Febbre di ‘alore

Stampa questo copione

Febbre di 'Alore

FEBBRE DI 'ALORE

Di GIORGIO CASINI

commedia in due atti in vernacolo pisano

PERSONAGGI

ARDELIA                    vecchietta procace

ASSUNTINA               La sagrifïata

ALFIERO                    tutt'un romanzo

ALIPIO                        vecchietto mandrillo

BEPPINO                     ragazzo bòno ma...

ERMELLINA              donna che rimbarza 'r marito

RUGGERO                  marito rimbarzato

A Pisa, a' nostri tempi,  che possan esse' ' tempi di tutti

ATTO PRIMO

Stanza di soggiorno in casa di Ardelia. Una porta a destra verso la cucina, altra a sinistra verso l'esterno. Mobili modesti. Quadro con ritratto d'uomo alla parete.

SCENA 1 - ASSUNTINA, BEPPINO

ASSUNTINA        - Mamma mia, 'om'è tardi! O quell'artro 'vanto sta?!

BEPPINO              - Mamma son qui. Ho fatto tardi? C'è stato tanto da ffà' lì all'officina, ho dovuto lavà' tre atomobili; all'urtimo gliè venuta una signora ciaveva da aggiustà' la macchina e allora 'r sor Giulio, 'r padrone m'ha detto di dagni un'occhiata.

ASSUNTINA        - A tee? Te l'ha detto a te d'aggiustagnene?

BEPPINO              - Sì; allora io l'ho smontata tutta, ho ripulito tutti ' pezzi, c'ho cambiato la guarnizione e l'ho rimontata.

ASSUNTINA        - Davvero? E t'è riescito? Allora siei doventato propio un meccanïo vero! c'hai un mestieri 'ndelle mane!

BEPPINO              - Sì sì; però quando s'è messa sur fòo, a principiato a soffià' e a fa' tutte le bomboline colla porvere.

ASSUNTINA        - Che porvere?... Perché l'avete messa sur fòo?

BEPPINO              - Sennò, come si faceva a fa' 'r caffè!

ASSUNTINA        - Ma che macchina era?

BEPPINO              - Siccome 'r sor Giulio dice che 'r caffè, come lo beve 'n casa sua 'un ce n'è artri, ha fatto venì' la su' moglie colla macchinetta e m'ha detto a me di preparallo. Si vede 'un l'ho strinto tanto bene.

ASSUNTINA        - E io che m'ero illusa 'he tu avesse 'mparato quarche cosa! Ma 'un importa: quello 'un è 'r tu' stare. C'indavi per 'un istà' a bighellonà' per ella strada. Te ora, vai all'università!

BEPPINO              - Ci vado volentieri all'università. Armeno lì ciavrò un bèr vestitino pulito; invece ora ritorno a casa sempre tutto sudicio. Con quelle gente c'imparo tutte le parolacce, invece assieme agli studienti chissà quante belle 'ose c'imparo.

ASSUNTINA        - Beh, se quarche parolaccia l'hai digià 'mparata, asserbala, ti pòr fa' comodo. Ma ora devi studià', perché devi sapé' tante 'ose. Lo senti 'r sor Ruggero 'vante 'ose t'insegna. Io dïo per imparalle tutte ti ci vorrebbe una 'hiorba grossa 'om'un paiolo!

BEPPINO              - Quando sarò all'università, ce la posso avé' la fidanzata?... Mi garberebbe una bella biondina co' 'apelli lunghi, ll'occhi celesti...

ASSUNTINA        - Te siei scemo per cosa ti pare! 'Un t'hai mïa a crede' di sta' llì a fa' la 'orte alle ragazze: ti buttan subito fòri... Te dovrai sta' bòno bòno, cor tu' vestitino, 'r berretto...

BEPPINO              - 'R berretto 'olla punta 'ome quello degli studienti?

ASSUNTINA        - Ma che punta! Colla tettoia, la tesa, 'ome si 'hiama? Io di bidelli cor berretto a punta 'un n'ho mai visti.

BEPPINO              - Ma allora, cosa ci devo fa' all'università?

ASSUNTINA        - 'R custode, 'r bidello, 'ome lo 'hiamano ora. Stai 'n sull'uscio a vedé' chi passa: li studenti e ' professori li fai passà', quell'artri li rimandi addreto... Armeno, credo 'he sii 'osì. Se un custode fa passà' tutti. che custode gliè?

BEPPINO              - Allora, mi dànno anche un ticcio?

ASSUNTINA        - Per cosa fa'?

BEPPINO              - Per rimandà' 'ndreto le gente! gni do du' legnate 'nsur groppone!...

ASSUNTINA        - Bimbo, ma te 'un fai mïa 'r custode ar campo dell'esse esse!... 'Un mi fa' perde' più tempo, c'ho 'r minestrone sur fòo; se mi s'attacca...

                               SCENA 2     - ARDELIA, ASSUNTINA, BEPPINO

ARDELIA             - (Entra) Oimmèna 'veste scale! 'Un ce la faccio mïa più: c'è da fassi ritornà' a gola tutto 'r mangià' d'iersera! Oddìo, si fa presto a smovilo: un po' po' di 'affellatte e du' fettine di pane scusse.

ASSUNTINA        - Corpa sua; c'era la trippa avanzata dar giorno, ma 'un l'ha vorsuta perché dice gostava troppo.

ARDELIA             - Sïuro! Bisogna regolassi! Tutti ' giorni t'aumenta 'varcosa. Anco stamani ll'unïa 'osa 'he gostava poïno erano ' finocchi. Ma 'un mi piaciano!

BEPPINO              - A me 'nvece mi piaciano! 'N pinzimogno!

ARDELIA             - Allora te 'un te ne 'ntendi punto! Ma a chi somiglia luilì? Dalla parte mia 'un ha preso di certo: 'r su' nonno, che poi gliera anco 'r mi' marito, e 'r su' babbo che gliera anco 'r mi' figliolo, ciavevano artri gusti!

BEPPINO              - Nonna, me l'hai 'omprato 'r ciuccingomma?

ARDELIA             - Fammene spende' dell'artri di 'varini! I bottegai le 'nventano di tutte per levatteli di tasca. Gliè capace cor ciuccingomma mi toccava 'ompracci anche un barattolo di 'olla perché siccome dice è di 'vello che 'un s'attacca a' denti e allora uno 'ome fa?

ASSUNTINA        - Beppino, vai a piglià' 'r cartolare che fra poïno viene 'r maestro. Ma prima cambiati e lavati le mane! Come fai a 'nsudicciattele 'osì?

BEPPINO              - Coll'atomobili, per forza. C'è 'r mi' padrone pare ll'omo nero.

ARDELIA             - Vatti a lavà', e soffiati 'r naso: stai sempre a tirà' 'n sù! Moviti! (Beppino esce) Io 'un lo so come l'hai avvezzato; oramai 'un c'è più rimedio. Tutti ' giorni ne fa sempre quarcuna storta: anco l'artro giorno, prese 'r gatto der sor Ulisse, gni stioccò 'n bocca lo 'mbuto e gni fece bé' quella boccetta di benzina 'he serbavo per ismacchià' la tuta... Questo poero gatto t'agguantò le scale e fistia per la strada; e 'r sor Ulisse dreto e con quer po' po' di buzzo ponzava pareva un mantice. Lo ritrovò 'n cima alla strada, 'r gatto: poera bestia, tutto steso per terra a cianche larghe.

ASSUNTINA        - Era morto?

ARDELIA             - No, aveva finito la benzina... Sbaglierò, ma quer bimbo, dalla parte di su' padre 'un c'ha preso neanco un'ugna! 'R mi' Giustino gliera bravo: assomigliava tutto alla bonanima di su' pa'.

ASSUNTINA        - Speciarmente ner bé'!

ARDELIA             - 'R mi' povero Anacreonte... Me l'arrïordo 'vando ritornò dalla guerra d'Affrïa. Gliero ita alla stazione a vvedé'' 'rivà' ' legionari; tutta vestita da piccola italiana. Lo sborniai subito: arto, abbronzato, cor casco e colla barba. Fu 'r lampo der furmine! ciavevo una bandierina trïolore 'n mano nella furia d'appropinquammi la ficcai 'n un occhio ar vicefederale; manca pòo m'arrestano.

ASSUNTINA        - Sarebbe stata la su' fortuna.

ARDELIA             - O cosa vòi! Gliero giovana, a ritrovammi davanti 'ver bell'omo: pareva 'r Negusse... I su' 'ompagni me lo dicevano: luilì gliè un satrapo; tu vedesse 'n Abbissinia 'osa ci faceva 'on quelle more!

ASSUNTINA        - La marmellata!! Me l'ha raccontato lei 'hissà le vorte! Era sempre briao 'un ce la faceva neanco a 'rivà' a letto, come faceva a ffà'... la marmelleta di more!...

ARDELIA             - Si vede, 'on tutte le banane 'he c'erano, pòle dassi 'he prima di fa' la marmellata... si faceva un bello sciroppino di banane!...

ASSUNTINA        - Artro 'he sciroppino! Gni ci sarebbe vorsuta tutta ll'oasi di Giarabubbe!... Lassamo perde'... Mi facci vedé' se 'r bimbo gliè lesto.

ARDELIA             - Guarda di mette' quarcosa sur fòo. Va a finì' che oggi, se si vòr mangià' quarcosa di cardo bisogna 'ngollà' una scatola di fiammiferi... perché, sii ben chiaro, ar ristorante 'un ci si va: 'un ce n'è quarini!

ASSUNTINA        - Ma chi ci vòle andà' ar ristorante. Gliè da stamattina c'è la pentola der minestrone sur fòo. 'Un lo sente ll'udore?... Annusi, annusi; tanto si sa che la nappa ce l'ha bella grossina... Mi fai andà' a girà' 'r minestrone... (Uscendo) Beppino, te le siei lavate le mane?

ARDELIA             - Sarà udore di minestrone, ma a me mi pare 'ome quella vorta 'he 'r mi' povero Anacreonte me lo riportonno a casa perché, tutto briao era 'ndato a finì' colla brigighetta nella sugaia di Fondello... Povero 'r mi' Creountino: lo 'hiamavo 'osì ne' momenti d'intimità. Propio 'osì: Creountino, no Creontino. Siccome gliera sempre pieno di vino da traboccà', gnene dicevo sempre: "Quando Gesù ti fece 'un creò mïa un omo; creò un tino!"

                               SCENA 3     - ARDELIA, ALFIERO

ALFIERO             - Si pòle? Gliè permesso? C'è nessuno?... Settete! Guà: c'è la sor Ardelia, la mi' bellona! Venga 'va gni do un bacio!

ARDELIA             - La smette... sempre a pensà' a quelle 'ose llì! Piuttosto, mi dice perché gliè entrato 'osì, senza bussà'; m'ha fatto guasi paura.

ALFIERO             - C'era ll'uscio aperto.

ARDELIA             - E perché ll'uscio gliè aperto?

ALFIERO             - Perché c'è la serratura rotta.

ARDELIA             - E chi la deve aggiustà' la serratura?

ALFIERO             - 'R falegname.

ARDELIA             - E chi è 'r falegname?

ALFIERO             - Sono io.

ARDELIA             - E perché 'un l'ha anco aggiustata?

ALFIERO             - Così posso entrà' quando mi pare senza fammi sentì'. Stanotte la vengo a tirà' per e piedi

ARDELIA             - Via... ci patiscio 'r solletïo... A sentillo di' m'ha messo addosso una paura; son convinta stanotte 'un mi riescirà dormì'

ALFIERO             - Stii tranquilla 'un ci vengo 'n camera sua. Vado più volentieri 'n cucina... senti lì che udorino... Gliè minestrone... C'è Assuntina di là?... Lo fa bòno 'r mangià'. Lo sa quando passo di sulle scale mi tocca sempre fermammi a sentì' ll'udori 'he sortano di 'asa vostra.

ARDELIA             - Potrebbe venì' drento: un piattino di minestra 'un gni si nega mïa.

ALFIERO             - 'Un è la 'vistione der piattino di minestra che, ringraziando Ddio, per ora 'un mi manca. Di legnaioli semo rimasti 'n pòhi e, non per avantazione, 'r mestieri lo so fa' abbastanza bene e m'accontento...

ARDELIA             - M'arrïordo di 'vella vorta 'he fece la gamba di legno ar sor Ubardo che quella di ciccia gne n'avevan levata allo spidale. Siccome soffriva d'oppressione allo stomao, gni feciano la lastra ar cervello e trovonno 'he c'aveva le morroidi. Ma siccome soffriva anco d'artrosi e 'un poteva arzà' un braccio perché c'aveva un soffio ar còre e se arzava 'r braccio ci sortiva un fistio, allora gni viense anco una puntina d'ernia: 'nsomma gliera propio messo male. Ll'unïa 'osa bòna 'he c'aveva era la gamba e siccome da tutte ll'artre parte 'un lo potevano operà' perché c'era 'r perïolo 'he ci rimanesse, 'r professori fece un consurto 'on tutti ' dottori e gni disse: "O bimbi, tagliamoni la gamba, armeno semo sïuri 'he lì, comprïazioni 'un ce ne sono".

ALFIERO             - Poi gni dissano 'he la mutua gnene passava una di prastïa ma 'un gni garbava e mi toccò fagnene una di legno. La prastïa 'un l'ha mai potuta patì' per via dell'inquinamento: è sempre stato un verde.

ARDELIA             - Verde dalle bilie! Meno male 'on quella gamba di legno s'arrangicchiava benino; quando letïava 'olla su' moglie se la svitiava e giù, bòtte sur groppone. A vvorte la rincorreva fino 'n fond'alle scale, colla gamba 'n mano per tonfalla!

ALFIERO             - Per ripiglià' 'r discorso: dicevo 'he quando mi fermo davanti ll'uscio, io 'n quer minestrone ci vedo la 'asa, la famiglia, tutte le 'ose che 'un ho mai avuto. Perché, lei lo sa, ho sempre dovuto mantené' mi' madre e la mi' sorella; mi' padre morì che ero bimbetto. E ora che mi' madre 'un c'è più e la mi' sorella s'è sposata e s'è levata tre passi... son rimasto solo: solo e triste.

ARDELIA             - Arfiero, ora mi fa guasi piange'; lo sa che son di molle lenti.

ALFIERO             - E la mi' vita passa 'osì (canta). Passa la vita mia, com'una bianca vela...

ARDELIA             - Ma allora mi vòr fa' piange' per davvero!

ALFIERO             - Tutti ' giorni 'n quella casa buia e grigia... senza 'r sorriso d'una donna... 'n dove ci manca 'r calore der fòolare...

ARDELIA             - Vado subito a telefanà' a Gheghe di Bobi per fagni portà' la bombola der gasse.

ALFIERO             - Ma che gasse! Volevo di' che... 'nsomma... mi ci vorrebbe quarcuna che guardasse le mi' 'ose, mi facesse mangià', mi tenesse ar posto la 'asa... Eppoi, come si dice, una mana lava 'vell'artra: du' sordini li guadagno, 'un ho pretese... Basta 'he mi facci mangià' bene... Come òmo, m'arrangicchio 'un c'è malaccio... Cosa deve 'hiede' di più una donna?

ARDELIA             - Ha ragione... Com'esse', dove 'ntende di trovalla una donna 'osì?

ALFIERO             - Ardelia: a quella donna gn'ho già messo ll'occhi addosso... 'nsomma l'avrei digià trovata.

ARDELIA             - Allora perché 'un va a fa' la 'hiesta, così si fa un bèr matrimonio, una bella pappata!

ALFIERO             - Si fa sì, la pappata. Ma, come diceva lei, prima bisogna fa' la 'hiesta... E lo sa a chi la devo 'hiede'?

ARDELIA             - La 'hieda a chi gni pare! A me mi basta di venì' alla pappata.

ALFIERO             - 'Un abbi paura ci viene... Ma la 'hiesta... insomma: la devo fa' a lei!

ARDELIA             - A mee? Ma gliè rimbecillito?! Potrei esse' la su' nonna!... Magari, se vado dalla pettinatrice... m'inciprio un poïno 'r naso...

ALFIERO             - Ma 'un l'ha anco 'apito? La 'hiesta la devo fa' a lei, perché la donna che 'r destino mi messe 'n sulla strada per mescolà' le nostre vite... sarebbe com'esse', guasimente... come se fussi una su' figliola!

ARDELIA             - O se 'un ce n'ho figliole!... Ammeno ché 'un sii di 'vella vorta 'he mi rïoveronno allo spidale perché c'avevo una lucciola 'n sullo stomao... No, 'un pòl'esse'; i dottori se ne sarebbano accorti... Tutt'ar più potrei esse' la mamma della lucciola.

ALFIERO             - 'Un ruzzi; ho detto potrebbe esse' la su' figliola perché se sta 'n casa sua, se è la vedova der su' figliolo...

ARDELIA             - Ma allora chiacchera d'Assuntina!

ALFIERO             - Propiamente sì: Assuntina.

ARDELIA             - Ma lei lo sa?

ALFIERO             - Gnen'ho fatto 'apì'.

ARDELIA             - O cosa ne dice?

ALFIERO             - Per ora sta 'n sulle sue. Ma mi pare d'avé' capito che 'un sii tanto restia. 'Nsomma gni poterebbe sta' guasimente bene.

ARDELIA             - Ce n'ho a piacé'. V'assistemate... anco se la pover'anima der mi' Giustino si risvortolerà nella 'assa... C'era 'osì attaccato alla su' Tina... Anco 'ver povero bimbetto; cosa farà, poverino...

ALFIERO             - Verrà a sta' con noi... c'averà una famiglia.

ARDELIA             - Già... perché, positivamente, andrest' a sta' giù, 'n casa sua?

ALFIERO             - Di certo; la mi' amera gliè grande. A Beppino gni si pòle fa' un lettino lì 'n salotto, sur canapè.

ARDELIA             - Ha pensato a tutto: la 'amera bella grande, Beppino sur canapè... piglia la rosa e dammela a me... a tre passi la violetta... la povera Ardelia è sola soletta!... Tanto lo so: mi toccherà andà' a finì' ar reusorio. Come la mi' amïa Argene: da quando gli'è morto 'r marito l'hanno stioccata allo spizio! Ogni tanto la vado a trovà'; mi fa una pena... Eppoi, fra tutti que' vecchi 'un pòle nemmeno sperà' di ritrovà' marito. Cosa vòle, quelli lì oramai... enno tutti...

ALFIERO             - Quant'anni ha questa su' amïa Argene?

ARDELIA             - Tanto vecchia 'un sarebbe: ha guasi novantott'anni; ma quand'è messa benino ne dimostra ar massimo novantacinque... Insomma, io quella fine llì 'un la voglio fa': 'un ci voglio finì' ar reusorio!... E la mi' nòra la piglio a golini se 'ntende d'andassene di 'asa!... Se mi ci metto...

ALFIERO             - Si 'armi... Vedrà che un rimedio si trova per 'un falla restà' sola. Presempio si potrebbe trovà' quarcuno 'he venisse a sta' qui.

ARDELIA             - A penzione?! 'Un mi garba la gente di foravia 'n casa.

ALFIERO             - Ma 'un dicevo mïa d'un penzionante... Dicevo... 'Nsomma: 'un c'ha mai pensato a rifassi una vita, a ritrovassi una 'ompagnia... a ripiglià' marito!?

ARDELIA             - Ioo?! Fa' di 'veste 'ose ar mi' povero Creountino?! No no! (Rivolta al quadro) Anacreonte: è luilì che mette fòri li scandoli!... (A Alfiero) Ma di per davvero c'è quarcuno 'he gni garbo? 'Un me ne son mïa accorta 'he mi facevano la ròta.

ALFIERO             - Ora, 'un corra tanto... Dicevo 'he si potrebbe trovà' quarcuno per vedé' da fa' ll'affare... D'omini liberi ce ne son tanti... Presempio ci potrebbe esse' 'r sor Alipio...

ARDELIA             - Alipio? O chi è?

ALFIERO             - Un mi' amïo, ogni tanto mi viene a trovà' 'n bottega. Gliè vedovo... la su' moglie gni morì un par d'anni fa e da allora 'un ha mai avuto requie: dice 'he la notte a dormì' solo ha freddo e sta sempre a cercà' una donna 'he lo riscardi.

ARDELIA             - Io c'avrei anco un bèr cardàno.

ALFIERO             - No... 'R cardàno 'he cerca lui... potrebbe esse' lei, Ardelia!

ARDELIA             - Bimbo! A me cardàno 'un me l'ha mai detto nessuno!

ALFIERO             - Io volevo di' che le donne ce l'ha sempre ner naso, alla su' età.

ARDELIA             - La su' etàa?!... 'Un è mïa vecchio?... O quant'anni ha?

ALFIERO             - N'avrà... suppergiù quant'e lei.

ARDELIA             - Aah, allora va bene. Mi 'redevo 'he fussi vecchio!

ALFIERO             - Gliè sempre un omo 'n gamba. c'ha la su' pensione; gliera veterinaio verso Cenaia... Stii a sentì': gnene porto a fa' conosce' e 'un se ne 'hiacchera pa'.

ARDELIA             - Subito?... ma io mi vergogno.

ALFIERO             - Di 'osa si deve vergognà'? S'arrammenti 'he, come dice 'r filosofo, la vita gliè un valzere e va ballata fin che si pòle, così (la fa ballare)

ARDELIA             - Via... mi gira 'r capo... 'Un ci son mïa più abituata a queste 'ose.

ALFIERO             - Vedrà come fa presto a riimparà'. Allora semo d'accordo: io do una mana a lei cor Alipio e lei ne dà una a me cor Assuntina. Così fra tutt'e quattro si balla la 'vadriglia! Su colla vita (esce) 

ARDELIA             - Mamma mia 'he cose... Anacreonte, 'un te la sei mïa presa a male? Lo vedi, c'ho da ballà' la 'vadriglia... er varzere... cor cardàno... ar reusorio... Creountino: lo sai 'osa ci devi fa' con quer vino? Affogatici!! (Esce. Suona il campanello; Assuntina attraversa la scena e va ad aprire)

                               SCENA 4     - ASSUNTINA, RUGGERO

ASSUNTINA        - (Introduce Ruggero) Gliè lei, sor Ruggero? Venga s'accomòdi.

RUGGERO           - Buongiorno, cara signora; non disturbo mica?

ASSUNTINA        - 'Un se lo facci sentì' di' neanco per ischerzo! Prepara 'r mi' bimbo per l'esami e viene a di' che disturba. Ma lo sa che se 'un era per lei 'r mi' bimbo 'un ci sarebbe mai andato all'università.

RUGGERO           - Mi sembra presto per considerare la cosa già fatta. Anche se, detto fra di noi, qualche piccolo appoggio ci sarà: ho le mie conoscenze nell'ambiente. Ma, lei capisce, bisogna che il candidato sia ben preparato altrimenti è tutto inutile e, francamente mi sembra che suo figlio sia piuttosto scarso come preparazione.

ASSUNTINA        - Se è scarzo, gni si 'omprerà un par di scarpe... Sor maestro, guardi un po' se me l'assistema lei 'r mi' bimbo.

RUGGERO           - Il suo bimbo! Ormai è un giovanotto e deve considerarlo e trattarlo come tale; bisogna sviluppare la sua personalità. Da parte mia farò di tutto, anche perché la vita è stata piuttosto avara nei miei confronti.

ASSUNTINA        - Ar giorno d'oggi son tutti un po' tirati. E tanto ce ne vòle uno per andà' avanti.

RUGGERO           - La vita mi ha negato la gioia di avere un figlio. Che vuole: i primi anni di matrimonio erano tempi duri. Inoltre, mia moglie aveva paura di ingrassare... Da giovane aveva veramente una bella figurina.

ASSUNTINA        - Me la rïordo; 'un istava mïa tanto lontana. Lo dicevo sempre: 'vella ragazza lì gliè magrolina pare un uscio; un uscio vestito da carabiniere... senza baffi.

RUGGERO           - E così, quando arrivammo a desiderare un figlio e a volerlo con tutte le nostre forze, il destino ci negò questa soddisfazione...

ASSUNTINA        - Perché? La su' moglie 'un è bòna?

RUGGERO           - Non si tratta di questo.

ASSUNTINA        - Allora gliè lei che... Mamma mia 'he cose. 'Un c'avrei mai creduto...

RUGGERO           - Probabilmente lei non ha capito.

ASSUNTINA        - 'Un se la prenda... Si stiocchi a ceccia che 'riva subito 'r mi' bimbo

                               SCENA 5     - ARDELIA, BEPPINO, ASSUNTINA, RUGGERO

BEPPINO              - (Entra con Ardelia) Bòngiorno sor maestro.

ARDELIA             - Sor Ruggero.

RUGGERO           - Buongiorno. Cominciamo: hai ripassato la lezione? (Siede al tavolo con Beppino. Le donne restano in piedi a controllare che la lezione si svolga regolarmente).

BEPPINO              - Sì, però c'avevo da andà' anche all'officina

ASSUNTINA        - Sì, doveva aggiustà' 'r caffè.

ARDELIA             - Che caffè! Sur libbro 'un c'è scritto. L'ho letto tutto 'ver libbro 'he c'è di là che parla della storia. Dice di 'Avurre, Muzio Scemola, Robinson Crosuè, Berlusconi... Ma der caffè 'un dice nulla. A meno che 'un sii 'n quer punto, quando Garibardi andò 'n Brasile perché doveva fa' una telenovella cor Annita.

RUGGERO           - Lasciamo stare il caffè; procediamo. Visto che è stata tirata in ballo la storia, cominciamo con questa materia.

BEPPINO              - Sor maestro, a me, se c'è da ballà', mi garba 'r buchi buchi.

ASSUNTINA        - Ne' 'arzerotti!! L'hai sempre tutti strapanati.

ARDELIA             - A me 'un mi venite a cercà perché 'r varzere l'ho digià 'mpegnato; anco la 'vadriglia.

RUGGERO           - Dunque, Garibaldi... cosa ballava Garibaldi... Cosa mi fate dire! Con le vostre ciancie mi fate perdere il filo... Beppino: parlami di Garibaldi.

BEPPINO              - Garibardi... si 'hiamava Beppe, 'ome me. Garibardi... c'aveva la barba!

RUGGERO           - Ma questo è pleonastico!

BEPPINO              - No no, era vera la su' barba. 'Un era di prastïa!

ASSUNTINA        - Sïuro, si vedeva bene. Era anche un po' po' di pelo rosso.

ARDELIA             - A vvorte era tutt'arruffata... faceva guasi schifo.

RUGGERO           - Ma di cosa state parlando?

ASSUNTINA        - Della televisione: 'r romanzo a puntate La Vita di Garibardi. Bello! Con tutti ' garibardini...

RUGGERO           - Ma quello era un attore che impersonava l'eroe dei due mondi... A proposito: mi sai dire perché Garibaldi fu chiamato "l'eroe dei due mondi"?

BEPPINO              - Perché... si vede gliera un po' po' fumino. Quando s'arrabbiava diceva le parolacce: mondo birbone, mondo zucchino!

ARDELIA             - (A Ruggero) La sa, la sa!... Bravo!

RUGGERO           - Sai dirmi dove è morto Garibaldi?

ARDELIA             - O che gliè morto? 'Un è mïa tanto 'he l'ho visto alla televisione.

ASSUNTINA        - Si vede l'avevan registrato! 'Un dànno più nulla 'n diretta.

RUGGERO           - Forza Beppino: dov'è morto?... Non lo sai? Ti aiuto io: è morto a Ca...

BEPPINO              - A ccasa sua!

RUGGERO           - Va bene... ma dove era questa casa?... A Ca... a Ca...

BEPPINO              - A Cascina!

ARDELIA             - A Calci!

RUGGERO           - Ma via!... Garibaldi che morì a Calci!

ARDELIA             - Dipende da dove gnen'avevan dati.

RUGGERO           - Ma è possibile che non lo sai? Garibaldi è morto a Ca... a Ca... a Ca...

ASSUNTINA        - A forza di ca... ca... sarà morto dallo sforzo!

ARDELIA             - E sai, 'un si potava nemmen purgà', perché farmacie 'un ce n'enno dove stava lui, lì a Caprera.

RUGGERO           - Ecco: Caprera! Se lo sapeva, perché non lo ha suggerito a suo nipote?

ARDELIA             - Io lo so perché l'ho visto alla televisione. Ma siccome lei m'ha detto 'he quello 'un era Garibardi ma alla viceriscontraria un artista, io ho visto dov'è morto quell'artista. Poverino: gliera tanto bravo, bello, amerïano! Ma Garibardi, so un cappio dov'è crepato!

RUGGERO           - Cambiamo personaggio. Mazzini: figura importantissima del Risorgimento italiano.

BEPPINO              - L'hai sentito mamma: stava 'n via Risorgimento!

RUGGERO           - Avanti Beppino, non perdere tempo.

BEPPINO              - Mazzini... Anche lui c'aveva la barba!

RUGGERO           - Sì ma questo non c'entra. Lui, invece, è morto qui vicino a noi. Te lo ricordi?

ARDELIA             - Dev'esse' 'r nonno della Giuditta. Morì la settimana di là. Te lo rïordi semo iti allo straporto.

ASSUNTINA        - Ma 'un lo 'hiamavan mïa Mazzini. Di soprannome lo 'hiamavano Badabatti, di 'asato era un Tirinnanzi e di nome Fermino. Cha veniva: Fermino Tirinnanzi Badabatti.

RUGGERO           - In somma, non sai dirmi proprio niente di Giuseppe Mazzini?

BEPPINO              - Seh, anche lui si 'hiamava Beppe 'ome me.

ASSUNTINA        - O presempio, nella storia, c'enno sortanto 'vest'òmini 'he facevan la guerra, letïavano nella pulitïa... Tipi un po' più allegri, 'un ce n'è punti da stioccà' ne' libbri... come Lino Banfi, la Parietti, Bruno Vespa...

RUGGERO           - Quelli sono personaggi della cronaca. La storia è sempre stata fatta dai potenti della terra: re, imperatori... Da Giulio Cesare a napoleone, Carlo magno, Pipino il Breve... (Beppino ride).

ARDELIA             - Eppure luilì mi fa piglià' lo gnocco! A dì' certe 'ose davanti all'innucenza! Bimbo: 'un lo sta' a sentì' quell'omaccio!

RUGGERO           - Ma cosa avete capito? Ho solo enumerato alcune delle più celebri figure della storia e potrei continuare ancora per chissà quanto.

ASSUNTINA        - Sarà meglio 'he si fermi lì... a cosino, 'ome si 'hiama... quello piccino. Se ne rammenta dell'artri, è capace ciarrestano.

ARDELIA             - Anche a me, la storia 'un mi garba punto. Cambi un po' po' 'r libbro

RUGGERO           - Ma è il programma degli esami... Sentiamo cosa sai di geografia. Tu sai che l'Italia è una penisola che ha la forma di uno...

BEPPINO              - Stivale!

RUGGERO           - Bravo, vedo che sei preparato.

BEPPINO              - Lo viddi l'artro giorno alla bottega di Sarvino, quello 'he vende le scarpe. C'era un cartello 'he diceva: lo stivale della ditta Zoppi, il vero stivale italiano, in liquidazione a 9.900 lire! Gostava poïno.

RUGGERO           - Eh, sì: questo povero stivale italiano costa veramente poco. Eppure quanta poesia, quanta bellezza in questo che è stato chiamato "il bel Paese".

ARDELIA             - Ma ci vogliano ' punti! Per avé' ' regali der formaggio Bèr Paese ci vòle un fottïo di bollini. Conviene 'omprà' una vacca e fasselo da sé.

ASSUNTINA        - Però ha ragione: l'Italia gliè bella. Io, magari ho girato pòo, ma mi rïordo 'vando feci 'r viaggio di nozze si 'rivò fin'a San Giovanni alla Vena! Poi ci toccò ritornà' addreto perché ar mi' marito, 'r vino di que' posti 'un gni si 'onfaceva: dice lo 'ntronfiva. Da allora 'un mi son più mossa; doppo du' mesi nacque luilì. (Indica Beppino)

RUGGERO           - Ah, nacque due mesi dopo il matrimonio?

ARDELIA             - Sì, anticiponno.

BEPPINO              - Ll'italiani enno tanto bòni. M'arrïordo di 'vando si fece la gita a Vorterra: 'un mi volevan più mandà' via... Du' omini vestiti di bianco a pregammi... mi davano da mangià', da bé'. da dormì'. Ar maestro gni ci volle un'ora per convinceli a fammi ritornà' a casa.

RUGGERO           - E dove sei stato, oltre che a Volterra?

BEPPINO              - Sono stato a Tirrenia, a ffà' 'r bagno.

ASSUNTINA        - Gliè vero: tutti ll'anni, per ferragosto va ar mare; gliè tanto pulito 'r mi' bimbo... Deve di' che da quarche anno ritorna a casa più sudicio di prima.

BEPPINO              - Eppoi io ar mare, ci vado volentieri perché c'enno tutte le donne gnude! C'hanno certi 'ostumini... si vede d'ugni 'osa!

ASSUNTINA        - Po' po' di sporcaccione! Ecco perché mi sta a limà' tutto l'anno per andà' ar mare! 'Un ci va mïa per lavassi, ci va per vedé' le donne gnude!

RUGGERO           - È comprensibile che abbia certi stimoli. Magari vanno bene indirizzati: suo figlio ha bisogno di un corso di educazione sessuale.

ASSUNTINA        - O che ora bisogna andà' a scòla anco per quello? Allora la mi' sòcera la farebbano subito dottoressa... onoris causa.

                               SCENA 6     - ERMELLINA, ASSUNTINA, ARDELIA, BEPPINO, RUGGERO

ERMELLINA       - (Entra) Ruggero, sei 'vì?... Scusate. Ruggero, ti cercavo.

RUGGERO           - Lina, non mi sembra il modo di entrare in casa d'altri. Potevi bussare.

ERMELLINA       - Scusate, c'era la porta aperta... Volevo vedé' se c'eri.

ASSUNTINA        - L'uscio gliè aperto perché la serratura gliè rotta, ma 'r campanello funziona.

ARDELIA             - Sì, c'è la serratura rotta e 'r falegname 'un si decide d'aggiustalla; c'ha da pensà' a ballà'... dev'esse' 'nnamorato.

ERMELLINA       - Volete di' 'r sor Alfiero? Ed è innamorato? O poveretto, e di chi?

ARDELIA             - Questo si saprà ar momento giusto.

ERMELLINA       - Sapete, da giovani aveva un debole per me. .. niente di serio ma lui ci sperava. Ma che volete: finire la mia esistenza fra la segatura e le seggiole da rimpagliare... E fu così che scerzi questo gentilòmo; era tanto distinto...Lo devo 'onfessà': Ruggero mi fece subito 'orpo. Il mio Ruggy!

RUGGERO           - Non mettiamo in piazza le nostre intimità.

ARDELIA             - O com'esse', dove gne n'ha trovato 'ver nome: ar giardino zoologïo? A sentì' ruggì' 'r leone?

ERMELLINA       - L'ho sempre chiamato così. Ho sempre avuto la passione dei nomi americani; fanno più signorilità: Bobby, Molly, Frensis, Geïar

BEPPINO              - Donarde, Ronarde, Corgate, Arcaserse.

ASSUNTINA        - E la pasta der Capitano Ti 'heti!

ERMELLINA       - Lo lassi dì'. Ciascuno si esprime come sa. Non si può certo pretendere di cogliere un frutto esotico da una scepre di pruni. Quello che conta è l'albero degli antenati; l'albero ginecologico!

RUGGERO           - L'albero genealogico. Ma non scomodiamo gli antenati dei nostri amici, che eran tutte persone di ottima rispettabilità.

ERMELLINA       - Diamine, l'ho sempre detto... E sicché  c'avete la serratura rotta... e state colla porta aperta. Ma 'un avete paura 'he quarcuno v'entri 'n casa, come si dice: di soppalco.

BEPPINO              - Di soppiatto si dice... vero?

ERMELLINA       - Se ne sentano dire tante: furti, ammazzamenti, violenze... anche carnali!

ASSUNTINA        - Gni garberebbe.

ERMELLINA       - Ma cosa dice?!

RUGGERO           - Noi vorremmo continuare la lezione.

ARDELIA             - N'abbisognava 'varche cosa? 'Un si periti. Senza 'omprimenti.

ERMELLINA       - Volevo chiedere... se mi prestate un pizzïotto di sale.

RUGGERO           - Te l'ho comprato ieri. Non mi dirai che non l'hai visto.

ERMELLINA       - Sai bene che non vado mai a ficcare il naso nelle tu' 'ose.

ASSUNTINA        - Perché? I su' libbri li tiene nell'armadio di 'ucina? 'Un ce l'ha una scrivania, uno scafale... una scatola!

ARDELIA             - Gni si pòle dà' quella 'assetta de' pomidori. A di' la verità l'avevo digià promessa ar sor Ulisse per tenecci 'r gatto... Ma se gni serve...

RUGGERO           - Grazie. Ho già una libreria dove tengo le mie carte.

ERMELLINA       - Dicevo: le sue cose, per dire che la cucina è il regno del mio Ruggy. Gli piace tanto stare fra i tegami.

ARDELIA             - Seh, 'n casa vostra ci sta un'artra donna?

ERMELLINA       - Assolutamente no! Ci mancherebbe altro!

ARDELIA             - Per istà' ner mezzo a quarcosa, ce ne vogliano armeno due: uno di 'vì e uno di là... Sennò come fa a stacci fra. O ci sta davanti o di dreto, ma mïa fra! Me l'arrïordo di 'vand'andavo a scòla.

 ERMELLINA      - Non so propio cosa voglia 'nsinuare... Il mio Ruggy, in cucina gliè perfetto: gn'ho fatto un grembialino celeste cor una trina rosa che s'intona cor colore der detersivo. Un accozzo di 'olori... un'accozzaglia, ecco.

ASSUNTINA        - Cos'adopra, sor Ruggero: 'r su' amïo Sverto o 'r Tornato bianco? Se vòle, gni faccio provà' 'r mio... ne basta un cucchiaino.

BEPPINO              - Sor maestro, poi m'insegna a fa' 'r caffè: lei gliè bravo.

RUGGERO           - Ma non capite che mia moglie scherza. Piuttosto: è quasi l'ora del teleromanzo, non vorrai perderti la puntata.

ERMELLINA       - Giusto. Voi non lo guardate? Pensate: una donna divisa fra l'amore di du' omini: uno arto biondo, un corpo... come una statua etrusca; l'amore carnale, brutale. Quell'artro gliè più attempato, studioso, raffinato; una relazione spirituale... Ma perché nella vita ci dev'esse' chi ha tutto... e chi niente... guasi niente.

ARDELIA             - Giù: 'un s'abbatta 'osì. Chissà quante puntate c'hanno sempre da fa', è a tempo a veninne fòri un artro... vedrà che s'innamora di lui e a quell'artri ni va 'n dòmo! Guardi: son sïura 'he va a finì' bene!

ERMELLINA       - grazie. M'ha propio sollevato.

ARDELIA             - Allora 'r sale, 'un n'abbisogna più?

ERMELLINA       - No, grazie. N'ho avuto a piacé' di venivvi a trovà' perché alle vorte si 'rede una 'osa e 'nvece ne resurta un'artra... E se poi 'un resurta quer che si credeva resurtasse... pazienza... resurterà! Per ora levo l'incomodo e te t'aspetto a casa; alla sverta. 'Un v'incomodate: l'uscita la so fa' da me. (Esce molto teatralmente. Ardelia la imita).

RUGGERO           - Eh, le donne! Caro Beppino, te che sei giovane e ti affacci appena alla vita, ascolta il consiglio di chi ne sa più di te: quando deciderai di sposarti, cercati una donna cieca, sorda, muta... e possibilmente anche monca. Ti risparmierai tanti grattacapi.

BEPPINO              - L'artr'anno ar mare c'era una bimbetta 'he mi garbava; però chiaccherava e le mane ce l'aveva belle grosse. Ma gliera un po' zoppina.

RUGGERO           - Bene, è già qualcosa; ma non è tutto.

ASSUNTINA        - Ma anco lei dovrebbe fassi rispettà'. 'Un è possibile vedé' un òmo, doppo avé' lavorato tutta la giornata, preso e stioccato fra ' tegami.

ARDELIA             - Noo, ce n'è uno soloo... Ci deve sta' davanti o di dreto; 'un ci pòle sta' fra. Ce ne vorrebbano armeno due.

RUGGERO           - Sarà meglio riprendere il filo e continuare la lezione.

BEPPINO              - Cosa si fa ora? La storia, l'ha sentito, la so; la giografia m'arrangio... si potrebbe fa' la filosofia.

RUGGERO           - Ma la filosofia non è compresa nel programma di esame.

BEPPINO              - Noo? Peccato: mi garbava tanto... (Suona il campanello)

RUGGERO           - Non è possibile continuare così: ancora una interruzione!

ARDELIA             - Andate di là 'n sulla tavola di 'ucina, ci state più tranquilli. Qui gliè un viavai. Ci vado io a vedé' chi è. (Assuntina, Ruggero, Beppino escono a destra; Ardelia va a ricevere gli ospiti a sinistra. Rientra subito) Venghino... avanti... S'accomòdino...

                               SCENA 7     - ARDELIA, ALFIERO, ALIPIO

ALFIERO             - C'è 'r sor Alipio; quello 'he gn'avevo detto.

ARDELIA             - 'Un lo voglio vedé'! (Si sporge per vedere).

ALFIERO             - Sor'Ardelia, gni voglio fa' conosce' un'omo che nella vita ha sofferto tanto e che sortanto una donna assennata, esperta, matura potrebbe fallo ritornà' a sorride'. Vieni Alipio: questa 'vì gliè la sor'Ardelia.

ALIPIO                 - (Gira attorno ad Ardelia, la scruta bene, poi esplode in una grossa risata) O Alfiero, mi c'hai fatto fa' anco tre piani di scale per vedé' questo 'apolavoro? Ma allora gliè vero: te 'un te ne 'ntendi mïa! Ma l'hai guardata bene? Sur davanti gliè guasi pari sembra 'r campo der Falaschi doppo 'he c'era passato cor trattore. Di facciata potrebbe anco passà'... ll'importante gliè la dentiera! Se mastïa bene, probremi 'un ce n'enno: anco 'r còrpo riceve bene, mischia d'ugni 'osa e vien fòri un concime 'he ti fa venì' certe piante... Sur di dreto... Bimba: girati un poïno!... Sur di dreto tanto male 'un sarebbe. Se si fa presto si pòle 'rivà' prima 'he le cicce gni 'aschino per le terre. Li stinchi mi sembran piazzati bene... Ll'importante enno le 'osce, perché quand'e presciutti tirano... Bimba: tirati un poïno sù le gonnelle!

ARDELIA             - Ooh!...Ooh!... Ma chi mi c'ha portato 'n casa!? 'Un è mïa normale! Se gni vòr dà' moglie gni facci sposà' un'infermiera der manïomio!... O 'un ci ripenso: son tutta pari! Guardi 'vì! Ma lo sa che da giovana, se facevo un respiro un po' più grosso... tutt'e bottoni... ta ta ta ta. mi 'hiamavano Ardelia la mitragliera!

ALFIERO             - 'Un ci facci 'aso. Via via gni soggalla 'ndella memoria 'r rïordo di 'vando faceva 'r veterinaio.

ARDELIA             - Ma luilì si dev'esse' 'mbrïaàto a furia di bé' ll'amaro der veterinaio!... Le cicce 'he cascano per le terre! O sor coso: se c'è quarcosa da raccattà' 'un è di certamente robba mia! Ci semo 'ntesi?!

ALIPIO                 - (Ad Alfiero) Ma com'esse', rivoga anco 'varche zampata? Mi pare un po' rubestïa... Mi garbano le giovenche un po' sarvatïe: c'è più succhio a governalle. M'arrïordo della Marfisia, quella puledrina di 'apello rosso 'he c'avevo orell'anno. Anco lei gliera scontrosa ma ci rivai a domalla! Che galoppate si faceva! Tutti ' giorni!... A vvorte anco la mattina e la sera.

ALFIERO             - O se 'un ti c'ho mai visto andà' a cavallo.

ALIPIO                 - La Marfisia: la puledrina a du' gambe e, no per avantazione, du' gambe che 'un si vedano nemmeno alla televisione! Zeppe! Diritte: du' binari! E 'n fondo a' binari c'era lo scambio. Pareva d'esse' alla stazione di Sarrossore... Io gliero 'r manovratore: prima facevo passà' 'r rapido, poi l'accellerato e da urtimo 'r treno merci... E poi m'addormentavo sur piazzale di sosta. Che dormite, ragazzi!

ALFIERO             - Ma dici 'n sur serio? 'Un ti c'ho mai visto cor una rossa... A ddì' la verità 'un t'ho mai visto 'on nessuna.

ALIPIO                 - Perché mi rimpiatto, mi rindoppo. 'Un posso mïa mettile 'n piazza le mi' 'onquiste... La gente 'hiacchera... Quando mi 'apita 'varche caprettina da sgarganà', la porto 'n quarche scannatoio di foravia.

ARDELIA             - Ma saremo sïuri? L'ha sentito: c'ha lo scannatoio sur treno merci che lo fa tirà' da una 'avalla rossa fino allo scambio di Sarrossore, ci stiocca du' 'aprette, ci si mette sopra a dormì' e manovra 'r piazzale per vedé' di sgarganà' ll'accellerato... Mamma mia che omaccio!

ALFIERO             - Fa così per dì' ma gliè un brav'omo. 'Un gni dìi retta.

ALIPIO                 - Eppure m'invia a garbà' cotesta gallinella! M'arrïorda 'vella ciuina 'he 'ncontrai alla posta mentre pigliavo la pensione. M'intoppò 'n sull'uscio, mi treppiò un piedi... Lo fece apposta per attaccà' discorso! Bimbi, 'he ciuina! Per di lungo 'un era un gran ché, ma per di largo... così! Da rimbarzacci! Doppo un po' mi viense 'r mar di mare.

ALFIERO             - Cosa ne dice, Ardelia? Come omo, 'un è che sii da buttassi via. Ora, magari, l'ho preso e portato via ma se lo 'mmagini cor vestitino bòno: la su' figura la fa sempre.

ARDELIA             - Sì... nell'insieme... Ma sta sempre a chiaccherà' di 'velle 'osacce!

ALFIERO             - Anche 'vello fa parte della vita 'n comune.

ARDELIA             - Ma bisogna vedé' se quer che dice gliè vero! Perché mi sa che luilì, ar conquibusse... Poi a me, mi garba sentimmi di' le paroline dorce... O allora, se son romantïa...

ALIPIO                 - 'Un avé' paura, bimba, si starà sempre assieme: come 'r toro e la vacca, come 'r conigliolo e la 'onigliola, come 'r maiale...

ARDELIA             - Arte!! 'Un principià' a offende'! 'Un sono mïa una puledra 'ollo scambio o un gommone da rimbarzacci sopra! Er mar di mare te lo faccio venì' a forza di nocchini, se 'un righi diritto!... Ora, vero... un po' di dondolio, di sciabordio... come andà' 'n sull'ottovolante...

ALIPIO                 - Ti faccio girà tutte le 'arrozzine, bimba: l'ottovolante, l'autoscozzo, la giostra e 'r baraccone der mostro!

ARDELIA             - Via... Alipino...

ALFIERO             - Allora, bimbi, mi sembra 'he le 'ose si mettano per er verso. Vi siete visti, vi siete 'onosciuti e, se vi siete garbati, si pòle 'ombinà' ll'affare. (Entra Ermellina, non vista si nasconde, ascoltando)

ALIPIO                 - Ce n'ho avute di meglio, ma questa lupacchiotta 'he qqui deve sapé' sgraffià' e morde' meglio della mi' povera Beppina... A me m'enno sempre garbate le femmine un po' scorbutïe.

ARDELIA             - E a me m'enno sempre garbati ll'omini brutali che le donne le strapazzano... ma le sanno anche riempì' di 'omprimenti, di pensierini...

ALFIERO             - Allora per voi due la 'osa è fatta. Si pòle andà' su da me per sistemà' tutti ' partïolari. Ma prima bisogna 'he Assuntina si decida; Ardelia, tocca a lei: guardi di 'onvincela. D'artronde, se si 'ombina tutt'e quattro assieme è la meglio 'osa. Si stappa una boccia di schiumante e vedrete, quarcosa nasce. Vada a chiamà' Assuntina; dov'è?

ARDELIA             - Gliè di là cor sor Ruggero. 'Un la posso chiamà'. Bisogna aspettà' che abbino finito.

                               SCENA 8     - ARDELIA, ALFIERO, ALIPIO, ERMELLINA, ASSUNTINA, RUGGERO

ERMELLINA       - (Si mostra agli altri) Finarmente s'è scoperto 'osa si 'ombina 'n questa 'asa! Vergognativi! alla vostra età! E lei, Alfiero, a fa' 'r rufiano a questi du' vecchiacci bavosi! Venite da me, si stappa lo sciampà"! E qual è la su' rïompensa? Assuntina?... 'Un l'ha 'ndovinata, perché la su' Assuntina lo sa cosa fa? Sta di là cor un omo a pagare... in natura... le lezzioni 'he quer disgraziato dà a quer rimbecillito der su' figliolo per fallo sembrà' meno scemo! Vòr vedé'? (Chiama a destra) Ruggero! Vieni subito qui! Mòviti!

RUGGERO           - (Entra con Assuntina)Cosa c'è, per fare tanto baccano? Stavamo appunto chiedendoci se non fosse successa qualche disgrazia.

ERMELLINA       - Sì, ci sarà la disgrazia! Perché io v'ammazzo tutt'e ddue! Infami! Me n'ero accorta: ci venivi troppo volentieri a fa' lezione a quell'imbecille senza portà' mai una lira! Per forza: ti pagava 'n natura quella spece di... befana 'n calore!

ALFIERO             - Eh, no! Qui bisogna mette' le 'ose 'n chiaro, belline mie! Perché io avevo speso una parola credendo d'avé' a che fa' con delle donne per bene. Ma se mi devo portà' 'n casa una 'he mi riarza 'r capo da fallo sembrà' un attaccapanni, una sòcera 'he gni tiene bordone e fra tutt'e due mi fate passà' anco da rufiano... allora gliè meglio fa' com'ho fatto 'nfin'a ora... Vieni via Alipio, 'un ti ci 'onfonde' 'on questa madama... di Pompadur!

ALIPIO-                - Propio ora 'he m'inviavo a divertì'? A me questa madama... com'hai detto te, mi principia a svagà'! E uno scolletto ce lo farei volentieri.

ARDELIA             - Ma cosa vòi scollà'! Gliè digià tutto scollato! Neanche 'or una boccia di vinavìlle si rimetterebbe ar posto.

ERMELLINA       - O 'un gni son sempre garbati ll'omini brutali? (Ad Assuntina) A te invece 'ome ti garbano? Un po' rammolliti? Come 'r sor maestro?!

ASSUNTINA        - Stammi a sentì', pillaccherona! E statimi a sentì' tutti! Se lo volete sapé' questo poveromo era di là a 'nsegnà' ar mi' figliolo e io ero dreto a fa' mangià'; ma no le scatolette! Perché 'r mi' tempo 'un lo passo a fa' le scenate 'n casa d'artri! E 'r tu' marito, farebbe dimorto bene a fattele. Devi di' che gliè troppo bòno e te, te n'approfitti: squaqquerona!

ERMELLINA       - Ruggy, hai sentito, mi ha offeso! Ruggy, non fai niente? Ah, io svengo. (Si accascia su una sedia assistita dal marito)

ASSUNTINA        - In quanto ar sor Arfiero, se vòle sta' a casa sua a fa' 'r solitario, facci pure. Ma 'un venga a dì' che gni si riarza 'r capo! Perché prima d'offende' bisogna esse' sïuri; e te sïuro'un siei: di là c'ero io, e lo so io quer che facevo! E so anche 'he certe 'ose 'un l'ho mai fatte e 'un le farò mai... speciarmente davanti ar mi' figliolo! Ma se 'nvece vòi da' retta a' discorsi d'una squaqquerona... accomòdati: l'uscio gliè lì!

ALFIERO             - Hai ragione... Hai ragione da vende'... com'ho fatto a 'un pensacci: davanti ar tu' figliolo... Ma neanco la donna più 'nfame di tutto ll'universo lo potrebbe fa'... Ti 'hiedo perdono; guarda, mi metto 'n ginocchio, resto 'osì... prostrato...

ARDELIA             - Sì, prostatïo! Però 'un si pòle mïa lassallo 'osì se c'ha male alla prostata... Chiamamo 'r centodiciotto.

ASSUNTINA        - Ma si 'heta, anche lei! Sempre 'olle su' baggianate!

ALIPIO                 - 'un gni da' retta, bimba. Se dài retta a me, si va a casa mia, s'accende la stufina, si 'oce du' ballotte... e ci si sballotta un po'.

ARDELIA             - Falla finita! ma mi dici 'osa vòi? Se cerchi du' ciabattate ti servo subito... te le do io le puledrine! Ti do le 'avallone!... Fòri! Fòri tutti! Per cosa l'avete presa 'vesta 'asa? Per er reusorio?! Fòri tutti, vi faccio ruzzolà' le scale!... Tutti fuggono eccetto Assuntina) Io dïo ar manïomio ci si sta di più tranquilli!!

ATTO SECONDO

La stessa scena del primo atto

                               SCENA 1     - ARDELIA, BEPPINO, ASSUNTINA

ARDELIA             - Bimbo, siei lesto? I libbri l'hai presi tutti? Il lapisse l'hai appunzito?... Guarda d'un ti scordà' nulla... e stai attento!

BEPPINO              - Gliè tutt'ar posto nonna, vedrai 'ome son bravo... Ma perché 'r maestro, oggi 'un è venuto e mi tocca andacci a me, a casa sua?

ARDELIA             - Perché... ha detto 'he gliè un po' stanco... a casa c'ha tutti ' libbri...

BEPPINO              - Eppoi perché la su' moglie, ieri t'ha 'ntoppato 'vì con du' omini e ha paura per er su' marito...

ARDELIA             - Chi te l'ha detto 'otesto?... S'eramo 'vì che si ragionava delle nostre 'ose... 'Un fa' tanto ll'impertinente; 'un è successo nulla.

BEPPINO              - Ma la sora Lina ha detto che 'r su' marito 'n questa 'asa 'un ci deve mette' più piede.

ARDELIA             - Enno 'ose che te 'un c'incastri. L'importante è che 'r sor Ruggero l'abbi 'onvinta a fallo 'ontinuà' a datti le ripetizioni.

ASSUNTINA        - (Entra) Beppino, siei ar posto? La lezzione l'hai ripassata? Fammi sentì' quer che dicevi l'artra sera, mi garbava tanto... que' due che si devano sposà' ma 'un possano perché su' padre 'un vòle; allora scappano cor un barchetto 'n sur lago e vanno a finì' dove c'era la peste...

BEPPINO              - Enno i Promessi Sposi... lo so raccontà' guasi tutto.

ARDELIA             - M'arrïordo 'vando Renzo s'era messo a lavorà' 'n un impresa di pulizie e va a lustrà' le maniglie de' portoni con quella porverina 'he serviva per attaccà' 'r colera... allora s'incontrò con quelle sòra 'he stava di 'asa a Monza... Ferrari, mi pare si 'hiamava; e 'nsomma si sposonno da Don Abbondio.

BEPPINO              - No, nonna: 'un è mïa 'osì! Te 'un la sai raccontà'

ASSUNTINA        - 'Un importa. Ora vai perché gliè già tardino.

BEPPINO              - Allora vado. Appena ho finito ritorno. (Esce, salutato a soggetto).

                               SCENA 2     - ARDELIA, ASSUNTINA

ARDELIA             - In fondo, le 'ose le sa. Devi di' che 'un c'ha tanto garbo ner raccontalle. 

ASSUNTINA        - Meno male che 'r maestro, armeno una vorta s'è fatto sentì dalla su' moglie. Com'era arrabbiata! credevo dasse di fòri.

ARDELIA             - La 'orpa gliè anche un po' tua: ti vai a rimpiattà' 'n cucina! Se vòi fa' quelle 'ose llì ti devi trovà' un posto sïuro!

ASSUNTINA        - Cosa dice? Ma gni pare che io sii bòna a fa' certe 'ose davanti ar mi' figliolo... ma poi, anche senza 'r figliolo.

ARDELIA             - E poi, devi dì' che 'un l'avreste potuto fa' perché 'r maestro... (mimica per indicare impotenza) Oh, l'hai detto te che 'un è bòno!... Già: o te come fai a sapello?

ASSUNTINA        - Ardelia!... Ha davvero voglia di ruzzà'...

ARDELIA             - 'Un enno mïa 'ose 'he si leggano 'n su giornale... se si sanno, vòr di' che si sanno. Come dice 'vello: provà' per crede'.

ASSUNTINA        - Se lo rïorda ce lo disse lei d'andà' 'n cucina per istà' più tranquilli, perché qui c'era un viavai di gente.

ARDELIA             - Appunto; se qui c'era lo spasseggìo, era da prevedessi 'he quarcuno sarebbe andato di là; c'è anche la porta 'he chiude male.

ASSUNTINA        - Ma se lei è quella 'he sa ' posticini sïuri, perché s'è fatta ritrovà' sur fatto addirittura con du' omini!... Ma da una parte, gliè stato meglio 'osì. Nelle diffïortà si 'onosciano le gente... C'era un omo che aveva detto di volemmi bene e alla prima occasione s'è lasciato stravià' dall'apparenze... No, no: da qui 'n avanti porterò ' fiori sulla tomba der mi' Giustino e basta. Tanto ll'omini son tutti mascarzoni, tutti marfidi.

ARDELIA             - Fai bene a portà' ' fiorellini sulla tomba der tu' povero marito... Du' rappe di verdura possan bastà'; c'è tante scepre sulla via der cimitero... I fiori si spampanano. Anch'io, quando vado dar mi' Anacreonte, cosa ti 'redi: 'he vadi a comprà' ' grisantemi? Mi porto dreto una 'urtellina e lungo la via... zac... zac. Dartronde, la verdura gni garbava tanto: gni facevi una piattata di rape e un bicchiere di vino gliera 'ontento matto.

ASSUNTINA        - Ma ner vasino de' fiori 'un gni ci pòr mïa mette un par di palle di rape!

ARDELIA             - Provai, una vorta ma cascavan tutte di fòri. 'R morto di sotto si mise a letïà'... No: du' rappine delle scepre è quer che ci vòle. Tanto, 'un se n'accorge: era sempre mezzo cèo... ner piatto gni bastava di vedecci quarcosa di verde: poteva esse' erba medïa, un pezzetto della bandiera, una persiana.

ASSUNTINA        - Esagerata! In ogni modo; co' fiori o colle rape, 'un ne voglio più sapé' di spasimanti. Tanto, se quarcuno mi piglia è per fagni la serva. E io la serva 'un la voglio fa'.

ARDELIA             - Fai bene! Ci mancherebbe anco 'otesta! C'hai digià tanto da fà' qui drento: chi le farebbe le faccende. Una donna 'n casa ci vòle!

ASSUNTINA        - Perché, lei 'os'è, un busdrogghe? Anco se una certa somiglianza c'è, all'anagrafe mi pare, l'hanno registrata 'ome donna. Magari ll'impiegato 'ver giorno ci doveva avé' l'occhi pieni di cispia; gni viense da dì' donna, ci misse 'r timbro gliè andata avanti 'osì. Ma se dovessano fa' la revisione, sulla 'arta d'identità ci scriverebbano: iena ridens, buffalo maremmano, cane der San Bernardo!

ARDELIA             - Te discorri perché 'un m'hai 'onosciuto 'vand'ero giovana! Ma anco da che son rimasta vedova, le mi' occasioni mi son capitate: anco orellanno mi stava dreto 'ver bell'omo... si 'hiamava Benvenuto, di soprannome... perché di nome faceva Sventuro... 'Un lo vorsi perché voleva 'he l'andassi a trovà' sur lavoro: faceva 'r becchino; voleva andà' a fa' franella fra le tombe.

ASSUNTINA        - Mamma mia 'he conquiste! Un becchino, quell'artro svanito der veterinaio; ci manca 'r guardiano der giardino zoologïo...

ARDELIA             - Quello no; ma un vigile notturno sì: faceva li strordinari di giorno per venimmi a trovà'! Ma d'ora 'n avanti, hai ragione te: coll'omini si 'hiude! Si 'redano di venì' a fa' ' padroni, a comandà'... Anco 'r mi' Anacreonte gliera 'osì. Devi dì' che faceva 'omodo per quarche lavoretto: piantà' un chiodo, ripulì' da' ragnoli. Se facevi a tempo a prendilo prima 'he s'imbriaàsse, quarcosa ci potevi tirà' fòri.

ASSUNTINA        - Anco 'r povero Giustino, 'n casa gliera un aggeggino... A Beppino gni faceva fa' 'r girotondo e all'urtimo 'ascavano 'n terra tutt'e due da' giramenti di 'apo. E difatti 'r bimbo 'un s'è anche rimesso tanto bene.

ARDELIA             - Povero bimbetto, quarcuno 'he gni facesse da babbo gni ci vorrebbe.

ASSUNTINA        - Gliè vero... A proposito: s'è allentata una vite der fornello a gasse; bisognerebbe aggiustallo ma senz'omini 'n casa 'ome si fa?

ARDELIA             - Già, 'un pòi mïa chiamà' 'r meccanïo, ci vòle una balla di 'varini... Se 'un tu avesse letïato cor Alfiero...

ASSUNTINA        - Stai a vedè' mi tocca sposallo per istringe la vite der fornello!

ARDELIA             - 'Un dïo 'otesto. Anch'io, cor mi' Alipio c'ho fatto 'r giuro: mai e poi mai!... Se lo dovessi riincontrà'... nella vita 'un si pòr mai di'... Beh, io vado a fa' la spesa... ma te pensaci, ar tu' figliolo... la vite der gasse... è perïoloso... Speriamo 'n bene! (Esce)

                               SCENA 3     - ASSUNTINA, ALFIERO

ALFIERO             - Posso entrà'? L'uscio gliè aperto... ma ora vado a piglià' l'attrezzi r l'accomòdo... Assuntina, 'un c'è sortanto l'uscio da accomodà'. S'è rotto quarcosa anco fra di noi due; guardamo di riaccomodallo.

ASSUNTINA        - Se basta una piallatina o una spennellata di 'olla... Io 'osa devo fa'? Ti devo arregge' 'r barattolo?

ALFIERO             - 'Un ruzzà', gliè una 'osa seria! Ho aspettato 'he sortisse la tu' sòcera per potettici 'ntoppà' sola e chiaccherà' delle nostre 'ose. Quer che gliè successo ieri enno 'ose 'he nella vita possan capità' e dall'artra parte, le 'ontrarietà che ti sartan fòri... gliè propio 'vello 'he t'insaporisce 'r gusto della vita. C'è sempre quarcosa 'he t'inciampa nelli stinchi e ti fa ruzzolà'. Allora ti riarzi e seguiti a datti da fa' per andà' avanti; e quando siei 'rivato a superà' tutti l'intoppi... ti sento 'ome se tu avessi vinto una guerra, come se tu fussi 'rivato 'n cima a un monte e quer che c'è sotto fusse tutto tuo... Ecco, se per arrivà' a questo ti devo chiede' scusa... te la 'hiedo... sarà la prima vorta nella mi' vita, 'un vòr di', ma avrò agguantato 'r mi' scopo.

ASSUNTINA        - 'Un c'è bisogno di scusassi. Nella vita, si sa, si pòle sbaglià' tutti.

ALFIERO             - Appunto... e devi ammette' che anche te c'hai la tu' parte di 'orpa. Ragionamone un po': ti 'riva 'vella a fa' quella po' po' di scanagliata, fa de' discorsi che lì per lì, potevan collimà' co' fatti... perché, oh, da quella porta lì, cor un omo, ti c'ho visto sortì'.

ASSUNTINA        - E te allora, credi all'apparenze; tutta la tu' passione dove va a finì'? Quando si dice di volé' bene a una persona bisogna, prima di tutto avé' fiducia, sennò finisce 'r rispetto, la sempatia e si doventa 'ome du' estranei. Peggio: come 'r cane e 'r gatto!

ALFIERO             - Hai ragione. Ma devi 'apì' che nella mi' vita ho sempre dovuto sbrigammi le 'ose da me solo. 'Un son pratïo di 'ome ci si 'omporta 'n socetà.

ASSUNTINA        - La socetà der corpo sciorto! Stareste bene lì!

ALFIERO             - Allora... ci s'ha a mette' una bella pietra sopra?

ASSUNTINA        - Una bella pietra te la tirerei volentieri sulla 'hiorba. Ma visto che 'un si pòle, diciamo 'he ll'incidente gliè chiuso.

ALFIERO             - Allora vòr di' che noartri... insomma... si potiamo 'onsiderà' addamati?

ASSUNTINA        - Pianino, 'un corre' tanto. Una ragazza per bene 'un pòle mïa di' subito di sì... Cosa dirrebbano le gente... Enno 'ose 'he vanno ponderate.

ALFIERO             - Fai bene a ponderà'. Ner frattempo io starò qui a agganghì'... Me lo farai sapé'... O quanto ti ci vòle per ponderacci?

ASSUNTINA        - 'Un lo so, son cose delïate... cinque menuti!

ALFIERO             - Aspetterò. Intanto te la posso fa' una serenata? (Canta) Ah l'amore, l'amore è un dardo...

ASSUNTINA        - Zitto! Vòi fa' corre' tutto 'r casamento?... Però, gioà' a dadi coll'amore...

ALFIERO             - Ma che dadi! La 'anzone dice: l'amore è un dardo, com'esse' una freccia 'he ti si ficca ner còre e ti senti tutto 'ncalorito.

ASSUNTINA        - Ti faccio un po' po' d'acqua di marva? Cor una freccia ner còre 'un pòi mïa durà' tanto. Va a finì' rimango subito vedova un'artra vorta!

ALFIERO             - Te cerchi di svïolà' 'r discorso per tenemmi 'n sur furzi, soggallato... I cinque menuti glienno passati e la tu' risposta... gliè sì?

ASSUNTINA        - Via 'un me lo fa' di'... Enno 'ose 'he bisogna 'apille senza dille.

ALFIERO             - A me, l'arfabeto morse 'un m'è mai garbato, ma se vòi 'osì... stamo zitti... e damosi un bacio.

ASSUNTINA        - Seeh... ci mancherebbe artro... O cosa ti passa per er cervello?

ALFIERO             - Mi pare 'he sii una 'osa 'he viene di 'onseguenza... se semo addamati...

ASSUNTINA        - Per esse' addamati bisogna mettisi una pedina 'n capo. 'Un mi garbano certi giòi! So gioà' poïno anche a carte; un po' a briscola.

ALFIERO             - O la scopa? Com'esse', ti garba la scopa?

ASSUNTINA        - Bimbo, 'un corre' tanto! Tutti 'osì ll'omini: ti pigliano alla larga e poi si sa dove vanno a cascà'! Eppoi, lo sai, la donna si deve tené' un po' po' 'n sur furzi.

                               SCENA 4     - ASSUNTINA, ALFIERO, BEPPINO

BEPPINO              - (Entra) Mamma, ho risposto bene a tutto! Tu vedessi 'r maestro! M'ha chiesto di raccontagni la guerra der risorgimento e tutta la tabellina der cinque. C'è rimasto a bocca aperta! 

ASSUNTINA        - Bravo! Speriamo 'n bene per er concorso!

ALFIERO             - Ormai ci s'ha 'n casa uno scenziato, un alletterato. I giovani d'oggi enno più 'ntelligenti, più svegli; a' mi' tempi 'un eran mïa tanti 'velli 'he si potevan permette' d'andà' a scòla. Anch'io 'ver pòo 'he so, me lo sono 'mparato tutto da me: sono un autodidattico.

ASSUNTINA        - Cos'è, 'r camioncino per carïà' 'r legno? O 'un c'hai 'r carretto?

ALFIERO             - Lo vedi 'osa vòle di' la gnoranza! Esse' autodidattichi vòr di' esse' 'struiti per conto suo; sapé' le 'ose senza esse' andati a scòla... Ho letto tutta la Divina 'Ommedia, tre poesie der Pascoli, due der Carducci...

ASSUNTINA        - E una pila 'osì di Topolini! Da Pilade, quello 'he c'ha la stesina de' giornalini, siei un criente fisso.

ALFIERO             - Quelli mi servano da relacchisse. Perché a furia di legge' Dante ti c'immedesimi: ti pare d'esse' sulla barchetta di 'Aronte, a tavola 'or conte Golino a mangià' 'r capo di 'vell'artro disgraziato. E allora, per digerì', per rifassi un po' 'r cervello, uno si mette a legge' quarcosa di più serio.

BEPPINO              - A me mi garba anche Paperino quando letïa con quer su' zio tirchio 'he c'ha tanti 'varini e 'un vòle mai spende' nulla perché gliè tirchio. A me 'nvece, se c'avessi tanti sòrdi mi garberebbe spendili, divertimmi, fa' quarche regalino alle bimbe.

ASSUNTINA        - Ma sentilo 'osa c'ha ner capo: le bimbe! Alla su' età!

ALFIERO             - Ha ragione! O a cosa deve pensà'?... Quand'hai vinto 'r concorso si va tutti a fa' una bella mangiata.

ASSUNTINA        - Pianino. Prima c'ha da vincelo e poi 'un inviamo a spende' e a spande'; i 'varini bisogna asserbasseli. assai guà, 'un bastano mai.

BEPPINO              - A proposito di 'varini: c'è 'r maestro vòl'esse' pagato. Me l'ha detto di dittelo se gni pòi da' quarcosa.

ASSUNTINA        - Ha ragione, ma ora 'n dove li trovo? Bisogna 'nventà' un sistema per levalli di sotto alla tu' nonna. E sai, li tiene sotto la gonnella fra la 'amicia e la gonnella, fra ' legaccioli delle mutande.

BEPPINO              - Aspettamo 'he s'addormenti, così 'un se n'accorge.

ASSUNTINA        - Gliè capace c'ha messo l'antifurto.

ALFIERO             - 'Un vi sgomentate per questo. O quanto gni dovete da'?

ASSUNTINA        - Di preciso 'un s'era 'ombinato nulla. S'era detto una rïonoscenza.

ALFIERO             - Allora si fa cosi: (estrae dei soldi dal portafogli) per ora portagni 'vesti. Gni dici sono un acconto, se 'un gni bastano, gni se ne darà dell'artri.

BEPPINO              - Sì, vado; vado di 'orsa. (Esce)

ASSUNTINA        - Perché gn'hai dato que' sòrdi? ora c'ho da ridatteli.

ALFIERO             - No, 'un voglio nulla. Dartronde, se dovento 'r capo famiglia devo soddisfà' ' bisogni familiari, ti 'apacita? E già che la 'osa mi sembra assistemata, si potrebbe ripiglià' 'r discorso da dove s'era lasciato... Io son sempre qui che aspetto, aspetto quer bacio.

ASSUNTINA        - No, Arfiero, 'un rinviamo... Certe 'ose alla nostra età...

ALFIERO             - Cosa c'incastra l'età. er còre 'un invecchia mai.

ASSUNTINA        - Ma 'un c'è mïa sortanto 'r còre!... 'Un esse' 'nsistente. Potrei anche 'un sapé resiste' (Voci dalle scale) Decco gente, dev'esse' la mi' sòcera. 'un me la sento di ricevélli 'n queste 'ondizioni. Vado di là.

ALFIERO             - Vengo anch'io: c'ho da finitti 'r discorso. (Escono a destra)

                               SCENA 5     - ARDELIA, ALIPIO

ARDELIA             - (Entra da sinistra con Alipio) Vieni Alipio, 'un ce la fai più? Se 'un siei bòno a fa' tre piani di scale, come farai 'olle donne?

ALIPIO                 - Fammi ripiglià' fiato... 'un ci son più abituato. Ma lo sai 'vando stavo 'n campagna, m'arrampïavo 'nsu quelle 'olline parevo una lepre! M'arrïordo la Pierina, una sposana d'ottantatre chili, bella... mi ci sperdevo. Stava 'n cime ar poggio di Santa Lucia e 'nvece la Giovannona, una sposina secca secca, stava dirimpetto, sur poggio der Meleto. C'era da scende' la valle e risalì' da quell'artra parte... la facevo a frullo, maremma valligiana... e a vorte anco andata e ritorno!

ARDELIA             - Sarà anco vero ma ci 'redo pòo! Se doppo tre piani di scale ti ci vòle lo zabaione per tiratti sù, cosa ti ci vorrà quando monterai... sull'abbaino di soffitta!

ALIPIO                 - Mi garbi Ardelia, hai sempre voglia di ruzzà'... M 'un avé' paura : 'un ce n'è bisogno di zabaioni; son bòno a entrà' nell'abbaino... e anco nell'uscio di 'antina... maremma porverosa!

ARDELIA             - L'uscio di 'antina gliè murato! C'è tutto nero da quando ci stava 'r carbone! Stai bonino: se ti dài da fa' ti viene subito ll'affanno.

ALIPIO                 - Mi ripiglio, 'un avé' paura. Glienno le scale 'he mi danno un po' noia, per er rimanente pòi sta' tranquilla. Der resto 'un c'è mïa bisogno di sta' 'n sù e 'n giù: quando ti siei messa 'n casa un po' di spesa, 'un c'hai più da sortì'. Si pòle sta' notte e giorno sempr' appiccïati... come 'r piccione e la picciona, nella su' gabbietta, ar cardo...

ARDELIA             - Via, Alipino... 'un insiste... va a finì' che mi ci fai crede'.

ALIPIO                 - A ccosa?

ARDELIA             - A quella storia de' piccioni tutt' appiccïati... Devi di' che ci vorrebbe un bussolo di scòcce pe tenetti appiccïato... perché ho paura...

ALIPIO                 - Allora te mi vòi vedé' alla prova de' fatti! Bada: se mi scateno io, 'un si sa cosa pòr succede'! Te 'un mi 'onosci!

ARDELIA             - Mamma mia ora s'arrabbia. Ti devo fa' un po' di apomillora?

ALIPIO                 - Ma che capomilla! Mi sento tutto 'nvarvolato mi ci vorrebbe... un bacino!

ARDELIA             - Via... Ali... Cosa ti sarta ner ceppïone? Ogni 'osa ar momento giusto. Le donne vanno 'orteggiate: bisogna fagni du' 'omprimenti, du' regalini; poi, si pòle riparlà' di 'velle 'ose lì!

ALIPIO                 - Ma io la 'orte te l'ho fatta... è da ieri 'he ti 'onoscio... e un bacino tanto per invià', ci potrebbe sta' bene.

ARDELIA             - (Fra sé) Mi sento tutta 'nvarvolata anch'io! (Suonano il campanello) Decco 'varcuno... propio 'n sur più bello! Avanti, l'uscio gliè aperto.

                               SCENA 6     - ARDELIA, ALIPIO, RUGGERO, BEPPINO

RUGGERO           - Con permesso? Cara signora Ardelia, come va?

ARDELIA             - Si tira avanti che alla fin de' 'onti 'un si potiamo lamentare: insomma ci s'arrabatta. O lei piuttosto, n'ha toccate dalla su' moglie?

RUGGERO           - Cosa dice'!? Mia moglie era un po' alterata perché era caduta nell'equivoco ma non si permetterebbe mai di menare le mani.

 BEPPINO             - Nonna, chi è quell'omo? Pare 'r due di picche! Tutto brutto, vecchio... 'Un sarà mïa 'vello 'he ti c'hanno 'ntoppato assieme?

ARDELIA             - Vi presento un mi' amïo. Un omo che ha dedïato tutta la su' vita ar bene dell'umanità: faceva 'r veterinaio... Si 'hiama Alipio ma io lo 'hiamo Ali ne' nostri momenti d'intimità, vero Ali?

ALIPIO                 - Di certo, Ardy.

RUGGERO           - Molto piacere, anche se ci siamo già incontrati ieri.

BEPPINO              - Tanto piacé' di 'onoscila, sor Ali. Io sarei com'esse' 'r nipote della su' amïa Ardy. Mi 'hiamerei Beppino ma se vòr fa' Bepi, facci pure.

ALIPIO                 - Se t'hanno 'hiamato Beppino, mi va bene; gliè un bèr nome. M'arrïordo der toro der Sarvadori, (a Ruggero) lo 'hiamavano Beppino. Appena t'entrava una vacca nella stalla, vedevi 'vesta po' po' di bestia...

RUGGERO           - Ascolterò in altra occasione i suoi ricordi professionali. Ho solo fatto un salto per ringraziarvi del disturbo che vi siete preso.

ARDELIA             - 'Un lo dïa, 'un è nulla. Sì, ieri con tutto 'ver trambustìo, un po' scombussolata di stomao ci son rimasta... ma 'un mi deve ringrazià'... se ogni vorta 'he c'ho la diarrea, le gente mi dovessano ringrazià', ci sarebbe la processione per le scale! Eppoi, cor una limonata carda m'è passata.

RUGGERO           - Il mio ringraziamento si riferisce a quella somma di denaro che avete voluto inviarmi quale compenso per le mie lezioni.

ARDELIA             - Quarini? Sì, io... noi... s'era detto... O come l'ha avuti 'vesti 'varini?

BEPPINO              - Gnen'ho portati io or ora.

ARDELIA             - E a te chi te l'ha dati?

BEPPINO              - S'eramo 'vì che si ragionava di 'ome rubatteli, ma siccome li tieni rindoppati sotto la franella e mamma 'un se ne giova, c'era Arfiero ha detto è meglio 'un corre' rischi e ma l'ha dati lui. Ha detto anche 'he poi si va tutti a fa' una bella mangiata.

ALIPIO                 - Se c'è da mangià' vi ci porto io. C'è un ristorantino ar mi' paese, 'r padrone gliè mi' amïo; gni portavo sempre 'varcosa: un conigliolo 'he moriva di ventrina, quarche pollo 'he gni veniva ' bài, una peora spelacchiata... cert'arrostini!

ARDELIA             - (Fra sé, mentre gli altri continuano a parlottare fra loro) Allora se quell'artro t'invia a spende', vòr di' che quarini ce n'ha! Meglio 'osì, andrà meglio anche per me... perché 'r mi' Ali, dev'esse' un po' a corto... di 'varini, 'ntendemosi.

                               SCENA 7     - TUTTI

ERMELLINA       - (Entra) Ruggero... Sei qui? Ho fatto tutto 'r palazzo per rintracciatti.

RUGGERO           - Ho accompagnato Beppino e mi sono fermato a salutare gli amici.

ERMELLINA       - Gli amici... o le amiche?

RUGGERO           - Certo: anche la signora Ardelia è una mia ottima amica

ARDELIA             - Toh, si ruzzava assieme da bimbetti colle bamboline.

BEPPINO              - Nonna, gioavi anche ar dottore a l'ammalata?

ALIPIO                 - Ti garbano le bamboline, Ardy? Anche a me mi garbano: ma quelle belle grosse, di ciccia.

ERMELLINA       - Eccoli i tu' amici! Le bambolone... cor dottore e l'ammalata! O la tu' bambola dov'è? Di là? E te 'un ci siei? 'Un ti tocca!?

RUGGERO           - Cerca di controllarti... Entri in casa d'altri come una furia, fai delle allusioni piuttosto pesanti... pensa a quello che dici.

ERMELLINA       - Mi spieghi un po' cosa sono que' sòrdi che ho trovato sur canterale!

RUGGERO           - Ecco, appunto: quei soldi sono un gentile pensiero dei miei amici che vogliono compensarmi per le mie lezioni.

ARDELIA             - Sïuro! Perché ' debiti 'un ci garba avenne! E quando di deve pagà' quarcuno gni si snocciolano 'nsull'ugna!

ERMELLINA       - Ma allora, Ruggy, quei soldi... quegli spiccioli che portasti l'altra settimana; mi diceste che eri stato pagato da' tu' amici. Se invece t' hanno pagato ora, quegli spiccioli là a cosa si riferiscano?

RUGGERO           - Non ricordo... Ah, ecco... sì: mi ero fermato un momento al bar e ho fatto una partita con certi amici... ho vinto

ERMELLINA       - O se 'un gioi mai a carte! Una vorta cor due voleva prende' 'r regio e facci anche scopa!

RUGGERO           - Ma non si giocava a carte... si giocava a scacchi... a dama.

ALIPIO                 - Allora noartri due semo addamati!

ERMELLINA       - Bada 'he la dama è un giòo perïoloso. Perché certi rigiri ti possan fa' finì' 'n galera!

ALIPIO                 - Ecco 'n dove mi garberebbe andacci con te! Di lì 'un ci sorti! Si starebbe nella cella tutt'e due... tutt'appiccïati!

ARDELIA             - La fai finita! 'Un sai pensà' a artro? E anco te, bella mi' 'osina, ci devi avé' 'r chiodo fisso! I rigiri! Ma cosa vòi rigirà'! L'unïa 'osa 'he si rigira son le tasche vòte alla fin der mese! Per tormentà' 'r tu' marito hai scavicchiato anco 'r sistema della gelosia e hai tramutato 'vesta 'asa 'n una spece di bordello… Se 'un fai presto a andattene t'agguanto per le trombe... delle gonnelle e ti faccio ruzzolà' le scale! Anco se son vecchia, se mi ci metto, son sempre bòna!

ASSUNTINA        - (Entra con Alfiero) Cos'è quest'urlio? Cos'è successo'

ERMELLINA       - Ma lei lì sta fissa 'n quella stanza? E sempre cor un omo! E sempre diferente! (Al marito) Cosa mi racconti? Un' artra storiellina come quella della dama? Di là 'un c'è mïa 'r circolo delli scacchi!

ASSUNTINA        - In questa 'asa li scacchi 'un si sa nemmen cos'enno e ' circoli 'un li sa fa' neanco 'r mi' bimbo cor compasso! Ma una 'osa si sa dimorto bene: che que' troiai 'he t'immagini te, qui 'un ci son mai successi! Questo signore è 'r mi' fidanzato e fra poïno ci si sposa. Mi pare 'he du' promessi possano appartassi per dissi le su' 'ose, per fa' ' preparativi.

ALIPIO                 - Per fa' le prove! Gliè da ieri c'ho questa giovenca per le mane... ma 'un mi riesce 'rivacci.

ARDELIA             - Visto 'he semo 'n vena di 'onfidenze... anch'io avrei 'ntenzione d'addamammi... con quest'omo 'vì.

ALFIERO             - Allora si fa tutt'una festa. Si va 'n chiesa tutt'e quattro assieme. E 'r testimonio si fa fa' a Beppino... e magari anche ar sor Ruggero.

RUGGERO           - Con molto piacere.

BEPPINO              - Sì sì, cor vestitino bòno... Ma 'un c'è mïa da studià'?

RUGGERO           - No, stai tranquillo.

BEPPINO              - Ma la su' moglie, ci viene anco lei?

ASSUNTINA        - Magari 'un se lo meriterebbe; ma stii tranquilla: fra l'invitati ci sarà anco lei. A patto che 'un vienghi più a spillaccherà' 'n casa mia. Perché, vedete, tutti ci s'ha ' nostri pregi e ' nostri defetti; basta guardà' sortanto ' pregi e quando viene a galla 'varche defetto... basta tappassi ll'occhi a fa le viste d'un vedello. E questo gliè 'r segreto per esse' tutti bòni e volessi bene.

RUGGERO           - Hai capito la lezione, Ermy?

ERMELLINA       - Sì, la terrò a mente, Ruggy.

ARDELIA             - Son commossa, mi vien da piange', Ali.

ALIPIO                 - C'ho un farzoletto pare un lenzòlo, Ardy

ASSUNTINA        - Son tutti rimbecilliti? O che noi si dev'esse' da meno, Alfy?

ALFIERO             - Di cetamente no, Asùn.

ASSUNTINA        - Allora gnamo, si va a preparà' la festa.

ARDELIA             - Ma si va via tutti e si lassa 'r pubbrïo 'osì? Armeno salutamolo.

TUTTI                    - Bònanotte gente!

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno