Ero fiju unicu

Stampa questo copione

ITALO CONTI

ERO FIJU UNICU

COMMEDIA IN TRE ATTI

POSIZIONE SIAE 135763

TEL. 393.92.71.150 oppure 328.41.71.523

E’ GRADITA COMUNICAZIONE

IN CASO DI RAPPRESENTAZIONE


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ERO FIJU UNICU

Commedia in tre atti di Italo Conti

Personaggi:

GIUSEPPE ZAVATELLO                                                                  DETTO PEPPE LESINA

ALMERINDA                                                                                            LA MOGLIE

SAMUELE                                                                                                    L’EXTRACOMUNITARIO 28enne

GUALTIERO ZAVATELLO                                                            FIGLIO DI PEPPE - PADRE EVELINA

VILMA ZAVATELLO                                                                               MOGLIE DI GUALTIERO

CESIRA UNA VICINA                                                                            (STESSA CHE FA VILMA)

ORTENZIA                                                                                                  MADRE DI VILMA

DOTTORESSA SAMPIERI                                                                   (STESSA CHE FA ORTENZIA)

EVELINA                                                                                                        LA NIPOTE AL COLLEGE

SASSAROLI                                                                                               DETTO IENA LO STROZZINO

Scenografia:

Siamo al tempo di oggi e la scena si svolge all’interno di una sala, dove Giuseppe ha portato qualche attrezzo dalla sua ex bottega di ciabattino. E’ una vecchia bottega ormai che fa da magazzino. Giuseppe è in pensione ha smesso di lavorare ma ha resistito ad ogni lusinga del progresso e lui seppure in pensione da qualche anno accomoda ancora le sue scarpe da solo e fa qualche lavoretto gratuito. E’ vestito da ciabattino. A centro palco l’entrata all’appartamento a sinistra la quinta delle stanze da letto a destra la quinta della cucina.

PRIMO ATTO

Parte il brano iniziale originale di Claudio Villa Vecchia Roma…. E sul primo Vecchia Roma si

apre il sipario … in scena c’è PEPPE che canta a squarciagola e sta accomodando un paio di scarpe battendo colpi di martello su un tacco. Fa ovviamente molto rumore.


2


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               (Cantando sopra a Claudio Villa e battendo col martello) Vecchia Roma sotto

la luna non canti più… (e continua a battere il martello)

ALMERINDA              (Fuori campo) Peppeeeeeeeeeeee!…

PEPPE                               (Non sente dato il volume) Nun è quella ‘ndo se viveva tant’anni fa…

ALMERINDA              (fuori campo) Oh peeeeeeeeeeeee….

ALMERINDA              (Ancora fuori campo) Peppeeeeeeeeeeeeee!

(Almerinda entra in scena mettendosi le ciabatte e cercando la fonte audio si avvicina e la spegne).

PEPPE                               Che se ‘nnè jita la corrente…?

ALMERINDA              Ma te si ‘mpacitu?

PEPPE                               Chi sta a sindì Claudio Villa è paciu?

ALMERINDA              A tuttu volume a le 9 de Venerdì madina sci!

PEPPE                               Almeri’… non poeto durmì

ALMERINDA              E beh… se non poli dormì sviji tutti? (Poi vedendo che stava aggiustando

delle scarpe) Ancora co’ ‘ste scarpe anche doppo penzionatu?

PEPPE                               Me l’ha portate ieri Samuele e m’ha dittu: “Signor Giuseppe…”

ALMERINDA              (ironica) T’ha jamatu signore?

PEPPE                               Perché so’ un animale?

ALMERINDA              Pe’ esse signuri tocca avecce i pussidimenti…

PEPPE                               (Elencando i suoi attrezzi) E io ce l’ago! La subbia, l’incudine, la lesina, le

forme quante te ne pare jo lu laboratorio…

ALMERINDA              Quellu che jami labboraturiu è lu rifuggiu de le sorche… quanno te deciderai

a buttà via tutta lla schifezza…!? E pe’ esse signuri ce vole andru!

PEPPE                               (Stupito) Vidi ‘nbo?… Io me sendo un signore in menzu a st’attrezzi…

parono vivi… quanno ne tocco uno…. vibbra come se pijasse l’energia da

me… invece quanno tocco a te… muzzichi…

ALMERINDA              A Pe’… emo fattu la fame 30 anni… mozzico sci!

PEPPE                               Pe’ forza! Non hai mai guardatu lu latu positivu!

ALMERINDA              Ci stea un latu pusitivu?

PEPPE                               Beh no? Voli mette la suddisfazione quanno leggei l’analisi de lu colesterolu?


3


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ALMERINDA              Lu colesterolu non ce l’ago avutu, ma in compenzu me pijerà un corbu! A

furia de sbatte me so svejata storzanno!

PEPPE                               Samuele m’ha dittu “Signor Giuseppe ho scarpe rotte. Lei fare qualcosa?”

ALMERINDA              (Ironica) E allora tu fare qualcosa?

PEPPE                               Che lu lascio senza scarpe?

ALMERINDA              Bella clientela che ciai… l’hai ardunati su tutti ‘sti extracommunitari …

PEPPE                               Io non aco ardunatu gniciunu… so’ issi che so vinuti quine…

ALMERINDA              Capirai la differenza!

PEPPE                               So vinuti qui perché lu quartiere era libberu…. Te ricordi Otello lu bottijaru,

Arduinu e Landorfo l’impajatori, Quirina la lattara, Girdo lu fornaru …

ALMERINDA              E basta…! Stai a fa lu cinzimentu?

PEPPE                               Unu a unu honno pijatu il largu… e siccome no stemo a quartiere parioli…

ALMERINDA              Qui ce so vinuti l’Africani ago capitu…?

PEPPE                               Ehhhh Africani…! Te si tenuta larga

ALMERINDA              Perché non vene dall’Africa?

PEPPE                               Ah… pe’ esse niru è niru non ce pioe…  svedese non pole esse ma issu è

Africano come tu si Europea…

ALMERINDA              De donn’è?

PEPPE                               Kingali!… (vede che la moglie non si orienta) Ruanda… (vede che ancora

non si orinenta) Vabbeh… Africa!

ALMERINDA              E che t’eo dittu io? Ma ognunu non potrebbe da sta a casa sia ?

PEPPE                               Se l’Americani ner ’18 l’essero penzata come te ciavrebbero rispeditu tutti!

ALMERINDA              Ma nui semo stati a sputà sangue e patì fame eh ninu!

PEPPE                               (Ironico) Qui invece ce vengono certi ricconi!!! Hai vistu si che machine?

ALMERINDA              Come sia sia in mezzu a la razza bianca io non ce li farebbe stà e tu se voli

laorà lavora, ma smitti de sbatte.

PEPPE                               Come faccio a laorà senza sbatte: so’ carzaolaru mica direttore de banca!

ALMERINDA              E chi te paga pe’ lu lauru che fai…?


4


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               Gisucristu!

ALMERINDA              Sci… allora magni!

PEPPE                               Guarda che quillu li cunti li tene bene… quann’è l’ora paga tutti!

ALMERINDA              Fattu sta che intantu nui stessimo ccucì!

PEPPE                               Ma ccucì come? Ma che te manca all’età tia…

ALMERINDA              La tranquillità. Si jiutu in penzione? Hai smissu de fa lu ciabbattinu? Basta!

PEPPE                               Io so’ natu carzolaru…. Crisciutu carzolaru e vojio murì carzolaru…

ALMERINDA              E va a murì come te pare, ma vacce in selenziu… ci sta chi vole durmì!

PEPPE                               E chi sarebbe ‘stu cristianu che vole durmì?

ALMERINDA              Me lo chiedi pure?

PEPPE                               E’ ‘na domada lecita me pare? Drento ‘sta casa da 30 anni ciabbitamo

solu io e te… quindi?

ALMERINDA              (Indicando se stessa) Ecco troatu lu cristianu….!

PEPPE                               Saristi tu un cristianu?

ALMERINDA              Vabbeh una cristiana…

PEPPE                               Ma se Dio doppo creatu a te ha ‘nventatu lu proverbio “Sbajanno se ‘mpara!”

ALMERINDA              Ha parlatu Zaratrusta … sendi che scienza?

PEPPE                               E tu scienza dimme... perché io non poteo durmi’?

ALMERINDA              Saranno stati li facioli co’ le cotiche de ier sera…

PEPPE                               Focherellu

ALMERINDA              Te lleo dittu io non t’attrippassi che nno li digerisci… ma tu si de cocciu…!

neo fattu un chilu: te ne si magnatu mezzu da solu!

PEPPE                               E quanti facioli ce so’ armasti…?

ALMERINDA              Niente… hai fattu pure la scarpetta?

PEPPE                               E beh so’ carzolaru …!

ALMERINDA              Sci scherza sempre…


5


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               E tu invece dici cose serie!? Se drento casa semo solu io e te e mezzu chilu de

facioli me lu so magnatu io… l’andru menzu chi se l’è sbacchiatu?

ALMERINDA              Io…! Ma l’ago diggiritu però…

PEPPE                               Sci… tuttu stamatina…! Contati unu per unu… un’ opera omnia…

ALMERINDA              Che vurristu di?

PEPPE                               Un aria…! Mancu Pavarotti…

ALMERINDA              Pe’ testu te si arzatu?

PEPPE                               Te pare pocu? L’alternativa era la purmunite!

ALMERINDA              La purmunite?

PEPPE                               E sci è.. co’ tutta l’aria che tiraa!

ALMERINDA              Io manco te cce risponno… sarò stata un po’ scombussolata pole esse… ma

che modi da villanu… famme ji mette le scarpe!

PEPPE                               Ecco brava…

ALMERINDA              Tu non te veni a cambià?

PEPPE                               E perché?

ALMERINDA              Come perché?… oggi arriva Evelina dall’Inghirterra

PEPPE                               Tantu piacere?

ALMERINDA              Non te ne frega gnende?

PEPPE                               Tu dimme chi andru vene?

ALMERINDA              Virma e Guartiero, co’ la machina e la socera co lu trenu perchè drento la

Mercedesse non c’entrano… (PAUSA) co’ tutte le valigge…

PEPPE                               (Allarmato) Le valige? E che se fermano?

ALMERINDA              E’ ‘na nuvità che la prima settimanella d’agustu la passano qui?

PEPPE                               E’ ‘na nuvità che una settimanella sempre 7 giurni de rottura so’?… 168 ore

de sufferenza… 10.000 minuti d’agunia…

ALMERINDA              Esaggeratu! Ma se co’ l’occasione festeggiamo pure lu compreannu tia!

PEPPE                               Ah… lu 24 de Settembre lu festeggiamo lu 30 de luju?

ALMERINDA              Perché Evelina a settembre riparte pe’ lu college!


6


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               E allora io m’aco da ‘nvecchià prima…

(Suonano alla porta)

PEPPE                               E’ Samuele vene a pijà le scarpe

ALMERINDA              (Uscendo a sinistra) Non lu vojio vedè ‘llu musu niru, me cambio e po’, vistu

che so’ sveja, m’anticipo in cucina sennò oggi magniamo li zumbi…

PEPPE                               (Alzandosi dal banchetto) Io invece vaco a oprì… (poi girandosi verso lo

stereo) ma prima metto un po’ de musica (e riattacca dal punto dove stava la

cassetta) So’ ricordi der tempo bello che non c’è’ più… (commentando) testa

sci che è arte no quella de oggi.

Suonano di nuovo alla porta

PEPPE                               Arrivo Arrivo… non cessi fretta (poi cantando) mi fa sognare mi fa tremare

chissà perché… (ed esce al centro per aprire la porta)

Rientra Almerinda che si è infilata le scarpe: se ne infila meglio una che non era calzata bene e traversa il palco per uscire a destra e andare in cucina tirando via dritta commenta:

ALMERINDA              Sendi si che volume… se non semo surdi qua drento ce diventamo… ma un

po’ più bassu no è? (e abbassa il volume tirando dritta in cucina)

PEPPE                               (Fuori campo) Veni Samuè famo ‘na cosa veloce che me stringono le scarpe!

Samuele è vestito variopinto con una evidente e vistosa cravatta gialla quasi fosforescente.

SAMUELE                     (Entrando) Ma tu grande fratello calzolaio non puoi allargare?

PEPPE                               No Samue… pe ‘stu tipu de scarpe non ci sta la forma…

SAMUELE                     Io non capire

PEPPE                               Tu non capire perché se dice qui da nui… “li parenti so’ come le scarpe

strette”… oggi arrivano li parenti e a me me fonno male li piedi…

SAMUELE                     Ora capito… da noi dire “Utanga boconga sta, botte stanga”!

PEPPE                               Esattu Samuè … (mimando) Botte e stanga! Propiu cuccì toccherebbe fa… e

in quanto a la stanga ce vorrebbe bella erta!

SAMUELE                     Tu simpatico fratello

PEPPE                               Samuè? Co’ tuttu lu bene che vojo… mi padre m’ha fattu fiju unicu perchè

battea la fame co’ la pertica e non sapea se un fiju se lu potea permette…

SAMUELE                     Anche io “ero fiju unicu” come dire qui


7


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               Te stai a ‘mbarà lu ternanu è…brau… però se dice “So’”… no “Ero”… so’

fiju unicu

SAMUELE                     No fratello… io detto giusto “ero fiju unicu”. Partiti in 20 su barca per

arrivare qui… è in barca tutti fratelli.

PEPPE                               Famija numerosa…

SAMUELE                     No… io solo figlio venuto con vecchio padre e madre ora morti

PEPPE                               E allora che andri fratelli vai cercanno?

SAMUELE                     Su stessa barca… tutti fratelli…

PEPPE                               Ah in testu senzu dici… “ero fiju unicu”… però stete qui senza permessu de

soggiornu, non c’ete un laoru… sete vinuti a cercà rogna !

SAMUELE                     Io vende accendino e collana

PEPPE                               Testa è una nuova forma de elemosina Samuè… no un laoru …

SAMUELE                     Altri fratelli vende fazzoletti, calze, orologio, bracciale… fine giornata unire

denaro e forse mangiare…

PEPPE                               A ccucì fate?

SAMUELE                     Sicuro… noi tutti in Ruanda sempre fatto così specie durante guerra

PEPPE                               Carissimu Samuele… me tocchi un tastu me tocchi… anchi qui durante la

guerra ce sse dea ‘na manu unu co l’andru… mo che c’emo la cirvidà… nun ce cagamo mancu se ce ‘ncuntramo pe’ strada…

SAMUELE                     Nostra guerra brutta… fratello contro fratello…

PEPPE                               Le guerre so’ tutte brutte

SAMUELE                     Ma  oggi  mondo  ha  dimenticato.  In  mio  paese  1  generazione  sparita,

massacrata… Ruanda ancora piange sangue Tutsi

PEPPE                               Lu monnu caru mia e una grossa lavatrice che risciacqua le coscienze: anche

Terni piagne li morti sia che te pare, ma sta scrittu da gniciuna parte?

SAMUELE                     Terni ha fatto guerra etnica?

PEPPE                               No… però ce prova costantemente ddu vorde l’anno

SAMUELE                     A fare guerra etnica…?

PEPPE                               Sci… durante lu derby Ternana-Perugia…. (pausa) ma tu da quantu stai qui?

SAMUELE                     1994


8


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               E beh non te cce si cumbinatu mai?

SAMUELE                     No… io mai visto colli senza teste qui a Terni…

PEPPE                               Allora guardà meju Samuè che in quantu a colli senza capoccie pure a

Terni…(pausa lunga)… ne vulissi…! Ma come te si vistitu oggi?

SAMUELE                     Perché fratello?

PEPPE                               Te si messu l’abbitu da sera? Porti una cravatta che de notte te vidi a 1 km:

‘ndo l’hai pijata all’ANAS?

SAMUELE                     Questa cravatta prestito mio amico per andare a festa…

PEPPE                               Accuppi là certi coluri Samuele mia… mancu Missuni… a che festa vai?

SAMUELE                     Mio fidanzamento

PEPPE                               Ah me fa piacere…

SAMUELE                     Io essere qui infatti, per prendere scarpe… ma anche per chiedere consiglio…

PEPPE                               Che conziju?

SAMUELE                     Nostra tradizione si va in capanna con sciamano…

PEPPE                               Ma che capanna e sciamanu vai cercanno… Un tempu Samuè… un tempo era

cumpricatu: ci stea l’addimannu… ma mo è tuttu più semplice… te presenti co’ un mazzittu de fiuri e stai a pranzo co’ li parenti…

SAMUELE                     Tutto qui?

PEPPE                               Che voli fa’ li tembi so’ cambiati?

SAMUELE                     Bene allora io parlare con te di mio grande problema…

PEPPE                               Addirittura un grande problema…

SAMUELE                     Io avrei voluto parlare prima ma mia ragazza pregato non farlo!

PEPPE                               E se sa le femmine so’ sempre riservate… è ‘na cosa lunga?

SAMUELE                     Molto lunga… e molto urgente.

PEPPE                               Allora no Samuè… staco a aspettà che arriano tutti…

SAMUELE                     E io non potere parlare prima che tutti arrivano?

PEPPE                               No Samuè… non te la pijassi a male… ma non è lu momentu…


9


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

SAMUELE                     E quando essere momento ?

PEPPE                               Doppo pranzo!

SAMUELE                     No… dopo pranzo no possibile… troppo tardi…

PEPPE                               E che è grano che casca…?

SAMUELE                     Dopo pranzo troppo tardi…

PEPPE                               Tra un oretta allora… finisco du cosette e po’ parlamo…

SAMUELE                     Tra un ora buono…

PEPPE                               (Ridandogli le scarpe vecchie) Ok allora mo pijete ste scarpe

SAMUELE                     (Prendendo le scarpe) Fratello io non so come pagare

PEPPE                               Che devi pagà? A me m’hai fattu un favore! Quanno pozzo accommidà un

paru de scarpe, sindi un po’ de musica e buttà tuttu dietro le spalle …

SAMUELE                     Io capito: da noi dire “Ta bona vega…frega utzega!”

PEPPE                               Esatto… non me me ne frega ‘na sega Samue’!

SAMUELE                     Ma io pagare…

PEPPE                               Non me devi da’ niente…

SAMUELE                     Niente no possibile… io dare qualcosa… piccolo amuleto

.PEPPE                              Ma lascia perde non te ne sprovvedessi…

SAMUELE                     Essere importante… questo amuleto appartenere a mia famiglia e io dare te

come mia famiglia…

PEPPE                               (Felice) Che te devo di Samuè… Grazie!

SAMUELE                     Grazie a te fratello… buona giornata (e fa per uscire)

PEPPE                               Ah fratello…!

SAMUELE                     Si

PEPPE                               Aspetta che vengo anche io… deo pija ‘n attrezzu de sotto: me raccomanno

non ci pijassi l’acqua co’ quelle scarpe che se gonfiano…

SAMUELE                     Va bene fratello

PEPPE                               Evita anche lu sole… sennò la pelle se secca…


10


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

SAMUELE                     Certo fratello… provo camminare dove c’è ombra

PEPPE                               Ecco brau e già che ci stai sta attentu anche a lu ventu che daji e daji l’alliscia

SAMUELE                     Ma scarpe essere fatte per portare: sole no, acqua no, vento no…

PEPPE                               Le scarpe so fatte pe’ portà… no le sfoje de cipolla…

SAMUELE                     Non capire

PEPPE                               Teste so’ diventate sfoje de cipolla Samue’… tu penza che mentre te

l’accommidavo me ce venia da piagne…

SAMUELE                     Tu sembre scherzare

PEPPE                               (Braccio sulla spalla) Io sembre scherzare… ma la prossima vorda che le

ruppi mancu un miraculu te l’armette assieme (ed escono)

Entra Armerinda e va a prendere due vassoi

ALMERINDA              Che me sirvìa? (pausa) Ah sci ddu pirofile una pe’ la bandiera e una pe lu

tiramisù… (poi osservando gli oggetti lasciati da Giuseppe)  guarda si come

ha lasciatu la robba de lu laoru… pe pija ddu vassuji unu come dovrebbe

fa’…  (il passaggio è occupato deve girare dall’altra parte) Non ze passa…

tocca girà dall’ andra parte: (pausa) Tra pocu metteremo li semafori e in

menzu a la sala, a postu de lu tavulu, la rotonda…

ALMERINDA              Ma perché tene tutta sta cianfrusaia a ‘mbiccià e basta? (pausa) Solu

ciurcumelli che non servono più a gnende, ma unu de sti giorni ce faccio lu

focaracciu de l’ascenzione… Dico io: Ma lu bicchinu, quanno smette, se

porta le casse e li lumini drento a casa … se pole vedè una cosa ccucì?

(Sospirando) E po’ co’ le canzoni de Claudio Villa a tuttu volume ha lessato

pure le ruzzole de li ginocchi… in più fa comunella co certa ggente… e no’ lo

sopporto… che ciago da fa’… no lo sopporto.

Suonano il campanello

ALMERINDA              chi è?

GUALTIERO               (Fuoricampo) ce stai ma’?

ALMERINDA              Uhhhhhhh madonna mia… Gualtie’… si arrivatu? Aspetta che apro!

Entra Gualtiero visibilmente agitato si mette seduto su una sedia, accavalla le gambe nervosamente

ALMERINDA              (Rientrando) Buon giorno è Gualtie’…

GUALTIERO               (Sguardo nel vuoto) Buon giorno mamma… scusa se non t’ago salutatu…

ALMERINDA              (avvicinandosi e scrutando le mosse) Stai nervusu?… (Gualtiero scrolla le

spalle)… E Virma?… che fine ha fattu Virma?


11


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO               Vene co’ lu trenu assieme a la madre…

ALMERINDA              E commè?

GUALTIERO               L’aco cunzijata io ccucì me so caricate le valigge da solu… e po’ più de un

cristianu in machina non c’entraa!

ALMERINDA              E quante madonne de valigge hai portatu?

GUALTIERO               Tutte…

ALMERINDA              Pure l’urdima vorda l’hai portate tutte, ma drento ‘lla straccia de machina

centra stu monnu e quillandru…

GUALTIERO               C’entrava ma’… centrava!

ALMERINDA              Perché ete ingrossatu le valigge?

GUALTIERO               None… ho rimpicculitu la machina! Ciago ‘na ddu cavalli de terza mano!

ALMERINDA              E’ più bella de lu mercedesse?

GUALTIERO               Da lu mercedesse a du cavalli de terza mano e come passà da lu vistitu da

sposu a la tuta da operaiu…

ALMERINDA              (Iniziando un discorso tra se senza curare il figlio) Oh madonna mia!…

GUALTIERO               Hai capito perché non c’entrano le valigge?…

ALMERINDA              … Che diranno qui lu quartiere? …

GUALTIERO               … Aco pijatu pure i scatuluni …

ALMERINDA              … Penzeronno subbitu male …

GUALTIERO               … Portatu via tutto …

ALMERINDA              … Se potrebbe di che la ‘na machina è a noleggiu…

GUALTIERO               … La robba inutile l’ago abbruciata …

ALMERINDA              … che lu mercedesse sta da lu meccanicu …

GUALTIERO               … Casa vinnuta un mese fa e da oggi non è più mia …

ALMERINDA              … Tra una settimana quanno ve ne jete …

GUALTIERO               … Lu cane lasciatu a un amicu …

ALMERINDA              … è tuttu normale …


12


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO               … La serva licenziata …

ALMERINDA              … Se lo sa’ Parmina spanne lu bandu …

GUALTIERO               … Telefuni, acqua, luce e gas disdetti …

ALMERINDA              … con quella linguaccia che s’artroa …

GUALTIERO               … Azienda vinnuta al volo …

ALMERINDA              … è bona a fa girà la voce che…

GUALTIERO               … chiuderò llu debbitucciu ch’è ‘rmastu… insomma

All’unisono Gualtiero e Almerinda: So zombatu per aria! Si zombatu per aria! (Pausa)

ALMERINDA              Si zombatu per aria?

GUALTIERO               Sci ma’!

ALMERINDA              E come pole esse?

GUALTIERO               Tuttu pe’ rimette a postu certe cose… invece…

ALMERINDA              Cose… a norma de legge?

GUALTIERO               Ma certu ... che vai penzanno… una spidizione alimentare in Africa…

ALMERINDA              E te pare… sembre ‘lli maruani de mezzu!

GUALTIERO               Je mannassimo ggiu quella robba de risurda che l’industria de mangimi pe

cani scartava, scaduta da sett’otto misi, l’ammucchiassimo dentro li container e je la spedissimo ggiu: issi la magnano…

ALMERINDA              Sci è…?

GUALTIERO               Doveo armette 800.000 euri in banca e ago fattu stu girittu,  ma quanno la

robba è arrivata in Africa… ce statu l’intoppu!

ALMERINDA              Che intoppu?

GUALTIERO               Un funzionariu africanu ha volutu controllà

ALMERINDA              E non era tuttu regolare?

GUALTIERO               Era regolare sci… ma quillu ha spiluccatu lu capellu su le scadenze…

ALMERINDA              Je pijasse un corbu siccu a issu e ‘ndo sta… senza coscienza… no lo sa che

ccucì rovina le famije?


13


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO               Fattu sta che so zombatu e ago dovutu venne tuttu nel giro de un mese.

ALMERINDA              e hai pagatu tutti?

GUALTIERO               Quasci tutti tranne li furnituri… a norma de legge ceo ‘na SRL e come dice la

sigla: Solu Rimborzu Libberu… se metteronno a fila pe’ spartisse l’aria…

ALMERINDA              Se issi, a norma de legge, stonno a postu chi hai pagatu?

GUALTIERO               Le banche…

ALMERINDA              E che t’armane da paga?

GUALTIERO               Le briciole… ma non l’aco troate in gnicun modu!

ALMERINDA              E quanto sarebbero teste briciole?

GUALTIERO               50.000 euri

ALMERINDA              A la faccia de le briciole e quello che io e patritu c’emo da parte doppo una

vita de risparmi…

GUALTIERO               Ho capitu…! (Supponente) Ma io mica commatteo co li tacchi de le scarpe…

ALMERINDA              Testu è veru fiju mia… ma 50.000 euri… a chi li devi pagà?

GUALTIERO               A Sassaroli

ALMERINDA              E chi è Sassaroli?

GUALTIERO               Lu struzzinu

ALMERINDA              Te si messu in manu a lu struzzinu… e tu moje ce lo sa?

GUALTIERO               Ma che si matta ma’? Virma e la madre non deono sapè niente… Jo dittu che

venneo casa pe’ trasfericce in un appartamentu più grossu… de machina,

azienda e tanto meno Sassaroli non sanno niente! Sanno solu che invece de ji

in vacanza al mare (pausa) ce fermamo qui fino a settembre!

ALMERINDA              Fino a Settembre?… e a tu padre chi je lo dice?

GUALTIERO               Daje ma’… non te ce zittissi pure tu… non saccio come fa…

ALMERINDA              Anche io non saccio come fa pè dillo a patritu… quillu già volea abdica pe’

‘na settimana… figuramoce un mese!

GALTIERO                   Un un mese ma’… e rimetto a pusto ‘gni cosa! Basta che ardò 50.000 euro a

Sassaroli entro oggi! Vene a pijasseli… jaco dittu l’indirizzu…

ALMERINDA              Mejio me sendoooooo….


14


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO               (Pregando la madre inginocchiandosi davanti a lei) A ma’ aiuteme… aiuteme

tu… non saccio come fa… damme una mano… tu no lu cunusci S assaroli: lu

jamano iena perché quanno po’ fa der male ce proa in gustu che je vene una

smorfia che pare che ride… aiuteme ma’… non saccio ‘ndo sbatte la capoccia

(e si accascia ai suoi piedi)

ALMERINDA              T’aiuto? Taiutu sci fiju mia…

Entra Peppe con in mano qualche attrezzo da calzolaio e vede la scena del figlio inginocchiato ai piedi della madre. Armelinda se ne accorge e cerca di simulare una situazione diversa…

ALMERINDA              Certo che t’aiutu… se me fai mette lu piede su la sedia… invece de sta

ginucchiuni a tiramme la linguetta de le scarpe che io non me pozzo abbassà (facendo l’azione) tu poli tirà meju no?

Gualtiero capisce si alza e porta a compimento l’azione.

PEPPE                               Eccolu Gualtiero nostru (e lo abbraccia)

GUALTIERO               Oh ciao papà (e lo riabbraccia)

ALMERINDA              ‘ndo si statu fino a mo?

PEPPE                               In labboratoriu a pijà du attrezzi: ciaco quill’andru paru de scarpe de Samuele

ALMERINDA              Samuele… ha ruttu le scatole Samuele

GUALTIERO               Ancora bazzica qui l’Africanu?

PEPPE                               Fai come tu madre? E’ Kingalese, scampatu a lu massacru fra Utu e Tutsi del

94… a proposito…

ALMERINDA              A propositu de massacru?

PEPPE                               None… a propositu de Tutsi… ce lo sapete da do deriva la parola Tutsi… me

lo dicea Samuele prima…

GUALTIERO               (Ironico) Interessante

ALMERINDA              (Ironica) Uuuuuu io pure ciò ‘na curiosità che me cce tremano li ginocchi!

PEPPE                               Va beh… ago capito cambiamo discurzu!

ALMERINDA              No no mo dillo sennò a te chi te sende doppo…

PEPPE                               Lasciamo perde non fa gnente…

ALMERINDA              None…! Hai cuminciatu un discursu…? Portalu a termine…!

PEPPE                               Va beh… deriva da Watussi…


15


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO               Ah! L’ardissimi negri…?

ALMERINDA              Sci! Quilli che ogni tre passi fonno sei metri…

GUALTIERO               E a passi ccuci lunghi mica ce metterebbero tantu a jissene da qui?

PEPPE                               Io non lo saccio se che v’honno fattu quilli de colore ma in testu quartiere ce

dovemo abbituà… l’extracommunitari arriano come le mosche…

GUALTIERO               Apposta…! Un po’ de DDT ce vorrebbe!

ALMERINDA              Sci! Lu DDT non sarebbe male…!

PEPPE                               Allora preparatelu stu DDT perché è arriata una famija noa oggi…

GUALTIERO               Un’andra?

PEPPE                               Me sa de sci…?

ALMERINDA              Come te sa? L’hai visti o no l’hai visti?

PEPPE                               Non ho visti issi, ma ago vista la machina de sotto…

GUALTIERO               Che machina?

PEPPE                               Una ddu cavalli bicolore piena de valigge…(pausa) a proposito

ALMERINDA              A propositu de valigge?

PEPPE                               None a propositu de machina… (rivolto a Gualtiero) ‘ndo l’hai parcheggiata

la Mercedesse che non l’ago vista…

ALMERINDA              (Afferrando le due pirofile) Io ciago da fa in cucina… ce vedemo doppo

GUALTIERO               (Imbarazzato) Te serve una mano ma’?

ALMERINDA              (Non capendo) No grazie Gualtiè

GUALTIERO               (Facendo l’occhiolino alla madre che Peppe vede) Come no ma’… ?

ALMERINDA              (Riprendendosi) Ah sci ! Me serve una mano sci…

PEPPE                               Che saria ‘stu fuggi fuggi e l’occhietto che vai facenno a tu madre?

GUALTIERO               Occhietto… che occhietto?

PEPPE                               A tu madre jai fattu… (Imitandolo gestualmente) che sarebbe?

ALMERINDA              Sarà statu un brustulinu nell’occhiu…

PEPPE                               Sci… un pistacchiu… se dice brusculinu… ma che è sta prescia?


16


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ALMERINDA              (Calma mettendosi seduta) Prescia…? Che prescia… non me pare… quarda

me metto pure a sede… (rivolta al figlio) Gualtiè ciai prescia tu?

GUALTIERO               (Calmo mettendosi seduto) Io… none…e … me cce metto pure io a sede…

PEPPE                               (Poco convinto) Ecco…bravi mettemoce tutti a sede…           lu brusculinu è

passato… ma è passata anche la cosa che voleo chiede…

ALMERINDA              Beh pocu male te la ricorderai

PEPPE                               Aiuteme a ricordà se cche era…

GUALTIERO               Niente de importante papà …

PEPPE                               Ce l’ago quine su la punta de la lingua… (ricordando di colpo) a sci ecco… la

mercedesse ‘ndo l’hai parcheggiata?

(Almerinda e Gualtiero si alzano di botto all’unisono ed escono a sinistra nella quinta della cucina)

ALRMELINDA          (Alzandosi di colpo) Madonna mia lu fornu accesu…. Sendo la puzza…

GUALTIERO               (Seguendola) Te do’ ‘na mano ma’… speramo non se sia bruciatu niente…!

(peppe resta solo in scena e li guarda uscire sgomento)

PEPPE                               (Pausa) No No ! Chiccosa s’è bruciatu… la puzza la sendo anch’io…!

Entra Sassaroli ben vestito sembra un uomo d’onore e parla con accento romano

SASSAROLI                 Se po’ trasì? La porta è operta!

PEPPE                               Avanti.. prego… chi è?

SASSAROLI                 So’ er Sassaroli detto Iena

PEPPE                               Piacere: Giuseppe Zavatellu dettu Peppe Lesina

SASSAROLI                 Lesina ner senzo der pidocchio?

PEPPE                               Che pidocchi vai cercanno?…

SASSAROLI                 Er pidocchio… l’avaro… Lesina li sordi….

PEPPE                               Ahhhh no.. Lesina in zenzu de arnese da carzolaru… so’ statu ciabbattinu una

vita e ago fatto le scarpe a tanta ggente…

SASSAROLI               Anche io ho fatto le scarpe a tanta gente…

PEPPE                               Allora semo colleghi damoce der tu … accommodate


17


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

SASSAROLI                 ma che colleghi e colleghi ao… ma de che stai a parlà…?

PEPPE                               Hai detto che hai fatto le scarpe sarai carzolaru…

SASSAROLI                 Io so’ cravattaro

PEPPE                               E va beh! Sempre nel ramo abbigliamento stai: accomodate …

SASSAROLI                 No… resto in piedi… so’ venutu a ripijà quello che è mio…

PEPPE                               In che senzo scusa…

SASSAROLI                 Ho prestato una cravatta e mo è er momento che ritorni a casa...

PEPPE                               Ah ho capitu… Ma l’arvoli prima che je fanno la festa?

SASSAROLI                 La festa je la faccio io…

PEPPE                               Ah bene… allora hai sbajato portone… chi cerchi no’ sta qui!…

SASSAROLI                 Sta qui… sta qui… so più che sicuro…

PEPPE                               Più sicuru de me’ che ce campo da 30 anni? Fatte sirvì…! La cravatta che hai

prestata… ce l’ha Samuele… abbita propiu qui a fiancu e comunque comprimenti eh…

SASSAROLI                 Complimenti de che?

PEPPE                               De la cravatta… un gustu sopraffinu…

SASSAROLI                 Perché ciai da di’ quarcosa?

PEPPE                               Per carità su li gusti non se discute… le fai propriu tu...?

SASSAROLI                 Con queste mani… secondo le esigenze… su misura!

PEPPE                               Ammazza… n’eo sindite tante… giacche, carzuni… pure le mutanne… ma le

cravatte su misura me mancavano… E va bene l’attività?

SASSAROLI                 Nun me lamento… er denaro circola… lo scambio c’è…

PEPPE                               Eh beh finchè tutti pagano!

SASSAROLI                 Pagheno Pagheno… nun c’è probblema…

PEPPE                               Non c’è problema finche pagano: se non pagano un problema c’è

SASSAROLI                 Eccerto… pe’ loro!

PEPPE                               Ma anche per te! Li sordi de le cravatte come l’ aripiji?


18


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

SASSAROLI                 Da la polizza d’assicurazione…

PEPPE                               Ah sci? Se pole assicurà un pagamentu?

SASSAROLI                 Ovvio…ar contratto se fa ‘na bella assicurazione su la vita…hai visto mai

succedesse quarcosa… i sordi ritornano a me…

PEPPE                               Una spece de accordu a babbo mortu, ma potrebbe esse lungu: se non more?

SASSAROLI                 More more… E quanno more io incasso…

PEPPE                               Sta bene a te…! In fonno anche le pompe funebri fonno ccuci…

(doppio senso) incassano … quanno se more!

SASSAROLI                 Mo’ aridateme quello che è mio che nun ciò tempo da perde…

PEPPE                               Te l’ago dittu prima… la Cravatta te la deve ridà Samuele…

SASSAROLI                 E chi o conosce Samuele… io cerco Gualtiero Zavatello

PEPPE                               Mi fiju…! Hai prestatu una cravatta a issu?

SASSAROLI                 Esatto… E’ arivato da Roma?

PEPPE                               Poco fa… saronno 10-15 minuti…

SASSAROLI                 Allora chiamelo che ce sbrigamo subbito…

PEPPE                               Come voli tu… faccio co’ un momentu: Gualtieroooooo….(pausa) Gualtiè….

GUALTERIO               (Fuori campo) Ciaco da fa papa…

PEPPE                               Te vojiono de qua Gualtiè

GUALTIERO               (fuori campo) Staco a aiutà mamma non pozzo lascià

SASSAROLI                 (rivolto a peppe bussandogli sulle spalle) Dije che c’è l’amico suo: iena!

PEPPE                               Gualtieroooooooooooo

GUALTIERO               (Fuori campo) A papa’… t’ago dittu che non ciò tembu mo; lassa perde…

PEPPE                               Ci sta’ ‘n’amicu tia che te cerca…

GUALTIERO               (Incredulo) Un amico mia?

PEPPE                               Sci… dice che se jama iena!

(L’azione è rapidissima… come un razzo Gualtiero esce dalla quinta di sinistra, fa tutto il palco arriva da Sassaroli lo prende sotto braccio e nervosamente si fanno giri di palco mentre lui gli bisbiglierà alcune cose e iena tentera di interrompere senza riuscirci. Il sottovoce è in corsivo.)


19


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO               (Uscendo veloce ad alta voce) Iena…. Amico mia carissimu che sorpresa che

m’hai fatto… è un po’ de tembu che non ce vedemo… (sottovoce) zittu reggi

lu giocu che stasera ciai 50.000 euri… (alta voce passeggiando sotto lo

sguardo incredulo di peppe) Me si vinutu a troà! Guarda la combinazione

propiu oggi che so’ arriatu. (sottovoce) Ho parlato co mi madre me li da’ essa

ma mi padre non deve sapè niente… (alta voce) Come stai amicu mia

carissimu? si elegantissimo come al solitu… quarda si che bella cravatta!

PEPPE                               Eh beh le fabbrica issu quelle…! Ma a propopositu…

GUALTIERO               (Alta voce) Dimmi che fai stasera a cena!…niente? Allora devi esse de li

nostri… non me di de no… non me di de no che m’offenno (sottovoce) e

stasera chiudemo lu cuntu. (alta voce) Quale mijore occasione: festeggiamo

Evelina che torna da lu college, ‘na festa tra nui non serve giacca e cravatta…

PEPPE                               No stasera la cravatta non serve…! Ma a propositu

GUALTIERO               (Alta voce) Chiacchieremo de laoru che è un po’ criticu per tutti e tocca

avecce pazienza… (sottovoce) fino a stasera Iena… pazienta fino a stasera non me rovinassi co’ papa’…

SASSAROLI                 (Sottovoce) Se me tiri ‘na sola io nun te rovino te sbuccio come ‘na mela!

GUALTIERO               (Alta voce accompagnandolo all’uscita) Come dicevo un po’ de pazienza e

tuttu s’aggiusta… ma la soddisfazione d’arvedette… me emoziona… ciaco come un nodu a la gola (e si allenta la cravatta)

PEPPE                               Quello e corba de la cravatta …! Ma a propositu…

GUALTIERO               (Alta voce accompagnandolo all’uscita) Come dici hai da fare? Non ti

trattengo: Amico mio ci vediamo a le sette questa sera…

SASSAROLI                 Si a le 7 non ciai li sordi scavete la fossa! (Esce e Gualtiero dalla quinta:)

GUALTIERO               (alta voce) Mi raccomando… a le sette puntuale e non ti scomodare come al

solito è… basta la tua presenza… (rientrando in scena incrocia il padre e gli si

ferma davanti) Un piacere… un vero piacere…. Che sorpresa…

PEPPE                               (Perplesso) Sci capisco… (poi aggiustando la cravatta al figlio) Aggiustate sta

cravatta… (pausa) Ma a propositu…

GUALTIERO               (allungando un braccio verso la quinta sinistra e lasciando il padre sul posto)

Ah ma’ te serve una mano pe l’antipastu …. Arrivoooooooooooooo… (ed

esce dalla quinta da dove rientra in scena Almerinda che osserva il figlio)

PEPPE                               (Perplesso mentre Almerinda prende la borsetta e si pulise un attimo) Se

prima se sindìa la puzza de bruciatu… mo è jitu a focu tuttu lu pajaru…

ALMERINDA              Io vado! Lasso Gaultiero a preparà l’antipasti no lu assillassi come solitu tia


20


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               Andru?

ALMERINDA              Sci: leva sti curciumelli da qui. Tra pocu arrivano e tocca preparà lu tavulu.

PEPPE                               Se pole sapè ‘ndo vai?

ALMERINDA              E tu non sai mai niente… dentro sta casa si ospite…non arriva Evelina?

PEPPE                               E allora?

ALMERINDA              Un po’ de mancia no je la facemo?

PEPPE                               Je la facemo sci… ma che centra?

ALMERINDA              Che centra dice… e li sordi ‘ndo li pijo?

PEPPE                               Da lu comò… come hai fattu sembre…

ALMERINDA              E doppo? Pe’ fa la spesa standri giurni?

PEPPE                               Ma guarda che la lu comò ce stonno 2.000 euri… basteranno mesà

ALMERINDA              Eh mesà… mesà non se scrie… se non bastano?

PEPPE                               Se non bastano li pijerai dimani…

ALMERINDA              E se me pija un corbu e dimani me sendo male?

PEPPE                               E ce jerò io a pialli…

ALMERINDA              E se pija un corbu pure a te…?

PEPPE                               Vabbeh Almeri’ va la le poste e pija quello che pare…!

ALMERINDA              No… io vojio che tu si daccordu…

PEPPE                               So daccordu?… hai strigatu tutta la famija… so daccordu pe’ forza!

ALMERINDA              Bene allora vado e torno…

(Suona il campanello)

VIRMA                            (Fuori campo piangendo) Sor’ Armelì… semo nui oprite…

ARMELINDA              So’ arrivate Virma e Otenzia

PEPPE                               Oprije… falle entra… (poi chiamando il figlio) Gualtiero…. Gualtiè…

GUALTIERO               (Uscendo con un grembiule indossato) Che c’è papà sto a preparà l’antipastu.


21


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               So’ arriate tu mojie e tu suocera damme ‘na mano a scanzà sta robba… sinnò

tu madre pija d’acetu!

GUALTIERO               E cià raggione! Che farai co’ ste cianfrusaje: rimai lu ciabbatinu a che servè?

PEPPE                               Nell’epoca de la globbalizzazione esse carzolaru serve a mantenè l’identità

GUALTIERO               Sci…! Pe’ mantenè l’identità come dici tu… tocca avecce un piolu su la scala

sociale… lu carzolaru non serve più a gniciunu…

PEPPE                               Samuele è gniciunu?

GUALTIERO               Samuele? Menu de gniciunu… è un rifiutu sociale…

PEPPE                               Ma che t’e’ successu fiju mia pe esse ccucì duru ?

GUALTIERO               Ciaco li problemi mii…

PEPPE                               Ago capitu, ma Samuele chiede solo un po’ de rispettu che non costa gnende:

ciai li problemi? Parlamone, ma pure quillu n’ha passate…!

GUALTIERO               Che ha passatu? Sa assai de come se regge un’attività, de li problemi

dell’operaji, le banche, li pagamenti… che ne sa?

PEPPE                               E’ vero issu ha vistu solu ruzzolà capoccie stuccate co’ l’accetta… sventrà

monelli a zampate e sgozzà due sorelle e un fratellu prima de scappà via da quell’orrore…

GUALTIERO               Era lu distinu sia: io so natu biancu e issu neru non è corpa de gniciunu

PEPPE                               Ma mancu meritu de gniciunu…

GUALTIERO               (irato) Oh a me me stonno qui vabbeh… tutti… e più ancora se so niri!

PEPPE                               E va beh, non lo condivido, ma non ce sta da arrabbiasse

GUALTIERO               (Convulsivo) Li odio… li odio profondamente… co tuttu me stessu…

PEPPE                               Ehhhhhh… te ce farai pija le cunvurziuni mo…?

Entrano Vilma, Ortenzia e Almerinda sono cadaveriche Vilma è zoppicante abiti sporchi per caduta

ALMERINDA              Deteme ‘na mano a falle assettà… (gualtiero e peppe aiutano)

VILMA                             (piagnucolando) Io?… l’ammazzo co le mani mie…

ORTENZIA                   La troppa libertà ecco…a cosa porta la troppa libertà

GUALTIERO               (Alla moglie) Ma che è successu? Che te si fatta?

VILMA                             La strozzo quantu è vero iddio…


22


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ORTENZIA                   Testa è la troppa libbertà…

VILMA                             L’hai sindita con che sfrontatezza?

ORTENZIA                   E’ la troppa libertà…

PEPPE                               Emo capitu è la terza vorda che lo dici … ci sta da mette in galera quarcunu?

ALMERINDA              (uscendo dalla cucina) In galera? Andru che la galera… il disonore!

GUALTIERO               Ma che è successu ? Perché si ridutta ccucì?

ORTENZIA                   Tua moglie è cascata qui sotto

PEPPE                               E come è stato…?

ORTENZIA                   Uno svenimento…

PEPPE                               Quillu è lu callu… che ciarcapizzi più co ste staggiuni… callu, friddu, friddu,

callu, callu e friddu …

ORTENZIA                   E’ andata giù come un sasso non me ne sono neanche accorta…

Rietra ALMERINDA con mezzo bicchiere d’acqua

ALMERINDA              (Portando il bicchiere) Bevi su… bevi un guccittu che te passa

GUALTIERO               Ma lu motivu… perché si svenuta?

VILMA                             Tu fija… ma je l’ho sfaciatu su la capoccia eh ?

GUALTIERO               Che ha fattu E velina?

ORTENZIA                   Ciavutu un incidente…!

GUALTIERO               (Allarmato) Un incidente?

VILMA                             E tornata da lu college e ha preso lu primu ternu per terni…

ORTENZIA                   Pensavamo de fa lu viaggiu assieme invece era già arrivata qui!

GUALTIERO               Ma non è vero… Evelina non s’è vista

OTENZIA                       E non s’è vista no?… Essa è arrivata e cia aspettatu de sotto…

PEPPE                               E che senzu cià? Non potea salì…?

ALMERINDA              Sarebbe voluta salì… ma ha vistu arrivà lu padre co la machina e s’è fermata

GUALTIERO               (Tremante) M’ha… vistu arrivà?


23


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               Pare de sci…

GUALTIERO               Co’ la machina?

PEPPE                               Gualtiè… tu co la machina si arriatu…

GUALTIERO               E ha vistu solu a me… o anche la machina…?

PEPPE                               Ma te sendi bbene? Che domande fai pure tu…

VILMA                             Perché che è successu Gualtiè?

GUALTIERO               (Minimizzando) No… niente niente… chiedevo se mi aveva visto arrivare o

dopo che ero arrivato…

OTERNZIA                   Certo che fa una differenza…

ALMERINDA              Insomma sarebbe voluta entrà, ma ha aspettato di sotto.

GUALTIERO               E mo’.. ‘ndo sta?… E come sta?

ORTENZIA                   Sta benissimo… è sul pianerottolo…

PEPPE                               Ma allora la vado a pija io via… (e si avvia all’uscita)

VILMA                             Questo e lu ripagà la fiducia che da sembre jo dato

ORTENZIA                   Ce sarebbe volutu più polso quando era il momento…

ALMERINDA              Quanno a un cavallu se sciojio troppu le brije… (rientra peppe sconvolto)

PEPPE                               (Rientrando) Lu cavallu galoppa galoppa e a la fine da che parte pascola!

GUALTIERO               Che significa?

EVELINA                       (Con il pancione tenendosi la pancia) Significa che so’ incinta

GUALTIERO               (Stupefattu)    Incinta?…

PEPPE                               E testo è niente…

GUALTIERO               Niente… Come niente…? Disgraziata chi è lu padre…?

Entra Samuele col mazzo di fiori rotto sbrindellato i petali attaccati addosso

SAMUELE                     (Mostrando ciò che resta del mazzo di fiori) Sono io fratello!

Gualtiero si mette le mani nei capelli… Scena ferma parte il brano jazz di Claudio Villa

FINE PRIMO ATTO


24


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ERO FIJU UNICU

Commedia in tre atti di Italo Conti

Personaggi:

GIUSEPPE ZAVATELLO                                                                  DETTO PEPPE LESINA

ALMERINDA                                                                                            LA MOGLIE

SAMUELE                                                                                                    L’EXTRACOMUNITARIO 28enne

GUALTIERO ZAVATELLO                                                            FIGLIO DI PEPPE - PADRE EVELINA

VILMA ZAVATELLO                                                                               MOGLIE DI GUALTIERO

CESIRA UNA VICINA                                                                            (ANCHE STESSA CHE FA VILMA)

ORTENZIA                                                                                                    MADRE DI VILMA

DOTTORESSA SAMPIERI                                                                   (STESSA CHE FA ORTENZIA)

EVELINA                                                                                                     LA NIPOTE AL COLLEGE

SASSAROLI                                                                                               DETTO IENA LO STROZZINO

Scenografia:

E il 24 settembre di 5 anni dopo. Da quel lontano 30 Luglio di 5 anni fa ne sono successe di cose. Le più eclatanti sono: La famiglia è caduta in uno stato di indigenza, Samuele ed Evelina non hanno il bambino; Samuele ora ha un’azienda; Vilma scoperto il casino ha divorziato da Gualtiero; Ortenzia ha seguito la figlia Vilma; Il Sassaroli è stato pagato ma ovviamente non si è accontentato; e soprattutto Giuseppe dalla sera in cui viene tutto a galla ha avuto un ictus che gli paralizza la parte sinistra e sta su una poltrona. La testa è ancora lucida ma è comunque rimasto con il suo pensiero a quell’ultima sera. Nel secondo atto entrano due nuovi personaggi: la dottoressa Sampieri e CESIRA la vicina di casa interpretate se necessario dalle stesse attrici che avranno fatto la parte di Ortenzia e Vilma.

SECONDO ATTO

Il sipario si apre con Giuseppe che sta riposando in poltrona. Sta dormendo. Hanno festeggiato il suo compleanno ed ora Almerinda Evelina e CESIRA stanno sparecchiando la tavola che deve essere imbandita come se avessero finito di mangiare a pranzo in 5. Il pranzo è stato abbondante rispetto ai soliti giorni e quindi ci sono molti piatti. Sparecchiano in silenzio per non svegliare il riposo di Giuseppe. L’azione deve durare il tempo reale dello sparecchiamento, fatto con cura e riponendo piatti, posate, bicchieri e bottiglie in cucina. L’allestimento del tavolo imbandito deve essere ricco. Tutto a bassa voce finchè non si sveglia Giuseppe:


25


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

EVELINA                       (Prende una pirofila) Nonna testa ‘ndo la metti?

ALMERINDA              Dalla a Cesira ce penza essa

CESIRA                           La porto in cucina testa se lava a mano (esce in cucina)

Continuano in silenzio Cesira rientra

EVELINA                       (Prendendo la bottiglia del vino e misurandola) I signuri honno trincato!

ALMERINDA              E beh… in occasione de lu compreannu…

EVELINA                       Emo scialacquatu… da dimani diggiunu!

CESIRA                           Addirittura…!

ALMERINDA              Addirittura Cesì ? Le finanze so’ quelle che so’….

Continuano a sparecchiare in silenzio

EVELINA                       (Indicando il nonno) S’è fattu un bellu sonnu oggi è ?

ALMERINDA              Je sembre piaciuta la pennichella… ma mo è diventata quaci un’esigenza…

EVELINA                       Pennichella?… so più de ddu ore che emo finitu de magnà…!

CESIRA                           Che tocca svejallu?

ALMERINDA              No no… fallu riposà… dorme ccucì pocu la notte! Tra pocu arriva la

dottoressa pe’ la visita de controllu… Se sveja da solu vedrai…

CESIRA                           Certu ciavutu ‘na bella botta…

ALMERINDA              Tutta la parte sinistra, ma co’ lu cervellu ancora ce sta però…

CESIRA                           Da allora non ze ‘rpijatu più?

AMERINDA                 Fisicamente no… (piange)

CESIRA                           Sora Almerì metteteve a sede… ce pensamo io e Evelina a finì!

EVELINA                       Sci nonna assettate… e tu Cesi’ faje compagnia …

ALMERINDA              Voleo fa’ un goccittu de caffè… me tira su!

EVELINA                       Ci sta fattu callu callu… lu pijo io… tu lu voli Cesi’?

CESIRA                           Me piacerebbe ma non pozzò… lu medicu m’ha vietatu tante cose e mancu a

fallo apposta tutte quelle che me piaciono!


26


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ALMERINDA              (Sedendosi) E’ sembre ccucì! Tutte ‘lle domande te le fanno pe’ scuprì che te

piace… ccucì doppo te lu leano…

EVELINA                       Allora porto de lla ste urdime cose, avvio la lavastoviglie e arrivo co lu caffè!

ALMERINDA              Va bene… (poi rivolta a Cesira) Grazie dell’aiutu Cesì … oggi propiù non me

la sentia de fa tuttu da sola…

CESIRA                           Ma ce mancherebbe… quanno te serve ‘na mano tu jameme stemo a du passi?

ALMERINDA              (Indicando Giuseppe) Non lu pozzo vedè ccucì!

CESIRA                           Ma la dottoressa che dice?

ALMERINDA              Dice che è stabbile…

CESIRA                           Come sarebbe stabbile?

ALMERINDA              Sarebbe che non peggiora, ma non mijiora…Chi me l’esse dittu… cuccì

attivu com’era che me sse fusse infermatu de bottu!

CESIRA                           De bottu?

ALMERINDA              ‘Na paralise Cesi’… ‘na paralise secca… quella che cià quillu nome de’ lla

pianta grassa?

CESIRA                           Che pianta grassa?

ALMERINDA              Quella che disse la dottoressa…

CESIRA                           La dottoressa ha mentuatu una pianta grassa?

ALMERINDA              Io non me ne capisco niente ma la dottoressa l’ha jamatu ccucì: Cactus!

CESIRA                           Ictus… no Cactus

ALMERINDA              Ictus, Cactus sempre piante so’ e defatti ecculu…(piangendo) se ridurrà un

vegetale.

CESIRA                           Mo non esagerassi: era mejiu niente ma se la capoccia ancora je regge…

ALMERINDA              E sci ma ja fermatu i muvimendi… pijasse un corbu a quella sera!

CESIRA                           Su non te zittissi a ricordà le cose brutte che doppo te fa male

ALMERINDA              Peppe provò a riappacificà le cose, ma non ce fu verso.

CESIRA                           E me ricordo… li strilli se sentettero fino a jo casa mia…

ALMERINDA              E pe’ forza Cesi’… tu abbiti della de la strada… sendi pure quanno

respiramo…


27


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

CESIRA                           Beh era pe’ di’ che in effetti ce fu una grossa aggistazione me ne ricordo…

ALMERINDA              Eh   beh:    Guartiero    menò    a   Samuele,    Evelina    pe’   la    paura    c’ebbe

un’emorraggia …

CESIRA                           Sci è?

ALMERINDA              E’   no?…   Lu   struzzino    tirò   forì   lu    cortellu    minaccianno    Gualtiero:

“T’ammazzo, se non tiri fora 50.000 euri te manno all’arberi pizzuti” co

quello ghigno da iena… Oh le poste non scioperano mai… quillu giorno

steano chiuse… quanno se dice lu distinu….

CESIRA                           Che centrano le poste?

ALMERINDA              50.000 euri je l’avrebbe dati io pur de tamponà la situazzione… Capirai… se

sfasciò ggiu tuttu, venne subbitu fori la storia de la casa vinnuta, de l’attività zombata…

CESIRA                           E ce credo!

ALMERINDA              Vidissi se che scena: Sassaroli era una macchina…

CESIRA                           In che senzu una macchina?

ALMERINDA              Ce l’hai presente un trapanu che sminuzza ogni parte in modu pricisu senza

minimamente scomponese de niente… un trapanu da dentista che affonna… rosica e porta via…

CESIRA                           Senza pietà voli di?

ALMERINDA              Esatto… senza pietà e con fredda determinazione

CESIRA                           Capirai quillu fa lu struzzinu de mestiere…

ALMERINDA              Eh beh… eppure in quella situazione non fu lu peggio!

CESIRA                           Vòi di che se mise una mano su la coscienza?

ALMERINDA              Ma per carita…. è più facile trovà 30 giurni a Febbraio che la coscienza

drento Sassaroli!!!

CESIRA                           E allora in che senzu non è statu lu peggio…

ALMERINDA              Perché avristi dovutu vedè Virma e la madre …!

CESIRA                           Peggio de Sassaroli?

ALMERINDA              Ah beh! Sputarono su la faccia de Guartiero tuttu lu velenu che c’èano.

CESIRA                           Beh ma peggio de Sassaroli….?


28


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ALMERINDA              Peggio sci… perche issu lo sai che fa lu strozzinu… non t’è gnente… te

l’aspetti… anzi… ce lo mitti propriu in contu… e semmai te stupisci se per

casu  esprime  un  gestu  de  umanità  in  un  momentu  ….  Dicemo…  de

distrazione!

Ma da li parenti no… non te l’aspetteresti che fussero proprio loro a da focu a le micce

CESIRA                           Eh… Almerinda mia…

ALMERINDA              Quello che po esse scappatu da quelle bocche lo sa solu Ddio: Vidissi tu si

che scena! Evelina perdea sangue, lu struzzino co’ lu cortellu a serramanico

strillava t’ammazzo, Gualtiero e Samuele se menavano, quelle inveivano

come ddu vipere… a Peppe je pijata la paralise… e come je presa è r’mastu!

CESIRA                           Ma via beh un minimu de mijioramentu l’ha fattu…

ALMERINDA              Eh… chiamamolu mijioramentu!

CESIRA                           Ma si: io me ricordo che i primi tempi non parlava neanche… e sembrava che

avesse offeso completamente i movimenti…

ALMERINDA              So’ stati 5 anni de cure e tribbulazziuni…

CESIRA                           Quello che te pare Almeri’ ma oggi sor Giuseppe riparla e move lu bracciu

destru…

ALMERINDA              Hai capitu?

CESIRA                           Almeri’… gente più giovane co’ ‘na botta ccuc’ cià stiratu le zampe!

ALMERINDA              (Guardandolo e piagnucolando) E non era mejiu… armeno nun suffriva sti

ardimi tempi…

CESIRA                           Ma che dici?… Io capisco lu dispiacere che ciai ma sor Giuseppe è in retti

senzi… ironicu come sempre… ha trovatu un equilibbriu invidiabile in testa cundizzione… e tocca pijasse quello che Cristo ce manna!!!

ALMERINDA              Lo so lo so… e che pure nui vivemo in una situazione disperata

CESIRA                           E non c’e’ statu verzu de arpijalla? …

ALMERINDA              Ma per carita… è jitu tuttu pe’ traverzu: Virma ha divorziatu, Gualtiero non

troa più lavuru… 50.000 euri non ce l’emo più e mi maritu ecculu… su lla poltrona…

CESIRA                           Come non c’ete più li sordi ? Hai dittu che la posta era chiusa ?

ALMERINDA              Quella sera… ma Sassaroli mica cià mollatu! L’unica cosa pusitiva è che

Evelina a perzu llu mezzusangue…


29


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

CESIRA                           Eh mo addirittura?

ALMERINDA              Sci sci cara mia… mezzusangue… fiju d’un maruanu che pe’ l’occasione s’è

pure dileguatu.

CESIRA                           Che straccia de situazione…

ALMERINDA              Llu dilinquente! Ma sta bbene ‘ndo sta… e che non se arfacesse vedè che

sennò lu scinico lo’ le mani mie!…

CESIRA                           E’ artornatu in Africa?

ALMERINDA              Partitu de notte come un ladru doppo tuttu lu bbene che Peppe ea fattu per

issu…

CESIRA                           Ccucì senza una spiegazione?

ALMERINDA              Ma che spiegazione voli da unu ccucì…

CESIRA                           E Evelina?

ALMERINDA              Evelina è ‘na pora illusa che ancora ce crede e non ha capitu che quillu fa

l’affari sia: sta giustu a penza a essa!

CESIRA                           Sarà ancora innamorata

ALMERINDA              Spero propiu de no pe’ essa perché se ce riappizza lu padre stavorda

l’ammazza!

CESIRA                           E penzà che parea tandu brau bardasciu, sembre sirvizievole… Mo come

campate?

ALMERINDA              Co’ la pinzione da carzolaru… ma se magni un giorno come oggi ne digiuni 7

ce scappava poco in due… figuarate in 5

CESIRA                           Come in 5?

ALMERINDA              4 + Sassaroli

CESIRA                           Ma non l’ete pagatu?

ALMERINDA              Sci… ma in ritardu…

CESIRA                           e allora?

ALMERINDA              Allora l’interessi se so triplicati… Cesira mia… levete un po’ 700 euri a lu

mese che t’armane?

CESIRA                           Ma quisto che vole la pelle?


30


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ALMERINDA              Prima vole casa… e doppo la pelle… quanno ha prestatu li sordi s’e’ fattu

firma una polizza su la vita de Guartiero de 100.000 euri.

CESIRA                           e allora?

ALMERINDA              Allora cuntinuamo a paga… pè tenellu in vita… capisci a me…

Rientra Evelina con una tazza di caffè per la nonna

EVELINA                       (Mescolando il caffè) Ecco il caffè no’… callu callu… (e si siede)

ALMERINDA              (Prendendo la tazzina e sorseggiando) Grazzie Evelinì… me cce volea propiu

(Peppe si sveglia sentendo l’odore del caffè occorre ricordare che essendo paralizzato dalla parte sinistra avrà il braccio sinistro immobile e parte della bocca chiusa)

PEPPE                               Un po’ de caffè… sento odore de caffè… un guccittu

ALMERINDA              Te si svejato pe’? Come te sendi?

EVELINA                       Nonno come stai?

CESIRA                           Come jemo sor Giuse’?

PEPPE                               (Continuando a svegliarsi e sbadigliando) Ago sinditu l’odore de caffè…

EVELINA                       Ne volu un guccittu no’?

PEPPE                               Tu che dici?

CESIRA                           (ad Almerinda) Lo pole pija?

ALMERINDA              Sci sci la dottoressa ha dittu che lu sostiene…

EVELINA                       Te ne vado a pijà una tazzina (e va a prenderla)

PEPPE                               Sci… fammela portà da Samuele… je deo parlà

Sottovoce

ALMERINDA              Eccolu… cerca Samuele, Gualtiero, Evelina a me… un cuntinuu

CESIRA                           E come fate?

ALMERINDA              Perché?

CESIRA                           Se Samuele non ci sta…?

ALMERINDA              Ma quella è la malatia che ji fa cercà Samuele, ma appena l’ha dittu se nnè

bellu che dimenticatu!


31


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               Almerì?

ALMERINDA              Dimme Pè sto qui!

PEPPE                               Io sendo ancora l’odore de caffè… un guccittu me ne date o statu cattiu a

scola?

CESIRA                           E’ andata Evelina a prepararlo tra poco je lo porta stia tranquillo

PEPPE                               Beh tutto testo ce vole? E Se me moro co’ la voja de caffè?

ALMERINDA              Ma chi t’ammazza a te?

PEPPE                               Solu la noja Almerì… solu la noia!

ALMERINDA              Ma per quella ciai la televisione e la musica…

PEPPE                               Io so’ natu carzolaru: l’unica musica pe’ le recchie mia e lu martellu che

ribbatte li tacchi!

CESIRA                           Allora sor Giuse’ mancu Claudio Villa je piace più…

PEPPE                               Ahhhhhh! Claudio Villa quillu sembre!

Rientra Evelina

EVELINA                       (Porgendogli la tazzina) Ecco lu caffè no’!

PEPPE                               (prendendolo con la mano destra e bevendo) Me l’hai giratu?

EVELINA                       Certu che te l’ho giratu!

PEPPE                               Busciarda…! (e beve)

EVELINA                       E’ amaru?… io te l’aco giratu?

PEPPE                               Busciarda!

EVELINA                       Ma che dici no’?

PEPPE                               Se me l’ei girato… era cascatu su la coperta…! (e beve)

EVELINA                       Te pozzino no’… ciai sembre voja de scherzà…

PEPPE                               Levà all’omo l’umorismu è come staccà l’ali a un angelu

(Beve e ridà la tazzina ad Evelina che la porta al tavolo)

CESIRA                           (alzandosi) Che pensieri poetici il sor Giuseppe?

ALMERINDA              E no? Hai sinditu quant’è prufunnu? (poi rivolta a Cesira) Mo n’do vai Cesì?


32


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

CESIRA                           E beh me tocca annà a fa ddu faccenne pure a casa mia…

EVELINA                       Te serve una mano? Tantu nonnu s’è svejatu !

CESIRA                           (Avvicinandosi all’uscita) No non te preoccupassi… io lla casa so’ da sola:

sciacquo un piattu e un bicchiere e ago fattu!

ALMERINDA              Ma  apposta…  fermete  un  andru  minutu  no?  Tantu  tra  pocu  arria  la

dottoressa…

PEPPE                               (Cercandola) Cesi’… Cesira…!

CESIRA                           Me dica sor Giuse’

PEPPE                               Mica te vorrai perde lu bollettinu no?

CESIRA                           Veramente se la dottoressa dice che state mejo io so contenta!

ALMERINDA              Pure io so contenta Pe’…

EVELINA                       E sci nonno… semo contenti…

PEPPE                               Ma perché me dite ccucì… ve pare che a me… me dispiace?

CESIRA                           Ce mancherebbe… ve dovete rimette in modu che…

PEPPE                               La raccorda differenziata venga mejio

CESIRA                           (Rivolta ad Almerinda) La raccolta differenziata?

ALMERINDA              Ecculu… risbarella co’ la capoccia…

PEPPE                               Non risbarello nacu pe’ gnente… co’ la capoccia ce sto benissimo…

EVELINA                       Che centra la raccorta differenziata no?

PEPPE                               Che te pare che no’ lo capisco da solu che sto diventanno mondezza?

ALMERINDA              Ma senti si che discurzi che devi fa…

CESIRA                           Ma dice sor Giusè…

PEPPE                               E che dico? Ce devo di’?… Me volete sidì dì che sto bbene?… Sto bbene!

Volete che dico che sto mejiu de jeri… sto meju de jieri…

EVELINA                       No… nonno noi volemo sape’ davero come te sendi…

PEPPE                               Me sendo come l’omo proiettile che volea lavorà su un circu… ma non c’era

un lavoro idoneo per quelli del suo calibro!

ALMERINDA              Che significa pe’… nui qui non capimo…


33


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               Significa che la raccorda differenziata… a la fine… s’è rivelata un bidone!

ALMERINDA              (Ad evelina) Tu lu capisci… io non saccio che vole dì…

PEPPE                               Sto a capulinea Almeri’… a capulinea!

CESIRA                           Ma che dice sor Giuse’… per carità… cià un culuritu che pare un giuinottu…

ALMERINDA              E’ vero… si lu solitu esaggeratu… si biancu e rusciu come una mela…

PEPPE                               Meju.. ccucì…

EVELINA                       Meju sci nonno!…

PEPPE                               (Sospirando) E sci! Meju ccucì… armeno quanno me n’andrò da stu monnu

diranno che so’ crepatu de salute! (Poi chiamando) Samuele… jamate Samuele ji devo parlà…

ALMERINDA              Ecco fattu… mo riparte co’ la tiritera…

EVELINA                       Non c’è Samuele nonno…

PEPPE                               Ce sta ce sta jamalu…

ALMERINDA              Lasciala fa sta fija… t’ha dittu che non ci sta… non annassi cercanno!

PEPPE                               Lu distinu è un mare che non cià sponne! Samuele… jamateme Samuele!

Suonano alla porta

ALMERINDA              (Ad Evelina) Vidi un po’ chi è?

EVELINA                       (Guardando l’orologio e andando ad aprire) A quest’ora è la dottoressa…

dovrebbe vinì per il controllo no?

ALMERINDA              (Alzandosi) Certu… vidi che è proprio essa sicuru…

PEPPE                               E’ Samuele… fatelu vini qui da me?

ALMERINDA              (A Cesira) None è la dottoressa (poi a Cesira) Cesì damme una mano ad

aggiustà Peppe su la poltrona ccucì lu visita meju… (lo assestano)

CESIRA                           (Aggiustando peppe) Volentieri Almeri’… mo me fermo allora… vado via

co’ la dottoressa …

PEPPE                               Pure io jerebbe via co’ la dottoressa

CESIRA                           Sendi sor Giuseppe che rubacuori

Rietra Evelina con la dottoressa


34


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ALMERINDA              Dottoressa Sampieri bbona sera.

PEPPE                               Dottoressa Bbonaa…

EVELINA                       Nonnoooooo!!!

PEPPE                               …. Sera

DOTTORESSA            Buonasera a tutti… (poi rivolta a  Giuseppe mentre prende una seggiola per

mettersi vicino a lui) Allora: come va Sor Giuseppe

PEPPE                               Benissimo… le scarpe so’ pronte dopodimani

DOTTORESSA            Quali scarpe sor Giusè?

PEPPE                               Quelle de Samuele… jamateme Samuele… je devo da di ‘na cosa…!

ALMERINDA              Quanno fa ccucì me sse mette un peso la lu stommicu…

DOTTORESSA            E’ un effetto normale, lo fanno le medicine che prende… (poi allungando una

mano verso Giuseppe) Sor Giusè stringa la mia mano…

PEPPE                               Piacere… Peppe Lesina…

DOTTORESSA            Perché la chiamano Peppe Lesina…

PEPPE                               Non me lo ricordo… Almerì perché me jamano ccucì?

ALMERINDA              Pe’ l’attrezzu da carzolaru!

EVELINA                       Nonno ha fatto lu ciabbattinu una vità ce lo sa’ dottoressa?

DOTTORESSA            Sendi che dice tua nipote?

PEPPE                               Dice che aco fattu lu carzolaru… Bhe è vero e me ne vanto!

DOTTORESSA            Adesso allungalo il braccio che misuriamo la pressione (gli mette la fascia e

si mette ad auscultare)

PEPPE                               Ma tu si un dottore o un gummista…?

DOTTORESSA            Sembre scherzoso è Giuseppe!

PEPPE                               1e2 davanti e 1e4 dietro

DOTTORESSA            Dimme un po’ che giorno è oggi?

PEPPE                               24 Settembre lu compreannu mia

DOTTORESSA            Auguri allora… e quanti anni fai?


35


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               31… (pausa) 71…(pausa) no 31

DOTTORESSA            Sei sicuro?

PEPPE                               None… me se frasca la capoccia certe vorde…

DOTTORESSA            Quando te ne accorgi è un bene… vuol dire che sai gestire la situazione… ora

zitto un attimo che misuro la pressione!

Finisce di misurare la pressione e toglie stetoscopio e sfingomanometro

EVELINA                       Come ce l’ha? (Giuseppe Segue interessato)

DOTTORESSA            Regolare… e assolutamente nella norma… (Rimettendo a posto tutto)

ALMERINDA              Oh… una bella notizia dopo tantu

CESIRA                           Hai visto che le cose pianu pianu mijiorano…

DOTTORESSA            Piano piano si… questi sono miglioramenti molto lenti il Cervello deve

reimparare ciò che ha dimenticato… perde un po’ di memoria ma comunque

è in grado di sostenere una conversazione anche su concetti complicati. Lo

disorientano un po’ i calcoli ma risponde bene alle cure e questo gli consente

di avere una testa lucidissima paradossalmente anche più di prima… la

memoria quella si… è in diminuzione…        inoltre ha eliminato ogni tipo di

filtro.Quello che esce dalla sua bocca è esattamente ciò che pensa…

EVELINA                       Ma dottoressa nonno l’ha seguita attentamente…

CESIRA                           E sci… mica è surdu

DOTTORESSA            Giuseppe hai sentito quello che ho detto?

PEPPE                               Parola per parola… non m’è sfuggita ‘na virgola…

DOTTORESSA            E sei d’accordo con me?

PEPPE                               Su che?

DOTTORESSA            Su quello che ho detto

PEPPE                               Eh…. N’hai dette tante… chi se le ricorda tutte…

DOTTORESSA            Avete visto? Ha una memoria corta…

PEPPE                               Come le mosche…

ALMERINDA              Che centra pe’… le mosche che cionno la memoria…?

PEPPE                               Certu… non hai visto che fanno quanno le scacci?


36


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

EVELINA                       Che fanno?

PEPPE                               Fonno un girittu e s’arpusano su lu stessu puntu…

CESIRA                           E testo che vorrebbe dì sor Giuse’?

PEPPE                               Vorrebbe di che cionno la memoria p’ arcordasse ‘ndo steano… ma non ce

l’honno p’ arcordasse de esse state scacciate.

ALMERINDA              (con sufficienza) Ma sta zittu va…

DOTTORESSA            No No Invece ha fatto un esempio molto calzante…

PEPPE                               E  pe’  forza  dottore’  ago  fattu  lu  carzolaru…  co  lu  carzante  ciago

dimestichezza.

EVELINA                       Praticamente ricorda e poi scorda di aver ricordato?

DOTTORESSA            Esattamente. I n ogni caso continuiamo la terapia che sta facendo perchè mi

sembra stia dando dei buoni risultati…

PEPPE                               Come te sembra… non si sicura… che faccio la cavia io?

DOTTORESSA            No no che cavia… stai una cannonata…

PEPPE                               Allora dimani a mezzoggiornu me sparano fori da la finestra…

(Risatina tra i presenti)

DOTTORESSA            Oggi Giuseppe non me la racconti una freddura sui dottori come fai sempre?

PEPPE                               E che te pare non ce staco a penzà… ma non me vene…

DOTTORESSA            Allora me ne racconterai due la prossima volta…

PEPPE                               Samuele e Gualtiero ‘ndo stonno? Fatemeli vedè ‘sti ddu fiji mia…

ALMERINDA              Ecco… dopo un po’ sragiona… e cunvintu de avecce ddu fiji…

DOTTORESSA            E invece?

CESIRA                           Ce n’ha uno solo… Gualtiero…

DOTTORESSA            E Samuele chi è?

ALMERINDA              (Sprezzante) Un Africano

EVELINA                       (Adirata) Nonna! No lu trattassi ccucì…

ALMERINDA              Ma tu… tantu bella bardascetta co quillu te volei confonde…


37


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

EVELINA                       Guardate che ve sta bbene o no… quanno artorna io me lu spuso…

ALMERINDA              (Ironica) E quanno Artorna? Quillu non se fa più vede damme retta!

EVELINA                       Testo lu dici tu… Samuele me vole bbene e so sicura che artorna…

ALMERINDA              (Infierendo) Non artornaaaaaaaa!!!

EVELINA                       Beh… pocu male… se non artorna issu… vado ggiu io!

ALMERINDA              Sci… e come campate? Ddu cuori e una capanna?

EVELINA                       Testi non so affari tia

ALMERINDA              (Irata) Ao… bardascetta… un po’ de rispettu pe’ nonnita

CESIRA                           Bona Almerì… Evelina non te vole manca’ de rispettu…

DOTTORESSA            Vabbeh io comunque ho terminato… se avete bisogno di me sapete dove

trovarmi… altrimenti ripasso mercoledì per la visita di controllo…

ALMERINDA              Vah bene… ma non jemo offertu niente…

DOTTORESSA            Non prendo nulla… grazie come accettato…

CERIRA                          Almeri’ assieme a la dottoressa andrebbe pure io

ALMERINDA              V’accompagno…

CESIRA                           Arivederci Eveli’… sor Giuseppe su è me raccomando… stete tostu…

PEPPE                               Come una sola?

CERISA                           è… sci.. quella è bella tosta…

PEPPE                               Ma è pure cunzumata!

CESIRA                           Non ve preoccupate… chi ve cunzuma a vui…

PEPPE                               Solu la noja Cesì…. Solu la noja!

DOTTORESSA            Allora noi andiamo… arrivederci a tutti

I restanti salutano all’unisono e dottoressa e cesira imboccano l’uscita…

PEPPE                               (Fermandole all’uscita) Ah Dottore’… m’è vinuta!

DOTTORESSA            (Non capendo) Che t’è successo?

PEPPE                               M’è vinuta in capoccia la barzelletta su lu dottore…


38


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

DOTTORESSA            Ah sci… e dimmela su… sentiamo

PEPPE                               Ce lo sai se cche fanno 5.000 dutturi legati stritti stritti in fonno a lu mare?

DOTTORESSA            No… che fanno

PEPPE                               Un bon iniziu …

(Risatine generali)

DOTTORESSA            Te possino Giuseppe… Via fatemi andare arrivederci a tutti

CESIRA                           Ciarvedemo

(Escono)

EVELINA                       (Alla nonna) Scuseme pe’ prima… non te voleo mancà de rispettu, ma

quanno me toccate Samuele…

ALMERINDA              Io e tu padre lo dicemo pe’ lu bbene tia… qullu cià andre usanze… un’andra

capoccia… troete un bardasciu qui pe’ turno vedrai si quantu è meju!

EVELINA                       (Fingendo una resa) Ce penzerò…

ALMERINDA              Ecco bella de nonna… mo raggiuni… vedrai che le cose minoreranno senza

llu musu niru in menzu a li piedi!

EVELINA                       (Soffrendo) Mijioreranno… speramo…

ALMERINDA              Tranquilla… mijioreranno… mo senti Eveli’…

EVELINA                       Dimme…

ALMERINDA              Sta un po’ co nonnitu io ciaco bisognu de stenneme 10 minuti che stanotte

non ho chiusu occhiu… (e si avvia alla quinta destra)

EVELINA                       Non te preoccupassi… va pure…

ALMERINDA              (Mentre esce) Se cissi bisognu de me chiameme…

EVELINA                       Va bene non c’è problema bon riposu!

ALMERINDA              A doppo Eveli… e non te preoccupassi: le cose… mijioreranno! (Esce)

EVELINA                       (Evelina rimettendo il centro tavolo e il vassoio sopra il tavolo felice)

Mijioreranno…? Mijioreranno sci… e più prestu de quantu pinzi mijioreranno… (poi rivolta al nonno) Nonno!

PEPPE                               Sci?


39


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

EVELINA                       Ciago ‘na nutizzia ‘mbortante da datte, ma mi devi aiuta’!

PEPPE                               Che notizia?

EVELINA                       Lo sai che da 5 anni a questa parte ogni volta che Samuele ha scrittu t’aco

fatto partecipe.

PEPPE                               Sci

EVELINA                       Ha scritto anche la sittimana scorza e dice che arrivà oggi!

PEPPE                               (Euforico) E perchè non me l’hai dittu subbitu?

EVELINA                       Perché m’ha chiesto d’aspetta’ ‘na settimana per dirtelo…

PEPPE                               (Euforico) Testo pole significa solu una cosa… Eveli’ dimme de sci… dimme

de sci Eveli… è quella che penso io?

EVELINA                       Nella lettera c’era testu per te!

Evelina da l’amuleto al nonno

PEPPE                               (Prendendolo Entusiasto) L’amuleto… L’amuleto… (lo bacia e lo stringe)

Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii… l’amuletoooooo

EVELINA                       Dice inoltre che finalmente ha allacciatu rapporti co lu consolatu pe’ fa  stu

commerciu alimentare co l’Africa… una spece de escrusiva!

PEPPE                               Contrattu firmatu?

EVELINA                       Pare!

PEPPE                               Bene Evelì semo a cavallu… Con testu amuletu Samuele ha sarvatu tutti…

EVELINA                       Cià sarvati co un piccolo amuletu senza valore? Che vor di’?

PEPPE                               A vorde cara Evelina, quello che pare senza valore è propiu una de le cose più

priziose…

EVELINA                       Allora testu amuletu è una de quelle?

PEPPE                               Propriu ccucì … penza: prima “erimo tutti fij unici”

EVELINA                       Non te seguo nonno

PEPPE                               (Euforico) Io ero fiju unicu, tu padre era fiju unicu, tu eri fija unica… grazie a

testu amuleto non lo semo più

EVELINA                       (Incredula) Ah no’… io ancora so’ fija unica…!

PEPPE                               No Eveli’! Credime! Io l’aco capito e non è solu una suttijezza lessicale


40


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

EVELINA                       Che hai capitu…?

PEPPE                               Che tu si l’unica fija… ma non si fija unica

EVELINA                       Te seguo sempre de meno

PEPPE                               Allora me spiego: Sei io ago missu al mondo solo tu padre issu è l’unicu

fiju…. che sia vinutu da la carne mia… l’unicu parturitu da tu nonna…. ma

l’amore è n’andra cosa Eveli’… l’amore è tarmente universale e te po’ fa senti’ fiju, padre o madre anche chi fiju padre e madre non t’è.

EVELINA                       Testo è vero

PEPPE                               Quanno succede capimo de avecce fji o fratelli de cui non conoscessimo

mancu l’esistenza e in barba a tutte le cunvenziuni potemo guardacce la lu specchiu e di: “ero fiju unicu”

EVELINA                       Ho capitu… parli de Samuele?

PEPPE                               Samuele è unu… ma parlo de issu sci !

EVELINA                       Papà no’ lu vole mancu sentì nominà… da quanno ha perzu tuttu pe’ corpa de

unu de colore dice lui…. Anche la reputazione…

PEPPE                               Per pocu non lu pole sindì nominà… ancora per pocu… vedrai che st’amuletu

cambia tante cosette.

EVELINA                       Non me sari diventatu supestizziusu eh?

PEPPE                               Tu penza: me lu regalò perché jaccommidai le scarpe… e io je l’ago ardatu

quanno è jitu via con un accordu pricisu.

EVELINA                       Me so arperza

PEPPE                               Non fa gnente… l’amuletu sta qui… vor di che tuttu quello concordatu co

Samuele è stato fattu… e io me pozzo moe: Peppe Lesina batte ancora lu martellu.

Entra Gualtiero dalla porta principale vestito malino.

EVELINA                       Ciao Papà come è andata?

GUALTIERO               Come ieri… come l’andru ieri… come tutti li giorni da 5 anni a testa parte…

EVELINA                       Niente?

GUALTIERO               Niente de niente…

Entra Sassaroli…


41


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

SASSAROLI                 Allora bello… che dovemo da fa?

GUALTIERO               A Sassaro’ ma me segui pure dentro casa?

SASSAROLI                 E chi te molla… io ‘na vorta ar mese qua sto… che dovemo fa?

EVELINA                       (Inveendo e poi riaccostandosi al nonno) Sporco usuraio

SASSAROLI                 (Con sufficienza) A zoccoletta… quarda che a me se me chiami usuraio me

fai ‘n comprimento e comunque, si non voi che te tajio la faccia chiudi quella bocca che l’affari so tra me e tu padre…

GUALTIERO               Va dellà Eveli…

EVELINA                       Ma papà…

GUALTIERO               Da retta Eveli…

SASSAROLI                 Da retta a papà Evelina…

(Evelina sputa con ribrezzo verso sassaroli che si scanza appena ed esce)

SASSAROLI                 E’ stata un fortuna che nun m’ha corto… sennò t’annodavo le budella attorno

ar collo!

GUALTIERO               (Verso Sassaroli) Io non te permetto…

SASSAROLI                 (A Gualtiero) Che nun permetti tu…? a chi nun permetti…? ah bello…? pe’

potè permette quarcosa tocca avecce la possibilità… e tu de possibilità ddue

ce n’hai: pagà…. o morì…!

GUALTIERO               M’hai vistu Sassaro’… m’hai vistu bbene?

SASSAROLI                 Guarda che la sceneggiata co me nu regge!

GUALTIERO               Ah testa la jami sceneggiata?

SASSAROLI                 E come la devo da jama? Pantomima, finzione, pajacciata, melodramma

sceji…

GUALTIERO               Ma tu davero ancora non hai capito come ciai ridottu?

SASSAROLI                 Ah bello… si tu che ancora non hai capito che a me me devi da pagà…

perché si nun paghi io con te… nun butto niente…

GUALTIERO               Ma che significa non butti niente?

SASSAROLI                 Fo come quanno se fa er majale,,, nun se butta niente…prima t’ammazzo…

poi doppo morto te spello e me ce rifaccio l’interni de a machina… co l’ossa ce sfamo er cane e cor sangue ce ritinteggio casa !


42


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO               Ma quale sangue sassaro’… quale sangue… drento teste vene non ce ne

scorre più una goccia da lu giorno maledettu che t’aco conosciutu…Giustu lu sangue… e se ce l’essi avutu ancora l’avrei donatu pe’ pagatte…

SASSAROLI                 E se capisce… me paghi co la robba mia? Ah annamo bene si… ma pensa tu

che devo da sintì io all’età mia… co la robba mia me voi pagà… er sangue tuo m’appartiene!

GUALTIERO               Pe’ prestame 20.000 euri pe’ tre mesi…?

SASSAROLI                 Aspetta aspetta… ma te risurda che so’ venuto io a pregatte de piatte 20.000

euri?

GUALTIERO               No no… è vero… so io che so venuto a pregà a te de prestammeli… in

ginocchiu so’ venutu!

SASSAROLI                 Ah ecco… me pareva… non volevo rischià de confonneme! Allora de che te

lamenti… se sei stato a chiede me pare logico che le condizioni le metto io…

GUALTIERO               Ma cavuli Sassarò… m’hai fatto firmà una cambiale da 50.000 euri una

polizza su la vita da 100.000 e pure lo sangue e tuu?

SASSAROLI                 ‘O rivoi? Aridamme quello che è mio…

GUALTIERO               (Disperato) Ma io non ce lo so più quello che è tuu…non ce lo so più….

SASSAROLI                 Ma quanno li si venuti a chiede t’ho forze nascostu quantu voleo?

GUALTIERO               No!

SASSAROLI                 E tu te li si pijati me pare no?

GUALTIERO               Me li so pijati sci…

SASSAROLI                 E allora… mo basta hai capito… che la pazienza mia cià un limite che hai già

superato! (freddo) Il 50% ar mese era ‘n affare…. Se li riconsegnavi nei

termini!

GIUALTIERO             Te l’ago ardati co ‘na settimana de ritardu.

SASSAROLI                 Non so probbelmi mia… io ciò le scadenze; vojio puntualità…

GUALTIERO               Per quella settimana te pagamo da 5 anni 700 euri a lu mese… fonno andri

42.000 euro… che voli ancora?

SASSAROLI                 Quanto ne pijio se mori?

GUALTIERO               100.000 …

SASSAROLI                 Me dai un bon motivo per cui dovrei lasciatte campà si nun paghi?


43


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO               Ma un po’ de core…

SASSAROLI                 E si ciaveo er core sentivamo bum bum bum… zitti ‘n po’… nze sente

gnente!

GUALTIERO               (Disperato) Se no lo voli fa per me… fallo armeno pe’ mi padre…

SASSAROLI                 Tu padre?… Quello è rincojionito no o vedi? A Bello? o cacci i sordi o te

scavo la fossa.

GUALTIERO               (Esasperato) Ma ‘ndo li pijo?

SASSAROLI                 Ma che me frega… non so problemi mia… io te sto a fa ‘n favore a lassatte

campà… e annamo!

PEPPE                               (Calmo) E nui stu favore l’apprezzamo e ringraziamo de core!

SASSAROLI                 Senti er moribonno? S’è svejato spiritoso…

PEPPE                               (Deciso) None… me so svejatu affarista…

GUALTIERO               Lassa perde papà me la vedo io

PEPPE                               Te la vidi tu? E come te la vidi tu! Guardate ‘n po’: te si riduttu a pietì la

vita…

GUALTIERO               Ma papà…

PEPPE                               Niente papà e papà… va da tu fija che è meju… io vojio armanè solu co’

Sassaroli…

GUALTIERO               Non è pussibbile…

PEPPE                               (Tira  l’amuleto  a  sassaroli  che  lo afferra  e  guarda)  Te  vojio  parla  a

quattrocchi… io e te… a sulu!

GUALTIERO               Che jai datu?

PEPPE                               Non te riguarda… dileguate e lasciace suli!

SASSAROLI                 (Verso Gualtiero) L’hai sentito er vecchio co’ le palle? Vo parlà co’ me a

quattrocchi… aria!

GUALTIERO               Allora io vado da Evelina ?…

SASSAROLI                 Ecco bravo… e co passo rapido e fugato…

GUALTIERO               Papà si sicuru?

PEPPE                               (Accennando) So sicuru sci… fila…


44


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO ed EVELINA Allora noi andiamo…

SASSAROLI                 Ahhhhhhhh ma allora sei de durazzo…. ancora qui stai?… Correre….

moversi… pedalare… (e lo fa uscire di corsa poi commentando) Ao… ma je

proprio de coccio… (poi rivolto a peppe rigandogli l’amuleto) Questo e tuo…

PEPPE                               E mio sci… ma a te dice niente l’oggetto

SASSAROLI                 Potrebbe e non potrebbe…

PEPPE                               Nun fa la scena co’ me Sassarò l’amuleto è la parola d’ordine

SASSAROLI                 Dovevo da esse sicuro… la prudenza nun è mai troppa

PEPPE                               Bene. Siccome l’amuleto è tornato, tutto dovrebbe esse compiuto!

SASSAROLI                 In effetti er pagamento è arivato a scorsa settimana.

PEPPE                               Quanto?

SASSAROLI                 100.000 + 10.000 un piccolo cadò pe’ la pantomima… è entrato tutto sur mio

conto estero in via telematica.

PEPPE                               Quindi non si più tu lu proprietario de la vita o de la morte de Gualtiero?

SASSAROLI                 Non più… da a settimana scorza.

PEPPE                               Bene… vidi che che certe vorde anche la modernità serve a chiccosa (pausa)

e la polizza?

SASSAROLI                 Ha cambiato padrone e intestatario…

PEPPE                               Tuttu come previstu

SASSAROLI                 Ma me levate ‘na curiosità?

PEPPE                               Che voi sapè?

SASSAROLI                 Perché avete voluto che facessi tutta sta commedia?

PEPPE                               Pe ddu motivi. Primo perchè fjimu deve ‘mbarà che malatia è l’egoismu e ce

voleva un maestru come te Sassarò!

SASSAROLI                 Anvedi oh… so’ diventato maestro sentimo sentimo npo’ m’enteressa!


45


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE

Sassaro’ quilli come te so’ ripugnanti… ma no perché se nutrono dell’anima

de la pora ggente… pe’ testo so uguali a un meccanismu istituzionale, anzi

so’ la prova vivente che lu meccanismo esiste e funziona. Ripugnano perché

portatori di un virus letale (pausa) stranu… che se insinua come una subbia

drento li strati prufunni de la pelle e scava, scava, rosica… a la fine

impudridice: Ripugnano perché so eguisti… che detta ccucì sembra anche

troppo facile… perché allora dovressimo esse tutti ripugnanti visto che

l’egoismo fa parte del genere umano. No caro Sassaroli! Non me riferisco a

l’egoismo che pecca nelle aziuni…testu è mio, quello lo voglio e me lu piju…

no…  io  me  riferisco  a  quell’egoismo  che  trova  terrenu  fertile  nell’

incumprensione. Perché parte zittu zittu da la nostra supponenza de curtura

che andru non è che palese ‘gnoranza… e arria ne la forma virale più efferata

a  prevaricà  li  diritti  umani,  a  la  guerra,  a  lu  massacru  e  a  le  loro

giustificazioni. Sassarò tu si ripugnante perché lu monnu te giustifica. Ma pe’

te la farza finisce qui.

SASSAROLI

In che senzo?

PEPPE

T’ago dittu che i mutivi so’ ddui… e a lu secondu vene lu bellu… L’urdimu

versamento telematico che è arriatu sul tuo conto estero…

SASSAROLI

Mbeh?

PEPPE

E’ stato fattu in presenza de la polizia postale internazionale. Ciai l’ore

contate no’ scappi più

SASSAROLI

(Adirato) Bojiaccia infame…

PEPPE

Finarmente sparisci da la vita mia… da quella de li fiji mia, de li niputi  e

forze anche da lu monnu.

SASSAROLI

(Sempre più adirato) Bojiaccia infame…

PEPPE

T’honno  pijatu Sassarò, non saccio come honno fattu io so carzolaru  ma

l’honno fattu… l’amuletu è la chiave!

SASSAROLI

(Impazzito d’ira) Bonaccia ‘nfame io ve distruggo… ciò amici potenti che me

daranno ‘na mano… der Sassaroli ne sentirai riparlà…

risorgerà

PEPPE

Ma prima o poi dovrai anche morì? Beh! Pe’ tutte le famjie che hai ruvinatu

in vita tua e quelle che lu meccanismo istituzionale e l’amici potenti forse te

consentiranno  de ruvina  in futuru ‘ndo voli annà…?

anche tu… ciai ‘na

polizza operta co’ Gisucristu!

SASSAROLI

(Tirando fuori il serramanico) Io ‘ntanto la polizza mia co’ te la chiudo qui (e

affonda una lunga coltellata nel ventre di Giuseppe che emette un lamento

sordo…) (infierendo verbalmente) Fa male?

PEPPE

(Sofferente) Brucia


46


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

SASSAROLI                 (Mantenendo la lama dentro) Questi so’ l’interessi pe’ la denuncia (pausa)

non potendoli versare al legittimo proprietario li affido a voi… così magari je li rendete…(estrae la lama e Giuseppe fa un altro lamento sordo)

Mentre si avvia all’uscita Sassaroli estrae in silenzio un fazzoletto dalla tasca, pulisce la lama e ripone il coltello in tasca, poi aggiustandosi bavero della giacca e falda del cappello:

SASSAROLI                 E scusate se vo via subbito… ma ciò ‘na certa fretta…(pausa e salutando col

dorso della mano) con bona salute sor Giusè… (ed esce lasciando Giuseppe ferito a morte sulla poltrona)

FINE 2° ATTO


47


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ERO FIJU UNICU

Commedia in tre atti di Italo Conti

Personaggi:

GIUSEPPE ZAVATELLO                                                                  DETTO PEPPE LESINA

ALMERINDA                                                                                            LA MOGLIE

SAMUELE                                                                                                    L’EXTRACOMUNITARIO 28enne

GUALTIERO ZAVATELLO                                                            FIGLIO DI PEPPE - PADRE EVELINA

VILMA ZAVATELLO                                                                               MOGLIE DI GUALTIERO

CESIRA UNA VICINA                                                                            (ANCHE STESSA CHE FA VILMA)

ORTENZIA                                                                                                    MADRE DI VILMA

DOTTORESSA SAMPIERI                                                                   (STESSA CHE FA ORTENZIA)

EVELINA                                                                                                     LA NIPOTE AL COLLEGE

SASSAROLI                                                                                               DETTO IENA LO STROZZINO

Scenografia:

E’ lo stesso giorno qualche ora dopo è arrivata la dottoressa.

TERZO ATTO

Il sipario si apre e in scena c’è Gualtiero, Evelina, Cesira, Almerinda seduti vicino a Peppe ovviamente sulla poltrona a cui è stata messa un po’ di cipria bianca in viso. Giuseppe è morente e cerca in tutti i modi di non farlo capire a nessuno. Non muoverà più neanche il braccio destro perché lo terrà stretto intorno allo stomaco con lo scopo di tamponare il più possibile l’emorragia e al tempo stesso non far notare la chiazza di sangue che è sotto la coperta ancora non imbevuta. E’ lo stesso giorno 24 settembre, ma sono passate più di tre ore dalla chiusura del sipario dell’atto precedente e tutti sono in trepida attesa dell’arrivo della dottoressa.


48


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ALMERINDA              Capoccione che non è andru…

GUALTIERO               Non se vole fa tocca’ da gniciunu…

EVELINA                       Ha dittu che se sente male…

ALMERINDA              Apposta… ma se te sendi male te demo un aiutu no? Invece te caccia via

come un cane…

GUALTIERO               Eh ma papà e ccucì non ce lo sai?

ALMERINDA              Testardo… testardo come una asinu

EVELINA                       Ma scusate… invece de di questo… avemo jamatu la dottoressa?

GUALTIERO               Io ciaco proato ma a l’ambulatoriu non risponde… se vede che non ci stà!

ALMERINDA              Ammazza si che intuitu oh…

GUALTIERO               Perché… oh dittu qualcosa che non va?

ALMERIDA                  Se jai telefonato e non risponde non ci starà no che dici? Oppure ci sta e se

diverte a non risponde a le telefonate?

GUALTIERO               E no apposta… quello che diceo io…

ALMERINDA              Sci va beh… lasciamo perde…

EVELINA                       Ecco apposta lasciamo perde… lu cellulare non ce l’emo?

ALMERINDA              Noi no… ma cesira lu tene!

GUALTIERO               Allora facemocelo da da Cesira…

ALMERINDA              E secondo te, io fino a mo, so stata a fa ballà la scimmia?

EVELINA                       Te lo si fattu da’?

ALMERINDA              L’aco sindita tre ora fa

EVELINA                       E che t’ha detto?

ALMERINDA              Che vrebbe proatu a jamalla e doppo che ce ve neiva a da una mano e che co’

l’occasione ce portava lu numeru…

GUALTIERO               (Guardando l’orologio) E questo quanno… perché se era una cosa urgente da

fa de prescia… domenica fa la luna!!!

PEPPE                               (Sofferente) Un po’ d’acqua…

EVELINA                       Come dici no’…


49


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               Un po’ d’acqua…

EVELINA                       L’acqua… vole l’acqua…

ALMERINDA              Ce ne sta ancora un guccittu su lu bicchiere allungajela un po…

(Evelina prende il bicchiere e lo allunga al nonno che però non lo prende: Peppe ha costantemente il braccio destro appoggiato allo stomaco per comprimere la ferita e non lo utilizzerà più…)

GUALTIERO               Forza papà… non lu vidi lu bicchiere?

PEPPE                               So struppiu mica ciecu!

ALMERINDA              Allora che aspetti a pijallu?

PEPPE                               Eh… imboccame tu Evelì… me sa mejiu…

EVELINA                       Ma certo nonno con piacere…

ALMERINDA              Ah behhhhhhh…. Cominciamo co’ le comodità... stemo a pustu…

(Peppe beve solo un sorso a fatica)

GUALTIERO               Come te sendi papà

PEPPE                               Bene… me sendo bene… solo che sudo… quello si… senno pe’ lu restu

(da fuori la porta Cesira chiama Almerinda)

CESIRA                           (Dietro le quinte alta voce quillante) Sor Almerì….

ALMERINDA              Dimme Cesì…

CESIRA                           (Dietro le quinte alta voce quillante) Me opri la porta pe’ famme entrà…?

ALMERINDA              Come no? Subbitu… (poi ad Evelina) Aprije Evelì!

(Evelina va ad aprire)

GUALTIERO               Non poteva sonà come tutti li cristiani no?

ALMERINDA              Quella sicuramente l’ha fattu pe’ rispetto de Peppe… non sapenno se durmia

ha preferito jamà…!

GUALTIERO               Ah ecco… e infatti s’è contenuta… co’ quella voce d’aquila che s’artroa…

ALMERINDA              Che voli di?

GUALTIERO               Che se papà stea a durmi e essa invece jama esse sparatu una cannonate se

svejava co unu storzu più picculu!


50


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ALMERINDA              Sci ma infatti ha esaggeratu… non capisco perché de solitu parla normale…

ciavrà nutizzie importanti da la dottoressa…

Rientra Evelina e Cesira

CESIRA                           Eccome qua sora Almerì…

ALMERINDA              Allora ?

CESIRA                           Ecco lu cellulare…

GUALTIERO               Lu cellulare sci grazie…. Ma non l’hai jamata?

CESIRA                           Mabbeh non l’ho jamata?

EVELINA                       E che ha dettu?

CESIRA                           Non lo saccio… non m’ha rispostu!

ALMERINDA              Come non t’ha rispostu…? so tre ore che la jemo cercanno!!!

GUALTIERO               Ago capitu: la dottoressa non arria?

CESIRA                           Non m’ha rispostu a voce… ma io jaco mannatu un messaggiu splicativu e qa

quillu m’ha rispostu che stava a Latina… arriva appena possibile e intanto di chiamare la guardia medica…

PEPPE                               (Sofferente) Un po’ d’acqua…

EVELINA                       Vole ancora l’acqua… vole l’acqua…

ALMERINDA              Non ci sta più qui… è finita!

CESIRA                           (Alzandosi) Beh? la pijo io in cucina…

GUALTIERO               (Agitandolo appena) Papà?……. papà me sendi?

(Peppe emette un suono di sofferenza)

GUALTIERO               (Pensando che il dolore fosse all’arto) Che te fa male la spalla?

PEPPE                               (Camuffando) La spalla sci un reumatismu… ma pe lu resto sto Bene… me

solo che sudo… quello si…

ALMERINDA              (Carezzandogli la testa) Hai perzu li culuri… guarda si che robba… ma che

t’è successu…?

PEPPE                               Che m’è successu Almerì? Un bruciore…

EVELINA                       Un bruciore de stommicu?


51


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO               Quella sarà un po’ d’acidità… magari t’ha datu fastidiu… ma passa

CESIRA                           (Rientrando con l’acqua) Sci sor Giuse’… ddu giorni magni in biancu e

artorni jovinottu! (Poi gli porge l’acqua che peppe non prende)

EVELINA                       (Prendendo il bicchiere) Ce penso io qua… bei un guttittu…

(Peppe beve qualche sorso da cui trae un po’ di sollievo e poi Evelina ridà il bicchiere a Cesira che lo appoggia sul tavolo e si va a rimettere a sedere)

ALMERINDA              Si capocione però… non dai retta… io te l’eo detto a pranzo non te

appanzassi…

CESIRA                           Ha mangiato parecchiu?

ALMERINDA              Eh beh pe’ l’età sia e pure pe’ la malatia che cià… ha magnatu hai voja se ha

magnatu…

GUALTERO                 Ma pure un saccu votu non se regge rittu!

ALMERINDA              Ho capito Gualtiè… ma tocca cuminciaà a rinuncià a certe cose all’età sia…

EVELINA                       Un brudinu leggero

ALMERINDA              ‘na sporveratella de parmiggianu

GUALTIERO               (Indicando il padre) E se casca allanganitu da la fame…

CESIRA                           Ma all’età de sor Giuseppe bisogna sta attenti perché pole esse pericoloso

ALMERINDA              Ce sse pozzono lascià le penne… hai capitu… le penne!

GUALTIERO               Ci stonno tanti modi pe’ murì all’età sia… quillu è lu meju!

ALMERINDA              Come se fa a raggionà co unu come te!

EVELINA                       Nonnu bisogna che se lascia guidà!

GUALTIERO               …E che è ‘na macchina?

ALMERINDA              (Rivolta a peppe) Fijiutu stai a diventà spiritusu come te è… come te sendi?

PEPPE                               Bene… sudo quello sci… un goccittu d’acqua!

(Cesira si volge si nuovo a prendere il bicchiere dal tavolo lo prende e ci fa bere peppe)

ALMERINDA              Non me parea ccucì salatu da magnà oggi…

EVELINA                       Se vede nonno lu sale ce l’ha sinditu…


52


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

CESIRA                           (Avvicinando il bicchiere alle labbra di peppe) Beva sor Giuse’…

(Peppe beve qualche sorso da cui trae un po’ di sollievo) Suona il campanello

ALMERINDA              (Alzandosi) Ohhhhh finalmente testa è la dottoressa… opri Gualtiè…

GUALTIERO               Corro!

ALMERINDA              Eveli’ famo un po’ de spaziu… mettemo a postu le sedie ccucì la dottoressa

lu visita…

CESIRA                           Levo anche la mia….

EVELINA                       No Cesì …la tua lasciala pe’ la dottoressa…

ALMERINDA              (A peppe) Oh pe’… è arrivata la dottoressa… (Colpendolo sulla spalla come

per dargli forza) Forza su… non facissi lu moribbondu come solitu tia eh?

PEPPE                               (Il colpo sulla spalla gli provoca un dolore sordo e quindi grande sofferenza.

Con un lamento profondo) Brucia…

CESIRA                           Coraggio sor Giusè… oramai lu più è passatu!

ALMERINDA              Vedrai… co’ un antiacidu va tuttu a pustu!

Entra Gualtiero e la dottoressa

DOTTORESSA            Buongiorno a tutti

In coro salutano la dottoressa

DOTTORESSA            Allora come mai questa urgenza

ALMERINDA              Stessimo in camera nostra quanno emo sinditu Peppe che ha jamatu…

GUALTIERO               Jamatu? C’ea una voce straziata… (Rifacendo il verso) Almerì… Gualtie…

correte!

EVELINA                       Noi siamo accursi subbito

ALMERINDA              Io ho chiestu a Cesira de rintracciare a Lei perché non riucivamo a trovarla….

CESIRA                           E infatti jaco mannatu lu messaggiu de urgenza

DOTTORESSA            Si ho visto… ma praticamente che sarebbe successo?

ALMERINDA              L’emo troato piegatu su la poltrona…

GUALTIERO               Piegatu è niente… inturcinatu…

EVELINA                       Co lu bracciu strettu su lu stommicu come se cesse avutu …


53


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

DOTTORESSA            Un crampo?

EVELINA                       Ecco esattamente! Un crampo…

GUALTIERO               Noi emo proatu a rimettelu su drittu… ma issu strillaa come un ossessu: “Non

me toccate… non me toccate”

CESIRA                           Ho proatu a faje ‘na capumilla che l’aiutasse a digerì…. ma no l’ha pijata…

ALMERINDA              Non semo stati padruni mancu de sfiorallu… una berva…

GUALTIERO               Chiedeva solu de lei dottorè!

CESIRA                           Ecco perché me so’ permessa …

DOTTORESSA            Hai fatto bene… non preoccuparti! Io sono venuta appena ho potuto ma ero a

Latina e anche volendo prima di tre ore… ma non potevate chiamare il medico di guardia?

ALMERINDA              C’emo proatu ma peppe ha dittu de no

GUALTIERO               Strillaa che non sarebbe fatto toccà da gniciuno se non da lei…

DOTTORESSA            Beh va bene allora.. Adesso che sono qui… vediamo cos’ha…

PEPPE                               Non ce vojio gniciuno… solo la dottoressa…

ALMERINDA              Ma via pe’ non te si mai vergognatu…

PEPPE                               Solu la dottoressa

GUALTIERO               Papà… ma nui stemo qui perché volemo sapè che ciai e pe’ aiutatte…

EVELINA                       Se t’ha fatto male lo stomaco un motivo ce starà…

PEPPE                               (Sospirando) E che starà sci…

CESIRA                           Su Sor Giuse’ non se metta vergogna… se vole vado via io che non so de la

famija…

PEPPE                               Dovete ji via tutti

DOTTORESSA            Fate come dice… senno’ non ne veniamo a capo…

ALMERINDA              Ma dopo lei ce dice se che cià?

DOTTORESSA            Ma certo certo state tranquilli…

ALMERINDA              Allora peppe… nui te le lasciamo co’ la dottoressa


54


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO               Me raccomando papà dije tuttu quello che te sendi

EVELINA                       E se ciai bisogno de nui facce jama’

(Peppe accenna un si con la testa)

ALMERINDA              Cesì veni dellà anche tu?

CESIRA                           Ma io veramente ciavrebbe da fa lla ccasa… ago lasciato tuttu sottosopre…

ALMERINDA              Allora te facemo sapè dopo?

CESIRA                           Sci… tantu mo ci sta la dottoressa va tuttu a postu…

EVELINA                       Annamo ccucì lu visita

CESIRA                           (Avviandosi all’uscita) Almerì che dici se te porto un po’ de brodu… se sor

Giuseppe è indispostu magari ji va?

ALMERINDA              Va bene Cesì grazie…

CESIRA                           (Uscendo) Allora ce vedemo dopo… arivederci dottore’

DOTTORESSA            Arrivederci

GUALTIERO               (Uscendo) Quanto ce vorrà dottorè?

DOTTORESSA            Non lo so… non credo moltissimo ma in ogni caso vi chiamo io quando ho

finito…

EVELINA                       Ciao nonno ce vedemo dopo

(escono)

DOTTORESSA            (Mettendosi  davanti  a  Peppe)  Allora  sor  Giuseppe…  la  vedo  molto

sofferente!

PEPPE                               Che tembu fa a Latina dottorè…?

DOTTORESSA            Bello… oggi giornata calda… ma anche qui non scherza….

PEPPE                               Calla… calla è niente… io direbbe che qui è bollente! Guarda come sudo!

DOTTORESSA            (Preoccupata) E lo vedo… ma che le è successo?

PEPPE                               Pe una vorda… potemo fa come dico io?

DOTTORESSA            Sentiamo

PEPPE                               Io te dico se che è successu ma tu me devi da fa una promessa solenne


55


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

DOTTORESSA            Addirittura

PEPPE                               Sci una promessa solenne…

DOTTORESSA            Se posso volentieri

PEPPE                               No se posso… me la devi fa e basta… e damoce der tu che è mejiu…

DOTTORESSA            Va bene allora dimmi di cosa si tratta

PEPPE                               Tu me visiti… ma quarziasi cosa ciò… non dici niente a gniciunu…

DOTTORESSA            E perché hai questo problema?

PEPPE                               Giura?

DOTTORESSA            Va bene come vuoi tu… ma mi permetti di visitarti?

PEPPE                               Sci… Sci doppo ne parlamo… un guccittu d’acqua…

DOTTORESSA            (Pensierosa) Vuoi acqua?

PEPPE                               Ciaco la gola secca

DOTTORESSA            Cosa ti senti Giuseppe

PEPPE                               Niente… non sento niente… sudo questo si… ma per il resto…

DOTTORESSA            Per il resto?

PEPPE                               Un goccio d’acqua…

DOTTORESSA            (Prendendo l’acqua) E da quando hai bisogno di bere?

PEPPE                               La visita è già cominciata?

DOTTORESSA            Io sto qui per questo!

PEPPE                               Hai promessu che facemo a modu mia

DOTTORESSA            E’ vero… va bene… che significa fare a modo tuo?

PEPPE                               Significa che io la barzelletta su lu dottore te la dico prima stavorda che

doppo forze me la scordo…

DOTTORESSA            Sentiamola

PEPPE                               Un poraccio racconta a un amicu che lu medicu ja datu 3 misi de vita e po’ je

chiestu 150 euri pe’ la visita. “Quanno ha scopertu che non poteo pagà” je dice lu poracciu… “m’ha datu andri 9 misi”


56


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

DOTTORESSA            (Sorridendo) Sagace Giuseppe… una battuta molto sagace…

PEPPE                               C’emo un accordu è vero?

DOTTORESSA            (Amorevole) Si va bene stai tranquillo non dirò a nessuno quello che hai

PEPPE                               Bene… allora senza aumenti o scunti dimme… (Scoprendo la coperta) quantu

me resta da campa a me?

DOTTORESSA            (Comprendendo la gravità del fatto) Oh madonna santissima Giuse’… ma che

hai fatto?

PEPPE                               Una curtellata

DOTTORESSA            Come una coltellata… e chi te l’ha data?

PEPPE                               La cattiva coscienza Dottore’…

DOTTORESSA            La  cattiva  coscienza?  Ma  Giuseppe  mio…  io  qui  non  ti  posso  fare

niente…guarda come sei ridotto… ma non senti dolore? (Guardando in borsa)

PEPPE                               No… dolore no… sudo quello si… ma dolore no

DOTTORESSA            Ora  vedo  che  cosa  ho  in  borsa….  Un  antidolorifico…  intanto  te  lo

faccio…ma chi t’ha ridotto così… (La dottoressa fa tutte le operazioni di

preparazione dell’antidolorifico in iniezione e lo somministra a peppe con una

puntura)

PEPPE                               Te l’aco dittu… la cattiva coscienza… l’omo non è ‘na bestia intiliggente e

solu un mezzu che lu più de le vorde agisce secondo la cattiva coscienza che

arma la mano de unu contro l’andru e lu risurdato a vorde è che quarcunu che

non centra niente se troa la menzu!

DOTTORESSA            (tentando un primo soccorso) Il nome… per la denuncia…

PEPPE                               Otello… ‘Rduinu… Ladorfo… Quirina… Girdo…

DOTTORESSA            Chi è tutta sta gente?

PEPPE                               Quilli che inzeguenno nze sa che… honno abbandunatu viculi e quartieri…

DOTTORESSA            Ma che centrano loro

PEPPE                               E’ vero… prima de loro la cattiva coscienza pulitica che prima globbalizza e

po’ permette l’immigrazione incontrollata…

DOTTORESSA            Giuseppe chi è stato? Un extracomunitario?

PEPPE                               Tutti…

DOTTORESSA            Ma non posso scrivere tutti


57


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               Allora scrivi… gniciunu… tantu è listessu

DOTTORESSA            Madonna mia Giuseppe… qui è stato leso tutto… ma tu stai così da quando

m’è arrivato il messaggio?

PEPPE                               No… da un po’ prima!…

DOTTORESSA            Meglio mio sento… e io che ti faccio adesso?… Che ti faccio!… ma perché

non sei andato in ospedale? Subito!

PEPPE                               Perché aspetto Sameuele … ciaco da fa una cosa importante la pozzo fa solu

io e solu oggi.

DOTTORESSA            Sei devastato…! l’antidolorifico dovrebbe fare effetto subito

PEPPE                               Non sento dolore… sudo questo si… ma dolore non lo sento… anche le

cianche non sento…

DOTTORESSA            E si capisce… in più bevi… un quadro clinico chiarissimo…

PEPPE                               Quanto me resta?

DOTTORESSA            In queste condizioni non più di un ora… e il peggio è che adesso sei

intrasportabile!

PEPPE                               Inzomma è finita comunque?

DOTTORESSA            Se correvi subito in ospedale forse no…

PEPPE                               So’ 5 anni che non cammino… mo me metteo a currè?

DOTTORESSA            Ma come fai a trovà la forza di scherzare in un momento così?

PEPPE                               Perché so’ serenu dottore’… io sacciò d’ave fattu bene ne la vita mia e d’avè

fattu la scerda giusta finu all’urdimu…

DOTTORESSA            Ma io ora non posso tacere…

PEPPE                               La promessa… m’hai fattu una promessa…

DOTTORESSA            Ma non posso…. Ne legalmente ne moralmente! Per un evento di questa

portata…devo redigere un verbale ed un referto…

PEPPE                               E quanno l’hai scrittu stu verbale a chi va?

DOTTORESSA            Agli organi competenti…

PEPPE                               Anche a le forze dell’ordine?

DOTTORESSA            Certamente…


58


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               E queste dopo fanno l’indaggini …

DOTTORESSA            Certo… è il loro mestiere…

PEPPE                               Dici bene dottorè… un mestiere…e come tutti i mestieri è faticusu!

DOTTORESSA            Beh che c’è di strano…

PEPPE                               Io ago fatto lu cabbattinu pe’ una vita… non l’aco mai cunsideartu un

mestiere… me so’ sembre divertitu!

DOTTORESSA            Dove vuoi arrivare…

PEPPE                               Mestiere sa de mercenariu… quilli faranno pure l’indaggini perché so’

pagati… scopriranno lu colpevole che sarà difesu da chi fa l’avvocatu pe’

mestiere e troverà un modu pe’ fallu assorve grazzie a le leggi de chi pe’

mestiere fa lu puliticu. Lu dilinquente anche issu pe’ mestiere… se vendica su

mi mojie… mi fiu o mi nipote… e che ottenemo?

DOTTORESSA            Non lo so me lo dica lei!

PEPPE                               Armamo una macchina da guerra pe ji a ammazza’ un muschinu… e non se

finisce più… penzamo de lavacce la coscienza in nome de la giustizia… e

non se finisce più…. Un goccio d’acqua…

DOTTORESSA            Ancora?

PEPPE                               Non me la negassi non serve a niente

Bussano alla porta

DOTTORESSA            Hanno bussato

PEPPE                               E’ la perzona che aspettavo… l’acqua pole aspettà: je apri pe’ favore?

(la dottoressa va ad aprire qualche secondo e rientrano dottoressa e Samuele vestito benissimo elegantissimo solo le scarpe sono quelle vecchie accomodate da Peppe e si avvicina piano alla poltrona)

SAMUELE                     Signor Giuseppe

PEPPE                               Testa voce l’arconosco… avvicinete…

SAMUELE                     Sono Samuele signor Giuseppe

PEPPE                               (Commovendosi) Veni qui fiju mia… abbraccia stu poru vecchiu paraliticu…

SAMUELE                     (Abbracciando Giuseppe Giuseppe ha un dolore sordo) Che succede signor

Giuseppe… io fatto male?


59


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               No no Samue’… è lu mar d’ossa …

SAMUELE                     Ma perché essere qui dottoressa… tu stare male…

PEPPE                               Visita de controllu Samuè… a le macchine vecchie ogni tantu je sse deve da

fa’… è vero dottorè?

(La dottoressa non risponde)

SAMUELE                     La dottoressa non risponde…

PEPPE                               Non risponde perché qui da noi Samuè chi tace acconsente…

SAMUELE                     Come sarebbe… in tutto mondo chi tace sta zitto!

PEPPE                               Eh ma qui da noi non è “lu monnu” fiju mia… che te pare? Fatte guardà (poi

alla dottoressa) Me scuserete dottorè se parlo ddu minuti co’ Samuele… ma so’ 5 anni che aspetto stu momentu!

SAMUELE                     Io saputo di tuo ictus da lettere con Evelina altro che male di ossa…

PEPPE                               Ma sci… ‘Na toccatela che voli che sia pe’ ‘na roccia come me… io so

r’mastu quillu de sembre… un guccittu d’acqua…

SAMUELE                     (Alla dottoressa) Vuole acqua?

DOTTORESSA            E lo so che vole acqua… (allungando il bicchiere a Samuele) Gle ne faccia

bere un goccio…

SAMUELE                     (Accostando alle labbra di peppe) Bevi fratello

PEPPE                               Grazie fiju mia… basta ccucì… ma mo dimme de te e brighete che me sendo

stancu…

SAMUELE                     Io poco da dire ce l’ho fatta ! E’ stata dura, ma idea di tuo figlio era buona

PEPPE                               Le idee so’ bbone solu se so bbone le capocce che le reggono Samuè

SAMUELE                     Io preso accordi con molti paesi africani in questi 5 lunghi anni e fornito

alimenti a questi paesi: buoni alimenti.

PEPPE                               E ‘ndo hai trovato li sordi?

SAMUELE                     Coinvolto ricche persone in buon affare, ora avere mia azienda.

PEPPE                               So contentu Samuè… mo parleme de la polizza…

SAMUELE                     Un mese dopo sera in cui successe casino ricordi io e te parlato e stabilito

accordo con promessa… io salvare tuo figlio… tu aiutare me ad avere Evelina e fare concordato.


60


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               E’ quello che ago aspettatu giornu doppo giornu pe 5 anni!

SAMUELE                     E dopo 5 anni amuleto tornato a lei Signor Giuseppe… legittimo proprietario

PEPPE                               Ma che proprietario… io ciò un debbitu co te che non te potrò mai ripagà…

SAMUELE                     Tu non avere debito.

PEPPE                               E come no… dici bene tu…

SAMUELE                     Tu permesso me di camminare quando non avevo soldi per pagare scarpe…

io permesso tuo figlio vivere quando non aveva soldi per pagare vita… siamo pari…

PEPPE                               Non me ne scorderò mai Samuè… manco doppo mortu…

SAMUELE                     Tu grande fratello immortale

PEPPE                               E giustu fratellu immortale…. lu foju de lu concordatu l’hai portatu?

SAMUELE                     Ecco foglio di concordato è qui in busta anonima

PEPPE                               Co’ Evelina non hai mai parlato de questo giustu?

SAMUELE                     No… questo era accordo tra me e te… silenzio su tutto nostro affare

PEPPE                               Bene… allora mettilu sopre sta coperta… (pausa) andru non ce dovemo da

di… se non salutacce…

SAMUELE                     (Allungando una mano) Va bene signor Giuseppe

PEPPE                               No ccucì:  tu pe’ me si statu come un fiju e io te vorrebebe salutà come un

padre saluta un fijiu… ma non me posso arzà Samuè… abbassate tu e abbracceme… ma non strigne forte ricordete che me fanno male l’ossa…

Samuele si piega ad abbracciarlo e peppe lo bacia fuori campo si sente vociare

GUALTIERO               Avrà finitu?

EVELINA                       Annamo a vede… c’esse bisognu de chiccosa

ALMERINDA              Ja fatta ‘na visita lunga è?

PEPPE                               (A Samuele) S amue… bisogna che te gniscunni assieme a la dottoressa e poi

scappa fori quanno te chiamo…

SAMUELE                     Dove io nascondere

PEPPE                               In cucina … se te mitti all’ombra niru come si chi te vede?

SAMUELE                     Tu sembre scherzare grande fratello


61


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

DOTTORESSA            Io resto qui a spiegare ai suoi parenti!

PEPPE                               E no… non hai capitu come funziona… va co Samuele… me servi doppo

DOTTORESSA            Ma veramente io…

PEPPE                               Daje moveteve che ecculi… (Si nascondono)

Entra Almerinda Evelina e Gualtiero

ALMERINDA              E… la dottoressa?

PEPPE                               E’jita via!

GUALTIRERO            Come è jita via…?

PEPPE                               Ciai presende quannu unu scappa da la porta? E’ jita via ccucì!

GUALTIERO               Quantu si spiritusu papà…!

EVELINA                       Ma quando se n’è andata?

PEPPE                               Quaci subbitu…

ALMERINDA              Quaci subbitu?

PEPPE                               Eh… che voli da me?… Quaci subbitu

ALMERINDA              …E se pole sape’ che t’ha dittu?

PEPPE                               Che sta tuttu a postu …

GUALTIERO               (fraintendendo) Quindi è una cosa finita…

PEPPE                               Esattu… è propiu finita…

EVELINA                       Ma tu stai biancu biancu ancora…

ALMERINDA              E beh… mo pianu pianu le forze l’arpijerà

GUALTIERO               A cena un bellu brudinu…

EVELINA                       E si… sora Cesira ha dittu che l’avrebbe preparatu…

ALMERINDA              Doppo la jamamo la famo cenà qui co’ nui eh?… Se lo merita quella brava

cristiana…

GUALTIERO               Allora papa’ non t’ha datu mancu le medicine…?

PEPPE                               No…anzi: ha dittu che da oggi pozzo smette anche quelle che pijo de solitu…


62


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ALMERINDA              Ma davero? Penzà che a guardatte non pare propiù un mijioramentu cuccì

visibbile…

EVELINA                       Ma scusa eh nonno… se la dottoressa è jita via quaci subbitu… tu perché non

ciai jamatu?

GUALTIERO               Già… perché non ciai jamatu?

PEPPE                               Perché è arpassatu Sassaroli

ALMERINDA              Come arpassatu…

PEPPE                               Ciavutu la bontà de lassamme in pace quanno me so sinditu male e è ‘rpassu

pocu fa pe’ finì lu discurzu!

GUALTIERO               Ah bene e che ha dittu…?

PEPPE                               Che se non paghi te tocca muri…

EVELINA                       Madonna mia ma non dirai per davero!

PEPPE                               Cuccì ha dittu… e cea una spece de ghignu…

GUALTIERO               C’ea lu ghignu…?

PEPPE                               Scine come una risata…

GUALTIERO               Allora è vero… madonna mia è vero…

EVELINA                       E quantu tempu t’ha datu?

PEPPE                               Fino a dimani

ALMERINDA              E beh via… 700 euri li trovami su… !

PEPPE                               None…

GUALTIERO               Come none

PEPPE                               Vole 100.000 euri o t’ammazza

EVELINA                       100.000 euri e ‘ndo li piajamo?

GUALTIERO               So mortu…

ALMERINDA              Madonna mia santa come facemo?

GUALTIERO               So un mortu che cammina

EVELINA                       Potremo vennece casa?


63


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

GUALTIERO               Vui me vedete e me sindite ma io so mortu

ALMERINDA              Ma tu non hai provatu a contratta’?

GUALTIERO               Come metto piede fori da casa sto drento la cassa

EVELINA                       Come contratti co unu che fa le smorfie?

ALMERINDA              Un zuzzu senza core!

GUALTIERO               Non serve che scappo da casa pe’ esse mortu…

EVELINA                       Ma ci dovrà pure essere una soluzione

ALMERINDA              Se lu denunciamo?

GUALTIERO               Ccuci so mortu prima de esse cadavere!

ALMERINDA              E le prove?

EVELINA                       I soldi che gli avete dato

ALMERINDA              Solu contanti

EVELINA                       Inzomma non c’è soluzzione

GUALTIERO               Una soluzione ci starebbe

ALMERINDA              Eh beh gualtie’ stai zittu…? forza dillla

EVELINA                       Si papa’ se ciai la soluzione dilla!

GUALTIERO               Me ‘mpicco

ALMERINDA              Gualtiè vaffanculo

EVELINA                       Che soluzione è questa papà

GUALTIERO               Non daco a issu la soddisfazione d’ammazzamme

ALMERINDA              Ma vammettene va…

EVELINA                       Hai capitu si che idea…?

GUALTIERO               Allora staco gia stesu…

EVELINA                       Non ci sta propiù gniciuno che ce pole ‘mbrestà li sordi?

PEPPE                               Imbrestà no… però…


64


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

ALMERINDA              Però?

GUALTIERO               Però?

EVELINA                       Però?

PEPPE                               Una mezza idea ce starebbe

ALMERINDA              Che idea?

GUALTIERO               Sindimo

PEPPE                               Sassaroli m’ha lasciato un alternativa

ALMERINDA              E sta dentro lla busta?

PEPPE                               In un certu senzu sci.

GUALTIERO               Qualunque alternativa è accettata…

EVELINA                       Senza sapella?

GUALTIERO               Davanti a la morte… va tuttu bene!

PEPPE                               Anche se tuttu riguarda Evelina?

EVELINA                       a me?

GUALTIERO               In che senzu Evelina?

PEPPE                               Dice Sassaroli che Evelina potrebbe sposa’ un ricco omo d’affari…

EVELINA                       Non ze ne parla nemmeno…

PEPPE                               Eveli… devo parla io o devi parlà tu?

EVELINA                       Ma la vita mia…

PEPPE                               Ah Ah… ancora? Eveli’ zitta un minutu…

ALMERINDA              Su bona Evelì

GUALTIERO               E sci sindimo tu nonnu…

PEPPE                               Evelina sposa un omo d’affari che in cambio porta una dote de 100.000 euri +

lu laoru sicuru per te Gualtiè

GUALTIERO               E N’do sta st’omo d’affari lu bacio

EVELINA                       Fate schifu tutti quanti…


65


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

PEPPE                               Ah Eveli… te devi imparà a sta zitta…!

EVELINA                       io non parlo più, ma fate schifo listessu!

PEPPE                               C’è un però!

GUALTIERO               Ah ecco c’è un però… eh te pare che non ci sta l’inghippu… era troppu

semplice!

PEPPE                               Sassaroli vole un impegno scritto da Gualtiero una firmetta su lu fojiu che sta

drento sta busta!

GUALTIERO               (Pensieroso) Un impegno scrittu?

ALMERINDA              Sassaroli?

GUALTIERO               Sarà lu scambio de destinazione dei 100.000 euri…

ALMERINDA              E sci sicuru un accordo co la banca che passanoa lui invece che a te…

GUALTIERO               Pe’ forza… ma se è pe’ testo che me frega….

ALMERINDA              Ma doppo Evelina?

EVELINA                       Oh finalmente unu che se preoccupa de me…

GUALTIERO               (rivolto al padre) Sci è vero non ze pole fa… Non pozzo venne Evelina…

PEPPE                               Allora prima famolo legge a essa… se accetta…?

ALMERINDA              Testu me pare raggionevole

EVELINA                       Bellu pesu che me date ccucì se dico de no ciò su le spalle la morte de papà!

PEPPE                               Piaja sta busta e leggi… pole esse che te va bene…

EVELINA                       None…

PEPPE                               Evelì… pija la busta che non ci sta’ tantu tembu… e leggi!

Evelina legge in silenzio prima distrattamente e poi sempre più interessata poi alla fine euforica prende una penna:

EVELINA                       Firma qui papa!

GUALTIERO               100.000 euri e lu lavoru?

PEPPE                               Sci

GUALTIERO               Firmo…! (E firma)


66


ERO FIJU UNICU

commedia in due atti di Italo Conti

EVELINA                       (Rimettendo il foglio dentro) Ecco fattu nonnu ripijete tuttu…

Evelina sta saltando di gioia

ALMERINDA              A quella che ja pijatu lu caposturnu?

GUALTIERO               E mo’…

PEPPE                               Mo’…. (colpo di tosse e fitta) chi se ricorda io non sto tantu bbene…

GUALTIERO               Mo che ho firmatu che succede?

PEPPE                               Ah sci… succede che me so scordatu un particolare

GUALTIERO               Che particolare?

PEPPE                               l’omo d’affari… è niru

ALMERINDA              Niru?

GUALTIERO               Niru… niru!

PEPPE                               Niru pece!

GUALTIERO               E chi è?

PEPPE                               Veni fori

Entra Samuele

SAMUELE                     Sono io fratello

Evelina gli butta le braccia al collo e rimane con un piede alzato. Gualtiero si mette le mani nei capelli simulando un urlo che non esce… Almerinda si morde una mano e tutti restano così. Parte il brano “Tu che m’hai preso il cuor” Giuseppe muove la testa come a sentire e alle parole “Vivrò per te” dice… “La musica… la musica”… quando il brano dice “Lontan da te e’ morir da’amor” alza il braccio destro dirige con il dito della mano come un direttore d’orchestra. Continua a dirigere fino a che con un piccolo irrigidimento crolla con il braccio… reclina la testa e muore. Si chiude il sipario.

FINE


67

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno