Era a notti d’o Santu Natali

Stampa questo copione

                          

                                                  “ Era a notti d’o Santu Natali.”

           

                                      

                                                            Favola  natalizia

                                                                 In due atti

                                                                                

                                                 

                                                                                                        di

                                                        Antonio     Sapienza

  

                                                                      

Gennaio 2009

Personaggi:

Vito Spitali………………………. puparu:

Pina………………………………moglie di Vito;

Enrico…………………………….rapinatore;

Nicola……………………………figlio del rapinatore;

Maresciallo Cucurullo…………..sbirro con il cuore grande così.

E, inoltre delle voci dal telefono.

La vicenda si svolge tra le ore 21,00 e le 23,00 del 24 dicembre.

 

                                                          Atto primo

Sulla scena è stato ricostruito l’interno di un tinello di una casa piccolo-borghese.

A sinistra vi è l’uscio d’ingresso, a destra un altro uscio che porta nelle altre camere della casa. Al centro una finestra con tenda. A destra della tenda vi è un tavolino dove è stato preparato il Presepe; mentre a sinistra vi è un bell’albero di Natale illuminato, con doni e ceste di dolciumi. 

Al centro della stanza c’è un tavolo apparecchiato per il cenone di mezzanotte. Un grosso pendolo è sulla parete sopra lo sparecchia tavola.

All’apertura del sipario, con una musica natalizia, in scena c’è Vito Speciale, sessantenne, puparu, vestito di grigio, con la giacca da camera, che sta armeggiando vicino al presepe. Appunto per questa attività di puparu, egli parlerà, a volte, con toni tronfi, altosonanti, che usa durante le rappresentazioni dei suoi “cunti” epici. Dopo un minuto entra Pina, quasi coetanea del marito, vestita dignitosamente, ma indossa ancora un grembiule. Ella porta dei bicchieri che dispone sul tavolo. Fine della musica.

Pina – Vitu, varda ca u Presepi è bonu d’accussì; nun è ca ora lu manii ogni mumentu…li statuetti sunu di crita e non di lignu, comu li to pupi, e si ponnu rumpiri, sai…-

Vito – Ascuta Pianuzza, moglie temeraria, u sottoscrittu sta sulamenti abbissannu qualche personaggiu. Talia questa, a mo’ d’esempiu - fimmina vecchia ammatula: ti pari possibbili ca l’acquarolu sta accussì luntanu da tutti l’altre statuetti che cumponguno la scena? Mi vuoi spiegare, moglie temeraria e di bassa forza, comu facissi a dar da bere alle assetati, stantosene a quattro miglia nautiche di luntananza?-

Pina – Ma chiddu è tuttu metaforicu, aora nun mi veni a cuntari della tua “verosimiglianza” di puparu. Se fussi accussì, addiu Presepi, u facissuru solu gli artisti… mancati come a tia.-

Vito – Senti, donna sprudenti e vana, a mia piace farlu accussì, più realisticu do Re! e nun mi importa dell’altrui giudiziu d’omini vili sanza… gnegnu. Pi cuntu miu dev’essere più verosimile possibile, pi arrivurdarini  nta mente chiddu ca presumibilmente, anzi sicuramente, accadde in quella notte buia e fridda e senza stiddi.

E ora nun mi tidiari invanu cchiù, donna pia e sanza pinzeru, ca sono in un momento delicato di sistemazioni criativa.-

Pina – Ju aiu u me momentu di delicata sistemazione…creativa, cu tutti sti bicchieri e pusati ca mi annegghiunu tutta a tavula e ca mi lassanu mancu un palnu di spaziu pi li purtati.-

Vito – (sempre girato di spalle) E tu fanne di meno portate, fimmina scialacquona: ti l’aia dittu sempri: la cena di Natale dev’essere sobria! Ma ju parru ammatula.-

Pina – E sobria sarà. (sistema nervosamente la tavola) Pirò, na vota ca i carusi finalmenti venunu, (imitando il dire del marito) affrontando i disagi del  viaggio, pi passari i festi cu nuattri rimbambiti…-

Vitu - …pigghia bonu pi tia…-

Pina … nun penzi ca fussuru cuntenti si attruvassiru a tavola i nostri piatti tradizionali?-

Vito – Ehi, fimmina invan vissuta(girandosi), ehi, varda ca venunu da Roma, nzamai penzi ca arrivano di l’Australia, terra servaggia di giusu, comu a diri: dall’altro emisfero.-

Pina – Va beni, venunu di Roma, ma dda nun ci sunu i nostri specialità. (imitando c.s.) Ogni posto ha le sue usanze, compari puparu. Eppoi a mia, si nun  ti accattigghi troppu, ( imitandolo c.s.) fa piacere preparar loro i miei vecchi manicaretti...-

Vito – …e passi tuttu lu santu jornu in cucina…-

Pina- … con vero piacere, caro signor marito.-

Vito – E pircchì sto veru piaciri, nun ti lu fai veniri tutti li santi jorna?-

Pina – (imitandolo c.s.) Perché il Santo Natale viene una volta l’anno, caro il mio puparu.-

Vito – E ju, na vota l’annu mangiu di cristianu cioè bene…anzi aviss’amangiari beni, ma datosi che sta sira si cena tardissimu, e appoi nun addiggirisciu beni – e mi fa velenu.-

Pina – Sta vota pinzau pure pi tia: (c.s.)  c’è il pesce freschissimo e te l’ho fatto bollito con un pizzico di maionese. Così lo digerisci facilmente. Sei contento maritino?

Vito – Grazi assai. Ma taliatimi tutti, gente di tutti i continenti, guarda femmina azzardosa: più che contento, sono felicissimo! E cchi cosa, beddamatri,…pesce squaratu con un pizzico di maionese…roba da Nababbi! Altro che un insignificante cocktail di scampi, cozze gratinate, spaghettini con sugo di astici…-

Pina – Ma a voi finiri cu sta lagna? Rassegnati beddu! (c.s.) Tu non puoi fare più quello che facevi da giovane, è una cosa naturale, è la vita, bello mio.-

Vito – E c’hai raggiuni…Ma tu varda nu pocu l’ironia: da carusu, quannu avissa pututu mangiare finu a abbuffarimi, senza prubblemi digestivi, a casa mia nun avevamu nenti da masticari – a causa da verra e do dopuguerra; poi, quannu putevu primmittirimi u lussu di farimi qualchi bedda mangiata, si ci misi stu vaju: lu colesterolo! Ma cchi schifiu è?  Poi ddu jornu…E’ una vera e vile disdetta, oserei dire: congiura!-    

Pina – E, bonu, nun passari da ‘n capu all’altru. C’appoi, da quannu semu maritati – c’avevi appena trent’anni - e fino a ora ca passasti a sissantina, ti n’hai fattu di beddi mangiati... (c.s.) Dai non fare la vittima, uomo lagnoso.-

Vito – E ‘n puteva durari stu statu di grazia, per qualche altro lustru de’ lustri e oltre?-

Pina – Nun ti lamentare, Vitu…c’è genti ca sta peggiu di tia.-

Vito – (rassegnato) Amen.

Pina – Avaia, dai, aiutami, cuntinua tu ad apparicchiari, ju cuntrollu i scacciati.(esce)-

Vito – (lentamente, cantando sottovoce e poi fischiettando un motivo natalizio, si appresta ad eseguire) Comandi signora…il cavalier servente serve i so’ desiderata…-

“Era la notti d’o Santu Natali,

nta li casi si mangiava e biveva,

e Gesuzzu nta la grutta chiangeva,

senza nenti di putiri mangiar…”

Pausa, come se si ricordasse qualcosa.

“…Era a notti d’o Santu Natali…”

Quannu fu c'a 'ntisi 'a prima vota?

“Era 'a notti d'o Santu Natali...”:

C'er'a verra? ... Putiss' arrivurdari

quannu 'ntisi ssa nenia natalizia...

forsi quann'i luci fici astutari,

dda sira, l'appuntatu d'a Milizia?

Poi, quann 'a sintii ricantari?

" Era 'a notti d'o Santu Natali,  

nta li casi si mangiava e si biveva..."

Mah, cusa`, forsi doppu dda nuttata

c'a Madonna changiu a Sarausa,

nta 'na casa di genti di burgata...

tannu suspiravu pi 'na carusa...

Eppoi, quannu fu n'autra vota?

" Era 'a notti d'o Santu Natali,  

nta li casi si mangiava e si biveva,

e Gesuzzu nta grutta chiangeva...”

Aspittati, fu quannu me muggheri,

ch'era primalora, si turciniava

nto lettu pe' dogghi e po' pinzeri 

pi' l'addevu ca gia` s'apprisintava.

-E l'ultima vota?

-E, ci voli 'nu pocu di pascienza,

p’arrivurdari.

 

Allura, videmu si m'o rammentu:

Dunchi, fu ddu jornu, si nun mi sbagghiu,  

c'o sangu mi quadio` nta 'nmumentu,

e ci appizzai lu pani e lu travagghiu!

" Era 'a notti d,o Santu Natali,

nta li casi si mangiava e si biveva,  

e Gesuzzu nta grutta chiangeva,

senza nenti di putiri mangia`..."

Ma chissa ‘n fu l'ultima , lu sentu!

E 'ntantu penzu: Cu st'ebbrica sfatata,

ch'i canta cchiu` pe' strati ssi lamenti?  

Ora n'arristo` sulu l'abbuffata:

Alla facciazza di cu n'avi nenti!

-M’allura, st'ultima, quannu po' ssiri?  

Mah! Forsi quannu dormu 'n santa paci

e mi 'nzonnu di 'n'essiri crisciutu.

O macari, e ni sugnu capaci,

ca m'a sentu lu jornu ca m'astutu.

E stavota assemi 'o Bammineddu!-

" Era 'a notti d,o Santu Natali..."

Pina – (da fuori scena) Chissa chi è l’utimu cumpunimento to? (ironica)-

Vito – No, nobbilissima matrona mangiaossa co Sali, questa è la penultima. L’ultima, si lu voi sapiri è “La verra di Troia”…-

Pina – (c.s.) Ahu accura comu parri cu to mugghieri!-

Vito – (sbalordito) Picchì, cchi dissi?-

Pina – Na palora ca assumigghia a sgualtrina, ingrasciatu!-

Vito – (comprendendo l’equivoco) Chi, troia? Ma no, avaia Pinuzza, a muggheri, e quannu mai t’aviss’a dittu sti paroli sconci. Ju stavu dicennu u titulu della mia nuova opira: La guerra di Troia. U capisti?-

Pina – U capì, sciatu miu.-

Vito – E allura passa ca banna, ca ti la declamo.-

Pina – Aspetta, picchì tu declami e a scacciata s’abbrucia.-

Vito – La panza veni prima di l’arti…scanzatini.-

Pina – (affacciandosi) E ai to figgi cchi ci fazzu manciari pi cena la tua…arti?-

Vito – Parlavo in generale, picchì na fedda di scacciata, si ci primmetti, mi la vulissi manciari macari ju. Fai cu comodo moglie vigile e solerti.-

Fischietta il motivetto, aggiusta qualche oggetto, trova dei fogli. Intanto entra Pina.

Pina – Avanti, cunta, sugnu tutta orecchi.-

Vito – E ju sugnu tuttu prontu, e senza salamallecchi.-

Pina – Allura attacca.-

Vitu - A VERRA DI TROIA. Puntu.

Assa’ prima de canonici di lignu,

quannu i pospiri ancora ‘n s’avvintanu,

mentri in Grecia Leda jucava co cignu,

li Dei scialavanu, ammazzann’ u tempu,

supr’a lu munti chiamatu Olimpu,

Giovi, tuonò: “ E luvatici manu

cu sta caciara e stu curtigghiu!

mi scassa’i baddri di lu munnu sanu:

m’annoiu di taliarivi nta facci,

annunca ‘nvintu i scarpi co’ tacci,

tantu pi fari qualcosa di megghiu

ca rattarimi a panza tutt’u jornu.”

“Caru maritu – ci dissi nto sogghiu

di lu so tronu, Giunoni: fimminuna

di lettu si, ma di lingua tagghintuna-

Tu si’ signori, diu e pattrieternu,

nunca, chiddu ca t’aggiuva cumanna;

e nuattri jemu macari nto ‘nfernu,

pa truvari chiddu ca t’alliena-

abbasta ca ‘n ti videmu cchiù in pena.”

Pattri Giovi arrispunniu: “Dda banna,

‘n sacciu chi cosa truvati di bbonu.

Inveci, a tutt’i to’ figghi addumanna

si c’anu nto ciriveddu un’idiuzza

chi sacciu: ‘n jocu, macari na cusuzza,

pi farmi arriturnari lu bon tonu”.

Minerva c’ascutava attentamenti

addrizzau aricchi e vinni o tronu.

“ Pattri divinu, diu de’ fummini,

aiu fattu na pinzata pi l’ommini”.

“Dicci, divina figghia intelligenti,

se si tratta di l’omini sciavuni,

stavolta n’addivettu viramenti”.

“Aviss’a pinzatu, si tu si d’accordu,

di fari sciarriari a ddu caiordu

di Re Minilau cu ddru Priamuni

Re di Troia, videmu, chissacciu,

macari pi na partita di palluni...”

Ma Marti ca pristava aricchia

spiranzusu, dissi: “Ma cchi c’ancucchia!  

     

Ju sugnu spissu mutu, zittu e tacciu,

ma unn’è a Juvi? unn’è u Milanu?

Chissi ancora sunu ammenz’o ghiacciu.

Nenti palla, mbari, ma na bella verra

ci facemu fari a chissi nta terra”.

Giovi appruvò e ci desi la manu:

“ Bravu me figghiu, si nu cannuni.

Mirculi, veni ccà, finu viddanu,

organizzami tu sta bedda scerra,

ma c’apparir’a tutti na vera verra.”

Dalla finestra si ode la partenza frettolosa di un automobile - sgommando

Vito – (infastidito dallo stridore delle gomme) Nte corna! E cchi cosi…e cchi è tutta sta prescia? C’appoi dicunu ca ci sunu troppi incidenti stradali – macari in città.-

L’orologio a pendolo batte le 21,00.

Pina – Già i novi?-

Vito – Annunca. (vedendo la moglie guardare l’orologio ed esitare) Chi fazzu ci a tagghiu?-

Pina – ‘N’affenniriti o maritu, ma sugnu agitata, emozionata…ma ti l’immaggini? Tra n’ura arrivano i carusi.-

Vito – (piegando i fogli) E anche i figli precedono l’arti…-

Pina – Mutu scunghiuruto, chi dici?-

Vito – Ca i figgi su pezzi di cori. Va beni accussì…Comu se ju nun fussi agitatu quantu a tia…bedda matri, alli voti…-

Pina – Bonu bonu, avaia, sugnu tutta spilli e strantisi…e ssi capisci ca macari tu nun vidi l’ura.-

Vito – Miracolo a Catania!(incrocia le braccia)-

Pina – E cchi fai u sustinutu? Veni ccà ca ti dugnu ‘n vasuneddu e facemu paci. Appò lu to travagghiu n’u leggi a tutti, a tavula.(esegue, mentre Vito, prima sostenuto, poi l’abbraccia) Fremmu…bbonu…lassami ora, ca u fassumauru s’abbrucia.-

Vito – Certo u fassumauru veni prima…(si ferma di colpo, vedendo Pina che sulla soglia della porta lo guarda severa, poi quando entra, continua la frase) di l’Arti, con l’A maiuscola.-

Suonano alla porta.

Pina – (dalla quinte) U sentisti? Hanno suonato…cchi sunu i carusi?-

Vito – (andando ad aprire) Ma no, (un’occhiata all’orologio appeso alla parete) sunu ancora i novi scarsi. Chiddi, a st’ura,  sicuramente, sunu ancora in volo. (risuonano con insistenza) Vengo, vengo, e cchi prescialori… chi è?(apre)-

Vito fa appena in tempo a togliere la chiusura che la porta viene spalancata ed entra un giovane col capo coperto da un passamontagna e con una pistola in pugno. –

Rapinatore- (puntandogli l’arma sul volto e chiudendo subito la porta) Zitto o se morto!-

Vito – (frastornato) Ma…cchi cosa?…cchi santu diavuluni…-

Pina – ( affacciandosi) Cu è?-

Rapin – Tu veni ccà, a tagghiu so! (afferrandola per un braccio e mettendola affianco di Vito) E muta, o si morta!-

Pina- Gesù, Giuseppe e Maria, nu mariuolu! Oddiu, attorna…-

Rapin - Ho detto zitti! (li minaccia con l’arma, mentre si pone in ascolto dietro la porta, poi guarda attraverso le tende della finestra) Zitti o vi ficco in testa una pallottola!-

Pina – Madunnuzza bedda, n’autra vota. (parlando a bassa voce)-

Vito – Ma no…(idem)-

Pina – Chistu, stavota, n’ammazza.-

Vito – Buona Pina, statti sora, eh? ‘Nun l’innervosiamu.-

Pina – Ma Vitu…-

Vito – Calma…cridu ca nun ce l’avi cu nuatri.-

Pina – Ma ju mi scantu u stissu.-

Vito – Va beni, va beni, ma cammati e fai gestire la situazione a me. D’accordo?-

Pina – Comu voi, ma mi raccumannu…-

Vito – Nun ti preoccupare, tu penza a stati tranquilla…-

Rapin.- Ho detto muti! e non fiatate!-

I due, uno vicino all’altra, si zittiscono, mentre il rapinatore lasciata la finestra, va verso la porta  e poggia l’orecchio, in ascolto. Suona il telefono.

Rapin.- (a Vito che si era mosso) Tu fremmu! nun ti moviri, ‘n ‘arrispunniri.-

Vito – (vedendo che il telefono continua a suonare e parlando con calma) Varda che forse è me figghiu ca chiama… e se ‘n’arrispunnu, chiddu avvisa carrabbineri…sapi ca senu intra, ca l’aspittau.-

Rapin.- ( indeciso) Va bene, rispondi, ma guai a te se ti lasci sfuggire menza parola. Anzi metti il viva voce, voglio sentire!-

Vito – (avvicinandosi all’apparecchio e eseguendo) D’accordo. (poi al telefono) Pronto?-

Voce- Papà, sono Gino, siamo ancora in aeroporto, il volo è stato annullato.-

Vito – Come annullato? E come fate a veniri? Non ci sono altre possibilità?-

Voce – Papà, stiamo cercando…vediamo con qualche altra compagnia…ma è difficile. Qui siamo centinaia i passeggeri che sono rimasti a terra, è un caos.-

Vito – Ma con quale schifiu di cumpagnia prenotasti?-

Voce- Non è colpa della compagnia. E’ il personale di terra dell’aeroporto, che ha fatto uno sciopero improvviso, e questa volta sono stati i tacchinari.-

Vito – Ddi tappinari  di l’hostess, veru?-

Voce – Ma no papà. Quali hostess, non ho detto tappianari, ma tacchinari, cioè il personale  che mette i tacchi nelle ruote degli aerei, quando stanno fermi, nelle piazzole.-

Vito – Ah, i tacchi? E per du miserabili tacchi non si può cchiù partiri? E nun c’è nuddu ddocu ca i sapi luvari? E si lascia la gente a terra pi nenti? se fussi ddocu ju i luvassi cche me manu!-

Voce – Papà, ci sono regole sindacali…la sicurezza, insomma, dobbiamo aspettare. Te l’ho detto, ci provo con un’altra compagnia. Speriamo di farcela. Comunque ti terrò informato. Adesso ciao, vado a raggiungere Giulia e Vituccio. –

Vito- (posando lentamente l’apparecchio) Ciao…ciao…(a Pina) U sintisti?-

Pina- U ‘ntisi, u ‘ntisi, bella robba (guardando fosca il rapinatore)… ma tantu u Natali era già arrovinatu.-

Rapin. – Ma statti muta, và! Ca nun si tu sula ad avere u Natali rovinatu…ci sono quei lavoratori lì, in aeroporto, che non  hanno solo il Natale rovinato, ma tutto l’anno  - intero, perché saranno licenziati!-

Vito – A scusari, amicu, e tu comu u sai?-

Rapin. – Ma nun leggi i giunnali? Chiddi scioperanu per conservare il posto di lavoro che è in serio pericolo!-

Vito – (con aria solenne, tutte le volte che affronta argomenti, per lui, difficili) E nun potevanu, chissacciu,  proclamare lo sciopero in anticipo? Inveci di lassari a terra i passeggeri? con tutti i disagi immaginabili? O nun ci sunu cchù regole sindacali? Comu, pi esempiu, la proclamazione dello sciopero con almeno quindici giorni di anticipo, e la pace sindacale per i periodi dell’anno più significativi: tipo Natale, Pasqua…-

Rapin. –… Santo Stefano e capodanno. Ma statti mutu macari tu, vecchio oscurantista! Ai padroni bisogna colpirli sul collo, altrimenti non  mollano…-

Vito - …e ci vanno di mezzu i poveri ‘nnuccenti de passeggeri, che macari dopo misi di travagghiu, ca si vonu goderi qualchi jornu di vacanza, magari, chissacciu, ‘nzemi ai famigliari…cche vecchi genitori, ecco; nveci passanu a festa assettati supra e baliggi, all’aeroportu. A sti puvirazzi, tu e tutti i toi lavoratori dello sciopero selvaggio, nun ci pinzati?-

Rapin. – Ci pinziamu…o perlomeno ci penzanu, e forse macari s’affruntunu, ma questi sono i periodi ca pigghi  i pattruni pe corna.-

Vito – Chiedo scusa, forsi staiu veramenti rimbambennu e certi cosi nun i capisciu. Ma comu? Sbagghi a cu visti e anzetti a cu nun visti? Senti, pi mia chisti sunu azioni infami.-

Rapin. -  Sono tue opinioni. (gesto di indifferenza, poi rivolto a Pina) E l’elenco non è finito: a causa della crisi, ci sono anche i lavoratori precari che saranno lasciati a casa senza stipendio, quelli che sono già disoccupati da prima…e i poveracci di sempre. Pi iddi, e pe so famigghi, sia u Natale, sia l’autri 364 giorni, sunu sempri tutti arrovinati. E alcuni di loro saranno fortunati se potranno mantenere ancora la casa. E ti lamenti tu che hai (si guarda attorno) una comoda casa, l’albero di Natale riccamente addobbato, il Presepe (guarda meglio) con le statuine in terracotta,  la tavola apparecchiata per una ricca cena natalizia, e di là avrai preparato, certamente, il ben di Dio.

Ma tutti quei sfortunati lavoratori, tutto questo tuo benessere non possono vederlo neppure col cannocchiale, anzi moltissimi non sanno neppure cosa sia stare bene; non sanno neanche se esiste davvero un tale benessere o se è soltanto illusoria pubblicità televisiva.-

Pina- Nun sugnu cieca né surda! Certo ca u sacciu. Nun scupristi tu l’America!-

Rapin.- E annunca nun fari lastimi!-

Pina – Ju nun fazzu lastimi, si lu voi sapiri. E mi dispiaci pi tutti ddi puvirazzi, ma se nuattri avemu chiddu ca tu chiami benessere, è pe quarant’anni di travagghiu di quel signore (accenna a Vito) ca si ha luvatu a vita a travaghiari jornu e notti, e ci ha rimesso macari a salute per…per…un incosciente - come a tia, eccu!-

Rapin.- Va bene, ma u travagghiu, beni o mali, l’aveva, e ne ha avutu pi quarantanni.-

Pina – No caro il mio signor vittima del sistema (a imitazione della parlata di Vito), iddu u travagghiu se l’è creato dal nulla. Infatti si armau  una sua attività commerciale ca era ancora carusu, e di jornu travagghiava nto magazzinu e di sira faceva u puparu, caro il mio signor sentenzioso, c’appoi, comu ti dissi, lassau tutto a causa… a causa…beh, lasciamu perdiri ca è megghiu!-

Rapin.- E lassa perderi, ma abbassa la voce!-

Pina – L’abbassu, l’abbassu. E ora mo dici cchi cosa c’entranu tutti sti beddi discursi cu tia e cu nuattri?-

Vito- (rivolto al rapinatore) Oh, finalmente. Menu mali. Fine delle divagazioni socio-sindacali e andiamo al sodo: cchi cosa c’entra tuttu stu comiziu, cu nuattri?-

Rapin.- Con voi sicuramente nenti. Ma per certe organizzazioni, si.-

Vito -  Ahu, nun ficiuru pri casu u sindacatu de rapinatori?–

Rapin.- Spiritoso. Va bene, ca faciti u puparu… ma tutti e due siete dalla parte dei padroni e non comprendete nulla! Vuol dire che ve lo spiegherò in altri termini (mostra l’arma) – dopo magari, se sarete ancora vivi. E ora zitti e buoni. (torna ad ascoltare alla porta, poi va di nuovo alla finestra)-

Vito – Grazie assai obbricatissimu. E già ca ci semu, visto cca semu poveri di comprendonio, nell’attesa di spiegarci le tue teorie sindacali, saresti così gentile da dirci, almeno, cchi cosa voi?-

Pina – Ma i nostri soldi, cchi po vuliri nu rapinatore?-

Vito – (fa cenno a Pina di calmarsi) Pina…-

Rapin.- Calmati, eh? Voglio per prima cosa che ve ne stiate zitti e muti! che non mi facciate perdere la pazienza provocandomi! ( a Pina) Sareste voi i primi a rimetterci, statene sicuri. (a Vito) Io prendo le parti dei poveracci…come me, capito? (a Pina) e dei tuoi pochi spiccioli che tieni in casa, non me ne faccio nulla. (quasi tra se) Sta a vedere che ora faccio una rapina solo per comprarmi le caramelle.-

Vito – E c’anzittasti! in casa avemu si e no centu euro. Li voi? Sunu picca? Voi macari u bancomat? Ti dugnu u codici, poi prilevari finu a duecentocinquanta euru e ti facisti a jurnata...-

Rapin.- (interrompendolo bruscamente) Ma finitila và, pi ccu mi pigghiati?-

Vito – Beh, allura, nzumma, in definitiva, se nun cerchi i nostri soldi, picchì trasisti nta me casa, armatu e mascheratu? si pò sapiri cchi voi di nuattri?-

Rapin.- ( sempre in ascolto, poi ironico) Pi sentiri a storia d’Orlando, va bene? E ascutatimi beni: desidero, anzi voglio, soltanto passare in vostra simpatica compagnia qualche ora, e poi, me ne andrò. (deciso) Ma nel frattempo, badate a voi!-

Vito – Ma picchi? Beddamatri a chistu nun u capisciu.-

Pina –Sto tiziu nun mi scunfifera…-

Rapin.- Voi non dovete ne capire ne convincervi, dovete solamente stare zitti!-

Vito – Ma…-

Suona il citofono. Vito, istintivamente, sta per muoversi per rispondere.

Rapin. – Non rispondere! (quasi isterico)-

Vito – (facendo ampi gesti di calma) Come dici tu, ma stai calmu, ah? Pirò, chissaccio, se iddu sapi ca semu intra, vidi? – e a luce è addumata (fa cenno al lampadario)- e  si vidi da strada…-

Rapin.- Non m’importa!-

Vito – Comu voi tu, si tu ca cummanni. Ma pi mia stai sbagghiannu. Si nun arrispunnu, cu mi cerca, chissacciu - forse un parente, un vicinu, macari si putissi preoccupari e acchianari ccà supra…-

Rapin.- E’ vero, havi maledettamente ragione. Allora rispondete e…attento a chiddu ca diciti! E soprattutto non fatilu acchianari cca supra, avete capito? (gli mette l’arma dietro la nuca).-

Vito – (prende il citofono e risponde con calma) Chi è? Si sugnu Spiciali…ah è vossia maresciallu Cucurullo…( il rapinatore, sobbalzando, gli punta fra gli occhi) Si, dicitimi…se ho visto dalla finestra, qualcuno acchianari nta machina e partire velocemente?  No, mi dispiace, ‘ntisi sulu sgommare per strada, ma non mi sono affacciato. Ah, va bene…certo… ah, se visti qualche estraneo nelle scale del condominio?  No…non ho…nun visti…nuddu… va bene, sto in campana… naturale: se vedo qualche estraneo al condominio, o sento qualcosa di sospetto vi avviserò immediatamente.  Certamente. Ma, scusatemi, chi cercate?...(pochi secondi di ascolto) Ho capito, allora in bocca al lupo. (poggia il citofono, poi si rivolge ai presenti) Cercanu du rapinatori armati, che hanno tentato di rapinare la cassa do supermercato cca sutta…ma nun ficiru in tempu a fari a rapina, picchì una cassiera si misi a vanniari a vuci di testa…accussì si scantarunu e scapparunu comu du saittuni- a manu vacanti - in machina; almeno uno sicuramente…ma li prenderemo, dice Cucurullo. (poi al rapinatore) Pri casu, e nun pi sapiri i fatticeddi to, chi si tu l’autru lestofanti?-

Rapin. – A voi nun v’interessa.-

Vito – (sornione) U to complice s’a filau, veru?-

Rapin. – Era nervoso…-

Vito – E tu?-

Rapin.- Io? Sono calmissimo, e se state anche voi calmi, fra qualche ora, quando quelli lì sotto ( indica la finestra) se ne saranno andati, me ne andrò pure io, e tutto sarà finito… senza che nessuno si faccia male (calca la parola come minaccia, poi si avvicina alla finestra e sbircia fuori, attraverso le tende)-

Vito – Nun ti preoccupare, u maresciallo Cucurullo è amicu me, vecchiu amicu di tant’anni, ‘n’acchiana ccà. A mia mi cridi.-

Rapin. – Non è iddu ca mi preoccupa, na stu momentu.-

Vito – U to complici?-

Rapin.- No, quello è già lontano.-

Vito – Scusa, e allora?-

Rapin.- E allora, fattevi i fatti vostri…pi fauri. (scruta fuori)-

 Vito – Va beni, va beni, mi fazzu l’affariceddi me…ma tu nun mi pari…inzumma nun si’…nu veru mariuolu, un malvivente… o mi sbaghiu?-

Rapin. – (allontanandosi dalla finestra) Bisogna vedere che cosa intendete per malvivente: se pensate a uno che vive male, allora avete ragione: sono un malvivente, molto malvivente.(passa al voi)-

Vito – Mariuolu, malviventi, chissacciu, spatajiolu, unu ca fa mali all’autri prissuni…-

Rapin. – Ah, vi riferite hai padroni? Beh, quelli sono tutti spatajioli, malviventi - delinquenziali!-

Pina – Ma varda a chistu…-

Vito – Ahu, giovanottu nun fare u Nofriu, ca tu mi capisti, eccomu! ‘Nzumma, tu…tu sei , come rapinatore, alle prime armi, evvero?-

Rapin. – Ma dove avete fatto esperienza in fatto di rapinatori? Certo, infatti, avete indovinato. Ma non perché sono un rapinatore novellino, come voi pensate, sarò meno determinato a non farmi prendere. E voi siete responsabili, di tutto ciò che potrà succedere qui - di spiacevole, se mi fate scoprire…e quindi anche della vostra…salute. Uomo avvisato…-

Pina- Ma cchi ta ma fattu?-

Rapin.- A me? Nulla! Bisogna vedere cosa avete fatto agli altri.-

Vito – ( tono pomposo) Senti non sentenziare su ciò che non conosci, non è prudente e potresti prendere giganteschi e pericolosi abbagli. A scusari sai? (duro, poi conciliante) E dimmi, giovanotto, tu, da chiddu ca capiscio, fino ad ora  ‘n’ hai mai rapinatu a nuddu – nancu u supermercatu di cca sutta. Ecco, come malvivente delinquenziale si ‘n principianti e pure al primo colpo…o sbaglio?-

Rapin. – Non sbagliate. Ma come malvivente di una vita da cani, si, sono anziano, molto anziano.-

Vito – Davvero? Interessante. E ti dispiace, se, nell’attesa di passare queste prossime ore con te, per ingannare il tempo, tu ce ne parli di questa “malvivenza”? Magari (accenna all’arma) senza ssa scupetta puntata nto l’occhi?-

Rapin.- Ma siete in voi? I fatti miei non li racconto al primo venuto. Ma varda cchi tipu…c’appoi se avissumu a passare tempo, cu c’è megghiu di vui pi farlu passari? Nu beddu cuntu è u megghiu sistema, no? -

Vito – Beh, si vulemu, p’a precisioni, in primis ju fussi u primu…attruvatu; in secundis, nun sugnu in vena di cuntari…nta stu mumentu, cu ssu cannoni sutta l’occhi…-

Rapin.- Siete spiritoso assai…Comunque, ecco, va bene, va bene, vui mi pariti na brava pprissuna e perciò non avrei nulla in contrario a parlarvi, tanto...’n sugnu sensibili comm’a certi prissuni. Però, però sempre che vi manteniate calmi e zitti. Allora, si, che potremo discorrere, e magari fare passare un’altra ora, cunti o nun cunti, altrimenti…-

Vito – Ahu, basta cche minazzi pi cortesia. E cchi è!…noi ci teniamo alla nostra pelle, non siamo così stupidi… Avaia  sta tranquillu, non tenteremo di farti scoprire, hai la mia parola. ( tono c.s.) Quindi se ti va parlaci della tua vita da cani, magari per sfogarti, ti ascolteremo con interesse. Altrimenti lasciamo perdere: vuol dire che ce ne staremo tutti zitti e buoni a meditare su tutte le cose strane che stanno accadendo, in questa santa notte, nell’attesa che passi il tempo. E che tu, come hai ripetutamente affermato, ci…privi della tua presenza. Allura? Cchi fai?-

Rapin.- Ma perché, dico io, dovrei parlarvi di me; e perché dovrei farvi delle confidenze? Perché mi dovrei fidare di voi?-

Vito – Picchi pi tia nun cangia nenti: ca ti fidi o non ti fidi, a spittari ca u tempu passa e u latti quagghia. C’appoi, nun si armatu do scupittuni?-

Rapin.- (guardando la pistola) Già, è vero.-

Momento di pausa di riflessione del rapinatore. L’orologio batte le ore 22.00

Vito – Nunca? Cchi dici?-

Rapin. – (iniziando a parlare con difficoltà, poi decidendosi) Ma si, tanto vale… passiamolo questo tempo, così parlando, vi aiuterà a stare più buoni. Poi la mia storia, d’altronde, è uguale a quella di altre migliaia di disperati come me, e non servirà certo per farmi rintracciare.

Ecco: Sugnu disoccupatu da se misi: licenziatu, accussì, di bonu a bonu, per riduzione di personale. Sugnu senza ‘n’euro nta sacchetta e nuddu mi fa cridenza. A me casa nun c’è cchiù nenti nto frigoriferu, ho moglie e  bambini da sfamare e una pigione da pagare, pena lo sfratto immediato…e tutto questo senza una benché minima  prospettiva di lavoro. Più malvivente di così.-

Pina- Ma u sussidiu d’a disoccupazioni tu dununu, o no?-

Rapin. – Se fossi stato ingaggiato regolarmente, si certo. Ma ero – precario, ed ho lavorato per le agenzie a tempo determinato, quindi niente diritti per quelli come me.-

Vito – E facisti ssa bedda pinzata, pigghiasti  accuzzu … e in bedda compagnia - scanzatini…-

Rapn. – Già. Chiddu ca scappò era un mio collega disoccupato macari iddu, ma non aveva i nervi saldi…si scantava…e quannu ntisi a cassiera vanniari comu nu purceddu o macellu, si fici… prendere dal panico e scappò comu ‘n saittuni - senza aspettarmi.(va di nuovo alla finestra)-

Pina – E vinisti ccà…-

Rapin. - E ca vo fari? M’a ‘o fari attaccari? No, mai! Cosicché, nella fuga, ho visto il vostro portone aperto e mi ci sono ficcato, poi ho suonato ad una porta, a caso. Naturalmente spero che nessuno mi abbia visto.-

Vito – Tombola!-

Rapin.- Picchì tombola? Nun è dettu ca qualcarunu m’avissu vistu. Ancora niente è perduto. Non sono in trappola comu un suggi! C’è solo d’aspettare zitti e buoni e non si farà male nessuno... speriamo…ma, almeno fino a ora, mi sembra che stia andando tutto abbastanza bene.-

Pina – Nun pi nuattri, cha innocentemente ni ci mittisti finu o coddu.-

Rapin.- Già, non sempre si ha fortuna.-

Pina – Che rapinatore spiritoso.-

Vito – Va bene, semu coinvolti nte to vai e speriamu ca sant’Aita c’aiuta – po mimentu.

(pomposo c.s.) Ma ora io vorrei fare stu raggiunamentu, e correggimi se sbagghio: se hai deciso di risolvere i tuoi problemi in modo delinquenziale, cioè rapinando, la galera, prima o poi, te la dovresti aspettare. E si t’acchiappunu, putacasu, cchi arrisulvisti?-

Rapin. – Dobbiamo per forza ragionare? E ragioniamo. La galera? Beh, quella era nel conto, si; ma dopo un buon colpo andato a segno e con i soldi a casa; e non col colpo fallito e con la fame in famiglia; Cioè cornuto e mazziato! Suvvia, signor Speciali, e sforzatevi di capirmi…-

Vito – Io ti capisco…ca certu ca ti capisco. Ma sentimi, cchi facevi prima di…( fa cenno alla pistola)-

Rapin. – Prima di…facevo il tecnico di...di… insomma il tecnico.-

Vito – (fischia) Fffiu, profissioni fina. E comu mai nun trovasti n’autru impiegu, macari attraversu l’Agenzie?-

Rapin. – Perché c’è la crisi, o non leggete i giornali?-

Vito – (pensieroso) Già, la crisi… e nun putissitu truvare n’autru travagghiu, macari nta nautru ramu?-

Rapin. – E cchi fazzu u puparu? (poi vedendo che ha esagerato) Scusatimi…ju sacciu  fari beni sulu chissu… e anche ammesso che mi voglia accontentarmi del primo lavoro che mi capita, trovarne un altro, oggi, è quasi impossibile, chi è in grado di offrirtelo? Sapessi quanto ci ho provato, e sempre picche! Questi sono tempi troppo difficili, la crisi è mondiale e la manna dal cielo non cade più.-

Vito – Ma …ma, nto casu, t’adattassi?-

Rapin.- … certo che si! Mi adatterei, sicuro… ( va verso la finestra e guarda per strada, poi a Vito) Ma se mi sono adattato finanche a rapinare, figuratevi… (guarda fuori con più attenzione, poi apre la finestra e a cenni, e a fischi, disperatamente tenta di cogliere l’attenzione di qualcuno lì fuori. Quando ci riesce, gli fa cenno di salire).-

Pina – U vidisti? fa a nzinga o so cumpari. (allarmata) Stu beddu spicchiu di mennula amara ni porta n’autru mariuolu!-

Rapin.- Non è il mio complice…( a Vito) adesso aprite pian piano la porta, e non  appena scorgete un bambino, fatelo entrare.-

Vito – Ahu, è sicuru ca nun me ne porti intra, n’autru altro vaiu, veru?-

Rapin.- Zitto per favore. E’ sulu ‘n picciriddu. Apra.-

Vito – (eseguendo) ‘N picciriddu? Chista è bedda…-

Rapin.- Zitto, per piacere, e fate come vi dico.( si pone dietro la porta)-

Vito- (scorgendo il bambino) Ehi, psss, vini ccà… di sta parti.-

Entra un bambino di otto-nove anni. E’ Nicola, il figlio del rapinatore. Fermo di scena, musica adatta e fine primo atto.

                                                         Secondo atto

Stessa scenografia dell’atto precedente. All’apertura del sipario, in scena ci saranno Vito, Pina, il rapinatore e il bambino. Fermo di scena. Con musica adatta riprende la scena.

Bambino- (entrando circospetto) Pa’ dove sei?-

Rapin.- (nascosto da Vito, sottovoce) Sono qui Nicola…entra e parla piano.-

Nicola – (si guarda attorno) Stai bene? Tutto a posto?-

Rapin. – Si sto bene, tutto a posto.-

Nicola – Tutto sotto controllo? sicuro?-

Rapin. - E piantala! Piuttosto, hai notizie di…-

Nicola – E’ scappato come una saetta, sgommando come Hamilton.-

Rapin.- Speriamo almeno che non s’ammazzi…-

Nicola - …perché, non sa guidare?-

Rapin.- No, pensavo ai suoi nervi, sai com’è lui quand’è agitato; già una volta è andato a sbattere.-

Nicola – Mamma mia, e se mette anche sotto qualcuno?-

Rapin.- Speriamo di no. E dimmi, i carabinieri sono ancora in strada?-

Nicola – Sono sparsi in giro, fanno domande a tutti qui intorno. (come se si accorgesse ora di Vito e Pina) waw! Questi sono tuoi ostaggi?-

Rapin.- Ostaggi? Beh, per adesso si.-

Nicola- Bello, bravo capo, preciso come nei films.-

Vito – Ma varda a stu muvvusu…-

Rapin.- ( a Nicola) Zitto e porta rispetto.-

Nicola – Okay capo.-

Vito – Si, caro, semu i so ostaggi, e speriamo ancora per poco. ( guarda il rapinatore) Nevvero?-

Rapin.- Dipende…-

Vito – Bene, dipende… ( tono c.s.) Allora, nel frattempo, mi vorresti presentare questo baldo giovanotto?-

Rapin. – Questo è Nicola, il più grande dei miei figli.-

Vito – (scandalizzato) E tu vai a rapinari col figlio al seguito?-

Nicola – (con aria d’importanza) Io faccio il palo.-

Pina- (al rapinatore ) Gesù, Giuseppe e Maria. Incoscienti, pattri snaturatu, e cchi bell’esempiu ca ci duni ai to figghi…-

Rapin. – ‘N a truvavunu unu, ca fussi uno, ca ni facissi u palu. Eppoi con Nicola abbiamo fatto un patto: quello che stavo facendo io adesso, era per un caso di estrema necessità; e lui non lo avrebbe dovuto rifare - mai. E’ vero Nicola?-

Nicola – Certo, e gliel’ho anche giurato.-

Pina – Incoscienti…portarisi ‘n picciriddu a rapinare, cu stu malutempu…(avvicinandosi al bambino) ma sta creatura sta trimannu do friddu. Vieni con me Nicola, ti do qualcosa di caldo.-

Nicola – Guardi che non sono una creatura, ma un quasi uomo…(dopo, con golosità visibile) Che, mi fa la cioccolata?-

Pina – Macari, macari…avanti, veni cu mia.-

Rapin. – Grazie lo stesso, signora, ma lei non può allontanarsi da qui…per favore.-

Vito – Restu ju comu ostaggiu, perlamiserialattra e assassina! E lassala fari (tra l’ironico e il serio).-

Rapin. –(confuso) …se è così…-

Pina – E’ proprio accussì, sta tranquillu malomu. Veni cu mia… giovanotto. ( stanno per uscire)- 

Vito - (sempre pensieroso, passeggia per la stanza, poi, come se avesse preso una importante decisione) Senti, pri casu mìa facissi fari na tilifunata?-

Rapin.- Se vi frimmati di aggirari, picchì mi stati facennu ammaraggiari; e si mi diciti a cui vuliti tiifunari; e, soprattutto, se non mi tradite, fatila pure. (passa al lei)- 

Pina – ( fermandosi sulla soglia) Chi ti passa po ciriveddu, Vitu? -

Vito – Vogghiu tilifunari a Giannuzzi, vedemu cchi cosa si po fari pi stu giovane…-

Pina – Ma vulissitu mpignari Giannuzzi pi nu malacarni, e, pi giunta…corruttore di figli.-

Vito – Va beni, va beni. Ma ancora nun  è…tuttu malacarni. Casumai menzu, e ci putissi addivintari tuttu. Lassimi pruvari, per favore.-

Pina – Fai, ma nun sugnu  d’accordu. (sottovoce) E propriu pi iddu…(esce)-

Rapin.– Cchi c’aviti in menti? Vardassi ca nun sugnu a so disposizione. State attentu!-

Vito – Sto attentu, nun t’innancarricari. Niente di gravi nun ti scantari…m’u lassi fari stu tentativu? E’ pi dariti na manu.-

Rapin. – Chi manu? Quannu mai! Pi cchi cosa? E picchì avissura a fari? Non mi sta tendendo una trappola?-

Vito – Ma quali trappola d’Egittu. Vogghiu solu aiutariti, si m’o primmetti. Varda, co tilefonu semu ancora a viva voce, ascuta sta tilifunata, doppu ni parramu. E dai, tanticchia di fiduscia… cchi cosa dici, a fazzu? va beni?-

Rapin. – (titubante) A facissi, vedemu cchi spunta…ma pi mia…(pessimista. Intanto si pone accanto al telefono, con la mano vicino alla forcella.)-

Vito (avvicinandosi al telefono e facendo il numero) Pronto Giannuzzi?   

Voce – Si, sono io, chi parla?-

Vito – Sono Speciali. Come va? –

Voce – Benone Speciali. A che devo?-

Vito – Per prima cosa ti vulissi fare l’ auguri di buon Natale, poi t’avissi a fari na prighera…-

Voce – Che preghiera e preghiera, per te sono sempre a disposizione: Intanto ricambio gli auguri, poi dimmi, cosa posso fare?-

Vito – Probabilmente… forse… nel caso… insomma avrei bisogno di sistemare un… bravo carusu …con un lavoro dignitoso, mi putissitu aiutari?-

Voce-  Speciali, sai benissimo che ti sono e ti sarò sempre debitore, quindi non ti resta che parlare: dimmi chi sarebbe questo giovane e cosa sa fare?-

Vito – Grazie, grazi assai, sempri gintili. Ahu, varda ca ‘n to addumannu per… non mi passa mancu pa testa…è perché ci sono delle circostanze gravi e molto, ma molto urgenti… insomma, grazie per la disponibilità.

Ecco, questo giovane è uno specializzato, un  tecnico, ti può interessare?-

Voce- Un tecnico? Di che cosa?-

Vito – (rivolto al rapinatore) Di che cosa?-

Rapin.- Di…di…-

Vito – Avaia, e fidati.-

Rapin.- Di laboratorio chimico.-

Vito – E’ un tecnico di laboratorio chimico.-

Voce – Tecnico di laboratorio chimico? Accidenti. Beh, certo mi sarebbe molto difficile trovare qualcosa per lui, con quella qualifica…sai siamo in crisi…abbiamo ridotto il personale tecnico e impiegatizio …però, senti, se questo giovane accettasse un posto di aiuto magazziniere, potrei accontentati, anche subito; perché l’operaio addetto, si è infortunato in questi giorni, e ne avrà per qualche mese: sai, rottura della tibia e del perone, non so se mi spiego...-

Vito – Mi dispiace per il tuo operaio. Grazie, si sempri n’amicu. Aspetta ca ci addumannu all’interessatu, c l’aiu ccà davanti: allora? (fa cenno al giovane).-

Rapin. – (sbalordito) Arrivate a tanto? Mi date un lavoro? Ma che siete benefattori? Che volete che vi dica: Se non c’è inganno…beh, forse accetterò!-

Vito – Dissi ca si n’angelu benefattore, e che forse accetta.-

Voce – Eh, calma con le parolone. Se ti sta bene, mandamelo lunedì mattina.-

Vito – Grazie assai Giannuzzi, ti darò conferma, e…a buon rendere.-

Voce- Ma che dici. Tu mi hai già reso un favore impagabile, e non lo dimenticherò mai. Ciao e buone feste.-

Vito  - Altrettanto a te. Ti saluto. (rivolto al giovane) Allura, cchi facemu, ci a damu sta cunferma? cchi dici? Accetti?-

Rapin.- (titubante) Vulissi accittari, ma pirò m’avissi a mettiri nte vostri manu; (pensieroso) ma si, se rischia vossia, picchi ‘n’avissi arrischiari macari ju?-

Vito – Benissimu. Chistu si ca è arraggiunari.-

Rapin. – Signor Speciali, vossia … ‘nzumma, supra o vostru onori, nun ci sunu trucchi, veru?-

Vito – Mih, ma pi testa! Benedettu Diu, ma si propriu diffidente. Ca certu ca no!-

Rapin. – Vossia a sapiri ca di jancati d’a vita, n’aiu pigghiatu a cufina, e allura ci vaiu chianu. Ma ora voglio cridiri a vossia. Debbo crederci!-

Vito – Oh, salaratu Diu. Beni, e allura accuminzamu co luvariti ssu cosu…( accenna al passamontagna)-

Rapin. – (perplesso, titubante, poi eseguendo di colpo) Fatto.-

Vito – E di sta scupetta chi ni facemu? (indica la pistola)-

Rapin. – (guardandola e soppesandola) Avete un nipotino? Ci la putemu arrialari: è un giocattolo. (gliela porge)-

Vito – No, me nioputeddu è troppo nicu pi st’affari. Chi penzi? A jittamu nta minnizza?-

Rapin. – Perfetto. (entra Pina con Nicola il quale mangia una fetta di torta, e che si erano fermati sull’uscio e hanno ascoltato) Ecco signora, ci pensi lei ( intanto battendosela sul ginocchio, la rompe)-

Pina – (più sbalordita che mai dal corso degli eventi) Certu…dammilla…appoi ci penzu ju. (la prende e la poggia sulla sedia)-

Vito – Piccolo uomo, hai sentito? Sei contento? tuo padre andrà a lavorare…anzicchè…(imita con le dita la pistola).-

Nicola – (con la bocca piena) Certo, contentissimo grazie, siete troppo buono... però, a fare il palo mi divertivo.-

Rapin.- Nicola!-

Nicola – (con aria angelica) Ne vuoi papà? (offre la torta)-

Rapin. – (con occhiataccia) No, grazie, mangiala tu.-

Vito – (osservando prima la scena divertito) E chistu è l’indirizzu di Giannuzzi (glielo scrive su un foglietto e glielo porge).-

Rapin. – Vi ringraziu, lunedì sarò lì.-

Vito – Senza ripensamenti? (il giovane annuisce) Puntuale? (idem) Posso confermare? (idem) E ora mi dica il suo nome.-

Rapin. - Non vi deluderò. Mi chiamo Enrico Traversi, e… continuate a darmi del tu, per favore.-

Vito – (Tendendo la mano) Piacere signor Traversi…questa è mia moglie Pina (Pina fa un leggero inchino, ma non da la mano)…e ora vulissi  ritelefonari a Giannuzzi, senu d’accordu? (cenno affermativo di Enrico. Vito compone il numero, Pina è leggermente contrariata) Pronto? Giannuzzi? Si sugnu ancora ju. Senti ti chiamo per confermarti quel favore che ti ho chiesto, e ti vulissi dari u nominativu di ddu carusu interessatu.-

Voce – Okkay. Dammelo, prendo un appunto.-

Vito – Si chiama Enrico Traversi.-

Voce – Benissimo, lo aspetto per lunedì. Digli di presentarsi direttamente a me. Ah, fagli portare il libretto del lavoro.-

Vito – Contaci. Si na cannunata, Giannuzzi. Grazie assai ancora e buon Natale a tutti voi.-

Voce – Anche a te…pensionato sfaccendato.-

Vito – Senti cu parra: l’imprenditore stakanovista. Ti salutai. (chiude). 

Enrico. – Santo Dio, ho un lavoro e sarò pure ingaggiato. Io…io…non ci posso credere…ma esistono ancora persone buone a questo mondo?-

Vito – (tono c.s.)  Come hai potuto constatare, qualcuna ancora c’è: Giannuzzi per esempio.-

Enrico – E vossia… e la signora Pina.-

Pina – (schermendosi) Eccu, veramenti…-

Vito – Noi? Macchè. Ti parsi a tia? Ma no! Erumu sulu in… situazione di grave necessità. (scherzoso, col gesto mima la pistola).-

Enrico – Si, ci credo, ci credo proprio (ironico)…Signor Speciale, la signora Pina, parlando di lei, ha accennato che col lavoro ha avuto seri problemi... anche per colpa di qualcuno. Sono curioso di sapere che attività svolgeva e come mai ci ha rimesso la salute. Cosa le è successo?-

Vito – Vecchie storie…-

Pina – Ca è forsi megghiu lassari dormiri…(fa cenno al bambino) Vieni ti mostro la collezioni di Presepi. (se lo porta nell’altra stanza)-

Rapin.- La prego, mi interessa - veramente.-

Vito – Se l’interessa…tantu u tempu ava a passari. (pausa, poi inizia quasi in sordina)

Sa, facevo u commercianti di scarpe, di jornu, e a sira facevu u puparu. Lei u sapi chi cosa è un puparu?-

Enrico – U puparu mania i pupi…-

Vito – N’avota…ora ju mi limitu a recitari i storie di Orlando e de palatini di Francia all’amici appassionati di cun ti…Comunqui, brevi, comu dicevu avevu un negozietto di scarpi. L’ho gestito per tanti anni e sempri cu soddisfazioni, picchì era ‘n travagghiu ca mi piaceva e ca mi primmitteva di mantiniri bunazza a famigghia, di fari na vita più che dignitosa. Poi ‘n juornu, anzi na sira, prima da chiusura, trasiu nto lucali ‘n tipu cumminatu comu a tia – passamontagna, pistola e raggia!- e vuleva i soldi di l’incassu, minazzannumi ca scupetta – vera. Ma era nirvusu e ci partiu un colpu. Mi pigghiau nto cori, ma nun u cintrau. Mi purtarunu o spitali cchiu mortu ca vivu, mi operarono e …mi richiusiru. U proiettili era ammucciatu nto cori e nun ni vuleva sapiri di nesciri all’aria aperta. I dutturuni decisuru di lassaramillu finchè- dicevano – nun vi da fastidiu. ( tono c.s.) Conseguentemente, fui condannato a vivere… pericolosamente. Quindi, pur avendo una discreta qualità della vita, nun potevu affaticarmi troppu col lavoro e, per non lasciarci la pelle, decisi di vendere la ditta e di mettermi in pensione… e di chiudere l’opira de pupi.-

Enrico – E quando è successo il fatto?-

Vito – Quattr’anni addietru, pi l’esattizza.-

Enrico – Accidenti! Accidentaccio! Allora, quannu m’apprisintaiu nto so casa, aviti appinzatu: ca semu, ora si fa u biss? Che bello spavento v’ho procurato! Sono mortificato, ma molto mortificato sapete?-

Vito – Beh, nun mi facisti na bedda ‘mprovvisata, ma, vulennu, stavolta nun mi scantai veramenti… perché percepivo qualcosa di diverso dalla volta precedente. E’ a verità: nun mi scantai. -

Enrico – Ma sua moglie ne ha avuta!-

Vito – Si e no. Anzi penzu ca n’appi sulu un pocu, quannu ti visti bardatu comu a Zorru. Nun a vidi comu  ti tratta? –

Enrico - …effettivamente, quasi a pesci in faccia…-

Vito – No, ti l’assicuru, comu a mia, nun si scantau cchiu di tantu. Sentivamo che non eri pericoloso… era solo…solo fastidio…ci stavi rovinando la notte di Natale.-

Enrico – Mi dispiace, vi chiedo scusa.-

Vito – E torna! Lassa perdiri. (pausa, riflettendo, poi tono c.s.) Ma sai, infine è stata una bella esperienza… un arricchimento umano, e speriamo senza conseguenze future. Sai Cucurullo è un tipino assai tosto.-

Enrico – (rabbuiandosi) Se vuole mi costituisco.-

Vito – No, ma cchi vai dicennu questo no!…no, nun lu primmettu. P’o me cuntu è capitolu chiusu!-  

Enrico – E mi dica, insomma, come dire…ecco: quell’altro…rapinatore, l’hanno arrestato?-

Vito – Si.-

Enrico – Ed è in carcere, suppongo?-

Vito – No, nun è stato mai carzaratu.-

Enrico – E come mai?-

Vito - Era un carusu incensurato e dda sira era puru drogato; e…e ju nun mi costituii parti civili. Pi cui si pigghiò du anni ca condizionali e u ricoviru nta na struttura di recupero per tossicodipendenti.-

Enrico – (riflettendo) Forsi forsi u sacciu u numu di quel giovane…per caso fa …Giannuzzi?-

Vito – Sei perspicace, mio caro giovanotto. Si fa Giannuzzi, Sergio Giannuzzi.-

Enrico – Che è il figlio del vostro amico.-

Vito – Già.

Enrico – Ma, per la miseria, perché la mia felicità è passata attraverso la sua sofferenza?-

Vito – Bella domanda: per favore, girala alla vita.-

 

Suona il telefono. Enrico fa cenno a Vito che può rispondere. Ringraziamenti ironici mimati da parte di Vito

Vito – Pronto?-

Voce – Pronto papà, abbiamo risolto il problema, siamo già a bordo dell’aereo, tra un’ora saremo a casa.-

Vito – Sia lodato Dio. Ti pigghiu  all’aeroporto?-

Voce – No, data l’ora, preferisco prendere un taxi. E ora scusami, debbo chiudere, stiamo decollando, a presto.-

Vito – A presto…(posando l’apparecchio) avranno annullato lo sciopero?-

Enrico – Può darsi. Intanto li avrete a casa, fra breve…Natale salvo!-

Vito – Già.-

Rientra  Pina e Nicola. Pina porta un paniere.

Vito – Hai sentito? I carusi sunu già sull’aereo, fra un’ora sunu  a casa.-

Pina – Sia lodato il Signore. Finalmenti na bona nutizia.-

Enrico – (affacciandosi dalla finestra e guardando in basso) Nessuno in vista. Signor Speciali, penso che sarebbe ora che noi ce ne andassimo…-

Vito – (guardando l’orologio) Mi pari macari a mia. Vada a tranquillizzare sua moglie.-

Enrico – Lei non sapeva nulla della…della…insomma della faccenda.-

Vito – E menu mali. -

Enrico – Si, meno male. (tergiversa, poi quasi con fatica parla) Sa, quando mi licenziarono, mi cadde il mondo addosso, improvvisamente, e mi colpì come una gran mazzata in testa che mi stordì. E nel cuore mi venne come un sussulto: il mio animo si spezzò. Mi sembrò di provare quello che provai quando la mia prima ragazza, della quale ero innamorato pazzo, mi lasciò: mi sentii mancare, le forze vitali mi abbandonarono: galleggiavo nel nulla, quasi inebetito. Poi, pian piano presi coscienza della gravità della situazione. E se prima ero incredulo, e non capivo quello che mi era veramente accaduto, coi giorni venne la rabbia! Una rabbia violenta: volevo fare saltare in aria il mondo, volevo picchiare il mio prossimo, che mi passava accanto indifferente alla mia tragedia (quasi vergognandosi)…la violenza si era impossessata di me.

Infine mia moglie mi fece tornare alla ragione. Incominciai a pensare, a ritrovare l’equilibrio. E, spinto dalla contingenza, tentai di trovare un altro lavoro: Ma, a parte qualche millantatore e qualche tronfio chiacchierone - come le ho già detto - nessuno, tra quelli a cui mi rivolsi, mi dette, non dico il lavoro subito, ma nemmeno la speranza d’un lavoro. Poi, parlando con un altro disperato come me; sa, una parola tira l’altra, si giunse alla conclusione che, visto che nessuno ci voleva aiutare, avremmo dovuto aiutarci da soli: Ci saremmo  procurato i quattrini, in tutti i modi possibili, a tutti i costi, anche illeciti. Pensammo, così, che la via più semplice e immediata, fosse la rapina. Cosicchè studiammo un piano per rapinare supermercati, che sono fonte di soldi facili e senza vigilantes armati. Scegliemmo come obiettivo il supermercato qui sotto, ci sembrava il più vulnerabile…ma la cassiera smentì le nostre supposizioni...-

Vito – …E propriu sta sira av’ata truvari pi rapinarlu?-

Enrico – Mah, si penzava ca l’incassu fussi beddu pisanti …eravamo due esaltati. Ebbene, adesso, a mente serena, dico: Ma come diavolo ho potuto buttarmi, senza riflettere, in quest’avventura…e se la rapina fosse riuscita? Sarei stato un delinquente. E se mi avessero preso? La galera. Come ho potuto mettere in repentaglio la mia libertà, la mia dignità, tutta la mia famiglia? A che diamine stavo pensando allora?

Accidenti che pericolo scampato...ma ora, grazie a voi, è tutto a posto, certo… a parte lo spavento che vi siete presi… -

Nicola – Papà, ma allora questi ostaggi non sono più nostri ostaggi?-

Enrico – (scompigliandogli i capelli) Non sono stati mai dei veri ostaggi.-

Nicola – Peccato…-

Enrico – E mi dispiace che…

Vito – ( A Enrico) Nun ci pinsari cchiù. (a Nicola) Peccato, eh? Ma guarda che feroce Saladino!-

Nicola – E chi è questo Salatino? Un nuovo supereroe?-

Enrico – Zitto Nicola.-

Vito -  (Prima a Nicola, poi, come riprendendo un suo filo di pensiero) Non è un salatino…ma un potente, che poteva dare la morte così, con uno schioccare delle dita, cchiù potenti di Orlando e cchiu forti di Rinaldu. (a Entrico) Galera scampata? T’a po vantari. E ringraziati macari a dda cassiera vicitara.-

Enrico – Le manderò dei fiori in incognito...-

Vito – …Sperando che nun la inguai co maritu.-

Enrico – Non invierò certamente rose rosse.-

Pina - ( mostrando un cestino ad Enrico e a Nicola) Pigghiati e farcitivi macari vuattri a cena di Natale.-

Enrico- Ma signora, i suoi figli stanno per arrivare, cosa mangeranno?-

Pina – Ci n’è pi tutti, (alludendo, a Vito) io abbondo quando preparo per le feste…-

Vito – Accettateli, senti a mia, vi dissi a virità; abbonda! Pi mia sventura, purtroppu è propriu accussì.(ironico)-

Enrico – (guardando il paniere) Ma…ma…avete dato la scacciata tutta a me! E anche il pesce…e la frutta secca…ma signora…-

Pina – Ahu, ti dissi ca è troppa pi nuattri. Oh, nun u dicisti macati tu, prima? Tu scurdasti? E non ti preoccupare p’a scacciata di me figghiu, in un attimo, n’infornu un’autra, aiu a pasta livitata e pronta.-   

Vito – (prendendo un cestino di dolciumi da sotto l’albero) E chistu è pi tia e pe to frati…(Nicola esita) avanti acchiappa. (Enrico gli fa cenno di prendere) U vidi quanti cosaduci ci sunu supra all’albero? Appoi me niputi avi sulu quattr’annuzzi e troppi dolci ci fannu mali. Teni, appara, pigghiti macari sti giocattoli, Vituccio n’avi tanti. Pigghiatilli, Nicola, portali ai to fratellini.-

Nicola- (subissato di doni e ancora incredulo) Grazie, signore, grazie…guarda papà, grazie ai regali dei nostri ex ostaggi, (controscena da parte degli altri) stanotte festeggeremo anche noi il Santo Natale… eppoi anche il tuo nuovo lavoro; e se lavori nuovamente, (rimprovero bonario)  mamma non si dispererà più per fare la spesa... e non piangerà. Grazie Gesù Bambino! (esultante, poi come se confidasse un segreto) Sapete, io l’ho pregato tutte le sere, prima di addormentarmi. Gli ho chiesto: aiuta papà a trovare un nuovo lavoro e non fallo diventare un vero rapinatore…tanto non ne hai la stoffa…(scappellotto da parte di Enrico) e mi ha ascoltato. Waw! –

Pina – Certu è propriu accussì, hai prifittamenti raggiuni, Gesuzzu ti sintiu e t’accuntintau (occhiata di disapprovazione verso Enrico). E accussì nun torni a fari certi vastasati cu ssu beddu spicchiu di mennula amara… (indica Enrico e fa il gesto con le dita della pistola) ca fa scantati i cristiani…-

Vito – (richiamandola dolcemente) Pina…-

Pina – Embè? Ju a vo diri. Ci l’avevu ccà, supra a vuccalamma, oh. (indica Enrico affettuosamente) Ma u figghiu prodicu turnau a casa e si è meritato l’offerta del vitello grasso.-

Enrico – No, cara signora, l’offerta è immeritata! Siete stati troppo buoni con me e molto generosi. Pensate, grazie a voi, questa notte, sono passato in poche ore dalla disperazione più nera alla gioia immensa. E dico ciò con convinzione, senza retorica!

(come una liberazione) Dio mio che notte del Santo Natale…(avvicinandosi al presepe) eppoi c’è qualcuno che ancora non crede ai miracoli.-

Vito – Ehi, ehi, ma di che miraculi e miraculi sta parrannu? E nun scatasciamu paruluni quando nu funnucu (finto burbero). Nuattri nun avenu fatto autru ca na para di telefonati e… regolare vecchi favori, tra amici, nulla di più.-

Enrico – Per lei è così? E io non sono persuaso. E, comunque, non voglio insistere. Diciamo allora che, per me, tutto quello che è accaduto questa notte, è una bella favola natalizia.-

Vito – Eccu, accussì va megghiu, molto meglio.

Senta Enrico, se giusu scinnennu, aviss’ancuntrari i carruba di Cucurullo, dica che è stato qui, da me, per gli auguri...-

Enrico – Lo farò; però credo…penso che, questa sua benevolezza, e ora anche questa protezione, nei miei confronti, la stia inducendo ad ingannare un amico, oltre che la legge.-

Vito – Cui Cucurullo? Ma quali, chiddu è no sbirru cu tantu di cori (allarga le braccia), con più umanità di tutto il pianeta, e mi approverebbe - penso. (tono c.s.) In quanto alla legge… in quanto alla leggi, mi fiuru ca n’aviti fattu nenti di gravi, sulu a ta fattu pigghiari nu scantazzu a dda povera carusa do supermercatu, e a dui vecchi anziani. (confidenziale) C’appoi nuattri ci semu abituati a pigghiarini certi sorti di scanti, si sapissi chi sauti ni fa fari Vituccio, quannu veni zittu zittu, e nostri spaddi, ci fa: Bumm!

(tono c.s.) E quindi, per tutti questi “virtuosi spaventi spaventosi” (per rendere l’atmosfera leggera), come condanna, si prenda questo scappellotto (gli da un affettuoso buffetto sulla nuca).

Ora vada.-  

Enrico – Ahi! (finto dolore) Si, andiamo…(guardando i cestini) ah, questi…già, naturalmente, dopo la  visita che vi ho fatto per gli auguri, questi sono i vostri doni - da far vedere, nel caso, a chi di competenza - magari ad un carabiniere- insomma per avvalorare...-

Vito – …forsi, macari...-

Enrico – Lei avrebbe dovuto fare il drammaturgo o il regista: apre e chiude i fatti genialmente.-

Vito – A vottini, và.-

Pina – (a Enrico, poi accarezzando la testa di Nicola) Enrico, varda ce se semu stati busciardi è statu a fin di beni. E chistu a to figlghiu ci la spiegari beni beni. Addio, Nicola…e stai attento, figghiuzzu beddu (occhiata verso Enrico).-

Nicola- (serioso) Signora, quello che ha detto, forse, glielo saprò spiegare meglio io, a lui. (piano )E non si preoccupi, starà sotto la mia protezione, (poi forte) e lo terrò d’occhio io - a lui. (indica, col pollice, Enrico che sta dietro di lui e strizza un occhio)-

Suonano alla porta. Sguardo interrogativo tra i quattro. Vito va ad aprire.

Pina – Sarannu i carusi…-

Vito – Accussì prestu? (accingendosi ad aprire) Chi è?-

Voce- Sugnu Cucurullo, don Vitu.-

Vito – (aprendo e guardando con apprensione gli altri) Avanti maresciallo…s’accomodassi.-

Cucurullo – (indossa il cappotto ed entrando si toglie il cappello) Buona sera…(guardandosi attorno) a tutti.-

Vito – Bona sera maresciallu, comu mai a sta banni?-

Pina – Bona sera. (Enrico fa solo cenno col capo)-

Cucurullo – Ca siccome mi truvavu ccà sutta pi serviziu, pinzai di acchianari e di farivi l’auguri di buon Natale. (guarda Enrico e Nicola)-

Vito – Ma tanti grazi maresciallu, voi siti sempri gintili.-

Pina – Grazi e bon Natale anche a lei e famiglia.-

Cucurullo- Ma, forsi haiu  disturbatu? (accennando ad Enrico)-

Vito – Macchè, st’amicu miu ava acchianatu nu mumento pi farmi macari iddu l’auguri, poi na palora tira l’autra, e scuravu a sirata. Ma sinni stava jennu proprio nta stu mumentu…-

Cucurullo- Già, c’è a cena di Natali…don Vitu e chi fà nun mi prisenta… questo suo amico?-

Vito – Ca comu no: il signor Enrico Traversi e so figghiu Nicola. Questo è il maresciallo Cucurullo, pi ccu nun l’avissi ancora capitu (ironico)-

Enrico – (inchinandosi) Piacere.-

Cucurullo – (facendo un leggerissimo inchino) Suo? No, è tutto mio, sa?-

Nicola – Papà, questo è lo sbirro dal cuore grande così? (stende le braccia)-

Enrico – (intervenendo tempestivamente) Ma Nicola…-

Cucurullo – Ma bene, ccà si fa curtigghiu e si sparrunu li prissuni. (ironico guarda Vito, poi a Nicola). Certo, si, sono io lo sbirro che tu dici…ma chi te l’ha detto?-

Nicola – Lui! (indica Vito)-

Cucurullo – Ca ora era accussì difficili mmagginarlu.-

Vito - (imbarazzato) Era una carineria…-

Cucurullo – Macari vui? N’abbasta iddu (significativamente, riferendosi ad una famosa battuta di un politico) Ma varda cchi cosi…E mi dica signore (rivolto a Enrico) A che ora è salito dai signori Spiciali?-

Vito – Qualche ora fa. Ma perche?-

Cucurullo – No, niente…era per sapere se, per caso, avesse visto qualcosa di sospetto, giù in strada, oppure salendo qui. (a Enrico) Allora?-

Enrico – Veramente…io.-

Vito – Ca comu maresciallu, se stu carusu avissi vistu qualche cosa trubbula mi l’aviss’a dittu. Pi sicuru!-

Cucurullo – (guardandolo come se gli dicesse: ancora tu?) Capisco. (poi a Nicola) E tu, giovanotto?-

Nicola – Io che cosa? (masticando cioccolato)-

Vito – ( bonariamente, per distrarre) Nicola, ma cosa ci fai con la bocca piena di cioccolata, quanta ne hai mangiata? –

Pina – (che capisce) Vieni Nicola che ti pulisco la bocca di là. (lo prende per mano e se lo porta via, intanto Enrico gli fa cenno d’andare tranquillamente).

Cucurullo – (a Vito) Che tipinu piperinu, veru? E da quantu tempu canusci a stu…signore?-

Vito – (tentando d’essere generico, mentre Enrico sta sui carboni accesi) Da…da circa… quasi …inzumma, forsi…-

Cucurullo -…da picca. O mi sbagghiu?-

Vito – E cchi c’entra stu discussu? C’appoi è discussu costruttivu o distruttivu? No, oicchì se è costruttivu vi dicu che u accanusciu da pocu o forsi d’assaiu, d’assaiuni. Ma appoi, iddu è nta me casa, cu mia, ca mia famigghia, comu …comu ‘n parenti, picchì…picchì…

Cucurullo - …picchì?-

Vitu – Comu picchì? Ca picchì m’a vulutu ringraziari po travagghiu ca ci trovai. Era disoccupatu da cchiù di se misi… e ci avi famigghia supra e spaddi, u mutuu e i bulletti e bullittini vari. Inzumma, maresciallu, vinni pi farmi l’auguri…(poi riprendendosi da qualcosa che non doveva dire), ca certu, l’ auguri,oh.-

Cucurullo – Ah, era disoccupatu… e ci truvasturu ‘n postu…bene…e quannu? E unni?-

Vito – …e picch’, e cumu. Avaia Maresciallu, eh, eh…(finto rimprovero)-

Cucurullo – Lassati ca  induvinu: Ditta Giannuzzi, vero?-

Vito – Esattu.-

Cucurullo – Lo immaginavo…Dio vi fa e v’accoppia.-

Vito – Ci fa, maresciallu, ci fa…tutti e ci accoppia, a turnu, assecunnu u casu…-

Cucurullo – (annuendo) Già. E cos’è questo? (nota il passamontagna)-

Vito - (precipitosamente) E’ mio! Mu stavu mittennu, stavu jennu all’aeroporto a pigghiari a Ginu…c’è ‘n vilenu dda fora…-

Cucurullo- Capisco…e picchì nun ci iti?-

Vito – Picchì Gino nun mi voli fari nesciri cu sta mala siritina e voli pigghiarisi u taxi.-

Cucurullo – Bravo figliolo, il vostro. (facendo qualche passo e vedendo la pistola sulla sedia) E quella?-

Vito – Ah a pistola giocattulu? Già, l’ava pigghiatu pi dariccillaa Nicola, comu rialu di Natali, ma poi visti ca era rutta e la volevu ettari nto cassunettu, appena ca scinnevu.-

Cucurullo – Ho capito tutto! (sobbalzo di V. e E., poi Cucurullo con calma ) Certo, certo. Beh, sarò uno sbirro, ma non uno scemo…(guarda i due significativamente, poi da una tasca del cappotto prende le manette, ci si gingilla e li ripone nell’altra tasca, mentre Enrico, istintivamente porge i polsi, poi, girato verso Vito) Allura  vi levu u distrubbu, v’a jettu ju nto cassunettu, (ironico)macari nta differenziata p’a plastica, sempri can un vi siddiati.-

Vito – Ma cchi iti dicennu, siddiarimi, cu vui? Mai!-

Cucurullo – Allora, levu u distrubbu. Datammilla…pi favori. Ci penzu ju…sempri si nun vi dispiaci (cerimonioso, anche troppo).-

Vito – (esitante) Ma, veramenti nun vulissi approfittari da vostra gentilezza…-

Cucurullo – Approfittateni, approfittatene…ca è megghiu pi tutti. Avanti, su, coraggio.-

Enrico – (intervenendo) Ci posso pensare io…uscendo.-

Entra Pina e Nicola.

Cucurullo – Certo, certo, ma ci tengo. (duro con Enrico, poi persuasivo con Vito) Lasciate fare a me, signor Spiciali, per favore.-

Vito – Comu volli vossia. (porge la pistola rotta in due momenti differenti) Ccà è.-

Cucurullo – Oh, bene. (la intasca) Permettete? Vulissi parrari cche me picciotti, da vostra  finestra…-

Vito – Accomodatevi, faciti i vostri comodi.-

Cucurullo – Vossia è sempri troppu, ma troppu bbonu. (calca le parole) grazi. (affacciandosi dalla finestra) Cannavò, l’appostamento è finito. Quei due erano certamente dei balordi, o dilettanti e si sono dileguati. Penso che per adesso non li troveremo…e sono sicuro che non ci riproveranno più. (guarda verso Enrico che abbassa lo sguardo) Tornate in caserma e poi andatevene a casa…e Buon Natale. (chiude la finestra e, lentamente, attraversa la stanza, quindi si ferma vicino alla porta). Signori dal grande cuore, (a mo di saluto indicando Vito) si nasce.-

Vito – Proprio così (indica Cucurullo). Grazie amicu (significativamente) macari iddu è na brava prissuna, macari iddui: questo è sicuro. (accenna a Enrico)-

Cucurullo- Certo…certo…(poi piano a Vito) iddu è comu ddi dui pagghioli, ca, sicuramente nun ci proveranno cchiù. (fa cenno significativamente alla pistola) E iddu …nun perderà n’autra vota u travagghiu, veru?  E noi vedremo, col tempo…se sono rose.-

Vito – Saranno rose.-

Cucurullo – Lo spero ardentemente. Buon Natale a tutti.-

Vito e Pina – Buon Natale.-

Enrico – Grazie, e buon Natale.-

Cucurullo- A lei e famiglia. Ciao giovanottu pipirinu. Buona notte (esce)

Enrico – Ha capito tutto!-

Vito – Già.-

Enrico – E non mi ha arrestato.-

Vito - Già.-

Nicola - Ma prima se la doveva vedere con me!-

Vito – Ca certu, u fascisti scantari di bbona manera.-

Enrico – Adesso, dopo questo terno, (fa cenno coll’indice, a Vito, al telefono e alla porta, per indicare  tre uomini buoni, ) credo che dobbiamo proprio togliere il disturbo…andiamo e grazie di tutto.-

Vito – (finto burbero) Ancora ringraziamenti? Itavinni và.-      

Enrico - Siete grandi, anche se non volete saperlo. Vi posso abbracciare?-

Abbraccia Vito e la moglie. Pure Nicola si unisce agli abbracci.

Enrico – (uscendo) Dio è grande. Buon Natale.-

Vito – Buon Natale a voi.-

Pina – Buon Natale.-

Nicola – Tu scendi dalle stelle…-

Enrico e Nicola escono, e dalla finestra arriva la musica di una nenia natalizia suonata da uno zampognaro. L’orologio batte le 23,00, mentre il sipario, lentamente, si chiude.

Fine.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno