Evviva i ziti

Stampa questo copione

“Evviva i ziti”

“Evviva i ziti”

Commedia in tre Atti di

Giuseppe Fazio

3 atti

5 uomini  -   5 donne


PERSONAGGI

PEPPE- Capofamiglia, scontroso, sui 50 anni, lavora come mezzadro nei terreni di Don Luigi, e abita in casa colonica. Veste da povero contadino, pantaloni con le toppe, coppola e gilet, nel terzo atto indosserà una giacca.

MARIA- Sua moglie, obbediente, ma quando Peppe combinerà il matrimonio della figlia, con lo sposo scelto da lui, come ai tempi si usava, lo contrasterà. Veste miseramente. Nel terzo atto cambierà abito, ma non sarà eccessivamente elegante.

RINA- La loro figlia. Carina, sui 20 anni. Nel terzo, atto sarà sciupata e antiestetica.

SANTO- Fratello di Maria, abita con loro, campa scrivendo qualche lettera, sempre in lite con Peppe. Indossa un abito elegante ma usurato.

MELO- Fidanzato di Rina, educato, anch’egli figlio di contadini, sui 20 anni.

DON LUIGI- Possidente terriero, veste elegantemente, con cappello. Nel terzo atto cambierà abito e cappello. Pacato nel parlare.

ALFIO- Suo nipote, l’erede, un po’ imbranato. Anche lui veste elegante.

SARA- Conoscente di Maria, sui 50 anni, ficcanaso, vuole far sposare la figlia Tina, a tutti i costi. Veste da contadina, nel terzo atto vestirà goffamente, con cappello.

TINA- Sua figlia, sui 20 anni, un po’ imbranata. Nel terzo atto sarà vestita come una bambola con fiocchi, nastri, cappello ed altre esagerazioni varie.

ANNA- Sorella di Sara, zitella, alla ricerca di un marito. Anche lei nel terzo atto vestirà più elegantemente per far colpo su Santo.

Trama: in un paesino internato della Sicilia, negli anni 1950/60, come si usava ai tempi, il padre promette la figlia in sposa ad un buon partito, che gli cambierà finalmente la vita, facendolo diventare possidente non più mezzadro, ovviamente senza tener conto dei voleri della figlia, che è gia fidanzata di nascosto. La moglie, con l’aiuto del fratello riusciranno, all’insaputa di Peppe, a combinare un altro matrimonio parallelo. Alla fine, la figlia si sposerà con il suo fidanzato, e Peppe diventerà ugualmente possidente, cambiando finalmente il destino, che i suoi avi gli tramandarono.

La scena sarà unica per tutti gli atti. Grande stanzone, comune in fondo, a sinistra darà nelle altre camere, a destra, sull’ingresso della casa. A sinistra un camino, a destra una vecchia dispensa, al centro un tavolo con sedie, le pareti saranno scrostate, ed in giro ci saranno attrezzi agricoli, falci, zappe, ceste, sacchi con sementi. Altri oggetti attinenti al luogo potranno arredare la scena. 

Giuseppe Fazio tel. 3394026710


ATTO I

(Maria seduta al tavolo, pulisce della verdura, bussano)

SARA (f.c.)

Cummari Maria…o cummari Maria.

MARIA

Cu è?

SARA

Jò sugnu.

MARIA

‘ntrasiti, ‘ntrasiti.

SARA(entra assieme a Tina e Anna)

Chi faciti?

MARIA

Ccà semu, comu mai di sti bandi?

SARA

Stamu andandu ‘nto paisi un’du patruni.

ANNA

E vistu chi hama passari da cca, bi facemu na visita.

SARA

Cettu, e chi facemu passamu e non di fimmamu, mancu spiamu non chi e non comu?!

ANNA

Poi magari di viditi passari e pinzati mali!

SARA

Cettu, inveci una passa un minutu cà un minutu ndà e cuntenta a tutti!

MARIA

Bonu faciti…ssittativi.

ANNA

No, ‘ndandamu chi jè taddu.

SARA

‘ndandamu si…si chi jè taddu.

MARIA

Si siti di primura!

SARA

Ma si…na picchitta putemu stari, no?

ANNA

Mah…ommai chi semu ccà! (si siedono a circolo)

MARIA (senza lasciare il suo da fare)

Cettu! Ommai chi ci siti!

SARA

Mah, comu voli Diu…e chi s’hava fari...

MARIA

E si, comu voli Diu.

ANNA

Sia fatta a sò vuluntà.

SARA

Sia lodato sempre sia!

ANNA

Gesù Giuseppi e Maria!

TINA

Mà, cuminciamu u Rusariu?

SARA

No, poi ‘ndu dicemu a casa.

ANNA

Cettu a casa ‘ndu dicemu, allura taddu si faci!

SARA.

Niautri ‘ndu dicemu dui je puru tri voti o jonnu u Rosario, n’è giustu cummari Maria?

MARIA

Giustissimu, ccà undi mia ‘ndu dicemu quattru je puru cinqu voti o jonnu!

ANNA

E si. Comu voli Dio!

SARA

Sia fatta a so vuluntà!

ANNA

Fina a quando ‘ndi voli teniri ccà!

SARA

Eh si…jddu jè u patruni du mundu…sia fatta la so vuluntà.

TINA

U cuminciamu?

SARA

No, ti dissi chi poi ‘ndu dicemu a casa!

ANNA

Allura taddu si faci, je poi cummari Maria hava priparari a mangiari pi so marito!

SARA

Aoj si mangia faciola?

MARIA

E si. Chistu Diu ‘ndi manda je chistu ‘ndi mangiamu.

ANNA 

Eh si. Ringraziamo Diu chi almeno di manda a faciola, c’è cu mancu chistu jhavi!

SARA

Allura! Mah, comu voli Diu.

MARIA (scocciata)

E tutti i Santi.

SARA

E vostra figghia? Chi faci? Quant’havi chi na vidu!

ANNA

Puru jò jhavi tantu chi na vidu.

MARIA

Bona jè, ringraziamu a Diu.

SARA

Ma, c’è cu ci tira?

ANNA

Ma cettu chi c’è.

SARA

E picchì ci jhava jessiri pi fozza?

ANNA

No, però già jhavi l’età pu matrimoniu.

MARIA

Quandu voli Diu si marita, e poi jdda ancora non l’havi 40 anni!

ANNA (risentita)

Jò 38 ‘nd’haiu ancora!

MARIA

Ma jò non è chi parrava pi vui, dicia così in ginirali, a fimmina finu a 40 anni avogghia mi si marita. SARA

Me soru ha avuto jè havi un mari di pattiti, a tutti ci trova u pilo ‘nta ‘llovu!

MARIA

E no, si una vadda u pilu ‘nta ‘llovu avogghia mu spetta.

ANNA

Jò non spettu a nuddu!

MARIA

U sacciu, ma jò parru così in ginirali. (a Tina) E tu zita si?

TINA

No…

SARA (interrompendola)

Uh…quantu ci ‘ndè chi ci tirunu, unu ‘ndi manda e 100 ‘nd’arrivunu.

MARIA

Non fari comu a tò zia chi ci trova u pilu!

SARA

No, non c’è stu piriculu, jè chi jdda ancora non si senti pronta mi si marita.

TINA

Su trovu vidi si mi sentu pronta!

ANNA

Chi facemu ‘ndandamu chi jè taddu?

SARA

Si amunindi  chi cummari Maria hava priparari a spisa.

MARIA

N’aviti paura, pi mia putiti stari quantu vuliti, si poi bi ‘ndi vuliti andari sunnu fatti vostri!

SARA

Si, ora ‘ndandamu. (Tina si alza ma la madre la fa risedere)

ANNA

U sapistu chi a figghia da signura Lia sa ‘ntendi cu figghiu di donna Rosa?

SARA

Allura…non jabba e non maravigghia!

MARIA

E chi c’è di mali? Si jddi si vonnu beni!

ANNA

Ma comu, un carusu di chiddi mi si ruina cu na fimmina di ‘ndu stampu!

SARA

Allura…non sapiti? ‘nto paisi si dici chi chissa ha fattu u spacca e lassa cu tutti, e ora ‘ncalappiò a stu puviru carusu, spatti chiù di bona famigghia!

TINA

Allura chi, jddu era bonu pi mia!

MARIA

Cettu…raggiuni jhavi Tina.

SARA

Intantu si ‘ndi vidunu di tutti i culuri!

MARIA

Non ti scantari, prima o poi u trovi puru tu un beddu zitu.

ANNA

Jdda di quantu d’havi chi ci tirunu non sapi a cu s’hava a pigghiari!

TINA (piagnucolosa)

Eh…a cu m’ha pigghiari?!

SARA

Non pi vantari, ma assà sunnu, assà piddaveru. Ci ‘ndè unu chi ogni vota chi a vidi resta ‘mpalatu ca bucca apetta, s‘ha mangia cu l’occhi sa mangia…u vuliti sapiri cu è…Melu u figgi di don Ninu.

MARIA(meravigliata)

Melu!?

ANNA

Si, propriu iddu, deci voti passa e deci voti si femma ma saluta.

SARA

Ca picchì è un carusu educato!

ANNA

Comu no! Si me niputi jè fora o ‘nfacciata a finestra….u coddu su stira comu na giraffa ma vadda! A ‘nda stradella ci faci i succa di quantu faci avanti e arreti.

SARA

Ma ancora non ha avutu u curaggiu mi ci parra.

MARIA

A cu?

SARA.

A me figghia!

ANNA

Secundu me jddu spetta un signali, na parola, jè timidu u carusu!

MARIA(a Tina)

Ma a tia non ti piaci? Pichhì non ciù fa un signali?

TINA

Quantu voti ci l’ha fattu!

SARA. 

Jdda non si sapi convinciri, cu tanti chi ‘ndavi chi a vonnu!

MARIA (mette i fagioli nella pentola al focolare)

Allura, a cu tanti je a cu nenti!

SARA

E si. Chi facemu ‘ndandamu?  (Tina va per alzarsi, ma Anna la ferma)

ANNA

E vostru frati? Chi faci? L’havi na bella picca chi no vidu.

SARA

Ma ancora non di voli sentiri mi si marita? Faci comu a me soru chi ci trova u pilu ‘nta’llovu?

MARIA

Fatti so sunnu, ommai è beddu randi.

ANNA

Si, iddu havi un annu chiù di mia.

SARA

Ma vui u sapiti a cu jhavi sutt’occhi no?

ANNA

Ma che curiusa, chi t’intaressa, dicu giustu cummari Maria?

MARIA

Giustissimu!

ANNA

Jddu ommai faci comu a mia, deci ‘ndi vidi e centu ‘ndi lassa.

SARA

Si, ma sicuramenti ci sarà a cu ci tira, no?!

MARIA

No sacciu e no vogghiu sapiri, jddu si l’hava vidiri, fatti so sunnu.

SARA

Raggiuni aviti, jddi si l’hanna vidiri, na parola jè picca e dui sunnu assà. Jò sempri ciù dicu a me soru, tu ti l’ha vidiri, tu ti la scegliri, jò ti pozzu dari cacchi cunsigghiu e basta.

MARIA

Giustissimu.

SARA

E va beni, comu voli Diu, ’ndandamu Janna?

ANNA. (alzandosi, ma vedendo Santo si risiede facendo risedere Tina)

Amunindi.

SANTO (entrando)

Buongiorno. Avemu ospiti oggi? (tutti lo salutano)

MARIA

Arrivasti già?

SANTO

Oggi non c’era tanto movimentu di clienti e per dunque sono rientrato prima, e poi tra non tanto, dovesse essere l’ora di mangiare no?

MARIA

Ancora n’è ura, ora a misi a faciola ‘nta pignata.

SANTO

Voli diri che aspetterò!

MARIA

Quando nenti pi fozza.

SARA

Cumpari Santu vi mantiniti bonu ah! Pariti propriu un giuvanottu!

SANTO

Grazie, troppo gentile, anche voialtre vi mantenete buone, non dimostrate per niente l’età che dimostrate, su vostra figlia non c’è che dire, e la signorina Anna sembra proprio una ragazzina.

ANNA. (emozionata)

Grazi, troppu gintili.

SANTO

È la verità, e poi la gente di campagna si tiene più in giovanezza di quella di città.

SARA

Vui u sapiti, aviti viaggiatu!

SANTO

Si, non mi pozzu lamintari, dicemu che sugno un uomo di mondo, modestamenti la mia professione mi aiuta molto.

TINA

Siti prufissuri?

SANTO

Beh non proprio, io travaglio nel ramo della cultura.

SARA

A si, je chi ghiantati?

SANTO (sorridendo)

Non pianto, semmai colgo.

SARA

Ah, travagghiati nelle colture?

SANTO (c.s.)

No, colgo i pensieri della gente ignorante, e non, e li metto per scritto.

TINA

Hava jessiri pisanti!

ANNA

Basta mi si travagghia.

SANTO

Allora che, il travaglio è travaglio. Ed ora, vistu chi ancora non si mangia, vogliatemi scusare, vado a ritirarmi nelle mie stanze per acculturarmi un po’. Scusate, con permesso.

ANNA

Andati?!

SANTO

Vado. Arrivederci. (Tina lo guarda e le fa un cenno con la mano, al quale lui risponde, esce)

SARA

Vostru frati si manteni piddavero comu un giuvanottu!

TINA

O mà, ma jddu non fossi bonu pi mia?

ANNA

Ma chi dici, jè troppu randi pi tia.

MARIA

Raggiuni jhavi to zia, fossi jè adattu pi idda!

ANNA

No, ma chi diciti…cu sà a cu jhavi ‘nto so cori?

MARIA

Cu sà!

SARA

Cu sa! ‘ndandamu chi si fici taddu?

MARIA

No, e picchì, si viniu ora non bi stau nautra picca?

SARA (alzandosi)

No, ‘ndandamu, ama ghiri und’ù patruni? Chi dici Ianna.

ANNA (alzandosi)

Undi? Picchì? Ah, si, si, u patruni. A prossima vota stamu chiossà, magara quando c’è vostru frati!

SARA (a Tina che è rimasta seduta)

O Tina, ti jazzi o no?

TINA

Semu sicuri chi d’andamu?

SARA (sollevandola)

‘ndandamu, ‘ndandamu, arrivedecci cummari Maria.

MARIA

Boni cosi.

ANNA

Arrivedecci, e salutatimi a vostru frati.

TINA

Pechhì no salutasti già?

ANNA

Ma ti vò fari i fatti to?

MARIA

Bu saluti n’aviti paura. Boni cosi. (esce Sara, Anna e Tina) Ma vadda chi figghiu di jarrusa e iò chi mi fidà di jddu, chi su veni a sapiri me maritu mi tira u coddu mi tira. E bravu a Melu, spetta u signali, ciù dugnu iò u signali.(va al focolare) Figghiu di bottana, chi so mamma non ci cuppa.

RINA.(entrando la sente parlare)

Cu ‘ncu l’ha?

MARIA

Cu ‘ndu disgraziatu di Melu l’haiu!

RINA.  

Picchì chi fici?

MARIA

Chi fici? Ancora pari chi n’ha fattu nenti pichhì spetta u signali!

RINA

U signali? Quali signali?

MARIA

U signali di Tina, mi dissunu chi Melo ogni vota chi c’è Tina fora passa e strapassa milli voti ‘nta stradella, e chi sa mangia cu l’occhi sa mangia.

RINA

Ma chi dici? Cu tu dissi?

MARIA

So mamma e so zia! E chi ancora non cià dittu nenti picchì spetta un signali di jdda!

RINA

Ma chi, jè o cuntrariu, jè Tina chi su mangia cu l’occhi!

MARIA

Sicura si?

RINA

Cettu chi su sicura. Melu non vadda a nuddu. Sunnu jddi chi ogni vota cu u vidunu spuntari ‘nta stradella fannu nesciri a Tina e a mettunu ‘nda comu si fussi na cosa di vindiri!

MARIA

‘mpossibili!

RINA

A no! È Tina chi su mangia cu l’occhi. E so mamma u sa quantu voti ci l’ha dittu a Melu mi si femma, mi trasi intra, e Melo non s’ha mai fimmatu!

MARIA

Ah….così jè?

RINA

Allura chi! Jddu ommai u sapi, ogni vota chi passa di ‘nda è sempri a stissa musica. Figuriti chi so zia Janna ciù dissi chiaru e tundu chi Tina u voli pi zitu, e chi jhavi già na bella doti.

MARIA

O Santu Diu cosi dill’autru mundu, ma comu ponnu essiri così sfacciati. Povira Tina.

RINA

Melu ogni vota chi passa di ‘nda faci in modu mi non si faci vidiri, ma jddi pari chi ci stannu a misa, mancu spunta di ‘nta stradella, chi jddi fannu nesciri a Tina fora, parata comu na varetta.

MARIA

Ma no sannu chi chiù a ‘invitunu a chistu je a chiddu e peggiu jè? Rina, jò ti raccumandu, Melu pari un bravu carusu, non s’ha sintutu diri mai nenti di jddu, e puru a famigghia non si po’ diri nenti, ma tu sta attenta a chiddu chi fa, mi raccumandu, si to patri veni a sapiri cacchi cosa semu runiati.

RINA

Non ti scantari, Melu mi voli beni, e jò u sacciu chiddu chi fazzu.

MARIA (l’abbraccia)

Brava a me figghia, non t’ha fari futtiri, a stari cu l’occhi apetti.

RINA

Non ti scantari.

SANTO (entra e si gode la scena)

Chi bella scenetta!

MARIA

Picchi chi c’è di mali si na mamma ‘mbrazza a so figghia?

SANTO

Nenti, ma u zitu si putissi ‘ngilusiari!

RINA

Jò non sugnu zita!

MARIA

Allura, ma di undi ti venunu sti sparati?

SANTO

Vadda comu recitunu boni, parunu du tiatranti. A tò patri po’ ‘mbrugghiari cara la mia nipotina, no a mia. Io sono un uomo di mondo, e jhaiu l’occhiu finu. Ma jò sugnu cuntento, è giusto cosi. Prima del matrimonio, per essere sicuri dovete frequentarvi e canusciri fino in fondo…

MARIA

Finu o fundu fundu no, lassulu parrari a tò zio. Tu u sà comu tà comportari, non s’hava aviri primura pi cetti cosi. Allura u matrimoniu a chi sebbi? Evveru figghia?

RINA

Cettu.(si sentono dei passi)

MARIA (andando al focolare per preparare i piatti)

Stà rrivandu tò patri, conza a taula. (Rina esegue)

PEPPE (entra lamentandosi)

Ai..ai…(accorgendosi che il pranzo non è pronto) ci fussi na vota chi trovu a spisa pronta!

MARIA

Avoi piddì 5 minuti picchì passaru cummari Sara cu so figghia e so soru.

PEPPE

Avoj! Chista è storia di tutti i jonna. (si siede a tavola)

SANTO

Megghiu, così a spisa a trovi cauda.

PEPPE

Cettu, così a spisa a truamu cauda!

SANTO

Jò pi tia u dicu!

PEPPE

Si u sacciu, tu non d’ha di sti pinzeri, picchì prima chi a spisa è pronta già si ccà.

SANTO

Caro cognato, ognuno have il suo travaglio. Jò mi saccio pianificare la mia giornata.

PEPPE

Ah, mi l’havia scuddatu chi tu travagghi!

SANTO

Cettu chi travagghiu, solo che il mio è un travaglio mentale, culturale, di testa. Il tuo invece è un travaglio di corpo, corporale, di braccia va.

PEPPE

Senti, vistu chi tu u ghiami travagghiu chiddu di scriviri e leggiri i littri e gnuranti…

SANTO (interrompendolo)

No, i miei clienti non sono solo gli inalfabeti, da me vengono anche gente istruita, perché io so scrivere molto, ma molto bene, caro il mio cognato.

PEPPE

Dicu jò vistu chi tu u ghiami travagghiu, voli diri chi ti fa pagari?

SANTO

Cettu je chi jera fissa!

PEPPE

E comu mai jò di to soddi no ‘nda mai vistu?

SANTO

Picchì bastunu a malappena pi cattari a catta e u chiostru e poi non è chi mi pagunu sempri chi soddi!

PEPPE

E comu ti pagunu?

SANTO

In natura! Patate, cipolle, fave, uove, quello che capita.

PEPPE

Si, ma iò n’ha visto ne favi e mancu ciciri. (a Maria) E tu?

MARIA (che nel frattempo ha messo in tavola)

A spisa jè pronta.

SANTO

Finalmenti, jhaiu na fami! (si siede)

PEPPE (a Maria)

Non senti di sta ricchi?

MARIA (che intanto insieme a Rina si è seduta)

L’haiu vistu, l’haiu vistu.

SANTO

Vidisti chi l’ha vistu! Anch’io cerco di provvedere al bene della famiglia.(comincia a mangiare)

PEPPE

Tu avissi a fari sul una cosa pu beni da famigghia...

MARIA (interrompendolo)

Peppi non dà fami?

PEPPE

L’haiu a fami l’haiu, e fossi jè megghiu mi mangiu.(mangia risucchiando)

RINA (guardando disgustata il padre)

Ma papà, chi è stu rumuru!

PEPPE(sta un attimo ad ascoltare)

Mah? Jò non sentu nenti! (riprende)

RINA

Papà!

PEPPE

Ma chi c’è?

RINA

Ma jè u rumuru chi fa quandu mangi!

PEPPE

Ma sa faciola brucia!

SANTO

Rina to patri non è chi canusci u galateo!

PEPPE

Pichhì l’ha canusciri pi fozza a chissu? E poi chi centra ca faciola ssu cristianu!

SANTO

Ma quali cristianu…

PEPPE

Chissu ssu carameu!

SANTO

Si..marameo. Galateo, il galateo è il buon comportamento, le buone maniere, ma tu no po’ sapiri picchì non hai viaggiato, e quindi non sai neanche come si mangia a tavola!

PEPPE

E fammillu vidiri tu comu si mangia a taula, vistu chi tu ha viaggiatu!

SANTO (eseguendo)

Si prende la cucchiaia così, poi si prende la minestra così…

PEPPE

Vidi chi è faciola non minestra, a minestra jò ma mangiu cu cuteddu.

SANTU

E tu picchì non sai neanche il nome delle pietanze. Ogni piattu che ha a che fare con il brodo e con la famiglia dei cereali, come in questo caso le fagiole, si chiama minestra. Quindi stavo dicendo, che si prende la minestra e poi si soffia così.

PEPPE

Cettu, così ci rriva u brodu ‘nta facci e cristiani, e si ciusci chiù fotti ci rriva puru a faciola. Inveci comu fazzu jò non c’è ssu piriculu, e non mi inchiri a testa ghina di ghiacchiri.(mangia c.s.)

SANTO (a Rina)

Chi ci vò fari, ogni testa è un tribunale.

PEPPE

Appuntu, e siccome u tribunali jè a me casa jò mangiu comu mi pari. (esegue) A cu non ci piaci si ‘ndi vaci a mangiari cu signor marameo oh...(risucchia)

RINA (sbuffando)

Mi, però!

PEPPE

Videmo quandu ha finisti, mangia si jha fami.

MELO(f.c.)

Don Peppi.

PEPPE (sbuffando)

U sangu. Non c’è jonnu chi mi pozzu zaggariari sta brizza di spisa ‘nsanta paci. Cu jè?

MELO (c.s.)

Jò sugnu Melu.

MARIA (alzandosi)

‘ntrasi Melu.

MELO (entrando)

Bongionnu…stau mangiandu?

PEPPE

Ci tintamu, chi vò?

MELO

Me patri vulia sapiri si haviu finutu di ‘mbuvirari, così cominciava jddu.

PEPPE

Ancora n’ha finutu!

MELO

Ah no? Siccomu visti chi stau ‘mbuvirandu ‘nta patti di sutta pinzava chi già haviu finutu ‘nta chidda di supra, e pi jessiri sicuru mi mandò cca.

PEPPE

No, stavota vosi ‘ncuminciari ‘nto pezzu di sutta!

MELO

Ah…va beni.

PEPPE

Va beni? Ti salutu.

MARIA

Settiti Melu, vò fauriri? (gli porge una sedia)

MELO (guardando Rina)

No, mi ‘ndi vaju chi me patri mi spetta.

PEPPE

Va, va a diccillu. (continua a mangiare)

MARIA

Mancu un biccheri di vinu?

PEPPE

Ma no vidi chi jhavi primura?

MELO (uscendo lentamente e guardando Rina)

Grazi o stissu, ma haiu primura, nautra vota magari. Mi ‘ndi vaiu…arrivedecci…ciau Rina.

RINA

Ciau. (Peppe la guarda truce)

MELO

Vi salutu…Boni cosi.

PEPPE

Boni cosi, boni cosi.

MELO

Don Peppi.

PEPPE

Chi c’è?

MELO

A ‘nchiudu a potta o a lassu apetta?

MARIA (a Rina)

Rina a ‘nchiudi a potta.

PEPPE

Undi sta andandu?

RINA

A ‘nchiudiri a potta!

PEPPE

Picchì jddu na sapi ‘nchiudiri?

SANTO

Si, però è maleducazioni faccilla ‘nchiudiri all’ospiti.

PEPPE

No, maleducazioni è chiudiri a potta ‘nta facci e cristiani. (a Melo) Apetta lassila, apetta, ti salutu.

MELO

Comu vuliti. Arrivedecci….arrivedecci…arrivedecci.

PEPPE

Ancora ccàsi? Tò patri a tia spetta, arrivedecci, arrivedecci…(Melo esce) Mi spilassi u cori mi c’è na vota chi non mi dumanda l’acqua prima mi finisciu.

MARIA

Videnditi già ‘nta patti di sutta ci paria chi havivi finutu di ‘mbuvirari chidda di supra!

PEPPE

Si, e quandu mi vidi ‘nta patti di supra ci pari chi già finì ‘nta chidda di supra! Jè viziu chi jhavi, ci rumpi sempri i scatuli a tutti.

RINA

Ma chi mali c’è si dumanda?

PEPPE

No suppottu, no pozzu vidiri. È un ‘mpaccidderu chi non c’è undi ruari. Si ghiantu a pumadoru…e picchì no ghiantati sta qualità, si ghiantu a faciola…e picchì non ci mittiti du canni! E picchì non faciti così e picchì non faciti colì. Jè un rumpiscatoli e no pozzu vidiri.

RINA

Melu no è comu a so patri però.

PEPPE

E tu chi ‘ndi sà?

RINA

No, dicu così, non penzu chi è comu a so patri.

SANTO

No, Melu non è comu a so patri, un bravu carusu jè. Sintì diri chi ora travagghia a rumundaturi, pari chi a vuluntà di travagghiari l’havi. Peppi Melu è un bravu carusu.

PEPPE

Piccatu chi non l’ha tu a vuluntà di travagghiari!

SANTO

Bonu va…no vo capiri chi jò travagghiu di testa. A ogni modu, Melu jè un bonu carusu.

PEPPE

Chi m’importa a mia, fatti sò.

SANTO

Dicu così, putissi jessiri un bon pattitu, no?

PEPPE

Jò pi ora n’ha maritari a nuddu. E poi, chi pattitu jè, chi havi? Chi pussedi? Nenti peggiu di mia.

MARIA

I soddi su l’ultima cosa.

RINA

Basta unu mi si voli beni.

PEPPE

Chisti no su discussi chi ha fari tu. E poi i soddi sunnu a prima cosa no l’ultima. Cu jhavi i soddi cumanda e cu non d’havi è cumandatu comu a niautri, chi hama sebbiri i patruni. Ah si putissi, mi vindissi puru l’anima pi cangiari u me distinu. E comu si soddi non cuntunu. U provebbio dici, u riccu quandu voli e u poviru quandu poti!

MARIA

A saluti jè a prima cosa no i soddi.

PEPPE

Chiddi chi non d’hannu diciunu così, e poi senza soddi puru a saluti si ‘ndi vaci.

MARIA

Ringrazia a Diu chi ti duna a saluti mi travagghi!

SANTO

Ringrazia Diu pi daveru chi po’ travagghiari!

PEPPE

Cettu, ringraziamu a Diu chi mi duna a fozza pi travagghiari cosi ti dugnu a mangiari puru a tia.

SANTO

Undi si mangia in 3 si mangia puru in 4. Comunqui secundu mia Melu è un carusu cà testa supra e spaddi, è un bon pattitu.

PEPPE

E tonna. Ti dissi chi non mi intaressa a mia.

SANTO

No è chi t’hava intarissari a tia!

PEPPE

Dicu jò picchi no tu cecchi tu un pattitu?

SANTO

E chi sugnu fissa chi mi pottu na fimmina a casa?!

PEPPE

Picchì chi ha na casa?

SANTO

‘ntindia sta casa.

PEPPE

Comu? L’havissi a puttari ccà?

MARIA

Si capita, pi primi tempi si capisci.

PEPPE

Cettu pi primi tempi, comu a jddu no, chi già passaru 20 anni je ancora è ccà.

SANTO

N’haviri paura caru cugnatu, no c’è stu piriculu, no sugnu così fissa.

PEPPE

U fissa jò fu chi mi puttà a frati e soru intra.

SANTO

E no ringrazi a Diu, ammenu jha unu a casa chi...

PEPPE (interrompendolo)

Chi mi juta sulu a mangiari, e ha ringrazari a Diu chi non s’ha mangiatu a mia cu tutti i robbi.

SANTO

Chistu jè u ringraziamentu du beni chi t’ha fattu!

PEPPE

Minchia chi beni m’ha fattu!

SANTO

U sulu fattu chi fici crisciri a to figghia Rina ca mintalità apetta.

PEPPE

Ti l’avissi a japiri piddaveru a testa, pi tutti i chiacchiri chi ci ‘nfinocchi!

SANTO (alzandosi)

Caro cognato, tu non puoi capire, la mentalità sta evolendo, e uno deve starci dietro perché…..

PEPPE

Zittiti, zittiti e non ci ‘ntrunari i favi.

SANTO

Lo so, è difficile per te comprendere. Ma un giorno to figghia mi ringrazierà di tutti i miei insegnamenti che le ho dato. Ora mi vado a riposare le mie menti stanche.

PEPPE

Si a ripositi, chi siccomu ha travagghiatu, ha fattu paddi cu culu.

SANTO

Ribadiscio, tu non puoi capire, il lavoro mentale stanca più di quello di corpo! (esce)    

PEPPE

Capisciu jò capisciu. Capisciu chi ha ghiri a ‘mbuvirai. (alzandosi) Ah, mi l’havia scuddatu, u camperi mi dissi chi dumani veni u patruni.

MARIA

Veni puru ccà?

PEPPE

No sacciu, ma si voli veniri chi fazzu ci dicu mi no ci veni? (esce)

MARIA (eseguendo)

Forza Rina, scunzamu  a taula.

RINA (pensosa esegue)

Si u papà no è d’accoddu jò mi ‘ndi fuju.

MARIA

Chi dicisti? Zittiti non diri fissarii. Tò patri no canusci bonu a Melu, no ti scantari poi si cunvinci.

RINA

Ma si iddu no voli canusciri propria!

MARIA

N’haviri paura, a picca a picca ciù facemu canusciri e si cunvinci.

RINA

Si non si convinci jò mi ‘ndi fuju.

MARIA (abbracciandola)

Si convinci, si convinci. Tu tà maritari ‘nta chesa cu tutti i sacramenti, capisti, non ti scantari, quando jè ura si vidi.

FINE I ATTO


ATTO II

(Maria seduta al tavolo, rammenda, Rina in piedi accanto)

RINA

Jò ciù dissi a Melu.

MARIA

Chi cosa?

RINA

Chi u papà non è d’accoddu. E puru jddu dici chi ‘ndi fujemu.

MARIA

E ‘nsisti cu stu fujri! Ancora n’è ura, pecciò non ci pinzari.

RINA

Picchì quantu avissi a spittari ancora?

MARIA

No sacciu, quando voli Diu.

RINA

Melu dissi chi putemu stari ‘nta casa di sò nonnu, tantu quandu mori ci resta a jddu!

MARIA

Vuiautri non haviti haviri primura, chi si sistema tutti cosi. Jò ti vogghiu vidiri cu bellissimu vistitu jancu e un velu longu longu chi t’hava vaddari tuttu u paisi. Chi è mi vò livari stu piaciri?

RINA

No, puru jò mu ‘mmagginu u jonnu du me matrimoniu, cu vistitu u velu, ma u papà...

MARIA (interrompendola)

Ma u papà e a mammà...bonu, ora non ci pinzari chiù, quandu è ura si ‘ndi parra. E ridi, non ti vogghiu vidiri cu si occhi picciusi. (si sente rumore di un calesse) Mi pari chi rrivò cacchid’unu.

RINA

Sarà u patruni, u papà havia dittu chi avoj fossi vinia.

MARIA

Attia veru jè, mi l’havia scuddatu. (toglie la cesta dal tavolo)

PEPPE (f.c.)

‘ntrasiti, ‘ntrasiti don Luigi. Maria.

MARIA

Si ccà sugnu.

LUIGI(entra seguito dal nipote Alfio e da Peppe)

Permessu, buongiorno.

MARIA

Bongionnu, ‘nta vostra casa dumandati pimmissu?

LUIGI

Comu no, e poi camad’ora ci stati vuiautri, pecciò è giustu dumandari pimmissu. (a Rina) Signorina Rina sempri chiù bedda bi faciti?

RINA

Bongionnu don Luigi.

LUIGI (facendolo passare avanti)

Questo è mio nipote Alfio, la signorina Rina e la signora Maria, sò mamma.

ALFIO (dando la mano)

Onorato tantu, onorato tantu.

SANTO (accademico, senza badare agli ospiti)

Una persona, è immensa nello studio, per acculturare sempre di più la sua cultura, per esercitare la mente al travaglio mentale, invece questo farfugliare (tra se) oh.. che vocaboli che mi esciono dalla mia bocca, mi meraviglio di mia stesso. Dicevo, questo farfugliare mi ha distolso...distoluto...disto... mi hanno interromputo dal mio profondissimo studio, dalla mia profondissima quiete che nel mio pensiero io mio fingo al di quà della siepe...poesia...le mie semplici parole suonano come poesia...

PEPPE

Sonunu comu fissaria...don Luigi non ci faciti casu, me cugnatu non sapi mancu chiddu chi dici.

LUIGI

Ah, è vostru cugnatu?

PEPPE

Si, u frati di me muggheri.

SANTO (c.s.)

Professore Santo Cocuzza, con chi ho il piacere di parlare?

PEPPE

Ha u piaciri di parrari cu don Luigi, u patruni.

SANTO(inchinandosi, umilmente)

Ah, piaciri don Luigi, piaciri.

LUIGI

Chistu è me niputi Iaffio.

SANTO

Onoratu.

ALFIO

Tantu onoratu.

LUIGI

E dunqui siti prufissuri? Di chi?

SANTO (indeciso)

Mah diciamo….

PEPPE

No, don Luigi me cugnatu è unu così, chi parra...

LUIGI (interrompendolo)

E ssi parra, lassamulu parrari.

SANTO(c.s.)

Mah...diciamo che io ho girato molto, in lungo ed in largo, ho andato nella provincia di Catania, ho andato nella provincia di Palermo, e girando mi ho fatto, diciamo una coltura personale, e...diciamo...

LUIGI(c.s.)

E diciamo prufussuri di chi!

SANTO (imbarazzato)

Mah diciamo…

RINA(interrompendolo)

Mè ziu è prufissuri di lettere.

SANTO

Si...si, di lettere.

PEPPE

Si, vaci scrivendu littri pedi pedi. Ssittativi don Luigi.(Maria e Rina gli porgono le sedie)

SANTO

Ssittativi, faciti comu ssi fussu a vostra casa.

PEPPE

U dico jò chi me cugnatu non sapi chiddu chi dici!

LUIGI

No, grazi ‘ndandamu, ancora cià fari vidiri tutti i me proprietà a me niputi, veru Jaffiu?

ALFIO

Si ziu, comu dici tu.

LUIGI

E si, hava cuminciari a sapiri undi su e quali sunnu i tirreni e i casi, un jonnu diventerà lui il patrone di tutti i me aviri, veru Jaffiu?

ALFIO

Si ziu, comu dici tu.

LUIGI

Don Peppi, d’ora in poi me niputi jè comu si fussi a me persona, va beni?

PEPPE

Comu no don Luigi, non c’era bisognu mancu mu diciu.

LUIGI(togliendosi il cappello)

Va beni, ‘ndadamu, allura non facemu a tempu. I miei ossequi signura Maria!

MARIA

Arrivedecci.

LUIGI

Signorina Rina!

RINA

Arrivedecci.

LUIGI(sarcastico)

Arrivedecci, professore Cocuzza.

SANTO

Arrivedecci don Luigi.

ALFIO(copiando ogni gesto dello zio)

Anch’io ossequio. Signorina Rina.

RINA

Arrivedecci.

ALFIO

Signora Maria.

MARIA

Arrivedecci.

ALFIO

Arrivedecci, professore Cocuzza.

SANTO

Arrivedecci.

LUIGI

Vi salutu don Peppi.

PEPPE

Arrivedecci don Luigi, signurino Jaffio!

ALFIO(si gira a guardare Rina prima di uscire)

Arrivedecci.

PEPPE

Bi ‘ncumpagnu. (escono tutti e tre, poi f.s. si salutano)

MARIA(truce a Santo)

Ma comu ti veni ‘nta testa mi dici chi ssi un prufissuri?

SANTO

Ma chi ‘ndi sapia jò chi era u patruni, menu mali chi Rina mi desi na mani.

RINA

Ziu, tu juti a mia e jò juto a tia.

PEPPE(arrabbiato)

Ma dicu jò quandu a finisci mi fa u cannaluvari?

SANTO

Ma cu jò?

PEPPE

No me soru.

SANTO

Picchì chi ha na soru?

PEPPE

E ‘nsisti ancora?

SANTO

Picchì chi fici di mali?

MARIA

Non è cu fici apposta, si spiegò mali!.

PEPPE

Mi spilassi u cori non mi ci tiri i difisi tu. A don Luigi ci dici (lo imita) piacere professore Cocuzza.

SANTO

In fondo in fondo, sono un professore no? E sona puru bunu u nomi...professore Cocuzza!

PEPPE

E secundu me tu pi testa ha piddaveru na cucuzza, e cacchi ionnu ti fazzu vidiri jò comu sona. Ti dugnu un corpu di zappuni ghianu chi tà iapru ‘nta du spicchia, così videmu si ammenu ‘nta ssà cucuzza jha cacchi picca di sumenza.

SANTO

Se continui ad offendermi in codesta maniera, un giorno o l’altro via andrò, e solo con la tua ignoranza ti lascerò. Chista è rima baciata...

PEPPE

Chissa è na baccalarata, picchì u dici sempri e no fa mai. Quand’è chi ti ‘ndi va, quandu!

SANTO

Si no fazzu jè pi me soru e p’a me niputedda. (esce)

PEPPE

Non ti scantari chi pi jddi ci penzu jò comu haiu sempri pinzatu.

MARIA

E basta ora, un pilu u fà pariri na travi.

PEPPE

Ma ti pari chi don Luigi non si ‘ndaccuggiu cu pigghiava pi fissa? Ti pari chi ci metti picca mi ‘ndi jetta fora di ccà. E poi si chi cià spaccu piddaveru a testa.

MARIA

Non ti scantari, don Luigi na facissi mai na cosa di chissi.

PEPPE

Jddu no, ma u pò fari so niputi. Mancu 20 anni e già è patruni di non sacciu quantu tirreni e casi. Ci voli futtuna ‘nta vita! Non putia nasciri puru jò niputi di un patruni, o figghiu di un pussidenti!

MARIA

Ma sempri chi ti lamenti? Ringrazia Diu chi jha a saluti e cacchi cosa mi metti sutta i denti.

PEPPE(fantastica senza ascoltarla, siede)

Eppuru, mi passi un bravu carusu so niputi...chi dici?

MARIA

A mia mi passi na picca ‘nciunatu.

RINA

A mia mi passi rimbambinutu.

PEPPE

A tia non ti dumandò nuddu nenti.

MARIA

Camina Rina, a cugghiemundi i pumadoru, vistu chi tò patri non di sapi puttari pi intra. (escono)

PEPPE

Non ti basta chi ghiantu, i ‘mpalu, e i ‘mbuviru, puru a casa i vò puttati?!( mette le gambe su una sedia e dopo poco si addormenta, poi si sente il calesse)

LUIGI (f.c.)

È pimmissu? È pimmissu?

PEPPE (svegliandosi di soprassalto)

Cu jè? Avanti.

LUIGI (entrando)

Jò sugnu.

PEPPE(pauroso)

Don Luigi, comu mai tonna ccà? C’è cosa?

LUIGI

Vulia parrari cu vui di facci e facci pi na situazioni, dicemu frisca frisca.

PEPPE(tra se)

Malanova mi jhavi me cugnatu.

LUIGI

Chi diciti?

PEPPE(porgendogli la sedia)

Dicu, ssittativi, ssittativi.

LUIGI

Grazi. Jò bi vulia diri….

PEPPE(interrompendolo)

Don Luigi, vuliti ‘mbiviri cacchi cosa, na grappa?

LUIGI

Si, l’accettu.

PEPPE(la cerca, ma non la trova e borbottando)

A grappa, a grappa. Malanova mi jhavi me cugnatu s’ha finiu!

LUIGI

Chi diciti?

PEPPE

Dicu, fossi è megghiu na goccia di rosoliu?

LUIGI

Si, va beni u rosoliu.

PEPPE(c.s.)

U rosoliu, avissi esseri ccà...ma chi. Malanova mi jhavi, puru u rosoliu si briò.

LUIGI

Cu mia parrati?

PEPPE

No...si...dicu...fossi è megghiu un biccheri di vinu di vostri vigni? 

LUIGI

Va benissimu u vinu.

PEPPE(versando nei bicchieri)

Ammenu sapemu chiddu chi ‘mbivemu.

LUIGI

Jò bi vulia diri chi...

PEPPE(interrompendolo)

Aspittati, bivemu prima, ammenu mi resta un biccheri di vinu.(tra se) A facci di me cugnatu. Salute.

LUIGI

A saluti di me niputi e di vostra figghia.

PEPPE(dapprima beve, ma pensando al brindisi sputa il vino)

A saluti...co…co…comu dicistu?

LUIGI

A saluti di Jaffio e di Rina.

PEPPE

Ah, ora capi...(versa altro vino) Saluti. (guardandosi per un po’) E comu mai stu brindisi?

LUIGI

Comu mai! Non bu ‘mmagginati u picchì?

PEPPE

Veramenti no.

LUIGI

A me niputeddu Jaffiu ci piaci vostra figghia Rina.

PEPPE(tossisce)

Ah! Ah! (beve, comincia a ridere, sempre di più)

LUIGI(anch’egli ride)

Ma picchì stamu ridendu?

PEPPE

E chi ‘ndi sacciu. (beve)

LUIGI

Allura quandu u facemu u fidanzamentu?

PEPPE(tossisce)

U fidanzamentu ? Ma veramenti no sacciù si ssi pò fari!

LUIGI

Ai ai ai ai ai ai…

PEPPE

Chi è vi sintiti mali?

LUIGI(sarcastico)

No, stava pinzandu che sta casa, a stadda, e u tirrenu...mi l’hannu ciccatu non sacciu quantu cristiani...e dunqui fossi putissi ccuntintari a cacchi d’unu…

PEPPE

Ma jò non è chi vi dissi chi mi ‘ndi vogghiu andari?

LUIGI

U sacciu, ma quandu ci dugnu a notizia a me niputi...no sacciu jddu comu a pigghia, e dunqui!

PEPPE

Quali notizia?

LUIGI

A notizia du fidanzamentu chi non si pò fari!

PEPPI

Ah...cettu...ma...jò…jò…dicia non ssi pò fari ora. Picchì vostru niputi non c’è!

LUIGI

Ma ci sugnu jò, e vali o stissu!

PEPPE

Si...ma...me figghia non c’è mancu!

LUIGI

E non ci siti vui?!

PEPPE

Ah...già...ci sugnu jò. Ma jò no canusciu bonu a vostru niputi!

LUIGI

Ma canusciti bonu a mia, e pi jddu currispondu jò!

PEPPE

Si ma….

LUIGI

Ma?

PEPPE

Me figghia ancora e carusa.

LUIGI

Puru me niputi è carusu.

PEPPE

E non è megghiu mi facemu crisciru nautra picca?

LUIGI

Prima si maritunu prima divintati nonnu.

PEPPE

Apposta, jò ancora non vulissi divintari nonnu.

LUIGI

Va beni, videmu comu pigghia a notizia me niputi. Jò contru a sò vuluntà non pozzu andari, è chiaru!

PEPPE

Cettu…ma…però viditi chi me figghia doti non d’havi!

LUIGI

Di chistu n’hata haviri paura, non c’è bisognu di nessuna doti. Anzi stà casa e u tirrenu chi mi guvirnati vi dugnu, così ci putiti fari a doti.

PEPPE(incredulo)

Co..co..comu? mu dati a mia!?

LUIGI

Comu no, pa me niputedda chistu e autru. A pozzu chiamari così?

PEPPE

Si vi fa piaciri.

LUIGI

Cettu chi mi faci piaciri, anzi vistu chi ommai è cosa fatta ‘ndi putemu ghiamari cumpari, no?

PEPPE

Co…co…comu no.

LUIGI(bevendo)

A saluti cumpari Peppi.

PEPPE

Saluti cumpari Luigi.

LUIGI

Allura, quandu u facemu u zitaggiu?

PEPPE

Ora videmu, quantu ‘ndi parru cu me muggheri e me figghia.

LUIGI

Picchì c’è cacchi ‘mpidimentu?

PEPPE

No, così si priparunu pi l’occasioni no.

LUIGI

Giustu, puru jddi hanna sapiri a bella notizia.

PEPPE

Spiramu chi a pigghiunu bona.

LUIGI

Cumpari Peppi, o bona o tinta, comu dici u provebbiu? Dici lu puddicinu ‘nta la nassa, undi maggiuri c’è, minuri cessa. U patruni di casa non siti vui?

PEPPE

Cettu, jò sugnu. Cumpari Luigi, siti sicuru chi non ci fa nenti chi me figghia non potta doti?

LUIGI

Non c’è bisognu di nessuna doti vi dissi!

PEPPE

Cettu, cu tutti i proprietà chi jhavi vostru niputi! Allura a casa e u tirrenu mi pozzu teniri jò, vistu chi non c’è bisognu di doti?

LUIGI

Faciti chiddu chi vuliti, tantu siti vui u patruni.

PEPPE

Cettu, u patruni sugnu jò...patruni.

LUIGI

Va beni, mi ‘ndi vaju, così ci dugnu a bella notizia a Jaffiu.

PEPPE

A cu?

LUIGI

A me niputi Jaffiu, u zitu!

PEPPE

Ah, già, scusatimi, ma ancora m’ha abituari. Si andati, andati e salutatimi a me jenniru Jaffiu!

LUIGI

Sarete servito, vi salutu cumpari Peppi.(si baciano)

PEPPE

Arrivedecci cumpari Luigi. (prima che esca) Ah, cumpari, ma u cosu...u tirrenu...a casa...come…

LUIGI

A casa pi jddi? E non c’è chidda ‘nta chiazza ‘nfacci a chesa! Già pronta pi stari.

PEPPE

A si, bella, bella chidda.

LUIGI

Di chidda ci fici già u cuntrattu a me niputi.

PEPPE

E dell’autra?

LUIGI

Dill’autri quandu Diu voli, chiù taddu chè possibili si capisci, quandu moru sarà patruni jddu.

PEPPE

No, dicu dill’autra...di...di chista...u cuntrattu...

LUIGI

Ah cettu, giustu, quandu facemu u zitaggiu andamu undi u nutaru e facemu u cuntrattu.

PEPPE

Va beni, quantu prima facemu u zitaggiu allura.

LUIGI

Giustissimu, u ferru si batti quandu jè caudu.

PEPPE

Basta mi non di bruciamu. (ridono)

LUIGI

Di novu, arrivedecci. (esce)

PEPPE

Arrivedecci don Luigi…ah cumpari Luigi.(passeggiando incredulo) Cumpari Luigi, u patruni è me cumpari? Non ci pozzu cridiri, mi staju ‘nzunnandu.(si schiaffeggia) Ai, no mi ‘nzonnu no, veru jè, sta casa è a me, u tirrenu è u me, non ci pozzu cridiri, un miraculu. Sugnu patruni puru jò. Cu l’avissi mai dittu chi me figghia  mi facia divintari patruni! Patruni...patruni...chi bella parola, comu sona bella ‘nta bucca. Patruni don Peppi…don Peppi vossia binidica...don Peppi.

MELO(f.s.)

Don Peppi.

PEPPE

Avanti cu jè?

MELO(entrando)

Jò sugnu Melu.

PEPPE

Ah, chi c’è, chi voli to patri?

MELO

Nenti.

PEPPE

E comu mai?

MELO(indeciso)

Jò…Jò…don Peppi...jò vinni...vinni...

PEPPE

U staju videndu chi vinisti...vistu chi ssi ccà!

MELO

Jò vinni picchì...vi vulia diri...chi...si...

PEPPE

Melu chi c’è...chi ha...sputa u rospu.

MELO(respira profondamente)

Jò mi vogghiu fari zitu cu vostra figghia. (Peppe guarda sorpreso)Vulissi, si mi dati stu piaciri!

PEPPE(dopo una pausa)

Caru Melu tu u sa chi i piaciri si pagunu?

MELO

Chi vuliti diri?

PEPPE (si alza)

Ha raggiuni, è megghiu parari chiaru. Tu a me figghia chi ci pò dari?

MELO

Comu chi ci pozzu dari?

PEPPE

Dicu, tu comu si cumbinatu a soddi. D’ha tirreni, casi?

MELO

Si, un pezzu a mitateri.

PEPPE

E di chiddu non si patruni pecciò tirreni non d’ha. E casa?

MELO

Si, chidda di me nonno, quandu jddu mori mi resta a mia.

PEPPE

E chidda a ghiami casa? Tri iaddini ‘nda intra stannu stritti. E ancora jè di to nonnu pecciò non è a to.

MELO

Però vaiu a travagghiari a rumundaturi e a picca a picca mi pozzu cattari a terra e una casa!

PEPPE

Si a sacciu ssa litania, puru jò dicia così, e intantu vidi comu sugnu ridduciutu?

MELO

Ma jò...

PEPPE

Nenti Melu, non si pò fari stu zitaggiu, è inutili parrri, e poi me figghia jè zita.

MELO(sorpreso)

Zita?

PEPPE

Propriamenti, zita, e pecciò non haiu chi ti fari.

MELO

Ma cun cu?

PEPPE

Ah...ora vò sapiri troppu. Ti pozzu diri sulu chi è un patruni di chiddi rossi.

MELO

Ma siti sicuru?

PEPPE

Ma vadda che bella! Cettu chi sugnu sicuru...anzi sicurissimu.

MELO

Ma idda...ma...ma quandu si fici zita?

PEPPE

O Melu, non ti pari chi ora ci sta rumpendu i scatuli. Quandu non quandu, ti dissi chi è zita e basta!

MELO

Vistu chi è così mi ‘ndi vaiu...e scusatimi. Arrivedecci. (esce)

PEPPE

Ti salutu...ma quandu mai, cià dava a jddu pi zita. E chi era fissa, dopu stu miraculu chi mi cadiu du celu. S’havia fattu tutti i cunti iddu. Ma chi, me figghia truvò un partitu chi megghiu non si pò.

SANTO(entrando)

Oh, caru cugnatu, e comu mai a casa?

PEPPE (siede e beve)

Picchì avoj m’andava così!

SANTO

Cuntentu tu, cuntenti tutti. Scuntra a Melu pi strada, chi vinni ccà?

PEPPE

Si, ccà vinni.

SANTO

E chi ci facisti? Mancu mi salutò, jhavia na facci!(Peppe c.s.) Cu tia parru, ci dicisti cacchi cosa di mali contra a ssò patri pi casu?

PEPPE

Jò non ci dissi nenti di mali!

SANTO

E allura chi havia?

PEPPE

Havia vinutu mi mi cecca a Rina pi zita!

SANTO

Ah...e tu chi ci dicisti no?

PEPPE

Picchì ci havia diri si?

SANTO(apre la dispensa per cercare qualcosa)

Tanto con o senza u tò cunsenzu u stissu si fannu ziti, si vonnu beni i carusi!

PEPPE

Chi dicisti? Chi ‘ndi sà tu? Cu tu dissi?

SANTO

Nuddu...chi ‘ndi sacciu...dicia così pi diri...dui chi si vonnu beni si fannu ziti, era una supposizione!

PEPPE

E tu sempri fissarii ha diri. S’havia fattu u cuntu chi cià dava a jddu.. Ma chi cecchi ‘ndocu?

SANTO

Mi ricuddava chi c’era un ciu di fummaggiu, voli diru chi briò.

PEPPE

Comu briò? Ancora ajeri u puttà e no ‘ndi potti saggiàri mancu un ciu!

SANTO

Mah, e chi ti pozzu diri, jò ‘ndi potti mangiari si è no na muddichedda.

PEPPE

Mah… c’hava jessiri cacchi surici allura, di chiddi rossi chi sannu japriri puru i spottelli da vitrina.

SANTO

Mah?

PEPPE

E senti, docu intra c’era na buttigghia di grappa e una di rosoliu, tu ‘ndi sa nenti?

SANTO

Jò?! Jò mancu mi ricoddu l’ultima vota che ‘ndi bippi na goccia!

PEPPE

Hava jessiri sempri u stissu surici allura, voli diri chi sapi ‘mbiviri puru ‘nte buttigghi. Ora ma vidu Jò, si no pigghiu ca trappula voli diri chi ci mettu u vilenu ‘nte buttigghi!

SANTO

‘nta tutti?

PEPPE

Cettu, picchì si non ciù mettu ‘nta tutti va a finiri chi vaci a ‘mbivi ‘nta chidda chi non d’havi e mi tonna futti. Inveci così è sicuru cu fazzu siccu!

SANTO(inghiotte toccandosi la gola)

Sicuru.

PEPPE(con tono alto)

Sicurissimu, picchì ‘nta me casa surici non di vogghiu.

SANTO

Cettu, i surici dannu fannu intra.

PEPPE(marcando)

U sacciu, apposta jò ‘nta me casa non di vogghiu.

SANTO

‘nta to casa, ‘nta casa du patruni!

PEPPE

No caru cugnatu, ‘nta me casa.

SANTO

A to finu a quandu voli don Luigi?

PEPPE

E no! È a me, e non sulu, puru u tirrenu ora jè tuttu u me!

SANTO(guarda la bottiglia sul tavolo)

O Peppi, fossi bivisti cacchi biccheri di vinu in chiù?

PEPPE

Si bippi, ma a casa e u tirrenu sunnu i me, u patruni mi desi a mia!.

SANTO

Si va beni, e chi ci dasti a to figghia?

PEPPE (stupito)

E cu tu dissi a tia?

MARIA(infuriata, entra insieme a Rina)

Cun cu fossi zita to figghia?

PEPPE

Minchia, e com’è chi già u sannu tutti pari?

SANTO

U putissi sapiri puru jò?

PEPPE(a Rina)

Tu pigghia pi ‘ndabbanda chi su discussi chi non t’intaressunu.

RINA

Comu, a zita sugnu jò e non m’intaressa?

SANTO

Giustissimu, vistu che si parra di jdda mi pare corretto che ella stia qua.

PEPPE(arrabbiato)

Ti dissi mi pigghi pi ‘ndabbanda.

MARIA

Vatindi Rina pi ora, poi ‘ndi parramu.(Rina esce)

SANTO

Ma chi mali c’è si to figghia stava ccà?

PEPPE

E chi mali c’è si ti ‘ndi va puru tu?

SANTO

Io sono lo zio della zita.

PEPPE

E grazi e to ‘nzignamenti chi ora mi rispundi così.

SANTO

Devi ringraziarmi, che ci ho fatto aprire gli occhi e l’intelligenzia.

MARIA

Putissi sapiri cu jè ssu zitu?

PEPPE

Un bon pattitu.

MARIA

Comu fa a diri chi è un bon pattitu?

PEPPE

Picchì canusciu a sò ziu.

SANTO

Canuscendu o ziu, tu sà chi u niputi è un bon pattitu?

PEPPE

Si. Picchi u ziu è don Luigi, u patruni.

SANTO

Ah! E u zitu avissi a jessiri Jaffiu?

PEPPE

No avissi a jessiri, è.

MARIA

È...chi jè...cu jè...chi facisti u cuntrattu?

PEPPE

Minchia! Sapi puru du cintrattu. Si, fici u cuntrattu.

MARIA

E levitillu da testa ssu cuntrattu.

PEPPE

Vadda che bella, picchì mi l’avissi a livari da testa?

SANTO

Hai chieduto a Rina se lo vuole?

PEPPE

Picchì si dumanda puru a figghia ora?

MARIA

A figghia e puru a mamma!

SANTO

To figghia si l’hava truvari u zitu no tu!

PEPPE

U zitu a me soru ciù truvò me patri.

SANTO

Ma che ci incucchia ora, erano altre tempi.

PEPPE

Non sulu t’ha supputtari ‘nta me casa e t’ha dari a mangiari, ma t’ha biscari puru ‘nta discussioni chi non ti ‘ntaressunu!

MARIA

Comu non ci ‘ntaressunu, è so ziu!

PEPPE

Apposta picchì è so ziu chi ora semu rivati a stu puntu.

SANTO

Come tu vuoi, non declamo più.

MARIA

Và undi don Luigi e ci dici chi non si ‘ndi faci chiù nenti.

SANTO(come se parlasse tra se)

Stò matrimonio non sa da fà.

PEPPE(truce)

U patri sugnu jò e u maatrimoniu si fà!

MARIA

A mamma sugnu jò e matrimoniu non si ‘ndi fà!

PEPPE

Dici u puddicinu ‘nta la nassa, undi maggiuri c’è minuri cessa!

MARIA

Campa cavaddu chi l’ebba crisci!

PEPPE

Tacca u sceccu undi voli u patrumi.

MARIA

Ma si u sceccu siti non d’havi avogghia mi cci frischi!

SANTO

Chi semina zizzania, coglie tempesta!

PEPPE

N’è tempu ne di siminari e mancu di metiri, jè tempu di fari u matrimoniu. E quandu mi mettu un chiovu ‘ntesta non mu leva nuddu.

SANTO(quasi tra se)

Cettu ccu ssà testa di lignu chi ha!

PEPPE

Chi dicisti?

SANTO

Nenti, dicia chi testa chi ha.

PEPPE

L’haiu a comu l’haiu, oh...e a ogni modu u matrimoniu s’hava fari e basta.

SANTO

Aspetta, rggiunamu...

PEPPE

Jò non raggiunu, oh...

MARIA

E apposta cumbini sti ratigghi.

SANTO

È giustu che tu da padre, t’interessi per il bene di tua figlia, ma è anche giusto che tua figlia da figlia, dica le sue intenzioni, le sue volontà, i suoi desideri, visto che è jdda chi s’hava maritari. Perché, caro cognato, qua non si parra mica di una scelta qualunque, questa è una scelta, irreversibile…cettu chi quandu mi mettu trovu paroli chi mi stupisciu jò stissu...paru piddaveru un poeta...

PEPPE

E vistu chi ssi un poeta, a scriviti du poesii e non ci rumpiri i bettuli.

SANTO

Ma ti ribadiscio che sono lo zio, e quindi è mio dovere vegliare sulla sorte della mia diletta nipote. Essendo che sono più sapiente di te, è mio dovere farti comprendere l’enorme errore che stai fando.

PEPPE

U to doveri fussi chiddu mi ti ‘ndi va di ‘nta sta casa.

SANTO

Un giorno o l’altro lo farò, e allora si che mi rimpiangerai.

PEPPE

Jò non ti cianciu mancu quandu mori.

SANTO

A patti chi tu mori prima di mia e quindi ti ciangiu jò, chistu è sicuru.

PEPPE

No, non è sicuru, picchì prima o poi jò ti mazzu e a finemu.

SANTO

L’ira ti fa sparlare. A ogni modu ora s’hava discutiri come sfasciare questo matrimonio.

PEPPE

jò ti spasciu a testa, non l’ha caputu ancora. U matrimoniu è già risubbutu, e s’hava fari.

MARIA

Si comu no! Così si raggiuna? Na matina ti suggi e ci duni a to figghia pi muggheri o primu chi scontri, senza parrari cu nuddu.

PEPPE

Ma cun cu havia parrari?

MARIA

Cu mia.

SANTO

E cu mia.

PEPPE

Ma si tu u sapivi prima mi jò tu dicia chi era zita!

MARIA

Jò sappi chi tu ha facisti zita, no chi ha vulivi fari zita!

PEPPE

A patti cu patri sugnu jò...

MARIA(interrompendolo)

E a mamma sugnu jò...

SANTO

E u ziu sugnu jò.

PEPPE

A patti cu patri sugnu jò e dunqui l’ultima parola spetta a mia, ma fu na cosa chi capitò così, ‘mpruvvisata. Ant’ura vinni don Luigi e ficimu l’affari.

MARIA

L’affari!? Comu si parri di pecuri e viteddi!

PEPPE

Ma tu u sa chi don Luigi ‘ndi duna a casa e u tirrenu facendu stu matrimoniu?

MARIA

A mia non m’intaressa.

SANTO

Neanche per tutto l’oro del mondo avessi avuto accettare.

PEPPE

Si n’avissi accittatu, don Luigi mi fici capiri chi m’avissi cacciatu fora da casa e du tirrenu.

MARIA

Non m’intaressa chiddu chi ti fici capiri.

PEPPE

Non t’intaressa? E undi andaumu a stari?

MARIA

A truvaumu nautra sistemazioni.

SANTO

Pure in un pagliaro te ne dovevi andare, ma non avessi dovuto accettare.

PEPPE

‘nto pagghiaru ti ‘ndi va tu non appena don Luigi mi faci u cuntrattu. Ti sbattu fora a pitati ‘nto culu.

MARIA

E ‘nsisti cu ssu cuntrattu. Tu pò livari da testa ti dissi. Rina cu chiddu non si marita e basta, capisti?

PEPPE

Ma picchi, picchì non ci piaci. I soddi cumbogghiunu tutti i brogghi. Si marita, si marita.

MARIA (furiosa)

Non si marita, a jdda i soddi non ci ‘ntaressunu, e poi jdda è...(trattenendosi)

PEPPE

È?

SANTO

È confusa! È un poco confusionaria! Non è chi s’hava maritari cu unu chi mancu canusci!

PEPPE

Non è chi s’hava maritari dumani, avogghia di tempu chi jhavi mu canusci. Niautri hama fari u zitaggiu viatu viatu, prima chi don Luigi si ‘ndi penti. Ma chi vulemu chiossà da vita? Me figghia diventa na gran pussidenti, patruna di mità paisi, sibbuta, riviruta e rispittata di tutti. A niautri ‘ndi resta sta casa e u tirrenu! Chi jemu ciccandu? Un patri hava fari di tuttu pu beni di figghi.

MARIA

U beni non è chiddu chi intendi tu.

PEPPE

E qual è u bene.

MARIA

Fari u beni da so sacchetta non è fari u beni di figghi.

PEPPE

Jò prima pinzà o sò di beni, poi facendu u sò beni mi capitò u beni puru a mia, chi fazzu ci sputu?

MARIA

U beni non sunnu i casi e i tirreni...

PEPPE(in crescendo)

A no? E chi è u beni, comu si faci u beni? Chi è chiddu ch’è passatu jò ‘nta me vita? Chistu è u beni? Travagghiari sutta l’acqua, ventu, sutta o suli, tutti i jonna, duminica Natali, Pasqua, senza mai un jonnu di riposu, e non vidiri mai lustru, chistu è u beni? Calari sempri a testa, sissignori, vossia cumanda, vossia binidica patruni, chistu è u beni? Jddi mangiunu sempri e megghiu di mia, chi me sacrifici, cu me suduri, e jò mangiu chiddu chi pozzu e quandu pozzu. N’haviri i soddi pi mandri me figghia a scola, e mancu pi ci fazzu un mostru di doti, chistu jè u beni? E ora chi si prisenta a futtuna chi tutti disiunu ciavissi girari i spanddi? Cettu, picchì i nostri nonni erunu povira genti, i nostri patri erunuo povira genti, niautri semu povira genti, e i nostri figghi hanna jessiri povira genti, è u nostru distinu. No, jò u vogghiu cangiari, u vogghiu sfidari u distinu, jhaiu a futtuna d’aviri u beni, di divintari patruni e na vogghiu peddiri. (esce, Maria e Santo esterrefatti)

RINA(entra singhiozzando)

Jò mi ‘ndi fuju.

MARIA(abbracciandola)

Chi dici, lassulu parrari a to patri, ora è priatu chi ci pari chi diventa patruni, e vaci sparrandu.

SANTO(accarezzandola)

Non ti scantari, ora sistimamu tutti cosi.

RINA

E comu? Jddu non voli raggiunari. Jò mi ‘ndi fuju cu Melu.

MARIA

E bonu cu ssu fujri, minchiuni, a testa l’ha chiù dura e to patri! (cammina pensosa)

SANTO

Non ti piglio se non ti rassomiglio..no, non è chistu u provebbiu...qual’è…Du patrozzu si ‘ndi pigghia un caddozzu...no...mancu chistu è..a si. Tale padre tale figlia si dice...

MARIA (tra se,idea)

Giustu...giustu!

SANTO

U sacciu chi è giustu, m’havia cunfundutu prima.

MARIA

Ma chi cucchi? Scuta mi vinni na pinzata! Facemu così, niautri….(playback, musichetta di sottofondo, sedendosi tutti e tre a turno) Chi dici?

SANTO

Na bella pinzata, piddaveru.

MARIA

Ci dicemu chi ci pinzammu, chi è un bon pattitu e chi tu si cuntenta e putemu fari u zitaggiu.

RINA

E si non ci riniscemu?

SANTO

Ti ‘ndi fuj cu Melu!

MARIA

Zittiti, anza ma Diu. Tu t’ha maritari ‘nta chesa cu tutti ligghini e cu logghini...

SANTO

E puru a missa cantata no?

MARIA

Cu bellu vistito jancu, puru si ma vindiri i ribbi di ‘ncoddu mu tu cattu.

SANTO

Pu vistitu di me niputi non t’ha pigghiari pinzeri, picchì ciù regalu jò un bellu abitu jancu.

RINA(abbracciandolo)

Grazi ziu

SANTO

E di chi. Chiuttostu damindi di vessu pi cumbinari u matrimoniu.

MARIA

Ora ci fazzu vidiri jò chiddu chi sugnu capaci di cumbinari.(escono)

FINE II ATTO

 


ATTO III

(Maria, Santo, e Peppe)

PEPPE(euforico)

No ci pozzu cridiri, staju divintandu ufficialmenti u cumpari di don Luigi, non ci pozzu cridiri!

SANTO

E cu ci cridi!

PEPPE

Di dumani in poi puru jò sugnu patruni, cu l’avia diri?

SANTO

E cu dici?

PEPPE

Ma… nenti ci hama fari truvari?

MARIA

Chi ci vò fari truvari?

PEPPE

Chi ‘ndi sacciu, du pasti sicchi, na buttigghia di rosoliu!

MARIA

Ma no, non c’è bisognu.

PEPPE(aprendo la dispensa)

Ammenu u rosoliu per fari u brindisi ci voli, su surici ‘ndavissi lassatu, ah? (a Santo, che fa l’indifferente) Ah? Non si senti di sta ricchi? E va beni, u tonna cattamu.

MARIA

Lasssa stari, non c’è bisognu, e poi jddi i sannu i nostri possibilità.

PEPPE

Prima si, ma di dumani in pò cambierà tutto. I vaju a cattu du pasti sicchi e na buttigghia di rosoliu.

MARIA

Non c’è bisogno.

SANTO

Lassa stari, và a finiri chi vannu di travessu!

PEPPE

E tu non di mangiari si ti vannu di travessu.

SANTO

A mia nenti mi vaci di travessu!

PEPPE

A tia mancu i rospa ti vannu di travessu. (va per uscire)

MARIA

Non c’è bisognu, e poi a fari u cuntu chi jddi ssu ccà.

PEPPE

Me figghia si faci zita e ci vonnu. Ora mi pozzu puru pemmettiri. Staiu rivandu.(esce)

SANTO

Stavota piddaveru ci vannu di travessu. Jò quasi quasi mi ‘ndi vaju. Jddu sa pigghia cu mia poi!

MARIA

N’aviri paura, ci dicu chi tu non ci cuppi.

SANTO

Si, e ti pari chi jddu ci cridi. È megghiu chi cuminciu a ricogghiri i baratteddi, picchì mi jetta fora stasira stissu. (Melo f.s. fa il verso del gufo)

MARIA

Ti dissi chi poi ma vidu jò.

SANTO

Senti? Chi è un merru chi canta?

MARIA

Ah, si, Melu jè!

SANTO

E chi faci frisca inveci mi parra?

MARIA

No, ci dissi jò mi friscava quandu rivava, pi non si fari vidiri di Peppi.(esce, f.s.)Melu, Melu, veni, veni pò trasiri. (rientra)

MELO(entrando)

Bonasira don Santu.

SANTO

Quali don e dan, chi sugnu na campana? Mi pò chiamari ziu Santu.

MELO

Va beni don Santu.

SANTO

E tonna ca campana!

MELO

Va beni ziu Santu.

MARIA

A mucciti arreti a stadda, e quandu è ura ti facemu u signali da finestra.  

MELO

Va beni, e Rina undi è? Chiamatila a salutu.

MARIA

No, è megghiu si na vidi.

MELO

Picchì chi jhavi?

SANTO

Nenti, si sta ripassandu a patti chi hava fari, è megghiu di non desconcentrarla. Tu ti ricoddi chiddu chi cià diri a me cugnatu?

MELO

Mi ricoddu tuttu pi filu e pi segnu.

MARIA

Fui a mucciti, e vadda a finestra pu signali.

MELO

Va beni, ‘ndi videmu chiù taddu. (esce)

MARIA

Videmu a chi puntu jè Rina.(esce)

SANTO(guardingo, mette la mano nella dispensa e scatta la trappola)

Aaaaaa…(si tappa la bocca, butta via la trappola)

MARIA(entrando)

Chi succidiu? Chi ha?

SANTO(dolorante)

Tò marito...tò maritu.

MARIA

Und’è, rivò già?

SANTO

No, fu tò maritu.

MARIA

Ma si ancora n’ha rivatu?

SANTO(indicandola)

A trappula...a trappula.

MARIA

Chi ci mittisti u itutu na intra? (Santo annuisce) Ma chi si biscottu, e picchì?

SANTO

Ma jò chi ‘ndi sapia chi ‘nta vitrina c’era a trappula pi surici?

MARIA

Undi? ‘nta vitrina, e chi visti cacchi surici ‘nda intra?

SANTO

Ma chi ‘ndi sacciu, sacciu sulu chi mi rumpì un idutu.

MARIA

Fammi vidiri.(glielo tocca) u pò moviri?

SANTO

Ai...ai...ai...ruttu jè.

MARIA

Ma quali ruttu, non fari spittaculi, non è ruttu.

SARA(f.s.)

Cummari Maria, è pimmissu?

MARIA

Avanti, avanti. (entra Sara, seguita da Tina e Anna, sono vestite a festa, si salutano a soggetto, baciandosi, con un po’ di difficoltà per i grandi cappelli che indossano) Tina, chi si bedda!

TINA

Grazi.

SARA(avvicinandosi a Santo, porgendole la mano)

Bonasira.

SANTO(dandole la mano)

Buonase…raaah…(si contrae per il dolore)

ANNA(maliziosa, imita la sorella)

Buonasira.

SANTO(indeciso se darle la mano o no, poi gliela bacia)

Buonasera, miss Anna.

ANNA(lusingata)

Oh…mai nessunu m’ha ghiamatu così.

SANTO

Eh…la classe non è acqua fresca.

TINA(imitando la zia)

Buonasira.

SANTO(baciandola in fronte)

Ciao Tina.

TINA

E a mia nenti baciamani?

ANNA(acida)

E chi centra u baciamani a tia!

SANTO

Cettu, raggiuni jhavi tò zia. Il baciamane va fatto alle donne di una certa età, di una certa classe e portamento, tu sei ancora una carusa.

SARA (a Santo)

Si, me soru è da classi du 1920, e jhavi piddveru un bellu portamentu. (gli tocca il seno) Vaddati che portamentu chi jhavi, e chè bedda stasera è na stella brillantissima, che bedda, facissi ‘namurari puru o sceccu, guardatela. Cettu ogni tantu si trascura, ma cu du coppa di lapisi diventa n’amuri, vaddatila.

SANTO

Si, devo dire che è proprio così. Ma puru vui e sia Tina stasera siete, come dire, parate a dovere.

MARIA

Belli piddaveru, veramenti belle, bellissime. E chi vistiti, fannu peddiri a vista di l’occhi.

SARA

Si, ‘ndi ficimu pristari pi l’occasioni. Hama fari na bella figura no? E…Rina?

MARIA

‘ndabbanda è, quando arrivunu don Luigi e sò niputi a ghiamamu.

TINA(impaziente)

E quandu arrivunu?

MARIA

Und’è avissuru a jessiri ccà. Ssittativi intantu. (le porge le sedie)

SARA

Vostru maritu und’è?

PEPPE (entra con la bottiglia e i pasti secchi, vedendo gli ospiti, resta stupito)

Bonasira. (posando tutto sul tavolo, interroga la moglie con lo sguardo)

SARA (restando seduta)

Parramu du diavulu e ci spuntunu i corna. Bonasira.

PEPPE

Quali corna?

MARIA

Nenti, havia finutu di diri undi eri e tu spuntasti.

TINA(porgendo la mano)

Buonasira.

PEPPE(guardandole la mano)

Chi ha?

TINA

Il baciamane.

PEPPE

Chi?

SANTO

Lasssa peddiri, me cugnatu non conosce il galateo.

PEPPE

Ancora cu ssu marameo.(in disparte a  Maria) Ma chi ci fanno chisti ccà parati così?

MARIA

I ‘nvitò Rina, pu fidanzamento.

PEPPE

Ma c’era bisognu?

MARIA

E chi c’è di mali?

PEPPE(accorgendosi della trappola)

E ‘ndda trappula cu a misi ‘ndda?

SANTO

L’ho mentuta io. Ho veduto un topastro, prima.

SARA

Malanova mi hannu, quantu ‘ndavi pedi pedi, e undi niautri non di parramu.

SANTO

D’altronde, semu in campagna!

PEPPE(che intanto ha visionato la trappola)

E…ha mittisti senza ma pari?

SANTO

A stava parandu, ma poi hanno arrivato le nostre gentili ospiti.

PEPPE(dopo aver guardato dentro la vetrina)

E va beni. Vistu chi no potti pigghiari ca trappula, voli diri chi ci mettu u vilenu. (rumore di calesse)

MARIA

Mi pari chi rivaru.

PEPPE(ansioso)

Undi è Rina?

MARIA

A vaju a ghiamu. (esce)

PEPPE(si avvia all’ingresso)

Fozza, fozza. (Tutti si alzano, Anna ammicca a Santo, poi tutti zitti rivolti all’ingresso, pausa)

LUIGI(f.s.)

È permesso…(Le tre ospiti in coro diranno “Avanti” prima che lo dica Peppe)

PEPPE (guardandole in cagnesco)

A..., avanti cumpari Luigi.

LUIGI(entra seguito da Alfio, che ha un mazzo di fiori)

Buonasera.

PEPPE(baciandolo)

Bonasira Jaffiu!

ALFIO

Bonasira.

SARA(allungando la mano)

Buonasera.

LUIGI(baciandogliela)

Buonasera.

TINA(imitando la madre)

Buonasera.

LUIGI(c.s.)

Buonasera.

ALFIO(imitando lo zio)

Buonasera.

SARA(portandogliela davanti al naso di Alfio)

Chista jè Tina me figgha, vidi che bedda?

TINA(sbranandolo con gli occhi)

Ciau.

ALFIO(c.s.)

Buonasera.

TINA

Mai nessunu m’havia salutatu così! (Luigi guarda Peppe come per chiedere chi sono)

PEPPE

Jddi sunnu…

SARA

Jò sugnu a mamma di Tina, questa bellissima gioia, splendente di luce, splendente di bellezza, splendente di salute, vidisti che bedda Jaffiu, chi dici?

PEPPE

Si, si, a vistimu.

SARA

E chista jè me soru Janna.

ANNA(porgendo la mano a Luigi)

Buonasera.

LUIGI

Buonasera, signora Anna.

ANNA(guardando Santo)

Signorina ancora, prego.

LUIGI

Mi scusi.

ALFIO

Buonasera signora Anna, mi scusi, signorina.

MARIA(entrando insieme a Rina, che sarà mal ridotta e afflitta)

Bonasira don Luigi.

LUIGI

Bonasira signura Maria. (guarda Rina sorpreso)Ciao Rina. (la bacia in fronte)

RINA

Bonasira.

PEPPE(vedendo la figlia, alla moglie in disparte)

Ma comu si cumbinò?

MARIA

Chi ci pozzu fari jò, stamatina si sbigliò così. Appa jessiri l’emozioni du fidanzamentu, non è a prima vota chi u sentu diri.

PEPPE

Jaffiu na saluti a Rina? Non ti scantari, è emulsionata, apposta è così, poi ci passa non ti scantari.

ALFIO

Ciau Rina. Chisti sunnu pi tia. (gli porge i fiori)

RINA(forzatamente)

Grazi.

LUIGI

Bonasira prufissuri Cucuzza.

SANTO(gli da la mano)

Ai…ai…ai…

LUIGI

Chi c’è?

SANTO

Nenti, nenti. Ho…ho…

LUIGI

Chi aviti?

SANTO

Niente...a furia di scrivere con il mio travaglio mi ha venuto un crampo al dito.

PEPPE (nel frattempo si è avvicinato)

Ah…u pigghià u surici?

LUIGI

Pigghiastu u surici?

MARIA

Non ci faciti casu a chiddu chi dici me maritu, ssittativi, ssittativi.

SANTO

Si, prego, accomodatevi. Facete come se foste a casa vostra.(Maria e Sara si adoperano a far sedere Alfio in mezzo a Rina e Tina, Sara siederà alle loro spalle, mentre Maria, Santo, e Anna durante la scena faranno da separé, impedendo a Peppe e Luigi di vedere i ragazzi. Tina cercherà, aiutata da Sara, di abbindolare Alfio, lo bacerà, lo strapazzerà, cercherà in ogni modo di dissuaderlo dal fare il fidanzamento con Rina)

PEPPE

A si…a casa, cumpari Luigi, u cosu…u…cuntrattu u puttastu?

LUIGI(sedendosi)

Quantu andamu undi ù nutaru e u facemu.

PEPPE

Va beni, allura dumani andamu undi u nutaru. Maria pigghia i biccheri chi facemu un bellu brindisi.

MARIA(eseguendo)

Comu no.

SARA(alludendo a Tina e Alfio)

Vaddati chi bella coppia chi fannu!

PEPPE

Bedda, bedda, bellissima.

LUIGI

Ma vuiautri siti parenti?

PEPPE(Contemporaneamente a Maria)

No.

MARIA

Si.

PEPPE(c.s.)

Si.

MARIA

No. Comu si fussimu. Rina e Tina crisceru assemi, jddi stannu ‘nta cuntrada Serru.

SARA

Si, niautri stamu ‘nta casa du patruni don Vicenzu, u canusciti?

LUIGI

Comu no, cettu chi u canusciu.

PEPPE

Tra niautri patruni di canuscemu tutti. Brindamu, evviva i ziti.(esegue)

LUIGI

Alla loro.(tutti brindano mentre Sara gira la testa di Alfio verso Tina)

SARA

Quantu su beddi, sunnu fatti l’unu pi l’autra.

ANNA(che non perde occasione per ammiccare a Santo)

Si, semu fatti l’unu pi l’autra.

SANTO(imbarazzato)

Mah, fossi.

PEPPE

Comu fossi?

SANTO

Fossi, dicu, chi ognunu di niautri jhavi u so distinu assignatu, pecciò chiddu chi veni ‘ndi pigghiamu.

SARA(c.s.)

Si, ‘ndu pigghiamu, veru Jaffiu?

ALFIO(confuso, e rosso per i baci, i capelli scompigliati)

Si…si…si.(Tina lo bacia violentemente)

LUIGI(cercando di guardare Alfio)

Me niputi stasira è troppu emozionato e non ci nesciunu mancu i paroli.

PEPPE

Puru me figghia è emulsionata, vidistu comu si ridduciu? Allura, u facemu stu zitaggiu?

LUIGI

Comu no facemulu.

MARIA

Aspittati, chi primura c’è?

SANTO

Cettu, chi primura c’è? Mangiamindi na cosa duci prima, e poi si ‘ndi parra.

PEPPE

Prima si faci u zitaggiu e poi si mangiunu i cosi duci, no?

MARIA

Aspetta, facemu ripigghiari i carusi prima.

SARA

Si…facemili ripigghiari picchi sunnu senza ciatu.(Alfio fa un respiro, dopo il lungo bacio)

SANTO(passando i dolci)

Pregu don Luigi, favuriti.

PEPPE(prendendone un po’)

Aspetta, chi tu non mi ‘ndi fa saggiari mancu unu.

SANTO

Sempri u solitu esageratu si.

LUIGI(prendendo un dolce)

Grazi. Don Peppi avannu i livari...

PEPPE(interrompendolo)

Ah, cumpari! Ommai semu cumpari.

LUIGI

Si, scusatimi veru jè. Stava dicendu, avannu i livari pari chi na picca di liva l’hannu.

PEPPE

Si, avannu parissi n’annata bona. E difatti pinzava di ccattari du giarri novi…vistu chi…

LUIGI

Chi?

PEPPE

Vistu chi ora…u…cosu…u cuntrattu va…

LUIGI

Ah, si, si giustu, giustu.

SARA(soddisfatta, perché finalmente Alfio ha detto si a Tina, Rina torna sorridente)

Evviva i ziti. Evviva. Brindamo.(bacia Tina e Alfio)

PEPPE

Brindamo, a me cumpari Luigi, a Jaffiu e a me figghia Rina.

SANTO

E pi ziti ?

PEPPE

Cettu, evviva i ziti. (tutti brindano)

LUIGI

Fozza Jaffiu, pigghia l’aneddi.

PEPPE

Giustissimu, ufficializzamu a cosa.

ALFIO(alzandosi, timidamente)

Ziu…jò…ti vulia diri na cosa.

LUIGI(avvicinandosi)

È timidu u carusu, è a prima vota, vaddati com’è russu, comu na paparina. (Alfio gli parla sottovoce, alle sue parole lo zio resta incredulo, Tina e Sara eccitate annuiscono continuamente, Peppe aspetta ansioso, gli altri sulle spine. Dopo averselo fatto confermare più volte da Alfio, Luigi riprende l’atteggiamento da padrone, guardando ora Alfio ora Tina) Don Peppi…sintiti.

PEPPE

Ancora cu don cumpari Luigi? (mangia un dolce)

LUIGI(lo porta in disparte e gli parla sottovoce, Peppe incredulo si sta per affogare con il dolce)

Chi c’è don Peppi.

PEPPE(con un filo di voce)

L’aria!

LUIGI

U sacciu chi andò tutti cosi ‘nta ll’aria. Ma chi ci pozzu fari? I carusi si sa chi non sunnu mai femmi di pusu. Non è chi jò pozzu iri contru me niputi?

PEPPE(c.s.)

‘ntall’aria.

LUIGI

U capì u capì, ma chi ci putemu fari si andò così.

PEPPE

M’andò ‘nto bucu dill’aria.

SANTO(dandogli una pacca sulle spalle)

E tenilu chiusu ssu bucu dill’aria.

PEPPE

A tia avissi a teniri chiusu ‘nta na iaggia.

LUIGI

Pacienza don Peppi.

PEPPE

Ma…jè sicuru?

LUIGI

Jaffiu sicuru si?

ALFIO

Si, si, sicurissimu.

PEPPE

Cosi dill’autru mundu!

MARIA

Allura u facemu stu zitaggiu?

LUIGI

Diciticcillu don Peppi.

PEPPE

Diciticcillu vui cumpari...scuati sbagghià, don Luigi.(si toglie la coppola e si siede in disparte)

LUIGI

Me niputi Jaffiu…no…non si vuli fari zitu…cu…cu Rina picchì…picchì ci…ci piaci Tina.

SARA(euforica, bacia Tina, Alfio, e chi le capita)

Cumpari Luigi. (lo bacia)

LUIGI

Cummari Sara.

SARA

Fozza, facemu stù zitaggiu.

PEPPE(alzandosi di scatto)

No. Zitaggiu ‘nta me casa non si ‘ndi faci.(Luigi lo guarda) Ah, don Luigi, pu cosu…pu cuntrattu…quandu…comu…comu finiu ora?

LUIGI

Eh, non si fà! Vistu chi u zitaggiu cu vostra figghia sautò…sauta puru u cuntrattu!

SANTO

Evviva i ziti!

MARIA

Avanti, ommai chi ci semu facemu stu binidittu zitaggiu. (Peppe si risiede)

TINA

Si, si facemulu.(strapazza Alfio con un bacio)

LUIGI

Fozza Jaffiu pigghia aneddi.(Alfio esegue)

TINA

Mi…chi ssù beddi.(c.s., e poi tende il dito)

ALFIO(non riesce a infilarglielo)

Non ci trasi.

PEPPE

Cettu, chissu era pu idutu di me figgia!

SARA

U carusu non è praticu, fammi vidiri a mia.(mette il dito di Tina in bocca, poi con forza gliel’infila) Vidisti chi ‘ntrasiu, vaddati chi è beddu, na miravigghia.(mostrando la mano di Tina)

MARIA

Beddu, beddu, piddaveru.

SANTO

Evviva gli ziti! Auguri. (si baciano un po’ tutti) Brindamu. Tu non bivi Peppi?

PEPPE(truce)

No haiu siti jò.

LUIGI

Mancu na cosa duci?

PEPPE

Già pigghià l’amaru.

SANTO

Megghiu non mi ‘ndi mangi, non mi ti tonna vaci ‘nto bucu dill’aria e ti ffui!

ANNA(piangendo)

Auguri e tanta felicità Tina.

MARIA

Janna picchì ciangi?

ANNA

Nente, ciangiu di felicità, sugnu cuntenta pi Tina.

SARA(guardando Santo)

Ah…chi fussi bello si puru tu...ti facissi zita!

ANNA(guardando Santo)

Uhm…pacenzia!

MARIA

E bonu, prima o poi puru pi tia arriva u mumentu mi ti fa zita.

LUIGI

Va beni, chi facemu Jaffiu n’andamu?

TINA

Si, amunindi.

ALFIO

Si ziu, ‘ncumpagnamu puru a Tina a so casa.

LUIGI

Va beni. Don Peppi bi salutu, pacenzia, sarà pa prossima vota.

PEPPE(forzatamente)

Bonasira.(tutti si salutano a soggetto, meno Santo e Anna)

ANNA

Vi salutu don Santo.

SANTO

Puri vui vi n’andati?

ANNA

No. Jò pozzu stari si vuliti!

SANTO

Si…no…si vuliti…poi vi ‘ncumpagnu jò a casa.

ANNA(entusiasta)

Sara, jò ccà mi staiu, poi mi ‘ncumpagna Santu a casa.

SARA

Benissimu, bravu, bravissimu, arrivedecci a tutti, buonanotti.(escono Sara, Tina, Alfio e Luigi)

MARIA(dopo una pausa di sguardi)

Mah, sia fatta a vuluntà di Diu.

PEPPE

E di tutti i Santi.

ANNA

Quantu ci dicu na cosa a me soru. Pemmettete don Santo? (esce)

SANTO

Comu no! E..si..il destino. Ognuno nasce con il destino segnato, designato, predestinato, prestabilito.

PEPPE

Ma chi cucchi? Si non c’erunu ‘ndi varetti ast’ura c’era tutti cosi sistimati a doviri. Picchì i ‘nvitastu?

RINA

Jò a ‘nvità a Tina, è n’amica!

PEPPE

Amici e vadditi. E tu ti vaddasti o specchiu comu si cumminata. Jaffiu si scantò quando ti visti.

SANTO

Ma chi ci po’ fari jdda? L’emozione gioca brutti scherzi, caro cognato.

MARIA

Allura chi. E poi avissi a essiri cuntentu, ammeno si fici zita Tina.

PEPPE

Cettu chi ssù cuntentu, cuntitissimu. Putia essiri patruni inveci ristà minchiuni.

MARIA

Non ti lamintari, hama ringraziari Diu e a don Luigi chi ‘ndi fa stari ‘nta stà casa!

PEPPE

Inveci ora mi fazzu jttari fora cu me piaciri, così ammenu mi levu stu sfiziu. Dumani u vaju a ceccu e ci ‘ndi dicu quattru, videmu si chistu è modu du raggiunari, di rispittari i patti. Dumani si ‘ndi parra.

MARIA

Ma chi ci vò diri, non è chi è cuppa sò.

PEPPE

E di cu jè a cuppa?

MARIA

Di so niputi chi si pigghiò a Tina appostu di Rina.

PEPPE

Si ma jddu mi dissi chi pi so niputi ‘ndi rispundia jddu, e ora ‘ndava rispundiri e comu!

SANTO(sarcastico)

Calma!

RINA

Papà non vali a pena, lassulu peddiri.

SANTO

Se propriu ti vò passari un capricciu ci scriviamo una lettera di malcontento.

PEPPE

Ah, ci ha scriviri chi sugnu cuntentu? Non sugnu cuntentu, capisti chi non sugnu cuntentu…

SANTO

Jò capì ma tu non capisti, jò dissi malcontento, voli diri di protesta, di disapprovazioni.

PEPPE

Di quant’havi chi ti canusciu, fossi chista è a prima vota chi dici na cosa giusta, scrivemuci na littra.

SANTO

Vaju a pigghiu l’attrezzi. (esce, si sentirà il calesse e i saluti di Anna)

ANNA(entrando)

E Santu…don Santu und’è?

MARIA

‘ndabbanda è, ora veni.

ANNA

Fannu piddaveru na bella coppia Jaffio e Tina.(Peppe truce, Rina e Maria la zittiscono guardandola)

SANTO(entra con tutto l’occorrente che depone sul tavolo)

Ecco qua. (atteggiandosi, prepara tutto, indossa i polsini, siede al tavolo)

PEPPE

Mancu un dutturi chi hava fari n’operazioni!

SANTO(c.s.)

Io sono infatti il dottore delle lettere. Allora cominciamo. (prende la penna ma non può scrivere)Ai, ai…ai, non pozzu teniri mancu a pinna.

PEPPE(ridendo)

Chi c’è? Ci doli u idutu o surici?

SANTO

Ridi, ridi, si mi resta indifittatu e non pozzu travagghiari chiù mi manteni tu.

PEPPE

Picchì finu a ora cu t’ha mantinutu? Leviti, scrivu jò, e puru senza guanti.

SANTO

Va bene, vorrà dire che io te la detterò, e tu farai lo scrivano.(si alza, atteggiandosi, Anna lo guarda) Cosa vuoi scrivere nella missiva?

PEPPE(preparandosi a scrivere)

Quali Missina, jddu a San Conu staci.

SANTO

Missiva, missiva…nella lettera.

PEPPE

Chi dopu tutti sti anni di serviziu, jò non mi miritava stu oltraggiu, e chi jddu non…

SANTO

Va bene, va bene, ho caputo. Tu vuoi esprimere il tuo indignamento. Scrivi. Carissimo, stimatissimo, onorabilissimo, e reverendissimo….

PEPPE

Ma non è chi è un parrinu! E poi jò l’ha ‘nsultari, no l’accarizzari e la stimari, ora no stimu chiù.

SANTO

Fatti servire di me, so fare il mio travaglio, prima si apre la missiva con aggettivi squalificativi, poi si va al nocciolo. Carissimo, stimatissimo, onorabilissimo e reverendissimo don Luigi, come va?

PEPPE

Ma chi m’impotta comu và e comu non và.

SANTO.(Maria e Rina escono facendo un gesto a Santo, che annuisce)

E lasciami fare ti dico. Non m’interrompere, altrimenti perdo il filo. Quindi, come va? Spero bene, anche se non lo meriteresse, e vengo e mi dispiego subito, in quanto al punto in questione, punto.

ANNA

Siete davvero… molto….molto acculturato.

SANTO

Grazie, grazie. Riguardo al fidanzamento fatto non, con la mia figlia…

PEPPE(interrompendolo)

E puru u cuntrattu da casa….

SANTO

Sc…E niente di meno che, tutto una parola, virgola,che l’atto notabile che non è stato notato, punto e virgola, e questo da lei in persona, in persona due parole, non me lo avessi mai, e dico poi mai aspettato, aspettato con due t, due punti, dopo tutte le annualità che io sono stato servizievole…

ANNA

Un poeta!

SANTO

Troppo buona! Servizievole al vostro servizio, virgola, e questo, segno di q, è stato il vostro ripagamento, ripagamento tutto attaccato.

PEPPE(asciugandosi la fronte si sporcherà d’inchiostro)

Basta così.

SANTO

Un momento, abbi pazienza, dobbiamo fargliela bene no? Dobbiamo scrivere i saluti? Devi essere superiore a lui, non scendere alle sue bassezze e meschinità. Quindi i saluti….

PEPPE

Va beni, salutamulu e basta.

SANTO

Nonostante, e ammesso e non concesso, tutto l’ingarbuglio, ingarbuglio tutto unito, vi mando, vi porgo, deferenti saluti, punto, vostro don Peppe. Rileggila vediamo se dobbiamo aggiungere altro.

ANNA

Ma chi siti bravu! (cominciano a flirtare, Peppe rilegge, ma i due alle sue spalle, non gli danno retta, si carezzano, si coccolano, e finiranno per baciarsi. Prima che finisca di leggere, si sentirà il calesse, Santo e Anna si scostano, ed entreranno Maria e Rina che non avrà più nei e peli in faccia.)

RINA(avendo sentito il calesse, e sentendo le parole del padre)

Papà!

MARIA

Peppi!

LUIGI(entrando)

Don Peppi…

PEPPE(che avrà finito in quell’istante di leggere)

Ah…(accorgendosi di don Luigi, stropiccia la lettera) Don Luigi!

LUIGI

Don Peppi, cun cu l’aviti?

PEPPE

E cun cu l’haiu…cu…cu…cu distinu l’haiu, cu me distinu.

LUIGI

Eh ognunu havi u sò. Sintiti, bi vulia diri chi pa casa e u tirrenu…

PEPPE(interrompendolo, implorante)

Pi fauri don Luigi no faciti.

LUIGI

No, ci pinzà bonu, ‘ndi parrà puru cu Jaffiu e puru jddu è d’accoddu e puru Tina e me cummari Sara.

PEPPE

Ah…puru jddi sunnu d’accoddu?

LUIGI

Si, si,’ndi parrammu puru ora supra o calessi…

PEPPE(a Rina e Maria)

Vidistu chi beddi amici?

LUIGI

Aviti raggiuni, sunnu amici chi bi rispettunu piddaveru.

PEPPE(c.s.)

Pi carità don Luigi no faciti, pinzati a me figghia.

LUIGI

E jò propriu pi idda u vogghiu fari. Bi havia dittu chi ‘ndi currispundia jò, e ‘ndi currispundu. Jò ha rispittatu sempri a parola data, e a me parola vali chiù di un cuntrattu, pecciò quando vuliti andamu undi u nutaru e facemu l’attu. Poi si vui non vuliti propriu accettari voli diri chi cià dugnu…

PEPPE(riprendendosi)

No…Don Luigi, jò ‘ntindia diri, no faciti a mia ma faciticcillu a me figghia u cuntrattu.

LUIGI

Comu vuliti. Quando siti accomudu mu faciti sapiri, vaju chi carusi mi spettunu. Bonanotti. (esce)

PEPPE

Bonanotti don Luigi.

SANTO

Vidisti chi u distinu è signatu!

PEPPE

Don Luigi si chi è un’omu di parola. Sempri l’ha dittu jò. Cu su putia ‘magginari, quando paria chi havia andatu tutti cosi all’aria. Divintà patruni, e puru senza ‘mpignari a me figghia. (abbraccia Rina e si accorge che non ha più i peli in viso) Ma…i nei chi fini ficiunu?

MARIA

Scumpareru, vistu che non havi chiù l’emozioni du fidanzamentu! Non si cuntentu? (abbraccia Peppe e Rina assieme, Santo e Anna approfittano per baciarsi, intanto Melo fa il verso del gufo)

PEPPE

Cettu chi sugnu cuntentu. Puru aceddi sunnu cuntenti, senti comu cantunu?

MARIA

Ah…u…u cuccu!

SANTO

Già u cuccu!

PEPPE

Chi cuccu?

MARIA

C’è un cuccu chi…chi…chi si giucca supra a finestra. (a Santo) A cacciulu fuj.  

PEPPE

No, aspetta,  aspetta chi ci mettu a trappula così u pigghiu!

SANTO

Mii…ma ssi fissatu cu ssi trappuli. ( porgendo il braccio) Miss Anna, volete venire con me, a cacciare il cucco?

ANNA

Si, andiamo, facciamolo bolare! (escono a braccetto)

RINA

Janna stasira no lassa un minutu o ziu.

PEPPE

Cettu, jddu faci u lampiuni!

MARIA

Mah…cu sa ci nesci cacchi cosa!

PEPPE

Fussi chi fussi a vota bona, così si pigghia i barattelli e si ‘ndi vaci.

MELO(entrando)

È pimmissu?

MARIA

Avanti.

MELO

Bonasira signura Maria, bonasira don Peppi, ciau Rina.

PEPPE

A tutti bonasira, a Rina ciao? Chi fa a st’ura pedi pedi?

MELO

Mi fici na passiata, cu sta bella luna ghina!

PEPPE

E chi fa u cuccu pedi pedi?

MELO(discolpandosi prontamente)

No…jò no…

MARIA

Settiti Melu, pigghiti na cosa duci.

MELO(eseguendo)

Grazi.

PEPPE

Biviti na goccia di rosoliu.( Maria e Rina spronano Melo a parlare)

MARIA

Avanti Melu.

RINA

Fozza.

PEPPE

Lassatulu mangiari cu so tempu.

MELO(con la bocca piena)

Don Peppi…jò sugnu ccà pi…sugnu ccà…pi…

PEPPE(interrompendolo)

Ssi ccà pi mangiar u capì.

MELO

No, jò bi vuliaa diri chi…

PEPPE(intanto anche lui prende un dolce)

Chi cosa?

MARIA

E lassulu parrari cu so tempu!

MELO

Jò bi vulia diri chi…jò…jò vulissi…(Maria fa capire che deve essere categorico) Si, iò vogghiu…vogghiu…

PEPPI

Chi vò nautra cosa duci?

MELO

No…jò vogghiu…vogghiu…mi vogghiu maritari cu vostra figghia.

PEPPE(gli va di traverso come prima)

Di novu ‘ntò bucu dill’aria.

MARIA

E basta cu stu bucu dill’aria.(gli da forti pacche sulle spalle)

PEPPE

Adaciu, adaciu. Minchia, l’autru ionnu vinisti pi ma dumandi pi zita, ora addirittura pi muggheri!

MARIA

I cosi o si fannu boni o non si fannu propria, veru Melu?

MELO

Si, si.

PEPPE

Melu, jò l’autru jonnu…

MELO(interrompendolo, con coraggio)

L’autru jonnu era l’autru jonnu, aoj è nautru jonnu.

PEPPE

Ah, ti pigghiasti puru di curaggiu ora?

MELO

Si, picchì si vui non vuliti niautri ‘ndi fujemu.

PEPPE

Mah! (a Rina) Tu u vò?

RINA

Si, u vogghiu.

MARIA

Puru jò!

PEPPE

E…chi bi pozzu diri! Vistu chi me figghia ora havi puru a doti, cuntenti vujautri cuntenti tutti.

MELO(lo abbraccia lo bacia)

Grazi.

RINA(lo abbraccia)

Grazi papà.

PEPPE

E su dui, e comu si dici, non c’è dui senza tri.

MARIA(riempie i bicchieri e brindano)

Evviva i ziti.

SANTO(entrando a braccetto con Anna)

Evviva. Visto chi semu in fasi di festeggiamenti, non c’è momento più azzeccato. Caro cognato, cara sorella, cara nipote, caro mio nuovo nipote acquisito…

PEPPE

Mi pari chi non c’è chiù nessun caru.

SANTO

Vi voglio annunciare il mio fidanzamento e future nozze con la qui presente Anna.(la bacia)

PEPPE

Evviva i ziti. L’avia dittu chi non c’è dui senza tri, i provebbi non sbagghiunu mai. Brindamu. (baci abbracci, brindano, poi Peppe pensoso) Ma undi ata ghiri a stari?

MARIA

Pi primi tempi putissunu stari puru ccà, no?

PEPPE

Ma chi primi tempi e primi tempi, così passunu nautri vint’anni.

ANNA

No, ‘ndandamu a stari cu me soru, ‘ndda a casa è randi!

SANTO

Comu? Tò soru avissi a stari cu niautri?

ANNA

No…niautri stamu cu me soru!

PEPPE(gli da la mano, e Santo si contorce dal dolore)

Caru cugnatu u distinu è distinu, ognunu jhavi u so, è signatuo, disignatu e pristabilutu. Auguri e figghi masculi. Evviva i ziti.(tutti “Evviva”)

                                                                                                             

FINE

LETTERA CHE PEPPE RILEGGERÁ:

Quindi, carissimo, stimatissimo, onorabilissimo e reverendissimo don Luigi, come va? Spero bene, anche se non lo meriteresse, e vengo e mi dispiego subito in quanto al punto in questione, punto. Siete molto, molto accusato. Grazie, riguardo al fidanzamento fatto non con la mia figlia…E niente di meno, tutto una parola, virgola, che l’atto notabile che non è stato notato, punto e virgola, e questo da lei in persona, in persona due parole, non me lo avessi mai e dico poi mai aspettato, aspettato con due t, due punti, dopo tutte le annualità che io ho stato servizievole…un poeta, troppo buono, servizievole al vostro servizio, virgola, e questo segno di q, che vuol dire quaquaraqua, (lo dice ma non è scritto) è stato il vostro ripagamento, ripagamento tutto attaccato. Nonostante e ammesso e non concesso tutto l’ingarbuglio, l’ingarbuglio tutto unito, vi mando al porco, fetenti saluti, punto, vostro don Peppe.

Roma giugno 2005

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 18 volte nell' arco di un'anno