Felice maestro di calligrafia

Stampa questo copione

FELICE MAESTRO DI CALLIGRAFIA

FELICE MAESTRO DI CALLIGRAFIA
OVVERO
LU CURAGGIODE NU POMPIERE NAPULITANO

Commedia in tre atti

Personaggi

Barone Andrea, ex ciabattino

Ceccia, sua moglie e madre di

Virginia

La Marchesa Zoccola, madre di

Alberto

Rosina, sorella di

Michele, pompiere

Achille, cameriere

Carluccio, servo

Nannina, serva

Don Felice, Don Carlino Pellecchia

Pulcinella - Nicolino

La scena è in Napoli, epoca presente.

ATTO PRIMO

Camera nobilmente addobbata, porta in fondo e due laterali. Mobilia e 8 sedie dorate.

SCENA PRIMA

Virginia dalla sinistra e Nannina dal fondo.

NANNINA: Signorì, v’aggio da dicere na cosa, avesse da venì papà.

VIRGINIA: No, non c’è paura, sta dinto screvenno, de che se tratta.

NANNINA: Aggio visto a D. Feliciello.

VIRGINIA: Ah! S’è rimesso da la malattia? E comme l’haje visto?

NANNINA: Ecco qua, vuje m’avite mannato a da la sarta pe vedè si aveva fernuta la vesta, e m’ha ditto ca dimane ve la porta. A lo tornà ch’aggio fatto, m’è venuto pennante D. Felice, io vedennolo aggio fatto na sorpresa pecché ve dico la verità s’è fatto assaie cchiù sicco. La primma cosa che m’ha addimmannato è stata: neh Nannì, Virginia comme sta?

VIRGINIA: Poveriello!

NANNINA: Sta bona, l’aggio ditto io, e vuje comme state? Eh, stammatina pe grazia de lo Cielo me so’ susuto nu poco. Tutto stu tiempo che so’ stato malato aggio penzate sempe a Virginia mia. Chi sa si essa ha penzate pure a mme.

VIRGINIA: E tu che l’haje rispuosto?

NANNINA: E che l’aveva da risponnere, chello che è. L’aggio ditto: caro D. Feliciello, vuje che dicite, chella ve vò bene assaie, chella non se pò scordà de vuje, chiagne sempe e non l’aggio ditto busica, allora isso mi ha ditto: Ah! Ca tu co cheste parole me haje consolato. Tiene, famme lo piacere de darle sta lettera.

VIRGINIA: Damme ccà. (Legge:)«Mia vita, mia speranza, mio tesoro. Per me tal sei, e se ti perdo moro». Quant’è caro!

NANNINA: Fa sempe suniette...

VIRGINIA: Nannì, vide si vene quaccheduno.

NANNINA: Leggite, nce penz’io.

VIRGINIA (legge): «Sono stato 20 giorni senza vederti, 20 giorni che mi sono sembrati 20 anni. Ho avuto una forte malattia che mi ha fatto molto soffrire, ma grazie a Dio sto bene, oggi però è il nome tuo, ed io non posso venire perché tengo le scarpe rotte ed un cappello indecente, come vuoi che mi presenti in casa tua? Sono costretto di stare a casa a piangere a calde lagrime. Sempre tuo eterno amante. Felice Sciosciammocca». (Si asciuga gli occhi.)

NANNINA: Signorì, ma pecché chiagnite?

VIRGINIA: Chiagno e nun saccio io stessa lo pecché... Mannaggia la sorte, ma pecché ha avuto da nascere accossì disperato, ma pecché non so’ nata disperata pur’io?

NANNINA: E allora era peggio, auniveve disperazione e disperazione e che faciveve? Lassate fà a lo cielo, le bote le cose cchiù difficile a succedere so’ succiesse.

VIRGINIA: Sì, ma chesto è impossibile, non succedarrà maje. Te pare, chillo papà sta tutto nfanatechito che me vò fa spusà pe forza lo Marchesino, hanno quase combinato ogne cosa, la mamma pure n’have piacere, non voglia maje lo cielo che papà sapesse che io faccio l’ammore co Feliciello, sarrìa capace de chiuderme n’auta vota, chillo è tanto fanatico per la nobiltà.

NANNINA: Signori, diciteme na cosa. A stu D. Felice comme lo conoscisteve?

VIRGINIA: Fuie quanno venettemo da Salierno 6 mise fa. Papà jeva truvanno nu maestro de calligrafia onde perfezionarmi il carattere e se presentaie isso, io appena lo vedette me facette tale impressione che non può credere. Nannì, te raccomanno t’avesse da scappà quacche parola da la vocca.

NANNINA: Oh ve pare, io ve voglio tanto bene.

VIRGINIA: E intanto comme faccio, oggi l’avarria voluto vedè, so’ 20 iuorne che nun lo veco.

NANNINA: Ma quanno chillo non tene né cappiello e né scarpe comme ha da fa?

VIRGINIA: Poveriello! Aspetta aggio fatto na penzata. Nannì, io tengo cierte denare astipate, mò nce li puorte e le dice che s’accattasse le scarpe e lo cappiello.

NANNINA: Uh signurì, li denare non sta, se potarria piglià collera e che mortificazione volite dà a chillo povero giovine?

VIRGINIA: Già, dice buono... a mannarle li denare non sta, se potarria piglià collera, sà che buò fa, vancell’accattà e co na lettera mia nce li puorte.

NANNINA: Ma io pò saccio la mesura de li scarpe e de lo cappiello.

VIRGINIA: Te riegole cchiù o meno, viene fà priesto. (Via.)

NANNINA: Ah uommene, uommene, e che se fa pe buje. (Via.)

SCENA SECONDA

Pulcinella, Achille e Carluccio do poi fri indi Andrea.

PULCINELLA (d.d.): Achì, facimmo chello ch’avimmo da fà, damme la mesata pecchè si no tu me faie passà nu guaio. (Fuori tutti e tre.)

CARLUCCIO (ridendo): Nonsignore, D. Achì, non le spetta.

ACHILLE: Tu senza ch’allucche te spetta meza mesata, 8 lire e meza.

PULCINELLA: E l’aute 8 lire e meze?

ACHILLE: Non te spettano. Ah, te sì scurdato che la settimana passata rumpiste nu servizio de tazze nuovo nuovo?

PULCINELLA Quella fu una disgrazia.

ACHILLE: Ah fu una disgrazia? A te la chiagne tu.

CARLUCCIO: Nonsignore, non fuie disgrazia, l’ha da pavà.

PULCINELLA: Tu statte zitto pecché si no te sciacco. Io non aggio da pavà niente. Quanno D. Virginia steva facenno colazione e nce ne scappaie una nterra, tu stesso diciste vedenno che non se rompette: ma queste tazze sono di ferro, e ghiusto mmane a me s’avevano da rompere. E pò lo patrone l’avria da pagà, pecchè io mentre steva ienno a pusà la guantiera co li tazze isso me chiammaie de pressa: Pulicene?... Mò vengo... Pulicenè?... Aspettate. Lassa tutto e viene ccà. Io sentenno chesto, era lo patrone che me commannava, lassaie tutte cose nterra e corrette addo isso, poteva sapè ca se rompevano.

ACHILLE: Vì che stupido, comme avesse tenuto nu panno mmano.

CARLUCCIO: Vì che stupido, come fosse stata na pusata.

PULCINELLA: T’aggio pregato tu statte zitto e non parlà ca te sciacco.

ACHILLE: La finite sì o no?

PULCINELLA: Achì, damme la mesata e non nce ncuitammo io no pozzo perdere 8 lire e meza.

ACHILLE: Seh e che songo? Chillo era no servizio che costava 30 frenche.

PULCINELLA: Nuovo ma chillo era usato.

ACHILLE: L’ha pigliato pu nu suprabito.

PULCINELLA: E pò mò nce stanno certa gente che te fanno cierte servizi pe pochi soldi.

ACHILLE: Basta, io senza ordine de lo patrone non pozzo fa niente pecché li tazze fuieno scostumate.

CARLUCCIO: Non potimmo fa niente mio caro!

PULCINELLA: A te te struppeo.

CARLUCCIO: No, tu non struppie a nisciuno.

PULCINELLA: Io te sciacco a te e D. Achille.

ACHILLE: A me, te ne guarderai bene.

ANDREA (dalla 1a porta a dritto dell’attore): Che so’ sti strille?

ACHILLE: Ve saluto, eccellenza.

CARLUCCIO: Ve saluto, eccellenza.

PULCINELLA: Barò, ccà non nce se po’ stà cchiù dint’a sta casa.

ANDREA: Che cos’è? Fatevi indietro.., perché vi contrastate?

ACHILLE: Chisto ccà la settimana passata...

PULCINELLA: Non fuie colpa mia...

CARLUCCIO: Menaie la guantiera...

ACHILLE: Co tutte li tazze nterra.

ANDREA: Silenzio, uno alla volta... (Lezzo Pulcinella.)E quando vi trovate alla presenza del Barone vostro padrone non voglio che alluccate, parlate nu tuono sotto.

PULCINELLA: Lo tiene tu? (Ad Achille.)

ACHILLE: Che cosa?

PULCINELLA: Lo tuono sotto!

ANDREA: Parla tu, Achille, che cosa è successo?

ACHILLE: Eccellenza, avite da sapè che chisto la settimana passata rompette nu servizio de tazze de porcellana. Dunque chi l’ha da pavà?

CARLUCCIO: Eccellenza, isso pe deritta legge.

ANDREA: Zitto voi! Dico iochi ha da parlà. A te, è overo che rompiste le tazze?

PULCINELLA: Sissignore, eccellenza illustrissimo, io non lo nego, ma li rumpette pecchè se vi ricordate, vostra eccellenza me chiammaie de pressa e io per correre da vostra signoria illustrissima, menaie tutte cose nterra.

ANDREA: E chi ha detto che l’haje da pavà?

PULCINELLA: D. Achille!

ANDREA: D. Achille è una bestia!

PULCINELLA: Lui e chi lo paga!

ANDREA: Guè ca io lo pav’io! Quando no servitore rompe una cosa per servire a me non la deve pagare. Faciste buono, li tazze li paga D. Achille.

ACHILLE: E io che c’entro?

ANDREA: Tu quanno sapive che s’erano rotte pe mme li tazze, non avive da parlà nemmeno, e poi a me non mi fanno specie 12 tazze, sono ricco e nobile e non mi curo di tanto poco.

ACHILLE: (Vì che fanno li denare, na vota non parlave accossì, haje ragione).

PULCINELLA: Eccellenza, posso rompere qualunque cosa quando voi mi chiamate?

ANDREA: Qualunque cosa, per servire a me non si deve badare a niente.

PULCINELLA: Va bene (avite da vedè che v’aggia rompere)!

ANDREA: Carluccio, siete stato alla posta?

CARLUCCIO: Sissignore, eccellenza.

ANDREA: Prima l’eccellenza e poi sissignore bestia. (Pulcinella ripete.)Guè statte zitto tu!

PULCINELLA: Io v’aiuto!

CARLUCCIO: Eccellenza scusate. Eccellenza, sì!

ANDREA: Vi erano mie lettere?

CARLUCCIO: Eccellenza due, l’aggio poste dinto a lo studio.

ANDREA: Dinto a lo studio! E non mi avevi prevenuto niente? Vado a vedere chi mi scrive. Achille, accendete i lumi nella sala, Pulcinella, prepara la camera da gioco. A te poi, Carluccio, prepara 12 bottiglie di sciampagna, oggi è vive di Virginia mia figlia, stasera verranno molti nobili amici miei, e fra gli altri la Marchesa Zoccola e suo figlio.

PULCINELLA: Meno male che ce l’avete avvisato.

ANDREA: E pecchè?

PULCINELLA: Vaco aparà lo mastrillo!...vene la zoccola ccà!

ANDREA: Che dici, la Marchesa Zoccola col Marchesino figlio, promesso sposo di mia figlia la Baronessina. Fate che tutto andasse in regola; e a te, Achille, io voglio che non mi maltratti quest’uomo, perchè mi serve bene, è accorto, è utile, insomma io lo proteggo, hai capito?

ACHILLE: Va bene.

ANDREA: E quando io do un comando voglio essere obbedito, a chi non mi obbedisce, io non nce metto niente e nce lo caccio sà. Largo, largo, fatemi passare. (Via con sussiego.)

ACHILLE: Ah denare denare e che facite! Va trova quà juorno de chisto faccio lo quarto e metto nterra! Vì quanta superbia che ha cacciato, e pure s’avarria d’arricordà chi era 28 anne fa...

CARLUCCIO: Chi, lo Barone?

ACHILLE: Seh, lo Barone, lo Barone!... Ah! munno, munno e quanto sì puorco! (Voltandosi a Pulcinella.)

PULCINELLA: Tu e isso, e chillo s’avota a la via mia.

ACHILLE: Io l’aggio co lo munno... lo Barone era no solachianiello.

PULCINELLA: No solachianiello! Tu dice overo o pazzie? E pò comme se facette ricco?

ACHILLE: Se facette ricco pecché... guè, tu o nce lo dice o non nce lo dice a mme poco me mporta, pecché ccà nce stongo co li stentine mbraccia, n’auta piccola cosa che me dice io me ne vaco e bonanotte.

PULCINELLA: Tu sì pazzo, io non parlo; ma comme era proprio solachianiello?

ACHILLE: Solachianiello sì, faceva lo guardaporta sotto a nu palazzo. Avite da sapè che a lo 1859 isso non teneva manco nu centesimo, campava acconcianno scarpe a la strada nova de Capodimonte. A lo primmo piano nce steva no Milordo, ma ricco assaie, stu Milordo era sulo, e nun teneva nisciuno parente. Na sera mentre st’Inglese steva dormenno, da dinto a la fenesta de la cucina trasetteno duie perzune co la ntenzione primma d’acciderlo e po’ pigliarse tutto chello che teneva. Milord a lo rummore se scetaie mettennose ad alluccà: Ladri, ladri! Andrea, lo Barone, sentenno sti voce sagliette ncoppa afferraie nu mariuolo de chille e dannole tanta mazzate lo facette campà 15 juorne, l’auto non se trovaie cchiù. Allora Milord le dicette: lascia di fare il guardaporte, e vieni con me a viaggiare, ti porterò in Inghilterra. Andrea, lo Barone, chesto jeva trovanno, ma però era vidovo e teneva nu piccerillo de duie anne, ma co tutto chesto accettaie, lassaie de fà lo solachianiello e partette nzieme co l’Inglese, lassanno lo figlio a na vecchia che steva de casa vicino a isso, e le restaie na somma raccommannannoncillo tanto tanto. Doppo poco tiempo la vecchia cadette malata e se ne murette. Lo guaglione non ve saparria a dicere chello che se ne facette, lo certo è che Andrea, lo Barone, doppo 12 anne se ne venette a Napole portannose no zeffunno de denare, pecché avette la fortuna che chill’Inglese murette e lo lassaie erede de tutte li ricchezze soie. Da che è addeventato ricco non se sape chi è isso, è addeventato nobile; s’ha accattato na Baronia e se fa chiammà Barone. Ma se isso s’è scordato ch’era solachianiello la mugliera non s’è scordata ch’era na mpagliaseggia.

PULCINELLA: E isso non ha pigliato cchiù cunto de chillo piccerillo che rummanette a la vecchia?

ACHILLE: Comme? te pare; appena venette a Napole cercaie de sapè, d’appurà, ma nisciuno le sapette a dicere niente, fuorze avette da murì pur’isso.

CARLUCCIO: Povero guaglione! (Piangendo.)

PULCINELLA: Fa sta zitto a chillo famme sta carità. E dimme na cosa, Achì, pecché aiersera s’appiccecavano tutte e duie marito e mugliera?

ACHILLE: Li pariente de la mugliera, li quali stanno miserabili, isso non li vò conoscere pecché so’ di bassa condizione.

CARLUCCIO: Ma io tutto me poteva credere fuorché era solachianiello.

PULCINELLA: Achì, e tu come lo ssaie?

ACHILLE: Lo ssaccio, pecché io era lo servitore de no signore a lo secondo piano addò steva isso a faticà, e quanno partette me dicette ogne cosa, nuje nce volevamo bene; tanto che quanno turnaie a Napoli me contaie lo tutto, io allora steva a spasso e isso me pigliaie cammariere. Tutto nzieme non me trattava cchiù comme a primma, e quanno me pò fa na cancariata me la fa, io a la fine de lo mese aggio deciso de me ne ire, non nce voglio stà cchiù.

CARLUCCIO: Uh! Vene la signorina da chesta parte.

ACHILLE: Io vaco appiccià li lume fora a la sala.

CARLUCCIO: Io vaco a preparà li bottiglie de sciampagna. (Via.)

PULCINELLA: E io... non me ricordo ch’aggio da fa.

SCENA TERZA

Virginia, Nannina e detto, indi Andrea e Ceccia.

VIRGINIA: Nannì, fa priesto, accatta lo cappiello e li scarpe, portancelle e dincelle che venesse priesto.

NANNINA: Va bene, lassate fa a mme. (Via dal fondo.)

VIRGINIA: Ah! Me pareno mill’anne che lo veco.

PULCINELLA: Cento di questi giorni.

VIRGINIA: Tante grazie, da stammatina me l’haje dato cchiù de ciento vote.

PULCINELLA: Io ve lo dico col cuore, non mi regalato che non mi piglio niente vorria sapè.

VIRGINIA: Chi te sta danno niente.

PULCINELLA: No, me credeva. E po’ avite da ricevere, non avite da dà, se io fossi ricco metterei ai vostri piedi un regno, ma non un regno piccolo, un regnone.

VIRGINIA: Ah! ah! Me faie ridere.

ANDREA (di d.): Baronè, non alzate la voce che vi faccio stare a dovere. (Fuori.)

CECCIA (fuori): Barò, tu non faie stà a dovere a nisciuno, e lassame stà e non me ncoietà, li pariente mieie l’ha chiammate scopature. (A Pulcinella:)neh so’ spazzine?

PULCINELLA: Io non li conosco.

VIRGINIA: Lo ssolito, mò accomminciammo.

ANDREA: Io t’ho pregato che se vogliamo andare d’accordo non mi nominare quei pezzenti dei parenti tuoi.

CECCIA: Guè si so’ pezziente so’ annorate, e nisciuno le pò dicere niente. (A Pulcinella:)non è lo vero?

PULCINELLA: Vi ho pregato che non li conosco.

ANDREA: Ma chi li può conoscere chi sa se sono vivi, saranno onesti, sarranno tutto chello che buò tu, ma io ccà nun li voglio.

CECCIA: Ma pecché che t’hanno fatto?

ANDREA: Niente, ma io non ho piacere di trattarli, bell’onore avè che fa co na stiratrice, co no pompiere, io ho sposato a te e non già ai parenti tuoi.

PULCINELLA: Barò, vedete, la signora pure dice na cosa...

ANDREA: Che c’entri tu in mezzo ai fatti nostri, va in sala.

PULCINELLA: Vedete, io voleva dicere...

ANDREA: Non rispondere un’altra volta pecché si no te piglio a cauce.

PULCINELLA: Me pigliate a cauce?

ANDREA: Sì, te piglio a cauce.

PULCINELLA: Embè, voi mi avete detto che mi proteggete.

ANDREA: E quanno te ne vaie?

PULCINELLA: Eccome ccà. (Ha da fa sempe azione de solachianiello.) (A Ceccia:)(Ntustate li piede nterra, chille ve so’ pariente e hanno da essere soccorsi).

ANDREA: Che staje dicenno?

PULCINELLA: Niente, si volite quacche cosa io sto fuori alla sala. (Via facendo gesti da calzolaio.)

ANDREA: Sei contenta? Mò lo servitore de la casta sape tutte li fatte nuoste.

CECCIA: Nce haje colpa tu pecché si mme sentarrisse, chiacchiere non se ne farrieno maje.

ANDREA: Baronè, voi non mi piegate. Vostro fratello e vostra sorella per me non esistono. Io oggi mi trovo in una posizione che me fa scuorno de guardarle nfaccia. Oggi me fa vergogna solamente a nominarli, perché oggi fra me e loro passa una gran differenza.

VIRGINIA: Oggi... ma oggi, e chi ve dice ca dimane vuje non avite abbesuogno de lloro. Ogge vuje le disprezzate, ve fa scuorno a guardarle nfaccia, e chi ve dice ca dimane lloro non disprezzano a buje? Papà, io so’ stata mparata da chi fuorze ne sapeva meglio de vuje, che tutte simmo nate sotto a uno cielo, e lo povero e lo ricco se distingue da li bone azione.

ANDREA: Oh! Basta mò, me viene pure tu a fà la dottoressa, co chi te cride de parlà tu, co pateto che è a nu sensale, io so’ nu Barone!

VIRGINIA: Oh! Barò, non annommenà a papà sà ca si no piccerella comme songo me faccio venì la forza e so’ capace di qualunque cosa.

CECCIA: E have ragione, chill’ommo non nce l’annommenà, si no non ghiammo cchiù buono.

ANDREA: A chesto simmo arrivate. Bravo, chest’è la gratitudine, dopo quello che vi ho fatto, vi ho messi ad una posizione, questa è la ricompensa. Tu capisci che ire na mpagliaseggia. (Gridando.)

CECCIA: Tu capisci che ire nu solachianello?!

ANDREA: Baronessa...

CECCIA: Barone!

ANDREA: Che cosa vogliamo fare?

CECCIA: Quello che volete voi.

ANDREA: Io sono il padrone della casa ed io comando. Io i vostri parenti qua voglio che non ci mettessero il piede. E a te poi stasera dirò al Marchesino che ti sposasse quanto più presto può, perché non ti posso tenere più in casa mia.

VIRGINIA: Ma lo Marchesino ve lo spusate vuje non già io. Lo Marchesino non me piace, e quann’è stasera nce lo dico nfaccia.

ANDREA: Comme? E avarrisse lo coraggio de rifiutà chillo partito?

VIRGINIA: Si, pecché non me piace.

ANDREA: E gia, tu vieni da quel sangue, comme te po piace no Marchesino. Ma questa però l’haje sbagliata pecché a chillo t’haje da spusà, perché io ho data la mia parola e nu Barone non manca mai alla sua parola.

VIRGINIA: E che vulite commannà ncoppa a lo core mio?

CECCIA: E have ragione, a chella non le piace.

ANDREA: E l’ha da piacè pe forza, perché è ricco, è nobile e non se po chiammà nemmeno brutto.

VIRGINIA Chi v’ha ditto ch’è brutto, a mme m’è antipatico, io quanno lo veco m’attacca la nervatura, io quanno lo veco m’indispongo; n’auta figliola forse diciarria: quant’è bello lo Marchesino; quant’è caro lo Marchesino!

SCENA QUARTA

Marchesino Alberto e detti poi la Marchesa Zoccola.

ALBERTO (che ha inteso le ultime parole): Grazie, grazie, mia bella baronessina, è tutta vostra bontà, sono belli gli occhi vostri.

CECCIA: (Vi comme s’è truvato ntiempo!).

ALBERTO: Barone, i miei rispetti. (Gli dà la mano.)Baronessa, vi umilio la mia servitù.

CECCIA: Oh! La grazia vostra, Marchesì.

ANDREA: (E trasuto dinto a la cantina). E la marchesa vostra madre?

ALBERTO: Ascende le scale... (Pulcinella a soggetto)arriva la Zoccola.

ANDREA: Oh! vado io a riceverla (p.p.)Signora marchesa, favorite.

MARCHESA: Eccomi qua. Alberto, che hai fatto, mi hai lasciato in mezzo alle scale?

ALBERTO: Che volete, l’ansietà di vedere la Baronessina Virginia.

ANDREA: Accomodatevi. (Piglia le seggie.)Stamattina avete mancato, dovevate venire a pranzo qua.

MARCHESA: Eh, Barone mio, dovete scusarmi, perché è nata una seria circostanza, per la quale non mi son potuta muovere dalla casa.

VIRGINIA (Quante so’ brutte tutte e duje!).

ANDREA: E qual è stata questa circostanza?

MARCHESA: Ci ha colpa tutto mio figlio. Dovete sapere che ieri sera passò quello che vende le lumache maruzze, già ogni sera passa, ma ieri sera che sò come fu a mio figlio gli venne il golio di mangiarsene due. «E mammà, compriamo le maruzze, e mammà compriamo le maruzze» e mi mise tanto con le spalle al muro, che io dissi al servitore di comprarle, infatti quello ne portò un piatto di questa maniera. Sul principio, non mi piacevano, ma poi ne ho mangiato tante e tante che stamattina mi sono alzata così male di stomaco che non ho potuto muovermi dalla casa, né ho potuto mangiare.

CECCIA: (La Marchesa va pure a maruzze!).

ANDREA: Ah! Dunque per causa delle maruzze non siete venuta?

ALBERTO: Ma scusate, la Baronessina non sò come la vedo, che cos’è state di mal’umore?

VIRGINIA: No, niente mi fa male la testa!

ALBERTO: Peccato, giusto oggi ch’è la vostra nascita.

MARCHESA: Oh a proposito, io vi auguro un milione di felicitazioni.

VIRGINIA: Grazie, grazie.

MARCHESA: L’anno che viene vi troverete vicino a me sposando mio figlio.

VIRGINIA: Se sape. (E non me jetto primma abbascio!)

ANDREA: Già s’intende, tutto è combinato, per il mese entrante daranno parola.

MARCHESA: Dobbiamo fare una festa veramente magnifica.

ALBERTO: Voi mi credete? Io non sò spiegare cos’è, mentre mammà dice queste parole io mi sento palpitare il cuore d’un modo terribile; figuriamoci quando sarà quella sera, io morirò proprio dal piacere.

VIRGINIA: E quanno?...

ALBERTO: Che cosa?

VIRGINIA: Dico, e quanno spusammo?

ALBERTO: Subito, io aspetto questo giorno come la belva aspetta il condannato.

VIRGINIA: Ed io aspetto questo giorno come il condannato aspetta la belva.

ALBERTO: Oh!

MARCHESA: (Che bel paragone!).

ANDREA: Ah! ah! Mia figlia ha scherzato.

CECCIA: Sì, sì, chella pazzea sempe.

SCENA QUINTA

Achille e detti, poi Rosina, indi Pulcinella.

ACHILLE: Eccellenza, fore nce sta na femmena che pe forza vò parlà co buje.

ANDREA: E chi è?

ACHILLE: Eccellenza, non lo sò. (Piano a Ceccia:)(è la sora vosta).

CECCIA: (Sorema!).

ACHILLE: Eccellenza, ch’aggio da fa?

ANDREA: Fatti dire chi è.

ROSINA (miseramente vestita): Songh’io, eccellenza.

ANDREA: (Chi veco!).

CECCIA: (Povera sora mia, comm’è arreddutta!).

VIRGINIA: (Zi Rusina!).

ANDREA: Che volete da qua? Aspettate... Achille?

ACHILLE: Eccellenza.

ANDREA: Un momento... signora Marchesa, signor Marchesino, passate nelle altre stanze, fra breve sarò da voi.

MARCHESA: Come credete, Marchesino, andiamo. (Viano.)

ANDREA: Virginia, andate voi pure. (Virginia fa segno di no, ma Andrea l’obbliga.)

CECCIA (abbracciandola): Sora mia cara cara.

ANDREA: Ma insomma, che cosa intendiamo di fare? Pare che io vi dissi che in casa mia non voglio mai vedervi, perché in questa casa vi sono sempre dei signori, dei nobili, ed io non posso fare una cattiva figura. Baronessa, ritiratevi.

CECCIA: Guè tu senza che la tire a luongo, Baronessa e non Baronessa, è sorema ch’è venuta e non già na cana!

ROSINA (quasi piangendo): Eccellenza, se io songo venuta sta vota è stata la troppa necessità ultimamente quanno stette ccà e buje me facisteve chella sorta de cancariata io juraie de non accostarce cchiù, ma mò è stato lo gran bisogno che me nc’ha fatto venì n’auta vota.

ANDREA: Ne potiveve fà a lo mmeno!

ROSINA: Tempo chillo zio mio viecchio che sta pe murì, non aggio addò cuccarlo, sta ncoppa a li segge, me guarde e chiagne, io che pozzo fa? Cu chello che mi abbusco facenno la stiratrice non abbasta manco pe mme. Io me contento de morirme de famma, abbasta che accatto la medicina a chillo povero viecchio, fratemo Michele non me pò dà niente, pecché fa lo pompiere e appena appena pò campà isso sulo. Dunque io a chi aggio da ire a ricorrere, chi vulite ch’have compassione di me?... So’ venuta cca, non già comme a la sora de la mugliera vosta, ma comme a na pezzente che sapenno lo core de vostra eccellenza, se lusinga che la vulite aiutà e la vulite soccorrere. (Piange.)

ANDREA: E sempre li solite cose, li solite scuse.

ROSINA: No, eccellenza, non so’ scuse, li lagrime meie ve provano la verità.

ANDREA: Lagrime da femmene!

CECCIA: Puozze schiattà, ma tu che core tiene? Fuorze de lignamme, ma tu sango ne tiene dinto a li vene? E comme, non te muove a compassione de lo stato de sorema, va che t’aggio conosciuto. Sciù pe la faccia toja!

ANDREA: Aggio capito (mò levo io la questione), aggio fà comme all’auta vota. (Chiamando:)Pulcinella, Pulcinella? (Rumore di d. di roba rotta.)Che diavolo sarrà succieso. Pulcinella?

PULCINELLA: Eccellenza, eccome ccà.

ANDREA: Ch’è stato stu rummore?

PULCINELLA: Penzate a la salute! Io steva purtanno lo sciampagne, vuje m’avite chiammato de pressa, io per correre l’aggio menata nterra.

ANDREA: E lo scisto?

PULCINELLA: Lo stanno stutanno l’aute serviture. Che volete, eccellenza, è stato per correre da vostra eccellenza.

ANDREA: Va bene, conducete questa donna fuori.

PULCINELLA: Quale, chesta ccà? E chella è bona! (Piuttosto ne caccio a voi.)

ANDREA: Insolente! Tu ne la caccie sì o no?

PULCINELLA (a Rosina):Iammoncenne, bella figliò.

ROSINA: Neh Barò, vuje me ne cacciate?

ANDREA: Va bene, stasera tengo auto per la capa, domani vi manderò qualche cosa.

ROSINA: Dimane? Barone mio, io mò aggio d’accattà la medecina a chillo povero viecchio, chillo sta diuno da stammatina, io comme faccio?

CECCIA: Rosì, vattenne ca mò te manno io tutto a la faccia soia.

ANDREA: Oh Baronè, non mi dire queste cose che mi fai infuriare seriamente e io so’ capace de qualunque cosa.

CECCIA: De che sì capace, vedimmo.

ANDREA: Basta, jesca fora tu, guè. (A Pulcinella:)caccela fuori.

CECCIA: Iammoncenne, mò me faie ncuietà a me. (Afferrandola.)

ROSINA: Nu momento, io me ne vaco a pe me, non c’è bisogno che me ne facite caccià da nu servitore. Se sape, io songo na puverella, songo na pezzente e non conviene de stà mmiezo a nobili, ma si fosse vivo maritemo chillo viecchio non murarria de friddo pecché non tene na cammisa pe se mettere. Vuje pure, Barò, primma d’essere Barone teniveve nu figlio (Andrea si turba), vuje pure faticaveve pe lo dà a magnà mò v’avite scordato pecché site ricco, site nobile, no... no... lo vero nobile have compassione de la miseria, non disprezza, non avvilisce na povera femmena che non pe volontà soia ma sulo pe castigo de lo cielo se trova arreddutta a chisto stato. (Piange.)

PULCINELLA: Ih! Ih! Povera figliola, nu pover’ommo che cu li fatiche soie non pò aiutà nu zio moribondo. (Piange forte.)

CECCIA: Povera sora mia!

ANDREA (a Pulcinella):E tu perché piangi, chi ti ha dato l’ordine?

PULCINELLA: Che d’è, pe chiagnere nce vò l’ordine?

ANDREA: Basta, mò m’avite seccato abbastanza: iateve a fa squartà tutte quante. (Via nelle sue stanze.)

CECCIA: Quant’è brutto mall’arma de mammeta.

PULCINELLA: Baronè, questa vi è sorella?

CECCIA: Seh,chesta è l’ultima.

PULCINELLA: è bona!

CECCIA: E che aveva da essere malamente?

PULCINELLA: No, dico è simpatica, se volete io la posso pure sposare.

CECCIA: Rosì, non lo dà audienza, chillo pazzea; viene co mmico, mò te dongo tutto chello che buò tu. (Via.)

ROSINA: Lo cielo te lo renne, sora mia. (Per andare.)

PULCINELLA: Sentite, non la date audienza a la sorella. Io ve voglio sposà veramente.

ROSINA: Embè si ve dico na cosa ve faccio passà lo genio de me spusà.

PULCINELLA: E sarebbe?

ROSINA: Io so’ vedova, e che ve credite de uno marito, io so’ vedova de tre marite!

PULCINELLA: Cu salute, n’avite atterrato a tre?

ROSINA: Lo primmo marito mio era nu cocchiere appadronato, nu bell’ommo, se chiammava Gerolemo.

PULCINELLA: Bello nomme, Gerolemo!

ROSINA: E avita da vedè comme steva bello ncoppa a la cascetta.

PULCINELLA: E io manco nce vaco male ncoppa a la cascetta!

ROSINA: Nu juorno lo padrone s’accattaie duie morelli, le dicette: pruove sti cavalle; neh chillo le vennette ncapo e passà pe la casa, li cavalle se pigliaieno la mano, maritemo cadette, jette sotto a li rote e murette.

PULCINELLA: E morì Gerolamo!

ROSINA: Io nun me poteva accuietà, ma po’ li compagne meie tanto me ne dicettero che ncapo n’anno me spusaie nu masto fabbricatore che se chiammava Liborio.

PULCINELLA: Chisto è cchiù bello de chillo!

ROSINA: Avita da vedè quanno era la Dommeneca che se vesteva tanto bello cu na catena d’oro a lo lato, tutte li cumpagne lo chiammavano: Don Liborio, D. Libò... (Lazzo Pulcinella.)Neh chella disgrazia, non saccio comme fuie mentre steva ncoppa a n’anneto a lo 4° piano, l’avotaje la capa, jette abbascio e murette!

PULCINELLA: E morì pure Liborio!

ROSINA: Io po’ era rimasta disperata, ncapo de sei mise m’ascette nu bello giovane, chisto era portalettere e se chiammava Tommaso.

PULCINELLA: Ma se li ghieva sciglienno, tutte nomme belle!

ROSINA: Ah! Che dicite, io quanno se ritirava e lo chiammava: Tommà, Tommà...

PULCINELLA: Levate lo pilo da vocca!

ROSINA: Neh, lo juorno appriesso a lo spusarizio, esce pe ghì a cunzignà na lettera appriesso a lo vascio mio, duie perzune s’appicechene, cacciano li revolver, sparano e pe scagno accideno a maritemo! (Pausa.)Si me vulite spusà.

PULCINELLA: Jate, jate. (Spinge Rosina via.)Si me la sposo io moro vi co li funge!

SCENA SESTA

Felice e detto con grosso cappello, lunghe e larghe scarpe.

FELICE (da sotto la porta): Pis... Pis...

PULCINELLA: Chi è?

FELICE: Nce sta?

PULCINELLA: Chi?

FELICE: Essa nce sta?

PULCINELLA: Voi chi volete, chi volete?

FELICE: Io so’ stato ammalato venti giorni.

PULCINELLA: E a mme che me ne preme.

FELICE: Mò grazie al cielo sto meglio. Voi come state?

PULCINELLA: Eh! Non c’è male.

FELICE: Dunque non c’è?

PULCINELLA: Voi chi siete?

FELICE: Ma come non vi ricordate di me, Felice Sciosciammocca?

PULCINELLA: Ah sì, è vero, scusate, io non vi avevo conosciuto, vuje ve site proprio cambiato.

FELICE: Io so’ stato rovinato, so’ stato pe murì. (Trema.)

PULCINELLA: Ma ch’avite avuto la terzana?

FELICE: No, pecché?

PULCINELLA: Pecché state tremmanno de chesta manera.

FELICE: No, perché veramente me sento no poco de freddo, non aggio da stà buono ancora. Fa friddo, o so’ io che lo sento?

PULCINELLA: No, fa freddo, lo mese de Gennaio ve ne jate co sto soprabetiello zucato zucato.

FELICE: Sì, ma da sotto però sto caldo, tengo due gilè a carne nuda.

PULCINELLA: Comme tenesse doje maglie de flanella. Ma pecché site asciuto, pecché site venuto ccà stasera?

FELICE: Pecché... Ah! (Sospira.)

PULCINELLA: All’ossa de mammeta, perché sospirate?

FELICE: Sospiro perché... io dopo che sarei stato moribondo pure ccà sarrìa venuto.

PULCINELLA: Fuorze avanzate la mesata da lo Barone e ve la site venuta a piglià?

FELICE: Che m’importa a me del denaro, io il denaro non l’ho mai curato!

PULCINELLA: E perciò siete ridotto in questa maniera.

FELICE: E che fa, pure peggio si attocca, uno dev’essere galantuomo da dentro non da fuori; tu me vide accossì, haje da vedè ncuorpo che tengo.

PULCINELLA: Avite mangiato assai?

FELICE: Nonsignore, dico accossì haje da vedè io come la penso. Sono onesto, uno me pò affidà qualunque cosa e non ha paura di niente; embè damme cento lire, mandami a comprare una cosa qualunque, poi va a domandare e vedi se mi sono profittato de nu centesimo.

PULCINELLA: Tu damme 10 lire e vide si nce torno cchiù.

FELICE: Non pazzià. Io non ho fatto mai queste cose, me contento de mangiare pane asciutto e non di fare una cattiva azione. Per esempio li pezziente non me li fido de li vedè.

PULCINELLA: E se capisce, tu vide la famiglia toja.

FELICE: Nu malato mi tocca il cuore, veco a uno che chiagne, anche che non lo conosco me metto a chiagnere pur’io, embè chiagne e vide si nun chiagno pur’io.

PULCINELLA: Io non tengo genio de chiagnere, quanno me vene te lo dico. (Passeggiato.)Guè, io non me n’era addunato, ve vanno assentatelle sti scarpe.

FELICE: Ah! Li scarpe, seh me vanno no poco larghe.

PULCINELLA: No poco, cheste me pareno doje varchette; ma ched’è non so’ le voste?

FELICE: Sì, le meie songo, ma so’ no poco larghe pecché io accossì me le faccio fà a causa dei calli.

PULCINELLA Aggio capito, e lo cappiello pure ve va nu poco stritto.

FELICE: No, lo cappiello m’andava no penniello, è stato lo scirocco che me l’ha fatto allargà.

PULCINELLA: Eh! Ma vuje comme ve presentate ccà de chesta manera, ccà stasera nce stanno li meglie signure.

FELICE: Lo ssaccio, ma io non me faccio vedè da nisciuno. Una soltanto voglio vedè.

PULCINELLA: E chi?

FELICE: Chi è? Ah! (Sospira.)

PULCINELLA: Mò suspirate n’auta vota.

FELICE: Io te lo diciarria, ma tu non voglia maje lo cielo dice quaccosa tu mi rovini.

PULCINELLA: Che site pazzo, io diceva quacche cosa, pe chi m’avite pigliato?

FELICE: E giura che non dici niente.

PULCINELLA: Pe quanto ve stimo.

FELICE: E tu me stime a me?

PULCINELLA: No.

FELICE: Seh, e che giuramento è chisto?

PULCINELLA: Che non puzzate vedè la jurnata de dimane.

FELICE: E tu non haje giurà ncuollo a me.

PULCINELLA: E ch’aggio da dicere? (Con tuono serio:)lo giuro sulla vita dei miei figli e se mancassi...

FELICE: Basta ti credo. Aspè, tu non sì nzurato, figlie non ne tiene.

PULCINELLA: E quanno me nzoro figlie non aggia fà?

FELICE: Giura n’auta cosa; mamma ne tiene?

PULCINELLA: Sì, ma è morta.

FELICE: E da quanto tempo è morta? Pateto?

PULCINELLA: Non me lo ricordo nemmeno.

FELICE: Ah collega. Io pure non tengo né padre e né madre. Basta, non parlammo de chesto ca si no me scappa no zeffunno de pianto. Allora giura sulla memoria dei tuoi genitori.

PULCINELLA: Lo giuriamo. Chisto sarrà nu piano de guerra.

FELICE: Vedimmo si vene nisciuno. (Esegue calcando i piedi.)

PULCINELLA: Non vene nisciuno, potite parlà.

FELICE: Tu devi sapere che amo immensamente la figlia del Barone D. Virginia, quella ragazza m’ha appicciato nu focolare mpietto, e sento che non posso vivere senza di lei.

PULCINELLA: Ah! ah! ah! (Ride.)E comme ve ne site nnammurato?

FELICE: E che ne saccio, non saprei dirti io stesso come fu, mi magnetizzò, mi affatò, m’incantò...

PULCINELLA: E co sciabola e sciaccò... Ah! ah! ah!

FELICE: Neh tu pecché ride?

PULCINELLA: Ma la vulite bene assaie?

FELICE: E che ne saje, io per causa sua ho perduto il riposo, non mangio più, che ssaccio, so’ addeventato no stunato. (Pulcinella seguita a ridere.)Ma tu pecché ride, parla, de che se tratta?... forse dinto a li 20 journe che aggio mancato... parla pe carità.

PULCINELLA: Avite da sapè ca chella v’ha cuffiato, chella mò sposa.

FELICE: Sposa!

PULCINELLA: Già, se piglia lo Marchesino Zoccola.

FELICE: Tu dici overo o pazzie?

PULCINELLA: Seh, pazziava, chille hanno combinato ogni cosa, e lo mese che trase sposano, l’auta sera parlaieno tanto tiempo ncoppa a stu fatte e D. Virginia è tanto contenta.

FELICE: Ah! Io non nce veco cchiù, veco tutto oscuro.

PULCINELLA: Aspetta, chisto le vene quacche cosa.

FELICE: Ajutateme.

PULCINELLA: Zitto, veneno lloro da chesta parte (mò sentite vuje stesso la verità). Vene pure la signorina...

FELICE: Essa! Ah resisti, cuor mio, non ti spezzare. (Pulcinella fa un fischio e via. Felice va in fondo.)

SCENA SETTIMA

La Marchesa, Alberto, Virginia e detto.

MARCHESA: Ma io non sò proprio il Barone come ci tratta, io non sono una donna qualunque, sono la Marchesa Zoccola.

FELICE: (E ca tu me pare na zoccola de scoglie!).

MARCHESA: E poi sono la madre del Marchesino vostro prossimo sposo.

VIRGINIA: Perdonatelo, chillo papà accussì fa, quanno sta arraggiato non dà udienza a nisciuno.

ALBERTO: E voi pure avete questo difetto, io parlo e voi non mi date affatto udienza, vi curate poco di me.

VIRGINIA: Oh! V’ingannate, anz’io curo troppo la vostra persona. (E stai frisco.)

ALBERTO: Baronessina, voi con queste parole mi sollevate, questa sera proprio state più bella del solito. (Le bacia la mano.)

VIRGINIA: Grazie, grazie, è bontà vostra.

FELICE: (Io non ne posso più). (Avanzandosi.)Signori, vi saluto.

VIRGINIA: (Feliciello!).

ALBERTO: (Questo antipatico!).

VIRGINIA: Caro D. Felice.

FELICE: Cara D. Virginia.

MARCHESA: Ah questo è quel maestro che vi faceva lezione di calligrafia e ancora viene?

VIRGINIA: Sì, è stato ammalato venti giorni. E vi siete guarito adesso.

FELICE: Sì, grazie al cielo sono guarito, forse qualcuno aspettava la mia morte, ma non sono morto perché... morte desiderata non viene mai, ma era meglio che moriva, almeno non avrei veduto a che arriva l’infamia di una donna.

MARCHESA: Chi?

FELICE: L’innamorata di un amico vostro.

MARCHESA: Un amico mio?

FELICE: No, no, de ‘n’amico mio. Sì, meglio morire che vivere su questo mondo pieno d’infamia, d’inganni e di tradimenti... ma ora sto bene, e spero di campare tanto e tanto quanto il vostro cuore desidera.

MARCHESA: (Uh! Chisto la malattia l’ha toccato la capa).

FELICE: Caro Marchesino, come state?

ALBERTO: Bene, grazie.

FELICE: Statevi allegramente, ho inteso dire che fra breve sposate la Baronessina... io vi auguro figli maschi e molta salute.

ALBERTO: Grazie.

VIRGINIA: (Feliciello se crede ch’io aggio piacere de spusarme lo marchesino).

MARCHESA: E che malattia avete tenuta, forse qualche passioncella?

FELICE: Oh! No, v’ingannate. E per chi doveva tenere una passione, le donne sono tutte ingannatrici.

MARCHESA: Non tutte però, vi è sempre un’eccezione. (Mostrando se stessa.)

FELICE: Una donna, signora mia, ha dato troppe prove di crudeltà.

MARCHESA: Qualche vostra fiamma?

FELICE: No, l’innamorata d’un amico mio, d’un povero giovine che in vita sua non aveva fatto mai l’amore, che non sapeva cos’era amore e essa nce l’aveva imparato, essa l’aveva fatto lusinga, facendogli giuramenti e promettendogli eterna fede, e dopo sei mesi di fervido amore quella donna l’ha tradito, l’ha abbandonato totalmente senza curare cchiù d’isso, senza penzà che chillo povero amico mio s’è arreddutto miezo pe causa soia. Ah! Se io potesse vedè chella femmena le vularria dicere: nfama assassina te sì scurdata de chello che me diciste, te sì scordata quanto t’aggio voluto bene? E co quà core m’haje lassato, e co quà core t’haje potuto mettere a fa l’ammore co n’auto? Donna crudele, ma te pienze che te spuse a chillo... e sarraie felice.., no... no... tu non sarraie felice, tu chiagnarraie... comme haje fatto chiagnere a mme, tu sarraie disprezzata pecché chillo se mette a fa l’ammore co n’auta nfame, assassina, scellarata... (Azione di tutti.)Questo è quello che vorrei dire all’innamorata dell’amico mio.

MARCHESA: Ma perché ve pigliate tanta collera, voi piangete?

FELICE: Mi viene a piangere perché amavo troppo... l’amico mio.

VIRGINIA: (Povero Feliciello have ragione non sape niente!).

SCENA OTTAVA

Andrea e detti, poi Pulcinella indi Ceccia.

ANDREA: Signora Marchesa, Marchesino, scusate se mi sono appartato un momento da voi.

MARCHESA: Oh! Fate il vostro comodo.

FELICE: Rispettabilissimo Barone.

ANDREA: Oh! Don Felì... (Comme v’è venuto ncapo de venì combinato de chesta manera?)

FELICE: (Barò, non me mortificate, non aveva che me mettere).

ANDREA: (Ccà veneno tutti nobili, basta tiratevi in fondo).

FELICE: (Tiratevi in fondo, quale umiliazione!).

ANDREA: Ma vi prego accomodatevi, perché state all’impiedi. (Chiama:)Pulcinella? Pulcinella? (Forte rumore di roba rotta do.)Che auto m’avarrà rutto mò? (Grida.)Pulcinella?

PULCINELLA: Comandate, eccellenza.

ANDREA: Ch’è stato stu rummore?

PULCINELLA: Eccellenza steva purtanno sei bottiglie de sciampagna dinta a la sala, vuje m’avite chiammato e io l’aggio menato nterra e so’ corruto.

ANDREA: E lo cisto? (Chisto a n’auto paro de journe me rompe tutte cose.)

PULCINELLA: Eccellenza, è stato per correre da voi.

ANDREA: Va bene, avanza le sedie.

PULCINELLA: Subito, eccellenza. (Don Felì, ve site accertato de chello che v’aggio ditto?)

FELICE: Sì, e te ne ringrazio. Donna infame! (Pulcinella avanza le sedie.)

MARCHESA: E voi, D. Felì, che cosa fate?

FELICE: No, io me ne vado (p.a.).

MARCHESA: E perché, nonsignore, statevi con noi, sedetevi qua vicino a me.

ANDREA: Statevi, perché ve ne volete j, na vota che site venuto.

FELICE: Volete così, vi ringrazio. (Siede vicino alla Marchesa.)

MARCHESA: (Eppure sto D. Felice m’è simpatico assaie, me lo spusarria co tutto lo core!). E così, Barone, la borsa come si è portata oggi? L’italiana che ha fatto?

ANDREA: Non sò veramente, sò che la turca...

MARCHESA: No, no, no, vi prego, se non volete farmi mettere di cattivo umore, non mi parlate della rendita turca.

ANDREA: Parliamo invece del nostro San Carlo. Ierisera...

ALBERTO: No, no, Barone mio, se volete farmi stare un po’ allegro, vi prego non parliamo di San Carlo, perché sere fa mi dimenticai il binocolo in un palco, e non l’ho potuto più avere.

ANDREA: Allora non parliamo nemmeno di San Carlo.

ALBERTO: Però vi faccio riflettere che stasera non bisogna parlare né di borsa, né di San Carlo. Sapete che oggi è la nascita della Baronessina, quindi bisogna parlare di lei.

VIRGINIA: Ma no, se volete che sto in mezzo a voi non parlate di me.

ANDREA: Ma ccà de na cosa s’ha da parlà, non nce potimmo stà zitto certamente.

PULCINELLA: Volite parlà de na bella cosa che nce facimmo 4 risate?

TUTTI: Sì, sì, sì.

PULCINELLA: Parlate de li scarpe de stu crestiano.

TUTTI (ridono): Ah! ah! ah!

FELICE: (Puozze schiattà, chille non se n’erano addonate!).

ALBERTO: D. Felì, ma queste di chi sono, di papà vostro?

FELICE: Io padre non ne tengo, caro Marchesino. Quello che m’ha fatto queste scarpe è stato un birbante, perché mi prese la misura, mi promise di farmele buone e poi non mantenne la sua promessa, io ce la pagai prima perché non credeva che m’ingannasse, ma non fa niente, le darò a qualche povero uomo che ne ha bisogno, ed io ne troverò un paio che mi andassero bene, e che non facessero ridere per la loro lunghezza e per la loro larghezza.

MARCHESA: E non ve prendete collera.

ANDREA: Insomma manco de li scarpe potimmo parlà.

PULCINELLA: Volete parlà de lo cappiello? (Prendendo il cappello.)

ANDREA: (Posa lloco, non te piglià confidenza).

FELICE: Barò, fate stà fermo a chillo lazzarone.

CECCIA: Signori miei, pe la mano attuorno. (Si alzano.)

TUTTI: Baronessa. (Per alzarsi.)

CECCIA: Stateve, stateve, non facite cerimonie.

ALBERTO: Baronessa, accomodatevi. (Le dà la sua sedia.)

CECCIA: Mille ringraziamenti. (Siede.)

ALBERTO: Baronessa, vi preghiamo di dire voi qualche cosa, perché qua non si può parlare di niente, tutti si mettono di mal’umore.

CECCIA: A proposito, ch’è stato chillo rummore de poco primma?

ANDREA: Pulecenella ha rutto...

PULCINELLA: No, no, signori miei, se volete che sto qui non parliamo di rotture.

ANDREA: Tu si te ne vaie faie meglio; ha rotto la cassella.

CECCIA: E quanno maje, non vò stà attiento.

ANDREA: Eh! Oggi lascia rompere, non me ne importa niente. (Lazzo orologio.)Oggi è giornata d’allegria, è stata la nascita della Baronessina, oggi ha compiuto 18 anni, tutto chello che ha voluto sta jurnata l’aggio dato; è l’ultimo anno che il nome suo lo fa con noi.

ALBERTO: L’anno venturo la farà con me.

FELICE: (Co isso...). (Dà uno spintone alla Marchesa e tutti lazzo delle carte da gioco.)

MARCHESA: (Stu don Felice me sta danno nu sacco de vuttate, ho paura che s’è innammorato di me).

SCENA NONA

Michele, Achille, Carluccio e detti, poi Rosina.

ACHILLE (di d.): Vuje non potite passà.

MICHELE (di d.): Ma pecché non pozzo passà, che songo nu mariuolo forze, aggio da parlà co sorema, lassame passa.

CECCIA: La voce de fratemo! (Tutti si alzano.)

TUTTI: Ch’è succiesso?

MICHELE (di d.): Lassateme cancaro... (Fuori.)Sora mia cara cara so’ venute l’usciere a la casa de chillo povero zio nuosto, e lo vonno fa lo sequestro, chillo sta malato, chillo more pe la paura.

ANDREA: (Uh! E io addò vaco a mettere la faccia).

ROSINA (uscendo): Michè, ch’è stato, frato mio?

MICHELE: L’usciere stanno facenno lo sequestro a la casa toja.

ROSINA: Mamma mia, e comme se fà...

ANDREA: Ma insomma vuje me trattate comme a nu turzo de carcioffola. Io sti ghiacovelle dinto la casa mia non li boglio. (Gridando.)

MICHELE: Zitto, non alluccate, mò facite correre la guardia.

ANDREA: Io dinto a la casa mia so’ padrone de fa chello che voglio. Ascite fore, pezziente lazzare.

MICHELE: Lazzare, pezziente... e già, avite ragione, simmo pezziente, simmo lazzare, non c’è che fà, lo cielo accussì ha voluto, vuje site ricco, scusate, ma si songo venuto ccà è stato pe na circostanza seria.

ANDREA: E non nc’accostate maje cchiù, che voi fate disonore alla mia casa.

MICHELE: Disonore a la casa toja? Io?... Barò chesto non l’aviva dicere. Io so’ pezzente, so’ no lazzaro comme haje ditto tu, ma non aggio maje fatto disonore a nisciuno. Io fatico e magno, magno co la fatica, quanno pò more quacche inglese e me lasse tutte cose a mme, allora sarraggio ricco pur’io.

ANDREA: Oh! Basta, non ti voglio più soffrire. Cacciatelo fuori mò proprio.

CECCIA: E io me ne vaco co lloro...

ANDREA: Non me ne mporta niente, non te conosco cchiù pe mugliera. (Di do voci confuse.)Ch’è succiesso?

PULCINELLA: Saranno altri parenti della Baronessa. (Via. Mormorio.)

ACHILLE: Signò, pe carità, salvammoce, no lume dinta a la cammera de gioco ha dato fuoco a lo portiere e se sta abbruscianno la casa. (Chiarore dell’incendio dal fondo.)

PULCINELLA (uscendo): Signori miei, è cosa de niente...

TUTTI: S’è stutato?

PULCINELLA: Se stà incendianno tutta la casa. (Via. Felice lo segue.)

CECCIA: Michè, frato mio!

ANDREA: Ajuto, Michele, ajuto! (A Michele.)

MICHELE: Siente, io mò t’avarria dà na risposta, ma è lo sango mio che chiagne e pe te fà vedè chi songo arriseco la vita mia pe sarvà la roba toja. (Si slancia nelle fiamme.)

TUTTI: Fuimmo, salvammoce. (Viano.)

SCENA DECIMA

Felice col cappello che brucia e Pulcinella con secchio d’acqua. Felice corre disperato, Pulcinella gli getta l’acqua addosso.

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

La istessa camera.

SCENA PRIMA

Nannina in iscena e Michele e Rosina.

MICHELE (di do): Trase, non te mettere paura. (A Nannina:)Bella figliò, lo Barone nce sta? (Fuori con Rosina.)

NANNINA: Sissignore... sta dinto... ma... vedite...

MICHELE: Chiammatemillo, non ve mettite paura. Chillo na vota non nce poteva vede, ma mo songo sicuro che doppo lo fatto de 5journe fa s’è cambiato e nce tratta bene. Guè ca io lo levaie da miezo a li fiamme.

NANNINA: Ma che l’avite da dicere?

MICHELE: Oinè, tu tiene troppe chiacchiere, che te ne preme de sapè chello che l’aggia dicere, l’aggio da parlà.

NANNINA: Ah lo vedite ccà che ghiesce. Permettete. (Via.)

SCENA SECONDA

Andrea e detti, poi Ceccia.

ANDREA (esce per attraversare la scena con cappello e bastone).

MICHELE (lo ferma):Signor Barone...

ANDREA: Chi è, che volete da qua?

MICHELE: Caro Barone, siamo venuto...

ANDREA: Caro Barone! Non t’azzardà n’auta vota de dì caro Barone che te faccio stà a dovere. Che te cride de parlà co frateto?

MICHELE: Ma io non ho inteso...

ANDREA: Guè ma sangue di bacco, non la volete capire che ccà non nc’avite d’accostà... ma come volete che ve lo dico? Tenite la faccia tosta, quanno nu galantommo ve dice che ccà non ci dovete venire, mi pare che basti.

MICHELE: Comme, io smorzaie l’incendio...

ANDREA: E che volete dire con questo, tant’era l’oblligo vostro. Ah! Vuje pe chesto site venuto.., va bene, mò non tengo tiempo da perdere, venite a n’auto paro d’ore e vedrò di darvi qualche cosa.

MICHELE: Quacche cosa? Ah! (Per inveire, Rosina lo trattiene.)

ROSINA: Frato mio...

MICHELE: E va bene!... allora vengo a n’aute doje ore e me date quacche cosa!

ANDREA: Io tengo tanta pensieri pe la capa, nce volevano pure sti seccature. (Via.)

ROSINA: Io te l’aggio ditto non nce jammo, tu afforza haje voluto venì.

MICHELE: Non te ne ncarricà, isso ha ditto che venesse a n’auto paro d’ore; e io lo servo, a n’aute doje ore vengo n’auta vota.

ROSINA: E non haje ntiso che nce vò dà quacche cosa? Comme sì ce desse la lemmosena mmano. Ah! Si lo cielo facesse lo miracolo, a n’aute doje ore darriemo nuje quaccosa a isso.

MICHELE: E che miracolo avarria fà lo cielo?

ROSINA: Frato mio, haje da sapè che 5juorne fa quanno succedette l’incendio, io me jette a cuccà a li doje doppo mezzanotte, e tanto che steva stanca che appena me menaie ncoppa a lo lietto m’addormette. Quanto tutto nzieme m’accomparette nnanze na bella figliola tutta vestuta janca, e me dicette: Rosì, non te piglià collera, non chiagnere, poch’aute juorne e sarraie ricca, fà lo viglietto de lo fuoco ch’è succiesso a la casa de lo Barone, miettece quanto tiene ncoppa e non nce penzà, statte bona e non la vedette cchiù.

MICHELE: Fuie nu suonno.

ROSINA: Sì, ma nu suonno accossì naturale che non te può credere, appena me scetaie me menaie nterra co la ntenzione de jocà lo vighetto, ma non teneva denare, e che penzaie de fà? Me vennette nu matarazzo, doje lenzole, nu vrasiero viecchio, tre cammise, nu fazzoletto de seta e tre facce de cuscine, tutte cose n’avette 8 lire.

MICHELE: Vì che robba aveva da essere!

ROSINA: Tanno pe tanno senza perdere tiempo jette da D. Giacomino lo postiere e facette 8 lo fuoco, 17 la disgrazia, 26 la jurnata e 90 la paura. Michè, non pò essere che pe causa de sta combinazione pigliammo quacche cosa?

MICHELE: Sì, pigliammo la quintina, sora mia, non siamo nati per avere questi piaceri.

CECCIA: Guè, Michè, Rosì, ch’è stato?

MICHELE: E che ha da essere, sora mia, mariteto nc’ha fatto n’auta lavata de capo, nce credevamo che s’era cambiato doppo lo fatto de lo fuoco...

ROSINA: Invece mò nce l’have co nuje cchiù de primma. Ha ditto venite a n’aute doje ore che ve do quacche cosa.

CECCIA: Ma a buje che ve preme d’isso, tenite a me che ve voglio bene, e fino a che l’uocchie mieie starranno apierte, non ve mancarrà maje nu muorzo de pane.

MICHELE: Ebbiva chella sora nosta.

CECCIA: Michè, viene co mme dinto, mò te dongo nu casecavallo na provola e nu paniello de pane.

ROSINA: Io m’abbio a la casa pe vedè si chillo povero viecchio vò quacche cosa. Michè, io t’aspetto, statte bona, sora mia, chello che faie a mme lo cielo te lo renne. (Via.)

CECCIA: Iammo, Michè.

MICHELE: Facimmo priesto ch’aggio da ire a lo quartiere, si no pavo duie franche de multa. (Viano.)

SCENA TERZA

Pulcinella indi Felice.

PULCINELLA: Dice bene quel proverbio latino: jucature e nnammurate stanno sempe disperate! Io mò tutte le vizie m’aggio levate, ma lo vizio de jucà a la strazione non me l’aggio potuto levà. Va bene che ghioco poco ogne settimana, ma pure chello poco porta avanti. Lunedì se dette a fuoco la stanza de gioco, io subeto facette lo viglietto 8 lo fuoco, 17 la disgrazia e 46 lo pompiere; nce mettette dudece centesime ncoppa! Primma de tutto me voglio fa no vestito nuovo, no bello rilorgio co la catena co no bello birbocchio appiso, po’ m’apro n’agenzia co 15 giorni d’aspetto, doppo 15 juorne se venne lo pigno; e chello che rimane m’apro na ferrovia. O turco piglia a Marco o marco piglia a Turco!

FELICE: Lo padre nce sta?

PULCINELLA: Lo padre de chi?

FELICE: De Virginia.

PULCINELLA: Nun saccio, me pare ch’è asciuto. Ch’è stato, ve veco cu na faccia accussì brutta?

FELICE: No, niente, so’ venuto a portarle tutte le lettere sue e voglio le mie. L’aggio portato tutte cose, li ritratte che me dette e li capille, non la voglio sentì cchiù.

PULCINELLA: E tutte sti lettere v’aveva mannato?

FELICE: Sissignore, l’aggio lette una la volta stammatina, non saccio comme so’ vivo, m’è venuto nu pianto accussì forte che non me poteva passà. Birbante, assassina, traditora de chesta manera.

PULCINELLA: Non chiagnite, D. Felì, mò me facite chiudere la vocca de lo stommaco.

FELICE: Non ne posso fare almeno figlio mio: vide ccà, chisto me lo dette la primma vota che nce parlaie da sulo a sulo, guarda come sta bella. Quest’altro me l’ha dato non più tardi d’un mese fa! Assassina! Ma però lo deve piangere.

PULCINELLA: (Non chiagnite, si no mò me me ne vaco). E st’auto ritratto pure è lo suio?

FELICE: No, chisto è n’auta cosa, chisto è lo ritratto de mammà. Ah! Mamma mia, mò si tu fosse viva forse non sarrìa trattato de chesta manera, perché terrei quei mezzi che non tengo. E tu intanto sei morta, tu non sai quanto soffrì... (lazzo)questo povero figlio tuo. (Piange.)

PULCINELLA: Mò ha toccato n’auto tasto. D. Felì, embè io v’aggio pregato che non me fido de sentì chiagnere.

FELICE: Figlio mio, lasseme sfogà nu poco.

PULCINELLA: E ghiusto mò avite da sfugà?

FELICE: Se sa, io mò tengo no poco de tiempo. Io non me la ricordo nemmeno a mamma, che te crire?

PULCINELLA: Veramente, e a mme che me ne preme!

FELICE: Murette quanno io teneva duie anne.

PULCINELLA: E papà?

FELICE: Chi se lo ricorda, chi lo sape; sulo la vecchia me ricordo che me cuntava sempe cunte, me diceva sempe che papà era partito e m’aveva lasciato a essa; chesta pure murette, rummanennemo mmiezo a la strada sulo, senza pariente, da 6 anni; la pulizia me pighiaie e me chiudette dinto a lo serraglio e llà so’ stato fino a 9 anni fa.

PULCINELLA: Mamma mia, povero D. Felice! E papà vuosto comme se chiammava?

FELICE: E che ne saccio, non saccio né lo nomme e né lo cognome.

PULCINELLA: E comme lo cognome non è Sciosciammocca?

FELICE: Tu sì pazzo, Sciosciammocca è nu soprannome che me mettettero li guagliune quanno io era piccerillo. Felice me chiammava la vecchia, pecché io aveva da essere felice quanno me faceva gruosso, ma invece so’ stato infelice assai. Tengo stu ritratto però che me dette la vecchia primma de murì e m’abbasta. Ah! Quell’infame. (lazzo). Non la voglio vedè cchiù.

PULCINELLA: Facite buono, quanno na femmena fa cheste azione accussì se mmereta d’essere trattata.

SCENA QUARTA

Achille, la Marchesa, Alberto e detti.

ACHILLE: Favorite, lo Barone mò proprio è asciuto, ma trica poco; m’ha dato l’ordine che chiunque veneva l’avesse fatto aspettà.

MARCHESA: Va bene, aspetteremo un poco.

ALBERTO: Faremo un po’ di conversazione con la Baronessa e la Baronessina.

FELICE: Pulecenè, lo sposa Pulcinella stateve zitto.

ACHILLE: Facite comme ve piace. (Via.)

ALBERTO: Neh servo, dimmi una cosa, la Baronessina che fa?

PULCINELLA: Me pare che sta facenno la calzetta.

ALBERTO: La Baronessina fa la calza, tu che dici?

MARCHESA: Ma non vedi che quello scherza.

ALBERTO: Scherza! Chi ti dà la libertà di scherzare. Un vile servitore si mette a scherzare con me. Adesso vado io dalla Baronessina. Vedete che sorta di lazzarone! Ma già, appena la Baronessina mi avrà sposato tu non starai più in questa casa. Vedete che imbecille, scherza con me, col Marchesino Zoccola, non ti azzardare un’altra volta che ti prendo a calci. (Soggetto e via.)

PULCINELLA: Chillo mò si nce steva la gatta faceva tanta ammuina.

MARCHESA: E che ci ha che fare il gatto?

PULCINELLA: Pecché se l’avarria pigliato pe coppa a la noce de lo cuollo e se l’avarria mmuccato.

MARCHESA: Perché?

PULCINELLA: Pecché essenno figlio de na zoccola, quale siete voi, isso è nu soricillo.

MARCHESA: Oh basta sà! Ha ragione il Marchesino mio figlio, tu sei un servitore... ringrazia la sorte che non ti ha fatto niente. Va a dire alla Baronessina che io sono venuta a farle una visita.

PULCINELLA: Subito... (Mò me vaco a fa na zuppa de carnacotta, D. Felì, spuzzoliatella tu a chesta.) (Via.)

FELICE: A chi, mò me ne vaco pur’io. (p.p.)

MARCHESA: Oh caro D. Felice...

FELICE: (M’ha visto). Carissima Marchesa.

MARCHESA: (Quanto m’è simpatico stu giovine). Dove andate?

FELICE: Vado a fare un servizio necessario, permettete (p.p.).

MARCHESA: Aspettate un momento, non è educazione lasciare una giovine sola.

FELICE: (All’arma de la giovine). Vedete, vado di fretta... un amico mi sta aspettando...

MARCHESA: E fatelo aspettare un altro poco questo amico accomodatevi, devo dirvi una cosa.

FELICE: (Chesta che bò se pò appurà?). (Seggono.)

MARCHESA: Voi siete maestro di calligrafia, non è vero?

FELICE: A servirvi.

MARCHESA: A favorirmi, a favorirmi.

FELICE: (Mamma mia quant’è brutta!).

MARCHESA: E bravo, siete un simpatico giovine, sapete.

FELICE: Grazie, è bontà vostra.

MARCHESA: No, così è, così è...

FELICE: (Chesta che se fa afferrà).

MARCHESA: Voi la casa mia la sapete?

FELICE: No, non ci sono stato mai.

MARCHESA: Io abito in via della Zecca n. 17.

FELICE: Via della Zecca... (E ca tu na zecca me pare.)

MARCHESA: Vi ho detto la mia abitazione perché vorrei che mi veniste a dare lezione di calligrafia, tengo un carattere così brutto.

FELICE: (E se n’è addunato ampressa la piccerella!).

MARCHESA: Per otto lezioni al mese quanto vi debbo dare?

FELICE: Vedete, io di solito mi piglio cinque lire, ma voi come della casa me ne darete quattro.

MARCHESA: Ma che quattro e quattro, voi meritate cento lire la lezione.

FELICE: Cento! Voi che dite, siete troppo buona!

MARCHESA: No, voi siete buono! (Gli prende la mano.)Che bella mano che ci avete, (com’è bianca!)

FELICE: (Vuò vedè che la vecchia s’è nnammurata de me!).

SCENA QUINTA

Virginia in osservazione e detti.

VIRGINIA: (La Marchesa nzieme co Feliciello, e che stanno dicenno?).

MARCHESA: Insomma senza prenderla alla lunga, io sono franca e chiara, vi debbo dire una cosa che non mi fido di celarla più.

FELICE: (Che veco! Virginia sta llà, la potesse fa sentì nu poco de corrivo!). E sarebbe questa cosa?

MARCHESA: Ecco qua. Dovete sapere che io sono vedova da 19 anni, e fino a questo momento non ho voluto mai saperne di matrimonio per causa di mio figlio; il quale adesso si ammoglia e non ha che fare nulla con me, perciò ho pensato di rimaritarmi.

FELICE: Fate benissimo.

MARCHESA: Fino adesso non mi era capitato nessuno ed io quasi quasi non ci pensava più, ma che volete che vi dica, non appena vi ho visto mi sono intesa palpitare il cuore, non avevo il coraggio di dirvelo, adesso è capitato il momento e ve l’ho detto.

FELICE: (Ah! Vecchia pazza!).

MARCHESA: Bello bello ditemi chiaramente se voi avete piacere di sposarmi io vi faccio padrone di tutte le mie ricchezze, che ne dite?

FELICE: Ma che vi debbo dire, io mi veggo tanto confuso che non sò io stesso che debbo dire. Questa cosa non me l’aspettava, è un onore per me e giacché voi avete parlato chiaro, bisogna che io pure vi dica che vi amo, che vado pazzo per voi. Avete certi modi, una maniera, un parlare, un agire che innamora. Se io sarò vostro marito diventerò l’uomo più felice della terra.

VIRGINIA: (Birbante assassino!).

MARCHESA: Siamo perfettamente d’accordo, io vi amo, voi mi amate, faremo una coppia veramente invidiabile. Non appena sposerà mio figlio subito sposeremo noi.

VIRGINIA: Bravo, bravo, ho inteso una bella cosa. (Facendosi avanti.) Questo matrimonio sarà di sorpresa a tutti.

MARCHESA: E perché poi questa sorpresa?

FELICE: E perché poi questa sorpresa?

VIRGINIA: No, pecché non avite fatte sapè niente a nisciuno.

MARCHESA: E stato un amor platonico...

FELICE: E stato un amor platonico...

MARCHESA: Adesso ci siamo svelati.

FELICE: Adesso ci siamo svenati... svelati!

VIRGINIA: Bravo, accussì se fa. Signora Marchesa, mammà vi manda a dire che favorite dentro da lei.

MARCHESA: Vado, Felice mio, permetti, fra breve ci rivedremo.

FELICE: Va, tesoro mio. (L’accompagna alla porta.)

MARCHESA: Ah! (Sospira e via.)

VIRGINIA: Bravo, facite veramente na bella cosa, ve spusate a na vecchia de chella manera.

FELICE: Voi in questo non ci dovete entrare, voi pensate a sposarvi il Marchesino.

VIRGINIA: Sì, me lo sposo pecché aggio visto quanto sì birbante!

FELICE: Io so’ birbante! Tu sei una traditrice che dopo tante promesse te miette a fa l’ammore co n’auto.

VIRGINIA: Pecché papà accussì voleva, ma io...

FELICE: Basta, non voglio sentire altro. Troppo ho inteso 5 giorni fa.

VIRGINIA: Non trovà scuse, tu vaie appriesso a li denare, haje ntiso che chella ha ditto che te fa padrone de tutte le ricchezze soie e perciò...

FELICE: Io non sono andato mai appresso al denaro.

VIRGINIA: Basta, jatevenne a ccà. Non nc’accostate cchiù!

FELICE: Non c’era bisogno che me lo diceveve vuje, e mò proprio me ne vaco, e che nce sto a fa cchiù dinto a sta casa? Na vota veneva a darve lezione, na vota quanno metteva lo pede dinto a stu palazzo me scordavo de qualunque cosa, e si la matina non aveva mangiato che saccio trasenno ccà dinto ve vedevo e me saziavo, si me senteva la freva appena traseva ccà me passava, e quanno vuje me faciste capì che voliveve fà l’ammore co mmico non sapeva io stesso che m’era succiesso, me pareva nu suonno... ncapo a me diceva: essa me vò bene, essa me sposa, e quanno me sarrà mugliera io non me stancaraggio maje de starle vicino. E mentre me faceva tutte sti cunte sento che ve spusate a n’auto! A n’auto ommo?! Non so’ muorto pecché lo cielo non ha voluto. Non fa niente, è segno che accossì era destinato.., queste sono le vostre lettere, i vostri ritratti, i vostri capelli, dateli al Marchesino. (Li getta.)Sposatevi a lo Marchesino ch’è nobile, è ricco.., a proposito, m’avite mannato li scarpe e lo cappiello trattannome comme a nu pezzente; tenite, io ve li dongo per non accostarci mai più (Getta scarpe e cappello e via.)

VIRGINIA: Uh! Mamma mia chillo se n’è ghiuto chiagnenno de chella manera, è capace che non nce vene cchiù. (Raccoglie le lettere e i ritratti lasciando a terra il ritratto della madre di Felice.)

SCENA SESTA

Alberto e detti, Andrea e Felice.

ALBERTO: Baronessina...

VIRGINIA: (Chisto ntiempo!). (Passeggia concitata.)

ALBERTO: Io non sò capire come vi vedo, pensate che fra breve dobiamo essere marito e moglie.

VIRGINIA: (Non saccio che fà, si lo manno a chiammà) (c.v.).

ALBERTO (passeggia dietro di lei): Ma che cosa vi è successo?

VIRGINIA: (Chillo s’è pigliato collera assaie. Mò le vaco a scrivere na lettera).

ALBERTO: Se volete qualche cosa io sto qua.

VIRGINIA: Sì, chesto aggio da fà, povero Feliciello, pò essere che le vene quacche malatia.

ALBERTO: Baronessina...

VIRGINIA: Uh! E ghiatevenne da dereto a me, non me rompite cchiù la capa, vuje nc’avite colpa a tutte li guaie mieie. (Via.)

ALBERTO: Io ci ho colpa! E che ho fatto io, perché mi tratta in questo modo? (Vede il ritratto a terra.)E ched’è ccà nterra? (Lo prende.)E nu ritratto de na femmena.

ANDREA (entrando con Felice): D. Felì, comme va che state scauzo e scaruso, lo cappiello e li scarpe che n’avite fatto?

FELICE: Ah! Me l’ho dimenticate qui a terra. (Si mette tutto.)

ANDREA: Ched’è, vuje ve scurdate li scarpe?

ALBERTO: Barò, scusate, ho trovato un ritratto qua a terra, lo conoscete? (Glielo dà.)

ANDREA: Che veco! Muglierema?

FELICE: Vuje quà mugliera, chisto è lo ritratto de mamma mia.

ANDREA: Mamma toja! Aspetta, mò che te rifletto buono, tu sì chillo guaglione che io rummanette a...

FELICE: A Catarina!

ANDREA: A Catarina sì. E tu non te chiamme Felice Sciosciammocca?

FELICE: No, ma io me chiammo Peppeniello.

ANDREA: Peppeniello! Ma allora tu sì figliemo... figlio, figlio mio.

FELICE: Papà mio, papà mio! (Si abbracciano.)Carluccio, Achille?

SCEMA SETTIMA

Achille, Carluccio e detti poi Ceccia, la Marchesa, Alberto, Virginia, Nannina e Michele con provole e caciocavalli.

ACHILLE: Commannate, eccellenza.

ANDREA: Chiamma a tutte quante.

ACHILLE: Signò, signurì, venite ccà.

CECCIA: Eccome ccà.

VIRGINIA: Ch’è stato?

MICHELE: Ch’è succiesso?

ANDREA: Aggio trovato a figliemo Peppeniello.

CECCIA: Possibile!

VIRGINIA: Veramente! E chi è?

ANDREA: Lo vedite ccà.

VIRGINIA: Feliciello.

ANDREA: E io l’aggio trattato de chella manera, ah si lo ssapeva. Mò te voglio fa vedè comme t’aggio da vestere. (Lazzi.)

SCENA ULTIMA

Rosina e detti, poi Pulcinella.

ROSINA: Frato mio, frato mio, che fortuna! Sora mia (lo cielo m’ha voluta ajutà!) Aggio vinto la quaterna de 60 mila piezze.

TUTTI: Possibile!

PULCINELLA: Uh! Che bella cosa! aggio pigliato. (Ballando.)

ANDREA: Quant’è pigliato? 60 mila piezze

PULCINELLA: No, cchiù poco.

ANDREA: 40 mila?

PULCINELLA: Cchiù poco.

ANDREA: 20 mila?

PULCINELLA: No, no...

ANDREA: E quanto?

PULCINELLA: Nu piezzo! Io aggio pigliato sulo l’ambro!

ROSINA: Neh, vattenne, io aggio pigliato la quaterna de 60 mila piezze.

MICHELE: Barò, mò t’avarria dà na risposta comme se conviene, ma tu haje ditto che faceva disonore a la casa toja, embè io te juro che ccà non nc’accosto cchiù.

PULCINELLA E già, pecché mò ha pigliato la quaterna.

ANDREA: No, no dovete stare con me, doppo la contentezza ch’aggio avuto ogge voglio mannà a fa squartà la nobiltà, me voglio ricordà chi era e voglio stà sempe mmiezo a vuje. (Li abbraccia.)

MARCHESA: Signori miei, ho bisogno di dire una cosa in publlico. D. Felice mi ha fatto una dichiarazione d’amore, e se il Barone acconsente subito sposeremo.

ANDREA (a Felice): Comme tu?

FELICE: A chi papà? A me non m’è piaciuto maje de viaggià dinto a lo treno merce! Io invece voglio bene la figlia vosta, e me la vularria spusà pecché me piace.

ANDREA (a Virginia):E tu sì contenta?

VIRGINIA: Sì, papà, io pure lo voglio bene.

ANDREA: Quand’è così vi sposerete. Da oggi in poi formeremo tutti una sola famiglia. Al Diavolo la superbia! Al Diavolo l’avarizia.

FELICE: Sì, papà, dicete buono... e il passato vi serva di scuola. Il nascere ricchi e nobili non è che un caso, mentre invece le azioni, la virtù e l’onore formano sulla terra il vero gentiluomo!

TUTTI: Bravo il Barone!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 9 volte nell' ultimo mese
  • 98 volte nell' arco di un'anno