Eve nostrane

Stampa questo copione

EVE NOSTRANE

EVE NOSTRANE

primo quadro

personaggi

 

MARIA, nubile, 70 anni, sorel­la maggiore.

 

CATINA, nubile, 68 anni,sorella mezzana.

CONCETTA, nubile, 60 anni, sorella minore.

SIMONE, scapolo, 65 anni,fratello

LUSSIA, vicina di casa, 59 anni.

CONTESSA DI VAL BRUNA, 72 anni.

Interno di una cucina di casa di campagna. Sera. Le tre sorelle hanno appena finito di cenare. Maria riprende il lavoro a maglia, Catina si accinge a spreparare la tavola e Concetta è salita nella sua camera.

maria

Tira anche le tende! No vedo l'ora de finir sto golfetto.

(A concetta)

catina

Me par! Xe du mesi che te ghe ve drio.

maria

Ghe vol el so tempo.

catina

D'accordo, ma non bisogna miga e­sagerare.

concetta

No i dise che tempo e paia maura i nespoli.

(Entrando)

maria

Come dire che mi sto lavorando un nespolaro.

concetta

Quei i xe affari tui!

catina

Cossa c'entra el nespolaro?

maria

E chi parla de nespolaro.

catina

Me par de aver sentio: nespolaro.

concetta

Col tira aria de neve le recie funziona mal!

catina

‘Na merda! Le funsiona meio de quelo che te credi.

concetta

Cossa vuto dirmelo a mi! Che l’altro giorno ca gero drio a ‘ndare fora te me ghe domandà dove che ‘ndavo e mi te diso “Vado a far la spesa” e ti te me ghe risposto: credevo che te andassi a far la spesa.

catina

Varda che busiara! Gheto sentio Maria cossa che la ga dito?

maria

No go tempo de andar drio a le vo­stre mona-de. E po’ no te vedi che la sta scherzando.

concetta

No, che no scherzo. (Prende un libro e si mette a leggere).

maria

Moleghe.  No scumissiar a piantar­foghi e tacar la cagna par dele monade.

concetta

Te ghe trovà proprio quela che va drio a le monade! Voialtre, piuttosto che no se pol gnanca scherzar.

maria

Ghe xe scherzi e scherzi.

catina

Ieri sera, cossa occoreva de far tutto quel can-can?

concetta

A benon! La gata me fa i gatei sora le coverte del letto e mi doveva star sita.

maria

E vuto coparla?

concetta

So sta da maridar par no aver xente sotto le coverte; te pol immaginar se voio gatti sora le coverte.

catina

No gera però el modo de spaventar quela pora gatta.

concetta

Gavaria dovudo a cantarghe la ni­na-nana!

catina

No gera el caso de cantarghe la ni­na-nana, ma gnanca farla scampar in quel modo. La gavarà perso tutto el latte.

concetta

Te ghe lo procurerè ti!

maria

Moleghe de esser cussì rispondona. Frenate un fiatin qualche volta, lassete guidar!

concetta

Si, xo par el fosso.

catina

Mi te daria una papina nel muso risponder cussì. In fondo no te ghemo di­to gnente de mal... Mariavergine, mi me boie xa tutto drento!

maria

Calmete, calmete, bela! Mi, gnanca la bado. La poI cantar anca la bela Io­ta, mi tendo drio ai me mestieri. (Concetta esce). Gheto netà el gabioto dei conei?

catina

Maria Vergine, me son desmentegà! Doman mattina xe la prima roba che fasso.

maria

Cambieghe anca la paia.

catina

Go sempre paura che la me morsega quela bestia de coneia.

maria

Se no te vè a pincionarghe i cone­ieti!

catina

No li vardo gnanca! Ma appena metto la man drento el gabiotto, la me xe xa vissin. (Rientra Concetta).

maria

Varda che le panocie le go sgranà mi. El sorgo lo go messo da drio la porta de la cantina.

concetta

Cussì el rabutta un'altra volta.

maria

Tendi lì a leser el to romanzo. E moleghe. Chissà che lungo la strada non te trovi anche ti el principe azurro, che te consola.

concetta

La sarà voia de ometo!

maria

Mi? A sta staion, cara? Ormai tut­to se ga quietà. Le burrasche le se ga calmà. Ti, piuttosto, che ogni tanto te vien su le caldanele!

catina

Ma vostu che sia par l'omo? La sarà la menopausa.

concetta

Quela te la gavarè ti.

catina

Pardiana! La se sente ancora ado­lescente, la ventenne innamorata del principe azzurro. Gò sempre dito che i ro­mazi de Liala i te scalda la testa. Ma ormai cara te pol mettertela via anca ti. (Bussano alla porta).

maria

Versi la porta. Xe la Lussia.

(A Catina)

concetta

El gazzetin.

maria

Moleghe, adesso. Va su in camera. (Concetta esce).

lussia

Che spa­vento done! Che spavento che gò ciapà! Son ancora tutta in un tremasso ... Son drio vegner fora da la porta de ca­sa e un pantegan el me passa sora i piè. Gho tirà un sigo, che credeva che el me omo el fasesse un colpo.

(Entrando tutta ansante)

maria

Tolive una carega, senteve.

catina

Te lo digo sempre de metter fora in corte una trappola.

(Porgendole la sedia)

lussia

I xe grossi come gatti.

catina

Parfin i gatti i ga paura.

maria

Ben quieteve. El spavento xe passà. Gavio tolto el caffè.

lussia

Go pena finio de senar.

maria

Metti su la cogoma, Catina. (Catina esegue). Come stalo Neno Paveia?

lussia

Son andà a trovarlo l'altro dì. Zalo, zalo come una succa. El gaveva una sbolsega ch'el gera intrigà arfiare.

catina

Poro omo, el ga sempre strussià ne la so vita!

maria

NoI xe miga morto!

catina

E chi lo ga dito?

maria

Te ghe na maniera de dirlo che par ch'el sia drio a pipar.

lussia

Però, no xe miga messo tanto ben. El dottor el ghe ga trovà le brochette nel stomego.

catina

E par le marie! Come galo fatto a metterle in bocca?

maria

La bronchite, la vol dir la Lussia! Stupida!

lussia

Proprio cussì. Perchè cossa gaio dito?

maria

Gnente Lussia, la ga capio mal.

catina

Capio mal! Mi me pare de aver ca­pio ben

lussia

El và sui quaranta de fievre. Xe lì el pensiero de la so dona.

maria

Bisognaria che la ghe stasse un fiatin più drio.

lussia

Cossa volio, no la xe cattiva. La xe fatta cussì. Però bisogna dir che la ga un cuore d'oro.

maria

Questo si. Per piasseri no bisogna toccarla.

lussia

E gavio sentio gnente de la tosa de Toni campanaro?

catina

No. Parchè?

maria

Cossa xe successo?

lussia

La xe incinta.

maria

Eh, Maria santa! Come gala fato?

lussia

Col toso de Bepi Pojana.

catina

Ma no la xe notà nell'Azion Cattolica?

maria

Lo go sempre visto un discolo ch'el toso.

lussia

Mi lo go savudo in tutta segretezza da la Neni Ciuciarola.

maria

Me despiase par Toni e so moier. I xe do boni cristiani che no ghe voleva sto colpo.

lussia

Me gera incorta mi, che da un po­co tempo a sta parte la gavesse la ca­vessa molà. No xe che m'interesso dei affari dei altri. Vu, Maria me conossè. Ma una sera ora, che buttavo l'ocio fo­ra da la finestra par caso, l avedevo insieme a sto toso. Cossa fala co’sto toso, me diseva.

catina

Maledetti omeni, no i ga in mente altro che la farfala!

maria

Se ste benedette tose le stasesse al so posto, no sucederia de ste cose

catina

Semo stae xovane anche noialtre, ma porca la miseria! Dighe che qualche omo el se gavesse vissinà.

maria

Difatti, vedemo el risultato.

catina

Cossa vostu dir con questo? E ti allora?

maria

Mi dovevo andar suora. Ciapar i voti.

catina

I voti xe andai mal e ti si restàbocià.

maria

Ecco vedistu, te te lagni tanto de la Concetta e in serti casi ti si come ela.

lussia

No feghe caso, Maria, la ga scherzà ,

maria

Ma mi serti scherzi no li sopporto.

lussia

Ad ogni modo quei che sta sempre più peso xe quei do pori disgrassià là. Parchè no i ghe ne ga altre par la testa.

catina

Ghe xe successo calcosa altro?

lussia

Eh, per l'amor del cielo! Lo sa tutto el paese!

maria

Noialtre no savemo gnente.

catina

E tutto parchè stemo sempre sarà suso in casa come do maranteghe.

maria

Insomma cossa xe successo?

lussia

El parroco, vegnù a savere del mestiero de la tosa, el ghe gà ordinà a Toni de molarghe de far el sacrestan par el bon andamento de la Parrocchia.

maria

Cossa ghe c'entrilo lu, poro omo? Che colpa ghe n'alo.

lussia

Xe quelo che digo anca mi.

catina

Se tutti i paroni fasesse come el parroco, trequarti dei omeni saria de­sucupà. (Rumore di porta che si apre).

maria

Xe qua Simon. Parèceghe el tovaio­lo.

lussia

Galo ancora de senar?

(Agitata)

maria

Eh, no spaventeve! El magna lo stesso anca se ghe si vu. (Entra Simone, si leva il tabarro e si siede subito a ta­vola).

lussia

Bona sera Simon. E vegno disturbar!

simeone

Bona sera. (A Catina)Minestra anca sta sera!

catina

Te ste meio un fiatin lesiereto.

(Servendo)

simeone

E se g a de sfritegare manco su le tecie!

lussia

Gavio sentio anca vu, Simon, la disgrazia che ghe xe tocà a Toni?

simeone

Cossa?

lussia

So fiola la xe incinta.

simeone

Ciameghe disgrazia!

maria

Parchè? Te par che la sia una bela roba?

simeone

No la sarà bela, ma gnanca bruta. Se la ga vossudo a cavarse la spissa, affari sui.

catina

Solo i omeni pol far serti discorsi. Co i ga tirà su le braghe i xe a posto. No i pensa a le conseguenze che va incontro le pore done.

simeone

La minestra xe salada che la brusa.

catina

Tohl E mi che la me pareva dissavia.

simeone

Se la xe salada, vol dir che la xe salada.

(Scocciato)

catina

No alzar tanto la vose. Se la xe dissavia, metteghe un fià de sale.

lussia

Mi vado. Se trovemo a filò.

(Spaventata)

maria

Cussì in pressa. Fermeve ancora un fiatin.

lussia

A go ancora de spareciar la tola.

concetta

Vuto un fià de verdura?

(Rientrata,  A Simeone)

simeone

Se no gh'è altro!

concetta

Sta sera, purtroppo no.

maria

Se podì dopo, passando, disighe a la Romana de vigner a filò. Xe un toco che no la vedemo.

(A Lussia)

lussia

Con quei quattro demoni che la ga, no so se la possa vigner. El pì piccolo el xe tremendo. El dà peae a tutti? El ga parfin el vizio de morsegar. Xe par que lo che lo tien casa da l'asilo.

simeone

Ghe ne so calcossa mi.

catina

Parchè? Cassa t'halo fatto?

simeone

L'altro dì, passandoghe vissin ghe go fato una carezza e lu de tutta risposta el me ga dà un morsegon in sima al galon. Par fortuna ch'el me ga ciapà da drio, se ne el me gavaria fato andar in giostra.

lussia

Maria-vergine! In giostra? Parchè?

simeone

Parchè, parchè, se el me morsega­va davanti, vedeva i angeli vegner xo da el cielo sonando la tromba.

lussia

Ma volio che un morsegon de pute­lo el fassa de sti miracoli?

simeone

Siora sì, sel beca el punto giu­sto.

catina

E no te ghe mai dito gnente?

simeone

Cossa volio che ve disesse? Che deboto el memorsegava i ...

catina

Basta. Ghemo capio. No occorre andar avanti con i discorsi.

(Prontamente)

concetta

Te sito disinfetà?

simeone

Parcossa doveva disinfettarme?

maria

Fame veder. Vuialtri omeni se no ve se sta drio ...

(Preoccupata. Deponendo il lavoro)

simeone

Dai, lassa star. Ormai xe passà 2 dì

catina

Appunto per questo. Podaria scop­piarte la ludrofobia come i cani rabio­si.

simeone

Cussi scumissierò a sbaiar anca mi e speremo cussi che finì de romperme le scatole.

concetta

Ecco cosa se ciapa dopo che se ghe sta drio!

simeone

Sentela poareta. Quela sì se la te da un morsegon te toca farte la puntura anti-canina.

concetta

Stupido!

simeone

Verseme ancora un gosso de vin.(catina versa).

(a catina)

concetta

No te ghe ne miga bevù abbastanza.

simeone

Sito andà a pagare le tasse?

(A Maria)

maria

Sta mattina. Ghe gera un sacco de xente in Xattoria. De bona che son andà prestin. So sta quasi una dele prime. Tutti i se lagnava par l'aumento su le scoasse. Mi no sò dove andaremo a finir.

simeone

Un contributo anca quelo per sfa­mar quei che ga fame!

catina

Se xe vero! E mi co' la me pension fasso salti mortali.

simeone

E ringrazia Dio che itefa far i salti e così te te tien in esercizio, e in salute. Vedistu, el Governo preve­de tutto! E noialtri dovemo naturalmen­te darghe una man. Contraccambiare. I ministri senò, come possili tirar avanti? Portarse da un posto all'altro per cia­colare? Per aumentarse el stipendio a ogni mal de panza?

concetta

Speremo che i dolori i ghe sia passà se no chi finimo per deventar de le supposte calmanti.

simeone

Mi vado in stala.

maria

Appena finio qua in cusina, vignemo anche nualtre. (Simone esce). (A Concetta)Me gheto stirà la sottoveste pesante?

concetta

Sì. E te go messo sora el letto anca i mudandoni felpati.

maria

Quei co’ la gamba?

concetta

No te ga che quei de felpetta!

catina

Bisognerà che anca mi me meta la sottoveste de lana.

concetta

Mi digo! No te ghe più vinti anni.

catina

Parchè ti, te ghe nè disdoto!

concetta

Mi son mi e ti te si ti.

catina

Ma fame un piasser! Che le pausette, ormai, no te te le ricordi più gnanca ti.

maria

Moleghe. Che non scumissiemo a ta­car la ca­gna. Ormai gavemo l'età che gavemo e nessun ne la porta via. Anche se se demo un poca de tintura sui cavei, e un poca de cipria bronzante, che a ve­derla nel muso de ste siorete la me par 'na salute tanto sbaglià.

 

catina

Giovinezza in scatola, la xe.

maria

Va in stala a darghe u­na man a Simon, noialtre te vignemo su­bito drio. (Catina esce). Me pare impossibile che no te possi taser qualche volta. Mi digo se tutta la xente fosse co­me ti, el mondo el saria un disastro… Vedarissimo in giro solo musi duri e oci de fogo.

(A Catina)

concetta

Saria meio. Cussì ognun el ten­de par i fatti sui.

maria

Senti, se Pelegrinnon vien più a trovarte, no sta tortela con noialtre . Grateve la rogna tra voialtri do. Ca no gabiamo da soccomber anca i vostri matessi. (Bussano alla porta). Avanti. (Entra la contessa) Oh, signora contessa, la mi scusi!

(Spazientita)

contessa

Ho lasciato l'autista in corti­le. Sono venuta a vedere se c'è qui la mia cagnetta Rosaura.

maria

Prego se ac­comodi, signora contessa. Mi pare di no, perchè bobi non l’ho mai sentito scainare.

(Porgendole la sedia)

contessa

Povera cocchina! E’ tutto il giorno che la sto cercando. Questa mattina, è uscita da letto con me , Le ho fatto il bagnetto, poi ha fatto colazione e da allora non l'ho più vista. Speravo a pranzo e invece…

concetta

Cossa che me despiace, contessa! Chissà dove si sarà ficcata.

contessa

Che dice?

maria

La Concetta la vol dir  dove si sarà intruffolata.

concetta

Sala miga, contessa, se la ga a volte qualche moroso? Voio dire: qual­che cagnetto de strada?

contessa

Ci mancherebbe che si abbassas­se a tal punto!

concetta

Cossa vorla, contessa, tante volteco si xè innamorati si perde la testa.

contessa

Alla mia Rosaura non accadrà mai. Esce da una famiglia blasonata.

concetta

Si, xe vero. La xe blasonada anca sul da drio.

contessa

Come dice?

maria

Le fassio un caffe, signora contessa? Oggi la gior­nata l'è stata un po' bruschetta.

(Intervenendo prontamente)

contessa

Bruschissima, direi. Sono uscita solamente per cercare ella.

concetta

Ella, purtroppo non gh'è, signora contessa!

contessa

So che spesso viene qui a piglia­re una boccata d'aria e per fare la pipì.

concetta

E anche la popò qualche volta, ma noi non fiamo caso.

contessa

Questo non mi risulta!

concetta

Ne risulta noialtri quando la pe­stemo.

maria

Che cara bestiolina! Ghe manca la parola, del resto la xe come un cristian... Sti do ocieti che par che la te sorrida!

contessa

Due perle, due perle. Povera bam­bina, chissà dove si sarà smarrita?

concetta

E, contessa, i fioi al giorno de ancò i dà da pensare.

simeone

Pardio! Vegneu o no ve­gneu in stala. (Accorgendosi della presenza della contessa) Oh, signora contessa, La mi scusi, non la gavevo mica vista. Co­me mai qua, signora contessa.

(Entrando)

contessa

M'è scappata Rosaura, Simone.

simeone

Orca troia, la serva?

maria

Simon!

(Prontamente, richiamandolo)

contessa

No. La cagnetta.

simeone

Ah, povera bestia! E dove pensela che la se gappino intruffolà? A go visto l'autista fora, ma no ghe go fatto tanto caso. Che la sippiano andata dai Cordelli? Siccome là ghe xe un bastardin.

contessa

No! Per carità! Ci mancherebbe altro che cominciasse a contaminare il no­stro casato!

concetta

Veramente quelo el xe un casoto.

contessa

Io alludevo al nostro casato.

concetta

Go capito, signora contessa.

simeone

Quala ga ragione la signora contessa. A proposito, contessa, xe sbocià l'orchidea in serra.

contessa

Davvero, Simone.

simeone

Proprio sta mattina. L'è una maraviglia!

contessa

Vado subito a vederla. Scusate ... (Esce in fretta).

simeone

E la cagnetta?

gridandole dietro

contessa

Cercatela!

da fuori

simeone

E voialtre tutte in stala.

alle donne

fine primo quadro

secondo quadro

incasa della amica sandrona

nena

Go visto laLussia. La va sempre in casa de la Maria Sardelona. Chissà quan­to che la spettegolerà.

sandrona

Dighe che la vegna da mi se la ga el coraio, dopo quelo che la me ga fato. Ghe dò du sberloni tel muso che la va fora da la porta de ravoltolon.

margherita

Mi me par che te esageri. Cos­sa vuto! Tutti semo un fiatin maliziosi ne la vita.

pomposa

Tose, diseo el tarseto si o no? Xe mezza ora che seitè a brontolare… Mi no capisso! Cossa gavio dentro nel stomego? Un serpente ch'el ve morsega?

sandrona

Tendi là a pregare, vu.

pomposa

A lavorare? Go lavorà abbastanza, ne la me vita, senza che te me lo vegni dir ti.

sandrona

A go dito che ten­di a pregare.

(Spazientita)

pomposa

E mi te ripeto che go lavorà ab­bastanza. Santa Maria madre di Dio ....

sandrona

No ghe ne posso più, co’ sta ve­cia. Ogni dì la deventa sempre più sor­da.

margherita

Cossa volio farghe. Xe l'età. Vedaremo noialtre fra qualche anno come che saremo.

sandrona

Capisso, ma santo cielo!

nena

Savio che quando me vardo al spe­cio m'incorso che go un vitin che el fa ancora voia. Quando vado a spasso m'in­corso che Bepi el me varda sempre drio.

pomposa

El s'avarà incorto de le to gambe siape. Ave Maria Madre ....

nena

Bruta frascona! La ghe sente co la vol! Altro che dura de recia!

pomposa

Te sarè ti, vecia.

margherita

La ga dito che si un po' dura de recia, no, vecia.

(Forte)

pomposa

Mi no so gnente. Mi so che le me recie xe sane e le sente tutto.

sandrona

Tutto quel che no dovarissi capire.

nena

Però, a vardarla ben, i so novanta ani li porta ben.

sandrona

Parquelo sì. Solo che spesso la se la fa sotto.

pomposa

Parchè ti te te la fetu sora?

(Ritorna a pregare).

margherita

La ga scherza, Pomposa.

pomposa

Scherzi che no me piase.

nena

Gavì rason, Pomposa

sandrona

Daghe rason, ti, cussì no la xe più finia.

nena

Gheto visto la Bortoletta Canfin parchè la gaveva una bolpe argentà, che smorfie che la faseva par farse veder. Che fa stidio che la me faseva!

margherita

La se ga comprà la bolpe?

nena

Anca el soprabito novo.

sandrona

Dove val a a tirar fora i schei?

nena

E te vedarè che da qualche buso li, fa saltar fora.

sandrona

No ghe xe el Sucaro che el ghe sta drio?

nena

Pare. El xe pieno de schei, ma un te­gnoso che mai pì.

margherita

I contava in giro che el gà comprà una campagna.

pomposa

Moleghe de dirme che son sorda come una campana.

margherita

Se diseva, Pomposa, che ...

pomposa

Un corno. Gabiè piuttosto un fiatin de reputassion e no vegnir in casa de altri a insultar la pora xente.

sandrona

E dopo descorì voialtre! Stare in casa tutto el dì co' una che capisse tutto al roverso ...Cossa gerito drio dirme Margarita?

margherita

Ve stava dixendo, che el mese scorso el ga comprà una campagna.

nena

Mi me domando, cosa ghe ne fa de tutti quei schei, sto gosson de la malo­ra. Se li spendesse, almanco! El xe sem­pre là, fora del porton, sentà su la piera a tender le galine.

pomposa

Picinine, proprio picinine, biso­gnaria tornar!

(Prega)

margherita

Cossa gala dito?

sandrona

Gnente, gnente. I dixe anca che el sia un gran strossin.

nena

Xe cussì che el ga fato i schei. Ciapando par el colo la pora xente che ·ghe n'aveva bisogno.

margherita

Te vedarè allora che la borto­letta lo ciuccia via come un sorbetto.

nena

Parchè ti?

margherita

E ti? No te te lo ciucciarissi via anca ti?

nena

Se el fusse un bel omo!

sandrona

Dai dai, Nena, no sterno dir balossade! Quando un omo el xe pien de schei, el xe sempre belo.

pomposa

El vedelo te lo se che nol me piase. La xe carne smolegata e a mi la me fa fastidio. No te dixevi che te fasevi la galina lessa par doman?

sandrona

Sì. Fasso la galina lessa co' le patate.

pomposa

E cassa vientu fora con el vedelo!

sandrona

Tendì a finir el tarseto.

pomposa

E vado, sì, in leto; vado ... No te vedi l'ora de restar sola! (prega)

sandrona

Gavio sentio? E po' discorè voialtre.

margherita

Porta pazienza.

sandrona

Te fe presto a dir de portar pa­zienza. Ti, ti si maridada, almanco. Qualche soddisfassion te ghe da to mario.

margherita

Famme un piasser! Non parlarmene. El ga sempre voia de morbin. A vardar lu, bisognaria che fossi sempre a so di­sposizion.

nena

Omeni i xe.

margherita

Sì, perchè noialtre cosa semo? bestie? Maledetta quela volta che Eva la ghe ga da magnar el pomo!

sandrona

Che cattiva che te si! E te si notà ne le francescane!

nena

Al so posto, cossa gavarissito fato ti?

margherita

A ghe gavaria morsegà la testa­al serpente

nena

E te sarissi morta avvelenà. Adamo, invesse el dovaria essere sta più furbo, ma i omeni purtroppo, basta farghe un sorri­seto i te casca tra i piè come merli.

margherita

A proposito de merli, savio che st'anno ghe ne xe un stramaro!

nena

Dixeghelo a Ninelo, che el ga passion par i merli. L'annoscorso el ghe ne ga regalà uno a lo so morosa ca' lo sento fi­sciar fin a casa mia.

margherita

La ghe starà drio a sto toso!

sandrona

Però la gera incerta se tore Ninelo o Neno Pétele. Te te ricordi che par la passà, appena finio de lavorare, a mezzo giorno, la andava in cesa e la se insegnociava davanti alla Madonna e la ghe do mandava, co’ i oci rossi, se la ga da spo sare Ninelo o Neno Pétele.

margherita

Se me ricordo! La gera deventà la storia de tutto el pese.

(Improvvisa­mente, Pomposa esplode con il canto dell' Ave Maria).

pomposa

Ave, Ave, Maria! Ave, Ave, ave Maria

(si alza e si avvia verso la camera)

nena

Cosa xe successo?

(Spaventata per quell'esplosione misticaimprovvisa)

margherita

Sì, digo anca mi.

sandrona

Gnente. La ga fini o el terzetto. Adesso la va in letto.

nena

Sempre cussì?

sandrona

Sempre cussì; da venti anni.

pomposa

Bona notte.

tutte e tre

Bona notte, Pomposa.

sandrona

Ti sito tolto su le caramelle?

pomposa

Le go tel bufeto

sandrona

Adesso la ciupega par un'ora e po’· la se indormensa.

nena

Posso andar al cesso?

sandrona

Va pure. (nena s'avvia)La luce la xe drio l'attaccapanni.

margherita

Anca sta sera la ga baruffà con so mario.

(Con tono da confidenza, a San­drona)

sandrona

Me par che i baruffa spesso

margherita

E la xe rospetta de carattere .. Lu, el xe un pantalon. Massa bon. E co u­no el xe tre volte bon el passa anca per mona. La vol quelo che la vole e se no la incontenta, la ghe fa el muso anca per u­na settimana. Mercore passà, dopo un ba­ruffon, per vendicarse, la xe andà a com­prarse un anelo. Quando la vien fora dal cesso, osservela, lo ga su.

sandrona

Ecco perchè sta sera la xe vegnù qua. So restà anca mi appena la go vista entrar. Gera un toco che no la vignea.

margherita

La vol che te te accorsi dell'anelo par farte rabbia.

(Rumore dell'acqua del water).

sandrona

E mi fasso finta de non incorseme. Eccola.

nena

Non gh'in podeva più. Credeva de sciopare. (Grattan dosi la punta del naso)Xe un pochi de giorni ca gò una spissa su la punta del naso.-

(Entrando, con un sospiro)

sandrona

Novità in arrivo!

nena

Magari.

margherita

Un regalo da to mario!

nena

Pol essere, lu ogni tanto el capita a casa con calcossa. Ultimamente el me ga regalà un bel tropazio dalo.

margherita

Beata ti! Noialtre de sti regali, no ghe ne gavaremo mai. Anca perchè no semo maridae. E po' dopo te ghe do tosi che i xe una maraveia.

nena

Ah, par quelo si. Da quel lato, devo dir che son proprio fortunà. Uno el xe a­Ie medie, l'altro el sta per laurearse in otoringotroiata ...

(Entra Pomposa in carnicia da notte e la cuffia in testa. Margherita lancia un grido di spavento)

sandrona

Cossa ghe xe adesso? (Si gira e si accorge della presenza di Pomposa).

(Spaventata)

pomposa

Go dismentegà le caramele.

sandrona

No gavivi dito che le gavevi t'al bufeto?

pomposa

No so miga imbriaga. So, quel che go dito.

sandrona

A discorè voialtre!

pomposa

Me le gheto magnà ti?

sandrona

No lo savì che no le me piase.

pomposa

Le tase parchè le sa che go rason mi.

margherita

Proprio cussì, Pomposa.

pomposa

Eccole qua dove che le xe. Bona notte.(esce).

(Aperto il cassetto della credensa)

nena

La vardava. La xe in gamba.

sandrona

Quela, la ne seppelisse tutte.

margherita

Mamma mia che tardi che xe. Vado. Bona notte. (esce)

(Guardando l'orologio)

tutte e due

Bona notte, Margarita

nena

Fra poco parto anca mi ... Go spetà che la vada via par dirtelo.

sandrona

Cossa?

nena

Te se che l'altro giorno la se ga rabaltà in bicicletta.

sandrona

Si. E allora?

nena

La stava andando da Bùffele, par via del contrabando de caprioi.

sandrona

De caprioi? E cossa ghe ne fala?

nena

La fa le sene a casa sua par terzi. Me raccomando no dirghelo a nessun. Par carità che no vada fora ciacole. Te lo se so lo che ti.

sandrona

A mi cara, drento ta 'na recia e fora dall'altra:.

nena

Anca parchè se vien a saverlo i guar­da caccia o le finanze, no so come che la se la cava. Gera un toco che voleva dirtelo. La guadagna un sacco de schei.

sandrona

Altro che mi, pora desgrazià, fa­sendo regipetti par le siorette, che leme dà un tanto al regipetto, bisognaria che ghe tolesse un tanto par sentimetro, allora si che me faria 'na sioretta.

nena

Ben, adesso vado anca mi. Doman vegnio al marcà?

sandrona

Se la vecia la me lassa vegno. Parchè savì qua come che xe la storia.

nena

Se vigni fora se trovemo davanti el casolin. Notte.

(Esce)

sandrona

Notte. (Mette a posto alcune cose Improvvisamente appare Pomposa. Sorpresa)No' si andà ancora in letto?

pomposa

(Cercando) A go desmentegà le cara mele.

sandrona

Ma se· le gavì tolte su un momento fa!

pomposa

Te ga parso ti!

sandrona

A ghe tanto rumegà su quel cassetto, e po’ dopo gavì dito che le gavevi trovà.

pomposa

Ciucià? Mi no go ciucià proprio gnente. Te sarè ti a ciuciarmele via.

sandrona

Eccole qua dove che le xe. E si sta proprio vu a metterle qua.

(Pomposa ritor­na in camera. Dopo qualche istante rumore di chiavistello).

sandrona

Sito ti, Stanislao?

stanislao

Si. Parchè?

(Entrando)

sandrona

Gnente. Cussì.

stanislao

E va ben! Cussì. (Fa per andarse ne a letto).

sandrona

Xe appena andà fora la Nena. No te la ga miga incontrada?

stanislao

Mi no.

sandrona

Xe vero che la margarita la fa contrabando de caprioi con el Bùffele?

fine secondo quadro

 

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 28 volte nell' arco di un'anno