, com'a' dui gocce d'acqua.

PERIPLECOMENO - E io chiaramente confermerò. Bravo!

PALESTRIONE - Avvirti Filocomasio, che potesse puri esse 'nterrogata dagliu generale.

PERIPLECOMENO - Ma che sottigliezze, aòh. Tuttavia ce potrebbe esse n'problema; se le volesse 'nterrogare contemporaneamente?

PALESTRIONE - Ce stanno tante scuse. E' iuta a spassu; gli fa male la panza; è iuta a lezione de musica; se sta’ a lavà. Non te' mica nu’ mandatu de perquisizione chistu.

PERIPLECOMENO - Me so' convinto. Vado subbito, prima che passa er buco. Ce vedemio, Palestrio'. (sta per uscire)

PALESTRIONE - E certamente…

PERIPLECOMENO - Ce vedemio, Palestrio'.

PALESTRIONE - E certamente Periplecò.

PERIPLECOMENO - Ce vedemio….

PALESTRIONE - E hamo capitu Pleripleco’! (Pleriplecomeno esce) E che cazzarola!? Mo’ volesse trova’ chigliu ca' ha persu la scimmia e gli'aoceglio. Pozzo capisce la scimma ma pe' perde gli'atu fattu hanna esse critin'assai. Ma, creca, voleva dice caccosa co' le penne. Gliu periculu chiu' grosso e si issu ha parlatu, e sì, ca a stà manera mo’ lo sapranno puri le prete de tutta Roma. Non saccio manco chi è e do' trovarigliu. Ma sto' a sintì certi rumuri. Chi starà a venì?

Entra Scheledro

SCELEDRO - (tra se) E che ci posso fare, non sò decidermi su quale operazione intraprendere. Sicuramente dormivo. Oppure no. Sui tetti ci sono stato di sicuro, che mi fanno ancora male le mani. Ma Filicomasio c'era o non c'era?

PALESTRIONE - Eccugliu, i'!! E' issu.

SCELEDRO - Chi è?

PALESTRIONE - Non te preoccupa', ca ancora n'è arrivata l'ora tia.

SCELEDRO - Oddio, che spavento. Sei tu!?

PALESTRIONE - Te vedo nu’ poco arruvinato de coccia. Che n'te funziona?

SCELEDRO - Hai ragione. Non mi tornano i conti.

PALESTRIONE - Beh, io so' bravu a fa’ ste cose, si me raccunti te pozzo puri aiutà.

SCELEDRO - Stavo curando l'uccello del padrone....

PALESTRIONE - Che stivi a fa?

SCELEDRO - Al padrone hanno regalato un bellissimo uccello tutto nero, e io sono addetto al suo mantenimento, oltre a fare la guardia alla porta di Filocomasio.

PALESTRIONE - E come gliu stivi a curà?

SCELEDRO - Come si può curare un uccello?

PALESTRIONE - A, i' non lo saccio. Ringraziandu gli dei n'aggio avutu mai n'occasione de chessa.

SCELEDRO - Beato te.

PALESTRIONE - E te creto.

SCELEDRO - Gli stavo dando da mangiare; lo pulivo. Se tu vedessi che carino; quando sono arrivato alla testa poi gliel'ho grattata per benino. Come si divertiva, come si divertiva.

PALESTRIONE – Ma chi è che si divertiva?

SCELEDRO - L'uccello.

PALESTRIONE - Chistu è scemu.

SCELEDRO - Non stava più nelle penne. La scimmietta, vedendomi fare tutte queste cose all'uccello, si è ingelosita ed è scappata.

PALESTRIONE - La scimmietta? E' gelosa de te? Certo che tu e sa' scimmietta amica tia facete propriu na' bbella coppia. Ma senza invida, però.

SCELEDRO - E mentre inseguivo la scimmietta sui tetti ho perso l'uccello.

PALESTRIONE - E certo.

SCELEDRO - Che cosa?

PALESTRIONE - No, dico, è normale. Chiunque gli'avrebbe persu agli postu teo.

SCELEDRO - Ma chi ti vedo nel cortile del vicino?

PALESTRIONE - Cacche atu aglimale?

SCELEDRO - Peggio, peggio.

PALESTRIONE – Nu’ spiritu malignu?

SCELEDRO - Peggio; perché da un nemico del genere puoi anche fuggire. Una cosa orribile.

PALESTRIONE - E che sarà statu?

SCELEDRO - Filocomasio, che si baciava con un giovanotto.

PALESTRIONE - E certo che chessa è na’ cosa malamente assai. Ma vattenne a muri ammazzatu, tèh!. E tu me stivi a fa’ 'npaurà pe' na’ cosa de chessa?

SCELEDRO - Ma allora non capisci?

PALESTRIONE - Hai vistu malamente.

SCELEDRO - Sono stato attento.

PALESTRIONE - Gli'occhie tee n'so' chiu' bbone com'a' na’ vota.

SCELEDRO - Ho degli occhi perfetti.

PALESTRIONE - A differenza degliu cerveglio. Hai avutu nu’ momentu de debbolezza, a furia de ratta' la coccia agli'aoceglio ti si consuma la tia. Fatte curà, ca uno che se la fa' co’ scimmie e aoceglie mica sta’ tantu bbono, vèh?!

SCELEDRO - Finiremo tutti in croce se il generale viene a sapere questa storia.

PALESTRIONE - Tutti chi?

SCELEDRO - Noi servi.

PALESTRIONE - Ma famme tocca ferro, (poggia la sua mano sulla testa di Sceledro) cazzarola. Tu! Chi è gliu guardianu de Filocommasio?

SCELEDRO - Io.

PALESTRIONE - E tu saglierai 'ncoppa la croce. Chi se doveva sta attento che essa non s'encontrasse co’ nisciunu?

SCELEDRO - Io.

PALESTRIONE - E a te 'nchioverannno mani e pere la' 'ncoppa. Chi hanna rispogne agliu padrone de ogni cosa che succede a Filocommasio?

SCELEDRO - Io.

PALESTRIONE - Chi se va perdenno gli'aoceglio pe' tutta la casa?

SCELEDRO - Io. Ma questo che centra?

PALESTRIONE - Chi se perde gli'aoceglio se perde tuttu. E la coccia tia già la vedo pe' terra. Mé mé, va subbitu subbitu a fa' testamentu pecché già si morto e sotterratu.

SCELEDRO - Ti prego, ti scongiuro. Dammi una mano, che quando servirà a te sarò a tua disposizione.

PALESTRIONE - Guarda che i' n'tengo niente da rattareme.

SCELEDRO - Ti supplico.

PALESTRIONE - Tu non hai visto a nisciunu.

SCELEDRO - No io ho visto, e anche bene.

PALESTRIONE - Allora si destinatu a esse 'nchiovatu alla croce.

SCELEDRO - Non ho visto assolutamente niente.

PALESTRIONE - Se caccherunu stéa a baciarese co’ gliu vaglione chella non era Filocommasio.

SCELEDRO - No, quella era proprio lei, potessi morire se non lo posso giurare.

PALESTRIONE - E allora la croce te stà già a' aspettà.

SCELEDRO - Ero io. Cadendo dal tetto sono capitato tra le braccia di un giovine giovanotto di passaggio.

PALESTRIONE - Ecco l'ata fine tia. Comunque tu putissi puri avé raggione. E ì voglio i' a controllà. (esce)

SCELEDRO - Muoio se parlo; ma muoio ancor di più se non parlo. Intanto io mi dispero e quella donna maledetta si diverte alle mie spalle. Io mi rodo l'animo e lei si butta nel piacere: non c'è peggiore assassino di una femmina. Queste sono capaci di tutto. Ma faccia ciò che vuole che io non parlerò. Non dirò una parola.

PALESTRIONE - (rientrando) Tenevo gliu sospetto che a te caccosa non te funzionava chiu'.

SCELEDRO - Ma che cosa stai dicendo?

PALESTRIONE - Tu si bu(s)giardu.

SCELEDRO - Non è vero.

PALESTRIONE - Allora te se sò scassati gli'occhie.

SCELEDRO - Non è vero nemmeno questo.

PALESTRIONE - E' gliu cerveglio che s'è vacantatu.

SCELEDRO - Ma perché?

PALESTRIONE - Filocommasio sta' dendo.

SCELEDRO - Tu sei pazzo.

PALESTRIONE - Addavero?

SCELEDRO - Pazzo sfrenato.

PALESTRIONE - A sì? E chella allora chi è?

Filocommasio esce per pochi secondi vestita di bianco, poi rientra in casa.

SCELEDRO - Non è possibile.

PALESTRIONE - Non l'hai vista?

SCELEDRO - Si.

PALESTRIONE - E allora?

SCELEDRO - Mi sono sbagliato.

PALESTRIONE - Te dico de no.

SCELEDRO - Sono gli occhi miei che non funzionano più.

PALESTRIONE - Gli mee funzionano bbono.

SCELEDRO - E' il cervello che si è guastato.

PALESTRIONE - Inpossibbile, chissu n'ha mai funzionatu. Sinti, ma Filocommasio da do' poteva passà pe' tornaresenne alla stanza sia?

SCELEDRO - Da nessuna parte.

PALESTRIONE - E allora ci'aggio raggione i'.

SCELEDRO - Non è vero.

PALESTRIONE - Facemo na’ cosa. I' mo' vaio dendo e te la porto ca', tu ce parli, la tucchi, tantu co’ te non succede niente, pe’ vedè che non è nu’ fantasma, e te cunvinci de chello che è vero. (esce)

SCELEDRO - Mi sta confondendo le idee. Non riesco a capire. Ma guarda quest'impiccione e ruffiano. Da tre mesi fa e disfà come se dopo il padrone ci venisse solo lui. Sbafa in cucina, e con le sue chiacchiere ci imbroglia tutti. Però questa volta non mi frega.

Rientra Palestrione portando con se Filocomasio

PALESTRIONE - (Hai capitu chello c'hai fa'?)

FILOCOMASIO - (E non sono certo scema. L'ho capito. Certo che l'ho capito.)

PALESTRIONE - (Ma mica pecché no' saccio che a vui ve puzzono gli baffi; puri chelle poche voti che n'gni tenete.)

FILOCOMASIO - (E allora lasciami fare che, se voglio, mi digerisco dieci uomini e anche di più.)

PALESTRIONE - (Co' bbona salute, figlia mia.) Allora Schelé, si le recchie le ti ancora bone, fidete de chello che sinti. E n'te sbaglià, ca la croce porta già gliu nome teo scrittu 'ncoppa.

SCELEDRO - Che un fulmine t'accarezi.

PALESTRIONE - E che na’ saetta te desse nu’ baciu 'n'fronte ogni matina. Stu' disgraziato de nascita e de morte, teh!

FILOCOMASIO - Chi è quel deficiente che mi accusa così ingiustamente?

PALESTRIONE - (a Sceledro) Te piace sta’ musica?

SCELEDRO - Nemmeno per niente.

FILOCOMASIO - Sto grande figlio di puttana che, dopo avermi controllata giorno e notte, si permette di paragonarmi ad una prostituta.

PALESTRIONE - Scommetto che chesta te piace di chiu'.

SCELEDRO - Lasciami in pace, maledetto, che primo o poi t'ammazzo.

PALESTRIONE - Guarda che i' te sto’ a salvà dalla 'nchiovatura alla croce.

FILOCOMASIO - Ma come fai a dire ch'ero proprio io?

SCELEDRO - T'ho visto con questi occhi.

PALESTRIONE - Ma non t'eri cecatu?

SCELEDRO - Che possa capitare a te. Io ci'ho riflettuto bene.

PALESTRIONE - E co' che, gliu cerveglio non te s'era tarolatu?

SCELEDRO - Non m'imbrogliate. Non so come, non riesco a capire in che modo, ma tu eri la'.

PALESTRIONE - Come mo' sta ca'?

SCELEDRO - Si.

PALESTRIONE - Tale e quale?

SCELEDRO - Gli stessi capelli. La stessa faccia, lo stesso fisico.

PALESTRIONE - Gli fianchi?

SCELEDRO - Uguali.

PALESTRIONE - La montagna de dereto com'era?

SCELEDRO - Uguale.

PALESTRIONE - E 'n'petto che ce teneva?

FILOCOMASIO - Ma che dici?

SCELEDRO - Le stesse cose che ci'ha lei adesso.

PALESTRIONE - Uguali?

SCELEDRO - Uguali.

PALESTRIONE - E quante ne erano?

SCELEDRO - Due.

PALESTRIONE - (a Filocomasio) Allora eri propritu tu.

FILOCOMASIO - Ma sei impazzito? Tutte le donne ce n'hanno due. E come era vestita quella ragazza che hai visto?

PALESTRIONE - Concentrate bbono, senza esaggerà.

SCELEDRO - Aveva una tunica rossa su una veste bianca.

PALESTRIONE - Hai vistu che ti si sbagliato?

FILOCOMASIO - Ma scusa, sei sicuro che avesse gli stessi miei capelli e lo stesso viso?

SCELEDRO - Si.

PALESTRIONE - E puri gli fianchi, la montagna e....

FILOCOMASIO - Smettila.

SCELEDRO - Senza ombra di dubbio.

FILOCOMASIO - Non ci posso credere. Che cosa meravigliosa. Allora è vero? Il sogno non mi ha ingannato. Come sono felice. Qualche notte fa mi è apparsa in sogno mia sorella e mi ha parlato. Ha detto che presto mi sarebbe stata vicina. Ed era con lei anche il suo fidanzato. Peccato, però; sarebbe stato un bellissimo sogno se non fosse finito in modo tragico.

PALESTRIONE - Addavero? E com'è finitu? - (Vai, che 'ccussì' vai bbono)-

FILOCOMASIO - Che tutti di casa assistevamo alla crocifissione di un povero servo il quale mi aveva accusato ingiustamente, anche se in buona fede, di cose a cui ero totalmente estranea. Scusate, ma adesso vi lascio. Devo andare a prepararmi per incontrare mia sorella. (esce)

SCELEDRO - Mamma mia. Io ci'ho avuto sempre paura dei sogni premonitori.

PALESTRIONE - E pecché i' no?! Ogni vota che na’ femmena se sonna caccherunu s'arruvina, e tu che già ce sì pe' donu de natura, stavota te ne parti propritu pe' gli'atu munnu.

SCELEDRO - Ma spiegami una cosa; (scoppiando a piangere) Devo proprio morire?

PALESTRIONE - Si sì convintu de chello che hai vistu, i' che te pozzo fa?

SCELEDRO - Sai. adesso non lo sono più come prima.

PALESTRIONE - Sì gli'occhie toie non t'hanno 'ngannatu....

SCELEDRO - No, ho problemi anche agli occhi.

PALESTRIONE - E po' murì 'ncoppa la croce nun'è mica accussì bruttu. Ce stanno cose chiu dolorose. Per esempiu... Per esempiu... Ma viti? mo' non me ve niente de chiu' bruttu e dulurusu ch'esse 'nchiovatu mani e pere, e cacche vota puri co' cache ata cosa, 'ncoppa nu’ pezzo de lena tosta e sporca. Ma vidi tu!

SCELEDRO - Aiutami ti prego che non voglio morire in croce. Ti giuro che non ho visto nessuno, né donna né uomo; né persona che conosco e né persona che non conosco. Sono perfettamente non vedente.

PALESTRIONE - Insomma si cecatu?

SCELEDRO - Si!

PALESTRIONE - E allora, forse, te pu' salvà.

Filocomasio esce dal portone di Periplecomeno con addosso un

mantello rosso.

SCELEDRO - Non voglio morire.

PALESTRIONE - Aòh, ma viti che pezzo de femmena è sciuta dalla casa degliu vecchio. Certu ca gliu vicinu nosto se tratta bbono.

SCELEDRO - Ma chi se ne importa? Ehi, ma è Filocomasio. E' proprio lei.

PALESTRIONE – Mo’ che fai, 'ncuminci n'ata vota?

SCELEDRO - Senti Filocomà, ma mi vuoi prendere in giro?

PALESTRIONE - Guarda quant'è sgustumata: Mancu te rispogne.

SCELEDRO - Ehi, dico a te! Come hai fatto a uscire da quella porta?

FILOCOMASIO - Scusi, ma lei chi è?

SCELEDRO - E me lo domandi?

FILOCOMASIO - Non la conosco affatto.

PALESTRIONE - Sinti, a non conosce a issu a stu’ munnu 'n'se perde niente, ma a me m’accunusci?

FILOCOMASIO - Certo: lei è un altro scocciatore attacca bottoni.

SCELEDRO - Non conosci né a me e né a lui?

PALESTRIONE - E a tutti dui 'nsema?

SCELEDRO - Ma che dici?

FILOCOMASIO - Ve l'ho già detto. Non vi conosco. E adesso se continuate ad importunarmi vi denuncio.

SCELEDRO - Noi non siamo più noi.

PALESTRIONE - Ma non semo nemmeno ati.

SCELEDRO - Forse non stiamo nemmeno dove stiamo.

PALESTRIONE - Non te fa piglià pé culu.

SCELEDRO – Un pochino?

PALESTRIONE – No!! Mo’ ce penso i'. Sinti Filocomà...

FILOCOMASIO - Guarda che questo non è il mio nome, io mi chiamo Giustina.

SCELEDRO - Che ti avevo detto?

PALESTRIONE - Ma non po' esse. Da quanti misi stai ca'?

FILOCOMASIO - Solo da ieri. Perché?

SCELEDRO - Scusatelo signorina. (a Palestrione) Ma che cosa t'interessa?

PALESTRIONE - Mica ce potemo fa’ mette dent'agliu saccu accussì facilmente? (a Filocomasio) E che cosa si' venuta a fa' da ste parti?

FILOCOMASIO - A trovare mia sorella Filocomasio.

SCELEDRO - Ma davvero? E' un imbroglio! Ci vuole imbrogliare.

PALESTRIONE - Sta' disgraziata.

FILOCOMASIO - Insomma lasciatemi andare, altrimenti chiamo qualcuno.

SCELEDRO - (la prende per un braccio) Chiama chi ti pare ma adesso tu vieni con me.

PALESTRIONE - Stamoce attento che ca' ci'arrestono.

FILOCOMASIO - Vi faccio arrestare di sicuro, maledetti.

SCELEDRO - Tu adesso entri in casa e basta!

PALESTRIONE - Cazzarola! Scelé, me pari n'ome.

FILOCOMASIO - Quest'altra è casa mia. E lasciami.

SCELEDRO - Se mi giuri che tra poco sarai nella casa che ti dico io ti lascio.

PALESTRIONE - Non te fidà.

FILOCOMASIO - Non ci passo attraverso quella porta.

SCELEDRO - Se giuri ti lascio libera.

FILOCOMASIO - Va bene: giuro che farò come desideri; ma adesso lasciami. (appena Scheledro la lascia Filocomaso s'infila nel portone di Periplecomeno) Vi saluto. Addio.

SCELEDRO - Ma ha giurato?!

PALESTRIONE - Embèh, c'hama fa?

SCELEDRO - (quasi piagnucolando) Non ha mantenuto la parola?!

PALESTRIONE - E no' sapivi? So’ giuramenti de femmene.

SCELEDRO - E adesso?

PALESTRIONE - Mo' ce penso i'. Vaio dento e si se stà a'abbraccià a cacche vaglione gli faccio sicchi tutti e dui co' na’ cortellata.

SCELEDRO - Ma sei sicuro che è lei?

PALESTRIONE - Si. Ma va’ dent'alla cucina a pigliareme nu’ corteglio come se deve.

SCELEDRO - Vado subito, per tutti gli dei. (esce)

PALESTRIONE - Avete vistu che fatica? E come ce sa’ fa' sta’ vagliona? Quanno una de cheste te vo' bbene, puri si Giove ‘n’persona te volesse fa’ la pelle difficilmente ce po' riuscì. Ma si na’ femmena accussì te vo male si morto prima de t'ammalà. Dent'a' stu’ momentu essa è passata dall'ata parti, e ve faccio vedé che succede.

Rientra Scheledro di gran corsa

SCELEDRO - Possiamo fare perfettamente a meno del coltello.

PALESTRIONE - E pecché?

SCELEDRO - Filocomasio sta in casa.

PALESTRIONE - Sì sicuru?

SCELEDRO - Si. L'ho vista io: sta dormendo nella sua cameretta così tranquilla e beata che mi ha commosso.

PALESTRIONE - E allora nui stamo appostu. Nui. Ma tu no.

SCELEDRO - Come no?

PALESTRIONE - E si' chello che hai dittu è vero, co' gliu fastidiu che hai datu alla signora de fronte, 'n'croce ce vai lo stesse.

SCELEDRO - Insomma, comunque mi muova, m’inchiodano?

PALESTRIONE - Sinti, pe’ lo bene teo e della coccia tia sai chello c'hai fa'.

SCELEDRO - Lo so sì. Mi chiuderò dentro e non parlerò neanche con la scimmietta mia.

PALESTRIONE - Bravu, accussì se fa’. A nui ce conviene sapé gliu chiu' possibbile e parlà meno che se po'. E mo' te saluto Schelé. (esce)

SCELEDRO - Ti saluto Palestriò, e grazie.

Entra in scena Periplecomero

PERIPLECOMENO - Chi è stato? Chi ha osato mancà de rispetto all'ospite mia?

SCELEDRO - Adesso sono finito.

PERIPLECOMENO - Ma m'avessero preso pe' uno ar quale hanno tolto er meio?

SCELEDRO - Questo ce l'ha con me.

PERIPLECOMENO - Che per caso te sa' quarcosa?

SCELEDRO - Veramente se mi state a sentire....

PERIPLECOMENO - A sentì a te? Ma io nun ci'ho tempo da perde. Ma come te sei permesso? L'ospiti mia so’ sacri.

SCELEDRO - E' vero....

PERIPLECOMENO - Aòh, è vero lo dico io. Ma te, perché sei er servo de'n'generale, te credi de poté fa' tutto quello che voi? Ma che stamo a da', i nummeri?

SCELEDRO - Pietà, se potete.

PERIPLECOMENO - Quello che posso io tu manco te 'o sogni. Se volessi te potrei frustà pe' mesi, o pe' anni, o pe' sempre. E chissà che nu'lo faccio. Stò muso de burino.

SCELEDRO - Mi dovete perdonare. Non ci si capiva niente.

PERIPLECOMENO - Approposito de burini, mo t’arriconosco; tu sei quello della scimietta.

SCELEDRO - Mi è scappata.

PERIPLECOMENO - Esattamnte come le legnate che dalle mani mie mo cominceno a scappà su 'a schiena tua. E l'uccello, l'hai più ritrovato?

SCELEDRO - Se lo sarà mangiato qualche gatto.

PERIPLECOMENO - E' la stessa fine che faccio fa ar tuo prima de stasera.

SCELEDRO - Una confusione incredibile: quella donna; era lei, era un'altra; stava qui, stava la', non stava da nessuna parte. Io come mi chiamo? Ma esisto?

PERIPLECOMENO - Aoh! Me sembri scemo. Quello che è sicuro è che tu stai a rischià de brutto, e pe' diversi motivi, che mo' te spiego. Primo: m'hai rovinato, co' sto peso che te ritrovi, tegole e cornicione. Secondo: hai accusato l'amica der tuo padrone de fa le cose zozze co' n'antr'omo. Terzo: volevi dimostrà che la persona mia s'è messa a fa' er ruffiano. Quarto: sotto casa mia hai allungate le mani zozze tue addosso all'ospite mia. Ma te sei fatto proprio p'a' croce. Ce senbri nato, ce sembri.

SCELEDRO - Se lo dite voi. Ma era così uguale. Più uguale di una cosa uguale a se stessa. Più uguale di questo.

PERIPLECOMENO - Per caso t'è rimasto ancora quarche dubbio?

SCELEDRO - Ma nemmeno l'ombra.

PERIPLECOMENO - Un pochetto de dubbio, in fonno ar core secondo me, t'é rimasto.

SCELEDRO - Non è vero, ve lo giuro. Non mi è rimasto niente.

PERIPLECOMENO - E dì che te voi sincerà che l'ospite mia esiste veramente e che sta dentro casa?

SCELEDRO - No.

PERIPLECOMENO - E daie.

SCELEDRO - Si, ma non mi fido dei miei occhi?

PERIPLECOMENO - E che voi, che te presto i mia? Va dentro.

SCELEDRO - Posso?

PERIPLECOMENO - Devi; è n'ordine.

SCELEDRO - Corro. (esce)

PERIPLECOMENO - Te possino ammazzatte. Mai visto n'asino più fino, o un dritto più asino. Come ve pare.

Scheledro ritorna con velocità

SCELEDRO - Perdonatemi. (si getta in ginocchio ai piedi di Pleriplecomeno)

PERIPLECOMENO - Vabbé, nun perdemo tempo in chiacchiere.

SCELEDRO - E' proprio vero che ho sbagliato.

PERIPLECOMENO - Si, ma mo' nun te stà a rode l'anima.

SCELEDRO - Non succederà più.

PERIPLECOMENO - E lo credo bene. Ma adesso arzete, e vattene dar padrone tuo.

SCELEDRO - Non mi farete mettere in croce?

PERIPLECOMENO - Ma tanto quello è destino tuo.

SCELEDRO - Lo dite per consolarmi. Pure il mio bisnonno, mio nonno e mio padre sono stati messi in croce.

PERIPLECOMENO - Lo vedi che ci'ho ragione? Nun c'è bisogno che la faccio io sta fatica, prima o poi ce pensa n'antro.

SCELEDRO - Grazie, come siete buono.

PERIPLECOMENO - Aòh, me stai a staccà 'n braccio.

SCELEDRO - E' vero che ho spiato dal tetto.

PERIPLECOMENO - Vergognete, che er servo bono è sempre senza occhi, senza lingua e senza orecchi.

SCELEDRO - Ma occorrono per servirvi meglio.

PERIPLECOMENO - No, pe' fregacce mejo, vorrai di'. Tuttavia voglio proprio esse bono de core, e vojo pensà che hai fato tutto n'bona fede.

SCELEDRO - Grazie.

PERIPLECOMENO - Fai bene a ringraziamme. Ma m'ariccomanno: senza occhi, senza lingua e senza orecchi.

SCELEDRO - Che avete detto che non vi sento?

PERIPLECOMENO - Ma che stai a di?

SCELEDRO - Non riesco a sentirvi.

PERIPLECOMENO - Ma che sei impazzito.

SCELEDRO - Non vi sento più.

PERIPLECOMENO - Guardame in bocca, che dar moimento se capisce.

SCELEDRO - Peccato che nemmeno vi vedo più altrimenti solo guardandovi in bocca potrei seguire il discorso.

PERIPLECOMENO - Ma che te stà a pià??

SCELEDRO - Mmmmm....mmmm.mmm------! (facendo strani gesti di devozione scompare dalla scena)

PERIPLECOMENO - Aòh, aspetta, n'do' vai? Mica ho finito co' te. Senti, vié qua. (lo insegue) Fatte prenne, disgraziato.

F I N E P R I M O A T T O

A T T O S E C O N D O

Entrano in scena Palestrione, Periplecomeno e Pleuriche.

PALESTRIONE - Sentete, non cantamo già vittoria prima degliu tempo. Non ce facemo fregà dagli'entusiasmu. Specialmente si se dovessero scuprì gli fatti nosti. O vui la pensate de'n'atu modu?

PERIPLECOMENO - E ce mancherebbe.

PLEUSICLE - E io che pi pi!.. pi pi ..che pi pi...che posso dire? Per ora ti ringrazio solo con tutto il cuore, e ti confesso di doverti la stessa mia vita, caro pi pi.. caro pi pi.. caro Palestrione.

PALESTRIONE - E' sulu dovere, padrone meo addavvero. Padro?! Padro?! Padrò ma addavero che chella preta v’ammaturatu la coccia bbono bbono.

PLEUSICLE - E anche a voi, amico mio. Quando mi pi pi.. mi pi pi.. mi potrò mai sdebitare di tanta grazia?

PERIPLECOMENO - Ma nun ce devi proprio pensà. Se fosse pe' me, a sto generale da quattro sordi, gli farei vedè i sorci verdi.

PLEUSICLE - Come mi dispi pi.. dispi pi.. dispiace.

PERIPLECOMENO - E de che?

PLEURICHE - Di darvi questi impegni. Cose che non si confanno ad un galantuomo come siete voi.

PERIPLECOMENO - Beh, ma che centra?!

PLEUSICLE - E sì. Voi già avete i vostri grattacapi, i vostri acciacchi, la vostra età.

PALESTRIONE - Chesto è veru?

PERIPLECOMENO - Aòh, a acciacchi e età! E pe' chi m'avete preso? Che per caso me state a dì che so vecchio? E sembra che state a parlà de uno che agonizza. Dateve na carmata. Qua, da me, li fringuelli ci'hanno ancora tutto da 'mparà. Certo annamo un po' più piano; nun facemo i grossi fochi, che so' spesso solo de paja; ma er lavoro ve' preciso, perfetto, pulito; tanto che nessuna me se lamenta mai. E scusate se è poco.

PALESTRIONE - Poco? Pe' nui ommene è la cosa chiu' difficile.

PLEUSICLE - Anch'io ne ho sentiti di elogi per voi. E nessuno, per questo, vi darebbe l'età che avete.

PERIPLECOMENO - E ve credo. Er problema mio è l'opposto. Specialmente ar mattino me ci'ariccomanno tanto. "Nun te mette n'testa pure oggi de me fa lavorà, statte quieto, lasseme perde; armeno pe' quarche giorno." Ma a chi lo dici? Se mette 'n'piedi come un galletto, comincia a cantà, a daie de zampa, a bloccatte nelle cose tue; che alla fine sei costretto a cede.

PLEUSICLE - Possibile?

PALESTRIONE - E la materia prima addo' la trovate?

PERIPLECOMENO - Chi, io? Ma io non movo na’ paja. Dice che è telepatia. Se presentano da sole. Non faccio a tempo a scenne dar letto che me busseno alla porta. Io apro e me sento di': "Che m'hai chiamato?" "No! -risponno io - "Allora è tu fratello. Che me fai entrà?" E ce mancherebbe. Hai capito sì che roba?

PLEUSICLE - Fantastico.

PALESTRIONE - E che scola avete fattu pe' tenè tuttu sto' foco?

PERIPLECOMENO - Fijo mio, ma che te devo dì? Uno ce nasce e n'antro ce diventa.

PALESTRIONE - I', per' esempio ce potesse pure esse natu.

PERIPLECOMENO - Scemo. Voglio di', non dovemo pensà d'esse proprio scemi. Quanno uno ve' ar monno co' poca materia se deve da da' fa pe' poté cresce. Tu pensa che io più crescevo e più me ringiovanivo. Più annavo avanti co' l'anni e più me se faceva la bocca bona. Adesso paragonnannome a te ce dovrei da' avé, che so', diciassette, diciotto, o al massimo diciannov'anni, o poco più.

PALESTRIONE - Mo’ me sembrate nu’ poco esageratu.

PERIPLECOMENO - Perché, tu dici quinnici?

PLEUSICLE - Caro amico, io vi dico che il vostro cuore è così vivo e giovane che standovi accanto si ha l'impressione di avere a che fare con un bambino. Ma la saggezza vostra è così pi pi.. pi pi .... così profonda da poter contenere tutta la scienza del mondo. Tuttavia io non so proprio come ricompensarvi.

PERIPLECOMENO - Già ste parole so' na ricompensa infinita. Sai che te dico: magna e bevi. Quanno uno fà 'n'piacere a chi merita ne ha fatti venti a se stesso. E' er massimo der guadagno. Questa è casa tua, e non solo perché conosco tu' padre come un fratello, ma perché adesso conosco a te mejo d'un fijo. Se avessi voluto, co’ tutti i sordi che m'aritrovo, ma sai che moje e che fiji potevo da ave'? E invece gniente. Er bene più prezioso dopo l'amicizia è la libertà, e io che l'ho raggiunta, nu'a vojo perde. Ce dovesse sta na femmena ideale, ma andò a trovi? E' capitato a te; però è raro. Allora io ci'ho gli'amici che vojo, faccio le feste che vojo, vado o non vado a do’ vojo e quando vojo; no com'a' tutti l'amichi mia che vanno 'n'giro sempe co' du' funi ar collo.

PALESTRIONE - Pecché dui?

PERIPLECOMENO - Una la tiene 'a moje e l'antra la suocera, la più dura e pesante. E' na guera; na guera brutta.

PALESTRIONE - Appropositu de guerra, mo’ ce steamo a scordà de chella nosta.

PERIPLECOMENO - Hai ragione.

PLEUSICLE - Che cosa dobbiamo fare?

PALESTRIONE - Vui dateme st'aneglio.

PERIPLECOMENO - Eccotelo. Ma dicce quarcosa.

PALESTRIONE - Come sapete bbono, agliu porco meo gli piaciono le femmene sposate, tanto che appena ne vede una gli esce la bava dalla vocca.

PERIPLECOMENO - Aòh, quello già fa schifo.

PLEUSICLE - E allora?

PALESTRIONE – Vo’ fa’ crete che a fa’ gli'amore è chiu forte de nu’ crapiu de montagna e tutti gli nomi delle povere sfurtunate gli te' scritti e conservati.

PERIPLECOMENO - Continua.

PALESTRIONE - A me serve solo na’ brava vagliona. Ma pe' brava, non saccio se me spiego, voglio dice tutta n'ata cosa. Hanna sape' usa la lengua e tuttu gliu resto.

PERIPLECOMENO - Questo lo sanno fa' tutte.

PALESTRIONE - Hanna tené paricchia coccia e poco sentimentu.

PERIPLECOMENO - Niente di più facile.

PALESTRIONE - Che sa' piglià pe' fessa a n'ome senza sbaglià na' botta.

PERIPLECOMENO - Non ne ho trovata mai una diversa.

PALESTRIONE - Ma che sia pure giovane e formosa. Insomma no'gli'hanna mancà le cose boni agliu posto giustu.

PERIPLECOMENO - Ne ho proprio una sottomano. Ma a che ti serve?

PALESTRIONE - L'ata fa' vinì ca' dento, l'ata vistì bbona e megliu e farevela a mugliere.

PERIPLECOMENO - Ma che sei impazzito? Allora quello che ho detto?

PALESTRIONE - Ma pe' finta, mica addavero. Po', si è propriu bbona, la passate a me.

PLEUSICLE - Palestrio'?!

PALESTRIONE - Padrò, ma sto' a pazzia'.

PERIPLECOMENO - Pe' finta va bene. Pure, anche la sola idea me da n'angoscia.

PLEUSICLE - Se non lo volete fare...

PERIPLECOMENO - Ma lo vojo fa' e come, invece.

PALESTRIONE - Po' ce volesse che sta vagliona tenesse puri na’ serva, possibilmente bbona.

PERIPLECOMENO - Sei servito.

PALESTRIONE - Capisceteme bbono. Nui facemo sapè agliu generale che la mugliere vosta smania de ve mette le corna co' issu; e siccome chigli'ome gode sulu quanno po' fregà agliu prossimo, vedete si non ce cade co' tuttu gliu sentimentu dent'a' sta’ tagliola.

PERIPLECOMENO - E l'anello?

PALESTRIONE - Sarà la dimostrazione che tutto chesto è veru. I' gli dico che chist'aneglio mi gli'ha datu la serva de mugliereta pe' issu, e ci gliu faccio consegna da nu’ bbono ruffiano che si gli'accatti se venne da tutte le parti.

PERIPLECOMENO - Allora io vado a contattà le due. T'assicuro che so de prima scelta. (esce)

PLEUSICLE - Ed io?

PALESTRIONE - Vui potete i', ma stateve attento a non fà nì troppu e nì poco.

PLEUSICLE - Di questo puoi stare sicuro, che la posta in gioco è troppo importante.

PALESTRIONE - E l'hamo capitu. Ma ve lo ricordate bbono?

PLEUSICLE - Benissimo. (esce)

PALESTRIONE - Stongo a diventà propitu nu’ specialista; ma chesto è ancora niente. Ve faccio vedé ca, prima che gliu sole se ne va’ dagliu celo, agliu generale gli frego la femmena, gli sordi e puri a me. Mo' vedemo si ce sta’ chigliu che dico i'. O, Scelé, ce stai o non ce stai? Scelé ce stai o non ce stai?.

Un servo, Lucrione, si affaccia da una finestra.

LUCRIONE – Chi è?

PALESTRIONE – Lucriò!

LUCRIONE – A, sei tu!?.

PALESTRIONE – E, so i’ sì! Lucriò ma i' n'aggio chiamatu mica a te. Insomma fratutu ce sta’ o non ce sta’?

LUCRIONE – Tutt’e due!

PALESTRIONE – Ma che risposta è?

LUCRIONE - Che c'è ma che non c'è.

PALESTRIONE - Viti si chistu s'hanna spassà 'ncoppa le spalli mei? Continua a parlà a stà manera e sta’ preta te vè a scoperchia le cervella.

LUCRIONE - E' in casa, però è completamente ubriaco.

PALESTRIONE - E che ce voleva a dicerelo prima?

LUCRIONE - Non vuole che lo si sappia. Il padrone già l'altra volta lo ha fatto frustare.

PALESTRIONE - E me lo ricordi sì. Alla frusta ce steva gliu sottoscrittu.

LUCRIONE - Che vuoi da lui?

PALESTRIONE - Chello che non pozzo volé mancu da te.

LUCRIONE - E cioé?

PALESTRIONE - Ca come state non servete propitu a nisciunu: issu pecché è 'mbriacu e tu pecché si scemu.

LUCRIONE - E allora ti saluto.

Rientrando chiude la finestra

PALESTRIONE – Ma che sta’ a fa’? Lucriò! Lucriò!

LUCRIONE – Chi è? A sei tu? Ciao!

PALESTRIONE - Ma non è che te sì annacquatu puri tu?

LUCRIONE - Nemmeno per sogno. E come mi ha bruciato lo stomaco.

PALESTRIONE - E certu, te puzzi schiattà. Si tenivi le cervella erano esse che te se sariano iarse.

LUCRIONE - Se non hai più niente da dirmi... io ti saluto

Rientra di nuovo dentro richiudendo la finestra.

PALESTRIONE – Lucriò, mannaggia a te! Lucriò!!

LUCRIONE – Ma chi è fa tutto questo casino? A, sei tu? Da quanto tempo.

PALESTRIONE – Chisto è cento voti chiu strunzu degliu frate! Ma che è sta fretta?

LUCRIONE - Devo andare a lavorare.

PALESTRIONE - E i aggia fa' la spia agliu padrone.

LUCRIONE - Palestrio' non farlo, per carità.

PALESTRIONE - Vidi mo' come se' raggiona bbono?

LUCRIONE - Sono stato io a fare ubriacare Sceledro, per ordine della signora Filocomasio, e adesso faccio la vedetta. Non mi distrarre da questi miei compiti, te ne prego.

PALESTRIONE - Aggio capitu. Vai tranquillu e fa’ bbono gliu dovere teo.

LUCRIONE - Grazie, Palestrione. (rientra all'interno)

PALESTRIONE - Mo' s'è capisciutu tuttu cosu. Chella non è na’ femmena, e si lo è se dovesse disinnescà. Ma non stanno mancu nu’ poco fermi. Vabbè c'hanna fa’ lo persu, ma mo' so nu’ poco esaggerati. E che è?!

Entrano in scena Periplecomeno, Acroteleuzio e Milfidippa.

PERIPLECOMENO - Allora ce semo ben capiti? Nun me fate fa brutta figura, m'ariccomanno. Se c'è quarcosa che nunn'è chiara ve a' posso ripete; e su quello che avete capito potemo approfondì.

ACROTELEUZIO - Mi fai specie carissimo. Lo sai che le donne non sono mai nuove a queste operazioni.

PERIPLECOMENO - Ma può pure capità..

ACROTELEUZIO - A noi no.

PERIPLECOMENO - E ce mancherebbe. Io ne sono stato sempre ben convinto. Ma n'omo, chissà perché, anche quanno 'o pensa poi nun 'o crede. Pe' noi, voi, da quarche parte della coscienza nostra, siete angeli, mamme, fiori e dorcezze, sempre, pure quanno ce fate a macinato o fritti ner tegame.

ACROTELEUZIO - E sai perché'

PERIPLECOMENO - Questo nun me mai riuscito de capì. Perché, Acrotelé?

ACROTELEUZIO - Anche quando una donna fa del male opera il bene.

PERIPLECOMENO - Gaiarda questa. Insomma noi ve dovemo da' ringrazià pure quanno ce trucidate?

ACROTELEUZIO - Soprattutto.

PERIPLECOMENO - Che Dio ve benedica. E che ve devo dì?

PALESTRIONE - Periplecomeno meo, e da quale stalla te sì portate ste’ cavalle?

PERIPLECOMENO - Se vede che so de razza, dì 'a verità.

PALESTRIONE - De che razza so' non se po' dice, però gliu fattu è garantitu.

PERIPLECOMENO - Questo è er nostro stratega, lo possino ammazza'. Però nun ve fate 'ngannà dall'apparenza: sembra burino, ma è peggio. Ner senso che è mejo. Quello che pensa lui, pe' noi, so' ordini,

ACROTELEUZIO - Piacere di conoscerla.

MILFIDIPPA - Anch'io sono onorata di fare la vostra conoscenza.

PALESTRIONE - Da come ve vedo gliu piacere è tuttu gliu meo. Ma i' mo' voglio sapé si esse so’ pronte e preparate pe' la guerrà che s'hanna fa.

PERIPLECOMENO - Aoh, ma che stai a dì? Ogni femmina è già predisposta pe' natura. Io, a queste, ho solo messo a foco gli obbiettivi.

ACROTELEUZIO - Non la deluderemo.

MILFIDIPPA - Siamo preparatissime.

PALESTRIONE - E da ste’ armi che tenete chi potesse dice ca' n'è vero. Cazzarola.

ACROTELEUZIO - I pezzi son ben lubrificati.

MILFIDIPPA - Il sangue ci è indifferente e in battaglia siamo sorde ad ogni grido d'aiuto.

ACROTELEUZIO - Non conosciamo la pietà, e siamo fulminee nel colpire.

MILFIDIPPA - Così la nave sarà affondata senza fare prigionieri.

PALESTRIONE - (attimi di stupore) Ma n'é che hai esaggeratu nelle esercitaziuni? Cheste me parono nu poco troppu 'ngrifate. Ne' ca' si n'cé stamo attento stà truppa ce silura puri a nui?

PERIPLECOMENO - E de che te preoccupi, sono sempre donne.

ACROTELEUZIO - Morire attraverso le nostre mani è dolce.

MILFIDIPPA - Invece di lamentarsi, le nostre vittime gridano sempre: "Grazie!" Ja?!

PALESTRIONE - I' invece ì ve dico già da mo': "Ve pozzate schiattà! Teh!" E che cattiveria.

PERIPLECOMENO - Fanno ar caso nostro?

PALESTRIONE - E come no!? Ma tu guardeme le spalle ca' i' guardo le tei. Chiuttostu, (a Acroteleuzio) tu lo sai che 'e fa la parte della mugliere sìa e che te vu’ fa', co' nu’ spasimò agliu core, gliu generale pe' fa' curnutu a maritutu?

ACROTELEUZIO - Certamente.

PALESTRIONE - (rivolto a Milfidippa) E tu, che sarai la serva sia, la quale m'ha datu gli'aneglio pe gliu generale che la padrona hanna riconosce?

MILFIDIPPA - Perfettamente.

PALESTRIONE - Che nui dui semo gli ruffiani voste?

ACROTELEUZIO + MILFIDIPPA - (in coro e con foga) Sì che lo sappiamo.

PALESTRIONE - Chianu! Pe' la miseria, sanno tuttu. E cheste oltre a' esse bbone so' puri 'nteliggenti.

PERIPLECOMENO - No, queste so' du fije de mignotta.

ACROTELEUZIO - Adesso basta con i complimenti e veniamo all'azione nei dettagli.

PALESTRIONE - Me pare de sta' alla guerra addavero. Ma c'avete fattu, gliu sordatu?

PERIPLECOMENO - La verità è che abitano vicino alla caserma. E tu lo sai che a furia de respirà la stessa aria se acquisisce pure 'a tecnica.

PALESTRIONE - E saranno state a' aspirà dalla matina alla sera, allora. Sentete, gli'obbiettivu gliu conoscete?

MILFIDIPPA - E chi non lo conosce?

ACROTELEUZIO - E' l'uomo più buffone della città, e forse del mondo. Quando parliamo di lui ci facciamo sotto per le risate.

PALESTRIONE - E' issu. Brave. Ma gli'aglimale conosce a vui?

ACROTELEUZIO - Non ci'ha mai viste.

PALESTRIONE - Allora potemo partì. I' mo' vaio da issu a inizià la sceneggiata. (a Milfidippa) La prima a vini sarai tu co' tutte le 'mmuine che sai fa'. Dopu verrai puri tu e te farai vede disperata pe' gliu desideriu. La cosa chiu' importante è che v'ata ricordà sempe che gliu soggettu se crede d'esse gli'ome chiu' begliu degliu munnu, e regolàreve de conseguenza. Sì ate capitu chesto hamo vinta la guerra.

PERIPLECOMENO - Vedi, secondo me, loro applicamo sta tecnica con ogni omo, perché, ne so sicuro, nun c'è nisuno de noi che sotto sotto non sia affetto da sta' malattia. Chi più e chi meno.

ACROTELEUZIO - Allora possiamo iniziare?

MILFIDIPPA - Ormai abbiamo già caricato le armi.

PALESTRIONE - Oh! Allora mettete la sicura sa'. Peripleco' pensece tu a trasportà sta truppa agliu campu de battaglia.

PERIPLECOMENO - Agli'ordini comannà. Annamo, e m'ariccomanno tenemo serrati i ranghi. Non ce sbragamo! (escono)

PALESTRIONE – Mo’ capisco pecché tanta ommene cagnono partitu. E me sa' che dopu evé avutu a che fa’ co’ st'esemplari, finita la commeddia, me faccio frociu puri ì, ca' so’ sicuru che da chella parte se rischia de meno.

Entra Pirgopolinice.

PIRGOPOLINICE - Ehi, Palestrione, sei qui? Se sapessi come mi sento bene. Grazie a me Roma si è assicurata altri cento anni di pace, di benessere e di grandezza. Non immagini come ti riempie lo spirito l'aver salvato ancora una volta la patria. Ora potrò starmene nella mia umiltà a riposare.

PALESTRIONE - A riposà? Me sa’ che ve state propitu a sbaglià.

PIRGOPOLINICE - Io mi sbaglio?

PALESTRIONE - Capisceteme bbono. Vui sete troppu umile, troppu modestu. Potéa mai esse che gli dei, che vedono tuttu, che sentono tuttu, che 'ngni scappa mai niente, dopu che vui avete salvatu nu’ munnu sanu, ve lassàono senza nu’ premiu?

PIRGOPOLINICE - E beh, questo è giusto. Come ho fatto a non pensarci?

PALESTRIONE - Pecché sete troppu.... bbono.

PIRGOPOLINICE - E c'è un rimedio a questo mio piccolo difetto?

PALESTRIONE - Dopu gliu serviziu che ve sto’ a fa’, ve se passerà ogni difettu.

PIRGOPOLINICE - Sei sicuro?

PALESTRIONE - E come no. Ma avvicinateve, e vedete che nisciunu ce scota.

PIRGOPOLINICE - "Ce scota"!?

PALESTRIONE - Ah! E allora non se po' parlà.

PIRGOPOLINICE - Ma perché non si può parlare?

PALESTRIONE - Se po' parlà?

PIRGOPOLINICE - Ma certamente.

PALESTRIONE - Bbono. Comunque controllate sempe ca' nisciuno ce scota.

PIRGOPOLINICE - "Ce scota"!?

PALESTRIONE - N'ata vota? E allora n'se pò propitu parlà.

PIRGOPOLINICE - (comincia ad arrabbiarsi) Ma si può sapere perché non si può parlare?

PALESTRIONE - Vui v'ata decide: se po' parlà o non se po' parla'?

PIRGOPOLINICE - E lo domandi a me?

PALESTRIONE - Sete vui che me dicete ca' ce sta caccherunu che ce scota.

PIRGOPOLINICE - Ma che cosa vuol dire "Ce scota"?

PALESTRIONE - Che stà a sintì gli trascursi che ...

PIRGOPOLINICE - Che cosa?

PALESTRIONE - Gli discursi noste...

PIRGOPOLINICE - Che qualcuno ascolti i nostri discorsi?

PALESTRIONE - Pecché, aggio dittu cacche ata cosa?

PIRGOPOLINICE - Io ti uccido. Parla da uomo.

PALESTRIONE - E' chello c'aggio fatto da quanno so' natu.

PIRGOPOLINICE - Capisci che ti dovrei ammazzare?

PALESTRIONE - Sì, ma oggi no, pe' lo bbene vosto. Dimani, forse, lo potete puri fa'.

PIRGOPOLINICE - A sì? E' perché.

PALESTRIONE - Ce sta’ na’ femmena... che se n'è iuta de capu pe’ vui.

PIRGOPOLINICE - Una donna che si è innamorata di me?

PALESTRIONE - Accussì.

PIRGOPOLINICE - Ma questo accade ogni giorno.

PALESTRIONE - E chello che gli'hanno dittu.

PIRGOPOLINICE - E allora?

PALESTRIONE - E' troppu bbona.

PIRGOPOLINICE - Beh, allora....

PALESTRIONE - Chesta è la ricompensa degliu celo pe gli meriti voste.

PIRGOPOLINICE - Ne sei sicuro?

PALESTRIONE - E' troppu 'nnammorata. E n'amore de chesto po’ sulu vinì da 'ncoppa. Chella ve pensa addirittura com'a' nu’ diu.

PIRGOPOLINICE - E non sbaglia.

PALESTRIONE - Chesso è certu. Vui sete propitu nu’ diu e' .... Ma è troppu.

PIRGOPOLINICE - Tu dici?

PALESTRIONE - Non pe' vui, che meretate chesso e autu, ma pe’ essa che, co' tutta chella pressione che gli se sta’ a carecà da tutte le parti, gli po' scoppa' caccosa.

PIRGOPOLINICE - Poverina.

PALESTRIONE - E la colpa è la vosta.

PIRGOPOLINICE - Ma io non sapevo niente.

PALESTRIONE – Sta’ storia la potete raccontà a n'atu. Vui, pe' gliu cerveglio che tenete, sapete sempe tuttu. Fate finta de non sape'. Pecché, giustamente, non è che ve potete itta' accussi, co' na’ femmena qualsiasi, sulu pecché è veramente bbona.

PIRGOPOLINICE - No. Ma non è che mi dispiacerebbe....

PALESTRIONE - Però no'llo potete fa'.

PIRGOPOLINICE - Non sia mai detto. Tuttavia una volta sola...

PALESTRIONE - Ma manc'agli cani.

PIRGOPOLINICE - Che cosa hai detto?

PALESTRIONE - Che vui sete troppu chinu de… de gloria e non ve potete permette na’ cosa che n'auguro nemmeno agli cani.

PIRGOPOLINICE - Senti, ma, in dettaglio, com'è questa donna?

PALESTRIONE – Allora ène… (mentre Palestrione cerca di descrivere la donna Pirgopolinice comincia a non contenersi per l’eccitamento) Tene certe cosi accossì.. Pe’ non parlà de chello che… Padrò, ma che state a fa’?

PIRGOPOLINICE – Scusami, è più forte di me. Insomma com’è questa donna?

PALESTRIONE – Tale e quale a na’ femmena.

PIRGOPOLINICE - Sì, ma cos'ha di più?

PALESTRIONE - Ca' pozzo esse chiu' specificu. Essa tene… (Pirgopolinice comincia ad eccitarsi di nuovo) A chigliu puntu na cosa.. Certi cosi rotondi che… Insomma tuttu chello che tenno le femmene lo te essa, e puri caccosa de chiu'. Padrò ma che ve sta’ a succede?

PIRGOPOLINICE – Niente! Ha qualcosa di più? Che sia un'ermafrodita?

PALESTRIONE - N'aggio capitu chello c'ate dittu ma stateve tranquillu. Voglio dice che è accussì bbona che unu pò pensa' ca' essa non è normale.

PIRGOPOLINICE - E' sposata, è vedova, è libera.

PALESTRIONE - Tuttu chesso missu 'nsema.

PIRGOPOLINICE - Spiegati meglio.

PALESTRIONE - E' sposata pecché tè gliu maritu. E' vedova pecché 'n'capu a essa gliu povereglio è già morto e seppellito; ed è libbera pe' gliu semplice fattu che te na coccia accussì fina che po fà chello che gli pare.

PIRGOPOLINICE - E poi?

PALESTRIONE - E sapurita.

PIRGOPOLINICE - E tu come lo sai?

PALESTRIONE - I' so nu’ poviru servu; essa è na’ reggina. Se dice. E' l'unica che po' regge appena appena alla bellezza vosta, che i' ce sto’ a rimmette la vista degli'occhie ogni iorno che passa, a furia de ve guardà.

PIRGOPOLINICE - Scusami, ma non è colpa mia. A volte vorrei tanto che mamma non m'avesse fato così bello per non creare problemi al prossimo. Ma adesso dimmi, chi è?

PALESTRIONE - E' la mugliere degliu vecchio, gliu vicinu vosto. Essa m'ha dittu de direve che ve fa’ tuttu chello che volete, si lo volete. M'ha datu puri st'aneglio pe' vui.

PIRGOPOLINICE - E come no! Io sono nato per l'amore.

PALESTRIONE - E come no! (Te puzzi ceca' e come spari!)

Entra Milfidippa

MILFIDIPPA - (Ecco il mio palcoscenico. Ed ecco i colleghi. Intanto cominciamo a far finta che non ci sono.)

PALESTRIONE - (Ecco la sereva della spasimante vosta.)

PIRGOPOLINICE - (Taci. Voglio sentire che cosa dice.)

MILFIDIPPA - (con foga) Speriamo che la mia missione sia coronata da successo, altrimenti alla mia povera padrona saltano i circuiti.

PIRGOPOLINICE - (Eh?! Che cosa significa?)

PALESTRIONE - (So' femmene: potesse significà n'esaurimentu nervusu, nu’ male de panza.)

MILFIDIPPA - E' troppo innamorata la poverina. E come non potreppe esserlo di un simile prodotto.

PIRGOPOLINICE - (Che cosa vuol dire: "prodotto".)

PALESTRIONE - (Hanna esse caccosa de bbono si l'ha paragonatu a vui.)

PIRGOPOLINICE - (Ma che cosa gli faccio io a queste donne? Secondo me, ne sono convinto, anche lei sta soffrendo per il mio fascino. Ma lo sai che è carina?)

PALESTRIONE - (Rispettu all'ata è stramma.)

PIRGOPOLINICE - (E' che cos'è?)

PALESTRIONE - (E' n'erva malamente, che 'n'se la magnono manco gli ciucci.)

MILFIDIPPA - Chissà dov'è ora il sole di queste terre. Che farebbe la padrona mia per riscaldarsi a quel fuoco.

PALESTRIONE - (Sinti che smanie)

PIRGOPOLINICE - (E pure questa non scherza. Da come parla mi sta caricando la batteria.) (e intanto accarezza Palestrione)

PALESTRIONE - (Padrò e che state a fa'? Iatevenne a caricareve da n'ata parte.)

PIRGOPOLINICE - (Hai ragione, scusami. Però adesso fatti vedere, e parlagli tu, che io non ce la faccio più.)

PALESTRIONE - (Come dicete vui.) Sinti, i' so' chigliu che circhi pe' chello che vu' e pe' chello che sapemo.

PIRGOPOLINICE - (Se la poverina l'ha capito me lo taglio.)

MILFIDIPPA - A sì!? E tu che ne sai di quello che cerco per quel che voglio e per quel che sappiamo?

PIRGOPOLINICE - (E come ha fatto?)

PALESTRIONE - Sinti, i' saccio che caccheruna s'è n'focata com'a' nu’ piparolo pe' Pirgopolinice.

MILFIDIPPA - E chi non brucia d'amore per quel gioiello?

PALESTRIONE - Chesto è puri veru. Te pozzo dice però che è nu’ foco troppo eccezionale.

MILFIDIPPA - E come potrebbe essere normale se lui non lo è?

PALESTRIONE - Guarda che n'gni manca niente. Pare che gli funziona tuttu, pare.

MILFIDIPPA - Quello che volevo intendere è che egli supera il normale. E' un anormale.

PALESTRIONE - E puri chesto è veru assai. (Si avesse capitu cacche cosa.)

PIRGOPOLINICE - (Palestrio', senti. Muoviti a concludere, altrimenti facciamo notte.)

PALESTRIONE - (Mo' ci'arrivo...)

MILFIDIPPA - (Palestrio', vieni qua. Vado bene come vado?)

PALESTRIONE - (Vai ch'è na’ bellezza...)

PIRGOPOLINICE - (Palestrio', avvicinati. Qua mi comincio a sentire strano. Andiamo al sodo.)

MILFIDIPPA - (Palestrio', devo metterci più calore o... )

PIRGOPOLINICE - (Palestrio'.....)

MILFIDIPPA - (Palestrio'....)

PALESTRIONE - OOOOOHHH! E mo' basta. Me state a fa' girà la coccia. Che ve se pozza piglià na’ freve addavero a tutt'e dui, teh! Sinti, (a Milfidippa) chist'aneglio, ricordete bbono, è chigliu che m'hai datu tu, ed è della padrona tia, quindi i' so i'. E chistu che mo’ te presento....(Pirgopolinice non esce ancora allo scoperto) Gliu padrone meo che sta’ a sci'... E addollé? Gliu generale che mo’ ve' ca'...Oi Pirgopolì, che ce sete rimastu 'nchiummatu loc'addereto?

PIRGOPOLINICE - Ah?! Che cosa? No, passavo da queste parti.

MILFIDIPPA - Dio, che splendore! E' proprio lui. L'ottava meraviglia del mondo. Guarda come si rischiara l'universo quando spunta il sole. Pirgopolinice.

PIRGOPOLINICE - Conosce il mio nome?!

MILFIDIPPA - Qualsiasi donna di raffinatissimi gusti lo conosce. Chissà se potessi mai sperare di conoscere anche il resto.

PIRGOPOLINICE - Beh, adesso non pretendiamo il troppo.

PALESTRIONE - (a un lato della scena) (Sti’ disgraziati me s'erono missu sotto e me stéono a crepa'.)

MILFIDIPPA - Ma non per me, non oserei. Per la mia padrona.

PIRGOPOLINICE - Costei lo sa che io di donne ne ho anche troppe?

PALESTRIONE - (Ma vidi che pagliacciu?)

MILFIDIPPA - Lo sa, poverina. Eppure vi desidera da morire.

PIRGOPOLINICE - E se per caso il cielo non glielo concedesse?

PALESTRIONE - (Non me ci'abbituo. Si potesse, gliu pistasse sott'agli pere.)

MILFIDIPPA - Morirebbe; di sicuro morirebbe.

PIRGOPOLINICE - (a Palestrione) Ma questi guai li combini sempre tu. Quante volte ti ho detto di non cantare le mie lodi in giro. Tu avresti dovuto buttare acqua sul fuoco.

PALESTRIONE - Ve lo prometto: non succederà chiu', padrone meo. (Te ce ittasse a te 'ncoppa lo foco.)

MILFIDIPPA - Ella vi vuole baciare, abbracciare, accarezzare, parlare, salutare e pensare.

PALESTRIONE - (Ma che stai a dice?)

MILFIDIPPA - Insomma, ella vi vuole nel suo letto.

PALESTRIONE - (Mo' sì!)

PIRGOPOLINICE - Ma il letto della tua padrona è ben robusto? Perché, vedi, se non ha una buona base in pietra ed è ben rinforzato in acciaio...

PALESTRIONE - (A furia de scorregge ti gliu crepa a quatto parti.)

PIRGOPOLINICE - Che cosa hai detto?

PALESTRIONE - I' n'aggio mancu parlatu.

MILFIDIPPA - Alla mia signora non manca nulla. Se non una cosa.

PIRGOPOLINICE - A Palestriò, e adesso a questa che cosa gli manca?

MILFIDIPPA - Voi. Voi gli mancate. Lei ha beni, bellezza, oro, montagne d'oro. Ma gli mancate voi; più del respiro.

PIRGOPOLINICE - Palestrione mio. se questa è così ricca... di virtù; se ha tutti questi beni... dello spirito, anche se sono tanto impegnato, non le si può dire di no, vero?

PALESTRIONE - E certu, co' tutte chelle montagne de grazia de Dio che te' sparse da tutte le parti; 'ncoppa, sotto, nanzi, arreto, e puri dent'alle sacche, si gli dicete de no sete strunzu. (Che po' lo sete puri se gli dicete de si)

MILFIDIPPA - (gridando e piangendo) Ma perché la volete proprio far morire? Che vi ha fato di male? Perché siete senza pietà? Senza cuore?

PIRGOPOLINICE - Ma... Calma! Tu capisci che... Che privilegi avrà la tua padrona possedendo la mia persona?

PALESTRIONE - Ma tu ce pinsi de che razza de figli la farà diventà mamma a chella povera femmena? (I' m'accitesse agliu sulu pensieru.)

MILFIDIPPA - Lo sa, lo sa, lo sa. Ma lo vuole.

PIRGOPOLINICE - E allora lo voglio pure io.

PALESTRIONE - (E puri chesta è fatta.)

MILFIDIPPA - Io corro da lei, a darle la buona notizia.

PALESTRIONE - Non ce la da' tutta 'nzema, si no' gli va’ de traverso e s'affoga.

MILFIDIPPA - Voi desiderate qualche cosa?

PIRGOPOLINICE - Nulla cara. Solo di piacere un poco meno alle donne, che, come vedi, spesso mi crea gravi problemi.

PALESTRIONE - (Le budella me se stanno a'ggirà sott'e 'ncoppa, e tra poco sparono)

MILFIDIPPA - Palestrione, vuoi qualcosa anche tu? (con gesti di provocazione)

PALESTRIONE - No, so' chinu. Però, pe te, potesse fa’ puri n'eccezione. Anzi la facesse de sicuru; e puri mo. (Pirgopolinice lo deve trattenere con forza poi, calmo, si avvicina a Miulfidippa…) (Sinti tra poco fai vinì la padrona tia) Va’ a fa’ gliu dovere teo!

MILFIDIPPA - A presto, miei signori. (esce)

PIRGOPOLINICE - Ma che ti è successo?

PALESTRIONE - E' la troppa contentezza… pe’ vui.

PIRGOPOLINICE - Anch'io non sto più nelle pall.... Ehm.... Nella pelle per l'emozione.

PALESTRIONE - (Me sta' a venì nu’ male de panza...)

PIRGOPOLINICE - Ma se tu mi assicuri che questa è bella..

PALESTRIONE - Bellissima.

PIRGOPOLINICE - Se è buona...

PALESTRIONE - Bbona? Quant'è bbona.

PIRGOPOLINICE - (di colpo, con disperazione) O grande Giove! Numi tutti del cielo.

PALESTRIONE - Che è mo?

PIRGOPOLINICE - Sono rovinato. Come farò adesso?

PALESTRIONE - Ma che è successo?

PIRGOPOLINICE - E l'altra? Come faccio con Filocomasio? Me l'ero dimendicata.

PALESTRIONE - E ve volete disperà pe' cossì poco. Certu essa ce soffrirà, se metterà a chiagne. Farà cacche scenata, se dispererà; non se convincerà. Ma si essa è femmena vui sete generale. E mica unu de chigli normali. Ce lo fate capisce e chi s'è vistu s'è vistu.

PIRGOPOLINICE - E se si mette a piangere?

PALESTRIONE - La consolate.

PIRGOPOLINICE - Se fa qualche scenata?

PALESTRIONE - Gli regalate tuttu l'oru che già gli'avete datu.

PIRGOPOLINICE - E se si dispera?

PALESTRIONE - Gli lassate puri l'argento.

PIRGOPOLINICE - E se non ne vuole sapere, in nessun modo?

PALESTRIONE - Gli regalate pur'a me.

PIRGOPOLINICE - E a questo punto perché dovrebbe consolarsi?

PALESTRIONE - L'aggio sempe servita bbono e megliu, secondo gli'ordene voste, Padro'.

PIRGOPOLINICE - E tu te ne andresti?

PALESTRIONE - Sulu pe’ la felicità vosta.

PIRGOPOLINICE - Sarei tanto felice, vero?

PALESTRIONE - Tantu.

PIRGOPOLINICE - E dove la posso mandare questa povera Filocomasio?

PALESTRIONE - De chesto non ve dovete preoccupà. Ca' vicino, pe' stranezza della sorte, so' venut'a stà propriu la sore e la mamma.

PIRGOPOLINICE - Com'è la sorella?

PALESTRIONE - Na' bbona vagliona, com'a' essa.

PIRGOPOLINICE - E la mamma, è ancora come me la ricordo?

PALESTRIONE - I' non saccio come ve la ricordate, ma me sembra che è com'alle figlie; sulu nu’ poco chiu' vecchiarina, ma de poco.

PIRGOPOLINICE - E allora si potrebbe anche organizzare...

PALESTRIONE - Eh, e che è.? Ma vui, scusate se ve lo dico, sete arraiatu dalla coccia agli pere.

PIRGOPOLINICE - Hai ragione. Purtroppo è l'istinto di colui che è nato solo per amare. Ma rinuncio a tutte se nessuna può paragonarsi a lei...

PALESTRIONE - Nisciuna, ve lo pozzo giurà.

PIRGOPOLINICE - Ma tu come fai a sapere tutte queste cose?

PALESTRIONE - I' saccio sempe tuttu pe' serviziu vosto.

PIRGOPOLINICE - Va avanti.

PALESTRIONE - Gliu marinaiu che abbita 'nsema a esse...

PIRGOPOLINICE - A, c'è anche un marinaio? E questo com'è?

PALESTRIONE - Non me dicete che la raja che tenete 'ncorpo ve fa’ da’ de mani puri agli'ommene? Stateve attento, però, ca si vui sete bono chigliu è marinaiu, e chello che ve po' succede la sotto non lo saccio si dopo lo potete raccontà.

PIRGOPOLINICE - Scusa, ero distratto. Va avanti. Anzi, senti. Parlaci tu con Filocomasio; ti prego, evitami di dare personalmente un dolore.

PALESTRIONE - No, no, no. I' so' nu’ servu. La truppa è vosta e vui sete gliu generale.

PIRGOPOLINICE - Sei sicuro? E certamente. Ma se per caso non riuscissi proprio a convincerla, potrei tenermi anche lei?

PALESTRIONE - Saria na’ pazzia. Na’ femmena troppu 'nnammorata te potesse cumbinà le peggiu cose: te mette cacche rospu dent'agliu letto; nu’ poco de veleno dent'allo caffè; te facesse le malelingue; cacche fattura; te farà trovà 'n'mezo agli debbete...

PIRGOPOLINICE - Tutto sommato queste cose le potrei anche sopportare...

PALESTRIONE - Te facesse de sicuru diventà 'npotente!

PIRGOPOLINICE - Questo no! Fanno anche questo?

PALESTRIONE - Sì; E' matemateca. Chelle, come so’ brave a 'ngrifàrigliu, co' na’ benedizione che ce fanno 'ncoppa, ti gliu addormono pe' sempe. Si sapissi agliu paese meo quanti ommene, pé colpa delle femmene, ormai gliu tenno sulu pe' begliu vedé.

PIRGOPOLINICE - Deve andare via, assolutamente. Ma se proprio non ci riesco a convincerla?

PALESTRIONE - Basta aumentà la bbona uscita e l'oru te fa diventà ciucci gli bbone, bbone gli malamente e vulà chi 'n'tè le scelle. Stammatina le sto’ a sparà puri i'.

PIRGOPOLINICE - Bravo! Ma lo sai che non ti si può resistere? Vado e, prima di questa sera, Filocomasio prenderà il volo. (esce)

PALESTRIONE - Non me se po' resiste? Chistu da cacche tempo s'è nu’ poco scansatu de coccia e de cacche ata cosa. Stu’ generale non se sa se combatte pe' issu o contro de issu. De na’ cosa potemo esse sicuru: si' la salvezza de Roma dovesse dipende da chist'ome la poverella già saria iarsa e screffonnata. Come volesse mo' che chigli che me servono sarìano già ca'. Ma ecco che sò arrivati.

Entrano in scena Acroteleuzio, Milfidippa e Pleusiche

ACROTELEUZIO - Mi raccomando, guardate bene in giro, che non ci sia qualche nemico in agguato.

MILFIDIPPA - Nessuno: solo il nostra stratega.

PALESTRIONE - Sete puntuali; secondo me non sete mica femmene.

MILFIDIPPA - Come va la battaglia?

ACROTELEUZIO - E' tutto secondo i piani?

MILFIDIPPA - Per caso abbiamo delle perdite?

PALESTRIONE - I' no. Comunque fin'a mo' iamo che è na bellezza. Ma co' sti pezze de sordati che tenemo come potesse i' diversamente?

MILFIDIPPA - Adulatore.

ACROTELEUZIO - Non siamo così buone.

PALESTRIONE - No, a esse bbone sete prpritu bbone. E' gliu carattere che...

MILFIDIPPA - Quali sono gli sviluppi attuali dell'azione?

PALESTRIONE - Gliu generale sta’ a fa’ de tuttu pe’ mannà la vagliona agliu paese seo.

PLEUSICLE - Non credo ai miei orecchi.

PALESTRIONE - E pe' la convince la sta’ puri a carecà d'oro e de tuttu gliu resto.

ACROTELEUZIO - Vittoria su tutto il fronte, allora?

PALESTRIONE - Accussì pare. Però non parlamo troppu, ca' si è vero che la cola è la peggio da scortecà mo vè gliu momentu chiu bruttu.

MILFIDIPPA - Se non sarà scorticata in un modo la scorticheremo in un altro.

PALESTRIONE - Ma ì ne so' certu ca a vui a scortecà nisciunu ve passa.

MILFIDIPPA - Non ricominciare con i complimenti.

ACROTELEUZIO - Che ci voi conquistare?

MILFIDIPPA - Guarda che noi operiamo sempre in squadra. E se proprio insisti ci possiamo contattare anche dopo la commedia.

PALESTRIONE - E come no.

ACROTELEUZIO - Che cosa ti devo fare io adesso? (Palestrione ha frainteso) Sono ben decisa a non lasciarti insoddisfatto. (Palestrione non riesce neanche a rispondere) Quale battaglia vuoi che inizi? Su che versante vuoi che attacchi il generale?

PALESTRIONE - Aaah!! E parlate bbono, cazzarola. Mo’ che vè gli'aglimale tu gliè dice che te vu' vede' co' issu dent'alla casa tia, e che si' puri la padrona de tuttu. Che 'n'ce sta’ nisciunu periculu; quindi ci'hanna vinì pe' forza, pecché gliu core téo chesto vo'. Ma mo' iatevenne, e subbitu puri, ca' sta a curtu de vini'. (le due ragazze escono)

PLEUSICLE - Ed io?

PALESTRIONE - Vui v'ata i' subbitu a leva' n'occhie, Ma no addavero. Ve dovete travestì da marinaiu, fa’ la parte de nu’ capitanu e venì ca' a nome della mamma di Filocomasio. Che si caccherunu hanna partì lo facesse de subbitu che a momenti sarpa la navi.

PLEUSICLE - E poi?

PALESTRIONE - Padrò, "e lo po'", ve lo dovete dice vui stesso dopu. Chella già sta a preparà le valigge e le casse co' l'oru e l'argento pe' la dote.

PLEUSICLE - Quando saremo di nuovo a casa tu non sarai più il mio servo ma il migliore dei miei amici, anzi; l'amico. Un vero amichetto con il quale condividere delle esperienze meravigliose. (manda un bacio con la punta delle dita a Palestrione) A dopo.

PALESTRIONE - Vu vedè che m'aggia sta’ attento puri a chistu?! I' penso che non è colpa mia, però tengo la 'mpressione d'esse nu’ pezzo de carni co' tanti de chigli cani atturnu che da nu’ momentu ann'atu si gliu rosecanno. Ma forse me sto’ a sbaglià: sarà sulu na’ 'mpressione. Chi lo sa?

Entra in scena tutto raggiante Pirgopolinice

PIRGOPOLINICE - Palestrionotto mio! Caro! Bocconcino prelibato della vita mia!

PALESTRIONE - No, e ca' me sa' che non è na’ 'mpressione.

PIRGOPOLINICE - Chiedimi ciò che vuoi.

PALESTRIONE - Non voglio niente, padrò!

PIRGOPOLINICE - Eppure ti darò qualcosa.

PALESTRIONE - V'aggio già ditto de no.

PIRGOPOLINICE - Ma qualcosa te la darò. E' dovere.

PALESTRIONE - Ah, ma allora è tutta n'ata storia. Si è dovere...

PIRGOPOLINICE - La donna, anche se con grandi sofferenze, si è convinta, e questo grazie a te; ai tuoi consigli.

PALESTRIONE - Allora ce la semo levata dagli pere; che bellezza.

PIRGOPOLINICE - Lo puoi dir forte. Ma quanto c'è voluto. Sai, la poverina mi ama troppo, ed io pur di staccarla da me le ho dovuto promettere che saresti partito anche tu con lei.

PALESTRIONE - No!?

PIRGOPOLINICE - Lo so che ti ho fatto un torto, amico mio. Non riesco a immaginare quanto ti mancherò. Ma sono stato costretto.

PALESTRIONE - Come me dispiace.

PIRGOPOLINICE - Prendilo come un dovere.

PALESTRIONE - Com'a' prima, aggio capitu. Come faccio mo' senza gliu sole meo? Come faccio a camminà pe' gliu munnu senza sta’ luce?

PIRGOPOLINICE - Prendilo come un dovere, diamine.

PALESTRIONE - E stamo sempe a piglià. Pe' la felicità vosta chesto e.. e basta.

PIRGOPOLINICE - Solo che adesso io non riesco a controllarmi.

PALESTRIONE - De che state a parlà, mo'?

PIRGOPOLINICE - (aggredisce Palestrione con impeto) Non vedo l'ora di stringere tra queste braccia Acroteleuzio e immergermi nell'oceano delle sue grazie.

PALESTRIONE - Si, ma iateve a' anneà da n'ata parte e lassate perde le grazie mei. E che è chesto oggi, teh!? Se stà a 'nfocà gliu munnu sanu, e se la venno a piglià tutti co' me. Agliu prossimo me 'ncazzo.

PIRGOPOLINICE - Non posso contenermi.

PALESTRIONE - E l'ata fa, si no, padrone e bbono, v'ammasono co’ nu’ cazzottu 'n'capu.

PIRGOPOLINICE - Sono tutto un fuoco.

PALESTRIONE - L'acqua mia non è pe' vui!!

Entrano Milfidippa e Acroteleuzio

MILFIDIPPA - Eccoci. Siamo arrivate. (Parla ben forte in modo che ti senta)

ACROTELEUZIO - (Non ti preoccupare; gli sfonderò i timpani) Allora, dov'è quell'uccello del paradiso?

PIRGOPOLINICE - Se non sbaglio parlano di me.

PALESTRIONE - (tra se) Zittu, che puri oggi m'aggio salvatu gliu curipizzu. (Generà, cheste so esse.)

MILFIDIPPA - Il vostro splendore doveva essere qui, ma non vedo nessuno.

PIRGOPOLINICE - (Sembra che non gli manchi nulla.)

PALESTRIONE - (A essa no.)

ACROTELEUZIO - Vallo a cercare. Digli che non può più farmi attendere. Ma sei sicura che verrà? Che ti ha detto? Io non resisto più.

PIRGOPOLINICE - (E nemmeno io. Mi sta succedendo qualcosa.)

ACROTELEUZIO - Ma non m'inganni quando dici di avergli parlato? E che sensazione hai sopportato a stare accanto a un dio?

PIRGOPOLINICE - (Non c'è dubbio, stanno proprio parlando di me.)

PALESTRIONE - (I' l'avevo capitu subbitu. - Pirgopolinice, agitato, stringe una gamba a Palestrione - Ma chesta non è la cossa vosta!)

MILFIDIPPA - Non si può descrivere.

ACROTELEUZIO - Provaci, per favore.

MILFIDIPPA - E' stato come scendere nella fogna e poi risalire alla purezza del cielo.

ACROTELEUZIO - Meraviglioso!

PIRGOPOLINICE - (Che cosa vuol dire?)

PALESTRIONE - (Che stu’ munnu è la fogna e quanno se vede a vui sembra d'esse 'n'cielo.)

MILFIDIPPA - Proprio così.

ACROTELEUZIO - Ma perché ora non c'è?

MILFIDIPPA - Te l'ho detto, padrona mia, che lui è preso da tante altre donne, le quali, ahimé, gli strisciano ai piedi giorno e notte.

ACROTELEUZIO - Io saprei fare infinitamente di più. Tanto è il mio amore che lui troverebbe in me quello che tutte le altre messe insieme non potrebbero mai dargli.

PIRGOPOLINICE - (Non ce la faccio più.)

PALESTRIONE - (Si, ma girateve da n'ata parte.)

ACROTELEUZIO - L'unica mia paura è di non esser sifficientemente bella al suo paragone. Lui è così raffinato che solo una dea potrebbe soddisfarlo.

PIRGOPOLINICE - (Lo so bene. Ma per questa penso che farò un'eccezione.)

PALESTRIONE - (Guardate che state ancora a témpo se volete cagnà idea.)

PIRGOPOLINICE - (Tu dici?)

ACROTELEUZIO - Se non mi vorrà, te lo giuro, farò qualche pazzia.

PIRGOPOLINICE - (No, no. Questa s'ammazza.) (Pirgopolinice vorrebbe intervenire ma Palestrione lo trattiene)

MILFIDIPPA - Padrona mia, contegno.

ACROTELEUZIO - Che senso ha più ormai per me la vita?

PALESTRIONE - (Ma che gli facete alle femmene?)

MILFIDIPPA - Non spaventatemi, padroncina.

ACROTELEUZIO - Senza di lui non resterò su questo mondo un minuto di più. Dammi il pugnale.

PIRGOPOLINICE - (Il pugnale?)

PALESTRIONE - (S'è propitu 'mpazzutta addavero.)

MILFIDIPPA - O dei, ma che volete fare?

ACROTELEUZIO - Do' pace alla mia anima disperata.

PIRGOPOLINICE - (si fa avanti) No!

ACROTELEUZIO - Voi? Io non ho il coraggio. Milfidippa, pensaci tu; parlagli per me.

MILFIDIPPA - Come mi ordinate. Ma se non fosse per voi lo farei per me. Che bello, sembra Giove sceso in terra.

ACROTELEUZIO - Hai ragione. Splende più del sole.

PALESTRIONE - (Le pozzeno accite e quantu so’ brave. Cheste sariano capaci de te fregà le mutande co' tuttu chello che ce sta’ dento.)

MILFIDIPPA - O possente generale, come voi m'avete comandato io ho fatto. Ecco la mia padrona.

ACROTELEUZIO - Digli anche il resto.

PIRGOPOLINICE - La vedo.

MILFIDIPPA - Ma se voi ci avete ripensato io me la riporto via.

PIRGOPOLINICE - No. Affatto, mi siete simpatiche tutte e due.

PALESTRIONE - E chesto pecché ancora né conoscete bbono.

MILFIDIPPA - Che giorno sublime. Ma vi avverto, signore mio, che la poverina, per l'emozione, avrà difficoltà nel parlarvi.

PIRGOPOLINICE - E' in mio potere guarire mali anche peggiori.

MILFIDIPPA - Anche se ne siete la causa?

PALESTRIONE - N'te preoccupà, ca' a issu niente è 'mpossibbile.

MILFIDIPPA - La mia padrona vuole che tu vada con lei.

PIRGOPOLINICE - Fai conto che sia già tutto fatto.

MILFIDIPPA - A casa sua.

PIRGOPOLINICE - A casa di una donna sposata? Non ci casco più, che ho ancora la schiena dolorante dall'ultima volta.

MILFIDIPPA - Signore, e potete credermi, la casa è sua, e così anche l'oro e tutto il resto.

PIRGOPOLINICE - Allora è tutto un altro discorso. Dille che incominci ad andare.

MILFIDIPPA - Però fate subito, se non volete che ella mi muoia per gli spasimi.

Milfidippa esce trascinandosi dietro Acroteleuzio

PALESTRIONE - E puri chesta.... Puri chesta s'è persa pe’ vui. Ma come facete? Ehi, padrò, ma che ve stà a piglià? Ve sete 'mbalsamatu da sulu? Pecché non rispognete? Diceteme caccosa.

Entra Pleusiche travestito da marinaio,

PLEUSICLE - (Anche se è risaputo che l'amore fa fare cose incredibili non avrei mai pensato di arrivare a tanto. Comunque diamo inizio al ballo.) Ma insomma, questa femmina non è ancora pronta. Tutte così. Sono capaci solo di farti perdere tempo, Perché non sono mai puntuali? Se poi fossimo noi uomini a ritardare di qualche minuto si metterebbero a starnazzare come delle galline da pollaio. Meno male che a me le donne non piacciono affatto. In questo modo avrò perso qualche piacere nella vita, lo so, ma ho pure evitato tanti dolori. E meno male che qua ci sta questo bel giovanotto. (si avvicina senza parlare a Palestrione con esagerati atteggiamenti da "bullo", masticando una gomma, tirando fuori il pettine e sistemandosi meglio i capelli, ecc. ecc.)

PALESTRIONE - Ma chistu che vo' mo'?

PLEUSICLE - Io cerco una femmina.

PALESTRIONE - A sì? E i' c'aggia fa?

PLEUSICLE - Quello che ti pare. Ma tu hai capito che io cerco una femmina?

PALESTRIONE - E tu ca mo’ si nun te ne vai te faccio assaggià cacche dolore?

PLEUSICLE - Ragazzo, sei bello, ma oggi non ho tempo da perdere.

PALESTRIONE - E nemmeno ì. Che ci'hei fa’ co’ sta’ femmena?.

PLEUSICLE - Non scherziamo per favore; qua non c'è tempo da perdere.

PALESTRIONE - Ca' ce stanno sulu ommene.

PLEUSICLE - Io non posso perdere tempo.

PALESTRIONE - Mancu i'.

PLEUSICLE - Fammi il piacere.

PALESTRIONE - No, no! La femmena pe' vui non la faccio. me dispiace. Mancu ve conoscio. Si ve conoscesse e fosse pe' dovere...

PLEUSICLE - (Ma come non mi riconosci? Sono Pleusicle.)

PALESTRIONE - Cazzarola! (M'ata scusà padrone meo non v'aggio propitu accanuscitu.)

PLEUSICLE - (Perché, se invece mi avessi riconosciuto?)

PALESTRIONE - Che iate trovenno da ste' parti, na’ femmena?

PLEUSICLE - Cerco una che si chiama Filocomasio. E' la mamma di lei che mi manda.

PIRGOPOLINICE - Filocomasio!? (come risvegliandosi e sbattendo le mani si rivolge a Pleuriche) Vai subito dentro e aiutala a trasportare le sue cose. Ma fa’ presto.

PALESTRIONE - Non ve scomodate. A trasportà le cosi sei è mestiere meo. (entra in casa)

PIRGOPOLINICE - (a Pleusiche) Aspetta. Ma che hai nell'occhio?

PLEUSICLE - L'occhio.

PIRGOPOLINICE - Dico, nell'altro.

PLEUSICLE - L'altro occhio.

PIRGOPOLINICE - E allora perché ce l'hai bendato?

PLEUSICLE - Me lo conservo per la vecchiaia.

PIRGOPOLINICE - Va, va. Vai dentro, e dai una mano anche tu. (Pleusiche entra in casa) Me lo conservo per la vecchiaia!? Che cretino.(Dopo un po' prova a bendarsi anche lui un occhio)

Esce Palestrione con una valigia.

PALESTRIONE - (incominciando a piangere) Che brutta iornata. Che disgrazia!

PIRGOPOLINICE - Che cosa ti piangi?

PALESTRIONE - E' facile a dice, ma pe' niente a praticà?

Esce in scena anche Filocomasio; piange a dirotto.

PIRGOPOLINICE - E no; qui m'allagate la piazza.

FILOCOMASIO - Non mi hai mai voluto bene.

PALESTRIONE - E nemmen'a me.

PIRGOPOLINICE - Ma non vero. Vi ho voluto tutto il bene che potevo.

PALESTRIONE - E allora è niente.

PIRGOPOLINICE - Che cosa hai detto?

PALESTRIONE - Che niente me po' consolà.

FILOCOMASIO - E neanche a me. Cattivo.

PIRGOPOLINICE - Adesso non ricominciamo un'altra volta.

PALESTRIONE - Cattivu? Chissu è disgraziato fin'a' dento l'ossa.

PIRGOPOLINICE - Beh, adesso...

FILOCOMASIO - Si meritebbe che da domani lo incornassi se non fossi quella che sono.

PALESTRIONE - I' invece ce le rompesse le corna; si le tenesse.

PIRGOPOLINICE - Ma fatevi forza.

FILOCOMASIO - A forza di morsi gli staccherei tutta la pelle se non gli volessi ancora tanto bene.

PALESTRIONE - I' gliu pistasse sott'agli pere, si non fosse accussì begliu.

PIRGOPOLINICE - Insomma smettetela. Abbiate un po' di contegno.

Rientra Pleusiche carico di bagagli e borse.

PLEUSICLE - Allora? Io sono pronto se vogliamo andare.

PIRGOPOLINICE - Vabbé, se proprio volete rimanere....

FILOCOMASIO - Non ho mai incontrato un uomo più duro... di cuore.

PALESTRIONE - E ì de coccia, Non se convince mancu si ce la spacchi.

PIRGOPOLINICE - Ma su. Invece ci ho ripensato. Mi avete....

FILOCOMASIO - Se non fosse per mia madre, poverina, che mi sta ad aspettare, non ci sarebbe riuscito a mandarmi via.

PALESTRIONE - E a me? Si non fosse che sulu accussì issu po' trovà la felicità chi me mannava da sta' casa.

PIRGOPOLINICE - Ma se volete rimanere, io vi....

FILOCOMASIO - Basta. E' meglio dare un taglio netto e quello che succede succede.

PALESTRIONE - E' l'unica cosa. Iamocenne.

PIRGOPOLINICE - Ma...

PLEUSICLE - Era ora. La nave ha tirato già l'ancora e il vento è buono.

PALESTRIONE - E allora ce vedemo. (escono)

PIRGOPOLINICE - Ciao cari. Non ve la prendete; è la vita. Io pregherò gli dei che almeno un poco vi possiate consolare dalla mia assenza. E se proprio vi mancherò avete il permesso di venirmi a trovare almeno una volta l'anno. (sonori pernacchi fuori scena) Che cos'è? Il vento, che strani rumori è capace di produrre. Eppure avevo sempre il sospetto che quel servo era un grande figlio di buona donna ed invece mi voleva veramente bene. A volte si sbaglia anche uno come me.

Entra in scena un giovane e si getta in adorazione ai piedi di

Pirgopolinice, il quale lo degna solo di uno sguardo e continua il

suo discorso.

I miseri mortali non sempre sono prevedibili. Pur tuttavia queste cose potrebbero derivare non da una qualità ma da una debolezza dell'animo umano, a cui io sono chiaramente superiore. Il misero che cosa vuole?

GIOVANE - Signore dei signori, permettetemi di rivolgervi la parola, o somma beatitudine.

PIRGOPOLINICE - Parla.

GIOVANE - La mia signora muore se voi non la vivificate con la vostra potenza.

PIRGOPOLINICE - Lo sapevo. Vai e dille che tra poco la raggiungerò.

GIOVANE - Perdonate il mio ardire, ma tra poco già sarà spirata.

PIRGOPOLINICE - Va bene, corro. Se si dovesse aspirare troppo sarebbe un guaio. Queste donne anche quando ti pregano lo fanno sempre ordinandotelo.

GIOVANE - Non ve ne andrete così?

PIRGOPOLINICE - Che cosa?

GIOVANE - Senza farvi baciare la mano.

PIRGOPOLINICE - Basta che mi lasci in pace. Tieni.

GIOVANE - (la bacia) Sapore divino. Buona fortuna, (Pirgopolinice esce) principe celeste. (si alza) Altro che fortuna te ce vole. Devi ringrazià tutti gli dei se ce esci vivo da st'esperienza. Io intanto me squajo che so debbole de stomaco e la vista der sangue me fa perde pure conoscenza, e finisce pure che me sporco le brache. (esce)

Da fuori scena giungono rumori di percosse, grida, lamenti,

incitazioni a colpire, oggetti caduti e cose frantumate. Poi

silenzio. Dopo qualche attimo entra in scena Periplecomeno, uscendo

dal suo portone, e due servi che trascinano Pirgopolinice.

PERIPLECOMENO - Per adesso riposamoce che non ce core nisuno appresso.

PIRGOPOLINICE - Ahi! Ahi. E che m'è accaduto? Ho visto che pioveva, ma che cos'era?

CARIONE - Cazzotti.

LORARIO - Misti a pugni.

CARIONE - Ogni tanto c'era no scroscio de carci.

LORARIO - Con contorno de frustate a volontà.

PERIPLECOMENO - Er menu' era completo. Tè piaciuto?

PIRGOPOLINICE - Nemmeno un pò.

PERIPLECOMENO - Eppure hai lavorato tanto pe' avelle.

PIRGOPOLINICE - Io?

PERIPLECOMENO - Nun hai insidiato tu mi moje?

PIRGOPOLINICE - No. E' stata lei a chiamarmi.

PERIPLECOMENO - Aoh, sei pure impunito?! Nun te credo. Comunque di sicuro hai iniziato tu. E non di de no. A ragà, gli'avete fatto un bon servizio? Semo sicuri che non ricade.

CARIONE - Er servizio è bono: io l'ho pestato e er collega gli'ha tagliato i pendenti.

LORARIO - Mo te stai a sbajà. Io l'ho pestato e tu gli'hai tagliato i pendendi.

CARIONE - Allora ce semo scordati der mejo.

LORARIO - Ma a questo se po' subbito rimedià. Ci'ho l'attrezzo giusto 'n'saccoccia. Eccole. Co queste ci'ho sistemato tutti l'asini vostri, dottò.

PERIPLECOMENO - E adesso fate un bon lavoro. M'ariccomanno.

PIRGOPOLINICE - Te lo giuro, credevo ch'era vedova.

PERIPLECOMENO - T'ha detto ch'ero morto?

PIRGOPOLINICE - No.

PERIPLECOMENO - Allora me volevi fa cornuto?

PIRGOPOLINICE - Nemmeno per sogno. Sapevo che era impossibile.

PERIPLECOMENO - Davvero? E perché?

PIRGOPOLINICE - Perché già lo eri.

PERIPLECOMENO - Ma bravo; fai pure 'o spiritoso.

CARIONE - Ma c'aspettamo a tajà?

PERIPLECOMENO - Hai ragione; questo soffre. Damo fine a stì dolori, va'.

PIRGOPOLINICE - Ehi, ma quali dolori? M'hanno fatto sempre buona compagnia.

LORARIO - Padrò, ciò er cane che ci'ha fame.

PERIPLECOMENO - Povera bestia. Dai taja e vallo a sazià.

PIRGOPOLINICE - Ma che "vallo a sazià"? So le mie.

CARIONE - A sì?! Ma quello mica è de gusti difficili. Tajamo va.

PERIPLECOMENO - Se io nun te faccio taja le du' sorelle 'a tocchi più mi moje?

PIRGOPOLINICE - Nemmeno mi ricordo com'è fatta.

PERIPLECOMENO - E se dopo te vendichi de noi?

PIRGOPOLINICE - Ve lo giuro. Anzi, se a qualcuno di voi gli servirà qualcosa bussi pure alla mia porta che io gli darò soddisfazione. Casa mia è casa vostra.

CARIONE - Aòh, an vedi quante cose se fanno per n'par de palle.

LORARIO - A sto’ punto, se er padrone è d'accordo, io gli romperei n'antre tre o quattro costole e lo lasciamo anna' alla cuccia.

PIRGOPOLINICE - Grazie per aver perorato così bene la mia causa.

LORARIO - Nun c'è de che.

PERIPLECOMENO - Va bene, lasciatelo. Le cose sue se le po' mantené. Ma ricòrdete, che se non mantieni sti' giuramenti quello che nun t'è successo ora te succede dopo. (esce)

PIRGOPOLINICE - Lo rigiuro. Ehi, avete sentito che ha detto il vostro padrone?

CARIONE - Certo. Mica semo sordi.

PIRGOPOLINICE - E allora perché non mi lasciate andare?

LORARIO - Er padrone ha detto de te lascià le fave.... ma no er pisello.

PIRGOPOLINICE - E quindi?

LORARIO - Caccia i soldi. E mica pochi. Altrimenti disboscamo.

PIRGOPOLINICE - Va bene basta che mi lasciate. Fatemi prendere i denari. Ecco.

CARIONE - Adesso sì.

LORARIO - (con dolcezza, premura e cortesia) Che voi, ancora n'antre po' de botte?

PIRGOPOLINICE - No, no, grazie.

CARIONE - N'antre due o tre frustate pe' chiude'in bellezza?

PIRGOPOLINICE - Ci mancherebbe. Oggi siete stati fin troppo generosi.

LORARIO - E allora noi ve salutamo. A presto. (escono)

PIRGOPOLINICE - A mai. Stavolta me la sono vista brutta. Non m'è mai successo prima di pregare per i coglioni.

Entra Sceledro.

SCELEDRO - Padrone mio, e che vi è accaduto? Ve siete perso qualcosa?

PIRGOPOLINICE - Taci. Dov'è Filocomasio?

SCELEDRO - Tutt'apposto. Come volevate voi. E' da un bel pezzo che è partita. Le ho dato una mano pure io.

PIRGOPOLINICE - Mannaggia la miseria. Mannaggia.

SCELEDRO - E adesso che cos'è? Ma non vi dovete assolutamente preoccupare che le ho fatto giurare di non tornare mai più. E come ha giurate bene. Di cuore.

PIRGOPOLINICE - Smettila. Basta!

SCELEDRO - Ve l'assicuro. Anche perché quello vestito da marinaio non era un marinaio.

PIRGOPOLINICE - A no?!

SCELEDRO - No.

PIRGOPOLINICE - No?!

SCELEDRO - Col cavolo. Scusate. Era il fidanzato.

PIRGOPOLINICE - Porco mondo! E tu come lo sai.

SCELEDRO - E che sono cieco? Appena sono saliti sulla nave dai a darsi baci, carezze, strofinate; che schifo. Quella non ci tornerà più qui, potete stare tranquillo.

PIRGOPOLINICE - I' mortacci tuoi.

SCELEDRO - E pure i vostri, grazie. Ma perché ve la prendete con me? Se qualcosa non sarà andato nel verso giusto forse è colpa di Palestrione.

PIRGOPOLINICE - Non lo nominare. Non ti permettere nemmeno di pronunciare la lettera con la quale inizia il suo nome. Non devi neanche pensarlo. Non ti azzardare, è chiaro? Ti giuro che se me lo ritrovo davanti gli faccio tagliare il.... (memore della dolorossissima operazione appena scampata non riesce a pronunciare le parole che ha in mente, ma stringe le gambe e si porta le mani nel basso ventre) Gli faccio tagliare le...(c.s.) Gli faccio fare barca e capelli, per tutti gli dei. (esce indignatissimo)

SCELEDRO - Vedi quando uno è raccomandato? (con chiari toni effemminati) Neanche a nominarlo! Per carità, e chi te lo tocca?! E chi te lo pensa. Solo a me non mi vuol bene mai nessuno; e non mi arriva mai niente in regalo. Io, per esempio, quando vado dal mio parrucchiere devo pagare sempre tutto, in contanti e con i soldi miei. Che mondo cattivo! (esce piangendo disperatamente)

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno