Evviva l’amuri

Stampa questo copione

PAOLO TORRISI

PAOLO  TORRISI

“EVVIVA L' AMURI”

Farsa in tre atti

EVVIVA L' AMURI

 Personaggi:  Uomini 5            Donne 6

            Alfredo Pastarella, candidato alle elezioni Comunali, per il partito Comunista e Arturo Carota, Sindaco uscente, per il partito Democristiano, negano ai propri figli il consenso alle nozze, mentre le rispettive mogli, Milia e Nunzia acconsentirebbero. La pièce nasce da questa situazione e dall’amore che sboccia tra i ragazzi e tra la vedova Marta e l’attempato Vincé creando momenti di grande ilarità che a volte raggiungono il grottesco.

        L’azione si svolge in una qualsiasi città o paese, all’inizio degli anni sessanta…

                                                                                                       

“EVVIVA L' AMURI”

PERSONAGGI:

ALFREDU  PASTARELLA                                 operaiocomunale

MILIA                                                             so muggheri

PAULIDDA                                                       so figghia

GIUVANNI                                                      so figghiu

MARTA                                                            so cugnata

MICHELA                                                         so niputi

ARTURU CAROTA                                            u Sinnicu

NUNZIA                                                          so muggheri

GABBRIELI                                                      so figghiu

‘NZINU                                                            n amicu

KATIUSCIA BOTTEGONI                               l’ Onurevuli

                                      ====°°°°°°====°°°°°°====

                  L’azione si svolge a Catania o in un paese della provincia. Siamo intorno agli anni settanta…

DESCRIZIONE DEGLI ATTORI

ALFREDU e  MILIA sono i protagonisti della Commedia Debbono essere bravi a interpretare le varie situazioni che gli si presentano.

ARTURU E NUNZIA: al pari di Alfredu e Milia.

PAULIDDA-  GABBRIELI- MICHELA- MARTA e BOTTEGON: generici.

GIUVANNI  e  'NZINU: caratteristi. Il primo non deve essere stupido, ma semplice, bonaccione, svampito.- Il secondo, con la sua balbuzie deve rendersi simpatico: balbettando al momento giusto, non esageratamente sennò stufa e si renderebbe pesante. Da concordare bene con il regista i punti più opportuni per balbettare o impuntare le parole.

(Nella prima versione era presente un frate, che non compare in questa seconda ed ultima versione, e quindi in questo copione. Ciò si può notare dal DVD)

Il MESSAGGIO è  l'AMORE che trionfa su tutto, riuscendo ad abbattere barriere di testardaggine egoista, di falsi pregiudizi es. Marta e difetti: 'Nzinu.

    

·E' chiaro che è permesso cambiare denominazione dei luoghi, vocaboli che possano rendere più efficace la risata, basta che non si cada nel volgare, io, almeno come autore, non sono questo e questo non appare mai in nessuna mia Commedia.

Le mie Commedie (non tutte, come  Atti unici e farse) si possono trovare presso il sito F.I.T.A. - DRAMMA-  GLI ANTINATI- S.I.A.E.  Sono scritte in vernacolo, ma su richiesta posso adattarle in dialetto siciliano.

Prof. Paolo Torrisi

via Abruzzo, 3

60025-Loreto (AN)

tel. 071/978063

cell- 349-7824237

torrisipaolo@virgilio.it

PRIMO ATTO

                       Il tutto si svolge a casa di Alfredo e precisamente nel tinello. L’arredamento è modesto: in basso a sinistra un salotto di vimini con due poltroncine e un tavolino;  di fronte a destra una vecchia macchina da cucire. In fondo alla scena: un divano e a sinistra di esso una libreria, aperta, dove si trova una radio anni cinquanta, libri, ninnoli, foto e quant'altro...

                       La comune è in fondo a destra. Lateralmente, nelle quinte di destra e di sinistra vi sono due porte l'una di fronte all'altra: quella di destra porta nella zona notte e quella di sinistra in cucina e in giardino.

                       E’ un tardo pomeriggio di primavera… All’aprirsi del sipario Milia è già in scena…

                       Scena1^:- Milia- poi Alfredo.-

MILIA- (lavora e canta)

ALFR- (rincasa dal lavoro) Ciau Milia!…Brrr!!! Chi jurnatazza!…Mancu a li cani!…Pensa c’appimu a priparari du palchetti pp'i  cumizii mentri chiuveva a ventu!

MILIA- (ironica) M' 'u ‘mmaginu u' suduri ca jttastuu!…Ri sicuru v’arriparastuu ‘nta na putia!

ALFR-  Macari tu ti ci metti a sfuttiri l’operai ro Comuni?…’Ntantu precisamu ca erumu quattru e no’ cincu!

MILIA- Giusti, giusti ppi’ na briscula e n trisetti!

ALFR-  (toccato) Pari ca ci appimu piaciri ca si misi a chioviri!…N’annijamu comu i puddicini e tu ti pirmetti…

MILIA- E bonu! Calmiti.…E chi ti rissi?…

ALFR- Mentri ca parri ammatula!…

MILIA- Quann’è tempu d’elezioni cu’ tia non si po’ mancu sghizzari!…

ALFR-  'U sai ca a pulitica ppi mia è na cosa seria!…Sta vota ci agghigamu! Jemu ‘n cima!

MILIA- Sì, comu o’ basilicò!

ALFR- (non le da peso) Vincemu!…Haju parratu cu’ n saccu di cristiani e tutti m’anu prumisu ca mi mettunu a cruci.

MILIA- (a mezza voce)…E sutta i lumini!

ALFR- Quannu sugnu Sinnicu…

MILIA- I jaddi fanu l’ova!…Ma chi mi voi rari a ‘ntenniri? Ti pari ca no’ sacciu cu’ cui a parratu: Calogiru u’ biondu, Carmileddu piscialettu, Janu assicutafimmini… Siccomu chissi a pensanu comu a tia: ti pari ca vincisti!

ALFR- Addopu nu sapemu addiri!…Àuh, accanuoti ti sbagghi?!  ‘U primu: in alto, a manu manca. (accompagna con mimica)

MILIA- Cugghemulu, s’annunca s’infracida!…Tu ancora nun l’ha’ caputu ca votu ppi cu mi parie piaci?        

ALFR- Cosi di l’autru munnu! Nun pozzu fari affidamentu mancu supra o’ votu di me muggheri! Ma mu stai ricennu appiddaveru?

MILIA- Su ‘nta sti jorna t’addiporti bonu, forsi ca forsi ti votu.

ALFR- Va bonu, vàh!…Tantu cu tia nun ci n’haju nisciutu mai ‘nnummira!…(avviandosi in camera) I carusi unni sunu?

MILA- Paula è a fari a spisa e Jhonny sta facennu i compiti.

ALFR- (si ferma e precisa) Mi sa ca vulevi diri: Giuvanni!

MILIA- No!… propiu Jhonny!

ALFR- T’haja rittu cchiù di milli voti ca a me figghiu l’ha chiamari Giuvanni!

MILIA- Jhonny è un nomu comu a ‘n autru!

ALFR- Nun è veru! E’ ‘n nomu ‘miricanu!…U chiami accussì ppi farimi dispettu! 

MILIA- Ma Jhonny è un nomu simpaticu...moderno!… (alla platea) Iddu ‘u vuleva chiamari Palmiru…(al marito) A tia ti piaceva Palmiru, abberu?

ALFR- Certu! E’ bellu e jè italianu!

MILIA- Ma mancu ‘nto calannariu 'u trovi!…

ALFR- Comunque vogghju ca ‘u chiami Giuvanni…Ti pozzu pirmettiri, chiossai-chiossai, di chiamallu “Gianni”! Ti sta beni Gianni? (non avendo risposta) …Ora mi vaju a cangiari, ca  stasira ci avemu na riunioni ‘mpurtanti ‘o paritu!

MILIA- Sentimi, fa na ncosa: dumani, a travagghiari, vacci che vistiti ra ruminica, accussì vaj ‘o partitu senza passari da casa!…Tantu stai all’Albergo!…

ALFR- (come per giustificarsi) Mancu t’ummagini  u' cchiffari c'avemu?!…Vai di ccà!…vai di nnà!…

MILIA- Aviti vogghia a curriri!…Tantu vinciunu sempri i soliti!

ALFR- Chi mi fai a “cucca”?…Vuatri fimmini menu v’impicciati di pulitica e megghiu è ppi’ tutti!

MILIA- Ma tu scurdasti ca fra pogu arriva, da Spilimbergo (o altra città o paese), to cugnata c'a figghia, a muggheri di to’ frati Pasquali, bon’anima? (qualsiasi paese fuori dalla Sicilia)…Si nun ti  fai attruvari pari ca nun ci ‘a voi!

ALFR- Raggiuni hai!…E cu ci pinsava cchiùi?…Ju o’ partitu ci haju agghiri ppiì forza: oggi arriva ‘n pezzu rossu!… Attrova ‘na scusa, ca ju vaju e tornu!

MILIA- E lassala perdiri ‘ssa pulitica!…Da ddu jornu ca ti ci ‘mmiscasti: menzu paisi no nni saluta cchiù!

ALFR- Sta tranquilla ca quannu sugnu Sinnicu puri l’autra mità ni saluta e s'ana accalari ppi’ salutarimi e allura: inchini di ccà!…Inchini di ddà!…Saluti a destra…saluti a manca!(mima gli inchini)

                  Scena2^ Detti più Jhonny e poi Paula.-

JHON- (è entrato alle ultime parole del padre. Con cuffia alle orecchie, si muove ritmicamente – vede il padre chino e…)  Opà, chi pirdisti?…

MILIA- …’U ciriveddu!

ALFR- Arrivau l’amiricanu!…(dopo averlo guardato) Taliati ppi’ cui jettu sangu ju!…Ppi’ ‘n figghiu ca pari ca javi u' “ballu di San Vitu!”…(va via disgustato e con testa ciondolante) Famminni jri ca è megghiu!…(va in camera)

MILIA- (tra sé e guardando il figlio che noncurante continua a ballare) Sempri ca’ radiu addumata e ‘a cuffia ‘nt’aricchi!…(forte) I finisti i compiti?

JHON- Oh ma’, ju vogghiu fari ‘u dischi-joker!

MILIA- (che non ha capito.) E va bonu a mamma! Appena ti diplomi voli diri ca ti mannu all’Università a pigghjariti ‘ssa laura ri discu…comu malanova si rici?

JHON- Dischi-joker! Ma ppi’ fallu nun ci voli ‘a laurea: abbasta ca unu sapi parrari francisi, 'nglisi…

MILIA- …e ‘na botta di vilenu ca…(si frena tappandosi la bocca)…Leviti uora uora ‘ssa cuffia d’aricchi, ca mi pari ‘n marzianu!(va per togliergliela) Dammilla a mia ssa radiola!…

JHON- (ritraendosi) Va beni,va beni!…Ora ‘a stutu!

MILIA- T’a jettu ‘nmenzu a strata si nun sturii!

JHON- (ritornando in camera) Nun è giustu però…! Propiu ora ca c’era “Mister Okey”!

MILIA- Ochei… o caulu!…Ti rissi di jri a sturiari!…(va verso di lui minacciosa)

JHON- (esce di corsa spaventato)

                 Scena 3^: -Milia e Paula.-

MILIA- Menu mali ca nun c’era so’ patri…Di sicuru ‘u ‘cciuncava!…Francisi, inglisi, turcu e abbissinu!…Comu po’ parrari ‘nglisi ca na’ pagella ci misunu “tri”!?

PAUL- (entra affannata. Ha per mano una borsa della spesa- quelle a retina e posandole su una sedia…) Oh, finalmenti!…

MILIA- (ironica) Ci a facisti a truvari a strata ra casa?!

PAUL- (è nervosa, ma cerca di ostentare una certa calma) E cus’è curpa mia su fici tardu?…’A genti a fari a spisa: (mima con mano)…accussì!

MILIA- (controllando dentro le borse)…Accattasti tuttu chiddu ca ti rissi?

PAUL- ( che misura in lungo ed in largo la scena, lanciando sguardi verso la comune, aspettando Gabriele)…Chi ci talii a fari? Non mi scurdai nenti!

MILIA- (che aveva osservato il movimento della figlia) Mi pari anticchia nirvusedda!

PAULA- Nirvusa jù?…Ppi’ quantu sugnu calma fazzu ‘mmiria a’ capumilla!…Tu mi pari ca si’ nirvusa!

MILIA- Ju non paru: ci sugnu!

PAUL- E comu mai?

MILIA- To patri!…Non ci si po’ parrari…Malirittu ddu jornu ca ‘nvintanu l’ilizioni!

PAUL- Ma lassulu perdiri!…

MILIA- S’affissau c’addiventa Sinnucu!…Nun s’accorgi ca a genti quannu n’ancontra si gira e si metti a ridiri? Ogni vota è comu su m’avissuru ratu ‘n pugnu ‘nta ‘uccalamma!

PAUL- Ma nun ci rari ‘mpurtanza a sti cristiani!…Unn’è u papà?

MILIA- Si sta cangiannu!…’Agghiri ‘o partitu!

PAUL- Comu, prima di cena?

MILIA- Prima…dopu…Po’ partitu nun c’è urariu!…(notando l’andirivieni di Paola) Ma chi c’hai?…E fermiti ‘n mumentu! Mi pari ddi pupi c'‘a corda!

PAUL- (con imbarazzo) Mamma t’haju a parrari…T’haju a diri….

MILIA- E parra ca ci haju prescia!

PAUL- (vorrebbe parlare, ma le manca il coraggio ed inventa)…Mamma!…(tra sé) Comu fazzu?…(decisa) Tra pocu…(tra sé) E comu fazzu?…

MILIA- Parra, ca menza jurnata mi stai facennu perdiri!

PAUL- (inventa) Tra pocu ‘nta telivisioni fanu, a ‘na banna a Telenuvella e ‘nta l’autra u film cu Travolta: “La febbre del sabato sera”! Quali mi talju?

MILIA- Chi m'incucchi a mia?…Travolta…a frivi ro sabbutu sira…Jusugnu “stravolta” e a “frivi” ci l’haju non sulu o’ “sabbutu”, ma m’accumencia o lunedì e mi finisci a ruminica!

PAUL- E allura ni taliamu “Anche i ricchi piangono”.

MILIA- Nun vogghju viriri mancu a chissi! Tantu haju caputu ca i ricchi chiangiunu, ma semu sempri nuatri puvireddi ca na pigghjamu ‘nte cianchi!…Famminni jri a cucinari ca s’arriva to zia m’attrova sutta-supra!…Anzi, fa na cosa: veni cu’ mia ‘n cucina!(Va in cucina portandosi le borse della spesa che aveva già preso nelle battute precedenti)

PAUL- Ora vegnu, mamma!…Chi brutta jurnata c'accapitau Gabrieli ppi’ vinirisi a spiegari!…Ci prumisi ca priparava o’ papà e a’ mamma e ‘nveci!…Su a mamma nun era accussì nivvusa ci putev'accinnari quacche cosa, ‘nveci!…

C A M P A N E L L O
                 Jddu è!…Sant’Ajtuzza ajutami tu!…

MILIA- (da dentro) Paula viri cu jè! Rapi!

PAUL- (verso la cucina) Ora rapu!

                              C A M P A N E L L O                                    

                Staju vinennu!…(esce)

             Scena 4^: Paula-‘Nzinu, poi Alfredu.-

PAUL- (rientra delusa) Trasi….’Nzinu!

NZINU- (segue Paula.- Tipo bonaccione, scapolo, legato molto ad Alfredo; balbetta: si impunta su qualche parola, cioè rimane all’inizio della parola, trascinandola e rimanendo a bocca aperta finché non la completa, es: “Ahu!Coooooome mai…?”  “Scuuuuummettu  ca su eru ddu carusu ca t’accuuuuumpagnava,ecc… Secondo me è da preferire allo spezzettamento ripetuto di una parola che a lungo tempo potrebbe stancare, specie nelle battute un po’ lunghe; casomai dovrebbe essere uno spezzettamento veloce eseguito  da un attore bravo .)

             Paulidda, comu mai facisti dda facci quannu mi rapisti?

PAUL- Pirchì chi facci fici?

NZINU- Scummettu ca su era ddu carusu r’assira!…Chiddu ca t’accumpagnava…(aggiungere via o piazza del paese in cui si svolge)

PAUL- (preoccupata) Statti mutu!…Nun ci riri nenti o’ papà!

NZINU- E cu parra!…Capirai cu tutti i pinseri ca c'haju pp'a testa!…

ALFR- (da dentro) Paula cu è?…Cu cui stai parrannu?

PAUL- Papà è ‘Nzinu!

ALFR- Fallu assittari ca ora vegnu!

PAUL- Assettiti!…Mi ricevi ca ci hai pinseri… Chi pinseri sunu?

NZINU- (che s’è seduto) E’ ppi via de Votazioni!…Mancunu pochi jorna e mi scantu!

PAUL- E di cosa?

NZINU- Ca mi liggerannu!

PAUL- E cusa si’ un romanzu?…(sorridente) E nun si’ cuntentu su vinci?

NZINU- (si alza e portandosi alla parte opposta a Paula) Sì...però s’acchianu (nel senso di essere votato) nun è ca da cuntintizza fazzu sauti!

PAUL- Ma 'u sai ca nun ti capisciu?

NZINU- E’ ppi’ via ri stu difettu ca ci haju: ‘ntattagghju annicchia….Tu ormai nun ci fai cchiù casu, ma su m’attrovu davanti a na situazzioni ri risponsabilità: mi ci voli ‘na menzuredda ppi’ tirari fora na parola.

PAUL- (buona) Ma chi rici? Mancu si capisci ca ‘mpunti! (‘ntattagghi)

NZINU- S’appoi mi tocca di fari ‘n discursu: nun parru attunnu!

PAUL- Voddiri ca u’ riscussu ci 'u fai cantannu. Ricunu ca: “ Tutti i babbalecchi sanu cantari  e tutti i sciancati sanu abballari!”

NZINU- Ma comu ti nni va?…Mi mettu a cantari ‘u riscussu…(canta, accompagnandosi conmosse di ballo accennate)

O POPULU CARISSIMU

AMICI E PAESANI

CU’ MIA E ALFREDU SINNICU

SITI IN BONI MANI

QUALSIASI PRUBBLEMA

ATI A SPURUGGHIARI

E’ SUBBUTU RISOLTU

VINITINI A PARRARI!….

PAUL- (sorride trattenendosi)

NZINU-Arriri,arriri!…Sai i frischi e i pirnacchi ca mi fanu? ( torna seduto)

PAUL-‘Nzinu, nun ti fari cunfunniri ri me patri…Lassa perdiri ‘a pulitica e cerca ri maritariti! Bruttu nun si’…pirò su aspetti ancora va a finiri c’addiventi vecchiu e dopo cu voi ca ti pigghja?

NZINU- Ora ‘a ‘nzittasti! Cu s’u pigghja a ‘n babbaleccu?

PAUL- E bonu! Nun ti murtificari, ca a trovi! Ci voli pazienza!

NZINU- A pacienza cill’haju…E’ a parola ca mi manca!

ALFR- (entra e aggiustandosi il nodo della cravatta “rossa”, va fin sulla soglia della porta della cucina e all’indirzzo della moglie…) Chisti sunu dispetti belli e boni ca ju nun digirisciu! Va beni?(andando verso i due) Scusami ‘Nzinu, n’arrinisceva a truvari a cravatta!….Ri sicuru l’av'ammucciatu Milia!

PAUL- Papà, ma ti pari ca a mamma ti faceva stu dispettu?

ALFR- E’ cumu ricu ju e statti muta!…Ruminica, nun vuleva ca m’a mitteva!…(all’amico) Riceva ca stunava cu’i culuri ra giacca: “E’ un cazzottu ‘nte ‘n occhiu!”…

PAUL- E ci aveva raggiuni!…E’ troppu vistosa!

ALFR- Appuntu ppi’ chistu ma mettu! Accussì tutti ponu avviriri ri chi culuri sugnu! (ammicca all’amico) E cu s’a voli capiri s’a capisci!

NZINU- Si’ ‘n diavulu! I pensi tutti!

PAUL- Ma n’auru agghiri a’ riunioni?

NZINU- Sì, amuninni, s’annunca facemu tardu! (si avvia, ma viene fermato)

ALFR-Unni vai? Fermati!…Non curriri!…Ora ci jemu!…Da oggi accumincia a essiri ‘na pirsuna ‘mpurtanti!

NZINU- Chi voi riri?

ALFR- Quannu vai in Comuni ppi’ parrari co’ Sinnucu o cu’ qualchi Assissuri, t’arricevunu subbutu?

NZINU- Subbutu? E chi si’ pazzu? Minimu mi fanu aspittari ‘na menzuredda!

ALFR- Tu aspetti no’ picchì iddi su’ occupati, ma sulu picchì si volunu rari ‘mpurtanza!…Amuninni! ...Passamu ro giardino ca facemu prima!

NZINU- (uscendo per la cucina) Ciau Paulidda!…

ALFR- (va e poi fermandosi sulla soglia) Cuntrolla a to’ frati…a ddu disgraziatu di l’americanu. Fallu sturiari e nun ci fari ascutari ‘a musica, ca mi si rincretinisci chhiossai di quant'è!…Ciau! (esce)

              Scena 5^.Paula-Maria-Michela-Gabbrieli e poi Milia.-

PAUL- (al padre ch’è uscito) Va tranquillu ca ci pensu ju!…(tra sé) Sai quantu mi nni futti di me frati?! Fra pocu arriva Gabbrieli e ju ancora nun c'haju rittu nenti né o papà, né a mamma.

C A M P A N E L L O

              Chistu ha essiri ppi’ forza iddu!

C A M P A N E L L O

               (verso la cucina) Mamma rapu jù!…(esce- breve pausa e poi da dentro…) Zia!?…Michilina!?…(entra e arrestandosi sulla porta dice verso dentro) Zia, paccamora i valiggi lassàtili ‘nta saletta! (corre alla porta della cucina) Mamma veni! Arrivau ‘a zia! (chiude la porta e va incontro ai parenti, compreso Gabriele, per abbracciarli) Zia!…

(Entrano in quest'ordine: Marta- Michela- Gabriele)

MART- Paola!(abbraccia e bacia facendole fare mezzo giro, mettendola col dorso a Michela- nuovo ordine:Marta-Paula-Michela-Gabriele)…Come sei bella!…

MICH- (le fa fare,salutandola, mezzo giro sì da porla di spalle a Gabriele: Marta-Michela-Paula-Gabriele)…Paoletta!…Quanta voglia avevo di rivederti!…

GABR- ( che ha un mazzo di fiori in mano, sarà impacciato,confuso ed emozionato finché non dichiarerà, a Milia, il suo amore per Paola) ( le farà fare mezzo giro verso di lui e tenta di baciarla) Paula, macari ju…Un baciu!….

PAUL- (Paula lasciandosi prendere dai saluti, quasi va per baciarlo, ma si accorge in tempo) Àuh!…E tu chi ci fai ‘nsemi a iddi?

GABR- Veramenti…

MART- Paola, lo conosci?

PAUL- Eh!…Accussì,accussì!…(verso la cucina) Oh ma’!…Veni o no?….

MART- Lei è un amico di Paoletta?

GABR- Veramenti ju sugnu…o megghju, avissi a essiri…

MILIA- (è già entrata e senza volerlo interrompe Gabriele, togliendolo dall’impiccio) Marta!…Marta mia! (saluti a soggetto) Quantu sugnu cuntenta!…Michela!? (guardandola sbigottita) Nun mi riri ca chista è Michilina!…(la bacia) Ti facisti ‘na signurina!…Bedda ppi’ daveru!…

MART- Anche Paoletta non è da meno!

MILIA- (Accorgendosi di Gabriele) E tu, cu’ ‘ssi ciuri nte manu, chi ci fai ccà?!

GABR- Eccu!…Ju vinni ppi’…

MART- (Lo interrompe)…E’ qui perché ha accompagnato noi! E’ stato tanto gentile! Non sapevo dove si trovava la via del Vostro nuovo indirizzo…Abbiamo chiesto a Lui, per caso…Quando ha capito che non ci saremmo bene orientate, si è offerto di accompagnarci! Sicché (osservando) questa è la nuova casa che mi hai descritto per lettera!…Bella!

MILIA- Ti piaci?…Prima rativi na rinfriscata, c’appoi v’a fazzu viriri tutta!…(si guarda intorno) E chi vinisturu senza valiggi?

PAUL- Ci fici lassari ‘nta saletta!

MILIA- Bonu facisti! E valiggi ci pinsamu addopu!…(avviandosi) Amuninni dda banna!

GABR- Allura ju mi nni vaju!…

MILIA- (si ferma e si gira) Bràu!…E grazzi tanti!…Paulidda accumpagnulu tu a ‘ssu carusu!…(esce seguita dalle due)

PAUL- (dopo l’uscita delle tre donne si gira verso Gabriele)

GABR- (prime fa spallucce e poi allarga le braccia come rassegnato e si avvia alla comune)

PAUL- (quasi rincorrendolo, lo ferma e risoluta) Veni ccà!…Unni stai jennu?

GABR- E’ megghiu ca  ci vegnu n’autra vota!

PAUL- E nveci no! Rissimu oggi e oggi ha essiri!

GABR- Ma t’arrivanu i parenti e nun vulissi…

PAUL-  E chi ci fa?

GABR- Facemu ppi’ ‘n autru jornu!…Però su m’u ricevi!…

PAUL- E cu ci pinsava?…Mu scurdai!…A iddi stava pinsannu! Ju nta testa ci haju sulu a tia!

GABR- Sì, ma ora chi fazzu?…Su veni to matri: chi ci ‘ncucchju? Già ca mi sentu tuttu mburugghiatu…Ma ci ricisti almenu qualcosa a to’ matri?

PAUL- Eru pronta ppi’ diraccillu…ma appoi…

GABR- Già, ra facci ca fici, m’ha squarai (ho capito) ca nun ci ricisti nenti!Famminni jri!…(si avvia)

PAUL- (lo ferma) T’haju rittu c'ha essiri oggi!…Sta calmu!…Facemu accussì: nesci e aspetti fora ra porta, nte scali, e, dopu ‘n pocu, ppi’ farimi capiri ca si’ tu: soni u campanellu “tri  voti” e ju ti vegnu a rapiri!

GABR- Allura fazzu a finta ca mi nni vaju…

PAUL- …Aspetti tanticchia…U' tempu ca ‘a mamma sistema a zia e Michilina!

GABR- Ma nun è megghiu ca vegnu ‘n autru jornu?

PAUL- No!…Ti pintisti, abberu? (allontanandosi a testa bassa) Nun mi voj cchiù!

GABR- Ma chi dici, babbasunazza?(sciocchina)…Ti sbagghi!…Ju ti vogghiu, ma…

PAUL- Allura senza “ma” e senza  “però”! Su mi voj beni appiddaveru fa comu ti rissi ju!

GABR- (rassegnato) E va beni!

PAUL- E non ci fari avviriri ca ti scanti! Chi ti pari ca sunu: “l’Orcu e ‘a Mamma-trava”? (personaggio delle fiabe)…Senza paura…Deciso!…Sciolto!

GABR- À rittu nenti!…Ju ci provu…Allura: nescju, aspettu tanticchia nte scali e appoi sonu u campanellu tri voti!

PAUL- Bràu!…(sospinge verso l’uscita) Ora vattinni!…

GABR- (si lascia sospingere,ma quando è sulla soglia si gira) Àhu, varda ca m’arrapiri tu!

PAUL- Ca certu ca ti rapu ju! Vattinni!

GABR- (esce,ma rientra subito rifermandosi sulla soglia) Allura sonu u’ campanellu “tri” voti! (dice tre, ma segna “due” con le dita )

PAUL-Oh, Maronna ro Carminu!…Chi fai, rici “tri” e segni “rui”?..

GABR- E’ ca sugnu emoziunato!

PAUL- E ci sugnu sulu ju!? Fijuriti quannu ci su’ u papà e a mamma!…Sta tranquillu t’haju rittu!

GABR- E allura mi nni vaju e vegnu dopu! (esce)

PAUL- (rassettando qualcosa) Sant’Antuninu ajutami tu!…Ju cercu di fari curaggiu a iddu, ma a mia cu mu fa?

                   Scean 6^- Paula- Jhonny- Michela,  poi Milia e Marta.

JHON- (entra ancora con radio e cuffia alle orecchie – balla) Paula quannu si mangia?… Conza(prepara) a tavula c’addopu m’haju a sentiri u' concertu de “Muk-Muk”!

PAUL- Mi pari ca si’ tu un “mammaluccu”!

JHON- Chi ricisti?…Non ti sentu!

PAUL- Ci criru ca non ci senti, ssa cuffia ci l’hai sempri nt’aricchi!

JHON- (abbassa la cuffia sul collo)

PAUL- Unni a statu finu a ora?

JHON- A fari i compiti!

PAUL- E non sintisti c’arrivau a zia cu Michilina?

JHON- Comu faceva a sintilli ca mi stava sintennu i “Rock-Star” ca sunavunu comu j bestii!?

PAUL- Erunu chissi i compiti ca facevi, ah?!…

JHON- Senti, tu ricu puru a tia: a mia nun mi nni futti nenti de libbra, de prufissuri e da scola…Ju vogghju fari u’ disck-jocker!

PAUL- Tantu, prima o poi ci pensa u’ papà a livaratilla ssa musica ra testa!…Camina, va a salutari a’ zia!

JHON- E, mancu i parenti m’interessunu!

MICH- (entra e si pone alle spalle di Jhonny)

PAUL-C’è Michilina!…(vuole avvertire il fratello)

JHON- (che non capisce, continua…) Speci idda! Nun l’haju sumputtata mai!…Quann’erumu nichi: mi unchiava di pizzuluni!…Tutti i dispetti erunu i so'!…Quant'era laria… ca linticchia na facci…russa di capiddi e cu ‘na panza comu a chidda ro liotru!…Su si prova a pizzuliarimi ora: ci ‘u fazzu avviriri ju!

MICH- Che tipo vendicativo che sei! Davvero piccheresti una donna?

JHON- (si gira, la guarda e poi alla sorella) E chista cu è?

PAUL- Allura si’ ‘ntrunatu appiddaveru!…Chissa è Michilina!… To cucina!

JHON- Idda è?

MICH- Sono come ero da bambina?

JHON- No!…(e po tra i denti) Ma si’ sempri “stumacusa”!

MICH- Non ho capito, cosa hai detto!?

PAUL- (con sguardo di rimprovero al fratello) Ca si’ na bedda... “carusa”!

JHON- Mi pari una da telivisioni!

MICH- Mi hai fatto un bel complimento!

MART- (entra seguita da Milia) Jhonny!…(apre le braccia) Vieni!…

JHON- Zia!?…(va ad abbracciarla)

MART- (staccandosi)…Come stai?…

JHON- Bonu! Grazi zia.

MART- (guardandolo bene)…Ti sei fatto proprio un uomo!…

MILIA- A tia ti pari ‘n omu e a mia, cu dda cuffia n’aricchi, mi pari un marzianu!

JHON- Oh ma’, chi fai sechiti?

MART- Secunnu tia, Marta, unu ca ha fari u’ giomitra po’ stari sempri c‘a radiu addumata?

MART- Geometra…già!…Me lo avevi accennato in una lettera…(a Jhonny) E dimmi: come vai a scuola?

JHON- Cu l’autobussu!

MILIA- (che non ha capito neanche lei) Passa e si ferma tutti j matini ccà sutta!

PAUL- (che è stata sempre a controllare l’orologio e l’arrivo di Gabriele, ma che non si è assentata dal discorso degli altri) A zia vuleva riri su va beni o va mali: su rende.

MILIA- Nenti! Nun rende nenti: zeru tagghjatu!…Cinc’anni ha fattu pp’arrivari o’ terzu annu di giomitra!

JHON- Omà ju ci haju a musica nto sangu!

PAUL- E a canigghia nto ciriveddu!

JHON- Va a finiri ca ti rumpu i jagni!(le “mole“. dentatura)

MILIA- (disperata fa conversazione con Marta)

MICH-Posso sapere che musica ti piace?

JHON- “Rock”! Tutti i tipi di rock: chiddu duru e chiddu morbidu!

PAUL- Duru e morbidu: com' o’ turruni!

JHON- Tu statti muta! Non ti piaci picchì no’ poi abballari, ca ti si virunu i jammi a cucciddatu!

MILIA- A cucciddatu comu e corna to! To soru i jammi ci l’avi cchiù ritti di ‘n fusu!

MICH- Rock! Puàh!… Musica da quattro soldi!

MILIA- Quattru soddi? Ogni discu duricimilaliri mi costa! Autru ca quattru soddi!

MICH- Hai mai sentito parlare di: Mozart, Beethoven, Verdi, Rossini, Bellini…

MILIA- Ppi’ favuri, a zia, lassa stari, ca su ci fai canusciri a st’autri scimuniti va a finiri ca l’haju a purtari ppiddaveru o’ manicomiu!

MICH- Ma questi,zia, sono compositori di musica classica, non sono dei cantanti!

MILIA- Ah sì!?

MART- Michela ha studiato pianoforte e lo suona anche bene…Quanto m’è costata!

MICH- Allora?

JHON- Ppi’ mia a musica ri sti cristiani ca muntuasti è accussì pallusa ca ci 'a sonunu ne staddi e vacchi: ppi’ faricci scinniri u’ latti!

MICH- Ma è musica celestiale… ti fa arrivare in Paradiso!…

JHON- No: ti fa arrivari u’ latti ne rinocchia!

PAUL- Ma nun ti cunfunniri cu ‘n cafuni comu a iddu!

JHON- Àuh, ma chi vuliti mettiri u ritmu do rock cu dda musica ‘e mortu?

MICHE- (gli porge il disco che sino allora ha tenuto in mano) Questo pensiero è per te:…una sinfonia di Bethoven, la nona!

JHON- A nonna di Bethoven? A nonna mi purtu! Era megghju su mi purtavi a soru!

MICH- Ascoltalo e poi mi dirai!

JHON- E va beni!…Amuninni nta me camira, va!…(avviandosi) Mi vogghju fari du risati!(esce seguito da Michela)

MART- Che entusiasmo che hanno questi giovani!…Che gioia di vivere!…

MILIA- Paulidda va dda banna e viri a chi puntu è l’arrostu!

PAUL- Ma ju mamma…

MILIA- Senza “ma”! Curri.

PAUL- (esce borbottando)

               Scena 7^:- Detti, poi Paula  e Gabbrieli-

MILIA-  Haju chi cummattiri cu sti figghj, cara mia!

MART- Li abbiamo voluti e bisogna pazientare! Non puoi immaginare cos’è stata la vita per me dopo la morte di Pasquale! Sette anni lunghi e durissimi! Però ho esaudito tutte le sue ultime volontà: che la figlia studiasse, che vestisse bene, che continuasse le lezioni di pianoforte e io, a sacrificio, ho mantenuto!

MILIA- Pouru Pasqualinu!

MART- Povera Marta e non povero Pasqualino!…Lui è da sette anni che sta in pace, mentre io  mi sono presa un serio esaurimento nervoso! Sono qui appunto per curarmi!

MILIA- Picchì o' to paisi nun ci sunu i dutturi?

MART- Certo che ci sono!

MILIA- Non mi sappi esprimiri!…Vuleu riri su chisti ca ci sunu ccà sunu cchiù bravi di chiddi ca ci sunu o to paisi.

MART- Saranno bravi  lo stesso! Sono qui perché mi hanno consigliato di cambiare aria!

MILIA- Ppi’ mia, a cugnata, ci poi stari ppi’ quantu ti pari e piaci! Ccà l’aria è bona!

MART- Anche perché non trovandomi a casa, non potranno offrirmi del lavoro!

MILIA- E chi travagghi facevi?

MART- Tutti i lavori che mi offrivano: ore a servizio, pulizie nei palazzi, sbrigavo pratiche…tutto! Tutto ciò che era onesto! Sennò come avrei potuto esaudire le volontà della buon’anima?

MILIA- C'hai pinsatu mai a maritariti n’autra vota?

MART- Perché, secondo te, avrei il tempo per pensarci?

MILIA- Maronna mia, chi tribbulazzioni ca è a vita!

C A M P A N E L L O

              E cu po’ essiri a st’ura?

C A M P A N E L L O

PAUL- (entra con una scopa in mano gridando) Fermi tutti!

MART- (vedendola con la scopa,tenuta in alto, crede che ci sia…) Oh!…Un topo! (sale sulla sedia)

MILIA- (pure lei grida e sale sulla sedia) Matruzza! ‘N surgi!

PAUL- Quali surgi? Unni è ‘ssu surgi? Rissi: “fermi tutti”  picchì vuleva rapiri ju!…Nun vi vuleva disturbari!

C A M P A N E L L O

              …E tri! (va ad aprire)

MART- (scendendo) Non c’è niente al mondo che mi mette paura come un topo!

MILIA- (scendendo) C'appoi, vulennucci arraggiunari: ci ponu essiri surgi  ‘nte na casa nova?

PAUL- (comparendo e guardando verso la comune) …E avanti…Trasi!

GABR- E’ permesso?…

MART- Oh, è quel bravo giovanotto!

MILIA- Chi fa, ti scurdasti occhecosa?

GABR- E sì!…’Na cosa ‘mpurtanti.

MILIA- (guardando intorno) A mia mi pari ca no’ ti scurdasti nenti!

PAUL- (dà una gomitata a Gabriele) E dài!…

GABR- (a Paola) E ora!…(comincia il suo discorso senza nesso, a singhiozzi, senza fine) Annunca!…Ju…Ca appoi nun è ca a pinsai sulu ju sta cosa…Pirchì su eru sulu: mancu eru ccà…Però ci sugnu e allura su sugnu ccà…

MILIA- (alla figlia) Ma si po’ sapìri chi caspita voli ssu carusu?

MART- Su!…Coraggio! Non ci tenga sulle spine!

GABR- Ora, macari chissa si ci metti a farimi prescia! (primura)

PAUL- E parra! E ricci chiddu ca ci vulemu riri!

MILIA- Vistu ca 'u sai macari tu: parra tu, ca facemu prima.

PAUL- Eh no! Ti l’ha ddiri iddu!…Sant’Alfiu sciugghiticci a lingua! (a Gabriele) E parra!

GABR- (apre più volte la bocca, ma non riesce a parlare.Infine guarda i fiori e gli balena l’idea…) Sti ciuri sunu ppi Vossia!…( porge il mazzo a Milia)

MILIA- (prendendo i fiori)…E chi vinisti ppi mia?

GABR- No! Vinni ppi Paulidda. Ossia 'u sapi ca a carusa ommai è granni…Allura ava pinsatu: ca ju e idda…ciué nuatri rui…co tempu…Picchì u' tempu passa e passannu non si po’ mai sapìri s'appoi putemu essiri tutti cuntenti ri sta situazzioni!… Ossia, 'u capiu u' cuncettu? Sugnu statu chiaru?

MILIA- Ppi’ nenti! Ju sugnu ancora o’ scuru!

MART- Cerchi di esserlo di più.

GABR- A rittu nenti!…E’ na parola!…

PAUL- (piagnucola) Eccu! Ju 'u sapeva ca non c'arriniscevi a riraccillu!

GABR- E bona non chiangiri, ca ora mi fazzu curaggiu e ci 'u ricu!(si gira verso Milia, prende respiro e poi tutto d’un fiato e a occhi chiusi) Signura-ju-vinni-ppi-farimi-zitu-cu-Paulidda-a-vogghju-troppu-beni-ratimi-a-so-manu-ca-ma-vogghju-maritari!(apre gli occhi e si meraviglia) Àhu, ci u rissi!…Ci a fici!…(prende le mani di Paola, felice)

PAUL- Sant’Alfiu ti ringraziu!

MILIA- (rimasta di stucco) Ora capisciu i ciuri!…Ratimi na seggia, ca cascu!…

MART- (gliela mette sotto) Ma non sei contenta?

MILIA- Di regula l’avissi a esssiri…A tia ti pari na cosa ‘e nenti chista?

MART- Ma guarda che questo ragazzo è venuto a chiedere la mano di tua figlia!

MILIA- (passandosi una mano sulla fronte) U saccju!

GABR- E allura ma runa ‘a manu ri so’ figghia?

MILIA- Ma ora…

GABR- (interrompe) Allura ma runa?

MILIA- Ma ppi’ riri a virità…

GABR- Avveru ca ma duna?…

MILIA- Mizzica chi si ‘ncuttu!…Si misi a cazzicaredda!…(ripetere sempre una cosa)…E lassimi arripigghiari!

MART- Magari ci fossero al paese mio ragazzi che ti vengono a chiedere il permesso per poter avere la mano di una figlia!?…Non capisco, mica, la tua titubanza.

MILIA- Àuh, “mica”? N’a capisci a “turbanza” mia, abberu?…Ci parri tu cu’ Alfredu e cu’ Arturu Carota?

MART- Chi sarebbe questo: Arturo Carota?

MILIA- So’ patri!

PAUL- (insieme alla madre) So’ patri!

GABR- (moscio) U papà!

MART- Ebbene?

MILIA- Ruminica ci sunu l’elezzioni Comunali e to’ cugnatu Alfredu è capulista ro’ so’ partitu…

PAUL- …Mentri u patri di Gabrieli è capulista ro partitu cuntrariu…'U capisti ora?

MILIA- A capisti a “turbanza”?…Non si ponu avviriri! Addivintanu comu i cani e i jatti!

MART- Certo che allora non sarà una cosa semplice!

GABR- Nuatri nun c'avemu nenti a chi spartiri ca pulitica!

MART- Ma avete tutti contro?

GABR- No! Me matri è daccordu!

MART- E tu: Milia?

MILIA- Chi voi ca ti ricu?…Ju o carusu si po’ riri ca ‘u visti nasciri…E’ ro quarteri nostru…E’ un bràu bardasceddu!(giovanottello)

GABR- Grazzi, mamma!

MILIA- Oh, non curriri! Ancora accussì non mi c'hai a chiamari!…(a Marta) Ju non sugnu cuntraria, ma a so’ patri cu ci 'u rici?

PAUL- 'U sapevu ca mi ricevi sì!…(va a baciarla) Grazzi, mamma!

MILIA- (allontanandola dolcemente) Si’ cuntenta cori miu, abberu? (si è commossa) Chi ci pozzu fari, ma a mia sti cosi mi commovunu!…(a Paula) Però u problema arresta sempri: u papà!

PAUL- Paccamora a nuatri ni sta beni accussì…po' papà: 'u viremu dopu chi si po’ fari!

GABR- Sugnu sicuru ca a ddi gnurantazzi de patri i riniscemu a cunvinciri!

MILIA- Ora vattinni, pirò!…Non ti fari attruvari ccà, ca nun è u' mumentu giustu!

GABR- Sì, mi nni vaju!…(si avvia,ma si ferma sulla soglia della comune e poi girandosi verso le donne) Ciau, Paulidda! (le manda un bacio con il dito) Ciau, mamma! Ciau, zia! (via)

PAUL- (felice) Ciau, bambulottu miu!

MILIA- Paula, ora lassa stari u pupu e passa dda banna, ca sentu ciauru d’abbruciatizzu!

PAUL- Subbutu, mamma!(si avvia,ma torna sui passi e va a baciare la mamma) Quantu ti vogghju beni!(via)

           Scena 8^- Detti-Alfredu e ‘Nzinu-

MART- Non riesco a capire l’odio dei padri!…

MILIA- Su voj ca l’amici addiventunu nimici: mettili nta pulitica…E pinsari ca apprima erunu “culu e cammisa”!…Nveci ora sunu “ u’ diavulu e l’acqua santa ”! Ma jù e Nunzia, a muggheri di Arturu, semu comu a du’ soru!…Cu u sapi su sapi occhecosa di sta storia?

MART- Avranno deciso di farvelo sapere solo adesso, penso!

MILIA- Dici?

MART- I ragazzi d’oggi sono più organizzati, e non come noi che alla prima parola che ci diceva un ragazzo gliela riportavamo subito-subito ai genitori!…

MILIA- Veru è!

MART- Adesso prima di fidanzarsi ufficialmente: fanno del “tirocinio”...Capisci?

MILIA- Tiru-chi?

MART- Tirocinio…Che vogliono conoscersi più a fondo!…Cerca di capire…Non mettermi in difficoltà!

MILIA- Chi voj diri? (capisce) Mizzica! Ora a chiamu e si putacasu ha “tirucinatu” cu Gabrieli: nta testa nun ci fazzu arristari mancu ‘n capiddu!(si avvia)

MART- (la ferma) Dove vai?…Cerca di essere moderna!…Oggi…

MILIA- No’ ni famu nenti!  S’appoi m’a lassa? Cu sa pigghja a robba di secunna manu?…(sia avvia di nuovo) Ora a chiamu!

MART- Ma allora sei proprio dura! Se il ragazzo è venuto a spiegarsi: può anche darsi che…

MILIA- (che s’era fermata)…ha tirucinatu già?

MART- Appunto! Complicheresti le cose. Ti conviene tenertelo buono e farlisposare, così risolvi tutto nel modo più semplice, sennò: bugie, ripensamenti...

MILIA-  Giustu ricisti…

MART- ...battibecchi…

MILIA- Iddu “batti”(mimica: prima batte il pugno nel palmo della mano e poi battendolo in fronte) e nuatri “becchi”!…

ALFR- (da fuori) Trasi ca non disturbi!…E ‘n minutu!…

MILIA- Ccà è! Cangiamu discursu!

ALFR- (entrando e verso l’esterno) Avàja!?…Trasi, nun essiri matelicu!

NZINU- (entra con in mano un fiore di campo…Col capo fa cenni di saluto)

MILIA-Trasi! E chi sunu tutti ssi cumplimenti?!

ALFR- Marta?!…(abbraccio) …Comu sugnu cuntentu di viririti!…(comincia a commuoversi) Ci a facisti a veniri dopu sett’anni! Passanu, avvularunu, ma u duluri resta sempri!(tira su di naso, asciuga le lacrime e poi guardandola) Mi pari na carusidda!

MART- (si asciuga con la mano una lacrima)

ALFRE- (con voce rotta) Chi fai, babbasunazza, chiangi? À essiri cuntenta:…comu a mia!

MILIA- U staju virennu quantu si’ cuntentu!

NZINU- (soffoca con dei singhiozzi il pianto)…

MART- Scusate…non avrei voluto…ma certi ricordi!…

MILIA- Lassa stari i ricordi!…T’arriordu ca si’ ccà picchì t’à curari!

ALFR- Stai mali? (sente i singhiozzi di ‘Nzinu) E tu chi ci hai?

‘NZINU- Ju mi…mi…co-cò…

ALFR- Va be’, dumani mu dici!

MILIA- ‘Nzinu ti lassasti pigghiari magari tu de ricordi, abberu?

NZINU- (asciugandosi le lacrime fa cenni di sì col capo)

ALFR-Marta, ti presentu  ‘n amicu miu:Vincenzo Quadretti!

MART- Sono fortunatissima!

NZINU- Ju accussì-‘ccussì!

ALFR- Unn’è Michilina?

MILIA- E’ nta camira cu Jhonny.

ALFR- T’haju pregato ca l’à chiamari Giuvanni!…E chi ci jenu a fari?

MART- Stanno ascoltando il disco che Michelina gli ha regalato.

ALFR- ‘N autru? Già ca ci n’aveva picca!

MILIA- Cum’è ca v’arritirastuu accussì prestu?

ALFR- Ca ni spurigghjamu subbutu!…Milia t’avissi a parrari!…Scusa, Marta, si tratta di ‘n minutu!…(a parte) ’Nzinu ‘ntrattenila tu a me cugnata!

NZINU- (preoccupato) Jù? E chi ci cuntu?…Chi ci dicu? Ju m’affruntu!…

ALFR- E chi si’ ‘n picciriddu ca t’affrunti? (sospinge Milia verso  la cucina parlandole sottovoce e gentilmente)

               Scena 10^:- Marta – ‘Nzinu

MART- (guarda verso ‘Nzinu e gli indirizza dei sorrisetti di cortesia)

NZINU- (invece guarda furtivamente Marta e quando incontra il suo sguardo gira il capo da un’altra parte: questo gioco si ripeterà due o tre volte)

MART-…Ma perché non si accomoda, signor Quadretti?

NZINU- Sì…ca forsi è megghju su m’assettu! (siede)

MART- Lei di cosa s’interessa?

NZINU- Di nenti! Ju mi fazzu i fatti mei!

MART- Intendo dire di che cosa si occupa…Che lavoro fa?

NZINU- Ava caputu mali!…Travagghju o’ Comuni, comu Alfredu.

MART- E’ un buon lavoro! Anche la buon’anima di mio marito era un operaio comunale!…

NZINU- Jù e so’ maritu, Pasqualinu, ficimu i scoli insemi!…Iddu era tantu bravu…u’ primu da classi! A iddu a maestra j bacchittati nte manu non ci rava…(mostra le mani) A mia sì ca mi rava!…

MART- Una volta nelle scuole c’era più severità!

NZINU- Mi dicissi ‘na cosa, non è ca vogghju sapiri i fatti so’, ma comu ata tiratu avanti dopu a morti di Pasquali?

MART- Lavorando…lavorando…lavorando! Non certo con la sola pensione sua!

NZINU- E ci criru!

MART- Ho fatto i lavori più umili!

NZINU- Allura siti china d’attrosi!

MART- (meravigliata) Io? No! Perché?

NZINU- Dicistuu c’ata fattu i lavori “umidi”!

MART- Umili e non umidi! Come dire?…Cameriera a mezzo servizio…Lavapiatti nei ristoranti…Pulizia di scale di condominii…Guardarobiera nelle sale da ballo…Tutto ciò che di onesto mi si presentava! Da sette anni a oggi non mi sono concessa un minuto di riposo!

NZINU- (premuroso si alza e offre la sua sedia, spostandosi su quella accanto) E assittativi, allura! Ata essiri tantu stanca!

MART- (lusingata dalle premure di ‘Nzinu) Come siete premuroso e gentile!…Grazie! (siede) Però debbo dire che, anche se ho affrontato questo lungo viaggio, non mi sento affatto stanca.

NZINU- Lei si ca è…(si blocca) (tra sé) Botta di vilenu! Quannu vogghju fari ‘n cumplimentu nun parru cchjui!…(verso Marta) Lei si ca è…

MART- …Una donna da elogiare?

NZINU- Si!…Comu ‘u ‘nzittau?

MART- Lei è molto espressivo! Gliel’ho letto negli occhi. I suoi occhi parlano.

NZINU- (comincia tutta una mimica con gli occhi: spalanca, li fa girare da una parte all’altra, li fa roteare…)

MART- Da cosa dipende questo suo tartagliare?

NZINU- Non ci u saccju addiri!

MART- Qualcosa l’avrà bloccato da piccolo! Sono sicura che trovando la causa di questo blocco: con un po’ di rieducazione parlerà normalmente.

NZINU- Appiddaveru u sta dicennu?

MART- Lei da piccolo ha avuto un “trauma”!

NZINU- (quasi tra sé) E nun m’arricordu su ci avevu u tram!…(a Marta) Ma comu fa a sapìri tutti sti cosi? Pensu ca non ha sturiatu, vistu ca ha sempri travagghjatu!

MART- Sempre! Ho sempre lavorato!…Ho lavorato così tanto da procurarmi un esaurimento nervoso, che mi dava “insonnia” e allora non potendo dormire: leggevo! Ho letto di tutto:  libri, romanzi, riviste mediche…Ah, quelle mi appassionano completamente! Ma lo sa che  non mi sono persa un “CEK-CUP”?

NZINU- (che ha ascoltato con attenzione, ma che non ha capito niente) Ca ci mancava macari chissu! Già pirdistuu a Pasqualinu, ci vuleva ca pirdeuvu macari a ‘ssu Ce…Ce…Ce…(sforzandosi di ricordarsi la parola “cek-cup”, e un po’ per il tartagliare, porta la mano, dove tiene il fiorellino, verso Marta)

MART- (toglie dalle mani di ‘Nzinu il fiore) Grazie!…Grazie!…Che bel fiorellino!Voleva offrirmelo, evvero?…Com’è galante!…

NZINU- (frastornato) Sì...sulu ca non sapeva comu…

MART- …Dirmelo? Ma me lo ha detto con gli occhi!

NZINU- (ripete la mimica degli occhi)

MART- (interessata) Ha figli, signor Quadretti?

NZINU- Cuj jù? ‘Nzo!…Ancora sugnu scampulu!

MART- Oh, bella! E come mai?

NZINU- Picchì nun haju truvatu a nuddu ca…

MART- Non disperi! Per ognuno c’è un’anima gemella! Basta aspettare!

NZINU- Aspittannu, aspittannu addiventu vecchiu! Cu’ vuliti ca mi pighhja a mia?

MART- Ma perché parlate così? Vi manca qualcosa?

NZINU- (toccato nell’orgoglio) Nenti! Non mi manca nenti! Ci haju tuttu, ci haju!…Ma è ppi via di stu difettu. Quannu parru, ogni tantu, attruppicu e m’affruntu!Macari putissi aviri na donna!…Fortuna ca ci haju a Alfredu!

MART- Ma Alfredo non è una donna.

NZINU- E chi ffa no’ saccju?…Vogghju diri ca è l’unicu amicu ca haju! M’addifenni, mi capisci, me juta! Unni va iddu, vaju jù! Fazzu tutti i cosi ca fa Alfredu. Per esempiu: jù e Alfredu…

MART- …Avete le stesse idee politiche!

NZINU- Ci u rissuru l’occhi?

MART- Cerchi di essere più autonomo…Non stia sempre attaccato ad Alfredo!

             Scena 11^:- Detti più Alfredo-Milia  e poi Paula.-

MILIA- (da dentro) No! No e poi no!…(entra seguita dal marito)…Nun sentu raggiuni! Jù a chissa intra a me casa nun ci a vogghju!

ALFR- Ma picchì à essiri accussì cucuzzuna? Si tratta di qualche jornu!…

MILIA- E “torna parrinu e sciuscia”!(come per dire:”insisti”)  T’haju rittu: no!

MART- (che s’era già alzata sentendo le voci concitate dei due) Posso sapere…se non sono troppo indiscreta?

ALFR- Vinni la cumpagna Onorevuli Bottegoni do Continenti, do Nord, ppi spiegari o populu certi cosi prima dell’elezzioni Comunali…E siccomu l’Alberghi sunu tutti chini di furasteri, ci rissi, a sta cumpagna, ca ppi quacche jornu si puteva sistimari ccà: ni mia! Dimmi tu su c’è occhecosa di mali!?

MILIA- Ma unni a facemu cuccari ca nun c’è cchiù postu? Cu’ Marta e Michilina ci capemu giusti giusti!

PAUL- (entrata all’inizio battuta di Milia) Chi succedi, mamma?

MILIA- C’è ca stu “cacasennu” di to patri si porta i fimmini intra a casa!

ALFR- Ma quali fimmini e fimmini? Ma chi vai dicennu?…Chidda è una Onorevuli!

MILIA- A mia mi pari ca nun è tantu “onorevuli” vistu c’accetta di cuccarisi nte na casa di ‘n cristianu ca nun è so maritu!

ALFR- E’ inutili! Non ti voj civilizzari, voj arristari e’ tempi de caverni: na “Troccodita!”

MILIA- E va beni! Arrestu comu dici tu: na “Coccorita”!…Nun sugnu Onorevuli, ma sugnu “Onorata”!…C’appoi dicu ju: nun sa puteva purtari ‘Nzinu, ca è sulu a casa?

NZINU- Chi dicisti? Fimmini nta me casa no’ nni trasunu!…A sula donna ca ci trasi ha essiri me muggheri!(l’ha detto guardando Marta)

MILIA-U sta virennu comu arraggiuna cu capisci?

ALFR- Auh! Pochi paroli! Ccà è casa mia e ospitu a cu mi pari e piaci!…Ju dormu ccà nto tinellu e tu dormi c’a cumpagna Bottegoni!

MILIA- Ju nun fazzu “buttega” cu’ nuddu!…E mi dispiaci ca ‘a fici cu tia!

ALFR- (Alfredo ha un moto di stizza e non sapendo a quale Santo votarsi…) ‘Nzinu, prova a diraccillu tu!

NZINU- Milia, a signurina Bottegoni Caca…

TUTTI- (mimica conseguenziale) Co?...Imbèh?...

NZINU- Catiuscia…

PAUL- Mamma è Russa!

MILIA- Chi fa: russa?(russare)

NZINU- E chi nni saccju jù su russa!

MILIA- (ad Alfredo) Russa?

ALFR- Ma chi voj ca ni sapemu jù e ‘Nzinu su chissa “russa”!?

PAUL- Ma a mamma vuleva diri su chissa veni da “Russia”!

ALFRE- Ca quali Russia!? Su ti staju ricennu ca veni do Continenti!?

NZINU- Fri…Fri…Fri…

ALFR- (alla moglie e alla figlia) Facisturu trasiri a Fri-frì, o’ jattu?…Vaju rittu ca a porta di casa a voghhju sempri chiusa!…(comincia a cercare per la stanza e come lui gli altri)…Sa unni si nficcau!…Fri-frì nesci fora! (all’amico) ‘Nzinu, ammeri unni iu ‘ssu jattu?

NZINU- E chi nni saccju jù?

ALFR- Comu: chi nni sai? Allura picchì prima u chiamasti: fri-frì?

NZINU- Ma ju vuleva diri: Fri-Friuli!

ALFR- Chi ffa ti ci metti puri tu ora?…(agli altri) E’ comu dissi ‘Nzinu: veni do Friuli!

MART- Milia, guarda che se è per me…

MILIA- Statti muta ca no’ è ppi tia, ma ppi mia!…Avanti, diciammillu: unni a voj fari rommiria ssa strafallaria?

ALFR- O me postu! Nto lettu cu tia!

MILIA- Mizzica, allura no’ capisti ca jù…

PAUL- (capisce che la cosa andrà ancora per le lunghe se non si trova una soluzione sottovoce dice alla madre, allontanandola dal padre) Omà no fari siddiari!…(forte) Ppi favuri stati calmi ca sistemu tuttu jù! Papà dissi ca dormi nto tinellu…Jù e Giuvanni durmemu nto lettu ranni, cu a mamma…a zia e Michilina si sistemunu nta me cammira e sta signura ca ha veniri a facemu dormiri nta cammira di Giuvanni!

NZINU- E jù…

MILIA- …Tu ci fai lustru supra o’ comudinu! Ca ti vo’ cucchi a to casa!

NZINU- E chissu vuleva diri: jù mi nni vaju a casa!

MILIA- Scusami, ’Nzinu!…’A testa mi partiu!…

NZINU- Ti capisciu, Milia!

MILIA- U stai virennu Marta chi m’haju a suppurtari?…(al marito) Aviti vogghja ca faciti veniri a genti do Continenti, tantu nun vinciti u stissu! (via in cucina)

ALFR- Aciddazzu di malauguriu! Chi mi fai a “cucca”? (seguendola) L’occhjatura mi fai?(via)

PAUL- (tra sé e forte) Gabbrieli miu: semu peggiu di Giulietta e Rumeo!…(ai due) Vajua calmarli!…(via in cucina)

(brevi lazzi tra Marta e Nzinu )

MART- La saluto signor Quadretti!…(si avvia pure lei in cucina)

NZINU- Bona…(vorrebbe dire: bonasera)

MART- (lusingata, si ferma e si gira) Come…scusi?

NZINU- (ripete,ma si impunta nuovamente) Bona…

MART- (si gira sulla trequarti, non da completamente le spalle a Nzinu) Oh Dio!(si ravviva i capelli)…Però…(intenzionale,con sorriso accattivante) Ritornate presto! (esce)

NZINU- (rimane di sasso e dopo una breve pausa…verso la platea) Mi dissi: turnati prestu!…Ju mancu mi muvissi cchiuj di ccà! Hàu, mi piaci!…E’ a fimmina adatta ppi mia!…Sapi cucinari, scupari, lavari, stirari…E appoi cu idda mancu c’è bisognu ca parru: mi leggi nta l’occhi!…Ma comu fazzu a diricci ca mi piaci?…Comu fazzu a spiegarimi?…

ALFR- (entra e si avvia per cercare qualcosa in camera…) ‘Nzinu ancora ccà stai?

NZINU- Mi nni stava jennu!…(accenna dei passi verso la comune, poi si ferma e dopo breve pausa, con dei passetti veloci va dall’amico) Alfredu, scummettu, ca tu nun sai picchì ju ‘ntattagghju?!

ALFR- E nò ca no’ saccju!

NZINU- Mancu jù ci u sapeva: ‘ntattagghju picchì quann’eru nicu c’avevu un “TRAM”…(andando)..Ci avevu un tram, oh!…ci avevu un…

S I P A R I O

               

S E C O N D O   A T T O

                  La scena è la stessa del 1° atto. Solo la disposizione dei mobili potrebbe cambiare, in quanto vi è in  più un mobile letto.

                     Scena 1^:- Milia-Marta-MIichela-Paula-Jhonny.-

MILIA- (entra seguita da Marta) Auh, jù megghiu d’accussì nun puteva fari!

MART- Sì, non potevi fare meglio!… Piuttosto pensiamo a come ricevere quest’Onorevole! Hai qualche idea?

MILIA- Jù? E cu ha ricivutu mai Onorevuli?…Chi dici: quann'arriva c'haju a vasari a manu?

MART- Ma no! Oltretutto quest’Onorevole è per l’uguaglianza! O almeno queste sono le idee del suo partito.

PAUL- (entra) Ciau ma’, ciau zia!…Jù vaju a Missa!

MILIA- A to frati e Michilina ne ‘spetti?

PAUL- Jù passu avanti!…Iddi mi venunu arreri! Ciau! (esce senza ascoltare altro)

MILIA- E cu ci capisci cchiù nenti!? Cca intra fanu tutti comu volunu iddi!

MICH- (entra sorridente) Buongiorno a tutti!

MILIA- E Jhonny unni è?

MICH- Adesso arriva!….Vedrete che sorpresa!

MART- Che sorpresa?

MILIA- E’ na suppresa di chiddi boni o di chiddi tinti?

MICH- A momenti vedrete!

JHON- (comincia a far sentire,da dentro, la sinfonia, a mo’ di musica: po-poppo-popò…ecc!)

MICH- …Sentite?…Eccolo!

JHON- (abito scuro,camicia bianca con fiocco vaporoso e cadente al posto della cravatta, fazzoletto al taschino della giacca, capelli tirati con brillantina. Entra solfeggiando continuando il “motivo” col dito…Smette quando Michela lo applaude)

MICH- Bene!…Bravo!…

MART- (ne è divertita e sorride)

MILIA- (è sgomenta) Scimuniu! Mi scimuniu attunnu!… Ti mittisti u vistitu da bon’anima, do nonnu?…Su ti c'acchiappa to patri: ti fa fari i cursi finu o’ °“chianu a-tavula”: anura (nudo)! *(Chianu a-taula può essere qualsiasi luogo caratteristico o risaputo di altra città o paese) …T’ammazza!…O levatillu!

JHON- (cerca di parlare forbitamente) Tu non puoi capirmi!…Del resto tutti gli artisti sono incompresi!…Comunque per me da oggi comincia una nuova vita…Ho scoperto la musica classica e quella da camera!

MILIA- Nta cammira de pazzi ti chiurunu!…Ti dissi: vo’ spogghiti!

JHON- (a Michela) Che t’avevo detto? Come volevasi “illustrare”!…Ma l’arte non conosce ostacoli! (a madre e zia) Ci “viremo”più in là!…(esce accennando il motivo precedente)

MICH-Aspettami!…Vengo!…(si avvia ma viene stoppata)

MILIA- Michilina! Michilina, a zia, m’arraccumannu a tia: nun ci fari fari scimunitaggini!…Su pi putacasu ncuntrati o ziu: cangiati strata, ca su u viri vistutu accussì u cciunca!

MICH- Ma zia di cosa ti preoccupi? Non capisci che in Jhonny è avvenuta una metamorfosi? Ciao! (esce)

MILIA- (affranta, va a sedere)…E cu ci pigghja ‘nummira?…Nun ci staju capennu cchiù nenti! Me maritu s’affissau ca pulitica…A Puala ci pigghjau a mangiaciumi…A Jhonny ssa “metacosa”…A mumenti arriva a Butteghina…

MART- (corregge) Bottegoni!

MILIA- Na “botta di vilenu” macari a idda!…Sugnu sistimata pe' festi! (...male)

MART- E su!…Non ingigantire le cose, che sennò prendi un esaurimento pure tu!…Vedrai che dopo le elezioni tutto andrà a posto: Alfredo sarà quello di prima, Paola si fidanzerà e Jhonny si calmerà.

               Scena 2^:- Detti più Alfredo  e Bottegoni.-

ALFR- (da dentro) Prego!…Vieni!…(entra con una valigia in mano, che posa a fondo scena) Trasi dentro cara cumpagna Bottegoni!

BOTT- (Entra con in una mano un beaute-cassy e nell’altra un borsone, che le viene tolto da Alfredo e posto vicino alla valigia. E’ vestita con un tailleur con pantaloni di colore rosso, ed ha in testa un buffo cappello, di quelli a tubo…)…Grazie, compagno Pastarella!

ALFR- Compagna, questa è mia moglie!…

BOTT- Piacere!

MILI- U stissu è ppi mia!

ALFR- E questa è mia cognata!…

BOTT- Piacere!

MART- Piacere mio!

BOTT- (dopo aver dato uno sgaurdo veloce in giro) Vi debbo dire compagne…

MILIA- Semu cugnate…nun semu cumpagne!

ALFR- (a denti stretti e muso duro) Statti muta!

BOTT- (continuando)…Debbo dire che sono contenta di trovarmi qui!

MILIA- Ju staju murennu da cuntintizza!

ALFR- E nun mi fari fari mali fjùri!…(a Bottegoni) Sai… è emozionata…In casa nostra non ci avemo mai avuto a una come a te!

MILIA- Annunca! Una comu a lei non l’amu avuta mai!

BOTT- Come sei gentile, compagna!?

MILIA- E secuta cu sta cumpagna!…

ALFR- (a Marta)…Marta, nte scali ancuntrai a Michilina cu unu vistutu di “carnaluvari”…Cu è?…’U canusci?

MART- Ma era…

MILIA- (interrompe subito)…Era ‘n amicu di to figghiu!…

ALFR- Pensa chi sorta d’amici c’avi me figghiu! Màh!…Milia, è pronta a cammira dell’Onurevuli?

MILIA- Sì! A facemu cuccari nta cammira di Jhonny.

BOTT- (incredula) Jhonny?…Ho sentito bene, Jhonny?

MILIA- Ora sintemu a ss’autra!

BOTT- Hai un figlio che si chiama così?

ALFR- No…Sì…No…Eccu, pi diri a virità si chiama Giovanni, ma ccà, a casa, ‘u chiamamu Jhonny…Sai è più meglio, perché Giuvanni è troppu longu. Senti: Giiiuuuvvvaaannniii!!!... Prima ca veni passa minzura! Mentri su u chiami (deve essere detto in modo stretto e veloce): Gi-ny, Gi-ny…è accussì curtu, ca nun fai ‘n tempu a chiamallu ca già arrivau!(si asciuga il sudore per lo sforzo mentale che ha fatto)

BOTT- Se a voi sta bene così!?…Scommetto che la camera di tuo figlio è tapezzata di poster di cantanti ed ai quattro angoli vi sono piazzati gli altoparlanti dello stereo!

MILIA- Mi dicissi na cosa: lei ci ha statu già a me casa?

MART- Ma ha tirato ad indovinare!…Le camere dei ragazzi si assomigliano tutte!

BOTT- (continuando il suo pensiero precedente)…E con molti dischi di musica moderna!

ALFR- Pi chissu! Pùh!…Non sapi cchiui unni l’ha mettiri!

MILIA- Ora Jhon…,ciuè Giuvanni, ha cangiato musica: trasiu nta crassica!

BOTT- Prego? …Ha detto?…

MART- Musica classica!

BOTT- Magnifico! Anche a me piace la musica classica. Io e tuo figlio andremo a gonfie vele!

MILIA- (tra sé) A chissa ci sgonfiu jù i veli. (forte) Vardassi ca me figghiu ancora è un “murvuseddu”, ‘n carusiddu! E’ beddu longu, ma è longu ammatula! (inutilmente) Cu iddu nun ci scippa nenti!

ALFR- Comu o solitu pigghjasti “bummuli pi quartari”! Cusa voj ca ci nteressa all’Onorevuli di to figghiu? Vuleva essiri gentili…Ma si po’ sapìri chi ci hai a-stamatina?

MILIA- (decisa) Ci haju ca sugnu nirvusa…

MART- (la interrompe) …Per via delle elezioni…E’ preoccupata!…

BOTT- Ti capisco, compagna! Questa è l’occasione buona per avere tuo marito Sindaco! Sei in ansia vero?

MILIA- Sì! Ci haju: l’ansia e ‘n ficutu accussì! (mimica)

BOTT-Bene! Ti dispiace accompagnarmi in camera? (prende borsone o valigia)

MILIA- (prendendo una valigia) Vinissi cu mia!…(tra sé)  

ALFR- U viristi a cugnata chi malafijuri ca mi fa fari me muggheri?

MART- Cerca di capirla! Non è abituata ad avere per casa gente importante! Oltretutto è da stamattina che pulisce e rassetta affinché tutto sia in ordine!…E’ un po’ stanca, ecco tutto!

MILIA- (ch’era entrata a metà battuta di Marta) Brava! Sugnu stanca!

ALFR- E calmiti!…Dumani finisci tuttu e quannu sugnu Sinnicu…

MILIA- …I jaddi si mettunu a fari l’ova!

C A M P A N E L L O

ALFR- (vorrebbe controbattere,ma si astiene) E’ megghju ca vaju a ràpiri!…(va e poi da dentro) Ah, si’ tu Nzinu?…Trasi! (entra seguito dall’amico)

NZINU- (è vestito a festa, un po’ pacchiano,con colori vistosi e contrastanti, con aria da bullo, sicura)…’Giorno!…(portando avanti una bretella) °Alasticu!! *(non vuole indicare l'elastico della bretella, ma è un modo di dire di quegli anni per fare intendere di essere “ganso” bullo” “elegante e sicuro di sè)…Arrivaj c’a bianchina! (come fosse una “Ferrari”)

MILIA- E a lassasti fora? Na putevi fari trasiri a ssa signura?…( si avvia alla comune)

NZINU- (fermandola) Unni vai?…Bianchina na machina è! (rivolge sguardi d’intesa a Marta, che se ne compiace come una ragazzina) E’ un “Spuznic”(Sputnik)…Un missile è!

MILIA- E chi ni saccju jù di Bianchina, giallina e turchina!(tornando in scena)

ALFR-E brau ca vinisti ca machina: accussì arrivamu prima o partitu!

NZINU- Ma jù vinni ca machina picchì…

BOTTE- (entra interrompendo Nzinu) Compagno Quadretti ci sei pure tu? Andiamo!…Abbiamo molte cose da fare!…Arrivederci!…(via)

ALFRE-Arrivamu!…Amuninni Nzinu!

NZINU- Ma jù vuleva arristari ccà!

ALFR- E chi ci fai ccà? No sintisti all’Onurevuli ca c'avemu cchiffari? (uscendo) T’aspittamu nta machina!

NZINU- (dopo una breve pausa) Haju agghiri o partitu!…M’aspettunu nta machina!…Su u sapevu vineva a peri!…Tantu tornu!(andando verso la comune) Mizzica si tornu! (esce,ma rientra subito e da dentro la giacca tira fuori un fiore che teneva nascosto) Signora Marta?

MART- Si?

NZINU- …Chistu è pi lei!…(porge) Cu tutti i me cumplimenti!…Alasticu!!…( esce)

MART- (ha preso il fiore e dopo averselo portato al petto: sognante va a sedere)

MILIA- (alla cognata) E ora chistu chi è?

MART- E’ un fiore…non lo vedi?

MILIA- Certu u visti ca è ‘n ciuri e nun è ‘n citrolu!

MART- Beh…veramente io…

MILIA- (tra sé notando lo sguardo assente di Marta) Semu a postu!…(forte) Dimmi na cosa Marta: ti piacissi a stari ccà?

MART- Non mi dispiacerebbe proprio!…E’ un paesetto (città) così tranquillo, ridente…Vicino al mare….

MILIA-  E di Nzinu chi ti ni pari? Chi ni pensi?

MART- Penso che di uomini come lui ne siano rimasti pochi: gentile, educato, serio…Una persona squisita!…

MILIA- E nun c’hai mai pinsatu a maritariti n’autra vota?

MART- No!…Fino ad ora l’unico mio pensiero è stato: Michelina…Sono qui grazie al mio esaurimento…Sai che il mio continuo mal di testa è sparito appena sono scesa dal treno? Dacché mi trovo qui, mi sembra d’essere rinata.

MILIA E chi voj mettiri l’aria nostra cu chidda vostra? Ccà l’aria è tutt n’autra cosa!

MART- E poi da quando Paola e Gabriele hanno dichiarato il loro amore: il mio cuore ha ricominciato a palpitare…Non è più piatto!(mimica con mano)

MILIA- Picchì apprima ci l’avevi accussì? (mimica)

MART- La dipartita di Pasquale aveva reso il mio cuore insensibile a qualsiasi emozione!

MILIA- E allura vistu ca spittiu n’autra vota e vistu ca Nzinu ti piaci, picchì nun fai occhecosa pi’ faraccillu capìri? Chista è l’occasioni bona pi’ maritariti, ah?

MART- E Michelina accetterebbe un nuovo padre?

MILIA- Michilina ti capisci e a tia non ti mancunu i palroli  pi’ cunvincilla!

MART- Le accennerò qualcosa appena Vincenzo si sarà dichiarato! Deve essere lui a dirmelo!

MILIA- Allura “ci su’ cchiù jorna ca sasizza”!… A mia mi sapi ca su no’ juti, babbaleccu cum’è,  jemo pe’ longhi!

             Scena 3^: Detti- Paola- Gabbrieli-

PAUL- (entra seguita da Gabriele) Ciau!

GABR- Bongiornu!

MILIA- Già turnastuu? E a Missa cu a rissi un birsaglieri?

PAUL- Autru ca Missa!…Gabbrieli ci u rissi a so patri e a so matri e pari ca sunu disposti a veniri!

MILIA- (A Gabriele) Veru è?

GABR- Jù e a mamma cunvincemu o papà a veniri ccà,  pi’ parrari cu vuatri!

MILIA- E nzittasti a jurnata!

MART- Allora acconsentono al fidanzamento?

GABR- Po’ fidanzamentu a mamma accunsente, ma u papà nun è cunvintu!

MILIA- U capì: a matri veni disposta e u patri indispostu!

GABR- (andando a sedere con fare sconsolato) Secunnu mia: nun si nni fa nenti!

PAUL- E nun jttari picciu, ca t’ammalocchi tu stissu!

GABR- U voj capìri o nò ca jù a tia ci tegnu troppu?

PAUL- A cuppa è tutta di to patri, ca avi a testa cchiù dura d’un mulu!

GABR- U miu?!…U to ci l’avi cchiù dura d’o ‘ntagghju!

PAUL- Su to patri s’arritirava dall’elezioni: me patri vinceva e nuatri erumu a postu!

GABR- (si alza) U stissu dicu jù:  su to patri non ci s’ammiscava ppi’ nenti, era megghiu!

PAUL- A virità è ca non mi voj cchiù beni! (gli gira le spalle)

GABR- No! Si tu ca non mi-nni voj!(le gira le spalle)

MILIA- Vi stati strariannu comu a du’ picciriddi!

MART- Come potete affrontare i vostri genitori se non siete in pace tra voi? Così fate solo il loro gioco!(decisa) Andate in camera, che possono arrivare da un momento all’altro!…Con loro ci parleremo prima noi.

MILIA- (imita Marta italianizzando) Avete sentuto?Facete como disse la zia!

GABR- (girandosi) Si è megghiu!…(vede Paula ancora girata di spalle e va da lei)Avanti votiti!…(vedendo ch’è restia) …E senza tanta “liscìa”! (cerca di farla girare, ma Lei si rifiua)…Ti ci metti macari tu?(riprova a girarla, senza risultato) E allura a tistarda sì tu!

PAUL- (girandosi e con fare deciso) Talìa, quannu semu maritati, si putacasu t’impicci di pulitica: ti scicu ‘a facci!(entra in camera)

GABR- (srgue)Tu si’ a me pulitica! No’ viri ca ppi’ tia mi staju squagghjannu?(via)

               Scena 4^- Detti  più Nzinu-

MILIA- Maronna, comu ti sai spicciari i cosi, a cugnata?! Nta minutu i sistimasti e carusi!

MART- Basta restare calmi e non farsi sopraffare dai sentimenti! Adesso appena arriveranno i geni….

NZINU- Pe…pe-pe…pe-pe..pe-pe…

MART- (felice) E’ arrivatoVincenzo!…

MILIA- Ca’ trumma! (fa verso) Pere-pe-pé!

NZINU- (entrando) E’ permisso? Vi l’ava rittu ca artornavo!

MILIA- E chi turnasti a fari?

NZINU- Siccomo mi sinnjava a stari nta sezioni: ci ncocchjai che ci avevo impregni urgenti!

MILIA- E  lassasti a Alfredu…?

NZINU- U lassai cu l’O…cu l’O…

MART- …Con l’Onorevole!

NZINU- Comu rissi idda!

MILIA- Bestia! Non ci l’avi a lassari!…No’ viristi comu è pruvucanti dda “Virginiaammucciata”? Alfredu non ci sta tantu a perdiri a testa.

MART- Alfredo ha la testa sulle spalle!

MILIA-  Quacche vota ci l’avi sutta e’ peri!

NZINU- Milia, chi si’ gilusa?

MILIA- Cuj jù? Ppi’ mia po’ fari comu ci pari…Addopu ci pensu ju a scipparici l’occhi!

MART- (cambia discorso) Come mai è ritornato, signor Quadretti?

NZINU- Ava pinsatu ca siccomo Lei è furastera di quùne…Jù vi voleva fari fari un giru turisticu…C'haju a machina e allura…(si possono elencare luoghi caratteristici del luogo)

MART- Ma veramente io…

MILIA- E non ti fari prijari! U sacciu ca u paisi u canusci già, ma da quannu arrivasti: ancora à mettiri u nasu fora da porta!? A genti po pinsari ca ti tegnu carcirata! Pigghja tanticchia d’aria! Di Nzinu ti poj fidari: è na persona seria!

NZINU- Ssssssssssss….

MILIA- Chi ffa m’haju a stari muta?

NZINU- Nò, vulevu riri: serissima!

MILIA- E allura, Marta?

MART- Penso che un po’ d’aria mi farà bene…Solo che non mi va di lasciarti sola…Se arrivano…(allude ai Carota) Mi capisci?…

MILIA- Paccamora pensa pi tia, ca m'a spurugghiu jù!

MART- Quand’è così…accetto il suo invito, signor Quadretti!

NZINU- Si?…Però non mi chiamate Quadretti! Chiamatemi Nzino!

MART- Ci proverò! Vado a prendere la borsa (andando) Ci metterò un minuto!(esce)

NZINU- (misura la scena in lungo ed in largo a grandi passi, ripetendo) Milia:nesci cu mia!…

MILIA- (vorrebbe parlargli e accenna quasi a seguirlo) Si, nesci cu tia!…

NZINU- Ivu a pigghiarisi a bossa!…

MILIA- Sì, va beni ma…

NZINU- (che non la sente)…Ci metti n minutu!

MILIA- Ora arriva! Assettiti!…

NZINU-Chi dici passau  n minutu?

MILIA- (che ha perso la pazienza) Ti voj firmari “buttighja di cristallu”?…Assettiti ca t’haju a parrari!

NZINU- (siede) Chi mi voj riri?

MILIA- Parra cu mia: ti piaci me cugnata?

NZINU- Assai assai!

MILIA- E tu fussi dispostu a…

NZINU- (velocemente) Si!

MILIA- Mizzica, comu addivintasti lestu di lingua! N’attruppichi cchiùi?…Sì: cosa?

NZINU- Si: ca ma vulissi maritari…Sempri su idda ci sta!

MILIA- Ci sta, ci sta! Dici ca si’ simpaticu…Gentili…Primurusu…

NZINU- Chi dici: mi pigghja?

MILIA- Ti pigghja, ti pigghja!

NZINU- (si allenta il nodo della cravatta si alza e comincia a camminare in lungo, sventagliandosi col cappello) Mi pigghja, auh!…Mi pigghja…Mi pigghja…

MILIA- N coppu ti pigghja su non ti calmi!…Assettiti!

NZINU- (sedendo) Ci hai raggiuni, è megghju ca mi calmu, ca su mi pigghja n coppu arrestu viduvu prima di maritarimi!

MILIA- M’arraccumannu: non ci diri ca tu fici capìri jù!…Non criru ca parri?

NZINU- Jù? A paura mia è chissa: ca quannu sugnu sulu cu idda non parru attunnu!

MILIA- Eccula!…Mutu!

MART- Eccomi! Vogliamo andare?

NZINU- (rimane zitto fissando un punto della platea)

MART-Beh, allora?

NZINU- (da segni d’insofferenza)

MART- (a Milia) S’è pentito…?

MILIA- Si pintiu? No, ca non si pintiu, abberu?

NZINU- Auh, jù parru!(tra sé)

MART-Allora?

NZINU- (si alza) Allora sugnu prontu macari jù! Amuninni!(e la prende sottobraccio, restandogli di fronte facendole fare mezzo giro, ma si accorge d’averla presa nel modo sbagliato) E’ megghju ca pigghju di ccà! (cambia braccio, infilandolo nell’altro di Marta sbagliando ancora)

MART- (lo ferma e porgendo la sua fronte verso la Comune le offre il braccio) Sarà meglio che andiamo tutt’e due dalla stessa parte, non ti pare “’Nzino”?

NZINU- (a Milia) Auh, a sintisti? Mi chiamu “’Nzinu” e mi resi do “te”!

MILIA- Autru ca tè…na capumilla ti ci voli ora!

NZINU- (prende Marta sottobraccio) Amuninni!(si avvia e quando è sulla Comune si gira a guardare Marta, che gli fa segno col dito di stare "muto") …E cu parra!? (esce,ma dopo una breve pausa rientra a ritroso e prendendo la scena…) Milia fora c’è Arturu Carota cu so’ muggheri!…

MILIA- E i lassasti fora da porta? Falli trasiri!

NZINU- Ma Alfredu non voli ca….

MILIA- Ti rissi di falli trasiri!

NZINU- (esce borbottando e da dentro:…) Trasiti!

                 Scena 5^:- Milia-Arturo-Nunzia- e poi Aalfredo e Bottegoni-

ARTU- E’ permesso?…(entrando)

NUNZ- (seguendolo) Disturbamu?…

MILIA- Avanti…chi disturbu?!…E chi sunu tutti sti cumplimenti?…Assittativi!…

ARTU- (indica una sedia o poltrona a Nunzia)…Assettiti!( prende posto pure lui)

MILIA- (siede di fianco ad Arturo, in modo che questo si trovi tra le due donne)

ARTU- Grazii, Milia!…Allura…Gabbrieli ni rissi ca ni voj parrari!

MILIA- …Ca vi vogghju parrari!….

NUNZ- Iddu accussì ni rissi!

MILIA- (impacciata) Sì…affattivamenti vi vuleumu parrari, ma appoi…addopu pirò…eccu…picchì succomu a cosa…(con gli occhi cerca l’aiuto di Nunzia) Capitu, no?

NUNZ- (da adesso in poi tiene mano all’amica) Ca certu, oh!

ARTU- Picchì tu a capisti?

NUNZ- Ca veramenti tantu bonu bonu n’a capìi!

ARTU- (occhiataccia di considerazione mista a rimprovero alla moglie e poi a Milia) Spiegati megghju Milia! (d’ora in poi seguirà le battute delle donne girando lo sguardo ora a dx, ora a sx)

MILIA- …E chi haju a diri Nunzia?…

NUNZ- …Oggi n’agghiurnau na bedda jurnata, abberu Milia?

MILIA- Sì, propiu bella, spiramu ca non cangia!

NUNZ- E cu ci leggi no tempu?

MILIA- Si po’ mettiri a chioviri all’intrasatta !

NUNZ- E no!…Maronna comu passa u tempu!…Tu riordi quann’erumu carusi?

MILIA- Jautru su mu riordu!…Quanti passiati ni faceumu dopo a Missa ppi putìri ncuntrari a Alfredu e Arturu!? E nò!?…

NUNZ- E nò!?…

ARTU- E nò!?…(prende parte ai ricordi)

NUNZ- Sempri ammucciuni, s’annunca ni vireva qualcunu da famigghia! Quant’erunu beddi…eleganti…puliti…

MILIA- …gintili….

NUNZ- …primurusi..

MILIA- …calurusi! E nò!?

NUNZ- E nò!?

ARTU- E nò!?

MILIA- Ppi putìri aviri na carizza, un bagiu: faceunu j sauti murtali!

NUNZ- Nveci ora t’arrijalunu nun sacciu cosa, abbasta ca ti levi davanti! E nò!?

MILIA- E nò!?

ARTU- E nò!?…(torna alla realtà) Ma quali “e nò!?”…Ju vulevu diri…

NUNZ- (lo interrompe per deviarlo ancora) Lassamu pérdiri e jemu avanti!

MILIA- Auh, ci ata fattu casu ca u tempu passa e l’amuri nun cangia mai?

NUNZ- Propiu accussì! Santi paroli.

ARTU- Puru jù ci haju fattu casu, ma ora…

NUNZ- Lassamu pérdiri e jemu avanti!…Chi dicevi Milia?

MILIA- Nenti…ca i sentimenti sunu sempri i stissi. Vogghju diri ca i carusi di oggi fanu comu faceumu nuatri: tutti i cosi ammucciuni! E nò!?

NUNZ- E nò!

ARTU- E nò!

MILIA- Pigghiamu pr’esempiu a Paulidda e Gabbrieli: chissà chi facissuru ppi stari sempri insemi all’occhi di tutti!?

NUNZ- Du cori e na capanna!…Pari ca i staju virennu!…Sai chi festa quannu si maritunu!? Ddu jornu mi mettu n cappeddu di sta manera (mimica della grandezza esagerata) cu supra piddi di jaddurinia e paini e davanti u velu…E tu Arturu chi ti metti u vistitu blu o chiddu grigiu?

ARTU- Chiddu grigiu: no!…E’ megghiu ca mi mettu…(ridestandosi ancora ed alzandosi) Ma Diu binirittu! Varda unni arrivanu già sti dui “vurpazzi”!?…Autru ca vistitu blu o grigiu! Vi stati facennu i cunti senza l’osti!…Ancora nun m’ata fattu parrari.

NUNZ- E parra…E cus’è t’inciumamu a ucca?

MILIA- E parra…Spremiti!

ARTU- Vogghiu diri di non pricipitari i cosi! Ancora n’emu decisu nenti! Bisogna ca viremu, pinsamu, arraggiunamu…

NUNZ- Ma chi voj arraggiunari quannu i carusi si piaciunu e si volunu beni?

ARTU- E tu chi ni sai, ah!? Basta ca a to figghiu ci duni ragiuni e si’ tutta cuntenta! Addopu cu c'arimetti arimetti! Comu a dda vota ca ci vulisti accattari, ppi forza,  a lambretta e dopu du jorna ci a futtenu.

MILIA- (si alza arrabbiata) Ahu, mastru sintenza, talia ca me figghia , in primisi primisi nun è na lambretta e sicunnariamenti nun si fa futt…

ARTU- (la interrompe) Pi’ carità di Diu!…Nun vulevu diri chissu… e mancu u pinsavu minimamenti! Su voj tu pozzu aggiurari supra a me muggheri! Ju vulevu diri…

NUNZ- Lassamu pérdiri ca è megghiu!…Milia, quantu sta a veniri Alfredu?

MILIA- Muta ca ccà è!…Mi parsi di séntiri “piritozzulu” (rumore) 

ALFR- (da dentro) Entra compagna…Trasi!…

MILIA- Nunzia tinemuni forti!

ALFR- (rimane sconcertato alla vista di Arturo e la moglie)

BOTT- (che ha seguito Alfredo) Grazie compagno!

ALFR- E chi ci fati vuatri nta me casa?

ARTU- E’ propiu chiddu ca mi stava diceddu jù stissu!

MILIA- Alfredu…Arturu e Nunzia vinnunu ppi parrari di Paulidda e Gabbrieli.

ALFR- Chi dicisti?

MILIA- T’an’a parrari di Paula e Gabbrieli!

ALFR- Putissi arristari siccu unni sugnu su ci haju capùtu occhecosa!

MILIA- Paula e Gabbrieli si volunu fari ziti!

NUNZ- Esattu!

ALFR- Esattu? No, sbagghju c’è!

ARTU- Puru jù u dissi!

MILIA- Talja comu vanu daccordiu!

NUNZ- Ma prima mi dicisti ca ni vulevi parrari? Ora dici di no?

ARTU- E ora dicu di no!

ALFR- (alla moglie) Parra cu mia: da quant’è ca u sapevi, ah?

MILIA- Da jeri!…Ma tu eri mpignatu c’a cumpagna!…

BOTT- Scusate…Scusa, compagno Pastarella, io vado in camera perché qui sono di troppo. Ti lascio con questi signori.

ALFR- Ah?…Ti presentu Arturu Carota e so’ muggheri Nunzia!

                (i tre scambiano un freddo inchino)

                Chistu è u’ Sinnicu e capolista di l’autru partitu!

BOTT- Ebbene?

ALFR- Ebbeni, u figghiu di ssu “bianco fiore” si voli maritari a me figghia!

ARTU- Ntantu precisamu ca è to figghia ca si voli maritari cu me figghiu…e ca ju nun ci tegnu a mparintarimi cu unu ca n’a pensa comu a mia!

BOTT- Perché pensa che l’ideologia più giusta sia la sua?

MILIA- Ora semu tutti: putemu tirari a sciabbica! (rete da pesca)

ARTU- Sicuru! E’ la più giusta e la più santa.

ALFR- Sì, ma finu a ora ssa Santa di miraculi n’ha fattu picca!

NUNZ- (A Milia) Ma to maritu a chissa unni a truau a’ Standa? Talijala…pari n manichinu!

ALFR- Auh! Pochi paroli!…Paccamora nun si nni fa nenti. Prima haju a discurriri cu me muggheri di certi cosi e appoi in secutu, vistu ca nun ci haju nenti in cuntrariu co carusu, ni putemu parrari. A na condizioni pirò: ca t’avvicini all’idei mei: Socialità – Lavoro – Lealtà e Chiarezza.

ARTU- Chiarezza!? E cusa voj intenniri ca jù sugnu mbrugghjuni, ah? Casu mai si’ tu u' mbrugghjuni! E nun ti sfurzari a circari paroli grossi, ca appoi nun sai mancu chi volunu riri. E’ ca ti voj fari bellu davanti a ssa capisciuna (o altra parola dialettale) abberu?

BOTT- Lei non può mancare di rispetto a una donna!

NUNZ- Auh, biddizza! Varda ca ccà ci sugnu jù: muggheri e fimmina! Prima di parrari sciacquati ‘a ucca, si nò di “russa” ca si’, ti fazzu addivintari gialla evirdicomu a n saittuni! (lucertolone)

ALFR- Chiffà, Arturu, sciugghisti u cani?…Vuatri fimmini v’ata stari muti…Parrati quannu piscia u jannu!

MILIA- Annunca!…Idda po’ parrari picchì porta i causi e a coppula i pannu!

ARTU- Amuninni Nunzia, ca stamu a perdiri tempu cu genti ca mancu sapi chiddu ca dici!

ALFR- (gli si avvicina) Voj insinuari ca sugnu ignoranti, sulu picchì tu facisti cchiù classi di mia? Ma ora ca a scola è d’obbligu l’occhi i rapunu tutti e a nova ginirazioni vedrà e capirà tuttu chiddu ca c’è da vedere e capire!

ARTU- Sicuru! E ju ppi suprajunta ti ricu ca l’occhi l’anu a spalancari boni, si nun volunu attruppicari e cascari nta parti sbagghiata! Picchì vuatri….

NUNZ- E basta! E chi ti voj mettiri a fari n comiziu ccà?

MILIA- A nuatri ni interessa a filicità de nostri figghi e basta!

NUNZ- Si volunu fari ziti? E nuatri accunsintemu!

BOTT- Non dovrei neanche parlare!…

MILIA- E ci a nzittassi!

BOTT- …Ma per il bene del compagno Pastarella, non posso esimermi dal farlo.

ALFR- Parla cumpagna! Lucidami…illuminami!

NUNZ- Sì, attaccacci a dui-e-vinti!

BOTT- Per il momento questo fidanzamento non s’ha da fare!

MILIA- Parrau “Toffulu”! (personaggio sentenziatore)

BOTT- Domenica ci saranno le elezioni ed il fidanzamento dei due ragazzi non è la mossa politica giusta…Sapete com’è fatta la gente!…

NUNZ- Chi voj riri ca semu zzaurdi? (zoticoni) Varda ca ppi civiltà u Cuntinenti ni po’ pulizziari i scarpi!

BOTT- (decisa) Posso continuare?

ALFR- Si, compagna!

MILIA- Talijati comu u scuta?! A mia mi fa sputari vilenu!

ALFR- Ma a lingua nun ti casca mai!?…Prego, compagna!

BOTT- Dicevo che potrebbero pensare che i due partiti facciano finta di essere discordi sui principi che li sorreggono e che invece siano d’accordo. Di conseguenza potrebbero votare per gli altri partiti o peggio ancora: votare scheda bianca…E allora saremmo veramente nel “caos”

NUNZ- Milia chi è stu “causo”?

MILIA- Ca quacchi malaparola ca diciunu nta l’atta Italia! Chissa è russa e scumunicata!

ALFR- (durante le battute delle donne, si complimenta sottovoce con Bottegoni e poi) Brava, cumpagna! Sugnu daccordu cu tia!(guarda Arturo con sufficienza e poi gli da le spalle)

ARTU- Macari jù sugnu daccordu!(si gira pure lui)

NUNZ-Varda comu su' finicchi! (carini)

MILIA- Auh, ma nta testa chi ci aviti a simmula? Ma l’ata caputu ca si tratta da filicità de nostri figghi…di l’avviniri?

ARTU- Ma quali filicità?

ALFR- Ma quali avviniri?

MILIA- Chiddu di l’animazza vostra!

NUNZ- I carusi si volunu beni…Sunu fatti unu ppi l’autru!

ARTU- Su me figghiu metti ‘n sulu peri nta sta casa: u mannu fora da mia!

ALFR- Su to figghiu metti ‘n sulu peri cca intra, allurdannu l’onoratissimu nomu de Pastarella: a me figghia a chiuru nta ‘n cunventu di clausura!

               (I ragazzi sono già entrati e hanno ascoltato le battute dei padri)            

GABR- Accussì nun vuliti ca ni facemu ziti!

ARTU- Tu ccà si’?…Ah, ma allura è tuttu un complottu!?…E chi mi puteva aspittari di unu comu a tia, abituatu a fari purcarii?!

ALFR- (meravigliato quanto Arturo, cerca di giustificarsi giurando e baciando le due dita incrociate) Ti pozzu aggiurari ca jù nun ni sapevu nenti!…(ritorna deciso) E appoi nun t’ha pirmettiri cchiù di parrari do me partitu ppi sottintesi!

GABR- Eccu! U partitu. A vuatri v’interessa sulu a pulitica e di nuatri nun v’interessa nenti! (va in crescendo)…Non c’è bisognu ca minni manni da casa, picchì ci vaju u stissu ppi cuntu miu! E su u voj sapìri: lassu iri di sturiari!(si avvia alla comune e poi tornando) Mi crireva ca lei, Alfredu, era megghiu di me patri, ma viru ca siti fatti da stissa pasta! Addio a tutti! (uscita decisa)

NUNZ- (che sin dall’inizio s’era portata vicino al figlio: lo segue nella prima falsa uscita e poi lo segue fuori in lacrime) Gabbrieli…Gabbrielluzzu miu unni vai?…Veni ccà a matri!…(da lì a poco rientra col fazzoletto in mano piangendo)…Sinni jiu! (siede affranta)

ARTU-Ora nun capisciu picchì chiangi?

PAUL- (anche lei era uscita dietro a Nunzia: rientra quasi piangendo insieme a Nunzia) Avi ragiuni a chiangiri!…Siti du’ egoisti!…Ora mi chiuru nta cammira, e non vogghju viriri a nuddu e fazzu comu a “Padella”(allusivo) “‘U sciopiru da fami!” (entra in camera)

MILIA- ( andando verso la camera e con la mano fra i denti in segno di rabbia verso Alfredo) Voli fari u rijunu!(verso la camera) Chi rijunu?  Hai a mangiari ca ‘n giru circula a nfruenza!

ALFR- E sta bona!…Dumani ci passa!…A mia mi sta beni!

ARTU- Macari a mia mi sta beni!

MILIA- U sintisti Nunzia? A iddi ci sta beni!

ARTU- (deciso fa alzare la moglie) Susiti e amuninni ca ccà ci ficimu a fulinia!…Non mi piaci l’aria ca tira nta sta casa: aria dell’Est.

ALFR- Sempri megghju l’aria ginuina dell’Est ca a Cola cola e tutti l’autri purcarii c’arrivunu dall’Ovest!

ARTU- E menu mali ca t’attrovi in Italia, picchì gnurantuni comu si’ t’avissi attruvatu in Siberia!

BOTT- Ha parlato l’uomo della Casa bianca!

MILIA- Basta, ora! E lei nun mi ci duna l’azzica!

NUNZ- (trascinando il marito verso la comune) Amuninni ca è megghiu!…

ARTU- Sì, è megghiu! Mi rispiaci sulu ca mi ci abbassai a veniri!

ALFR- Do prossimu lunedì troppu voti t’accalari!

ARTU- (indietreggiando verso l’uscita) Illuso!…U viremu!…Nu sapemu a diri!…

ALFR- (sulla soglia) Va finistuu di cumannari o populo!…(ritornando verso la scena) Varda cu cui m’ava mparintari!…Menu mali ca si nni jenu!…

MILIA- Sì cuntentu ora, abberu?…E lei è soddisfatta?

BOTT- Purtroppo questa era l’unica soluzione. Non si potevano compromettere le elezioni per i capricci di due ragazzi.

MILIA- Viri ca me figghia fa i capricci, ma non viri u dispiaciri ca avi intra o cori! Tantu a tia chi ti nni futti? (adesso è proprio risentita e si lascia andare a qualche parola volgare) E cus’è: a facisti tu?

ALFR- Milia…

MILIA- (aggressiva) Statti mutu ca m’haju a sfugari!…Ti muntanu a testa cu ssa pulitica do caulu! (a Bottegoni) V’apprufittati di nuatri, ca semu genti semplici e ca capimu picca e nenti…specialmenti iddu!…Custringisturu a me figghia a fari u scioperu da fami! E su m’addiventa “anofessica”e mi mori?

BOTT- Io non ho montato la testa a nessuno e sua figlia non diventerà “anoressica” ! Stia pur sicura che non morirà.

ALFR- Dumani mancu ci pensa cchiù!

MILIA- Auh, jù vogghju ca me figghia si marita e ca n’arresta zitella comu a chista!

BOTT- )risentita) Zitella a me? Per sua norma e regola la mia è stata una scelta di vita.

MILIA- Ca quali scelta? E dillu ca a tia nun t’ha vulutu nuddu!

BOTT- Compagno come permetti che io venga trattata in tal maniera?

ALFR- Milia comu ti permetti…

MILIA- Mi permettu e comu!…Ma levati, vah! Ca da quannu ti mittisti a fari pulitica ti partiu u cirivrddu!

ALFR- Milia non passamu i limiti!

MILIA- Quali limiti? Ma no’ viri ca n’arrinesci cchìùi a distinguere u beni do mali? A pulitica ti rincritiniu e chissa ti scimuniu!

BOTT- Basta! Sono stanca di essere offesa ed insultata. Vado via! Prendo il primo treno e torno in federazione!

MILIA- Va'! Va rumpiti i cianchi unni ti pari e portiti cu tia a ssu “Peppinnappa”!(va in cucina)

ALFR-(seguendola,ma prende quasi la porta in faccia) Milia ti proibisciu…E chi ci proibisciu ca si nni jiu?…Cumpagna u dicisti ppi scherzu ca ti nni vai, abberu?

BOTT- Non scherzavo: vado via veramente!

ALFR- E mi lassi sulu?…Comu fazzu?

BOTT- Fa come credi! Non sono venuta qui per essere insultata. Faccio le valigie e prendo il primo treno. Tua moglie ha ragione a dire che sei un incapace! Non sai farti rispettare né in famiglia, né in società!(si avvia in camera)

ALFR-Compagna?

BOTT- (con la mano alla maniglia della porta,si gira) Si?

ALFR- E su vinciunu l’autri: chi fazzu?

BOTT- Quello che hai sempre fatto: l’Opposizione! (esce)

ALFR- (solo e sconsolato) L’Opposizioni?…E cu l’ha fatta mai? Nta sta casa a fanu tutti: tranni jù! Sugnu troppu bonu! Ma ora è tempu di finilla! Accuminciamu cu’ me muggheri. (chiama) Milia!?…Milia!?…Signora Milia?

MILIA- (entra seriosa) Sua ‘ccillenza mi chiamau?

ALFR- Nun sfuttemu ca nun è u mumentu!…T’arrjordu  i cumannamenti do matrimoniu. Primu, jù sugnu maritu, omu e patruni di casa. Sicunnu: cu sta sutta o me tettu ha parrari cu mia prima di pigghiari qualsiasi decisioni! Terzu:….

MILIA- …Mi stai stumachiannu e non ti voggju sentiri cchiùi!

ALFR- Non m’arrispunniri accussì!

MILIA- E chi sugnu na serva ca non pozzu parrari, ah? Chi ti criri ca jù e i to figghi semu i to schiavi? Ennò, caru suvranu miu!

ALFR- Milia, jù non sugnu né suvranu, né imperaturi, né kaiser!

MILIA- Brau! Tu nun si’ un “KAISER”! (allusivo:nel senso sporco...)

ALFR-(che ha incassato malvolentieri) A ogni modu vogghiu sapìri da quant’è ca Paula sa sapi sentiri cu Gabbrieli?!

MILIA- E chi nni sacciu?…Jù u sappi u stissu jornu c’arrivau to cugnata!

ALFR- Ma propiu a iddu s’ava a pigghiari?

MILIA- E tu propiu a mia ava ncuntrari?…Propiu a mia t’ava maritari?

ALFR- O cori nun si cumanna!

MILIA- Si, ma ssu cori nun scalpita cchiùi… (le comincia a scendere una lacrima e con voce strozzata) E da ucca nun ti scappa  cchjù na parola duci!…

ALFR- Vo' riri c’addivintai  na petra di marmu?

MILIA- No!…Vuleva diri… Scusami…(esce piangendo)

ALFR- Eccu! Si misi a chiangiri!… E a cuppa è a mia! Girau a frittata!

                      Scena  6^: Alfredo-Marta-Milia-Jhonny-Michela

MART- (da fuori) Ciao, Vincenzino!…A presto!

ALFR- (incredulo) Vincinzinu?…Bòh!

MART- (che è entrata) Oh, Alfredo sei già a casa?

ALFR- A sapillu mi trattineva n’autru tannicchia o partitu!

MART- Indovina con chi sono stata a passeggio?

ALFR- Cu cuj?

MART- Te lo dico, anche se a te forse non t’importa.

ALFR- E tu diciammillu u stissu, capaci ca m’interessa!

MART- Con Vincenzo. Ti dispiace?

ALFR- A mia mi rispiaci?…E picchì?…

MART- Milia lo sa già…Tu lo hai saputo adesso…Non mi rimane che dirlo a Michela! (sognante) Io piaccio a Vincenzo e Vincenzo piace a me!…

ALFR- Nzinu ti piaci?…Ma si’ sicura?

MART- Più che sicura! Mi piace quando mi guarda…Mi piace quando mi ride…

ALFR- …E ti piaci quannu ti parra?!

MART- Sì! Perché quel suo tartagliare lo rende più simpatico e trepidante!…Che ne dici?

ALFR- Dicu ca oramai…(inghiotte)…ca oramai è ura ca ti mariti n’autra vota!…Nzinu è l’omu ca fa ppi tia!

MART- Grazie Alfredo!…Come sono felice!…Voglio parlare con Milia…Dov’è?

ALFR- Dda banna, in cucina!

MART- Vado! (uscendo) Milia…Milia…

ALFR- E dui! Paula cu GabBrieli e Marta cu Nzinu!…E cu ci capisci?… Macari a testa mi Doli! E’ megghiu ca mi stinnicchiu cincu minuti!…(entra in camera borbottando a soggetto)

MILIA- (entra seguita da Marta e andando a sedere) Ntantu ca l’acqua ugghj cuntammillu di ccà,!

MART- Dunque, m’ha portato con la macchina a…(luogo del posto) Mi ha preso la mano e…

MILIA- e…

MART- E gli ho detto di sì!

MILIA- E chi ti Rissi ppi fariti Riri di sì?

MART- Niente!

MILIA- E cum’è sta cosa ca unu mancu ti parra e tu ci rispunni?

MART- Hanno parlato i suoi occhi! Così espressivi, così eloquenti…

MILIA- Mizzica chi occhi ca avi Nzinu!…Menu mali ca nun l’haju mai taliatu fissu ‘nte palli ri l’occhi!…C A M P A N E L L O (il campanello verrà suonato come una musica) E cu è ca avi a manciaciumi nte manu? (si alza per andare ad aprire) (rientra seguita da Michela e Jhonny) …Accussì si sona u campanellu, ah?

JHON- (che tiene per mano Michela, canta sul motivo “Tu che m’hai preso il cuor”)                        E’  IDDA CA MI PIGGHIAU IL COR

            E  E’  PPI MIA L’UNICU AMOR!!!!..

               (abbraccia la madre) Omà, sugnu tantu cuntentu! (poi abbraccia la zia) Grazzi zia!

MART- (scostandolo) E di cosa?

JHON- Ca facisti a idda!

MILIA- Ma statti mutu!

JHON- No! Non ci pozzu stari mutu…L’hannu a sapiri tutti ca jù e Michelina ci semu giuratu eterno amore!

MART- E quando?

JHON- Pocu fa….nta chiesa! Sutta a statua di Sant’Antuninu!

MILIA- E parra alleggiu, ca su ti senti to patri: t’abbuatta!

MART- Ma è vero quello che ha detto Jhonny?

MICH- Si, mamma. Gli voglio un sacco di bene! Un sacco, un sacco…

MILIA- N saccu di vastunati pigghiamu, tutti pari! Ma chiffà?  Tutti s’innamuranu?

MART- Sarà l’aria!

MILIA- Bisogna ca jù e Alfredu na issumu a fari na passijata!

JHON- Omà, mu rici di sì?…Ti prumettu ca sturìu…Fazzu du anni a vota…Prima m’addiplomu e appoi mi scrivu o Conservatoriu…Unni è u papà? Ci u vogghju riri macari a iddu!

MILIA- Sarà nta camira…

JHON- (avviandosi)  Papà…

MILIA- (lo ferma) Unni vai?…Veni ccà! Ascutami: paccamora non ci riri nenti…Lassa finiri l’elezioni…E’ nirvuseddu e non sapemu comu a po’ pigghiari ssa bella nutizia ca ci voj rari!

MICH- Dice bene la zia. Oggi o domani che differenza fa passerotto mio?

JHON- Nessuna “quagghia” mia!…Però ora amuninni c’accuminciamu a fari qualche progettu pe l’avveniri!(si avviano)

MART-Cercate di fare solo progetti!

MICH- Ma che dici mamma?

MILIA- Si scanta ca ci cupiati u progettu!

ALFR- (entra) Allura è prontu! (non riconosce il figlio e lo saluta) Buongiorno!…Quantu ci manca pi’…(in ritardo ha riconosciuto il figlio) A tia cu tu resi u pirmissu di mittiriti u vistitu da bon’arma di me patri, ciué to nonnu, ah?

JHON- Opà, mi vuleva vestiri seriamenti!

ALFR- Va levatillu di cursa! U sai ca u tegnu comu a na riliquia e no’ ppi i capricci di ‘n picciriddu!

JHON-  Varda ca nun sugnu cchjùi ‘n picciriddu, ma un omu!…Non ci manca tantu ca mi maritu!

MILIA- Alé!

ALFR- Chi dicisti?

JHON- Mi fici zitu!

ALFR- Macari tu? E chi c’è n’epidemia?…E cu cui?

MART- (come al solito rimedia) Con la musica! E’ appassionato di musica!…

ALFR- (che non l’ha bevuta) Ah, ca’ musica!…(comincia a toglirsi la cinghia dai pantaloni) E allura vogghju vidiri su sapi chi musica è chista! (comincia a dargli cinghiate rincorrendolo)

S I P A R I O

T E R Z O    A T T O

                  La scena è la stessa del secondo atto.

                    Scena  1^ - Michela – Marta – Milia .

MART- Io sono d’accordo con Paola, zio non può anteporre la politica a sua figlia.

MILIA – Chissu è veru!…Ma ‘ntantu dda carusa  sta murennu Ri fami!…Javi setti jorna ca nun tocca mancu l’acqua.

MART- Per me non risolve nulla! Alfredo si è intestardito a tal punto!…Dacché l’Onorevole Bottegoni l’ha abbandonato, si è buttato a capofitto nella campagna elettorale e non credo che si ricordi che la figlia digiuna.

MILIA- Sì, ma pocu ci manca ca ssu schifiu finisci e ci u riordu jù ca c'avi na figghia!

MICH- Zio non si è scordatodi Paola…Non è come Voi pensate!

MILIA- E tu chi nni sai?

MART- Perché dici questo?

MICH- La sera, quando siamo tutti a letto, zio senza farsi notare va a guardare nella camera di Paola, dal buco della serratura, e, dopo un po’ si allontana scuotendo la testa tristemente!

MILIA- Ma chiffà tu stai nzunnannu?…Ma su s’arritira a casa e Rui… e tri di notti?

MART- Ma se vieni a dormire insieme a me?

MICHEL- Ma appena ti addormenti: mi alzo e Le porto da mangiare…e ci facciamo lunghe chiaccherate!

MILIA- Ci porti u mangiari, tu?

MICH- Sì!…Però fatemi il favore di non dirle niente…sapete è così orgogliosa!

MILIA- Tutta so patri! E cu ci criReva ca puteva arrivari a ssu puntu?

MICH- Eh, zia: l’amore fa fare cose strane!

MART- Sante parole, figlia mia! (alzando gli occhi: estasiata)

MILIA – (tra sé) Senti a st’autra! (forte) Stammi a séntiri, Michilina…Vistu ca stamu parrannu de stranizzi ca fa fari l’amuri: chi ti nni pari su to matri si maritassi n’autra vota?

MART- Ma, Emilia questo glielo dovevo dire io!

MILIA – E Tu ci u Rici a prossima vota!…Allura?

MICH- Cosa vuoi che ti risponda?…Mamma è libera di sposarsi…Non sarò certo io ad impedirglielo!…E’ ancora così giovane e bella!…

MILIA- Vardati chi ciriveddu ca javi!…Su ci nni putissi dari tanticchia a ddu scunchiurutu di me figghiu!

MICH- Mamma c’è qualcosa in vista?

MART- Eh!…Una nuvoletta!…Bèh! Per adesso é meglio non pensarci!…Ora vai!…Stasera ne parleremo con più calma.

MICH- Sì, vado! Jhonny mi sta aspettando in un  negozio di dischi….Ciao!(esce)

MILIA-Ti pareva!? Ci resi appuntamentu nt’o’ negoziu re dischi, anzi ci u resi a Biblioteca Comunali!

MART- Ma perché Le hai detto di me? Perché hai voluto affrettare i tempi?

MILIA- Ti vuleva ajutari!…Na viristi comu era cuntenta?

MART- Credo che le abbia fatto bene l’aria di questo paese!

MILIA-T’haju a diri ca macari jù fussi tantu cuntenta su si maritassunu!

MART- Chi?

MILIA-  Comu: “chi?” (tra sé) Chissà partiu completamenti! (forte) Ca me figghiu cu to figghia!

MART- ( tanto per dare una risposta) Anch’io lo sarei!

MILIA- Mi pari ca è cchiù giuriziusu…assinnatu…erucatu…

MART- (nel pallone) Ah, l’amore…l’amore! Quante cose fa fare l’amore!…

MILIA- U dissi ca partiu!…Auh!…(visto che non ha risposta da Marta ch’è rimasta a sognare: le si avvicina e la scuote) Auh!….”Amuri e broru di ciciri”! Jù vaju a vutari! Tu ci veni?

MART- No!…Io ho già votato.

MILIA- Già vutasti?…E unni ti vutasti nto lettu? Famminni jri, va! (prende la giacchetta e la borsa che stavano già appesi all’attaccapani ed esce)

                Scena  2^ - Marta e ‘Nzinu.-

MART- (sola) Com’è buffa la vita! Solo dieci giorni fa pensavo di essere una donna finita e invece adesso mi sembra di toccare il cielo con un dito!… Vincenzo, Vincenzo come vorrei che tu fossi qui!…

NZINU- (all’uscita di Milia, entra di dorso, facendo mimica verso Milia, lasciando così finire la battuta a Marta.- Dopo si girerà, non visto, verso Marta e farà la dovuta silenziosa mimica. Quasi a voler rispondere a quello che Marta si chiede.)

MART- …Non mi prenderai mica in giro?…Mi vuoi veramente bene come dici? No! Non voglio saperlo!…Hai avuto altre donne?…Mi devi dire se hai avuto altre donne!…Lo so, mi hai detto che non ne hai avuto e questo mi ha fatto felice, mi ha fatto sentire ebbra! Sì, ebbra!…Ma se mi hai detto una bugia: ti pianto subito!(in crescendo) Non vorrei più vederti! Sarei capace di tutto!…

NZINU- (preoccupato esce di scena a ritroso)

MART- (tornando in sé) Ma cosa mi sta succedendo? Io gelosa? Che vergogna se fosse stato qui ad ascoltarmi!…Ha ragione, Michela: “l’amore fa fare certe stranezze!”

NZINU- (da fuori) Po…Po…(entrando) Posso trasiri?

MART- Vincenzo!?

NZINU- Si po’?

MART- Che bella sorpresa! Pensavo che oggi non saresti venuto!

NZINU- Sai quantu mi nni futti a mia…Scusa…Vuleva diri: sai chi mi nni frega a mia di l’elezzioni! Io in-te la testa paccamora ci haju sulu a tia!…E appoi tu debbi stari tranquilla ca a tia a “lebbra” non ti pigghia, picchì jù cu autri fimmini o donne di “maluciauru”, comu si dici ccà, jù nun ci ebbi  stato mai!

MART- Ma dimmi: sei appena arrivato o…

NZINU- …Ora ora arrivai!…( che ha capito di aver fatto una gaffe)

MART- E allora perché mi dici, così di punto in bianco, che non hai avuto altre donne?

NZINU- Accussì…Picchì mi ho detto ntra mia medesimu: “ E’ megghiu ca ci u dicu jù, prima ca me l’addomanda idda!”

MART- Però!…Sei telepatico!…

NZINU- Cui jù?! Certu: sugnu “telepratico!”…Vinni perché ti vorrebbi dire na cosa.

MART- Accomodati…Metteti seduto!…

NZINU- No! E’ megghiu ca staju additta ca ntattagghiu cchiù picca! Ti vuleva diri…Taljami nte le palle de l'ochhi!

MART- (comprendendo) Ma ti ho già detto di sì!

NZINU- Prima tu rissi cu l’occhi e ora tu vogghiu riri ca ucca!…Marta, mi voj spusari, intra o misi ca trasi?

MARTA- E’ presto!…Lasciami un po’ di tempo!…

NZINU- Su ti rugnu tempu va a finiri ca ni maritamu all’Ospiziu! Ora mi l’hai a dari  a risposta!

MART- (dopo breve pausa) Ma sì! Sposiamoci! E’ inutile portare le cose alla lunga, dal momento che lo voglio pure io!

NZINU- (andando a lunghi passi per tutta la scena) E chi mi rissi “sì”?…Mi rissi “sì”!…’Nta facci m’u rissi!…(continua a soggetto)

MART- Calmati! Stai calmo!

NZINU- (abbracciandola) Sugnu troppu cuntentu! Amu a fari festa!…Niscemu…Facemuni na passiata!…A propositu: vutasti?

MART- A Emilia ho risposto di sì, ma a te: ricordo che sono residente a Spilimbergo! Tu hai votato?

NZINU- Ju vutai!…Camminiamoci in-te la piazza…(luogo del paese) mi vogghju accattari n cappottu!

MART- Ma oggi i negozi sono chiusi.

NZINU- Chiddu ca mi piaci sta espostu nta vitrina: tu u talij, mi dici su ti piace…E’ un cappotto di pilo di cammello!

MART- Perché non fai un bel “montone?”

NZINU- No! E’ megghiu ca ncuminciamu cu n cappottu di cammiddu, ca cu n cappottu di muntuni!

MART- Non ti piace proprio di montone?

NZINU- Nun è ca non mi piaci, ma è megghiu u jmmu, ca mparu di corna!…(ridendo) Schirzavo!

MART- Sei proprio simpatico…Andiamo! Facciamo sta passeggiata così vedrò il cappotto!(via)

                    Scena 3^ - Paola e Gabbrieli

PAOL- (entra in scena dopo essersi assicurata che in scena non ci sia nessuno) Fimalmenti si nni jenu tutti!…C'haju na fami!…Spiramu ca nto frigideri trovu occhecosa!…( sta per entrare in cucina, ma viene fermata da un rumore di vetri rotti) Matri!…E chi fu?…E cu ci po’ essiri nta me cammira? (rientra ed esce dopo breve pausa con un biglietto in una mano e una pietra nell’altra) E cu fu ca mi rumpiu u vitru? (legge) “Ti prego, Paola, aprimi!” Gabbrieli! E c’era bisognu ca mi rumpeva u vitru ppi dicirimi di rapiri? Ora mi senti!…(va ad aprire e poi rientrando)…Trasi!…Trasi!

GABR- (guardingo) Si’ sicura ca pozzu trasiri?…(entra e posa la valigia)

PAOL-M’u voj riri picchì mi rumpisti u vitru da finestra?

GABR- Nte filmi accussì fanu!

PAOL- Picchì nuatri stamu facennu u filmi?

GABR- Vuleva essiri rumanticu!…

PAOL- Chi fa scimunisti, ppi casu, ah? Ora quali film ci cuntu a me patri?…Chi vinisti a fari?

GABR- Paulidda, vinni picchì amu a fari quacchecosa di grossu!

PAOL- Quacchecosa di grossu?…Ma cchi voj riri? E mica ti capisciu!…(guarda la valigia) Anzi u capii…Mizzica su u capii! Nenti! Non si nni fa nenti! Allura scimunisti appiddaveru!… Vinisti ca valigia abberu!?…Su ancora nun l’hai caputu: ju mi vogghju maritari co velu!

GABR- E macari ju mi vogghju maritari co velu…Ciué… la valigia e quacchecosa di grossu nun volunu diri chiddu ca stai pinsannu tu!

PAOL- Ah, no? E allura?

GABR- E allura, fici sta pinsata: amu a fari finta ca ni nni fujemu! Eccu u mutivu da valigia…A casa, lassai n bigliettu scrittu!

PAOL- (capisce) Ahhhh!…Sì, ma jù nun mi vogghju alluntanari da casa…a parti ca nun c'haju prontu mancu u passaportu!

GABR- U passaportu? E unni amu agghiri n’America?

PAOL- Comunque assia: jù non mi nni vogghju fujri!

GABR- E mancu jù t’haju rittu!…U voj capiri o nò ca è tutta na finta?…L’amu a fari scantari e basta!…Sugnu cchiù ca sicuru ca u pirmissu di maritarani nu dununu subbutu! Teni ccà! (le da un foglio scritto che teneva in tasca) Metticci a firma e appoi u lassi ‘n cucina. Ajutiti!

PAOL- (lo apre e lo legge) “Cari genitori, anche se vi voglio tanto bene, sono costretta ad andare via di casa…(comincia a commuoversi) da quella casa dove sono stata coccolata per tanti anni….(non trattiene le lagrime) Iiiiihhhhhh!!!!!…..

GABR- Chi fa, ora ti metti a chianciri? E allura è megghiu ca ni lassamu e nun ni parramu cchiui!

PAOL- No, nun mi lassari!…A tia ti pari na cosa ‘e nenti  jrasinni da casa?

GABR- E allura senza “triulu” (pianto)…Chi ti pari?…Macari jù mu fici u me chiantareddu! Finisci di liggilla, accussì dopu a firmi.

PAOL- (tira su di naso e dopo aver asciugato una lacrima) “…coccolata per tanti anni, perché papà non vuole acconsentire alle mie nozze con Gabriele. Quindi seguo il mio futuro sposo  dove vorrà portarmi lui…” Unni mi porti: luntanu?…Cchiù luntanu di Carrapipi?

GABR- No, di Calascibetta!…Finisci di leggiri ca addopu tu ricu unni ti portu.

PAOL- “…Vi penserò sempre, anche se difficilmente ci rivedremo!”

GABR- (Le porge una biro) E ora firmala!

PAOL- (la firma e ridà la penna e foglio)

GABR-Puru u cugnomu ci mittisti?…Jù a vaju a mettiri  n cucina e tu ti vai a fari ‘a valiggia!

PAOL- Sì, Gabrielluzzu!…(vanno uno da una parte e l’altra dall’altra, ma Paola si ferma e…) Auh! E su me patri nun si cunvinci u stissu? Nun è ca appoi tu nun mi  mariti cchiù!

GABR-(fermato dalla voce di Paola) Su nun mantegnu a parola: mi putissi pigghiari n colpu all’istanti!

PAOL- E nun fari sti giuramenti, ca jù senza di tia moru!

GABR- Dài ca si fici tardu e ponunu turnari!

PAOL- Vaju!…(come prima) Chi dici: mi portu i dopuscì?

GABR- I dopuscì? E unni amu agghiri nte Dolomiti?…Paula varda ca jemu in parrocchia da don Anselmu!

PAOL- (delusa) In parrocchia?… E jù c’ava pinsatu di pigghiarimi a pinnula po’ viaggiu!(esce)

GABR-A pinnula…I doposcì…Chiuttostu, spiramu ca si spiccia, ca su so patri m’attrova ccà mi stira ‘u coddu!(entra in cucina e rientra subito) E quantu ci metti?…E chi si porta d’arretu macari u corredu?….Mizzica!… Sentu piritozzulu! (rumore di passi)… E ora comu fazzu?…Unni m’ammucciu? (va dietro al divano)

              Scena 4^ - Detti  più Jhonny  – Michela

JHON- (Lascia il passo a Michela) Prego gentile donzella!

MICH- Grazie, mio Cavaliere! Siamo all’apice della gentilezza!

JHON- Certu ca su pensu a chiddu ca eru prima…A comu mi visteva…a comu arraggiunava…Ora, bedda matri, mi sentu cchiù svegliu!

MICH- E io? Prima ero più introversa!

JHON- Tu? Jù eru tuttu di “traversu!”

GABR- (tossisce per farsi notare)

JHON-E  tu di unni scappi fora?

GABR- (deciso e senza preamboli) Jù e Paula ni nni fujemu!

JHON- Chi niscisti pazzu?

GABR- E’ cuppa nostra su nun ci volunu fari maritari?…E’ megghiu ca ni nni fujemu!

MICH- Fate bene!

JHON- Ci runi raggiuni? Forsi no’ capisti ca a me soru sa voli: fujri, scappari, sucari, ha caputu? !

MICH- Ho capito benissimo! Vuole imitare il “ ratto delle Sabine!”

JHON- (preso dalla concitazione) Chi mi nni futti a mia de jatti e de sardine?…Tu, a me soru a lassi stari ccà!

GABR- Ma jù nun vogghju rapìri a nuddu!…Jù e Paula ni nni jemu verso la felicità…verso il treno dell’amore!

JHON- Su ci ‘u ricu o’ papà e a’ mamma: mancu a’ stazioni ti fanu arrivari!

MICH- Calmati e lascia che ci spieghi! ( a Gabri) Allora?

GABR- Sta fujtina è tutta na messa in scena, na finta, tant’è ca ni nni jemu ‘n parrocchia…Don Anselmu è daccordu…Facennu chistu cca, pensu ca i nostri genitori si preoccupanu e accumenciunu a ciccarini e a fari mille e una supposizzioni:… “ Sarannu a Taurmina o già passanu u Strittu?” E giù lacrimi e schigghi, senza sapìri ca semu a vinti metri di distanza!…Quannu vuatri dui capiti ca sunnu pintuti e dispirati: tu Michela i fai aggiurari ca su turnamu ci perdoneranno e ci faranno sposare in chiesa, nto mentri, Tu (a Jhonny) ni veni a chiamari! Ecco, comu putemu otténiri chiddu ca nun ci volunu dari!

JHON- Chi bella pinsata ca facisti!…Michilina fujemanninni insemi a iddi, tantu, u papà, u cunsensu mancu a nuatri nu duna!

MICH- No! Mamma si dispiacerebbe.

GABR- Non cumplicamu i cosi…Quannu amu sistimatu sta facenna, ti priparu un pianu!

PAOL- (entra con borsone, beauty-kase nell’altra e sotto il braccio un ombrello. Entra dando il dorso,per chiudere bene la porta e girandosi…) Gabrieli chi dici: mi scurdai…(vedendo il fratello: grida e cerca di rientrare in camera) Ah! Bedda Matri, me frati!…

GABR- Veni ccà!…Non ti scantari ca tutti cosi sapi.

JHON- U sai, ca chistu è megghiu di “ISCICOCCU” c ‘a “PANTERA ROSA” misi nsemi? Ora-ora mi prumittiu un pianu!

PAOL- Chi? Ppi fallu stari mutu ci arriali un pianuforti?

MICH- Ma no! Un piano per fare acconsentire anche al nostro fidanzamento.

GABR- Ora nuatri ni nni jemu…Ma raccumannu, nun ci fati capìri ca sapiti unni semu…Ati a fari i finti tonti, i babbasunazzi! (si avvia ed esce,mentre Paola si ferma sulla soglia)

JHON- Abbasta ca ci arriniscemu!

PAOL-  (girandosi) Sta tranquillu ca tu ci arrinesci di sicuru!

JHON- Chi voj riri?

PAOL- Nenti!…Famminni jri ca l’avveniri miu è nte manu do parruco! (esce)

JHON- (ch’è rimasto perplesso) Ma chi mi rissi ca sugnu tontu e babbasunazzu?

MICH- Ma nò! Ti pare che io mi sarei innamorata di un tonto?

JHON- E’ megghiu ca mi vaju a priparari po’ compitu in classe! M’ajuti?…(si avviano) A mia mi parsi ca mi pigghiau ppi babbasunazzu!

MICH- Ma ti dico di no!

JHON- (fermandosi prima di entrare) Ah, na cosa! Da oggi chiamami Giuvanni. Comu a Giuvanni Bacche! Ti dispiaci?

MICH- Ma no, se ti fa piacere! (escono)

                     Scena  5^ -Marta e 'Nzinu-

NZINU- (entrando seguito da Marta) Chista fu a passijata cchiù bella da me vita!

MART- Non esagerare!…Una semplice passeggiata!

NZINU- Sì, ma jù nun l’ava fattu mai cu’ na donna bedda cum’a tia!

MART- Adulatore!…Sai che quel cappotto che m’hai fatto vedere non mi dispiace affatto!

NZINU- Da oggi, ogni cosa t’ ha piacìri macari a tia!

MART- Sono proprio contenta d’averti detto di “si”!

NZINU- Jù staju furmiculiannu tuttu!…Marta vieni tra le mie braccia!

MART- Ma su…Vincenzo!

NZINU- Ti vogghju dari un vasuni “viloci-viloci”!

MART- Perché veloce?

NZINU- Picchì su ci staju tanticchia di cchjùi: t’abbruciu u mussu, t’abbruciu!

MART- Un’altra volta… Adesso potrebbero vederci!

NZINU- Nun m’interessa si ci virunu…Tantu tutti lo dovressero a saperi!

MART- Non insistere, ti prego!

NZINU- Stu baciu è na prova d’amuri.

MART- Quand’è così!…Ma che sia veloce-veloce!

NZINU- Allura sta bona ddocu unni t’attrovi ca ora vegnu! (le da le spalle e tira fuori dalla tasca un tubetto spray per profumare l’alito e dopo aver spruzzato, con mimica comica abbraccia Marta e girandola a mo’ di casché la bacia…Ma a dir la verità non arriva a farlo perché entra Michela)

                  Scena  6^- Detti- Michela- poi Milia e Jhonny.-

MICH- (entra e trovandoli abbracciati) Oh!…Scusate…Non volevo…

I DUE  - ( si ricompongono)

NZINU- Troppu viloci appiddaveru ficimu!

MART- Michelina, non pensare…

NZINU- Ti “preco” di non pinsari!…Picchì devi sapere che prima tua “matre” stava “lìne” e ju stavo “quane” e allora ci ho ditto a ella: “ Auh! Chi fai “lane”? Ca veni cchiù “quane”!…Accussì, idda vinni più quane…Jù ji cchiù lane…trasisti tu all’intrasatta e n’acchiappasti nto casché!

MART- Vincenzo, forse sarà meglio che spieghi tutto io.

NZINU- Forsi!…Ti spiega tuttu to matri…(camminando a ritroso) Jù mi nni vaju in sezioni a sapiri comu stanu jennu i votazzioni!…Ciau…Ciau! (esce)

MART- Michelina…

MICH- Non c’è bisogno di spiegare niente,mamma. Posso capirti benissimo, perché anch’io sono innamorata. Se però hai qualcosa in contrario al mio…

MART- Io? No! A me va bene, ma a zio? Pensi che non abbia niente da dire?

MILIA- (entra con in mano un cabaret con maccheroni freschi) Matri, chi cauru!…Sugnu tutta surata!…Non si capisci nenti cu stu tempu: annicchia fa friddu, annicchia fa cauru!…

MART- Vedo che hai fatto spesa!

MILIA- Accattai du maccaruni 'i casa!…Alfredu ci nesci pazzu!…

MICH- Zia, scusa, ma volevo chiederti se hai detto niente a zio di me e Jhonny!?

MILIA- Picchì l’autru jornu n’a capisti l’antifuna? A musica a ntisi bona Jhonny!

MART- Però…

MILIA- Nun è ppi tia, a zia!…Ma è picchì nun si fida di so figghiu…Ci pari ca fa comu i “vamparigghi”: s’addumunu prestu e s’astutunu subbutu! (falò)

MICH- Ma se è solo per questo, allora non esiste nessun problema!Adesso vado da Jhonny (entra)

MART- (segue l’uscita della figlia col sorriso sulle labbra)

MILIA-Chi fa ci arriri?…Veni n’abbanna, in cucina ca m’hai a cuntari tuttu senza sautari na virgula! (esce seguita da Marta…ma rientra quasi subito dopo aver cominciato a gridare da dentro, finché entra con il biglietto che ha lasciato Paola) Chi focu ranni intra a me casa!..Maronna do Carminu, chi focu!…E comu si nni fujiu!…Chi virgogna!…

MART- Ma cosa è successo? Mi vuoi far capire?

MILIA- Paulidda, dda disgraziata fitusa, si nni fuju cu’ Gabbrieli! Si nni scappau!…Tòh, leggi!

MART- (legge) Oh, Dio mio!…Su, calmati!…Sarà uno scherzo!…

MILIA- Autru ca scherzu! N’uatri, ccà, cu sti cosi nun ci schizzamu!…(entra in camera di Paola) Non c’è! (chiama più volte) Jhonny!….Giuà!…Jhonny!…Giuà?

MICH- (entra e dalla soglia) Dimmi zia?

MILIA- Ti chiami Giuà?

MICH- No.

MILIA- E allura vammi a chiamari a Giuà!

MICH- Sì, zia! (esce)

MILIA-Alfredu a mia ammazza!…Macari idda senza testa…n’abbastava unu menzu scemu!…

JHON- (entra con un libro di letteratura italiana aperto ed imbronciato…) Mamma, gridar t’ho sentito poc’anzi! Hai qualcosa da dire? Favella!

MILIA- Sbagghiai: non è menzu scemu, ma tuttu paru!

MICH- Zia, non farci caso…sta studiando i poeti dell’800.

MILIA- E allura ascutimi e arrispunnimi subbutu, macari in poesia, ma m’hai a diri unni è to soru!

JHON- ( fa spallucce e scuote la testa in segno negativo)

MART- Non lo sa. Era intento a studiare i poeti.

MILIA- E nun sai ca mentri tu sturiavi a ssi cristiani, cchiù scunchiuruti di tia , Paula si nni fuju cu Gabbrieli, ah?

JHON- E sol per questo mi distrai dallo studio? (declama) “ELLA S’EN VA, BENIGNAMENTE E D’UMILTA’ VESTUTA…”

MILIA- Su sechita a parrari accussì: a facci ci scicu!

MART- Michela, ma davvero non ne sapete niente?

MICH- Non sappiamo proprio nulla di tutto questo. Appena rientrati, siamo andati subito in camera a studiare…Jhonny domani ha compito in classe, è vero?

JHON- Leggiadramente esce dalla tua bocca veritate! (alla madre) E il pater nostro lo sa?

MILIA- S‘u veni a sapìri u patri nostru: di sicuru ni runa u Gloria a Patri!

MART- Penso che non darà un bel niente, perché la colpa di tutto questo è solo sua!

JHON- Posso andar a studiare il Dolce Stil Novo?

C A M P A N E L L O

MILIA- Eccu l’amaru! O ràpicci…curri!

                      Scena 7^ - Detti più Alfredo.-

JHON- (di controvoglia,ma va ad aprire, intanto si formerà una linea obliqua in quest’ordine: in primo piano verso la platea –Milia, poi Marta – Michela e infine per ultimo si aggiungerà Jhonny.- Milia avrà il biglietto d’addio in mano e quando Alfredo si interrogherà con gli occhi il “cosa sarà successo adesso?”, lo passerà a Marta, questa a Michela e quest’altra a Jhonny, che passando dietro a tutti lo ridarà a Milia, ritornando subito in linea.Questo gioco viene fatto bene, col giusto ritmo, sarà d’effetto e quindi si potrà ripetere minimo due volte, finché Alfredo strapperà di mano il foglietto a Jhonny.)

ALFR- (entra felice e soddisfatto…) J cosi stanu jennu tutti boni!…Tuttu lisciu-lisciu!…(che ha notato le faccie dei presenti meste e amare)…Autru ca lisciu!…Ccà c’è quacchi mpurugghiu!…Chi succiriu, ah?!…Picchì ci aviti sti facci di murtoriu?….

            (DA ADESSO COMINCIA IL PASSAMANO COL BIGLIETTO, FINCHE’…)

      E dammi ccà! (legge) No!…Nun po’ essiri!…E nò ca nun po’ essiri!…Risgraziatu, cosa-tinta e dilinquenti!…Iddu appi a cunvinciri a dda virginia-ammucciata (falsa astuta) di me figghia!…Porcu e fitusu!…Paula nun mi l’avissi mai misu u fangu nta facci, ni vulemu troppu beni!

JHON- Sì: comu u cani co jattu!

ALFR- Tu statti mutu, ca cu tia i cunti mi fazzu addopu, paccamora haju a pinsari a to soru!…Unni sa purtau ddu malacunnutta?…Unni si nni jenu?…

MILIA- (che già piagnucolava in silenzio, asciugandosi il naso…) Affredu, chi dici: a st’ura u passanu u Strittu di Missina?

ALFR- Chi voj ca ti ricu?…Fammillu acchiappari!…

MILIA- Sta figghiuzza mia ancora è nica e già s’attrova in giru po munnu!…(ad Alfredo) Chi dici: s’u purtau l’umbrella, ah?

ALFR- Di chistu nun t’hai a prioccupari, ca di sicuru nun si vagna!…Chiddi sunu o cupertu!…M’ummaginu comu sunu cummigghiati!…E comu fazzu?…Comu famu?…

MART- Per me è bene chiamare i Carabinieri.

ALFR- (deciso) Quali Carrubbineri?…Tu scurdasti ca ci haju i votazziooni in corsu?

MILIA- (allusiva ed ironica) E nun pensi ca to figghia po’ accuminciari n autru corsu?…Si’ tuttu mirudda! (cervello)

C A M P A N E L L O

JHON- Rapu jù…(va)

                 Scena 8 ^ - Detti- Nunzia – Arturu.-

NUNZI- (entra piangendo – ha in mano il biglietto…Arturo la  segue)…Milia, tu lassanu macari a tia u bigliettu?

MILIA- ( che le era andata incontro, la porta verso il centro scena)…Ca comu nò, ecculu!

ARTU- Insomma vogghju sapìri di sta buffunata!

ALFR- Autru ca buffunata! Chista è na cosa seria…To figghiu cunvinciu a me figghia a fujrasinni!

ARTU- E cu mu rici a mia ca nun fu to figghia o n’idea to' ppi distrairimi dall’elezzioni, ah? Chistu è un GOLPE!

NUNZI- Un “coppu” vi pigghiassi a tuttu rui! (le donne cominciano a tirare fuori le unghie)

ALFR- Cu u sapi unn‘ ammucciau?

ARTU- Me figghiu nun è Russu comu a tia! I Russi su’ boni a fari scumpariri i cristiani!

ALFR- Ma mai comu a vuatri ‘Miricani, ca j fati spariri e n’e fati cumpariri cchiùi!

MILIA- Ora Basta! Amu a pinsari unni sunu i carusi e no’ a pulitica!…Su vuliti fari pulitica: jtavinni nta chiazza!

NUNZ-Tutta cuppa vostra!…N’arraggiunati cchiù…Siti peggiu de scecchi di Pantelleria!

MILIA- Troppu onuri: scecchi! Sunu vermi a milli peri! No viri comu strisciunu?!…Staju pinsaddu a nni carusi ca macari stanu murennu do friddu…assittati nta na panchina a Stazzioni…senza soddi…ca si stanu mangiannu a “calia” o i  “luppini” o’ postu do pani!…Siti senza cori e senza ciriveddu! (Tutti si lasciano prendere dal pianto…tranne Michela che…)

MICH- (fa un cenno d’intesa a Jhonny, che uscirà per andare a chiamare Paola e Gabriele)

ALFR-Sì!…Circamu di fari qualcosa!…

ARTU- Sì, e senza pirdiricci tempu!

MICH- Zio, posso parlare?

MART- Michela non mi sembra questo il momento per…

MICH- Quello che ho da dire riguarda Paola e Gabriele.

MILIA- E chi sai? Parra, a zia!

MICH- Parlo se mi promettete che li perdonerete e che acconsentirete al loro fidanzamento.

NUNZ- Ca certu c’accunsentunu!…Mizzica, ricci c’accunsenti sinnò Arturu è a vota bona ca t’atturu”! (abbrustolisco)…T’aggiuru supra l’anima di me soggira ca ni spartemu!

MILIA- E tu cerca d’arrispunniri pusitivamenti picchì sinnò Affredu: t’ “Affriddu” (fredo, come freddato da un colpo di fucile) : mi fazzu a truscitedda e mi nni vaju a stari cu Nunzia!

NUNZ- E allura, Atturu?

ARTU- E va beni…accunsentu! Puru si nun mi nni va di imparintarimi cu unu ca viri “russu”!

ALFR- (tra i denti) Su nun c’erunu i figghi d’ammenzu ti faciv’avviriri i suggi virdi!

MILIA- Atturu accunsintiu e tu Affredu?

ALFR- E macari jù! Pirò dopu ca si maritunu ni stamu ognunu na nostra casa…e quannu nasci me niputeddu: mi nni vaju in pinsioni e mu tegnu cu mia!…U struisciu jù!…All’asilu, nte monichi nun ci u mannu!

MART- Questo si vedrà in seguito!…Michela, dicci dove sono!…

MICH- Non sono lontani…Penso che saranno già arrivati!…Io li faccio entrare, ma Signor Arturo…?

ARTU- Promesso!

MICH- Zio…?

ALFR- Promesso!

MICH- Non dimenticatelo!…(va alla comune e fa cenni di entrata) Potete entrare!

              Scena 9 ^ - TUTTI-

               (Gabriele e Paola entrano a testa bassa. Le madri corrono ad abbracciarli tra le lacrime con frasi a soggetto. Jhonny rimane in fondo scena,come Marta)

GABR- Signo' Alfredu…Milia…A cuppa è sulu a mia…Paulidda non ci trasi…Pirdunatimi!

MICH- Puri jù v’addumannu perdono…Però p’amuri di Gabbrielluzzu, sugnu pronta a fallu n’autri centu voti!

JHON- (la scena si allarga un po’ al centro. Da una parte: Arturo-Nunzia-Gabriele e dall’altra: Alfredo-Milia-Paola) Mamma…Papà:::?!

MILIA- Statti mutu ca nun è u’ mumentu di diri i poesii!

JHON- Ma cum’è ca appena rapu a ucca mi dici di starimi mutu?

NUNZI- E lassatulu parrari!…Fatilu sfuari o picciriddu!

JHON- Papà, mamma, ju e Michilina ni vulemu fari ziti!…Papà…

ALFR- Ppi ora nun si nni fa nenti!

MART- (venendo  verso il centro) Pensi che Michelina non sia un buon partito?

ALFR- E cu dici chistu?…E’ ca sunu cucini di primu gradu e ci ponu nasciri figghi stroppii!

MILIA- E già! Mancu ci ava pinsatu!…C'hannu u stissu sangu!

MART- Sì! Purtroppo sono consanguinei!

JHON-  (frastornato) E chi voli riri?

NUNZI- Ca ci avi u stissu culuri…Comu ti pozzu riri?:::A stissa gradazzioni!

ARTU- A stissa gradazzioni? E’ chi è n ciascu di vinu?

JHON- Fatimi capiri…(comincia ad interrogare) Omà, tu u sangu di chi culuri ci ll’hai?

MILIA- Ca russu!

JHON-  E tu, opà?

ALFR- Russu!

JHON- (ai Carota) E vuatri?

I CAROTA- Russu!

JHON- Zia?

MART- Rosso!

JHON- E su allura jù nun ci ll’haju russu m’attocca farimi parrinu? (comincia ad andare in escandescenza e cercando nelle tasche)…E cum’è ca nun c'haju nenti?…Unni u pozzu attruvari?…

MILIA- Chi stai circannu?

MICH- Che cerchi?…Sta calmo!

JHON- (alterato) Ratimi quacche cosa!….

ALFR- Ma si po’ sapìri chi stai circannu?

JHON- ‘N tempira-lapis…’n cutidduzzu…na fobbici…(canta)

MILIA- Chi voli fari quacche pazzia?.... (gli s'appressa)

MICHE- (gli va vicino dalla parte opposta a Milia) Stai calmo!

JHON-                                E DATIMI ‘NA LAMETTA

                                           CA MI TAGGHJU ‘I VINI…

               (naturalmente la scena deve essere fatta in modo concitato, ma ordinato)

ALFR- Ora basta!…(con severità) Assettiti e mutu, sannunca ti fazzu cascari a lingua!

JHON- (ubbidisce, ma appena il padre gli da le spalle si alza per parlare, ma viene di nuovo redarguito)

ALFR- T’haju ordinatu di stariti assittatu e mutu!

MART- Alfredo, scusa, ma è meglio che mi state tutti ad ascoltare. Rigurado alla consanguineità non è più un problema, ormai la medicina è in grado di provvedere in merito. Basta fare degli esami clinici, prevenire i pericoli ed avere figli sani e belli, non affetti da malattie come: diabete, rachitismo, mongoloidi, ipercefali o microcefali…

JHON- (preso dalla foga, per avvallare il discorso della zia) V’aggiuru ca su mi fati maritari a Michela, mi fazzu l’analisi, accussì pozzu viriri su ci haju i  “STUMMI, I CEFALI E I SARDI DA MUNGOLIA!”

ALFR- (demoralizzato, mentre tutti ridono) Eccu! U bestia nun capiu nenti!…Idda si ll’ha fari l’analisi e no’ tu!

MICH- E le farò, se le cose stanno così!

NUNZI- Vardati comu si volunu beni!?…E diticci di sì, ca famu tutta na festa!

MILIA- E dicci di sì, ca chissu mi scimunisci appiddaveru: ‘no viristi ca prima si misi a cantari, ca vuleva a lametta ppi tagghiarisi i vini?

ARTU- E dàI, fallu cuntentu!

ALFR- Ma no viriti comu si vesti?

JHON- Opà, da dumani nun mi vestu cchiù!

MILIA- Chi dici? Voj dari scannulu?

MART- Insomma Alfredo: o sì o nò!

ALFRE- E sia!

TUTTI- (A soggetto, si abbracciano felici. E’ un abbracciarsi l’uno con l’altro in modo prestabilito,finché alla fine ognuno fa coppia: Alfredo-Milia-; Arturo-Nunzia- ; Paola Gabriele-; Jhonny-Michela-; e al centro scena rimane Marta…)

NZINU-(entra quasi di corsa, ma si arresta a guardare meravigliato le coppie intorno) E chi siti pronti p’abballari a quatrigghia?

GABR- ‘Nzinu, Papà e Alfredu hannu acconsentitu o fidanzamentu nostru!

JHON- Puru o miu cu Michelina!

NUNZ- Atturu e Affredu ficiunu paci!

ARTURO E ALFREDO- Chissu appoi u videmu!

NZINU-Allura arristai sulu jù!

MILIA- A fari chi?

‘NZINU- A dichiararimi!…Marta veni ccà ca jemu in gloria macari nuatri!

MARTA- (gli si avvicina)

NZINU-Ju paRoLi ni fazzu picca, picchì sannunca scappa fora ‘n romanzu a puntati…Signori mei, jù e Marta ni maritamu!

TUTTI- (ovazione a soggetto)

ALFR- Ora a festa e cumpleta!

MILIA- Nunzia, Marta, viniti  cu mia dda banna, ca priparamu pi fari ‘n brinnisi ca sciampagna…Vuatri, picciutteddi jti accattari quacche pasticcinu!(le donne escono)

JHON- Opà rammi i soddi!

ALFR- A tia ti rugnu i soddi? E chi sugnu fissa? Va nto cosaruceri e ci rici ca addopu ci passu jù!…

RAGAZZI- (escono)

ALFR-Su ci rava i soddi: capaci ca s’accattava tutti dischi!…Fammi addumari a radiu, ca sintemu i risultati de votazzioni! (esegue)

              (DOPO ALCUNE SCARICHE E PEZZI CANTATI E SUONATI TROVA LA STAZIONE GIUSTA….) (VOCE FUORI CAMPO) :…Domenico Calabrò voti 198. Simone Paratore voti 306; Salvatore Panebianco voti 37; Arturo Carota voti 9822; Gaetano D’Agostino voti 763; Pietro Nicolosi voti 2455; Alfredo Pastarella voti 9822; Paolo Cormaci voti 4187; Vincenzo Quadretti voti 15914, quindi si presume che il Sindaco sarà: Vincenzo Quadretti!

ALFR- (deluso va a spegnere la radio)

NZINO- (con la testa fa cenni di “NO”)

ARTU- Si po’ sapìri picchì stai sbattuliannu a testa comu a na campana?

ALFR- Pari ca nun si’ cuntentu!

NZINU- E nun sugnu cuntentu!…Jù u Sinnucu no’ vogghju fari!

ARTU- Comu no’ voj fari?

NZINU- No’ vogghju fari…Nun c'haju tempu ppi fari u Sinnucu!

ALFR- Nun c'hai tempu?…E chi hai a fari?

NZINU- Ora haju a pinsari e’ figghi!

ARTU- Ma su mancu ci ll’hai!?

NZINU- Appuntu ca nun ci vogghju perdiri tempu!

ALFR- Ma u partitu?…

NZINU- Chi mi nni futti do partitu! Ormai ci haju l’amuri e l’amuri nun avi culuri!…Evviva l’amuri! (via in cucina)

ARTU- E allura arrestu jù a fari u Sinnucu!

ALFR- Cu tu rissi? Jù ci haju i stissi voti to e…

                 LA TELA CADE MENTRE I DUE CONTINUANO A LITIGARE

F I N E

Loreto, 16-01-2000.                                                           Paolo  Torrisi

n.b. L’opera è tutelata dalla S.I.A.E.-

 

             

 


    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno