Fedigrafi, lecchini, e un po’ assassini!!

Stampa questo copione

Personaggi :

Tommaso Alessio

Brigida                (sua moglie)

Maruska              (la sua finta moglie)

Battista                (vice-capo uscieri)

Capriolo               ( Ingegnere)

Lisetta                  (sua moglie)

Commissario Volpi

Atto primo

La scenografia : l’elegante salotto del Ragionier Alessio, riccamente arredato. La comune al centro, ai lati quattro porte (due a destra, due a sinistra).

BRIGIDA     - Sei sicuro di voler restare da solo?

TOMMASO – Se  non fosse per il lavoro verrei anch’io.

BRIGIDA     - Il tuo attaccamento all’ufficio mi dà sui nervi! E’ possibile che anche

                        d’estate…

TOMMASO – (Interrompendola) Prima il dovere, poi il piacere!

BRIGIDA     - D’accordo. Ma ogni tanto bisogna trasgredire! La vita è una sola e

                        buttarla via così come fai tu, non mi sembra giusto! Io, al posto tuo,

                        manderei tutti a quel paese!

TOMMASO – Ma ti rendi conto di quello che dici? Specialmente con la

                         disoccupazione che c’è nel nostro paese?! Il rincaro dei prezzi, l’euro!

                         Quando uno ha un posto se lo deve tenere caro!

BRIGIDA     - Anche calpestando i propri diritti?

TOMMASO – Anche!

BRIGIDA     - Ma lo statuto dei lavoratori ha sancito che le ferie sono un diritto sacro

                        e inviolabile!

TOMMASO – Lo so’, ma in certi casi è meglio far finta di dimenticarlo!

BRIGIDA     - Eh già! Per te è tutto facile! Tanto sono io quella che va in vacanza

                        da sola!

TOMMASO – Poverina! Io ti capisco! (Sarcastico) Passare una settimana nel più

                         esclusivo hotel della costa smeralda, in compagnia di due amiche, con

                         la prerogativa di poter disporre della misera somma di cinquemila

                         euro da spendere come si vuole, non è proprio il massimo della vita!

BRIGIDA     - Non capisco dove tu voglia arrivare.

TOMMASO – (Sempre più sarcastico) Voglio dire che tu non hai la “fortuna” che

                         hanno, invece, quelle mogli che devono scegliere una pensioncina a

                         due stelle o, addirittura, un bungalow dotato di cucina autonoma con

                         la conseguente prospettiva della spesa giornaliera e del cucinare due,

                         tre volte al giorno! Tu non hai questa “fortuna”!! Al cinque stelle,

                          dove vai tu, a mezzogiorno c’è il ristorante e scegli sul menu! E non

                         hai nemmeno la “soddisfazione” di poterti preparare la colazione,

                         visto che, nella “peggiore delle ipotesi”, te la fai portare in camera!

                         Poveretta! Non ti invidio!!!!

BRIGIDA      - Mi stai rinfacciando quel po’ di benessere che mi dai?

TOMMASO  - Non esattamente, cara! Voglio soltanto ricordarti da dove viene

                         questo benessere! E se io non mi sacrificassi, potresti dire addio agli

                         alberghi a cinque stelle, alle pellicce, ai bracciali e a quant’altro non

                         riesci a rinunciare!

BRIGIDA      - Forse hai ragione!

TOMMASO   - Meno male che ogni tanto mi dai ragione!

BRIGIDA       - Ti voglio venire incontro.

TOMMASO   - Davvero?

BRIGIDA       - Sì, caro! Rinuncerò al lifthing che mi volevo fare dopo le vacanze.

TOMMASO   - Pure il lifthing ci voleva!!!!

BRIGIDA       - Perché, non te l’avevo detto?

TOMMASO   - No!!!!

BRIGIDA       - Poco importa, tanto ci rinuncio!

TOMMASO   - E quanto sarebbe venuto a costare questo lifthing?

BRIGIDA       - Guarda, proprio perché è un amico, il professor Look si sarebbe

                          accontentato di quindicimila euro!!!

TOMMASO   - (Ironico) Poveretto!!!!

BRIGIDA       - (Non avendo colto l’ironia del marito) Lo puoi ben dire! Per

                          interventi del genere arriva a chiedere anche venticinquemila euro!

                          E’ stato proprio un amico!

TOMMASO    - (c.s.) Un fratello!!!

BRIGIDA        - Quasi quasi mi dispiace rinunciarvi! Chissà come ci resterà male!

TOMMASO    - Chi?

BRIGIDA        - Di chi stiamo parlando? Del professor Look, noh?

TOMMASO    - Già, che stupido che sono! Di quel benefattore del professor Look!

BRIGIDA        - Che fai, sfotti?

TOMMASO    - (Sarcastico) Per carità! Mi guarderei bene dal farlo!

BRIGIDA        - Niente, ci devo pensare! Può essere che cambi idea e decida di

                           farlo!

TOMMASO    - Ma non avevi detto che mi volevi venire incontro?

BRIGIDA        - E’ vero, l’ho detto! Ma se per venirti incontro, devo fare una

                           scortesia al professor Look, francamente……

TOMMASO    - Non sia mai! Ci mancherebbe!

BRIGIDA        - Quello si è pure fatto i suoi conti!!!!

TOMMASO    - Appunto!

BRIGIDA        - Deciderò al mio ritorno!

BATTISTA     - (Entrando) Il taxi l’ho chiamato. Fra cinque minuti arriva.

BRIGIDA        - Grazie, Battista. (A Tommaso) Sei sicuro di non volermi accompa=

                           gnare all’aeroporto?

TOMMASO    - Sì, cara, preferisco salutarti qui. Gli addiì agli aeroporti mi danno

                           l’angoscia!

BRIGIDA        - Dì, piuttosto, che non vuoi vedere le mie due amiche.

TOMMASO    - Anche! Saperti in loro compagnia non mi rassicura di certo!

BRIGIDA        - Lo sai che quelle sono due cappate!

TOMMASO    - Mah, se lo dici tu!

BRIGIDA        - (Prendendo le valige) Bè, coraggio….

BATTISTA     - Lasci, faccio io, signora.

BRIGIDA        - Grazie, Battista! E mi raccomando, tieni a bada mio marito!

BATTISTA     - Non si preoccupi, signora! Appena fa un passo falso…..

BRIGIDA        - (Interrompendolo) Quello ti chiude la bocca con una lauta mancia!

BATTISTA      - Ma cosa dice, signora? Per chi mi ha preso?

BRIGIDA         - Per il ruffiano che sei!

BATTISTA      - Se mi conoscesse, non parlerebbe così!

BRIGIDA        - Direi di peggio!

BATTISTA     - Il mio spirito di servizio mi consiglia di non risponderle!

BRIGIDA        - E ti consiglia bene!

BATTISTA     - Grazie, signora.

BRIGIDA        - Prego! (A Tommaso) Non ti affaticare troppo durante la mia assenza!

TOMMASO    - Le prospettive non sono rosee, il dovere mi chiama!

BRIGIDA        - Okay, tesoro!

TOMMASO    - Buon divertimento, cara!

BRIGIDA        - Grazie. (A Battista) Dalla a me la valigia.

BATTISTA     - L’accompagno fino al portone….

BRIGIDA        - Non c’è bisogno.

BATTISTA     - Come vuole.

BRIGIDA        - Au revoire! (Esce)

TOMMASO    - E allora, hai organizzato tutto?

BATTISTA     - E me lo chiede? Modestamente, ho preparato tutto con la

                           professionalità che mi distingue!

TOMMASO    - Andiamo al sodo, Battista!

BATTISTA     - E ci stavo arrivando! Il nostro uomo si chiama Ingegner Capriolo!

TOMMASO    - L’ispettore generale si chiama Capriolo?

BATTISTA     - Ingegner Capriolo!!!

TOMMASO    - E che ho detto io?

BATTISTA     - Ha omesso l’ingegnere!

TOMMASO    - Che ho fatto?

BATTISTA     - Ha omesso…ha dimenticato!

TOMMASO    - E parla come mangi! E comunque, una dimenticanza che sarà mai?

BATTISTA     - Quello ci tiene! Guai a chiamarlo ingegnere! Si incazza come una

                           bestia!

TOMMASO    - Ha un brutto carattere?

BATTISTA     - Pessimo!!!

TOMMASO    - Alla faccia! Siamo proprio messi bene!

BATTISTA     - Ma lei ci tiene o non ci tiene alla carriera?

TOMMASO    - E me lo domandi? Certo che ci tengo! Non avrei organizzato tutto

                           questo!

BATTISTA     - Vedrà che mi ringrazierà! Io ho pensato a tutto!

TOMMASO    - Meno male!

BATTISTA     - E’ tutto scientifico! L’ispettore della sua azienda viene ospitato da

                           lei che è uno dei suoi migliori dipendenti! Naturalmente, da

                           informazioni segrete, sono venuto a sapere che l’ingegner Capriolo

                           è un tipo eccentrico, strano, eclettico….insomma : è un maniaco!!!

TOMMASO    - (Spaventato) Che mi stai dicendo?

BATTISTA     - Sì, è un pazzo scatenato !! Da manicomio!!!

TOMMASO       - Da manicomio?

BATTISTA        - Da camicia di forza!!!

TOMMASO       - Ed io non lo ospito!! Guarda, non se ne fa niente!!!

BATTISTA        - Aspetti!!!! Non sia così precipitoso! Pensi alla promozione!!!

TOMMASO       - Al diavolo la promozione! Mi metto un pazzo in casa?!!

BATTISTA        - Adesso non esageriamo! Pazzo è una parola un po’ forte!

TOMMASO       - L’hai detto tu che è da camicia di forza!

BATTISTA        - Sotto certi aspetti… E comunque, in fondo, l’ingegner Capriolo

                              ha soltanto qualche piccola debolezza!

TOMMASO       - E sentiamo: quale sarebbero queste piccole debolezze?

BATTISTA        - Innanzitutto, non vuole essere contraddetto per nessuna ragione

                              al mondo!

TOMMASO       - E chi lo contraddice?!!!

BATTISTA        - Punto due: ha degli scatti improvvisi!!!!

TOMMASO       - E che si deve fare?

BATTISTA        - Si deve assecondare!!!

TOMMASO       - (Ironico amaro) A posto!!!

BATTISTA        - Punto tre : gli piacciono le mogli degli altri!!!!!

TOMMASO       - Eh, no qui proprio non ci siamo!! Passi il punto uno, passi il punto

                              due, ma il punto tre, francamente…..

BATTISTA        - E’ quello fondamentale!!!!

TOMMASO       - Ma siamo ammattiti? Io dovrei gettare mia moglie tra le braccia

                              di quel depravato? Ma neanche per sogno! Meno male che l’ho

                              mandata in Sardegna! Io non capisco dove trovi il coraggio di

                              farmi una proposta simile!!!!

BATTISTA        - Ha finito?

TOMMASO       - No, guarda, ho appena incominciato…..

BATTISTA        - (Interrompendolo) Se mi lascerà  finire, forse mi ringrazierà!

TOMMASO       - Non se continui a propormi queste oscenità!!!

BATTISTA        - Ma quali oscenità?! Mi segua con attenzione! Se all’ingegnere

                             piacciono le mogli degli altri, noi che facciamo?

TOMMASO       - Appunto, che facciamo?

BATTISTA        - Lo accontentiamo!!!

TOMMASO       - E allora vedi che avevo capito bene? Tu mi vuoi provocare!

BATTISTA        - Ma nient’affatto! Lei non ha afferrato! Quella che gli diamo noi

                             non è la sua vera moglie ma…

TOMMASO       - Ma?

BATTISTA        - Una sostituta!!!!

TOMMASO       - Una sostituta?

BATTISTA        - Esatto! Una che recita la parte di sua moglie!

TOMMASO       - E che sarebbe disposta, eventualmente….

BATTISTA        - Già! Tanto lui sua moglie non la conosce! Quindi gli possiamo far

                              credere quello che vogliamo!

TOMMASO       - Fantastico! E bravo Battista!

BATTISTA       - Grazie!

TOMMASO      - E l’hai già trovata?

BATTISTA       - Chi?

TOMMASO      - Di chi stiamo parlando? Di quella che dovrebbe fare la parte di

                             mia moglie, noh?!!!

BATTISTA       - Della sostituta?

TOMMASO      - Appunto!

BATTISTA       - Tutto fatto! L’ho trovata!

TOMMASO      - Bene. Come si chiama?

BATTISTA       - Maruska!

TOMMASO      - Un nome da…..da…

BATTISTA       - Da “sostituta”!!!!

TOMMASO      - Già! Fa proprio la rima!!!

BATTISTA       - Solo una…”sostituta” si poteva prestare….

TOMMASO      - Hai ragione. E dove l’hai trovata? Scommetto rispondendo al

                             classico annuncio :”Dominatrice assoluta cerca schiavo pronto a

                             sottomettersi…”?

BATTISTA       - Nient’affatto! Questa viene dall’agenzia “Ore liete”!!!

TOMMASO      - Ed è carina?

BATTISTA       - Carina? E’ uno schianto! Una bambolina capace di suscitare

                             infinite tenerezze e scatenare torbide passioni!!!

TOMMASO      - Quella che fa al caso nostro!!!

BATTISTA       - E che farà abboccare il nostro uomo come un pesce!

TOMMASO      - Ci puoi contare!

BATTISTA       - Ha già la promozione in tasca!!!

TOMMASO      - Stai tranquillo saprò ricompensarti!

BATTISTA       - Al suo buon cuore, ragioniere!!!

TOMMASO      - Piuttosto, quando arriva l’ingegner Capriolo?

BATTISTA       - Tra un’oretta.

TOMMASO      - E allora, sbrighiamoci! Chi va a prendere la ragazza?

BATTISTA       - Penso che ci dovrebbe andare lei. (Porgendogli un biglietto)

                             Qui c’è l’indirizzo.

TOMMASO      - Bene, allora vado! Tu resta quì! Nel caso io ritardassi e

                             l’ingegnere arrivasse, fai tu gli onori di casa!

BATTISTA       - Ci può contare!

TOMMASO      - Allora, io vado!

BATTISTA       - Si accomodi, direttore generale!!!!

TOMMASO      - Prossimamente su questi schermi!!!!! (Esce)

BUIO- SI SENTE UN COMUNICATO GIORNALISTICO :” Per un’improvvisa

agitazione sindacale, è stato indetto uno sciopero dei piloti di volo per le prossime

ventiquattro ore a cominciare da questo momento. Annullati tutti i voli, compresi quelli di collegamento con le isole. Proteste dei viaggiatori colpiti dal disagio!!”

BATTISTA       - Maledizione!!! E come si fa adesso? Il piano è compromesso!

                             Devo assolutamente avvertire il ragioniere. (Forma il numero del

                           cellulare di Tommaso. Risponde un comunicato :”L’utente

                           potrebbe avere il terminale spento. Si prega di ritelefonare più

                           tardi.”) Ma che diavolo ve li portate a fare i cellulari se li tenete

                           chiusi? Come faccio?! A momenti potrebbe arrivare l’ingegner

                           Capriolo! E Brigida ? Ora quella, sicuramente, torna a casa! Bisogna

                           fermarla, a qualunque costo!!!

SI SENTE LA VOCE DI BRIGIDA CHIAMARE :”Tommaso!”

BATTISTA      - Troppo tardi!

BRIGIDA        - (Entrando) Battista? Tu qui?

BATTISTA     - (Imbarazzatissimo) Già!!!!

BRIGIDA        - E mio marito?

BATTISTA     - E’ uscito!

BRIGIDA        - Questo maledetto sciopero mi ha proprio rotto!

BATTISTA     - A chi lo dice?!

BRIGIDA        - Dovevi partire anche tu?

BATTISTA     - Io? No!!!!

BRIGIDA        - E allora, che te ne frega?

BATTISTA     - A me?

BRIGIDA        - E a chi sennò?

BATTISTA     - Lo dicevo per lei!

BRIGIDA        - Non ti preoccupare per me. Se non posso partire per la Sardegna,

                          prendo il Mercedes e vado a passare il fine settimana da mia cugina.

BATTISTA     - Ottima idea!! Splendida, meravigliosa, fantastica idea!!!!

BRIGIDA        - Calmati, Battista! Cosa ti prende? Non capisco tutto questo tuo

                           interessamento!!!

BATTISTA     - Interessamento? No, che c’entra? Era così, per  venirle incontro!!!

BRIGIDA        - Sembra che tu mi voglia mandare via!

BATTISTA     - Non sia mai! Ci mancherebbe altro! Se vuole restare… Solo che è

                          un peccato sprecare il fine settimana in casa!

BRIGIDA        - Hai ragione. Che ci resto a fare io qua? Parto!

BATTISTA     - Brava!

BRIGIDA        - Anzi, no! Aspetto mio marito!

BATTISTA     - E perché?

BRIGIDA        - Per avvertirlo del cambiamento di programma!

BATTISTA     - E poi dite che siete soggiogate dal marito! Ha un’occasione? La

                          sfrutti! Deve chiedere il permesso a suo marito?

BRIGIDA        - Hai ragione!

BATTISTA     - E le lotte femministe, dove le mettiamo?

BRIGIDA        - Sante parole!

BATTISTA     - La donna non deve dipendere dall’uomo!!!!!

BRIGIDA        - Sei fantastico!!!! Io vado!

BATTISTA     - Se è il caso, lo avverto io suo marito!

BRIGIDA        - Bravo! Se è il caso!!!!!

BATTISTA     - Vada tranquilla!!!!

BRIGIDA        - Au revoire!!!! (Esce)

SUONA IL TELEFONO.

BATTISTA     - Pronto?

TOMMASO    - (Si sente soltanto la voce) Battista!

BATTISTA     - Ragioniere!

TOMMASO    - Hai saputo dello sciopero? Siamo fottuti! Quella, mia moglie

                           tornerà a casa!

BATTISTA     - E’ già arrivata!!!

TOMMASO    - Maledizione! Questa è una catastrofe! Siamo rovinati!!!

BATTISTA     - Stia tranquillo! Tutto è sistemato!

TOMMASO    - Come sarebbe?

BATTISTA     - Non potendo partire per la Sardegna, ha deciso di andare da sua

                          cugina a passare il week end!

TOMMASO    - Ha preso la macchina?

BATTISTA     - Così mi ha detto!

TOMMASO    - Meno male! Ci siamo salvati in corner!

BATTISTA     -Lo può ben dire! Siamo baciati dalla fortuna!

TOMMASO    - Io aspetterei a dirlo!

BATTISTA     - Non sia così pessimista, la prego! Piuttosto, l’ha vista Maruska?

TOMMASO    - Sì!!

BATTISTA     - E come l’ha trovata?

TOMMASO    - Uno schianto!!!!!!

BATTISTA     - Avevo ragione?

TOMMASO    - Direi proprio di sì!!!!

BATTISTA     - Su, coraggio, non perda tempo! Venite che vi aspetto!

TOMMASO    - Ecco..proprio questo ti volevo dire! Siccome vorrei verificare le

                          qualità “morali” di Maruska, di comune accordo, abbiamo deciso

                          di ritardare un pochino! Tanto più che qui c’è una pensioncina…

BATTISTA     - Ho capito! Mezza parola!

TOMMASO    - Grazie, Battista! A più tardi!

BATTISTA     - Vi aspetto! (Chiude il ricevitore)

BUIO – SOTTOFONDO MUSICALE.

BATTISTA      - Si accomodi, Ingegner Capriolo.

CAPRIOLO     - Grazie. Lei è il ragionier Tommaso Alessio?

BATTISTA      - No, ingegnere, io sono Battista.

CAPRIOLO     - Lavora anche lei nella nostra azienda?

BATTISTA      - Sì, ingegnere! Sono il vice capo usceri!!

CAPRIOLO     -(Sprezzante) E cosa ci fa qui?

BATTISTA      - Giusta domanda, ingegnere! Io sono qua…sono qua…

CAPRIOLO     - lo vedo che è qua! Volevo conoscerne il motivo!

BATTISTA      - (Imbarazzatissimo) Il motivo?

TOMMASO     - (Entrando) Ingegnere carissimo!!!!!

BATTISTA      - Finalmente!

CAPRIOLO     - Lei è il ragionier Alessio?

TOMMASO     - Per servirla!!!

CAPRIOLO     - Stavo scambiando due parole con il vice capo usceri…come

                           ha detto che si chiama?

BATTISTA     - Battista, ingegnere!!

CAPRIOLO     - Ecco, appunto, Battista. Volevo sapere da lui cosa ci faceva qua!

TOMMASO    - (A Battista) Diglielo!!!

CAPRIOLO    - (Inorridito) Vi date del tu? Non mi dica che vi date del tu!!!!!

TOMMASO   - Per carità!!!! Non sia mai !!!!!!

BATTISTA    - Io al ragioniere do del lei!!!!

CAPRIOLO   - (A Battista) Bravo !!!!

BATTISTA   - (Per dispetto) E’ il ragioniere che mi da del tu!!!!

TOMMASO  - Ma che dice? (A Capriolo) Sta scherzando!!!

BATTISTA    - Assolutamente no!!!! Mi da sempre del tu!!!!

TOMMASO   -(A Battista, a mezza voce) Disgraziat…..

CAPRIOLO    - Se lo fa il ragioniere, fa bene ! E’ il superiore che da del tu

                          all’inferiore! Sarebbe stato gravissimo il contrario!!!!!

TOMMASO    - (A Battista, senza farsi accorgere da Capriolo) Tiè!!!!!!

CAPRIOLO     - E comunque, continuo a non sapermi spiegare la presenza

                           dell’usciere qua! Nessuno mi ha dato una risposta!

TOMMASO     - Ecco…

CAPRIOLO     - (Interrompendolo) Taccia, la prego! La verità è che lei mi sembra

                           troppo democratico!!!!!

TOMMASO     - Ha ragione!!!

CAPRIOLO     - Lo so!!!! E non c’è alcun bisogno che me lo ricordi!!! Piuttosto,

                           dalle informazioni che ho avuto su di lei, ho appreso che è sposato!

TOMMASO     - Sì, ingegnere.

CAPRIOLO     - E dov’è?

TOMMASO    - Chi?

CAPRIOLO    - Di chi stiamo parlando?

TOMMASO    - Non so….

CAPRIOLO     - Di sua moglie, noh? E stia attento!!!

TOMMASO     - Mi perdoni, ingegnere! Non lo faccio più!!!!

CAPRIOLO     - Cosa?

TOMMASO    - Quello che ha detto lei!!!!

CAPRIOLO    - La smetta, per cortesia! Mi sta irritando!!!!!

TOMMASO   - La prego, si calmi, ingegnere!!!

CAPRIOLO    - Voglio vedere sua moglie!!!!!!

TOMMASO   - (Soprapensiero) Quale?

BATTISTA    - (A Tommaso)  Come, quale?

CAPRIOLO   - Quante mogli ha lei ?

TOMMASO   - (c.s.) Io?

CAPRIOLO    - Sì, lei! Con chi starei parlando io ?

TOMMASO      - Con me!

CAPRIOLO      - E allora, a domanda risponda!

TOMMASO      - Non ricordo la domand….

BATTISTA       - (Intervenendo energicamente) Si parlava di sua moglie!!!!

CAPRIOLO      - (A Battista, minaccioso) Lei non suggerisca!!!!

TOMMASO     - Mia moglie….

BATTISTA      - (Intervenendo) E’ qui!

CAPRIOLO     - (A Battista) E insiste!!!

TOMMASO     - Lo perdoni, ingegnere, ma ogni tanto mi ricorda le cose!!!

CAPRIOLO     - Ho capito!!! Lei ha bisogno del suo usciere per ricordarsi ciò che

                           dimentica?

TOMMASO     - No!

CAPRIOLO     - Come, no? L’ha detto lei, testè!

TOMMASO    - (Non avendo compreso il significato della parola “Testè”)

                           Non ho capito…

CAPRIOLO     - Male, ragioniere! Me lo lasci dire: andiamo proprio male! La

                           nostra azienda ha bisogno di uomini attivi, energici, affidabili e con

                           la testa a posto! E mi sembra che lei non abbia queste caratteristiche!

TOMMASO    - La prego di credere che non sono io quello che sta conoscendo!

CAPRIOLO    - Oh, bella! Come sarebbe a dire che lei non è lei? Non peggiori la

                          situazione!

TOMMASO   - Non ha capito…

CAPRIOLO   - Come si permette di dirmi che non ho capito?!!!!

TOMMASO   - Volevo dire…

CAPRIOLO   - Ma si rende conto? Lei sta scherzando col fuoco! Cerchi di avere più

                         rispetto se non vuole compromettere definitivamente la sua posizione!

TOMMASO   - Posso parlare?

CAPRIOLO   - Concesso.

TOMMASO   - Io, poc’anzi, non mi sono saputo esprimere….

CAPRIOLO   - Cominciamo a ragionare!!!

TOMMASO   - Volevo, appunto, spiegarle….

CAPRIOLO    - Non ho bisogno delle sue spiegazioni!!!

TOMMASO    - No, perché mi sembrava che lei….

MARUSKA     - (Entrando) Mi perdoni se mi sono fatta attendere!

CAPRIOLO     - (A Tommaso, strabuzzando gli occhi) Sua moglie?

TOMMASO     - Sì, ingegnere! La mia legittima consorte!

CAPRIOLO      - (Galante) E’ un vivissimo piacere conoscerla!

MARUSKA      - Il piacere è tutto mio! Ma si accomodi, la prego! Sono sicura che

                            non le hanno offerto niente!

CAPRIOLO      - Ora capisco lo stato confusionale di suo marito. Con una moglie

                            così, è facile avere la testa tra le nuvole!

TOMMASO      - Era appunto quello che tentavo di dirle.

CAPRIOLO      - Non si preoccupi, l’ho capito!

MARUSKA      - (A Battista) Battista, sia gentile, porti gli aperitivi.

BATTISTA      - Subito. (Esce)

TOMMASO     - In merito a quanto dicevamo prima, io credo che l’apparenza, a

                            volte, inganni! Io, ogni tanto, sembro un po’ svampito , ma in

                            realtà, non lo sono! E’ tutta impressione!

CAPRIOLO      - (Ruffiano) Comincio a pensare che abbia ragione lei! (A Brigida)

                            Che ne dice…Come si chiama?

MARUSKA      - (A Tommaso) Come mi chiamo?

TOMMASO     - Brigida!!!!!

CAPRIOLO     - Ha avuto anche lei un’amnesia?

MARUSKA     - Sì! Capita anche a me! Specialmente quando sono emozionata!

TOMMASO     - Vado ad aiutare Battista! Con permesso!

CAPRIOLO     - Faccia pure.

TOMMASO ESCE.

CAPRIOLO     - Mi stava dicendo che era emozionata?

MARUSKA     - Sì! Da quando l’ho vista! Lei, ingegnere, mi ha un po’ messo

                           soggezione!

CAPRIOLO     - Veramente, le ho procurato questo effetto?

MARUSKA     - Sì, ingegnere!

CAPRIOLO     - Nel senso buono, spero!

MARUSKA     - Ma certo! Che domande?!

TOMMASO    - (Entrando) Mi scusi, ingegnere, se l’ho trascurata un attimo.

CAPRIOLO    - Ma le pare?! Anzi, mi trascuri più spesso!!!!!

TOMMASO    - Non oserei mai, ingegnere!

CAPRIOLO    - Osi, osi pure!!!

TOMMASO    - Che simpatico!!!!!

CAPRIOLO     - Anche lei!!!!

TOMMASO    - Grazie, ingegnere!!!!!

CAPRIOLO     - Ma non lei! Sua moglie!!!!

MARUSKA     - Mi lusinga!

CAPRIOLO     - Dico la pura e sacrosanta verità!

TOMMASO     - (Vedendo entrare Battista col carrello) Gradisce uno scotch, un

                            liquorino…non faccia complimenti!

BATTISTA      -Ci sarebbe anche un coctail che ho preparato io, con le mie mani!

CAPRIOLO     - Non corro il pericolo di essere avvelenato, spero!

BATTISTA      Vada tranquillo, ingegnere.

CAPRIOLO     - E allora, opto per il coctail!

TOMMASO     - Ed io mi associo!

CAPRIOLO      - E lei, Brigida?

MARUSKA      - Come ha detto?

TOMMASO     - L’ingegnere ti ha chiamata per nome. Non ti chiami Brigida, forse?

CAPRIOLO      - (A Maruska) Un’altra amnesia?

MARUSKA      - Sì!!!

CAPRIOLO      - Scommetto per l’emozione!

MARUSKA      - Ci ha azzeccato!

CAPRIOLO     - Oh, mio Dio! Non pensavo di aver provocato in lei….

BATTISTA      - (Prevenendolo servilmente) Un’enorme simpatia!!!!!!

CAPRIOLO     - Già! (A Battista) Vedo che lei è un uomo intelligente! L’avevo

                           giudicata male e mi sbagliavo!!!!

BATTISTA      - Non si preoccupi, ingegnere! Come dice quel detto:” Finchè

                            c’è vita, c’è speranza!”

CAPRIOLO     - E’ vero! Spesso la verità viene dal basso, da quelli come voi!

                            Come si dice? “Vox populi, vox dei!!!”

TOMMASO     - Eccellente!!!

BATTISTA      - Arguto!!!!

TOMMASO     - Illuminante!!!!!

CAPRIOLO      - E lei, Brigida? Non dice nulla?

MARUSKA      - Ecco, io sono così affascinata dall’ingegnere che non trovo le

                            parole!!!!

CAPRIOLO      - Che cara!!! (A Tommaso) Lei è fortunato, sa?

TOMMASO      - Lo so’!!!

CAPRIOLO      - Parliamoci chiaro, non ci prendiamo in giro!!!!! La sua non è

                            una moglie!!!!!!

TOMMASO e

BATTISTA       - (Temendo che Capriolo abbia scoperto l’identità di Maruska)

                             No?

CAPRIOLO      - No!!!!!!

TOMMASO      - (Spaventatissimo)  Oh, cielo!!!!!!

CAPRIOLO      - La sua non è la sposa!!!!

BATTISTA       - (Tra sé) E’ la fine!

TOMMASO      - La prego, ingegnere, io le potrei spiegare….

CAPRIOLO      - Ma cosa mi vuole spiegare?!!! Questa non è sua moglie!!!!

TOMMASO     - Oh, mio Dio!!!!

CAPRIOLO      - Questa……è il suo angelo custode!!!! Qualcosa di più di una

                            moglie!!!!!!

TOMMASO      - (Pallido in volto) Un bicchiere d’acqua!

BATTISTA       - Subito. (Esegue)

CAPRIOLO       - (A Tommaso) Non si sente bene?

TOMMASO       - Insomma….

MARUSKA       - Lei ha impressionato anche mio marito!!!

TOMMASO       - Impressionato? Mi ha fatto paura!!!!

CAPRIOLO       - Paura? Addirittura?

BATTISTA        - Se lo lasci dire, ingegnere, lei colpisce!!!!!

MARUSKA        - Seduce!!!

CAPRIOLO        - Dite?

TOMMASO       - Ma certo! Non ci sono dubbi!!!

CAPRIOLO        - Non credo che lo dite per adularmi?

BATTISTA         - Ma che fa, scherza?

MARUSKA        - Noi, adulare lei?

TOMMASO      - Ma non ci passa nemmeno per l’anticamera del cervello!!!

CAPRIOLO      - Grazie! Voi sì che avete spirito critico! Voi non siete come

                            quella cretina che ho incontrato all’autogrill prima di venire qua!

                            Una donna piacente ma assai discutibile per il comportamento!

MARUSKA      - Ci racconti, ingegnere!

BATTISTA      - Pendiamo dalle sue labbra!

CAPRIOLO      - Mi ero fermato all’autogrill per prendermi un caffè, e ho notato,

                            seduta a un tavolo, una signora di mezza età, ben vestita, ben

                            pettinata…insomma, per un attimo, la mia natura di conquistatore,

                            di “tombeur de femme”, ha avuto il sopravvento sulla ragione!

                            E così mi sono avvicinato al suo tavolo. “Posso?” “Prego” mi

                            rispose. Cercai di farla parlare, anche per scoprire con chi avessi

                            a che fare, e non vi potete immaginare cosa mi raccontò.

MARUSKA      - Ce lo dica, la prego!

BATTISTA       - Non ci faccia stare sui carboni ardenti!!!!!

CAPRIOLO      - Vi accontento subito. Mi disse che sarebbe dovuta partire con due

                            amiche per la Sardegna, ma purtroppo lo sciopero improvviso dei

                            piloti gliel’aveva impedito; quindi aveva deciso di ripiegare per

                            un fine settimana da sua cugina, ma purtroppo, arrivata a metà

                            strada aveva appreso telefonicamente che sua cugina era andata una

                            settimana fa a trovare la figlia in Francia…

TOMMASO     - Oh, mio Dio!!!!

CAPRIOLO     - (A Tommaso) Si sente male?

TOMMASO     - Io? Assolutamente! Mi dica, piuttosto, com’è finita!

CAPRIOLO     - E’ finita che aspettava quelli dell’ACI.

TOMMASO     - Quelli dell’ACI?

BATTISTA      - E perché?

CAPRIOLO     - Perché aveva avuto un piccolo incidente! Lei, naturalmente, non

                           si era fatta niente, la macchina, invece….

TOMMASO     - La macchina?

CAPRIOLO     - Distrutta!!!!!!

TOMMASO     - Mi sento male!

CAPRIOLO     - Ma che le prende? La signora è rimasta illesa!

TOMMASO     - Ma la macchina no!!!!!!!

BATTISTA      - (A Capriolo) Capirà, un Mercedes è sempre un Mercedes!

CAPRIOLO     - Esatto! Si trattava proprio di un Mercedes! Avreste dovuto vederlo!

                            Un rottame!!!

TOMMASO     - Mi manca il fiato!!!!

CAPRIOLO     - Non capisco perché fa così, ragioniere! Cosa gliene frega? Mica

                           era sua, la macchina?! E poi, mi scusi, Battista, ma come ha fatto

                           a sapere che si trattava proprio di una Mercedes?

BATTISTA      - (A Tommaso) Come ho fatto?

TOMMASO     - Come hai fatto?!!!

BATTISTA      - Ho tirato a indovinare!!!!!

CAPRIOLO     - Mah! Comunque, tornando alla signora, mi sono offerto di

                           accompagnarla io, ma lei non ha accettato!

TOMMASO     - Ma mi scusi, ingegnere, quali erano le sue intenzioni nei confronti

                            di quella signora?

CAPRIOLO      - E me lo domanda? Mi dica cosa avrebbe fatto lei!!!

TOMMASO     - Io l’avrei accompagnata a casa da suo marito.

CAPRIOLO     - Ed io, invece, me la sarei portata in un tre o quattro stelle!! E dopo,

                           e sottolineo dopo, l’avrei accompagnata dal marito! Sempre,

                           naturalmente, che ne avesse avuto voglia!!!

TOMMASO     - E…quella signora, invece, non ha accettato di venire con lei!

CAPRIOLO     - No!!! Mi ha risposto che non era quel tipo di donna che io pensavo!

TOMMASO    - (Rasserenato) Una donna onesta!

CAPRIOLO    - Una cretina!!!!!!!!!!

BATTISTA     -(Di scatto) Giusto!!!

CAPRIOLO     - Grazie!

TOMMASO    - Mi scusi, ingegnere, ma dovrei assentarmi un attimo. Me lo

                          consente?

CAPRIOLO    - Ma gliel’ho detto, ragioniere, lei si può assentare quanto vuole!

TOMMASO    - Non credo che si offende?

CAPRIOLO    - Mi offendo se non se ne va!

TOMMASO    - Bene….

BATTISTA     - Tanto rimango io!

TOMMASO    - Rimane lui!

CAPRIOLO    - Non se ne può fare a meno?

TOMMASO   - Non afferro…

CAPRIOLO   - Dico: il suo usciere non si deve assentare?

TOMMASO   - No, lui no!

CAPRIOLO    - Peccato!!!!!

BATTISTA    - All’ingegnere piace scherzare!

CAPRIOLO   - Veramente, adesso parlavo sul serio!

BRIGIDA      - (Da fuori) Caro?

TOMMASO  - (A Battista) Siamo fottuti!!!!

BATTISTA   - Lasci fare a me!

BRIGIDA      - (Entrando) Ma che succede in questa casa?

BATTISTA    - Carissima! Che piacere! che meraviglia!!!!

BRIGIDA      - (Accorgendosi della presenza di Capriolo) Lei qui?!!!!!!

CAPRIOLO   - (Imbarazzatissimo) Ecco….un bicchiere d’acqua, per favore!

TOMMASO   - Subito.

BRIGIDA       - Esigo delle spiegazioni!!!!!!

TOMMASO   - Se hai pazienza, Battista ti darà tutte le spiegazioni che vuoi!

CAPRIOLO   - (A Tommaso) Ma lei la conosce?

BRIGIDA      - Che domande!

TOMMASO  - (A Battista) Aiutala a sistemare le sue cose!

BRIGIDA      - Perché mi dovrebbe aiutare lui?

TOMMASO   - Perché…

BATTISTA    - (In contropiede) Perché io sono servizievole!!!!!

BRIGIDA       - Io pretendo di sapere chi è quel signore, chi è quella ragazza e cosa

                          ci fanno qua dentro!!!!!

TOMMASO   - (Spingendo la moglie fuori) Andiamo di là e te lo dico! (Ai presenti)

                          Scusate!!!! (Escono)

BREVE PAUSA DI IMBARAZZO.

CAPRIOLO    - (A Battista) Lei conosce quella signora?

BATTISTA     - Io? Quella signora? Lei che dice?

CAPRIOLO     - Sono io che le ho rivolto la domanda!

BATTISTA      - Ha ragione!

CAPRIOLO     - E comunque, io non so lei, ma il ragioniere sembra conoscerla

                           benissimo! Tant’è vero che l’ha fatta entrare e, soprattutto, ha

                           permesso che si esprimesse in quel modo!!! E in questo caso,

                           signora, mi stupisco come lei, in qualità di padrona di casa, non

                          l’abbia mandata via a calci nel sedere!

MARUSKA    - Io sono una donna superiore!

CAPRIOLO    - L’ho capito subito! Un’altra al suo posto avrebbe fatto chissà che

                           cosa! Ed invece lei niente! Imperturbabile!

MARUSKA    - Io sono fatta così!

CAPRIOLO    - Ed è fatta bene!!!! Oh, mi scusi! Mi è scappata!

MARUSKA    - Non si preoccupi!

CAPRIOLO    - Spero non si sia offesa!

MARUSKA    - Per carità! Alle donne piacciono i complimenti!

CAPRIOLO    - Sento che tra noi ci sono parecchie affinità!!!!

MARUSKA    - Lo sento anch’io!

BATTISTA    - Si vede!!!!

CAPRIOLO   - (A Battista) Lei non ha niente da fare, vero?

BATTISTA   - Io? Da fare? No!!!!

BRIGIDA      - (Entrando) Tesoro!!!!

BATTISTA   - Prego?

BRIGIDA     - (A Battista) Tesoro! Hai la testa tra le nuvole?

BATTISTA  - Io?

BRIGIDA     - E chi, sennò? (Bacia Battista)

TOMMASO – Senza esagerare, però!!!!

BRIGIDA     - (A Tommaso, velenosa) Sono o non sono sua moglie?

BATTISTA  - Mia moglie?

TOMMASO – Sì, tua moglie!!!!

CAPRIOLO  - Eh, no, qui bisogna chiarire le cose!!!!! Lei, Battista, quando

                        poc’anzi, le ho chiesto se conosceva la signora, non mi ha detto

                        che era sua moglie!

BRIGIDA     - (A Battista) Non gliel’hai detto?

BATTISTA  - Non lo sapevo…

TOMMASO – (In contropiede) Non sapevi che sarebbe arrivata!!!!

BRIGIDA    - Appunto!

BATTISTA  -  Ora lo so!!!!

BRIGIDA     - (A Battista) Ma perché non mi presenti i signori?

BATTISTA  - (Più confuso che mai) Quali?

TOMMASO – L’ingegner Capriolo, noh?

BATTISTA  - E la signora?

TOMMASO – Che c’entra mia moglie?

BATTISTA  - (Alludendo a Maruska) Perché mi confermi che questa è tua moglie?

TOMMASO – Ma certo!

BATTISTA   - No, perché le cose è bene saperle! Uno le sa e non commette gaffes!

BRIGIDA      - Oggi sei così strano che stento a riconoscerti!

BATTISTA   - A chi lo dici!

BRIGIDA      - E comunque, questo simpatico signore, me lo volete presentare?

CAPRIOLO   - Se permettete, mi presento da solo! Ingegner Capriolo, signora!

BRIGIDA      - Piacere, Maruska!!!!

BATTISTA   - Maruska?

TOMMASO  - Sì, Maruska!!!!!

CAPRIOLO   - (A Battista) Noto che anche lei, come il ragioniere, ha un po’ la

                         testa tra le nuvole! Del resto comprendo anche lei! Con una

                         moglie così!

BRIGIDA      - Così, come?

CAPRIOLO   - Così affascinante, conturbante e soprattutto….tremendamente

                          fedele!

BRIGIDA      - Lei mi confonde, ingegnere!

BATTISTA    - Ha capito, ingegnere? L’ha confusa!!!!!

CAPRIOLO    - E lei è contento?

BATTISTA    - Felice come una pasqua!!!!

CAPRIOLO   - Quindi lei non è geloso?

BATTISTA    - Chi se ne frega?

TOMMASO   - (A Battista)  Come, chi se ne frega? (A Capriolo) Non gli creda,

                          ingegnere! E’ gelosissimo!

BATTISTA    - Di chi?

CAPRIOLO   - Come, di chi? Non stiamo parlando di sua moglie?

BATTISTA    - Che c’entra? Mia moglie è un’altra cosa!

TOMMASO   - E l’ingegnere, il complimento l’ha fatto a tua moglie!

BATTISTA    - E come si è permesso?

TOMMASO   - Sei pazzo?

CAPRIOLO    - (A Battista) A me, mai nessuno si è permesso di rivolgersi a me

                          con quel tono! Ha capito?

TOMMASO   - (A Battista) Hai capito?

CAPRIOLO   - Guardi che c’è n’è anche per lei! Continuando di questo passo,

                          rischia di indispormi!

BRIGIDA      - (A Tommaso) Sei un incosciente!

TOMMASO  - Avete ragione! Mi sono lasciato prendere dai nervi!!

CAPRIOLO   - Non è la prima volta, ingegnere!

TOMMASO   - Ha ragione!

CAPRIOLO    - D’altra parte, ormai l’ho capito! Non ci sono più dubbi! Giù la

                          maschera, ragioniere! Questa non è sua moglie!!!!!

TUTTI             - No?

CAPRIOLO     - No!!!!!!!!

BREVISSIMA PAUSA.

CAPRIOLO     - Questa è la sua martire!!!!!!!!!!!!

SOSPIRO DI SOLLIEVO DI TUTTI I PRESENTI.

CAPRIOLO     - Mi domando come fa a sopportarlo!

BRIGIDA         - (Istintivamente) Non lo dica a me!

CAPRIOLO      - Lei che c’entra, scusi? Suo marito è una perla! Malgrado faccia

                             l’usciere!

BATTISTA       - Vice-capo uscieri!

CAPRIOLO      - Già, dimenticavo: vice-capo uscieri! Ma non disperi, sa?

BATTISTA      - (Con intenzione) Dice?

CAPRIOLO     - (Allusivo) Dico!!!!!!

TOMMASO     - (Sconsolato) Ed io?

CAPRIOLO      - Lei che c’entra?

TOMMASO      - Dico: posso sperare anch’io?

CAPRIOLO      - Lei continua a buttarsi la zappa sui piedi, ragioniere! Vero,

                             Battista?

BATTISTA       - Concordo perfettamente!

TOMMASO      - (A Battista) Tu chiudi il becco!!!

CAPRIOLO      - Ha visto, ragioniere? Lei non si sa dominare! E’ troppo irascibile!

                            Ci vogliono temperanza e assoluto controllo di nervi! Questi sono

                            gli elementi indispensabili per comandare!!!

TOMMASO     - Le dimostrerò che sono diverso!

CAPRIOLO     - Diverso?

TOMMASO     - Sì, diverso!

CAPRIOLO     -(Equivocando) Eh, no, ragioniere! Questa è la goccia che fa

                           traboccare il vaso! Io posso tollerare tutto, ma quelli come voi,

                           francamente……

TOMMASO     - Ma qui c’è un equivoco!

CAPRIOLO     - E questo equivoco è lei! Compiango la sua dolce metà che,

                           ignara, ha continuato a starle accanto per tanti anni!

MARUSKA     - Sono sconvolta!

BRIGIDA        - Ed io, allora?

BATTISTA     - Non capisco perché dici questo, cara! Tutto si può dire di me

                           tranne che io sia uno di quelli!

CAPRIOLO     - Ben detto, Battista! Le sue “azioni” nella mia considerazione

                          stanno crescendo a dismisura!

BATTISTA      - Bene!

TOMMASO    - E le mie?

CAPRIOLO      - Non vorrei trovarmi nei suoi panni!

BRIGIDA         - Che fregatura!!!

CAPRIOLO      - Non spetta a lei dire questo, ma alla signora!

BRIGIDA         - Ha ragione, ma io ho lo stramaledetto vizio di immedesimarmi

                            nei problemi degli altri!

CAPRIOLO      - Pensi , invece, alla brillante carriera di suo marito!

BRIGIDA         -(Con intenzione) E proprio a quella sto pensando!!!! 

 

MARUSKA         - Bè, visto  che lei, ingegnere, ci farà l’onore di essere nostro

                            ospite, le vorrei mostrare la sua camera!

CAPRIOLO      - Con piacere! Ma vorrei pregarvi di precedermi, perché vorrei

                            essere lasciato solo con il ragioniere!

MARUSKA      - D’accordo. (Ai presenti) Venite.

BATTISTA       - Con permesso, ingegnere!

CAPRIOLO      - Prego!

BRIGIDA         - A dopo.

ESCONO.

CAPRIOLO      - Forse, sono stato un po’ eccessivo con lei!

TOMMASO      - Insomma…

CAPRIOLO      - La prego, sputi fuori il rospo!

TOMMASO      - Tutto è contro di me, ingegnere! Cosa vuole che le dica!

CAPRIOLO      - Debbo ammettere che lei non mi sembra nato con la camicia!

TOMMASO      - Lo può ben dire!

CAPRIOLO       - Ma non tutto è perduto!

TOMMASO       - E’ una parola!

CAPRIOLO       - Mi ascolti! Quello che le sta parlando non è l’ispettore!

TOMMASO    - Non è ispettore?

CAPRIOLO    - Sì, io sono ispettore! Ma in questo momento, le parlo da amico!

TOMMASO    - Ingegnere, io non mi sarei aspettato da lei questo onore!

CAPRIOLO    - Ha visto? A proposito, la vogliamo smettere con questo lei?

TOMMASO    - (Felice come non mai) Le posso dare del tu?

CAPRIOLO    - Te lo concedo! Ma soltanto quando ci troviamo tra di noi! In

                          presenza degli altri tu torni ad essere il ragioniere ed io,

                          l’ispettore!

TOMMASO    - La ringrazio..oh, scusami! Ti  ringrazio, infinitamente!

CAPRIOLO    - Mi dai del tu?

TOMMASO    - Mi ha dato il permesso, poc’anzi!

CAPRIOLO    - E’ vero, hai ragione! L’avevo dimenticato!

TOMMASO    - Anche tu hai avuto un’amnesia?

CAPRIOLO     - Può darsi. Ma ascolta: forse è meglio che sia solo io a darti del tu!

TOMMASO     - Prego?

CAPRIOLO      - Sì, tu continua a darmi del lei!!!!

TOMMASO     - Come desidera! Vorrà dire che quando saremo tra di noi, lei mi

                           darà del tu!

CAPRIOLO    - Il tu te lo posso dare anche in presenza degli altri!

TOMMASO   - Io, invece, sempre del lei!

CAPRIOLO   - Esattamente!

TOMMASO  - D’accordo! Ogni suo desiderio è un ordine!

CAPRIOLO   - Meraviglioso!!! Era quello che speravo di sentirti dire!

TOMMASO  - Come vede, sono a sua completa disposizione!

CAPRIOLO   - E allora, consentimi di aprirti il mio cuore!

TOMMASO  - (Leggermente sospettoso) In che senso?

CAPRIOLO   - Nel senso che quello che sto per dirti è della massima

                         delicatezza!

TOMMASO   - Sono tutt’orecchi!

CAPRIOLO   - Bene! Dunque, come tu avrai capito, a me piacciono le donne!

                         Ed, in particolare, mi sono incapricciato della moglie di Battista!

TOMMASO   - Come?!!!!!!!!!!!

CAPRIOLO   - Ti sorprende, per caso?

TOMMASO  - Mi sorprende? Mi ha lasciato senza fiato!

CAPRIOLO  - Lo so’, è un po’ attempata, ha qualche rughetta, ma che ci posso

                        fare? E’ il fascino dei quarant’anni che mi arrapa, mi attizza….

                        Insomma: sono tutto un fuoco!

TOMMASO  - Anch’io sono tutto un fuoco!!!

CAPRIOLO  - Piace anche a te?

TOMMASO  - A me, no!

CAPRIOLO  - E allora, che problema c’è?

TOMMASO  - (Sarcastico) Appunto, che problema c’è?!!!!!!

CAPRIOLO  - Io sono nelle tue mani!!!!

TOMMASO  - Non capisco….

CAPRIOLO   - Io voglio andare a letto con sua moglie!

TOMMASO  - Mia moglie?

CAPRIOLO  - Ma non sua di te, sua di Battista!!!!

TOMMASO  - E’ la stessa cosa!!!

CAPRIOLO  - Come sarebbe?

TOMMASO  -(Correggendosi) Volevo dire che le mie o quelle di Battista,

                        sempre corna sono!!!!!

CAPRIOLO  - Ma tu pensa alle tue! Alle sue ci penserà lui!

TOMMASO  - Non è così facile!

CAPRIOLO  - Non siete mica gemelli!

TOMMASO  - In questo momento abbiamo parecchie cose in comune!

CAPRIOLO   - D’accordo, avrete qualche interesse comune, ma questo non significa

                         che tu ti debba preoccupare della fedeltà di sua moglie! Lascia

                         che ci pensi lui!

TOMMASO   - Battista se ne frega!!!!

CAPRIOLO    - Meglio! Così siamo facilitati nel nostro compito!

TOMMASO    - Lei vuole così……

CAPRIOLO    -Io, Maruska, la desidero ardentemente!!!!!

TOMMASO   - Secondo me, non ne vale la pena!

CAPRIOLO   - Non ci credo!

TOMMASO   - Si faccia servire da me! Quella è una mummia!

CAPRIOLO   - Ed io sarò capace di risvegliarla!

TOMMASO  - Non voglio mettere in discussione le sue capacità, ingegnere, ma

                         creda: è un caso disperato!

CAPRIOLO   - Tu come fai a saperlo?

TOMMASO  - Non me lo chieda, ingegnere!

CAPRIOLO  - No, adesso me lo devi dire!!!!!

TOMMASO  - La mia riservatezza mi impone il silenzio!!!!!

CAPRIOLO  - Non mi dire che ci sei stato?

TOMMASO ANNUISCE CON GLI OCCHI.

CAPRIOLO  - E dimmi, raccontami, ti prego!!!!!!

TOMMASO  - Ho rischiato grosso!!!!

CAPRIOLO  - In che senso?

TOMMASO  - Nel senso che, nel bel mezzo della serata, quando si era creata

                         l’atmosfera giusta, ed io ero pronto a….Ci siamo capiti? Questa

                         che fa? Tira fuori dalla borsa un forbicione e mi dice:” Presto

                         non sarai più uomo!!!!!!”

CAPRIOLO   - (Inorridito) Ti ha fatto zac?

TOMMASO  - Non c’è riuscita perché sono scappato! Ma, mi creda, c’è mancato

                         poco!

CAPRIOLO   - Che figlia di b…..buona donna!!!!!

TOMMASO  - Una vampira femminista!!!!!!

CAPRIOLO  - E scommetto che avrà fatto così anche col marito!!!!!

TOMMASO  - Sì, solo che il marito non ha fatto in tempo a scappare!!!!

CAPRIOLO  - Quindi, Battista non è…..

TOMMASO  - Ha capito perfettamente!

CAPRIOLO  - (Ridendo) Ma cose da pazzi!!!!!

TOMMASO  - Ora, se lei vuole che le combini un incontro con Maruska, non ha

                         che da dirmelo!

CAPRIOLO  - Sei impazzito? Fossi scemo! Io al mio “capitale” ci tengo!!!!

TOMMASO  - Io ho sentito il dovere di avvertirla!

CAPRIOLO  - Mi hai salvato! E credimi, non rimarrò insensibile!!! Del resto, me

                        lo dovevo aspettare!

TOMMASO  - Che cosa, ingegnere?

CAPRIOLO  - Che Maruska fosse una donna un po’ strana.

TOMMASO  - In che senso?

CAPRIOLO  - Nel senso che non ha ceduto alle mie avances!

TOMMASO  - Già!

CAPRIOLO  - Da lì avrei dovuto capire che in quella donna c’era qualcosa che non

                         andava!

TOMMASO  - Giusto!

CAPRIOLO   - Invece, sua moglie è un’altra cosa!

TOMMASO   - Quale?

CAPRIOLO   - Come, quale? Brigida! Non si chiama così sua moglie?

TOMMASO   - La ragazza?

CAPRIOLO   - Sì, la ragazza! Sua moglie è giovane e fresca! Non è come quella

                         vampira di Maruska!

TOMMASO   - Appunto! E’ quello che le volevo dire! Mia moglie è una donna

                          fantastica!

CAPRIOLO    - L’avevo capito!

TOMMASO    - Con mia moglie uno va sul sicuro!

CAPRIOLO    - Lo immagino! Sarà una donna speciale!

TOMMASO   - Dire speciale è poco!

CAPRIOLO   - Giuro, la invidio profondamente!!!!!!!

TOMMASO  - Effettivamente, siamo una bella coppia! E poi siamo moderni!!!!

CAPRIOLO  - Ah, sì?

TOMMASO  - Certamente. Abbiamo la mentalità aperta, siamo liberi da qualsiasi

                         tabù! Siamo consapevoli di trovarci nel terzo millennio!!!

CAPRIOLO   - Come approvo quanto lei sta dicendo!

TOMMASO   - In fondo, parliamoci chiaro: ha senso essere gelosi ai tempi d’oggi?

CAPRIOLO   - Sante parole!

TOMMASO  - Per me la gelosia è sinonimo di ignoranza, di inciviltà, di grettezza,

                        di barbarie! E’ d’accordo?

CAPRIOLO   - Al cento per cento!!!!

TOMMASO  - Se mia moglie, per caso, mi dovesse fare un torto…

CAPRIOLO   - Lei che farebbe?

TOMMASO  - Le direi: “L’hai fatto una volta? Non lo fare più!”

CAPRIOLO   - E poi?

TOMMASO  - E poi basta. Un bacio, un abbraccio e tutto torna come prima!

                         Anzi, meglio di prima!

CAPRIOLO   - E…e nei confronti del rivale, come si comporterebbe?

TOMMASO  - Farei finta di niente!

CAPRIOLO   - Anche se lo conoscesse?

TOMMASO  - A maggior ragione!!! Mi comporterei come se nulla fosse accaduto!

CAPRIOLO  - Quindi, non c’è pericolo?

TOMMASO  - Assolutamente, no!!!!

CAPRIOLO  - Lei è un uomo fantastico! La stimo profondamente! Magari tutti gli

                         uomini fossero come lei!!! Ma io prevedo per lei una brillantissima

                         carriera!!!

TOMMASO  - Ha cambiato opinione su di me?

CAPRIOLO  - Avevo avuto una cattiva impressione, lo ammetto! Ma adesso, ho

                         cambiato idea!

TOMMASO  - Mi fa piacere!

CAPRIOLO   - E mi perdoni se l’ho criticata per quel suo vizietto! Nel terzo

                         millennio certe cose non dovrebbero fare più impressione!

TOMMASO   - A proposito del vizietto, vorrei chiarire che….

CAPRIOLO  -  (Interrompendolo) Non c’è affatto bisogno che si giustifichi!

                          La parte femminile che c’è un po’ in tutti noi, in lei ha preso

                          il sopravvento! Sulle prime, ho avvertito un certo disagio, ma

                          poi ho capito!

TOMMASO  -  Sì, ma c’è un errore…

CAPRIOLO  - (c.s.) La prego! non aggiunga altro! Viva serenamente la sua

                         diversità!

TOMMASO  -  (Ormai rassegnato) Come dice lei!!!!

CAPRIOLO   - Ed ora, se permette, mi ritiro in camera mia!

TOMMASO  -  Faccia pure!

CAPRIOLO  -  A plus tard, mon cherie! (Si avvia verso l’uscita) A proposito: non

                         ci davamo del tu?

TOMMASO  -  Appunto! Ho notato che ha ripreso a darmi del lei!

CAPRIOLO  -  Hai ragione! Che sbadato! Diamoci del tu!

TOMMASO  -  Diamoci?

CAPRIOLO  -  (Precisando) Io ti do del tu!

TOMMASO  - Ed io?

CAPRIOLO   - Tu continua pure con il lei!

TOMMASO   - Grazie, ingegnere!!!!

CAPRIOLO   - Tu conosci il mio motto?

TOMMASO   - No, ingegnere!

CAPRIOLO   - Ascolta: Quello che è mio è mio! Quello che è tuo è mio!!!!”

TOMMASO  -  L’avevo intuito!

CAPRIOLO  - Con permesso, caro!!!

TOMMASO  - Si accomodi, ingegniere!

CAPRIOLO ESCE.

TOMMASO  - (Accertandosi di non essere ascoltato) Maledetto! Porco! Per

                         colpa tua sto passando per una checca! E come se non bastasse,

                         mi appresto a diventare un cornuto! Anche se virtuale! Perché,

                         per fortuna, con quella che tu credi mia moglie, io non ho nulla

                         a che spartire! Ma lascia che ottenga la promozione e poi ti

                         faccio vedere io!

BRIGIDA     - (Entrando) Senti un po’, “ragioniere”, stasera non vorrai, per caso,

                         dormire con quella lì!

TOMMASO  - Perché, tu, al mio posto, avresti voglia di dormire?

BRIGIDA      - E appunto per questo che te l’ho chiesto!

TOMMASO  - Ma cosa ti sei messa in testa? Qui è in gioco la mia promozione!

                         Ed io, mia cara, non faccio che pensare a questo!

BRIGIDA      - Anche nel buio di una stanza da letto avendo accanto una ragazzina

                         che potrebbe essere tua figlia?

TOMMASO  - Adesso non esagerare!

BRIGIDA      - Hai anche il coraggio di dirmi che non devo esagerare? D’accordo!

                         Ti prendo in parola! Accetto la sfida! Hai detto che ti preme la tua

                         promozione? Perfetto! Collaborerò anch’io!

TOMMASO    - In che senso, scusa?

BRIGIDA        - Nel senso che se l’ingegnere mi dovesse fare gli occhi dolci,

                           saprò come ricambiarlo!

TOMMASO    - Non sei tu quella che lo deve ricambiare!

BRIGIDA        - Già, dimenticavo! Tu e il tuo ruffiano avete ingaggiato la

                           ragazzina!

TOMMASO    - Appunto! Quindi tu sei fuori gioco!

BRIGIDA        - Sei sicuro? Dimentichi che gallina vecchia fa buon brodo!!!

                           E se proprio lo vuoi sapere,  penso pure di piacergli!

TOMMASO    - A chi?

BRIGIDA        - All’ingegnere!!!!!!

TOMMASO    - Tu, piacere all’ingegnere? Questa sì che è bella! E’ proprio la

                           barzelletta del secolo! (Esce ridendo sguaiatamente)

BRIGIDA        - Che vigliacco! Ha fatto i conti senza l’oste! Ma gliela combino!

                           Giuro che gliela combino! A lui, a quel ruffiano del suo

                           lecchino usciere e, soprattutto, a quella ninfetta da quattro

                           soldi!

CAPRIOLO    - (Entrando) Signora!

BRIGIDA       - (Languida più che mai) Ingegnere!!!!!!

CAPRIOLO    - Scusi l’intrusione…me ne vado subito! Non la voglio disturbare!

BRIGIDA       - Ma non lo dica neanche per scherzo! Lei non disturba mai!

CAPRIOLO    - Molto gentile!

BRIGIDA       - Ma prego, si accomodi!

CAPRIOLO    - (In preda al panico) Grazie…

BRIGIDA       - Un liquorino?

CAPRIOLO   - Veramente, l’ho già preso. Non vorrei abusarne!

BRIGIDA      - Abusarne? Ma che dice? Un uomo come lei! Sono sicura che lei

                         non ha paura di niente e nessuno!

CAPRIOLO   - (Tra sé) A lei pare!

BRIGIDA      - Non ho capito.

CAPRIOLO   - Ecco…anche Achille aveva il suo tallone!

BRIGIDA      - E lei ce l’ha il suo tallone?

CAPRIOLO   - La prego, signora, credo che non sia giusto che io stia qui con

                          lei….

BRIGIDA       - Se ha paura di mio marito, le dico subito che non è un uomo!

CAPRIOLO    - (Con intenzione) Guardi che lo so!!!!!!!

BRIGIDA       - No! Mi dispiace contraddirla, ma lei non lo può sapere come lo

                          so io!!!!!!!!! A mio marito mancano i “cosiddetti”!!!!!

CAPRIOLO    - (c.s.) Le dico che lo so! E se ci permette, la colpa è anche un po’

                          sua!!!!

BRIGIDA       - Anche? E’ solo mia!!!!!!!

CAPRIOLO    - Non osavo dirlo!!!

BRIGIDA       - Sono stata io a ridurlo così!

CAPRIOLO   - (Tra sé) E se ne vanta pure!

BRIGIDA     - L’ho viziato troppo! Gliel’ho date tutte vinte e una bella sera….

CAPRIOLO  - (Sarcastico) Fine delle trasmissioni!!!!!!!!

BRIGIDA     - Ho dato un taglio al passato!!!!!!

CAPRIOLO  - (Spaventato, atterrito) Oh, mamma mia!!!!!!

BRIGIDA     - Ha un po’ sofferto!!!!

CAPRIOLO  - Un po’?

BRIGIDA     - Sì, poveretto! Non se l’aspettava!

CAPRIOLO  - Eh, ci credo!

BRIGIDA      - Cambiare la propria vita così su due piedi, non è facile! E anche per

                         me, sa? In fondo è sempre mio marito!

CAPRIOLO   - ( Tra sé) Assassina!

BRIGIDA      - Ora abbiamo raggiunto il nostro equilibrio. Viviamo sotto lo stesso

                         tetto, ma ciascuno ha la propria vita! Come vede, non ho legami!

                         Quindi, può stare tranquillo! Non ha nulla da temere!

CAPRIOLO   - (Con intenzione) Questo lo dice lei!

BRIGIDA      - Dica la verità: ha paura?!

CAPRIOLO   - Ebbene, sì!!!!!!

BRIGIDA      - Ha paura di essere avvolto dai lacci di una passione incontrollabile!

CAPRIOLO   - Ecco…incontrollabile!!!!

BRIGIDA      - Sento che stanotte…..

CAPRIOLO   - Stanotte?

BRIGIDA      - Stanotte ci incontreremo!!!!!!

CAPRIOLO   - (Tra sé) Fossi scemo!!!!!!

BRIGIDA      - Cos’ha detto che non ho capito?

CAPRIOLO   - Nulla di importante!

BRIGIDA      - E allora , dicevo che lei, stanotte, darà un taglio al passato!

CAPRIOLO   - Ahi!!!!

BRIGIDA       - Che le succede?

CAPRIOLO    - Niente…una…una vecchia ferita! Ogni tanto si fa sentire!

BRIGIDA       -    Non mi dica che lei è un eroe?

CAPRIOLO    - Se resto integro fino a domani, lo può ben dire!!!!

BRIGIDA       - Vedrà…dopo, si sentirà un altro!

CAPRIOLO    - Oh, mamma mia!!!!

BRIGIDA       - Vedo che è eccitato!

CAPRIOLO    - Sto sudando!!!!!!

BRIGIDA       - Anch’io!

CAPRIOLO    - La prego, mi lasci prendere una boccata d’aria!

BRIGIDA        - Ha bisogno di distendersi prima della battaglia?

CAPRIOLO     - Ecco, sì!!!!

BRIGIDA        - La lascio….per il momento!!!!!!!(Esce)

CAPRIOLO     - Questa è pazza! Mi vuole fare il servizio che ha fatto al marito!

                           Ragioniere! Ragioniere!!!!!

TOMMASO     - (Entrando) Dica, ingegnere!!!

CAPRIOLO      - Sono in pericolo! Pericolo grave!!! Mi salvi!!!!

TOMMASO  -  Pericolo? Non capisco…

CAPRIOLO   -  Mi ha minacciato! Quella col forbicione… Io ho paura!!!!!

TOMMASO   -  Si calmi, la prego!!!!!

BATTISTA    - (Entrando) Ingegnere carissimo! Lo sa che anch’io e la mia

                          signora resteremo a dormire qui?

CAPRIOLO    - Lo so!!!!!!!! (A parte, a Tommaso) La prego, ragioniere, faccia

                          qualcosa!!!!!

BATTISTA     - Ci sono problemi?

CAPRIOLO     - Altroché, se c’è ne sono!!!!!!

TOMMASO     - (A Capriolo) Non gli dica niente! Lasci fare a me!

CAPRIOLO      - E’ sicuro che non corro rischi?

TOMMASO      - Stia tranquillo!!!!

CAPRIOLO      - Mi scusi, Battista, ma sua moglie, di notte, che fa? Dorme?

BATTISTA      - E che ne so?

TOMMASO     - Come, che ne sai? Dorme, noh?!

CAPRIOLO      - Lo deve dire Battista!!!!!

TOMMASO      - (A Battista) E dillo!!!! Dillo che dorme!!!!!

BATTISTA       - Sì, certo, dorme!!!!

TOMMASO      - (A Capriolo) Ha sentito, ingegnere? Nessun problema!!!!

CAPRIOLO      - Quindi, non soffre d’insonnia?

BATTISTA       - Un po’!!!!

TOMMASO      - (A Battista) Ma che diavolo dici?!!!!!!

CAPRIOLO       - Mi scusi, ragioniere, ma penso che Battista conoscerà bene sua

                              moglie! Lasci rispondere a lui!!!!!

TOMMASO      - (A Battista, minaccioso) Rispondi!

BATTISTA       - Cosa devo dire?

TOMMASO      - Quello che l’ingegnere ti ha chiesto!!!!!!

BATTISTA       - Non me lo ricordo!!!!!!!!

TOMMASO      - (A Capriolo) Deve capire, ingegnere, da quando sua moglie gli ha

                            fatto zac…..mi ha capito? Non gli mancano solo i contrappesi, ma

                            anche……

CAPRIOLO      - Ha perso la memoria?

TOMMASO     - Esatto!!!!!

CAPRIOLO     - Poveretto!!!!!!

TOMMASO     - (A Battista) Tutto a posto, Battista?

BATTISTA      - Tutto a posto, grazie!

CAPRIOLO     - (A Battista) Non ci pensi! Ci sono altre cose nella vita!

BATTISTA      - Non capisco….

CAPRIOLO     - Massì! In fondo, come si dice? Quando c’è la salute…..

BATTISTA      - C’è tutto?

CAPRIOLO     - Bravo, Battista! E me lo lasci dire: tutto sommato lei è fortunato!

BATTISTA      - Prego?

CAPRIOLO      - Ma certo! Un peso di meno!!!!!!

BATTISTA       - In che senso?

CAPRIOLO     - Bè, forse è meglio non approfondire l’argomento!

TOMMASO     - Appunto!!!!!

BATTISTA      - No, perché? Approfondiamolo…..

BRIGIDA         - (Entrando) Scusi, ingegnere, ma dovrei dire due paroline a mio

                           marito.

TOMMASO     - Scusatemi. (Fa per andare)

CAPRIOLO      - (A Tommaso) Ma cosa fa?

TOMMASO     - Cosa faccio?

CAPRIOLO     - E’ suo marito lei?

TOMMASO     - Io? No!!!!

CAPRIOLO     - E allora perché si muove? Lasci andare Battista!

BRIGIDA         - E allora, Battista?

BATTISTA      - Vengo subito! (Ai presenti) Con permesso! (Escono

CAPRIOLO     - Lei mi assicura che io non corro rischi??

TOMMASO     - Gliel’assicuro! Può stare tranquillo!!! La moglie di Battista

                            viene colta dal raptus nelle notti di luna piena! Solo nelle notti di

                            luna piena!!!!!

CAPRIOLO      - Ah, bè, allora….

MARUSKA      - (Entrando) Ingegnere!!!

CAPRIOLO      - (Galante come non mai) Signora!!!

MARUSKA      - Ci attende una notte meravigliosa!!!!

CAPRIOLO      - Speriamo!

MARUSKA      - Non ha visto il cielo? Ci sono le stelle! E’ proprio una notte

                            di luna piena!

CAPRIOLO      - Oh, mio Dio!!!!

MARUSKA      - Che le succede?

CAPRIOLO      - Ogni tanto penso al mio capitale!!!!!!!

MARUSKA      - Ha paura che si disperda?

CAPRIOLO      - Che si azzeri, vorrà dire!!!!

MARUSKA      - No si dia pensiero! In fondo, il denaro non è tutto nella vita!!

TOMMASO     - Ha sentito mia moglie?

CAPRIOLO     - L’ho sentita!

MARUSKA     - Io, per esempio, ai soldi non ho mai dato importanza! All’amore,

                           invece, sì!!!! Ed anche, perché no? Al sesso!!!!!!!

TOMMASO     - Non essere sfacciata, cara!!!!!!

MARUSKA      - Sfacciata? Non siamo mica all’età della pietra! Oggi si può parlare

                            di tutto liberamente, senza censure e falsi tabù!!!! Che ne dice,

                            ingegnere?

CAPRIOLO     - Ma certo! Io sono un uomo moderno!

MARUSKA     - L’avevo capito! Fin dal primo momento che l’ho vista!

CAPRIOLO     - Veramente?

TOMMASO     - Scusate, ma dovrei assentarmi un attimo!

CAPRIOLO      - Faccia!

TOMMASO     - Non credo che si offende?

CAPRIOLO    - Mi offendo se resta!!!!!

TOMMASO    - Che simpatico!!!!! (Esce)

MARUSKA     - (Lanciandosi sull’ingegnere) Ingegnere!!!!!!!

CAPRIOLO     - (Eccitatissimo) Brigida!!!!!

MARUSKA     - Mi fai impazzire!!!!!!

CAPRIOLO     - Anche tu!!!!!!

MARUSKA     - Fra qualche ora sarai mio!!!!!!

CAPRIOLO     - Oh, “fleurs de mal”!!!!!!!

MARUSKA     - Non vedo l’ora !!!!!!

CAPRIOLO     - A chi lo dici ?!!!!!!

MARUSKA     - Sto bruciando!!!!!!!!

CAPRIOLO     - Anch’io!!!!!!

BRIGIDA        - (Entrando) Scusate!

CAPRIOLO     - (Tra sé, sarcastico) E’ arrivato il pompiere!!!!

BRIGIDA         - Vi ho forse disturbati?

MARUSKA      - (Visibilmente contrariata)  Insomma!!!!!!!!

CAPRIOLO      - Non si preoccupi! La signora mi stava insegnando i passi di un

                            nuovo ballo!!!!

BRIGIDA         - (Ironica) Ma guarda! La signora è proprio tuttofare! Pure

                            ballerina!

MARUSKA      - E allora? Anche ballerina! Devo rendere conto a qualcuno?

BRIGIDA         - A suo marito!!!!!

MARUSKA      - Anche lei, non lo dimentichi!!!! Anzi, se proprio lo vuole sapere…

BRIGIDA         - (Interrompendola) Tagliamola!!!!!!

CAPRIOLO      - Eh, no, perdìo! Questa è una fissazione!!!!!!!

BRIGIDA         - (A Capriolo) Lei non si intrometta, per favore! Questi sono affari

                            tra me e la signora!

MARUSKA      - Io non ho nulla a che spartire con lei!

BRIGIDA          - (Insinuando) Ne è proprio sicura?

MARUSKA       - Ma come si permette di mettere in dubbio la mia parola?!

BRIGIDA          - Lei è una bugiarda!!!

MARUSKA       - Non alzi la voce in casa mia!!!!!!

BRIGIDA           - Casa sua?!!!!!!!! (Ride smodatamente)

TOMMASO       - (Entrando) Ma si può sapere che succede?

MARUSKA        - Succede che in casa mia, io vengo trattata a pesci in faccia da

                              questa signora!!!!!!

BRIGIDA            - A pesci in faccia? Perché, invece, non dice che con la scusa di

                               insegnare un nuovo ballo all’ingegnere, stava cercando di

                               sedurla?

CAPRIOLO        - Ma come si permette?

MARUSKA        - Ma appunto, dico io!!!!

TOMMASO        - Insomma basta!!!! Finitela! Andate in camera vostra e lasciatemi

                               solo con l’ingegnere!

LE DONNE ESCONO.

CAPRIOLO   -  Ragioniere, la prego! Non crederà a quella vampira, spero! Io e

                          la sua signora non facevamo nulla di male!

TOMMASO   - Ma lo so! E poi…anche quando?!

CAPRIOLO   - Già…..

TOMMASO   - Su, coraggio, distraiamoci! Che ne direbbe di farci una carambola?

CAPRIOLO   - Non mi dica che ha il biliardo!!!!

TOMMASO   - Io sono attrezzatissimo!!!!!!!

CAPRIOLO   - In tutti i sensi?

TOMMASO   - Oh, certo! In tutti i sensi!!!!!! (Ridono insieme)

NEL DIRIGERSI VERSO L’USCITA, L’OCCHIO DI CAPRIOLO SI SOFFERMA SULLA FOTOGRAFIA DI TOMMASO CHE BALLA CON BATTISTA TRAVESTITO DA DONNA.

CAPRIOLO    - Ecco la risposta!!!

TOMMASO    - Quale risposta?

CAPRIOLO     - Ti ricordi che appena sono arrivato, mi sono domandato cosa ci

                           facesse a casa tua Battista?

TOMMASO     - E allora?

CAPRIOLO      - Ora ho capito la ragione!

TOMMASO      - Sì? E qual è?

CAPRIOLO      - Non me la fare dire!

TOMMASO     - No, parli pure liberamente!!!!!

CAPRIOLO      - Tra di voi c’è del tenero!!!!!!!

TOMMASO      - No, guardi che non….

CAPRIOLO       - (Interrompendolo) Te l’ho detto che non mi scandalizzo! Sono

                             cose all’ordine del giorno! Tu sei l’uomo e lui fa la donna!!!!

TOMMASO      - La prego di credere……

CAPRIOLO      - (c.s.) Ma non ti preoccupare! Questo non influenzerà le mie scelte!

TOMMASO      - (Rassegnato come sempre) Come dice lei!!!!!!

CAPRIOLO      - L’unico appunto che mi permetto di fare è che io, al posto tuo, non

                            avrei tenuto questa fotografia, in bella mostra, con il pericolo che

                            la vedano tutti, moglie compresa!!!!!

TOMMASO      - Ma è una foto scattata a carnevale.

CAPRIOLO      - Ho capito! Non mi dire più niente! La scusa è buona! Continua a

                            a dire così!

TOMMASO      - Ma è così….

CAPRIOLO      - (Ambiguo) Oh, certo! Sarei pronto a confermarlo…..(Escono)

BRIGIDA         - (Entrando con Battista) Io fossi in te, prenderei in seria

                            considerazione la mia proposta!

BATTISTA       - Dovrei tradire la fiducia di suo marito!

BRIGIDA          - E allora? Che te ne importa, scusa? Uno come mio marito, pronto

                             a buttare tra le braccia dell’ispettore la propria moglie per fare

                             carriera, non merita né stima, tantomeno considerazione!!!!!!

BATTISTA       - Veramente, quella che intende buttare tra le braccia

                             dell’ingegnere, non è lei ma Maruska!!!!

BRIGIDA       - Non fa differenza, mio caro!!!! In entrambi i casi, mio marito

                          mostra di non preoccuparsi minimamente di apparire agli occhi

                          dell’ingegnere e di quelli ai quali l’ingegnere stesso lo andrà a

                          raccontare, un cornuto! Quale statura morale può avere un uomo

                          simile? E cosa credi che se dovesse avere la tanto agognata

                          promozione, ti tratterà meglio di come ti tratta oggi?

BATTISTA    - Questo mi ha detto!

BRIGIDA       - E ti ha preso in giro, te lo dico io!!!!

BATTISTA    - Cosa dovrei fare, allora?

BRIGIDA       - Fidarti di me!!!

BATTISTA    - E ci guadagno?

BRIGIDA       - Più di quanto tu possa immaginare!

BATTISTA    - Dice sul serio? No, perché non è il danaro quello che mi interessa!

BRIGIDA       - Ah, no?

BATTISTA    - Ecco…non è facile…

BRIGIDA       - Ti prego, Battista! Apriti! Apriti pure!!!!

BATTISTA    - Mi devo aprire? Guardi che me lo sta dicendo lei!

BRIGIDA       - Ma certo!

BATTISTA    - No, perché io non rispondo delle mie azioni! A suo rischio e

                          pericolo!!!!

BRIGIDA       - In che senso?

BATTISTA    - Nel senso che io mi devo sbottonare!!!

BRIGIDA       - Sbottonare?

BATTISTA    - Sì, mi devo confessare!

BRIGIDA       - Non sono un prete!

COMMISSARIO – (Entrando) Stop! Scusate, ma è arrivato il mio momento! Mi

                                presento: sono il commissario Volpi. Che ci faccio qua?

                                E’ presto detto! La vicenda si sta tingendo di giallo, ed io

                                sono obbligato a svolgere le mie funzioni e cominciare le

                                indagini! Perché per vostra informazione, circa mezz’oretta

                                fa, tra Battista e la signora Brigida si è svolta questa

                                conversazione.

BATTISTA         - Una cosa incredibile, signora!

BRIGIDA           - Che è successo?

BATTISTA        - Ho telefonato a Roma a casa dell’ingegnere!

BRIGIDA           - Hai parlato con la moglie?

BATTISTA        - Non ho potuto!

BRIGIDA           - Non era in casa?

BATTISTA        - Peggio! L’hanno trovata morta !

BRIGIDA           - Oh, mio Dio!!!!!

BUIO E OCCHIO DI BUE SUL COMMISSARIO.

COMMISSARIO – Avete sentito? L’ingegner Capriolo è vedovo! Un vedovo un po’

                                allegro. ma sempre un vedovo! Ma Battista, come ha fatto a

                                saperlo? Cioè: chi gli ha risposto al telefono? Mistero! Almeno

                                per il momento! Ma se la moglie dell’ingegnere è deceduta,

                                con chi avrebbe parlato l’ingegnere stesso circa mezz’oretta

                                fa? Guardate!

CAPRIOLO         -  (Parlando al cellulare) Pronto? lisetta?

LISETTA             - (Si sente soltanto la voce) Ciao, caro.

CAPRIOLO         - Tutto bene?

LISETTA             - Io sì! E tu?

CAPRIOLO         - Diciamo che va bene! Che vuoi farci, mi trovo in casa di un

                                dipendente della ditta nella quale dovrò fare l’ispezione!

LISETTA             - Si sono dimostrati gentili?

CAPRIOLO         - Gentili? Dire gentili è poco! Fanno di tutto per accontentarmi!

                               Capirai, il padrone di casa spera in una promozione! E la vuoi

                               sapere una cosa? E’ una checca tremenda!

LISETTA             - Non è sposato, allora?

CAPRIOLO         - No, è sposato, ma se la intende con il suo vice-capo uscieri, il

                               quale, a sua volta, è un eunuco!

LISETTA             - Eunuco?

CAPRIOLO         - Sì, è stata sua moglie a fargli zac!

LISETTA             - Ma in che razza di ambiente sei capitato?

CAPRIOLO         - Non me ne parlare, guarda!

LISETTA             - E la moglie di questo ragioniere equivoco com’è?

CAPRIOLO         - La moglie?

LISETTA             - Sì, la moglie! Non mi dire che non è sposato!

CAPRIOLO         - No è sposatissimo!

LISETTA             - E allora dimmi com’è la moglie? Giovane, bella?

CAPRIOLO         - Ma che dici? Brutta! Brutta e vecchia!!!!

LISETTA             - Siamo sicuri? Non è che mi stai prendendo in giro?

CAPRIOLO         - Per chi mi hai preso? E’ la pura e sacrosanta verità!

LISETTA             - Ti voglio credere!

CAPRIOLO         - Ti saluto, adesso. Stai tranquilla! E prima di andare a letto,

                               prendi la tisana che ti ho preparato! E’ una mano santa contro

                               l’insonnia!

LISETTA             - La prenderò, pensando a te che me l’hai preparata con tanto

                                amore!

CAPRIOLO         - Buona notte, cara!!!!

LISETTA             - Buona notte a te! E dormi!!!!!!!!

CAPRIOLO         - Che dovrei fare? La moglie del ragioniere è brutta e vecchia!

LISETTA             - Meno male!!!!!!

CAPRIOLO         - Sto chiudendo, Lisetta!

LISETTA             - Ti telefono io domani!

CAPRIOLO         - (Ironico) Ecco, brava, telefona!

LISETTA             - Ciao.

CAPRIOLO         - Ciao. (Chiude) Ma quale brutta e vecchia? La moglie del

                               ragioniere è uno schianto! E stanotte sarà mia!!!!! (Esce)

COMMISSARIO  -  E’ probabile! Se gli reggeranno le coronarie! Ma a noi

                                  questo poco importa! Quello che, invece, è fondamentale,

                                  almeno ai fini dell’indagine, è stabilire con esattezza l’ora

                                  del decesso della signora Lisetta, che non può essere

                                  avvenuta prima della conversazione col marito di cui

                                  sopra! Inoltre, sappiamo che l’ingegnere ha preparato

                                  una tisana per la moglie! E chi non ci dice che sia stata

                                  proprio la tisana a cagionare la morte della signora Lisetta?

                                  Congetture! Supposizioni! Indizi! non precorriamo gli

                                  eventi! Ora vi lascio! Ci rivedremo presto! Voi tornate

                                  al punto in cui vi ho interrotto! Una scenetta sexy non

                                  guasta mai! A dopo! (Esce

BRIGIDA       - Se ti vuoi confessare, vai in chiesa!                                   

BATTISTA    - Ma cos’ha capito? Le devo confessare la passione che da cinque

                          anni provo per lei! Brigida! Io l’ amo! Non ho mai avuto il coraggio

                          di dichiararmi per paura di un suo rifiuto! Ma oggi mi sono deciso

                          a rischiare il tutto per tutto! mi basta un suo cenno, anche solo

                          un gesto…..

BRIGIDA       -  (Impreparata) Ecco, così su due piedi….

BATTISTA    - Lo so, forse ho scelto il momento sbagliato, ma non ce la facevo più!

                          Io la voglio, Brigida!!!! Non mi respinga! (Le si butta addosso)

BRIGIDA       - Battista! Cosa fa?

BATTISTA    - Non lo vede?

BRIGIDA       - Io l’avverto! Non sono d legno!

BATTISTA    -  Neanch’io!!!!!

BRIGIDA       - Farai quello che ti dico?

BATTISTA    - Faccio tutto!

BRIGIDA       - Avvertirai la moglie dell’ingegnere Capriolo?

BATTISTA    - Sì!!!!

BRIGIDA       - Sarai una pedina in mio possesso?

BATTISTA    - Faccia di me quello che vuole!!!!!!

BRIGIDA       - Battista!

BATTISTA   - Brigida!

BRIGIDA      - Battista!!!!

BATTISTA   - Brigida!!!!!!!!

BRIGIDA      - Mi lasci!!!!

BATTISTA   - Non posso!!!!!

BRIGIDA      - Mi lasci, le dico!!!!!

BATTISTA   - Non posso! Mi si è impigliato il bottone dei pantaloni nella sua

                         gonna!!!!

BRIGIDA      - Stia fermo!!! Non mi rovini la gonna!!!!!

BATTISTA    - E chi si muove?

BRIGIDA       - Bisogna tagliare il filo!

BATTISTA    - E come si fa?

BRIGIDA       - Si prendono le forbici e si taglia!

BATTISTA    -E chi le prende le forbici? Siamo attaccati!

BRIGIDA       - Facciamo finta di ballare in modo da avvicinarci a quella mensolina!

                          Lì ci sono le forbici!

BATISTA       - D’accordo!

BRIGIDA       - E’ pronto?

BATTISTA    - Quando dice lei!

BRIGIDA       - Ecco…accenniamo a qualche passo di salsa…..

BATTISTA    - Salsa?

BRIGIDA       - Segua me!

BATTISTA    - Io la seguo, però…….

BRIGIDA       - Però?

BATTISTA    - Però, cerchi di comprendere! Questo strofinamento….

BRIGIDA       - Lo sento anch’io! (Pausa) Caspita!!!!

BATTISTA    - Gliel’ho detto: è imbarazzante!!!

BRIGIDA       - E lei non ci pensi! Faccia l’uomo!!!!

BATTISTA    - Pure!!!!

ATTACCATI COME SONO, ARRIVANO A DESTINAZIONE. BRIGIDA PRENDE LE FORBICI DAL CASSETTO DELLA MENSOLINA E INIZIA AD ARMEGGIARE ALL’ALTEZZA DEL BOTTONE DEI PANTALONI DI BATTISTA.

BATTISTA    - Non sbagli a tagliare!

BRIGIDA       - Tranquillo! Io sono maestra nell’arte del taglio e cucito!

ENTRA CAPRIOLO CHE, INVOLONTARIAMENTE, ASSISTE ALLA SCENA.

CAPRIOLO    - Ma allora, è un vizio!!!!!!!

SIPARIO VELOCISSIMO.

                        F I N E            D E L          P R I M O          A T T O                

 

 

  

 

 

            

        

ATTO  SECONDO

LA STESSA SCENOGRAFIA DEL PRIMO ATTO.

ALL’APERTURA DEL SIPARIO, TROVIAMO LE DUE COPPIE IN PIGIAMA E VESTAGLIA, INTENTE AD ENTRARE CIASCUNA NELLA PROPRIA CAMERA DA LETTO.

LA PRIMA PORTA DA SINISTRA E’ QUELLA DELLA CAMERA DI TOMMASO CON SEDICENTE SIGNORA;
LA SECONDA PORTA E’ QUELLA DI BATTISTA, ANCHE LUI ACCOMPAGNATO DA FINTA CONSORTE;

LA PRIMA PORTA DA DESTRA E’ , INVECE, QUELLA DELLA STANZA DEGLI OSPITI RISERVATA, IN QUESTO CASO, A CAPRIOLO.

TOMMASO    -  Allora…buonanotte!!!!!

CAPRIOLO     -  Buonanotte, ragioniere!

BRIGIDA        -  Io, veramente, non ho sonno!!!!!!

CAPRIOLO     - Come, non ha sonno? Prenda un sonnifero, la prego! Non ci faccia

                           stare in pensiero!!!!!!

BRIGIDA        -  Io sono allergica ai sonniferi!!!!!

CAPRIOLO     - Bella fregatura!!!!!

BATTISTA      - Le terrò compagnia io!

CAPRIOLO     - Lei ha detto che la notte dorme come un ghiro!

BATTISTA      - (Con intenzione) Stanotte potrei fare un’eccezione!

TOMMASO     - (Allarmato) Come sarebbe, un’eccezione? Tu stanotte dormi!

                            Te lo dico io!!!!

CAPRIOLO      - (A Tommaso) Di che si impiccia, ragioniere? Se vuole stare sveglio

                            con sua moglie, sono affari suoi!!!!

TOMMASO      - Anche miei!!!!!!

CAPRIOLO       - Lei che c’entra?

TOMMASO       - Se il signorino non dorme la notte, dorme in ufficio!!!

CAPRIOLO        - Ma domani è domenica!

TOMMASO        - E’ domenica?

BATTISTA         - Giorno festivo!!!

CAPRIOLO        - Quindi, ammesso che passi la notte in bianco, si può rifare

                              nelle mattinate!!!!

BATTISTA        - Mi rifaccio nella mattinata!!!!!!

MARUSKA       - Bravo, Battista! Faccia furore!!!!

TOMMASO       - (A Maruska, sgarbato) Non lo incoraggiare!!!!!!

CAPRIOLO       - (A Tommaso) Non tratti così sua moglie!!!!!

TOMMASO       - Perché, cosa ho detto?

CAPRIOLO        - Ha usato un tono che non mi piace!!!!!

MARUSKA        - Non si preoccupi, ingegnere, ci sono abituata!

TOMMASO       - Gliel’ho detto, ingegnere: noi siamo fatti così! Ci diciamo le

                              cose in faccia senza troppi problemi!!!!

MARUSKA    - Appunto! Siamo una coppia aperta!!!!!

TOMMASO    - (Con intenzione) Apertissima! Semaforo verde!!!

CAPRIOLO     - Bè…..buonanotte, allora!!!!!

BATTISTA      - Buonanotte, ingegnere!

BRIGIDA         - Buonanotte!!!!

Entrano tutti nelle rispettive stanze.

Dopo qualche secondo, all’unisono, escono Tommaso e Capriolo.

CAPRIOLO      - Cosa fa, ragioniere?

TOMMASO      - Cosa faccio ?  Vado in bagno!

CAPRIOLO       - Non c’era già stato?

TOMMASO       - Sì…..

CAPRIOLO       - Mi stupisce che lei ci vada di nuovo!

TOMMASO       - Ognuno sa i fatti suoi!

CAPRIOLO       - Già! Bè…vada!!!!!

TOMMASO       - Vado! (Si dirige verso la comune)

Accertatosi che il ragioniere sia uscito, Capriolo si dirige verso la stanza di Tommaso; non fa a tempo a muovere i primi passi che vede uscire dalla propria stanza, Battista, diretto anche lui verso la stanza di Tommaso.

CAPRIOLO    - Battista!!!!!

BATTISTA     - Ingegnere!!!!!

CAPRIOLO     - Dove va?

BATTISTA      - Dove vado? Non so’….prendevo una boccata d’aria!

CAPRIOLO      _Non dica bugie! Lei andava dal ragioniere!

BATTISTA      - Dal ragioniere?

CAPRIOLO     - (Con intenzione) Sì, dal ragioniere! So’ tutto! Però, me lo lasci dire

                           siete imprudenti!!! E soprattutto sfacciati! Lo sa o non lo sa che in

                           camera del ragioniere c’è anche sua moglie? Le vostre libertà

                           prendetevele pure, ma senza mogli tra i piedi!!!!

BATTISTA     - Guardi che c’è un equivoco!!!!!

CAPRIOLO    - Non si giustifichi! Sono un uomo di larghe vedute! Ora su, da bravo,

                          torni in camera sua!

BATTISTA     - Che faccio in camera?

CAPRIOLO    - Conti le pecore!!!!!!!!!

BATTISTA     - Farò come dice lei!!!!!!!

TOMMASO    - (Entrando) Battista! Ingegnere!!!!!

CAPRIOLO     - (A Tommaso) Sotto il tetto coniugale, ingegnere!!! Ci sono tante

                            pensioncine!!!!

TOMMASO     - Non capisco……

CAPRIOLO      - Per una sera, astinenza!!!!!!!! Da bravi, a letto!

Tommaso,Battista e Capriolo rientrano nelle rispettive camere.

Poi, esce Capriolo e va a chiudere a chiave la porta della camera di Battista.

Esce anche Tommaso.

CAPRIOLO    - E insiste?

TOMMASO    - Perché?

CAPRIOLO     - Per stanotte , lo lasci in pace con sua moglie! Ed io, per aiutarla,

                           onde scoraggiare eventuali suoi tentativi, li ho chiusi a chiave!

TOMMASO     - Come, li ha chiusi a chiave?

CAPRIOLO      - Per nostra tranquillità! Sua e mia!! Con la moglie di Battista c’è

                            poco da scherzare! Ha la forbice facile!!!!!!!

TOMMASO     - Ma si rende conto che Battista potrebbe…

CAPRIOLO      - (Interrompendolo) Con sua moglie non può fare niente!

TOMMASO     - Ne è sicuro?

CAPRIOLO      - Sicurissimo! Mi meraviglio che lei pensi il contrario dopo quello

                            che mi ha raccontato! Zac!!!!!!!

TOMMASO      - Già, dimenticavo!

CAPRIOLO      - Su, non faccia il geloso! IL suo Battista non la tradisce!!!!!!!

TOMMASO      - Questo lo dice lei!

CAPRIOLO      - E poi, mi scusi, cosa gliene frega? Battista è o non è con sua

                            moglie?

TOMMASO      - Appunto!

CAPRIOLO      - E allora? Fatti loro! Lei, piuttosto…

TOMMASO      - Io, che?

CAPRIOLO      - Lei ha sonno?

TOMMASO      - Mi è passato!

CAPRIOLO      - Soffre di insonnia?

TOMMASO     - Da stanotte!

CAPRIOLO      - Anch’io!!

TOMMASO      - Anche lei da stanotte?

CAPRIOLO      - No, io da sempre!!!!

Dalla stanza di Battista si sentono mugolìi e sospiri.

TOMMASO     -  Sente?

CAPRIOLO      - Già!!!

TOMMASO      - (Disperato) Si rende conto?

CAPRIOLO      - Incredibile!!!!!

TOMMASO     - Quelli stanno facendo……

CAPRIOLO     - Ma come farà?

TOMMASO     - Come farà, chi?

CAPRIOLO     - Battista!!!!! Nonostante non abbia…….

I sospiri aumentano.

CAPRIOLO     - E’ un miracolo!!!!!

TOMMASO     - E’ una tragedia!!!!

CAPRIOLO     - Su, da bravo, non se la prenda! In fondo è con sua moglie!

TOMMASO     - Lo so!!!

CAPRIOLO     - Sarei curioso di sapere cosa fanno!

TOMMASO     - Io l’ammazzo!

CAPRIOLO     - Non faccia il geloso, adesso! Ha voluto fare una rimpatriata!

                           Non so come, ma l’ha fatta! Ora, lo vuole un consiglio? Si metta

                           la vestaglia e si vada a prendere una boccata d’aria in terrazza.

                           Vedrà che dopo….

TOMMASO     - Mi sentirò uno schifo!

CAPRIOLO      - Pensi alla promozione.

TOMMASO     - Bè….buonanotte.

CAPRIOLO      - Buonanotte.

Entrano in camera. Dopo qualche secondo esce Tommaso.

TOMMASO     - (Bussando alla porta di Battista) Aprite, schifosi!

BATTISTA      - (Da fuori) La porta è chiusa a chiave da fuori!

TOMMASO     - Già, l’ha chiusa l’ingegnere! Uscite dalla porta che da sul terrazzo.

                           Immediatamente!

BATTISTA      - (c.s.) Va bene.

TOMMASO     - Maruska!!!

MARUSKA      - (Uscendo) Cosa c’è?

TOMMASO      - Da questo momento tu ti trasferisci nell’altra stanza degli ospiti.

MARUSKA       - Uffa! Non devo andare a letto con l’ingegnere?

TOMMASO       - In questo momento ho altro a cui pensare. Non discutere e

                              trasloca!

MARUSKA       - Agli ordini!! (Si dirige verso la seconda porta da destra)

TOMMASO      - Maledetti! Fedifraghi!!!

Entrano Brigida e Battista.

TOMMASO      - Schifosi!

BATTISTA       - Ragioniere, mi lasci spiegare…

TOMMASO      - (Interrompendolo) Cosa mi vorresti spiegare?

BRIGIDA          - Stai prendendo una cantonata!

TOMMASO      - Ti faccio vedere io! Fila in camera!!!

BRIGIDA          - Mi astengo dal fare polemiche! (Entra nella camera di Tommaso)

TOMMASO      - (A Battista che stava seguendo Brigida) E tu vieni con me!

BATTISTA       - Dove mi porta?

TOMMASO      - In camera sua!

BATTISTA      - Ma è chiusa a chiave!

TOMMASO     - Da dove siete usciti voi?

BATTISTA     -  Dalla porta del terrazzo.

TOMMASO    -  E da lì noi entriamo!

BATTISTA     - Ma perché mi vuol portare in camera? Che intenzioni ha?

TOMMASO    - Presto lo saprai!!!!

Battista e Tommaso escono.

Dopo qualche secondo esce dalla sua stanza Capriolo e si dirige verso la stanza di

Tommaso nella quale entra sperando di trovarci Maruska. Chiude la porta e la riapre due secondi dopo.

CAPRIOLO     - (Terrorizzato) Aiuto! Mamma mia!!!!!

Escono simultaneamente Maruska e Brigida.

MARUSKA     - Ingegnere!

BRIGIDA        - Si calmi, la prego!

CAPRIOLO     - Mi sono preso uno spavento!

BRIGIDA        - Non capisco il perché.

CAPRIOLO     - Lo capisco io, invece!

MARUSKA     - Le porto un bicchiere d’acqua?

CAPRIOLO     - Grazie. Ma lei che ci fa nella stanza del ragioniere?

BRIGIDA         - E’ quello che mi chiedo anch’io!

CAPRIOLO      - (A Maruska) E suo marito? Dov’è finito?

MARUSKA      - Mio marito?

CAPRIOLO      - Sì, suo marito! Dovrebbe stare con lei!

MARUSKA      - Con me non c’è.

BRIGIDA         - E’ con mio marito!

CAPRIOLO      - Con suo marito? E dove sono?

BRIGIDA         - In quella che era la nostra stanza.

CAPRIOLO     - Ma in quella stanza vi ho chiusi a lei e suo marito io! Qua c’è

                            la chiave!

MARUSKA      - E adesso ci sono chiusi i nostri mariti!

BRIGIDA         - Appunto!

CAPRIOLO      - Ma che fate, i giochi di prestigio?

Si sentono dalla stanza chiusa a chiave mugoliì e sospiri.

CAPRIOLO      - Ma li sentite?

BRIGIDA         - Sì.

CAPRIOLO      - (A Maruska) Anche lei, signora, sta sentendo?

MARUSKA      - Perfettamente!

CAPRIOLO      - E non dite niente? Ma che schifo! E’ proprio vergognoso!

MARUSKA      - Perché, scusi?

BRIGIDA         - Io non ci trovo niente di strano!

CAPRIOLO      - Ah, bè, se le cose stanno così! (A Maruska) Suo marito mi

                             aveva detto che eravate aperti! Ma voi non siete aperti!

                             Siete spalancati!!!!!!!

MARUSKA      - Io continuo a non capire il suo stupore!

CAPRIOLO      - Non lo capisce? Ora glielo spiego io! (Estrae dalla tasca la

                           chiave ed apre la porta) La festa è finita! Uscite, sporcaccioni!!

BATTISTA E TOMMASO ESCONO DALLA STANZA.

CAPRIOLO      - Io mi meraviglio di voi! Sotto il tetto coniugale! Vicino alle

                            vostre mogli! Che vergogna!!!!!

Si sentono dalla stanza gli stessi gemiti e sospiri.

CAPRIOLO      - Non mi dite che ci sono anche altri…..Stavate facendo

                             l’ammucchiata?!!!!

TOMMASO      - Se veramente è convinto di questo, entri in camera e verifichi

                             di persona!

CAPRIOLO      - Ma siete pazzi se pensate che io entri là dentro!

BATTISTA       - Io, invece, le consiglierei di entrare.

BRIGIDA          - Si chiarirebbe l’equivoco!

MARUSKA       - Non ci sarebbero più dubbi!

CAPRIOLO       - Anche lei, signora? Questo da lei non me lo sarei mai aspettato!

                             Passino i vostri mariti che sono due checche!!!!

BATTISTA        - Checca io?

CAPRIOLO        - (A Battista) Taccia! (Ai presenti) Passi la vampira con la

                              forbice assassina!

MARUSKA        - A chi si riferisce?

CAPRIOLO        - Non a lei, signora! Ma alla moglie di Battista!

BRIGIDA            - Ma come si permette?

CAPRIOLO         - Se mi permetto è perché so!!!! E mi meraviglio come anche

                               lei, signora Brigida, si presti a queste sconcezze! Lei vorrebbe

                               che andassi là dentro a godermi lo spettacolo?

TOMMASO        - Adesso lo spettacolo è finito!

CAPRIOLO         - Eh, certo! Ci hanno sentito e hanno deciso di smetterla e di

                               rivestirsi!

BATTISTA          - No, ingegnere, è finita la cassetta!

CAPRIOLO         - La cassetta?

TOMMASO         - Sì, ingegnere. Una cassetta hard!

CAPRIOLO          - Ma allora, non eravate voi?

BATTISTA          - Assolutamente no!!!!!

TOMMASO         - E neanche prima erano loro!!!!

COMMISSARIO – (Entrando) Fermi tutti! Che nessuno si muova!!!!!!

TOMMASO         - Chi è lei e come ha fatto ad entrare in casa mia?!

COMMISSARIO  -  Sono il commissario Volpi. Polizia!

TOMMASO          - Polizia? Ma io non ho fatto niente!

BATTISTA            - Neanch’io!

CAPRIOLO            - Perché, io allora?

COMMISSARIO    - Lei taccia!!!!

TOMMASO            - (Al commissario) Ma lo sa con chi sta parlando?

COMMISSARIO    - Non si permetta di rivolgersi a me con quel tono!

CAPRIOLO            - Veramente, il ragioniere voleva soltanto farle osservare con chi

                                   si trovava di fronte!

COMMISSARIO    - Io vi conosco perfettamente! Tutti quanti!!!!

TOMMASO            - E allora se ci conosce, non capisco per quale ragione si sia

                                   introdotto in casa mia! E a quest’ora, per giunta!!!

COMMISSARIO     - Tra di voi c’è un assassino!

TOMMASO             - Un assassino?

COMMISSARIO     - Ha capito benissimo: un assassino!

TOMMASO             - Incredibile!

COMMISSARIO     - E non solo: tra di voi c’è anche una prostituta!

BRIGIDA                 - La prego di moderare i termini!

COMMISSARIO      - Non mi riferivo a lei!

MARUSKA               - Alludeva a me!

COMMISSARIO       - Risposta esatta!

BRIGIDA                   - (A Battista) Non mi aveva detto che era una di quelle….

BATTISTA                - Ho omesso qualche particolare!

CAPRIOLO                - (A Tommaso) Ma allora, sua moglie fa……

TOMMASO                - Mia moglie no!!!!

CAPRIOLO                - Come no? Il commissario l’ha detto e sua moglie l’ha

                                      confermato!

TOMMASO               - Si dicono tante cose…..

COMMISSARIO       - Con questo cosa vorrebbe dire? Che sono un bugiardo?

TOMMASO              -Io questo non l’ho detto!

BATTISTA                - Ma l’ha pensato!

TOMMASO               - (A Battista) Ma che diavolo dici?

COMMISSARIO        - La smetta, ragioniere! Non si nasconda! Affronti la

                                       situazione da uomo!

CAPRIOLO                - Da uomo? Si fa’ per dire!

COMMISSARIO        - Non capisco…Si spieghi meglio, ingegnere.

CAPRIOLO                - Il ragioniere è uno di quelli!

COMMISSARIO        - Questo non lo sapevo!

CAPRIOLO                 - Ora lo sa!!!! E se vuole, le posso dare anche qualche

                                        informazione sul signor Battista!

COMMISSARIO         - Mi dica!

CAPRIOLO                 - Glielo posso dire all’orecchio. Si avvicini.

Il commissario si avvicina a Capriolo e ascolta quanto quest’ultimo gli sussurra all’orecchio. Poi scoppiano entrambi in una fragorosissima risata.

COMMISSARIO    - Poveretto!! (A Battista) Su, coraggio, non se la prenda!

BATTISTA             - Veramente, non capisco…

COMMISSARIO    - Insomma, non ci pensi!

BATTISTA             - A cosa?

TOMMASO            - Quella cosa!

BATTISTA             - (Avendo equivocato) Ah, quella cosa!!!!!

COMMISSARIO    -  Faccia finta che non esista! Anzi: che non è mai esistita!!!

BATTISTA             - Perché, scusi?

COMMISSARIO    - Lei ci pensa ancora?

BATTISTA             - Altroché se ci penso!!!!

COMMISSARIO    - Nonostante la sua condizione?

BATTISTA             - Quale condizione?

COMMISSARIO    - Come, quale condizione? La sua!

BATTISTA             - Io sto benissimo!

COMMISSARIO    - Diciamo…

BATTISTA             - Come sarebbe a dire?

COMMISSARIO    - Senta, guardi, tronchiamo il discorso! Lei è com’è! Non si

                                  dia pena! Anzi è fortunato! Ha saputo darci un taglio!!!!

BATTISTA             - Un taglio? A che?

TOMMASO            - La prego, commissario, cerchi di capire! Nella sua condizione

                                   anch’io mi sentirei un po’ rincoglionito!

COMMISSARIO    - Ha ragione!

BATTISTA             - Io, invece, vorrei capire…

COMMISSARIO    - Basta! Ristabiliamo l’ordine! Voi siete gli inquisiti! Quindi vi

                                   consiglio di collaborare se non vorrete compromettere

                                   ulteriormente la vostra posizione!

TOMMASO            - Noi siamo innocenti!

COMMISSARIO    - Balle! Lei con quest’affermazione l’ha sparata proprio grossa!

BRIGIDA                - Mi perdoni , commissario, ma lei, appena è entrato, ha detto

                                   che tra noi c’è un assassino. Vorrebbe essere così gentile da

                                   dirci chi è?

COMMISSARIO     - Tutto a suo tempo, signora!

BRIGIDA                 - Vorrebbe così tenerci ancora sui carboni ardenti?

TOMMASO             - Eh, no, commissario! Io non voglio intralciare la sua indagine,

                                    ma lei deve avere anche un po’ di rispetto per noi! Soprattutto

                                    per chi non c’entra!

COMMISSARIO     - Ci siete tutti dentro fino al collo!

TOMMASO             - Cioè, mi faccia capire: saremmo tutti corresponsabili di

                                    questo assassinio?

COMMISSARIO     - No! Dell’assassinio, no!

TOMMASO             - Perfetto! Ma allora se non c’entriamo con questo assassinio,

                                     quali responsabilità ci addebita?

COMMISSARIO     -  Saprete tutto, non vi preoccupate!

TOMMASO             - Eh, no, per la miseria! Lei ci sta facendo la guerra dei nervi!

COMMISSARIO     - Si calmi, ragioniere! Non è detto che la sua situazione sia fra

                                   tutte la  più grave!

TOMMASO             - Bella consolazione!

COMMISSARIO     - In questo momento la cosa che mi sorprende di più è il

                                    silenzio dell’ingegnere!

CAPRIOLO             - Non ho niente da dire!

COMMISSARIO     - Strano! Perché lei secondo me avrebbe tante cose da dire!

CAPRIOLO             - Dice?

COMMISSARIO     - Dico!

CAPRIOLO             - Sarà! Ma vede, commissario, per accusare bisogna avere le

                                   prove! Io posso anche pensare che un tizio abbia commesso

                                  chissà quale misfatto; ma se non ho le prove, i miei pensieri

                                  restano soltanto pregiudizi!

COMMISSARIO     - Giusta osservazione, ingegnere! Ma credo che stavolta le

                                    prove ci siano!

CAPRIOLO             - Davvero?

COMMISSARIO     - Si fidi, ingegnere!

CAPRIOLO              - Quand’è così, non metto lingua come si suol dire!

COMMISSARIO      - Bravo! Dunque, lei è sposato, ingegnere?

CAPRIOLO               - Da trent’anni.

COMMISSARIO       - E sua moglie come sta?

CAPRIOLO                - Bene, grazie!

COMMISSARIO        - Lei mente, ingegnere! Sua moglie non sta bene!

CAPRIOLO                - Se lei allude ai postumi dell’influenza, posso anche darle

                                      ragione!

COMMISSARIO        - Postumi dell’influenza? Lei vuol fare lo spiritoso?

CAPRIOLO                - Io non ci trovo nulla di spiritoso!

COMMISSARIO        - Neanch’io! Sua moglie è morta!

CAPRIOLO                - Quando?

COMMISSARIO        - Come, quando? Stanotte! Grazie alla tisana avvelenata che

                                      lei le ha preparato!

CAPRIOLO                - La tisana sonnifero?

COMMISSARIO        - Tisana sonnifero la chiama? Ci vuole una bella faccia tosta!

                                      Lei, ingegnere, vuole mettere a dura prova la mia pazienza!

                                      Ma l’avverto: le conviene confessare!

TOMMASO                - Ingegner Capriolo, è vero quanto dice il commissario?

COMMISSARIO        - Qui le domande le faccio io!!!!!

BATTISTA                 - Il ragioniere le voleva dare una mano!

COMMISSARIO        - Lei stia zitto! Mi faccia il piacere!!!! (A Capriolo) Non ha

                                      scelta, ingegnere! Vuoti il sacco!!!!!

CAPRIOLO                - E va bene! Mi ha convinto! Confesserò!

Si sente suonare il campanello.

MARUSKA               - Io credo che qualcuno dovrebbe andare a vedere chi è.

COMMISSARIO       - Giusto! Ma si ricordi che in questo momento le decisioni

                                     le prendo io!

BRIGIDA                   - E allora la prenda questa benedetta decisione!

LISETTA                    - (Entrando) Permesso? Scusate ma la porta era aperta…

CAPRIOLO                - (Inorridito) Lisetta!!!!

LISETTA                    - Mio caro, legittimo consorte!

COMMISSARIO        - (Alquanto sorpreso) Caro, legittimo consorte?

LISETTA                    - Sì, perché? E’ mio marito!

COMMISSARIO        - (c.s.) Suo marito?

LISETTA                    - Non capisco cosa ci trovi di tanto strano?! E poi che gliene

                                       importa?

COMMISSARIO        - Non si permetta di parlarmi con quel tono!

LISETTA                    - E perché, sentiamo: cosa me lo impedisce?

COMMISSARIO        - Lei sta parlando a un commissario di polizia! E la invito a

                                       moderare i toni se non vuole che la denunzi per oltraggio a

                                       un pubblico ufficiale! E poi, dal momento che asserisce di

                                       essere la moglie dell’ingegnere, favorisca un documento di

                                       riconoscimento!

LISETTA                    - Eccolo! (Porge la carta d’identità al commissario)

COMMISSARIO        - Quindi lei non avrebbe preso la tisana?

LISETTA                    - La tisana? Quale tisana?

COMMISSARIO        - La tisana avvelenata che le ha preparato suo marito.

LISETTA                    - (A Capriolo) Tu mi hai preparato una tisana avvelenata?

CAPRIOLO                - Io? No.

LISETTA                    - Ha sentito, commissario?

COMMISSARIO        - Impossibile! Qui c’è qualcosa che non va! I conti non mi

                                       tornano! E la telefonata?

CAPRIOLO                 - Quale telefonata?

COMMISSARIO         - Quella fatta da Battista!

BATTISTA                  - Io avrei fatto una telefonata?

COMMISSARIO         - Sì, lei! Ha telefonato a casa dell’ingegnere e qualcuno le ha

                                       comunicato il decesso della signora!

BATTISTA                  - A me non risulta!

COMMISSARIO         - Lei è un bugiardo! Anzi: una checca bugiarda!!!

BATTISTA                  - Ora basta! E’ arrivato il momento di finirla con questa

                                        storia! Io non sono una checca! E ve lo potrei dimostrare!

COMMISSARIO         - Ma cosa vuole dimostrare? Lei non può più dimostrare nulla!

LISETTA                     - Comunque, una cosa è certa: io sono viva e vegeta! Mi

                                       sembra, quindi, che i suoi indizi, commissario, siano privi di

                                       fondamento! Io la capisco, prendere un abbaglio non è cosa

                                       piacevole! Ma capita!

COMMISSARIO   - Cosicché, secondo lei, io avrei preso un abbaglio?

LISETTA               - Non trovo altra spiegazione!

COMMISSARIO   - (In preda allo sconforto) Eh già! Anche stavolta ho fatto la mia

                                  brava figura di merda! Ma vi rendete conto? Questa è una

                                  tragedia! Ma che dico? Una catastrofe! Io ero sicuro che lei

                                  fosse stata avvelenata! Ed ero pronto a fare scattare

                                  un’inchiesta! Adesso, invece, che faccio? Fermo una macchina

                                  che era già partita? Rinunciamo all’eventuale processo?

                                  Ad una bella condanna all’ergastolo?

CAPRIOLO            - Mi faccia toccare!

COMMISSARIO    - Lei, una volta condannato, si sarebbe potuto pentire! Giornali,

                                   televisioni, interviste… E invece, niente! E tutto per colpa sua!

CAPRIOLO             - Mia?

COMMISSARIO     - Sì, sua! Perché lei, ingegnere, il veleno nella tisana glielo

                                    doveva mettere!

CAPRIOLO             - Veramente mia moglie la tisana non l’ha bevuta. (A Lisetta)

                                    Non hai detto poc’anzi che non l’hai bevuta?

LISETTA                 - Certo che non l’ho bevuta!

COMMISSARIO     - (A Capriolo) Ma lei il veleno gliel’aveva messo veramente?

CAPRIOLO             - Mi sembra che sia un dettaglio ininfluente…….

LISETTA                 - Appunto, commissario. Che l’abbia messo o meno, resta il

                                   fatto che io non l’ho presa!

COMMISSARIO     - E allora è con lei che me la devo prendere!!! Perché non

                                    l’ha presa?

LISETTA                 - Oh bella! Sarò libera di prenderla o non prenderla, spero! E

                                    comunque, ammesso che l’avessi presa, sarebbe dovuta essere

                                    avvelenata, perché altrimenti…..

COMMISSARIO      - Finivo nella merda lo stesso!!!!

LISETTA                  - Appunto! Quindi , come vede, commissario, il destino non è

                                     proprio dalla sua parte!

CAPRIOLO               - Ma dalla nostra!

COMMISSARIO       - E allora vuol dire che alla mia carriera non ci volete pensare!

LISETTA                   - Ci dobbiamo pensare noi? Se permette, ci pensi lei!

                                     Si trovi qualche altro caso, qualche altro assassinio…

CAPRIOLO                - Ma si assicuri che il morto sia veramente morto!

LISETTA                    - Già! Perché se è vivo come in questo caso….

COMMISSARIO        - Sono fregato!

LISETTA                    - Esatto! E secondo me non le conviene sbagliare una seconda

                                       volta!

COMMISSARIO        - Se è per questo, è la diciassettesima volta che sbaglio!

LISETTA                    - Complimenti! Un bel record!

COMMISSARIO        - Grazie!

CAPRIOLO                - Da guinnes dei primati!

TOMMASO                - Proprio! Se non ci fosse bisognerebbe inventarla!

COMMISSARIO       - Quello che vi raccomando è : massima riservatezza!

LISETTA                   - Stia tranquillo.

COMMISSARIO       - Sapete, non vorrei compromettere la carriera!

CAPRIOLO               - (Ironico) Ci mancherebbe! Una carriera come la sua!!!!

TOMMASO               - Se è già arrivato a quota diciassette…..

BATTISTA                 - Chissà dove potrà arrivare!

COMMISSARIO        - Le vie del Signore sono infinite!

LISETTA                    - Non demorda commissario!

COMMISSARIO        - Grazie. Però consentitemi un’ultima battuta!

TOMMASO                - Prego.

COMMISSARIO        - Non è rivolta a lei ma all’ingegnere!

CAPRIOLO                - L’ascolto.

COMMISSARIO        - Qualcuno voleva incastrarla!

CAPRIOLO                 - Incastrarmi?

COMMISSARIO         - Sì, toglierla di mezzo. L’avrebbero accusata dell’assassinio

                                       di sua moglie e sbattuto in galera!

CAPRIOLO                 - Lei ha una bella fantasia, commissario!

COMMISSARIO         - Avrò pure una bella fantasia ma, fossi in lei, terrei gli occhi

                                        bene aperti! E’ un consiglio!!!! Buona notte a tutti!!!

TOMMASO                 - Venga, commissario.

COMMISSARIO         - Grazie. (Esce accompagnato da Tommaso)

Gelo e imbarazzo dei presenti.

MARUSKA                  - Io avrei un po’ di sonno e me ne andrei a letto.

BRIGIDA                      - Anch’io.

MARUSKA                  - Sì ma, a questo punto, dove?

BRIGIDA                     - Come, dove? Nella stanza di suo marito, noh?

MARUSKA                  - Okay.

BRIGIDA                      - (Con acredine) Si accomodi, Brigida!!!!!

MARUSKA                  - Brigida? Già, che stupida, mi chiamo Brigida!!!!!!!

BRIGIDA                      - Il sonno produce vuoti di memoria!

MARUSKA                   - (Entrando nella stanza di Tommaso) Buonanotte, Maruska!

TOMMASO                  - (Entrando) Che succede?

BRIGIDA                      - Ci stiamo organizzando per andare a letto.

TOMMASO                  - Bene. Posso sapere come hai organizzato?

BRIGIDA                      - E’ presto detto. Tua moglie in camera tua.

TOMMASO                  - Ed io?

BRIGIDA                      - Tu con mio marito.

TOMMASO                  - (Soprapensiero) Io con tuo marito? Ma che stai dicend….

                                         Già, dimenticavo: tuo marito Battista!

BRIGIDA                      - L’hai capito!

CAPRIOLO                   - (A Brigida) Così lei accetta la cosa senza avvertire un

                                          minimo disgusto?

LISETTA          -  (A Capriolo) Di che ti impicci?

CAPRIOLO      -  Che tempi!

TOMMASO      -  (A Brigida) E tu, mia cara, dove intendi dormire?

BRIGIDA          - Da sola. Nella seconda stanza degli ospiti.

CAPRIOLO       -  (Preoccupato) Quella comunicante con la nostra?

LISETTA           - Sembra che la cosa ti interessi.

CAPRIOLO       -  Mi preoccupa, semmai!

LISETTA           -  Non capisco.

CAPRIOLO       - Ti spiegherò.

BRIGIDA           - Signori, credo che sia arrivato il momento di andare a nanna.

CAPRIOLO        - Buonanotte, allora.

LISETTA            - Buonanotte.

Ciascuno entra nella stanza assegnata.

Dopo qualche secondo escono Lisetta e Battista.

BATTISTA         - Amore mio!!!

LISETTA             - Tesoro!!!!

BATTISTA          - Ma cos’hai combinato? Il piano era perfetto!

LISETTA             - Lo so , cucciolone mio! Tutta colpa di mia sorella!

BATTISTA          - La tua sorella gemella?

LISETTA             - Proprio lei! Quella stupida!

BATTISTA          - Non ha bevuto la tisana?

LISETTA              - Peggio! Si è fatta vedere!

BATTISTA           - Da chi?

LISETTA              - Dalla portinaia!

BATTISTA           - E quando?

LISETTA              - Proprio mentre stavo salendo sul taxi che mi avrebbe portata

                                 all’aeroporto!  Avevo preso persino i suoi documenti! Ad un

                                 certo punto mi sento chiamare: “Lisetta! Lisetta”!!!!!

BATTISTA           -  Non dovevi risponderle !!!!

LISETTA              -  Già! Ma che ci vuoi fare?! Non mi ero ancora abituata a

                                  sentirmi chiamare Florinda! Così sono scesa dal taxi e ho

                                  chiesto alla portinaia cosa voleva da me. “Salga. Sua sorella

                                  Florinda le vuole parlare!”

BATTISTA            - E tu sei salita?

LISETTA                - Certo! Che potevo fare? La portinaia, avendo ricevuto via

                                  citofono la chiamata di Florinda e avendomi bloccata mentre

                                  salivo sul taxi, si era accertata che entrambe eravamo in casa!

BATTISTA             - Quindi non avresti potuto assumere l’identità di tua sorella e

                                    far passare lei per te!

LISETTA                - E tutta colpa di mio marito!

BATTISTA             - Perché?

LISETTA                - Perché è stato lui a telefonare. Gli ha risposto mia sorella:

                                    “Lisetta è appena uscita! Aspetta! Vedo se la posso bloccare!”

                                     Ha citofonato alla portinaia e quella disgraziata…..

BATTISTA              - Ti ha bloccata!

LISETTA                 -  Appunto! Proprio mentre stavo salendo sul taxi!

BATTISTA              - Che sfortuna!!!!! E tuo marito cosa ti ha detto?

LISETTA                 - Di prendere la tisana.

BATTISTA              - Quella che avevi preparato tu?

LISETTA                 - Che c’entra? Quella era avvelenata e l’avevo preparata per mia

                                    sorella! Lui me ne aveva preparata un’altra!

BATTISTA              - E tu l’hai bevuta?

LISETTA                 -  Sei pazzo? Per paura di confonderla con quella avvelenata, le

                                    ho buttate tutte e due!

BATTISTA              - Hai fatto bene! Resta il fatto che siamo punto e a capo! Se

                                    penso che a quest’ora tu potevi già essere in America….

LISETTA                  - Non me ne parlare! Sarei morta per finta e avrei assunto

                                     l’identità di mia sorella gemella….

BATTISTA                - ….che, invece, sarebbe andata all’altro mondo per davvero!

LISETTA                   - E quel porco di mio marito incriminato per omicidio e

                                      sbattuto in galera!

BATTISTA                - Ed io dopo qualche giorno avrei preso l’aereo e ti avrei

                                      raggiunta! Come sarebbe stato bello!

LISETTA                   -  Nulla è perduto!

BATTISTA                - Come sarebbe?

LISETTA                   -  Ci sbarazziamo di mio marito!

BATTISTA                - E come?

LISETTA                    - Con una tisana.

BATTISTA                 - L’hai preparata?

LISETTA                    - Prima di venire.

BATTISTA                 - E quando gliela dai?

LISETTA                    - Gliela sto andando a portare.

BATTISTA                 - Magnifico! Hai avuto una splendida idea!

LISETTA                     - Vedrai che andrà tutto a gonfie vele!

BATTISTA                  - Ti credo, amore mio!

LISETTA                     - Adesso torna in camera. Non vorrei che ci trovassero qui a

                                        parlare!

BATTISTA                  - Io  però volevo festeggiare!

LISETTA                     - Non è il momento!

BATTISTA                  - D’accordo. Allora sai che facciamo? Quando saremo sicuri

                                        che tutti si saranno addormentati, ci vedremo in terrazzo e

                                        brinderemo al nostro futuro!

LISETTA                     - E con che cosa brindiamo?

BATTISTA                  - In frigo c’è una bottiglia di spumante già aperta!

LISETTA                     - Bene. Prendi quella!

BATTISTA                  - A più tardi, amore mio!

LISETTA                 -  A dopo!

Lisetta e Battista entrano nelle loro camere. Dopo qualche secondo esce dalla sua stanza Capriolo, diretto verso la stanza di Tommaso. Vi entra e chiude la porta. Poi esce Battista diretto verso la comune.

Quindi anche Tommaso che, avendo sentito rumore, vuole controllare la situazione.

Tommaso vede rientrare dalla comune Battista recante una bottiglia in mano. Non

volendosi fare vedere da Battista, Tommaso rientra di scatto nella propria stanza, richiudendo alle sue spalle la porta; Battista si accosta davanti alla porta della stanza di Capriolo e gentile signora e dalla porta di Maruska esce Capriolo che,

notando la presenza di Battista davanti alla camera dove si trova sua moglie, decide di rientrare da dove era uscito.

Battista sta per tornare nella stanza che divide con Tommaso proprio nel momento in cui quest’ultimo esce; per non farsi scoprire da Tommaso, Battista si butta dietro il divano!

Tommaso entra nella stanza di Brigida. A questo punto a Battista non resta altro che rialzarsi e dirigersi verso la propria stanza. Il caso vuole però che dimentichi dietro il divano la bottiglia di spumante.Uscito dalla sua stanza,Capriolo  con estrema circospezione la prende, cava dalla tasca della vestaglia una bustina e ne versa il contenuto nella bottiglia. Indi ripone la bottiglia  e rientra da dove è uscito. Riesce Battista per riprendersi la bottiglia e dirigersi verso il terrazzo.

Buio. Musica.

Qualche giorno dopo.

TOMMASO    - Condoglianze, ingegnere!

CAPRIOLO    - E’ la vita!

BRIGIDA        - Io l’ho sempre detto a mio marito: l’alcol fa male!

CAPRIOLO     - Sante parole!

TOMMASO     - Io e mia moglie abbiamo deciso di diventare astemi!

CAPRIOLO     - Saggia decisione!

TOMMASO     - Povero Battista!

CAPRIOLO      - Mica tanto povero! Se la intendeva con mia moglie! Ma comunque

                             di fronte alla morte tutto passa!

BRIGIDA         - Io l’ho perdonato! Anche se mi è stato difficile! Molto difficile!

CAPRIOLO      - La capisco, signora! Ma dobbiamo farci forza! La vita continua!

TOMMASO      - Ben detto, ingegnere! Spero che lei si vorrà fermare a pranzo con

                             noi!

CAPRIOLO       - Con piacere!

TOMMASO       - (A Brigida) E lei, signora?

BRIGIDA           - (Equivoca) Che domande!

TOMMASO       - Quand’è così, permettete che vada a prendere mia moglie che si

                              trova al supermercato a fare la spesa?

BRIGIDA          - Vada tranquillo.

TOMMASO    - Non mancherò molto. Il tempo della strada.

CAPRIOLO     - Faccia.

TOMMASO     - Con permesso.

BRIGIDA         - Prego.

Tommaso esce.

BRIGIDA        - Amore mio!

CAPRIOLO     - Brigida!

BRIGIDA        - Ho preparato tutto!

CAPRIOLO     - Sì ma c’è una complicazione.

BRIGIDA        - Quale?

CAPRIOLO     - Tuo marito non ha detto che lui e sua moglie…

BRIGIDA         - (Sarcastica) Sua moglie!!!!

CAPRIOLO      - La sua finta moglie!

BRIGIDA         - Appunto!

CAPRIOLO      - Dicevo, non hanno detto che hanno deciso di diventare astemi?

BRIGIDA         - E allora?

CAPRIOLO      - E allora dove glielo mettiamo il veleno?

BRIGIDA         - Nell’aranciata!

CAPRIOLO      - E’ vero! Nell’aranciata! Non ci avevo pensato!

BRIGIDA         - Ho già preparato la bottiglia!

CAPRIOLO      - Meraviglioso! Prima si fa e meglio è!

BRIGIDA         - Potremo partire per l’America finalmente!

CAPRIOLO      - E non ci lasceremo più!

BRIGIDA         - Io sono in collera con te!

CAPRIOLO      - Perché, pupetta mia?

BRIGIDA         - Come hai fatto a credere che io fossi veramente quella vampira

                            femminista dalla forbice insanguinata?

CAPRIOLO      - Me l’ha fatto credere tuo marito!

BRIGIDA          - Allora non sapevi che fosse mio marito!

CAPRIOLO       - Già! pensavo che tuo marito fosse il povero Battista!

BRIGIDA          - Il supposto eunuco?

CAPRIOLO       - Certo che tuo marito ne ha di fantasia!

BRIGIDA          - Anche troppa! Sapessi quante me ne ha inventate in tutti questi

                             anni?! Mi ha preso in giro continuamente!

CAPRIOLO       - E scommetto che tu non gli hai mai fatto un torto?!

BRIGIDA          - Mai! Anche se spesso sono stata sul punto di cedere!

CAPRIOLO       - Non certo quando ci siamo incontrati per la prima volta

                             all’autogrill!

BRIGIDA          - E invece, se proprio lo vuoi sapere, in quell’occasione sono stata

                             tentata!

CAPRIOLO       - Perché non me l’hai fatto capire?

BRIGIDA          - Per non darti la soddisfazione!

CAPRIOLO    - Dispettosa!

BRIGIDA        - Però mi hai colpito. Da quel momento non ho fatto altro che

                          pensare a te!

CAPRIOLO     - Anch’io!

BRIGIDA        - Tu mi hai temuto, invece!

CAPRIOLO     - Si capisce! Con quello che mi aveva raccontato tuo marito!

BRIGIDA        - La pagherà anche per questo!

CAPRIOLO     - A proposito, se tuo marito con finta moglie sono astemi, noi, invece,

                            come siamo?

BRIGIDA        - Noi continuiamo a bere.

CAPRIOLO    - Appunto! Così evitiamo pericoli inutili!

BRIGIDA       - Loro devono l’aranciata e noi, il vino!

CAPRIOLO    - Perfetto!

TOMMASO    - (Entrando con Maruska) Eccoci qua!

BRIGIDA        - Avete fatto in un baleno!

MARUSKA     - Tommaso ha il vizio di correre!

BRIGIDA        - Lo so!

MARUSKA     - (A Capriolo) Ancora condoglianze, ingegnere!

CAPRIOLO     - Grazie.

TOMMASO     - Purtroppo la vita ci riserva amare sorprese.

CAPRIOLO      - Purtroppo!

TOMMASO      - Però come si dice:” Chi muore,  giace  e chi vive si da pace!”

                             Ed io per tirarvi un po’ su, ho comprato un vino che è la

                             fine del mondo!

MARUSKA      - La fine del mondo!!!!!

CAPRIOLO      - Ma non aveva deciso di diventare astemio?

TOMMASO      - Infatti io non bevo! L’ho preso per voi!

CAPRIOLO      - (GuardandoBrigida con preoccupazione) L’ha preso per noi!

BRIGIDA         - (Anche lei preoccupata) Già! L’ha preso per noi!

COMMISSARIO- (Entrando) Fermi tutti! La commedia è finita!!!!

Sipario velocissimo.              

    

 

      

 

 

    

                            

 

      

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno