Fatti, fatturi e fattazzi

Stampa questo copione

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

“FATTI, FATTURI E FATTAZZI”

Commedia brillante in tre atti di

PINO GIAMBRONE

Personaggi:

ØVICIU TUFFU, u maaru;

ØANGILINA SALEMI, sua moglie;

ØPITRINU, loro figlio;

ØANNINEDDA, loro figlia;

ØDon TANU CARESTA;

ØSASA’, figlio di Don Tanu;

ØDonna FILUMENA CASCIOTTA;

ØROSINA, figlia di donna Filumena;

ØCICCA, ‘ntisa sampriglia;

ØNIRIA STRANU, marito di Cicca, ‘ntisu ciuciulena;

ØNUZIATINA TIRRAGLIA;

ØCECE’ CULONNA, marito di Nunziatina, ‘ntisu u gazzusaru;

Tutti i diritti riservati – Iscrizione alla S.I.A.E. – Direzione Generale ROMA – sezione D.O.R

Per la rappresentazione, versione in dialetto, in lingua italiana, straniera e varia utilizzazione di brani e riduzione cinematografica, rivolgersi alla S.I.A.E. – Direzione Generale ROMA, o all’Autore, via Roma n. 22  - 93010 – Campofranco (CL)  Tel. 0934/959412 -

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

ATTO PRIMO

LA  SCENA

Unica per tutti e tre gli atti. Stanza grande. Di fronte una alcova con dentro situato un letto matrimoniale. Comune a destra dello spettatore. A sinistra porta che si accede in un'altra stanza. La porta sulla destra da direttamente con l’esterno. Al centro della stanza trova posto un tavolo rotondo tutto tarlato con delle sedie col fondo in “zabarra”. Sulla sinistra un tavolo rettangolare poggiato alla parete. Su di esso trovano posto tutti gli occorrenti per il mestiere di lu zi Viciu u maaru – bottiglie, bottigliette, lumini, ampolle, santine appese al muro, alambicchi, erbe di vario genere, ferro di cavallo, corna, trecce d’aglio etcc… Appeso nelle vicinanze un grembiule di colore nero. Quadri e arredi vari. Un séparé. Siamo agli inizi degli anni quaranta.

SCENA PRIMA

Viciu, Angilina, Anninedda e Pitrinu

(Seduti vicino al tavolo di centro trovano posto u zi Viciu che con un piatto, contenente un poco d’acqua, poggiato sulla testa della moglie Angilina, che a su avolta lo sorregge, cerca di far passare il mal di testa alla moglie. Accende dei piccoli moccoli e poi coprendoli con un bicchiere ripete la filastrocca rituale. Seduta poco distante Anninedda che lavora col telaio.)

Viciu               - “ Suli ‘ntesta suli ‘ntesta ti lu dugnu ni la cresta
                        a la fini di ‘stu dittu ti nn’a ghiri drittu drittu,
                        e la testa à lassari e lu mali ava passari…..

Angilina          - (con la testa legata) Ah cuomu mi fa mali! Cuomu mi batti la testa.

Viciu               - Zittuti, zittuti, mai ti fa mali la lingua accussì sta’ muta. Ci voli assoluto silenziu.      Muta!
“Suli ‘intesta suli ‘ntesta ti lu dugnu ni la cresta
a la fini di stu dittu ti nn’a ghiri drittu drittu,
e la testa à lassari e lu mali ava passari,
si priammu lu Signuri
un minutu senza parlari”
(breve pausa subito interrotta da Pitrinu che irrrompendo in scena fa cadere il piatto dalle mani di Angilina, bagnandosi)
Pitrinu             - Bbumm!
Viciu                           - Morti subitania! Sempri tu si, ah! Vidica unu di ‘sti iorna pigliu un sagnaturi e ti lu sbattu ‘ntesta.

Angilina          - (asciugandosi) Disgraziatu accussì si fa? Mi stavanu faciennu anniari. Ah cuomu m’infurzà lu mal di testa. Figliu ‘ngratu, (sputando) ppu’, cosa fitusa. Ah la testa mi fa mali.

Pitrinu                         - (sorridente) Mamà, ascuntassi a mia e no a lu papà. Iddu cu sti maari nun cunchiui nenti. Va pigliati ‘na pinnula di sublimatu e vidica ti passa ‘stu mal di testa.

Viciu                           - (innervosendosi) Vidica ‘sti maarij t’hannu datu a mangiari ‘nsina ora. Bardasciu. ‘Stu muccarusu voli sindacari ‘ncapu lu ma operatu. Inetto. (guarda ad Anninedda che s’è punta con l’ago e succhia il sangue dal dito). Anninè, chi ti successi u papà?

Anninedda      - Mi pungivu lu itu. ‘Stu sceccu mi fici scantari e mi fici arrisantari.

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Viciu                           - (a Pitrinu) U vidi chi dannu cuminasti? Piattu ruttu, to matri ancora cu lu mal di testa e mezza anniata, e to suoru cu lu itu pungiutu. Quannu ti la cangi ‘sta testa?
Pitrinu                         - Papà pirchì nun mi la cangia vossia cu ‘sti maarij. Pigliassi ‘‘na trizza d’agliu (esegue) e si mittissi a girari attuornu accussì. (si mette a girare attorno al padre).
“Etta sancu, etta sancu, etta sancu
di lu nasu sancu pazzu e vilinusu
niesci fori da lu carusu. Etta sancu…. (viene interrotto dal padre).

Viciu               - (pigliando una sedia e tirandogliela) E chi t’acciungassiru li mani.

Pitrinu                         - (sorridendo e lasciando andare la treccia d’aglio). Nun mi scantu, tantu c’è vossia, cu li maarij. (Esce dalla comune per rientrare subito ripetendo la filastrocca).

Viciu               - (alla moglie) Chi fa continuammu?

Angilina          - Nenti. Lassa perdiri, forsi è megliu ca mi pigliu ‘‘na pinnula, cuomu dissi ddu foddi di to figliu.

Viciu               - Tu, talia “Nemo profeta in patria” di ‘sta famiglia nuddu ci voli cridiri.

Anninedda      - Papà, cuomu finì cu lu littinu? Ancora tiempu ava passari? Quantu ci voli                 ancora pi arrivari?

Viciu               - Avi cchiossà di un misi ca ci scrissi e ancora ava arrivari.

Anninedda      - Papà ia mi stancau di dormiri cu uantri ni lu liettu ranni. Sugnu signurina ora e …...

Angilina          - (abbranciandola) Pi nantri si sempri nica, si sempri Anninedda. Vì, ti ricuordi qunn’era tanta (fa il gesto con le dita) cu li ammi ca parivanu dù fanci. Currivatu ca parivatu un surcitieddu. A sei misi ti mittisti a camminari, a sei misi.

Viciu               - Eh! A carusa ora avi ragiuni! Criscì e si voli curcari sula.

Angilina          - Ma dimmi ‘na cosa l’indirizzu a cu scrivisti pi lu littinu, giustu era? Nun vulissi ca sa littra si persi pi la strada.

Viciu               - Giustu era! (piglia un ritaglio di giornale e legge) Talia ccà: Mobilificio Trinacria,   via degli Orti n. 3 Palermo.

Angilina          - E chi c’è scrittu ni ‘stu pizzinu?

Viciu               - Ascunta. Ccà manca un pizzu di carta ma si capisci ca c’era scrittu “littinu”. Perciò “Lettino di legno color noce. Accessoriato con materasso, cuscino e lenzuolo. Di leggera fattura e di facile trasporto grazie alle quattro maniglie situate ai due lati. Di legno stagionato resistente alla usura. Il prezzo compreso il trasporto è di Lire 50. Alle prime richieste verrà regalato un orologio da taschino. Per la richiesta scrivere…

                        Avi cchiossà di un misi ca ci scrissi e pienzu ca ‘stu littinu, picca tiempu ava passari e ava essiri ccà. U sintisti cuomu è resistente. Avi quattru manigli. Buonu è accussì lu putiemmu spustari di ccà dintra a dda dintra.

Anninedda      - (festante)  Che bello, papà, cuomu sugnu cuntenta, un littinu tuttu pi mia (bacia il padre).

SCENA SECONDA

Detti e cicca

(Cicca dal di fuori ad alta voce e bussando alla porta dando l’impressione di volerla abbattere)

Cicca               - (d.d.) Zi Viciu rapissi! Ia sugnu Cicca, Cicca ‘ntisa sampriglia, rapissi. Mi voli rapiri? Chi ci à ittari la porta ‘nterra?

Angilina          - Bedda matri! Cicca è! Dda curtigliara di Cicca è! Pi favuri a chissa ti l’assuorbi tu. Amuninni dda banna, Anninè (escono dalla sinistra).

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Cicca                          - (d.d.) Chi si lu mangiassiru li cani. Si un tirrimoto durassi quantu dura vossia pi rapiri ‘na porta, a chist’ura mancu un fumaluoru avissi ristatu a la dritta. (bussando energicamente) Voli rapiri? Si o no?.

Viciu                           - (aprendo) Morti subitania a tia e a chiddi cchiù tinti di tia. Mi l’ha dari lu tiempu pi rapiri.

Cicca                          - (entrando, donnone con carattere aggressivo ed invadente, con risvolti umani di indole buona. Grida sempre ad alta voce. Porta con se un bambino) Tu! Ma talia chi è bieddu chistu! Li filinij mi fici fari fori. E ci vuliva tuttu su tiempu pi rapirimi la porta. Zi Viciu sa benedica! A saluti chi dici? Nun c’è bisuognu ca m’arrispunni ca si vidi ni la faccia ca si la mangia la spisa: Avi du russetti ni la facci (tocca le guance) ca parinu du pumadamuri. (non da tempo a Viciu di rispondere) So muglieri unni è? E li so figli? Carusi d’oru sunnu! Pua nun parlammu di Anninedda. ‘Sta carusa mi fa ‘na simpatia…..

Viciu               - (interrompendola) Ia mi nni vaju dda banna, quannu finisci di parlari, tiri la porta e ti nni và.

Cicca               - Sempri schirzusu è! (da una pacca sulle spalle) . Basta nun parlu cchiù! Santa Lucia m’avissi a fari santari la lingua. (fa il gesto con le dita sulla bocca, poi parlando con la bocca chiusa). Nun parlu cchiù, Santa Lucia….

Viciu               - (gridando) Basta! Botta di sancu, ti vua zittiri! E pua chi c’entra Santa Lucia?

Cicca               - Appuntu! Nun parlu cchiù.

Viciu               - Oh, finalmente. (sente odore di menta e annusa Cicca) Sientu un sciaru di sampriglia, ma di unni veni? Sampriglia mi pari.

Cicca               - (ridendo) Idda è Idda sampriglia, taliassi ccà! (esce da tutte le tasche dei piccoli mazzetti di menta).

Viciu               - Oh pirchissu ti dicinu Cicca sampriglia?

Cicca               - Si vuliemmu essiri giusti, ‘sta ‘ngiuria mi la ‘mpicicaru quann’era carusa. Ma matri aviva un iardinu e ni stu airdinu c’era un chianu di sampriglia. Ia di carusa era sempri ittata a iucari ni ‘stu chianu di sampriglia. C’era ‘na forza ca m’attirava, e ia mi ittava ‘mmiezzu tutta la sampriglia. La gente quannu mi pigliavanu ‘mbrazza, sintivanu ‘stu forti sciaru di sampriglia, e dicivanu: Tu talia chi sciaru fa Cicca di sampriglia; talia chi sciaru fa Cicca di sampriglia …. e accussì mi ristà Cicca sampriglia.

Viciu               - A chi siemmu a li cunfidenzi. a to maritu, Niria Stranu, pirchì ci dicinu “ciuciulena”? Chi si stricava cu la ciuciulena?

Cicca               - (ridendo) No! Ci dicinu ciuciulena pirchì…… (s’avvicina e gli parla all’orecchio. I due si mettono subito dopo a ridere).

Viciu               - Certu ca ci voli immaginazione. Ih, Cicca vinisti ccà ni mia sicuramenti, no pi cuntarimi li storii di ‘sti ‘ngiurii, ma sicuramenti pi antri cosi.

Cicca               - Ascuntassi ccà. Ma maritu…….

Viciu               - (fa segnale con gli occhi) ……Ciuciulena ……..

Cicca               - Si iddu, ci spuntà un purriettu ni la vrazzu. Mi dassi ‘‘na cosa quantu ci passa e ci scumparisci.

Viciu               - Ascunta a mia. Piglia tri vavaluci e ci li strichi ni la punta di lu purriettu, e mentri ci li strichi ripieti ‘sta giaculatoria:

                        “ Sant’Antoniu di l’abbati,

ca guariti l’ammalati,

Signiruzzu di lu cori apiertu

faciti passari ‘stu purriettu “.

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Cicca               - Sicuru siti?

Viciu               - Cuomu sicuru e allura …. (come per dire che è il suo mestiere).

Cicca                          - Ma di ‘sti tiempi unni li vaju a truovu li vavaluci? Avi cchiossà di tri misi ca nun chiovi. Unni li truovu?

Viciu                           - Aspetta ca l’aviri ia dda dintra. Aieri vinni un clienti di li parti di li Madunij, ca dda ha chiuvutu, e mi purtà un sacchettu di vavaluci. Aspetta ca ti li pigliu. (esce dalla sinistra).

SCENA TERZA

Detta e Pitrinu e poi Viciu

Pitrinu             - (entrando dalla comune, notando la presenza di Cicca rimane fermo vicino l’uscio)

                        Chi ci fa tu ccà? T’haju dittu sempri ca ccà dintra tu nun ci ha mittiri pedi.

Cicca               - (remissiva, cambiando completamente atteggiamento) Ia vinni…..vinni pi addumannari ‘‘na ….’’na midicina a to patri. E pua nun capiscu pirchì ti scanti. Chi ammiscu la ‘nfetta a la to casa?

Pitrinu             - Tra nantri dù finieru tutti cosi. Ora mai è acqua passata.

Cicca               - Acqua passata? Pitrinu, vidica sugnu capaci di rumpiriti ‘sta testa e fariti passari ‘sta babbia. Prima t’addivirtisti e ora …..

Pitrinu             - (gridando) E ora basta!

Cicca               - Basta l’ha diri ia! Lu dicu ia quannu ava finiri (si avvicina a Pitrinu e gli afferra il braccio. Pitrinu ha una reazione brusca e fa cadere per terra a Cicca. Nel frattempo entra Viciu).

Viciu               - (vedendo a terra Cicca e guardando il figlio come per dire che è successo). Chi fù? Chi successi? Chi ci fa tu ‘nterra?

Cicca               - (minimizzando e capovolgendo l’accaduto) Nenti, zi Vì, so figliu è sempre schirzusu. Mentri mi stava assittannu mi livà la seggia di sutta e ivu a finiri ‘nterra.

Viciu               - E tu pirchì turnasti subitu?

Pitrinu             - Mi vinni a pigliari la giacca. Fori si livà ‘‘na tramuntana ca fa rizzari lu pilu (esce dalla sinistra).

Viciu               - Perciò, Cicca ca ci su li vavaluci. Lu vidi ca hanno li corna nisciuti? Perciò accussì ci l’à stricari ‘ncapu lu purriettu.

Cicca               - E si quannu arrivata dintra li corna nun su nisciuti, cuomu à fari pi fariccilli spuntari?

Viciu               - Cuomu? Tu si specialista pi ‘sti cosi.

Cicca               - (risentita) Chi sintiti diri?

Viciu               - No! Dicu ca si brava ni ‘sti cosi di cucina. Pigli ‘‘na pampina di lattuca e ci li puosi ‘ncapu e vidi ca li corna pua ci alloncano un parmu e miezzu. U capisti? Chissu ia vuliva diri. Dopo ca ci spuntanu li corna ci li strichi ‘ncapu lu purriettu di to maritu e l’appienni fori…..

Cicca               - A cu a ma maritu?

Viciu               - (ridendo) Bellu spettaculu avissi essiri. Chi capisti? Li vavaluci appenniri fori. Li pigli tutti tri e l’appienni fori a parti di tramuntana. Quannu li vavaluci su sicchi, sicca puru lu purriettu di to maritu. U capisti?

Cicca               - U capivu, ora scappu e cchiù tardu quannu veni ma maritu, fazzu ‘sta operazione. Sabbenedica zi Viciu. Ah cuomu era la giaculatoria?

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Viciu               - “Sant’Antoniu di l’abbati

ca guariti l’ammalati,

Signiruzzu di lu cori apiertu,

faciti passari ‘stu purriettu”.

Pi tri voti l’à ripetiri (Cicca andando via ripete per non dimenticare la giaculatoria).

SCENA QUARTA

Detto, Pitrinu e poi Angilina

Viciu                           - (vedendo entrare a Pitrinu con la giacca in mano, assume un atteggiamento di rimprovero). Attia! Chi è ‘stu fattu?

Pitrinu                 - (sorridendo e facendo finta di non capire). Quali fattu?
Viciu               - Quali fattu! Ti l’à signari cu lu itu?. U capisti di chi staju parlannu.

Pitrinu                         - (sempre con tono scherzoso) Papà è u sancu! U sancu pazzu e furiusu chi haju ‘ntesta. Sancu pazzu chi mi detti vossia quannu mi fici (lo avrà abbracciato).

Viciu                           - (respingendolo) E ia ‘stu sancu pazzu chi ti detti quannu ti fici, ti lu fazzu calmari.

Pitrinu             - (c.s.) Forza papà! Accuminciassi ora, forza (si mette la giacca sulla testa e girando la scena ripete la solita filastrocca).

Etta sancu, etta sancu……

(reazioni a soggetto di Viciu. Entra Angilina ed assiste alla scena. Pitrinu esce).

Angilina          - Sempri azzuffati siti. Nun iti mai d’accordu! Pi forza, siti uguali! Uantri dù nun vi putiti ungiri mancu davanti la Chiesa. Si nni ì dda curtigliara di Cicca sampriglia. Certu ca chissa unni arriva ‘mpingi. (bussano all aporta. Sono Filumena Casciotta con la figlia Rosina. Filumena donnone dall’età di 50. Irascibile e permalosa. Molto elegante. La figlia Rosina molto malata, soffre di una malattia. Non sta mai ferma. A chiunque si presenta ripete sempre la stessa frase. Angilina va ad aprire).

SCENA QUINTA

Detti, Filumena e Rosina

Filumena         - (tenendo il braccio della figlia Rosina)  Bongiorno, chiedo scusa. Chista è la casa di u zi Viciu….. u zi Viciu …..

Viciu               - ……u maaru. Nun si scantassi signura lu po diri forti. U maaru. Nun è ‘ngiuria, ma ‘na prufissioni. E anchi si fussi ‘ngiuria, fussi cuntentu. Si accomodassi. (alla moglie) Angilina piglia du seggi e li fai accomodari (Angilina esegue. Prima porge la sedia a Filumena e poi va per porgere la sedia a Rosina).

Rosina             - (avvicinandosi ad Angilina) Molto lieta! (inchino) Sono Rosina. sono figlia di Nino Lanza e di Filumena Casciotta, la qui presente, che è mamma mia. A servirla.  (l’abbraccia e da un piccolo morso all’orecchio di Angilina, una risata da ebete e ritorna al suo posto. Angilina per educazione smorza il dolore avuto in seguito al morso. Risponde con un buffo inchino).

Filumena         - (pigliando per il braccio la figlia e facendola sedere). Assittati, sancu di la mamma. Sta tranquilla ca pua t’accattu li liccumìj, chiddi cu lu zuccaru di ‘ncapu, chiddi chi piacinu a tia (Rosina si rialza e va verso Viciu).

Rosina                        - Molto lieta. (inchino) Sono Rosina, sono figlia di Nino Lanza e di Filumena Casciotta la qui presente che è mamma mia. A servirla  (abbraccio e morso

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

all’orecchio e breve risata da ebete, poi presa per il braccio dalla mamma si siede. Viciu emette un grido di dolore che smorza subito).

Filumena         - Assittati sancu di la mamma, assittati ca pua t’accattu li liccumìj, chiddi chi piacinu a tia. (Rosina siede.Viciu e Angilina restano allibbiti). Perciò zi Viciu, cridi ca lu capì in quali situazioni mi truovu. Avi cchiossà di sei misi ca ma figlia si cumporta ni ‘sta manera. A cu è ca vidi, ripeti sempri la solita frasi, e ia sugnu custretta a lassalla fari. ‘na vota mi permisi di rimproverarla e successi lu fini munnu. Accumincià a gridari e a fari cuomu ‘‘na pazza. Sbattiva la testa a li mura. Ci dicu ‘na cosa ca nun augurassi a  lu cchiù tintu nemicu. Ora nill’ultimu periodo ci piglià puru chissa di dari muzicuna a l’oricchi.

SCENA SESTA

Detti e Anninedda

Anninedda      - (spuntando dalla porta di sinistra) Mamà, mamà!
Viciu               - (alla moglie) Falla trasiri, falla trasiri (ma prima che la moglie si sposta, Rosina di corsa va verso Anninedda).

Rosina                        - Molto lieta! (inchino) Sono Rosina e sono figlia di Nino Lanza e di Filumena Casciotta la qui presente che è mamma mia. A servirla (abbraccio e morso all’orecchio).

Anninedda      - Aih! Mi, muzicuni mi detti. Mamà cu su chissi? Chi è strammata ‘sta carusa.

Angilina          - Nun lu sacciu cu sunnu. Si, idda è tanticchia tuccata di testa. Chi è ca vua?

Anninedda      - Quantu zuccaru ci à mettiri?

Angilina          - Tri cucchiara a cucucciuni, e pua arrimina beni.

Anninedda      - (salutando) Bongiorno. Molto lieta (esce).

Filumena         - Zi Viciu, cuomu ci stava diciennu avi cchiossà di sei misi ca ma figlia si cumporta accussì. Haju giratu li miegli specialista senza risultatu. Ora vinni ni vossia cu sa a ma figlia ci ficiru la fattura.

Viciu               - Cara signura tuttu po esseri. Ni lu munnu ci su genti tinti ca nun sannu unni sbattiri li corna.E fari ‘‘na fattura a ‘‘na perso’’na nun ci penzanu du voti. Ora senza perdiri tiempu, vidiummu si chissa è fattura o no. Si è fattura chissa è cosa mia. Angilina va pigliami un piattu cu tanticchia di acqua. (la moglie esce per rientrare subito dopo con un piatto contenente un poco d’acqua). Rusinedda veni ccà assittati ni ‘sta seggia. (mette una sedia al centro della scena. Poi va a pigliare una bottiglietta con dell’olio) Allura signura Filumena vinissi ccà. (mette il piatto in testa a Rosina). Ora ia ci iettu ‘‘na uccia di uogliu ni ‘stu piattu, si la uccia di uogliu si allarga, voli diri ca è fattura. (versa la goccia di olio nel piatto e tutti e tre in contemporanea fanno un salto indietro gridando: Fattura è!). Fattura è! Fattura è! Nun si scantassi signura Filumena, ora ci la livammu. Chissu è mistieri mia. Sugnu o nun sugnu Viciu Tuffu u maaru? Stassi tranquilla ca ci la lievu, sulu ca la cosa è lonca, s’anna fari diversi seduti. Accuminciammu ora, subitu, a la fini di ‘sti seduti so figlia torna cuomu prima, anzi meglia di prima. Ci voli un pocu di pazienza e fiducia.

Filumena         - Quantu n’haju avutu pazienza, n’haju avutu di vinniri. Basta ca ma figlia turnassi cuomu prima, ia pagassi la qualsiasi.

Viciu                           - Signura ia lu fazzu ‘stu mistieri pi ajutari lu prossimu. Nun lu fazzu pi sordi. Ia acciettu tuttu chiddu chi mi offri la genti, sia in natura ca in sordi, sulu offerti! Ora accuminciammu a travagliari. Cchiù prima accuminciammu megliu è. Nun vulissi ca

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

la fattura, chi ci ficiru a so figlia, trasissi cchiossà ni li vudedda, e cci vulissi pua cchiù tiempu. (fa sedere Filumena in disparte ed aiutato dalla moglie incomincia a svolgere le mazioni di “maaru”. Alla moglie non parla ma dialoga con segnali. La scena è muta. Viciu piglia quattro lumini e li dispone agli spigoli di un ipotetico quadrato che circonda la sedia in cui è seduta Rosina. Piglia dei fiammiferi ed accende i lumini. Poi fa segnale alla moglie di pigliare il grembiule appeso alla parete, e lo indossa. Nel grembiule sono appese i seguenti oggetti: corna, grattugi, aglio, sacchetti contenenti erbe etc…Poi presa una incensiera, (una scatola di latta legata da quattro pezzi di spago), accende l’incenso ed incomincia a girare attorno a Rosina, ripetendo la seguente filastrocca, contraffacendo alcune volte la voce. Eventuale sottofondo musicale).

“ Aglia agliola fimmina mola,

‘sta fattura sicuru ca vola.

Corna, bicorna, curnuti curnazza,

‘sta carusa nun fa cchiù la pazza.

Raspu u raspusu cu ‘sta grattalora

niesci fattura e niesci di fora.

Cu st’erbi dunci e st’erbi amari,

‘sta mala vintura ava passari “.

(ogni volta che ripete una strofa, tocca gli oggetti che chiama in causa, appesi nel grembiule. Altre incensate e finisce il rito). Pi oj finiemmu, signura Filumena. Mi la purtassi dumani a lu stessu orariu.

Filumena         - Zi Viciu nun sacciu cuomu la ringraziari. Quantu è lu disturbu?

Viciu                           - Ci lu dissi, signura Filumena. Ia lu fazzu pi lu prossimu e no pi li sordi! Si vossia voli lassari qualchi offerta, la mittissi ni dda cassetta. Ia a la fini di la simana la rapu, chiddu chi truovu mi basta pi ghiri avanti cu la famiglia.

Filumena         - Allura lu salutu, zi Viciu, ed anchi a vossia signura Angilina. Lu signuri v’ava binidiciri, pi tuttu chiddu chi faciti (alla figlia). Amuninni, sancu di la mamma, ca pi oj finiemmu (Rosina sta per accennare al solito saluto, ma Viciu e Angilina vanno per scappare nell’altra stanza, ma Filumena afferra per un braccio a Rosina e vanno via. Vicino l’uscio Filumena mette un offerta nella cassetta ed escono. Viciu e Angilina si guardano meravigliati e poi in contemporanea imitano il comportamento di Rosina, poi di corsa si precipitano verso la cassetta per constatare l’entità dell’offerta di Filumena. Si azzuffano chi deve guardare per primo. La moglie ha la meglio).

Angilina          - Deci sordi? Si spilà tutta! Tirchiuna ca è! La gente cchiù sordi hannu, cchiù tirchi sunnu. Li sordi, malidittu cu li sprimintà. ‘Ntantu li sordi su la putenza di l’omu e la spirtizza!

Viciu               - “Lu gaddu senza cricchia è un gran capuni

l’omu senza sordi è un gran minchiuni”.

(bussano alla porta, è Cicca sampriglia).

SCENA OTTAVA

Detti e poi Cicca

Cicca                          - (d.d.) Zi Viciu, oh zi Viciu voli rapiri (bussa energicamente). Botta di sancu la voli sbarracari ‘sta porta?

Angilina          - Cicca è! Bedda matri arriva la curtigliara. Ia scappu (esce dalla sinistra).

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Viciu               - (aprendo la porta) Gatta fricalora, e dunami lu tiempu di rapiri!

Cicca                          - Zi Viciu sugnu abiliata, sugnu abiliata. Malidittu lu mumentu quannu mi nni ivu a stari ni ‘sta casa. Ma maritu ci curpa.

Viciu               - Calmati, e cuntami chi successi.

Cicca               - Ava sapiri ca ‘ncapu unni staju ia, ci stà dda fitusa e scuncicalora di Nunziatina Tirraglia, la muglieri di Cecè Culonna u gazzusaru, chiddu chi vinni gazzusi, u capì? Perciò ‘sta Nunziatina tutti li jorna mi fa pigliari coliri. Ma ia unu di ssì jorna ci acchianu ‘ncapu lu barcuni, e ci rumpu li corna, a ‘sta curtigliara. Sa curtigliara è strippa! Si strippa, strippa è, e pirchissù si cumporta cu mia accussì, pirchì è mmidiusa, è mmidiusa ca ia haju cincu figli e idda mancu unu. Perciò ‘sta strippa, tutti li iorna m’ allorda tutti li robi ca stiennu a lu barcuni. Tutti li lurdij ca ricogli ni la so casa li etta di lu barcuni e m’allorda tutti li robi chi ia haju stinnutu. Ddu barcuni mia addivintà un munnizzaru. Ma chiddu chi cumina antura nun lu potti suppurtari. Mi va ghietta ‘na rinalata di pisciazza ca m’impistà tutti li robi e m’allacà barcuni e mezza stanza di pisciazza, ‘na fogna addivintà la me casa. La puzza, si muriva di puzza. A quali sampriglia, ca mancu un carrettu chinu ci putiva.

Viciu               - E ora chi vua di mia?

Cicca               - ‘Na fattura! ‘Na fattura quantu acciunga tutta. Quantu ci ammoddanu li mani, accussì la finisci di fari ‘sti supricchiarii. Zi Viciu, ci purtavu ‘sta cartata d’ova, accussì si li mangiassi cu saluti.

Viciu               - (pigliando le uova) Accussì! ‘na fattura, accussì, quattru e quttr’ottu? Vidiemmu chi c’è (si avvicina al tavolo, rovista e piglia una stearina ed un po di polverina). Ascunta piglia ‘sta cannila, ci fa un bucu in un piezzu di cartuni e ci la ‘mpili, pua ni lu cartuni ci mitti tanticchia d’uogliu e ‘na pizicata di ‘sta pruola. Pua l’attacchi a la punta di un vastuni l’avvicini, lu cchiù possibili a lu barcuni, accussì lu fumu chi si sviluppa ci trasi tuttu dintra e si cunchiui l’opira. T’assicuru ca in picca jorna, chissa Nunziatina acciunga tutta. Chiddu ca mi raccumannu è di mittiri cchiù vicinu possibili la cannila a lu barcuni, e di farlu tutti li jorna.

Cicca               - Grazie zi Viciu, grazie. ( va per andare ).

Viciu               - Mi raccumannu! Cchiù vicinu la mitti…..

Cicca               - U capivu, u capivu (esce).

Viciu               - Fimmina ‘mpirnusa. Ma cuomu ci cummatti lu maritu? Ma veramenti chiddu è sempre nisciutu. E’ sempri ‘n giru pi travagliu. ‘Sta simanati fori. Riflittiennu, quannu trova chissu lu tiempu pi fari li figli? Cincu figli! Mah (esce dalla sinistra).

SCENA NONA

Viciu, Angilina, Don Tanù e Sasà

(Bussano alla porta è Don Tanu Caresta ed il figlio Sasà. Don Tanu con baffo all’insù, veste elegante. Quando parla tiene sempre le braccia alzate e ripete sempre l’ultima parola della frase. Il figlio Sasà soffre di una malattia. E’ un esaurimento nervoso. Non sta mai fermo, gira la stanza strofinando le mani ripetendo, senza senso parole che sente nei discorsi degli altri. A chi si presenta gli sorride in faccia e subito dopo infila un dito nell’orecchio. Viciu seguito da Angilina va ad aprire).

Don Tanu        - Bongiorno! Haju lu piaciri di parlari cu u zi Viciu, Viciu Tuffu ‘ntisu lu maaru? Lu maaru?

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Viciu                           - A servirla, ma non ‘ntisu u maaru, di mistieri maaru. E ia cu cu haju piaciri di parlari?

Don Tanu        - Molto lieto. Ia sugnu don Tanu, don Tanu Caresta….

Viciu               - …..Nun si preoccupassi, ca ia e ma muglieri, la qui presente, Angilina Salemi, nun faciemmu parola cu nuddu. Nun si preoccupassi ca la cosa resta tra di nantri?

Don Tanu        - Chi cosa? Cosa?

Viciu               - Ma va scusari! Nun dissi ca la cosa ava ristari tra di nantri? E quindi, ia e ma muglieri aviemmu la ucca cusuta.

Don Tanu        - Tuornu e rebbricu. Di chi stati parlannu? Di chi?

Viciu               - Nun dissi ora, “ca resta “? E quindi la cosa resta ni sti quattru mura.

Don Tanu        - (avendo capito l’equivoco e sorridendo) No! Don Viciu, Caresta è lu ma cugnomi. Ia mi chiamu Tanu Caresta e chistu è ma figliu Sasà, Sasà.

Viciu               - Mi scusassi di lu “qui pro quò “. S’accomadassi! Angilina piglia du seggi (in quest’ultimu dialogo, Sasà avrà manifestato la sua malattia con meraviglia di Viciu e di Angilina).

Don Tanu        - Lu vidi cuomu fa ma figliu? Ma figliu? Notti e iornu. Nun sta mai fermu. Avi quattru misi chi fa accussì. Haju giratu li miegli duttura e nuddu ci ha caputu nenti. (Sasà si alza ed incomincia a girare la stanza). Nun si preoccupassi ca nenti fa! (Poi Sasà si avvicina a Viciu, gli sorride e poi gli infila un dito nell’orecchio. Ritorna a sedersi. Reazioni a soggetto di Viciu). Lu vitti? Avi puru ‘stu fari. A cu vidi ci’nfila u itu ni l’oricchiu, oricchiu. Haju circatu di ‘mpediricciullu senza risultatu, anzi s’annerva, ha sbattutu la testa ni li mura. ‘Na vota m’aviva misu li mani a lu cuoddu. Mi stava affucannu, si nun era pi la parola magica, magica.

Viciu               - (preoccupato) Chi significa chissu? Chi è ‘sta parola magica?

Don Tanu        - Quannu mitti li mani a lu cuoddu si ci ava gridari “frascadenziu”.

Viciu               - Cuomu?

Don Tanu        - Frascadenziu, e iddu si blocca. Cuomu si nun avissu successu nenti, nenti. E ia pi evitari conseguenzi, lu lassu fari, nun lu contraddicu, contraddicu (Sasà si alza e va verso Angilina infilandole il dito. Resta ferma con la paura che le afferri il collo).

Angilina          - (al marito a bassa voce) Haju l’impressioni ca ia oj ci appizzari la ‘ntisa.

Don Tanu        - Perciò ci diciva, (pigliando per il braccio a Sasà e facendolo sedere) ca haju giratu li miegli duttura senza risultatu. Nuddu capiva nenti. Dopu ‘sti tentativi, mi cunsigliaru a lei, cusà ma figliu avi fatta qualchi fattura, fattura.(nel frattempo Sasà avrà preso una scatola di fiammiferi di legno, ed avrà disposto quattro fiammiferi tra le dita della mano di sinistra. Poi accendendone un quinto fiammifero avrà dato fuoco agli altri, disposti tra le dita, e subito dopo avrà cantato “tanti auguri” cantato per modo di dire, spegnendo i fiammiferi).

Don Tanu        - U vidi? Chissa è nantra cosa chi si ‘mparà ora. Continuannu di ‘stu passu unni amma ghiri a finiri. Sulu vossia, don Viciu, mi po salvari.

Viciu               - Caru don Tanu, Caresta, ca resta tra di natri, si è fattura ia ci la puozzu livari.

Don Tanu        - E cuomu si fa, pi vidiri si è fattura?

Viciu               - Ora pruvammu. (dispone come al solito la sedia al centro della scena, su cui fa sedere Sasà, poi fa segnale alla moglie di andare a pigliare il solito piatto). Perciò don Tanu Caresta, ca resta tra di nantri. Ia ora mittu ‘na uccia di uogliu ni lu piattu. Si la uccia s’allarga, voli diri ca è fattura, si è o cuntrariu ia nun ci puozzu fari nenti. (esegue come da copione, versando la goccia di olio. Indietreggiando Viciu e Angilina, tranne don Tanu, gridano:) FATTURA E’!

Angilina          - Fattura è! (s’avvicina a Sasà e questi le rovescia il piatto, bagnandola). E ci vuliva puru ‘sta lavata di facci.

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Viciu               - Fattura è! Nun pirdiummu tiempu. Accuminciammu cu la prima seduta, pirchì caru

don Tanu Caresta, ca resta tra di nantri, ci vuogliu ricurdari ca di seduti ci ni vuonnu diversi.

Don Tanu        - L’haju pruvatu tutti. Pruvammu puru chista, chista.

Viciu               - Forza Angilina! (Angilina e viciu eseguono tutto ciò cha hanno fatto con Rosina, e ripete la solita filastrocca).

                                   “ Aglia agliola masculu mola,

                                   ‘sta fattura sicuru ca vola.

                        Corna, bicorna, curnuti curnazzu,

                        ‘stu carusu nun fa cchiù lu pazzu.

                        Raspu u raspusu cu ‘sta grattalora,

                        niesci fattura e niesci di fora.

                        Cu st’erbi dunci e st’erbi amari,

                        ‘sta mala vintura ava passari.

                        (Altre incensate e finisci il rito). Don Tanu pi oj finiemmu. Mi lu purtassi dumani a la stess’ura.

Don Tanu        - Speriamu!

Viciu               - Quali speriamu. Ca cirtizzi aviemmu! E’ fattura e ia ci la lievu cuomu si fussi ‘na spina.

Don Tanu        - Quant’è lu disturbu? Disturbu?

Viciu               - Mai Maria! Nun lu fazzu pi sordi. Acciettu offerti, in natura o in sordi. Dda c’è ‘na cassetta, chiddu chi ci spera u cori. Pua ia ogni simana la rapu, e cu chiddu chi truovu puortu avanti la famiglia.

Don Tanu        - (Don Tanu pigliando per un braccio il figlio) Allura baciammu li mani. Amuninni Sasà (arrivato vicino l aporta, mette l’offerta nella cassetta. Viciu e Angilina di corsa vanno a guardare dentro dopo che gli ospiti sono usciti).

Viciu               - Deci sordi? E chi si passaru parola? Genti sucati.

SCENA DECIMA

Detti e Anninedda

Anninedda      - (irrompendo in scena) Papà, papà, lu littinu stannu purtannu. Vitti di lu purtieddu un carrettu, e du ca stavunu scaricannu un cartuni ranni. Che bellu, che bellu, arrivà lu littinu (saltellando e canticchiando). Che bellu….

Angilina          - Talia chi è felici, pari ‘na carusedda di deci anni.

Viciu               - Amuninni, nisciemmu e iammu a vidiri (escono Viciu e Angilina dalla comune).

Anninedda      - (guardando attraverso la porta aperta) Mih! Chi è ranni! Stasira mi curcu sula, che bellu (rientrando Viciu e Angilina portando di peso il pacco. lo sistemano al centro della scena).

Viciu               - ‘Na fuorbici, un cutieddu (Anninedda esce  per rientrare con in mano un coltello).

Anninedda      - Sa te, papà. Rapissi! Nun vidu l’ura di vidiri ‘stu littinu.

Angilina          - Ia puru sugnu anziusa.

Viciu               - Ma stativi fermi. Mi lu faciti rapiri? (Viciu apre per primo il pacchetto contenente l’orologio da taschino). Chissu ava esseri l’orologio da taschinu in regalu. (aprendo) Talè che bellu (lo mostra agli altri. Poi apre con cura il pacco grande, ma con enorme sconcerto, si accorge che dentro non trova posto un lettino, ma una bara. Reazioni a soggetto).

FINE PRIMO ATTO

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

ATTO SECONDO

(Stessa scena del primo atto. La bara è stata posta, nella parete frontale, ricoperta con una tovaglia. Appese alla parete aglio, corna etc….)

SCENA PRIMA

Angilina, Nunziatina e Viciu

Angilina          - (andando ad aprire la porta comune. E nunziatina che porta una grosso fagotto  -truscia -, tanto da non poter passare attraverso la porta). Viegnu, viegnu, Una di ‘sti voti anna allavancari ‘sta porta. Tutta curpa di ma maritu, cu ‘stu schifu di mistieri (apre la porta)

Nunziatina      - (entrando con la grossa truscia, travolgendo Angilina) Botta di sancu e di vilenu, ci vuliva tantu pi rapiri ‘sta porta? Buongiorno signura, vulissi parlari cu sso maritu.

Angilina          - Mi chi furia! Subitu lu chiamu (esce, e subito rientra col marito).

Viciu               - Chi c’è? Chi è ‘sta furia?

Nunziatina      - Taliassi ccà! E pua mi dici si haju ragiuni, o no ad aviri ‘sta furia. (apre la truscia e fa vedere a Viciu e Angilina alcuni indumenti tutti bruciacchiati. Man mano che li piglia li butta in faccia sia a Viciu che ad Angilina). Taliassi ccà! E anchi lei signura. Taliassi chi mi cuminà dda curtigliara di Cicca. Botta di sancu e di vilenu. Taliati, taliati m’abbruscià tutti li robi di ma maritu. Lu lassà cu lu culu di fori. Botta di sancu e di vilenu. Taliati. Giacca, pantaluna, cammisi, mutanni (li avrà nel frattempo usciti fuori dalla truscia). Nenti ci ristà a ma maritu. Botta di sancu e di vilenu. E chissu tuttu curpa di vossia.

Angilina          - Di ma maritu? E chi ci trasi ma maritu?

Nunziatina      - Ci trasi, ci trasi, botta di sancu e di vilenu.

Viciu               - Ma spiegatimi, cuomu ci trasu ia, botta di sancu e di velenu.

Nunziatina      - Ci trasi, ci trasi. Nun fu vossia ca ci detti la fattura a Cicca pi farla contru di mia? La cannila attaccata a lu vastuni. Nun fu vossia ca ci lu suggerì? E chidda accussì fici, botta di sancu e di vilenu. Avvicinà la cannila a lu barcuni e detti fuocu a tutti li robbi ca ia aviva stinnuti. Nun ni puozzu cchiù cu ‘sta curtigliara. Ogni iornu ca passa, mi fa pigliari abbili. Mi rinfaccia sempri ca idda avi ‘na carrittata di figli, e ia mancu unu. Mi dici sempri ca ia sugnu strippa, botta di  sancu e di vilenu. Ma si nun fussi pi chi fussi, ci lu dimostrassi ia si sugnu strippa o no! Idda ha pruvatu cu tanti, mentri ia haju statu sempri onesta. Unu sulu ha statu l’omu pi mia, unu sulu. Ora ci vinni ‘ntesta di farmi puru la fattura, e vossia ca ci ì appriessu, accuntintannula. Botta di sancu e di vilenu. Chi era cosa di fari chissa? Ca picca ci vuliva e m’abbrusciava la casa (avrà raccontato il fatto, intercalando ogni tanto un pianto).

Viciu               - Ma calmativi!

Nunziatina      - Ma chi mi calmu. Ora vossia ava riparari ‘stu dannu! ‘Stu dannu chi fici Cicca cu la so cumplicità. Se no cuntu tutti cosi a ma maritu. U canusci vossia a ma maritu? E’ ‘na sarda sicca, ma quannu, botta di sancu e di vilenu, s’annerva, nun vidi cchiù chiddu chi fa. Quindi, caru zi Viciu o mi fa ‘na fattura ca ci ava ciungari la lingua, quantu accussì nun parla cchiù! Botta di sancu e di vilenu. Forza zi Viciu!

Viciu               - (per togliersela di mezzo ed incoraggiato dalla moglie, si avvicina al tavolo di lavoro e ne inventa una. Piglia una bottiglietta contenente una polverina). Perciò, donna Nunziatina, chista è ‘na polverina potenti. Ora ti spiegu c’a fari. Vistu ca tu sta’ ‘ncapu di Cicca, prima ca idda s’arritira dintra, ci à mittiri davanti la so porta, tanticchia di ‘sta polverina, accussì idda passa e si l’assorbi tutta. ‘Stu travagliu l’à

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

fari fina a quannu finisci tutta ‘sta buttiglia. Mi raccumannu, picca a la vota. A principiu Cicca accumincia ad aviri chiuritu, in tutta la persona e pua ci acciunga la lingua. Mi raccumannu di fari cuomu ti dissi. Sta attenta, ca ci l’à mittiri prima ca trasi idda, nun vulissi ca ci ‘ngagliassiru l’antri.

Nunziatina      - (esultando) Grazij, don Viciu! Curru subitu (va per uscire).

Viciu               - E sti cosi? (riferendosi agli indumenti bruciati).

Nunziatina      - Ci li regalu. Botta di sancu e di vilenu (mette in tasca la bottiglietta e subito dopo bussano all aporta. E’ Cicca che grida come al solito). Cicca è, Cicca è. Ci rapissi subitu. La facissi trasiri, la facissi trasiri. Botta di sancu e di vilenu.

Viciu               - Ma chi si foddi? (Nunziatina  va ad aprire lei la porta).

SCENA SECONDA

Detti e Cicca

Nunziatina      - Trasi, trasi curtigliara, trasi ca ta ‘mpilari un discursu. (Cicca entra). Trasi, botta di sancu e di vilenu. Lu vidi chi mi cuminasti? (piglia la roba bruciacchiata e gliela butta in faccia) . Chissa ti l’à fari pagari, curtigliara e scuieta famigli. Cosa inutili si!

Cicca               - (gridando) A mia dici cosa inutili, a mia? Pirchì nun ti talij tu! Ca mancu si bona pi fari figli. Cosa inutili ….cosa inutili…tu ci si!

Nunziatina      - (toccata nella ferita) Buffa, o buffa, nun si tu ca canti, ma è lu margiu ca ti fa cantari, buffa, o buffa. (Cicca non potendo sopportare questa affermazione si butta contro Nunziatina. Si azzuffano. Si strappano le vesti, si tirano i capelli. Viciu ed Angilina si trovano coinvolti nella zuffa, ricevendo pugni e calci e poi vengono stramazzati a terra. Viciu si alza e preso un mortaretto lo fa esplodere. Al botto Cicca e Nunziatina si separano).

Viciu               - E cuomu fini! Ccà? Mancu dintra di mia sugnu patrunu? Signuri mia! Unu è buonu fina a quannu lu vuonnu l’antri.

Nunziatina      - (sconvolta, sedendosi sulla sedia) Cuomu mi sientu mali, lu cori mi fa mali, lu cori. (isterica) Mi sta scuppiannu lu cori. Staju muriennu. Ajutatimi ca staju muriennu. Mittitimi intra un tabutu ca staju muriennu. Un tabutu, un tabutu, mittitimi dintra un tabutu, ca staju muriennu.

Viciu               - (alla moglie) Angilì, aiutami! (vanno a pigliare la bara e l’avvicinano a Nunziatina, ancora coperta con la stoffa. Nunziatina incuriosita di quel grosso pacco, smette di lamentarsi). Nunziatì, ascunta, chista è n’occasione di nun lassalla perdiri. E’ un saldu di fini stagione, anzi un saldo di fini vita. Approfittane, ti la dugnu cu picca sordi. (Viciu e Angilina scoprono la bara. Nunziatina nel vedere la bara emette un grido).

Nunziatina      - Ah! Botta di sancu e di vilenu, botta di sancu e di vilenu. (si alza, scongiuri ed esce di corsa).

Cicca               - (che ha assistito alla scena in disparte) Zi Viciu e chi ci faciti cu ‘stu tabutu dintra?

Viciu               - Pi teniri luntana la morti! U vidisti ca fici effettu? A chi era morta Nunziatina a c’anniviscì. E’ scappà la morti, e idda videmma.

Angilina          - (sistemando la bara con l’aiuto del marito) Viciu, quann’è l’ura ca la finisci cu ‘sti cosi? Vidica nun ni puozzu cchiù. Nun haju cchiù paci ni ‘sta casa. Quannu la finisci è troppu tardi (esce da sinistra).

Cicca               - Zi Viciu, ci ‘a cunfidari ‘na cosa. Sugnu ‘ncinta!

Viciu               - Aurij e prosita a tia, e to maritu. Cincu e unu sei; prosita e prosituna. Aurij, aurij anchi a to maritu pi ‘sta gravidanza.

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Cicca               - (vicino l’uscita comune) Ma maritu? E chi ci trasi ma maritu! (esce).

Viciu               - (allibito) Ma! E cu ci capisci cosa. Ma!

SCENA TERZA

Detto e Angilina

Angilina          - (entrando dalla sinistra vede il marito che ripete diverse volte “Ma!”) Chi è cu ‘stu “Ma!” Chi ti niscì lu senziu?

Viciu               - Angilì, ascunta ccà. Un patri avi du figli, una schetta e l’antra maritata. Chidda schetta avi un figliu, chidda maritata mancu unu. Cuomu ti spieghi ‘stu fattu?

Angilina          - Ma!

Viciu               - U vidisti ca lu dici puru tu!

Angilina          - (dando una pacca sulle spalle al marito) Sempri tu si! Ascunta a mia, niesci e v’accatta tri unzi di ficatu, ca stasira ni lu faciemmu frittu cu li patati. E sbrigati! (esce).

SCENA QUARTA

Detto e Niria Stranu

Niria                - (bussando all porta) Zi Viciu, zi Viciu, rapissi! Ia sugnu Niria, Niria Stranu.

Viciu               - Niria Stranu, (bassa voce) ‘ntisu ciuciulena.

Niria                - (d.d.) Si Niria, Niria Stranu, ‘ntisu ciuciulena. Rapissi (Viciu apre).

Niria                - (entrando) Bongiorno zi Viciu, ci avissi a parlare a quattr’uocchi.

Viciu               - Parlassi liberamenti, ca nantri du siemmu ni la stanza.

Niria                - (questo personaggio ha la caratteristica che quando parla, all’inizio del discorso, sta lontano dall’interlocutore, poi quando deve concludere lo chiama a se con aria misteriosa) Chi vinni ma muglieri ccà?

Viciu               - Si! Pocu fa.

Niria                - E chi vinni a fici?

Viciu               - Pirchì vinni… Ah vinni pi lu purriettu!

Niria                - Quali purriettu?

Viciu               - Lu purrieuttu....lu purrriettu, chiddu c’affaccia ni li mani, ni li vrazza…..

Niria                - E pirchì, chi ci spuntà lu purriettu a idda?

Viciu               - No a idda…… ma ….a una vicina di casa. Vinni ni mia e m’addumannà cuomu si fa pi fari passari un purriettu.

Niria                - (allondanandosi e poi chiamando Viciu) Zi Viciu, ia mi staju cunfidannu cu vossia, cuomu si fussi ma patri. Haju un chiuovu ‘ntesta….

Viciu               - Unu sulu?

Niria                - Chi sintiti diri?

Viciu               - Nenti accussì, pi dari forza a lu discursu.

Niria                - Haju un chiuovu ‘ntesta ca mi sta macinannu la midunna. Zi Viciu haju l’impressioni ca ma muglieri mi fa li corna. Vossia ava sapiri ca ia sugnu sempri nisciutu, pi travagliu. Staju fori misi sani. Purtroppo pi mantiniri la famiglia, e fari ‘sti sacrifici, iri girannu paisa cuomu carni vinnuta. Ora haju ‘st’antru problema, ca ma muglieri, mi da l’impressioni ca mi tradisci. Ma si è veru ‘na cosa di chissa, vidissi (mostra un rigonfiamento nella tasca dei pantaloni), vidissi ccà, è ‘na cosa ca fa purretta, ma chi purretta.

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Viciu                           - Ma vidica to muglieri è ‘na carusa onesta, e pua ‘sta mistura, ia nun l’haju pronti, l’avissi a priparari.

Niria                - E a nantri chi ni costa, si faciemmu ‘sta prova? Si è onesta di chi n’amma preoccupari? La priparassi ‘sta mistura ca cchiù tardu passu. Zi Viciu la priparassi se no…….li purretta! (toccando sempre il rigonfiamento. Esce dalla comune).

Viciu               - (avvicinandosi al tavolo di lavoro e preparando la mistura) Mu, ca ci la priparu subitu. Ma chi mistura ci priparu? Mistura pi parlari, ora ammiscu ‘sti cosi e accussi la fazzu dormiri a Cicca.

SCENA QUINTA

Detta, Anninedda e Angilina

Anninedda      - Papà, ci ì a accattari lu ficatu?

Viciu               - (continuando a preparare la mistura) Forsi nun ci n’e di bisuognu, si ‘sta ‘ngrussannu chiddu mia, ca putiemmu mangiari pi ‘na simana.

Angilina                      - Ancora  ccà si? Su ficatu l’accatti si o no?

Viciu               - Quantu finisciu di priparari ‘sta mistura, e pua ci vaju.

Angilina          - E nantri cu li misturi amma ghiri avanti.

Viciu               - (nervoso) Si! Si cu li misturi, cu li misturi. Nun ti lu scurdari, a muglieri, ca ‘sti cosi ti hannu datu a mangiari.

Anninedda      - E buonu mamà, u papà avi ragiuni. Papà stassi calmu, e issi a accattari ‘stu ficatu. Mamà, buonu amuninni dda banna (escono da sinistra).

Viciu               - (finendo di preparare la mistura) Talia dda, curnutu e vastuniatu.

SCENA SESTA

Detto e poi Cecè Colonna

Cecè                - (d.d.) Zi Viciu, ia sugnu, Cecè Culonna, (continuando a bussare).

Viciu               - Cecè Culonna, aspetta ca ti rapu.

Cecè                - (entrando con una gazzosa in mano) Baciammu li mani, zi Viciu. Tinissi ccà (consegnado la gazzosa) Si la vivissi cu tutta la famiglia a la ma saluti.

Viciu               - E chi m’anna facciari li giuranni, ni lu stomacu, cu tutta ‘sta gazzusa. Ti spilasti tuttu.

Cecè                - Chi voli, chissa sula mi truvavu e la purtau a vossia. Perciò, zi Viciu, haju bisuognu di vossia.

Viciu               - Forza Cecè, sugnu ccà, tuttu pi tia. Ma sbrigati ca haju chi fari.

Cecè                - Subitu abbuccu, zi Viciu! Perciò vossia ava sapiri ca ia avi cchiossà di quattr’anni ca sugnu maritatu, e ancora nun haju avutu figli. Vossia lu sapi cu ccu sugnu maritatu. A canusci vossia a ma muglieri? Nunziatina Tirraglia.

Viciu               - Si, ca la canusciu, e cuomu.

Cecè                - Perciò, caru zi Viciu, ma muglieri nun mi voli dari l’eredi. Ia staju ‘ncuminciannu a ‘nfuddiri. Nun dourmu cchiù la notti. Pua ma muglieri è divintata nirvusa, ca nun si ci po parlari.

Viciu               - U sacciu, u sacciu.

Cecè                - Chi sapi?

Viciu               - No, dicu ca u sacciu, pua, cuomu vannu a finiri ‘sti cosi.

Cecè                - S’azzuffa sempri cu la vicina di casa, chidda ca sta iusu di nantri, Cicca sampriglia. Nun po suppurtari, ma muglieri, ca Cicca avi cincu figli e idda mancu unu. Su sempri

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

aggaddati. Ora ia, vinni ni vossia pi fari ristari ‘ncinta a ma muglieri. Tutti l’haju tintati, ora tintammu cu vossia.

Viciu               - Cecè, cu mia, a ia viecchiu sugnu. Cu mia nun ci nesci nenti. (fa segnale con le dita).

Cecè                - Ma chi capì vossia? Dicu tientu cu vossia, ca mi pripara ‘na mistura pi fari ristari ‘ncinta a ma muglieri. Ma muglieri e ia! Zi Viciu, vuogliu un bellu masculiddu, cu du uocchi celesti e capiddi niuri. Lu vuogliu latinu!

Viciu               - Perciò, lu vua cu l’uocchi azzurri…..

Cecè                - No, celesti…..

Viciu               - Capiddi niuri……

Cecè                - Si!

Viciu               - Aspetta ca vaju dda banna.

Cecè                - A fari chi?

Viciu               - Mi n’ha arrivà unu stamatina, è friscu, friscu.

Cecè                - Chi cosa?

Viciu               - Un picciliddu! L’haju dda banna prontu.

Cecè                - Ma la finissi di schirzari.

Viciu               - Ma scusari, si tu mi du l’impressioni, cuomu si vinissitu ni la putia e……

Cecè                - Dai zi Viciu, parlammu seriamenti. Mi priparassi ‘sta mistura.

Viciu               - E chi è, vinu ca s’abbucca? “Fimmina grassa, muglieri strippa, fimmina sicca muglieri figliarola”. Dunami tanticchia di tiempu ca la priparu, ‘sta mistura. Passa cchiù tardu, e ti la vieni a pigli.

Cecè                - Grazij zi Viciu! Cu l’emozioni la ucca mi siccà.

Viciu               - Vistu ca è abbunnata la gazzusa, vua tanticchia?

Cecè                - Sempri schirzusi è. Vidissica ca ci lu ricuordu, lu vuogliu masculiddu.

Vicu                - Acqua e acitu.

Cecè                - Chi ci trasi acqua e acitu?

Viciu               - Si tu lu vua masculiddu, prima di curcariti cu to muglieri t’à fari lu bagnu cu acqua e acitu. Ora vatinni ca haju chi fari. Chiù tardi passa e ti vieni a pigli la mistura.

Cecè                - Baciammu li mani, zi Viciu (va per uscire).

Viciu               - Mi raccumannu acqua e acitu (Cecè esce). E priparammuci ‘sta mistura. (s’avvicina al tavolo). Ninchi, ninchi angilu! Vuogliu un figliu. E chi figliu? Un masculu cu du oucchi tanti. Ora pigliu la crita e ci lu stampu (prepara un miscuglio). Te! Cu ‘sta mistura fazzu strammari la muglieri, e cu si vitti si vitti.

SCENA SETTIMA

Detto, Angilina e Anninedda

Angilina          - (con la padella tra le mani e la figlia che sbuccia le patate) Viciu, ancora ccà sì? Vidica si nun ti sbrighi ‘sta patedda ti la sbattu ‘ntesta. E accussì, ‘nveci di mangiari ficatu, manciammu ciarvieddu. Nun lu vidi c’aviemmu tutti cosi pronti? Patedda e patati munnati. Quann’è l’ura ca t’arrimini?

Viciu               - Ci staju iennu. Curru subitu. Ascunta, avissuru a viniri Niria Stranu, lu maritu di Cicca sampriglia, ‘ntisu ciuciulena, e Cecè Culonna, u gazzusaru, lu maritu di Nunziatina Tirraglia. ‘Sta buttiglietta senza carta la dù a Niria, mentri chista cu la carta la dù a Cecè (mostra le bottigliette).

Angilina          - (irritata) La vua finiri cu ‘sti cosi vacanti, va pigliami ‘stu ficatu.

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Viciu               - Si, sempri la stissa. ‘Sti cosi vacanti, a tia ti inchinu lo stomaco. Nun ni puozzu cchiù di tia.

Angilina          - Tu nun ni po cchiù? E ia c’avassi a diri, ah!

Viciu               - (avvicinandosi alla porta d’uscita)

                        “ Li fimmini di vinti e trenta, ne tira ne lenta,

di trenta in su, nun siervinu cchiù”.

Angilina          - (alterata da questa affermazione) Ia nun siervu cchiù? (piglia la padella, contenente le patate affettate e gliela tira contro) Piezzu di fitusu, chi t’acciungassiru li mani. (Viciu esce). Anninè, aiutami a cogliri ‘sti patati, ne ca li putiummu ittari? Lavati buoni a lu stessu sunnu. Disgraziatu.

SCENA OTTAVA

Detti e Niria

Niria                - (entrando con la porta aperta) Bongiorno, signura Angilina, vinni a ritirari ‘na cosa ca so maritu mi priparà. Chi sta faciennu?

Angilina          - Cuogliu patati! Li siminavu e ora li staju cugliennu. (si alza da terra, e va a pigliare la bottiglietta. Non ricorda quale doveva consegnare a Niria). Mi pari ca chista ccà è, chidda cu la carta (consegna la bottiglietta sbagliata a Niria).

Niria                - Grazie, signura Angilina. Quant’è lu disturbu?

Angilina          - Pua si la vidi cu ma maritu.

Niria                - Allura, bongiorno (esce dalla comune).

Angilina          - (terminando di raccogliere le patate) Amunì, Anninè, amuninni dda banna. Certu ca ni ‘stu munnu ci n’è genti babba, ca si unu ci dicissi ca lu sceccu vola, ci cridissi.

SCENA NONA

Dette e Cecè

Angilina          - (sentendo bussare) Cu è?

Cecè                - (d.d.)Ia sugnu, Cecè Culunna.

Angilina          - U gazzusaru?

Cecè                - (d.d.) Si, iddu, u gazzusaru.

Angilina          - Viegnu (apre la porta).

Cecè                - (entrando) Bongiorno, signura Angilina e anchi a lei signurina, ca ci sunnu ‘na cartata di gazzusi. Unni è vostru maritu? M’avissi a dari……

Angilina          - Si, aspetta! (va verso il tavolo e piglia la bottiglietta, rimasta, e la consegna a Cecè). Tinissi ccà, chissa è pi lei.

Cecè                - Grazij, grazij di tuttu. Mi ringraziassi a so maritu quannu torna. Baciammu li mani (esce dalla comune).

Angilina          - ‘Sta casa è peggiu di ‘na farmacia, cu trasi e cu nesci, chu li rizzetti e li midicini.

Anninedda      - Mamà, chi fa li vaju a lavu ‘sti patati?

Angilina          - Si, va lavali (Anninedda esce, mentre Angilina guarda se sono rimaste altre patate per terra).

SCENA DECIMA

Detta, don Tanu e Sasà

Angilina          - (bussano all aporta) Vidiemmu cu è ‘sta vota. Cu è?

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Don Tanu        - (d.d.) Don Tanu Caresta, sugnu, cu ma figliu Sasà.

Angilina          - Don Tanu Caresta cu lu figliu. Bedda matri e cu ci cummatti ora? Attuppammi l’oricchi e coraggiu (fa il gesto relativo e va ad aprire).

Don Tanu        - (entrando, tenendo per mano il figlio) Bongiorno, signora Tuffo. Purtau a ma figliu pi la terapia. Chiffà nun c’è so maritu? Maritu?

Angilina          - S’alluntanà, e pienzu ca da un momentu all’antru avissi a essiri ccà.

Don Tanu        - Ascuntassi ccà, siccuomu ia haju chi fari, ci lassu a ma figliu pi la tirapia. Cchiù tardu passu e mi lu viegnu a pigliu. Pigliu.

Angilina          - (che non vuole rimanere sola con Sasà) Ma, aspittassi du minuti. Facissi cuntu ca è ccà, ma maritu.

Don Tanu        - Nenti ci fa, signura Tuffo. Haju primura. Ci lu lassu ccà (va per uscire e viene fermato da Angilina).

Angilina          - Ma mi dicissi ‘na cosa, qual è dda parola magica …pi…. (fa segnale mettendosi le mani al collo).

Don Tanu        - Frascadenziu. Quannu vidi ca ….ci dici: frascadenziu…e iddu…La salutu signura, a cchiù tardi (esce dalla comune).

Angilina          - Bedda matri cu ci cummatti cu chistu (piglia una sedia). Assittati (fa sedere Sasà al centro della scena, mentre lei sta in disparte. A questo punto Sasà si alza ed incomincia a mostrare la sua malattia. Poi si avvicina e le infila il dito nell’orecchio. Angilina sta ferma senza reagire poi notando che Sasà non si allontana, spaventata incomincia a ripetere dapprima a bassa voce, ma poi urlando, la parola magica). Frascadenziu, frascadenziu, attia dicu, (gridando) FRASCADENZIU (Sasà ritorna a sedersi). Staju trimannu tutta. Ma cu mi lu fici fari. Tutta curpa di ma maritu (bussano, va ad aprire).

SCENA UNDICESIMA

Detti, Filumena e Rosina

Filumena         - (accompagnando per mano Rosina con gli occhi bendati) Bongiorno signura, chi fa nun c’è so maritu?

Angilina          - E’ nisciutu, ma a momenti sarà ccà. S’accomodassi. (insiste per non restare sola). S’assittassi ca ora veni ma maritu. Pirchì ci attuppà l’uocchi a la carusa?

Filumena         - (togliendo la benda) Nun l’haju pututu teniri ferma, ha fattu cuomu ‘na foddi. Sprimintavu chissa, e accussì….staju cchiù tranquilla. Ascuntassi, siccuomu haju n’appuntamento e nun lu puozzu rimannari, ci lassu ccà a ma figlia pi la tirapia, pua passu pi piglialla.

Angilina          - Aspittassi ca ora veni ma maritu.

Filumena         - Nenti ci fa, signura, haju primura. Arrivederci (esce).

Angilina          - (rimasta sola con Sasà e Rosina, piglia una sedia e fa sedere Rosina poco distante da dove e seduto Sasà. Lei piglia posto, come al solito vicino al tavolo, posto tra i due. A questo punto si alza Rosina e va verso Angilina).

Rosina             - Molto lieta (inchino). Sono Rosina, figlia di Nino Lanza e di Filumena Casciotta, la qui assente, che è mamma mia, a servirla (inchino, e morso all’orecchio. Rosina va a sedersi).

Angilina          - (ricevuto il morso, smorza il dolore. Non sa cosa fare. Sasà sta per alzarsi è subito grida la parola “frascadenziu”. Sasà si siede). Ddu ma maritu, sempri iddu è, unni arriva ‘mpingi. Quannu haju avutu bisuognu d’iddu nun mi l’haju mai truvatu (la situazione non si sblocca. Angilina tiene a bada i due, come se fossero due cuccioli).

                       

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

“Oh Santi di lu Paradisu, livattimi di ‘stu pisu.

E si tutti nun ci bastati, chiamu puru li beati.

E si l’uni e l’antri nun su capaci,

mi nni vaju di ccà, ca nun mi dispiaci”. Spidugliativilla uantri du! (esce dalla sinistra, lasciando soli i due malati).

Rosina             - (spogliandosi del personaggio che sino adesso aveva interpretato il ruolo, e rivolgendosi a Sasà con atto di commiserazione) Tu! Chistu veru babbu è! Ia faciva finta di essiri babba, ma chistu è cchiù sfurtunatu di mia. Ia sina ora haju recitatu, e continuu a recitare pi forza di cosi. Cu tia mi puozzu cunfidari, tantu è cuomu si parlassi cu mia stessa. La curpa di tutta ‘sta facenda è di ma matri. Idda è responsabili di ‘stu comportamento. Mi voli dari cuomu zitu, lu figliu di lu farmacista, ca tuttu avi tranni li sembianzi di omu. A mia nun mi piaci. Mi lu voli dari pi forza, e ia haju studiatu tuttu chistu, fingirmi di essiri esaurita, pi impediri ‘sta volontà di ma matri. Idda nun po cumannari lu ma cori. Idda nun po furzari li ma sentimenti. Ia haju sempri disidiratu un carusu, bieddu, antu, cu du occhi ca parlanu. Vidi, cuomu a tia. Taliannuti giustu, tu fussitu lu zitu giustu, tu fussitu lu zitu giustu pi mia, peccatu ca si babbu. Lu Signuri ti vonzi castigari, ti vonzi dari ‘sta cunnanna. Però pienzu ca tu, sicuramenti à esseri filici, cchiù filici di mia. (si alza e va ad accarezzare Sasà, il quale, preso anche lui da una forza misteriosa, si spoglia dal personaggio, che sino ad ora aveva interpretato, ed afferrando la mano di Rosina, si confida anche lui. Rosina in un primo momento ha paura che Sasà venga assalito dal solito raptus, di cui soffre, ma poi accortasi della sincerità del personaggio si tranquilizza).

Sasà                - Chi paroli dunci chi pronunciasti, paroli ca avi chiossà di quattru misi ca nun sientu. Puru ia sugnu vittima di la testardaggini di ma patri. Anchi iddu mi voli costringiri a maritarimi contru la mia volontà. Mi voli dari pi zita la figlia di lu nutaru, ca ci mancanu tutti cosi pi essiri fimmina. Nun ci fa nenti, dici ma patri, tantu li sordi cummoglianu tutti li ‘mbruogli (tenendole sempre la mano. Sasà seduto e Rosina all’impiedi). E pi evitari ca lu riestu di la ma vita, divintava ‘na tragedia, preferivu fingirimi malatu, e chiuirimi ni ‘stu statu, ca cu lu passari di lu tiempu stava accuminciannu a piacirimi. La vita è ‘na continua recita. Cu si fingi foddi, pi diri la verità ni la facci; cu si fingi ourvu, pi nun taliari li amarizzi di la vita; cu si fingi surdu pi nun ascuntari li disgrazij di l’omu, e cu si figni babbu p’assapurari li cosi belli e brutti chi ti riserva la vita (sorpreso). Tu, talia cuomu mi staju rapiennu cu tia. Pari ca avi cent’anni ca ni canusciemmu. Voli diri ca ni mia scattà la molla, molla ca ognunu di nantri la carica ogni iuornu chi passa di la vita, tra amarizzi e cuntintizzi, molla ca pua scatta, quannu si ‘ncontra ‘na fimmina ca ha desideratu lu to cori. (a questo punto Sasà si sarà alzato ed avvicinato ancora di più a Rosina. Subito dopo appare dalla comune, senza che i due se ne accorgono, Viciu, che incredulo e meravigliato, assiste all’ultima parte del dialogo. Viciu ha capito tutto; sorride in quanto ha risolto il problema dei due malati. Ritorna indietro, per poi rispuntare facendo rumore.)

SCENA DODICESIMA

Detti e Viciu

Rosina             - Sono Rosina, (inchino) molto lieta, sono figlia di ………

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Viciu                           - (interrompendo) Ia sugnu Viciu, Viciu Tuffu u maaru, sugnu figliu di ma patri e di ma matri, puvurieddi ca nun ci sunnu, e si nun finiti cu ‘sta cummedia, finisci a schifiu. Tutti cosi vitti e capivu. Finiemmula cu ‘sta babbiata (i due vedendosi scoperti, non sanno come reagire. Piglia la parola Rosina).

Rosina             - Zi Viciu, m’ava scusari, ia sugnu custretta a fingirimi babba, pirchì ma matri mi voli dari, pi zitu, lu figliu di lu farmacista. Ma ia nun lu vuogliu. Ma matri nun po cumannari lu ma cori. E allura pi evitari ‘stu matrimoniu, mi fingivu babba.

Sasà                - (supplicando) Zi Viciu, puru ia sugnu ni li stessi cundizioni. Ma patri mi voli dari la figlia di lu nutaru….

Viciu               - E chi avi figli fimmini lu nutaru?

Sasà                - Una sula n’avi.

Viciu               - Ma dicu, chissa figlia chi avi, fimmina è?

Sasà                - Lu vidi ca anchi vossia la penza cuomu a mia. Ia ora a chissa nun la vuogliu, e pi evitari di maritarimilla mi fingivu babbu.

Viciu               - E cu si lu putiva suspittari. To matri e to patri ‘na matassa di chissa, nun s’avissiru fiduti a sbrugliarla. Certu ca pi studiari ‘na cosa di chissa, ci voli spirtizza e fantasia.

Sasà                - Zi Viciu, pi favuri n’aiutassi.

Rosina             - Zi Viciu, vossia sulu ni po sarvari ( i due si stringono tra di loro, tenendosi per mano. Viciu s’accorge che fra i due è nato un sentimento d’amore; prima serio e poi sorridendo).

Viciu               - Carusi! Ia v’accuntiendu, però ata fari tuttu chiddu chi dicu ia. Lassati fari a mia, ca vi fazzu vidiri cu è Viciu Tuffu, u maaru. Mi raccumannu, cuntinuati a recitari, fina a quannu vi lu dicu ia, e ia vi risuolvu lu problema (i due sorridono, sono felici. Irrompe subito Angilina dalla sinistra. Sasà e Rosina per evitare di essere scoperti, si allontanano tra di loro per ripigliare le parti che sino adesso avevano recitato. Ma tra la contentezza e la preoccupazione, si scambiano le parti).

SCENA TREDICESIMA

Detti e Angilina

Sasà                - (va incontro ad Angilina) Sono Rosina, (inchino) sono figlia di Nino Lanza e di Filumena Casciotta, a servirla (nel frattempo Rosina avrà girato la scena).

Angilina          - Mi vuogliu fari la cruci cu la manu manca, e chi si scangiaru li parti? (a Viciu che è rimasto sorpreso di questo sviluppo). Viciu, chi è ‘sta maaria? Haju l’impressioni ca ccà gatta ci cova, nun mi la cuntati giusta.

Viciu               - Vatinni, ascunta a mia vatinni dda banna ca pua ti lu spiegu.

Angilina          - U purtasti lu ficatu?

Viciu               - (mettendo la mano in tasca) Te! Va frijlu e vatinni (spinge la moglie fuori dalla scena). Carusi! E nun vi raccumannu antru. Stammu attenti la prossima vota (i due sono dispiaciuti).

SCENA QUATTORDICESIMA

Detti e don Tanu

Don Tanu        - (d.d.) Zi Viciu, zi Viciu! (Viciu va ad aprire, Sasà e Rosina ripigliano il ruolo di prima). Zi Viciu ma va scusari, ma avia n’appuntamento, ca nun putiva lassari perdiri. Cuomu finì, ci la fici la tirapia? La tirapia?

Viciu               - Si! A regola d’arte.

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Don Tanu        - Ih, miglioramenti ci ‘nn’è?

Viciu               - Passi da giganti, siemmu quasi a la fini (fa l’occhialino ai due).

Don Tanu        - Speriamu! Ora mi nni vaju, ca haju antru chi fari. Quannu ni vidiemmu? Vidiemmu?

Viciu               - Dumani, a lu solito orariu!

Don Tanu        - (piglia per un braccio Sasà, che nel frattempo avrà ricevuto una strizzata d’occhio da Viciu, ed escono. Prima di uscire infila l’offerta nella cassettina e saluta) Arrivederci a dumani (esce).

Viciu               - E chissa è fatta! Aspittammu ora to matri (va verso Rosina che era stata nascosta dietro il separè da Viciu) Rosì, spirammu ca to matri nun ti scorda ccà!

SCENA QUINDICESIMA

Detti e Filumena

Filumena         - (bussando) Zi Viciu, ia sugnu la signura Filumena (Viciu va ad aprire) Bongiorno, vinni a pigliari a ma figlia. Mi dicissi zi Viciu, n’aviemmu miglioramenti?

Viciu               - Sbalorditivo! (strizza l’occhio a Rosina) Cu la scienza, nuddu ci po’, cu la scienza di la maaria, nuddu ci po’. Tuttu procidi a miraviglia

Filumena         - Haju ‘na cuntintizza, spirammu ca li cosi si conzanu.

Viciu               - Si conzanu, si conzanu.

Filumena         - Baciammu li mani zi Viciu (afferra per un braccio Rosina). Ni vidiemmu dumani a lu solitu orariu (escono).

Viciu               - E chissa è fatta puru. Meglia d’accussì nun putiva finiri. Ci sarà di ridiri!

SCENA SEDICESIMA

Detto, Cicca, Angilina e Anninedda

Cicca               - (d.d.) Zi Viciu, rapissi, ia sugnu Cicca..

Viciu               - (aprendo) Sempri sbarattusa si! Chi c’è?

Cicca               - Zi Viciu, si voli vinniri dda cosa? (indica la bara).

Viciu               - Si!Pirchì cu la voli?

Cicca               - Murì a zi Lidda a sanguittara, parlau cu li figli, e ci dissi ca c’era n’occasione di un……(indica la bara) e fussiru intenzionati ad accattarisillu.

Viciu               - Bona è ‘a pinzata! (chiama la moglie e la figlia) Angilina, Anninedda, viniti ccà!

Angilina          - Chi su si vuci?

Anninedda      - Chi voli papà?

Viciu               - Aiutatimi a pigliari lu “littinu” ca truvammu cu si l’accatta.

Angilina          - E cu si l’accatta? Cu muri?

Viciu               - A zi Lidda a sanguittara, forza ajutatimi. (avvicinandosi alla bara). Ajutami puru tu, Cicca.

Cicca               - Cu ia? Mai Maria.

Viciu               - Ascunta Cicca, miegliu tuccarla di viva ca di morta. Coraggiu. (Tutti e quattru pigliano la bara, e caricandosela sulle spalle, escono dalla scena).

FINE SECONDO ATTO

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

ATTO TERZO

( Stessa scena. La bara ha ripreso il suo posto)

SCENA PRIMA

Viciu e Cecè

Viciu               - (andando ad aprire) Viegnu, viegnu (apre è Cecè Culonna). Tu si Cecè? Chi è cu ‘sta facci ‘ntribula? Chi successi cosa, cu to muglieri?

Cecè                - Zi Viciu, avi cchiossà di ‘na simana, ca fazzu bagni cu l’acitu. Haju spardatu ‘na vutti di acitu, ca staju divintannu ‘nzalata. Quannu passu pi li strati la genti si giranu tutti pi la puzza d’acitu chi fazzu. Pua dda mistura chi priparà pi ma muglieri, inveci di stari sveglia, l’ha fattu dormiri, nuttati sani. Ma chi durmuti! (ogni tanto si gratta su tutto il corpo) Cu ‘stu andazzu, mancu cu lu binoculu lu vidu un figliu.

Viciu               - Stranu, eppuru priparavu la mistura, cu minuzia (a se stesso). Vua vidiri ca ma muglieri, cangià mistura? Chidda c’avia dari a Niria la detti a Cecè, e viceversa (bussano alla porta).

SCENA SECONDA

Detti, Nunziatina e Angilina

Viciu               - Traficu! (andando ad aprire). Trasi, Nunziatina, trasi ca c’è to maritu.

Nunziatina      - (entrando) Iddu ccà? (al marito) Chi ci vinisti a fari?

Cecè                - Nenti! Mi ordinà quattru gazzusi e ci li vinni a purtari (si gratta).

Nunziatina      - (non accorgendosi che il marito si gratta) Zi Viciu, dda polverina, chi mi detti pi li caddi, (schiaccia l’occhio), si ricorda? Nun ha fattu effettu. Sempri a li stessi su li caddi, (allusiva). Ciunganu sempri! Mancu ddu chiuritu….. nenti. Vossia m’aviva assicuratu ca la prima cosa era lu chiuritu e pua ……nenti tuttu tranquillu. (s’accorge adesso che il marito si gratta) E tu chi ha ca ti gratti tuttu? ( poi riflettendo). Attia, quantu avi chi ti raspi? Quantu avi ca ha ‘stu chiuritu?

Cecè                - ‘Na simana, iornu cchiù, iornu menu!

Nunziatina      - Cecè, vidica tu a mia nun mi la cunti bona (incominciando ad alterarsi e gridando). Tu nun mi la cunti giusta! Tu ha statu ni Cicca! Tu ha ghiutu a truvari a Cicca!

Cecè                - (vedendosi scoperto, almeno, e grattandosi) Ma chi dici. Cu ti la cuntà ‘sta fissaria.

Nunziatina      - Cu mi la cunta? Mi la cunta lu chiuritu. Lu chiuritu chi ha d’incuoddu (gridando). Rifardu e minzugnaru. Tu ha statu cu Cicca. Tu ha ghiutu dintra di Cicca.

Cecè                - La vua finiri, si o no? Cu ti la ‘ncuccchià ‘sta storia?

Nunziatina      - Cu mi la ‘ncucchià? Vidica ia mi fici fari ‘na fattura di lu zi Viciu, ci lu dicissi, zi Viciu, ci lu dicissi (Viciu annuuisce). U vidi? Mi fici fari ‘na fattura pi fari acciungari a Cicca. U zi Viciu mi detti ‘na polverina, e mi dissi di mittila davanti la porta di Cicca. L’effettu di ‘sta polverina era, ca prima faciva viniri lu chiuritu, e pua acciungava. E accussì fici, cuomu mi spiegà u zi Viciu, misi ‘sta polverina davanti la porta di Cicca, accussì quannu trasiva, si assurbiva tutta la polverina. Ci lu dicissi, zi Viciu, ci lu dicissi, ca è accussì ( Viciu annuisce).

Cecè                - Si veru è! Ci trasivu, ma nun cuomu pienzi tu! Ci trasivu pirchì ci addumannavu cuomu si fannu ad aviri li figli, vistu ca tu non si bona pi farni unu. Eccu pirchissu ci ivu!

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Nunziatina      - Tradituri, rovina famigli. Sdisanuratu ti isti a mittiri cu dda curtigliara. Staju muriennu. E sparti duna la curpa a mia, ca nun puozzu aviri figli. A mia! Sdisanuratu

e fedifrago. Ti facissi a vidiri ia pi cu è ca manca. Assassinu. Basta nun ti vuogliu vidiri cchiù. Cuomu mi sientu mali, datimi ‘na seggia (avrà proninciato queste ultime frasi con rabbia.Viciu porge una sedia).

Angilina          - (entrando) Chi su si vuci? (Viciu fa segnale di tacere).

Nunziatina      - Staju muriennu, lu cori mi fa mali. Mittitimi dintra un tabutu (subito si blocca e lo sguardo va verso la bara. Cambia espressione, guarda Viciu, si ricompone e piglia per un orecchio il marito trascinandoselo fuori). Amuninni, amuninni dintra ca ora ni faciemmu li cunti (escono. Nunziatina fa scongiuri verso la bara).

Angilina          -‘Stu littinu ni fa miraculi. Trasì cca dintra e nun c’è cchiù viersu di nesciri.

Viciu               - Quannu l’avia quasi vinnutu, a li figli di la zi Lidda a sanguittara, nun potti essiri. Dda zi Lidda era accussì lonca, ca nun ci iva dintra. Ia ci dissi a li figli, vistu lu priezzu chi ci faciva, ca ci la mittivanu cu li unocchia piegati. Nenti! Nun potti essiri. Nun ci fu volontà. Nenti nun potti essiri (Angilina esce dalla sinistra).

SCENA TERZA

Detto e Anninedda

Anninedda      - (entrando) Papà, papà sa talia chi truvavu appinnuti a lu purtieddu, a tramuntana, tri vavaluci attaccati cu lu lazzu (mostra le tre lumache). Sopidda cu ci li misi?

Viciu               - (meravigliato) Lu sacciu ia cu ci li misi. Lu sacciu ia. Fu to frati Pitrinu.

Anninedda      - E pirchì l’appinnì a lu purtieddu?

Viciu               - Nenti, pi passatiempu (entra dalla comune Pitrinu).

SCENA QUARTA

Detti e Pitrinu

Viciu               - Cà si tu? Veni ccà ca ta parlari! (Anninedda, senza guardare il fratello, esce).

Pitrinu             - Sugnu ccà! A sua completa disposizioni (piglia una sedia e si siede).

Viciu               - Scummoglia lu vrazzu.!

Pitrinu             - Chi? Lu vrazzu? E pirchì?

Viciu               - Ti dissi scummoglia lu vrazzu, e nun mi contaddiri.

Pitrinu             - (scoprendosi il braccio) Tinissi ccà!

Viciu               - (pigliando il braccio di Pitrinu, tra le mani, e guardandolo) Ccà nun c’è nenti! Fammi vidiri l’antru.

Pitrinu             - (alzandosio e mancando di rispetto al padre) Ma si po sapiri chi va circannu? Ca nun c’è nenti; Chi cosa? Chi cerca?

Viciu               - Pitrinu, si vua ca nun ti rumpu li corna, ti dissi, scummoglia s’antru vrazzu!

Pitrinu             - (scoprendosi l’altro braccio) Tinissi! Taliassi! Si voli mi spuogliu tuttu. Mi spuogliu nudu.

Viciu               - Nun haju di bisuognu, ca ti spuogli nudu. Ia canusciu ogni centimitru di la to peddi. figliu mia, si. Quantu voti t’haju vistu nudu, quanti voti t’haju lavatu (nel frattempo guarda il braccio e s’accorge di lu purriettu). Pitrinu, Pitrinuzzu, vidica ia ti l’haju dittu cu li buoni, nun mi costringiri a essiri tintu. Chi ti dissi l’antra vota? Ti dissi ca ‘sta storia ava finiri. Ti dissi ca era ura ca ci mittivatu fini. E a quantu pari, li cosi su sempri cuomu prima.

Pitrinu             - Ma di chi parla? Chi vitti ni lu vrazzu?

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Viciu                           - Te! Chistu vitti! (gli butta in faccia le tre lumache). Chissu vitti! “Cu ama fimmina maritata, la so vita è ‘mpristata”.

Pitrinu             - Papà, vossia mi criscì, mi detti n’educazioni, ora spetta a mia spidugliarimilla, spetta a mia scegliri li cosi e distinguiri quali sunnu chiddi buoni e chiddi tinti. E ora mi lassassi iri.Viegnu dintra pi tanticchia di tranquillità, inveci…..miegliu ca mi nni vaju fori (esce dalla comune).

Viciu               - (rattristato dalla risposta del figlio) “Spetta a mia scegliri li cosi, e distinguiri quali sunnu chiddi buoni e chiddi tinti”. Ma! (bussano alla porta, Viciu va ad aprire).

SCENA QUINTA

Detto, Cecè e Nunziatina

Cecè                - (entrando con in mano una cassa di gazzose, seguito dalla moglie con una pancia finta da far capire di essere incinta) Zi Viciu, (posando la cassa), zi Viciu, brindammu cu ‘sti gazzusi, a la saluti di lu ma primu figliu.

Viciu               - (sorpreso) Ma si po sapiri chi è ‘sta maschirata? Pirchì ‘sta panza?

Cecè                - ( festante) Zi Viciu, ci comunico ca ma muglieri è incinta, arrivà ora ora la risposta di Palermu, di lu laboratorio d’analisi.

Viciu               - Sicuru si?

Nunziatina      - Sicurissimi! Taliassi ccà! ( mostra l’esito).

Viciu               - E pirchì ‘sta panza?

Cecè                - Pirchì, pirchì l’ava sapiri tuttu lu paisi ca ma muglieri è incinta. Ora niesciu di ccà e mi fazzu lu giru di lu paisi, abbrazzettu di ma muglieri.

Viciu               - (sorridendo) Cecè, bona la pinzasti. Accussì tutta la genti ci cridi.

Cecè                - Di fronte all’evidenza dei fatti, ci ava cridiri pi forza. Amuninni, a muglieri, c’è priparata ‘na traversata….. (alla moglie spiega come deve camminare). A muglieri, pancia in fuori e piettu dintra (suggerisce alla moglie di mostrare la pancia in maniera spropositata). Zi Viciu, stuppassi tutti ‘sti gazzusi, e vivissi alla saluti di ma figliu (escono tutti e due a braccetto. Nunziatina con la pancia in fuori, mentre Cecè con la pancia in dentro).

Viciu               - Ma! Cchiù tiempu passa, e cchiossà mi vaju cunvingiennu ca ‘sti maarij funzionano. Quantu passu dda banna ca mi vaju a bivu tanticchia d’acqua. (esce dalla sinistra).

SCENA SESTA

Pitrinu, Cicca, Viciu, Angilina, Anninedda e Niria

Pitrinu             - (entrando con respiro affannoso, come se avesse corso, si mette con le spalle poggiate alla porta. Dal di fuori si sente bussare energicamente. E’ Cicca) Ti dissi finiscila!

Cicca               - (d.d.) Rapi, vigliaccu, rapi se no iettu la porta ‘nterra. Rapi! (Pitrinu apre). Si vigliaccu (entrando). Curaggiu nn’à di vinniri.

Pitrinu             - Quanti voti ti l’à ripetiri, ca finieru tutti cosi, ah. Cuomu ti l’à fari capiri?

Cicca               - Certu! Ora ca ti saziasti di mia, nun ha cchiù bisuognu. Pitrinu, vidica sugnu disposta a iucari l’ultima carta. tu a mia nun mi lassi. (Avrà detto tutto questo con un tono di voce crescendo, a tal punto da richiamare in scena Viciu a Angilina).

Angilina          - (entrando) Chi su si vuci? Cicca chi ti sienti mali? E pua pirchì gridi cu ma figliu?

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

Viciu               - (intervenendo) Nenti, forsi avi cocchi cosa cu mia, e si la piglia cu nostru figliu!

Cicca               - (guardando in alto) Eh! Ti lu giuru davanti a Diu, ca si mi lassi fazzu succederi lu fini munnu. Di nuddu mi scantu!

Angilina          - (ignara di tutto) Ma cu è ca l’ava lassari? (bussano alla porta. E’ Niria).

Viciu               - Cicca, calmati ca c’è to maritu (Cicca si calma, mentre Viciu va ad aprire).

Niria                - (furioso, tenendo una pistola in tasca) Unni è ma muglieri? Unni è la traditura. (scorgendo la moglie) Vili! Cu quali curaggiu tradisci li to figli ‘nnuccenti. Vili! Ma ia t’ammazzu, ammazzu a tia e a chiddu ca si misi cu tia, infagannu lu ma nomi. (A questo punto esce la pistola dalla tasca, Cicca si stringe con Angilina; Pitrinu in disparte, ma dietro Cicca e Angilina. Viciu va incontro a Niria per dissuaderlo dal gesto che vuole compiere).

Viciu               - Finiscila, mitti di latu ‘sta pistola. Chiffà ti vua rovinari?

Niria                - Cchiù rovinatu di cuomu sugnu? Si livassi!

Viciu               - Ma sicuru si? Sicuru ca to muglieri ti tradisci?

Niria                           - Sicurissimu! Si ricorda di dda mistura? Ebbeni, ci la detti diversi siri. Pi ‘na simana cummattivu a farici viviri dda mistura, ma idda nun pigliava suonnu. Nuttati interi a passiari. Ma pua idda nun ni potti cchiù, e assira piglià suonnu. Ni lu suonnu, accumincià a parlari. Diciva frasi senza senzu, ma mi sirvieru pi capiri ca idda mi fa li corna.

Viciu               - Calmati! (a se stesso) Tu, veru fuoru scangiati li misturi. (a Niria) Ma vidica ti sbagli di gruossu, to muglieri ti voli beni. Ma si po sapiri chi è ca dissi ni lu suonnu?

Niria                - Spasimava e diciva: Antoniu Labbati….lu ma cori e apiertu….ti prumiettu….

Viciu               - Ma chi dici? Chissa la filastrocca chi ci ‘mparavu ia pi farici passari lu purriuttu….chi capisti? Vidica to muglieri ti voli beni!

Niria                - Ma quali beni. Ia la vuogliu beni, tantu beni ca ora l’ammazazu, ammazzu a idda e a su Antoniu Labbati (punta la pistola verso Cicca, Viciu non riesce a toglierla? Viciu va verso il gruppo in cui si trova Cicca e si mette davanti. Niria spara un colpo di pistola e colpisce in pieno petto Viciu, che si accascia a terra. Urla generale. Entra Anninedda che si mette a piangere nel vedere il padre accasciato a terra. Angilina, Cicca e Pitrinu soccorrono Viciu. Niria in disparte, con ancora la pistola in mano, è scioccato e si accascia seduto su una sedia piangendo).

Angilina          - L’ammazzasti, assassinu, l’ammazzasti! E chi ci trasiva ma maritu?

Pitrinu             - Papà, papà bieddu (piange).

Anninedda      - Papà, cuomu a ma fari senza di tia? Papà (piange).

Angilina          - Maritu mia, oh maritu mia. Sula mi lassasti. (nel frattempo spoglia il petto del marito per trovare la ferita dell’arma da fuoco. E’ meravigliata in quanto non trova nessuna ferita) Lu diciva ia, lu diciva ca ddu tabutu, (indica) ddu tabutu avia serviri a nantri. La testa mi parlava. Iddu fu la sfurtuna di ‘sta casa. (riferendosi alla bara e continuando a cercare la ferita. Cicca è anche lei esterefatta, piange e non sa reagire). Di quannu trasì ni ‘sta casa, ci hannu statu sempri disgrazij. A cuomu a fari senza di tia? Cuomu. Oh Viciu, Viciu mia (a questo punto Viciu incomincia a dare segni di vita). Vivu, vivu è! Bedda matri! Vivu è! (Viciu rinviene e fa segnali agli altri di allontanarsi. Si alza e va verso Niria. Questi nel vederlo emette un grido di paura e nello stesso di gioia).

Viciu               - Nun ti scantari, ca vivu sugnu!

Angilina          - Tu! Ma chi maaria è chissa?

Viciu               - (altero) Sugnu o nun sugnu Viciu Tuffu, u maaru? (a Niria) Ascunta a mia Niria,

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

vidica pigliasti ‘n’abbagliu. To muglieri nun t’ha mai tradutu, ti sbagli di gruossu. To muglieri ti voli beni, tantu ca ti voli beni, ca ti sta faciennu un sestu figliu. Si nun l’à caputu to muglieri è incinta. E ascunta a mia, calmati pigliati a to muglieri, cu ddu nuccintuzzu ca porta, e faciti paci, e ti la puorti dintra, se no….(fa segno con le dita di morte, rivolgendosi a se stesso)…se no muoru arrieri, e tu va finisci dintra un funnu di galera (Niria non risponde all’invito di Viciu. Allora Viciu fa capire a Niria, che se non accossente alla sua richiesta, torna a morire. Esegue con mimica la scena della morte. Poi ad un cenno di Niria, Viciu chiama in causa la moglie Cicca). Veni ccà, Cicca! Fa’ paci cu to maritu (la piglia per mano e l’avvicina a Niria). Forza faciti paci, e itivinni dintra a pinzari pi lu figliu chi va và nasciri. (i due si abbracciano e vanno via. Pitrinu in disparte con gli occhi bassi, non è grado di guardare in faccia il padre).

Angilina          - Viciu, ma chi maaria è chissa? Veru magu, si?

Viciu               - Fimmina incredula (poi sorridendo esce l’orologio da taschinu dalla giacca). Chista è la maaria. Lu cartucciu acchiappà l’orologio e mi salvà!

Angilina          - (sorridendo) Chi ti sparassiru…..

Viciu               - Arrieri?

Angilina          - No, dicu, chi ti sparassiru, accussì, pi diri! E ia c’avia cridutu a la maaria.

Viciu               - Pirchì? Secunnu tia, chissa nun è maaria? Ti ricuordi quannu fu, ca ia trasivu in possesso di ‘st’orologio? Fu quannu arrivà lu “littinu”, quindi……

Angilina          - Ia dicu ca di quant’avi c’arrivà ‘stu “littinu”, ni ‘sta casa li cosi hannu iutu sempri stuorti, nun ci ha statu paci. La sfurtuna n’ha perseguitato. Fussi cosa di pigliarlu e livallu di miezzu, ‘na vota pi sempri.

Viciu               - Fai di esso, tuttu chiddu chi vua. Fa’ chiddu chi vua!

Angilina          - Pitrinu, Anninedda, aiutatimi a purtarlu dda dintra, fori ni lu curtili, ca ora ci pienzu ia. (a Pitrinu che si è avvicinato) Pitrì, chi era ddu discursu d’antura?

Viciu               - (intervenendo) Nenti, così ca nun ti riguardano. Forza! Marciammu dda banna, cu sa cosa, (riferendosi alla bara. I tre portano fuori dalla scena la bara). E anchi chissa è fatta! La genti viennu ni mia cu li “Fatti”, m’addumannanu li “Fatturi”, e accussi diventanu “Fattazzi”! Ma!

Pitrinu             - (rientrando) Papà, ia staju nisciennu!

Viciu               - Mi raccumannu!

Pitrinu             - Nun si scantassi, papà! (esce).

Viciu               - (rimasto solo) Sugnu sicuru ca la lezioni si la ‘mparà giusta. Ci stava iennu di miezzu ia, ma alla fini è ‘mportanti ca finì accussì (bussano alla porta).

SCENA SETTIMA

Detto, Don Tanu Caresta e Sasà

Viciu               - Viegnu, viegnu (apre, è don Tanu e Sasà). S’accomodassi, don Tanu, ca oj si cunchiui l’opira!

Don Tanui       - (pigliando, come al solito, per un braccio il figlio Sasà) Bongiorno don Viciu. Ia stanotti nun chiusi uocchi, sapiennu ca oj, finalmenti, ni ‘st’ultima seduta, ma figliu turnava cuomu prima. Spirammu ca…..

Viciu               - (con tono di rimprovero) Don Tanu! Allura vossia nun mi cridi? Si ci dissi ca oj era l’ultima seduta, voli diri ca ia sugnu sicuru di li ma fatti. Sugnu o nun sugnu Viciu Tuffu u maaru? (bussano alla porta. E Filumena e Rosina).

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

SCENA OTTAVA

Detti, Filumena, Rosina e Angilina

Filumena         - (d.d.) Zi Viciu, rapissi.

Viciu               - Subitu! (rivolgendosi a don Tanu) Chissa è l’antra malata. E’ Donna Filumena cu la figlia Rosina anchi idda malata. Avi ‘na malatia ca si assimiglia cu chidda di so figliu. Anchi pi idda oj è l’ultima seduta. Oj n’amma assittari tutti cu ‘sti seduti (apre ed entrano Filumena e Rosina).

Filumena         - (tenendo per mano la figlia) Bongiorno zi Viciu…..(si blocca nel vedere gli altri ospiti).

Viciu               - (subito) Donna Filumena, bongiorno, ci presientu a don Tanu Caresta cu lu figliu Sasà, anchi iddu malatu cuomu a so figlia, e sunnu ccà puru pi l’ultima seduta. Assittativi (fa sedere i quattro, due da un lato e due dall’altro. Poi chiama la moglie). Angilina, Angilina.

Angilina          - (entrando) Chi vua? Si è pi li soliti fissarij….(si zittisce vedendo gli ospiti)….Bongiorno! Eccumi, maritu mia.

Viciu               - Angilì, sistema du seggi cu li spaddi ca si toccanu (Angilina esegue). Carusi, (rivolgendosi a Sasà e Rosina) assittativi ccà (li fa sedere al centro della scena, seduti di spalle. Poi va verso il tavolo di lavoro e piglia due bottigliette e le consegna una a don Tanu e l’altra a Filumena). Perciò, chisti su du misturi, una è pi lei, e l’antra pi lei.

Don Tanu        - E chi è ‘sta cosa?

Filumena         - Puru a mia? E chi è.

Viciu               - Ca dintra c’è lu “sieru di lu senziu”. Ata sapiri ca l’omu è l’armaru cchiù curiusu ca esisti ni la terra. Quannu ci nasci un figliu, lu patri o la matri, nun sannu chiddu chi fari prima. Vulissiru ca lu figliu, fussi lu miegliu carusu ca esisti ni la terra. Lu crisci ci’mpara l’educazione e lu mudella a modo sua. Ma nun sapi, lu patri o la matri, ca lu figliu è esseri umanu cuomu a iddi. Avi ‘n’intellettu, avi un modu di ragiunari propriu. Lu patri e la matri chissu nun lu capiscinu. Lu figliu crisci e iddi vuonnu ancora cumannari, ma nun è l’essiri umanu, ma la bestia chi è n’iddi, ca voli cumannari. La bestia patri e la bestia matri. L’essiri umanu è n’essiri ragiunevoli, ma la bestia no! Ragiuna diversamenti. La bestia patri o la bestia matri, vuonnu ca lu figliu facissi tuttu chiddu chi vuonnu iddi. E accumincianu, incomprensioni, zuffi, fujtini, svenimenti, esaurimenti e antri cosi. Quannu nun c’è cchiù rimediu, allura chi fa la bestia? Si mitti di latu e lassa spaziu a l’essiri umanu. Ora, ni ‘sti du buttiglietti, chi vi staju dannu, c’è lu sieru di lu senziu. E’ un sonniferu pi la “bestia”. Accussì l’essiri umanu decidi liberamenti. Atu datu n’educazioni a li figli? Ebbeni, lassatili liberi di decidiri, di scegliri la persona chi amanu. Iddi su capaci di sceglieri. Nun li obbligati, pi lu vostru piaciri, a fari passi ca pua piangerannu pi tutta la vita. Sugnu sicuru ca ‘sta malatia, è tutta culpa di la vostra testardaggine; non tutta ma ‘na parti, La fattura ha cunchiutu l’opira, aggravannu la situazione. (durante questo monologo, don Tanu e Filumena avranno ascoltato con apprensione, senza intervenire, mentre Sasà e Rosina avranno recitato la parte a dovere. Angilina avrà acconsentito al discorso del marito). Ora nun pirdiemmu tiempu! Angilina piglia la cuperta. (Angilina va a pigliare al coperta, mentre Viciu indossa il grembiule. Poi presa la coperta con la collaborazione della moglie, Viciu, copre interamente i due malati ed incomincia a ripetere la formula finale per togliere la fattura (dopo alcune incensate).

                       

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

“Bammini, bammini. bamminiddùni

fattura, lassa ‘sti du pirsuni”

(ripete diverse volte questa frase all’unisono con la moglie. Ad un certo punto si solleva la coperta, come se una qualche cosa lasciasse i due “fatturati”). Forza Angilina, niscì la fattura. Stringiemmula cu la coperta. (i due avvolgono la “cosa” che s’era sollevata, e Viciu pigliandola in mano la consegna ad Angilina, che di corsa esce fuori dalla scena). Teccà Angilina! Dunaci fuocu (Angilina esce dalla sinistra. Sasà e Rosina, come se svegliati dopo un lungo letargo, vanno ad abbracciare i loro genitori).

Sasà                - Papà! (abbraccia il padre).

Rosina             - Mamà! (abbraccia la madre).

Don Tanu        - Figliu mia! Nun mi pare veru. Veru.

Filumena         - Rusina, zuccaru mia. Arrieri tu sì?

Don Tanu        - Caru don Viciu nun sacciu cuomu l’à ringraziari.

Filumena         - Ringraziari.

Viciu               - A mia? A iddi ata ringraziari (riferendosi a Sasà e Rosina. Don Tanu e Filumena quando si accorgono che i due figli sono in atteggiamenti confidenziali, restano perplessi e seccati).

Don Tanu        - (con aria di rimprovero) Sasà, chi è ‘sta cosa?

Filumena         - (rimproverando) Rosina, zuccaru mia, chi è ‘sta novità? Figlia mia senza addumannari un cunsigliu? Quannu nascì ‘st’amuri tra di uantri?

Sasà                - Cà, nascì, ni ‘sti quattru mura. La disgrazia ca avivamu in comuni, ni fici canusciri. Ora caru papà, cara signura Filumena, ia e Rosina v’addumannammu la vostra binidizioni.

Don Tanu        - (pigliando per un braccio Sasà, e allontanandolo da Rosina) Ia nun binidiciu a nuddu!

Filumena         - E ia mancu! (anche lei piglia per un braccio Rosina e avvicinandosela a se).

Viciu               - Signura Filumena, don Tanu, è u momentu ca vi viviti tanticchia di ddu sieru di lu senziu, un piccolo sorso, e viditi ca la “bestia” si addummisci. Un muccuni di lu sieru di lu buon senziu…..viviti, dai viviti (i due eseguono, e subito si placa la loro ira). U vidistivu? U vidistivu? La “bestia” si è assopita! Accuntintamuli li carusi. Si vuonnu beni. Lassamuli liberi, di vulirisi beni (Sasà e Rosina si avvicinano e si tengono per mano). U viditi quantu su bieddi, taliati cuomu si vuonnu beni. Daticcilla sa benidizioni!

Don tanu         - Ma!

Viciu               - Senza ma! Dammucci ‘sta benedizioni.

Filumena         - Ma nun fussi…….

Viciu               - Quali fussi. E’. Forza, donna Filumena, partissi lei prima, e ci dassi ‘sta benedizioni. Ora ca ritruvastivu li figli….forza…..(don Tanu e Filumena si guardano in faccia accennando un sorriso, e subito dopo danno il consenso, abbassanno la testa.) Finalmenti! Forza carusi, abbrazzativi (i due si abbracciano). Sugnu o nun sugnu Viciu Tuffu u maaru?

SCENA DECIMA

Detti, Pitrinu e Angilina

Pitrinu             - (entrando di corsa) Papà, papà (accorgendosi degli ospiti li saluta) Bongiorno, papà,

“ Fatti, Fatturi e Fattazzi” Commedia brillante in tre atti di Pino Giambrone

ci su du pirsuni cu un camiu, ca davanti la porta, e mi diettiru ‘sta littra (consegna al padre la lettera).

Viciu               - (leggendo) “Siamo spiacenti dell’errore che abbiamo commesso nello spedire un articolo al posto di un altro. I latori della presente, le consegneranno il lettino, a suo tempo richiesto, consegnando agli stessi il pacco ricevuto precedentemente. Ci scusiamo…..etc…… (festante) U littinu arrivà! Allura sbagliu ci fu! Lu diciva ia ca nun putiva essiri (chiamando la moglie). Angilina, Angilina!

Angilina          - (entrando) Chi vua, Viciu?

Viciu               - Unni è lu tabutu?

Angilina          - Lu stiddavu! Lu fici in cientu piezzi e ci detti fuocu, cuomu la vampa di la  ‘Mmaculata! Sugnu o nun sugnu la muglieri di Viciu Tuffu u maaru?

FINE DELLA COMMEDIA

                       

                       

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno