Fatebenefratelli

Stampa questo copione

FATEBENEFRATELLI

                 

                    FATEBENEFRATELLI

COMMEDIA IN DUE ATTI

DI

ANGELO ROJO MIRISCIOTTI

        Personaggi  e tipi :

Il Dottor Enrico D’Amore,Chirurgo

Il Prof. Corrado Marano, Primario

La Dottoressa Clelia La Padella, Internista

Il Dottor Furio Nicolella, Aiuto

Suor Raffaella, la “Religiosa”

Annamaria Lepore, una Volontaria

Pasqualino,I° Portantino

Ciccillo,II° Portantino

Nicola, infermiere

Maria Sodano, una figlia pentita….

Saverio De Castro, un papà ..deluso…

Pasquale Pepicelli, un papà ….felice…..

Teresa,..dolce mammina…moglie di Pasquale

Fofò Ondino,…amico….di Pasquale

Milly Aprile,cognata di Pasquale

Marianna Cocozza, una degente cafona

Samuele Cocozza , suo marito

Assunta Catone, moglie di un delinquente

Carmela, madre dello stesso

Gennaro, fratello dello stesso

Totore, Aitano e  Cusemiello, i tre figli dello stesso

Il Brigadiere Scotto

L’appuntato D’Angelo

Letizia, una ragazza un po’ ….farfallina…

Livia Fantini,una donna angosciata

Tito Porfidio, Impresario di Pompe Funebri

Gennaro ‘o Puzzone, un vecchio barbone

……..e poi…. degenti, parenti, guardie, ospiti, gente di passaggio…


FATEBENEFRATELLI.

Dramma corale

16 U e 11 D – Durata  100 minuti

Sinossi : il Fatebenefratelli è un Ospedale monumentale  di Napoli (ma di anche altre città) dove quotidianamente di incontra il dolore della gente… La sofferenza è il lait motiv che muove questo dramma..L’opera ci mostra un presepe dove i pastori sono piccoli uomini e piccole donne impegnati a portare sulle spalle il dolore della loro malattia o di quella dei loro cari..Tra tanto dolore pure qualche spunto di comicità perché la gente anche nei momenti seri riesce ad affermare la sua ridicolaggine…Infine un omaggio ai tanti medici italiani che con amore e competenza lavorano per salvare vite e dignità…

               FATEBENEFRATELLI

COMMEDIA IN DUE ATTI

DI

ANGELO ROJO MIRISCIOTTI

****

I° ATTO

AL SIPARIO SI INTRODUCE LO SPETTATORE NELL'INGRESSO DEL PRONTO SOCCORSO- SALA DI ATTESA GENERICA DI UN QUALUNQUE OSPEDALE NAPOLETANO,DICIAMO PER COMODITA' E PERCHE' MEGLIO DI ALTRI LO CONOSCO,IL FATEBENEFRATELLI.A SINISTRA UN INGRESSO A VETRI SOVRASTATO DALLA SCRITTA "MATERNITA'".A DESTRA UN'ALTRA PORTA A VETRI CON LA SCRITTA "PRONTO SOCCORSO"-VIETATO L'INGRESSO AI NON ADDETTI.SUL FONDO L'ENTRATA COLLEGIALE PER LE VARIE ISOLE DI DEGENZA.AL SIPARIO UNA DONNA,MARIA IN SPASMODICA ATTESA DI NOTIZIE DI UN PARENTE CONDOTTO DA POCHI MINUTI AL PRONTO SOCCORSO.A DESTRA APPOGGIATO AD UNA PARETE CON FARE INDOLENTE UN INFERMIERE, NICOLA CHE SI PULISCE LE UNGHIE.

Maria    :     ma…...mi potete far sapere qualche cosa....vi prego....

Nicola : (indifferente) ..dovete aspettare....quando escono i dottori vi fanno sapere..... o ‘e vulesseme disturbà mo ca stanno cu ‘e fierre mmano....?

Maria   :..vi prego su quello che avete di più caro...mio padre è entrato da venti minuti e io non ne so più niente.... abbiate pietà....informatevi..

Nicola    :(neghittoso)..e dalle....guè ma non volete capire..io da qua non mi posso muovere….mo’ avessa perdere 'o posto p‘a bella faccia d'o papà vuosto ?

Maria  : ..'a bella faccia...e che ne sapite vuie.?...quando a casa si è sentito male...ha cacciato gli occhi da fuori...non respirava più...me lo sono visto morto davanti ....io aggia sapè quacche cosa...andate..chiedete..io solo  a lui tengo.....poi vi regalo bene....

Nicola   : ma che volete regalà....lo staranno rianimando....

Maria   : ma i medici di servizio comme so'...?...chi so'?...

Nicola   : (distratto)...uffa ..so' brave ..so brave...so’ tutte Prufessure.....

MENTRE PRONUNZIA QUESTE PAROLE DALLA SINISTRA,OSSIA DALL'IPOTETICO INGRESSO AL SALONE,DOPO UN ULULATO DI SIRENA ED UNO STRIDIO DI FRENI,LO SBATTERE CONCITATO DI PORTE E PORTIERE,ENTRANO DUE PORTANTINI CON UNA BARELLA SULLA QUALE E' RIVERSO UN UOMO INSANGUINATO CON UNA FLEBO INFILATA IN UN BRACCIO.

I° Portantino  : ..largo...largo....è grave   …è grave…....

Nicola   : (curioso ma indifferente)..neh,…ma ch'è stato..?

II° Portantino : .....tre colpe 'e pistola....

IL MESTO RAPIDISSIMO CORTEO SI PRECIPITA NELLE SALE DEL  PRONTO SOCCORSO.MARIA SEMPRE PIU' ANGOSCIATA E DECISA A TUTTO SI INFILA  DI SOPPIATTO DIETRO DI ESSO .

Nicola   :  …..e vide stasera si stammo ‘nu poco quiete.....

Saverio  : (è un modesto impiegato,in grigio, entra nervoso ed accigliato..A Nicola)..tenite 'nu cerino..?

Nicola   : e nunn'o sapite che qua è vietato fumare...?..iate a pippià lla fore......anzi dateme ‘na sigaretta pure  a me..vengo fuori a fumà con voi.....

Saverio : (perquisendosi nelle svariate tasche)...scusate le ho finite...stamattina tenevo due pacchetti...sparite...manco in una giornata....

Nicola   : e nun fumammo....Hi che serata..!

DALL’ALA DELLA MATERNITA' UN RUMORE DI PASSI,UN PARLOTTIO ENTUSIASTA,POI ADDIRITTURA UN URLO DI FELICITA'

Pasquale : (entrando di corsa) ..è maschio..!!.’E capito Fofò..? E’ maschio...!Al peso : quattro chili e duecentoventi  grammi……e quant'è.bello…un bambolotto…E’ un bambino bellissimo..!…Nunn'è 'o vero che è bellissimo...?

Fofò     :     si,…è bello overo....è una stella ...se non mi sbaglio ho visto che tiene gli occhi azzurri comme 'a mamma......

Pasquale   : si può essere ...l’uocchie saranno d’a mamma..….ma tutto il resto sono io...'a stessa capa...'e manelle ..'e  piede...comme a me tale e quale...per non parlare poi delle spalle...’nu pare e spalle tante..comme  ‘e mie...e ‘o pollice..? Guarda cca ..è  un pocorillo ricurvo come il mio…

Fofò...    :  e tu in trenta secondi che l'infermiera te l'ha mostrato è visto pure 'e spalle tante e ‘o pollice ricurvo....non c'è niente da fare...quando diventate padri ve scemunite...Dico io ma si è visto mai...un padre che fuori alla sala parto si porta 'a cinepresa...'a macchina fotografica Polaroid e quella normale....io si ero a te me purtavo pure il registratore per ripigliare il primo vagito...

Pasquale   : (Cacciando di tasca un piccolo registratore giapponese) ..'o tengo..'o vi ca'…..surtanto che  nella confusione cu tutte chilli buttunciel-le..appiccia..stuta..appicci….stuta…non sono sicuro che ho venuto tutto...ma mo’ vado di la ..chiamo l’infermiera e mi faccio ripetere tutta la scena..

Fofò      :    no..tu te si scemunuto proprio....t'hanna piglià afforza  pe’ pazzo...Mo’ però calmati..Il cinegiornale a tuo figlio ce lo fai mo che lo cacciano per la poppata di domani…...

Pasquale  : hai ragione....Fofò,famme 'o piacere vai dentro a prendere mia cognata..quella sta qua da l’altro ieri sera ...starrà distrutta...ce voglio offrì ‘nu cafè...e pure a te...va..va...

FOFO' RIENTRA.PASQUALE IN PREDA AD UN ENORME ECCITAZIONE VA IN GIRO PER LA SALA COME A VOLER RACCOGLIERE COMPLIMENTI.VEDE NICOLA E SAVERIO

Pasquale  :..avete sentito..?..è maschio....!!...No..voi dovete festeggiare con me....vi prego accettate qualcosa al Bar..

Nicola  : io mo proprio ho preso il caffè...fate così...mi pagate un anice...e una pasta...ah, ed un pacchetto di Pall Mall..dite così è tutto per Nicola ‘o ‘nfermire....al Bar già mi conoscono...ah..e diteci così che passo dopo con comodo…mo’ aggia fa marenna..ESCE VERSO LE DIVISIONI

Pasquale  : Pss..Pss…(a  Saverio) amico,...almeno voi...onoratemi….una coppa di champagne...che so’?…un amaro….un Martini bianco….festeggiamo insieme...!

Saverio    : (truce  ) no grazie ,...non posso...

Pasquale  : Uh scusate..Forse state in ansia  per qualcuno..?…..Pronto Soccorso..?

Saverio  : …..no....

Pasquale  : Rianimazione...?

Saverio  : ….no...

Pasquale  : e allora..?

Saverio   : …maternità…..!!

Pasquale  : ….è nato morto...?

Saverio  :  ..no, maschio e ...vivo ..vivissimo...!

Pasquale  : ….forse è malformato..?

Saverio   : ….quando   mai…è sano….. sanissimo..!!

Pasquale  : embè...e allora..pecchè state accussì abbacchiato....Ah, e vuie forse vuliveve 'a femmena…??!!

Saverio   : Ma qua femmena..?.Amico voi tenete voglia di parlare ed io no,…vi prego di lasciarmi in pace…

Pasquale  : e che maniere ..io mi volevo complimentare con voi per la nascita…..io sono felice che vorrei condividere con tutti la mia felicità….su,venitevi a mangiare una pasta…1

Saverio..: e dalle…guè..voi mi dovete lasciare in pace…avete capito…io tengo i pappici che me ballano per le cerevelle…vuie vulite pazzià e io no….

Pasquale  : e scusatemi ancora…..però nunn’è giusto,..nunn’è normale che state così..Sentite io mo’ vo dico una cosa poi voi mi potete pure mandare al paese di Pullecenella…ma io ve la dico lo stesso..: un figlio è una benedizione, comunque…pure se fosse malato…e malato..?

Saverio    : ….no…..

Pasquale   :…..imperfetto…..Per caso è imperfetto..?

Saverio    : …no…..

Pasquale   : e allora  ..?….Guardate che se fate così il Padreterno si piglia collera  e dopo ve lo fa pagare…

Saverio   : amico,mo basta…..mo m’avite scucciato…io non vi conosco e non ci tengo a conoscervi….andate a quel paese …voi e le vostre idee false e cristiane…. ?’O PateEterno se piglia collera..isso?!! ..e io c’avessa fa..?

SAVERIO GIRA LE SPALLE E SE NE VA FUORI.PASQUALE RIMANE MALE.POI IMPUGNA IL TELEFONINO CELLULARE E BORBOTTANDO FA IL NUMERO.

Pasquale:  ma guardate che elemento… che scustumatone…invece ‘e zumpà tene chella faccia…Certo è ca in giro ce stanno ‘nu cuofano ‘e pazze….728..64…18…ecco..si….pronto…pronto….Piante e fiori Dell’Aversana…?….sono Pasquale Pepicelli,…si l’amico di Arturo…fatemi il piacere..dovete mandare una corbeille di fiori qua all’Ospedale Fatebenefratelli…si,alla maternità..stanza 123 posto B…signora Pepicelli…si..è mia moglie…ha sgravato!…come..?..si,.. ha fatto ‘o maschio….grazie…grazie….si è bello….guè…mi raccomando..la corbeille deve essere stupenda, ricchissima…grande con tutti i fiori più raffinati..colorati…orchidee,rose..gladioli,..sto tranquillo….?..si..qua a via Manzoni….No,il biglietto ce lo metto io…devo studiare una frase romantica…voi scrivete solo…”Alla bella mammina dall’amato marito folle di felicità”…si..va bene..però presto…stanza 123…Pepicelli…non vi sbagliate…

DOPO PARLATO  SI AVVIA VERO LA DIVISIONE MATERNITA’.LA PORTA SI CHIUDE ALLE SUE SPALLE PROPRIO MENTRE DAL PRONTO SOCCORSO ESCONO UN GIOVANE MEDICO,IL DOTT. ENRICO D’AMORE E LA SIGNORINA MARIA,QUELLA CHE AVEVA RICOVERATO IL PADRE.

Maria        : …Dottò…?!!??

D’amore  : …e mo’ dobbiamo solo aspettare…quello che potevamo fare l’abbiamo fatto…l’embolo cerebrale è così…arriva all’improvviso,…colpisce una parte dell’encefalo e può fare danni irreparabili…oppure può sparire nel nulla….dobbiamo aspettare le 48 ore….papà è intubato…sotto flebo…per qualunque eventualità noi siamo qua…

Maria      : dottore, grazie….per tutto quello che fate…e scusate se mi sono introdotta in come una ladra…ma mi potete capire…io solo a papà tengo…..per me è tutto….

D’Amore : capisco….ma mo’ qua voi non potete fare più nulla….anzi fate così…..andatevene a casa….vi riposate e poi nel pomeriggio tornate…allora ne  sapremo anche di più….su andatevene a casa…

Maria     :  no….Dottò…no..io da qua non mi muovo….me ne  dovete cacciare con i Carabinieri…io mi metto fuori alla Rianimazione e la resto…

D’Amore  : …ma perché….?

Maria  : Dottò..voi lo vedete quello straccio umano che avete soccorso..Dottò..quelle quattro ossa …quella carne  sofferente…col fiato leggero…e senza sangue….quella cosa là inutile per gli altri…si, chella cosa .è tutta la mia vita…..Dottò..lui se ne è fatte tante di nottate vicino a me quando io tenevo il paratifo….dopo quando mi è venuta la peritonite…...ma io vi sto annoiando…..voi tenete da fare…..

D’amore   :  ..no…dite....mi interessa……

Maria   :    mammà la perdemmo venti anni fa….e lui da allora mi ha fatto da padre e da madre…lavorava tanto e dopo il lavoro,…veniva già stanco e mi faceva ripassare i compiti……a prima mattina mi preparava la frittatina,… poi..il Buondì nella cartella per la ricreazione,…e..volete ridere..il sabato mi accompagnava a fare le spese…avanti e indietro via Scarlatti per risparmiare duemila lire…...si consumava le camicie fino all’osso per comprare a me le scarpe eleganti, da signorinella bene…

D’Amore   : ma è normale….questo lo fanno un poco tutti i padri…pure io per esempio con mio figlio..…

Maria      :  no…no….lui è stato speciale….eccezionale….la sua vita l’ha dedicata tutta a me… ed io..ed io..in cambio tre anni fa….per uno stronzo…per un bastardo con due grandi occhi blù ed il sorriso malvagio…l’ho lasciato..l’ho lasciato solo…solo come un cane….io che ero tutta la sua ragione di vita…...e chissà che non sia stato proprio il dispiacere   a scatenare la malattia…..mi hanno avvisato ieri sera quando già stava male ed io sono corsa..giusto in tempo per chiamare l’Autombulanza…e mo’ ..mo…me ne dovrei andare ?…e da chi..? No, Dottò..io muoio qua…fuori alla porta sua…dove dovevo rimanere prima e per tutta la vita…si..(Piange) vicino a lui..comme a 'nu cane vicino 'o padrone….e pure quanno more …m’assetto ‘ncoppa tomba e là resto….pe’ pavà ìo tutto 'o male che gli ho fatto….(singhiozza)…

D’Amore : (commosso)…capisco…ma mo’ calmatevi…..fatelo per lui..e per voi…ecco stanno uscendo…..

ESCE DIFATTI LA LETTIGA CON IL VECCHIO RIVERSO ED INTUBATO.

I° Portantino : dottò… questo va in Rianimazione…?

D’Amore  : questo..?Il…(legge da una scheda)…il “signor”  Sodano lo portate in Terapia Intensiva con tutti  i riguardi al secondo piano…nel posto migliore…e questa scheda la date a Suor Raffaella che si attenesse scrupolosamente alla terapia….dopo passo io….

II° Portantino:….. iammo bello Ciccì..…e fa chianu chianu..chè il signore qua… è un’amico del dottore…

D’amore : no…il “signore qua”…è un essere umano..e voi non ve lo dovete mai dimenticare..andate..e pure voi signorina…..seguiteli….dieci minuti vicino a papà vi lascio stare…..Ditelo voi due   a suor Raffella…dieci minuti può restare sotto la mia responsabilità…...però con camice e mascherina…ora andate…

Maria      : (cercando di baciargli la mano)…grazie…..grazie…

ESCE SEGUENDO LA LETTIGA.D’AMORE SI TOGLIE IL  COPRICAPO E CACCIA UN PACCHETTO DI SIGARETTE.SE NE PORTA UNA ALLE LABBRA..E FA PER ACCENDERLA….

Voce Primario : …D’amore…!!..D’Amore..!!…ma addò sta…?? Trovatermi a D’Amore…questo lo stiamo perdendo…D’Amore…!!!

D’Amore   : vengo…! (getta la sigaretta e rientra precipitosamente nel Pronto Soccorso)

Suor R.   :  (entrando seguita dall'infermiere Nicola.Ella è una bassa ed occhialuta megera)..e mo' pure 'e pullece teneno 'a tosse…che ha detto..?…che si prende lui la responsabilità..?…e voglio proprio vedere se succede qualche cosa addò fuie…il "dottorino D’Amore"….

Nicola    : (raccogliendo da terra la sigaretta di D’Amore)..è guaglione…non ha ancora capito qua dentro le cose come devono andare…Ma però come medico è bravo…ha fatto pure al specializzazione a Dusseldòrf…il Professore lo stima ..e aggio capito ca  'e guaie gruosse ce stipa sempe a isso..

Suora     : e allora ..lavorasse e stesse al posto suo….ma deve capire che qua comando io..dopo al Professore e l'Aiuto ci sto io..la disciplina dei reparti è cosa mia ..si nò cca dinto addiventa 'nu mercato…

Nicola    :  però..è simpatico…no comme a chillu spruceto  del Dottor Nicolella ca fa ‘o ‘nfinfero sulo pecchè è 'o genero d'o Primario….

Suora     : embè…tu stai al posto tuo con la bocca,…niente niente vulisse perdere 'o posto..? Tu ‘o saie ca io nun ce metto niente…

Nicola    : p'ammore 'e Dio..io parlavo così..pe’ dicere coccosa…ho detto ‘nfinfero per complimento…anzi chillo “il Professor Nicolella” a detta di tutti..è proprio ‘nu scienziato…’nu dutturone…Guè..se so’ fatte già le undici..e io devo ancora mettere le flebo alla Medicina Donne….…permettete..

Suora    : ..e allora vai..vai  a lavorare ..e statte accorto a te…ah, Nicola…andando andando, porta queste Cartelle cliniche in Amministrazione….

Nicola   : ..vado..vado subito…( poi all'Aiuto che vede entrare ) ..Dottor Nicolella bellissimo…quanno vi vedo..ma che veco..'o sole?..(alla bella bionda in camice che lo accompagna, la dottoressa La Padella)..Dottoressa…!!(poi sottovoce) guè,ma chisti duie nun se perdono 'e vista 'nu minuto…”La Padella e ‘O Pappavallo..!”…voi permettete…?   ESCE

Nicolel  :  ..ma che tipo quell'infermiere ..tiene sempre la battuta pronta,..Suor Raffaella..ci sono novità.?

Suora  :   nessuna di rilievo..o meglio..Il Dottorino…Quel D'amore…C'è che si è messo a dettare legge…comanda…da gli ordini al personale contro le regole…

Elena    :  ….perché.. che ha fatto il   bel tenebroso….?

Suora : niente per carità….!….Ha fatto “solo” entrare una parente in Rianimazione…contravvenendo alle ben note e tassative disposizioni del Primario…ha detto.. “sotto la sua responsabilità ”….

Elena     :   però…..!… il pivello le tiene le palle….uh, scusate sorella…volevo dire tiene un bel coraggio….

Nicol     : ..si però la cresta la deve calare..quella sua arietta da primo della classe se la deve scordare…isso e la sua specializzazione a Dusseldòrf….A proposito..Suor Raffaella..domani mattina mi serve assolutamente un posto letto in Medicina Donne…

Suora   :  ma non ce ne sono ed al momento non è prevista alcuna dimissione….

Nicol   :  questo non mi interessa…pensateci voi…scarichiamo qualcuno..per esempio quella con l'ictus…la cafona di Terzigno….

 

Elena   : ma Donato..quella tiene ancora l'emocromo sotto l’otto e ancora non si regge in piedi..manifesta pure episodi perdita di memoria….

 

Nicol   :  quante storie..L'evento critico è passato…mo si va a curare a casa…aria buona...mangiare sano…le galline ruspanti…altro che Ospedale…e poi quella gente in mezzo alla loro terra rifiorisce…Insomma…pensateci voi...alle nove deve essere fuori….Ah..e la cartella di dimissione la fate firmare al Professore....Gli dite chi l'ha vista D'amore…tanto mio suocero, basta che parla il Dottorino…firma tutto..

Suora     :   ….d'accordo..penso io a tutto…( esce)

Elena   :    Ma che intendevi quando hai detto che a D'amore ci pensi tu..?..Che vuoi fare..?

Nicol   :…è tutto organizzato….(fa cenno di accostarsi per per poter parlare pianissimo)…tieni presente il mio portiere a Via Orazio..?Quello è uno che mi deve...c'ho fatto avere la casa condominiale..e mo mi deve un favore….allora..’stu purtiere ha una figlia….la ragazza tiene quindici,sedici anni..è una bella mora..formosa…e un poco puttana… ho saputo che la zoccoletta ieri si è fatta visitare qua dal Dottorino..da sola : che so' ?...pare che accusasse  un accenno di appendicite somatica….Insomma..la visita, come dire….si è prolungata oltre il dovuto…e con particolare "riguardo" nelle zone interessate ed limitrofe....qualche gesto troppo lento e superfluo….la palpazione, diciamo,… poco professionale…

 

Elena     :  e tu come le sai tutte queste cose..?

Nicolel :   niente…… la ragazzina mi spiccia la sera a casa due faccende..e, tra una faccenda e l'altra si è..come dire…aperta con me …insomma il Dottorino tocca….e ritocca…

Elena     :  ma tu veramente fai..? ..ti ha detto a verità..?

Nicol    :  …no,si capisce.. la ragazza è una mitomane...…...ma istruita da me, a richiesta così dirà…Domani mattina presto la faccio   ricoverare in reparto…Basterà che parli con un paio di infermiere… basteranno degli accenni ..dei “mi pare"….."mi è sembrato che”….e subito correranno le voci che arriveranno al Grande Capo...…..e così.. lui il posto di Primario della Nuova Divisione Chirurgica se lo scorda…

Elena    :   certe volte mi fai paura, Donà….. sei…..sei diabolico..Però..se succede come dici ....sia ben chiaro…tu Primario ed io Aiuto…..(Cingendogli la vita) Noi due facciamo una bella squadra….o no….?

Nicol  : vedremo…..e mo' però andiamoci a pigliare un ricco caffè….A proposito,…sabato notte ci mettiamo di turno insieme..e non ti scordare di indossare sotto quella grepiere rossa che piace a me…....

Elena     : ….sei il solito porco…..(escono sotto braccio)  .

I DUE PORTANTINI SONO RITORNATI IN SCENA SPINGENDO UNA BARELLA VUOTA.

SONO ENTRATI DA POCHI ISTANTI,QUANDO NELL'INGRESSO SI SCATENA UN VERO INFERNO.

URLA,VOCI CONCITATE,BESTEMMIE,RICHIAMI…

INSOMMA,E' ARRIVATA LA FAMIGLIA DI GENNARO CATONE,L'UOMO POC'ANZI RICOVERATO PERCHE' FERITO IN UN CONFLITTO A FUOCO…..GUIDANO LA COMBRICCOLA LA MOGLIE ASSUNTA E LA DI LUI MADRE CARMELA.SEGUONO IL FRATELLO GUAPPO CIRO E TRE RAGAZZINI ADOLESCENTI,AITANO,TOTORE E CUSEMIELLO.I DUE PORTANTINI CERCANO COME POSSONO DI FRENARE L'INVASIONE…

Assunta  :  …Gennà….'a chesta parte…!

Carmela  :  …Totò…!..Aità..! Cusemiè..!

Gennaro   :  …guagliù….trasite….papà adda sta cca…!

I° Portant  :  ma addo iate.?.che alluccate..? Chist’ è 'nu Spitale…..ciuncateve lloco..!

Gennaro   : ..comm'è ditto..?!… A chi 'o dice "ciuncateve lloco..?" Io te rompo tutte l'ossa e nun te pavo tre sorde…

II° Portant  : ne,ma fusseve asciute  tutte quante pazze..?…Calmateve..si ce facite capì ch'è stato forse io e il collega ve putesseme aiutà…

Assunta  : … io so' a mugliera 'e chillo c’ hanno sparato a Furìa….

Carmela  :  e io so 'a mamma…..chisti cca so’ tre de' sette figlie…facitece trasì…!Voglio vedè ‘o figlio mio….!!

I° Portan  :  ( leggendo la cartella con la base di ricovero) ma addò vulite trasì…? La dinte stanne 'a gente sotto 'e fierre….

Gennaro  : (cavando di tasca un revolver)…sotto 'o fierro mio ce fernisce tu si nun me puorte mo mo addu frateme….!

Carmela  : …no,Gennà..!!

Aitano      : …'o zi..!

Gennaro  : …e chisto pe' forza m'adda fa  passà ‘nu guaio….nun c'abbasta ‘o fatto ‘e frateme…

II° Portant  : se aspettate un attimo vado ad informarmi dentro....però..non gridate..se esce il Primario…..

Assunta : ..e ce fa 'nu chinotto a tutte quante..!…Iesce dinto..fa ambressa….!

IL I° PORTANTINO ENTRA IN ASTANTERIA

Carmela   : (lamentendosi)…..core..core 'e mamma soia..chi l'ha fatto 'o malamente..??..chillo è accussì nu bravo figlio,,core mio,core 'e mamma soia….(grida)…Hanna sculà..hanna sculà rinte 'a merda..eh, dinte ‘a merda comme a tanta cane…..comme a tanta cane arraggiate...!…Assassine…..assassine..!!. ‘O figlio mio…!!!

Totore    : (al I° Portantino) a te…..a te..dincello 'o miereco ca si papà nun ghiesce buono,pe' isso è fernuta….e pure pe’ vuie…!

I° Portant : ….e io che ce traso…? Ve l’avita piglià cu’ ‘e miedece..

Cusemiello  :…. carogne…!.hanno avuto ragione ca steve pure disarmato….’a pistola sta ancora ‘ncopp’o cummò….

Aitano      : e sinò..chille bucchine d’’e Capitune quanno ‘o futtevano a papà…

II°Portant : (rientrando)..calma..calma….Ciro Catone sta in chirurgia di urgenza…sotto ai ferri…pare che tiene tre pallottole in corpo….

Gennaro  : (prendendolo per il bavero)..chesto ‘o sapimme…..ma che dicene..? se salva..? chi è 'o prufessore..?..mannaggia 'o sanghe d''a marina..!…Parla ..parla,omme ‘e  sfaccimma…!

II° Port  : ma vuie a me che vulite ..?..io so surtanto ‘nu purtantino..mo ca jesce parlate cu 'o Prufessore…….chille mo 'o vedite ascì…

Assunta  :   e nuie aspettamme 'e grazie 'e Cesare…arape chella porta…arape….!

Carmela   : figliu…..figliu mio  e chi te l'ha fatto 'o malamente…? Dincello a mammà toia..core..core mio…..

Gennaro  : mannagge 'o sanghe 'e chi v'è stramuorto.!….arape chella porta..famme trasì..(così dicendo spinge con violenza il I°  Portantino contro i vetri)

I° Portant  :  …..aiuto..aiuto..m'accireno…!!

Cusemiello  : …papà..papà….!

II° Portant  : (gridando e scappando) ….aiuto…..Polizia…..Polizia…...!!

IL MALCAPITATO PORTANTINO E' STATO SCHIAFFEGGIATO E BUTTATO A TERRA…DALLA PORTA FA CAPOLINO IL PRIMARIO DI CHIRURGIA..

Primar  : ma che succede..??..che cos'è questo chiasso…??.qua si deve lavorare….Smettetela o andate via..

Assunta  : primma me  ‘a dà  a mariteme…!

Primar  : ….ma chi è lei....?…Di chi siete parenti.? .se mi fate capire qualche cosa….

Gennaro  : e mo t'o spiegh' io ..nuie simme ‘a famiglia ‘e Ciro Catone,chillo ch'è stato sparato...….io songo 'o frato …e nun fa 'o strunzo cu me ca m’aggio fatto già nov'anne  e tengo n'ergastolo in contrumacia….!

Primar :  (impresionato)….per carità…..volevo solo dire che se stiamo tutti calmini…

Assunta : Calmina sta chella fessa sfunnata 'e soreta…io tengo a mariteme ca sta murenno lla dinto…!Famme trasì…Famme trasì..!!!

Carmela  :  levatamillo 'a nanza,......purtateme addu Ciruzzo mio…figliu..core 'e mamma soia ..me l'hanno sparato…!

Aitano     :   (strappando il Primario dalla porta aiutato dai fratelli)…Papà…!

Primar    :   basta..lasciatemi..aiuto..aiuto….!!

ENTRANO DEGLI AGENTI DI POLIZIA GUIDATI DAL BRIGADIERE SCOTTO UNO DAI MODI SPICCI NON MENO DI QUELLI DELLA FAMIGLIA CATONE.

Brig. Scotto : Fermi..!....lassat 'o sta…!!

Gennaro  : So’ arrivate 'e figlie 'e sfaccimma..noo…io l'acciro..l'acciro a tutte quante..!

Assunta  :    …uommene 'e merda  ..pure cca state…..pure cca..!

Brig.Scotto:Esposito,muovete..! Chi t'è bivo…fa ambressa…..chiama il cellulare…Petrò..'a vuo' caccia 'sta cazz''e pistola…Mani in alto fermi o sparo….Ho detto:  Fermi o sparo…!..D'angelo…'e manette ..manette a tutte quante…!!

D'Angelo  : Brigadiè..aggia ammanettà pure 'e criature….?

Brig.Scotto  : 'e criature….!?..Qua criature..?…cheste so' bestie  feroce comme 'e serpe velenose appena nate….'e fierre a tutte quante…..e poi tutti in Questura…..pure gli oltraggiati….….

Gennaro  :  venite..accussì ce mparammo l'indirizzo…e site carna morta..!!

Brig.Scotto: pure 'e minaccie ? E mo'…t’abbusche  l'aggravante 'e legge…!.

Gennaro : ..lassame……chi t’è muorto..!

L'APPUNTATO CONSEGNA UN SOSTANZIOSO CEFFONE A GENNARO E BLOCCATOLO LO PERQUISISCE

D’Angelo  : Brigadiè…chisto sta pure armato…

Assunta   : lassa sta ‘a cainateme, omme’e merda ca te scippo l’uocchie..!

Brig. Scotto: E che d’è na gatta selvatica..?(Bloccandola).. Ferma..!..statte ferma ca è peggio..e voi..(al Professore ed ai due portantini)…vi aspetto appena possibile in Questura per riconoscimento e denunzia…….

 

D’angelo   :….. la denunzia va fatta a vista…

Carmela  :  nunn’avita avè bene….!

Primar     : ..(Tentennando)..veramente io avrei una laparatomia urgente…

Brig.Scotto : e cominciate a venire voi due….

Carmela  :  …avita murì ietteche..!

I° Portan  :  (toccandisi)..lè..lè….Comandà nuie veramente  stammo 'e servizio….

Assunta  :  (ad uno dei portantini) t'aggia straccìà ‘o core ‘a pietto..!…!!

II° Portant  : a me..? io non saccio  niente….me ne so' fujuto subbeto…

Brig.Scotto : ma che gente 'e niente….vittime e colpevoli, tutt'una razza…...nun ce sta uno c'è omme overo…...

Primar    : …badi come parla ..lei non sa chi sono io..stia attento che la querelo….

Brig.Scotto : per carità ce mancasse pure chesta….Professò,parlavo tra me.,..guagliù, ..jammo purtammece 'a 'sta bella gente…vuol dire che si accontenteranno della denunzia per schiamazzi, porto d’armi illeggittimo e resistenza a pubblico ufficiale…………..

Aitano e Totore  : (mentre vengono trascinati via)….papà..papà..!!!!..

POCHI ATTIMI PRIMA CHE LA TURBOLENTA COMPAGNIA DI CARNEFICI E VITTINE LASCI LA SALA  DALL'INGRESSO E’ ENTRATA  LA TOZZA FIGURA DELLA VOLONTARIA ANNAMARIA LEPORE.E' COSTEI UNA CURIOSA DONNETTA,ALTA,….OSSIA BASSA POCO PIU' DI UN METRO E CINQUANTA,TONDA,GRASSA E VESTITA IN MODO CHE VORREBBE SIMULARE L'ABITO DI UNA VERA CROCEROSSINA: AMPIA MANTELLA BLU',TURBANTE DI PELO,OCCHIALONI DA MIOPE E GRANDE STEMMA DEI VOLONTARI OSPEDALIERI SULL'ENORME PETTO.

Annamaria  : (osservando il concitato esodo)…Mamma mia bella…e che s’adda vedè dinto a ‘nu 'spitale..Ma ch’e stato..Professor Marano.?..ch’è succieso..?

Primar  :        niente..niente ..gentaglia ..Sono i parenti di un delinquente che hanno         

                      sparato..mo sta sotto i ferri ..e per forza lo volevano vedere...

Annamaria  :  …chi lo sta operando ?

Primario :   …. D’Amore..

Annamaria  : ma si salva questo cristiano…?

Primario : credo di si..le pallottole sono nella spalla,nell’inguine e nella coscia..

Annamaria : … embè,..e ce lo potevate dire ai parenti così…. nun succedeva ‘st’acciso e ‘stu ‘mpiso…mo vanno pure a fernì ‘ngalera….

Primario :    voi state al posto vostro….(CON SACCENZA)….quello che devo dire o non dire  lo so io…..ma guardate ‘nu poco,..avimma da pure cunto ‘a Croce Rossa..!…...(RIENTRA IN PRONTO SOCCORSO)

Annamaria  : chisto è ‘o Prufessore…Figurammece ‘e studiente…!..ma chella gente l’hanna sapè ca ‘o parente nunn’è grave,,,mo ‘e corro  appriesso..(CORRE COME PUO’)..Guè a voi,Brigadiè..fermate il cellulare..aspettate…Maledette ‘sti cosce ca tengo…e comm’e corro appriesso..?…Guè Brigadiè..niente,…nun se fermano (STRILLA  CERCANDO DI FARSI UDIRE FUORI )…Guè Signò..Signò…‘o ferito nunn’è grave…state senza pensiero…

DA DIETRO AD UNA COLONNA ESCE IL PICCOLO CUSEMIELLO CHE ERA SFUGGITO ALLA CATTURA..

Cusemiello  :  ...ma che state dicenno signo'..?

Ammamaria  : e tu chi sì..?

Cusemiello   : ‘o figlio d’’o ferito..

Annamaria  : ..chello c’haggio saputo..e cioè ca papà tuoio se salva..insomma..nunn’è grave…Sta sotto Osservazione…

Cusemiello: (Fa il duro)..’o sapevo ..’e Catune  songo  ‘e fierro..…E che significa ca sta siotto osservazione..?

Annamaria  : beh..che non sta ancora proprio fuori pericolo..ma....

Cusemiello  : ..e si more…?.Papà…..papà mio….(gli sfuggono dei singhiozzi)…

Annamaria  : povera anema ‘e Dio..’e fanno fa ‘e camurriste…’e criminale..ma chille sempe criature so’…(abbracciando il ragazzino)..Viene acca…siente…Pigliate 'sta tavuletta ‘e ciucculata…..Vide quanta è buona….io ‘a porto per i bambini dell’Ospedale,..e tè..pigliate pure chistu babbà..l’avevo portato pe’ nu vicchiariello… don Salvarore ‘o fiorista ..ma mo a chillo chillo c’è asciuto pure ‘o Diabete..Mangia,….Mangiatillo tu…

Cusemiello  : grazie…(mangia)..Signò..e a papà ‘o pozzo aspetta cca..?

Annamaria  : e se capisce…assiettate llà…nun fa guaie e nun te fa cunoscere….io torno a nà poco…

ANNAMARIA ENTRA IN UN REPARTO MENTRE IL PICCOLO CUSEMIELLO SI RANNICCHIA PENSIEROSO SU DI UNA PANCA.RIENTRA L’APPUNTATO D’ANGELO.

D’Angelo :   cose ‘e pazze…pure ‘o piantonamento mo..e vide si nun m’aggia fa ‘na bella nuttata ca dinto  allerto allerto…cu tanta guardie chiù giovane ‘e me….a ma dimane….no doppodimane appena monto me metto a rapporto add'o Questore….e che cazze..!..sempe a me….servizio ...ronda....piantonamento..chillu chiaveco ‘e Scotto ce l’ave cu  me e nun me po’ vedè…( al ragazzino) e tu che vuò …?..Che guarde..? Chi sì..?

Cusemiello  : (pensa e decide in un lampo per non essere cacciato)…‘o nepote ‘e don Salvatore ‘o fiurista…tene ‘o debbete…

D’Angelo  : eh..’a cambiale..!’O diabete se dice….che ignorante….e va buono…(si accende una sigaretta)…facimmece st’ata nuttata…(va ad un telefono e fa il numero)..Pronto..Marì....Marì..stasera nun torno....a chi..?...neh, ma fusse scema..?..Nooo,..è stato chillu chiaveco d'o Brigadiere...m'ha miso 'e piantone vicino a 'nu latrino comme a isso ,..si,uno ch' hanno sparato ccà... 'ncopp'o Casale...eh..?...no..no 'o Loreto....sto 'o Fatebenefratelli, si chillo  a via Manzoni....niente...penzo ca pe sette 'e sette e mezo m'avessera dà 'o smonto...si astipamille...me mangio scarfate dimane matina..eh,magno e po subbeto me vaco a cuccà......cià..si..cià...aggiu capito..si...statte bona..si..cià.....E che scassa cazzo pur'essa...SI VA A SEDERE SU UNA PANCHINA ACCANTO A CUSEMIELLO.

DAL REPARTO RICOMPARE L’ESILE FIGURETTA DI MARIA CHE ANCORA ANGOSCIATA SI PONE SU DI UNA SEDIA IN ATTESA DI NOTIZIE DALLA RIANIMAZIONE.DALL'INGRESSO,UN PO' DI TRAMBUSTO.POI ENTRANO GENNY E FULVIO,DUE RAGAZZI DELLA NAPOLI BENE.FULVIO SOSTIENE GENNY CHE TRASCINA UNA GAMBA ED E' SPORCO DI SANGUE PER VARIE ESCORIAZIONI

Fulvio  : medici...medici..ma ch'è  …non ci sta nessuno..? ….medici..!

Genny  : ahia....ahia..oh,mamma mia....che male..!

D'Angelo : (dando una voce)...guè..infermiè…’a chesta parte ..ce sta 'nu cliente....

ESCONO DAL PRONTO SOCCORSO LA DOTTORESSA ELENA E NICOLA L'INFERMIERE

Elena  : ....ch'è è successo...?

Fulvio  :  niente..il mio amico è caduto dalla moto....una slittata sul bagnato....

Elena  :  Nicola...mettilo sulla sedia a rotelle  e portalo ai  raggi....poi se il dottor Certosino trova qualche cosa di rotto…..accompagnalo subito dopo in sala operatoria....

Genny  : ahia...ahi.. noo.. a chi..?…qua sala operatoria...?...io tengo solo qualche sbucciatura....

Elena  : ..questo lo diranno le lastre....Nicola ..portalo dentro e spoglialo..

Fulvio  : un momento dottoressa.....vi posso parlare un attimo..?

Elena  :  beh..?

Fulvio  : permettete…..mi chiamo Fulvio Conciatore...Conciatore..il figlio del Deputato Conciatore di Rifondazione Comunista......

Elena  :  ....e allora  ?

Fulvio  :  il mio amico è Genny..cioè Gennaro Cuci Bottoni ...si,... sono quelli delle    

               Pelliccerie d'Alta Moda Cuci Bottoni .....

Elena    : continuo a non capire...deputati e pellicce sempre le lastre si deve fare....

Nicolella  : (entrando) e forse ho capito io...Appuntato...,sono il Dottor Nicolella.... l'Aiuto del Primario….per piacere potete andare a mettervi accanto al delinquente operato.....si sta svegliando e non sappiamo le reazioni che può avere...Andate dentro.. il secondo letto a destra......

D'Angelo  : comandi..!   ESCE

Nicolel  : Nicò portami qua quel bel giovanotto...(lo visita superficialmente)..ti fa male qui..?..e qui..?

Genny :  …abbastanza…però di più quando respiro…

Nicolel : ….ho capito...contusioni.varie .....escoriazioni...sospetta frattura di due o tre   costole…..la testa l'hai battuta..?

Genny  : …non mi ricordo...

Fulvio  : ….dottò…..noi stavamo facendo una tirata con le moto.......

Nicolel  : veramente di tirate ve ne siete fatte più di una...guarda cca che pupille dilatate...!!… Vuije duije state chine 'e cocaina...!

Fulvio  : Dottò, non ci rovinate...se si sa nel nostro giro...!..Papà è Deputato di Rifondazione....tra poco ci stanno le Elezioni  e lui  tiene un sacco di nemici…se è una questione di soldi come dire …non ci stanno problemi.......noi….

Nicolel  : ..e va buò....ho capito..Elena falli salire sulla mia macchina....andiamo alla Clinica Villa Sana....tanto io mo stavo smontando...Nicò,..aiutali...e ricordati che tu non hai visto niente….queste sono per te (gli molla un paio di centoni)...Andiamo va.....Il fatto è che con i giovani io tengo il cuore tenero....

Nicola  :  'nu santo..!!….Quant'è vero Dio..site 'nu santo....!!!

Nicolel  : Elena ..qua te lo vedi tu...dici che ho avuto un lieve malore….e se telefona mia moglie….dille che..che… sto operando... (a Cusemiello) e tu che vuò...? che tiene a guardà..?..Jammuncenne…...

CUSEMIELLO ABBASSA LO SGUARDO E TACE.ESCONO IL DOTTOR NICOLELLA,ELENA ED I DUE RAGAZZI BENE  CON NICOLA CHE CERCA SERVILMENTE DI RENDERSI UTILE.

Maria   : (riconsiderando quello che ha dovuto vedere)..che schifo…!…e la chiamano Sanità…..(si accosta  Cusemiello e gli fa una breve carezza)….

              ..’a scola ce vaie..?

Cusemiello  : ….no…..stongo miezo a via cu 'e sicarette……

Maria      : ….e quanno…..quanno cagnarrà 'stu munno…!?

DAL CORRDOIO DI DEGENZA VIENE FUORI UN VECCHIETTO,LOGORO E STRIMINZITO.E' UN CLOSCIARD,GENNARO 'O PUZZONE  AMMALATO  DI VECCHIA E LUNGA DEGENZA CHE HA TRASCORSO IN OSPEDALE DIVERSI MESI.ORA LO HANNO DIMESSO E  LUI VA VIA MESTAMENTE COL SUO CARICO DI BUSTE DI PLASTICA, DI SOFFERENZA E DI SOLITUDINE.IL VECCHIETTO GUARDA A LUNGO.QUASI CON COMMOZIONE I LUOGHI E LE COSE CHE GLI HANNO FATTO COMPAGNIA PER TANTO TEMPO: CHI NON HA NULLA SI AFFEZIONA ANCHE AD UNA VECCHIA PARETE SCROSTATA O AD UNA MADONNINA DI PLASTICA COLORATA.GENNERO SI FERMA DINANZI ALLA MADONNINA ILLUMINATA E BIASCICA QUALCHE PAROLA.

Gennaro : eh visto..?…me n'hanno mannato..."….Qua non ti possiamo tenere più..!.."..accussì ha detto il Professore...".."..Sei migliorato.."…Vattene a casa...!" Già…vattene  a casa…. E addò vaco....?.Addò sta 'sta casa ? (si guarda intorno smarrito)..oramai ..'a casa mia era cca......'e cumpagne mie...steveno tutte quante cca....'On Salvatore 'o fiurista cu' 'o Diabete......Peppe 'o scemo....'o Surdato cu 'o tumore dinte 'e prummune,…Chillo ca sputa sanghe.....mo nun 'e vedarraggio chiù….e nemmeno 'sti mure…'sti cose ca sanno 'e medicine…e manco chella zuzzosa 'e monaca ca me schifava…e ca io schifavo.. E ch'aggia fa…?.Ha ditto  : " Ci serve il posto".." Tu sei un alcolista cronico "..e che significa..?…Sarrà comme fosse ca io nun tengo 'o Passapuorto…!..Me n'ha mannato…M'hanno ittato dint'a munnezza comme a 'na scarpa vecchia…. e manco tu 'e pututo fa niente…Eh, però….. io tantu buono mun me sento…..e po' vide….duie, tre ghiuorne e stongo cca n'ata vota...si..quann'è vero Iddio….stongo n'ata vota cca..!

ESCE A PASSO LENTO TRASCINANDOSI VIA LE SUE MISERE COSE

CALA LA TELA

                FATEBENEFRATELLI

COMMEDIA IN DUE ATTI

DI

ANGELO ROJO MIRISCIOTTI

II° ATTO

LA SCENA NON E’ MUTATA.SONO TRASCORSE SOLO DELLE ORE.SONO CIRCA LE DIECI DEL MATTINO.IL SOLE INONDA IL SALONE ATTRAVERSANDO LE AMPIE FINESTRE.AL SIPARIO IN SCENA C’E SOLO CUSEMIELLO CHE DORME STREMATO TU DI UNA PANCA.DOPO POCHI ATTIMI ENTRANO MILLY,LA COGNATA DEL NEO PAPA’ PASQUALE E FOFO,L’AMICO DI FAMIGLIA.

Fofo’  :  però…Pasqualino sta facendo il neo padre con tutti i sentimenti..hai visto che caspita di corbeille che ha fatto portare a tua sorella…?

Milly  : già……

Fofò :  ho visto mentre pagava…nientedimeno ha speso centocinquantamila lire..e senza fiatare…sull’unghia…!

Milly  : già…..

Fofò  : se era nato il figlio di Onassis neanche così’..neh,quello ha offerto spumante e paste a tutto l’Ospedale…

Milly  : già….

Fofò   : neh,ma tu sai dire solamente..”già”..? e poi tieni un tono…..Pare che non  

             sei contenta che ti è nato un bel nipotino..?

Milly  : io..? Io sono contenta….felice….addiritura raggiante..Come… non si vede…?..non sto più nella pelle per la nascita del primo figlio di “ mia sorella”……

Fofò      : a.’mbè…..mi credevo…Pasquale poi…

Milly  : Pasquale…? E che c’entra. lui.? Io ho detto :.il figlio di mia sorella….Pasquale è chill’ ca paga…..chillo che fa il  filmino…chillo che ordina la corbeille…insomma fa chell’ c’avessa fa ‘o pate….

Fofò   : appunto…’nu pate comm’a isso…..neh, ma tu che stai cercando di dire..che so’ ‘sti meze parulelle..?

Milly  : ‘e meze parulelle…..? Po’ ‘essere…..Pecchè ‘e parole sane…chelli giuste..chelli esatte..,,zia Milly nun è po’ ausà…sino adda succedere nu guaio..

Fofo’   :  nu guaio ? ..e sarebbe..?

Milly   : allora fino all’urdemo vuo’ purtà ‘sta maschera ‘nfaccia…..fino all’urdemo vuò fa “l’amico di famiglia”…”il compariello affezionato”….Fofò…tu si n’omm’e  merda…!

Fofò     : neh,ma tu  che cazz’ staie dicenno..?!!

MillY  : chello ca sai buono…’o piccerillo è figlio  a te..!..Chella zoccola ‘e mia sorella me l’aveva cunfessato già duie mise fa…ca tenivene ‘na relazione cu tico..…che schifo…che schifo..! E viene pure a vedè il risultato delle tua bravata..E’giusto..1 Chillo è figlio a te….E vicino a chillu pover’omme  facive pure ‘a mattunella..: “ Pasquà,tene ‘e spalle toie,….’e recchie sono dei Pepicelli…..siete due gocce d’acqua…!”…. e pe’ tramente quello  stronzo  di Pasqualino Pepicelli pagava pagava   …pagava…..pagava…!!..Che schifo….che schifo…!

Fofò    :   zitta…!   Zitta p’ammore ‘e Dio..!

Milly   : …l’Ammore ‘e Dio..?..e che ne sai tu ‘e Dio..?

Fofò    : ..ma che vuò fa succedere ‘nu guaio..?

Milly  : e si vulevo fa succedere ‘nu guaio parlavo duie mise fa….mo a che serve….sulo a distruggere tre vite…no,quatto ..pecchè ce sta pure ‘o piccerillo….che po’ è ‘o chiù importante…..

Fofò   :  Milly….ti giuro che la cosa è finita…da tempo..adesso…mi sono fatto da parte…..tua sorella si è riavvicinata al marito,…dice che lo ama come prima,,forse di più…io mi faccio ad parte….te lo giuro..starò dietro le quinte..pronto a dare una mano al bambino…come un padrino…comme a nu zio carnale……

Milly  : no..Fofò tu devi sparire..te ne devi andare per sempre.. hai capito..devi sparire…..

Fofò    : ma è mio figlio….

Milly   : no..è figlio a Pasquale…!

Fofò    : ma a lui non ci somiglia proprio ….

SAVERIO IN QUEL MOMENTO E’ ENTRATO ED HA ASCOLTATO L’ULTIMA FRASE CHE LO COLPISCE PROFONDAMENTE.DOPO QUALCHE TITUBANZA INTERVIENE QUASI CON RABBIA.

Saverio  : come avete detto..?…ditelo ancora…e quanto è vero Iddio vi riempio di cazzotti..!

Fofò     : neh, ma fusseve pazzo….??..chi vi conosce  e  poi…..che cosa dovrei ripetere..?

Saverio : che non somiglia proprio al padre…!...la voce già sta circolando, è vero..?….già si maligna alle spalle di un povero padre…!

Milly    :   ma quale malignare…la cosa è talmente tragica..che non si può che provare pietà….una profonda pietà…per quell’infelice…..

Saverio  : si ..avete ragione..che colpa ne ha un pover’uomo si a mugliera è ‘na zoccola..se lui va a lavorare e lei,puttana..riceve l’amante di turno…

Milly      :  addirittura c’era un turno..?

Fofò        : e nessuno sapeva niente… Uh, chella sciagurata..!

Saverio  : si sciagurata…e sciagurata di più quel povero esserino innocente che sopporterà su di se per tutta la vita il livore  di un uomo tradito ed umiliato....

Fofò      :   e va bene….ma se l’uomo non lo sa..?

Saverio  :   l’uomo non lo sa per certo…non è sicuro…ma lo sospetta…il tarlo oramai gli si è incuneato nel cervello….non lo abbandona un istante…..è come una febbre terzana…..e ..chissà…chissà che non faccia prima o poi qualche sciocchezza…?

FARNETICANDO TRA SE IL POVERO SAVERIO ESCE DI SCENA….

Milly   : lo vedi…?...la cosa si sta cominciando a mormorare…no, Fofò…tu devi sparire..subito…..prima che Pasquale faccia una sciocchezza..

Fofò    :  hai ragione…devo riparare…devo espiare quei pochi attimi di gioia…vado via…trova tu una scusa…magari mi farò vivo tra qualche anno….si…tornerò..un giorno per vedere come sta….come sta crescendo…." Mio fi.."….no…il figlio di Pasquale…!!..Addio….ESCE

ESCE  MENTRE MILLY LO GUARDA USCIRE E POI SI AVVIA PERPLESSA VERSO LA  MATERNITA’.DALLA DEGENZA PROVIENE INVECE DI LI A POCO UN CURIOSO GRUPPETTO: SONO MARIANNA,LA CAFONA DI TERZIGNO CHE DEVE ESSERE DIMESSA,IL MARITO SAMUELE,LA SUORA,ED ANNAMARIA LEPORE,LA VOLONTARIA.

Suora    :…..insomma, hai capito bene,… …te ne puoi andare….il Professore ha firmato la dimissione…la terapia ospedaliera con oggi si è conclusa….

Marianna  : sarrà…. ..ma io buono nun me sento…la capa ancora me pesa….

Suora  : e che vuol dire….è l’effetto del digiuno..tu sei stata cinque giorni solo a flebo…mo te ne vai a casa tua e ti ripigli bella bella…….

Samuele :  io nun la veco bona…se lamenta..lu braccio sinistro poco l’aiza….io pensavo  ca se puteva sta ancora quacche juorno arrecoverata…..

Suora    : e che ti vuoi sapere tu..? ti volessi mettere a competenza  col Primario..se Lui ha firmato vuol dire che tua moglie sta bene..

Annamaria : e mo tiene ragione suor Raffaella…..Il Primario è ‘nu scienziato ‘e primma categoria..,..se dice che è guarita è così…ma ch’è…?… non siete contenti che ve ne andate a casa....?

Samuele : mancheresse…Però io ‘a muglierema la vulesse vedè ‘nu poco chiù repegliata…..chella sta ancora accussì bianca e gialla de’ faccia…..debule ne’ li cosce…ancora nun mangia niente…..

Suora   :... ancora stai parlando…?? Basta..!…Va..va a chimmà ‘nu bellu taxi così te la porti e oggi mangiate a casa vostra….

Annamaria  : (a Marianna) ..hai sentito,Marià..???…che bellezza..!..Oggi a tavola tieni attorno tutti i tuoi figli ed i nipotini…si cuntenta..?

Marianna :……(con poca voce, rassegnata)….siiii…..

Samuele  :  allora ..io vaco a piglià lu taxi…..’sta borza me la porto…la valigetta la remango qua vicino a te..stance accorta ca ce stace lu farzuletto cu li sorde, l’aniello e la catenina d’oro …guè …e nun te preoccupà ca mo subbeto vengo …‘e Mariannì…..mo’vengo…..(le carezza il viso)

Marianna  :  tuorne subito Samuè…nun me fa sta ‘mpena…..

SAMUELE ESCE.ANCHE LA MONACA SI ALLONTANA CHIAMATA DA ALTRE FACCENDE

Annamaria : (al piccolo Cusemiello che va ridestandosi)….guè..tu staie ancora lloco…??…'Sta povera criatura ha durmito fora a porta d'o pate comme 'nu canillo…e diceme a me..tiene famme, 'a Signora..?

Cusemiello  :  (dignitoso)..no….aiere sera me disteve  'nu babbà..

Annamaria  : e ce faie assaie all'età toia…Sorde ne tiene…?

Cusemiello   : no,ma nun ve date pensiero..nun tengo famma…

Marianna  : ….tu tiene 'a faccia d'o miccio….te pigliate 'stu poco 'e pane e prosutto e mangiatello…nisciuno l'ha tuccato…

Cusemilello  : grazie..no…

Annamaria  : guè..cusariè..mangia e state zitto si no abbusche pure…!.Anzi sa che vuò fa..? Vettenne a mangià lla fore…Cammina…

CUSEMIELLO CONVINTO DAL TONO DECISO E ANCOR PIU' DALLA FAME ESCE COL PANE TRA LE MANI.NEL FRATTEMPO ANCHE MARIA INIZIA A RISVEGLIARSI DAL SUO TORPORE.

Annamaria  : ..so' criature….(A Marianna)e così te ne vai a casa…..beata a te…vulesse fa ‘o stesso pur’io…

Marianna  : … e pecchè a vujie chi ve cumanna..?

Annamaria :  Nostro Signore…..Isso me cumanna…Devi sapè, sora mia, ca io sto qua per un “voto”…perchè dieci anni fa ebbi una grazia….allora per ringraziamento scelsi il voto di accudire e di aiutare tutti i giorni e fino a che posso  i malati…..anzi chiù so’ malate e chiù  me sento felice…

Marianna  :  ..ma che fuie..?…..che fuie ‘sta grazzia..?

Annamaria  : ‘na cosa ’e salute..Mia sorella..’na guagliona bella e sana…  allora teneva trentadue anni e quattro criature…..all’improvviso..’nu dolore ‘e viscere,….’nu dolore ‘e viscere….. la portammo dai Dottori..nun te ne dico..analisi..ecografie…tac..di tutto…e uscì la risposta : era ‘na malatia brutta..bruttissima allo stomaco.... e solo tre mesi di vita..così dicevano tutti Professori…

Marianna   : (segnandosi)..Mamma d’a Saletta..scanza e cumpiatisci….

Annamaria: e accuminciaie ‘o Calvario: Napoli, Padova…Milano,Bologna,perfino Losanna..in..si..in Svizzera….Ospedali..Cliniche Private…Cliniche Specializzate…..Analisi,Cure..Diagnosi sbagliate...Po’..Chemioterapia Biopsia…. Radioterapia….…sevizie ‘e tutte ‘e manere a chella povera figlia….Niente..S’aggravava sempe chiù..oramaie era arrivata a pesà scarso trentacinche chile….’o marito..’mpazzuto..’a vulette purtà pure addu ‘nu Santone….’nu Guaritore a ‘nu paisiello...comme se chiammava si,..a Manocalzati..’e parte  ‘e Avellino: niente..!niente..!

Maria     :  (che  svegliatasi del tutto, curiosa ed interessata si è unita alla discussione ) ..ed allora cosa accadde..?

Annamaria  :  e che cosa accadde…?!!!… Era il ventiquattro dicembre del 1994…a Natale  fanno giusto sette anni…era notte e non potevo prendere sonno per l’angoscia  e per colpa di certi rustici con la ricotta che mi ero mangiati... all’improvviso..che vedo vicino al letto mio..?Madonna mia….Che impressione….!!!Che paura…!

Marianna  : Uh..Mamma delle Sette Piache…...e  chi è visto ?..forse lu Riavulo..?

Maria         :  non credo ..il Diavolo non fa i miracoli…

Annamaria : giusto..Niente..ho visto la buonanima di mammà che piangeva e si baciava l’immagine di Santa Rita da Cascia..piangeva e baciava l’immaginetta..ma così naturale..così verace….Niente..se dormivo,mi svegliai di soprassalto…: mo ci credete o no……sopra alla  mia culunnetta,miezo a tanta Santini ce stava pure la figurella di Santa Rita……tutta ‘nfosa…!!!!…Allora mentre tremavo per la stranissima coincidenza….piglia e bussa il telefono……era mio cognato da Losanna…..” Annamarì..Annamarì…!!!…tua sorella si è alzata seduta  in mezzo al letto…!.ha parlato e ha chiesto da mangiare...!!."da mangiare”…??!!.. Chi..?..lei che lo stomaco non lo teneva più..!Un Miracolo!!.Un Miracolo…!!! E allora giurai….giurai di andare negli Ospedali a servire gli altri..per voto e schiuvazione dei peccati....

Maria       :  sembra quasi una favola  ..e così grazie a Santa Rita…sua sorella si è salvata..?

Annamaria : no..è morta due mesi dopo…..Però senza più sofferenze…dolce dolce…serena comme ‘a ‘na Santa….

Marianna  :  e lu miracolo….?

Maria       : non l’avete capito..? il miracolo vero è che questa brava donna da allora si è dedicata agli altri anima e corpo……meglio di questo..?

RIENTRA SAMUELE CHE HA TROVATO FINALMENTE IL TAXI.

Samuele :  cca fore aggiu truvato ‘nu  taxi….…vole cinquantamila lire fino a Terzigno..Marià….io ‘nce li dessi..Però sa che dico..?.. penso ca  forze è meglio ca pigliammo la Avotombulanza..stai chiù commoda…’nce l’infermiere…sta qua abbascio dinto allu curtiglio….

Marianna  : e l’Avotombulanza quante t’ave chiesto..?

Samuele    : ….quattrucientomilalire…

Marianmna  : lè..lè..c’avimma fa..cu chisti mariuole…!!??..E po’ lu Prufessore   ha ditto ca stongo bona….putimme piglià pure lu pulmanno…

Annamaria  : nooo,…jatevenne proprio a père…ma faciteme ‘o piacere…almeno ’o tassi sta buono…

Maria        : ha ragione la Signora....non scherzate con l’ictus…mio padre sta tra la vita e la morte per essersi trascurato…

Samuele  : beh,,..allora jammo Marià…Salutammo signorì…e grazie pe’ tutto quello che avite fatto…

 

ANNAMARIA ABBRACCIA COMMOSSA SINCERAMENTE LA BRAVA MARIANNA.POI I DUE PAESANI ESCONO,LUI SPINGENDO LA SEGGIOLA A ROTELLE DI LEI PERCHE’….OVVIAMENTE…. DISPONIBILE E GRATIS NON C’E ALCUN INFERMIERE NE ALCUN  PORTANTINO.ENTRA ALLORA DALL’INGRESSO UNA BELLA RAGAZZA FORMOSA E MORA: E’ LA PROTETTA DEL DOTTOR NICOLELLA,’A FIGLIA D’O PURTIERE.

Letizia   :  (ad Annamaria, credendola un’infermiera)..scusate..signò..io m’avessa ricoverà….sapite comme se fa..?

Annamaria : ti devi ricoverare..?…uh,povera figlia…..e pecchè..? Te sienti male…? Ch’ è stato n’incidente…?..’na caduta.?.Ch’è succieso..?

Letizia    :  no,niente…mo nun me sento ‘o riesto ‘e niente però …tengo n’appuntamento  ca ncoppa pecchè ’o Duttore m’ha detto che per precauzione....m’aggia fa fa ’e lastre e l’analisi….Duie o tre ghiurne fa avette ‘ nu dulore sotto ‘a panza…..cca a mano destra….

Annamaria: ho capito…forse poteva  essere un poco di appendicite… siente a me,piccerè..…fatte vede la dentro….. al Pronto Soccorso..

Letizia   :    a chi.???…..io qua tengo un appuntamento preciso……mica me faccio vedè a uno qualunque…a me ‘e mane ‘ncuollo me l’adda mettere  sulo ‘o duttor D’Amore… chillo bruno bruno cu l’uocchie verde…

Annamaria  :  aggio capito pure a te…aspetta loco ca mo veco si sta ancora ‘e servizio….

ANNAMARIA ESCE VERSO LE DEGENZE IN CERCA DEL DOTTORE.LETIZIA SI ACCOMODA SULLA PANCA ACCANTO A MARIA,ACCAVALLA IN MODO SFACCIATO LE BELLE GAMBE TORNITE MOSTRANDONE TRATTI PIU’ CHE GENEROSI E POI SFRONTAMENTE SI ACCENDE UNA SIGARETTA.

Maria    :  veramente qua non sarebbe consentito fumare…

Letizia  : …ma vuie ca facite ‘a guardiana..?

Maria  : …..no…

Letizia  : e allora che ve ne fotte..?!…. Faciteme fumà ca sto nervosa..!

Maria    : voi state nervosa ?…a me allora mi dovrebbero portare al manicomio  per quello che sto passando…mah, è meglio che mi vado a prendere un  cappuccino al Bar se no potrei diventare sgarbata……

MARIA ESCE.NEL CONTEMPO ENTRA IL DOTTOR D’AMORE CON LA DOTTORESSA LA PADELLA.

D’amore  : c’è qualcuno qui che cercava del Dottor D’Amore..?

Letizia : io….!..Dottò……ma come …non vi ricordate di me..?…so’ Letizia…...Letizia Frungillo,’a figlia d’ ‘o purtiere del dottor Nicolella……Come…!..mi avete visitato l’altro ieri…Qua sott’‘a panza..come si dice : ah,si..all’inguìne..…vi ricordate adesso..?

D’Amore  :... veramente no…ogni giorno io visito tanta gente…

Letizia     : ma come….io portavo le mutandine trasparenti e le calze a rete…voi mi diceste pure di togliermele….

Elena       : (sottovoce)..e bravo….!

D’Amore : (arrossendo violentemente)..io..?…ma non è possibile…non ricordo…

Letizia  :   come…!…e poi diceste pure che …mi volevate rivedere…..che so..? perchè potevo tenere  una  periattonite…

Elena    :    ah,una peritonite…beh,in effetti la signorina mi sembra proprio un caso clinico da tenere sotto osservazione…direi…sotto stretta osservazione…(insinuante)..magari potrebbe aver bisogno di una mano…..

D’Amore  : Elena..smettila…E lei signorina..si accomodi in Pronto Soccorso…

Letizia   :  Dottò…’a verità, stanotte ho tenuto un dolorino ..comme a ‘na tagliatella ..proprio cca ..(si solleva la magliettina e si abbassa un poco la cintura della minigonna)..toccate qua vicino ..a me mi pare che si è un poco gonfiato sotto pelle….comme fosse 'na palluccella….

D’amore : ho capito..ho capito…si ricopra  e si accomodi dentro ……e venga anche lei Dottoressa…e voglio pure una Suora durante la visita…..

Elena    :  ….esagerato….! (Poi sotto voce) ..e che ti metti paura che la vamp ti zompa addosso…?

D’amore  : no…!

ENTRA IN PRONTO SOCCORSO SEGUITO DALLA RAGAZZA E DALLA DOTTORESSA.LA SUORA E' TORNATA IN SALA DI ASPETTO.PROFITTA DEL MOMENTO DI TRANQUILLITA' PER ACCENDERE DEI LUMINI DINANZI ALL'IMMAGINE SACRA DI UNA MADONNINA,RAVVIVA I FIORI,POI INIZIA A PREGARE.DALLA MATERNITA' RIENTRA MILLY CON UN GRAN FASCIO DI FIORI TRA LE BRACCIA.

Milly     : e questi ce li diamo alla Madonnina….tanto a casa neanche ce li possiamo portare tutti…quella sorella mia ha avuto la camera inondata di fiori…

Suora      : ..ho piacere…è la signora della camera 22, vero..?..quella che ha fatto un bel maschietto..?  Mi hanno detto che è tale e quale alla madre….

Milly      :  …per fortuna….

Suora      :…..come…?

Milly   : no dicevo così per dire…quello il papà…che pure nell'insieme è un bell'uomo..se lo guardi bene.. tiene il naso grosso…..'e recchie ‘nu poco a sventola…...insomma, sentite a me…è assai meglio che rassomiglia alla madre…!

Suora  : somiglierà chi vuole Nostro Signore…..quello che lui fa è ben fatto…l'importante che sia un buon Cristiano e un Fedele osservante…

Milly       :…. a che sto ce penz'io…e ‘nzieme a isso… pure 'a mamma adda diventà,…fedele e  osservante….!!….

Suora       : noi pregheremo per loro…tanto noi suore questo facciamo….qua stiamo ….a disposizione di chi soffre…..senza un attimo per noi……senza un attimo di dolcezza… (e nel frattempo guarda con desiderio il grosso scatolo di cioccolatini che la donna porta tra le mani)………….

MILLY CHE HA COMPRESO IL DESIDERIO DELLA SUORA,LE CONSEGNA ANCHE IL  GROSSO SCATOLO DI CIOCCOLATINI

Milly    : …prego…favorite…noi sopra ne teniamo già troppi….

Suora     : ..grazie… questi li distribuirò tra i piccoli degenti…

Milly      :  non ho alcun dubbio....permettete…..torno da mia sorella….

ESCE VERSO LA MATERNITA'.RIENTRANO I DUE PORTANTINI

I° Portant  : ma tu è visto che perucchiuse  chilli duie cafune..sulo perché tu ‘nc'è cercato quattucientomila lire fino a Terzigno…ma c’è assaie…?

II° Portant  : che buò fa…..so' pruvase. genta. 'gnurante…nun teneno rispetto manco pa' salute….so' comm 'e bestie…hanna sta sempe miezo e puorce…

DALLA PORTA SONO IMPROVVISAMENTE ENTRATE ASSUNTA,LA MOGLIE DEL FERITO E LA MADRE CARMELA ED IL PICCOLO CUSEMIELLO

I° Portant  :  uh,Madonna…Pascà … guarda là  chi ce sta….

II° Portant  : no,io me ne vaco,…avessera fa n'ata sburdelliata..

INVECE STRANAMENTE ASSUNTA E CARMELA SONO CALME,QUASI RASSEGNATE.ASSUNTA SI AVVICINA AL I° PORTANTINO CHE UN PO' IMPAURITO  INDIETREGGIA VERSO IL MURO.

Assunta   : …..a vuie…!

I° Portant  : ….guè…. io non ho visto niente…

Assunta   : ma 'e che parlate…?….ancora vi devo domandare niente…

IL II° PORTANTINO HA COMPRESO CHE NON SONO STATI RICONOSCIUTI ED INTERVIENE SORNIONE…

II° Portant  : no..quello il mio collega sta un poco nervoso…ha fatto 'na mala nuttata…a casa soia..cu 'o  male 'e mola..è vero,Pascalì..…?

I° Portant.   :..e che dulore…..a casa…..pecchè io stavo a casa…me spiego..?

Carmela    :  abbiamo capito ..abbiamo capito..ma nun ce ne 'mporta nu saciccio d'o male 'e mola vuosto… io voglio nutizie d'o figlio mio…'o ferito 'e stanotte…

I° Portant  : e noi di stanotte non sappiamo niente….io stev’ a casa mia  a Ponticelli….

Assunta  :    ….e noi mo' stiamo vedendo da Poggioreale…addò ‘nu chiaveco 'e duttore e duie figlie 'e zoccola 'e ‘nfermiere c'hanna mannato a passa' a nuttata…

I° Portant  : ..guardate…..

II° Portant : beh,e allora  noi andiamo dentro a cercare notizie…Comme se chiammava  'o ferito..?

Carmela    :…Ciro Catone….di Pianura……

I° Portant  :  Catone…Ciro…andiamo e veniamo…viene Ciccì…

I DUE ESCONO QUASI DI SOPPIATTO MENTRE LE DUE DONNE SI ASSIDONO SGUAIATAMENTE.LA GRASSA MADRE DEL CAMORRISTA ACCORTOSI DELLA MADONNINA INIZIA UNA COMMOSSA LITANIA DI PREGHIERE NELLA CERTEZZA CHE ANCHE LE PREGHIERE DI UNA VAIASSA, BASTA CHE SIA MAMMA, ARRIVANO AL SIGNORE.

Carmela  : ( al ragazzino) fatte a croce….!

Cusemiello   : uffa.....'a No'…!??!!

Carmela  :   mo te dongo 'nu scusetone e po' vide..prega pe' patete…!!!

D'Amore    : (uscendo dal Pronto soccorso)..chi sono i parenti di Catone Ciro…?

Carmela ed Assunta  : simme nujie…!

D'Amore   : il ferito…è stato operato stanotte....tre pallottole gli avevano trapassato il polmone, la spalla e l'inguine….era sotto chok e privo di conoscenza….Abbiamo fatto il possibile…

Carmela   : ....duttò….??!!

D'Amore  : no…non temete….è vivo…solo dobbiamo aspettare le quarantott'ore per dichiararlo pienamente fuori pericolo…la pallottola che ha trapassato il polmone ha provocato versamento da una pleura…comunque noi non disperiamo…abbiate fiducia anche vo

Carmela :…Prufessò..grazie..grazie…(gli afferra una mano baciandola forsennatamente)..grazie da 'na povera mamma e da sette criature….

D’Amore  : venite…vi accompagno  fuori alla Sala Rianimazione…nella saletta visitatori c’è il monitor con la telecamera….così il vostro congiunto lo potete almeno vedere e quando si sveglia gli potrete anche parlare....

Assunta  : avita avè tantu bene…si fossero tutte quante crestiane comme a  avuie…

D’amore  : faccio solo il mio dovere…andiamo di là..….

MARIA E’ RIENTRATA E SI SIEDE LEGIUCCHIANDO DISTRATTAMENTE UNA RIVISTA.PASSANO POCHI SECONDI E SI ODE DI FUORI ANCORA UNO STRIDIO DI FRENI.UN’ALTRA AUTOAMBULANZA HA SCARICATO IL SUO CARICO DI SOFFERENZA.I  DUE SOLITI PORTANTINI ENTRANO VELOCEMENTE SPINGENDO UNA LETTIGA SULLA QUALE GIACE INES UNA ANZIANA SIGNORA E LA SEGUE ANGOSCIATA LIVIA,LA NIPOTE.

Livia   :  presto…...fate presto…..ha perso tanto sangue…..

Nicola  : (uscendo dal  Pronto soccorso con la dottoressa al  Padella)…ch’è stato…?

Livia   : (alla Dottoressa) ..una crisi emorragica dall’esofago….(poi a voce più bassa)…mia zia è cirrotica  …

Elena   :  da quanti anni   ?

Livia    :  almeno quindici….

Elena   :  (sentenzia)…rottura di varici esofageee..! (controlla sotto le coperte)..ha perdite rosse anche dall’ano….mi dispiace ma non siamo del tutto attrezzati per le complicanze epatiche..…

Nicola  :  e po’ nun ce sta manco  ‘nu  lietto libero….

Livia    : ma almeno  un primo intervento…che so..?…una trasfusione …un tampone per bloccarle l’emorragia…

Livia   : ci vorrebbe un sondino di Black-More…ma sono anni che qui non ne mettiamo…non so nemmeno se ce ne stanno ancora.....

Nicola   : …si so’ chilli tubicielle bianche ca fanno ‘o palluncino..?…quacche  d’uno c’essa  ancora sta in Chirurgia….(Elena lo guarda con rimprovero)

Primario   : (uscendo già col cappotto)…Neh, io vado al Congresso…Ma che succede ancora..? Che tiene...?

Elena    : …un pronto soccorso di cirrotica in crisi emorragica….rottura di varici esofageee e melena....

Primario  : ..hai  suggerito il ricovero al Cardarelli…?

Livia       :  Dottò…..mia zia al Cardarelli non ci arriva…ha perso più di  due litri di sangue a casa …e nell'ambulanza ha vomitato ancora....

Primario  :  …..capisco ma…

Livia     : che ma e ma..? Vi prego…vi scongiuro…intervenite..mia zia se ne sta andando….(poi alterandosi di fronte all’insipienza del Primario).. Voi dovete fare qualche cosa….!..

Nicola  : cca state perdenno tiempo…..purtatela ‘o Cardarelli cu’ ‘a  stessa ambulanza….Sta ancora lla fore…

Livia      :   Dottore…se non intervenite almeno per quanto possibile vi denunzio ai Carabinieri…e vi giuro..che se succede un guaio vi perseguiterò per tutta la vita……mio marito è un Magistrato..!

Primario :  (colpito ed affondato dalla paroletta magica, sfilandosi il cappotto)…e va bene…Presto..!..In sala Operatoria….(a Nicola)…a voi…trovatemi D’amore e l’Anestesista di turno……tu  (ad Elena) provvedi subito per le Analisi, l’Emocromo e la fornitura di plasma sanguigno…….

Elena       :   come facciamo col sangue..?..le scorte sono alla fine….

Primario   : dopo le analisi chiamate il “Pausyllipon” e ve ne fate mandare due o tre sacche del gruppo giusto…mandi uno di questi due  (i Portantini)

I° Portantino  : e  comme c’arrivo là 'ncoppa.?…. io stongo  senza macchina….

Primario   : e voi vedere come ti ci faccio arrivare io di corsa….?

II° Portant :   ..Prufessò quello scherzava…..dopo ci vado io.. (poi al collega)…

                 …e tiene sempe ‘a parulella superchia…..

Livia     :   so che il sangue dovremo integralo…ma non vi preoccupate…..tra me, mio marito ed i parenti ve ne daremo quanto ne vorrete…

Primario : mi raccomando….se no rimaniamo noi senza…. avanti …(alla donna) voi no....restate  qui fuori....dentro ci sareste solo di impiccio…

ENTRANO IN PRONTO SOCCORSO.LIVIA RIMASTA FUORI INIZIA A PASSEGGIARE NERVOSAMENTE AVANTI ED INDIETRO.

Maria     : ..che schifo…!

Livia     : ….prego…????

Maria    : no..dicevo che schifo…!..Che schifo questo mondo….Scusate se ho ascoltato i fatti vostri e mi permetto….insomma se non dicevate la paroletta magica..le porte del Paradiso restavano chiuse…

Livia     :  …scusate, quale paroletta..?

Maria :...”Magistrato”..!….E’ come “Apriti Sesamo!...Bibidi Bobidi Bù”…..insomma….una parola che apre tutte le porte…

Livia      :  già…..ma io davvero avrei reagito con la Legge o se era il caso…con le unghie…come una tigre…..in tutti i modi…!!!

Maria      :…. Avete fatto bene….il guaio è che in questo Paese di merda dobbiamo chiedere in ginocchio, pregare, minacciare, fingere  o peggio ancora….. millantare ….per avere io rispetto di nostri diritti sacrosanti…

Livia       : purtroppo…!....e voi..? …anche voi in attesa di qualcuno…?

Maria      : mio padre…un ictus…!

Livia       : fatevi coraggio…....

DALLA MATERNITA’ SI ODONO DELLE VOCI RIDENTI ED ALLEGRE CHE SI APPROSSIMANO : SU TUTTE DOMINA QUELLA DI PASQUALINO PEPICELLI .E’ IN REALTA' LA FAMIGLIA DI QUEST’ULTIMO CHE ALLEGRAMENTE LASCIA L’OSPEDALE CON IL NEONATO QUASI IN TRIONFO.

Pasquale : Madonna e che gioia,…Già ce ne andiamo a casa…e ci portiamo pure l’erede…….vieni Terè..cammina piano piano..vedi dove metti i piedi…

                  Stai attenta amore mio…tu stai ancora un poco deboluccia…

Teresa    :..e pare che sono la prima donna che partorisce…e poi il Professore ha detto che tutto è andato bene….il bambino sta bene ..che ci stiamo a fare ancora qua…?

Milly      : e si capisce… tiene ragione Teresina….Mo’ ve ne andate tanto belli a casa vostra…qua all’Ospedale..in mezzo a tutti questi malati… con tanta gente che soffre …pare pure un mal’augurio….

Pasquale  : (euforico)..ma a chi…??…mio figlio porta bene..mio figlio porta la buona salute a tutti quanti…

Nicola    : (sopravvenendo ed unendosi al corteo)…e pe’ cient’anne e cu ‘ati ciento figlie, signurì…!

Pasquale : ..grazie..grazie anche a voi (gli mille qualche diecimila)..prendetevi un caffè alla salute di mio figlio..!

Teresa     : mio figlio…? E pare che l’ha fatto solo lui..? Come se i dolori terribili del parto li avesse sopportati lui…guè..chisto 'o vì ...è chiù figlio a me che a te..!

Milly     :  (incenerendola con lo sguardo)…. si capisce..è figlio alla mamma..però pure il papà soffre e forse psicologicamente anche di più..perché sta chiuso fuori ad una porta e non può fare il resto di niente..!!

Pasquale . ..(a tutti i presenti)..no,voi mi dovete credere..io per simpatia con mia moglie..tenevo certi mali di pancia fuori alla Maternità..con rispetto parlando..e che ne fate di una colica…!!??

Maria       :..e  quando un uomo vuole bene veramente  alla propria donna soffre per lei e insieme a lei…

Livia      : quant’è carino questo bambino....…Troppo bellino…delicato come una femminuccia…e si sa : quelli i maschietti matrizzano… a me sembra tutto sua madre….

Teresa    : ma quando mai…..quello di mio non tiene niente…..piuttosto è tale e quale alla buonanima di mia suocera…

Pasquale : quando dici queste cose mi fai squagliare il sangue….quanto ti voglio bene quando fai così……!Che moglie perfetta che tengo…!

Nicola   : …bella,brava,buona e prolifica…pe’ cient’anne…!!!

Pasquale  : neh, ma non vedo a Fofò…Che amico..mi ha lasciato sul più bello…!

Milly     : ha parlato con me…è capitato un affare di lavoro urgente….si scusa….

Teresa    : …magari dopo da casa con calma lo telefoniamo…

Milly   : no..è meglio di no..(guardando con intenzione la sorella)..è andato all’estero…lontano…un giorno o l'altro  si fa sentire lui, eh…?.

Pasquale  : Beh..allora  noi andiamo…(dando danaro ai Portantini che sono ricomparsi sentendo odore di mance)..salutateci caramente il Professore…

Teresa    :  ed anche a suor Raffaella ..

Suora   : ( sopravvenendo)…sono qua..sono qua..salutatemi di persona…

Teresa  :  suor Rafaella un bacio..e qua…. Pasquale dammi quella busta..qua stanno un po' di aiuti per i vostri poverelli della Parrocchia..…

Suora  :  …grazie..nei momenti di felicità bisogna pensare a chi soffre…

ESCE D’AMORE DAL PRONTO SOCCORSO.NON HA SEGUITO LO SVOLGERSI DELLA SCENA.CON LUI E’ ANNAMARIA LEPORE.SI GUARDANO INTORNO,POI SI ACCOSTANO A MARIA LATORI DI UNA TERRIBILE NOTIZIA.

D’Amore  : …….signorina…

Annamaria : …..figlia mia bella…!

Maria    : ….papà…??!!

D’amore : si, è finito pochi istanti fa…..abbiamo tentato di tutto in Rianimazione…è stata una crisi violentissima…..

Maria  :  ..no..!! ….Papà mio…Papà…!

Annamaria: (stringendola all’enorme petto)…piangi…..piangi pure figlia mia..sfogati..non ti vergognare…pensa soltanto che papà tuo ha finito di soffrire e adesso ti guarda dal Paradiso….

Maria    : (piangendo a dirotto)..papà mio….voglio a papà mio..!

D’Amore  : mi creda signorina….abbiamo fatto di tutto..pure la Medicina a volte si deve arrendere…(alle donne presenti)..statele vicino….

IL DOTTORE ESCE MENTRE ANCHE LIVIA ABBRACCIA CON SOLIDARIETA’ LA POVERINA.PASQUALINO PEPICELLI E’ DAVVERO IMBARAZZATISSIMO : VORREBBE QUASI SCOMPARIRE LUI,LA SUA  FAMIGLIA  E TUTTA LA  FELICITA’ CHE PRIMA HA MANIFESTATO.

Pasquale  : beh,…scusateci…noi andremmo..mi dispiace..…andiamo,Terè…1

Teresa  :  (A Maria)..condoglianze vivissime…vieni Milly.. e porta a borsa del corredino.. permettete…

LA FAMIGLIA PEPICELLI ESCE UN PO PIU’ MESTA,MA LA MESTIZIA MANIFESTA E’ SOLO SINO AL PORTONE,POI LA VITA RIPRENDE IL SOPRAVVENTO E SI ODE LA VOCE DI PASQUALE

Pasquale  : Chisto s'assetta avanti con me…a  'stu masculone ‘e papà l’aggia 'mparà subito a guidà…e  po' l’aggia accattà  'a Porche…gialla….!

Teresa  : …cammina…nun fa ‘o buffone..e vai piano che io tengo i punti….

DALLA COMUNE UN LUGUBRE PERSONAGGIO,VESTITO TUTTO DI NERO : E TITO PORFIDIO,L’IMPRESARIO DI POMPE FUNEBRI.

Annamaria : …'stu  cuorvo nire già sta cca….!

Porfidio  : (togliendosi rispettosamente il cappello nero)..mi trovavo a passare di qua per caso e mi hanno comunicato il triste evento ……chi sono i parenti…?

Suora     :  ….solo lei..

Porfidio  : ehm….ehm…. permettete…Condoglianze vivissime..Sono il Cavalier Tito Porfidio, della Omonima e Premiata Casa di Pompe Funebri…Io so..per esperienza ,cara signorina…..che in questi momenti non si tiene la testa di pensare a certe cose..: i documenti da predisporre…,la fossa, le Esequie…….le lungaggini burocratiche.. i vari permessi.. 'e certificati……se permettete…..penso a tutto io….stiamo da più di quarant’anni nel settore..

Nicola     : ..è vero..il Cavalier Porfidio è conosciuto..signurì..vi potete fidare..

Porfidio  :  lasciate fare a me….vostro..papà..è vero? Papà..lo servirò con il rispetto di un caro parente….

Maria     :  ma  per…le spese....?..quali sono i costi…?… in questo momento….sto tanto confusa .... non capisco più nulla ….

Porfidio  :..proprio per questo ci sto qua io…le spese….i costi... sono dettagli,….si vede la persona che siete..…ci sarà tempo…Ora dobbiamo pensiamo a dare a Papà una degna  Funzione...ed un Onorevole Servizio…Affidatevi alla nostra esperienza..…va bene..?

Maria      : …(vinta)..va bene…

Suora      :  i documenti saranno pronti tra poco in Amministrazione…..

Porfidio :   benissimo…!! Nicò.…..fammi strada presso il Caro Estinto  e dopo vai a chiamare i miei giovanotti …Permettete…..ed ancora condoglianze vivissime…!

Livia    :   …quella famiglia di prima  ha scordato il fasciatoio del bambino….

Nicola  :   voi permettete un attimo,Cavaliè..?...Guè…(urlando verso la famigliola  appena uscita che si sta sistemando in macchina)…guè..a vuie…ve site scurdate 'o fasciaturo d'o criaturo..…!!.aspettate…!..'nu mumento…'nu mumento..!!..Signurì….!!

MENTRE ESCE NICOLA IN CERCA DELL’ENNESIMA MANCIA  DALL’INGRESSO RIENTRA IL BARBONE GENNARO ‘O PUZZONE

Gennaro   : (entra trascinando le gambe e le sue povere cose)…Guè…Io sto ccà…sto ccà…so' turnato n’ata vota…!..M'hanno vuttato mo' mo' sotto a 'na machina….Ahhh.!!..Aiuto..e che dulore..! m’hanno scassato l’osse une pe’ una….era na’ machina tanta…no..no,nu camion….Duttò…! Dutto…!!!!…Guè,a me…!!Aiutateme..!...Guardateme a me ..!! (mostra a tutti come dei trofei le mani,le ginocchia  e la fronte insanguinate)

Suora   : …basta..stia zitto..qua non si urla….questo è un ‘Ospedale….!

Gennaro  . e pirciò sto cca…!Guardateme….…Stò chino 'e sanghe….nun me ne putite caccià….sputo sanghe pur'io….mo si,mò..!Tengo 'o passapuorto…Pozzo rummanè cca…aggia rummanè….!…Aggia rummanè….!!!!

E MENTRE IL POVERO BARBONE FA LA SUA BRAVA PARTE DI VERO  MALATO E DI FALSO DISPERATO,PORFIDIO SI AVVIA COMPUNTO VERSO IL SUO COMPITO TRA LA TRISTEZZA GENERALE DI UNA REALTA’ DOVE COME DOVUNQUE LA GIOIA,IL DOLORE,LA VITA E LA MORTE, SI INSEGUONO COME IN UN GIOCO PERVERSO E SENZA REGOLE……..

                              CALA  LA TELA

Napoli,16 Febbraio 2001

FATEBENEFRATELLI

COMMEDIA IN DUE ATTI

DI

ANGELO ROJO MIRISCIOTTI

      Napoli                                                         16 febbraio 2001

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno